L’amico ‘e papà

Stampa questo copione

TRE PECORE VIZIOSE

L’amico ’e papà

Da Le Gascon, di Barrière

Commedia in tre atti

personaggi

Felice

Liborio

Angiolina, sua moglie

Marietta, loro figlia

Ciccillo

Luisella, sua moglie

Ernesto

Bettina Capozzella

Pasquale, servitore

D. Panfilio, medico

La scena è in Napoli, epoca presente.

ATTO PRIMO

Camera nobile con tre porte laterali ed una in fondo. A sinistra dell’attore prima quinta, finestra. In fondo, a sinistra, un pianoforte, a dritta mensola con orologio. A dritta in mezzo alle due porte un tavolino con lungo tappeto con occorrente da scrivere, campanello e scatola di cerini. A sinistra in mezzo alla porta e finestra una poltrona a bracciuoli, sedie, ecc.

SCENA PRIMA

Pasquale, dalla porta a sinistra, indi Luisella dalla prima porta a dritta.

PASQUALE (d.d.): Va bene, va bene, non dubitate, sarete servito. (Fuori:) Ah! ca chesto se chiamma proprio farme fà lu ciuccio de carretta, da la matina alla sera vaco nnanze e arreto comme a la sporta de lu tarallaro, si jammo nnanze de chesta menera io aizo ncuollo e me ne vaco.

LUISELLA: Pascà avvisa lo cucchiere ca pe l’otto la carrozza adda essere pronta.

PASQUALE: Vide lloco, si non te danno manco lo tiempo de risciatà!... Luisella mia, non me ne fido proprio cchiù, questa non è casa che fa pe me, a la fine de lo mese me ne vaco.

LUISELLA: Povero Pascale, haje ragione, nce vò pacienza.

PASQUALE: La pacienza se tene fino a nu certo punto; ma la troppo è troppo, che me vonno fa schiattà na vena mpietto!... Dice che stammatina ha da arrivà n’amico sujo e me sta facenno trottà comme a nu cavallo de carrozza, manco si avesse d’arrivà l’imperatore della Cina, tu lo saje chi è st’amico?

LUISELLA: No; ajere avette na lettera che l’avvisava che stammatina veneva, e vota e gira e martella, ha ammuinata na casa, ma chi è non se sape.

PASQUALE: All’arma de la mamma! Io nun so’ nato pe fa sti fatiche e me ne vogl’j, Luisé tu pecché non te ne viene cu me?

LUISELLA: Me ne vengo cu te? Pascà, ma tu sì pazzo!

PASQUALE: Ce ne andremo a vivere sotto altro cielo!

LUISELLA: Haje sbagliato, si te ne vuò j, vattenne tu sulo, io resto cca.

PASQUALE: Vattenne ca io aggio pazziato, te pare me ne jeva e pò non te vedevo cchiù, a costo de crepà io me resto sempe vicino a te. Ma tu non te ne sì addunata ca io tengo na passione pe te?

LUISELLA: Famme lo piacere, fattella passà sta passione...

PASQUALE (dandole un pizzicotto sulla guancia): Ah!... sciasciona mia! (Via.)

LUISELLA (andando alla porta in fondo): Neh, Pascà, si non te staje quieto cu li mane, va trove qua juorno de chisto nce ncuitammo. (Venendo avanti con la mano sulla guancia:) Vuje vedite che pizzeco m’ha dato! Se vò vummechià afforza cu me, e non sape che io mmaretata, chillu povero marito mio quanno me vò vedé quacche vota, s’ha da fingere l’accordatore de pianoforte.

SCENA SECONDA

Marietta e detta.

MARIETTA: Guè Luisè che me dice? haje visto Ernesto?

LUISELLA: Gnorsì, l’aggio visto aiere sera e me dicette che stammatina senza meno veneva a parlà cu papà vuosto.

MARIETTA: Stammatina lo mumento non me pare propizio, chillo papà sta accussì ammuinato pe chillo amico sujo che adda arrivà da Casona.

LUISELLA: Ma che c’entra l’amico, primma ha da penzà a la figlia soja e pò a l’amice.

MARIETTA: Pò essere pure che lo trova di buon umore e subito acconsente.

LUISELLA: Povera signorina mia, io sarrìa proprio contenta.

MARIETTA: Luisé, io non voglio che tu me chiamme signorina, quanno stammo nnanze a la gente va bene, ma quanno stammo da sola a sola, voglio che me parle con tutta la confidenza possibile, mammeta me dette latte fino all’età de duje anne e io te voglio bene proprio comme a na sora.

LUISELLA: Io ve ringrazio tanto tanto, ma capite vuje site na signora e io songo na cammarera.

MARIETTA: Io non te tratto maje comme a na cammarera e tu n’haje avute le prove, lo fatto de mariteto per esempio...

SCENA TERZA

Ciccillo e dette.

CICCILLO: è permesso?

LUISELLA: Uh! Lo vì ccà!... Ma comme te vene ncapo de venì ccà ncoppo, tu saje lo patrone nun vò.

CICCILLO: Guè stammatina non me dì niente, ca so’ venuto cu brutte pensiere. (Vede Marietta.) Buongiorno eccellenza. Signorì... giacché state vuje pure ccà, v’aggia dicere ca tengo lo veleno nfaccia a li diente! Ve pare cosa de niente tené la mogliera e non puterla vedé? Si me songo nzurato, me songo nzurato pe quacche cosa! Aggia fa vedé che songo l’accordatore de pianoforte, mentre io non saccio manco addò sta de casa; e tutto chesto pecché? Pe puté dicere quacche parola a muglierema! A la fine de li cunte io nun songo nu malamente de chiste, songo nu buono giovane, nce songo marito con tutte le regole e ccà stanno li carte de lo matrimonio. (Le caccia e le fa vedere.) Le porto sempe cu me, dunque io aggia f° sta vita de cane, neh, pecche?

MARIETTA: Ciccì agge pacienza, tu haje ragione, ma lassa passà n’atu poco de tiempo, chillo papà femmene maritate dinto a la casa non ne voleva, io e mammà pe fa venì a Luisella, dicetteme che non teneva a nisciuno, che era na figliola zetella, haje sofferto tanto tiempo, aspetta n’atu poco che chiano chiano cerco di persuaderlo.

CICCILLO: Signorina mia, io stongo dinto a li mane voste, pensate pure che tenimmo na criatura da la nutriccia... Uh! a proposito de la criatura, Luisè io t’aggio parlà...

SCENA QUARTA

Liborio e detti indi Pasquale.

LIBORIO (d.d. suonando il campanello): Pascale, Pascale!...

MARIETTA: La voce de papà!

LUISELLA: Lo patrone, vattenne!

CICCILLO: Ma io t’aggia parlà senza meno de n’affare de lo piccerillo nuosto.

LUISELLA: Vattenne! (Lo spinge, Ciccillo via.)

LIBORIO (c.s.): Pascale, Pascale!...

PASQUALE (dal fondo): Eccome ccà. (Entra a sinistra.)

LIBORIO (c.s.): Ma che sì surdo?

PASQUALE (d.d.): Signò, io sto faticanno da li sei...

LIBORIO (c.s.): Statte zitto ca te dongo nu schiaffo!

MARIETTA: Mamma mia e comme sta!

LIBORIO (c.s.): Luisella, Luisella!...

LUISELLA: Pure a me! Eccome ccà. (Entra a sinistra.)

MARIETTA: Io non capisco pecché tanta premura pe su D. Felice che ha d’arrivà.

SCENA QUINTA

Angiolina e detta.

ANGIOLINA: Mariè ched’è, sento de strillà a Liborio?

MARIETTA: E vuje nun lo sapite da che avette chella lettera ajere me pare nu pazzo, non ha fatto maje chello che sta facenno mò.

ANGIOLINA: Isso m’ha ditto che è il figlio de n’amico sujo affezionato, che se volevano assaje bene.

MARIETTA: Affezionato che sia, ma è troppo chello che fa. A proposito mammà, sapite che Ernesto ajere sera dicette a Luisella che ogge veneva a parlà cu papà...

ANGIOLINA: è giusto ogge ha scelto che Liborio sta de chella manera?

MARIETTA: Io pure chesto aggio ditto. Mammà mò sapite che faccio me vaco affaccià a lo balcone de la cammera mia, chisà lo veco le faccio segno che non venesse. (Via a dritta.)

ANGIOLINA: Povera ragazza, me ricordo pur’io quanno m’aveva da spusà a Liborio, passaje nu sacco de guaje cu papà e mammà... Eh! L’amore... l’amore!...

SCENA SESTA

Ciccillo e detta.

CICCILLO (dalla finestra): Signò...

ANGIOLINA: Mamma mia! chi è?

CICCILLO: Signò so’ io!...

ANGIOLINA: Ma comme te vene ncapo a venì pe la fenesta! M’haje fatto piglià na paura che mò moro.

CICCILLO: Signò io aggia parlà necessariamente a Luisella!

ANGIOLINA: E viene pe la porta, vattenne ca si te vede Liborio me faje compromettere. (Lo spinge e chiude la finestra.) Ah! Sta fenesta se ce avarria mettere na ferriata, è tanto vascia che quacche ghiuorno de chisto può entrare qualched’uno e mi può disturbare.

SCENA SETTIMA

Liborio, Pasquale, Luisella e detta.

LIBORIO: T’aggio ditto tanta vote che io non voglio essere risposto.

PASQUALE: Io non v’aggio ditto niente.

LIBORIO: Quando io sto irritato non voglio sentì parlà a nisciuno. (A Pasquale:) Va abbascio a lu palazzo e quanno vene D. Felice me lo viene avvisà.

PASQUALE: Va bene. (P.p.)

LIBORIO: Lo cuoco è pronto?

PASQUALE: Sissignore!

LIBORIO: La carrozza?

PASQUALE: è pronta.

LIBORIO: Và, e fa chello che t’aggio ditto. (Pasquale via.) E tu haje preparato la tavola?

LUISELLA: Non ancora...

LIBORIO Comme non ancora? E co che flemma lo dice. (Imitandola:) Non ancora... va prepara la tavola.

LUISELLA: Signò nce tiempo, justo mò ha d’arrivà st’amico vuosto?

LIBORIO: Voglio che si prepara mò! (Gridando:) Statte a vedé che dinto a la casa mia non so’ padrone de fà chello che voglio.

LUISELLA: Va bene, va bene, non v’arraggiate, mò ve servo. (Per andare, poi torna.) Ma scusate chi è chisto che ha da venì?

LIBORIO: Uh! Chi è chisto che ha da venì? è figlio del mio più caro amico.

LUISELLA: N’amico vuosto?

LIBORIO: Eh!

LUISELLA: Manco si avesse arrivà lu Kedivè!

LIBORIO: Mò te chiavo nu Kedivè nfaccia! Và fà chello che t’aggio ordinato! Prepara lo servizio d’argento.

LUISELLA: Sissignore. (Via.)

LIBORIO: Oh! Come sono contento di vedere il mio caro Felicielio! Chisà come si sarra fatto gruosso! (Guarda Angiolina di cattivo umore.) Angiolì ched’è, non saccio comme te veco? (Angiolina volta le spalle.) Ah, aggio capito, te sì pigliata collera pecché da due o tre giorni non te sto danno cchiù confidenza, ma che vuò che te dico, tengo la capa tanto stralunata pensanno che debbo ricevere il figlio del mio più caro amico morto che io amavo più che un fratello.

ANGIOLINA: Già, già, pe l’amico, non è chesto e non è chello è che non me vuò bene cchiù, primma me facive tanta ciancetielle, e mo...

LIBORIO: E mò che? Io ti voglio bene sempre.

ANGIOLINA: Veramente?

LIBORIO: Ma sì, ma sì.

ANGIOLINA: E io pure te voglio bene... ma siente, pe n’amico, gnorsì se fa tutto, ma chello che faje tu è troppo.

LIBORIO: Ma Angiolina mia, D. Felice che deve arrivare è ricco, lo padre l’ha rimasto mpurpato buono, onde io voglio vedere se posso capacitarlo a metterse in società cu me co lo negozio, sarebbe un bel colpo, p’acconcia paricchie fatticielle de li miei e pe levarme li diebete che tengo.

ANGIOLINA: Comme tenimmo diebete nuje?

LIBORIO: Eh! Uno malato! Dunque capisci, pecchesto io sto accussì te prego mò che vene, riceverlo come si deve, usagli tutte le gentilezze possibili.

ANGIOLINA: Se capice, si no che figura facimmo?

LIBORIO: Brava. Intanto va a vedere si Luisella ha preparato la tavola.

ANGIOLINA: Vacò, vaco... (Va fino alla porta di fondo e si volta:) E dimme na cosa, me vuò bene?

LIBORIO: Sì, te voglio bene.

ANGIOLINA: Bravo, chillu maretiello mio, zuccariello de Ngiulinella toja! (Caccia la lingua e via.)

LIBORIO: Uh! e non se vò persuadé ca è vecchia, vò fà sempe la piccerella, io e essa accucchiammo nu secolo e miezo. (Va vicino al tavolino.)

SCENA OTTAVA

Ciccillo e detto.

CICCILLO (esce dal fondo, saluta levandosi la coppola, siede a pianoforte e accorda).

LIBORIO: No, no, sta jurnata ve n’avite da j, io ho tanto da fàre.

CICCILLO: Fate i fatti vostri, io l’accordo piano, piano, che non se sente manco.

LIBORIO: No, stammatina aggio che fà.

CICCILLO: Ma vedete quanto accordo nu soldo.

LIBORIO: Io non ve pozzo fà accordà manco no centesimo e chillo vò accordà nu soldo.

CICCILLO: Ma lo pianoforte sta scordato assaje.

LIBORIO: Non ve ne incaricate, lo voglio tené scordato, jatevenne.

CICCILLO: Ma...

LIBORIO: Ma avisseve da tenè nu poco de crianza, v’aggio ditto jatevenne e ghiatevenne.

CICCILLO: Allora vengo più tardi?

LIBORIO: Non ce venite, ve lo manno a dicere io quanno avita venì.

CICCILLO: Va bene, come volete, ma vi ripeto che lo pianoforte sta scordato assaje.

LIBORIO: Non me ne importa niente, stateve buono.

CICCILLO: Vi riverisco. (Via.)

LIBORIO: Vuje vedite che me succede, vò accurdà afforza, va a fernì che non ce lo faccio venì cchiù...

SCENA NONA

Pasquale e detto indi Felice.

PASQUALE: Signò, signò, è arrivato.

LIBORIO: Chi?

PASQUALE: L’amico vuosto D. Felice.

LIBORIO: Allora andiamo ad incontrarlo.

PASQUALE: Si vedite comme è curiuso!

LIBORIO: Ah! (Alza il braccio.) Mò te dongo nu schiaffo!

PASQUALE: Ah, eccolo qua. (Felice entra dal fondo con valigia ed ombrello, mentre Liborio alza una sedia per offrirla a D. Felice, questi crede che Liborio gliela voglia scagliare contro. Getta a terra la valigia e l’ombrello e impaurito fugge pel fondo.)

LIBORIO: Neh, chillo pecché è fujuto? (Va in fondo.) Favorite, caro D. Felice. (Pasquale alza la valigia e l’ombrello.)

FELICE: Ma so’ cerimonie che me facite, o me volite vattere?

LIBORIO: Ma che vattere, vi volevo offrire la sedia, sedete D. Felice vi prego.

FELICE: Grazie. (Siede.) (Io me credevo che me la voleva menà appriesso).

LIBORIO (a Pasquale gridando): Posa sta rrobba!

FELICE (fa un salto sulla sedia): (Mamma mia, mò moro da la paura!). (Pasquale posa la roba a sinistra ed esce.)

LIBORIO: E bravo il nostro D. Felice, ma rassomigliate tutto a papà vostro, chill’uocchie, li capille, lo naso, tale quale, tale quale... Eh,co papà vuosto nce avimmo voluto bene assaje, nce vulive mo bene proprio comme a duje frate, che uomo, che cuore...

FELICE: Che m’avete rammentato, eh quando morì papà piangemmo tanto tempo e poi non piangemmo più.

LIBORIO: E si capisce.

PASQUALE: Signò io me ne pozzo j?

LIBORIO Nossignore, miettete llà, statte lloco pecché si D. Felice vò quacche cosa nce lo vaje a piglià.

FELICE: Oh, grazie, pe parte mia se ne jesse.

LIBORIO: Nossignore a da sta ccà. D. Felì senza cerimonie, ve volisseve mangià quacche cosa?

FELICE: Grazie, primma de venì ccà m’aggio pigliato lo latte e caffè e m’aggio mangiato tre pagnottine.

LIBORIO: Volete bere?

FELICE: Sì, piuttosto accetterei...

LIBORIO: Parlate, cosa volete?

PASQUALE: Dicite che volite, comannate...

FELICE: E si non me facite parlà! Vorrei bere un bicchiere d’acqua.

LIBORIO: Ma che acqua! Birra.

PASQUALE: Sarebbe meglio la gassosa.

LIBORIO: Nossignore, marsala.

PASQUALE: Oppure moscato.

FELICE: Io voglio acqua.

LIBORIO: Acqua veramente?

FELICE: Sì.

LIBORIO: Va piglia subito na bottiglia d’acqua gelata.

FELICE: Non tanto gelata.

PASQUALE: Va buono, mò nce penzo io. (Esce gridando:) Acqua, acqua, acqua!...

FELICE: Chillo mò fa correre li pompieri!

LIBORIO: Pecché?

FELICE: E non sentite come grida, acqua, acqua!

LIBORIO: Nossignore, chillo chiamma l’acquajuolo. Caro il nostro D. Felice! Oh contateme nu poco come va che vi siete deciso a darmi questo grande onore.

FELICE: Per carità. Ecco qua, caro D. Liborio. Mio padre appena morto, cioè dicevo subito morto, voglio dire prima di morire mi disse... nemmeno... basta, durante l’agonia... povero papà... (Piange.)

LIBORIO: E non piangete.

FELICE: No, scusate io quando nomino a papà, me l’aggio da fà n’ora de pianto.

LIBORIO: Nossignore, non ve ne incaricate, cuntateme prima.

FELICE: Allora va bene, me la faccio stasera.

LIBORIO: (Eh! comme se jesse a fà na cena!).

FELICE: Dunque stavo dicendo, egli mi parlava sempre di voi, mi diceva che irene state duje amice scorporate.

LIBORIO: Eh! Altro che amice, siamo stati fratelli, nce canoscevamo da piccerille, co li pettolelle anreto.

FELICE: E papà pure teneva la pettolella?

LIBORIO: Se capisce, jevemo a la scola nzieme. Pò facennoce gnuosse isso se nzuraje e io so’ stato a casa sua paricchio tiempo.

FELICE: Sissignone me lo disse, anzi mi disse che una volta mettisteve negozio assieme.

LIBORIO: E che negozio! A Lu Conte de Mola, che affare faceveme.

FELICE: Mi disse pure... che sò... che in quell’occasione le freculiasteve dudece mila lira.

LIBORIO: Le freculiaie? Si andiede male col negozio e fuiemo costretto a dichiarà fallimento, ma però pagajemo tutti i creditori, vuje ve ne venite ca lo fruculiaie.

FELICE: Volevo dire che tutte e due fusteve frucoliate.

LIBORIO: Ah, mò va buono.

PASQUALE (entrando): Ecco l’acqua.

LIBORIO: E accossì l’haje portato? spezzato?

PASQUALE: Uh, che bestia! Nce aveva da mettere nu poco de senzo d’annese...

FELICE: No, ci vorrei...

PASQUALE: Nu poco de senzo di arangio?

LIBORIO: No, sarebbe meglio caffè.

PASQUALE: No, vaniglia...

LIBORIO: Cha vaniglia, senzo di limone.

PASQUALE: Oppure tamarindo...

FELICE: E veditavello vuje!... Io ci vorrei nu poco de senzo di amarena.

PASQUALE (grida all’orecchio di Felice): Amarena!

FELICE: Puozze sculà!

PASQUALE (va via gridando): Amarena, amarena!

FELICE: (Chiste me fanno fà la trezza de li vierme!).

PASQUALE (torna gridando): Amarena! (Lazzi nel mettere l’amarena nell’acqua.)

FELICE (beve): Grazie... tenevo proprio sete.

PASQUALE: Comandate altro?

FELICE: No, grazie. (Pasquale posa il bicchiere e l’amarena.)

PASQUALE: No, pecché se volete qualche altra cosa...

FELICE: No, vi ringrazio, non voglio niente.

PASQUALE: Bravo chillo D. Felice. (Gli fa una carezza.)

FELICE: Guè, non te piglià tanta confidenza co me sà!

LIBORIO: Pascà statte a lu posto tujo, miettete llà e non te movere, chisà abbiamo bisogno di te.

PASQUALE: Va bene. (Si mette a destra, dirimpetto a Felice.)

LIBORIO: Dunque diteme na cosa D. Felì, adesso siete restato solo, papà è morto...

FELICE: Embè mò me l’aggio da fà!

LIBORIO: Che cosa?

FELICE: N’ora de pianto, vuje m’avite nominato a papa.

LIBORIO: Nossignore... me n’ero scurdato. (Pasquale fa segno a Felice di volersene andare.)

FELICE: Ecco qua D. Liborio... Neh, si a chillo lo volite mannà se ne pò ghì.

LIBORIO: Nossignore, adda stà llà, pecché si ve serve quacche cosa ve lo bà a piglià.

FELICE: Adesso ho soltanto una zia... (Pasquale c.s. fa segno) una zia che... neh mannatene a chillo io me mbroglio a parlà.

LIBORIO: Ma pecché v’ha fatto segno?

FELICE: No, ma vedo poveriello che starrà stanco.

LIBORIO: Allora Pascà vattenne e vieni subito si te chiammo.

PASQUALE: Nossignore, io aggia sta ccà pe servì a D. Felice.

FELICE: A me non me serve niente, ve ne potete andare.

PASQUALE: Embè quanno volite accossì... (p.p.)

FELICE: (Chillo ha fatto segno fino a mò, mò non se ne vò j).

PASQUALE: D. Felì io me ne vaco, quanno me volite chiammateme.

FELICE: Va bene. (Pasquale via.) (Chillo l’aggio capito, è ammoinatore, ma non combina niente).

LIBORIO: Dunque?

FELICE: Dunque adesso ho soltanto una zia, mò m’ha ditto che se vò mmaretà e me voleva fa stà nzieme cu essa dandomi pranzo, cena, tutte cose, ma io però ho pensato meglio di star solo, almeno faccio quello che voglio e sto senza soggezione. Embè indovinate adesso dove ho deciso di stabilirmi?

LIBORIO: Dove?

FELICE: Se voi siete contento però... in casa vostra.

LIBORIO: In casa mia! Proprio così? (Con gioia.)

FELICE: Proprio così, ne avete piacere?

LIBORIO: Ne ho piacere? ma sicuro...

FELICE: Cosa volete, vi voglio bene, come vi ha voluto bene papà e mi ricordo che una sera mi chiamò vicino al suo letto e mi disse: Siente Felì, Liborio Ciaramella, che siete voi, non era soltanto mio amico, ma era anche amico di mio padre, del tuo nonno! Poveretto era cieco e Liborio l’accompagnava sempre, l’accompagnava a mangiare, l’accompagnava a dormire, l’accompagnava... insomma l’accompagnava a tutte parte, gli portava una grande affezione; dunque figlio mio io debbo morire, tocca a te di contracambiare tanta affezione, quello che Liborio ha fatto a me ed a tuo nonno, tu devi fare a Liborio e io vi assicuro D. Liborio che io perciò sono venuto a stabilirmi in casa vostra per fare qualunque cosa per voi, voi avete accompagnato mio nonno quando era ceco, ebbene io non cerco tesori, non cerco ricchezze, volarria che vuje cecasseve pe v’accompagnà come voi avete accompagnato mio nonno.

LIBORIO: Io vi ringrazio tanto, tanto del complimento!

FELICE: Ve volarria fà passà nu guaio per farvi vedere che uomo sono io per contracambiarvi quello che avete fatto a mio nonno.

LIBORIO: (All’arma de mammeta!). Non c’è bisogno de passà stu guaio, perché sono persuaso della vostra affezione.

FELICE: No, nu guaio l’avite da passà e sinò come ve la faccio vedé st’affezione

LIBORIO: Va buono comme dicite vuje... (Lu puozze passà tu lu guaio!)

FELICE: Bravo! Amico de papà! Dateme nu bacio. (Lo bacia, di dentro campanello.)

LIBORIO: Pascale, Pascale! (Chiama.)

FELICE: (Mò vene l’ammoinatore).

PASQUALE: Signò comannate.

LIBORIO: Va vide chi è che hanno tuzzoliato. (Pasquale via.) D. Felì io ho fatto preparare due stanze; non sarà una casa degna di voi, ma che aggio da fà, questo posso.

FELICE: No, quello che vi prego, non facciamo complimenti, si no ve dico francamente io aizo ncuollo e me ne vaco.

LIBORIO: Che complimenti, è dovere! Llà sta tutto preparato, non dovete che comandare.

FELICE: Ma vi ho pregato che io non voglio cerimonie.

LIBORIO: Che cerimonie, quello che è convenuto di fare per voi ho fatto e nient’altro.

FELICE: D. Libò, vi chieggo nu favore...

LIBORIO: Parlate.

FELICE: Vorrei il piacere che voi mi daste del tu.

LIBORIO: Oh, scusate non conviene...

FELICE: Allora io aizo ncuollo e me ne vaco.

LIBORIO: Nossignore. Va bene, vi darò del tu, ma anche voi a me.

FELICE: Ma non avete capito che io sto dinto a sta casa p’aspettà quanno vuje passate nu guaio...

LIBORIO: (E dalle dà!...).

FELICE: Per mostrarvi la mia gratitudine, la mia affezione... io vorrei che sta casa s’incendiasse, mi vorrei gittare nelle fiamme e tirarne tezzone..

LIBORIO: Aggio capito! (No, chisto nu guaio veramente me lo fa passà!)

SCENA DECIMA

Pasquale e detti.

PASQUALE (con lettera): Signò nu guaglione ha portata sta lettera pe buje.

LIBORIO (la prende): La vì lloco, è la solita seccatura! Non me pozzo levà stu guaio da tuorno.

FELICE: Guaio!...

LIBORIO: (Uh, che aggio juto a dicere a chisto!) non signore non è guaio, è na cosa da niente.

FELICE: Pecché si è guaio sto io cca.

LIBORIO: Vi prego che non è guaio... si tratta... co te pozzo parlà... Pascale?

PASQUALE: Signò?

LIBORIO: Va a dicere a lu cuoco che preparasse.

PASQUALE: Va bene. (A Felice:) Signorì, comannate niente?

FELICE: Grazie. (Pasquale via.) (Afforza a me vò servì!) Dunque?

LIBORIO: Liegge primma sta lettera e pò te dico tutto.

FELICE (legge): «Signore: con questa è la quarta lettera che vi mando e spero che finalmente mi vorrete rispondere. Quella sera che dopo cenato mi accompagnaste a casa, mi avete fatto mille promesse e mille giuramenti; mi diceste che venivate da me per combinare il matrimonio e invece non vi siete fatto più vedere, adesso sono alle strette perché un giovane mi vuole sposare e aspetta una risposta. Ditemi cosa debbo fare. Se volete, questo giovane lo licenzierò e sarò vostra. Sbrigatevi però a rispondermi, perché io non posso più stare in questa crudele incertezza! Vostra aff.ma Bettina Capozzella. Strada S. Maria Ognibene n. 21».

LIBORIO: Figurate che dinto a nu mese n’aggio ricervuto quatto de sti lettere.

FELICE: Aggio letto, matrimonio, giuramenti; vuje site nzurato e ghiate facenno sti porcherie?

LIBORIO: Gnemò, non vaco facenno porcherie, siente e pò rispunne. A la fine de lo mese passato, mia moglie e mia figlia jettene a Puortece a truvà na sora de muglierema e se stettene otto juorne, lasciandomi solo a Napoli. Una sera che non aveva che fà, passianno pe lu largo S. Ferdinando me venne lo desiderio de beverme nu bicchiere di vino e me mpizzaie dinto a la trattoria a lo vico rotto S. Carlo, llà dinto me truvaje due amice miei che beveveno nzieme a tre figliole, non appena me vedettero, me fecero assettà vicino a lloro e me volettero fa bevere afforza cu lloro, e saje, da un bicchiere passanno a n’auto, se fece mezanotte. Dopo ognuno de lloro se mettette a na figliola pe sotto a lo vraccio e convenne fare anche a me l’istesso con la terza figliola. Basta per fartela breve, io che avevo bevuto nu poco supierchio, che saccio comme diavolo fuje le vaco a fà na dichiarazione amorosa.

FELICE: Ah!... a sta capozzella?

LIBORIO: A sta Capozzella! Le promettette che la mattina la jevo a truvà pe cumbinà lo matrimonio... ma pò la mattina diggerenno lo vino, non me ne incaricai e chella non fa auto che a scrivere lettere e letterecele, io me metto paura che quacche lettera de chesta non va mano a muglierema e io so’ rovinato, non saccio comme avarria da fà?

FELICE: Va bene, dateme a me sta lettera.

LIBORIO: E che vuo fà?

FELICE: Vi leverò io questa seccatura. (La conserva.)

LIBORIO: Guè, ma t’arraccomanno Felì...

FELICE: Non ve n’incaricate, lassate fà a me, me credeva che era nu guaio cchiù gruosso! Chesta è cosa da niente.

SCENA UNDICESIMA

Angiolina, Marietta e detti.

ANGIOLINA: è permesso? (Felice si alza.)

LIBORIO (alzandosi): Ah! Bravo! Felì ti presento mia moglie Angiolina, tua seconda madre (Felice va a baciare la mano con lazzi), questa è mia figlia Marietta, tua sorella. (Felice c.s. e nel ritornare indietro cade su d’una sedia.) Felice Sciosciammocca, figlio del mio più grande amico ed è venuto per stabilirsi con noi e fare una famiglia.

ANGIOLINA: Tanto piacere.

LIBORIO: (Mariè, è nu bello giovane?).

MARIETTA: (Sì, è simpatico).

FELICE: Signora mia, io non sò cosa dirvi, solo vi dico che io sono pronto a fare qualunque cosa per voi, comandate, disponete, che troverete sempre un servo pronto a morire per voi... (Soggetto.)

ANGIOLINA: Ah! Siete troppo gentile!

FELICE: La stanza mia addò sta?

LIBORIO (indica a sinistra): Sta da llà. Mò t’accompagno io...

FELICE: Non è necessario vado da me.

LIBORIO: Allora mò chiammo a Pascale.

FELICE: Ma che Pascale... Ma comme te l’aggia dì? Ma comme te l’aggia dì?

LIBORIO: Che carattere tiene tu? (Nell’istesso tono di Felice.)

FELICE: Libò io te l’aggio ditto che con me non haje da fà cerimonie si no aizo ncuollo e me ne vado. Io sto ccà per servire, qualunque servizio volite me comannate ed io vi servo. S’adda scopà, scopo io, s’adda scioscià lu fuoco me chiammate e lo scioscio io. Figlieta have bisogno de nu servizio, me chiamme e ce lo faccio io lu servizio a figlieta! Signora mia, se sapeste quest’uomo che ha fatto!... ha accompagnato mio nonno quando era cieco e io voglio mostrargli tutta la mia gratitudine. Starò in questa casa e aspetterò quanno passate nu guaio!... (Entra e via.)

LIBORIO: (Afforza me vò fà passà nu guaio!).

ANGIOLINA: Neh, pecché nce vò fà passà nu guaio?

LIBORIO: No, chillo dice accussì, lo fa per troppa affezione, Mariè te piace?

MARIETTA: Eh! Non c’è male.

LIBORIO: Eh! non c’è male, dì la verità, te lo pigliarrisse pe marito?

MARIETTA: Io! (Mammà risponnite!)

ANGIOLINA: (Ma che sì pazza!).

LIBORIO: Basta, de chesto pò ne parlammo, io vaco a vedé dinto a la cucina lo cuoco a che sta, vi raccomando si esce ccà fore facitele molte gentilezze.

ANGIOLINA: E se capisce, si no che figura nce facimmo.

LIBORIO: Brava! Io vaco... (p.p.)

SCENA DODICESIMA

Ciccillo e detti.

CICCILLO (si presenta sotto la porta).

LIBORIO: Lo vì lloro, me pare Marcoffo dinto a la luna! Che volite?

CICCILLO: Lo pianoforte sta scordato assai e perciò...

LIBORIO: Venite ccà, assettateve (lo fa sedere vicino al piano:) accordatelo subeto e ghiatevenne.

CICCILLO: Va bene, vi servirò.

LIBORIO: (Io me vengo lo pianoforte pe non vedé cchiù a chisto). (Via pel fondo.)

CICCILLO: Signò, io so’ venuto pe parlà cu Luisella. (Si alza.)

ANGIOLINA: Sì, ma vuje nu juorno o n’auto me facite ncuità cu Liborio, sta cosa s’adda fernì, assettateve vicino a lo pianoforte che mò ve la vaco a chiammà. (Via.)

CICCILLO: Signorì, mò aggio avuto pure na cancariata!

MARIETTA: Agge pacienza Ciccì, chella mammà se mette paura.

CICCILLO: Va bene, ma...

MARIETTA: Tu hai ragione, ma mammà manco have tuorto... Zitto ecco ccà mammà cu Luisella.

SCENA TREDICESIMA

Angiolina, Luisella e detti poi Felice.

ANGIOLINA: La vì ccà Luisella, parlate e facite priesto.

LUISELLA: Ciccillo mio... (Ciccillo si alza.)

ANGIOLINA (lo fa sedere di nuovo): Mettiteve a sunà e parlate, fa vedé che accuorde... Mariè jammo dinto. (Via.)

MARIETTA: Vengo. (Ai due:) Spicciateve lesto, lesto. (Via.)

LUISELLA: Dunque che m’haje da dì?

CICCILLO (seduto): Luisè io aggio avuto na lettera de la nutriccia che me dice... (Fa per cacciare la lettera.)

LUISELLA: Zitto, zitto pe carità, sta venenno l’amico de lo padrone. (Si allontana, Ciccillo accorda.)

FELICE (a Luisella): Liborio addò sta?

LUISELLA: E ghiuto dinto a la cucina.

FELICE: C’è tempo pe mangià?

LUISELLA: Nonsignore eccellenza, pochi minuti, si vulite che io ve vaco a chiammà lo padrone?

FELICE: Non fa niente, mò nce vaco io. (p.p.)

LUISELLA: (Meno male, mò se ne va).

FELICE (arriva sotto la porta): Neh, che nce vaco a fà? (Ritorna, Ciccillo accorda, Felice lo guarda, lazzi.) Chi è l’accordatore?

LUISELLA: Sissignore eccellenza.

FELICE: Nce vo tiempo pe fernì?

LUISELLA: N’a tu poco.

FELICE: è meglio si se ne va, me fà male nu poco la capa.

LUISELLA: Chillo mò fernesce.

FELICE (a Ciccillo): Vi raccomando, zitto zitto, perché me fà male nu poco la testa.

CICCILLO: Non dubitate. (Seguita ad accordare.)

FELICE: Bella figliò, damme nu fiammifero.

LUISELLA: Subito. (Lo va a prendere sul tavolino, Felice va alla ribalta.)

FELICE: Aggio ditto a Liborio, senza cerimonie, e chillo ha apparecchiato doje stanze manco pe nu principe. Io pe isso starria pure dinto a na pagliara, quell’uomo che ha accompagnato mio nonno cieco. (Luisella col cerino acceso glielo dà, lui accende la sigaretta e guarda da sott’occhio Luisella.) Dimme na cosa, tu sei la serva?

LUISELLA: Sissignore.

FELICE: Non ci avevo badato, ma vedo che sei una simpatica ragazza.

LUISELLA: Bontà vostra. (Pianoforte.)

FELICE: No, quello che è... (Neh, questa quanto è bona!...). Tu sei proprio bella, sei una sciasciona. (Azione di Ciccillo.)

LUISELLA: So’ belle l’uocchie vuoste!

FELICE: Mentre se prepara la tavola, parlammo nu poco, siedi vicino a me. (Mette due sedie vicino al tavolino, Luisella siede, lui va per sedere e Ciccillo batte forte sui tasti dei bassi.) Mamma mia lu terramoto! (Va da Ciccillo.) Neh, amico, io v’aggio pregato piano piano!

CICCILLO: Pecché, ch’è stato?

FELICE: Comme, vuje m’avite fatto fà nu zumpo, non sapeva che era succiesso, bu, bu, bu... e vuje accossì lo scassate lo pianoforte invece d’accordarlo!

CICCILLO: Capite, chille li basse stanno scordate... non dubitate, mò faccio piano piano.

FELICE: Vi raccomando. (Va a sedere vicino a Luisella.) E dimme na cosa, staje da parecchio tiempo dinto a sta casa?

LUISELLA: Da n’anno signò.

FELICE: E ti trovi bene?

LUISELLA: Eh! Non me pozzo lagnà.

FELICE: E brava! (Si volta verso Ciccillo:) Pss, pss... (Gli fa cenno di uscire.)

CICCILLO (con lazzi): Non posso, io aggia accordà lu pianoforte.

FELICE: Ah, neh, e statte lloco stà! (A Luisella:) E dimme na cosa, faje l’amore co nessuno?

LUISELLA: Nonsignore, io aggia penzà a faticà.

FELICE: E brava... (La carezza, Ciccillo batte forte sui tasti, Felice fà un salto.) (Eppure io m’appicceco cu chillo solachianiello). (Va vicino a Ciccillo.) Vulite nu paro de mazzarelle, nu tammurro, ma che l’avite pigliato pe grancascia lu pianoforte? Quanno non me volite sentì, mò chiammo lu padrone de casa e nce lo dico.

CICCILLO: Nonsignore, mò accordo più piano.

FELICE: Vuje vedite che se passa. (Va a sedere vicino a Luisella.) Dunque non faje l’amore?

LUISELLA: Nonsignore, ve pare.

FELICE: Peccato però, una bella ragazza come te... (Ciccillo si alza e va vicino ai due.) Tu tieni tutte le qualità per innamorare, sei una vera coscetta di agnello al forno. (Ciccillo mette la testa in mezzo ai due seduti.)

CICCILLO: Io ho finito, sapete.

FELICE: E saluteme a mammeta! Vì che accordatore seccante! (Felice e Luisella si alzano.)

LUISELLA: Uh! A proposito, a la signorina v’ha da parlà de nu pianoforte nuovo, aspettate, mò ve la vaco a chiammà. (Entra a dritta.)

FELICE Avite visto, l’avite fatto j.

CICCILLO: Embè, io avevo finito d’accordà.

FELICE: E non potivene accordà n’atu poco? Basta, ve raccomanno, non dicite niente a nisciuno che m’avite visto vicino alla serva, capite?

CICCILLO: (E chesto nce mancarria che lo ghiarria dicenno io stesso!). Non dubitate.

FELICE: E bona assai, è nu vero barattolo di percocata.

CICCILLO: (All’arma de mammeta! Me lo dice nfaccia!). Ve piace?

FELICE: Proprio il mio tipo, anze voglio vedé se pozzo combinà quacche cosa. (Entra seconda porta a dritta.)

CICCILLO: Puozze passà nu guaio! chillo veramente se n’era juto de capa e chell’ata che s’è assettata pure vicino e io pover’ommo aggio avuta fà li cacciuttielle ncuorpo, no, sta cosa adda fernì assolutamente.

SCENA QUATTORDICESIMA

Marietta e detto poi Felice.

MARIETTA: Neh, che avite fatto, nce avite parlato?

CICCILLO: Che volite parlà, signorina mia, chillo è venuto l’amico de papà vuosto e non aggio potuto dì manco na parola.

MARIETTA: Uh! Mamma mia, e mò ve n’avita j, ccà non ce potite stà.

CICCILLO: Ma io nce aggià parlà assolutamente pe lo piccerillo nuosto.

MARIETTA: No, è impossibile, Ciccì agge pacienza, vattenne. Aspè, sa che buò fà, annascunnete dinto a lo stanzino fore a la sala, nuje mò jammo a mangià, sta cammera resta all’oscuro, tu viene zitto zitto, io faccio venì a Luisella accussì nce parle e te ne vaje. (Esce Felice in osservazione.)

CICCILLO: Sì, quanto site bona, io ve ringrazio assaje assaje.

MARIETTA: Io faciarrie de cchiù, ma me metto paura che non se n’addone papà.

CICCILLO: Non avite appaura che io le cose le saccio fà.

MARIETTA: Si papà l’appura, ccà se revota la casa.

CICCILLO: Lo capisco; ma alla fine na vota l’ha da sapé.

MARIETTA: Chesto ccà me lo veco io, non ce penzà, vattenne.

CICCILLO: Va buono, io me ne vaco e quanno è l’ora de mangià, che sta cammera resta oscura, io vengo zitto, zitto... oh! Quanto ve voglio bene. (Le bacia la mano.) Stateve bene.

MARIETTA: Statte buono. (Ciccillo via.) Non voglia maje lo cielo e lo sapesse papà! (Entra prima porta dritta.)

FELICE (facendosi avanti): Oh! Che ho inteso, s’hanno dato l’appuntamento dinto a sta cammera all’oscuro. Ah! Povero Liborio, povero amico mio! Lo vi ccà lu guaio che ha passato Liborio! Ma sto io ccà, io salverò, io lo salverò. (Corre per la porta del fondo e trovando Liborio di faccia gli salta addosso.)

LIBORIO: Guè! (Lo porta a proscenio.) E che facimmo li gioche?

FELICE: No, io stavo venendo da voi e vi ho trovato di faccia.

LIBORIO: E me zumpe ncuollo? Feliciè lo pranzo è pronto, t’aggio fatto fà certe brasciole, proprio a licchetto, te voglio fà alliccà li deta...

FELICE: (E si vide che brasciole t’hanno combinato ccà!).

LIBORIO (chiama): Angiolina, Marietta?

SCENA QUINDICESIMA

Angiolina, Marietta e detti poi Pasquale indi Ciccillo infine Liborio.

ANGIOLINA: Libò che buò?

LIBORIO: Jammo a mangià che lo pranzo è pronto.

ANGIOLINA: E ghiammo jà.

LIBORIO: Feliciè jammo.

FELICE: Andate avanti che adesso vengo, aggio da piglià na cosa dinto a la cammera mia.

LIBORIO: E ghiammo a mangià pò se ne parla.

ANGIOLINA: Sì, sì, venite.

FELICE: Vi ho detto andate avanti e andate avanti. (Alterato.)

LIBORIO: Allora abbiammece nuje. Vieni presto.

ANGIOLINA: Noi vi aspettiamo, con permesso. (Via con Liborio.)

MARIETTA: Con permesso. (Via.)

FELICE: Serviteve, sorella mia, all’arma de la sorella! Guardate che ingenuità, guardate che cosa sono le donne! Che franchezza! Che impostura! Ingannare suo padre, disonorare la sua famiglia. Povero Liborio! Ma per fortuna sto io qua per salvarlo e lo salvero! (Corre di nuovo pel fondo e incontra Pasquale di faccia.) (Mo jevo mbraccio a chisto mò!) Che cosa volete?

PASQUALE: So’ venuto a stutà la luce. Llà lo pranzo è pronto.

FELICE: Embè stutate la luce e ghiatevenne, io mò vengo.

PASQUALE: E pò restate all’oscuro?

FELICE: Non fa niente, io so’ comme a li gatte nce veco pure all’oscuro.

PASQUALE: Quanno volite accossì. (Smorza la luce e via, la scena resta all’oscuro.)

FELICE: Oh! Mò non nce veco mò! ma non me ne importa. Sto pensanno na cosa, chillo mò stanno assettate tutte a tavola, la figlia non vedennome pure a me a tavola, non vene ccà, ma non fa niente, è l’accordatore che io voglio dinto a sti mane.

CICCILLO (a tentoni): Pss, ps...

FELICE: Sento rumore, chisto adda essere isso!

CICCILLO: Psss, pss... non sarrà venuta ancora... pss, pss... ah! Ma io stasera non me movo da ccà, stasera non me ne vaco se non ce parlo.

FELICE: (Stasera è l’ultima tua serata!). (Lo afferra:) Infame seduttore!

CICCILLO: Mamma mia, aiuto!...

FELICE: Zitto, birbante assassino!...

CICCILLO: Io so’ l’accordatore.

FELICE: Eh! Me fa tanto piacere.

CICCILLO: Lassateme pe carità.

FELICE: Niente... io so’ l’amico di Liborio... che accompagnava mio nonno quando era cieco!

CICCILLO: Lassateme!... (Si sono avvicinati alla finestra.)

FELICE: Non te lasso.

CICCILLO (tocca la finestra): Ah! La fenesta! (Siede sulla stessa.)

FELICE: La fenesta!... (Lo precipita giù.)

CICCILLO (di dentro dà una grido prolungato): Ah!...

FELICE (spaventato e con i capelli irti si avvicina al tavolino esterefatto): Liborio! Ho salvato tua figlia!

LIBORIO: Ccà sta oscuro? (Accende la luce:) Feliciè, tu vieni o non viene?

FELICE (tira il tappeto dal tavolino, fa cadere tutto quello che vi è sopra a terra): Vengo, vengo, vengo!...

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

Medesima scena del primo atto.

SCENA PRIMA

Luisella e Ciccillo.

LUISELLA (introducendo Ciccillo): Trase, trase Ciccì, ccà non ce sta nisciuno, stanno tutte quante dormenno.

CICCILLO (zoppicando): Ah! Mamma mia, me fa male la gamma che sta non sarrà cosa bona. Luisella mia si non m’aggio rotta la gamma è stato proprio nu miracolo.

LUISELLA: Ma che t’è succiesso?

CICCILLO: Aieresera d. Marietta me dicette, che fosse venuto dinto a sta cammera quanno tutte jeveno a mangià e che essa stessa te faceva venì ccà. Io venette, ma tutto nzieme me sentette afferrà pe coppo a lu cuollo da uno chiammannome assassino!

LUISELLA: E chi era?

CICCILLO: E chi ne sape niente, diceva che era amico de D. Liborio.

LUISELLA: Ah! Aggio capito! E comme le venette ncapo?

CICCILLO: E io che ne saccio; fortuna che la fenesta era vascio, si no me faceva male buono.

LUISELLA: Povero Ciccillo!... No, ma io mò sa che faccio, dico lo patrone tutte cose, o me da lo permesso de vederte e parlarte, si no aizo ncuollo e me ne vaco. Comme te pare?

CICCILLO: Brava Luisella! Maje potimmo morì de fame! Dunque io te voleva dì che mò vene la nutriccia co lo piccerillo pe fartelo vedé.

LUISELLA: Neh! Oh, che piacere!

CICCILLO: Tiene, cheste so’ 10 lire, lo riesto nce lo miette tu pe accucchià li doje mesate che avanza e quacche cosa pe lu viaggio e nce li daje a la nutriccia.

LUISELLA: Va buono, damme ccà. (Si prende il denaro.) Oh, come sarà contenta la signorina quanno vede lo piccerillo.

CICCILLO: Io vaco aspettà la nutriccia a lo purtone de lo vico, appena vene piglio lo guaglione e lo porto ccà.

LUISELLA: Va, va, fa priesto.

CICCILLO: Guè, te raccomanno, non fà cchiù la spantecata cu chillo signore d’aiere sà?

LUISELLA: Và, non avé appaura.

CICCILLO: Ca si lo trovo miezo a la via, l’aggio da menà na preta mmocca! (Via.)

LUISELLA: Povero Ciccillo, have ragione! Sì, ma io parlo co lo patrone, o dinto o fore, è possibile che na figliola comme a me ha da sta senza marito, chesto non ce ha da essere, no, no e no! E allora che me so’ mmaretata a fà?... (Guarda a dritta.) Uh! sta venenno lo signore...

SCENA SECONDA

Liborio e detta poi Felice.

LIBORIO (in veste da camera e berretto simile): Luisè, Feliciello s’è scetato?

LUISELLA: Nun lo saccio signò.

LIBORIO: Và dinto a la cammera soja e và vide.

LUISELLA: Vuje pazziate! Chillo quanno me vede fà l’uocchie de pazzo; io jeva dinto la cammera soja!...

LIBORIO: Hai ragione... allora và prepara lo cafè.

LUISELLA: Sissignore. (p.p.)

LIBORIO: Prepara pure la bottiglia co lo rum.

LUISELLA: Va bene. (Via.)

LIBORIO: Ogge le volarria accomencià a parlà circa a lu negozio che volimmo aprì nzieme; ma non saccio da ieri sera che have, sta tutto stralunato, poco mangiaje... e chi ne capisce niente! Ah! Eccolo ccà.

FELICE (anche lui in veste da camera con berretto accomodato in modo che muovendo la testa si muove come un pupazzo, esce con gli occhi spranati e guarda la finestra).

LIBORIO: (L’uocchie de pazzo l’ha fatto!). Ben levato caro Feliciello.

FELICE: Oh! Caro Liborio.

LIBORIO: Hai dormito bene?

FELICE: Sì, non tanto male, grazie.

LIBORIO: Ma che hai? Non saccio comme te veco, aiere stive tanto allegro?

FELICE: Non ho niente non mi sento tanto bene... Libò, ierisera è sagliuto nisciuno ccà ncoppa?

LIBORIO: No.

FELICE: Strille, allucche, niente?

LIBORIO: No.

FELICE: è sagliuto quacche guardia ccà ncoppo?

LIBORIO: Guardia? No!

FELICE: (E ched’è cadette nu purtuallo!). Forse non se ne saranno incaricate.

LIBORIO: Ma pecché, ch’è stato?

FELICE: Liborio! Io ho salvato tua figlia e il tuo onore!

LIBORIO: Mia figlia!...

FELICE: (accenna con la testa di sì muovendo il berretto come si è detto).

LIBORIO: (Uh! Lu pupazziello de Guidotte!). Ma spiegami.

FELICE (indica una sedia, ne prende un’altra): Siedi. (Seggono.) Ieri sera all’ora di pranzo tua figlia aveva dato l’appuntamento ad un tale dinto a sta cammera all’oscuro.

LIBORIO: Possibile!... e nc’è venuta?...

FELICE: No, essa non è venuta, ma è venuto isso però, io che lo sapeva, pecché lo sentette da reto a chillo tavolino l’aspettaje ccà, e fu quanno io ti dissi: andate avanti che io adesso vengo, ti ricordi?

LIBORIO: Sicuro che me lo ricordo.

FELICE: Ebbene non appena isso venette, l’afferraje pe lu cuollo e l’aggio menato da coppa la fenesta abbascio!

LIBORIO: Quà fenesta, quà fenesta?

FELICE: Quella.

LIBORIO: Quella!... poteva essere n’ata fenesta!

FELICE: Perché?

LIBORIO: E che nce haje fatto, non ce haje fatto niente!

FELICE: Perché?

LIBORIO: Perché l’haje fatto scappà cchiù ambressa, chella è cinche parme auta.

FELICE: Libò, non facimmo ragazzate. (Apre la finestra e guarda con meraviglia.) E che ha fatto chillo, s’è assettato nterra! E tu tieni sta fenesta accussì bascia e non me dice niente?

LIBORIO: E tu m’aviva dicere che volive vuttà uno da coppa a bascio.

FELICE: Aggio fatto na nottata chiara chiara... Basta, in tutti i casi ho salvato sempre tua figlia, che se non nce sarria stato io, quell’assassino chissà che avrebbe potuto fare.

LIBORIO: Ah! Perciò a tavola stive accussì stralunato? Ma chi è chisto, chi è?

FELICE: Chi è? povero Liborio! Lo vuoi sapere? è l’accordatore di pianoforte.

LIBORIO: Che!... (Con grido:) Un accordatore! Ah! Perciò veneva che voleva accordà sempre, pe fà l’ammore co figliema! Ah! Ma me la pavarranno! Felì io non sò come ringraziarti di questa bella azione che mi hai fatto.

FELICE: Io ho fatto il mio dovere amico mio, tu che hai accompagnato mio nonno quanno era cecato, è niente in paragone di quello che tu haje fatto a mio nonno.

LIBORIO: Infami, birbanti!... e la madre sarà anche d’accordo con loro?

FELICE: E se capisce.

LIBORIO: Adesso t’aggia fà vedé che saccio fà. (Alla porta della moglie:) Assassini tutti quanti!... (Curvandosi.)

FELICE (dalla parte opposta, curvandosi anche lui, gli da un urtone): Che hanno tentato di levà l’onore a stu pover’ommo!

LIBORIO: Lo ssaje ca mò me menave nterra?...

FELICE: Agge pacienza Libò, io mò non conchiudo che faccio.

LIBORIO: Zitto, sta venenno muglierema da chesta parte.

FELICE: Libò, sii uomo, te raccomanno.

SCENA TERZA

Angiolina e detti.

ANGIOLINA: Liborio, Feliciello...

LIBORIO: Psst, pst! (Come starnutando.)

FELICE: Salute. (Lazzi, poi fa quello che fa Liborio tenendolo abbracciato.)

ANGIOLINA: Neh, ched’è, ch’è succieso?

LIBORIO: Non aprite la bocca e rispondete!

ANGIOLINA: (E comme risponne, co lu naso?).

LIBORIO: (Lasseme fà mò).

FELICE: (E tu non haje da dì bestialità).

LIBORIO: Ditemi la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità!

FELICE (gli dà un bacio): (Bravo!).

LIBORIO: è inutile che voi negate, perché ho saputo tutto e mi pare impossibile che voi avete dato mano a questi amori tanto vergognosi!

FELICE (gli dà un bacio): (Bravo!). (Liborio si volta e lo guarda.) Vai bello, vaje bello, non te pozzo dà niente, te dongo nu vaso.

LIBORIO: Vergogna pe la faccia vostra e doppia vergogna pe la faccia mia! (Felicelo bacia.) E mò l’haje da fernì co sti vase! Non me vasà cchiù!

FELICE: (No!).

LIBORIO: A me... (Batte la mano sul petto trovandosi sotto la mano di Felice che si fa male, lazzi) a me davate ad intendere (a Felice) non me vasa...

FELICE: (No!).

LIBORIO: Che quel miserabile veniva per accordare il pianoforte, ed invece sinistri erano i suoi pensieri! (A Felice:) (Come ti pare?).

FELICE: (Bene, non sembra mai prosa, me sembrano versi).

ANGIOLINA: (Aggio capito, chisto ha saputo l’affare de Luisella).

LIBORIO: Dunque che rispondete, oh signora?

ANGIOLINA: Che aggio da risponnere, sì l’affare de l’accordatore è overo, e quanno lo buò sapé chillo ll’è marito.

LIBORIO: Che!! marito!!!...

ANGIOLINA: Sì sì è n’anno che chella povera figliola fa sta vita, perché aveva paura de te e appunto ajere me dicette: che io avessi parlato con te e si non le dive lo permesso, essa aizava ncuollo e se ne jeva.

LIBORIO: Basta, signora, basta!...

ANGIOLINA: Ma...

FELICE: Basta, signora, basta, tenite la faccia de li corna vecchie.

LIBORIO (balbettando): Pigliateme na seggia...

FELICE: Uh! Parla cacaglio! Me l’avete fatto addeventà cacaglio! Liborio mio, comme te siente?

LIBORIO: Me sento tutto lu sango a la parte de la capa, portateme nu poco ncoppa lu lietto.

ANGIOLINA: Liborio mio! (Piange.) Chi se poteva credere che pe na cosa de niente, se pigliava tanta collera.

FELICE: A me me piace l’indifferenza de chella, guè me la chiamma na cosa de niente?

ANGIOLINA: Ce volimmo mettere nu poco de neve ncapo?

FELICE: Sì, molta neve, dinto a na fascia de cuscino.

ANGIOLINA (chiama): Pascale, Pascale?...

SCENA QUARTA

Pasquale e detti poi Luisella.

PASQUALE: Comandate.

ANGIOLINA: Pascà, va piglia quatto o circo chili de neve, ma fa subeto.

PASQUALE: Eccome cca. (Via.)

FELICE: Libò, comme te siente? T’è passato?

LIBORIO: Portateme nu poco sopra a lo letto.

FELICE: Povero Liborio, povero amico mio... portammolo sopra a lu letto... Libò, Libò!... (Scuotendo forte la testa:) E risponneme?

LIBORIO: Guè, ca tu me fai male!

FELICE: Va, jammo dinto. (Lo prendono per le braccia e lo portano dentro la prima porta a dritta, giunti sotto la porta:) Libò, fusse cecato?

LIBORIO: Non mé rompere la capa. (Entra con Angiolina.)

FELICE: Povero Liborio... lasseme correre a ghi a chiammà nu miedeco mò.

LUISELLA (uscendo): Signori, è overo che a lu patrone ll’è venuto na cosa, aggio visto a Pascale ca è ghiuto a piglià la neve.

FELICE: Sicuro, chillo pover’ommo sta comme le vene.

LUISELLA: Uh! povero signore!

FELICE: Dimme na cosa, tu manco ne saje niente de l’affare de l’accordatore?

LUISELLA: Comme, lo signore l’ha saputo?

FELICE: Sì, e so’ stato io che nce l’aggio ditto.

LUISELLA: Vuje!

FELICE: A quel pover’uomo ll’è venuto quasi un insulto.

LUISELLA: N’insulto?

FELICE: N’insulto sì!

LUISELLA: Ah!... ched’è tanto a duro se l’ha pigliato.

FELICE: Guè, chella comme fosse na cosa de niente.

LUISELLA: Ah! Alla fine che male c’è, quanno non le piace aizo ncuollo e me ne vaco.

FELICE: Questo poi si vedrà, tu non ci hai tanta colpa, la vera colpevole è la moglie di Liborio.

LUISELLA: No, scusateme, la signora non nce have colpa, fuje io che lle dicette, o facite chesto o me ne vaco!

FELICE: Ma cheste so’ faccie che nce può scognà pigne. Ah! Tu fuste che nce diciste: o facite chesto o me ne vaco.

LUISELLA: Sicuro.

FELICE: Eh! Già, pecché chillo l’accordatore te deva i soldi.

LUISELLA: E se capisce.

FELICE (gridando) Statte zitta! Statte zitta!!... guardate llà, di quella età non se ne prende vergogna! Isso te deva i soldi e tu te li pigliave?

LUISELLA: Nò, mò li rifiutava!

FELICE: Statte zitta!! Statte zitta! !... E che te poteva dare quel miserabile!?

LUISELLA Me deva, chello che puteva.

FELICE: Statte zitta!! Statte zitta!!... (Entra alla seconda porta a sinistra.)

LUISELLA: Vuje vedite che se passa! Tanta ammoina pecché so’ mmaretata! E mò proprio me ne voglio j.

SCENA QUINTA

Pasquale e detta poi Felice.

PASQUALE: Ccà, ccà sta la neve. Neh, lo patrone comme sta?

LUISELLA: Che saccio, dice che l’è venuto n’insulto pecché ha saputo che l’accordatore è maritemo.

PASQUALE: Mariteto! Ah! Tu sì mmaretata?

LUISELLA: Sì, sì, so’ mmaretata e mò proprio, me piglio li rubicelle mie e me ne vaco. (Via.)

PASQUALE: All’arma de mammeta! E me faceva la semplice, sempe che l’accarezzava diceva che era zetella! (Via alla prima porta a dritta.)

FELICE: Oh! Lasseme j a chiammà lo miedeco mò.

PASQUALE (uscendo): Signori, addò jate?

FELICE: Vaco a chiammà nu miedeco... hai portato la neve?

PASQUALE: Sissignore.

FELICE: Va bene. (P.p. poi ritorna.) Me sapisse dicere addò lo pozzo truvà nu miedeco?

PASQUALE: Jate a lo spitale, jate a lo spitale!

FELICE: E và tu e l’arma de mammeta, và!

PASQUALE: No, dico che a lo spitale lo potite truvà nu miedeco.

FELICE: Ah sicuro... (p.p. poi torna). Dimme na cosa, tu manco ne sapive niente de l’affare de l’accordatore?

PASQUALE: Signore mio, io mò l’aggio ntiso, non ne sapevo niente, io pò dico a lu patrone, va bene n’haje avuto nu poco de dispiacere, ma tanto, tanto, pò è troppo, tu haje ntiso chesto la piglie e la caccie.

FELICE: (E già, chella è na cacciottella!).

PASQUALE: Mò capisco pecché ogne otto juorne steva fore de casa na nottata, jeva a trovà l’amico, jeva a trovà l’accordatore. Avita da dicere che io quacche vota l’aggio fatto quacche carizzo e essa me diceva: Guè, statte sodo ca io so’ zetella, all’arma de la zetella! (Via ridendo.)

FELICE: Scusate e questo è il plus ultra della depravazione! (Via.)

SCENA SESTA

Liborio, Angiolina e Marietta.

LIBORIO: è inutile che me date ad intendere chiacchiere, non ve credo.

ANGIOLINA: Ma comme, nuje te dicevamo na cosa pe n’ata? L’accordatore è lo marito de Luisella e siccome tu dinto a sta casa non volive femmene mmaritate a servì, pe contentà a Marietta che non poteva stà senza vedé a Luisella, te dicette che era zetella, e lo marito l’aggio fatto passà pe l’accordatore.

LIBORIO: Questa è la verità?

MARIETTA: Ma sì papà, chesta è la pura verità. Comme ve sentite, ve sentite meglio?

LIBORIO: Sì, me sento meglio. Dunque non m’ingannate?

MARIETTA: Ma che ingannà, ve pare, comme avite potuto penzà soltanto che io faceva l’ammore con l’accordatore.

LIBORIO: Vi posso credere dunque?

MARIETTA: E datele n’ata vota; ma comme, vuje sapite che ve vulimmo tanto bene, vi giuro che comme vi ha contato lo fatto mammà accussì è.

LIBORIO: Me lo giurate?

A 2: Sì, lo giuriamo!

LIBORIO: (E chillu cancaro de Feliciello ch’ha combinato!). Oh dimme n’ata cosa Mariè, l’accordatore pecché venette dinto a sta cammera all’oscuro?

MARIETTA: Venette pe parlà cu Luisella, pecché l’aveva dicere na cosa necessaria e io stessa le dicette che fosse venuto a chell’ora, pecché allora steveme a tavola e nce poteva parlà.

LIBORIO: Ah! Tu le diciste che fosse venuto ccà?

MARIETTA: Sissignore.

LIBORIO: Ah! Va buono, mò aggio capito tutte cose!... (All’arma de lo sbaglio c’ha pigliato Feliciello!)

SCENA SETTIMA

Luisella e detti.

LUISELLA (con involto di panni): Signori, scusate, ve so’ venuta a salutà pecché me ne vaco.

LIBORIO: Te ne vaje? E addò vaje?

LUISELLA: Me ne vaco de la casa vosta.

LIBORIO: E pecché?

MARIETTA: Pecché v’avite pigliata tanta collera, pecché io era mmaretata, accussì pe non darve cchiù dispiacere vaco a vedé de j a servì a n’ata casa e chi vò a me s’ha da piglià pure a maritemo; nuje alla fine de cunte simmo marito e mogliera con tutte le regole e chi nun lo crede, va alla sezione montecalvanio e l’addimanna lo vice sinneco. Però me credeva che vuje m’avarrissero voluto cchiù bene e v’avarrissero arricordato che tanto io che la signorina avimmo zucato lo stesso latte de mammella mia. Povera mammella mia, mi ricordo quanno me portaje dinto a sta casa che me dicette: Luisè guarda a Mariuccella, chella ha zucato lo stesso latte che hai zucato tu e quanno essa chiagneva, io lasciavo a te e pigliava a essa; mò sti cose nun s’arricordano, nun mporta. (Quasi piangendo:) Me ne vaco, pecché voglio sta aunita cu maritemo, vuje truvateve n’ata femmena sola, accussì restate cchiù contente; pigliateve a na femmena comme a Lucia, che sta a lu piano de coppa che dice che è zitella e pò l’ata sera, miezo a li grade abbracciava e vasava lo cuoco... (Piange mettendo la faccia vicino alla mappata come suonasse la zampogna.)

ANGIOLINA: Povera figliola, me fa proprio compassione.

MARIETTA: Papà perdonatela, vuje site tanto buono.

ANGIOLINA: M’ha fatto fà lo core quanto a nu chiappariello.

LIBORIO: Viene ccà. (Ma che sta sunanno la zampogna!). Via, non ne parliamo più! Và posa la mappata, quanno vene mariteto fammelo presentà da me, che si me conviene me piglio pure a isso.

LUISELLA: Oh! Grazie, grazie, signore mio, lassate che ve vaso le mane. (Esegue.) Signò è overo che v’avite pigliata tanta collera e dice che v’è venuto pure na cosa?

LIBORIO: Sì, ma mò m’è passato tutte cose.

LUISELLA: M’è dispiaciuto assaje assaje.

MARIETTA: No, papà aveva pigliato nu sbaglio, se credeva che l’accordatore veneva pe me.

LUISELLA: Uh! Che ciuccio!

LIBORIO: Grazie, nu poco de rispetto sempe nce vò! Va vattenne tu e vuje restateve ccà che v’aggio parlà. (Luisella via.) Capite, io me so’ pigliata tanta collera, pecché Felice vedenno na cosa de chesta faceva come dice isso: alzo in collo e me ne vaco e si se ne jeva addio speranze mie. Mò che vene s’ha da fà capì l’equivoco e che tu non c’entri con l’accordatore.

ANGIOLINA: E se capisce, sinò che figura facimmo.

LIBORIO (a Marietta): A te pò te raccomanno, cerca di mostrarti grazisa, gentile, che si chillo piglia affezione con te avimmo fatto lo colpo.

MARIETTA: Ma che colpo neh papà?

LIBORIO: Chesta non capisce maje niente! Si Felice te sposa noi diventeremo ricchi, straricchi!

MARIETTA: Ah! Vuje chesto volivene dicere? Papà mio è impossibile, stu penziero ve lo potite levà!

LIBORIO (sorpreso): Come sarebbe a dire?

MARIETTA: A me D. Feliciello non mi piace, non lo voglio bene e non lo voglio.

LIBORIO: Piace a me e basta!

MARIETTA: Chesta non è na bella ragione, pecché piace a vuje me l’aggia sposà io, mò tutto nziemo stu matrimonio miezo, papà io si m’aggia mmaretà, m’aggia piglià nu giovine a genio mio, si se trattasse de vestito, de nu piatto de mangià, allora spettarria a vuje, ma se tratta de marito e chillo è nu piatto che l’aggia scegliere io. (Via seconda porta a dritta.)

LIBORIO (alla moglie): E tu staje llà comme a na pastenaca e non dice niente.

ANGIOLINA: Che debbo dire, che debbo dire. Io me ricordo quanno mammà e papà mio me volevano fà spusà nu capitano ritirato e io risponnette: o Liborio o la morte!

LIBORIO: E fusse morta!... (Viano.)

SCENA OTTAVA

D. Panfilio, Felice indi Pasquale.

FELICE (entra dal fondo correndo con Panfilio che lo segue ed entrano nella prima quinta a dritta, poco dopo, sempre correndo, entrano seconda porta a sinistra, indi ritornano, Felice leva il cappello ed il bastone di Panfilio, posandoli sul pianoforte, indi va al tavolino e suona il campanello).

PASQUALE: Comandate!

FELICE: (Non tengo coraggio d’addimannà, fosse muorto?!). Che mi dite, guaje, disgrazie, niente?

PANFILIO: (Ha fatto lo telegramma!).

PASQUALE: E che disgrazie?

FELICE: Niente?

PASQUALE: No.

FELICE: Liborio addò sta?

PASQUALE: Lo signore poco prima è asciuto ccà fore co la signora e la signorina.

FELICE: E asciuto ccà fore?

PASQUALE: Gnorsì.

FELICE: Embè jate a vedé addò sta, dicitelo che lo voglio.

PASQUALE: Mò ve servo. (Va per entrare prima porta a destra.)

FELICE: Lloco aggio visto, animale! (Pasquale va per entrare seconda porta a sinistra.) Lloco pure, ciuccio!

PASQUALE: E addò aggia j a vedé?

FELICE: Và a vedé dinto a chell’ate camere. (Pasquale entra seconda porta a dritta:) Perdonate dottò...

PANFILIO: Mi fa meraviglia come m’avite fatto correre comme a nu pazzo, dicendomi che si trattava d’insulto.

FELICE: E un insulto è stato.

PANFILIO: E va cammenanno pe la casa?

FELICE: Sarà stato un insulto capriccioso.

PANFILIO: Voi che dite?...

FELICE: Parlava pure cacaglio.

PANFILIO: Volete dire balbuziente.

FELICE: In italiano si dice cacaglio. Quello dottò, s’ha pigliato molta collera, ve pare na figlia metterse co n’accordatore... pò all’oscuro dinto a sta cammera... se ne jette pe la fenesta...

PANFILIO Chiste so’ affare che non me riguardano.

FELICE: Lo pover’ommo ha avuto nu colpo.

PANFILIO: Basta, adesso vedremo...

SCENA NONA

Pasquale, Liborio e detti.

PASQUALE: Ecco ccà lo signore. (Via.)

FELICE (andando incontro a Liborio): Liborio mio, come stai?

LIBORIO: Sto bene, grazie, è stato nu poco de giramento de testa, ma m’è passato.

FELICE: Oh! Bravo! N’aggio proprio piacere.

LIBORIO: E chillo signore chi è?

FELICE: Come, è lu dottore; sono corso a chiamarlo... il signore è commendatore, e io non veneva ccà cu nu miedeco qualunque... da la matina alla sera non trova requie, lo chiammano tutte quante, io l’aggio trovato alla farmacia a lu portone.

LIBORIO: Tanto de l’affare che teneva?

PANFILIO: No, capite, avevo terminato il mio giro di visite e mi stavo riposando un poco in farmacia.

LIBORIO: Ma perché l’hai incomodato, io sto bene.

FELICE: No, Libò, fatte osservà.

LIBORIO: è inutile pecché io me sento buono.

FELICE: Allora navota che te siente buono. (Al dottore:) Grazie dell’incomodo, arrivederci.

PANFILIO: Ma...

FELICE: Certamente lei pure deve aver piacere che un padre di famiglia sta bene e che quest’indisposizione che l’è venuta è stata cosa da niente... arrivederci.

PANFILIO: Oh! Sì, ho molto piacere che sia stata cosa da niente e che non ha bisogno della mia assistenza, ma... ma... la visita chi me la paga?

FELICE: E che visita, non avete fatto niente.

PANFILIO: Mi sono incomodato e basta, caro signore mi spetta la visita.

FELICE: Questo poi significa profittare della bontà di uno, non avete fatto niente e pretendete la visita.

PANFILIO: Vi ho detto che mi spetta la visita e mi spetta sangue di Bacco!

FELICE: Lei senza che si riscalda, qui vi sono signori che non si curano del denaro e pagano qualunque cosa, quanto avite d’avé, mostratemi la tariffa.

PANFILIO: Mò so’ cocchiere d’affitto mò, tengo la tariffa!

LIBORIO: (Va buono Felì, dalle quacche cosa e mannannello).

FELICE: (Sì, è meglio pagarlo, sinò chiste vanno sparlanno). (Prende una lira di bronzo e gliela dà.) Tenite,

PANFILIO (conta il denaro): Una lira!... questa qua, quando venite a casa per farvi visitare la darete al mio servo.

FELICE: Ho detto bene io che volete profittare.

PANFILIO: Non è profitto, mi spetta di dritto la visita e dovete darmi 10 lire.

FELICE: Ma che dieci lire e dieci lire, me jate contanno! Tu stive jettato dinto a na farmacia senza fà niente, te vengo a chiammà, te porto ccà e te dongo na lira che baje truvanno?!

LIBORIO: (è fernuto lu rispetto!).

FELICE: Io nun so’ nu scemo, sono di Casoria e a lu dottore de lu paese mio se nce da quindece solde la visita e tene lu ciuccio, voi non avete ciuccio e na lira dice ch’è poco.

PANFILIO: E andavate a chiamà lo miedeco co lo ciuccio invece di venire a incomodare me.

FELICE: Basta levammo tutte li chiacchiere, cheste so’ 5 lire e non ne parlammo cchiù, almeno visitatelo l’amico mio.

PANFILIO: Mò sta bene, chissà dopo quell’indisposizione, la macchina è restata lesa in qualche parte. (Visita Liborio, prima gli tasta il polso, poi gli fa cacciare la lingua, poi batte sul petto e sui reni mette la testa. Felice fa lazzi.) Ma vi prego, lasciatemi fare.

FELICE: Statte zitto, t’haje pigliato 5 lire.

PANFILIO (batte forte sui reni di Liborio).

LIBORIO: Dottò, che me faccio male.

PANFILIO: Eh! dovete aver pazienza.

FELICE: Libò lascialo fà.

LIBORIO: Dì la verità li 5 lire me ne vuò fà dà ponie dinto a li rine?

PANFILIO: Appetito ne avete?

LIBORIO: Sicuro.

PANFILIO: La bocca come ve la sentite?

LIBORIO: Bene, bene.

PANFILIO: La testa vi dasse peso?

LIBORIO: No, la tengo leggiera.

PANFILIO: La digestione?

LIBORIO: La faccio bona.

PANFILIO (piega le spalle come volesse dire a Felice che non ha niente, poi va a mettersi il cappello, prende il bastone e va verso Felice, questi crede che lo vuol bastonare, lazzi, poi va via piegando le spalle, sorridendo e burlando Felice).

FELICE: D. Mimì la paparella!

PANFILIO (ritornando): Vi prego di non insultare i professori che vengono a darvi la salute.

FELICE: Tu quà salute, va trove quante n’haje mannato a lu camposanto.

PANFILIO: Se ti trovo abbascio, te spezzo li cannelle de li cosciune! (Via.)

FELICE: E chisto è nu miedeco de lo mandracchio!

LIBORIO: Chillo s’ha pigliato collera pecché m’ha trovato buono.

FELICE: Ma veramente Libò te siente proprio buono?

LIBORIO: Sì, chella è stata na piccola alterazione, ma poteva succedere peggio; e tutto pecché? Pe n’equivoco che hai pigliato.

FELICE: N’equivoco?

LIBORIO: Sicuro, pecché l’accordatore non è lo nnammurato de figliema, è lo marito de Luisella, a me non m’aveva ditto niente, pecché io femmene mmaretate in casa non ne voglio.

FELICE: E a te chi te l’ha ditto?

LIBORIO Me l’ha ditto mia moglie, mia figlia e la stessa Luisella che poco prima è venuta ccà chiagnenno che se ne voleva j, anze, aspetta nu momento, mò te lo facciò dì da essa stessa. (Via pel fondo.)

SCENA DECIMA

Pasquale e detto.

PASQUALE (con lettera): Scusate, lo padrone addò sta? Tengo na lettera pe isso.

FELICE: Damme ccà che nce la dò io. (Pasquale la dà e via, Felice guarda la soprascritta:) L’istesso carattere de la lettera d’aieri, voglio vedé che dice. (Apre la lettera e legge:) «Signore, vi ho scritto quattro lettere e non mi avete risposto, adesso non vi scrivo più. Rispondete subito a questa mia, o vengo io di persona a domandarvi soddisfazione del modo come mi avete trattata. La vostra Bettina Capozzella». Oh! Sta Capozzella m’ha rotto la capa mo! Mò le rispondo io come merita. (Siede al tavolino e scrive:) «Signora Capozzella. Io sono un uomo onesto e non rispondo ad una donna della vostra qualità! Sono ammogliato, perciò non mi seccate più con le vostre lettere, né vi azzardate di venire in casa mia, altrimenti vado a ricorre alla questura. Liborio Ciaramella». Mò vedimmo si scrive cchiù. (Suona il campanello.) Se non veniva io dinto a sta casa, chillu povero Liborio l’arrovinavano. (Chiude la lettera e scrive l’indirizzo.)

PASQUALE: Comandate.

FELICE: Portate questa lettera al suo indirizzo.

PASQUALE: M’ha da dà risposta?

FELICE: Consegnatela e tornatevenne.

PASQUALE: Va bene. (Via.)

FELICE: Na vota lu putevano mpapucchià, ma mò che nce sto io è n’ata cosa.

SCENA UNDICESIMA

Liborio, Luisella e detto poi Angiolina e Marietta.

LIBORIO: Viene ccà Luisé, dì tu stessa a D. Felice l’accordatore chi è?

LUISELLA: è maritemo Ciccillo.

LIBORIO (chiama): Angiolina, Marietta... (Le due escono.)

ANGIOLINA: Libò che buò?

LIBORIO: L’accordatore chi è?

ANGIOLINA: Lo marito de Luisella.

LIBORIO: Mariè, Luisella e Ciccillo che se’?

MARIETTA: Marito e mugliera.

LIBORIO: Te sì persuaso?

FELICE: Sì, sì...

LIBORIO: Oh! Sia lodato lo cielo! Và Luisè, và prepare lo cafè dinto la cammera de pranzo.

LUISELLA: Va bene. (Via.)

LIBORIO: è n’equivoco che hai pigliato! Mò nce pigliammo prima lo cafè e pò nce facimmo na bella cammenata pe lo Chiatamone, haje piacere, e debbo parlarti di un’affare, andiamo. (P.p.)

FELICE (mettendosi sotto il braccio di Liborio e andando con lui, dice alle donne): Scusate, perdonate, ho sbagliato. (Viano.)

MARIETTA: Mammà, vuje levatancello da capo a papà che io a D. Felice non me lo sposo, no, no e no!

ANGIOLINA: Va buono, cchiù tarde se ne parla.

MARIETTA: Vuje lo sapite che io da nu mese faccio l’ammore cu Ernesto, è nu bello giovane, me vò bene, passa tutta la jurnata dinto a lo cafè de rimpetto a la fenesta mia, m’ha scritto chelli sorte de lettere che fanno chiagnere pure li prete, è ricco, tene duje magazzine de giojellerie, pecché non me l’aggia sposà?

ANGIOLINA: Chi t’ha ditto chesto, tu saje Liborio comm’è, avimmo aspettà l’occasione che sta de genio pe nce parlà.

MARIETTA: Vuje lo sapite, chillo aiere voleva venì a parlà cu buje e cu papà, fuje io che facette segno de non venì, pecché papà steva ammoinato pe D. Feliciello.

SCENA DODICESIMA

Ernesto e dette.

ERNESTO: è permesso?

MARIETTA: Uh! Isso!

ANGIOLINA: Comme v’è venuto ncapo de venì ccà ncoppa?

ERNESTO: Scusate, io non saccio pecché non nce aggia venì, le mie intenzioni sono dirette, Marietta mi piace e me la voglio sposà e perciò sono venuto a parlare col padre.

ANGIOLINA: E chesto stevamo dicenno; Liborio terrebbe intenzione de farla sposà a n’amico sujo, nu certo D. Felice perciò...

ERNESTO: Nce sta pure chesto?...

MARIETTA: Sì, Ernesto mio, ma io ti giuro che a te voglio bene, papà have voglia de fà, have voglia de dicere che io a te m’aggia sposà e quanno me veco propria con l’acqua nganna me mengo dinto a lo puzzo e moro... accussì s’accuietano tutte quante.

ERNESTO: E sì, accussì piglie nu bagno friddo.

ANGIOLINA: Statte zitta, ca nu poco a la vota vedimmo de capacità a Liborio.

ERNESTO: Haje ntiso, nun chiagnere cchiù e pò quanno tenimmo mammà da la parte nosta, l’affare è bello e combinato.

ANGIOLINA: Fernisce de chiagnere, sinò pateto te vede co l’uocchie russe e facimmo peggio.

ERNESTO: Non te ne incaricà che papà non trovarrà nisciuna difficoltà, io so’ ricco, tengo due magazzini di gioielliere e a morte de na zia mia che è straricca io eredito tutte cose, anze essa era nemica de farme nzurà, ma aiere appena vedette o ritratto tujo, me dicette: Sì, sta figliola me piace e la zia te la fà spusà. Dunque può stà contenta.

MARIETTA: Ah! Ernesto mio!...

ANGIOLINA: Neh! Accuietete, ca mammarella toja penzarrà essa pe te.

SCENA TREDICESIMA

Liborio, Felice poi Ciccillo.

LIBORIO (di dentro): Ah! Che te pare?

ANGIOLINA: Uh, venero lloro. (Ad Ernesto:) Annasconniteve ccà. (Lo fa entrare prima porta a dritta, lei via seconda porta a dritta con Marietta.)

LIBORIO: Caffè moka.

FELICE: Caffè de monaco.

LIBORIO: Eh! Caffè de prevete... moka!

FELICE: Moka.

LIBORIO: Oh! Adesso ci andremo a fare una bella passeggiata per metterci in appetito, io me vaco a vestì, tu va te piglia lo cappiello che mò nce vedimmo.

FELICE: Tu dice che m’avive da parlà?

LIBORIO: Ti parlo per la strada. (Via a dritta.)

FELICE (burlandolo col braccio): Povero papurchio! (Via a sinistra.)

CICCILLO (con bamboccio): Chi sa addò sta Luisella, la nutriccia sta abbascio che m’aspetta, vularria subeto farcelo vedé stu piccerillo. (Guardandolo:) Peppiniello... Peppiniello de papà tujo... quanto è bellillo! Tutto de lo pate ha pigliato! Comme l’hanno nfasciato stretta sta criatura, voglio vedé si pozzo allascà nu poco la fascia. (Lo mette sulla poltrona e cerca di accomodare la fascia, guarda a sinistra.) Mamma mia, sta venenno lo pazzo che me menaje da coppa a bascio! (Covre il bamboccio con lo scialle, lasciandolo sulla poltrona e si nasconde sotto il tavolino.)

FELICE: M’aggio posto lu cappiello, ma che turzo che è chillu Liborio, se crede tutte cose, chella la serva dicette pure che l’accordatore le deva li solde, l’hanno mpapucchiato comme hanno voluto lloro... (Guarda a dritta.) Sta venenno la mogliera de Liborio, voglio sentì che dice. (Si nasconde seconda porta a sinistra.)

SCENA QUATTORDICESIMA

Angiolina, poi Ernesto, indi Liborio.

ANGIOLINA (guarda attorno, poi apre la porta): D. Ernè ascite.

ERNESTO: Eccomi quà.

ANGIOLINA: Jatevenne mò, ca sì ve vede Liborio io songo arruvinata.

ERNESTO: Mi raccomando a vuje mò.

ANGIOLINA: State sicuro, che pe parte mia faccio tutto chello che pozzo.

ERNESTO (p.p. poi ritorna): A chella povera criatura non la facite chiagnere, altrimenti vostro marito potrebbe sospettare.

ANGIOLINA: Lassate fà a me. Mò jatevenne e tornate ccà dimane verso mezzogiorno, quanno non nce sta Liborio.

ERNESTO: Quanto, quanto ve voglio bene! (Bacia la mano forte e via.)

ANGIOLINA: S’ha dda dì che è proprio nu buono giovine! (Via.)

FELICE: E che voglio vedé cchiù! Ah!... infami, assassini, povero Liborio! povero amico mio, che cosa ne hanno fatto dell’onor tuo! (Il bambino piange. Azione di Felice e Ciccillo da sotto il tavolino, Felice va a vedere, alza lo scialle.) Na criatura!... (Lo prende.) Ah! Mò capisco pecché chillu giovinotto ha ditto: non facite chiagnere a chella povera criatura, è il figlio suo, è il figlio di d. Angiolina, oh! Infamia!

LIBORIO: Felì, io so’ pronto, volimmo j.

FELICE: Addò?

LIBORIO: A lu Chiatamone.

FELICE: No.

LIBORIO: E addò vuò j?

FELICE: A la Nunziata!... (Liborio resta sorpreso, Ciccillo si dispera sotto il tavolo.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

Medesima scena degli atti precedenti.

SCENA PRIMA

Liborio, Ciccillo e Felice con bamboccio.

CICCILLO:Signore, ve giuro che m’è proprio figlio, ma comme, ve l’ha ditto pure la nutriccia abbascio a lo palazzo.

FELICE:Tu non crederti di parlare con Liborio, non crederti di parlare co nu ciuccio qualunque! Voi altri state tutti di accordo pe mbroglià a stu ntontero!

LIBORIO:Io te ringrazio tanto tanto!

FELICE:Scusa Libò, agge pacienza. (A Ciccillo:) Guardami in faccia, dentro agli occhi e rispondi... Non guardà ncielo ca te dongo nu punio sotto a li mole! Chistu ccà è proprio figlio a te?

CICCILLO:Sissignore, ma comme ve dicevo na buscia?

LIBORIO:Tu capisce o na ca so’ marito e mugliera?

FELICE:Libò statte zitto, tu me faje compassione.

LIBORIO:Tu me faje pietà Felì!

FELICE:Dunque tu dici che chisto è figlieto e pecché pò l’haje lasciato sulla poltrona? Respunne, non te mbruglià.

CICCILLO:Siccome aiere arrivaje la nutriccia, nce lo voleva fà vedé a muglierema e so’ venuto ccà de pressa, credenno de truvarla, la criatura steva stretta nfasciata e io p’allascarla nu poco l’aveva posta ncoppa a chella poltrona, pe tramente facevo chesto, site venuto vuje e io credennome che me menavene n’ata vota pe la fenesta, pe la paura m’aggio annascosto sotto chillu tavolino.

FELICE:Questa è la verità?

CICCILLO:Sissignore.

LIBORIO:Ma Felì scuse, te de chi lo vuò fà essere figlio stu piccerillo?

FELICE:Libò statte zitto, tu sì nu povero infelice!

LIBORIO:E tu nu povero disgraziato!

FELICE:Lo giurate?

CICCILLO:Ve lo giuro ca chisto m’è figlio.

SCENA SECONDA

Luisella e detti.

LUISELLA:Neh Ciccì, tu staje ccà, lo guaglione addò sta?

CICCILLO:Lo vì llà, lo tene chillu signore mbraccio.

LUISELLA:E pecché lo tene isso? Pusate ccà. (Se lo prende.) Peppeniello, Peppeniello de mammà toja! Uh! Comme s’è fatto bello! (Lo bacia.)

CICCILLO:Signò ve site fatto capace?

LUISELLA:Pecché ched’è?

CICCILLO:Chillu signore lo voleva j a menà dinto la Nunziata.

LUISELLA:La Nunziata!... Neh, comme ve vene ncapo! Vuje pecché nce avite pigliato a perseguità a nuje! Peppeniello mio all’Annunziata!

FELICE:(Vuò vedé ca io abbusco da chesta!). Ho sbagliato, me credevo che era lu figlio de la mogliera de chillo.

LUISELLA:La mogliera de chi?

FELICE:Ho sbagliato, ho sbagliato!

LIBORIO (a Ciccillo): Intanto abbiamo combinato che tu resterai in casa mia come servitore. Si contento Felì?

FELICE:La mugliera resta?

LIBORIO:Si capisce.

FELICE:Allora va bene, quanno resta la mogliera...

CICCILLO:Sì, ma nce resta pure lo marito... signò io ve ringrazio tanto tanto e ve bacio la mano. (Esegue.)

LIBORIO:Sì, ma stu piccerillo non lo voglio vedé ccà.

CICCILLO:Non signore, chillo mò se lo porta la nutriccia.

LUISELLA:Sì, quanno lo faccio vedé a la signora e la signorina e pò se ne va, permettete. (Via a destra.)

CICCILLO:Dateme lu permesso pure a me. (Con gioia:) Mò so’ servitore pure io dinto a sta casa. Che piacere! (P.p.)

FELICE:Pss, pss.

CICCILLO:A me?

FELICE:Sì, a te. Ti debbo domandare na cosa. Libò permetti?

LIBORIO:Io non pozzo sentì?

FELICE:Non può sentì. (Liborio si allontana.) M’haje ditto poco prima che vedennome a me, pe paura te sì nascosto sotto a chillu tavolino?

CICCILLO:Sissignore.

FELICE:Dunque haje veduta la mogliera de Liborio che è venuta dinto a sta cammera ed ha chiamato nu giovinotto che steva llà. (Indica a dritta.)

CICCILLO:Ma vedite signò, io... non me voglio ncuietà?

FELICE:Non t’inquieterai, l’haje visto?

CICCILLO:Sissignore.

FELICE:Allora haje ntiso che ha ditto venite quanno non c’è maritemo?

CICCILLO:Sissignore.

FELICE:Che l’ha vasato la mano?

CICCILLO:Gnorsì.

FELICE:Bravo.

CICCILLO:Mò me ne pozzo j?

FELICE:No, mò t’haje da stà. Siedi a quella sedia e aspetta 5 minute. (Indica la sedia in fondo.)

CICCILLO:Ma...

FELICE: Assettate! (Lo fa sedere per forza, poi passeggia la scena con sussiego e dice a Liborio:) Siedi.

LIBORIO:(Quacche auto guaio!). (Siede.)

FELICE (siede): Liborio, amico mio, tu devi lasciare subito questa casa e se non lo fai, domani la gente te ridarria nfaccia, tu devi abbandonare tua moglie e per sempre. Capisco che queste parole non ti possono fare piacere perché sono io e sono diventato un pezzo di gelo! Tu sei vecchio, hai una figlia, se vuoi lavare la macchia nel sangue, andrai a morire in un carcere e tua figlia resterebbe in mezzo ad una strada, povera figlia tua, abbandonata, vedendosi nella miseria, correrebbe anche lei in braccia della vergogna e del disonore!

LIBORIO:Uh! Mamma mia!

FELICE:Ma allontanandoti da tua moglie, vivrai questi altri pochi giorni felici con tua figlia e non avvelenati dal disonore!

LIBORIO:Ma che è succiesso?

FELICE:Che è succiesso? Ma come non ti sei accorto di niente?

LIBORIO:No.

FELICE:Che bontà! La bontà di quest’uomo mi fa piangere! (Piange con lazzi.)

LIBORIO:Non chiagnere che tu sì brutto quanno chiagne. Ma se pò appurà ch’è stato?

FELICE (si alza e con precauzione va a vedere alle porte se viene nessuno).

CICCILLO:Signò, me ne pozzo j?

FELICE (gli dà uno schiaffo): T’aggio ditto t’haje da stà lloco.

CICCILLO:E me date nu schiaffo.

FELICE:E si parle n’haje n’ato. (Prende Liborio perla mano.) Tua moglie, d. Angiolina, fà l’ammore cu nu giovinotto!

LIBORIO:Lievete da lloco, non nce fa vommecà.

FELICE:Zitto, stupido!... Na mez’ora fa mugliereta è asciuta da chella cammera e ha chiamato dinto a chell’ata cammera nu giovinotto che steva annascuso e ha ditto: jatevenne, ca si ve vede Liborio io songo arrovinata, venite dimane a mieziuorno quanno Liborio non nce sta e pò tanta parole amorose e isso l’ha vasato la mano e non solo l’aggio ntiso io, ma chillo che steva annascuso sotto a chillu tavolino.

LIBORIO (va a prendere Ciccillo e lo porta avanti): è vero quanto ha detto D. Felice? dimme la verità si no te ne caccio.

CICCILLO:Signò ca io non me voglio ncuietà.

LIBORIO:Non aver paura. è vero?

CICCILLO:Sissignore.

LIBORIO:Basta! Vattenne dinto e non dì niente!

CICCILLO:A chi! Io m’appilo la vocca! (Via.)

LIBORIO (passeggia e Felice gli va dietro ballando): Ah! Infame! ah! Spergiura!... (A Felice:) Tu che vuò da me? Tu che vuò?

FELICE:Come, io corro appriesso a te.

LIBORIO:E baje abballanno?

FELICE:Io non c’arrivo co lu passo.

LIBORIO:E lievete da priesso a me. Traditrice! Ingannarmi in questo barbaro modo!

FELICE:Liborio, tu hai accompagnato mio nonno quando era cieco!

LIBORIO (grida): Non me rompere la capo tu e nonneto! Io sto cu chisti guaje e chilo se ne vene co lo nonno!

FELICE:Tu, te ne’verrai con me, ti porterò a Casoria e llà non ti mancherà un asilo.

LIBORIO:Sì, dinto a na pagliara, dinto a nu pertuso qualunque.

FELICE:Tu te ne verrai in casa mia e llà non ti mancherà niente.

LIBORIO:Grazie, grazie amico mio! (Lo bacia.) E mia figlia Marietta?

FELICE:Te la porterai con te.

LIBORIO:Sì, me la porterò con me e me ne voglio andare subito, perché questa casa brucia, brucia.

FELICE:Già... (Poi a due:) Brucia, brucia!...

LIBORIO:Mò sa che faccio? Chiamo a figliema e le dico che la voglio portà a fà na cammenata e tutte e tre nce ne jammo a Casoria.

FELICE:Bravo, senza dà sospetto.

LIBORIO:Quell’infame non la voglio vedé più!

FELICE:Và chiamma a figlieta.

LIBORIO:Aspetta. (Suona il campanello.)

SCENA TERZA

Pasquale e detti, poi Marietta.

PASQUALE:Comandate?

LIBORIO:Dì a mia figlia che venisse ccà nu momento.

PASQUALE:Sissignore. (Via seconda porta a dritta.)

FELICE:Libò, io mò sa che faccio, m’abbio io nnanze e t’aspetto dinto a lu cafè de Testa d’Oro, tu vieni con tua figlia e nce ne jammo.

LIBORIO:Sì, non ce voglio restà manco n’atu momento dinto a sta casa, tengo la vocca amara come lo fele, guarda... (Caccia la lingua.)

FELICE:E io... (Caccia la lingua.) Parimmo duje cane!

PASQUALE:La signorina ha ditto ca mò vene.

FELICE:Andate nella mia stanza e prendetemi la balice e l’ombrello.

PASQUALE:Signori, ve ne jate?

FELICE: Sì.

PASQUALE:Uh! Quanto me dispiace!

FELICE:Vattenne, che tu n’haje piacere! (Lo spinge, Pasquale via.) è meglio che me ne vaco, pecché si mugliereta esce ccà, potrei commettere qualche bestialità, io ti voglio troppo bene.

PASQUALE (con balice ed ombrello): Ecco la balice e l’ombrello.

FELICE Grazie. (Pasquale via.) Libò hai ntiso? Io t’aspetto a lu cafè de Testa d’Oro. (Col fazzoletto si asciuga le lagrime.) Vieni presto, non me fà stà mpensiero, che nce vuò fà, l’uomo dev’essere forte per affrontare le sventure, coraggio, non te piglià collera, che io te porto con me a Casoria, llà te faccio pazzià co li vozzolose! (Alza gli occhi al cielo e via.)

LIBORIO:Disonorarmi così barbaramente, lei, che era tanto buona ed affezionata con me, ma io non me pozzo arrivà a fà persuaso comme ha truvato uno che s’ha puosto a fà l’ammore cu essa!

MARIETTA: Papà, m’avite mannato a chiammà, che volite?

LIBORIO: Sì, figlia mia, viestete che ti voglio portà a fà na cammenata, è na bella jurnata.

MARIETTA:Uh! Papà comme v’è venuto ncapo stammatina, vuje non m’avite voluto portà maje.

LIBORIO:E perciò aggio ditto, chella povera figliola non esce maje, le voglio fà piglià nu poco d’aria.

MARIETTA: Chesta è proprio na novità, e addò jammo neh papà?

LIBORIO:A Casoria.

MARIETTA:A Casoria?! E che ghiammo a fà a Casoria?

LIBORIO:(Uh! Aggio ditto a Casoria!). Già, che ncejammo a fà a Casoria? Ti porterò in campagna.

MARIETTA:Veramente!... Uh! Che piacere!... Allora ha da venì pure mammà?

LIBORIO:No, mammà non viene.

MARIETTA:Mammà non vene? Allora non vengo manco io.

LIBORIO:Tu devi venire, perché devi ubbidire a tuo padre. (Grida.)

MARIETTA:E pecché mammà non ha da venì?

LIBORIO:Perché così voglio e basta cattera! (Grida come sopra.)

SCENA QUARTA

Angiolina e detti.

ANGIOLINA:Neh, che so’ sti strille? (Liborio freme per la rabbia.)

MARIETTA:Che saccio, papà ha fatto l’uocchie de pazzo.

ANGIOLINA:E perché?

MARIETTA:Me vò purtà ncampagna a me sola, a vuje non ve vò portà.

ANGIOLINA:Uh! E pecché non me vuò purtà?

LIBORIO:Perché non siete più degna di venire con me, perché non siete più degna di portare il mio nome.

ANGIOLINA (tragica): Signore spiegatevi!

LIBORIO: Ah! Volete una spiegazione? (A Marietta:) Vattenne dinto tu.

MARIETTA:Ma...

LIBORIO:Vattenne dinto, t’aggio ditto! (Grida.)

MARIETTA:Eh!... (Via.)

LIBORIO (passeggia rabbioso poi si appoggia alla spalliera di una sedia): Volete una spiegazione dopo tutto quello che mi avete fatto, volete una spiegazione dopo di avermi coperto di dissonore e di obbrobrio! Io esco da questa casa per non ritornarci mai più, voi resterete sola, libera e potete fare tutto quello che vi pare e piace ma per poco, sì, per poco! Mia figlia non ha voluto venire con me col buono, ma ci verrà colla forza. Io per voi non esisto più, per voi Liborio è morto! (L’afferra per le mani.) Io vi guardo, vi fisso negli occhi e in voi non veggo più Angiolina., non veggio più mia moglie...

ANGIOLINA:E chi vedi?

LIBORIO:Chi vedo?... Margherita Gouttier!!!...

ANGIOLINA (con grido): Ah! No! Io non sono Gouttier, ma sono Lucrezia la madre dei Gracchi! (Cade svenuta su di una sedia.)

SCENA QUINTA

Marietta e detti.

MARIETTA (corrrendo): Uh! Mammà ch’è stato? Mammà?...

ANGIOLINA (rinvenendo): Figlia mia andiamo, quest’uomo è pazzo.

LIBORIO:Pazzo! Io lo fui quando me mettiste co la capa miezo a li matarazzi. (Afferra Angiolina con rabbia.)

ANGIOLINA:Ah! Ca tu me faje male.

LIBORIO:Chi era quel giovinotto che tu hai fatto uscire da quella stanza e gli hai detto: jatevenne che si ve vede Liborio songo arrovinata, venite dimane a mieziuorno quanno non nce sta Liborio e pò t’ha vasato la mano. (Gridando:) Chi era?!

ANGIOLINA:Ah! Forse D. Ernesto?

LIBORIO:D. Ernesto il tuo innamorato?

ANGIOLINA:Lo nnammurato mio? Ah, ah, ah!... (Ride.)

MARIETTA:Lo nnammurato de mammà? Ah, ah, ah!... (Ride.)

LIBORIO:E ched’è sta risa?

ANGIOLINA:Chillo è nu giovinotto che da nu mese me sta preganno che lo facesse parlà cu te, pecché se vò spusà a Marietta...

LIBORIO:Uh! Mamma mia!

ANGIOLINA:E siccome tu sì stato tanto ammuinato pe D. Felice, aiere quanno venette le dicette che non era lo momento de parlà a Liborio e che fosse venuto ogge.

LIBORIO:Possibile!... non m’ingannate?

MARIETTA:Sissignore papà, anzi chillo sta dinto lo cafè de rimpetto, mò le faccio segno che sagliesse. (Via a sinistra.)

LIBORIO:(Feliciello me n’ha combinata n’ata!) Ma perché poi te vasaie la mano?

ANGIOLINA:Pecché io le dicette che nce penzavo io pe fà capace a te e isso ringraziannome me vasaie la mano.

LIBORIO:M’avevano ditto che era lo nnammurato tujo.

ANGIOLINA:E tu l’hai creduto, crudele!

LIBORIO:(Mò accomminciammo cu chesta mò!)

ANGIOLINA:Tu sai che ti voglio bene, tanto bene, ero capace di tradirti!

LIBORIO:E io chesto dicevo, comme l’aveva potuto trova n’ommo, che se metteva a fà l’ammore cu te.

ANGIOLINA. Perché, tutti me lo dicono che io sono na simpaticona.

SCENA SESTA

Marietta e detti, poi Ernesto.

MARIETTA:Papà, Ernesto sta saglienno, appena l’aggio fatto segno è corruto. (Va in fondo e guarda.)

LIBORIO:Aspetta, è corruto, l’aggio fatto segno; ma chi è stu D. Ernesto?

ANGIOLINA:E nu bravo giovine, tene 2 magazzine di gioiellerie, tene na zia ricca che quanno more lassa tutto a isso, falle contente.

LIBORIO:Basta, mò vediamo.

MARIETTA Eccolo ccà.

ERNESTO:è permesso?

LIBORIO:Avanti, avanti, senza complimenti.

ERNESTO:Grazie.

LIBORIO:Dunque Voi siete?

ERNESTO:Ernesto Roselli, figlio del fu Vincenzo, avvocato.

LIBORIO:Ah! voi siete il figlio dell’avvocato Roselli?

ERNESTO:L’avete conosciuto?

LIBORIO:Sì, molti anni dietro.

ERNESTO:Ne ho proprio piacere.

LIBORIO:E volete sposare mia figlia?

ERNESTO:Sissignore, ho parlato anche con la vostra signora.

LIBORIO:Eh, ma aviveva parlà primma con me.

ERNESTO:Ve lo dico adesso, ed è l’istesso. Le mie intenzioni sono dirette, tengo 2 magazzini di gioiellerie, tengo una zia ricca che a morta sua eredito tutte le sue ricchezze e posso renderla felice.

LIBORIO:Sì, me persuade. (E chisto è nu buono affare!... uh! mò che nce penzo, Feliciello me sta aspettanno a lo cafè de Testa d’Oro!...) D. Ernè, io acconsento a questo matrimonio; ma però debbo prima prendere informazioni sul vostro conto e poi...

ERNESTO:è troppo giusto.

LIBORIO:Capite, sono padre... oh! ma mò m’avite da fà nu piacere, avite da venì nu momento con me al caffè di Testa d’Oro, per mettere in chiaro un equivoco che aveva preso un’amico mio.

ERNESTO:Scusate e che c’entro io con l’equivoco de l’amico vostro.

LIBORIO:C’entrate sicuro, pecché chillo se credeva che vuje faciveve l’ammore con mia moglie...

ERNESTO:Uh!... (Ride.)

ANGIOLINA:Capite, io sono maritata.

ERNESTO:Lo sò signora mia... (E chi lo voleva passà stu guaio!) (Liborio va vicino alla consolle per mettersi il cappello, Ernesto salutando:) Signora... (Poi a Marietta:) Marietta mia, sì contenta? (L’abbraccia.)

MARIETTA:Sì, Ernesto mio.

LIBORIO (si volta e lo vede): Embè?

ERNESTO:Scusate.

LIBORIO:Vi ho pregato che debbo prima informarmi e vuje abbracciate, non sta! (Viano.)

ANGIOLINA:Mò può stà cuntenta?

MARIETTA:Oh! sì, mammà mia cara cara! (L’abbraccia.) Intanto papà se credeva che Ernesto veneva pe vuje.

ANGIOLINA:Chillo sarrà stato D. Feliciello che m’ha combinato stu servizio.

MARIETTA:Da che è venuto chillo dinto a sta casa s’è perduta la pace.

SCENA SETTIMA

Ciccillo, Luisella e dette.

CICCILLO (con bamboccio): Signò, Peppeniello se ne va, le volite dà nu vaso?

ANGIOLINA:Uh! Sì, sì! (Lo bacia.)

MARIETTA (lo bacia anche lei): Quant’è aggraziato!

CICCILLO:Dateme lo permesso che lo porto alla nutriccia che sta aspettanno.

LUISELLA:Guè, raccomannancello sà, dance li mesate e dincello che lo mese che trase me lo portasse a vedé.

CICCILLO:Va buono. Signori permettete. (Via col bambino.)

LUISELLA:Signori, jammo a vedé da coppo a la fenesta.

MARIETTA:Sì, sì, jammo. (Viano.)

ANGIOLINA:Ah! Quanto pagherei per fare io un bambino come quello! (Via.)

SCENA OTTAVA

Pasquale e Totonno.

PASQUALE (di dentro): V’aggio ditto che lo signore non ce sta...

TOTONNO (c.s.): Non me ne importa, io voglio parlà co la mugliera. (Spinge a Pasquale.)

PASQUALE:(Chisto è proprio nu facchino!) Ma D. Liborio non ce sta.

TOTONNO:Ma la mugliera ce sta?

PASQUALE:Sissignore.

TOTONNO:E chiammammella.

PASQUALE:Mò ve la vaco a chiammà. (Vì che se passa!) (Via a dritta.)

TOTONNO:Aggia vedé sta mugliera chi è... e l’aggia dicere tutte cose. Aveva capità justo a sorema stu viecchio farenella, isso s’ammoinaie cuntannole tanta chiacchiere, che se la voleva spusà e pò doppo quatte lettere che l’ha mannato sorema, chillo risponne de chesta manera: «Io sono ammogliato, non rispondo ad una donna della vostra qualità, non venite in casa mia altrimenti vado a ricorrere alla questura». E pe chi aveva pigliata a sorema?... l’aggia rompere e cannelle de li gamme! (Caccia da sotto lo scialle il mazzarello.) Mò parlo co la mugliera e si nun lo vatte essa nnanze a me, lo vatto io nnanze a essa, così s’imparano questi vecchi vizioso!...

SCENA NONA

Angiolina, Pasquale e detto.

ANGIOLINA (uscendo): Ma chi mi vuole?

PASQUALE:Sta signora ccà. (Via per il fondo.)

ANGIOLINA:Favorite, accomodatevi.

TOTONNO:Grazie. Vuje site la mugliera de D. Liborio Ciaramella?

ANGIOLINA:A servirvi.

TOTONNO:(Me n’aveva d’addonà, chillo è ciaramella, chesta è na grancascia!). Io so’ Totonno Capozzella e abito alla strada S. Maria Ognibene n. 21, dicite a lo marito vuosto che non ghiesse ngannanno li figliole ca se fanno l’affare lloro!

ANGIOLINA:A chi ha ngannato?

TOTONNO:A sorema! Proprio a sorema! Già, a sorema d’isso non ce ne preme, pecché chillo non fa specie a nisciuno, su lo cu vuje s’ha potuto arremmedià.

ANGIOLINA:Come!

TOTONNO:Ma m’è dispiaciuto de la burla che l’ha fatta dicennole che non era nzurato.

ANGIOLINA:Liborio!

TOTONNO:Liborio sì, Liborio sì, cuntannole tanta chiacchiere, che se la voleva spusà.

ANGIOLINA:Uh! Faccia mia! Comme isso è stato capace de fà chesto?

TOTONNO: Signò, vuje l’avite da vattere e si nun lo vattite vuje, lo vatto io.

ANGIOLINA:Vattere, io le voglio scippà l’uocchie!

TOTONNO:Sentite. Na sera doje compagne de sorema furono invitate da li nnammurate lloro a ghì a lo teatro e se vulettero purtà a forza pure a Bettina. Doppo lo teatro volettere fà na cena e ghiettene tutte e 5 a na trattoria a lo vico rotto S. Carlo, pe tramente stevene cenanno se ne venette lo marito vuosto e siccome era amico de 2 nnammurate, l’invitarono a cena nzieme cu lloro, isso s’assettaje dicenno che non voleva niente, ma po se mangiaje dudece mazze d’acce e se vevette da tre litri di vino. Doppo cenato e duje nnammurate de li compagne de sorema se pigliarono alloro doje pe sotto a lo vraccio e isso D. Liborio, se vulette purtà sotto lo vraccio sujo a sorema e pe la strada le facette na dichiarazione amorosa, lle promettette che la matina veneva a combinà lo matrimonio, la mattina nun se vedette e né c’è venuto cchiù, sorema p’assicurarse si diceva a la verità, le scrivette na lettera e non rispunnette, doppo quatte lettere che l’ha scritto, stammatina riceva sta risposto: Io non rispondo ad una donna della vostra qualità, sono ammogliato, non venite in casa mia, altrimenti vado a ricorrere alla questura. Io l’aggia rompere li gamme cu stu mazzariello! (Lo mostra.)

ANGIOLINA:Bello giò, astipate lo mazzariello!

TOTONNO:Si avesse ditto, scusate, abbiate pazienza, chella sera io stavo mbriaco, meno male, ma scrivere de chella manera non m’ha fatto vedé cchiù. No, signo, vuje m’avite dà soddisfazione sinò me la piglio io.

ANGIOLINA:(E quanno ha avuto da essere... ah! Quanno io e Marietta jettemo a Puortece. Ah! Infame, infame! Lo voglio accuncià io! E me faceva pure lu gelusiello!).

SCENA DECIMA

Liborio, Felice, Ernesto e dette, poi Marietta.

LIBORIO (di dentro): Pasquale, Pascà.

ANGIOLINA:Ah! Lo vì ccà, non ve facite vedé, mettiteve dinto a sta stanza ccà. Ve chiammo io quanno è lo mumento. (Indica prima porta a dritta.)

TOTONNO: Va bene, io traso addò vulite vuje. Signò, ve prevengo che si nun lo vattite vuje, io esco e l’abboffo comme a nu vaccariello.

ANGIOLINA:Trasitevenne e lassate fà a me. (Totonno entra.)

LIBORIO: Tutto è chiarito, tutto è spiegato.

FELICE: Scusate, ho sbagliato.

ANGIOLINA: (L’infame eccolo qua!).

LIBORIO:Ngiulì ched’è, nun saccio comme te veco!

ANGIOLINA:Niente, niente, me fa male nu poco la capa.

FELICE:Signora mia, voi scuserete se ho potuto dubitare della vostra onestà, ma voi capirete quando si vuol bene ad un amico, si vede una cosa per un’altra e... (Vede Angiolina che pensierosa guarda altrove.) (Eh! Sto parlanno io e la fenesta!)

ANGIOLINA:(Ccà mò nce stanno chiste, non pozzo fà niente... ah! Che bello penziero che m’è venuto). Libò, trase nu momento dinto a sta cammera che nce sta n’amico tujo che te sta aspettanno.

LIBORIO:E chi è?

ANGIOLINA:Non lo conosco. M’ha ditto che t’ha da parlà necessariamente.

LIBORIO:Signori miei permettete nu momento. (Entra.)

MARIETTA (uscendo): Ah! Ernesto mio.

ERNESTO:Marietta mia cara, cara.

FELICE:Bravi, bravi, io vi benedico! (D.d. rumore di legnate.)

LIBORIO (d.d.): Ah! Mannaggia l’arma de mammeta!

TUTTI:Che cos’è?!...

ANGIOLINA:Niente, niente, sta scherzanno cu chill’amico.

FELICE:All’arma de lu scherzo!

LIBORIO (d.d.): Statte, che tu m’arruvine!... (Fuori:) (Ah! puozze passà nu guaio, m’ha struppiato!). (Contorcendosi.)

FELICE:Libò che è stato?

MARIETTA:Ched’è papà?

ERNESTO:Ched’è papà?

ANGIOLINA:Niente, niente, quanno vene chill’amico scherzano sempre.

LIBORIO:Sicuro, avimmo scherzato! (Ah! Li rine, mò moro!)

SCENA ULTIMA

Totonno e detti poi Luisella.

TOTONNO: (Ah! M’aggio cunzolato!).

LIBORIO (Haje da j sotto a nu trammè!).

TOTONNO: Dunque signò io me ne vaco, nce simmo ntise, l’indirizzo mio lo sapite, quanno avite bisogno de me mannateme a chiammà ca io subeto ve vengo a servì. (A Liborio:) Signò stateve buono.

LIBORIO:Addio, addio!

TOTONNO:(Si viene lo quartiere mio, t’aggia fà na paliata peggio de chesta!).

LIBORIO:(Aspetta ca mò vengo!).

TOTONNO:Signori. (Via.)

MARIETTA:Mammà chisto chi è?

ANGIOLINA:è lo sarto nuovo che aggio pigliato.

FELICE:E che è venuto a piglià la misura a Liborio?

ANGIOLINA (a Liborio): (Pò quanno restammo a sule facimmo li cunte, t’aggia fà lo riesto).

LIBORIO:(Chesto lo saccio!).

ERNESTO:(D. Felì, io credo che D. Liborio ha abbuscato veramente).

FELICE:(Lo credete? Mò nce lo domando io, a me dice tutto!).

LUISELLA (uscendo): La colezione è pronta.

FELICE:Oh! Bravo, a tempo a tempo. Signori miei andate avanti, debbo domandare una cosa a Liborio, adesso vi raggiungeremo. (Tutti viano pel fondo.) Liborio, amico mio, tu hai accompagnato mio nonno.

A2: Quann’era cecato!...

FELICE:A me devi dire la verità, tu haje abbuscato overamente?

LIBORIO:Aggio abbuscato overamente, io aggio avuto chesta paliata da lo frate de chella Bettina Capozzella che io ti parlai.

FELICE:Chillo è lo frate de Bettina Capozzella?!...

LIBORIO:Chella llà; è tutto pecché? pe sta cancara de lettera (la mostra), vularria proprio sapé chi nce l’ha mannata.

FELICE:Questa qua? (La guarda.) Ce l’ho mandata io.

LIBORIO:Tu?!!

FELICE:Io, sì!

LIBORIO:Eh! caro amico. E tu si non te ne vaje da dinto a la casa mia, tu overamente me lo faje passà nu guaio!

FELICE:Ho sbagliato, me credevo de fà bene e aggio fatto male!

LIBORIO:Qua bene, vattenne, vattenne, non te voglio vedé cchiù! (Con le braccia in alto, via gridando.)

FELICE:Questo mò è l’istesso cu buje. (Al pubblico) Facciamo il caso che sta commedia non v’è piaciuta, io che ci posso fare? Posso dirvi soltanto signori miei, scusate, ho sbagliato!!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 30 volte nell' ultimo mese
  • 247 volte nell' arco di un'anno