La sora Pia c’aveva du’ fije…

Stampa questo copione

LA SORA PIA C'AVEVA DU' FIJE...

PERSONAGGIO E DESCRIZIONE

INTERPRETE

PIA

proprietaria dell'osteria

FIAMMETTA

VENEZIANO

ROSA

figlia di Pia

MICHELA ROSSITTI

MARIA

figlia di Pia

LILIANA

DE COLA

AUGUSTA

madre di Alvaro

LAURA

NARDI

AGNESE

cameriera e madre di Cesare

FORTUNATA

ISOPI

CELESTINO

parroco di S. Francesco a Ripa

CLAUDIO

BOZZOLO

DOMENICO

fratello di Pia

ENZO

CICERO

PEPPE

cascherino spasimante di Rosa

ANTONIO

DI GIROLAMO

ALVARO

lanciaro spasimante di Rosa

DAVIDE PROIETTI

CESARE

disoccupato tuttofare spasimante di Rosa

ANTONIO M.

MONACO

FEDERICO

gentiluomo napoletano

FEDERICO

LAGANA'

GIANNI

figlio di Federico

GIANLUCA

BLUMETTI

Un'osteria della vecchia Roma in un'epoca imprecisata tra la seconda metà dell' 800 e l'inizio del '900. Siamo in estate e si avvicina la 'festa della 'Madonna Fiumarola'. L'ambiente è semplice. Un bancone dove si serve il vino, una madia, una credenza, fiaschi di vino. Bottiglie, bicchieri. Due tavoli, sedie e banchetti, tutto rigorosamente in legno. Una finestra, tre uscite: una che porta all'esterno della casa, un'altra dove c’è una scala per salire alle camere, la terza che conduce in cantina e in cucina.


1


PRIMO ATTO

Entra Pia, la madre. Pia ha un carattere volitivo e una grande energia, lavora dalla mattina alla sera per mandare avanti l'osteria da quando è rimasta vedova. Ha due figlie: Rosa, una ragazza allegra, tutto pepe, svogliata, che ama essere corteggiata e desidera essere indipendente per liberarsi dall' oppressione della madre; l'altra, Maria , più quieta, timida, rispettosa, lavoratrice, tutta casa e chiesa.

SCENA 1

Èmattino, Rosa sta cucendo vicino alla finestra e si capisce che parla con qualcuno fuori, ride e civetta. Entra Pia.

P I A

Che stai a fa'?

ROSA

E che sto a fa'? Ricamo.

PIA

Tu stai a fa la cretina co' Peppe!

ROSA

Nun è vero, che ve sete sognata stanotte?

PIA

Che me so' sognata? Io so' tu madre e nun me sbajo: tu stavi a fa' la

ROSA

cretina.

E si pure fosse? Nun me devo da marita'? Io vojo annammene da qua,

PIA

vojo 'n marito, 'na casa e 'na famija.

Quello che voi te, lo vojo puro io! Che po vole' 'na madre? Che la fija

ROSA

se sistema, che trovi 'nbravomo che se la pija!

A me me pare che volete che rimango qui a fa' la serva vostra: Rosa de

PIA

qua, Rosa de là...

La serva a me? Si te sposerai e quanno te sposerai, li servizzi li dovrai

ROSA

fa' o no?

Quanno sarà, certo che li farò. A casa mia, da padrona!

PIA

Ma si nun te 'mpari a puli', lava', cucina' chi penzi che te lo farà? Tu'

ROSA

socera?

Dio ce scampi e libberi! Poi me 'mparerò...

PIA

Già, così tu marito dirà: "Ma a questa chi ja 'mparato a fa' li servizzi?

ROSA

La madre ch'ha fatto? Come l'ha cresciuta?"

Guarda che va' a penza'! Voo richiedo: che ve sete sognata stanotte?

PIA

Me so' sognata, brutta cretina, che devi sape' fa tutto drento 'na casa e

che sovra ogni cosa devi sta' ar posto tuo: composta, riservata, l'occhi

ROSA

bassi. Nun devi da' confidenza a nisuno.

E allora come me lo trovo marito?

PIA

Se fai la civetta, l'ommini penzano che nun sei seria e che loro se

possono diverti'! Ma quanno devono da sceje chi s'hanno da sposa', nun

pijano quelle che fanno le cretine, se pijano quelle che stanno ar posto

ROSA

loro, co' l'occhi bassi!

Devo sta' drento casa, chiusa come 'na monaca de clausura?


2


P I A

Mo davero te manno ar convento si nun la finisci! Nun c'è bisogno che

fai la smorfiosa, che esci, che batti l'occhi, che ridi tanto. Ah ah ah!

L'ommini sanno bene dove se rintanano le donne serie. La pora mamma

mia, che sarebbe tu' nonna, pace all'anima sua, quanno fu chiesta da tu'

nonno, nun l'aveva mai visto! Lui l'aveva guardata da lontano in chiesa

e poi è venuto a casa e ha fatto a richiesta ar padre, che sarebbe mi

ROSA

nonno, hai capito? Senza che se so' guardati manco 'na vorta!

Bella favola state a racconta', e si a lei nun je piaceva?

PIA

Questo  nun  c'entra:  un  marito  nun  te  deve  da  piace',  te  deve  da

ROSA

mantene'.

A me me deve da piace', me devo 'nnamora'!

PIA

'Nnammora'? E che vor di'? Mica te se sarai già 'mpelagata co' Peppe?

ROSA

Be, no, ma me piace assai!

PIA

A te nun te deve piace' nisuno capito? È a me che me deve piace' chi te

ROSA

se pija!

Ma la vita è mia! Che strazio! Nun vedo l'ora d'ave' 'na casa tutta pe'

PIA

me, vojo scappa' da sta priggione!

Allora, se te voi davero sposa' co' uno che c'ha la casa, nun fa' la cretina

ROSA

co' quer cencioloso de Peppe, che quello pensa de allocasse qui!

Peppe è bravo e lavoratore!

PIA

E morto de fame!

ROSA

Basta nun ve sopporto più! (esce)

MARIA

(entrando) Vanno bene così le ciambelle? Assaggiatele...

PIA

(le assaggia) Uhm... nun ce mette tutto 'sto vino: se sente troppo.

MARIA

Nun ce n'ho messo tanto, solo quer po' che era rimasto der quartino

PIA

sulla credenza (piange)

E mo che te pija?

MARIA

Gnente...

PIA

Guardame nell'occhi: che c'hai?

MARIA

Gnente ma': m'entrato un bruscolo nell'occhio destro!

PIA

E com'è che te lacrima puro er sinistro?

MARIA

Pe' simpatia! (esce)

SCENA 2

PIA                                  Sant'Iddio,  perché  c'ho  avuto  sta  maledizione?  Perché  ho  messo  ar

mondo du fije femmine? Una è bbrava, ma piagne sempre, se chiude 'n camera, sta sempre a prega'. L'artra pare che c'ha er foco addosso!

Entra Alvaro il figlio di Augusta.

ALVARO                    Bongiorno sora Pia. Che c'avete da lamentavve?

PIA                                  Gnente così: io si nun me lagno nun so' contenta. Come sta' tu' madre?


3


A L V A R O

Bene, bene, anzi ve saluta e ve chiede se c'avete 'na cammera pe' certe

nostre conoscenze che vengono da Napoli e s'hanno da ferma' quarche

PIA

giorno.

Sicuro, la stanza è già pronta. In quanti so'?

ALVARO

Due: padre e fijo…

PIA

'Na cammera sola allora.

ALVARO

Sì, sì dormono nella stessa.

PIA

Bbene.

ALVARO

Mi madre ve chiede puro du fiaschi de Cannellino.

PIA

(inchinandosi sotto al bancone e prendendoli) Pronti.

ALVARO

Grazzie. Mettete sur conto. E la vostra bella Rosa?

PIA

Rosa sta de là, a lavora'.

ALVARO

La posso saluta'?

PIA

Nonzignore. Che jè dovete da di'? Jo dico io...

ALVARO

Me piacerebbe anna' insieme a lei a vede' li banchetti.

PIA

Levatelo  dalla  testa.  Rosa  è  'na  ragazza  onesta  e  nun  vojo  che  va

ALVARO

giranno co' li giovinotti.

Io so' 'na persona seria, chiedetelo a mi' madre che ve saluta tanto.

PIA

Io tu' madre la rispetto e nun ce l'ho co' te. Ma finché nun sarà er

ALVARO

momento, quello giusto, mi fija uscirà solo co' me o co' a sorella.

Nun volete che se fidanzi e se sposi 'n bravo regazzo?

PIA

Stamme a senti' Arva'. Te piace mia fija, ce lo so. Ma nun è ora. Ce

vole  tempo,  è  ancora  troppo  giovine.  Quinni  sta  alla  larga  perchè

ALVARO

c'avemo artro da penza'.

Voi, ma io nun faccio che penza' a lei, me la sogno la notte!

PIA

Che te sogni? Nun te permette, Rosa nun se sogna chiaro? Levate de

ALVARO

mezzo che già m'hai scocciato.

Me pare de vedella a ogni angolo de strada.

PIA

Curate l'occhi. Fatte li bagnoli!

ALVARO

Quanno vedo 'na rosa penzo a lei, quanno vedo 'na rondine penzo a lei,

PIA

quanno vedo un ruscello d'acqua fresca penzo a lei.

(brandendo una scopa) E quanno vedi questa, eh, a che penzi

ALVARO

Arva'?

Penzo che forse è ora d'annammene. I miei rispetti sora Pia.

PIA

Porta li rispetti a tu' madre.

ALVARO

Sorto. Però nun potete impedimme de sognammela a Rosa. (esce)

SCENA 3

Entra Agnese, la cameriera tuttofare che è in casa di Pia da tempo immemorabile.

AGNESE

Sora Pi', ho lavato pe' tera. Ho steso li panni. Ho dato 'na botta a le

PIA

scale...

Brava Agne'.


4


A G N E S E

Mo' vado a svota' li pitali.

P I A

Che stanno a fa' quee due?

A G N E S E

Quaa benedetta de Maria ha scafato tutti li facioli, poi ha messo a lessa'

quer  pezzo  d'agnello  pe'  fallo  brodettato.  Ora  sta  a  rammenda'  'n

P I A

lenzolo...

E Rosa?

A G N E S E

Rosa sta a canta' 'n finestra mentre pulisce li vetri.

P I A

Sta' a canta' 'n finestra?

A G N E S E

Eh!

P I A

Famme sto piacere Agne', dije d'anda lei a svota' li pitali e li vetri

A G N E S E

finiscili te perché quella, a furia de canta', ce canta tutta la giornata.

Pora fija che male ve fa?

P I A

O so io che male fa. Fa la ciovetta coi giovinotti!

A G N E S E

So loro che je ronzano attorno. È tanto carina.

P I A

Proprio pe' questo la devo tene' a bada. Quanno avrò trovato l'omo che

A G N E S E

ce vo pe' lei, a faccio sposa' subbito e così me levo st'incubo.

A lei je piace Peppe.

P I A

Te ce metti puro te? Che Peppe, quer cenciarolo...

A G N E S E

C'è puro Arvaro, quello c'ha li sordi.

P I A

Li sordi? E quanti ce n'avrà mai? Noo: quanno ariverà 'n'artro che la

AGNESE

vole, scejerò.

'N'artro ce starebbe già.

PIA

'N'artro? E chi sarebbe?

AGNESE

(a mezza bocca) Cesare...

PIA

Cesare chi? Nun conosco nessun Cesare. È 'n forestiero?

AGNESE

(arrabbiata in crescendo) 'N forestiero?! Ve servo da tanti

anni, ve porto l'acqua c'orecchie, v'ho cresciuto quelle du fije come

fossero ee mie. Bella conziderazzione. E già, la sora Pia 'nvede gnente e

nisuno.  Vostra  artezza...  Sapete  che  ve  dico?  Vado  ar  mercato.  Le

PIA

finestre pulitevele da voi! (esce)

Agne'  ch'è  stato?  Che  t'ho  detto?  E  mo'  pure  questa  s'è  impazzita.

Agne'!

Va alla porta, ma Agnese già se n'è andata.

SCENA 4

Entra Don Celestino, il parroco.

CELESTINO           Bongiorno sora Pia.

PIA                                  'Ngiorno

CELESTINO           Che c'aveva Agnese che coreva fora tutta stizzita?

PIA                                  Nun ce lo so.

CELESTINO           C'aveva 'na faccia rossa... l'avete fatta arabbia'?

PIA                                  Io l'ho fatta arabbia'? Annamo bene annamo. Una piagne, l'artra strilla,

la terza s'arabbia. Tutte co' me ce l'hanno, che le possino...


5


C E L E S T I N OÈ perché c'avete 'nbel carattere sora Pi'.

PIA

Che vor di'?

CELESTINO

Gnente, è che sete come sete.

PIA

Certo che so' come so'. Vorei vede' voi a manna' avanti 'sta baracca da

sola, co du' fije che pare che c'hanno li spiriti maligni, 'na serva che se

CELESTINO

crede 'a padrona e tanta gente che vie' a rompe i cosiddetti.

'Nun ce l'avete mica co' me? Che v'ho fatto io?

PIA

Sapete Don Celestì', è che so' come so'.

CELESTINO

Vabbé,  che  stamo  a  discute.  Allora  so'  venuto  qua  per  vinello  de

PIA

Frascati che serve pe' la Messa doppo aa processione.

(tirando fuori un fiasco) Pronti. Ma scusateme, se nun me

CELESTINO

sbajo. Nun ve l'ho dato già ieri o me so' bevuta er cervello?

Sì sora Pia, ma vedete... è venuto er parroco de San Cosimato e je n'ho

PIA

dovuto da' 'nquartino.

Uhm,  ar  parroco  de  San  Cosimato?  Quello  che  è  venuto  iersera  a

CELESTINO

chiedeme 'o stesso vino?

Che già ve l'aveva chiesto? Allora se vede...

PIA

Se vede che puro lui l'avrà dovuto regala' a quarc'artro 'mbriachello...

CELESTINO

Così m'offendete...

SCENA 5

Entra Maria canticchiando

PIA

Tiè, mo canta...

MARIA

Don Celestimo (s'inchina a baciargli la mano)

CELESTINO

No, no, Maria. Nun so' mica 'nvescovo. Arzate su. Come sei carina

MARIA

stamatina.

Ho finito de ricama' la tovajia dell'artare. V'a faccio vede'.

CELESTINO

Nun  te  preoccupa',  sarà  bellissima.  Sora  Pia,  sta  bella  regazza  me

MARIA

sembra che sia cresciuta abbastanza. Nun se parla ancora de confetti?

Che dite Don Celesti', io c'ho artre 'spirazzioni.

PIA

E quali sarebbero?

MARIA

Be' io, c'ho penzato assai e...

PIA

Eeeee?

MARIA

Forze è mejo che ne parlamo 'nartra vorta, perché mo c'ho er bucato da

PIA

stenne.

Ecco brava, va a stenne er bucato e fatte passa' le 'spirazzioni...

CELESTINO

Ma perché Sora Pia, fatela parla'. Che voi fa'?

MARIA

Gnente, era 'na cosa così... senza capo né coda.

PIA

Meno male che t'ho dici da sola. Và.

MARIA

(piangendo) Me viè da piagne.

PIA

'Nartra vorta? Prima cantavi!

MARIA

Voi me fate piagne.


6


P I A

Io te faccio piagne? Ma vedi d'annattene.

C E L E S T I N O

Carma,  carma.  Non  ve  la  pijate  co'  sta  creatura  ch'è  'na  santa.

M A R I A

Asciughete l'occhi Mari'. Tu madre se preoccupa pe' te.

Don Celestino posso veni' doppo a confessamme?

C E L E S T I N O

Vie'   quanno   te   pare   bella   mia,   t'aspetto   a   braccia   operte.

P I A

Pace e bene all'anime vostre. Sora Pia, i miei rispetti.

Don Celesti'. Me raccomando quer fiasco, nun lo regalate!

C E L E S T I N O   Nun ve preoccupate, a domani.

M A R I A

Don Celestino (lui si volta sulla porta) Allora a doppo...

CELESTINO

T'aspetto. (dandogli una carezza esce)

PIA

Che te devi anna' a confessa' eh? Che devi di' a quer prete 'mpiccione?

MARIA

Nun c'avete rispetto pe' nisuno, manco pe' li testimoni de Dio!

PIA

Io rispetto tutti, tranne quelli che vojono famme le cose alle spalle.

MARIA

Voi nun sete 'na madre. Penzate sempre male de tutti, comprese le fije

PIA

vostre.

Perché devi anna' a di' ar prete quello che te frulla pe' la capoccia? Che

MARIA

te credi che nun l'ho capito che je voi anna' a parla' delle 'spirazzioni?

Nun è vero, io, nun è vero... (scoppia a piangere)

SCENA 6

Entra Domenico il fratello di Pia.

DOMENICO

Che so' sti strilli? Eh che so'?

MARIA

A zi' come state? Metteteve a sede.

DOMENICO

Nun se lavora oggi? Che state a prepara' da magna' pe' 'sto povero

PIA

cristiano?

C'è 'a coratella, ve va bene?

DOMENICO

Solo?

MARIA

Il medico ha detto che nun dovete magna' troppo.

DOMENICO

E che magna' 'n po' de coratella è magna' troppo? Ce stanno li carciofi?

PIA

Ce stanno.

DOMENICO

Prima 'n piatto de facioli nun me dispiacerebbe.

PIA

A Dome'!

DOMENICO

E che v'ho detto cotica? Però du facioli co' 'e cotiche...

MARIA

Zi', nun se deve esagera'.

PIA

Vado 'n cucina a prepara'. Tu sta qui a daje retta. (esce)

DOMENICO

Tu madre c'ha sempre li diavoli. Ma che vole, che je manca?

MARIA

Ce l'ha co' noi perché dice che volemo fa' come ce pare.

DOMENICO

Pure tu come tu sorella? Perché Rosa è tosta assai.

MARIA

Io vorei fa' 'na cosa ma nun c'ho coraggio a dijela.


7


D O M E N I C O  E che vorai fa' mai? Che me dai 'n goccetto de vino co' du tozzetti?

M A R I A                   Nun dovete da esagera'.

D O M E N I C O  Dai mo' che tu madre nun ce vede. Se tu me dai er vino e 'ngne dici

M A R I A

gnente, io nun rivelero' er secreto tuo, perchè tu me voi dì 'n secreto.

Lo vojo di' a Don Celestino 'n confessione. (gli serve il vino con

i biscotti)

D O M E N I C O  (mentre intinge i tozzetti nel vino) Lassali perde li preti

M A R I A

Mari', damme retta.

E perché?

D O M E N I C O   Li preti nun sanno guarda' da 'a parte de noi poracci.

M A R I A

Che volete di'? Nun ce sanno aiuta', conzija'?

D O M E N I C O  A quelli nun je va mai bbene gnente: noi semo solo capaci de sbaja' e

loro fanno come je pare. Lassa perde de confessatte troppo spesso e

M A R I A

quanno c'hai quarche problema dillo a tu madre.

Lei nun me capisce. Io faccio a casa tutto quello che me dice, però nun

je posso parla' de gnente.

D O M E N I C O  E che je vorresti di'?

Maria parla allo zio all'orecchio. Lui beve il vino e tossisce quasi soffocato alla notizia di Maria.

SCENA 7

Entra Rosa.

ROSA

(allo zio) Ohè che c'avete? Mari' che sta a beve er vino? Lo sai che

DOMENICO

non po'.

Aho, me basta tu' madre che me dice quello che c'ho da fa', nun te ce

ROSA

mette puro te.

Mo' basta (gli toglie il fiasco e i biscotti)

DOMENICO

Rosa, che stavi a fa' 'nfinestra prima?

ROSA

Stavo a puli' li vetri.

DOMENICO

Uhm 'sti vetri te facevano ride assai, visto come gnagnaraccavi.

ROSA

Nun ve capisco.

DOMENICO

Quanno tu madre dice che fai la ciovetta mica c'ha tutti li torti.

ROSA

Io  nun  faccio  'a  ciovetta,  ma  si  me  saluteno  risponno  pe'  bbona

DOMENICO

educazzione come m'avete 'mparato voi.

Sentila che filona! Hai proprio preso da tu nonna pace all'anima sua. Mi

MARIA

padre 'a doveva chiude 'ncammera pe nun falla anna' 'ngiro a ciovetta'.

Che dite? Qua' poraccia de nonna Adelina era 'na Santa.

DOMENICO

Certo, è tu nonno c’ha fatta santifica'. Artrimenti stavamo su la bocca

ROSA

de tutti.

Davero? Ariccontatece, fatece sape'.

PIA

(entra) Venite a magna', 'a coratella è pronta.


8


D O M E N I C O

'Nartra  vorta,  'namo  che  c'ho  'na  fame...  (escono  Maria  e

R O S A

Domenico)

(mentre esce) Daje zi', volemo sape' la storia de nonna Adelina.

SCENA 8

Si sente bussare. Pia, che è rimasta in scena, va ad aprire. È Augusta, la madre di Alvaro. È tesa.

AUGUSTA

Bongiorno sora Pia.

PIA

Bongiorno sora Augusta. Come state?

AUGUSTA

Bbene, sto bbene.

PIA

Entrate, metteteve a sede.

DOMENICO

(fuori scena) Pia nun vieni a magna'?

PIA

Nun te preoccupa' Dome', mo' vengo. C'è la sora Augusta.

AUGUSTA

Er sor Domenico sta bene?

PIA

E chi l'ammazza?

AUGUSTA

Me fa piacere. Scusateme si so' venuta proprio mo' che state a magna'.

PIA

Magnamo  presto  perché  mi'  fratello  c'ha  sempre  fame.  Doppo

colazzione conta l'ore che ce vonno pe' ariva' ar pranzo, poi quelle pe'

aa merenda e infine quelle pe' aa cena. E a vorte se riarza puro de notte

AUGUSTA

perché c'ha fame. A proposito, volete magna' 'nboccone co' noi?

No grazzie. C'ho 'npeso sullo stommico che m'è passato l'appetito.

PIA

Me dispiace sora Augu', quarcosa v'ha fatto male?

AUGUSTA

Eh sì, m'è andata de traverso 'na notizzia e lo stommico s'è rivortato

PIA

tutto.

Che notizzia?

AUGUSTA

Si  m'oo  chiedete,  allora  v'oo  dico.  (pausa,  la  guarda  in

cagnesco) Fateme capi', dico, fateme capi', ché so' tarda e nun moo

PIA

spiego: perché mio fijo Arvaro nun po' fidanzasse co' Rosa?

Davero se vole fidanza' co' Rosa mia? Nun c'ho sapevo mica.

AUGUSTA

Nun me canzonate! M'ha raccontato che l'avete cacciato co' a scopa!

PIA

Io? Ma no, s'è sbajato era 'no scherzo.

AUGUSTA

A lui nun jè sembrato 'no scherzo.

PIA

E s'è sbajato, s'è!

AUGUSTA

Perché nun va bene pe' Rosa? Che je manca?

PIA

Gnente sora Augu'. Figurateve se je manca quarcosa. Ma...

AUGUSTA

Parlate.

PIA

È ancora presto pe' penza' a sposasse, Rosa è giovine.

AUGUSTA

Scuse.

PIA

Se deve ancora da 'mpara' come se tira avanti 'na casa...

AUGUSTA

Scuse...

PIA

È più piccola de Maria, e se nun se fidanza prima quella...

AUGUSTA

Scuse...


9


P I A

Nun so' scuse. E poi Rosa nun m'ha detto che se vole fidanza' co'

A U G U S T A

Arvaro.

Rosa nun ve l'ha detto? E da quanno in qua le fije decidono da loro?

Parlamose chiaro sora Pi'. Quanno ve sete sposata, nun so' stati er Sor

Domenico e vostra madre a decide chi? E così è stato puro pe' me. Nun

ve ricordate che sbavavate dietro a quer ciccarolo de Giggetto e er Sor

P I A

Domenico lo fece core?

(antipatica) Mo'  che  me  ce  fate  penza',  me  ricordo  che  voi

A U G U S T A

annavate dietro a...

Vabbè, vabbè nun me so' sposata chi dicevo io, ma poi è annata bene.

Anzi più che bene, perchè mi marito era 'n'omo, 'n'omo vero e si c'era

P I A

lui, st'offesa l'avrebbe lavata cor cortello.

Che esaggerazzione, Rosa e Arvaro so' ancora du' regazzini. Damoje

A U G U S T A

tempo.

Arvaro, si nun c'avete visto bene, s'è fatto 'omo, c'ha 'na casa e c'ha 'n

mestiere d'oro, perché de lanciaro pei svizzeri c'è solo lui a Roma. E er

P I A

Papa 'gni anno ne cresce er nummero.

Ce lo so Augusta mia. Nun c'ho gnente da dije ar fijo vostro. Ma vorei

A U G U S T A

aspetta' 'n po'.

Sta bene. Aspettamo. Vedete de nun aspetta' troppo. Mi fijo se pò

guarda' 'ntorno e si po' accorge che Rosa nun è così bella come se crede

lui.  Ho  visto  proprio  jeri  la  fija  de  Oscare  er  sarcicciaro.  S'è  fatta

P I A

proprio bella e 'sta sempre co' l'occhi bassi.

C'avete da dì quarcosa su Rosa?

A U G U S T A

Finora gnente, finora.

P I A

Finora? Che vorrebbe di'?

A U G U S T A

Vojo di' che voi volete aspetta', ma mica è detto che Rosa aspetta!

P I A

Sora Augù qui davero ce voleva mi marito e nun je sarebbe abbastata

'na puncicata! Io nun ho offeso Arvaro, ma adesso voi state a offenne

Rosa con intenzione. Annatevene subbito e mannaggia a me quanno

v'ho fatto entra'. Cor cavolo che faccio sposa' mi ' fija co' Arvaro. Fori!

SCENA 9

Entrano Domenico, Rosa e Maria

MARIA

A ma' ch'è successo?

DOMENICO

Oh sora Augusta bongiorno.

PIA

Bongiorno a voi e arivederci a tutti (esce e sbatte la porta)

DOMENICO

Che stavate a strilla'? M'avete fatto anna' de traverso tutta 'a coratella!

ROSA

Se v'annata de traverso è perché ve sete strafogato, pareva che nun

DOMENICO

magnavate da 'na settimana.

Nun me so' strafogato, è aa coratella ch'era poca e poi nun m'avete dato

ROSA

li facioli.

Li facioli ve fanno male alla panza!

PIA

Rosa c'ha raggione Dome'. Dovete resta' leggero.


10


D O M E N I C O M A R I A

D O M E N I C O P I A

D O M E N I C O M A R I A P I A

M A R I A

R O S A

M A R I A

R O S A

P I A

D O M E N I C O M A R I A P I A

R O S A

P I A

R O S A

P I A

R O S A

P I A

R O S A

P I A

R O S A

P I A

R O S A

P I A

R O S A

P I A

R O S A

P I A

R O S A


Leggero? E più leggero de così. Aria fritta me so' magnato.

Su zi', ve do 'npezzo de ciambellone.

Mejo de gnente!

Bene, annatevene de là che c'ho da di' 'na cosetta a Rosa.

Doppo io me vado a fa' 'na pennichella. (esce)

Ma' nun avete magnato ve scardo 'nboccone?

Nun c'ho fame. Da' er ciambellone a tu' zio, va a sgombra' 'n cucina e chiudi la porta.

Vabbè.

(mentre Pia le si avvicina minacciosa) Marì, che melasci sola co' tu madre?

Che sarebbe puro la tua. A ma' nun v'aggitate, dite 'na preghiera che ve passa la rabbia.

Sì ma' di' 'na preghiera...

Mari' va de là, famme sto piacere. (Fuori Scena) Mari' 'sto ciambellone?Eccolo! (esce)

(cercando di raggiungere Rosa che si è messa a

girare intorno al tavolo) Vie' qui brutta svergognata! (indietreggiando) Che c'avete, carmateve.

Che c'ho? C'hai er coraggio de chiedemelo doppo quello che fai?

C'avete sempre co' me, che v'ho fatto?

Sei 'na svergognata, sei 'na ciovetta.

Nun è vero, nun è vero...

Vorresti di' che nun hai fatto 'a cretina co' Arvaro, co' Peppe e puro co' quell'artro...

Che state a di'

Sì puro co'... Cesare!

Nun è vero, nun è vero.

Si t'acchiappo te cambio li connotati, così co' l'occhi abbottati 'a finirai de fa' la stupida. Perché c'ho sta maledizzione? Perché c'ho avuto 'ste du' femmine?

Voi nun m'avete mai voluto bene ecco, nun v'è mai annato bene quello che facevo.

Quello che facevi, che fai e che farai. Ce lo sai che la sora Augusta dice

che Arvaro nun te guardera' più perchè nun c'hai l'occhi bassi, nun stai ar posto tuo?

Sarete contenta visto che a voi nun ve piace!

Brutta svergognata che dichi? Te devi comporta' bene hai capito?

Io me comporto come me pare, e tanto Arvaro nun me piace manco a

me, quindi che ce frega!

(Picchiandola) Come parli? Te ce deve entra' drento qua capoccia

che l'ommini nun se pijano le ciovette che cantano 'n finestra! Ahia me fate male ahia, lassateme. (scappa via)


11


P I A                               (Affannata) Va' va', m'hai fatto veni' er fiatone m'hai fatto veni'.

Mannaggia a me. 'O devo trova' quarcuno che se la pija, io nun ce la faccio più.

SCENA 10

Entra Peppe con un cesto di pane tutto allegro e fischiettante.

PEPPE

Ecco qua sora Pi': du' filoni de pane casereccio, 'n chilo de farina de

crusca, tre pagnotte de pasta gialla e la ricetta dee pupazze co' tre zinne

PIA

de Frascati.

Poggia qui e segna sur conto.

PEPPE

Vabbè. Come state?

PIA

Bene.

PEPPE

Tutte bene?

PIA

Tutte chi?

PEPPE

Tutte 'e donne de 'sta casa sora Pi'. Questa è la casa dee donne più belle

PIA

de Roma.

Bada a quello che dichi Peppe. 'Na parola de troppo e te trovi a via daa

PEPPE

Lungara.

Embé nun ce lo sapete che "A via daa Lungara ce sta' 'ngradino, chi nun

salisce quello nun è romano, nun è romano e né trasteverino"? E poi io

PIA

ve volevo fa' 'ncomplimento e voi v'offendete.

Perché so bene a chi o volevi fa' er complimento. Rosa nun se tocca,

levatela dalla testa. Oggi n'ho cacciato già uno 'nzieme aa madre, nun

PEPPE

ce metto gnente a cacciatte fora e a cambia' forno.

Perché nun ve carmate? Penzate che la vita è bella. C'avete du fije che

so' du tesori, 'na locanda 'n pieno Trastevere che è l'invidia de quelle

dell'artri rioni. State naa città più bella der monno. Domani è aa festa

PIA

daa madonna Fiumarola ... Ringrazziate Dio e nun ve lamentate.

Ringrazzierò Dio quanno te ne sarai annato, chiaro?

PEPPE

Me ne vado, me ne vado. Ricordateve però che nun potete comanna'

sempre. La vita è 'na rota e ora tocca a noi, a Rosa e a me. Voi 'a vita

vostra l'avete già trascorsa. Giovane già ce sete stata e a quanto pare v'o

PIA

sete scordato.

Canta pure fringuello, ma Rosa è troppo pe' te. Nun sei nisuno, nun

sarai mai nisuno. E quanto è vero che me chiamo Pia, dovrai passa' sur

PEPPE

cadavere mio prima de sposatte a Rosa.

Ho capito che c'avete le Madonne. Chi v'ha fatto arabbia'?

PIA

(Prende un mattarello) Tu! (Peppe esce ridendo)

BU I O

SCENA 11


12


Qualche ora dopo. Entra Agnese, con un cesto di roba, insieme a don Celestino.

A G N E S E              Quinni nun c'ho visto più e so' dovuta sorti' fora.

C E L E S T I N ONun ve la prennete Agne', a conoscete a sora Pia. Nisuno va bbene pe' Rosa. Nun va bene Arvaro, figurate si vabbene Cesare!

A G N E S E              È a Cesare che nun va bene Rosa, lassatemelo di'. Troppo bella, troppo smorfiosa e troppo prepotente!

C E L E S T I N ONun eravate voi quella che a difenneva da la madre? Quella che annava a di' a tutti che a'avete cresciuta come 'na fija?

A GN E S E                È vero, ma a sora Pia nun se sbaja a strillaje che fa' come je pare. Pe' Rosa ce vo' la frusta quarche vorta.

C E L E S T I N OAllora che ve ne 'mporta si Cesare nu se la po' pija'?

A G N E S E              Na madre vole sempre che i fiji so' contenti, e me dispiace pe' lui.

C E L E S T I N ONun ce penzate, le cose s'aggiusteno, (fruga nel cesto diAgnese) che c'avete qui? Che v'avanza 'n fiasco de vino?

A G N E S E Don Celesti', nun sarà troppo sto vino che ve serve pe' dì Messa? C E L E S T I N O Haa chiesto Don Ferdinando de Santa Cecilia.

A G NE S E Don Ferdinando eh? E vabbé. E quanno c’o pagherebbe? C E L E S T I N O Penzate che è 'n opera de carità.

A G N E S E              E come j'o dico aa sora Pia?

Entra Cesare con un mazzetto di fiori.

C E S A R E               Ciao ma'. Sarve don Celestino. (si guarda intorno)

A G N E S E              Ciao bello de mamma, che fai qui?

C E S A R E               So' venuto a trovatte...

C E L E S T I N OE bravo che vieni a trova' tu' madre .

A G N E S E              Uhm e me porti puro li fiori?

C E S A R E               Beh e che è?

C E L E S T I N OBene, bravo fijo. Agnese io sorto, per fiasco poi se mettemo d'accordo...

A G N E S E

Vabbè, e come ar solito ce rimettemo noi poracci.

C E S A R E

Tie' a ma' (tirando fuori due monete), 'o pago io er fiasco de

A G N E S E

don Celestino.

Nonzignore! Lassa perde.

C E S A R E

Oggi so' felice, ho guadambiato 'n sacco de bajocchi.

C E L E S T I N O   Davero fijo mio? Buon pro ti faccia.

A G N E S E

Hai trovato lavoro?

C E S A R E

No ma', 'ncora gnente. Però ho aiutato 'nzignore cor fijo che veniva da

Napoli a sistema' la rota de la carozza che s'era rivortata in un fosso e

C E L E S T I N O

così m'ha ricompenzato.

Anima Pia.

A G N E S E

'N lavoro quanno lo trovi? Si nun te dai da fa'...

C E L E S T I N OPazzienza sora Agne', pazzienza, so' tempi duri.


13


A G N E S E              Trova solo lavoretti da du' sordi.

C E S A R E               Così me barcameno.

C E L E S T I N OVedrai che prima o poi…

SCENA 12

Entra Maria che si sta asciugando le mani.

MARIA

Oh Cesare ciao.

CESARE

Ciao Mari', 'ndo sta Rosa?

MARIA

Sta de là. Oh Don Celestino.

CELESTINO

Mari', ma nun dovevi venì 'ncanonica pe' dimme 'na cosa?

MARIA

Sì, ma c'ho avuto da fa'.

CELESTINO

Quanno voi, e io sto là. Arivederci. Laudetur Jesusu Christus.

AGNESE

MARIA

Laudetur semper.

CESARE

Celestino esce.

AGNESE

(a Maria) Dovevi anda' a parla' con don Celestino e perché?

MARIA

Gnente così.

CESARE

C'hai 'nsegreto Mari'?

MARIA

Macché. Volevo solo 'nconziglio.

AGNESE

Vado a porta' sta robba de là.

CESARE

Vedi se Rosa po' veni'?

AGNESE

Vedo... (esce)

MARIA

A Ce' nun te illude co' Rosa...

CESARE

Perché t'ha parlato de me, t'ha detto quarcosa?

MARIA

No, ma mi' madre nun vole.

CESARE

Che vor dì nun vole? Nun je vado bbene?

MARIA

A mi madre nun je va bene nisuno. Je rode sempre.

CESARE

Nun po' penza' de tenevve sempre attaccate alle gonnelle!

MARIA

Vole che Rosa se sposi chissàcchi, ma c'ha paura che nun trova uno

CESARE

abbastanza bbono pe lei.

Bbono e che vor dì? Io nunn so' bbono?

MARIA

Tu 'nc'hai 'nbajocco 'o voi capì?

CESARE

Che vorrebbe di', che Rosa cerca li sordi?

MARIA

Lei no, è mi madre che...

CESARE

Nun ce la facevo così materiale...

MARIA

Mi' madre?

CESARE

Rosa.

MARIA

T'ho detto che lei nun c'entra gnente.


14


C E S A R E

Allora pe' Rosa andrei bene?

M A R I A

Nun ce lo so. Nun so chi je piace, (contando) c’è Arvaro...

CESARE

Arvaro er fijo de la sora Augusta? Er lanciaro?

MARIA

Quello.

CESARE

E quello c'ha li sordi!

MARIA

Arvaro nun je piace né a mi madre, nè a Rosa.

CESARE

E allora nun è 'na questione de bajocchi?

MARIA

Pe' Rosa no.

CESARE

Allora c'ho speranza?

MARIA

Nun lo so.

CESARE

Me ajuterai Mari', co tu madre e co' Rosa?

MARIA

E a me chi m'aiuterà?

CESARE

Chi te piace?

MARIA

Gnente, nisuno, dicevo così…

CESARE

E dimmelo dai, si te posso ajuta'...

MARIA

Nisuno me po' ajuta', nimmanco Don Celestino.

CESARE

Lassalo perde don Celestino, quello penza solo a beve!

MARIA

Fatte er segno de la croce, nun poi parla' male de 'nprete, è peccato.

CESARE

E mica ho detto 'na bucia. Su, dimme chi te piace.

MARIA

(guardandosi intorno) Gesù.

CESARE

E chi è?

MARIA

Come chi è!

CESARE

No 'o conosco. Oh mica posso conosce tutti! Poraccio, che nome! Vorei

conosce i genitori che j'hanno messo! (ride poi guarda Maria

che è seria e si fa ripetutamente il segno della

croce)   Voi    di'    quer    Gesù?    (Maria   annuisce

MARIA

freneticamente) E io che penzavo... ma che vor di'?

Che vojo esse la sposa de Cristo.

CESARE

Te voi fa' monaca?

MARIA

Sì, ce penzo da un ber pezzo.

CESARE

Che te sei ammattita? Nun poi...

MARIA

Perché nun posso?

CESARE

Perchè no... Nun voi li fiji? 'Na casa?

MARIA

No.

CESARE

J’'hai detto a tu' madre?

MARIA

E come faccio? A quella je pija 'ncoccolone...

SCENA 13

Entra Pia

PIA

A chi je pija 'ncoccolone?

MARIA

A Cesare!


15


P I A

A Cesare. (lo vede e si ricorda di Agnese) Oddio! Tu sei

C E S A R E

Cesare?

Eh sì so' Cesare, perché ne conoscete 'n artro?

PIA

Vorei conoscene 'n artro!

CESARE

E perchè?

AGNESE

(entrando) A Ce' stai ancora qua?

CESARE

Sì perché nun so' riuscito a vede' Ro...

MARIA

(interrompendolo) A vede' Don Celestino...

AGNESE

Don Celestino è appena annato via.

PIA

Appena annato via? Ma si è venuto du' ore fa'!

MARIA

È tornato perché voleva n'artro fiasco...

AGNESE

Ma stavorta l'ha pagato!

CESARE

L'andrò a trova' 'ncanonica.

AGNESE

E bravo.

PIA

Che je dovete chiede?

CESARE

(uscendo e divertendosi) De fa' le pubblicazzioni.

PIA

Quali pubblicazzioni? De chi? Cesare se sposa?

AGNESE

No, nun se sposa perché chi se vole sposa' nun è disponibbile...

PIA

Pazzienza Agne' pazzienza. Vedrete che prima o poi quella che je piace

AGNESE

dira' de sì e saranno tutti contenti.

Ah, e se lo dite voi!

PIA

'Namo Mari', damose da fa' che domani è 'a festa e noi stamo 'ndietro.

AGNESE

Agne' rifa' le stanze dell'ospiti.

Na botta già j'ho data stammatina e poi me pare che ne devono occupa'

PIA

una sola.

Nun se poi mai sape', chissà si ariva quarche forestiero, magara ricco e

AGNESE

giovine.

Er principe azzuro.

PIA

(a Maria) Va' a cerca' quaa scanzafatiche de tu sorella. Dovemo da

prepara' aa pasta pe' domani, 'namo va.

BU I O

SCENA 14

Notte. Serenata di Alvaro a Rosa. Improvvisamente si sente un altro che canta, è Cesare. Grida. Secchiata d'acqua. Passi concitati strilli. Silenzio.

Pia entra. Siede, è stanca. Entra Maria, poi Rosa.

MARIA                        Che ore so'?

PIA                                  Hanno sonato le tre.

MARIA                        Che sonno...

PIA                                  Va' a dormi' che domani c'aspetta 'na giornatina.


16


M A R I A

Me faccio 'n po' de camomilla.

P I A

Brava falla puro pe' me. (Maria esce)

R O S A

Ma' perché hai fracicato qui du poracci?

P I A

Qui du poracci? 'N due ce se so messi a sveja' 'e perzone oneste e

R O S A

lavoratore.

Me volevano fa 'na serenata.

P I A

La serenata nun se po' fa' 'ndue: uno canta 'nsi e l'artro 'ndo.

R O S A

E vabbè hanno sbajato giorno.

P I A

Notte, hanno sbajato notte. Chi erano poi? Arvaro...

R O S A

E Cesare.

M A R I A

(con le tazze) Speramo che nun litigheno sinnò finisce male.

P I A

Speramo che s'ammazzeno.

R O S A

A ma' sete proprio cattiva.

P I A

Se succede quarche cosa la corpa è tua che fai la cretina. 'O voi capi'

che nun devi ciovetta' co' tutti? Quelli se pijano le libbertà e poi manco

R O S A

te se sposeno.

Sete voi che nun volete famme sposa'.

P I A

Te farò sposa' chi dico io, 'ntanto smettila de fa' la cretina co' que' due!

Si sente ora la voce di Peppe che inizia uno stornello

M A R I A

Tre. Co' quei tre.

D O M E N I C O

(entra sbadigliando) Ohè è ora de colazzione? Er ciambellone

R O S A

è finito?

A zi' rimetteteve a dormi' che state a sogna'.

D O M E N I C O   Nun sto a sogna' manco pe' gnente. Vojo fa' colazione!

M A R I A

Ve vado a pija er latte.

D O M E N I C O

Cor ciambellone.

P I A

Poi se rimettemo tutti al letto vabbè?

D O M E N I C O   Perché che ore so'?

R O S A

So' le tre. Io vado a dormi'. Notte

P I A

Penza a quello che t'ho detto!

Rientra Maria col latte e il ciambellone.

M A R I A                   Ma' posso anna' a dormi'?

P I A                               Certo Mari', devi anna' a dormi'.

M A R I A                   Voi nun venite?

P I A                               Aspetto che tu zio finisce de magna'.

Maria esce. Domenico mangia di gusto. Pia lo guarda poi prende un mazzo d carte e si mette a fare un solitario. Peppe continua gli stornelli. Piano piano Pia si addormenta con la testa sul


17


tavolo. Domenico finisce di mangiare poi soddisfatto esce per andare a dormire.

BU I O

SCENA 15

Mattino. Entra Agnese che si sta legando il grembiule e vede Pia che dorme ancora sul tavolo. La scuote. Pia apre gli occhi.

AGNESE

Sora Pia bongiorno.

PIA

Agne', è già matina?

AGNESE

Sì è matina e già fa 'na callaccia che se crepa.

PIA

Oddio, mo' ariveno li forestieri.

AGNESE

Nun ve preoccupate è tutto sistemato.

PIA

Dovremo pija 'nartra botte de vino. Stasera è possibbile che se je gira

AGNESE

faranno 'na passatella.

Cesare portera' 'nquartarolo più tardi.

PIA

Se se sveja.

AGNESE

Che vor di'?

PIA

Nun l'hai sentito tu fijo che stanotte se dava a li stornelli?

AGNESE

Davero? Io nun ho sentito gnente, che peccato!

PIA

C'ha svejato a tutti, puro a mi' fratello c'ha voluto magna'.

AGNESE

Me dispiace assai de nun avello 'nteso.

PIA

Me dispiace più a me d'avello 'nteso.

AGNESE

Sora Pia io ve vojo bbene come vojo bbene alle fije vostre. Ma nun ho

PIA

capito perché ce l'avete co' Cesare. Che v'ha fatto?

Ronza 'ntorno a Rosa .

AGNESE

Me pare che 'ntorno a Rosa ce ronzeno 'n parecchi. E mi fijo nun è certo

PIA

peggio de Peppe er cascherino!

Armeno Peppe un lavoro ce l'ha .

AGNESE

Uh, un lavoro da invidiasse.

PIA

Sentime Agne' io ho messo a posto la sora Augusta a causa der fijo e

AGNESE

quello fa er lanciaro, nun me fa' di' cose che nun vojo di'.

Sta bbene sora Pi', nun ne parlamo più. Ve vojo solo dì che drento a

st'osteria forse 'n omo ce starebbe bbene. Potreste fa' la signora e nun

sgobba'.  Penzatece,  quarcuno  che  'nsieme  a  Rosa  manni  avanti  'sta

PIA

bottega.

Così ve sete fatta du conti eh? Volete allocallo qui er fijo vostro!

AGNESE

Lassamo perde, ma ricordateve: mi fijo sa fa' tutto ma proprio tutto.

PIA

(esce)

È  bbono  a  fa'  tutto  tranne  che  a  trovasse  'noccupazzione.(esce

dall’altra porta)


18


SCENA 16

Augusta entra nell’osteria a passo deciso mentre Alvaro cerca di bloccarla.

ALVARO

A ma' ve prego, lassate perde.

AUGUSTA

Prima a scopa, poi l'acqua! Mo' me sente quaa vipera,  l'aggiusto io.

ALVARO

A ma' che volete aggiusta', Pia è solo 'n po' forastica, mica è cattiva!

AUGUSTA

'A difenni perché te piace Rosa e nun la voi disgusta'… ma stavorta ha

ALVARO

superato er segno.

'Namosene via, io mica me so' offeso…

AUGUSTA

(apparentemente fredda, quasi disgustata) Ma te da

chi hai preso, eh? A tu' padre je bruciava er foco nelle vene, guai a

ALVARO

pestaje li piedi!… e io? Nun me faccio certo ride dietro…

Mo' state a esaggera'. Chi me ride dietro? E perché?

AUGUSTA

Io vado a di' a tutti che sei diventato n'omo, ma mo' ho capito perché

ALVARO

nun ce crede nisuno.

Che state a di', nun ve capisco… Certo che so' n'omo, che nun se vede?

Co' lavoro che faccio poi… Aho, chi artro c'è a Trastevere che fa er

AUGUSTA

lanciaro pe' li svizzeri ?

So' io quello che me c'è voluto pe' fatte pia'. Ciccio er fabbro voleva

ALVARO

riccomanna' Petruccio ar posto tuo, nun t'o scorda'.

(presuntuoso) Sì ma poi ha scerto me, l'unico, er mijore.

AUGUSTA

(allusiva, ma sottovoce) Quello che c'ha 'a madre mijore…

ALVARO

E certo a ma', chi è più mijore de te? Che lavoro me so' beccato eh?!

AUGUSTA

Solo 'n'omo o' poteva fa'.

Arva', a Roma nun è er lavoro che te fa' esse n'omo. È come te comporti

che   conta.  Guarda  Peppe  er  cascherino,  quello  nun  c'ha  'nbajocco

eppure 'o guardeno tutti co' rispetto. Poi esse pure 'n cenciarolo, abbasta

ALVARO

che nun te fai mette sotto!

Cioè?

AUGUSTA

Si quarcheduno te vie' a da' 'ncazzotto, capisci a me, tu, callo callo

ALVARO

dajene artri due!

Come?  Nun bisogna  porge l'artra guancia?

AUGUSTA

Porge l'artra guancia, ma che sei matto?

ALVARO

Così dice er Vangelo, so sicuro. Io so' 'nbon cristiano, prego.

AUGUSTA

A Roma er Vangelo dice diverso!

ALVARO

Dite davero?

AUGUSTA

E certo! Va pure 'n chiesa e bàttete er petto, ma ricordete: pe' esse

cristano e romano, te devi portà 'n saccoccia er cortello inzieme a la

ALVARO

corona!

A ma' me meravijo!

AUGUSTA

Che te meraviji, ma 'ndo vivi? Eppure a Roma ce sei nato.

ALVARO

Voi sete mi' madre e state a parla' come una che…

AUGUSTA

Parlo come una che te vo bbene, chiaro? Te piace Rosa, e 'namo datte

da fa'!

19


A L V A R O

Io me do da fa', jo fatto pure a serenata.

A U G U S T A

Già e te sei fatto fracica'! Se' proprio 'n babbalocco. Mo' vado a chiama'

Pia così me sente. Come se permettono ste tre galline de offenne er fijo

A L V A R O

d'Augusta? Chi se credono da esse?

A ma' piantatela, puro Cesare ha preso l’acqua, pazzienza.

A U G U S T A

È  qui  che  nun  dimostri  d'esse  omo.  Tu  padre  nun  se  sarebbe  mai

A L V A R O

beccata 'na fracicata. E se ce provaveno, lui li puncicava, mica no!

E mica so' stati l'artri a fracicamme! Che voi che do 'na cortellata a tre

A U G U S T A

donne?

Che vor di'? Te piace Rosa, t'a voi sposa', allora devi esse l'unico, er

A L V A R O

solo. Nun ponno essecene artri, chiaro?

E che ce pozzo fa'? È tanto bella che je stanno tutti appresso.

A U G U S T A

Sei   proprio   'n   mammalucco.   (guardandosi  intorno  e

A L V A R O

chiamando) Ma 'n c'è nisuno qua dentro, Pia?

A ma' annamosene daje, ce so pure li napoletani a casa nostra che

devono veni' qua. Se a Pia je gireno, quella cambia idea e nun li ospita

A U G U S T A

più.

Nun famme ride Arva', te pare che quella rinuncia a 'n ber po' de

A L V A R O

bajocchi? E poi staveno ancora a dormì. I signori s'arzeno tardi.

Sì ma devono fa' colazione. (Agitato, guardando fuori) Sta'

A U G U S T A

pure a veni' don Celestino. Ha appena girato l'angolo. Sortimo.

Don Celestino? (imbarazzata) Vabbè, 'namo, pero tu me devi

A L V A R O

ascorta' chiaro? Devi fa' quello che te dico io!

(mentre escono di fretta) D'accordo…

A U G U S T A

Ascorta bbene…

SCENA 17

Entra Celestino già vagamente brillo. Da fuori si sentono già i primi rulli di tamburo.

CELESTINO

Ma quella nun era Augusta cor fijo? Che furia che c'aveva, me sarebbe

piaciuto a salutalla. (vede che non c’è nessuno e fa’ per

prendersi un bicchiere di vino, ma entra Pia, allora

finge di interessarsi alla chitarra appesa al muro)

PIA

Oh, Bongiorno sora Pia.

Bongiorno.

CELESTINO

Tutto è pronto pe' la festa! I tamburini dei granatieri già cominceno a

avvisa' la ggente, i sentite? I cicorari se stanno a prepara'. Certo ce vo'

'na forza! Er bardacchino pesa 16 quintali e lei, la Madonnina, 90 chili!

PIA

Che fate, venite a la processione?

No, nun pozzo, aspetto gente. Forse riesco a veni' alla Messa della

CELESTINO

mezza.

Peccato sora Pi'. Penzate che er vestito alla Madonna j'a fatto 'a reggina

Margherita quest'anno. È tutto de raso azuro. O dovete vede' Sora Pi',

'na  bellezza.  Nun  potete  lassa'  l'osteria  in  mano  d'Agnese  solo  'n


20


minuto?  (prende in mano la chitarra e comincia a

P I A

suonare qualche nota)

No, preferisco che ce vie' lei co' 'e regazze a vede' 'a Madonna. E

mettéte a posto quaa chitara, era de mi' marito bonanima. Che volete?

C E L E S T I N O                 Bella        chitara.                   (continua             a     strimpellare)     Che                                v'avanza

P I A

'nquartino?

De prima matina Don Celesti'? Nun ve farà male?

C E L E S T I N O   È che nun ho diggerito bbene e co' 'na fojetta sistemo lo stommico.

P I A

Ggiusto perché oggi è festa. (versa un bicchiere di vino)

M A R I A

Eccove servito.

(entrando)  Salve  Don  Celestino  ancora  nun  andate  a  la

CELESTINO

processione?

Ciao Mari', mo' vado.

MARIA

Don Celesti', ve piace sta chitara? Era de mi' padre, a sapete sona'?

CELESTINO

'Na vorta  sonavo. Ve ricordate Pia? Quanno eravamo regazzi.

PIA

Artri tempi!

MARIA

Fatece 'na sonatina.

PIA

Mari' c'avemo da fa’, e mejo che Don Celestino va aa processione.

MARIA

Solo un pezzetto, v'ascortamo don Celestino.

CELESTINO

Nun so se me ricordo, è tanto che nun sono.

MARIA

Ve prego, sonate sonate!

CELESTINO

Se insistete… (comincia a suonare mentre Pia e Maria

MARIA

sistemano l’osteria)

Bravo bravo, sete proprio 'nmusicista nato. Ve starei a ascorta' ore e

PIA

ore.

Nun c'avemo tempo, va de là che ce stanno 'nsacco de cose da fa'!

MARIA

Vado. Don Celestino ce vedemo doppo, a la processione.

CELESTINO

Dio te benedica fija mia. (Maria esce. Celestino beve d'un

fiato il bicchiere che non aveva ancora bevuto) Mo'

PIA

levo le tende. Grazie sora Pi', pregherò pe' voi.

Nun ce n'è bisogno. Pregate pe' 'e fije mie.

CELESTINO

Una è 'na santa e quanno entrerà 'nconvento la presenterò alla Superiora

PIA

delle Oblate del Bambino Gesù.

Che state a farfuja'?

CELESTINO

(rendendosi  conto  di  aver  fatto  una  gaffe  e

PIA

girandosi per uscire) Gnente stavo a prega'...

(tirandolo per il braccio) Ohè, ripetete quello che avete detto.

CELESTINO

Mica so' sorda. Avanti ch'è ‘sta storia?

È che Maria, quella fija che c'avete che è 'na santa, pia, benedetta,

PIA

generosa avrebbe deciso...

'namo!

CELESTINO

De fasse monaca (beve un altro goccio) Me l'ha detto iersera.

Ecco mo' v' ho detto!


21


P I A                               Ah sì? Maria po' ave' detto quello che je pare. A me nun m'ha detto

gnente e farò finta de nun ave' sentito. Quanto a voi Don Celesti', si je

date spago, nun venite  a beve er vino perché pe' voi nun ce n'è starà più

manco 'na goccia! Chiaro?

C E L E S T I N ONun v'aggitate sora Pi', se vede che me so' sbajato.

P I A                               Appunto. E mo' ite.

C E L E S T I N OArivederci sora Pia. Dio ve benedica. (esce)

P I A                               Monaca? Che s'è 'mpazzita? Si fiata, corco lei e quer bagarozzo che

puzza de vino. Perché me so' nate ste fije femmine? Mannaggia a me quanno l'ho partorite, mannaggia a me!

SCENA 18

In prossimità dell’osteria Federico e Gianni, i due ospiti da Napoli, dialogano. Gianni si lamenta mentre cerca di evitare qualche pozzanghera. E’ disgustato dall’ambiente circostante.

GIANNI

Questo  posto è così sporco che non si riesce a camminare. Papà, attento

a dove mettete i piedi! Che schifo! Madonna del Carmine,  qui è tutta

una fogna. Uhh, che gente…Lì lì, guardate, ci stanno osservando…che

avranno   da   guardare   quei   bifolchi.   Sicuramente   ci   vogliono

FEDERICO

derubare…Auff, manca molto?

No eccoci arrivati.

GIANNI

Che fetore! Non le puliscono le strade? Che ci siamo venuti a fare dico

FEDERICO

io?

Come  sei  insofferente.  Goditi  questo  tour  culturale.  Hai  visto  che

FEDERICO

bellezze?

Certo San Pietro, il Colosseo, piazza Navona. I monumenti, non questo

FEDERICO

rione misero e fetente.

Shhh, non farti sentire da qualche trasteverino per carità! Qui tutti sono

orgogliosi di abitare nel cuore di Roma. Si offendono facilmente e

usano il coltello con destrezza e rapidità. Bada a quello che dici. Sono

GIANNI

fanatici, hanno la boria  del  romano verace, capisci?

No, non lo capisco e non ci trovo nulla di affascinante.

FEDERICO

E’ il folclore, figlio mio.

GIANNI

E il folclore non lo potevamo ammirare da lontano? C’era bisogno di

alloggiare in una bettola per visitare la città? Potevamo scendere in

FEDERICO

qualche grande albergo.

Gianni insomma, quante storie!

Invece

alloggeremo

dove   ci ha

consigliato Augusta: nel cuore di Trastevere e ci godremo la festa della

GIANNI

Madonna Fiumarola.

Uffa,

fa  un

caldo insopportabile. Ed io non vedo intorno niente di

FEDERICO

apprezzabile. Speriamo almeno che si mangi bene. Ho una gran fame.

Hai

appena

fatto colazione, ti

sei  spolverato  tutto quello che c’era.

Sei  proprio

incontenibile.  Comunque  sta

sicuro  che

ti  divertirai.

Augusta ha raccontato tutto della processione, delle bancarelle con i dolciumi, del vino e dei balli.


22


G I A N N I

Uhmpf!  Quanto  è  antipatica  quella  signora  Augusta.  Si  crede  una

nobildonna ed è solo una popolana! Non la

finiva più di parlare. Ci

FEDERICO

trattava come persone di famiglia.

La conosco da tempo la signora.  E’ una che si dà molto da fare per

GIANNI

mantenere un certo livello.

Si prendeva troppa confidenza.

FEDERICO

E lasciala fare, povera donna. E’ onorata della nostra amicizia.

GIANNI

Non mi avete detto come l’avete conosciuta…

FEDERICOE’ una vecchia storia.

GIANNI

E non me la potete raccontare?

FEDERICO

Che ti devo raccontare,  non c’è nulla di interessante.

GIANNI

E’ una storia segreta? Vi crea imbarazzo a parlarmene?

FEDERICO

Macchè imbarazzo, impertinente che  non  sei altro! Anni fa  ero venuto

a  Roma  per  una  questione  di  affari.  Mentre  a  cavallo  stavo

attraversando  una  piazzetta  qua  vicino,  ecco  che  un  ragazzino

all’improvviso

mi

sbuca

davanti.  Faccio

uno  scarto

per  evitare

l’incidente, ma

il

cavallo

s’ imbizzarrisce,

prende una

storta e   si

azzoppa  proprio  davanti  alla  casa  di  Augusta.  Il  guaglione  era  suo

figlio.  Lei  non  la  finiva  più  di  ringraziarmi.  Ehhhh,  mi  fu  molto

GIANNI

riconoscente…Tutto qui.

Ah, ho capito. Ecco perché ogni tanto fate una puntatina qui a Roma.

FEDERICOSono fatti che non ti riguardano, ora taci.

GIANNI

E stavolta pure a me

dovevate portare?

FEDERICO               Volevo che conoscessi un po’ la città, il Papa, le tradizioni romane,

ignorante che non sei altro. Ora  entriamo e cerca di comportarti da

GIANNI

signore quale sei!

Non c’è bisogno di dirlo! Sarò un gentiluomo perfetto.

SCENA 19

Federico e Gianni entrano nell’osteria.

FEDERICO

Buongiorno signora, sono il cavalier Federico Bevilacqua e questo è

GIANNI

mio figlio Gianni.

Lietissimo.

PIA

Piacere entrate accommodateve.

FEDERICO

La signora Augusta vi ha molto raccomandato.

PIA

Eh,  io  e  la  sora  Augusta  ce  conoscemo  da  tempo.  Ve  posso  offri'

FEDERICO

quarcosa prima de pranzo?

No grazie bella signora, Augusta ci ha servito un'abbondante colazione.

GIANNI

Sì sì sì, veramente abbondante, c'erano le ciambelle, il ciambellone, una

PIA

crostata di marene e la crema.

Bene, ma ora magnerete qui finché ce rimarete.

FEDERICO

Potremmo vedere la camera?

PIA

De corsa. Lassate lì la robba. (chiamando) Agnese! Agne'! Vedete

che bella stanza, dà tutta su la piazza. De fronte c'è la chiesa de San


23


Francesco a Ripa. Drento c'è 'na statua che vale propio la pena de

M A R I A

vedesse. Agnese!

(entrando) Ma' che c'è.

PIA

'Sti du signori vonno vede' la stanza. Questa è mia fija Maria.

MARIA

Buongiorno.

FEDERICO

Che bella guagliona. Complimenti.

GIANNI

Oh salve, lietissimo di conoscerla (le bacia la mano, Maria si

DOMENICO

vergogna e tira indietro la mano)

(Fuori Scena) Marì 'ndo stanno le ciambelline? Mica ve 'e sarete

MARIA

magnate tutte?

Scusateme vado da mi' zio (scappa fuori).

AGNESE

(entrando) Eccome, eccome. Oh bongiorno.

FEDERICO

Buongiorno .

PIA

Che stavi a fa'?

AGNESE

Stavo a stenne la pasta pe' le fettuccine.

GIANNI

Davvero e come le cucinate?

AGNESE

Be' le potemo fa' cor sugo de carne, oppure cor pesto de prezzemolo e

GIANNI

ajo 'npo' pizzicorine.

Uhm bene, già mi sopravviene l'acquolina. A che ora si mangia?

FEDERICO

Gianni hai appena finito un'abbondante colazione. Signora la prego,

PIA

vorrei posare i bagagli.

Subbitissimo. Agne' faje vedé la stanza.

ROSA

(entrando) A ma' devo porta' l'ojo 'n chiesa, Don Celestino ieri ha

PIA

detto ch'era finito.

Mo' s'attacca puro all'ojo ortre che ar vino.

FEDERICO

Chi è questo splendore?

PIA

È Rosa, l'artra mi' fija .

GIANNI

Lietissimo di fare la vostra conoscenza signorina Rosa (le bacia la

mano) Le vostre gote ricordano i babà, la vostra bocca un rococò, i

PIA

vostri capelli dei maccheroni allo zafferano, i vostri occhi...

Du' ova ar tegamino. Agnese fa' strada a li signori...

ROSA

(sognante a guardarsi la mano appena baciata) Così

FEDERICO

me fate confonne...

Allora io seguo la signora (va dietro a Agnese)

PIA

(a Gianni) A voi nun ve 'nteressa vede' la cammera?

GIANNI

No. Vi posso condurre alla processione? Ci saranno le bancarelle coi

ROSA

dolci?

Oh si, ce so' le frittelle co' 'o zucchero, er pampepato, le gelatine, li

GIANNI

bigné...

Già immagino i profumi che invadono la strada. Posso accompagnarvi

PIA

dunque?

Va' Rosa, va' cor signorino qui, l'ojo de Don Celestino po' aspetta'.

Rosa e Gianni escono.


24


SCENA 20

AGNESE

(entrando con Federico) È tutto sistemato, i bagagli stanno

PIA

'ncammera.

Bene Agne', c'è solo da controlla' er sugo. (Agnese esce)

FEDERICO

Bene bene bene, ora vado alla processione. Voi non mi fate compagnia

PIA

bella signora?

Grazie, c'ho troppe cose da fa'.

FEDERICO

(galante) Vedo che avete una brava cameriera. Due belle figliole.

PIA

Non vi aiutano ?

Rosa è annata cor fijo vostro e poi, come se dice, l'occhio der padrone

FEDERICO

ingrassa er cavallo.

Capisco,  è  come  dire:  chi  spazzola  il  proprio  cavallo  non  è  mai

PIA

stalliere!

Ognuno è fabbro de la fortuna sua.

FEDERICO

E chi fa da sè fa per tre.

PIA

E si governa come un re. (scoppiano a ridere)

CESARE

(entrando con una botticella) Nella botte piccola c'è er vino

PIA

bbono.

(ricomponendosi) Aivoja ad aspettatte!

CESARE

Vengo  da  Porta  Portese,  c'è  'na  caciara  de  ggente,  a  da  vede!

FEDERICO

Bongiorno.

(altezzoso) Salve. (a Pia) Allora ha da fare...

PIA

Sì me dispiace, sarei venuta molto volentieri...

FEDERICO

Ci vediamo più tardi.

PIA

V'aspetto pe' pranzo.

CESARE

Bongiorno eh!

FEDERICO

Salve.

DOMENICO

(entrando  fregandosi  le  mani) Ho  sentito  ch'è  ora  da

PIA

magna', che ce sta de bbono?

Dome', è ancora presto... Ve presento mi' fratello Domenico.

FEDERICO

(frettoloso) Onoratissimo, allora ci vediamo più tardi. (esce)

PIA

Che furia!

DOMENICO

Chi era quello?

PIA

'Nzignorone che viene da Napoli. Ce l'ha raccomannato 'a sora Augusta.

DOMENICO

Eh 'a sora Augusta c’ha amichi artolocati!

PIA

Che se conteno su le dita: uno e due.

CESARE

È a lui c'ho aggiustato la rota de la carozza ieri mentre veniveno a

DOMENICO

Roma.

E t'ha pagato?

CESARE

Sì.

DOMENICO

E nun t'ha detto gnente?

25


C E S A R E

Si vede che nun m'ha riconosciuto.

P I A

E poi lui è 'nzignore.

C E S A R E

(infastidito) Sora Pi', per quartarolo so 50 bajocchi.

P I A

De che? 50 bajocchi, te sei fatto frega' o me stai a frega' a me!

C E S A R E

No, nun ve sto a frega'. Famo così, nun me date li sordi e poi annatece

P I A

voi da Romoletto a pagallo, così vedete ch'er prezzo è quello.

E quanto te prenni tu pe' avemmelo portato?

C E S A R E

Alla bontà vostra, ma mo' nun vojo gnente.

SCENA 21

MARIA

(entrando) A ma' lassate sta Cesare, che v'ha fatto?

PIA

O so' io che m'ha fatto. S'è fatto du conti 'nzieme a la madre, ma a me

DOMENICO

nun me fregate.

Quanto state a chiacchiera' 'nvece da prepara' er pranzo.

CESARE

Io nun vojo frega' nisuno e lassate 'npace mi' madre che ve vole bbene

DOMENICO

come 'na sorella. Ma che avete magnato? Pane e veleno?

Io nun ho magnato ancora gnente!

PIA

Tie', tie' li bajocchi Ce', pagate er vino ed eccotene artri due pe' 'o

CESARE

scommodo.

Si c'avessi li sordi er vino l'avrebbi pagato io, ma nun ce l'ho. Questi

PIA

però teneteveli voi. Nun me servono. (li posa sul bancone)

No grazzie! Si nun li voi, dalli pe' beneficenza! (esce)

CESARE

Tu madre me fa proprio vede' li sorci!

MARIA

Lassala perde. Ce so' l'ospiti, è aggitata.

CESARE

Capirai, 'sti nobbili!

MARIA

Er fijo è tanto gentile: bacia le mano alle signore!

CESARE

A te te l'ha baciata?

MARIA

Sì, che vergogna!

CESARE

Puro a Rosa?

MARIA

Penzo de sì. Rosa poi l'ha accompagnato alla processione.

CESARE

Ah si? E tu madre ce lo sa?

MARIA

È stata lei che ce l'ha mannata, pe' dovere d'ospitalità.

CESARE

Tu madre se fatta du' conti e poi dice all'artri che guardeno ar sordo.

MARIA

Ce' lassa perde, tanto co' Rosa nun ce sta gnente da fa'. E poi se voi

'nconziglio, trovatelo 'sto lavoro. Quarsiasi cosa. Faje vede che c'hai

CESARE

voja de fatica'.

Mari' te lo ggiuro, cerco de qua, de là, ma c'ho 'na jella. Si trovo lavoro

dopo du' giorni me dicheno che nun je servo più e sinnò trovo lavoretti

MARIA

da gnente, 'na botta e via. Eppure de lavoro ce n'è, so' sicuro.

Nun sarà che cerchi lavoro e preghi Dio de nun trovallo?

CESARE

Mo' parli come tu madre. Ma se Rosa...


26


SCENA 22

Entra Alvaro. È torvo e maneggia un coltello.

ALVARO

Tu la regazza mia nun la devi manco nomina'. E nun te devi permette

de veni' a fa' 'o sdorcinato sotto 'e finestre sua che nun sei bbono manco

CESARE

a canta'...

Dichi a me? No dico... Dichi a me?

ALVARO

Trovatene 'nartra: Roma è piena de strappone pei babbalocchi com'a te.

CESARE

Che stai a farfuja'? Nun te capisco.

ALVARO

Rosa nun è robba pe' te.

MARIA

(capendo  come  potrebbe  andare  finire) Arva',  sei

annato alla processione eh? Hai visto le bancarelle? Me piacerebbe

ALVARO

facce 'ngiro. Daje sortimo, accompagname.

Bbona Mari', nun t'ammischia'.

MARIA

Ce', nun avevi detto che dovevi pija' 'nartra botte de vino?

CESARE

(a Maria) C'è tempo. (ad Alvaro) Che c'hai da di'? Sentimo,

ALVARO

famme fa' 'ste du' risate!

Abbada: nun me sta bene che ronzi drento 'sta casa giorno e notte.

CESARE

Nun t'accalla' troppo: io faccio quello che me pare e nun sei tu a dimme

ALVARO

quello che devo fa'.

Te  devi  fissa'  ne  la  capoccia  che  Rosa  nun  è  pe'  te,  cencioloso,

MARIA

pidocchio.

Piantatela voi due, nun fate li regazzini.

CESARE

Nimmanco pe' te berzitello, cacazzibetto!

MARIA

Ce', perche nun vai de là da tu madre a daje 'na mano?

ALVARO

Fila via Mari', noi c'avemo da fa'. (a Cesare) Se semo capiti? Tu

CESARE

qui nun c'hai da entra'!

Finiscila d'abbajà, chiudi er becco e sorti fora. Qua nun sei gradito.

ALVARO

Se qui c'è uno che deve spari' sei proprio te. A sora Pia nun vole che

CESARE

ronzi 'ntorno a la fija.

La sora Pia t'ha cacciato perché stavi a fa' 'o scemo co' Rosa. Hai da

MARIA

abbozza'.

Cesare lassa perde...

ALVARO

Che so' 'ste fanfaluche? Io me sposero' Rosa quinni levate de mezzo si

MARIA

nun voi fini' ar Santo Spirito pe' 'na puncicata.

Arva' sta' bbono…

CESARE

(tirando  fuori  il  pugnale) Io  nun  me  accontento  de  'na

MARIA

puncicata.

Guardate che strillo eh, me metto a strilla'!

CESARE

ALVARO

Vattene Mari'.

27


Maria si blocca a guardarli terrorizzata. I due si fronteggiano e iniziano un duello. Improvvisamente entrano Agnese e Pia. Si fermano atterrite e poi strillano.

P I A

Piove!

A G N E S E

Cesare si gira sorpreso e Alvaro lo infilza. Cesare cade a terra.

FINE PRIMO ATTO


28


SECONDO ATTO

SCENA 23

Èquasi notte. Al lume di una candela Agnese, Pia e Augusta sedute intorno al tavolo parlano concitatamente.

AGNESE

(piagnucolando) Volete di' che nun ce l'avete mannato voi a da'

AUGUSTA

'na cortellata a Cesaretto mio?

Mi  fijo  doveva  dimostra'  d'esse  'n  'omo,  perché  certe  perzone  nun

PIA

l'hanno capito. (si volta a guardare Pia con intenzione)

(mentre le versa un po' di vino) Già e pe' dimostramme

AGNESE

che Arvaro è 'n 'omo avete combinato 'sti 'nguacchio.

Quer poro fijo mio, 'no squarcio da destra a manca.

PIA

Zitta, nun esaggeramo. Er cirusico ha detto che se 'a cava in dieci

AUGUSTA

giorni.

(a Pia) La corpa de tutto è la vostra.

PIA

Eh sì perché ce l'ho mannato io Arvaro a da' 'na cortellata a Cesare.

AUGUSTA

La  corpa  è  vostra  perché si  facevate  fidanza'  Arvaro  co'  Rosa  nun

PIA

succedeva gnente.

Uhm quante storie: vostro fijo ha sbajato perché Rosa nun è la fidanzata

AUGUSTA

e nun se po' aroga' diritti che nun c'ha.

Manco Cesare è er fidanzato de Rosa, ma se prenne delle libbertà che

AGNESE

nun je competono.

Quer poro fijo mio, anima santa che n'ha mai fatto male a 'na mosca.

AUGUSTA

Ah sì? Ve sete scordata che a sassaiola Cesare ha beccato 'ntesta o

Zoppetto e quello che prima era solo sciancato, mo' è diventato puro

AGNESE

cecato.

Quello è stato 'no sbajo, er sasso doveva coje Tonuccio er fijo der

cravattaro  che  aveva  minacciato  mi'  nipote  che  se  nun  je  dava  li

PIA

bajocchi javrebbe distrutto bottega.

Vabbé Agne', Cesare s'era sbajato, ma nun è 'nsanto è 'n 'omo e s'è

AUGUSTA

beccato 'na cortellata. Tutto qua.

No' 'o sapete ch'a Roma se more più pe' e cortellate che de vecchiaia o

AGNESE

de malatia?

Aho, mi fijo sta a letto squarciato come 'n pollo e chissà come potrebbe

fini'. Nun parlate de morte (fa le corna) Co quer tajo lungo lungo.

Dice che je fa' tanto male la panza.

SCENA 24

Entra Domenico

29


D O M E N I C O P I A

A G N E S E

D O M E N I C O P I A

D O M E N I C O

A U G U S T A D O M E N I C O A U G U S T A P I A

A U G U S T A

D O M E N I C O

A G N E S E A U G U S T A

D O M E N I C O A G N E S E

D O M E N I C O

A U G U S T A P I A

D O M E N I C O P I A

D O M E N I C O A U G U S T A D O M E N I C O A G N E S E

D O M E N I C O A U G U S T A P I A

D O M E N I C O A G N E S E

D O M E N I C O

A U G U S T A P I A


Anche a me me fa male la panza.

Dome', t'avemo svejato?

Sor Dome', che c'avete?

C'ho male alla panza.

Saranno tutte quelle sarcicce che te sei magnato...

Macché  me   so'   magnato,   du   sarciccette  che   manco   se   vedevano.

Dev'esse c'ho magnato troppo poco e mo' vorei fa' colazzione co' 'na bella fetta de crostata.

Sor Domenico i miei rispetti.

Ohe sora Augu' nun v'avevo notato! Bongiorno, come ve va?

Bbene, me va bbene.

Che bongiorno, è ancora notte. Tornatene a dormi', te faccio 'na camomilla.

(a Pia sottovoce) Dateje 'nbicchierino de quello vostro, vedretecome se riaddorme.

Nun po' esse notte se c'è la sora Augusta. Che, ce vie' a trova' quanno dormimo?

Ha fatto tardi iersera e s'appoggiata qui.

Eh sì, me so' stancata troppo alla festa e mo me ne vado a dormi'.

Tornate a letto sor Dome', sinnò domani sarete troppo stanco.

Prima vojo 'na fetta de crostata e 'n po' de vinello.

Vo vado a pija'.

La fetta bella grossa. Allora sora Augu', che me raccontate? Come sta Arvaro? S'è fatto proprio 'n 'omo.

Puro vostro fratelllo l'ha riconosciuto: solo voi sete cecata.

Nun ricominciamo sora Augu', vedemo da risolvelo 'sto probblema. De che se tratta?

Gnente Dome', cose de donne.

(con il tono di chi ha capito) Rosa...

Rosa?

Rosa.

(con un vassoio) Eccove servito. Bon appetito.

Volete favorire?

No grazzie.

Dome', portatelo de là e poi rimettete a dormi' che l'alba è lontana. Perché che ore so'?

È appena sonata l'una.

E io credevo che erano le sette de matina. Vabbé me ne vado a dormi'.

Bonanotte a tutti.

Bonanotte e sogni d'oro. (Domenico esce)

Che ve dicevo? Mi fratello c'ha sempre fame.


30


D O M E N I C O   (Rientrando)Ah, e lassatela perde Rosa. È bella e prima o poitroverà quello giusto. Nun state a spigne troppo. Sapete come se dice?

P I A

Matrimoni e vescovati so' dar cielo destinati. (esce)

Sentilo lui, dar cielo, robba c'a quest'ora...

A U G U S T A

Eravate 'na ciccarola, moje d'en ciccarolo morto de fame.

P I A

Però m'ero sposata ar contrario de voi che nun ve potevate marita' co...

A U G U S T A

Mo basta, m'avete scocciato.

A G N E S E

Quer poro fijo mio. Cesaretto bello bello... A chi è poraccio nun je dice

A U G U S T A

mai bbene!

Zitta  Agne',  quando  sarà  guarito  vedrebbimo  de  trovaje  'n  posto  a

P I A

bottega. Però Rosa se la deve da scorda'.

Rosa se la devono scorda' in due. Mo' Cesare sta qua e fino a che nun se

A U G U S T A

ripija lo tenemo da conto.

Abbasta che nun fiati.

A G N E S E

No, nun fiaterà.

A U G U S T A

Manco voi sora Pi' dovete da fiata' e manco le fije vostre.

P I A

Io so' 'na donna d'onore, li panni sporchi se laveno a casa. Arvaro però

A U G U S T A

deve sgombra' per un ber po'.

Arvaro anderà quarche giorno a Firenze da li zii.

P I A

Bene. L'importante è tenello fora da Via d'a Lungara.

A G N E S E

L'importante è che Cesare guarisce.

P I A

D'accordo allora?

A U G U S T A

E Rosa?

P I A

A Rosa ce penzeremo poi.

A U G U S T A

(Avviandosi all'uscita, impettita, con dignità) E sia.

(esce)

SCENA 25

Appena esce Augusta ecco che Federico insonnolito si affaccia.

Si massaggia lo stomaco.

FEDERICO

Signora Pia, per fortuna è alzata.

AGNESE

Oh cavalier Bevilacqua, l'avemo per caso svejata?

PIA

Quanto me dispiace.

FEDERICO

Nooo, per nulla signore belle, è che vedete ho un certo dolorino allo

stomaco. Devo aver mangiato troppo. Non avreste una camomilla per

PIA

caso? O chiedo troppo?

State a scherza'? Agne' va a scarda' 'a cuccuma.

AGNESE

Coro. Con permesso... (esce)

PIA

Eeeh alla festa de noantri da magna' ce n'è parecchio, e chi nun è

FEDERICO

abbituato se sa che poi je se rimpone!

Già, ho mangiato di vero gusto, ma soprattutto ho bevuto troppo. Il

PIA

vostro vinello è generoso e fresco, va giù che una bellezza.

Ce lo so, vie' da Frascati e puro d'Ariccia. Ma quello mejo ariva da 'n

poderetto che co' quattro viti me fa 'n vinello ch'è 'na bellezza, co' 'n


31


gotto te pija 'na lallera... ma ancora nun l'ho tirato fora. Quello è speciale, 'n'ambrosia. 'Na vorta pure er Cardinal Ferreri n'ha pijato 'n quartarolo.

F E D E R I C O     Sarei  desideroso  d'assaggiarlo,  ma  non  adesso,  sono  un  po'  troppo

P I A

aggravato. Forse domani.

Quanno volete. È a vostra disposizione.

A G N E S E

(entrando) Ecco la camomilla calla calla..

F E D E R I C O

Grazie    (prendela   camomilla   e   comincia   a

P I A

sorseggiarla)

(allontanandosi da Federico e sottovoce a Agnese)

A G N E S E

Agne' vattene a dormi' e riposete.

Nun so si ce riesco, c'ho 'npenziero...

P I A

Nun penza'. Cesare se rimetterà 'n piedi prima che te n'accorgi. Poi le

cose s'aggiusteranno. Hai sentito Augusta? Je vo trova' lavoro a bottega

A G N E S E

da Arvaro.

Cesare nun lo accetterà. Prima quello 'o spanza e poi je dà lavoro!

P I A

Tu fijo nun po' avecce la puzza sotto ar naso, dovrà puro trovallo 'n

A G N E S E

lavoro. (Agnese scoppia a piangere) Va a dormi'!

Vabbé, bonanotte cavalier Bevilacqua.

F E D E R I C O

Buonanotte   signora   Agnese.   (Agnese  esce,  Federico

P I A

cambia atteggiamento) E ora finalmente soli.

Soli?

F E D E R I C O

È da ieri che cerco di rimanere solo con voi, ma c'era sempre qualcuno

P I A

e non potevo esternarle i miei pensieri.

E che penzate?

F E D E R I C O

Penzo che una signora bella come a voi non può restare a lungo sola

senza un uomo che la coccola. Siete una stella luminosa, adoro come

sorridete, come vi muovete, come tenete a bada tutte le persone che vi

P I A

trafficano intorno.

V'è passato già er male allo stommico?

F E D E R I C O

Oggi quando v'ho vista servire la pasta e il vino a tutta quella gente,

così rapida e leggera, efficientissima... Mi avete affascinato, mi avete

P I A

stregato.

Ma state a parla' co' me? Ve va de scherza'? Nun c'ho voja d'esse

F E D E R I C O

canzonata. Su finite 'a camomilla e annate a dormi'.

Non vi sto prendendo in giro, non sto scherzando, dico il vero.

P I A

Aho 'sta camomilla v'ha 'mbriacato peggio de 'na fojetta de Frascati!

F E D E R I C O

Siete voi che mi ubriacate! Mai ho visto una femmina in cui la grazia e

P I A

la bellezza si accompagnano a un intelletto così fervido e brillante.

De che?

F E D E R I C O

Ho  visto  donne  bellissime,  raffinate:  orchidee  delicate,  diamanti

purissimi, ma oso dire che non ho mai conosciuto femmine con la

vostra passionalità, il vostro fervore. Voi le sovrastate tutte per cotanta

femminilità, per la prorompente vitalità, siete una rosa profumatissima

e inebriante.


32


P I A                               (scoppiando  a  ridere) Cavalier  Bevilacqua,  forse  er  vino

c'avete bevuto oggi v'ha dato 'n testa. Bevete 'a camomilla e tornate a letto.

F E D E R I C O     In questa città piena di vicoli e di misteri, piena di rovine maestose,

P I A

dove la storia trasuda dalla più piccola pietra del selciato...

Sampietrini... se chiameno sampietrini.

F E D E R I C O

Che?

P I A

I serci.

F E D E R I C ODove i gatti di cui sono pieni i rioni...

P I A

Je danno la trippa.

F E D E R I C O

Ehhh?

P I A

Ai gatti no?

F E D E R I C O

...girano  tranquilli  e  silenziosi  saltando  sui  tetti,  strusciando  tra  le

P I A

colonne di marmo, adagiandosi sui resti di qualche antico tempio.

I gatti a Roma so' 'n probblema, ce ne so' troppi, ma armeno tengono

F E D E R I C O

lontani li sorci.

Le fontane meravigliose che fanno gorgogliare l'acqua e che adornano

P I A

come goielli questa città...

Puro de fontane ce ne so' tante, quelle che dovete da vede' so' quelle

piccole, niscoste che nisuno sta' a rimira'. Qua vicino c'è 'a fontanella

F E D E R I C O

daa botte...

In  questa  cornice  che  vi  circonda  voi  brillate  come  una  stella

luminosissima che mi abbaglia. Non posso resistervi vi prego datemi un

P I A

bacio, solo questo vi chiedo.

Voi me state a confonne. Annate a letto che domani ve se schiariscono

F E D E R I C O

le idee.

Solo un bacio per farmi sognare.

P I A

(allungandosi a dargli un bacio sulla guancia) Ecco

accontentateve. E mo' bonanotte. È tardi e domani c'ho da lavora'. A

quest'ora  tutta  Roma  va  a  dormi'.  Solo  le  fontane  continueno  a

borbotta'. Perciò compermesso. (esce)

Federico rimane solo a guardarla uscire, poi continua a bere la camomilla. Guarda la tazza, la posa. Si avvicina al bancone e si versa un bicchiere di vino. Guarda dalla finestra. Canzone. "Roma s'addormenta".

BU I O

SCENA 26

Mattino. Maria sta spolverando. Entra don Celestino.

MARIA                        Don Celestino bongiorno.

CELESTINO           Bongiorno Mari'. Hai già parlato co' tu madre?

MARIA                        No.


33


C E L E S T I N OBrava, nun je di' gnente che è mejo.

M A R I A

Prima o poi j'o devo di', come faccio sinnò?

C E L E S T I N O

Aspetta 'n po', che fretta c'hai... so' cose 'mportanti. Devi da riflette,

mica poi pija' 'na decisione così. E poi vedi Mari', sapessi quante se so'

M A R I A

pentite de essese fatte monache.

Davero?

C E L E S T I N O

Eh no?

M A R I A

Se io decido nun me pentirò. Anzi nun vojo aspetta'.

C E L E S T I N O

Nooo, lassa perde.

M A R I A

Devo fallo, ho deciso. Quanno vie' qua j'o dico e voi m'aiuterete.

C E L E S T I N OAspetta armeno che finisce 'sto periodo de festa. Tu madre c'ha da fa' e nun poi lassalla in mezzo puro cor penziero tuo.

M A R I A                   Io nun la lasso adesso, mo' c'avemo l'ospiti, no no. Nun ve state a preoccupa'. Pe' mo nun posso annammene.

C E L E S T I N OChe brava fija che sei, brava. Allora ascorta 'nconzijo: datosi che devi

aspetta', dije tutto doppo. Che serve falla allarma' adesso? Così c'hai tempo da riflette 'n po' de più.

M A R I A                   Io c'ho penzato assai e so' convinta, però visto che me conzijate d'aspetta' a dijelo, vor di' che lasserò passa' ancora quarche tempo.

C E L E S T I N OBbene, così se fa. Nun c'è fretta, con la carma e la pazzienza s'ariva a tutto.

SCENA 27

Entra Pia che ha ascoltato parte del dialogo.

PIA

(tutta gentile) Bongiorno don Celestino. Er solito quartino pe' di'

CELESTINO

Messa?

(guardandola di sottecchi) Bongiorno sora Pia, se nun ve

PIA

disturba troppo.

E che ce sto a fa' qui? Sto a venne er vino. Questa è 'n'osteria.

CELESTINO

Maaa... nun ve lo posso paga' ce lo sapete.

PIA

E io nun ve chiedo gnente. Ognuno deve fa' la parte sua e io così me

CELESTINO

raccomando a voi e a Dio.

La vostra bbona azzione sarà ricompenzata. (afferra il fiasco)

PIA

Speramo!

CELESTINO

Arivederci e tu Mari' ricordate quello che t'ho detto.

MARIA

Sicuro. (Celestino esce)

PIA

Che sta a fa' tu sorella?

MARIA

Sta a sistema' le cammere.

PIA

Cori subbito su e va' a vede' se sta 'a ronza' 'ntorno a Cesare.

MARIA

Nun credo proprio, mo' ce sta er signorino Gianni che je sta 'ntorno.

PIA

Be', quello ce po' sta.

MARIA

A ma', che dite. Che ne sapete quello com'è, si nun si vole solo diverti'?

PIA

È 'nzignore come er padre, no 'n morto de fame come l'artri.


34


M A R I A

Sarà, ma Arvaro nun è morto de fame.

P I A

Arifacce co' 'st'Arvaro. Ve piace proprio assai.

M A R I A

Quello ha tirato 'na cortellata a Cesare pe' Rosa e pe' mo je annata bene,

P I A

nun vorei che succede quarcos'artro. C'ho paura.

Speramo de no, speramo che tu sorella se sistemi con quer signorino.

M A R I A

Nun ce fate troppo la bocca.

P I A

Zittete che già hai parlato troppo!

SCENA 28

Entrano Rosa e Gianni. Tutti ridanciani. Maria e Pia li osservano.

ROSA

Ah ah ah, signorino Gianni che me state a canzona'?

GIANNI

Perché mi offendete? Mai così squisita sfogliatella mi attirò, venite qui

ROSA

zucchero filato, caprese al cioccolato, delicatezza del palato.

Vi ricordo solo quarcosa de dorce? Nun conoscete artre cose a cui

GIANNI

paragonamme?

Siete  rosea  come  una  mortadella  profumata,  saporita  come  un

ROSA

maccherone al sugo, squisita come uno zito ripieno di ricotta.

Signorino Gianni, così me rincitrullite.

GIANNI

E  quello  voglio.  Voglio  confondervi,  coccolarvi,  adularvi.  Mai

PIA

pastarella fu più golosa, profumate di cannella.

Bongiorno signorino.

GIANNI

O bongiorno signora Pia. Buongiorno Maria.

PIA

Che volete, che ve prepari la colazzione?

ROSA

Ce penzo io.

GIANNI

Grazie Rosa, dalle tue mani sarà sicuramente una colazione superba.

PIA

Io  c'ho  da  fa',  vado  de  sopra,  vieni  Mari'.  C'è  n'artro  ospite  a  cui

dovemo da' da magna'. (sottovoce a Maria) Tu va da Cesare e

MARIA

portaje quarcosa, cambiaje la medicazzione come ha detto er cirusico.

Nun c'ha penzato Agnese?

PIA

Quella è corsa dalla sora Augusta pe' raccomannasse ancora pel lavoro

MARIA

der fijo.

Arvaro nun sè più fatto vede.

PIA

Arvaro è ito a Firenze. Pe mo' c'o semo levato de mezzo e tiramo a

campa'. 'Namo va. (escono)

SCENA 29

ROSA

(civettando) Sedeteve. Aspettate, mo' ve porto la colazzione.

GIANNI

Potrei aspettare eternamente. L'attesa aumenta il piacere del ritorno, lo

zucchero dell'arrivo, la giuggiola del riapparire. (Rosa esce)


35


P E P P E

(entrando col cesto del pane tutto allegro

canticchia)

"Bongiorno alla bella compagnia,

a Rosa Maria e Pia,

tutte le donne de 'st'osteria,

le più mejo de Roma mia.

Ohé, 'n do' state, so' arivato.

Er pane fresco v'ho portato.

G I A N N I

Ve lo sete meritato?"

(scostante) Buongiorno a voi.

P E P P E

Nun ce sta 'a padrona?

G I A N N I

Che io sappia ci sono tutti.

P E P P E

Ebbene  aspetto,  le  signore  ariveranno.  Tanta  bellezza  merita  'no

G I A N N I

spasimo.

Di chi parlate?

R O S A

(entrando col vassoio. In difficoltà) Peppe!

P E P P E

Boccuccia mia, eccote er pane fresco fresco, 'o senti che profumo?

R O S A

T'innamora...

Grazzie .

P E P P E

Tesoro mio, solo grazie me sai di'? 'N sorisetto nun me lo fai? Core mio

vie' qua...

Rosa rimane immobile.

GIANNI

Signor Peppe, ha portato il pane ora se ne può andare. Lasci stare la

PEPPE

signorina Rosa.

Chi è che parla così tanto? Ah è lei signore, nun se dia pena che parlo

GIANNI

co' Rosa, la ragazza mia.

Una tale dea fidanzata con un guappo di cartone come voi? Ohibò che

PEPPE

celia!

Ma  chi  ve  credete  da  esse?  Nun  ve  'mpicciate  che  è  mejo.  Rosa,

ROSA

ciumachella, vie' qui che t'o d'abbraccica'...

Peppe, te prego, nun è l'ora...

GIANNI

Vedete che lei stessa vi congeda. Allontanatevi.

PEPPE

Aridaje. Dovete stavve zitto, voi che c'entrate co' l'affari nostri?

ROSA

Nun è aria, lo capisci? Nun fa' questioni.

GIANNI

Sentita la signorina? Uscite, non la disturbate.

PEPPE

È così Rosa eh? Te disturbo? Te do fastidio?

GIANNI

È così!

ROSA

No Peppe, no...

PEPPE

Che stavi a fa' co' 'sto cacazzibetto? Ho rovinato quarcosa?

GIANNI

Ci infastidite, volete intendere?

PEPPE

Mo m'hai rotto i 'ccommeri. Sei venuto a vede' Roma? Allora arza li

tacchi e sorti fora. Gira pe' li vicoli e le strade, t'aspettano piazze e


36


chiese. Qui perdi solo tempo e se poi devi parti' nun hai visto propio

G I A N N I

gnente.

Tutto quello che voglio ammirare sta qua.

P E P P E

Allora mira puro questo. (tira fuori il coltello) Guarda come

R O S A

luccica.

Peppe, fermate, hai portato er pane? Grazzie tante, mo te ne poi anna'!

P E P P E

E me cacci pure fora? Sta disgraziata.

SCENA 30

Entrano Agnese Maria Pia Federico

MARIA

Peppe!

AGNESE

Nooo, n'artra vorta!

FEDERICO

Cielo!

PIA

Che sta succede?

PEPPE

Succede sora Pi' che l'ospiti vostri già puzzeno. Infatti so' passati tre

PIA

giorni.

De che parli? Che stai a di'?

GIANNI

Andatevene, qui non siete gradito. Signora dovreste servirvi di un altro

FEDERICO

forno.

Gianni, fai silenzio. Non aggravare la situazione.

ROSA

Peppe te prego, lassa perde.

PEPPE

Sorto fora sorto. Rosa bada a te, che te potrei da' tutte le crocchie che

t'ha  risparmiato  tu'  madre.  (a Gianni) E  in  quanto  a  voi  vojo

soddisfazzione. V'aspetto stasera alle 5 drento a li fori dalla parte de

Santa Francesca Romana. E staremo a vede' chi qui nun è gradito!

PIA

(esce, Rosa piagnucola)

Scusate 'sta scenata, nun me lo potevo immaggina'.

FEDERICO

Ora è finita signora bella, non è successo niente.

GIANNI

Non  piangete  mia  Venere  è  passato.  (Rosa  si  asciuga  gli

ROSA

occhi)

Nun ho mai visto Peppe in quello stato.

AGNESE

Ringraziamo Dio che se n'è ito.

MARIA

Agne' quello vo' da' 'na cortellata ar signorino Gianni.

GIANNI

Che sciocchezza, deve ancora nascere l'uomo che riesce a darmi una

MARIA

coltellata.

Peppe ce sa fa' cor cortello.

FEDERICO

Su stiamo tranquilli, il ragazzo sarà abile ma non come Gianni. Non ci

GIANNI

roviniamo questa bella giornata.

Rosa, mi accompagnate a fare una scampagnata?

PIA

Vai Rosa, vai.

ROSA

A ma' ma c'è tanto da fa' all'osteria.

PIA

E nun te preoccupa' che ce stanno Agnese e Maria.

AGNESE

Sora Pi', 'ndo la mannate?


37


M A R I A                   A ma' che la manni pe' prati?

P I A                               So bbene quello che faccio. Ite e che Dio ve benedica.

G I A N N I                Non ci contate a pranzo allora, mangeremo in campagna.

P I A                               Sta bbene. Prepareremo da magnà pe' 5

A G N E S E              Pe 6. (esce borbottando e scuotendo la testa)

P I A                               (a Maria) Porta 'ncucina er pane Mari' e comincia a frigge l'ajo.

M A R I A                   Vabbè. (esce )

P I A                               Rosa e Gianni che bella coppia, come stanno bene 'nsieme...

F E D E R I C O

Con una bella madre come a voi. Che ve lo dico a fare. Meraviglia,

P I A

opera magistrale, statua de vera dea.

Nun ricominciate sor Federi', che 'nce so' abbituata.

F E D E R I C O

Per questo voglio confondervi. Mi potete amare almeno un poco?

P I A

L'amore è robba da giovani, noi semo vecchi. Ve vado a prepara' da

F E D E R I C O

magna' pe' pranzo. C'ho du braciolette che so' 'na meravija.

Sono un po' preoccupato per quel Peppe. Non farà male a mio figlio

vero? Io non ho detto niente e Gianni, non si è reso conto, ma lo so che

qui  a  Roma  gli  uomini  finiscono  sempre  all'ospedale  per  qualche

P I A

coltellata…

Stateve tranquillo, nun ve preoccupate. Il diavolo nun è così nero come

lo si dipigne. Peppe è 'n bravo regazzo. Troveremo er modo de fallo

F E D E R I C O

carma'.

Mi fido di voi o divina creatura. Oltre le braciole, che preparerete di

P I A

buono a tavola?

Vedrete  che  ve  leccheree  li  baffi.  Co'  ajo  e  ojo  potemo  fa'  'na

prelibbatezza.

SCENA 31

Entra Domenico da fuori.

DOMENICO

Chi ha parlato d'ajo e ojo?

PIA

Eccolo pronto all'appello.

FEDERICO

Salve .

PIA

Dove sei annato de prima matina? Fatta colazzione sei sparito.

DOMENICO

C'ho avuto da fa'. E poi se racconta 'ngiro 'na storia. Peppe stava a

cerca' du padrini, ma fora da Trastevere. È ito fino a San Giovanni, da

PIA

certi amichi sua.

Mejo. Tanto qui nu j'avrebbe dato retta nisuno.

DOMENICO

Questo lo dichi tu. A Peppe je vonno tutti bbene, c'ha 'n core d'oro. Da

quanno ha perso i genitori è cresciuto 'nmezzo alla strada e tutti janno

FEDERICO

dato sempre 'na mano.

Perché allora è andato a San Giovanni?

DOMENICO

Perché 'n 'omo d'onore, nun vole che se parli a destra e a sinistra della

donna sua.


38


P I A

E fa du' fatiche. Primo perché Rosa nun è la fidanzata, seconno perché

F E D E R I C O

troveremo er modo de fermallo. Vado a chiama' Maria. (esce)

Spero che la signora Pia riesca nell'intento.

D O M E N I C O

Pia de solito riesce a fa' tutto, però quanno c'è de mezzo l'onore, caro

F E D E R I C O

mio... nun c'è 'omo che nun se lo fa ritintica'.

Quel  Peppe  è  un  poveretto,  forse  con  qualche  soldo  si  potrebbe

D O M E N I C O

calmare.

Se vede che nun sete de Roma. Qui c'è 'n detto "mejo povero e scannato

F E D E R I C O

che ricco sputtanato".

È un modo diverso di vedere le cose. In fondo romani e napoletani non

sono tanto distanti, anche noi abbiamo proverbi, tradizioni, usanze e

D O M E N I C O

una vera e propria arte per la cucina.

Ne so' sicuro, tutti c'hanno li loro usi. A noi per esempio ce piace beve.

F E D E R I C O

Er vino nostro de li castelli è bono e genuino, voi che c'avete?

La falanghina dei Campi Flegrei.

D O M E N I C O

Uhm 'n'acetella. Noi c'avemo er vinello de Zagarolo, mo' v'o faccio

assaggia'.

Prende un fiaschetto e lo versa a Federico, da questo momento ogni volta che nomina un vino lo beve e lo fa bere a Federico.

F E D E R I C O

Non c'è male, passabile.

D O M E N I C O

Se questo ve sembra passabile, allora provate 'sto frizzantino de li colli

F E D E R I C O

albani. È veramente squisitissimo.

Grazie (sorseggia) Uhm, allappa un poco.

D O M E N I C O

Che allappa e allappa, provate questo... Marino speciale: nun è bbono?

F E D E R I C O

Ecco questo mi sembra già meglio. Ma....

Entra Maria quasi correndo, ed esce dall'osteria. I due non se ne accorgono e continuano a trincare. Si ubriacheranno.


D O M E N I C O F E D E R I C O D O M E N I C O

F E D E R I C O D O M E N I C O F E D E R I C O D O M E N I C O

F E D E R I C O D O M E N I C O F E D E R I C O D O M E N I C O


Ma, che ma?

Vostra sorella mi ha parlato di un vino speciale di un podere qua vicino. Gnorsì. Quello è 'n vino che manco er Papa s'oo po' permette. Poche uve, poche botti. Speciale. Fa' risuscita' li morti.

Non si può assaggiare?

Eeee... quello è er vino de le grandi occasioni.

E questa non è un'occasione? Approfondiamo la nostra amicizia.

E c'avete raggione sor Federi'. Speramo che Pia nun s'accorge... (si

inchina sotto il bancone e tira fuori un fiaschetto, lo apre) Sentite che profumo?

Sentito, e ora sentiamo il sapore...

Ecco, solo un goccetto, perchè co' questo ve pija 'na lallera...

Me lo fate sospirare, andiamo versate!

(centellinando) Ecco, piano, piano. Ohe, me trema la mano.


39


F E D E R I C O

Signor Domenico, lo versate fuori.

D O M E N I C O

Gnente  paura  (si inchina a leccare le gocce) E  ora  alla

F E D E R I C O

salute!

Alla salute.

D O M E N I C O

All'amicizia.

F E D E R I C O

All'amicizia. Buono

D O M E N I C O

Che v'avevo detto. 'Nartro goccetto?

F E D E R I C O

Appena...

D O M E N I C O

Cavalier Federico, ora che so' amico vostro, pur'io so' cavaliere?

F E D E R I C O

Certo signor Domenico: vi voglio nominare... Cavaliere del fiasco.

D O M E N I C O

Sì me piace: Cavalier Bevilacqua, o dovrei di' Bevivino? Ah ah ah.

F E D E R I C O

Brinnamo

Signor Cavaliere del fiasco, brindiamo.

Si sentono stornelli sul vino finché si addormentano tutti e due.

SCENA 32

AGNESE

(entra) È pronto da magnà, venite. Che se so' addormiti? Sora Pi'...

PIA

Che c'è Agne', j'hai detto ch' er pranzo è pronto?

AGNESE

Se so' addormiti se so'.

PIA

(guardando  sopra  e  sotto  il  bancone,  sulla

credenza) Te credo che so' crollati: se so' bevuti 5 litri de vino!

St'mbriaconi. Puro er fiaschetto der vinello prelibbato. Mi' fratello che

AGNESE

lo possino!!! E mo' tutta quaa robba da magna'?

Mettemola da parte, doppo c'avranno fame.

PIA

Sì ma c'hanno solo da prova' a chiedeme 'n goccio che ce li manno a

AGNESE

carci.

Co' tutto er vino che se so' tracannati, nun credo che c'avranno ancora

PIA

voja de beve.

Tu non conosci bene mi' fratello. (sospirando) Mo' quanno torna

Maria? Puro se don Celestino s'è messo a pontifica', hanno già da esse

qua.

Entra Maria tutta trafelata insieme a Celestino.

PIA

Abbonora.

MARIA

Don Celestino stava ar capezzale de Giggi er fornaro.

CELESTINO

Eeee... sta male, c'ha a pormonite. Er dottore dice che je manca poco.

AGNESE

Poro cristiano.

Oh me dispiace...

CELESTINO

Nun c'ha nessuno che je sta vicino, ce lo sapete. Anzi volevo chiede a

Agnese se ce fa' n salto, così pe' ajutallo 'n po'. Peppe deve sta' a

bottega.


40


A G N E S E M A R I A P I A

C E L E S T I N O M A R I A A G N E S E

C E L E S T I N O A G N E S E

C E L E S T I N O A G N E S E

C E L E S T I N O

P I A

C E L E S T I N O P I A

C E L E S T I N O

P I A

C E L E S T I N O

A G N E S E

C E L E S T I N O A G N E S E

C E L E S T I N O P I A

C E L E S T I N O P I A

C E L E S T I N O P I A

C E L E S T I N O

P I A

C E L E S T I N O

P I A

C E L E S T I N O


Io ce verei, ma Cesare...

A Cesare ce penzo io. Avete preparato da magna'?

Sì è tutto pronto, ma c'è er rischio che va tutto a schifio perché sti due se so' 'mbriacati.

Beati loro!

Vado a porta' 'nboccone a Cesare. (esce)

Allora vado a casa de Giggi.

Fate st'opera bbona Agne'. Dio ve ne renda merito.

Vabbè armeno nun penzo. Je porto puro quarche cosa.

Nun po' magna', portaje 'na fojetta de rosso, je farà mejo.

(guarda Pia che le fa cenno di sì) Prenno  'ncestino.

(segue Maria)

(cercando di suscitare pena) Ho fatto 'na corsa , c'ho 'na

sete. 'N'arsura, fa' 'n cardo.

Eccove   'n   sorso   d'acqua   fresca.    (gli  versa  un  bicchiere

d'acqua da una brocca)

Nun è che c'avreste 'n goccetto de vinello?

Don Celesti' dovete rimane' svejo. Bisogna che quer matto de Peppe

non tiri 'na cortellata al signorino Gianni stasera a li fori. Bisogna annacce, solo a voi ve po' sentì.

C'ho parlato co' Peppe. Stava lì a casa de Giggi quanno è arivata Maria e m'ha riccontato tutto.

Allora?

Nun ascorta nisuno, ja ritintica l'onore e nun vede l'ora de accortella'

quer napoletano.

(entrando col cestino) Speramo che nun more davanti l'occhimia!

Fino a domani ce dovrebbe ariva'.

Sorto... (esce)

Brava.

Don Celesti' metteteve a sede e stateme a senti'.

Come facciamo a parla' co' 'sti due che russeno ch'è 'na bellezza?

Loro stanno bbene e a me nun me danno fastidio.

Vorei sta' ar posto loro, vorei...

Sedeteve e ascortateme. Peppe nun v'ha voluto senti', ma voi c'annate

oggi a le 5 'ndo se devono 'ncontra'.

(spaventato) Come faccio? C'ho la funzione der vespro, rischio defa' tardi.

Una vita vale bene 'na Messa.

C'ho da passa' ar Santo Spirito a vede' se c'è quarche orfano de la rota che la superiora me vole affida' pe' faje fa' er catechismo.

L'orfani ponno aspetta'.

Devo pure rianna' ar capezzale de Giggi. L'estrema 'nzione già jel'ho 'mpartita, po' esse che me vole di' quarc'artra cosa.


41


P I A                               Tanto Giggi a da mori'. Me dispiace pe' lui, ma nun potete cambia' le

cose.

C E L E S T I N OJ'ho da porta' l'estremo conforto de la voce de Dio.

P I A                               (batte  un  pugno  sul  tavolo,  i  due  addormentati

emettono qualche suono) Nun ce girate 'ntorno e ditela tutta:

ve cacate sotto!

C E L E S T I N OSo' fatti loro, io che je posso di', che posso fa'?

P I A                               Ve potete mette 'n mezzo e difenne Gianni da Peppe.

C E L E S T I N OMetteme 'n mezzo? Me volete morto?

P I A                               Quanno  Peppe  ve  vedrà,  se  fermerà!  E  lì  cominciate  a  parlaje  de

perdono.

C E L E S T I N OCosì me becco 'na cortellata, mica no.

P I A                               Chiamate  gente,  fate  accorre  li  gendarmi,  li  svizzeri.  Strillate,  fate

cagnara. portateve dietro tutti li monelli de Trastevere.

C E L E S T I N OEhhh, e che volete fa' 'a rivoluzione?

P I A                               Vojo  che  Peppe  nun  faccia  gnente  a  Gianni.  Poi  dite  a  Gianni  de

nascondese a casa daa sora Augusta fino a che le cose se carmeno. C E L E S T I N O E che c'entra la sora Augusta?

P I A                               C'entra c'entra,

C E L E S T I N OE farà quello che dite voi?

P I A                               Ce so' 'n par de cosette che è mejo che nun sa nisuno.

C E L E S T I N OSu Arvaro?

P I A                               Certo, lui c'entra per primo, in tutti li sensi. E in parte c'entrate puro

voi!

C E L E S T I N OIo?

P I A                               Famo a capisse. Io de Trastevere so vita, morte e miracoli. Potrei svela'

l'artarini de mezza Roma. Quinni nun continuate a chiede che è mejo.

Ve potrei rinfresca' 'a memoria. Gianni nun dev'esse toccato…

C E L E S T I N OChe ve n' 'mporta. Nun ve facevo tanto caritatevole.

P I A                               E perché? Che nun so' 'na bbona cristiana? Che nun vado 'n chiesa e

nun faccio le preghiere e me batto er petto? Che nun tiro mai fora 'n fiasco de vino pe' chi m'o chiede?

C E L E S T I N OSì, ma lo fate sempre pesa'. Pure mo' co 'na fojetta me se schiarirebbero

P I A

le idee.

Sta bbene (versa un bicchiere di vino) Famo così. Voi oggi

c'annate e fate come v'ho detto. Finita la questione ogni giorno ve farò

C E L E S T I N O

porta' 'nquartino.

Ogni ggiorno?

P I A

C'ha fatto Dio.

C E L E S T I N O   Senza che v'o devo da chiede?

P I A

Senza.

C E L E S T I N O

A penzacce bbene, 'na vita vale un sacrifizzio. (si alza) Anderò.

P I A

E bravo monzignore. (Celestino esce)


42


SCENA 33


DOMENICO

PIA

DOMENICO

PIA

DOMENICO

PIA


(svegliandosi) Ahhh che fame! Che ore se so' fatte?

Le tre.

Le tre e nun ho magnato ancora? E com'è?

A forza de beve ve sete addormiti.

Sì ma mo' c'ho fame, pozzino ammazza'. Me potevi sveja'.

'Namo de là e vedi che t'ho preparato. (escono)


Entra Gianni ha un fare frettoloso guardingo, il volto sanguinante. Vede il padre addormentato e lo scuote.

GIANNI

(sottovoce) Papà, papà. Svegliatevi.

FEDERICO

E poi c'e anche l'uva del Monte Epomeo, perché Ischia ...

GIANNI

Papà, alzatevi su...

FEDERICO

Gianni?

GIANNI

Dobbiamo  andarcene,  leviamo  le  tende.  (si  continuerà  a

FEDERICO

guardare intorno per paura di essere scoperto)

Che vuoi, io stavo così bene. Anzi mi farebbe piacere un altro goccio...

GIANNI

(vede il bicchiere di Celestino e gli tira l'acqua in

FEDERICO

faccia) Svegliatevi papà, dobbiamo andare via.

E che fai? Bagni tuo padre?

GIANNI

Torniamo a Napoli, ormai la festa è finita e qui non abbiamo nulla a che

FEDERICO

spartire.

Io ho ancora da fare. Mi sto lavorando Pia ben benino. Presto cascherà

GIANNI

nella rete di questo don Giovanni.

Papà oggi alle 5 quel Peppe mi aspetta per infilzarmi col coltello e non

FEDERICO

ho nessuna voglia di lasciarci la pelle.

Che  sciocchezze,  andrò  io  e  lo  farò  arrestare,  i  duelli  non  sono

GIANNI

permessi. E poi Pia ha promesso di aiutarci.

Non è solo per quello che dobbiamo filare.

FEDERICO

Che cosa hai combinato?

GIANNI

Papà, Rosa è bella assai, assai e io....

FEDERICO

È 'na bella quagliona.

GIANNI

Papà non ho resistito. In campagna, i fiori, il venticello. Lei prima non

aveva capito e sembrava che ci stesse, rideva, rideva... Correva, poi io

FEDERICO

l'ho raggiunta, correva ancora e io l'ho raggiunta e poi...

E poi... (come se dicesse "ovvio")

GIANNI

Insomma che vi devo dire, l'ho acchiappata e siamo finiti a terra...

FEDERICO

(falsamente scandalizzato) E vabbuò non c'è bisogno che mi

GIANNI

racconti i particolari. Un poco di riguardo. Sono tuo padre dopo tutto.

Papà non avete capito. Io ne ho avute tante di ragazze e se in principio

non  volevano,  si  dimenavano,  lanciavano  qualche  urletto,  poi  ci

stavano, eccome se ci stavano. Rosa invece... una gatta selvatica. Dopo

43


quell'acchiapparella è riuscita a sfuggirmi, poi è tornata indietro e ha cominciato a tirarmi i sassi. Uno, due, tre, una valanga di sassi. Poi sono arrivati dei ragazzini che si sono messi a tirarmi i sassi insieme a lei. Ma che gli avevo fatto a quelli lì? L'ho scampata per miracolo. Non voglio più affrontare lei o peggio la madre.

F E D E R I C O     Valà, Pia faceva da ruffiana alla figlia...

G I A N N I                Quella si voleva sposare, non faceva altro che parlarmi di matrimonio, bambini, di com'era la vita a Napoli. Chissà che si era ficcata in testa.

F E D E R I C O     Sposare, che si sono impazzite? Tu un Bevilacqua sposare la figlia di

un'ostessa? Divertirsi sì, è lecito, doveroso quasi. Siamo uomini veri,

perdiana. Ma sposarle. (comincia a ridere) Sposarle? Per due

complimentucci  si  sono  montate  la  testa.  Sai  che  risate  si  farebbe

GIANNI

Carmela!

Nooo, che dite. Quella non deve neanche sospettare, se no altro che

FEDERICO

sassi…

Eeee, tua moglie è una donna di spirito, una signora intelligente!

GIANNI

Intelligentissima,    ma    le    corna…    le    corna    fanno    male!

FEDERICO

(pensandoci) E poi se si volesse vendicare?

Ehhhh, che esagerazione, ma va là. Tu sei un uomo e un uomo può

GIANNI

permettersi…

(interrompendolo) Andiamocene papà. Non è per Carmela, ma

FEDERICO

se Peppe viene a sapere quello ch'è successo oggi...

Uhhh, quanto sei fifone figlio mio! Vabbuò, ma come la mettiamo con

GIANNI

Augusta?

Le scriveremo una lettera di scuse. Ci inventeremo qualcosa.

FEDERICO

Sì, sì, sì una lettera. Diremo che tua moglie non si è sentita bene. Poi la

GIANNI

inviteremo a Napoli a primavera. Vai a prendere la borsa.

Dove stanno tutti?

FEDERICO

Di là in cucina credo.

GIANNI

E allora lasciamo la roba in camera, sono due coserelle, rischiamo di

FEDERICO

essere visti. Qui ci rimetto la vita.

Noi Bevilacqua, cavalieri dell'Ordine di Malta scappare come due ladri

GIANNI

Come due ladri sì, ma vivi! (escono di soppiatto)

SCENA 34

Maria entra con Cesare

MARIA

Piano ecco, fa piano, lo vedi che già stai bene?

CESARE

Sì faccio piano, ma se me vedono li du' ospiti?

MARIA

Se stai seduto e nun te movi tanto, nun s'accorgeranno de gnente. E poi

il signorino è sortito fora, magnava in campagna. (si chiude la

CESARE

bocca capendo di aver fatto una gaffe)

Co' Rosa...

MARIA

Lei 'n c'ha corpa, è mi madre che ce l'ha mannata dietro. Chissà che se

crede.


44


C E S A R E

Tu madre s'è messa 'ntesta de falla sposa' co' quer damerino. Chissà, po'

M A R I A

esse che ce riesce.

A Ce' te vedo rassegnato.

C E S A R E

'Sti giorni a letto m'hanno fatto capi' tante cose Mari'. M'hanno fatto

capi' che co' Rosa nun c'è trippa pe' gatti. Non pe' corpa de tu madre, lei

combatte  pe'  voi  due,  poraccia,  pe'  sistemavve  e  io  nun  so'  certo

M A R I A

'npartito da 'nvidiasse.

Tu se' 'n brav'omo Ce'. Agnese t'ha cresciuto proprio bene. Vedrai che

'n lavoro giusto alla fine lo troverai. Forse ancora nun te sei sistemato

perché sei destinato a quarcosa più migliore. Nun mettemo limiti a la

C E S A R E

provvidenza.

Parli  come  don  Celestino.  Ah  già,  me  so'  scordato  che  te  devi  fa'

M A R I A

monaca.

Don Celestino m'ha conzijato d'aspettà 'n po' a dillo a mi madre, pe'

ajutalla 'sti giorni. Ma qui ogni ggiorno ne succede una e va a fini' che

C E S A R E

troppo dovrò aspetta'.

Tu sei sempre sicura che voi andatte a chiude in convento?

M A R I A

Ce penzo da tanto tempo.

C E S A R E

E se ce fosse quarcuno che te piace, che te vole sposa'?

M A R I A

A me nun me vole sposa' nisuno. Tutti guardeno a Rosa, tutti sbaveno

pe' lei. A me, si me parleno, è pe' chiede 'ndo sta Rosa. Chi me se pija?

No mejo monaca. Puro mi madre penza che è Rosa che s'ha da sistema',

C E S A R E

a me mica ce penza.

Nun t'ammorcioni'. 'Sti ggiorni m'hai servito e riverito manco fossi

'nzignore e m'hai curato mejo de 'n'infermiera. De doti ce 'n'hai tante.

M A R I A

Tu sei dorce, generosa , capace, gentile...

Bella no, eh?

C E S A R E

Sei bellissima Marì. (la bacia)

M A R I A

(sorpresa, quasi impaurita) Ce' che ffai, nun sta bene e poi

C E S A R E

nun penzi a Rosa?

Rosa a me nun me penza pe' gnente, e me so' accorto che nun me frega

M A R I A

più manco a me .

Nun ce posso crede, stai a di' davero?

C E S A R E

Davero.

M A R I A

Er granne amore già s'è consumato?

C E S A R E

Solo 'no stupido po' fissasse co' una che manco lo guarda. E io me so'

M A R I A

accorto che è n'artra quella che me piace. (la bacia ancora)

(emozionata ma felice) Ce'...

C E S A R E

Di' che te piacio armeno 'n po'...

M A R I A

Ce'...

C E S A R E

Dì che nun te farai più monaca e che quanno trovo lavoro ce sposamo,

M A R I A

dillo.

Ce'...

C E S A R E

Allora, te piacio? Di' te piacio?


45


M A R I A

(sottovoce, timidamente) Tu me sei sempre piaciuto Ce', ma

C E S A R E

nun me filavi mai!

Pe' questo te volevi fa' monaca?

M A R I A

Sì…

C E S A R E

Come so' felice, vie' qui che t'abbraccico tutta.

Cesare fa per abbracciarla e gli ritorna il dolore allo stomaco

M A R I A                   Forse è ora che te rimetti a letto.

SCENA 35

Entra Rosa: è sporca in faccia e sul vestito e ha un labbro sanguinante. Quando li vede cerca di scappare in camera ma Cesare la ferma.

MARIA                        Rosa che t'è successo? 'ndo sta er signorino Gianni?

CESARE                     Ro' fermete, racconta. Che c'hai?

Rosa scoppia a piangere. Entrano Pia e Domenico.

PIA

Rosa, che c'hai, perché piagni? Guarda qui, tutta sporca. 'Ndo sta er

MARIA

signorino Gianni?

Sei cascata 'n quarche fosso?

DOMENICO

Sei finita sotto 'na carozza?

CESARE

(capendo) È stato Gianni? T'ha messo le mano addosso?

Rosa lo guarda, prima scuote la testa per negare, poi scoppia di nuovo a piangere.

CESARE

(muovendosi a fatica per la ferita) Ah se lo pesco quel

MARIA

fijo de 'na mignotta, lo spanzo quant'è vero Iddio!

Fermate Ce', 'ndo voi anna' cosi combinato?

PIA

(cruda) Guardame 'en faccia Ro': torni qui così come sei sortita,

nello stesso modo?

Tutti guardano Pia, poi guardano Rosa. Rosa guarda tutti e poi corre di sopra. Pia si alza convinta che Rosa non sia più illibata e capendo l'enormità del fatto in parte causato da lei si guarda intorno come ubriaca poi va in cucina. Tutti rimagono inebetiti.

BU I O

SCENA 36


46


Celestino entra correndo e asciugandosi il sudore. Nell'osteria non c'è nessuno.

C E L E S T I N O

Sora Pi', sora Pia...

D O M E N I C O

Ohè don Celesti' che strillate? V'ha mozzicato 'n cane rabbioso?

C E L E S T I N O

Nun ce sta la sora Pia?

D O M E N I C O

Pia c'ha da fa' co'e fije de là. Carmateve, come sete aggitato. Volete

C E L E S T I N O

'nsorsetto de vino'?

Magara, giusto un goccio perché c'ho 'a gola secca.

D O M E N I C O

Ecco qua bevete. Ce volete pure 'na fetta de ciambellone? (aprendo

un recipiente) Ohè guardate che ce stanno qui: du' mosciarelle pe'

C E L E S T I N O

aggiustavve li denti.

No grazzie. Avete per caso visto li signori de Napoli?

D O M E N I C O

Ce stavamo giusto a chiede che fine hanno fatto. Nun li trovamo da

nessuna parte. Er signor Federico stava qui all'ora de pranzo, poi s'è

addormito sur tavolo. S'era beccata 'na lallera... 'n'ubriacone de quelli...

C E L E S T I N O

mo' è sparito.

Sembra sia sparito puro er fijo. Dateme 'n'artro goccetto per favore.

D O M E N I C O

Eccove servito. Bbono eh? Io preferisco er Montepulciano, ma anche

questo d'Ariccia nun è malvaggio.

Domenico verserà continuamente il vino a don Celestino.

CELESTINO

Ora me sento mejo. Sor Dome' che brutto lavoro quello der prete. Deve

DOMENICO

core pe' tutti e pe' lui nun core mai nisuno.

Che dichi? A Trastevere ve vonno tutti bbene.

CELESTINO

Si fosse vero tutti me tratterebbero co' gentilezza, me darebbero er vino

o da magna'. 'Nvece no. Ho da supplica' pe' ave' 'na fojetta, perchè, sor

Dome', c'ho 'sto vizzietto, che ce posso fa'? Mi padre m'ha fatto succhia'

er vino da che ero 'n fasce. 'O sapete che faceva er bottaro e daa

cannella colava sempre 'na goccetta. "Attacchete Celesti' coraggio, così

nun  se  spreca  manco  'na  goccia".  E  io  m'attaccavo.  Così  me  so'

DOMENICO

avvizziato.

Bevete don Celesti'. Da' da beve all'assetati.

CELESTINO

Bravo sor Dome'. Fate 'na bbona azzione. Risuscitate li morti.

DOMENICO

È a seconda vorta oggi che faccio 'sta bbona azzione. Penzate che me

CELESTINO

guadambio a vita eterna?

Te credo. So' 'ste piccole cose che sarveno dar peccato e te santificheno.

DOMENICO

(tragico) Ma er sacrifizzio? Er martirio?

CELESTINO

(già mezzo brillo) Chi ce sta più martire de voi a sopporta' 'a

DOMENICO

sora Pia?

Eeee! Quella nun me farebbe magna' mai, beve poi che v'o dico a fa'?

CELESTINO

Ecco e che v'ho detto. Noi semo li veri santi.

DOMENICO

Puro voi?

CELESTINO

(tragico) Tutta a vita mia è stata 'n sacrifizzio. Quella poraccia de

mi' madre quanno è rimasta vedova, s'è trovata con 'n fracco de debiti


47


dar cravattaro e ha dovuto venne bottega. Io ero 'n po' scanzonato, nun

m'annava troppo de lavora' e così lei m'ha ficcato 'n seminario: "Celestì

c'avrai da magna' e beve assicurati". Ma io nun ce volevo anna'. Me

D O M E N I C O

piacevano le regazze. Me piaceva Augusta. Quanto era bbona.

È vero. Augusta e Pia erano le più mejio ciumachelle de Trastevere.

Certi mosconi ronzavano 'ntorno a mi' sorella. Mi padre nun la faceva

sorti' mai. Er primo che c'aveva 'na posizzione j'ha fatto subbito sposa' e

C E L E S T I N O

ha fatto bbene.

(completamente brillo) Io me sognavo chissà che. Augusta

m'arapava. Quanno so' ito 'n convento, ar tramonto sortivo zzitto zzitto,

me levavo 'a tonaca e c'annavamo a 'nfratta' dietro ar mulino de la via

D O M E N I C O

der mare. Che tempi.

E nun v'hanno sgamato?

C E L E S T I N O

Mica. Dopo er padre l'ha fatta accasa'. Se semo visti ancora 'n par de

vorte,  poi  è  sparita.  Che  volete  fa',  c'aveva  marito.  E  così  io  c'ho

rinunziato. Da allora 'n se batte 'n chiodo. E questo nun è 'n sacrifizzio?

D O M E N I C O

Nun so' destinato alla vita eterna?

C'avete raggione don Celesti'. Abbisogna che ce farebbero Santi. Però

C E L E S T I N O

nun ce la facevo così sverta a sora Augusta.

Zitto sor Dome' pe' carità. So' cose che nun ho detto mai a nisuno!

D O M E N I C O

Già mee so' scordate. E poi è passata 'na vita. Te ritrovi vecchio senza

che manco te n'accorgi e poi dichi "C'ho fatto ne la vita mia?" E solo

C E L E S T I N O

p'esse più giovine voresti torna' daccapo anche a rifa' tutti li sbaji.

Ah io cor piffero che me farebbi prete. Quanno c'ho sete, me dicheno

che  nun  devo  da  bere  perché  li  costumi  d'en  prete  hanno  da  esse

castigati, quanno c'ho voja de sta' con una, nun zia mai, peccato mortale

D O M E N I C O

e quanno c'ho fame...

Nun magnate?

C E L E S T I N O

Sì magno, ma a vorte nun diggerisco da me, a vorte nun me fanno

D O M E N I C O

diggeri' l'artri.

Co' tutto sto parla' da magnà m'è venuta 'na fame.

SCENA 37

PEPPE

(Entrando)'Ndo sta?

DOMENICO

Che te manca?

PEPPE

Cerco quer damerino che avete avuto er core de mannallo 'n giro co'

DOMENICO

Rosa.

E chi l'ha visto?

PEPPE

E quer ruffiano der padre?

DOMENICO

È sparito.

CELESTINO

Ohè Peppe, er sor Domenico me stava a dì che so' ore che nun se

PEPPE

vedono.

Co' voi famo li conti dopo.

CELESTINO

E perché che t'ho fatto?


48


P E P P E

Ve  sete  'mpicciato  dell'affari  mia.  E  nisuno,  dico,  nisuno  s'ha  da

C E L E S T I N O

permette. Ggiusto perché c'ho rispetto dell'abbito che portate!

Ecco che me ricomincia er mar de stommico.

P I A

(entrando) Allora l'hai accoppato quer miserabbile?

CELESTINO

Sora Pi' che state a di'? Mo' 'o volete morto?

PIA

Nun ve 'ntromettete, nun so' affari che ve riguardeno.

CELESTINO

C'hanno tutti co' me, che v'ho fatto io?

PIA

(a Peppe) Allora?

PEPPE

Magara.

PIA

Spiegate.

PEPPE

Nun s'è presentato.

PIA

Ae 5?

PEPPE

(annuendo) Ai fori.

PIA

'Sto dilinguente.

PEPPE

Voi sapete 'ndo se ripone?

DOMENICO

T'ho detto prima, è sparito e puro er padre.

PIA

La robba loro però sta 'ncammera.

CELESTINO

Allora torneranno, prima o poi.

PIA

Aspettamoli pure, ma seconno me se la so' squajata.

PEPPE

Che verme!

PIA

Che verme!

PEPPE

(sarcastico) Avete cambiato opignone su de loro? E com'è? Ve

DOMENICO

piacevano tanto, javreste dato Rosa a occhi chiusi. Su 'n piatto d'oro.

Peppe, zitto. Nun devi torna' a bottega?

PIA

Nun me scocciate.

PEPPE

Avete capito che li sordi nun fanno l'ommini onesti ?

PIA

E c'hai raggione.

SCENA 38

Agnese entra in fretta, vede Peppe e tira un sospiro di sollievo.

AGNESE

Ah, tu stai qui.

CELESTINO

Come se sente Giggi?

AGNESE

Male e vole vede' Peppe de corsa.

PEPPE

Coro. Ma qui nun ho finito. Don Celesti' è mejo che venite co' me.

CELESTINO

Giggi potrebbe annassene da 'n momento all'artro.

Vabbé, ma sto tranquillo? Nu è che me tiri 'na cortellata?

PEPPE

‘Namo va. So' artri che se la cercano. Aho v'avverto: se se riaffaccia

CELESTINO

quer brutto muso de Gianni, mannateme a chiama'. Sto da Giggi.

Benedicat vos omnipotens Deus, Pater et filius et Spiritus...

PEPPE

(strattonandolo   violentemente)   Ho    detto    'namo!

CELESTINO

(escono, Celestino rientra)

Sanctus… ahhhh (viene tirato fuori)


49


A G N E S E              Perché Peppe era così 'nfuriato?

P I A                               Gianni nun s'è presentato ai fori.

A G N E S E              Mejo no?, così nun s'è fatto male nisuno.

P I A                               E già... (esce nervosa)

A G N E S E              Aho ma che c'hanno tutti? 'Ndo stanno Rosa e Maria?

D O M E N I C O  Stanno de sopra. Una sta a piagne e l'artra sta a guarda' Cesare.

A G N E S E              Chi piagne, Maria?

D O M E NI C O    Rosa. (si dirige verso la cucina e Agnese gli corre

A G N E S E

dietro ansiosa)

E perché piagne?

D O M E N I C O

Cose de donne.

A G N E S E

Che vor di'? Gianni l'ha fatta piagne?

D O M E N I C O   Pare.

A G N E S E

Nun se la vo sposa'?

D O M E N I C O  (scocciato) Agne' che me stai a fa' l'interogatorio? Cocime du' ovache m'è venuta fame. (escono)

SCENA 39

Entra Augusta. Ha in mano una lettera.

AUGUSTA

Nun c'è nisuno? Agnese? Pia?

PIA

(entrando) Ah sora Augusta, bonasera. Volete magna' du' ova?

AUGUSTA

Drento a st'osteria se magna sempre!

PIA

Che ve fa schifo?

AUGUSTA

No... (pausa) Aspettavo 'na visita che nun s'è presentata.

PIA

Er sor Federico cor fijo se la so' data a gambe.

AUGUSTA

Che modo de parla' de du' gentilommini.

PIA

I du' gentilommini so' spariti. Er duello nun c'è stato.

AUGUSTA

Davero? Che fortuna.

PIA

Quer vijacco de Gianni se l'è fatta sotto, è scappato 'nsieme ar padre. De

fretta e furia, de niscosto, hanno puro lassato la robba e nun hanno

AUGUSTA

pagato er conto.

Nun po' esse, se sarà trattato de 'n malinteso.

PIA

Bah...

AUGUSTA

Saranno dovuti core a Napoli per quarche affare...

PIA

Bah...

AUGUSTA

Se saranno persi pe' Roma.

PIA

Bah...

AUGUSTA

So' sicura che so' du gentilommini. Er conto ve lo pago io.

PIA

Nun zia mai che me dovete paga' 'nbuffo de du' mascarzoni.

AUGUSTA

Nun esaggerate.


50


P I A

Nun ve preoccupate. È acqua passata. Ma ve do 'nconzijo. Prima de

M A R I A

crede che du' farabbutti so' du gentilommini, fateje er tassello.

(entrando) Sora Augu', bonasera. Come sta Arvaro?

A U G U S T A

Già, me n'ero scordata. C'ho qui 'na lettera de Arvaro. La vorei legge.

M A R I A

Puro a Rosa si nun ve dispiace.

Nun credo che Rosa ...

P I A

Rosa scenne subbito, valla a chiama'.

M A R I A

A ma'... (vede la madre determinata ed esce)

P I A

Sora Augu' metteteve a sede e scusate si nun v'ho detto prima.

A U G U S T A

Nun fa gnente. Come sta Cesare?

P I A

Mejo. Grazzie alle cure de Maria già se po' arza' dar letto. È n'artro

A U G U S T A

miracolato.

So' contenta.

P I A

Così Arvaro po' torna' a Roma.

A U G U S T A

Nun credo che lo vedremo tanto presto.

P I A

E perché? Ora che Cesare è quasi guarito non c'è pericolo e poi nun

A U G U S T A

vole vede' Rosa? Nun se la vole sposa'?

Perché, mo v'enteressa? Strano perché m'era parso che volevate aspetta'.

P I A

Avemo aspettato abbastanza. Potemo penza' de sistemalli.

A U G U S T A

Nun lo so!

P I A

Come nun lo sapete?

SCENA 40

Rosa entra, si è data una sistemata. Il labbro sanguina ancora ma la veste è pulita.

ROSA                            Sora Augusta, state bene?

AUGUSTA                 Io sto bbene, e tu? Me pari curiosa.

PIA                                  È solo stanca.

AUGUSTA                 Che hai fatto alla bocca?

PIA                                  È scivolata e ha sbattuto la faccia.

AUGUSTA                 Sta attenta fija mia che te rovini.

ROSA                            M'ha detto Maria che Arvaro ha mannato 'na lettera.

AUGUSTA                 Sì ecco qua. Chi sa legge?

CESARE                     (Entrando appoggiato a Maria) Io.

PIA                                  Tu sai legge?

CESARE                     Sì.

PIA                                  Bbene, metteteve a sede tutti e ascortamo.

Cesare legge la lettera di Alvaro.


51


C E S A R E

"Cara madre, Firenze è bella, certo no come Roma, ma anche qui ce so'

chiese grandi e guarnite, statue, fontane, ponti sur fiume.

Zia  Giovanna  me  tratta  come  'n  fijo  e  me  porta  a  visita'  la  città.

Tommaso poi m'ha fatto conosce l'amichi sua, so' simpatici ma c'hanno

a puzza sotto ar naso. Il fatto che io so' romano e vengo daa città più

importante der monno non je 'mporta 'n fico secco. L'artra sera so' stato

a casa der più amico de Tommaso: 'n tale Luca. Lì ho conosciuto

Elisabbetta,  la  sorella  de  Luca.  È  'na  ciumaca  bellissima,  dorce  e

gentile.

Abbiamo parlato un po' e lei m' ha detto che verebbe volentieri a vive a

Roma. J'ho detto a Tommaso. Er padre d'Elisabbetta fa' er conciaro e

concia le pelli pe' tutto, ma de più pe' 'e selle dii cavalli e li stivali.

C'hanno artre tre fije e sarebbero contenti de marita' la prima. Nun faccio

che penza' a lei e me pare d'ave' scordato Rosa. In fonno Rosa nun m'ha

mai fatto capi' che me voleva bbene e la sora Pia m'ha pure cacciato.

Qui 'nvece me tratteno come uno de famija. Elisabbetta è 'n'amore e me

pare  'nteressata.  Se  voi  sete  d'accordo  la  chiedo  in  sposa  ar padre.

Risponneteme subbito perché c'ho prescia, vostro fijo che vve vole

PIA

bbene. Arvaro."

Com'è  possibbile?  Nun  po'  ave'  scordato  Rosa.  Ha  dato  pure  'na

ROSA

cortellata a Cesare.

Mamma per favore.

PIA

Zzittete.

AUGUSTA

So' giovani se sa. Lontano dall'occhi, lontano dar core.

PIA

Diteje de torna' a Roma.

AUGUSTA

Ce tornerà a Roma, però me sembra morto 'nteressato a st'Elisabbetta.

PIA

L'avete sempre comannato, anche per duello co' Cesare, diteje de torna'.

ROSA

Che la donna sua sta qua.

Mamma, te prego.

PIA

Zitta hai capito? Zitta.

CESARE

Sora Pia io 'sto qua, nun me vedete? Mo me state a offenne. Che so'

MARIA

tutti st'interessi pe' Arvaro? Anch'io me volevo sposa' a Rosa.

(a Cesare) Lassa perde.

CESARE

Me conziderate meno d'en due de briscola.

PIA

No, che dichi. Io credevo, penzavo, me 'mmagginavo visto er duello,

AUGUSTA

l'inzistenza...

Che v'avevo detto sora Pi' quanno avete cacciato co' a scopa Arvaro?

Volevate aspetta' e io v'ho detto che mi' fijo se poteva guarda' 'ngiro,

PIA

conosce artra ggente.

Sì, ma lui era 'nnammorato, c'aveva 'na fregola...e mo'?

AUGUSTA

E mo' a fregola ce l'ha pe' n'artra.

PIA

Pare ch'a voi nun ve dispiace anzi...

AUGUSTA

'Na madre vo' er bene der fijo. Quanno ho visto che coreva dietro a

PIA

Rosa ho cercato d'aiutallo. Mo' che s'è scordata...

Ve volete vendica', ve volete vendica' perché v'ho detto ch'era troppo

presto.


52


R O S A

Se Arvaro vole bene a 'nartra, è giusto che se la sposi.

P I A

Tu te devi sposa', che dichi?

A U G U S T A

Che vor di' che se deve sposa'?

P I A

E vole di' che è ora. Ch'er momento è ggiunto.

A U G U S T A

E me dispiace assai, trovatene 'nartro de gonzo. Tiè, ce sta qui Cesare

C E S A R E

bello pronto.

E grazzie sora Augu', che me degnate de 'sta conziderazzione.

A U G U S T A

Nun c'è de che. Risponno a mi' fijo che se po' sposa' st'Elisabbetta. Che

deve sta' tranquillo, che mamma sua 'o benedice. E mo' che v'ho detto,

R O S A

ve saluto. Ve mannerò li confetti. Arivederci. (fa per uscire)

M A R I A

Arivederci sora Augusta.

A U G U S T A

(rigirandosi) Ah, po' esse che me servirà quarche botticella de

frizzantino pe' brinda'. Tenetemele da parte. (esce)

SCENA 41

PIA

Strozzateve.

MARIA

Mamma carmate.

PIA

E tu? Nun dichi gnente? L'innammorato tuo che sposa 'n'artra?

ROSA

Arvaro nun è stato mai l'innammorato mio, lui se lo credeva. Era a

PIA

madre che se l'era messo 'ntesta. A me nun m'è mai piaciuto.

A te nun te deve da piace' nisuno, è a me che me deve piace'.

CESARE

Come Gianni?

PIA

Che ne potevo sape'?

CESARE

Ce l'avete spinta voi tra le braccia de quer farabbutto!

PIA

Cesare statte zitto, nun ce la faccio più.

CESARE

E certo io nun conto gnente so' più peggio d'en pidocchio. Mo' che

l'affare co' Gianni v'è annato storto, penzate a n'artro che c'ha li sordi.

PIA

De quello che vole Rosa nun ve ne frega gnente!

No, nun è vero. Lassateme 'npace. (Esce)

MARIA

Rosa che te dispiace de Arvaro?

ROSA

No.

CESARE

Te devo dì 'na cosa.

ROSA

Ce', lassame perde. La lezzione l'ho 'mparata. C'aveva raggione mi'

CESARE

madre a di' de nun fa' la cretina co' tutti.

Sì tu madre c'aveva raggione, ma doveva fa' così anche co' Gianni.

ROSA

Nun ne vojo parla'.

CESARE

Ascortame Rosa.

MARIA

Te dovemo di' 'na cosa.

ROSA

Che cosa?

MARIA

De me.

ROSA

Te voi fa' monaca ce lo so.


53


C E S A R E

No, Maria nun se farà più monaca perché io e lei ce semo fidanzati.

R O S A

Ah, a fa' l'infermiera ce se guadambia.

M A R I A

Te dispiace Rosa? Cesare prima era l'innammorato tuo.

R O S A

No nun è vero. Meno male che se n'accorto presto che nun so' er tipo

C E S A R E

suo.

Scusa Ro' io me lo credevo.

R O S A

La corpa è puro mia perché v'ho illuso a tutti quanti.

M A R I A

Nun te dispiace?

R O S A

No che nun me dispiace. So' contenta pe' te, speramo che mamma nun

C E S A R E

fa' storie.

Penzo che la lezzione ha fatto bbene puro a lei.

M A R I A

Me dispiace pe' te. Due 'nammorati che alla fine sposeno l'artre.

R O S A

Io me vojo sposa' chi me piace davero.

C E S A R E

Peppe?

ROSA

(cambiando discorso) Vatte a mette a letto a Ce' ancora nun

MARIA

stai bbene.

Sì, 'namo va'

CESARE

Aspetta Mari', piano. Nun me la sento de fa' le scale.

MARIA

Te porto 'ncucina li c'è 'na panca. (escono)

SCENA 42

Rosa siede al tavolo e piange.

ROSA                            (a se stessa) Aho so' diventata come Maria, sto sempre a piagne.

Entra Peppe. Vede Rosa. Si avvicina e le dà uno schiaffo.

ROSA

Ahia... (scoppia di nuovo a piangere)

PEPPE

Che hai combinato co' quer farabbutto?

ROSA

Io...

PEPPE

(scuotendola) Lo sai che se l'è squajata? Che t'ha fatto?

ROSA

Eeeeeh...

PEPPE

Hai finito de fa' la scema appena vedi 'npar de carzoni?

ROSA

Peppe...

PEPPE

Nun ce lo sai che na regazza nun po' anna' pe' fratte, che finisce male?

ROSA

Ma...

PEPPE

(scuotendola)  Tra   te   e   tu'   madre   avete   combinato   'n

bell'inguacchio. Sta' ciovetta, t'a faccio passa' io 'a voja de sculetta' e

ROSA

ride come 'n'oca.

Perché l'oche rideno?

PEPPE

No, ma so' sceme come te. (un altro schiaffo)

ROSA

Peppe, te prego, perdoname...

PEPPE

Ggiura che la pianti de comportatte come 'na smorfiosa.


54


R O S A

Ggiuro...

P E P P E

Che nun metterai più er naso fora manco pe' puli' le finestre. Ggiura.

R O S A

Te lo ggiuro!

P E P P E

Chi è l'omo tuo?

R O S A

(con un filo di voce) Tu...

P E P P E

Nun ho sentito...Ripeti!

R O S A

Tu, tu.

P E P P E

Mo' cominciamo a raggiona'. Fissamo la data che ce sposamo.

R O S A

Ma... tu me voi lo stesso?

P E P P E

Sine.

R O S A

Ma la ggente...

P E P P E

Chissene.

R O S A

E mi' madre?

P E P P E

Doppo quello ch'è successo nun po' fa' 'a schizzignosa.

R OS A

E tu me voi sposa' uguale?

P E P P E

Sicuro.

R O S A

Hai da sape' quello ch'è successo!

P E P P E

No.  Nun  lo  vojo  sape',  quello  chè  stato  è  stato.  Io  ero  pronto  a

accoppallo e quello è scappato. Se lo rivedo lo manno all'arberi pizzuti

R O S A

senza faje di' Gesù e così tutti quelli che te girano 'ntorno.

Davero nun voi sape'?

P E P P E

No.

R O S A

Sei sicuro, nun è che poi...?

P E P P E

Peppe c'ha 'na parola sola.

R O S A

Ma...

P E P P E

Hai finito de piagne? Me voi sposà o no? (altro ceffone)

R O S A

(tirando du col naso e massaggiandosi la guancia)

P E P P E

De corsa...

Allora 'namo da Don Celestino, vojo fa' le pubblicazzioni:

R O S A

'O sai che Cesare…

P E P P E

(minaccioso) Aridaje. Che me devi di' de Cesare?

R O S A

S'e fidanzato co' Maria.

P E P P E

Così i matrimoni saranno due.

R O S A

Pure Arvaro se sposa co' una de Firenze.

P E P P E

Bbene. Sai che te dico Ro'? Co' tutto 'sto casino che avete fatto tu e tu'

R O S A

madre alla fine se semo sistemati tutti.

A ma', a ma'!

P E P P E

E mo che te pija?

R O S A

Mamma vie' qua!

SCENA 43


55


A G N E S E

(entrando) Fija bella che t'è successo?

R O S A

'Ndo sta mi' madre?

A G N E S E

E che ne so', stavo a lavatoio a fa' er bucato.

R O S A

E chiamala. (si avvicina all'uscita) Ma' a ma'!

MARIA

CESARE

(rientrando) Che c'è?

ROSA

Me sposo. Me sposo!

PEPPE

Ce sposamo.

CESARE

E bravo bravo, me sposo puro io. (dando pacche sulle spalle

AGNESE

di Peppe)

E chi te sposi?

CESARE

A Maria!

AGNESE

A Maria? Venite qui che ve vojo bacia'. Belli de Agnese vostra!

Tutti si congratulano e fanno confusione.

DOMENICO

(entrando) Aho  ch'è  'sta  cagnara,  m'avete  svejato.  Ch'è  ora  de

AGNESE

pranzo?

Sor Dome' er pranzo già l'avete fatto. Nun ve ricordate?

DOMENICO

Io c'ho 'n buco ao stommico quinni significa che c'ho fame.

MARIA

ROSA

A zi'!

CESARE

Sor Domenico nun è ora de magna', ma de brinda'.

ROSA

Ce sposamo, tutte e due ce sposamo!

DOMENICO

Bbene bravi... Aprimo quel vinello che tenemo riservato, vai Agne'...

AGNESE

Sor Domé ve lo sete tracannato cor napoletano.

DOMENICO

Ce n'ho 'n quartino sotto ar letto, cori.

AGNESE

Subbito... (fa per uscire)

PIA

(Entrando) 'Mbe', che state a fa'? E tu 'ndo cori?

AGNESE

A prenne er vino pe' brinda'.

PIA

E che dovemo brinda'?

MARIA

A ma', io e Rosa, ce sposamo!

PIA

De che? Ve sete ammattite?

MARIA

Io me sposo a Cesare.

ROSA

E io me sposo a Peppe.

PIA

'Sti du' cenciolosi che vanno a coje cicoria?

PEPPE

La lezzione nun v'è servita a gnente, ancora c'avete la puzza sotto ar

ROSA

naso?

A ma', Peppe me vo sposa'. Nun capisci? Me vo sposa' uguale!

MARIA

A ma' semo contenti tutti.


56


P I A

E tu nun te dovevi fa' monaca?

M A R I A

E ch'eravate più contenta?

A G N E S E

Sora Pi' annamo, è finita bene no?

P I A

E certo hai allocato tu fijo.

M A R I A

A ma' lavoreremo io e Cesare, te faremo fa' a signora.

P I A

E l'artri due? Tutti sulle spalle mia.

P E P P E

Volevo aspetta' a divvelo perché me fate troppo arabbia'. Ascortateme

tutti: er sor Giggi, pace all'anima sua, m'ha lassato tutto er forno, ha

R O S A

detto che so' stato come er fijo che nun c'ha avuto.

(felicissima) Allora saro la moje de 'n fornaro!

P E P P E

Sarai a più bbella fornaretta de Roma!

Pia scoppia a piangere.

M A R I A

A ma' che fate piagnete?

R O S A

Nun v'ho mai visto piagne.

D O M E N I C O   Solo quanno è morto vostro padre.

C E S A R E

Su coraggio sora Pi'. Brinnamo.

P E P P E

Sora Pi' doppo tanti affanni, avete sposato du' fije in una botta sola.

A G N E S E

Nun sete contenta? Su nun piagnete!

C E S A R E

E lacrime riservatele pe' la cerimonia.

P I A

(riprendendosi) Bisogna fa' du abbiti. (A Maria) A te te posso

P E P P E

da' er vestito mio de quanno me so' sposata. A Rosa...

A Rosa er vestito jo faccio io, come 'o voi?

R O S A

Tutto de pizzo e bbianco a Pe', perchè così m'o merito...bbianco!

Tutti battono le mani e brindano allegramente.

F I N E


57

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 1 volte nell' arco di un'anno