La sposa e la cavalla

Stampa questo copione

La Sposa e la Cavalla

La Sposa e la Cavalla

Farsa tratta dal libro “Vecchie farse Modenesi” trovato tramite internet in una libreria di Bologna.

La farsa è tratta da una vecchia pochade francese dell’800. Fu tradotta prima in lingua italiana, poi in piemontese; da quest’ultima fu trasportata, agli inizi del nostro secolo in dialetto modenese, e poi oggi tradotta dal sottoscritto in Dialetto veneto.

Note: Teresina può essere interpretata anche una parte maschile. In altra versione anche Eufemia pur mantenendo una parte femminile se interpretata da un uomo può risultare ancora più divertente.

Personaggi:

ANTONIO:    - Commerciante

EUFEMIA:    - Figlia di Timoteo

BATTISTINO SPELUZZI:   - Innamorato di Eufemia

TERESINA:   - Cameriera

Scena prima

TERESINA E EUFEMIA

TERESINA: Calmatevi signorina, la è tutti i zorni cussì …

EUFEMIA:  No, no è inutilelusingarmi: mio padre pensa ben poco a me. Egli non si preoccupa che del suo negozio e del commercio dei cavalli, e non vuol sapere affatto di maritarmi. E così non vuole che alcuno mi avvicini, e finirò per morire zitella, vecchia e zitella!

TERESINA:   Ma no! I è pochi i siòri che i more puareti…

EUFEMIA:  Ti dico che finirò proprio così. Intanto guarda: anche quel giovane che sembrava tanto innamorato di me che da due mesi stava sulla piazza in faccia alle mie finestre, seduto per ore a guerdarmi, ebbene da due giorni anche lui non si fa più vedere. Avrà perduto la pazienza e non si curerà più di me.

TERESINA: No stève desperàr, signorina, no se sa mai …

EUFEMIA:  E’ una vita insopportabile la mia; sono proprio sventurata! (Piange)

TERESINA: Va bèn, Ho cercà de tasèr, ma dato che la è cussì desperada, ghe dise che l’altro zòrno, el so signor Battistino, l’è vegnù in bottega, in te un momento che no iera so pare,   e el me ha dita che el jera stuf de star zo’ in piazza a vardardarve a la finestra, in te le balote dei occi, senza concluder gnènt…

EUFEMIA:  Ma se…

TERESINA:   …e che el andéa a Venessia, da so pare par contarghe tutt e che l’ha intenziòn de vegner da vostro padre, el signor Timoteo, par domandarghe la vostra màn.

EUFEMIA:  Davvero?

TERESINA: E ghe dirò de più: el me ha dita che so pare l’è un signorotto e che l’è amigo de vostro pare, e quindi no l’è nessun ostacolo par el vostro matrimonio.

EUFEMIA:  Se sapesse quanto io l’ami.!

TERESINA: No!, non sa gnente,  e po, se non ve sé mai parlà , come se fa far l’amor da la finestra?  In pì, el me ha anca proibì de dirge ste robe. Comunque non fa niènt, adess el ghe lo dirà lu.

EUFEMIA:  Ma è proprio vero?

TERESINA: Parchè dovarìa contarghe el falso?

EUFEMIA:  Quanto mi consolano le tue parole! E mio padre credi che acconsentirà ?

TERESINA: Sicuramente! No el pòl vèr de mejo! Un bèl tosàt galanomo, fiòl de galantomini, fiòl de un so amigo, cossa posseo pretener de mejo?

EUFEMIA:  Ma sai che benedetto uomo è.. se gli salta in mente di dire di no… E quando credi che verrà.?

TERESINA: Mi credo che ancuo, al massimo domàn, el capiterà qua.

EUFEMIA:  Veramente il momento non mi sembra proprio il momento opportuno…

TERESINA: E bella questa… e perché?

EUFEMIA:  Non sai che mio padre è tutto sulle furie perché ha scoperto tanti vizi nell’ultima cavalla che ha comprato e la vuòl rivendere ad ogni costo?

TERESINA: Ah!, si, ma questo no l’ha niènt a che far co e nostro caso…

EUFEMIA:  Ciò per altro lo rende di pessimo umore non vorrei che (suona il campanello) . Hanno suonato; vai a vedere chi è.

TERESINA: (esce e va ad aprire la porta)

EUFEMIA:  Povera Teresina, devo dire che mi vuole molto bene e che gli stà veramente a cuore la mia felicità.

TERESINA: (rientrando con lettere e giornali si dirige a sinistra) Siòr paròn, ecco la posta.

EUFEMIA:  Come è ancora nella sua camera? Ed io che credevo fosse già uscito di casa! Speriamo che non abbia sentito quanto dicevo poco fa …

TERESINA: L’è impossibile, l’è stat fin adess in bottega.

Scena seconda

TIMOTEO E DETTI

TIMOTEO .: (Entra alquanto burbero e pensoso. Prende una lettera e il giornale dal tavolino)

EUFEMIA : Buongiorno, papà!

TIMOTEO : Buongiorno, Eufemia (Teresina) E voi cosa fate lì colle mani in mano? Perchè non andate a fare le vostre faccende?

TERESINA : Vado subito (Che brontoeòn!) (Via)

EUFEMIA : Se non vuoi nulla da me, mi ritiro anch'io nella mia camera a lavorare.

TIMOTEO : No, và pur là!

EUFEMIA : ( Via a destra)

TIMOTEO : (Chel frattanto avrà aperto la lettera) Ah, l'è al me amigo Baldassarre Spelluzzi. Sarà sie o sette mesi cche no lo vede ; el voerà savèr se son vivo o  mort, l'è naturae. Sentìn: (legge la lettera) «Amico carissimo. Domani mattina verrà da te mio figlio Battistino. Egli ha veduto la tua Eufemia, è rimasto colpito dalla sua bellezza e la vuole ad ogni costo, tanto piu che ne ha parlato anche col nostro comune amico Antonio Giovardi ed ha avuto sul di lei conto le migliori informazioni. Io non mi posso muovere perchè la gotta mi tiene in letto da parecchio tempo, e perciò ti serva la presente come autorizzazione a trattare liberamente con mio figlio.

Mentre se combinate l'affare mi dichiaro pronto fin d'ora a ratificare il contratto che stipulerete,

conoscendo a prova la tua onestà e l'amicizia che ha pel tuo: affezzionatissimo Baldassarre Spelluz-

zi».

La lettera  la è in data de ieri... el fiòl l’ha da rivàr ancuo ... ecco na roba che me da fastidio: va ben che son drio zercar in ogni modo de liberarme de la cavaea, ma me despiase imbrojar un amigo.

(Pensa) ma come … ah ho capìo come che l’è andata la storia… Tony, el mediatòr, no el ghe ha parlà de vizi, par paura de non concluder l’affàr … ma no posse imbrojar un amigo… pitòst, se so fiòl la vòl a tutti i costi, la ghe la darò sol dopo averghe dita tutti i difetti che la ha. Del resto la è una gran bea cavaea.. vacca se la è bea! Ghe ho fìn mess el nome de la me fìa da tant che la me piasèa . Però nonostante la so bellezza, no l’è nessùn che la vòl, e se riesse a combinar co el fiòl de Baldassare, posse ringraziàr Antonio el mediatòr! Chissà quante balle che el ghe ha contà par convinzerlo.

Scena terza

TERESINA; indi BA TTISTINO e detti

TERESINA : Siòr paròn, l’è un siòr che el domanda de lù.

TIMOTEO : Faeo passàr avanti  …

TERESINA : Signore... el vegna pur avanti, el se accomoda…

BATTIS. : (Entra. e si siede)

TERESINA : Ciò, el se mete a sentàr…

BA TTIS. : Mi era sembrato che mi avesse detto di accomodarmi e mi sono... e mi ero accomodato

TERESINA : Ma no! intendee dìr che el vignesse avanti (piano a Battistino) Coraio, coraio, el fassa la so domanda e no l’abbia paura (esce) .

TIMOTEO : Si accomodi, la prego. (Siede. indicando una sedia a Battistino).

BATTIS. : Grazie (sedendo) (Questa volta pare che voglia dire di sedersi davvero)

TlMOTEO : Chi è lei signore, se la domanda è lecita?

BA TTIS. : Sono il figlio di mio padre, Baldassare Spelluzzi ai suoi comandi.

TIMOTEO : Eh, ma alora l'è el sior Batistino. .

BA TTIS. : Per servirla.

TIMOTEO : Come che son contento de conossèr el fiòl de el me amigo Baldassare, a proposito, me despiase che l’è maeà, . Come staeo?

BATTIS. : Questa mattina quando l'ho lasciato, stava un po’ meglio; ma nei giorni passati ha sofferto assai.

TIMOTEO : Eh la gotta, l'è na gran brutta  bestia, ghe vòl riguardo in tèl magnar… (pausa)  beh, parlèn de i nostri affari. A noi.

BA TTIS. : Mio padre le avrà scritto il motivo della mia venuta, per cui credo inutile ripeterle. ..

TIMOTEO : Sicuro, anzi, ghe dirò francamente e prima de tutt che el prezzo …

BA TTIS. : Senta signor Timoteo; di cifre non se ne deve nemmeno parlare. Quel che fa lei è ben fatto. Mio padre ed io conosciamo quanto ella sia onesto, quindi ogni discorso su questo particolare è inutile.

TIMOTEO : No, mi voee parlar , parchè...

BA TTIS. : È inutile, torno a ripeterle. Mi dica piuttosto se ella acconsente e se. ..

TIMOTEO : Se acconsento? Madosca, e co tutt el cuor,  el se figura che no vedee l’ora de liberarme parchè la me da dei pensieri …

BATTIS. :    Eh! una giovane...

TIMOTEO : Oh per esser zovena ghe lo garantisse, . Però a un altro ghe dirìe: Volete l’Eufemia? mettemose d’accordo, su la cifra e el se la porte via subito; e concluso l’affàr… Ma co lù, l’è diversa… son massa amigo de so pare, che no voi imbrojar so fiòl . Bisogna dunque che prima de tutt ghe conte come che sta le robe, e dopo, se l’affàr ghe piase ancora, femo do righe de contatto ; carta canta e contadìn dorme, e po’ buonanotte sonadori!

BA TTIS. :   Ma lei mi spaventa con le sue parole.

TIMOTEO : Per l'amor di Dio, no el se spaveti che non l’è motivo. L’Eufemia la è bea .. lo dise co superbia, parchè de bele come ea, se ghe ne vede pochi in giro.

BATTIS. :    Oh! è vero; è bellissima!

TIMOTEO : No la par na inglese ?

RATTTS. : {titubante) Già

TIMOTEO : La gà na testa superba. Non è verò

BATTIS. :    Divina.

TIMOTEO : E al pètto? ...che pètto, eh? ::.

BATTIS. :    (vergognoso) Già

TIMOTEO : La gà po' dei fianchi... che roba è ?

BATTIS. :    Già (piu vergognoso)

TIMOTEO : E le gambe? Che gambe! El diga la verità, no le sembra scolpide?

 BA TTIS. : Scusi ma le gambe non gliele ho mai viste.

TIMOTEO : Come faeo a no averghe mai visto le gambe?

BATTIS. :    (ma che razza di padre è questo) (accalorandosi) Ma signore, io non l'ho veduta che dalla finestra, e quindi...

TIMOTEO : Calma, calma, dato che ghe ho dita che no vojo imbroiarlo, e siccome non vi è medaglia che non abbia il suo rovescio, cussì bisonga che ghe diga che dadrio a tanta bellezza, ghi n’è altrettanti difetti, e grossi … olto grossi ….

 BATTIS. :   Oh! Mio Dio! Nel didietro?

TIMOTEO : Si, mio caro. E poichè fatt l’affar, no voi aver scrupoli, ghe i dirò tutti, un par un., del resto, i è vizi che co un fià de amòr e costanza i sparisse sicuramente.

BA TTIS. :   Oh! per amore e per costanza non troverete mai un uomo piu fermo ed affettuoso di me.

TIMOTEO : Daltronde la è zovane e col tempo se pol rimediar a tutt … Volendo!

BATTIS. :    Ditemi come sono questi vizi...

TIMOTEO : Ecco: prema ed tot la è nervosa, e quando che la se imbizzarisse, no la risponde pì!

BA TTIS. :   No?

TIMOTEO : No, però mi ho trovà el rimedio par sti difetti.

BATTIS. :    E            come?

TIMOTEO : Bisogna carezarla e lissarla sora la testa: la se calma in te un attimo.

BATTIS. : Bene se non è che questo...

TIMOTEO : No, no ghe n’è ancora. La soffe de giramenti de testa … na specie de mal caduto …

BA TTIS. : Poverina!

TIMOTEO : Eh, zerte volte, quando che la ghe ciapa quel giramento de testa, la casca come un albero tajà.

BA TTIS. : Oh poverina

TIMOTEO : Oh, no el se preoccupa: l’è un mal da pòc, basta strinzerghe co forza la testa co tutte e do le man, che la se rinfranca subito . 

BATTIS. :    Oh! Bene se è qui tutto...

TIMOTEO : Beh, no a dir la verità questi no l’è che i difetti piccoi …

BATTIS. :    Ne ha degli altri?

TIMOTEO : Sicuro! La scalcia!.

BATTIS. :    Calcia?

TIMOTEO : Già e a volte  anca quando che la dorme.

BATTIS. :    Anche di notte.

TIMOTEO : E con una forza e violenza da spavento. Ierialtro la me ha tirà un calcio in tèl cavàl de le braghe, che se no fusse stat svelto a schivarlo, adèss avarie na vose da soprano.

BA TTIS. :   Nespole, mira anche alle parti pericolose.

TIMOTEO : Eh, lù el capisse;... no l’ha miga giudizio ea.

BA TTIS. :   Non ha giudizio?

TIMOTEO : Toh, ma che giudizio voea che l’abbia!.

BA TTIS. :   Eh mi parrebbe che. ..

TIMOTEO : Ah.. no el se preoccupa,! Mi ho trovà el modo de guarirla. Vedeo, quando che la se inrabia e la scalcia, mi me avizzine co prudenza, e ghe fae co delicatezza, le gattarigole drio le reccie. La se calma subito, la deventa na pecora e po la mette la testa in mezzo a le gambe e no la se move pì.

BA TTIS. :   Mette la testa fra le gambe?

TIMOTEO : La fa na brutta figura lo so, ma l’importante l’è che la se calme.

BA TTIS. :   (Mette la testa fra le gambe?) (Prova a farlo senza riuscire) Mi pare impossibile. Ma davvero?

TIMOTEO : Veo che ghe conte busìe?

BA TTIS. :   Basta, spero non ci sia altro, eh?

TIMOTEO : Magari, fosse tutt qua. .

BATTIS. :    Ha degli altri difetti, ancora?

TIMOTEO : Sol un altro, ma el pì brutt de tutti, quèl che el la scredita ai occi de tutti

BA TTIS. :   Mio Dio! Che ci può essere di peggio? che cosa fa?

TIMOTEO : Cosche la fa? La morsega!

BATTIS; :    Eh!... Morde?

TIMOTEO : E co che denti!

BATTIS. :    Eh!... Quelli li ho visti.

TIMOTEO : An no l’è vero che i è bei?

BATTIS. :    Bellissimi è vero... ma se morde...

TIMOTEO : Gnente  paura, ogni male ha il suo rimedio: Quando la verze la bocca par morsegàr, basta sbatterghe dentro un quadrètt de zuchero e subito la se calma . La è goeosa de zuchero!!!

BATTIS. :    E morde veramente? ...

TIMOTEO : Sì, però al de fora de questi, no l’ha nianca un difett. .

BATTIS. :    Eh! Non sono pochi.

TIMOTEO : Però, el se lassi dir da un veccio e pratico : che in tutti i lavori co un poc de pazienza se risolve tutt. L’importante l’è de no spaventarse in principio, tignèr duro e perseverar in te la cura. Adess co tutta sincerità ghe ho contà tutt. Se la ghe piase el se la toga, se nò la lassa , e amissi come prima. Mi no son vignù a zercarla, quindi el faga bèn i so conti e el decida.

BATTIS. :    (Che sarà rimasto impienserito, tra sé)(Pure è tanto bella!...)

TIMOTEO : E allora?

BATTIS. :    Veramente io non credevo che avesse vizi … e a dirla schietta se lo avessi saputo prima… perché i calci ed i morsi soprattuto, quando, come me, non si è avvezzi a riceverne, sono cose che danno molto da pensare.

TIMOTEO : Beh questo l’è el nàl de i primi zòrni … dopo…

BATTIS. :    Eh!... Capisco... Capisco... Ma frattanto

TIMOTEO : E d'altronde cossa vol sia de meio de averghe contà la verita?

BATTIS. :    Oh! gliene sono obbligato. Si vede che Ella agisce da quel galantuomo che è. ..Infine poi, senta signor Timoteo, io me ne sono troppo invaghito perchè possa rinunciarvi. Mi assicura proprio che guarirà.

TIMOTEO : Oh! Questo si, ghe ho dita che me ne intende. L’è questiòn de tempo.

BA TTIS. :   Allora, se ella non ha nulla in contrario, io la prendo addirittura.

TIMOTEO : Mi sòn perfettamente d’accordo, a meno che la cifra….

BA TTIS. :   In quanto a cifre le ho detto e le ripeto, che faccia lei, e basta.

TIMOTEO : Bravo! Allora sèn d’accordo: Dunque el senta: mi devo andàr un momento al marcà par un ffàr urgente, ma tornerò presto. Lù intanto el vada zò dall’appalto a ciòr do fogli de carta bollada, che appena che torne fèn subito el contratto. In tèl frattempo el daga ‘naltra occiada a la Eufemia e la esamini da vicino, palmo a palmo, e se el ghe fa piazèr, el la provi anca. El fai conto de esser zà el paròn. El tòga anca dei zuccherini, …caso mai …

BA TTIS :    Ah! Ah! il gran brav'uomo, che è lei? (Che burlone?) Allora restiamo d'accordo cosi. lo vado a prendere la carta, e a momenti sarò di ritorno. Signor Timoteo, La riverisco. (via).

TIMOTEO : Ah, me sinte mejo… Son riussì a far in affàr anca disendo la verità … bea questa! In quant al prezzo, dato che el se ha proprio innamorà ghe la darò par manco de zènto mila franchi. La me ha costà 60 mila, e guadagnarghene 40 co tutti quei difetti là, mi dise che ho fatt un affàr de oro. Andemose a vestìr…(esce a sinistra).

Scena quarta

TERESINA indi EUFEMIA, poi TIMOTEO

TERESINA : Signorina, signorina…

EUFEMIA : Che cosa vuoi?

TERESINA : Alegra, alegra, l'è tutt combinà

EUFEMIA : Combinato?

TERESINA : Ma sì, no la ha sentì? L 'è sta qua.

EUFEMIA : Chi?

TERESINA : Lu, el signor Batistino.

EUFEMIA : Davvero?

TERESINA : Mi credee che ella l’avesse sentì ….

EUFEMIA : Oh Dio! no: ero di là nella mia camera… E così?

TERESINA : L’è cussì… el me ha ditta che l’è tutt combinà, che l’andava fora a tor mi no so cossa, e che a momenti el torna qua par parlarghe.

EUFEMIA : Oh! Come sono contenta.

TERESINA : Oh! Ecco so pare: la varda come l’è contento.

TIMOTEO : (Esce di camera vestito per andare fuori) Vae fora un momento par un affàr rgente. Se quel zovane che l’è appena andat fora el torna prima de mi …

TERESINA : El siòr Batistino? .

TIMOTEO : Come, al o conosse?

TERESINA : Sicuro, anzi el me ha dita che avè zà combinà tutt, e che no resta che far el contratto Eo vero?

TIMOTEO : Cossa ve intrighèo in te i me affari!! Va bèn, se sen intesi subito, e in quattro parole avèn concluso. Dunque, se el torna prima de mì , (ad eufemia) Eufèmia, me raccomando, intrattenelo e tratteo come un ospite de riguardo, intesi? (ad Teresina) e ela, andè a darghe un occio alla bottega invezze de star sempre a spettegoeàr in giro. (Esce)

TERESINA : Intrattienilo e trttalo come un ospito de riguardo; ala capiio? Beh, signorina.. cossa che la ga?  Sembra che la abbia ricevù na brutta notizia…

EUFEMIA : È che mi sento tanto felice, e la troppa felicità fa questo effetto a tutti.

TERESINA : Su, su , pochi lamenti, la se rinfranca… voea na grappetta par farse corajo?

EUFEMIA : Oh Dio mio! Come farò? Provo una confusione in me stessa... Una confusione...

TERESINA : La staga tranquilla. El ghe pensarà lu a s’ciarirghe le idee… (suona il campanello)

EUFEMIA : Eccolo, oh Dio! lo fuggo nella mia camera e non mi lascio vedere

TERESINA : Brava!, Bèla maniera par ricever el so moroso. Qua sentada e col lavoro in man; ai occi del sposo bisogna sempre far finta de lavorar ! (Esce per andare ad aprire la porta)

Scena quinta

EUFEMIA, poi TERESINA e BA TTISTINO

EUFEMIA : Mio Dio, mio Dio! Sento che divento rossa come una bragia; mi sento il fuoco fin dentro gli occhi.

TERESINA : (di dentro) Venga; venga; il padrone l'è uscito e sarà qui a momenti. C'è però la signorina che lo aspetta. (entra) venga.

BA TTIS. : (entra. restando sulla porta)

EUFEMIA : (È lui)

BATTIS. : (È lei)

TERESINA : ( Che si è accostato alla padrona vedendo che Battistino non avanza. le dice piano) A cominci a dirghe de vegnèr avanti ; forza, l'è le la parona de qua!

EUFEMIA : Si accomodi, signore.

BA TTIS. : Grazie. (si siede in fondo)

TERESINA : (Dio mio, come che l'è timido) Ma no, el se senta vizzìn a la porta; là l’e corrente el rischia de prender un accidente. Al vegna avanti; al sènta qua visìna a la signorina.

BATTIS. : (che avrà eseguito) Grazie.

TERESINA : Ma cossa ee tutte ste paure  adess che se la là par sposarve? (ad Eufemia) la diga qualcossa , avanti (pausa. indi a Battistino) Mo al pàrla, che Dio a lo benedissa (vedendo che non parlano) Dio che do ciacoeòni! A ho capio. Signori ve lasse in libertà, però pensè che  presto serè mari e muier, e prima de sposarve saria bèn che conossessi almanco le vostre vosi (Dio che bravi ragassi!) (esce)

EUFEMIA : (Poteva fare a meno di lasciarci soli)

BA TTIS. : (Pare impossibile come mi trovo imbrogliato)

EUFEMIA : (Che cosa gli dirò mai)

BATTIS. : (Non so proprio da dove cominciare)

EUFEMIA : (Guardando di sottocchio). (Com'è simpatico)

BA TTIS. : (Quanto è mai bella)

EUFEMIA : (Però è piu timido che io non credeva)

BATTIS. : (E dire che ha tanti vizi nascosti! Basta, non ci pensiamo! Coraggio) Signorina...

EUFEMIA : Signore.. (Parla finalmente)!

BATTIS. : Veramente io non so.. perchè se mi avete veuto molti giorni. ..

EUFEMIA : Ebbene?

BATTIS. : Ebbene... non è già che io... per altro siccome… non sapendo. ..È una gran bella giornata oggi. (si asciuga il sudore col fazzoletto)

EUFEMIA : (Ed è per dirmi questo che ha chiesto la mia mano! Oh mio Dio! Lo credevo più franco)

BA TTIS. : Già: E quando il tempo è buono allora mi è concesso starmene delle lunghe ore sulla piazza a contemplarvi. ..

EUFEMIA : A contemplarmi?!

BATTIS. : Già.

EUFEMIA : (Oh Dio buono!)

BATTIS. : Perchè voi già lo sapete... voi sapete la ragione della mia presenza qui... egli è perchè...

EUFEMIA : ( Un pò impaziente). Perchè?

BATTIS. : Perchè... (coraggio) perchè vi amo. (L'ho detto )

EUFEMIA : (Arrossendo). (Finalmente) Mi amate?

BA TTIS. : Come! non lo sapevate? .

EUFEMIA : (Arrossendo) Oh! si... lo sapevo.

BA TTIS. : E voi sentite dunque nulla per me? Ha, si, i vostri begli occhi mi han detto tante tante volte, che voi ..mi amate. Or dunque fate che io oda dalla vostra bocca ciò che i vostri occhi mi hanno già palesato.

EUFEMIA : Ebbene: giacchè mio padre acconsente, giacchè tutto avete combinato, a che giova il fingere? Anch'io vi amo.

BATTIS. : Ah! L 'avete detto una volta! Quanto sono felice! E renderò tanto felice anche voi, quanto potrete desiderarlo. Noi passeremo insieme una vita tutto amore, tutta gioia, tutta delizia. Le mie abitudini saranno le vostre, ogni vostro desiderio sarà il mio, e cercherò sempre di compensarvi ad usura della felicità che mi farete godere. E voi Eufemia?

EUFEMIA : Oh! Anch'io; non sono un ingrata. Il pensiero solo che mi avete preferita a tante altre che sarebbero state di me piu degne. ..

BA TTIS. : No, no; non dite di queste cose: nessuna donna, all'infuori di voi, potrebbe rendermi felice. Io...

EUFEMIA : Tralasciamo, vi prego, questi discorsi; ripetetemi piuttosto che mi amate tanto; ciò fa tanto bene al mio cuore.

BATTIS. : Se vi amo?!... Ma io vi amo... di quell'amore ch'è palpito dell'universo intero. E poi vedete, io non vi lascerò mai un momento starò sempre al vostro fianco, e sempre vi parlerò di noi, del nostro amore, del nostro avvenire, dei nostri figli...

E quando avrò la consolazione di sapervi... di vedervi.. rotonda...(imita il segno della pancia)   Oh! allora diverrò pazzo di gioia.

EUFEMIA : Oh Dio! mi fate arrossire.

BA TTIS. : (Quanto è cara! E dire, che ha tanti vizi nascosti, anzi il momento è opportuno per dirle...) Però sentite bisogna che io vi preghi di una cosa; ecco dovete sapere che io sono pacifico, molto pacifico, e quindi desidererei che anche voi. ..sapete bene...

EUFEMIA : Che cosa?

BATTIS. : (Come si fa a dirle...) D'altronde giacchè ci siamo intesi subito con vostro padre, sarà bene, credo, che c'intendiamo chiaramente anche noi, prima di … stringere questo nodo che deve unirci per tutta la vita, capite, perchè il matrimonio si finisce: con juctio maris ed faeminae individuam vitae consue tudinem continens... quindi mi pare che...

EUFEMIA : Non capisco bene

BA TTIS. : Capirete poi; perchè non è facile dire alla prima certe cose che... che...

EUFEMIA : Se non vi spiegate meglio…

BA TTIS. : Mi spiego. Talvolta se prima di concludere un matrimonio, parlo nel mio quanto vostro interesse, se si conoscessero i difetti reciproci e se si cercasse di vincerli per far cosa grata a colei. ..Insomma a coloro... nemmeno.

EUFEMIA : Insomma cosa intendete dire?

BATTIS. : Ecco vedete; ci sono certe cose... badate bene, che io con tutto ciò non intendo offendervi, e che non vi prenderò... Anzi faccio per dire, che il dire ciò che si deve dire, prima di dire di si, è la miglior cosa che si possa dire.

EUFEMIA : Infine io, non capisco niente davvero. Ma siete o non siete contento di sposarmi?

BA TTIS. : Lo sono; ma ecco vedete. ..vi parlerò francamente. lo non ho un vizio al mondo... di quei vizi... sapete bene. ..Eh! ...vi sono de' vizi molto pericolosi... specialmente la notte! Francamente adunque se voi non tralasciate di. ..

EUFEMIA : Spero bene, o signore, che se voi non avete vizi, se siete virtuoso, non vogliate farmi il torto di credermi diversa da voi (risentita)

BATTIS. : Capisco che a voi non conviene confessare... .

EUFEMIA : (Ma cosa dice costui?)

BATTIS. : Però con me potete confessarvi liberamente, poichè ve lo dico con dispiacere, ma sono stato informato che...

EUFEMIA : Oh! Basta, signore. (Con forza). Basta cosi. Io non credevo, che voi avreste potuto spingere la vostra finzione, il vostro tradimento, al punto di ..abusare in tal modo della mia buona fede e di mio padre; di introdurvi in nostra casa per ingannarci ambedue e coprirmi d'insolenze e di oltraggi! È un'indignità! Vi dichiaro adunque che da questo momento tutto è finito fra noi, e che in

questa casa non avete piu a che fare. Vi prego perciò, o signore di liberarmi della vostra presenza.

BATTIS. : Io! Così? Subito?

EUFEMIA : E spero non mi obbligerete a ripetervelo.

BA TTIS. : (Cominciano le bizzarrie! Suo padre aveva ragione.) Eufemia? Signorina Eufemia. (È proprio vero che quando si chiama non risponde!) Signorina Eufemia? (Ah! Proviamo il rimedio.) (Le si accosta pian piano e le accarezza la testa. )

EUFEMIA : Ah! Ma signore, questo si chiama abusare. ..Mi costringerete a chiamare gente e fare uno scandalo!

BA TTIS. : Ma signorina. ..

EUFEMIA : Non una parola di piu!

BATTIS. : Ma...

EUFEMIA : Siete un mostro, (piangendo di rabbia). Un indegno.. che ho amato si ma che ora disprezzo... Uscite, ripeto. ..uscite. (Piangendo dirottamente e battendo un piede, pesta un piede a Battistino).

BATTIS. : Ahi! Ahi!, (Calcia! Calcia! Suo padre aveva ragione.. Facendole il solletico, mi ha detto...) (Con un dito le stuzzica le orecchie).

EUFEMIA : Ah! questo poi è troppo! Che confidenza è questa? Per chi mi prendete, signore? Ma voi volete spingermi a qualche eccesso davvero; ma non sapete che questa donna da voi villanamente insultata è capace di graffiarvi... di mordervi... di... (gli va incontro).

DATTIS. : (Morde! morde! Zucchero! Zucchero!) (Ritirandosi, prende una zolletta di zucchero dalla tasca dei pantaloni e gliela pone in bocca).

EUFEMIA : (Nel massimo della collera). Ah! E troppo! Teresina! Teresina! Dio la mia testa, non ci vedo piu!

BATTIS. : (Ecco, ecco il capogiro!)

EUFEMIA : Ah! (sviene: Battistino accorre. la prende in braccio e le comprime la testa. )

BATTIS. : (il rimedio, subito il rimedio.)

Scena ultima

TIMOTEO indi EUFEMIA e DETTI

TIMOTEO : Cosche succede? Cossa che el ghe fa a la me figliola?

BA TTIS. : Pst. (facendole cenno di toccare e comprimendo ancora). Ha il capogiro, il capogiro, capite?

TERESINA : Comandi, signorina? Oh Dio (vedendo la padrona svenuta. va da quella parte).

TIMOTEO : Mo cossa che el faI giovanotto?

BA TTIS. : Il suo rimedio pel capogiro.

TIMOTEO : Cosa? Aea tol me fiola  par una cavala? (A Teresina) Come che la sta?

TERESINA : Ah! mejo! Laè drio tornàr in qua.

BA TTIS. : Lo credo io. (toccandosi le braccia). (Ora metterà il capo fra le gambe).

TIMOTEO : Bene, me sembra che no l’è niènt de grave. Alora giovanotto, femo el nostro contratto, parchè voio che el se la porti via subito. L’ho fatta anca nettàr e strigliàr.

BA TTIS. : Strigliare?

TIMOTEO : E come, che la è bea lucida che la fa voja, manca sol da metterghe el sotto-panza.

BATTIS. : Il sotto pancia?

TIMOTEO : In quant al prezzo, posse lassarghela par meno de 100 mila franchi

BA TTlS. : 80 mila lire?

TIMOTEO : Oh, no el stai lamentarse, la ghe la dago par quel che la ho pagada mi.

BATTIS. : Ma chi?

TIMOTEO : La cavaea!

BATTIS. : Ma che cavalla?

TIMOTEO : Oh bela! Dove che el gha la testa? No le vegnù qua par comprar la me cavala?

BATTIS. : Ma io ho chiesto sua figlia in sposa, e non so di che cavalla stia parlando.

TUTTI : Come?

BA TTIS. : Per cui tutti i vizi che mi disse?

TIMOTEO : I iera vizi de la cavalla.

BA TTIS. : Eh! Mi ha fatto fare una bella figura! Le carezze, lo zucchero, il solletico.. Signorina Eufemia, perdonatemi, non ho colpa, lo vedete.

EUFEMIA : (Ridendo) Oh! lo vi ho giò perdonato.

BA TTIS. : Ed ora signore, che ha inteso di che si tratta, mi accorderà spero la mano di sua figlia?

TIMOTEO : Se veramente ve volè bèn, però a una condizion.

BA TTIS. : E quale?

TIMOTEO : Che con la dote al deve tor per forza anca la  cavaea!

BA TTIS. : Accetto; e rivedendo mio padre gli dirò -Caro padre, io dovevo ritornare a voi colla sposa soltanto; ma, in grazia di un equivoco, vi conduco la SPOSA e la CA V ALLA.

FINE

Fine traduzione : 16.10.2005 ore 1.40 a.m.

Bortolin Marco

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 121 volte nell' arco di un'anno