La zia Maddalena

Stampa questo copione

LA ZIA MADDALENA

Di Velise Bonfante

n. 6 figli

  oltre a Mariuccia e Luisa altri 4 figli:

  Nicolino con il pallone

 Caterina il libro e bicicletta

  Fabrizia il motorino

  Stefania panino cioccolata.

 


Domenica         - la madre

Corrado            - il padre

Mariuccia         -  la figlia

Luisa                - l’altra figlia

Irene                 - la cognata di Domenica.

La zia Maddalena - (zia di Irene)

1a signora

2a signora

Scena: una sala o un salotto. Una porta d’ingresso e altre due porte, una finestra e una poltrona poco visibile in un angolo dove si siederà tranquilla la zia Maddalena. La zia Maddalena non parla mai, annuirà solo con la testa quando le parlano insieme, tutte le volte che Domenica rientra in scena avrà il piede sempre più gonfio.

******

Corrado) (Entra leggendo il foglietto che ha in mano) Alura, adès che g’ho finìt de sgiönfaga le góme a la bici de la Caterina andarò a giöstà el muturì de la Fabrizia, po'... beh, entant fóm chesto e dopo vedaróm (esce).

(Mariuccia entra con un cesto colmo di panni da piegare, chiacchierando con la sorella che ha in mano la scopa e la pattumiera col manico.)

Mariuccia) (Deponendo la cesta) La mama la me preocupa con chèl pè lé.

Luisa) (Spazza il pavimento) El dutur el g’ha dit de mia caminà, ma lé, oh!

Mariuccia) (Piegando la biancheria) E sé che ghe lóm dit. “Sta mia preocupat mama, sta lé sintada zó che ghe pemsóm noaltre dò a töt, ghe pensóm noaltre ai nòs fradèi e a la casa”.

Luisa) Dai, nóm a finìser de fa sö i lècc.

(Mariuccia e Luisa escono. Dopo qualche attimo entra Domenica.)

Domenica) (Togliendosi il grembiule da cucina. Ha male ha un piede e cammina sempre zoppicando.) Oh, se só stöfa, finalmente g’ho finìt de fà i mestèr (guarda l’orologio) però, za le quàter, el Nicolino el g’ha de ‘ndà a zöga al balù a le quàter e mèza.

Mariuccia) (Rientrando sente le ultime parole della madre) Al Nicolino ghe pense mé mama, ghe prepare mé töta la ròba, te sèntet zó, varda che pè che te ghét!

Domenica) Te ghe rizù Mariuccia, ghe bràe fiöle che g’ho, adès bisògna che mé sènte pròpe zò se nò ‘l mé pè, poarì, oh che mal.

Mariuccia) El t’ha dit el dutur de fà riposo sedenò te tocherà operàt.

Domenica) Ma come se fà a fa riposo con sés tuss e l’òm de sèrver.

(Domenica si siede, Mariuccia mette alcuni cuscini su di una sedia per il piede.)

Domenica) Oh finalment!

Mariuccia) Èco, braa, sta lé e polsa che mé vó a preparàga la ròba al Nicolino per ‘ndà a zöga al balù (esce).

(Suonano alla porta. Domenica aspetta che qualcuno vada ad aprire.)

Domenica) Gh’è nüsü che va a dèrver? (suonano un’altra volta, rassegnata  si alza, con fatica  va ad aprire) E ‘ndó èi nacc töcc, me tóca prope ‘ndà mé! (Alza la voce) vègne... vegne.

(Irene entra con la zia Maddalena.)

Irene) Ciao Domenica, scüsa nè se g ‘ho de distürbàt, ma garés de ‘ndà de la barbera e só pròpe mia ‘ndó lasà  la me zia Maddalena, te la conòset nò?! L’è la sorela de la mama del me òm, e isé g’ho pensàt a te, me la tegnaresèt mia per en pér d’ure?

Domenica) Me, veramente g’ho mal al pè e pòde mia tant caminà e pòde mia vardaga dré a la tò zia, de quan èl che te ghé la zia Maddalena en casa?

Irene) G’ho de tignila apena per encö, me suocera la ghia de ‘nda en comune per de le carte, e isé la me la portada a me de tègner, sul che mé gares de ‘ndà de la barbera.

Domenica) Èl pròpe necessare ‘ndà de la barbera?

Irene) Varda en che cundiziù g’ho ‘l có, stasera g’ho de nà föra a séna col me om.

Domenica) Prope stasera?

Irene) L’è ‘l nòs aniversario de matrimonio, dai  Domenica fal per me, e po' varda, varda, la zia Maddalena l’è braa. La sentóm zó ché (prima indica la poltrona e poi la fa sedere) ghe dóm en mà el sò rosare (lo estrae da una tasca e gli e lo consegna) e te, té sét pö gna de vìghela t’èl garantése mé.

Domenica) Sét sicüra?

Irene) Certo, (alla zia) di un’ “Ave Maria” apó per me nè zia, ciao (a Domenica) adès mè vó (fa per uscire, ritorna sui suoi passi) Ah, l’ünica ròba Domenica, te racomade, t’el sét che l’è malada, mia lasala de sula perchè la g’ha mia pö el senso de l’orientament e la se pèrd.

Domenica) Va bé , va bé.

Irene) (Ritorna ancora sui suoi passi) Ah, e un’altra ròba, varda che a parlaga ensema, a lé ghe và semper bé töt, le la dis semper de sé.

Domenica) (Girandosi a guardare la zia) La dis semper de sé?

Irene) Semper, a le ghe và bé töt, la dis semper de sé, quindi rególet. Ciao nè, adès mé vó se nò fó pö a ura a fam la permanente, ciao Domenica, ciao zia.

(Irene esce. Domenica sospirando si siede con il piede in alto. Mariuccia entra con Nicolino che ha in mano una borsa per andare a giocare a calcio.)

Mariuccia) Mama, se pöl sai endó gh’è la tuta de ginastica del Nicolino?

Domenica) L’è en del second casèt del casitù.

Mariuccia) G’ho za vardàt, la gh’è mia gna en de la sò bursa e gna en del casitù.

Domenica) La gh’è, la gh’è.

Mariuccia) Dai mama, ve a véder endó l’è, al Nicolino la ghé ocor pròpe, j-è zö töcc che i la spèta per zögà al balù! Manca apena lü.

Domenica) (Spazientita) Mariuccia, varda bé, posìbol che te tróet mai gnènt!

Mariuccia) Me rincrès pròpe distürbàt mama, ma i pöl mia ambià la partida sensa de lü!

Domenica) E perchè? (Si alza per andare a cercare la tuta.)

Mariuccia) (Al fratello) Dìghel a la mama el perchè!

Nicolino) Me só el portér!

(Escono tutti e tre)

Corrado) (Entra e cerca la moglie) Domenica sculta. Endó èla ‘ndada? Domenica (chiama), che la fómna lé, con chèl pè lé la garés mai de muìs, envece l’è semper en giro. Fürtüna che ‘l dutur el g’ha dit de mia caminà! (esce).

(Luisa entra con Caterina. Caterina ha dei libri in mano, li appoggia sul tavolo e li sfoglia. Luisa cerca la madre e la vede che sta rientrando.)

Luisa) Mama, cosa fét en giro, t’el sét che te ghé mia de caminà! Varda lé che pè!

Domenica) (Si guarda il piede, sospira e poi si siede) Alura, cosa gh’è Luisa?

Luisa) Mama, per la Caterina me ocor el sò liber de storia de l’an pasàt, góm de fà de le ricerche per la scöla.

Domenica) L’an pasàt? Ma Luisa, i liber de l’an pasàt j-è finìcc töcc sö ‘l solér.

Luisa) El sét  mama che i me ocor pròpe! E me rincrès distürbàt, ma fam en piazér, va a tömel te dai.

Domenica) Come fói a fa töte chele scale lé col me pè, va sö te, varda Luisa, l’è en del baül blö, en fönt a destra.

Luisa) Dai mama ve apó te, fam un piazér.

Domenica) Varda, pröa almen a véder se te ‘l tróet.

Luisa) Dai mama.

Domenica) (Si alza per accompagnarla) E va bé, nóm a sercà sto libèr.

(Mariuccia entra con Stefania.)

Mariuccia) Mama, t’el sét che te ghét de sta sintada zó, cosa fét semper en pé!

Domenica) (Tornando su i suoi passi) Sé, te ghé rezù.

Luisa) (Con poco entusiasmo esce seguita da Caterina) Proaró mé, a véder se ‘l cate.

Mariuccia) (A Stefania) Te va ‘n cuzìna che vègne sübit a preparàt el panino.

(Stefania va in cucina.)

Mariuccia) Sèntet zó mama, só de braa, el g’ha dit el bubà de faga de séna bunura perchè stasera el g’ha la riuniù con chèi de la polisportiva.

Domenica) (Sedendosi e piegando la biancheria) Endó èl adès tò pader?

Mariuccia) L’è zó en garage che ‘l giösta el muturì de la Fabrizia.

Domenica) Cosa g’hal el muturì de la Fabrizia?

Mariuccia) El va pö?

Domenica) Ghif vardàt la benzina?

Mariuccia) La benzina? Adès ghe fó en panino co’ la ciocolata a la Stefania e pó vó a dìghel al bubà, ma te faga de sena bunura! (Esce per andare a fare il panino.)

Domenica) Varda che adès j-è gnamó le quater e mèza, g’hó apena finìt de mèter a pòst la cuzina, e té sta mia fa brìze. Oh che mal de pè!

Mariuccia) (Dalla cucina) Mama endó èl el cortèl che taja?

Domenica) En del prim casèt de la credensa, endó l’è semper stat.

Mariuccia) El troe mia.

Domenica) Serca bè Mariuccia.

Mariuccia) (Rientra con coltello e panino.) L’ho troat, ma i toajöi de carta endó èi mama?

Domenica) En de l’ultima antina, chèla envèrs la finestra.

Mariuccia) Ho capìt (uscendo) speróm de troai.

Luisa) (Rientrando) Mé, el lìber el tróe pròpe mia.

Domenica) Luisa, te volaré mia fam fà töcc chèi scalì lé nè!

Luisa) Ma a la Caterina ghé ocor pròpe chèl liber lé!

Domenica) Sóm a le solite cara la me Luisa, te ghét  vardat en film de chèi che fà póra a la televiziù gér sera, chèi fìlm de l’orrore e pié de sanch. Bisògna che ve la làse pö en camera la televiziù a voalter.

Luisa) Mama, n’ho vardàt apena en tochèl t’èl giüre!

Domenica) Sta mia giürà el falso che sedenò te vét a l’inferno calsada e vistìda, comunque, apó en tochèl de film, de sicür, l ’è stat asé per spaentàt con töcc chèi morcc.

Luisa) Dai mama che me ocor el lìber per la Caterina.

Domenica) (Alzandosi) E va bé, nóm a sercà sto liber (esce zoppicando seguita dal la figlia).

Corrado) (Entrando) Speróm che la me faghe de séna bunùra la me Domenica, (cercandola) Domenica? Ma le sarà ròbe, la g’ha ‘n pè gròs come la gamba de ‘n elefante, la g’ha mia de caminà, la g’ha de sta sintàda zó el pö posibil e lé, l’è semper en giro. (Chiamando ad alta voce) Domenica, Domenica endó sét? Oh santo cielo benedèt, cosa ghe fala en casa mia che la siura ché? Chi sarala? E me fómna endó èla?

(La zia Maddalena sentendo chiamare si alza, sorridendo va vicino  a Corrado e quando lui gli parla lei annuisce sempre.)

Corrado) Oh, Buonasera siura. Cosa èla dré a fa siura ? A dì el rozare? La dize un “avemaria” apó per me e per la me spuza che la ghe nà  isé de bisògn per el sò pè. Alura vedóm. Ma lé, èla n’amica de me fómna? Ma mé, lé l’ho mai vista, stala ché en paés?  Ma lé, scuse nè siura se ghèl domande, ma lé, èla möta? Ah, però la ghe sènt be ah! La ghe sènt ma l’è mia buna de parlà, ah! Ho capìt, e adès: völela ànda a casa? Völela che la compagne? Ma sé, el fó olentera entant che vé ura de sena, la bici l’è a post e ‘l muturì anche, la pense che l’era mia rót... nò, macchè, ghe mancàa apena la benzina. I fiöi, i fiöi, i fà deentà mat i fiöi. La pense che mé ghe n’ho sés. Lè, ghe n’hala de fiöi? Sé? Stai ché en paés? E lé, stala con de lur? En de la stesa casa? Ah, e lé, völela andà a casa? Del de bu! La me daghe el bras alura che la compagne. Èla contenta se la compagne? Sé, nóm alura. Mé el fó olentéra (escono entrambi).

(Mariuccia rientra seguita da Stefania che addenta un bel panino ed esce contenta.)

Mariuccia) (A Stefania che esce) Te va a stüdià (chiamando) mama? mama? Endó èla la me mama? Oh, l’è mia buna de sta ferma, la la sà che la g’ha mia de caminà con chèl pè lé.

Luisa) (Entra con dei libri) G’hét sintìt Mariuccia che bòt che gh’è stat en fónt a la strada?

Mariuccia) E certo che l’ho sintìt, la m’è parida na tunàda! Certo, che al de de ‘ncö i và töcc come màcc.

Luisa) L’è za el tèrs, nò, el quart incident che capita sö chel cantu lé. Mé sére söl solér a sercà dei liber per la Caterina e só curida zó sübit a véder.

Mariuccia) Speróm che nó i se sàpe facc mal.

Luisa) Somearés de no, forse chèl del furgunsì el se sarà sbregàt la gamba.

Mariuccia) E j-alter?

Domenica) (Entra) Oh, g’ho ‘n mal de pè, bisogna pròpe che me sènte zò (si siede e mette i piedi in alto).

Mariuccia) (Piegando i panni) El set mama, tè, te continuèt a caminà e dopo te stét mal. Al prim moment ghie finamai pensàt che l’autolettiga la fós vignida per el tò pè.

Domenica) Quale autolettiga? Endóe?

Luisa) Ché, pròpe sóta casa, l’è apena andada vià.

Domenica) Me n’ho mia sintìt de sirene!

Luisa) Certo, perchè la sirena i la dopèra apena se gh’è dei feriti gravi. Ocor mia la sirena se j-è mia gravi o se j-è za morcc.

Domenica) Ohh (agitandosi e cercando la zia) Za morcc! Oh, e la zia Maddalena endó èla? Ghe sarà mia sücès vergót! Le la g’ha mia el senso de l’orientament, magari l’è ‘ndada sóta na machina. Oh Signur, oh santo cielo.

Mariuccia) Mama càlmet, de ché zia Maddalena sét dré a parlà mama? Che sét dré a dì?

Domenica) La zia de la vòstra zia  Irene, l’è la sorela de la mama del zio, l’òm de la zia Irene (agitandosi sempre di più) vöt veder che...

Mariuccia) Che ròba mama?

Luisa) Sta calma mama, sta mia agitàt.

Domenica) E mé, che l’ho lasada de sula, e la Irene la mia isé racomandàt, oh Signur, oddiomemama, magari la g’ha pèrs l’orientament. Oh Signur! E l’autolettiga l’è vignida per lé, adès ghe laró semper sö la coscienza.

(Domenica è tutta agitata e le due ragazze cercano di calmarla.)

Mariuccia) Varda mama che zó ‘n fónt söl cantù s’è scontràt na móto con de ‘n furgunsì.

Luisa) Ghe n’èra mia de fómne che s’è fat mal, t’el garantése mé che só curida sübit föra a véder.

Domenica) Ma de bu! Menomal, ma alura, la zia Maddalena endó èla nada? Bisogna ‘nda a sercala, Mariuccia, Luisa, ghi de córer a sercà la zia Maddalena che la s’è persa. Lé, la g’ha mia el senso de l’orientament, l’è periculùs per le.

Mariuccia) Quale zia Maddalena?

Domenica) La zia de la zia Irene.

(Le ragazze si guardano perplesse.)

Domenica) Ma sé, l’if mia vista? L’è stada sintada zó ché ‘n sö la pultruna töt el dopmesdé!

Mariuccia) Sentada endóe?

Luisa) Set sicüra mama? Sét sicüra de sta bé?

Domenica) Varda pütina, che mé g’ho mal al pè, só mia malada en del có.

Luisa) Scüza mama, vulie mia ofindìt.

Domenica) Alura, te Luisa te fét töta la via Giovanni XXIII°, te Mariuccia te fé la via San Zeno e te rìet fin sö al simitere, e pó ghe dizìf a la Fabrizia de ‘ndà envèrs San Marti, e a la Caterina de fà pasà la Via Venezia fin al Gin-gin, e  ‘l Nicolino i giardinèti e la zona vizì a la posta, te Luisa co la Stefania le case nöe, èco. E che el Nicolino el rie fin a la ciésa e po' fin a la spiaggia, e diziga a töcc de controlà bé, me racomande.

Mariuccia) (Pronta per uscire rientra sui suoi passi) Ma chi góm de sercà mama?

Domenica) La zia Maddalena!

Mariuccia) Ho capìt, ma come èla la zia Maddalena? Come èla vistida?

Domenica) L’è na vecièta coi caèi bianch, con de ‘n capilì söl có e un gran scial négher.

Mariuccia) G’ho capìt.

Luisa) Apó mé.

(Le ragazze escono alla ricerca della zia).

Domenica) (Rimasta sola) Santo cielo, g’ho saltàt föra la via Pratomaggiore! La faró pasà mé la Via Pratomaggiore. Vó a mitìm sübit le scarpe... la scarpa (esce).

Corrado) (Corrado rientra con la zia Maddalena e la fa sedere) La se sènte ché siura che quan  che ria me fómna dopo en parlóm, g’ho giràt enturen come en guindol. E lé semper a dim de sé... sé...  che naa bé, e gira a destra, e va bé, e girà a sinistra, e va bé. Mé vulie compagnala a casa sò e lé, a fì de la sunada, la m’ha compangàt a casa me.

(Suonano alla porta, Corrado va ad aprire.)

Irene( (Entrando) Ciao Corrado, endó èla la Domenica? (Va verso la zia.)

Corrado) Volarés pròpe sail apó mé che fì che g’ha fat chela fómna lé, pensà che la garès de mia caminà con chèl pè lé. La garés de sta ferma se nò ‘l ghe se sgiónfa e la garà de èser operada.  Só ‘ndàt e vignìt e mai na olta che l’abe troada sintada zó. Me fómna la capés gnènt e la va semper en giro. Oh, el pè l’è sò!

Irene) La Domenica l’è na fómna attiva, l’è mia buna de sta ferma, (alla zia) ciao zia, nóm che só vignida a töt. Nom che turnóm a casa.

Corrado) Che la siòra ché èla tò zia?

Irene) L’è la sorela de la mama del me òm.

Corrado)  Ah!

Irene) Siccome ghie de ‘ndà de la barbera ghe l’ho lasada en moment de tègner a la Domenica, envece la barbera la ghia mia tèmp e la m’ha rimandàt a dumà. Varda che có che g’ho e stasera g’ho de ‘ndà föra a séna, come farò mai! Adès só vignida a töla, ringraziela te la Domenica al me post per el piazér che la m’ha fat. Dai nóm zia che g’hóm za distürbàt asé (escono).

Corrado) Beh, me (guardando l’orologio) fó amó a ura a giöstà ‘l mulinèl de la cana de pesca e  ‘ndrizà le rödèle dei pattini de la Luisa. Certo che sés tus i n’ha sbrega de ròba! (esce).

(Rientra Mariuccia con una signora anziana, seguita subito dopo da Luisa anche lei con una signora anziana. In contemporanea dall’altra parte rientra Domenica con una scarpa in mano.)

Domenica) Oh, ma che sücét?

Mariuccia) T’ho riportàt la zia Maddalena, che la siura ché, la se ciama mia Maddalena ma l’è vignida lo stèss con de me per fam en piazèr.

Domenica) Se la se ciama mia Maddalena, te ghìet de pensà che l’èra mia la zia Maddalena, la zia de la zia Irene (alla Signora) la mè scüse nè siura. Aólte i tuss.

1a signora) Gnènte, gnènte, ma la g’ha insistìt tant (indicando la ragazza) poarìna  che per fala contenta sö ignida.

Domenica) Grazie, grazie, l’è stada prope gentile, ariidis ariidìs. Mariuccia compagnela

(Mariuccia l’accompagna alla porta e rientra)

Domenica) E lé siura?

2a signora) Gna mé per la verità me ciame Maddalena, ma la tuza la g’ha insistit talmente tant che la vulìa faga en piazér a la sò mama, che só vignida apó me a compagnàla.

Domenica) La ringrazie, la ringrazie tant per el sò disturbo, ma l’èra mia el caso.

2a signora) (Con fare curioso) Se pöl sai cosa gh’è sücès?

Domenica) Ghèl spiegarò un’altra ólta con calma, Luisa compagna la siura.

(Luisa l’accompagna alla porta e rientra)

Domenica) Arijdis nè siura arijdis (alle figlie) che v’è vignìt en mènt a vóter dò de catà sö töte le siure del paés?

Luisa) Mia töte, apena chèle col capilì e ‘l sciàl mama.

Mariuccia) Ricòrdet che noaltre la zia Maddalena l’hóm mai vista e g’hóm fat chèl che g’hóm pudit per contentàt.

Domenica) Ghi rezù, ghi rezù, adès che se fà, se la zia Maddalena la salta mia föra cosa ghe dizóm a la zia Irene?

Luisa) Sta mia preocupàt mama, perchè mé g’ho dit a töcc chèi che ‘ncontrae...

Domenica) Cosa ghét dit a tocc chèi che te encontràet?

Luisa) Che se i vidìa  na fómna col capilì e ‘l scial négher de mandala ché. E pènsa che me so ‘ndada avanti endré dò o tre olte prope per dìghel a töcc.

Domenica) E adès come se fa! Bisogna troàla prim che turne la Irene.

Luisa) Ghe scrióm a “Chi la visto”.

Domenica) “Chi la visto” i la fà de martedé e la Irene la sarà che a momèncc. Santo cielo benedèt, varda che pè che m’è vignìt!

Mariuccia) El dutur el t’éra dit de fa riposo mama.

Domenica) Riposo, riposo, come se fà a fà riposo con sés tus! Encö ghe mancàa apena la zia Maddalena per mancia.

Corrado) (Entrando) Ma té, Domenica, gh’è zó al purtù en möcc de fómne che te sérca!

Domenica) Che sérca me?

Corrado) Certo, j-è töte anziane, con de ‘n capilì söl có e ‘n sciàl négher.

Domenica) En möcc de fómne! Ma a me, me ocor apena la zia Maddalena

Irene) (Rientrando con la zia Maddalena sente le ultime parole) Pronti! Eccola ché la zia Maddalena. Ciao Domenica, ciao tuze, g’ho sintìt che sircaèf ‘na fómna col capilì e col scial négher e isé ve l’ho portada de cursa. Ecco! Ma come mai sirchìf töcc la zia Maddalena?

Fine

LA ZIA MADDALENA

TRADUZIONE LETTERALE IN ITALIANO

Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali. Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale).

n. 6 figli

  oltre a Mariuccia e Luisa altri 4 figli:

  Nicolino con il pallone

  Caterina il libro e bicicletta

  Fabrizia il motorino

  Stefania panino cioccolata.

 


Domenica         - la madre

Corrado            - il padre

Mariuccia         -  la figlia

Luisa                - l’altra figlia

Irene                 - la cognata di Domenica.

La zia Maddalena - (zia di Irene)

1a signora

2a signora

Scena: una sala o un salotto. Una porta d’ingresso e altre due porte, una finestra e una poltrona poco visibile in un angolo dove si siederà tranquilla la zia Maddalena. La zia Maddalena non parla mai, annuirà solo con la testa quando le parlano insieme, tutte le volte che Domenica rientra in scena avrà il piede sempre più gonfio.

******

Corrado) (Entra leggendo il foglietto che ha in mano) Allora, ora che ho finito di gonfiare le gomme alla bici della Caterina andrò ad aggiustare il motorino della Fabrizia, poi... beh, ora facciamo questo e poi vedremo (esce).

(Mariuccia entra con un cesto colmo di panni da piegare, chiacchierando con la sorella che ha in mano la scopa e la pattumiera col manico.)

Mariuccia) (Deponendo la cesta) La mamma mi preoccupa con quel piede.

Luisa) (Spazza il pavimento) Il dottore le ha detto di non camminare ma lei, oh!

Mariuccia) (Piegando la biancheria) E sì che gli e lo abbiamo detto: “Non preoccuparti mamma, resta lì seduta che ci pensiamo noi due a tutte, pensiamo noi a nostri fratelli e alla casa”.

Luisa) Dai, andiamo a finire di rifare i letti.

 (Mariuccia e Luisa escono. Dopo qualche attimo entra Domenica.)

Domenica) (Togliendosi il grembiule da cucina. Ha male ha un piede e cammina sempre zoppicando.) Oh, se sono stanca, finalmente ho finito di fare le faccende (guarda l’orologio) però, già le quattro, il Nicolino deve andare a giocare a pallone alle 4 e mezza.

Mariuccia) (Rientrando sente le ultime parole della madre) Al Nicolino ci penso io mamma, gli preparo io tutta la roba, tu siediti, guarda che piede hai!

Domenica) Hai ragione Mariuccia, che brave figlie ho, ora bisogna che mi sieda proprio altrimenti il mio piede, poverino, oh che male.

Mariuccia) Te l’ha detto anche il dottore di fare riposo altrimenti ti toccherà essere operata.

Domenica) Come si fa a fare riposo con 6 figli e il marito da servire.

 (Domenica si siede, Mariuccia mette alcuni cuscini su di una sedia per il piede.)

Domenica) Oh finalmente!

Mariuccia) Ecco, brava, resta lì e riposa che vado io a preparare la roba al Nicolino per andare a giocare al pallone (esce).

(Suonano alla porta. Domenica aspetta che qualcuno vada ad aprire.)

Domenica) Non c’è nessuno che va ad aprire? (suonano un’altra volta, rassegnata  si alza, con fatica  va ad aprire) Dove sono andati tutti? Devo proprio andare io! (Alza la voce) vengo... vengo.

(Irene entra con la zia Maddalena.)

Irene) Ciao Domenica, scusa se devo disturbarti, ma dovrei andare dalla parrucchiera e non so proprio dove lasciare la mia zia Maddalena, tu la conosci vero?! È la sorella della mamma di mio marito, e così ho pensato a te, non me la terresti per un paio d’ore?

Domenica) Io, veramente ho male al piede e non posso molto camminare e non posso badare alla tua zia, da quand’è che hai la zia Maddalena in casa?

Irene) Devo tenerla solo per oggi, mia suocera doveva andare in comune per de le carte, e così la portata a me da tenere, solo che io dovrei andare dalla parrucchiera.

Domenica) È proprio necessario andare dalla parrucchiera?

Irene) Guarda in che condizioni ho la testa, stasera devo andare fuori a cena con mio marito.

Domenica) Proprio stasera?

Irene) È il nostro anniversario di matrimonio, dai  Domenica fallo per me, e poi guarda, la zia Maddalena è brava. La facciamo sedere qui (prima indica la poltrona e poi la fa sedere) gli diamo in mano il suo rosario (lo estrae da una tasca e gli e lo consegna) e tu non saprai più nemmeno di averla, te lo garantisco io.

Domenica) Sei sicura?

Irene) Ma certo, (alla zia) di un’ “Ave Maria” anche per me zia, ciao (a Domenica) ora io vado (fa per uscire, ritorna sui suoi passi) Ah, l’unica cosa Domenica, ti raccomando, lo sai che è ammalata, non lasciarla da sola perché non ha più il senso dell’orientamento e si perde.

Domenica) Va bene, va bene.

Irene) (Ritorna ancora sui suoi passi) Ah, e un’altra cosa, guarda che a parlarle insieme, a lei va sempre bene tutto, lei dice sempre di sì.

Domenica) (Girandosi a guardare la zia)Dice sempre di sì?

Irene) Sempre, a lei va bene tutto, dice sempre di sì, quindi regolati. Ciao, ora io vado altrimenti non faccio più in tempo a farmi la permanente, ciao Domenica, ciao zia.

(Irene esce. Domenica sospirando si siede con il piede in alto. Mariuccia entra con Nicolino che ha in mano una borsa per andare a giocare a calcio.)

Mariuccia) Mamma, si può sapere dov’è la tuta da ginnastica del Nicolino?

Domenica) È nel secondo cassetto del cassettone.

Mariuccia) Ho già guardato, non c’è né nella sua borsa né nel cassettone.

Domenica) C’è, c’è.

Mariuccia) Dai mamma, vieni a vedere dov’è, al Nicolino serve proprio, sono giù tutti che lo stanno aspettando per giocare al pallone. Manca solo lui,

Domenica) (Spazientita) Mariuccia, guarda bene, possibile che tu non trovi mai niente.

Mariuccia) Mi rincresce proprio disturbarti mamma, ma non possono iniziare la partita senza di lui.

Domenica) E perché? (Si alza per andare a cercare la tuta.)

Mariuccia) (Al fratello) Dillo alla mamma il perché!

Nicolino) Io sono il portiere!

(Escono tutti e tre)

Corrado) (Entra e cerca la moglie) Domenica senti. Dov’è andata? Domenica (chiama), questa donna, con quel piede lì non dovrebbe mai muoversi invece è sempre in giro. Fortuna che il dottore le ha detto di non camminare! (esce).

(Luisa entra con Caterina. Caterina ha dei libri in mano, li appoggia sul tavolo e li sfoglia. Luisa cerca la madre e la vede che sta rientrando.)

Luisa) Mamma, cosa fai in giro, lo sai che non dovresti camminare. Guarda che piede hai!

Domenica) (Si guarda il piede, sospira e poi si siede) Allora, cosa c’è Luisa?

Luisa) Mamma, per la Caterina mi occorre il suo libro di storia dell’anno scorso, dobbiamo fare delle ricerche per la scuola.

Domenica) L’anno scorso? Ma Luisa, i libri di scuola dell’anno scorso sono finiti tutti sul solaio.

Luisa) Mamma mi servirebbero proprio. Mi dispiace disturbarti, ma fammi un piacere, vai a prendermi.

Domenica) Come faccio a fare tutte quelle scale col mio piede, vai su tu, guarda Luisa, è nel baule blu, in fondo a destra.

Luisa) Dai mamma, vieni anche tu, fammi un piacere.

Domenica) Guarda, prova almeno a vedere se lo trovi.

Luisa) Dai mamma.

Domenica) (Si alza per accompagnarla) E va bene, andiamo a cercare questo libro.

 (Mariuccia entra con Stefania.)

Mariuccia) Mamma, lo sai che devi restare seduta, cosa fai sempre in piedi:

Domenica) (Tornando su i suoi passi) Sì, hai ragione.

Luisa) (Con poco entusiasmo esce seguita da Caterina) Proverò io a vedere se lo trovo.

Mariuccia) (A Stefania) Tu va in cucina che vengo subito a prepararti il panino.

 (Stefania va in cucina.)

Mariuccia) Siediti mamma, su da brava, ha detto il papà di fargli da cena presto perché stasera ha la riunione con quelli della polisportiva.

Domenica) (Sedendosi e piegando la biancheria) Dov’è ora tuo padre?

Mariuccia) È giù in garage che aggiusta il motorino della Fabrizia.

Domenica) Cosa ha il motorino della Fabrizia?

Mariuccia) Non va più?

Domenica) Avete guardato la benzina?

Mariuccia) La benzina? Ora faccio un panino con la cioccolata alla Stefania e poi vado a dirlo al papà, ma tu preparagli la cena presto! (Esce per andare a fare il panino.)

Domenica) Guarda che ora non sono ancora le 4 e mezza, ho appena finito di mettere a posto la cucina, e tu non fare le briciole. Oh che mal di piede!

Mariuccia) (Dalla cucina) Mamma dov’è il coltello che taglia?

Domenica) Nel primo cassetto della credenza dove è sempre stato.

Mariuccia) Non lo trovo.

Domenica) Cerca bene Mariuccia.

Mariuccia) (Rientra con coltello e panino.) L’ho trovato, ma i tovaglioli di carta dove sono mamma?

Domenica) Nell’ultima antina, quella verso la finestra.

Mariuccia) Ho capito (uscendo) speriamo di trovarli.

Luisa) (Rientrando) Io, il libro non lo trovo proprio.

Domenica) Luisa, non vorrai farmi fare tutti quegli scalini lì.

Luisa) Ma alla Caterina occorre proprio quel libro lì.

Domenica) Siamo alle solite cara la mia Luisa, tu hai guardato un film di quelli che fanno paura alla televisione ieri sera, qui film dell’orrore e pieni di sangue. Bisogna che non ve la lasci più in camera a voi la televisione.

Luisa) Mamma, ne ho guardato solo un pezzetto, te lo giuro.

Domenica) Non giurare il falso altrimenti vai all’inferno calzata e vestita, comunque, anche un pezzetto di film, de sicuro, è stato abbastanza per spaventarti con tutti quei morti.

Luisa) Dai mamma che mi occorre il libro per la Caterina.

Domenica) (Alzandosi) E va bene, andiamo a cercare questo libro (esce zoppicando seguita dalla figlia).

Corrado) (Entrando) Speriamo che mi faccia di cena presto la mia Domenica, (cercandola) Domenica? Ma saranno robe, ha un piede grosso come la gamba di un elefante, non deve camminare, dovrebbe restare seduta il più possibile ed invece è sempre in giro (Chiama ad alta voce) Domenica, Domenica dove sei? Oh santo cielo benedetto, cosa ci fa in casa mia questa signora? Chi sarà? E mia moglie dov’è?

 (La zia Maddalena sentendo chiamare si alza, sorridendo va vicino  a Corrado e quando lui gli parla lei annuisce sempre.)

Corrado) Oh, Buonasera signora. Cosa sta facendo signora? Sta dicendo il rosario? Dica un “avemaria” anche per me e per mia moglie che ne ha così bisogno per il suo piede. Allora, vediamo. Ma lei è un’amica di mia moglie? Ma io non l’ho mai vista, abita qui in paese? Ma lei, mi scusi signora se glielo domando, ma lei, è muta? Ah però ci sente bene. Ah! Ci sente ma non è capace di parlare, ah! Ho capito, e ora, vuole andare a casa? Vuole che l’accompagni? Ma sì, io lo faccio volentieri mentre viene l’ora di cena, la bici è a posto e il motorino anche, pensi che non era rotto, no, macché, mancava solo la benzina. I figli, i figli, fanno diventare matti i figli. Pensi che  io ne ho sei. Lei ne ha di figli signora? Sì? E stanno qui in paese? E lei, sta con loro? Nella stessa casa? Ah, e lei, vuole andare a casa? Davvero! Mi dia il braccio allora che l’accompagno. È contenta se l’accompagno? Sì, andiamo allora. Io lo faccio volentieri (escono entrambi).

(Mariuccia rientra seguita da Stefania che addenta un bel panino ed esce contenta.)

Mariuccia) (A Stefania che esce) Tu vai a studiare (chiamando) mamma? mamma? Dov’è la mamma? Non è capace di stare ferma, lo sa che non dovrebbe camminare con quel piede.

Luisa) (Entra con dei libri) Hai sentito Mariuccia che botto che c’è stato in fondo alla strada?

Mariuccia) Certo che l’ho sentito, come un gran tuono. Certo che al giorno d’oggi vanno tutti come matti.

Luisa) È già il terso, no, il quarto incidente che capita su quell’angolo. Io ero sul solaio a cercare dei libri per la Caterina e sono corsa giù subito a vedere.

Mariuccia) Speriamo che non si siano fatti male.

Luisa) Sembrerebbe di no, forse quello del furgoncino si sarà rotto una gamba.

Mariuccia) E gli altri?

Domenica) (Entra) Oh, che mal di piedi, bisogna proprio che mi sieda (si siede e mette i piedi in alto).

Mariuccia) (Piegando i panni) Lo sai mamma, tu continui a camminare e dopo ti fa male. Al primo moneto avevo pensato che l’autolettiga fosse venuta per te, per il tuo piede.

Domenica) Quale autolettiga? Dove?

Luisa) Qui, proprio sotto casa, è appena andata via.

Domenica) Io non ne ho sentito di sirene.

Luisa) Certo, perché la sirena la usano solo se ci sono feriti gravi. Non serve la sirena se non sono gravi o sono già morti.

Domenica) Oh (agitandosi e cercando la zia) già morti! Oh, e la zia Maddalena dov’è? Non le sarà successo qualcosa! Lei non ha il senso dell’orientamento, magari è andata sotto una macchina. Oh Signore, oh santo cielo.

Mariuccia) Mamma calmati, di che zia Maddalena stai parlando mamma? Che stai dicendo?

Domenica) La zia della vostra zia  Irene, è la sorella della mamma dello zio, il marito della zia Irene (agitandosi sempre di più) vuoi vedere che...

Mariuccia) Che cosa mamma?

Luisa) Sta calma mamma, non agitarti.

Domenica) E io che l’ho lasciata da sola, e la Irene che mi aveva così raccomandato, oh Signore, oddiomemamma, magari ha perso l’orientamento. Oh Signore! E l’autolettiga è venuta per lei, ora ce l’avrò sempre sulla coscienza.

 (Domenica è tutta agitata e le due ragazze cercano di calmarla.)

Mariuccia) Guarda mamma che in fondo all’angolo, si è scontrato una moto con un furgoncino.

Luisa) Non ce n’erano di donne che si sono fatte male, te lo garantisco, io sono corsa subito a vedere.

Domenica) Davvero! Menomale, ma allora, la zia Maddalena dove sarà andata? Bisogna andare a cercarla, Mariuccia, Luisa, dovete correre a cercare la zia Maddalena che si è persa. Lei, non ha più il senso dell’orientamento, è pericoloso per lei.

Mariuccia) Quale zia Maddalena?

Domenica) La zia della zia Irene.

(Le ragazze si guardano perplesse.)

Domenica) Ma sì, non l’avete vista? È rimasta seduta qui su questa poltrona tutto il pomeriggio.

Mariuccia) Seduta dove?

Luisa) Sei sicura mamma? Sei sicura di stare bene?

Domenica) Guarda bambina che io ho male al piede, non sono ammalata nella testa.

Luisa) Scusa mamma, non volevo offenderti.

Domenica) Allora, tu Luisa fai passare tutta la Via Giovanni XXIII°, tu Mariuccia fai la Via San Zeno e arrivi fino al cimitero, e poi dite alla Fabrizia di andare verso San Martino, e alla Caterina di far passare Via Venezia fino al Gin-gin, e al Nicolino di andare a vedere ai giardinetti e alla zona vicino alla posta, tu Luisa con la Stefania le case nuove. E che Nicolino arrivi fino alla chiesa e alla spiaggia, e dì a tutti di controllare bene, mi raccomando.

Mariuccia) (Pronta per uscire rientra sui suoi passi) Chi dobbiamo cercare mamma?

Domenica) La zia Maddalena!

Mariuccia) Ho capito, ma com’è la zia Maddalena? Com’è vestita?

Domenica) È una vecchietta con i capelli bianchi, con un cappellino sulla testa ed un grande scialle nero.

Mariuccia) Ho capito.

Luisa) Anch’io.

(Le ragazze escono alla ricerca della zia).

Domenica) (Rimasta sola) Santo cielo, ho tralasciato la Via Pratomaggiore! La farò passare io la Via Pratomaggiore. Vado a mettermi le scarpe... la scarpa (esce).

Corrado) (Corrado rientra con la zia Maddalena e la fa sedere) Si sieda qui signora che quando arriva mia moglie dopo ne parliamo. Ho girato intorno come un arcolaio. E lei sempre a dirmi di sì... sì... che andava bene, e va bene, e gira a sinistra e va bene. Io volevo accompagnarla a casa sua ma alla fine della suonata e stata lei che ha accompagnato a casa me.

(Suonano alla porta, Corrado va ad aprire.)

Irene( (Entrando) Ciao Corrado, dov’è la Domenica? (Va verso la zia.)

Corrado) Vorrei proprio sapere anch’io che fine a fatto questa donna, pensare che non dovrebbe camminare con quel piede. Dovrebbe restare ferma altrimenti si gonfia e dovrà essere operata. Sono andato e venuto e mai una volta che l’abbia trovata seduta. Mia moglie non capisce niente e va sempre in giro. Oh, il piede è suo!

Irene) La Domenica è una donna attiva, non è capace di restare ferma, (alla zia) ciao zia, andiamo che sono venuta a prenderti. Andiamo che torniamo a casa.

Corrado) Questa signora è tua zia?

Irene) È la sorella della mamma di mio marito.

Corrado)  Ah!

Irene) Siccome dovevo andare dalla parrucchiera gli e l’ho lasciata da tenere alla Domenica, invece la parrucchiera non aveva tempo e mi a rimandato a domani. Guarda che testa e stasera devo andare fuori a cena, come, come farò mai! Ora sono venuta a prenderla, ringraziala tu la Domenica al mio posto per il piacere che mi ha fatto. Dai andiamo zia che abbiamo già disturbato abbastanza (escono).

Corrado) Beh, io (guardando l’orologio) faccio ancora in tempo ad aggiustare il mulinello della canna da pesca, a raddrizzare le rotelle dei pattini della Luisa. Certo che sei ragazzi ne rompono di cose! (esce).

(Rientra Mariuccia con una signora anziana, seguita subito dopo da Luisa anche lei con una signora anziana. In contemporanea dall’altra parte rientra Domenica con una scarpa in mano.)

Domenica) Oh, che succede?

Mariuccia) Ti ho riportato la zia Maddalena, questa signora non si chiama Maddalena ma è venuta lo stesso con me per farmi un piacere.

Domenica) Se non si chiama  Maddalena, avresti dovuto pensare che non era la  zia Maddalena, la zia della zia Irene (alla Signora) mi scusi signora, a volt ei ragazzi.

1a signora) Niente niente, ma ha insistito così tanto (indicando la ragazza) poverina, che per farla contenta sono venuta.

Domenica) Grazie, grazie, è stata proprio gentile, arrivederci. Mariuccia accompagnala.

 (Mariuccia l’accompagna alla porta e rientra)

Domenica) E lei signora?

2a signora) Nemmeno io per la verità mi chiamo Maddalena, ma la ragazza ha insistito talmente tanto che voleva fare un piacere alla sua mamma che sono venuta anch’io ad accompagnarla.

Domenica) La ringrazio, la ringrazio tanto per il suo disturbo, ma non era il caso.

2a signora) (Con fare curioso) Si può sapere che cosa è successo?

Domenica) Gli e lo spiegherò un’altra volta con calma, Luisa accompagna la signora.

(Luisa l’accompagna alla porta e rientra)

Domenica) Arrivederci, arrivederci (alle figlie) che vi è venuto in mente a voi due di raccogliere tutte le signore del paese?

Luisa) Non tutte, solo quelle con cappellino o lo scialle mamma.

Mariuccia) Ricordati che noi la zia Maddalena non l’abbiamo mai vista e abbiamo fatto quello che abbiamo potuto per accontentarti.

Domenica) Avete ragione, avete ragione, ora che si fa, se la zia Maddalena non salta fuori cosa diciamo alla zia Irene?

Luisa) Non preoccuparti mamma perché io ho detto a tutti quelli che incontravo...

Domenica) Cosa hai detto a tutti quelli che incontravi?

Luisa) Che se vedevano una donna col cappellino e con lo scialle nero di mandarla qui. E pensare che sono andata avanti ed indietro due o tre volte proprio per dirlo a tutti.

Domenica) E ora come se fa! Bisogna trovarla prima che torni la Irene.

Luisa) Scriviamo a “Chi la visto”.

Domenica) “Chi la visto” lo fanno di martedì e la zia Irene sarà qui a momenti. Santo cielo benedetto, guarda che piede che mi è venuto!

Mariuccia) Il dottore ti aveva detto di fare riposo mamma.

Domenica) Riposo, riposo, come si fa a fare riposo con sei figli. Oggi ci mancava solo la zia Maddalena per mancia.

Corrado) (Entrando) Ma, Domenica, c’è giù al portone un sacco di donne che ti cercano.

Domenica) Che cercano me?

Corrado) Certo, sono tutte anziane, con un cappellino sulla testa e con uno scialle nero.

Domenica) Un sacco di donne! Ma a me, a me occorre solo la zia Maddalena

Irene) (Rientrando con la zia Maddalena sente le ultime parole) Pronti! Eccola qui la zia Maddalena. Ciao Domenica, ciao ragazze, ho sentito che cercavate una donna col cappellino e con lo scialle nero e così ve l’ho portata di corsa. Ecco! Ma come mai cercate tutti  la zia Maddalena?

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 38 volte nell' arco di un'anno