La storia dell’ umanità

Stampa questo copione

“STORIA DELL’UMANITà”

DA ADAMO ED EVA

AI GIORNI NOSTRI

RECITALPER RIDERE...E RIFLETTERE

COMICITà E DRAMMA

DA MESCOLARE O DISGIUNGERE

Ideato e scritto

da

ANGELA LONARDO

Codice iscrizione SIAE n. 239310

ADAMO ED EVA... IL PECCATO è ORIGINALE?

ADAMO    Lo dicevo io che non bisogna mai prestare ascolto a una donna!  Quella una ce ne stava dint’ ‘o Paradiso Terrestre e guarda che m’ha combinato. Neanche il tempo di nascere e già va facendo guai.

EVA    Mannaggia, è da quando so’ nata che mi sento un’incompresa. Adamo, che si crede tutt’isso perché è arrivato nel Paradiso Terrestre prima di me, mi dà sempre la colpa di tutto quello che succede.

ADAMO(lamentoso)   Stavo tanto bene da solo, in questo Eden-Partenope, co’ ‘o sole, ‘o mare, ‘a tarantella e ‘a sfugliatella... e mo’ guardate qua ch’è m’è successo: ‘na costola mancante, ‘no muzzico ‘e vipera proprio nel posto più delicato, n’infermiere che ci’ azzecca sopra ‘na foglia ‘e fico co’ l’attàk... Mi ha ostruito tutte le vie urinarie mi ha ostruito... e po’, quilloturz’ ‘e mela che m’è rimasto ‘ncanna..!

EVA(contrariata)     Mi rinfaccia che, pe’ fa’ nascere a me, l’hanno sceppato ‘na costola ‘a pietto. E quant’ ‘a fa longa! Ma io che c’entro? Quello, è stato quel signore che abita sopra a noi che l’ha vulut’ da’ ‘na compagnia. Invece ‘e esse’ contento!... Adamo mi ha rinfacciato persino il fatto che avevo assaggiato il frutto proibito. Ma, secondo voi, io potevo mangiare uva, fichi e banane per tutta l’eternità? A me piacciono le mele.

ADAMO    Mannaggia quella mela avvelenata dalla strega di Biancaneve! Ci mancavano pure le favole, ci mancavano. Stavo così bene da solo e quel signore del piano di sopra, che non si fa mai ‘e fatti suoi, dice che gli facevo tenerezza, che doveva darmi una compagnia...

EVA    Che ne sapevo io che quella mela accussì bella putev’ essere tanto pericolosa? E Adamo, che fa tanto ‘o saputiello, pecché non m’ ‘a sceppava a mano e ‘a jettava dint’ ‘a mmunnezza? Se sapevo, quel fetente di frutto ‘ntussecato, non me lo sarei mai mangiato.

ADAMO    Che guaio! Se sapevo ‘a jettavo dint’ ‘a mmunnezza... quella mela fetente! Tutta colpa della donna e di quello che me l’ha messa vicino!

EVA    Tutta colpa dell’uomo e di quello che me l’ha messo vicino!

ADAMO     A quella femmina, non l’abbastava che l’avevo regalato ‘a pelliccia fatta con l’unico leopardo che s’era salvato da ‘o diluvio universale, né l’abbastava che si poteva mangia’ tutto quello che si firava. No! Doveva mangiare per forza quella fetente di mela, che anche i sette nani le avevano detto: «Eva, attient’ a te. La strega cattiva ti vuole avvelenare. Non mangiare la mela!» e quella, niente, s’è mangiata metà mela e l’ata metà m’ha ‘mpizzata ‘mmocca... e m’ha avvelenato pur’ a me.

EVA    E dire che i nani me l’avevano detto: «Eva, vedi che sulle mele ‘nce sta ‘o verderame, sono velenose. Pure quella scema ‘e Biancaneve ‘ci stava rimanenno secca. Se non era per il principe azzurro, e mo’ si scetava più!» Ma io sono troppo curiosa. Sapete com’è... ‘o sfizio ‘e assaggia’...

ADAMO     ‘O serpente, che la strega di Biancaneve teneva arravugliato ‘ncanna come ‘a ‘na stola, mi faceva sberleffi: «T’aggio fatto fesso, tie’! T’è piaciuta ‘a femmena, e mo’ so fatti tuoi.» A quel punto, m’è venuta voglia ‘e ‘nce scamazza’ ‘a capo a quella vipera velenosa e ho urlato: «Wilma, dammi la clava!»

EVA     A quel punto, ‘o serpente della strega s’è messo a sbeffeggia’ Adamo e quillo ‘nce voleva scamazza’ ‘a capa. Embe’, pe cerca’ ‘a clava, vai a chiama’ a Wilma? Ma chi è, mo’, ‘sta Wilma?

ADAMO    Sapete che mi ha detto Eva? «E chi è, mo’, ‘sta Wilma? Non sarà mica quella smorfiosa co’ ‘o tuppo rosso che va uccidenno ‘e mosche c’ ‘o DDT?» e ‘a clava m’a sonata essa ‘ncapa a me, accussì ‘o serpente s’è fatto ‘e meglio risate. Mannaggia Eva... e mannaggia a quann’ aggio mozzecato quella fetente ‘e mela!

EVA       Per colpa del serpente, dopo qualche mese, s’è abboffata ‘a panza e ho sentito qualcosa che s’arrevotava dentro di me.

ADAMO      Dopo un po’, a Eva, s’è abboffata ‘a panza e, ancora più strano è stato che, ogni tanto, da dint’ ‘a panza, se sentev’ ‘e allucca’ come a quann’ fanno ‘n’ incontro ‘e pugilato.

EVA    Quando ho fatto l’ecografia, ho visto che erano due feti che litigavano come i pazzi. Ho capito immediatamente che “feti” era il diminutivo ‘e fetient’. Comunque sia, a uno gli ho messo nome Abele, pecchè teneva ‘a faccia ‘e piecoro, l’altro l’ho chiamato Caino, pecché teneva ‘na bella faccia... ‘e strunzo. Questi nascituri, prima si so’ afferrati comm’ a duje pugili ‘ncoppa ‘o ring e poi Caino ha ucciso ‘o frate Abele, strafugannolo c’ ‘o cordone ombelicale.

ADAMO       Io non saccio buono comm’ è succieso che uno dei due ha ucciso all’ato. Io ho visto tutto dentro una specie di televisione. Sembrava ‘e guarda’ quei film della “Signora in giallo”. È stato un omicidio in piena regola, con l’aggravante dei futili motivi e della crudeltà. Quillo feto ‘e Caino, manco era nato, e già era pronto per l’ergastolo.

EVA     Così, mio figlio Caino ha commesso il primo omicidio di tutta la storia dell’umanità...

‘O secondo omicidio?... ‘o facess’io, affucann’ Adamo, pecchè non m’ha avvisato che ‘e mele ‘ntorzano ‘ncanna, abboffan’ ‘a panza e fann’ ascì ‘e figli fetienti.

LE STRANE COPPIE

ELISA   Cara, hai notato come sono cambiati gli uomini nel corso degli anni?Ricordo che mio padre apriva lo sportello dell’auto a mia madre per farla salire. Mio marito, invece, monta sempre per primo e lo sportello me lo devo aprire da sola.

ROSSELLA   Tesoro mio, anche mio padre apriva lo sportello a mia madre. (acida) Praticamente, glielo sbatteva in faccia. Mio marito Carmine? Anche peggio. Guarda qua: sono tutta piena di ammaccature. I primi anni di matrimonio, mi svegliava con un “fior..!”

ELISA   Romantico! E adesso ti tratta male? Vedi, ho ragione io, anche Carmine è cambiato! Persino lo stesso uomo può non essere quello di una volta.

ROSSELLA    Non hai capito! Mio marito mi svegliava dicendo: “Ho i nervi...a “fior” di pelle, quindi sparisci.” Cara la mia Elisa, non ho capito questo “fior di pelle” cos’è ma so che, quando diceva così, erano mazzate. Secondo me, il fiore me lo voleva portare al cimitero.

ELISA    Addirittura! Non ci posso credere. E io che pensavo che tuo marito fosse un uomo dolce e appassionato!  (Tra sé, sognante)  Bello, amabile, caloroso!

ROSSELLA   Se se! Dovresti vederlo. Mi urta, mi strattona, cominciando la mattina quando facciamo la lotta a chi deve usare per primo il bagno. A tavola, la fa da padrone. Guai a servirmi per prima e, se è avanzato qualcosa, stai pur sicura, se la mangia lui...

ELISA   Sono basita! Non mi aspettavo tanta brutalità e cafonaggine. E tu ti fai trattare così?

ROSSELLAChe posso fare? Certo, ritaglio comunque i miei spazi! Quando lui non c’è, per esempio, mangio. Così, anche se mi toglie il cibo dalle mani, io sono a posto e non resto digiuna. Di nascosto, vado anche in palestra. Che vuoi, devo tenermi in forma!

ELISA   E se ti scopre?

ROSSELLA   Non può, perché sta fuori tutta la giornata. Il suo lavoro di camionista lo porta a girare tanto.

ELISA   (pensierosa)  Eh, lo so...lo so! Piuttosto, dimmi, quando torna a casa, che cosa gli dai da mangiare? Così, per curiosità!

ROSSELLA    E che gli preparo?!  Secondo te, a uno che fa il camionista, lo posso accontentare con i sofficini, i bocconcini, le verdurine? Quello è un bestione e, dopo una giornata a caricare e scaricare merce, guidare e mangiare un panino al volo, come minimo, una pasta al forno con le polpette gliela devo preparare. Ah, va pazzo anche per il polpettone e per la frittata di cipolle.

ELISA   (Tra sé)    Ora si spiega come mai, ultimamente, gli puzzava l’alito. (Rivolta all’amica) Hai ragione. Anch’io mi ammazzo in cucina per preparare pranzi sostanziosi. Tu lo sai, anche guidare un treno comporta spreco di energie e Bruno arriva sempre stanco, tanto stanco!

ROSSELLA(Tra sé) Lo credo bene! (Rivolta all’amica)  Ma tu che gli cucini?

ELISAChe gli cucino? Gnocchi al ragù, arrosto ripieno, parmigiana di melanzane! Ah, l’ultima volta, gli ho preparato una pasta e fagioli spettacolare!

ROSSELLA(Tra sé) Ecco perché andava e veniva dal bagno! (Rivolta all’amica) Dagli del bicarbonato dopo questi pranzi, altrimenti non digerisce bene e...non può far fronte ai suoi impegni... sai com’è!

ELISAParli del treno?

ROSSELLA   Parlo...sì, va be’, cambiamo discorso che tra poco li vediamo arrivare i nostri due maritini.

Entrano Carmine e Bruno. Carmine va verso Rossella e Bruno va incontro ad Elisa.

CARMINEEcco qua, io tutto il giorno a lavorare e tu che le la spassi con le amiche. (Ammicca guardando Elisa, che si pavoneggia, poi strattona Rossella per portarla via)

BRUNOPotrei dire anch’io la stessa cosa  (Ammicca guardando Rossella che ricambia lo sguardo complice. Anche Bruno prende sotto braccio Elisa ma con disprezzo e ammicca guardando Elisa)

ROSSELLAVisto? Poi dici che gli uomini non sono più quelli di una volta. Secondo me, sono sempre gli stessi.

ELISAGià! Solo il mio papà fa eccezione. Tutto il resto del genere maschile? Assolutamente inaffidabile! Soprattutto, ha la mania di desiderare ciò che appartiene ad altri. Noi donne, invece...

BRUNO e CARMINE  (Insieme)    Voi donne..? Peggio...molto peggio!

ELISA e ROSSELLA  Voi uomini? Anche di più!

SENTIERI ALTERNATIVI

Carissima Camilla,

ti scrivo perché sarebbe doloroso guardarti negli occhi e dirti che non ti amo più, dopo tutto il tempo che abbiamo vissuto insieme. Come posso farti capire che, fino a dieci anni fa, eri così diversa da farmi cadere ai tuoi piedi con uno sguardo, mentre adesso?... Sembravi così fragile, timida... ed eri bellissima! Guardati ora. Sei amorfa, spenta, flaccida. Sei ingrassata oltre venti chili e non riesci a tentarmi. No, non riesci proprio più a farti desiderare, anzi, vorrei solo fuggire da te... sto già fuggendo da te. Desideri sapere il perché? Analizziamo il nostro rapporto: quella malignità che mi sputi addosso tutte le volte che litighiamo, la voce grossa che fai quando sono presenti i nostri amici più intimi, le figuracce che mi fai fare! Ti sembra sufficiente? A me sì... per permetterea qualcun altro di prendere il tuo posto. Ho tentato, lo sai, di farti ragionare, di farti riacquistare femminilità, di indurti ad avere più cura del tuo corpo deformato dalla cellulite. Ti sei ostinata a non capire che volevo riavere la Camilla che avevo conosciuto a vent’anni. Sei stata tu, con i tuoi malumori, le tue sfuriate, il tuo dispotismo ad allontanarmi sempre di più. Ho incontrato un’altra persona, certo. Ho conosciuto Cicci. E allora? Cicci non è come te. Mi ha fatto ritrovare la voglia di vivere, che tu avevi soffocato con quelle continue critiche. Se mettevo la camicia celeste tu volevi che la indossassi a righe e se indossavo quella a righe tu mi chiedevi perché non mettessi la polo, ché così non dovevi stirare. Camilla, io ti ho amato alla follia ma non posso più sopportarti. La notte russi come una mitragliatrice, occupi tutto il mio spazio e mi colpisci sulla faccia, con quelle mani da cicciona, ogni volta che cambi posizione. Mi hai fatto cadere dal letto almeno tre volte e sappi che non è per niente piacevole. Cicci, invece, ha una delicatezza! Durante la notte, non si agita, non fa strani rumori con il naso e poi... mi riempie la vita di dolcezza. A proposito di dolcezza, finalmente ti posso confessare che il panettone che preparavi ogni settimana sembrava fatto col piombo fuso. Facevo solo finta di mangiarlo mentre, invece, lo andavo a sbriciolare nell’orto per darlo alle galline e ti dirò... che pure loro lo rifiutavano sdegnosamente. Non te ne sei mai accorta perché, in fondo, non ti sei mai accorta nemmeno di me, della mia tristezza, della mia solitudine. In casa, mi hai fatto sentire sempre una nullità. Cicci no, Cicci mi guarda negli occhi e capisce ogni mio sguardo. Mi fa sentire importante, mi valorizza. Con Cicci non c’è bisogno di parlare perché i suoi occhi penetrano la mia mente e ne afferrano ogni turbamento, ogni ansia.Con Cicci ho ricominciato a vivere, a ridere, a guardare il mondo con occhi nuovi. Lo so, mi dovrei sentire un vigliacco ma, cerca di capire, non posso distruggere la mia vita per una donna che, sventuratamente, ho sposato dieci anni fa e che mi ha profondamente deluso.Con Cicci ho ritrovato il mio equilibrio, ho riprovato quell’amore che credevo di non poter più sentire per nessuno. Con Cicci mi sento compreso, libero di parlare senza cadere in polemiche inutili e poi, cucina da urlo e mi vizia, mi coccola come mai nessuno, nemmeno la mia mamma.Tu sei una vipera velenosa. Non hai fatto altro che intossicare la nostra vita con problemi che creavi apposta per tormentarmi. Sei stata perfida con me e persino con quella santa donna di mia madre, che ti voleva bene come a una figlia. Ora basta! Adesso sono qui, in un posto che non ti svelerò, e Cicci... Cicci è qui con me. Mentre ti scrivo, è in bagno. Ecco, vedo che ne esce con l’accappatoio aperto. Sapessi quanto mi piace! Ha un corpo statuario, tutti i muscoli torniti e lisci come seta. Ora ti lascio, non me ne volere. Quando una donna invade la tua vita invece di riempirla d’amore, quando ti soffoca, ti annulla, può succedere che prendi altre strade. Comunque, ti ho voluto bene ma adesso è Ciro la persona con cui voglio vivere il resto della mia vita. Si stava radendo, poco fa, ma gli ho chiesto di tenere i baffi, perché mi piace quel solletico sulle labbra quando mi bacia con passione. Ciao, Camilla. Un abbraccio, senza rancore.

Tuo Alberto.

CARMELA, LA REGINA DELLA CASA

Mio marito mi dice sempre: Carme’, tu sei la regina di questa casa.

Mi faccio un po’ di conti, perché fessa non sono, e i conti non tornano. Facciamo qualche considerazione: la regina Elisabetta tiene novant’ anni e non l’ho mai vista co ‘no mandesino davanti. Mathilde del Belgio, nonostante che tiene quattro figli, non mi risulta che ha mai fatto lavori domestici. Margherita II di Danimarca, secondo voi, va a fare la spesa? Ma manco pe’ suonno. La verità è che a noi donne ci hanno inguaiato le favole, con tutte quelle storie di regine e principesse.E sì! Vi ricordate la bella addormentata, Biancaneve e i sette nani, la principessa sul pisello? Quella a cui do la colpa maggiore, però, è Cenerentola. Ma vi pare possibile che una che sta sempre a pulire il camino, sfaccenda dalla mattina alla sera dentro una casa che fa schifo, tiene i vestiti tutti stracciati, all’improvviso, piglia e si trasforma in una principessa. Ma almeno un pedicure, prima di mettere la scarpetta, se lo doveva fare o no? E mica è finita qua. ‘A cocozza che si trasforma in carrozza, i surici che le cosono ‘o vestito. E noi femmine che, come a tante sceme, ce l’avimmo creduto e aspettiamo ancora il principe che ci invita al ballo. Se era una ‘e nuje, aveva voglia e continua’ a si magna’ ‘a cenere d’ ‘o camino! Io, la zucca, tutt’al più, la posso cucinare. Per quanto concerne i topi, altro che cucire i vestiti, quelli m’hanno rosecato tutti i mobili e s’hanno fottuto pure ‘e nucelle che tenevo conservate.E poi, cu’ ‘e calli che mi so’ venuti a forza ‘e sta allerta, devo porta’ le pantofole pure quando vado a fare la spesa, figuriamoci se mi metto a balla’!

Vogliamo parlare della bella addormentata? Aveva voglia ‘ e continua’ a sunna’! Ma quale principe!... ma quale bacio!... solo fatica trovava, se si svegliava. Io m’avesse fatto ‘aticient’anni ‘e suonno invece e me fa’ ‘o core tanto appriess’ ‘e figli che non vonno studia’, ‘no marito che non fa niente d’ ‘a mattina ‘a sera, ‘e panni che s’anna lava’…La principessa sul pisello… quella po’! Sentiva ‘sto pisello pure da sotto ‘o materasso!? Mah! Non voglio fare commenti velenosi, perché se no dice che sono io la fetente, però ci tengo a dire che, quando me ne vado a dormire, io non sento neanche le pietre, figuriamoci se voglio senti’ ‘o pisello. Biancaneve, poi… mi fa proprio ridere. Niente meno, i nani ti dicono che non devi aprire a nessuno e tu che fai? Apri proprio alla strega, che una volta ti vuole stritolare con i nastrini colorati, un’altra volta ti vuole avvelenare col pettine e tu pure ‘a terza vota le vai a rapri’... pe’ ti fa’ soffoca’ co’ ‘na mela… ma allora si’ proprio scema, figlia mia! Io non credo più alle favole che sono anni, e non credo più neanche a mio marito quando mi dice: «Vedrai, un giorno ti porterò a fare un bel viaggetto. Aspettiamo che i ragazzi crescano un altro poco.»I figli so’ addiventati duje babbasoni e nujestammo sempre qua. Ma quale viaggio! Io l’unico viaggio m’ ‘o faccio dopo che m’aggio bevuto qualche bicchier’ ‘e vino pe’ mi scorda’ tutte ‘e miserie d’ ‘a vita.Il principe azzurro! Seh! Mio marito mi pare l’uomo di Neanderthal. Quand’ ‘a mattina si sceta, io m’ aggia gira’ a quell’ata parte pe’ non ‘o vede’, se no me ‘ntossico ‘a jurnata. E che soggettone! Vuje non vi potete immagina’ che cos’è il mio principe consorte.Quello mi fa fatica’ dalla mattina alla sera, altro che regina della casa!E poi, diciamolo, io vedo che tutte le regine tengono una corona in testa.Io, in testa, tengo solo un cerchio dovuto a ‘o mal’ ‘e capo che m’è venuto a forza ‘e struscia’ dint’ ‘a casa.Adesso vi saluto, mi prendo un bel cachet, accussì mi passa ‘o dolore dint’ ‘a capoccia, e poi lavo tutti i piatti, prima ‘e me ne jì a durmi’. Sì, è proprio vero, io sono la regina della casa… ma vuje non sapiti quante vote me venesse ‘o desiderio ‘e abdica’!

ANTONIETTA, LA REGINA DEL RICICLO

Mi chiamo Antonietta e mi posso considerare, a pieno titolo, la regina della raccolta differenziata.

Il primo rifiuto che mi è toccato riciclare è stato Gennarino mio. E sì, perché, dopo averlo conosciuto bene, tutte le altre donne lo avevano scartato. E mo’, secondo voi, chi se lo poteva sposare? Solo io potevo fa’ ‘sto guaio! Io valorizzo tutto: le lattine vuote diventano portavasi per il prezzemolo, le cassette della frutta diventano poltroncine, le calze che dovrei buttare le infilo dentro i cuscini per farli più soffici e voluminosi.Insomma, tutto acquista una nuova vita e anche Gennarino. Quando l’ho conosciuto, era stato appena scaricato da una signora col pallino del venerdì. La “femme fatale” gli dava appuntamento tutti i venerdì nella garçonnière di un amico, in piena campagna. Dopo due anni, questa bella signora, sposata con due figli, l’ha lasciato perché dice che era stanca di vederlo solo il giorno che suo marito si assentava per andare dal dentista. Lei voleva un amante per tutta la settimana e così se n’è trovato un altro e il marito della bella... s’è fatto quattro anni ‘e ortodonzia.Qualche tempo prima, il mio uomo si era fidanzato con una donna molto bella, solo che questa faceva l’insegnante e, poiché Gennarino è ignorante come una capra, dopo un po’, lei l’ha mollato perché se ne vergognava assai. Ancora prima, era stata una fruttivendola che l’aveva lasciato quando si era accorta che tutte le clienti chiedevano il prezzo delle scarole guardando i capelli di Gennarino mio.Adesso che me lo sono pigliato io, dandogli nuova vita, Gennarino i capelli non li tiene più.Ma è meglio così, perché a me piacciono tanto i pelati... ma talmente tanto che, quando vado al supermercato, non compro più la passata e nemmeno i pomodori ciliegini.Il nostro rapporto? È una favola. Sì, la favola della bella e la bestia, solo che lui non si trasforma mai in un principe, perché rimane sempre una bestia, e io bella non sono più perché, nella vita vera, gli anni passano e le rughe segnano.Solo lo spirito rimane giovane, perché ci metto tanta filosofia per sopravvivere alle ingiurie, ai litigi, alle offese e alle mazzate. Sì, confesso che ogni tanto abbusco pure. Gennarino, prima di manomettermi, mi dice: «‘Ntune’, non mi scocciare con questa mania del riciclo. Quanto ‘a fai lunga tu e‘sta munnezza, ma chi ti credi d’essere? Pe’ spara’ ‘e pose, con le amiche, che sei all'avanguardia, mivolissi fa passa’ a jurnata a separa’ ‘e tappi ‘e plastica da quelli di sughero, il vetro dalle lattine?  E poi, tutta quella superbia che ti fa credere d’ essere la regina della differenziata!»E così, m’ha ‘ncoperchiato ‘no bidone d’ ‘a munnezza ‘n capo e, adesso, faccio la regina dei rifiuti co’ ‘sta corona ‘ncapo.»

LA REGINA DEI BILANCI

Pare che si vede, no? Sono una donna prorompente. Mio marito dice sempre che dovrei togliere il “pro.” Dice: «Catari’, come prorompi tu, nessuno lo sa fare.» E meno male, perché se no, stando a quello che pensa lui, io non avrei nessuna qualità.Invece, so cucinare, so tenere la casa a posto, so badare ai figli. Se mio marito dovesse pagare una governante per farele stesse cose chefacc’ io, chi sa quanto gli costerebbe. Invece, con il mio lavoro di casalinga, contribuisco a mantenere un equilibrio nell’economia familiare.Una volta, sapete Pasquale mio cosa mi ha detto? Mi ha detto: «Catari’, ma lo sai che, con te, il patrimonio familiare ci guadagna? Quando ci siamo sposati, eri una bella utilitaria, maneggevole, prestante, di piccola cilindrata, al massimo, potevi valere 12.000 euro, mentre adesso mi ritrovo con un tir più rimorchio, ‘na cosa esagerata. Cara Caterina mia, così fai crescere anche il PIL.»E infatti... devo andarmi a fare una ceretta ogni quindici giorni, se no sembro Conchita Wurst, sapete, quella cantante con la barba, che mia suocera ‘a chiama Cita Wurstel, praticamente... ‘na scigna fatta a forma ‘e sasiccia.È vero, sono un po’ ingrassata, ho i peli che crescono a vista d’occhio, la pettinatura stile carciofo co’ tutt’ ‘e spine ma, quando ero giovane, ero bella, bella assai.Mio marito, invece, scarrafòne era e scarrafòne è rimasto. Dire che è brutto sarebbe come fargli un complimento. È semplicemente inguardabile.Eh! Ma, secondo voi, perché me lo sono sposato? Proprio per non avere concorrenza.“E chi se lo piglia” pensavo io, “quello è accussì brutto.”Ma io non sono molto fortunata nella vita. Non mi ero fatta bene i conti.Sapete come si dice: l’amore è cieco, e mio marito non va a conoscere una che è cecata e, non vedendo quanto è brutto, se l’è arravogliato? Io ho pensato: “Sì, ma l’amore sarà pure cieco ma non è sordo, perché ci vuole pure ‘a ‘recchia bona pe’ sopporta’ quella voce a trombone che tiene Pasquale.” E, secondo voi, non si è scoperto che quella femmina che si tiene a mio marito fa parte della “Lega del filo d’oro”? Sorda, cecata e non tiene manco l’odorato perché, diciamolo, dopo dodici ore di fabbrica, mio marito, quando torna ‘a casa, fete peggio ‘e ‘no ciuccio!Poi dicono che la donna è la regina della casa... E già! Infatti, pe’ corona, io tengo ‘na ‘nzert’ ‘e corna accussì.

QUESTIONE DI MILLIMETRI

MARITO  Che monotonia!... Che palle! Sulla porta di casa, dovrebbero mettere un’insegna con scritto: Museo archeologico. E sì, quella mia moglie è fissata con i soprammobili. Da che ci siamo sposati, ne ha collezionati migliaia. Ma che n’àdda fa’? Poi, quella mania di metterli tutti in ordine, più grandi, più piccoli, più larghi, più stretti, tutti allineati, intere giornate dedicate solo a quello... Sapete che c’è? Che mi so’ scucciato!

MOGLIETesoro, si può sapere chi ha messo l’elefantino piccolo dietro a quello grande?

MARITO   Che cosa vi avevo detto? Mo’ cominciammo n’ata vota! Mamma mia e che rottura!(rivolto alla moglie) Siamo solamente io e te, in questo museo... volevo dire in questa casa. Io non ho toccato niente, dunque...

MOGLIE   Nemmeno io ho toccato niente, ... dunque?

MARITO   (tra sé)   Mannaggia la miseria, mannaggia! (rivolto alla moglie) Cara, se l’elefante piccolo sta dietro a quello grande non muore nessuno e, comunque, basta scambiarli di posto e tutto torna come prima.

MOGLIE     E no! Non torna come prima. Per prendere le misure precise, avevo usato il metro, che adesso non riesco più a trovare. Lo sai benissimo che mi rende nervosa la mancanza di simmetria.

MARITO      Deve essere per questo che ha sposato me. Sono un uomo simmetrico, geometrico, praticamente perfetto!

MOGLIE    Che cosa farfugli, invece di darmi una mano a cercare il metro?

MARITO    Niente! Pensavo ad alta voce. Piuttosto, tesorino, invece di arrovellarti con le simmetrie, pensa che oggi è festa. Perché non andiamo a cena fuori e ci godiamo la serata? Ti porto in un ristorantino romantico e, se ci rimane tempo, andiamo al cinema a vedere un bel film, poi si vedrà... chi lo sa?... Ti va?

MOGLIE   No, se non trovo il metro per prendere le misure e sistemare gli elefantini come dico io.

MARITO    Per una volta, solo per una volta, ma lascia che il mondo vada come vuole, che gli elefantini, su quel mobile, stiano un po’ come vogliono. Non ne va della vita di nessuno. E che diamine! La tua è un’ossessione.

MOGLIE    Non è un’ossessione, è una necessità dell’anima.

MARITO       Dell’anima? Ma cosa cambia se tra elefante grande ed elefante piccolo ci sta un centimetro in più o in meno? Che cosa cambia? Ascolta, io non ne posso più! Se vuoi uscire con me bene, altrimenti, questo giorno di festa te lopassi da sola, anche perché, secondo me, tu non sei più una donna, sei diventata una mummia! Putissi jì dint’ ‘o museo.

MOGLIE(pensierosa, si guarda allo specchio)  Credi davvero? Ho tante rughe? Forse hai ragione e non sono nemmeno tanto simmetriche. Guarda qua, ne ho una al centro della fronte che, però, sembra leggermente spostata a destra, non trovi?

MARITO    Facciamo una cosa: troviamo il metro e misuriamo la distanza esatta che ha quella ruga dal centro della fronte. Un’altra, simmetrica... a sinistra... con misure prese al millimetro... te la faccio io... con una coltellata!

MOGLIE(risentita)  Ecco qua, ecco qua! Due minuti fa la cenetta, il cinema e chi sa quali desideri nascosti e adesso addirittura arriviamo all’arma bianca! Ho sposato un mostro, ecco chi ho sposato.

MARITO    Meglio un mostro che una mummia fissata con i millimetri. A casa di mia madre c’era il disordine. Ah, che bello! C’era il caos più totale. Quando Dio osservava casa mia, pensava di dover rifare tutto daccapo ma, intanto, io ero felice. Con te, invece...

MOGLIE   Che cosa vuoi insinuare? Che con me non sei felice? E io che passo tutta la giornata a mettere in ordine pensando di farti un favore! Le camicie stirate che sembrano appena uscite dal magazzino, le scarpe appaiate e lucide, i calzini ben accoppiati e messi in ordine, al centimetro...che cosa vuoi di più dalla vita?

MARITO    Voglio la tua attenzione, voglio vivere nel disordine ma desidero che il tuo tempo sia dedicato a noi due. Voglio uscire, passeggiare, fare un viaggio insieme a te, invece di passare il tempo a leggere un giornale in attesa che tu appaghi le tue fissazioni! Sono stanco. Fatti visitare, perché qua rasentiamo la follia con questa cura maniacale per l’ordine.

MOGLIE(si riscuote, un po’ imbambolata)Forse hai ragione tu, devo aver proprio esagerato con questa fissa per l’ordine.

MARITO   (Molto ma molto perplesso)    Gesù, che cosa è successo? Sogno o son desto? Mia moglie che mi dà ragione? Mia moglie che ammette di essere fissata? Che stia guarendo? Dio, ti ringrazio! (Rivolto, di nuovo, alla moglie) Allora vestiti, truccati, fatti bella per me (si frega le mani) che usciamo!

MOGLIE(sorridendo)  Vado! (Fa per avviarsi ma torna indietro)Tesoro, tu intanto cerca il metro...devo controllare se la gamba destra del collant è esattamente della stessa misura della sinistra. (Si avvia di nuovo ma torna ancora indietro) ...ah, e devo misurare la piega dei pantaloni, sai, per accertarmi che siano esattamente della stessa lunghezza... (Si riavvia ma ancora una volta torna indietro) ... ah, dimenticavo! Devo controllare le maniche della camicetta. Sai com’è, potrebbero non essere proprio proprio uguali... come dire? al millimetro.

MARITO   (invasato)    Certo, cara! Eccolo il tuo metro...

(Tira fuori il metro di stoffa che aveva nascosto in tasca e prende la moglie per la gola, nel tentativo di strangolarla)  

PSICANALISI

UNA DONNAChiedo scusa, è questo lo studio del dottor Andreoli, lo psicanalista?

UNO STRANO PSICOLOGOSì, certo. Si accomodi.

UNA DONNAGrazie, ma non vi disturbate, tanto, andrò via subito.

UNO STRANO PSICOLOGOMa no, laprego, si stenda pure su quel lettino e mi dica: cosa posso fare per lei?

UNA DONNA(La donna si distende ed esclama tra sé)Ah, così mi riposo un poco. Mamma mia e come mi fanno male i piedi!(Poi, rivolta all’uomo) E che volete fare? Niente. Io sono qua solo per una questione di igiene...

UNO STRANO PSICOLOGO   (tra sé) Mentale, sì sì, igiene mentale. (rivolto alla donna) Allora, è nel posto giusto.

UNA DONNAMeno male! Credevo di aver sbagliato indirizzo.

UNO STRANO PSICOLOGOMi dica, lei soffre di complessi?

UNA DONNADa quello che so, forse... di un complesso d’inferiorità...

UNO STRANO PSICOLOGOUna bella donna come lei! Ma via!

UNA DONNABeh, a pensarci bene, credo di avere anche il complesso di Biancaneve. Le altre donne sembrano tutte invidiose della mia bellezza e... vorrebbero avvelenarmi. Sì, sono sicura: mi vogliono avvelenare.

UNO STRANO PSICOLOGO(tra sé)   Mania di persecuzione! Andiamo bene!  (rivolto alla donna) Continui, l’ascolto!

UNA DONNADi tanto in tanto, mi prende anche il complesso di Cenerentola: sfaccendo dalla mattina alla sera e aspetto sempre che venga un principe azzurro a liberarmi ma, fino ad ora, non si è presentato nessuno.

UNO STRANO PSICOLOGO(tra sé)   La poveretta vive nelle favole. (rivolto alla donna) Mi dica, per caso soffre anche del complesso di Elettra? Sa com’è, non c’è figlia che non voglia uccidere la propria madre per prenderne il posto, accanto al padre.

UNA DONNAO che?!Vicino a mio padre? E mica so’ scema! Quillovott’ ‘e mani! No no, Elettra non è contemplata. Io, per colpa di quell’uomo, me ne sono scappata da casa, mentre mia madre, poverella, si è rassegnata. Se potessi, piuttosto, ucciderei mio padre... solo che non teng’ ‘o curaggio!

UNO STRANO PSICOLOGO(tra sé)  Mania omicida! Qui si va di male in peggio! Meno male che io ho il complesso di Peter Pan, così non corro il rischio di sposarmi! Le donne? Sono tutte potenziali assassine!  (rivolto alla donna) Ora mi dica, prende farmaci?

UNA DONNAE come no! Aspirina contro il raffreddore, supposte, con decenza parlando, per la stitichezza, sciroppo per la tosse e...

UNO STRANO PSICOLOGOIntendevo psicofarmaci.

UNA DONNAE che ne devo fare? Mica soffro d’insonnia. Io, la sera, mi ritiro a casa talmente stanca che, come metto la testa sul cuscino, m’addormo, crollo... stecchita!

UNO STRANO PSICOLOGOBeata lei!Io, invece, sono sotto Dogmatìl 200 e Dòrmicum.

(La donna guarda in alto per vedere cosa vi sia sopra l’uomo che ha difronte)

UNO STRANO PSICOLOGOMa dove guarda?

UNA DONNAVoi avete detto che state sotto... non ho capito a chi ma io non vedo anima viva. Forse siete voi che vi siete impressionato. State tranquillo, non state sotto a nessuno.

UNO STRANO PSICOLOGOIntendevo dire che assumo farmaci per dormire ed altri contro la depressione.

UNA DONNAScusate, ma assumete anche il personale?

UNO STRANO PSICOLOGOSenta, forse non è il caso di continuare. Con lei non ci s’intende per niente! Su, si alzi da quellettino, anche perché, tra poco, arriva il dottor Andreoli e, se mi trova in compagnia di altri pazienti, mi fa una lavata di testa.

UNA DONNAStanno pure i parrucchieri in questo studio? Aeh! Così mi toccherà lavorare ancora di più!... Però, pensandoci bene, potrei chiedere un salario più alto. Sì sì, a pensarci, èmolto meglio così... decisamentemeglio!(Si frega le mani)

UNO STRANO PSICOLOGOForse non ci siamo capiti. Lei, ora, deve uscire da questo studio, ha capito?

UNA DONNAMa scusate, io volevo prima sapere se mi prendete per pulire. Ho fatto tanto per trovare questo studio e adesso me ne volete mandare?

UNO STRANO PSICOLOGOMa... chi è lei, mi scusi?

UNA DONNASono la femmina delle pulizie. Ho letto l’inserzione ‘ncopp’ ‘o giurnale e sto ccà, ‘o berit’! Piuttosto, se ‘o dottore non siete voi, che ci fate in questo studio, fatemi capire.

UNO STRANO PSICOLOGO   (inizia ad avere strani tic)   Sono qua per controlli. Sono un paziente del dottor Andreoli.

UNA DONNA   Un paziente?!

UNO STRANO PSICOLOGOCerto! Lo sto aspettando. Avevamo un appuntamento. Ultimamente,oltre l’insonnia, la depressione, una leggera mania di persecuzione e complessi di inferiorità, superiorità e disturbo bipolare...

UNA DONNA(tra sé) Bipolare! Mo’ capisco! Questo è un eschimese! Perciò non ‘o capisco quanno parla!

UNO STRANO PSICOLOGO ... soffro anche di manie... di manie omicide...

UNA DONNA  (spaventata, indietreggia)  Uh, Maronna mia!

UNO STRANO PSICOLOGO ... verso le donne... soprattutto...quelle donne... fissate per la pulizia!    (scoppia in una risata inquietante e comincia a rincorrere la donna, che scappa via di corsa.)  Ah, ah, ah!

PRESUNTO COLPEVOLE

(Il giudice porta, allacciata al collo, una pettorina bianca)

GIUDICESignora, prima di sedervi al banco degli imputati, strofinate i piedi su questo zerbino e infilate le pattine. Mia moglie tiene molto all’igiene, sapete? Ha appena passato la cera.

IMPUTATA   Signor giudice, non potrei mai salire con i piedi su uno “zebrino”. Sono una convinta animalista e, inoltre... sono tifosa della Juve.(tra sé) ma... non capisco come si fa a “infilare” le piantine nella cera.

GIUDICEAggiungerò quest’altro capo d’imputazione: la signora qui presente è tifosa di una squadra straniera, e...sembra non intendersi molto di italiano.

IMPUTATAStraniera? La Juventus è una squadra torinese.

GIUDICE  Parliamo di Piemonte, dunque non è una squadra campana. Fedifraga!

IMPUTATASentite, signor giudice, mi volete processare per il presunto omicidio di mio marito o perché sono tifosa di una squadra piemontese? Fatemi capire.

GIUDICE Voi siete qui principalmente perché avete commesso un delitto gravissimo.

IMPUTATASignor giudice, io sono innocente.

GIUDICE E allora, poggiate la mano qui (Porge all’imputata un piccolo vocabolario della lingua italiana, il Devoto-Oli) e giurate di dire la verità, tutta la verità, niente altro che la verità. Dite: “Lo giuro!”

IMPUTATAScusate, ma questa non è la Bibbia, è un vocabolario della lingua italiana. Sta scritto Devoto-Oli.

GIUDICE Lo vedete? È un devoto, quindi con la Bibbia c’azzecca e poi, diciamo la verità, un vocabolario serve sempre. L’italiano? È una lingua straniera e anch’io litigo spesso con i congiuntivi. Sapete com’è, a furia di circondarmi d’ignoranti, qualche strafalcione capita anche a me. Allora, dite: “Lo giuro!”

IMPUTATAVa bene! Va bene! Lo giuro, pe’ quant’è vera ‘a Maronna ‘e Muntuvergene! Ogni tanto, però, lo fate consultare anche a me questo Devoto? (Fa una genuflessione)

GIUDICE Certamente! (tra sé) Ne ha davvero tanto bisogno! (Rivolto alla donna) Veniamo al dunque. Ditemi, che ora era all’ora del delitto?

IMPUTATAE che ne so? Io ero sola in casa e non tenevo l’orologio. Mio marito non si era ancora ritirato e, quando si è ritirato, ...era già morto.

GIUDICE Capisco! (Tra sé)   Mi sorge un amletico dubbio: come avrà fatto a ritirarsi se era già morto? Mah! Qualcun altro deve averlo ritirato. (Rivolto all’imputata)Signora, avevate uno scontrino per il ritiro di vostro marito o avete mandato qualche persona di vostra fiducia?

IMPUTATA(Tra sé)  Uno scontrino? E che stammo ‘a lavanderia?! (rivolta al giudice)  Ma che cosa volete dire? Siete impazzito? Mio marito si ritirava da solo, prima di morire e anche dopo morto.

GIUDICE Lasciamo perdere! Passiamo, piuttosto, al metodo usato per l’omicidio. Mi risulta che vostro marito è stato avvelenato. Sapete dirmi qualcosa a riguardo?

IMPUTATAAvvelenato? Non so... non ricordo... non mi pare.

GIUDICE Di solito, che cosa gli davate da mangiare?

IMPUTATAPasta al forno...

GIUDICE Mmh!

IMPUTATARotolo di carne ripieno...

GIUDICE Buonissimo!

IMPUTATAFrittata di cipolle...

GIUDICE Beh, un po’ pesante ma... eccezionale! Ditemi, però, quello che gli avete cucinato l’ultima volta.

IMPUTATAUn bel pan brioche ripieno al presutto.

GIUDICE Svengo: è il mio preferito! Mi può dare la ricetta, che la trascrivo? Sapete... per mia moglie…

IMPUTATAGuardate qua! Ce l’ho in borsa. Potete tenerla, prego! (Porge la ricetta al giudice)

GIUDICE(legge) Farina, lievito fresco, due uova, burro, latte, zucchero, sale, presutto cotto... forse volevate scrivere prosciutto. Scusate, mi potete dire che tipo di prosciutto?

IMPUTATANo, no! Non prosciutto, proprio presutto. Sapete, era di provenienza cinese. Quello mio marito, per risparmiare, accattava sulo schifezze. Poi, ci lamentiamo che è morto avvelenato!

GIUDICE(medita) Credo di cominciare a capire. (rivolto all’imputata) Scusate, signora, per caso avete ancora un pezzetto di quel pan brioche?

IMPUTATAE come no! Ce l’ho qua, una fetta intera, dentro la borsa. Me lo dovevo mangiare dopo l’udienza ma... meno male che non ne ho avuto il tempo, se no mi avvelenavo pure io.

GIUDICE(con aria diabolica) Datemi quel pezzo di pan brioche, presto! Vado da mia moglie ma voi...(guarda la donna con aria sognante e innamorata. Prende la sua mano e la bacia appassionatamente) aspettatemi qui. Non vi muovete! Arrivo subito.

IMPUTATAE chi si muove! (tra sé) Ma che gli è preso? Questo deve essere veramente pazzo!

GIUDICE(Ha in mano un pacchetto con dei dolci che poggia su un ripiano. Strofina le mani con soddisfazione) Fatto! Ci siamo liberati di lei: aspirapolvere la mattina alle sei, lavatrice h 24, lavastoviglie tre volte al giorno e di mangiare…non se ne parlava proprio. Non ne potevo più di lei.

IMPUTATA(impaurita)  Ma perché parlate al passato?... vostra moglie...

GIUDICE Stecchita! Mai pan brioche fu più provvidenziale.

IMPUTATA(è sempre più intimorita)  Mamma mia! (cerca di riaversi, rivolgendosi al giudice quasi con soddisfazione) Ecco qua! Adesso siete pure voi un presunto colpevole.

GIUDICE Assolutamente no! Mica sono stato io, è stato il presutto a uccidere mia moglie. Ora io e voi... posso darvi del tu? (lei annuisce ma è terrorizzata) ... io e te, potremo vivere insieme cucinando e (apre il pacchetto dei dolci e ne mangia uno) mangiando come piace a noi. (Asciuga la bocca con la pettorina.)

IMPUTATA(Meditabonda)  Adesso capisco a cosa serve quel bavaglino. (Rivolta al giudice) Quindi, dicevamo, non siamo noi i presunti colpevoli!?

GIUDICE Mia cara, io ho la coscienza a posto e così posso assolvere anche te, in nomine Patris et Filii et SpiritusSancti.

IMPUTATA(si genuflette) Amen! ... E il presutto?

GIUDICE Assolviamo anche lui. In fondo, è soltanto un “presutto colpevole”!

CRONACA ROSA DA ITACA

ULISSE     Ma chi me l’ha fatto faredi tornare a Itaca. Stavo tanto bene a Troia, che già ‘o nome ti fa addicria’, e invece me ne so’ tornatoin mezzoai Proci che, ...lasciamo perdere, va’! La colpa è di Penelope che mi telefonava tutte le sante sere pe’ mi fa’ ritira’ a casa, con la scusa che quel Procio di Antinoo la insidiava.

PENELOPE  Ma chi me l’ha fatto faredi telefonare tutte le sere a Ulisse pe’ ‘o fa’ torna’ a casa! Solo di tariffazione telefonica che m’è costata. Se sapevo,lo lasciavomiezzoTroia co’ tutte quellepiezz’ ‘e... lucciole che l’allisciavano e si strusciavano pe’ cuollo. Tanto, io non sono gelosa. Che me ne importa! Facesse quello che vuole. Mo’, invece, sono servizi inpiùche devo fare: lava’, stira’, ... e poi... rifa’ quillo lietto ‘e ligname. Pensate che, invece ‘e rimbocca’ ‘e lenzole, gli devo fare ogni tanto una piallata.

ULISSE     Ma chi ‘a pensa, quella femmina che, dopo partorito ‘o figlio, s’è ‘ngrassata, s’è arrepecchiata, non fa più servizi dint’ ‘a casa e pensa solo a tessere la tela? Pensate che, tanto che prova piacere nel fare le tele, ha chiamato il figlio Tele-maco, che sarebbe un nome composto da Tele, che lei produceva in quantità industriali, e lumaco’ pecché ‘o criaturo tardava a nascere. ‘O parturett’ dopo dodici mesi ‘e gestazione, come se fosse ‘n asinello. Quello perciò è diventato ‘no ciuccio.

PENELOPE     E poi...sapete... Antinoo mi faceva (ammiccante)...‘o filo, accussì io tessevo ancora dipiù, voicapit’ a me. ‘Na vota pe’ tessere piùin fretta, pigliai ‘na ‘ncapatasopra a quel letto. Io l’avevo detto che era meglio di gommapiuma, invece Ulisse aveva voluto fa’ quillo mausoleo conun albero di aulivo...che è ancora piùtuosto.

ULISSE                       Quando sono tornato a Itaca, l’unico che m’ha fatto festa è stato Argo, ‘o cane. P’ ‘a contentezza è stramazzato ‘nterramuorto, povera bestia. Intanto, aggio trovato ‘e Proci che facevano feste, festini e mi portavano pure i forestieri in casa. Mi pareva ‘e sta dint’ a ‘nu centro per l’immigrazione.

PENELOPE      Quando è tornato Ulisse, poco c’è mancato che non mi trovava dint’ ‘o lietto co’ Antinoo. Aggio fatto appena a tiempo a me da’ ‘na rassettata. Che paura! Mi sono subito messa a tessere la tela, tanto per darmi un tono.

ULISSE     Tutt’ ‘e juorni, pe’ loro, erano feste comandanti e siingozzavano...e bevevano come i Proci (appunto)...

PENELOPEQuelbaccalàdi mio marito è sicuro che io penso sul’ a isso. Povero illuso! Che si credeva, che mentre isso s’ ‘a spassava dentro Troia, io mi stavo conle mani in mano? Ma che! Tutti e centootto Proci, tutti, sono passati su quel legno di aulivo. Ho fatto una tela per ognuno di loro. Per la troppa attività, sono invecchiata e mi sono abboffata, pure perché mangiavo esageratamente con tutte quelle feste, festini e forestieri in casa. (ammiccante) A proposito ‘e forestieri...

ULISSE         Quando sono tornato a casa, la cosa che mi ha colpito di più è stata quella puzza strana che sentivo in camera da letto. Mi pareva ‘na stalla. Era la stessa puzza che si sentiva addosso ai Proci. Mah! Quella, Penelope era troppo indaffarata con la tela per pensare a pulizza’ ‘e stanze. Niente meno, aggio trovato qualche centinaiodi tele tutte annaccuvate sott’ ‘o lietto.

PENELOPE        Pure i forestieri si so’ fatti ’na bella... “piallata”, sul legno di aulivo. La dovevo fare, o no, un’esperienza esotica? Così, qualche tela l’ho tessuta pure per loro e con che soddisfazione, voi non potete immaginare.

ULISSE       Mi sentivo quasi in colpa per il fatto che a Troia m’ero dato tanto da fare...e non solo per combattere contro i troiani...Avevo deciso, dunque, di tornare a Itaca e troncare tutti i rapporti con le altre donne. Povera Penelope, una donna tutta d’un pezzo...non si meritava di essere tradita. Solo che Calipso non mi lassava ‘e pere. Telefonava tutte le sante sere per costringermi a uscire. Io, a Penelope, dicevo che era un dirigente, per una riunione di lavoro.

PENELOPE         Ma chi sarà questo commendator Calipso che telefona tutt’ ‘e sere pe’ fa’ usci’ a mio marito?Riunioni di lavoro? In piena notte? Non lipuò faredigiorno, ‘sti convegni? Io vedo che Ulisse si ritira la mattina presto con le occhiaie, che mi pare ‘nu muorto scavato e io, pe’ ‘o rinforza’, sono costretta a fargli uno zabaglione di cinqueuova, con l’aggiunta di marsala, e perdo del tempo prezioso che mi servirebbe per “tessere” altre tele. A volte mi sento un po’ in colpa con Ulisse ma, sapete com’è, filare la tela a me...me piace assai!

UN GIRETTO PER VERONA... PASSANDO DA NAPOLI

GIULIETTA      Mi chiamo Giulietta. Sono nata a Napoli ma, per mezzo che mio padre fa il carabiniere, ci siamo trasferiti a Verona e là è succies’ quello che non doveva succedere.

ROMEO      Mi chiamo Romeo e Vengo da Napoli. Sono capitato a Verona quasi per caso.

GIULIETTA   C’era un concerto all’Arena e io stavo, con le mie amiche, a fa’ l’ammuina sotto al palco, mentre cantava Vasco Rossi. Stavo là perché ero sicura d’incontra’ a Paride che i miei genitori a forza m’ ‘o volevano fa’ sposa’. A un certo punto, s’è avvicinato ‘nu bello guaglione... ma bello assai!

ROMEO      Sono andato all’arena di Verona a sentire ‘o concerto di Vasco Rossi, perché dovevo cercare di vedere Rosalina, che mi fa mori’ tanto che è bella. E invece, non vado a incontra’ una che era ancora più bella?

GIULIETTA      Io mi sono sentita tutta un fuoco e aggioaccummenzato a spara’ ‘e pose per farmi notare... Aeh! E come se mi ha notato! Con la scusa di ballare, s’è buttato addosso e solo che si strusciava! Io, però, so’ diventata tutta rossa p’ ‘o scuorno ma, allo stesso tempo, non volevo perdere quell’occasione e, sapete com’è...

ROMEO    Io stavo là, col sangue che mi bolliva, e mi so’ vottato subito ‘ncuollo a ‘sta guagliona, che smaniava e si sbatteva con la scusa d’ ‘e canzoni ‘e Vasco Rossi. Quella figlia ‘e bona femmena, prima si strusciava, e po’ voleva fa’ pure ‘a scornosa? Mio padre, che fa ‘o guappo dinto Forcella, m’ha sempre dettoche, in fatto di donne, s’adda cogliere ogni occasione...e io la colsi...

GIULIETTA    Come fu e come non fu, io con padre carabiniere, lui con padre camorrista...ci’ dovemmo sposare a forza, ma lo dovemmo fare di nascosto che, se no, i nostri padri ‘nce scurmavan’ ‘e sango a tutt’ e duje. Padre Lorenzo ci unì in matrimonio e ci benedisse. Ma io che ne potevo sapere ‘e tutto quello che m’aspettava?

ROMEO        Padre Lorenzo che, secondo me, è ‘nu poco ruffiano, ci dovette sposa’ ‘e pressa, perché succedette ‘o guaio e dovemmo riparare. Che potevo sapere io di tutto quello che mi aspettava?

GIULIETTA      Appena sposata, non facevo altro che lavare, spolverare, rifare il letto, cucinare tutte le specialità venete che avevo imparato stando a Verona, per non parlare di quello che mi toccò non appena diventai madre di due gemelli.

ROMEO        Appena sposato, da disoccupato qual ero, cominciai ‘a fa’ qualche rapina a mano armata dentro le banche e qualche spiccio m’ ‘o guadagnavo truffando ivecchiarielliannaz’ ‘a Posta, quand’evan’ a recogliere ‘a pensione...e che potevo fa’? Dovevo dare a campare una famiglia.

GIULIETTA    La notte non dormivo più. Di giorno, mentre stavo sul più bello della mia soap opera preferita, quello scornacchiato ‘e mio figlio maschio avviava a fa’ ‘o lamiento e io dovevo dargli da mangiare, da bere, pulizza’ ‘a puppù e cunnuliarlo p’ ‘o fa’ addormere. Come s’acquietava ‘o maschio, ‘a femmena, co’quella voce a trombetta, mi trapanava ‘e recchie e io aveva accummenza’ n’ata vota d’ ‘o capo.

ROMEO     Tre bocche da sfamare più la mia, che si doveva accontentare ‘e quelle schifezze venete che cucinava Giulietta. ‘A quando s’era trasferita a Verona, s’era scordata come si cucina ‘nu bello casatiello, ‘na parmigiana ‘e melenzane.Non erapiù capace ‘e prepara’ ‘no babà. 

GIULIETTA        Fu così che cominciai a dedicarmi all’hobby del giardinaggio, sul piccolo balcone di casa mia. Niente di speciale, ma almeno passav’ ‘o tiempo, mente Romeo stava a fatica’. Un lavoro prestigioso, certo, lavorare in banca, con qualche incarico speciale anche alla Posta, ma io rimanevo sempre sola.

ROMEO      Mentre io rischiavo la galera e pur’ ‘a vita co’ ‘na pistola ‘mmano, Giulietta si spassava fore ‘o balcone, da ‘a matin’ a sera, con fiori e piante, mentre ‘e criature combinavano ‘nu macello dint’ ‘a casa.

GIULIETTA     Si sa, due lavori lo tenevano troppo impegnato.

E un giorno, e due e tre, quel balcone diventò il mio posto preferito e stavo sempre là, che dovevo fare?

ROMEO    ‘A verità? Cominciai a non sopporta’ chiù, né a essa né ‘e figli.

GIULIETTA        Da sotto a quel balcone, ogni tanto, passava Paride che mi diceva: «Oh, Raperonzolo, sciogli i tuoi capelli, che per salir mi servirò di quelli.» e io, che intanto m’ero fatta crescere una treccia lunghissima, eseguivo e...potete immaginare quello che poteva succedere ‘na vota sagliutoquillo bell’omm’. Intanto che i miei figli facevan’ ammuina dint’ ‘a casa, io facevo ‘no casino for’ ‘o balcone.

ROMEO     Ogni tanto, quando m’arritirav’ ‘a casa, ‘a sott’ ‘o balcone, sentiv’ ‘e chiama’ ‘na certa Raperonzolo. «E chi è, mo’, ‘sta cap’ ‘e cocozzache tiene ‘o nome ‘e ‘nu rafaniello?»

GIULIETTA        Io non so pecché avevo cominciato a frequenta’ a Paride, forse perché m’ammosciav’ ‘e aspetta’ a Romeo tutta ‘a jurnata, forse pecché mi cominciava a piace’ sempre dipiù ‘stu viecchio ‘nnammurat’, forse perché Romeo si era molto raffreddato e non mi toccava più da mesi. Che ne so?

ROMEO   Solo dopo mesi capii che si trattava ‘e quella malafemmena ‘e Giulietta. “Perciò sta semprefore ‘o balcone!” pensavo io “Sicuramente s’ ‘a spassa coquacche bell’ommo.” E come potevo immagina’ che pure a Napoli era arrivata ‘sta notizia? M’ha mis’ ‘o scuorno ‘nfacciaquella fetente ‘e femmena. Figlia ‘e ‘no carabiniere?... Puh!

GIULIETTAJì saccio suloche mi piaceva quella vita ch’avev’ accummenzat’ a fa’. ‘Na cosa, però, non aggio capito: comm’ sfaccimm’ hanno saputo, fino a dintoNapul’, che io mettev’ ‘e corn’ a Romeo?

ROMEO        Ma possibile che io dovevo veni’ a sape’ che mia moglie mi faceva ‘e corne proprio quando so’ tornat’ a Napoli? È vero che, da un po’, avevo le idee confuse, che avevo strani pensieri sulle donne...Io, che ero stato ‘nosciupafemmene e avevo avuto ‘e guaglione più belle ‘e tutta Forcella... embè, lo ammetto, a Giulietta la stavo proprio trascurando.

GIULIETTA        Voi capite? A Napoli tutti sapevano che io m’ ‘a ‘ntendevo co’ Paride. Nientemeno che, durante la partita Napoli - Verona, mi svergognarono co’ ‘nu striscione gruosso quant’ a tutto ‘o stadio San Paolo. ‘Nce stava scritto ‘ncoppa: “Giulietta è ‘na zoccola” e accussì mio marito, che stava là pe’ ‘a partita, venette a sape’ tutte cose.

ROMEO        Che scuorno! Pur’ ‘e tifosi napoletani sapevano ca jìtenev’ ‘e corne.

GIULIETTA     Ma vi rendete conto? Non si potevano fa’ ‘e fatti loro? Io mi pensavo ‘e abbusca’ ma, stranamente, non succedette niente. La cosa strana fu che Romeo tornò a casa con un’aria misteriosa. Sembrava depresso. Mah!

ROMEO     Sarà stata la depressione, la malinconia o chi sa che, io, che ero stato un gran femmenajuolo, non so come dirvelo, io...non provavo più niente per Giulietta, non me ne ‘mportava manco che teneva ‘n ato e nemmeno pensare a Rosalina, mi faceva più né caldo né freddo.

GIULIETTA    Chi sa quann’ ‘o vene a sape’ Padre Lorenzo. Che scuorno! Mamma mia!

ROMEO       Ragionavo ‘ncap’ a me: «Chi sa quilloruffianone ‘e padre Lorenzo mo’ che viene a sape’ tutte ‘ste novità...secondo me ci scomunica a vita.»

L’unica decisione chesapiett’ piglia’ fu ‘e allontana’ a Paride da mia moglie.

GIULIETTA     Ancora più strano è che a Paride, da allora, non l’ho più visto in circolazione e questo fatto m’ incominciava a impensieri’. Chi sa che l’era succiés’.

ROMEO    Volete sapere perché feci questo?...Mamma mia, mi metto scuorno d’ ‘o dicere...insomma, guagliu’, io ero diventato assai geloso ‘e Giulietta. E sì, perché Paride...che volete, ...accummenzava a me piace’ pur’ a me. 

UNA PROMESSA MANCATA

RENZY       Mi chiamo Lorenzo o, come dicevan tutti, Renzy. Da quando mi hanno affibbiato questo nomignolo, non trovo più pace, sempre in giro per il mondo sull’aereo di Stato. E in Russia, e in America e in Cina, e in Corea... Dove vado vado, mi schiaffano unleggìodavanti e mi fanno solo parla’. Ormai questo è il mio ruolo istituzionale, altro che filanda!...

LUCIA        Mi chiamo Lucia o, come dicevan tutti, ‘a ‘nnammurat’ ‘e Renzy.

RENZY     Qualche figura di merda l’ho fatta, perché le lingue non sono proprio il mio forte. Con l’inglese vai vai, ma co’ ‘o cinese, non velo dico proprio che aggio combinato!

LUCIA     A furia di andare in giro per il mondo, quilloscemo s’è montat’ ‘a cap’ e ha cominciato ad avere strane tendenze. Sapesse almeno parla’ ‘e lingue. L’unica lingua che conosce è quella ‘e vacca, fatta in umido co’ ‘e pummarole.

RENZY     Per anni la mia storia è stata lineare. Era previsto, secondo le anticipazioni dell’amico Alessandro Manzoni e stando ai programmi scolastici, che m’aveva sposa’ a Lucia ma, da quando hanno fatto la riforma che si chiama “La buona scuola” (buona solo di nome, perché, secondo me, è proprio ‘na schifezza) io ho cambiato strada. Che volete fa’, deviazioni che capitano a una certa età.

LUCIA      Un amico nostro, un certo Alex Manzoni, s’era fatto tutto ‘no romanzo pe’ capo. Aveva immaginato che, dopo tante traversie, io e Renzy dovevamo diventare marito e moglie. Certo, dalla “legge Casati” alla “Scuola di base” le cose andavano ancora per il verso giusto e, alla fine del romanzo, coronavamo il nostro sogno d’amore con la benedizione ‘e quillo vigliaccone di don Abbondio ma, da quando hanno istituito “La buona scuola” ...

RENZY     In conclusione, mi so’ sposato Agnese, invece ‘e mi sposa’ a Lucia.

LUCIA     Con quella legge, so’ cambiatii programmi e non s’è capito più niente. Così, Renzy s’è sposato quella vecchiarda ‘e mia madre Agnese e io, pe’ dispetto, mi so’ messa con don Rodrigo, dopo che aveva pure rischiato di morire appestato, quando il Griso, davanti a lui, s’era levatole scarpe che pareva ‘e sta dint’ a ‘nu stabilimento perla fabbricazione d’ ‘o pecorino.

RENZY     Lucia, invece, ha ceduto alle avances di Don Rodrigo, dopo che ‘sto bell’ommo ha rischiato di morire appestato per la puzza del Griso.

LUCIA    Per fortuna, il Nibbio gli ha fatto subito annusare Chanel n. 5 e don Rodrigo, pensando che teneva davanti una delle sue tante amanti, subito si è ripigliato e ha cominciato a fa’ ‘o smargiasso n’ata vota. Io mi sonomessa co’ isso perché mi diverto di più, co’ tutti quei “bravi” amici che ci circondano...e Renzy s’è dovuto accontenta’ ‘e quella vecchia arrepecchiata ‘e mammà, che non sa manco cucina’ ‘na pastina in brodo.

RENZY     Certo, sposare quella che doveva essere mia suocera può sembrareuna cosa assai strana ma io ero convinto che gallina vecchia fa buon brodo...Non avevo fattoi conti che Agnese manco ‘nu brodino vegetale sape fa’. Solo a letto ci possiamo divertire un po’...perché, prima ‘e se ne jì a dormi’, racconta certe storielle che mi fa abboffa’ ‘e risate!

LUCIA      Fosse almeno bella mia madre! Quella, pe’ pare’più giovane, s’è voluta fa’ ‘o botulino e mo’ mi pare ‘a maschera funeraria ‘e Tutankhamon. Che era ‘na mummia, si sapeva già, ma mo’... non si può proprio guarda’. Solo ‘na cosa non capisco, quando, ‘a notte, sento ‘e ridere a lei e a Renzy...ma che tengono ‘a sidiverti’?

RENZY   Chi sa che pensa Lucia quando ci sente che, invece di andarci a coricare, ridiamo come a duje sciemi. Quella dorme con don Rodrigo nella stanza a fianco alla nostra e, sicuramente, sente tutto quello che diciamo, nonostante che don Rodrigo, testimoni le mie orecchie, russa che mi pare ‘no trattore.

LUCIA      Volesse senti’tutto quello che si raccontano ma don Rodrigo, benedico, russa che mi pare ‘na motosega a benzina e io non arrivo a capi’ mai niente.

RENZY      Ieri sera, Agnese m’ha fatto mori’ quando s’è ricordata dei tempi della scuola. M’ha raccontato che, mentre la sua maestra, grattandosi la testa, si chiedeva:“Carneade, chi era costui?”, un suo compagno della quinta elementare si era alzato in piedi e aveva risposto: «Era un pugile che faceva a cazzotti co’ ‘a buonanima d’ ‘o bisnonno mio. Non lo conoscete? Era famosissimo: Primo Carneade!» e così un altro alunno aveva replicato prontamente: «Primo Carneade, e ‘o secondo chi è stato?»

LA VERA STORIA DI CENERENTOLA

ANNARELLA    Mi chiamo Annarella, ma le amiche più intime mi chiamano “Piumino”, (per la polvere è sottinteso) le più maligne Cenerentola.

GENNARINO    Guagliu’, voi non potete capire che significa tenere ‘na mogliera conla mania delle pulizie.

ANNARELLA   E sì, lo ammetto, tengo la mania delle pulizie. Cominciola mattina, appena alzata, quando vado a ispezionarele ‘recchie di mio figlio Tonino che, se non fosse per me, potrebbe piantare un orto, tanto da’ zuzzimma che li trase dentro ‘a quelle parabole.

GENNARINO    Tutte le mattine tormenta a quillopovero criaturo ‘e mio figlio.

ANNARELLA     Da quando va ‘a scuola a quando va a juca’ a pallone, ‘a terra li va dint’ ‘e scarpe e perfino tra i capelli. Co’ tutt’ ‘o terreno che mi porta a casa, aggio fatto ‘na piantagione ‘e petrusinoadderet’ ‘o giardino.

GENNARINO     Ma secondo voi, è normale che, appena alzata, invece di andare a preparare un bel caffè per me e ‘a colazione pe’ ‘o figlio, quella pensa a ispeziona’ ‘e recchie ‘e Tonino e addajì a odora’le camice che mi so’ messo ‘o juorno prima?

ANNARELLA    Mio marito Gennarino? Aeh! Se non fosse per me, andrebbe in giro co’ ‘a stessa camicia pe’ chi sa quanti mesi, quando basta ‘na jurnata che ‘a tiene ‘ncuollo e ci puoi fare un infuso che mi pare the nero, solo più puzzolente.

GENNARINO     Mi accusa continuamente che le porto solo schifezze dint’ ‘a casa.

ANNARELLA     Non so come fa a si porta’ appresso tante schifezze che se le trascina pure dint’ ‘o lietto. La mattina, quando scotoleo‘e lenzole, ci trovo in mezzo fili d’erba, semi, mozziconi ‘e sigaretta e finanche molliche ‘e pane che l’auciell’ si fanno Pasqua e pure Natale. Pensate che, una volta, ho visto due piccioni che, tanto da ‘a contentezza, ballavano ‘a tarantella sott’ a finestra ‘e casa mia. Devono campa’ pure loro, che volete fa’.

GENNARINO    Ma secondo voi, è possibile che mi devo cambiare una camicia al giorno? Sul’ ‘e acqua che si consuma! Poi, Annarella deve scotolare le lenzoleda sopra ‘a fenesta, perché dice che io mi porto il mangiare pure a letto, che le lascio tutte ‘e molliche. Ma se quill’, ‘e piccioni, si so’ lamentati con me che non acchiappano mai niente!

ANNARELLA      Quando Tonino e Gennarino mi lasciano finalmente sola, comincio a struscia’ ‘o pavimento che deve diventa’ lucido come ‘a coccia ‘e Montalbano. Poi, pulisco le piastrelle del bagno conlo spazzolino da denti. ‘Na vota, pe’ sbaglio, pigliai ‘o spazzolino di mio marito e passai tutte le fughe che uscironocosì pulite che parevano nuove.

GENNARINO     ‘Na vota mi lavaii denti e sentivo ‘no sapore accussì curiuso. Dissi a mia moglie: «Annare’, ma ‘sto dentifricio sa di candeggina. Mo’, pe’ sparagna’, accatti ‘ste schifezze?»

ANNARELLA     Devo ammettere che, ogni tanto, mi sbaglio e qualche guaio lo combino, come quella volta che andai in un negozio di elettronica e accattai ‘n aspirapolvere di nuova generazione, sapete, quelli che vanno camminando da soli per tutta la casa.

GENNARINO     Per pulire di più e meglio, mi ha chiesto i soldi pe’ quillo‘spirapovereche va camminanno isso sulo pe’ tutta ‘a casa.

ANNARELLA      Embè, non ‘nce sonai ‘a scopa ‘ncoppa, pensando che era ‘o cane che era juto a s’ annaccova’ sott’ ‘o lietto? L’aspirapolvere elettronico si ridussein mille pezzi e così fui costretta a buttare tutto, ma di nascosto, se no mio marito la scopa me la spezzava in testa a me... co’ tutt’ ‘e soldi che avevo speso pe’ quillo strumento.

GENNARINO     L’ aggio visto ‘e circola’ pe’ ‘nu par’ ‘e mesi dentro ‘e camere, po’ non l’aggio visto più. Chi sa addo’ s’è jut’ ‘a ‘nnaccova’?

ANNARELLA     Per continuare a pulire, ho dovuto utilizzare un’altra volta lo swiffèr, che sarebbe quella pezza usa e getta che pare fatta ‘e zucchero filato colorato co’ sudore de’ puffi.

GENNARINO      E po’, io non capisco, co’ tutt’ ‘e soldi ch’avimmo speso, Annarella ha dovuto caccia’ n’ata vota quella mappina tutta ammosciata che s’attacca a ‘na specie ‘e pettinessa e mi pare colorata co’ ‘a pipì dei puffi.

ANNARELLA     Che devo fare, le pulizie le devo fare per forza. L’igiene è la prima cosa. Quando lavo i piatti, per esempio, insieme al detersivo, uso pure limone e aceto. Gennarino mi dice: «Ma che ‘a fa’ ‘a ‘nzalata?

GENNARINO     Certe volte a mia moglie non la capisco proprio. Niente meno si va a ‘ccatta’ ‘o detersivo liquido e po’ che fa? Spreme duje limoni dint’ all’acqua d’ ‘e piatti e ci mischia pure ‘nu bicchiere ‘e aceto? Ma ch’adda fa, ‘a ‘nzalata?

ANNARELLA     E se sapesse che uso sale e bicarbonato pe’ struscia’ ‘o WC, chi sa addò mi manda!

GENNARINO      Po’, sta doje ore pe’ annetta’ ‘o water. ‘Lo fa splendere che non so che ci mette per farlo uscire così pulito. E sì, va buo’ ma non esageriamo! Io, certe volte, per dispetto, vado a struscia’ ‘e mani sporche ‘ncopp’ asciugamani pulite, giusto pe ‘a fa’ inquieta’!

ANNARELLA     Intanto, mentre io mi uccido a lava’, i due maschi di famiglia mi combinano ‘a casa che non si conosce più. Quello che mi fa imbestialire più di tutto, però, è che Gennarino e il suo degno figlio, dint’ a duje secondi, arrevotano ‘a casa solo passando da ‘na stanza all’ata: ‘a giacca vottata ‘ncopp’ ‘o divano, ‘o zaino d’ ‘a scola scaraventato ‘ncopp’ ‘o lietto, quelle mani fetenti che, invece ‘e se ‘e lava’, l’annettano direttamente ‘ncoppal’asciugamano che, da bianca, diventa marrò...

GENNARINO   Certo, se non fosse per mia moglie, chi sa ‘a zuzzimmaaddo’ arrivasse. Però, alle volte, mi sento esasperato da quella manìa. È troppo esagerata! Dint’ a qualche moment’ ‘e pacciaria, sapete che faccio? Le ‘ncoperchio ‘ncapo ‘o bidone d’ ‘a mmunnezza!

ANNARELLAQualche mattina ‘e questa, se mi viene ‘a pacciaria, sapete che faccio? Acchiapp’ a tutt’ e duje e ‘e votto direttamente dint’ ‘a differenziata.

MAMME FAMOSE

MAMMA DI DONALD TRUMP    Ma come è possibile che l’impiegato dell’ufficio anagrafe va a sbaglia’ il cognome di mio figlio Donald?

MAMMA DI KIM JONG UN   Come sbagliare?!

MAMMA DI DONALD TRUMP   Ha scritto Trump, mentre il vero cognome è Cramp. Mio marito si chiama Fred Cramp... Fred perché è freddo come l’acciaio (purtroppo non è altrettanto resistente), e Cramp... perché tiene sempre il torcicollo, tale e quale a mio figlio che sembra mummificato.

MAMMA DI KIM JONG UN   Avete ragione, signo’, quello sembra imbalsamato... e pure ‘nu poco cazzimmuso...

MAMMA DI DONALD TRUMP‘O puveriello sembra un fetente ma è solo colpa di questi crampi.

MAMMA DI KIM JONG UN   Mo’ si spiega tutto. Ma perché l’avete chiamato come la catena dei fast food?

MAMMA DI DONALD TRUMP   Non me ne parlate, signora Jong! Al padre gli piaceva quella schifezza di panino con le carote e la sottiletta. Perciò, quando abbiamo avuto mio figlio, i capelli hanno preso quel colore così strano.

MAMMA DI KIM JONG UN   Ecco com’è successo!

MAMMA DI DONALD TRUMPCerto che pure vostro figlio... sta proprio ‘nguaiato!

MAMMA DI KIM JONG UN   No, no!Dicono che mio figlio Kim è pericoloso solo perché scherza, ogni tanto, con qualche tric trac, qualche scoppariello...Intanto è il Mc Donald che ha fatto più vittime della bomba atomica! Signora Trump... anzi Cramp... (tra sé) ma che razz’ ‘e nome, non ci posso pensa’!

MAMMA DI DONALD TRUMP    Il mio nome èElizabeth Christ... coniugata Cramp... Ma chiamatemi solo Christ perché, è la verità, io sono solo... ‘na povera Christ.

MAMMA DI KIM JONG UN    E che dovrei dire io che, rimasta vedova, mi sono trovata a dover gestire questo figlio che... non lo so... è così strano! Tiene la mania delle bombe. Da piccolo, a Natale, non si accontentava degli scopparielli... No! Lui andava trovando la “cipolla”. Una volta, per giocare con queste “bottarelle”, ha fatto saltare in aria tutto il condominio.

MAMMA DI DONALD TRUMP    Adesso capisco perché avete dovuto cambiare casa ogni inizio anno!

MAMMA DI KIM JONG UN    Cambiare casa?! Noi abbiamo dovuto cambiare nazione, ché volevan’ accide’ a isso e pure a me che l’avevo fatto nascere.

MAMMA DI DONALD TRUMP   Scusate, toglietemi una curiosità, ma voi perché, a vostro figlio, l’avete chiamatoKim Jong Un?

MAMMA DI KIM JONG UN    E adesso vi spiego: Kim è il diminutivo di Kim’... ha fatto fa?! Dopo l’esplosione mi sono pentita assai di averlo messo al mondo. Credetemi, se tornassi indietro non lo farei più nascere. L’affogasse direttamente dentro il liquido amniotico.

MAMMA DI DONALD TRUMP   E gli altri nomi?

MAMMA DI KIM JONG UN    Il secondo nome, Jong, gliel’ho messo così, perché fa rima con ping pong, che è il mio sport preferito, e Un perché ne basta un’ com’ a isso. Immaginate voi con due figli così che cosa poteva succedere!

MAMMA DI DONALD TRUMP    Avete ragione, povera signora! Io, invece, devo dire la verità, non mi posso lamentare. A parte i capelli...

MAMMA DI KIM JONG UN    Che ne parlamm’ a fa...

MAMMA DI DONALD TRUMP Quello Donald fa ‘nu poco ‘o guappiciello ma, po’, è buono ‘e core. Per i capelli...

MAMMA DI KIM JONG UNAvete ragione: i capelli sembrano tinti col puré di carote...ma che devo dire io, che mio figlio tiene i capelli a forma ‘e scupillo pe’ ‘o cesso!

MAMMA DI DONALD TRUMP   Ma no! Che dite! Quelli si portano i capelli così. Che dovrebbe dire, allora, quella poverella d’ ‘a mamma ‘e Hamšík?

MAMMA DI KIM JONG UN   Forse avete ragione. Il problema, comunque, non sono i capelli sulla testa, ma quello che sta sotto a quei capelli, insomma, quello che mio figlio tiene dentro al cervello.

MAMMA DI DONALD TRUMP    Sterco...

MAMMA DI KIM JONG UN      Come vi permettete?! Cosa volete insinuare?

MAMMA DI DONALD TRUMP    Che avete capito?Volevo solo dire che... cerco... cerco di capire che cosa può avere vostro figlio all’interno del cervello... (tra sé)cervello mo’, dentro quella capa a bomba... appunto!

MAMMA DI KIM JONG UN    E che cosa può avere? Quello è come un bambino, povero amore mio! Ogni tanto deve giocare. Così, tanto per divertirsi un po’, ha fatto sbranare lo zio da 120 cani affamati. Dovevano campare pure loro quelle povere bestie! E poi, diciamolo, mio fratello ‘no poco fetente era...

MAMMA DI DONALD TRUMP    Non scherziamo!(tra sé)Più fetente d’ ‘o figlio ‘e ‘sta femmina non ce ne stanno.

MAMMA DI KIM JONG UN    Insomma, fetente o avanzo di galera, mio fratello se l’è meritata la fine che ha fatto per mano di Kim.

MAMMA DI DONALD TRUMP (tra sé) Questa lo giustifica pure! (rivolta alla donna) Come no!

MAMMA DI KIM JONG UN       Un giorno, per la noia, ha anche giustiziato il suo ministro della difesa. Per forza! Si era addormentato durante un evento militare! E che caspita! Di notte si deve dormire, non durante gli eventi militari. Mio figlio ha avuto proprio ragione!

MAMMA DI DONALD TRUMP    Non è che lo avete viziato troppo, ‘sto... criaturo?

MAMMA DI KIM JONG UN       Viziato?! Ma quando mai! Io l’ho cresciuto bene: educato, ben nutrito...

MAMMA DI DONALD TRUMP     Ben nutrito, lo vedo.(tra sé)Quello mi pare ‘no porcelluzzo... benedico!

MAMMA DI KIM JONG UN       Eh, l’ho alimentato con olio di sesamo...

MAMMA DI DONALD TRUMP    Quello che usava Alì Babà per aprire le porte?

MAMMA DI KIM JONG UN       Ma quando mai! Io i babà non li do a mio figlio, perché gli fanno male al fegato!

MAMMA DI DONALD TRUMP    E allora che gli date, che s’è fatto quant’ a ’no viccio?

MAMMA DI KIM JONG UN       Aglio, zenzero, coriandoli...

MAMMA DI DONALD TRUMP(tra sé)Perciò pare ‘no carnevale!

MAMMA DI KIM JONG UN   ... i coriandoli di peperoncino, carne di cane...

MAMMA DI DONALD TRUMP    Uh, mamma mia! Si mangia pure i cani?

MAMMA DI KIM JONG UN   Certamente! Quella la carne di cane fa bene, è sostanziosa...

MAMMA DI DONALD TRUMP(tra sé)Secondo me, so’ i cani che s’avessero mangia’ a isso... ma lasciamo perdere!

MAMMA DI KIM JONG UN   Ogni tanto, gli do anche i bachi da seta. Sono una schifezza, sia per l’odore che per il sapore, però contengono vitamine e fanno venire la pelle liscia...

MAMMA DI DONALD TRUMP   Come la seta...

MAMMA DI KIM JONG UN    Appunto!

MAMMA DI DONALD TRUMP   Ma non sarà pe’ mezzo ‘e ‘sti schifezze che vostro figlio ha preso questa mania delle esplosioni?

MAMMA DI KIM JONG UNSecondo me, fanno più male i panini con le carote e le sottilette! Chi sa con che cosa li fanno quei quadrati molli che sembrano le piastrelle del bagno. Noi, in Corea, preferiamo il petto di pollo con la soia e il curry.

MAMMA DI DONALD TRUMP   Curri? E addo’ curri?

MAMMA DI KIM JONG UN‘A casa! Sentite a me: questi figli nostri è meglio che li chiudiamo dentro, così non fanno danni.

MAMMA DI DONALD TRUMP   Signo’, avete proprio ragione. Da oggi, anche io cucino il pollo con la sogliola e po’... curri ‘a casa che, secondo me, è per la diarrea. Co’ tutte ‘ste schifezze coreane!

TRISTE TANGO

Una finestra illuminata, il buio intorno.Un uomo e una donna avvinti in un abbraccio vibrante di passione, incendio che precipita nella brina ghiacciata della gelosia.La mia gelosia.La luce di un abat-jour che disegna due sagome fuse in un amore appassionato, il buco nero della mia solitudine. Nero nel cuore, nero negli occhi che cercano, intorno, qualcosa da afferrare per non precipitare nel gorgo dell’abbandono.Un gatto mostra, rannicchiato sopra il tetto, la sua tonda sagoma che appena si distingue contro il cielo offuscato dalle tenebre.Rumori ovattati si perdono lontano. Un lieve vento muove piano le foglie secche ancora appese all’albero morto che ha messo radici nel mio cuore.Mio padre, la sua figura lontana, quasi dimenticata, sembra dipingersi di tinte tenebrose nel faro spento della notte.Buio dentro, buio fuori di me. Sono sola e rimarrò sola.Non accetto compromessi.Non riceverò mai abbracci illuminati da un abat-jour in cambio di parole sussurrate, non ascolterò mai musica struggente che accompagni passi di danza scivolati sul marmo lucido.Un vecchio tango urla nel mio cuore arido di affetto.Nessuno colmerà mai il vuoto che ho dentro.La musica mi sfiora ma non riesce a penetrare dentro di me, dentro la prigione in cui ho rinchiuso la mia anima.Mio padre non mi amava e nessun uomo potrà mai amarmi.Guardo la finestra, unica luce in quell’inchiostro di china che dipinge il resto del mondo.Una donna ha aperto il suo cuore a quell’uomo di cui non distinguo le sembianze. C’è luce. Solo lì c’è luce.Vorrei essere io ad appagarmi di quell’abbraccio che fonde due corpi, due anime. Resto da sola, il cuore gettato in fondo al pozzo, le chiavi della mia anima saldamente allacciate a quel cuore.

VENT’ANNI… LETTERA A UNA NONNA

Sono qui, vent’anni e un senso di confusione quando penso a quale vita mi attenda, acquattata dietro ogni angolo del mio futuro. Domande tantissime, tutte senza risposta.Ero così abituata a te, che offrivi semplici soluzioni condite d’amore, quando tutto acquistava un senso, come in una favola senza tempo.

Appartenevi a un’altra dimensione, fatta di lavoro, di sacrificio, di esperienza.Giorno dopo giorno, mi donavi qualcosa e io mi arricchivo senza impoverirti.I miei occhi, pieni di perché, affondavano nei tuoi, ricchi di certezze già collaudate dalla tua dura vita… ed emergevo, dai tuoi sguardi, con la vista rischiarata.Attraversavo lunghi corridoi, bui dei silenzi di mia madre e tu mi spalancavi porte trasparenti, su stanze piene di luce.Amore, tanto amore fluiva tra noi, così distanti per età, così vicine dentro.Non ricordo più la tua voce, che tante volte ha accarezzato le mie ferite, ha tentato di guarirle, ha sfiorato dolcemente le corde del mio cuore in affanno. Ricordo solo le tue mani, mani di una donna d’altri tempi, mamma due volte per me che cercavo tenerezza annaspando nel vuoto. Mi accompagnava… la tua voce. Il tuo silenzio, pieno di sorrisi, mi guidava.Se i miei passi non si sono smarriti, lungo la strada della mia giovane esistenza, lo devo a te che hai illuminato la mia infanzia.Perché ricordo soltanto le tue mani? Non lo so ma, per un attimo, lascia ancora che te le accarezzi, passale tra i miei capelli, rasserenami, come facevi tante volte.Ritorna, almeno nei miei sogni, a darmi quelle risposte che sono rimaste appese al filo che il Cielo ha spezzato per intrappolarti a sé.Quale sarà il ragazzo ideale? Che cosa si prova ad essere sposati? Ne vale davvero la pena? Sarò in grado di essere una buona madre?Chiudo gli occhi, entrando nel profondo del mio cuore, e ti vedo. Sei là, dolce come sempre.Le risposte che cercavo le trovo proprio lì, in quel punto nascosto, dove il tuo DNA incontra il mio e non sento più il bisogno della tua presenza fisica, perché ti porto dentro. Sei il gigante buono che mi protegge.Le risposte? Quelle arrivano da sole e sei sempre tu che continui, dal passato, a proiettarle nella mia coscienza.Comunque, mi manchi, nonna! Se tu sapessi quanto, apriresti le tue mani per accogliere tutto l’amore che avrei ancora da darti, l’amore che mi ha marchiato a fuoco quando, per i miei diciotto anni, mi hai detto: “Ora sei una donna”.

DONNA

Le peggiori nemiche delle donne? Sono... le donne, a cominciare dalle mamme. E già! Ho avuto una famiglia, sì, certo! Una famiglia di otto persone.Ho avuto un marito, per modo di dire, e un figlio... ma sono sempre... stata... sola!Mio marito? Mi tradiva durante il viaggio di nozze... figuriamoci dopo!Nemmeno tre mesi di matrimonio e ha incontrato la donna della sua vita, che è stata la rovina della mia! Io, cretina, non avevo capito niente. Gli amici sapevano ma non parlavano. I miei suoceri sapevano ma non fiatavano!Dopo due anni di matrimonio, per modo di dire, ho avuto il mio unico figlio.Me lo ricordo ancora quando, dopo che avevo partorito, mio marito mi disse: “Sei ingrassata, mi fai schifo!” Certo, ingrassata per fare quel figlio che avevo voluto solo io. Lui no, non lo voleva: sarebbe stato un ostacolo alla sua intensa relazione... d’amore... per modo di dire.Dopo dieci anni passati con quella “brava ragazza”, ha deciso di mettere fine alla propria vita, quando ha scoperto che lei si era “fidanzata” con il suo migliore amico. Mio marito chiuso per sempre nella cappella di famiglia e lei, dopo sei mesi di “allegra vedovanza”, all’altare con il migliore amico del compagno, morto per colpa sua... povero fesso!E così è rimasta la stronza con cui prendersela. Io che, dopo tradimenti, mazzate, umiliazioni, figure di merda davanti agli amici, ai vicini di casa, ero quella che... “perché l’hai fatto andare via?” capro espiatorio di vigliacche giustificazioni.E mia madre, che ne parliamo a fare! Quando, un giorno, tornai a casa col sangue che mi usciva dal naso, un occhio che non vedeva, i vestiti strappati e la decisione di separarmi da quell’uomo violento, mi disse: “Tu, questo dispiacere non me lo dovevi dare! Ora, la gente che cosa dirà?”E che deve dire? Che ho sbagliato marito! Ho cercato tante volte di ricostruire la mia vita ma, si sa, dalle macerie non si ricostruisce niente! Ho cercato, (come si dice?) di rifarmi una vita, ma uomini non ce ne sono molti. Maschi? Quanti ne volete. “Sono solo tuo” e ha l’amante sposata, “Devo riflettere” e tiene moglie e figli a carico, “Sto qualche mese fuori, poi torno” ... e ha l’amante all’estero.Io con l’appellativo di mangiatrice di uomini e le “brave ragazze”, per modo di dire, a spassarsela con quelli che credevo amassero solo me. Io sul banco degli imputati, tutti col dito puntato addosso, e le “Santa Maria Goretti” di turno a godersela. I panni stesi ad asciugare erano tappeti volanti per i miei pensieri, in viaggio verso mondi dove l’amore è amore, non possesso, dove un uomo aspetta il tuo ritorno e tu aspetti il suo, dove una mamma ti porta per mano, alla ricerca di chi può amarti davvero, dove una mamma non ti scaraventa sul banco degli imputati in un tribunale dove, per tutti, la colpevole sei stata sempre e solo tu. E la Santa Inquisizione delle pie donne, tutte casa e chiesa... e amanti clandestini ben nascosti alla pubblica opinione. Sagrestie putride di fango che ognuno cercava di gettarmi in faccia... ma la mia faccia è rimasta pulita. Il fango è rimasto appiccicato addosso a voi, insieme ai giudizi scagliati dall’alto di pulpiti di boria, assenti di umanità. Donne di chiesa! Ave Maria... e “quella è una poco di buono”, Santa Maria... e“quella non si è saputa tenere un marito”, per mia colpa, per mia colpa... ed “è tutta colpa sua”. Il marito la picchia? Deve avere i suoi buoni motivi. Buoni motivi... ci sono forse “buoni” motivi per la violenza? Sapete, a questo punto, che cosa vi dico? Che non mi cambierei con nessuna delle persone che ho incontrato nel corso della mia miserabile vita. Sento di essere sempre e comunque migliore di tutti quelli che hanno fatto parte di questo teatrino, prendendo da me tutto quello che potevano. No, i miserabili sono loro, perché si sono privati della mia amicizia, del mio affetto, del mio amore... che ancora tanto ne avevo da dare. Ora sono qui! Sola, ma forte come una roccia. Sola, sì! Adesso è una scelta, perché non ho più bisogno di nessuno, non ho bisogno di micragnosa commiserazione, priva dell’unica cosa che rende una persona degna di vivere: l’umanità. Umanità che appartiene a me e mi dà forza. Sono un macigno, sono forte, sono una donna piena di compassione perché ho raccolto i dolori di quelle che mi somigliavano e non le ho giudicate. No, le ho sostenute ed esortate a volersi bene. A trovare questa forza, devo ammetterlo, mi avete aiutato voi e di questo vi devo ringraziare.Avete capito bene, ringraziare, perché combattendo contro la vostra miopia, la vostra imbecillità, la vostra mancanza di umanità, sono diventata quella che sono: una tigre, una donna che ha vissuto sempre e solo rendendo conto alla propria coscienza... e la mia coscienza mi ha regalato notti tranquille... nonostante tutto, nonostante voi. Sono una donna vera davanti a una marea di nullità! Mi basta questo... per continuare a vivere.

UNA VERA AMICA

UNA DONNA    Sto bene, sto bene. Non è niente. Ma che vuole la mia amica da me che mi fa tutte quelle domande? I lividi? E si sa, in casa, facendo pulizia, può succedere che vai a sbattere vicino a un tavolo, a un comodino, puoi scivolare per le scale...

IL MARITO(sadico. Ha lo sguardo fisso) Mia moglie? Quella è distratta. Si fa sempre male andando a sbattere mentre spolvera, mentre passa l’aspirapolvere...

UNA DONNA   Non è successo niente. Che doveva succedere? Mio marito? Quello non mi fa mancare niente. È tanto un bravo ragazzo. (Ha un attacco di panico) Mamma mia! Aspetta un poco, sto sudando tutta quanta, mi tremano le mani. Deve essere la fatica. È colpa mia, solo colpa mia, che per forza mi voglio alzare presto la mattina e poi, ‘o vi’, combino guai.

IL MARITO   Ecco qua, adesso si sente male un’altra volta. Non mi vuole mai stare a sentire. Glielo dico sempre che deve distrarsi, deve cercarsi un impegno.

UNA DONNA   Quando mi succede così, mi sento sfiduciata, mi blocco, non riesco più a fare niente, vado in depressione. Sono una cretina, lo so. Di che dovrei lamentarmi?  (Fa un profondo respiro) Va be’, adesso cerco di riprendermi. È soltanto questione di minuti, di minuti...

IL MARITO     Certe volte penso che lo fa apposta. Lo fa perché non ha voglia di fare niente. Quando succede così, trovo frigorifero e armadietto dei liquori svuotati. È come se non le bastasse mai niente... e poi, fuma, fuma... e non ha mai voglia di fare niente.

UNA DONNA   Come mi sono fatta questa bruciatura? Io me lo spiego così: fumo assai. Mio marito, che mi vuole bene, me lo dice sempre che devo smettere. Ogni tanto, per errore, mi va a finire la sigaretta sulla mano. Sono distratta, che vuoi fare. Così, per consolarmi del dolore, mangio qualcosa... poi vomito e, per farmi passare quel sapore schifoso... due gocce di vino me le faccio... qualche volta bevo un liquore, così, per cancellare quell’amaro che ho in bocca.

IL MARITO    La sua amica sta sempre tra i piedi. Ma che le deve dire, che cosa le deve chiedere? Mia moglie ha me, non ha bisogno di amiche.

UNA DONNA   La mia amica mi chiede certe cose! Chi la capisce? Mi parla di violenza. Ma quando mai! Cado spesso per le scale, che devo fare. Può succedere quando sei distratta... è colpa mia, solo colpa mia. (Si alza dalla sedia sulla quale era seduta come se avesse ricordato qualcosa all’improvviso)

IL MARITO    Dove vai?

UNA DONNA   Vado dalla mia amica, mi sono ricordata che è finito il latte.

IL MARITO    Non ti muovere da qui. Che devi fare con quella donna? Il latte lo vado a comprare io... il latte!

UNA DONNA   (Rassegnata)   Va bene, come vuoi tu.

(L’uomo esce e sua moglie telefona all’amica vicina di casa)

UNA DONNA    Pronto, sei tu? Ti devo parlare ma non per telefono. Fai una cosa: adesso che mio marito è uscito, vieni due minuti da me che devo assolutamente confidarti una cosa.

(La donna entra in casa dell’amica, che è visibilmente agitata.)

UNA DONNA    Meno male che sei venuta. Ho pochi minuti ma ti devo parlare.

L’AMICA   Che cosa è successo? Dimmi. Sembri in agitazione.

UNA DONNA    Ti ricordi quando mi hai chiesto se, per caso, subivo violenze?

L’AMICA   Sì, e allora? Tu mi hai dato sempre della visionaria.

UNA DONNA    Io non avevo il coraggio di dire la verità perché mi vergognavo, tanto.

L’AMICA   Ma tu credi che io non abbia capito? Aspettavo solo che prendessi coraggio e ti liberassi da tutte le paure. Sono qui, sono tua amica, non ti giudico, non ti condanno. Cara mia, non è colpa tua se il tuo uomo ti mette le mani addosso... perché è così, non è vero? Ti mette le mani addosso ed è da tanto che lo fa.

UNA DONNA  (scoppia in un pianto irrefrenabile)     Mi vergogno, mi vergogno tanto. Sono una cretina, una buona a nulla. Mi sembra di impazzire. Che devo fare?

L’AMICA   C’è un unico modo. Denunciare.

UNA DONNA    Denunciare? Portare in tribunale un marito?

L’AMICA   Denunciare... e portare in tribunale un uomo violento. Portare, in tribunale, una bestia feroce che ha distrutto il tuo corpo e la tua psiche. Il marito è una cosa diversa, credimi.

UNA DONNA    Secondo te, mi crederanno? Ho paura, ho tanta paura. E se mio marito viene a sapere che l’ho denunciato? E poi, la gente... che dirà la gente?

L’AMICA   La gente? Fino ad ora che cosa ha fatto “la gente”? Tutti, amica mia, tutti sapevano e facevano finta di niente. Hai visto qualcuno che sia venuto a darti una mano?

UNA DONNA    No, solo tu hai cercato di farlo!

L’AMICA   Sicuro, perché ho sentito il dovere di aiutarti. Ho trovato il coraggio di spingerti a liberarti di quel macigno che ti opprime da tanto tempo. Certo, non potevo insistere, per non crearti problemi ma sapevo, sapevo da sempre, che tu avresti trovato il coraggio di affidarti a me.

UNA DONNA    Sì, hai ragione ma adesso che devo fare?

L’AMICA   Scappare, rifugiarti da me e affidarti alla giustizia.

UNA DONNA    Quella divina?

L’AMICA   Anche... Coraggio!

UNA DONNA     Ho paura!

FANNY

Tutti mi chiamano Fanny ma il mio vero nome è Assunta.Faccio la vita... la “bella vita”, ma di bello, il mio lavoro, non ha proprio niente.Ho cinque figli, ognuno un padre diverso ma chi è il padre di ognuno non si sa! Gli uomini vanno e vengono, come bulloni da avvitare tutti i giorni, uno dopo l’altro, su una catena di montaggio. Alla fine, ti sembrano tutti uguali, tutti in cerca della stessa cosa, tutti che ti dicono le stesse parole. Qualcuno non parla proprio. Fa e basta, poi va via riempiendoti la borsetta e svuotandoti il cuore. L’anima? Quella mi è stata strappata tanto tempo fa. Non mi ricordo neanche di averla mai avuta un’anima.Vado per strada quando le brave ragazze tornano a casa. Vado, faccio... e torno a casa pure io. Pochi spiccioli, quelli che bastano per comprare un poco di mangiare per i miei figli e le calze nuove per me. Le calze devono essere intatte, almeno quelle. L’uomo ci tiene, si sa! Qualcosa d’inviolato lo devi avere...Torno sulla strada, quando le mamme di famiglia stanno mettendo a letto i figli, mentre i mariti, quasi tutti, stanno seduti a tavola a mangiare.Quelli che non si ritirano per cena vengono da me, per un poco di finta felicità, poi tornano a casa e si buttano sul letto ancora vestiti e le loro donne non li sentono nemmeno, stanche di vita.Pochi spiccioli e compro il latte ai miei figli e il vino per me. Bevo, ma non dimentico. Bevo, ma le miserie della vita, galleggiando sul vino, mi salgono alla gola.Faccio la prostituta ma non sono una puttana. Quando ho accompagnato una mia amica all’ospedale, mentre aspettavo lei, ho aiutato una ragazza a partorire. La mamma, invece di starle vicino, era andata a messa per pregare.Le infermiere? Erano corse tutte intorno alla figlia di un grande professore, sbavando come cagne in cerca di un osso. Intanto, quella povera crista stava lì, sola, a urlare per i dolori del suo primo figlio. Le asciugavo la fronte, le tenevo le mani, che graffiavano quelle lenzuola stracciate di ospedale, mentre un’altra vita stava per sbocciare in questo schifo di mondo. L’ho visto nascere quel bambino avido di vita. La mamma si è addormentata tra le mie braccia.Sono andata via ma lei mi ha ritrovato. Come abbia fatto, non lo so. Mi ha cercato e mi ha trovato e mi ha fatto conoscere suo figlio, che sentivo un po’ anche mio.Il marito non voleva che si facesse vedere con me ma lei no, lei mi voleva bene e provava per me un sentimento così raro... la riconoscenza. È stata la prima volta che ho sentito pronunciare il mio vero nome, è stata la prima volta che ho pianto. Sì, è stata la prima volta che qualcuno mi ha chiamato col mio... vero... nome: Mamma! 

UN’ADOLESCENTE

Non riesco a capire come sia avvenuto che tu, meno di una lenticchia in miniatura, ti sia impossessato di me.Ho capito che attecchivi nella parte più nascosta del mio corpo quando mi sono sentita strana e ho visto, all’improvviso, tutto bianco.Ricordo che ho dovuto sostenermi al muretto del giardino, per non cadere. Pattinavo, giocavo con le mie amiche, mentre tu ti facevi strada, piccolo lombrico, dentro la mia pancia piatta di adolescente. Com’è successo? E che ne so? Mia madre, troppo impegnata con un duro lavoro e la necessità di difendersi da mio padre, non ha avuto il tempo di spiegarmi che, con due litri di birra in corpo, se un ragazzo ti stende sul divano, qualcosa può succedere.Chi è tuo padre? E chi lo sa? La sera della festa c’erano tanti ragazzi e io ero troppo piena di alcool per capire con chi mi sdraiavo su quel maledetto divano. Padre!? Che parola grossa! Penso al mio e sento quanto vuoto lascia, ogni volta, nel mio cuore. Sempre acido, come le sigarette che fuma, una dopo l’altra, e il whisky che beve a fiumi, prima di mettere le mani addosso a mia madre e poi dimenticare tutto e dormire... fino alla prossima sbronza.Padre! Solo per questione di genetica. L’amore? Non so cosa sia.Mia madre? Per uscire a lavorare, mi lasciava chiusa in casa, con un labrador a farmi da bambinaia. Quando il cane è morto, sono rimasta completamente sola.E tu, ora, sei qui, che bussi per entrare, attraverso di me, in questo mondo fatto alla rovescia? Che vuoi da me? Chi ti ha cercato? Io non ti volevo... non ti voglio. Vattene!...E come ti caccio? Non so da dove tu sia entrato, chi ti abbia scaraventato dentro di me, quale porta aprire per spingerti fuori a pedate... come quelle che hanno dato a me, quando poi non avevo chiesto a nessuno di nascere. Ti odio. Sì, ti odio. Ti butterei nel cesso perché hai usurpato il mio ventre a tradimento... e perché non sono nata per fare la bambinaia. Io voglio fare sport, giocare, andare al mare e divertirmi... divertirmi... Ma quando mai, sballarmi con quelle stronzette delle mie amiche, mi ha fatto divertire? Io sto bene solo quando non sento più nulla, quando la musica assordante svanisce nel tunnel della mia incoscienza e io cado, stesa a terra, senza capire più niente.E adesso vieni tu, ti infili nelle mie viscere ancora infantili e pretendi che io ti trasporti gratis per nove mesi? Glielo dici tu a mia madre che dovrà diventare nonna? Glielo dici tu a mio padre che non potrà più ritirarsi ubriaco che, davanti a un nipote, non sta bene presentarsi sbronzo?La mia bambola aspetta da due anni di essere pettinata. Sta lì, con i capelli annodati e tu, che cosa vorresti, che io pettinassi te, tutti i giorni? No! Hai capito? No! Non puoi farmi questo... oppure sì.A pensarci, saresti l’unico essere al mondo ad appartenermi. Ora, perché, mentre sto desiderando con tutte le mie forze di cacciarti fuori da me, già sento di amarti? Che mi hai fatto, lurida lenticchia, sporco lombrico che navighi nel mio utero? Tu mi hai stregato. Non posso più fare a meno di te! No! Non farò a meno di te, perché solo a te posso dare tutto l’amore che ho nascosto nel più profondo della mia cattiveria... nata dalla paura che ho di questo mondo schifoso.Allora, muoviti, ti aspetto alle soglie del mio grembo...Nove mesi e c’incontreremo e sarai solo mio... anzi... mia. Perché lo so, sarai femmina, sarai una bambina, certo, e mentre ti amerò, imparerò ad amarmi di più. Ho già smesso di fumare... e di bere: adesso, mi fa schifo. Vedrai, cara la mia lenticchia, che con noi due insieme, il mondo sarà un po’ meno disgustoso. Sarai femmina, sì! Sarai la mia piccola donna.

LA MIA AMICA LILLY

ROSSELLA     Non avrei mai immaginato ciò di cui sarebbe stata capace Lilly. Sembrava così delicata.

LILLY     Rossella è una ragazza così piena di vita, solare... buona. Mi sento al sicuro con lei.

ROSSELLA     Ora so che ho fatto benissimo ad accogliere Lilly in casa mia, insieme ai suoi figli. Ho pensato che, in fondo, toglierla dalla strada non mi costava poi tanto e mi avrebbe fatto compagnia in questa città desolata.

LILLY     Rossella mi ha ospitata. Vivere all’avventura, quando hai tre figli da crescere, da nutrire, da proteggere, non è la massima aspirazione.

ROSSELLA      Quella dannata sera, ero uscita con gli amici. Tra loro, c’era un tipo che non avevo mai incontrato prima. Avevo bevuto e così abbiamo flirtato un po’. Quando stavo per andar via, lui mi ha chiesto di accompagnarmi. Gli ho risposto con un no bello convinto. Credevo di essere stata chiara.

LILLY     Quella sera, la mia amica era uscita così frettolosamente che aveva persino dimenticato di lasciare in casa qualcosa da mangiare.

ROSSELLA     Sono tornata a casa e, intorpidita dal sonno, non mi ero accorta che lui mi aveva seguita.

LILLY     Quando l’ho sentita rincasare, ho avuto uno strano presentimento. Fiutavo nell’aria qualcosa di anomalo. C’era un odore nuovo: il fetore inconfondibile della malvagità.

ROSSELLA    Non so come, era riuscito a penetrare in casa mia e a intrufolarsi nel mio letto. Gli ho detto nuovamente no, così lui ha cominciato a soffocarmi. Ho lottato ma era più forte di me. Mi sentivo isolata, provavo vergogna, paura, impotenza.

LILLY     Qualcosa di crudele stava accadendo.

ROSSELLA    Lui, con una mano viscida di sudore, mi stava strappando di dosso i vestiti mentre armeggiava per togliere i suoi. Cominciava, però, ad avere delle difficoltà perché io, seppure debole, cercavo di respingerlo con tutte le mie forze.

LILLY     Continuavo a sentire rumori che, in casa di Rossella, non avevo mai percepito.

ROSSELLAQuella canaglia mi dava la nausea.

LILLY     L’odore della perfidia attraversava le mie narici. Eh, cari miei, io ho un fiuto speciale per la crudeltà.

ROSSELLA     La sua lurida mano cercava ancora di soffocarmi. Sentivo che stavo per perdere i sensi ma una forza misteriosa, disperata mi consentì di divincolarmi quel tanto che bastò per scendere di corsa dal letto e guadagnare la porta del bagno.

LILLY     Continuavo a sentire strani rumori.

ROSSELLA     Non valutai subito che quella stanza potesse diventare una prigione ma avevo bisogno di rifugiarmi in un posto sicuro e fuggii lì, a piedi nudi, chiudendomi a chiave. Non avevo con me il cellulare e la finestra che dava nel cortile era troppo alta da saltare. Eravamo al quarto piano.

LILLY     Sentii Rossella entrare nel bagno. Mi ero nascosta dietro la tenda della doccia e non osavo uscire da lì. Avevo il cuore a mille ma preferii non dare segni della mia presenza.

ROSSELLA     Lui, intanto, cercava di sfondare la porta. Sentivo la sua voce isterica, alterata dall’alcool.

LILLY   Ero spaventata, le pupille erano dilatate. Quel rumore dei pugni sulla porta mi era insopportabile.

ROSSELLA   La mia mente vagava in cerca di una soluzione.

LILLY   Avevo l’impressione che Rossella rimanesse in silenzio per il terrore.

ROSSELLA    Ero seduta sul bordo della vasca e mi presi la testa tra le mani. Non avevo la più pallida idea di cosa mi aspettasse una volta entrato quel mostro.

LILLY   Cosa stava succedendo?

ROSSELLA   Che strana la mia mente: pur di non impazzire, pensava a tutto meno che al dramma che stavo vivendo.

LILLY   Percepivo il respiro affannoso di Rossella. Mi inquietava.

ROSSELLA   Pensai a Lilly. Considerai, con un tuffo al cuore, che avevo persino dimenticato di comprare qualcosa da mangiare. Avrei desiderato il suo calore di mamma mentre avevo la vista annebbiata dal terrore. Lilly! Non avrei dovuto lasciarti sola.

LILLY   Colpi tremendi continuavano a trafiggere le mie orecchie.

ROSSELLA   I pugni erano sempre più violenti e, così, il legno cedette alla forza bruta di quel mostro che cercava di raggiungermi. Ormai, il mio aguzzino era riuscito a sfondare la porta del bagno. Ero spacciata. Non avevo scampo, né armi per difendermi.

LILLY   Dal mio angolino nascosto osservavo la scena, mentre il mio istinto stava per suggerirmi una rapida soluzione. In quei momenti c’è poco da ragionare. Si deve agire e basta.

ROSSELLA   Quando lui entrò, vidi tutto buio ma feci di tutto per non svenire. Non avevo idea che Lilly fosse lì con me. Come potevo immaginare che si fosse nascosta nella doccia?

LILLY   Lo sconosciuto entrò. Avvertii l’odore ripugnante della sua pelle.

ROSSELLA   Avvertii il tanfo nauseante della malvagità. Ero condannata. Strinsi le braccia al petto in un ultimo tentativo di difesa.

LILLYLe mie orecchie erano tese, le pupille due fessure. Mi accovacciai, ma ero pronta a lanciarmi su quel miserabile. Mi sentivo una tigre.

ROSSELLA   Fu solo allora che mi avvidi di Lilly. La mia amica, ignorandomi del tutto, era protesa verso l’uomo che stava tentando di usarmi violenza.

LILLYNon potete immaginare con quanta soddisfazione balzai addosso a quella carogna affondandogli le unghie negli occhi vacui e mordendolo dappertutto. Mi soffermai, con gran piacere, sul collo, mentre le sue mani premevano sugli occhi sanguinanti e urla bestiali uscivano dalla sua gola.

ROSSELLALilly si protese in avanti, mentre rimaneva rannicchiata ma pronta a balzare sull'avversario. Fu un secondo: quel malvagio rimase accecato e pieno di morsi dappertutto.

LILLYEra solo un piccolo gesto di riconoscenza per chi mi aveva accolta in casa.

ROSSELLAChiamai la polizia e il 118. Gli infermieri e il medico soccorritore, mentre caricavano il farabutto per i primi soccorsi, guardavano me e Lilly con aria incredula. Sentii la voce di una poliziotta dire che ero stata fortunata, che poteva andare peggio e che mai si era trovata davanti una scena così singolare.

LILLYEro fiera di me. Avevo salvato la mia amica. I miei piccoli mi accolsero spaventati ma felici. Mi presi cura di loro come se nulla fosse accaduto. Eravamo di nuovo al sicuro.

ROSSELLAGuardai Lilly con tutto l’amore di cui ero capace. Grazie, amica mia! Ti prometto che non dimenticherò più la tua cena. Anzi, ti sei meritata un piatto appetitoso. Anche se è tardi, scenderò a comprarti qualcosa di ghiotto.

LILLY   Sapevo che Rossella non avrebbe più dimenticato che anch’io dovevo mangiare. Avvertii tutto il suo amore. Che dire? Credo proprio di averlo meritato.

ROSSELLAAlla testimonianza che dovrò rendere in commissariato penserò domani. Stanotte la dedico tutta alla mia eroina. Lilly no, lei non può testimoniare contro quel bastardo ma io sì che potrò farlo e, di sicuro, lo farò rinchiudere in galera, anche se è il manicomio il luogo più adatto per un tipo come quello.

LILLY    Ora andrò a dare una leccatina ai miei cucciolotti per pulir loro orecchie e pelo. Sono così belli, due tigrati e l’altro tutto grigio. Bene! Ora vi saluto. Ciao? No, miao!

L’HO DOVUTO FARE

ELISA    Lungo il sentiero della vita, l’ombra di un rovo spinoso ha oscurato il mio cammino. Io guardavo la luce intorno e, così, quel velo nero sfuggiva al mio sguardo sereno.

SOFIA    Lungo il sentiero della vita, ho attraversato mari in tempesta. Sentivo il fresco delle acque sul mio corpo e non mi accorgevo di quanto insidiose fossero le onde altissime, mentre mi trascinavano al largo.

ELISA    La serenità ha accompagnato i miei passi. I sassi che mi trafiggevano non provocavano in me nessun dolore, perché l’amore che avevo dentro era il più potente anestetico.

SOFIA    La serenità con cui donavo il mio amore non mi permetteva di scoprire quanti scossoni ricevevo andando in mare aperto, quante volte ho rischiato di annegare.

ELISA    Percorrendo la strada buia che attraversava i miei anni, non mi sono accorta di essere sempre più sola.

SOFIA    Navigando attraverso gli anni che passavano veloci e tormentati, non mi accorgevo che, al largo, non potevo trovare più nessuno che mi facesse compagnia.

ELISA    Vedevo allontanarsi gli amici, le persone care, i conoscenti e non capivo il perché.

SOFIA    Perché mi avevano abbandonato tutti, mentre diventavo un puntino infinitamente piccolo su una barca fatta di sogni disillusi?

ELISA    Non capivo perché mio padre mi guardasse con aria severa senza prendere mai la mia mano per trascinarmi fuori da quel sentiero. Perché non mi è venuto incontro per salvarmi?

SOFIA    Mia madre, con il sole che l’abbagliava, non ha mai trovato il coraggio di salire su una nave e venirmi a salvare. Non ne ha avuto la forza.

ELISA    Ecco, incominciavo a sentire il dolore dei graffi, le pietre aguzze sotto i miei piedi doloranti ma ero troppo lontana da tutti e non avevo una spalla su cui piangere.

SOFIA    Ho iniziato a sentire la nausea che il mare agitato mi provocava. Ma dov’ero con la testa se non mi sono accorta dello spazio enorme che avevo lasciato dietro di me?

ELISA    Come Pollicino, lasciavo tracce sapendo, però, di non essere in una fiaba. Disseminavo scie di sangue lungo il percorso. I rovi si infittivano, il sentiero era ormai sepolto dalle spine che mi trafiggevano il cuore e io... non riuscivo più a tornare indietro.

SOFIA    Ingoiavo acqua salata e lacrime e fiele, vomitando, poi, tra le onde. Dov’era la via del ritorno, la rotta che mi avrebbe riportato indietro? Non sapevo più orientarmi. Anche le stelle si erano nascoste, tra nuvole nere e pioggia.

ELISA    L’ho dovuto fare, cercate di capirmi. L’ho dovuto fare perché, altrimenti, il mio uomo mi avrebbe uccisa, a pugni, a schiaffi, a bastonate... o con la lama di un coltello acuminato, lui così feroce e possessivo. Io ero sua, come un oggetto, come l’orologio di marca che scandiva le spregevoli ore della sua vita.

SOFIA   Ho dovuto trovare una soluzione drastica, altrimenti le onde assassine mi avrebbero travolta, le onde di un amore malato che guardava a me come se fossi stata un oggetto dapossedere o da distruggere, come un orologio che non marciava più a passo di danza per scandire il tempo della vita che il mio uomo trascorreva a tormentarmi e a uccidermi dentro, giorno dopo giorno. 

ELISA    Il tempo del mio uomo era occupato solo da un odio feroce contro di me. Bastava un niente e i rovi mi entravano dentro attraverso le sevizie, i soprusi, la crudeltà che mi annientava. Non riuscivo ad uscire dal sentiero spinoso, non ero più capace di guardare in alto, verso il cielo.

SOFIA    Le sue ore erano ritmate dalla violenza inaudita con cui mi scaraventava tra le onde impetuose del suo odio. Come osavo io, una fragile donna, sfidarlo per difendermi? Non ero più capace di orientarmi con le stelle, anche adesso che, finita la pioggia, quei freddi astri lontani erano tornati a splendere nel cielo.

ELISA    È stato così che l’ho ucciso. È stato più facile di quanto credessi. Infilargli quel coltello tra le costole mi è sembrato così naturale. Sembrava di entrare in un panetto di burro. La potenza della rabbia e della disperazione hanno moltiplicato le mie forze.

SOFIA    È stato così che l’ho freddato. La pistola che avevo comprato per difendermi dai ladri colpiva, ora, il ladro della mia vita. Avrei mai recuperato la refurtiva? Per ora, tutto ciò che importava era sbarazzarmi del mio aguzzino.

ELISA    Finalmente, avevo distrutto quell’orologio che scandiva ore malate di crudeltà.

SOFIA    Finalmente, avevo sfasciato quell’orologio che batteva nel cuore perverso dell’uomo che aveva annientato la mia esistenza.

ELISA    Mi chiedo se qualcuno oserà condannare una donna morta dentro.

SOFIA    Mi chiedo se esista un giudice capace di punire una donna la cui anima è già morta.

L’ESTETICA DELLE DONNE

ANNA    Guardatemi bene, ho il senso dell’eleganza, il portamento da indossatrice, insomma, sono una donna di classe.

CONCETTA   Di classe? Ma perché, che scola fai?   (al pubblico) A quest’età, sturea ancora! Gesù Gesù! Deve essere proprio ‘na ciuccia.

ANNA      È meglio che non ti rispondo. Che cosa ne vuoi sapere tu della classe!

CONCETTA   Ma che cosa vuoi tu da me? Ti spalmi tutto quel cerume pe’ faccia, rossetto e rimmel come se piovesse e po’ mi volissisfruculia’?

ANNA     Se è per questo, di sera mi azzecco pure le ciglia finte che l’uocchiannapare’ chiù gruossi... devono risplendere, come fari nella notte.

CONCETTA   E quello perciò tuo marito non riesce a piglia’ suonno. Co’tutta questa luce!

ANNA    Guarda, invece, che energia! Io ci tengo alla salute. Vado pure in palestra e, dato che mi curo le unghie, non posso fare lavori domestici. Mio marito ‘Aitano si è rassegnato. Gli ho detto: «Ti piace di tenere una femmina tutta bella acconciata?... E allora muoviti a fa’ tu ‘e servizi che, a me, si sciupano le unghie.»

CONCETTA(al pubblico)  Quando si mette lo smalto, quell’odore mi ricorda quando ‘o pittore venett’ ‘a casa pe’ pitta’ e ringhiere. Credetemi, quel fieto si spanne pe’ tutt’ ‘o palazzo e a me mi viene da starnutire.

ANNA     è buono che starnutisci, (allusiva) accussì spurghi tutta quella fetenzia che tieni ‘ncuorpo.

CONCETTA   ‘A fetenzia io? Ma guardati tu, che tieni il corpo tutto spalmato di schifezze.

ANNA (noncurante)    Stamattina, sono stata dal parrucchiere per farmi fare lo “shatush”. Cinquantacinque euro, compreso lo shampoo.

CONCETTA     ‘A prossima vota, ti shato io ‘ncopp’ ‘e capilli, accussì sparagni.

ANNA      Certo, dopo che hai mangiato le bruschette all’aglio, ti sei fumata quelle sigarette puzzolenti e hai bevuto due o tre bicchieri di vino, basta ‘na shatata che non solo mi fai diventa’ bionda ossigenata ma mi fai pure ‘a permanente!

CONCETTA    Puzzerò pure ma è sempre meglio del profumo cinese che ti schiaffi ‘ncuollo tu. E che fieto, te’te’!

ANNA      Quando mi sveglio la mattina, faccio colazione con i corn flakes, che non ho capito bene cosa sono, però dice che fanno bene e io me li mangio con il latte di riso, perché, sapete, il latte di mucca mi fa abboffa ‘a panza.

CONCETTA   Povero marito! Chi sa che schifezze gli fa mangiare.

ANNA      Quando ‘Aitano mette il cornetto nel forno a me un poco di languidezza mi viene, ma poi penso che si formano i rotolini di grasso e allora desisto.

CONCETTA   I rotolini? I rotoloni! ‘O marito, a forza ‘e se mangia’ cornetti, mi pare che sta affonnato dint’ a ‘no canotto.

ANNA  Certo, gli uomini non ci tengono proprio all’aspetto esteriore! Solo Ciro Granella, il marito di Liliana, si cura come una femmina. Quando passa per le scale, si sente ‘no profumo... che ti pare ‘e sveni’ tanto che è forte. Spesso, lo incontro pure dall’estetista, dove vado a fare pedicure, manicure e ceretta.

CONCETTA   Il marito di Liliana, si fa pure lui la ceretta, e ‘o sienti che dà cert’allucchi! Pare che ‘o stanno scannanno.

ANNA    Infatti, esce dalla cabina estetica con le gambe aperte e l’uocchi che gli piangono come se avesse affettato ‘no chilo ‘e cipolle. Per darsi un tono, quando m’incontra, mi fa un sorriso ma, data la sofferenza, mi pare che tiene una paresi facciale. Per non metterlo in imbarazzo, rispondo anch’io con un sorriso, ... qualche volta capita che gli rido in faccia.

CONCETTA   Per fortuna, Ciro se la cava solo con ustioni di primo grado e lacrimazione di una settimana a causa dell’intenso bruciore.

ANNA    Eh, cara Concetta, l’estetica dovrebbe essere riservata solo alle donne.

CONCETTA   E già!

ANNA      Io, proprio perché sono una donna, ci tengo molto al mio charme. Non ho voluto nemmeno avere figli. I primi anni di matrimonio, mio marito mi tormentava che voleva un bebè. Ma potevo farmi venire le smagliature solo per dare un erede a lui? E chi me lo fa fare di passare il tempo a soffiare nasi, a preparare pappine, a cambiare pannolini! Il mio tempo preferisco passarlo a farmi bella, tanto, anche senza il mio contributo, ‘e fetienti, ‘ncoppa ‘a faccia d’ ‘a Terra, ce ne stanno già a sufficienza.

L’ULTIMO VECCHIO TANGO

Una finestra illuminata. Il buio intorno.La luce di un abat-jour proietta, attraverso i vetri, la sagoma di uno sconosciuto. Gli occhi cercano, intorno, qualcosa da afferrare per non precipitare nel gorgo di un’assenza.Un gatto mostra, rannicchiato sopra il tetto, la sua tonda sagoma che appena si distingue contro il cielo offuscato dalle tenebre. Rumori ovattati si perdono lontano. Un lieve vento muove piano le foglie appena germogliate sull’albero che ha messo radici nel mio cuore. La figura lontana di mio padre fa parte di un passato che non mi appartiene più. Nel buio mi sento sola enon vorrei.Non amo i compromessi ma il vuoto che ho dentro è più forte del mio orgoglio.Desidero abbracci illuminati da un abat-jour. Li baratterò con parole appena sussurrate.La musica accompagnerà i miei passi di danza, scivolati sul marmo lucido.Un vecchio tango urla nel mio cuore e risveglia qualcosa che credevo perduto.La melodia penetra dentro di me, dentro la prigione in cui ho rinchiuso la mia anima e mi porge la chiave per riaprire la cella in cui l’avevo confinata. Mio padre non mi amava ma che importa, ora ho qualcuno disposto ad amarmi.Guardo la finestra, unica luce in quell’inchiostro di china che dipinge il resto del mondo.Quell’uomo, di cui non distinguo le sembianze, aspetta me. C’è luce. Solo lì c’è luce.Mi dirigo verso quella sagoma misteriosa. È lì che potrò, finalmente, vivere quell’abbraccio tanto desiderato. Non sono più sola. Il cuore emerge dal fondo del pozzo, la mia anima, saldamente allacciata a quel cuore, ha sciolto la brina gelida di una stupida gelosia. È il mio amore... e sarà mio per tutto il tempo che vorrò. Finalmente saprò cosa vuol dire essere donna!

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno