La strana coppia

Stampa questo copione

SIGNORA PAOLUZZI CRISTINA

                           LA   STRANA   COPPIA

                                VERSIONE FEMMINILE

 

                                                     TRE ATTI

                                                             DI

                                                 NEIL SIMON

                          TRADUZIONE DI LUIGI LUNARI

                                 PERSONAGGI:         RENATA

                                                                   MICHI

                                                                   VERA

                                                                   SILVIA

                                                                   OLIVIA

                                                                   FIORENZA

                                                                   JESUS

                                                                   MANOLO

                               ATTO PRIMO

Una calda sera d’estate. L’appartamento di Olivia. E’ uno di quei grandi appartamenti da sei locali, costruiti una quarantina d’anni fa che ancora recano il segno di un glorioso passato: soffitti altissimi, mura spesse, ampi ripostigli. Siamo negli anni Ottanta. Ci troviamo nella stanza che funge da soggiorno e sala da pranzo. L’appartamento è alquanto in disordine. Confusione di libri sugli scaffali, giornali e riviste sui tavoli e sul pavimento, e qua e là posta ancora da aprire  e pacchi di biancheria lavata.

All’alzarsi del sipario quattro donne siedono al tavolo da pranzo trasformato in tavolo da gioco. Da un lato Renata e Silvia, una fumatrice arrabbiata; dall’altro lato Vera e Michi, poliziotta in divisa. Stanno giocando a Trivial Pursuit. Sul tavolo si trovano anche cose da bere e cose da mangiare; né le une né le altretroppo invitanti. Tocca a Michi che è in piedi.

 Michi                  (agitando il dado) – Su tesoro, sii gentile con la Michi! (getta il dado) 

                             Cinque! (Muove la propria pedina nel gioco)Uno … due…tre… quattro…

                             cinque. Scienza e natura.  (Siede Renata prende una carta  dalla scatola e la

                              guarda)

Renata                Oh , questa si che ti piacerà…”Quante volte all’anno fanno all’amore i

                         pinguini?”(Michi guarda la sua partner, Vera , con aria perplessa)

          Michi                              Tu non conosci nessun pinguino?… Non sei un po’ in confidenza?

          Vera                      Ma questo non c’entra niente con scienza e natura. Dovrebbe

                                       essere  pettegolezzo.

Michi                   Secondo me…. Sei volte.

Vera                     Perché soltanto sei?

Michi                   Ma li hai visti che brutti che sono?

Vera                   Vivono sugli icebergs: cos’altro vuoi che facciano tutto l’inverno

                                    (Alle avversarie)  Io dico venti volte.

         Renata                Una volta all’anno!

         Silvia                   Una volta sola! Gesù, ecco cos’ho sposato io: un pinguino!

         Renata                Dio se fa caldo qua dentro! Quand’è che si decide a sistemare

                                   L’aria condizionata?

         Silvia                   (porge il dado a Renata) Tocca a te.

         Renata                            Giuro che sto per svenire.

         Vera                      Ho sentito dire che sei stata da un dottore.

                                       E’ una cosa  seria, per caso?

         Renata                  No. Siamo usciti insieme un paio di volte. (getta il dado).       

                                    Quattro. (Conta con la propria pedina). Uno… due… tre …

                                    Quattro.  Oh, Dio del cielo! Sport!

          Silvia                  Prova  dall’altra parte. ( A Vera). Noi prendiamo scienze.

                                   (Renata sposta la pedina in senso opposto)

          Michi                  Due minuti ancora per il conteggio alla rovescia.

          Silvia                  (a Michi) Ti dispiace se la domanda la fa prima lei?

                                               ( A Vera) Dai, Vera.

          Vera                      (legge dalla carta) “ Che cosa rappresenta il simbolo C nella        

                                      formula della relatività di Einstein: E e MC al quadrato?

                                      (Silvia e Renata la guardano attonite a bocca aperta)

          Silvia                    Meglio gli sports.

          Vera                      Eh no, non si può cambiare dopo che si è sentita la domanda!

          Renata                  Ha tirato su lei e invece tocca a me. E io scelgo gli sport.

                                      (rimette la pedina dov’era prima)

          Michi                     (guardando l’orologio) Conteggio alla rovescia: un minuto e

                                      Trenta.

          Vera                      ( legge) Chi ha segnato il gol del momentaneo pareggio tra Inghil

                                      Terra e Germania nella prima semifinale alle Olimpiadi del

                                      1924?”

                                      (Silvia e Renata si guardano ancora attonite, con la

                                      bocca aperta)

          Silvia                    (a Renata) Che proviamo a indovinare la storia dell’Emmeci al

                                      Quadrato?

          Renata                  (a Vera) Mettici almeno sulla strada.

          Vera                      Sulla strada come?

          Renata                  Che cos’e pallacanestro o hockey?

          Vera                      E’ calcio.

          Michi                     Conteggio alla rovescia: sessanta secondi.

          Silvia                    Ma dove siamo a Cap Canaveral?

                                      (chiamando verso la cucina)

                                      Olivia, vieni qui, abbiamo bisogno di aiuto.

          Olivia                    (da fuori) Vengo, vengo.

          Vera                      Ci rinunci?

          Renata                  No aspetta un momento.

          Michi                     Comincio un po’ a preoccuparmi per Fiorenza.

                                      Non è mai arrivata in ritardo prima d’ora.

                                      Che sia ammalata. Davvero non riesco a star tranquilla.

          Vera                      Allora rinunci?

          Silvia                    Questo gioco non mi piace!

          Michi                     lo sai che una sera Fiorenza si è chiusa nella toilette in un grande

                                      Magazzino e c’è rimasta dentro tutta la notte? Ha scritto tutto il

                                      Suo testamento in mezzo rotolo di carta igienica…

                                      (guarda l’orologio) Tempo quasi finito!

          Silvia                    (chiamando) Olivia! Stanno scadendo i due minuti!

                                      (Entra Olivia dalla cucina, reggendo un vassoio con delle cibarie

                                      e delle bibite)

          Olivia                    Eccomi qua com’era la domanda?

          Vera                      “Chi ha segnato il gol del momentaneo pareggio…

          Olivia                    (d’un fiato) Karlheinz Wandermer, al 34^ del primo tempo,

                        Dopo che al 16^ aveva segnato Wilson su calcio piazzato, e lo stesso  

                          Wandeermer aveva fallito un rigore assegnato per atterramento di Bauer

                        in area, e prima che Ionson siglasse al 31^ del secondo tempo la rete della

                        vittoria inglese, il 4 giugno 1924 al Parco dei principi di Parigi.

Vera                 Imbattibile!

Silvia                         Certo che lo sport ti piace non è vero?

Olivia               Mi piacciono gli uomini muscolosi con le gambe nude, o il torso nudi, o i 

                         Calzoni attillati… Chi vuole pepsi decaffeinata, decarboidrata,

                        a- proteinica, monocalorica?…

Michi                Io.

Olivia               (le porta la lattina) Una lattina di prodotti medicinali chimici

                         medicinali per il sergente Michi

Michi                (prende la lattina) Ma è calda!

Renata             Perché son due settimane che ha il frigorifero rotto

Olivia               Chi vuol qualcosa da mangiare?

Michi                Che cosa c’è?

Olivia               (guardando i tramezzini neri e tramezzini bianchi.

Michi                Mi sembrano tutti uguali.

Olivia               Parlavo del contenuto: in quelli neri c’è  dell’affettato un po’

                         troppo vecchio, e in quelli bianchi del formaggio un po’ troppo fresco.

Michi                E quel verde che si vede?

Olivia               Dev’essere un po’ di muffa.

Michi                Non so proprio quale prendere.

Renata             Non vorrai mangiare roba che esce da quel frigorifero?

                        Ho visto del latte che sembrava solido, stava in piedi senza botti-

                        glia.

Olivia               Ma che cosa ti ha preso? Vuoi rubare il mestiere all’ufficio   di

                        Igiene?

                        Mangia Michi mangia.

Silvia                (a Renata) Da’ andiamo avanti. Tocca a te.

Renata             (a Olivia) Non doveva venirti una nuova donna di servizio, a par-

                        tire da lunedi.

Olivia               E’ venuta, ma non ho superato l’esame.

Renata             (agita la mano con il dado. Alle altre) E’ un pezzo grosso della                       televisione, e non ha una donna di servizio. (getta il dado)

                       Cinque. Uno…due…tre…quattro…cinque…Scienza e natura.

 Vera                         Oh, questa è facile… “che cosa chiude una rana quando ingoia il cibo?”(oppure: “quando deglutisce?”)

Silvia                (Urlando) Gli occhi!!!… La rana chiude gli occhi!

Michi                Giusto. Come facevi a saperlo?

Silvia                Perché una volta uscivo con un tizio che assomigliava a una rana

Michi                (A Renata) Tocca a te. Tira.

Renata                      Senti, Olivia : perché non mettiamo una regola. Una volta ogni 6 mesi butti via le patatine che hai in casa e ne compri di fresche.

Olivia               Va bene. Fino a settembre puoi mangiare queste.

Renata             Da Fiorenza se non altro la roba da mangiare è decente!

Olivia               Perché questa non è decente?

Renata             Questa non è neanche roba da mangiare.

Olivia                         E va bene, io mi sono stufata di essere sempre quella che sta zitta. Mi dovete sei dollari a cranio per il buffet. (Le altre reagiscono con derisione)

Silvia                Il buffet!? Pepsi cola dietetica e panini rimasti qui da Natale?

Renata             (Muove la propria pedina) Uno …due…tre… gli sport di nuovo!

Michi                         “Ai giochi olimpici del 1908 l’ostacolista Forrest Smithson gareggiò reggendo in mano una cosa a guisa di portafortuna. Di che cosa si trattava?”

                        (Renata e Silvia si voltano a guardare Olivia)

Olivia               Un paio di calzoncini di ricambio.

Vera                 E’ questa la tua risposta?

Silvia                Dillo un’altra volta, e giuro a Dio che ti prendo in parola.

Michi                Conteggio alla rovescia :sessanta secondi.

Olivia               Aveva in mano una bibbia.

Vera                 Risposta esatta.

Renata             Quella donna è incredibile.

Michi                (A Olivia) Ma come fai a sapere ‘ste cose! Delle olimpiadi del 1908!

Olivia                         Le so da Filippo. Filippo è l’uomo più fanatico di sport che io abbia mai conosciuto ... credo che mai avremmo divorziato se io fossi stata una cavalla e avessi vinto un derby…  (Lo sguardo le si fa assente, nel pensiero di Filippo)

Silvia                         Non fare quegli occhi da pesce stracco! Pensa che in fondo il tuo Filippo ti ha mangiato fuori tutti i tuoi risparmi giocando ai cavalli!

Renata             Due. Scienza e natura.

Vera                 (Leggendo) “Qual è il muscolo più forte dell’uomo?”

Silvia                Prima  o dopo?

Michi                Ma tu è vero che dai ancora dei soldi a Filippo?

Olivia               Ma va!…

Michi                E’ vero.

Olivia               Qualche cento dollari ogni tanto. Solo finchè non si raddrizza.

Michi                Sono due anni che cerca di raddrizzarsi l’esistenza.. Secondo me gli piace storta

Olivia                         Non riesco a dirgli di no. Mi basta sentire la sua voce per telefono, e come riattacco gli mando un assegno. Ci sa f are così bene! Riesce a mettere nella voce quella specie di tremolio, di vibrazione… e sa ch’io non resisto.

Renata                      Io mi rifiuterei di mantenere un ex marito. Per lo meno  fino a che le donne non saranno pagate come gli uomini.

Sil+Mic             Giusto!

Vera                          Be, bisogna guardare le cose dai due punti di vista. Olivia guadagna certo più di Filippo. Chi ha gli emolumenti, paghi gli alimenti.

Silvia                Proverbio popolare.

Vera                 E allora: “qual è il più forte muscolo dell’uomo?” Rinunci ?

Renata             La lingua.

Vera                 Risposta esatta

Renata                      (gettando il dado)  E non chiedetemi come faccio a saperlo. Tre. Uno…due…tre… “cucina”. (squilla il telefono)

Vera                          (leggendo) “Qual è quel cibo che si mangia soltanto in avanzato stato di decomposizione?”

Olivia               Tutto quello che si mangia in aereo.

Silvia                I tramezzini di Olivia.

Olivia                         (Rispondendo al telefono) Pronto?  Oh, Dio mio! Filippo!… Stavo   proprio pensando a te.

Michi                         Qualcuno le nasconda il libretto degli assegni! (Renata getta ancora il dado. Muove la pedina durante  la telefonata di Olivia).

Olivia                         (Al telefono)Come stai, Filippo? Ti sento bene. Stanco?…Si infatti mi sembra di sentirti un po’ di raffreddore nella voce… dormi bene?…

                               (Coprendo con la mano il telefono, alle altre) Comincia il tremolio. Qui mi tocca spendere.

Michi                Non cedere. Ricordati Dunkerque!

Olivia                         (Al telefono) Be, che cosa fai di bello, Filippo?…Pensi quasi sempre  a me. Oh che carino.  (Mano sul ricevitore, alle ragazza) Allora son cifre con tre zeri! ( Di nuovo al telefono) Sei nei pasticci? Che razza di pasticci?

Michi                Che faccio l’arresto?

Silvia                Vuoi che tagliamo i fili?

Olivia                         (Alza una mano per far star zitta Silvia. Al telefono) Devi pagare due mesi d’affitto arretrato? Oh Dio… mi dispiace…e quanto sarebbe più o meno?

Renata             (Alle altre) Un patrimonio.

Olivia                         (Al telefono) Dio, Filippo, mi piacerebbe poterti aiutare ma sono in bolletta anch’io. Ho appena pagato due anni di tasse arretrate.

Michi                Così si fa. Tieni duro, Olivia! Siamo tutte con te!

Olivia                         (Al telefono) Lo so… lo so quanto ti costa chiedere soldi in prestito, Filippo! E tu non sai quanto costa a me risponderti di no.

Silvia                Riattacca! Riattacca prima che gli venga il tremolio!

Olivia                         (Al telefono) Che cosa c’è Filippo? Perché fai quella voce?… Oh, Dio! Filippo, non fare così! Per piacere, Filippo!… Ascolta: ti spedisco trecento dollari, va bene? Smettila di tossire, Filippo!… E’ inutile che cerchi di commuovermi… te ne mando cinquecento e non un centesimo di più.

Silvia                         ( Alle altre ) Diecimila che arriva a seicentocinquanta (li mette sul tavolo, scommettono)

Olivia                         (Al telefono) Filippo, adesso devo andare …m’ha fatto piacere sentirti… è ….che cosa? … Il nostro anniversario?… Quando?… Oh Dio mio, la settimana prossima, è vero!… Oh… beh, auguri anche a te, tesoro… certo.

                               Seicentocinquantamila…  va bene ciao, Filippo. (Riappende. Guarda le altre imbarazzata e vergognosa. Silvia prende i soldi della vittoria) Aveva una voce che sembrava la piccola orfanella, che cosa volevate che facessi?

Renata                      (Mostrando le patatine) Tu dai al tuo ex marito seicentocinquantamila lire  e alle tue migliori amiche fai mangiare i rotoli del Mar  Morto.

Olivia               Io, nella vita ho un punto debole: Filippo. Che cosa devo fare? Sparatemi.

Michi                Se lo dici sul serio, io una rivoltella ce  l’ho.

Vera                          (Legge) “Qual è il più antico tra i vegetali esistenti al mondo?” (Tutti la guardano meravigliati)

Silvia                Se è una rapa sei tu!

Renata             A Olivia) Lo sai che in giro ci sono tanti altri uomini?

Olivia               Che cosa ti fa pensare che io non lo sappia? Ci son due spagnoli, due fratelli

                        che abitano qui, in questa stessa casa, e che sono pazzi di me. Gli uomini più

                        sexi  che abbia mai visto in vita mia…

         Io devo essere pazza! Perché diavolo devo mandare tanti soldi a uno che ha

                                 la manìa delle scommesse, come Filippo?

Michi                Ripeto.  “ Qual è il più antico tra i vegetali esistenti al mondo?”

Silvia              Si! Tu sei una rapa: la più inguaribile testa di rapa che si sia mai vista su 

                       questa terra.

Vera                 Spiacente, risposta sbagliata. E’ il pisello. ( Vera getta il dado e muove la

                                 Propria pedina).

Olivia               I giovani al giorno d’oggi sono molto più in gamba di noi. Perché diavolo

                                 Passano per tutta quella trafila del matrimonio, quando puoi portarti a letto

                                 Chi vuoi? Domani, sull’autobus, comincio subito a guardarmi intorno. 

Vera                 Basta. Spettacoli.

Renata             (legge) “ Qual’ è il complesso che ha fatto da protagonista nel film Help!”?

Olivia               Ragazze, in coro!…

Tutte                (alzando le mani strette a pugno) I Beatles!

Olivia               (schioccando le dita) Siii! Dio. Datemi un’altra ancora di quelle serate sui

                        sedili di dietro della Cadillac, con i Beatles a dare il ritmo…

Silvia                E Danny Flanningan , ve lo ricordate? Il Dio della scuola! Che fico!

Michi                Aveva di taglia il 50 e portava i jeans della 46!

Renata                      Mi ricordo la prima volta che ho ballato corpo a corpo con lui. Continuava a dirmi :           ”Non è niente di quel che tu credi ! E’ solo che ho in tasca due pacchetti di sigarette“. Il giorno dopo ho dovuto andare a confessarmi.

Olivia                         Aveva sempre mezzo chilo di brillantina in testa. Mi ricordo che un giorno dì inverno è uscito e gli si è gelata la testa. Ha dovuto pettinarsi con lo scalpello

Vera                          Sapete chi è che mi piaceva più di tutti in tutta la scuola? Il professor Schwartzman, il preside.

                        (Le ragazze si guardano l’una con l’altra)

Olivia                         Dio mio, come odiavo aver 16 anni!….Sono andata avanti ad odiare i miei 16 anni … finchè non ne ho avuti 35. Non so se mi capite…

                        (Tutte si perdono dietro pensieri e ricordi)

Michi                Eh… si!

Silvia                Eh … si!

Renata             Eh… si!

Vera                 Eh … si !

                     (Silvia, Renata e Michi fanno cenno di si  con la testa. Ora tutte tacciono immerse nei loro pensieri, perse per qualche istante nei ricordi della giovinezza. Il telefono squilla, ma è come se nessuno lo sentisse. Il telefono squilla di nuovo. Olivia si alza, lo raggiunge, solleva il ricevitore).

Olivia                         (Al telefono) Pronto? Qui è il club delle mele verdi. (Improvvisamente sorride, abbassa il tono della voce, volta le spalle alle altre). Oh, Amore mio, ciao!… (Il suo atteggiamento diventa ad un tratto tutto latte e miele. le altre tendono l’orecchio.) Te l’avevo detto di non chiamarmi stasera… Adesso non posso parlare … lo sai…. è vero che lo sai?… E tu?… Va bene! Aspetta un momento. (Si volta ) Michi! è tuo marito. (Mette giù’  il ricevitore )

Michi                         (Si alza, si avvicina al telefono) Non credere che mi dispiacerebbe, se tu avessi una storia con lui! Tutt’altro: forse romperebbe un po’ meno le scatole a me! (Prende il ricevitore)  Stelvio, ciao. Che cosa c’è? Ti sei fatto da mangiare?… Bravo!… Che cosa hai fatto?.. Un ossobuco?… Sei bravissimo, Stelvio!

Vera                 Hai un marito che sa fare gli ossobuchi?

Michi                         (coprendo la cornetta con la mano) Si però li fa alla griglia.(Di nuovo al telefono) Chi? No, stasera non si è vista. Che cos’è successo?… Ma stai scherzando?… Va bene. D’accordo . Si ciao. (alle altre) Che cosa vi avevo detto?

Renata             Cos’è successo?

Michi                Fiorenza è scomparsa.

Renata             Oh, mio Dio!

Michi                Ve l’avevo detto che doveva essere successo qualcosa!

Silvia                Come sarebbe a dire “scomparsa”?

Michi                         Oggi non è mai stata a casa. Non è andata dal pedicure, non ha fatto la crostata né i biscotti. Non ha portato i pantaloni di Camillo a lavare, sono tutti molto preoccupati. Stelvio aveva appena parlato con suo marito.

Olivia                         Calma un momento. Non si dice “scomparsa” per una che un giorno non si fa vedere.

Renata             Giusto! Prima di essere scomparse bisogna scomparire  per  almeno 24 ore.

Silvia                Fiorenza, per distrarsi va sempre al Museo d’Arte Moderna. Può darsi sia andata lì.

Vera                          Può darsi che  ci sia rimasta chiusa dentro. Io una volta ho parlato con un guardiano per venti minuti, prima di accorgermi che era una statua. (Silvia la fissa)

Renata             Magari è stata coinvolta in un incidente.

Olivia               A casa l’avrebbero saputo.

Renata             Metti che si sia sentita male. E nessuno sappia chi è. E se l’avessero aggredita?

Olivia                         Non lo sai che cos’ha nella borsetta? Una bomboletta di gas lacrimogeno, una sirena: una rice – trasmittente collegata con la polizia. Come le tocchi una spalla, arriva una camionetta.

Michi                         Non lo so. Ho come un presentimento nelleossa che in questo momento è da qualche parte nei pasticci.

Olivia                         Perché perdiamo tanto tempo a cercar di indovinare? Telefono a Camillo.(si avvicina al telefono)

Silvia                         Un momento! Frena! Solo perché noi non sappiamo dov’è, non significa che nessun altro lo sappia… Per caso non è che lei frequenti qualcuno in questo periodo...?

Vera                 Vuoi dire uno psicanalista?

Silvia                         (lanciandole un’occhiata) Ma tu, quando ti svegli alla mattina prendi un sonnifero? Perché non metti la seconda , e vedi di stare al passo con gli altri?

Olivia                         Fiorenza è una che non scantina neanche di un millimetro. Non si spoglia neanche per partorire!

Vera                 A me non è mai successo!

Silvia                Stavo parlano di donne normali.

Olivia                         (componendo il numero) Stiamo perdendo tempo. Io chiamo suo marito e mi faccio dire che cosa è successo.(Al telefono) Pronto? Camillo?… Parla Olivia. Ho sentito .Ma , tu, non hai nessun’idea di dove potrebbe essere?… Che cosa?… Ma stai scherzando!… Perché?… No, non lo sapevo… Oh,  ma è terribile… Va bene, sta a sentire… Tu resta lì tranquillo, e come so qualcosa ti telefono subito… Va bene. Ciao. (Riappende. Tutte la fissano con grande suspense. Olivia si avvicina muta e pensierosa all’estremità del divano. Le altre continuano a fissarla. Finalmente Olivia si volta verso di loro.) Si sono lasciati.

Vera                 Chi?

Olivia                         Chi?! Fiorenza e Camillo, ecco chi! Hanno litigato: si sono lasciati. Il matrimonio è andato a monte.

Vera                 Non dirmelo!

Renata             Non posso crederci.

Silvia                Dopo quattordici anni.

Vera                 Una così bella coppia! Una coppia così felice!

Michi                         Quattordici anni insieme non fanno una coppia felice! Fanno una coppia a lunga conservazione.

Silvia                Che cosa sarà successo?

Olivia               E’ lui che non ci sta più! Tutto qui!

Michi                Ma sarà a pezzi! Conosco Fiorenza. E’ capace di fare una sciocchezza.

Silvia                Diceva sempre che il suo matrimonio sarebbe durato cent’anni. Che cos’è successo?

Olivia               E’ successo che ha sbagliato di ottantasei anni.

Michi                         Quella si suicida, non c’è dubbio. Avete sentito quel che ho detto? Ho detto che senz’altro è andata ad ammazzarsi.

Silvia                         Ma la vuoi piantare, Michi? Ti dimentichi per due minuti di fare parte della polizia? (A Olivia) Dove potrebbe essere andata.

Olivia               E’ andata ad ammazzarsi.

Michi                (A Renata) Che cosa t’ho detto?

Renata             (A Olivia) Ma stai parlando sul serio?

Olivia                         Questo è quello che m’ha detto il marito . E’ andata ad ammazzarsi. Non ha voluto ammazzarsi a casa sua perché sua madre era rimasta lì a dormire per la notte.

Vera                 Ma perché voleva ammazzarsi?

Olivia               perché è una pazza isterica!

Silvia                         (Ad Olivia) Vuoi dire che lei ha detto letteralmente: “Vado ad ammazzarmi?” O che ha lasciato un biglietto?

Olivia               No. Ha mandato un telegramma.

Michi                Un telegramma con su scritto “ Vado ad ammazzarmi?”

Renata             Ma se una si ammazza, che bisogno c’è del telegramma?

Olivia               perché il telegramma arriva prima: e prima arriva, più facile che facciamo in tempo a salvarti.

Vera                          Ah, ho capito. Non è che veramente volesse ammazzarsi: voleva soltano un po’ di simpatia.

Michi                         Di gente in cerca di simpatia è pieno il mondo. C’è un tizio che ogni sabato pomeriggio sale in cima alla casa di fronte a casa nostra, e grida che si vuol buttare. Ma nessuno ormai gli da più retta. Gli toccherà buttarsi.

Renata             Non so cosa dire. Forse questa è la volta che fa sul serio.

Olivia                         Per piacere! Fiorenza è troppo paurosa per fare una cosa del genere. E troppo prudente! Si allaccia la cintura anche quando va al cinema al drive-in.

Silvia                Comunque non possiamo starcene qui sedute a far niente!

Vera                 Dov’è che potremo cercarla?

Silvia                         Ma dove volete che vada un aspirante suicida che voglia vivere? (suonano alla porta)

Olivia                         ( a voce più bassa) Ma è logico! Se doveste suicidarvi da chi andreste per correre il minor rischio possibile?…Dalle vostre amiche.

Vera                 (si alza) Vado ad aprire.(tutte parlano in fretta, con nervosismo)

Renata                      Aspetta un momento! Può darsi che sia in piena crisi nervosa! Dobbiamo noi essere il più calme e tranquille possibile! Se noi stiamo calme, può darsi che si calmi anche lei!

Michi                         Giusto! Lasciate fare a me. E’ così che si parla con la gente in piedi sui cornicioni. Con voce dolce e suadente, come fanno i preti.

Vera                 E che cosa le diciamo?

Michi                Niente. Noi non diciamo niente. Come se niente fosse stato.

Silvia                Forse dovremmo avvertire la polizia.

Michi                (urlando) E io che cosa sono, si può sapere?

Olivia                         L’avete finita con le vostre discussioni? O volete che lei muoia di vecchiaia, qui sul pianerottolo?…Tutti seduti! Al vostro posto!(tutte si precipitano alle sedie che prima occupavano. Vera si avvicina alla porta Olivia siede con Renata e Silvia. A Michi) Su, fammi una domanda.

Michi                Prima devi tirare il dado, e dire che tipo di domanda vuoi.

Olivia               Ma chi se frega di che domanda voglio! Fa una domanda qualsiasi.

Michi                         Io ho una mentalità troppo razionale. Io non riesco a fare una domanda se una non mi dice che tipo di domanda vuole.

Renata             E va bene: sport. (suonano nuovamente alla porta).

Vera                 Devo dire a Fiorenza di aspettare un momento?

Olivia                         (a Michi) Cinema! Spettacoli! Apri la porta! (Michi prende una carta mentre Vera apre la porta. Sulla soglia appare Fiorenza, vestita con sobria eleganza. Essa cerca di comportarsi in modo del tutto normale, ma saranno evidenti la sua ansietà e la tensione interna)

Fiorenza           Ciao, Vera.

Vera                          oh, ciao, Fiorenza! C’eravamo praticamente dimenticate di te.(ritorna d’urgenza al proprio posto. Fiorenza avanza nella stanza)

Olivia               Un altro bel colpo e siamo a cavallo.

Fiorenza                    Salve ragazze.( le ragazze quasi neppure sollevano gli occhi. Le buttano là un casuale “Salve Fiorenza! Ciao Fiorenza” ma tutta la loro attenzione è concentrata sul gioco)

Silvia                ( a Michi) Mi ripeti la domanda, per favore?

Michi                         Ma se non te l’ho ancora fatta?…”Fate i nomi di almeno tre attori che abbiano sostenuto il ruolo del commissario Maigret”.

Fiorenza           (vagando qua e la) Scusate il ritardo.

Olivia               Cinque o dieci minuti, figurati!…Se hai fame, lì ci sono dei tramezzini.

Fiorenza                    Si, ho fame. Non ho mangiato niente tutto il giorno.(si avvicina al vassoio dei tramezzini. Li guarda. Ne prende uno e lo riposa) No, beh, non importa.

Olivia               Com’era la domanda?

Renata             Tre attori che abbiano fatto la parte del commissario Maigret.

Fiorenza           Non c’è niente da bere?

Olivia               Tutto quello che vuoi. Coca, Pepsi, Seven-up, un sacco di roba.

Fiorenza           No, volevo qualcosa di forte. Non hai niente di forte? Un Pernod.

Olivia               Un Pernod? No, ho proprio finito l’ultima cassa.

Fiorenza                    Beh, non fa niente.( si allontana da loro. Si sente un profondo sospiro) Tanto, per quel che serve…!

Olivia               (tornando al gioco)…Tre attori che han fatto che cosa?

Michi                         Il commissario Maigret! Il commissario Maigret! Quante volte te lo devo dire? Il commissario Maigret!

Silvia                Insomma, volete star tranquille, tutte quante? Calma! Calma!

Fiorenza           ( è in piedi dietro Vera e gioca con i capelli di lei) Ha telefonato nessuno per me?

Olivia                         Per te? Non mi pare. (alle altre) Nessuno ha telefonato per Fiorenza? (le altre brontolano in fretta “non mi pare…non ricordo”) Perché, stavi aspettando una telefonata?

Fiorenza           Io?! No, ma chi volete che mi telefoni?

Olivia               (torna al gioco)Ehm… tre attori che hanno fatto il commissario Maigert. E’ così?

Michi                Si, è così! E’ proprio così! L’hai capita finalmente?

Olivia               Vuoi dire… nello stesso film?

Michi                         (perdendo la pazienza) Ma come vuoi che tre attori facciano il commissario Maigret nello stesso film? Che cosa se ne fanno di tre commissari Maigret nello stesso c… di film?

Vera               Io ho visto una volta un film dove c’erano due Tarzan!

                        C’era uno che era Tarzan e un altro che faceva finta di essere Tarzan!

Renata             E va bene, calma! Non importa!

Olivia               Volete insomma mettervi tranquille, tra tutte?

Michi                Scusa. E’ più forte di me! Oggi non sopporto nessuno: tutti mi danno sui nervi.

Silvia                Questo perché tu dai sui nervi a tutti.

Michi                (sarcastica). Chiedo scusa! Perdonatemi, vi supplico! Volete che mi spari?

Olivia                         (Ammonendola) Michi! (Con la testa fa cenno in direzione di Fiorenza. Tutte ora stanno sedute in silenzio, mentre Fiorenza va alla finestra)

Fiorenza           Che bella vista che c’è da qui! Quanti sono: 12 piani?

Olivia                         (Si alza in fretta) No, solo 11! (chiude in fretta la finestra) C’è scritto 12, ma uno è interrato: in pratica sono soltanto 11. Perché non vieni a giocare, Fiorenza? E’ ancora presto.

Fiorenza                    Nell’ascensore c’è scritto 12. No, stasera non credo che sarei in grado di concentrarmi.

Silvia                E’ il tuo argomento preferito: cinema.

Fiorenza           Stasera non riuscirei a distinguere un film dall’altro.

Olivia               Questa la sai senz’altro. “Fate i nomi di almeno tre attori che abbiano

                      sostenuto il ruolo di Tarzan.”

Michi                Del commissario Maigret! Commissario Maigret!

Fiorenza           Non lo so. Scusate un momento. (Si allontana)

Olivia               Dove vai?

Fiorenza           Devo andare in bagno

Olivia               Da sola?

Fiorenza           Ci vado sempre da sola!… Perché?

Olivia               Niente di speciale: così!… E …. ci stai tanto?

Fiorenza           ….Diciamo : finchè ho finito .(Entra in bagno)

Michi                Ma siete matte? Lasciar che si chiuda lì dentro da sola?

Olivia               Ma come vuoi che faccia ad ammazzarsi in un bagno.

Silvia                Ma come, “Come vuoi che faccia”! Potrebbe prendere delle pillole, tagliarsi i polsi.

Olivia                         E’ il bagno degli ospiti: non c’è niente. L’unica cosa che può fare è ingoiare un asciugamani.

Michi                Può buttarsi dalla finestra.

vera                 E’ vero. La finestra c’è

Olivia               Venti  centimetri per venti.

Michi                Potrebbe infilarci la testa e sbattersi la finestra sulla nuca.

Olivia               Allora può anche buttarsi giù per il water. Vi dico che non farà niente di niente!

Vera                          Ssst! Zitte! (Tutte si pongono in ascolto. Sentiamo Fiorenza lamentarsi in bagno) Sta piangendo!  

Renata             Dobbiamo fare qualcosa. Non possiamo lasciarla in bagno  a piangere da sola

Olivia               Vuoi andar la dentro a piangere con lei? (Sentiamo lo sciacquone del bagno)

Vera                          Sta per uscire!(Tutte si precipitano al tavolo, ma siedono tutte sulla sedia sbagliata. Di furia cambiano posto, sedendo al posto giusto, e riassumono atteggiamenti rilassati ed anche un po’ annoiati. Fiorenza esce dal bagno asciugandosi occhi e naso)

Olivia               (Leggendo dalla carta) “In quale film di Elia Kazan, James Deal e Julie Harris… “

Fiorenza                    La valle dell’eden. ( Si risoffia il naso) Credo che andrò a fare due passi. (Prende soprabito e borsetta)

Olivia               E dove diavolo vai a fare due passi a quest’ora?

Fiorenza           Non lo so. Lungo il fiume è bello.

Olivia               Il fiume?!

Fiorenza           Tu sai qualcosa, è vero?

Olivia               Che cosa?

Fiorenza                    Si. Si vede dalla faccia. Tu hai paura che io commetta qualche sciocchezza perché Camillo m’ha piantata! Dopo quattordici anni di matrimonio, quello sporco schifoso! (Scoppia in lacrime  e corre verso la porta d’ingresso) Voglio andar via!

Olivia               Fiorenza, no!

Renata             Non farlo, Fiorenza, per piacere! (Tutti la implorano)

Fiorenza                    Non fermatemi! Non cercate di impedirmelo! Non ne posso più! (Fiorenza cerca di uscire, ma le altre hanno la meglio e la trascinano nella stanza)

Michi                Fiorenza, noi siamo le tue amiche. Con noi puoi parlare.

Fiorenza                    (Tra le lacrime) Non posso vivere senza di lui. Non ha più senso andare avanti. (Prende il coltello che è lì, dei tramezzini. Michi la poliziotta afferra Fiorenza e le tira il braccio dietro la schiena. Con il braccio che le è rimasto libero Fiorenza colpisce Michi allo stomaco con una gomitata. Michi si piega in due per il dolore. Fiorenza lascia Michi e liberandosi delle altre corre verso il bagno al alto opposto della stanza. Tutte le corrono dietro in fila indiana, perché lo spazio tra la tavola e le sedie non consente altro. Tutti seguono Fiorenza nel bagno. L’ultima chiude la porta. Dentro il bagno vi è un grande tumulto, di cui il pubblico non vede niente. Improvvisamente il tumulto cessa. La prima ad uscire dal bagno è Olivia che si stringe una mano con una smorfia  di dolore. la segue Renata. )

Renata             Non potevi fare  a meno di colpirla così forte? Sembrava un colpo di Karate.

Olivia               Mi stava morsicando il collo. Che cosa dovevo farle: Una carezza?

Michi                         (Esce dal bagno camminando a ritroso e gesticolando con le braccia come se stesse dirigendo il traffico) Sdraiatela sul divano.( Silvia esce dal bagno portando Fiorenza sulle spalle: la segue Vera)

Silvia                Strofinale i polsi.

Renata             Sta rinvenendo.

Fiorenza                    Lasciatemi stare per piacere!(Si alza con dignità. Ricade subito) Volete lasciarmi stare? Mi arrangio da sola per piacere, lasciatemi stare.... oh Dio ! La mia pancia!…

Michi                Che cos’hai con la pancia?..

Vera                 Sta male. Guarda che faccia!

Fiorenza           Non sto male affatto. Sto benissimo. e non ho preso niente: lo giuro.

Olivia               Come sarebbe a dire che giuri che non hai preso niente? Che cosa hai preso?

Fiorenza           (Urlando) Niente!

Olivia               Giura!

Fiorenza           (Piano) Giuro.

Olivia               Sui tuoi figli?

Fiorenza           No. Preferisco su mio marito

Michi                Avete sentito? Questo vuol dire che ha preso delle pastiglie.

Fiorenza           Ne ho prese u n po’, ma poche:; pochissime (Tutte reagiscono preoccupate)

Olivia               Quante pastiglie?

Michi                E che genere di pastiglie?

Fiorenza                    Non lo so. erano piccole, e verdi. Ho preso un po’ di roba che ho trovato nell’armadietto di Camillo. Ero fuori di me.

Olivia               Telefono subito a Camillo. Che controlli che cosa manca.

Fiorenza                    (Fatica  a parlare) No! Non chiamarlo! Se sente che gli ho preso tutta la bottiglia si arrabbia..

Michi                         Tutta la bottiglia?! Tutta una bottiglia di pastiglie?! Presto! Chiamate un’ambulanza! (Renata afferra il telefono e compone il numero.)

Olivia               Ma non sai neanche che pastiglie erano!

Michi                Che cosa importa? Le ha mandate giù tutte!

Olivia                         E magari erano vitamine. E lei  potrebbe essere quella che sta meglio qui dentro…Vuoi stare calma si o no?

Fiorenza           Non dire niente a Camillo. Giurami che non gli telefoni!

Michi                         Dalle degli schiaffi in faccia. Apri la finestra. Falla stare all’aria. ( Le danno degli schiaffi che lei ridà)

Silvia                         Facciamola camminare. L’importante è che non si addormenti. ( Sivia e Michi mettono Fiorenza in piedi, si fanno passare le braccia di lei  sopra le spalle , e cominciano a farla camminare avanti e indietro per la stanza trascinata con le gambe molli e pesanti)

Renata                      (in attesa al telefono) Strofinate i polsi. Mantenetele attiva la circolazione. Fatela camminare. Che non le si fermi il sangue ! L’ospedale è occupato. (Riappende , Olivia se ne è rimasta seduta sul divano, a guardare con aria di disprezzo queste scene di follia)

Silvia                (A Olivia) Non c’è un dottore, qui nel caseggiato?

Olivia                         Si, c’è un oculista. Appena diventa cieca lo andiamo a chiamare.(Le altre continuano a farla camminare)

Fiorenza                    Per piacere lasciatemi star seduta. Non posso camminare tanto senza le mie scarpe. Mi fanno male i piedi ho la cipolla.

Michi                Ti lasciamo sedere quando avrai vomitato le pastiglie.

Fiorenza           Ma le ho già vomitate. Ho tirato fuori tutto. (Silvia e Michi si fermano e la guardano)

Michi                Quando?

Fiorenza                    Ho preso una pizza m’era venuta fame. E ho vomitato qui, nell’ascensore. (Silvia e Michi la guardano, poi si allontanano lasciandola sola) Mi dispiace. Spero che pensino che sia stato un cane… c’è qualcuno che mi da qualcosa da bere?

Vera                 Te lo do io. Vuoi una coca o una pepsi?

Silvia                (Grida) Ma vuoi darle qualcosa da bere?

Vera                 Subito, subito. (Esce verso la cucina. Fiorenza siede sulla poltrona)

Fiorenza                    (Piangendo) Quattordici anni! Lo sai, Renata, che erano quattordici anni che eravamo sposati? Due figli che mi adorano.

Renata             Lo so, Fiorenza, lo so.

Fiorenza           L’ho amato come una pazza. E adesso, tutto finito. Così quattordici anni

                        andati in fumo.

Silvia                Può darsi magari che sia soltanto una bella litigata. Non sarebbe la prima volta.

Fiorenza                    No, no. stavolta è finita. Domani va dall’avvocato, che è mio cugino tra l’altro. Uno stronzo che gli darà anche ragione.

Michi                Così va bene, tesoro. Parla. Sfogati.

Fiorenza                    12 Ore; non ho fatto che piangere. Non so neanche dove le ho trovate tutte quelle lacrime. Credo che fossero le stesse, che andavano  e venivano in circolo.

Vera                 Petrus Boonekamp, il Dottor Pepper, va bene?

Fiorenza           Non chiamare nessuno. Sto benissimo.

Vera                 Ma no, è da bere.

Fiorenza                    Oh, grazie, Vera. (prende quello che Vera le porge e lo beve tutto poi ha un rutto) Pardon!

Olivia                         Fiorenza, ci siamo tutte preoccupate per te ! Si può sapere dove sei stata tutto il giorno?

Fiorenza                    Non lo so. Sono stata in giro. A un certo punto sono finita al museo d’Arte Moderna. Anche lì mi volevo ammazzare. Ho battuto la testa dieci volte su una statua greca che poi era già rotta. Ho parlato per più di un’ora con il guardiano; è stato lì a sentire tutto quello che gli dicevo, poi si è addormentato e io sono andata via. (Tutti guardano Vera che alza le spalle).

Michi                Va bene, smettiamola di starle tutte intorno a guardarla. Cambiamo discorso.

Olivia                         D’accordo. Su, andiamo. Ormai sta bene, non ha più bisogno di niente. Stasera è andata così. (Michi Silvia Renata e Vera tornano attorno al tavolo a raccattare le loro cose)

Fiorenza           Oh mi dispiace tanto, scusate. Me ne vado.

Vera                 Non preoccuparti. Ti possiamo capire benissimo.

Michi                (Abbassando la voce a d Olivia) Ce l’hai il numero del pronto soccorso suicidi?

Olivia                         (Guardandola) Me lo farò dare da Fiorenza: lo saprà senz’altro a memoria.(Michi approva ed esce . Anche le altre escono una ad una salutando)

Tutte                         Buonanotte, Fiorenza…mi raccomando, tesoro…ci sentiamo domani.( sono uscite. La porta si chiude. Poi si riapre e Renata mette dentro la testa.)

Renata                      Se succede qualcosa, Olivia, chiamami subito. (Olivia fa cenno di si, Renata esce, la porta si chiude. Poi si riapre e questa volta è Silvia a mettere dentro la testa)

Silvia                         (ad Olivia) Io sono qui atre isolati di distanza. In cinque minuti arrivo. (Olivia fa cenno di si, Silvia esce, la porta si chiude. Poi si riapre, e Vera entra)

Vera                 Qualsiasi cosa occorra , non mi chiamate, perché avrei un trallalero.

Olivia               Sarai la prima che chiamerò, Vera. ( Vera annuisce ed esce)

Michi                ( mette dentro la testa) Tutto bene? Sicura?

Olivia               Sta tranquilla.

Michi                         (ad alta voce a Fiorenza) Buonanotte, Fiorenza. Cerca di fare una bella dormita, e vedrai che domani mattina tutto ti sembrerà meno tragico. (a Olivia sussurrando) Nascondi tutte le cinture e i sacchetti di plastica! (Olivia chiude la porta, guarda Fiorenza, poi torna verso il centro della stanza, lentamente)

Olivia               Oh, Fiorenza, Fiorenza, Fiorenza, Fiorenza.

Fiorenza           Lo so, lo so, lo so, lo so, Olivia , Olivia, Olivia. Che cosa posso fare, Olivia?

Olivia                         Prima di tutto devi liberarti lo stomaco dai residui di quelle pastiglie. Ti faccio una bella tazza di caffè caldo…

Fiorenza                    La cosa terribile è che io sono ancora innamorata di lui. Lo amo. E’ un matrimonio che fa schifo, ma io lo amo ancora, Olivia. Io non volevo lasciarlo. Anch’io avevo tanti motivi per farlo. Ma rimandavo sempre, lui si è deciso prima e mi ha fregato.

Olivia               Vuoi una brioche? Ho una brioche al cioccolato.

Fiorenza           E’ fresca ?

Olivia               E’ li da un mese, ma potrei provare a scaldarla nel forno.

Fiorenza           Non mi va. Se davvero divorziamo io sono una donna finita.

Olivia               E un po’ di latte caldo? Con dei biscotti?

Fiorenza           Ma come osa trattarmi in questo modo? Il latte di quand’è?

Olivia               Non lo so.

Fiorenza                    Lo curavo come un bambino. Gli agnolotti, la crostata. Perché, ma perché? (con rabbia batte il pugno sul braccio della sedia, e improvvisamente si afferra il collo con un’espressione di dolore) Oh! Oh! Il collo! Che male! Che male al collo! Oddio la spalla!

Olivia               Che cosa ti sei fatta?

Fiorenza                    (tenendosi il collo con le mani) Un nervo accavallato…Un crampo…mi prende qui nel collo. E’ l’artrosi. Oh, dio! Oh, dio che male!..

Olivia               Che cosa posso fare?

Fiorenza           Dammi un asciugamano o un tovagliolo. Molto caldo, caldissimo!

Olivia               E se prendessi anche un’aspirina?

Fiorenza                    L’aspirina va bene…e un po’ di brandy… Non riesco neanche a muovere il collo. Ahio!

Olivia               Asciugamano caldo, aspirina, brandy. Nient’altro?

Fiorenza           Un po’ di vegetallumina. La gibò, per massaggiare:

Olivia               Va bene. (esce)

Fiorenza                    E una sciarpa, Olivia, una sciarpa di lana…Meglio ancora se ce l’hai di cashmere.(Cammina massaggiandosi il collo) Io lo sapevo, Olivia, che stava per succedere qualcosa. Lo sapevo che c’erano dei problemi. Quante volte in piena notte mi alzavo e me ne andavo al bagno in punta di piedi e pregavo ”Signore, ti prego, aiutami a salvare il mio matrimonio! Ti prego, Signore, dimmi tu che cosa devo fare! Dimmi tu dove sbaglio! Ti prego, Signore aiutami…” E sentivo Camillo, a letto che diceva: “ Ti prego, Signore, falla stare zitta! Dille che la smetta, Signore, ti prego…”

Olivia               (rientra con un vassoio) Ecco qui, mettiti su la sciarpa…prendi l’apirina…

Fiorenza                    (siede al tavolo) Io non sono una di quelle mogli che brontolano sempre e che non gli va mai bene niente. Non ho mai cercato di far cambiare a  Camillo le sue abitudini. Aveva un riporto che gli partiva dall’orecchio destro e arrivava al sinistro, un giorno con un colpo gli si è alzato che sembrava una bandiera. Io l'ho guardato, e zitta. Non mi ha parlato per un mese. Un giorno si è presentato con un parrucchino enorme, troppo grande per lui, che gli scende sugli occhi e che lo fa sembrare uno di quei cani da pastore che si vedono nei cartoni animati: bè, io non ho mai detto niente!

Olivia               Mandala giù con il brandy.

Fiorenza                    Adesso gira con gli stivaletti da cow boy. E’ alto uno e cinquantanove e gli stivali gli arrivano al ginocchio. Sembra sempre che sia appena sceso da cavallo. Io lo amo lo stesso. E non ho mai detto niente. Si è messo anche a studiare lingue, e s’è iscritto ad un corso di russo. E adesso invece di dire “si” dice “dà”. Qualsiasi cosa gli chiedi dice “dà”.

Olivia               Ti stai di nuovo agitando, Fiorenza. Smettila di agitarti.

Fiorenza                    chi è mio marito? Un tizio alto un metro e cinquantanove con degli stivali da cow boy, un parrucchino che gli arriva fin sugli occhi, e che va in giro dicendo “dà”. Nonostante tutto, io lo amo lo stesso, e lui mi pianta?

Olivia                         Vuoi metterti tranquilla si o no? Hai un collo che sembra quello di Rambo. (le sta massaggiando il collo)

Fiorenza                    Ogni tanto mi sembra di diventare matta. E allora penso che sarebbe meglio per me chiudermi in una casa di cura…

Olivia               Dopo ci pensiamo: se vediamo che il massaggio non funziona…

Fiorenza           Ma questa non è vegetallumina: ha un altro odore.

Olivia               (Guarda il tubetto) E’ vero. E’ dentifricio.

Fiorenza                    Non credo che serva a molto. Sei troppo sitratta Olivia. (Si toglie via il dentifricio con l’asciugamano)

Olivia                         Niente servirà a niente se non ti rilassi. Vuoi rilassarti!! Ma sei sempre stata  così nervosa?

Fiorenza                    Sempre fin da bambina. Non avevo ancora i denti, e masticavo le costate con le gengive.

Olivia                         China la testa. (Fiorenza china la testa ed Olivia comincia a massaggiarla su e giù per la schiena)

Fiorenza                    E’ terribile quel che mi sta succedendo, Olivia. Mi viene da piangere. Lui mi dava tanta sicurezza con quel parrucchino.

Olivia                         (Continuando a massaggiarla) Se ti fa male dimmelo, perché io non so neanche cosa diavolo sto facendo, non ho mai fatto massaggi.

Fiorenza                    Scusami, io sto approfittando di te, Olivia. Io sto abusando della nostra amicizia. Lo so che ti sto facendo diventare matta.

Olivia               No, non è vero.

Fiorenza           Si che è vero.

Olivia               Ti ho detto di no.

Fiorenza                    E invece si. Lo sento, che digrigni i denti quando dico qualcosa. Una volta avevi i denti molto più lunghi.

Olivia               (smette di massaggiarla) E va bene. Come va il collo?

Fiorenza           Meglio.

Olivia               E’ già una cosa.

Fiorenza           Ma non dura mai molto.

Olivia               Speriamo che stavolta duri.

Fiorenza           Ahio! Ecco: ricomincia. (si massaggia il collo)

Olivia               (scuote la testa sconsolata) Bevi il tuo brandy.

Fiorenza           Non posso. Non riesco a mandarlo giù.

Olivia               Vuoi che prenda un imbuto?…Su, bevi! Vedrai che ti farà bene.

Fiorenza                    Grazie a Dio, i bambini sono via in vacanza. Fino a settembre almeno questo gli verrà risparmiato.

Olivia               Per piacere: bevi questo brandy.

Fiorenza                    Non voglio divorziare, Olivia. Non voglio così da un giorno all’altro, cambiare tutta la mia vita. Parla! Dimmi qualcosa! Dimmi cosa devo fare.

Olivia                         Su, su…Prima di tutto, ti metti calma e cerchi di rilassarti. E poi ci mettiamo qui, io e te e proviamo a pensare tutta una nuova vita per te.

Fiorenza           Senza Camillo? Ma come può essere una vita senza di lui.

Olivia                         Io non vivo con Camillo eppure sto benissimo. Puoi farcela anche tu, Fiorenza, credimi.

Fiorenza           Anche tu ci sei passata. Che cosa hai fatto? Dimmelo. Parla.

Olivia                         (beve un po’ di brandy) Sono andata avanti a bere per quattro giorni e cinque notti. Non riuscivo più a lavorare. Ho mangiato per quindici giorni un chilo e mezzo di canditi al giorno. Sono ingrassata di otto chili, quattro per fianco. Sembrava che girassi con la biancheria di ricambio in tasca…Eppure ne sono uscita.

Fiorenza           Camillo, è un essere umano anche lui! Come farà?

Olivia                         Lui è un uomo. Gli uomini hanno la libertà. Possono conoscere, frequentare donne quanto gli pare e piace. Noi donne, invece…

Fiorenza           Tu pensi che Camillo possa pensare ad altre donne? In un momento come questo?

Olivia                         Potrei giurartelo: che domani sera è già in un club per scapoli, seduto su uno sgabello, con due guide del telefono davanti.

Fiorenza                    Dici? (si è andata tormentando un orecchio. Improvvisamente comincia a fare strani versi, come a cercare di strapparsi l’orecchio)

Olivia               Che cosa ti succede?

Fiorenza                    (alzandosi in piedi) Mi si sono chiuse le orecchie. E’ una specie di sinusite. Sono allergica.(continua con i versi e suoni strani, poi si avvicina alla finestra e la apre. Olivia la segue non senza preoccupazione)

Olivia               Che cosa fai?

Fiorenza                    Non mi butto, sta tranquilla. Volevo solo un po’ d’aria. (respira profondamente) Sono stata allergica perfino ai profumi. Pensa che mi ero ridotta ad usare il dopobarba di Camillo. Spezie d’Oriente…Sembravo un marinaio appena arrivato a Singapore.

                        ( improvvisamente si mette a muggire come un alce)

Olivia               (attonita) Ma che cosa stai facendo?

Fiorenza                    Sto cercando di sbloccarmi le orecchie. Creo una pressione interna, così le orecchie si aprono(muggisce di nuovo)

Olivia               Beh, si sono aperte?

Fiorenza           Un pochino( si strofina il collo) Ho paura di essermi slogata la gola.

Olivia               Fiorenza, lasciati stare. Smettila di pasticciarti.

Fiorenza                    Non ci riesco, Olivia. Oh, io faccio diventar matti tutti! Una volta, al consultorio familiare, un medico mi ha sbattuto fuori a calci. E sulla mia scheda ha scritto “pazza furiosa”!… Oh,io lo capisco, Camillo. E’ impossibile vivere con me!

Olivia               Per rovinare un matrimonio bisogna essere in due.

Fiorenza                    Che cosa farò adesso nella vita? Ne ho ancora davanti! Se soltanto avessi settanta ottanta anni potrei anche rassegnarmi.

Olivia                         Te lo dico io che cosa farai. Ricomincerai daccapo, per conto tuo, con le tue proprie forze! Sarai una donna indipendente!

Fiorenza           No, indipendente no. Ti prego! Non voglio.

Olivia               Si che lo diventerai!

Fiorenza                    Si? Come lo ero prima di sposarmi? Hai ragione. Mi rimetto a lavorare. E divento una donna libera, indipendente, auto-sufficiente!…

Olivia               Gliela farai vedere tu!

Fiorenza           Che? A si. Potrei ritornare dove lavoravo prima.

Olivia               E perché no? Dove lavoravi?

Fiorenza           Con Camillo.

Olivia               Allora!

Fiorenza           Dio, gli errori che ho fatto! Che idiota! Mi odio!

Olivia                         Non è vero che ti odi! Tutt’altro: ti piaci moltissimo. E credi di essere la sola ad avere certi problemi!…

Fiorenza           Qui ti sbagli.

Olivia                         Ammettilo, Fiorenza. Non ho mai visto nessuno così innamorato di se stesso. Se tu avessi altre due gambe, ti inviteresti fuori a ballare.

Fiorenza           Credevo che tu mi fossi amica.

Olivia                         E ti sono amica. Ed è per questo che posso parlarti così. Ti voglio bene quasi quanto te ne vuoi tu stessa.

Fiorenza           E allora aiutami.

Olivia                         E come posso aiutarti se non riesco neanche ad aiutare me? Tu pensi che sia impossibile vivere con te. E io? Non vedi che frana che sono: disordinata, sciatta, incasinata…mi sono sposata col vestito bianco, macchiato di coca cola…Io ho sempre la testa altrove…A me piace scrivere, fotografare, dipingere. A me non piace fare le faccende di casa. Le odio! Il leggo un libro e lascio la casa nel caos.

Fiorenza                    Perché, credi che a me piaccia lavorare in casa? Ma lo faccio per lui e i bambini. Anche mia madre ha fatto così. Mi diceva che una femminuccia deve saper pensare solo alla casa e ai bambini, e non perdere tempo a leggere. E io non penso che a loro. Adesso non capisco più niente. E se telefonassi a Camillo?

Olivia               Per che cosa?

Fiorenza                    Per riparlarne un momento. Forse c’è qualcosa che non ci siamo detti, che non ha capito.

Olivia               E la tua dignità? Vuoi arrivargli davanti in ginocchio, a quattro zampe?

Fiorenza           Non se ne accorgerebbe neanche. Penserebbe che sto lavando i pavimenti.

Olivia                         Fiorenza, ascoltami…stanotte tu sta qui a dormire. Domani mattina vai a casa tua, prendi su le tue medicine per la sinusite e il dopobarba e vieni a stare qui.

Fiorenza           E non ti darò disturbo?

Olivia               Certo che me lo darai.

Fiorenza           E allora perché vuoi che venga a vivere con te?

Olivia                         Perché…perché…anch’io non ce la faccio più a vivere per conto mio…perché mi sento sola, ecco.

Fiorenza                    Non mi sei mai sembrata il tipo che si sente sola. Tu sei pina d’amici, di conoscenze…

Olivia                         E’ tutta gente che alle undici di sera se ne va…Insomma, Fiorenza! Ti ho fatto quasi una dichiarazione. Che cosa vuoi, l’anello?

Fiorenza                    Beh, se parli sul serio, Olivia, ci sono effettivamente un sacco di cose che potrei fare qui. Se mi ci metto, questa potrebbe diventare una casa da rivista d’architettura.

Olivia               Fiorenza, a me bastano i giornali sportivi.

Fiorenza           Voglio fare qualcosa. Olivia lascia che mi occupi di te.

Olivia               Benissimo, domani puoi farmi anche dei giardini pensili. Tutto quello che vuoi.

Fiorenza                    (comincia a mettere in ordine) E mangerai come non hai mai mangiato in vita tua. Ti piacciono le crepes al formaggio? E il manzo alla mongola? Per domani a cena te li faccio. (raccoglie i piati sporchi)

Olivia               Non devi pensare a far da mangiare. Io mangio sempre fuori.

Fiorenza                    No, prima colazione e cena a casa: risparmieremo un patrimonio. E ne avremo bisogno, perché io non intendo prendere neanche un centesimo da Camillo.

Olivia               Vacci piano: non correre tanto. L’importante è che non gliene dia tu.

Fiorenza                    Mi hai parlato della mia dignità, non è vero? E che ne sarebbe della mia dignità se accettassi soldi da lui?

Olivia               I soldi sono l’unico settore in cui la dignità non vale.

Fiorenza                    Non voglio niente da Camillo! Gliela farò vedere io! Gli faccio vedere io che cosa so fare! (squilla il telefono, Fiorenza lo guarda, ed è subito crollata) E’ lui! Questo è Camillo, lo riconosco da come suona. (il telefono squilla di nuovo. Olivia si avvicina e stacca il ricevitore)

Olivia               Pronto?…Oh! ciao Camillo. (fa cenno di si a Fiorenza)

Fiorenza                    (agitando freneticamente le braccia) Io non ci sono. Tu non mi hai vista e non sai dove sono. Io non ho mai chiamato. Tu non sai dove cercarmi. Io non ci sono.

Olivia               (al telefono) Si, è qui.

Fiorenza           No, non dirglielo! Ti avevo detto di non dirglielo!

Olivia               (al telefono) Si, mi ha raccontato tutto.

Fiorenza                    Che dice? E’ preoccupato? Come ha reagito? Che ti dice? Vuol parlare con me? Perché io non voglio parlare con lui! Hai capito?

Olivia               (al telefono) Sono d’accordo con te, Camillo.

Fiorenza                    Su che cosa sei d’accordo con lui? Guai a te se sei d’accordo con lui! Tu sei d’accordo con me! Sono io amica tua! Non lui. Non puoi essere d’accordo con lui.

Olivia               (al telefono) Beh, a me sembra che la stia prendendo molto bene.

Fiorenza                    Non la sto prendendo bene un bel niente! Digli del collo e delle pastiglie. Mi comporto da matta?! Ti pare che questo sia prenderla bene?

Olivia                         (al telefono, con calore) Oh, ti credo, lo so! Tu sei stato meraviglioso! Ti meriti il paradiso!

Fiorenza           Che cosa? Si merita il paradiso? L’inferno a te e a lui!

Olivia               ( a Fiorenza) che cosa vuoi?

Fiorenza           Ma vuol parlare con me? Chiedigli se vuol parlare  con me.

Olivia               (al telefono) Ehm…Vuoi per caso parlare con Fiorenza?

Fiorenza           (allungando il braccio) Dammi il telefono. Gli parlo io.

Olivia               (a Fiorenza) Ah, non vuoi parlare con lei.

Fiorenza           (folgorata) Non vuol parlare con me?!

Olivia                         (al telefono) Si. Certo…Capisco…Sono d’accordo…Hai perfettamente ragione…Okay. E riguardati, mi raccomando…ciao, buonanotte. (riappende).

Fiorenza           E così è lui che non ha voluto parlare con me!

Olivia               (con partecipazione) Mi dispiace.

Fiorenza           E allora, cos’ha telefonato a fare?

Olivia               Voleva essere tranquillizzato, che tu stessi bene.

Fiorenza           Ah, si?

Olivia               Ha detto che ti vuole molto bene, che tu sei una madre e una moglie meravigliosa.

Fiorenza           Ha detto così? E che vuol dire? E poi cos’altro ha detto?

Olivia               Niente d’importante.

Fiorenza           Che cos’altro ha detto?

Olivia               Nnn…niente.

Fiorenza                    (si ferma sulla porta della cucina e dice con forza e con intenzione) Ah, davvero? E’ così che ha detto, quella specie di cow boy nano e pelato?…Beh, digli che un’altra come non la trova neanche se campa fino a cent’anni (entra in cucina con i piatti).

Olivia                         Quale camera da letto preferisci? Quella da cui si vede la campagna, o quella da cui si vede un tizio che dorme nudo?

Fiorenza                    (ritorna dalla cucina) La campagna la detesto. E’ finito, mi sono resa conto che è finito. L’ho capito solo adesso. (continua a riordinare).

Olivia               Vuoi qualche pastiglia per dormire? Forse è meglio.

Fiorenza           Non riesco ad inghiottire niente.

Olivia               Potresti tenerle in bocca e succhiarle un po’ alla volta.

Fiorenza           Mezz’ora fa non ci avrei creduto, ma adesso si: il mio matrimonio è veramente finito.

Olivia               Fiorenza, andiamo a letto. Io non ho solo te, ho anche un lavoro.

Fiorenza           Io devo convincermi che saprò vivere benissimo anche così, da sola. E’ vero?

Olivia               Certo cominci domani: adesso andiamo a dormire.

Fiorenza                    Sissignora. E intanto comincerò col risistemare anche la tua vita. Fare un po’ d’ordine. Mi dai un foglio di carta? Voglio provare a buttar giù tutti i menù della settimana.

Olivia                         Non voglio nessun menù. E tu non provarti a pianificarmi i pasti! Non voglio dipendere da un pollo arrosto! Vuoi andare a letto per piacere?

Fiorenza                    Non potrei star su da sola per qualche minuto? Ho bisogno di mettere ordine nei miei pensieri.(comincia a raccogliere i resti del gioco). Intanto faccio un po’ di pulizia: quando lavo per terra penso meglio.

Olivia                         Non riesco a dormire se ti sento qui trafficare. Se proprio vuoi far qualcosa va giù a pulire l’atrio, o lava l’ascensore.

Fiorenza                    Vedrai che domani mattina ti farà piacere. Se riesco a sbatter fuori tutta la spazzatura che c’è qui dentro, vedrai dei mobili che neanche credevi di avere. Si, si. Tu va a letto. Ci vediamo per colazione. (ora è in ginocchio e sta pulendo sotto la tavola).

Olivia                         Non è che hai intenzioni di far grandi cose, vero? Tipo cambiare la tappezzeria o cose del genere?

Fiorenza           Dieci minuti . non ci metto neanche un secondo di più, promesso. (un bacio) Olivia!

Olivia                         ( che s’è avviata verso la camera da letto) Cosa c’è? ( Fiorenza si arrampica sul tavolo e comincia a  spolverare il lampadario).

Fiorenza                    Non mi ero mai resa conto che tu fossi davvero così sola. Dev’essere stato terribile per te, senza nessuno qui in casa…

Olivia               ( ritorna, la guarda, con presentimento) Beh… la vedremo!…

                                                      SIPARIO   

 

  

                                                                                  

                        

                    

                          

        

        

                                            ATTO SECONDO

Primo quadro

Due settimane dopo. Sono all’incirca le dieci di sera. Si sta giocando ancora a Trivial

Pursuit. Ad un lato del tavolo sono sedute Olivia, Vera e Michi, dall’altro lato siedono

Renata e Silvia: dalla loro parte vi è anche una sedia vuota che presumibilmente appar-

Tiene a Fiorenza. La stanza ha un aspetto decisamente diverso da quello del primo tempo.

Tutto è ordinato, pulito, splendente. Non vi sono intorno sacchetti di biancheria da lavare,

ne giornali per terra ne vecchie riviste, ne piatti sporchi. Michi getta i dadi, poi muove la

propria pedina di sei caselle.

Michi                Cinema.

Olivia               Il mio pane. Sentiamo.

Renata             (guardando verso la cucina) Ma quanto tempo ci mette Fiorenza a fare il caffè?

Olivia                Beh, prima di tutto deve andare in Brasile a coltivarlo. Dai, dai, com’è questa domanda?

Silvia                         (leggendo la carta) “ Attrice inglese degli anni ’50, considerata la rivale di Marilyn Monroe.” Chi è?

Olivia               Oh, oh, è facile. La conosco. Non ditemelo. E’ la…come si chiama? Oh, dio, ce l’ho qui sulla punta della lingua. La conosco benissimo. Un po’ cagna, suo marito doveva essere un produttore.

Vera                 Dacci un’indicazione.

Olivia               No, no! Niente aiuti!… E va bene, dicci qualcosa.

Silvia                Il suo nome è quello di una dea.

Michi                Una dea di che genere: greca o indiana?

Vera                          E’ una di quelle nude con le tuniche, o di quelle tutte storte che si arrampicano sugli uomini? ( Michi e Olivia guardano Vera. Entra dalla cucina Fiorenza, il grembiulino civettuolo. Porta un vassoio con bicchieri, roba da mangiare e tovagliolini di tela. Dopo aver posato il vassoio prende i tovagliolini e li apre mettendoli ciascuno davanti ad una delle giocatrici, in grembo, al collo, compiendo tutto il giro intorno alla tavola.

Fiorenza           Ha chiamato nessuno per me?

Michi                No. Un nome di dea? Minerva! Minerva.

Vera                          Non c’è nessuna attrice che si chiami Minerva Fiammiferi. Se no me lo ricorderei. (Fiorenza continua a mettere a posto i tovagliolini, mentre le altre vanno avanti a giocare).

Olivia                         No  no ... Giunone… No, Giunone è una marca di reggiseni. ( Fiorenza versa una Pepsi in un bicchiere con del ghiaccio).

Fiorenza           Una pepsi ghiacciata per Michi. (Gliela porge)

Michi                Grazie.  (Ma  Fiorenza trattiene il bicchiere).

Fiorenza           Dov’è il tuo centrino?

Michi                Il mio cosa?…

Fiorenza                    Il tuo centrino. Ho comperato tutta una scatola di centrini di plastica, bellissimi, per appoggiarci i bicchieri.

Vera                          (mostrando un centrino color marrone) Come questo? Io credevo fossero dei biscotti alla cioccolata.

Fiorenza                    Beh, ragazze, cercate di usare sempre i vostri centrini, così non rovinate il tavolo con i bicchieri… Sherry on the rocks?

Silvia                         (alza una mano) Sherry on the rocks. (Mostra il centrino sollevandolo in alto) Ecco qui il mio centrino.

Fiorenza                    (ritorna al vassoio) Brava! E ricordati che se un bicchiere è bagnato passa attraverso la cera e toglie il lucido, e rovina il legno.

                        (Suona il telefono. Fiorenza scatta per rispondere, si ferma).

Fiorenza           Se è Camillo non sapete niente di me. (Il telefono non squilla più. Un breve silenzio).

Olivia               (Tornando al gioco) Venere?… No, non è neanche Venere.

Vera                 Venere è un pianeta, ne sono sicura. O un pianeta o un astella.

Fiorenza           Ed ecco un bel portacenere pulito per Silvia…

Silvia                Grazie.

Renata                      E’  la vostra riposta? (Gli mette il tovagliolo ) (Asciuga il fondo di un piatto e lo posa di fronte  a Vera)

Vera                 Uhm, che buon odorino!… Che cos’è Fiorenza?

Fiorenza                    La solita crostata con marmellata di arance amare fatte da me sopra una foglia di ginepro sotto vodka. (Mette il tovagliolo a Renata)

Vera                 E tu ti sei data tutto questo daffare per me?

Fiorenza           L’ho fatta per tutte.

                     (Vera sta per addentare il sandwiche quando Fiorenza le spinge in avanti la testa). Sta sul piatto a mangiare, che ho appena finito di passare l’aspirapolvere!… Olivia tu che cosa vuoi?

Olivia                         Anitra laccata alla pechinese per sette!… Ma non lo vedi che sto cercando di concentrarmi?

Fiorenza           Magari solo un pezzettino! Va bene, allora gin e tonic.

                     (Parte per la cucina, ma poi si ferma di fronte a una scatola di metallo che si trova sul tavolo.)  Chi è che ha spento il vaporizzatore alla banana?

Michi                Il cosa?!…

Fiorenza           Il vaporizzatore alla banana. (Lo riaccende e lo rimette in funzione).

                     Cercate di non scherzare con queste cose, va bene, ragazze? Io sto facendo di tutto perché l’aria qui dentro sia per lo meno respirabile!

                        (Sventola il proprio tovagliolino in aria).

Olivia                         (Perdendo la pazienza) Lo stai facendo apposta, vero? Confessa! Stai facendo di tutto per distrarmi; per farci perdere e vincere tu!

Fiorenza           Figurati ! Non ho neanche sentito la domanda.

Michi                Attrice inglese degli anni ’50, considerata la rivale di Marilyn Monroe.

Fiorenza           Diana Dors. (Esce verso la cucina. Olivia caccia un urlo).

Vera              La dea Diana , è vero.

Olivia                         (Si alza e grida)  Non doveva rispondere lei! Dovevo rispondere io!…Io ho fatto tutta la fatica di pensare e alla fine salta fuori lei e risponde al mio posto.

                               Non vale! Diana Dors, Diana Dors, Diana Dors!Lo sapevo anch’io (Getta il tovagliolino sulla tavola) . Oh, accidenti!…Michi? Che cosa potrebbe venirmi a costare noleggiare un sicario?

Silvia             (Alzandosi) Non ce la faccio più!   In tre ore avremo fatto si e no quattro domande… Io non riesco a concentrarmi, a pensare. Vivo nell’incubo che quella ci arrivi a tradimento alle spalle e si metta a lavarci i capelli con lo shampoo.

Renata           (Portando le mani alla gola) Non riesco a respirare. Quella maledetta macchina sta aspirando tutta l’aria e riempendo la stanza di essenza di banana. (Se è possibile sentire l’essenza nell’aria)

Vera               (Assaggia il tramezzino) Squisito. Il pane è tostato al punto giusto: né troppo molle né troppo secco…

Michi              Sapete cosa ho saputo? Che Camillo ha una faccia che fa spavento. Si fa portar su la cena ogni sera dal ristorante cinese sotto casa. Mio marito l’ha incontrato l’altro giorno, ed aveva il mento sporco di salsa di soia.

Vera               (Sempre mangiando) Tutto perfetto: l’insalata, la crostata…Ma dove le trova le arance amare?

Olivia             Le abbiamo piantate in terrazza.

Silvia             Fa qualche cosa Olivia! Una volta queste serate erano  dei divertenti incontri tra vecchie amiche, adesso sembra il thè della regina Vittoria.

Vera               Un momento fa sono stata in bagno. Gli asciugamani sono morbidi e soffici, bianchi che più bianchi non si può.

Michi              Fiorenza avrebbe dovuto nascere cent’anni fa. Sarebbe andata benissimo in un altro mondo.

Olivia             E’ dove sto cercando di mandarla.

Renata           (Vicino alla finestra, toccando le tende) Dio guarda quella macchina come ha pulito le tendine! E in questo momento, probabilmente, sta facendo altrettanto con i nostri polmoni.

Silvia             (Infilandosi la giacchetta) Sentite: lasciamo perdere. Io me ne vado a casa.

Olivia             Sta seduta. Adesso arriva.

Silvia             Adesso quando? Scommettiamo che sta foderando i mobili di cucina?

Olivia             Senti non andartene. Finiamo la partita .

Silvia             Senti tu, me, non è neanche che questo gioco mi piaccia poi tanto. Ma è l’unica sera alla settimana che posso passare tranquillamente con le mie amiche. Si spettegola un po’, si parla di uomini, di sesso…Sarei disposta a parlare anche di politica, di economia, di sport…Ma non voglio parlare di come è tostato al punto giusto il pane dei tramezzini, e di come sono morbidi e soffici gli asciugamani lavati col Niagara. (si infila la borsa a sacca) Ci sono due categorie di persone al mondo che mi fanno diventar matta: quelli che hanno appena smesso di fumare, e quelli che si sono appena separati.

Vera               (a silvia) Tu però potresti cercare di essere un po’ più comprensiva.

Silvia             (indicando Vera) Terza categoria: quelli che dicono che bisogna essere un po’ più comprensivi. ( si avvia verso la porta)

Olivia             Non andartene Silvia, aspetta ancora un momento.

Silvia             E’ tutta colpa tua, Olivia. Sei tu che le hai fatto cambiare idea, quando voleva suicidarsi (apre la porta ed esce).

Olivia             Ha ragione, in questo bisogna riconoscere che ha ragione.

Vera               Io avrei parlato volentieri di sesso. Ma nessuno ha cominciato!…

Renata           Spero solo di avere con me il portafogli, in modo che possano idntificare il mio cadavere.

Olivia             (gridando verso la cucina) Fiorenza, accidenti, stiamo tutte aspettando te! Piantala con quella cucina, e vieni a giocare.

Renata           (prendendo in mano le carte) Ma che cos’è quest’odore? (annusa le carte) Disinfettante! Sono le carte. Le ha lavate!…(getta giù le carte. Fiorenza entra dalla cucina con un drink per Olivia).

Fiorenza         Eccomi qua! Qual è la domanda?

Renata           (alzandosi) Come si intitola la commedia che ha vinto il premio Pulitzer nel 1983?

Fiorenza         “Buonanotte mamma”.

Renata           Ecco: buonanotte anche a te, tesoro. (si infila la giacca ed esce).

Fiorenza         Ehi, mi dispiace. E’ colpa mia?

Vera               No. Ho l’impressione che stasera nessuno abbia molta voglia di giocare.

Michi              Tanto meglio: io domattina devo alzarmi presto (si infila la giacca e la borsa a tracollo).

Fiorenza         Tuo marito è contento che tu sia nella polizia, Michi?

Michi              Non gliene importa niente. Gli interessano solo le possibilità erotiche.

Fiorenza         Esempio?

Michi              Esempio…legarmi con le manette al letto.

Vera               E tu te lo sei lasciato fare?

Michi              Una volta. Ma lui si è addormentato e io mi sono beccata l’ernia al disco cercando di raggiungere il bagno (avviandosi verso la porta) Se volete sapere la mia opinione, voi due siete fortunate. Io vi invidio.

Fiorenza         Noi!? E perché?

Michi              Perché siete libere. Potete fare quel che vi pare, andare dove volete, abbandonarvi alle vostre fantasie.

Fiorenza         La pensi così anche tu, Vera?

Vera               Io non sono molto portata per le fantasie. E’ Henry che le pensa e poi me le passa.

Michi              (vicino alla porta) Date retta a me: in quest’epoca meglio di tutto è vivere da sole. E’ un po’ di tempo che me guardo in giro. Gli uomini sono molto più belli e interessanti di una volta.

Fiorenza         E a che cosa pensi sia dovuto?

Michi              Al fatto che hanno dieci anni di meno. O io dieci anni di più (Vera e Michi escono).

Fiorenza         (cominciando a riordinare il tavolo) E’ incredibile, non è vero. Per loro noi siamo le fortunate. Credono che noi ci si diverta. Eh, non sanno proprio niente! Vero, Olivia? Loro non sanno come sono le cose in realtà.

Olivia             (con freddezza) Ti sarei infinitamente grata, Fiorenza, se tu lasciassi perdere un momento di far pulizia.

Fiorenza         (continuando) Solo due o tre cose…

Olivia             Fiorenza, lascia stare quella roba! Io stasera, non ho ancora finito di fare disordine.

Fiorenza         Porto solo i piatti in cucina. Vuoi che li lasci qui tutta la notte? Sai che puzza domani.

Olivia             Puoi anche portarli a lavare a secco. Ma domani, non adesso! E poi, smettila di farmi sentire in colpa perché non ho voglia di alzarmi e di darti una mano.

Fiorenza         Ma io non te l’ho mica chiesto.

Olivia             Ma è proprio questo che mi dà i complessi di colpa! Sei sempre li: io esco dal bagno, e tu dentro a ripiegare gli asciugamani. Uno fuma una sigaretta e tu dietro con il portacenere a pigliar la cenere al volo. E ieri sera, credi che non t’abbia vista mentre lavavi la cucina scuotendo la testa e brontolando per le impronte sul pavimento?

Fiorenza         Ho forse detto che eri stata tu?

Olivia             Ma “ ero” stata io, accidenti! Chi vuoi che fosse stato? Non c’era nessun’altro in casa1 io ho due piedi: uno e due! E  i miei piedi, quando li appoggio per terra, lasciano impronte. E quando cammino, devo appoggiarli per terra! Cosa dovrei fare? Arrampicarmi su per i muri?

Fiorenza         No, a me sta bene che tu cammini per terra. (si avvicina al telefono per pulirlo).

Olivia             Davvero? Oh, ma è meraviglioso! (Fiorenza con uno straccio pulisce il telefono, filo compreso).

Fiorenza         Io sto solo cercando di tenere la casa un po’ in ordine. Io non voglio darti sui nervi.

Olivia             E allora se non vuoi darmi sui nervi lascia stare quel telefono. Non pulirlo! Su quel telefono ci sono molte delle mie ditate più care!

Fiorenza         E’ che volevo trovarmi vicino se suonava. (guarda Olivia, poi depone lo straccio e siede sulla sedia. E’ il momento dell’autocommiserazione)…Mi sono sempre chiesta quanto tempo ci sarebbe voluto!…

Olivia             Quanto tempo ci sarebbe voluto per che cosa?

Fiorenza         Beh, perché tu non mi potessi più soffrire.

Olivia             Io non ho detto che non ti posso più soffrire.

Fiorenza         Beh, hai detto che ti do sui nervi. E’ lo stesso.

Olivia             Sei stata tu a dire che non vuoi darmi sui nervi. Io non l’ho detto.

Fiorenza         E allora che cos’è che hai detto?

Olivia             Io non lo so che cosa ho detto. Che cosa c’entra quel che ho detto io?

Fiorenza         Non c’entra niente quel che hai detto tu. Io ho solo detto quel che ho capito che stavi pensando.

Olivia             ( con rabbia) Beh, tu non occuparti di quello che penso: occupati soltanto di quello che dico! Dio, come mi dai  sui nervi!

Fiorenza         (raccoglie una tazza, si alza ) Scusa. Mi dispiace, Olivia. Io sono fatta male, lo so…

Olivia             Se vuoi litigare, litighiamo. Se vuoi fare la guerra, facciamo la guerra. Ma non fare la lagna. Perché se litighiamo vinco io, ma se facciamo la lagna vinci tu!

Fiorenza         Anch’io non mi sopporto più.

Olivia             (arrabbiandosi) E non cedere così subito! Io non ho sempre ragione. Qualche volta puoi avere ragione anche tu!

Fiorenza         Davvero? Hai ragione! E’ proprio vero. Ormai io penso di essere dalla parte del torto.

Olivia             Ecco: ed è in questo che tu effettivamente hai torto e io ho ragione.

Fiorenza         Uffa! Non ci capisco più niente. Era meglio se mi ammazzavo! Oh, lasciami, lasciami stare. Non occuparti di me.

Olivia             E smettila anche di far la vittima! Che è lo stesso che fare la lagna.

Fiorenza         Lo so, lo so. Basta! Non ne posso più! Basta!(stringe la tazza con rabbia. Improvvisamente ripiega all’indietro il braccio come per scagliare la tazzina contro il muro, ma poi ci ripensa e si trattiene).

Olivia             (che ha osservato la manovra) Perché non l’hai tirata?

Fiorenza         Non lo so, hai vinto. Poi ho avuto paura di sbagliare. Stavo quasi per farlo. Qualche volta mi capita di perdere la testa.

Olivia             E allora perché non l’hai tirata?

Fiorenza         Perché mi sono controllata.

Olivia             E perché?

Fiorenza         Perché che cosa?

Olivia             Perché diavolo devi controllarti? Sei furiosa, hai voglia di tirare una tazzina contro il muro, perché non lo fai?

Fiorenza         Perché. La rabbia non mi passa e in più ho rotto una tazzina.

Olivia             E come fai a sapere che la rabbia non ti passa? Magari la rabbia ti passa, ti sei sfogata e ti senti benissimo. Perché devi sempre essere li a controllare ogni minimo pensiero che ti passa per la testa? Perché non ti lasci andare, una volta nella vita? Perché non fai una volta nella vita quello che ti viene voglia di fare, infischiandotene se è ragionevole, se è logico, se è giudizioso?… Smettila di tenere in ordine le rubriche, del telefono, della spesa, delle scadenze! Rilassati! Ubriacati! Incazzati!…Forza! Tira contro il muro quella tazzina di merda!!( Fiorenza improvvisamente si lascia invadere dalla rabbia, si volta verso il muro e con tutte le proprie forze scaglia la tazzina contro il muro. la tazzina va in mille pezzi. Ma improvvisamente Fiorenza si afferra il braccio con un’ espressione di dolore).

Fiorenza         Oh, il mio braccio! Mi sono fatta male al braccio! Non lo posso più abbassare. (lazzi da moritura)

Olivia             Ah, sei senza speranza! Sei veramente un caso disperato!

Fiorenza         Non devo far movimenti violenti con questo braccio. Ho il gomito del tennista! (si strofina il braccio)

Olivia             Adesso,  per piacere, non metterti a piangere! Probabilmente sono proprio le lacrime ti colano sul braccio, che t’han fatto venire il gomito del tennista!

Fiorenza         Non posso piangere, sono allergica alle mie lacrime, posso fare solo il verso. (massaggiando il gomito) Uh, uh! (Olivia ride).

Fiorenza         ( sta raccogliendo i pezzi della tazzina rotta sul vassoio) Vedi, ti faccio anche ridere, perciò non sono ne musona ne una noiosa. Ci sono stati dei momenti molto belli, no? Ci siamo anche divertite.

Olivia             Divertite? Ah, si. Quelle volte, per esempio, che tu riuscivi a mettere perfettamente a fuoco la televisione, e allora vedevamo il tenente Colombo come mai in vita nostra!…Fiorenza, io ho una concezione diversa dei colpi di vita!

Fiorenza         Ma di che cosa stai parlando?

Olivia             Stammi bene a sentire. A questo mondo ci sono due sessi. Noi apparteniamo a uno di questi sessi. Ora, non è colpa mia, non sono stata io, quando sono nata le cose già erano così: ma la natura esige che di tanto in tanto il nostro sesso entri, per così dire , in relazione con l’altro sesso.

Fiorenza         Vuoi dire… uomini. Parla chiaro.

Olivia             Se proprio non sono stata chiara, se proprio vuoi dargli un nome…okay. Uomini.

Fiorenza         Beh, questa è proprio comica. Sono settimane che è come se gli uomini per me non esistessero.

Olivia             Il lato comico mi sfugge completamente.

Fiorenza         Non credere che non li trovi interessanti. Conosco un sacco di uomini molto interessanti.

Olivia             Per esempio? Un nome.

Fiorenza         Gorbaciov, per esempio. Lo trovo molto interessante.

Olivia             Si, però esce poco la sera…Fiorenza, non possiamo starcene sempre chiuse in casa come stasera.

Fiorenza         Ma sono separata da poche settimane, Olivia. Lasciami un po’ di tempo.

Olivia             Ma che cosa ti ho chiesto? Vorrei soltanto, un giorno o l’altro, uscire a cena con due amici.

Fiorenza         Ma da chi potrei farmi invitare. L’unico scapolo che conosco è il mio parrucchiere, ma esce sempre con il suo ragazzo.

Olivia             A questo ci penso io. Ci sono due fratelli che abitano qui, in questa casa. Sono due spagnoli. Abitavano in Spagna. E sono simpaticissimi.

Fiorenza         E tu come lo sai?

Olivia             L’altro giorno sono rimasta bloccata nell’ascensore assieme a loro. Mi hanno invitata a cena. Andrebbero benissimo.

Fiorenza         Come sono?

Olivia             Dei veri signori. Vestono in doppio petto.

Fiorenza         Vestire in doppio petto non significa necessariamente essere dei veri signori

Olivia             Avevano anche i pantaloni con i risvolti e il fazzoletto nel taschino della giacca.

Fiorenza         Ma sono giovani o vecchi? Insomma, sono belli?

Olivia             Ti dico che sono due spagnoli di classe.

Fiorenza         E come sono due spagnoli di classe? E io chi mi piglio?

Olivia             (cerca il numero sulla guida) Prenditi quello che vuoi. Come entrano dalla porta, tu punta dritta su quello che scegli. Promettimi soltanto una cosa.

Fiorenza         Che cosa?

Olivia             Non chiamarli Camillo; Camillo dimenticatelo. Si chiamano Manolo e Chesos.

Fiorenza         Manolo e Chesos?

Olivia             No. Manolo e Chesos con la i lunga.

Fiorenza         (Come tra se) Ma dov’è la i lunga in Manolo e Chesos.

Olivia             Smettila di angosciarti per ogni minima cosa, va bene? Questa sera si va fuori a cena ! Conoscono i migliori ristoranti spagnoli del mondo così m’han detto

Fiorenza         Ah, no. Non pensarci  neanche: io non vengo in un ristorante per farmi vedere da tutti.

Olivia             Perché secondo te la gente si schiererà lungo i marciapiedi per vedere con chi vai a spasso.

Fiorenza         Penso alla gente che conosco: ai miei amici, alla mia famiglia. Te la immagini mia suocera che mi vede passeggiare a Tequila con Manolo e Chesos.

                     E chi ti dice che questa non sia quella volta?

Olivia             Fiorenza…io ho bisogno, e dico bisogno, di stare una sera con un uomo. Il tempo passa. I miei ormoni stanno letteralmente impazzendo… dammi una mano.

Fiorenza         Perché?

Olivia             Dammi una mano. (Prende la mano di Fiorenza e se la mette sul petto)Li senti i miei seni?

Fiorenza         Si. Mica male.

Olivia             Beh, a me non basta. Voglio una mano più grande, più forte, con le nocche nodose… per piacere!

Fiorenza         Va bene, va bene. Però fuori no! Ceniamo qui.

Olivia             Qui?! In casa?!… Fiorenza, oggetto principale dell’incontro non è il mangiare! Qui sarà in gioco il nostro onore: dovremo lottare per difenderlo, Fiorenza, stando bene attente a non perdere!

Fiorenza         Io non ho intenzione di perdere un bel niente. Tu hai parlato di cena, e io la cena te la preparo. Farò un bel cappone arrosto alla valenciana con riso all’andalusa, fiocchi di patate ed avogados per contorno, e soufflè di limone.

Olivia             Sei pazza? Vuoi farli scoppiare? Così’ poi dobbiamo aiutarli a tirarsi su dalle sedie? Io li voglio svegli, non distrutti dal cibo.

Fiorenza         La prima volta che ho incontrato Camillo gli ho fatto il riso al curry. Non se ne è più andato.(Si avvicina al telefono).

Olivia             A chi telefoni?

Fiorenza         (Con la voce rotta) Ai miei figli. Voglio che sappiano da me quel che faccio. Prima che i loro amici gli dicano che la loro mamma è una puttana. (Compone il numero, e mentre aspetta) Manolo e come?…

Olivia             Chesos.

Fiorenza         E come lo scrivi? Come cacio?

Olivia             J-e-s-u-s.

Fiorenza         Jesus… Gesù! Questo si chiama Gesù?!

Olivia             Si chiama Gesù ma è un altro!

Fiorenza         Ma tu… non me l’avevi detto che si chiamava Gesù… Che gli dico ai miei figli  che vado a cena con Gesù. Può non piacergli il cappone a Gesù. Oh Dio, oh Dio, meglio che faccia qualcosa di più semplice. Un po’  di pane… un po’ di pesce… qualcosa del genere.

                                   

                      

                                            

                                                    S I P A R I O

Secondo quadro

Qualche giorno dopo è sera. La scena è vuota. La tavola da pranzo è apparecchiata

ed assomiglia ad una illustrazione di una rivista di architettura e d’arredamento: 4

coperti, tovaglia, candele, bottiglie di vino, centrotavola di fiori, così come i fiori

vi sono per  la stanza. Vi è anche un tavolino per il caffè, con stuzzichini per  l’aperi

tivo.

Fiorenza         (Dopo un indecisione accanto al telefono decide di telefonare) Pronto?… c’è il signor Hungher?… E i figli del signor Hungher sono tornati?… Ah, si … e che fanno?… Io? Sono la mamma del signor Hungher, no, sono la mamma dei figli del signor Hungher… Volevo notizie, stanno bene?… Ah! Benissimo… ma mangiano? … Cosa mangiano?…. Tutto?… Robaccia!… No, niente, dica solo che ha telefonato la loro mamma, che non sta molto bene … insomma se mi telefonano. Grazie.

La porta d’ingresso si apre e d entra Olivia. Porta una borsetta, una borsa di plastica

Una cartella e un sacchetto di carta con delle bottiglie di vino. Si guarda intorno con

Un sorriso deliziato.

Olivia             (Forte verso la cucina) Ah, Dio, ma è meraviglioso!… Sembra una puntata di Capitol… (Scalcia via le scarpe, si toglie la giacca, la butta verso una sedia, ma manca il bersaglio e la giacca cade sul pavimento. Comincia a tirarsi via la camicia ed ha già posato la cartella sulla tavola apparecchiata). Mi sento rivivere… sto rifiorendo… mi sento in grado di affascinare chiunque… sono come uno dei personaggi di Dynasty… (Si avvia verso il bagno portando la borsetta di plastica con il vestito che ha appena  ritirato dalla tintoria. Dalla cucina entra Fiorenza. Ha in mano un grande sacco per la spazzatura. Si ferma e considera il disordine che Olivia è già riuscita a creare. Quindi gira per la stanza a raccogliere la cartella, la camicia, la giacca le scarpe, mettendo ogni cosa nel sacco della spazzatura. Poi chiude con un nodo, si avvicina al ripostiglio, apre la porta e getta il sacco nel ripostiglio, assieme ad altri che già vi si trovano. Poi ritorna in cucina. Olivia ritorna dalla stanza da letto, tirandosi su la cerniera lampo del vestito, e spazzolandosi i capelli. Si avvicina poi al tavolino accanto alla finestra, ne apre un cassetto, ne tira fuori delle spille per capelli e un paio di scarpe. Fiorenza esce dalla cucina con un mestolo di legno in mano e lancia uno sguardo a Olivia. Fiorenza siede. Olivia si acconcia i capelli) Oh sei bellissima. Mi piacciono molto quegli orecchini, così grandi… fa molto Espana… Che cosa c’è, Fio?… Qualcosa che non va: lo intuisco dalla tua conversazione… Okay, sentiamo: che cosa c’è?

Fiorenza         Che cosa c’è? Che ora pensi che sia?   

Olivia             Che ora? Non lo so. Le sette e mezza? Le otto?

Fiorenza         Diciamo pure le otto e venti.

Olivia             Va bene: sono le otto e venti. E con questo?

Fiorenza         Avevi detto che saresti stata a casa per le sette.

Olivia             Così ho detto?

Fiorenza         Così hai detto: “Sarò a casa per le sette”, hai detto.

Olivia             Va bene. Ho detto che sarei stata a casa per le sette, e invece sono le otto e venti. Qual è il problema?

Fiorenza         Se sapevi che avresti fatti tardi, si può sapere perché non me l’hai telefonato?

Olivia             Non potevo telefonarti. Ero occupata.

Fiorenza         Tanto occupata da non poter fare una telefonata? Si può sapere dov’eri?

Olivia             Stavo correndo su e giù per la Sesta Avenue  cercando un paio di orecchini.

Fiorenza         Io ho centomila paia di orecchini. Non potevo prestartene uno io?

Olivia             Te l’ho detto tante volte: non posso usare i tuoi orecchini. I miei lobi si sono richiusi.

Fiorenza         Potevo riaprirteli io con un morso. Vengono perfetti. Lo avrei fatto volentieri. Quando Camillo era in ritardo mi avvisava sempre.

Olivia             In ritardo?! Ma io non sono in ritardo! Sono la prima…non c’è ancora nessuno…Che differenza fa se sono le sette e mezza o le otto e venti?…

Fiorenza         Te lo dico io che differenza fa. Tu mi avevi detto che gli ospiti sarebbero stati qui alle sette e mezza. Quindi tu dovevi essere qui alle sette a darmi una mano per gli antipasti. Alle sette e mezza gli ospiti arrivano, e prendiamo l’aperitivo. Alle otto in punto ci mettiamo a tavola e comincia la cena. Adesso sono le otto e ventuno, e il mio cappone è cotto al punto giusto e pronto per essere servito in tavola. E se non si comincia a mangiare entro cinque minuti, il mio cappone può anche riprendersi le ali e volarsene via dalla finestra.

Olivia             (occhi al cielo) Oh, mio dio, salvami tu.

Fiorenza         Lascia perdere! Digli piuttosto di salvare i miei cinque chili di cappone.

Olivia             Cinque chili?! Hai fatto arrosto cinque chili di roba?! Si addormenteranno subito dopo mangiato! Altro che occuparsi di noi: quelli faranno la siesta!

Fiorenza         Quando ho gente a cena, io faccio da mangiare come si deve. E il cappone di questa sera è il miglior cappone che si potesse trovare in tutta la città. E adesso è là che sta rinsecchendo!

Olivia             Non puoi tenerlo un po’ bagnato?

Fiorenza         E come?

Olivia             Non so… magari avvolgendolo in un asciugamano umido.

Fiorenza         Si, e perché no mettendolo sotto la doccia? Tu non capisci niente: un cappone arrosto dev’essere mangiato appena cotto. Crac- crac- deve scrocchiare. Altrimenti diventa fossile.

Olivia             Beh, allora affettalo e servilo freddo.

Fiorenza         (allibita) Cappone freddo?!…Affettato di cappone freddo!?…Per una cena seduti!?…Mi hai preso per una selvaggia?

Olivia             Scusa, scusa, cercavo solo di essere utile.

Fiorenza         Ah, davvero? E allora perché non lanci l’idea di una bella cena a base wurstel e fagioli in scatola? Oppure dei begli hamburgher precotti con patatine fritte, formato large, con dei frappè alla vaniglia o alla fragola, fatti con le bustine? E io, secondo te, oggi sarei andata da Elizabeth Arden a farmi depilazione e tintura per poi servire un affettato di cappone freddo?

Olivia             Mi hai chiesto il mio consiglio, e io te l’ho dato.

Fiorenza         (agitandole il mestolo davanti alla faccia) Per te è tutto facile, vero? Io mi sono alzata alle sette, ho fatto la spesa, ho pulito la casa, cucinato, sistemato i fiori, ho disegnato sui burrini motivetti spagnoli…Prova! Vedrai che differenza c’è tra lo stare a sgobbare tutto il giorno in una cucina surriscaldata, e lo starsene spaparanzati in un bell’ufficio con l’aria condizionata a passare i risultati delle partite.

Olivia             Le partite?… io sono la responsabile di uno dei più importanti notiziari televisivi, altro che partite. Lo sai che oggi c’è stata una grande rivoluzione nel Ruanda-Burundi? Una grande rivoluzione!

Fiorenza         E dove cacchio è il Ruanda-Burundi?

Olivia             E’ una nuova repubblica africana.

Fiorenza         Nuova di quando?

Olivia             Da giovedì scorso.

Fiorenza         Davvero!? Bene: io ho un cappone che è più antipatico del Ruanda-Burundi.

Olivia             Ma chi ti ha detto di far da mangiare? Potevamo benissimo andare al sombrero o alle Balotas de Toros, e stare a guardare il flamengo, invece del tuo lurido mestolo di legno! (suonano alla porta. Olivia e Fiorenza rimangono di sasso).

Fiorenza         Eccoli qui! Va bene: me ne vado in cucina e vedo di tirar via almeno le ali, che saranno le più rinsecchite. (si avvia verso la cucina).

Olivia             (con forza) Resta dove sei!

Fiorenza         Io non mi assumo nessuna responsabilità per l’esito della cena! Sia chiaro!

Olivia             Ma chi è che ti dice niente! Ma chi se ne frega della tua cena! Stasera abbiamo un appuntamento con due uomini, non una gara di cucina!

Fiorenza         Tu sei pregata di raccontargli per filo e per segno tutto quel che è successo.

Olivia             Scriverò una piena confessione sui loro tovaglioli. E adesso tirati via quel grembiule da Peter Pan, che apro la porta. Hai finito?

Fiorenza         Ho finito. (Fiorenza si impone il sorriso, mentre Olivia va ad aprire la porta. Sulla soglia si stagliano due signori in doppio petto scuro, ambedue con baffi, ambedue reggendo in mano una scatola di dolciumi e un bouquet di rose. Sono due persone estremamente cortesi, di buon carattere, allegri e di immediata e facile simpatia. Parlano con accento castigliano, e sono, naturalmente, Manolo e Jesus).

Olivia             Ehi, salve. Buona sera. O forse posso dire “buenas dias”?

Manolo           Può dirlo, ma es molto sbagliato. Se dice “buenas tardes”.

Jesus             Dias es mattino. Haguana.

Manolo           Tardes es sera.

Olivia             J’ai compris…

Manolo           No. Lei  “comprendo”

Jesus             Compris es francese.

Olivia             Ho capito.

Manolo           no. Ho capito es italiano. (i due uomini e Olivia ridono).

Olivia             Bhe…accomodatevi, amigos.

Manolo           Amigos! Molto bene: facciamo progressos. (entrano) Jesus, Tu has qualcosa da dire?

Jesus             Si, con le nuestres mas profonde felicitaciones. Mucho encantado de conoserla. Manolo y yo abbiamo portato flores frescos, dulce frescos, y un flamenco para l’amientatio.

Manolo           Rose rosse para los cabellios.

Jesus             Para el vuesto pelo maravilloso. (Fiorenza li guarda)

Olivia             Ma che gentili!

Jesus             Yo espero che los dulces ve gustano. Sono amari.

Olivia             Sono amari?

Jesus             Si.

Olivia             I dolci sono amari?

Jesus             Si, ma non tanto. Un pochito amari: amarini.

Manolo           Amaretti.

Olivia             Ah, amaretti! Sono degli amaretti. Non amari: amaretti.

Jesus             Escusame, noi non s’enquetramos bien con vuestro precioso idioma; “lingua”.      

Olivia             Ma avete avuto un pensiero squisito. Li metto subito in acqua.

Manolo           Solo los flores. I dolci no: niente agua.

Olivia             D’accordo. Sono bellissimi. Li metterò in un vaso.

Jesus             Porque no, sul corazon?

Olivia             Sono le otto e mezza.

Jesus             Le ocho y media de la tarde? Sul corazon?

Olivia             Come?

Jesus             Lei tienes el corazon su le ocho y media?

Olivia             No, ho risposto a lui che mi ha chiesto corazon, cioè che ore sono.

Manolo           La segnora ha detto corazon. (spiega ad Olivia correggendo la pronuncia). Non “corazzon”, ma “corashon…” “corazzon”… Echivocado.

Jesus             La signora es sola questa sera?

Olivia             No, anzi, dov’è? Manolo, Jesus, permettetemi di presentarvi Fiorenza Unger, che abita qui con me, e che è stata la cuoca della serata.

Fiorenza         “Signora” Unger. Piacere!…

Manolo           Estremamente onorado di far la sua conoscenza. (si inchina e le bacia la mano) Il mio nome es Manolo Costazuela. (di nuovo si inchina e le ribacia la mano. Le prende la mano con intensità galante e poetica al tempo stesso). Ai suoi ochos e alle sue labbra. Los ochos li ho rencontrados, le labbra spero de rencontrarle pronto presto. 

Fiorenza         (guardando Olivia basita)  Eh?… Che vorrebbe significare?

Olivia             Beh…vuole… dire…

Manolo           Oh, no se espaventa! Questo es un piropo. Un complimento poetico.

Jesus             Quando un hombre incontra una bella mujer, le porge un piropo. ”un bacino”. (Manolo bacia la mano a Fiorenza).

Olivia             (porgendo la mano) E per me , scusate?

Jesus             (baciandole la mano) Con lo mismo gusto!

Manolo           (le prende la mano)  Un gusto che io sono pronto a redoblar. Tutto l’universo è nel volto de Olivia: il cielo negli occhi, il sole nel sorriso, la neve eterna sulla pelle.

Olivia             Beh,  grazie.

Fiorenza         E questo è un polipo?

Jesus             Piropo, piropo!…

Manolo           Questa es una lietissima sorpresa por mi, segnora Unger. E questo es el mio amado hermano fratelligno, Jesus Costazuela.

Fiorenza         (gli porge la mano) Piacere…

Jesus             Provo nel conoscerla usted un sentimento de grande giubilo che me gratifica muchisimo.

Olivia             Perché non ci sediamo, ragazzi?

Manolo           Gracias. Le està bene se siedo in questa sedia?

Olivia             Dove volete. Parcheggiate pure dove volete.

Jesus             Si, si, abbiamo parcheggiato proprio qui davanti.

Manolo           Ma no! La signora vuol dire di parcheggiare, assentarse aqui (i due uomini ridono) Oi, come me divierto!

Olivia             Jesus, perché non siedi sul divano?

Jesus             Con mucho gusto, se non es de troppa molestia.

Olivia             Beh, cerchi di farlo nel modo più semplice e silenzioso possibile. (i due uomini ridono) E tu Fiorenza, perché non ti siedi sul divano a Jesus?…. O sulla sedia, come vuoi. (Fiorenza siede un po’ discosta, su una poltrona. Jesus siede). E lei Manolo non si siede?

Manolo           Dopo di lei, segnora.

Jesus             (scattando in piedi) Oh, pardon!

Olivia             ( a Jesus) Che c’è? Non le piace quella sedia?

Jesus             Oh, no, io adoro questa sedia. Ma ho pensato che forse voleva sedere lei.

Olivia             No, no. Quella sedia gliel’avevo assegnata io, non ricorda?

Jesus             Seguro!

Olivia             Prego, s’accomodi. (Jesus siede)

Manolo           ( a Jesus) Non prima che estaia seduta anche la signora. 

Jesus             ( scatta in piedi) oh, chiedo disculpa veramente impierdonable.

Manolo           Bene, adesso sieda lei, Olivia.

Olivia             Bene, tocca a me. (siede).

Manolo           Adesso mi siedo io. (Siede. A Jesus) Adesso ti siedi tu. (Jesus siede. Fiorenza si alza).

Fiorenza         Possiamo offrirvi qualcosa da bere? (Manolo e Jesus  scattano in piedi.)

Olivia             Perché invece non proviamo a vedere se riusciamo  a stare seduti tutti insieme?

Jesus             Olè! (Siede)

Olivia             (Facendo schioccare le dita) Fiorenza siediti! (Fiorenza siede mentre Manolo e Jesus scattano deferenti in piedi) Giù, ragazzi, seduti! (I due uomini siedono)

Manolo           Questa succede contiunuamiente in Espagna. E’ per questo che poi abbiamo necessidad della siesta… Olivia! La sua casa es  veramente belisima.

Olivia             Oh, le piace?

Manolo           Se mi piace? Me gusta mucissimo! (Si bacia le dita riunite, in segno di ammirazione) Stupendo, tutto stupendo. Sembra una cosa de El Greco.

Olivia             Di chi?

Manolo           El Greco. Il pittore.

Olivia             (Si guarda intorno, si stringe nelle spalle) Veramente non mi ricordo chi ha dato la tinta alle pareti . (Manolo e Jesus ridono manifestando grande divertimento).

Jesus             Oi, come me divierto!

Manolo           Però lei Olivia mi ha detto una mentira. Mi aveva detto che la sua casa era troppo desordenata per invitarci a cena… beh, non esdesordenata para nada!

Olivia             Perché dopo di allora ho trovato una donna che mi fa le pulizie ogni giorno. Anzi:più volte al giorno.

Manolo           Anch’io ho uno che mi fa limpiezza. E’ mio fratello Jesus (indica Jesus. Tutti si divertono molto).

Jesus             Es verdad! A me me gusta che la mia casas sia muy linda e ordinada . Io e Manolo, siamo molto, molto distintos. Io sono molto ordenado, e lui no. Io sono siempre puntual, lui siempre impuntual. Lei non immajine la difficultad de vivere insieme. Yo diviento nervioso.

Olivia             Me lo immagino, me lo immagino. Ho già sentito casi del genere. Anche tu, vero, Fiorenza?

Fiorenza         (Dopo una pausa, a Manolo) Scusi ma lei prima intendeva dire El Greco, vero? Il grande pittore spagnolo, noto nel …

Manolo           (Un po’ perplesso) Si … forse la signora desidera riprendere la conversazione un po’ più indietro…

Fiorenza         Si, io vi ho raggiunti adesso.( Momento di silenzio imbarazzato)

Olivia             Beh, questa è proprio una simpatica occasione… stavo raccontando l’altra sera a Fio’ come ci siamo conosciuti.

Manolo           Ah… chi è Fio’?

Olivia             Fio’ è lei.

Fiorenza         Si, Fio’ sono io.

Olivia             Fio’ è un diminutivo per Fiorenza. Come Fiorenzina.

Fiorenza         Mia mamma mi chiamava Fio’. Fio’ è un diminutivo .

Jesus             Me sembra piuttosto un aumentativo.

Olivia             Anche a me, qualche volta, invece di Olivia mi chiamano Ollie.

Jesus             Questo è un diminutivo.

Olivia             Si. E mia mamma mi chiamava anche Olivella.

Manolo           Interessante.

Fiorenza         Molto interessante.

Olivia             Eh, è una lingua complessa.

Fiorenza         El Greco in realtà non era spagnolo.

Manolo           E’ vero.

Jesus             Ah! Era greco.

Fiorenza         Il nome stesso lo dice. El Greco vuol dire il greco. Nato i Grecia.

Manolo           Si, lo so. Conosciamo lo spagnolo.

Fiorenza         Ah, si? Velasquez invece era spagnolo.

Jesus             (correggendo la pronuncia) Velasches.

Fiorenza         E chi è? Anche Velasches?

Manolo           No, Velasquez e Velasches sono lo mismo. Solo che uno es prununciato alla straniera, e l’altro alla castigliana. Spagnolo di Castillia es molto diverso da altre lingue.

Jesus             Voi dite Barcellona, e noi Barselona. Probar: Barcellona… 

Fiorenza         Barcelona. (un momento di imbarazzato silenzio).

Olivia             Beh… è stata un’estate molto calda, no? Proprio calda.

Fiorenza         Moto calda.

Jesus             Mui caliente.

Manolo           Credo l’estate più calda che io mi recuerdo. La notte scorsa, io e mio hermano abbiamo dormito senza niente addosso.

Olivia             (sexi) Davvero?

Manolo           Avevamo lasciato anche la porta aperta per fare un pochito di corriente, e quelli di fronte ci hanno visti. Sono una coppia di marito e moglie molto anziani. Ci hanno visti e hanno pensato…come si dice quando due uomini si vogliono bene?…Che sono?…

Fiorenza         Fratelli.

Manolo           No, non fratelli. Yo lo se carciofi…

Jesus             Spinaci… no.

Manolo           No…

Olivia             Finocchi.

Manolo           Si. Finocchi. Giusto. Loro pensano che siamo finocchi.

Jesus             E invece no es absolutamente verdadero. Credimi.

Fiorenza         Ti credo, ti credo! (ridono)

Jesus             Anzi, nosotros semos il contrario. Quale es il contrario di finocchi?

Olivia             Boh, non finocchi.

Jesus             Ecco. Noi siamo non finocchi.

Manolo           Siamo il massimo dei non finocchi. (si divertono molto)

Fiorenza         (seria) Perché ridete?

Jesus             Mi dica una cosa, Fiorenza. Visto che voi vivete insieme, la gente non pensa che voi siete finocchie?

Fiorenza         Noi non siamo finocchie. Perché me lo chiede?

Manolo           Perchè  ogni venerdì sera vengono qui un sacco di donne, e la gente dice strane cose.

Fiorenza         No, giochiamo a carte, e nessuno di noi è finocchia. Anzi! (guardando Olivia)

Manolo           Muy interesante. Questo è un punto a favore di Fiorenza.

Fiorenza         E poi: com’è che se degli uomini giocano a poker nessuno pensa che siano finocchi?

Jesus             Olè! Due a zero per Fiorenza.

Fiorenza         Queste  cose non le sopporto, mi viene quasi da piangere.

Jesus             Non me digas mon jorar. (mette il nastro di flamenco. Accenna un passo) Ahi! Che allegria col flamenco! (coinvolge gli altri nel ballo).

Olivia             Finalmente l’atmosfera se riscalda. Sono sicura che i signori desiderano cominciare con un aperitivo. Non è vero ragazzi? ( si alza).

Manolo           E’ un’ottima idea.

Olivia             Bene. Che cosa volete?

Manolo           Non vorrei creare troppa molestia…A me andrebbe bene una doppia vodka.

Jesus             Ah no, Manolo! Me lo avias promettido! Niente più doppie vodche.

Manolo           Sentito? Mio fratello ogni tanto è come mia madre. Però ha ragione. I liquori non mi fanno bene. Divento molto aggressivo quando bevo, e sono capace di tirarme contro la gente…

Olivia             Va bene: per questa volta…una doppia vodka. E per Jesus?

Jesus             Per Jesus un Floritida, oppure Martini molto, molto, molto dry.

Olivia             Vengo subito. (si alza e si avvia verso la cucina. Fiorenza la segue)

Fiorenza         Dove vai?

Olivia             A prendere la roba da bere. Così ti lascio tutto il tempo per fare amicizia.(esce verso la cucina. Fiorenza appare  completamente a disagio. Guarda verso i due uomini che le sorridono. Poi si avvicina alla propria sedia e siede, incrociando le gambe. Un lungo silenzio imbarazzato)

Fiorenza         E così… siete fratelli.

Manolo           Si…tutti e due.

Fiorenza         Questo è molto bello. Di dove siete?

Jesus             Di Barcellona (in Spagnolo).

Fiorenza         …Ma va…davvero!? E da quanto tempo siete qui?

Jesus             Tre agnos. Tre anni.

Fiorenza         Tre anni! Ma che bravi! Siete qui in vacanza?

Manolo           Eh? No, no. Siamo qui per lavoro, non è vero Jesus?

Jesus             Si, lavoriamo in Iberia.

Fiorenza         Lavorate in Siberia? Bravi! E andate avanti e indietro? E’ dura!

Jesus             No. Iberia.li linee aeree spagnole.

Fiorenza         Ah, non avevo capito…E… siete piloti? (fa il gesto).

Manolo           No, no, amministrativi.

Fiorenza         Io bisogna proprio che impari lo spagnolo! E’ di gran moda quest’anno. Se una donna non sa cosa vuol dire caballero, non può neanche andare alla toilette tranquilla.

Jesus             Ahi che salerossa! Muy spiritosa. Anda, anda! (ricomincia a ballare). No, no puedo vivir senza el flamenco /prende di nuovo Fiorenza per ballare. Lei è riluttante ci prova ma lo fa scivolare)

Fiorenza         Glielo avevo detto che non volevo ballare!

Jesus             No se preoccupe. Yo me divierto. (Tutti e tre ridono molto divertiti. Poi Fiorenza grida verso la cucina)

Fiorenza         Olivia!!! Hai bisogno di aiuto?

Olivia             (Si affaccia dalla cucina) Sto benissimo. Ho solo un po’  di problemi con i cubetti del ghiaccio. (Sparisce)

Jesus             E così, Fio’ … de che cosa l’occupa?

Fiorenza         Io… sono separata.

Jesus             Separata?… Dal suo lavoro?

Fiorenza         No, da mio marito.

Jesus             Oh, chiedo disculpa, non avevo comprendido.

Fiorenza         Una volta lavoravo… ma poi ho smesso quando sono diventata mamma.

Jesus             E … usted ha ninos, ha dei bambini?

Fiorenza         Si . Ho due  bambini ( spiega) le donne di solito diventano mamme … proprio perché hanno dei bambini.

Jesus             Quante?

Fiorenza         Beh tutte. Tutte le donne che hanno dei bambini di solito diventano mamme.

Manolo           No, quanti figli ha lei.

Fiorenza         Oh… beh….tre. No! Due… stavo contando anche mio marito ( ride imbarazzata. Ridono anche i due uomini) Ma adesso che mi sono separata mi rimetterò a lavorare.

Manolo           Ecco: in questo c’è grande differenza tra Espana y America. La Espana es ancora molto all’antiqua, molto tradizional. Da noi è ancora l’uomo che deve portar la pagnotta.

Fiorenza         Portar la pagnotta?

Manolo           Si, tirar la carretta…

Fiorenza         Quale carretta ?

Jesus             Quella con la pagnotta. (I due uomini ridono)

Fiorenza         Cosa c’è da ridere della pagnotta.

Manolo           Ma io e Jesus siamo molto moderni, molto anticonformistas. E’ per questo che abbiamo divorziato dalle nostre mogli e siamo venuti i questo maravvilloso paese, a vivere qui. Noi amamos mucho la Espagna, ma ormai era giunta l’ora di dirci adios.

Fiorenza         Com’è triste, però tutto questo…E avete bambini in Spagna?

Jesus             Oh, si! Milioni di bambini! Multissimos , tantissimi!

Fiorenza         Volevo dire …vostri.

Jesus             Ah, no! Niente bambini. Noi siamo uomini d’onore. Se avessimo avuto dei figli saremmo stati là con le nostre famiglie, infelici per sempre.

Fiorenza         E’ triste, vero, quando si perde…la propria anima gemella?…(commossa).

Manolo           Eh? Beh…si. Che cos’è l’anima gemella?

Fiorenza         (rendendosi conto che nono hanno capito) Un modo di dire.

Jesus             Mira! “ Il cane che beve l’agua non sa che il padrone…” (mimando).

Manolo           Lascia perdere, Jesus.

Fiorenza         Si, è meglio. Perché allora è come “ tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino" (Fiorenza prende delle fotografie che ha addosso e gliele mostra ) questo è il lato peggiore della situazione.

Manolo           (si alza e guarda le foto) Ah, vi siete fidanzati da piccoli.

Fiorenza         No. Questi sono il mio bambino e la mia bambina.

Manolo           Oh, muy lindos! Molto carini! Mira Jesus. Preciosos!

Jesus             Oh, si muy preciosos (indicando sulla foto) La bambina le assomiglia muchisimo. Dos goces de agua.

Fiorenza         No, quello è mio figlio.

Manolo           Ah…vivono con il padre?

Fiorenza         No, sono appena tornati dal campeggio, perché non possono vivere senza la loro mamma.

Jesus             E chi es?

Fiorenza         Yo, mi telefonano tutti i giorni.

Jesus             Ahi che soledad!

Fiorenza         No, lo farebbero anche d’inverno. (prende un’altra foto e la mostra) E questo è lui. Mio marito. Mi marido.

Manolo           (guarda la foto, un po’ perplesso) Oh, molto distinto. Vero, Jesus? Muy distinguido.

Jesus             (guarda anche lui. Altrettanto perplesso) Oh, si…molto distinto…Ehm un po’ pechegno. E’ un cowboy?

Fiorenza         No. Solo gli stivali sono da cowboy.

Jesus             (guardando la foto) Ha dei capelli bellissimi neri. E’ di origine spagnola?

Fiorenza         Lui no, ma forse il parrucchino si. (prende un’altra foto) Non è carino? (Jesus la . Perplesso, la mostra a Manolo, il quale è perplesso anche lui. La girano da tutte le parti, in alto e in basso, a destra e a sinistra)

Jesus             Ma qui non esta niguno.

Fiorenza         Lo so. E’ la foto del nostro salotto. Avevamo uno splendido appartamento.

Manolo           Oh si. E’ molto bello.

Jesus             Le lampare sono bellissime.

Fiorenza         Ah, queste? Le avevamo comprate a Venezia. Sono lampare antiche, tutti i merletti li ho fatti io. Mi piaceva così tanto la mia casa, che non volevo mai uscire. Sembrava il regno della felicidad: tutti ridevano, anche quando parlavo. Poi tutti parlavano anche se io ridevo. E io ero sicura chesarebbe durato per sempre… invece da un momento all’altro puff…Tutto finito…Andato…Desparessido: Camillo, le risate, le lampare…( non riesce a concludere scoppia a piangere).

Jesus             Non sia triste, Fio’. Non pianga, sono seguro che se cerca bene queste lampare le trova anche qui.

Fiorenza         Scusate tanto, perdonatemi, non pensavo che mi sarei commossa così, non era proprio nelle mie intenzioni. Anche perché sono allergica alle lacrime. Volete un po’ di noccioline? (porge loro un piattino sempre piangendo)

Manolo           Piangere fa bene. Le lacrime lavano via i dispiaceri, non è vero, Jesus?

Jesus             Si. Quando Manolo si è separato dalla sua anima gemella, ha iorado e iorado por tre dias e yo con lui.

Fiorenza         Davvero?

Manolo           Io l’amavo come nessun uomo sa amare una anima gemella. (la sua voce inizia ad incrinarsi di emozione. Piange). Di notte, ogni notte penso sempre a lei. Non è vero Jesus?

Jesus             Si, è vero. Ogni noche lo siento nel suo letto che pensa a lei. E ioramos todos. Ahi che allegria col flamenco!

Manolo           (Asciugandosi gli occhi) Qualche volta penso di aver commesso un grande errore. Yo chiero cos’ tanto:” Salina, perché l’ho abbandonata?” E’ stata una pazzia! E adesso es troppo tarde (singhiozza)

Fiorenza         Forse non è ancora troppo tardi. Torni subito in Spagna, adesso, vada, andate.

Manolo           Si, si ma è troppo tardi ( con voce lacrimosa) si è risposata il mese scorso.

Fiorenza         Allora si, è troppo tardi.

Jesus             Anche por mi è la misma cosa. Ma molto, molto pecor. La mia Consuelo…Dios me perdoni. Mi era infedele. (piange) Ma yo so che oggi la perdonerei. la chEriva mucho. Ahi, quanto l’amavo. Un’altra mujer como Consuelo dove la trovo? Dove? Non la troverò mai!

Fiorenza         E lei sapeva chi era l’altro uomo?

Jesus             Ahi, si. (indicando Manolo).

Fiorenza         Lu sun hermano?

Jesus             No, il nuovo marido della sua ey esposa.

Fiorenza         Che barbaridad! (tutti e tre stanno piangendo a calde lacrime quando improvvisamente entra Olivia con il vassoio delle bevande).

Olivia             Allegria, allegria! (si ferma alla visione della scena. Gli altri cercano di ricomporsi) Si può sapere che cosa è successo? E tu, che cosa gli hai detto?

Fiorenza         (singhiozzando) Io? Niente gli ho detto. Te lo giuro: sono stati loro.

Olivia             Beh, se vuoi davvero una ragione per piangere, apri il forno e da un’occhiata al tuo cappone.

Fiorenza         (scatta in piedi) Oh, mio Dio, perché non mi hai chiamata? Te l’avevo detto di chiamarmi! (si precipita in cucina)

Olivia             Forse avrei dovuto avvertirvi, signori. Fiorenza Unger è una telenovela vivente.

Manolo           Credo che sia la donna più sensibile che jo abbia mai conoscido.

Jesus             Così fragile! Così delicada! Soave, così spagnola! Proprio il tipo di donna che di solito si encontra solo a Barcellona.

Olivia             Beh, come esce dalla cucina, può darsi anche che scappi proprio là. (la porta della cucina si apre, ed entra Fiorenza con i guanti da forno)

Fiorenza         Spero che a tutti la carne piaccia bruciata. Ahi che allegria col cappone!

Olivia             Aspetta un momento. Forse qualcosa riusciamo a salvare.

Fiorenza         Salvare che cosa? Quello non è più un cappone. È un corvo. Sembra il Falcone Maltese.

Manolo           (con precipitazione) Possiamo vederlo anche noi, Fio’?

Jesus             La prego! (Fiorenza, riluttante, va in cucina e poi torna con un piatto su cui si trova, carbonizzato, il pennuto. Si avvicina e contempla) Ohi…Ve gusta? Questo es un cappone muy muy bbruciacchiado!

Manolo           Oh, ma no es un problema. In dieci minuti possiamo fare una paella di pollo a casa nostra.

Fiorenza         Con il mio cappone?

Jesus             No,abbiamo delle paelle surgelate in scatola veramente ottime! Meglio di quelle fresche.

Manolo           Allora? Ci vediamo di sopra. Appartamento 14 B.

Olivia             Non prendiamo anche l’ascensore.

Manolo           Fate bene. Ci sono sempre dei cani che passano per l’ascensore. (baciamani, poi i due corrono alla porta e in un attimo spariscono. Olivia si volta verso Fiorenza, raggiante).

Olivia             Non sono un amore?…sono o non un amore? Due amori!…La nostra ora è suonata, Fiorenza! Questa è una grande annata per le donne…Su, prendi almeno i salatini!…E il vino!…(prende una bottiglia di vino)

Fiorenza         Io non vengo.

Olivia             Cosa?!

Fiorenza         Io non so più cosa dire, gli ho già raccontato tutto…E poi non li capisco!…” Quando el  marined è perdjdo el boutùmied torna al puerto” Che cosa vuol dire?…

Olivia             Non lo so. Io non sono un filosofo spagnolo. Io sono soltanto una povera donna piena di frustrazioni e di voglie insoddisfatte. E adesso prendi i salatini.

Fiorenza         Non posso. Mi sento troppo in colpa. Versoi niei bambini. E poi sono ancora legata a Camillo.

Olivia             Fiorenza…Aprire una scatola di paella surgelata con Jesus e Manolo non vuol dire commettere adulterio! Per l’ultima volta, prendi i salatini! (si avvia verso la porta)

Fiorenza         (prende i salatini e si avvia anche lei verso la porta) Va bene, va bene, vengo, ma vedrai che non ci divertiremo affatto. Io sono troppo tesa. Sono tesa come un’asse da stiro, con questi tacchi a spillo non resisto.

Olivia             Smettila Fiorenza! Altrimenti starai di nuovo male in ascensore. ( al primo scalino, Fiorenza si toglie le scarpe ma resta piegata, e si afferra la schiena).

Fiorenza         Ohhhhh!!!… Oh, Dio!!!… Oh, la mia schiena! …Ohhh…Mi sono rotta la schiena!…Mi si è rotta la schiena! La sento rotta!…

Olivia             Non ti si è rotto un bel niente. Siediti un attimo e vedrai che ti passa! (ma Fiorenza è immobilizzata dal dolore)

Fiorenza         No!…E’ il colpo della strega! Non mi posso muovere! Non ci riesco! Non ritornerà più dritta! Non toccarmi. (si appoggia al muro)

Olivia             Accidenti a te, mi stai rovinando tutta la serata…Come faccia a lasciarti così?..

Fiorenza         No, tu vai, tu devi andare! Io voglio che tu vada! Se stai qui mi fai agitare ancora di più! Per piacere, tu vai!

Olivia             Ti do almeno un’aspirina. (Entra in cucina. Fiorenza è ferma dov’era prima, immobile)

Fiorenza         Ti prego Signore, non farmi crepare! Non farmi morire qui! Signore ti prego, fammela raddrizzare, ho due bambini che hanno ancora bisogno della loro mamma! Ti prego, Signore!…Fallo per loro.

Olivia             (dalla cucina) Ti prego, Signore, falla stare zitta! Signore ti prego, tappale la bocca!

                                                 S I P A R I O

Terzo quadro

La sera dopo, alle 7,30 circa. Se è possibile sentire gli odori della cucina, sugo ecc.

La stanza è di nuovo pronta ad accogliere le giocatrici del venerdì sera. Il tavolo è pronto,

le sedie intorno al tavolo lo stesso. Fiorenza sta passando l’aspirapolvere. Cammina un po’

dura, un golf intorno ai reni. La porta si apre, ed entra Olivia, ha l’aria un po’ stanca.

Indossa un impermeabile su calzoni e camicetta. Ha in mano un giornale della sera.

Fiorenza la ignora. Olivia si toglie l’impermeabile, poi si avvicina al muro e stacca

 l’aspirapolvere dalla presa. Fiorenza prende nota e si volta verso Olivia. Olivia siede e

apre il giornale. Fiorenza afferra l’aspirapolvere e lo porta in cucina. Olivia mette un piede

sul cordone dell’aspirapolvere, che Fiorenza tira con forza dalla cucina. Al terzo tentativo

Olivia solleva il piede: dalla cucina , si ode un gran rumore di cose infrante. Fiorenza esce

dalla cucina zoppicando, mentre Olivia sorride e siede sul divano. Fiorenza porta un

vassoio con un piatto fumante di spaghetti. Siede al tavolo, sparge formaggio sugli

spaghetti e comincia a mangiare. Olivia si alza, prende un deodorizzatore spray e si

avvicina al tavolo. Aziona lo spray tutto attorno a Fiorenza e per ultimo dà una spruzzatina

anche sugli spaghetti. Fiorenza mette giù forchetta e tovagliolo cercando di dominare l’ira.

Olivia è tornata a sedersi sul divano ed ha ripreso la lettura del giornale.

Fiorenza         E va bene! Si può sapere fin quando durerà questa storia? Hai intenzione di trascorrere il resto della tua vita senza più rivolgermi la parola?

Olivia             La tua grande occasione di parlare l’hai avuta ieri sera. Ti ho scongiurato di venire di sopra con me. Desideravo profondamente una serata romantica e invece mi sono trovata una statua di sale che mi sbarrava la strada. Non voglio mai più sentire la tua voce in vita mia, hai capito?

Fiorenza         Olè. Si.yo comprendo. Todos gracias.

Olivia             (prende una chiave dalla tasca, si avvicina a Fiorenza) Questa è la chiave della porta di servizio. Tu mantieniti tra l’ingresso di dietro  e la tua stanza da letto, e non correrai pericoli.

Fiorenza         (con indignazione) Ah, davvero? Beh, allora se la metti così, ricordati che metà dell’affitto lo pago io, e quindi posso andare in tutte le stanze che voglio.

Olivia             Non nelle mie stanze personali e private! E quando vai in giro per la casa copri gli specchi…non voglio vederti neanche dipinta. (minacciosa) E poi sono stufa, stufa morta di tutti questi odori che vengono dalla cucina. Ce l’ho fin sopra i capelli del tuo puro olio vergine d’oliva. E adesso tira via quegli spaghetti dal mio tavolo!

Fiorenza         (ride) Spaghetti! Questa è bella! Questa è proprio da ridere.

Olivia             Che cosa diavolo c’è da ridere?

Fiorenza         Non sono spaghetti. Sono linguine.( Olivia la guarda come se fosse impazzita. Poi si alza, raccoglie il piatto di pasta, apre la porta della cucina e scaglia il piatto contro la parete della cucina, che non si vede)

Olivia             E adesso sono spazzatura! (Olivia ha l’aria soddisfatta. Fiorenza guarda in cucina, sconvolta).

Fiorenza         Ma sei impazzita?! …Io quella roba li non la pulisco!…Sei stata tu a fare questo casino…Ma guarda sono tutti appiccicati sul muro.

Olivia             (guarda) Mi piace. Trovo che sta bene.

Fiorenza         Tu saresti capace anche di lasciarli lì. Finchè si seccano, e si incrostano, e diventano marci e puzzolenti…Adesso pulisco io! …(come una minaccia. Si avvia in cucina

Olivia             (strillando) Tocca una sola di quelle maledette linguine e io ti strappo tutti i capelli che hai in testa.

Fiorenza         Ma perché? Che cos’è che ho fatto? Che cos’è che ti fa diventar matta? Che io faccia da mangiare? Che pulisca la casa? Che ogni tanto mi scappa da piangere? Che cosa!

Olivia             Te lo dico io esattamente che cos’è il fatto che tu faccia da mangiare, che tu pulisca e che tu pianga! E’ il lamentoso verso dell’alce che alle due del mattino mi apre le orecchie, e naturalmente mi sveglia! Io non voglio più sentirlo, Fiorenza! Sto diventando matta! Tutto quello che fai mi dà sui nervi. E anche quando non ci sei, io penso che poi arrivi, penso a quello che farai, e mi viene il nervoso…Mi lasci i messaggi sul cuscino. “ non abbiamo più carta igienica. Effe U.” E io ci ho messo tre ore a capire che “ Effe U” voleva dire Fiorenza Unger. Non dico che sia colpa tua, Fiorenza. Ma come coppia siamo una frana!

Fiorenza         E va bene. Il quadro è questo?

Olivia             Questa è solo la cornice. Il quadro non l’ho ancora cominciato…Ogni sera, nel mio diario, scrivo le cose che hai combinato e che mi danno sui nervi. Siamo a giugno, e io ho già occupato tutto lo spazio fino a novembre. E non ho ancora messo giù la storia dei fratelli Gaspacho.

Fiorenza         Oh! E’ questo che ti disturba, eh? Che ieri sera t’ho un po’ guastata la tua notte di sesso.

Olivia             Notte di sesso? Ma se non riesco neanche a far dei sogni sporchi, che tu arrivi e me li pulisci.

Fiorenza         (agitando l’indice davanti al naso di lei) Non prendertela con me, va bene? Io te l’avevo detto che quella cena non si doveva fare.

Olivia             E tira via quel dito, hai capito? O vuoi che te lo morda?

Fiorenza         E va bene, Olivia! Questa volta mi hai capito nel profondo. Fine! Hai capito? Fine! (si volta e si allontana come se avesse vinto una battaglia campale)

Olivia             E questa roba cos’è? Dimostrazione di collera? Non t’avevo visto così arrabbiata dal giorno in cui mi sono seduta sulla crostata.

Fiorenza         Olivia, tu stai facendo di tutto perché io ti dica cose che preferirei non dirti. Ma visto che te le dirò, tanto vale che tu le senta.

Olivia             (con sarcasmo) Dio, come tremo! Guarda: sto tremando tutta. (siede su una poltrona, ed incrocia le gambe con calma).

Fiorenza         E va bene, ti avevo avvertita…Tu sei una donna meravigliosa, Olivia! Tu hai fatto per me tutto il possibile! Non fosse stato per te, io non so come sarei andata a finire. Tu mi hai accolta in casa tua, mi hai dato un posto per vivere, mi hai fatto ritrovare il senso della vita. Questo, Olivia, è il mio eterno debito di riconoscenza con te. Grazie.

Olivia             (immobile, riflettendo) Doveva essere una cosa spaventosa… ma forse mi è sfuggita.

Fiorenza         Aspetta: adesso ci arrivo.

Olivia             Bene.

Fiorenza         Ma tu, Olivia, sei anche una delle donne più superficiali e infantili che io abbia mai conosciuto.

Olivia             Capisco.

Fiorenza         Su te non si può mai contare.

Olivia             Davvero?

Fiorenza         Non ci si può fidare per niente.

Olivia             E’ così?

Fiorenza         Sei inattendibile, irresponsabile, incondizionabile.

Olivia             Che cos’è: una canzone di Cole Porter?

Fiorenza         Ecco. Io ho finito. Adesso che te le ho cantate, hai avuto quel che ti spettava. Che cosa te ne pare? (si allontana)

Olivia             Mi pare molto bene. Anche perché adesso tocca a me! (Fiorenza torna indietro, siede su una poltrona, incrocia le gambe con calma) Per otto mesi sono vissuta in questa casa da sola. Mi sentivi triste e abbandonata da tutti. Ti ho presa qui con me perché speravo che potessimo aiutarci l’una con l’altra…Sono passate tre settimane, di contatti quotidiani, di coabitazione intensa; e io sono piena di foruncoli, di orticaria, di eczemi d0origina nervosa…Queste macchie sulle mani è il fegato! Sto invecchiando ad una velocità che è il doppio di quella del suono! Non ce la faccio più, Fiorenza, non ti reggo più! Tu devi farmi un piacere: va in cucina e restaci! Vivi chiusa li dentro con le tue pentole a pressione, le tue padelle, i tuoi mestoli, e tutto quel che vuoi, ma non farti vedere in giro! Adesso vado un po’ a buttarmi sul letto. Ho i denti che se ne stanno andando, e il mio terrore è che se cadono qui tu corri a prendere l’aspirapolvere per tirarli su. (esce distrutta).

Fiorenza         (aspetta un po’ e poi) Sta attenta: cammina sui giornali. Ho appena finito di lavare il pavimento. (Olivia ritorna sui suoi passi, trasformata in una belva, gli occhi cerchiati di sangue, pronta all’omicidio) Cosa vuoi? Stammi lontana…Guai a te se mi tocchi…

Olivia             In cucina! Voglio infilarti la testa nel forno e cuocerla come un cappone.

Fiorenza         Non esagerare: e poi come la metti con la polizia?

Olivia             E’ inutile che cerchi di scappare, Fiorenza. Ci sono solo sei stanze e io conosco tutte le scorciatoie. ( Olivia insegue Fiorenza, che corre nel bagno e chiude la porta. Olivia invece di tentare di entrare in bagno, entra in camera da letto. La scena rimane vuota per qualche istante. Poi si ode uno strillo di Fiorenza: Olivia è evidentemente entrata in bagno da un’altra porta. Fiorenza esce di corsa dal bagno)

Fiorenza         E’ così che affronti e risolvi i tuoi problemi, Olivia? Con la violenza? Come una bestia, come un bruto? (Prende la borsetta, ne trae qualcosa che tieme puntato contro Olivia) Indietro! Questo è gas lacrimogeno! Sfiorami con un dito, e dovrai andare avanti a collirio per  tutto il resto della tua vita!

Olivia             Ah, tu vuoi vedere come affronto e risolvo i miei problemi? Te lo faccio vedere subito! (Entra di furia nella stanza da letto di Fiorenza. Fiorenza tira fuori dalla borsetta una sirena)

Fiorenza         (Gridando verso di lei) E va bene. L’hai voluto tu! Io te l’avevo detto. Adesso sentirai la mia sirena.(Schiaccia bottoni vari, ma la sirena non funziona. La porta  all’orecchio e ascolta) Che cos’è successo? Perche’ non funziona? Hai per caso toccato la mia sirena? (La picchia sul tavolo tre o quattro volte, con disperazione) Oh, accidenti! Allora è meglio il fischio alla pecorara! (Olivia ritorna dalla stanza di Fiorenza con una valigia vuota che getta sul tavolo)

Olivia             Adesso ti faccio vedere come risolvo i miei problemi! (Apre la valigia e fa un passo indietro) Voilà ! Ecco fatto!

Fiorenza         (Stupita, guarda la valigia) te ne vai?!. E dove vai?

Olivia             (Sulla soglia di un colpo apoplettico) Non me ne vado io, idiota! Sei tu che te ne vai! Dammi qua la tua sirena: te l’aggiusto io, così puoi chiamare un taxi.

Fiorenza         Ma che cosa stai dicendo?  

Olivia             Il nostri matrimonio è finito Fiorenza! Chiedo ed ottengo il divorzio. Non voglio più vivere con te. Voglio che tu raccolga le tue cose, le ficchi in quella valigia, la chiuda per bene, e te ne vada di qui! Per sempre!

Fiorenza         Sarebbe a dire… che dovrei andarmene così, su due piedi? E dove?

Olivia             Su due piedi, strisciando, a quattro zampe: come vuoi, basta che tu te ne vada. (Entra in cucina, prende pentole e padelle le butta nella valigia, e chiude la valigia con forza.) Ecco fatto  preparati il bagaglio!

Fiorenza         Lo sai che quasi quasi mi vien voglia di andarmene ? Stai attenta !

Olivia             (Occhi al cielo) Ma perché non mi sente? Eppure io sto parlando, lo so, riconosco la mia voce!…

Fiorenza         In altre parole, ti mi sbatti fuori.

Olivia             No, non in altre parole. In queste: che vanno benissimo. (Porge la valigia a Fiorenza, che però non la prende).

Fiorenza         E va bene. Volevo solo essere certa di aver capito bene. Mi avrai sulla coscienza. (Entra in camera da letto).

Olivia             Chi avrò sulla coscienza?

Fiorenza         La tua migliore amica, sbattuta fuori di casa. (Ritorna infilandosi la giacca.) “Ti sbatto fuori”: sono parole tue. (Si avvicina alla borsetta e rimette dentro sirena e bombola del gas) A me mi aspettano tutti. Però ricordati questo: qualsiasi cosa mi capiterà, la responsabilità sarà tua. Tutto ricadrà sulla tua testa!

Olivia             Che cos’è che ricadrà sulla mia testa? Non voglio niente sulla mia testa hai capito? Tiramelo via! (Scuote la testa e si scompone i capelli come se dovesse liberarli da insetti)

Fiorenza         Ti lascio un sacco di roba da mangiare, non dovrai fare altro che scaldarla. Fatti insegnare da qualche vicino come  si accendono i fiammiferi. (Si avvia verso la porta)

Olivia             (Si precipita alla porta e le sbarra il passo) Tu non esci di qui finchè non ritiri.

Fiorenza         Non ritiro che cosa?

Olivia             Tutto ricadrà sulla tua testa! Si può sapere che cos’è? La maledizione dell’ebreo errante?

Fiorenza         Vorrei uscire (Suona il  campanello) Il tuo campanello… non apri?

Olivia             Fiorenza, siamo state amiche per  troppo tempo perché davvero finisca tutto in questo modo. Siamo gente perbene .Diamoci la mano e separiamoci da persone  bene educate.

Fiorenza         Se ti pare bene educato sbatter fuori un essere umano a calci!…

Olivia             E va bene… io ci ho provato. (Apre la porta. Entrano Michi e Vera)

Michi              Che cosa succede? ( Guarda Fiorenza) Fiorenza, sei pallida come uno spettro.

Fiorenza         (Alle due nuove venute) Olivia vi spiegherà tutto… divertitevi. Se avete fame, Olivia vi darà un piatto di linguine qui. Attente ad abbassare la testa… Saluti a tutti. (Esce, chiudendo la porta)

Michi              Fiorenza non gioca stasera?

Olivia             Ha troppo da fare. E’ troppa occupata ad andare in giro per il mondo a seminare complessi di colpa… su, cominciamo. Tirate fuori il gioco. (Vera prende il  Trivial pursuit e lo apre sul tavolo. Michi va in cucina, ma si ferma quando vede quello che c’è sul muro)

Vera               Io lo immagino, sai, quel che è successo. Anche io ed Harry, stamattina,  abbiamo avuto una grande litigata.

Olivia             Per che motivo?

Vera               Per la sua gelosia. E’ troppo geloso, e trova che io vesta in modo troppo sexi.

Olivia             (guardandola) Tientelo stretto il tuo Harry. E’ un uomo come ce ne sono pochi. (la porta si apre ed entra Renata, dall’aria agitata)

Renata           Ehi, gente, c’è qualcuno che mi dà un po’ di whisky? Brutte notizie sul serio. Ho rotto col dottore.

Olivia             Non ti ha fatto la fattura?

Vera               Non è uno stregone, è un ginecologo. (la porta si apre ed entra Silvia)

Silvia             Tutte sedute, e aprire bene le orecchie. Devo comunicarvi una grande notizia

Olivia             Oh ! Dio, qui siamo arrivati alla terapia di gruppo

Vera               Notizia buona o cattiva?

Silvia             Dipende  dal reddito. Sono incinta.

Michi              Ehi, congratulazioni?

Silvia             Non è incredibile? Il pinguino ce l’ha fatta.

Renata           Ma sei sicura di essere incinta. Guarda che dei ginecologi non c’è mai da fidarsi.

Silvia             Dov’è Fiorenza? Devo dirglielo anche a lei.

Olivia             Se n’è andata. Se n’è andata tutta arrabbiata   perché non le è piaciuto quel che ho detto.

Vera               E cos’è che le hai detto

Olivia             Le ho detto “Fuori da questa casa!”

Renata           L’hai sbattuta fuori?

Olivia             Non ho potuto far altro. Non ce la facevo più… già facevo fatica a sopportarla quando raddrizzava il filo del telefono che si era attorcigliato, ma quando poi l’ho vista sistemare gli stuzzichini in un vassoio, e mettere le noccioline vicino ai pinoli e i pinoli vicino all’uvetta, e l’uvetta vicino alle mandorle, e le mandorle vicino ai crackers, e i crackers vicino alle noci del Brasile….

Silvia             Va bene, Olivia,, smettila , ti fa solo star male…!

Olivia             …e le patatine tutto attorno al bordo…

Silvia             Su, basta così!… (la conforta abbracciandola)

Michi              Okay, lo so che è una donna impossibile, ma è pur sempre amica nostra, e in questo momento è in giro da sola per le strade, e io devo dire che sono molto preoccupata.

Olivia             E io no? Credi che io non ci pensi? Che non sia preoccupata anch’io? Chi credi sia stata a sbatterla fuori?

Michi              Camillo.

Olivia             Come?

Michi              Il primo a sbatterla fuori è stato Camillo. Tu sei stata la seconda, e chiunque sia la persona con cui andrà a vivere, sarà la terza. Non lo capisci che la causa prima di tutto questo è lei: Fiorenza. E’ lei che è fatta così!

Olivia             Ma perché?

Michi              E chi lo sa, perché. C’è gente al mondo che è fatta in questo modo. C’è una tribù in Africa dove tutti passano le giornate a picchiar la testa contro gli alberi.

Olivia             Però non raddrizzano il filo del telefono!

Silvia             Chissà dov’è in questo momento.( suona il campanello).

Olivia             E’ lei. Lo sapevo. E’ lei che vuole tornare qui. Neanche la città l’ha voluta.

Vera               Vado ad aprire.

Olivia             Mettiamoci a giocare. Non voglio dare la soddisfazione di farle vedere che eravamo preoccupate. Seduti tutti, come se niente fosse successo.

Silvia             (con una mano sul ventre) Spero che mio figlio non abbia sentito niente. Altrimenti penserà che le donne sono tutte matte .

Olivia             (a Vera) Apri, apri! (Vera apre la porta. Compare Manolo)

Vera               Oh, salve…Non è lei, Olivia.

Manolo           Buenas tardes.

Vera               Olivia, c’è il signor Tardes.

Olivia             (Si alza) Oh, salve, Manolo… Ragazze, vi presento il mio vicino di casa, il signor Manolo Venezucla.

Manolo           Costanzuela. Manolo Costanzuela. (a Olivia) Olibia, posso parlare un momentino, por favor?

Olivia             Certo, Manolo. (si appartano) Che cosa c’è?

Manolo           Immagino che lei se lo immagini. Sono venuto a prendere i vestiti di Fio’.

Olivia             (guardando con stupore e incredulità) I vestiti di Fio’?!… Di Fio’…La mia amica?!

Manolo           Si. Fiorenza Unger, quella dolce donna, debole e torturata, che in questo momento, a casa mia, sta aprendo il suo cuore a mio fratello Jesus…Lei è stata un’anima gemella molto cattiva, Olibia…L’amicizia es bien mas importante di un cappone…Ora sta cercando di superare, ma …

Olivia             (si volta verso le ragazze) Questo ve lo traduco dopo, ( entra Jesus, tirando Fiorenza che appare riluttante)

Jesus             Manolo, Fiorenza non vuole fermarsi da noi. Per piacere diglielo tu.( notando le donne) Scusate se mi permetto, por favor.

Fiorenza         Ma su, ragazzi, io non voglio pesare sulla vita di nessuno. Posso benissimo andare in giro per le strade (alle donne) Salve, ragazze.

Tutte              Salve Fiorenza

Manolo           (a Fiorenza) Sciocchezze! Le ho già detto che abbiamo una stanza in più, che nessuno adopera mai. Lei non può rifiutare il nostro invito.

Jesus             No es nelle nostre abitudini permettere a una segnora di andare in giro per le strade da sola

Fiorenza         Ma siete sicuri che non sarò di disturbo?

Manolo           Ma saremo noi di disturbo. Jesus russa e io parlo in sogno.

Olivia             ( alle ragazze) Con il richiamo dell’alce, sarà un trio meraviglioso.

Manolo           (a Olivia) Non vorrei sembrare scortese, Olibia, ma in Espagna, sbattere fuori un amico di casa è come uccidere un toro con la pistola.( a Fiorenza) Per piacere, Fiorenza. Solo per qualche giorno.

Jesus             Solo finchè trova una sistemazione.

Fiorenza         Bhe, diciamo …Per questa notte soltanto. E già domani mi cercherò un lavoro.

Manolo           Oh, è meraviglioso! ( le bacia la mano)

Jesus             (a Fiorenza) Vuole che la aiutiamo con i vestiti?

Fiorenza         No, grazie, li prendo io

Manolo           Benissimo. E appena è pronta…venga su da noi!…Fiorencigna!

Olivia             Fiorencigna?!

Jesus             Faccia presto! Coktails pronti tra quindici minuti.

Manolo           E continui a studiare lo spagnolo su quel libro che le ho dato?

Fiorenza         Yo monto bastante bien.

Manolo           Oh, brava. Anche a me piace andare a cavallo. Buenas tardes. (i due uomini se ne vanno volteggiando. Fiorenza si volta e si avvia verso la propria camera da letto, guardando le ragazze.)

Renata           Ehi, Fiorenza. Ma davvero hai intenzione di stabilirti con due uomini.

Fiorenza         Per una porta che si chiude, si apre un portone. Olè!( entra orgogliosamente in camera da letto )

Silvia             Credo che partorirò qui sul pavimento.

Olivia             Bhe, è più pulito che in clinica.

Vera               Mai visto in vita mia una donna cambiare così in fretta!…(entra Fiorenza con i vestiti in una sacca di plastica).

Fiorenza         (raggiante) Non so com’è: tutto ad un tratto mi sento meglio mi ha fatto bene anche all’artrosi…Mi sembra di galleggiare…Come quando si prende lo sciroppo per la tosse…Olivia, devo ringraziarti.

Olivia             Ringraziarmi? E per che cosa?

Fiorenza         Per le due grandi cose che mi hai fatto: prendermi in casa tua, e sbattermi fuori.(squilla il telefono. Michi si alza per rispondere. Indicando il piano di sopra). Devono essere i due ragazzi. Il sangue spagnolo è così caldo. Calinte.(Michi prende il telefono)

Michi              (Al telefono) Pronto?…Si, un momento.

Fiorenza         (tirando fuori degli oggetti da una borsetta) Olivia, qui ci sono la mia bomboletta lacrimogena e la mia sirena. Con gli uomini, ormai., credo di sapermela cavare anche da sola.

Michi              Tuo marito.

Fiorenza         Oh! (scatta di corsa poi si ferma) No, bhe, fammi un favore, Michi. Digli che adesso non ho proprio tempo. Ma che magari lo chiamo io tra qualche giorno, per parlare un po’ bene di tutto. E digli anche che se gli sembrerò un po’ diversa dal solito è perché non sono più la stessa donna che se ne è andata da lui tre settimane fa. Ora sono una donna sicura. Forza, Michi,  diglielo! Coraggio!

Michi              Quando lo sento glielo dirò volentieri, Fiorenza. Ma questo è il marito di Olivia.

Fiorenza         (imbarazzata) Oh! Non telefona per orgoglio. Se dovesse chiamarmi gli dite che …(Olivia si avvicina al telefono) Ciao, ragazze. Arrivederci. Vi manderò giù una scatola di amaretti.(si avvia verso  la porta, ma Olivia la ferma)

Olivia             Aspetta un momento, Fiorenza. ( al telefono) Salve, Phil…Senti, adesso non posso parlare. Posso richiamarti più tardi?…Quale assegno?…Phil, io sono davvero stufa di mandarti assegni, c’è un limite a tutto, Phil!...Come? mi hai spedito tu un assegno?…Vuoi dirmi che mi hai restituito tutto?…Si, lo so che sei un grande giocatore e che di cavalli te ne intendi… comunque non mi sarei mai aspettata che tu mi restituissi…No, no…lo so cosa intendi dire con dignità.( Olivia e Fiorenza si scambiano delle occhiate) . questo significa che non mi chiamerai più, Phil?…Bene…Lo spero…Addio, Phil. (riappende. Ha l’aria un poco triste, ma si sforza di sorridere). Non è una bella cosa? Credo che ormai non abbia più bisogno di me.

Fiorenza         Bhe, ai cavalli non si vince sempre…

Olivia             Grazie.

Fiorenza         (alle ragazze) State cominciando a giocare?

Vera               Si. Giochi anche tu?

Fiorenza         Guarda, Olivia. Mi piacerebbe, ma estoy mucho mucho occupada. Adios amigo. (entra Silvia dalla camera da letto con un asciugamano. Olivia prende l’asciugamano e lo piega con cura. Fiorenza guarda Olivia, si toglie le scarpe senza piegarsi come faceva Olivia e si versa da bere).

Olivia             Su cominciamo…Siamo io e Renata contro voi tre. Comincia tu Renata.( Renata tira il dado) Quattro… Spettacolo.

Vera               (prende una carta e legge) “ In quale canzone la mamma è come un elettrodomestico?”

Olivia             Io mi ricordo solo “ Mamma, mamma, mamma voglio anch’io un fidanzato”

Fiorenza         Lo so io “E la mia mamma, e la mia mamma è un frigobar e non ballare con lei quando scende la sera…”

Olivia             Questa la so anch’io “ E la mia mamma è un pastamatic…”( Silvia si unisce al canto, poi Vera, poi le altre. E tutte cantano mentre cala il sipario).                                    

                              

                                                                      

                                            

                                                                                 

                              

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 22 volte nell' ultimo mese
  • 120 volte nell' arco di un'anno