La mola l’è stat el purè

Stampa questo copione

LA  MÒLA L’È STAT EL PURÉ

Di Velise Bonfante

Scena: Una cucina o una sala da pranzo. Il tavolo è preparato per la cena.

Personaggi: Ercole il marito e Teresina la moglie.

                 *****

Ercole) (Entrando con un giornale) Ma g’hét lizìt che ròba Teresina, en òm el g’ha copàt la sò fómna dopo tancc àgn de matrimonio, chisà come mai giü ‘l dà föra de mat isé all’impruìsa, sensa en motivo, ghe sarà en vargót che fa scatà come na mòla, de sicür.  (Chiude il giornale e si siede a tavola) Oh se só stràch, só pròpe stràch e g’ho na fam che la me ve föra dai öcc.

Teresina) (Sfaccendando ai fornelli) G’hè quasi pront Ercole, en minüt che rie (va a prendere un bel cesto stracolmo di grissini e lo depone sul davolo davanti al marito, poi lo sposterà).

Ercole) Endó èl el pa? Eh no, Teresina, adès basta, el gnamò ura che te me cómpret un bel panino? I grisini i me ve föra de j-öcc.

Teresina) Varda, porta pazienza, amò vintisìch póncc.

Ercole) Amò vintisich chili de grisini g’ho de mangià?

Teresina) Cosa el chi per te vintisich chili de grisini, el set mia che i grisini i fa meno mal del pa?

Ercole) Varda Teresina, mé laure töt el dé en fonderia, g’ho de tignìm sö, i grisini i me té mia en pé, mé vöi el pa!

Teresina) I grisini j è ròba de siòri, el pa laseghèl mangià ai poarècc.

Ercole) E me so sempèr stat en poarèt, só stat abitüat a mangià el pa e vöi el pa!

Teresina) El set che te dìze, te sarét stat apó en poarèt ma t’è restàt  la mentalità poarèta, mangia e tas.

Ercole) Töt ché la me sena?! Na scatolèta de tu, de tonno e na mozzarella?

Teresina) Per la mozzarella me ‘n manca sul quatòrdes, e con de sènt e vint póncc i me dà  en bel bollitore in acciaio inox 18/10, de ‘n liter e mez per de pö col fischio, col sifól !

Ercole) Ma te ocórel pròpe el bollitore col sìfol? Pòdet mia doprà en pignatì?

Teresina) Ma vöt mèter en bollitore col sìfol? El bollitore i la dòpra i siòri caro mio.

Ercole) E ‘l tu? El tonno?

Teresina) Varda che per el tonno me ‘n manca apena sich per viga la “scopa accessoriata”.

Ercole) Fam capì... sich e quatòrdes, ma de che ròba?

Teresina) (Meravigliata) Ma de bulì, ma de póncc, de punti nò!

Ercole) De bulì? De póncc, de punti?

Teresina) Ma sé Ercole, per el regàl nooo!

Ercole) E chèste èle amò le patate lesse surgelate de giér sera?!

Teresina) Varda con trentadù póncc de patate surgelate i me darà  na “Multipresa da tavolo bipolare con 4 uscite... e du méter de cavo”.

Ercole) E dopo che ‘n fét de la multi... ?

Teresina) Ercole, varda che la  fa semper  còmot vighela en casa ‘na presa simile. Che te vé en mènt, quante storie fét stasera per la séna, te le semper mangiada che la ròba che.

Ercole) Certo, l’è quìndes dé che nó avanti a grisini, scatolete de tu, mosarèle... e patate lesse surgelade!

Teresina) E alura, en dé pö en dé men. Cosa te ve ‘n mènt stasera de bruntulà.

Ercole) Bruntùle come el me stòmech. Ma coi póncc dei grisini cosa ciàpet a la fi? Perchè mangià  vintisìch chili de grisini l’è mia na paja.

Teresina) I me regala le scödèle, ma per te Ercole, el sarà mia en sacrificio né! I grisini j-è na specialità, i grisini j-a mangia i siòri, j-è sensa grassi, i  fa bé al stòmech, e la zent la j-a dòpra quan che i fa la dieta.

Ercole) Me laure en fonderia e só mia en dieta!

Teresina) Però ‘l sarès mèi  che te ghéset de fala la dieta, varda lé che pànza. Mé, mé ‘l fó per té.

Ercole) E per le scödèle.

Teresina) Certo, se a fórza de mangià grisini dopo me fó sö en bèl servizio de scödèle, tant de guadagnàt!

Ercole) Varda Teresina, (cercando il portafoglio) te dó me i sölcc, va a compràt töte le scödele che te n’é òja ma sta piö presentàm grisini en taola.

Teresina) Scusa nè Ercole, ma te te capìset gnènt, perchè gói de ‘nda a comprale se i me j-a regala co’ i póncc?

 Ercole) Perchè me vintisìch chili de grisini  g’ho póra  de mia faghela.

Teresina) Te ghe mia de mangiai töcc en de ‘n colpo, el concors el scat a la fi de l’an, te ghe nét de tèmp!

Ercole) Teresina, varda, stasera mangiaró amò i grisini, (guardano il piatto con aria schifata)  e sta ròba, ma dumà töm en chilo de pa e ‘na bèla bistèca.

Teresina) La bistèca te la töe surgelada al supermercato che i g’ha dervìt nöf, oltre töt j-ambia con de na racolta de bulì che l’è la fi del mónd, me g’ho za  vist el catalogo, la me la ‘mprestàt la siura Maria, la nòsa vizìna de casa. E te ghesét de veder che regài: giü pö bèl de l’alter e con póch póncc.

Ercole) Ma Teresina...

Teresina) Ma Ercole, bisogna pròpe che ‘ndaghe lé a fa la spesa, per töt el  més gh’è l’oferta del tre per due e  i dà apó i bulì dópe.

 Ercole) Ma na bistèca del bécher l’è töta  n’altra ròba.

Teresina) L’è n’altra ròba perchè  tè, te ghét le manie, ma modernizèt nò! Adès la càren i la vènd buna apó al supermercat.

Ercole) Co’ i bulì.

Teresina) Certo, anche ensima a la confeziù de le bistèche surgelade  gh’è i póncc, con otantasich se pöl tö en bèl tappetino da cuzìna de cutù a fantasia...varda, na ròba...

Ercole) Ma te ocórel el tapetino? Ghe l’ét mia za?

Teresina) Cosa ghé c’èntra? Se i  la regala vöt mia töl?! Giü pö giü men, i tapetini i va mai del mal, l’è bèl vìghen giü de scòrta.

Ercole) Sta mia dim che dopo te me faré mangià bistèche surgelade töcc i dé.

Teresina) Ma va la, maniaco. El düra ses més el concors, e ghe ne  ocór apena otantasìch de póncc.

Ercole) Me, per me, te i pàghet salàcc chèi regài lé, cara mia.

Teresina) Töcc i regai envece, j-è gratìs, se nò i se ciamarés mia regài. Anzi, varda che te fó véder, coi bulì de la salsa...te la ricordèt la salsa?

Ercole) Certo! Sta pö nominàm chèla salsa maledèta, só apena apena  riàt adès a desmentegala. Chèla salsa, con chèl culur, con chèl saùr... che a la fi la m’ia squasi stomegàt.

Teresina) Sta mia esagerà  Ercole! L’ho comprada co’ l’offerta del tre per due a bu mercàt, varda cosa i m’ha regalat con quaranta bulì, chèla bèla bistecchiera ché, en ghisa rettangolàr de 32 per 24, bèla pesante.

Ercole) Te ocóriela la bistechiera, ghe l’ìet mia za Teresina?

Teresina) Chèsta l’è pö bèla e pö pesante, la tègne de scòrta, la pöl semper ocorès se se sbrèga l’altra.

Ercole) A fórsa de spetà che le vègnes bune endó le metèt töte chèle ròbe che? Te garé mia apò de comprà en vestàre nè!?

Teresina) Ghe n’è mia de problemi Ercole, (prendendo ed aprendo il catalogo per farglielo vedere) ché, söl catalog nöf, varda, con seicento punti de puré i la regala!

 Ercole) Con seicento punti de puré i regala en vestàre?!  Ma de bu!?  Ma dìzet de bu Teresina? Ma fàmela véder bé che la bèla bistechiera lé.

Teresina) (Porgendogliela) Varda che bèla pesante, varda che bèl regàl e apena con quaranta bulì.

Ercole) (Soppesando la bistecchiera) Te g’hét resù Teresina, bèla pesante e apena con quaranta bulì. Quaranta vazècc de salsa schifùsa e maledèta. Ma mé, prim de mangià seicento scatole de purè... mé... mé...  te la spache söl có (e la rincorre intorno al tavolo minacciandola con la bistecchiera).

Fine

LA  MOLLA È STATA IL PURÈ

TRADUZIONE LETTERALE IN ITALIANO

Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali. Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale).

Scena: Una cucina o una sala da pranzo. Il tavolo è preparato per la cena.

Personaggi: Ercole il marito e Teresina la moglie.

                 *****

Ercole) (Entrando con un giornale) Ma hai letto che roba Teresina, en uomo ha ammazzato sua moglie dopo tanti anni di matrimonio, chissà come mai uno dà fuori di matto così all’improvviso, senza motivo, ci sarà un qualcosa che fa scattare come una molla, di sicuro. (Chiude il giornale e si siede a tavola) Oh se sono stanco, proprio stanco e ho una fame che mi viene fuori degli occhi.

Teresina) (Sfaccendando ai fornelli) C’è quasi pronto Ercole, un minuto che arrivo (va a prendere un bel cesto stracolmo di grissini e lo depone sul tavolo davanti al marito, poi lo sposterà).

Ercole) Dov’è il pane? Eh no, Teresina, ora basta, non è ancora ora che mi compri un bel panino? I grissini mi vengono fuori degli occhi.

Teresina) Guarda, porta pazienza, ancora 25 punti.

Ercole) Ancora 25 chili di grissini devo mangiare?

Teresina) Cosa è chi per te 25 chili di grissini, non lo sai che i grissini fanno meno male del pane?

Ercole) Guarda Teresina, io lavoro tutto il giorno in fonderia, ho bisogno di tenermi su. I grissini non mi tengono in piedi, io voglio il pane.

Teresina) I grissini sono cose da signori, il pane lasciaglielo mangiare ai poveretti.

Ercole) Io sono sempre stato un poveretto, sono stato abituato a mangiare il pane e voglio il pane.

Teresina) Sai cosa ti dico, tu sarai sempre stato un poveretto ma ti è rimasta la mentalità da poveretto, mangia e taci.

Ercole) Tutta qui la mia cena? Una scatoletta di tonno e una mozzarella?

Teresina) Per la mozzarella me ne mancano solo 14 e con 120 punti mi danno un bel bollitore in acciaio inox 18/10, di un litro e mezzo per di più col fischio.

Ercole) Ma ti serve proprio un bollitore col fischio? Non puoi usare un pentolino?

Teresina) Ma vuoi mettere un bollitore col fischio? Il bollitore lo usano i signori caro mio.

Ercole) E il tonno?

Teresina) Guarda che per il tonno me ne mancano solo 5 per avere una “scopa accessoriata”.

Ercole) Fammi capire... 5 e 14, ma di che cosa?

Teresina) (Meravigliata) Ma di bollini, ma di punti, di punti no!

Ercole) Di bollini? Di punti?

Teresina) Ma sì Ercole, per il regalo nooo!

Ercole) E queste sono ancora le patate lesse surgelate di ieri sera?!

Teresina) Guarda, con 32 punti di patate surgelate mi daranno una “Multipresa da tavolo bipolare con 4 uscite... e due metri di cavo”.

Ercole) E dopo che ne fai di una multi... ?

Teresina) Ercole, guarda che fa sempre comodo averla in casa una presa simile. Che ti viene in mente, quante storie fai questa sera per la cena, l’hai sempre mangiata quella roba lì.

Ercole) Certo, sono 15 giorni che vado avanti a grissini, scatolette di tonno, mozzarelle e patate lesse surgelate!

Teresina) E allora, giorno più giorno meno. Cosa ti viene in mente questa sera di brontolare.

Ercole) Brontolo come il mio stomaco. Ma coi punti dei grissini cosa prendi alla fine? Perché mangiare 25 chili di grissini non è una paglia.

Teresina) Mi regalano le scodelle, ma per te Ercole, non sarà un sacrificio! I grissini sono una specialità, i grissini li mangiano i ricchi signori, sono senza grassi, fanno bene allo stomaco e la gente li usa per fare la dieta.

Ercole) Io lavoro in fonderia e non sono in dieta!

Teresina) Però sarebbe meglio che la facessi la dieta, guarda lì che pancia. Io, io lo faccio per te.

Ercole) E per le scodelle.

Teresina) Certo, se a forza di mangiare grissini dopo mi faccio un bel servizio di scodelle, tanto di guadagnato.

Ercole) Guarda Teresina, (cercando il portafoglio) te li do io i soldi, va a comprare tutte le scodelle che vuoi ma non presentarmi più grissini in tavola.

Teresina) Scusa Ercole, ma tu non capisci niente, perché devo andare a comperarle se me le regalano con i punti?

Ercole) Perché io 25 chili di grissini ho paura di non farcela.

Teresina) Non devi mangiarli tutti in una volta, il concorso scade alla fine dell’anno, ne hai di tempo!

Ercole) Teresina, guarda, stasera mangerò ancora i grissini, (guardano il piatto con aria schifata)  e questa roba, ma domani prendimi un chilo di pane e una bella bistecca.

Teresina) La bistecca te la prendo surgelata al supermercato che hanno aperto nuovo, oltre tutto iniziano con una raccolta di bollini che sono la fine del mondo, io ho già visto il catalogo, me lo ha prestato la signora Maria, la nostra vicina di casa. Dovresti vedere che regali: uno più bello dell’altro e con pochi punti.

Ercole) Ma Teresina...

Teresina) Ma Ercole, bisogna proprio che vada là a fare la spesa, per tutto il mese c’è l’offerta del 3 X 2 e danno anche i bollini doppi.

Ercole) Ma una bistecca dal macellaio è tutta un’altra cosa.

Teresina) È un’altra cosa perché tu hai le manie, e modernizzati no! Ora la carne la vendono buona anche al supermercato.

Ercole) Con i bollini.

Teresina) Certo, anche sopra le confezioni delle bistecche surgelate ci sono i punti, con 85 si può prendere un bel tappetino da cucina a cotone a fantasia, guarda, una cosa...

Ercole) Ma ti serve il tappetino? Non ce l’hai già?

Teresina) Cosa c’èntra? Se lo regalano non vuoi prenderlo? Uno più uno meno i tappetini non vanno mai a male, è bello averne uno di scorta.

Ercole) Non dirmi che dopo mi farai mangiare bistecche surgelate tutti i giorni.

Teresina) Ma va là, maniaco. Dura 6 mesi il concorso e ne servono solo 85 di punti.

Ercole) Per me tu li paghi salati quei regali, cara mia.

Teresina) Tutti i regali invece sono gratis, altrimenti non si chiamerebbero regali. Anzi, guarda che ti faccio vedere, con i bollini della salsa... te la ricordi la salsa?

Ercole) Certo! Non nominarmi più quella salsa maledetta, sono appena appena riuscito ora a dimenticarla. Quella salsa, con quel colore, con quel sapore... che alla fine mi ha fatto venire quasi la nausea.

Teresina) Non esagerare Ercole! L’ho comprata con l’offerta del 3 X 2 a buon mercato, guarda cosa mi hanno regalato con 40 bollini, questa bella bistecchiera qui, in ghisa rettangolare di 32 per 24, bella pesante.

Ercole) Ti serviva la bistecchiera, non ce l’avevi già Teresina?

Teresina) Questa è più bella e più pesante, la tengo di scorta, può sempre occorrere se si rompe l’altra.

Ercole) A forza di aspettare che vengano buone dove le metti tutte queste cose? Non dovrai comperare un armadio nè!?

Teresina) Non ce ne sono di problemi Ercole, (prendendo ed aprendo il catalogo per farglielo vedere) qui, sul catalogo nuovo, guarda, con 600 punti di purè me lo regalano.

Ercole) Con 600 punti di purè ti regalano un armadio? Ma davvero? Ma dici davvero Teresina? Ma fammela vedere bene quella bistecchiera.

Teresina) (Porgendogliela) Guarda che bella pesante, guarda che bel regalo e appena con 40 bollini.

Ercole) (Soppesando la bistecchiera) Hai ragione Teresina, bella pesante e appena con 40 bollini. 40 vasetti di salsa schifosa e maledetta. Ma io, prima di mangiare 600 scatole di purè... io... io... te la spacco sulla testa (e la rincorre intorno al tavolo minacciandola con la bistecchiera).

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 2 volte nell' arco di un'anno