La racchia rapita

Stampa questo copione

La racchia rapita

due atti di

Paolo Cappelloni

Personaggi

Adriano Grisini

Gisella Grisini

Ermes

Manlio

Agata Sgambetti

Mariangela Valverdini Comarelli in Lapis

Voce fuori scena

TUTELA SIAE

L'uso senza permesso da parte di chiunque, in qualunque forma, è assolutamente vietato.

Nel caso di rappresentazione dichiarare alla SIAE il titolo originale.

Per eventuali comunicazioni contattare l'autore.

cell: 338 9 338 116

e mail: paolocappelloni@yahoo.it

PAOLO CAPPELLONI                                                                                                                                                  Pag. 0


Primo atto

L’azione si svolge in una stanza da sbroglio della casa di Adriano e di sua sorella Gisella, con un tavolinetto, qualche sedia e una vecchia poltrona. C’è un’uscita a sinistra che dà all’esterno e una a destra verso l’interno della casa. All’aprirsi del sipario sono in scena Adriano e Gisella. Adriano

èseduto, Gisella è in piedi e mostra una certa apprensione e titubanza circa la decisione che hanno preso con i loro amici Ermes e Manlio.

Gisella -

A che ora han detto che sarebbero arrivati?

Adriano -

(Essendo un po’ sordo) Eh?

Gisella -

(Alza un po’ la voce) A che ora han detto che sarebbero arrivati Ermes e Manlio?

Adriano -

Alle sette e mezza.

Gisella -

Alle sette e mezza. Adriano, pensi che stiamo facendo una cosa giusta?

Adriano -

Beh, tanto giusta non è; credo che un rapimento non sia del tutto legale.

Gisella -

Lo credo anch’io.

Adriano -

Però gli abbiamo ormai dato la nostra parola.

Gisella -

Già, ma un rapimento non è una cosa da niente. Praticamente è come rubare una

persona e restituirla in cambio di soldi.

Adriano -

Sì, praticamente è così.

Gisella -

Sai cos’è, fratellino mio? È che se fossimo stati solo noi due avremmo potuto

accontentarci  anche  di  una  somma  più  ragionevole,  solo  per  tenere  qualche

soldino da parte…

Adriano -

… comprare un motorino…

Gisella -

… farci una piccola vacanza… Sì, sarebbe stato un rapimento economico, alla

buona, insomma quasi fatto in casa…

Adriano -

… come le tagliatelle.

Gisella -

Sì, praticamente l’avremmo presa in prestito; ma in quattro… beh, qui si va sul

pesante!

Adriano -

Comunque, anche se chiedi poco un rapimento è sempre un rapimento e poi se

fossimo stati solo noi due pensi che ci sarebbe venuta in mente un’idea del

genere?

Gisella -

Non credo proprio.

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 1


Adriano - Gisella - Adriano - Gisella - Adriano - Gisella - Adriano - Gisella - Adriano - Gisella - Adriano - Gisella - Adriano - Gisella - Adriano -


Già.

Adesso che ora è?

Come...?

(Alza un po’ la voce) Adriano, devi deciderti a mettere un apparecchio acustico!

ho detto: adesso che ora è?

(Guarda l’orologio) Le sette e venticinque.

Le sette e venticinque. Allora: praticamente loro vengono prima qui, ci si accorda

sulle ultime cose e poi vanno a… prendere la donna e ce la portano?

Sì, il piano è questo. In effetti noi siamo gli unici ad avere una casa adatta a una

cosa del genere, con una stanza come questa: isolata, senza finestre, con muri

spessi.

Che vantaggio hanno i muri spessi?

Beh, nel caso gridasse… chi la sentirebbe da qui?

Mamma mia! E perché dovrebbe gridare??

Gisella…! griderebbe perché la teniamo prigioniera!

(Intimorita) Sì, è vero. Anch’io griderei se mi tenessero prigioniera!

È una cosa normale che un prigioniero urli.

(Ad alta voce) Adesso che ora è?

(Guarda l’orologio) Le sette e mezza.


(Si sente bussare alla porta)

Gisella -

(Allarmata) Bussano!

Adriano -

(Che non ha sentito) Come…?

Gisella -

Stanno bussando!! Sono loro! (Si avvia verso l’uscita di sinistra)

Adriano -

No! aspetta ad aprire! se sono loro devono dire la parola d’ordine. (Si avvicina

all’uscita di sinistra) Chi è?

Ermes -

(Da fuori) Ma… ma…

Manlio -

(Da fuori) Mamma, Ciccio mi tocca….

Adriano -

Come…?

Manlio -

(Più forte) Mamma, Ciccio mi tocca…

Adriano -

… Toccami Ciccio che mamma non vede! (A Gisella) Sono Manlio e Ermes!

Gisella -

Che cavolo di parola d’ordine!

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 2


(Adrianoesce e rientra subito conManlioeErmes)

Ermes -

Vi… visto? Pu… puntuali come un orologio svi… svi…

Gisella -

… svizzero.

Ermes -

Sì.

Manlio -

Allora: è pronto l’ambiente?

Adriano -

Cioè?

Manlio -

Adriano, sveglia! hai preparato tutto quello che serve?

Adriano -

Ah, sì, credo di sì.

Manlio -

Come, credi di sì?? Ricordatevi, ragazzi, che il piano deve essere perfetto! e

preparato a puntino, porca pu…

Gisella -

(Lo interrompe gridando) Manlio! Non voglio sentire parolacce in questa casa!

Manlio -

… se no non se ne fa niente!

Adriano -

Comunque c’è tutto l’occorrente: una sedia robusta, (La indica) e due corde. (Le

indica).

Ermes -

Qua… qua…

Gisella -

Qua sopra.

Ermes -

No!

Adriano -

Qualsiasi.

Ermes -

No, qua… qualcosa per chiuderle la bocca?

Manlio -

Non ce n’è bisogno, (Dà una manata su di una parete) chi volete che la senta, da

qui?!

Adriano -

(Imitando il gesto di Manlio) Vero!

Manlio -

(A Gisella e Adriano) Voi siete pronti a partire?

Gisella -

In che senso?

Manlio -

(Urtato) A partire col piano!

Adriano -

Che piano?

Manlio -

(Sbotta) Ho capito! Lasciamo perdere tutto quanto perché io con la gente scema

non ci lavoro!

Adriano -

Ah! sì, sì, adesso ho capito! Il nostro piano! Ero andato a pensare allo strumento!

Scusami!

Manlio -

Insomma, ragazzi, dovete seguirmi!

Gisella -

Dove?

Manlio -

(Esasperato) Col ragionamento!!

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 3


Adriano -

(A Gisella, osservando Manlio) Col ragionamento!!

Gisella -

Ah! Scusa.

Manlio -

Allora: ho parlato col suo maggiordomo che è un mio amico d’infanzia e in

qualche  modo  son  venuto  a  sapere  che  la  signora  Mariangela  Valverdini

Comarelli in Lapis esce di casa tutte le mattine alle otto e mezza precise, da sola,

per andare a fare shopping.

Gisella -

Beata lei!

Ermes -

Già, perché lei è una mi… mi…

Adriano -

Milanese.

Ermes -

No!

Gisella -

Miracolata.

Ermes -

No, una mi… milionaria!

Manlio -

Ho saputo che possiede terre, palazzi… perciò che abbiamo pensato di mettere in

piedi questo piano, capite?

Adriano -

Certo, poi non toglieremo molto al suo patrimonio!

Manlio -

Macché! cosa volete che siano per lei centomila euro?

Gisella -

(Allibita) Ce… ce…

Ermes -

(Senza esitazione) Centomila euro.

Gisella -

Pensavo di meno!

Manlio -

Stai scherzando? per lei centomila euro sono una sciocchezza ma per noi che non

arriviamo mai alla fine del mese saranno una bella boccata d’aria buona che ci

farà tirare avanti per un po’!

Ermes -

È vero!

Gisella -

A chi lo dici! Io mi sono ridotta a pubblicare un annuncio su internet per mettere

in vendita un anello d’oro con brillante della (Guarda Adriano che annuisce)

nostra povera mamma che l’aveva avuto in eredità da sua nonna ed è stato sempre

il nostro unico gioiello di famiglia!

Adriano -

È vero!

Manlio -

Eh, lo so, siamo tutti nelle stesse condizioni! ma torniamo a noi, allora: non

appena la signora Mariangela Valverdini Comarelli…

Ermes -

In La… Lapis

Manlio -

… appena lei esce di casa (Indica Ermes) noi due saremo ad aspettarla con la

faccia  coperta  per  non  farci  riconoscere.  (A  Ermes)  Hai  i  preso  i  due

passamontagna?

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 4


Ermes -

Sì!

Manlio -

Il cappuccio per la signora?

Ermes -

Sì!

Gisella -

Le fate far colazione?

Manlio -

(Grida) Ma che stron…

Gisella -

(Lo interrompe gridando) Manlio! Non voglio sentire parolacce in questa casa!

Manlio -

(Cercando di reprimere  l’ira) Il cappuccio da metterle in testa per non farle

vedere dove la portiamo!

Adriano -

(A Gisella, osservando Manlio) Il cappuccio da metterle in testa per non farle

vedere dove la portano!

Gisella -

Ah, scusa, e dovremo incappucciarci anche noi?

Manlio -

Certo, quando la porteremo qui sarà già incappucciata ma poi dovremo fare il

contrario: cioè toglieremo il cappuccio a lei e lo metteremo noi, per non farci

riconoscere.

Gisella -

E perché?

Manlio -

Perché se ci riconosce, una volta liberata ci può denunciare!

Gisella -

Mamma mia! (Ad Adriano) E noi li abbiamo, i cappucci?

Adriano -

Eh?

Gisella -

Abbiamo i cappucci?

Adriano -

Sì, sono di là.

Ermes -

(Sfotte Gisella) Vi… vicino alle brioches.

Gisella -

(A Ermes) Spiritoso! (Agli altri) Un’altra domanda: secondo voi quanto tempo

dovrà restare qui?

Manlio -

Ah, non si può saperlo; dipenderà dalla lunghezza delle trattative con la sua

famiglia. Secondo il piano predisposto, una volta portata qui telefoneremo alla sua

famiglia e diremo dove dovranno mettere i soldi del riscatto.

Adriano -

Dove dovranno metterli?

Manlio -

In un pozzo.

Ermes -

Sì, Ma… Manlio ha pensato di farli mettere nel pozzo, ormai asciutto, che si trova

nel chio… chiostro del convento dei Cappuccini… ma senza avvisare la polizia.

Gisella -

E senza avvisare i Cappuccini!

Adriano -

È chiaro! A proposito: hai preparato una riserva di cibo?

Gisella -

Sì ma non sapendo quanto si trattiene la signora sono andata un po’ a occhio: ho

preso un po’ di pasta, un barattolo di sugo pronto…

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 5


Adriano -

… e per secondo?

Gisella -

Per secondo abbiamo: due confezioni di mortadella, del formaggio e per contorno

ho preso della verdura cotta.

Adriano -

… e da bere?

Gisella -

Accidenti non ci ho pensato!

Ermes -

Be… berrà l’acqua del rubinetto!

Manlio -

Ragazzi! questi sono particolari che vedremo lì per lì! Allora: Ermes mi aspetterà

con l’auto accesa e io in un lampo la trascinerò dentro! (A Ermes) Hai fatto

rifornimento?

Ermes -

Cavolo! Ho messo ci… ci…

Manlio -

Cinquanta euro?

Ermes -

No, ci… cinque!

Manlio -

(Sconsolato) Cinque euro…! ma vedrete che fra poco potremo comprarci una

macchina nuova e… fare anche il pieno!

Adriano -

Speriamo!

Gisella -

Dove abita di preciso, questa signora milionaria?

Manlio -

Al numero 34 di via Rossini.

Ermes -

No, non è via Ro… Rossini; tu, prima, mi hai nominato un altro musicista!

Manlio -

Cosa stai dicendo? il maggiordomo mi ha detto che abita in via Rossini!

Ermes -

Ma tu, a me, non hai detto via Rossini!

Manlio -

Allora cosa ti ho detto?

Ermes -

Adesso non me lo ricordo.

Adriano -

È per caso via Puccini?

Gisella -

… o via Bellini?

Ermes -

Io sono di sicuro che finiva per –ini!

Adriano -

Via Cherubini!

Gisella -

Via Paganini!

Manlio -

Ma porca di quella…

Gisella -

(Lo interrompe gridando) Manlio! Non voglio sentire parolacce in questa casa!

Manlio -

Porca paletta! adesso state confondendo anche me!

Adriano -

Beh, comunque il quartiere dovrebbe essere quello dei musicisti.

Gisella -

Il quartiere più lussuoso della città!

Ermes -

Ad ogni modo una volta lì, tro… troveremo la casa giusta!

Manlio -

(A Ermes) Ma tu sei sicuro che non era via Rossini?

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 6


Ermes - Manlio - Ermes - Manlio - Gisella - Manlio - Gisella - Manlio - Ermes - Adriano - Gisella - Manlio - Gisella - Adriano - Ermes - Tutti - Adriano - Manlio - Ermes - Manlio - Gisella - Adriano - Ermes - Manlio - Ermes -


Si… si…

Si…?

… curissimo!

Allora è via Puccini...! Ah, mi raccomando: non dobbiamo chiamarci davanti a

lei.

In che senso?

Nel senso che non deve sapere i nostri nomi altrimenti una volta liberata li dirà

alla polizia e saremo fregati.

Sì, certo, e… come facciamo a chiamarci?

Ci daremo dei nomi fittizi. Io mi chiamerò… Mario.

Io Pi... Pi…Pier… fer…dinando.

Io mi chiamerò Andrea.

E io Giulietta.

(A Gisella) Come mi chiamo io…?

Mario.

(A Ermes) Come mi chiamo io…?

A… Andrea, e io mi chiamo Pi... Pi…Pier…

Pierferdinando!

(Consulta l’orologio) Ragazzi, non vorrei farvi fretta ma sono le otto, tra l’andare

là, appostarvi e…

Hai  ragione,  Adriano,   oltretutto  con  cinque  euro  di  benzina  non  possiamo

nemmeno permetterci di sbagliare strada!

Allora a… andiamo! (Si avvia insieme a Manlio)

Non dovrete aspettare molto, ci impiegheremo circa un quarto d’ora.

(Apprensiva) Mi raccomando, non correte!

In bocca al lupo!

Cre… cre…

Crepi!

Sì.


(Escono Ermes e Manlio)

Gisella -

Adesso non ci resta che aspettare.

Adriano -

Come…?

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 7


Gisella -

Adesso non ci resta che aspettare!

Adriano -

Ah, sì.

Gisella -

E nell’attesa cosa facciamo?

Adriano -

Boh, potremmo fare una partita a briscola!

Gisella -

Ma dai…! con l’ansia che mi ritrovo non potrei mai concentrarmi sulla briscola!

Adriano -

Sei nervosa?

Gisella -

Un po’. Molto! Anche perché non so come si comporterà questa signora e come

dovrò comportarmi io!

Adriano -

Cosa t’importa? tanto sarai incappucciata!

Gisella -

Ma senti che discorsi! È un fatto di educazione, di gentilezza! In fondo è sempre

un’ospite, no?

Adriano -

Questo è vero.

Gisella -

Poi non è mica una donnetta qualsiasi! dal nome sembra quasi una nobildonna!

Mariangela Valverdini… poi…?

Adriano -

Comarelli in Lapis.

Gisella -

Appunto! Le dovrò dare del lei o del tu?

Adriano -

Ma non lo so! fai come ti senti; poi dipenderà anche da lei.

Gisella -

(Guarda la sedia pronta per la rapita e pian piano si immedesima nella vittima)

Sì,  già  la  vedo,  legata  a  quella  sedia  (Va  lentamente  a  sedersi  sulla  sedia

mettendosi  in  posizione  come  se  avesse  le  mani  legate  dietro  lo  schienale)

spaventata a morte! che chiede pietà!

Adriano -

In questi casi non si devono provare sentimentalismi. Abbiamo deciso di fare

questa cosa e dovremo agire con razionalità senza guardare in faccia nessuno.

Saremo inflessibili!

Gisella -

Ma io non sono mai stata inflessibile! In situazioni di pericolo sono un fuscello!

Adriano -

Come…?

Gisella -

(Ad alta voce) Un fuscello! (Battendo il dito indice sul polso) Che or’ è?

Adriano -

Son quasi le otto e mezza, a quest’ora dovrebbero essere già in postazione.

Gisella -

Fra pochi minuti la signora, ignara di tutto, uscirà per andare a fare la spesa.

Adriano -

(La corregge) Per andare a fare shopping… che costa molto più che fare la spesa!

Gisella -

Manlio sarà davanti casa sua, in via Rossini.

Adriano -

(La corregge) Non è via Rossini.

Gisella -

Insomma, nella via di quel musicista.

Adriano -

E Ermes sarà già col motore acceso.

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 8


Gisella -

(Come se vedesse l’intera scena, mentre Adriano la segue a bocca aperta) Ecco!

sta arrivando! Manlio le si avvicina con fare indifferente ma poi, all’improvviso,

la prende di forza per la vita, la solleva (Adriano guarda in alto) e la mette in

macchina in un baleno! Ecco! Ermes ingrana la marcia e partono subito per venire

qui!

Adriano -

Ma non hai visto che appena entrati in macchina Manlio le ha messo il cappuccio

in testa.

Gisella -

Come avrei fatto a vederlo? Ermes è partito subito come un razzo!

Adriano -

Ah, già.

Gisella -

(Continua  come  se  vedesse  il  percorso  che  stanno  facendo)  Ecco!  Stanno

percorrendo tutta via Bellini…

Adriano -

(La corregge) Non è via Bellini.

Gisella -

(Urtata) Allora svoltano subito in Piazza Garibaldi, girano intorno alla rotatoria…

(Spaventata) C’è una pattuglia della polizia!

Adriano -

Ma loro fanno finta di niente e nascondono la signora.

Gisella -

(Riprende) Stanno uscendo dal centro storico, imboccano viale dei tigli…

Adriano -

No, quello è senso unico.

Gisella -

(Riprende)… imboccano viale degli abeti…

Adriano -

Qui possono accelerare.

Gisella -

(Riprende)… prendono la prima… no, la seconda sulla destra…

Adriano -

Alt!

Gisella -

Ancora non sono mica arrivati!

Adriano -

Come…?

Gisella -

(Ad alta voce) Ancora non sono arrivati!!

Adriano -

Lo so ma lì c’è il semaforo.

Gisella -

Ah, e quanto dura?

Adriano -

Il semaforo? Che ne so… uno, due minuti.

Gisella -

Ma può anche essere che abbiano beccato il verde; in questo caso percorrono tutta

quella strada che non so come si chiama…

Adriano -

Sì, lei intanto si dimena per liberarsi dalla stretta di Manlio…

Gisella -

Non le farà mica del male??

Adriano -

Macché! la signora dovrà essere trattata bene.

Gisella -

Adesso mi sono persa…. ah sì: poi girano a sinistra…

Adriano -

… dove c’è il vecchio mulino…

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 9


Gisella - Adriano - Gisella - Adriano - Gisella - Adriano - Gisella - Adriano - Gisella - Adriano - Gisella - Adriano - Gisella - Adriano -


… lo superano, girano a destra e… che or’ è?

Come…?

(Battendo il dito indice sul polso) Che or’ è?

(Controlla l’orologio) Son quasi le otto e tre quarti.

(Agitata) Eccoli!

Hai sentito bussare?

No.

Nemmeno io. Intanto vado a prendere i cappucci.

(Ancora più agitata) Sì.

(Esce e rientragià con indosso il cappuccio e con in mano quello per Gisella)

Ecco qua.

(Appena Gisella lo vede ha un sobbalzo) Oh mamma mia!! Mi sembri un boia!

Uno del Kus Kus… del Klu Klu…

Quelli del Ku Klux Klan hanno il cappuccio bianco.

Sembreremo dei boia lo stesso.

(Le porge il cappuccio) Ma è necessario indossarli.


(Gisella prende il suo cappuccio e lo indossa. Da questo momento i loro movimenti sarannolievemente impacciati per via del cappuccio)


Gisella - Adriano - Gisella - Adriano - Gisella - Adriano -


Ma perché ancora non arrivano?

Avranno trovato il semaforo rosso.

O saranno stati fermati dalla polizia!

Ma perché hai sempre queste visioni negative?!

Perché sono in apprensione e perché stiamo facendo una cosa che non si dovrebbe

fare!

Ma ormai siamo in ballo e dobbiamo ballare.


(Si sente bussare alla porta)

Gisella -

Eccoli!

Adriano -

Hanno bussato?

Gisella -

Sì!

Adriano -

Vado io. (Si avvicina all’uscita di sinistra) Chi è? Parola d’ordine!

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 10


Ermes - Manlio - Adriano - Gisella - Adriano -


Ma… ma…

Mamma, Ciccio mi tocca…

… Toccami Ciccio che mamma non vede!!

Sono loro, Manlio e Ermes.

… e la signora Mariangela Valverdini Comarelli in Lapis! (Esce e rientra subito


con Ermes e Manlio che tiene per un braccio


Agata


che ogni tanto si divincola,


Manlio - Gisella - Manlio - Adriano - Ermes - Gisella - Ermes - Adriano - Ermes - Gisella - Manlio - Agata - Ermes - Manlio - Agata - Manlio - Gisella - Manlio - Agata -


incappucciata, naturalmente senza fori per gli occhi)

Eccola qua, la nostra signora.

Come mai avete tardato tanto?

Abbiamo beccato il semaforo rosso.

(A Gisella) Cosa ti avevo detto?

Poi abbiamo dovuto ra…rallentare perché c’era una pa… una pa…

… palude

No, una pa…

… panda.

Una pa… pattuglia della polizia!

(Ad Adriano) Cosa ti avevo detto?

Comunque pare che la signora non abbia gradito il nostro invito!

Ma che cavolo di invito? Mi avete presa con la forza, buttata in macchina e

incappucciata! Chi siete? Cosa volete da me?

Vo… vo…

Glielo spiego subito. (A Ermes e Adriano) Legatela alla sedia. (Ermes e Adriano

agiscono)

Mi legate alla sedia??

(A Gisella) Giulietta… (Gisella non risponde) Giulietta!! Dico a te!

Ah sì, scusa… Mario.

Vai a prendere i cappucci anche per noi. (Gisella esegue) (Ad Agata) Vogliamo

che sia nostra ospite per un po’.

Ma io sto tanto bene a casa mia!


(Gisella consegna i cappucci che Manlio e Ermes indossano dopo aver tolto i passamontagna)

Manlio -

Andrea… (Adriano non risponde) Andrea!!

Adriano -

Ah, sì, scusa.

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 11


Manlio -

Non ti spaventare per quello che vedrai, (Sia Manlio che Ermes sogghignano)

Adriano -

In che senso?

Manlio -

(Mette una mano sulla spalla di Gisella per farle capire che si sta rivolgendo a

lei)  Ora  puoi  toglierle  il  cappuccio…  (Gisella  agisce  e  appena  vede  Agata,

effettivamente molto brutta, ha un sobbalzo che la porta a sedersi su una sedia

vicina mentre Manlio e Ermes sogghignano)

Adriano -

(Guardando Agata) Beh? Cosa c’è che non va? (Ad Agata) Buongiorno.

Agata -

Buongiorno sarà per lei!

Ermes -

(Ridendo) I gu… i gu…

Manlio -

(Ridendo) I gusti non si discutono!

Ermes -

Ecco!

Agata -

Insomma, mi dovete spiegare il perché di questa buffonata!

Manlio -

Non è affatto una buffonata!

Ermes -

È una co… una co…

Agata -

… una comica!

Ermes -

No!

Agata -

… una commedia?

Ermes -

Una co… cosa seria!

Agata -

Una cosa seria? (Ride) Con quei cappucci in testa siete invece una cosa ridicola!

Gisella -

(Ad Adriano) Un po’ ha ragione.

Manlio -

Giulietta!

Gisella -

Comandi!

Manlio -

Controlla le sue tasche.

Gisella -

(Agisce) C’è solo un cellulare.

Manlio -

Prendilo e appoggialo lontano da lei.

Agata -

Essendo legata come farei ad usarlo?

Adriano -

Ha ragione anche lei.

Ermes -

Sì ma no… no…non si sa mai!

Gisella -

È vero, Pierferdinando, non si sa mai.

Ermes -

Co… come hai fatto a ri… riconoscermi se sono inca… incappucciato?

Gisella -

Dal timbro della tua voce.

Ermes -

Ah.

Agata -

Ma cosa vi ho fatto per essere rapita e sequestrata in questo modo?

Manlio -

Non se lo immagina?

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 12


Agata -

Nemmeno lontanamente.

Manlio -

Glielo dico io: l’abbiamo rapita per ottenere un riscatto dalla sua famiglia! Cara la

mia signora Mariangela Valverdini Comarelli…

Ermes -

In La… Lapis

Agata -

E chi è?

Manlio -

(Sorridendo ironicamente) Come chi è?

Ermes -

È… è lei!

Adriano -

Mariangela Valverdini Comarelli…

Gisella -

…in Lapis!

Agata -

Ma che cavolo state dicendo? io mi chiamo Agata, Agata Sgambetti e basta!

Manlio -

Ma non dica stron…

Gisella -

(Lo interrompe gridando) Mario! Non voglio sentire parolacce in questa casa!

Agata -

La signora…

Gisella -

Signorina.

Agata -

La signorina ha ragione!

Adriano -

Se ho ben capito, lei non sarebbe la…

Manlio -

…la signora Mariangela Valverdini Comarelli…

Ermes -

in La… Lapis?

Agata -

Ma come devo dirvelo che non sono io? Io mi chiamo Agata Sgambetti!

Manlio -

E dove abita?

Agata -

Al numero 34 di via Puccini!

Manlio -

(A Ermes, mettendogli le mani al collo) Era via Puccini, eh…? eri sicuro che non

era via Rossini come ti avevo detto io, eh?

Ermes -

(Parlando a stento perché soffocato da Manlio) Scu… scusa ma io di musica

classica non ci ho mai capito un piffero! Co… comunque ribadisco che tu non mi

hai detto via Rossini!

Gisella -

E adesso cosa facciamo?

Manlio -

Eh, cosa facciamo? Adesso siamo…

Ermes -

…nella me… me…

Agata -

Proprio lì.

Gisella -

(Con tono di rimprovero) Pierferdinando!!

Ermes -

… medesima si… situazione di prima.

Adriano -

Come…?

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 13


Manlio - Ermes - Manlio - Adriano - Gisella - Manlio - Ermes - Gisella - Agata - Adriano - Agata - Gisella - Adriano - Gisella - Adriano - Agata -


Eh no! Invece no! Possiamo invece approfittare per prendere due piccioni con una

fava! Voi tenete qui la prigioniera mentre noi andremo a cercare l’indirizzo esatto

della signora Mariangela Valverdini Comarelli…

In La… Lapis

Così, magari riusciamo ad avere due riscatti invece di uno!

Io andrei in via Cherubini.

Io in via Paganini.

No, invece noi faremo tutte le strade di quel quartiere e prima o poi la troveremo!

Pierferdinando, seguimi!

Co… co… comandi! (Escono Manlio e Ermes)

E adesso…?

Adesso direi di slegarmi e fare come se niente fosse successo.

Ma è matta? Se la liberiamo quelli ci ammazzano subito!

Ma dai, non ci credo… non saranno mica anche degli assassini!

Uno no ma per l’altro non metterei la mano su fuoco!

Mi creda, signora, è meglio fare buon viso…

(Guarda Agata poi si rivolge ad Adriano) È un modo di dire.

… a cattivo gioco.

Capisco.


(Adriano e Gisella si avvicinano ad Agata)

Gisella -

Nel frattempo gradisce qualcosa?

Adriano -

Vuole un caffè?

Agata -

Per carità! Sono già tanto nervosa per conto mio… se prendo anche il caffè

peggioro e non so cosa potrebbe succedere!

Adriano -

Un “deca”…

Gisella -

Sì, e dove lo vado a prendere?

Agata -

Me l’ha detto anche il medico che di carattere sono molto agitata, tanto che mi ha

suggerito di portarmi sempre dietro dei tranquillanti per i casi d’urgenza.

Adriano -

E cosa le succede quando capitano questi… casi d’urgenza?

Agata -

Oh, il nervoso mi sale dallo stomaco, in pochi secondi mi arriva al cervello e non

mi controllo più!

Adriano -

Come ha detto, scusi?

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 14


Agata - Adriano - Agata -


(A voce alta) Non mi controllo più!

È una cosa spiacevole!

Molto spiacevole, soprattutto per chi mi sta vicino.


(Adriano e Gisella si allontanano da Agata)

Gisella -

Sa che a volte qualcosa di simile capita anche a me? A me però dallo stomaco

salgono degli attacchi di ansia, di panico, mi capisce?

Agata -

Certo che la capisco, si vede chiaramente da come si muove che lei ha un carattere

ansioso. Sa cosa ci vorrebbe, in  questi casi?  una buona tazza di camomilla,

farebbe bene sia al caso suo che al mio.

Adriano -

Allora le possiamo offrire una camomilla. (A Gisella) Giulietta, abbiamo della

camomilla?

Gisella -

Sì, ci dovrebbe essere, da qualche parte. (Esce)

Adriano -

(Si riavvicina ad Agata) Bene, sono sicuro che le farà bene, signora…

Agata -

Non sono sposata.

Adriano -

Ah, non è sposata? Nemmeno io, sa? Gi… (Si interrompe)

Agata -

Gi…?

Adriano -

(Cercando di ricordare il nome fittizio della sorella) Giu…

Agata -

Giu…?

Adriano -

Giulietta, Giulietta è mia sorella.

Agata -

Ah, capisco, e in famiglia fate queste cose.

Adriano -

Sì ma per necessità, sa, in due non riusciamo ad arrivare alla fine del mese,

signorina…

Agata -

Agata.

Adriano -

(Guardandola, ammirato) Agata... che bel nome!

Agata -

Grazie.

Adriano -

Come…?

Agata -

(Ad alta voce) Grazie.

Adriano -

Ah, prego.

Agata -

Lei, però, deve essere una persona gentile.

Adriano -

(Si avvicina ancora di più ad Agata) Sicuramente lo è anche lei… molto.

Gisella -

(Da fuori, ad alta voce) Fra poco arriva la camomilla!

Adriano -

(Ad alta voce, guardando Agata) Fai pure con calma!

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 15


Agata - Adriano - Agata - Adriano - Gisella - Agata - Gisella - Adriano - Agata - Gisella - Agata - Gisella - Agata - Adriano - Gisella - Agata - Gisella - Agata -


Ma non si può togliere quel cappuccio?

Mi dispiace ma non posso, è una questione di sicurezza.

(Delusa) Capisco ma dispiace più a me perché lei può vedermi e io no.

Dispiace anche a me perché io la sto vedendo… molto volentieri!

(Entra  portando un vassoio con tre tazze di camomilla e lo posa sul tavolo)

Eccoci qua!

Però mi dovrete slegare le mani altrimenti non riesco a berla.

Cosa dici, Andrea? Possiamo fare uno strappo?

Credo di sì, tanto i piedi le rimangono legati! (Le libera le mani e le porge una

tazza di camomilla)

(A Gisella) Ci ha messo lo zucchero?

No.

Male!  Lo zucchero moltiplica l’effetto rilassante della camomilla.  Lo vada a

prendere, per cortesia.

Subito. (Esce)

(Distrae Adriano) Ma quanto è alto questo soffitto? (Mentre Adriano dice la

battuta successiva Agata estrae da una tasca una scatolina da cui prende una

pillola che mette nella camomilla)

(Guardando verso il soffitto) Ah… sarà alto almeno tre metri, sa, questa è una

casa vecchia dove prima di me ci hanno abitato i miei genitori e i miei nonni

prima di loro e forse…

(Entra) Ecco lo zucchero! (Ad Agata) quanti cucchiaini ne vuole?

Due, grazie. (Gisella agisce e Agata l’assaggia appena) No, scusi ma è troppo

dolce, se a lei piace così potrei fare a cambio con la sua.

Certo, per me va bene, qui gliene metto solo uno, va bene?

Perfetto. (Avviene lo scambio)


(Ognuno beve la sua camomilla)


Adriano - Agata -


Buona! (Ad Agata) Ne vuole un altro goccio?

No, grazie, va bene così.


(Gisella prende una sedia e ci si siede per bere tranquillamente la camomilla)

PAOLO CAPPELLONI                                                                                                                                                Pag. 16


Adriano -

Senta, mi crede se le dico che mi dispiace di tutta questa situazione? Soprattutto

per l’errore che è stato fatto, per lo scambio di persona. Anche se…

Agata -

Anche se…?

Adriano -

Niente… cioè, da una parte mi fa piacere aver incontrato una persona… come lei.

Agata -

Fa piacere anche a me, anche se mi sarebbe piaciuto che l’incontro fosse avvenuto

in circostanze diverse.

Adriano -

Eh, lo so, ma il destino ha voluto che ci conoscessimo in questo strano modo.

Agata -

Già.

Gisella -

Mamma mia mi ha preso una stanchezza, una sonnolenza…

Adriano -

Sarà lo stress…

Gisella -

Credo di sì, sarà la tensione per tutto questo.

Agata -

Perché non si mette un po’ su quella poltrona a riposare? Tanto qui con me c’è

Andrea!

Gisella -

(Che non ha fatto mette locale) Chi…?

Agata -

(Indicandolo) Andrea.

Gisella -

Ah, sì. (Va a sedersi comodamente sulla vecchia poltrona dove, nel giro di pochi

secondi, si addormenta)

Agata -

Doveva essere sfinita.

Adriano -

Come…?

Agata -

(Ad alta voce) Doveva essere stanchissima.

Adriano -

(Guardandola, quasi sognante) Ah, sì.

Agata -

Perché mi guarda così?

Adriano -

Non so… c’è qualche cosa in te che va diritto al cuore…

Agata -

… simpatico, sei tu.

Adriano -

Anche tu.

Agata -

Ascolta, Andrea, io dovrei andare in bagno.

Adriano -

Porca paletta, questo è un problema.

Agata -

Certo che è un problema, se non vado subito la faccio addosso!

Adriano -

Ma io non posso mica slegarti anche le caviglie!

Agata -

E come ci vado, saltellando?

Adriano -

Poi in bagno c’è una finestra molto piccola ma potresti… evadere lo stesso!

Agata -

Vuol dire che me la farò addosso!

Adriano -

No, per carità! Facciamo così: io ti slego ma non puoi chiudere la porta a chiave e

mentre sei dentro… dovrai sempre parlare, in continuazione.

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 17


Agata -                     Va bene, farò così.

(Adriano le slega le caviglie el’accompagna in bagno)

Adriano -

Allora…?

Agata -

(Da fuori) Be’, non ho molto da dire, in questo frangente.

Adriano -

Recita una poesia che conosci. (Silenzio) Allora…?

Agata -

Taci.

Adriano -

Io infatti sto zitto, sei tu che devi parlare.

Agata -

No, dicevo: Taci. Su le soglie/del bosco non odo/parole che dici/umane; ma

odo/parole più nuove/che parlano gocciole e foglie/lontane./Ascolta…

Adriano -

Ti sto a sentire.

Agata -

No, dicevo: Ascolta. Piove/dalle nuvole sparse./Piove su le tamerici/salmastre ed

arse,/piove sui pini…

Adriano -

La facciamo tutta…?

Agata -

Eh, io devo farla tutta. (Continua)… scagliosi ed irti,/piove su i mirti/divini,/su le

ginestre fulgenti/di fiori accolti,/su i ginepri folti/di coccole aulenti,/piove su i

nostri volti/silvani…

Adriano -

Piove dappertutto…

Agata -

(Continua)… piove su le nostre mani/ignude,/su i nostri vestimenti/leggeri,/su i

freschi pensieri/che l'anima schiude/novella,/su la favola bella/che ieri/t'illuse, che

oggi m'illude… (Compare Agata) o Andrea.

Adriano -

Chi è?

Agata -

Sei tu!

Adriano -

Ah,  sì!  (La  riaccompagna  alla  sedia  dove  si  accinge  a  legarle  di  nuovo  le

caviglie) Che deliziosi piedini! Che numero porti di scarpine?

Agata -

(Vezzosa) Un quarantuino.

Adriano -

Mi sembrano quelli di Cenerentola! (Finisce di legarle le caviglie)

Agata -

Grazie, sei stato un angelo!

Adriano -

(Imbarazzato) Cosa vuoi che sia. Gli amici si riconoscono nell’ora del bisogno. A

proposito… (Le slega di nuovo le caviglie e l’accompagna di nuovo fino alla

porta del bagno)

Agata -

Guarda che l’ho fatta tutta.

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 18


Adriano -

Sì, ma ora scappa a me! Facciamo come prima: devi parlare in continuazione

finché non esco, però cambia poesia! (Entra in bagno)

Agata -

(Ad alta voce, volgendo le spalle all’uscita) La donzelletta vien dalla campagna,/

In sul calar del sole,/ Col suo fascio dell'erba; e reca in mano/ Un mazzolin di rose

e di viole,/ Onde, siccome suole,/ Ornare ella si appresta/ Dimani, al dì di festa, il

petto e il crine.

Adriano -

(Esce dal bagnosenza più il cappuccio in testa) Fatto.

Agata -

Di già? (Si volta, vede Adriano in viso e resta come incantata)

Adriano -

Cosa c’è?

Agata -

(Ammirandolo) L’hai tolto per me?

Adriano -

Cosa? (Si tocca la testa e si accorge di non avere più il cappuccio) Porca miseria

non ho rimesso il cappuccio! (Indicando verso il bagno) L’ho tolto per prendere la

mira per…

Agata -

(Lo interrompe) Sei… sei proprio come ti immaginavo.

Adriano -

(Si avvicina a lei) Brutto?

Agata -

(Si avvicina a lui) No! affatto! ed io…?

Adriano -

(Guardandola negli occhi) No! affatto!

Agata -

Be’, sono un tipo, e tu mi piaci anche se sei un po’ sordo.

Adriano -

Come…?

Agata -

(C.s.) Senti…

Adriano -

Sì…

Agata -

Tu credi all’amore a prima vista?

Adriano -

(C.s.) Certo! è la prima impressione… quella che conta.

Agata -

(C.s.) È vero. Andrea…

Adriano -

(C.s.) Il mio vero nome è Adriano.

Agata -

(C.s.) Adriano…

Adriano -

(C.s.) Agata…

Agata -

(C.s.)… tu mi rapisci!

(I due si abbracciano)

Sipario

Fine del primo atto

PAOLO CAPPELLONI                                                                                                                                                Pag. 19


Secondo atto

Stessa scena del primo atto. I due sono ancora abbracciati.


Adriano - Agata - Adriano - Agata - Adriano - Agata - Adriano -


Agata…

Adriano…

Come può esserci capitata una cosa simile così all’improvviso?

Non so ma è stato come un fulmine a ciel sereno.

Infatti non ho sentito il rombo del tuono.

Sì, è stata una saetta inaspettata!

Adesso cosa facciamo?


(Senza che i due se ne accorgano, Gisella solleva per un istante il cappuccio poi si ricopre facendofinta di dormire ancora ma ascoltando tutta la loro conversazione)

Agata -                     (Sottovoce) Prima di tutto è meglio parlare sottovoce altrimenti si sveglia tua sorella.

Adriano -                 Come…?

Agata -                     (Leggermente più ad alta voce) Dobbiamo parlare piano se no si sveglia tua sorella!

(Da questo momento entrambi parleranno con tono leggermente più basso mentre il pubbliconoterà che Gisella ogni tanto solleverà la testa per ascoltare poi tornerà a far finta di dormire)

Adriano -

Ah, sì, hai ragione.

Agata -

(All’orecchio di Adriano) Se davvero sentiamo questo sentimento reciproco io

direi di andare via tutti e due da qui e rifarci vivi quando tutto si sarà calmato e

risolto.

Adriano -

(All’orecchio di Agata) Per mia sorella credo che non ci siano problemi ma sono

sicuro che Ermes e Manlio una cosa del genere se la legheranno al dito.

Agata -

E chi sarebbero Ermes e Manlio?

Adriano -

Come…?

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 20


Agata -

(Alza la voce) Chi sarebbero Ermes e Manlio?

Adriano -

Ah, sono i veri nomi di Mario e di Pierferdinando. Quelli sono capaci di scovarci

e mandarci tutti e due all’ospedale!

Agata -

Ho capito. Allora sai cosa facciamo? ti rapisco io!

Adriano -

Cosa??

Agata -

(A voce un po’ più alta) Ho detto che ti rapisco io! E visto che siamo tutti e due in

bolletta chiederò anche il riscatto per la tua liberazione così mi potrò fare una

bella dote per il nostro matrimonio!

Adriano -

Ma loro dove prenderanno i soldi per il riscatto?

Agata -

Mah, se non chiediamo molto, da qualche parte li troveranno.

Adriano -

E dove mi porterai?

Agata -

Lascia fare a me, ti porto a casa di una mia amica.

Adriano -

Ma dovrò portarmi via qualche cosa: un ricambio, lo spazzolino da denti…

Agata -

Tu vai a prendere le tue cose mentre io scrivo un biglietto da lasciare qui, dammi

un foglio di carta e una penna. (Adriano esegue ed esce. Agata inizia a scrivere)

“Cari signori, pensavate davvero di farla a Agata Sgambetti? Adesso la frittata si è

ribaltata e sono io ad aver rapito il vostro compare e a chiedervi i soldi del

riscatto. Preparate cin… (Cancella) die… (Cancella) quindicimila euro e aspettate

la mia telefonata per ulteriori informazioni, altrimenti vi denuncerò per rapimento

e farete la fine di don Falcuccio.”

Adriano -

(Entra con un borsone) Sono pronto.

Agata -

Leggi un po’…

Adriano -

(Legge)… Cari signori… la frittata… i soldi… don Falcuccio. Va bene, speriamo

che vada tutto liscio.

Agata -

Certo che andrà tutto liscio. Ma tu mi ami davvero?

Adriano -

Sì, certo che ti amo davvero, e appena torneremo ti darò l’anello di fidanzamento

di mia madre, anche se mia sorella l’ha messo in vendita!

Agata -

Sei un tesoro, allora andiamo!

Adriano -

(Ci ripensa) Ma… che fine ha fatto don Falcuccio?

Agata -

È rimasto con una mano davanti e una di dietro. (Lo prende per un braccio e lo

trascina fuori con sé)

Gisella -

(Rimasta sola, si alza, incredula) Ma non ti dico, io…! (Getta un’occhiata al

biglietto lasciato da Agata) Dove si è mai visto che un rapitore e una rapita

s’innamorino a prima vista? e che mettano su tutto ‘sto teatro per chiedere i soldi

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 21


invece di fare… una semplice lista di nozze? E adesso cosa dirò a Manlio e a

Ermes? (Si sente bussare alla porta) Oddio, eccoli! (Si avvicina alla porta) Parola

d’ordine!

Manlio -

Mamma, Ciccio mi tocca…

Gisella -

… Toccami Ciccio che mamma non vede. (Apre la porta)

Manlio -

(Entra insieme ad Ermes) Abbiamo girato mezza città ma non siamo riusciti a

trovare dove abita quel cavolo di…

Ermes -

Ma… ma…

Gisella -

… Mamma, Ciccio mi tocca!

Ermes -

No, ma… ma…

Manlio -

… riangela Valverdini Comarelli in Lapis.

Ermes -

Quella!

Manlio -

Ah, ma giuro che la troveremo! (Si accorge dell’assenza di Agata) Dov’è lo

scorfano?

Gisella -

Chi?

Manlio -

La rapita!

Ermes -

Ma… ma…

Gisella -

Mariangela Valverdini…

Ermes -

No, ma… manca anche Adriano.

Gisella -

(Previene Manlio) Non voglio sentire parolacce in questa casa!

Manlio -

Ma non ho detto niente!

Gisella -

Ti verrà da dirle perché… perché Agata mi ha addormentata con un sonnifero e…

e ha rapito Adriano!

Manlio -

Che cosa???

Ermes -

Ma po… po…

Manlio -

… porca puttana!

Gisella -

Ha lasciato anche questo. (Porge il biglietto a Manlio) Adesso cosa facciamo?

Manlio -

(Non legge il biglietto ma lo getta a terra, sprezzante) Cosa vuoi fare? niente! Sai

quanto mi frega se ha rapito Adriano!

Ermes -

Io poi non ho un soldo per far ca… ca…

Manlio -

… cantare un cieco.

Ermes -

Sì.

Manlio -

E nemmeno io!

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 22


Gisella -

Manlio -

Ermes -


Ma Adriano è mio fratello e vostro amico! Come si può lasciarlo in mano alla sua

rapitrice?! E se gli farà del male? Se lo tortura? Dovremo trovare il modo per

liberarlo! Possibile che non abbiate qualche euro da parte per gli imprevisti?!

Poca roba!

Po… pochissima!


(Suona il cellulare di Manlio)

Manlio -

Pronto, ah, la signorina Agata! sì, sono io… (Ascolta) sì, lo so ma stavo appunto

dicendo che a me di Adriano non frega un fico secco! Per me lo puoi anche…

Gisella -

(Lo interrompe) Manlio!!

Manlio -

E va bene, va bene, sentiamo cosa ci proponi: (Ascolta) l’incontro in questa casa,

bene, quando? (Ascolta) oggi stesso, e quanto vorresti? (Ascolta) Quanto??? (Agli

altri) Chiede quindicimila euro per il riscatto!

Ermes -

Quella è ma… ma…

Gisella -

… Mamma, Ciccio mi tocca!

Ermes -

No, è ma… matta!

Manlio -

(Al  telefono)  Altrimenti…?  don  Falcuccio!?  Ma…  non  si  potrebbe  avere  un

piccolo sconto?

Gisella -

Ma dai! La vita di Adriano non ha prezzo! Facciamo cinquemila per uno e il gioco

è fatto!

Manlio -

(Al telefono) Come perché lo sconto?! è anche difettoso… (Ascolta) eh… è sordo!

Facciamo… (Agli altri) ha riattaccato!

Gisella -

Ormai ci tocca accettare, ne va dell’incolumità di mio fratello!

Ermes -

Io non… non ci penso ne… nemmeno.

Manlio -

Dovrei tirar fuori cinquemila euro per tuo fratello? Nemmeno per sogno!

Gisella -

Aiutatemi,  vi  prego!  Non  avete  un  cuore?  Poi  ha  detto  anche  che  ci  può

denunciare lei, per il suo rapimento! Io la mia parte riesco a raggiungerla, anche

se con difficoltà, magari col ricavato della vendita dell’anello della mia povera

mamma.

Manlio -

Aspettate, ho un’idea! (Prende l’elenco telefonico) Come si chiama quella lì?

Ermes -

Agata…

Gisella -

Agata Sgambetti.

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 23


Manlio -

(Consultando l’elenco telefonico) Avrà pure dei parenti, questa Agata. Faremo

credere loro che l’abbiamo rapita e che è ancora nelle nostre mani, chiederemo i

quindicimila euro per il riscatto… magari qualcosa di più e potremo così…

Gisella -

… riavere Adriano!

Manlio -

E tenere qualche soldo per noi!

Ermes -

Be… bella pensata!

Manlio -

(Consultando l’elenco telefonico) Sgab… Sgal… Sgamb… Sgambetti, eccolo qui:

Sgambetti Egidio, proviamo.

Ermes -

Non far vedere il numero!

Manlio -

Tranquillo, già fatto! (Telefona) Pronto, casa Sgambetti? (Ascolta) Senta, lei è per

caso parente di Agata Sgambetti? (Ascolta) Sì, Agata Sgambetti. (Ascolta) Ah,

(Agli altri) È il suo prozio! (Ascolta) Da parte di…? (Ascolta) Ah, lei è il figlio

del cugino di Antonio Sgambetti, e chi è Antonio Sgambetti? (Ascolta) il figlio del

fratello  di  suo  nonno  Guglielmo…  (Ascolta)  che  si  era  trasferito  a  Parma,

(Ascolta) ed è morto nel 1956, sì, capisco, ma veniamo a noi… (Ascolta) Eh, sì, è

la vita, purtroppo. (Ascolta) Chi aveva sposato? (Ascolta) Giuseppina, (Ascolta)

morta due anni dopo, capisco ma veniamo a noi… (Ascolta) eh no, non ci sono

più le coppie di una volta, comunque stavamo parlando di Agata… (Ascolta) sì, sì,

sta bene… cioè no, voglio dire… (Ascolta) beh, adesso avrà sui… (Agli altri)

Quanti anni avrà quella lì?

Ermes -

Sulla tre… tre…

Gisella -

34, 35 anni.

Manlio -

(Al telefono) 35 anni. (Ascolta) Eh sì, gli anni passano in fretta, ma da quanto

tempo  non  la  vede?  (Ascolta)  Da  quando  era  piccola??  (Ascolta)  Ho capito,

insomma, la situazione è questa: sua nipote… (Ascolta) sì, va bene: pronipote, sua

pronipote è in mano nostra e se la rivuole vedere dovrà darci ventimila euro uno

sull’altro!  (Ascolta)  Sì,  ha  capito  bene,  l’abbiamo  rapita!  (Ascolta)  Ah  dove

trovare  i  soldi  sono  cavoli  suoi!  Non  ha  qualcosa  da  parte?  (Ascolta)  Sì…

(Ascolta) Sono vincolati a sei mesi? E io dovrei tenerla con me per sei mesi??

(Ascolta) O così o niente… capisco, va bene, se è così… come non detto, la

ringrazio, in caso faccio sapere. (Ascolta) Sì, arrivederci. (Chiude) Non è possibile

una cosa così!

Ermes -

In… in sei mesi spenderemmo la ste… stessa cifra per ma… mantenerla!

Gisella -

Niente da fare, dobbiamo fare questa colletta per riavere il mio fratellino!

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 24


Manlio -

Io i soldi per il tuo fratellino non li tiro fuori!

Ermes -

Ne… nemmeno io!

Gisella -

E lo lasceremo in mano a lei? Dopo che vi ha dato questa casa come covo del

rapimento? Non vi facevo così aridi e insensibili, sono proprio scoreggiata dal

vostro comportamento!

Manlio -

Aspettate, ho un’altra idea!

Ermes -

Qu… quale?

Manlio -

Quella lì, ingenua com’è, ha deciso che il luogo dello scambio sarà questo, entro

oggi. (A Ermes) Non appena arriva qui cosa ci costa saltarle addosso, farci dire

dov’è Adriano e mandarla via a calci in…

Gisella -

(Lo interrompe gridando) Manlio! Non voglio sentire parolacce in questa casa!

Manlio -

… a calci dove capita!

Ermes -

Oppure le po… potremmo dare una po… possibilità: le pro… proponiamo di

venire qui fra sei mesi così la rapiamo di nuovo e chiediamo il riscatto al suo

pro… prozio che ormai avrà i soldi svincolati!

Gisella -

Ma prima ci riprenderemo Adriano!

Ermes -

Ce… certamente.

Manlio -

Ci possiamo provare. Le telefono subito, mi è rimasto il numero in memoria.

(Telefona) Pronto, sono io, senti, bell… (Ci ripensa) senti, piccola, vorrei farti una

proposta: non è che potresti aspettare sei mesi… (Ascolta) ah, non è possibile

perché ti devi sposare fra poco… (Agli altri) ma chi la sposa, una così?? (Al

telefono) Sì, lo so che un matrimonio costa molto, be’, se le cose stanno così va

bene, vieni pure che ti aspettiamo… (Ascolta) sì sì, a presto. (Chiude)

Gisella -

Ora verrà qui a prendere i soldi?

Manlio -

Sì, e noi la riceveremo come merita!

Ermes -

A… altroché i soldi!

Gisella -

Ma se poi ci denuncia per il suo rapimento?

Ermes -

Non può, pe… perché allora noi la de… denunceremmo per il rapimento di

Adriano!

Manlio -

Prepariamoci ad aspettarla, (Va a socchiudere la porta) appena bussa alla porta tu,

Gisella, ti farai vedere seduta, tranquilla, in modo che lei non si insospettisca

mentre noi, che staremo ai lati della porta, l’agguanteremo e la costringeremo a

restituirci Adriano.

Ermes -

Co… con le buone o co… con le cattive!

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 25


Manlio -

Ermes -

Gisella -

Manlio -


Ma io mi domando e dico come cavolo avrà fatto a slegarsi e a rapire Adriano? E

lui perché non ha reagito? Bastava rimetterla a sedere e legarla di nuovo e più

stretta!

Le… le donne hanno mi… mille risorse!

Forse è riuscita a slegarsi e ha preso Adriano alla sprovvista come… come un

fulmine a ciel sereno!

Mah.


(Si sente bussare alla porta)


Gisella -

Manlio -

Ermes -


È lei!

Gisella, mettiti seduta ben in vista. (Gisella agisce) Ermes, mettiamoci contro il

muro ai lati della porta! (I due si acquattano ai lati della porta)

Chi… chi…


(Manlio fa cenno a Ermes di tacere e indica Gisella)


Gisella -

Agata -

Gisella -


Chi è?

(Da fuori) Sono io.

La porta è aperta.


(Agata entrae i due le sono addosso immobilizzandola)

Agata -

Se fate così non rivedrete più Adriano!

Manlio -

Dicci dov’è o ti leghiamo di nuovo alla sedia!

Ermes -

Pe… per sei mesi!

Agata -

Non ve lo dirò se prima non mi date i soldi!

Gisella -

Per carità, ragazzi! Diamole un po’ di soldi e risolviamo subito questa faccenda!

Manlio -

(A Gisella) Ma perché sei così desiderosa di dare i soldi a questa qui?

Gisella -

Ma perché…

Adriano -

(Entra) Perché sono suo fratello!

Ermes -

A… A…

Agata -

Adriano! Perché sei venuto qui??

Adriano -

Perché immaginavo che ti avrebbero maltrattata! (Ai due) Lasciatela subito!

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 26


Manlio - Adriano - Manlio - Adriano - Manlio - Agata - Ermes - Manlio - Ermes - Adriano - Gisella - Adriano - Manlio - Gisella - Manlio -


Cos’è questa pagliacciata?

Non è una pagliacciata, io e Agata… ci amiamo.

Che cosa??

Sei diventato sordo?

(Ad Agata) È lui che devi sposare??

(A  Manlio) Certamente. (Andando  verso  Adriano  che  la  prende  sottobraccio)

Però, tesoro mio, venendo qui hai mandato in fumo il nostro piano!

Quindi eravate d’a… d’accordo tutti e due!

(Fuori di sé, ad Adriano) E volevate i soldi da me?

E da me?

(Ad Agata) Mi son reso conto che loro non avrebbero tirato fuori un centesimo…

Io sì!

Grazie, sorellina! (A tutti) Mi dispiace ma è andata così. Agata è la donna della

mia vita e la sposerò anche se dovremo fare le nozze coi fichi secchi.

Lo sapevo, lo sapevo che certe cose bisogna farle coi professionisti. Coi dilettanti

va a finire tutto a pu…

Manlio!!

… a pubblicazioni di matrimonio!


(Si sente bussare alla porta)

(Tutti si allertano)

Ermes –

Adesso chi… chi è?

Gisella -

Chiediamo la parola d’ordine!

Manlio -

Ma non la conosce nessun altro!

Adriano -

Chi è?

Mariangela -

(Da fuori) Sono venuta per l’annuncio di quell’anello...

Gisella -

Ah, è qualcuno che vorrebbe acquistare l’anello della mia povera mamma… (Ad

Adriano) Vorrà dire che il ricavato andrà per le spese del matrimonio. (Va ad

aprire)

Mariangela -

(Entra) Buongiorno, sono venuta…

Gisella -

Sì, sì, certo, ora glielo vado a prendere e glielo mostro (Esce)

Adriano -

(A Mariangela) È di valore, sa? È tutto d’oro con un bel brillante sopra.

Mariangela -

Bene, io adoro i brillanti.

PAOLO CAPPELLONI

Pag. 27


Gisella - Adriano - Manlio - Ermes – Mariangela - Manlio - Mariangela - Adriano - Gisella - Mariangela - Manlio - Adriano - Gisella - Adriano - Mariangela - Gisella - Mariangela - Ermes – Manlio - Adriano - Gisella - Ermes – Mariangela - Manlio -


(Entracon una scatolina contenente l’anello) Eccolo qui, vede? è bellissimo, l’ho

fatto stimare e gli han dato un valore di cin…

sei…

sett…

o… ottomila euro!

Oh, io non faccio problemi di soldi, se un oggetto mi piace lo compro a qualsiasi

prezzo!

(Subito) Qualcuno lo dà anche per novemila!

(Osserva l’anello) Oh, ma è stupendo! Semplice ma di gran classe!

Certo che… stavo pensando di regalarlo alla mia fidanzata, qui, come anello di

fidanzamento e sono ancora dubb34ioso… oltretutto, essendo un caro ricordo

sarei contento se rimanesse in famiglia.

(A Mariangela) Pensi che era della mia povera mamma che l’aveva avuto in

eredità da sua nonna ed è stato sempre il nostro unico gioiello di famiglia!

La capisco ma questo anello mi piace troppo… sentite, facciamo così: glielo

prendo per più del suo valore e ve lo pago diecimila euro, che ne dite?

(Subito) Affare fatto!

(A Manlio) Scusa ma “affare fatto” dovremmo dirlo io e mia sorella.

Affare fatto!

Sono d’accordo!

Bene, sono davvero contenta, signora…

Gisella Grisini.

Molto piacere, Mariangela Valverdini Comarelli in Lapis.

Ma… Mariangela

Valverdini

Comarelli

In Lapis??

E… do… dove abita, se posso?

Abito al numero 34 di via Rosmini, perché?

Via Rosmini!!! non via Rossini!


(Manlio si pone dietro a Mariangela)

PAOLO CAPPELLONI                                                                                                                                                Pag. 28


Ermes –


Ci…  ci  siamo  passati  una  decina  di…  di  volte!  Ma  Rosmini  era  un  mu…


musicista?


Mariangela -


No, era un filosofo.


Ermes –


E… ecco perché…


Manlio -


(Getta un’occhiata a tutti gli altri, anche Ermes va a porsi dietro a Mariangela)


Bene…


(Manlio e Ermes la prendono di peso e la trascinano sulla sedia su cui era stata legata Agata e laincappucciano. Anche Adriano, Gisella e Agata si scambiano un’occhiata d’intesa e iniziano a

legarla)


Mariangela - Manlio - Mariangela - Adriano – Manlio - Mariangela -


Ma… che state facendo?

L’abbiamo cercata tanto, adesso che è con noi… la teniamo stretta!

Aiuto!

Ma perché l’abbiamo incappucciata? Ormai ci ha visti!

Così… per bellezza!

Aiuto!


(Si sente bussare alla porta)

Gisella -                    Chi è?

(Ermes lega un fazzoletto alla bocca di Mariangela)

Voce

fuori scena -           Sono venuta per l’annuncio di quell’anello...

Manlio -                   Adriano, abbiamo altri cappucci?

Adriano –                Tutti quelli che vuoi!

Buio

Sipario

PAOLO CAPPELLONI                                                                                                                                                Pag. 29


Arredi di scena e oggetti personali

Una poltrona e alcune sedie

due grosse corde

Quattro cappucci neri con fori per gli occhi (per Manlio, Ermes, Adriano e Gisella)

Un vassoio e tre tazze di camomilla

Una zuccheriera con cucchiaino

Un foglio e una penna

Un elenco telefonico

Per Adriano: un orologio da polso.

Per Manlio: un passamontagna – un cellulare.

Per Ermes: un passamontagna.

Per Agata: Un cappuccio nero senza fori per gli occhi – un cellulare . una scatolina per le pillole.

Per Gisella: una scatolina con dentro un anello con “brillante”.

PAOLO CAPPELLONI                                                                                                                                                Pag. 30

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 5 volte nell' ultimo mese
  • 13 volte nell' arco di un'anno