La pugnata

Stampa questo copione

LA PIGNATA

LA PIGNATA

Di Velise Bonfante

Scena: una cucina con una pentola che bolle. Tutti sono agitati  ed eleganti perchè vogliono fare bella figura con il fidanzato ed i futuri suoceri della figlia che verranno a cena.

Personaggi: La nonna - la madre - il padre - la figlia - l’altra figlia.

*****

Figlia) (Entra) Come só agitada, speróm che naghe töt bé, che la sape la ólta buna. Stasera vé a sena el me Leopoldo co’ i sò, g’hóm de fa bèla figüra, lü l’è ragionier. Me par che ghé sape töt pront, töt a pòst: j-antipasti? varda che bràa la me mama, la g’ha mès apó el risulì de botér e la fòja de ‘nsalata come che i fa en dei ristoranti de lusso. (Vede la pentola) Ma ché gh’è la pignata che bói, l’è mei salala, me mama la se desmentega semper de salà le ròbe. (Butta una manciatina di sale) Saràl asé? L’è mei mitìghen amó en bris, la pignata l’è granda e l’acqua l’è tanta, (guarda l’orologio) santo cielo se l’è tarde, l’è mèi che naghe a finìser de sistemàm, ghe tègne a fa bela figüra coi me futuri suoceri e col me Leopoldo (esce).

Madre) (Entra) Come só agitada, speróm che naghe töt bé, che la sape la ólta buna per me fiöla,  j-agn i pasa e se la pèrd apó che l’ocaziù ché adio, el sò Leopoldo l’è mia che ‘l sape en gran chè, ma pötòst de nient, a olte bisogna contentàs, el sarà mia tant bèl, però l’è ragionier. Vardóm, töt a post, che bói la pignata, l’è mei salala. Mé, me desmenteghe semper de salà l’acqua (sala la pentola) saràl asé? La pignata l’è granda e l’acqua l’è tanta, l’è mèi mitìghen amó en bris. Töt a pòst, come me sènte agitada. Santo cielo, ma ‘l vì? Ghe lìe dit a che l’embranàt del me òm “va a tö el vì ‘n cantina” e lü “sé - sé - el me rispond semper de sé e pó ‘l fa mai niènt”, spèta, l’è mèi  che naghe zó  mé a töl “Chi völ vaghe e chi nó völ mande” (esce).

Nonna) (Entrando) Come só agitada, söi elegante asé? Speróm che naghe töt bé, che la sape la olta buna per me niùda poarìna, pararés che stò Leopoldo el sape chèl giöst. Poarì apó lü, l’è mia tant bèl nè, i quaranta el j-ha za pasàcc de ‘n pès. Però l’è ragionier (guardandosi in giro) gh’è gh’è töt a pòst? Che bói  za la pignata, spèta che la sale prima de desmentegas, (salandola) saràl asé? L’è mei mitìghen amó ‘n bris perchè la pignata l’è granda e l’acqua l’è tanta (guardandosi attorno) gh’è töt? Grissini, crèker...

Figlia) (Entrando) Té, nóna, varda, stói bé petenada isé?

Nonna) (Le gira attorno un poco) Tìrei sö de pö ché ‘n banda.

Figlia) Come, isé?

Nonna) Pö tiràcc, spèta, nóm de là che te petène mé giöst. Encö te ghé de èser pö bèla del solit per el tò Leopoldo! (Escono.)

Madre) (Rientrando appoggia un paio di bottiglie sul tavolo) E ché l’òm là endó saràl nat?! El la sà de mia fa tarde pròpe stasera. Lü e ‘l sò zöch de buce, pudìel mia fa senza naga stasera. El fato l’è che se ‘l pèrt el vé a casa encasàt (guarda la pentola). Göi salàt la pignata? (Pensa.) Me ricorde mia, che l’òm lé el me fa nda vià col có. Me par de nò, spèta che la sale (salandola) saràl assè? L’è mei mitìghen amó en bris, la pignata l’è granda e l’acqua l’è tanta. Certo che, ghe starés bé en fiurilì ensö la taola (guarda l’orologio) forse fó amó en tèmp a fa ‘n salto, de cursa, zó da la fiurista (esce).

L’altra figlia) (Entra chiamando) Mama, mama endó sét. Varda ché, rie mia a seràm l’uricì. Ma gh’è nüsü ché? La nóna? Me sorela? Endó sarài töcc? Na ròba isé me l’ho mai vista, ve zènt a sena e gh’è nüsü en cuzina! Endó sarài töcc? E che gh’è l’acqua che bói, chissà se i l’ha salada. Per precausiù l’è mei salala, de sòlit la mama l’è dùlsa de sal, e ‘pò, la pignata l’è granda e l’acqua l’è tanta. L’è mèi zóntaghen amó en spisighì. Oh, finalment só riada a seràm chèsto uricì, adès vó a finì de preparàm che l’è za tarde (esce).

 Padre) (Entra, deponendo la borsa delle bocce) Só encasàt come na bestia, per en pónt g’ho pèrs le semifinali. Per en pónt.. El Gioàn el dis che l’è brao, che l’è  bu de zögà a buce, che bu d’Egitto, quasi quasi el sa gna come che se fa a tignìle en mà le buce. El sò l’è cül ater fat che bale, cül e basta. Gh’è nüsü che? Endó èle töte le me fómne?! Ché bói töt (toglie il coperchio). Poèr diaól a mé,  pröì voàlter a vìver ensema a töte fómne e pó me sarì dì, garàle salàt l’acqua? Per precausiù l’è mei mitìghen amó en bris, me fómna de sòlit l’è dùlsa de sal. Adès vó a laàm, isé se i ria i siòri me só pront: bèl, profumàt e nèt. Vöi mia fa brota figüra. Me fiöla la ghé té isé fis a sto Leopoldo. Oh, se l’è  per chèl, lü l’è apó ragionier!(esce)

Madre) (Rientra con qualche fiore in mano e lo sistema in un vasetto) Ecco, töt pront (si guarda attorno) en tant che i mangia l’antipasto böte zó dò foiadine, el sugo l’è pront, (controlla) aròst, patate, verdura còta, verdura crüda, i formai, fröta, dolce, stuzzicadencc, le tasìne per el cafè, la grapa e l’amaro. Töt a pòst. Vardóm che la pignata che: quanto èl? (guarda l’orologio)  mez’ura che bói l’acqua? Ma cosa gh’è sücès a chest’acqua! L’è deentàda töta bianca! Sarala buna amó dopo töt stó bóer? A forsa de bóer: deèntela bianca l’acqua? (guarda l’orologio) L’è tardé, el sif che fó, me che l’acqua ché la sbàte vià e ‘n mète sö de fresca, entànt che i rià la fa ura a bóer.

(Suona il campanello della porta. Tutti accorrono agitanti pronti per andare ad aprire)

“Sóm pronti - sif a post - gh’è töt a post -  va a dèrver mama”

Madre) (Fa per andare ad aprire poi si ferma un attimo perplessa) En momènt. G’hói salàt ’acqua de la pignata? Me ricorde pö se l’ho salàda.

(Tutti insieme rispondono: sta tranquila, l’ho salada mé –prima – adès - só stat mé -  tè – me – te.  Risuonano alla porta. Tutti escono, subito dopo rientra il padre e l’altra figlia.)

Padre) (Alla figlia) Vöda töt, me racomande, sbat vià sübit che l’acqua lé. L’ho dit me che en chesta casa de fómne ghe n’è tròpe.

L’altra figlia) (Cambiando l’acqua alla pentola) Menomal che se né söm encurzìcc bubà, se nò, pensa che figüra che fàegn pròpe stasera. Eco fato, nóm adès.

(Tutti e due escono e rientra la madre.)

Madre) (Va a vedere la pentola) Che l’acqua ché, la bói gnamò, epure el gas l’è al masaimo,  come fói a sbàter zö le fójadine? Beh, entant mangiom l’antipasto (Prende un paio di piatti dal tavolo ed esce).

La nonna) (Rientra con la figlia) Menomal, menomal che se ne sóm encurzìcc, dai sbat vià sübit che l’acqua lé, che entant che i mangia j-antipasti la bói.

La figlia) (Vuotando la pentola e cambiando l’acqua) Pensa nóna che figüra, ma che figüra che fàegn col me Leopoldo, e coi me futuri suoceri.

(Nonna e figlia escono. La scena resta vuota un attimo poi rientra la madre.)

Madre) (Va a vedere subito se bolle la pentola) Eppure el gas l’è al masimo, come mai la bói gnamò che la pignata ché, come fó a sbàter zó le fójadine? El sif che fó? Smòrse töt, dopo en bèl antipast se pöl fa sensa fójadine e mangióm sübit el secont. Sta che a spetà chi, che bóe la pignata! E pò, che la pignata ché, a dì töta la verità, stasera la m’ha pròpe stöfàt! ( spegne il gas, prende alcuni piatti dal tavolo ed esce).

Fine

LA PENTOLA

TRADUZIONE LETTERALE IN ITALIANO

Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali. Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale).

Scena: una cucina con una pentola che bolle. Tutti sono agitati  ed eleganti perché vogliono fare bella figura con il fidanzato ed i futuri suoceri della figlia che verranno a cena.

Personaggi: La nonna - la madre - il padre - la figlia - l’altra figlia.

*****

Figlia) (Entra) Come sono agitata, speriamo che vada tutto bene, che sia la volta buona. Stasera viene a cena il mio Leopoldo con i suoi, dobbiamo fare bella figura, lui è ragioniere. Mi sembra che ci sia tutto pronto, tutto a posto: gli antipasti? Guarda che brava la mamma, ha messo anche il ricciolino di burro e la foglia d’insalata come fanno nei ristoranti di lusso.  (Vede la pentola) Qui c’è la pentola che bolle, è meglio salarla, la mamma si dimentica sempre di salare le cose. (Butta una manciatina di sale) Sarà abbastanza? È meglio metterne ancora un poco, la pentola è grande e l’acqua è tanta, (guarda l’orologio) santo cielo se è tardi, è meglio che vada a finire di sistemarmi, ci tengo a fare bella figura con i miei futuri suoceri e col mio Leopoldo (esce).

Madre) (Entra) Come sono agitata, speriamo che vada tutto bene, che sia la volta buona per mia figlia, gli anni passano e se perde anche quest’occasione addio, il suo Leopoldo non è che sia un gran che, ma piuttosto di niente, a volte bisogna accontentarsi, non sarà molto bello però bello, però è ragioniere. Vediamo, tutto a posto, qui bolle la pentola, è meglio salarla. Io mi dimentico sempre di salare l’acqua (sala la pentola) sarà abbastanza? La pentola è grande e l’acqua è tanta, è meglio metterne ancora un poco. Tutto a posto, come mi sento agitata. Santo cielo, ma il vino? Lo avevo detto a quell’imbranato di mio marito: “vai a prendere il vino in cantina” e lui “sì, sì” mi risponde sempre di sì e poi non fa mai niente, aspetta, è meglio che vada io a prenderlo “Chi vuole vada e chi non vuole mandi” (esce).

Nonna) (Entrando) Come sono agitata, sarò elegante abbastanza? Speriamo che vada tutto bene, che sia la volta buona per mia nipote poverina, parrebbe che questo Leopoldo sia quello giusto. Poveretto anche lui, non è tanto bello, i 40 li ha già passati da un pezzo. Però è ragioniere (guardandosi in giro)  c’è tutto a posto? Qui bolle la pentola, aspetta che la salo prima di dimenticarsene, (salandola) sarà abbastanza? È meglio metterne ancora un poco perché la pentola è grande e l’acqua è tanta (guardandosi attorno) c’è tutto? Grissini, crackers...

Figlia) (Entrando) Nonna, guarda, sto bene pettinata così?

Nonna) (Le gira attorno un poco) Tirali su di più da una parte.

Figlia) Come, così?

Nonna) Più tirati, aspetta, andiamo di là che ti pettino io giusto. Oggi devi essere più bella del solito per il tuo Leopoldo! (Escono.)

Madre) (Rientrando appoggia un paio di bottiglie sul tavolo) E quell’uomo là dove sarà andato? Lo sa di non fare tardi proprio stasera. Lui e il suo gioco delle bocce, non poteva far senza andare stasera. Il fatto è che se perde viene a casa arrabbiato (guarda la pentola). Ho salato la pentola? (Pensa.) Non mi ricordo, quell’uomo lì mi fa andare via con la testa. Mi pare di no, aspetta che la salo (salandola) sarà abbastanza? È meglio metterne ancora un poco, la pentola è grande e l’acqua è tanta. Certo che, ci starebbe bene un bel fiorellino sul tavolo (guarda l’orologio) forse faccio ancora in tempo a fare un salto, una corsa dal fiorista (esce).

L’altra figlia) (Entra chiamando) Mamma, mamma dove sei? Guarda qui, non riesco a chiudere l’orecchino. Non c’è nessuno qui? La nonna? Mia sorella? Dove saranno andati tutti? Una cosa così io non l’ho mai vista, viene gente a cena e non c’è nessuno in cucina. Dove saranno tutti? E qui c’è l’acqua che bolle, chissà se l’hanno salata. Per precauzione è meglio salarla, di solito la mamma è dolce di sale, i inoltre la pentola è grande e l’acqua è tanta. È meglio aggiungerne ancora un pizzico. Oh, finalmente sono riuscita a chiudere questo orecchino, ora vado a finire di preparami che è già tardi (esce).

 Padre) (Entra, deponendo la borsa delle bocce) Sono arrabbiato come una bestia, per un punto ho perso le semifinali. Per un punto. Il Giovanni dice che è bravo, che è capace di giocare a bocce, che capace d’Egitto, quasi quasi non sa nemmeno come si fa a tenerle in mano le bocce. Il suo è “sedere”, altro che balle, “sedere” e basta. Non c’è nessuno qui? Dove sono tutte le mie donne? Qui bolle tutto (toglie il coperchio). Povero diavolo anch’io, provate voi a vivere insieme a tutte donne e poi me lo saprete dire, avranno salato l’acqua? Per precauzione è meglio metterne ancora un poco, mia moglie di solito è dolce di sale. Ora vado a lavarmi, così se arrivano i signori i sono pronto: bello, profumato e pulito. Non voglio fare brutta figura. Mia figlia ci tiene così tanto a  questo Leopoldo. Oh, se è  per quello, lui è anche ragioniere (esce).

Madre) (Rientra con qualche fiore in mano e lo sistema in un vasetto) Ecco, tutto pronto (si guarda attorno) mentre mangiano l’antipasto butto le tagliatelle, il sugo è pronto (controlla) arrosto,  patate, verdura cotta, verdura cruda, i formaggi, la frutta, il dolce, stuzzicadenti, le tazzine per il caffè, la grappa e l’amaro. Tutto a posto. Vediamo questa pentola: quanto è? (guarda l’orologio) mezz’ora che bolle l’acqua? Cosa è successo a quest’acqua! È diventata tutta bianca! Sarà ancora buona dopo tutto sto bollire? A forza di bollire diventa bianca l’acqua? (guarda l’orologio) È tardi, ma sapete che faccio, io quest’acqua la butto via e ne metto su di fresca, mentre arrivano fa in tempo a bollire.

(Suona il campanello della porta. Tutti accorrono agitanti pronti per andare ad aprire)

“Siamo pronti – siete a posto – c’è tutto a posto – vai ad aprire mamma”

Madre) (Fa per andare ad aprire poi si ferma un attimo perplessa.) Un momento, ho salato l’acqua della pentola? Non mi ricordo più se l’ho salata.

 (Tutti insieme rispondono: sta tranquilla, l’ho salata io – prima – ora – sono stato io – tu – io – tu.  Risuonano alla porta. Tutti escono, subito dopo rientra il padre e l’altra figlia.)

Padre) (Alla figlia) Vuota tutto mi raccomando, butta via subito quest’acqua. L’ho detto io che in questa casa di donne ce ne sono troppe.

L’altra figlia) (Cambiando l’acqua alla pentola) Menomale che ce ne siamo accorti papà, altrimenti, pensa che figura che facevamo proprio stasera. Ecco fatto, andiamo ora.

 (Tutti e due escono e rientra la madre.)

Madre) (Va a vedere la pentola) Quest’acqua non bolle ancora, eppure il gas è al massimo, come faccio a buttare giù le tagliatelle? Beh, nel frattempo mangeremo l’antipasto (prende un paio di piatti dal tavolo ed esce).

La nonna) (Rientra con la figlia) Menomale, menomale che ci siamo accorti, dai butta via subito quest’acqua, mentre mangiano gli antipasti bolle.

La figlia) (Vuotando la pentola e cambiando l’acqua) Pensa nonna che figura, ma che figura che facevamo col mio Leopoldo, e con i miei futuri suoceri.

(Nonna e figlia escono. La scena resta vuota un attimo poi rientra la madre.)

Madre) (Va a vedere subito se bolle la pentola) Eppure il gas è al massimo, come mai non bolle ancora questa pentola? Come faccio a buttare giù le tagliatelle? Lo sapete che faccio? Spengo tutto, dopo un bell’antipasto si può far senza le tagliatelle e mangiamo subito il secondo. Stare qui ad aspettare che cosa, che bolla la pentola? Inoltre, questa pentola, a dire tutta la verità, questa sera mi ha proprio stufato ( spegne il gas, prende alcuni piatti dal tavolo ed esce).

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno