La Pimpaccia de piazza Navona

Stampa questo copione

PRIMO ATTO

                                Fiammetta Veneziano


    

      

    

          Personaggi                                Interpreti

Olimpia Maidalchini ved. Pamphili

Innocenzo X Pamphili

Pamphilio Pamphili

Camillo Pamphili

Ottavio  Segni

Alberico

Olimpia Aldobrandini ved. Borghese

Gian Lorenzo Bernini

Cristina di Svezia

Lady Elizabeth

Maria

Gaetano

Cecilia

        Oreste

L’azione si svolge a Roma nel 1647 quando Olimpia Pamphili, detta ‘la Pimpaccia’, governava la città sostituendosi al cognato, Innocenzo X, del quale si sospettava fosse l’amante. Gli ambienti sono due:

1-la casa di Olimpia in Piazza Navona (ex Palazzo Pamphili ora ambasciata del Brasile) dove anche Innocenzo preferiva ricevere per le udienze private.

2- Piazza Pasquino (chiamata anticamente Piazza di Parione) con la famosa statua parlante dove si incontrava il popolo per leggere e commentare i motti satirici, le cosiddette Pasquinate.

Pamphilio è un fantasma. Va e viene, nessuno lo vede e nessuno lo sente.

                                 

                               

 PRIMO  ATTO

Introduzione.

Pamphilio a sipario chiuso o con doccia su di lui.

PAMPHILIO- Certo che  a ‘sto monno nun ce se capisce proprio gnente.

Per esempio uno è nato re? E che po’ governà così come je pare?

E no! Vedi in Francia: lì il Cardinal Mazzarino, l’odioso amico de Barberini, governa al posto de Luigi XIV.    

 In Inghilterra il re è stato tolto di mezzo addirittura da Cromwell. 

E qui a Roma nun ne parlamo proprio: dopo più de vent’anni de ruberie dei Barberini, quei malnati, è stato eletto Papa un Pamphili, mi fratello Giovan Battista col nome de Innocenzo X.

E che può comannà com’è giusto che un    Papa comanni? E no, perché quella furbacchiona de mi’ moje, Donna Olimpia  Maidalchini, mette le mani in pasta ovunque, fa il bello e il cattivo tempo e spadroneggia a più non posso.

 Nun se comporta mica tanto bene e, quant’è vero che me chiamo Pamphilio Pamphili, me fa vortà e rivortà nella tomba, quella peste sacrilega.

Il popolo poi nun fa che spettegolà e criticà, nun je sta mai bene gnente, e sulla statue de Pasquino fiorischeno pezzi de carta pieni de ingiurie e cattiverie...

1

Piazza Pasquino: la statua di  Pasquino  al centro con dei fogli attaccati. Gente che si ferma a leggere.

Cecilia si stacca dal gruppo e si avvicina a  Maria che entra in quel momento.

CECILIA-   A sora Marì bongiorno. Saputa la novità?

MARIA-   (accennando al saluto con la testa) Sora  Cecilia...De che    parlate?

CECILIA- (con fare misterioso) A Londra stanno a da’ ‘na commedia...

MARIA- Davero? Mbé?  E che c’è de strano, che da loro non se usa?

CECILIA-Ma no, è che danno ‘na commedia speciale!

MARIA- Cioè ?

CECILIA-Che fa’ ride e pia tutti  in giro. Sembra  poi che ce so’ le donne vere!

MARIA- Che me dite! Lo sapete che le donne nun ponno recità...li preti non vonno!

CECILIA- Li preti predicheno tante cose, ma poi!   E a Londra fanno come je pare, lì mica danno retta ar Papa! Ma stateme a sentì, ‘sta commedia  se chiama:(sottovoce) La moje der Papa!

MARIA- De che? AhAhAh!( ride sguaiatamente)

CECILIA- Zitta ridete piano, che qui come gnente arriva l’Inquisizione!

MARIA-Ma parla de chi stamo a pensà noi? Se se viene a sape’ in giro te lo immagini Pasquino(indicando la statua)!

CECILIA- Pasquino ha già detto la sua stamattina...

MARIA -L’avete letto voi davero?

 CECILIA-Certo che l’ho letto io, e chi sennò?

MARIA- E mo sapete pure legge, anvedi!

CECILIA-Mica so’ ’gnorante come voi!

MARIA- Scusate tanto. E che c’aveva scritto?

CECILIA- Quello che v’ho detto! Che a Londra danno la moje der Papa e Cromuelle ce se fa ‘nsacco de risate!

MARIA- E chi sarebbe?

CECILIA-  Chi?..

MARIA-Cromella?

CECILIA- No, Cro-mu-elle..,ma boh, sara ‘nprete de lì...

MARIA- E tutte ste cose  sapete?

CECILIA-Mo’ stamo a vede che je risponne Marforio...

MARIA- E da chi v’ ‘o farete legge?

CECILIA-Da Oreste er...

MARIA- Allora non siete voi che sapete legge?

CECILIA-Ma certo che so’ io...(offesa)

MARIA- E perché avete nominato Oreste er falegname? Quello sì che sa legge, è cresciuto all’orfanotrofio...jel’hanno ‘mparato i preti!

CECILIA-Lui non c’entra, stavamo a legge ‘nsieme...

MARIA-(allusiva)Ma che, gnente gnente...

CECILIA- Che state a dì io so’ sposata, piuttosto ...nun è che siete gelosa?

MARIA-Gelosa de chi? Ma annate, annate a legge, ‘nsieme, che ja risponne Marforio, che a lingua sta messo bene come Pasquino!

CECILIA- E già, quella c’avuto ’na fortuna...da morta de fame che era e burina , s’acchiappata pure er Papa!   Nun ce posso pensà, me ce rode er fegato! Nun ‘so mejo io? E a me nun me poteva capità ‘n’omo ‘mportante?  Me sarei accontentata pure de ‘n vescovo...’nabate, tiè ‘nparroco...

MARIA-  ‘nsagrestano...

CECILIA- ‘Nvece m’è capitato quell’ignorantone fabbro   che è bono solo a beve e a dormì, e a casa non ce sta mai ‘nbajocco!

 Due guardie scacciano le persone e tolgono i foglietti sulla statua.

MARIA- Ar Papa je rodono le corna!(sottovoce)

CECILIA-Pe modo de dì! Se je rodevano davero, stava più attento alla “Sua Signora”!

MARIA- E c’avete pure ragione, sora  Cecì,ma  visto che la moje non ce la po’ ave’, fa finta de non vede’ e non senti’ !

CECILIA- E se tura pure il naso! Però  la Pimpa è sempre sua cognata, no?

MARIA- E no!?

CECILIA- E pure lei ‘mo nun se pò sposà...

MARIA- E perché mai? Se se sposa, sarebbe il terzo, o mejo, dopo il Papa, che me pare vecchio assai, sarebbe il quarto!

CECILIA-Se li Papi nun se ponno sposà, ve risulta che le Papesse lo ponno fa’?

MARIA- La... Papessa? Ah! ah!ah!

CECILIA- Eh così che la chiameno a Roma, nun ce lo sapete?

MARIA- La Papessa Olimpia Pamphili, detta “la Pimpaccia”(ridendo escono di scena)

2

A casa di Olimpia, seduto su una poltrona, sbadigliando, il fantasma del vecchio Pamphilio  osserva l’andirivieni nervoso di Innocenzo X. Da un lato, con fare ossequioso, Ottavio il cardinale ...(Pamphilio è invisibile a tutti)

OTTAVIO- Ho controllato Santità, purtroppo è vero!

INNOCENZO- Ve dico che ve siete sbajato!

OTTAVIO- Ve posso di’ il luogo, l’ora...

INNOCENZO- Non vojo sapé gnente! (fa due passi e poi si gira) Giovane?

OTTAVIO- Santità, che dire ... un po’...

INNOCENZO- Che vuol dire un po’...o è giovane o non lo è!

OTTAVIO- E’ una via di mezzo, non è vecchio, ma manco  giovane...

INNOCENZO- Sono i più pericolosi, durano di più!

PAMPHILIO-Questo è sicuro!

 INNOCENZO-Nobile?

OTTAVIO- (a testa china quasi sottovoce)Plebeo.

PAMPHILIO-Ce l’ha sempre avuto questo vizio...rustica progenie, semper villana fuit!

INNOCENZO- Di nuovo? Non è possibile. Chi è? Trovatelo e  fatelo chiamare!

OTTAVIO-Santità non vi esponete!

INNOCENZO-  Lo devo tacitare! Soldi, benefici...Diamogli un titolo.

PAMPHILIO- Ma lassa perde da buttà altri soldi. La donna è chiacchierata, lo è sempre stata!

OTTAVIO- Vedete Santità, Donna Olimpia  ha già provveduto.

PAMPHILIO- Oddio, ce risemo!

INNOCENZO- Meno male, e come ha provveduto? 

OTTAVIO-(evidentemente in imbarazzo) Non lo so, ma ne sono sicuro.

INNOCENZO- Se non ne siete sicuro,come lo sapete?

OTTAVIO- Da fonti certe, state tranquillo non ci darà più fastidio...

PAMPHILIO- Lo credo bene(fa il gesto del taglio sul collo)

OTTAVIO-Santità ve chiedo adesso: che devo fare con quel problema di Castro? Pretendono di dire che le terre sono le loro e sapete che  i Farnese...

INNOCENZO- Oh, non mi scocciate adesso, chiederò a Donna Olimpia, in fondo parte delle terre di Castro sono sue!

OTTAVIO- Basterebbe una parola vostra...

INNOCENZO-Devo sentire  prima lei...

PAMPHILIO- Prendessi mai una decisione , sei il Papa o no?

OTTAVIO- Non insisto Santità.

 INNOCENZO-Andate, andate!

OTTAVIO- Vi lascio(Si inchina ed esce)

3

Innocenzo riprende a passeggiare avanti e indietro parlando a se stesso

INNOCENZO-Bene, bene, teniamo l’occhi aperti: so’ il Papa e c’ho le corna...

PAMPHILIO-Ce l’hai belle lunghe, ma consolate...ce l’avevo anch’io!

INNOCENZO- Questa donna mi farà impazzire..

CAMILLO- (entrando)Santità!(si inchina a baciare la mano)

INNOCENZO- Nipote mio carissimo!

CAMILLO- Sono tornato proprio adesso!

INNOCENZO-Come siete stato a Parigi?

CAMILLO- Se vi devo dire la verità, non vedevo l’ora di tornare a Roma. Sì Parigi è bella, ma c’è tanta miseria e i nobili poi: gli uomini tutti avidi e falsi, le donne frivole e licenziose...Luigi XIV si circonda di una Corte così spregiudicata!

PAMPHILIO- Ma questo qui da chi ha preso? Ma sarà poi  fijo mio ?

 INNOCENZO-Caro Camillo, certo Parigi non può dirsi  la culla della morale...

PAMPHILIO- ‘nvece  Roma...

INNOCENZO- Ma ricordiamoci che Luigi può essere un buon alleato del Papa e dei  Pamphili in questi tempi brutti...

CAMILLO- Ma Santità, chi è che vi può male?

PAMPHILIO- Oltre che bacchettone è pure scemo!

INNOCENZO- I Barberini! Mi detestano, hanno spogliato Roma e mi accusano di affamare il popolo!

CAMILLO- Non ascoltate queste cattiverie!

PAMPHILIO- E ‘n sapete che se dice a Londra!

INNOCENZO- Vedi nipote mio, io so’ er Papa, comando su nobili e plebei! Il popolo se lamenta, ma è normale! Se le cose je vanno male è ovvio che la colpa è tutta mia ! I nobili mugugneno? Che fa Luigi il francese? Se circonda d’aristocratici, se li porta sempre dietro, fa i festini, li vizia, li blandisce, je permette tutto, apparentemente,ma ce l’ha in pugno! E’ forte del fatto che il fijo governerà un domani al posto suo!  Qui le cose so’ diverse:  ogni famija nobile vo’ mette un Papa sul seggio perché sa che questo è potere, ma noi disgraziatamente non potemo tramandà ‘sto potere ai  fiji nostri e quindi tutto ciò dura finché duramo noi e poi... chissà. Cambiano i Papi e cambiano le sorti. Bah, ma per adesso, a Roma, chi ce sta de più importante de me?

4

Entra Olimpia .

OLIMPIA- Camillo! (guardando sorpresa Innocenzo)

INNOCENZO- Olimpia...

 OLIMPIA-Santità, siete già  qui, non vi aspettavo così presto!(si inchina e bacia la mano al Papa in modo frettoloso)

CAMILLO-Madre! (si inchina a baciare le mani della madre)

INNOCENZO- (freddo)Olimpia, sono...

OLIMPIA- (interrompendo il Papa) Mazzarino ti ha accolto con i dovuti rispetti?

INNOCENZO- Ah già dimenticavo il cardinale, una volta era più potente del re, ora chissà...

CAMILLO- Mazzarino mi ha accolto come se fossi il Papa in persona...

OLIMPIA- Possiede forse doti di preveggenza?

PAMPHILIO- Pure! Lo sapevo che eri ambiziosa, ma così! ..Però...un fijo Papa, me facesse da scorciatoia pel Paradiso...

CAMILLO-Oh madre mia, mai avrei pensato che anche la Chiesa lì si fosse così ...materializzata. Alla corte del re non si capisce chi siano i laici e chi gli ecclesiastici: tutti partecipano a festini, a battute di caccia a gare di equitazione, a balli e concerti. Un vero scandalo!

INNOCENZO- Ti sarai distinto per la morigeratezza dei costumi!

OLIMPIA- Hai portato ad esempio la spiritualità della chiesa di Roma!

PAMPHILIO- Spiritualità! Che faccia tosta...

OLIMPIA- Hai parlato con lui per le terre sequestrate dei cardinali ?  E i ducati di Provenza e Artois? Cosa ti ha detto? E’ tutto fatto?

INNOCENZO- Ma Olimpia lascialo andare è appena tornato, ci racconterà tutto questa sera!

OLIMPIA- Non capite Santità che questa missione era importante? I nostri rapporti con Mazzarino vanno migliorando, e questo per merito di Camillo!

INNOCENZO- E a causa di chi, si erano guastati questi rapporti eh? Ho sequestrato quei territori come mi avevate suggerito e ciò mi  ha procurato ancora più odio  da parte di Mazzarino. Era contrario alla mia elezione, ricordate? Meno male che quando sono stato eletto è arrivato in ritardo!

PAMPHILIO- E secondo te perché è arrivato in ritardo? I briganti avevano assalito la carrozza e il cocchiere(gesto del taglio alla gola)

OLIMPIA- Questa è acqua passata. Ho fatto di tutto per migliorare i nostri rapporti con i francesi, ma abbiamo bisogno di trattenere quei possedimenti! Non possiamo restuirli a  quei cardinali traditori! I beni della Chiesa languono, se vogliamo mantenere il decoro della Corte e nello stesso tempo realizzare le opere che abbiamo in mente...

INNOCENZO- Ma Olimpia, già abbiamo edificato e migliorato questo palazzo, io stesso ho provveduto a far  abbellire S. Giovanni in Laterano dal Borromini, poi ho ordinato all’Algardi...

OLIMPIA- Sì , ma  piazza Navona, la mia piazza, ha bisogno di una fontana decente!

INNOCENZO- Ancora insistete! Vi ho detto che non mi piace come lavora Bernini, e poi ha già guadagnato abbastanza con  Urbano VIII, (con disprezzo)che era un Barberini...(cambiando tono)Borromini...

OLIMPIA- Borromini si occuperà di  S. Agnese,siamo già d’accordo, ma la fontana ....

CAMILLO- Madre, Mazzarino ci autorizza a riscuotere le concessioni sulle terre in cambio di alcuni benefici ecclesiastici, roba di poco conto, e poi mi è sembrato  desideroso di mettere una pietra sul passato, anche perché Luigi ha molto a cuore la chiesa di Roma!

OLIMPIA- Perfetto figlio mio. Sapevo che potevo contare  sulle tue doti diplomatiche, sono  fiera di te. Faremo grandi cose insieme vedrai! (sottovoce)E quando salirai sul soglio... (Al Papa) Santità, mi ritiro nei miei appartamenti con mio figlio!

CAMILLO- Posso Santità?

INNOCENZO- Ma certo figliolo. Olimpia avete deciso per la festa di Ognissanti, la farete qui?

OLIMPIA-Forse (si avvia all’uscita sottobraccio al figlio e si gira distrattamente per salutare Innocenzo)

INNOCENZO- (sconsolato) Conto per tutti a Roma , meno che per lei!

PAMPHILIO- Ti sbaji fratello mio, tu non conti nemmeno per Roma!

5

Innocenzo esce e Pamphilio anche.

Si sente bussare alla porta. Alberico, il tuttofare, va ad aprire. Entra il Bernini agitato

BERNINI- Devo parlare con la signora.

ALBERICO- Donna Olimpia è con il Cardinal nepote, appena tornato da Parigi.

BERNINI-Ho molta fretta, devo vederla subito! (fa qualche passo nella direzione delle camere )

ALBERICO-(bloccandolo senza scomporsi) Avvertirò la signora, abbiate la compiacenza di aspettare.

 BERNINI- Muovetevi!

Mentre il Bernini guarda fuori dalla finestra, passeggia, sbuffa, entra Olimpia Aldobrandini vedova Borghese.

OLIMPIETTA- Maestro!

BERNINI- Mi conoscete?

OLIMPIETTA- A Roma tutti vi conoscono

BERNINI- Con chi ho il piacere...(inchinandosi a baciare la mano di Olimpietta)

OLIMPIETTA- Olimpia Borghese...siete qui per lavoro?

BERNINI- Una commissione!

OLIMPIETTA- Posso sapere che cosa o sono troppo indiscreta?

BERNINI- Ancora è da definire, ma quando sarà compiuta, tutta Roma l’ammirerà!

OLIMPIETTA- Quindi questa meraviglia  non è un’opera privata?

BERNINI- Oh no! No di certo!

OLIMPIETTA- Credevo che donna Olimpia volesse farsi immortalare da voi con un bel busto di marmo!

BERNINI- Donna Olimpia ha in mente opere molto più grandiose di una semplice raffigurazione in marmo!

OLIMPIETTA-  Apollo e Dafne eseguito da voi per  ordine di mio cognato, Scipione Borghese, non può certo dirsi una semplice raffigurazione: è la cosa più bella che io abbia mai visto....

BERNINI- Trovate? (con falsa modestia)Oh, sì mi sono divertito molto a scolpirlo, ma non è stato che un gioco da ragazzi...

OLIMPIA.- Avete cesellato il marmo come Benvenuto Cellini     cesellava l’oro!

BERNINI- (quasi offeso e poi esaltato) L’oro è duttile, malleabile, si plasma con un dito...Il marmo è orgoglioso e forte, è impenetrabile: non vi si può affondare lo scalpello come in una ciotola di oro fuso , devi intuire ciò che nasconde, occorre accarezzarlo, ascoltarlo, scoprirne l’anima...

OLIMPIETTA- Scoprine l’anima...è una bella immagine!

BERNINI-.(cambiando tono) Ero fuori Roma quando ho saputo della disgrazia di vostro marito, mi dispiace.

OLIMPIETTA- Grazie, ma non rammaricatevi, Paolo Borghese era assai avanti con gli anni, tutti lo sapevano.Purtroppo non siamo eterni.

BERNINI-E’ sempre una grave perdita per l’umanità la morte di un mecenate così generoso, colto e raffinato...

OLIMPIETTA-Vi ringrazio, ormai è passato già un anno e...

 

6

Entrano Alberico e Camillo

ALBERICO- Maestro Bernini, la signora vi aspetta...

BERNINI- (inchinandosi a salutare Olimpietta)Madonna...(ed esce frettolosamente)

CAMILLO-(sorpreso) Voi qui, che piacevole sorpresa!

OLIMPIETTA- (inchinandosi) Serva vostra!

CAMILLO- (sollevandola)E così siete tornata a Roma…

OLIMPIETTA- O, ne avevo tanta nostalgia! E poi i miei genitori sentivano la mia mancanza!

CAMILLO- Avete fatto bene. Sarete spesso nostra ospite, spero!

OLIMPIETTA-Non sapevo foste tornato anche voi.

CAMILLO- Sono ritornato da poco.Il mio incarico era finito.

OLIMPIETTA-E’ una fortuna avervi rivisto. Voi così   impegnato, così  vicino a Sua Santità …

CAMILLO- Sono molto fortunato. Innocenzo X ha fiducia in me  e mi lascia abbastanza libero…Ma voi, com’è questa improvvisata?

OLIMPIETTA- Desideravo presentare i miei omaggi a vostra madre, anche da parte dei miei genitori. Daremo un ricevimento per Ognissanti... ho qui l’invito,(dà la busta a Camillo) penso però che Donna Olimpia non abbia tempo per me, ora tolgo il disturbo...

CAMILLO- Ma quale disturbo! Se volete aspettare, mia madre è impegnata con Gian Lorenzo Bernini

OLIMPIETTA- Ho visto, si preparano grandi opere.

CAMILLO- Già, lei pensa sempre in grande.

OLIMPIETTA- So che Papa Innocenzo non lo ama particolarmente, preferisce il Borromini. Io non so quale dei due preferire, penso che il Bernini abbia fatto delle opere grandiose.

CAMILLO- Nella vostra villa  ne avete vari esempi.

OLIMPIETTA- Sì, ma è uno solo quello che mi manda in estasi. Apollo e Dafne.

CAMILLO- Siete fortunata! Potete ammirare ogni giorno un simile capolavoro.

OLIMPIETTA- A volte mi sento così egoista! Penso che tali opere dovrebbero  essere ammirate dall’umanità intera.

CAMILLO- Quindi anche dal popolo! Non so , mi sembra un pensiero di molto ardito... Forse avete ragione, ma per ora accontentatevi di quest’umile ammiratore che desidererebbe  vedere quest’opera così eccezionale!

OLIMPIETTA-Perché non venite a trovarci un giorno o l’altro?

CAMILLO- E se approfittassi ora, riaccompagnandovi a casa? O è troppo disturbo per voi?

OLIMPIETTA- Affatto, ne sarei onorata...

CAMILLO- Andiamo dunque (escono)

7

Entra Olimpia, visibilmente alterata ed eccitata. Bernini le si inchina ripetutamente e tenta di baciarle le mani e di abbracciarla.

OLIMPIA- Fermatevi vi prego, Innocenzo potrebbe tornare da un momento all’altro!

BERNINI- Non riesco a fermarmi!

OLIMPIA- Gian Lorenzo che fate? Fermatevi io...

BERNINI- Mi cacciate dopo quello che c’è stato tra di noi... Siete una donna  incredibile...

OLIMPIA-Non vi permetto di parlare così! State al vostro posto !

BERNINI- Non la pensavate così qualche minuto fa in camera vostra!

OLIMPIA- Dimenticate quello che è stato un... piccolo  cedimento...

BERNINI-Siete mia, soltanto mia!

OLIMPIA- No, vi prego non insistete! Sono una donna fragile, indifesa, debole...

BERNINI- Donna Olimpia Pamphili, cognata del Papa e sua... consigliera, è una donna sola e debole, una donna che si confonde? Fragile, indifesa?(assalendola e quasi facendola cadere su una sedia)Ma se a Roma si dice che siete un uomo  vestito da donna !

OLIMPIA-(ridendo)Ah,ah,ah, anche questo si dice di me? Oltre i vari appellativi e storpiature del mio nome? Avete potuto toccare con mano  che sono una donna!

BERNINI- E che donna ! Venite qui, ormai siete mia! Alla mia mercé!

OLIMPIA-(alterandosi)Come vi permettete di parlarmi in questo modo. State superando i limiti. Andatevene,   mi aveto stancato e offeso , ha ragione Innocenzo. Non siete all’altezza del Borromini!

BERNINI- (inginocchiandosi)Vi prego Olimpia, scusatemi. E’ che vi amo e sono geloso.

OLIMPIA- Recitate assai bene, quasi quasi vi credevo!

BERNINI- Ma dico il vero! Perdonatemi, è che sono molto preoccupato per il mio lavoro. Sapete le mie condizioni attuali, solo voi potete farmi ritornare nelle grazie di Innocenzo X

OLIMPIA- E’ solo per questo vero? E’ solo per riuscire a lavorare per il Papa che mi fate questa corte serrata? Confessate!

BERNINI- No! ... Siete una donna potente è vero. Tutta Roma lo sa, e non posso negare di aver  pensato  di entrare nelle vostre simpatie per riuscire ad ottenere un favore! Ma...

OLIMPIA- AH Ah!

BERNINI-Ma quando ho cercato di conquistarvi alla fine sono stato attratto da voi...dal vostro fascino, dalla vostra grazia, dalla vostra intelligenza!

OLIMPIA- Quando il diavolo ti accarezza...

BERNINI- Magari fossi il diavolo, avrei il potere di ottenere ciò che voglio!

OLIMPIA-Va bene, va bene finiamola qui: mi sento generosa, ma non crediate di avermi convinto.(lo fa alzare e lo sospinge su di una sedia, poi cambiando tono, quasi a discutere un affare) Mi piace il vostro progetto, ed è per quello che tenterò  di convincere Innocenzo, tuttavia la situazione non è facile.  Devo  essere cauta. Il Papa non è tipo da dimenticare i torti subiti...C’è voluta tutta la mia abilità e diplomazia per far dimenticare ai francesi il processo che stavamo intentando contro i due  nipoti di Urbano VIII  per appropriazione indebita di beni ecclesiaistici. Mazzarino è potente ed è grande amico dei Barberini...ed anche voi lo eravate. Innocenzo lo sa! Ecco la vostra colpa!

BERNINI- Sì è vero, ma io sono un artista e vivo delle mie opere. Se perdo le commissioni, non mangio...

OLIMPIA- Abbiate pazienza e contate su di me, ci tengo moltissimo a quella fontana , ma devo trovare il modo e la maniera...per ora è meglio che non vi fate vedere qui  a casa mia!

BERNINI- Non posso , non posso vivere lontano da voi...

OLIMPIA- Uscite vi prego!

BERNINI- Olimpia...

OLIMPIA- Non insistete!

BERNINI-Amore!

OLIMPIA-(altezzosa) Per voi sono Donna Olimpia Maidalchini, vedova Pamphili e, se non la smettete, chiamo le guardie del Papa.

BERNINI- Aspetterò con ansia un vostro messaggio.

OLIMPIA- Fuori!

BERNINI- Passeggerò ogni giorno davanti ai portoni del vostro palazzo. E sospirerò...

OLIMPIA- Ed io vi farò arrestare! (Bernini esce)

8

Entra Camillo, è euforico

CAMILLO- Madre mia, avete ragione!

OLIMPIA- Io ho sempre ragione...di che parli?

CAMILLO- Il Bernini...

OLIMPIA- (allarmata)Hai sentito dire qualcosa sul suo conto? (sottovoce) Sul mio?!

CAMILLO- Certo che ho sentito dire qualcosa sul suo conto, vi meraviglia?

OLIMPIA- Di già, non è possibile, ho usato mille accortezze...dentro casa c’è qualcuno che mi spia! A meno che quel napoletano fanatico...

CAMILLO- (Non ascoltandola) Si può definire un’opera  a dir poco erotica, ma...

OLIMPIA- Bada a come parli Camillo, sei il cardinal nepote e pur sempre mio figlio. Sono cose che non ti riguardano!

CAMILLO- Madre che dite! Quando si vedono cose simili, non si può che rimanerne allibito.

OLIMPIA- Lascia che ti spieghi, non è come può sembrare o come il popolo mormora...

CAMILLO- Il popolo dovrebbe esserne edotto...

OLIMPIA- Il popolo deve esserne all’oscuro, vuoi scherzare?

CAMILLO-In effetti penso non sia ancora maturo per poter comprendere appieno la sensuale eroticità e l’amore che viene manifestato, l’incredibile forza e l’animosità...

OLIMPIA- Che ti prende Camillo? Taci!

CAMILLO- Avete ragione, il Bernini è quello che ci vuole per voi. Non vi potete privare delle sue prestazioni!

OLIMPIA-Signore mio, non avrei mai pensato che un figlio, sangue del mio stesso sangue, discendente dei Pamphili, nipote del Papa e  cardinale in carriera , un futuro papabile...

CAMILLO- Anche Olimpia è d’accordo; a proposito vi invita insieme alla sua famiglia per la festa di Ognissanti a Palazzo Borghese. Vedrete lì che capolavori!

OLIMPIA- Di che stai parlando?

CAMILLO- Scusatemi madre ero troppo preso dall’ammirazione per la magnifica statua di  Apollo e Dafne, che ho dimenticato di dirvi che Olimpia Aldobrandini era venuta prima per porgervi i suoi saluti ed invitarvi alla festa. Ma voi eravate impegnata col Bernini e così l’ho riaccompagnata a casa.

OLIMPIA- Era dell’opera dunque che parlavi così animosamente? (tranquillizzata e gentile) Che fa Olimpietta? Non la vedo da quando era bambina. So che  Paolo Borghese l’ha lasciata sola...

CAMILLO- Ora è vedova, ma è ancora giovane e bella!

OLIMPIA- La condizione vedovile è la migliore per una donna di questi tempi. E’ padrona del suo patrimonio e della sua vita. Quando si è giovani e nubili, comandano i genitori, quando sei sposata, il  marito!

CAMILLO- Temo che non resterà vedova ancora per molto, so che c’è un lontano cugino che aspira alla sua mano!

OLIMPIA- Che ci pensi bene.(quasi a sè stessa) Potrei darle qualche consiglio. Verrò volentieri alla festa. Desidero rivederla e poi così non dovrò farla nuovamente qui. L’altro anno mi è costata un patrimonio!

Dalla strada si sentono urla di popolani, che motteggiano Donna Olimpia. Lei esce irritata.

9

Gaetano è appoggiato alla  statua e sta finendo di scrivere. Arriva la moglie, Cecilia.

CECILIA- Gaetano, a Gaetà!

GAETANO- (cercando di nascondere il pezzo di carta che ha in mano) A Cecì che voi ?

CECILIA- (mentre gli prende dalle mani il pezzo di carta) Ma che stai affà? Che è ‘ sto pezzo de carta che nasconni, che c’è scritto? Chi te l’ha dato?

GAETANO- Nessuno, stava qua! (indica la statua)

CECILIA-Ma che te metti a strappà le frasi de Pasquino, che non sai manco legge! Che ce fai?

GAETANO- Ecco, me la volevo fa’ legge da Oreste   così te la dicevo!

CECILIA- (spingendolo)Me la faccio legge io da Oreste, tu intanto vai a lavorà: prima che diventa buio devi finì quei  ferri  che t’hanno ordinato pei cavalli della carozza de Sesto Mastrostefano!

GAETANO- Aho, e ‘mo ce vado, nun spigne che i ferri mica scappeno!

CECILIA- I ferri no, ma i sordi e li padroni pure!

ORESTE- (arrivando)Oh, che c’avete sora Cecì, gia’ ve gireno de prima matina?

CECILIA- Bongiorno Oreste!

GAETANO. Ciao Oreste, come te va?

ORESTE- E come me va, se tira a campà! Hai sentito la nova de Donna Olimpia?

GAETANO- No! Che se dice?

ORESTE- Se la fa col Bernini pe’ fasse fa’ ‘na statua!

GAETANO- E come lo sapete?

ORESTE- E c’era scritto qui.

CECILIA- A proposito Orè, leggete questa, dev’esse l’ultima! (gli porge il foglio)

ORESTE- E com’è che ce l’avete in mano?

CECILIA    - Mi’ marito ve la voleva portà!

ORESTE- Ma nun ce n’è bisogno, io passo qua tutte le matine. Se nun leggo c’hanno detto Pasquino e Marforio, nun sto bene, è come se c’avessi bisogno de ‘na sorsata d’acqua fresca!

GAETANO- Sta robba ve fa mejo de ‘n sorso d’acqua!

ORESTE- Questo è certo, date qua.(legge)Olimpia: olim pia, nunc empia! Ah, ah, ah !

CECILIA- Ma che vor dì? Spiegateme!

GAETANO- Sì spiegatece!

ORESTE- E’ semplice è un gioco di parole col nome della Pimpa: se chiama Olimpia no? Allora Olim, che in latino vor dì ‘na volta, e pia che vor dì Pia, santa devota. Nunc cioè ora, empia, cioè peccatrice, sacrilega. Avete capito? UNA VOLTA PIA ORA EMPIA. Olim pia, nunc empia.(ridono)

GAETANO- La pimpaccia ce governa ar posto d’Innocenzo: dicheno  che a Roma gira ‘n’omo vestito da donna!

ORESTE- E certo che co’ lei stamo messi proprio bene, quella pensa solo ad arraffa’ e il popolo lo fa affama’.

GAETANO- Ma bravo sete poeta come a Pasquino....

CECILIA- Il dramma, caro il mio Gaetano, è che mancheno li bajocchi e se nun se lavora...(fa il gesto di picchiare Gaetano)

GAETANO- Aho, e mo’ vado, datte ‘na carmata...ecco ariva la comare tua, vatte a  fa’ ’ngiro!

MARIA- Buongiorno, che se dice de novo?

GAETANO- Olim Pia , nunc empia!

MARIA - De che ?

ORESTE- Che la Pimpaccia ‘na vorta era Pia  e mo’ è empia, cioè ‘na fija de ‘na mi...

MARIA- Io so’ passata a vedè che scriveva Marforio, e  

ORESTE- E chi ve l’ha letto?

MARIA-Uuuuu, uno che passava...

CECILIA-  E certo, nun sapete legge!

MARIA-  Voi invece  sì!

CECILIA- Io no!

MARIA- Ma nun  andavate in giro a dì che lo sapete  fa’!

CECILIA- (imbarazzata a causa del marito) Non è vero, mai detto!

MARIA-E già... Io però ‘na vorta stavo a ‘mparà, vero Gaetano?

GAETANO- Io nun me ricordo...

MARIA- Stavo a imparà le lettere. La A la so, e poi anco la B, insomma fino alla g. Poi però me so’ fermata!

ORESTE- E perchè?

MARIA- Non c’ho capito gnente alla lettera quella che dicono che è muta!

ORESTE- Ah, l’acca!

MARIA- Ecco, perché la dite? Quella nun se deve da di’!

GAETANO- Mica è peccato...

MARIA- Allora io dico, se quella nun se po’ dì che ce la mettete a fa’, ed io me so’ bloccata! E ho perso tempo a fa’ la G che è proprio tosta.

CECILIA- ‘nsomma se può sapé che dice Marforio?

MARIA- Che l’api, ‘nsieme a Bernini, se morono de fame...

GAETANO- E già , prima ‘nvece, ingrassaveno...

ORESTE- Questo ‘o diceva Pasquino quanno a Roma il Papa era Barberini.

CECILIA- L’api, madonna mia, Roma da bianca è diventata nera!

GAETANO-Co’ tutto il marmo che se so’ arrubati...

ORESTE- Mo sulli stemmi ce so’ le colombe ...ma magneno puro loro a gran bocconi!

GAETANO- Mica sarete voi Pasquino. Siete ‘npoeta nato!

ORESTE- Aho nun famo scherzi, io nun so’ Pasquino, ve pare che se lo fossi me farei riconosce così, senza pensacce du’ volte?

(musica)Pasquino è la voce de Roma che sembra dormì su sette colli, ma che in realtà tutto capisce e tutto sa. Sa che chi governa è sempre ricco , e che i sordi mai je devono abbastà. Sa che il popolo è il primo che nun magna, se il ricco vuole stramagnà  Sa che li preti parleno d’  umiltà,  perdono e  castità, ma che so’ loro i primi poi a sbajà . E il popolo che in fondo è bono e bravo e subisce    assai, cerca de tirà a campà, sinnò so’  pure guai.

MARIA- Quindi volete dì che Pasquino non esiste?

CECILIA- E che non scrive lui i foglietti sulla statua?

GAETANO- E allora chi è che scrive?

ORESTE- (uscendo sogghignando)E chi lo sa?

Escono .

10

A casa di Olimpia. E’ sera. Olimpia si sta preparando ad andare alla festa di Ognissanti e Alberico è in attesa di ordini.

ALBERICO- (porgendo a Olimpia un sacco di monete) Sono i proventi della Spagnola e del suo gruppo.

OLIMPIA-( soppesando il sacchetto) Questa volta è più del mese scorso. Bene!

ALBERICO- Sembra che alcuni giovani studenti provenienti da Firenze, hanno gradito particolarmente i loro...servizi.

OLIMPIA- Ottimo, hanno avuto qualche problema?

ALBERICO- La rossa si è ammalata e  ha rischiato di finire in carcere.

OLIMPIA-Fatela portare nella mia villa di Alviano. Lì sarà al riparo e chiamate il medico.  Andrà meglio col Giubileo: con la scusa dell’assistenza ai pellegrini ho in mente di far costruire un albergo ad hoc e in più riuscirò a farle girare al centro di Roma anche in carrozza!

ALBERICO- E’ contro l’ordinanza papale! Le cortigiane non possono girare in carrozza , soprattutto nelle giornate solenni.

OLIMPIA- Oh, era una disposizione de papa Urbano VIII. Ora con Innocenzo... ( Cambia tono  porgendogli una lettera) Tieni, non serve che mi mandi una risposta.

ALBERICO- Devo dire anche qualcosa a voce?

OLIMPIA- Nunc et in hora nostrae mortis...

ALBERICO- Nunc et in hora nostrae mortis...Va bene …

OLIMPIA- Sarà meglio che domani torni in giornata. Le strade sono piene di malintenzionati.(va ad un mobile, apre il cassetto  tira fuori un pugnale e glielo porge)Per legittima difesa.

ALBERICO- Per legittima difesa!

OLIMPIA- Siete un uomo  fidato, lo so.

ALBERICO- Madonna, sappiate che qualsiasi cosa succede, io sono e sarò sempre dalla vostra parte!

OLIMPIA- (sottovoce) Anche a costo della vita?

ALBERICO- Voi avete salvato me e la mia famiglia dalla strada, mai e poi mai vi tradirò. (esce)

11 Entra Ottavio

OTTAVIO-Donna Olimpia

OLIMPIA- Cardinale. Sono in ritardo, aspettate un momento.(va al mobile, infila dentro il fagottino e tira fuori uno scialle) Ecco!

OTTAVIO-  Vi accompagno, poi ho una commissione da fare.

OLIMPIA-Non venite alla festa dai Borghese?

OTTAVIO- Non posso.

OLIMPIA-  Innocenzo è già lì?

OTTAVIO- Sì e comincia a chiedersi perché non arrivate.

OLIMPIA-(sospirando mentre si sistema lo scialle) Innocenzo!....   Io  l’ho aiutato, ho fatto in modo che  i cardinali lo votassero, l’ho messo sul soglio cercando  di isolare i suoi nemici. Una volta Papa pensavo che avrebbe proseguito  da solo!  E’ il fratello di Pamphilio, ma certe volte... Santo Cielo! Non avrei pensato mai di doverlo sostenere   tutta la vita! Sono stanca di portare la tiara in vece sua.

OTTAVIO- Io credo che facciate di più di quello che vi si richiede. E’ da tempo che possedete un bel patrimonio, da quando rimaneste vedova la prima volta. Non avete bisogno di accrescere il vostro potere né le vostre ricchezze.

OLIMPIA- (davanti ad uno specchio)   Quando si nasce poveri e campagnoli, come erano i Maidalchini, si cresce col timore di perdere  tutto quel poco  che si conquista. Ero così povera che i miei non potevano farmi sposare, non avevo dote. E allora che mi restava? Il convento.   Mi sembrava di andare al patibolo, quando...ecco l’idea! No, non mi sarei lasciata rinchiudere , non avrei perso la libertà... C’era un vecchio possidente, ricco di terre, ma vecchio, oh molto vecchio ed io avevo solo 16 anni. So che gli piacevo per come mi guardava quando andavo in chiesa.  Il padre confessore era noioso, retrogrado e anche cattivo, misi in giro una voce...

OTTAVIO- Che vi molestava...

OLIMPIA- Già...scampai al convento e sposai il vecchio. Nel giro di due anni ero una ricca vedova. Padrona del mio destino.

OTTAVIO- Poi è arrivato il nobile Pamphilio Pamphili.

OLIMPIA- Anche lui era anziano, ma non così tanto e

nobile e squattrinato. E’ stato un buon matrimonio e ho avuto Camillo. E poi un altro colpo di fortuna, mio cognato in lizza per il papato. 

OTTAVIO- Una vita intensa.

OLIMPIA- Già (sospirando e assumendo un tono frivolo) Ma ora è tardi, andiamo. Questa sera mi voglio divertire.

Musica.

12

In strada passeggia in  abiti maschili Cristina di Svezia, con una dama di compagnia. Al loro fianco il cardinale Ottavio.

CRISTINA-Sono così felice di essere a Roma, l’ho sognato da quando ero in fasce. Qui è tutto meraviglioso. Le strade, i palazzi , i monumenti, la gente.

ElLIZABETH- Maestà avete ragione, Roma è stupenda!

OTTAVIO- E’ pericoloso la sera andare così in giro per le strade. Dovevate rimanere a palazzo Farnese.

CRISTINA- Ero sola e mi annoiavo e poi non riesco a stare chiusa fra quattro mura, devo uscire, prendere aria. Dove sono finiti tutti i nobili della città?

OTTAVIO-Non ve l’ha detto il vostro ospite? Oggi è il primo novembre, la festa di Ognissanti e per tradizione la nobiltà romana si contende il piacere di organizzare dei festeggiamenti. Questa volta tocca alla giovane Olimpia Aldobrandini nel palazzo di suo marito Paolo Borghese, morto ormai da più di una anno. Lei ha finito il lutto e così festeggia il ritorno alla vita sociale.

ELIZABETH- Oh, mi sarebbe piaciuto andare.

CRISTINA- Non mancherà la nostra occasione anche se, caro cardinale Ottavio Segni, non capisco tutto questi sotterfugi. Io sono Cristina di Svezia, non una persona qualunque. Dovrebbero essere felici di accogliere una sovrana. Il Papa soprattutto!

OTTAVIO- Uhm...sì, ma vedete, non è così logico come può sembrare...

CRISTINA- Cosa c’è di così complicato, non riesco a capire...

ELIZABETH- E’ un’offesa per la mia sovrana, comprendete?

OTTAVIO-Anche voi quando siete venuta via dalla Svezia, avete sentito la necessità di partire quasi in segreto per non essere riconosciuta, fermata, acclamata o, forse,... molestata!

CRISTINA- Il mio popolo mi adora. L’ho sempre sostenuto ed aiutato e mi ha sempre compreso...

ELIZABETH- Non è giunta fino a voi la fama della mia regina e l’ammirazione della Svezia e del mondo intero? Non sapete delle riforme che ha attuato e che l’hanno resa ancora più popolare? Come potete, voi qui, non accoglierla  con il dovuto entusiasmo e rispetto?

CRISTINA- Elizabeth vi prego. (ad Ottavio) Io sinceramente non riesco ad immaginare perché il Papa sia così diffidente per accogliere una sovrana amica,   affascinata dai luoghi e dalle persone, rispettosa delle usanze e delle abitudini sociali e religiose della sua corte.

OTTAVIO- Sono lieto ed ammirato che sappiate così bene la nostra lingua.

CRISTINA- Ho studiato e parlo correntemente 10 lingue, compreso il greco, il latino e l’ebraico.

ELIZABETH- La mia sovrana è la persona più colta d’Europa, soprattutto per essere una donna. E’ stata una magnifica regina, tutto il popolo ha pianto per la sua abdicazione, come se fosse morta!(piange)

CRISTINA- Elizabeth, smettetela. Non sono ancora morta suvvia! Volete spiegarci questo mistero ?

OTTAVIO- Non c’è nessun mistero Cristina. E’ solo che i tempi non sono maturi. Voi siete una donna moderna, libera, senza più legami ed obblighi. Questa è una corte rigida, antiquata, che crede  ancora alle streghe, superstiziosa, per certi versi ignorante.

ELIZABETH- Credevo che Roma fosse la culla dell’arte e della cultura...

OTTAVIO-In un certo senso lo è, ma tutto deve essere  sotto controllo e rientrare nei limiti di quelle leggi non scritte, nate dalla consuetudine,  dal costume, dalla tradizione.

ELIZABETH- Non ci vogliono qui, non ci vogliono!(piange)

CRISTINA- Fatemi capire bene. Vorreste dire che io, Cristina di Svezia, potrei scuotere questo tempio dell’immobilismo,   potrei mettere  a repentaglio la tranquillità,  la sicurezza  della chiesa di Roma? Ma in che modo?  Non sono che una donna senza patria che, dopo aver vagato, cerca un rifugio sicuro. E quale posto può ispirare serenità se non Roma caput mundi ?

ELIZABETH-Maestà vi prego, ho paura, andiamo via di qua, torniamo ad Elsinor!

OTTAVIO- La vostra fama vi precede. Sappiamo delle vostre capacità, di come avete brillantemente governato la Svezia in questi anni, ma conosciamo anche le vostre idee libertine..e  i costumi non propriamente ortodossi!

ELIZABETH- Ma come vi permettete di parlare così alla mia signora, non sapete chi avete davanti! Frenate la lingua Cardinale dei miei stivali!

CRISTINA-Elizabeth! Che cosa dovrei fare allora per essere accolta e accettata?

OTTAVIO- C’è una donna a Roma  che ha molta influenza su Innocenzo X. Potreste chiedere a lei consiglio.

CRISTINA- Olimpia Pamphili? Una donna temibile! La sua fama ha oltrepassato i confini d’Europa. Occorre corromperla? So che non disprezza il denaro!

OTTAVIO- Oh no, maestà, sarebbe una mossa imprudente. Parlatele, vi farò  avere un ‘udienza:

CRISTINA- Un’udienza? E’ il Papa in persona!

OTTAVIO- Beh, quasi!

13

Palazzo Pamphili.Olimpia è appena tornata dalla festa a Palazzo Borghese. Nella scena lei non parla, si guarda nello specchio , si  toglie scialle, gioielli, ma non emette un suono. Sospira come se ascoltasse Pamphilio. Lui le sta vicino e la segue quando lei si muove per la stanza.

PAMPHILIO-  E’ andata bene la festa? I Borghese sono dei gran signori, nobiltà antica, ricchezza invidiabile. Non come i Barberini...

(cambiando tono, bisbigliando come se qualcuno lo potesse sentire) L’hai vista? E’ lei, ne sei certa?  E’ una bella , donna! Certo non t’assomja proprio! Chi era lui? M’hai fatto le corna quanno stavo pe’ morì, oppure quanno ero già cadavere, eh? Sarà stato un bifolco, figuriamoci...ce l’hai sempre avuto ‘sto vizio, rustica progenie...L’hai fatto a Castro, a Viterbo? Qui no davero se no me ne sarei accorto.   C’hai avuto ‘na fortuna a falla adottà dagli Aldobrandini! Così è cresciuta bella, ricca e stimata e nessuno sa gnente! Te sei privata del lusso d’esse madre ...è stata dura , ma ora se pò di’  tutto de te, tranne ch’hai messo al mondo ‘na fija de nessuno!

Certo l’hanno fatta marità un po’ troppo presto, ma per fortuna ora Paolo Borghese è morto, l’ha lasciata piena de sordi e po’ fa’ quello che je pare...Il destino se ripete! ‘Mbe’ te annata bene, un fijo Cardinale che aspira ar papato, n’artra bella e ricca. Puoi sta’ contenta, no? Innocenzo, poi, pende dalle tue labbra !

Scuotendosi dalle tristi riflessioni, Olimpia si alza di scatto e, in preda ad un’  altra idea , parla a voce alta.

OLIMPIA- Vedremo chi l’avrà vinta

Mattina,in piazza davanti a Pasquino Oreste legge il solito biglietto.

14

ORESTE-... co’ papa Innocenzo va avanti a minacce

pure de notte lei pensa a fregacce,

affama er popolo, stavolta davero

mo’ nun  magnamo gnente  sul serio

pe nun privà de prosciutto  il suo cane

ce mette pure la tassa sul pane

GAETANO- ‘sta disgraziata!

MARIA- La tassa già l’ho trovata stamattina, non me abbastaveno li sordi...

CECILIA- Ah, ma io nun l’avrei mai fatto, qui scoppia ‘na rivoluzione!

GAETANO- Qui l’unica cosa che po’ scoppià è ‘n’epidemia de morti pe’ fame!

MARIA- Ma se già ce semo morti de fame!

ORESTE- Quello che me meravija è Innocenzo: possibile che  nun reagisce, che je dà retta?

GAETANO- E certo che je dà retta, j’entrano più sordi dentro alle casse!

CECILIA-Co’ la vita che fanno, dentro a ‘ste casse nun ce sarà più manco ‘n bajocco! Quasi quasi, io me n’andrebbe da Roma..

MARIA- E dove volete annà? Che te credi che l’altri posti so mejo de qua?

GAETANO- Magari nell’artri posti se sta pure peggio, qui armeno c’è Pasquino che ce mette ar corrente delli fatti.

CECILIA- Preferivo nun sapenne gnente!

ORESTE- E quanno annavate a comprà er pane che pensavate, perché costava de più?

CECILIA- Pensavo che er grano s’era marcito e che ce n’era rimasto poco e caro!

GAETANO-La testa te se deve marcì, ma come ragioni? Se c’è la tassa mica che poi la leveno, come il grano che po’ ricresce abbondante, e i sordi nun t’abbasteranno mai!

CECILIA- Ma certo che nun m’abbasteranno mai co’ te che nun c’hai voja de fa’ gnente dalla mattina alla sera. E me so’ stufata de saltà i pasti. E quanno magno, è perché me lo so’ guadagnato a forza de lavà i panni delle signore.

GAETANO- La solita esagerata, ma se pei ferri dei Piccolomini ho guadagnato 300 scudi!

ORESTE- Ah, ecco perché all’osteria l’altro ieri offrivate da beve a tutti!

CECILIA- Che cosa? Io me moro de fame e tu offri da beve a quegli ubriaconi, smidollati, mangia pane a tradimento!

MARIA-Consolateve Cecì, se vede che vostro marito è generoso, e c’ha tanti amici, ‘nvece er Papa c’ha solo Olimpia e Olimpia c’ha solo er Papa...

ORESTE-C’è pure Camillo, er fijo.Quello l’ha sistemato bene, morto Innocenzo ce sta lui in coda!

MARIA- Ma è troppo giovane pe’ fa’ il Papa, troppe pagnotte ha da magnà!

GAETANO- Oh quello se magna le pagnotte nostre, mica no!

MARIA- E’ vero, è vero, il pane che nun ce potemo magnà noi! Brutto ladrone fijo de ‘na mi...

CECILIA- Però lui me sembra mejo della madre e dello zio! C’ha ‘na faccia da bono...

ORESTE- E sì, bono pe’ pregà Dio e servì il demonio...

GAETANO-Signori miei, c’ho  proprio voja de ‘na bevuta. Tutte queste parole m’hanno seccato la gola. Orè venite co’me?

CECILIA-Che cosa, che cosa...brutto scansafatiche ! Dovete andà a lavoro, cammina(tira fuori un bastone e comincia a rincorrerlo  uscendo)

MARIA- Ah, ah, ah, povero Gaetano sta fresco co’  Cecilia, quella nun jene perdona una.

ORESTE- Povero Gaetano a sta co’ ’na donna simile. Pe’ questo s’embriaca!

MARIA-Invece fa  bene a fallo rigà dritto. L’omini bisogna trattalli come l’asini!

ORESTE- L’asini?

MARIA- (civettando) Prima bisogna faje vedè il dorce, mostrandoje che so’ ‘na carota...’na mela..e poi...

ORESTE-(attirato)E poi?

MARIA- E poi, quando so’ contenti e beati...tirà fori il bastone...ah ah ah (sfuggendo a Oreste che vorrebbe abbracciarla. escono.)

15

Casa di Olimpia. Innocenzo in piedi dando le spalle a Olimpia che entra in quel momento.

OLIMPIA-Innocenzo ...

INNOCENZO-(sostenuto) Signora!

OLIMPIA- Siete arrabbiato con me?

INNOCENZO- Non lo immaginate?

OLIMPIA- In che modo posso avervi fatto torto?

INNOCENZO- E me lo chiedete? Vi siete data ancora a qualche giovane bifolco!

OLIMPIA- (pausa, si guardano)Mentirvi sarebbe  inutile, le vostre spie hanno fatto un buon lavoro.

INNOCENZO-(stizzito) Non cercate neanche di negare, di difendervi, di trovare una  scusa, una qualsiasi giustificazione per essere caduta  così in basso?

OLIMPIA- Sapete che non è da me giustificarmi.

INNOCENZO-Non è da voi neanche un simile comportamento.

OLIMPIA-Avete ragione Santità. Non ho scusanti.

INNOCENZO-Non vi vergognate Olimpia? Quale ignobile istinto vi spinge a ciò? Non avete tutto quello che vi serve...(sottovoce)compreso me?

OLIMPIA- (inchinandosi e cercando di baciargli le mani) Vi chiedo umilmente perdono.

INNOCENZO- (girandosi) Non si può perdonare una simile donnaccia! Mio fratello si rigirerà nella tomba! Avete offeso me, il nome che portate, ma soprattutto ...voi stessa!

OLIMPIA- Perdonate l’errore di una donna!

INNOCENZO- Che donna siete? Non ne avete la natura. Una donna supplicherebbe, mi blandirebbe...con mille moine tenterebbe di  sedurmi e farsi perdonare! Ma voi no, come sempre orgogliosa e fiera di ogni azione, ignobile qual essa sia! Hanno ragione a dire che siete un uomo vestito da donna!

OLIMPIA- Mi prostro umilmente ai vostri piedi. Vi ha tradito un corpo, ma non l’anima, i  sensi, non il cervello. Quelli sono vostri sempre, lo sapete.

INNOCENZO- Sono miei finché vi garberà.

OLIMPIA-Per tutta la vita, lo giuro!

INNOCENZO- Ma (cambiando tono, con rammarico) ...anch’io sono un uomo,Olimpia (tirandola su e stringendole le mani) E non posso sopportare un simile tradimento, una simile vergogna!

OLIMPIA- Mia resta la vergogna, mio il tradimento!

INNOCENZO-Per il popolo forse, ma non per me! Siete mia cognata, il nome che portate...

OLIMPIA- Basta vi prego, non continuate ancora. Siete il Papa, dovreste preoccuparvi più della mia anima che del mio corpo. Gli anni passano, invecchiamo !

INNOCENZO- E’ vero io sono vecchio, decrepito...morirò presto, lasciatemi vivere tranquillo!

OLIMPIA- Ancora dobbiamo fare tante cose insieme, opere importanti! Con la tassa sul pane potremo finanziare  il Bernini...

INNOCENZO- Ancora? Non mi nominate più quel napoletano incapace...

OLIMPIA- Va bene, se voi lo ritenete incapace...non ne parlerò più. (avvicinandosi affettuosa) Mi avete perdonato Santità?

INNOCENZO- Sapete che a Roma vi chiamano Pimpaccia? Vi si addice!

OLIMPIA- Voi potete chiamarmi come volete, sono la vostra serva. Venite. Nell’intimità della mia casa saprò dimostrarvi la mia devozione....

INNOCENZO- Donna terribile...(mentre si lascia condurre fuori)

OLIMPIA- Sì...

INNOCENZO- (con voce roca)Traditrice!

OLIMPIA- Sì...

INNOCENZO- Empia...(escono)

16

Entra Camillo con un plico in mano.  Mentre lo  legge entra Ottavio. Sono entrambi preoccupati.

CAMILLO- L’ambasciatore di Svezia mi ha consegnato questa missiva  Ottavio. Presto sarà qui Caterina. Ha abdicato in favore di un cugino e ha deciso di venire a Roma.

OTTAVIO- Caterina è già qui in incognito.

CAMILLO- Già qui?Dove?

OTTAVIO- E’ ospite a Palazzo Farnese. Le ho consigliato di aspettare a rivolgersi ad Innocenzo.

CAMILLO- So che ha  rifiutato tutti i partiti perché non vuole sposarsi e, non avendo eredi, è obbligata ad abdicare ....  Anche Elisabetta Tudor non aveva figli, ma non ha rinunciato certo al trono!

OTTAVIO- Non si capisce bene se è una decisione sua o in pratica l’hanno costretta!

CAMILLO- E che viene a fare qui a Roma, è anche protestante!  Forse viene a conoscere  il Papa. Dicono  che sia una bella donna.

OTTAVIO- E’ affascinante. Comunque da quello che ho capito, le sue intenzioni sono proprio quelle di stabilirsi a Roma.

CAMILLO- Che strana donna! Forse vorrebbe sposarsi con chi dice lei, ma la ragion di stato non glielo permette e vuole chiedere al Papa aiuto in materia!

OTTAVIO- Ma per loro il Papa non conta più niente, da che c’è stato quell’eretico di Martin Lutero, che il diavolo se lo porti!

CAMILLO- Per quanto in Svezia non riconoscano più il Papa come capo della loro chiesa,  non si può negare che Innocenzo sia molto influente...

OTTAVIO- E con vostra madre al fianco....

CAMILLO- Dimenticavo mia madre! Non so come prenderà questa notizia dell’ arrivo di Cristina di Svezia...

OTTAVIO- Ho consigliato la sovrana di  parlare con Donna Olimpia...

CAMILLO- Deve essere avvertita prima. Dobbiamo tastare il terreno prima che lo sappia Sua Santità!

In quella entra Alberico con un altro plico

CAMILLO- Di che si tratta?

ALBERICO- Una notizia da Castro. Una brutta notizia da Castro. Hanno ucciso Monsignor Cristoforo Giarda.

OTTAVIO- Santo cielo, chi ha il coraggio di dirlo a Innocenzo?

CAMILLO- Chi ha il coraggio di dirlo a mia madre.

OTTAVIO- Due brutte notizie in una sola volta!

CAMILLO-Veramente ce ne sarebbe una terza!

ALBERICO- Una terza?

17

In quella entra Olimpia Aldobrandini.

OLIMPIETTA- Scusate, disturbo? E’ un brutto momento?

CAMILLO- Per carità, entrate entrate...

ALBERICO- I miei omaggi principessa Borghese.

OTTAVIO-  Qual buon vento vi porta al cospetto di Donna Olimpia Pamphili?

Entra il Bernini.

BERNINI-(Ad Olimpietta) Che fate mi seguite?

OLIMPIETTA- Maestro, potrei dire la stessa cosa di voi.

CAMILLO-C’è qualcosa che possiamo fare per voi?

BERNINI- Dovrei conferire con Donna Olimpia Pamphili.

CAMILLO-Potete dire a me, sono il figlio.

BERNINI- Lo so chi siete, ma no, mi dispiace, devo parlare con lei, da solo!

ALBERICO- Penso che ora non sia possibile, è impegnata.

OLIMPIETTA- Ogni volta che vengo a trovare Donna Olimpia, sbaglio il momento.

CAMILLO- Non vi preoccupate più di tanto, troveremo presto altri momenti per mia madre...

ALBERICO- Forse è il caso che la vada ad avvertire...

OTTAVIO- (sottovoce ad Alberico)Aspettate, vediamo prima se convinciamo  qualcuno ad andar via!

ALBERICO-Posso offrire loro un po’ di vino?

OLIMPIETTA- Grazie, non bevo.

BERNINI- Sto bene così!

OTTAVIO- Donna Olimpia dovrebbe essere qui a momenti, deve risolvere qualche problema!

BERNINI- Aspetterò, ho bisogno di parlarle.

ALBERICO- Non sappiamo che ora farà, sarebbe meglio che ritorniate domani mattina.

OLIMPIETTA- Sì è meglio che ritorni anch’io un’altra volta e se...

18

Entra Olimpia, seguita a breve da Innocenzo. Non vede la piccola folla che c’è nella sala.

OLIMPIA- Troveremo qualche soluzione , del resto la tassa sul pane ha ben servito la vostra causa.

INNOCENZO- Sono sempre trovate impopolari.

OLIMPIA-Che ci importa del popolo? Sono lì per servirci e pregare! Più ci servono, più ci odiano e più pregano. Un bel coro di voci si eleva al Signore. In fondo noi non siamo che la via per la  conquista del Paradiso!

CAMILLO- Madre!

OLIMPIA- Camillo!(cambiando tono) Olimpia ci siete anche voi, benvenuta nella mia casa...

ALBERICO-  Signora, Gian Lorenzo Bernini, ha urgenza di parlarvi.

BERNINI- Santità (inchinandosi) Donna Olimpia, i miei rispetti!

INNOCENZO- Che fate qui? Mi sembrava di essere stato chiaro!

BERNINI- Voi non comprendete la mia arte, santità!

INNOCENZO- Arte, pfui! Potreste giusto restaurare qualche stalla!

BERNINI-Ho sempre pensato che  i Barberini  avessero più  gusto   di   altri !

OLIMPIA- Smettetela Gian Lorenzo, mi state mettendo in difficoltà!

INNOCENZO- Come osate, artista incapace e arrogante! Andate ad elemosinare commesse da quei rubagalline, imbroglioni e ignoranti!

ALBERICO- Santità, attenzione...non vi agitate potreste star male!

BERNINI- Visto che non ci comprendiamo e l’ignoranza  del genere umano è paragonabile solo alla vastità dell’oceano, non rimango un minuto di più a farmi insultare: esco di qui e non  mi vedrete mai più. Io, Gian Lorenzo Bernini, preferisco morire di fame piuttosto che strisciare ai vostri piedi .(è talmente agitato che sbaglia porta per uscire e a stento gli altri trattengono il sorriso) Addio!

INNOCENZO- Deo gratias!(fa l’atto di benedire il Bernini una volta uscito)

INNOCENZO- Signori, sono stanco. Ho bisogno  di riposare. (ad Olimpia) Mi metterete al corrente più tardi di tutto. (fa l’atto di uscire)

TUTTI- Santità (inchinandosi alla sua uscita)

OTTAVIO- (appena fuori Innocenzo) Donna Olimpia, ci sono delle novità.

CAMILLO- Anche io, madre, dovrei parlarvi.

OLIMPIA- (gentile) E voi, mia cara avevate necessità di  parlare con il Pontefice?

OLIMPIETTA- Veramente con voi signora, ma posso tornare

OLIMPIA- (sedendosi) Vi ascolto!

OLIMPIETTA- Ecco io...

CAMILLO- Madre, risolvete prima le altre questioni.

OTTAVIO- Donna Olimpia, Cristina di Svezia desidera venire a Roma e stabilirvisi! Le ho  suggerito di consigliarsi prima con voi!

OLIMPIA- (incredula) Cristina di Svezia?

OTTAVIO-Ha appena abdicato.

OLIMPIA- Qui? E che cosa viene a fare?

OTTAVIO- Credo che veda Roma come un rifugio...

ALBERICO- Signora?

OLIMPIA- (ad Alberico ) Che cos’altro c’è?

ALBERICO- Una brutta notizia da Castro: hanno assassinato monsignor Cristoforo Giarda. (Sottovoce) Il mandante sembra sia stato Ranuccio Farnese.

OLIMPIA-  Ranuccio Farnese! Era un ragazzo devoto al Papa!

ALBERICO-Quando si parla di proprietà terriere, signora, pochi conoscono la devozione!

OLIMPIA- Dobbiamo pensare a come dirlo  a Sua Santità !

ALBERICO- Sì, è importante usare diplomazia.

OLIMPIA- (a Camillo che si agita impaziente di comunicare la notizia alla madre) Smettila di agitarti tanto,  che cos’hai figlio mio?

CAMILLO- Madre io...

OLIMPIA- Sì?

CAMILLO-Ecco, non posso più aspettare...

OLIMPIA- Allora?

CAMILLO-Ho pensato che...

OLIMPIA-Parla!

CAMILLO- Non vi agitate!

OLIMPIA- (visibilmente alterata)Sono calmissima!

CAMILLO- Forse è meglio che vi sedete...

OLIMPIA- Basta Camillo, dì quello che devi dire!

CAMILLO- Sì ma state calma...

OLIMPIA- Camillo!

CAMILLO- (velocissimo, quasi incomprensibile) Io desidero sciogliere il voto e sposarmi!

OLIMPIA-(confusa) Che stai dicendo?

CAMILLO- Voglio sposarmi!

OLIMPIA-Sei impazzito?

CAMILLO- No madre mia, voglio sposarmi con Olimpia (guarda la ragazza e sorride mentre le dà la mano per farla alzare)

 Da fuori si sentono grida del popolo

Olimpia li guarda agghiacciata e cade sulla sedia.

-Chi dice donna dice danno,

chi dice femmina dice malanno,

chi dice  Olimpia Maidalchina

dice donna, danno e rovina!

                             

                                   

                                   FINE PRIMO ATTO

                                

                           SECONDO       ATTO

19

In strada davanti alla statua di Pasquino Oreste legge le parole di Pasquino e poi le ripete insieme a Cecilia e Maria.

MARIA ORESTE LUCIA-

Chi dice donna dice danno,

chi dice femmina dice malanno,

chi dice Olimpia Maidalchina,

dice donna, danno e rovina!

Scoppiano a ridere

ORESTE- Ehhhh, la Pimpaccia stavolta l’ha fatta grossa.

CECILIA- E’ vero e’ vero, però Monsignor Giarda  doveva esse vendicato!

ORESTE-Già ma se l’assassino è stato Ranuccio Farnese, è lui che deve esse punito, invece quello è scappato a Parma.

MARIA- E allora, il Papa lo scoverà e lo arresterà!

ORESTE- Sapete che ve dico, io penso che  i nobili non s’ammazzano fra de loro così, davanti a tutti. Dietro  ce so’ sempre l’ intrighi!

CECILIA- E’ certo, chi ce rimane immezzo semo sempre noi.

MARIA- Aho io nun c’entro gnente. Ma chi so’ ‘sto Giarda e ‘sto Ranuccio? Mica è colpa mia se uno ha ammazzato l’altro!

CECILIA- Ma certo che tu non c’entri gnente, io dico in generale , ce va sempre de mezzo il popolo!

ORESTE- E certo e stavolta ce vanno de mezzo i cittadini di Castro!

MARIA- Meno male che stamo a Roma allora!

CECILIA-(vedendo Gaetano vestito da soldato che sta entrando) Ma quello nun è mi’ marito, o so’ ‘mbriaca?

MARIA- E’ proprio Gaetano, ma come s’è conciato? Che è già Carnevale?

ORESTE-E’ vestito da soldato no‘ ’o vedete? A Gaetà, che fai hai cambiato mestiere?

GAETANO- Per il momento!

CECILIA- Pe’ il momento, ma che vor dì?

GAETANO- Vedrai Cecilia mia, sarai contenta de me!

CECILIA- Che te sei ‘nventato adesso pe’ nun lavorà, eh?

GAETANo- Mo’ ve spiego...io...

CECILIA- Dillo che te sei ‘nventato, tira fori il rospo!

MARIA-Lasciatelo parlà poveraccio, sentimo che dice!

GAETANO- Grazie sora Mari’, se nun ce stavate voi...Allora...

TUTTI- Allora?

GAETANO- Allora er Papa  ha promesso 1000 scudi a tutti quelli che andranno a combatte co’ l’esercito contro Castro!

ORESTE- E così voi ve siete arruolato!

MARIA- Ma perché volete combatte eh? Rischiate la vita nun ce lo sapete?

CECILIA- Ma che te sei bevuto er cervello, ma do’ voi anna’ ?

GAETANO- A Castro a combatte, me danno pure la spada e da magnà, ortre che i scudi!

CECILIA- I sordi! Ma che ce frega dei sordi se rischi da mori’, eh?(dandogli delle spinte sul petto)

ORESTE- Gaetano è rischioso davero, mica è ‘no scherzo!

GAETANO- A Ore’, ma voi avete mai visto mille scudi tutti  ‘nsieme’? Pensa Ceci’ le cose che potemo fa’ co’ tutti quei sordi!

CECILIA- Tu sei matto ecco che sei, ma che me voi fa’ morì? (agli altri) Ma pensa questo che s’è ‘nventato , Santo Cielo o Santo Cielo,che lo possino..(urlando e disperandosi)

GAETANO- Ceci’, ma non dicevi sempre che nun porto i bajocchi a casa e che me li bevo? Che nun c’ho voja de lavorà? Ora proprio nun me poi di’ gnente, po’ esse pure che divento ‘n’eroe! Me sento che n’ammazzerò armeno cento...

ORESTE- Bella cosa poracci ! Quelli che corpa c’hanno?

MARIA-E già, che corpa c’hanno? So’ poracci come semo poracci pure noi!

GAETANO- Se il Papa dice che so’ cattivi, aho a me che me frega...io li faccio fori!

ORESTE- Ma nun eravate anche voi che strillavate contro er Papa e la Pimpaccia?

GAETANO- Io? Mai! Voi, tutti voi eravate traditori,(fanatico) io mo’ so’ ‘n sordato der Papa e guai a chi je dice contro!

CECILIA- Brutto schifoso de ’n rinnegato.(fa l’atto di picchiarlo)

MARIA- A Ceci’ statte bona, sinnò come ce va a combatte  se l’ammazzate prima?

CECILIA- Preferisco ammazzallo io, armeno l’ammazza una che je vole bene!

ORESTE- Aho, e se vede proprio che sprizzate amore da tutte le parti!

CECILIA-Dimme,  ‘sti soldi armeno te l’hanno dati già?

GAETANO- Solo a guerra finita!

ORESTE- A Gaetà,scusate, ma se ce lasciate le penne a chi li danno ‘sti 1000 scudi?

GAETANO-  Se moro, li danno alla mia signora.

CECILIA- Ah sì, ma se nun me li danno, da chi devo anna’ pe’ piammeli?

GAETANO- Quanno te diranno che so’ morto te porteranno anche li sordi!

MARIA- Beh, così ve consolate no, sora Cecì...

ORESTE- E sì, così sarete vedova e ricca come la Papessa Olimpia!

CECILIA- Sapete che ve dico? Annatevene tutti a mori’ammazzati! (esce arrabbiata e gli altri ridono)

20

Cambio scena. Casa di Olimpia. Alberico e Olimpia.

OLIMPIA-Avete avuto problemi?

ALBERICO- Non particolarmente.

OLIMPIA- Ed è subito ...

ALBERICO- Si è difeso con la spada. Ha combattuto.

OLIMPIA- Vi hanno visto?

ALBERICO- Era solo!

OLIMPIA- Strano, la notte la campagna  non è mai un  luogo sicuro!

ALBERICO-Ci siamo privati di un uomo fedele al Papa.

OLIMPIA- Era necessario, e poi  i Farnese hanno tentato di corromperlo e ci stavano riuscendo.

ALBERICO- Questo non lo sapevo e mi stupisce.

OLIMPIA- Cambia qualcosa per voi?

ALBERICO- Affatto, lo sapete.(prende dalla tasca il pugnale e glielo pone) E’ stata realmente legittima difesa.

OLIMPIA- Questo mi consola!

ALBERICO- Non è stato neanche necessario mettere in giro la voce di Ranuccio Farnese, è partita da sola!

OLIMPIA- Ne ero sicura, era ovvio che il primo sospetto sia caduto su di lui. E la voce si è allargata. la calunnia cresce di bocca in bocca ...

ALBERICO- Persino Pasquino l’ha scritto nei suoi motti!

OLIMPIA- Con la guerra a Castro, i Farnese si calmeranno per un po’! Quei territori sono della Chiesa e loro lo sanno bene!

ALBERICO- Una guerra mi sembra eccessiva.

OLIMPIA- Questa volta il Papa è partito all’attacco. Del resto se si è pietosi con i nemici, te li ritrovi presto alle spalle!

ALBERICO- Non siete preoccupata per vostro figlio? Così, a combattere contro il nemico?

OLIMPIA- Non direi che quattro campagnoli mal nutriti e mal armati possano considerarsi un pericolo. E poi mio figlio è fra i comandanti, non si esporrà in prima linea ed è meglio che sfoghi i suoi ardori altrove!

21

Entra Ottavio che ha sentito le ultime parole. Alberico si inchina ed esce.

OTTAVIO- Siete dura signora!

OLIMPIA-Camillo che vuole sposarsi! ! E poi con chi? Con chi!

OTTAVIO- Olimpia Borghese è una donna deliziosa! 

OLIMPIA- Sì, ma sì certo! Però...

OTTAVIO-Viene meno alle vostre aspirazioni!

OLIMPIA-Fosse solo per questo!

OTTAVIO- Ci sono altri motivi?

OLIMPIA- Eh? Altri ...No, no che dite!

OTTAVIO- E’ che mi era sembrato...

OLIMPIA- Vi era sembrato male! Quali altre ragioni se non quelle di una povera madre che aspira a grandi cose per il proprio figlio!

OTTAVIO- Avete mai pensato che non avesse vocazione?

OLIMPIA- Mai, non ho mai sospettato che avesse altre intenzioni, né lui lo ha mai lasciato intuire...Anzi!

OTTAVIO-Lo avete fatto allontanare da Roma per questo?

OLIMPIA- E’ naturale, Innocenzo non voleva, ha paura che gli accada qualcosa...

OTTAVIO- E’ sempre una guerra!

OLIMPIA- Sì, ma Camillo sembra sciocco ma non lo è, saprà difendersi!

OTTAVIO- Nessuno ha mai detto che lo fosse!

OLIMPIA-  A volte sento dei commenti della corte , di altri cardinali...dicono che sta lì solo per  merito di Innocenzo.(dà le spalle a Ottavio)

OTTAVIO- E’ pur sempre il cardinal nepote. Non si può negare la protezione del Papa. La strada spianata per il pontificato. Una madre danarosa e potente alle spalle.

OLIMPIA- (girandosi verso di lui) Siete geloso Ottavio! Camillo vi fa ombra ?

OTTAVIO- Non siate cattiva con me, io sono molto affezionato a Camillo, ma soprattutto a Innocenzo.  Non mi interessa il soglio, preferisco lavorare a fianco di chi governa.

OLIMPIA-Gli starete vicino vero? Lo aiuterete, lo proteggerete?

OTTAVIO- Sempre che voi non decidiate di buttarlo direttamente nel fuoco, visto che ora è a Castro a combattere. 

OLIMPIA- Tornerà, avevo solo bisogno di tempo...può essere che cambi idea...

OTTAVIO- Può essere.Vi lascio signora. Ricordate, c’è sempre Cristina di Svezia...

OLIMPIA- (stancamente, mettendosi seduta) Sì, sì. Fatela venire da me domani...

OTTAVIO- Domani(si inchina ed esce).

22

Entra Innocenzo con Pamphilio.

INNOCENZO- Siete una madre crudele, nessuna donna avrebbe mai mandato il proprio figlio allo sbaraglio.

OLIMPIA-Volevo che cambiasse aria e che non pensasse più al matrimonio.

PAMPHILIO- Altro che aria, quello rischia de cambià pure i connotati!

INNOCENZO- Potevate mandarlo nuovamente a Parigi, a Londra. Ovunque insomma, ma non in guerra!

OLIMPIA- Anche le strade sono pericolose, si incontrano i briganti.

INNOCENZO- Quella potrebbe essere una fatalità, ma la guerra!

PAMPHILIO- Fatalità? Sei il Papa, devi parlà de volontà di Dio!

OLIMPIA- Starà lontano dal fulcro della battaglia. E poi il fragore del combattimento lo distrarrà, penserà a salvarsi, a soccorrere i compagni, insomma non penserà a Olimpia!

PAMPHILIO- E’ qui che te sbaji! Quello più combatte più se la sogna!

 INNOCENZO- Voi non siete normale! L’unico figlio vostro!

Dovreste vivere per lui, pensare solo al suo bene!

OLIMPIA- Io penso al suo bene! Quel matrimonio non deve farsi!

INNOCENZO- Sì, lo so che è stata una notizia sconvolgente, ma che ci volete fare, è giovane!

OLIMPIA- A voi non dispiace? Non eravate felice di vedere in lui un futuro Papa, un altro Pamphili sul soglio?

INNOCENZO- (facendo le corna)Sempre dopo ch’ero morto e sapete come dice il detto? Chi more giace e chi resta...

PAMPHILIO- Se dà pace!

OLIMPIA- Che c’entra? Io pace non ce l’avrei comunque mai a pensarlo sposato con la Borghese!

INNOCENZO- Allora siete gelosa! Finalmente riconosco in voi un sentimento femminile! Siete gelosa della futura nuora!

PAMPHILIO- Ma digli la verità, perché non lo fai?

OLIMPIA-Il termine nuora non lo  voglio neanche sentire!

INNOCENZO- Come previsto, ecco la suocera!

PAMPHILIO- Il carattere ce l’ha!

OLIMPIA- Non avete capito nulla!

INNOCENZO- Olimpia di che avete paura? Di non comandare più a Roma una volta che sarò morto? Sognavate di fare e disfare  anche grazie a Camillo eh? Avete paura di rimanere senza denaro? (parlandole a bassa voce e guardandosi intorno) Vi dirò una cosa Olimpia, un segreto: quando starò per morire, guardate sotto il letto. Nascondo lì qualcosa che può interessarvi...ed è vostro!

PAMPHILIO- Ah, è lì che tieni il malloppo eh Santità?

OLIMPIA- Che volete che m’importi?

INNOCENZO- Basta mia cara, scuotetevi, non vi riconosco più. Quasi, quasi mi trovo un’altra disposta ad ascoltarmi!

PAMPHILIO- Secondo me Cristina di Svezia potrebbe andà bene!

OLIMPIA- E trovatevela, trovatevela. Che non veniate più a tartassarmi!

INNOCENZO- Vedo che non riesco a farvi ragionare, i desideri di vostro figlio possono non essere i vostri, ma sono legittimi! Non desiderate avere un nipote?

OLIMPIA- No!

PAMPHILIO- Io sì, altrimenti che so’ campato a fa’? Così i Pamphili continueranno ad esiste !  Però certo , nun me piacerebbe avè un nipote da un incesto!

 

23

Solita Piazzetta. Cecilia è sotto un’edicola con il cesto dei panni lavati al fiume e sembra pregare la Madonnina .

CECILIA- Che je possino dà tante cortellate pé quante messe ha detto l’arciprete-Ora prenobbi-

Che possi sta’ tant’anni a combatte pe’ quanto un pidocchio ce mette a far giro der monno- Ora pre nobbi-

Che te possi rompe l’ossa ‘ntanti pezzi quanto so’ i granelli de’ sabbia der mare-Ora pre nobbi-

Entra Oreste. Che si ferma a guardarla. Lì per lì non vuole disturbarla e si allontana, poi capisce che la preghiera di Cecilia non è consueta.

ORESTE- Cecì, che state a fa’?

CECILA- Nun me disturbate, sto a pregà! (riprende) Che te possino pijà tant’accidenti pe’ quant’ova ce vonno a rompe la Cupola de S. Pietro- Ora pre nobbi-

ORESTE-E’ ‘na preghiera speciale?

CECILIA- Prego pe’ Gaetano. Perché sta’ a combatte! ‘Sto fijo d’en po’ per uno...

ORESTE- (ironico)State a pregà che torni sano e salvo?

CECILIA- (guardandolo di traverso) Che possi fa’ la fine der bove che prima lo mazzoleno, poi lo scanneno, poi ce balleno sopra- Ora pre nobbi-

ORESTE-Beh, mejo che levo er disturbo, magari  lassù se sbajeno e quarche ‘benedizione’ me casca pure ‘ntesta !

CECILIA- A Orè, n’è aria. Annatevene che è mejio!(Oreste esce quasi correndo e facendo le corna, lei riprende a pregare) Che pozzi fa’ la fine del cero de Pasqua, n’ foro de sopra,  ‘npalo de sotto e cinque palle ‘npetto- Ora pre nobbi-

Buio

24

Casa di Olimpia.

Camillo col braccio al collo , Innocenzo e Pamphilio.

INNOCENZO-Vostra madre sapeva che dovevate stare nelle retrovie col comandante Gianfelice, invece voi vi sieter buttato nella mischia!

CAMILLO-Certo me la sono vista brutta , però adesso è finita!

PAMPHILIO-Questo nun è proprio fijo mio, è un deficiente!

INNOCENZO-Non avevate mai combattuto prima, so che vi siete fatto onore. Eeeeh, io quando ero giovane, amavo andare in guerra. Mi faceva sentire vivo!

PAMPHILIO- Allora è fijo tuo non mio, allora Olimpia se la faceva con te mentre ero ancora vivo! Pimpaccia...

CAMILLO- Devo confessarvi che superata la prima paura,

mi sono convinto che tutto ciò era per il bene della Chiesa

e allora ho sentito in me come un fuoco! (esaltato)Ero l’angelo vendicatore. O Castro o morte!

PAMPHILIO- Madonna mia bella! E’ pure pericolosoI

INNOCENZO-Calmatevi Camillo, sono felice che siete tornato sano e salvo.Scopro in voi degli interessi nuovi. Ora la vicenda di Castro grazie a Dio è finita, potete prendervi un po’ di riposo.

CAMILLO- Non sono stanco. Temo solo che le mie decisioni future possano dispiacervi.

INNOCENZO- Quali decisioni?

PAMPHILIO- Ecco ce semo...

CAMILLO-Mia madre vi avrà accennato...

INNOCENZO- Coraggio, parlate!

CAMILLO- So tutto quello che avete fatto per me. Siete stato un padre, un amico, un mentore...

PAMPHILIO-Un padre, te credo, ..

INNOCENZO- Siete mio nipote, l’unico. Sapete l’affetto che vi porto.

CAMILLO- Sì lo so e vi ricambio con tutto il cuore. Ma quando ho rivisto Olimpietta, ho capito che il mio futuro non è nella chiesa! Perdonatemi, ma desidero sposarla!

INNOCENZO- E di che devo perdonarvi, figlio mio?Avete ben riflettuto? Darete un dolore a vostra madre!

CAMILLO- Mia madre si convincerà. Non ho intenzione di cambiare idea!

PAMPHILIO-Hai capito il tonto? Potenza dell’amore!

INNOCENZO- Avete già accennato qualcosa alla ragazza?

CAMILLO- Sì. E lei è contenta, anche se dovremo aspettare...

INNOCENZO- Non ti preoccupare, acceleremo la procedura di rinuncia ai voti.

CAMILLO-Santità...

INNOCENZO- Sì?

CAMILLO- Non è bellissima?

INNOCENZO- (appoggiandogli il braccio sulle spalle e accompagnandolo verso l’uscita) Ah, ah, ah, questo è amore!

PAMPHILIO- Moglie mia ti sei trovata una bella gatta da pelare!

25

Entrano Cristina , Ottavio ed e Elizabeth.

CRISTINA- E’ qui che Innocenzo X preferisce ricevere  piuttosto che nei palazzi Vaticani o al Quirinale?

OTTAVIO- Ogni Papa ha una preferenza. Diciamo che i palazzi Vaticani costituiscono la sede privilegiata per le funzioni spirituali, al Quirinale, invece, il pontefice svolge mansioni prettamente politiche ed organizzative. Per tutto il resto, udienze dei laici, suppliche e così via...(indica la stanza)

ELIZABETH- E così il Papa si è scelto un bel palazzo.

OTTAVIO- Il palazzo  è della sua famiglia.

ELIZABETH- Credevo fosse di Donna Olimpia.

OTTAVIO- In effetti qui  Pamphilio Pamphili è vissuto con Olimpia Maidalchini. Il palazzo, come molti altri a Roma,  è dei Pamphili.

ELIZABETH-(affacciandosi) Una vista magnifica!

CRISTINA-(passeggiando per la stanza vagamente nervosa) Dovremo aspettare molto?

OTTAVIO- No, vedrete che adesso arriverà!

ELIZABETH-Non è a Palazzo?

OTTAVIO- E’ uscita molto presto questa mattina!

CRISTINA-Credevo che a Roma una gran dama se la prendesse comoda...

ELIZABETH- Certo chi glielo fa fare a svegliarsi presto?

OTTAVIO- Non eravate voi che vi alzavate all’alba e facevate svegliare Cartesio per discutere con lui di filosofia nella vostra biblioteca?

CRISTINA- Sì è vero(sorridendo), lui moriva di freddo poveretto. Gli venne anche la polmonite.

ELIZABETH- Non è  colpa vostra maestà, poteva coprirsi meglio!

CRISTINA- Sì, ma io potevo parlarci anche in altri momenti della giornata!

ELIZABETH- Una sovrana è super impegnata. Avevate trovato l’unico momento per conversare tranquillamente.

CRISTINA- Questo è vero, ma mi avrà odiato poverino!

ELIZABETH- Poteva anche dirvi di no! Non ve la sareste presa!

CRISTINA- Certo che me la sarei presa, dopo tutto io ero la regina!

OTTAVIO- (sorridendo) Ammiro sempre di più la vostra personalità.

ELIZABETH- La mia signora è una grande donna, non teme nessuno, sa combattere, cavalcare, suonare, dipingere, conosce la filosofia e anche la medicina...insomma  è in grado di affrontare tutto e tutti!

26

OLIMPIA- (entrando) Ne sono lieta.

OTTAVIO- Donna Olimpia, buongiorno! Ecco sua Altezza Cristina di Svezia.

Le due donne si guardano e ognuna aspetta che l’altra s’inchini. Alla fine non lo fa nessuna delle due, ma Elizabeth si butta ai piedi di Olimpia.

                                      

ELIZABETH- Signora! (bacia le mani di Olimpia)

CRISTINA- La mia dama di compagnia, (alla donna impaziente) Elizabeth!

ELIZABETH- Oh, scusate, scusate...è che sono così emozionata! Sono al cospetto della grande Olimpia Pamphili!

CRISTINA- Elizabeth! Vi prego di scusare la mia dama.

OLIMPIA-Perché? Si dimostra giustamente rispettosa e onorata!

OTTAVIO- (a Cristina)Signora, se Elizabeth lo gradisce, le farò visitare la piazza e il palazzo.

OLIMPIA-Andate Elizabeth, il cardinal Ottavio sa essere un ottimo cicerone.

ELIZABETH- (a Cristina ) Posso?

CRISTINA-Naturalmente!

27

Ottavio  ed Elizabeth escono mentre questa continua ad inchinarsi. Le due donne si scrutano in silenzio.Poi Olimpia inizia a parlare.

OLIMPIA- Venite da una terra lontana signora, cosa vi porta qui?

CRISTINA- Uno dei miei sogni quando ero regina di Svezia, era quello di poter viaggiare. Ora posso farlo.

OLIMPIA- So che parlate tante lingue  bene  quanto la  nostra!

CRISTINA- Forse addirittura meglio. Molti poeti, scienziati e filosofi giungono da tante parti del mondo in Svezia. Ho avuto la fortuna e il piacere di poter perfezionare la mia conoscenza delle lingue.

OLIMPIA- Qualche italiano?

CRISTINA- Nessuno! Purtroppo i grandi artisti italiani preferiscono non abbandonare la penisola.

OLIMPIA- Qui diamo loro occasione di esprimersi.

CRISTINA- E’ per questo che desideravo tanto vedere Roma.

OLIMPIA- E in seguito, dove avete ‘sognato’ di andare?

CRISTINA-Ecco ...io pensavo di stabilirmi qui.

OLIMPIA- A Roma?Che strano desiderio...

CRISTINA- E’ un desiderio come un altro. Io amo la vostra città, il mio appannaggio mi permette di risiedere in qualche bel palazzo o in una villa. Mi piace ricevere, dare festeggiamenti, circondarmi di artisti.

OLIMPIA- Questo potreste farlo in qualsiasi altro posto. La corte romana non è certo moderna, le sue abitudini sono secolari, e in quanto agli artisti, noi preferiamo servircene più che farne dei giullari  da salotto!

CRISTINA- Roma è Roma. E’ il centro del mondo, la sede della Chiesa Cattolica. La sorgente dell’arte. Fortunati voi a viverci.

OLIMPIA- Il popolo forse non è d’accordo con voi!

CRISTINA-Il popolo è disposto a riconoscere la supremazia, se si dà loro un motivo per essere contenti. Se si punisce solamente, lo si aggravia di tasse, e ci si comporta diversamente da come si va predicando, allora protesta!

OLIMPIA- (sorridendo)Vedo che conoscete bene i nostri difetti. Però a Roma  vivere è complicato se non si è cattolici. Qui tutto parla di religione. I nostri ritmi sono cadenzati sul calendario liturgico, la nostra vita sui sacramenti...

CRISTINA- Lo credo, anche se con l’intelligenza e la tolleranza si può ovviare a tali problemi!

OLIMPIA- Non ci manca l’intelligenza, ma la tolleranza.

CRISTINA- Io stavo parlando di me stessa.

OLIMPIA-Siete priva di falsa modestia. L’unica cosa che vi manca, oltre che una professione di fede.

CRISTINA-Mi avevano parlato della vostra durezza.

OLIMPIA- Non è da me nascondermi dietro le parole. A Roma non c’è posto per una protestante, ex regina che fosse!

CRISTINA- Problema inesistente. Io mi sono convertita alcuni giorni fa, dopo aver parlato con il Cardinale Ottavio.

OLIMPIA- (silenzio)E’ stato lui a consigliarlo?

CRISTINA- Direi di no, ma ho capito ugualmente che era necessario.

OLIMPIA- Una mossa astuta mia cara.

CRISTINA- Ora non vi resta che presentarmi ad Innocenzo X.

OLIMPIA-Pensateci Cristina. Roma è un ammasso di nobili bigotti e puritani, nostalgici e reazionari. La vostra libertà può far paura!

CRISTINA- Ora sono cattolica, non possono più temermi.

OLIMPIA- Parigi è una città moderna e i suoi costumi sono alquanto licenziosi. Mazzarino e Luigi sono tolleranti, molto tolleranti...(allusiva)

CRISTINA- Non mi interessa una corte licenziosa signora, mi interessa la cultura.

OLIMPIA- Ammirevole da parte vostra! Se volete manderò insieme a voi il Bernini. Giusto qualche tempo fa Luigi mandò a chiedere i suoi servigi. Potrete iniziare lì il vostro salotto, la vostra vita da Mecenate.

CRISTINA-Non ho interesse per la Francia. Luigi è un monarca assoluto le cui decisioni non condivido.

OLIMPIA- Forse, tra le centinaia di lingue conosciute, all’appello manca il francese?

CRISTINA- Madame, lassez cette querelle . Moi, je veux rester ici, à Rome.

OLIMPIA- Allora lo parlate molto bene! Ne sono felice. Potreste entrare negli intrighi di corte, farvi amico il Re. Lui non bada a certe cose.

CRISTINA- Quali cose signora? Non vi capisco e non vedo perché volete spedirmi a Parigi!

OLIMPIA- Vi ho già detto che le parole non mi difettano. Volete che pronunci ad alta voce quello  che si mormora già da tempo, per vostra stessa asserzione?

CRISTINA- Donna Olimpia detesto gli enigmi. Parlate chiaramente ve ne prego.

OLIMPIA- Volete che si sappia in giro e venga all’orecchio del Papa perché non avete voluto sposarvi?

CRISTINA- (in evidente imbarazzo) Come osate?Non credo siano fatti che vi riguardano.

OLIMPIA- A Roma tutto mi riguarda e se deciderete di vivere qui, anche voi e i vostri desideri mi riguarderanno.

CRISTINA-Portate rispetto ad una sovrana.

OLIMPIA- Ex sovrana, mia cara, ex. Sapete ? Io sento le chiacchiere solo quando presumo che abbiano un fondo di verità. 

CRISTINA- Quale sarebbe questa verità allora?

OLIMPIA- Non vi interessa il matrimonio, perché  non è un uomo quello che vorreste sposare!

Cristina rimane ghiacciata, immobile. Olimpia le gira intorno.

OLIMPIA- I tempi non sono maturi, mia cara. Ecco perché vi consiglio di andare a Parigi. la nostra corte è gretta e antiquata. Lì respirerete un’aria migliore.

28

Entrano Ottavio e Elizabeth

ELIZABETH-Altezza, ho visto delle cose meravigliose. ...ma che avete?

CRISTINA- Andiamo mia cara, togliamo il disturbo!

ELIZABETH- Quando vedremo il Papa? Sono talmente entusiasta di essere qui!

CRISTINA- (a Olimpia) Io parto. Sono certa che  la situazione evolverà. I tempi matureranno e il mondo intero, compresa Roma, cambierà ottica. Gli uomini hanno diritto di vivere secondo la loro natura, gli  schemi sociali crolleranno. Giuro che tornerò a Roma prima o poi e ci  rimarrò tutto il resto della mia vita. E allora, signora,  vedremo  chi l’avrà vinta!

OLIMPIA- E così sia!

ELIZABETH- Ma dove andiamo , dove? (mentre si prostra ai piedi di Olimpia per riverirla)

CRISTINA- A Parigi! Lì si respira un’aria migliore di questa!

ELIZABETH- (piagnucolosa mentre Cristina la trascina fuori insieme a Ottavio) Ma come, non volevate rimanere qui? Roma mi piace e poi dobbiamo vedere Innocenzo e oggi il Cardinale Ottavio....

Ottavio mentre esce, lancia uno sguardo di intesa a Olimpia che a fatica nasconde una risata.

29

Entra il Bernini

BERNINI- Chi era quella bella signora che è uscita?

OLIMPIA- Avete visto qualcuno che usciva, oltre il cardinal Ottavio?

BERNINI- Una signora!

OLIMPIA- Non c’era nessuno qui!

BERNINI- Mi volete canzonare? L’ho vista io qui adesso che usciva insieme a una ragazza.

OLIMPIA- Bella donna?

BERNINI- Sì, affascinante!

OLIMPIA- Dimenticatela, voi non avete visto nessuno! E’ venuta in sordina e così se ne partirà!

BERNINI- Ma chi era?

OLIMPIA-...Una...discendente di Saffo!

BERNINI- (guardando fuori come a seguire l’uscita di Cristina e poi girandosi incredulo verso Olimpia.) Cosa? Avete cambiato gusti in fatto di amore? Ma come, io che sospiro per voi, io che non penso che a voi, mi volete uccidere...volete soffocare il mio afflato. Sapevo che eravate una libertina, ma sempre seguendo certe regole, santo cielo. Ah è perché vi piace provare di tutto eh, ma vi farò cambiare idea. Venite qui. (tenta di baciarla)

OLIMPIA- Gian Lorenzo! Fermatevi. (lo dirige di fronte al tavolo da pranzo)Venite, venite qui.

BERNINI- Dove, in camera? Nella vostra alcova ? Nel vostro boudoir?

OLIMPIA- Ecco qui!

BERNINI- (guardandosi intorno) Non mi sembra il luogo adatto e Innocenzo viene e mi scaccia come l’altra volta!

 OLIMPIA-Innocenzo è in Vaticano a nominare un nuovo Vescovo per la diocesi di Viterbo. Fermo, non vi muovete!

BERNINI- E chi si muove, sono una statua pronta per essere inaugurata!

OLIMPIA- Guardate su questo tavolo, che cosa vedete?

BERNINI- Vedo un bel tavolo da pranzo in legno di ciliegio intarsiato con dell’olivo. Un buon artigianato, desumo sia originario delle mie parti, Sorrento credo.

OLIMPIA- Suvvia Gian Lorenzo, non vi ho chiesto un commento artistico sul tavolo, ma quello che c’è sul tavolo.

BERNINI- Non c’è niente!

OLIMPIA- Ora verrà apparecchiato per il desco.

Olimpia batte le mani ed entra Alberico portando un carrello con le cose elencate  e inizia ad apparecchiare

OLIMPIA-Tovaglia di lino ricamato di  Fiandra, piatti in metallo prezioso provenienti dalle miniere del nuovo mondo, posate d’argento masiccio incise a mano, caraffa completa di boccali dei maestri argentieri fiorentini, candelieri d’oro massiccio cesellati dal Cellini.

BERNINI- (fregandosi le mani e sedendosi a tavola) Bene, bene, bene una tavola da Re, e che si mangia?

OLIMPIA- A voi sembra una tavola da Re, ma ci manca qualcosa!

BERNINI- A me va benissimo così, sedete pure, fate come se foste a casa vostra.

OLIMPIA- Alzatevi Gian Lorenzo!(lui si alza mogio)

Bernini- Vi state prendendo gioco di me?

OLIMPIA- Non vedete che manca qualcosa al centro della tavola eh?

BERNINI- Il centrotavola!

OLIMPIA- (battendo le mani e spingendolo alla porta) Bravo, finalmente! Dovrete farmi il più bel centrotavola esistente al mondo. In marmo mi raccomando e il più presto possibile.

BERNINI- (Togliendosi il tovagliolo dal collo) Ma la fontana, non devo farvi la fontana per la Piazza?

OLIMPIA- (pensierosa) Fontana? E già perché no? Ispiratevi alla fontana!

BERNINI- Ma quale fontana se non lo ha ancora fatta?

OLIMPIA- Quella che avete già nella vostra testa! Nella vostra testa chiaro? Ma delle dimensioni di un ..

BERNINI- Centrotavola, ho capito sì ho capito adesso. Volo! (esce)

30

In piazzetta Cecilia è tutta allegra perché è tornato Gaetano che ha una gamba fasciata e ingessata.  Oreste legge la solita poesia di Pasquino.

ORESTE-

Quando l’eco della lotta s’era spento

e’ ‘l sale gettato s’è disperso ar vento,

se so’ sentite lontane lontane

batte i rintocchi le campane,

e pe’ tacità l’urtima voce der paese

Pimpaccia   l’ha portate a S. Agnese,

poi c’hanno messo ‘na targa  d’alabastro

ndo’ ce sta scritto: ‘qui fu Castro’!

CECILIA- Tu l’hai vista la targa Gaetà?

GAETANO- E certo che l’ho vista, l’hanno messa ‘ndo stava la piazza!

MARIA- Ammazza che cattiveria, l’hanno proprio voluto cancellà dalla faccia della terra ‘sto paese.

ORESTE-Pure er sale c’hanno messo sopra!

CECILIA- Perché tanto spreco a buttà er sale? Nun se fa’!

GAETANO- Perché dove c’è il sale nun ce cresce più gnente sopra. E così Castro nun dovrebbe più risorge.

MARIA- Io sapevo che chi risorge è solo Gesù Cristo.

CECILIA- E le campane della chiesa le hanno levate da lì?

GAETANO- Sì, la Papessa le ha fatte mette  a S. Agnese.

CECILIA- Ma pensa tu, così manco più le campane ce stanno.

ORESTE- Già e visto che S. Agnese deve esse restaurata e ce dovevano cambià le campane, già se l’è ritrovate.

MARIA- Armeno nun ha dovuto mette n’artra tassa pe’ comprassele.

ORESTE- A Gaetà ma poi i 1000 scudi ve l’hanno dati?

MARIA- Eh, eh? Ve l’hanno dati?

GAETANO- Ecco ‘mbe...no, no tutti!

CECILIA- No, tutti no!

ORESTE- E cioè?

GAETANO-Hanno cominciato a dì che semo andati in tanti, che i costi so’ stati superiori a quanto pensaveno!

MARIA ORESTE-E allora?

GAETANO- Me n’hanno dati solo 100.

ORESTE- Cento scudi solo?

CECILIA-E c’è chi pure non c’avuto gnente!

MARIA-‘Sti morammazzati, ‘mbrojoni, ladri...

ORESTE- Ma voi jeli avete chiesti o no?

GAETANO- E certo che je l’avemo chiesti. C’hanno risposto che, se volevamo, potevamo arraffà tutto quello che ce pareva dentro Castro.

ORESTE- Fa’ l’avvoltoi ‘nsomma!

GAETANO- E che potevamo facce ben più de 1000 scudi!

MARIA-Sciacalli, ladri!

ORESTE- E voi?

GAETANO- Io m’ero ferito e nun potevo annacce e allora m’hanno dato 100 scudi e via!

MARIA- Cento scudi pe’ ave’ rischiato la vita!

CECILIA- A Marì, chissene, mo’ è tutto finito e se ricomincia.

MARIA- E già, consolateve co l’ajetto!

CECILIA- A me nun me ne frega gnente, c’avevo ‘na paura che nun tornava più! S’è pure rotto ‘na gamba!

ORESTE- Eh, co’ tutte le preghiere che avete recitato, ‘na gamba in fondo, è robba da gnente!

GAETANO-Hai pregato pe’ me? Allora me voi bene?

CECILIA- Certo c’ho pregato.

ORESTE- E nun ve immagginate quanto!(ride)

31

Alberico sparecchia lentamente fischiettando. Maria si affaccia alla porta.

MARIA- Posso entrà?

ALBERICO- Ah, sei tu!

MARIA- Sì, so’ io.

ALBERICO- Come te la passi?

MARIA-’Nsomma, e tu? Te sei sistemato!

ALBERICO- Sì sto bene! Qualcuno t’ha visto entrare?

MARIA- No, e poi il portone era aperto. Anvedi che casa, a raccontallo che so’ stata qua nun ce crederanno mai!

ALBERICO-Invece non lo devi dì a nessuno chiaro?

MARIA- E mica  so’ scema! Come sta’ tu’ moje?

ALBERICO- Bene sta bene. Voi magnà qualcosa?

MARIA- Se t’avanza un pezzo de pane...

ALBERICO- Mettiti seduta che ti preparo subito.

(scopre dalla pietanziera della carne con dei piselli e glieli versa in un piatto, le porge del pane e le versa del vino)

MARIA- Ammazza che lusso, la carne! E chi l’ha mai vista!(addenta un pezzo) Bona, uhm..

ALBERICO- Piano che ti strozzi! (le siede accanto e continua a versare il vino)

MARIA- Che me voi ‘mbriacà?

ALBERICO- Ti sei sposata poi?

MARIA- Macchè, ormai che me sposo a fa’, so’ grande!

ALBERICO- E allora? Non c’è nessuno  che ti piace?

MARIA- Uno ce sarebbe, fa il falegname, ma è ‘nporaccio

e che je metto l’aggravio?

ALBERICO- Te piacerebbe guadagnare qualche soldo pe’ sposatte?

MARIA- E certo che me piacerebbe!(mentre continua a mangiare) Ma a me me piace pure da sta’ coi piedi per terra. No come quell’amico mio che javevano promesso mille scudi pe’ combatte a Castro e jen’anno dati solo cento grazie al fatto  ché s’era rotto ‘na gamba, sinnò manco quelli pijava!

Alberico tira fuori dalla tasca un sacchetto.

ALBERICO- Guarda Mari’ i soldi già stanno qua.

Maria smette da mangiare e apre il sacco delle monete e le conta e le riconta.

ALBERICO- Sono  600 scudi.

MARIA- (balbettando) Sei, sei...cento... Che devo fa’? Che devo fa’? Aho, io non ammazzo nessuno eh?

ALBERICO- Devi solo firmare una dichiarazione...niente!

MARIA- (alzandosi in piedi)’Na dichiarazione? Era mejo se me facevi ammazzà quarcuno!

ALBERICO-(tirandola giù a sedere) Ma che sei matta, che dici, devi solo firmare!

MARIA- (Scoppia a piangere) Non posso firmà, non posso!

ALBERICO- Tutti ‘sti scrupoli te fai?

MARIA- Non posso, ecco!

ALBERICO- Non è niente di grave, devi solo dichiarare che Olimpia Borghese non puo’ avere figli. Che poi è vero visto che non ce l’ha avuti!

MARIA- Ah, ah, ah! Ma Olimpia è stata sposata poco più di un anno e...

ALBERICO- Pe’ fa’ un figlio bastano 9 mesi!

MARIA- Paolo Borghese era vecchio e malandato e Olimpetta...

ALBERICO- (tirando fuori un foglio) Lo firmi o no?  Ci tieni tanto alla Borghese?

MARIA- Non me ne ‘mporta gnente della Borghese, ma io non posso firmà perchè ...

ALBERICO- Perché...

MARIA-Non so scrive ecco!

ALBERICO- O Signore, neanche la firma sai fa’?

Maria piangendo scuote la testa.

MARIA- Posso fa’ ‘na croce !

ALBERICO- No, è un documento troppo importante, direbbero che t’hanno costretta!

MARIA- Ma perchè devo dichiarà ‘sta cosa?

ALBERICO- Non ti riguarda. Tu sei stata chiamata al suo fianco no?

MARIA- Sì. Come levatrice dovevo vedè se c’era quarcosa che je ‘mpediva de fa’ i fiji.

ALBERICO- E qualcosa c’era...

MARIA- Sana come un pesce, ma lui , poraccio nun jela faceva più...troppo vecchio!

ALBERICO- Poteva benissimo essere a causa di lei, invece.

MARIA- Te dico de no. Ma poi che me frega!

ALBERICO- Le lettere le sai almeno copià?

MARIA- Ce provamo!

ALBERICO- Daje dai. (sparecchia un angolo e prende un calamaio) Ecco guarda. Meno male che te chiami Maria Monti, è corto, almeno famo presto!

 

Maria si sforza di copiare, Alberico tra un’imprecazione e l’altra, riesce a farla scrivere.

MARIA- So’ stata brava, so’ stata brava? Guarda che firma, sembra proprio de una che sa scrive’!

ALBERICO- Va bene, va bene. Parla piano. Dai qua(prende il foglio e lo mette sullo scrittoio)

MARIA-Ora i soldi me li dai eh?

ALBERICO- Certo! Eccoli! Nessuno deve sapere niente, colla gente inventati qualcosa. Se ti chiamano a testimoniare, ricordati: tu hai avuto modo di visitare Olimpia Borghese e giuri che non può avere figli! Va bene?

MARIA- (saltando di gioia) Ma sì sì, sta’ tranquillo. Mo me levo da torno.

Maria , mentre Alberico rilegge il foglio, prima di varcare la porta parla fra sé e sé.

MARIA- Mia cara Olimpietta, quanno t’ho visto nasce, ho avuto la sensazione che m’avresti portato fortuna!(esce)

32

Pamphilio entra mentre Alberico finisce di sparecchiare e legge il foglio.

PAMPHILIO- E certo, meglio che se dica che è sterile piuttosto che incestuosa. Vabbè che poi chi l’avrebbe saputo  mai. Però se je nascono i figli storpi, malati? Mo’ Camillo come la prenderà?

Entrano Innocenzo e Camillo.

INNOCENZO- Cercherò di convincerla...

CAMILLO- Grazie santità, mia madre l’ha presa proprio male.

INNOCENZO- La devi capire tua madre, contava molto sulla tua carriera ecclesiastica. Aspirava al più alto grado.

CAMILLO- Lo so ma io ho cambiato idea e voi sapete quanto sono determinato.

Entra Olimpia che confabula con Alberico il quale gli indica il foglio. Alberico esce e lei si rivolge ai due.

OLIMPIA- (inchinandosi)Santità, Camillo.

CAMILLO- Madre carissima...

OLIMPIA- Allora hai cambiato idea?

iNNOCENZO- Olimpia cara, Camillo ha la testa sulle spalle...

OLIMPIA- Scusate Innocenzo, voi siete il Papa e anche lo zio, ma io sono la madre è a me che Camillo deve rendere conto!

INNOCENZO- Camillo è come se fosse figlio mio , ci tengo alla sua felicità!

OLIMPIA- So quanto gli siete affezionato, ma è proprio lì il punto: ( a Camillo) se per felicità voi intendete godere delle grazie di una donna, sapete che è possibile comunque, (sottovoce)anche senza il matrimonio...

INNOCENZO- (falsamente scandalizzato) Che dite signora, come potete suggerire ad un cristiano di fornicare senza il sacro vincolo?

CAMILLO- Madre un simile linguaggio non è da voi!

OLIMPIA- Figlio mio , apri gli occhi, guarda come va il mondo. Pensi veramente che i  preti mantengono il giuramento di castità? Sono degli uomini, infine.

INNOCENZO- Se c’è qualcuno che in preda alle tentazioni del diavolo cade nel peccato, non è un motivo per sostenere che questo sia un comportamento lecito e ...

OLIMPIA- Lecito sicuramente no, comune sì!

CAMILLO- Madre non continuate su questa strada. Io amo teneramente Olimpietta e desidero mettere su famiglia con lei con il sacro vincolo del matrimonio.

OLIMPIA- Avevi prestato un altro giuramento davanti a Dio.

CAMILLO-Dio legge nel mio cuore e sa che sono sincero.

INNOCENZO- Olimpia, lasciate correre, io dovrei essere contrariato, ma non lo sono. Scioglierò i suoi voti e benedirò il matrimonio.

OLIMPIA- Qual è il primo scopo del matrimonio Santità?

INNOCENZO-Prolis generationem...

CAMILLO-Dove volete arrivare madre?

OLIMPIA- (porgendo la dichiarazione a Camillo) Non credo che Olimpietta possa darti un erede!

INNOCENZO- (sbirciando il foglio, tra il sorpreso e l’indignato)Olimpia?!

CAMILLO- Madre? Ma...come vi siete permessa? Quale crudeltà avete escogitato?

OLIMPIA- La pura verità! 

CAMILLO- Una dichiarazione strappata ad una donnetta che neanche avrà saputo scrivere.

OLIMPIA- Ha firmato,potete chiedere a lei direttamente...o ad Olimpia!

INNOCENZO- (a Camillo che furente si dirige vicino ad Olimpia e sembra quasi voglia picchiarla) Calmatevi, calmatevi. Comprendete l’angoscia di vostra madre! Rinunciate al cardinalato senza essere sicuro di avere in futuro una prole. Olimpia, l’azione commessa non vi fa onore, Camillo è pur sempre vostro figlio.

OLIMPIA- L’ho fatto per il suo bene!

CAMILLO- O per il vostro?

OLIMPIA- (cambia tono, diventa implorante)    Vuoi buttare tutto all’aria dopo i progetti fatti fin dall’adolescenza?  La tua educazione, il seminario, i voti, l’elezione a cardinale, gli interventi diplomatici che hai sostenuto, l’apporto di tuo zio e la necessità, in questi tempi bui, che ci sia al fianco  del Papa un alleato? Non sei minimamente grato per tutto quello che la vita ti ha donato e che può ancora offrirti?

CAMILLO- Madre, sapete quanto ami voi e il Santo Padre e quanto sia consapevole dell’aiuto che mi avete dato e del fatto che  dovrei ricambiarvi, ma, ora come ora, sarei un cattivo cardinale. Ho avuto una crisi e il Signore  mi ha aiutato a comprendere. Dio non vuole da me un sacrificio sterile.

OLIMPIA- Visto che parli di sterilità e che sei deciso a sposarti, e che lo scopo  del matrimonio è quello di procreare, sposati alla fine con un’altra donna, una donna che potrà darti dei figli!

CAMILLO- Mi dispiace madre, ormai ho deciso. Non mi sposo per un capriccio, amo Olimpietta e in quanto a quel pezzo di carta...non mi importa! Io la sposo ugualmente! (esce)

OLIMPIA- Come...?

33

Piazzetta

Gaetano, Oreste e Cecilia ripetono un sonetto di Pasquino

GAETANO ORESTE CECILIA-

Siccome nun è mai contenta

e d’ogni azione mai che se ne penta,

ar fijo che non vo’ fa’ più er cardinale

je dice peste e corna, lo mena e je fa male

insomma tira proprio ‘na brutta ariaccia

state alla larga da casa de Pimpaccia!

CECILIA- Certo devesse stato ‘nbrutto colpo per la Papessa.

GAETANO- Che gusto c’ho provato aho!

ORESTE- Già , se credeva la regina madre!

CECILIA- Moje de ‘n Papa e madre de n’altro. Chissà se mo’ sto fatto je farà abbassà le penne?

GAETANO -Sai come se dice? Il lupo perde il pelo ma no il vizio.

ORESTE- Se dice pure ‘chi dice donna dice danno’

CECILIA- Questo se l’è ‘nventato Pasquino pe’ lei!

GAETANO- Pe’ la Pimpaccia de Piazza Navona e (con intenzione) pe’l’ artre...

CECILIA- Nun ho ben capito, chi so’ ‘st’ artre?

34

Entra Maria tutta saltellante e allegra.

MARIA- Bongiorno a tutti , signori miei!

CECILIA- Sei piuttosto allegra Marì, che t’è successo!

ORESTE- Ma che c’avete pure ‘na camicia nova?

MARIA- L’avete notato eh? Ve piace, me dona?

ORESTE- Sora Marì, cosi me fate arrapà!

GAETANO-Ah Orè, carmateve i bollori, sinnò quella ve dà ‘na pigna!

CECILIA- Ammappeve Marì che lusso, avete rubato?

MARIA- ma che rubbato. E’ frutto del mio lavoro?

ORESTE- Sarà nato quarche Gesù Cristo.

CECILIA- Raccontace Mari’...

MARIA- E che ve devo raccontà. Lo sapete no che quarche vorta me capita de fa la levatrice dai signori.

GAETANO- Ce lo sapemo, solo che ve capita de rado.

MARIA- E che volete fa’, ‘na vorta sì, ero famosa come mi madre!

CECILIA- Poi ve successe ‘nguaio?

GAETANO- Raccontatece daje!

MARIA- Beh, ‘na vorta so’ chiamata a casa de certi signori...

ORESTE- E chi erano?

MARIA- Non me ricordo bene, me pare Aldobrandini..., alla signora je presero le doje...

CECILIA- E vanno subbito chiamato?

MARIA- Veramente, c’avevano la levatrice de famija, ma a questa, proprio il giorno prima, jera preso ‘ncolpo ed era morta!

CECILIA- Come a mi’ madre!

GAETANO- E, sì, che brutta ’mpressione m’o’ ricordo! Tutta verde era diventata, co’ la lingua de fori...

CECILIA- (dandogli una gomitata) Aho e piantala , sta’ zitto. Allora?

MARIA- Il parto andò normale e la creatura stava bene.

CECILIA- Allora?

MARIA- Siccome lì ero de straforo, subbito l’artre donne se so’ precipitate ad accudilla, allora m’hanno detto: corri alla rota che la signora pe’ ringrazià Dio vo’ adottà n’artra creatura. Ce vado e torno. Mentre  lavo la creatura, quella smette de respirà. A gnente so’ serviti schiaffi, massaggi, a soffiaje ‘nbocca, nel naso. Era morta.

ORESTE- So’ cose che capiteno Mari’.

GAETANO- Stamo ‘n mano de Dio. Che volete fa’...

CECILIA- E che v’hanno detto i signori eh?

MARIA- E che m’hanno detto? Ch’era corpa mia, che dovevo sta’ attenta , che chissà come l’avevo toccata, una me disse pure che j’avevo fatto er malocchio!

CECILIA- ‘Sti maledetti...

MARIA- Così m’hanno cacciato e messo ‘ngiro na brutta voce, il lavoro m’è calato e dai signori ormai ce vado poche volte.

CECILIA- Però mo’ v’è annata bene, no?

ORESTE- Mo’ c’avete i sordi. Avete guadagnato!

MARIA- Sì, m’hanno pagato bene, molto bene, tanto c’ho deciso de offrivve da bere!

GAETANO- Davero so’ pronto! ‘namo Ceci’...

CECILIA- E figurete se nun te precipitavi...

35

Mentre Cecilia e Gaetano escono, Oreste e Maria rimangono indietro.

ORESTE- E così mo’ c’avete un po’ de sordi eh?

MARIA-Erano così contenti della nascita che m’hanno dato molto de più de quanto pijo de solito.

ORESTE- Che sarebbe?

 Maria- E mo’ v’’o vengo pure a dì?

ORESTE- Mo’ però con po’ de sordi  ce potemo sposà?

MARIA- Davero me voi sposà?Ma ricordete che l’omo sei te, tu me devi mantené. Non sempre so’ giorni grassi col lavoro mio.

ORESTE.- Ma pe’ comincià vabbene no?

MARIA- Sì, un po’ de corredo, ‘na piccola festa. Ce potemo sposà.

ORESTE- c’era bisogno allora de buttà i sordi pe’ offrì da bere?

MARIA- Sei diventato pidocchio tutt’insieme? Che voi che sia qualche bajocco, vojo che l’amici nostri festeggiano co noi.

ORESTE- E vabbe. ‘namo va.

Mentre Oreste esce Maria parla alla statua de Pasquino.

MARIA-E mica so’ scema da dije quanti scudi m’hanno dato.  L’ommini vanno tenuti sotto scacco:

tante moine pe’ falli  innammorà

tanti cazzotti pe’ fasse rispettà...Ah ah ah(esce, mettendo un foglietto sulla statua di Pasquino)

36

Casa di Olimpia. Olimpia , Alberico, Pamphilio

ALBERICO- Non state così abbattuta signora, non vi riconosco!

OLIMPIA- Le ho tentate tutte, non mi rimane che una cosa!

PAMPHILIO- Je voi dì la verità? Che Olimpietta è fija tua. Lascia perde’, che ce guadagni? Solo l’infelicità de Camillo!

ALBERICO- Avete tentato tutto il possibile, non c’è più niente che potete fare. Camillo è cambiato , è cresciuto, maturato...

OLIMPIA- Mi disubbidisce, per questo dici che è maturato.

PAMPHILIO- Aho e poi, mica è detto che i fiji nascono deformi...

ALBERICO- E’ naturale che prima o poi i figli lasciano il nido.

PAMPHILIO- E poi i nobili spesso se sposano fra cugini, e i cugini so’ quasi fratelli, no?

OLIMPIA- Questo è vero, ma il futuro di Camillo era  pieno di gloria.

PAMPHILIO-Tanto è vero che ci vuole la dispensa papale se uno se vo’ sposà ‘na cugina.

ALBERICO- Ora siete delusa, nervosa. Aspettate che l’idea di vostro figlio faccia strada nella vostra mente. Poi ne sarete contenta. Avrete dei nipoti....

PAMPHILIO-Può esse che non nascano dei figli..

OLIMPIA- Nipoti? Io non voglio nipoti, non voglio che si sposi con Olimpia. Se ne poteva scegliere un’altra...

PAMPHILIO- Questo sì, co’ tante donne che ce stanno a Roma, proprio co sta fija de matris ignotae?

ALBERICO- Avete pure sprecato dei soldi con quella levatrice.

OLIMPIA- Avete fatto il mio nome ?

ALBERICO-Solo quello della principessa Borghese... prima di uscire guardando il fagottello con gli scudi ha detto”cara Olimpietta, quanno t’ho visto nasce ho avuto la sensazione che m’avresti portato fortuna”

OLIMPIA- Fortuna?!

ALBERICO- Non sapevo che avesse fatto da levatrice agli Aldobrandini.

PAMPHILIO- Che è sta ‘storia?

OLIMPIA- Da levatrice? (fa cadere un bicchiere!)

37

Buio. Musica

Sempre a casa di Olimpia, entra Olimpia Aldobrandini.

OLIMPIETTA-Signora, i miei omaggi.

OLIMPIA- Vieni, entra e accomodati mia cara.

OLIMPIETTA- Sono stata contenta del vostro invito. Pensavo che eravate un po’ indisposta nei miei confronti.

OLIMPIA- Nei vostri?  No, sono inquieta per Camillo.

OLIMPIETTA- Vi capisco signora, per fortuna si è accorto abbastanza presto della vocazione sbagliata.

OLIMPIA- Non tanto presto però. Vedi mia cara è proprio questo che mi turba. Non vorrei che la vostra avvenenza l’avesse fatto confondere, Camillo è giovane e inesperto, e scambia per amore ciò che non lo è.

OLIMPIETTA- Vi garantisco Donna Olimpia che mi ha dato prova di grande trasporto.

OLIMPIA- Anche quando ha pronunciato i voti era   sinceramente convinto. Capite? Io non dubito della sincerità delle sue parole, ma della convinzione del suo cuore.

OLIMPIETTA- Io sono sicura che lui mi ami teneramente. Può darsi che abbiate ragione, che un domani possa ricredersi, ma può servire la Chiesa anche da laico. E poi con la nascita dei figli...

OLIMPIA- Volete dei figli dunque.

OLIMPIETTA- Credo sia il naturale desiderio di una donna. Con Paolo Borghese non ne ho avuti.

OLIMPIA- Appunto. Che cosa vi fa credere che con mio figlio li avrete?

OLIMPIETTA- (imbarazzatissima, chinando gli occhi) Spero che il Signore vorrà donarceli...

OLIMPIA- Avrete fatto la stessa preghiera anche quando siete stata sposata in precedenza!

OLIMPIETTA- Vi ho già detto che è un desiderio normale.

OLIMPIA- Con Paolo siete stata sposata quasi due anni.

OLIMPIETTA- Venti mesi.

OLIMPIA- E non avete pensato mai che...

OLIMPIETTA- (alzandosi in piedi, visibilmente agitata vergognandosi) Vi dico queste cose solo per il ruolo che rivestite. Io sono come quando ero ragazza, capite? Il matrimonio non fu mai...(scoppia a piangere)

OLIMPIA- Davvero? Suvvia non piangete. Per voi questo matrimonio sarà come il primo dunque.

OLIMPIETTA- E poi signora, se non dovessimo avere figli, anche Camillo è d’accordo nell’adottarne qualcuno.

OLIMPIA- Già.

OLIMPIETTA- All’ospedale del Santo Spirito la ruota degli esposti è sempre piena. Le suore dirigono l’orfanotrofio ed espongono gli orfanelli a chi li vuole adottare.

OLIMPIA- Lo so, lo so.

OLIMPIETTA- Se poi la madre naturale è una nobile, si fa in modo di consegnare il bimbo a qualche  famiglia importante. A volte per pura carità c’è chi decide di adottare dei bambini pur avendone dei propri. Anche i miei genitori hanno adottato una bambina...

OLIMPIA- Lo sapevo. Come vi sentite ad essere una figlia di madre ignota?

OLIMPIETTA- Allora è per questo? E’ per questo che non volete farmi sposare Camillo?

OLIMPIA- No, non è per questo!

OLIMPIETTA- Ma certo, che sciocca sono stata a pensare che era solo per l’abbandono  della carriera ecclesiastica. E’ perché non vi aggrada sapere vostro figlio sposato ad una figlia di nessuno, anche se porta il cognome  Aldobrandini! Anche se è vedova di Paolo Borghese.

OLIMPIA- Sedetevi Olimpia e calmatevi, non è per questo, no assolutamente. Se non si può evitare  il matrimonio, vi dirò  la verità

OLIMPIETTA- Ormai la stima, l’affetto, l’ammirazione  che avevo per voi non ci sono più.

OLIMPIA- Ascoltate per favore...

OLIMPIETTA- E comunque, i miei genitori hanno adottato sì una bambina, ma non sono io ...era mia sorella Anna. 

OLIMPIA- Cosa? Non siete voi la bambina raccolta dalla ruota 22 anni fa?

OLIMPIETTA- I miei avevano fatto un voto a s. Anna: se avessero avuto un figlio avrebbero adottato anche un altro bambino. Mia madre era così felice di avermi messa al mondo che mandò subito la levatrice a prendere un orfanello. Quando la madre superiora venne a sapere che la famiglia era Aldobrandini, consigliò una bambina che era frutto di un legame illecito di una nobildonna. Anna era appena nata.

OLIMPIA- Ma, io non l’ho mai vista! Ho sempre visto solo voi!

OLIMPIETTA- E’ terribile Roma vero? Le notizie volano, ma in realtà non si sa niente ! Chissà forse tutti pensano che sia io la bambina adottata!

OLIMPIA- Dov’è?

OLIMPIETTA- E’ morta. Appena la levatrice la portò a casa e la lavò per metterla vicino a me nella culla, lei non respirò più.

OLIMPIA- Mio Dio.(scioccata)

OLIMPIETTA- Allora, vi opporrete ancora alle nostre nozze?

OLIMPIA- (crollando sulla sedia) No, no.

 

38

Piazzetta. Si sentono le campane suonare a festa. Entrano Oreste e Maria vestiti, in qualche modo, da sposi. Cecilia e Gaetano li seguono tirandogli il riso.

CECILIA GAETANO-Evviva gli sposi evviva!

CECILIA- Che bella funzione v’ha fatto don Luciano.

MARIA- E’ vero e’ vero, me veniva da piagne...

ORESTE- Che te piagni, ridi ‘nvece ridi!

CECILIA- Sì devi ride, ballà e cantà!

GAETANO- Mo’  ‘ndannamo Orè?

ORESTE- Alla trattoria de Cesare, alla Lungaretta.

CECILIA- Aho lì se magna bene!

ORESTE- E se beve pure mejo!

MARIA- (sempre piagnucolosa e romantica) Le senti le campane Orè? Sembra che stanno a sonà  pe’ noi!

ORESTE-Davero Mari’, avemo fatto bene a sceje oggi de sposacce!

GAETANO- Certo che sonano pe’ voi, sonano pei sposi!

MARIA-(allusiva) Ma  non semo noi li sposi!

ORESTE- E che ce ‘mporta, la città è a festa manco fosse Pasqua! Godemosela!

CECILIA- Ve siete sposati no? E allora godeteve le campane de Camillo e Olimpietta! Ve porteno bene!

ORESTE- (passando davanti alla statua si blocca) Aho, nun sia mai che manco da legge che dice Pasquino!

MARIA- Proprio oggi, daje, nun me va de legge cose che ce fanno venì i brutti pensieri!

GAETANO- Leggi Orè che poi annamo a magnà!

CECILIA- Daje, dai!

ORESTE- Sta’ bbona Marì che me diverto troppo!

MARIA - E vabbè!

ORESTE- (leggendo)

Pe ‘ le nozze de Camillo

grande festa, manco a dillo!

Pimpa tutta ‘nfiocchettata,

ma che è lei che s’è sposata?

Ar corteo  s’è messa in testa

è la regina della festa,

per la dote  sostanziosa

ha accettato poi la sposa

che nun è ‘na  poveraccia,

vince sempre ‘sta Pimpaccia!

MARIA- Oggi avemo vinto pure noi!

CECILIA- E’ vero !

ORESTE- Annamo a festeggià!

GAETANO-Alla faccia della Pimpaccia!

39

Qualche tempo dopo a casa di Olimpia. Alberico sta preparando  la tavola, entra ed esce. Olimpia  è allegra, sistema qualcosa sul tavolo. Gira a destra e sinistra. Si mette in ordine  gli abiti guardandosi allo specchio. Entra il Bernini. Porta un magnifico centrotavola.

OLIMPIA- Oh maestro bravo bravo, fate vedere!

BERNINI- Ci ho lavorato di giorno e di notte.

OLIMPIA- E’ bellissimo, una magnificenza!

BERNINI- Niente male è vero?

OLIMPIA- Posatelo lì, al centro .

BERNINI- Ecco fatto. (posiziona il centrotavola)

OLIMPIA- Guardate come sta bene sulla tavola!

BERNINI- Sprecato!

OLIMPIA- Vedrete Gian Lorenzo, vedrete.

BERNINI- (baciandole le mani) Siete la mia musa ispiratrice, la mia ninfa ammaliatrice, la dea che sovrasta il mio ingegno...

OLIMPIA- E chi più ne ha più ne metta. Potete andare su.

BERNINI- Da questa casa mi si scaccia sempre. Sono stufo di essere trattato come uno straccio.

OLIMPIA- Se seguirete i miei suggerimenti, riuscirete a creare la più famosa fontana del mondo nella più bella, piazza del mondo. Andate a prendere i vostri disegni, aspettate di là  un mio cenno prima di rientrare.

BERNINI- Che non finisca come la fontana di Trevi! I Barberini non hanno più avuto la possibilità di farmela finire.

OLIMPIA- Ecco perché ora state con i Pamphili.(mentre lo spinge fuori)

BERNINI- Con una Pamphili, l’unica la sola...(esce)

39

Alberico entra e finisce di sistemare la tavola. Dopo un po’arrivano Ottavio e Innocenzo. Segue Pamphilio. Olimpia fa un profondo inchino.

OLIMPIA- Santità. Cardinale.

INNOCENZO- Finalmente vi siete calmata signora, è piacevole vedervi tranquilla.

OTTAVIO- Vi trovo molto bene.

OLIMPIA- Sono lieta di essere qui con voi a festeggiare il Capodanno. La cerimonia in S. Pietro questa notte è stata meravigliosa.

INNOCENZO-Vero? C’era tutta la nobiltà. E dov’è Il nostro caro Camillo?

OLIMPIA- E’ invitato a pranzo dalla famiglia Aldobrandini.

INNOCENZO- Sono lieto che siete giunta a più miti consigli.

OTTAVIO- (mentre fa sedere Olimpia scostandogli la sedia) Donna Olimpia ha sempre avuto un intelletto vivo: sa quando è il momento di deporre le armi, per preparare  la mossa successiva.

PAMPHILIO- Furba come ‘na volpe!

OLIMPIA- Su, non siete qui per fare complimenti, ma per allietare la tavola di una donna che è diventata suocera. (fa il cenno agli altri di sedersi)

INNOCENZO- Non sarà poi così drammatico.

PAMPHILIO- Eh non te piace diventà vecchia!

OTTAVIO- Pensate quando vi sentirete chiamare nonna.

OLIMPIA- Spero il più tardi possibile!

PAMPHILIO- Manco li vorrà vedè i nipoti...

OLIMPIA- Bene signori brindiamo.( versa il vino)

OTTAVIO- Che magnifica tavola avete preparato!

INNOCENZO- (assaggiando il vino)E questo vino, vi siete superata!

PAMPHILIO- Aspetta,aspetta!

OTTAVIO- Non ho mai visto un centrotavola così bello.

INNOCENZO- Direi davvero magnifico, cos’è?

OLIMPIA- Rappresenta i fiumi più lunghi del mondo. Ecco vedete? Il Nilo, il Rio della Plata, il Danubio e il Gange.

INNOCENZO - Un’opera notevole, raffinata. Come l’avete avuta?

OLIMPIA- Oh, è il regalo di un amico.

Innocenzo fa un gesto inconsulto e rovescia il bicchiere, il vino gli va di traverso e comincia a tossire.

PAMPHILIO- Calma!

INNOCENZO- Un amico? Quale amico?

OLIMPIA- Una persona alla quale tengo molto.

INNOCENZO-Le persone a cui dovete tenere molto sono già in questa stanza, compreso Camillo s’intende!

OLIMPIA- Il mio cuore è grande Santità!

PAMPHILIO- Il suo cuore!

INNOCENZO- Che significa? Chi è questo amico al quale  tenete più di me?

OTTAVIO- Santità non vi agitate..

OLIMPIA- Ma no, che dite? Lui mi fa di questi regali ed io gli sono grata.

OTTAVIO- Calmatevi, potreste sentirvi male!

INNOCENZO- (alzandosi e quasi rovesciando la sedia )In che modo gli siete grata?

PAMPHILIO- Immagina!

OLIMPIA- Siete ingiusto con me, pensate  che io non debba apprezzare i sentimenti sinceri?

INNOCENZO- Sentimenti, come osate?

OTTAVIO- Sedete Santità, vi prego!

INNOCENZO-(in crescendo) Volete dire che non mi volete bene? Che io non vi dimostro dei sinceri sentimenti?

OTTAVIO- (si alza imbarazzato ed esce)Scusatemi...

PAMPHILIO- Bravo esci perché ‘ste cose nun se ponno vedé. (anche lui fa l’atto di uscire ma si mette a sbirciare)

OLIMPIA- Ultimamente direi proprio di no! Ho passato dei momenti orribili , e voi....nulla!

INNOCENZO- (sempre più alterato)Non è vero, io sono sempre ai vostri piedi, ma la vostra indole traditrice...Dimostratemi voi che mi volete bene.

OLIMPIA- Potete chiedetemi tutto...

 INNOCENZO- Donatemi quel centrotavola ed io...

OLIMPIA- No, mi dispiace non posso...

INNOCENZO- Come non potete, ve lo ordino, io sono il Pontefice.

OLIMPIA- Non potrei mai donare ad altri una simile testimonianza di...

INNOCENZO-(veramente furioso)Di che...di che? Volete che vi dimostri anch’io il mio sentimento con un dono che valga più di questo?

OLIMPIA- Questo centrotavola è preziosissimo, di più non so se sia possibile.

INNOCENZO- Se mi cedete l’oggetto giuro che vi ricambierò con qualcosa che valga 1000 volte tanto!

OLIMPIA- Non pensate di esagerare? Le casse dello stato...

INNOCENZO- (tonante)Sono il Papa e sono un Pamphili. Ditemi che cosa volete!

OLIMPIA-Solo una fontana Santità.

INNOCENZO-(stordito)Una fontana?

Olimpia batte le mani ed entra sorridente il Bernini con I progetti sotto il braccio .

INNOCENZO-(guarda il Bernini) Quella fontana!

PAMPHILIO- Tombola!

INNOCENZO-(cadendo  a sedere) Avete vinto Olimpia!  E’ proprio vero: chi dice donna dice danno!

Da fuori si sente il popolo schiamazzare

Popolo-

Chi dice donna dice danno,

chi dice femmina dice malanno

chi dice Olimpia Maidalchina

dice’danno malanno e rovina!’

                                        

                                                      FINE

fiammetta.veneziano@fastwebnet.it

opera regolarmente depositata alla S.I.A.E.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 8 volte nell' arco di un'anno