La testa sora el capelo

Stampa questo copione


Commedia in tre atti

di Arnaldo Boscolo

PERSONAGGI

CESCO PIGNATEL

BICE CASANOVA

NICOLÒ, figlio

SOLVEIG, figlia

VASA, figlio

GASTONE ZEVI

IL MAESTRO AUBRY D'ALENCOURT

RESY PISANI

LA SIGNORA FLAVIA SANTORO

GIOACHIN

BORTOLO

MARIETA

UN AUTISTA

A villa Casanova, oggi.


ATTO  PRIMO

Salone terreno a Villa Casanova. Vetrata praticabile al fondo, oltre la quale il giardino. A sinistra, verso il fondo, la scala che mette al piano superiore. Usci alle laterali; quello di destra in secondo piano è la comune. Mobili ricchi di vecchio stile. Un arazzo d'autore alla parete. All'angolo destro, verso il fondo, un'antilope di bronzo. Un baule presso la tavola di noce intarsiata.

BORTOLO - (vecchio giardiniere, è in attesa verso la vetrata).

MARIETA - (1a cameriera, scende la scala; regge una bracciata di indumenti da viaggio).

GIOACHIN - (maggiordomo) E va ben, femo anca questa. Me toca corer in çità... Ma i andarà via, se Dio vol! (esce dal fondo)

BORTOLO - E cussì, Marieta? Lo sala che son qua da un'ora?

MARIETA - No steve movar, la ga dito; la vien zo ela fra poco. Varda qua... Dove metaràla po' tuta sta roba?... (depone la roba sul divano)

BORTOLO - (scrollando la testa) I svoda la casa...

MARIETA - E vedarè la signorina! … Quatro valise piene; senza contar i bauli che la ga spedio geri... (suoneria elettrica insistente) Ancora?!... La me ne farà far de le scale stamatina!...

BORTOLO - Per fortuna che i va via; e che per un per de mesi...

MARIETA - Xe tre giorni che i lo dise… Cossa aspeteli, po'?...  ( s'avvia)

BORTOLO - Lo so ben mi cossa che i speta!... Per gnente i ga mandà fora Gioachin in bicicletta!… (nuovo squillo di suoneria; e la voce di Nicolò)

NICOLÒ - (d.d.) Marieta!... Marieta!.

MARIETA - (che era sul primo gradino della scala) Ah! El paronçin Nicolò... Manco mal che el bagno xe a pianteren... Qua bisogna indovinar... Co tuto sto trafico un campanelo solo!... (esce dal primo di destra. Bortolo si mette a sedere, ma scatta subito in piedi. La contessa Bice, in vestaglia da camera, è sul pianerottolo della scala, di media età, molto truccata)

BICE - Marieta?!... Dove xela Marieta?... Xe mez'ora che sono!...

BORTOLO - La xe andada dal paronsin Nicolò, signora contessa.

BICE - Ma el xe un comploto, questo!... Una congiura contro i mii poveri nervi!... No'l xe bon de far el bagno da solo?... Che bisogno galo de la cameriera?... El podeva ciamar Gioachina per el massagio...

BORTOLO - Gioachin el xe fora in bicicleta. La ga mandà el paronsin Nicolò...

BICE - Anca lu?... Tuta la servitù a so disposizion, dunque?... E vu cossa feu là impalà?...

BORTOLO - Aspeto, signora contessa… La me ga fato dir ela de no movarme...

BICE - Mi?... Ah, za!... Ben, ve dirò dopo... (fa per risalire la scala, ma si volta di colpo) No; anzi megio subito. Quei alberi... quei alberi del brolo1... Co torno li vogio tuti da la parte del muro de cinta! Tuti! Inteso?

BORTOLO - (sbalordito) I albari, signora contessa?...

BICE - I albari, sì; no le carote!

BORTOLO - Che albari, signora contessa?...

BICE - Oh, santo cielo?... Le magnolie, i pini, i bossi, le gazìe... trapiantali tuti. Un muro de verde... da scondar tuto!

BORTOLO - Ma xe impossibile, signora contessa. Le xe piante ormai vecie.

BICE - Gnente xe impossibile co ghe xe la bona volontà! Basta cavarli co le raise e tuto...

BORTOLO - Sala che fonde?!... E po' de sta stagion?... In piena vegetazion?..

BICE - Se no volè farlo, disèlo. Provedo mi. No dovarò miga godarme in eterno l'Arca de Noè del signor Pignatel!.

BORTOLO - Se pol pregarlo de metarli da un'altra parte...

BICE - Cossa? .. I polastri?... I maiali?... E vu credè?... Se vede che lo conossè poco... anca se el la ga fata da paron, qua, per tanti ani!...

BORTOLO - Se se trata de usarghe una cortesia... a ela...

BICE - Cortesie no ghe ne vogio. Da lu, po', manco che da qualunque altro!... (con disprezzo) Uno che xe sta nostro fator!... Cortesie!…

BORTOLO - (mormora) No la sarìa la prima....

BICE - Cossa gavé dito?

BORTOLO - Gnente, signora contessa. Vol dir che me provarò... (a sé) Se i more… ,. tanta legna da brusar!... (due colpi di fucile)

BICE - (ha un sobbalzo) Oh, Dio!... Questo xe lu!... el lo fa per torturarme!...

BORTOLO - El ga da essar el paronçin Vasa, signora contessa... El gera in brolo col s-ciopo un momento fa…..

BICE - Anca l'ultimo dei mii fioi!... (a Bortolo) Andè pur.

(Bortolo esce per la vetrata)

NICOLÒ - (dal primo di destra annodandosi la cravatta) Ah, ti xe ti, mama?...

BICE - Dove xela Marieta?... No la gera da ti?

NICOLÒ - La xe drio tacarme un boton sul pigiama.

BICE - Un boton?... A sta ora?!..

NICOLÒ - Se'l me xe saltà via adesso...

BICE - Ma se ormai ti xe vestio?... A cossa te servelo el pigiama?…

NICOLÒ - Go da metarlo in valisa.

BICE - E no ti podevi metarlo senza boton?... In montagna po'...

NICOLÒ - Ihh, quante storie, mama! …..

BICE - Storie, ti ghe disi?! ...

NICOLÒ - Ma sìì! Pensa a la salute!...

BICE - Sé vualtri che me la rovinè la salute!

NICOLÒ - Col boton del pigiama?

BICE - Co tuto. Col vostro egoismo... Ti che ti me tien ocupada la servitù… Vasa che ghe sta sbarando ai merli... Solveig che ancora no se fa vedar... A proposito dove sarala andada mai?

NICOLÒ - Chi? Solveig? (chiamando ad alta voce) Solveig!... Solveig!...

BICE - (turandosi le orecchie) No zigar, che ti me fa morir!....

NICOLÒ - E alora come se fa?... (chiama sottovoce) Solveig!...

BICE (a Marieta che entra dal primo di destra) Gavé visto la signorina?

MARIETA - No. La ga la manicure, signora contessa. (a Nicolò) El pigiama xe a posto. Ghe lo go messo sul leto.

NICOLÒ - Brava. Andè co la mama adesso, che la ve vol.

BICE - Chi?... Mi?...

NICOLÒ - Ciò!

BICE - Ah, za, sicuro!... Cossa xe che voleva?... Me fè perdar la testa! Vegnì de sora, intanto... Me tornarà in mente... (Marieta sale la scala. Bice la segue, ma subito si volta) Ah, bravo, ti!... Quando se parte?

NICOLÒ - Ma... ancuo, mi credo...

BICE - Come, credo?... Se xe tre giorni che ti me fa star co le valise averte? E ti lo sa che doman de sera a San Remo ghe xe el concerto Hubermann!1 E che rinunziarghe, per mi vol dir rimeterghe un ano de vita!

NICOLÒ - Ben, adesso me par che ti esageri, mama! Se tuti queli che perde un concerto dovesse rimeterghe un ano de vita... povera umanità!

BICE - Nicolò, no far el spiritoso, sa! Te scongiuro!... Perché go i nervi a tochi!... E po' cossa voleu capirghene vualtri che in fato d'arte si stai la me suprema delusion?

NICOLÒ - Ma ti ghe arivarà in tempo, sì, mama... ti vedarà... O almanco spero. Sera intanto la valisa.

BICE - Tuti cussì imprecisi i mii fioi!... Credo... conto... spero...

NICOLÒ - Ti lo sa ben che aspeto quel Tizio...

BICE - E quanto ghe metelo a vegnir?...

NICOLÒ - Go mandà adesso Gioachina...

BICE - Bravo! Se quelo capisse che gavemo premura...

SOLVEIG - (dal primo di sinistra) Chi me ciamava?

NICOLÒ - La mama te çercava.

SOLVEIG - Tasi, per carità!... Do ore la m'à tegnudo soto... e varda qua!.. Mi no capisso, co tuto el bisogno de serve che ghe xe, percossa che la se ostina a far la manicure!... Daghe un'ociada,  mama,  fame un piasser...  Varda che  smalto opaco!... E varda come che la me ga assassinà sta ongia!… (cacciandogli le unghie sotto il naso) Varda anca ti, Nicolò, fame sta grazia!

NICOLÒ - Oh, sì!...Che go proprio vogia de badarghe a le onge, mi!... Sta benedeta Gioachina che no torna, eh!...

BICE - (esaminando il dito della figlia) No la ga miga tuti i torti, peraltro ... Se me succede a mi una cosa simile... Co un deo assassinà in quela maniera mi no podarìa tocar el violin almanco per un mese!...

NICOLÒ - (a sé) Sastu che disgrazia!…..

BICE - (alla figlia) Te xestu messa d'accordo coi Pisani?

SOLVEIG - Sì; i vien a torme co la machina. (entra Vasa dal fondo. Le mani in tasca;abito sportivo)

BICE - Oh, Vasa!... Xestu sta ti a sbarar?

VASA   -Sì. Perché?

NICOLÒ - E el s-ciopo?..

VASA - (fa un gesto di noncuranza) Sequestrato.

SOLVEIG - Sequestrato?!...

BICE - (a Nicolò) Te lo gaveva dito mi, de torghe la licenza...

NICOLÒ - Ti te ga fato pescar dai carabinieri?

VASA - Ma che!

NICOLÒ - E alora?

VASA - Cesco.

BICE - Pignatel?!

VASA - El me lo ga tolto fora da le man... e el se lo ga portà a casa.

BICE. - Ah, questa, po' !... El ga avudo sto coragio?...

NICOLÒ - El xe un arbitrio belo e bon!

BICE - Pezo. Una violazion de domicilio! Ghe xe el codice.

NICOLÒ - El xe vegnudo nel nostro brolo?

VASA - No, gera mi nel suo.

SOLVEIG - Oh, alora...

BICE - Non importa... Fa l'istesso. Ma cossa se credelo quel Tizio?... Perché el ga fato un po' de fortuna a spale nostre?...

NICOLÒ - A spale nostre, mama...

BICE - Xestu cussì ingenuo? Telefonaremo nualtri, adesso, ai carabinieri!

NICOLÒ - Brava! Cussì i lo aresterà! ...

BICE - Magari! Xe quelo che çerco...

NICOLÒ - Ma no lu; Vasa.

BICE   Eh?...

NICOLÒ - Sicuro. El xe senza licenza!...

VASA - Mi no, eh, che no vogio andar in galera!...

BICE - Quel'omo ga un Dio da la sua!...

NICOLÒ - No un Dio... I carabinieri.

GIOACHIN - (dalla vetrata) El xe qua!

BICE - Ah mi no vogio vedarlo! ... No savarìa tegnirme!

NICOLÒ - Ma no'l xe Pignatel. St'altro; quelo che se spetava; ma xe megio che no'l ne trova qua... No sarìa diplomatico... Riçevilo ti, Vasa.

VASA - E cossa vustu che ghe conta?

BICE - Beh, me ciamarè dopo. Vien co mi, Solveig. Ti devi agiutarme... a pensar.

SOLVEIG - Sì, mama.

(Bice e Solveig salgono la scala. Nicolò esce per il primo di destra. Entra Zevi dal fondo, accompagnato da Gioachin. Zevi ha una busta sotto il braccio e il bastone con   manico   d'argento   a  una  mano;   il  cappello  duro all 'altra)

GIOACHIN - Eco el varda. Ghe xe el paronsin Vasa.

ZEVI - Ah! El ramo più tenero dell'annosa quercia.

VASA - Chi, quercia? La mama?

ZEVI - La stirpe, ragazzo!.. La stirpe! Come podarìa permettarme?…

VASA - Lu el çercava?...

ZEVI - Veramente... no son mi che çerco... Xe el so signor fradelo Nicola che sollecita...

VASA - Nicola? Bravo! El se fassa sentir da la mama!... (a Gioachin) Provè a dirghelo. El ga da essar de là (indica l'uscio di destra. Via Gioachin)

ZEVI - Perché? Nol se ciama Nicola, forse? Anca sull'atto notarile... Anca sull'elenco telefonico...

VASA - Sul'elenco! Ma qua in casa... Sarìa, come se qualchedun se azardasse de ciamarme mi Franco.

ZEVI- Ah, perché lu?...

VASA - Vasa, egregio signore. Fin a dies'ani, sì, Franco. El nome del nono. Ma da quando che la mama se xe votada tuta al violin …. mi Vasa, e mio fradelo Nicolò!

ZEVI - (che mostra di non capire) Ah! Capisso...

VASA - Mi go paura de no.

ZEVI - Príhoda1 e Paganini. Vorlo che no sapia?... (indicando una sedia) Permetelo?

VASA - El se comoda pur.

ZEVI - Ghe sarà tanto da aspetar?

VASA - No credo.

ZEVI - Perché, el sa, nualtri omeni de afari... (Marieta scende la scala ed esce per la comune. Vasa gironzola un po ' per la sala, le mani in tasca, fischiettando) E cussì lu el sona?

VASA - No. Fis-cio:

ZEVI - No digo... El violin.

VASA - Gnanca le scale! La mama sì, gavarìa vossudo...

ZEVI - Eh, la signora contessa!... Un'artista!...

NICOLÒ - (entrando con Gioachino, che esce per la Comune) Oh, signor Zevi, finalmente!... Gavevo incaricà la mia domestica, za che la passava da le so parte...

ZEVI - (che si è alzato) La me dovarà scusar, signor Nicolò...

VASA - Galo visto se no'l ga imparà?... (a Nicolò) Gastu bisogno demi?

NICOLÒ - No; ma no andarme tropo lontan. Gavaremo da metarse d'acordo dopo.

VASA - Va ben. Arivederla, signor...

ZEVI - Zevi. Gastone Zevi. El me conserva la so simpatia. (Vasa esce dal fondo)

NICOLÒ - Mi veramente lo aspetava fin da giovedì...

ZEVI - In sti giorni, se'l savesse...; co la crisi de valuta liquida che ghe xe. Ma gavevo za stabilìo de vegnir in giornata. Lu el me conosse...

NICOLÒ - Sìì... El se comoda, prego... L'importante xe... Dunque lu el ga combinà?...

ZEVI - Combinà... combinà... quasi combinà, eco…

NICOLÒ - (eccitandosi) Come quasi? No'l me gaveva dito?... In base a la so parola go tolto anca mi i mii impegni. E mi go l'abitudine de mantenerla la mia parola; capisselo? Ghe mancaria altro che per colpa sua, adesso…

ZEVI - No la xe colpa mia, signor Nicolò; el me creda… Le pratiche bisogna pur che le segua el so corso… L'operazion del mutuo no xe gnancora ultimada…..

NICOLÒ - E cossa me ne importa a mi?….. La vila no xe questa?.… Le condizion no le ga fissae lu?… Dunque! A mi me ocore i bezzi! Galo capio?

ZEVI - Ma per carità, nol se altera cussì, signor Nicolò!... A tuto se ghe rimedia... I bezzi ghe sarìa, anca... Podarìa farghe un'anticipazion mi, eco... Su fondi che no xe mii, intendemose... Ma bisogna prima vedar se lu me aceta una condizion...

NICOLÒ - Ma sì, za tanto, queste xe cose secondarie...

ZEVI - Eh, no, secondarie... De primaria importanza, anzi... Dunque el me staga a sentir. La signora de la qual go parlà, e che tanto gentilmente la me favorisse, la ga avudo qualche tempo fa 1'ocasion de comprar un magnifico papagallo.

NICOLÒ - Eh?

ZEVI - El me stava a sentir. Ora proprio in sti giorni, se dà la malora che el so paron de casa ghe intima lo sfratto se la se ostina a tegnir presso di sé l'animale... Oh!... Un mezo nevrastenico... El ga paura della psittacosi... Se dise cussì?... Inoltre la eccezionale loquacità del volatile... E1 parla come un professor de Università....

NICOLÒ - Signor Zevi?... Scherzelo o galo vogia de farme perdar la pazienza?

ZEVI - Ma gnente afato. El troverà anzi tuto logico e conseguente. Lu deve considerar che quando la signora gaveva messo a mia disposizion la somma per un congruo impiego, no la se imaginava gnanca lontanamente quelo che stava per capitarghe... Invesse adesso ghe saria vegnudo l'idea de fabricarse in proprio piuttosto de aver altre noie del genere per l'avvenire... e in sto caso no la podarìa più dispor de la somma... Mi, dal mio canto, co quel senso pratico che modestamente me riconosco, la avaria consigliada de vegnir a un'altra soluzion…; a liberarse de la bestiola; e per quanto la sapia affezionatissima, credo de averla quasi convinta… Morale… O la signora se tien el papagà, e alora no la pol più dispor completamente del capitale...; o la impiega el capitale e alora la deve privarse del papagà. In sto secondo caso bisogna trovar l'acquirente.

NICOLÒ - Ben. Che la lo trova.

ZEVI - No xe facile, trattandose de un articolo, diremo così, non di uso comune. Ci vuole l'amatore. Lu sarìa disposto?

NICOLÒ - Disposto a cossa?...

ZEVI - Ad acquistare lo zigodattilo.

NICOLÒ - No'l me gaveva dito papagà?

ZEVI - (con un sorriso) Ordine degli zigodattili; famiglia dei parrocchetti

NICOLÒ - (a sé) Anca la lezion de storia naturale! (a Zevi) Coltura, eh, signor Zevi?

ZEVI - Modestamente; da dilettante...

NICOLÒ - Ma cossa vorlo che ghe ne fassa mi de quel volatile?

ZEVI - Ah, Dio! Un pappagallo di quel genere xe sempre un grande ornamento per una casa di eccezione come questa...

NICOLÒ - E cossa domandala?

ZEVI - Una miseria, data la rarità del soggetto!... Trecento e novantottomila lire.

NICOLÒ - (sobbalza) Comandi?!

ZEVI - (veloce) Ma con trecentoottantacinque spero de fare l'afar.

NICOLÒ - Ma lu xe mato! Ma proprio da manicomio anca!

ZEVI - Eben... e alora... Vol dir che la signora se costruirà la villa e buonanotte suonatori!

NICOLÒ - Ma... sacrestìa!... Come vorlo che me sia possibile una spesa de sto genere? E po' mi ghe go domandà do milioni e mezzo perché me ocore do milioni e mezo, capisselo!…..

ZEVI - Va benissimo; e i do milioni e mezzo no i xe qua?

NICOLÒ - Ma no posso miga sacrificarghene una parte per comprar el volatile, no?

ZEVI - Ma no... Questo no!.. Neanche per sogno!... No ghe mancarìa altro... No, no, no; i do milioni e mezzo mi ghe li verso tuti...; soltanto 1'efeto sarà un poco più alto... eco...

NICOLÒ - Oh, alora xe un altro per de maneghe, caspita! Mi credevo che bisognasse pagarlo subito; ma dato che… Sì, sì…; e po' credo anca mi che no staga mal qua dentro una bestia esotica. Concluso, alora…

ZEVI - Secondo il suo desiderio.

NICOLÒ - Perfettamente. Vegna sti soldi, dunque.

ZEVI - Ma bisognarà firmar l' efeto prima...

NICOLÒ - Mando subito Gioachin a comprarlo.

ZEVI - Toh! Per pura combinazion ghe n'avarìa uno qua. (trae di tasca un effetto)

NICOLÒ -Megio!

ZEVI - (depone la cambiale sul tavolo e trae la stilografica) Per mi el dieci de provigion, vero?

NICOLÒ - Ma sì, va ben; no gerimo za d'acordo?

ZEVI - Dunque, due milioni e mezzo; e duecentocinquantamila d'interessi fa due milioni settecentocinquantamila e trecentoottantacinquemila, valore del psittaco loquacis... (Nicolò non capisce) o zigodattilo che dir si voglia, fa tre milioni centotrentacinquemila. Dunque 3 milioni e 135.000 alla signora che fa il prestito... La provigion me la dalo subito o vorlo che agiungemo?

NICOLÒ - El zonta, el zonta, perché me ocore liquido a mi!

ZEVI - Benissimo; dunque il dieci per cento su tre milioni e centotrentacinque mila xe 313.500.= lire; più el dieci per cento de l'interesse sulla provigion posticipata, sarìa 31.000 lire.

NICOLÒ - Ostarìa!

ZEVI - Ben, ben, gnente paura, Femo trentamila e no se ghe ne parla più! Totale: Tre milioni quattrocentosettantacinque mila. (appoggiando la cambiale sulla busta e porgendogli la stilografica) Vorlo scrivar? Data... Eccetera... Lire italiane tre milioni quattrocentosettantacinquemila, pagherò...

NICOLÒ - Alla signora...

ZEVI - No, no, per carità; che la signora no vol aparir per gnente; ela me fa el favor a mi personalmente, ma no lo deve saver nessun.

NICOLÒ - Ben e alora?

ZEVI - E alora el scriva: A tre mesi data...

NICOLÒ - Come a tre mesi?

ZEVI - Per forza, ciò; se no le banche no le sconta... Eh! Ma dopo se rinnova... Se rinnova... Questo xe sotinteso...

NICOLÒ - Ben, ben, avanti.

ZEVI - A tre mesi data pagherò per questa mia cambiale la somma di italiane lire 3 milioni 475.000 al Signor Gastone Zevi. La firma e il domicilio. Eco qua, benissimo! (riponendo l'effetto e consegnandogli il denaro in assegni) E questi xe i do milioni e cinquecento mila lire che' l deve aver. In assegni di piccolo taglio per maggior comodità

NICOLÒ - Oh, cussì me piase. Robe svelte; ciare...

ZEVI - E oneste...

VASA - (entrando dal fondo) Ghe xe un merlo e una gazza che gira qua intorno da mez'ora! Pecà che no gabia più el s-ciopo !

NICOLÒ - Oh, senti, Vasa. Fa un piasser de dirghe a la mama e a la Solveig che se le vol vegnir zozo... Forse le fa ancora in tempo... (Vasa sale la scala)

ZEVI - Quelo che soratuto me raccomando xe la massima discrezion... Mi co posso favorir un amigo...

NICOLÒ - Caro Zevi, queste xe racomandazion inutili. Mi i mii interessi so trattarmeli da solo; li studio, li combino e no vado in çerca de l'aprovazion de nissun. La mia coscienza, el mio criterio e basta.

ZEVI - Bravo. Lu, vedelo, xe un vero omo de afari!... E... partelo ancuo?

NICOLÒ - Prima de sera, spero.

ZEVI - Alora bon viagio. E sempre ai so ordini.

NICOLÒ - Arivederci, caro Zevi.

ZEVI - E tanti ossequi a la contessa. (esce dal fondo)

NICOLÒ - Oh, manco mal che i soldi ghe xe. (leva un paio di assegni dal pacchetto e li ripone nella tasca posteriore dei calzoni)

BICE - (dalla scala in abito da passeggio, con Solveig) Come ti la ga fata longa! El xe andà via, vero, quel robo?

NICOLÒ - Robo, ti ghe disi, mama?

BICE - Te li galo portai?

NICOLÒ - Sì, ma ghe n'ha volesto! E se no ghe gera tuta la mia diplomazia!

BICE - Tuti i do milioni e mezo?

NICOLÒ - Eh, no, do milioni e mezo. Do milioni; perché ghe xe l'interesse.

BICE - A mi, co sto tira e mola me xe squasi passà la vogia de partir.

NICOLÒ - Mama! E el concerto?

BICE - Se no fusse per quelo!... Sempre sta freve che me brusa. L'arte xe una gran catena! Fasso in tempo?

NICOLÒ - Se ti fa presto... Ti pol ciapar el treno de le dodese e oto. Quanto te podarà ocorar? (e mette mano al pacco degli assegni)

BICE - Prima de tuto Vasa vienlo co mi a San Remo o restelo a casa?

NICOLÒ - Mah! Sastu gnente, ti, Solveig?

SOLVEIG - Cossa vustu che me interessa, mi, de quel sempio de fio!... Adesso no'l ga per la testa che'l s-ciopo!... Del resto fè presto a domandarghelo.

NICOLÒ - El xe restà de sora, vero?... (chiama) Vasaa!...

BICE - No zigar che ti me copi! Possibile che no sentì la noia de i rumor! E lo savè che son amalada de nervi!... Ma tanto, za, vualtri... Se fusse vivo el vostro povaro pare...

NICOLÒ - Mama, basta, vero?... No ti vorà miga far la tragedia?!... (alzando nuovamente la voce) Me par che quando se ga dito de no zigar, basta, no?

BICE - Come, basta?.. Mi lo digo e vualtri continuè!... Questa xe la tragedia!...

NICOLÒ - Oh, santa pazienza! (va alla scala e chiama mellifluo) Vasa!...

SOLVEIG - Mi no capisso perché gavé comprà el s-ciopo a quel fio... e a mi, co me ocore qualcossa...

NICOLÒ - Ciò, cara, per ti ghe se sta la pelissa, sa, sto ano!

SOLVEIG - No, sa, Nicolò; per l'amor de Dio, che no tornemo gnanca sul discorso! Pelizza el ghe ciama a quela strazzarìa... Che la zente se volta indrìo per torme in giro; siesentomila franchi; roba da metarse a pianzar!.

NICOLÒ - Ciò, ti dovevi domandarghene de più a Pignatel e tortela de ermelin... Per mi se'l te li dava...

BICE - Oh, a proposito, ancuo ghe li darò indrìo, no? Per carità saveu! E che no se ripeta più sto scandalo! Domandar soldi in prestito a1 nostro ex fator!

SOLVEIG - Ihh, quante storie! In fondo un piasser da un amigo...

BICE - Macché amigo! Da un servitor!

NICOLÒ - Caro quel servitor!... El xe paron de metà de le tere che gavevimonualtri!

VASA - (che scende) Son qua. Cossa ve casca?...

NICOLÒ - Oh, bravo, vien qua, ti, ciò. Cossa fastu, alora? Vastu co la mama, vienstu co mi o restitu?

VASA - (a Solveig) Ti dove vastu?

SOLVEIG - Mi? A San Desiderio1, co i Pisani. Ma ti rangite, sa, vecio! No ti pretenderà miga che vada in montagna co la scorta armata, no?

VASA - Ah! Cossa xe in montagna anca sto San Desiderio?

NICOLÒ - Tuti i Santi sta vissin al Cielo!

VASA - Alora bon viagio, cara! Mi no capisso... In montagna de istà; mi digo che le xe robe da mati, eco! El mondo a la ro versa!

SOLVEIG - Eh, za, perché ti credi che in montagna se ghe vada solo per sciar, vero?

VASA - No, se ghe va anca per qualcossa altro!... Speremo che questa sia la volta bona!...

SOLVEIG - De cossa, ciò?

VASA - Va là che ti me ga capìo... Co Ricardo Pisani. Tute le volte che ti va in vilegiatura co qualche famegia amiga par che i confeti sia a portata de man. E po', apena tornada a casa, i se squagia come neve al sol.

SOLVEIG - Senti sta bardassa! Quante volte me songio intrigada, mi, dei afari tui?

VASA - Ma mi go dito per ti, benedeta! Xe pericoloso, sa, passar ai oci del mondo per la fidanzata... a carattere stagionale!

SOLVEIG - Stupido!

BICE - Vasa! Solveig! Se volé proprio la mia morte, disélo!

NICOLÒ - Tasé, che fè morir la mama!

VASA - Xe la mia esperienza che parla!

NICOLÒ - Piantèla, va là! E alora vastu co la mama?

VASA - Al mar? Mi no, eh!

BICE - E alora resta qua. Almanco uno de la famegia!

NICOLÒ - Dunque a ti, mama, te basterà otoçento, vero?

BICE - Oh, Dio!... Basterà... li farò bastar, eco. Dal momento che semo ridoti in sti stati çercarò de farli bastar. (Nicolò le dà gli assegni)

NICOLÒ - Benon! E a ti, Solveig, eco qua i quatroçento che gerimo d'accordo... Mi me ne resta siesento...

SOLVEIG - Oh, per mi!... Quando che go per la cipria e el rosseto... (li caccia con noncuranza nel risvolto di una manica)

VASA - E la mia parte? No gavarè miga intenzion de lassarme in candia, vero? Digo ben, ah! Perché ghe son anca mi, ghe son!

NICOLÒ - Ma si; ciapighine dusento. Me strenzo mi.

BICE - Dio, che martirio sentir le mie creature che se divide el toco depan!

SOLVEIG - E a lu te ghe li dà?

VASA - Percossa? Galo da darte a ti anca questi?

SOLVEIG - El xe minorene. Se ghe i afida a qualchedun.

VASA - Ai servitori, ah?... Dovarìa dipendar dai servitori anca?!

NICOLÒ - Oh, Dio!... No'l ga miga torto, se volemo...

SOLVEIG - Se podarìa pregar per esempio... (ed indica il muricciolo di sinistra)

BICE - Eh no, eh! A Pignatel, no! A proposito; e i soldi che do vemo tornarghe?... No ti ga miga tegnudo calcolo de queli, ti, nel spartir?...

NICOLÒ - E come vustu che fassesse? Santa pazienza!... Eco, vardè; dovemo darghe sieçentomila franchi? Semo in quatro, se privemo de çentoçinquanta a testa, se paga el debito e se se restringe ne le spese!

VASA - Povareto! E mi dovarìa restar co çinquantamila franchi soli? A lu ghe ne resta çinqueçentoçinquanta e mi çinquanta!

SOLVEIG - Ma ti ti xe in casa, sa! No ti ga da pagar né vito né allogio! E po' no ti ga gnanca disdot'ani.

NICOLÒ - Insoma ghe steu? Va ben cussì?

BICE - Sì, sì; basta che me cava quell'incubo dai mii soni! Ciapa.

NICOLÒ - Oh, brava! Centoçinquanta li metto fora mi.

SOLVEIG - Ciapa i mii.

NICOLÒ - E ti?...

VASA - Ciapa, va là! Ma adesso ve saludo, saveu, perché, se me fermo ancora un poco, trovè la maniera de cucarme anca questi! Bondì, mama!

BICE - Adio, tesoro. Dame un baso. E sta bon, sa! Badighe a la casa.

VASA - Lassime far a mi!

NICOLÒ - Oh, senti! Sicome me seca che i servitori capisca... fa un salto qua da Pignatel e pregalo de vegnir. Dighe che ghe daremo dei soldi... Chissà che el te torna el s-ciopo!

VASA - Va ben. Adio, cari! Fè bon viagio. (via dal fondo)

BICE - Che ora xe?

NICOLÒ - Le undese e diese.

BICE - Alora perdo el treno!

NICOLÒ - Percossa? No ti ga le valise pronte?

BICE - Sì, ma le xe ancora de sora!

NICOLÒ - No ghe vorà miga un secolo! (fa per gridare) Marie... (ma subito si corregge e va a chiamare dolcemente alla Comune) Marietaa!…..

MARIETA - (sull'uscio) Cossa comandelo?

NICOLÒ - Portè zo le valise de la mama e l'astucio del violin.

BICE - Nooo!! El violin nessun lo toca! Vegno mi a torlo! (sale le scale con Marieta)

SOLVEIG - (scrolla comicamente la testa) Povareta!... Sempre pezo!...

NICOLÒ - Solveig, vien qua. No go miga tolto sul serio, sastu, quelo che ga dito prima Vasa... Ad ogni modo me racomando...

SOLVEIG - De cossa?

NICOLÒ - Co Ricardo, là... Per gnente fasso l'amor co so sorela... Ma ti no farghe tropo calcolo. So che'l va disendo che ti ti xe una de quele che no se sposa... (a un gesto di Solveig) No fraintendarme! Per via de la testolina... e per quela de nostra mama.

SOLVEIG - Ricardo xe un stupido. Bastarìa che mi volesse...

NICOLÒ - Pensighe. I ani passa anca per ti, cara. E la sostanza qua...

SOLVEIG - No do varìa andar co lori, dunque?

NICOLÒ - Anzi! Me fa piasser...

SOLVEIG - Per sorvegliarte la Resy ?

NICOLÒ - Oh, se no gavesse fiducia in ela...

SOLVEIG - Disi piutosto che te piase far el comodo tuo... Come mi, del resto.

NICOLÒ - Manco mal che fra nualtri do se se intende!...

SOLVEIG   -  Altro!...   (furbescamente)   Disi   la   verità,   Nicolò... L'interessi de quei bezzi ti no ti lo ga miga lassai zo!...

NICOLÒ - Cossa distu? Tasi!

SOLVEIG - Se ti me paghi!... Me contento de poco, va là... Diesemila per le sigarete.

NICOLÒ - Ricattatrice... (gliele dà)

GIOACHIN - Signorina, el telefono (apparendo dalla comune)

SOLVEIG - Ah! Sarà i Pisani. (esce per la comune)

NICOLÒ - Vu, Gioachin, andè de sora a giutar Marieta. Po' diséghe a Nane de atacar… (un colpo di fucile)

GIOACHIN - Questo xe el paronçin Vasa.

NICOLÒ - O el violin de la mama. Per mi, ormai, ogni s-cioco che sento... o Vasa o le corde del violin de la mama!

BICE - (scende la scala, agitata; ha la cassetta del violino) Nicolò, gastu visto el rodolo de le corde del violin?

NICOLÒ - (Gioachino sorride e sale la scala) Le sarà ne l'astucio, mama!

BICE - Se te lo domando voi dir che no le ghe xe!

NICOLÒ - Ti le gavarà messe in baul. Vàrdighe.

BICE - Una parola ... Butar per aria tuto... Çercar fin in fondo…

NICOLÒ - E alora lassa andar. In caso ti le comprarà a San Remo.

BICE - No xe façile trovar la mia marca... E se intanto che sono me se rompe el cantin?...1

NICOLÒ - Sastu che disgrazia?

BICE - Nicolò?!

NICOLÒ - Va là, mama, che el mio grande omonimo sonava co una corda sola!

BICE - Sempre la burleta pronta!... No savé tor gnente sul serio, vualtri! Vogio vardarghe! Vogio trovarle! Se no staria mal per tuto el viagio!

NICOLÒ - E ti vàrdighe. Xe quelo che ti go dito anca mi! (Bice. apre il baule e vi rovista dentro buttando all'aria ogni cosa)

GIOACHIN - (scende con Marieta portando le valige) Dove le metemo?

BICE - Soto el portego.

SOLVEIG - (dalla comune) I gera i Pisani! I passa a torme co la machina. Le mie valise, Marieta.

MARIETA - Subito, signorina. (esce con Gioachino per la comune)

BORTOLO - (dalla comune) Ghe xe el signor Pignatel.

BICE - Mi, come che no ghe fusse (e riprende a rovistare nel baule)

SOLVEIG - Cossa ti çerchi, mama?

BICE - El rodolo de le corde.

SOLVEIG - Ti fa le ascension?

BICE - Le corde del violin! Agiùtime! (Bortolo esce per lasciar passare Pignatel, mentre Marieta attraversa per salire le scala)

CESCO - (entra ridendo dal fondo; sulla cinquantina; veste sportivamente alla campagnola; ha il fucile di Vasa tra le mani) Ah, ben!… roba da mati, creature!... No go fato a tempo de darghe indrìo el s-ciopo, che lu, de bel novo, pum! contro le mie galine faraone!

NICOLÒ - Ah, perché prima?...

CESCO - Apunto per quelo che ghe lo gaveva tolto da le man... Ma che bon da gnente, Gesù mio!... E sì, digo!... Tre colpi, in mezo a un s-ciapo de vinti faraone, a diese metri de distanza, e no portarghe via gnanca una pena!...

BICE - (mezza nascosta dall coperchio del baule dove sta rovistando) Segno che el gavarà fato per spaventarle.

CESCO - Chi xe? Oh, dona Bice! No la gavevo gnanca vista....

SOLVEIG - Ciao, Cesco.

CESCO - Ah, ti xe là anca ti, Solveig?

BICE - Tuto sto ciasso per una sciochezza simile!... Ancora capirìa se dovessi reclamar dei dani...

CESCO - Ah, ben, lassemo star, contessa!... Che se dovesse protestar tute le volte che quel fio danegia la mia roba, qua dentro i dovaria metarse el coton ne le recie!

BICE - (quasi a sé) Vilan!... (a Solveig) Vedistu ti a darghe tropa corda! Anca vualtri come el vostro povero pare... Mi za no go mai capio come che'l fassesse ad aver tanta confidenza co i so contadini…

NICOLÒ Mama?!...

SOLVEIG - No la dise miga per ti, sastu, Cesco…..

CESCO - Perché? Anzi!… Se ti credi che me ofenda!… Ben dito; contadini! Mi son de queli e me ne vanto! Un contadin con del sal in suca, se volemo, che conosce el mondo; che no se lassa imbrogiar da nessun...

BICE - E che pian a pian se ga fato la ponga a spese de i altri!

SOLVEIG - Mama, per l'amor de Dio !…

CESCO - (calmo) Eco, dona Bice... Adesso sì la se meritaria una risposta… da contadin...; nel senso che la intende ela. Ma so che el suo xe un sfogo de nervi, più che una sua convinzion personale…

BICE - Nervi, mi? Che son la dona più equilibrada de la tera?

CESCO - Nervi!... Perché, se no, la sarìa cattiveria no ricordarse che co son andà fora de sta casa, dopo squasi vint'ani de. servizio, mi gaveva apena quel tanto che me bastava per no morir de fame per un ano; e meza campagnola, perché stat'altra meza gera ancora da pagar; e la mia reputazion, tuta intiera quela! Co i mii soli brassi e, co quel poco de credito che me ga averto la Banca Popolar, go tolto l'apalto de l'arzene de la Martesana…..

NICOLÒ - Ma cossa ti va a contarghe adesso... ti la conossi, la mama…..

CESCO - No, no, perché par che no la sapia che go lavorà mesi intieri de note e de giorno, in mezo al fango co i mii omeni; da vero contadin; no go miga aspetà la mana che me cascasse in boca!

BICE - La mana xe stada la campagna de le cave!

CESCO - Gavarìa possudo comprarla prima! Quando che vualtri, ciapai per le cane de la gola… Ma no go vossudo, no…; perché me pianzeva el cuor... La go comprada solo più tardi... co la gera passada per altre man ormai, pagandola quasi el dopio de quelo che vualtri gavè tirà... Cussì ga guadagnà sora i vostri strozzini.

BICE - E vu no, forse?

CESCO - Anca mi, sissignora. Perché go visto dentro in quei sassi! E no podendo impiantar patate, go impiantà le cave de giara; cussì son deventà el primo fornitor de l'Azienda autonoma de la strada. E, se go quatro soldi, go savesto anca tegnirmeli streti.

NICOLÒ - Oh, per questo, va là che podemo dir d'aver avudo anca nualtri el nostro senso de economia...

CESCO - Si, licenziandome mi.

NICOLÒ - No gavemo esità a vendar la machina...

CESCO - Per comprar do cavali...

NICOLÒ - Che costa si e no la metà...

CESCO - Col fien a quindese mila franchi al quintal e un omo perso per le bestie. Almanco la machina no magnava...

BICE - Il cocchio, egregio signore, è il supremo segno di distinzione dell'aristocrazia vera. Guardate Buckingham Palace.

CESCO - Cossa?... Ah, bela questa! Anca Buckingham...

BICE - (esasperata) Nicolò! Ma daghe i so soldi e che'l vada via.

GIOACHIN - (entrando) Signora, la carozza xe pronta. Posso cargar?... (a Solveig) Ghe xe anca i signori Pisani co la machina. (Gioachino esce con le valige)

BICE - No le trovo! No le trovo!... (buttando la roba alla rinfusa nel baule, a Marieta che scende con altre valigie) Marieta, serarè vu. Me spedirè a bagaglio…..

NICOLÒ - (a Pignatel) Ben, vardè qua, Cesco. Queste xe le seicentomila lire che ti ga imprestà sto inverno a Solveig... (e mette mano alle busta degli assegni)

CESCO - (fermandolo con un gesto) Dasseno?... Ah, Madona! Se ti savessi cossa che me dispiase che ti me li daghi indrìo!

NICOLÒ - Percossa?

CESCO - Perché me domando: Che capèla gastu fato per podermeli dar?

NICOLÒ - Questo po', me par che sia un fià tropo, no?

CESCO - No, caro. Perché se fusse sicuro che ti podessi... I salti mortali farìa, varda!... Ma...

SOLVEIG - Gavemo venduo el racolto...

CESCO - Un'altra volta?!... No dir busie che no ti xe bona!

NICOLÒ - Del resto... se proprio i te ripugna... (fa per rimettere la busta in tasca)

SOLVEIG - (interviene rapida) No; questi xe tui e grazie... (li toglie a Nicolò e li mette nelle mani di Cesco)

CESCO - Almanco ti ti mostri de ricordartene.

BICE - (impaziente) Ma insomma, Nicolò?... Me fastu perder el treno?

NICOLÒ - Mi?

BICE - Spero che ti me acompagnarà... almanco fin a la stazion, no?

NICOLÒ - Co no ti vol altro... (s'avviano)

BICE - (a Marieta) La boleta al Royal. Me racomando. Arivederci! (Bice, Nicolò e Solveig escono per la comune, mentre Bortolo viene dal fondo)

MARIETA - Oh, se Dio vol! (rumore degli zoccoli dei cavalli che partono)

BORTOLO - I xe andai?

CESCO - Marieta, Bortolo... Cossa nasse qua dentro? Cossa nasèu per aria?

BORTOLO - Uhmm?... Odor de selvadego, paron mio... Pogiane che fa la roda. Ghe ne gera una qua mez'ora fa...

CESCO -   Ah, volevo ben dirlo, mi?... Quel Zevi, vero?

BORTOLO - El ga parlà tanto col paronçin Nicolò... Parlà e scrito...

CESCO - Questi se magna anca la casa! I vostri salari?...

BORTOLO - Do mesi che no se ghe ne bècola .... Adesso po' i se squagia tuti.

MARIETA - Sì, se Dio vol!

BORTOLO - Uno va al monte... st'altro va al mar...

MARIETA - E nualtri per un pocheto podemo star in pace.

CESCO - (rumore della carrozza che ritorna) Cossa xe?... I torna indrìo!

MARIETA - Mariavergine!

BICE - (dal fondo affannosamente) Marieta? Marieta?... Adesso me ricordo!

MARIETA - Cossa?

BICE - Dentro la scatola de l'Arden!1... Quela granda!... Su, presto... Su la mia toilette!... (e poiché Marieta non capisce, le urla) El rodolo de le corde!!

MARIETA - Dentro la scatola de la crema?... (si precipita su per la scala)

CESCO - (con un sorriso) Per la cura di bellezza?...

BICE - Ancora qua, vu? Volè metar raìse?

CESCO - Fasso do ciacole, cussì... co la zente del mio rango...

BICE - Oh, se questo ve diverte!...

SOLVEIG - (sull'uscio di fondo) Mama, ti perdi el treno!

BICE - (grida alla scala) Marieta!.. Tartaruga!…

MARIETA - Ecome, signora contessa... (torna giù con la scatola; fa per aprirla)

BICE - No, no... deme qua…, deme qua!... Addio!

MARIETA - Bon viagio!

BICE - (si volta verso la servitù) Povareti! Vàrdili! (a Solveig) Tuti avilii perché vado via... Ma torno presto... vedarè... Cari! Xe inutile, no i pol star senza de mi! (fa per correr fuori)

CESCO - (che si avvede dell'astuccio del violino dimenticato sopra la sedia) Dona Bice! !

BICE - Cossa?

CESCO - (Porgendoglielo) L'astucio!

BICE - Ah! (prende l'astuccio e scappa)

CESCO - (ridendo) La porta via le corde e la desmentega el violin!... Che testa!!...

SIPARIO


ATTO   SECONDO

La stessa scena. Non c'è più l'arazzo alla parete; né l'antilope di bronzo. Grande disordine dovunque; bauli aperti con indumenti gettati alla rinfusa; altri oggetti disparati sulle sedie e sul divano: scarpe da montagna, binocoli, corde, una piccozza, un plaid, un salvagente, racchette da tennis, bastoni da golf, costumi da bagno, ecc.

NICOLÒ - (in maniche di camicia, sta togliendo alcuni oggetti da una valigia aperta sopra la tavola di mezzo; al suo fianco è Giochina, da un lato Marieta, intenta pure a riordinare della roba)

MARIETA - (osservando il fondo di un paio di pantaloni corti) El varda qua paronçin… come galo fato, benedeto, a ridur le braghe in sti stati?…

NICOLÒ - Ciò, in montagna se va suso caminando e tante volte se vien zozo sentài...

MARIETA - Anca la signorina... che desìo!... Go lavorà do ore stamatina a dividerghe la roba... Vestiti, scarpe, capeli, profumi, biancarìa, romanzi... tuto un missioto... Geri de sera me ga tocà darghe una mia camisa da note perché sul so pigiama se gera roversà tuta una botiglia de sotocipria liquida.

NICOLÒ - Figuremose che bela! Ben e adesso se àlzela o no se àlzela? (porge a Gioachin alcuni oggetti da toiletta)

MARIETA - La go svegiada, ma... Se capisse che la sente ancora la stanchezza del viagio...

NICOLÒ - Diséghe che xe arivà un telegrama de la mama; chissà che la salta su subito... (Marieta infila la scala. Nicolò a Gioachin) Ben, spieghime subito sto afar, perché mi ancora no capisso...

GIOACHIN - Quelo che go dito geri sera, paronçin. Do volte el xe sta nel giro de una setimana; alto, moro, in ociai... La prima el me ga lassà quela carta verdolina; la seconda volta quela bianca, dopo aver ispezionà tuta la casa insieme a do testimoni e averme fato firmar…..

NICOLÒ - E mio fradelo?

GIOACHIN - Ghe go mostrà, sì...; el me ga fato cussì... (fa un gesto con le dita sotto il mento, come per dire "Che s'arrangino") E po' via per i campi col s-ciopo.

NICOLÒ - E come ve xe vegnudo l'idea de telegrafar?...

GIOACHIN - Cossa vorlo?... Gavarò fato anca mal, ma go pensà che l'unico che podeva consigliarme gera sior Pignatel... El xe sta lu che ga vossudo che ghe telegrafa. A lu e a la signorina. El xe vegnudo do volte anca geri matina per vedar se geri arivaii.

NICOLÒ - E... altri?...

GIOACHIN - Come diselo, paronçin?

NICOLÒ - Se xe sta altri a çercarme in sti do mesi...

GIOACHIN - Oh Dio!... Se sa... I soliti...

NICOLÒ - Chi xeli?

GIOACHIN - El so sartor... El becher de Sant'Osvaldo; el paruchier de la signorina; quelo napoletan. Che lengua!

NICOLÒ - Cossa galo dito?..

GIOACHIN - Oh, le solite robe...

NICOLÒ - Fora!..

GIOACHIN - Un saco de "mannaggia!" E po' ... Ma mi el napoletan lo capisso poco, el sa...

NICOLÒ - Qua, portè in camara mia. (mette sulle braccia di Gioachin alcuni indumenti)

GIOACHIN - (esce per il primo di destra) Bon giorno, signorina.

SOLVEIG - (scende la scala; è abbronzata) Ben?... Tuta sta furia, se pol saver? xe vero che ariva la mama?

NICOLÒ - Par. Senti qua: (legge il telegramma) "Giungo ore 10 con mio impresario"...

SOLVEIG - Impresario?... Impresario de cossa?

NICOLÒ - "Allestite appartamento; Scongiurovi accoglienza degna tradizione nostra stirpe. Bice".

SOLVEIG - Bice la ga firmà? Gnanca mama; Bice?

NICOLÒ - Te gavevela dito gnente a ti de sto impresario?

SOLVEIG - A mi no. E a ti?

NICOLÒ - Mai. In una so letera la me dise solo che la gaveva fato de le grandi conoscenze nel campo musicale... Ma siccome la conossemo abastanza ela...

SOLVEIG - In conclusion la torna co un ospite. E chi fa a tempo a metar a posto le camere de i foresti?

NICOLÒ - Ben, ciò, intanto i se arangiarà; e prima de note...

SOLVEIG - Bisogna mandar subito Nane a la stazion, alora... No ghe xe tempo da perdar.

NICOLÒ - Fame un piasser, sona.

SOLVEIG - (dopo aver suonato il campanello) E qua xe ancora tuto soto sora, cussì...

NICOLÒ - Sfido mi! Se geri de sera ti metevi a posto...

SOLVEIG - Sìì! Co quela dose de sono che gaveva indosso...

MARIETA - (dalla scala) Signorina?

SOLVEIG - Diséghe a Nane che'l taca i cavai e che'l vada subito a la stazion a tor la mama.

MARIETA - I cavai?... Uno, signorina. Perché co st'altro xe andà via apunto Nane col paronçin Vasa.

NICOLÒ - Ah, ben! A che ora?

MARIETA - Stamatina a l'alba; credo che'l sia andà a caccia su le grave1.

SOLVEIG - Ah, el gera lu dunque che fasseva quel baccan per domandar el cafè e late!... Xela la maniera de zigar quela?

MARIETA - Gera el papagà, signorina.

SOLVEIG - Che papagà?

MARIETA - Lo ga fato portar geri a sera el signor Zevi, apena che'l ga savudo che lori tornava.

NICOLÒ - (stupito) E el te ga domandà el cafè late? El parla sul serio alora?!

MARIETA - Altro che parlar! Una de quele bàtole! Ma el dise anca un saco de parolasse: "Va morir ammazzato...; che te posseno acciaccà... fija de na mignatta"... Ma mi, paronçin, no so cossa che vogia dir...

NICOLÒ - E el doveva parlar, s'intende, come un professor de Università!.. Go capìo, quelo ga da esser un papagalo romano.

SOLVEIG - Ben; e adesso come se fa co la mama? Un cavalo solo no podemo miga mandarghelo...

NICOLÒ - Co quel po' po' de racomandazion che la ne fa!...

SOLVEIG - Telefonemo a un'autorimessa...

NICOLÒ - Eh, no resta altro.

SOLVEIG - Subito, Marieta. Che i ghe manda una machina a la stazion.

MARIETA - Sì, signorina. Al solito, vero?... All'Italia?

NICOLÒ - Sì... (ma subito si pente) No... aspetè. Al Vittoria, xe megio. Vardè el numero su l'elenco.

SOLVEIG - Oh, brava; quel'altro guanto mio, po', lo gastu trovà?

MARIETA - Sì, signorina. El gera dentro a una scarpa. (esce per la comune)

SOLVEIG - Percossa no all'Italia?

NICOLÒ - Ti sa... Ghe xe ancora scoverto quel conto de l'ano passà e xe megio no svegiar cani che dorme. Oh, adesso, cara la mia picola, bisogna che fra tuti se metemo le man d'atorno; e cavarseli çerti debiti.

SOLVEIG - Oh, bravo! E alora varda che ghe xe da darghe çinquantamila franchi a i Pisani che me li ga imprestai...

NICOLÒ - Cossa? E mi che speravo che ti tornassi a casa co almeno la metà!

SOLVEIG - Ti scherzi, vero? Co quatroçentomila franchi? Me ne xe andà più de dusento per do strassete de vestiti che me son tolta passando da Torin...

NICOLÒ - Po', ala sera ti gavarà zogà... Se sa, in albergo, gavarè fato qualche partìa... E ti, vinto, no ti ga de sicuro...

SOLVEIG - No sarìa gnanca sta chich!...

NICOLÒ - Quelo che me seca più de tuto xe...; proprio co i Pisani...

SOLVEIG - A proposito, varda che la Resy xe fora de la grazia de Dio!

NICOLÒ - Percossa?

SOLVEIG - Eh, ciò! Dal momento che ti andavi in montagna anca ti, ti podevi sceglier San Desiderio invesse de Cortina; no?...

NICOLÒ - Brava! Se me gera iscrito fin da sto inverno a le gare de tennis? Una bataglia internazionale de quel genere!

SOLVEIG - E gastu vinto?

NICOLÒ - No sarìa sta chich!

SOLVEIG - Mato!

NICOLÒ - Fin geri; ma adesso bisogna trovar fora qualcossa de decisivo... Una soluzion eroica che ghe tagia la testa al toro!...

SOLVEIG - Presto fato! Ti moli la Resy e ti sposi una miliardaria; cussì ti pol farme un fià de dote anca a mi, posto che la mia xe andada colada qua dentro...

NICOLÒ - Senti, ciò, picola... E se invertissimo i termini?

SOLVEIG - In che maniera?

NICOLÒ - Ti moli ti Ricardo e ti te tachi a qualcossa de più solido.

SOLVEIG - La sarìa un'idea. Pecà che ti arivi in ritardo.

NICOLÒ - Percossa?

SOLVEIG - No xe da ancuo che ghe penso... Un omo serio, positivo... Anca se un pocheto stagionà...

NICOLÒ - Oh, se xe questo el genere che ti çerchi... basta che ti slonghi una man qua fora de la finestra...

SOLVEIG - E chi dise che presto o tardi?

NICOLÒ - Ti scherzi, vero?...

SOLVEIG - Ma gnente afato. E ti lo sa che mi quando pianto un ciodo...

NICOLÒ - Quela dei ciodi xe una specialità de famegia. (cambiando) E Ricardo?

SOLVEIG - E chi ghe pensa più a quel pampe? Me ga bastà a vivarghe arente adesso per capir de che pasta ch'el xe fato!

CESCO - (entra Cesco, elegante) Permesso? Se pol? Oh, manco mal che ve trovo tuti do...

SOLVEIG - Bondì...

NICOLÒ - Caro... Francesco…

CESCO - Come vala?... Arivai geri sera, vero?... Fato bon viagio?

SOLVEIG - Oh! Mi un disastro. Pensite, nove ore de ferovia!

CESCO - Sfido! Se ti vien dal Piemonte! Se ti andavi qua nel Trentino, in do ore o poco più, ti saressi tornada a casa...

SOLVEIG - Ti voressi che se andasse in vilegiatura qua fora de la porta?…

CESCO - Mi no, cara; fasso per dir... Tanto più che mi son andà molto più lontan de vualtri.

NICOLÒ - Ah...

CESCO - Sì; un picolo giro. Fora per Ventimiglia e dentro per el Gotardo…; dopo aver fato un bagno su la spiagia de Ostenda.

NICOLÒ - (sottovoce a Solveig) Gastu capìo?...

CESCO - E la mama?…

NICOLÒ - La torna adesso.

CESCO - Ben, digo, creature; gavèu sentìo da Gioachin? Come ve sèu lassà cascar su la testa un copo de quela fata?

NICOLÒ - Un copo?...

CESCO - Ciò. Un sequestro in piena regola!...

NICOLÒ - Un granzio che i ga ciàpà! Da quelo che go capìo, i pretende le tasse de le aziende che gestiva al povero papà... Ma no i lo saveva che nualtri gavemo abandonà?... Adesso se ghe lo dise; e bonanote sonadori!...

CESCO - No, caro; adesso intanto ti paghi, se no i ve manda a l'asta...

NICOLÒ - Che i verza i oci!...

CESCO - Ma no i xe miga lori che ga da verzerli!... Xe l'interessato che ga da farse scancelar da i ruoli!...

NICOLÒ - Cossa vustu che sapia mi de ste robe?...

CESCO - Bisogna saverle. Dove xelo l’ato?...

NICOLÒ - (porgendoglielo) Questo?...

CESCO - Ma sì; vedemo... (scorre il foglio) Orpo! I ga vossudo cautelarse in ordine! (legge) Un pianoforte a coda marca Bechstein. Un salotto stile Luigi XV composto di dodici pezzi. Una grande credenziera intagliata con ripiano di marmo cipollino.

SOLVEIG - La xe de là...

CESCO - Un bronzo raffigurante un'antilope...

NICOLÒ - Questo! (e indica un angolo dove l'antilope non c'è più)

SOLVEIG - Ciò! Dove xela scampada l'antilope?...

NICOLÒ - No la ghe xe più?! ... Ah, ben!... (chiamando) Marietaa!...

SOLVEIG - (guarda alle pareti) E l'arazzo che gera là?...

CESCO - (scorrendo il foglio) El xe segnà anca qua, l'arazzo!...

MARIETA - (dalla comune) Gali ciamà?...

NICOLÒ - Dove xela l'antilope e l'arazzo che gera sul muro?...

MARIETA - Come?!... Mi credeva che lori savesse!... Li ga vendui el paronçin Vasa a quelo del papagà...

NICOLÒ-Vasa?!!

MARIETA - Sicuro; el me ga dito che'l gera d'accordo co lori... In sti giorni, po' el discoreva anca de vendar el piano...

CESCO - (ha una sbuffata di riso; indi) Andè in galera!!

SOLVEIG - Dasseno?!...

CESCO - Vualtri e Gioachin che xe sta nominà custode giudiziale!

MARIETA - Maria Santa! (e scappa per il primo di destra)

NICOLÒ - Ah, quela carogna de fio!…

CESCO - Dove zelo adesso sto piavolo?

SOLVEIG - A sbararghe ai merli!

CESCO - Benon! Bisogna çercarlo e condurlo per una recia da quele canagie; e recuperar più presto che in pressa...

NICOLÒ - Vustu far el piasser ti, Francesco, de ocupartene? Quelo i soldi el li gavarà magnai de sicuro... Mi, al momento, cussì apena arivà….. Te seca?

CESCO - Ma no, vissare; no me seco mai de gnente, mi!... Ossia... de una cosa sola me son secà: Che quel sporco de Zevi gabia guadagnà vinti milioni per il semplice trapasso de una campagna da le vostre man a le mie!

NICOLÒ - Ma nualtri no gavemo miga venduo a Zevi!...

CESCO - A Cesuna, lo so; ma la xe tuta una caèna!…..

NICOLÒ - E gavemo çercà de scamparghe, sastu!... Co gavemo capìo che razza de speculazion che i fasseva, gavemo tentà de atacarse a l'iregolarità de un certificato... Lori intanto ga messo avanti el fato compiuto…..

CESCO - Vendendome a mi...

NICOLÒ - El nostro avocato gaveva za inizià, ma dopo...; bisognava farghe un grosso deposito e nualtri, in quel momento...

CESCO - Chi xelo el vostro avocato?

NICOLÒ - Mainardi.

CESCO - El vecio?

NICOLÒ - Sì.

CESCO - E tuto per sta malignasa difidenza verso de mi!

NICOLÒ - Oh da parte nostra no, sastu!... Solveig anzi... Tute le so simpatie per ti! La te n'à dà prova anca sto inverno...

CESCO - (che al momento non capisce) Sto inverno?... Cossa?...

NICOLÒ - Ciò, co la xe vegnuda a domandarte... i soldi de la pelizza...

CESCO - Oh, scusa! Ti ga razon!

GIOACHIN - (tutto spaurito, con Marieta dal primo di destra) Paronçin, xe vero che me toca andar in galera?!...

NICOLÒ - Chi ve l'ha dito?...

GIOACHIN - Marieta, adesso... Mi no ghe n'ò colpa, salo.... El ga aspetà che mi fosse fora... E po' come podeva far? El gera l'unico rappresentante de la casa...

CESCO - No steve impressionar, andè là... Acqua in boca, piuttosto! E de volata in çerca del paronçin! …..

GIOACHIN - Subito, signor Pignatel!... (a Nicolò) Taco st 'altro cavalo o me imprestalo la bicicleta?...

NICOLÒ - Megio la bicicleta. Aspetè che vegno a darvela mi.

GIOACHIN - (a Cesco) El ne salva lu, per carità, che el ga la testa su le spale! (ed esce di corsa da la comune seguito da Nicolò e Marieta)

SOLVEIG - Dasseno, sa, che ti ga la testa su le spale! Par che el mondo sia ne le to man... E ti lo giri per conossarlo... Squasi squasi ti me fa rabia, varda!...

CESCO - Percossa?

SOLVEIG - Ciò…..; per el viagio che ti ga fato anca sto ano...

CESCO - Seti volevi aprofitarghene...

SOLVEIG - Co ti?!…

CESCO - Co mi, sì... Cossa ghe sarìa sta de mal?

SOLVEIG - Che piavolàe! Pensa cossa che gavarìa dito el mondo...

CESCO - Va là...; col tuo ex amministratore... se non ex precettore… E po'... se posso essarto papà?...

SOLVEIG - Ti lo disi ti!... Vinti o vintiçinque ani de diferenza apena...

CESCO - (correggendo) Veramente...

SOLVEIG - Se ti li mostrassi, anca!... Nualtre, adesso, co la moda del trucco semo tute compagne dai vinti ai çinquanta!...

CESCO - (scrutandola con un leggero senso di concupiscenza) Ah! Ma Ricardo Pisani ga savesto sceglier bene!

SOLVEIG - (facendo spalluccia) Oh! ... E chi se ne ocupa de quela caricatura?

CESCO - Epur to fradelo Vasa va disendo che ti xe andada in montagna co lori per strenzar i nodi...

SOLVEIG - Mio fradelo xe un sempio!... Ghe vol altro per i mii gusti, per la mia sensibilità...

CESCO - E alora, cara, bisogna che ti cambi aria; qua intorno no ghe xe che contadini...

SOLVEIG - Contadini... contadini...; intanto questa xe una parola... E po' no star a credar che me dispiasa le anime semplici... quasi vergini… Più freschezza spirituale... più profumo agreste... Sarìa ora de finirla co çerte prevenzion...

CESCO - Caspita!... Vien qua, picola... (l'attrae a sé, quasi l'abbraccia) Lassa che te varda!...Curiosa!... Che fenomeno strano... Me par squasi de vedarte per la prima volta. E ti xe carina, sastu?... Tanto carina?

SOLVEIG - Ti te ne acorzi adesso?

CESCO - E cussì sta fregola che go visto co le vestine longhe una spana, gavarìa una passion mata per i viagi?...

SOLVEIG - El mio delirio!... Berlino... Londra... Parigi!... Ti xe passà.anca da Parigi, vero?...

CESCO - Naturalmente. Parigi, Ostenda, Zurigo... E po' dentro per el Gottardo...

SOLVEIG - E... sempre solo?

CESCO - In viagio, sì.

SOLVEIG - Ah, perché durante le tappe?

CESCO  -  (eludendo) Pecà che gabia dovudo far tuto cussì de volata... Oh, ma forse tra qualche mese...

SOLVEIG - Ti riparti?...

CESCO - Se Dio me dà la grazia?... E chissà che per alora magari no me stufa de andar a torzio solo per el mondo!...

NICOLÒ - (frettoloso, dalla comune, seguito da Marieta) Solveig! La ga da essar qua!

SOLVEIG - La mama?

NICOLÒ - Se ga fermà adesso una machina al passagio a li velo...

SOLVEIG - (guardandosi attorno) Orpo! E qua che xe ancora tuto soto sora!... Presto? La çesta de la roba da sopressar.

MARIETA - La xe da la stiratrice.

SOLVEIG - Qualcossa altro, alora... Un saco...

NICOLÒ - Dei çesti da vendemmia...

SOLVEIG - Ciama Gioachin!...

NICOLÒ - El xe andà via adesso in bicicleta.

SOLVEIG - Bortolo, alora. Ma presto, per l'amor de Dio! (via Marieta per la comune)

NICOLÒ - (passandole degli indumenti) Ciapa qua, ti...

SOLVEIG - Giùtime, Cesco, va là…..

CESCO - Sì, cara... Ma se pol saver tuto sto trafico?...

SOLVEIG - La riva co un ospite de riguardo, par... La lo ga pescà a San Remo...

MARIETA - (rientra con Bortolo; hanno un sacco e due cesti) Eco.

SOLVEIG - Buta dentro! Buta dentro, no badar!... (e insaccano alla rinfusa)

CESCO - El capelo co le scarpe?! ... Gli estremi che si toccano!

SOLVEIG - Dopo se ghe lo dà a la modista.

BORTOLO -No ghe sta più…

SOLVEIG - Fraca, Bortolo, fraca!

BORTOLO - Eh, fraco, mi, paronçina!...

MARIETA - (guardando dalla vetrata) I xe qua!

SOLVEIG Via!... Portè via!...

(Marieta e Bortolo chiudono i bauli, si caricano dei cesti, del sacco, delle valigie vuote ed escono per la comune. Nicolò si infila una giacca; ma ne è rimasta un 'altra sul tavolo)

NICOLÒ - E questa?

SOLVEIG - Impirite anca quela!

NICOLÒ - Aspeta! (getta la giacca sotto un mobile e ve la sospinge coi piedi)

SOLVEIG - (esclama) Semo in ordine!

CESCO - Mi, creature, ve confesso, no me sento de afrontarla... La me ga come el fumo nei oci... Fasso un salto un momento fin a casa...

SOLVEIG - Ma ti torni, vero?

CESCO - Sì, cara, tornarò. (ed esce per la comune)

SOLVEIG - (a Nicolò) Epur xe vero, sa, el xe manco ordinario de quel che'l pare.

            (Sulla soglia della vetrata appaiono Bice e il Maestro Aubry d'Alencourt che regge l'astuccio del violino; alle loro spalle l'autista)

BICE - (livida; cercando di dissimulare la rabbia che la rode) Buongiorno, cari!

SOLVEIG - Oh, mama... (e corre ad abbracciare la madre, la quale porge la guancia senza restituire il bacio)

BICE - El magiordomo?!... Dove xelo el magiordomo?!...

SOLVEIG - Chi? Gioachina?... No la xe qua, mama...

NICOLÒ   -  Gavemo  dovudo  mandarla via nualtri per una cosa importante. Te spiegarò....

BICE - Ma no gavé riçevudo el mio telegramma? (al Maestro) Venga avanti, Maestro. Mi scusi, sa... ma basta che manchi io un'ora da questa casa.

AUBRY - Oh, signora contessa, che dice mai?! ... (inchinandosi) Signori…

BICE - (presentando sempre dissimulando l'interna agitazione) Il Maestro Ademaro Aubry     d'Alencourt  dell'Ufficio Internazionale Concerti. I miei figli: Nicolò, il maggiore; Solveig... (guardando attorno) E Vasa? Dove xelo Vasa?...

SOLVEIG - El xe a caccia, mama.

AUBRY - (stringendo la mano a Solveig, dopo averla stretta a

Nicolò) Oh!... Solveig. La muliebre creatura musicale di Grieg1  fra  due  luminari  del  violino;  il  precursore  e  il contemporaneo: Nicolò e Vasa... (a Bice) Musicisti certo tutti e tre?

BICE - Sarebbe stato il mio sogno, maestro! Stretti intorno a me! "Quartetto Casanova", a perpetuare le tradizioni artistiche della mia famiglia. E invece... Ma lei, maestro, avrà certo bisogno di rassettarsi, di rinfrescarsi... La governante?!... Dov'è la governante?! (Marieta che è alle sue spalle con le valigie) Marieta?!

MARIETA - (scuotendosi) Ah... Ecome qua, signora.

BICE - Conducete il signore a l'appartamento degli ospiti.

SOLVEIG - Veramente, mama, no gavemo fato in tempo...

BICE - Come?!...

SOLVEIG - Semo arivai anca nualtri da poche ore, sa... Apena desfai i bauli, (additandoli) varda...

AUBRY  - Ma non  si preoccupi,  signora contessa...  un catino d'acqua, un colpo di spazzola, e io sono bell'a posto!

BICE - Nel bagno, alora, per il momento. E poi subito la colazione. Il maestro avrà bisogno di rifocillarsi; avvertite il cuoco. Si accomodi pure, maestro…,

AUBRY - Grazie, compermesso. (via dal primo di destra con Marieta).

SOLVEIG - (che è andata a parlare con l'autista) Mama, el dise che ghe xe da pagar la corsa...

BICE - Come?... Se ga el coragio?... I Casanova no xe abituai...

AUTISTA - Per una picolezza simile, signora, la dita no tien sospesi...

BICE - (contrariata) Ah! (rovista nella borsetta; indi) Nicolò, pro vedi ti...

NICOLÒ - (a Solveig) La xe al suto anca ela! (paga l'autista) Eco...

AUTISTA - Grazie. Buon giorno. (esce dal fondo)

NICOLÒ - Ben, mama, te ne saludarà adesso co un fià de più bona grazia, spero, no?

BICE - (tuta fremente) Vergognosi!… Disgraziai!... A farlo a posta no gavaressi possudo combinarme un'accoglienza più meschina! E go telegrafà, s'intende!... Un telegramma urgente!... E no capì che una asenada de sto genere pol comprometar la mia arte, el mio avenire!….. Tuto!...

NICOLÒ - Ihh, mama!... Ma cossa xelo po' sto Tizio?!... No'l sarà miga el Scià de Persia, vero?...

BICE - Tizio?!... Scià de Persia?... Dio!... la insipienza dei mii fioi xe qualcossa de sbalorditivo!... Una potenza nel mondo concertistico europeo e transoceanico el xe! I più grandi concertisti del mondo ghe deve a lu la notorietà, la gloria, la ricchezza!...

NICOLÒ - No ti gavarà miga intenzion de farte lanciar anca ti, adesso?!…

BICE - Ah, trovaressi strano, vualtri?!... Eh, za! Abituadi a viver sempre tera tera, come che sé!... Co son arivada a la stazion go creduo de sprofondarme! Una machina da nolo!... E qua?... Gnanca una strassa de servidor su la porta! Scometo che vualtri no gavé pensà gnanca a la colazion! Che saressi anca capassi de lassarme morir de fame!...

SOLVEIG - A la colazion forse ghe gavemo pensà, mama; ma al cogo, in verità…

NICOLÒ - Mi no capisso che idee che te vegna!...

BICE - Gavé razon de no capir!... La carozza a la stazion no; el magiordomo a la porta de casa gnanca!... Almanco far vedar che se ga una strazza de cogo!

NICOLÒ - Se no, lo fabrichemo!...

BICE - Se ghe ne ciama uno a zornada...; se veste magari Bortolo…

SOLVEIG - Ah! Se no xe che per questo... La xe una livrea che se fa presto a combinarla!... Vado mi a provedar. (esce per la comune)

BICE - Possibile che no capì che 1'aparenza xe la base de tuto?

NICOLÒ - Sìì! Cavite da l'imbrogio co l'apparenza, ti! Semo in tochi, sastu mama?... E mi scometo, varda, che ti xe tornada in boletaancati!…

BICE - (dis gutata) In boleta?!... Che termini!

NICOLÒ - Sì, insoma...; a scarsele vode.

BICE - No ti credarà miga che gabia possudo far el miracolo dei pani e dei pesci!...

NICOLÒ - Oh là! E gastu lassà magari qualche ciodo?... (corregge) Oh! Pardon! Qualche noticina in giro da saldare?...

BICE - Oh! Una sciocchezza!... Cento venti mila lire alla Galleria Sardi per due nature morte; un amor! I spedirà contro assegno; quindi gnente brute figure!

NICOLÒ - Benon! Ti çentovinti, Solveig çinquanta coi Pisani, la cambiale de Zevi che sta per scader, qua ghe xe mezo milion de tasse aretrate da pagar; e Vasa ga venduo l'antilope e l'arazzo, che per zonta gera sequestrai!

BICE - El mio Vasa? Noo!!!

NICOLÒ - El tuo Vasa, sì! ! E se no ghe xe Pignatel che se ne incarica, go paura che la vada a finir mal dasseno!

BICE - (con disprezzo) Ancora quel'omo!...

NICOLÒ - Par impossibile, mama, come che te daga ai nervi a ti quel'omo che no fa che rimediar ai nostri malani!... E sì, cara, che bisognarà che ti cambi musica, perché par che tra lu e Solveig...

BICE - (scattando) Cossa? Un Cesco Pignatel mio zenaro? Quel rudere?… Un omo che xe sta a le mie dipendenze?... Che ga ancora le man sporche da fango?...

NICOLÒ - Oh, per questo el va a lavarsele su la spiagia de Ostenda, lu!!

BICE - (stupita) El viagia?!...

NICOLÒ - El torna adesso da un gran giro a l'estero... Parigi, Ostenda, Basilea, Zurigo...

BICE - (riprendendosi) Questo no vol dir. Mi no savarìa mai adatarme.

NICOLÒ - Co se adata Solveig!...

BICE - Mai, te ripeto! I Casanova no cede!... Piutosto sarìa disposta… a vendar qua...; a trasferirme in çità...; a metarme in comercio…

NICOLÒ - In comercio, ti?... Ma de cossa te ne intendistu, mama?...

BICE - Cossa sogio, mi?... Qualcossa che se intona a la mia finezza... Calze, per esempio. Go conossudo adesso a San Remo la moglie de un grosso fabbricante... Tre stabilimenti nel Comasco; semo deventae amighe... Calze "Mirabella"! De quele me ne intendarò, vero?

NICOLÒ - Perché ti ghe ne consumi do peri al giorno?

BICE - Cossa ghe entra questo?... Co le mie relazioni artistiche po'... Podarìa contar su la réclam de tute le artiste italiane: "Io non porto che calze Mirabella"... Vorìa vedar, mi!... Ma credo che no ghe ne sarà bisogno... Non apena firmarò la mia scritura...

NICOLÒ - Sìì!... Se ti pensi de tegnirne sora acqua co i to proventi musicali!…

BICE - (con disgusto) Uah!:.. Gioventù senza fede!...

CESCO - (dal fondo, vivacemente) Nicolò!... Solveig!... (alla vista di Bice si arresta) Bon giorno, contessa... Ben arivada.

BICE - (sostenuta) Bon giorno.

CESCO - Nicolò, stame atento!... Se riesso a farte dar indrìo la campagna de le cave, me la torneu a vender a mi per el medesimo prezzo?…..

BICE - Cossa vorlo sto Tizio?... Cossa dìselo?...Cossa vegnelo a intrometarse?...

NICOLÒ - Per l'amor de Dio, tasi, mama!... (a Cesco) De che prezzo xe che ti parli, Cesco?...

CESCO - Ciò; de quelo che ve la ga pagada Zevi e Cesuna... Ve fasso guadagnar trenta milioni tondi, tondi! !

BICE - (porgendo la mano) Trenta milioni? Dove xeli?...

CESCO - Un momento!... Bisogna che el mio piano riessa... E anca in sto caso li tegno mi; e ve togo dentro come soci ne l'azienda de le cave. Ghe stèu?

BICE - Cossa?! ... I mii fioi maneggiar la giara?! ...

CESCO - Contessa, per far le strade ocore i sassi...; e adesso no se domanda che strade... strade... strade…! !

NICOLÒ - Sarìa una fortuna!... Ma ti credi?

CESCO - Go incontrà giusto sul vial l'avocato Mainardi e me son fato spiegar cussì per sommi capi... Ostrega!... Ma i ghe xe entro in pien, sti vampiri! Solo ghe vol bezzi; tanti! E se vualtri açetè, a queli ghe penso mi. Dunque?

NICOLÒ -Mafigurite!

CESCO - E ela, contessa?

BICE - Oh, le xe cose che a mi no me riguarda!... Del resto parlè qua co lori! I xe lori i arbitri!

CESCO - Ma bisognerà ben che la firma la procura.

NICOLÒ - Ostrega, se la firma! A costo, varda, de menarghe la man!

CESCO - Alora stasera andemo da Mainardi.

SOLVEIG - (dalla comune con Resy) Mama, ghe xe la Resy la mia ombra a San Desiderio.

RESY - Cara, cara, contessa!

BICE - (baciandola) Te gastu divertìo, tesoro?

RESY - Merito de so fia che xe cussì amabile...

NICOLÒ - E mi no, forse?

RESY - Lu? Son vignuda a vedar se el gera morto! La giudica ela, contessa; el xe qua da geri de sera e el ga ancora da metar pie dentro de le mie porte!

NICOLÒ - Saria vegnùo stamatina...

RESY - Per mi, se'l vol desmentegarse anca dove che stago de casa!

NICOLÒ - (scherzoso) Va là, macaca, no farme la tragica che qua ghe xe anca dei spetatori senza biglieto!... (e indica Cesco)

RESY - Oh, bon giorno.

CESCO - Bon giorno, signorina.

NICOLÒ - El xe sta lu a tegnirme qua; sempre afari!

RESY - Uhm! Bruta scimia (si baciano e si avviano verso la vetrata parlando intimamente) Ti meritaressi un morsegon sul naso!

BORTOLO - (dalla comune, con grembiule e berretto da cuoco, si avvicina a Solveig) Paronçina, ghe par che vada ben cussì?

CESCO - (ridendo) Cossa xe?!... Bortolo?!... Ti va in maschera de Agosto?!

SOLVEIG - Parla pian che ghe xe la Resy... Cossa vustu?... Gavemo l'ospite in casa... Idee de la mama.

CESCO-Ah!Capisso.

BORTOLO - E adesso, paronçina, cossa gogio da far? Perché mi so apena impissar el fogo...

SOLVEIG - E fermite a quelo, benedeto; per al resto ghe pensa Marieta…

AUBRY - (entrando dal primo di destra) Ecco fatto.

BICE - Caro Maestro, prima di colazione vuol prendere un aperitivo? Un cordiale?

AUBRY - Grazie, contessa. Vi sarei grato, piuttosto, se mi faceste preparare un grog1. Devo aver preso un'infreddatura al finestrino del treno.

BICE - Capito, cuoco? Un grog per il Signore. (Bortolo spalanca la bocca e interroga con gli occhi Cesco e Solveig)

BORTOLO - Sì signora, subito. (a sé) Cossa saralo, mo', sto grog? Mi ghe preparo un goto de acqua calda col mistrà! (esce)

BICE - Cara Resy, ti presento il Maestro Aubry d'Alencourt, una potenza. Resy Pisani, fidanzata di mio figlio e una pianista di primo ordine.

AUBRY - Piacere. (a Bice) Ho osservato ora in anticamera quel magnifico Bechstein che è di là; e vi ho posato anche le mani sulla tastiera. Vogliate perdonarmi, ma è stato più forte dime. Un velluto!

BICE - Oh, grande strumento, certo!... Peccato che qui dentro sia condannato al silenzio! (e guarda desolatamente i figli)

AUBRY - Peccato davvero! Ma se la signora contessa volesse privarsene saprei trovarlo io un amatore...

CESCO - (subito) Noo! No se pol!... (corregge) Almanco per adesso...

BICE - (che non capisce) Percossa?

NICOLÒ - (sottovoce alla madre) El xe sequestrà!

SOLVEIG - Perché è una cara memoria. Capirete; la mamma ha esercitato lì sopra il suo talento musicale...

CESCO - Pianoforte storico!

NICOLÒ - Prima di dedicarsi al violino...

BICE - Prima di superare la crisi, vuoi dire... Quel momento decisivo da cui dipende tutto l'avvenire di un'artista... Voi non potete comprendere... (indicando il Maestro) Lui si... Lui che ha avuto occasione di apprezzare... (con un senso di pudore) Oh, cielo!... Non starebbe a me il dirlo... Ma fu uno dei pochi che abbia sentito veramente la mia cavata!...1

CESCO - (commenta fra sé) Lo credo! St'altri sarà scampai!...

AUBRY - Oh! Noi abbiamo l'orecchio clinico, come si suol dire. E la cavata c'è... Certo che lo strumento usato dalla signora contessa non è degno dell'artista... Uno Stradivarius, ad esempio, sarebbe l'integrazione ideale...; ma all'ideale, si sa, non si può sempre arrivare. Cionondimeno anche con uno strumento più modesto, ma sempre d'autore... Un Amati, ad esempio... Io ebbi appunto in questi giorni la fortunata combinazione di metter l'occhio sopra un bellissimo Amati... che verrebbe anche per un prezzo conveniente; trecentomila lire.

CESCO - Alora no'l xe un Amati?...

AUBRY - (interdetto) Come?

CESCO - Eh, no; perché un Amati autentico e che non abbia trucchi costa altro che trecentomila lire!

BICE - (trasecolata) Lu se ne intende?!...

AUBRY - Si tratta di un'occasione, ripeto. Una famiglia decaduta. Dopo qualche mese di preparazione su di un simile istrumento sono sicuro che la signora sarebbe in grado di affrontare il gran pubblico... Penserei io, poi, a definirle un giro magnifico... Conservatoire Royal di Bruxelles, Sala Colonne di Parigi, Orfeo di Praga, Casino di Biarritz, Palais Noire di Zurigo, e poi, e poi...2

CESCO - Un momento, scusate!... Voi vorreste portar in giro la signora per i night-clubs?

AUBRY - Come night-clubs?...

CESCO - Se non volete chiamare così le Palais Noire di Zurigo!...

AUBRY - Voi vi sbagliate, caro signore... Ambiente serissimo... Un tempio dell'Arte…

CESCO - (scattando) Ma fatemi il piacere! Se ci son stato io la scorsa settimana, con una ballerina creola!...

BICE - (in ammirazione) Come?! El ga avudo anca de le aventure mondane?!!

AUBRY - Ah, ma voi equivocate certamente... Quello è un altro... Io parlo de le Petit Palais Noire...

CESCO - (ironico) Ah!... de le Petit! (quasi a sé) Ma che i capita tuti qua?...

BICE - (a Cesco) Creola, el ga dito?... Creola?!...

CESCO - Ciò... almanco... Mi go creduo su la parola!...

AUBRY - Certo che se voi, Signora, non entrate in merito sull'acquisto dello strumento...

NICOLÒ - Sì... forse in un altro momento...

CESCO - Ma perché?! Anzi!

BICE - (subito a Nicolò) Ti ga sentìo?!... Anzi!... Adesso che i ne ga dà indrìo la campagna...

CESCO - A pian; un momento!... Ma se le cose andarà come che spero, xe giusto che la se cava sto capriçio; e lo strumento ghe lo trovarò fora mi; genuino; pagandolo da genuino. Perché se l'Amati che ghe procura sto signor el xe autentico come le Palais Noire per i concerti classici!...

AUBRY - (al colmo dell'esasperazione) Ma che c'entrate voi?... Chi siete? Chi mi vi ha presentato?...

BICE - (intervenendo) Oh, mi scusi!... (presenta) Il Maestro Aubry d'Alencourt dell'Ufficio Internazionale Concerti...

SOLVEIG - I1 signor Francesco...

BICE - (pronta) Pignatelli…..

CESCO - (commenta burlescamente) Principe romano!!

NICOLÒ - (a sé) Romano come el papagà!

BOR - (dalla comune) Col signore comanda... I1 grog è servito...

AUBRY - (a cui non sembra vero di togliersi d'imbarazzo) Oh, grazie! Compermesso.

BICE - Accompagnate il Maestro, figliole; adesso vengo anch'io. (Aubry, Resy, Solveig, escono)

GIOACHIN - (entrando dalla comune) Paroni, el xe qua; el core come un lievro !

VASA - (entra trafelato dal fondo) Mama!!... Mama!!...

BICE -Vasa caro?!...

VASA - Oh, mama mia!. No xe vero gnente, alora?

BICE - De cossa?...

VASA - Che ti te geri rebaltada co la machina?...

BICE - Noo!

NICOLÒ - Chi te l'à dito?

VASA - Gioachin, qua, col xe vegnudo a çercarme…..

GIOACHIN - La me scusa, signora... No'l voleva vegnir via a tuti i costi... E mi alora, no savendo che Santi ciamar...

NICOLÒ - Gavè fato benon! ... (a Vasa) A lu, po', moscardin, ghe tiraremo le recie!... Bele prodezze, sì!...

VASA - Prodezze de cossa?...

NICOLÒ - No farme el stupido, va là!... E la roba che gera qua?… L'antilope? L'arazzo?... I mobili?...

VASA - Chi xe che ga fato la spia?

GIOACHIN - Mi no de sicuro, paronçin... (indica di nascosto Cesco)

VASA - Ah, el xe sta lu, alora, a sonarve la tromba!

NICOLÒ - Ringrazia Dio, invesse, che el ne ga avertii per tempo!

VASA - (investendo Cesco) Ma no'l xe gnancora stufo de metar el naso nei nostri afari? Lu dispone, lu ne fa i conti, lu sorveglia!... Basta! Xe ora de finirla co ste arie da paroni

BICE - Vasa! Diventistu mato?!... Ti devi rispetarlo!

VASA - Chi?... Lu?... Perché?

BICE - Perché el xe un amigo!

VASA - Sìì! Dei so soldi!

BICE - (più imperativa) Vasa, te digo! Rispetilo! Francesco xe ospite nostro!

CESCO - Adesso...

BICE - E come ospite, sacro! (imperativa) E zo el capelo davanti alu!

CESCO - (mentre Vasa, trasecolato, si leva lentamente il capello) Contessa, mi no pretendevo...

BICE   -   Dovere!   (girandogli   intorno   e   osservandolo   con l'occhialetto) Una ballerina creola! Meraviglioso!!!

SIPARIO


ATTO   TERZO

Lo stesso salone terreno, ma ben ordinato e tutto adorno di piante. L'arazzo e Vantilope di bronzo sono ritornati ai posti rispettivi.

BICE - (in abito da ricevimento pomeridiano, fa disporre le piante da Gioachin; fuma in un lungo bocchino) No; là no me piase. Provè in quel canton, piutosto... Ecco, cussì... E Bortolo?... Dove xelo Bortolo?...

GIOACHIN - El xe drìo a imbeverar i albari, signora contessa. Ma mi go paura che gnanca co tuta 1'acqua del Brenta…..

BICE - Una fissazion!... Ma varda ti se xe la stagion, questa, de trapiantar i albari!...

GIOACHIN - Veramente... el dise che'l xe stà un ordine suo, signora contessa!

BICE - Oh, Santo Cielo!... Ordine... ordine... qualche volta se buta là una idea... Sta po' a chi xe del mestier... E adesso podé andar.

GIOACHIN - Sì, signora contessa...(esce dalla comune)

NICOLÒ - (da destra) Oh, ti xe qua, mama? (è in abito da lavoro; pantaloni alla zuava, scarponi)

BICE - Oh, bravo, finalmente!... E ancora in sti stati?... Varda che ti sporchi i tapéi!

NICOLÒ - Vegnimo via in sto momento da le cave, mama.

BICE - Dunque, anca Francesco?... E dove xelo adesso?

NICOLÒ - A casa a cambiarse. Se ti lo ga invidà a disnar...

BICE - Benedete creature tuti do! ... No podevi almanco per ancuo?...

NICOLÒ - Oh, si, mama!… Zornada di grande ventura!... Oro in forma de confeti!... La draga ne ga scoverto un filone alluvionale che xe una bellezza!... Ti vedarà, mama!... Ti vedarà!...

BICE - Proprio! Che mi vegno là a infangarme le scarpe!

NICOLÒ - Te porteremo i campioni. De la picola giara tonda e candida che vien vogia de metarla soto i denti!... Giusto quelo che ne ocore per la fornitura che ne xe stada oferta... Adesso podemo firmar co tuta tranquillità.

BICE - Ma varda ti! Chi gavarìa mai dito che dei sassi?... Ah, quel Francesco, che omo!,.. Ben; va a vestirte, adesso!

NICOLÒ - Subito, mama; tantopiù che go da far una corsa in çità prima de disnar!.

BICE - Fame un piasser, alora.... Passa da la mia sarta; salda! (e gli dà una nota e del denaro) No vorìa che la capitasse qua proprio ancuo... E quela no la ga peli su la lingua...

NICOLÒ - Sastu, mama che ti me fa strabiliar?... Xe un toco che te osservo… Ti paghi come una Banca… Ti fa tasar i creditori...

BICE - Quei picoli, sì.

NICOLÒ - Ma anca quei picoli...

BICE - Non ti vorà che te renda conto, spero... Go fato un'operazion finanziaria.

NICOLÒ - Gesù!!!

BICE - Percossa?... Credistu che no sapia farli i afari, mi?

NICOLÒ - Ma afari de che genere?

BICE - Questo no te riguarda. Del resto, se adesso i ne dà indrio la campagna...

NICOLÒ - Ti sta fresca!

BICE - Ti voressi metarlo in dubbio? Lo ga dito Francesco.

NICOLÒ - Che'l ga inizià la causa... che ghe par che ghe sia i estremi... Ma da questo ad averla za ne le man...

BICE - Zente senza fede! (con una scrollata di spalle). Oh! Ma l'importante xe che mi gabia trovà i soldi!... Bisognava pur che ghe fassesse un fià de coredo a to sorela, no?... Ti la ga vista anca ti la roba e che roba!

NICOLÒ - Ah, la xe stada pagada, dunque?

BICE - No, questo no. No xe ne la consuetudine de le famegie che se rispeta... Tanti efeti progressivi, eco.

NICOLÒ - Mi no capisso tuta sta pressa...

BICE - Francesco no xe omo de andar tanto per le longhe.

NICOLÒ - Ma se no'l ga dito gnanca una parola?!... No vorìa che la fusse tuta una montatura vostra...

BICE - Storie!... L'ocio de la mama no ga bisogno de tante spiegazioni... Francesco xe un omo chiuso... Ma ancuo xe la giornada... Do feste in una: El mio compleano e la domanda de la man de mia fia. Ti vedarà che'l se sbotona.

NICOLÒ - Ciò... speremolo!

SOLVEIG - (entra dalla comune con un biglietto in un vassoio) Mama, che bei fiori che i ga portà! Li go messi in anticamera. Eco el biglieto.

BICE - (legge) Flavia Santoro augurando cento di questi giorni.

NICOLÒ - Quela nova!

BICE - Cossa?

NICOLÒ - La frase de dona Flavia...

BICE - Che ve vada mai ben gnente a voialtri?

NICOLÒ - Mi me andarìa ben un bon disnar!

BICE - Ben, scampo mi in cusina. Vado a dir che i se destriga. Dio, che giostra che xe la mia testa! (esce dalla comune chiamando) Marieta! Gioachin!.

SOLVEIG - (dopo un poco, scrollando il capo) Povara mama!

NICOLÒ - La xe sempre stada una confusionaria... ma adesso, po', co l'idea de maridarte... A proposito, cossa gastu che ti me par de cativo umor!

SOLVEIG - No. Percossa?... Ti te sbagli, Nicolò.

NICOLÒ - No me sbaglio no. Da quando le cose qua ga tolto sta nova piega... Ti gavarà osservà che go un altro modo de vedarte e de parlarte... No so... Ghe xe dentro de mi come qualcossa che me fa mal... Come un senso de rimorso, quasi... Sì... Perché son sta mi un giorno, che te go dito: "Pianta Ricardo e tàchite a qualcossa de più solido"... E no vorìa che adesso, ti...

SOLVEIG - (con un sorriso e con molta serenità) Ma no, caro... No aver de ste preocupazion... Certo che se te disesse che la xe la passion travolgente... Ma me sento tanto serena... Co penso a Cesco, a la so bontà... a la so quadratura... me par che tuti i nervi me se destira; e lo stesso efeto lo provo co penso a ti… adesso che ti lavori… Co ti torni a casa col viso brusà dal sol…, pien de fame e de bon umor... Te ricordistu co gnente te andava ben?... E par che sia passada una vita!

NICOLÒ - Sastu cossa che xe? Che no go più la preocupazion de i strozini a la porta e de le cambiali in scadenza...

SOLVEIG - No. Disi piutosto che xe sto novo modo de vivar… la sodisfazion de bastar a nualtri stessi... E de aver uno scopo...

NICOLÒ - Ah, me se slarga el cuor co ste to parole! Adesso posso ardarme a vestir!

BICE - (d. d.) Vien, vien, cara!

FLAVIA - (d. d.) Senza complimenti.

SOLVEIG - La signora Santoro!

NICOLÒ - La vien a farse ringraziar de i fiori!...

SOLVEIG - Quela caricatura!... Vegno de là co ti. (escono a destra)

BICE - (dalla comune con la signora Santoro) Ti ga vossudo disturbarte...

FLAVIA - Oh! Pochi fiori... El manco che podeva far in una circostanza simile.

BICE - Ti xe tanto cara, sempre! Séntite!

FLAVIA - Un minuto. (seggono) Un saludeto, un augurio... e… perdònime, cara... una vogia mata de cavarme una curiosità….. Son dona, ti me capissi...

BICE - Dime, dime pur.

FLAVIA - Xe vero quelo che se dice in giro per i saloti?... Che xe iminente el fidanzamento de la to Solveig col signor Cesco, qua?...

BICE - Ah, questo se dise?...

FLAVIA - Ti lo sa quanto ben che mi ve vogio... E cussì?

BICE - (con un sorriso) Mah!... Forse!... Chissà...

FLAVIA - Gnente de conclusivo dunque?

BICE - In confidenza... credo che ancuo el me fassa la so domanda uficiale.

FLAVIA - Oh, ti me dà proprio una bela notizia! La sarà una debolezza la mia, ma quando sento che ghe xe qualche matrimonio in vista, me ciapa anca mi come una freve…

BICE - Gera tanto che i se parlava co una çerta simpatia. Po', co go capio che le cose se meteva al serio, go credùo ben de esonerarlo dal posto de fiducia che'l ocupava in casa nostra... Gera delicato, te par? Per lu e per nualtri...

FLAVIA - Oh, certo! Delicatissimo!...

BICE - Eco, vedistu... Ti ti xe de quele che capisse!... Qualche altro, invesse, gavaria possudo supor che se volesse troncar... Ma percossa?... Forse perché el ga qualche ano de più de la mia Solveig?

FLAVIA - Per carità!... Fisime!... E po?, ciò, un bel toco de omo! Se tuto corisponde a la corporatura! Intendo… la bontà, ... el giudizio....

BICE - Oh, per questo... El nostro Francesco xe cussì caro, cussì delicato!… Pensa che go espresso tempo fa el desiderio de un violin de autore... E lu ancuo… là... per el mio compleanno: Un Guadagnini autentico!... Eh, za xe inutile! O presto o tardi la nobiltà vera salta sempre fora!

FLAVIA - Ah, perché?...

BICE - Come? No ti lo savevi?... El ghe n'à un ramo! ... Un ramo collaterale che risale verso la più alta aristocrazia romana... I Pignatelli, infatti...

FLAVIA - Ma lu, veramente, no sarìa un Pignatel?

BICE - Oh, Dio!... Co l'andar del tempo qualcossa se sperde sempre... Co l'uso nostro veneto, po', de magnarghe la coa a le parole... Ma in origine... Pignatelli!... Pignatelli!... Per quanto nualtri a ste picolezze se ghe tegna cussì poco...

FLAVIA - Oh, no se conossemo da geri, cara!..

BICE - La differenza di censo, piutosto... Eco; quelo gavarìa possudo essar forse un ostacolo...; si, perché una famegia costa... Ma ringraziando el çielo, co la dote de la mia Solveig... Aspeta; adesso te la ciamo... Per el momento no farte capir... (all'uscio di destra) Solveig!... Oh, ghe xe anca Francesco!... Vegnì!... Vardè!… (entrano Solveig e Cesco; questi ha la giacca nera sui pantaloni a righe)

SOLVEIG - Mama? Oh, la signora Santoro!...

BICE - La nostra cara Flavia... La xe ela che ga mandà quei magnifici fiori...

FLAVIA - Oh, per carità!... Me auguro de poderghene mandar altri presto... E per altra circostanza... (bacia Solveig) Ghe lo go dito adesso a to mama... (a Cesco) A lu la man; e un augurio: Che'l riessa sempre a far bona figura. E adesso scampo, cari. Vegnarò presto a saludarve... (Abbraccia Bice)

BICE - Ti xe fantastica!

FLAVIA - Percossa?

BICE - Ti me ga fato pianzer. Varda! (si tocca gli occhi con la punta delle dita che mostra a Flavia. Questa esce dal fondo accompagnata da Cesco all'uscio) Galo visto, Cesco, quanti fiori in anticamera? Li faremo metar qua in salon... tra le piante... El sarà, tuto un zogo de colori!... Come una serra tropicale!

CESCO - Benissimo. Che cussì se intona anca el papagà.

BICE - Lo diselo per scherzo? La sarìa un'idea, varda... Una nota esotica nell'ambiente...

CESCO - No, per carita! Che se quelo verze el beco!... Ma se ela, contessa, ghe tien a l'esotismo...

BICE - (con intenzione) Oh, per questo al ga mostrà de tegnirghe anca lu un giorno!...

CESCO - (che non capisce) Mi?... Quando?... Dove?...

BICE - Za desmentegada la danzatrice creola?...

CESCO - Ostrega! La ghe ga fato una gran impresion!

BICE - A mi? Saria da domandarghelo a lu!

SOLVEIG - Mama!

GIOACHIN - (entrando) Ghe xe el sior Zevi!... El domanda del signor Cesco.

CESCO - De mi?

GIOACHIN - Cose urgenti, e1 dise...

BICE - Ghe vol una bela faccia tosta! Ma varda ti!... Quelo no conosce le regole...

CESCO - La gabia pazienza... Me lo desbrigo presto. A le volte no se sa mai...

BICE - Alora... (fa cenno a Gioachin che esce per la comune)

CESCO - Se capisse che i ga riçevudo la citazion e i xe fora de la grazia de Dio! Xe da geri che i xe in çerca de mi; e mi me diverto a lassarli çercar....

VASA - (dal primo di sinistra, col fucile ad armacollo) Bondì, Cesco. Varda che fasso un giro nel to brolo...

BICE - Ma Vasa! Vasa!... Almanco ancuo...

CESCO - La lo lassa far, donna Bice; passion la xe!... Basta che no'l me sbalina le faraone!...

VASA. - Ma va là, faraone... Becacce!….. Scominçia el passaggio.

CESCO - Za, infati...; me diseva el mio omo che'l ghe n'à visto pusarse una stamatina... Bati pulito el boscheto, qua, da la parte de la casa.

VASA - Sul serio?... Ostrega! Quela no me la lasso scampar... (Vasa imbraccia il fucile e ai slancia all'uscita di fondo dove appare Zevi)

ZEVI - (spaventato alzando le braccia in segno di resa) El me ga fato ciapar un tremasso... I miei ossequi, signori.

CESCO - Avanti, avanti, il nostro signor Zevi immenso!

ZEVI - La me vorà scusar, signora contessa... No gavarìa certo vossudo disturbar qua... Ma dal momento che no go mai la fortuna de trovar el signor Pignatel in casa sua...

BICE - No'l se preocupa, signor Zevi. Se el signor Cesco no ga dificoltà de riçeverlo qua…..

CESCO - Pochi minuti...

BICE - Sì, perché a momenti se va in tola.

ZEVI - La conta su la mia discrezion. (Bice e Solveig escono a destra)

CESCO - Dunque, caro signor Zevi?... Cossa ghe xe de novo? Breve, vero?... Perché el ga sentio... El vede che no ghe ofro gnanca una carega...

ZEVI - (calmissimo e sornione) Oh, questo no ga importanza, signor Pignatel; mi no bado a le forme, lu lo sa...

CESCO - E in quanto a la sostanza, se trata de la causa per la campagna de le cave, vero?

ZEVI - Eco. El mio amigo Cesuna el ga riçevudo apunto ieri l’ato de citazion... El xe desolato, el me creda...

CESCO - Oh, no lo meto in dubio!

ZEVI - No'l me fraintenda... Desolato... non tanto per l'esito de la causa che, come tute le cause de sto mondo, no se sa mai come che la vada a finir; ma per el so modo de agir co la correntezza1 che nualtri gavemo sempre dimostrà..

CESCO - Za! Restituendo più presto che impressa l'arazzo e l'antilope che gavevi comprà da un minorenne aprofitando de l'assenza de i veri paroni!... Roba da galera, signor Zevi!... Come che xe roba da galera la cambial che comprende el prezzo de quela stupida bestia sporcaciona che ghe gavé rifilà!…

ZEVI - Percossa?….. La xe regolarissima, signor Pignatel.

CESCO - La xe trufalda, signor Zevi!... E mi son proprio curioso de vedar se a la scadenza gavarè el coragio de mandarla a l'incasso. - I podaria essar dolori, signor Zevi!... E dolori forti!...

ZEVI - (calmissimo sempre) No, signor Pignatel. Parole grosse, no xe el caso. Lu el se sbaglia... E no me fa specie... perché tuti a sto mondo semo sogeti a sbagliar. Ma no la xe bona tatica la sua, el creda... Per l'afare del bipede che, a quanto go capio, no entra ne le so grazie, semo qua per vegnir a un amichevole temperamento...: Lori ne ritorna el volatile, noaltri se ghe riduce la cambial. Ma lu no'l deve mostrarse cussì ingrato...

CESCO - (trasecolato) Ingrato?! ... Ah, perché mi dovarìa aver anca de la gratitudine?!...

ZEVI - O de la comprensione, se più ghe fa piasser... Noaltri gavemo sempre avudo per lu molta stima, signor Pignatel...

CESCO - Stima? Per mi?!

ZEVI - Grandissima, signor Cesco. E son qua per provarghela. No so se lu sia a conoscenza de un'operazion finanziaria conclusa di recente dal mio amico Cesuna co la signora contessa... E se'l ga dimostrà tanta correntezza, el lo ga fato soltanto per un riguardo a lu…; a la particolare condizione civile e morale che lu sta per assumere in sta casa.

CESCO - (che non capisce) Ma cossa dìselo?...

ZEVI - (sottilmente) Ma sul serio lu crede el mio amico Cesuna tanto ingenuo da acontentarse de le garanzie offerte qua da sti signori?... Bastarìa vardarse un poco intorno: Tanto cari... tanto simpatici... Artisti, insoma... Ma in quanto a conquibus2... El mio amico Cesuna no'l xe un stupido...

CESCO - Oh, no de sicuro!...

ZEVI - Dunque lu vede ben che bisognava vardar un poco più in là...: Se tratava insoma de trovar, nel medesimo tempo, solvibilità e onorabilità. E mi le go trovae... Solvibilità da una parte: Lu!...

CESCO - (con un balzo) Mi?! ... Cossa ghe entro mi?!...

ZEVI - (impassibile) Onorabilità da l'altra: La parola de la signora contessa che nessun se sognarìa mai de metar in dubio.

CESCO - Parola... de cossa?...

ZEVI - (sorridente) Che lu, signor, Pignatel, nel termine massimo di tre mesi el saria entrà a far parte de la famegia.

CESCO - Ghe bala el çervelo, signor Zevi?!...

ZEVI - (battendo leggermente le dita sulla borsa) Xe scrito, signor Pignatel, xe scrito...

CESCO - Scrito, cossa?... E1 se spiega megio perché...

ZEVI - (togliendo lentamente un foglio dalla busta) Una dichiarazione de la signora contessa... (e gli porge due fogli) El varda; con relativa ricevuta de altro mezo milione che ghe gavemo favorio. Per el coredo de la signorina, credo.

CESCO - (legge; è strabiliato) Noo!?... Ah, beh!....La contessa Bice?... E cossa xe che'l pretende adesso da mi?

ZEVI - Che'l capissa, signor Pignatel; e che'l se adata a le circostanze. Tuto deve andar lisso per la so strada, come che ga segnà el destin.

CESCO - Ah, perché lu crede? E chi ghe garantisce che tuto quelo che xe scrito qua se verifica?

ZEVI - El so bon senso... E l'atacamento che lu ga sempre dimostrà per sta famegia. Lu no xe omo da provocar uno scandalo che andarìa a tuto descapito de ste brave persone... Lu ga tropo vissudo de la so vita... de le so vicende... (con un sorriso) E po'... lu trova qua ne la signorina Solveig un ben immenso...; e un ben che a la so età, el me scusa, no se lo torna a trovar tanto façilmente... Bisogna dunque che lu ringrazia el cielo de averghelo mandà; e tegnerselo ben streto.

CESCO - Bravo, sior Zevi!... Che magnifica volpe che lu xe!... Lu e el so amigo Cesuna. Epur, co tuta la vostra astuzia, spero ancora de metarve in saco tuti do!... Intanto sta dichiarazione resta ne le mie mani.

ZEVI - (protestando) Signor Pignatel?!

CESCO - No, la ricevuta; la dichiarazion. (e gli rende la ricevuta) Questa xe roba che riguarda mi.

ZEVI - E va bene... E va bene... El fassa pur el comodo suo... El vede che no son po' la bestia nera che lu crede... Ossequi, signor Pignatel... E auguri…(Cesco lo guarda interrogativo) per la cerimonia odierna. Una amiga de la signora che go incontrà adesso adesso, la xe stada tanto gentile da informarme... Lu vede dunque che mi vado sempre a colpo sicuro. Servitor suo, signor Pignatelli. (esce)

CESCO - La cerimonia odierna?... (rilegge ancora il foglio) Ah, beh!... Ma con che zente?... E mi squasi squasi... (va all'uscio di destra e chiama) Solveig!

SOLVEIG - (entra con Bice) Ah, el xe andà via, se Dio vol!...

BICE - Cossa volevelo? (appena si accorge del foglio che Cesco ha tra le mani, fa un rapido dietro-front e tenta di sgattaiolare fuori. Solveig ne è stupita)

SOLVEIG - Mama?!...

CESCO - No, donna Bice; la se ferma. Certe situazioni xe megio affrontarle subito. La ga conossudo la so caligrafia, vero?

SOLVEIG - Che caligrafia, Cesco?

CESCO - Ah, perché ti no ti xe al corente?... Varda, ti pol lezar. (e le porge il foglio)

BICE - (subito) Noo!! No vogio!!

CESCO - La lassa che la leza, donna Bice! I xe afari che riguarda anca ela, no ghe par?

SOLVEIG - (legge; è dolorosamente colpita) Oh!... E a chi mai?...

CESCO - Xe façile indovinarlo; a quel caro Zevi. Una specie de ipoteca sora de mi.

SOLVEIG - Mama?! ...

BICE - Ipoteca... Ipoteca... Sempre la manìa de le parole grosse! In fondo mi no go sentìo che el bisogno de esprimer un mio desiderio... de afermar un mio convincimento...

CESCO - Verso un prestito de altro mezo milion?

BICE - Cossa ghe entra? Quel prestito no gera subordinà a la mia dichiarazion... Quela xe una cosa a parte... Come se no conossessi el mio costante disprezzo al denaro!

CESCO - Oh, per quelo!... Come spiegar, se no, la façilità co la quale ve sé fati metar el lasso al colo da çerta zente?... Prima la campagna... po' le cambiali... e, in cambio, poche carte da mile e quela rarità ornitologica!... Ma co xe vegnuda l'ora de la resa de i conti, chi xe aparso sul vostro fosco orizonte?... Ecolo qua! Pignatel! Belo, fresco, tondo come una bala de butiro ! E un fià a la volta Cesco xe deventà Francesco e anca al mio cognome ga messo tanto de coa!

SOLVEIG - Ma mi, Cesco, te assicuro... (a Bice) Ah, mama! Ti ga vossudo rovinar tuto cussì...

CESCO - (Quasi affettuosamente) No, Solveig. No la ga rovinà gnente, benedeta. Lo so che nessun calcolo da parte tua... E so anca che ti aspetavi da mi una parola... Forse per ancuo, varda... Certe cose se le sente ne l'aria... Ma no la gavarìa mai dita... Epur ghe n'ò avudo tante volte la tentazion, sastu?... Un tormento dentro de mi...: "Ma sì, che in fondo se vive una volta sola e za che te capita sta fortuna!..." Ma el mio vecio buon senso paesan me dava subito su la voce: "A cucia, Cesco!... Se ti la ciami fortuna... Cesco Pignatel co le piume soto el capel!..."

SOLVEIG - Sta opinion ti gavevi de mi?...

CESCO - No, cara. No ti devi ofenderte per questo. Ma sarìa sta ne l'ordine logico de le cose... Adesso, forse, no... Ma fra diese ani…, fra quindese ani...; quando ti ti fossi stada nel fior de l'età e mi da casa de ricovero?... Dunque ti vedi che, almanco per sta volta, to mama no ga provocà el teremoto de Messina... (serio) Ma mi no meritava de essar messo al mercà come un qualunque titolo de borsa, perché la zente ridesse a le mie spale!...

SOLVEIG - Xe giusto! Xe giusto! Xe giusto!!

BICE - Ih! Che presto che ti fa ti a lassarte imbriagar da le ciacole!... (a Cesco, risoluta) E po', come se permetelo, lu, de interpretar?... (prendendo decisamente il sopravvento) Cossa ghe xe scrito là su quela carta?... Che lu gavaria fato parte de la famegia.

CESCO - Ghe par gnente? Cossa la autorizzava a credar che fra mi e Solveig?…

BICE - E chi ghe dise che mi in quel momento pensasse a Solveig?... Lo gogio scrito?... Lo gogio precisà?... El se meta i ociai se'l xe curto de vista!... Se galo mai domandà lu, che'l ga la pretesa de essar l'oracolo, se no ghe fusse altre done da maridar dentro de sti muri?...

SOLVEIG - (sbalordita) Mama?!...

CESCO - Donna Bice?!…

BICE - (che ormai si lascia andare) Se zelo mai domandà se le prime gentilezze, le prime atenzion gera rivolte a Solveig? El fassa mente locale! Le so appassionate parole in difesa di un bel sogno d'arte... L'oposizion a la vendita de un pianoforte che lu stesso ga definìo "strumento storico'"... E, infin, quel violino d'autore oferto come un dono definitivo e inequivocabile?!... - Ah, lu crede che se possa agir cussì de fronte a un'artista senza lassar perlomeno supor?... (non lascia tempo di ribattere) E po', la logica?... I calcoli numerici... La so età xela forse più vicina a quela de Solveig o a quela de qualche altra?...

CESCO - (che non sa più in che mondo si sia) Ma noo!?...

BICE - No gera ne le so intenzion, el dise? E va bene!… Ma dal mio punto di vista... Perché xe questo. capisselo?... (martellante) Dal mio punto di vista!... E non posso permettere che si metta in dubbio la mia buona fede!... Perché mi, alora, in quel preciso momento, vivevo ormai la mia certezza!...

SOLVEIG - Oh, povera mama!...

BICE - Povera un corno! Che no'l creda de averme copada per questo!... Un fià de dispeto, forse!... Quelo sì... Una razon de più per vardarse al specio da zente superiore... (con ostentata severità) Ma tocava a lu, adesso, no ofendar quell'istintivo pudore che sta in fondo a ogni delusione femminile… Capito? (un silenzio. Cesco è come sommerso da una dialettica così paradossale: Bice, con molta compostezza, porgendogli la mano) Qua, el me daga la man. Adesso me spogio…..

CESCO - Ehh?!...

BICE - Da quela veste de illusion che me gera creada. (dopo un poco) Certo che intanto qua... In un bel pastisso lu ne ga messo!...

CESCO - Mi?!…

BICE - Sicuro. Chi podeva mai immaginar?!... E adesso come se fa? (e poiché Cesco la guarda interrogativamente) Sì... Là, con quel vostro Zevi…..

CESCO - Brava! Molto semplice: - Se paga. Ossia... pago mi. Secondo la so logica no me resta altro da far.

SOLVEIG - Ah, purché nualtri se aceta!...

CESCO - Podé acetarlo, va là...; perché, in fondo, ben pensando, go avudo anca mi qualcossa in cambio... E1 gusto de sentirme considerà una buona volta per quel che posso valer... E de poderve star ancora da visin... (un po' commosso) Nualtri contadini se xe come çerti veci sochi che co i ga messo raise... Ve tegnarò el timon de la barca, almanco fin al giorno che smontarè tuti a la vostra riva...

SOLVEIG - Oh, mi co Ricardo mai più, sastu!

CESCO - Lo vogio ben credar!... Ma va là, picola, che, presto o tardi, arivarà anca per ti el principe azuro!... (cambiando) Ben, e adesso, se permeté, sbrisso un momento fin a casa... Go dei ordini da dar... Pochi minuti... (si volta a guardare Bice come un fenomeno) Ah, ben!….. (esce a destra)

BICE - Gastu visto che arie? Povero sempio anca lu!... El vol far el rinunciatario; e scometo che tempo tre giorni el te xe ancora a le coste come un cagneto! Li conosso mi i omeni!...

SOLVEIG - E te par che mi... dopo la dichiarazion che ti ga fato?...

BICE - Ciò picola, no ti gavarà miga credùo una parola de quelo che go dito!...

SOLVEIG - Alora no gera vero che ti?!…

BICE - Per cascar in piena tragedia greca?... Ohè!... No son miga mata!... Co go visto la piega che toleva le cose qua... me son butada cussì a la ventura... sulle ali dell'estro!... E semo vegnudi zo planando che xe una bellezza!

SOLVEIG - Oh Dio, mama?! ... Ti me fa vegnir le orbariole!...

BICE - Gnente paura, tesoro! Credistu che no ghe n'abia mai avudo, mi, de le orbariole?... E le mie tristezze, anca. (molto sincera) Go pensà tante volte, sastu, al mal che podeva farve co i me colpi de testa. Ma tuto causa de sto benedeto temperamento...: Desfo... fasso... torno a desfar...; e po', là, che ghe pensa la mia bona stela!

SOLVEIG - Povera mameta!... Sastu de cossa che ti gavaressi bisogno ormai?... De un fià de cavei bianchi...

BICE - Ghe n'ò!!! A muci...! Cussì... E se no ghe fusse l'arte del mio paruchier...

SOLVEIG - Bisognarìa che ti li metessi in mostra!

BICE - Varda! La xe un'idea!... Me diseva appunto Dario che ghe xe adesso una nova applicazion co çerti riflessi viola… (perplessa) Viola o azuri?… Ben, o viola o azuri xe l'istesso… Basta che sia bianco el fondo…(si guarda allo specchio della parete, si ravvia i capelli sulle tempie, come se si vedesse già nella nuova acconciatura; poi se ne solleva un ciuffo da un lato; prende una sigaretta dalla mensola e se la fa accendere da Solveig)

VASA - (dalla vetrata, col fucile ad armacollo) Xela una scalogna?...

SOLVEIG - No ti ga ciapà gnente?...

VASA - Macché!... La me xe saltada via a do tiri de s-ciopo; la me ga fato... (e ripete il verso della beccaccia, come mandasse un bacio) E chi s'à visto s'à visto!... (a Bice) No xe gnancora pronto, mama?

BICE - Credo. Ma aspetemo Nicolò. E1 ga da aver fato una corsa in çità...

VASA - El xe tornà adesso. Lo go visto soto el portego co Cesco. (indicandoli) Ecoli qua.

NICOLÒ - (entra con Cesco da destra; ha un giornale fra le mani; è in abito scuro) Mama, gastu sentìa la novità? La Gazeta de la Sera; varda… A Firenze i ga messo dentro quel caro Maestro Aubry D'Alencourt.

VASA - De l'Ufficio Internazionale Concerti?

CESCO - De la banda Internazionale imbroglioni! - El so vero nome xe Gennaro Cocuzza.

NICOLÒ - Qualche operazion trufaldina par; un saco de assegni a vuoto.

BICE - Oh, lo go sempre dito, mi, che quel vostro amigo doveva essar un mezo aventuriero!

NICOLÒ - Nostro amigo, la ghe ciama!

GIOACHIN - (dalla comune, in giacca e guanti bianchi) Signora contessa, il pranzo è servito.

VASA - Oh, manco mal... Go una fame!...

BICE - (che s'era recata allo specchio, ripete il gesto di sollevare il ciuffo di capelli; a sé) Epur credo che me dona! (infila il braccio sotto quello di Cesco) El vostro brasso, Cesco.

CESCO - Ai so ordini, contessa.

BICE - In collera?

CESCO - Gnanca per idea!

BICE - Bravo! (confidenziale) Alora el me diga una cosa…..

CESCO - La balarina creola?...

BICE - No. Credelo che l'arzento sia da preferir?...

CESCO - L'arzento?... Ah! Sempre, donna Bice. Speçie col xe onestamente guadagnà. (si avviano sempre a braccetto)

BICE - No…, disevo…, qua…, sui cavei...

CESCO - Mi ghe n'ò da vendar ormai. Ma anca a ela…. sì…, veramente... un poco no'l ghe starìa mal.

BICE - Sul serio?

CESCO - Sì, perché… védela... quando nevega su la testa... vol dir...

BICE - Che se deventa veci.

CESCO - E che xe vegnuda l'ora…..

BICE - De metar giudizio.

CESCO - E de calar el sipario su tute le ilusion.

SIPARIO

A cura di Erminio Bacchin 7 gennaio 2005


1 Orto, giardino, frutteto.

1 Bronislaw Huberman, violinista polacco (1882 - 1947).

1 Váša Príhoda, violinista ceco (1900-1960).

1 Località della Valle d'Aosta vicino a Courmayeur, oggi denominata Pré-Saint-Didier.

1 La prima corda del violino e di strumenti simili, la più sottile e dal suono più acuto.

1 Elizabeth Arden (Toronto 1882-New York 1966), famosa estetista statunitense di origine canadese, fondò saloni di bellezza in tutto il mondo, affiancando a questa sua attività la produzione di prodotti cosmetici.

1 "GRAVE DE LA PIAVE, renaio, dicesi quella parte di un fiume rimasta in secco nella quale è la rena (BOERIOp. 316).

1 Edvard Grieg, musicista norvegese (Bergen 1843-1907). La Canzone di Solveig è un brano famosissimo delle sue musiche di scena per il Peer Gynt di Henrik Ibsen, poeta e drammaturgo norvegese (1828-1906).

1 Bevanda a base di rum o acquavite, acqua bollente e zucchero, servita con succo o buccia di limone, simile al punch.

1 Quantità e qualità di suono che un esecutore sa trarre (cavare) da uno strumento a corda.

2 Conservatoire   Royal,   Bruxelles,   Colonne   (direttore   d'orchestra  francese),   Casino   di  Biarritz, Palais Noire sono parole francesi e come tali vanno pronunciate.

1 Disponibilità, condiscendenza.

2 Quattrini.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 11 volte nell' arco di un'anno