L’amore è cieco… ma il matrimonio gli rende la vista!

Stampa questo copione

“L’AMORE E’ CIECO…

“L’AMORE E’ CIECO…
                         …….MA IL MATRIMONIO GLI RENDE LA VISTA” !!!

                                                  

                                                   Commedia comico-brillante in 2 atti

                                                               di Thomas Mugnano
                                  

                                  ( @ Diritti riservati Siae n° posizione 169417 sez. DOR )

PERSONAGGI

Ciccio Scognamiglio…….padrone di casa
Iolanda…………………..sua moglie
Eustacchio………………il figlio tonto                                              Filly……………………..la figlia ribelle
GianMaria………………il figlio Gay
Pellecchia……………….l’incaricato di Don Camillo
Gaetanina……………….vicina di casa amcica di Iolanda
Perzechella………………fruttivendola minuta e pettegola
Nannina…………………sorella di Perzechella
Goffredo Falco………….Fidanzato di Filly
Goffredo Porcelli……….Amico di GianMaria
Don Camillo ……………Parroco del paese
Francesco ………………Il loro nipotino
Nicola ………………….Testimone di Geova
Voce della Coscienza…..Personaggio surreale

        “L’AMORE E’ CIECO…
                           …….MA IL MATRIMONIO GLI RENDE LA VISTA” !!!

                                                      Commedia comico-brillante in 2 atti

                                                                  di Thomas Mugnano

Il tutto si svolge all’interno di una stanza da pranzo dove a sinistra vi è una porta che accede alla camera da letto e a destra la porta della cameretta dei ragazzi. In fondo c’è la comune e
l’ accesso per la terrazza (a sinistra) e la stanza della figlia (a destra). Sulla parete di fondo c’è una scrivania con sopra alcuni libri riposti in perfetto ordine. Al centro del soggiorno troviamo un divano, un tavolino e tre sedie. Altri mobili verranno suggeriti delle esigenze dell’ azione.
All’ apertura del sipario c’è donna Iolanda che sta facendo le pulizie di casa.

VOCE DELLA COSCIENZA - ( 1° INTERVENTO SURREALE) Il detto antico dice, ed ha ragione : << Le dita della mano non sono tutte eguali>>….ce sta gente che ‘a dummenaca ‘a mmatina…appene scetate….embè, se penze ‘e sta mmiezz’ ‘o mercate>>!!

                                                   IOLANDA E CICCIO

IOLANDA-(Sbuffando) Guarda ccà, dint’ ‘a sta casa nun aggia cchiù addò appujà ll’ uocchie… ‘o cazone ‘ncopp’ ‘a seggia, ‘e scarpe ‘ncopp’ ‘o divano, ‘a maglia pe’ terra…(alzando il tono della voce notevolmente)… che puzzate ‘jettà ‘o vveleno pate e figlie, voglio vedè quanno ‘a fernite ‘e semmenà ‘o ‘mbruoglie pe’ dint’ ‘a casa!!! (chiamando) Ciccio!!... (pausa)… Ciccio!! (chiamando più forte) Ohj Ci’ te vuò sòsere, o no??... songhe già ‘e 7 e mezza!!

CICCIO-(da fuori) aspetta… mo’ me soso!!!

IOLANDA-E cheste vo’ fa’… ‘o “fraceto”… ti devi sosere primm’ e mo’ che devo aprire la finestra che ‘lloco dinto ce sta na puzza esagerata!!!

CICCIO-(come sopra) Iola’ t’ aggio ditto aspetta 5-6 minuti

IOLANDA- Va buono…aggio capito( a passo svelto si dirige verso il fondo ed esce per un istante per rientrare con la scopa elettrica)… mo’ te faccio vedè si te suse oppure no!!! (accende la scopa)

CICCIO- (Esce con il pigiama tutto assonnato e sbadigliando) ma te pare ‘o caso a chest’ora e te mettere a passa’ ‘a scopa?? Ma ch’ i ‘a fa’ sceta’ tutto ‘o palazzo???

IOLANDA-(acida) A chest’ora??... chelle so’ già ‘e 7 e mezza passate!!!

CICCIO- Si… ma della Domenica mattina!!

IOLANDA- siente a mme, chella che dice o chella che penza ‘a ggente nun m’interessa… io saccio sulo che dint’ ‘a stanza ‘e lietto ce puzza e aggia arapi’!!

CICCIO-(tra se) Ma chesta stanza ‘e lietto l’avesse pigliata pe’ na stalla??

IOLANDA-(sbraitando) Io nun ce ‘a faccio chiù!!!... te miette tu e ‘e figlie tuoje m’atterrate a mme… guarda cca’ (indicando i vari indumenti sparsi per la casa)… tanto po’ vene a cammerera e lleva tutte cose a miezze!! (alzando la voce) Io nun ce ‘a faccio cchiù… io nun ce ‘a faccio cchiù… chissà qua juorno me faccio ‘a valigia e me ne vaco.

CICCIO- (Tra se) Anema d’’o priatorio… pensatece vuje

                                         EUSTACCHIO E DETTI

EUSTACCHIO-(Entrando dalla camera ancora tutto assonnato con pigiama) mamma' l’hè priparato ‘o llatte c’ ‘o nesquik ??

CICCIO- Tiene mente, tie’!! A 40 anni ‘o llatte c’ ‘o nesquik… addo' te ll' ha dda mettere mammeta, dint’ ‘a na buttigliella c’ ‘o bbiberon?

EUSTACCHIO-Noooo!! Quando mai?? ‘O vvoglio dint’ a tazza grossa !! Si no comme faccio a nce ‘nzuppa' ‘a pizzetta dinto ???

CICCIO- i’ ‘a nzuppa’ ‘a pizzetta dint’ ‘o llatte??... ma dint’ ‘o llatte nun se mettene ‘e biscotte ??

EUSTACCHIO- No papà, ‘e biscotte so’ troppo liggiere !!... e quando m'apparo ??

CICCIO- hai ragione !!... e tu fa na cosa… Miettiece ‘o pere e ‘o musse, accussì è cchiù ‘e sustanze !!

EUSTACCHIO-(Felice) uhàà bello !!! ... ce pozzo nzuppa’ pure ‘o pere e ‘o musso??

IOLANDA- (insorgendo) dint’ ‘a sta casa nun ‘o ssaccio si è cchiù scemo ‘o pate oppure ‘o Figlio!! (al figlio) Eustà fa na cosa, vai a svegliare pure a fratete che se so’ fatte le otto meno un quarto… ed è tardil!!

CICCIO- lolà ma tarde pe’ ffà chè ?? Oggi è domenica .... Il giorno del Signore, ma rilassati, falle ripusà nu pucurillo, so’ giuvane, e po’ ricordati che pure Dio dopo sei giorni di lavoro si prese un giorno di pausa, di relax…

IOLANDA-(interrompendolo) Dimme na cosa… ma in quei sei giorni t’arricuordasse 'o Pataterno che creò??

CICCIO- E’ na parola ?? Accussì' all'improvviso io nun m’allicordo… Aspetta, mi sembra il cielo… la terra (pensando) ‘o mare, ‘e muntagne, ‘e ciumme, ‘e laghe (ancora pensando ) ‘o paraviso, ‘a mela d’ ‘o peccato, Adamo ed Eva…

IOLANDA- E le case? E ccase non le inventò????

CICCIO-…No…e ccase me pare ca no!!!

IOLANDA-Hai visto?? Chille sì 'o Pataterno criava pure ‘e ccase......’a dummeneca a 'mmatina vedeva che dint’ ‘e stanze ‘e lietto ce puzzava e ‘o posto e s'arripusa'...se metteva pur'isso a pulezza' ! !

CICCIO- (tra se) Chillo 'o ditto antico ave raggione: “ a lava' ‘a capa 'o ciuccio se perde ll'acqua e 'o ssapone”

IOLANDA- Ma che staje murmulianno??

CICCIO- No stevo dicenno tra me e mme : <<”sai comme pareva bello 'o Pataterno cu ' ‘o mantesino annanze>>??

EUSTACCHIO- (Entrando) Mammà, Gianmaria sta ancora durmenno ma tra 5-6 minute se sceta  sicuramente!!

CICCIO- e tu che ne sai??

EUSTACCHIO- Pecchè mo’ ca' so' gghiuto dint’ ‘a stanzetta, so’ trasuto zittu zitto, me so' addunucchiato ‘nterra 'o lietto, I'aggio scummigliato ‘e piede.... e miezze ‘e ddete l’aggia miso nu muzzone ‘e cannela appicciata........mo' fra 5 minuti ‘a cannela se cunsuma....’a cera se squaglia,..........e va a ferni' ‘ncopp’  ‘o ditone, e te faccio vedè comme zomp’ ‘a dint’ 'o lietto!!

CICCIO- Bravo! ! ! ….e sta penzata geniale t'è venuta sulo a tte....o t' hè fatto aiutà pure ‘a mammeta???

EUSTACCHIO- No papà t' ‘o giuro…l'aggio penzata sul'io! ! (ride mostrando un certo  compiacimento)

CICCIO- Eustà… tu me faje fa ‘o fegato fracete….

EUSTACCHIO-(Ride ancora più forte) Papà primma d’ò fa fa fracete….pecchè nun ce mette ‘o sanghe ‘e puorco e doje  ppapacelle …saje comme te cunzuole…         

CICCIO- (cambiando tono) va a lleva ‘a cannela a tuo fratello ca si no te piglio a schiaffi!!

                                               GIANMARIA E DETTI

GIANMARIA- (Entra esile in pigiama ed e il figlio gay di Ciccio e lolanda che culturalmente, è l’ esatto opposto di Eustacchio. Si vestira' in modo normale ma la mimica e il modo di parlare sono inequivocabilmente gay) (da fuori)AAAhhii!! (entrando tenendosi un piede) Che doloreee! ! ! Ma che deficiente e che scherzo puerile. Io vorrei sapere perchè debbo continuare ad essere la vittima degli scherzi idioti di questo buzzurro???

IOLANDA - Gianmari'....hai ragione pero' mo' calmati...... Io sai che Eustacchio è nu poco accussi'......è fatto a modo suo .....però tu che sei il fratello, ecco almeno tu, cerca di capirlo..chillo tene qualche problema dint’ ‘a capa!!

GIANMARIA- No, Mammà, quello non ha il problema….quello ha tutto il libro di matematica.

EUSTACCHIO-( sottovoce con fare complice) Mammà a Gianmaria t’ ll’ aggio scetato e mò ‘o llatte c’ ‘o Nesquik m’ ‘o vvuò fa ?

IOLANDA – e  chesta penza…’o mmagnà….’a televisione….a fa ‘e scemenze….( A Ciccio) …e tu…tu che sì ‘o pate che fai?? E ddai pure ‘e solde dint’ ‘a sacca?

CICCIO- Embè e ch’aggia fà ?? Chille esce ch’ ‘e cumpagne e ha ddà desiderà pure nu gelato?

IOLANDA - ..e faje bbuono…faje bbuono…dalle pure ‘e solde…ma nun ‘o vide che se sta facenno comme a te…..quant’ ‘a ‘na vacca?

EUSTACCHIO- nun è overo…io nun me sto facenno comme a ‘na vacca!!!
Oj mà …io sì ero comme a ‘na vacca saje che facevo stammatina? (mimando di mungersi il petto) me spremmevo ccà…facevo ascì ‘o llatte….’o mmettevo dint’ ‘o bicchiere….ce mettevo ‘o Nesquik e m’ ‘o bbevevo! ! (Ride)

CICCIO- ( tra se) Siente siè….chist’ è scemo cu ‘a patente!! ( ai figli) Guagliù, io vaco dint’ ‘o bagno a me fa ‘a barba…m’arraccumanno, nun v’appiccecate.

GIANMARIA- (Solito tono effeminato  )Papà lo sai che non sono io ad alimentare le discussioni......è lui, piuttosto, che non sa stare al proprio posto!! (CAMPANELLO) (Gianmaria si siede allo scrittoio)

IOLANDA – (strattonandolo) ….e chi è mò??

EUSTACCHIO – e io che ne saccio?

IOLANDA- va arapì….fa ambressa (Eustacchio ESCE) ….( chiamando) Filly…..Filly…..Fillyyyy…….( ostentando un italiano decisamente forzato) alzati che è tardi ….sono le sette e mezza ….( ritornando al napoletano con tono sguaiato) …e io tengo tutte ‘e servizie ancora ‘a fà’’!!

GIANMARIA- Mamma, per cortesia non urlare…sembri una pescivendola…non lo vedi che sto studiando?

IOLANDA- ( ironica ) Hai ragione a mammà…non me n’ero accorta…’a prossima vota allucco zittu zitto.
 

EUSTACCHIO- (ENTRANDO) Erano ‘e testimoni ‘e Genova!!

IOLANDA-  ‘E Genova? ( ironica) Vide buono ch’ erano chill’ ‘e Milano


EUSTACCHIO- Oj mà, appena aggio araputo chille m’ha ditto: <<signò… (Battendosi sul petto)…a mme …. He capito mammà’…m’ha chiammato signò!! ... siamo i testimoni di Genova…>>.

IOLANDA- …Embè..che vulevano?

EUSTACCHIO- Ah site e testimoni ‘e Genova….e io ho risposto: << e ch’aggia fa?>> …e isso…. “SIAMO VENUTI A PORTARVI LA BUONA NOVELLA”… ed io:  << …uhmm, overo? E qual è>>?? E isso…(Solenne)… <<Nel 2016 ci sarà la fine del mondo>>… ed io…neh, faccia gialla…e m’ ‘o vviene a dicere ‘e ll’otte
d’ ‘a dummenaca ‘mmatina ca io sto ancore muorto ‘e famme e ancora nun m’aggio pigliato nemmeno ‘o llatte c’ ‘o Nesquik? L’aggio date ‘na capata nfaccia…’nu pugno ncopp’ ‘o musso…’nu cavece dint’ ‘e ccosce e mò sta nterra ‘a porta tutto scummato ‘e sanghe che se lamenta….

IOLANDA- Uh Dio mio…ma tu sì pazzo?? (Uscendo verso la porta d’ingresso)

GIANMARIA- Ma tu guarda che figura…

                                       TESTIMONI DI GEOVA e DETTI

IOLANDA- ( rientra con i testimoni di Geova che appaiono visibilmente malconci e con evidenti ferite al volto) Prego, accomodatevi qua, ‘ncopp’ ‘o divano….aspettate mò ve piglio ‘nu poco d’ acqua ossigenata pe’ disinfettà….

1°TESTIMONE DI GEOVA- No, no, signora, vi prego….rimanete qua..non ci lasciate solo con quell’essere violento e brutale… ( Eustacchio intanto ha un’aria compiaciuta)

IOLANDA- ( Ordinando a GianMaria) Va’ a prendere un po’ di acqua ossigenata… (GianMaria esegue… poi ai Testimoni di Geova) ..ma ch’ è succieso?

2°TESTIMONE DI GEOVA- ( molto provato e con evidente sofferenza) Niente signora, noi eravamo sull’uscio della porta tranquilli e sereni….eravamo giunti qui intenti a diffondere la pace …armati solo di Bibbia e del nostro opuscoletto che diffonde le parole sacre del Signore…stavamo annunciando la buona novella quando all’improvviso vostro figlio senza motivo e senza pietà ci ha aggredito…

IOLANDA- ( al figlio) è vero?

EUSTACCHIO- e comme nun è overo !! E sì nun se vanno primm’ ‘e mò…lle dò pure ‘o riesto!!

1°TESTIMONE DI GEOVA- ( sobbalzando) Oh mio Dio….scappiamo!!

IOLANDA- ( frenandolo) ….ma dove andate? Fatevi prima disinfettare….

EUSTACCHIO- Oj mà…e c’ ‘ò disinfiette a ffa’ ? Tanto primma che se ne va sempe n’ ata capata nfaccia l’aggia dà!!

1° TESTIMONE DI GEOVA- ( alzandosi di scatto) ….noi ce ne andiamo signora…

2°TESTIMONE DI GEOVA- Vostro figlio è troppo violento ….è pericoloso e manesco….

EUSTACCHIO- io so manesco? Mo te faccio vedé io sì so manesco o no….( si avventa di nuovo sui testimoni mentre la mamma lo frena e i testimoni di Geova che si apprestano a lasciar la stanza recuperando l’uscita).

GIANMARIA- (Entra) Ho preso l’acqua ossigenata…

EUSTACCHIO- E fatt’ ‘o shampoo accussì fai ‘o fenucchielle  bbiondo che meches!!

CICCIO-(Entra con la schiuma della barba in faccia) Iolà, avisse viste addò stann’ ‘e llamette p’ ‘à barba?

IOLANDA- (Acida)? Ma pecchè che me faccia ‘a barba io??

CICCIO-  No, effettivamente tu ‘a barba nun t’ ‘a faje (punzecchiante mentre le guarda le gambe) … Però putisse pure accummincià a ce penzà!! ( Nel frattempo cerca nei cassetti).

IOLANDA-  Ma pecchè che tenisse ‘a dicere? E poi nun te scurdà e chella canzone…..

CICCIO- Quale canzone?

IOLANDA-( cantando e ballando sulle note di Marcella Bella) <<…. PENSA PER TE CHE A ME CI PENSO DA ME… ANCHE PERCHE’ OGNUNO PENSA PER SE…>>

CICCIO-(Rimane impietrito a guardare la moglie come se fosse interdetto…poi..) No, chesta veramente nun sta bbona!!!!(ESCE)

IOLANDA- (Riprendendo a rassettare) Filly, svegliati ch’ è tardi.

EUSTACCHIO- ( mimando uno che cerca un cane) Mammà, addò sta??

IOLANDA-Addò sta chi??

EUSTACCHIO- ‘o cacciuttiello!!

IOLANDA- ‘O cane? E che tenimm’ ‘o cane nuje?

EUSTACCHIO- Uh Gesù’!!....Tu mò ‘o stive chiammanno !!

IOLANDA- stevo chiammanno ‘o cane?

EUSTACCHIO- io t’aggio ‘ntise ‘e chiammà: << Filly…Filly…>>”.

lOLANDA- ‘O cane?....’nzallanuto io stevo chiammanno ‘a Filomena tua sorella.

EUSTACCHIO- Oj mà…tu ll’hè sempe chiammata Filumena ..mò saccio che belle ‘e buono se chiamma Filly?

IOLANDA- Eh si, pecchè Filumena dice che al nuovo fidanzato ‘o nomme Filumena nun le piace…

EUSTACCHIO- Ah, vabbuò, aggio capito, stu fatto ll’avimma fa pe’ ‘nu mese sultanto?

IOLANDA-  ma che dici?

EUSTACCHIO- Mammà, chella Filumena cagnia guaglione ‘na vota ô mese …te sì scurdata chillo che ca veneva ‘a Pollena trocchia comm’era curiuso? … teneva ‘a zeppula mmocca ( mima) e secondo me teneva pure ‘a povere ncopp’ ‘e rrecchie(Ride)…t’arricuordo comme faceva tazza ‘e cucchiara cù’ GianMaria?

GIANMARIA-(distogliendosi dallo studio e vlslbilmente infastidito)io vorrei sapere che peccato ho fatto per dover sopportare una sottospecie di fratello come te, e non tl rispondo per le rime solo perche' penso che sia tempo perso...anzi sai cosa tl dico che se un qualsiasi giorno dovessi avere solo te in questo mondo per parlare, preferirei tagliarmi le vene con le lamette........

CICCIO- (entrando) ‘e llamette?...l'he'truvate? Io stongo gia' ‘a mezz'ora cu sta scumma ‘nfaccia!!

GIANMARIA- (con tono e mimica gay sl alza dallo scrittolo e ripone libri e quaderni) non ho trovato nulla ma siccome questa casa sembra un porto di mare me ne vado nella mia camera... va bene? uh!! (fa un gesto con la testa all'indietro ed esce arrabbiato seguito da Iolanda)

CICCIO- neh,scusate...............ma c'aggio ditt’ ‘e male? (si asciuga la schiuma con un asciugamano)

EUSTACCHIO- papa,' nun 'o da' retta chillo ogni tanto se sceta cu ll' utero stuorto

CICCIO-  (lo rimprovera e gli da' una schiaffo sulla nuca)eusta'...tu la devi finire ‘e sfottere a tuo fratello… quello gia' soffre perche' nun e' normale ............. (pausa) ...(guarda eustacchio)...eh…isso nun è normale, ccà scarta fruscio e plglia primera....3 figli uno peggio ‘e ‘n ato! !

EUSTACCHIO- (risentito) papa’ ma pecche’ io che t’aggio fatto?

CICCIO- siente tu sulo p’ ‘o fatto che te chiamme Eustacchio gia’ staje  ‘nguajato!!

EUSTACCHIO- embe’ e pecche’ m’avite chiammata accussi’

CICCIO- io??? E’ stata  mammata… si fosse stato per me.. ô posto ‘e te chiamma’ Eustacchio… t’avesse scigliuto ‘o pellicolo.

EUSTACCHIO- pecche’ tu comme me vulive chiamma’ ?

CICCIO-  io dicette a mammeta..: “Iola’ mo ca nasce ‘o guaglione comme ‘o chiammamme….Carlo….Davide…Alessandro??...dicette…noooo!! e’ troppo comune…mettimelo nome Asdrubale. La’ per la’ dicette….e va bbuo’…poi pero’ accuminciai a ce penza’ n’ coppa e tra me e me dicevo… ma quando ‘stu guaglione cresce e ‘o voglio chiamma’…comme dico? aAstru’…viene cca’!...Astru’ addo’ vaje’…Astru’… che stai facenno??” Allora dicette a mammeta: “Iola’, Asdrubale nun e’ bbuono” … e chella me rispunette… nun ‘o vuo’ chiamma’ Asdrubale….e allora io ‘o chiammo Eustacchio!!

EUSTACCHIO- e tu veramente m’ e’ chiammato Eustacchio??

CICCIO- certo si avesse saputo….t’avesse lasciato Asdrubale… chillo comme nomme te calzava a penniello

EUSTACCHIO- papa’, secondo me tu quando sì jute a me battezza’, chella matina stive ‘mbriaco…

IOLANDA-  (entrando) ‘mbriaco!!!...staje ‘mbriaco d’ ‘a matina ? Disgraziato…farabutto…incosciente…io tengo tutt’ ‘e servizie ancora ‘a fa e chillo se mbriaca d’ ‘a matina

CICCIO- ma chi sta mbriaco???

IOLANDA-  - ‘mbriaco’…statte zitta mo’ e lievete ‘a nante (indica una sveglia riposta sul mobile)voglio vede’ mo ca vene ‘o nuovo ‘nnammurato ‘e Filly io che figure ce faccio….che figura ce faccio!!

CICCIO- ‘o ‘nnammurato ‘e chi???

IOLANDA-  ‘e Filly!!...’o fidanzato ‘e Filly. Devi sapere che da oggi tua figlia nun se chiamma cchiu’ Filumena….se chiamma Filly.
Filumena pe’ ‘stu giovane e’ troppo all’antica…ce vonno nomme cchiu’ giovanile…cchiu’ moderne…cchiu’ sfizzusielle…me so’ spiegato ne Ci’???

CICCIO- (italianizzando stentatamente e sarcasticamente) “da oggi in poio io non mi chiammo più Ciccio… mi dovete chiammare “ Sissio”!!

IOLANDA-  (scimmiottando Ciccio)”Sissio” t’ha pozzo dicere ‘na cosa???

CICCIO-  ( ironico) dicio!!!

IOLANDA-  (despotamente) ma vatt’ ‘a cucca’ !!

CICCIO- (mortificato e a testa bassa si dirige verso la sua camera da letto) e va bene…mo me vaco a cucca’!!

IOLANDA-  (c.s.) addo’ vai tu??

CICCIO- A me cuccà !!

IOLANDA- Dint’ ‘a stanza ‘e lietto?

CICCIO-( ironico) neh, ma pecchè uno addò se cocca…dint’ ‘a vasca d’ò bagno?!

IOLANDA- (con fare autoritario e urlando) ma allora si scemo overo ??... io te sto dicenno ‘a stammatina che aggia arricetta’ e tu te vai a cucca’ nata vota??

CICCIO- (insorgendo)siente tu te ‘a mettere d’accordo!!! Primma dice vatte a cucca’, poì dice susete, po’ dice vatt’ a cucca’…basta!!!... tu a mme me ‘a purta’ rispetto, io songo ‘na perzona per bene e rispettabile  o te cride che songo comm’ ‘a chill’ uommene musci…senza carattere… e senza  attributi”…!!!

GIANMARIA- (Entra ancheggiando con un ventaglio soffiandosi il viso)ma che sta succedendo?

                                                                                                              EUSTACCHIO- annummenanno ‘o diavolo spontano ‘e ccorne!!

GIANMARIA- (rimproverando) papa’ guarda che piu’ tardi viene a trovarmi un mio caro amico…vi prego non fatemi fare brutte figure con i vostri litigi e le vostre urla da venditori ambulanti, ok?...(ad Eustacchio) e a te brutto zoticone ricorda che il mio amico e’ originario di Parma, percio’ non farti proprio vedere altrimenti si accorge subito che sei un terrone

EUSTACCHIO- che songo io??? “ ‘nu turrone”??

CICCIO- noooo….si ‘na tavuletta e ciucculata!!

IOLANDA-   terrone…terrone significa ca si meridionale e pircio’ si ‘nu poco cafunciello!!

EUSTACCHIO- (imbestialito)io so’ cafunciello??? Funucchie’….dincello a stu nordista mo ca vene ‘a staggione e tutte ‘sti tipi cu’ ‘a puzza sott’ ‘o naso ca si venene a mmare n’copp’ ‘a costiera, si fosse pe’ mme, sulo pe’ mettere ‘o pede a mmare e facesse pava’ 1000 euro… (ancora sottolineando)…pe’ mettere o pede a mmare… nun te dico p’ ‘o leva’…ma ‘a do’ vene chisto??

GIANMARIA- lui e’ della Padania ed e’ un signore percio’ taci cafoncello!!

EUSTACCHIO- Io so cafoncello? Io so cafoncello? ( si avventa addosso al fratello ma viene bloccato dai genitori….si dimena prima e poi cantando…) “ un solo grido…un solo allarme….Padania in fiamme…Padania in fiamme!! ( esce ripetendo la strofa)
                                                                                                                         IOLANDA- Che manicomio! Che manicomio! Chelle dice buonè ‘a canzone
( sulle note di Rettore)…<< Dammi una lametta che mi taglio le vene>>….

CICCIO- ( continuando sulle stesse note) <<Quanno ‘è fernuto priestammelle che me faccio ‘a barba…>>

GIANMARIA- io scendo, ci vediamo più tardi…( ai genitori raccomandandosi) senza che ve lo ripeto….niente scenate, eh …

CICCIO- M’arraccumanne, nun tardà!! (lo accompagna alla porta…poi si siede sul divano) Iolà, saje che steve penzanne? Ma fa che se jamme all’INPS e presentammo a domanda….pe comme stamme ‘nguaiate tutt’ ‘a famiglia ce danne 3-4 penzione?

IOLANDA- A penzione? Ma pecchè tu nun ‘a tiene già ‘a penzione?

CICCIO- Tengo chelle d’anzianità!!

IOLANDA- Tu sì vaje all’Inps e te cali ‘o cazone te danne pure chelle pe’ l’accompagnamento. 
                                              FILLY e DETTI

FILLY- ( Entra una ragazza molto bella con babydoll, affascinante e sexy…un po’ assonnata…si stiracchia i muscoli mentre è ancora sull’uscio della porta….si esprime per tutta la commedia alternando la parlata italiana a quella napoletana) Ma che diamine!! E’ da stamane all’alba che vi sento fare un casino, ma è mai possibile che in questa casa non si può mai dormire?

CICCIO- ahò, tale madre tale figlia!! Nun s’è manco susuta e già ce sta cazzianno!! ( ironico a Filly) Come sei bella a papà…è proprio vero che il buongiorno si vede dal mattino.

FILLY- ( ironica ) ah…ah…ah….papà è inutile che fai il simpatico tanto non fai ridere nessuno. Più tardi sai chi viene? ‘O ssaje? (Civettuola) Viene il mio nuovo boy e ci tengo a non fare brutte figure perché Goffredo non è come tutti quanti gli altri…lui è diverso…lui ha tante cose belle…

CICCIO- Ah si? Che tene?

FILLY- Tiene tanti soldi, tante case, tante barche, tanti terreni….( sospiro) e poi tiene …..

CICCIO- (interrompendola e mimando) …tanti ccorne!!

FILLY- Papà!!

CICCIO- No, dico: << fa ‘e ccorne ‘a papà>>…l’avesser’ ‘a mettere ll’uocchie ncuollo? ( sarcastico) Stu guaglione tene tutte ‘sti qualità …come hè ditto che se chiamma?

FILLY- Goffredo….si chiama Goffredo!!

CICCIO- Loff…redo?? ( tra se) Azz, a mamma e chiste pure s’era fatta ‘na canna primma d’ ‘o ì’ a vattià!! 

FILLY- Come?

CICCIO- No, dico …ma tu guarda che bel nome signorile, nobiliare, embè e a che ora arriva stu brillocco…nun ‘o ssaje?

IOLANDA- ( interrompendoli) Tardi…spero che arrivi tardi …sennò cu tutto ‘stu mbruoglio pe’ dint’ ‘a casa io comme faccio….m’’o ddicite comme faccio?

CICCIO- Semplice!! Pigli a Loff…redo…

FILLY- ( correggendolo) Goffredo…papà si chiama Goffredo….

CICCIO- pecchè io comme aggio ditto? Piglie a stu Loff..redo…’o miette ‘nu fermaglio dint’ ‘e capille…’nu pare ‘e guant’ ‘e lattice….’nu mantesino annanze….na mappina appesa dint’ ‘o fianco e ‘o miette a sciacquà ‘e piatte!!!

IOLANDA- Ma fusse pazzo ? Goffredo ca’ mappina ‘a sciacquà ‘e piatte?

CICCIO- Iolà s’ha dda ‘mparà!! Se Filumena è figlia toja…( scuotendo il capo e annuendo) e non c’è dubbio che lo è….( ricordandosi) Uh…scusa…t’aggio chiammata Filumena ( ironico) me so scurdate che tu mò te chiamme Filly….dicevo…’stu guaglione mò s’ha dda ‘mparà a stirà….a cucinà, a pulezzà, a fa ‘a spesa, a levà ‘a povere…e nun l’ha dda mai prodere ‘a capa ‘e arrunzà…sennò arriva la dolce consorte, gli ispeziona i lavori e pe’ niente le dice ( imitando la moglie con voce impostata): << Loffredo…hai già pulito? Si? E hai pulito una fetenzia…vedi? Hai lasciato “le zelle” dappertutto…..accummiencia d’ò cape>>!!

FILLY- ( rivolgendosi alla mamma sottovoce) Mammà si ce sta ‘na cosa che schifo dint’ ‘a sta casa è quanno papà se mette ‘a fa’ ‘o filosofo.

IOLANDA- ( stesso tono della figlia) Nun ce fa caso…tuo padre ultimamente nun sta bbuno…tene ‘a pressione a 180 atmosfere, ‘o “fetaco” a 7,30, e “transacerase” a 2,20 e ‘o “polistirolo” a 4,80…. 

FILLY- mammà, fammelle ch’ ‘e spaghette….

IOLANDA- che cosa?

FILLY- tutte ‘sti vongole che hai appena cacciate p’ ‘a vocca!! ( cambiando discordo) mammà, mò me vaco ‘a llavà …po’ me veste e vaco a ddò parrucchiere e a ddò visagista si no quanno arriva Goffredo me trova ancora tutta in disordine ( ESCE… in fondo a sx)

                                   GIANMARIA, EUSTACCHIO e DETTI

GIANMARIA- ( entrando di corsa e felicissimo) Mamma…mamma…ho comprato il nuovo settimanale “MEN”….guarda qua c’è Tom Cruise in costume da bagno….quant’è bello ( si appoggia il giornale al petto e si dondola…poi si reca allo scrittoio…) Lo appoggio qua nel cassetto e non farlo toccare a nessuno…è una cosa strettamente personale….( raccomandandosi) mammà, a nessuno!!

CICCIO- ( tra se) Ma che s’è accattato ‘o calendario ‘e Monica Bellucci?

GIANMARIA- Specie a quel cretino di Eustacchio….eh…

CICCIO-  Gianmarì, mò nun dicere fessarie, chillo Eustacchio tutto scemo è…però ‘na cosa è poca ma è sicura….scemo e buono lle piàcene ‘e femmene pirciò sta tranquillo che ‘a ‘stu Tom Cruise nun t’’o sciupa. 

IOLANDA- Nun te preoccupà, mettilo dint’ ‘o cassetto d’ ‘o scrittoio, cca nisciuno tocca niente. 

EUSTACCHIO- ( entra vestito strano e disordinato) Mammà io scengo…vaco ‘o bar ‘e Vicienzo sott’ ‘o porticato ( nota che c’è anche il fratello…pensa un po’…e poi cantando sulle note della sigla dei “3 porcellini”…) Mamma, mamma, sai chi c’è? C’è un Gay sul bidè….tira il tappo e scende giù….( fa un rumore con la bocca imitando lo scarico del lavabo) glugruglugru…..è il gay non c’è più!!

GIANMARIA- ( lo guarda con aria snob) Che demente!! Mamma vado a farmi una doccia che devo scendere per fare una commissione prima che arrivi il mio amico.

CICCIO- T’he fa ‘a doccia ? (ironico) Sè sè…pe’ stasera può darsi che ce ’a faje. Dint’ ‘o bagno ce sta tua sorella e tu sai che ( Calcando volutamente) FILLY è comme ‘e triene d’ ‘a ferrovia d’ò stato…se sape quanno partono e nun se sape quanno arrivano…tua sorella dint’ ‘o cesso se sape quanno trase ma nun se sape quann’ jesce…

GIANMARIA- Bravo papà, ora sì che mi sembravi Salomone!!

EUSTACCHIO- ( ridendo) ahahahah….che pare papà ‘nu salmone?

CICCIO- no, me pare ‘na scella ‘e baccalà!!!

IOLANDA- ( a GianMaria) Però Gianmarì…pure tu…comme sì, esaggerato…tu ieri sera primma ‘e te cuccà t’hè fatto ‘a doccia e mò stammatina te vuò fa ‘o bagno?

EUSTACCHIO- No, comm’è ‘stu fatte…faciteme capì…tu ieri sera t’hè fatto ‘a doccia e mò stammatina te vuò fa ‘o bagno? ‘O scèèè…ma tu ‘a notte che faje? ‘O posto ‘e durmì te ‘mbruscine pe’ terre?

GIANMARIA- cafone, buzzurro, rincivilito….

EUSTACCHIO- Rincitrullito a mme? ( avventandosi contro il fratello) papà io a ‘stu femmenello ‘o romp’ ‘a faccia.

CICCIO- Ma ‘a vulite fernì tutt’ ‘e dduje?

EUSTACCHIO- ( cantando ) <<Un solo grido…un solo allarme….finocchi in fiamme…finocchi in fiamme….>> ( Esce dalla comune)

GIANMARIA- ( nervosissimo e contrariato ) me ne vado di casa…me ne vado…non lo sopporto più …è solo un volgare zoticone…

EUSTACCHIO- ( si riaffaccia dalla comune sempre cantando) <<finocchi in fiamme…finocchi in fiamme….>> ( Esce dalla comune)

IOLANDA- (insieme a Ciccio gli lanciano una pantofola) Disgraziato vattènne!!

GIANMARIA- ( furioso) io lo ammazzo, ti giuro che l’ammazzo, per colpa sua passerò la mia vita in un riformatorio…villano sudicione…

CICCIO- Ma a chi he vattere Gianmarì…tu l’hè visto buono ad Eustacchio? Chille se t’è dà nu pacchero …te fa fa ‘a linea Milano Napoli e Napoli Milano andata e ritorno cchiù veloce d’à frecciarossa.

EUSTACCHIO- ( come sopra si riaffaccia dalla comune) <<finocchi in fiamme…finocchi in fiamme….>>

IOLANDA- Guagliù, vuje site doje marruzze…una fete e n’ ata puzza…

EUSTACCHIO- isso puzza…l’hè visto? Se fa 3 docce ‘o juorno.

IOLANDA- ( iraconda) Basta!! Mò ve votte p’ ‘o balcone a tutt’ ‘e tre…ma che sanghe ‘e chi v’è bbivo…ma allora overamente nun capite niente? ‘O posto ‘e v’appiccicà datemi ‘na mano ( ordinando con impeto a Ciccio) Tu lieve ‘sti panne ‘a miezzo ( a GianMaria) Tu  ‘a doccia già te l’hè fatta e mò ‘o bagno nun è cosa…vattenne a chella parte….( ad Eustacchio) e tu aiuteme a piegà ‘sti lenzole ‘e flanella…

EUSTACCHIO- Io tengo che fa!!  Me stanno aspettanno ‘e cumpagne mieje dint’ ‘o bar ‘e Vicienzo!! ( prima di uscire si ferma sull’uscio della comune e accende un’accendino e toccandosi il lobo dell’orecchio mima ancora una volta: <<finocchi in fiamme…finocchi in fiamme>>…..poi ESCE)

GIANMARIA- ( mima segni di insofferenza ed ESCE verso il bagno a sx)

FILLY- ( entra con un top scollatissimo, tacchi a spillo ed una minigonna vertiginosa) Ecco fatto, sono pronta ci vediamo più tardi…ci vediamo più tardi….ah, a proposito, se dovesse venire Goffredo mettetelo a suo agio e non fategli il 3° grado altrimenti quello si scoccia e se ne va.

CICCIO- Ma comme è suscettibile ‘stu Goffredo….

FILLY- ma perché tu devi fare per forza l’investigatore?

CICCIO- Oj neh…ma chi ‘o penza a chisto? Si vene ‘o faccio parlà cu’ mammeta!

FILLY- ecco bravo…non parlare….anzi fate una cosa…se viene offritegli un caffè…fatelo accomodare e qualsiasi cosa vi chiede, per non fare brutta figura, voi rispondete sempre si e no…si e no…avete capito?

CICCIO- …e ogni tanto pozzo dicere pure: ( mima il gesto) ok!! Magari, accussì ‘stu Loff…redo penza…uhààà, chiste sanno parlà pure ‘o ‘nglese!!

FILLY- Goffredo…papà si chiama Goffredo..

CICCIO- Ed io ch’aggio ditto? ( sbagliando di proposito) Loff…redo!!

FILLY- ( alternando sempre la parlata dall’italiano al napoletano) Vabbuò, lasciamme stà…mamma, mi raccomando a te…(pausa)  nun scantunate…e faciteme fa’ ‘na bella figura…( sta per uscire ma si ferma…) Ah, dimenticavo…se vi dovesse chiedere qualcosa del mio passato non  dite che già sono stata fidanzata con qualche ragazzo.

CICCIO- Qualche ragazzo? Azz, e io si vulesse signà ncopp’ a ‘n elenco tutti sti “ sfrattapelle” ch’hè fatto saglì ccà ncoppa…se ne faccesse uno cchiù gruosso d’ ‘e ppagine gialle. 

FILLY- Ecco qua!! Lo sapevo!! ( vanitosa) vuol dire che sono un sexy simbol come una celeberrima  TOP MODEL

CICCIO- Topa-model??? Effettivamente ‘e femmene comme a tte a Napule accussì se chiammano… TOPE ….ma non chelli tope- topine ( mimando il segno piccolo con polpastrello del dito indice) tantelle, striminzite e addessivate….ma chelli belli Tope-Topone ( indicando l’avambraccio) tante grosse evvì ….chelle fatte a forme e “zocc****”

IOLANDA- (interrompendolo) ‘E vvire sì se spezza ‘a lengua!!

FILLY- (snob) Mamma, non ti preoccupare …tanto a me quello che pensa tuo marito non m’interessa proprio …non lo vedi che fa sempre il “facinoroso”. Scendo altrimenti faccio tardi…ciao.( ESCE)

CICCIO- ma ch’ha ditto? Che io faccio ‘a “farina rossa”??

IOLANDA- e sissignora e si nun te muove te sbatto ‘o mattarello nfaccia accussì t‘ ‘a faccio fa’ pure viola….(rincorrendo la figlia sull’uscio) Filly, nun fa tardi ca sì vene ‘stu Goffredo è meglio che ce staje pure tu.

CICCIO- Certo ca ‘sti guagliune so’ proprio particolari…escono…vanno a fa’ ‘e fatte lloro..e poi a noi ce dicene: << nun parlate, nun commentate, non scantonate…dicite sulo si e no sennò facciamo “fiurelle”>>..ma io mi domando: ma pecchè nun ve spezzate ‘a noce d’’o cuollo a casa?

GIANMARIA- ( Entrando) Ma che schifo!! Mamma tua figlia l’ordine non sa proprio cosa sia. Ha lasciato tutto un caos lì dentro. Ci sta il fard, la cipria, il correttore, il lucidalabbra, il fondotinta, il rimmel, il rossetto e il silk epil….
CICCIO- Azz, ‘e ccunusce tutte quante ‘sti ‘nguente …eh?

GIANMARIA- perché che c’è di male?

CICCIO- Niente di male….ma saje comme se dice? Tre sono le peggiori specie di ignoranza….( contando sulle dita) Il saper niente, il saper poco e il saper ciò che non giva sapere.

IOLANDA- ( acida) Isso cunosce tutt’ ‘e specie ‘e trucche d’ ‘e ffemmene e tu che cunusce …mbriacò…tutt’ ‘e bbutteglie ‘e vino?

CICCIO- ma cheste overe fa? Ma io nun sto ‘mbriaco.

IOLANDA- Può darsi…ma pe’ comme arraggiune manco assennito staje.

CICCIO- Dice buono ’o pruverbio…<<Femmene ciuccie e crape…tenene ‘a stessa capa>>.

GIANMARIA- Va bene, mentre voi litigate io scendo e vado a comprarmi un foulard…se dovesse arrivare il figlio del giudice fatelo aspettare…io fra poco arrivo.

CICCIO- Siente, quanno arriva chist’ato…putimme parlà ‘o pure cu’ chisto avimma fa’ sulo…. si e no?

GIANMARIA- Ma che dici? Certo che potete parlare…ma siate educati e cortesi…e soprattutto se arriva quel cretino di Eustacchio tappategli la bocca….

CICCIO- è ‘na parola!! Comme ‘o faje sta zitto a Eustacchio? Ce vulesse ‘nu tappe tanto (mima la forma di un pallone…. GianMaria ESCE….Ciccio si siede sul divano e,  intanto, Iolanda si mette a rassettare.
Pulendo è consequenziale che ogni tanto deve chinarsi in avanti per pulire i mobili…Ciccio la vede e con fare malizioso…comincia a cantare la canzone di Celentano: SOLI ) Soli,.. la pelle come un vestito….soli…io e te…io e te…….Iolà…

IOLANDA- ( aspra) Che vvuò??

CICCIO- ( ammaliante) Iolà so asciute tutt’ ‘e 3….simme rimaste sule nuje…ogge è dummeneca….è juorne ‘e festa…nun te scurdà che simme sempe marito e mugliera….hè capito stamme sulo nuje…( l’abbraccia con aria eccitata) Sai che steve penzanno?

IOLANDA- ( acida e violenta molla un sonoro ceffone) Eh e che d’è? Mò ‘e pile ncopp’ ‘e ccosce nun ‘e tengo cchiù? (ESCE)

CICCIO- Mamma mia …Mamma ‘e ll’Arco….e chella m’ha fatta ‘a faccia comme a ‘na pizza….
                                  EUSTACCHIO, IOLANDA e DETTI

EUSTACCHIO- ( Entrando) ‘o maste sta ccà!! ( osservando il padre) Ma che d’ è tu tiene sta pacca ‘e faccia rossa rossa…

Hai ragione, saje ch’ è succieso? Steve dint’ ‘a cucina…vulevo bere, me steve piglianno ‘nu bicchiere e distrattamente me so sbattuto ‘o stipetto d’ ‘o scolapiatte ‘nfaccia!!

EUSTACCHIO- Vabbuò, aggio capito, mammà t’ha ‘nturzato ‘a faccia n’ ata vota!!

CICCIO-( tra se) Azz hè visto? Scemo ‘e bbuono ha capito tutte cose…( al figlio) Ma pecchè se vede assaje che mammeta m’ha fatta ‘a faccia comme a ‘na pizza margherita?

EUSTACCHIO- Ma qua’ margherita ? Chesta è ‘na “4 stagione”!!

CICCIO- ‘Na 4 stagione???

EUSTACCHIO- Si, pecchè tu ‘e pacchere ‘a mammà ‘e ‘piglie a primmavera, in estate, all’autunno e ‘a vierno! (ride)

CICCIO- E allora tu dice ch’ ‘a ggente se n’ accorge? ‘O ccapisce?

EUSTACCHIO- Papà ma che nce sta ‘a capi? Chillo ‘o ddicene sempe pure ‘e cumpagnielle mije…

CICCIO- ma pecchè che dicene ‘e cumpagnielle tuoje?

EUSTACCHIO- Che mamma me pare ‘a “vinavil”…

CICCIO- E pecchè?

EUSTACCHIO- Pecchè comme azzecca essa ‘e pacchere nfaccia a tte nun ce azzecca nisciuno!! (ride a crepapelle)

CICCIO- ma che ebete…..

EUSTACCHIO- Papà tu senza che faje…chille dicene pure che mammà te vatte c’ ‘o fierro pe’ stirà….

CICCIO- comme??

EUSTACCHIO-si si…pecchè dice che staje piglianne ‘na brutta piega (c.s.)

CICCIO- Asdru…bale… t’avevo chiammà…Asdru….bale….

IOLANDA- ( entra con le lenzuola in mano da piegare e con tono militare) Ciccio, viene ccà e aiuteme a piegà ‘sti llenzole primm’ ‘e mò!!

CICCIO- ( scattando sugli attenti) Comandi!

IOLANDA- piglia ‘o lato ‘a lloco tu…( si mettono a piegare le lenzuola ….nel frattempo Eustacchio passa sotto di esse con i 2 indici puntati alle tempie simulando il toro nella corrida….)

CICCIO-  ( sollevando le lenzuola) vai toro…vai….

EUSTACCHIO- Oleèèè….( c.s.) olèèèèè!!!

IOLANDA- Io ‘o ddico che ca uno è cchiù scemo ‘e n’ ato (CAMPANELLO) ( adoperandosi a togliere il disordine) Eustà, và arapì, chisto sarrà ‘o ‘nnammurato ‘e Filly …Goffredo….uhè, m’arraccumanno…cionca ‘sta lengua e nun parlà…ce simme spiegate?

EUSTACCHIO- ( al padre) papà, ‘a siente? e sì chillo me fa ‘na domanda?

CICCIO- (mimando) tu rispunne sulo si e no…si e no!!

EUSTACCHIO- Ma io sì faccio sulo si e no …si e no…chille me piglia pe’ scemo!!

CICCIO- Nooo, penza che sì scemo? E ‘a do’ lle vene? Chillo ‘e studiose so’ 20 anni che se stanno appiccicanno pe’ stabilì se sì meglio tu o  Einstein….muovete, va arapì!!

EUSTACCHIO- ( uscendo mima si e no) accussì…e accussì ….(ESCE)

IOLANDA- Oj Cì, tu è ‘ntiso? Nun te mettere a fa ‘o filosofo e vire ‘e nun scantunà!!

CICCIO- Iolà, t’ ‘a pozzo dicere ‘na cosa? Jett’ ‘o sanghe tu e figliete….( Iolanda le lancia una ciabatta…Ciccio si scansa…intanto ENTRA Eustaccio con Pellecchia mentre i genitori si ricompongono)

                                          PELLECCHIA E DETTI

EUSTACCHIO-(con tono da presentatore) Ecco a voi il signor “Pellecchia”

CICCIO- tiene mente tiè….tenimmo pure a Pippo Baudo!! ( a Pellecchia) Prego accomodatevi!!

IOLANDA- ( a Ciccio) Pellecchia? E chi è mò ‘sta Pellecchia?

CICCIO- ( sottovoce alla moglie) Comme chi è? E’ Goffredo!!

IOLANDA- E chille ha ditto Pellecchia….

CICCIO- Iolà….Goffredo è ‘o nomme….e Pellecchia sarrà ‘o cugnomme…

PELLECCHIA- ( uomo sui 35-40 anni, ben vestito, con i capelli schiacciati in testa dal gel e con un vistosissimo tic nervoso)  Buongiorno signori …scusate se sono venuto la domenica mattina arrecandovi disturbo

EUSTACCHIO- No, ma quando maje, mò ce date ‘na mano ‘a chijà ‘e llenzole!!

IOLANDA- ‘O vvì lloco, avimme fatto ‘a primma grezza!! (stizzita ad Eustacchio) Statte zitto…ingoiati sta lengua (A Pellecchia cercando di esprimersi invano bene in italiano ) Dunquo.. vojo sito il signor Pellecchio??  

CICCIO- (al figlio) Guarda mammete comme vò spiccà ‘o ttaliano!!

EUSTACCHIO- Papà, chella mammà ha fatto ‘e scole “pesule*”!! (*alte)

PELLECCHIA- Già signora…io sono Pellecchia dalla testa ai piedi…

CICCIO- ( al figlio) Hè capite? Chiste tene ‘e pellecchie pe’ coppe ‘e pe sotte!! ( tra se) Povera figlia mia, cu’ tanti guagliune proprio cu’ ‘na pellecchia aveva capità!!

IOLANDA- (c.s. continuando a parlare un pessimo italiano) Vi pozziamo offrire un caffè?

PELLECCHIA- No grazie, è meglio di no!!

IOLANDA- (c.s.) Un “ciuccolattino”?

PELLECCHIA- No grazie, è meglio di no!!

IOLANDA- Un “dolgetto”?

PELLECCHIA- No grazie, è meglio di no!!

IOLANDA- Un martini?

PELLECCHIA- No, martini no!!

EUSTACCHIO- Non martini no party….

CICCIO- statte zitto..

EUSTACCHIO-Papà …secondo me chisto tene ‘o “diabbetele”!!

CICCIO- ahè, chillo già sta chin’ ‘e pellecchie…sì mammeta s’accorge che tene pure ‘o diabbete ‘a chisto ‘o ruciulea pe’ tutt’ ‘e scale.

IOLANDA- ( c.s.) Eh scusato signor Pellecchio …e che vi pozziamo offrire? Duojo biscuotti a fravula, una “caravella con l’annice” o nu zicurillo ‘e limungiello fatto in casa….???

PELLECCHIA- Signora, visto che insistete vorrei un Cognac–Martel corretto al Gin.

CICCIO- Azz, ma chisto che se crede che sta ‘o bbar?

IOLANDA- ( chiedendo sempre c.s.) va bene Pellecchio… che dicito..ci metto “arinto” pure qualche “piezzo di jaccio” per farlo più “frisco”?

PELLECCHIA- Si, grazie, 2-3 cubetti di ghiaccio e gentilmente anche una fettina di limone.

CICCIO- chisto tene ‘o pizzo buono ‘e oa scella rotta.

EUSTACCHIO- papà, che dici ‘o struppejo?

CICCIO- statte fermo!!

PELLECCHIA- ( a Ciccio) Dunque signor Scognamiglio, voi sapete perché sono qua?

CICCIO- Dicimmo che m’hanno ditto ‘na mezza cosa…

PELLECCHIA- E voi siete disposto a collaborare?

CICCIO- ( sorpreso) collaborare come?

PELLECCHIA-perché  scusate non ve lo immaginate? ( strofina pollice ed indice) Collaborare economicamente.

CICCIO- Economicamente ? E che m’hà pigliate pe’ Berlusconi?

IOLANDA-  chisto va truvanno ‘e solde p’ ‘a  mubilia…

EUSTACCHIO- E a ddò l’accattate Pellecchia da Ikea? Llà ‘e prezze so’ sempe bbuone e a vantaggio…

CICCIO- …po’ so cazze amare p’ ‘o muntaggio!!

PELLECCHIA-I mobili? Ikea? No, forse non mi sono spiegato, io volevo dire..

IOLANDA- ( interrompendolo) scusate tante signor Pellecchio…( al figlio e al marito) Se nun ve state zitte ve do’ tanti ‘e chille pacchere che ve faccio sta sotto anestesia pe’ 3 juorne ( A Pellecchia ostentando sempre un pessimo italiano) <<Signor Pellecchio, aggiatece pacienza quello chisti duje nguacchiati risponnono sempe mmiezzo…i mobbili cumprateveli addò dicete vojo….sono cose che devono piacere solamento a vuje duje. 

PELLECCHIA-veramente per i mobili se la vede Don Camillo ‘o parrucchiano…

CICCIO- Ma pecchè mò Don Camillo oltre a dicere ‘a messa e a nun se fa ‘e fatte suoje…s’è miso ‘a ffa’ pure ‘o sanzare d’ ‘e mobbili?

PELLECCHIA- signor Scognamiglio, ma io questo non lo so….io so solo che la scelta dei mobili spettano il parroco Don Camillo e io in questa situazione non ci voglio mettere lingua!!

EUSTACCHIO-Papà, addò l’ ha dda mettere ‘a lengua ‘o Pellecchia?

IOLANDA- ( le molla uno schiaffo) Statte zitto zuzzuso, e vattenne dint’ ‘a stanza toja, forza,  cammina !

EUSTACCHIO- No, nun voglio ì’…voglio resta ccà, va bbene?

PELLECCHIA- Io dicevo se volete collaborare economicamente per la musica….

CICCIO- E’ giusto…chella ce vo’ ‘a musica…e se nnò che facimm’ ‘o murtorio? Nuje avimm’ ‘a fa ‘na cosa bella assaje…cu’ ‘a musica, ch’ ‘e bballerine
cu’ ll’orchestra, l’unica cosa che vi chiedo è ch’ avit’ ‘a cercà e nun aizà troppo ‘o volume pecchè ‘a gente cchiù anziana che capitano vicino ‘e casse ….’a sera se stonano e se fanno ‘a capa comme ‘e ‘nu pallone.

PELLECCHIA- Nun ve preoccupate..io glielo dico al figlio di Mario Merla che quando canta non deve far alzare troppo il volume, va bene?

IOLANDA- Il fìgliolo ‘e “Mario Merula” ? Quant’è bello mi sento tutta “emozzionada”.

EUSTACCHIO- uhàà, troppo bello….papà….

CICCIO- ..e ’a canta ‘a canzone d’ò pate che fa…<< è bello ‘o magnà….è bello ‘o magnà>>

IOLANDA- E te pareva che ‘o ndufato nun penzave ‘o magnà?

CICCIO- ma che vuò ? Ma ch’ aggia caccià sulo ‘e solde?

IOLANDA- Ma qua soldi? Chella Filly ‘o ddiceva che chisto tene ‘e solde assaje…ma tu hai capito? ‘O matrimonio ‘e figliema canta niente di meno ‘o figlio ‘e Mario Merola? Comme so’ cuntenta…comme so’ felice…

CICCIO- Ma felice ‘e che… Iolà? Chille ‘e solde me l’ha cercate a mme!!

IOLANDA- Oj Cì, nun fa ‘o purucchiuso!!!

PELLECCHIA- (chiedendo) Signora, per cortesia, posso usare un attimo la toilette? ( vede che non capisce) signora dicevo il bagno?

IOLANDA- Ah …si si…Commme no…( ad Eustacchio) Eustacchio…accompagna il Pellecchio dint’ alla Tavuletta!! 

EUSTACCHIO- Azz, m’aggi’ ‘a sciruppà io ‘o fieto ‘e chisto? (ESCONO Pellecchia ed Eustacchio)
IOLANDA-  ( prendendo sottobraccio il marito e spostandosi a proscenio) Ma tu hè capito ca Filly ha tenuto cchiù ‘e 50 nnammurate? Chi s’ ‘a sposa si nun se piglia ‘a ‘stu Pellecchio?

CICCIO- 50 nnammurate? A vote!!

IOLANDA- E allora aiutame a ddicere…(  fa una smorfia) è vero che ‘stu Pellecchietto è curiuso, tene ‘o tic…è bruttulillo…

CICCIO- Bruttulillo? Iolà, chillo me pare ‘nu muorte scavato!!

IOLANDA- ‘o saccio…però si ce avimma dà nu pizzico ncopp’ ‘a panza dammancillo e nun ne parlamme cchiù..basta che stu coso curiuso s’ ‘a sposa.

CICCIO- Ma  ‘e sorde pe’ fa spusà ‘stu mostriciattolo cu Filumena ‘a ddò ‘e piglio?

IOLANDA- Tu tiene ancora coccose d’ ‘a liquidazione d’ ‘a penziona..

CICCIO- chella nun se tocca che ce serve p’ ‘a vicchiaia…

IOLANDA- ‘e allora va ‘a banca che stanno facenno ‘e prestite cu’ ppoco ‘nteresse.. te faje prestà 30mila euro e faje spusà a Filly c’ ‘o mostriciattolo!!

CICCIO- 30mila euro? ‘A capa d’ ‘o “mandarallo”…ma tu staje fore cu’ ‘a capa….( intanto stanno rientrando in scena Pellecchia ed Eustacchio) non esiste…

IOLANDA- (…da una gomitata nel fianco al marito) allora signor Pellicchietto…

PELLECCHIA- Pellecchia…prego..Pellecchia…

IOLANDA- Signor Pellecchio ho parlato con mio marito e abbiamo deciso di <<collaboraro con Vojo>> economicamente ( al marito)… è vero Ciccì?? ( vedendo che il marito indugia e non si pronuncia lo strattona per un braccio dandogli un pizzicotto) E’ vero Ciccì?

CICCIO- ahi…è vero…( mestamente con nodo alla gola)…vi daremo 30 mila euro!

PELLECCHIA-(colmo di gioia)Bene, così spareremo anche i fuochi d’artificio.

EUSTACCHIO- Evvai!! Sparamme pure ‘e cipolle??

CICCIO- No, sparamme ‘e cape d’aglio!!

IOLANDA- Che bello, pure ‘o fuoco pà figlia mia, non “veco all’ora”, e quanno vi spusate?

PELLECCHIA- chi si deve sposare?

CICCIO- Comme chi si deve sposare? Vuje!!

PELLECCHIA- Vuje chi?

CICCIO- Vuje e mia figlia!!

PELLECCHIA- Io mi devo sposare a vostra figlia? Ma state mbriaco d’à matina?

EUSTACCHIO-Papà, hè visto?Se n’è accorto pure Pellecchio che staje ‘mbriaco.

CICCIO- ( alterandosi) Ma chi sta mbriaco? Eustà nu me fa ntussecà pure tu che già me s’è ndustate ‘a nervature…

EUSTACCHIO- Ce crede papà…ormai a te sulo chelle s’è ndosta!! (ride)

CICCIO- ( molla uno schaffo al figlio poi a Pellecchia…) Sentite Pellecchiè, sì a coppe a sta casa vulite scennere ch’ ‘e cosce voste, io mo ve ripete ‘a domanda ‘e vuje badate a comme rispunnite...( a muso duro) voi a mia figlia ve la sposate si o no?

PELLECCHIA- Noo!!

EUSTACCHIO- ‘O sapevo, è cchiù facile che ‘o papa fa nu film cu Cicciolina piuttosto che Filumena trova a uno che s’ ‘a sposa.  (ride)

CICCIO-( infuriato afferra Pellecchia per il collo) tu a mia figlia t’ ‘a spusi…

PELLECCHIA- Io nun m’ ‘a sposo!

CICCIO- e invece tu a mia figlia t’ ‘a spusi…

PELLECCHIA- Io nun m’ ‘a sposo!

CICCIO- E se po’ sapè pecchè???

PELLECCHIA- Pecchè so già spusate e tengo 3 figli…2 maschi e una femmina.

CICCIO- (attimo di esitazione) E t’ ‘à spusi ‘o stesso pure se sì già spusate!!

EUSTACCHIO- uhà, e chi so penzavo…Pellecchia diventa comme ‘e sceicchi che tenene 3 - 4 mugliere…

CICCIO- ( rientrando in se) Sì già spusate? All’anima d’ò farabutto…e comme t’hè pruruto ‘a capa ‘e te mettere a ffa ammore cu mia figlia se sì già spusate?

PELLECCHIA- Io so’ fidanzato con vostra figlia? Ma quando mai? Io non la conosco proprio!! Ma chiste allora sta mbriaco overo?

CICCIO- Io sto mbriaco?

EUSTACCHIO- Papà è inutile ch’ ‘o nascunne…se vede ‘a luntane che te piace ‘a ‘gnostra!

IOLANDA- Delinquente, parassita, mascalzone senza core…m’avite rruvinate nu bucciuole ‘e rosa…

EUSTACCHIO- ‘O bucciuolo ‘e rosa? Mammà chella Filumena è peggio ‘e na rosa spampanata…

PELLECCHIA- ma che state farneticando?

IOLANDA- Io sto farneticando? Voi siete un essere malvagio ( a Ciccio) tiene mente quant’è brutto ‘e stu mobbile se fa pure attenere…

PELLECCHIA- Signora, vi prego di smetterla perché così mi state offendendo…

CICCIO- Ah si? La deve smettere? E vuje pecchè site venute a chiedere ‘e solde pe’ mia figlia?

PELLECCHIA- E solde pe’ me spusà a vostra figlia? ( tra se) Ma chiste stammatina overo stanne dando i numeri ca ncoppe!! Don Ciccio, io sono venuto per la questua della festa padronale della Madonna della Consolazione che fa don Camillo il prete. L’anno scorso in giro per le case veniva don Antonio il salumiere e Vincenzo il barista. Quest’anno Don Camillo sta mandando me perché don Antonio è dovuto andare ad operarsi la cataratta e Vincenzo tiene la moglie che sta all’ospedale perché da un monento all’altro deve partorire…ma io so anche che don Camillo prima di mandare me vi aveva anche avvertito che in questi giorni passava una persona per il contributo della festa della Madonna….

CICCIO- eh, ma Don Camillo mi disse: <<vi mando un bel giovanotto>>!!

EUSTACCHIO- ed invece s’ ‘è presentato ‘o Pellicchiotto!!(ride)

CICCIO- Ma voi parlavate dei mobili…

PELLECCHIA- Si i mobili nuovi che don Camillo ha comprato nella sagrestia perché i vecchi erano tutti “nfracetati”…e io percciò ho detto che in queste cose non ci volevo mettere lingua…perché nella sagrestia lo sa lui come deve mettere i mobili…

CICCIO- ‘e allora che c’azzeccava ‘o figlio ‘e Mario Merola?

PELLECCHIA- comme che c’azzeccava? Scusate ma nelle feste padronali non l’avete mai sentito dire che si fanno i concertini? Nuje chist’anno se facimmo ‘e solde assaje purtammo ‘o figlio ‘e Mario Merola, ma con la vostra bonta e la vostra generosità, nuje avimme già risolto, pecchè vuje tenite nu poco ‘a faccia burbera, facite cheste e chello, ma site, tutto sommato, nu buon’ommo. Grazie signor Scognamiglio, grazie assai, grazie per la vostra generosità, ‘è overe, site  nu poco ncazzusiello, ma ‘e core…magari fossere tutte comme a vuje…

CICCIO- Ma grazie ‘e che?

PELLECCHIA- ‘e chelle c’avimme stabilito prima!!

CICCIO- Pecchè c’avimme stabilito prima?

PELLECCHIA- ‘o contributo!!

CICCIO- Quale contributo?

PELLECCHIA- ma che fate? Vi tirate indietro?

CICCIO- Arreta ‘a do’?

PELLECCHIA- Ma come? Voi davanti a vostra moglie e a vostro figlio mi avete detto che mi davate 30mila euro..e noi con questi soldi portiamo il figlio di Mario Merola, il comico…( in napoletano)  sparamme ‘o fuoco e mettimme pure ‘a llummate…

EUSTACCHIO- Venene pure ‘e trerrote co’ pere e ‘o musso?

PELLECCHIA- ‘e comme no!!

CICCIO-( furioso scaraventa Pellecchia fuori dalla casaa calci) No, io nun te voglia dà 30mila euro, te voglio dà 30mila cavece…jesce fore…jesce fore…eh si mò ‘e deve 30mila euro po’ figlio ‘e Mario mMerola che io ‘o schifo pure comme cantante…( va verso la comune e urlando) Hè capite c’ ‘o schifo? Schifo a jsso, a te e ‘o prevete che t’ ‘à mannato. Nun te fa vedè maje cchiù…dincello a chella specie ‘e prevete, o ssà!! ( va verso il divano e si siede)

IOLANDA- ( si siede vicino a Ciccio e appoggia la sua testa sulla sua spalla) Ciccì, stavolta ce simme juto vicino vicino…me penzavo ch’era fatto ed invece..

EUSTACCHIO- Pellecchie se n’è juto…Filumena nun se sposa ed io ‘o pere e ‘o musso nun mò mangio.

IOLANDA- nun ‘o penzà ‘o prevete…Ciccì, jamme annanze…

CICCIO- ‘o prevete!!….dice buono ‘o pruverbio (solenne) :<<…cu femmene, prievete ‘e cane è a sta sempre cu na mazza mmano>>!! (CAMPANELLO)

IOLANDA- Eustà, va ad aprire.

EUSTACCHIO- uffa, sempe io ….sempre io….(Eustacchio si lamenta  e sbuffa e poi va. ESCE)

                                          PERZECHELLA E DETTI

EUSTACCHIO- Mammà è venuta Perzechella…

PERZECHELLA- ( ragazzina adolescente, minuta, caruccia e molto molto sveglia. Porta i capelli legati con treccine, un grembiule ed è una grandissima pettegola)  Buongiorno signò, v’aggio purtate ‘a frutta ch’avite ordinate ieri pomeriggio e nun v’ ‘à site venuto ‘a piglià!!

IOLANDA- Ah, grazie assaje…e comme maje, state aperti pure ‘a dummenaca ‘a matina?

PERZECHELLA- No, quando maje, stamme chiuse!!

IOLANDA- Embè, ‘e mo pigliavo domani mattina senza che te faceva saglì a te pure oggi ch’è juorne ‘e festa.

PERZECHELLA- Donna Iolà, nun ve preoccupate pe’ cheste, mammà ha ditte:
<< Perzechè sagli ncoppe da donna Iolanda…chelle oggi ‘è dummenaca, portale a frutta che può darsi che a miezzijuorne nun ‘a tene.

CICCIO- ( al figlio)Tiene mente tiè…vide donna Nannina che figlia servizievole tene...’e tu nun vuò fa maje niente….pigliale na bella cosa a Perzechella….

EUSTACCHIO- (si avvicina alla ragazza)Perzechè, t’ ‘o mangi ‘o pere e ‘o musso?

CICCIO- Ma comme? Io te dico ‘o a bella cosa e tu e vuò da ‘o pere e ‘o musso?

EUSTACCHIO- Ma pecchè io nun mò mangio sempe??

CICCIO- e che c’azzicche tu, neh scemo? Te vuo mettere tu che si nu bisonte cu sta povera guagliona accussì delicata ?

PERZECHELLA- Don Cì lassato ‘o sta, nun ‘o mortificate, chille nun ‘e isso….’è a capa!!

IOLANDA-Aspè, famme vedè si tengo nu poco ‘e ciucculata(va in cucina. ESCE )

PERZECHELLA- ( Cominciando ad inciuciare) don Cì, ma è vero che chill’ato figlio vuosto è ‘nzertato?

EUSTACCHIO- Nzertato? (Sorpreso) …è, dicimme accussì…e tu che ne saje?

PERZECHELLA- l’aggio ‘ntiso ‘e dì dint’ ‘a puteca

CICCIO-E chi l’ha ditto?

PERZECHELLA- Donna Carmela, a mugliera d’ ‘o meccanica ‘a sapite? Chella che tene ‘o frate ngalera pecchè teneva ncuollo 300 grammi e cocaina…avite capite? ( vedendo che Ciccio non capisce)…comme no, chelle che cammina tutta scuffate pecchè è chiatta chiatta peggio ‘e vuje ... …

CICCIO- Ah, è chiatta chiatta peggio ‘e me? Embè, è ch’ ‘a ditto?

PERZECHELLA- Ha ditto accussì che ‘o figlio vuosto GianMaria non è né maschio e né femmina….è na vie ‘e miezzo!!

CICCIO- ( appoggia la testa sul divano e si mette le mani in faccia) Uhmm, na via ‘e miezzo, eh!!

PERZECHELLA-Don Cì, ma Filumena ‘a figlia vosta comme maje ha cambiato tutti chille nnammurate?? …forse ‘e piace e scagnà?

CICCIO- eh si, comme ‘e maglie ê cazune? Cheste pure t’ ‘à ditte Donna Carmela?

PERZECHELLA- No, cheste l’ha ditte donna Lilina ‘a sarta …a sapite? Chelle ch’è fate ‘o sciato pecchè tene ‘o fegato malato. 

CICCIO- Azz, e tu me pare nu giornale radio!! E po’ nun saje niente cchiù?

PERZECHELLA- Azz, vicino a Perzechella: << saje niente cchiù>>?Don Cì, senza offesa, quanno vulite sapè na cosa ‘e dint’ ‘o quartiere m’avite chiammà a mme!

CICCIO- E quindi?

PERZECHELLA- E quindi …saccio che ‘a mugliera vosta, donna Iolanda, ogni tanto ve struppea ‘e mazzata e ve cumanna ‘a bacchetta!!

CICCIO- ah, pure chesta saje? Sempe donna Lilina?

PERZECHELLA- No, cheste m’ ‘à ditte donna Assunta a tabaccara…

CICCIO- Donna Assunta? E essa che ne sape?

PERZECHELLA- E che ce vò a zingare neh, don Cì? Quanno e vicini vuoste ve sentene âppiccicà se mettene subito cu na penna e cu nu foglio mmano pe se segnà ‘e nummere ..po’ vanno a ddò donna Assunta a tabaccare pe jucà e spessò pigliano pure…

CICCIO- siente siè….

PERZECHELLA- Sabato passato, quanno sentemmo âlluccà a vuje a donna Iolanda e â Eustacchio ‘o benzinaio ha fatto terno

CICCIO- overo?

PERZECHELLA- si si..chille se jucatte…23 ‘o scemo…38 ‘e mazzate…e 90 ‘a paura…e ha pigliato 9500 euro ….ma ’o scemo s’ ‘à jucate già tutto quante
dint’ ‘e macchinette de’ slot machine e chella cicciuettele d’à mugliera nun po’ campà …tant’ ‘è vero che tene nu cunto a venì ‘a chiudere a cchiù e n’anno e nun vere ‘a via ‘e se venì ‘a spezza ‘e cosce.

CICCIO- (tra se) azz, che guacchiera…cheste veramente sape ‘e cazzi ‘e tutti quante.
IOLANDA- (ENTRANDO) Perzechè, tiè, mangiati stu piezzo ‘e cioccolata. Siente po’ pe’ soldi dì a mammà che passo domani pà puteca e vengo a saldà.

PERZECHELLA- Donna Iolà, pè solde nun ce penzate proprio, io ‘o saccio che site precise, l’importante è che so sagliuto sennò steveme ‘mpenziero.

IOLANDA-In pensiero? Pecchè?

PERZECHELLA- Primma io e mammà avimme sentuto e alluccà? E allora mammà ha ditto: << Perzechè, con la scusa e purtà a frutta a donna Iolanda va a vedè chi è che sta alluccanne cu don Ciccio….ma mò aggio visto… nun era n’appiccica in famiglia ma v’avite ncazzate cu chille  tipo ch’ ‘è tic che è sceso primma che io trasevo>>!!

CICCIO- Uhm, che cazzimme …ahò a tene fine ‘a dint’ ‘a ll’ogne d’ ‘e piede!!

PERZECHELLA-Don Cì, donna Iolà, io me ne vaco…arrivederci…

CICCIO- Uhè, mìarraccumanne, ‘o referto portalo preciso preciso…t’avisse scurdà coccose?

PERZECHELLA- Me scordo? E comme me scordo? Chelle ormai sta già tutto ccà ( mima il cervello) ….buogiorno ( sta per uscire quando Eustacchio la ferma)

EUSTACCHIO- Perzechè e a me nun me saluti?

PERZECHELLA- No, a te no!!

EUSTACCHIO- E pecchè a me no?

PERZECHELLA- Pecchè tu stammatina hè vattuto a mio cugino ch’ è testimone ‘e Geova!! E ppo’ pure pecchè papà mio me dice sempe: << Perzechè cu ‘e scieme è meglio a nun c’avè â c’ ffa!! (ESCE)

EUSTACCHIO- Mammà, hè ‘ntiso ‘a Perzechella? Ha ditte che so scemo!!

IOLANDA- (ironica) Sì scemo tu? Tu sì accussì intelligente!!

EUSTACCHIO- Papà, overo? So intelligente?

CICCIO- E comme no!! A parte quanno vuò nzuppà ‘a pizzette dint’ ‘o latte…quanno appicci ‘e cannele dint’ ‘e dete d’ ‘o pede ‘a fratete, quanno tutto ‘o juorne vaje cercanne ‘o “pere e ‘o musso” e quanno mitte ‘a sogliola dint’ ‘o frullatore….po’ rieste sì intelligente!!  

EUSTACCHIO- ( pensando) A sogliola dint’ ‘o frullatore? E quanno maje aggio mise ‘a sogliola dint’ ‘o frullatore? 9+

CICCIO- ah, nun l’he fatto ancora? E comme maje? Sta genialata ccà nun t’ è venuta ancora? E a chi aspiette?

IOLANDA- Ciccì, a vuò fernì? Chillo è capace veramente ‘e macinà ‘o pesce dint’ ‘o frullatore. (CAMPANELLO) Eustà, Hanno bussato, movete.

EUSTACCHIO- Ahò ma sempe io aggia ì ârapì a porta?

IOLANDA- Statte accorte, avisse sudà? ( con voce decisa) Movete, va ârapì ‘a porta!! ( Eustacchio ESCE) Chiste sarrà ‘o nnammurate ‘e Filly ( si agita…poi vede il marito seduto sul divano ) Oj Cì, susete primme ‘e mo ‘a copp’ ‘a stu divano!!
CICCIO- Ma pecchè sì me trove assettate che fa?

IOLANDA- Comme che fa? Pare brutte!!

CICCIO- Eh già, chillo mò comme appena trase me vede assettate e dice: << Vuje site il padre di Filly>>? – <<Si>>!! - << ..e state assettate ncopp’ ‘o divano>>? - << Si>>!! - <<… pure sì io so già trasute>>? –<<Si>> ( solenne) !!....e allora facite schife tutt’ ‘a famiglia!!
Iolà, ma chille che se ne ìmporta se sto assettate o sto susute?

IOLANDA- ( sollevandolo per un braccio energicamente) T’aggio ditte susete fa ambresse!!

CICCIO- Ha ragione Perzechelle…chelle me cumanne ‘a bacchetta!!

                                     EUSTACCHIO-GOFFREDO e DETTI

EUSTACCHIO- ( Entrando di corsa) Papà, fore ce sta nu tipo curiuso …dice che se chiamma Goffredo….mmano nun tene né ‘e paste, né ‘o vino e nemmeno ‘o cartoccio c’ ‘o pere ‘e ‘o musso….è venuto sul’isso “locco locco”…c’aggia  fa? ‘O faccio trasì oppure lle dò na capata nfaccia?

IOLANDA- Che l’ ‘è lasciate fore ‘a porta? Disgraziato fall’ ‘o trasì…io vulesse sapè ‘e chi è pigliato accussì delinquente. Tu ‘a quanne t’ ‘è visto Gommorra si diventato nu camorrista.

EUSTACCHIO- (Guardando fuori dalla comune) prego trasite, mamma' sta cca'!!

GOFFREDO- Buongiono a tutti e buona domenica!!

CICCIO- Buongiorno, prego venite, accomodatovi, assettateve ncopp ‘o divano......'.'(mentre si sta sedendo lo blocca)......aspettate nu' mumento......voi comme ve' chiammate???

GOFFREDO- Porcelli Goffredo , a servirvi!!

CICCIO- V'ha mannato qualcheduno??

EUSTACCHIO-(tra se) uno che se chiamma Porcelli chi ‘o po' manna' .....'o chianchiere!!!

GOFFREDO- No...non mi ha mandato nessunoll

CICCIO- Vi dobbiamo dare qualcosa e solde??

GOFFREDO.. No!! non mi dovete dare niente!!

CICCIO- Con tutto o rispetto, site testimonie e, Geova??

GOFFRBDO- ma quando mai??

CICCIO- Facite parte e qualche comitato festa??

GOFFREDO- sentite io non faccio parte di niente...ma perchè mi fate tutte ste' domande??

CICCIO- Rispunnite a 'mme!!... va facite che parrucchiane??.....vennite I'enciclopedia?? Jucate e nnummer’ addo' donna Assunta ‘a tabaccara?? Ve ha mannato qualcuno?? .....forza (puntando I'indice) rispunnite.....SI...o...NO?


GOFFREDO- (intimorito) ve I'ho detto pure prima...non mi ha mandato nessuno, non vendo enciclopedie, non me la faccio con i preti e non gioco nemmeno al banculotto!!

EUSTACCHIO- (tra se)Nèh!!....ma chiste che campa a fa'???

CICCIO- quindi siete venuto di vostra iniziativa??

GOFFREDO- Esattamente! !

CICCIO- e pecchè site venuto??

GOFFREDO- (imbarazzato) e v'aggia dicere allerta allerta......quella è una cosa importante quanto delicata....faciteme assetta e ve lo dico!!(fa per sedersi)

CICCIO- (trattenendolo)No, vuje diciteme primma pecchè site venuto e po' ve faccio assettàl!

GOFFREDO- (Ancora piu' imbarazzato) sono venuto per dichiarare "pubblicamente" il mio amore peruno dei componenti di questa famiglia!!

IOLANDA-(Gioiosa a Ciccio) ...e chiste è isso, ohj' !!!!

CICCIO- Quindi vi volete sPosare??

GOFFREDO- Diciamo di si.......in un certo senso direi proprio di... "' "si!!!

EUSTACCH.- Uuhà.....se sposa Filumena (ride)...tra 10 anni sai quanta corne tene stu' ...limone!

ClCClO-(Cortesissimo) prego accomodatevi....volete un caffè? un thè? nu succo e frutta? na spremuta d'arancio? nu cioccolattino??

GOITREDO- No grazie, non voglio niente.

EUSTACCHIO-Che tenete pure vuje 'o diabete??

GOFFREDO- Ma quale diabete???..' "....io sono sanissimo!!

EUSTACCHIO- Ve putite mangia' tutto cose??

GOFFRDDO- Certamente! !

EUSTACCHIO- E allora mo' ve porte nu' poco ‘e pere e 'o musso!!

IOlANDA-(strattonandolo) e vedi si' se sta' zitto isso e stu' pero e 'o musso

EUSTACCH.- Mamma', chille dice ca' nun tene 'o diabete, stu' ccose 'o tenimme int 'o frigorifere gia' a 10 juorne...tene pure na brutt’ addore... dancello accussi' a me me l'accatti frisco!!

CICCIO- No, nun ce facite caso......quello a mio figlio e píace e pazzia' ....

EUSTACCH.- Papa' ma qua' pazzia' .......io sto dicenne veramente!! ! !

CICCIO-(gli molla uno schiaffo dietro la nuca)

IOLANDA- Eustacchio.......(mette la mano in bocca mordendo il dito indice) disgraziato Si.....e.....No.....t'aggio ditt’ pure primme..........'a dicere sulo Si......e.......No! !

GOFFREDO- dunque voi siete don Ciccio?

CICCIG eccomi qua', eh scusale, noi non ci siamo nemmeno presentati...

GOFFREDO- e voi sicuramente siete donna lolanda?

IOLANDA- Si, songh'io, comunque tanto piacere!! Mò vado a farvi ‘na goccia e cafè., qualcosa I'avite accettà senno' mi offendete (esce)

GOFFREDO- (ad Eustacchio) e voi comme ve chiammate??

EUSTACCHIO- (Mimando) SI.....e......No! !

GOFFREDO- Si.........e........No??........eh eh eh ma che simpatico, voi siete un altro figlio di don Ciccio

ETTSTACCHIO-(C. S.) Si......e.......No!

GOFFRDDO- ah!!.. ho capito, siete il figlio ma non siete leggittimo.......siete adottato??

EUSTACCHIO- Si ........e........No! !

GOFFREDO- mo' ho capito, siete figlio a donna Iolanda da un matrimonio precedente??

EUSTACCH.- Si.........e........No! !

GOFI'REDO- Ma comme si e no??.....siete o non siete 'o figlio e don Ciccio e donna lolanda, diventerete Si......o.......No...........mio cognato??

EUSTACCH- Si........e.........No! !

GOFFREDO- Boh!l io si sto nato ¼ d'ora 'cca n'copp, chist’ me mann’ ‘o manicomio!

CICCIO- Goffredo, lasciate perdere 'o guaglione, piuttosto faciteme capi' buone....vuje avite ditt’ ‘a mio figlio Eustacchio......

GOFFREDO(interrompendolo)....comme avete detto che si chiama???

CICCIO- Se chiamma Eustacchio!!

GOFFREDO- si chiama Eustacchio??? (ride sonoramente) si chiama Eustacchio...ah..ah ..ah..ah

EUSTACCHIO.-Mò a stu sceme e 'schiaffo na' cosa ‘nfaccia!!

CICCIO- Se chiamma Eustacchio, embè??

GOFFREDO- e allora ha ragione a non parlà"...chille se mette scuorno ‘e dicere ‘o nomme!!

CICCIO- Goffre' chillo Eustacchio comm’ nomme è na zoza' ......però stu' ..Goffredo nun è che fosse ‘a fine d'o' munne!!

GOFFREDO- Ma state scherzando spero??......Goffredo discende da un'antica famiglia nobiliare di Borboni!!

EUSTACCHIO- Ha visto papà.....’a mamma e ‘o pate e stu' loff.....redo so' barbune e tene pure 'o curaggio ‘e parlà!!

CICCIO- Goffrè vi prego lasciamma sta'......parlamme e na' cosa chiu' importante......vuje primme parlanne cu' mio figlio avite ditt:< sarai si.,...o.....no...,mio cognato??

GOFFREDO- Si, è vero I'ho detto....perchè???

CICCIO- E quindi voi avete intenzioni serie??

GOFFREDO- E me lo chiedete? ......serissime!!

CICCIO non è che me pigliate in giro, no??

GOFFREDO- ma non lo pensate nemmeno!! Noi stiamo insieme gia' da tre anni!!

EUSTACCH.- (tra se) ma chist’ over tene e corne??..chella Filumena int’ ‘a 3 anni ha tenuto almeno 30 guagliune e stu' turzo non se n'e' mai accorto???

CICCIO- E vi trovate bene assieme???

GOFFREDO- Bene????.............direi magnificamente bene! I !

EUSTACCHIO- e quando passate sott’ ‘e ponte ‘a capa non se ‘ncatasta??

CICCIG (sottovoce al figlio) Eusta' .......nun te fa sgama'...statte zitte!l

GOFFREDO- Come?? scusate ero immerso nei miei pensieri.....dunque dicevate???

EUSTACCH.- no dico.....quando passate sotto i ponti non sentite mai coccose che se schianta??

CICCIO- (Aspro) Eustà, bastal!! (cambiando tono) e quindi vi trovate bene..... guardate voi nemmeno vi potete immaginare come siamo contenti io e mia moglie sapere che vi trovate bene insieme.....che vi amate e vi rispettate...per un genitore questo e' il massimo.

IOLANDA- (Entra con un vassoio con tazzine e caffettiera) ecco qua' bello caldo caldo, I'ho fatto solo per voi (versa nelle tazzine e lo serve, mentre si sorseggia frasi di circostanza)

EUSTACCH.- (tra se) a scema...ha fatto 'o cafè frisco frisco....e a llà 'o pero e 'o musse che si jetta!

GOFFREDO-( Ai genitori) bene, bene,....e voi che ne pensate??

CICCIO- E che avimme penza'....siamo contenti, felici, certo le malelingue non mancano....eh, si solo sapesseve quanda cattiverie dice ‘a gente...

C'OFFREDO- Quella è l'ignoranza dei costumi, i luoghi comune, la gente è prevenuta ed è cinica...ma il nostro amore, nonostante tutto, è saldo, anzi saldissimo....e io I'amo da morire..

EUSTACCHIO- O scurnacchiat’ è pure cuntente!!

CICCIO- Quindi voi sapete bene qual è la sua situazione, la gente che mormora che spettegola, una nomea famigerata che gode di pessima fama........eh ma poi che scemo che so.....voi state insieme a 3 anni....e certo co' sapite....

GOFFREDO- si, si, so' tutto, e, passatemi il termine, non ne ne frega niente......l'amore è più forte di tutto in questo mondo e cosi' sara' per sernpre....

IOLANDA- (A Ciccio) Cicci' ‘a viste comme 'a vo' bene a Filunena nostra? comme so' cuntenta...comme so' cuntenta_...

CICCIO- E i vostri genitori che dicono?? ..'O sanno?? E fa' piacere??

GOFFREDO- Diciamo che in un primo momento erano abbastanza contariati, l'hanno presa molto male, si sono schierati contro e hanno tentato disperatamente di dissuadermi e cercando, tra I'altro, di ostacolare le mie scelte.....

EUSTACCHIO- (tra se)E ce crede!!.... chelle na' fatte quant’ ‘a na' sporta e ‘a na' carretta! !

GOFFREDO- Poi però hanno notato che io I'amavo per davvero e che ero anche molto molto corrisposto…

EUSTACCHIO (tra se) Chist’ tene tante e chell’ corne ca' si chiovene taralle manco uno ne va' ‘nterra...

GOFFREDO- .... e quindi hanno dato il loro consenso facendomi cosi' immensamente felice....ma voi, piuttosto ....che ne pensate??

IOLANDA- E Che vi dobbiamo dire....certo, mio marito v'ha ditt’ pure primm, io steve facenn o' cafe però aggio ntiso .....siamo contenti, cuntent’ assai, però a gente è pettegola dice nu sacco e bugie, s'inventa tanti ‘nfamità....io ve pozzo sulo dicere che e figlie nuoste.....con i loro pregi e i loro difetti so tre bravi guagliune e se vonn’ nu sacco ‘e 'bbene!

CICCIO- (Tra se) se, se, erano veni' mezz'ora fa' e vedeva comme se vulevano bene!!!

IOLANDA- certo pure 'lloro fann’ ‘e sbaglie, ma commo dice pure ‘a bibbia....chi non ha peccato che scagliass’ a' primma preta!! !

GOFFREDO- eh, si, infatti.....brava donna Iolanda è proprio cosi'

CICCIO- e quando ve vulessev’ spusa'??

GOFFREDO- Eh, spusa' proprio no...non penso sia possibile po' mumento...è difficile che ce ho fannofa'..... cu' tutti sti problemi in giro....

IOLANDA- ( a Ciccio sottovoce) Ohi Ci',....ma chis’t fa' che è nu divorziato e nun tene ‘e carte a poste pe' se putè spusa'???

CICCIO- (a Iolanda)- aspetta mo' ce ho domanda.........Goffre', io vi debbo chiedere una cosa......

GOFFREDO-Ditemi pure

CICCIO- no pecche' senno' io nun faccio e 'bbene

GOFFREDO- Ma vi prego parlate!!!

CICCIO-Quando site trasute avete sicuramente notato che io ero nu poco agitato

GOFFREDO- Un poco?? Voi sembravate un mare "forza 9"

CICCIO- appunto!!...e questo perchè da stammatina so' succiese tanti cose che hanno accumminciate 'bbone e po mano mano se so’ guastate pa' via...... dunque  Goffre' la domanda è questa e vi prego rispondetemi con sincerità... vuje site <<divorziato>>??

GOFFREDO- (Ride) Divorziato io?? No! ! Assolutamente! !

IOLANDA- (a Ciccio sottovoce) '....e si' nun è divorziato....Cicci' ma pecche' non sa po' spusa'??

CICCIO- (a lolanda) Iola' ma io che ne saccio.....tu 'o saje comme so' sti giuvane moderni, forse primme e se spusà vogliono essere sicure e nun fa' qualche guaio (alludendo alla moglie)..(poi a Goffredo) e allora se non ve spusate che facite......"convivete"??

GOFFREDO-(Sollevato da tali parole) Si,.....questa per la verità è proprio la mia intenzione....sempre se pure voi e vostra moglie siete dello stesso parere!!

CICCIO- (Prendendo fiato) pe mmè' non ci so' problemi...mia moglie non 'o saccio comme a pensa...ma secondo me pure essa è d’accordo è over nè lolà???

IOLANDA- Oddio...pe mme va 'bbene, certo si se putessere spusa' fosse meglio..

GOFFREDO-Ah!! quindi voi siete favorevoli pure al matrimonio???

IOLANDA- nientimeno??........nuje 'o stamme speranno ‘a tantu tiempo!!

GOFFREDO- Meno male va', .....don Ciccio, donna lolanda io vi devo fare i miei complimenti perché io ero convinto che voi eravate chiu' all'antica...pure pecchè a "bambulella mia'' diceva sempre mamma' e papà sono 2 brave persone solo che so' nu poco arretrate e mentalita', e invece vi debbo dire 'a verità...io ho trovato piu' diftìcolta con i "miei" che con i miei futuri suoceri....

EUSTACCHIO-(Tra se) e pe' forza, chill’ sann’ 'levà a chella "zucculona" a ncopp’ 'o stommaco!!

GOFFREDO-(guarda l'orologio) a proposito , ma quando arriva?? dovrebbe essere gia' qui??

EUSTACCH-(Tra se) sempe si na' truvato a qualcun'ato pa' via!!

IOLANDA- secondo me è a momenti....a nu minuto a nat’ ‘a vedete e arriva.(campanello) avite viste...hanno sunate, Eusta' va arapi'...vide fosse Filly (Eustacchio esce per aprire)

EUSTACCH.- (Entrando) E' Gaetanina e rimpetto! Va, truvanne nu poco ‘a scopa elettrica che ‘a soja s'è guastata "..

IOLANDA- E falla a trasi' ca mo' ‘a piglio e ce ha donco!!

EUSTACCH.- Gaetani' trase che te vo' mamma'......mamma' io vaco a vede' a televisione int’ 'a cucina!!

IOLANDA- e fai buone vattenne nu poco a 'lla'.........e m'arraccumann’ nun te mettere a mangia' nata vota! |

                                           GAETANINA E DETTI

GAETANINA- (vicina di casa della famiglia Scognamiglio e confidente di lolanda, donna trasandata...con i bigodini, un grembriule unto di sugo e pantofole ai piedi) Donna Iola', buongiorno

pe ' favore me prestate nu' poco o "folletto" ca' scopa mia stammatina s'è scetate co' piccio, ieri funziunava na' bellezze e stammatina n'ave n'cuorpe e s'appiccià!! ! E comm’ ‘a schiattane...schiattane,  tanto io aggio quasi fatt....aggia d'à nata buttarella int’ ‘a cucina e

aggio femuto....(si gira vede Goffredo) Uhh , scusate...ma vuje tenite ospiti....

CICCIO- buongiomo Gaetani' si ce sta' nu' giovane che c'è venute a truvà.... (soddisfatto) in questi prossimi giomi ci saranno novita' in casa nostra!!

IOLANDA- Over Gaetani', ma po' t'ho racconte cu' chiu' calma.....mo' aspetta te vaco a piglia' a scopa elettrica..(esce)

CICCIO-(a Goffredo) Goffre' scusate n'attimo n'ce sta' a signore e rimpetto, nu munento sulo e sto' addo'vuje...

GOFFREDO- ma prego don Ciccio, fate con comodo, anzi mentre voi parlate, se permettete, ne approfitto per farmi 2-3 telefonate urgenti....dove posso appoggiarmi??

CICCIO- Fate na' cosa, accussi' nessuno vi disturba, fuori alla porta d'ingresso ce sta a vetrata che porta ‘ncopp’ ‘a terrazza,  ce stann ‘e seggie e nu tavolin e vimini, mettetevi lla' cosi' state in grazie ‘e Dio (si avvicina a Gaetanina) Gaetani' chist’ è 'o giovane che se vò spusa' a

Filumena figliama.....è 'nu bbuon "partito", nu bello giovane,.....e t'aggia dicere a verita'....n'ce sto parlanno a na mezz'ora e me pare pure na persona perbene!! !

GAETANINA-(entusiasta ed euforica)...Don Cicci' .....ma vuje veramenîe dicite?? (sospirando) Assa fa Dio va!! Avite visto??? io ce ho dicevo sempe a donna Iolanda: <<nun ve' preoccupate che chell ca nun succede int’ ‘a n'anno......succede int’ ‘a nu 'juome>>. (gioiosa) so'

cuntente, so cuntenîa overamente, complimenti....complimenti....

IOLANDA- Gaetani' a scopa aiccant!l

GAETAìIINA- Grazie donna Iola' comme appena aggio fatto va torno a purta', ....po' chell’ dimane e' lunneri' e maritemo ‘a scopa mia ma' porta accuncia'......nun me dicite niente...

IOLANDA- nun te preoccupa' fa con calma....vedi c'aggio cambiato pure 'o sacchetto, ja' sulo passa'!!

GAETANINA- grazie assai donna iola', grazie assai!!

IOLANDA- (mostrando tutta la sua gioia) Gaetani'...t'ha ditto Ciccio o fat??

GAf,TANINA- Comme, m'ha accennato na mezz& cosa!! ma' ditte ca' Filumena se sposa cu' chill

bello giovane che sta telefonann forc a' tenanzall

IOLANDA-(In tono confidenziale) veramente mo' apprimm a tutto non se sposaro ancora... sa', se vonno

conoscere chiu' meglio, e quindi primme convivono nu' poco insieme sulo 'lloro...e po' si e cose

vanno 'bbon.....sempe a matrimonio jamm a femi'.....l'importante e' che po' mumente stann’ insieme .....(toccandola con il gomito) aho' Gaetani', si verisse comme a vo' 'bbene, a chiamma a "bambulella mia", he' capito?? ... a "bambulella mia".....so proprio innamorati tutte 2...io t'aggia

dicere a verita'.....me sento c,o' core int’ 'o zucchero!! !

CICCIO- ma 'o core non se mette int’ ‘e cipolle???

IOLANDA-(a Gaetanina) 'o vire quant’ è scemo Gaetani'??......io sto' parlann’ ‘e na' cosa serie e chill’ se mette a fa' 'o pagliaccio!!

CICCIO- Iolanda e dai??.....steve pazzianno nu poco!!....se permetti me sente cuntente pur'io...

GAETANINA(complice) Donna lola' e quante volte v'aggio ditt’ ? , dicite a verirà?? 'Non disperate che a nu' mumenta a nata se sistema tutto cose".... avite viste?? E mo' si 'o Pataterno ce vo' fa a grazie adda' truvà na sistemazione pure pe' Gianmaria 'ch' è nu' bravo guaglione,....nu' brav

figlio, sulo che' stato nu' poco sfurtunato....ma po' vedrete che chiano chiano con l'aiuto do' Signore.....s'acconcia tutte cose! !

IOLANDA- E speramme a 'Dio ch'è comme dice tu!!.....certo io pe' Gianmaria pure sto"'preoccupate"......'o povero figlio se sente sempe mortificato, umiliato....po' n'ce se mette pure chillo piezz’ e

disgraziato di Eustacchio co' finisce e indispetti'......e ogni juorne sta casa me pare "n'inferno!!

CICCIO- (continuando)Cò fuoco e scintille....meno male che ce stongo io che ogni tanto appare...sennò sai quante vote facessere correre e "pumpiere"??

IOLANDA- Statte zitte tu!! Appare......ma ch'appare??.....tu può apparà quando staje assennito".. ma siccome staje quase sempe ‘mbriaco.....vai truvanne chi appare a te!! !

CICCIO- e te pareva che muglierema non ce metteva a "jonta??

GAETANINA- Certo donna Iola' che vuje ch'e figli vuoste site stata proprio sfurtunata!!....Filumena.....na' bella guagliona e chella manera....ca' puteva vulè sulo 'o "re" pe' parente, puteva far fare a

fila abbascio 'o palazzo cu' tutte e guaglione cc'a' vuleveno..... e invece s'he' jattata cu' tutti quanti e va' fatte piglia' nu sacco ‘e collera specialmente quando rimanette incinte e avett aburti' pecchè nun sapeva chi ero 'o pate.......

CICCIO- ( ricordandosi ) I che bella cosa!! ! ! !

GAETANINA Eustacchio.....e che putimme dicere.....chillo, 'o povero guaglione nun e jsso....è a capa che

accussi' e dice e accussi' fa!! ! Mo' che m'e' venuto arapi' fora a porte sapite che m'ha ditt??

Gaetani'....io aggio scritte na canztne pe' vuje.... va pozzo canta???.
Donna Iola' io 'o sente e vote quando ve' risponn’ a' capa e ‘mbrello e vi fa fa’ cierti n'tussecate! ! ! E po ce sta Gianmaria che è a perle d'è guagliune, intelligente, educato, studioso e sensibile e tene tutto cu

isso........ma 'o "Sigrore" I'ha vuluto fa nascere cu stu' difetto...e che putimme fa'?? Donna IOLA' ce I'avimm piglia' p'ammore e "Ddio".

IOLANDA. ( confidandosi) ...e che ne sai tu ne' Gaetani', si sapisse quanta notte mente tutti quanti stanne a durmi'....e io ca' curona 'mmano prego e chiagne!l!

GAETANINA- Donna Iola'....però Gianmaria nonostante tutto questo è proprio nu' buono figlio...ohi' mo' ieri sera me steve verenne nu' prograrnma pe televisione...quando belle e buone ascette chella

tipa ....comme se chiamma, chella ca' parrucca n'capa bianca che sta sempe a do' Maurizio Costanzo a Buona Domenica???

CICCIO- ma chi è ...Platinette???

GAETANINA- Eh bravo....Platinette....ià donna lola'.... ma che scuorno!!..,.che vergogna!! ..dico io, uno è over che a nascere gay nun s'a' scelto, però nu' poco e decenza, nu' poco e decoro, nu' poco e dignità...


IOLANDA- brava, brava...

GAETANINA- Site d'accordo cu me?? Io capisco e ammetto ca' uno tene 'o problema....e che spess se sentono nu' poco emarginate....ma che necessita' n'ce sta' e se vestere a femmene, ca' parrucca

‘ncapa, 'o russetto viola tutti truccat’, comme si fosse na cosa normale a se presenta' pe' dint’ ‘a televisione annanze ‘e criature ‘e ddoie 'o juorne e chella manera cumbìnate.

CICCIO- P'ammor’ ‘e 'Ddio!! Io, si figlieme se vestesse accussi', mettesse 'o crocco sotto 'o suffitte

e'o mpicasse!!! E c'avimme fa'carnavale??? Gaetani'...nun 'o dicimme manco pe' pazzià....io gia' l0 anni fa' quand’ sapiett’ che Gianmaria era gay succerett’ 'o lutto .....'o "lutto" int’ ‘a  casa mia.

GAETANINA- ma vuje non ve n'eravate maje accorte???

IOLANDA-(Aprendosi ) Gaetani' , a verita' , chill’ se vedeva gia' a pezzeillo ca' non giocava comme e mascule. mentre tutti e cumpagnielle e I'eta' soja giocavane che pistole, che fucile, co'pallone a jsso le piacevene ‘e bambulelle, ‘e trucchi, ‘e burzette....ogni tanto se metteve e scarpe co tacco

alto d'è mie.........ma 'o pate nun I'ha volute mai accetta' pecchè diceve....chille po' cresce...va a scola.....cunosce ‘e cumpagnelle, é sicuramente ‘e passa sta' manià...........e invece ohi' s'è fatto gruosse ed è rimasto accussi'! ! !

CICCIO- eh...appunto....è rimasto accussi!!! Po' se mette chill' ato fetente d'o' frate ca' tutte e juorne ’o sfotte e 'o mette in croce....io po' ca' songo 'o pate c'aggia fa?.....chille è scemo, chill'ato è gay e me trovo m'miezze e non saccio comme aggia appara'.... figurammece se po' Gianmaria

s'accumminciasse a vesti' comme a Platinette ....Gaetani' nun me ce fa' manco penzà....e desse tanti e chilli cavece, e tante e chilli muorze......ca' o cumbinasse comme a n'ore 'e notte!!!

GAETANINA- Don Ci', vuje state sfunnarne na porte aperta" io a penzo esattamente comme a vuje, ma chella ormai è sempe chiu' alla portata del giomo......nuje avimme annummenata a Platinette, ma pecchè chille Renato Zero pe' televisione comm'è??? ...e Solange?....e Dolce & Gabbana?.. 'e Cristiano lvÍalgioglio?....e Leo Gullotta?....e Leopoldo Mastelloni?.... e Cecchi Paone?...... e Versace?.....e lvan Cattaneo?.....e Luxuria int’ 'o Parlamento?.... e Signorini?

ClCClO-(Intenompendo) Gaetani', .......ma pe' televisione n'ce stanne tutti sti frocie???

GAETANINA-Don Cicci'...è proprio accussi'.....chiu' gay ca' gente normale......e a cosa strana è che oggi pare che si uno nun è gay....nun va annanz’......

CICCIO(alterato) figlieme no!l Gaetani' a 'mme nun me ne frega niente e Renato Zero e Mastellone  e Dolce e Gabbana....figlieme tene 'o prubblem?' e va buon! Ma finche' io e a mamma simme vive se sta cu' nuje in santa pace!! Si po se trova nu' lavoro onesto e perbene co' fa' campa' autonomamente, e senza bisogno e nisciuno , ben venga. Ma a dda essere sempe nu lavoro basato

sull'onesta' e sulla dignita'.......ohi" io gia' songo 'o zimbello d'ò quartiere..... po' n'ce mancasse pure ca' pe' andare a parte avanti Gianmaria se vestesse comme a Platinette'....

EUSTACCHIO(Che è entrato da qualche secondo) uuha' Gianmaria se veste comme a Platinette?? o' saje comme parene 'bbell tutt’ e 2.??......fanno comme ‘e sorelle Lecciso!!

CICCIO- Ecco qua!! 'o scemo sta sempe pronte a risponnere ‘mmiezzo!!

EUSTACCHIO- Ma io ho fatto la battuta!!

CICCIO- (gli molla un schiaffo in testa dall'alto in basso)

EUSTACCHIO- Ahi!!! m'ha fatt male papa'l!

CICCIO- Tu hai fatto a battuta-.....io aggio fatto a'schiacciata" !!!

GOFFREDO- (che ha finito di telefonare) rieccomi qua don Ciccio!! Ho finito ma sapete erano telefonate di lavoro....

IOLANDA- prego assettateve Goffredo...

GAETANINA- va buo' , io me ne vado donna Iola'.....e grazie ancora.....(campanello)

IOLANDA-Eusta', va arapi'!!

EUSTACCHIO- (tra se) Eppure io cu' tutti sti km. che faccio annanza e arreto p'arapi' a porte avesse essere comme a n'alice.......(ci pensa)..... secondo me sarra' 'o pere e 'o musso che me fa ‘ngrassa'! ! !

                                          GOFFREDO E DETTI

IOLANDA- Aspette Gaetani'.....sarra figlieme Filumene......mo' e fai gli auguri po' fidanzamente ufficiale...

GAETANINA- e allora mo' aspette n'attimo e po' me ne trase!!

EUSTACCHIO- (entra con Goffredo Falco) mamma' fore ce sta Filumena cu' nat’ ‘nnammurato.

CICCIO- 'O ‘nnammurate e Filly?? ma che dici???

FILLY- (Entrando e correndo in braccio ai genitori) Papà, mamma mentre stavo tornando dal

parrucchiere ho visto Goffredo e siamo venuti insieme....

CICCIO- Chist è'o ‘nnammurat’ tuoje??

FILLY – certamente, e chi senno'

EUSTACCHIO-Puozzo fa schifo..... e chille me pare Sherek!!

IOLANDA- e chist’ (indicando Goffredo Porcelli) ....chi è???

FILLY-......(Io guarda) e chi'o sape??

CICCIO- comme chi 'o sape?? Chill’ se chiamma Goffredo....

FILLY- E pure 'o ‘nnamurate mio se chiamma Goffredo .....che m'aggia fidanza' cu tutti e Goffredo??

EUSTACCHIO- Manco si te facesse schifo!!!

CICCIO- ( A Goffredo Porcelli) scusate ma voi site venute pe' dichiara' il vostro amore.......???

GOFFREDO PORC.- Sissignore, e sono sempre deciso a farlo!!

CICCIO- E cu chi ve vulite spusa'???

GOFFREDO P.- Con la "bambulella mia"!!

EUSTACCHIO- Papa chist’ ‘a Filumena I'ha pigliata pe' na' bambula gonfiabile!

CICCIO- A bambulella vosta?......ma chi è sra bambulella vosta??

GOFFREDO- Come chi è??.....scusate ma di chi stiamo parlando da due ore??

GIANMAIIIA- (Entrando) ma cos'è tutto questo chiasso....si sente gridare dalla strada!l(vede Goffredo in casa e gli va incontro abbracciandolo) Goffredo sei qui? che bello!!

GOFFREDO- Eccola qua'.......è lei la bambulella mia!!(indicando Gianmaria)

CICCIO- Gianmaria a bambulella vosta??

GOFFREDO- certo!!.....ma perchè non lo sapete??

GIANMARIA- No!! Goffredo.....loro non sanno nulla......non ne ho avuto mai il coraggio...

CICCIO- Non sapimme niente e che??

GOFFREDO- Gianmaria tutti i fine settimana al Nîght club" Venere' vestita da donna si esibisce nel "bambulella show" ed è famosissima. Li' I'ho conosciuta e me ne sono innamorato.

CICCIO- (furioso) cu Gianmaria?? All'anima e chi t'accire......stu disgraziato ...chin’ ‘e corne... farabutto.......se vo' spusà a Gianmaria ......io mo' te caccio 
‘e ‘stentine ‘a fore a te e a chist'ato traditore(indicando Gianmaria).......l'aggia accidere......(caos generale.....Ciccio tenuto da Iolanda, Gaetanina, Filly e fidanzato)....t'aggia accidere....(Eustacchio ride....mentre il

sipario si chiude)

                                                    FINE 1° ATTO


Secondo atto

(Stessa scena del primo atto. Al centro della stanza, seduti vicino al tavolo, c’è Iolanda che sta bevendo una camomilla mentre Gaetanina la consola).

GAETANINA- donna Iolà, beviteve sta camomilla ca ve fa bene, vuje mo state accisa, agitata!!!

IOLANDA- (sorseggiando) e chi s’ ll’ aspettava… Gesù, Gesù, che scuorno… che vergogna Gaetanì ma tu hè capito??? “Bambulella show, Bambulella show”, io m’ ‘o vulesse ‘mmagginà a chillu disgraziato vestuto ‘a femmena ca cammina e abballa annanz’ ‘a gente comme si fosse tutto normale…  comme si tutto fosse lecito(esagerata) ìh che pover’ommo !!!

GAETANINA- calmatevi Donna Iolà… e che ce vulite fa? Ormai chello ch’ è succieso… è succieso!!! Mo vedite sulo ‘e nun piglià na malatia… chella ‘a collera accire ‘a gente.

IOLANDA- e voglio murì…(piangendo) Gaetanì… voglio murì… e che campo a ffa… m’ ‘o dice che campo a ffa?

GAETANINA- Donna Iolà e nun dicite fessarie…vuje site accussi forte, avite superate tanta prubbleme, po’ vedite che chianu chiano tutto se sistema.

IOLANDA- ma che s’adda sistemà ne Gaetanì… che s’à dda sistemà… tu l’hè capito ca’ Ciccio so tre juorni ca nun mangio né a miezzjuorno né ‘a sera.

GAETANINA- eh però don Ciccio n’ ha ddà fa’ accussì, e che vo jì veramente ô campusanto… donna Iolà, io me permetto,pecchè ‘o sapite ca ve voglio bene comm’ a na sora, ma chesta è na cosa ca uno s’ ‘o puteva pure aspettà, ormai ‘e gay so’ sempe cchiù assaje pe’ miezz’ ‘a via.

IOLANDA- Gaetanì… ma tu che caspita staje dicenno??? Io e Ciccio ce avevam’ aspettà ca nu juorno s’appresentava nu cataplasma a casa dicenno “io me voglio spusà cu’ Gianmaria???”

GAETANINA- E pecchè donna Iolà e che ve meravigliate? Chille mo’ ‘a Spagna ‘e gay nun se sposano?

IOLANDA- A Spagna!!! Gaetanì ca stamme all’Italia, anzi stamme ‘a bassa Italia e cierti schifezze nun simmo abituate a lle sentì!!

FILLY E DETTI

FILLY-(entra) mammà io scendo un poco, vado con Goffredo a farmi una passeggiata…(osservando la mamma e parlando in napoletano) mammà ma che d’è staje ancora chiagnenno?

IOLANDA- no, nun sto chiagnenno

FILLY- Ma come non stai piangendo? Tu tiene ll’uocchie tutte nfuse!!!

GAETANINA- E pe’ forza… chella sta cristiana ha avuto stu dispiacere…
ch’ ha dda fa?…po’ sta preoccupata pecchè ‘a chella matina, Gianmaria se n’è asciuto d’ ‘a casa e nun s’è fatto cchiù sentì… tuo padre sta chiuso dint’ ‘a stanza ‘a tre juorne diuno e muort’ ‘e famma, frateto Eustacchio ca dint’a tutto stu ‘mbruoglio ce mette pure ‘o ssuojo,…e tu cà si l’unica ca’  po dda na mano, mo’ te ne scinne e ‘a lasce cca, comme sì ‘o fatto nun fosse ‘o tuoje (prende una mela e le da un morso sbattendola poi sul tavolo).

FILLY- Gaetanì, e ch’aggia fa? M’ ‘ò dice ch’ aggia fa? Ma si chillo è gay  e sta cosa a mammà e a papà nun le piace, io che pozzo fa… io che pozzo fa…?(italianizzando)purtroppo le medicine per far passare la “froceria” ancora non le hanno inventate…(cambiando tono) e po’ io già sto ‘ntussecata  pecchè ‘a primma vota ch’aggio purtato a Goffredo a casa mia… l’avimmo fatto assistere a chella bella sceneggiata…

IOLANDA- ma nuje ce credetteme ca chill’ato, Goffredo, ero ‘o ‘nnammurato tuojo… chi se puteva maje ‘mmaginà ca chillo era venuto pe’ Giammaria… e po’ ‘a cumbinazione ha vuluto ca se chiammava pur’ isso Goffredo!!...

FILLY- e avite fatto stu ‘mbruoglio… comunque io mò me n’aggia scennere… a proposito, ma papà stanotte nun s’è sentuto buono??? Io ‘o senteve ‘e se lamentà???

IOLANDA- Filumè, patete chiagneva p’ ‘arraggia e p’ ‘o scuorno… ‘o prublema sai qual’ è ? Chillo già steve sempe nervuso pe’ mezzo vuoste e mo sta cosa ‘e Giammaria ‘o puvuriello nun s’ âspettava proprio e mo si ‘o vide pare nu cundannato a mmorte.

FILLY(ironica e cinica) e perciò mammà…sta semmana contieniti e cerca ‘e nun ‘o palià!!!

IOLANDA- ma pecchè io aggio mai paliato a pateto?

FILLY- (come sopra)nooo!!! Quanno maje…tu nun ‘o palìe, ‘o “struppije cape e noce d’ ‘o cuollo”(ESCE)

GAETANINA- certo donna Iolà ca vuje veramente site sfurtunata cu ‘sti figlie vuoste.

EUSTACCHIO E DETTI

EUSTACCHIO-(entrando) mammà m’aggi’ ‘a fa ‘a doccia addò sta ‘o svelto?

IOLANDA- ‘o svelto!?!? E ch’ he fa c’ ‘o svelto?

EUSTACCHIO- m’aggià ‘nzapunà!!

IOLANDA- T’ he ‘nzapunà c’ ‘o svelto?

EUSTACCHIO- io l’aggiù ntiso ‘e dì pe’ dint’ ‘a televisione!

IOLANDA- dint’ ‘a televisione hanno ditto ca quanno uno se fa ‘a doccia s’ha ddà ‘nzapunà c’ ‘o svelto?

EUSTACCHIO- no dint’ ‘a televisione hanno ditto ca ‘o svelto sgrassa!!! (ride…poi vede Gaetanina)uhè Gaetanì, tu staje cca’?

GAETANINA- eh sto ccà! (torce il viso infastidita).

EUSTACCHIO- Gaetanì ‘a vuò sentì ‘a canzone ch’ aggio scritto per te?

GAETANINA- Eustà, làsceme stà cà stammatina me girano ‘e ccervelle.

EUSTACCHIO-(si sposta un po’ sul lato della scena e mimando con la testa un giro a 360°) ciao mamma, ciao papà, ciao nonno, ciao nonna, ciao zia…( pausa) me vulite levà ‘a dint’ ‘a lavatrice???.

IOLANDA- (con stupore) ma che staje facenno?

EUSTACCHIO- sto facenno comme ‘e ccervelle ‘e Gaetanina… e sì lle girano vò dicere ca stanno dint’ ‘ a lavatrice, o no?

IOLANDA- Eustà, io già sto bella p’ ‘e fatte  mieje, vide ‘e nun me fa ‘ntussecà ca oggi è na mala jurnata… me so spiegata?

EUSTACCHIO- (imitando una persona che ha le cuffie audio) ok, il messaggio è arrivato forte e chiaro, signor capitano, non ve ne incaricate che adesso me ne “vaco”. (mima un aereo che sta per uscire e poi sulle note di Federico Salvatore) “Mi piacciono panini mayonese e ketchup e poi per digerire un bicchierino di grappa” (esce, poi rientra subito) Ahò Gaetanì… quanno vuò sentì ‘a canzone che t’aggio scritto famme ‘o ssapè, va bene? (esce)

GAETANINA- (visibilmente contrariata) Donna Iolà credetemi, si nun fosse ca Eustacchio è figlio a vuje, vo giuro, saje quanta volte ‘o desse na cosa ‘nfronte!!! (da un altro morso sulla mela)

EUSTACCHIO- (rientrando) “Mi piacciono ‘e panini specialmente c’ ‘a trippa e faccio 20 rutte cu na 7up, sott’ ‘o cazone mette ‘o sparatrappe pecchè me chiudo sempe ‘e pile int’ ‘a zip… azz… azz…”
 Gaetanì… ‘a vuò sentì o no ‘a canzone?

IOLANDA- Eustà… spiezzete ‘e ccosce ‘a chella parta… muovete!!! (Eustacchio esce)

GAETANINA-(furiosa) Donna Iolà, scusatemi, è meglio che me ne vaco sennò stasera fernesce male!!!

IOLANDA- Gaetanì, aho’ e calmati!!! A vvote me pare cchiù criature e isso. (campanello) Gaetanì famme nu piacere va ârapì,  fosse Giammaria!!!

GAETANINA- (fa per uscire) Subito donna Iolà… (esce)

IOLANDA-(chiamando verso la stanza) Ciccio vieni ‘a cca ch’ hanno bussato ‘a porta vedimme chi è!!!

GAETANINA- (entrando) Donna Iolà è ‘a fruttajola ca sta abbascio ô palazzo.

NANNINA, PERZECHELLA E DETTI

NANNINA-(entrando) (donna sui 40-45 anni con grembiule e dall’aria molto sveglia) Buongiorno donna Iolà, tutt’ a pposto ? Ve sentite bbona?

IOLANDA- si si grazie, tutto a pposto… scusate si ‘e sorde d’ ‘a frutta, ancora nun ve ll’ aggio purtate…

NANNINA- no, niente, p’ammore ‘e ddio… nun ‘o ddicite nemmeno, sapite comm’è, siccome so’ 5-6 juorne  ca nun v’aggio vista, aggio penzato: “vuò vedé ca Donna Iolanda nun se sente bona ?” e so venuta pe’ vedé cu’ ll’uocchie mije!!!

IOLANDA- (a Gaetanina sottovoce) Ah capito !!! Ha pensato… si nun sta bona famm’ a ì’ a recogliere primma ca more… (a Nannina)grazie d’ ‘o penziero…è, che so’ stata nu poco impegnata dint’ a ‘sti juorne e nun aggio pututo passà p’ ‘a puteca… però visto ca state ccà mo ve dongo pure ‘e sorde.

NANNINA- Donna Iolà… ma quante maje, io mica so’ venuta pe’ me piglià e sorde???

GAETANINA- e vabbuò donna Nannì, ma si donna Iolanda dice ca v’ ‘e vvò dà… pigliataville.

IOLANDA- eh infatti, accussì me levo n’ atu penziero ‘a capa!!!

NANNINA- ma pecchè, donna Iolà, state ‘n penziero?

IOLANDA- (precipitosamente) si!!!.... cioè no!!!

NANNINA- si…o…no?

IOLANDA- si, e no… metà e metà…!!!

NANNINA- Embè nun pozzo fa niente pe v’ aiutà

GAETANINA- Donna Nannì,nun ve preoccupate, qualsiasi cosa serve ce stongo io ccà… è ‘o vero donna Iolà?

IOLANDA- e comme no!!! ‘O fatto ‘e chesta, Gaetanina è una ‘e casa, è comm’ a na sora!!!

NANNINA- (insistendo) si, ma si ve serve qualche cosa ca magari nun putite fà, vuje basta ca chiammate e io subbeto corro ccà!!!

GAETANINA- (agitata) Aggio ditto ch’ a Donna Iolanda nun le serve niente… e si le serve qualche cosa io stongo a disposizione… ce simmo spiegate???? (morde la mela)

IOLANDA- (indicando un vassoio con la frutta sul tavolo) Donna Nannì, nun facite ncazzà a Gaetanina, ca chesta se mangia tutta ‘a frutta!!! (campanello) ‘A porta, va trova chi è???

GAETANINA- Aspettate donna Iolà, mo vado io (esce per aprire)

NANNINA- Donna Iolà ma è nervosa âmica vostr? Io nun aggia aperto manco ‘a vocca e chella s’è nquartata ‘e chella manera

IOLANDA- Donna Nannì io saccio sulo ca ogni vota ca se ntosseca pe’ coccosa, piglia na mela e ce dà nu muorzo ncopp… mo dico io… ‘o vvuò d’ ‘a mela? E pecchè nun t’ ‘a fernisce? Invece no! Na mela, nu muorzo e ‘a posa… n’ ata mela, n’ atu muorzo e ‘a posa… n’ata mela, n’atu muorz e ‘a posa… e nun è peccato po’ ‘e jettà tutte sti mele???

NANNINA- ‘e jettate?? E pecchè ‘e jettate??

IOLANDA- comme pecchè ‘e jetta??... chella ce mozzeca ncoppa!!

NANNINA- uh Gesù… e vuje avite ditto che Gaetanina è comme a na sora pe’ vuje!!......... e tra sore e sore jate vedenno nu muorze ncoppe a na mela?

IOLANDA- (insorgendo) Ma vuje qua sora e sora jate truvanno donna Nannì………. Ma chi ‘a sape??? ………….. e si tene a “turbecogliosa”….. e si tene ‘e streppechecocco nfettate??

NANNINA- e strepp…che…cocco??... veramente ‘e streppe nun ‘e tenene ‘e cocco ‘e tenene ll’ananas!!

IOLANDA- e chi ‘e tene è tene…… io ncoppe a chelli mele muzzecate nun ce mangio, vabbuò!!

GAETANINA- (entrando) Donna Iolà è Perzechella….. ‘a sora ‘e donna Nannina!!

IOLANDA- (tra se) mo’ avimme fatto tombola!!!

PERZECHELLA- Buongiorno donna Iolà!

IOLANDA- Buongiorno nennè!

NANNINA- Perzechè, comme mai si sagliuta… che è succieso qualcosa??

PERZECHELLA- No Nannì,nun è succieso niente, aggio visto ca tardave e aggio pensato:- Mò vaco a vedé comme mai sorema nun vene…. L’avesse succieso qualcosa??-.

IOLANDA-(ironica) certo, donna Nannì comme site premurosa ‘a casa vostra, comme nun vedite a qualcuno pe’ nu poco ‘e tiempo subbeto ve preoccupate!!

NANNINA- ‘o fatto è chisto, sta sora mia è delicata e premurosa overo…

IOLANDA- (a Gaetanina sottovoce) e aviss’ ‘a vedé quando e comme è na capera!! (poi con voce normale) aspè Perzechè mò te piglio na bella cosa… (esce Iolanda)

PERZECHELLA-(sottovoce) Ohh Nannì, t’he fatte dicere ‘a donna Iolanda ch’ è succieso dummeneca quando avimmo sentute tutte chill’allucche!!

NANNINA-(sottovoce) non ancora… ma nun te ne fa accorgere, he capito??

PERZECHELLA- (come sopra) ahè, me ne faccio accorgere......e che so’ scema io???... Sorè io ncoppe ‘e ‘nciucie stò addiventanno cchiù brave ‘e te!!

EUSTACCHIO E DETTI

EUSTACCHIO- (Entra con arco da indiano cantando le note di “azz”)Mia figlia Nanninella è sulamenta na tappa… porta ‘e capille arravugliate c’ ‘o tuppo, scarpe 38 cu’ tanta na zeppa… ca’ quanno cammina me pare na zoppa… azz…azz (vede Gaetanina)…Gaetanì tu stai ancora ccà…ahò che dice ‘a vuò senti ‘a canzona ca t’aggio scritto?? Aspetta,mo subbeto t’ ‘a canto!!

GAETANINA- Eustà,nun’ a voglio sentì, nun’ a voglio sentì come te ll’aggia dicere nun’ a voglio sentì (morde una nuova mela).

IOLANDA- Eustà ferniscele ca te piglio a schiaffe (nel frattempo si alza e toglie il vassoio con le mele dal tavolo) famme leva’ sti mmele ‘a cca’ sinnò chesta m’ ‘e mozzeche tuttu quante.

EUSTACCHIO- Mammà ma io aggio scritto “con la mia intelligenza” na canzona “propeto” per Gaetanina e chella nun ‘a vo’ sentì!!

GAETANINA-(vistosamente infastidita) Donna Iolà è meglio che me ne vaco pecchè oggi Eustacchio veramente sta esageranno. (morde una carota sulla tavola)

IOLANDA- (tra se) Azz!!... ha fernute ch’ ‘e mmele e accummencia ch’ ‘e “pastenache”. (poi sotto voce a Gaetanina) Gaetanì e non t’ ‘a piglià…….. tu ‘o ssaje ch’ Eustacchio è nu poco ritardato.

GAETANINA- (usando lo stesso tono) Donna Iolà, io ‘o saccio che è ritardato…… però ‘ncopp’ a faccia d’ ‘a terra ce stanno ‘e ritardate buone… e ‘e ritardate scieme……oggi Eustacchio è ‘o cchiù scemo……d’ ‘e ritardate scieme!!!!!! (con tono normale) E’ overo nu campione Eustacchio.

EUSTACCHIO- (ride) ah ah …… e allora aggio vinciuto ‘a medaglia??

IOLANDA- Eh. Si. He vinciuto ‘a “coppa”!!

EUSTACCHIO- no, mammà, a me ‘a coppa nun me piace… m’annozza ‘n ganna… si proprio m’ ‘o vvuò da’…. Damm’ ‘a ventresca!!!

GAETANINA- Donna Iolà, salutateme a don Ciccio, e m’ arraccumanno si avess’ ‘a veni’ Gianmaria faciteme sapé che stongo in pensiero pure io …… e qualsiasi cosa ve serve nun ve facite prubleme……chiammateme, va buò??..... bona jurnata.

IOLANDA- Aspetta ca mo’ t’accumpagno  fora ‘a porta che t’aggia domanda’ na cosa. ( esce con Gaetanina)

PERZECHELLA- (con aria indagatoria) Nannì e comme mai ancora non he saputo niente d’ ‘a appiccica ‘e dummeneca??

NANNINA- E nun aggio avuto ll’occasione e ll’ addimannà….. ma che vaje ‘e pressea???

PERZECHELLA- Nannì mo veco si m’ ‘o faccio dicere ‘a Eustacchio ‘o scemo!!

NANNINA- Perzechè ma chillo è scemo… che ssape ??

PERZECHELLA- nun te preoccupà m’ ‘o veco io. (si avvivina ad Eustacchio)… Eustà, pazziammo nu poco, viene cca’!!!

EUSTACCHIO- io cu te nun ce voglio pazzià pecchè l’ultima vota m’he chiammato scemo!!!

NANNINA- (sarcastica) overo, Perzechè??..... he chiammato scemo a Eustacchio??

PERZECHELLA- ma quando mai… chillo è ‘o meglio cumpagno mio!!

EUSTACCHIO- si è overo ? E cu’ tte nun ce voglio giuca’ , vabbè??

NANNINA- e dai Eustà…… chella Perzechella è na creatura…… tu si gruosso fa ‘o bbravo!!

EUSTACCHIO-(ci pensa su) e va bbene, però si me chiamma scemo n’ata vota nun ce gioco cchiù

PERZECHELLA- facimme pace ja’ (fanno un gesto con le dita come i bimbi)

NANNINA- (indagando) Aho’,Eustà…. Ma dummeneca cca’  ncopp ch’ è succieso?? Nuje avimmo sentuto a don Ciccio âllucca’ comm’ ‘o pazzo!!

EUSTACCHIO- (distratto dai giochi) io nun m’arricordo niente!!

NANNINA- Eustà cerca ‘e t’arricurda’……(Eustacchio pensa invano) ……. “sfuorzete”…… “spriemmete”…… “ spriemmete”……“sfuorzete” ……

EUSTACCHIO- ma che tengo ‘a me sfurzà… io si penzo assaje abbrucio tutte ‘e valvuline !!!

NANNINA- no, dico sfuorzete a ppenza’ senza brucià niente!!

PERZECHELLA- Eustà. Si te sfuorze… Nannina T’accatta ‘o pere e ‘o musso!!!

EUSTACCHIO- (all’istante) overo?? E’ succieso che è venuto cca’ ncoppa n’ ommo…. ca nun era ommo ma era nu “turzo” ca se vuleva spusà…. Mammà e papà erano tutte cuntente pecchè se pensavano che Goffredo…

NANNINA- e chi è Goffredo??

EUSTACCHIO- ‘o “turzo” !!!

NANNINA- aggio capito!!

EUSTACCHIO- se pensavano ch’ ‘o turzo se vuleva spusà a Filumena, e pur’io m’ ‘o pensavo, e ereme tutte contente, accussì ce levaveme na cambiale a ncopp’ ‘o stommaco e invece anduvinate ‘o turzo a chi se vuleva spusà??

NANNINA- A cchi se vuleva spusa’ ???

EUSTACCHIO- Anduvinate ‘o turzo a cchi se vuleva spusa’ ???”

NANNINA- A cchi se vuleva spusa’ ??

EUSTACCHIO- e anduvinate!!!!!!!!

 NANNINA- e che ne saccio a na rapesta??

EUSTACCHIO- Ahè, na rapesta… ‘o turzo se vuleva spusa’, nientedimeno, cu’ Gianmaria………

NANNINA+ PERZECHELLA- cu’ Gianmaria???

PERZECHELLA- c’ ‘o ‘nzertato??

EUSTACCHIO- (ride) ah ah ah hè capito Perzechè…comme papà ha sentuto sta cosa ha fatto succedere l’inferno (ride) ah ah ah …frateme Giammaria se sposa cu’ Goffredo… ah ah ah (ride a crepapelle)

NANNINA- Eustà ma tu ‘e sta cosa si sicuro?

EUSTACCHIO- So’ sicuro?? ‘A faccia mia…anzi io mo’ ve putesse dicere pure n’ata cosa…….. però m’avit’ ‘a accattà pure ‘a trippa…

NANNINA- Eustà tu te faje troppo chiatto!!

EUSTACCHIO- E allora nun dico niente cchiù!!

NANNINA- E vabbuò t’accatto pure ‘a trippa…dice…dice

EUSTACCHIO- Gianmaria dopo sposato se veste comm’ a Platinette.

NANNIAN- comme’ a Platinette??

EUSTACCHIO- si si, l’aggio sentuto cu’ chesti rrecchie…… papà che diceva a Gaetanina…<<si figlieme Gianmaria se veste comm’ a Platinette ‘o spezzo ‘a noce d’ ‘o cuollo>>.

NANNINA- Ma io a Gianmaria nun ll’aggio mai visto vestuto ‘a femmena!!

EUSTACCHIO- e manco nuje… però ‘o “turzo” ha ditto che frateme… ahum scusatemi sorema (tra se) nun ‘o ssaccio manch’ io comme ll’ aggia chiammà a chillu fenucchio (poi) ‘o ssabato a ssera se veste ‘a femmena e va facenno “’a pereta” pe’ dint’ ‘e  locale… e lla’ isso l’ha cunosciuto, mentre Gianmaria c’ ‘a minigonna se torce pe ncopp’ ‘e ttavule e fa ‘e spettacule d’ ‘e femmenielle.

NANNINA- Gesù, Gesù, Gesù……….Eustà ma tu veramente si sicure ‘e sta cosa???

EUSTACCHIO- So’ sicuro??...... chillo papà so’ tre juorne ca stà comm’ a nu pazzo, nun mangia, nun beve, chiagne sempre e ‘o sente ‘e dicere:<<chillu frocio…chella checca… chillu femmenello>>-

PERZECHELLA- Nannì iammuncenno, jamme ‘a ddu donn’ Assunta ‘a tabbaccara a gghiucà ‘sti nummere!!

NANNINA-Eustà, grazie assai, ce sentimmo, salutame a mammà, po’ quanne scinne abbascio t’accatto ‘o pere e ‘o musso va buo’??

EUSTACCHIO- E a trippa??

NANNINA- sissignore, t’accatto pure a trippa!! (tra se) Azzo, vide si ‘o bbuffato se scorda quacchecosa!!

EUSTACCHIO- Donna Nannì aspettate, aggio scritto na canzona pe’ Gaetanina, ‘a vulite sentì??

NANNINA- No,tengo ‘a gente dint’ ‘a puteca, me n’aggia i’,……. Salutame a mammà he capito??

EUSTACCHIO- Perzechè cchiù tarde viene,accussi giucammo nu poco…

PERZECHELLA- Mo’ vedimmo… si siente ‘e alluccà è capace che m’ ‘a vengo a ffà na camminata (escono).

IOLANDA E DETTI

EUSTACCHIO- (cantando) mia moglie non va a fare mai lo shop, anche per comprare una bottiglia di lip, lei con il cellulare chiama la coop, e arriva un garzone con tanto di jeep………..

IOLANDA- (entrando) che d’è Eustà, donna Nannina se n’è gghiuta?

EUSTACCHIO- Si, se n’è scesa mo’ mo’ !!

IOLANDA- E nun l’aggio dato manco ‘e solde!!

EUSTACCHIO- nun te preoccupà, dammille a mme, c’é scengh’ io!!

IOLANDA- Addò vai tu?? E ccerto ‘e sorde mmane a tte…… accussì te ne vaje accattanno tutte schifezze e fetenzie.

FILLY,GOFFREDO FALCO E DETTI

FILLY- (entrando) mammà, nuje stamme cca’

GOFFREDO F.-(Ragazzo con i capelli incollati in testa e con occhiali molto spessi, ben vestito e con atteggiamento da ragazzo perbene) Buongiorno, signora.

IOLANDA- E vuje ‘a camminata nun ve l’avite fatta cchiù??

GOFFREDO F.- No, abbiamo cambiato idea perché tengo un po’ di raffreddore, dei dolori reumatici e un po’ freddo alla schiena!!

IOLANDA- Embè, e che ti posso offrire?

EUSTACCHIO- e dalle na borza d’ acqua càvera!!

FILLY- (si alza e sottovoce ad Eustacchio) Eustà ma tu nun tiene niente ‘a fa?? Vattenne a gguardà nu poco a tomm e jerry,va!!

EUSTACCHIO- No, voglio sta ‘ cca’…… voglio vedé a Frankstein

FILLY- Guarda che Goffredo è un ragazzo intelligente…

EUSTACCHIO- Filumè, sarra’ pure intelligente ma io ‘ o veco curiuso assaje…… ma addo’ l’he scavato a stu maccarone…(ride) tiene mente….. chille si chiude ll’uocchie è muorto ‘a nu mese.

IOLANDA-(a Goffredo) Ti offro un limoncello??

GOFFREDO F.- il limoncello non rientra nelle mie abitudini alimentari, però stasera per lei signora farò un’ eccezione … vada per il limoncello.

EUSTACCHIO- Azz, pare che ce ha fatto jsso ‘o piacere a nuje!!!

GOFFREDO F.- e don Ciccio non c’è??

IOLANDA- Si, ce sta… sta di là… solo che doppo ‘o mbruoglio ch’ è succieso domenica… maritemo sta nu poco dispiaciuto e se ne sta chiuso sul’isso dint’ ‘a stanza ‘a tre gghiuorne.

GOFFREDO F.- Volete che tenti io a stanarlo dalla sua stanza??

IOLANDA- No, lasciate sta……è meglio che no!!

GOFFREDO F.- Donna Iolanda, lo so che l’impresa è ardua… ma lasciatemi almeno tentare…

EUSTACCHIO- Mammà fallo i’, chillo papà comme sta nervuse ‘o piglia e ‘o ruciulea pe’ tutt’ ‘e scale.

FILLY- Goffredo lascia perdere, mettiamoci a sedere sul divano, quello papà è testardo e permaloso e non risolveresti niente. (si siedono sul divano e si abbracciano).

IOLANDA-(appoggia il vassoio con il limoncello sul tavolo) ‘o llimoncello sta cca’, quando lo volete v’ ‘o ppigliate.

EUSTACCHIO- (prende un’altra bottiglia) tiè Filumè cca’ ce sta pure ll’aceto!!

FILLY- Ll’ aceto?! E ch’ aggia fa cu ll’aceto??

EUSTACCHIO- (sottovoce alla sorella) ‘a so’, miettatillo vicino a tte, nun se po’ maje sapè, può darsi ca vedennelo ‘a vicino”sviene” e nuje tenimmo ll’aceto a purtata ‘e mano!!

FILLY- Ma che deficiente!!!

GOFFREDO F.- (chiamandola) Filly, amore, vieni vicino a me, …..pucci….pucci !!!

FILLY- Si tesoro, eccomi qua (si siede e lo abbraccia e fanno naso-naso)

GOFFREDO F.- (mentre si coccolano) Filly,gioia mia, ma tuo fratello è sempre così??

FILLY-(come sopra) No, amore, a volte è peggio!!!

GOFFREDO F.- Non mi dire!! Sembra un bambino di 8 anni in un corpo da trentenne!! Puffetta mia.

FILLY- Un corpo da 35enne!! Micio…micio…

EUSTACCHIO-(risentito) Goffrè…… ma tu quant’anni tieni?

GOFFREDO F.- Ne ho 32

EUSTACCHIO- (conta con le dita) … 32+3 fa 35……… +5 fa 40…….Goffredo ‘o brutto sta senza ‘a mutanda!! (ride)

CICCIO E DETTI

IOLANDA- (chiamando) Ciccio….. vieni ‘a cca’ che ce sta ‘o ‘nnammurato ‘e Filly…. Ce sta Goffredo.

GOFFREDO F.- (si alza) Signora,aspetti lo vado a chiamare io.

EUSTACCHIO- Chisto pe’ forza vo’ abbuscà ‘a papà!!

GOFFREDO F.- (dirigendosi verso la stanza da letto) dove sta di qua? Ci penso io non vi preoccupate (sbatte contro il muro) ahio!!! Che capocciata!!

FILLY-(accorre subito) Goffy……..ti sei fatto male???.........amore mio….

GOFFREDO F.- no, Filly, sono ancora vivo e vegeto…… gioia mia ……

EUSTACCHIO- “” Ih che vutamiento ‘e stommaco””

CICCIO- (entrando) T’ avota ‘o stommaco??...... va trova ch’ ata schifezza te si mangiata, io ‘e vvote t’invidio,…… so tre gghiuorne che nun tengo appetito e isso se ne passa manca p’ ‘a capa……mangia, beve, e penza a pazzià……del resto c’ ‘o vuo’ fa penzà…… ‘a pena è ‘a mia… è ‘a mia, c’  ‘o scuorno nfaccia pe’ tutt’ ‘o paese. (mani al viso) E comme scengo cchiù?? Comme ‘a metto ‘a faccia fore d’ ‘a porta ??

IOLANDA- Oj Ci’ calmati, calmati, vedimm’ ‘e nun passà nu guaio, tu già tiene ‘a pressione alta……

CICCIO- Ma che m’aggia calmà, comme faccio a me calmà??? Mo’ ca scengo  e dint ‘o bbar incontro agli amici miei… che lle dico??? <<mio figlio s’è spusato>> e loro:<< e a moglie comme se chiamma>>?? Io che rispondo?? ……… si chiama Goffredo??

***VOCE DELLA COSCIENZA***

FILLY- Papà ma mo’ ‘a vuo’ fernì?? Del resto Gianmaria non è né o primmo ne’ l’ultimo figlio gay ‘ncoppa a stu munno !!

CICCIO- (nervosissimo)  e a mme nun m’ interessa niente ‘e ll’ate, io saccio sulo che figliemo se veste ‘a femmene dint e locale e va facenne chelli purcherie che me fanno schifo sulo a n’ce penza’ !!

EUSTACCHIO- Uha, me ll’immagino a Gianmaria che se mette nfaccio ‘o pale ‘e fierro e se mette a ballà a lap-dance (mima il ballo citato).

CICCIO- (gli molla uno schiaffo) statte zitte!!

EUSTACCHIO- (risentito) ‘o ssapevo!!! Chillo fa ‘e balle d’ ‘e femmenielle e se torce sano sano… e io abbusco !!

CICCIO- No!! Tu abbusche pecchè rispunne sempe nmiez’, ce simme spiegate?? (urlando) E po’, Iolà, da oggi in poi aggio deciso che le cose devono cambiare, qua ognuno vive e si comanda a proprio piacimento.

FILLY- Papà, papà, (sottovoce) guarda che là c’è Goffredo, abbassa la voce, abbassa la voce .

CICCIO- (ancora più infuriato) Filumè….. ma che tengo d’ abbassa’ ne Filumè……

IOLANDA- (correggendo) Filly……chiamala Filly!!

CICCIO-(sclerando) ma tu qua cacchio ‘e Filly e Filly vaje truvanno…Iolà?? (plateale) Figliema se chiamma Filumena…”FI…LU…ME…NA” (poi si dirige da Goffredo) Senti…coso…

GOFFREDO F.- Goffredo, prego mi chiamo Goffredo.

CICCIO- Goffredo…già…(come sopra) mia mamma se chiammava Filumena, ‘a nonna ‘e mia mamma se chiammava Filumena, e ‘a nonna d’ ‘a nonna ‘e mia mamma se chiammava Filumena…… e mia figlia indovina comme se chiamma?

GOFFREDO F.- Suppongo…Filomena?

CICCIO- Ah!! He visto?? Malgrado ll’apparenza si nu guaglione intelligente…. Percio’ arape bbone ‘e rrecchie e sienteme bbuone:<< mia figlia se chiamma Filomena e la chiameremo Filomena…si te piace…bene… si nun te piace (mima il gesto di chi ti manda via) lla’ sta ‘a porta e nisciuno te trattene!! Ahhh!!! (mima l’atteggiamento di chi si è tolto un peso dallo stomaco).

GOFFREDO F.- Ma non c’è nessun problema don Ciccio… se preferite la chiamo Filomena… la chiamavo Filly perché mi sembrava più signorile, più giovanile, più elegante…

CICCIO- Siente Goffredo … te posso domanda’ na cosa??

GOFFREDO F.- Dite…

CICCIO- Ma tu cu sti capille azzeccate ‘ncapa… te siente signorile…giovanile…elegante

GOFFREDO F.- Certo questa è brillantina “Linetti” !!!

CICCIO- Hai visto?? Io ll’avevo pigliato pe’ na leccata ‘e vacca.

FILLY- (alla mamma) ‘o ssapevo,  ‘o ssapevo…… papà ch’ accummencia a scantonà, e ll’avevo pure avvertito e nun fa ‘o cafone!!

IOLANDA- Ciccio, (sdrammadizzando) cerca e nun t’aggita’… assiettete mo vaco a fa nu poco ‘e camomilla(campanello) e chi è mo’ ?? …..Eustacchio…..(all’unisono con il figlio) va arapì!! (Eustacchio esce).

PELLECCHIA,DON CAMILLO E DETTI

FILLY- Goffredo, scusami, quello mio padre è fatto così, … urla, sbraita, ma tutto sommato è una brava persona(lo coccola).

GOFFREDO F.- Si amore, però hai sentito come mi ha trattato??

FILLY- E dai tesoro, non ci pensare….. pucci…..pucci

EUSTACCHIO-(entrando) papà,  fore ce sta n’ata vota ‘o Pellecchiello cu’ don Camillo ‘o parrucchiano….. papà ‘o Pellecchiello stavota s ha purtato e rinforze…. Ma tu nun te preoccupà si tu vuo’ ìe dongo nu paro ‘e cauce dint’ ‘e cianche ‘e votto ‘a copp’ a bbascio a tutt’ ‘e dduje…

CICCIO- ce sta pure ‘o parrucchiano??......(tra se) e che vanno truvanno mo’ ‘a me??

EUSTACCHIO- Papà, e allora che faccio??...... ‘e piglio a cauce si o no??

CICCIO- Ma ch’ ‘e piglia’ a cauce neh…”pruvulone”…!!! Fall’ ‘e trasì!!

EUSTACCHIO-(deluso)ll’ aggia fa trasì?? (tra se) Uhà, mo’ che me putevo diverti’ nu poco (esce)

CICCIO- Iolà, ce sta ‘o prevete…. E che vo’ ‘a me??

IOLANDA- e che vo’ ?? e che pò vule’ ?? tu ‘o trattaste ‘e chella manera a Pellecchia!!

CICCIO- Io??..... e già tu nun saje niente eh??

PELLECCHIA-(entrando) Buongiorno

DON CAMILLO- Buongiorno e salute c’è permesso?

CICCIO- Buongiorno a voi… prego accomodatevi…(prende un vassoio di biscotti e lo mette sul tavolo) pigliateve nu biscotto don Cami’

FILLY- mammà io e Goffredo andiamo un po’ nella mia stanzetta!!

IOLANDA- e va bene, (raccomandando)…..Filumè…… mo’ te ne vai dint’ ‘a stanzetta sola tu e Goffredo…(pausa)… vide e nun cumbina’ guaie ca si no tuo padre,… comme sta mo’…minimo minimo te “scuscina”….(pausa)….isso…(pausa)…..(decisa) io te rimango direttamente morta ‘nterra…… e mo’ và , và, può gghi’!!

DON CAMILLO- Don Ciccio io sono mortificato e alquanto amareggiato per quello ch’ è successo qualche settimana fa qui da voi che, tra l’altro, ha “scioccato” moralmente e soprattutto fisicamente il mio collaboratore……

CICCIO- Perché è successo qualcosa???

PELLECCHIA- (alzandosi di scatto e parlando velocemente con vari tic) si, don Camillo…si, don Camillo…..stavo qua…qua…qua seduto e stavo dicendo a don Ciccio quello che voi mi avevate raccomandato…..

DON CAMILLO- Fermo, fermo, siedi…siedi… niente dicevo che il mio collaboratore mi ha informato che voi prima gli avete promesso dei soldi e poi lo avete minacciato!!

CICCIO- io l’ho minacciato??

IOLANDA- Noo!! Quando mai!! E che simme gente ‘e minaccià nuje??

PELLECCHIA-(come sopra)si,si,si, don Camillo mi voleva far sposare con sua figlia ma io…… non sapevo,……non volevo……non potevo……non…

DON CAMILLO- (interrompendolo) Calma, calmati, siedi, siedi, stai tranquillo, non ti agitare……(a Ciccio) in effetti, mi diceva che voi gli avete offerto un bel po’ di soldi….. e a dir vero mi era sembrato un po’ strano…

CICCIO- Strano?? E pecchè??

DON CAMILLO- perché??... io so’ che al paese vi conoscono come “ ‘o scozzese” .

PELLECCHIA-(come sopra) 30 mila euro, don Cami’ , 30 mila euro, 30 mila euro…

DON CAMILLO- ( fa un gesto per fermarlo) ecco, appunto 30 mila euro di contributo…. Mi ha riferito che avete fatto un mucchio di richieste, cosa chiaramente comprensibile per chi versa una così congrua offerta.

IOLANDA- No!! Ma quali richieste don Cami’….. nuje nun avimme richiesto proprio niente.

PELLECCHIA- Bugiarda…bugiarda…bugiarda, mi avete chiesto ‘o figlio ‘e Mario Merola, ‘o ffuoco, ‘e ccipolle, ‘e mobbile…..(indicando Eustacchio) e ‘o scemo lla’ m’ha chiesto pure ‘o pere e ‘o musso!!! (don Camillo lo rimette a sedere)

EUSTACCHIO- (insorgendo) scemo a chiiii??? Pellecchiè, tu pe’ mezzo che si’ venuto insieme ‘o parrucchiano te pienze ca nun abbusche……(imitando il grugnito del maiale)… io te roseco pellecchia-pellecchia hè capito??

CICCIO E IOLANDA- (trattenendolo) Eustà finiscila, statte fermo!!

EUSTACCHIO- mammà chillo m’ha chiammato scemo….. io ‘o ntorzo ‘a faccia….. ‘sta pellecchia “moscia e arrappata” !!

DON CAMILLO- Eustacchio calmati… calmati… fallo per me… calmati… quello si è sbagliato non voleva dire scemo… è vero Pellecchia???

PELLECCHIA- (abbassa la testa e alza lo sguardo senza rispondere)

DON CAMILLO- (con tono più alto)… E’ vero Pellecchia???

PELLECCHIA- (come sopra) E’ vero!! Don Camì !!

DON CAMILLO- Hai visto Eustà?? Quello si era sbagliato, non l’ha detto per offenderti… vai a sederti ora…

EUSTACCHIO- Don Camì, vuje ‘o sapite pecchè songo accussi’ chiatto??

DON CAMILLO- No, ma me l’immagino!!

EUSTACCHIO- Pecchè quando me mangio… nu pullasto,,, nu tacchino… ‘o capitone… ‘a primma cosa che me roseco sapite ch’ d’è???...... (alzando la voce e guardando Pellecchia) “  ‘a PELLECCHIA”” !!

CICCIO- Eustà basta mo’ vatt’ a assettà.

DON CAMILLO- Dunque dicevo, avete fatto delle richieste, che secondo il mio collaboratore (che nel frattempo mima il suo compiacimento) vi erano state accordate, ma poi, benedetto Iddio, perché gli volevate far sposare vostra figlia se Pellecchia è già sposato??

PELLECCHIA- (si alza) eh già, pecchè…pecchè…pecchè?? (don Camillo lo risiede)

CICCIO- Don Cami’… ma c’ ‘o tenite ammaestrato?? Ogni tanto allascate ‘a fune e jsso allocca ??

IOLANDA- Don Camillo mo’ v’ ‘o spiego io….. ‘a storia è nu poco longa e mbrugliosa… dunque, mia figlia Filumena si doveva fidanzare ufficialmente.

DON CAMILLO- Poi si è fidanzata vero? Quello che stava con lei era il suo ragazzo??

IOLANDA- Sissignore, s’è fidanzata però ‘o ‘nnammurato nuje nun ‘o cunuscevemo, mia figlia ci aveva detto:<<mammà io vado a ddó parrucchiere si viene Goffredo>> …

DON CAMILLO- CHI è Goffredo???

IOLANDA- Gesù, chi è?? ‘E chi stammo parlanno?? ‘o nnammurato ‘e Filumena!! …… e dicette:<< mammà si vene Goffredo facitelo accomodà ca io mo’ subbeto vengo>>. Filumena scennette abbascio e doppo 5 minuti arrivaje “Pellecchiello”.

PELLECCHIA- Pellecchia prego!! Io mi chiamo “Gustavo Pellecchia” !! (tic accentuatissimo)

EUSTACCHIO- ah ah ah mammà ha sentuto?? ‘o posto ‘e gusta’ na bella braciola dint’ ‘o ragù, ‘stu  limone se mette a gusta’ ‘e pellecchie!! (ride)

IOLANDA- Noi a primmo acchitto avimme penzate….. chisto è ‘o nnammurato ‘e Filumena e allora quando cercaje ‘e sorde, nuje evemo convinte che servevene p’ ‘e mobbile, p’ ‘o ristorante, p’ ‘o viaggio e nozze, avite capite??

DON CAMILLO- Ah, ecco, perfetto, ora si spiega tutto…… i 30 mila euro non erano per la chiesa ma per il matrimonio di vostra figlia… ho capito (tra se) me pareva strano!! Chillo si chisto cacciava 30 mila euro asceva 91 ‘o sanculotto!! (poi) e allora visto che mi trovo qua, scusate la domanda,… per la nostra questua di cui vi avevo già parlato… quanto avete pensato di offrire??

CICCIO- Non lo so’ , 20 euro bastano??

PELLECCHIA- 20 euro???

CICCIO- E’ assaje?? Io ve pozzo da’ pure cchiu’  ‘ppoco!!

PELLECCHIA- Ma ch’ assaje e assaje, don Camillo andiamo via, chiste so’ proprio na famiglia ‘e puricchiuse…

EUSTACCHIO- Né pellecchiè, ma che t’avive mise, ‘o fraceto dint’ ‘e ccervelle??...... eh già chillo papà… pippa appilata comm’è… mo’ te deve 30 mila euro pe’ senza niente.

DON CAMILLO 20 euro ?? Ma come donna Iolanda, ad una festa padronale voi contribuite con soli 20 euro??

IOLANDA- (ironica) don Camillo non vi preoccupate, mo’ ca mio marito piglia ‘a penzione, ‘e sorde ‘o posto d’ ‘e purtà â puteca… ‘e porta tutte a vuje!!

EUSTACCHIO- E accussi’  ‘o posto d’ ‘o  prusutto, me mangio, “cannele”e “lumine” !!!

DON CAMILLO- Ma no,donna Iolà, io dicevo un’offerta un po’ più congrua, più sostanziosa,  voi che siete una donna di chiesa, sensibile, religiosa, pia……

CICCIO- Don Cami’, vuje è inutile ch’ insistite, nuje si puteveme offri’ na cosa ‘e cchiu’ nun v’ avessemo fatto nemmeno parlà, ma mo’ stamme nu poco ristretti….. ce stanno troppi spese ‘a fa!!

PELLECCHIA- E già le spese…..(tic)….. me l’immagino ‘e spese voste…. Avit’ ‘a fa spusa’ a vostra figlia con qualche povero disgraziato……!!

EUSTACCHIO- E fosse niente!!! ‘E vedè chello ca vene appriesse??

DON CAMILLO- perché c’è dell’altro??

EUSTACCHIO- Cape ‘e mbrello!! …… Filumena s’ ha dda spusa’ cu’ chillu coso che sta ‘a chella parte….. e Gianmaria s’ha ddà spusa’ cu’  ‘o nnammurato suoje “FUNUCCHIELLO”!! (ride)

DON CAMILLO- (con stupore) Cosa??? Ma che stai dicendo??

IOLANDA- (inviperita, mentre Ciccio si mette le mani in faccia dalla vergogna) Madonna !! Ma pecchè nun ‘o fai perdere ‘a lengua!!!

EUSTACCHIO- Mammà, è inutile che ce stamme zitte, tanto primm’ ‘o poi sempe se vene a sapé……

PELLECCHIA- Don Camìììììììì, avete sentito….. matrimonio gay, matrimonio omosessuale….. “ i che famiglia religiosa,…….. ‘i che famiglia rispettabile…… ‘i che famiglia onesta…….. ‘i che famiglia……..

IOLANDA(interrompendolo) Pellecchiè vide d’ ‘a fernì che te mette pepe e citrule dint’ ‘a nzalata, ce simme spiegate???........(poi a Don Camillo con tono più tranquillo) Don Cami’ , io vulevo veni’ a parla’ cu’ vuje….. ma nun aggio tenuto  ‘o tiempo e ve spiega’ tutt’ ‘a situazione.

DON CAMILLO- e adesso sono qua…… ditemi, cosa vi turba??

EUSTACCHIO- (intervenendo) don Cami’ , frateme Gianmaria ‘o sabbato a ssera se veste ‘a femmena e abballa a lap-dance (mima la scena) annanz’ ‘a gente, llà ha cunusciuto a Goffredo e mo’ stanno insieme comme a duje nnammurate….. se n’ è asciuto d’ ‘a casa, e se ne so’ gghiute a vivere comme a na coppia overa (ride).

CICCIO- (con volto pieno di vergogna) Eustà , telefona pure a “canale 5” , è capace che stasera ‘o ddicene pe’ telegiornale!! (campanello)

GAETANINA E DETTI

EUSTACCHIO- Famme i’ arapi’….. fossere ‘e ggiurnaliste!! (esce)

IOLANDA- Gesù Cristo mio, Madonna mia bella…. Fa ca for’ ‘a porta ce sta Giammaria, accussi’ , don Cami’ , ce parlate pure vuje pe’ cerca’ d’ ‘o fa capace ‘e nun  sta contro ‘a chiesa…

DON CAMILLO- non vi preoccupate donna Iolanda…ci parlo io… anche se non caveremo un ragno dal buco…. Purtroppo quando sti guagliune si mettono in testa queste idee è difficile fargli cambiare posizione…

GAETANINA- (entrando e urlando) Basta Eustà,… basta, mo’ te piglio a schiaffi…. Nun ‘a voglio senti’… nun ‘a voglio senti’…. Comme te ll’aggia dicere che nun ‘a voglio senti’ ??? (prende un biscotto e lo morde… poi guardandosi in giro…) Buongiorno!!!

IOLANDA- (sbuffando tra se) E’ arrivato ‘o turne d’ ‘e biscotte!! ( a Gaetanina) Ma che succede??

GAETANINA- ‘O ssolito donna Iolà…. ‘O ssolito…. Eustacchio ‘a fora â porta a forza a forza me vuleva fa senti’ ‘a canzone ch’ ha scritto!!

IOLANDA- (visibilmente seccata) ‘A lima e ‘a raspa…. Me parene “ ‘a limma e ‘a raspa” …..(a Gaetanina) e fancell’ ‘o passà stu sfizio…… fancell’ ‘a cantà accussi’ t’ ‘o lieve ‘a tuorno!!

GAETANINA- (decisa) nossignora, non se ne parla proprio, chillo ogni volta che me fa senti’ qualcosa me fa sempe na pappina !!!

EUSTACCHIO- (entra cantando “AZZ”) Muglierema, invece, ha ddà scennere ‘a coppa, pecchè so’ tre mise ca nun paga a sip, e si ‘e buste d’ ‘a spesa le pesene troppo,………. ‘o trova a qualche strunzo che c’ ‘e pporta ‘ncoppa…..Azz…..Azz!!

IOLANDA- Eustà lascia stà a Gaetanina si nò te chiude dint’ ‘a stanza toja, (voce alta) ce simme spiegate??

EUSTACCHIO- (tra se) Ma chi ha fatto niente a ‘stu sicchio ‘e nafta!!

CICCIO- Gaetanì , mai per comando, mentre nuje parlammo cu’ don Camillo, vuo’ mettere a fa ‘nu poco ‘e robba cavere…..fa nu poco ‘e the … tanto tu si ‘e casa.

GAETANINA- E comme no, don Ciccio… mo’ subito v’ ‘o metto a fa’… (arriva sulla porta e ritorna da Ciccio…) ve ll’ aggia pure zucchera’ ??

CICCIO- Sissignora, miettece ‘o zucchero…

GAETANINA- (sta per uscire, poi entra) V’ ‘o pporto ch’ ‘e tazze dint’ ‘o vassaio??

CICCIO- Sissignora!!

GAETANINA-(come sopra) Ce metto pur’ ‘a scorza ‘e limone??

CICCIO- (seccato) Gaetanì…… miettece pure ‘e ffronne e ‘e nuozzele…. Abbasta ca te muove!!

GAETANINA- Mo’ subbito vaco!!

EUSTACCHIO- Aspè Gaetanì , mo’ vengo cu tte!!

GAETANINA- (acida) Nossignore, nun venì !!

EUSTACCHIO- Sissignora, io vengo.

GAETANINA- (acida) guarda ca si cante…. Te donco!!

EUSTACCHIO- Eh, ma si me “dai”…… po’ siente???

GAETANINA- (urlando) T’aggio ditto ‘e no!!!

EUSTACCHIO-(…pausa…) Nun fa niente vengo ‘o stesso!!! (campanello)…(Eustacchio e Gaetanina escono)

CICCIO- Secondo me chillo tanta se cunzola….. quando va sotto ‘e “mmazzate” !!!

GIANMARIA, GOFFREDO PORCELLI E DETTI

IOLANDA- hanno bussato la porta… aspettate mo’ vaco a arapi’ ….. (esce)

CICCIO- Don Camì , vuje avite capito che guaio s’è abbattuto dint’ ‘a casa mia, come devo fare?? …… dicitemmello vuje comm’ aggia fa’!!

IOLANDA- (entra facendo ampi gesti come se volesse annunciare qualcuno) Cicci’ , statte calme… nun t’aggita’ … è venuto Gianmaria cu’ ll’ami…..no, c’ ‘o nnammu…… insomma, cu’ chillu guaglione appriesso…. Io ‘o faccio trasi’……….(sull’uscio fa un gesto al figlio) viene Gianmari’… trase, ce sta pure don Camillo ‘o prevete.

GIANMARIA- (entrando) Buongiorno don Camillo, ciao papà……don Camillo, questo è Goffredo!!

GOFFREDO P.- Buondi’ a tutti!!

DON CAMILLO- buongiorno…… piacere!!

CICCIO-(velenoso) Eccoli qua don Camillo… questi sono i “due piccioncini” innamorati…. Guardate comme so’ belle…..

PELLECCHIA- Mamma mi’ don Cami’ , avete sentito???.....(agitandosi) scomunicateli….. sconsacrateli….. sconfessateli….. sconquassateli…..”scancellateli” …..

IOLANDA- (interrompendo a voce alta) Don Camillo ma che aspettate ca’ piglio a stu “chionzo” e ‘o votto p’ ‘o balcone?? ‘O cacciate vuje ‘o lo prendo a calci e ‘o faccio comm’ a ll’ ore ‘e notte ??

PELLECCHIA- Voglio vedé….. faciteme vede’ comme me pigliate a calci!!

DON CAMILLO- Calma….. donna Iolà….. calma (prende Pellecchia per un braccio e lo accompagna all’uscio…) va, raggiungi la chiesa che fra poco arrivo, va bene??

PELLECCHIA- (prima di uscire sulla porta….. sbraitando) matrimonio gay….. matrimonio omosessuale….. i’ che bella famiglia onesta!! …….. i’ che bella famiglia rispettabile!! …….. i’ che bella famiglia religiosa….(mimando un sputo)……sciù….. alla faccia vostra….ZOZZONI…ZOZZONI !!! (esce)

CICCIO- (al figlio e a Goffredo P.) Ecco qua, e questo è ‘o rispetto e ll’orgoglio ch’ avite procurato â famiglia nosta….. site cuntente?? …….. ve sentite soddisfatte?? …… ‘a gente ca vene fino a dint’ â casa mia a me chiamma’ “zuzzuso”…… a mme ….. aCiccio Scognamiglio……”zuzzuso” comme si fosse ‘o ll’ultimo d’ ‘e l’uommene!!

DON CAMILLO- Calmatevi don Ciccio,… non vi agitate…… mo’ ci parlo ch’ ‘e guagliune!! (sedendosi si rivolge a Gianmaria) …..figliolo….

GIANMARIA- dite Don Camillo

DON CAMILLO- ‘stu giovane come hai detto che si chiama??

GOFFREDO P.- MI chiamo Porcelli, Goffredo Porcelli……

IOLANDA- (acida) avite capite don Cami’???.....”PURCIELLO”… se chiamma “PURCIELLO”… chillo pe’ mezzo che se chiamma Purciello se pensa ca po’ ffa tutt’ ‘e “purcarie” ca vo’ !!

GOFFREDO P.-(deciso e serio) Rieccoci qua con le frai da villana,……. Signora,… a parte il fatto che nessuno ha il diritto di poter sindacare sulla nostra vita privata e poi, per cortesia, non ricominciamo ad offendere che vado via,… io già ero restio a venire di nuovo in questa casa dopo la scenata da baraccone dell’ultima volta…. E se l’ho fatto è stato solo per accontentare Gianmaria che ci teneva tanto…. Ma come avevo pronosticato non ne valeva assolutamente la pena……!!!!!

CICCIO- E va!!!..... ma chi te trattene???...... va …. ‘A porta è aperta, anzi nun è aperta….” È spaparanzata” !!

GIANMARIA- Guarda papà che se va via Goffredo vado via anch’io…… è chiaro??

CICCIO-(furioso) E vatténne,…. Vatténne…. Jatevenne tutt’ ‘e dduje…. Ormai per me sì muorte!! Ormai nun esiste cchiu’…. Meglio a tené ‘a convinzione ch’ è muorto nu figlio, piuttosto ‘e sapé ca vai facenn’ ‘o femmenello tuorno tuorno !!!

DON CAMILLO- Don Ciccio ma che dite?? Non bestemmiate… non si augura la morte a nessuno…. Figuriamoci al proprio figlio…..

IOLANDA- (intervenendo) Don Cami’, guardate, io nun voglio piglia’ ‘e pparte ‘e maritemo, ma vuje nun site spusato, vuje nun putite sapé ‘o bene ca na mamma vo’ a nu figlio…… chello che na mamma prova quanno ‘o figlio arape ll’uocchie…. Quanno te dice ‘a primma parulella….. ‘a primma volta che te chiamma “mamma” , …… e tutt’ ‘e vvote che nun se sente bbuono,…. Quanno tene  ‘a freva e tu te miette vicino a jsso cu’ ‘e scolle ‘nfronte,….. quanno tene ‘a tosse e tu lle cucine ‘e mmele cotte pe ce ‘a fa passa’ ,…… quanno a scola ‘e cumpagnielle ‘o sfottono e tu ll’ he cunsula’… don Cami’, vuje nun sapite che vo’ dicere a tene’ dint’ ‘a panza nu guaglione nove mise……. nove mise ‘e gioia ‘e sofferenza….. ‘e speranza ‘e dulure…… ‘e piacienza ‘e paura…… si, paura don Camillo, paura ‘e nun essere a ll’altezza, gruosse….. e chisto è ‘o risultato….. si è innamorato ‘e nu guaglione…. due maschi…. Tutt’ ‘e dduje insieme comme si fosse normale, comme si fosse lecito, comme si fosse ‘a cosa cchiù normale ‘e chistu munno… don Cami’ ma che ne sapite vuje…. Che ne sapite vuje (piange)

GOFFREDO P.- (dopo un attimo) Eccola qua !!! La sentenza della suprema corte di Cassazione!! Chissà perché in quest’istante mi è sembrato sentire mia madre. Bene, questo è il vostro parere donna Iolanda,….. però se permettete vorrei estrinsecarvi il mio modesto punto di vista su questo argomento, visto che sono parte in causa e la mia opinione a tal proposito è totalmente discordante….

CICCIO- (interrompendolo con delusione al volto) Guaglio’ statte zitto…… statte zitto che è meglio….. ma che giustificazioni tieni……… ma che giustificazione tenite tutte ‘e dduje…. Ma in quale legge cattolica è previsto ‘o matrimonio fra due maschi??...... Ma in quala religione ca’ vuo’ tu è previsto ll’uommene che se vasano ‘mmocca tra di loro??.... o se fanno ‘e ccarezze comme a duje ‘nnammurate?? Addo’ s’è visto??.... m’ ‘o vuo’ spiega’??.....(poi) don Cami’, dicitincellp pure vuje comme ‘a penza ‘a Chiesa!!

DON CAMILLO- Gianmaria….. guarda che tuo padre, anche se usa modi un po’ bruschi, ha ragione…. L’omosessualità non va incentivata, non va spronata,….. né assolutamente consumata. L’omosessualità è contro ogni principio di fede e di dignità…. Non può essere adottata…..

GIANMARIA- Ah no??? E perché???

DON CAMILLO- E me lo chiedi pure?? Il 6° comandamento dice…. “Non commettere atti impuri”

GOFFREDO P.- E perché no?? Don Camillo!! Ma voi veramente pensate che il male peggiore, oggi sia per una coppia gay, vivere insieme?? Cosa cambia per la società se il nostro amore è nascosto o è alla luce del giorno??

IOLANDA- Che cambia?? Come che cambia?? Io quando esco co’ mio marito isso è ‘o maschio e io songo ‘a femmena, isso porta ‘o cazone e io ‘a gonna…. Tra vuje duje chi è ll’ommo e chi è ‘a femmena…. M’ ‘o dici?.... ‘o ssaje??

GIANMARIA- E’ questo il problema?? Il vostro futile problema?? Chi è l’ommo e chi è ‘a femmena…. Chi porta il pantalone e chi la gonna??

CICCIO- (Ironico) Noo, quando mai!!!...... E che è nu’ problema questo, don Cami’?? Mo’ jate vedenno sti sottigliezze…. Maschio e maschio….. maschio e femmena… addo’ sta ‘o problema??

GIANMARIA- (Serio e deciso) No papà,…. No mamma,…. Il problema non è questo qua…. Il problema è che io nella mia vita non mi sono mai sentito realizzato. Gay, voi non fate altro che dire gay… gay… voi, la gente, la società, i giornali, la tv, i politici…….. parlano dei gay…… sui gay….. per i gay……. Ma che ne sapete voi??? Ma che argomentazioni hanno gli altri in proposito?? Ditemi , vi ho chiesto io di nascere gay?? Ve l’ho chiesto io???... eh no, adesso dovete rispondere, non dovete abbassare quella testa……… certo, la colpa non è vostra…. È del destino, del fato…. Però io sono gay, o come dicono tutti “frocio” !! Per le strade la gente mi guarda come se fossi un marziano, un malato, un diverso….. i commenti si sprecano, le battute di spirito, le risate alle spalle….. e tutto questo perché??...... perché sei omosessuale, e i primi a ridere di te sapete chi sono??..... “i parenti, gli zii, gli amici, i fratelli….. papà quante volte mio fratello mi ha preso in giro” ?? Quante volte mi ha chiamato finocchio??

CICCIO- Vabbuo’…. Eustacchio….

GIANMARIA- Già Eustacchio…. Papà!! Eustacchio è solo il prodotto di una società perfida e cinica…. Ma che ne sapete voi di quello che provo io??..... tu (alla mamma) hai partorito dei figli, e tu (al padre), tu li hai tenuti in braccio quando erano neonati…. Ma hai mai provato a pensare ch io nella mia vita non potrò mai avere la gioia e la sensazione di avere un figlio mio??... concepito da me!! E quando vedo le famigliole per la strada che camminano felici con i loro bambini per mano…. Avete mai pensato che anche noi (si avvicina a Goffredo) abbiamo un “cuore”….. abbiamo dei sentimenti che vogliamo manifestare?? Che sentiamo il cuore palpitare… palpitare papà…. Quando hai un emozione più forte, quando ti senti attratto verso un’altra persona (guarda Goffredo e sarcastico)…… però noi non possiamo perche siamo froci….. quelle famiglie che vengono all’altare e giurano amore eterno e poi dopo un po’ si separano perché magari il marito o la moglie si sono trovati l’amante….. che famiglie sono??..... e i pedofili??? E gli spacciatori che mietono vittime tra i giovani??..... i medici che comprono e asportono organi ai bambini poveri del terzo mondo….. questi in che categoria li inseriamo, don Camillo??? E invece queste categorie che fanno tanto male alla società non subiscono l’umiliazione quotidiana dei gay… già… loro riescono a mimetizzarsi, non sono riconoscibili come noi…..(pausa)….. Bene, io oggi voglio dirvi una cosa, oggi dopo tanti anni, per la prima volta mi sento veramente felice…. E voi che siete i miei genitori dovreste solo gioire di questo perché questo amore che tanto vi scandalizza, credetemi, è un amore vero…. (marcato) “VERO” !!!..... e ora se permettete vado a preparare le mie valigie!!!

GOFFREDO P.- Aspetta ti aiuto (escono)

FILLY, GOFFREDO FALCO E DETTI

IOLANDA- (scoppia in lacrime) Don Camillo che dobbiamo fare, ditemi voiche dobbiamo fare…

DON CAMILLO- Donna Iolanda io come prete non posso certo benedire… però come uomo e come amico della vostra famiglia vi dico:<< quello il ragazzo non ha tutti i torti, oggi in giro si vedono tante di quelle mostruosità che fanno venire la pelle d’oca, perciò…… no siate troppo duri con loro…… tutto sommato vostro figlio è sempre stato un bravo ragazzo.

FILLY- (entrando) Mammà…. Ho visto Gianmaria con il suo amico… ma è tornato??

IOLANDA- E’ tornato ma fra poco se ne va di nuovo…. È venuto a pigliarsi i suoi vestiti per trasferirsi definitivamente…

FILLY- Ma io l’ho visto con gli occhi pieno e lacrime…. Ch’è succieso??

CICCIO- e ch ’ha dda succedere Filumè,…… niente,……. Pure si ce avimme parlato…. Nun è succieso niente…..

GOFFREDO F.- (gioioso) E allora ci dobbiamo preparare per un doppio festino?..... il nostro e il loro…..

IOLANDA- (Lo fissa con occhi di ghiaccio) secondo me tene ragione Eustacchio:<< chisto è cchiù maccarone ‘e tutt’ ‘e maccarune>>.

EUSTACCHIO, GAETANINA E DETTI

EUSTACCHIO- (Entra con un vassoio pieno di tazze) No, niente maccarune… papà ha chiesto ‘o ttè e nuje avimme fatto ‘o ttè…. È vero Gaetanì??

GAETANIN E’ vero, tè al limone (distribuiscono le tazze)

GOFFREDO F.- (fa la faccia storta e sputacchia) Ma che ci avete messo qua dentro??

GAETANINA-(sorpresa) e che ce sta??...... ll’acqua, ‘o zucchero, ‘o ttè, e na scorza ‘e limone… ma pecchè nun è bbuono??

GOFFREDO F.- io sento delle pagliuzze viscide in bocca!!

EUSTACCHIO-(Ridendo) Goffrè songh’ ‘e ffronne ‘e nuozzele ‘e limone macinate….. comme ha ditto papà a Gaetanina.

GAETANINA- E nuozzele macinate?(alterandosi) e quanno ce l’ he mise??

EUSTACCHIO- Tu m’ he ditto puort’ ‘a guantiera a lla’ …. Io tenevo ‘e nuozzele ‘e ffronne int’ ‘a sacca nascoste….. purtanno… purtanno ll’aggio macinate dint’ ‘e mmane, e n’ce l’aggio mise (ride)

CICCIO- “Signore , dammella sempe sta pacienza….!!”

DON CAMILLO- Comunque, don Ciccio, io me ne debbo andare perché si è fatto veramente tardi, c’è gente che mi aspetta in parrocchia già da parecchio, ma voi per qualsiasi cosa,ricordatevi, sono sempre a disposizione… (sta per andare via, ma indugia…) … a proposito donna Iolà, visto che sono qua, mi volete dare quei soldi per la questua??

CICCIO- (tra se) ahò, si sì cacchio che nu prevete se scorda e se fa da’ ‘e sorde!!

IOLANDA E comme no…(apre la borsa) ecco qua don Camillo, vedite che v’aggio dato cchiù assaje….ô posto ‘e 20 euro so’ 23 euro e50 centesimi!!

DON CAMILLO- (tra se)Aho’ , teneno chisti chiare ‘e luna pe’ dint’ ‘a casa e manco ‘a fanno na bona azione…!! Ih che gallette ‘e Castiellammare…. (poi) Grazie, e buonasera a tutti!! (esce)

(pausa…. Si guardano tutti intorno……annusano…… e poi)

EUSTACCHIO- Ma che d’è ‘sta puzza??......... manch’ ‘e cane….. ma che s’è appilata ‘a fogna n’ ata vota??

CICCIO- No, nun po’ essere…. Chillo ‘o camionn ‘e ll’espurgo ‘a semmana passata l’ha pulezzata!!

GOFFREDO F.- (sofferente) Filly, scusami posso andare un attimo alla toilette??

FILLY- e come no!! Ma che c’è, qualche problema??

GOFFREDO F.- No, è che mi fa male un po’ la pancia… sarà stato il thè..

EUSTACCHIO- Azz !, Goffrè, ma si tu ch hè sganciato??........ Puozze fa’ schifo,  e tu fiete comm’ a nu culero….. e manco t’ ha piglie na purga, no?? Diceva buono ‘o nonno…… è meglio ‘a fucilazione ch’ ‘a ca,mera a gas!!

FILLY Si caro vai, aspetto qua, fai con comodo(esce)

EUSTACCHIO- (con la mano alla bocca come megafono gli urla… )Aho’, doppo nun te scurda’ ‘e arapì ‘e ffeneste!!

GIANMARIA, GOFFREDO PORCELLI E DETTI

GIANMARIA- (entrando con le valigie insieme a Goffredo p.) Abbiamo finito, abbiamo preso quasi tutto…. Manca giusto qualche cosina…. Poi magari passo nei prossimi giorni e prendo il resto…..

EUSTACCHIO- Aho’ , Gianmari’ , ma ‘a sera quando te staje jenno a cucca’, t’hè miette ‘e calze autoreggente e faje ‘o malatone?? (ride)

GIANMARIA- (ai genitori) Visto??.... noi saremo sempre persegiudati dalle battute di tutti.

FILLY- Gianmaria!!!..... ma Eustacchio è Eustacchio…. Manco si nun ‘o cunuscisse…

GOFFREDO P.- (intervenendo) No… consentitemi… non è solo tuo fratello a parlare così….. questo è un luogo comune, un modo di dire e di pensare arcaico, egoista e bigotto…. Ecco perché dobbiamo proseguire per la nostra strada continuando a esternare i nostri sentimenti e inebriandoci di tutte le sensazioni che la nostra storia ci regalerà….

EUSTACCHIO- Filumè, hai visto comme parla bello ‘o femmenello??

GOFFREDO P.- (scuotendo il capo) Non c’è nulla da fare…… è tempo perso!!! Comincio a scendere…. Vado via….

GIANMARIA- Mamma, papà vado via… “ADDIO”… (mentre sta sulla porta)

IOLANDA- Noo, Gianmari’ a mammà… nun te ne i’… nun asci’ ‘a chella porta… (piangendo) nun asci’ ‘a chella porta!!! ( Si abbassano le luci, gli attori restano immobili, si accende l’occhio di bue e appare sulla scena un cantante che interpreta il brano “SULLA PORTA” di F. SALVATORE)

GIANMARIA- (Accese le luci)… mammà, papà, vi voglio bene!! (esce)

CICCIO-(Lunga pausa mentre tutti si guardano in faccia Ciccio ha la testa fra le mani)… Vulesse fa nun saccio manco io che, e invece stongo ‘cca’ comm’ a nu fesso….. chino ‘e nervature!!

GAETANINA- Don Cicci’ , vado a fare nu poco ‘e camomilla??

CICCIO- Nu poco?? Gaetani’ , chella ce ne vulesse na damigiana sana!!

EUSTACCHIo- Papà,…. ce aggi’ ‘a mettere pure lloco ‘e scorze e ‘e semmente macinate??

CICCIO- Siente, sie’ !!! Ma io vulesse sapé che peccate aggiu fatte??.... a qualu Cristo aggio acciso o mise ‘ncroce pe’ me merità tre figlie uno peggio ‘e n’ ato?? “Tre delusioni”

GAETANINA- Don Ciccio, nun parlate accussi’ , nun ‘a vedite a donna iolanda comme se piglia collera quanno le rinfacciate ‘sta cosa??

FILLY- Le rinfacciate che ?

GAETANINA- Le rinfacciate ca nisciuno d’ ‘e tre figlie è stato capace ‘e realizza’ niente ‘e bbuono!!

EUSTACCHIO- Non è vero…. Io aggio realizzato ‘a canzone pe’ tte, si tu ca’ nun ‘a vuo’ senti’ !!

FILLY (ai genitori) Ah, chesto penzate?? Tre figlie ‘e nuje nisciuno è bbuono??.... E si pecchè vuje come genitori siete stati… impeccabili!!….perfetti!!!.... premurosi!!!

IOLANDA- Filumè, ma che hai a mammà, nun me fa mettere paura…. Tu tiene n’aria accussi’ strana…..

FILLY- Basta mammà…. Basta…. Io nun ce ‘a faccio cchiù, io songo na guagliona ‘e trentadue anni e nun ce ‘a faccio cchiù a tené tutto nascosto….. io me sento ‘e schiattà dint’ ‘a panza…. ‘A gente ca me tratta comm’ a na “prostituta”….. vuje che me date turture ‘e morte…. (indica Goffredo F.) tutte ‘sti scieme che m’aggia suppurta’ pe’ puté mantené a figlieme in grazia ‘e Dio (stupore generale)… (pausa)… si, avite capito bbuone….. “mio figlio” !!

GOFFREDO F.- Ma come parli Filly, ma che dici….. perché mi tratti cosi’??

FILLY- (Infuriata lo prende con un braccio) Goffrè, vattenne, vattenne, io non ti amo più, anzi, io nun t’aggio mai amato e mai t’amerò,……. Io fino a oggi t’aggio sulo sfruttato…. Goffrè me servevene ‘e sorde tuoje, anzi ‘e sorde e patete e tutte ‘e vvote che me mettive nu dito ‘ncuollo m’ ‘o suppurtavo sulo penzanno a figlieme, hè capito (Cacciandolo) e mo’ fuori… fuori… fuori!!!

CICCIO- (confuso) Filumè ma che staje dicenno, tu nun ce staje cu’ ‘a capa….. ma stai bbona??

FILLY- Che ddico??.... ‘a verità papà, ‘a verità…. Io tengo nu figlio ‘e nove anne !!

CICCIO- (cadendo sul divano) “Signore mio pietà”…. Io si nun esco pazzo mo’ nun esco pazzo chiù!

EUSTACCHIO- Uhà, allora io songo zio e nun ‘o ssapevo??

IOLANDA- Statte zitto…. Nu figlio ‘e nove anne ?? Filumè e addo’ sta?? Chi è?? Comme se chiamma??

FILLY- Addò sta e comme se chiamma??.... e a vuje che ve ne ‘mporta??.... eh già, mo’ è troppo comodo! Ma vuje v’arricurdate quando me presentaje a casa e ve dicette ch’ ero incinta e nun sapevo ‘o pate d’ ‘o criaturo chi era??

GAETANINA- E comme no Filumè, chella sta cristiana ha chiagnuto duje mise….

FILLY- Gaetani’ , ha chiagnuto…… però me cacciajeno d’ ‘a casa!! Me cacciajeno comme a nu cane rugnuso, comm’ a n’appestata….

IOLANDA- io????....... patete te cacciaje !!!!

FILLY- E tu ch’ è fatto mammà?? Si venuta a me cercà??.... Si venuta a vedé comme stevo e addo’ stevo?? (pausa) Si murevo o si campavo?? No!!...... tu stive ccà insieme a jsso a v’ appiccecà pe’ scemenze e a ve fa ridere ‘ncuollo ‘a tutt’ ‘o quartiere dint’ a ddu  donna Assunta a tabaccara.

CICCIO- (alzando anche lui la voce) E che dovevo fare??... T’aveva da’ ‘o premio??... ti dovevo incoronare (ironizzando)…. Gente accorrete, facciamo festa, mia figlia è incinta e nun sape chi è ‘o pate…. Venite, venite, tagliamm’ ‘a torta… festegiammo!!

FILLY (scoppia a piangere) Ma che dici neh papà?? Ma che ne sai ‘e chello ch’aggio passato?? Tu allora veramente pensi che io songo na “puttana” ?? Papà, io me vulevo spusà cu’ ll’abbito bianco, dint’ ‘a cchiesa, piena di fiori cu’ nu guaglione che amavo e che vulevo bene!! IO m’avesse vuluta spusa’ comm’ a na guagliona perbene….. perché…. Papà,…. Io songo na guagliona perbene….. (piangendo piu forte) papà…. Papà… (pausa)… io nun è overo che nun  saccio chi è ‘o padre ‘e mio figlio, io m’ ‘o ricordo bbuono… (pausa)… io m’ ‘o ricordo troppo bnuono……. Chill’uocchie….. chella barba….. chelli pparole….. <<MO’ TE FACCIO VEDE’ SI CE STAJI CU’ MME O NO??... MO’ VOGLIO VEDÉ COMME FAJE A TE RIFIUTA’ N’ATA VOTA, ‘E FEMMENE CU’ MME O CE STANNO O ‘E “SCANNO” HÈ CAPITO ? “ZOCCOLA”>>….. e cu’ chillu curtiello che me teneve cca sotto (indica la gola)… me minacciava, papà, me diceva ‘e me spuglia’  si no’ me tagliava ‘a gola…. !! tre ore, papà…. So’ stata violentata pè tre ore consecutive ‘a jsso e a n’ ati ddui’ bastarde….. tre ore ca me so’ parute tre secule… e po’ cu chella lama affilata me dicette…. Guardanneme dint’ a ll’uocchie comm’ a na bestia inferocita<< SI DICE NA SOLA PAROLA ‘E CHELLO CA È SUCCIESO….. SI MMORTA!!....... TU E ‘A FAMIGLIA TOJA>> (piange). (Luci spente, attori immobili, occhio di bue, canzone “L’amore rubato” di Luca Barbarossa).

IOLANDA- (abbracciandola con Ciccio e Gaetanina ed Eustacchio, piangendo) Figlia mia perduonece, e nuje che ne sapeveme…..perduonece……….perdonaci!!

GAETANINA- povera figlia…. E chi s’ ‘o credeva ch’aveva passato chellu ppoco!!

CICCIO- (minaccioso e fuori di se) Dimme chi è stato…. Filumè dimme chi è stato che ll’aggia sparà ‘nfronte!!

FILLY- Papà, nun te scarfa’….. sta ‘ngalera, l’hanno arrestato cinche-sei anne fa pe’ n’ omicidio. Ha pigliate trent’ anne chillu bastardo….

EUSTACCHIO- E ‘o criaturo, Filumè comme se chiamma ‘o criaturo??

IOLANDA- eh bbravo a Eustacchio, nun penzammo a niente cchiu’, penzamme ‘o criaturo…… Filumè, ma addo’ stà, comme se chiamma,  quant’anne he ditto ca tene??

FILLY- Se chiamma Francesco, comme a papà, tene nove anne e si ‘o vide comm’ è bello mammà, è comm’ ‘o sole….. bello e intelligente….

IOLANDA- Filumè, nuje ‘o vulimmo cunoscere…. Ma addo’ sta…… con chi sta??

FILLY- Sta con n’amica mia che nun tene figlie e m’ ‘o sta criscenno, e io tutt’ ‘e mise le manne ‘e sorde….. e tutte ‘e juorne ‘o vaco a truva’….. nun te preoccupà chella ‘o vo’ bbene comme a nu figlio pur’essa….

CICCIO- E telefona a st’amica toja, fall’ ‘o venì cca’!!

FILLY- lasciamme sta, oggi già so’ passata ‘o porto dimane!!

CICCIO-(prende un telefonino) Chiamma a st’amica toja e fall’ ‘a veni’ primm’ e mo’?? dimane? E chi se fide e aspettà fin’ a dimane…. Muovete!! (Filly chiama )

FILLY- (telefonando) Carmè, ciao so’ Filomena, addo’ stai? Ah, stai fore â villa?? Stai cca vicino?? Siente me putisse purtà â casa ‘e papà a Francesco??..... Eh, ‘a casa ‘e papà!! ….Si..si ce ll’aggio ditto, aggio ditto tutte cose, avive raggione tu…. Vabbuo’ po’ te spiego…. Fra quanto viene…. 4-5minute?? T’aspetto ncopp’ a ddu papà…. Tiene che fa… fa’ na cosa lasciammillo for’ ‘o puortone e po’ t’ ‘o porto cchiu’ tarde io a casa, ok? Ciao ce vedimme cchiù tardi….. (ai genitori) Mammà,stevene proprio cca’ vvicino mo’ subbito arriva… io vaco nu mumento dint’ ‘o bagno…(esce)

GAETANINA- Mamma mia donna Iolà, mo’ cunuscimmo ‘o nepote vuosto….. comme ve sentite??

IOLANDA- Gaetanì, nun ‘o ssaccio comme me sento…. Tutta stordita… nun saccio manco si aggia essere cuntenta pe’ Filumena o no?? Povera figlia …. Povera figlia….

EUSTACCHIO- Mammà mo’ che saglie ‘o figlio ‘e Filumena ce pozzo pazzià!!

IOLANDA- Nun ‘o ssaccio, mò vedimme… tu nun ‘o da fastidio si no chillo se mette scuorne, hè capito??

FILLY (entrando) Mammà, ce sta na puzza dint’ ‘o bagno, ma che d’è??

EUSTACCHIO- Azz, ‘o ddomande pure che d’è….. songhe ‘e “fumiente” ‘e ll’amico tuojo (tutti ridono)

CICCIO- (agitato) Hanno bussato….. è Francesco….vaco ad aprire……Eustà, nun da’ fastidio m’arracumano…(esce e subito entra)

(entra Nannina e il testimone di Geova…..vincita al lotto)

FRANCESCO- (Bimbo di 9-10 anni sveglio e simpatico) (abbracciandoli) Ciao, nonno Ciccio, ciao nonna Iolanda, tu…… sei lo zio Eustacchio….. e tu sei..(pensa) Gaetanina e vero? (Filly sorpresa) 

CICCIO- Ah comme si bello, (lo bacia così come gli altri) ma tu già ce cunusce a tuttu quante??

FRANCESCO- No, non vi ho mai visto!!

FILLY- Ma chi t’ha ditto ‘e nomme lloro…. Carmela??

FRANCESCO- No, mammà Carmela non m’ha detto niente!!

FILLY- E scusa e comme ‘e ssaje, a mammà,…… ah, forse hai visto ‘e fotografie dint’ â borza mia??

FRANCESCO- mammà tu ‘o ssaje che io ‘a borza toja nun me permette d’ ‘a arapì……. Me l’ha ditto na cumpagna d’ ‘a mia!!

FILLY- N’amica toja ?? E chi è??

FRANCESCO- Mammà chella sta cca’ abbascio…. Aspetta mo a faccio sagli’ (esce correndo)

IOLANDA- speriamo ca nun è chello ca’ sto’ penzanno….. pecchè si è accussi’ stamme proprio apposta (entra Francesco e Perzechella mano nella mano)…..(iolanda con le mani in faccia)

FRANCESCO- A no’ , eccola!!! Chesta cca’ è ‘a meglia amica mia……!!!!! Me racconta tutte cose….

PERZECHELLA- Ahè, tutte cose… tu ‘o mmeglio ancora nin ‘o ssaje!! Po’ te nformo a poco â vota!

GAETANINA Tombola!!

EUSTACCHIO- (Contento) Brava a Gaetanina!! France’ , Perzechè…… vulimmo gioca’ â tombola??

CICCIO- Eustà, vattenne ‘a llà, va!! Nun dà fastidio vattenne ‘a ‘lla’!! quanta vote t’ll’ aggia dicere??

EUSTACCHIO- (lamentandosi) E va buo’ me ne vaco ‘a ‘lla’…. Me ne vaco….. tanto io ‘o saccio che ormai o’ malamente songo sul’io!! (piange)…. Gianmaria se n’è gghiuto e è cuntento, Filumena, fino a mo’ era malamenta e sfaticata, mo’ è diventata bona…. E io, invece, songo ‘o scassambrello… me ne vaco… me ne vaco…. A me nisciuno me vo’ bene, a me me vulisseve fa muri’ tutte quante….. e io m’acciro…. Prima o poi m’acciro…..

CICCIO- (trattenendolo) addo’ vai?? …. Ma che ddice??.... chi t’ha ditto che nun te vulimme bene??

EUSTACCHIO- ‘O dico io?? A mme nisciuno m’accuntenta mai??

IOLANDA- Ma quando mai? Eustà ma pecchè faje accussi’?

EUSTACCHIO- Pecchè è overo, aggio scritto na canzone pe’ Gaetanina….. m’ll’ avite fatta canta??? Ve ll’aggio chiesto pe’ piacere ma manco p’ ‘a capa….

IOLANDA- (A Gaetanina sottovoce) Gaetanì fancell’ ‘a fa!!

GAETANINA- (Gaetanina annuisce) E vabbuò canta sta canzona, fancella sentì!!

EUSTACCHIO- (Incredulo) ‘a pozzo fa? Veramente?? Uha’, che bello!! (prende 2 sedie e le avvicina creando un palchetto… ci sale sopra e cantando sulle note di AZZ) (tutti dovranno accompagnare a ritmo con le mani)

Abbascio ‘o palazzo ce sta Genoveffa,                                                           in cucina è bravissima a fare il “roast beef”                                          è stata un’amante di Michele Strogoff..                                                      e si lascia andare con musica soft

E rimpetto a mme ce sta Gaetanina, sape arroste ‘e carcioff’                   si ‘a vide ncoppo ‘o musso tene ‘e pile d’è baff’…                                             tene ‘e capille che fetene ‘e muff’…                                                                      e nu sciato cchiù puzzolente ‘e na’…….. “LOFF” !!

(TUTTI SI PRECIPITANO A TAPPARGLI LA BOCCA MENTRE SI CHIUDE IL SIPARIO)

                               FINE

LA FARFALLA E’ INTERPRETATA DA UNA BALLERINA CHE NEI PUNTI INDICATI DALL’AUTORE APPARE SULLA SCENA (MENTRE TUTTO SI PARALIZZA) TRA LUCI COLORATE,EFFETTI DI FUMO E SOTTOFONDO MUSICALE. I MOVIMENTI SONO DOLCI ED ARMONICI, RECUPERA IL PROSCENIO… RECITA “LA MASSIMA”… E ALLO STESSO MODO VA VIA!!

                   FARFALLA (VOCE DELLA COSCIENZA)

·(PRIMO INTERVENTO) Il detto antico dice… ed ha ragione:<< e dete d’à mano nun so tutte egual>>… n’ce sta gente che a dommenaca matin… appena scetate… se pensa e sta miezz ‘o mercato!!

·(SECONDO INTERVENTO) N’ ce sta gente c’à quand nasce, nun è ni mascule e nì femmene… perciò o figlio nun riesce… il detto antico dice… ed ha ragione:<< nun sì ne carne e ne pesce>>… ma attient a te… primm e giudicà pienze buon da vocca che te jesce!!

· (TERZO INTERVENTO) Quanti pregiudizi, quante gratuite considerazioni… il detto antico dice… ed ha ragione:<< la mente è come un paracadute.  Funziona solo se si apre>> E dopp chest’ ata cannonat… fate attenzione e state allerta… c’à storia è ancora tutt apert!!

·(QUARTO INTERVENTO) Non dir di me se di me non sai… pensa per te poi di me dirai… il detto antico dice… ed ha ragione:<< talor la lingua rea… grandi malanni crea >>. Percò, pensa e primm e parlà o e giudicà tieni a mente che person nun s’hann mai n’famà!!

.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 20 volte nell' arco di un'anno