La nutriccia

Stampa questo copione

LA NUTRICCIA

la nutriccia

Da Nuonou, di Najac e Hennequin

Commedia in tre atti

Personaggi

Felice Scioscammocca

D. Carlo, padre di Ernesto

D. Alessio, padre di Nannina

Ernesto, marito di Nannina

D. Rafele

Giovanni, servo di Ernesto

Lisetta, nutrice

Nannina

Concetta, cameriera

A Napoli, epoca presente. Tutti i tre atti in casa di Ernesto.

ATTO PRIMO

Camera in casa di Ernesto. Porta in fondo, 3 porte laterali,finestra a sinistra dell’attore. Mobilia dorata.

SCENA PRIMA

All’alzarsi del sipario si sente il pianto di un bimbo, poi il campanello. Peppino dal fondo, Concetta dalla destra.

CONCETTA: Neh! Peppì, hanno chiamato?

PEPPINO:Eh! Hanno tuzzuliato.

CONCETTA Mamma mia, ccà è proprio n’affare serio, dinta a sta casa nun ce stà nu mumento de riposo.

PEPPINO:Da che è nato chillu guaglione s’è perduta la pace.

CONCETTA:Chillo guaglione?... pecché nun dice chillu scunciglio.

PEPPINO:Haje ragione... overo è brutto... tanto nu naso.. tanto na vocca... Cuncè, si tu te spusarrisse a me farrieme lo camprimario de li figlie belle.

CONCETTA:E tu pienze sempe a na cosa.

PEPPINO:Già, questo non può essere... e già quella la vostra fiamma è Francisco lo giardeniere... Ma io me l’aggio miso ncapo, tanto aggia fà che ne l’aggia fà j da dinto a sta casa.

CONCETTA:Peppì, io te l’aggio avvisato, statt’attiento, nun ncuità a Francisco, ca chillo è malamente.

PEPPINO:Vattene, malamente... chillo è lo siniscinne.

SCENA SECONDA

Ernesto e detti.

ERNESTO:Ma insomma... cosa fate quà? Avete inteso il campanello?

PEPPINO:Sissignore eccellenza.

CONCETTA:Mò proprio l’aggio ntiso, e steve venenno.

ERNESTO:Andate, la signora ha bisogno di voi, il bambino piange.

CONCETTA:Eccome ccà. (Io so’ venuta a fà la coca, no la nutriccia). (Via.)

PEPPINO:Eccellenza da me che comandate?

ERNESTO:Niente... niente... Peppì, grazie.

PEPPINO:Ma signurì, vuje pecché state accussì... che saccio stiveve tanto e buon umore e mò...

ERNESTO:Peppino mio, ho perduto la pace, il riposo, aggio desiderato pe tanto tiempo nu figlio, e mò che l’aggio avuto me veco talmente infelice che tu non puoi credere...

PEPPINO:Eh! Io lo dicevo.

ERNESTO:So’ duje mise ch’è nato, non saccio cchiù che vò dì durmì la notte. Mentre sto chiudendo ll’uocchie, chillo accummencia a chiagnere, e ghiette cierti strille ca me fa fà nu zumpo la vota. Stanotte va trove aveva tenè dulure de viscere, se sturzellava dinto a lo lietto comme a nu serpe.

PEPPINO:Io credo eccellè, ca lo pietto de la signora non le giova.

ERNESTO:Accussì aggio supposto pur’io.

PEPPINO:Pecché non pigliate na nutriccia?

ERNESTO:L’aggio penzato; nce lo dicette a D. Rafele lo miedeco, lo quale stammatina me ne manna una. T’assicuro Peppino mio, ca stanotte m’aggio visto proprio perduto, strillava de na manera tale ca pareva ca tanto mureva, chella povera Nannina non sapeva cchiù che aveva fà, capirai lo primmo figlio... se vede mbrugliata la puverella.

PEPPINO:E se capisce, è primmo figlio.

ERNESTO:Ah! A proposito, Peppì... aiere me screvette na lettera papà, dicennome che veneve a passà 3 o 4 mise ccà, t’arraccumanno fa truvà tutto sistimato, tu saje chillo quanto è fastidioso.

PEPPINO:Non dubitate, ve pare.

ERNESTO:Priparele chella stanza c’affaccia dinto a lo giardino, chillo è amante de vedè li frasche.

PEPPINO:Va bene... vaco subito a priparà... (Via a destra.)

ERNESTO:Quanno sta papà ccà, sto cchiù cuiete... la nutriccia che vene penza pe lo piccerillo, e chella povera Nannina se po’ pur’essa arrepusà nu poco.

SCENA TERZA

Nannina e detto, poi Concetta.

NANNINA:Ernè, si vide chillo piccerillo comme dorme, è nu piacere.

ERNESTO:E già, chillo accussì fa... quanno sto scetato io, dorme isso.

NANNINA:Haje visto comme chiagneva, appena Concettella se l’ha pigliato mbraccio, e l’ha passiato nu poco, s’è addormuto; e mò si vide comme sta bello; l’avvaria passiato io, ma non me fidavo Ernesto mio, aggio fatto chella nottata.

ERNESTO:Haje ragione, ma mò fernesce tutto, stammatina vene la nutriccia e penz’essa pe lo piccerillo... E po’.... andivina chi vene a starse 3 o 4 mise ccà?

NANNINA:Chi?

ERNESTO:Papà.

NANNINA:Overamente? Oh! Che piacere...

ERNESTO:Tu lo ssaje, papà te vò bene.

NANNINA:Oh! Chesto è overo, e io pure lo voglio bene.

CONCETTA:Signurì, aggio appannato la fenesta, sta dormenno a suonno chino.

NANNINA:Brava Concetta.

CONCETTA:Comannate niente cchiù, io vaco abbascio a la cucina.

ERNESTO:Va pure.

CONCETTA:Signurì, ve volevo dì na cosa, chillo piccerillo sta nu poco sciupato, aggio appaura ca lo latte de la signurina non le giova.

ERNESTO:Si, si, è stato già penzato, stammatina vene la nutriccia.

CONCETTA:Oh! Mò va buono... scusate si m’aggio pigliato tanto ardire.

NANNINA Oh! no, anzi...

CONCETTA:Permettete. (Via pel fondo.)

ERNESTO:Intanto me fa meraviglia comme sta nutriccia non se vede ancora, mò me vaco a vestì, voglio arrivà nu mumento fino a la farmacia a lo puntone, pe chi sà truvasse a D. Rafele lo miedeco. (Via a sinistra.)

NANNINA:N’aggio piacere che vene lo pate d’Ernesto, si putesse venì pure papa n’avesse cchiù piacere; ma già chillo non se fa co lo carattere de lo pate d’Ernesto, papà lle piace la sciampagnaria, e chillo è tanto avaro, perciò non se so’ maje trattate. Eh! Avarria avuta essere viva mammà, che priezza avarria avuto vedenno chillo piccerillo. Povera mammà, quanto me vuleva bene! (Si asciuga gli occhi.) Basta, è meglio ca non ce penzo.

SCENA QUARTA

Peppino e detta.

PEPPINO (con lettera): Signurì, lo portalettere ha purtato sta lettera pe vuje. (Via.)

NANNINA:Uh! Lo carattere de papà. (Apre e legge:) «Mia cara figlia. Dopo la malattia che ho tenuta, il medico mi ha ordinato di cambiare aria; per conseguenza ho pensato di venire a passare 3 o 4 mesi in casa tua. Domani parto col vapore delle 9, alla mezza sarò in Napoli, e all’una sarò vicino a te, così vedrò pure il caro nipotino. Se a tuo marito ciò facesse dispiacere, con la massima franchezza quando verrò me lo dirai ed io andrò altrove. Abbracciandoti caramente unita ad Ernesto mi dico affezionatissimo padre Alessio». Oh! Che piacere, papà vene ccà, chesta è stata proprio na consolazione, na vera sorpresa, so’ 3 mise ca nun lo vedo... Ernesto pure n’avarrà piacere, tanto più che vene pure lo padre... Mò vaco dinto e le faccio leggere sta lettera... Che piacere... Comme so’ contenta... (Via a sinistra.)

SCENA QUINTA

Peppino, D. Rafele, poi Peppino, Lisetta e Felice.

PEPPINO:Favorite dottò...

RAFELE:Grazie... D. Ernesto ce stà?

PEPPINO:Sissignore, sta dinto: aspettate che mò ve lo chiammo. E chilli duje che stanno fore chi sò?

RAFELE:E la nutriccia nzieme co lo marito.

PEPPINO:E pecché nun li facite trasì?

RAFELE:No, voglio parlà primma cu D. Ernesto.

PEPPINO:Va bene, mò ve lo chiammo. (Via a sinistra, poi torna.)

RAFELE:Io so’ sicuro ca D. Ernesto appena la vede le piace, la signurina non troppo n’avarrà piacere, è tanto gelosa... d’altronde, io na nutriccia brutta nun l’aggio potuto truvà, o vonno, o non vonno, a chesta s’hanna tené, aggia avuto fà chello poco pe la truvà... lo marito chillo miezo scemo, s’era fissato ca isso era nu signore, e mò ha avuto arrivà a chesto... lo pover’ommo s’adda cumpatì.

PEPPINO:Lo patrone ha ditto ca mò esce.

RAFELE:Neh! Trica assaje?

PEPPINO:Nun lo ssaccio, sta parlanno co la signora.

RAFELE:Allora sa che vuò fà, fa trasì a chilli duje, è meglio c’aspettano cca.

PEPPINO (al fondo): Neh! A vuje trasite.

LISETTA (entra): Grazie tanto.

RAFELE:E tuo marito?

LISETTA:Sta trasenne. (A Peppino.) Aggiate pacienza, chiammatelo.

PEPPINO:Neh! Bell’ò... trasite.

FELICE (d.d.): Ma che staje parlanno cu fratete, neh! mascalzone... lo nomme mio nun lo saje?

PEPPINO:No.

FELICE (d.d.): E fattello dicere, e chiammeme pe lo nomme... famme stu piacere.

PEPPINO:Ma ch’è pazzo?

LISETTA:Aggiate pacienza.

RAFELE:Si nun tenesse stu carattere sarrìa nu buono giovine.

PEPPINO:Comme se chiamma?

LISETTA:Se chiamma Felice, ma vuje chiammatelo D. Felice, scusate.

PEPPINO:D. Felì... favorite, fatemi stu favore.

FELICE:Non fà caricature... ca te siente nu paccaro. (c.s.)

PEPPINO:Aggio capito, mò me ne vaco io, facitelo trasì vuje. (Via pel fondo.)

LISETTA:Trase, mannaggia chi t’ha allattato!

FELICE (entra): D. Rafè, scusate, io intendo d’essere trattato bene, chillo se crede de parlà co lo frate!

RAFELE:D. Felì, si vuje nun ve levate stu carattere, nuje non combinammo niente, vuje nun avita essere accussì superbo.

FELICE. Io non sono affatto superbo, ma qualche volta mi ricordo come sono nato... Eh! La buon’anima di mio padre, teneva la carrozza capite!... Io non me ricordo ancora di essere andato dinta a na casa in carrozzella d’affitto, sempre in carrozza propria.

RAFELE:Eh! Ma presentamente nun putite j manco co la carrettella...

FELICE: Lo so... papà fece la sciocchezza di morì quanno io tenevo 20 anni, e in 6 anni me mangiai tutto cose, e mò me trovo ccà.

RAFELE:Ma diciteme na cosa, voi che cosa sapete fare?

FELICE:Niente... io non sò far niente... Ogne anno me lucro qualche cosa... ma sapete quando? A novembre.

RAFELE: E che facite?

FELICE:Li cascettelle pe li muorte!

RAFELE:Seh... avete da lucrà assaje.

FELICE:Quello che me voglio lucrare, che ve credite ca io faccio sule li cascettelle, io faccio lo carro cu 24 cunfrate, 40 pezziente, 12 servitori vestite niro, 32 carrozze appriesso...

RAFELE:95 guagliune arreto!

FELICE: Nun lo credite! Lisè... parle tu.

LISETTA:No, pe chesto è capace.

FELICE:Io sò arrivato a fà perfino li campusante, cu tutte li scesulelle, le sagliutelle, le tombe, gli alberi piangenti... e cu che esattezza... Anze, D. Rafè, si me vene ncapo ve lo faccio pure a vuje nu campusantiello.

RAFELE:No no, nun ve ne ncarricate, io sti cose li tengo pe malaugurio; si tenite capa, li cascettelle pe li muorte nun le facite cchiù... perché in questa casa vostra moglie starà bene come nutriccia, avrà tutte le preferenze, sarà trattata come la madre del ragazzo.

FELICE:(Ma ch’è capa de mbrello, o è bastone?)

RAFELE:Chiste so’ ricchissime, so’ duje perzune sule, e poi so’ della brava gente... io cercherò di farve avè na bona mesata.

FELICE:Nu pare de centenaje de lire?

RAFELE:Adesso vediamo, io tirerò sempre per voi.

FELICE:Vedete mia moglie, ridurre a fare la nutriccia.

RAFELE:Poi per vivere onestamente si fa tutto.

FELICE:Perciò io faceva li cascettelle pe li muorte.

RAFELE:E facite li cascettelle pe li muorte, che vulite da nuje!

LISETTA:Nun lo date audienza, chillo è pazzo.

FELICE:No, io non so’ pazzo... io mi ricordo che mio padre teneva la carrozza.

RAFELE:Ma mò sta carrozza la tenite?

FELICE:No.

RAFELE:Embè, che parlate a fà, stateve zitto!

FELICE:M’è rimasto lo scurriato.

RAFELE:Mettitelo a capo de lo lietto.

LISETTA:V’aggio ditto nun lo date retta a chist’animale.

FELICE:No, chesta mi raccomanda bene!

RAFELE:Mò che esce il marito con la moglie sappiatevi presentare, e lasciate fare a me. Ricordatevi se vi domandano, la criatura vosta dove stà? Voi risponderete: è morta eccellenza... so’ 4 giorni ch’è morta.

FELICE:E pecché avimma dicere sta buscia? Non sia maje lo cielo mureva Luisella, e non morevo pur’io? Chella la tene la cummara, ogge ha fatto appena duje mise.

RAFELE:Uh! Mamma mia, chisto è proprio nu turzo de carcioffola, chi ha ditto che la vò fà murì overamente? Avita dicere accussì, pecché si no chille sapenno ca tenite na criatura, nun se la piglia, pecché dicene ca po’ adda dà latte pure a la criatura, eh! capite? Lisè, dincello tu.

LISETTA:Nun ve n’incarricate, D. Rafè, parlate cu mmico, chillo nun capisce niente; una, cosa po’ D. Rafè, comme faccio pe le dà nu poco de latte a chella povera figlia mia?

FELICE:Ah! Veramente, nun nc’aveva penzato.

RAFELE:Quanno è a la matina...

FELICE:Pover’anima innocente, e che peccato ha fatto?

RAFELE:Quanno è a la matina...

FELICE:Na zucatella ogne tanto ce vò, e si no chella more?...

RAFELE:Già... Quanno è la matina...

FELICE:S’adda cercà nu mezzo... e quella zuca... zuca...

RAFELE:Mannaggia l’arma de mammeta, na parola nun te la fà dicere sà?!...

FELICE:Perdonateme, l’amor di padre... l’amor di padre che me fa parlà...

RAFELE: Mò te mbriaco na mazzata nfaccia e buonanotte. Quanno è a la matina, di nascosto tuo marito te la porta, la fà zucà, e se ne va.

LISETTA:Oh! Mò va bene.

FELICE:Io me credevo ca non vuliveve dicere chesto. E diteme na cosa D. Rafè, io non potrei far niente in questa casa? Che so, come contabile... scritturale... segretario...

RAFELE:Nun facite castielli in aria, ccà non tenene contabili, scritturali e né segretario, se lo vedono lloro.

FELICE:Io saccio fà li nummere buone.

RAFELE:E ghiate a faà lo pustiere... Mò vedimmo comme cameriere.

FELICE:Come cameriere?... Mò te faccio pazzo mò!

RAFELE:Sta parlanno co lo frate!

FELICE:Cameriere!... Mio padre teneva la carrozza...

RAFELE:Acciso!... tu... patete... e la carrozza! Chillo sta accussì arruvinato!

FELICE:Rovinato?... E che volete dire?

RAFELE:Zitto, sento venì gente... Ah! so’ lloro... mettiteve llà... il cappello... il cappello?...

FELICE:Ch’avite ditto?

RAFELE:Il cappello.

FELICE:Lo cappiello?

RAFELE:Levateve lo cappiello. (Felice e Lisetta si ritirano in fondo.)

SCENA SESTA

Ernesto, Nannina e detti, poi Peppino.

ERNESTO:Carissimo dottore.

NANNINA:Scusate se vi abbiamo fatto aspettare un poco.

RAFELE:Oh! Niente, per carità. E così come va la salute?

NANNINA: Eh! Non c’è male.

RAFELE:Avete preso quelle cartine?

NANNINA Esattamente, dottò, stanotte abbiamo fatto la nottata chiara, chiara.

RAFELE:E pecché?

NANNINA:Pe causa di Carlino, doveva avere forse dolori di viscere, perché gridava come un pazzo, ci ha fatto paura.

FELICE:Forse aveva mangiato fagioli.

ERNESTO:Chi è?... Come un ragazzo di 2 mesi mangia fagioli? E poi si mangia fagioli in casa mia?

RAFELE:(Vò afforza parlà!). Il latte, il latte bisogna cambiare... ed a questo proposito siccome voi m’avete comandato, vi ho portato questa giovine che son sicuro che darà una buona nutrizione al vostro Carlino. Fatevi avanti. (Felice si avanza. Lazzi.)

ERNESTO:Oh! Bravo, è proprio una bella giovine.

NANNINA: La bellezza non si cerca, in questi casi, il latte dev’essere buono.

RAFELE:Ed è buono, non dubitate.

ERNESTO:Quando ce l’assicura il dottore. Che età avete?

FELICE:27 anni.

ERNESTO:Non parlo con voi. Date latte voi? (Lazzi.) Che età avete? (A Nannina.)

LISETTA:24 eccellenza.

ERNESTO:(Che te pare, Nannì?).

NANNINA:(Eh! Non c’è male).

ERNESTO:(Dottò, più o meno che mesata le si deve dare?).

RAFELE:(Che ve pozzo dì, almeno un 150 lire).

ERNESTO:(Quello che dite voi si fa). Vi passo 150 lire al mese, siete contenta?

LISETTA:Quello che fa vostra eccellenza sta tutto bene.

FELICE:Eccellenza, se si potesse avè nu poco d’anticipo.

ERNESTO:Va bene, a questo ci penserò.

NANNINA:Ernè, na vota ch’adda venì papà, pecché nun te cunziglia pure cu isso?

ERNESTO:Ah! si...

PEPPINO:Signò, è arrivato lo signore D. Carlo. (Fel. lazzi ballo.)

ERNESTO:Oh! Che piacere, a tiempo a tiempo.

NANNINA:Mò l’avimmo annommenato.

ERNESTO:Peppì, haje priparato la stanza?

PEPPINO:Sissignore eccellenza, tutto è pronto.

ERNESTO:Dottò, scusate, accompagnate questi due in quella stanza, fra poco li chiamerò e li presenterò a papà... (Via pel fondo con Pepp. e Nannì.)

RAFELE:Trasite, trasite ccà; a n’ato poco li chiammo io stesso.

FELICE:D. Rafè, ma è certo, o avessame perdere tiempo inutilmente?

RAFELE:Nonsignore, è certo, trasite!...

FELICE:No, pecché si non è certo, io me ne vaco a fà quatte cascettelle le muorte.

RAFELE:Dalle co li cascettelle!

FELICE:No, D. Rafè, io tanno so’ contento quanno v’aggio fatto nu campusantiello.

RAFELE:Mò te lo faccio io a te si nun trase. (Fel. via.)

LISETTA:Aggiate pacienza, D. Rafè. (Via appresso a Felice.)

RAFELE:Mannaggia l’arma de mammeta, a te e li cascettelle! Guè, ma lo campusantiello afforza me lo vò cumbinà!

SCENA SETTIMA

D.Carlo, Nannina, Ernesto e Peppino.

NANNINA:Trasite, trasite, che piacere ca nc’avite date.

ERNESTO: Peppì, porte sti valigie dinta a la cammera che l’haje preparata.

PEPPINO:Va bene. (Via pel fondo a sin. con 2 valigie.)

CARLO:Io veramente volevo venì anche senza la tua lettera, poi ci ho pensato...

NANNINA:Uh! E pecché neh, papà?

CARLO:Eh! pecché l’anno passato, quando sposaste, ci proponemmo di prendere un appartamento di 6 o 7 stanze e fare una famiglia, eh?... ci fu una persona che vi consigliò il contrario.

NANNINA:Ma...

CARLO:Fu vostro padre... D. Alessio, il quale tanto ne seppe dire, che voi non accettaste l’unione... Ma oramai è passato, e non ne parliamo più!

ERNESTO:Grazie papà... Papà, vi presento D. Rafele Quaglia, medicochirurgo... Mio padre...

CARLO:Piacere.

RAFELE:Fortunatissimo di conoscervi... Siete venuto a passare qualche mese in casa di vostro figlio?

CARLO:Già... so’ venuto per mettere un poco d’ordine, un poco di sistema in questa casa... Che volete, due giovanotti, due ragazzi si può dire, come possono portare avanti una famiglia, adesso poi che c’è anche un bambino.

RAFELE:Si capisce... avete ragione.

CARLO:Oh! Diteme na cosa... qua la chiave della cassa chi la tiene?

ERNESTO:Quale cassa?

CARLO:La cassa dove stanno li denare?

RAFELE:(Guè, non nc’ha perduto tiempo sà!).

ERNESTO:Papà, la tiene mia moglie.

CARLO (ridendo): La tiene lei... tua moglie?

NANNINA (caccia la chiave): Eccola qua.

CARLO: Primo sbaglio... la chiave della cassa in mano ad una ragazza come quella... Ah! Povera cassa.

ERNESTO:Prima la tenevo io, ma po’ pe non avere quell’impiccio di chiudere ed aprire ogne tanto, ce la dette a essa.

CARLO:Prima la tenevi tu?... Peggio di peggio.

ERNESTO:Se po’ sapé chi l’ha da tené sta chiave?

CARLO:La chiave della cassa adesso che ce sto io, la terrò io... poi vedremo...

RAFELE:Bravissimo!

ERNESTO:Oh! Ma a noi ci fa piacere.

NANNINA:Certamente. Tenite.

CARLO:Oh! Mò ditemi n’ata cosa... Quante persone di servizio avete?

ERNESTO:Quattre, papà... Peppino... Giovannino lo cameriere, Concetta la coca... e Prubbechella lo sguattero.

CARLO:Ah! troppa roba... bisogna mandare via lo servitore e lo sguattero; quello che fa il servitore lo può fare il cameriere, quello che fa lo sguattero lo può fare la cuoca.

RAFELE:Già, dice bene.

ERNESTO:Questo anche sarà fatto.

SCENA OTTAVA

Peppino, indi Alessio, Ernesto, Nannina, Peppino con valigie.

PEPPINO:Eccellenza, sta sagliendo li grade lo pate de la signurina.

NANNINA: Uh! Papà. (Carlo si alza e sbuffa.) Ernè, jammale a incontrà... permettete! (Via pel fondo.)

ERNESTO:Papà, ve raccomando, il passato è passato... permettete. (Via c.s.)

CARLO:Si lo ssapevo nun ce venevo... mò nun lo dò confidenza.

RAFELE:(Me pare ca chisto nun ha avuto tanto piacere).

NANNINA:Trasite, trasite papà.

ERNESTO:è stata proprio na sorpresa... (Pepp. esce con valigie.)

ALESSIO:Dunque, avete avuto piacere che so’ venuto?

NANNINA:Oh, ve pare, assaje, assaje; ma vuje dice ca site stato malato, non ce pare affatto, state meglio de quanno partisteve.

ERNESTO:Papà, ve presento D. Rafele Quaglia, medico chirurgo...

ALESSIO:Oh! Piacere di stringervi la mano.

RAFELE:Piacere è tutto mio.

ALESSIO:Caro Quaglia!

RAFELE:(Caro pappamosca!).

ERNESTO:Po’ votateve da chella parte, vedite chi ce sta.

ALESSIO (si volta e vede Carlo, si guardano e si salutano con inchini).

RAFELE:(Acqua, acqua!).

ERNESTO:Sedie, sedie. (Pepp. dà le sedie e via.)

ALESSIO:E così hai ricevuto la mia lettera?

NANNINA:Sissignore papà, poco prima.

ALESSIO:Io vi parlo francamente, so’ venuto pe 2 ragioni. La prima perché il medico mi ha ordinato di cambiare aria, e la seconda perché ad Avellino mi seccavo di stà solo, e quasi quasi penzo di non ritornarci più, mi vendo tutte le proprietà che ci tengo e me ne vengo qua in casa dei miei dilettissimi figli... sempe si n’avite piacere, pero.

NANNINA:Oh! Ve pare, l’unico nostro desiderio era chisto.

ERNESTO:Siamo proprio felici.

ALESSIO:Grazie, grazie. Io vi dico la verità, se non fosse stato per i grandi affari che mi trattengono in Avellino, non sarrìa stato nemmeno un mese, a mme me piace di stare in compagnia, andare qualche sera al teatro, andare a cena con gli amici, si attocca menà pure nu tuccariello... Ah! Lo tuccariello è lo forte mio, ad Avellino chesto facevo sempe, ce aunevame 4 o 5 amici, e menaveme tuocche nnuzze. Ah! Quanta rise... e mare chi me mannave all’ultimo... me faceva nu lione, anche ca nun ne vulevo me sentevo currivo, chillo mò era nu surzo de vino, e pure me faceva rabbia a nun averne.

CARLO:Bu... bu... bu...

ALESSIO:Ch’è sparato na cannunata?

ERNESTO:Ah! Non ci badate.

ALESSIO:Questo per te è parlare turco, tu lo tuocco nun l’haje menato maje?

ERNESTO:Nun saccio manco ch’è...

ALESSIO:Eh! ched’è... fattello dicere de lo duttore, me so’ addunnato ca tene la faccia de mazza cuogno, dottò vuje ve truvate?

RAFELE:Eh, qualche volta ca vene lo tuocco a me, me metto lo pizzepaparo mmocca, e me lo scole tutte quante!

ALESSIO:Ah! piacere... No ma ccà non bisogna menà tuocche, qui dobbiamo fare i signori; dobbiamo prenderci divertimenti leciti e nobili. A proposito, io voglio vedé lo guaglione, il primo rampollo.

NANNINA:Mò sta durmenno nu poco, papà; a n’ato poco ve lo faccio vedé.

ALESSIO:E comme è, bello? A chi rassomiglia?

RAFELE:Tutto al padre... la faccia soja è la faccia de...

ALESSIO:(mammeta!).

RAFELE:E de lo padre è una cosa.

ALESSIO:Bravo, e comme sta, sta bello, chiatto...

RAFELE:Questo no, anzi sta molto delicato, è il latte che non gli giova.

ALESSIO:E pecché non se piglia na nutriccia?

RAFELE:è venuta, l’ho fatta venire io, sta in questa stanza; non si e combinata ancora, perché vogliamo farla vedere prima a voi altri...

NANNINA:So’ stata io che io aggio ditto aspettammo a papà.

ERNESTO:Giacché ve site truvate vuje pure, sentimmo pure lo parere vuosto.

ALESSIO. Ah! Pe me facite chello che vulite vuje.

RAFELE:Posso chiamarla?

ERNESTO:Si, chiammatela.

RAFELE:A voi, venite avanti.

SCENA NONA

Felice, Lisetta e detti, poi Ernesto.

FELICE E LISETTA (escono e si fanno in fondo).

RAFELE:Mettiteve llà. (Tutti la guardano, pausa.)

ERNESTO (a Carlo): Che ve ne pare?

CARLO:Eh! Non c’è male... (Che bella cosa!)

NANNINA:Papà, ve piace?

ALESSIO:Sicuro. (Vi quant’è bona sta nutriccia!)

RAFELE:Signore, potete domandarle quello che volete.

CARLO: A me? Oh! Scusate a me non conviene, c’è il padre di Nannina.

ALESSIO:A me? Oh! Scusate ci siete voi!

CARLO:Oh! no, quando ci siete voi.

ALESSIO:Questo non sarà mai, se non parlate voi, io non parlo...

ERNESTO:Ma scusate, queste cerimonie tra parenti non stanno, parla chi vuole.

CARLO:A me non conviene.

ALESSIO:Se non conviene a voi, non conviene manco a me.

RAFELE:Avanti D. Carlo, dite voi qualche cosa.

CARLO:Volete così e così sia.

ALESSIO:Amen.

CARLO:Lo fò per ubbidire... Come vi chiamate?

FELICE:Felice Sciociammocca, a servirvi. (Si fa avanti.)

RAFELE:Arrete, puozze sculà!

ALESSIO:Miezo... miezo...

FELICE:Miezo a la guardia, miezo...

ALESSIO:E ched’è?

FELICE:Vostra eccellenza me pare nu cucchiere affitto!

CARLO:Non domando a voi... A voi, come vi chiamate?

LISETTA:Lisetta a servirvi.

CARLO:In qual casa siete stata?

FELICE:Strada 5. Liborio n. 16. (Lazzi.)

CARLO:Non parlo con voi. In quale casa avete servito?

LISETTA:A nessuna parte, eccellenza.

CARLO:è la prima volta che date latte?

LISETTA:Sissignore eccellenza.

RAFELE:Ma il latte, signore, l’ho visto, è buonissimo.

CARLO:Quando lo dite voi basta! E questo giovine chi è, il sensale?

FELICE:Nonsignore, sono il marito; per combinazione della vita ci troviamo a questo... mio padre teneva la carrozza, e siccome quando morì io avevo 20 anni, mi mangiai tutto quello che avevo, e mò faccio le cascettelle de li muorte...

CARLO:Scusate, questo a noi non ci riguarda, m’avite ditto che siete il marito... e basta!

ALESSIO:Che ce ne preme a nuje de li cascettelle de li muorte!

FELICE: Ho detto questo se vostra eccellenza mi da qualche comando, io lo servo.

ALESSIO:Di che cosa?

FELICE:De farve quatte cascettelle.

ALESSIO:Sicuro, m’ha pigliato pe criatura.

FELICE:Io ve pozzo fà pure nu bello funerale.

ALESSIO:Uh! Chisto me vò atterrà...

FELICE:Ve pozzo fà quatt’osse, e na capa de muorte.

ALESSIO:Neh! Statte’zitto, io mò me so’ sosuto da na malattia, sti cose li tengo pe malaurio!

FELICE:No, pe farve vedere con che esattezza li faccio, e fin dove giunge la precisione dell’uomo.

ALESSIO:Te ringrazio tanto tanto!

LISETTA:Eccellè, nce avita perdunà, nuje chesto tenimmo, e chesto v’offrimmo.

ALESSIO:Siente a chest’ata!

CARLO:Avete figli?

LISETTA:Nonsignore eccellenza, facette na femmenella.

FELICE:Chi è femmenella, è figlia a nu galantuomo, figlia a me, e tu...

LISETTA:Era femmena, non già mascolo.

CARLO:Chesto l’aveva capito.

ALESSIO:Ma chillo che aveva capito?

FELICE:Me credevo femmenella de miezo a la via.

ALESSIO:E mò presentamente addò stà?

LISETTA:Mò so’ 4 giorni che m’è morta!

ALESSIO:Era na femmenella?

CARLO:Gia, femmenella.

ALESSIO:Femmenella nfornata! (Ride sconciamente.)

FELICE:Eccellenza, che cos’è?

CARLO:Ride!

FELICE:Oh! Chell’è risata! (Puozze passa nu guaio, me credevo che l’era afferrato nu tocco!)

CARLO:Ve bene, resta soltanto a stabilire il prezzo.

RAFELE:Stabilitelo voi, signore.

CARLO:Ah, no! Scusate, questo spetta a D. Alessio.

ALESSIO:Scusate, questa è cosa che riguarda voi.

CARLO:No, scusate, quando ci siete voi fate voi.

ERNESTO: Ma io direi giacché v’avite stabilito tutti e due in questa casa, mettetevi d’accordo e fate tutto voi.

ALESSIO (meravigliato): Ah! Voi rimanete qua?

CARLO:Già... ero venuto per 3 o 4 mesi... ma una volta che ci siete voi, me ne vado io.

ALESSIO:Oh! Scusate, in questo caso me ne vado io e restate voi.

ERNESTO: Ma no, questo che cos’è, avita restà tutte e dduje.

NANNINA: Ma se capisce, chi ve ne fa j da ccà.

RAFELE: Ma certamente, una volta che ci siete venuti dovete restare.

ALESSIO:Se ve ne andate voi me ne vado io pure.

CARLO:Oh! perché? Allora io resto.

ALESSIO:Restiamo.

CARLO:Dunque, dicevamo la mesata. Io per me l’assegnerei 100 lire. (A Lisetta:) Che ne dite? (Fel. prende la moglie e via.)

ERNESTO:Uh! Dottò chille se ne vanno?

RAFELE (corre appresso): Neh! Scustumato?... (Li fa venire in iscena.)

CARLO:Te ne vaje? Saluta almeno i signori...

FELICE:Eccellè 100 lire, chello nun è latte de 3 lire a lo juorno.

CARLO:Dicite a quanto lo vennite a lo litro, e nuje accussì ve lo pagammo.

FELICE:Ve pare... chesto è latte frisco.

ALESSIO:Bravo, è chello che me piace a me, la matina me ne portate na giarretella.

FELICE:De che cosa?

ALESSIO:De latte frisco... vuoi dire petto fresco.

FELICE:Già, petto fresco... Io poi non me ne intendo.

LISETTA:No, signò... no pe dicere, ma nuje avimma avuto nu sacco de chiammate.

FELICE:Sicuro, appunto stanotte avimma avuto 3 chiammate. A la notte specialmente nun putimmo durmì... e stanotte tante de li chiammate aggio ditto:... Lisè, piglia lo lume e vedimmo ched’è...

ALESSIO:Che cosa?

FELICE:Li chiammate de li senzale che vulevano lo latte. Datece lo latte... datece lo latte!

CARLO:Era na latteria la mugliera de chisto!

ALESSIO:Ah! Io me credevo quacche ata specie de chiammate.

FELICE:Ah! Vostra eccellenza se credeva quacche chiammate de prodito... nonsignore.

ALESSIO:Ma non si agisce così, mò vediamo di accomodare la cosa. Dottò, ditemi na cosa, lo latte va sotto o va sopra?

FELICE (lazzi): Va ncoppa, chello me pare na sambuca!

ALESSIO:è butirroso?

FELICE:Butirroso e cremoso.

RAFELE:No, il latte è buonissimo.

ALESSIO:Da dove viene?

FELICE:Come da dove viene... viene de lo Vommero.

ALESSIO:E tu t’haje da stà zitto, io dico la cascata.

FELICE:A Caserta.

ALESSIO:E dalle dà, io dico è latte de spalle, o de capa?

FELICE: Eccellenza, de capa! De capa... vene da capemonte! (Lazzi.)

ALESSIO:Allora va bene.

FELICE: Vedite ca dinto a lo quartiere la chiammene capa de latte, aieressera teneva nu forte dulore de capa e allora scenneva.

ALESSIO:Allora 100 lire so’ troppo poche... del resto voi l’assegnate 100 lire e 100 ce propongo io so’ 200... sei contenta?

LISETTA:Grazie, eccellenza.

CARLO:200 lire, scusate, è troppo!

ALESSIO:La nutrice bisogna trattarla bene.

CARLO:Allora perché non contrattate voi?

ALESSIO:E se mi permettete faccio io.

CARLO:Padronissimo.

ALESSIO:Oltre le 200 lire vi sarà fatto un bel corredo.

LISETTA:Eccellenza, grazie tanto... Eccellè ve volevo dì na cosa.

ALESSIO:Parla, parla, adesso sei entrata, sei la padrona.

LISETTA:De maritemo che ne faccio, addò lo manno?

FELICE:Eccellenza, penzate per me, sto da tempo a spasso.

CARLO:Rimanere in questa casa non può essere.

ALESSIO:Un momento to... to...

FELICE:Aspetta, Totò.

CARLO:Non mi chiamo Totò.

ALESSIO:Vediamo che dice.

FELICE:Siamo sposati da poco, e ci vogliamo bene... se non ci vediamo spesso ci viene na pucundrìa ca cadimmo malati, e capito, quanno chella cade malata, il ragazzo va per zucare e si zuca il dolore di capa, la febbre...

ALESSIO:Lo spitale de l’Incurabile, de Pellerine...

FELICE:Eccellè, io quando la vedo una volta al giorno basta, e quando la vengo a vedere, vuje venite appriesso a me.

ALESSIO:Lete da lloco, non ce mancava ato, a tenè la cannela a isso! (Ad Ernesto.) (Saje, chiste dicene na cosa, so’ giuvinotti, se vonno bene, e non possono sta lontani, so’ freschi sposi.)

ERNESTO:(Fate voi).

ALESSIO:Voi siete freschi... (A Fel.)

FELICE:Quelli de la rotta, eccellè... (Lazzi.)

ALESSIO:Io dico siete freschi?... voi due avete capito?

FELICE:Molto freschi eccellenza, tanto freschi ca ce sfrunnammo. (Lazzi.)

ALESSIO:Dico, giovani sposi freschi. (Fel. ripete con lazzi.)

FELICE:Eccellè, ccà avimmo voglia de pazzià, vuje site pazziariello, io pure...

ALESSIO:Sì, ma chisto non è mumento col discorso serio che sto facenno... dico che siete giovani sposi freschi... (Fel. lazzi c.s.) E dalle dà, mò me lo fà dicere appriesso a isso... Allora resterai in questa casa come cameriere.

FELICE:Non ci sarebbe altro posto, eccellenza?

ALESSIO:E che posto?

FELICE:Come maggiordomo.

ALESSIO:Quà maggiordomo, vi conviene come cameriere?

LISETTA:(Di che sì, mall’arma toja!).

FELICE:Va bene, cameriere...

ALESSIO:Ti daremo 50 lire al mese, e tutto trattamento.

LISETTAEFELICE: Grazie, eccellenza!

FELICE:Eccellenza, volevo pregarvi... pe quacche spoglietella.

ALESSIO:Sicuro, anze mò me levo stu soprabito, ca tengo ncuollo, pecché è rrobba de provincia, e te lo dongo.

FELICE:è giusto... pe chisto lloco... vi pregavo eccellenza.

ALESSIO:Va bene, l’avrai.

LISETTA:(E che ne fai?).

FELICE:(Nce acconciammo lo saccone!).

CARLO:(Povera casa, povera casa!).

ERNESTO:Papà, mio padre qua, proponeva poco fa di licenziare qualche servitore, perché so’ assale.

ALESSIO:Perché quanti sono?

ERNESTO:Cu chisto ch’avite pigliato so’ 3 servitori, nu sguattero e na coca.

ALESSIO:E me li chiamme assaje? Ma scusate, voi senza di questi come siete serviti? Che figura fate? Io che sto ad Avellino e ne tengo 3, voi state a Napoli, io direi di non licenziare nessuno. (A Carlo.) Dico bene?

CARLO:La vostra volontà è pure la mia.

ALESSIO:Grazie tanto... Oh! Dimme na cosa... ci sta na stanza sopra a lo suppigno per far dormire questo giovine.

ERNESTO:Sì ce sta.

FELICE:Ma sopra lo soppegno, eccellenza...

ALESSIO:Questo c’è, non c’è altro mio caro, tante comodità non li putite truvà mio caro. (Curvandosi avanti e indietro.)

FELICE:(Mò sona la campana, mò!). Va bene.

RAFELE:Vedite che pe fà durmì a nuje hanna levà li galline. (Lazzi.)

ALESSIO:Vostra moglie sarà vicino ai padroni.

FELICE:Eccellè, volevo dì n’ultima cosa.

ALESSIO:Che cosa?

FELICE:Se si poteva avè nu poco d’anticipo, tenimmo molte obbligazioni, tenimmo varie pignetielle.

ALESSIO:(Hanno ragione, si vede che tengono amor proprio, vonno cumparì, chiste stanno tutte e duje a li piede de Pilate!).

ERNESTO:Va bene, questa cosa che riguarda me, po’ me li scontate mensilmente; quanto vi serve?

FELICE:Nu migliaio de lire.

ALESSIO:Eh! 1000 lire, e chisto addà stà nu secolo dinto a sta casa!

LISETTA:Nonsignore, eccellenza; maritemo ha sbagliato, voleva dicere 200 lire.

ALESSIO:200 lire sta bene.

FELICE:Eccellè, me vulevo spignà pure lo rilorgio, e la catena, quanno nun me lo pozzo spignà, me lo rifresco.

ALESSIO:E ve lo rinfrescate! Ernè, dalle li 200 lire.

ERNESTO:Nannì, va piglia li 200 lire.

NANNINA:Papà, la chiave.

CARLO:Eccola qua.

ALESSIO:Comme, comme, la chiave la tene D. Carlo.

CARLO:Già... ce l’ho io, ma na volta che ci siete voi la passo a voi.

ALESSIO:Oh! Pe carità.

CARLO:Embè... io non la posso più accettare, vuoi dire che la passo di nuovo a vostra figlia... (Glie la dà.)

NANNINA:A me non mi conviene più di tenerla, una volta che me l’hanno levata, la dò a mio marito. (Gliela dà.)

ERNESTO:Ma quanta convenienza, che seccatura! (Via.)

CARLO:La creanza la sappiamo!...

ALESSIO:Io sò agire da galantuomo!...

NANNINA:Io sò regolarmi come si deve!...

RAFELE:(Mamma mia, e comme so’ seccante!).

ERNESTO:Ecco ccà li 200 lire.

FELICE:Grazie.

ALESSIO:Le sconterai a 10 lire a lo mese.

FELICE:E quanno po’ so’ fernute cheste?

ALESSIO:Penzate a conzumà cheste!

LISETTA:Grazie, eccellenza!

ALESSIO:Niente, niente... (che bella donnetta!)

CARLO:(Che bella carnagione che tene sta nutriccia!).

ALESSIO:Dunque, da stamattina prendete possesso, tu come nutrice e tu come cameriere.

LISETTA:Va bene, eccellenza.

SCENA DECIMA

Peppino e detti, poi Carlo, Alessio, Peppino e Felice, poi ripassano come a concerto.

PEPPINO:La colazione è pronta.

ALESSIO:Benissimo, giungi a proposito, la fame si fa sentire.

RAFELE:Io ve levo lo fastidio.

ERNESTO:Restate a colazione con noi.

RAFELE:Grazie tanto, ho molto da fàre; un’altra volta accettero.

ERNESTO:Allora vi aspettiamo domani a pranzo, verrete?

RAFELE:Grazie tanto... Signori. (Via.)

ERNESTO: Peppì, stu giovane è un nuovo servitore, ve lo raccomando.

PEPPINO: Non dubitate, eccellenza.

ERNESTO: Prepara nu lietto dinta a chella camera ncoppa a lo suppigno.

PEPPINO: Va bene. (Quanto è bona sta nutriccia!)

LISETTA (a Nannina): Signurì, e addò sta lo piccerillo?

NANNINA: Dinta a chella cammera, va vide si s’è scetato.

LISETTA:Subito. (Via a sinistra. Felice va appresso.)

ALESSIO: Dove andate?

FELICE:Andavo appresso.

ALESSIO:No, voi dovete servirci a tavola, andate con l’altro servo.

PEPPINO:D. Felì, andiamo.

FELICE:No, cu ttico, m’appicceco, ritiene! (Viano.)

ALESSIO:Alons, march, a tavola! (Lazzi.) (Tutti via no pel fondo a sinistra. Dopo poco esce Carlo ed entra a sinistra dove sta Lisetta, poi Alessio fa lo stesso, appresso esce Peppino e fa lo stesso, l’ultimo Felice. Dopo poco risortono tutti e quattro come a concerto. Esce Carlo, poi Alessio, poi Peppino, poi Felice con mazzariello in mano — via pel fondo a sinistra. Tutto questo senza parlare.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

L’istessa camera del primo atto.

SCENA PRIMA

Lisetta, seduta ad una sedia col bimbo in braccio, lo culla; dalla sinistra vengono D. Alessio, D. Carlo, Ernesto e Nannina.

ALESSIO:Ritenete che non ne facciamo niente.

NANNINA:Ma qualcuno deve cedere.

ALESSIO:Ma scusate, voi stesso avete detto che quella stanza ch’affaccia a lo giardino era stata preparata pe D. Carlo, dunque a isso spetta, me pare sia cosa tanto regolare.

CARLO:Io non ci tengo affatto; o chella, o n’ata, per me è l’istesso.

ALESSIO:Io per me dormo a qualunque parte.

ERNESTO:Papà, voi potete mettervi in questa stanza qua. (Indica a sinistra.)

CARLO: Ma no, perché, una volta che si deve mettere lui non mi metto io.

ALESSIO:Ma me pare ca quand’uno v’ha ditto ca dorme a qualunque parte, potreste accettare, e finirla una volta.

CARLO: Scusate, perché debbo finirla io, e non voi?

ALESSIO:E la finisco io. Voi dove volete che mi vado a coricare?

CARLO:Dove volete voi!

ALESSIO:No, dove volete voi!

CARLO:Dove voglio io, no, dove volete voi!

ALESSIO:Io scelgo questa stanza. (A destra.) Ecco fatto, felice notte.

CARLO:Io dico che questi non sono modi che dovete usare... Io vi tratto diversamente.

ALESSIO:Come mi trattate voi non mi piace, voi trattate con politica, voi tenete il mele sulla bocca, e lo fele a lo core.

CARLO:Afforza m’ha da fà ntussecà... Questo lo debbo dire io a voi... stateve zitto, che voi trattate per secondo fine.

ALESSIO:D. Carlo, a me non c’era bisogno trattarvi per secondo fine perché mi trovo in una posizione che me ne rido di tutti quanti, e specialmente dei parenti!

CARLO:E io pure me ne rido!

ALESSIO:E si sapeva ca vuje stiveve ccà, non ce venevo.

CARLO:E io si lo ssapevo ca vuje stiveve ccà, non nc’accostavo proprio!

NANNINA:Ma papà, questo che cos’è?

ERNESTO:Jammo, finitela!

ALESSIO:Avete tenuto sempe doje facce, comme li cepolle!

CARLO:Non parlate de doje facce, e de cepolle, D. Alè, ca me facite nfucà... voi siete stato sempre un uomo doppio!

ALESSIO:Io, uomo doppio? Io parlo nfaccia! (Il bambino piange.)

LISETTA: Signurì, avite fatto scetà a sta criatura, quanno avita a strellà jate a n’ata parte.

CARLO:Io non ero venuto ccà pe strillà certamente, è stato il signore Alessio che ha alzato la voce.

ERNESTO:Va bene, non se ne parla più; embè, avite ditto ch’eravate venuti ccà pe godé nu poco de pace, e invece facite chesto poco.

ALESSIO:Non sono stato io, è stato tuo padre.

CARLO: No, scusate, voi avete incominciato.

NANNINA:No, aggiate pacienza, papà ha risposto, ma vuje site stato lo primmo.

LISETTA Va bene, chi è stato è stato, fernitela mò, site pariente alla fine! Eccellè, facite pace, chesto che cos’è, stammatina site arrivate e già facite quistione.

ALESSIO:(Sta nutriccia è n’affare serio, quanno cchiù la guardo cchiù me fa allummà la capa!).

CARLO:(Io pe sta nutriccia sarrìa capace de fà qualunque cosa).

ALESSIO:Per me, non sò portare odio per nessuno.

CARLO:Io nemmeno.

ERNESTO:Dunque, che si fa, se va a durmì, penzate ca nun so’ ancora li 10, me pare ch’è priesto.

ALESSIO:Io pure chesto dicevo, ma na vota ca D. Carlo se vò j a cucca...

CARLO:No, pe me stammo fino a mezzanotte, era per voi.

ALESSIO:Per me? Io lo facevo per voi.

ERNESTO:Ccà, cu sti cerimonie, non se fernesce manco pe n’atu pare d’anno!

SCENA SECONDA

Peppino e detti, poi Concetta.

PEPPINO:Signò, è venuto d. Rafele lo miedeco, l’aggio fatto passà dinto a lo salotto.

ERNESTO: A chest’ora, che seccatura! (Via.)

CARLO:Chesta nun me pare ora de visita.

NANNINA:Chillo mò è venuto, pare brutto.

ALESSIO:Facimmo quatte chiacchiere pe passà lo tiempo... Andiamo, và... (A Lisetta:) S’è addormuto lo piccerillo?

LISETTA:Sissignore.

ALESSIO: (Lisè, io ti debbo parlare!) Quanto è bello, comme dorme bello! (Via con Nannina.)

CARLO:Ma che bella creatura, è proprio n’angelo! (Lisè io ti debbo dire una cosa!) Benedetto, benedetto! (Via.)

LISETTA:(So’ ghiute ampazzìa li viecchie!).

PEPPINO:(Sangue de Bacco, sta nutriccia ha avuto l’abilità de me tì scurdà a Cuncettella!). Io me ne vaco, volite niente?

LISETTA:Niente, grazie.

PEPPINO:Proprio niente?

LISETTA:Niente, quando ve dico niente.

PEPPINO:Tutto quello che v’occorre nun avita fà ato che chiammarme, e io vengo subeto a servirvi, qualunque cosa, doppo che me dicesseve minete da copp’abbascio io lo faccio. (Concetta in ascolto.)

LISETTA:Vuje che dicite! Ve menarrisseve da coppa abbascio, e pecché? Po’ murisseve?

PEPPINO:Si avessa murì pe vuje, la morte sarrìa nu piacere.

LISETTA:Veramente?

PEPPINO:Vuje site na femmena ca facite perdere la capa de la gente cu na guardata vosta atterrate a n’ommo.

LISETTA:Vuje che dicite, e io invece d’uocchie, aggia tenè scuppettate.

PEPPINO:Scuppettate? Ll’uocchie vuoste so’ cannunate, so’ mitragliatrice. Vuje avita sapé ca io me vommecheio nu poco cu Concetta la coca, embè me credite? Da che aggio visto a vuje chella femmena pe me è addeventata nu diavolo, a paragone a vuje chella sapite che me pare? Na muscella, na scigna, io non me fido cchiù de la guardà nfaccia…

CONCETTA (viene avanti): Signori miei, felice sera.

PEPPINO:(Felice notte!).

CONCETTA: Siente Peppì, io nun te faccio na cauciata, pecché stamme ccà ncoppa, ma n’ata vota che te piglie l’ardire de parlà de me, te combino nu brutto servizio.

PEPPINO:Forse haje ntiso chello ch’aggio ditto? N’aggio piacere!

CONCETTA: Sciù pe la faccia toja, haje lo curaggio de me chiammà muscella a me; fino a stammatina me si venuto appriesso comme a nu cacciuttiello.

PEPPINO:Venevo appriesso a te, pe la famma m’era fermato la primma taverna, ma mò ch’aggio visto sta trattoria, siente a me Cuncè, tu può nzerrà.

CONCETTA: Pe regola toja, chesta nun è taverna ca ne nzerra., riguardo a sta trattoria, porto io la mmasciata a chi si deve, e la facimmo fallì.

LISETTA (s’alza e va verso Concetta).

PEPPINO:(Mò siente lloco!).

LISETTA:Bella figliò, sta trattoria tene nu buono padrone, e non fallisce, e chello ca te dico mesurammo li parole, si no ce ncuitammo.

CONCETTA: E inutile che faje la chiacchierone, ca nun me metto appaura de te.

LISETTA:Io so’ venuta ccà comme a nutriccia, e non voglio avè che fà cu nisciuno de vuje.

CONCETTA: Oh! Scusate signora nutriccia.

LISETTA:Tu haje da fà la coca, e vattenne vicino a lo fucularo, famme stu piacere.

PEPPINO:Và arruste lo pesce... fance stu piacere.

CONCETTA:Ah! Me n’aggia j vicino a lo fucularo? E non te n’incarricà ca te voglio cumbinà nu piattino comme dico io.

LISETTA:A me non ce stanno piattine da cumbinà, sà! Nun me ne fa j de capa che io attacco a curto!

CONCETTA:Tu attacche a curto? Tu haje da vedé io comme me sceto matina.

PEPPINO:Nun è overo, se sose a miezuorno.

LISETTA:Vattè te scite matina, mò overamente te piglio a paccare!

CONCETTA:Tu piglie a paccare a me? E si sì femmena, scinne dinto a lo giardino.

LISETTA:Sì, sì... scengo, scengo, che me mettesse appaura de te? (Il bambino piange.)

CONCETTA E ghiammo! (Via.)

LISETTA:Si... A te. (A Peppino) mantieneme stu guaglione. (Glielo dà e via.)

PEPPINO:Aggio fatto stu guaio! Aspettate, venite ccà... E mò addò lo metto stu mamozio?... (Via appresso.)

SCENA TERZA

Felice, poi D. Alessio, indi D. Carlo.

FELICE (con bambino entra, guarda se c’è nessuno, e va a sinistra, camera di Lisetta, riesce dopo poco): Lisè... Lisè... E addò è ghiuta? Io aggio fatto vedé ca me jeve a cuccà ncoppa a lo suppigno, e invece me so’ ghiuto a piglià la criatura adde la cummara, fortunatamente che sta vicino de casa... (Rivolto al bambino:) che buò, haje ragione, staje diune da stammatina... Eh! chi te lo doveva dire, tuo nonno teneva la carrozza... Basta, mò te faje na zucatella e te ne vaje ossà?... Ma Lisetta addò stà?... addò arma de la mamma è ghiuta? Sangue de Bacco.. sento rummore, comme faccio?... Aspetta, aggio fatto na penzata, mò m’annasconno dinto a la cammera de Lisetta, e faccio avvedé ca sta cuccata. (Via a sinistra.)

ALESSIO:Aggio truvato la scusa ch’aveva scrivere na lettera de pressa, e l’aggio lassate... me seccava de stà llà... Voglio vedé si s’è cuccata Lisetta... (Va alla porta e bussa.) Lisè... Lisè... ti sei coricata?...

FELICE (d.d.): Si...

ALESSIO:(Che bella cosa... Che bella cosa!). Haje fatto buono, così non potranno suspettà... io, a n’ato poco, quanno tutte quante se so’ cuccate, vengo zitto... tu mi aprirai, pecché t’aggia parlà necessariamente... haje capito?... statte bona... (Via in punta di piedi.)

FELICE (fuori): Puozze murì de subbuto... Nientemeno ca chesto ce sta sotto? nun te n’incarricà! Ha ditto che vene cchiù tarde, te voglio accuncià io; pecchesto m’ha mannato a durmì ncoppa a lo suppigno? Ma Lisetta addò arma de la mamma è ghiuta?... Io era meglio che faceva li cascettelle pe li muorte... Zitto, sento de venì gente... Scappa!... (Si nasconde c.s.)

CARLO:Guè, Lisetta se sarrà cuccata... si putesse... Aspetta, mò la ; chiammo... (Bussa alla porta.) Lisè... Lisè?...

FELICE (c.s.): Chi è?...

CARLO:Stai a letto, è vero?

FELICE (c.s.): Si...

CARLO:(Mamma mia, me sento de venì meno!) A n’ato poco, quando tutti stanno a letto, io vengo... t’aggia parlà... Quanto sei cara!... Addio... fra poco... Ah! (Sospira.) Quanto e brutto il pizzico d’amore! (Via.)

FELICE:Puzzate jettà lo sango!... Vuje vedite ch’aggio passato cu sti duje viecchie rattuse!... Meno male ca me so’ truvate io... Chisto n’è n’ato ca vò venì zitto, zitto... Seh! Ve voglio accuncià io... Ma che m’hanno pigliato pe picchipacchio...

SCENA QUARTA

Lisetta, Concetta, Peppino e detto.

PEPPINO (d.d.): Va buò, fernitela mò...

LISETTA (d.d.): è stata essa che ha voluto scennere.

FELICE:La vì ccà Lisetta...

LISETTA (fuori): Pe me ritiene ca me ce truove sempe...

CONCETTA: Tu mò faje l’auccellone, pecché stu mamozio s’è miso miezo...

PEPPINO (con bambino): Io aggia avuto correre afforza, pe paura ca sentevene li patrune... (Il bambino piange.)

FELICE:Si può sapere dove sei stata?

LISETTA:Nun me rompere la capa tu pure... (A Pepp.:) A te, damme stu guaglione... (Pepp. glielo dà.)

FELICE:Neh! Guè? Al marito si risponde così?

CONCETTA: Nun ve pigliate collera, chella la mugliera vosta tene l’uocchie ch’atterrano la gente, tene li camme, li mitragliatrice, e vuje ch’avita fà... facite lo stunato... Ah! Ah! Piezzo de pastenacone! (Via a soggetto.)

LISETTA:Guè, siente, pe tutte dimane, o te ne vaje tu, o me ne vaco io da dinto a sta casa.

PEPPINO:Nun la date retta, chella è malalengua!

FELICE:Ma che ha voluto intendere cu chillo pastenacone?

PEPPINO:Chella ha pazziato, nun la date audienza; nuje ate serviture, quanno pazziammo, dicimme piezzo de pastenacone...

FELICE:Ah! Voi altri?... a me sti pazzie non me piacene...

PEPPINO: E di nuovo, D. Lisè, comandatemi in quello che credete io sia abile, na voce che date corro subito a servirvi.

FELICE:Non fate lo farenella... non c’è bisogno... ce sto io che la servo.

PEPPINO:Vuje... io... chesto che cos’è... non c’è bisogno, chi se trova...

FELICE:No, io m’aggia truvà semp’io... statte buono... vattenne! (Pepp. via.) Ma insomma qua che facciamo? T’avviso che dimane ce ne jammo da dinta a sta casa.

LISETTA:E pecché?

FELICE:(Chesta nun sape lo fatto de stanotte!) Niente... niente... po’ te conto. Io aggio purtato la criatura, sta dinta a la cammera toja ncoppa a lo lietto, dalle nu poco de latte ca chella mò more...

LISETTA (Via a sinistra).

FELICE:No, io me n’aggia j da dinta a sta casa, e si no a n’ati 4 juorne mia moglie me procura clienti a zeffunne... e va a fernì ch’addevento fratiello a la congrega di S. Martino... Guè, ma se so’ scapuliate tutte quanti!...

NANNINA (d.d.): Lisetta, Lisetta?...

FELICE:Uh! Vene la patrona, comme faccio? Aspè, mò m’annesconne sotto a lo lietto de Lisetta! (Via a sinistra.)

SCENA QUINTA

Nannina, D. Alessio, D. Carlo, poi D. Rafele ed Ernesto.

NANNINA (d.d.): Lisè... Lisè?...

LISETTA (fuori, col bimbo che culla): Oh! Oh!... nonna nò!...

NANNINA:Neh, Lisè, lo piccerillo che fà s’è addormuto?

LISETTA:Si, signo, sta durmenno ch’è na pace... mò proprio l’aggio fernuto de vucà...

CARLO: Quant’è bello quando dorme... quant’è bello... benedetto figlio... (ch’haje fatto, te sì sosuta?). (Si scosta.)

ALESSIO:Ch’ha fatto, s’è addormuto?

CARLO (seccato): (No, mò se faceva na partita a tressette!).

ALESSIO:Quando dorme assomiglia tutto a te, Nannì...

NANNINA:è vero... quello de sopra, l’uocchie, so’ tale e quale a li mieje...

CARLO: Già, il resto è del padre...

ALESSIO:(Perché ti sei alzata?).

NANNINA:Aggia chiammà a Ernesto, ce lo voglio fà vedé... me pare n’angiulillo... (p.a.)

LISETTA:(Chiste che vonno... me so’ susuta, me so’ aizata, chille che cancaro dicene?).

RAFELE:Signori miei, si proponeva una cosa... Abbiamo pensato io e D. Ernesto di prendere doje carrozze e ce ne j a Posillipo a cenà... sotto a li frasche, vicino a lo mare... che ne dite, accettate?...

ALESSIO: Per me è impossibile, io per me non ceno la sera, volete andare voi padronissimi... (Seh! Jeva a Possillipo... io aggia j adde la nutriccia.)

CARLO:Io manco ceno a la sera... mi fareste un male positivo... (Chella m’aspetta!)

NANNINA:Ma po’ mò è tarde... a che ora ce spicciammo?... Se volete andà... andate voi...

ERNESTO:Ah! no... non nce vuò venì tu... vuoi dire che non nce vada manch’io... Se volete, D. Rafè, andateci voi solo...

RAFELE:E ssì, vaco a Pussilleco io sulo!... Scusate, io intanto avevo detto de j, pecché jeveme tutte quante, ma una volta che non viene neanche D. Ernesto con la moglie... scusate... che ci vado a fare io solo a Posillipo... vaco a fà la mummia?

CARLO:Neh! Voi a chi l’assignate? Ci andate, non ci andate, fate quello che volete voi... Noi non ci vogliamo andare.

RAFELE:(E saluteme a mammeta!). Neh! D. Carlo, e che so’ sti modi... Io sto parlando così calmo, e voi vi alterate...

CARLO: E sì, fate certe proposte a certe ore... me pare che non sia il caso.

RAFELE:Io sono un uomo che ho dato saggio dell’essere mio, non c’è bisogno che m’imparate voi, me dispiace che sto in casa d’Ernesto, e non conviene di far chiacchiere... se no ve sapevo mettere a dovere!...

ERNESTO:Ma basta, questo che significa...

NANNINA:Pe na cosa da niente ve pigliate tanta collera.

ALESSIO:Che te cride ca la fernesce chillu capa de quaglia!... ma parite tanta fiammiferi... e basta mò... (A Carlo:) Io vado a finire quella lettera che ho incominciata.

CARLO:A me che me ne preme!

ALESSIO:Ah! Già, a voi non preme... Lisè, statte accorto al ragazzo. (A n’atu poco vengo!) Signori. (Via.)

ERNESTO:Dottò, è stato un malinteso, non vi pigliate collera; io domani v’aspetto a pranzo, non mancate.

RAFELE:Vi ringrazio, ma non sò se ci posso venire...

ERNESTO:No, dovete venire, stammatina m’avete detto di sì.

RAFELE:Farò tutto il possibile. (A Carlo:) Arrivederci, signore.

CARLO (fa un inchino).

RAFELE:D. Ernè, scusate del fastidio.

ERNESTO: Dottò, levate sti parole da miezo... Voi sapete quanto vi stimo.

RAFELE:Buona notte.

ERNESTO:Arrivederci a domani. (Via con Raf.)

NANNINA:Lisè, statte accorta a lo piccerille, buona notte. (Via.)

CARLO:Stu dottore m’ha fatto piglià la capa... Posillipo... non Posillipo... (io tengo chistu pezzo de burro!) (Via.)

SCENA SESTA

Felice e detta, poi Peppino.

LISETTA:Guè, Felì, viene, non nce sta nisciuno, tutte quante se so’ ghiute a cuccà.

FELICE:Finalmente!... No, chiste hanno giurato de me la fà murì a chella povera creatura!

LISETTA:Nun nce penzà, mò le vaco a dà nu poco de latte. (Via a sinistra.)

FELICE Chi se puteva credere ca io doveva ridurre in questo stato... Mio padre teneva la carrozza... Oh! Padre, padre, perché non apri gli occhi... Già, chillo si arapesse ll’uocchie me facesse na mazziata, diciarrìa: Comme, te lassaje 50 mila lire, e tu te le mangiaste tutte quante... po’ papà sa che schiaffe me darrìe, è meglio ca li tene nchiuse ll’uocchie papà... io po’ de famma non so’ muorto ancora, o de na manera, o de n’ata manera, aggio magnato sempe... Stammatina, per esempio, m’aggio fatto na panza ca a n’ato poco schiattavo. Ma dinto a sta casa però non ce putimmo stà. Quei due vecchi sono bastantamente viziosi; tutte e duje hanno ditto ch’hanna venì ccà, li voglio accuncià io, m’aggio purtato sta funicella, si me riesce na cosa l’aggia fà passà lo genio de fa fà li farenielle!

LISETTA:Tiene, vattenne Felì. (Gli dà il bimbo.)

FELICE:Mò sta criatura a vaco a portà adde la cummara, po’ vengo n’ata vota, pecché io aggia stà ccà.

LISETTA:E pecché?

FELICE:Pecché tu haje avè cierti visite, ch’aggia ricevere pur’io.

LISETTA:Aggìo capito, vattenne ca io me saccio buono regolà.

FELICE:Nun te ne ncarricà, io me regolo meglio de te.

LISETTA (va a guardare in fondo): Nun può ascì... annascunnete. Vene Peppino da chesta parte.

FELICE:Ah! E Peppino lo servitore? Voglio sentì che bò... (Si nasconde col bimbo a sinistra.)

PEPPINO:Felice notte.

LISETTA:Felice sera.

PEPPINO:lo me vaco a cuccà, volite niente?

LISETTA:Niente grazie.

PEPPINO:Dimane ve porto lo latte e cafè a primma matina, da dinto ce vulite nfonnere quacche cosa?

LISETTA:Ve ringrazio, io lo doce non me piace.

PEPPINO:Manco nu biscotto all’annese?

FELICE (dalla sinistra): (Mò te lo dongo io nu biscotto!)

LISETTA: Nun te ne ncarnicà, te ringrazio, io lo latte lo piglio semplice.

PEPPINO:Allora felice notte.

LISETTA:Felice sera.

PEPPINO (per andare, poi torna): Io ve vuleva dicere... ma vuje po’ essere che ve pigliate collera.

LISETTA:Che m’avita dicere? (Pure va a fernì che a chisto lo sciacco!)

PEPPINO: Vuje state ccà, cujeta cujeta, ve credite co lo marito vuosto sta durmenno ncoppa a lo suppigno, e si sapisseve chello che ve sta facenno.

LISETTA:Uh! E che sta facenno?

PEPPINO:Io ve lo dico, ma vuje nun avita fà ammoina, avita fà li cose cu tutta prudenza.

LISETTA:Ma si non me dicite?

PEPPINO:Poco primma aggio visto scennere Concetta la coca abbascio a lo giardino, io me so’ muccato appriesso pe vedé addò jeva, dinto a lo scuro essa non m’ha visto... vicino a l’albero de limone, steva aspettanno lo marito vuosto... appena se so’ viste se so’ abbracciate e vasate, io la verità non aggio voluto cchiù smoccolià chella cannela, e so’ venuto ccà ncoppa pe dirvelo... quase, quase, ne stevo facenno almeno, ma ve l’aggio voluto dicere, caspita, pecché me sento currivo, che n’ommo cu chesta mugliera nnanze ha da preferì n’ata femmena.

FELICE:(Traditore, traditore!).

LISETTA:Vuje che dicite? E mò abbascio a lo giardino l’avite rimasto?

PEPPINO:Gnorsì; Va trova quanno se ne saglie... ma v’arraccumanno, nun avita fà chiasso, chello che fà isso a vuje, l’avita fà vuje a isso.

FELICE:(Haje da vedé chello che faccio io a te!).

LISETTA:Si capisce, dicite buono, e da dimane in avanti lo voglio accuncià io.

PEPPINO:Nun dicite che ve l’aggio ditto io, pecché capite nun nce voglio avè che fà.

LISETTA:Oh! Non dubitate pe chesto.

PEPPINO:Io non nce pozzo penzà, tenenno pe mughiera chesta femmena, è proprio na nfamità!... Basta, io me ne vaco, ricordateve chello che v’aggio ditto; qualunque cosa v’occorre, io sto ccà pe vuje, e ve ripeto doppo che m ‘avessa menà pure da coppa abbascio io lo faccio.

FELICE:(Te ce mengo io!).

LISETTA:Grazie, troppo buono.

PEPPINO:Felice notte, dormite bene... Ah! (Sospira e via.)

LISETTA:All’ossa de mammeta!

FELICE:Ma questo è nu brigante! Io lo sparo, lo sparo!...

LISETTA:Nun te ne ncarnicà, mò era troppo notte e nun l’aggio potuto dicere niente, dimane parlammo; va vattenne.

FELICE:Meno male che stevo da llà dereto, si no tu te lo credive. (Per andare, poi torna.)

LISETTA:Va, statte buono, buonanotte.

FELICE:(Nce simmo!). Lisè, va puose sta criatura ncoppa a lo lietto, e nun te movere da llà dinto.

LISETTA:Ma che vuò fà?

FELICE:Statte zitta. Mò siente! (Lisetta prende il bimbo e via. Felice smorza la luce.)

SCENA SETTIMA

D. Alessio e detto, poi D. Carlo, indi Ernesto, Nannina, Peppino in mutande con lume.

ALESSIO (a voce bassa): Lisè... Lisè?...

FELICE (che si è messo uno scialle): (M’avevano combinato lo piattino!) Psst... Psst...

ALESSIO:Lisè, addò staje?

FELICE (con voce finta): Sto ccà! (Prende il calamaio.)

ALESSIO (osservandola): Lisetta mia, tu devi sapere che io dal momento che t’aggio vista, io nun aggio trovato cchiù pace, tu sei la più bella figliola ca io aggio visto da che so’ nato. (Gli bacia la mano.) Se tu acconsenti ad amarmi, io farò tutto per te, da me avrai tutto quello che vuoi. Che dici, rispondimi una parola, dì, mi vuoi bene?

FELICE (c.s.) Sì... si... sì... pecché vuje site nu simpaticone. (Carezzandolo con le dita sporche d’inchiostro.)

ALESSIO:Neh, Lisè, statte cujete... nun accarezzà tanto che te me faje venì na cosa... Tiene na mano tutta nfosa... quanto sì bona!... quanto sì bona!...

FELICE (c.s.): Pe carità, avessa venì maritemo!...

CARLO: Lisè... Lisè?...

FELICE:Psst... Psst... Sto ccà...

CARLO (afferrandolo): Bella, zuccariello mio carnale, da che t’aggio visto so’ addeventato nu stunato, nun capisco niente cchiù pe causa toja! (Gli bacia la mano.)

FELICE (carezzandolo): Quanto site geniale!

CARLO:Ah! Lisè, fa n’atu poco... che bella cosa!... (Fel. si scosta.) Addò sì ghiuta?... Lisè...

ALESSIO: Ccà ce sta quacchedun’ato neh! Lisè?

CARLO:(Si nun sbaglio... la voce de D. Alessio).

FELICE (prende la corda e li lega tutti e due poi a Lis. che stava in osservazione): Lisè, statte bona! (Si prende il bambino e via.)

ALESSIO (gridando): Chi è?

CARLO (c.s.): Chi è?

LISETTA (c.s.): Mariuole... Mariuole!... Gente currite... Mariuole!... (Esce Ern., Nann., Pepp. con lume.)

ERNESTO:Che! Papà?...

CARLO:Uh! Ernesto!...

NANNINA:Papà?...

ALESSIO:Figliema!... (D. Alessio e D. Carlo si guardano e tutti e due scoppiano dal ridere.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

La stessa camera degli atti precedenti.

SCENA PRIMA

Peppino e Giovanni, poi D. Alessio, indi D. Carlo.

PEPPINO:Giovà, agge pacienza, và abbascio a la cucina, e dì a Cuncetta la coca che appriparasse lo pranzo ca li padrune vonno mangià.

GIOVANNI: Neh! Peppì, ma che fuje lo fatto d’aieressera?

PEPPINO: Airessera li duje viecchie, zitto, zitto, scennettero de lo lietto e ghiettene a truvà a Lisetta... Lo bello però ca tutte e duje se truvajeno faccia a faccia, Lisetta se mettette a alluccà, e quanno jetteme pe trasì dinta a la cammera truvajemo a chilli duje attaccate cu na funicella, e co li facce ncuacchiate e gnostia!

GIOVANNI: Ah! Ah! Chesto fuje bello! E chi nce lo facette?

PEPPINO:Chesto nun l’aggio potuto appurà, ma io credo D. Lisetta.

GIOVANNI: Ce l’aggio addimanna...

PEPPINO:Pe mò curre a ffà la mmasciata a Cuncetta.

GIOVANNI:Ah! Ah! (Ridendo.) Vaco. (Via.)

ALESSIO (esce di cattivo umore): Neh! Peppì, tu hai sollecitato?

PEPPINO:Sissignore eccellenza, un’altra mezz’oretta e tutto sarà pronto.

ALESSIO:Già, io non tengo appetito, tengo lo veleno fino a ccà.

PEPPINO: Ma pecché signò v’avite pigliate tanta collera, a vuje v’è piaciuto stanotte de j a truvà la nutriccia, e chella puverella dinto a io scuro v’ha pigliato pe mariuolo.

ALESSIO:Addò, che nutriccia e nutriccia, io ero asciuto pecché vulevo na bottiglia d’acqua... D. Carlo era andato con quella intenzione.

PEPPINO:Ma po’ comme va ca teniveve la faccia ncuacchiata de gnostia?

ALESSIO:E io che ne saccio!

PEPPINO (ridendo): Po’ stiveve attaccate cu na funicelia tutte e duje. (Ride.) Io nun nce pozzo penzà, tutta stanotte me l’aggio fatto a ridere sempe, cu chelli facce me pariveve duje carnevale, po’ cu chella funicella... (Via ridendo.)

ALESSIO:No, nuje overo pareveme curiuse; ma io nun m’arrivo a fà capace comme va ca me truvaje attaccato cu D. Carlo, e po’ cu li facce ncuacchiate de gnostia... Chella fuje Lisetta ca ce cumbinaje lo piattino, e doppo ca nce aveva cumbinato de chella manera, se mettette a alluccà: mariuole!... Va trova D. Carlo comme ha remediato?...

CARLO (esce, dopo pensa, dice): Buongiorno.

ALESSIO (ridendo): Buongiorno. Caro D. Carlo, ched’è, mò ve site alzato?

CARLO:Na mezz’ora fa! Io stammatina aggio pigliato nu poco suonno.

ALESSIO: Embè, v’è piaciuto de j a truvà a Lisetta; che ghiate truvanno?...

CARLO:Io non ero andato a trovare a Lisetta, jevo truvanno a Peppino lo servitore, pe me fà appiccià la lampa ca s’era stutata.

ALESSIO:Jatevenne, avite sbagliato porta D. Cà, vuje avite fatto chello ch’aggio fatto io, e Lisetta primma nce ha cuffiate a tutte e duje, e po’ nce ha tignuto la faccia, e nce l’ha attaccate cu la funicella.

CARLO:Questo lo dite voi, ma io non sò niente.

ALESSIO:Ma voi eravate andato dalla nutriccia... dite la verità! Con me potete parlare, è overo?

CARLO:Ve lo giuro... mi credete uomo di questo poi?

ALESSIO: Mò te lo dò nu schiaffo, parola d’onore! Guè, io le sto parlanno d’amico, e chillo vò fà ancora l’ingenuo!

CARLO: Io vi dico che non sò niente, se voi siete andato dalla nutriccia, io no, io non faccio queste cose... Oh! Sangue de Bacco, aggia dicere afforza di si!

ALESSIO:E sei uno svergognato, quando parli così, perché io nell’amicizia ti ho svelato tutto, e tu dovevi fare lo stesso.

CARLO:Io non posso fare lo stesso, perché ho la coscienza netta, e non posso dire una cosa per un’altra.

ALESSIO:Siente, D. Cà, me venarrìa lo pensiero proprio di farte na faccia de paccare...

CARLO:Na faccia de paccare! Tu me faciarrisse na faccia de paccare a me? D. Alè, ma lo ssaje ca te n’haje pigliato troppo? Saje ca si me votano li cervelle te faccio stà a dovere? Oh! Cattera!...

ALESSIO:A duvere a me? Tu a me?...

CARLO:Si... io a te!

ALESSIO (toccandogli il soprabito): Tu hai obbligazione che sto in casa di mia figlia, e non mi conviene di uscire dai limiti, si no a chest’ora da quanto tiempo t’avarria mparato la crianza.

CARLO (toccandogli la veste da camera): Tu nun mpare la crianza a nisciuno...

ALESSIO:Nun me toccà la veste de cammera ca te dongo mmocca. (Carlo si mette in posizione di difesa.) Comme è bello, me pare na statua de dinta a la Villa! Pe causa di mia figlia m’aggio avuto apparentà cu chesta qualità di gente!

CARLO:La mia famiglia è conosciuta a Napoli, e tant’onore hai potuto ricevere d’apparentà con noi.

ALESSIO:Vattenne onore, tuo figlio era nu disperatone, e cu la dote di mia figlia ha fatto l’ommo...

CARLO:Uh! Ce l’ha dato sti 20 mila lire miserabili!...

ALESSIO:20 mila lire! E sta casa non nce l’ho data io?

CARLO:Caspita! Sta casa? Piena d’iscrizione, e l’espropriazione che già sta cammenanno.

ALESSIO:Colpa di tuo figlio, per alimentare i suoi vizii.

CARLO:No... colpa di tua figlia ch’è stata sempre na capricciosa, avvezzata male!

ALESSIO:Mia figlia era un bottonccino di rosa!

CARLO:Mio figlio era la perla dei giovanotti!

ALESSIO:M’avete tolto un fiore!

CARLO:Mi avete tolto un gioiello!

ALESSIO:Mannaggia quanno mai succedette stu matrimonio!

SCENA SECONDA

Rafele e detti, poi Ernesto, poi Nannina.

RAFELE:Neh! Che c’è? Che c’è?

CARLO:Niente, niente, è D. Alessio che insulta a meglio a meglio!

ALESSIO:Tu m’hai insultato! E chello ca te prego, a me nun me trattà cchiù pecché nun aggio piacere d’essere trattato.

RAFELE:Neh! Ma che so’ sti chiacchiere, voi dovete amarvi, e ve dicite sti quatte improperie.

CARLO:Io chesto ve lo vulevo dicere a vuje proprio, pirciò facite comme io fosse muorto...

ALESSIO: Sì, sì, e quanno me vedite nun me salutate.

CARLO:Io salutave a vuje, aveva essere pazzo!

RAFELE:(Ma quanto se vonno bene!). Ma ch’è succieso, se pò sapè?

ALESSIO:Ch’è succieso?... E che s’ha da negà la verità... per mantenere il prestigio... per non mangiarsi la prima parola...

CARLO:Nessun prestigio, nessuna parola... io ho detto di non essere andato dalla nutriccia, e così e... non nego niente... non mangio niente...

RAFELE:Ah! Ah! Aggio capito tutte cose...

ALESSIO:è inutile, io non vi ho potuto mai vedere, me site stato sempe antipatico... quanno v’aggio visto, v’avesse voluto accidere... Ah! Me parevano mill’anne c’arrivave a chesto... nun me salutate, nun me parlate, nun me guardate, mannaggia chi v’ha allattato, a vuje e chi ve ce ha puntato, sciù pe la faccia vosta... Ah! Me so’ cunsultato, me so’ recriato!... (Via prima sinistra.)

CARLO:A la faccia toja, ossà!

RAFELE:Chillo ve l’ha cantate brutto sà!...

CARLO:Vedete, vedete con che gente me so’ dovuto apparentare.

RAFELE:Ah! Ma se vogliamo, chillo po’ nun have tutte le tuorte, scusate! A vuje v’è piaciuto de j adde la nutriccia? Pecché nun dicite la verità? Pecché ve lo negate?

CARLO:Sentite, quando si deve insistere su una cosa che non è, a me me piglia subito lo sangue a la parte de la testa!

RAFELE:Ma vuje tenite proprio la faccia tosta! Comme, chille v’hanno truvato co la faccia ncuacchiata de gnostia, e attaccato co la funicella, e vulite insistere ancora? Confessate, confessate, dicite la verità, aggiate pacienza!

CARLO:Nun ce rumpite li stivale pure vuje! Voi vedete quanti conti s’hanna dà la gente! E fatevi i fatti vostri, non ci rompete la testa! Guè, mò aggia dà lo riesto a isso... Io a vuje ve tengo nganne, voi sfruculiate lo pasticciotto... Mò se mi gira la testa, chello ch’aveva fà a chillo lo faccio a vuje... Stateve lo posto vostro, non mi avvicinate più... non mi guardate... non me parlate... si no mengo palate... palate... palate!... (Via a destra.)

RAFELE:Neh! Scustumato!... Vuje vedite che viecchio puorco, comme lo fa naturale... se lo vò afforza negà... Me parene duje pazze tutte e duje! Da che so’ venuti dinta a sta casa nun se po’ truvà nu poco de pace, hanno miso la rivoluzione... ce sta l’inferno!

ERNESTO (dalla comune): Neh! D. Rafè, avite visto a papà?

NANNINA (dalla seconda a sinistra): Neh! Stesse ccà papà?

RAFELE:(Quante so’ belle tutte e duje!). Si, l’aggio viste, chille me parene duje pazze... Mo’ s’hanno fernute de fà na putecarella... s’hanno ditto nu cuofene de maleparole.

NANNINA:E quello è sempre tuo padre!

ERNESTO:Prego... quello mio padre è calmo... quello è tuo padre ca se ne va de nummera.

NANNINA:Si se ne va de nummera è pecché have ragione... po’ tuo padre è vizioso.

ERNESTO:No, patete è viziuso.

RAFELE:No, chille so’ tutte e duje lo stesso!

ERNESTO:Isso aieressera jette adde la nutriccia.

NANNINA:Va llà, fuje tuo padre... papà se truvaje pe combinazione.

ERNESTO:Già, tu lo difendi sempre!...

NANNINA:E se sape, perché così è... Già, quello non è questo e non è quello, ca tu mi devi contrariare sempe, ma io te faccio a vedé ca te ne faccio pentì!

ERNESTO:No, io te levo subbeto la seccatura, mò me n’esco e me retiro dimane matina.

NANNINA:Si tu jesce, esco pur’io.

ERNESTO:Si me vene ncapo, nun me ritiro cchiù!

NANNINA:E io faccio lo stesso!

ERNESTO:Ah! Mannaggia ca so’ padre!... (Via a destra.)

NANNINA:Ah! Mannaggia che so’ mamma!... (Via a sinistra.)

RAFELE:Mannaggia quanno ce so’ venuto dinta a sta casa!... De chisto passo aggio voglia de stà diuno io pover’ommo! Tutta st’ammuina se l’hanno astipato quanno aveva mangià io ccà... Vuje vedite ch’hanno cumbinato, chilli duje viecchie!... Va, lasseme j a vedé a la parte de la cucina che se dice. (Via.)

SCENA TERZA

Felice (con piatti), poi Peppino, indi Rafele.

FELICE:Eppure nun pozzo penzà lo fatto de stanotte senza ridere... L’aggio attaccate a tutte e duje, e ce l’aggio fatto capità comme a pacche postale.

PEPPINO:Guè, che fai lloco cu sti piatte, tu l’haje da purtà da parte de dinto.

FELICE:Guè, e nun te vutà de chesta manera!

PEPPINO:Comme m’aggia vutà? Io me voto comme è duvere de me vutà... Quanno nun sapite fà lo carneniere, jate a fà lo munnezzaro, lo pulezza stivale.

FELICE:Tu sei un servitore, comme a me, e non hai il diritto di comandarmi.

PEPPINO:No, io lo tengo stu diritto, pecché io so’ primmo de te, tu stai al disotto di me.

FELICE:Peppì, non me ncuità, pecché io te tengo nganne a te! (S’è scurdato lo fatto de stanotte!)

PEPPINO:Ah! Me tiene nganne?... Seh! n’aggio tanto piacere! Mò nun staje cchiù buono ccà, mò è meglio ca te ne vaje.

FELICE:Vattenne, me ne vaco! (Gli cade un piatto.)

PEPPINO:Eh! Haje fatto chesto!... Haje rutte li piatte...

FELICE:Ecco... ecco... li piatte... la servitù come si vede... la cattiva gente... l’esagerazione... io uno piatto aggio rutto, già s’ingrandisce la cosa... già si allarga... è inutile, io ccà nun me ce trovo miezo a sta gente... Io sono un signore, pateme teneva la carrozza...

PEPPINO:Fà poche chiacchiere, e arrune sti grastale.

FELICE:Chiste non me vonno lassà j... (Si calano.)

PEPPINO:Sangue de Bacco, vene gente!... Mò me la filo io! (Via, Felice si nasconde sotto il tavolo.)

RAFELE:Chesta me pare la pazzarìa... la coca sta comme a na diavola, non ce sta proprio speranza de mangià! Neh! A me comme m’è venuto ncapo de venì ccà ncoppa! (Felice per prendere un pezzo del piatto, tocca la gamba di Rafele.) Chi è... passa llà!... Che nce sta quacche cane ccà sotto?... (Vede Felice.) Uh! Vuje che state facenno lloco?

FELICE:Sto passeggiando.

RAFELE:E già, chello è la Villa de lo Popolo!

FELICE:Nonsignore, eccellenza... io avevo rutto nu piatto e steve arrunanno li grastale.

RAFELE:E m’avite fatto mettere chella paura, io me penzavo ch’era nu cane ca se vuleva mangià la coscia... Io l’aggio ditto, chesta è la casa de li pazze!... (Via.)

SCENA QUARTA

Concetta e detto.

CONCETTA: Ched’è, D. Felì, ch’avite rutto?

FELICE:Cose de niente; pe mezzo de Peppino, m’ha fatto tuccà li nierve, e m’è scappato nu piatto.

CONCETTA Eh! Chillo ve ne vularrìa mannà da ccà ncoppa, vuje le date fastidio.

FELICE:Ma pecché, io non l’aggio fatto niente de male.

CONCETTA: Anze vuje l’avite puntate li cannunate, li mitragliatrice...

FELICE:Quà mitragliatrice?

CONCETTA: Chelle che tene la mugliera vosta, comme nun lo ssapite? Chesto che cos’è, comme vuje avita essere accussì pastenacone?...

FELICE:Bella figliò, è la siconda vota che tu mi onori del titolo di pastenacone, putarrìa sapé pecché so’ pastenacone?

CONCETTA: Uh! Mamma mia, io dico ca ce stanno uommene ntrugliune, ma vuje site lo padre de li pachioche!

FELICE:Pachioche?... Ma come s’intende pachioche?

CONCETTA: Vuje ve ricordate aieressera quando trasetteme, io, Peppino, e la mugliera vosta ccà dinto? E truvajeme a vuje?

FELICE:Seh!

CONCETTA: Embè, nuje venevamo da vascio a lo giardino, addò eramo jute pe nce appiccecà.

FELICE: Pe nce appiccecà?... Con mia moglie?...

CONCETTA: Si, con vostra moglie, con vostra moglie.

FELICE:E pecché?

CONCETTA: Pecché io nu mumento primma era trasuta dinta a la cammera soja, e l’avevo truvate parlanno nzieme cu Peppino, lo quale le diceva tanta parole amorose, le diceva ca invece d’uocchie teneva scoppettate, mitragliatrice, ca cu na guardata soja atterrava a n’ommo, fra ll’ati cose ca io a paragone de la mugliera vosta pareva na muscella, na scigna; non nce vedette cchiù, m’accustaje, e che saccio che m’ascette da vocca!...

FELICE:Possibile! Perciò quanno io l’addimannaje: Lisè, che è? Essa dicette: nun me rompere la capa tu pure. E Peppino, sapite che l’ammentaje a muglierema? Ca io e vuje aieressera steveme abbascio a lo giardino, sotto all’albero de limone, e che nce abbracciaveme e nce vasaveme.

CONCETTA: Uh! Ch’assassino! E già, chillo nce lo dicette pe ve mettere a mal’uocchie cu essa.

FELICE: Perfettamente!

CONCETTA: Vì che birbante!

FELICE:Oh! Ma non ce penzate, voglio fare quello che non ho fatto ancora!

SCENA QUINTA

Lisetta e detti, poi Prubechella.

LISETTA (con bimbo): Guè, Felì, stai ccà?

FELICE:Sto quà!

LISETTA: Neh! nuje quanno ce spicciammo, io tengo famma!

FELICE:Non lo sò, domandatelo a Peppino, lui sa tutto, lui può dirvi tutto.

CONCETTA:(Bravo!).

FELICE:(Ah! Io so’ ttemendo!).

LISETTA:E ched’è sta maniera, che vò dicere stu parlà?

FELICE:E il parlare d’un uomo. (A Concetta:) (Pigliateve nu poco la criatura, pecché io vaco pe piglià a paccare a essa, e coglio la criatura!)

CONCETTA:(Vuje site pazzo, mò me pigliavo la criatura!).

FELICE: E il parlare che fa un uomo che fino a questo momento non è stato mai uomo... cioè... cioè... non è stato mai un uomo positivo... è stato un poco debole... anzi, molto concessionario. (A Concetta.) (Comme ve pare?)

CONCETTA: (Troppe chiacchiere, vuje avita fà li fatte!)

FELICE: (Chella tene la criatura mbraccia, capite, non posso far niente). Tutto mi potevò credere, ma fuorché ca se fosse arrivato a chesto... Vergogna per la faccia vostra, e doppia vergogna per la faccia mia! (c.s.) (Comme ve pare?)

CONCETTA: (Si, va buono, ma so’ sempe chiacchiere!).

FELICE:(Mannaggia a la criatura, mannaggia, ve vularrìa fà vedé belli cose!).

LISETTA:Neh! Felì, ma se po’ sapé che cancaro t’è venuto?...

PRUBECHELLA: Neh! D. Concettè, ha ditto D. Peppino lo pranzo è pronto? Chille li signure hanna mangià.

CONCETTA: Si, va bene, po’ se ne parla.

LISETTA (a Prub.): Guagliò, famme lo piacere, tieneme nu poco stu piccerillo, agge pacienza.

PRUBECHELLA:Sissignore. (Lo prende.)

CONCETTA: (Uh! Ha pusato la criatura, mò è lo mumento!).

LISETTA:Felì, ma se po’ sapé ch’arma de mammeta staje dicenno?

CONCETTA:(Scuse!).

FELICE:(Eh! questo è niente).

LISETTA:Tu fusse ascito pazzo, o te fusse mbriacato?

FELICE:Già, me so’ mbriacato! (A Conc:) (Dicimmo che sto mbriaco).

CONCETTA: (Eh! dicite chello che dice essa!).

FELICE:Si, sto mbriaco.

LISETTA:E quanno staje mbriaco va te cocca ch’è meglio!

FELICE:M’aggia j a cuccà?... E se io non tenesse suonno?

LISETTA: E allora fatte na cammenata de nu pare d’ore, e sbarea nu poco pe la strada... ca staje proprio sbarianno!

FELICE:Ah! sto sbarianno? (C.s.) (Dicimmo che sto sbarianno!)

CONCETTA: (Eh! Va buono!).

FELICE:Già, sto sbarianno... stasera però, stasera parlammo!

LISETTA (prende una sedia): Neh! ma tu quanno maje haje fatto chesto, mò te scasso na seggia ncapo!

FELICE (intimorito): State ferma... Stasera... stasera parlammo!... (Scansando Lisetta, camminando dinanzi a lei per la paura, via.)

CONCETTA:(Nun sapevo che voleva fà, e po’ non ha fatto niente!).

LISETTA:Va trova che pasticcio avranno fatto... Va trova chi l’ha mbuttunato!

CONCETTA: Per me non l’aggio mbuttunato certo.

LISETTA:Scusate, io non l’aggio cu vuje.

CONCETTA: No, me credevo che parlaveve de me.

LISETTA:Niente affatto, l’aggio co lo viento, l’aggio cu ll’aria, ma hanno voglia de mbuttunà, ca cu mmico non ne cacciano niente, e po’ a me non m’hanno fatto maje specie li male lengue, e l’attizza fuoche, tale e quale comme a te! Ma che te cride ca io non aggio capito ca quacche cosa haje avuta dicere a chillo stupido de maritemo, e perciò chillo ha parlato de chella manera... Ma siente Cuncè, chello ca te dico, nun parlà male de me, pecché si me votene li cervelle, t’afferro, e facimmo a cchiù n’have se ne tene!

CONCETTA Vattenne, famme stu piacere, si no piglio na cosa e te la scasse ncapo!

LISETTA:Tu a mmé?

CONCETTA:Si, io a te!

PRUBECHELLA (in mezzo): Bella figliò, stateve cujete!...

LISETTA (prende il bimbo): Basta, piccerè nce vedimmo!

CONCETTA: Quanno vuò tu!

SCENA SESTA

Peppino e detti, poi Felice.

PEPPINO:Neh! Prubechè, tu haje fatto la mmasciata?

PRUBECHELLA:Sissignore...

CONCETTA:Nun te ne ncarricà, me l’aggia vedé io, nun te ne ncarricà...

PEPPINO:Comme, io te l’avviso...

CONCETTA: Da te nun voglio essere avvisato niente.

PEPPINO:Eh! Io nun lo sapevo, n’ata vota nun t’avviso niente cchiù, te lo vide tu co li patrune... E voi, D. Lisè, nun saccio comme ve veco... ah! ho capito, aspettate il consorzio... lo vedite ccà, sta venenno. D. Felì, venite ccà, ce sta la mugliera vosta.

FELICE:Lo sò!...

PEPPINO:(Mall’arma de mammeta!)

FELICE:Non c’era bisogno che me lo diceva lei, lo sò dove sta mia moglie.

PEPPINO:Scusate, io non ho creduto di dire niente di male.

FELICE: E quando non credete tacete! (Prub. ride. Felice gli dà uno schiaffo.) Embè, me pare che la può fernì... ride la bestia!

PRUBECHELLA: Guè, chillo comme mena, vuje v’avita sta sode cu li mmane!

FELICE:E tu n’ata vota non ridere, che m’haje pigliato pe D. Nicola, ccà nce stà D. Nicola, ma non so’ io però!

PEPPINO (prendendolo per il naso): Scusate, si non site vuje, chi sarrìa stu D. Nicola?

FELICE: Prima di tutto non mi prendete pe lo naso... Non sò... chi mi sente mi capisce, a buon intenditore poche parole!

PEPPINO:A comme pare ccà sul’io nce stongo, dunque io so’ D. Nicola.

FELICE: Quando lo dite voi, poi, è un altro affare.

PEPPINO:Ah! So’ D. Nicola, N’aggio tanto piacere!

FELICE:Io pure!

PEPPINO:Io mò sa che faccio, mò nun è momento de parlà pecché s’ha da fernì de priparà la tavola, ca li signure hanna da mangià, doppo mangiato parlammo!

FELICE:Quando volete voi!

CONCETTA:Ccà, doppo mangiato, s’hanna mettere nchiaro paricchie ccose.

PEPPINO:Che cose?

FELICE:Niente, niente... cose de poco mumento!

LISETTA:Vulimmo parlà pure de lo giardino e l’albero de limone.

PEPPINO:Va bene, parlammo de chello che vulite vuje, mò pensammo a ffà chello ch’avimma da fà.

PRUBECHELLA:Neh! Vuje ve vulite spiccià?...

FELICE:Tu nun t’ammuinà, nun te mettere mmiezo, pecché si sulo t’assiette a tavula, quanno mangiammo, io me sose e me ne vaco a n’ata parte.

PRUBECHELLA:Uh! E pecché?

FELICE:Pecché tu sei uno sguattero, e non te può assettà a la stessa tavola mia, bastantamente quanto soffro a stà assettato mieze a serviture, ce mancave pure tu.

PEPPINO: Pecché scusate, vuje chi site, non site servitore?

FELICE:Io sono servitore perché la disgrazia così ha voluto, ma io non sono nato così... mio padre teneva la carrozza.

PEPPINO: Che faceva lo cucchiere affitto?

FELICE:Lo faceva pateto lo cucchiere affitto, teneva la carrozza per conto suo, da la matina a la sera jeva sempe ncarrozza.

PEPPINO:Ah! Aggio capito, faceva lo tiramole.

FELICE:Faceva lo tiramole? T’aggio ditto ca nun voglio pazzià, pecché faje lo ridicolo voglio sapé!

PEPPINO:Neh! Mò me chiamme pure ridicolo?

FELICE:Eh! Ridicolo, si, tu te ne viene ca papà faceva lo tiramole.

PEPPINO:Accussì me credevo, chesto che cos’è!

FELICE:Papà jeva sempe ncarrozza, e tutte li servizie suoje li faceva dinta a la carrozza.

PEPPINO:Vì ch’aveva essere sta carrozza!

SCENA SETTIMA

Giovanni e detti.

GIOVANNI: Neh! Ma vuje ve ne site scurdate de la tavula? Chille stanno comme a tanta pazze a la via de dinto. Io l’aggio ditto ca tutto è pronto... Neh! Cuncè, e tu te ne staje ccà?...

CONCETTA: Llà è pronto, facite ampressa a servì a tavola, ca doppo ch’avimmo mangiato, come avete detto voi, s’hanna chiarì diverse cose... Ccà ha da succedere nu guaio!

PEPPINO: Ccà, doppo mangiato, nce jammo a cuccà tutte quante, siente a me!

FELICE:Io nun me vaco a cuccà certo!

PEPPINO:è segno ca nun tiene suonno!

GIOVANNI: Neh! Ma che so’ sti parole co lo revettiello?

FELICE:No, mi dovete dire come s’intende stu revettiello?

GIOVANNI: Va buò, chillo ha capito!

FELICE:E ched’è, sul’isso ha da capì, io nun aggio capito niente.

PEPPINO:Ha voluto venì a dicere ca nuje parlaveme sottinteso, avite capito?

FELICE:è inutile, io tra servitori non mi ci trovo... E voi specialmente spiegatevi bene, parlate chiaro, ca si no doppo se capisce na cosa pe n’ata... voi siete facile a capì, e a vedé na cosa pe n’ata... Come pure dicisteve ca io e D. Cuncettella qui presente, steveme abbascio lo giardino sotto a lo pere de limone.

CONCETTA:Non c’è che fà, chillo D. Peppino pigliaje nu sbaglio, se credeva ch’ero io, invece chell’era la sora!

FELICE:Ah! Era la sorella?

PEPPINO:No, era mammeta! Cuncè, levamme li pariente da miezo, si no ce pigliammo collera.

CONCETTA:Vattenne, ce pigliammo collera, ca tu sì stato sempe nu sbruffone, sì buono sule a caccià calunnie.

LISETTA:Addà truvà pure chi lo crede.

FELICE:Zitta voi, non parlate, che qui si sa tutto!

LISETTA:Mò dice n’ata vota ca se sape tutto, ma che se sape famme sapé?

FELICE:Abbiamo detto che se ne parla dopo pranzo, e dopo pranzo se ne parla.

LISETTA:No, tu haje da parlà mò, e m’haje da dicere chi t’ha mbuttunato?

FELICE:M’ha pigliato pe lacierto!

LISETTA:Chi t’ha jncuto la capa... ca chiunque è, la voglio fa parlà cu mmico!

CONCETTA:Bella figliò, tu senza che t’amarigge, ca ccà pe regola toja nun ce mettimmo appaura de nisciuno!

LISETTA:Allora sì stata tu?

CONCETTA:Si, so’ stata io!

FELICE:Allora parlate, vediamo come si discolpa.

CONCETTA: So’ stata io che l’aggio ditto ca aieressera la truvaje nzieme cu Peppino, è buscìa forse?

LISETTA:Puzzate murì de subbeto, vì che brutta gente... E ched’è, che guaio fuje ca me truvasteve nzieme cu Peppino?

PEPPINO (ride): Io le jette addimannà...

FELICE: Zitto voi, noi parleremo dopo!

GIOVANNI: Ma scusate, perdonate, io non capisco...

LISETTA:Sentite, io n’aggio conosciute male lengue, ma comme stanno dinta a sta casa non aggio visto ancora.

CONCETTA: E mò chiamme n’ata vota male lengua, quanno non te conviene de sentì parlà de te, cammina deritta, cammina onestamente!

LISETTA Guè!, nun parlà d’onestà sà... ca tu non sì degna manco de me guardà.

CONCETTA:Vattenne, v’arricchisce n’ata casa, che ccà non nce faje bene, siente a mme!

LISETTA:Aggio obbligazione a chistu turzo de marito, de mme sentì tutte sti chiacchiere.

FELICE:Nce haje colpa tu!

LISETTA:E da chi po’, da cierta gente ca me fa scuorno sulo a guardarle.

CONCETTA: Sciù pe la faccia toja, nuje facimmo scuorno a te, va trova da quà muntagna sì venuta!

FELICE:Uh! De la muntagna?

LISETTA:Io so’ de la muntagna?

FELICE:T’avarria pigliata pe nucelle!

LISETTA:Tiene nu mumento ccà. (Da il bimbo a Felice.) Guè, faceva lo tammurriello pittato, statte zitta ca si no te scommo de sangue!

CONCETTA: Va llà, scumme de sangue! (Giov. e Pepp. in mezzo.) Mò overo te ne faccioj co la capa rotta a te, e a stu chiachiello de mariteto!

FELICE:Chiachiello poi!... (A Pepp. dandogli il bimbo.) Scusa, tieni nu momento ccà... Pe regola vosta io non so’ chiachiello sà!...

CONCETTA: No una vota, ma doje, tre quatte, dieci vote... N’atu marito a chest’ora l’avarrìa fatto tanto la faccia!

FELICE:Io nun aggia vattere a essa, aggia vattere a Peppino!

PEPPINO: A me? Giovà, tiene ccà, agge pacienza. (Gli da il bimbo.) Fino a mò aggio sopportato, me sò stato zitto, ma mò nun me fido cchiù la verità, tu a chi vuò vattere?

FELICE:A te, a te!

PEPPINO:Va llà, vattenne, vedite chi parla de vattene, mò si nun te staje zitto te ceco n’uocchie, e te lo metto mmane!

FELICE:E chesto sapite dicere voi altri, siete servitori e tanto basta! (D.d. campanello.)

GIOVANNI:Pecché, ched’è che simme serviture... (A Prub.) Tiene ccà nu mumento. (Gli dà il bimbo.) Simme serviture, pecché ched’è tu fusse meglio de nuje?

FELICE:E se capisce, io ho fatto male a venì miezo a vuje!

GIOVANNI:Tant’onore haje potuto ricevere!

SCENA ULTIMA

Ernesto, Rafele, Carlo, Alessio, Nannina e detti.

ERNESTO:Ma che site nzurdute tutti quanti?

RAFELE: Stu pranzo è pronto si o no?

PEPPINO:è pronto, eccellenza.

ERNESTO:Pronto! pronto! E nun vene maje, chesta che porcheria è! Invece di eseguire gli ordini del vostro padrone, ve ne state lloco a chiacchierà.

RAFELE:Nu pranzo comme a chisto non l’aggio visto maje!... Chi roseca da ccà, chi roseca da lla, senza sapé la ragione!...

LISETTA:Signò, io ve faccio sapé ca nuje ce ne jammo.

ERNESTO:Come, ve ne andate, e perché?

LISETTA:Pecché la servitù che tenite ce tira nfronte, e io non me voglio ncuità!

FELICE:Io non intendo passare nu guaio, caro signore!

PEPPINO:Signò, vedite...

CONCETTA: Chella essa...

GIOVANNI: Eccellenza lloro...

ERNESTO:Zitti tutti. Domani parliamo. Tu, Lisetta, non te ne andrai, perché non ci può essere nessuno che mi preme più de la nutriccia.

LISETTA:Grazie eccellenza.

FELICE:Grazie Ernesto.

ERNESTO:Lete da lloco, Ernesto! Ha pigliato ca parla co lo frate!

ALESSIO: Va bene, ho capito; io per me doppo ch’aggio mangiato, me faccio la valigia e me ne vaco.

ERNESTO:E pecché?

ALESSIO:Pecché aggio capito ca nuje duje ccà nun ce putimmo stà, mettiamo in subbuglio la pace domestica. Io e D. Carlo non andiamo d’accordo, non ci troviamo di carattere, e voi per mezzo nostro state in discordia... Eh! Vedita llà che facce di funerale!

CARLO:In questo caso, prego, me ne vado io.

ALESSIO: No, no, me ne vaco io.

CARLO: No, no...

ALESSIO: Allora senza che ce pigliammo collera, sapite che volimmo fà, jammuncenne tutte e duje e felice notte!

CARLO:Approvo perfettamente!

NANNINA: Ma perché?

ERNESTO:Ma per quale ragione?

ALESSIO:Sentite a me, ccà si nun ce ne jammo nuje, vuje nun state cujete... Andiamo, fate pace, non ve voglio vedé così. (Spinge Ernesto e Nannina ad abbracciarsi.)

TUTTI:Bene! Bravi!...

ERNESTO:Ed ora, servite subito il pranzo.

PEPPINO:Subito. (si avviano tutti.)

RAFELE:Ah! Deo Grazias, mò scunucchiavo! (Via.)

FELICE: Lisè, perdoname!

LISETTA:Io t’aggio già perdonato!

FELICE Avimmo avuto na bella soddisfazione!

LISETTA:Stanno llà ddereto rusecanno, va trova che dicene de me puverella!

FELICE: Lisè, che te ne preme di due o tre persone, lascia de parlà, lascia de ruseca, e il pubblico che deve giudicare. Ed io spero che a questo pubblico, le so’ piaciuto li pasticcie de chesta nutriccia!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 19 volte nell' arco di un'anno