La pastiglia

Stampa questo copione

LA PASTIGLIA

LA PASTIGLIA

Di Velise Bonfante

Scena: Una cucina o una sala. Appoggiata alla parete c’è una scopa. È notte fonda. Miro ha mal di denti, entra in scena in pigiama e con un foulard legato attorno alla testa.

Personaggi: Casimiro (detto Miro) e Geltrude - marito e moglie.

******

Miro) (Entrando) Oh, oh che mal Signur, ma che mal de dèncc. Oh, vardóm se rie a troà na pastiglia. En chèsta casa che se tróa mai gnènt, g’ho za sircàt en del mobilèt del bagn ma de pastiglie gna l’ómbra. Oh, che mal (apre qualche antina e qualche cassetto, invano) gnènt, me tocarà tègner el mal de dèncc töta nòt (trova una scatoletta) Oh menomal, menomal (la apre e si accorge che ce n’è una sola) menomal che l’è mia vöda gh’è amò una pastiglia (va a prendere un bicchiere di acqua e si appresta a bere la pastiglia che però gli cade in terra, disperato inizia a cercarla chiamando la moglie) Geltrude Geltrude cór cór.

Geltrude) (Entrando con una vestaglia da camera ed i bigodini sulla testa) Cosa ghèt de uzà Miro? Che t’è sücès? Stét mal?

Miro) (Da questo momento in poi ha sempre il bicchiere di acqua in mano) Férmet, fèrmèt, sta ferma endó te sét, fa pö gna ‘n pas.

Geltrude) (Avanzando di un passo) Ma...

Miro) T’ho dit “Férmet - férmet” e se te me la pèstet! E se te me la s-chìset! Me dopo come fói?

Geltrude) Miro, te me dessedàt a le dò de nòt te uzàet compagn de ‘n mat. Me córe ché isé preocupàda e te te me férmet! Varda che mé vó apó da ‘ndó só vignida e sensa pensaga sura dò ólte.

Miro) Ferma, ferma! Geltrude sta fa pö gna ‘n pas, gna en avanti e gna a l’endré.

Geltrude) Vöt fam capì en vergót apó a me?

Miro) M’è cascàt la pastiglia.

Geltrude) Quale pastiglia?

Miro) Chèla per el mal de dèncc. L’ünica pastiglia en töta la casa.

Geltrude) (Guardano per terra e cercando) De che culur érela?

Miro) Bianca.

Geltrude) E come èrela gròsa? (fa un passo per avvicinarsi)

Miro) Ferma che te me la schìset e me dopo che foi? Ferma, sta ferma endó te set! Chesta l’è l’unica pastiglia contra el mal de dèncc en töta  la casa!

Geltrude) Come èrela gròsa? Èrela almém en pó gròsa?

Miro) Secondo te come èle gròse le pastiglie! Isé? (Facendo un gesto esagerato con la mano) chèsta l’è en laursì isé! (fa il segno toccando il pollice con l’indice) anzi, pö picola amó.

Geltrude) Sarà na paja tróala, ma dim come se fa a troà na pastiglièta bianca, per de pö picinina-picinina en sö en paimènt bianch, pùdiet mia ‘ndà de là a pirdìla che de là gh’è ‘l paimènt scür? 

Miro) El só apó mé che de là gh’è ‘l paimènt scür Geltrude, però a me la m’è cascada ché!

Geltrude) Pröóm có la scùa.

(La scopa appoggiata al muro nel centro della stanza deve essere ad una distanza pari ed irraggiungibile - senza fare un passo -  sia dal marito che dalla moglie, per cui entrambi si allungano per tentare di prenderla.)

Geltrude) Te, Miro, pòsta chèl bicér de acqua lé. El sét mia che se per disgrazia t’èl roèrset en tera te se dèsfa töta la pastiglia?

Miro) Te gh’è rizù Geltrude, ma ‘ndó ‘l pòste?

Geltrude) En sö la taola.

Miro) Ghe rie mia.

Geltrude) En söl mòbil lé dedré.

Miro) Ghé rie mia.

Geltrude) Pòstèl en tera alura.

Miro) (Depone il bicchiere) Ricordómes che l’è ché.

Geltrude) (Sempre tentando di prendere la scopa) Pòstel en pó pö ‘n là, vizì al mür, no se sà mai.

Miro) (Anche lui si allunga il  più possibile) Scüza nè Geltrude, ma pròpe lé ghèt de lasà la scua?

Geltrude) El sére me, che a te, te cascàa la pastiglia bianca en sö ‘l paimènt bianch?

Miro) Perchè me ‘l sére che pròpe sta nòt me sarés vignìt el mal de dèncc? Cosa sói en indovino?

(Loro sono sempre fermi al loro posto, con i piedi non si muovono, però Geltrude allungandosi riesce a prendere male la scopa, le scivola dalle mani e va a finire sulla testa di Miro.)

Miro) Oh, sét drée a dà i nömer! Oh che mal, che bòta, pötèi che bòta.

Geltrude) Sta mia agitàt per isé póch Miro, che sedenò te vé ‘l brüzùr de stòmech, te vedaré che se tróom la pastiglia, te la béet e la te fa bé sia per el mal de có che per el mal de dèncc.

Miro) E se la tróom mia? Oltre al mal de dèncc adès m’è vignìt el mal de có.

Geltrude) Sta mia mitìla zó tant spèsa, nóm Miro, tö sö che la scua lé e àmbia a scuà, isé vedom se rióm a troàla sta madedeta pastiglia (sbadigliando) e dopo forse turnóm a lèt, mé g’ho en sòn adòs!

Miro) Che mal de có, ma che pàca! Oh.

Geltrude) Oh, quante storie per en mànech de na scùa sö ‘l có!

Miro) Sé, pröa té a ciapàl söl có e dopo te saré dì.

Geltrude) Dai, slónghela de ché che pröe a spasà el paimènt (fa per muoversi per prendere la scopa). Ferma, ferma, sta mia muìt! (Nel tentativo di fermarla rovescia il bicchiere) Ohhh...

Geltrude) Brao, brao, prega ‘l Signur che la tò pastiglia la se tróe da n’altra banda sedenò addio.

Miro) L’è töta culpa tò. Te se stada té a fàmela postà lè. Sömea che te fàghet aposta per fam dispèt.

Geltrude) Ma valà dispèt, sculta Miro, e adès come fóm a doprà la scua co l’acqua en tera? (guarda il pavimento allargando le braccia dispiaciuta) Te Miro (meravigliata) vardela lé la tò pastiglia!

Miro) Ma dìzet de bu?

Geltrude) A me, la me par pròpe la tò pastiglia, però sö sensa öciai.

Miro) Fam véder. Me vède gnènt.

Geltrude) (Indicando col dito) Lé, varda, lé.

Miro) (Strizzando gli occhi nel tentativo di vedere meglio) E se l’è na briza de pa?

Geltrude) Sculta Miro, pòde endà a töla sé o no?

Miro) E se l’è mia chèla? E se ‘n del muìt te me pèstet chèla vera?

Geltrude) Dai, pàsem che la scua lé che pröe a tiràmela en sa.

Miro) (Nel tentativo di passarle la scopa si mette su di una gamba sola, scivola e casca in terra) Oh che paca al cül, oh che mal!

Geltrude) (Prendendo la scopa) Te sét fat mal Miro?

Miro) No, me só fat bé Geltrude, scüza nè, giü ‘l casca en tera e secondo te...

Geltrude) (Interrompendolo) Me vulìe domandàt en che modo te sét fat mal?

Miro) Te saré na bestia de na fómna! Ghét mia vist che só sbrisiàt!

Geltrude) E sercà de èser en pó pögentile?

Miro) Scüsa Geltrude, sérca de capì, varda en che cundisiù so ché!

Geltrude) Te ghe rezù, poarèt a te. Me vulìe apena domandàt (sottolineandolo) quanto... quanto te set fat mal.

Miro) (Massaggiandosi il sedere) Quanto, come, en che modo; g’ho ciapàt na bòta al cül, e de la metà ghe naréès vit asé. Sét contenta adès!?

Geltrude) (Spazientita) Sculta Miro, j-è le dò de nòt, vöt vegner a sègn se o nò có sta pastiglia?

Miro) Endó èla la pastiglia?

Geltrude) (Guardandosi attorno perplessa con la scopa in mano) La vède pö. Endó saràla nada? L’era ché adès.

Miro) Adès salta föra che la pastiglia la g’ha  le gambe. Pröa co’ la scùa nò, envece che sta le ferma empalada compagn de en pal.

Geltrude) (Inizia a scopare lentamente guardando fisso il pavimento) Te Miro, varda, vardela ché la tò pastiglia. Ghét vist che l’era mia na briza de pa, l’è pròpe la tò pastiglia.

Miro) Oh, meno mal che te lé troada, sperom che la me faghe pasà töt, che la faghe efèt sö (elencando sulle dita) el mal de dèncc, el mal de cö, el mal de cül e el ganf a le gambe a forsa de sta fermo.

Geltrude) Te Miro, só dré a pensà, el sét che l’è mia vera che en chèla casa chée gh’è apena che la pastiglia ché.

Miro) Cosa volaréset dì Geltrude.

Geltrude) Che te ghéret de dim che l’èra de che la marca ché (buttandola via) che ‘n fét de chèsta pastiglia che l’è stada en tera e l’è töta spurca e ruinada? En del casèt del me cumudì ghe n’ho en pachèt entrèch e pròpe de chèsta marca. J-ho comprade el més pasàt.

Miro) Oh, de bu?

Geltrude) Certo, le fa bé fis per el mal de có, t’el set che me patìse fis el mal de có, stà calmo che se te te agìtet, t’el sét,  che dopo te vé sö ‘l brüzùr de stòmech. Adès vö a töle (esce).

Miro) (Rimasto solo) A dì la verità me par de sènter za en bris de brüzür, a scultà bé, (si tocca lo stomaco) me par de sintìl ché, en del cantunsì ché. Ghe mancarés apena el mal de stòmech stasera (in silenzio, ascolta) sito, sito, me par che ‘l sape dré a riàm de bu el brüzùr de stòmech. Menomàl che me fómna la g’ha catàt le pastiglie.

Geltrude) (Rientrando) Te Miro.

Miro) Ehhh

Geltrude) Sö mia come fa a dìtel.

Miro) Che ròba?

Geltrude) En del casèt del cumudì...

Miro) E alura?

Geltrude) Le pastiglie le gh’è pö.

Miro) Cosa ghèt dit!

Geltrude) Se vèt che j-è za stade doprade.

Miro) Cosa ghét dit! Beato la me pastiglia. Dai, ànbiet a sircà la me pastiglia.

Geltrude) (Fa per muoversi.)

Miro) No, ferma, ferma, guai se per caso te me la pèstet. La me pastiglia endó sarala? Beato, adès m’è vignìt apó el brüzur de stomèch. E che brüzùr. “Sant Antonio de la barba bianca fam troà chel che me manca”.

(Tutti e due ripetono “Sant Antonio dalla barba bianca fam troa chel che me manca” e girano attorno al tavolo cercando la pastiglia.)

Fine

LA PASTIGLIA

TRADUZIONE LETTERALE IN ITALIANO

Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali. Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale).

Scena: Una cucina o una sala. Appoggiata alla parete c’è una scopa. È notte fonda. Miro ha mal di denti, entra in scena in pigiama e con un foulard legato attorno alla testa.

Personaggi: Casimiro (detto Miro) e Geltrude - marito e moglie.

******

Miro) (Entrando) Oh, oh che male Signore, che mal di denti. Oh, guarda se si riesce a trovare una pastiglia. In questa casa non si trova mai nulla, ho già cercato nel mobiletto del bagno ma di pastiglie nemmeno l’ombra. Oh, che male (apre qualche antina e qualche cassetto, invano) niente, mi toccherà tenere il mal di denti tutta notte (trova una scatoletta) Oh menomale, menomale (la apre e si accorge che ce n’è una sola) menomale che non è vuota, c’è ancora una pastiglia (va a prendere un bicchiere d’acqua e si appresta a bere la pastiglia che però gli cade in terra, disperato inizia a cercarla chiamando la moglie) Geltrude Geltrude corri corri.

Geltrude) (Entrando con una vestaglia da camera ed i bigodini sulla testa) Cos’hai da gridare Miro? Che ti succede, stai male?

Miro) (Da questo momento in poi ha sempre il bicchiere d’acqua in mano) Fermati, fermati, sta ferma dove sei, non fare nemmeno un passo.

Geltrude) (Avanzando di un passo) Ma...

Miro) T’ho detto “Fermati - fermati” e se me la pesti! E se me la schiacci! Io dopo che faccio?

Geltrude) Miro, mi hai svegliato alle due di notte gridando come un matto. Corro qui preoccupata e tu mi fermi! Guarda che io vado da dove sono venuta senza pensarci due volte.

Miro) Ferma, ferma! Geltrude non fare più nessun passo, né in avanti né indietro.

Geltrude) Vuoi far capire qualcosa anche a me ?

Miro) Mi è caduta la pastiglia.

Geltrude) Quale pastiglia?

Miro) Quella per il mal di denti. L’unica pastiglia in tutta la casa.

Geltrude) (Guardano per terra e cercando) Di che colore era?

Miro) Bianca.

Geltrude) E com’era grossa? (fa un passo per avvicinarsi)

Miro) Ferma che se me la schiacci io dopo cosa faccio? Ferma, resta ferma dove sei! Questa è l’unica pastiglia contro il mal di denti in tutta la casa.

Geltrude) Com’era grossa? Era almeno un po’ grossa?

Miro) Secondo te come sono grosse le pastiglie! Così? (Facendo un gesto esagerato con la mano) questa è una cosina così! (fa il segno toccando pollice con indice) anzi, più piccola ancora.

Geltrude) Non sarà semplice trovarla, dimmi come si fa a trovare una pastiglietta bianca, per di più piccolissima su di un pavimento bianco, non potevi andare a perderla dove c’è un pavimento scuro?

Miro) Lo so anch’io che di là c’è il pavimento scuro Geltrude, però a me è caduta qui!

Geltrude) Proviamo con la scopa.

(La scopa appoggiata al muro nel centro della stanza deve essere ad una distanza pari ed irraggiungibile - senza fare un passo -  sia dal marito che dalla moglie, per cui entrambi si allungano per tentare di prenderla.)

Geltrude) Miro, appoggia quel bicchiere d’acqua lì. Non sai che se per caso la rovesci ti si scioglie tutta la pastiglia?

Miro) Hai ragione Geltrude, ma dove lo appoggio?

Geltrude) Sul tavolo.

Miro) Non ci arrivo.

Geltrude) Sul mobile dietro a te.

Miro) Non ci arrivo.

Geltrude) Appoggialo in terra allora.

Miro) (Depone il bicchiere) Ricordiamoci che è qui.

Geltrude) (Sempre tentando di prendere la scopa) Appoggialo un po’ più in là, vicino al muro, non si sa mai.

Miro) (Anche lui si allunga il  più possibile) Scusa Geltrude, proprio lì dovevi lasciare la scopa?

Geltrude) Lo sapevo io che a te sarebbe cascata la pastiglia bianca sul pavimento bianco?

Miro) Perché lo sapevo io che proprio questa notte mi sarebbe venuto mal di denti? Cosa sono un indovino?

(Loro sono sempre fermi al loro posto, con i piedi non si muovono, però Geltrude allungandosi riesce a prendere male la scopa, le scivola dalle mani e va a finire sulla testa di Miro.)

Miro) Oh, stai dando i numeri! Oh che male, che botta, ragazzi che botta.

Geltrude) Non agitarti per così poco Miro, altrimenti ti viene il bruciore di stomaco, vedrai che se troviamo la pastiglia, la bevi e ti farà bene sia per il mal di testa che per il mal di denti.

Miro) E se non la troviamo? Oltre al mal di denti ora mi è venuto il mal di testa.

Geltrude) Non metterla giù spessa Miro, prendi quella scopa i inizia a scopare così vediamo se riusciamo a trovarla questa maledetta pastiglia (sbadigliando) e dopo forse torneremo a letto, io ho molto sonno!

Miro) Che mal di testa, che botta! Oh.

Geltrude) Oh, quante storie per un manico di scopa sulla testa.

Miro) Sì, prova tu a prenderlo sulla testa e poi mi saprai dire.

Geltrude) Dai, allungamela che provo io a scopare il pavimento (fa per muoversi per prendere la scopa). Ferma, ferma, non muoverti! (Nel tentativo di fermarla rovescia il bicchiere) Oh...

Geltrude) Bravo, prega il Signore che la tua pastiglia si trovi da un’altra parte altrimenti addio.

Miro) È colpa tua, sei stata tu a farmela appoggiare lì. Sembra che tu lo faccia apposta per farmi dispetto.

Geltrude) Va là dispetto, ascolta Miro, e ora come facciamo ad usare la scopa con l’acqua per terra? (guarda il pavimento allargando le braccia dispiaciuta) Miro (meravigliata) guardala qui la tua pastiglia!

Miro) Dici davvero?

Geltrude) A me sembra proprio la tua pastiglia, però sono senza occhiali.

Miro) Fammi vedere. Io non vedo nulla.

Geltrude) (Indicando col dito) Lì, guarda lì.

Miro) (Strizzando gli occhi nel tentativo di vedere meglio) E se è una briciola di pane?

Geltrude) Ascolta Miro, posso andare a prenderla sì o no?

Miro) E se non è quella? E se nel muoverti mi calpesti quella vera?

Geltrude) Dai, passami quella scopa che provo a tirarmela vicino.

Miro) (Nel tentativo di passarle la scopa si mette su di una gamba sola, scivola e casca in terra) Oh che pacca al sedere, oh che mal!

Geltrude) (Prendendo la scopa) Te sei fatto male Miro?

Miro) No, mi sono fatto bene Geltrude, scusa ma se uno casca in terra secondo te...

Geltrude) (Interrompendolo) Volevo domandarti in che modo ti sei fatto male?

Miro) Sarai una bestia di moglie. Non hai visto che sono scivolato!

Geltrude) E cercare di essere un po’ più gentile ?

Miro) Scusa Geltrude, cerca di capire, guarda in che condizioni sono qui!

Geltrude) Hai ragione, povero te. Volevo solo domandarti (sottolineandolo) quanto... quanto ti sei fatto male.

Miro) (Massaggiandosi il sedere) Quanto, come, in che modo; ho preso una pacca al sedere che della metà ne avrei avuto abbastanza. Sei contenta ora?!

Geltrude) (Spazientita) Ascolta Miro, sono le due di notte, vuoi spicciarti con sta pastiglia sì o no.

Miro) Dov’è la pastiglia?

Geltrude) (Guardandosi attorno perplessa con la scopa in mano) Non la vedo più. Dove sarà andata? Era qui adesso.

Miro) Adesso salta fuori che la pastiglia ha  le gambe. Prova con la scopa invece di star lì ferma impalata come un palo.

Geltrude) (Inizia a scopare lentamente guardando fisso il pavimento) Miro, guarda, guardala qui la tua pastiglia. Hai visto che non era una briciola di pane, era proprio la tua pastiglia.

Miro) Oh, meno male che l’hai trovata, speriamo mi faccia passare tutto, che faccia effetto (elenca sulle dita) sul mal di denti, il mal di testa, il mal di sedere e i crampi alle gambe a forza di star fermo.

Geltrude) Miro, sto pensando, non è vero che in questa casa c’è solo questa pastiglia.

Miro) Cosa vorresti dire Geltrude.

Geltrude) Che dovevi dirmi che si trattava di questa marca (buttandola via) che ne fai di questa pastiglia che è stata in terra ed è tutta sporca e rovinata? Nel cassetto del mio comodino ne ho un pacchetto intero e proprio di questa marca. Le ho comperate il mese scorso.

Miro) Oh, davvero?

Geltrude) Certo, vanno benissimo per il mal di testa, lo sai che io soffro del mal di testa, sta calmo non agitarti che non ti venga il bruciore di stomaco, ora vado a prenderle (esce).

Miro) (Rimasto solo) A dire la verità mi pare già di sentire un poco di bruciore, ad ascoltare bene (si tocca lo stomaco) mi pare di sentirlo qui, in quest’angolo. Mancherebbe solo il mal di stomaco stasera (in silenzio, ascolta) silenzio, silenzio, mi pare proprio che mi stia arrivando il bruciore di stomaco. Menomale che mia moglie ha trovato le pastiglie.

Geltrude) (Rientrando) Tu Miro.

Miro) Eh.

Geltrude) Non so come fare a dirtelo.

Miro) Che cosa?

Geltrude) Nel cassetto del comodino...

Miro) E allora?

Geltrude) Le pastiglie non ci sono più.

Miro) Cosa hai detto!

Geltrude) Se vede che sono state usate.

Miro) Cosa hai detto?! Beato la mia pastiglia. Dai, inizia subito a cercare la mia pastiglia.

Geltrude) (Fa per muoversi.)

Miro) No, ferma, ferma, guai se per caso me la pesti. La mia pastiglia dove sarà? Beato, ora mi è venuto anche il bruciore di stomaco. E che bruciore: “Sant'Antonio della barba bianca fammi trovare quel che mi manca”.

(Tutti e due ripetono “Sant'Antonio dalla barba bianca fammi trovare quel che mi manca” e girano attorno al tavolo cercando la pastiglia.)

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 17 volte nell' arco di un'anno