La moneta di Billonia

Stampa questo copione

PIPPO SPAMPINATO

( )

due atti


1

LA MONETA DI BILLONIA

( IL NUMISMATICO )

due atti

Personaggi:

Attilio Speranza, professore, numismatico.

Giselda Milletti, giovane e bella signora.

Camillo Santoro, ingegnere, suo marito.

Billonia, loro serva.

Serafino Cifalinò, dottore, assistente del professore.

Nello Malgesi, ragioniere, amante di Giselda.

Pippinu, capraio, fidanzato di Billonia.

Càrminu, suo fratello.

LA SCENA ( unica per i due atti )

Un salotto in casa dei coniugi Santoro-Milletti.

Al centro della parete in fondo c’è un ampio arco da dove, scendendo qualche gradino, si entra venendo da destra e da sinistra. L’ingresso da destra è la comune.

Nella parete sinistra, in seconda, vi è una porta interna; in quella destra, pure in seconda, vi è una vetrata che immette nella terrazza.

Sul lato destro, in prima, c’è un divano con un tavolinetto e sul lato sinistro un tavolo rotondo con una coperta che scende sino al pavimento; attorno al tavolo ci sono delle sedie. Dal soffitto pende un lampadario e, come arredo, possono esserci altri mobili a piacere.


2

ATTO PRIMO

SCENA PRIMA

( Giselda, Nello e Billonia )

All’apertura del sipario si trovano in scena, seduti sul divano,

Giselda e Nello che, abbracciati, si baciano.

Dal fondo appare Billonia, si porta avanti, si ferma, attende un poco, poi si decide a parlare.


BILLONIA GISELDA BILLONIA GISELDA BILLONIA GISELDA NELLO GISELDA NELLO GISELDA NELLO GISELDA NELLO BILLONIA GISELDA BILLONIA GISELDA BILLONIA ISELDA BILLONIA


Signura… signura… Chiedo scusa…

( Si stacca dall’abbraccio ) Che c’è?

Signura m’ha scusari, ma vuleva essiri avvertita quannu arrivava ddu prufissuri ca

aveva a vèniri…

Sì?!...

Si firmau na machina davanti u canceddu. Cridu ca sarà iddu. Chi cosa haiu a fari?

‘A càmmira, dda supra, è già pronta…

‘A càmmira? Ti avevo detto di preparare due camere. Una dda supra, per il

professore e l’altra ccà sutta ( indica in fondo a sinistra) ‘nto stanzinu, per il signor

Nello ( lo indica ).

( Componendosi si era alzato e, dopo aver acceso una sigaretta, si porta davanti la

vetrata ).

Rifarai il letto ogni matina, anche se lui non ci avrà dormito. ( Rivolta a Nello ) Se

mio marito avissi a vèniri dovrà capire che tu hai dormito dda!

Ma non hai detto che restava fora una settimana?!

Sì! Ma è capaci ca spunta all’improvviso.

( Preoccupato ) Sospetta, forse?

No! Ma, a modu so’ è geloso. ( A Billonia ) Billonia, il signor Nello sarà, per finta,

l’assistenti di stu prufissuri c’aspettu. L’as-si-sten-te! Hai capito? Perciò macari iddu,

assemi al professore, sarà ospite ccà intra nella villa. E se per caso avissi a vèniri me

maritu, deve capire ca Nello… il signor Nello si trova ccà perché è l’assistente del

professore.

Tu, Billonia, comu si non m’avissi mai vistu prima. E neanche la signora. Noi non ci

conosciamo. Capito?

Haiu capitu! Ora ci priparu ‘a stanza, ccà sutta, macari a vossìa. ( Rivolta a Giselda)

E… mangia ccà?

Certu! Comu o’ pruffissuri: mangia, si curca…

Ca si curca, l’avevu capìtu… Va bene! Comu voli vossìa. Se dici ca haiu a rifari u

lettu ogni matina… Ogni matina rifazzu u lettu… Sì! Voldiri ca prima u sconzu e

poi… ‘u conzu. No?

Certu! Ppi forza!

Comu voli vossìa ( Sta per avviarsi ).

Billonia, ti raccomando: l’ingegnere non dovrà accorgersi di niente.

Quali ‘ngigneri?


3


GISELDA NELLO BILLONIA GISELDA BILLONIA GISELDA NELLO BILLONIA GISELDA BILLONIA GISELDA NELLO GISELDA NELLO GISELDA NELLO GISELDA NELLO GISELDA NELLO GISELDA NELLO GISELDA


Ma mio marito! Billonia arrusbigghiti! Perciò hai capito? ‘U capisti? ‘Nta sta simana

ca l’ngegnere sarà fuori città io ospiterò in questa casa, ppi catalogare ddi cosi antichi

di me ziu, o’ prufissuri Speranza e il suo assistente che è il signor Nello. ( Lo indica )

Iddu!

( Ha preso una banconota e la dà a Billonia ) Ecco, Billonia, teni! Non ho avuto il

tempo di arrialariti quel profumo francese che ti avevo promesso. Accàttatillu, tu!

( Prende il denaro ) Ma non c’era di bisognu… Grazi! Iù li capisciu certi cosi…

Billonia, tu lo sai quanto io amo lui. Non ne posso fare a meno. Mi sono confidata

con te… Mi hai aiutata a farmi incontrare con lui, senza che mio marito si

n’accurgissi. Ora che ho sta possibilità di na simana intera, intra a me casa…

Ma signura… chi va dicennu? Ppi mia, cu tuttu u cori, quannu ‘a pozzu aiutari. ‘U

sapi ca ppi vossìa mi facissi ammazzari! Oramai sugnu di casa… dopu tant’anni…

Ca s’arrichiàssi!

Brava! Te ne sarò grata! Fra donne, sti cosi si capiscono. Non t’aiutava iù, quannu

vineva u lattàru di Siracusa?!

Macari iù t’aiutai!

Cosi passati oramai. Non ci pensu chiù a chiddu.

Ni trovi n’autru!... Non dispirari! Forsi chiù megghiu di ddu crapàru, ca era beddu

carusu, sì, ma zoticu e gnuranti. ( Si ode il suono del campanello ) Oh, iddu ppi

daveru sarà: stu prufissuri! Vai ad aprire Billonia e lo fai accomodare ccà! ( A Nello )

Noi andiamo di là. ( A Billonia, che si avvia ) Appena trasi e s’accomoda mi avverti,

u senti?

Sissignura! ( Va via per il fondo a destra ).

( Prendendo Nello per mano ) Andiamo di là che voglio riempirti di baci.

Aspetta! Non avere fretta. Ragioniamo invece. Chi è questo professore? Lo conosci

bene?

Lo conosco. Mi sono informata prima: Attilio Speranza. Un vecchio professore

archeologo, esperto in numismatica. Ca parra in dialetto siciliano marcato.

Questo lo so! Mu dicisti!

Ppi comu parrava o’ telefunu, mi parsi di sèntiri a vuci di Tuccio Musumeci.

Ma sei certa che accetterà di farmi passari per il suo assistente? Se non gliene hai

ancora parlato.

Accetterà! Conosco il suo lato debole. Appena ci dissi ca c’erunu monete antiche,

non si lu fici diri du voti. Accittau subito! E poi, io lo pago! Anzi, ppi farlu stari mutu

gli dirò che se c’è, nella collezione, qualche moneta che gli interessa, sono disposta a

regalariccilla. Cchi duvissi vulìri di chiù?

Ma non fussi megghiu che gli parli io? Forse tra uomini…

Non è necessario, ti dico! Accetterà! So anche che è stato da giovane un donnaiolo

incorreggibile e perciò avrà comprensione per due che si amano follemente.

Una sola. Io ragiono, mentre sei tu la folle. Sulu a tia ti puteva vèniri in mente na

cosa accussì diabolica.

Ma quale diabolica? Na cosa naturale deve dire. Glielo detto anche a Camillo e lui è

stato d’accordo. Anzi fu iddu, mio marito, che mi ha suggerito di chiamare a stu

prufissuri e di ospitarlo qui a casa assieme al suo assistente.

Ma pirchì propriu ora ca to maritu non c’è?

Ppi non avillu sempri ammenzu i pedi e putìri fari tutto quello ca vulemu. Accussì

siamo più liberi! Dopu ca telefonai o’ prufissuri ci dissi a Camillo che questo

professore era disponibile solamente per questa settimana, quannu iddu non c’era; ci

dissi, macari, ca s’avissi purtatu un assistente. E me maritu fu d’accordu; non trovò

niente in contrario. Chiddu non vidi l’ura ca tutti sti cosi antichi dell’eredità di mio

zio, comprese le monete, vengono periziati ppi vinnilli.


4


NELLO GISELDA NELLO GISELDA NELLO GISELDA


Certu ca i soldi piaciunu a tutti!

E a mia, mi piaci tu! ( Lo tira verso di sé e lo abbraccia ) Sugnu pazza ppi tia!

Facissi qualunque cosa ppi stariti vicinu.

Pirchì iù no? ( La stringe forte a sé ) Dolce folle amore mio! Si’ pazzaredda, ma duci

e zuccàrata! ( Lei le porge il labbro per essere baciata ) ‘U vidi? Solamente per

questo delizioso caratterino che hai e che io adoro, to’ maritu non ti merita!

E tu?

( La bacia. Si sente venire qualcuno e si stacca ).

( Tirandolo verso sinistra ) Andiamo di là! E’ megghiu ca tu non ti fai vìdiri, prima

ca iù ci parru. ( Vanno via per la porta interna ).


SCENA SECONDA

( Billonia, Attilio e Serafino )


BILLONIA ATTILIO BILLONIA SERAFINO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO


( Entra dal fondo a destra introducendo Attilio e Serafino ) Mi s’accomudanu… ‘A

signura u stava aspittannu.

‘U sacciu, bedda… n’avemu telefunatu. ( La osserva con intenzione e non le lascia

gli occhi da dosso ).

Mi s’assettunu! ( Indica il divano ).

( Indossa un vestito molto attillato e di colore uguale a quello indossato da Nello.

Porta occhiali da vista e tiene stretta in mano una borsa che non lascia mai.

All’invito di Billonia, tenendo gli occhi bassi, si va a sedere sul divano, rimanendo in

punta ).

Vaiu ad avvirtìri a signura

( Fermandola ) Aspetta!... ( Le si accosta ammirandola ) Comu ti chiami?

Billonia.

Billonia? Si’ billonia ppi daveru! ( Rivolto a Serafino ) Serafino, varda cchi bedda

figghia?! ( A Billonia, indicando Serafino ) E’ il mio assistente volontario, il dottor

Cifalinò. ( Poi a sé ) Astura cuminciau a sudari. Varda quantu è russu ‘nta facci?!

( Piano a Billonia ) E’ un poco timido, cchi ci putemu fari?! Quann’è al cospetto di

na fimmina s’affrunta, avvampa tuttu… Poi cu na bedda carusa davanti, comu a tia…

( Forte ) Quant’anni hai?

Vintottu. ( Dopo una pausa ) Vaiu ad avvirtìri…

Aspetta! Cchi primmura c’è? Ora a videmu a signura! Dimmi na cosa: cchi si’

maritata?

No.

No?!

Signurina, sugnu!

Signurina?... Non ci cridu! Chiù, di sti tempi, cchi ci sunu signorine?! Cu’ sapi

quantu ziti hai avutu?... E… dimmi na cosa: di unni si’? Pirchì non pari catanisa.

Averu?!... Aspetta, videmu si lu ‘nsertu: niculusota! Ah?

No.

Di Belpassu?

Raannisa sugnu! Di Ragalna.

E certu! Muntagnola duvivi èssiri! Bedda china, sciacquatunazza e russa ‘nta facci ca

pari ‘n pumu làppiu.

( Avviandosi ) Vah, vossìa mi permetti…

Aspetta!... Pirchì tutta sta prescia? Dimmi na cosa: quant’anni hai? Ah, già vintottu.

E ancora si’ signurina? Non può essiri!... A mia mi lu puoi diri, ti pozzu veniri patri.

Patri? Megghiu frati. ‘N frati chiù granni. Ca tantu vecchiù, poi non sugnu. Non è

veru? ( Pausa ) Cchi ti paru vecchiù?


5


BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO


( Non risponde ).

Però, u sai comu si dici? “I frutti maturi sono i più succulenti”. Chiù sucùsi, vah!

( Pausa ) Ti piaci a frutta? ( Un’altra pausa ) La frutta fa bene assai. Speci chidda

matura. Ni mangi frutta?

( Si accinge ad andare via ).

Perciò… avissimu stari sotto lo stesso tetto… intra sta casa, ppi na simana…

assemi?! Cchi fai t’affrunti macari tu? Oppuri ti dispiaci? Veni ccà, avvicinati!

( Billonia si ferma ed è lui che si avvicina ) Ti dispiaci?... Ah?

A mia? Pirchì m’avissi a dispiaciri? ‘A signura è patruna ‘nta so casa… Su ‘nvitau a

stari ccà… Voldiri ca ci piacìu accussì. Idda è ‘a patruna e iù sugnu ‘a serva.

Certu!... Quantu parri bedda! Macari assinnata si’!

Quantu vaiu a chiamari ‘a signura…

E aspetta!... Dimmi n’autra cosa: haiu i bagagli ‘nta machina. Unni mi curcu, iù?

‘Nto pianu di supra.

E tu?

( Non risponde ).

Unni ti curchi tu?

( Si avvia ).

Non ti nni jri. Aspe…

( Va via per il fondo ancheggiando ).

( Ammirandola estasiato ) Mih!... Varda comu s’annàca?... E cchi è na cassata?!...

Ah, Cifalinò… ( Chiama forte ) Serafino!... Uih!... Cu tia parru. A vidisti quantu è

bona sta cammarera?

( Per tutto il tempo se n’era stato seduto in silenzio, asciugandosi con un fazzoletto il

sudore della fronte, del viso e delle mani ) Dici a me, professore?

Chista ‘ssà quantu n’ha fattu?! Giovenale diceva: “Rara est concordia formae atque

pudicitiae”. Li vidisti che forme? Ah?... Tu figghiu, sei insensibile a queste cose. Pari

ca ppi tia i fimmini non esistono. Ma cchi ci hai acqua ‘nte vini?! Ah, si iù avissi

avutu la tua età… Astura a chidda già ci avissi acchianatu di ‘ncoddu! Ca pazienza!...

Ora m’haiu a tratteniri. Mi po’ vèniri macari un infarto. ( Pausa ) Nunca, parramu

d’autru ca è megghiu. I purtasti i strumenti? ‘U bilancinu… u calibro… ‘a lenti

d’ngrandimentu?...

Ho portato tutto.

Ci saranno pezzi interessanti di sicùru!

Mi sono informato e ho saputo che questa collezione proveniente dagli “Sgroi”, che

la signora ha avuto in eredità, supera quella del barone “Moncada”, specie nella

numismatica del periodo del III, IV e V secolo.

Si deve cominciare di ddocu!

Dal V secolo?

Du bestia ca si’! Di ddocu: dalla numismatica! Dapprima cataloghiamo le monete.

Allivoti si può trovare la Litra d’argentu di Siracusa. Avi ca ci vaiu dappresso…

Unni si’? Unni t’ammucci?... Nichitta… bedda… priziusa!... Mi la ‘nsonnu macari la

notti.

Sarebbe sogno per davvero! Ma non risulta nella collezione.

Sti collezionisti minori e dilettanti capàci ca non la riconoscono. Chissà cchi ci

pari… e la scàngiunu ppi qualchi autru pezzu.

Sarà difficile! La Litra è indicata e riportata in tutti i cataloghi. Anche nel catalogo

“Mionnet”.

Quali cataloghi? Sti dilettanti mancu i cataloghi canusciunu. Poi, l’unica Litra ca

c’è, chidda della collezione “Biscari”, non si legge tanto bene.


6


SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO


Io la leggo benissimo.

Tu, ca c’hai l’occhiù abituatu, ma no sti nuviddùni.

Sono certo che la Litra non ci sarà!

Ittaturi! Sulu una ci nni devi èssiri? Cchi facevunu st’antichi: ni cuniavunu una sula?

Io, invece, sono certo ca almenu n’autra Litra c’è e s’ha truvari! Spiriamo! ( Pausa )

Auh! Si c’è, senza scannaliàri a nuddu. Poi ci penserò io! Hai capito Cifalinò? Non

fari comu all’autra vota, quannu attruvasti il Demarateo ca cuminciasti a trimàri

tuttu. Poi, per la denuncia, caso mai, ci penserò io! Bisogna fare le cose con calma e

in piena legalità. ( Si siede) Intantu ni facemu sta simanedda di villeggiatura… I

purtasti i strumenti?

Sì, tutto c’è!

Bene! Dopo aver visionato e catalogato tutto, facemu na bella relazione… Senza

prescia. Ppi setti jorna ni gudemu ‘a vista di dda bedda cammarera… A tia non ti

interessa, ma iù m’arrichìu a talialla. Oh, cchi spettaculu! Macari l’occhiù voli ‘a so’

parti. Spiramu ca ‘a signura è macari idda bona… Una donna bella fa sempre piacere

a guardarsi. “ Femina pulcherrima oculis grata semper est”!

Lei, professore, non la conosce questa signora?

No. Non ho avuto ancora il piacere. Ci siamo sentiti solo per telefono. Da vuci

sembrava aggraziata.

Dicono che è una bellissima donna…

Aòra?!

Molto bella e vogliosa ( comincia ad asciugarsi il sudore come prima ).

Daveru???... ‘A canusci, tu?

Io, no!

Allura pirchì stai cumimciannu a sudari?

Ne ho sentito parlare…

Macari quannu ni senti parrari sudi? ( Pausa ) Te la immagini, veru? ‘A fantasia,

certi voti, sùpira la realtà… Cu sapi comu ta ‘mmagini?!

Mi sono informato.

T’infurmasti? Macari ppa signura? Bravu! Così devi fare. Bisogna conoscere le

persone che collezionano. Specialmente chiddi novi. E chista, sta signura, è nova.

Ho saputo che non è di questa città.

Chistu u sacciu macari iù. Cridu ca è missinisa, dalle tue parti.

Non lo so! Però so che è venuta ad abitare qui, dopo sposata, e so che è giovane.

Giovane e bella. Dicono anche che si disseta fuori casa.

Fuori casa??? Unni vivi ‘nta funtanella?

Intendo che tradisce il marito e ha diversi amanti.

Aòra?!

Proprio così! E’ una donna, dicono, insaziabile. Una donna vogliosa e…

Mutu! Ca mi stai facennu sudari macari a mia. ( Pausa ) Perciò è vogliosa e… ci fa i

corna o’ maritu?!

E’ notorio a tutti.

Allura, autru ca nova, è antica! ( Pausa ) Unni capitàmu? ‘Nta quali casa?... ‘A

cammarera bona; ‘a patruna buttana… ( S’ode venire qualcuno ) Mutu, ca ccà è!

Chi?

‘A butta… Muuutu! ‘A signura.


7

SCENA TERZA

( Attilio, Serafino e Giselda )


GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA SERAFINO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA SERAFINO ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA


( Entra dalla porta interna e va incontro ai due che si alzano ) Caro professore, sono

molto lieta di conoscerla di persona.

( Le va incontro e le bacia la mano ) Sono onorato! ( La osserva ) Anzi: estasiato! La

bellezza della sua voce, signora cara, è niente in confronto alla sua presenza. Resto

ammirato!

Lei mi lusinga, professore.

No, no! Dico la verità. Lei è una bella donna.

Comu a pumata?

Non mi fraintenda. Ppi daveru ci u dicu! Avevo sentito parlare della sua bellezza,

della sua bontà, ma ora ca ‘a vidu di presenza, devo ppi forza dire: “Miatidda dda

funtanella!”...

Non capisco.

Nenti! Mi capisciu, iù!

Anche lei… La credevo più vecchio, invece… Poi la sua galanteria e signorilità mi

sono già note. Spero, perciò, di poterci intendere.

Come vuole. Sono a sua disposizione. ( Si accorge che Serafino è rimasto in

disparte, senza mai alzare gli occhi, mentre si asciuga                 nervosamente con il

fazzoletto ) Oh! Le presento il mio assistente il dottor Cifalinò.

( Gli va incontro, poiché Serafino è rimasto immobile al suo posto ) Tanto piacere!

( Gli porge la mano ).

( Le sfiora la mano ed alza appena gli occhi, poi ha un sussulto e di colpo cade

all’indietro sul divano, svenuto ).

( Premurosa ) Oddio! Ma che fa? Cchi cci pigghiàu?

Madonna santa!... Svinìu! ( Gli si avvicina e cerca di rianimarlo ) Serafino!...

Serafino!... Forza, curaggiu!... E cchi è di sta manèra?! Ca figghiu non può èssiri

accussì… Ora, macari sveni?!

( Corre alla porta interna, poi in fondo e chiama ) Billonia!… Billonia!... ( Rivolta

ad Attilio ) Chiamiamo un dottore?

No, no! Ora ci passa! E’ ca è timido… Timidissimo!… Quannu è davanti a na

fimmina… suda tuttu… diventa russu… Non m’aveva mai capitatu di vidillu svèniri.

( Chiama come prima ) Billonia!...

‘A lassassi stari a cammarera ca è peggiu! ( Pausa ) Sta rinvinennu… ( A Serafino )

Su, su beddu!... Ranni ranni!... ( A Giselda ) Ci passau!... Oh!

( Si avvicina a Serafino ) Meno male! M’aveva preoccupato… ( Le è proprio vicina

ed è quasi piegata su di lui ) Come sta?

( Sta per alzarsi, ma viene ancora meno e ricade svenuto un’altra volta ).

Ricadìu! ( A sé ) Putenza da fimmina! Ca cammarera ci resistìu… Cu chista, inveci…

( Forte ) Nenti, u lassassi stari ca ora cci passa. Mi s’alluntana, megghiu!

Io insisto per chiamare il medico.

Non è necessario, ci dicu! Mi fa purtari, inveci, na bacinella d’acqua fridda ca cci

l’abbiamu ‘nta facci e u facemu rinvèniri.

Sì, sì! Forse è bene così. ( Va via per la porta interna ).


8

SCENA QUARTA

( Attilio e Serafino )


ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO


( Si avvicina a Serafino e lo scuote ) Serafinoo!... O Serafinooo!... Arrusbigghiti!...

Cifalinò!... Vidi ca si nni ju… Non c’è chiù ‘a signura. Auh! E cchi pigghiasti ‘a

scossa? Uih! Arrusbigghiti!

( Rinviene. Dopo un poco si alza e si muove eccitato ).

Ti devi abituari, figghiu. Accussì cci appizzi ‘a saluti…

( Si riprende, poi dopo essersi assicurato che non c’è Giselda ) E’ lei!... E’ lei!...

Professore, non è stato un sogno… Si tratta di lei!

Di cui? Cchi stai dicennu? Ma cchi fai sparri?

Mi scusi… Ma ho rivisto lei! Proprio lei: Giselda!... Quanto tempo è passato?...

Ma di cui stai parrannu?

Giselda… Giselda Milletti… E’ stata una mia compagna di liceo.

‘A signura una tua compagna di scuola?... Aora?!

( Acconsente ripetutamente col capo poi, mentre si asciuga il sudore ) Ne sono

stato… sempre innamorato. Sempre! Sempre!... Allora ne fui colpito…

Pirchì ora no? Colpitissimo! Appena a vidisti cascasti supra u divanu comu ‘n piru

fràcitu.

Fummo compagni solo un anno; poi lei è stata bocciata… si è trasferita e non ci

siamo più rivisti. Ma io l’ho sempre sognata. Ora, come un sogno, è ricomparsa.

( Pausa ) Però… non mi ha riconosciuto. ( Con tristezza ) No!... Non mi ha

riconosciuto… Perché? ( Si siede affranto ).

Sunu passati tant’anni… U tempu, figghiu, è peggio di na lima: “ròsica sordo sordo e

tassottija” comu diceva il Belli in romanesco. Ni cangia, vah! Iù cchi sugnu comu

quannu aveva vint’anni?

Giselda si è fatta ancora più bella…

Tu, inveci, ancora chiù bruttu… Ti puteva canusciri? Voglio dire: Allora eri un

ragazzo, ora sei un uomo… ( A sé ) Un… uomo? ( Forte ) Vah, parramu d’autru!

Ora porto gli occhiali e forse sono un poco cambiato, mentre lei si è fatta ancora più

bella e…

Chiù bona! A visti, a visti! Ca ‘a fimmina, figghiu, quannu diventa donna daveru…

Quannu si marita, vah! Riprende forma, si riempie, metti carni e s’assesta…

Non l’ho potuta mai dimenticare.

Ora, inveci, ti la puoi scurdari! U vidi ca non ti canuscìu… Chidda a tia sta pinsannu.

A stura mancu s’arricorda di tia… Oramai è ppi fatti so’… maritata… ( Pausa ) Poi

nuautri semu vinùti ccà per lavorare e fare la ricerca. Perciò, caro Cifalinò, senza

nessuna distrazione. Hai capito? Nenti chiù svinimenti… Non ci pinsari chiù! E’

megghiu si non ti farai riconoscere. Sarà megghiu ppi tia. Ascutami!

Sì, sì è meglio! Non mi farò riconoscere… ( Comincia a sudare, sta per iniziare ad

asciugarsi, ma smette ).

Bravo! Ci vadàgni in salute. ( Dopo una lunga pausa ) Vidi ca iù mi purtai a tia e ti

ho scelto perché ti considero preparato ed intelligente. Oltre ad essere affezionato.

Grazie, professore.

Prego! Perciò, caro Cifalinò, tinemini forti e non pinsamu chiù a signura, macari ca è

bona… ( Si sente venire qualcuno ) Mutu ca ccà è! ( Serafino si agita, allora Attilio

gli porge qualcosa per farsi vento ) Teni, sciusciti… e resta assittatu ca, si sveni

almenu caschi moddu.

( Rimane seduto e ubbidisce ).


9

SCENA QUINTA

( Detti, Giselda e poi Nello )


GISELDA ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA SERAFINO ATTILIO SERAFINO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO


( Entra portando un recipiente con acqua ) Come va?

Bene, bene! ( Le toglie dalle mani il recipiente e lo depone sul tavolinetto davanti al

divano ) Non c’è di bisognu… Pusamulu ccà! ( A Serafino ) Se ti senti acchianari i

caluri, ti vagni a frunti. ( A Giselda ) Nuautri alluntanamini… ( Si portano al tavolo a

destra ) Mittemini ccà! Lassamulu in disparte ca ora si riprende. Auh! Non m’aveva

mai capitatu! ( Si siedono attorno al tavolo ) Sa signora, Serafino, questo giovane, è il

mio migliore assistente: affezionato, devoto… Mi voli bene ppi daveru. Un bravo

ragazzo. Sincero… Onesto… Si porterà avanti!...

( Si è alzato e fa qualche passo per portarsi in avanti ).

( Subito a Serafino ) Fermu! Cchi capisti? Ritorna indietro, cretino! Non ti devi

portari avanti ora. Resta seduto e vagnati a frunti.

( Si risiede ).

( Si alza per andare ad aprire la vetrata ).

( Bloccandola ) Alt!...Ferma macari lei! Non s’avvicini!

Facciamo entrare meglio un po’ d’aria… Sarebbe bene, anzi, che il dottore niscissi

fora in terrazza e si pigghiassi un pocu d’aria. Si sentirà meglio certamente ( va ad

aprire la vetrata ).

Si, megghiu è! ( A Giselda ) Ma lei si livassi di ddocu… Meglio lasciare libero il

passaggio. ( A Serafino ) Vattinni fora beddu, ca è megghiu!... ‘Nta tirazza!... Goditi

‘n pocu d’aria frisca. Forza! … Ca ‘a signura ma godu iù! Su, su! ( A Giselda ) ‘U

lassassi passari… Vinissi ccà! Non ci accupamu l’aria.

( Si porta a sinistra ).

( Si alza e si porta alla vetrata, ma prima di uscire si ferma e si volta a guardare

estasiato Giselda ).

( Intervenendo ) Fuori! Fuori!... Vo’ pigghia aria!...

( Si decide ad uscire e va via dalla vetrata ).

Avrà mangiato pesante…

No, ca quali?! Comu ‘n aceddu mangia. E’ disturbo di altra natura, invece.

Professore, io volevo parlagli proprio del suo assistente. Ecco…

( Stupito ) Lo ha riconosciuto?

A chi?

A Cifalinò.

Riconosciuto? Io non lo conosco.

( A sé ) Menu mali!

Le dicevo che io non immaginavo che lei portasse anche l’assistente. Perciò…

Veramente, mi sembra di avergliene accennato per telefono, no? Ci lu dissi ca avissi

avutu bisognu di un assistente.

Sì, però… siccome io conosco un signore, un giovane ragioniere, magari non tanto

esperto… ma mio carissimo amico… il quale mi sta tanto a cuore. Mi capisce? Tanto

a cu-o-re! ( Pausa ) Mio marito non sa niente di questo mio… come dire: affetto…

Ma io non ne posso fare a meno. Comprende?

( Sincero ) No.

Questo giovane, dicevo, potrebbe prendere il posto del suo assistente… ed essere

ospite qui in casa assieme a lei… Però senza che mio marito…

Non la staiu capennu. Lei vuole che Cifalinò, il mio assistente, non ristassi ccà, ‘nta

so casa? Chistu voli diri?

Precisamente!

Ma allura u canusci?!


10


GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO NELLO ATTILIO GISELDA NELLO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA NELLO ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO SERAFINO ATTILIO NELLO


A chi?

Ca a Cifalinò.

Affatto! Non lo conosco! Però…

Però voli ca si nni va.

Sì!

E pirchì?

Perché il suo posto sarà preso dal ragioniere, questo mio carissimo amico… Più che

amico! Lei mi intende?!

Ca non tantu!

Guardi che io non ho fatto discussione alcuna, riguardo il suo onorario. Anzi se lei

vuole un piccolo aumento…

No, no! Non è questione di onorario. Io sono venuto principalmente per studio. Studio

e ricerca. Io sono uno studioso e il dottor Cifalinò, mio assistente, è un valido

collaboratore, anche se volontario. Perciò dobbiamo lavorare assieme e forsi ni

spicciamu prima di na simana.

Se è per il tempo, per me non c’è premura. Anche più di una settimana, anzi…

Non più di una settimana, ca poi haiu chiffari. Anzi, iù dicissi di cuminciari subito. Se

lei mi fa vìdiri prima le monete… Incomincio con la numismatica.

( Che si trovava ad origliare dietro la porta interna, si decide ad entrare e portarsi

avanti ) Cara, ci puoi lasciare soli, io e il professore? ( Saluta ) Buongiorno! ( A

Giselda ) Vai, intanto, a prendere la raccolta delle monete. Io e il professore faremo

due chiacchiere. ( Sta per presentarsi ) Permette…

( Interrompendolo ) Ha ragione suo marito. Intanto lei mi jssi a pigghiari le monete.

( Stringe la mano a Nello ) Tanto piacere! ( Si presenta ) Attilio Speranza.

( Piano a sé ) Mio marito?!?!?

Io veramente…

( Subito ) Sì, sì! Mio marito!... Lei professore, non aveva ancora conosciuto mio

marito… ( indica Nello ).

Non ho avuto questo piacere. E’ ‘a prima vota ca u vidu.

Mio marito è lieto di fare la sua conoscenza.

Macari iù. ( Stringe nuovamente la mano a Nello ) Lietissimo!

( Tira in disparte Nello e parlando piano ) Va bene accussì! Tu sei: mio marito.

( Piano anche lui ) Come vuoi! ( Poi, forte ) Ma non hai offerto niente al professore?

( Ad Attilio ) Gradisce qualcosa?

No, grazie! Abbiamo fatto colazione prima di vèniri. ( Dopo una breve pausa ) Se si

putevunu cuminciari a vìdiri sti biniditti monete… Avemu tutta ‘a matinata davanti.

Poi a minzijornu mangiamu. Per ora pensiamo al lavoro e allo studio.

( Avviandosi ) Vado a prendere la collezione.

( Capendo male ) Ci dicu ca mangiai.

( Chiarendo ) La collezione delle monete.

Ah, scusi! Avevo sentito: la “colazione”. A jssi a pigghiari ca ci damu n’ucchiata. Iù

chiamu a Serafino, videmu se si rimisi ( si porta alla vetrata ).

( Sottovoce a Nello ) Forsi accussì è megghiu. ( Contenta ) Sei mio marito! ( Gli dà

un bacio e va via per la porta interna ).

( Chiamando ) Serafino… Trasi!

( Entra dalla vetrata ).

Avanti, cuminciamu a catalogare. ( Gli indica il tavolo ) Assettiti dda! ( Poi,

ricordandosi ) Oh! Non ci aveva fattu casu… ’A primmura è! ( Presentando Serafino

) Il mio assistente, il dottor Cifalinò. ( A Serafino ) Il padrone di casa, il fortunato

marito della signora.

( Porge la mano ) Lieto…


11


SERAFINO


( Non gli dà la mano, anzi lo guarda con disprezzo e, dopo aver accennato ad un lieve movimento del capo, si porta al tavolo, si siede, e con calma tira fuori dalla borsa, che non aveva mai lasciato, un registro, dei fogli, una penna, un calibro e una grossa lente d’ingrandimento; poi, dopo aver posato la borsa a terra accanto al tavolo, proprio vicino ai suoi piedi, apre il registro e, per tutto il tempo della scena seguente e l’inizio della successiva, scriverà sul registro, restando estraneo a quello che succede ).


SCENA SESTA

( Detti, Billonia e Giselda )


BILLONIA NELLO BILLONIA NELLO ATTILIO NELLO GISELDA SERAFINO ATTILIO NELLO ATTILIO NELLO


( Entra con furia dal fondo. E’ agitata ) L’ingegnere!... C’è l’ingegnere!...

( Spaventato ) No?!

( C. s. ) Arrivau ora ora ca machina. U visti ‘nto canceddu… Sta acchianannu!...

Unn’è ’a signura?... ( Si precipita verso la porta interna ed esce ).

( Non sa cosa fare. Cerca di andare via, ma non si decide e ritorna sui suoi passi ).

( Con calma ) Ma cu è stu ‘ngigneri?

( Non risponde. Finalmente prende una decisione e si dirige al tavolo; si siede

accanto a Serafino, gli prende il registro e lo colloca davanti a sé. Ma Serafino glielo

toglie bruscamente e così fa anche per le altre cose che Nello afferra volendo far

sembrare di essere l’assistente del professore ).

( Entra eccitata dalla porta interna, portando un astuccio contenente la collezione di

monete; lo depone sul tavolo e dice a Nello ) C’è Camillo! ( Subito si precipita per

uscire dal fondo a destra e va via ).

( Appena Giselda porta l’astuccio, lo apre e comincia ad occuparsi delle monete ).

( C. s. ) Camillo?... Cu è st’autru?

( All’arrivo di Giselda si era alzato. Ora si porta sul fondo restando all’erta ).

( Perdendo la pazienza ) Auh! Si po’ sapìri cchi sta succidennu?

( Gli fa cenno di fare silenzio. Ad un tratto capisce che sta per entrare Camillo,

allora afferra Attilio e lo trascina con sé, fuori in terrazza ).


SCENA SETTIMA

( Serafino, Giselda e Camillo )


CAMILLO GISELDA CAMILLO GISELDA CAMILLO GISELDA CAMILLO


( Entra dal fondo a destra con Giselda. Ha in mano una borsa uguale a quella di

Serafino ). Ti dico che non ci voleva proprio! La cosa è preoccupante… Ecco perché

sono tornato subito. ( Lascia la borsa sul divano o sul tavolinetto ).

( Scorge Nello che è in terrazza, mentre parla con Attilio, e si tranquillizza ) Non c’è

da preoccuparsi, invece. E’ tutto legale. Ti vulisti precipitari ppi nenti. Mi putevi fari

na telefonata…

Che telefonata? Dobbiamo consultare, oggi stesso, un avvocato. Ma tu u sai cchi voli

diri impugnare il testamento? Dicono che gli eredi legittimi sono loro e che c’è stato

raggiro. Vuol dire che, intanto, non si può vendere niente, neanche le monete.

Non mi scantu! Oramai è tutto in mio possesso. Ddocu! U vidi? ( Indica Serafino che

non si è mosso, intento, com’è, nel suo lavoro ) L’assistente del professore al

lavoro…

Non me n’ero accorto.

Andiamo di là e lassamulu travagghiari. Ce n’è un altro… dda fora, ca parra cu

prufissuri. Sunu dui… Due assistenti!

Chiamami ppi subito l’avvocato.


12


GISELDA CAMILLO SERAFINO CAMILLO SERAFINO CAMILLO SERAFINO CAMILLO SERAFINO CAMILLO SERAFINO GISELDA CAMILLO GISELDA CAMILLO GISELDA CAMILLO SERAFINO CAMILLO SERAFINO GISELDA CAMILLO SERAFINO


( Avviandosi per la porta interna ) Camina macari tu… C’è Billonia ca sta facennu u

cafè.

( Si avvia dietro Giselda e quando è vicino a Serafino lo saluta ) Buongiorno!...

( Alza gli occhi ed accenna ad alzarsi ).

( Lo invita a stare seduto non volendolo disturbare ) Continui, continui, prego! ( E va

via con Giselda. Però rientra subito e rimane sulla porta a fissare Serafino. Poi,

essendo certo di riconoscerlo, si fa avanti, gli si accosta e puntando l’indice esclama)

Cifalinò!... Serafino Cifalinò! Sei proprio tu!

( Stupito ) Mi conosce? ( Si alza ).

Certu    ca ti staiu canuscennu. Non sei cambiato affatto!... oh! Ma guarda che

combinazione?!

Io veramente… Non mi sto ricordando…

Come?! Camillo sugnu! Camillo Santoro! Primu, secunnu e terzu liceo… No! Primu

e secunnu. ‘Nto terzu tu facisti u sàutu… Ti stai ricurdannu?

Veramente, no! Camillo Santoro hai detto?

Santoro, Santoro, chiddu ca s’assintava quasi sempre…

Ah!... Allora per questo…

( Appare davanti la porta interna ) Camillo!...

Giselda… non lo hai riconosciuto? E’ Cifalinò!

Cui?

( Indicandolo ) Iddu! Cifalinò… Non lo ricordi? Non lo stai riconoscendo?

No! Vi fissastivu ca l’avissi a canusciri?!...

( A Serafino ) Tu t’arricordi, averu?! Ora è me muggheri!

( Stupito ) Come???

I casi della vita! Cu l’aveva a diri? Da compagni di scuola a marito e moglie.

Gise… La… la signora… è tua moglie? Voglio dire: sua moglie?... Ma allora… il

padrone di casa?... Poco fa…

( Tirando Camillo ) Andiamo di là che il dottore deve lavorare. Poco fa si è sentito

male… ( A Serafino ) Continui, dottore. Continui!... Prego si accomodi! ( A Camillo )

Ti chiamai l’avvocato… Sta aspittannu all’apparecchio… E u cafè s’arrifiddau!

Cifalinò, permettimi… Devo parlare con l’avvocato… Una cosa urgente… ( Vede la

borsa di Serafino e, scambiandola per quella sua, la prende e va via per la porta

interna, seguito da Giselda ).

( Rimasto turbato, non si accorge che Camillo ha preso la sua borsa ) Ma scusi…

poco fa… ( Si staccà dal tavolo per rincorrere Camillo, ma inutilmente. Allora si

dirige alla vetrata per cercare Attilio. Questi entra proprio in quel momento e si

incontrano ).


SCENA OTTAVA

( Serafino e Attilio, poi Nello )


SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO


Oh, professore!... Poco fa mi ha presentato il marito… ( Scorgendo Nello in terrazza )

Eccolo! Quel signore lì fuori!… Chi è quel signore?

Assettiti Serafino, assettiti!... Sbagghiai! Ca quali maritu?! Non è u maritu.

Chi è?

Chi è?... Chi è?... ‘Nsèrtilu!

Ma che ne so, io?

Certu! Cchi nni puoi sapìri?... E’ megghiu non sapilli certi cosi!... ( Pausa ) E’ unu,

come dire… di famigghia.

Non capisco.


13


ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO NELLO


Bàzzica ccà intra… ‘nta sta casa, vah! Insomma è: ‘a funtanella! ( Dopo una pausa )

Intanto… mi fici una proposta…

Che proposta?

Dici ca si c’è qualche moneta ca mi putissi interessare… ‘a signura è disposta a

cederla. Un regalo, vah! ( Pausa ) Però, io ancora non ho accettato. Auh! Ppi cu mi

pigghiaru?... La mia dignità?!...

In compenso di che?

Ah?

Cosa si pretende in cambio?

( Evasivo ) Nenti… stupidaggini… Dici ca… siccome è disoccupatu… vuole essere

assunto… come assistente. ( Subito ) Secondo assistente. Tu resti sempre il primo!

Come?... Assistente???

Una speci d’assistente… Un aiuto…

Ma io…

E se per caso ci fussi ‘a Litra?

( Subito ) Non c’è!

Taliasti?

Certo! E non c’è! ( Pausa ) Si tratta, però, di una collezione ricca…

Videmu! ( Si porta al tavolo e si siede seguito da Serafino che, accortosi della borsa

di Camillo lasciata sul divano o sul tavolinetto e credendo di essere quella sua, la

prende tenendola stretta, poggiata sulle gambe, senza più lasciarla ) Dammi ‘a lenti.

( Comincia ad esaminare le monete. Nel frattempo, senza che loro se ne accorgono,

entra dalla vetrata Nello, che si porta guardingo alla porta interna ad origliare ).

( Prendendo in mano una moneta ) Guardi, professore: c’è unAsse graveromano

con trireme e con Giano del IV secolo. In ottimo stato.

Mi nni futtu di l’asse grave, da trireme e di Giano! ‘A Litra di Siracusa m’interessa! I

trireme romani si fètunu!

( Si spaventa sentendo la voce di Camillo che sta per entrare. Allora, ha appena il

tempo di nascondersi sotto il tavolo, dalla parte di Attilio, che ha una viva reazione,

mentre Serafino non si accorge di nulla ).


SCENA NONA

( Detti, Camillo, Giselda, poi Billonia )


CAMILLO GISELDA ATTILIO CAMILLO ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA CAMILLO GISELDA CAMILLO


( Entra dalla porta interna, seguito da Giselda ) Ora ca ci pensu: siamo stati

compagni solamente al primo liceo… ( Trovando Attilio, che si è ricomposto subito

per non far accorgere che Nello è sotto il tavolo ) Il professore Speranza?! ( Gli

porge la mano ) Io sono Santoro.

( Intervenendo ) Professore, questo è mio marito! ( Marca sul “questo” ).

( Gli stringe la mano ) Molto lieto!

Vedo che sono già al lavoro. Con Cifalinò eravamo compagni di scuola. Sebbene lui

non si ricorda…

Macari cu lei?

( Si era portata alla vetrata e, non vedendo più Nello, si tranquillizza ritornando al

centro e rivolgendosi ad Attilio ) L’altro suo assistente è già andato via?! Bravo!

Ca quali bravu?... ( Fa segno che si trova sotto il tavolo ).

( Non capisce ).

( A Giselda ) Perché è andato via?

Cchi nni sacciu. Fatti so’!

( Insiste ) Ma perché?


14


GISELDA ATTILIO GISELDA CAMILLO ATTILIO CAMILLO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA BILLONIA GISELDA ATTILIO SERAFINO CAMILLO GISELDA BILLONIA CAMILLO ATTILIO NELLO ATTILIO NELLO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO NELLO ATTILIO BILLONIA GISELDA


Professore, perché?

Cchi cosa?

Mio marito vuol sapere perché è andato via?

Poteva restare…

Cui?

Il suo assistente…

L’altro. ( Pausa ) Per me, invece, ha fatto bene! Ne basta uno…

Chiddu ca dicu iù! ( Si avvicina a Giselda e parlando piano le sussurra qualcosa in

modo incomprensibile ).

Comu?

Vicinu Milanu. ( C. s. ma parlando più chiaro ) E’ dda sutta ammucciatu… Su

purtassi dda banna a so maritu….

( Capisce ).

( Entra dal fondo a sinistra e porta il caffè ) Eccu u cafè. ( Depone sul tavolo un

vassoio con 3 tazzine ).

Servilu tu, Billonia! Noi andiamo di là e li lasciamo lavorare in pace. ( Tira Camillo

verso la porta interna, mentre Billonia mesce il caffè ).

( Vedendo che Billonia, inavvertitamente, si piega poggiando il seno, in buona parte

scoperto,   sulle spalle di Serafino ) No, bedda… jsiti! Accussì ‘u fai assintumari.

alluntaniti! Iù, sulu taliannu, già sugnu tuttu na vampa. Mettiti ritta!

( Si accorge che c’è qualcuno sotto il tavolo. Fa un balzo ed alza il drappo scoprendo

Nello ).

( Stupito, ritornando sui suoi passi ) Chi è? Chi cci fa chiddu dda sutta?

( Subito ) L’altro assistente!... Non tu dissi ca erunu dui? ( Tirando Camillo come

prima ) Vieni, lasciamoli lavorare. Billonia: un altro caffè!

Tri nni purtai. Comu mi dissi vossìa.

Allora non è partito?!

( Rivolto a Nello, fingendo ) Ma unni t’inficchi? T’avemu circatu… ( A Camillo,

indicando Nello ) Il mio secondo assistente. E’ ammuccialoru!

( Che era rimasto carponi, si alza tenendo in mano una piccola moneta ) Eccola!

L’ho trovata! ( La mostra ).

Chi cosa?

La moneta che era caduta…

( Sempre fingendo ) Ah, bravo! L’hai trovata finalmente! ( A Camillo, chiarendo ) Era

caduta una moneta sotto il tavolo… ( Con rimprovero a Serafino ) Serafinu, figghiu,

stamu attenti… senza saliarli! Non nni fari chiù cascari… ( Sorbisce il caffè che gli

era stato servito da Billonia ).

Ma non ne sono cadute.

Va bene!... Va bene!... L’importante è ca s’attruvau ( continua a sorbire lentamente il

caffè, tenendo in mano anche il piattino ).

Insisto a dire che non è caduta alcuna moneta.

( Depone sul tavolo la moneta ) Ccà è! Se io l’ho trovata, vuol dire che era caduta.

( A sé, con stupore ) ‘A truvau ppi daveru?!?

( Osservando la moneta ) Ah, ma chista a mia mi cascau! E’ u soldu miu, ca

m’arrialàu Pippinu. Bih!… Varda unni ju a cascari?... Dda sutta?! Aveva voghia di

circallu… e pirchissu, scupannu, non lu truvava. ( Prende la moneta e la fa osservare

a Giselda ) ‘U me suldu è! Mi varda, signura. Chiddu ca m’arrialàu Pippinu. Si lu

ricorda?

( Prende in mano la moneta. La osserva, poi la passa a Camillo ) Sì, certu! Chidda di

Pippinu è!


15


CAMILLO BILLONIA CAMILLO ATTILIO CAMILLO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO CAMILLO NELLO CAMILLO ATTILIO CAMILLO BILLONIA ATTILIO


( Dopo averla osservata, la annusa ) Veru!... Ancora fa ciauru di latti. ( La consegna

a Billonia ) Teni! Sarvatilla! E’ to’!

( Conserva la moneta nel petto ).

( Rivolto ad Attilio ) Il fidanzato di Billonia, ‘n crapàru di Siracusa… - e pirchistu fa

ciauru di latti - aveva trovato questa moneta greca…

Comu???... Unn’è? Videmu!... ( A Billonia ) Fammilla vìdiri! ( Depone la tazzina sul

tavolo con le mani tremanti ).

Faccilla vìdiri o’ prufissuri… allivoti può valìri…

( Cerca di prendere la moneta ) Sì, sì… m’aspetta…

( Impaziente ) Forza, bedda!... Di Siracusa dicistiru?... Ca annàchiti! Pigghila!

( Non riuscendo a prenderla ) Vossìa m’aspetta… ( e si dà da fare cercando ancora

dentro la scollatura ).

( C. s. ) Ora ci abbùddu i manu iù!

( Finalmente riesce a prendere qualcosa, ma non la moneta. E’ un bottone che,

scambiandolo per la moneta, porge ad Attilio ) Ccà è!

( Lo afferra. Lo osserva, poi con calma lo annusa e, con delusione, esclama ) Fa ppi

daveru ciauru di latti!… Certu! Conservatu intra ddu gran forziere…( indica il petto

prosperoso di Billonia ). Chistu buttuni è!

Ma che dice?

Una moneta, era!

A mia mi pari una moneta da Magna Grecia.

( Con ironia ) A mia, inveci, mi pari buttuni da “fera o’ luni” ( Consegna il bottone a

Camillo ).

Chistu?!... Chistu, certu ca è buttuni. ( Lo restituisce a Billonia ) Cchi pigghiasti?

Bih!... U buttuni du reggiseno scippai! ( Cerca meglio dentro la scollatura ) Unni ju a

finìri?... Matri!... Cascau!... ( Si palpa, poi ) Ccà è!... ( Avviandosi per il fondo ) Ora

ci lu portu!... M’haiu a spugghiari!... ( E va via per il fondo a sinistra ).

Oh, a ‘mprisa ca c’è ppi daveru?! ( Afferra la lente d’ingrandimento e si avvia anche

lui per il fondo, dietro a Billonia ) Aspetta, bedda!... Aspetta!... Aspetta ca tu cercu

iù!...( Per la fretta inciampa in uno scalino, si rialza e dolorante va via imprecando ).


SCENA DECIMA

( Detti, meno Billonia e Attilio )


CAMILLO GISELDA SERAFINO CAMILLO SERAFINO CAMILLO SERAFINO CAMILLO SERAFINO CAMILLO SERAFINO CAMILLO


( Agli altri ) Come si vede il numismatico! Ah?...

( Si avvicina a Nello ).

Il fatto è che il professore si ostina a cercare la Litra.

Cchi è sta litra?

La Litra d’argento di Siracusa. Una piccola moneta del V secolo, coniata sotto

Gerone I°. Ma non c’è! Sono certo che non c’è! Se ne conosce un solo esemplare

nella raccolta “Biscari”, molto deteriorato.

( Ricordandosi ) Sì?! Mi staiu ricurdannu. Non erumu cumpagni di classe. Iù arristai

‘nta sezione “B” e a tia ti ficiru cangiari ‘nta “A”, te lo ricordi?

No.

‘U prufissuri Abate?...

No.

Chiddu tignusu… Ca panza?

( Fa segno di diniego ).

Porca miseria! M’addannu! ( Prende una decisione ) Camina! ( Lo tira verso sinistra)

Ti fazzu vìdiri na fotografia… ( e assieme vanno via per la porta interna ).


16


NELLO GISELDA NELLO GISELDA NELLO


( Dopo essersi assicurato di trovarsi solo con Giselda ) Ma pirchì turnau to’ maritu?

Pirchì è cretinu! U stai vidennu unni si fissau? ‘Nte compagni di scola. ( Pausa ) Non

ti preoccupari, però, ca stasera si nni va. ( Ancora una pausa ) Comu fu ca cunvincisti

o’ prufissuri?

Quali cunvinciri?! A mia m’aveva parsu di no. Inveci pocu fa… fici l’omu.

Voldiri ca si cunvincìu.

Ma ppi daveru to’ maritu si nni va stasera?


SCENA UNDICESIMA

( Detti, Billonia poi Attilio )


BILLONIA GISELDA NELLO BILLONIA GISELDA BILLONIA GISELDA BILLONIA SERAFINO CAMILLO NELLO CAMILLO NELLO CAMILLO SERAFINO NELLO SERAFINO NELLO SERAFINO NELLO ATTILIO SERAFINO ATTILIO NELLO ATTILIO SERAFINO ATTILIO


( Entra di corsa dal fondo a sinistra ) Signura!... Signura!... U prufissuri svinìu!

Svinìu???

Comu???

Cascau ‘nterra svinutu!

Ti cci spugghiasti davanti?

Nonsignura! Svinni quannu ci desi u soldu.

( Avviandosi per il fondo ) Pigghia dd’acqua… ( indica il recipiente con l’acqua che

si trova ancora sul tavolinetto ) Jurnata di svenimenti è oggi! ( Va via per il fondo a

sinistra ).

( Dopo aver preso il recipiente con l’acqua, in fretta segue Giselda ).

( Nel frattempo, entrando dalla porta interna, seguito da Camillo ) Ma io non ci sono

in quella foto.

Sì, però… i compagni ti l’avissi a ricurdare… ( Notando Billonia ) Cchi successi?

Il professore è svenuto appena ha visto la moneta.

Possibile?

‘ U dissi Billonia… ( Si corregge ) La sua cameriera… Mi sembra che si chiami così.

No?

( Non badandogli ) Ma allura è la moneta ca sta circannu?! Di Siracusa è! La truvàu

Pippinu… Vogghiu vìdiri! ( Si avvia in fretta ed esce per il fondo a sinistra ).

Impossibile! Non è la Litra.

Pirchì no?... A truvàu Pippinu, u zitu di Billonia ca fa u crapàru ‘nta ddi campagni di

Siracusa… nei pressi di Lentini.

Io l’ho appena intravista quella moneta… poco fa! Non è la Litra!

Lei la smirciàu di luntanu, u prufissuri ca lenti d’ingrandimentu… Può essere!

Non è la Litra!

Io non la conosco, ma mi parsi d’argentu…

( Tenendo in mano la moneta, entra dal fondo a sinistra, asciugandosi il viso col

fazzoletto ).

Non è la Litra!

( Affranto ) Ittaturi! ( A sé, mentre continua ad asciugarsi ) Auh! Ma cchi mi fìciru u

bagnu?!... ( Dopo una lunga pausa, portandosi avanti ) Ragiuni hai! Non è la Litra.

Ma allura perché è svenuto?

Mi sono confuso!... Cu dda spugghiata da cammarera… eru menzu annurvatu… Poi

taliài ca lenti d’ingrandimentu…

Avrebbe potuto vedere meglio la moneta, no?

Quale moneta? ‘Nto pettu m’ammirai! E… non ci visti chiù di l’occhi… Ora, però, a

menti serena, staiu vidennu ca non è idda. ( Pausa ) Un Tetradramma d’argentu è!

Sempri di Siracusa, ma Tetradramma ( consegna la moneta a Serafino ). Ccà,

talialu! IV secolo!


17


SERAFINO NELLO ATTILIO NELLO SERAFINO NELLO ATTILIO SERAFINO ATTILIO NELLO SERAFINO NELLO ATTILIO NELLO ATTILIO


( Dopo aver preso la moneta, la osserva ) Con Nike che incorona l’auriga. Stato

mediocre.

Ma ppi daveru è importante sta moneta?

Quali, chista? Non tanto! Io la posseggo!

No. Dicu: sta littra. Chista ca lei cerca.

( Correggendo ) LaLitra! LaLitra! ( A sé, con ironia ) Secondo assistente!...

( Correggendosi ) Va bene: la “litra”. Dico: è una moneta importante?

Certamente! E’ importante perché è rara.

( Con un sorriso diabolico ) Se ne conosce una sola…

Per il momento. Però ce ne può essere un’altra. Furtuna cci voli! Fortuna e senza

cucca. Iù mi portu d’appressu a iddu! ( Indica Serafino. Poi imitando la sua voce, gli

fa il     verso ) Non è laLitra! Non è laLitra!... ( Con la sua voce e quasi gridando )

Ittaturi!

Però Pippinu n’aveva truvati autri, oltre a stu telegramma…

( Correggendo ancora ) Tetradramma!Tetradramma!

Certu!... Tretri… Tritra… Stu dramma, comu dici lei. Stavu dicennu ca Pippinu, oltre

a chista, cci n’aveva ancora monete. I visti iù! Chidda chiù grossa cci la desi a

Billonia…

Aòra?! Aveva altre monete?

Cincu o sei.

Ancora chiù nichi???... Vuoi vìdiri?... Unn’è stu Pippinu? Jemulu a chiamari subito!

Senza pèrdiri tempu!


Dal fondo a sinistra entra Giselda seguita da Billonia


GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA BILLONIA GISELDA NELLO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO


Signora, mi devi chiamari, ppi subito, a Pippinu.

A Pippinu?

Sì, subito, ora stissu! Dici ca ci aveva autri monete?!...

Unni u pigghiamu cchiùi?... Si lassàu cu’ Billonia.

Cci facemu fari paci.

A cui?

A stu Pippinu. Unn’è? Facemulu vèniri! ( A Billonia ) Vacci a fari na telefonata.

Ma si iù non lu vogghiu vìdiri chiù!

‘U vogghiu vìdiri iù! ‘Ntantu u fai vèniri… Auh! E’ importante per lo studio della

numismatica. ( Rivolto a Giselda ) Signuruzza, si non veni Pippinu, iù non ci staiu

chiù ai patti. Ni stamu capennu?

Ma…

Senza “ma”. Ci facissi na telefonata lei e u facissi vèniri cu l’autri monete.

Altrimenti… ( Cerca Camillo ) Unn’è so’ maritu?...

Aspetti!… Vediamo… Vieni Billonia! Vieni con me! ( Si avvia, tirando Billonia, per

il fondo a sinistra ) Vidi si me maritu ha finito di telefonare… Vai!

( Va via ).

Ci staiu telefunannu! (Esce dietro Billonia ).

Ho l’impressione ca Pippinu c’havi dda moneta.

Ca speriamo!

Io sono certo che la Litra non…

( Senza farlo finire, gli dà uno scappellotto oppure gli lancia addosso qualcosa )

Grandissima cucca e ittaturi! Si lu dici n’autra vota…

( Offeso, si alza e, senza dire una parola, si dirige verso la vetrata ed esce ).

Vo’ pigghia aria ca è megghiu! ( A sé, forte ) Beddamatri ca mi vaiu a pricurari ‘n

cornu di sta fatta! ( Fa il relativo gesto ).


18


GISELDA NELLO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA NELLO GISELDA NELLO ATTILIO GISELDA ATTILIO GISELDA ATTILIO NELLO ATTILIO GISELDA ATTILIO NELLO GISELDA NELLO GISELDA NELLO ATTILIO


( Rientra ) Ccà c’è Pippinu.

Ccà è?

Sì! Dici ca è davanti u canceddu… Billonia ci sta grapennu…

Cchi cci friscaru l’aricchi?

No! Ci telefunai…

Comu, comu? Ci telefunau ed è già ccà? Cchi c’havi l’ali?

No! U telefonino. E si trova ccà sutta ‘nta strata ppi spartiri u latti.

‘N crapàru cu telefonino?! A unni ni jemu a teniri?... Ai me tempi i crapàra jttavunu

sulu friscuni e pitrati…

Oggi cci l’hannu tutti il telefonino.

Io lo odio.

Neanche io lo uso e mancu me marito. ( Pausa )Ah! Me maritu si scusa, ma è dovuto

partire…

( Contento ) E’ partito?

Sì! L’avvocato l’ha tranquillizzato…

Benissimo! Macari iù sugnu tranquillizzatu.

Iù, inveci, no!

Perché?

Ppi dda cucca di dda fora ( indica la terrazza ed allude a Serafino ). Fussi statu chiù

tranquillu si so maritu non parteva e cci l’avissi avutu vicinu.

Perché?

Cci avissi pututu tuccari… ‘a testa!

( Subito ) Il professore scherza.

Non si scherza cu sti cosi. Iù cci cridu alla jettatura. Sunu terribili!

( Per cambiare discorso ) Lei, professore, può essere soddisfatto. Cci chiamai a

Pippinu, no? Videmu si c’havi d’appressu le monete… e se c’è quella che interessa a

lei, cercherò di fariccilla regalare. Lei, però… deve stare ai patti.

Io sono disposto a pagarla.

Ma che pagare? Pippinu è un poviru lattaru… ignorante… analfabeta… Cchi cosa nni

capisci di monete antiche? I potti attruvari intra qualchi grutta… Cchi nni fa?

Veru è! Cchi nni fa? Capàci ca li va jttannu…

‘N poviru lattàru, è!

Povero nel senso di ignorante, ma i soldi cci l’havi. Eccomu! Camina cu na

“maserati” fuoriserie rossa accàppotabile.

E ci havi macari a “mercedes” nera coupè.

Mih!... ‘N crapàru?! ( Pausa ) A mia, però, mi bastassi ca cci avissi ‘a Litra e fussi

dispostu a cidirimmilla.


SCENA DODICESIMA

( Attilio, Giselda, Nello, Billonia, Pippinu e alla fine Serafino )


BILLONIA PIPPINU GISELDA PIPPINU GISELDA BILLONIA PIPPINU GISELDA


( Entra dal fondo a destra, precedendo Pippinu che è rimasto fuori ) Accomodati…

( Apparendo ) E’ permesso?

Avanti, avanti Pippinu. Accomodati!

( Si porta avanti e saluta ) ‘Sabbenedica!

Billonia, porticci u cafè.

( Prende il vassoio di prima e va via per la porta interna, dopo aver lanciato uno

sguardo languido a Pippinu ).

Grazi, signura!

Assettiti! ( Gli indica il divano e Pippinu si siede ) C’è ccà u prufissuri ca ti vulissi

addumannari na cosa.


19

ATTILIO          Sentite buonuomo: ho saputo che avete trovato delle monete antiche. E’ vero?

NELLO              ( Interrompendo ) Non ti scantàri ca u prufissuri non è da Finanza…

ATTILIO          Quali Finanza? Cchi c’entra, ora, a Finanza? Semmai a Sovrintendenza! Ma iù non

c’entru. Un privatu sugnu! Uno studioso privato e collezionista.

NELLO              No. Dicevu di non si scantari…

PIPPINU           Ma iù non mi staiu scantannu.

ATTILIO          Appunto! Pirchì s’avissi a scantari?

GISELDA        ‘U prufissuri è un amico… e sta studiannu le monete. Per ora sta catalogannu la mia

collezione…

NELLO              Per questo dicevo…

ATTILIO          Mi lassati parrari? Oh! Dunque, giovanotto io vuleva vìdiri le monete ca truvasti. Dici

ca cci n’hai cincu o sei…

PIPPINU           N’aveva! Ora non cci l’haiu chiù.

ATTILIO          Comu?... Li jttasti?!

PIPPINU           ( Stupito ) Li jttava?

ATTILIO          Unni su’? Cchi nni facisti?

PIPPINU           Le ho vendute. ( Dopo una lunga pausa, con meraviglia dei presenti ) Le ho vendute

ad un prezzo discreto. ( Comincia ad enumerare le monete da vero intenditore ) ‘U

Sesterzio d’oro di Bisanzio del V secolo dopo, l’ho venduto 800.000 lire. L’Asse

grave romano - IV secolo - 450.000 lire. I due Tetradramma d’argento - IV secolo -

700.000 lire…

ATTILIO          ( Ripetendo le parole dette prima da Nello e Giselda ) Cchi nni fa? Cchi nni capisci ?

Capàci ca li va jttannu!

PIPPINU           No! Mi vinnu! ( Pausa ) L’ultima l’ho venduta un milione e duecentocinquantamila.

ATTILIO          Lire?

PIPPINU           Lire, lire!

ATTILIO          Mih! 1.250.000 lire?! Caspita! Cci la ‘mpunisti?! Di sicuru a qualchi pulintuni

fanaticu di chiddi ca scinnunu in Sicilia, a modu so’, ppi truvari cosi antichi…

PIPPINU           No, prufissuri. Non ci la ‘mpunii. Anzi valissi molto, ma molto chiù assai. Ma

siccomu era un prufissuri… uno studioso comu a vossìa, cci nni vosi fari omaggio.

Solo: 1.250.000.

ATTILIO          Omaggio? Cu tutti sti soldi?

PIPPINU           Sissignore: omaggio! O-mag-gio! una Litra era! D’argentu, di Siracusa! V secolo,

accì.

GISELDA e NELLO ( Ad una voce ) Salute!

PIPPINU           ( Facendosi capire ) Accì: avanti Cristo.

ATTILIO          ( Nel frattempo sta per svenire, ma si riprende e si accascia su una sedia. Poi con gli

occhi pieni di gioia e con un filo di voce, esclama ) C’è!... C’è!... Ne ero certo!

SERAFINO     ( Entra dalla vetrata e rimane fermo a destra ).

PIPPINU           ( Scorgendolo ) Oh! Iddu ccà è ‘u prufissuri! ‘U sparratu nesci in chianu. ( Lo saluta )

Vossabenedica! Si parrava propriu di vossìa… ( Agli altri, indicando Serafino ) A

iddu ci la desi ‘a Litra. Unmilioneduecentocinquantamilalire. Omaggio!

ATTILIO          ( Scatta in piedi ) Comu???... Iddu cci l’havi???

PIPPINU           Iddu! Iddu!

ATTILIO          ( Puntando il dito contro Serafino ) Tu?!… Tu?!... E non m’hai dittu nenti?!...

Falsu!… Fariseu!... Cosa fitusa!... Iù t’affucu! ( Con rabbia si lancia verso Serafino

per afferrarlo ).

SERAFINO     ( Impaurito, scappa verso il tavolo ).

ATTILIO          ( Lo insegue ).


20

Dopo un giro d’inseguimento attorno al tavolo,

Attilio viene afferrato da Nello e Giselda e, a mala pena, tenuto fermo,

mentre Serafino, standosene lontano, tiene stretta al petto la borsa.

SERAFINO     ( Piagnucolando come un bambino ) LaLitraè mia!

ATTILIO          ( Ha una brusca reazione e, riuscendo a strapparsi dalla stretta dei due, si lancia verso Serafino e lo afferra. Nel frattempo si chiùde il…

S I P A R I O

FINE DEL PRIMO ATTO


21

ATTO SECONDO

La stessa scena del primo atto.

La notte seguente.

SCENA PRIMA

( Giselda e Nello )

La stanza è rischiarata solamente dalla luce lunare che entra dalla vetrata. Dopo un poco dall’apertura del sipario, s’ode provenire dalla terrazza un parlare e ridere allegramente di Giselda e Nello che entrano subito dopo.


GISELDA NELLO GISELDA NELLO GISELDA NELLO GISELDA NELLO GISELDA NELLO GISELDA NELLO GISELDA NELLO GISELDA NELLO


( Tenendo sottobraccio Nello ) Oh! Guarda… macari ‘a luci n’astutàru… E la luna,

stanotte, ci avvolge romanticamente. Non è bello?

Tutti si curcàru?

Tutti!... Ni lassàru suli: “Quali colombe dal desìo chiamate”…

‘U prufissuri... ca diceva di non aviri sonnu?

Si ju a curcari macari iddu. ( Pausa ) Ora ni nni jemu nuautri… ( Con un risata

civettuola ) Tu cchi fai dormi?... ( Lo bacia ) Iù c’haiu ‘n sonnu ca… non nni pozzu

chiù! Non- nni- poz-zu- chiù! (Avviandosi per il fondo a sinistra ) Aspetta!...

Accendi la luce.

(  Dall’interruttore,  che  è  visibile  sulla  parete  di  fondo,  a  destra  dell’arco,

ACCENDE LA LUCE ) Staiu turnannu! ( Si ferma ) Amore?...

Che c’è?

( Ridendo ) Non scappare!... Pirchì iù t’acchiappu macari… “in capo al mondo”! Non

ti puoi mai liberare di mia! Aspettami! ( Va via ).

( Rimane solo. Accende una sigaretta e si porta alla vetrata. Dopo un poco, rientra

Giselda ).

( Porta un pigiama ben piegato. Va alla vetrata, la chiude e porge il pigiama a Nello)

Andiamo, amore! Tieni! ( E si avvia ).

Che è?

Un pigiama… ( Celiando ) Non sei mio marito? ( Ride ) Allora stanotte indosserai un

pigiama di Camillo. E’ chiddu ca cci piaci di più.

A cui, a to’ maritu?

Sì!... Ma a mia mi piaci chiddu ca c’è, stanotti, intra u pigiama… Tu! Tu! Tu!...

Perdutamente tu!... Vieni… vieni amore mio! ( Lo tira verso la porta interna ) Vieni!

Passeremo  una  notte  meravigliosa…  Ci  inebrieremo  d’amore…  di  baci…  di

passione… di… ( Con altro tono ) Astuta a luci!

( Va a SPEGNERE LA LUCE dall’interruttore e va via con Giselda per la porta interna ).


22

SCENA SECONDA

( Attilio solo )

La stanza ritorna ad essere rischiarata dalla luce che entra dalla vetrata.

Per un attimo la scena rimane vuota.

Mentre, proveniente dalla terrazza, s’ode un fischio convenuto e subito s’intravede, dietro i vetri, la sagoma di Pippinu che, oltre a fare un altro fischio, batte alcuni colpi sui vetri.

Subito dopo dal fondo, tenendo in mano una bugìa con la candela accesa, appare Attilio.

E’ in pigiama, vestaglia e pantofole.

Si porta avanti con circospezione, si dirige cauto verso la porta interna,

mentre Pippinu batte ancora sui vetri.

Attilio si volta di colpo verso la vetrata, ma Pippinu, per non farsi scoprire, è già scomparso.


ATTILIO


Cu è???... Morti latra! Mi parsi di vìdiri qualcunu dda fora… O mi fìciru l’occhi?!...

( Si porta alla vetrata e guarda verso l’esterno ) Nuddu c’è! ( Si tranquillizza )

Mah!... ‘A còllira è! ‘A còllira ca mi fici pigghiari dda cosa fitusa. ( Si sente, come

prima, un fischio di Pippinu ) Disgraziatu!... Macari l’aricchi mi frìscunu. ( Con una

mano si strofina l’orecchio, poi si dirige alla porta interna,  la apre, ma subito la

richiude ) Non è chista a porta. Di ccà mi vo’ tegnu di sicuru intra u lettu da

signura… ( Ritorna al centro ) ‘Ssà unn’è curcatu ddu curnuteddu?... ( Indicando in

fondo a sinistra ) Forsi sarà di dda?!... ( Si porta sul fondo ed esce verso sinistra ).


SCENA TERZA

( Pippinu e Billonia )

Dietro la vetrata appare, come prima, la sagoma di Pippinu e, subito dopo, dal fondo a destra, entra Billonia in sottana; va alla vetrata, la apre e fa entrare Pippinu. Poi ACCENDE LA LUCE.


BILLONIA PIPPINU BILLONIA PIPPINU BILLONIA PIPPINU BILLONIA PIPPINU BILLONIA PIPPINU BILLONIA PIPPINU BILLONIA PIPPINU


( Parlando piano ) Ti dissi di non vèniri stanotti.

( Cerca di abbracciarla ) Non fìcimu paci?!

Sì. Però… Ci sunu genti stranii… Si nni ponu addunari…

Amuninni ‘nta to’ cammira.

Aspetta!...Iù, ancora, non sugnu sicura ca tu facisti paci ppi daveru.

Si sugnu ccà?! ( Prende due monete ) Varda cchi ti purtài!

‘N autru soldu?

Autri dui!... Unu tunnu e unu quatratu. Teni!

( Prendendo le monete ) Quatratu??? Cchi ci sunu soldi quatrati?

L’antichi, prima di farli tunni, i soldi li facevunu quatrati. Ammucciatilli ca poi iù li

cercu…

Non n’haiu misu reggipettu… Iù mi stava cuminciannu a spugghiari…

Amuninni, allura! ( La tira verso il fondo ) Terminu di spugghiariti, iù! ( Stanno per

uscire, ma si bloccano perché dal fondo a sinistra sta per entrare Attilio ).

( Preoccupata ) Matri!... U prufissuri c’è! Vattinni, ca m’affruntu!

( Imprecando ) “Ppi li minni di la crapa maltisa”! Turnau! ( Trascina Billonia verso il

tavolo e con lei si nasconde lì sotto ).


23

SCENA QUARTA

( Detti e Attilio )


ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO


( Entra dal fondo a sinistra, tenendo in una mano la bugia con la candela accesa e

nell’altra la giacca e i pantaloni di Serafino ) ‘A cucca è ‘nto megghiu sonnu. Mentri

iù non pozzu chiùdiri occhiù. Pari ‘n angileddu ca dormi, lu bestia! ( Si accorge che

la stanza è illuminata e si meraviglia ) Tutta sta luci???... Ma cchi fici agghiurnau?

( Guarda il lampadario ) Cu l’addumau u lampadariu? Antura, iù trasii o’ scuru…

Qualcunu appi a tràsiri e addumau ‘a luci. O forsi, l’addumai iù e non cci staiu

pinsannu?!... Certu ca ‘a testa non mi sta funziunannu chiù comu prima, dopo di dda

gran còllira, ca dd’armali fariseu, mi desi. Mah! Mi nni futtu iù, da luci e di cui

l’addumau. Anzi accussì si vidi megghiu! ( Lasciando accesa la candela, va a posare

la bugia da qualche parte ) Iù ‘aLitrahaiu a truvari!  ( Fruga in tutte le tasche del

vestito di Serafino ) ‘Nta quali sacchetta l’havi sarvata?... Curnutu!... Falsu!... ( Non

trovandola si dispera ) Unn’è?... Unni l’ammucciasti?... Latru!... Cosa fitusa!... ( Si

convince che non c’è in nessuna tasca del vestito ) Intantu ccà non c’è! ( Getta con

rabbia il vestito sul divano ed impreca ancora contro Serafino ) Giuda!... Fariseu!...

Falsu e bugiardu!... Unni la ‘mpurtusasti?... ( Pausa ) Ma iù la trovu! La tro-vu! ( Va

a prendere la bugia e si dirige verso il fondo. Prima di uscire SPEGNE LA LUCE.

Appena si fa buio, Pippinu e Billonia muovono il tavolo spostandolo verso il centro.

Attilio se ne accorge ) Mih!... Cchi mi sta succidennu?... Scanzatini! Le traveggole ci

haiu! ( RIACCENDE LA LUCE e si appoggia nella spalliera del divano. Intanto il

tavolo è stato riportato al suo posto ) Non mi sentu bonu!... ‘Ssà cchi cosa mi sta

succidennu… Antura videva n’ùmmira, dda fora… Ora mi parsi ca stu tavulu

caminava… ( Guarda il tavolo e manda un grido ) Nooo!!! Non può essiri?!... Cchi

staiu  vidennu?...  (  Da  sotto  il  tavolo,  cercando  di  uscire  carponi,  andando

all’indietro, si sporge Billonia ) ‘N culu???!!!... ( Si avvicina con la bugia in mano

per avere più luce ed indicando il didietro di Billonia ) Chistu è?!... ( Billonia esce

tutta da sotto il tavolo ) E’… u culu di Billonia!

( Ancora carponi, si gira verso Attilio ) Sabenedica!

Cchi fai ddocu a sutta?

( Alzandosi ) Truvai autri du’ soldi. ( Mostra le monete che, poco fa, le aveva dato

Pippinu ).

Autri dui? Cchi c’è ‘a Zeccà ddocu a sutta? ( Indica il tavolo ).

( Volendolo mandare via ) Pirchì non si vo’ curca, vossìa? Vah!... Vo’ jemuni a

curcari tutti dui!...

( Capendo male ) Tutti dui??? Assemi?!?

Iù sutta e vossìa supra!

( C. s, ) Iù… supra di tia?!

Ma cchi capìu?... Pirchì supra di mia?

Allura, supra di cui?

Supra di nuddu! ( Pausa ) Iù mi vo’ curcu ‘nta me stanza, ccà sutta e vossìa si vo’

curca ‘nta so’ stanza, dda supra! ( Indica ).

Sì!... Ma cu’ cui?

( Quasi gridando ) Cu’ nuddu! Sulu! ( Pausa )Avi tutta ‘a stanza a disposizioni, datu

ca l’amicu so’, si nni vosi jri a dormiri ‘nto stanzinu ccà sutta. Vah, mi si n’acchiàna

‘nta so’ stanza… e dormi.

Ca quali dormiri?! Non pozzu pigghiari sonnu! Poi tu… mi facisti acchianari i

calùra... Mi pari di essiri un “Mongibello”… Staiu avvampannu!

A cannila è! Mi sa leva davanti a facci!

Veru è! C’è macari st’autra vampa… ( scosta la fiamma della candela ).


24


BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA


Pirchì non s’adduma ‘a luci?

Iù, figghia, sugnu abituatu accussì!... “Unicuique suum”.

Cchi è ca dici?

Non cci sacciu dormiri o’ scuru! Haiu aviri ‘a cannila a purtata di manu. Chista ma

purtai da casa! “ De gustibus non est disputandum”.

Ma comu parra??? ( Pausa ) E va beni: si nni jssi a dormiri cu’ tutta ‘a cannila! Vah,

bonanotti!... Iù mi vo’ curcu macari!... ( Si avvia per il fondo, ma, prima di uscire,

guarda il tavolo ed esclama a voce alta ) Mi nni staiu jennu!...

Aspetta, bedda! Fammi prima ‘n favuri. Tu sula lu poi fari! Veni ccà, senti: trasi intra

‘a stanza unni c’è curcatu Serafinu, u me assistenti, e cci tiri ‘a borsa ca teni

ammucciata sutta u cuscinu.

Iù?

Sì, sì, tu! ( Le dà la bugia ) Teni ccà! Senza addumari ‘a luci. Vacci alleggiu alleggiu

e, senza farlu rusbigghiari, ci tiri pianu pianu ‘a borsa e mi la porti.

E si s’arrusbigghia?

Non cci fa nenti, pirchì appena ti vidi ‘n suttàna, sugnu sicuru ca sveni. Vah, vacci!

Portami ‘a borsa ca poi mi vaiu a curcari.

( Si convince ) Va beni!... Videmu si m’arrinesci… ( e va via per il fondo a sinistra,

portandosi la bugia ).


Da sotto il tavolo si sente il TRILLO del telofonino di Pippinu.


ATTILIO


( Credendolo provenire dalla stanza di Serafino ) Oh lu ‘nfamùni!... ppi nons’addurmisciri si puntàu macari ‘a sveglia… ( Si sente un altro TRILLO ) No… di dda veni!... ( Si porta al tavolo, alza la coperta e scopre Pippinu ).


SCENA QUINTA

( Attilio e Pippinu )


PIPPINU ATTILIO PIPPINU ATTILIO PIPPINU ATTILIO PIPPINU ATTILIO PIPPINU ATTILIO PIPPINU ATTILIO


( Da sotto il tavolo, parlando al telefono ) Ora ti sentu!... Parra!...

Bravu!... Macari tu cci si?! ( Indicandolo ) La Zeccà della Magna Grecia!

( Facendo segno di non disturbare, esce da sotto il tavolo ) Me frati Càrminu è! ( Poi,

spostandosi per la stanza, continua a parlare al telefono ) Pronto?... Sì, ti sento

bene!... Ah?... Comu?... ‘A crapa parturìu?!... Bene, bene! Quantu sunu i ciareddi?...

Comu?... Cinquanta?!... Bene!... Bene!... Bene!...

( Stupito ) Può essere? Cinquanta???

( C. s. ) Vo’ chiùdili assemi all’autri agneddi, intra ‘a mànnira… Tutti cinquanta. Poi,

a smammalli… cci pensu iù! Ciao! ( Chiùde la comunicazione ).

Comu, comu?... A crapa parturìu cinquanta ciareddi??? Comu po’ essiri?

Quali crapa?

Non hai parratu di crapa?

Ah?!... Sì!... Ma no ‘a crapa… crapa! No!... No!... Baccagghiu era!

Cchi voli diri

Cu’ vossìa mi pozzu spiegari: questa notte, me frati Càrminu attruvau, intra un’anfora

greca del V secolo avanti Cristo, cinquanta monete. Cioè: l’anfora – ca è ‘a crapa – ni

parturìu cinquanta. Insomma: dentro il vaso greco c’erano cinquanta monete. Ha

capito? ( Pausa ) Capàci ca m’hannu misu u telefonino sutta controllo e, ppi non nni

fari capìri, parramu a baccagghiu. Accussì, macari ca mi intercettunu, chi cosa mi

ponu fari?

Ta annacunu!


25

SCENA SESTA

( Detti e Billonia )


BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO BILLONIA PIPPINU BILLONIA PIPPINU BILLONIA PIPPINU ATTILIO PIPPINU ATTILIO PIPPINU ATTILIO


( Entra con furia dal fondo a sinistra. Ha in mano solo la borsa ) Matri!... Matri!...

Matri!

Cchi fu s’arrusbigghiau?

Cchi sacciu… sta durmennu… svinìu… Non lu sacciu!... Ccà c’è ‘a borsa ( gliela dà).

( Afferra la borsa, che è quella di Camillo, scambiata al I ° atto, e si porta subito

verso il divano frugando dentro spasmodicamente, senza sentire né badare alle

successive parole dette da Billonia a Pippinu ).

( Avviandosi in fretta verso la porta interna ) …Sacciu, inveci, ca sta trasennu u

patruni…

( Preoccupato ) U patruni ?!?!

Turnau!... Matri!... Matri!... Matri!... Dda povira signura… ( A Pippinu ) Ammucciti,

tu!... Vaiu ad avvirtìri ‘a signura…

Mi nni vaiu, inveci! ( Si avvia verso la vetrata ).

( Lo bloccà ) No! Non ti nni jri… Aspetta!... Appena u patruni trasi, nuautri  ni nni

jemu ‘nta me stanza. Intantu ammucciti dda sutta ( indica il tavolo ) ca iù staiu

turnannu! Non ti nni jri!... U senti? Aspettami... ca vogghiu fari paci ppi daveru! ( Gli

dà un bacio e scappa verso la porta interna ) Aspettami! ( Va via ).

Prufissuri… ( poiché Attilio non lo sente, insiste più forte ) Oh, pruffissuri!...

( Sentendolo ) Cchi c’è?

( Gli consegna il telefonino ) Prufissuri… si avissi a chiamari me frati Càrminu… mi

cci rispunni vossìa ( e si avvia per nascondersi, come prima, sotto il tavolo).

A baccagghiu?

Certu! ( E si infila sotto ).

( Conserva in tasca il telefonino e continua a frugare nella borsa tirando fuori il

contenuto ) Cchi sunu sti carti?... Un progetto?!?... Na squadra?!? ‘N metru?!?...

( Svuota la borsa di tutto e la capovolge ) Non c’è mancu ccà! ( Poi, dopo aver

rimesso tutto dentro, abbandona la borsa sul divano e prende un’estrema decisione )

Ora  u vo’ affucu e cci la fazzu nèsciri macari di l’occhi! ( Sta per avviarsi, ma si

sente il TRILLO del telefonino. Allora prende la comunicazione e parla mentre si

avvia ) Hallò?... Pronto?... Pronto!... Sì, sì!… Lo so! Càrminu si! Ti canusciu da

vuci…( Pausa ) Tu quali nummiru facisti?... Sì, sì… sì… Ripetulu! ( Dopo una breve

pausa ) Esatto! Chiddu giustu facisti. Ora dimmi n’autra cosa: unni t’attrovi,

beddu?... Comu?... Ah! Ho capito! Va bene! Ora ti mannu l’angili custodi… Sì! Cci

staiu cuminciannu a diri a Missa Cantata… Sì, sì! A l’angileddi… Cantata ci la

dicu… Can-ta-ta! Ah?... ( Brevissima pausa ) Mi capisciu iù!... ( Esce per il fondo a

sinistra con molta calma ).


SCENA SETTIMA

( Pippinu, Nello e Camillo, poi Billonia e Giselda )


NELLO PIPPINU NELLO


( Entra spaventatissimo dalla porta interna. Indossa il pigiama di Camillo, datogli

poco fa da Giselda. Con furia si precipita verso il fondo, ma ritorna subito per

nascondersi sotto il tavolo da dove, alzando la coperta, si affaccia Pippinu che gli

dice in faccia: “Occupato”!E ritorna dentro ) Oh, scusi!… ( Si allontana, poi riflette,

ritorna al tavolo e bussa ).

( Si riaffaccia ) Che c’è?

Cchi voli diri occupato? Stamatina stu tavulu cci l’aveva iù in locazione.


26


PIPPINU NELLO PIPPINU NELLO PIPPINU NELLO PIPPINU NELLO CAMILLO NELLO CAMILLO NELLO CAMILLO NELLO BILLONIA CAMILLO BILLONIA CAMILLO BILLONIA CAMILLO BILLONIA CAMILLO NELLO CAMILLO BILLONIA CAMILLO NELLO CAMILLO BILLONIA CAMILLO BILLONIA NELLO CAMILLO


Stamatina?! Ora semu di notti… L’affitto per la giornata è ormai finito.

Ma non cci putemu tràsiri tutti dui?

Non cci capèmu. A dui non li teni. Fìcimu ‘a prova cu Billonia.

Cchi è monoposto?

S’infilassi sutta u divanu.

( Si porta al divano, si abbassa e tenta d’infilarsi sotto, ma non vi riesce ) Non ci

trasu… U stai vidennu ca non cci trasu?...

Cchi mi cunta a mia?! S’arrangiassi!... Vah, iù mi ritiro! Arrivederci!... ( Abbassa la

coperta e si nasconde ).

( Alzandosi, scorge sul divano il vestito di Serafino, lasciato poco fa da Attilio;

allora, in fretta, lo indossa sopra il pigiama, anche se stretto e piccolo. Poi si sdraia

sul divano, mettendosi come guanciale la borsa lasciata da Attilio e fa finta di

dormire ).

( Entra dal fondo a destra, tenendo in mano la borsa di Serafino. Sta per dirigersi

verso la porta interna, quando scorge Nello ) Oh! Che ci fa lei coricato lì?

Sto dormendo. Non si vede?

Scusi… Dico: come mai sul divano? Vestito?!... Mia moglie non gli ha fatto

preparare la camera?

Veramente… io preferisco così… Non vorrei disturbare…

Ma che disturbare?... Lei in questa casa è un ospite gradito. Gra-di-to!

Se lo dice lei…

( Appare venendo in fretta dalla porta interna e alla vista di Camillo, che le volta le

spalle, si blocca. Poi cerca di andare via furtivamente avviandosi per il fondo in

punta di piedi ).

Ma certo! Nella mia casa gli ospiti sono i benvenuti. Lei, il professore, Cifalinò il suo

collega… Aspetti: ora chiamo Billonia e faccio preparare una camera… ( Si gira e

scorge Billonia ).

( Subito ) Mi chiamau?

Già ccà?!... Cchi mi leggi nel pensiero? Ancora iù non t’haiu chiamatu.

A mia mi parsi, inveci, comu si m’avissiru chiamatu… e vinni subito!

In suttana?!

Certu! ‘Ntisi sgrusciu e mi precipitài.

Ma quali sgrusciu?... Eru iù ca traseva. Basta! Megghiu accussì. Vo’ priparicci u

lettu, dda supra, al dottore.

Ma no! Iù mi nni staiu jennu… ( cerca di avviarsi per il fondo ).

( Bloccandolo ) Alt! Dove? Ma non scherziamo. ( A Billonia ) Ancora ccà si?

Datu ca si nni voli jri…

Ma dove? Unni va? Che cosa voli diri “se ne va”?

( Ritornando sui suoi passi ) No… Vuleva diri: mi nni staiu jennu… a curcarimi

supra u divanu. ( Si stende sul divano come prima ) Ecco! Cci staiu comu un Papa.

Assolutamente no! Non permetto! Lei in casa mia non può dormire su un divano.

Fussi megghiu ca si nni jssi, no?

Muta, tu! Fa come ti ho detto e spicciti. Vai!

Sissignura!... ( E va via per il fondo a destra ).

Non si preoccupi per me. La prego, mi lasci con le mie abitudini. Non voglio arrecare

disturbo.

Ma quale disturbo? E’ un piacere, invece, averla qui. Io ne sono lusingato, mi creda!

Anche mia moglie è contenta…


27


GISELDA CAMILLO GISELDA CAMILLO GISELDA CAMILLO GISELDA CAMILLO NELLO CAMILLO NELLO CAMILLO NELLO GISELDA CAMILLO NELLO CAMILLO GISELDA BILLONIA GISELDA BILLONIA GISELDA BILLONIA CAMILLO NELLO GISELDA


( Entra di corsa dalla porta interna. E’ in desabillè ed ha in mano il vestito di Nello.

Trovando il marito, nasconde subito il vestito dietro la schiena e poi, appena Camillo

si gira, lo lascia cadere a terra accanto al tavolo, da dove Pippinu, non visto, stende

una mano e lo tira nascondendolo sotto il tavolo. Nel frattempo lei, con disinvoltura,

va incontro a Camillo ) Caro!... Ma cosa è successo? Turnasti a quest’ora?!... Ti ‘ntisi

acchianari… Mi hai anche spaventata…

Ho scambiato la borsa! Ppi sbagghiu mi purtai chidda di Cifalinò. Chista! (La indica )

Cchi cosa ni faceva? Allura, appena mi n’accurgii, appi a turnari ppi forza comu ‘n

curnu… ( Si bloccà vedendo la sua borsa che fa da guanciale a Nello ) Oh! Ma

varda?!... Dda è la mia borsa! ( Cerca di prenderla ) Mi scusi… Permette?... Si

pigghiassi chista! ( Scambiano le borse ) Guarda… sunu identiche. Ecco perché l’ho

scambiata. ( Mentre apre per vedere se ci sono tutte le sue cose, si rivolge a Giselda )

Ma pirchì non ci priparasti una stanza al dottore?

Quali dutturi?

Al dottore ( indica Nello ). L’assistente del professore.

Ah! Sì… Cioè no!... Io glielo detto, ma vosi dòrmiri sul divano in pigiama… ( Lo

osserva meglio ) Anzi, no! Vistutu… ( Sgrana gli occhi alquanto stupita di vedere

Nello con addosso il vestito ) Vistutu???... ( Si gira per cercare il vestito che lei, poco

fa, ha lasciato cadere a terra e, non trovandolo, manda un grido ) Oddio!... ( Crede

che Nello lo abbia indossato ) Come hai fatto???

Cosa?... “Come hai fatto”, cui?

( Si corregge ) Dico: Come ha fatto… iddu ( indica Nello ) a mittirisi u vistitu… ( si

corregge ancora ). Vogghiu diri: Comu fici a mittirisi u vistitu supra u pigiama?

Semplice! Prima si spugghiau, si misi u pigiama e poi supra si rimisi n’autra vota u

vistitu. Difatti cci sta strittu.

Propriu accussì… per ripararmi meglio.

Certu! Non cci dasti mancu na cuperta…

Grazie! Quando sono solo, faccio sempre a meno delle coperte e dormu sempri

vistutu… Vistutu cu’ pigiama di sutta ( si scopre meglio e mostra il pigiama ).

Mah!... Cuntentu lei… ( Dopo aver guardato il pigiama lo indica a Giselda ) Oh!...

Guarda: c’havi u pigiama comu chiddu miu.

( Coprendosi subito ) Coincidenza…

Non è veru! Chiddu to’ è chiù scuru.

Ma appena appena… E’ quasi u stissu.

Quasi… Ma non è chiddu so’.

Ci mancherebbe…

( Tirando Camillo verso la porta interna ) Vah… camina ca trovi u lettu ancora

caudu… e iù ristài a mità… di sonnu. Vieni!

( Entra dal fondo a destra ) U lettu, dda supra, è prontu!

Quali lettu?

So maritu mi dissi di pripararicci u lettu o’ signor Nello.

( Tossisce per avvertire Billonia ).

( Capisce ) Vogghiu diri: o’ signor “quello” ( lo indica ) A iddu, vah! No sacciu comu

si chiama. Chistu ca è l’amicu du prufissuri… L’inesistente.

( Sorridendo ) Cchi è ca dici? ( A Nello ) La deve scusare… E’ ignorante. Lei, invece,

è presente, altro che inesistente. E’ qua! Presente in questa casa… Ed io me ne

compiaccio!

Se lo dice lei…

( Tagliando corto ) L’assistente, cretina! Il signore è l’assistente del professore!

L’as-si-sten-te!


28


BILLONIA GISELDA NELLO CAMILLO NELLO GISELDA CAMILLO BILLONIA NELLO BILLONIA NELLO BILLONIA NELLO PIPPINU NELLO PIPPINU BILLONIA PIPPINU NELLO PIPPINU NELLO PIPPINU NELLO PIPPINU NELLO PIPPINU NELLO


L’haiu capùtu! Iddu!... Ca vinni assemi o’ prufissuri… E ora ca c’è so maritu… si vo

curca dda supra.

Ma che dici? Pirchì ora ca c’è me maritu?

( Subito, per riparare ) Sì, sì! Perché io volevo sistemarmi sul divano, ma ora che è

venuto suo marito, ha insistito perché io dormissi nel letto.

Mi sembra giusto, no?

Se lo dice lei…

Giusto! E allora vada dottore… Buonanotte! ( A Camillo ) Veni macari tu, “Gioia”!

Staiu sintennu friddu e mi vogghiu quadiàri… Vieni!

Sì, sì! ( Rivolto a Nello ) Buonanotte! ( Poi a Giselda ) Andiamo… “Cioccolattino”

mio! ( Le dà il braccio ed entrambi vanno via per la porta interna ).

( Dopo che i due sono andati via, parlando piano solamente per le prime battute )

Signor Nello, iù ci cunsigghiu di irisinni a casa ppi stanotti. Mi pari ca iddu non ha

capùtu ancora nenti.

No. Peggiu è! Si scopri ca mi n’haiu jutu, capàci ca suspetta di qualchi cosa.

E allura mi si va curca dda supra ‘nta stanza du prufissuri. U lettu, ppi daveru, cci

priparai!

M’haiu a curcari ppi forza cu prufissuri?

Non ci n’è autri letti. C’è sulu chiddu di dda supra, pirchì l’autru prufissuri, chiddu

chiù giuvini, non si cci vosi curcari, dici ca si scantava ca u vecchiù l’avissi

ammazzatu ‘nto sonnu.

E mi c’haiu a curcari, iù?!?! Cu ddu pazzu?... No, no! Iù m’arrestu ccà!

( Si affaccia da sotto il tavolo e, facendo mimica appropriata con le mani, invita

Nello ad andare via ).

( Anch’egli, senza parlare, chiede cosa vuole e perché ).

( Ripete la mimica ).

( Interrompendo quel dialogo muto ) Vah! Allura iù mi nni vaiu!... Vossìa mi

s’addurmisci… Buonanotti! ( Fa segno a Pippinu di raggiungerla e va via per il

fondo a destra ).

( Esce da sotto il tavolo ) Vidissi ca Billonia, no pirchì è na cammarera, ma è una

persona sensibile… ed è pudìca.

Cchi è ca è?

Pudìca, timida… S’affrunta, vah! A mia pirchistu mi piaci. ( Rivolto verso il fondo )

Bedda!... “Cassatella” mia!... Staiu vinennu!... T’haiu a mangiari a muzzicuna…

Vardati   comu    si    stannu    allinghennu    ‘a    vuccà    tutti   dui?!    “Cassatella”…

“Cioccolattino”… Unni semu ‘nti “Caviezel”? ‘Nta pasticceria svizzera? Chiddu pari

ca su stava squagghiannu ca lingua u cioccolattino… “Veni cioccolattino mio”. Tu,

‘ssà chi sorti di fami aviri… ppi mangiaritilla a muzzicuna.

Pazienza! certi voti po’ capitari ca c’è cu’ mangia e cu’ resta a diunu.

Cchi fai sfutti?.

No… dicu: ci voli pazienza!... Oggi a mia, dumani a tia! Lei, ppi stanotti mi si

stinnicchia supra u divanu… e si fa na bella tirata di sonnu. Domani…

…E’ un altro giorno!

Si vedrà! ( Pausa ) Vah, buonanotte! ( Si avvia e sta per uscire dal fondo, ma si

sentono, provenire da lì, voci e grida di Attilio e Serafino. Allora si blocca e ritorna

sui suoi passi ) “Ppi li minni di la crapa maltisa”! Ancora genti sta vinennu! ( Va, di

nuovo, ad infilarsi subito sotto il tavolo ).

( Si stende sul divano e fa finta di dormire ).


29

SCENA OTTAVA

( Pippinu, Nello, Attilio e Serafino )


SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO NELLO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO PIPPINU SERAFINO ATTILIO NELLO ATTILIO PIPPINU


( Entra dal fondo a sinistra, seguito da Attilio. Indossa un paio di mutandoni sino al

ginocchio e sul davanti porta annodata una curiosa e strana fasciatura con una

vistosa sciarpa colorata. Gridando e piagnucolando ) Voglio la mia moneta!... La

moneta è mia!...

( Indicandolo ) Vardati comu è cumminatu?!... Pari Peppi Nappa!

( C. s. ) E’ mia!... E’ mia!... E’ mia!...

( Facendogli il verso ) E’ mia!... E’ mia!... Comu i picciriddi. Un Giufà precisu!

( Indicando la fasciatura che Serafino ha sul davanti ) Cchi è ca ci hai ammucciatu

ddocu?

( Si vergogna e si copre con le mani ).

Cretinu! U sacciu cchi hai… Anzi, forsi, cchi cosa non hai. Bestia! Vogghiu diri: cchi

è sta fascia ca hai davanti?

( Si vergogna ancora, poi ripete a bassa voce qualcosa d’incomprensibile ).

Cosa?

( Parla più forte e veloce, ma ancora incomprensibile ).

Ma comu parri? Pari ‘a pàpira ca nirvùsa. Parra giustu!

( Parlando chiaro ) Una cintura.

( Stupito ) Una cintura???

( Acconsente col capo ).

Capàci ca porti la cintura di castità?!

( Abbassa gli occhi ) Sì!... Da molto tempo… Da quando ho conosciuto lei… Giselda.

Aòra?!... Possibile?... E avutu misu davanti tuttu stu ammogghiu? Tuttu st’apparatu?!

Solo la notte…

Figghiu, si troppu curiusu!

Sono fatto così...

E si fattu a deficiente. ( Pausa ) Ppi stanotti, però, ti la putissi macari livari, pirchì

chidda, ‘a signura, dda banna… ( fa dei segni esagerati con le mani e, appena scorge

Nello sdraiato sul divano, si blocca ) Bih! Cchi cci fa lei ccà?

Vulissi dormiri.

‘U crideva curcatu dda banna ( indica la porta interna ).

( Scorgendo la sua borsa ) Ecco la mia borsa! ( L’afferra ) Questa è mia! E’ mia!

Guai a chi la toccà!

Ca era ‘a corona di ferro. Auh! Mi  sta parennu di essere ai tempi dei Crociati. ‘A

corona di ferro… ‘A cintura di castità… Ti la puoi tèniri, beddu! Nuddu ti l’ha

tuccatu sta borsa. U metru e a squatra sunu sani.

( Dopo averla aperta si tranquillizza nel trovare tutto al suo posto ) Ora datemi il mio

vestito. Dov’è il mio vestito? ( Quasi piangendo ) Voglio il mio vestito!... Voglio il

mio vestito!…

( Si affaccia da sotto il tavolo e porge il vestito di Nello ) Senza picciu, ppi favuri!...

Ccà c’è u vistitu!

( Lo afferra e lo indossa subito. Ma gli sta troppo largo ) Che cosa è successo?

( Guardandolo ) Ca… a Pinocchiù cci allungau u nasu, mentri a tia, ca si chiù

bugiardo e fariseo, t’accurzàru i jammi e i frazza.

( Si alza e rivolto a Serafino ) Scusi… non li putissimu scangiari… Cridu ca iù haiu i

so’ robbi e lei havi i mei. Taliassi! ( E si mette in posa, nell’altro lato di Attilio ).

( Guardando i due in quello strano abbigliamento ) Oh! Varda cchi sunu finicchi?!

( Si sente il TRILLO del telefonino che è in tasca ad Attilio ).

( Esce da sotto il tavolo ) A mia!... Me frati Càrminu sarà!


30


ATTILIO PIPPINU ATTILIO PIPPINU ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO NELLO ATTILIO SERAFINO NELLO ATTILIO


( Dà il telefonino a Pippinu ).

( Parlando al telefono ) Comu?... U prufissuri?... Sì, sì, ccà è! ( Stupito, porge il

telefono ad Attilio ) A vossìa volunu! E’ ‘a Soprintendenza ai monumenti.

( Prende il telefono e parla ) Pronto?... Sì, io sono! Il professore Speranza!... ( A

Pippinu ) E’ ppi daveru ‘a Soprintendenza!

( Imprecando a suo modo ) “Ppi li minni di la crapa maltisa”!

Silenzio!... ( Al telefono ) Pronto?... Sì, sì!... Ho capito!... Ah?... Bene!... Bene!...

L’avete trovata?!... Come? Anfora greca con figure in nero? Benissimo! Certo!...

Quinto secolo avanti Cristo… E le monete?... ( Con grande stupore ) Possibile???

Nooo?!… Aòra?!... Tutte cinquanta Litre?... Ma no! Cchi stati capennu? Quali litri e

menzuquartu? Cchi era vinu? Dico: Litra. La Litra d’argento. ( Pausa ) Sì?!... Perciò

intra l’anfora ci sunu cinquanta monete tutti i stissi?! Tutti Litra?! In ottimo stato?!...

Ma allura non valunu nenti!

Come, come?

( A Serafino ) Si sono trovate cinquanta monete tutteLitrad’argento di Siracusa, in

ottimo stato, nuove di conio. E’ la Sovrintendenza che parla… Ci la mannai, iù!

( Affranto ) Davvero??? E’ mai possibile?

Possibilissimo! I truvaru?! Da questa notte, caro mio, ‘a Litra d’argento di Siracusa

non è più una moneta rara.

Ma allora quella mia… che era la seconda… Unico esemplare in ottimo stato?...

Ta puoi frijri cu’ l’ova!

( Ancora più affranto, si allontana mogio mogio per il fondo a sinistra ).

( Mentre Serafino si allontana ) Eh, figghiu beddu: “non sempri ridi ‘a muggheri du

latru”.

Voli diri da Litra.

Du latru da Litra. ( Dopo una pausa ) Ah?... Ti finìu comu a Pacchiottu?!

( Va via ).

Un momento… Senta… U me vistitu…( Si avvia anche lui per il fondo a sinistra, ma

prima di uscire, si rivolge ad Attilio ) Prufissuri, u stutassi stu telefonino, ca assai cci

costa ( e va via ).

A mia? Di iddu è u telefonino ( indica Pippinu ).


SCENA NONA

( Attilio e Pippinu )


PIPPINU ATTILIO PIPPINU ATTILIO PIPPINU ATTILIO PIPPINU ATTILIO PIPPINU


Ma non chiamau ‘a Soprintendenza?!

Sì. ‘U sovrintendente.

Allura è iddu ca paga.

Iddu?...  No. Nuautri, figghiu! Pagamu sempri nuautri! Evviva l’Italia! Cappiddazzu

paga tutto!

Ma allura era veru ca m’avevunu misu u telefonino sutta cuntrollu?! ( Arrabbiandosi

man mano ) Sbirri, curnutazzi e disonesti!... Dov’è la libertà?... Bella democrazia ca

c’è in Italia! Unni ju a finiri la privacy? La riservatezza individuale dell’individuo?

La…

( Interrompendolo ) Senti, beddu: calmati e non t’incazzari. ( A sé ) Varda che bella,

oh! Sparti pigghia supra, lu bestia. ( A Pippinu ) Vidi ca nuddu t’ha misu u telefunu

sutta cuntrollu.

Ma allura com’è ca sapeunu u me nummiru?

Cci lu dissi iù!

Vossìa?... E vossìa com’è ca u sapeva?


31

ATTILIO

Mi lu fici diri di to’ frati Càrminu ca è chiù bestia e chiù delinquenti di tia.

PIPPINU

Pirchì delinquenti? Cchi cosa facemu di mali? A cui rubbamu? A nuddu!... Forsi

defraudiamu gli antichi Romani? Oppure i Greci? O puramente i  Cartaginesi? I

popoli ca ci hanno suttamisu succannuni u sangu nei secoli passati? Sunu cosi oramai

dimenticati… morti e sepolti… Abbannunati… Senza patruni. Iù li vaiu attruvannu…

ATTILIO

… E ti vinni. Ca certu! Comudu è! ( Cattedratico ) Sono cose dello Stato. Memorie

che appartengono alla Storia e a tutta l’Umanità. ( Pausa ) Dissotterrare le vestigia e

appropriarsene è un reato grave! Bisogna consegnarle!

PIPPINU

A cui?

ATTILIO

A Sovrintendenza. Pirchì futtennasilli vuol dire disperdere la… cosa… La… memoria

storica. E’ comu se la documentazione millennaria, la genesi la jemu sbrinnuziannu

pedi pedi… Gettarla al vento, occultarla agli occhi degli studiosi… Insomma non è

legale né tantomeno ammesso fare il tombarolo comu fai tu e to’ frati.

PIPPINU

A proposito di me frati, prufissuri, cchi si nni sapi?

ATTILIO

Aspetta! ( Riprende a parlare al telefono ) Pronto?... Pronto?... Siete ancora in linea?

Bene!... Comu?… Vi scurdastivu d’astutallu? A postu! Cchi cosa diceva iù: viva

l’Italia!... ( Breve pausa ) No, nenti… Non l’aveva cu’ lei!… Senta, scusi… A

Càrminu u pigghiastivu?... Comu? Non c’era nessuno?!... Solo l’anfora?!... Bravi li

bestia!

PIPPINU

( Implorante ) Prufissuri… non mi cusumassi… ppi favureddu!....

ATTILIO

( Dopo una breve riflessione ) Hallò?… Hallò?... Pronto?… Mi sentite?... No, nenti!

A baccagghiu parrava. Comu?... Cu è Càrminu? ( Brevissima pausa ) Càrminu è il

metal-detector, lo strumento. ( Ancora una pausa ) Iù u chiamu accussì: “Càrminu”.

Vi vuleva diri: vu pigghiastiru a “Càrminu”? Cioè vi lu stati pigghiannu il metal-

detector, prima ca vi nni jti? ( Pausa ) Ah, bene! Pigghiativillu e non vi lu scurdati…

Non facemu ca, pirchì sunu cosi dello Stato, ni nni futtèmu. ( Pausa ) Poi ci

vediamo… Passo… No, no! Non passu ora, ma tra qualche giorno.Vuleva diri,

invece: passo e chiudo!... Arrivederci, vah! Vi sa-lu-to! ( Chiude la comunicazione e

consegna il telefonino a Pippinu ).

PIPPINU

Grazi, prufissuri!... Ci prumettu ca a Càrminu non lo uso chiù.

ATTILIO

Cchi stai parrannu a baccagghiu?

PIPPINU

No! Dicu: a Càrminu, me frati u nicu, non lo coinvolgerò più!

ATTILIO

No, no, beddu! Non ci semu! Non sulu a Càrminu, ma mancu tu ti devi più

coinvolgere ‘nta sti cosi. Oramai, ppu passatu, chiddu ca è fattu è fattu! Facemu finta

ca c’è stato un indulto, una sanatoria… In Italia, una chiù o una menu…

Ma per

l’avvenire,  basta!  Dico:  bas-ta!  Pirchì,  altrimente,  m’attaccu  n’autra

vota  o’

telefunu… e, sta vota, parru senza baccagghiu.

PIPPINU

Va bene, prufissuri: basta!

ATTILIO

Oh!... Accussì mi piaci! Bravu!

PIPPINU

Macari a mia. Vogghiu campàri tranquillo e non essere fuori legge. Haiu i me

crapuzzi…  e ci badu.

ATTILIO

Bravissimo! Perfetto! Così devi fare. E se per caso avissi a truvari qualche moneta

antica…

PIPPINU

Ci la consegno a Soprintendenza, cci lu promettu!

ATTILIO

Giura!

PIPPINU

Si cci dicu ca cci lu promettu…

ATTILIO

No, no! Devi giurari!

PIPPINU

E va bene: ( Mettendosi una mano su petto ) “Ppi li minni di la crapa maltisa”!

ATTILIO

Quali minni? Quali crapa? Cchi giuramentu è chistu??? Dici almenu: “Beddamatri”.

PIPPINU

Cchi c’entra me matruzza? Semmai putissi diri: “Bedda-Billonia”.

ATTILIO

Va bene!... Giura supra Billonia.


32


PIPPINU ATTILIO PIPPINU


Sissignura! Ci lu giuru: “Supra di Billonia!”… Sta notti stissa!

Comu???

Cci lu giuru! Iù… stanotti sugnu supra di… ( Si blocca vedendo apparire Billonia )

Oh! Idda ccà è!


SCENA DECIMA

( Detti e Billonia, poi Nello e Serafino )


BILLONIA PIPPINU BILLONIA ATTILIO BILLONIA ATTILIO PIPPINU NELLO PIPPINU NELLO BILLONIA PIPPINU SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO NELLO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO SERAFINO ATTILIO


( Entra dal fondo a destra. Indossa una vestaglia che la fa apparire molto seducente )

Pippinu… comu finìu? Mi lassasti aspittannu?!

Stava vinennu. E’ ca u prufissuri mi desi a parrari…

Ancora susùtu è vossìa?!

Stiamu discutennu di cosi serii. Questo giovanotto mi ha fatto una promessa. E, si è

omu, la deve rispettare! ( A Pippinu ) Ricordati ca si dici: “Promissio boni viri est

obligatio”. La promessa è un obbligo!

Cci stunàu, stanotti, cu stu parrari ‘nglisi… Vah, cci vogghiu fari riàlu, basta ca non

parra chiù! ( Dalla tasca della vestaglia prende la moneta quadrata e la porge ad

Attilio ) Vossìa teni! Stu soldu anticu cci lu rialu! E’ quatratu… e mi varda quant’è

pisanti.

( Dopo aver afferrato la moneta, si dà da fare per prendere dalle tasche la lente

d’ingrandimento che non trova ).

Ammuccàmu! Un “Pane di bronzo” senza conio del VI secolo.

( Entra dal fondo a sinistra e, mentre sta finendo di indossare il suo vestito,

starnutisce ) Accì!...

( A Nello ) Certu: a.C.! Avanti Cristo. Ante Cristum natum.

No! Stranutài! Cridu ca mi potti arrifriddari… cu ddu vistitittu…

( Tirando Pippinu verso il fondo ) Camina, tu!... Vo’ cerca l’autru soldu… chiddu

tunnu e nicu nicu… ( Tenendolo stretto al petto ) Tombarolo mio!

D’ora in poi non lu fazzu chù! L’haiu giuratu! Ma da stu mumentu sugnu sulu di tia!

( Si baciano. Poi abbracciati vanno via per il fondo a destra ).

( Entra dal fondo a sinistra. Indossa il suo vestito e porta al collo, pendente sul

davanti, la sciarpa colorata che teneva prima sulle mutande come ”cintura di

castità”. In mano ha, oltre la borsa, una piccola valigetta ”ventiquattrore” ) .

( Finalmente trova la lente d’ingrandimento e sta osservando bene la moneta )

Mizzica!!! Chista è un Aes signatum romano con l’effige dell’elefante, comu u

Liotru di Catania. ( Quasi gridando ) Mi mancava!

( Mette a terra la valigetta e si avvicina stendendo la mano per prendere la moneta )

Vediamo…

( Gli dà subito un colpo ) Cala i manu! Chista è mia! M’arrialàu Billonia. ( Si gira

verso il fondo da dove Billonia è uscita ) Grazi, bedda!... ( A sé ) Bedda? Bidduna!...

Anzi: Billonia! ( Le manda un bacio ) Te!... Na cassata siciliana si!

( Con rimpianto ) Na cassata di ccà… ‘N cicculattinu di dda… E nuautri?... Cchi

facemu?

( Dopo aver conservato la moneta ) Iù dicissi di fari accussì: lei si può cuminciari a

ricogghiri i pupi, iù mi vo’ curcu e…

( Che ha ripreso in mano la valigetta ) … Io vado via!

( Stupito dall’atteggiamento di Serafino ) Comu?

( Avviandosi ) La saluto professore, vado!

( Con tono paterno ) Serafineddu figghiu, di notti semu!... Unni vai cu’ scuru? Vo’

curchiti macari tu e ripigghi sonnu.

( Si ferma ) No! Non voglio più sognare. Ho deciso… vado! Mi voglio scaricare.

Cu’ scuru?... Cchi t’ha scaricari?... Vo’ cùrchiti ca è megghiu!


33

NELLO              ‘U lassassi jri. ( A Serafino ) Cchi c’havi a machina?

ATTILIO          Unni? Unni va di notti?... Capàci ca si perdi…

SERAFINO    Vado in discoteca.

ATTILIO          ( Stupito alquanto ) Unni???

SERAFINO    In discoteca a ballare. Ci vado spesso…

ATTILIO          Aòra?!

SERAFINO    Per scaricarmi…

ATTILIO          E non m’hai dittu nenti?!

SERAFINO     ( Si avvia ) Addio, professore!

ATTILIO          Aspetta!…

NELLO              ‘U lassassi scaricari!... ( A Serafino ) Scusi, mu può dari ‘n passaggiu?

SERAFINO     ( Si ferma, poi si decide ) Su, andiamo!

NELLO              Grazie!

SERAFINO e NELLO ( Ad una sola voce, mentre si avviano insieme ) A scaricarci! ( Vanno via dal fondo a destra ).

ATTILIO          ( Rimasto solo ) A mia stati scaricannu! ( Con calma si avvia per uscire anche lui dal

fondo ) Ca pacienza! Gioventù di oggi: discoteca e sbaddu!... Sbaddu e discoteca!...

( SPEGNE LA LUCE. Appena si fa buio si sente provenire da fuori verso la terrazza, un forte e prolungato fischio ) Cchi è stu friscuni? ( Ritorna indietro e si porta alla vetrata, da dove entra un fascio di luce che lo rischiara. Si sente un altro fischio più vicino ) Friscata di crapàru è! ( Guarda verso la terrazza, attraverso i vetri ) Oh!...

Varda, varda!... Vìsiti avemu! ... Ci vuoi scummettiri ca chistu è Càrminu? ( Apre con cautela la vetrata ) Facemulu accomodare! ( Poi, in punta di piedi, si porta al tavolo e si nasconde lì dietro ).

SCENA UNDICESIMA

( Attilio, Càrminu e Pippinu )


CÀRMINU PIPPINU CÀRMINU PIPPINU CÀRMINU PIPPINU CÀRMINU PIPPINU CÀRMINU PIPPINU CÀRMINU PIPPINU CÀRMINU PIPPINU ATTILIO


( Appare  dalla vetrata, guarda in giro ed entra, poi si accascia stanco sul divano,

rimanendo in attesa. Porta un casco da motocliclista che gli pende dal braccio ).

( Entra dal fondo a destra e ACCENDE LA LUCE ) Càrminu, cchi fu? Cchi successi?

Non mi putevi telefonari?

Maimarì! Cu’ telefonino non mi fidu chiù! Non lo uso! Megghiu u friscuni, comu na

vota, ca è chiù sicuru.

Va bene! Ma pirchì si ccà? Cchi cosa successi?

‘A crapa maltisa ci havi u partu difficili.

Di prisenza semu. Perciò parra senza baccagghiu.

Giustu staiu parrannu. Ppi daveru e senza baccagghiu. ‘A crapa, armaluzza, havi forti

duluri e si ritorci. Iù vinni a circari u vitirinariu Spina, ma non c’era. Dici ca fa u

Sinnicu a Belpassu e si trova dda. Allura visti ccà sutta, ‘nta strata, ca c’era ‘a to’

machina… Friscai e abbrancicai.

Facisti bene!

( Si alza ) Camina… vo’ damucci aiutu, armaluzza!

Comu vinisti?

Ca Yamaha 600 motocross.

Allura, passa avanti c’appressu di tia sugnu!

( Indossa il casco e in fretta va via dalla vetrata da dove è entrato ).

( Rimasto solo, va a SPEGNERE LA LUCE e si avvia per uscire, anche lui, dalla

vetrata, ma si bloccà perché Billonia ACCENDE LA LUCE, dopo che è entrata dal

fondo a destra).

( Per non essere visto s’infila sotto il tavolo).


34

BILLONIA

( Si fa avanti ) Sula mi lassasti?

PIPPINU

Billonia, pazienza! Haiu a scappari di cursa…

BILLONIA

Pirchì?

PIPPINU

‘A crapa… ‘A crapa maltisa havi i duluri…

BILLONIA

E mi lassi ppi na crapa?

PIPPINU

Iù ci campu cu’ i crapi! ( Avviandosi ) Ti salutu! ( E va via ).

SCENA DODICESIMA

( Attilio e Billonia )

BILLONIA

( Rimasta sola va a chiudere, con un moto di stizza, la vetrata; poi, delusa, si avvia

verso il fondo, ma, prima di uscire, si gira verso la vetrata in direzione da dove è

andato via Pippinu e con rabbia gli grida ) Crapàru! ( Sta per spegnere la luce,

quando  si  accorge  che  il  tavolo  si  muove  e  traballa  )  Matri!...  Tirrimotu!...

Tirrimotu!...

ATTILIO

( Esce da sotto il tavolo, tenendo in mano la lente d’ingrandimento e, rimanendo

ancora piegato, alza la testa ) Non ti scantari bedda… ca iù sugnu!

BILLONIA

Vossìa???

ATTILIO

Iù! Iù!

BILLONIA

Pirchì s’infilàu sutta u tavulu?

ATTILIO

Vogghiu vìdiri si c’è qualchi autru surdittu… ( e fa finta di cercare ).

BILLONIA

( Dopo una lunga pausa ) Non cci nn’è ddocu a sutta…

ATTILIO

Allivoti…

BILLONIA

‘U soldu cci l’haiu iù!... Ammucciatu intra u lettu… un soldu nicu nicu…

ATTILIO

Aòra?! ( Si alza e conserva in tasca la lente d’ingrandimento ).

BILLONIA

( Seducente ) Pirchì non veni vossìa e… lu cerca?

ATTILIO

‘Nto lettu???

BILLONIA

( C. s. ) Mi veni e… scammìna!

ATTILIO

( La guarda estasiato ) Iù???

BILLONIA

Sì… Mi veni!... Mi ve-ni!... ( Si allontana ed esce per il fondo a destra. Poi si

riaffaccia subito, sporgendosi un poco e, mentre allunga una mano per spegnere la

luce, poggia la coscia, maliziosamente scoperta, sulla parete di fondo e gli sussurra )

Pruffissuri, mi veni… Ca… ci lu dugnu! ( SPEGNE LA LUCE e scompare ).

ATTILIO

( Illuminato solamente dalla luce molto chiara che entra dalla vetrata rimane

disorientato ed indeciso ) Mih!!!... Varda cchi mi sta succidennu stanotti?!... ( Si

guarda attorno, poi si decide ) “Ppi li minni di la crapa maltisa”! Macari ca mi veni

l’infarto… cci lu scammìnu! ( Prende dalla tasca la lente d’ingrandimento e, in

fretta, va via da dove è uscita Billonia ).

S I P A R I O

F i n e

www.pippospampinato.it

PIPPO SPAMPINATO

Via XVII Traversa, 46  - 95032 - BELPASSO - (CT)

Tel. 095/ 91 20 24 – Cell. 347 -14 93 411.


E-MAIL: Pippo.Spampinato@ tele2.it

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 1 volte nell' arco di un'anno