Lancillotto

Stampa questo copione

ALESSANDRO GIGLIO

presenta

LANCILLOTTO

“I CAVALIERI DELLA TAVOLA ROTONDA”

- L'Ultimo Cavaliere -

commedia musicale

di

GALLI & CAPONE

musiche di ENRICO RICCARDI

Codice: Cartella. :

Titolo: CAVALIERI DELLA TAVOLA ROTONDA

Autori: ENRICO RICCARDI

RUPPER MUSIC ED. MUS ALESSANDRO CAPONE

Tutti i diritti riservati - Copyright (C) 1995 by Galli & Capone

PERSONAGGI E INTERPRETI

RE Artù - Gianfranco D'Angelo

GINEVRA - Nadia Rinaldi

SIR LANCILLOTTO DEL LAGO - Stefano Masciarelli

MAGO MERLINO - Gianni Cannavacciuolo

MORGANA - Sabrina Salerno

SIR MORDRED - Adriano Pappalardo

PARSIFAL - Daniele Luttazzi .

ANACLETO - Daniela D'Angelo

SIR GARRETT - Edoardo Leo

SIR GALVANO - Paolo Merloni

SIR MADOR - Enrico Marassi

SIR SHERATON - Giancarlo Cosentino

ARIANNA - Tosca D'Aquino

ISIDE - Laura Cosenza

ELENA LANCILLOTTO - Antonella Fanigliulo

L'ARCIVESCOVO

PRIMO ATTO

II STESURA - OTTOBRE 1995

PRIMO QUADRO - PROLOGO

SIPARIO CHIUSO.

Le luci iniziano ad abbassarsi molto lentamente mentre nella sala iniziamo a sentire le note di un coro in stile Carmina Burana di Orff ...

MUSICA PROLOGO

A luci spente il sipario si apre lentamente mentre la musica aumenta d’intensità.

Sul palco un numeroso gruppo di cavalieri è schierato sullo sfondo di un magnifico bosco incantato i cui rami degli alberi si intrecciano tra loro senza soluzione di continuità. Un tramonto infuocato si intravede attraverso le cime degli arbusti.

Al centro, in proscenio, troneggia una roccia con una magnifica spada scintillante infilzata.

Un cavaliere avanza quasi timoroso e, dopo un ultimo sguardo gettato alle sue spalle, cerca in tutti i modi di estrarre la spada mentre la musica sale d’intensità e di drammaticità.

MUSICA CRESCENDO

Sconfitto, torna verso il gruppo dei cavalieri... ora un altro cavaliere prova ad estrarre la spada, ma inutilmente ...

Adesso è un ragazzo piccolo, un po’ grassoccio, una folta chioma bionda che avanza... (Si tratterà dello stesso attore che interpreterà il ruolo di Artù, che cammina sulle ginocchia alle quali verranno applicate le scarpe.)

Il giovane scudiero ci prova e, senza alcuno sforzo, estrae Excalibur alla roccia sollevandola in un crescendo di grida che montano alle sue. spalle con la musica! Un fascio diluce si accende sopra. La sua testa creando un cono luminoso attraversato da una polvere argentata ...

CRESCENDO

Adesso delle luci accecanti si “muovono” da dietro il bosco verso la platea creando un effetto abbagliante che. al finale della musica, permetterà di far scomparire tutti i guerrieri, la roccia e il bosco incantato.

FINE MUSICA

Iniziamo a sentire una delicatissima melodia...

SECONDO QUADRO OUVERTURE

... che si insinua lentamente crescendo... è un'aria operistica. Le luci si alzano lentissime ad effetto mostrandoci per la prima volta il magico castello di Camelot nella sua maestosità; le sue torri altissime, aguzze, si stagliano su un cielo colorato da un' alba meravigliosa ...

Il corpo centrale del castello si apre in due rivelando un grande salone con al centro sul fondo, il trono di Artù.

Alla musica iniziano ad unirsi le voci leggere di qualche soprano seguito poi nel crescendo da tenori, baritoni e bassi ...

Le luci iniziano a dare vita agli oggetti, all'arredamento e alle persone che animano con delicatezza le mura del maniero.

È una sorta di risveglio accompagnato anche dal cielo che dall’alba diviene di un azzurro violento mentre il sole colpisce i merli e le torri ...

Sono una decina le persone che cantando si aggirano tra cavalieri in armatura, servi tori e ancelle.

La musica operistica va sfumando ...

Improvvisamente una sorta di astronave circolare scende dall'alto al suono di una violentissima musica tecno da discoteca

MUSICA TECNO

Una luce abbagliante proviene da sotto la strana cosa circolare..

Delle figure scure avanzano con delle strane sedie convergendo verso il centro del salone; si tratta dei cavalieri Sir Garrett, Sir Galvano, Sir Mador e Sir Sheraton.

La "cosa" si posiziona ai centro: scopriamo essere la mitica Tavola Rotonda.

Dal fondo, accompagnato da fasci di luce, fa il suo ingresso Re Artù.

I Cavalieri accompagnano l'entrata battendo il pugno sulla Tavola Rotonda. Il sovrano si va a sedere sul trono.

STOP MUSICA

CAVALIERI

            VIVA IL RE! VIVA IL RE! VIVA IL RE!

I Cavalieri a loro volta si accomodano

Artù

            Cavalieri, grosse nubi si addensano su Camelot. Dobbiamo prepararci ad affrontare momenti     difficili. I nostri nemici di sempre sono PIÙ agguerriti che mai. Ma noi non ci faremo             cogliere di sorpresa. La battaglia sarà dura e cruenta. Il vostro Re chiama a raccolta tutte le   vostre forze, il vostro' coraggio, il vostro sprezzo del pericolo fino all'estremo sacrificio per     affrontare questa grande sfida fra... scapoli contro ammogliati!

TUTTI

            VIVA IL RE! VIVA IL RE! VIVA IL RE!

Artù (Guardando l'orologio)

            Scusate, ma a tavola alle nove di mattina... mica mangeremo a quest'ora?

SIR GALVANO

            Ma zio, è la riunione della Tavola Rotonda. L'hai convocata tu.

Artù

            Sicuro? Vabbè, allora, possiamo aprire la seduta.

Tutti i cavalieri iniziano ad indietreggiare con le sedie producendo un gran baccano.

Artù li guarda incredulo.

Artù

            Ma che fate? Che fate!?

I cavalieri si fermano guardandosi interrogativi tra loro.

SIR SHERATON

            Ma sire... Voi avete detto di aprire la seduta e noi..

Artù

            Ma per favore! Forza, tutti a posto!

I cavalieri tornano con le sedie a posto.

Artù

            Senta, lei, come si chiama?

SIR SHERATON

            Sir Sheraton, maestà

Artù

            Sheraton eh?

SHERATON

            Sì Maestà

Artù

            Alberghi?

SHERATON

            Come?

Artù

            No, dico, papà, c'ha gli alberghi?

SHERATON

            Una catena ...

Artù

            Ah, già, quanti ricordi. Rammento la prima volta che incontrai papà e gli dissi: "Sheraton,       che c'ha una matrimoniale con bagno?" Proceda Hilton, proceda ...

SHERATON

            Sheraton Maestà ...

Artù

            Vabbè, Sheraton, Hilton sempre cavalieri siete... pero' sia gentile, lo sapete che io non mi         ricordo mai i nomi... perché non si mette un bel cartellino lì davanti sul tavolo come si fa in    tutti i paesi civili, e che ci vuole eh? Mica solo lei, vale per tutti, anche per te.

SIR GALVANO

            Sì zio.

Artù

            Allora Sir Sheraton apra lei la seduta.

Sir Sheraton torna ad indietreggiare con la sedia producendo il solito baccano.

Artù

            OH! OOOH! Ancora! E finiamola di fare gli spiritosi!

Sir Sheraton si rimette a posto.

Artù

            Oh! Cominciamo i lavori.

Un brusio si solleva tra i cavalieri... TUTTI INSIEME

SIR MADOR

            I lavori? Si è rotto qualcosa al castello?

           

SIR SHERATON

            Non lo so! Ci saranno problemi di fognature, qualche crepa, questo è un castello vecchio          micaaaa, no? si sa, ogni tanto si rompe qualche cosa ...

SIR GALVANO

            Oh quando mamma m'ha mandato a fare il cavaliere, ho imparato tante cose ma non mi era       stato detto che dovevo anche occuparmi della manutenzione del castello ...

SIR GARRETT

            Se è per questo anche io... Oh, pero se te dovessi di', nun me sembra che ce siano grossi     problemi... Che ne so, forse la tavola...

SIR MADOR

            E allora ci vorrà un falegname ...

           

Guardandosi intorno, sotto la tavola in un crescendo di brusio quasi concitato, guardati dal Re che sta per scoppiare.

Artù

            INSOMMA BASTA! MA CHE è STAMATTINA EH?

            Iniziare i lavori è un termine che si usa in Parlamento! Imbecilli... Ricordatevi che IO SONO            IL RE! E VOI NON SIETE NIENTE! NEL GRANDE LIBRO DELLA STORIA, SIETE     SCRITTI A MATITA! E io, vi posso cancellà quando mi pare. Forza, quali sono i problemi      da risolvere.

SIR SHERATON

            Ecco mio sire, è che come potete vedere, a parte Sir Mordred e Sir Parsifal assenti             giustificati, purtroppo Sir Galeno è deceduto nel torneo dal duca e ...

Artù

            Ma allora siete matti! Un posto vuoto! Andiamo, ma insomma lo sapete che porta sfiga... E            no!

           

SIR MADOR

            Maestà, consentitemi, questa storia l' ha messa in giro Merlino.

Artù

            E allora? Merlino è il mago ufficiale di Camelot e se dice che il posto vuoto a tavola porta     sfiga, vuol dire che porta sfiga! Quindi dobbiamo occuparlo. Proposte?

Tutti alzano la mano e Sheraton che è stato il primo ...

SHERATON

            Ecco, si potrebbe...

Artù

            Grazie. Ho capito, Vogliamo mettere un'inserzione?

MADOR

            Se serve io potrei...

Artù

            Grazie ...

            Mi tocca fare tutto a me. OH! Ma per chi mi avete preso eh? Bisogna andare a cercarlo.

            Bene, allora adesso ci andiamo a preparare... una doccetta, vestizione, armatura, accessori...      (Guarda l'orologio)... Sir Sheraton, Galvano!

SHERATON E GALVANO

            Si Maestà

Artù

            Vogliamo rimettere gli orologi? Che ora fate?

Tutti "aprono" il proprio orologio e ...

MADOR

            Le sette e venti ...

GARRETT

            ... le tre e un quarto ...

SHERATON

            ... quasi le quattro e mezza ...

GALVANO

            ... sono le nove di sera.

Artù

            Sono le nove e cinque di mattina per tutti! Diciamooo che ci vediamo alle undici, undici e           mezza, al ponte levatoio. Oh, mi raccomando, chi arriva prima s'aspetta. Puntuali eh?

Artù con un largo gesto si volta e si avvia verso l'uscita.

CAVALIERI

            VIVA IL RE! VIVA IL RE! VIVA IL RE!

CAMBIO LUCI: si abbassano nel salone della tavola rotonda accompagnate dall'orchestra sinfonica in tono trionfale.

MUSICA TRIONFALE

"IO TI FARÒ PIÙ BELLA"

Merlino - PIÙ FORTE E PIÙ POTENTE

DI UN DRAGO SENZA UN DENTE

IO SENTO NELLA NOTTE

RUMORE DI BOTTIGLIE CHE SI SONO ROTTE

MA NIENTE MI PUÒ FERMARE

PIÙ DI UNA MAGIA DEVO PREPARARE

ZITTO NON MI SCOCCIARE

CHE QUEST'INTRUGLIO DEVO TERMINARE

IO TI FARÒ PIÙ BELLA (+Anacleto)

IO TI FARÒ PIÙ BELLA (+Anacleto)

Coro - MA CHI TO-O FA' FA' MA CHI TO-O FA' FA'

Merlino - TRE CHICCHI DI BUREDDA

TORTURATI CON LA PREDDA NIEDDA

ORTICA ROSA E GELSOMINO

PER UNO COCKTAIL SOPRAFFINO

LANTANA E BERGAMOTTO

SCECHERATI PER UN BUON DECOTTO

GORGOGLI DI BARDANA

PER TENER LA GOLA FRESCA E SANA

IO TI FARO' PIÙ BELLA (+Anacleto)

IO TI FARO' PIÙ BELLA (+Anacleto)

Coro - MA CHI TO-O FA' FA' (Risposta Merlino)

MA CHI TO-O FA' FA' (Risposta Merlino)

Merlino - PIANETI STELLE ED ASTRI

PER UN PARERE SUGLI IMPIASTRI

SATURNO GIOVE INSIEME A URANO

MI PRENDONO PER MANO

MI SPARANO NELL'UNIVERSO

OH SAN GENNARO, ME SONGO PERSO

MI TROVO SOLO STANCO E STRANO

SENZA DENTIFRICIO E SENZA LIRE IN MANO

IO TI FARO' PIÙ BELLA (+Anacleto)

IO TI FARO' PIÙ BELLA (+Anacleto)

Coro - MA CHI TO-O FA' FA' (Risposta Merlino)

MA CHI TO-O FA' FA' (Risposta Merlino)

Merlino - E DOPO UNA GIORNATA DURA

SE IO NON FUMO È PROPRIO UNA TORTURA

REGALAMI UNA SIGARETTA

DA SPIPPETTARMI SENZA TROPPA FRETTA

M'ASSETTO IN COPPA ALL'ASINELLO

PUNTO A CAPO, TORNO A LU CASTELLO

L'INFUSO È PRONTO FINALMENTE

SPERIAMO CHE STAVOLTA NON MI SCORDO NIENTE

IO TI FARO' PIÙ BELLA (+Anacleto)

IO TI FARO' PIÙ BELLA (+Anacleto)

Coro - MA CHI TO-O FA' FA' (Risposta Merlino)

MA CHI TO-O FA' FA' (Risposta Merlino)

Cambio Tono -

MA CHI TO-O FA' FA' (Risposta Merlino)

MA CHI TO-O FA' FA' (Risposta Merlino)

Intervento Anacleto - ...............................................

Merlino - IO TI FARO' PIÙ BELLA (Risposta Anacleto)

IO TI FARO' PIÙ BELLA (Risposta Anacleto)

Coro - MA CHI TO-O FA' FA' (Risposta Merlino)

MA CHI TO-O FA' FA' (Risposta Merlino)

MA CHI TO-O FA' FA' (Risposta Merlino)

MA CHI TO-O FA' FA' (Risposta Merlino)

TERZO QUADRO

COLAZIONE PER LA REGINA

MUSICA

LE LUCI si concentrano sulla torre di destra che inizia a ruota re lentamente su se stessa scoprendo l'antro del mago, il luogo dove prepara filtri, pozioni, misture e intrugli di ogni specie. Contemporaneamente una scala in pietra piramidale "scivola" alla base della torre congiungendosi all'uscita della stanza di Merlino. L'ambiente è fatiscente: nella parte che si offre ora alla platea i muri sono ridotti a poche file di mattoni oltretutto traballanti. Le pareti ricolme di libri, tavoli pieni di alambicchi che fumano e un disordine sovrumano.

Accanto a Merlino troviamo ANACLETO, un ragazzo con le ali al posto delle braccia; trattasi infatti di un ex gufo che il mago ha trasformato, o almeno queste erano le intenzioni, in “umano”.

Come al solito l'incantesimo è riuscito in parte e così il povero Anacleto è rimasto incompiuto, ma ormai ci si è abituato anche se ogni tanto rimpiange il suo passato da gufo.

Merlino, tra fumi e vapori sta preparando la prima colazione a Ginevra, la sua regina.

MERLINO (Canta)

Scende la scala seguito dal fido Anacleto mentre sotto un piccolo gruppo fa da coro. Scesa la scala, attraversa il salone sempre seguito dai "coristi" e da Anacleto.

MERLINO CANTA

Giunti all'inizio delle scale che conducono alla torre della regina, incontrano Arianna, l'ancella di Ginevra, che tiene sulle mani un grande vassoio coperto da un panno di lino bianco.

STOP MUSICA

MERLINO

            Cosa conducete con tanta fretta?

ARIANNA

            Che v'emporta?

MERLINO

            Si dà il caso che sono il mago di corte e devo sapere quello che mangia la regina!

ARIANNA

            E chi v'ha detto che conduco cibagioni?

MERLINO

            Allora perché coprite?

ARIANNA

            AAAAHHHH, Merlino! Siete 'un mago? E allora 'ndovinate!

Anacleto ride in modo esagerato.

MERLINO

            OH! Ma che ridi?

Approfittando dell'attimo di distrazione di Merlino, Arianna cerca di entrare prima di lui nella stanza della regina salendo velocemente la scala. Merlino se ne avvede e scatta ...

Bussano tutti insieme alla porta esageratamente e al suono di un ...

GINEVRA OFF

            "OOOOOOOOOOHHH!"

... anche la torre della regina inizia a ruotare su se stessa scoprendo la magnifica stanza. Un letto giustamente da reali, mobili, tende e pizzi dovunque, un grande orsacchiotto e tanti pupazzi dappertutto.

Entrano tutti e tre insieme schierandosi a lato del grande letto reale.

GINEVRA

            Ma che è?

ARIANNA

            Regina? Sono io, Arianna, il Re chiede di voi...

MERLINO

            Ginevra? Guarda un po' che cosa ti ha preparato Merlino tuo... .

Ginevra solleva di poco la testa, si guarda in giro.

GINEVRA (Minacciosa)

            Voio dormi'!

E si rimette sotto le coperte coprendosi con le lenzuola.

ARIANNA

            Scusate regina se persevero, ma il suo consorte dice cheee, visto che deve uscire, voleva sapere se serve niente, visto che va nel bosco a cercare cavalieri, visto che ne manca uno.

MERLINO

            Ginevrinaaaa, perché non fai la bravina e tiri fuori il capino e senti il profumino della    pozioncina che ti ha preparato il tuo Merlino?

ARIANNA

            Regina, scusate se ripersevero, ma ho portato il solito "cestino".

GINEVRA (Scoprendo il viso)

            De che?

ARIANNA (Scoprendo il tovagliolo)

            Ma i soliti croissant, fruttini, ovine sode, ovine fritte con la pancettina, salamini, sarsiccette,      pasticcini, latte e cappuccino e poi un'insalatina tutta tagliata fina fina fina fina fina fina!

Merlino e Anacleto si guardano con aria schifata ...

GINEVRA

            Aria', quante vorte t'ho devo di' che 'a mattina pe’ prima cosa me devi da porta' ER CAFFE!

Approfittando di un momento di esitazione Merlino si insinua tra l'ancella e la regina porgendo la pozione ...

MERLINO

            Senti senti senti che meraviglia, senti che profumino, che bellezza che t' ha preparato         Merlino eh?

GINEVRA

            Ma che è?

MERLINO (Scoprendo la coppa)

            E che è... un pizzico di Piantaggine due lacrime di Bardana, Agave e Dulcamara tutto tritato           fino fino fino fino fino fino fino! Senti che profumino! Sono tutti depurativi!

GINEVRA

            Ma che sei matto? A Merli' e secondo te appena svejia me dovrei sciroppa' 'sto bibbitone?       Ma vattene!

MERLINO

            Ginevra, sono erbe purificanti, dimagranti! Anacleto! E dillo anche tu alla nostra regina!

ANACLETO

            Purificanti, dimagranti!

GINEVRA

            ARIANNA!

ARIANNA

            Sì mia regina ....

GINEVRA

            Er caffè!

ARIANNA

            Eccolo!

Porgendo a Ginevra una tazzina di caffè. La regina lo sorseggia e sospira di godimento. Poi si avvede che Merlino è ancora li' con la pozione in mano ..

GINEVRA

            Ancora qua?

MERLINO

            Ma è per il tuo bene!

GINEVRA

            Merlino? Dallo ar gufo!

            Bevi Anacle’, che hai visto mai fa er miracolo e te spuntano le mani. Ciaoooo.

ARIANNA

            Cosa devo dire al vostro sposo e signore visto che sta dabbasso e aspetta, visto che ha una       certa prescia, visto che va nel bosco pe’ cavalieri?

GINEVRA

            Che stesse attento a nun prenne’ quelli velenosi.

Arianna fa un inchino ed esce. Ginevra allunga una mano e prende un croissant.

MERLINO

            Ginevra mia, ma possibile che non cambierai mai? queste bevande esotiche sono velenose:            assaggia la mia creazione, l'ho chiamata "Il gusto pieno della vita".

GINEVRA

            Ahah! Ancora? T'ho detto de no!

MERLINO

            Un cucchiaino!

GINEVRA

            E VATTENE!

BUIO NELLA STANZA DI GINEVRA.

MUSICA EPICA - CAMBIO LUCI

QUARTO QUADRO:

LANCILLOTTO

Mentre la torre si richiude le luci ci fanno scoprire che sulla sinistra del palco c'è una roccia sulla quale è disteso un cavaliere dall'armatura scintillante, cromata. L'elmo calato sugli occhi stile sombrero messicano. Alle sue spalle è comparso di improvviso il bosco incantato.

MUSICA EPICA

Sulla destra vediamo entrare Artù, Sir Galvano e Sir Sheraton. Sono costretti a fermarsi perché il cavaliere blocca il passaggio.

ARTÙ

            Cosa fate sdraiato in quella posizione così poco acconcia per un cavaliere?

Il cavaliere misterioso non risponde.

ARTÙ

            Non siete morto perché non v'è sangue intorno a voi, se siete quindi vivo abbiatevene nelle        vene da darvi la forza di rispondere!

Il Re si guarda con i suoi cavalieri.

ARTÙ

            Per tutti i miracolati della Bretagna che ancora aspettano il sussidio, vi intimo per l'ultima      volta di mostrarvi e di favellare!

Il cavaliere alza leggermente l'elmo.

LANCILLOTTO

            AAAAAAA... Ma come t'antitoli?

ARTÙ

            Cosa? Che ha detto il messere?

Rivolgendosi ai suoi fidi accompagnatori.

SIR GALVANO

            Ha chiesto come ti chiami, zio ...

ARTÙ

            Quale vulgata discorre nella tua favella?

LANCILLOTTO

            Oh, a roscio, lo sai che m'hai svejiato?

ARTÙ

            Sir Galvano, Sir Sheraton!

I due cavalieri imbracciano la spada e muovono qualche passo minacciosamente verso il cavaliere che se li guarda, sospira, si alza fatica ma ancora non impugna la spada.

LANCILLOTTO

            State a senti' cavalieri, è mejo che alzate i tacchi eeee... ARIA!

SIR GALVANO

            In guardia!

LANCILLOTTO

            Daje... A te me te metto in tasca e te meno quanno c’ho tempo, e a te... va bè lassamo perde             ch'è mejo.

SIR SHERATON

            Forse non avete sentito: Sir Galvano vi ha sfidato. Cosa aspettate, codardo mascherato da             cavaliere!

Artù, osserva soddisfatto la scena.

Lancillotto estrae la spada e si mette minacciosamente in guardia. Galvano fugge immediatamente terrorizzato andandosi a nascondere dietro ad Artù ...

SIR GALVANO

            Aiuto, aiuto... zio! Mi vuole picchiare, mi vuole uccidere, è un bruto, mi vuole fare male!

ARTÙ (Guardando Galvano)

            E lo posso capi'...

Nel frattempo Sir Sheraton dà inizio ad una performance alla Bruce Lee... osservato con curiosità da Lancillotto che, per godersi meglio lo spettacolo, ripone addirittura la spada.

Quando questi si ferma soffiando minacciosamente come un gatto, Lancillotto avanza verso di lui ...

LANCILLOTTO

            Guarda un po’ là

SIR SHERATON

            Dove?

LANCILLOTTO

            Là!

Lancillotto gli molla un ceffone togliendogli la spada. Il cavaliere cade a terra rovinosamente... Artù, inviperito, estrae la spada...

ARTÙ

            A noi!

LANCILLOTTO

            Ancora!

Tra i due inizia un avvincente duello.

DUELLO A DISCREZIONE DELLA REGIA E DEL MAESTRO D'ARMI

Il duello è lungo ed estenuante. Artù e Lancillotto sono entrambi validi e attenti a scansare i colpi più pericolosi così come a parare ed affondare senza pero' riuscire ad avere ragione dell'avversario ...

Il combattimento si fa sempre più faticoso ed i due contendenti sono sfiniti e provati al punto che insieme si appoggiano sulle rispettive spade ansimando vistosamente, seduti di schiena.

ARTÙ

            Tregua?

LANCILLOTTO

            Tregua ...

Ammazza cha caldo oh, nun ce so più abituato ...

ARTÙ

            Ufff... Aho, ha ragione Merlino, è che qui non duella più nessuno, come c'è un problema,        un'offesa, una sfida, mettiamo tutto in mano agli avvocati! Siamo diventati proprio pigri ...

LANCILLOTTO

            A chi lo dici, e come te tieni in allenamento?

ARTÙ

            Una vita infernale, da quando sono re non ho più un attimo di pace ...

LANCILLOTTO

            Da quando che?

ARTÙ

            Da quando ho tirato fuori quella maledetta spada dalla roccia, oh, non lo avessi mai fatto!

LANCILLOTTO

            No! Excalibur! Ma, allora tu sei...

ARTÙ

            E sono Arturo, Re Arturo.

LANCILLOTTO

            Artù! ARTUUUUU RE ARTÙ! (si inginocchia)

            Permettete mio sire, il mio nome è Lancillotto del Lago, figlio di Re Ban.

            Sono mesi, ma che dico mesi, anni che te sto a cerca’, che vago lungo tutto il Paese

            battendomi con tutti nella speranza di imbattermi nella Vostra spada, Excalibur, per potermi     inchinare e dare finalmente uno scopo alla mia misera vita, per poter servire il mio Re!

            Aho! Avessi trovato uno che me dava 'na dritta, n'informazione, 'na freccia, 'n cartello ..         Gnente! E invece eccolo qua, tiè, il mio Re, Re Artù, mannaggia aho, eh?

Rendendosi conto solo adesso che il re si è appisolato e russa rumorosamente...

LANCILLOTTO (Ai cavalieri)

            Ma che, s'è addormentato?

I cavalieri svegliano ARTÙ...

SIR SHERATON

            Maestà? Pssss! MAESTÀ!

ARTÙ

            CHI È!?

SHERATON

            Sheraton, Maestà ...

ARTÙ

            Che già devo libera' la camera?

guardando Lancillotto...

           

            Bene! Vedo che lo avete risparmiato. Allora che facciamo, lo portiamo con noi?

I cavalieri nicchiano un po' ...

ARTÙ

            Lo portiamo lo portiamo che è meglio... anche perché se aspetto di essere protetto da voi...         Andiamo Lancillotto, andiamo va, così abbiamo anche tappato il buco alla Tavola Rotonda.

LANCILLOTTO (Alzandosi)

            NOOOOOOO, ma allora esiste davvero!

ARTÙ

            E certo che esiste! È stato il regalo di nozze di mio suocero: Sir [scritto a penna]... il re del         mobile. SIR GALVANO! SIR SHERATON! SI TORNA A CAMELOT!

MUSICA EPICA

Tutti si avviano uscendo di scena mentre le luci lasciano il palco per mostrarci di nuovo il castello di Camelot...

QUINTO QUADRO

RITORNO A CAMELOT

Nel salone della Tavola Rotonda troviamo Sir Mador e Sir Garrett seduti, intenti a giocare a scopetta.

In un angolo c'è Sir Parsifal che fissa un punto nel vuoto in alto sopra di lui, le mani allargate come se stesse vedendo o ascoltando qualcuno. Sir Mador scarta.

SIR MADOR

            Tiè, e ora fammi vedere che t'inventi.

SIR GARRETT

            Questo! E ma famme vede’ che c'hai n'antra briscola.

SIR MADOR

            TIÈ ASSO DE COPPE!

PARSIFAL (Improvvisamente)

            La coppa in cui nostro Signore Bevve... la nostra salvezza, la voglio, LA VOGLIO!

MADOR

            Oh! A Parsifal, "L'ASSO DI COPPE" stiamo giocando a briscola ...

PARSIFAL

            Scusate ... si rimette a fissare il vuoto. L'altro cavaliere getta le carte aria.

SIR GARRETT

            Fai schifo fai... Pure l'asso c'avevi. Certo che c'hai un... Di' la verità, ce parcheggi il cavallo?

SIR MADOR

            Fine, molto fine... Non sapevo che i college in Cornovaglia insegnassero anche le lingue          straniere... E comunque non ci provare che me devi dà sette scudi.

SIR GARRETT (Vuotando la borsa)

            Eccoli eccoli, dovessi anda' 'n giro a di' che nun pago.

SIR MADOR

            No, sai com'è, non fosse mai successo ...

In mentre passa Arianna. I cavalieri la guardano "interessati".

SIR MADOR

            Scusa Arianna... Arianna!

ARIANNA

            Che c'è?

SIR MADOR

            Non è che me porteresti 'na cosa fresca ...

ARIANNA

            vattela a prenne.

Sta per andarsene ...

SIR MADOR

            ARIANNA! E che è, t'ho chiesto una cortesia ...

ARIANNA

            Io so' l'ancella della regina, mica la cameriera tua! Chiama la cuoca... che magari oltre a 'na        cosa fresca te dà pure qualc'altra cosa ..

SIR MADOR

            Te do' 'no scudo.

ARIANNA

            No!

SIR MADOR

            Due!

ARIANNA

            Ah Ah, ancora? lo 'n c'ho bisogno de li scudi tua, vabbè? E mo lasciame perde che c'ho da      fa'. Ciaoooo!

Sale cantando verso la stanza della regina.

SIR GARRETT

            Ancora nun l'hai capito che nun te la da'?

SIR MADOR

            La speranza è l'ultima a morire. E poi io alla longa so' 'n tipo che piace...

SIR GARRETT

            Alla longa quanto?

SIR MADOR

            Ma che fai, porti sfiga? Tanto non la dà manco a te... Qui davvero se non ci fosse la cuoca...          dovremmo cambia' Castello.

Entra Merlino seguito da Anacleto.

MERLINO

            Dubito che ci sarebbe un altro Castello in tutto il Regno che sarebbe disposto a mantenere       dei cavalieri come voi...

SIR GARRETT

            Eccolo va, è arrivato er Mago cor Gufo.

MERLINO

            Tutto il giorno a giocare a carte, a mangiare, a parlare di donne, mai un'impresa eroica, che       so', una principessa tutta incatenata che l'andate a scatenare, un drago ucciso, un biscia, una cosa qualsiasi... no! Insomma nel futuro sui libri di scuola, di favole, i bambini invece di     trovare che so', 'na bella fotografia a colori di un cavaliere reduce da avvincenti avventure      che ci troveranno scritto: come hai da fa' con le donne e come vincere a scopa?

SIR MADOR

            Veramente stiamo giocando a briscola.

MERLINO

            Taciti! E va bene, briscola, scopa sempre carte sono... ma che vergogna.

SIR MADOR

            Ah Merlino, parli te che co' tutti gli intrugli che fai rubi lo stipendio peggio di noi.

Anacleto scoppia in una fragorosa risata guardato malissimo da lino ...

SIR GARRETT

            Qui giusto Artù imbocca... e andiamo!

MERLINO

            Qui se si presentasse un vero cavaliere voi finireste tutti licenziati! Camelot ha bisogno di       qualcuno che risollevi il nome del nostro regno, che faccia sognare la gente, che faccia ...

entrando da sinistra

LANCILLOTTO OFF

            ... parla' i libri de storia ...

Entra Lancillotto con Artù mentre squillano le trombe..

SQUILLI DI TROMBE

TUTTI (Inchinandosi)

            VIVA IL RE! VIVA IL RE! VIVA IL RE!

LANCILLOTTO

            Ma chi sei te? 'N Mago?

MERLINO (Voltandosi)

            Io sono Merlino, il mago di Camelot, quello che tutto sa e che tutto può... solo per il nostro     Re naturalmente... Al vostro servizio Maestà

Inchinandosi. Sir Garrett è vicino a Merlino.

SIR GARRETT (sempre chino)

            A ruffiano...

MERLINO

            A chi?

SIR GARRETT

            A te...

MERLINO

            Ah...

ARTÙ

            Signori, Cavalieri, permettetemi di presentarvi il PIÙ incredibile cavaliere che il nostro regno abbia mai dato alla luce... Sir Lancillotto del Mago ...

LANCILLOTTO

            Del Lago, Sire, Sir Lancillotto del Lago ...

ARTÙ

            Vabbè, Sir Lancillotto del Lago, figlio di Re Ban! Questo è Merlino, il nostro Lago ...

MERLINO

            Mago Sire, Mago ...

ARTÙ (Dando un'occhiataccia a Merlino)

            E poi Anacleto l'assistente di Merlino e consigliere di corte. Questi sono Sir Mador, Sir      Garrett e Sir ...

Lancillotto vede ora Parsifal sempre nella stessa posizione con lo sguardo perso nel vuoto sopra di lui ...

LANCILLOTTO (Avanzando)

            Li mortacci tua anvedi chi c'èeeeeee... Nun ce posso crede... Parsifal? PARSIFAL!

ARTÙ

            Lo conosci?

LANCILLOTTO

            Lo conosco? Semo cresciuti insieme! OH! A PARSIFAL! So' Lanci!

PARSIFAL

            Lancillotto! Ma allora è tua la voce che sentivo, non del Signore.

LANCILLOTTO

            UUUUUUHHH! A Parsifal, 'n sei cambiato eh? Oh, sente ancora le voci?

MERLINO (Cont.do)

            In compenso sono certo che Sua Maestà sarà soddisfatta nel trovarla in splendida forma ...

UN CAVALIERE

            EEEEHHH!

(pagina mancante)

ARTÙ

            Chi è stato! CHI È STATO! Oh, ragazzi, ve lo dico subito, non cominciamo eh? Se non esce          chi è stato... LICENZIO LA CUOCA!

A questa parola con un fragoroso spintone vediamo saltar fuori dal gruppo Sir Sheraton che si volta ...

SIR SHERATON

            L'anima de chi v'è muorto ...

ARTÙ

            Sempre lei eh, facciamo una cosa... per una settimana le tolgo il servizio in camera e non   potrà mettere piede in cucina: la cuoca se la farà raccontare dagli altri.

SIR SHERATON

            Sì Maestà, grazie Maestà.

Lancillotto sedendosi vicino a Sir Garrett, sottovoce

LANCILLOTTO

            Nun ho capito si 'sta cuoca è tanto brava o tanto bbona... che è?

SIR GARRETT

            Tutti e due.

LANCILLOTTO

            Ah! Bono a sapesse ...

In quel momento una voce fa girare tutti verso la torre di Ginevra: sulla porta è comparsa in tutta la sua maestosità la regina... spalle alla platea, le braccia alzate in puro stile "vamp"

GINEVRA

            Lo sapete chi sono?

TUTTI

            SI!

GINEVRA

            Lo sapete chi sono?

TUTTI

            SI!

GINEVRA

Coro - GINEVRA - GINEVRA - GINEVRA

Ginevra - SONO LA REGINA DEL RE

SONO LA PIÙ SNELLA CHE C'È

IO, IO, IO, IO, LA PIÙ BELLA

SONO LA PIÙ BELLA CHE C'È

SONO LA REGINA DEL RE

IO, IO, IO, IO, LA PIÙ SNELLA

Coro - GINEVRA GINEVRA ...

GINEVRA GINEVRA ...

Coro - SEXY SIMBOL ...

Ginevra NON CE N'È...

Coro - SEXY SIMBOL ...

Ginevra - COME ME...

Coro - SEXY SIMBOL ...

Ginevra-... WOOOOOOOOOH

Ginevra e coro - CHE CI VUOI FARE

IO SONO DEL RE

NON PUOI AVERMI

TUTTA PER TE

Coro - SEXY, SEXY...

Ginevra -... WOOOOOOOOOO

Amica mica e Ginevra -... ECCO, TOCCA, AAHHHH ...

Ginevra - SONO LA PIÙ BELLA DEL RE

SONO LA PIÙ SNELLA CHE C’È

IO, IO, IO, IO, LA PIÙ BELLA

SONO LA PIÙ BELLA DEL RE

SONO LA PIÙ SNELLA CHE C'È

IO, IO, IO, IO, LA PIÙ BELLA

Coro - GINEVRA - GINEVRA - GINEVRA ...

Ginevra -... LA PIÙ BELLA

Coro - GINEVRA - GINEVRA - GINEVRA ...

Ginevra -... LA PIÙ BELLA.

GINEVRA

            LO SAPETE CHI SONO!?

TUTTI

            SIIIIIIIIIIII!

Parte la canzone di Ginevra. La regina scende le scale cantando, attraversa il salone, gira intorno ai Cavalieri e al Re... Non perde l'occasione per scrutare Lancillotto.

GINEVRA CANTA

COREOGRAFIA A DISCREZIONE DELLA COREOGRAFA E DELLA REGIA

Fine della canzone Ginevra riassume la posizione da vamp, vicino ad Artù.

GINEVRA

            Arturino, cuccioloneeee mio. Ma che è tutto 'sto casino stamattina?

ARTÙ

            "Stamattina", stamattina è passata da un pezzo!

GINEVRA

            Ma che è nervoso il cucciolone mio?

Toccandogli l'orecchio affettuosamente. Artù sorride cerca di darsi un contegno.

ARTÙ

            Nooo, e poi c'è una grande sorpresina... Guarda un po' chi ti’ho trovato nel bosco?

GINEVRA

            C'hai trovato ner bosco?

ARTÙ

            Che ho trovato nel bosco?

GINEVRA

            E che hai trovato nel bosco?

ARTÙ

            E che ho trovato nel bosco?

GINEVRA (Scocciata)

            E c'hai trovato?

ARTÙ

            Lui!

Ginevra osserva Lancillotto dal basso in alto e dall'alto in basso.

GINEVRA

            Però, ammazza che dignitoso Cavaliere.

LANCILLOTTO (Inchinandosi)

            Consentitemi di esprimervi tutto il mio compiacimento per il fatto di esservi prossimo in     direzione frontale.

GINEVRA

            Grazie ...

Artù ...

            Ehhh, ma d'indo' viene 'sto cavaliere?

ARTÙ

            E da dove viene, che ne so da dove viene, da dove viene?

TUTTI

            Dal bosco!

ARTÙ

            Dal bosco. Ginevra, ti presento Sir Lancillotto del Lago, figlio di re Ban!

            Re Ban, quello degli occhiali...

LANCILLOTTO

            Se vostra Maestà me permette chiedo formalmente al nostro Re di diventare il Campione di   Sua Altezzosa la Regina Ginevra e di assoggettare i colori dello stemma del mio scudo             acciocché tutti quando lo vedeno sappiano chi è che c'hanno davanti.

GINEVRA

            Ahhhh!... Bello, solo che non è che le vostre parole abbiano proprio la chiarezza delle acque      del ruscello... voglio dire, nun è che potressi parla' 'n po' più semplice Lancillo'?

LANCILLOTTO

            È che il mio cuore è troppo greve di piacere che le parole me s'empicciano ...

GINEVRA

            Artù che me traduci per favore... È che ‘sto cavaliere è tanto carino ma parla così      complicato...

ARTÙ

            Insomma da oggi Lancillotto è Cavaliere della Tavola Rotonda ...

MORMORIO DI DISAPPROVAZIONE DEI CAVALIERI

ARTÙ

            BEH!? Che c'è? Se mi gira lo faccio pure commendatore!

            Ginevra, da oggi sarà tuo difensore personale, c'hai presente le scorte?...

Squadrando Lancillotto...

            A Body Guard... Un gorilla ...

GINEVRA

            Ah, me difendete voi da oggi?

LANCILLOTTO (Prostrandosi)

            Se potessi avere questo onore ...

GINEVRA (Offrendogli la mano)

            E certo che ve faccio l'onore, Artù, te pare? Manco a chiederlo... Eh!

Artù si rende conto che tra i due è scattata la scintilla ...

ARTÙ

            Ginevra? Andiamo!

Spingendola via ...

GINEVRA (Trascinata)

            Ma che sarebbe tutta 'sta prescia? Scusa, stiamo appena a entra' 'n conoscenza ...

ARTÙ

            Ginevra! Non discutere i miei ordini!

GINEVRA

            Ma che sei un dittatore?

ARTÙ (inizia a scaldarsi)

            PEGGIO! Sono un cattolico che ha sofferto da piccolo!

GINEVRA

            E a noi che ce frega?

ARTÙ

            BASTA! Ti proibisco di usare questo tono! Ricorda ti che polvere sei e polvere ritornerai,        perché tutti diventerete polvere! SÌ! Cavalieri, donne, maghi, gufi, tutti! Fino al giorno del       giudizio Universale quando in cielo apparirà Sir Folletto e v'aspirerà a tutti!

Guardandosi in giro come un pazzo. L'atmosfera si è gelata.

ARTÙ (grave)

            Certe volte ho dei pensieri così profondi, fulminanti, rivelatori che mi chiedo ...

            Ma saranno i miei?

            Ginevra... ANDIAMO! Cavalieri...

TUTTI

            VIVA IL RE! VIVA IL RE! VIVA IL RE!

GINEVRA (Andandosene)

            Ho capito, annamo va...

            Arrivederla Sir Lancillotto, la vedremo a cena.

Lancillotto si inchina mentre Artù e Ginevra si allontanano. Nell’alzarsi, agli altri cavalieri sottovoce.

LANCILLOTTO

            Oh, questo 'n ce sta co' la brocca ...

            Ma che, rosica?

SIR GARRETT

            Rosica, rosica ...

LANCILLOTTO

            Je fa 'na scenata?

SIR GARRETT

            Eeeehhh ...

LANCILLOTTO

            Ma che è, 'na cosa grave?

SIR SHERATON

            Dipende ...

LANCILLOTTO

            Oh, non è che c'è la pena de morte?

SIR GALVANO

            Qualche volta... dipende da zio.

LANCILLOTTO

            E dipende da zio... solo se sono incorsi fatti gravi,

            che fate tajiate la testa pure pe’ i complimenti eh! N' sara' mica matto zio... Nooo?

Tutti stanno zitti... Lancillotto si siede alla Tavola Rotonda e si tiene la testa con le mani.

LANCILLOTTO (Singhiozzando)

            Mannaggia a me mannaggia... Lo sapevo io, ma perché nun me sto zitto,

            mannaggia ...

I cavalieri si avvicinano.

MADOR

            Dài su', non fare così...

SHERATON

            Non sentire Galvano, lui fa sempre così.

GARRETT

            Non è vero, ma ti pare che ma te tajeno la capoccia pe’ 'na cosa così?

GALVANO

            Guarda che il Re, mio zio, è buono... Su' Lancillotto.

Una risata prima leggera poi sempre più forte interrompe le consolazioni dei cavalieri ...

RISATA LANCILLOTTO

            Lancillotto solleva la testa ed adesso vediamo che ride fragorosamente, si alza, si siede sulla    tavola.

LANCILLOTTO

            (ride) Ma che c'avete creduto? Ammazza aho, ma 'ndo v'hanno trovato, a Porta Portese?          Anvedi oh... Avete imboccato eh?

BRONTOLII A SOGGETTO DEI CAVALIERI

LANCILLOTTO

            Ammazza, sarete stupidi ma in compenso siete pure permalosi! E andiamo! Stavo a scherza'!         Oh, meno male che so venuto io si no a Camelot me sa che ve facevate du' palle... eh? OH! A proposito, ma 'sta Tavola Rotonna, 'ndo sta?

SIR GARRETT

            Ce stai seduto sopra...

LANCILLOTTO

            Ce sto' seduto sopra? AHO! Famme vedè el freggio... Eccolo qua! Ammazza che bella...       Maaaa, com'è proprio rotonda?

GALVANO

            È certamente stata un'idea di mio zio, il Re.

SHERATON

            Anacleto dice che con la tavola rotonda non ti viene il torcicollo per parlare con il vicino ...

GARRETT

            Insomma se guardano tutti in faccia senza move la testa se no de poco ...

LANCILLOTTO

            Gajardo!

PARSIFAL

            SSSSSSSHHHHHHHHHHR!!!!! ZITTI!

"LA CANZONE DEI CORVI"

Mordred - VOGLIO IMPUGNARE LA SPADA

E METTERE IL CULO SUL TRONO DEL RE

VOGLIO UN DUELLO FEROCE

CHE DEDICO A TE

VOGLIO SALIRE LE SCALE

SCALARE LA TORRE PIÙ ALTA CHE C’È

VOGLIO SPUTARE PAROLE

D'AMORE PER TE

Morgana - SENTO ALITARE LE VOCI

DI CENTO DANNATI CHE GLORIANO TE

SENTO UNA RABBIA BESTIALE

ESPLODERE IN ME

SENTO LE FORZE DEL MALE

APRIRE LE PORTE CHE FERMANO TE

SENTO I SUSSURRI DEI CORVI

UCCISI DAL RE

Coro - OOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOHHHHHHHH

Mordred - LODE A ME!

Mordred - DEVI ABBASSARE LO SGUARDO

DAVANTI A MORGANA SORELLA DEL RE

BADA STRANIERO CHE QUI

NON C'È TRIPPA PER TE

VOGLIO UN DUELLO MORTALE

E METTERE IL CULO SUL TRONO DEL RE

VOGLIO UN DUELLO FEROCE

CHE DEDICO A TE

CORO Gregoriano - .......................................

Morgana - VOGLIO CHE QUELLA REGINA

SPROFONDI NEL BUIO PIÙ NERO CHE C'È

STRAPPARLE IL CUORE DAL PETTO

E MANGIARLO CON TE

Coro Gregoriano - OOOOOOOOOOOOOOOOOOOHHHHH .........

Mordred - LODE A ME ...

Morgana - LODE A TE!

Tutti si bloccano di colpo guardando Parsifal che si è di nuovo fissato con lo sguardo nel vuoto ...

LANCILLOTTO

            Che è?

PARSIFAL

            Sento una voce ...

TUTTI A SOGGETTO

            Ahhhhhhhhhh!... Arieccolo... Ancora?

            Fatte n'antra canna! A Parsifal e vattene!

PARSIFAL

            HO DETTO ZITTI CHE SENTO LA VOCE!

Il quel momento un grido rauco rompe il silenzio... una frase...

Parte una musica tiratissima ed ecco apparire in cima alla scala MORDRED il Cavaliere Nero e accanto a lui MORGANA, sorellastra di Artù, in tutta la sua prorompente bellezza ...

MORGANA E MORDRED CANTANO

- La canzone dei corvi -

I due scendono la scale, attraversano il salone cantando e muovendosi a tempo di musica.

Mordred finisce proprio di fronte a Lancillotto con il viso a due centimetri da quello del neo Cavaliere della Tavola Rotonda. Lancillotto lo squadra.

LANCILLOTTO

            Ma che sei, 'n metallaro?

I due si guardano a lungo in cagnesco... Lancillotto squadra anche Morgana che lo fissa con aria di sfida.

LANCILLOTTO

            No, me so sbajato... so' due metallari. Ma 'ndo' annate... Ma chi siete?

Volgendosi ai Cavalieri alle sue spalle ...

            Ma chi so'?

SIR GALVANO

            Sir Mordred e la fata Morgana, sorellastra di Re Artù... zio.

LANCILLOTTO

            Me canzoni! La fata? Però! E si lei è 'na fata, tu chi sei, il puffo cattivo?

SIR MORDRED

            Sono il Cavaliere Nero e questa è Morgana, del Regno intero la Fata Arcana!'

LANCILLOTTO

            Bravo! Fai pure le rime! E se lui fa le rime, teee... che fai? I numeri!

MORDRED

            Attento a come parli straniero, mi chiamano il Cavaliere nero perché quando mi fanno   arrabbiare le teste faccio volare!

Morgana sculettando gira intorno a Lancillotto squadrandolo con una certa libidine ...

MORGANA

            Mordred, tesoro, non farti venire subito le ubbie, il nostro amico qua magari è forte di spirito             come di spada... potrebbe esserci utile... Forse.

"Lisciandosi" lascivamente il decolletè... passa una mano sulle braccia di Lancillotto.

LANCILLOTTO

            Morgana eh?

MORGANA

            Non trovi che sia un nome così... così... Sensuale ...

LANCILLOTTO

            Morgana, Morgana, Morgana... di Camelot è la gran ...

Mordred sta per sguainare la spada. I Cavalieri si paralizzano; attimi di tensione.

LANCILLOTTO

            ... SIGNORA!

Morgana torna al fianco di Mordred...

MORGANA

            Attento Cavaliere... oltre ad essere unaaa... signora, sono un'esperta di arti magiche e non             vorrei che oltre alla lingua ti cadesse qualche altra cosa ...

LANCILLOTTO

            Una corte ricca! Du' maghi... Chi l'avrebbe detto! Se vede che Artù c'ha i sordi da butta'...       Maaaa, che fai pure le carte, leggi i fonni de caffè ...

MORGANA

            Se ti riferisci a quel cialtrone di Merlino... No, non ci siamo Cavaliere, io tratto direttamente   con le forze del male... Merlino si intrattiene con innocui infusi, erbette...

            Ma ancora non ci hai detto come ti chiami bel ragazzone ...

MORDRED

            Meno confidenza tesoro.

MORGANA

            Che fai, il geloso?

MORDRED

            Questo Cavaliere non mi piace... se non sta attento gli spanzo il torace.

LANCILLOTTO

            Io son Lancillotto gentile amica, e statemi alla larga che se m'incazzo porto sfica...

            Sarebbe sfiga, ma è per far rima con amica!

Ridendo con i Cavalieri contento della rima cercata per prendere in giro Mordred.

MORDRED

            Attento a te Lancillotto, per molto meno ne ho massacrati quarantotto!

LANCILLOTTO

            M'hai fatto 'na paura cor botto! E falla finita!

Ai Cavalieri.

                       

            Aho, 'n saranno mica tutti così eh?

MORGANA

            Mordred, andiamo caro, ci sono molte cose che ci aspettano tesoro...

MORDRED

            Per ora andiamo pure, ma non finisce così, gli aspettano giornate ...

LANCILLOTTO (Anticipandolo)

            ... DURE!

I Cavalieri ridono mentre Mordred, furioso, viene trascinato via da Morgana.

MORDRED

            Non finisce qui! Attento a te Lancillotto! ATTENTO!

LANCILLOTTO

            Oh, la rima stavolta 'n t'è venuta?

E ride mentre Mordred e Morgana escono di scena.

LANCILLOTTO

            Certo che ce ne sono di gente strana al mondo eh? Pero', 'a fata... merita, c'ha un fisico che...            Maaaa... ho notato che nessuno... eh? Ma com'è?

Tutti fanno i vaghi... si muovono sulle sedie stranamente ...

LANCILLOTTO

            AHO! Che ve state a tocca'? Ma che porta jella? HHIIIIIII ...

SHERATON

            Di più.

LANCILLOTTO (Toccandosi a sua volta)

            Ho capito va, come non detto... Lasciala al puffo cattivo che è mejo...

            Allora ragazzi, vogliamo gettare un occhio nel cuore di Camelot, nel polmone pulsante del    Regno?

PARSIFAL

            La cappella della chiesa!

LANCILLOTTO

            La cucinaaaaaa! PARSIFAL! La cucina! Aho, fateme vede’ 'sta cuoca!

USCIRE SX

Sulle risate, si avviano tutti verso la sinistra del palco mentre le luci si abbassano per illuminarsi sulla...

SESTO QUADRO

ARTÙ E GINEVRA

... torre della regina.

Ginevra seduta davanti ad una televisione di metallo con dei gran spuntoni: stanno trasmettendo una telenovela. Mangia bruscolini e pistacchi sputando le bucce in terra. Artù, nervosissimo, passeggia avanti e indietro.

ARTÙ

Guarda che è inutile che fai finta di niente. Credi che non ti abbia visto come lo guardavi eh? Ginevra, io di te so tutto, conosco tutto, anche il prefisso! 0041!

GINEVRA

            Mmmmmmhhhh... ecc'a la'! E che nun lo sapevo io, e come lo guardavo? Co' gli occhi!

ARTÙ

            Con lascivia!

GINEVRA

            Co' chè?

ARTÙ

            Ma perché me so' sposato un'ignorante. Ma non ti potevo lasciare dov'eri? Stavo tanto bene         da solo ...

GINEVRA

            Sì eh? Ma ringrazia Dio che so' venuta. Mica era'n castello questo, era 'na topaia! Robba che       si nun te davo 'na ripulita io... Ma nun me fa parla' va'. Ecco, m'è scoppiato pure er mal de        testa.

ARTÙ

            Sì il mal di testa sei tu che lo fai venire a me; so' le corna! Lo sanno tutti! Bella figura che        mi fai fare eh?

GINEVRA

            E piantala co' 'sta storia delle corna! E sei proprio fissato!

ARTÙ

            Sì sì, fissato... Basta che arrivi un cavaliere nuovo eh? PRAAAAAA! Lo sfascio.

GINEVRA

            AAAHHHHH!!! Famme er favore chiama Merlino va.

ARTÙ

            NO!

GINEVRA

            Oddio mio er trigesimo... Ecco, m'hai fatto veni' un attacco di quelli miei teribbili... Sai quando me s'enfoca er trigesimo? Eccolo! Lo sapevo io, lo sapevo ...

ARTÙ

            E saranno tutte quelle schifezze che mangi!

            Sei come l'impero romano, sempre in espansione!

GINEVRA

            Invece di essere contento che mangio, no! Devi fa' le scenate ... Nun te ricordi che ero            anoressica quando m'hai conosciuto?

ARTÙ

            Anoressica? Che vor dì?

GINEVRA

            E che ne so, oggi se dice così!

ARTÙ

            Ma quale anoressica! Se quando t'ho conosciuta tu e tutta la famiglia ve stavate a mori' di         fame! Questa è la verità! Se non venivo io a paga' a quest'ora stavate tutti ar gabbio! Te lo   dico io!

GINEVRA

            Ma che fai, rinfacci?

ARTÙ

            Sì!

GINEVRA

            AH! RINFACCI!?

ARTÙ

            Sì!

GINEVRA

            E nooo, orsacchiottone mio... Lo sai che ti fa male se ti agiti, ti si alza la pressione         sanguinaria, lo dice sempre Merlino che devi sta' calmo amore mio ...

Afferrandolo, portandolo a sé, sbaciucchiandolo e martoriandogli le guance e le orecchie.

ARTÙ

            No, no, ferma, ferma che mi vengono le chiazze rosse...

GINEVRA

            Ma quali chiazze... Lo sai che mi piace quando fai il geloso... E poi lo dice anche il           capocollo ...

ARTÙ

            Er capocollo? E che è?

GINEVRA

            Lo dice Merlino: tra i doveri di una regina c'è anche quello di accogliere i Cavalieri, di    metterli a loro agio ...

ARTÙ

            Sì va bè, mo' se dice metterli a loro agio ...

La regina continua a stuzzicarlo ...

ARTÙ

            No Ginevra... GINEVRA!

GINEVRA

            Artù

ARTÙ

            Artu-ro!

GINEVRA

            SÌ! ARTURO! ARTURO! ARTUROOOOOO!!!

Prendendo lo di colpo e stendendolo sul letto, Ginevra gli sale sopra di peso quasi soffocandolo.

ARTÙ

            NOOOOOOOOOOOO!!!!!

GINEVRA

            Sì, dolore, piacere, dolore e piacere, il bene e il male, Dio quanto me piaci, che te farebbe io    eh? Che te FAREBBE!

ARTÙ

            E che me farebbe? Male! Me stai a fa' un male, della Madonna!

GINEVRA

            Che nun te piaccio più?

ARTÙ

            Ma che c'entra!

GINEVRA

            Artù, giocamo ar toro?

ARTÙ

            Ce l'hai le mutande rosse?

GINEVRA

            Me le metto!

ARTÙ

            Ma no, lasciamo perdere, poi di giorno facciamo troppo rumore ...

GINEVRA

            E Artù, neanche questo? Nun giocamo mai!' Me fai fa ‘na vita così ritirata, nun vedo mai         nisuno, Arturino mio e certo che co 'sta vita medievale me faccio du' palle",

ARTÙ

            Ma perché, io me diverto?

            Ma che te credi che essere Re sia uno scherzo?

GINEVRA

            MMMMhhhhhh... eccala la'...

ARTÙ

            Uno da bambino ha predisposizione per i numeri? Fa il matematico! Gli piacciono i colori?       Fa il pittore! Gli piacciono gli uomini? Fa lo stilista! Con i Re è diverso; non scegli: appena    nato dicono: questo fa il Re. Diceee... Non c'è portato. Ce lo portiamo noi! Qualcuno pensa,            beato lui! Può anche essere imbecille che sempre Re diventa. Ma mica succede solo ai Re...    Nooo, Ma perché, negli ospedali non è uguale? Dice me devo opera': OH! Non te fa' tocca' dal primario che è un imbecille! Ma come, è diventato primario? Appunto! Meglio          l'assistente... Ma mica solo per la Sanità... Forze dell'ordine, magistratura, università...         Insomma essere Re non è facile come pensi te! Diceee passi alla storia! Certo, pare facile...             Intanto per farsi ricordare in mezzo al mucchio ti devono numerare: Enrico primo, secondo,          terzo, oppure te danno i soprannomi: Tarquinio il Superbo, Alessandro Magno, Carlo il   Calvo, Pipino il Breve.

            Che poi infieriscono con i gesti... Re Pipino? Quale? (Gesto)

            E le responsabilità? Io ho tutto sulle mie spalle, qui non collabora nessuno, i nemici             incombono e i Cavalieri che fanno? Mettono la testa sotto la sabbia per vedere se gli    ombrelloni hanno le radici!

            Certo, io ho la. fortuna di essere un personaggio leggendario e non storico: ma non è che mi   andrò meglio... Sicuramente sarò ricordato solo per un oggetto

            d’antiquariato: la Tavola Rotonda... come te!

BUIO

MUSICA

SETTIMO QUADRO

NELLE CUCINE

Un faro illumina Re Artù a lato del palco ...

Si spegne il faro mentre una MUSICA accompagna l'incedere della cuoca che finalmente ci appare nel suo costume anni '30 con minigonna da grido anni '90.

MUSICA TECNO-EROTICA PER LA CUOCA

La giovane ISIDE sculettando attraversa la zona dove al tavolone troviamo seduti i cavalieri Mador, Sheraton, Galvano, Garrett e Parsifal. Lancillotto è in piedi con una gamba sollevata, il piede poggiato su una panca. Davanti a loro calici di vino e qualcosa da sgranocchiare. Parsifal è intento a mangiare e sembra non partecipare alla conversazione.

Sul fondo un maialino gira infilato in uno spiedo, in un grande camino. Brusio di fondo dei cavalieri che s'interrompe al passaggio di Iside... La giovane si avvia allo spiedo.

LANCILLOTTO

            Che stavo a di'?

PARSIFAL (Con tono incolore)

            "Allora prega lo tuo signore che tra pooco ti spicchero' lo collo dallo tronco"... Io calmo          freddo aspettavo che venisse avanti e quello sempre più incazzato urlava tutto gonfio oh lo       dovevate vede’ ...

LANCILLOTTO

            Ho capito, ho capito... Ammazza, e che sei 'n registratore? Sembra distratto eh? Invece ...

SIR SHERATON

            Allora?

LANCILLOTTO

            Allora lo dovevate vede’, 'no spettacolo, c'aveva le vene der collo che je stavano a zompa'        fori... Così, 'na bestia proprio, sai quando uno pare proprio na bestia no?

MADOR (in veneto)

            E tu che facevi?

LANCILLOTTO

            Ch'hai detto?

SHERATON

            Rice tu che facievi.

LANCILLOTTO (Gettando uno sguardo alla cuoca)

            Gnente, nisuna soddisfazione vero, io freddo, calmo, distaccato ...

            Voi siete giovani, inesperti, maaaa... in questi casi nun devi perde la calma, devi aspetta' che     te viene sotto e poi... ZAC! Colpisci!

            Aho, 'n fendente sull'elmo, de netto proprio... Che ve le lo dico a fa', testa spaccata fino ar           collo, la gola, tutto, roba che si spingevo n'antro po' ve dicevo pure c'aveva magnato a          colazione ...

MADOR

            Ma che spada c'hai?

LANCILLOTTO

            'Na spada? Questa...

La sguaina... L'alliscia ...

            ... nun è 'na spada, è 'na macchina de morte. Modello speciale, acciaio rinforzato, lame          bilaterali, accelerazione da O a lOO in un secondo netto, è un prototipo. L' ha fatta un         fornaro amico mio che c'ha 'na fabbrichetta vicino Torino... Ma le spade so' 'n'hobby, de           solito fabbrica carri, rote ... 'n settore in espansione insomma. Tiè, guarda che spada va ...

Iside si avvicina e lo guarda male. Porta dell'altro vino a tavola e accarezza la testa a Parsifal con il quale si scambiano un sorriso.

LANCILLOTTO

            Insomma e quello è stato l'ultimo dei quarantotto.

SIR GAL VANO

            Sì va bè, quarant'otto eh?

LANCILLOTTO

            Perché 'n ce credi? Che voi vede’ le teste? Guarda che ce l' ho tutte conservate a casa de         mamma. Mamma è così contenta quanno gliele porto: lei le mette a secca', e poi c'ha         riempito 'na specie di libreria, solo che n'abbasta più

Poi guarda verso la cuoca.

            Certo che è roba forte. Ma chi s'angroppa? Er 'Re?

GARRETT

            No, diciamo che ce giocheno tutti ma poi ar dunque ...

LANCILLOTTO

            Te manna in bianco?

GARRETT

            E no? Oddio, un sospetto ce l'avemo un po' tutti... Maaa, come se dice .. ancora non siamo       sicuri.

            Alludendo con un cenno della testa a Parsifal che come al solito sembra essere totalmente       assente anche alle provocazioni.

LANCILLOTTO

            No! A Parsifal, 'ci tua, che fai, vai co' la cuoca e nun lo racconti?

PARSIFAL

            Prima di tutto chi dice che io vado con la cuoca? Chiacchiere, solo chiacchiere, e poi    ammesso e non concesso che sia vero, io non lo direi mai! E poi io sono un ragazzo puro, per bene, mica sono un maleducato come voi, cafoni, ignoranti...

            E poi a me il sesso come lo vivete voi non mi interessa ...

Iside si avvicina, mette un piattino con qualcosa davanti a Parsifal, lo accarezza e gli da un bacino. Parsifal le sorride.

ISIDE

            Tiè, t'ho fatto le zucchine che te piacciono tanto. Bravo Parsifal, dijiene quattro a 'sti quattro    zozzoni. Ma nun ve vergognate?

E si allontana.

LANCILLOTTO

            Aaaaaa come te chiami? Guarda che zozzoni lo dici a qualcun'altro, hai capito? lo so' Ser         Lancillotto del Lago, figlio di Re Ban e ...

ISIDE

            Sarai quello che te pare ma sempre ‘no zozzone rimani!

            E poi sai che c'è, io devo cucina' e servi' a tavola, quindi finché faccio el lavoro mio, so'           libera de di' quello che me pare a chi me pare e si nun la fate finita nun vè faccio tocca' più     niente a nisuno, VABBENE?

PARSIFAL

            Visto, è che voi non le sapete trattare le donne; fate tanto i gradassi, e poi? Eccoli la'.

LANCILLOTTO

            A Parsifal, nun te ce mette pure tu eh?

PARSIFAL

            SSSSSHHHHHHH!

TUTTI

            Che è?

PARSIFAL

            Ho sentito la voce... No, mi sono sbagliato.

In quel momento entra Artù e tutti i cavalieri si alzano sull'attenti meno Parsifal.

TUTTI

            Viva il Re! Viva il re! VIVA IL RE!

ARTÙ

            Ma che è, un covo de monarchici?

Lancillotto avvicinandosi all'orecchio di Parsifal.

LANCILLOTTO

            Che fai, entra il Re e nun te arzi?

Ma Parsifal sembra non sentirlo, ha smesso di mangiare e fissa il solito punto nel vuoto davanti a sé.

LANCILLOTTO

            Sì va bè, ho capito va ...

Artù si avvicina ad Iside e tenta di toccarla, ma questa si volta e gli dà una botta sulle mani con un forchettone di legno.

ARTÙ

            AHIA! Ma come, a loro si' e a me no?

ISIDE (Inchinandosi)

            Ma Sire, voi siete il Re!

ARTÙ

            Appunto! OH! Cavalieri! Dico a voi!

I cavalier si alzano.

TUTTI

            Dica Maestà!

ARTÙ

            Da oggi mani a posto tutti! Chiaro?

            Se Iside non la tocco io, non la tocca nessuno, Va bene?

TUTTI

            Va bene Maestà!

ARTÙ

            E questo vale anche per Parsifal! PARSIFAL!

Ma Parsifal è sempre con lo sguardo perso nel vuoto.

LANCILLOTTO

            Eh sire, me dispiace ma Sir Parsifal se dev'essè 'ntronato con quarche visione divina ...

ARTÙ

            Allora glielo spiegate voi dopo eh?

SIR MADOR

            Sarà fatto come Vostra Maestà comanna.

LANCILLOTTO

            Mi scusi se me permetto Sire, ma la regina se sente bene?

ARTÙ

            La regina sta benissimo!

LANCILLOTTO (Inchinandosi)

            Che la nostra regina sta benissimo ce riempie solo de gioia...

ARTÙ

            Come sarebbe "nostra”? OH! Mica è una multiproprietà!... anche se è grande uguale ...

LANCILLOTTO

            Sire, plurale Maestatis, nel senso che se parla de 'na regina ...

ARTÙ

            IN CAMPANA EH! Anche te Lancillotto. Vabbè che sei la scorta, ma mica te poi porta' il      lavoro a casa... E GUARDATE CHE SE SUCCEDE QUALCOSA, IO ME ACCORGO ...

Tirando su' le mani con le dita protese verso l'alto...

            C'HO L'ANTENNE!

Poi osservandosi le mani si rende conto di aver mimato un paio di corna e si sbriga a rimetterle giù. Mentre Artù esce di scena.

CAVALIERI (Inchinandosi)

            VIVA IL RE! VIVA IL RE! VIVA IL RE!

LANCILLOTTO (Rialzandosi)

            Ma allora rosica sul serio ...

SIR GARRETT

            Rosica, rosica ...

PARSIFAL (Sempre con lo sguardo fisso)

            Se n'è andato?

Tutti si guardano tra loro

LANCILLOTTO

            'Ci tua Parsifal, ma allora n' c'avevi le visioni, ce stavi a prova'? Anvedi 'sto fintone... Aho!

Pizzicandogli le guance ...

PARSIFAL

            No, e secondo te, io mi alzo, mi risiedo, mi rialzo, mi risiedo e mi prendo i cazziatoni? No!           E poi io sono mistico, me lo posso permettere. Con il vostro permesso, io continuo a          mangiare le mie zucchine; voi, fate quello che vi pare. ISIDE!

ISIDE

            Che m'hai chiamato Parsifal?

PARSIFAL

            Che c'è un pezzetto di pane per fare la scarpetta?

ISIDE

            Certo che c'è, pe’ te c'è tutto!

PARSIFAL

            Grazie.

TUTTI INSIEME ACCAVALLATI

GARRETT

            Ma tu guarda 'st'infame ...

SHERATON

            Hai capito il paravento...

GALVANO

            Certo che hai una faccia che neanche zio ...

MADOR

            L’ho l'ho sempre detto che ...

PARSIFAL

            SSSSSHHHHHHHH!!! ZITTI!

Tutti si zittiscono di colpo.

MADOR

            Che c'è?

PARSIFAL

            La voce! SENTO LA VOCE!

Tutti si scatenano su Parsifal prendendo lo a schiaffi in testa, gli tolgono il piatto e protestano a soggetto in crescendo... Parsifal cerca di difendersi come può

PROTESTE A SOGGETTO DEI CAVALIERI

PARSIFAL

            Aiuto! AIUTOOOO! ISIDEEEEEE!!!!!!

OTTAVO QUADRO

NEL REGNO DI MERLINO

Con una MUSICA D'ATMOSFERA MAGICA le luci ci mostrano la torre di Merlino che si apre ai nostri occhi. Il mago è intento ad osservare una sfera luminosa. Accanto a lui c'è Artù con un'aria preoccupatissima. Anacleto è seduto su una specie di trespolo alle loro spalle.

MERLINO

            Vedo vedo vedo... oh, oooohhhh... oooooooohhh ...

ARTÙ

            Ooohhhhh...

           

MERLINO

            Ooooh...

ARTÙ

            OH! Ma che è? Che vedi?

MERLINO

            Un attimino! Non è mica un libro che si legge, eh! Ci vuole concentrazione.

ARTÙ

            Concentrazione.

MERLINO

            Concentrazione... Ohhhhhh

ARTÙ

            E va be' concentrazione ma basta co' 'sto "ohhhh". Merlino! O vedi o non vedi! So' du' ore       che siamo concentrati!

MERLINO

            Follia suicida dei Britanni, resi fin troppo superbi dalla smodata ricchezza, non vogliono          godere la pace e sono in preda ad istinti bestiali ...

ARTÙ

            Ma di chi parli? Chi è che fa le zozzerie?

MERLINO

            ... discendenti del cinghiale di Cornovaglia provocano disordini.

ARTÙ

            E mo chi è 'sto cinghiale?

ANACLETO

            Siete Voi Maestà, è un'allegoria.

ARTÙ

            Che dice er gufo, che so' cornuto?

ANACLETO

            Il cinghiale non ha le corna Sire... c'ha le zanne!

MERLINO

            Gli scoti saranno sottomessi e i Gallesi torneranno agli antichi confini... fino a quando il         dente della volpe li rimetterà a posto e nove draghi cingeranno la corona ...

ARTÙ

            Ma che stai a di', Merlino! Denti, volpi, draghi, corone... ma che è? lo non ce sto a capi'        niente!

ANACLETO

            Nemmeno lui ...

MERLINO

            SSSSSSHHHHHHH!

ARTÙ

            SHHHHHHHHHHHHH!

MERLINO

            Vedo... vedo... vedo... un uomo possente, bello ...

ARTÙ

            Eeeehhhhh... ma chi è? Non saro' mica io?

E ride voltandosi verso Anacleto.

MERLINO

            ... molto alto ...

Anacleto scoppia a ridere e Artù lo guarda malissimo ...

MERLINO

            La corazza e lo cavallo bianco s'avanza eeehhh... Ahiaiaiaiaiaiaiaiai ...

ARTÙ

            Ahiaiaiaiaiaiaiaiaiaia ...

MERLINO

            Ohioioioioioioioioioioioioioi...

ARTÙ

            Eeeeee ma che è? Allora?

MERLINO

            E allora... C'è che lo bianco cavaliere lo devi trattare bene.

ANACLETO

            Guai in politica estera ti risolverà!

ARTÙ

            Ma che c'entri tu, gufo! Zitto! Chi è il mago qua? Merlino!

ANACLETO

            Sì sì, allora stiamo messi bene ...

ARTÙ

            Zitto!

MERLINO

            La sfera è stata chiarissima, le forze divine inviano messaggi precisi mio Sire.

ARTÙ

            E precisi... Ma che t 'hanno mandato un fax? Hai visto come guardava la regina ?

ANACLETO

            Maestà, in pratica gli Scoti vogliono uscire dai confini e i Gallesi potrebbero allearsi con      loro per muovere guerra all'Impero, se Lancillotto pero' si mette alla testa di un esercito      divide gli avversari e rimette le cose a posto.

ARTÙ (Divertito)

            Hai capito il gufo! Oh, Merlino, guarda che se non ce stai attento, questo ti fa secco il posto.

ANACLETO

            Troppo buono Maestà... d'altronde... Storia dei trattati e politica internazionale, laurea ad         honorem.

ARTÙ

            E bravo il gufo.

            Insomma lo devo trattare bene eh? Pazienza ...

E fa per andarsene.

MERLINO

            Aspettate Maestà!

ARTÙ

            Che c'e'?

MERLINO

            Dimenticate i cachet per la Regina ...

            Porgendo a Merlino un piattino con delle palline colorate dentro. Artù odora schifato ...

ARTÙ

            Ma che e'?

MERLINO

            Estratto di zampe di gallina, grani di fango di Scozia e un pizzico di dolcificante naturale   tanto per addolcire... la pillola ...

ARTÙ

            E questo le fa passare il mal di testa?

MERLINO (Annuisce serissimo)

            Una dopo ogni pasto Maestà.

ARTÙ

            Una dopo ogni pasto? Allora ce ne vuole un TIR!

MERLINO

            E cos'e'?

ARTÙ

            Fattelo spiega' dalla palla!

Ed esce. Merlino e Anacleto si inchinano ...

MERLINO

            Anacleto?

ANACLETO

            Che c'e'?

MERLINO

            Tu dici che l'abbiamo convinto?

ANACLETO

            Speriamo di si': sarebbe meglio per tutti.

MERLINO

            Allora possiamo cucinarci qualcosa? Io comincio anche ad avere un certo appetito ...

ANACLETO

            Anch'io, però le erbette te le mangi te: io vado da Iside che è meglio... Ciao eh!

Ed esce dalla torre ...

MERLINO

            Ingrato, sono tutti degli ingrati...

            Si avvelenano con la carne e con quegli intingoli... che schifo! Che poi quello quando era      gufo che si mangiava? Erbette, lombrichi... Mah!

            E si porta ai fornelli... quando inciampa e va ad urtare i mattoni pericolanti della torre,   rischiando di cadere giù.

MERLINO

            Vuoi vedere che è il gufo? Ma portasse pure jella!

MUSICA

... mentre la torre si va chiudendo le luci si abbassano per tornare ad illuminare la ...

QUADRO NONO

NELLE CUCINE

... cucina, dove i cavalieri stanno sgombrando il tavolo.

GARRET

            Lancillo', che fai, giochi?

LANCILLOTTO

            No, me sento un po' 'ntronatoi magari più tardi.

ESCE DX

GARRETT

            Parsifal?

PARSIFAL (Continuando a mangiare)

            No.

MADOR

            E dài, non fare lo scemo, giochiamo poco.

PARSIFAL

            Sì, come l' ultima volta: giochiamo poco, giochiamo poco e mi avete levato trenta scudi... Nooo.

Lancillotto nel frattempo si porta vicino alla cuoca intenta a cucinare il maialino allo spiedo sul camino.

Galvano sta preparando le carte. Entra Arianna che va a prendere una brocca di vino vicino alla cuoca. Garrett appare un po' rapito... Arianna gli getta uno sguardo mentre scambia sottovoce qualche battuta con Iside.

GALVANO

            Oh, mi sa tanto che ti sei preso una bella cotta per l'ancella della regina eh?

GARRETT

            Ma che dici ...

GALVANO

            Si' si', va beh ...

Arianna esce ma non manca di lanciare un altro sguardo a Garrett.

GARRETT

            È carina

SHERATON

            Giochiamo che è meglio... Oh, tutti bugiardi a Camelot eh? Ma Parsifal? .

MADOR

            PARSIFAL! Guarda che sei strano forte eh? Se ti dico che giochiamo poco, giochiamo poco!

PARSIFAL

            Nooo, E poi non ho soldi.

I quattro cavalieri si scambiano uno sguardo d'intesa, si alzano e si avvicinano alle spalle di Parsifal in stile "agguato"... Lo frugano, gli fanno il solletico... Parsifal ride come un pazzo ...

PARSIFAL

            NO! Il solletico no! Vi ho detto che non ce l'ho! UH! (ride) E dai! (Ride) E su, lasciatemiiiiii   (ride)... Non mi toccate! NON MI TOCCATEEE! (ride)

CAVALIERI A SOGGETTO

            Non fare il tirchio, spendili 'sti scudi!

            Dài che poi ti diverti! E andiamo sù! Guarda che se poi li troviamo è peggio che poi       giochiamo forte! È meglio che confessi!       

Sollevandolo di peso e rovesciandolo a testa in giù il povero Parsifal viene scosso violentemente mentre iniziano a cadere a terra monete d'oro.

PARSIFAL

             NOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!

Lo rimettono a sedere e Galvano gli mette le carte in mano.

PARSIFAL

            Tanto non gioco, è inutile... io sono mistico e non mi piacciono i giochi, le cose terrene ...

BRUSII DI PROTESTA DEI CAVALIERI

MADOR

            E la cuoca?

SILENZIO

PARSIFAL

            Che c'entra adesso la cuoca?

GARRETT

            Che è, nun è terrena? A me me pare che tanto mistica nun è... Giochiamo che è mejo.

PARSIFAL

            No, anzi, vi faccio una proposta ...

GALVANO

            Sentiamo.

PARSIFAL

            Se non mi fate giocare, vi racconto tutte le porcherie che fa la cuoca.

TUTTI A SOGGETTO

            Bene! Buttiamo le carte! Dicci dicci! Siamo tutte orecchie!

Parsifal se li guarda tutti in silenzio ...

PARSIFAL

            No, io sono mistico, non posso raccontare certe cose, allora forse è meglio che giochiamo.

MADOR

            Ho capito, apro io di piatto ...

GARRETT

            A Parsifal, comincia a nun provacce e metti il cip, che manchi.

           

I cavalieri iniziano a giocare. Lancillotto è in posizione strategica vicino alla cuoca.

LANCILLOTTO

            Bella la vita qua eh?

ISIDE

            Insomma ...

LANCILLOTTO

            Tie' guarda quelli come se stanno a diverti'; aho!

ISIDE

            Loro ...

LANCILLOTTO

            "Loro", dici "loro" così, come fossero degli eletti... perché, tu t'annoi?

ISIDE

            Insomma ...

LANCILLOTTO

            Vocabolario ricco eh?

ISIDE

            Come?

LANCILLOTTO

            No, niente, 'na cosa mia.

            Maaaaa, dimme 'n po' a te, che te piacerebbe fa'?

ISIDE

            In che senso?

LANCILLOTTO

            E come in che senso, nel senso che una bella figliola come te, no, dico, basta guardarsi         intorno vero, le occasioni giuste non mancano... Oh, dico, siamo alla fine del quinto secolo,            mica ci sono i leoni che se magneno i cristiani!

            A Roma c'ho 'n sacco d'amici ché basta che faccio 'na telefonata... te sistemano dove te            pare... Una come te dovrebbe lavora' nel mondo dello spettacolo ... 'Ndo voi lavora' eh? Al          Circo Massimo, ar Colosseo? 'N c'e' problema, tu hai delle doti, vero, io le capisco subito   quelle che c'anno i mezzi. Iside ...

ISIDE

            Sì?

LANCILLOTTO

            Canti?

ISIDE

            Quando cucino ...

LANCILLOTTO

            Lo sapevo, vedi? T'ho beccato subito, te lancio nello spettacolo Iside, che problema c'e'?

ISIDE

            Ma che devo fare?

LANCILLOTTO

            E che devi fa', gnente, penso a tutto io ...

            Tu vieni, da me un paio d'ore al giorno, dopo cena, er pomeriggio quanno te pare e t'ensegno          tutto, te do' un'impostata generale, te spiego l'uso del diaframma, qualche esercizietto... e   vai! Iside...

ISIDE

            Sì?

LANCILLOTTO

            Ecco vedi Iside, vedi qua, in mezzo ar petto ce sta er diaframma, vero ...

Mettendole una mano tra i seni ...

LANCILLOTTO

            Respira 'n po’ ...

ISIDE

            Ma che fate?

LANCILLOTTO

            Sssst, bona, fatte guida', c'ho la mano sensibile io ...

ISIDE

            La mano sensibile... ma me state a tocca'!

LANCILLOTTO

            E rilassate! Lo vedi che sei tutta rigida! Ammazza quanto sei tosta aho! Ma che c'hai du’          pietre? 'N se sente manco er diaframma ...

In quel momento entra Artù; Lancillotto molla la presa imbarazzato temendo una sfuriata del Sovrano che invece sorride... Come al solito tutti i cavalieri si alzano meno Parsifal ...

CAVALIERI

            VIVA IL RE! VIVA IL RE! VIVA IL RE!

ARTÙ

            Come va!?

LANCILLOTTO

            Oh Sire, eccovi qua ...

ARTÙ

            Ma che fai? Che stai a fa'?

LANCILLOTTO

            Io, gnente, perche'?

ARTÙ(Facendo l'occhietto)

            Come niente, e la cuoca?

LANCILLOTTO

            Come la cuoca?

ISIDE (Inchinandosi)

            Perdonate Maestà, è che Sir Lancillotto m' ha rimbambito di chiacchiere e m'ha toccato er        petto ...

ARTÙ

            Bravo! E poi che fai, sul più bello molli la presa? E no! E NO!

LANCILLOTTO

            No Maestà, è solo che pensavo che, insomma ...

ARTÙ

            Ma non fare il timido! Che fai, adesso perche' sono arrivato io, fai i complimenti?

            Te danno fastidio i ragazzi che giocano? Li facciamo smettere! CAVALIERI!

CAVALIERI (Alzandosi)

            VIVA IL RE! VIVA IL RE! VIVA IL RE!

ARTÙ

            Abbassate la voce che disturbate Lancillotto!

CAVALIERI

            Sì Maestà!

E si rimettono seduti a giocare ma Parsifal continua a fissare il vuoto ...

ARTÙ

            Va bene così?

LANCILLOTTO

            M 'veramente nun è che c'era bisogno deee ...

ARTÙ

            Non fare i complimenti... Hai qualche desiderio particolare? Iside!

ISIDE

            Sì Maestà?

ARTÙ

            Hai preparato qualcosa di speciale per il nostro Lancillotto?

ISIDE

            Veramente no Maestà... Ma se vuole ...

ARTÙ

            MALE! Provvediamo eh?

ISIDE

            Sì mio Sire ...

Artù prende sottobraccio Lancillotto ...

ARTÙ

            Che te va? 'Na matriciana, un bollito misto in salsa verde, 'na ciotolina de caviale, 'n carciofo      alla giudia, che te va?

LANCILLOTTO

            Ma no, niente, non c'e' problema ...

ARTÙ

            Sei stanco? Vuoi andare a riposare?

LANCILLOTTO

            Veramente proprio stanco stanco... no.

ARTÙ

            Ti hanno fatto vedere la stanza?

LANCILLOTTO

            Nnno.

ARTÙ

            ARIANNA!

ARIANNA (Accorrendo)

            Mi avete chiamato Vostra Maestà?

ARTÙ

            Senti Arianna, qua, andiamo male, eh sì, andiamo molto male... È possibile che nessuno ha      ancora fatto vedere la stanza a Lancillotto? Eh!? SHERATON!

SHERATON (Correndo)

            Sì Maestà?

ARTÙ

            Ma insomma, nessuno ha fatto vedere le stanze a Lancillotto, nemmeno te che è il campo          tuo! E andiamo pensa se lo sapesse papa' ...

Sheraton sta per replicare ma entra Arianna ...

ARIANNA

            Sarò lieta di accompagnarlo io... se vostra Maestà volesse indicarmi quale preferisce ...

ARTÙ

            Brava. Adesso Arianna ti porta a fare un giretto nelle stanze più belle... Oh, intendiamoci, se          poi non ti piace l'arredamento, la tappezzeria, le tende, non c'e' problema, le cambiamo! Io     consiglierei quella con vista sul fiume che è fresca d'estate e calda d'inverno eh? Hai capito      Arianna?

ARIANNA

            Sì Maestà.

ARTÙ

            Ah! Dimenticavo ...

            Avvicinandosi all'orecchio di Lancillotto ...

ARTÙ

            Per la cuoca, Iside, non c'e' problema, se vuoi dopo che ti ha preparato qualcosa di buono, te    lo faccio portare in camera eh? Contento?

I CAVALIERI (alzandosi)

            NOOOO!!! BUUUUHHH!! MA CHE SCHERZIAMO! NOOO!

ARTÙ

            SILENZIO! Come vi permettete, sono il Re e faccio come cazzo mi pare!

TUTTI

            Sì Maestà, MA LA CUOCA NO!

            Non potete farlo!

            È vero!

            Giusto!

           

ARTÙ

            Va beh, poi vediamo; per ora diciamo che la cuoca non si tocca... per ora.

TUTTI (Sospirando di sollievo)

            AAAAHHHHH... Grazie Sire!

ARTÙ

            Allora Arianna, mi raccomando eh? Noi ci vediamo a cena.

LANCILLOTTO

            Grazie Maestà ...

ARTÙ (Ripensandoci)

            OH!

LANCILLOTTO

            Sì?

ARTÙ

            Guarda che anche Arianna non è niente male eh? C'ha due, c'ha due... cheee... guarda, c'ha    due polpacci così! Forse è pure mejo... insomma, non fare complimenti eh?

LANCILLOTTO

            Maestà... Siete troppo generoso che me se confondono l'idee n'antra vorta ...

ARTÙ

            Ma lascia stare, per un cavaliere come te, questo e altro!

            Prendete esempio da Lancillotto!

Tutti si alzano, sempre meno Parsifal.

CAVALIERI

            VIVA IL RE! VIVA IL RE! VIVA IL RE!

Artù esce dalle cucine.

SHERATON (Rimettendosi a sedere)

            Maaa... secondo voi, prendiamo esempio nel seno che andiamo tutti a tocca' le zizze alla         cuoca?

ISIDE

            Spiritosi!

Lancillotto scuote Parsifal.

LANCILLOTTO

            OH! Guarda che se n'annato.

Ma Parsifal questa volta non dà segni di vita.

LANCILLOTTO

            Me sa che stavolta c'ha le visioni sul serio ...

MADOR

            Ho capito va, pure oggi la partita ce la scordiamo ...

Poi si guarda con gli altri e allunga la mano per prendere gli scudi di Parsifal che velocissimo gli blocca la mano con un tonfo.

PARSIFAL (Senza spostare lo sguardo)

            Che fai? Io parlo con Nostro Signore e tu me freghi i soldi?

MADOR

            Hai capito? Guarda che nessuno ti stava fregando niente, era solo per vedere se avevi le           visioni sul serio. Ma chi te li tocca gli scudi.

PARSIFAL

            Chi te li tocca, chi te li tocca e intanto li stavi toccando... perdonalo Signore perché non sa quello che fa ...

MADOR

            Ho capito. Andiamo va, che tra poco è ora della riunione. Lancillotto?

LANCILLOTTO

            Tra quant'e' 'sta riunione?

GARRETT (Guardando l'orologio)

            Traaa ... 'na mezzoretta.

LANCILLOTTO

            Vabbe', faccio in tempo a famme 'na doccetta. A dopo. Ciaoooo ...

E tutti escono dalla cucina... Parsifal e Iside restano. Finalmente Parsifal abbassa lo sguardo e riassume una posizione normale. Si mette a contare gli scudi sul tavolo.

PARSIFAL

            Iside?

ISIDE

            Sì?

PARSIFAL

            Vieni un attimi no qua? Che è questa storia del mondo dello spettacolo?

            Canto, non canto, il diaframma, tutte le mani addosso... Lo sai che Nostro Signore non    approverebbe?

ISIDE

            Dici?

PARSIFAL

            E dico di si'! Iside?

ISIDE

            Sì?

PARSIFAL

            Pensa che con te andrei anche a cercare il Graal ...

ISIDE

            Sì?

PARSIFAL

            Preghiamo va.

I due si inginocchiano insieme rivolgendo lo sguardo al cielo con le mani giunte, poi Parsifal, dopo un momento, si gira verso la cuoca ...

PARSIFAL

            Come sei bella Iside... lo sai che certe volte mi ricordi mamma mia ...

ISIDE

            Sì?

BUIO

MUSICA ...

Gioco di luci mentre la scena si trasforma nel ...

QUADRO DECIMO

NEL SALONE DELLA TAVOLA ROTONDA

Scende nel buio un gigantesco megascreen al centro del salone della Tavola Rotonda dove una sigla ci annuncia l'inizio del notiziario... Appare in tutta la sua maestosità SANDRO CIOTTI con tanto di elmo in testa. Seduti sulle sedie e sparsi compaiono tutti i cavalieri, Merlino, Anacleto, Lancillotto e il Re. Squilli di trombe e sigla di "CORNOVAGLIA NEWS"

CIOTTI

            Buongiorno a tutti e benvenuti a cornovaglia News. Passo subito alle ultimissime      dall'interno. Re Idris è rimasto vittima di un attentato mentre si recava in visita a Camelot:     gli Scoti hanno sterminato il suo corteo tagliando più di mille teste impalandole lungo la      strada che porta da Carleon a Camelot.

Artù si gira minaccioso verso i cavalieri... Ciotti guarda anche lui i cavalieri malissimo ...

ARTÙ

            Ma è possibile che dobbiamo fa' sempre 'ste figure! Che v'avevo detto io? Che je avevo          detto io? (A Ciotti) Che dovevate anda' incontro a Re Idris! Come se fa in tutti i Regni che si rispettano!

LANCILLOTTO

            E non facciamoci sempre riconoscere!

ARTÙ

            Che c'entri te?

LANCILLOTTO

            Come che c'entro... confermavo vero ...

CIOTTI

            Posso?

ARTÙ

            Vada vada ...

CIOTTI

            Grazie. Passiamo ai risultati e alla classifica della settima giornata di torneo ...

Artù, Merlino e tutti i cavalieri sono pronti, schedine alla mano.

CIOTTI

            Il montepremi di questa settimana è di un miliardo e settecentoventisettemila scudi.

TUTTI

            E VAAAAAAAIIIIIIII!

CIOTTI

            Sir Kay batte Sir Griflet due atterramenti a zero. UNO.

ARTÙ (A Galvano)

            Imbecille! Lo vedi che c'avevo ragione io! M'hai fatto mette' due ...

CIOTTI

            Ser Lucano - Re Bandegoris, una mazzata a quattro: due. Re Melot - Re Nentres, tre a tre,        ics.

SHERATON

            Oh, ancora uno e faccio il pieno! Oddio mi sento male ...

CIOTTI

            Sir Ector batte Sir Morganor una mazzata a zero, uno.

MADOR

            Noooo, non è mica giusto! Guarda qua, per un punto, ma porc ...

ARTÙ

            E zitto 'n po'! Famme senti la classifica.

CIOTTI

Vediamo quindi come si è mossa la classifica dopo la settima giornata di torneo: Sir Ector con venti sette punti ha scavalcato Re Bandegoris fermo a venticinque; a pari punti un terzetto formato da Melot, Morganoris e Griflet a venti punti. Chiudono la classifica Sir Kay, Sir Lucano e Re Nentres. Sarà interessante vedere la prossima settimana lo scontro al vertice tra Ector e Bandegoris. Per questa edizione è tutto, grazie dell'ascolto e a risentirci questa sera.

Artù spegne con il telecomando il megascreen che risale mentre i cavalieri parlano tutti insieme commentando i risultati.

COMMENTI A SOGGETTO DEI CAVALIERI

ARTÙ (A Galvano)

            M'hai fatto sbagliare un'altra volta, io non ti devo dare retta, la schedina la devo giocare da          solo! Da domani ognuno per sé, basta coi sistemi, le cose scientifiche, e soprattutto basta         con le profezie di MERLINO!

            Oh, da quando sono Re avessi azzeccato un pronostico, un risultato, niente!

Merlino fa la faccia offesa mentre Anacleto ride divertito.

LANCILLOTTO

            Ma la regina?

ARTÙ

            Ma che te frega? La regina dorme!

LANCILLOTTO

            A quest'ora?

ARTÙ

            Sì, pennica dopo colazione, pennica dopo pranzo, pennica dopo la merenda, pennica           sempre! Basta che magna qualcosa... BUM! Pennica! S'abbiocca, va bene?

LANCILLOTTO

            Ma nun è che magna pe. rche' s'annoia?

ARTÙ

            No! La riunione è sciolta. Cavalieri, ci vediamo a cena!

TUTTI

VIVA IL RE! VIVA IL RE! VIVA IL RE!

ARTÙ

            SSSSHHHHHH! E ZITTI! A proposito, ricordatevi che dopocena ci sarà il party in onore di         sir Lancilotto per festeggiare il suo ingresso alla Tavola Rotonda ...

CAVALIERI

            Sì Maestà! VIVA IL RE! VIVA IL RE! VIVA IL RE!

E Artù esce di scena accompagnato da una musica trionfale ...

CAVALIERI (A soggetto)

            Oh, tu che te metti?

            Ma che è, una cosa elegante? Bisogna chiedere a Merlino .. _

Rientra Artù ...

ARTÙ

            OH! Mi raccomando, mo' non facciamo che passate tutta la giornata a che me metto che te    metti... Una cosa sciolta ...

Su questi commenti scende il buio e ricompare l'esterno del castello di Camelot ..

MUSICA TRIONFALE

QUADRO UNDICESIMO

IL COMPLOTTO

Morgana e Mordred discutono passeggiando fuori delle mura, lontani da occhi e orecchie indiscrete ...

MORGANA

            Lo sento, Oh Mordred se lo sento... l'ora è giunta oh mio signore ...

            Dobbiamo agire... La odio, la detesto, la ucciderei con le mie stesse mani!

            La mia rabbia cresce come la marea del mare del Nord quando la luna lambisce e sue coste.

Mordred si ferma e prende la mani "artigliate" di Morgana, osservandola negli occhi ...

MORDRED

            Calmati e frena i tuoi ardori, non possiamo commettere errori.

            In questo momento così delicato dobbiamo restare freddi come un gelato.

MORGANA

            Mordred, ma che palle co' 'ste rime!

MORDRED

            Se la rima mi viene, non è eccezionale, è solo un fatto normale, io sono spontaneo, rustico,      vero, son come mi vedi. son il cavaliere Nero!

MORGANA

            Vabbe', ho capito, non c'e' speranza ...

            Mio unico tesoro, mio unico e prode, coraggioso cavaliere, devo celare dalla mia vista quella           grassa visione, quella donna indegna di essere regina, quella grassona che riempie de corna           il Re e che tutti pensano casta e pura ...

MORDRED

            Hai ragione su questo, anch'io la detesto, ma dobbiamo trovare il pretesto per mandarla al     capestro!

MORGANA

            La mia mente perversa ha già architettato un diabolico piano: questo Lancillotto è chiaro che     è già ai suoi piedi... mi è bastato uno sguardo per capire... sono o non sono più strega che     fata?

MORDRED

            E come l'hai pensata?

MORGANA

            Faremo in modo che il Re entri nella stanza della maialona non appena si sarà concessa a       Lancillotto, e così il Re davanti all'indegno spettacolo di due corpi avviluppati in un         groviglio di carni nude ...

In un crescendo di eccitazione avviluppandosi a Mordred che cerca di non lasciarsi andare ...

MORDRED

            Morgana calmati, che ti prude?

MORGANA (Senza prestargli attenzione)

            ... mentre le possenti braccia di Lancillotto affonderanno nelle volgari cicce di quella zotica    villana ripulita e mentre lei gemendo grugnirà come una maiala sotto i colpi violenti, decisi,   ripetuti di quella besssstia ...

MORDRED

            ... a cui spaccherò la testa ...

MORGANA

            ... arriverà Artù e dovrà inorridire e strapparsi gli occhi e i capelli, urlare, disperarsi,       sguainare Excalibur, la sua magica spada ...

MORDRED

            ... che nello stomaco dei due amanti sarà affondada ...

La rima forzata blocca Morgana che guarda malissimo Mordred ...

MORGANA

            Affonda-TA!

MORDRED

            Era per avere la rima baciata... Che t'ha disturbata?

MORGANA

            Mordred, ma vaffanc ...

Fa per andarsene ma Mordred la ferma incalzandola ...

MORDRED

MORGANA! Morgana, quando ArtÙ sarà disperato e Ginevra avrà infilzato, io chiederò che Lancillotto infame traditore, sia processato ed impalato come usurpatore!

MORGANA (Tornando ad eccitarsi)

            E dimmi, dimme, quando sarai finalmente solo mio... quando potrò godere della tua virilità?

MORDRED

            Quando sul trono del rosso il culo avremo messo vedrai che sarà più bello fare sesso!

MORGANA

            Sì, pero' non potremmo anticipare?

MORDRED

            Non ti scaldare ...

MORGANA

            ... un antipasto voluttuoso ...

MORDRED

            ... mi sembra pericoloso ...

MORGANA

            ... morbidi baci, languide carezze ...

MORDRED

            ... non è il momento di tenerezze ...

           

MORGANA

            ... non ce la faccio piuuuuù! Devi essere mio, mio, MIOOOOOOO! ORAAAAA!

Balzando addosso a Mordred e finendo a terra sul prato ...

MORDRED

            Noooooo mia signora!

MORGANA

            Sììììììììììì!!!!!!!!!!!!!

Le urla dei due vengono soffocate da una musica TECNO violentissima che invade la sala insieme ad un fumo denso che annebbia il castello che ...

MUSICA TECNO

QUADRO DODICESIMO LA FESTA

... si apre su una magnifica festa! Una rete nera è al centro del salone della Tavola Rotonda. Le luci da discoteca sembrano impazzite, tutti sono vestiti da locale dark neyorchese ...

MUSICA TECNO

Sulla rete si arrampicano a ritmo di musica Arianna ed Iside; sono abbigliate in guepiere nere, calze nere e reggicalze, tacchi a spillo... L'atmosfera è sensuale, erotica, trasgressiva ...

Parsifal indossa un completino leopardato, occhiali neri e scrocchia una frusta da circo nell'aria tra le due ragazze sulle reti... Tutti hanno un calice in mano, bevono, ballano ...

Come in tutte le feste ci sono dei gruppetti separati; Merlino con Anacleto che controlla un po' tutti, in particolare Artù; i cavalieri intenti ad osservare le due ragazze sulla rete; Ginevra con Lancillotto, Morgana e Mordred che li spiano e Artù che si aggira. Parsifal vaga adesso per il salone; è un po' brillo e controlla tutti i calici di tutti: non si sa mai, fosse il Graal ...

MORDRED

            Ho torto oppure sento un paio di tortore reali tubare, tra una coppa di vino ed un ballo           esemplare?

MORGANA

            Non hai torto; la trappola per le nostre tortorelle sta per scattare ...

Arriva Parsifal che afferra prima la coppa di Morgana, quindi quella di Mordred, le controlla e le vuota contestualmente, trangugiando il vino tutto d'un fiato per guardare meglio dentro ...

MORDRED

            Ma che stai facendo, non vedi che stai rompendo?

PARSIFAL

            Controllo che non sia il Graal: non si sa mai, cerchi cerchi, e magari ce l'hai sotto il naso!   Perdonali Signore! Son solo delle bestie ...

E si allontana... Ritorna indietro ...

PARSIFAL

            Ah! Morgana, volevo dirti che io con te, andrei anche a cercare il Graal ...

E se ne va prima che Mordred e Morgana possano replicare ...

Poco lontano Lancillotto e Ginevra si scambiano languidi sguardi ...

GINEVRA

            Che cos'e'?

LANCILLOTTO

            Una vecchia moneta.

GINEVRA

            Oh com'e' bella, quanto me piace ...

LANCILLOTTO

            È vostra.

GINEVRA

            No! Ma davero? Me confondete, me fate diventa' tutta rossa, 'na bracia ...

LANCILLOTTO

            Si me permettete ve la cingo ar collo co' le mie medesime mano.

GINEVRA

            Si ve permetto? Ce mancherebbe, siete il mio campione no?

            Lancillotto mette la medaglia al collo della regina.

GINEVRA

            Brrrr che brrivido ...

LANCILLOTTO

            De piacere?

GINEVRA

            No, de freddo. C'avete le mano fredde, e io so' così delicata de pelle.

            Datemele un momento che ve le riscaldo ...

Poco distante il Mago Merlino appare preoccupato ...

MERLINO

            Aiaiaiaiai come la vedo male, lo sapevo che andava a finire così, il globo non si sbaglia.            L'avevo detto a quella testa dura di Arturo, quando mi disse che voleva sposarla a tutti i          costi... quella non era proprio ...

Anacleto ride interrompendolo ...

MERLINO

            Anacle', guai a te se ti fai scappare una parola!

ANACLETO

            Non ex gufi siamo muti come pesci!

MERLINO

            E mo si 'no zoo! Guarda che poi ti faccio tornare gufo eh?

ANACLETO

            Basta che non te sbagli pure stavolta e me lasci mani e piedi ...

MERLINO

            Bada a come parli! Io sono l'unico, l'autentico, il supremo ...

ARTÙ (arrivando)

            Ma che c'hai da strilla'!? Fai più casino te che tutta la musica che soneno!

MERLINO

            Oh Maestà! Niente, si commentava la festa! Davvero bella, riuscitissima!

            L’avete assaggiato il mio punch alle erbe?

ARTÙ

            Ma che te va de scherza!

            Merlino, hai visto per caso la Regina?

MERLINO

            Eccola qua la vostra signora e Regina!

Sopraggiunge infatti in quel momento Ginevra seguita da Lancillotto ...

ARTÙ

            Ma dove eri finita?

GINEVRA

            Scambiavo du’ parole con la mia scorta, me stava racconta' de Roma; ce siamo fatti prenne     dai ricordi ...

Sopraggiungono anche Morgana e Mordred ...

MORGANA

            Milady, portate un nuovo collare stasera ...

ANACLETO (A Merlino)

            Collare? Ma che e', un cane?

MERLINO

            SSShhhh! A cuccia, gufo!

MORGANA

            Posso ammirarlo?

GINEVRA

            Fate 'n po' ...

MORGANA

            Una vecchia moneta, un curioso monile. Solo un innamorato può dare un pegno così insolito     alla sua donna.

ARTÙ

            Non l'avevo notato. Ma che è 'sta roba?

MORGANA

            Fate un simile regalo e non lo notate quando è indossato in vostro onore?

GINEVRA

            Me l'ha regalato Lancillotto, non il re.

MORGANA

            Lancillotto?

ARTÙ

            Lancillotto? E come mai?

LANCILLOTTO

            Maestà, per la regina, questo e altro ...

ARTÙ

            Allora diciamo che questo va bene... l'altro, te lo tieni per te ...

LANCILLOTTO

            Sì Maestà.

MORGANA (A Lancillotto)

            Potessi indurvi io a farmi simili doni.

            Come potrei meritarmeli? Se vi compiacessi nella danza, potrei forse sperare?

GINEVRA

            Ma come parla?

LANCILLOTTO

            Sono già vostro debitore.

            Prende Morgana per un braccio e la conduce al centro del salone a ballare una tecno   scatenatissima ...

MORDRED (Avvicinandosi a Ginevra)

            Milady, mi fate l'onore di un ballo, voi che siete la più bella?

GINEVRA

            Ufffffhhh, si proprioinsistete Cavaliere Nero, vi concederò della mia persona il piacero            (ride)

I due si allontanano

ARTÙ

            E io mo co' chi dovrebbe balla', cor gufo?

ANACLETO

            Se sua Maestà lo desidera ...

ARTÙ

            Ma te sei visto? E vattene va...

Fissando poi la regina che balla con Mordred.

ARTÙ

            Guarda là, prima la moneta da Lancillotto, poi balla con Mordred, tie', guarda come si agita   va, pure con quel metallaro fa la stupida, ma ti pare possibile?

MERLINO

            Maestà, è una festa, la regina ha dei doveri,

            deve mettere a loro agio i convitati!

ARTÙ

            Sì, ti ci metti pure tu ora eh? La difendi!

MERLINO

            Maestà, sta solo ballando, fa gli onori di casa.

ARTÙ

            Mannaggia a me mannaggia, te dovevo dà retta, tu me lo dicesti, oh, una volta che avevi         indovinato, non t'ho dato retta!

MERLINO

            Troppo buono Maestà ...

ARTÙ

            D’altronde caro Merlino non è detto che con un' al tra sarebbe andata meglio... le donne          sono tutte uguali, come diceva quel padre di cinque gemelle ...

La musica si abbassa e si trasforma in una dolce melodia... le figure alla festa continuano a muoversi come delle silhouettes... Artù, a lato del palco, sembra rapito dai suoi pensieri ...

ARTÙ

            ... Le donne: quante ne ho salvate? Te lo ricordi? Principesse, popolane, donzelle, quante         donzelle... quante?

MERLINO

            Direiii... più o meno ...

ARTÙ

            Grazie,

            Tu ti chiederai se sono geloso. Io geloso? (ride poi improvvisamente serio) Sì!

            Che non vuol dire essere antichi; io sono aperto,

            ma pure lei pero'... anche troppo. È per questo che busso sempre prima di entrare nelle sue          stanze anche se poi istintivamente vado subito a guardare nell'armadio... lo non sono     sospettoso: è la fiducia che me manca!

            Infatti in camera al posto degli armadi avrei voluto tutte cassettiere. Poi volevo vede' come      faceva!

            Certo tu me lo avevi detto che era una donna, carina, simpatica, estroversa, generosa,         insomma una che amava la compagnia .... Ma va a pensa' che si riferiva all'esercito!

            Ho scoperto che da giovane la chiamavano la patente: la prima cosa che uno se fa appena        compie diciott'anni.

            Merlino, tu mi dirai che qualche avventura aiuta a far crescere il rapporto... Sì! In altezza!       (gesto)

            Adesso ho capito perché la mia terra si chiama Cornovaglia!

           

Artù si allontana inseguito da Merlino ...

MERLINO

            Maestà! MAESTÀ! ASPETTATE!

Riparte la musica TECNO forte ...

Entra da dx

MUSICA TECNO

Si allontanano mentre la nostra attenzione si porta su Ginevra che lancia un'occhiata a Lancillotto... i due si avvicinano mentre lentamente durante il loro dialogo cambiano le luci e il castello di Camelot si chiude... e sempre lentamente ecco riapparire il bosco ...

SFUMA MUSICA TECNO

LANCILLOTTO

            In questo mondo buio e senza scrupoli tu sei l'unica luce de purezza ...

GINEVRA

            Ma do' le trovi 'ste parole?

LANCILLOTTO

            Sei tu che me le tiri fori... dal fondaco della mia anima.

GINEVRA

            Me fai diventa' tutta 'n foco ...

LANCILLOTTO

            Come t'ho vista me so' stranito...

GINEVRA

            Che te devo di', uguale pe' me ...

LANCILLOTTO

            Certo che tutto avressi potuto immagina', tranne che de fa' cornuto il Re che cercavo da 'na             vita!

GINEVRA

            La vita certe vorte è proprio straniera ...

LANCILLOTTO

            La vita è 'na vecchia mignotta ...

GINEVRA

            Ora che m'hai messa tutta sottodesopra, che famo?

LANCILLOTTO

            E che famo... te porto via ...

GINEVRA

            E indove?

LANCILLOTTO

            Indotepare ...

GINEVRA

            Sì! Sì! Portami via ...

Ora il bosco è interamente a vista: parte una dolcissima musica blues... ·

CANZONE

GINEVRA e LANCILLOTTO CANTANO

- Portami via con te -

I Cavalieri compaiono alle loro spalle insieme ad Arianna, la cuoca, Merlino e Anacleto... accendono gli accendini muovendoli in stile concerto live ...

Le luci sfumano su Lancillotto e Ginevra che si tengono per mano romanticamente e si avvicinano lentamente per darsi un bacino sulle labbra che conclude la musica mentre F. C. ci giunge un brusio in crescendo insieme al buio ...

BRUSIO CRESCENDO

GINEVRA e LANCILLOTTO

L. Portami via con te con te

Lunghe carezze io voglio da te ù

per dar senso alle mie notti mh mh mh insieme a te

G. E poi

Se tu lo vuoi

scriviamo una storia d'amore

L. E poi

niente tra noi fermarsi mai, si potrà

G. Portami via con te con te

L. da troppo tempo un sogno c'e' in me

G. /L. desiderio di volare senza un perché

SOLO PIANOFORTE E BALLETTO GINEVRA

G. /L. Portami via con te, con te

G. Fammi capire l’amore cos’è

G. /L. E la vita è meno amara senza di te

SOLO PIANO E BALLETTO DI TUTTI E DUE

Le luci sfumano su Lancillotto e Ginevra che si tengono per mano romanticamente e si avvicinano lentamente per darsi un bacino sulle labbra che conclude la musica mentre F. C. ci giunge un brusio in crescendo insieme al buio ...

BRUSIO CRESCENDO

QUADRO TREDICESIMO

IL TORNEO

... continua il crescendo del brusio mentre una voce fuoricampo annuncia...

SPEAKER OFF

            Signore e signori, benvenuti a Camelot in occasione del torneo amichevole in onore   dell’ingresso alla Tavola Rotonda di Sir Lancillotto del lago. Vi ricordiamo che l’incasso          sarà devoluto in beneficenza all'associazione per il recupero delle Sorelle di Norcia

SQUILLI DI TROMBE

Il bosco si apre e sulla scena compaiono le tende dove sono ospitati gli spettatori del torneo. Al centro, la tenda reale...

Riconosciamo Parsifal, Arianna, Iside, Merlino, Anacleto, Morgana, Galvano. Altro squillo di trombe

SQUILLO DI TROMBE

SPEAKER OFF

            Sua maestà Re Arturo. Re di Britannia e Imperatore di Roma e sua graziosità la regina Ginevra sua consorte

Nella tenda reale fanno il loro ingresso i reali... Tutti applaudono.

APPLAUSI

Ai lati del palco sono schierati Mordred, Lancillotto, Garrett, Sheraton e Mador. Si inginocchiano all’ingresso dei reali.

Artù si rivolge e Galvano che non trova schierato con gli altri cavalieri, ma che se ne sta comodamente seduto nel palco reale.

ARTÙ

            E te che stai a fa’ qua?

GALVANO

            Come?

ARTÙ

            Perché non fai il torneo come tutti?

GALVANO

            È che non sto molto bene, forse ho anche un po’ di febbretta... Mi sa ch eho preso freddo alla         festa ieri sera zio.

ARTÙ

            Zio eh? Il solito lavativo...

GINEVRA

            Ma lassalo perde’, je stai a dà il tormento a ‘sta creatura!

ARTÙ

            La creatura eh? Questa è colpa tua che je le dai sempre tutte vinte!

GALVANO

            Grazie zia.

ARTÙ

            SI DIA INIZIO AL TORNEO

Lancillotto si avvicina alla tenda reale...

ARTÙ

            E mo che c’è?

LANCILLOTTO

            Chiedo alla vostra Graziosissima Maestà di prendere i vostri colori e combattere come   vostro campione

ARTÙ

            E mo’ che è questa ripetizione... e già l’abbiamo detto che sei la scorta, mo che voi?

MERLINO

            Maestà, è il protocollo, si fa così prima di ogni torneo...

ARTÙ

            Lo so lo so... Vabbé, allora sei assoggetato ai colori della regina, a Gine’, dagli ‘sto      fazzoletto se no qui non si fa mai giorno...

GINEVRA (Porgendo il fazzoletto)

            Vai mio campione, vai e vinci co’ li miei colori.

Lancillotto lo prende, lo bacia e lo annoda intorno al polso, quindi si inchina e si porta in posizione. Sguardi ammiccanti tra Morgana e Mordred mentre Merlino scuote la testa e Anacleto sogghigna.

SQUILLI DI TROMBA

Ai due lati del palco si preparano Sir Mador e Sir Garrett.

Quest’ultimo lancia un’occhiata ad Arianna che gli sorride.

Cavalli al galoppo...

MUSICA TRIONFALE

Sir Garrett fa cadere a terra Sir Mador.

APPLAUSI E COMMENTI A SOGGETTO

Ora è la volta di Sir Sheraton sempre contro Sir Garrett.

SQUILLI DI TROMBA

I cavalli partono al galoppo...

MUSICA TRIONFALE

Si Garrett butta a terra anche Sir Sheraton tra l’entusiasmo generlae, in particolare Arinna si lascia andare ad un

ARIANNA (Gridando e battendo le mani)

            BRAVO! BRAVO! SII O CHIUù FORTE! O CHIU’ BELLO!

Tutti si girano a guardarla ed Arianna cerca di darsi un contegno battendo le mani ora con molta discrezione.

Mordred che si sta preparando passa con lo sguardo da Arianna a Garrett, sorridendo malignamente. Ginevra fa l’occhietto a Lancillotto che fa gesti come per dire... “So’ ragazzini, che ne sanno”...

SQUILLI DI TROMBE

Mordred parte violentissimo e atterra Sir GArrett con una mazzata eccessiva tra un...

TUTTI

            OOOOOOOOOHHHHH...

... generale

ARIANNA

            NOOOOO!!! Non è regolare.

Mordred sorride soddisfatto. Lancillotto si avvicina ad Arianna e le sussurra nell’orecchio qualcosa. Ginevra osserva ingelosita...

LANCILLOTTO

            Non vi preoccupate damigella che mo je do ‘na bella sistemata io, così impara a usa‘ la mazza... A proposito maaaa dopo se...

... e non riusciamo a sentire più quello che le dice; in compenso Arianna parte con un ceffone micidiale che gli fa girare la testa.

Lancillotto si porta in posizione...

LANCILLOTTO

            Ammazza oh! Vai a fare del bene alla gente vai...

           

Sorride a Ginevra che però volta il viso dall’altra parte, ingelosita

LANCILLOTTO (tra sé e sé)

            Daje ...

SQUILLI DI TROMBE

MUSICA TRIONFALE

Lancillotto e Mordred partono al galoppo... Il cavaliere nero grida come u pazzo... I due cadono a terra entrambi...

Scompaiono un attimo dietro le quinte tra la tensione generale e riescono immediatamente dopo armati di mazze e scudi.

MUSICA TRIONFALE

Mordred è molto forte e sopratutto violentissimo. Capiamo che Lancillotto deve appellarsi a tutta la sua maestria per tenergli testa... L’atmosfera è tesa... Morgana sorride tronfia e soddisfatta.... Lancillotto sembra che stia per avere la peggio... Tutti gridano un “OOOOOOHHHH” ad ogni colpo...

MUSICA CRESCENDO

Ma ecco che proprio quando Lancillotto sta per soccombere...

LANCILLOTTO

            ATTENTO CHE STANNO A TOCCA’ ER CULO A MORGANAAAAA!

MORDRED (Bloccandosi)

            CHI!?

Lancillotto velocissimo approfitta e lo fa cadere a terra con uno sgambetto...

ARTÙ

            Ammazza com’ha abboccato...

Mordred è furioso. Tutti applaudono e gridano.

APPLAUSI E GRIDA

MORDRED

            Far così non è corretto... mi ha fatto lo sgambetto!

LANCILLOTTO

            UUUUUUUH come la fai lunga, è un gioco... oh, mica ce vole sta’. A Mordred, hai perso? E            falla finita!

MORGANA

            Non vale! NON VALEEEE!

Artù fa cenno di fare silenzio.

ARTÙ

            SILENZIO! Dichiaro il torneo concluso e proclamo vincitore Sir Lancillotto del Lago!

APPLAUSI

            Mordred sta per scagliarsi ma Morgana lo trattiene

MORGANA

            Trattieni la tua ira mio eroe: verrà il tempo anche per la vendetta...

Una musica e un brusio iniziano a diffondersi in sala...

"... ECCHISSENEFREGA!"

GRUPPO "A": SHERATON-MADOR-GALVANO-GARRETT

GRUPPO "B": GINEVRA-MORGANA-ARIANNA-ISIDE

GRUPPO "C": ARTÙ-LANCILLOTTO-MERLINO-ANACLETO-PARSIFAL

Gruppo A

QUESTA VITA MEDIEVALE

E' DAVVERO NIENTE MALE QUI SE MAGNA A VOLONTA' NON CE STATE A MASSACRA'

Gruppo C

ECCHISSENEFREGA... ECCHISSENEFREGA

Gruppo B

INGRASSARE NEL CASTELLO

NON CI SEMBRA MOLTO BELLO GUARDA UN PO' COS'E' MERLINO COLOR ROSA PORCELLINO

Gruppo C

ECCHISSENEFREGA... ECCHISSENEFREGA

FAR LA GUERRA NON CI PIACE NOI VOGLIAMO STARE IN PACE SE UN PERICOLO POI C'E' CHE S'ARRANGI IL NOSTRO RE

Gruppo A

Gruppo C

ECCHISSENEFREGA... ECCHISSENEFREGA

Gruppo B

LO SAPPIAMO CHE TRA VOI NON CI SONO CERTO EROI SIETE COME DEI PORCELLI SIETE MICA TANTO BELLI

Gruppo C

ECCHISSENEFREGA... ECCHISSENEFREGA

ORCHESTRA

balletto

Gruppo A e B

... MA COMUNQUE STIAMO BENE NEL CASTELLO TUTTI INSIEME

TRA GLI INTRIGHI E OSCURE TRAME CHI CE SMONTA ‘STO REAME

Artù

ECCHISSENEFREGA... ECCHISSENEFREGA

GRUPPI A - B - C - STIAMO BENE A CAMELOT SENZA BANCHE E SENZA BOT QUI NON SCIOPERA NESSUNO ALLA FACCIA DI QUALCUNO

TUTTI

ECCHISSENEFREGA... ECCHISSENEFREGA

ARTÙ

            ONORE E GLORIA AL NOSTRO DIFENSORE PIÙ VALOROSO, ALL'EROE DI           CAMELOT! LANCILLOTTO!

Ginevra parte con un isterico applauso: questa volta è lei che tutti si voltano a guardare ...

ARTÙ

            BE'?

Tutti iniziano a schierarsi sul palcoscenico e ...

MUSICA

Ha inizio un travolgente Boogie Woogie!!!

COREOGRAFIA A DISCREZIONE DELLA COREOGRAFA

TUTTI CANTANO

"ECHISENEFREGA"(Jabada)

SIPARIO

FINE DEL PRIMO ATTO

" I CAVALIERI DELLA TAVOLA ROTONDA”

SECONDO ATTO

VIENI VIA

Sento che tanfo che c’è qua

non ci resisto più

ratti licheni mosche e guai

se insisti morirai

volo volo volo via ah ah

Le dame del castello

come in un gran bordello

creano solo guai

male male male sto oh oh

male male male sto oh oh

Se t’analizzi appena un po’

forse capisci che

improvvisare non si può

qui dentro a Camelot

vieni vieni vieni via

vieni vieni vieni via ah ah

QUADRO QUATTORDICESIMO

LA TRASFORMAZIONE

Su MUSICA iniziano ad abbassarsi le luci e a riaprirsi il sipario ...

MUSICA

... sul laboratorio di Merlino. Il mago è intento alle sue creazioni mentre Anacleto lo apostrofa cantando ...

CANZONE ANACLETO E MERLINO

MERLINO

            Ma tu che vuoi da me? Gufo malefico e jettatore, ma che deve succedere.

ANACLETO

            Chi è il mago? .. Indovina!

MERLINO

            UUUUUUUHHHH che scassamento co' 'sto mago. Ma è possibile che non c'hai altro da fare        che dare il cordoglio a me?

Entra Artù chiudendosi la porta alle spalle ...

MERLINO (Fa le corna)

            Tie'!

ARTÙ

            MERLINO!

MERLINO

            Oh Maestà! Siete voi?

ARTÙ

            Si sparla anche qui eh?

MERLINO

            Voi che dite Maestà?

ARTÙ

            Che pensi che non ti ho visto?

MERLINO

            Sire, guardate che vi state sbagliando, io ...

ANACLETO

            È vero Maestà, vedete, Merlino stava ...

ARTÙ

            ZITTO TE!

Anacleto allarga le ali e si zittisce ...

MERLINO

            Ma Sire ...

ARTÙ

            ZITTO ANCHE TU!

            È una congiura, lo sanno tutti! TUTTI! Anche tu che dovresti essere il mio consigliere, il   mago di corte, colui che mi protegge dai complotti, dalle malelingue, eccolo la'!        VERGOGNA! Dare del cornuto al tuo RE!

MERLINO' (Facendo il gesto)

            Oh! Ma voi vi riferite alle corna, guardate che ...

Artù gli prende la mano e la richiude ...

ARTÙ

            FERMO! Il nemico ci spia!

Si guardano tutti in giro ...

MERLINO

            SHHHHHH! Chi c'e'? Anacle', hai visto qualcuno?

ANACLETO

            No ...

ARTÙ

            Silenzio! Siamo circondati!

MERLINO

            Ma fossero arrivati gli Scoti!

ARTÙ

            Le mura hanno orecchie, occhi e labbra... Non va non va non va!

MERLINO

            Cosa?

ARTÙ

            Come cosa? TUTTO! Questo Lancillotto non mi convince; fai presto tu a dire che devo         trattarlo bene. Bravo! Bei consigli che mi dài; hai visto al torneo la regina come lo            guardava?

Merlino si scambia uno sguardo con Anadleto",

MERLINO (timidamente)

            Eeee... con gli occhi?

ARTÙ

            Il fazzoletto!

MERLINO

            O' fazzoletto Anacle'!

Anacleto allarga le ali ...

MERLINO

            Eccolo Maestà, è un po' stropicciato ma è pulito ...

Porgendolo ad Artù che neanche lo guarda, proseguendo nel suo delirio ...

ARTÙ

            Il fazzoletto!

MERLINO

            Eccolo Maestà!

ARTÙ

            ... grondava lussuria, da tutte le parti, era intriso, pregno, zuppo di lussuria! AH! Che ti credi         che sono stupido eh?

MERLINO

            Ci mancherebbe ...

E si soffia il naso con il fazzoletto... porgendolo poi ad Anacleto che si schifa e il mago lo ripone in tasca.

ARTÙ

            Ci vedo io, ah, se ci vedo .... E i cavalieri? Tutti vigliacchi! E Morgana? MI ODIA! E quel             cretino vestito di nero? Come si chiama?

ANACLETO

            Mordred.

ARTÙ

            Bravo! Chi sei tu?

ANACLETO

            Anacleto.

ARTÙ

            Perché non ti metti un cartellino pure te con il nome eh? Come si usa in tutti i Paesi civili.      Merlino?

MERLINO

            Sì Maestà, provvederemo ...

ARTÙ

            Che stavo a di'?

ANACLETO

            Mordred ...

ARTÙ

            E chi e'?

MERLINO

            Il cretino vestito di nero ....

ARTÙ

            E certo! E quello complotta! Tutti complottano! Non fanno altro! Mangiano e complottano,   complottano e mangiano... Mangiano ...

MERLINO E ANACLETO

            E complottano ...

ARTÙ

            E chi paga?

MERLINO

            Voi Maestà ...

ARTÙ

            Lancillotto assedia la mia regina, i nemici assediano il mio Regno, Morgana e Mordred         assediano il mio trono, i cavalieri assediano la mia cuoca, tutti assediano la cucina ...

MERLINO (Interrompendolo)

            ... e assediatevi un momento pure voi Maestà!

Aiutandolo ad accomodarsi su una sedia ...

MERLINO

            Voi lavorate troppo di fantasia, date retta a me.

ARTÙ

            Io non dormo più, ho gli incubi, non digerisco bene, ho bruciori dappertutto, mi gonfio,            guarda come sono gonfio... me vengono le chiazze rosse! C'ho le chiazze rosse?

MERLINO

            No.

ARTÙ

            MERLINO! CAMELOT È UNO SFACELO! ALTRO CHE OASI DI PACE, SERENITÀ E            GIUSTIZIA!

MERLINO

            Maestà! E datevi una calmata, rilassatevi, che a voi ci pensa Merlino ...

Anacleto scoppia a ridere ...

ARTÙ

            E le corna?

MERLINO

            AAHHHHH! Ma la vostra è una fissazione, guardate Maestà, facciamo una cosa, mi è        venuta un'idea che neanche ...

ARTÙ

            Che idea?

MERLINO

            Vi trasformo in Lancillotto!

ARTÙ

            Come mi trasformi?

MERLINO

            Preparo una bella pozione che farà precipitare Lancillotto in un sonno profondissimo... e       voi, con le sue sembianze ve ne andrete in giro per il castello a controllare come stanno         realmente le cose... Se ci sono complotti se la vostra regina... ci siamo capiti Maestà, vi     piace?

ARTÙ

            Maaaa... siamo sicuri che non se ne accorgono?

MERLINO

            Ma quando mai!

ARTÙ

            Non è che fa male eh?

MERLINO

            Ma voi volete scherzare? Non sentirete assolutamente niente!

ARTÙ

            Che me fate l'anestesia?

MERLINO

            E mica è un'operazione plastico! È una trasformazione magica... A proposito ...

ARTÙ

            E mo che è?

           

Merlino inforca un paio di occhialetti, prende un grande volume polveroso, lo spolvera, lo apre ed inizia a scorrerne le pagine leccandosi il dito osservato dai due con curiosità.

MERLINO

            Tragedie, tranelli, trappole, TRASFORMAZIONI! Eccole qua! Allora ...

ARTÙ

            Senti, se devi guardare il libro per sapere come si fa, è meglio che lasciamo stare, non vorrei          cheee ...

MERLINO

            Ma Sire! E' per la vostra sicurezza... È per non correre rischi! Voi vedete Anacleto?

ARTÙ (Alzandosi)

            Appunto, lasciamo stare ...

MERLINO

            Fidatevi, quello è venuto male proprio perché non abbiamo controllato il libro!

MERLINO (Imponendo le mani su Artù)

            Ocus focus cagna e faccis, arrabbattas nadra votas in perpetuae ...

ARTÙ (Interrompendolo)

            OH! Ma che stai a di'?

MERLINO

            È la formula Gaelica Yemenita Maestà!

ARTÙ

            Ma non si capisce niente!

MERLINO

            E va buono, ve la traduco, SSSHHHH! Concentrazione.

ARTÙ

            Aridaje ....

MERLINO

            OOOOMMMMMM... Potenze del cielo venitemi intorno, potenze del Male levatevi di       torno, potenze terrestri scappate dal forno ....

ARTÙ

            Dal forno?

MERLINO

            SSSHHHH! Ora che l'orizzonte è libero e le forze del bene aspettano serene, ora che tutto è             pronto dì sopra come di SOTTO... cambiate questo viso con quello di LANCILLOTTO!

Un BOATO incredibile e a seguire BUIO!

BOATO

Lampi e tuoni... si abbattono su Camelot mentre ci giungono risate sinistre dall'aldilà...

RISATE SINISTRE

Le note di una MUSICA genere Horror pervadono la sala. Un vento freddo arriva a lambire la platea insieme ad una nebbia bassa ...

MUSICA HORROR

Le luci si riaccendono lentamente sul ...

QUADRO QUINDICESIMO

L’INDAGINE

Nel salone della Tavola Rotonda troviamo Garrett, mador, Sheraton, Galvano e Parsifal. Sono seduti un po’ strvaccati, con i piedi sulla Tavola, chi praticamente sdraiato sulla sedia. Qualcuno fuma.

Una voce tuona nel salone...

ARTÙ/GINEVRA OFF

            Lo sapete chi sono?

TUTTI

            Sì!

GINEVRA

            Lo sapete chi sono?

TUTTI

            Sì!

GINEVRA

            LO SAPETE CHI SONO?

TUTTI

            SSSSSSSIIIIIIIIII!!!!!!!

Riparte la musica della canzone di Ginevra

ARTÙ/GINEVRA CANTANO

Quando si volta, scopriamo che sotto i panni e la parrucca della regina c’è Artù... Il re balla e sculetta come sua moglie, quindi si ferma in posa plastica. Si siede sulle gambe di Garrettt che improvvisamente parla in italiano forbito.

ARTÙ

            Lo sai che c’hai due occhi che me mannano ai pazzi

GARRETT

            Regina vi prego, non p acconcio sedersi così.

ARTÙ

Che nun te piaccio più eh?

GARRETT

            Voi siete la mia regina e devo portarvi il giusto rispetto senza valicare i limiti imposti dal      vostro rango.

Artù si alza e scivola voluttuosamente tra Mador e Galvano.

ARTÙ

            Stavo a pensa' de fa' 'n giro ner bosco; chi m'accompagna?

MADOR

            Mi dispiace regina ma abbiamo la riunione.

GALVANO

            Non credo sia una buona idea... zia!

ARTÙ

            SHERATON! TESOOORO! Ma quanto porti de torace... Perché ‘n fai ‘n salto 'n camera mia che te faccio vede 'na cosa?

SHERATON

            Aspettiamo il nostro amato Re; non ci possiamo muovere.

ARTÙ

            Il vostro amato re eh? Vabbe' ...

PARSIFAL

            Sapete regina, stavo notando una cosa... oh, non me n'ero mai reso conto, somigliate in   modo impressionante ad Artù: come i cani, che dopo un po' di anni, somigliano al padrone ...

GALVANO

            Lo dice anche il proverbio zia... a forza di vivere con Artù, gli somigli pure tu!

Garrett da uno scappellotto a Galvano ...

GALVANO

            AHIA! M'hai fatto male!

PARSIFAL

            Io ragazzi vi saluto perché mi è venuta un'idea

Tutti in attesa ...

PARSIFAL

            (Uscendo)... vado a cercare il Graal!

ARTÙ

            Insomma, la vostra regina vie' qua', ve chiede un minimo d'attenzione e voi la snobbate? Ma             com'e' che alla festa eravate tutti sdorcinati e adesso ...

VOCE OFF

            A INFAMONIIIIII!!! SOLE!?

Ed ecco comparire Lancillotto che si stira sbadigliando. Si ferma e fissa incredulo Artù che si trova proprio davanti a lui. I cavalieri si tengono a fatica dallo scoppiare a ridere. Artù è basito e muto.

LANCILLOTTO

            Aho! Sire, ma... che state a fa', le imitazioni? Aho, sta' a fa' le imitazioni! Anvedi che Re che     c'avemo, 'n ce posso crede... e chi se ne va da Camelot? V'ammazzate da ride' qua, eh?

ARTÙ

            No, è che... stavo provando, era uno scherzetto, una cosaaa... Unoooo spettacolino, così sai   le feste no? Festeggiamenti eee... pensavamo con Merlino di fare qualche imitazione, solo         che non è che ce vengono tanto bene... A proposito, avete visto Merlino?

SHERATON

            E credo cheee ...

ARTÙ

            Grazie... Merlino? MERLINOOOOOOOO!!!!!

TUTTI

            VIVA IL RE! VIVA IL RE! VIVA IL RE!

Andandosene arrabbiatissimo e attraversando il salone a grandi passi sollevando la gonna.

LANCILLOTTO

            E allora me stavate a prepara' 'no scherzo eh? Ammazza che giocherelloni! Aho, comunque       me so' fatto 'na dormita, me sento novo e poi... No dico... Cavalieri! Ho fatto un sogno            cheee... che ve lo dico a fa'!

SHERATON

            E che hai sognato?

LANCILLOTTO

            Che ho sognato? Lei, bella bionda, alta, due ...

MADOR

            Non è che ti sarai drogato eh?

LANCILLOTTO

            Ma che drogato, c'avevo un po' de cerchio alla testa e Merlino mi ha dato 'na cosetta ...

            Ma lo sapete che me sento proprio 'na favola?

GARRETT

            A noi tutte le pappette puzzolenti, e all'ultimo arrivato... l'estasi.

Mentre le luci si vanno abbassando nel salone per accendersi ...

QUADRO SEDICESIMO

L'AVVERTIMENTO

... sulla torre di Ginevra. La regina è intenta a spazzolarsi i capelli seduta alla sua toletta. Merlino si aggira per la stanza controllando la porta e la finestra della torre.

GINEVRA

            Allora mago, che me devi di'? Giri giri giri, ma che giri? Me stai a fa veni' la nausea... che   so' tutti 'sti segreti? 'N te conoscessi... e parla!

MERLINO

            E parla, fate presto voi... le mura non solo hanno orecchie, ma occhi e labbra; Il Re sospetta     e c'e' chi è pronto a soffiare sul fuoco ...

GINEVRA

            E chi sarebbe 'sto soffiatore?

MERLINO

            Maestà, si dice il peccato ma non il peccatore ... (Sottovoce) Morgana, per esempio ...

GINEVRA

            'Sta zozza bujaccare 'gnorante ...

MERLINO (Interrompendola)

            Maestà, la situazione è grave; Lancillotto sta esagerando, e voi pure!

GINEVRA

            Ma si nun abbiamo fatto ancora niente?

MERLINO

            Il pericolo incombe e per mettersi in salvo da questo complotto, c'e' un solo modo: deve     sposarsi Lancillotto!

            (tra sé e sé) Toh! Ho fatto la rima pure io ...

GINEVRA

            Ma io so' già sposata!

MERLINO

            Maestà, ma che dite, non con voi!

GINEVRA

            E co' chi?

Merlino non fa in tempo a rispondere perché giunge la voce del Re.

ARTÙ

            MERLINO! MERLINOOOOO! DOVE SEI, MERLINO!

MERLINO

            SShhhhh! Riprenderemo il discorso più tardi ...

Entra Artù come una furia ...

ARTÙ

            MERLINO! MA TI RENDI CONTO DI CHE FIGURA ...

GINEVRA (Interrompendolo)

            Ma come te sei conciato... Ma all'eta' tua te metti a fa 'ste cose?

Artù, preso com' era dal nervoso, solo adesso realizza che si è presentato anche in questa occasione travestito da Ginevra.

ARTÙ

            Ma che stai a di'? È che non c'e' più una cosa pulita da nessuna parte, calzini, mutande,         maglie de ferro, corone, niente! Io vorrei sapere che ce l'abbiamo a fare la servitù che costa     quello che costa e che nun fa niente e te peggio che non la controlli, non gli dici mai niente.       Eccomi, un Re costretto a mettersi i vestiti della moglie! Ma ti pare possibile?! E CERTO! E             che mi stupisco? Tie', se questo fa il mago, la servitù che deve fare?

PARSIFAL

            Permesso? Disturbo?

Tutti si voltano verso Parsifal ...

PARSIFAL

            Salve Merlino, scusate non è che qualcuno ha visto il Graal, no, siccome sentivo delle    voci ...

ARTÙ

            NO! Basta! E poi che lo vieni a cercare nelle stanze della regina?

            OH! Qui bisogna che cominciamo a cambiare le cose eh? E non se ne può più! Io dico... Io     dico... IO DICOOOO ...

Tutti sono in attesa ...

            Che volevo di'?

MERLINO

            Che bisogna cambiare le cose, Maestà.

ARTÙ

            Ah si'?

           

GINEVRA (a Merlino)

            Ma che je sta a succeèe?

MERLINO (Sottovoce)

            Sono i postumi della trasformazione, tutto normale ...

GINEVRA

            Ma sì amore mio, cambiamo, cambiamo ...

ARTÙ

            E che vuoi cambiare?

            Io dico... io dicooo... IO DICO che in questo preciso momento mentre sto parlando qualcuno      muore, qualcuno nasce, qualcuno si sposa, qualcuno sta' dando fori de testa, qualcuno sta      fornicando!

            Mi chiedo solo PERCHÉ DOVETE FARLO TUTTI QUI IN QUESTA STANZA!

Ed esce come una furia ...

GINEVRA (Inseguendolo)

            Artù ARTÙ ARTUROOOOOOOO!!!!!! E NU FA COSÌ, TE 'E LAVO IO A MANO 'E       COSE! ARTÙ!

Usciti Ginevra e Artù sono rimasti Parsifal e Merlino che si guardano.

PARSIFAL

            Senti una cosa Merlino, ti volevo chiedere, guarda, con me puoi parlare liberamente perché      non lo dico neanche a Dio... Ma tu che di volatili sei così esperto, com'è che Anacleto t'e'         venuto così male?

BUIO mentre squillano le trombe che annunciano ...

QUADRO DICIASSETTESIMO

LO SPACCONE

Nel salone della Tavola Rotonda troviamo Garrett, Mador, Sheraton, Anacleto, Galvano e Parsifal.

Sono seduti un po’ stravaccati, chi con i piedi sul tavolo, chi praticamente sdraiato sulla sedie. Qualcuno fuma. Parsifal passeggia nervosamente su e giù.

Passa Arianna che si cambia uno sguardo con Garrett. La cosa non sfugge a Parsifal.

Arianna è intenta a prendere delle cose vicino al trono; si inchina e tutti ne approfittano per guardarle le gambe; vediamo i cavalieri scendere con le teste facendo finta di raccogliere qualcosa. Garrett appare innervosito dalla cosa...

PARSIFAL

            Certo che a pensarci bene la natura è maligna... ha dato le corna al trono, gli zoccoli al         cavallo, la velocità alla lepre, la capacità di nuotare ai pesci, di volare agli uccelli e    l’intelligenza all’uomo: per la donna non ha lasciato mica niente...

SHERATON

            A me mi sa che qualcosa invece ad Arianna gliel’ha lasciata... e io con il vostro permesso, la    prenderei volentieri...

Arianna si volta innervosita, si abbassa la veste e se ne va scocciata.

GARRETT

            Ma è possibile che dovemo passa’ tutta la vira a parla’ sempre delle stesse cose?

GALVANO

            Perché, di che altro dovremmo parlare? A le le donne piacciono... e anche tanto. Perché è un       male?

PARSIFAL

            Ma che male... è bene! Come tutti sapete essendo io mistico, sono completamente al di sopra      nel senso che il sesso non m’interessa...

            Ma in verità in verità vi dico; è meglio che la godiate oggi perché le cose andranno peggio.

GARRETT

            E cioè?

PARSIFAL

            Un giorno vi troverete a fare le pulizie, cucinare, lavare i piatti, rifare i letti, tenere i            bambini, cucinargli la minestrina e imboccarli mentre le donne andranno a fare le loro    guerre... troverete le vostre armature buttate in un baule perché gli armadi strariperanno dei         vestiti delle vostre consorti, giocheranno a carte, fumeranno, andranno in vacanza da sole e    l’unica cosa che potrete continuare a fare sarà quella di pagare i conti che naturalmente           saranno sempre più salati!

Tutti ridono commentando l’assurdità delle affermazioni di Parsifal...

PARSIFAL

            Ridete ridete...

            Provate a chiedere a Garrett se non farebbe cose del genere per qualcuna... a caso.

Guardando Garrett.

GARRETT

            Certo ammazza quanto siete squallidi oh!

TROMBE DELLA SIGLA DI “CORNOVAGLIA NEWS”

MEGASCREEN

SPACCONE

Io sono twist twist

sono il più fico che c’è

io sono twist twist

sono il più mejo che c’è

ragazzi twist twist

occhio al potere del re

che non vale un fico secco di me

voi siete twist twist

i più cialtroni del re

parlate twist twiat

sempre più male di me

avete twist twist

del grande mago del re

una gran paura di trovarvi lacché

Ancora twist twist

state in campana perché

ve becco twist twist

a fa’ la briscola in tre

io sono twist twist

spietato e duro perché

uno così astuto come me qui non c’è

E allora twist twist

fateme largo perché

ragazzi twist twist

se me stranisco lo so

ve faccio twist twist

vede’ le stelle perché

il più fico del bigonzo so’ sempre me.

E allora twist twist

state in campana perché

ragazzi twist twist

se me stranisco lo so

ve faccio twist twist

vede’ le stelle perché

il più fico del bigonzo so’ sempre me.

Io sono twist twist

sono il più fico che c’è

io sono twist twist

sono il mejo che c’è

ragazzi twist twist

occhio al potere del re

che non vale un fico secco senza di me

LO SPACCONE

... il CORNOVAGLIA NEWS!

Nel salone della Tavola Rotonda ci sono: Mador, Sheraton, Galvano, Garrett, Lancillotto, Parsifal e Anacleto.

TROMBE DELLA SIGLA

Sul Megascreen appare dopo il logo il nostro Ciotti.

CIOTTI

            Buonasera a tutti e benvenuti al Cornovaglia News delle diciannove... I titoli di questa sera      sono straordinari: notizie, eventi drammatici che vi terranno con il fiato sospeso!

            Pochi secondi di suggerimenti commerciali e ... non abbandonateci: restate con noi!

            Sulle note delle trombe compare la sigla di

"TELECORNOVAGLIA"

- pubblicità -

Sullo schermo appare una mano che passa sulla lama di una spada...

SPEAKER

            Una lama splendente?

Una mano che impugna la spada e che vibra un colpo nell'aria ad effetto RALENTI

            ... Un elegante fendente?

Ora una mano strofina con forza su del sangue rappreso sulla lama ...

           

            ... Macchia di sangue resistente? Niente paura ...

Compare la faccia di un cavaliere con elmo interdetta ...

            ...Con PRONTOMETAL, ogni cavaliere sarà regàl

MUSICHETTA

COMMENTI A SOGGETTO DEI CAVALIERI

Ora sullo schermo compare Morgana in primo piano...

MORGANA

            Filtri d'amore? Melefici? Mele stregate? Pozioni? Macumbe? Avete dei nemici?... Niente         paura ...

A questo punto reazioni roboanti dei cavalieri ...

FISCHI E COMMENTI (Tutti)

MORGANA (Cont.do)

            Chiamate il numero in sovrimpressione ... 144 144 ...

TUTTI CON MORGANA

144... l-4, 1-4 ...

APPLAUSO

MORGANA (Cont.do)

            E tutti i vostri problemi saranno risolti ... d'incanto! Chiamami, chiamami ...

TUTTI con MORGANA

            ... e chiamami! ... SUBITO! E Morgana ti aiuterai!

SQUILLO DI TROMBE

Ecco ricomparire Ciotti ...

CIOTTI

            Eccoci di nuovo qui e passiamo subito alle notizie di cronaca; nel Galles Il corteo di Re    Hermance è stato attaccato da un gruppo di Piti che hanno massacrato ventisette uomini        della scorta, fatto a brandelli e mangiati crudi i dodici cani da guardia e appeso agli alberi    per la lingua, i dodici servitori che accompagnavano sua maestà.

GALVANO

            Hai capito zio chi mi voleva... mandare a difendere ... come minimo tornavo malconcio.

CIOTTI

            Gerusalemme liberata da mille cavalieri provenienti da tutte le province dell'Impero: è stata     notata l'assenza delle armate di Re Artù e dei Cavalieri della Tavola Rotonda ...

           

Guardando malissimo i cavalieri che si interrogano con gli occhi tra loro ...

GALVANO

            Oh, io l'avevo detto che se ne accorgevano ...

LANCILLOTTO

            Facciamoci sempre riconoscere ...

SHERATON

            Sei tanto bravo, ci potevi andare tu!

LANCILLOTTO

            È che io non ero al corrente, altrimenti sarei stato in prima linea ... Vergogna!

Ciotti nel frattempo segue i dialoghi tra i cavalieri ...

CIOTTI (Sbuffa)

            E passiamo allo sport che è meglio ...

            Si è disputato ieri a Camelot un torneo amichevole che ha registrato il netto successo di Sir            Lancillotto che ha avuto facilmente ragione dei suoi avversari, sgominandoli senza    problemi. Con le felicitazioni dell'intera redazione di Cornovaglia News al grande Sir        Lancillotto, concludo questa edizione serale dandovi appuntamento a domani e augurandovi      un buon proseguimento di serata nei vostri Castelli. Ciao!

Ricompare la luce .... Un piano Fender Rhodes inizia a scandire le note di un twist, Lancillotto batte il piede sulla Tavola Rotonda e inizia la canzone che canterà saltando sulla tavola aiutato dai cori di risposta degli altri cavalieri... crescendo di un twist trascinante!

canzone di Lancillotto

SPACCONE

Al termine della canzone tutti i cavalieri escono di scene facendo il gesto di mandare a quel paese Lancillotto, che si siede sulla Tavola Rotonda.

Entra Merlino che cammina con passi lenti, l'aria pensierosa osservato da Lancillotto

MERLlNO

            Caro il mio Sir Lancillotto, è giunto il momento che io e te, facciamo quattro chiacchiere.

LANCILLOTTO

            Che succede?

MERLINO

            Vieni, vieni, vieni con me... ci facciamo una bella passeggiata nel bosco ...

LANCILLOTTO (sospettoso)

            Nel bosco, io e te?

MERLINO

            Ma che hai capito? Le mura non solo hanno orecchie, ma occhi e labbra

... i due escono dal salone ...

MUSICA

Mentre noi vediamo

QUADRO DICIOTTESIMO

L'AVVERTIMENTO "2"

... il castello chiudersi.

MUSICA

... e Lancillotto e Merlino rientrare in scena...

MERLINO

            La tua presenza a Camelot comincia a creare dei grossi problemi.

LANCILLOTTO

            Ma se so' tutti contenti! A Merli', ma che stai a di'? Ma non lo vedi che da quanno so'       arrivato Camelot è rinata? Ho portato una ventata d'allegria, vero ...

MERLINO (Senza rispondergli)

            I Cavalieri mormorano, Morgana e Mordred tramano e il Re, sospetta!

I due si fermano e adesso Merlino lo guarda.

LANCILLOTTO (Confidenziale)

            Ma perché, si è capito qualcosa?

MERLINO

            Se ne sono accorti tutti, pure i muri...

LANCILLOTTO

            Daje! Ma che c'hanno 'sti muri, parlano, vedono, sentono, ma che è? 'N castello animato?

MERLINO

            Ma è mai possibile che con tante donne che ci sono nel Regno, tu, proprio con la regina?

LANCILLOTTO

            Aho! E che te devo di', a me me fa 'na libidine; a te no?

Poi rendendosi conto della gaffes ...

           

            Scusa, non volevo ... Che te sei offeso?

MERLINO

            Ma che offeso. Lancillo', tu vuoi giacere lei? E allora ti devi sposare a un'altra!

LANCI LLOTTO

            Non è che sia tanto chiaro ...

MERLINO

            Aaahhhhhh! Lancillo', tu ti devi sposare una brava ragazza, e io ce l'ho!

LANCILLOTTO

            E chi è?

MERLINO

            Una principessa! Il padre, un Re, è persona squisita, all'antica. Pensa che la figlia non è mai           uscita dal castello ed è ancora vergine!

            Il padre, tra l'altro, tiene un esercito potentissimo! È un sovrano feroce, ma per tua fortuna si fida ciecamente di me. Sai, io gli faccio i tarocchi, gli leggo i fondi di caffè.

LANCILLOTTO

            Ma che te va de scherza'? Io sto tanto bene così! Come dite qui in Britannia? Single!

MERLINO

            Se i nemici di Artù sanno che il suo migliore amico si è sposato con la figlia di chi so io,         rinunceranno a qualsiasi tentativo di attacco futuro e prossimo e così a Camelot si vivrà in      pace e io rifiato.

LANCILLOTTO

            Ma che me devo sacrifica' proprio io?

MERLINO

            Sacrifica'? Tu te ne stai in un bel castello tutto tuo, alla principessa'le fai fare mezza dozzina            di figli così sta buona a casa e tu, vieni a trovare Artù e sua moglie quando ti pare ... Hai capito?

LANCILLOTTO

            Ma come se chiama 'sta principessa?

MERLINO

            Elena.

LANCILLOTTO

            Com'è?

MERLINO E com'è? Eeeeee ... simpatica!

LANCILLOTTO

            'Na cozza! Ho capito va ... Noooo.

MERLINO

            Lancillo', o fai come ti dico io, o ci rimetti la testa... Che vuoi fa?

            LANCILLOTTO

            E che voglio fare ... La testa dici?

MERLINO (Annuisce)

            E poi Elena è ... famosa per le sue ricette. Vedrai che dopo un po’ ti piacerà; basta farci       l’occhio

LANCILLOTTO

            Ma come l'occhio, me dovete ceca... Oddio me sento male...

MERLINO

            Andiamo, andiamo ad annunciare la bella notizia al. -Re e a tutta la corte...•

LANCILLOTTO

            Come andiamo ad annunciare? E nun me ce fai manco pensa'?

MERLINO

            Che vuoi pensare? Forza, forza, andiamo, che il futuro lo vedo roseo e felice ...

LANCILLOTTO

            Il tuo!

MERLINO

Andiamo!

LANCILLOTTO

Mannaggia ... lo lo sapevo che nun ce dovevo veni' a Camelot ...

MUSICA

Il castello si riapre mostrandoci ...

MORGANA BLUES

Morgana -

VOGLIO GODERE

VOGLIO STRISCIARE

COME IL SERPENTE CHE MORDE LA MELA

IO MORDO TE

IO SONO SOLA

NON HO DIFESA

IL TUO SILENZIO

È COME UN'OFFESA

E NON MI VA GIÙ

EHY TU!

FACCIA DI VETRO

EHY TU!

VIENIMI DIETRO

GUARDA LE LINGUE CHE MI HANNO PERCOSSO

GOCCE DI STELLE GETTAMI ADDOSSO

IO VOGLIO TE!

Solo piano (Su Tavola)

Solo chitarra (Palo)

Morgana -

EHY TU!

EHY TU!

DIMMI CHE FAI

DAMMELO DAMMELO DAMMELO QUI

(STOP)

... IO!

...IO! .

SOPRA DI TE

PERLIBERARE LA BESTIA CHE È IN ME!

QUADRO DICIANNOVESIMO

LA SEDUZIONE DI MORGANA

... il salone della Tavola Rotonda ...

MUSICA

(Introduzione Blues)

Intorno alla Tavola troviamo Mador, Sheraton, Galvano, Garrett, Parsifal e Mordred. L'atmosfera è fumosa. I sei sono intenti a giocare a Poker americano. Fumano sigarette, spizzano le carte nervosamente, puntano gli scudi sulla Tavola ... Arianna in fondo osserva disgustata la scena.

Da una lato del salone vediamo entrare a ritmo di musica Morgana che si muove sinuosamente cercando di destare l' attenzione dei cavalieri.

MORGANA canta "WITCH'S BLUES"

La fata si muove intorno al tavolo, cerca di sedurre i cavalieri uno ad uno, ma questi la scansano, protestano (sempre nella canzone) violentemente: non vogliono essere disturbati nel gioco e comunque nessuno, si sa', è interessato alle grazie della sorellastra di Artù ...

segue canzone di Morgana

Sul culmine del Blues Morgana salta sul tavolo mentre una sbarra scende perpendicolarmente al tavolo andandosi a conficcare al centro del foro ... Morgana la usa in stile "Show GirI" made in U.S.A. .... parte un solo di chitarra violentissimo e Morgana inizia a spogliarsi ... ma ugualmente nessuno le fa caso, anzi, aumentano le proteste per l'ulteriore caos creato dalla donna ...

Vediamo entrare Iside che consegna un vassoio ad Arianna e se ne va guardando nauseata l'esibizione della Fata.

Morgana riprende a cantare il blues muovendosi come una pantera sulla Tavola Rotonda ...

MORGANA CANTA

Finalmente si ferma la musica con sollievo dei cavalieri ...

STOP MUSICA

In quel momento fa il suo ingresso Ginevra...

GINEVRA

            ARIANNA!

ARIANNA

            Sì?

GINEVRA

            Se po’ sape’ che stai a fa? È 'n'ora che aspetto!

ARIANNA

            Ecco Milady, stavo giusto appunto venendo da voi!

GINEVRA (Vedendo Morgana)

            Ooohhhh! Guarda chi se vede! E com' è che ce concedi 'st'onore eh?

MORGANA

            Intanto la cosa non ti riguarda, e comunque se proprio lo vuoi sapere, devo conferire con Sir         Mordred!

GINEVRA

            Ah! E pe’ conferi' co' Sir Mordred te devi da mette ignuda in mezzo a tutti i cavalieri?

            Ma inventane n'antra, che è mejo!

MORGANA

            Io almeno mi posso spogliare ...

GINEVRA

            Sì sì, solo che nun me pare che la cosa j'abbia fatto effetto affatto, no?

            E poi, sai com'è, c'è chi se deve da spojia' nella speranza che quarcuno s'accorga, e chi            invece nun c'ha bisogno de usa' 'sti mezzucci ... Sir Garrett! Sir Mador!

Schioccando le dita della mano destra. Garrett e Mador si precipitano ai suoi piedi inchinandosi.

GARRETT E MADOR

            Sì Maestà!

GINEVRA (Tenera)

            Bacino.

Allungando la mani verso i due cavalieri che si sbrigano a baciarle le mani risalendo lungo le braccia sino al collo... Ginevra emette un sospiro di goduria...

GINEVRA

            Basta!

I cavalieri smettono immediatamente di baciarla. La scena è osservata con disgusto da Arianna. Morgana afferra gli scudi e la carte e le getta con violenza in faccia a Mordred...

MORGANA

            E tu invece di difendermi giochi a carte con questi quattro imbecilli!? IDIOTA!

GINEVRA

            Aho, ha preso proprio d'aceto eh?

MORGANA

            Ti odio, ti odio, TI ODIO! A TE E A QUESTA SPECIE DI BALENA VESTITA DA            REGINA!

            Tanto è inutile che ridi, le forze del Male sono con me e ti vedrò strisciare ai miei piedi,       molto prima di quanto tu possa immaginare ... te e tutti gli altri! Che Satana vi trascini        all'INFERNO!

Tutti i cavalieri e Ginevra le fanno le corna...

TUTTI

            TIÈ !

Entra Lancillotto proprio in quel momento seguito da Merlino.

LANCILLOTTO (Notando il gesto)

            Che state a parla' del Re? (Ride)

Reazione gelida. Lancillotto torna serio ....

           

            Aho, stavo a scherza’... e che è?

Ma entra anche Artù seguito da Anacleto.

ARTÙ

           

            Chi è che parlava di me?

TUTTI

            VIVA IL RE! VIVA IL RE! VIVA IL RE!

ARTÙ

            SSSHHHH! Boni! E cos'è tutta questa confusione! Che stavate dicendo?

Tutti si guardano ...

MERLINO (Rompendo il ghiaccio)

            Ehm, vedete Maestà è che Sir Lancillotto ci deve dare una bellissima notizia ...

ARTÙ

            Se ne va?

LANCILLOTTO

            Ma nooo, è una cosuccia, niente d'importante e ...

MERLINO CInterrompendolo)

            Si sposa! Sir Lancillotto prende moglie Maestà... con la vostra benedizione naturalmente.

REAZIONE DI TUTTI DI SORPRESA

Morgana e Mordred si guardano preoccupati che il loro piano possa andare in fumo ...

ARTÙ

            Ma certamente... e chi è la fortunata?

MERLINO La principessa Elena Maestà.

REAZIONI... un gridolino seguito da un tonfo ... Ginevra sviene sorretta dai cavalieri ... Anacleto scoppia in una risata mentre Merlino lo rimprovera con uno sguardo severo.

RISATA DI ANACLETO

ARTÙ

            Che succede? Chi si sente male?

LANCILLOTTO

            E Maestà, è la Regina vostra moglie ... un mancamento.

MERLINO

... reazione alla bellissima notizia ... Come si dice Sire, grande campione, grande emozione ...

ARTÙ (Avvicinandosi a Ginevra)

            Ma che fate? Lasciatela respirare, non le state tutti intorno! Un po' d'aceto ... ARIANNA!   ISIDE!

Le due corrono ...

ISIDE E ARIANNA

            Sì Maestà!

ARTÙ

            Ma non vedete che la regina è venuta meno? Forza un po'! ACETO! CI VUOLE L'ACETO!

PARSIFAL

            Morgana scusa, non è che te ne avanza un po'?

Linguaccia di Morgana a Parsifal. Iside corre con la boccetta e Ginevra si riprende.

ARTÙ

            (Chinandosi) Come va? Come ti senti?

GINEVRA

Mejo... che è? C'ho avuto 'no disturbo?

ARTÙ

            Dio lo volesse...

GINEVRA

            Cosa?

ARTÙ

            Ma no niente, hai avuto un mancamento... ma proprio un attimo eh! Vedi che è già passato?

            Dai che adesso andiamo tutti a brindare alla bella notizia e Lancillotto ci racconta i        particolari...

Artù si rialza e, rivolgendosi a tutti...

            CAVALIERI! FORZA CHE SI VA TUTTI A BRINDARE A SIR LANCILLOTTO! TUTTI      NELLA SALA GIALLA!

TUTTI

            VIVA IL RE! VIVA IL RE! VIVA IL RE!

MUSICA

Tutti escono ...

Lancillotto con l'aria da funerale si guarda per un momento con Ginevra che gli fa un cenno della serie “me la paghi”, Anacleto continua a sghignazzare sotto il becco, Merlino gli da uno scappellotto, Parsifal è pensieroso. Artù contento scherza con i cavalieri, quindi prende sottobraccio Lancillotto, Morgana e Mordred parlottano tra loro chiudendo il corteo ...

Solo Iside e Arianna restano nella sala osservando l'uscita generale della corte ...

MUSICA

QUADRO VENTESIMO

ARIANNA

Le luci si abbassano leggermente conferendo alla grande sala un'atmosfera più intima.

Arianna si siede mentre Iside raccoglie le carte e gli scudi intorno alla tavola. Arianna tira un grande sospiro.

ISIDE

            Allora? Che c'è?

ARIANNA

            E che c'è, che c'è, qui si sposano tutti ...

ISIDE

            Bè, prima o poi capiterà anche a te.

ARIANNA

            Sì capirai.

ISIDE

            Perché, che te manca? Sei bella, intelligente, c'hai pure un lavoro!

ARIANNA

            Bastasse Questo ...

ISIDE

            Non basta, ma è qualcosa.

ARIANNA

            Sai che c'è Iside, che quando ti innamori pensi sempre che tutto quello che sei e che fai non      vale niente.

ISIDE

            E che c'entra?

ARIANNA

            NoN lo so, però a me fa quest'effetto.

            Penso che potrei essere diversa, che forse così come sono non gli piaccio, che lui guarda        solo quelle ricche o di buona famiglia e non perderebbe mai tempo con un'ancella.

ISIDE

            Se pensa così, è mejo lasciallo perde’.

ARIANNA

            Magari invece lui, tutte queste cose non le pensa proprio ed è solo la mia fantasia che     galoppa ...

ISIDE

            E me sa tanto che t'è scappato il cavallo.

ARIANNA

            Se ci fosse lui su quel cavallo...

            Lo sai un'altra cosa che penso spesso qual'è? Che sognare è molto più bello di vivere.

ISIDE

            E quando ti svegli?

ARIANNA

            E chi si vuole svegliare? Io sogno a occhi aperti. Immaginare la vita come la vuoi tu è bello,            ti dà sicurezza, e anche la forza di superare i momenti in cui niente va come dovrebbe       andare.

            Tu dirai che vivere così è un po’ da matti; forse  hai ragione, però quanto mi piace fuggire ....          pensare che domani può cambiare tutto, basta un attimo e via, lasciarsi tutto dietro e non      voltarsi mai, dimenticando tutto e tutti, vi vendo solo il presente ...

Una pausa; Iside si è fermata ad osservare la sua amica scuotendo la testa.

ISIDE

            Come stai messa male ...

            Non so se te devo invidia' o compati'. Forse nessuna delle due cose. Ognuno è come è. Sarà   che io ho passato tanto de quel tempo tra i fornelli che de sogni ne ho potuti fa' sempre         pochi ...

            E poi sai che c' è, in cucina l’omini se rivelano pe’ quello che so', come dire, calano la          maschera; tirano fori la loro parte peggiore, o migliore, dipende dai punti di vista; quindi,             sogni niente ma solo tanta puzza.

            Tu però nun ce pensa·... continua pure a sogna'.

            In fondo in fondo sai che te dico? A sto mondo ce vonno pure quelli come te, se no sai che    palle ...

Iside le carezza la testa...

            Sogna bella, sogna pure ...

Ed esce dal salone lasciando Arianna con lo sguardo perso nel vuoto.

Si volta un' ultima volta prima di sparire di scena ... mentre ci giungono le note di un pianoforte ...

MUSICA

Arianna canta …

CANZONE

"IO TI AMO"

Terminata la canzone Arianna si allontana dal salone

C' AGGIA FA

Io ti amo, ti amo, ti amo, ti amo...

io ti voglio, ti voglio, ti voglio, ti voglio

peccato che puzzi sempre di agli

io ti amo, ti voglio, vicino, vicino

vicino, vicino, vicino, vicino

peccato che pui sempre di vino

E c’aggia fa

Io ti amo, eh sì, ti amo e ti voglio, ti voglio,

ti voglio vicino, vicino vicino vicino...

ma possibile... m’hai fatto pure un ruttino.

QUADRO VENTUNESIMO

CONFIDENZA PER CONFIDENA ...

... Ci giunge la voce di Artù ...

ARTÙ OFF

            Bravo, bravo... Elena è proprio quello che ci vuole ...

Entrano nel salone Artù e Lancillotto. Quest’ultimo ha un'aria sconsolata al pensiero di cosa     l'attende.

ARTÙ (Cont.do)

            ... ricca, cucina benissimo, riservata, e poi il padre ha un esercito ... Stiamo a posto.

LANCILLOTTO

            Eh no ...

ARTÙ

            Ah, Lancillotto ...

LANCILLOTTO

Sì?

ARTÙ

            Senti, dimmi un po', ma, tanto tu ormai non è che ...

LANCILLOTTO

            Che?

ARTÙ

            Insomma ... voglio dire, tanto siamo in confidenza, ma tu con ...

LANCILLOTTO

            Con chi?

ARTÙ

            Con loro .... con le donne, ma com’è che fai? Voglio dire hai un sistema, una tecnica, no      perché basta che le guardi e quelle bum! Ti cascano ai piedi... EH!

LANCILLOTTO

            Maestà, voi mi sopravvalutate vero ... uno sguardo ... magari! E mica è così semplice ...

ARTU'

            E non fare il modesto! Tra noi diciamolo ... la regina ti ha mandato certe occhiate che ...            vabbe ' lasciamo perdere i dettagli, insomma, tu mi devi dire come fai!

LANCILLOTTO

            E come faccio ... è il caso. Non lo so, come posso dire, è una specie di fluido, o c'è o non c'è,   come dire vero, ci si nasce ...

ARTÙ

            Ma come ci si nasce! E andiamo! Che fai il restio con me? Con il tuo Re?

            La cuoca per esempio, tutti la toccano e lei non dice niente, arrivo io PAF! Ceffone! Ti     sembra giusto?

LANCILLOTTO

            Sire?

ARTÙ

            Dimmi ...

LANCILLOTTO

            Ci possiamo dare del tu, così, tra noi, poi ufficialmente ...

ARTÙ

            Ma certo ... Oh, solo in privato.

LANCILLOTTO

            Ecco, è che tu, sbavi subito, come direee ... fai il lumacone. Ma te sei visto?

ARTÙ

            Che faccio?

LANCILLOTTO

            Il lumacone, ti spiego, guarda ... tu appena vedi una donna ... cambi faccia, fai l'occhio da      pesce! Così, vedi? E poi ... diventi tutto ... tutto ... t’ammosci, come un mollusco!

            Te credo che becchi lo sganassone ... Fai senso!

ARTÙ

            Adesso non esageriamo!

LANCILLOTTO

            Che fai, prima chiedi il consiglio e poi t'offendi?

ARTÙ

            No, no ... allora?

LANCILLOTTO

            E allora ... io, non le filo vero, mantengo le distanze, li' per li' pare che manco esistono ...

            Non so se mi spiego...

ARTÙ

            Vai avanti.

LANCILLOTTO

            Superiore, indifferente, stranito... fa’ un po’ lo stranito...

Artù ci prova ...

LANCILLOTTO

            E questo sarebbe uno stranito?

ARTÙ

            No eh?

LANCILLOTTO

            TZ! NO! Eccolo qua lo stranito... Lo vedi?

Camminando ...

           

            Questo è uno stranito... sguardo perso, camminata assente ... e viemme dietro!

ARTÙ

            Eccolo!

Artù prova ad imitarlo... i due attraversano il palco come due imbecilli

LANCILLOTTO

            Già meglio...

           

ARTÙ

            Ah, bene ...

LANCILLOTTO

            Insomma quella si sente ignorata ... e che fa?

ARTÙ

            E che fa?

LANCILLOTTO

            E che fa, ce va in puzza, se mette subbito 'n testa che se deve fa' nota', te viene sotto e tu che fai?

ARTÙ

            Che faccio?

LANCILLOTTO

            E come che fai? Sei pronto come un falchetto eee ... ZAC! Ghermisci la preda! Chiaro?           Ripeti un po'.

ARTÙ

            Lo faccio?

LANCILLOTTO Sì, ma sintetizza ...

Artù si prepara a riattraversare il palco osservato da Lancillotto...

ARTÙ

            Stranito... cammino assente ... sguardo gnorri ... Puzza, falchetto ... ZAC! Ho beccato la        preda!

LANCILLOTTO

            E mica è detto ...

ARTÙ

            Noo?

LANCILLOTTO

            E no! Mica è così semplice ... Ci vuole tempo, allenamento ... Pero' ce la puoi fare.

            Bravo! Sei contento?

Mettendo un braccio intorno al collo del Re.

ARTÙ

            Sì sì, oh, Lancillotto ...

LANCILLOTTO

            Che c'è?

ARTÙ

            Non è che adesso perché ti sposi sparisci eh? Tu devi tornare a trovarci, ci mangiamo una cosa, manteniamoci in contatto eh? Mi raccomando eh? Torni?

LANCILLOTTO

            E certo che torno ... Torno, torno ...

Parte la musica mentre ...

MUSICA

QUADRO VENTIDUESIMO

LE TRAME NERE

... davanti a noi si chiude il bosco di Camelot ...

MUSICA

Vediamo scendere Morgana dall'alto: è in una posa plastica. Si regge con una mano ad un palo fissato su una piattaforma, una specie di piatto di metallo ...

Toccata terra, Morgana si scansa ed inizia a gettare da una sacca della polvere che genera scintille e fumo ... La raggiunge Mordred ...

MORDRED

            Mio dolce amore, credo che il matrimonio di Lancillotto ci rovinerà il complotto...

MORGANA

            Non è detto ... Le forze del male mi confortano con il loro responso ...

MORDRED

            E qual è questo responso che il nostro piano lascerai intonso?

MORGANA

            Devi avere fiducia Mordred... Non mi è concesso svelare ciò che le forze del male mi           confidano... Ti posso solo dire che...

MORGANA E MORDRED CANTANO

Duetto

Al finale, i due si abbracciano, quindi, staccandosi ...

MORDRED

            ... più di una volpe sei furba, ma la tua sicurezza mi turba. Se gli oracoli dovessero sbagliare,    al trono dovremmo rinunciare!

MORGANA

            Gli oracoli non sbagliano ... andrà tutto bene e finalmente sarai mio ... completamente, vero?

MORDRED

            Sì, sì, sul trono la prima notte ti leccherò come un cono ...

MORGANA (Eccitandosi)

            Sì, dimmelo ancora ...

MORDRED

            Sul trono ti leccherò come un cono ...

MORGANA

            Ma non sempre la stessa cosa, cambia! Inventa!

MORDRED

            Ti succhierò la pelle come fossero frittelle!

MORGANA

            Ahhhh! SÌ! Ancora ...

MORDRED

            Ti bacerò gli occhi, come fossero finocchi ...

MORGANA

            Sì che bello continua ...

MORDRED

            Ti stringerò al mio corpo come fossi un porco!

Morgana si blocca e gli dà uno schiaffo violentissimo!

MORGANA

            Ma cosa dici? MAIALE!

E si allontana indispettita ...

MORDRED

            Morgana! Mi è scappata! La rima mi è saltata, si può anche sbagliare, nella fretta qualche parola saltare... Morgana... MORGANA! E che carattere ... porca put ...

Mordred insegue Morgana ...

SQUILLI DI TROMBE

QUADRO VENTITREESIMO

IL FIDANZAMENTO

... il bosco si apre sul salone della Tavola Rotonda che per l'occasione è stato adornato con fiori di mille colori dappertutto. La Corte è schierata al gran completo, il Re è sul trono accanto alla Regina e Lancillotto è da una parte in attesa di conoscere la sua promessa sposa.

SQUILLI DI TROMBE

Merlino, gran cerimoniere, fa il suo ingresso nel salone tenendo per mano la principessa Elena: la ragazza è grassa, bassa, una notevole peluria sopra il labbro superiore, le sopracciglia attaccate ed i suoi abiti, tremendi, sono colmi di fiocchi e fiocchettini in maniera esagerata. Lancillotto si sente male ...

MERLINO

            Permettetemi graziose Maestà di mostrarvi le fattezze di colei che nacque dai nobili lombi di            Re Corleone e che adesso divenuta splendida fanciulla ...

Mormorii in sala... Merlino si volta guardando tutti con sussiego ...

MERLINO CCont.do)

            ... chiede alle vostre serenità graziosissime di ottenere, l'onore di accostumarsi al vostro          cospetto.

Nel silenzio generale si ode il russare del Re ... Attimi di imbarazzo. Lancillotto a Merlino ...

RUSSARE ARTÙ

LANCILLOTTO

            Ma che s'è addormentato? Daje...

MERLINO

            Maestà? MAESTÀ?

Ginevra sospira, solleva lo sguardo al cielo, quindi gli dà una gomitata.

ARTÙ

            Carissima che piacereeee... fatti vedere! Ma che carina...

Altri mormorii ...

ARTÙ

            Silenzio!

GINEVRA

            Sì, proprio caruccia, brave Merlino, proprio 'na bella scelta.

ARTÙ

            Vieni avanti carina, siamo in famiglia qua, fatti vedere bene ...

Mormorii ...

ARTÙ

            ... non devi avere soggezione! Parla!

Poi rivolgendosi a Merlino.

           

            Parla?

Merlino fa cenno di sì con la testa...

ARTÙ (Ad Elena)

            Allora?

GINEVRA

            Daje 'n po' bella de papa', che te s'è intorcinata la lingua?

ELENA

            Posso ardire?

ARTÙ

            Ardi, ardi che è meglio ...

GARRETT

            Sì, daje foco!

ARTÙ

            CHI È STATO!?

Parsifal guarda Garrett, quindi si fa avanti...

PARSIFAL

            No, si diceva con Sir Garrett che Elena brucia d'amore e si vede ...

ARTÙ

            Sì sì, va bene ... Allora Elena?

ELENA (Con forte accento siciliano)

            Sugnu Elena, figlia di Santino Corleone, Re di Trinacria, grande amico vostro, sempre            suddito e alleato fedele, capo di un esercito di centomila cavalieri, sempre pronto a          combattere al fianco del nostro amatissimo, altissimo, bellissimo ...

Mormorii tra i presenti ...

ARTÙ

            BEH!? Vai pure avanti cara, mi piaci moltissimo... prego.

ELENA

            ... magnificissimo, nonché eccellentissimo. Sovrano Arturo, Re della piccola e grande             Bretagna e Imperatore di Roma.

ARTÙ

            Bene, bene, benissimo, questo è parlare senza peli... (La guarda bene ...) sulla lingua ... da     persone sagge, "pronto a combatterè, con quello che succede qua intorno ci sarà bisogno           forse molto presto di validi ...

Il suono lontano di un CELLULARE blocca il dialogo di Artù che si guarda intorno imbarazzato con gli altri attori ...

SQUILLI CELLULARE

Tutti a loro volta si guardano l'uno con l'altro facendo espressioni stupite e negando impercettibilmente con lo sguardo di possedere un cellulare in scena ....

SQUILLI CELLULARE

Artù si alza muovendosi verso il boccascena ...

ARTÙ

            Ma non è possibile! ANCHE QUI! MA CHE MODI SONO EH?! DURANTE UNA   COMMEDIA IN COSTUME!

Voltandosi verso gli altri attori ...

           

            Io non lo so, ma è pazzesco ...

Riguarda verso il pubblico...

SQUILLI CELLULARE

ARTÙ

            MA ALMENO RISPONDETE! Almeno facciamo un attimo di pausa ...

Nel frattempo si avvicina Merlino che gli sussurra qualcosa all'orecchio. Artù lo guarda malissimo...

ARTÙ

            Ma come? ...dici?

Artù guarda verso il pubblico ... ma il cellulare continua a squillare ...

SQUILLI CELLULARE

Artù torna verso il trono, si siede, solleva un bracciolo ed ecco comparire nelle sue mani un cellulare che si affretta ad aprire (Il modello ricorda il MICRO-TAC della Motorola, ma in versione medioevale) ... Guarda verso il pubblico ...

ARTÙ

            Scusate ...

            Pronto? SANTINO! Baciamo le mani!

Ad Elena coprendo la cornetta con la mano ...

            ... è papa'!

            Sì, è qui davanti a me, ma com'è carina... Parlavamo di te proprio adesso, sì! Ma perché non      sei venuto? COME?

Artù si alza ...

            Aspetta che non ti sento bene... II segnale! Sì!

            Sai com'è, i castelli, con queste pietre è un macello! Ecco!

Trovando una strana posizione dove il segnale evidentemente è migliore

            Adesso va meglio! Ma sento una confusione... Da dove chiami? Dal cavallo? Che modello   c'hai? No il cavallo, il telefonino? Ah! Ma che stai a fa' a cavallo? Una battaglia? Chi stai       massacrando? AH! Quegli imbecilli dei Piti, i soliti rompipalle, eh lo so, lo so, figurati ...        bravo, sì, dagli una bella suonata. Oh, ma al matrimonio vieni? Mica si sposa tutti i giorni       una figlia! Come non puoi? Ma non è possibile ... Sei proprio un ... vabbè, comunque non ti     preoccupare che sarai un matrimonio bellissimo, tutto, ricevimento, fiori, pensa che ho fatto        venire apposta un organo a canne mozze! Oh, tanto faccio il filmino e te lo mando.       vabbene ... Stai tranquillo che la tua bambina sta in buone mani ...

Guardando Lancillotto che fa cenno di sì con la testa fintamente.

ARTÙ

            Oh, in gamba eh? Ciao, sì, ciao.

Chiude il telefonino e torna a sedersi sul trono.

           

            (Ad Elena) Era papa ' ...

MORGANA (Avvicinandosi)

            Se permetti mio caro fratello, vorrei essere la prima congratularmi con la futura sposa e per l'occasione, darle un piccolo pensiero ...

Artù fa un cenno e Morgana porge un sacchetto di velluto ad Elena che fa l'inchino e lo prende tra le mani.

MORGANA

            Aprilo!

Elena scopre uno strano gioiello, una specie di talismano. Morgana si scambia uno sguardo d'intesa con Mordred che sorride malignamente

MORGANA

            È un talismano Etrusco, è molto antico: portatelo sempre con voi e vi proteggerà dai             pericoli.

            Inoltre gli Etruschi dicevano che se posseduto da una donna, porterà grande fertilità ...

Guardando Lancillotto che le fa le corna; quindi la fata si inchina leggermente davanti alla principessa che solleva il gioiello per mostrarlo alla corte.

GARRETT

            Io lo butterebbe via ...

SHERATON

            Come minimo le brucia le mani ...

ARTÙ

            Bene, grazie Morgana: è un segno molto bello da parte tua: me ne ricorderò ...

Dandole un'occhiataccia di rimprovero convinto dell'impossibilità delle buone intenzioni della sorellastra, Morgana lo ricambia con un sorriso satanico...

ARTÙ

Allora, che ne direste di lasciare soli i due ... piccioncini?

TUTTI

            VIVA IL RE! VIVA SIR LANCILLCTTO DEL LAGO E LA PRINCIPESSA ELENA SUA         FUTURA SPOSA! EVVIVA!

MUSICA

La corte si avvia per uscire dalla sala. Elena abbassa lo sguardo timorosa d'incontrare quello di Lancillotto. Ginevra si ferma un momento vicino ad'Elena...

GINEVRA

            Brava, ce sei riuscita eh?

LANCILLOTTO (Avvicinandosi)

            Mia regina, m'hanno teso l’agguato; posso spiegare?

GINEVRA

            Che voi tu? Che sto a parla' co' te? E vattene.

LANCILLOTTO

            Regina, io resto il vostro campione anche se mi sposo ...

GINEVRA

            E che ce faccio de un campione a distanza, la vendita pe’ corrispondenza?

E si allontana raggiungendo gli altri lasciando Lancillotto con la principessa. Rimasti soli...

QUADRO VENTIQUATTRESIMO

LA CONOSCENZA

... Lancillotto fa cenno ad Elena di precederlo. I due si avviano verso il boccascena permettendo così al castello di Camelot di chiudersi alle loro spalle ... due alberi entrano ai lati.

LANCILLOTTO

            Bella giornata eh?

ELENA

            Sì.

LANCILLOTTO

            Eccoci qua ...

ELENA

            Sì.

LANCILLOTTO

            E così ci sposiamo eh?

ELENA

Sì.

LANCILLOTTO

            Ammaazza che bella giornata eh? C'è un'aria ...

Guardandosi intorno e respirando profondamente ...

ELENA

            Sì.

LANCILLOTTO

            E così non sei mai uscita dal castello di papa' eh?

ELENA

Sì.

LANCILLOTTO

            Papà è all'antica.

ELENA

Sì.

LANCILLOTTO

            Sani principi; sì, ho capito. Ma senti 'n po', è vero che cucini bene?

ELENA

            Ebbi dieci maestre, una per ogni specialita'.

LANCILLOTTO

            Me co ... accidenti!

ELENA

            Se ci fa piacere posso dirci le mie specialità più speciali.

LANCILLOTTO

            Ecco brava, famme senti' le specialità.

ELENA

            Come primi piatti sugnu sopraffina per lo sformato di maccheroni con i cannoli. È una   pietanza leggera e semplice, fatta con uova sode intere avvolte nella maionese, melanzane       fritte, peperoni arrostiti fatti a filetto, cipolle rosse intere, pistacchi, mandorle, castagne e bucce d'arance zuccherate.

LANCILLOTTO

            Semplice e leggero ...

ELENA

            Leggerissimo! Si mette tutto a strati, uno strato di pasta e uno di uova, uno di pasta e uno di             melanzane, uno di pasta e uno di peperoni, uno di pasta e uno di cipolle, uno di pasta e uno      con l'impasto di pistacchi, mandorle, castagne e bucce d'arance.

            Su ogni strato si copre con la besciamella e si mette in forno; poi si serve con i canditi sopra   e tutti i cannoli intorno, naturalmente ripieni di ricotta, perché si fa una forma rotonda, come una torta.

            A papà ci piace tantissimo quando glielo faccio e se ne pigghia sempre tre o quattro            porzioni!

LANCILLOTTO

            Tre o quattro eh?

ELENA

            Sì!

LANCILLOTTO

            E sta bene papa'?

ELENA

            Forte come un toro ie’!

LANCILLOTTO

            Forte come un toro ie’, ma c’avrà un colesterolo alto come un ragazzino de diec'anni!

ELENA

            No, io figlia unica sugnu ...

LANCILLOTTO

            E meno male! Che volevi pure 'na sorella? Mannaggia ma proprio io...

ELENA

            Ma che avi? Si sente male?

LANCILLOTTO

            ZT! NO! È l'emozione, il matrimonio ... tutto così improvviso! Non ci sono abituato! Che facciamo, continuiamo la passeggiatina?

ELENA

            Sì !

LANCILLOTTO

            'Namo va ...

I due si avviano mentre ci giunge il suono di un organo a canne ...

MUSICA

CAMBIO LUCI MENTRE ...

QUADRO VENTICINQUESIMO

IL MATRIMONIO

... si riaprono le porte del castello sulla cappella di Camelot. In fondo c'è un arazzo prezioso davanti al quale troneggia un altare sul quale spicca un grande crocifisso. Davanti all'altare, due sedie per gli sposi. Un leggio con un libro antico. Sono tutti riuniti, cavalieri e servitù in abito da festa.

MUSICA (ORGANO DA CHIESA)

Fa il suo ingresso Artù con Ginevra. Entra adesso l'arcivescovo di Canterbury e va a posizionarsi dietro l'altare. Lancillotto entra accompagnato da Parsifal e si mette davanti alla sua sedia. Finalmente dalla sinistra vediamo entrare Elena accompagnata come al solito da Merlino seguiti da Anacleto: descrivere il vestito sarebbe troppo ... com’è I l’abito di Elena? ... "Di più''... La principessa si sistema davanti alla sedia, spalle al pubblico, accanto a Lancillotto.

STOP MUSICA

ARCIVESCOVO

            Siamo qui riuniti per celebrare le nozze tra Sir Lancillotto del Lago e e la principessa Elena        Mattia Corleone ...

GARRETT

            Corleone? Cor gatto ...

ARTÙ (Girandosi)

            SSHHH! Zitti, non cominciate che vi caccio via tutti! Prego Arcivescovo...

ARCIVESCOVO

            Queste nozze si svolgono con la benedizione di nostro Signore.

Parsifal si volta verso gli altri invitati facendo vistosamente di "no" con la testa ...

ARCIVESCOVO

            La cui protezione tutti noi invochiamo.

Ginevra sottovoce a Merlino sorridendo forzatamente ...

GINEVRA

            Ti odio? Ma quanto ti odio?

ARIANNA (Commossa)

            Quanto mi piacciono i matrimoni ...

ARTÙ

            ANCORA! E zitti che se si distrae l'arcivescovo perde il filo e ci facciamo notte!

ARCIVESCOVO

            Che dovevo dire?

ARTÙ

            Ecco, lo sapevo... Arcivescovo? La formula!

ARCIVESCOVO

            Ah! Sì, sì ...

            Sir Lancillotto del Lago, vuoi tu prendere come tua legittima sposa la qui presente Elena            Matia Corleone?

Attimo di lunghissima pausa ... Lancillotto si volta e incontra lo sguardo di rimprovero di Merlino ...

LANCILLOTTO (Sottovoce a Merlino)

            E ho capito, mo', un attimo ... e che è, lo dico, lo, dico... Mannaggia.

ARCIVESCOVO

            Allora? sì o no?

LANCILLOTTO

            E sì o no... un attimo ... Eh, e che è, tutti di fretta? SSSSssssssì ...

ARTÙ

            OOOOhhhhh!

ARCIVESCOVO

            Elena Mattia Corleone, vuoi tu prendere come legittimo sposo il qui presente Lancillotto      Lago?

ELENA (A Lancillotto)

            Che mi chiese?

LANCILLOTTO

            AAAAAHHHHH! Andiamo bene qua, oh! lo già so' poco convinto...

Guardando Merlino ...

LANCILLOTTO

            E sto scherzando! Cara, l'srcivescovo ti chiese se mi vuoi sposare tesoro ...

A Parsifal...

            Ma 'ndo l'hanno trovata?

ELENA

            E che ci venni a fare allora?

LANCILLOTTO

            Devi rispondere, devi dire si· ... o no.

ELENA

            A iddu ce l'hai a dire sì?

LANCILLOTTO

            Brava ... a IDDU!

Indicando con il dito l'Arcivescovo.

ELENA

            Sì!

TUTTI

            OOOOOOOOOOOHHHHHHHHHHHHRHHHHRHHH!!!!!!!!!!!

ARTÙ

            Per favore, PER FAVORE! La cerimonia non è finita! Arcivescovo, vogliamo ...

           

Facendo cenno di stringere..

ARCIVESCOVO

            Vi dichiaro marito e moglie. Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Lo sposo,         può baciare la sposa ...

LANCILLOTTO

            Sì?

TUTTI

            BA-CIO! BA-CIO! BA-CIO! BA-CIO! BA-CIO! BA-CIO!

Lancillotto le dà un bacetto in fronte ...

REAZIONE E FISCHI DI TUTTI

Lancillotto è imbarazzato e Elena lo afferra improvvisamente e gli si appolipa sulla bocca tra l'entusiasmo generale in stile goal della Nazionale ai mondiali ... Tutti, meno Ginevra, esultano ...

REAZIONI ED APPLAUSI ESAGERATI

Tutti baciano gli sposi, si abbracciano, c'è un momento di grande euforia e confusione ...

ARTÙ

            È ora che i nostri sposini si accomiatino per intraprendere la loro luna di miele.

GINEVRA

            Che gli possa diventare fiele ...

ARTÙ

            Come?

GINEVRA

            No, niente, hai ragione, salutiamo i colombi.

LANCILLOTTO

            Mia regina, io ...parto con la di vostra immagine nel mio ...

GINEVRA    

            ZITTO! Vattene, nun te vojo vede’!

ARTÙ

            CAVALIERI AVETE PREPARATO I CAVALLI PER I NOSTRI SPOSI?

CAVALIERI

            TUTTO È PRONTO MAESTÀ!

ARTÙ

            BENE!

Estrae con una certa difficoltà Excalibur... La poggia sulla spalla di Lancillotto che si inginocchia.

ARTÙ

            Sir Lancillotto del Lago, vi aspetta un lungo viaggio fino al confine del Galles, dove    difenderete il nostro Regno dai Piti, dagli Scoti e ....

LANCILLOTTO (A Merlino)

            Nel Galles? Ma nun dovevamo anca' in Sicilia?

MERLINO (Sottovoce)

            Lo so, lo so ... Lascialo dire, che quando si esalta è così ... Poi gli passa.

ARTÙ

            ... eeeee .... eee grazie alla tua presenza i nostri confini saranno sicuri e i vandali della    Germania non oseranno calpestare il sacro suolo di Gerusalemme!

            Ah, a proposito, com’è finita poi? L’hanno liberata?

MERLINO

            Sì, sì, l'hanno liberata Maestà ...

ARTÙ

            Ah, bene ... Sono contento ... Che stavo dicendo?

LANCILLOTTO

            Che stiamo andando, Maestà, la compagnia è buona, ma come si dice ... il viaggio è lungo,          oh, se 'n se ne annamo ... addio!

ARTÙ

            E certo, Elena, bella del reuccio tuo, vieni qua, fatti dare un bacio ...

            Elena si inginocchia davanti al re che la bacia sulla testa.

PARSIFAL

            Sulla bocca nessuno eh?

A questo punto parte la musica mentre entrano dalle quinte i cavalieri che fanno indossare i cavalli a Lancillotto ed Elena ...

MUSICA ED ENTUSIASMO GENERALE

Ai cavalli sono stati attaccati dei fili con i barattoli e la scritte “JUST MARRIED” “OGGI SPOSI” etc... I due si allontanano tra la confusione generale mentre cambiano le luci e sfuma la musica ... Vediamo le mura di Camelot chiudersi sulla cappella e ...

QUADRO VENTISEIESIMO

I PENSIERI DI ANACLETO

... la torre di Merlino aprirsi.

Anacleto, pensieroso, è seduto sulla sua specie di trespolo. Merlino ha una bacinella in mano e si va a mettere seduto su una poltrona. Mette i piedi nella bacinella e li massaggia...

MERLINO

            Oddio come sono stanco ... a una certa età non si possono fare tutti questi stravizi: feste,             balli, matrimoni, senza contare le tensioni, corri di qui, corri di là ... tengo i piedi in        fiamme ... Ahhhh

Anacleto sospira

MERLINO

            Che guazzabuglio medievale!

            Speriamo almeno di avere un poco di pace per i prossimi secoli, anche perché ...

Anacleto sospira ancora più forte ...

MERLINO

            OH! Ma si può sapere che tieni ... ahahahahah ... io parlo e lui ... ahahahahah, sospira. Hai     mangiato troppo? Ti preparo un infuso di genziana!

ANACLETO

            No no, per carità, sto benissimo, grazie.

MERLINO

            E allora perché ti lamenti?

ANACLETO

            Era uno sbruffone ... però almeno movimentava un po' questo castello ...

MERLINO CMassaggiandosi i piedi)

            “Era” e quello mica è morto! E poi non lo dire neanche per scherzo, che stava facendo           scoppiare un quarantotto ... Altro che "movimentarè!

ANACLETO

            Sai una cosa mago?

            Questo guazzabuglio medievale, come dici tu ... mi divertiva di più vederlo da un albero.

Merlino poggia la schiena alla poltrona e sbadiglia...

MERLINO

            E chi ti vieta di farlo?

Parte una musica dolcissima di commento ...

MUSICA

ANACLETO

            Quando mi dicesti che avevi bisogno di un aiutante, pensavo che avrei partecipato ad una      vita emozionante, a missioni pericolose, pensavo che la vita degli umani fosse superiore a          quelli di noi poveri uccelli; vi vedevo così grandi, belli, con le corazze lucenti, le donne         ammantate di ricchi vestiti, gioielli.

            Poi, sono venuto tra voi ed ho cominciato a capire di cosa siete capaci, dell'ambizione che vi divora, prima fra tutte quella di essere sempre presenti, di apparire, di essere riconosciuti, di      essere protagonisti, anche solo per un giorno, per un'ora; pur di finire nel notiziario del            Cornovaglia News sareste disposti ad ammazzare il vostro migliore amico ...

            La vostra vita è fatta soprattutto di intrighi, complotti, vigliaccherie, tradimenti per       conquistare ed esercitare una piccola fetta di potere, fosse anche solo su una donna.

            Sì, tutto sommato era più divertente dall'alto di un albero; almeno da lassù le cose si vedono            in modo diverso, e non sentendo cosa vi dite si puoi immaginare che sia qualcosa di bello.

            Forse sarebbe meglio tornare...

Anacleto si rende conto solo ora che Merlino si è addormentato e che russa alla grande ...

ANACLETO

            Merlino, non hai sentito niente ... Ti pareva ...

BUIO

La torre di Merlino ruota mentre ...

QUADRO VENTISETTESIMO VITA DI CORTE

... si illumina di nuovo il salone della Tavola Rotonda.

SQUILLI DI TROMBE

Scende di nuovo il megascreen ed ecco apparire il nostro Ciotti. Nella sala sono presenti tutti i cavalieri, Mordred e Parsifal.

CIOTTI

            Buonasera a tutti e benvenuti al Cornovaglia News delle diciannove... i titoli di questa sera      sono straordinari: notizie, eventi drammatici che ...

CIOTTI E TUTTI I PRESENTI IN CORO

            vi terranno con il fiato sospeso!

CIOTTI (Ai cavalieri)

            Guardate che c'è poco da fare gli spiritosi ... Mica lo scrivo io ...

            Comunque, pochi secondi di suggerimenti commerciali e ... non abbandonateci: restate con      noi!

Sulle note delle trombe compare la sigla di ...

TELECORNOVAGLIA

“pubblicita”

Appare ora sullo schermo PARSIFAL ... il suo Graal pulsa di luce e il suo sguardo è perso verso il cielo ... Per fondale, il Golgota con le tre croci ...

PARSIFAL (abbassando lo sguardo verso la TV)

            Salve, sono Sir Parsifal: Dio ha voluto che io fossi colui che troverà la pace per voi tutti ...       Come? Ritrovando la coppa in cui bevve il suo Figliolo in quella sfigata ultima cena e nella      quale fu raccolto il suo sangue ...

            Guadagna anche tu il paradiso ... Contribuisci alla sua ricerca ... Manda quello che puoi,         quello che vuoi al C.P.R.S.G., Comitato per la Ricerca del Sacro Graal, all'attenzione di Sir     Parsifal all'indirizzo che compare in sovrimpressione, qui sotto ...

Indicando con il dito, quindi solleva una coppa, ci fa cadere uno scudo e sorride di nuovo angelicamente al pubblico ...

            E attenzione! Ricordate: di Graal ce n'è uno ... Diffida delle imitazioni! Non lo dico solo         io ...

            Solleva lo sguardo al cielo...

            Lo dice anche Lui!

REAZIONI E FISCHI DEI CAVALIERI

Tutti spintonano Parsifal ... Riappare adesso la Fata Morgana ...

TUTTI

            NooooooooooOO .... Morgana noooo! Vogliamo PRONTOMETAL!

MORGANA

            Filtri d'amore? Malefici? Mele stregate? Pozioni? Macumbe? Avete dei nemici? Niente             paura ...

TUTTI IN CORO CON MORGANA

            Chiamate il numero 144, 144, 144,1-4, l-4, e tutti i vostri problemi saranno risolti ...           d'incanto! Chiamami, chiamami, e chiamami! Subito! E Morgana ti aiuterà!

GARRETT

            Pe’ la scesa ...

SQUILLI DI TROMBE

Riappare il nostro speaker ...

CIOTTI

            Ed eccoci alle notizie di cronaca: oggi in Britannia non è successo niente. Le prossime          notizie alle ore venti. Grazie e arrivederci.

SQUILLI DI TROMBE

Scompare il Megascreen e mentre risalgono le luci, ecco che una voce rompe il silenzio ...

QUADRO VENTOTTESIMO IL RITORNO

... entra in scena Lancillotto: ha un aspetto terribile, sfatto. Subito tutti gli sono intorno ...

COMMENTI A SOGGETTO-TUTTI ACCAVALLANDOSI

ARTÙ

            Lancillotto! Che ci fai qua? E Elena? Il viaggio di nozze? Che t'è successo? FATELO        PARLARE! NON GLI STATE TUTTI INTORNO!

Intanto arrivano anche Arianna, Iside, Merlino, Anacleto e Morgana. Lancillotto si lascia cadere su una sedia, lo sguardo fisso nel vuoto

TUTTI INSIEME ACCAVALLATI

MERLINO

            Anacleto PRESTO! Vai a prendermi salvia, ortica e potassio ... AH! Prendi anche due       spicchi di cipolla ...NO! Meglio la cannella!

PARSIFAL

            Lancillotto amico mio, t’hanno ridotto proprio male, ma chi è stato, Elena? Quella è capace           di tutto! Le conosco le donne io ... Ti è saltata addosso appena fuori le mura ... t'ha    violentato! Oh, quella se non la sposavi tu, era capace di farsi trapanare da un esercito di     Scoti, mica balle!

ANACLETO

            Un attacco dei Scoti? I Piti? I Gallesi? Chi?

LANCILLOTTO

            Perché non mi date la mia Elena, ridatemi la mia Elena ... La mia Elena non c’è più ...

TUTTI

            Che è? Che dice? Cosa?

ARTÙ

            INSOMMA BASTA! ZITTI! FATELO PARLARE! E CHE È! TUTTI ADDOSSO ... E         SPOSTATEVI, MA CHE È, TUTTI APPICCICATI! Allora, Lancillotto, bevi, su', riprendi            fiato. Che t'è successo?

LANCILLOTTO (Scoppia a piangere)

            Gnente, nun c'è stato gnente da fa, me so buttato subbito ...

ARTÙ

            Ma dove? Dove ti sei buttato?

LANCILLOTTO

            Nel fiume, e dove se no? Mannaggia... Stavamo a passa' sur ponte dei miracoli, hai presente     quello subbito dopo el rettilineo? prima d'arriva' ar bivio pe’ Dover?

ARTÙ

            Allora?

LANCILLOTTO

            E allora ... Che ne so, e,' stato 'n attimo, er cavallo se dev'essè stranito... forse 'n gatto, ‘na        biscia, 'n porcospino, quarcosa ... oh, l'ha fionnata de sotto! Giù nell'acqua ...

            E pensare che m'aveva appena detto che nun sapeva nuota', che l'acqua ja fatto sempre tanta   paura, fin da quando era una bambina ...

ARTO'

            Ma che ce voi fa mori' ... Allora?

LANCILLLOTTO

            E allora io me so' buttato subbito ... Lei stava li' sotto tra i vortici ... gridava, gridava, me so            strappato l'armatura, tante volte dovesse appesantire i movimenti vero ...

            Il fiume nun era un fiume, era 'na bestia, 'na cosa incredibile, 'na corente ... e io giù! Giù che    cercavo de pijalla e più ce provavo più quella annava a fonno ... AHO! A 'n certo punto c'ero             quasi riuscito, t'avevo beccato la mano quanno ... ZAC!

ARTO'

            Zac! Che è?

LANCILLOTTO

            N'è arrivato 'n caimano?

ARTÙ

            UN CAIMANO! Come un caimano?

SHERATON

            Ma che è un caimano?

ARTU!

            E come che è? Un drago piatto che nuota ... E allora?

LANCILLOTTO

            Un attimo, se l’è magnata... così! Una cosa teribbile, tutta l’acqua rossa, oh, si nun me            scansavo me staccava ‘na gamba pure a me!

ARTÙ

            A Lancillo', un caimano in Inghilterra?

LANCILLOTTO

            Perché, 'n ce so'?

ARTÙ

            Ma per favore, un caimano?

LANCILLOTTO (Sollevando la testa)

            Aho, e che ne so, e sarai scappato da 'no zoo ... Che fai Artù, metti in dubbio?

            China il capo e riprende a piangere ...

LANCILLOTTO

            Ridatemi la, mia Elena ..., RIDATEMI LA MIA ELENA! Non ho trovato neanche un      pezzetto di guantino!

            In quel momento arriva Ginevra di corsa, trafelata e lancia un urlo ...

GINEVRA

            LANCILLOTTO!

LANCILLOTTO

            GINEVRA!

Tutti si voltano; la regina capisce di avere esagerato e si ferma un momento per ricomporsi. Lancillotto balza in piedi poi capisce a sua volta di avere esagerato e, dopo essersi guardato intorno per valutare la situazione, si inginocchia.

LANCILLOTTO

            Mia regina ...

GINEVRA

            Allora è proprio vero... pensavo che Arianna me stava a di’ ‘na sciocchezza

LANCILLOTTO

            Una cosa terribbile Maestà; una disgrazia fatale!

ARTÙ

            E chi lo sente adesso Santino Corleone? Chi gli dà la notizia?

I cavalieri fanno finta di essere distratti.

           

            E te pareva ... quando mai ... OOOOHHH! INSOMMA! LO CAPITE CHE ADESSO QUI,          SUCCEDE UN CASINO? Santino è uno che non perdona: ci darà la colpa di tutto! Quello             arriva qua con l'esercito, fa un massacro ... L'unica figlia mangiata da un caimano, no dico, è     dura da mandare giù. MERLINOOOOO!

MERLINO

            Sto qua Maestà ...

ARTÙ

            Tu sei il responsabile di tutto questo e tu devo risolvere il problema!         

MERLINO

            Sire, io veramente non ...

ARTÙ

            FATTI VENIRE UN'IDEA! E SUBITO!

MERLINO

            È una parola ...

ARTÙ

            Ma porca miseria... Ma tu guarda in che guaio ci siamo andati a mettere ... E qui bisogna           pensare qualcosa ... MERLINO! FORZA! Andiamo a consulta’ quella palla maledetta: ce      venisse un'idea ... mica a te ... alla palla!

Artù si allontana dal salone seguito da Merlino e Anacleto. Ginevra si avvicina a Lancillotto.

GINEVRA

            Avete sofferto tanto?

LANCILLOTTO

            Gnente in confronto all'idea di non vedervi più ...

GINEVRA

            SSSSHHHHH! Zitto che ce stanno tutti a guarda·...

LANCILLOTTO

Che m'emporta ... tanto prima o poi ce lo devono sape’ tutti quello che prova er core mio! Sento che non resisterò più molto a non gridare quanto ve amo... Ginevra!

GINEVRA

            Sì...

LANCILLOTTO

            Me fai 'na libidine... mannaggia ...

GINEVRA

            Lo stesso pe’ me, però prudenzia amore mio...

            Mo vatte a dà 'na sistemata che pari 'n porcospino. Si vediamo dopo, da me ...

LANCILLOTTO (Baciandole la mano)

            Sì mia regina, il di vostro campione è tornato, "he’s back", per aridifendeve n'antra vorta ...

Ginevra lascia il salone e si allontana con Arianna.

Lancillotto sorride, si passa la mano sotto il naso e se la pulisce sui pantaloni... Appare soddisfatto ma nel voltarsi, incontra lo sguardo degli altri cavalieri che lo guardano piuttosto male ....

LANCILLOTTO

            Beh? Che c'avete da guarda’?

MADOR

            Certo che succedono certe disgrazie...

LANCILLOTTO

            Aaaaa .. coso! Che vorresti di'?

SHERATON

            Certo che restare vedovo così, senza nemmeno avere consumato ...

PARSIFAL

            Se è per questo quella se l'era consumata già da un pezzo!

LANCILLOTTO

            Sapete che c'è? Questa non è una corte: è un nido di vipere! Ecco cos'è. Vergogna!       Cavalieri ... TS!

E si allontana ...

GALVANO

            Adesso vi dico com'è andata realmente ... Secondo me, l'ha buttata lui nel fiume e l'ha     affogata... quindi non è vero che c'era il caimano ...

E guarda tutti. Sorridente e soddisfatto ... Attimo di lunghissima pausa in cui tutti si guardano tra loro increduli ...

GALVANO

            Sorpresi eh? Non c'avreste mai pensato ...

È una frazione di secondo ... i cavalieri partono all'attacco e Galvano gridando cerca di scappare ... Riescono a prenderlo e ci fanno il mucchio sopra ... È quasi praticamente soppresso quando ...

PARSIFAL

            SSSSSHHHHHHHHHl

Tutti si bloccano. sollevando le teste ...

TUTTI

            Che c'è?

PARSIFAL

            Ho sentito una voce ... No, era lui che gridava ...

E riprende la cappotta quando ecco che qualcos'altro disturba la soppressione di Galvano.

MORDRED

            CAVALIERI!

Tutti si girano: Mordred è entrato seguito da Morgana.

MORDRED

            Cercate di essere seri!

TUTTI

            Arieccolo! AAHHHHHH ... Ancora? E sentiamo che ci deve dire va!

Mordred avanza parlando mentre la situazione si ricompone; anche Galvano si alza e si mette da una parte ...

MORDRED

            Tempi duri aspettano al castello; Santino Corleone verrà e farà un macello.

SHERATON

            Ma che c'entriamo noi?

MORGANA

            L'arrivo di Lancillotto a Camelot ha portato solo sciagure; la guerra con Corleone sarà lunga    e le pietre di Camelot gronderanno del sangue, del vostro sangue!

TUTTI (Facendo le corna)

            TIÈ !

MORGANA

            Il regno è in pericolo, Artù si è ammosciato, ha paura di cacciare quello sbruffone.       Dobbiamo noi fare qualcosa!

SHERATON

            Ma vuoi vedere che questa volta tiene ragione Morgana?

Tutti si guardano annuendo ...

MORGANA

            Dobbiamo fermarlo!

MADOR

            E come?

MORGANA

            Egli è a un passo dal talamo della regina, dobbiamo sorvegliarlo e sorprenderlo!

PARSIFAL

            Sii, con gli effetti speciali.

SHERATON

            E facci sentire! Maronna mia...

MORDRED

Appena lo beccheremo, Re Artù avviseremo e con Excalibur ...

MORDRED E I CAVALIERI IN CORO

            ... la testa gli taglieremo!

MORGANA

            Quando i due peccatori si congiungeranno carnalmente, l’unico modo per mondare il       peccato sarà di metterli a morte!

MORDRED

            A morte! A MORTE! A MORTE I PECCATORI!

TUTTI

            SSSSSSIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII!!!!!!

Parte la canzone “A MORTE I PECCATORI" ...

MORGANA E MORDRED

cantano

Al finale: BUIO ...

QUADRO VENTINOVESIMO

I PECCATORI

La stanza della regina è immersa nella penombra. Ginevra si muove mettendo a posto gli ultimi dettagli.

Lancillotto  nel salone si aggira con aria circospetta...

Spruzza del profumo, si controlla allo specchio con il suo abbigliamento sexy. Fa le prove su come farsi trovare dal suo amante.

MUSICA SOFT

Nella penombra Lancillotto arriva alla porta, bussa ...

GINEVRA

            Chi è?

LANCILLOTTO

            E come chi è? So' io!

GINEVRA

            La parola d'ordine?

LANCILLOTTO

            La parola d'ordine? Ah! La banana è matura ...

E entra chiudendosi la porta alle spalle ...

GINEVRA

            La banana?

LANCILLOTTO

            Perché, n'era la banana?

GINEVRA

            Erano le albicocche ...

LANCILLOTTO

            Sempre frutta è, e poi vero , albicocche e banana ... Amore mio!

GINEVRA (Con le braccia aperte)

            Vie’ dall'orsacchiottona tua ... SÌ!

LANCILLOTTO (Guardandosi intorno)

            Oh, ma che è 'sto buio? 'N black out?

GINEVRA

            No, me piace così, tra il losco e il brusco ...

LANCILLOTTO

            Mannaggia aho ... E io chi te devo fa', er losco o il brusco?

GINEVRA

Tutti e due ...

LANCILLOTTO (Annusando)

            Ammazza che profumo! Te ce sei fatta er bagno.

GINEVRA

            SÌ, pe’ te! Prendimi ...

LANCILLOTTO

            Ti prendo? AHO! Ma stiamo tranquilli?

GINEVRA

            Tranquillissimi ... gli ho messo centoventi gocce de Valium nella camomilla ...

LANCILLOTTO

            L'hai ammazzato!

GINEVRA

            Magari ...

LANCILLOTTO

            Ginevra, te faccio vede’ il paradiso ...

GINEVRA

            No, famme vede l'inferno che è più callo ...

LANCILLOTTO

            Che te faccio?

GINEVRA

            Che me fai?

LANCILLOTTO

            E CHE TE FACCIO?

GINEVRA

            CHEMME FAI?

ARTÙ

            E CHE JE FAI? Ho voio proprio vedè!

GINEVRA

            Artù!

LANCILLOTTO

            Sire! Mio RE! Non è come pensate, è tutto diverso da quello che sembra!

GINEVRA

È vero! Me so sentita male, Lancillotto passava e me stava a’ aiuta’... Artù, ma te pare che io...

ARTÙ

            ZITTA! (A Lancillotto) Com'era lo sguardo da pesce, falchetto, stranito, assente, la preda,        puzza ... ZAC!

LANCILLOTTO

            Ghermisci la preda?

ARTÙ

            No! Te taglio la testa!

LANCILLOTTO

            'A testa? AAAAAAHHHH! (Si butta in ginocchio) Ma che scherziamo? Maestà!

ARTÙ

ZITTO! (A Ginevra) E così, secondo te, io me bevevo la camomilla co' tutto quel Valium? A boccolo'!

MORGANA (Ai cavalieri)

            Questa donna disonora Camelot con la sua condotta da meretrice!

CAVALIERI

            DI-SO-NO-RE! DI-SO-NO-RE! DI-SO-NO-RE!

ARTÙ (Grida)

            OOOOOOOOOHHHHH! Ma che ve strillate?

           

MORDRED

            Oggi stesso Sire la vita di questi infami deve finire!

GINEVRA

            Basta! BASTAAAA! Lancillo’

LANCILLOTTO

            Che è?

GINEVRA

            Basta co' sta commedia, tanto quando c' è sentimento non c'è mai tradimento! Lo devono      sape’ tutti che c'amamo, da sempre, fin dal primo momento che ce siamo incrociati! SI! NOI       CI AMIAMO E LO VOGLIAMO GRIDARE A TUTTIIII! Chemmemporta se moro! Uniti, pe’ sempre ...

           

            LANCILLOTTO

            Ma uniti de che? Ma tu guarda questa ... Artù, ma nun je da retta, sta' a scherza'! N'è vero       niente! È pazza!

GINEVRA

            Che so' io? A brutto infame svergognato trucido falso buciardo vigliacco che nun sei altro!   Ma tu guarda se io ...

Lancillotto si butta ai piedi di Artù piangendo ...

LANCILLOTTTO

            Maestà, la verità è che io so' sonnambulo fin da piccolo, chiedete a mamma che la notte me      doveva sempre veni a ripija' fori der castello! Io stavo a cammina' pe’ i corridoi quando la      regina se vede che ha aperto la porta e m'ha tirato dentro! Quanno me so' svejato sete entrati     tutti, ma io che ne so' che è successo....

Ginevra salta addosso a Lancillotto che cerca di sottrarsi ...

GINEVRA

            IO TE AMMAZZOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!

ARTÙ

            CAVALIERI! Fermatela.

Tutti si precipitano a fermare Ginevra ...

MORGANA

            Dovete processare subito questi due immondi traditori che vi hanno offeso, infangando     l'onore di Camelot, del Re, e della Tavola Rotonda!

ARTÙ

            Tutte 'ste cose hanno fatto?

MORGANA

            Non potete sottrarvi ad emettere il giudizio su questi turpi fornicatori!

MORDRED

            Il disonore che hanno procurato con il loro sangue sarai lavato!

TUTTI

            SSSSSSSSSSIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII!!!!!! PRO-CESSO-PRO-CESSO-PRO-CESSO!

ARTÙ

            OOOOOHHH! Avete: finito? Ohhh ... Lo facciamo il processo! Mica c'è bisogno 'de fa' tutto    'sto casino! Chiamate Merlino e il gufo, che è laureato e può sempre servire ...

GINEVRA

            Artù! Mica starai a fa' sul serio?

ARTÙ

            No? Ma che c'ho trovato in una come te? Ma che ce troverete tutti? CAVALIERI! Traducete       gli adulteri in ceppi al mio cospetto... ci vediamo alla Tavola Rotonda!

MUSICA TRIONFALE

GRIDA LANCILLOTTO E GINEVRA

            MA PERCHEEEEEEE"!

ARTÙ (Senza musica)

... e perché indringhete, indringhete 'nda!

CRESCENDO MUSICA

BUIO

... Mentre un faro accompagna l'uscita del re ...

QUADRO TRENTESIMO IL PROCESSO

Il corteo dei protagonisti prende posto nella sala del trono. Lancillotto e Ginevra vengono separati e controllati dai cavalieri. Merlino e Anacleto si dispongono a fianco dei due accusati. La pubblica accusa è sostenuta da Mordred.

MORDRED

            In questo luogo santo ed onorato, un turpe e osceno crimine è stato perpetrato; una macchia    di fango è stata gettata su noi prodi Cavalieri, dalla fama immacolata.

            In questa notte buia e senza luna il vile Lancillotto tentava la fortuna per fornicare senza            alcun ritegno con la sposa del re del nostro Regno.

            E solo grazie alla paziente attenzione di Morgana, in vigile perlustrazione, gli adulteri           abbiamo colto sul fatto, mentre dei loro corpi facevano baratto. La colpa avete udito, miei         nobili compagni, potete far pagare ai rei i giusti pegni.

            Le pene per i traditori in queste circostanze, come sapete non ammettono titubanze: il capo        dell'uomo dal busto sia spiccato, sulla piazza appese le membra del corpo smembrato, per la   donna condotta anch'essa là, davanti al popolo la bruci vi va un bel falò.

            Così la macchia laveremo dei peccatori di Camelot e del nostro amato Re, infami traditori.

Morgana si lancia in un applauso esagerato.

Nessuno la imita e il Re le lancia un'occhiata di rimprovero ...

MORGANA

            Scusate ...

ARTÙ

            La difesa ha qualcosa di aggiungere?

MERLINO    

            Ecco Maestà, sarò breve ...

ARTÙ

            Grazie. Visto che la difesa ha concluso la sua arringa, passiamo alle votazioni. Chi vota per    Lancillotto e Ginevra colpevoli?

Tutti i cavalieri alzano le mani.

ARTÙ

            Innocenti?

Arianna e Iside, guardandosi, alzano la mano.

ARTÙ

            Mi sembra che non ci siano dubbi.

            La giustizia della Tavola Rotonda vi dichiara quindi colpevoli di alto tradimento e adulterio.

LANCILLOTTO

            A rega’, nun famo scherzi! Che sarebbe, pe’ sape’, ‘na sciocchezza del genere...

            Manco avemo consumato, Ginevra! Dijelo te che nun avemo fatto niente!

GINEVRA

            Brutti zozzi infamoni, ma come, fino a rieri tutti a sbava’ e’ ‘n bacetto, e mo’ alzate la mano             pe’ famme brucia’ viva?

ARTÙ

            SILENZIO! Portatemi Excalibur!

Ginevra piange ...

LANCILLOTTO

            Artù, ma te fossi impazzito! Era uno scherzo, volevamo vede’ se ce cascavi! Ma che fai, me      tagli la testa proprio tu? MA NESSUNO DICE NIENTE!? CHE FATE, STATE A       GUARDA', EH!? Mannaggia che nfamoni ...

             

Galvano porge Excalibur al Re.

ARTÙ

            Conducetemi il condannato.

Lancillotto viene portato davanti al Re e fatto inginocchiare.

LANCILLOTTO

            Nun c'entro niente io, ha fatto tutto lei! Nun te la devi prende’ co' me; è tu moje, quella    zozzona che m'ha provocato!

Ginevra tenta di scagliarsi nuovamente contro Lancillotto che si copre con le mani terrorizzato.

GINEVRA

            'Sto fijo de na mig ... IO T'AMMAZZO! ME TE MAGNO ER COREEEEE!!!!

LANCILLOTTO. (A Galvano)

            La tengono?

Ginevra è trattenuta a fatica dai cavalieri.

GARRETT (A Mador)

            Ammazza che verme ... Io la lascerebbe anna’...

ARTÙ

            SILENZIO! SILENZIOOOO! BASTA! Ma che figure! Lancillotto, almeno un po' di   dignità!

LANCILLOTTO

            Dignità dici?

Artù abbassa Excalibur sulla testa di Lancillotto provocando un urletto da parte delle donne ...

GRIDO DONNE

ARTÙ

            Ma se manco l'ho toccato?

            IN NOME DEI POTERI CONFERITI DALLA MIA AUTORITÀ DI SOMMO SOVRANO           DI QUESTO REGNO, DICHIARO CHE LA PENA DI MORTE PER GLI ADULTERI SIA      ABOLITA!

MORDRED

            NOOOOOOOOOO!!!!! FARE QUESTO NON È ONESTO!

MORGANA

            È INGIUSTO!

ARTÙ

            OOOOHHHH! Ma che è? Ma me fate parla': è tutta la commedia che me 'interrompete... o         strillate o me interrompete ... BASTA! OH ...

Torna la calma ...

ARTÙ

            Lo sapete che sono un re “liberal”, detesto la vista del sangue...

MORDRED (Estraendo la spada)

            RE VIGLIACCO! TURPE E ABIETTO, QUESTO, INSULTO NON ACCETTO. Se vuoi   far come ti pare, la mia ira dovrai affrontare!

Scagliandosi contro Artù ... Lancillotto strappa una spada a un cavaliere e lo affronta ... Mordred si scaglia con violenza inaudita contro Lancillotto che para a fatica una serie di fendenti!

LANCILLOTTO

            OH! Ma che fai sul serio?

MORORED (Grida)

            AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHHHH!!!!!

Scagliandosi nuovamente contro Lancillotto ...

MUSICA

Inizia uno spettacolare duello che arriva sino in platea ... I due non si risparmiano ... Mordred sembra avere la meglio ... Sono ora sulle scale che dalla platea portano sul palco ...

LANCILLOTTO

            LA SIGNORA NON C'HA LE MUTANDE!

MORDRED

            DOVE!?

Mordred si gira per guardare e Lancillotto ne approfitta per disarmarlo e lo getta a terra con una mossa di judo ...

URLO IN GIAPPONESE DI LANCILLOTTO

LANCILLOTTO

            Aho, dopo tutte 'ste repliche, ancora imbocchi?

MORDRED

            Vigliacco mentitore, bastardo traditore!

LANCILLOTTO (al Re)

            Che faccio, lo buco?

ARTÙ

            No. Camelot non deve sporcarsi di sangue!

LANCILLOTTO

            Oh, il capo siete voi ...

ARTÙ

            Alzati Mordred e ascolta! ANCHE VOI! TUTTI!

            In tutti questi anni avete conosciuto un re, solo che questo re non era quello che sembrava ...     era quello che io vi ho voluto far credere!

            E adesso è arrivato il momento di mettere un po' di ordine.

            Morgana, mia amata sorellastra, andrai con Mordred da Santino Corleone a fare i servizi           gratis: Mordred come maggiordomo e te come donna delle pulizie ... diciamo che la cosa va            a titolo di risarcimento per la perdita dell'amata figlia Elena.

            Tu Lancillotto partirai subito con Parsifal a cercare il Graal... a piedi! Ogni mese mi        manderete una coppa da un posto diverso come prova delle vostre ricerche. Chiaro?

PARSIFAL

            Dubito che Dio sarà contento di vedere il suo prediletto andare in giro a piedi con le vesciche!

LANCILLOTTO

            Almeno un asino, in due ...

ARTÙ

            A PIEDI! L'asino già ce l'avete ... E ringrazia che non dico a Santino Corleone che la figlia     nel fiume ce l'hai buttata tu!

LANCILLOTTO

            Ma se è stata 'na disgrazia! Me possino cecamme se ...

PARSIFAL

            Ssssss Lancillotto, lascia stare, che non mi pare il caso.

LANCILLOTTO

            Vabbè, grazie Maestà, saremo felici di fare quattro passi a piedi... ci fa pure bene, no?

ARTÙ

            E veniamo alla mia amata consorte...

GINEVRA (Disperata)

            Arturino mio, sapessi come so' pentita, ho capito che so' stata una stupida, t'ho fatto tanto       male inutilmente!

ARTÙ

            Nooo, e perché fai così? Che problema c'è?

GINEVRA

            Allora me perdoni?

ARTÙ

            E certo che ti perdono... ho già prenotato una bella celletta presso il convento delle suore      oblate del Santissimo crocefisso di San Giorgio a Cremano.

            Vita rigorosa, dieta ferrea, a letto presto, niente distrazioni ... avrai modo di pregare, leggere          e meditare.

GINEVRA (In lacrime)

            Artù, ma pe’ sempre?

ARTÙ

            Per ora vai, ne riparliamo tra una decina d’anni. CAVALIERI!

CAVALIERI

            VIVA IL RE! VIVA IL RE! VIVA IL RE!

ARTÙ

            Sì sì va bene, non attacca ragazzi.

            Per quanto vi riguarda, da domani si cambia! Basta carte, dadi, sigarette, schedine, donne,         feste ... Serietà, ordine, disciplina, lavoro e studio!! Qui le cose dovranno marciare alla           grande, chiaro?

CAVALIERI

            SÌ MAESTÀ!

ARTÙ

            Il primo che sgarra lo mando a pascolare capre in Gallura!

CAVALIERI

            Dove?

ARTÙ

            Un posto che conosco io... A questo punto mi fa piacere benedire una coppia che da troppo tempo si nasconde e non si capisce perché. Arianna!

ARIANNA

            Sì Maestà?

ARTÙ

Garrett! Me pari imbalsamato ... Avvicinatevi ... Datevi la mano. Ma è possibile che devo fa' tutto io? SÙ! Vi benedico e vi concedo di amarvi a lungo finché morte non vi separi... Datevi 'n bacio va'!

Arianna sta per baciarlo quando esita ...

ARTÙ

            L'aglio eh? Vabbè, da domani cambiano anche le cose in cucina e risolviamo pure questo     problema 'namo va!

I due si baciano tra gli applausi di tutti ...

APPLAUSI

ARTÙ

            E adesso non resta che sistemare Merlino ...

MERLINO

            Scusate Maestà, io me andrei in pensione, sono vecchio, ho parecchi anni di contributi ...

ARTÙ

            Eh no, dopo che mi hai ammorbato per anni con le tue erbette, dopo che ho dovuto far finta          di non sapere che esercitavi la professione abusivamente ...

MERLINO

            Voi che dite, Sire, io abusivo?

ARTÙ

            Merlino! Lo so benissimo che hai comprato la licenza da un mago di Torre Annunziata.

MERLINO

            'Sto figlio 'e nessuno ... ha fatto la spia eh?

ARTÙ

            No, ho preso le mie informazioni.

            E comunque la pensione te la dovrai guadagnare qui a Camelot, in cucina, dove la smetterai     di preparare infusi e cibi magobiotici e ti dedicherai alla sana cucina mediterranea, a base di           maccheroni e pizza.

MERLINO

            Molto volentieri Maestà, figuratevi, prima di fare il mago facevo giustappunto lo chef a          Santa Maria Capua Vetere. Però non vorrei dare fastidio alla nostra splendida e bravissima           cuoca che ...

ARTÙ (Interrompendolo)

            Non ti preoccupare di questo Merlino, la cuoca non è più cuoca. SÌ! Da domani Iside ... è la     nuova regina di Camelot!

Un fortissimo ...

TUTTI

          OOOOOOOOOOOOOOOOOOOHHHHHHHHHHHHHHHHHHBH1!!!!!!!!

Accompagna l'annuncio del Re.

ARTÙ

            Vieni qua mia diletta, adesso possiamo finalmente gridare a tutti la nostra passione ...

PARSIFAL

            ... SÌ! La passione di Nostro Signore Gesù Cristo che si è sacrificato per noi e che ...

ARTÙ

            OOOHRH! Parsifal! ANCORA?

PARSIFAL (Abbassando lo sguardo)

            Scusate, è l'abitudine ...

ARTÙ

            Ho già parlato con I" Arcivescovo di Canterbury e dornani sara' qui per celebrare ...

PARSIFAL

            ...il Regno dei Cieli e...

ARTÙ

            AH, AH! ZITTO!... per celebrare le nozze! Se se lo ricorda ...

TUTTI

            LUNGA VITA A CAMELOT! LUNGA VITA AL RE! LUNGA VITA ALLA REGINA!

ARTÙ

Come dice una commedia che prima o poi qualcuno scriverà, “tutto e bene quel che finisce bene”

            Lo so, qualcuno di voi già starà storcendo la bocca, fioccheranno le prime battutine sul fatto       che un Re sposa una cuoca, lo capisco ...

            Ma io vi dico che verrà un giorno in cui non sarai più strano il fatto che una principessa      sposi la sua guardia del corpo, e molte altre cose che adesso ci sembrano assurde, saranno         normali e l'eccezione sarà la regola.

            Vi dico che belle donne invalide lavoreranno, paralitici assunti come scrivani giocheranno a             pallone, castelli e palazzi saranno concessi ad uomini potenti che pagheranno pochi scudi          per questo privilegio ...

            E poi vedo ... vedo molte altre cose ...

            Vedo uomini d'affari, trafficanti, mercenari costruire imperi, colossali fortune, grazie alla        compiacenza di altri uomini dediti all'arte sopraffina della politica.

            E quando un uomo, un uomo solo contro tutti, si ergerà a difensore dell'ingiustizia.            sollevando il coperchio da cui emanerà un fetore di corruzione e di arroganza mai sentito ...     quell'uomo sarà umiliato e costretto al silenzio.

            E i Cavalieri? Li vedo partire, andare in giro per il mondo, spargersi per poi... scomparire      piano piano. Sì forse non ne resteranno più molti, forse ne resterà uno, uno solo ...

            Ma sarà così potente che farà per mille!

            Beh, certo non sarà un Cavaliere senza macchia né paura, e si batterà per sé e non per            difendere i deboli ... ma non si può pretendere troppo.

            E poi vedo ... vedo che altre cose cambieranno ... molti faranno finta di cambiare;        cambieranno nomi, cambieranno titoli, appassiranno rose o garofani, fioriranno cespugli di biancospino, alberi cadranno, altri ne sorgeranno, fiamme si spegneranno, qualcuno           invocherà il nostro ritorno, tutti cambieranno stemmi, colori, simboli...

            ... e tutto resterà come prima.

            Iside, ma che fai, ti deprimi? Noooo ... tutto questo avverrà tra mille e mille anni, quando di           noi sarà sbiadito ogni ricordo. Del resto l'uomo vive più di leggenda che di storia perché nel       suo spirito la poesia conta più del potere, perché la leggenda costruisce un'eternita' che la       Storia si sforza di dimostrare falsa, ed io sarò un eroe leggendario anche se diranno che non   sono mai esistito. È l'uomo che fa la Storia o la Storia che fa l'uomo? Iside, ma che ce frega,   pensiamo a noi, al nostro amore, alla felicità che ci aspetta da domani.

            Oggi inizia una nuova vita qui a Camelot ...

TUTTI

            LUNGA VITA A CAMELOT!

ANACLETO

            Maestà! Aspettate.

ARTÙ

            Oh, a proposito, da domani Anacleto sarà Primo Ministro di Camelot!

ANACLETO

            Sire, vi ringrazio ma non posso accettare.

ARTÙ

            Come sarebbe? Non devi mica rendere conto a nessuno, sei un tecnico, sganciato da tutti,       rispondi direttamente a me!

ANACLETO

            Maestà, in tutto questo tempo che ho trascorso qui tra voi uomini ... ho avuto modo di          riflettere ...

ARTÙ

            Vuoi tornare gufo?

ANACLETO

            Sì, Maestà.

Iniziamo a sentire le note della musica...

MUSICA

ARTÙ ( Sospira)

            Eehh, capisco; ti abbiamo deluso.

            Non hai tutti i torti: la nostra vita non è certo esaltante... Si corre, si corre, guerre, una dopo         l'altra, ambizione, sete di potere ... no, non è un bel vivere...

PARTE LA CANZONE "MA NO, NON ESISTE"

Tutta la compagnia, per la prima volta, guarda verso il pubblico in sala durante tutta la canzone. Ginevra fa un passo avanti ...

GINEVRA

            OGGI NON C'È TEMPO PER PARLARE

            OGGI NON C'È TEMPO PER GIOCARE

            TUTTI I GIORNI SCORRONO VIA ... MA PERCHÈ

TUTTI

            MA NO... NON ESISTE

MORDRED (Avanza)

            IO VORREI CHE IL TEMPO NON CORRESSE

            E CHE QUESTA VITA NON FINISSE

            SENZA AVERMI DATO QUALCOSA... MA PERCHÈ ... HA HA

MORGANA (avanza)

            C'È QUALCOSA INTORNO A ME... CHE NON CAPISCO

TUTTI

            MA NO ... NON ESISTE

MORGANA

            E CHE MI TRASCINA VIA ... DENTRO UNA VITA CHE

MORDRED E GINEVRA

            CHE NON TI DA MAI NIENTE IN CAMBIO

TUTTI (Avanzano)

            OGGI NON C'È TEMPO PER PARLARE

            OGGI NON C'È TEMPO PER GIOCARE

            TUTTI I GIORNI CORRONO VIA... MA PERCHÈ

CORO A BOCCA CHIUSA (Tutti) E ORCHESTRA

ARTÙ (Avanza)

            NON SI PUÒ PENSARE DI RESTARE

            CON LE MANI INMANO SENZA FARE

            SENZA MAI CAMBIARE QUALCOSA ... MA PERCHÈ

MORGANA

            BRUCIA UN FUOCO DENTRO ME ... IO SO PERCHÈ

TUTTI

            MA NO ... NON ESISTE

MORGANA

            E NON LO SOPPORTO PIU'...

MORDRED E GINEVRA

            VIVERE SENZA AMORE

TUTTI

            VIVERE SENZA NIENTE IN CAMBIO

TUTTI

            OGGI NON C'È TEMPO PER PARLARE

            OGGI NON C'È TEMPO PER GIOCARE

            O PER INCONTRARE UN AMICO ... LO SAI TU!

Indicando con il dito indice il pubblico e fissandolo ...

ECO

            ... MA NO ... NON ESISTE

PARSIFAL

            STAI VIVENDO UN SOGNO AD OCCHI APERTI

            NON TI SERVE A NIENTE LAMENTARTI

            DEVI ALZARTI (facendo il gesto ampio) E FARE

            QUALCOSA...

TUTTI

            ANCHE TU!

Additando il pubblico ... quindi si girano e sulle note della canzone che va sfumando si dirigono verso il fondo della scena spalle al pubblico mentre anche le luci si abbassano si al ...

BUIO

Parte una musica R&B pompatissima sulle note della quale hanno inizio i ringraziamenti ...

CANZONE DEI RINGRAZIAMENTI

- canta Pappalardo e gli altri fanno una strofa uscendo -

MORDRED (Fuori scena)

            I CAVALIERI! GIANCARLO COSENTINO, EDOARDO LEO, ENRICO MARASSI,    PAOLO MERLONI!

Escono al centro, inchino, e si mettono a fare da coro due ad ogni lato del palco ...

MORDRED

            ELENA CORLEONE E ISIDE! ANTONELLA FANIGLULO E LAURA COSENZA!

Escono al centro, inchino, e si mettono una da un lato e una dall'altro.

MORDRED

            ANACLETO E ARIANNA! DANIELA D’ANGELO, TOSCA D’ACQUINO!

Come sopra...

MORDRED

            MERLINO... GIANNI CANNAVACCIUOLO!

Come sopra...

MORDRED

            PARSIFAL... DANIELE LUTTAZZI!

Come sopra...

MORDRED

            MORDRED... ADRIANO PAPPALARDO!

Come sopra...

MORDRED

            LA FATA MORGANA... SABRINA SALERNO!

Come sopra...

MORDRED

            GINEVRA... NADIA RINALDI!

Come sopra...

MORDRED

            LANCILLOTTO... STEFANO MASCIARELLI!

Come sopra...

MORDRED

            ARTÙ... GIANFRANCO D’ANGELO!

Tutti avanzano, si inchinano e iniziano a cantare la canzone dei ringraziamenti...

TUTTI CANTANO

“CAMEL HOT”

SIPARIO

           

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 3 volte nell' ultima settimana
  • 20 volte nell' ultimo mese
  • 211 volte nell' arco di un'anno