La notte delle befane

Stampa questo copione

LA NOTTE DELLE BEFANE

Atto unico

Personaggi:

IL PRESENTATORE

1° BEFANA

2° BEFANA

UNA BEFANA PATTUGLIA

UN BAMBINO/A

IL PUBBLICO

P R O L O G O

A sipario ancora abbassato il presentatore esce e con un sorriso sornione si rivolge al pubblico:

PRESENTATORE-  Ciao bambini come state?

PUBBLICO-  Bene

PRESENTATORE-  Ma siete tutti qui per la befana?

PUBBLICO- Siii

PRESENTATORE-  Ma voi… credete ancora alla befana?

PUBBLICO- Siii (qualcuno inevitabilmente dice di no)

PRESENTATORE-  Suvvia ragazzi, non esiste la befana, è una leggenda, non ve l’ha mai detto nessuno?

PUBBLICO- Noo la Befana esiste

PRESENTATORE- Ma guarda, siamo nel 2018 e ancora c’è qualcuno che crede nella Befana

PUBBLICO-  Siii esiste..viene tutti gli anni e ci porta i regali e i dolci…

PRESENTATORE-  Ah Ah (in senso derisorio) magari dentro a una calza che avete preparato vicino al camino?

PUBBLICO-  Siii..

PRESENTATORE- Uh uh che ridere… AH AH…scusate ma non riesco a trattenermi…UH..UH..

Il pubblico continua a rumoreggiare

Il presentatore cerca di contenersi poi, anche se un po’a fatica si impone una faccia di circostanza

PRESENTATORE- Allora bambini, volete che facciamo una cosa insieme?

PUBBLICO- Cosa?

PRESENTATORE- Perché non proviamo a verificare se esiste davvero la befana…una volta per tutte!

PUBBLICO- Siiii

PRESENTATORE- Bene, vi invito tutti stanotte, qui, in questo teatro, così potremo vedere se la befana esiste e se porta, come dicono, regali e dolci a tutti i bambini, vedremo allora se ho ragione io …oh oh oh…o se avete ragione voi…ah ah..uh…uh..uh…

PUBBLICO- Sii

PRESENTATORE- Bene, dovete rimanete svegli, mi raccomando, non addormentatevi, vi voglio tutti  presenti, perchè stanotte ah ah ah ah… stanotte…ah ah ah ahh…oh mio dio non ce la faccio più…ciaooo a stanotte …

Il presentatore scompare dietro il sipario.

Si spengono le luci e dopo qualche secondo si rialza il sipario

Buio.

Si ode il fruscio di un vento leggero..

Un lampione si accende ed illumina un orologio che segna la mezzanotte.

Si odono 12(o24) rintocchi

Un telo nero lucido fa da sfondo al palco

Compare il presentatore col cappotto e il berretto in testa

PRESENTATORE-  Ciao bambini …ssstt…non fate rumore…la gente sta dormendo… ci siete tutti?

PUBBLICO-  Siii…

PRESENTATORE-  Eh..eh ..lo sapevo…siete dei curiosoni, ma fate bene..…adesso  vorrei uno di voi qui sul palco, vediamo..vediamo

Il presentatore dà uno sguardo alle prime file della platea poi con un dito indica un bambino(o bambina)

PRESENTATORE- Ecco vuoi venire tu? Vieni, sali..

Un ragazzino/a (attore) si alza dal suo posto tra il pubblico e sale sul palco

PRESENTATORE-  Ciao, come ti chiami?

BAMBINO- Giancarlo

PRESENTATORE- Ma,  Giancarlo.. tu ci credi nella befana?

BAMBINO- Certo che ci credo

PRESENTATORE- Un altro che ci crede! Ma.. ma.. dico io…guarda il cielo, guardate anche voi bambini…vedete befane volare , io non ne vedo…io sento solo freddo…brr…e tu non hai freddo?

BAMBINO- No no

PRESENTATORE- Ma.. voi bambini non sentite freddo?

PUBBLICO- Nooo

PRESENTATORE-  Ma qui fa troppo freddo e quasi quasi me ne torno a casa…tanto qui, di befane… hai voglia..

All’improvviso un fruscio sibila lungo il telo nero che fa da sfondo, si  nota una scia in rilievo che lo attraversa tutto

Woooooossshhhhhh..

Poi un'altra scia che gli corre in senso contrario..

Shhhhhhwooooooooooooww

PRESENTATORE- Ma.. che succede?….hai sentito Giancarlo, cosa è stato?

BAMBINO-  Non lo so…forse…una befana

PRESENTATORE- Ma cosa dici …è solo un colpo di vento..

Il pubblico rumoreggia

PRESENTATORE- Ehh daii….ma voi vi fate suggestionare per così poco… un alito di vento per voi è una befana…ah..ah..ahah.. ma siete  così ingenui…

Le scie sul telo diventano più nitide e numerose: due in particolare, una, partendo da destra verso sinistra e l’altra in senso contrario, e che pericolosamente tendono a  convergersi fino a…

SBAAAANGGG….PATATACRAC…..TRAC…TA…TA…TA…FIUUUUUUUU……(si odono dei sibili come di oggetti che stanno per cadere)

Le due scie precipitano a terra seguite da due tonfi secchi: tumpf…tumpf…

Il sipario nero che fa da sfondo si apre e scorgiamo effettivamente due figure a terra

Un altro sibilo e due gerle si rovesciano sul palco sparpagliando dappertutto dolci caramelle mele noci merendine ecc..e per ultime cadono, rimbalzando rovinosamente a terra, due scope

PRESENTATORE- Ma che sta succedendo? Questi fagotti.. e le scope, pure le gerle ..oh oh..guarda amico mio(rivolto al ragazzo) guarda quanto ben di dio c’è qui per terra, c’è perfino il carbone ma allora…

Nel frattempo i due fagotti iniziano a muoversi, si odono dei lamenti.

Una befana prova a mettersi seduta e pure l’altra cerca di tirarsi sù in qualche modo

1°BEFANA- Ahiiii…che maaleeeee…le mie povere gambeee…

2°BEFANA- Uhhh…che boottaaaa…il mio povero sedereeee

Il presentatore si gira verso le befane e poi verso il pubblico incredulo

PRESENTATORE-  Ma allora non sto sognando ,voi siete…..voi siete…

1°BEFANA- Oh perbacco…(rivolta alla collega) ma questo qui dove l’hanno trovato…non si vede che siamo  befane?

PRESENTATORE- …Giancarlo dammi un schiaffo… sto sognando..neanche una… due befane  addirittura

Giancarlo gli da’ uno schiaffo

PRESENTATORE-  Ehiii…dicevo per dire..

1°BEFANA- Giovanotto per favore…dammi una mano…ho perso anche gli occhiali…ahhh dove sono miei  occhiali….occhialiiiii venite fuoriiii

2°BEFANA- Ohh…io sono tutta a pezzettini….c’ho il coccige in frantumi..aaaiutatemi..

I due accorrono ad aiutare le befane

Il presentatore ritrova gli occhialoni persi dalla 1°befana e glieli mette sul naso

PRESENTATORE- Ohh..mammamia..ma siete proprio brutte eh..

1°BEFANA-  Sentilo, parla il bronzo di Riace, sarai bello tu..

Il tentativo di farle rialzare è problematico, la botta è stata tremenda, e l’età delle befane non aiuta.

PRESENTATORE-  Che fatica…su…su…ma come avete fatto a cadere per la miseria..uff…dovreste essere in cielo e volare a portare i dolci e i regali a tutti i bambini

1°BEFANA-  Ohh certo…ma prova a chiederlo a questa megera che mi è venuta addosso

2°BEFANA- Megera sarai tu, brutta strega, io venivo da destra e tu mi dovevi dare la precedenza.

1°BEFANA- Sentila questa befana da strapazzo, voleva la precedenza lei, ma chi ti ha dato la patente, io, per tua informazione stavo volando vicino al traliccio dell’alta tensione, c’è pure il cartello, se mi fermavo rimanevo fulminata.

La befana alza le braccia in un eloquente segno di fulminazione

2°BEFANA - Ma, se dovevi svoltare perché non hai messo la freccia eh?

1°BEFANA- Perché tu sei apparsa all’improvviso senza suonare il clacson …

2°BEFANA- Ma quando mai abbiamo avuto un clacson..

1°BEFANA- Io ho la tromba per tua informazione

2°BEFANA- Oh bella ..lei ha la tromba…e dove starebbe questa tromba?

1°BEFANA-Vieni quà carina che te la faccio vedere…

La seconda befana incuriosita si trascina verso la collega

1°BEFANA- Avvicinati ancora un pochino cosi....brava

La 1°befana estrae da una tasca un imbuto e lo avvicina all’orecchio della collega….poi all’improvviso..

1°BEFANA- POOOOOOOOOOOOOOOO- gli urla dentro l’orecchio

La seconda befana sobbalza spaventata

2° BEFANA- Brutta imbrogliona, mi hai assordata con la tua voce da anatra spennata

1°BEFANA- Assordata? Ma non eri già sorda ?

2°BEFANA- Oh oh oh!!..pensa alla tua vista, vecchia talpa, con quei fondi di bottiglia che ti porti sul naso

1°BEFANA- Io ci vedo benissimo per tua informazione..

2°BEFANA- Davvero?...Sai cos’è questa?-

Esclama la 2°befana mostrandogli il manico della scopa

La 1°befana si sistema meglio gli occhialoni

1°BEFANA-  Aspetta, fammi vedere meglio..è così buio quì, avvicinati un pochino che non la vedo..

La 2° befana guardando il pubblico glielo dà in testa

1°BEFANA.-Ahiiiiiiiiiiii…

2°BEFANA-Non ci vede eh.. ma ci sente…eccome!

PRESENTATORE-  Ma signore befane, un po’ di decoro, mettersi a litigare in mezzo alla strada, cosa penseranno i bambini che sono qui davanti e vi stanno guardando

1°BEFANA-Ma no, ma davvero? E dove sono?

Esclama la 1° befana alzando gli occhialoni e guardandosi in giro

2°BEFANA- Cosa ha detto? Ci sono i pannolini che ci stanno guardando…o bella e cosa ci fanno i pannolini qui?

1°BEFANA-  I bambini, sorda, sta parlando di bambini, ma io non li vedo, dove stanno?

2°BEFANA- Oh..eccoli  i pannol… ehm…i bambini volevo dire…oh ma quanti siete..

La 2°befana si posiziona davanti al pubblico e saluta i bambini mentre la 1° continua a vagare per il palco

1°BEFANA- Li voglio vedere anch’io i bambini

La 2°befana afferra per un braccio la collega e la trascina davanti al pubblico

2°BEFANA- Eccoti i bambini, sono qua davanti a te, li vedi adesso ?

1°BEFANA- Si si..ora vi vedo, ma dove vi eravate nascosti, vi piace giocare a nascondino eh?birichini!!

2°BEFANA- Lo sapete bambini, stavamo venendo proprio da voi…purtroppo c’è stato un incidente.

Nel frattempo la 1° befana ricomincia a vagare per il palco poi all’improvviso caccia un urlo

1°BEFANA- Ahhhhh…

TUTTI E TRE- Cosa succede?

1°BEFANA- La mia scopa….guardaaa, è rottaaaa…non posso piu volare e adesso come faccio?-

Esclama raccogliendo i resti della sua scopa

2°BEFANA-Ben ti stà così impari a volare, guidatrice da strapazzo..

1°BEFANA- Ahhh povera me..e pensare che una volta volavo sui tetti sopra una slitta trainata dalle renne..  

TUTTI E TRE- Sopra una slitta, trainata dalle renne?

1°BEFANA- Si si…  e ora invece mi tocca cavalcare questa scopaccia… che si è pure rottaaa- (piagnucolando)

2°BEFANA- Scusa…e quando è successo che volavi sopra una slitta?

1 BEFANA- Ohh.. quando avevo il fidanzato…

2°BEFANA- Avevi un fidanzato?

1°BEFANA- Certo cara mia e insieme portavamo i regali a tutti: grandi e piccini

PRESENTATORE- E poi cosa è successo?

1°BEFANA-Abbiamo litigato..(piagnucolando)

2°BEFANA- Litigato?

1°BEFANA- Siii,  ci siamo separati…ahhhh….come sono triste, eravamo così innamoratiiiii-

Altro pianto della befana

2°BEFANA-E perché avete litigato dolcezza?

1°BEFANA- Perché non mi lasciava guidare la slitta…gneeeee….

2 BEFANA-Beh! Visto come guidi la scopa direi che non aveva tutti i torti…

1°BEFANA- Pensa per te che non ti ha mai filato nessuno…

PRESENTATORE- E come mai non gliela lasciava guidare la slitta, signora befana?

1°BEFANA- Il mio fidanzato diceva che le renne sono animali difficili, bizzosi, bisogna saperli governare, ci vuole sensibilità, abilità e pazienzaaaa..-

Esclama continuando a piagnucolare

2 BEFANA- Aveva ragione il tuo ex, tu con l’abilità e poi con quella vista da aquila …proprio non ci siamo

1°BEFANA-Ma cosa ne sai tu dell’abilità, in fin dei conti cosa ci vuole a guidare una renna..?

2°BEFANA- Eh dimmelo tu… cosa ci vuole?..

1°BEFANA-Appunto, cos’è una renna in fin dei conti?

2°BEFANA- Oh bella! Una renna è una renna

1 BEFANA- Macchè! Una renna non è altro che un cavallo con le corna..

2°BEFANA- Ma guarda un po’ cosa mi tocca sentire..e adesso cosa fa il tuo ex …fidanzato?

1°BEFANA- Sigh…si è messo in proprio, pensa, ora se ne va tutto solo a distribuire i regali.

2°BEFANA- Ahh il furbacchione, così ci fa la concorrenza pure

1°BEFANA- Pensa…tutti gli anni, parte tredici notti prima di noi..

2°BEFANA- Tredici notti? Aspetta fammi contare…..vuoi dire.. il 25 dicembre?-

 Esclama dopo aver contato con le dita

1°BEFANA- Boh non lo so…io so solo che si veste di rosso, si tinge i capelli di bianco, si mette una barba finta e svolazza con la slitta trainata dai suoi… cavalli cornuti... senza di meeee-

Conclude piangendo sguaiatamente

2°BEFANA- Certo che quando piangi  fai scappare tutti, mammamia quanto sei brutta

1°BEFANA- Perché te, scusa, pensi di essere una bellezza, ma ti sei mai guardata allo specchio?

2°BEFANA- Certo, tutte le mattine mi guardo allo specchio, e lo interrogo pure

1°BEFANA- Oh oh..cosa mi tocca sentire…e cosa gli chiedi?

2°BEFANA-Ohh gli faccio: “ Specchio specchio delle mie brame chi è la piu bella befana del reame?”

1°BEFANA- E lui cosa ti risponde?

2°BEFANA- “Oh befana per essere bella tu sei bella!!”

1°BEFANA- E poi..?

2°BEFANA- Non ti basta scusa?

1°BEFANA- No, ti dice qualcos’altro di sicuro… dilla tutta su…

2°BEFANA- (con una smorfia) “Oh befana per essere bella tu sei bella….ma ancor di piu lo è tua sorella”

1°BEFANA- Direi che ci ha azzeccato in pieno il tuo specchio

2°BEFANA- E’ un gran maleducato, non si risponde così a una rispettabile befana

1°BEFANA-Cara mia non c’è piu religione non sono piu gli specchi di una volta

Nel frattempo la 2° befana si guarda in giro

2°BEFANA- Ahhhhh!!-

1°BEFANA-Cos’ hai adesso..

 2° BEFANA- Anche la mia scopa si è rottaaaa, e adesso come faccio..?

1°BEFANA-Oh bella, anche lei è rimasta a piedi

Esclama rivolta al pubblico

2°BEFANA-Io proprio no mia cara..

1°BEFANA- Ah no ? Hai messo le ali forse?

2° BEFANA-Eh..eh..eh…c’ho la scopa di scorta io..

1°BEFANA- Gneeeeee….non è possibile..mostramela

2°BEFANA-Eccola qua..

Detto fatto, estrae dalla gerla una scopa pieghevole

2°BEFANA-Guarda che bella, pensa: si apre in tre mosse..

In un attimo la befana allunga un pezzo poi l’altro e infine l’ultimo pezzo ed è pronta

1°BEFANA-Ma ..ma.. non ti stacchi neanche da terra con quella scopetta

2°BEFANA-Oh tutta invidia, io adesso me ne volo via e tu vecchia capra te ne stai qui a brucare l’erba nel prato

1°BEFANA-Ma davvero??…..Mostramela un po’ meglio questa fantastica scopa ..forza su…

La 2° befana incautamente allunga la sua scopa per fargliela vedere..ma con mossa fulminea nonostante la vista precaria, la 1°befana gliela sfila di mano e in men che non si dica…

2°BEFANA- Ridammi la mia scopa vecchiaccia della malora

1°BEFANA-La rivuoi? Guarda cosa ne faccio della tua scopetta, in tre mosse te la rompo..

Detto fatto alza una gamba e con tre colpi secchi gli spezza la scopa

1°BEFANA-Eccoti la tua scopetta befanuccia…

2°BEFANA- Ahhh…ma io ti denuncio al tribunale delle befane…

1°BEFANA- E io dirò che tu mi hai fatto cadere vecchia strega..e dovrai pagare i danni..

2°BEFANA-E io dirò che è stata tutta colpa tua, io non pago un bel niente guidatrice da strapazzo

A questo punto interviene il presentatore

PRESENTATORE-Per favore, per favore, calmatevi, dobbiamo trovare un rimedio per riportarvi su in cielo, ma con le scope rotte come facciamo? Mio dio sarà un disastro, i bambini vi stanno aspettando, non crederanno più alla befana.

Giancarlo, che fino a quel momento se n’era rimasto zitto, allunga una mano e lo tira per la giacca

Il presentatore, si gira e lo guarda

PRESENTATORE-Dimmi Giancarlo…cosa c’è?

BAMBINO-Ma tu non credi alla befana!

PUBBLICO-Siiiii  è vero…ha ragione…

PRESENTATORE-Come sarebbe a dire? Va bene ero un po’ scettico, d’altronde ogni cosa dev’essere provata, verificata, bisogna usare il metodo scientifico, ma ora so che esiste e dobbiamo fare qualcosa.

BEFANE INSIEME- Semplice, chiamiamo il pronto intervento!

PRESENTATORE-Il pronto intervento? Ma esiste un pronto intervento anche per le befane?

1°BEFANA- Ma certamente,  ce l’hai il telefonino?

PRESENTATORE- Si ce l’ho qui –

Il presentatore estrae il telefonino da una tasca

2°BEFANA- Bravo…ora  devi chiamare il 6..

PRESENTATORE- il 6? Devo chiamare il 6?

1°BEFANA- E’ il numero del pronto intervento.. sbrigati!!

Il presentatore guarda il telefonino poi alza le braccia al cielo e urla a squarciagola

PRESENTATORE- Seeeiiiiiiiiiiiiiiiiiii…dove seiiiiii ?

2°BEFANA- Oh Oh che buffo,  l’ha proprio chiamato..

1°BEFANA- Ma cosa hai capito, devi pigiare il 6 sulla tastiera del telefonino, oh! E poi dicono che siamo noi le rimbambite..

2°BEFANA-Forza giovanotto sennò qui facciamo mattina

 

Il presentatore prontamente pigia il 6 sulla tastiera e attende

Si ode il bip di attesa, dopo qualche secondo una voce nasale risponde alla chiamata

CENTRALINO- Pronto intervento befana in cosa posso esserti utile?

PRESENTATORE-Ehm, buongiorno..

CENTRALINO- Sì, buonanotte, mi dica in fretta giovanotto, c’ho mica tempo da perdere..

PRESENTATORE-Ecco per farla breve, io passeggiavo così per caso, con il mio amico e con tutti gli amici quì in teatro, quando all’improvviso sono cadute dal cielo 2 befane…

CENTRALINO- Cosaaaa? Com’ è possibile? Befane cadute dal cielo? Oh mio dio che disgrazia, ma mi dica giovanotto, come stanno ora le poverette?

PRESENTATORE- Beh!..Poteva andare peggio, sono un po’ ammaccate, capirà precipitare da quell’altezza son mica bruscolini, comunque le abbiamo tirate su… però c’è un grosso problema, hanno bisogno di due scope nuove, le altre sono letteralmente distrutte e ne hanno bisogno il prima possibile!

CENTRALINO- Non si preoccupi, ora si faccia dare il numero di targa delle vecchie scope

PRESENTATORE-Le vecchie scope… la targa? Oh questa non la sapevo

CENTRALINO- Si sbrighi che qui  il tempo vola

PRESENTANTORE-Scusate(rivolto alle befane), il pronto intervento vorrebbe il numero di targa delle vostre scope

Le befane raccolgono da terra i resti delle loro scope e sotto il lampione iniziano a dettare

1°BEFANA-658876hh7iii- Esclama alzando gli occhiali per vedere meglio

2°BEFANA-658876hh7iiii-

PRESENTATORE-Ma sono uguali le vostre targhe

2°BEFANA- Un attimo, precisiamo, la mia ha un “i” in più giovanotto

1°BEFANA- Come mai la tua ha un “i” in più scusa?-

2°BEFANA- Perché io sono più brava di te e alle più brave danno una “i” in più

1°BEFANA- Sei certa che non la diano alle più “i”mbecilli-

 Risponde calcando bene sulla “i”

2°BEFANA- No mia cara, la danno alle più “i”ntelligenti..

1°BEFANA- Alle piu “i”mbranate…credimi

PRESENTATORE- Basta basta, più che befane mi sembrate due comari, sempre a litigare…

Poi, rimettendosi al telefonino detta i numeri delle targhe(un po’ imbrogliandosi perché non ricorda bene)

Alla fine dopo averle dettate correttamente…

CENTRALINO- Va bene, c’è dell’altro?

PRESENTATORE- Devo dirle la verità?

CENTRALINO- Ma certamente giovanotto

PRESENTATORE- Ebbene: non ne posso più, queste due litigano sempre, hanno i vestiti a brandelli e puzzano pure…

CENTRALINO- Beh…un po’straccione lo sono sempre state, e se puzzano è perchè scendendo dai camini ci si sporca amico mio, se voi li teneste puliti probabilmente puzzerebbero di meno, non ti sembra? Comunque provvedo immediatamente a mandare una pattuglia

PRESENTATORE- Una….una pattuglia? Ma scusi, e come arriva la pattuglia?…..Pronto… pronto…

In sala si ode distintamente il clic di fine chiamata

PRESENTATORE- Una pattuglia…(rivolto al pubblico) non s’è mai vista in giro una pattuglia di befane-

Nel frattempo le due befane si rimettono a raccogliere i dolci sparsi per terra

Anche qui lo scontro non manca, dato che la 2°bef. si è subito assicurata la gerla meno scassata

1°BEFANA- Ehi metti giù quella gerla, non è tua..

2°BEFANA- Certo che è mia, riconosco la mia gerla io

1°BEFANA- Come fai a dirlo, sono uguali

2°BEFANA- Mica vero, la mia è meno scassata della tua…

1°BEFANA- Ma se la tua è precipitata come la mia, come fai ad esserne sicura?

2°BEFANA- Perché la mia è caduta sull’erba la tua invece si è fracassata sul marciapiede

1°BEFANA- Ma sentila…semmai è la mia che è caduta sull’erba non la tua

2°BEFANA- No è la mia  è la miaa..

Le 2 befane si contendono la gerla rischiando di sfasciarla del tutto

1°BEFANA- Me la vuoi lasciare una buona volta? Non capisci che è mia..

2°BEFANA-Beh…se proprio la vuoi..

1°BEFANA- Si che la voglio….

La 2°befana lascia la gerla, poi, raccattata da terra la ramazza della scopa,  se la nasconde dietro la schiena

2°BEFANA- Sei proprio certa di volerla?

1°BEFANA- Ma sei sorda?, sicuro che la voglio!

2°BEFANA- E allora prendila..-

 La 2° befana inalbera la ramazza calandola sulla testa dell’altra befana

La 1°befana incassa il colpo ma non ci sta e raccolta l’altra ramazza le risponde per le rime.

In breve si accende una lotta furibonda a colpi di ramazza

Le due si rincorrono inciampando sulle gerle, tra dolcetti caramelle torroncini arance banane, tutto sparpagliato a terra.

Poi all’improvviso, rendendosi conto della figuraccia che stanno facendo, iniziano a raccogliere freneticamente i dolci  ma anche qui non v’è pace.

1°BEFANA- Il torroncino è mio e lascia stare la merendina quella stava nella mia gerla

2°BEFANA- Ma cosa dici vecchia talpona, l’ho vista saltar fuori dalla mia gerla ne sono certa come… come se fosse successo 1 minuto fa.

1°BEFANA- Ma fammi ridere, tu non ti ricordi nemmeno come ti chiami..

2°BEFANA- Si che lo so..io sono la Befana… la vera Befana tu invece…

1°BEFANA- Ahh dimmi…e io cosa sarei secondo te?

2°BEFANA- Tu sei una befana/talpa che fa cadere le altre befane…

1°BEFANA- Ahhh vecchia sorda prova a ripeterlo che ti ridò la ramazza in testa

Proprio in quel momento si ode l’ululato di una sirena in lontananza e poco dopo da dietro il sipario nero fa la sua comparsa la befana/pattuglia a cavallo di una scopa gialla fiammante, contornata da lucine rosse e blu che luccicano intermittenti.

La befana/pattuglia con gesto marziale scende dalla scopa, la deposita sul muro e si avvicina a passo lento e cadenzato verso il centro del palco.

La befana pattuglia indossa un casco bianco e porta una giacca giallo canarino mentre dalla cintola in giù veste la classica sottanona da befana

BEF/PATT-Mi hanno detto che avete avuto dei problemi-

Esclama togliendosi i guantoni da vigile

1°BEFANA- Io me ne stavo volando tranquillamente sui tetti quando…

BEF/PATT- Un momento…..andiamo per ordine: patente e libretto di circolazione prima di tutto.

Le due befane si guardano allibite

BEF/PATT- Beh…devo aspettare molto?

BEFANE INSIEME- No no…pronti eccoli…-

 Le due befane estraggono dalle loro tasche capienti della sottana, i documenti e li porgono alla bef/patt.

La bef/pat li controlla, poi li restituisce alle legittime proprietarie, quindi si rivolge al presentatore

BEF/PATT- Vuol favorire anche lei per favore?

PRESENTATORE- No…guardi qui c’è un equivoco io…

BEF/PATT- Poche storie e favorisca i documenti

PRESENTATORE- Ma io non guido, non ho la patente, non ho neppure la macchina..

BEF/PATT- Ne è proprio certo? – Esclama squadrandolo dall’alto in basso..

PRESENTATORE- Ma si figuri…le sembro uno che..

BEF/PAT- E tu come ti chiami?- Ora rivolgendosi al bambino

BAMBINO- Giancarlo-

PRESENTATORE- Lui è con me…e ci sono anche tanti altri bambini in teatro, qui davanti, li vede?

La bef/patt si volge verso il pubblico

BEF/PATT- Ehh….ma quanti siete…ma cosa ci fate qui?

PRESENTATORE- E’ una storia un po’ lunga da spiegare, se vuole…

BEF/PATT- Ci sono anche i genitori?

PRESENTATORE- Cosa? Ma si..penso di si……

BEF/PATT- E sono venuti con la macchina?

PRESENTATORE- Ma cosa vuole che ne sappia…credo di si…molti vengono da lontano

La bef/patt si mette le mani ai fianchi e con aria soddisfatta esclama:

BEF/PATT- Allora favorite tutti patente e libretto di circolazione prego…

PRESENTATORE- Ma cosa sta dicendo..patente e libretto..ma qui siamo in teatro

BEF/PATT- E non si possono fare multe in teatro?

PRESENTATORE- Ma neanche per sogno..

BEF/PATT- Neanche un punto dalla patente posso togliere …?

PRESENTATORE- Ma se lo scordi…

BEF/PATT- Peccato mi sarebbe servito per l’album

PRESENTATORE- L’album…ma di cosa sta parlando?

BEF/PATT- Per ogni punto in centrale mi danno un bollino

PRESENTATORE- E cosa se ne fa del bollino scusi..

BEF/PATT- Riempio l’album no…me ne mancano solo 3 per completarlo

Poi rivolta al pubblico..

BEF/PATT- Non sareste così gentili da farvi togliere 3 punticini dalla patente per favore?

PRESENTATORE- No no…non si tolgono punti qui (strepitando)

BEF/PATT- (sempre volta al pubblico) 3 generosi volontari…

PRESENTATORE- No no e poi no…ma scusi e dopo aver completato l’album ?

BEF/PATT- Vincerei un bel regalo naturalmente

PRESENTATORE- Dev’essere un gran bel regalo almeno

BEF/PATT- Siii…è il sogno della mia vita…mi mancano solo 3 bollini…per favore

PRESENTATORE- E  di cosa si tratterebbe…se mi è permesso di sapere?

BEF/PATT- Una meravigliosa tovaglia da 6…un sogno..vedessi che bella…stampata a fiori..

PRESENTATORE- Ohh mi dio…e lei martirizza centinaia di patentati per una misera tovaglia da 6

BEF/PAT- E in più ci sono anche 6 tovaglioli....

PRESENTATORE- Ma mi faccia il piacere..

BEF/PATT- Ma allora che cosa sono venuta a fare qui..se non posso fare multe e togliere punti..

PRESENTATORE- Lei è stata chiamata per le befane!

BEF/PATT- Ahh le befane…

PRESENTATORE- Ma si, è la notte del 6 gennaio, non ricorda?

BEF/PATT- Ahh…già già la notte..del 6…-

Poi improvvisamente.. volgendosi verso le befane..

BEF/PATT- Ohhhhh….ma voi… dovreste essere in cielo a portare i regali ai bambini cosa ci fate qui?

Le due befane si ritraggono impaurite

1°BEFANA- C’e stato un incidente…

2°BEFANA- Ci siamo scontrate…qui sopra, al traliccio dell’alta tensione e siamo cadute…

BEF/PATT- Un momento…un momento…spiegatemi bene come è successo ma soprattutto di chi è la colpa?

Le 2 befane immediatamente puntano il dito una contro l’altra..

1° e 2° BEFANA CONTEMPORANEAMENTE - Sua!!

1°BEFANA- Come stavo cercando di spiegare prima, io me ne stavo volando sopra i tetti tranquillamente quando questa specie…

2°BEFANA- Ah io sarei una specie…tu invece cosa sei una sottospecie forse..

1°BEFANA- Io non sono una sottospecie, io sono piu befana di te..

2°BEFANA- Ah io sarei meno befana di te e allora prendi questa e questa…-

La seconda befana ricomincia con la ramazza

Ovviamente l’altra risponde per le rime e in breve riprendono a darsele di santa ragione

BEF/PATT- Basta smettetela una buona volta..

Ma è come parlare al muro le due continuano a litigare, allora la bef/patt prende la sua scopa gialla fiammante e si avvicina alle due minacciando di usarla

BEF/PATT- Se non la smettete dovrò dividervi con la forza

Ma a quanto pare non serve a niente e così anche lei si trova costretta ad usare la sua scopa .

Si accende una furiosa baraonda con le tre befane che menano fendenti di qua e di la

PRESENTATORE- Ma signore befane per carità, comportatevi civilmente vi prego..i bambini…i bambini vi stanno guardando..

Non avendo risposta il presentatore coraggiosamente si butta nella mischia per cercare di dividerle ma inevitabilmente viene risucchiato nella calca.

All’improvviso si ode un pianto, prima sommesso poi via via sempre più forte fino a diventare un pianto quasi disperato.

PRESENTATORE-Ferme, ascoltate, qualcuno sta piangendo

In effetti Giancarlo con le lacrime agli occhi non sa darsi pace per quello che sta vedendo

Il presentatore si avvicina al bambino, mentre le 3 befane smettono, finalmente, di litigare

PRESENTATORE- Cosa c’è piccolo perché piangi?- Esclama avvicinandosi al ragazzo

BAMBINO- Questa notte la befana non verrà da me…

BEF/PATT- Ma certo che verrà..- Esclama avvicinandosi al bimbo

BAMBINO- Io ho messo la mia calza sotto il camino..-afferma sconsolato

1°BEFANA- E hai fatto bene..

2°BEFANA- Appunto... lo fanno tutti i bambini..

BAMBINO-La befana che io sogno è buona e premurosa però..

1°BEFANA- Ma io…sono buona…

2°BEFANA- E io no?...sono pure premurosa

1°BEFANA- No, scusa, se permetti sono piu premurosa io di te…

BAMBINO- E invece no, siete qui che vi azzuffate come la gente per strada che litiga per un non nulla

1°BEFANA- Noi litighiamo?- chiede rivolgendosi alla collega

2 °BEFANA- Ma quando mai…

1°BEFANA- Il nostro è un franco scambio di opinioni non ti sembra?

2°BEFANA- Ma sicuramente…un sano confronto

BAMBINO- Ho aspettato un anno intero questa notte..- afferma singhiozzando

BEF/PATT-Anche noi ci prepariamo un anno intero per questa magica notte ..

BAMBINO- Se penso alla gioia che provavo al mattino quando correvo in cucina per vedere se la befana era arrivata

BEF/PATT- E arriverà anche questa notte vedrai..

BAMBINO- No, questa notte la befana non verrà perché è caduta e la mia calza rimarrà vuota

BEFANE INSIEME- OHh no…non deve rimanere vuota..

BAMBINO- E io non dovrei piangere secondo voi, non vi sembra tutto così triste?

BEF/PATT- Giancarlo ha ragione, non possiamo permettere che la sua calza e quella di tutti i bambini rimanga vuota. Befane(rivolgendosi alle due in tono perentorio) rimettete i dolci nelle gerle e comportatevi da vere befane, abbiamo una missione da compiere: dobbiamo realizzare i sogni di Giancarlo e di tutti i bambini.

BEFANE INSIEME- Si, dobbiamo realizzare i sogni di tutti i bambini- esclamano sull’attenti

BEF/PATT- E allora datevi da fare, abbiamo pochissimo tempo, riempite le gerle e volate volate volate..

Le due befane con rapidità riempiono le loro gerle poi all’improvviso si fermano, colte da un unico pensiero

BEFANE INSIEME- Ma le nostre scope sono sfasciate, come faremo a volare?-esclamano mostrando i poveri resti.

BEF/PATT- Non preoccupatevi a questo c’è rimedio.

La bef/patt apre la borsa che porta sempre con se a tracolla ed estrae due bastoni telescopici, con un colpo secco li allunga, dopodiche sempre dalla borsa prende due ramazze tascabili, le apre a ventaglio e le innesta sui bastoni

BEF/PATT- Ecco qui, due scope nuove, forza, mettete le gerle sulle spalle e partite subito, i bambini non possono aspettare..anzi no…prima di partire, prima di compiere questa gravosa missione dobbiamo cantare il nostro inno….

PRESENTATORE- Pure un inno avete, incredibile!

Le tre befane allineate, con in mezzo la bef/patt., con le scope sul petto come un’arma da parata, alzano il viso verso un’immaginaria bandiera e si preparano a cantare.

Inizia la bef/patt con l’assolo:

BEF/PATT- “Penso che un sogno così 
non ritorni mai più, 
mi dipingevo le mani 
e la faccia di blu, 
poi d'improvviso venivo 
dal vento rapita, 
e incominciavo a volare 
nel cielo infinita. 

Tutte insieme a braccetto dondolando:

VOLAAAAREEEE OH OH

SENZA CADERE OHOHOH

Poi saltellando a mo’ di can can

NEL BLU DIPINTO DI BLU

FELICE DI STARE LASSU’

Quindi danzando e prendendosi l’un l’altra a braccetto

E VOLAVO VOLAVO

FELICE PIU IN ALTO PER STARE

SEMPRE PIU SU’

Ritornate allineate riprendono

VOLAAAREEEEE…

Il presentatore nel frattempo guarda l’orologio e improvvisamente:

PRESENTATORE- Perbacco basta cantare, è tardissimo dovete partire subito, non c’è un attimo da perdere

Le due befane  si mettono subito all’opera, infilano le gerle sulle spalle, afferrano le scope, le cavalcano, le impugnano bene, piegano le gambe come due uccelli in fase di decollo, ma dopo alcuni faticosi piegamenti…. non si staccano da terra.

BEF/PATT- Beh…e adesso perché non volate?..su su metteteci un po’ di energia..forza!

Ma anche impegnandosi a fondo, non c’è nulla da fare, le befane non riescono a spiccare il volo

BEFANE INSIEME- Non ce la facciamo, sono troppo piccole queste scope

BEF/PATT- Ohh quante storie, se non riuscite a partire così, dovrete prendere la rincorsa

1°BEFANA- La rincorsa….come gli aerei?

2°BEFANA- Come le anatre?

BEF/PATT- Esatto, mettetevi qui una dietro l’altra e cominciate a correre…forza comincia tu…(rivolta alla 1°befana)

1°BEFANA- Ma io sono vecchia, non ce la faccio a correre mi fanno male le gambe e poi sono appena precipitata caspiterina..

BEF/PATT- Poche storie… e muovi quelle chiappe

PRESENTATORE- Scusi signora befana(rivolto alla bef/patt) forse lei(rivolto alla 1°befana) avrebbe bisogno di un incoraggiamento… bambini(rivolgendosi al pubblico) facciamo un applauso a questa vecchina che nonostante gli acciacchi cercherà di prendere il volo per andare a riempire le calze…su, tutti insieme incoraggiamola.. vo-la…vo-la..vo-la .

PUBBLICO: vo-la…vo-la…vo-la

La 1° befana incoraggiata ringrazia  e sistemati gli occhialoni bene sul naso si prepara a partire

Ed ecco che inizia la sua rincorsa. L’andatura è decisamente traballante e la gerla le balla sulle spalle, tutti i dolcetti rimbalzano, così, ciabattando come una papera, dovrebbe percorrere tutto il palco da destra verso sinistra(o viceversa) e uscire dall’altra parte, ma forse a causa della vista precaria comincia ad andare di traverso, il presentatore vista la pericolosa deviazione, le corre dietro per riportarla nella giusta direzione, e dopo varie giravolte riesce finalmente ad indirizzarla all’uscita del palco

La befana esce di scena mentre gli altri rimangono ad osservarla trepidanti e allungano il collo per capire come va a finire dopo quella precaria rincorsa.

PRESENTATORE- Oh mio dio c’è un muro lì, più avanti, come farà a superarlo?

BEF/PATT- Tranquillo è una befana esperta vedrai che ce la farà.

Alla fine si ode un urlo straziante

Tutti si mettono le mani sui capelli aspettandosi il peggio

PRESENTATORE- Ce l’ha fatta…?

BEF/PATT- Credo di si…-

Afferma guardando in alto, poi, mettendo le mani a mo’ di megafono urla verso il cielo-

BEF/PATT- Come va lassù?

Dall’alto, una voce le risponde

1°BEFANA- Sapete cosa vi dico? Questa è l’ultimo viaggio, voglio andare in pensioneeee…

PRESENTATORE- Poverina non avrebbe tutti i torti, in fin dei conti è molto anziana..

BEF/PATT- Macchè anziana, ne ha ancora di strada…ehm, di aria da fare

Poi rivolta all’altra befana

BEF/PATT- E ora tocca a te, mi raccomando, una bella rincorsa, hai capito?

La 2°befana è pronta sul palco con la scopetta tra le gambe ma a differenza della prima, invece di impugnarla, alza le braccia

BEF/PATT- Ma cosa stai facendo?

2°BEFANA- Io posso volare senza mani sono piu brava di lei …io…

PRESENTATORE- Ma sta scherzando, signora befana, guardi che rischia di cadere un’altra volta e poi…poi questa è una scopa piu piccola…e più difficile da manovrare..

2° BEFANA- Pff..(fa spallucce) questa scopa a me mi fa un baffo…posso farcela tranquillamente, l’ho fatto un sacco di volte

BEF/PATT- E allora parti, se ti senti così sicura, vai senza mani, ma mi raccomando niente scherzi.

Con la scopa tra le gambe e con la braccia alzate la 2° befana inizia la rincorsa, il compito però si rivela subito difficile, anche lei comincia a gironzolare per il palco, come se non riuscisse a darsi una direzione ben precisa, gira attorno al presentatore poi alla bef/pattuglia, evita per un soffio di infilzare il bambino..

BEF/PATT- Insomma non vedi che non sei capace, prendi in mano quella scopa una volta per tutte..

2°BEFANA- No, devo farcela, mi devo solo abituare..

BEF/PATT- Oh benedetta befana, non è il momento di giocare, ti ordino di impugnare quella scopa

Dopo vari giri attorno al palco la befana, sempre con le mani alzate, alla fine riesce a prendere l’uscita. .

Sul palco, tutti osservano trepidanti il seguito di quella rincorsa

PRESENTATORE- Oh mio dio, il muro.. ce la farà???..

Proprio in quel momento si ode un urlo disperato seguito da un botto tremendo come di un qualcosa che rimbalza rovinosamente.

BEF/PATT- Lo sapevo che sarebbe andata finire così, questa…monella.

Da dove era uscita, rientra in scena la 2° befana con un vistoso cerotto sulla fronte, la scopa piegata ad angolo retto e zoppicando si dirige verso il centro del palco

2°BEFANA- Ohi…ohi….che botta…

PRESENTATORE- Poverina è conciata proprio male…ma cosa è successo?

BEF/PAT- Glielo dico io cosa è successo, questa pensa di essere una ragazzina, ma qui sono in gioco le calze dei bambini, non si possono fare ragazzate, deve ripartire al piu presto, altrimenti sarà un disastro.

2°BEFANA- Si…ma la scopa è distrutta come faccio a riprendere il volo?(piagnucolando)

BEF/PATT- Ohh…tocca sempre a me rimediare…ecco…

Così dicendo riapre la sua borsa a tracolla e fa riemergere un terzo bastone con relativa ramazza tascabile da innestare.

La 2°befana la guarda con stupore

2°BEFANA- Ma quante scope hai dentro quella borsa?

BEF/PATT- Mia cara bisogna essere previdenti, ieri mattina sono andata al supermercato e ho approfittato dello sconto: prendi 3 paghi 2 e le ho subito comprate, sono stata brava no?

2°BEFANA- Bravissima…-risponde la befana guardando tristemente la sua nuova scopa

BEF/PATT- Ma non c’è un minuto da perdere devi riprendere subito il volo, e questa volta con le mani bene attaccate alla scopa, non ammetto errori siamo già molto….troppo in ritardo…

La befana si accavalla alla scopa, la afferra, poi ci ripensa e si mette a braccia conserte.

BEF/PATT- OHh ma sei impossibile e ora cosa c’è!

2°BEFANA- Voglio anch’io l’applauso di incoraggiamento

BEF/PATT- Ohh non ci posso credere anche l’applauso adesso…

PRESENTATORE- Bambini forza facciamo un applauso alla befana che pur acciaccata dopo questo increscioso incidente trova la forza di riprendere il volo…dai…un bel applauso

PUBBLICO: Vo-la….vo-la

La befana visibilmente commossa e soddisfatta ìncita il pubblico ad incoraggiarla, poi impugnata la scopa inizia a scalpitare.

PRESENTATORE- Scusi signora befana, ma cosa sta facendo?

2°BEFANA- Sto scaldando i motori

Dopodichè inizia una rincorsa un po’zoppicante, ma si ferma quasi subito, ritorna indietro, tanto piu indietro fino a scomparire dal palco.

BEF/PATT- Ma dove vai befana, torna dentro e riprendi il tuo posto fifona.

La befana ricompare ciabattando incespicando barcollando di qua e di là, alla fine con infinita sofferenza riesce a uscire dall’altra parte

Si ode un urlo straziante poi…  nulla

Tutti rimangono col fiato sospeso.

PRESENTATORE- E ora…cosa succede…dov’è andata adesso?

Ad un tratto dal cielo si ode una voce

2°BEFANA- Volaaaaareeeee…oh ….oh…

PRESENTATORE- Evviva, bambini, ce l’ha fatta….ce l’hanno fatta…come sono felice…tutte e due le befane sono in volo per portarci i dolci e i regali ...ciao befane buon viaggio- Esclama rivolto al cielo

BEF/PATT- Bene il mio compito è terminato ora posso tornare in centrale

Rivolta poi a Giancarlo esclama

BEF/PATT-Sei contento? Adesso le befane sono ripartite..…

BAMBINO- Si…ma..

BEF/PATT- Come “ma”..mi sembra che tutti i problemi siano stati risolti non credi?

BAMBINO- Ma, io dovrei tornare a casa e adesso è tardi, non so se farò in tempo,  domattina devo alzarmi presto per vedere se la befana è arrivata..

BEF7PATT- Mmhhh...è vero, hai ragione è molto tardi- mormora pensosa-

Poi aggiunge

BEF/PATT- Non ti preoccupare, ci penso io

La bef/patt afferra la sua scopa e la porge al bambino

BEF/PATT- Dài sali che ti porto a casa… in un lampo

BAMBINO- Siiii- urla felice Giancarlo alzando le braccia

Il bambino prende posto sulla scopa e dietro prende posto anche il presentatore

BEF/PATT- Beh! E tu…cosa ci fai là dietro….

PRESENTATORE- Anch’io devo tornare a casa, anzi ora che ci penso non ho messo neppure la calza, devo sbrigarmi, sennò la befana come fa a riempirla

GIANCARLO- Ma scusa tu hai sempre detto che la befana non esiste

BEF/PATT- Oh cosa mi tocca sentire, sicchè la befana non esiste vero?(tono perentorio) Scendi subito da quella scopa!

Il presentatore scende controvoglia e subito dopo prende posto la befana pattuglia

BEF/PATT- Sei pronto Giancarlo?

GIANCARLO- Sii(trepidante)

I due rivolti al presentatore alzano una mano e lo salutano

BEF/PATT+GIANCARLO- Addiooooo..

Sul palco viene tirato mezzo sipario nero che copre i due partenti e, preceduti da una scia visibile sul telo, volano in cielo

Il presentatore, rimasto solo sul palco è molto rammaricato per come si sono messe le cose poi colto da un improvviso pensiero  con  le mani a megafono urla all’indirizzo dei due che l’hanno appena abbandonato

PRESENTATORE- Scusate ma…e io? MI lasciate qui, anch’io dovrei andare a casa-

Dal cielo arriva la risposta

BEF/PATT- Tu te ne vai a piedi amico mio non c’è per posto per un altro su questa scopa

GIANCARLO- Ma tanto lui non crede alla befana…

PRESENTATORE- Oh no no! Ora ci credo alla befana eccome…

BEF/PATT+GIANCARLO- Troppo tardiiiiiiii…addioooo

Il presentatore strepita  e pesta i piedi, poi si rivolge al pubblico

PRESENTATORE-  Eccomi qui, solo, al freddo in questa notte gelida…ecco cosa succede a chi non crede alla befana…bambini non fate come me, dovete credere alla befana e adesso andate subito a casa di corsa che domani mattina  vedrete si realizzerà ancora il sogno ..la magìa. Addio ragazzi. Addio…

Evviva la Befana!!

FINE

C’è la possibilità di un ulteriore finale

Si accendono le luci, il pubblico applaude ma subito si rispengono  perchè due urla tremende squarciano la sala seguite da due tonfi sordi che provengono dal retro della platea

(Le 2 befane si sono trasferite nel frattempo dietro la platea e al momento dello spegnimento delle luci si adagiano a terra insieme alle scope e alle gerle rovesciate)

PRESENTATORE-Ohhh…e adesso cosa sta succedendo..?

La gente si alza in piedi per capire cosa mai sia successo

Dal fondo si odono dei lamenti

1°BEFANA- Ahhh che maleee….la mia schiena…

2°BEFANA- Uhh che doloreee…ancora il mio sedereeeee

PRESENTATORE- Oh!…..ma siete ancora voi, un’altra volta, accendete le luci per favore, dobbiamo soccorrerle….dove siete ?

BEFANE INSIEME- Siamo qui…aiutateciii

Si accendono le luci

PRESENTATORE- Bambini diamo una mano alle befane a rialzarsi, ma mi raccomando fate piano con delicatezza, sono vecchie e tanto malandate

Alcuni bambini prontamente si alzano e vanno dalle befane mentre il presentatore continua a invocare prudenza nell’aiutare le vecchiette

Quando le due finalmente riescono a rialzarsi, con l’aiuto dei bambini, il presentatore chiede loro cosa sia successo

PRESENTATORE- Care befane non ditemi che vi siete scontrate un’altra volta?

1°BEFANA- Macchè..e’ tutta colpa di questa scopa… non vola….non vola!.

2°BEFANA- Io riuscivo a malapena a sorvolare gli alberi, ma poi ho trovato un platano altissimo e gli sono piombata addosso..ed eccomi..precipitata quì.. ahh il mio povero coccige..si sarà disintegrato definitivamente

1°BEFANA- Invece io, stavo svolazzando sopra le case, una fatica.. una fatica che non vi dico…poi ho trovato un grattacielo e quello non si muove…mi sono stampata sulla parete come un foglio A4 e ora eccomi qui…ahh le gambe le mie povere gambeee

PRESENTATORE- Ma care befane, vi rendete conto, siete cadute ancora e adesso come facciamo, chi riempirà le calze dei bambini? Oh! al solo pensiero mi viene il mal di testa

1°BEFANA- Ma …queste scope non reggono…sono buone si è no per spazzare uno sgabuzzino

2°BEFANA- …o per giocare a mamma casetta

PRESENTATORE- Ma dovete riprovare, dovete insistere, dài bambini aiutiamole a riprendere il volo, …e voi signore befane dovete essere piu convinte, forse non ci credete abbastanza, ci vuole piu …convinzione..

1 BEFANA- Ma che convinzione d’egitto, qui bisognerebbe attaccarci un razzo a queste scope per farle volare

PRESENTATORE- Oh no…sentite care befane, voi adesso, partite dal fondo della platea, e venite verso il palco di corsa, voi bambini vi mettete di fianco e le aiutate… forza dobbiamo farcela.. prendete le vostre gerle, cavalcate le scope, e riprovateci vi prego, riprovate un’altra volta

Molto controvoglia, le due befane si rimettono le gerle sulle spalle ricavalcano le scope e dal fondo cominciano la rincorsa.

I bambini le spingono chi di fianco e chi da dietro mentre le due ciabattando

 corrono verso il palco, ma pur con tutto l’impegno, si infrangono contro la base del palco e cadono a terra stremate

PRESENTATORE- Oh non è possibile, e ora cosa si fa, queste quì non volano… che disdetta!!

Le due befane, a terra stremate con un filo di voce esclamano

BEFANE INSIEME- Devi richiamare il pronto intervento…

PRESENTATORE- Si lo chiamo subito, dobbiamo trovare in fretta una soluzione

IL presentatore estrae il telefonino e digita il 6

Si ode il bip inconfondibile….

CENTRLINO- Pronto intervento befana in cosa posso esserti utile..?

PRESENTATORE Buon….ehm… le befane non riescono  a volare.. sono cadute ancora..

CENTRALINO- Cadute?..Un’altra volta? Ma non avevano le nuove scope?

PRESENTATORE- Mannaggia…non sono abbastanza grandi queste scope, non tengono sù le befane, non so come spiegarle, una ha trovato un albero un po’ troppo alto e l’altra è andata a sbattere contro un grattacielo,  sono precipitate un’altra volta: come due pere mature dall’albero

1°BEFANA- Due pere mature?...Giovanotto mòderi i termini, saremo anche due pere, ma mature proprio no.

2°BEFANA- Ma cosa stai dicendo, sarai tu una pera, io sono matura e me ne vanto…

CENTRALINO- Basta con questi bisticci, mentre voi vi lamentavate ho provveduto a far partire due befane di riserva, sono già in volo per andare a riempire le calze dei bambini.

PRESENTATORE- Avete sentito bambini? Altre due befane sono in volo per venire da voi, le vostre calze sono salve. Evviva!

Scene di giubilo tra il pubblico

BEFANE INSIEME-  E noi cosa facciamo? E tutti i dolci che abbiamo dentro le gerle a chi li daremo se non possiamo volare?

PRESENTATORE- Ha sentito(parlando al telefonino), dica lei, cosa ne facciamo di tutti i dolci ?-

CENTRALINO- Si ho sentito…fatemi pensare…ah! Trovato!

PRESENTATORE- Ci dica…ci dica..

CENTRALINO- Ma è semplice: distribuiamoli a tutti i bambini in teatro mi sembra la cosa piu giusta no?

PRESENTATORE Ah ah….bambini questi dolci sono tutti per voi…e anche per me…mmhh..sono anch’io goloso ..siete contenti?

PUBBLICO- Siiii

PRESENTATORE- E ora aiutiamo le due befane a raccogliere i dolci e a salire sul palco, poi, uno alla volta, venite a prenderli .

Evviva la befana!!

Le due befane sul palco cominciano a distribuire i dolci e con essa termina lo spettacolo.

Fine

          

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 6 volte nell' ultimo mese
  • 19 volte nell' arco di un'anno