L’amore al tempo dei briganti

Stampa questo copione

Luglio 2016.

L’ AMORE AL TEMPO DEI BRIGANTI

Commedia un due atti di

Raffaele Caianiello

Canovaccio a sfondo storico e una vicenda che fa riflettere non poco, che fa andare con la mente a quanto studiato o a quanto raccontato dai nonni, ma la penna di Raffaele Caianiello sapientemente fa affiorare di continuo il sorriso a quanti leggono il testo di questa commedia. Battute delicate che portano in un’atmosfera di altri tempi, dove si incontrano personaggi ‘veri’, di carattere, come Sisina, ‘femmena e qualità’. Dove ci si imbatte nei ‘padroni’ che hanno determinato il bello ed il cattivo tempo per quanti avevano a lavorare “a padrone” decidendone il salario e la giornata lavorativa, personaggi che vivono in agiatezza in spregio al lavoro dei sottostanti: ‘Per noi aristocratici e latifondisti   non è cambiato niente, stavamo bene con i Borboni e staremo meglio con i Piemontesi’. Personaggi per i quali non fa differenza il nome di chi è al comando, che badano solo ai propri interessi senza rendersi conto della vera ricchezza che hanno in casa: la gratitudine incondizionata di chi vive con loro, fino a quando scatta il ‘qualcosa’ che fa aprire gli occhi ed i cuori a chi li aveva chiusi per sopravvivere o per quell’attitudine a comandare che impone un certo stile di vita. E’ così per Don Michele che si ritrova a riflettere sulle sue azioni: ‘E’ da un po di tempo a questa parte  che  quanne facce na cosa bone me se regne o core ! Forse me so fatte viecchie!’ e, pronta, la replica di Sisina a dare quella che è la spiegazione dettata dalla saggezza e dalla conoscenza dell’uomo e della sua natura, del suo reale ‘essere’ senza fermarsi all’apparire: ‘Voi non siete mai stato cattivo …severo si ! A volte anche con voi stesso!’. Le gag che hanno delineato lo stile delle commedie di Caianiello lasciano spazio a scene ben diverse da quelle cui ci ha abituati, pochissimi equivoci, nessun vizio portato all’esasperazione, tutto si svolge con la giusta dose di moderatezza, senza stravolgimenti. Un solo colpo di scena che completa il bellissimo mosaico di sentimenti esternati dai personaggi ben amalgamati con una conclusione che porta l’attenzione alla cronaca odierna, attuale ora come allora, con le riflessioni sugli orrori delle conseguenze dei conflitti armati: ‘Quante è brutta a guerra!’ ed il dilemma che si pone il sacerdote, don Luigi, figura mite ma necessaria a cucire i fili che conducono al finale della storia: ‘A volte mi chiedo che senso ha? Dove si è nascosta l’umanità! Perché  scatenare queste violenze inaudite  ,perché mettere i fratelli contro i fratelli e distruggere ciò che si è realizzato. Perché martirizzare il mondo, abbruttire le persone...perchè?’. Una domanda a cui risponde, ancora una volta, la saggezza di Sisina: ‘Solo Dio lo sa!  lo scempio che hanno fatto quei  soldati nelle strade è spaventoso!…donne…bambini . sembra che quella gente ha perso il senso della pietà! e ancora una volta ci toccherà di ricostruire quello che la guerra ha distrutto!’, una saggezza che sa dare risposte e che sa guardare con fiducia al futuro con la consapevolezza del fatto che la vita va

vissuta in tutte le sue sfaccettature perché ogni medaglia è costituita da due facce e bisogna accettarle e fare tesoro di entrambe, nell’attesa e nella speranza di poter godere di ciò che ci sembra meglio: ‘Noi oggi siamo felici ma  un giorno la felicità sarà anche di quelli che oggi hanno la tristezza nel cuore. La vita in fondo è così! Il bene, il male, le cose belle e quelle brutte arrivano entrambe e vanno accettate perché esse non arrivano mai  per caso’.

Personaggi. 8 U. 7 D.

 DON MICHELE       TRAMUNTI             

TOMMASO:                        avvocato                 

DONNA SISINA       governante

TANUCCIO               giovane lavorante

MASTUCCIO            fattore di Don Michele

CARMELA                 donna di servizio

ANNARELLA            ostessa

EMILIA                      giovane lavorante

LINELLA                    figlia di Annarella

PADRE LUIGI           prete

ROSINA                    vedova

NINNILLO                 figlio di Rosina

MARIA detta a       LIBARDERA   brigantessa

CAPAFIERRE                        brigante

VITTORINI                Ufficiale piemontese

La commedia è ambientata alla fine del 1861 dopo  l’avvenuta unità d’Italia!La scena del primo atto si svolge in un  paese  del Beneventano. Siamo  nel salone di casa di Don Michele Tramunti proprietario terriero. Una comune e due porte ,una posta a sinistra e l’altra a destra. Mobili e divano, quadri alla parete di cui uno raffigura la madonna dell’arco ed uno la defunta moglie di Don Michele! Un orologio a pendolo   e una scrivania posta a sinistra con sedie. In scena   Sisina,    ferma vicino ad una porta , ha in mano una lampada ad olio  e ogni tanto la scuote come a fare dei segnali verso l’esterno

SISINA: ( Sulla cinquantina , donna austera e autoritaria  che nasconde  una bellezza particolare  . Indossa un vestito nero con un colletto bianco e uno scialle che gli ricopre parzialmente  i capelli ) niente! Nun se vede ancore! ( dà un’occhiata all’orologio a pendolo posto di fronte) chesta me fa passà nu guaie a me! ( da un’occhiata alla comune e poi fa ancora segnali) pare ca veche n’ombra ….sperannne  che è lei ( entrano Libardera e Capafierre)

LIBARDERA: ( indossa un pantalone largo e una camicia a quadri porta degli  stivali e  in testa un foulard ed è visibile una pistola nella cinta, Capafierre anch’esso vestito allo stesso modo porta una cartuccciera e un fucile )  Donna Sisì  stamme ccà!

SISINA:   e o papa sta a Roma! vann’accidere a tutte duie! È mezore ca vagge apierte o cancielle e nun sia mai che se n’accurgevene e guardiane!

CAPAFIERRE: quanne simme trasute lagge chiuse e abbasce ce sta Sanacore e guardie! Jamme facimme ambresse!

SISINA: (   da un’occhiata alla comune,poi apre la porta entra e ne esce con un fagotto vuluminoso e lo consega a Capafierre ,poi rientra e ne porta un altro e lo consegna a Libardera) ecco qua è tutt chelle ca so riuscito a mettere da parte!  ( poi mette una mano in tasca e tira fuori un fazzoletto annodato ) Libardè cheste è ammericina pe Secacorne

LIBARDERA: meno male tene na freve e cavalle! Dinte o sacchette  ce mise pure nu poche  e larde ?

SISINA: sissignore ma mo jate! E quasi ora ca vene  Don Michele!

LIBARDERA: Si ..  si jamme …grazie a zi! O signore to renne!

SISINA:   e Don Michele  me spezza e rine si se n’accorge… jate e stateve accuorte e guardiane

CAPAFIERRE:  nun te preoccupà… a chest’ora stanne tutte a magnà!

SISINA: ( si sentono voci di gente che arriva) sta arrivanne qualchedune  jate …fuite e chiude o cancielle mo che uscite

LIBARDERA:  si … nun te preoccupà.. jammuncenne Capafiè! ( escono)

SISINA: ( si affaccia alla porta della comune ) chesta sarrà Carmela me parute a voce soia ( prende il lume e lo adagia sulla scrivania mentre entrano Carmela e Paulucce e si rivolge a loro in modo autoritario) ah siete voi che dovete fare?

PAULUCCE: ( sulla cinquantina, porta con se un quadro) scusate donna Sisina …je avesse sistemà o quadre e don Michele ncoppe a parete e fronte

SISINA: famme vede.. ( Paulucce gli mostra il quadro) si ..pare ca le rassumiglie, va buone… fa chelle che e fa  e tu Carmè quanne a fernute chiudi e vieni giu!

PAULUCCE: donna Sisì, ma o quadre addò l’agge appennere

SISINA: pecchè don Michele nun te la ditte?

PAOLUCCE: no a ditte ca ce penzaveve vuje

SISINA: ah si? E allore (si avvicina al quadro della defunta moglie di Don Michel e indica ) mittele cca a sinistra do quadre da signora! Je scenne abbasce  e quanne avite fernute scinnite pure vuje  ambresse  … ( li guarda con severità) e  nisciune ammuccamiente ( esce)

CARMELA:  (sulla cinquantina , saccente e grossolana.Veste un po trasandata. ) sissignora!( A Paulucce ) e viste? Pare ca è essa a padrona! Da quann è morta a signora Don Michele la date o cumanne da casa e nuje avimme fa chelle ca vo!

PAULUCCE: è na femmina e qualità!

CARMELA: si .. sadda riconoscere ma je penze ca tene pure nu poche e debbule pe Don Michele e nun o fa avvedè!  Beh   jamme mitte stu quadre e fa ambresse ca tenche cheffà

PAULUCCE:   pe me te ne puoi pure je! Je metto o quadre e Don Michele e me ne vache

CARMELA: e si! E po te lasse dinto o salone a te sule! Accussì vene Don Michele e me fa na chiavica! e sentute a donna Sisina? Agge sta cca! tagge cuntrullà!

PAOLUCCIO:  e cuntrolle!  Ma pigliate pe nu mariuole!  (prende una sedia ci sale sopra e   con un martello comincia ad inchiodare il quadro di Don Michele) oh eqque qua me pare ca sta dritto! ( scende, lo guarda  inclinando il capo in modo comico una volta a sinistra e una volta a destra) no ..penne a mancine ( sale ,riaggiusta,  riscende e controlla come prima) no .. mo  me pare ca penne a destre ( si allontana un po e ossserva inclinando il capo come prima mentre  Carmela lo osserva) Uhmmm, nun so sicure si penne a a destra o a sinistra!

CARMELA: (  si avvicina fa finta di guardare pure Lei)  secondo me nun è o quadre ca penne!

PAULUCCE: ah  no? E ca penne?

CARMELA: a cape toje! Guarda cca gua’!ne fatte e munnezze pe terra! Nun te putive sta nu poche chiiu accorte!

PAULUCCE: ohe Je facce o maste e aggiuste! Tu faie i a cammarere? .. e pulizze!

CARMELA: e je e cerevelle te pulizzasse si e tenisse!

PAOLUCCE: ( gli avvicina e la tocca) eh … stai accussì pecche nun tagge rinfrescate a paricche eh?

CARMELA:(  si scosta) leve sti mane a cuolle e va a rifrescà a nate! E si ! tenimme l’aucielle pulitore!  Appriesse appriesse e scarte e Don Michele!

PAULUCCE: pecchè tu  forse nun ce si passate pe sotte e lenzole  do padrone?

CARMELA: quanne ce so passate ere figliole! Mo sto o poste mie! Mentre tu continue a fa o leccatiane! ( pulisce)

PAOLUCCE:  si ma allecche e tiane nuvelle!

CARMELA: e fa fa!  Sempe qualchedune te rompe e corne! Tu faie comme e Puttane e i  cavalle e carrozze :bona giuventù e mala vecchiaia ! E quanne te faie chiu viecchie e  nun te fire chiu, nisciune te guardarrà facce e faraje a fine do perucchie!

PAULUCCE: e tu chelle vuoie eh? Ca me te spusasse! Ma quanne e tanne a te… a panza sarrepecchia e ‘a chitarra nun sona chiù!  Va va… ( guarda il quadro) va buone! Je vache e …. Si me vuoie …tuzzuleie …a porte è aperta ( esce)

CARMELA: e certe!   Ma primme o poi cca e venì!

 ( entrano Don Michele e Tommaso) Buongiorno Don Michè, buon giorno Avvocà. Je agge fernute  accomodatevi  ( esce)

Don Michele:  (  sui sessanta. Veste elegante  va verso la scrivania , seguito d Tommaso  si siede e comincia a controllare dei documenti mentre Tommaso volge lo sguardo  al quadro raffigurante Michele   )  Allora Avvocà, voi mi state dicendo che con  questa legge  possiamo acquistare a poco prezzo tutto i terreni demaniali che confinano con i nostri

TOMMASO:( sulla cinquantina, ben vestito e con un sigaro sempre acceso in bocca) si e in barba a quella marmaglia di contadini che stavano alzando la testa dopo che Garibaldi, aveva promesso di spartirle fra di loro . Ma le promesse in tempo di guerra servono solo a convincere i fessi e Garibaldi ormai  ottenuto quello che voleva si è fatto da parte e tutto è come prima! Ora   Il nuovo governo  con questa  legge  ha deciso di mettere all’asta tutti  beni demaniali del sud italia compresi quelli che appartenevano alla chiesa!

DON MICHELE: già ma essendo   terreni messi all’asta anche i contadini potrebbero acquistarli! ( si accende anche lui un sigaro)

TOMMASO: potrebbero …. Avete detto bene! Ma chi sono quei contadini capaci di far fronte ai nostri capitali in un’asta pubblica? E poi Le spartizioni   per   territorio saranno gestite dai sindaci e dai piemontesi per non parlare che questo governo, ha aumentato le tasse e questo non va   certo  a  favore  dei contadini

DON MICHELE: che inevitabilmente si troveranno a lavorare la terra per conto nostro!

TOMMASO: esatto!  Come vede per noi aristocratici e latifondisti   non è cambiato niente, stavamo bene con i Borboni e staremo meglio con i Piemontesi

 DON MICHELE: e quindi …. Di quei terreni faremo man bassa e poi i contadini sono genti rozze e ignoranti … basta promettere loro il lavoro e il gioco è fatto!

TOMMASO : Già ! Anche se alcuni si sono ribellati e si sono dati alla macchia

DON MICHELE: Già! I briganti! Quelli sono destinati ad andare tutti in galera oppure essere tutti ammazzati! Non hanno speranza…. Per cosa lottano per i terreni? Non potranno mai averli! Per il lavoro? Ebbene il lavoro c’è ma   alle nostre condizioni!

 TOMMASO :   certo anche se molti di questi briganti  per lo più sono giovani renitenti alla leva obbligatoria e quelli sono i più pericolosi!  Allora d’accordo, io arrivo in comune a sentire il sindaco e poi voi lo invitate ad una bella cena e …. Il gioco è fatto … ah naturalmente inviterete anche il capitano piemontese …. Che nel bene e nel male ci   protegge dalle scorribande da quei dannati briganti.

DON MICHELE: per questo ho già molto uomini al mio servizio che ci pensano ma comunque quella è gente che è meglio tenerla amica

TOMMASO: specialmente in questo momento. Beh io allora vado. A dopo ( si alza ed esce)

DON MICHELE: (  con aria soddisfatta, accende un sigaro e sii versa un bicchiere di cognac) oh i piemontesi l’hanno capita che noi latifondisti possiamo esser loro di aiuto a tenere il territorio sotto controllo.. ( entra Carmela)

CARMELA:   Don Michè scusate … di là c’è Tanucce  o sterpare … o pozze fa trasì?

DON MICHELE: si .. si l’agge fatte chiammà je …. vai vai e fa ve venì pure a Donna Sisina

CARMELA: vaco subbito ( esce e poco dopo entra Tanuccio , seguito d a Donna Sisina)

TANUCCIO: ( bel giovane e ben piantato, vesti da contadino. Entra con  il berretto in mano e con fare sottomesso) pozz… Don Michè?

 MICHELE: vieni ..vieni avanti! ( Tanuccio … viene avanti e si ferma davanti alla scrivania) Donna Sisinà,accomodatevi. Avete già detto a Tanuccio delle mie decisioni?

SISINA:  No. Anche se mi avevate detto di anticipargli qualcosa , ho ritenuto giusto  che lo faceste voi personalmente

MICHELE: Grazie , mi pare giusto ( Sisina annuisce)  ( a Tanuccio ) allora , t’agge fatte chiammà pecchè agge decise e t’affidà o compite ca teneve patete primme e murì! E’ state nu buon’omme e nu grande faticatore e  tu me staie facenne cuntiente po lavore ca faie!

TANUCCIO: Don Michè grazie! Site troppe buone! Si papà e mamma fossere ancore vive ve venessere a vasà e mane!

DON MICHELE: mammete è  stata na bona femmena!Peccate ca o signore  sa chiammave  proprie quanne nasciste tu!  Chillu piccule piezze e terre cu chelle caserelle ncoppe  ca diette a patete in affidamento  a facette  diventà  na casa accogliente  e dignitose! E je o riconosche  quanne e lavurante mie fatichene buone  e so onesti e fedeli. So che saiè tirà buone e fucile e si  nu guagliole scetate perciò da oggi in poi sarraie o responsabile di guardiane miei  e peccheste t’aumente o stipendie e te do pure  duie  sacche e farina e  all’anne.

TANUCCIO: ( si avvicina e gli bacia le mani ) grazie ….  Don Michè Grazie…. Nun ve ne pentirete….

MICHELE: ne so cunvinte! Pe qualunque cosa, si nun m’avisse truvà   rivolgiti a Donna Sisina! Chella ca essa fa pe me va sempe buone! E mo vai …  vai …. e  accuorte e  brigante!..

TANUCCE: nun ve preoccupate …. Sacce che fa!  ( esce con inchino)

SISINA: avite fatte a cosa giusta! Pure a Signora ne fosse stata cuntenta!

MICHELE: e si! Nun sacce pecchè ma a stu guagliole la sempe buone cunsiderate

 SISINA: forse pecchè è nu guagliole brave e fidate

MICHELE: si tenite ragione e per un certo non so che è simpatiche pure a me!

SISINA: Don Michè,ieri è venuta a cercarvi di nuovo Annarella  pare che pure lei e non ho capito perché tiene il debole per Tanuccio…

MICHELE: ( si mette a ridere) ahhh ahhh a  nun è esse ca o tene ma a figlie !

SISINA: Linella? Nun le baste ca dice ca è figlie a vuje?

MICHELE: pe chelle ca me serve facce finte e le da cunte …. Ma  nun ce crede! Chella a passate troppi liette

SISINA: comprese o vuoste e …. Mo pretente e accampe diritte!

MICHELE: quali diritte? A robba mia nun sa piglie nisciune! ( guarda Sisina) forse…

SISINA: …. Forse? ( un po confusa)  È meglio che scendo giù, ho da fare tante cose …

MICHELE:  ho detto forse? … beh … niente … fatemi un favore, chiamatemi Carmela  ,fatela salire che mi deve fare un servizio

SISINA: la faccio salire .. con permesso  ( esce)

MICHELE:( la osserva uscire) se fosse meno austera e più dolce… mah pure  cheste è fatte! Avimme accuntetate pure ad Annarella ! Già chelle è furbe e sta penzanne o future da figlie e a me nun me coste niente anzi! O guaglione è in gamba e va buone accussì! ( entra ) Carmela… vieni un attimo   

CARMELA: cumannate Don Michè

DON MICHELE: famme nu servizie, va a chiammarme ad Annarella  e dille ca agge bisogne da vedè

CARMELA: ah agge capite …. Vache …pero quanne je ere nu poche chiù giovene cierte servizie  vi faceve je

 DON MICHELE: ( dandogli una pacca sul sedere ) va … va ca te si fatte vecchia … va

CARMELA: a  gallina vecchia fa o brore buone … vache .. ( esce)

DON MICHELE: e si cu tutte sti lavorante ca tenche a servizie mo me sfoghe che galline vecchie! ( bussano alla porta ) avanti ( entra Mastuccio )

MASTUCCIO: don Michè buongiorno! E’ venute addo mè o figlie da sterpare e ma ditte ca l’avite date a responsabilità e cape guardiane

DON MICHELE: embè?tiene forse quaccosa a dicere?

MASTUCCIO: ( nasconde a stento la sua contrarietà) vuie site padrone è ogni parola vostra è legge…ma… chillu gaglione tene nu poche a capa vaute

DON MICHELE: tu dici? Forse pecchè è giovene e tene  attuorne  tutte e figliole do paese? Oppure pienze ca te si fatte viecchie e te vo levà o mestiere?Nun te preoccupà   a te nun te leve niente. Tu rimmane  sempe l’omme e fiducie mie e mo pienze a fa o lavore tuoie ca isse addà  fa o suoie!

MASTUCCIO: certamente Don Michè .Je vi ringrazie pa stime ca tenite e me …. Ere sule pe ve dicere ca o tenche e uocchie! 

DON MICHELE: dimme na cosa ma …  stu Tanucce sa fa cu tutte e guagliole o ne tene une in particolare

MASTUCCIO:  fine a poco fa nun ne faceve passà una liscia ma a nu poche e tiempe a sta parte pare ca se mise cu serietà appriesse a figlia e Caterina  a parulane

DON MICHELE: ah …. Va buò so giuvene baste ca fatichene buone e nun danne noie o rieste è tutte provvisorie va… e statte accuorte a chi ronze attuorne a tenute

MASTUCCIO: nun ve  preoccupate tenche uommene fidate  e uocchie apierte ( ritirandosi) servo vostro Don Michè ( esce)

DON MICHELE: ( si avvicina al tavolo e si versa un bicchiere d’acqua) sta gente adda sta sempe sotta o tuorchie si no   t’accappottene . ( Chiama Carmela che accorre subito)

CARMELA: cumannate Don Michè!

DON MICHELE: Carmè arriciette nu poche ca venghe subbete! Famme je a vede ca stanne cumbinanne dinte e stalle! ( esce)

CARMELA: ( comincia a sistemare la stanza) ahe chiste spippeane in continuazione ..guarda cca  a cennere sta a tutte parte! ( bussano) ahe chesta adda essere madama zucculone! ( va ad aprire ed entra Don Luigi) oh patre entrate

DON LUIGI: ( giovane prete . veste l’abito talare e porta il classico cappello in testa ) buon giorno e che signore sia lodato
CARMELA: sempre sia lodato .. ah! voi  siete il nuovo parrocchiano

DON LUIIGI:  si , mi hanno mandato qui a sostituire il povero don Pietro ( fa il segno della croce) sia pace alla sua anima!

CARMELA: ( fa il segno della croce anche Lei) comme  ere brave ! faceve bene a tutti quanti! E sapisseve quanti vizzoche teneve attuorne!  Ma… isse  pare ca è state sempe nu brave prevete! Po si sotte  sotte … .capite a me ! Co pataterne   farrà e cunte!

DON LUIGI: ( con curiosità) perché dite così c’erano   voci in giro su di Lui?

CARMELA: si e no ..   sapite comm’è …  voce e popolo voce e Die!

DON LUIGI: ma via non posso crederci… don Pietro aveva una certa età …era vecchio

CARMELA: e ma primme ca c’arrivave  a se fa viecchie … na cunzulate e vedove… Ma per carità eh … putevene pure essere calugne  ( Don Luigi si fa il segno della croce) E dicite site venute pa benedizione da casa?

DON LUIGI: Anche ma in verità ,sto facendo un giro   conoscere tutti i miei parrocchiani e  Don Michele a quanto mi hanno detto è uno dei più importanti del paese!

 CARMELA: e come no! Tutti quelli del paese lavorano per Lui!

DON LUIGI: e ditemi .. è sposato? Ha figli?

CARMELA: eh a teneva la mugliera ma .. puverella è morta tre anni fa!

 DON LUIGI: e figli?

CARMELA: eh i figli i tene e … nun e tene!

DON LUIGI: come sarebbe a dire! O c’è l’ha oppure non c’è l’ha!

CARMELA: vedite…( si avvicina al prete ) però facite cunte ca ve lagge ditte in confessione!

DON LUIGI:  e statene certa!

CARMELA: a signora padrona .pace all’anima sua figli nun ne puteve avè e don Michele ca  è state sempe nu cavalle zumpatore e pure mo a chesta età o vizie nun se le levate, le piace e fa ammore cu tutte e giovene do paese!

DON LUIGI: e non ditemi che ha figli sparsi dovunque!

CARMELA: no no! A chelle ca sacce no e chelle a mugliere nun ere bone a fa figlie! Isse a vuleva bbene però ogni tante se pigliave e sfizie cull’ate.! Si tene figlie  o sanne chelle ca se so fatte e fatte suoie cu Isse  annascuse do marite!  ( si avvicina al prete) Don Luì …. Sempe in confessione eh! Chella ca se sa è ca tene na figlia cu Annarella a mugnaia!

DON LUIGI: ( chiudendo le mani in segno di preghiera )oh mio Dio!   ( a parte) E che capere e chesta!

CARMELA: eh … comunque …. Nun l’ha mai riconosciuta!

DON LUIGI: e chesta Annarella o tene o marite?

 CARMELA: e comme mo! Ma… nun è buone !… ( fa segni con la mano) insomme nun è in grade e fa figlie Ce la fatte spusà proprie don Michele pe da nu cognome  a figlia . Accussì nisciune teneve niente a dicere

DON LUIGI: e figuriamoci! Si o sape cheste o sape tutte o paese!

CARMELA: eh ma a gente .. ascote …. Sape  ma…. Nisciune  se permette e dicere na parole!

DON LUIGI: cheste s’ere capite …( entra Sisina) Dio sia lodato sorella

CARMELA: Don Luì … questa e Donna Sisina la cumandante della casa

SISINA:   sempre sia lodato! Sono solo la governante. Voi dovreste essere padre Luigi

DON LUIGI: proprio così, sono arrivato tre giorni fa e ho cominciato il mio giro fra i parrocchiani

CARMELA: ed è venuto pe conoscere a Don Michele ma je ce lagge ditte ca nun ce sta

SISINA:  va bene ma ora puoi andare,  resto io con Don Luigi ( Carmela fa un inchino curioso ed esce) sedetevi Don Luigi … vi prego

 DON LUIGI: grazie ( si siede) dunque voi se ho capito siete la fiduciaria di questa casa

SISINA: così ha voluto Don Michele dopo la perdita della moglie. Siete già stato a casa di altri?

DON LUIGI: si …. Ho visitato molte case …. Misere case!

SISINA:   questo è un paese di povera gente  che si ammazza di lavoro e per il lavoro …e la ricchezza è  solo un privilegio di pochi

DON LUIGI: si … l’ho notato ma questo è un problema comune anche se  la guerra ha cambiato molte cose !

SISINA:   si  ha  cambiato molte cose  ma la  miseria della povera gente è sempre la  stessa ! Anzi è peggiorata! Tantissimi giovani vengono obbligati   a fare i soldati  per il nuovo stato e quelli che si rifiutano o vanno in prigione o diventano briganti!

DON LUIGI: già i briganti! Un miscuglio di uomini alla ventura composti da contadini  miserabili, ex militari, ed ex carcerati  che non sanno ancora cosa vogliono!

SISINA:  forse la libertà… la libertà di coltivare un terreno per proprio conto, la libertà di scegliere la loro vita ,i propri amori, il loro futuro!

DON LUIGI: capisco …. Ma  rubano , saccheggiano… 

SISINA: perché  hanno fame …  la miseria è tanta e la ricchezza è in mano a pochi e quelli che non possono mangiare fanno i briganti o emigrano in terre lontane. Quelli invece che hanno qualcosa  sfruttano le amicizie dei ricchi e galleggiano ( bussano. Sisina  va ad aprire ed entra Annarella)

SISINA : (parlanne do diavule sappresentene e corne) oh donna Annarè trasite . Don Michele mo viene .. qui ce Don …. Don…

DON LUIGI: don Luigi il nuovo parroco

ANNARELLA: ( bella donna , anche se  di poca cultura conosce bene l’arte della seduzione oh che piacere! E quando siete arrivato?

DON LUIGI: ieri sera! Sto incominciando a fare un giro per conoscere i miei parrocchiani e…. ero venuto qui per primo ma …. Don Michele non viene ancora e allora continuo il mio giro e vengo piu tardi

ANNARELLA:   allora vi aspetto a casa …. Non mancate

DON LUIGI: non mancherò…  arrivederci  e il Signore sia con voi  ( esce)

SISINA : Donna Annarè  Don Michele è sceso giu .. se avete pazienza di aspettarlo..

ANNARELLA: pecchè non me lo potete chiamare?

SISINA: se avete tanta fretta …posso farvelo chiamare!

ANNARELLA: e  si! tenche fretta!

SISINA: ( si affaccia alla comune e chiama Paolucce) Paulucce,venite su. Ecco ora ve lo mando a chiamare

ANNARELLA: ( con ironia) ah già … mer’è scurdate ca vuie …ca dinte cuntate qualcosa

SISINA: già! Vuje invece ce state pruvanne!

ANNARELLA: e si succede vuje site a primme a fa e valigie

SISINA: se succederà non aspetterò il vostro permesso…( da fuori, si sente la voce di Don Michele che ordina a Paolucce di andare) ora posso andare , sta arrivando ! ( esce)

ANNARELLA: (   esce Sisina  ed Annarella si guarda intorno poi si ferma vicino ad un quadro raffigurante Don Michele) eh pare nu nobbile e città!  a figlieme nun le vulute riconoscere ma primma o poi tutte chelle ca tiene sarrà o suoie! Te tenche dinte e mane e nun me te facce scappà! ( entra Michele e gli va incontro )

MICHELE: ( entrando)  oh finalmente  sei arrivata!

 ANNARELLA: eccomi qua, ( si dirige verso Michele) v’agge fatte aspetta assaie? Maveve prime libberà e mariteme ..chille è nu scassambrelle ( si avvicina e lo accarezza) vuie invece me sapite fa sentì na   femmena !

DON MICHELE: ( risponde alle sue carezze) e tu si a sola ca me saie da chelle ca da ll’ate nun riesche avè!

ANNARELLA: ( sempre con suadenti carezze) llate però so chiù giovene …

DON MICHELE: ma tu tiene l’arte e me fa mpazzì!

ANNARELLA: si è? E tu m’accuntiente po?

DON MICHELE: t’agge già accontentate! Tanucce l’agge fatte cape guardiane. Si cuntente?

 ANNARELLA: si .. so cuntente…. Mo  pozze  accuntentà a figlieme ca è pazze pe isse! Sule ca e figlieme nun ne vo sapè! E saie cu chi sa fa? Ca figlia e Caterina a parulane na pezzente  ca pe campà sarrangia a lavà e ciesse ncoppe a municipalità

DON MICHELE: chi è senza marite qualche cosa dovrà pure fare! ! ( si intravede dalla comune la figura di Sisina che ascolta)

ANNARELLA: sicuramente ma a  figlie adda lassa perdere A Tanucce! E tu me puoi aiutà!( con astuzia femminile) E po a guagliole fatiche addo te ….te putisse pure levà qualche sfizie e je nun me ne facesse

DON MICHELE. Ah mo nun so gelose?

ANNARELLA: si le faie a festa tu no! Pecchè… o   faie pe figlieme

MICHELE: e già accussi  Tanucce nun sa spose chiù! È cheste ca vuoie eh? Ma figliete è proprie fissata? Nun se po scegliere a nate?

ANNARELLA: Miche … tu devi intervenire! Me le fa stu piacere, tu me cumbinà stu matrimonie e figlieme cu Tanucce e po …. Nun te scurdà che Linella è pure figlie a te!

MICHELE: ( contrariato) e cheste nun ne so sicure! Cheste o dice tu ma prove certe nun ce ne stanne! Quanne ire giovene ne passate e carrozze!

ANNARELLA: ( si avvicina e lo guarda fisso negli occhi) Michè guardame buone dinte all’uocchie! È vere quanne ere giovene  nagge fatte e girà e cape ma quanne me mise l’uocchie ncuolle tu  o core mie se fermate e nisciune oltre a te  mai  chiù ma pigliate! Linella è figlia a te e primma o poi le riconoscere

MICHELE: ma insomma ca vuò …  vuoi  ca Linella  sadda spusà a Tanucce e cheste se farrà! Ma sule cheste te pozze fa! Arrecuordete però ca  fine a  quanne  campe a robba mia nun sa piglie nisciune!

ANNARELLA: ( cambia atteggiamento e con carezze lo tiene calmo) si.. comme vuoi tu !…  basta ca a ca a cient’anne  quanne te  decide …. Tarrecuorde e Linella! Mo viene cca ….. no anzi jamme allà…. Te voglie fa scurdà e male  pensiere e preoccupazione ( gli prende la mano come a portarlo via)

MICHELE:( la segue) si … jamme a là ….. si na diavule e femmene  ma sule tu  saie comme me piglià ( escono a sinistra)

SISINA: ( entra e va ad assicurarsi che Michele e Annarella sono andati via)  chella zoccule nun a vo fernì! Passasse ncoppe o cadavere da mamma pe se fa e fatte suoie ( si avvicina all’ingresso della comune e chiama a Carmela) no! Stu fatte nun me piace proprie ( entra Carmela) ah stai cca? Stamme a sentì … je esco , di là ce sta Don Michele e a mantenute si nun avesse venì pe quanne se sbrigane e Don Michele me vulesse, dille ca  sono andato in chiesa per la funzione … e capite?

CARMELA: uh e vulesse venì pure io?

SISINA: tu e sta ccà! Ce ne vai nata vota…  ce simme capite? ( Carmela fa atto di assenso) bene! A piu tardi ( esce)

CARMELA: eh .. e je secondo esse avesse fa a cannela a Don Michele! ( dalla porta di destra.. si sentono rise e gridolini) eh è accuminciate a festa! Mo saie ca facce? Pe nun senti sti sperpetue  scenne abbasce e saglie piu tarde ( fa per andare e ci ripensa) e no , e si po vene qualcune ? ( incrocia le mani)  ma se po mai fa cheste  ? ( (entra Paulucce, ha un sigaro fumamte  in bocca ) e tu ca vuoi?

PAULUCCE: a te niente! ma chiammate Don Michele

CARMELA: Don Michele? ?o ciucce d’a priore ogni passe ce mette n’ore!  Ta chiammate a coppa o liette? (  fa segno che sta nella stanza in compagnia)

 PAULUCCE: a coppe o liette? ( si risentono gridolini e rise ) ah …. ( fa segno a Carmela di aver capito che stanno amoreggiando) agge capite! No … ma ditte quanne è scise dinte e stalle ca aveve venì ncoppe pe nu servizie ma …. Secondo me mo nun è cose ….. ( guarda Carmela tutta riscaldata) oppure è cosa?

CARMELA: ah je sti situazione nun è pozze  sentì …. Che agge fa me mettene calore

PAULUCCE:  ( facendosi sotto) e pure a me! ( la prende per la cinta e la trae a se mentre non s’accorge che  gli cade il sigaro  e si interpone fra i due abbracciati)  ahhh ..sente ca m’abbruce ncuolle tutte cose

 CARMELA: ( lo abbraccia con voglia mentre non vista entra  Sisina ) si pur’je  sto brucianne   ahhhh ahhh ma ca ce tiene mieze e cosce o tizzone ardente? me staie appiccianne tutta quanta

PAULUCCE: ( si muovono in modo comico ) ahhh siii! Che calore! chelle c’abbruce e a furnacelle toja

SISINA: ( prende la caraffa dell’acqua e gliela butta addosso: i due restano immobili e sorpresi )  Ere o sicarie! beh ?o fuoche se stutate?

CARMELA: ( la guarda sconsolata) o nuostre si! Chilli a chillatte però  sta ancore apppicciate!

PAULUCCE: ( si china e prende il sigaro a terra… e chiste se stutate!

SISINA: tu vattenne ! ( Paulucce fa una specie di inchino ed esce)(A Carmela) tu manche a vuoi fernì eh?

CARMELA: Donna Sisì ogni lassate è perze! ma  avite truvate a chiesa chiusa?

SISINA: nun ce so arrivate! E po nun so fatte tuoie.. va scendi giu  e  appicce o fuoco dinte e cucine

CARMELA: è ancora ambresse!

SISINA: scinne e fa chelle ca tagge ditte!

CARMELA: comme vulite  ( esce)

SISINA: e mo comme aggia fa? No nun pozze permettere na cosa del genere (si apre la porta di sinistra  ed entrano Michele e Annarella)

MICHELE: ah Donna Sisina … siete qui

SISINA: ( si volta) comandate Don Michele

MICHELE: io accompagno Annarella e torno e … mi raccomando per stasera … ho ospiti importanti a cena (avvicinandosi) noi abbiamo come lavorante una certa Emilia?

SISINA:  sissignore   sta in lavanderia

ANNARELLA:  ah,se scivite nu lavore pulite!

SISINA:sta lì perché  è una brava sarta e tiene in ordine tutti i panni

MICHELE: va bene ..fammi un piacere quando torno falla salire su che la voglio conoscere

SISINA: l’avete vista tante volte

MICHELE.: può darsi ma  .. non ci ho fatto caso…. Andiamo Annarè?

ANNARELLA: andiamo! ( escono)

SISSINA (  si affaccia alla comune e chiama a  Carmela la quale subito viene) gia stai ccà?

CARMELA: e ve steve veni a dicere che dovevo preparare … si ne so jute?

SISINA:     si a solita impicciona!  Avvisa i cuochi che stasera Don Michele ha ospiti di riguardo a cena!Mo  … scinne chiama a d Emilia e falla venì cca e tu … nun sagliere chiu! E capite

CARMELA: agge capite  ( va via)

SISINA: cheste si nun a tenche d’uocchie me fa truvà dinte e mpicce! A  Don Luigi nun l’agge truvate ma agge parlà ca guagliole primma ca succede o nguacchie! Nun po je accussì! ( va verso l’immagine della madonna dell’arco ) madonna bella aiuteme ....aiuteme a mantenè stu segrete ca m’abbrucie l’anime e nun me fa arrepusà! Je ce lagge prumesse inpunte e morte a chella bella padrona mia ca maje l’avesse rivelate ma manche voglie o male e nisciune!( ( entra Emilia)   ah si tu .. viene ..viene cca!

EMILIA: ( giovane e bella ragazza sui vent’anni) m’avite fatta chiamà donna Sisina?

SISSINA:  si … assettete e stamme  sentì! Don Michele ma chieste e te

EMILIA: e me? Je nun agge fatte niente

SISINA: lo so ….. ma qualcune  ca nun se fa e fatte suoie  o sta infucanne .l’hanne ditte ca si na bella guagliona e Don Michele e belle guaglione nun se fa scappà! quanne vo na cosa  ..sa piglie!

EMILIA: no! Pe carità! Aiutateme donna Sisina nun voglie fa a fine e llate!

SISINA:   stamme a sentere …. quanne vene…. E te parle, tiene sempe a capa calata e nun o cuntrarià ca è pegge. Rispunne e dille chelle ca vo sapè e si te mette qualche  mane ncuolle nun t’agità .. sarebbe pegge! Alluccche sule si te vo fa a festa! E capite?

EMILIA: no … je me ne vache mo mo!  Me ne scappe !

SISINA: e addo vaie? A casa addo vive è a soia ,chille nun ce mettesse niente a ta levà … dinte a stu paese a parola soia è legge e chi  scappe doie cose sole po fa o u brigante o l’emigrante!

EMILIA: ( mette le mani al viso e piange disperata) io ..je    tenche o nnammurate  e si succede na cosa e cheste fernisce a tragedia

SISINA: o sacce  Tanucce a mosca po nase nun sa fa passà! Perciò ascoteme …. Fa comme t’agge ditte! Allucche sule si te vo fa a festa . Je sto arete a porta e…. ce penze je!

EMILIA:( va verso Sisina e l’abbraccia) grazie … grazie donna Sisina site na femmena e core! ( si sente la voce di Mastuccio che chiede di Miche a Carmela)

SISINA: ora va…. E quando ti chiamo vieni  … vai  dietro quella porta!  ( Emilia esce ed entra nella porta a destra con fare dimesso) No! ( va verso il quadro della buonanina della signora ) Nun o pozze permettere e si avesse succedere na tragedia nun pigliarria pace! A costo e fa succedere natu scandale je parle e diche tutta a verità! Tu me capisce si? Si tu me capisce! Tu  facisse  a stessa cosa! ( entra Mastuccio con aria di chi comanda qualcosa)

MASTUCCIO: Ah ci state voi? Don Michele non c’è?

SISINA:   chi ta chiammate?

MASTUCCIO: nisciune! So venute a vedè si ce steve Don Michle!

SISINA: e allora a prossima vota ,bussa primme e trasì! Don Michele mo vene,è urgente?

MASTUCCIO: si! Lagge parlà  e na cosa seria

SISINA: e che se tratte?

MASTUCCIO:  di brigante! Poco fa hanne fatte razzie  ncoppe a muntagne e se so arrubbate  quatte pecore e tre anielle e senza ca e guardiane se ne accurgessere!

SISINA:  embe nun ere pure compite tuoie  surviglià ca tutte stessere o poste suoie?

MASTUCCIO: si ma o cape de guardiane è Tanucce e chissà addò steve ….. ( con malignità) forse dinta a lavanderia  ca figlia e Caterina a Parulane

SISINA:  la nun ce steve! E tu inceve addo stive? Addò Ntunette a smargiasse ? Va! ca quanne vene Don Michele riferisco!

MASTUCCIO: ma veramente….e si po Don Michele …

SISINA: ( con astuzia)  ho capite! Quatte pecore e poche anielle nun so niente mieze a tremila capi e pecore   e quindi è meglie  ca Don Michele nun sape  niente e vere? acccussì nun se ntosseche! Va  ca ce penze je….. e a prossima vota  statte accuorte va! ( Mastuccio esce)  chiste è nata serpe velenose! ( entra Carmela)

CARMELA: Donna Sisina, il cuoco vo sapè pe quante perzone adda priparà?

SISINA: pecchè tenimme probleme e pruvviste? Preparate pe diece perzone ca   po si avanza …. Ce sta chi magna! Ah fa na cosa chiama a Tanuccio e fallo venire qui

CARMELA: va bene … lo chiamo  e  … allora scendo?

SISINA:   e ca ca stai a fa.. scinne! ( esce Carmela) e vide si nun sta sempe mmieze! ( apre la porta di destra) Emilia vieni ( entra Emilia) ho mandato a chiamare Tanuccio e… mi raccomando … giudizio!  ( entra Tanuccio)

EMILIA: ( gli va incontro e si abbracciano) Tanù… Donna Sisina ta ditte?

TANUCCIO: si ma ditte! E tu già saie comme a pense!

SISINA: ( si avvicina a Tanuccio) guagliò stamme a sentere, je nun te vuglie dà nisciune cunsiglie! Fa chelle ca te dice o core ma sappi pure ca o vulere e Don Michele è legge!

TANUCCIO: je a legge e Don Michele a stracce!

SISINA: guagliò statte accorte e bada a chelle ca faie! Don Michele ta date o pane  pe campà e to po pure levà!

TANUCCE: o pane mo po pure levà ma chelle ca tenche dinte o core nun o po strappà! Je nun pozze fa chelle ca dice! … a coste  e fa qualsiasi pazzia je ad  Emilia nun a cagna cu nisciune!

SISINA:  e allore te sta calma! Sti cose so delicate e a furia nun serve! Ce vo  pazienza e umiltà. Quanne è o mumente dalle a risposte ma sempe cu  calma e  cu rispette e je te do na mane a cunvincerle. Po essere ca se fa capace e ve lasse mpace

TANUCCIO: ( stringe a se Emilia ) ammore mie! Nun temè je nun te lasse pe niente o munne!

EMILIA:  e manche je!  Quanne donna Donna Sisina ma ditte e l’intenzione do padrone è comme di m’avessere date na curtellate dinte o core

TANUCCIO:  Don Michele  sicuramente me ne parlarrà s’aspette na risposte! ma è na risposte ca già canusce!

EMILIA: e si nun l’accetta? Ca faie? Te po caccià, te po fa del male e pe colpa mia!

SISINA: ( si avvicina ad Emilia) nun è colpa toia! A colpa è da gente cattiva e maligna, a colpa è da gelusia !

EMILIA: si è overe  ma intanto ne po venì tantu male!

TANUCCIO: je  le do a risposte! E si me ne cacce te porte via da cca!

SISINA: e addo jate? Comme campate?

TANUCCE: pure chi  brigante si fosse necessarie

SISINA: Che brigante? e tu dice ca a vuò bene?E che vita fosse? Nu brigante nun se po spuglià, ne da stagione e ne de vierne, ne de juorne e ne di notte, dorme nterre dinte all’umide e spesse mieze a neve e dinte o gele, nun po appiccià fuoco …  veglie e  dorme sempe chi stesse panne e so magnene e perucchie! E’ chesta a vita ca le vuò da?

TANUCCIO: e fosse vita chelle ca me propone isse?

EMILIA: Donna Sisì, vuie stesse m’avite ditte ca mi voleva conoscere e vuie sapite bbuone chelle ca ntenne quanne dice accussì!

SISINA: e tagge ditte pure ca nun permette ca succede!

TANUCCIO: no!( Abbraccia Emilia) nun te lasse! A risposta mia è già pronta! ( si sente la voce di Don Michele che  domanda a Carmela dov’è Sisina )

SISINA:  jate … ascite a là e… ca Die ve prutegge! ( escono)

CARMELA: ( da fuori ) sta dinte o salone Don Michè!

SISINA:  Don Michele sono qui!

MICHELE: ( entra e  va verso la scrivania) Donna Sisina  avete chiamato quella ragazza?

SISINA:  la chiamo subito ….. posso domandarvi perché? Ha fatto qualcosa di male?

MICHELE: Donna Sisina io lo so che siete una donna accorta e premurosa. Che tenete molto a questa casa e alla gente che ci lavora e quindi capisco il vostro pensiero ma state tranquilla …. Voglio solo conoscerla

SISINA : vi ringrazio ..la chiamo subito

MICHELE: no … aspettate ! per la cena è tutto pronto?

SISINA: tutto pronto. Per quante persone faccio preparare la tavola?

MICHELE: per cinque … ah  fatemi chiamare Mastuccio  e Tanuccio , prima della cena voglio parlare prima con loro …  ah fa venì pure a Paulucce

SISINA: li faccio chiamare subito ( esce)

MICHELE: (si siede dietro la scrivania e comincia a sfogliare dei documenti) uhmm questi piemontesi ne stanno mettendo di tasse …. Ah ecco qua .. ( legge ) e qui a ragione Tommaso … bisogna pagare .. eh ma se da una parte pago dall’altra incasso e quei terreni vicino ai miei confini non me li faccio scappare. ( entrano Mastuccio e Tanuccio) ah siete qui! Accomodatevi ( i due si siedono) dunque ,vi ho fatto chiamare per fare il punto della situazione ( Chiama Sisina) Sisina!

SISINA: ( accorre) eccomi Don Michele

DON MICHELE: siediti … vuje site a guvernante e sta casa e tutte  avite sapè e chesta casa e tutte v’hanna rispettà ! ( Sisina si siede in un angolo ed entra Paulucce)

PAULUCCE: scusate don Michè ere a fa u cuntrolle ca m’avite chieste

MICHELE: e allore le truvate ?

PAULUCCE: si don Michè stevene dinte dinto a canalone e lagge purtate dinta a stalle

DON MICHELE: a prossima vote statte accuorte che accussì scumpare o bestiame, le cuntate ?

PAULUCCE: e comme no erane otto vacche di cui un toro!

MICHELE: ( tutti ridono ) e te pareve ca nun dicive a strunzate da giornate! ( va verso Mastuccio) ora veniano a noi

MASTUCCIO: ( con apprensione) don Michè …. È per via delle pecore?

MICHELE: le pecore? è successo qualcosa al gregge?  ( da un’occhiata a Sisina che lo rassicura con lo sguardo)

MASTUCCIO: no … dicevo … per il pascolo …. In montagna

MICHELE: noo! Non è ancora Tempo di spostarle. Vi ho chiamato per fare il punto della situazione. Stasera ho come ospite il comandante della guarnigione piemontese e sicuramente vorrà a sapere come siamo organizzati per far fronte alle scorrerie dei briganti. Avete novità?

MASTUCCIO: si ..   proprie ogge è state sistemato o recinte di terreni fine ncoppe o muntagnone  e giu alla barrata avimme sistemate e stalle e o  recinte de puorche ! Dimane se raccoglie o grane de quatte terre e sistemamme o fiene dinta a pagliara

MICHELE: bene e tu Tanù come ti sei organizzato

TANUCCIO: agge mise tre uommene e guardie pe ogni varche e due lagge mise e guardie ncoppe o torrione in tutte tenimme trenta fucili pronte a fa fuoche si ci avessere attaccà!

MICHELE: bene .. accertete però ca rispettene e turne e notte pecchè si s’addormene ce fottene! Paulù daie ordine e  sorveglie  ca quanne stasera venene gli ospiti  nisciune trase dinte o salone

PAULUCCE: nun ve preoccupate peccheste  je sorveglio giorno e notte alla luce del sole!

MICHELE: ne dicisse una bona! Va bene voi tre  potete andare ( si alzano e fanno per andare via) ah Tanù ..  aspetta…. Mastù tu e Paulucce  jate! ( Mastuccio e Pauluccce escono  escono) Tanù, agge viste ca te si muosse buone…e ca te saie fa rispettà dai sottoposti   e allora te voglie da nu buone cunsiglie  e na bona mane

TANUCCIO: troppo buone Don Michè, dicite

DON MICHELE: po paese vanne dicenne ca tenche na figlia cu Annarella A mugnaia! E accussì donna  Sisì?

SISINA: accussi dicene e Linella!

DON MICHELE: ( gli si avvicina con fare interrogatorio)…. Tu ce cride?

TANUCCIO: je nun crede mai a chelle ca se dice ma sule a chella ca veche

 MICHELE : brave! E manche je! Anche se all’epoca je ere nu passaliette e tu …. nu mucchusielle!  e comunque e  cose nun mammocche facilmente! Però nell’incertezza qualcosa e buone le voglie fa a chella guagliola  e allora agge penzate a te! Si scapole e tiene qualità e mi piaci. Nu matrimonie cu Linella sarria pe te assaie vantaggioso, A mamma tene proprietà ed je te facesse nu belle regale e nozze! Tre mogi e terra vicine a casa toja e duecente lire pe rote! Che dici?

TANUCCIO: Don Michè …. Je …. Je so confuse … nun agge comme ringraziarve ma….. je tenche già na nnamurate e…

 MICHELE: un sola? Nu giovane comme a te …. Tene na sola nnamurate? Ma nun farme ridere, mi hanno detto che faje strage e cuore nfrante! ( con voce suadente) Ca si nu ncatene core !Nun è accussì ca dicene  donna Sisì?

SISINA: dinte o paese accussì se dice

TANUCCIO: veramente si.. era accussì fine a poco tempo fa poi a quanne me so nnamurate o viramente

 MICHELE: nnamurate o viramente? Tanù… te faceve chiù dritte …. Mi hanno riferito pure cheste …. Te si mise ca  figlia  e Caterina a parulane …. Na figlie e serve  ca tenche a servizie mie!

TANUCCIO: ma a  voglie bbene Don Michè!

 MICHELE: e chi te dice ca nun ce ne vulè! Facce  pure ammore ma  spusate a chi te po da sicurezze! E je t’assicure ca addeviente ricche e rispettate!  ( gli si avvicina) stai confuse? E allore piensace ..piensace fine a stasera e po damme na risposte! E dammelle comme a voglie sentere! Sisì je vache nu poche ncoppe o municipie fa capì tu a chistu fesse chelle ca perde si nun me sta a sentere! 

TANUCCIO: Don Michè nun ce sta niente a capi! Je voglie bbene ad Emilia e o rieste nun me nteressa!

MICHELE: ( si avvicina minaccioso a Tanuccio) nun te nteresse? Tu osi rifiutare  na parola da mia? Embè je tagge avizate a dinta a povere e je te ce manne nata vota! Tu e fa e chelle ca voglie je! E capite?

TANUCCIO: me dispiace don Michè…. Je facce chelle ca me dette o core!

MICHELE: ah si .. sei un disgraziato e meriti di essere cacciato ! ( prende un frustino sulla scrivania) vai via!  Disgraziato che non sei altro e non mettere più piede in questa casa o ti faccio ammazzare come un cane. Via! ( lo colpisce col frustino e Tanuccio preso dalla rabbia gli va addosso e tenta di colpirlo ma Sisina si interpone)

SISINA: no! Fermo per carità! Via va via!!!! ( Tanuccio si blocca …guarda Michele)

TANUCCIO: si me ne vache  ma attiente a vuje! Nun v’ate   permettere e tuccà ad Emilia si no v’accide! ( esce di corsa mentre Michele si accascia sulla sedia)

CARMELA: ( con agitazione ) donna Sisina giù so arrivate l’ospite e Don Michele!

SISINA: e calmate… me avvisate. Mo scendi giù avvise a cucina  e cuntrolle ei manche qualcosa dinta  a sala             e pranze

CARMELA: ( guarda Michele spossato chino sulla scrivania e con gli occhi chiusi)  ma don Michele nun se sente buone?

SISINA 🙁 gli intima con il dito di stare zitta) ssshh   sta buone va … di ca Don michele mo scenne …

CARMELA: sicure ?   allore scenne?

DON MICHELE. ( alza la testa)  ta ditte ca mo scenne? E vaie! ( Carmela esce di corsa) Sisì…. Da ordine ca Tanucce nu nappartene chiù a chesta casa!

SISINA: comme vulite  anche se….

MICHELE: anche se ?

SISINA: niente……

MICHELE: niente? o sacce ca pienze e si nun reagiva forse…..  avesse putute pure cagnà pensiere ma o tuorte ca ma fatte è gruosse assaie

SISINA: e il vostro lo avete considerato?

MICHELE: il mio? Già …. Donna Sisina voi siete una donna eccezionale e mi avete date sempre buoni consigli come se foste mia moglie e mia madre insieme e forse ho sbagliato a non farvi  partecipe  di questa mia desiderata. Per quel  giovane ,ho sempre avuto una debolezza e indipendentemente dai suggerimenti degli altri l’ho sempre aiutato e anche con la proposta che gli ho fatto intendevo farlo anche se..

SISINA: si capisco, i vostri intendimenti sono buoni  anche se dettati da interessi altrui. Interessi che non hanno niente a che vedere con  i più  nobile e puri sentimenti

MICHELE. Si forse avete ragione ma  quanne agge ditte na cosa nun torne chiù arete a si no ce perde a faccia! Mo scenne abbasce tenche a chiudere affari importante  e … mi farebbe piacere avervi  a tavola con noi!

SISINA:  come desiderate! Ma na nu cunsiglie se permettete desidero darvelo ( Michele fa cenno di assenso) accorte Don Michè ….. quanne o diavule v’accarezza vo l’anime e o diavule vuoste è femmina!

FINE PRIMO ATTO

           

SECONDO ATTO

La scena è quella del primo atto. Michele passeggia nervosamente ,poi si siede alla scrivania e controlla nervosamente dei documenti mentre Mastuccio e Paoluccio sono in piedi  ai lati della scrivania.

MICHELE: ( alzando gli occhi e battendo forte il pugno sulla scrivania )non è possibile! Questo è il terzo furto di bestiame  in un mese!!  A do cazze stanne e guardiane e ca fanne, dormene? Si po sapè chi e cuntrolle?

MASTUCCIO: Don Michè nuie facimme o possibile ma e bestie  e pascule  so tante , a quanne ve site accattate e terreni  ncoppe o trivuce nun riuscimme a cuntrullarle tutte!

MICHELE: me staie dicenne ca sedice perzone e vuie nun site capace e fa e guardiane ca  …site poche? Mastù, parlammece chiare,chilli bastarde de brigante se  so ntrufulate mmieze a vuje . Je so cunvinte ca qualcune e vuie e favurisce. Altrimenti nun putevene  trasì dinte a masseria e sotte a valle  e fotterse tre  puorche e doje pecore ncinte

PAULUCCE: avite raggione Don Michè pur’je so cunvinte ca chi ce sape ci arape! ( Mastuccio accompagna con cenno di assenso le parole di Paolucce

MICHELE: ca vuo dicere ca …. Si o sacce ca state penzanne tutte e  duje! Ma nun crede ca a fotterce sia  Tanucce  e po nun me risulte ca se fatte Brigante è nu guaglione serie pure si ma fatte tuorte  e se girate male nun o penze capace e fa sti cose!

MASTUCCIO: e chi o sape! Comme campe? Chi o dice ca nun arrobbe?

MICHELE: to diche je! agge parlate co Capitane de piemontese e l’agge chieste  e me fa cuntrullà chiu spisse o territorie  ( entrano Tommaso e Sisina ) ah venite … vuje putite je ma.. attenzione cuntrullate e guardiane  e tenite l’uocchie apierte! ( Mastuccio e Paulucce escono)

SISINA: Don Michele , prima è venute Don Luigi, il nuovo parroco del paese e dediderava parlarvi.

MICHELE. Ah si .. certo  dite a Carmela che gli dicesse che mi trova oggi pomeriggio

SISINA: va bene .. con permesso ( esce)

TOMMASO: è una donna eccezionale ieri sera  a cena ha saputo tenere testa a tutti!

MICHELE. Si è una fortuna che dopo la morte di mia moglie ha accettato di restare! Non so cosa farei senza di Lei. Porta avanti questa casa  in modo pregevole

TOMMASO. Di la verità … ci hai fatto un pensierino?

MICHELE: Tummà …. La verità è che mi piace ma… non mi ha mai dato adito a niente

TOMMASO: io sono convinto che gli piaci  anche se non lo fa a vedere ma certi sguardi di una donna a volte dicono tutto

MICHELE: beh … po si vede !assettete Tummà, e parlate co sinneche?

TOMMASO: tutte a poste! Ce steve pure o capitane e o commissarie e guverne. N’oliata a une .. n’oliata a nate  e o gioche è fatte! ( facendo segno verso la porta da dove sono usciti i due) ancora furti?

MICHELE: già…. E non solo nelle mie  proprietà.  Ormai questi briganti ne sono così tanti che hanno invaso tutte le nostre montagne

TOMMASO: e si,   sono diventati  tanti! Di questo passo diventeranno i padroni ed  per questo che   ieri  i piemontesi sono arrivati nel Beneventano con  un vero   esercito   per   combatterli pare che li comanda un certo Generale Cialdini

MICHELE: si Il capitano me lo ha accennato. Presto li annienteranno

TOMMASO: e chi sa se è una cosa buona. Sto cominciando a pensare che forse quei disgraziati non hanno tutti i torti. La loro ribellione è figlia di un insostenibile stato sociale! Avevano sperato tanto nella promessa di   una agognata riforma agraria e invece sono stati delusi

MICHELE: non dirmi che ti stai ravvedendo.

TOMMASO. Sto solo pensando che sarà un’altra guerra . Una guerra contro la miseria e la disperazione! Ti rendi conto che succederà? Io già me lo immagino.

MICHELE: quello che succederà a loro non mi interessa per noi certo  non sarà mai peggio di quello che è!

TOMMASO: si, in questo hai ragione ….( entra Paolucce)

PAULUCCE: Don Michè scusate è arrivato o capitane piemontese o facce trasì?

MICHELE. Si .. l’aspettave , falle trasì!

PAULUCCE: subbeto! (esce)

TOMMASO: il capitano  è già venuto a prendersi la sua quota

MICHELE: Tummà…. Le ditte no? Cheste è gente ca ci disprezza ma quanne se tratte e fottere nun fanne differenze!( entra Il capitano  e Michele , si alza andandogli incontro , si stringono la mano)Oh capitano Vittorini prego si accomodi. ( Vittorini saluta anche Tommaso e si siedono) stavo appunto dicendo a Tommaso delle scorrerie di quei dannati briganti

VITTORINI: come vi ho già detto, il grosso del nostro esercito è ormai qui e  sarà  fatta  piazza pulita   come già è successo  nelle campagne Romane e a Gaeta li stermineremo anche qui! Abbiamo già cominciato a ripulire il Beneventano

TOMMASO: si abbiamo avuto notizie e   al quanto drammatiche! Pare che a Pontelandolfo  un battaglione del vostro esercito comandato  dal tenente Negri è entrato nel paese   ed ha  fatto una strage,uccidendo uomini,donne e bambini  saccheggiando  case e Incendiando  e  distruggendo  tutto e ora stanno marciando su Casalduni    e onestamente  non mi auguro che succeda  la stessa cosa

VITTORINI: la guerra è guerra caro avvocato, qui poi si tratta non solo di far fuori le bande dei briganti ma anche  le connivenze , quelli che li aiutano e quelli che tacciano per nasconderli! Sono tutti ignoranti, miserabili  e colpevoli!

TOMMASO: già una vera  pulizia etnica! Donne stuprate e ammazzate insieme ai loro bambini!  Del resto il vostro caro Generale Cialdini ha   paragonato  la popolazione del meridione a quella l’africana se non peggio!

MICHELE: ora non esageriamo caro Tommaso. I Briganti sono una piaga sociale e vanno eliminati.

VITTORINI: ben detto! E poi caro don Michele con il nostro aiuto libereremo anche le vostre campagne e   a proposito, ho fatto sistemare una mia pattuglia al confine delle vostre proprietà e… speso una buona parola con il commissario governativo

MICHELE: ed io vi ringrazio. Saprò sicuramente ricompensarvi di tutto

TOMMASO:  Adesso però andiamo il commissario governativo  ci aspetta  per chiudere l’atto dell’assegnazione  dei tuoi nuovi terreni.

MICHELE: ( si alza dalla scrivania e prende dei documenti) bene andiamo … ah un momento.. (  Si affaccia alla comune e chiama Sisina che risponde---- Dite Don Michele ) Donna Sisina  ,puo venire un attimo? Scusami Tommaso solo un minuto e andiamo ( entra Sisina  ; Vittorini, si alza e saluta militarmente )

TOMMASO: riverisco signora!

SISINA: grazie avvocato

 Michele :Donna Sisina, io esco per affari importanti però appena torno…. Fate in modo che io parli con ….quella.. come si chiama  ah  Emilia.. andiamo Tommaso

SISINA: sarà fatto Don Michele ( Michele esce con Tommaso e Vittorini che fa un inchino verso Sisina)

SISINA: ( prende la lampada ad olio , apre la porta di sinistra e fa dei segnali ) non dovrebbero tardare … (si affaccia alla comune e chiude a chiave) ecco fatto non disturberà nessuno ( va verso la porta di sinistra e guarda) ah eccoli ….. ( entrano Libardera e Secacorna) forza trasite ( chiude la porta)

LIBARDERA: salute Donna Sisina

SISINA: salute a voi. Avete chiuso il cancello?

SECACORNA: sissignora…. Però facimme  ambresse  i due guardiane stanne facenne o gire  p’adderete  e tenimme e tiempe sule diece minute

SISINA: abbastane! Allora? Che state cumbinanne eh? Nun eravamo d’accorde ca  a robbe e don Michele nun se tocche?  Sta comme o pazze! Tre puorche e doje pecore  sparite aiere senza cuntà chelle de juorne primme. Je v’agge sempe favurite, ve regne e sacche e tutte cose e vuje nun tenite rispette e niente!

LIBARDERA: donna Sisì vo giuramme! Nun simme state nuje!

SECACORNA: si Donna Sisì, nuje nun c’entramme!

SISINA: ah si ? forse ce stanne ati bande e brigante dinta a zona eh?

LIBARDERA: No. Ce stamme sule nuje  e senza o cumanne e Capasana nisciune se permette e fa niente!

SISINA: ah si? E comme o spiegate stu fatte  de furte dinta a proprietà e don Michele

LIBARDERA: ve facimme a sapè .. state sicure ca primme e dimane   scuprimme chi è state

SISINA: bene.. arete a porte ce stanne e sacche, jate e accuorte

LIBARDERA: grazie …. Ammuncenne Secacò!

SECACORNE:  jamme  e… aspettate nostre notizie….( Escono)

SISINA: ( chiude la porta di sinistra  e apre la comune,passeggia avanti e indietro come a prendere una soluzione,Si riavvicina alla comune  ) No… nun  è a soluzione migliore…. È meglie ca vache je ( chiama Carmela ) Carmela, sali su. Si!  forse Don Luigi può trovare le parole giuste . Forse riuscirà a convincerlo… ( entra Carmela)

CARMELA: Donna Sisì che vulite

SISINA: famme nu piacere, scinne abbascie e  dice a Emilia  che m’aspettasse fore o purtone che avimme je a fa spese. Fa ambresse

CARMELA: e nun pozze venì je? Ce so sempe venute

SISINA: e oggi no! Avimme fa spese pa lavanderia, tu a doppe saglie ncoppe e pulizze nu poche stu salone … vaie! ‘O tiempe ca me piglie  o scialle e scenne pur’je( Carmela esce e Sisina fa per andare alla porta si destra ,quando sente bussare, va ad aprire  ed entra Paolucce) che c’è …

PAOLUCCE: donna Sisina, di là c’è Annarella ca va truvanne a Don Michele

SISINA: e tu dille ca venesse nata vota pecche nun ce stà, va! je esco a chella parte ca nun a voglie avvedè ( esce a destra)

PAOLUCCE. Ahe e mo a cheste chi a mantene! Jamme a vede, ( esce e poi rientra subito con Don Luigi)  Don Luì trasite, avite viste a chella ca se ne jute?

DON LUIGI: ( cammina un po zoppicante )si e meno male! Donna Sisina ci stà?

PAOLUCCE:  è asciute poche fa . Ve serve?

DON LUIGI: si ma .. se ce Carmela  va bene lo stesso

PAOLUCCE: mo la chiamo ( si affaccia alla comune e la chiama) carmè…Carmè saglie  ncoppe  te vonne

CARMELA: saglie subbete

DON LUIGI: e  allore aspette ( si sposta e si lamenta)

PAOLUCCE: ma ca tenite o pede, ve  mozzechene e scarpe? ( entra Carmela )

DON LUIGI:  ( si mantiene il piede ) nooo nun so e scarpe e o chiuove che me se nfilate dinto o pede!

 CARMELA: ( si avvicina a Don Luigi, e gli guarda il piede) faciteme vedè… mannagge se nfilate na centrelle dinto o pede e forse è pure arrezzenute

PAOLUCCE ( si avvicina e sentendo la puzza dei piedi, si allontana mettendo le mani al naso) je chiù e vedè agge sentute! Don Lùì, levateve o cazettielle ca se vede meglie)

DON LUIGI: ( lamentandosi si toglie il calzino e lo mette sul banchetto) Carmè vedete voi che io non ci riesco

CARMELA: (  si tura il naso e si avvicina) eh si è proprie na centrelle arruzzenute e( aspettate ca va leve ( la toglie e la guarda )  E ca v’avite fa a serenghe po tetene

DON LUIGI:  e allore chammate o duttore

CARMELA: e chi vo dà? Ve site scurdate ca ogge è dummenica?

DON LUIGI:  uh allore comme se fa?

PAOLUCCE: dateme  e sorde ca vache a farmacie e a serenghe va fa Carmela

DON LUIGI: ( a malincuore ,tira fuori il portafoglio) e quante vene a serenghe

PASQUALE.: e che ne sacce, vuie dateme vinte lire  e si va buone ve porte o rieste!

CARMELA: Paolù nun fa o strunze mo ta vulisse piglià pure ca chiese? Dateme ccà je vache e venghe( Don Luigi gli da i soldi ed esce)

PAOLUCCE: avitece pacienze, chelle mo vene e va fa

DON LUIGI: e là vene o difficile

 

PAOLUCCE: ma che difficile, Carmela nun ve fa  na serenghe, ve fa na carezza

 

DON LUGI nun è cheste ,è che je appene veche l’aghe  accummince a tremmà …è na cosa che ma fatte sempe da ragazzo e  po tenche pure soggezione a m’avizà a suttane nnanze a na femmene

 

PAOLUCCE:  pe cheste nun ve preoccupate  a suttane l’avite avizà adderete e po ce penze Carmela

DON LUIGI:sarrà  ma Paulù ,si m’avesse tremmà, mantieneme tu si no Carmela sbaglie e chissà a serenghe addo ma fa!

PAOLUCCE. Nun ve preoccupate ve mantenghe je!( rientra Carmela)

CARMELA:  ecco qui e tenite o rieste mo la preparo subito( prepara la siringa)ah ecco fatto, siete pronto?

DON LUIGI: ( vede la siringa e comincia a tremare) do dove mi metto?

CARMELA:  mettiteve dietro o tavule ( Don Luigi, si porta dietro il tavolo di lato   alla porta d’ingresso.Carmela alza la sottana e si china per fare la puntura) oh un bel massaggio con lo spirito  ( Don Luigi  si gira e vede la siringa e comincia a tremare)Don Luì e stateve ferme nu poche

DON LUIGI: Paolù, trattienimi! ( Paolucce  gli si mette davanti , lo blocca con le braccia  e Carmela  introduce proprio quando entra Annarella !)ahhhhhh

Carmela (  ancora china e non vista da Annarella, massaggia )

PAOLUCCE:  natu poche , natu poche è fernute!

ANNARELLA:( mette le mani   come a coprirsi il viso e scappa via) maronne!!!!!!!!!!

DON LUIGI :  (non vede Annarella ) sempre sia benedetta!

CARMELA: ( a Paolucce )curre appriesse a chella ca chissà ca penzate e spiegancelle si no ci mette a cavalle a nu puorche! ( Paolucce esce)

CARMELA: ma v’ agge fatte male?

DON LUIGI: no! a serenghe nun l’agge manche sentute ma agge allucate o stesse!

CARMELA: mo vente cu mmè! Scennimme abbasce ca ve facce na medicazione ( escono)

PAOLUCCE: ( rientra subito con Annarella) si v’agge ditte ca nun ce stà! Allore nun me credite?

ANNARELLA: je crede ca qualcune me vo male e nun me move acca fine a quanne nun vene!

PAOLUCCE: e je ca facce?

ANNARELLA: e je ca ne  sacce fa chelle ca vuoj

PAOLUCCE: ( si avvicina ad Annarella)  beh .. se fa ambresse a dicere accussì

ANNARELLA: ohe! Pass llà!  Scostete a cca!

PAOLUCCE. Ma pigliate pe nu cane! Annarè vuje ca nun ce putite sta

ANNARELLA: e chi o dice? Tu? ( ride con nervosismo) ahhh ahhh cheste o verimme ( entra Carmela e guarda  Annarella con  con fare curioso)   e tu? Ca vuoje

CARMELA: je? Niente. Site vuje ca vulite quarche cose si state ccà! Ah si…. Vulite a Don Michele

ANNARELLA: e già! Addo stà?

CARMELA: è jute ncoppe a municipalità!

ANNARELLA: e quanne vene?

CARMELA: e chi o sape!

 ANNARELLA: (  fa gesti d impazienza) je nun pozze aspettà tante

CARMELA: ah no? Jate e presse? Ve prore?  E ce sta Paulucce! Ve po servì isse… ( guarda Paolucce con ironia) tante è abituate

PAOLUCCE: ( non capisce) abituate a che cose ?

CARMELA: a pigliarte e suprature!

ANNARELLA: ohe! comme vi permettete

CARMELA: chi je? Se piglie isse

ANNARELLA: quanne vene don Michele ve facce caccià e si nu juorne succede ve cacce je stesse!

CARMELA: e chi o tenesse o curagge e ve suppurtà …. Vache ……Paulu…. ( le fa l’occhialino) Apprufittene! ( esce)

ANNARELLA: ma tu vide ca vaiasse! (entra Mastuccio) ah state tutte cca a fore a Don Michele!

PAOLUCCE: Mastù je ce lagge ditte ca nun po restà

MASTUCCIO:   va scinne abbasce mo veche je

PAOLUCCE:   ah si e va buone ma nun voglie resposabilizzazione  ( esce)

ANNARELLA: allora? Addo stà Don Michele?

MASTUCCIO: è jute ncoppe o municipie e tene cheffà pe paricchie

ANNARELLA: tu saje pecche sto ccà?

MASTUCCIO: : forse si e forse no…… dipende

ANNARELLA: Don Michele nun me vo vede cchiù! So tre settimane ca  nun me chiamme! O saje o pecchè?

MASTUCCIO: forse si e forse no

ANNARELLA :   e ferniscele cu sti paraustielle. O saje meglie e me! Qualcune cia mise nu pollice dinta a recchia . qualcune cia ditte ca Linella nun è figlie a isse

MASTUCCIO: è nun è a verità?

ANNARELLA:  e tu ca ne saje?

MASTUCCIO: te scurdate ca pur’je so trasute dinte e lenzole toje?

ANNARELLA: embè, È state tiempe fa e allora?

MASTUCCE: certamente e all’epoche primme ca ce trasesse don Michele e nascoste  ta facive co  capitane  de guardie regie chille fu trasferite e subbite te menaste dinto o liette e don Michele

ANNARELLA: ce le ditte tu stu fatte?

MASTUCCE: je no! E che ce guadagnave! Però qualcune o sapeve e ce la ditte

ANNARELLA: chi? Chi ce la ditte?

MASTUCCE : nun o sacce . Mo tu a saje a verità. Chella ca sacce pur’je

ANNARELLA: e ca saje

MASTUCCE: ca Linella nun è figlie a Don Michele! All’ate sta fesseria cia puo fa credere a me no!

LINELLA: e pecche a te no! Ca ne saje tu?

MASTUCCE: t’arrecuorde e Lucielle a vammana eh? Fu esse ca te facette parturì e fu a esse ca te cunfidaste dinte e dulure do parte. Luciella  pace all’anima soje m’ere parente  e cu me le scappò a cunfidenze

 ANNARELLA: e va buone! Ma nisciune ate po pruvà  o cuntrarie! Cheste  ponne essere chiacchiere e gelusie!

MASTUCCE: sule si trovate n’alleate che e smentisce

ANNARELLA: ( si avvicina a Mastucce) e fusse tu?

MASTUCCE: dipende quante si disposte a me da!

ANNARELLA:   tutte chelle ca vuoj! ( Carmela si affaccia ma poi si ritrae e rimane in ascolto) a robbe e don Michele adda essere a mia e di figlieme!

MASTUCCIO: Finche vive Don Michele nun ta darrà maie! Chille campa co verme ncape e nun repose. Le puoje da  chelle ca vuje a liette ma a fore  nun molle niente!

ANNARELLA: me ne so accorte però a morte soje …  cu l’aiute tuoje e di qualcun altro ca  me facessere  da testimonie , Linella potesse  accampa diritte

MASTUCCE: le ditte!  A morte soje!

ANNARELLA: ca vuo dicere?

MASTUCCE: Don Michele tene na salute e fierre e tu haje voglie aspettà a meno che..

ANNARELLA: a meno che?

MASTUCCE: ( si avvicina con tentazione ) nuje nun l’aiutamme!

ANNARELLA: agge capite! Je so disposte a tutte e tu si succede na cosa e chesse addeviente padrone nzieme a me! e comme facisse?

MASTUCCE: Ce penze je! a Don Michele le po sempe succedere na disgrazie! Ce stanne tanti briganti ngire !

ANNARELLA: e va buone je allore me ne vache e venghe chiu tarde! ( Carmela si ritrae)  voglie sundà o terrene 

MASTUCCE: t’accumpagne fore  ( escono)

CARMELA: (entra con le mani sul viso) oh mamma mia … oh mamma mia che brutta cosa! Uh  e  a chi cio diche? Uh mamma mia! ( comincia a pulire …. Tra una pausa e l’altra .. stringe le braccia e continua con  la cantilena ) uh mamma mia … uh e mo che facce .. a chi o conte?  A Donna Sisina?   E si po Mastucce o vene a sapè ? chille m’accire pure a me !  a Paulucce? E si pur’isse è è nguacchiate ( entrano Sisina, Emilia e Don Luigi e come spaventata  ) ohh ohhh …. O prevete!

SISINA: (A Carmela): cher’è pare che e viste o diavule! E’ don luigi! Prego Don Luigi, accomodatevi che Don Michele sta arrivando . Io accompagno Emilia giù per quel servizio. Carmè, tu finisci di pulire e poi scendi

DON LUIGI: fate con comodo … e mi raccomando ( si siede su una sedia)

SISINA: non dubitate  (Sisina ed Emilia escono)

CARMELA: ( va verso Don Luigi            e si inginocchia davanti a Lui) Don Luì ….. Don Luì..

DON LUIGI: Carmela che succede? Su calma

CARMELA: Don Luì …. na cosa tropp malamente!

CARMELA: ( si guarda intorno ) vaggia dicere na cosa ma …. In confessione

DON LUIGI: ma …. Calma … è così urgente?

CARMELA: si …. Assaie urgente ,è grave

DON LUIGI: e va bene …. Ma sta arrivando Don Michele

CARMELA; dinta all’angulille… venite ( lo prende per mano e lo porta in un angolo del salone. Lo fa sedere e comincia a parlargli nell’orecchio e Don Luiig poco dopo  salta dalla sedia per la meraviglia)

DON LUIGI: ( si porta le mani al viso) ma vi rendete conto di quello che mi avete detto? E gravissimo C’è una vita in pericolo!

CARMELA:je ve lagge ditte in confessione!

DON LUIGI: no… tu lo devi dire a chi di dovere! Non puoi nasconderti dietro una confessione altrimenti ci scappa un morto e lo avrai sulla  coscienza!

CARMELA:   e si m’accidene ?

DON LUIGI: scendete giù e ditelo a Donna Sisina, è una persona saggia e riservata. Ci penserà lei ed io l’aiuterò ….. andate e il Signore sia con voi

CARMELA: je vache…. Però avite venì pure vuje

DON LUIGI: e va bene però ce lo dovete dire voi ( si sente la voce di Don Michele che parla con Paulucce)

CARMELA: e allora jamme, facimme ambressse ca sta venenne Don Michele! Je  Cio diche … e…. ca Die ma mamme bbone ! (escono)

MICHELE: ( entra seguito da Paulucce e si siede sulla sedia dietro la scrivania) oh e cheste pure e fatte! Assettete ( Paulucce si siede) mo stamme a sentì : ho appena firmato l’atto di acquisto di nuovi terreni. Quelli che si trovano a confine dopo la ripa. Per arrivarci ci vuole una mezza giornata . Piu tardi  insieme a Mastuccio e andiamo ad ispezionarli .

PAULUCCE: Don Michè ma chella zona e chine e brigante ….  Avimme passà  o bosche mmieze e muntagne e si  ce fermene?

MICHELE: agge ditte a Mastucce e purtà tre buone guardiane e scorte. Quanne arriviamo  c’è sta a Masseria da barrata  dove possiamo riposare. Tu e fa na cosa sola, assicurati e purtà viveri   e i cane e cacce

PAULUCCE: e pure o fucile a palllettone! Vache a priparà ( fa per uscire )

MICHELE: primme e ascì, scinne abbasce e di a Donna Sisina ca me facesse venì cca a guagliole da lavanderia ..  ( Paulucce fa segne e si con il capo ) Va ….  ( Paulucce esce) voglie vedè sta guagliole e che paste è fatte ( si alza e va verso il quadro che lo raffigura posto accanto a quella della moglie , lo osserva ) o pittore a fatte nu bellu servizie …. Ma fatte chiu giovane! Già chiù giovene….. sissant’anne! E vote chiede a me stesse pecchè o facce … e pe chi o facce!  E  …..  a risposte  nun a trove maje! ( entra non vista Emilia e si ferma sulla porta) ( Michele , si sposta di fronte al quadro della moglie ) forse tu si eh? Si tu o saje! E muorte sanne tutte cose, nun ponne fa niente, nun se fanne vedè …  ll’ate  dicene ca le venene nsuonne e le parlene  ma a me tu nun si maje venute! ( Emilia si fa piu avanti )

EMILIA: Don Michele …..

MICHELE: ma chi! … ( come spaventato resta un attimo fermo .poi si gira) ah tu sei .. Emilia?

EMILIA: ( fa un inchino)  a servirvi

MICHELE: vieni avanti … hai paura?

EMILIA: no Don Michele ,la mia  non è paura , è rispetto!

MICHELE: uhmm… ( la guarda con attenzione) bella e anche intelligente! Chissà perché non ti ho notato subito … me sto facenne viecchie! E così. . tu si a guagliola e Tanucce o …me sbaglie?

EMILIA: nun ve sbagliate!

MICHELE: e tu saje pecchè t’agge fatte chiammà?

EMILIA: no… nun o sacc!

MICHELE. Allore to diche je! Tu o saje che a Tanucce l’agge cacciate … ( Emilia fa cenno di si) cheste o saje ovvì! Embè nun tiene niente a dicere?

EMILIA: ( stringe le spalle come a far capire che non può niente) vuje site o padrone!

MICHELE: eh… e allore stamme a sentere. Lassele  perdere a Tanucce,. Nun è o sule omme ncoppe a facce da terrra! Ccà tiene a fatica e  me piglie a servizie pure a mammete! E inoltre te facce sistemà a casa e te facce pure  nu bellu regale a sorde!eh che ne dice?

EMILIA: Don Michè …. Je vi ringrazie .Vuje me ne putite pure caccià comme avite fatte cu Tanucce ma nun pozze lassà a chi voglie bbene chiù da vita mia!

MICHELE: ah a stessa capa tosta! ( gli si avvicina) Tu to vuoje spusà? E o saje ca si vulesse  te facesse mie comme agge fatte cull’ate eh?

EMILIA: si o sacce  ma primme m’avisseve accidere!

MICHELE: ( gli prende un braccio) ah si? E chi me dicesse niente! eh ( la scuote mentre entra Tanuccio che con impeto si lancia addosso a Michele e lo stringe come a soffocarlo)

TANUCCIO: Don  Michè ve l’agge giurate! Je v’accide! ( tira fuori un coltello e fa pe colpirlo quando Sisina , si precipita addosso a Tanuccio e gli ferma la mano armata)

SISINA: no! Fermo per carità! Fermo!!!

TANUCCIO: ( cerca di scostarla ) e pecche m’avesse fermà eh pecchè!

SISINA: pecchè te pate!

TANUCCIO: ( sorpreso, lascia cadere il coltello  e Michele, sfinito cade sulla sedia) c’avite ditte?

SISINA: ca te pate! ( entra Don Luigi) Don Luì dicitancelle pure vuje!

DON LUIGI: ( gli si avvicina) è accussì figliolo

TANUCCO: ( ancora più sorpreso) no … no .. nun po essere … nun po essere ( prende la mano ad Emilia e la tira ) jammuncenne …. Jammuncenne ( escono)

MICHELE: ( si alza sorpreso e ancora spaventato) donna Sisina…. Donna Sisì … grazie, grazie pure a vuje Don Luigi. Ma … che avite ditte ? è o .. vere ? ah si ,agge capite! l’avite fatte pe me salvà?

SISINA: è o vere Don Michè!Tanucce è figlie a vuje!

MICHELE: figlie a me? Ma che jate dicenne!

SISINA: è accussì A povera mamma e Tanucce primme e murì, chiamò vostra moglie ne il vecchio prete Don Pietro  e  gli rivelò il segreto della nascita del figlio.

MICHELE: ma come può essere 

SISINA: il bambino nacque di otto mesi ma ne teneva già nove!

DON LUIGI: la mamma di Tanuccio era al vostro servizio e voi ne approfittaste …. È scritto nella lettera

MICHELE: quale lettera?

SISINA: ( prende una lettera e gliela consegna) prendete, è di vostra moglie! Prima di darmela mi fece giurare di non rivelarne mai il contenuto fino a che non fosse necessario. Ecco tenete! ( Michele prende la lettera e legge)

MICHELE : ( finisce di leggere ) Mio Dio  … perché? Perché solo ora? Perché non ha voluto che sapessi? Perché?

SISINA: la mamma di Tanuccio, voleva bene al marito e  aveva timore che si vendicasse  e succedesse un guaio. Così prima di confidargli  il segreto si fece giurare che non fosse rivelato. Poi morto il marito si raccomandò alla signora affinchè avesse  cura del figlio.

MICHELE: si  …si ..ora mi spiego i piccoli favori e le accortenze di mia moglie per quel giovane  

DON LUIGI: Ora sapete che fare . Il signore è giusto e  misericordioso

MICHELE: ( si porta le mai alla fronte come segno di disperazione) Si … ma ora … vi prego , lasciatemi solo ….

SISINA: prima dovrei parlarvi…… è un affare urgente

MICHELE: si … ma dopo ..dopo ve ne prego. Sono così scosso che non riuscirei a seguirvi  ( Sisina guarda Don Luigi che fa cenno di assenso) vi prego lasciatemi  andare nella mia stanza ( esce)

DON LUIGI:  forse è meglio così….. una’altra cattiva notizia non gli sarebbe certo giovata.

SISINA: avete ragione …. Sarebbe statto  un ulteriore  brutto colpo….. ( entra Paolucce )

PAULUCCE: ( vede Don Luigi e fa un inchino) scusate Donna Sisì, Don Michele è pronto?

SISINA: pronte pe fa cose?

PAOLUCCE: ci ha detto di prepararci per andare alla nuove terre … alla barrata! Mastuccio e tre uomini  sono gia pronti giù che aspettano

SISINA: ah si ? e falli aspettare … anzi  di a Mastuccio che per ora Don Michele nun è pronte e se ne parle ogge! Va  …

PAOLUCCE: ( stringe le spalle) allore pusamme e cavalle?

SISINA: pusate chelle ca ve pare … quanne Don Michele è pronte ..ve chiamme…va!

PAOLUCCE: comme vulite vuje  (esce)

DON LUIGI: alllora io vado ..poi con calma quando si sarà ripreso ….pensateci voi

SISINA : si ….. ci pensero io…

DON LUIGI: bene … che la pace del signore sia con voi  ( esce)

SISINA: (va un po avanti e indietro come a prendere una decisione. Poi si ferma di botto) si ci penserò Io ( si avvicina alla comune e chiama a Carmela) Carmela … Carmè .. ( si sente la voce di Carmela che dice: Cumannate) Carmè saglie ncoppe!

SISINA: Si ci penserò Io ….. non permetterò a quei due delinquenti di portare a compimento il loro piano! ( entra Carmela)

CARMELA: Donna Sisì ..dicite

SISINA: me fa nu favore, arrive a casa   e  Cuncetta a capere e dille c’avvisasse  a Maria a Libardera   ca l’aggia parlà

CARMELA: signò … chella è nu poca pazza … e si dice ca aiute pure e brigante

SISINA; dicerie e paese … va e dille ca a facesse  venì ccà …. ( Carmela tentenna) beh c’aspiette? Va! Carmela ( esce e poi rientra) 

CARMELA:Donna Sisì c’è l’avvocato che cerca a Don Michele

SISINA: falle trasì e va a fa o servizie.. va! ( Carmela esce ed entra Tommaso) venite avvocà, accomodatevi

TOMMASO: riverisco Donna Sisì. Don Michele non c’è?

SISINA: sta di là .. riposa un po. Volevate parlargli?

TOMMASO:  solo scambiare due chiacchiere …. Avete saputo?

SISINA: che cosa?

TOMMASO: l’esercito piemontese è arrivato …. Si è accampato a dieci chilometri  nel paese prima del nostro e già stanno facendo rappresaglie

SISINA: volete dire che presto toccherà anche al nostro paese subire violenze?

TOMMASO: Daranno sicuramente la caccia alle bande dei briganti .. noi certo non avremo noie

SISINA: noi? Volete dire questa casa .. la vostra, quella del sindaco  e quella dei suoi amici?

TOMMASO: beh …. Si sa …. Sono venuti a combattere il brigantaggio

SISINA: sono venuti a combattere  il male che hanno partorito: Il tradimento,l’ingiustizia, la miseria! la fame della  povera gente

TOMMASO: si lo ammetto … ma  che ci possiamo fare …è la vita!

SISINA: già la vita!  Come se fossimo noi a sceglierla.

TOMMASO: avete ragione . Beh io vado quando si sveglia Don Michele …. Ditegli di questa cosa …. ( fa un inchino ) arrivederci

SISINA: arrivederci! Devo sbrigarmi … e Carmela non viene ancora ( passeggia nervosamente poi entra Carmela e Libardera vestita normalmente) ah ce l’avete fatta … Carmè tu vaje abbasce …. ( gli va vicino) abbasce, ce simme capite?

CARMELA: si .. agge capite .. ( esce)

SISINA: Libardè … assettete e ascoteme buone! Oggi don Michele aveva ascì con alcuni suoi uomini  per andare alla barrata ….  E  l’aveva accompagnà Mastuccio … Libardè …..  Mastucce è nu traditore e teneve cape durante o viagge e accidere a Don Michele e da a colpe a vuje brigante!

LIBARDERA: chillu piezze e fetente!

SISINA: Libardè va addò Capasana e dille sta cosa …  dille ca me facesse o piacere! Ormai Don Michele o viagge a rimandate ma chiu tarde   verso sera  Mastucce   insieme a due uommene  se fa o solite gire ncoppe a ripa . M’arraccumanne  sule Mastucce nun adda turnà arete cu e cosce soje! E..cheste è na cosa ca Don Michele nun adda maie sapè!

LIBARDERA: ce simme capite! Donna Sisi! Mastucce è nu nfame e nun merita e campà!

SISINA:Nun me piacene l’accisione e nun ce bisogne ca l’accidite! Baste ca le spezzate e coscie e mane. Ah  E dille n’ata cosa. I piemontesi stanne arrivanne, mettiteve in salve! Ce simme capite? mo vaje e fa ambresse!

LIBARDERA: vache… e state sicure ( esce)

SISINA: e mo passamme o rieste!( bussano dalla comune , va ad aprire ed entra Paolucce) ah vieni che è successo?

PAOLUCCE: niente Donna Sisì , vuleve avvertì a don Michele ca jamme a fa o solite gire nzieme a Mastucce

SISINA: e jate .. a Don Michele l’avvise je .. . sta ancora di là

PAOLUCCE: ah ce sta ancora chella femmena … comme se chiamme .. ah Rusina che le vo parlà ca facce?

SISINA: falla trasì   veche je ca vo

PAOLUCCE: va buò nuje jamme  ( esce e poi entra Rosina con Ninnillo e si ferma sulla porta)

SISINA: venite avanti ….

ROSINA: ( vestita di nero  e malandata prende la mano a Ninnillo. Un ragazzo di quasi dodici anni) vieni … trase nun avè paure!  ( va verso Sisina)scusate signò … chille è nu poche scurnuse.

SISINA: è guagliole …. Dicite a me ca vulite?

ROSINA: parlà cu don Michele ….  Lagge chiedere nu piacere

SISINA: si è na cosa urgente putite dirle a me ( entra Michele ) ah Don Michele sta ccà : Don Michele ,questa donna vuole parlarvi

MICHELE: che succede … chi siete

ROSINA: ( gli si avvicina) Nun me canuscite chiù Don Michè? Rusina ….. So Rusina a patanara …..a mugliera da buonanima e Custantine o purcare

MICHELE: ah si …. Site cagnate assaie ….

RUSINA: a miseria Don Michè ….. a quanne mariteme è muorte n’agge fatte e fatiche pe mantenè a figlieme ! ma mo ….mo nun cia facce chiù … so malate e…. stu povere Ninnille nun s’ammerite e rimarrà sule

 MICHELE: e io che posso fare ….

ROSINA: pigliataville a servizie addo vuje… è guagliole ma sape fa nu sacche e cose ….  Ve preghe…nun ne tenche pe molte Don michè  so malata assaie…

MICHELE: ( guarda il ragazzo ..poi Rosina .Infine guarda Sisina che con un cenno di capo esprime il suo assenso) uhmm ( si avvicina al ragazzo ) comme te chiamme guagliò?

NINNILLO: ( il ragazzo alza la testa ) mi chiamme Aitane ma mammà e l’amice me chiammane Ninnille

MICHELE: ah  Ninnille !Ninnì  o.. saje comme se guvernene e cavalle?

 NINNILLE: e comme no!

MICHELE: e saje  pure comme se pulizze na sella?

NINNILLO: e comme no!

MICHELE: e comme se cariche nu fucile?

NINNILLE: e comme no!

MICHELE: agge capite …. Nun saje fa niente

NINNILLE:  ( abbassa la testa poi … la rialza di nuovo ) però mpare ambresse!

MICHELE:( Ride divertito) Ahhh … ahhh …  fa na cosa … e vide chilli stivale dinte all’angule ( Ninnillo guarda e fa cenno di si) pigliele e falle ascì lucidi lucidi ….

NINNILLO: agli ordine Don Miche ( Prende gli stivali e si rivolge a Sisina) o lucide  e a pezza ma date vuje?

SISINA: si to do je! Aspiette cca!

MICHELE: Rusì sta senza pensiere.  Maritete ma servite buone ! O guagliole me piace ..è scetate e … mo tenche cca!E pure vuje putite stà cca. Ce pensa Donna Sisina a sistemarve (Rosina  fa per inginocchiarsi ai piedi di Don Michele che non glielo pemette) su avizateve , mo jate a casa voste , raccogliete chelle ca ve serve e po venite qui.

ROSINA: grazie Don Miche …. Grazie …. Ninnì jamme ….

NINNILLE: ( con in mano i stivali) e i stivale quanne e pulizze?

SISINA: va Ninnì ca quanne tuorne e voglie a fa servizie … va   ( escono ) avite fatte buone…. È na bona femmina

MICHELE: si  agge fatte buone! …… e da un po di tempo a questa parte  che  quanne facce na cosa bone me se regne o core ! Forse me so fatte viecchie!

SISINA: Voi non siete mai stato cattivo …severo si ! A volte anche con voi stesso!

MICHELE: cosa volete dire ?

SISINA: niente …. Così .. Ora ascoltatemi bene . Siete in pericolo, vogliono uccidervi

MICHELE: cosa? I briganti forse? Tanuccio?

SISINA: sono gli unici che non dovete temere

MICHELE: e allora chi?

SISINA: Annarella e Mastuccio!

MICHELE: Annarella e Mastuccio? Ma che dite’  E perché?

SISINA: pa robba Don Michè … pa robba! Annarella ha capito che non riconoscerete mai sua figlia

MICHELE: pecchè nun è figlie a me! Se crereva e me fa fess ma je sapeve ..chi sapeve a verità! E  Mastucce? Pecchè

SISINA; Annarella sa girate! Mastucce cu l’aiute e qualche perzone  le faceve a testimone che Linella era figlie a vuje e esse  la prummise che a morte vosta se sparteve tutte cu isse!

MICHELE: ma … come lo hai saputo?

SISINA: quando siete uscito per andare sul comune , Annarella è stata ccà! Non vi ha trovato e ha parlato con Mastuccio ! Solo che Carmela non vista ..ha sentute tutte cose e me la ditte!

MICHELE. Chelle è na diavule! Convinte ca nun avesse riconusciute mai a figlia  si è alleate cu chillu traditore e Mastucce ! ma mo ce penze je! Chiammateme a Mastucce

SISINA: è uscito poco fa per il solito giro di controlla alla ripa

MICHELE: ah! Appena vene falle venì cca e fa venì pure a Paolucce. Intante  chiamateme a Carmela

SISINA: ( si affaccia alla comune e chiama Carmela la quale risponde  ) Carmè saglie nu poche ncoppe ! Don Michè ,m’arraccumanne … cautela ( entra Carmela)

MICHELE: Carmè .. donna Sisina ma mise a currente da tresca e Annarella e Mastucce … tu e sentute bbuone?

CARMELA:  Don Michè ..je vo vuleve venì subbete a dicere ma …me so pigliate na sfaccimme e paure e allore l’agge cunfessate a zi prevete ca steve cca e po a Donna Sisina

MICHELE: e fatt buone! Mo me fa nu piacere

CARMELA: dicite …

MICHELE: va addò Annarella e dille ca l’aspette ccà e .. marraccumanne  nun le fa capì niente …  fa comme nun fosse succiese niente e capite?

CARMELA: agge capite . Je so gnurante ma mica so sceme …. Nun ve preoccupate ..vache subbete ( esce)

MICHELE: esse e Paulucce so doje perzone fidate! Paolucce è asciute pur’issse eh?

SISINA: si … è jute cu Mastucce po gire ( bussano alla comune,Sisina va ad aprire ed entra Vittorini)

VITTORINI: Don Michele i miei ossequi … Signora !( si inchina e bacia la mano a Sisina )

MICHELE. Caro Comandante a che debbo la vostra visita

VITTORINI: ho un piacere da chiedervi

SISINA: con il vostro permesso ..mi ritiro . Ho delle cose da fare ( esce)

VITTORINI: che gran donna!

MICHELE: si un gran donna! E ditemi cosa posso fare per voi?

VTTORINI: stasera arriverà il grosso dell’esercito e avrei  bisogno di far alloggiare il comandante in una dimora decente e così ho pensato che potreste aiutarmi

MICHELE. Ma  certamente  caro  Capitano,  Lo faremo alloggiare insieme ai suoi ufficiali in una delle mie tenute. Appena torna Mastuccio, farò in modo che la praparano per l’occorrenza e così la potrete ispezionare

VITTORINI: vi sono grato e il nostro governo saprà come ricompensarvi

MICHELE: vi ringrazio

VITTORINI: bene …. allora a dopo  (saluta militarmente) esce

MICHELE: questo favore lo pagheranno bene ( entra Carmela )

CARMELA: Don Michè ce sta Annarella e Linella  e … ( mette il dito sul naso)  manne addimmanate pecche l’avite chiammate e je l’agge buongiorno . ditte che avite piacere de vedè

MICHELE: ah bene,  falle entrare e  chiama donna Sisina ( Carmela esce e subito rientra insieme ad Annarella e Linella e poi riesce) ah Annarè trase ( Linella rimane sulla soglia ) e pure tu Linè viene.. ca tiene  paure? ( Linella fa un inchino ed entra)

ANNARELLA: don Michè.  Buongiorno ( indicando la figlia) è nu poche scurnose ma vite viste quante è bella?

MICHELE: si è veramente na bella guagliola!

ANNARELLA: e nun po dicere tene mode aggraziate comme na signore e classe!

MICHELE: e già! Tene sanghe nobbile dinte e vene!

ANNARELLA:( con apparente soddisfazione) si …. È accussì e vuje o sapite buone

MICHELE: ( a Linella)  viene ca avvicinete)

LINELLA: ( titubante) veramente …..io ..

ANNARELLA: su a mammà  Don Michele te po essere pate ,nun avè a paure

LINELLA: ( si fa avanti ) cumannate don Michè (  Michele, si avvicina e  la osserva attentamente )  

MICHELE: eh già me puoje essere figlie!

LINELLA 🙁 fa un inchino ) bontà vostra

MICHELE : brava … sta guagliole  me simpatiche (  entrano Sisina e Carmela. Sisina ,si è cambiata d’abito e pettinati i capelli  e risplende tutta della sua bellezza . Michele la guarda  meravigliato ed estasiato) Oh Donna Sisina! Siete uno splendore!

SISINA: grazie… bontà vostra! ( Annarella la osserva con  evidenti segni di gelosia)

MICHELE:  ah venite …. Oggi è na giornata davvero  particolare. Donna Sisina, voi la conoscete a Linella vero?

SISINA: certo che si … è una bella ragazza

ANNARELLA:  bella ,brava e aggraziata

MICHELE: Linè quant’anne tiene

LINELLA: diciannove don Michè

MICHELE: diciannove?    E patete o canusce?

LINELLA: no … mammà ma ditte che è nu gran signore e che nu juorne m’avesse fatte canoscere

MICHELE: ah si? Annarè e pecchè nun cio dice chi è o pate … su c’aspiette!

ANNARELLA: ma veramente ….

SISINA: vulite ca cio dich’je?

MICHELE: si e pecchè no ! dicintancelle vuje

SISINA: ( si avvicina a Linella) nennè si na bella e brava guagliole e dinte e vene toje scorre sanghe nobbile

ANNARELLA: si si bella e mammà  patete è…

SISINA: patete ere nu  capitane  di borbone figlie e nu barone e mammete putroppe  figlie e na vaiasse

ANNARELLA: ma … comme ve permettite !

MICHELE: pecchè nun è a verità? O veramente penzave che m’ammuccave tutte e fessereie ca me dicive Eh? Donna  Sisina se nfurmate bbone pecchè sapeve addo piglià nfurmazione

ANNARELLA: nun è overe ! so malignità!

MICHELE. Malignità? Eh già!  Linè mi dispiace si fusse state veramente figlie a me t’avesse accolte e rispettate  ma si figle e na femmena malvagia e senza core!

ANNARELLA: ma … pecchè ..pecchè dicite cheste

SISINA: Carmè .. viene avante ..parle e nun avè paure!

CARMELA: ( si posiziona accanto a Sisina) Don Michè … stammatina Annarella è venuta ccà pechhe ve vuleve parlà, Nun va truvate e allore ve steve aspettanne  nzieme a Paulucce ..po è venute Mastucce  e na mannate a Paulucce e si mise a parla cu Annarella. Je steve trasenne ma me so fermate a sentì chelle ca dicevene

 SISINA: e dille che hanne ditte ..dille?

CARMELA: Annarella se magnate a foglie ca nun ricunuscite a figlie e  se so mise d’accorde pe v’accidere e pe se spartì a prupietà voste. Mastucce ogge stesse apprufittanne do viagge pe je a vedè e terre nove v’avesse sparate e po jttave a colpe ncuolle e brigante. Chiste è o piane che hanne fatte!

ANNARELLA: no nun è overe! Cheste so menzogne! ( Va verso Michele ) Michè … l’hanne ditte appostae pe marruinà! Nun è overe Michè! ( entra Paulucce tutto spaventato)

PAULUCCE: don Michè… è succiese na cosa brutta! Don Michè … na disgrazie!

MICHELE: parle che è succiese!

PAULUCCE: (  si accascia su una sedia ) appena simme arrivate mmieze a muntagne simme state accirchiate a vinte brigante …ci hanne fatte  scennere cianne levate e fucile po hanne pigliate a Mastucce e l’hanne fatte nuove nuove!

MICHELE. Sule a Mastucce? E pecchè

PAULUCCE: hanne ditte ca Mastucce s’arrubbave e cape e bestiame vuoste , se venneva e po deve a colpe e brigante. Don Michè , l’hanne rotte a capa e l’hanne spezzate coscie e mane l’hanne lassate nterra e hanne ditte  jate a Do Don Michele e dicitele a verità!

MICHELE: si cheste è a verità hanne fatte bbuone! E Mo Mastucce addo stà

PAULUCCE. L’avimme purtate  o sanatorie ma… tene poche a campà!

MICHELE: va buò vatte a ripusà che mo veche je!  ( Paulucce esce) Annarè , tu jesce fore e nun  t’accustà chiù a sta casa! Linè… mi dispiace …  va cu mammete  e dille ca te ringrazie pecchè è pe te ca nun a facce arrestà

LINELLA: (  si volta verso la mamma ) mammà  comme e putute fa cheste!

ANNARELLA: o faceve pe te .. pe te figlia mia!

MICHELE: fuori …. Andate via! ( Annarella e Linella escono ) Donna Sisì grazie….. grazie pure a te Carmè ca nzieme a Paulucce site è chiù fidate

CARMELA. Don Michè… je pe vuje me jttasse dinte o fuoco

MICHELE: lo so ..ora vai …  e avverti a Paulucce ca tenimme a fa nu servizie ..vai ( Carmela esce) Donna Sisì  avevate ragione … i briganti  so uommene d’onore!!

SISINA: so uommene ca se so ribellati a miseria e all’ingiustizia sociale e peccheste venene accise e torturate! Vi site mai chieste pecchè a robba voste nun l’hanne mai tuccate?

MICHELE:  è o vere nun m’hanne fatte mai tuorte ! Era allore Mastucce ca m’arrubbave! Ma pecchè po  ?

SISINA: pecchè a nomme vuoste sotte sotte je l’aiutave … nu sacche e farine … nu poche e larde … doje miricine …. S’accuntentavene e poche e ce facevene stà cuiet. D’altra parte si arrubbavene o facevene pe famme! Si agge sbagliate perdunateme

MICHELE:Donna Sisì  vuje site na femmena eccezionale e senza e vuje sta casa fosse jute in rovina!

SISINA: Don Michè … chellla femmina ve steve purtanne alla rovina! E .. primma ca è troppo tarde … penzate a vostro figlio….. è disperato ed io penzo  ca po fa qualche fesseria. Mannatele a chiammà. Si vulite ce penze je! Sacce comme l’aggia piglià!

MICHELE: è nu guagliole orgoglioso e di principio….. è na capa tosta!

SISINA: comme a vuje  Don Michè! Ma è leale ed onesto, lassateme fa!

MICHELE:  Si ! Donna Sisì … purtatele ccà! E’ venute o mumente e mettere  e cose  a poste!  Je …. Ve vulesse dicere …. …  ( le si avvicina ) je senza e vuje  nu ce sacce chiù sta e….. Ecco … voi siete  così .. così..( entra Paulucce insieme a Carmela)

PAULUCCE: scusate  Don Michè Carmela ma ditte ca me vulite… so pronte!

MICHELE: già ….si pronte … beh jamme ….. Donna Sisì …. Sisì … te parle a doppe! ( escono)

SISINA: ( rimane sorpresa dalle parole di Michele, si siede sulla poltrona e passa le mani alla fronte )          e questa è fatta, finalmente questa casa si è liberata di quella donna

CARMELA: vulite dicere e chella zoccule!  Maroò e che ce teneva! Nientedimeno era arrivate  a chistu punte!

SISINA: è na femmena ca tene e malizie nfilate a ciente comme granatelle p’ogne capille d’a cape!

CARMELA: avite raggione! È na femmina c’avesse scassate na casa! Donna Sisì , comme  site belle vestute accussì e comme ve guardave sperute Don Michele ! ( bussano , va ad aprire ed entra Don Luigi.)

DON LUIGI: ( entra con evidente  spavento) Dio sia lodato!Donna Sisì è successo una cosa terribile! I soldati hanno   attaccato  una masseria verso la montagna e hanno ucciso  degli uomini e molti li hanno fatti prigionieri!

SISINA: Mio dio!  E ditemi … molto morti? E i prigionieri?

DON LUIGI: sono qui per questo! Hanno imprigionato anche Tanuccio ed Emilia, li hanno accusati di essere dei briganti e li vogliono condannare a morte me lo ha detto Maria a Libardera che è riuscita a fuggire insieme ad altri suoi compagni

SISINA: o mio Dio… venite … andiamo al comando .. andiamo a parlare con il capitano Vittorini! Tu Carmela avvisa rintraccia Don   Michele e mettilo al corrente di tutto   . Andiamo Don Luigi ( escono)

CARMELA: uh maronna mia! E mo addo o trove a Don Michele! ( Si affaccia alla comune e chiama a Ninnillo) Ninnì … Ninnì saglie ncoppe fa ambresse!. Mo o manne o sanatorie forse è la ca è jute Don Michele ( entra Ninnillo)

NINNILLO: zi carmè m’avite chiammate?

CARMELA: pecchè nun le sentute?

NINNILLO: e si sto cca ..agge sentute . ..dicite

CARMELA: Ninnì curre o sanatorie e si ce sta Don Michele dincesse ca subbete torne a casa pecchè è urgente ..è na questione e vita o e morte!

NINNILLO: azz….   E che è succiese?

CARMELA: nun te perdere a chiacchiere  ..curre!

NINNILLO: subbete ! esce di corsa

CARMELA:  e addo ate po sta …. ( entra Rosina)

ROSINA: Carmè ca è succiese?

CARMELA:na cosa terribile! E surdate hanne accise nu sacche e briganti ncoppe a muntagne e hanne mprigiunate a Tanucce e a chelle povera Emilia   a  figlia da Parulane!

ROSINA: puverielle!

CARMELA: E Don Michele chi o sa addò è jute! Agge mannate a Ninnillo a cercarle!

ROSINA: ma Don Michele sta arete a tenute nzieme a Paulucce e all’ati guardiani

CARMELA: comme? E va .. va falle venì subbete ncoppe ( entra Tommaso)

ROSINA: si  si vache  subbete ( esce)

TOMMASO: Carmè addò sta Don Michele

CARMELA: a jute a chiammà Rosina

TOMMASO: ah meno male! Dinte o paese sta succedenne l’inferne! Sparatorie .. uccisione …. E surdate stanne mettenne tutte a ferre e fuoche!

CARMELA: Uh maronna mia   Donna Sisina .. Ninnille!!

TOMMASO: addo stanne?

CARMELA:  Donna Sisina è corze o cumande de surdate e Ninnille a circà a Don Michele

TOMMASO: per la miseria sono ingrave pericolo! ( entrano Sisina e  Don Luigi   abastanza spaventati) oh Signore ti ringrazio siete qui!

SISINA: dov’è Don Michele

CARMELA: sta venenne!

SISINA: assa fa a Die! ( entrano Michele, Vittorini  e Paolucce)

MICHELE: ( ancora da fuori ed  entrando ) Venite Comandante, avete visto che bella tenuta ho messo a vostra disposizione?
VITTORINI: ottimo Don Michele!

MICHELE: (vede tutti gli altri spaventati) cosa è successo?

SISINA:sta succedendo una  cosa terribile giu al paese! Briganti uccisi e fatti prigionieri…. Hanno preso anche Tanuccio ed Emilia. Sono corsa al comando per spiegare che sono vostri uomini e non briganti ma  non li ho trovati. Mi hanno detto che li stannno portando al paese vicino per fucilarli. Don Miche Currite per l’amor del cielo … currite!

MICHELE: maledizione!  ( va verso il capitano) Capitano, vi chiedo di aiutarmi  quei due ragazzi non solo sono dei miei dipendenti ma sono a me molto cari!Potete?

VITTORINI: sono a vostra disposizione! Sellate i cavalli e andiamo e speriamo di fare presto e arrivare in tempo!

MICHELE: Paolucce, andiamo! ( escono)

SISINA: ( va verso il quadro della moglie di Don Michele) oh signora mia … Dio mio! Fa che arrivano in tempo. fa che non gli facciano del male!

TOMMASO: su coraggio…. Ce la faranno!

SISINA: Mio Dio che sta succedendo ( entra Rosina) case distrutte, incendi … morti per la strada … ( si porta le mani alla fronte)

ROSINA ( preso dallo spavento) e ninnillo?.. Ninnillo L’avete visto?

SISINA: no …. È fuori?

ROSINA: si è andato a cercare don Michele

SISINA: oh madonna santa!

ROSINA:  figlio mio!  ( va verso la comune ) o vache a truvà!...

SISINA: ( la ferma)  no vach’je! Sacce arò passà e po e surdate me canoscene( Fa per andare quando entra Ninnillo)

ROSINA: ( gli corre incontro abbracciandolo)  figlie mie! Ca spaviente! T’hanne fatte niente?

NINNILLO: mammà … je so comme a n anguille…. E po so piccerille e pallottole friscavane ma nun me pigliavane

ROSINA: Uh maronna mie! ( lo stringe piu forte)

NINNILLO: ( si divincola) mammà e fa chiane ! nun m’hanne accise e surdate e me vulisse affugà tu?

SISINA: e viste e surdate ?

NINNILLE: e comme no? Hanne purtate nu sacche e gente a Campolattaro qualchune ha ditte ca e purtavene nnanze o generale e po e fucilivane

ROSINA: ( si stringe la mani per la disperazione e si butta su una poltrona) Maronna mia bella aiutele .. aiute  a tutte quante! ( si avvicina Tommaso)

TOMMASO: su  fatevi coraggio… vedrete che Don Michele li riporterà a casa!

CARMELA: e speriame!

SISINA: quante è brutta a guerra!

DON LUIGI: a volte mi chiedo che senso ha? Dove si è nascosta l’umanità! Perché  scatenare queste violenze inaudite  ,perché mettere i fratelli contro i fratelli e distruggere ciò che si è realizzato. Perché martirizzare il mondo, abbruttire le persone...perchè?

SISINA: solo Dio lo sa!  lo scempio che hanno fatto quei  soldati nelle strade è spaventoso!…donne…bambini . sembra che quella gente ha perso il senso della pietà! ( entrano Michele e Paolucce) Don Michè…  

MICHELE: niente da fare …. I soldati non mi hanno fatto passare…. Non sappiamo niente! iI capitano è andato a Campolattaro…. Pare che li abbiano portati la! O Dio mio!

SISINA: su …  fatevi coraggio!  Rosina ..tu e ninnillo, scendete giù e insieme a Carmela preparate qualcosa da mangiare

ROSINA:  subito donna Sisì -andiamo Carmè .. vieni Ninnì  ( escono )

PAOLUCCE: io vado  giù ….  Se ci sono novità ..corro ! ( esce)

TOMMASO: (A Michele) su siediti… stai tranquillo … vedrai che il capitano c’è la farà!

MICHELE: si .. lo spero fortemente!

DON LUIGI: io vado …. Cercherò  nel possibile di portare una parola di conforto a quella povera gente

TOMMASO: aspettate … vi accompagno. I soldati non sono teneri neanche con i preti…. Venite con me. So io da dove passare  ( escono)

SISINA: ( si avvicina a Michele il quale tiene le mani al volto )  Don Michele ….volete qualcosa di caldo? Un the?

MICHELE: no … grazie … mi sento sconvolto…. Vuoto …. Sento dentro di me un grande dolore! Un figlio! Un figlio che ho condannato a morte!

SISINA: non dite così ..non sapevate! Forse la colpa e anche mia. Avrei dovuto dirvelo prima!

MICHELE: no! Tu hai fatto quello che dovevi!  Io invece ho sempre fatto ciò che volevo! Potrò mai dimenticarlo? Vorrei patire per tutte le colpe e per tutti i peccati che ho commesso. Vorrei porre fine al dolore che mi perseguita, al rimorso che mi assale che mi consuma! Mio figlio! Ho condannato mio figlio

ROSINA: vi comprendo. Non c’è dolore più grande di quello che prova un genitore sopravvissuto ad un figlio. Ma abbiate fede …. Pregate!

MICHELE: ( porta le mani al viso) si …. Sto pregando..  e non mi è mai successo di farlo. Quando morì mia moglie non ne ebbi nemmeno il tempo! ( entra Paolucce)

PAOLUCCE. Don Michè …sta arrivanne o capitane!

MICHELE.  (  si alza ) con chi?con chi sta arrivando

PAOLUCCE:  è … è sule isse Don Michè!

MICHELE: no … no … ( Sisina lo abbraccia )

SISINA: su sedetevi…. Calmatevi

MICHELE: vorrei piangere … ma il dolore è troppo grande perché si sciolga in lacrime!

SISINA: io invece non ci riesco… ( piange  sulla spalla di Michele)

PAOLUCCE:  io …. Vado… (  va via con evidente commozione)

SISINA: su sedetevi …..

MICHELE: ( sedendosi ) non ho più  niente ….. ho solo voi ! ( entra il capitano)

VITTORINI: Don Michele!

MICHELE (  si alza ) grazie Capitano….. vi comprendo….

VITTORINI: ho fatto ciò che  reputavo giusto ma non ci sono riuscito, Quando sono arrivato al comando non cerano più. Ho saputo che durante il percorso ci sono state diversi attacchi da parte dei briganti e molti prigionieri sono stati fucilati !

 MICHELE: so che avete fatto il possibile ….vi ringrazio  ( si lascia cadere su una poltrona spossato) perché ..perchè…. ( Sisina si avvicina e cerca di confortarlo)

SISINA: Don Michele …. Su, si faccia forza…. ( entra Paoluccce)

PAOLUCCE: Don Michè …. So arrivate…so arrivate

SISINA: chi … parla chi so arrivate?

PAOLUCCE: Maria….. e….( guarda il capitano mentre entrano Tanuccio ed Emilia)

SISINA: ( rimane sorpresa ..poi corre ad abbracciarli) Oh Dio mio!  …o madonna bella sia ringraziata!

MICHELE: ( si alza e rimane in piedi  a guardarli  impietrito)

SISINA: ( a Tanuccio) su … che aspetti …. Abbraccia tuo padre!

TANUCCIO: ( rimane fermo per un attimo. Poi guardando Michele che gli apre le braccia ,va e lo abbraccia)

VITTORINI:( si mette sugli attenti, saluta e va via)

MICHELE: perdonami! Perdonatemi tutti!

SISINA:Non c’è niente da perdonare Don Michele!E’ Il destino di tutti noi che ci coinvolge e ci fa percorrere strade inimmaginabili e quando sembra che tutto è perduto….ci sorprende ridandoci le speranze perdute

 MICHELE:  ma come siete riusciti a  scappare …. … Il capitano era venuto a liberarvi e quando non vi abbiamo visto arrivare  con lui per un attimo pensavamo che  non ce l’aveste fatta

TANUCCIO: Sono stati i briganti hanno attaccato i soldati e liberato tanta gente. Maria a Libardera ci ha detto  tutto e ci ha accompagnato fin qui  prima però Emilia , ha voluto passare da sua madre per tranquillizzarla

MICHELE: vieni qui Emilia… vieni qui figlia mia ( l’abbraccia)  Donna Sisina …

SISINA: dite don Michele

MICHELE: ( gli si avvicina)  fatemi un favore , togliete quel don di mezzo … io … ve lo stavo dicendo prima …. E …. Ora più che mai ve lo dico…. Donna Sisina …. Mi volete sposare?

SISINA:   si !ma a  una sola condizione! Che togliete anche voi quel Donna! ( si Abbracciano! ) Ora però …. Diamoci da fare …in tanti fuori soffrono …. E hanno bisogno di aiuto

MICHELE: hai ragione la nostra felicità non deve essere offuscata dalle bruttezze esterne…. Darò ordine i miei uomini di aiutare tutti quelli che arrivano qui. Di certo non li scacceremo! I Soldati se ne andranno e ancora una volta ci toccherà  ricostruire quello che la guerra ha distrutto!

SISINA: Si. E’ cio che faremo! Noi oggi siamo felici ma  un giorno la felicità sarà anche di quelli che oggi hanno la tristezza nel cuore. La vita in fondo è così! Il bene, il male, le cose belle e quelle brutte arrivano entrambe e vanno accettate perché esse non arrivano mai  per caso ! Ora abbracciamoci tutti e…. poi si vedrà!

Fine della commedia

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 5 volte nell' ultimo mese
  • 49 volte nell' arco di un'anno