La sceneggiata

Stampa questo copione

LA SCENEGGIATA      Troisi-Decaro-Arena

Enzo: Napoli, al vicolo scassacorzi, un vicolo notoriamente tranquillo e pacifico...

(urla di fondo)

Napoli, al vicolo scassacorzi, un vicolo notoriamente tranquillo e pacifico...

(urla di fondo)

Napoli, al vicolo scassacorzi, un vicolo notoriamente...un vicolo notoriamente...vicolo notoriamente. Dove la gente era intenta alle normali attività, quali mangiare la pizza e suonare il mandolino, regnava inconstrastato Don Gennarino Parsifall. Capo guappo bieco, cattivo, senza scrupoli.

Don Gennarino: (mostra il coltello)

Enzo: vi siete aperto il ristorante don gennarì?? Prego prego.

Don Gennarino: Je song o fetente sà!!!

Enzo: ma nel quartiere, nel quartiere viveva anche un giovane che sognava di prendere il posto di don gennarino, era l'aspirante guappo Ciro il napoletano.

Ciro: wajò, nel vicolo, comando io!

Enzo: no veramente io sul copion...

Ciro: lasc stà o cupion, lasc sta comm e lett, se ti dico comando io, comando io...

Don gennarino: (mette coltello in faccia a ciro)

Ciro: (spaventato, rivolto a enzo) on gennarino...

Don gennarino: chi comanda nel vico??

Ciro: cioè proprio questo stavo dicendo...(si specchia nel coltello di don gennarino)

Don gennarino: uè! chi comanda nel vico???

Ciro: eh...come ti ho detto?

Enzo: eh...come hai detto?

Ciro: cioè, so arrivato qua e...nun m facit mal on gennarì! Per piacer...

Don gennarino: Guapp nun si tu! Guapp song je! E se ti trovo ancora una volta a passare per queste parti io ti taglio questa faccia liscia, questa faccia simpatica, questa faccia bella

Ciro: on gennarì! e smettila! Se n'approfitta chist!

Don gennarino: Ci siamo spiegati? Ha parlat on Gennarin Parsifall PO PO!

Ciro: o fa c'o ballett chist...

Don gennarino: e poi, se ti vuoi chiamare veramente guappo, devi avere il coraggio di dire davanti a me "on gennarì siete fesso!"

Ciro: cioè ma mo non è il caso...lasciamo stare

Don gennarino: no no...e lo puoi dire!

Ciro: no no ma io non lo voglio dire proprio...

Don gennarino: no e mo lo devi dire!

Ciro: v fa piacer on gennarì?

Don gennarino: e se lo dici...tieni fegato!...dillo!!!

Ciro: on gennarì sietee...(balbetta)

Enzo: ah?

Don gennarino: ma dillo forte!!

Ciro: (urlando) on gennarì siete...

Don gennarino: e meglio ca te ne vaje senò te facc mal...vattenn!!

Ciro: tenev pur n'appuntament mo mi so ricordat

Enzo: eh...vaje vaje

Don gennarino: vattenn!

Ciro: con permesso on gennarì...(va dietro le quinte)...(urlando) on gennarì...siete fesso!!!!!!!

Don gennarino: uh mannagg a vita mi! Bast, m'a fatt chiistu sgarr...l'accir a mamm!

Enzo: non vi pare un po esagerato che per una cosa da nient gli uccidi la madre?

Don gennarino:  Bast, m'a fatt chiistu sgarr...l'accir a mamm!

Enzo: guard, fa comm vuò tu, a me m par esagerat ca p na cos e nient...

Don gennarino: (interrompendolo) ma je song o fetent...song o fetent...

Enzo: aaah vabbè allora vai tranquillo..

Don gennarino: song o fetent...

Enzo: vai vai vai, allora lo puoi fare...

Don gennarino:  Bast, m'a fatt chiistu sgarr...l'accir a mamm! Ha parlat on Gennarin Parsifall POPO!

Enzo: all'improvviso...all'improvviso entrò la madre di Ciro il napoletano cantando...

Ciro: (nelle vesti della madre) ah cantando???

Enzo: (arrabbiato) cantando...

Ciro: ah m'er distratt!  vaje n'ata vot

Enzo: ...di Ciro il napoletano cantando.

Ciro: munaster e Santa Chiara!

Enzo: dinanzi a lei, dinanzi a lei, si calò minaccio on gennarino dicendole...

Don gennarino: (interrompendolo) Buongiorno!

Enzo: Buongiorno...lo devo dire io buongiorno

Don gennarino: ma perchè la gente non ha capito?...

Enzo: tu devi solo entrare ed io dico buongiorno

(i due litigano)

Ciro: (interrompe i due) Bast! Nun fa nient! tanto nun v riesc maje sta cos...vaje n'ata vot vaje (canticchia)

Don gennarino: Buongiorno!

Ciro: Buongiorno!

Don gennarino: la mamma di Ciro il napoletano!

Ciro: e come ve ne siete accorti ne? Noi non ci somigliamo proprio io e quel mascalzone!

Don gennarino: signò io vi debbo ammazzare! Ciro: (rivolto ad Enzo) Chill è tutt suo padre!

Enzo: ci sta il signore la che...

Don gennarino: signò io vi devo ammazzare!

(Ciro si volta e viene pugnalato da don gennarino. Scena d'agonia con due giri di chitarra. Dopo il secondo giro...)

Enzo e don gennarino: e vuò murì o no?!?!

Enzo: ea murì s fa tardi. ea murì!

Don Gennarino: e se devi morire, muori! Io non ce la faccio più! Je m stanc...annanz aret! Si ea murì, muor!

Ciro: ea'spettà! Ma tu o saje o no c'a scen r'a mort è semp a chiù drammatic?

Don gennarino: io vorrei sapere chi te l'ha insegnata così!

Ciro: Aggia fà l'agonia o no?

Don gennarino: e falla orizzontal ch'è facile!

Ciro: (rivolto ad Enzo) vaje vaje. Lasciat fa a me ca chist è o piezz fort mij.

(Finalmente la madre di Ciro muore)

Enzo e Don gennarino: (rivolti a Ciro, a bassa voce) esci, vattene. esci vattene.(gridando) e vuò ascì?? vavattenn!

Ciro: e aspiett nun t n fa accorgere a tuttu quant!!!!

Enzo: non una lacrima. Non un'emozione solcarono il viso criminale di don gennarino

Don gennarino: (inizia a piangere)

Enzo: che continuava a mietere vittime innocenti! Una strage che non...(guarda perplesso don gennarino)

Don gennarino: (piangendo) ma je song o fetent, song o fetent scus...se non le faccio io ste cose, chi le fa?? Chi doveva pagare, ha pagato. Ha parlat gennarin parsifall popo!

Ciro: (rientra in veste del figlio, ma dimentica lo scialle) Hanno ucciso mia mamma! So scoinvolto! Addò sta on gennarin parsifall?!

Enzo: Ciro il napoletano, meditava la vendet…(guarda perplesso Ciro, e indica lo scialle e si toglie il cappello)

Ciro: Sta a gent ca vaje! Addo sta on gennarin?

Enzo: (continua ad indicare lo scialle in testa a Ciro)

Ciro: ma è asciut pazz chist?? Aropp vaje mo c sta a gent!

Enzo: aah ma ch’è capit o foulard o foulard!

Ciro: Tropp svelt sti cambiament, un nun c’a fa! (posa il foulard dietro le quinte) Vaje n’ata vot vaje! Hanno ucciso a mia madre!

Enzo: n’ata vot?!

Ciro: è chell e primm  no?

Enzo: ah scus…

Ciro: Sto scoinvolt! Addo sta on gennarin parsifall?

Enzo: Ciro il napoletano meditava la vendetta e sul suo volto passavano l’angoscia, l’odio (Ciro comincia a fare strane smorfie) la rabbia, la subornazione! (Ciro si ferma perplesso e comincia a fare strane smorfie)

Enzo: la subornazione!!!!! Fai la subornazione, la subornazion!!

Ciro: Agg pacienz ma comm è sta subornazion??? Je nun a sacc! Je nun l’agg maje vist a subornazion!

Enzo: la subornazione è come la rabbia! E’ come la rabbia…più arrabbiata! E capit??

Ciro: cioè chiù arrabbiat r’a rabbia?

Enzo: Più arrabbiat r’a rabbia! Vaje! La subornazione! Mentre aspettando don Gennarino, si preparava così per il fatale incotro

Ciro: Appen ven on gennarin, o pigl p piett, o pigl p piett e o ric ( fa finta di prendere per il colletto) cioè chist è on gennarin no, e l ric: on gennarì

Enzo: Scus, scus n’attim, viene don gennarino, come gli dici?

Ciro: o pigl p piett e l ric: on gennarì

Enzo: No no! Tu perlomeno gli devi dire: (arrabbiato) on gennarì!!! Più…

Ciro: cioè na cos chiù…

Enzo: eeee

Ciro: ven  e o pigl p piett e o ric: on gennarì!

Enzo: no no. Don gè…(arrabbiato)

Ciro: ancora chiù??

Enzo: eeee

Ciro: cioè ven o pigl p piett e o ric: on gennarì!

Enzo: ma no deve essere proprio: arriva lo prendi per il petto e dici: (arrabbiato) don gè…don gennarì…don…

Ciro: e chist è nu can scus…

Enzo: noo deve essere na cosa ancora più..

Ciro: ancor e chiù??

Enzo: eeee

Ciro: cioè ven o pigl p piett e c ric (urlando) on gennarì!!!!

Enzo: Così!! Così va bene, così! Va bene così! (Ciro si tocca le labbra)

Ciro: cioè…

Enzo: Così!!

Ciro: o pigl p piett (si ferma toccandosi le labbra) on gè! (si ferma e si tocca le labbra) on gennarì! (si tocca ancora le labbra) on gè…( si tocca le labbra) tu ric ca me capisc accussì? (riferendosi alle labbra)

Enzo: vabbè lasc sta va avanti!

Ciro: ma a me m ra fastidio!

Enzo: vai avanti vai avanti!

Ciro: Pozz ric’r? On gennarì! Accussì pur è bell. Je ric on gennarì! On gennarì quello che avete fatto mi ha scoinvolto. C par ca sto scoinvolto no?

Enzo: weee

Ciro: e je ve taglio sta faccia bella c tnit

Enzo: faccia bella?? Don gennarin? Sta faccia bella?

Ciro: oddio bella poi…e je ve taglio sta faccia

Enzo: esatto!

Ciro: mammà! Stu giurament t’o facc annanz a dio!

(entra don gennarino urlando)

Don gennarino: che stavi dicendo?!

Ciro: wa un nun po fa nu giurament ca è n’esagerazion!

Don gennarino: we! Stavi aspettand a me??

Enzo: eh. Eh, si! (ride)

Ciro: eh si! (guarda don gennarino e tossisce) nu poc d’umidità on gennarì

Don gennarino: e fammi sentire che c’hai da dire parla!

Ciro: eh niente

Enzo: come niente, quello ha ucciso a tua madre

Ciro: ah già quello ha ucciso a mia madre!

Enzo: (suggerisce) on gennarì, voi avete ucciso mia madre

Ciro: (ripete tra se e se) on gennarì voi avete ucciso mia madre. (rivolgendosi poi a don gennarino) On gennarì, voi avete…(don gennarino punta il coltello in faccia a ciro, che spaventato risponde) In fondo mia madre c’aveva pure na certa età però

Enzo: ma come teneva na certa età??

Ciro: era anziana…

Enzo: ma a mamm e semp a mamm!! E allora davanti a Dio

Ciro: Davanti a Dio...c'ho vuliss ric'r tu?

Enzo: je? e che c'azzecco je? davanti a dio è na cosa...

Ciro: mica s'offende davanti a Dio

Enzo: chissà si s'offende

Ciro: nun s'offend...(si rivolge a don gennarino) On gennarì davanti a Dio...

Don gennarino: Dio?! e che c'hai da dire su dio tu?

Ciro: niente brava persona per carità. Je proprio questo stev ricenn. Je mo ne conosco di brave persone ma...non mi fate male on gennarì per piacere...

Don gennarino: e se qualcuno mi deve dire qualcosa, mi può venire a cercare!

Ciro ed Enzo: (mentre don gennarino esce) ha parlat gennarin parsifall po po!

Don gennarino: ma allora mi volete sfottere?

Ciro: (riferendosi ad enzo) è stat iss don gennarì!

(Ciro ed Enzo cominciano a bisticciar)

Don gennarino: (mentre i due litigano) basta! je m so scucciat! o je, o tu! (sta per accoltellare Ciro quando viene fermato da Enzo)

Enzo: Fermo! Che vuò fa??

Don gennarino: lo voglio uccidere!

Enzo: Bravo bravo, alla fine della scenggiata...alla fine della sceneggiata il cattivo che uccide il buono?? Non si è mai visto!

Don gennarino: non si è mai visto?!

Ciro: non si è mai visto...cioè s foss vist na vota allor uno dice chell s'è vist...no nun s'è maje visto...alla fine della scenggiata è sempre o buon c'accir o cattiv. E je o'ccir che me ne importa

Don gennarino: no no no no scusate guardate che ci deve stare un errore

Ciro: no ma quale errore semp accussì è stato

Don gennarino: no no no no perchè se lui mi uccide, diventa cattivo pure lui! Per uccidere a me, ci vuole un altro fetente!

Ciro: ci vuole n'altro fetente?

Don gennarino: eh per forza!

Ciro: (rivolto ad eenzo) o vuliss accir'r tu?

Enzo: vuoi dire che so fetente?

Ciro: no pe finì mica perchè si fetente! Nun c stess nu fetente miezz o pubblic?

(Enzo e don Gennarino lo bloccano dicendo) non ci sta!

Ciro: sta tutt sta gent vuoi vedè non ce ne sta uno?

Don gennarino: non ci sta, non ce ne sta nemmeno uno, nemmeno uno!

Ciro: e cunusc a tuttu quant?

Don gennarino: non insistere!

Ciro: nuje mica putimm passà tutt a nuttata qua scusa...(momento di pausa)...na bella idea, na bell'idea per finire, lo perdono! e capit o no?

Enzo: ma non lo puoi perdonare! è cattivo, è cattiv

Ciro: cattivo mo, è carattere

(i tre iniziano a litigare ed escono dalla scena)

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 21 volte nell' arco di un'anno