L’arte della beffa

Stampa questo copione

L’ARTE DELLA BEFFA

L’ARTE DELLA BEFFA
Scherzo teatrale in due atti
liberamente ispirato al “Decameron” di Boccaccio (Giorn.VIII, Nov.III)

di

ALDO LO CASTRO



*testo revisionato nel maggio 2003
Personaggi (in ordine d’entrata):


IL CANTASTORIE
BERNARDINO
NEDDA
PAOLINO
TANO
CARMELINA


L’azione si svolge in un’epoca qualunque, in un qualsiasi paese della Sicilia.


PROLOGO

IL CANTASTORIE – Amici beddi, amici cari
iù vi salutu a tutti pari!
A tutti vi fazzu un inchinu
e lestu parru di Bernardinu.
Chista è ‘na storia miraculusa,
veramenti miraculusa...
unni li scecchi ci hannu l’ali...
l’omu cchiù bestia di l’armali!
Di Bernardinu vaiu a cuntari,
perciò muti, signuri cari...
Di Bernardinu, veru scemu
... Chiddu ca fici ora sintemu.
Poi di Nedda vogghiu parrari
ca, pì sapillu, è sò muggheri...
Poi di Tanu, amicu fidatu,
ca ‘u fici cuntenu e gabbatu!
Dopu c’è puri Carmelina,
fimmina sperta e troppu fina,
‘nsemi a lu zitu Paulinu,
‘u fici fissa a ddu cretinu !
Su’ tutti ccà li pirsunaggi.
E ora, muti, stativi saggi
pirchì ‘a storia sta cuminciannu
e ‘u sipariu si sta grapennu!

PRIMO ATTO
Un cortile tipicamente siciliano. A sinistra, la casa di Bernardino; a destra, quella di Carmelina. Al centro un tipico pozzo. Accanto, una vecchia panca. Sul fondo, a destra, l’uscita comune.
All’aprirsi del sipario, in scena, solo Bernrdino che sbraita contro la moglie,Nedda, verosimilmente in casa.

BERNARDINO – Fimmina bestia, servaggia e degna di fera!
NEDDA – (f.s.) Scimunitu, cosa fitusa e animali!
BERNARDINO – Nedda, ora basta! Non mi fari incazzari!
NEDDA – (entra. Atteggiamento assai minaccioso) Viniti ccà!
BERNARDINO – (indietreggia cautamente) No.
NEDDA – Vi dissi, viniti ccà!
BERNARDINO – No. Ià sugnu ‘u masculu d’a casa, io comando e io ti torno a dire: no!
NEDDA – (scoppia a ridere) Cu’ siti vui...? ‘U masculu...?
BERNARDINO – Della casa, sissignora!
NEDDA – Matri, matri, matri! Mi sta facendo scompisciare tutta! Ca livativi, “masculu”!
BERNARDINO – (sempre a debita distanza) E se io sono il maschio, tu cu’ si’? ‘A fi... ‘a fi...?
NEDDA – A finitila!
BERNARDINO – ‘A fimmina. E ‘a fimmina ha il dovere di ubbidire e tacere.
NEDDA – (continua a ridere poi smette improvvisamente) Iti a ‘ccattari ‘u car-burni!
BERNARDINU – No. Mi siddiu.
NEDDA – Ah, sì?
BERNARDINO – Sì.
NEDDA – E allura, non mangiati! Cosa bestia e insignificante! (Gli assesta un sonoro schiaffo ed esce)

2 –
BERNARDINO – (ancora intontito dal ceffone) Ma chi mi desi ‘na timpulata?! (Piange e urla all’indirizzo della moglie) Tappinara! Femmina di discen-denza ignota! Zaurda!
PAOLINO – (entra dalla comune tenendo sottobraccio un paniere) Vossia benedi-ca, mastru Bernardinu!
BERNARDINO – (che non s’è avveduto ancora della presenza del giovane) Ora vediamo se è giusto, vah! Se è giusto che una perona fina comu a mmia, si doveva imparentare con una cosa sdingusa comu a chista! Fussi cosa...! (Scorge finalmente Paolino) Ma tu chi ci fai ammenzu ‘e peri?
PAOLINO – Cui, iù?
BERNARDINO – (spazientito) No, iù!
PAOLINO – Cui, vossignoria?
BERNARDINO – Iù?
PAOLINO – Ricominciamo dall’inizio. Io sono arrivato e ci dissi: vossia benedi-ca, mastru Bernardinu.
BERNARDINO – E io ti ho risposto?
PAOLINO – No.
BERNARDINO – E pirchì?
PAOLINO – Pirchì è vastasu.
BERNARDINO – Ahu, come ti permetti? Chi ficimu ‘u surdatu ‘nsemi?
PAOLINO – Nossignore.
BERNARDINO – N’hamu curcatu ‘nsemi?
PAOLINO – Mai!
BERNARDINO – E allura, ‘sta cunfidenza, di unni? Iù ci haiu i me’ caddi ‘nta testa, arriva iddu...
PAOLINO – C’è cu’ ci l’havi ‘nte peri, i caddi e c’è cu’ ci l’havi ‘nta testa... Ma chi caddi su’?
BERNARDINO – Caddi mei!
PAOLINO – Comunque, mastru Bernardinu, vossia è ‘u patruni.
BERNARDINO – Bravu: ‘u patruni.
PAOLINO – E vossia havi vogghia di jttari vuci.
BERNARDINO – E’ giustu?
PAOLINO – Giustissimo. Vossia può continuare. Io aspetto. (Si siede sulla pan-ca)
BERNARDINO – Bravu, aspetta. (Torna a inveire contro la moglie) Fimmina di strata!... Di strata solitaria! Facciazza di cani! (Pausa) Basta, ora... mi pas-sò ‘u pitittu.
PAOLINO – E chi è, si stancò? Stamu pirdennu corpa, eccellenza!
BERNARDINO – Ma si pò sapiri chi è ca voi, tu?
PAOLINO – Cui, iù?
BERNARDINO – No, iù!
PAOLINO – Cui, vossignoria?
BERNARDINO – (intontito) Iu?!
PAOLINO – Eccellenza!
BERNARDINO – Ah?
PAOLINO – Ci purtai ‘u panaru.
BERNARDINO – ‘U viru.
PAOLINO – ‘mpocu di pani ‘i casa...
BERNARDINO – ‘U viru.
PAOLINO – Quattru caddozzi di supprizzata...
BERNARDINO – ‘i viru.
PAOLINO – ‘Na buttigghia di vinu...
BERNARDINO – ‘A viru.
PAOLINO – E ‘u cuntu.
BERNARDINO – N’o viru.
PAOLINO - Ah, ‘u cuntu n’o viri?!
BERNARDINO – No.
PAOLINO – E iù ci ‘u fazzu vidiri a sò muggheri!
BERNARDINO – Pirchì non ci’u fa’ vidiri a tò soru! Facchinu!
PAOLINO – Mastru Bernardinu, io ho avuto l’ordine di consegnare ogni cosa a donna Nedda, compreso ‘u cuntu. E, dunque, col permesso di voscenza, ci ‘u dugnu a sò muggheri. (Chiama a gran voce) Donna Nedda!
BERNARDINO – Ahu, animali! E chi su’ ‘sti vuci?! Prima famminni jri. Non la voglio vedere a dda fimmina! Pirchì se la vedo, non mi so frenare... scata-sciu! Sugnu capaci di pigghialla, sbattilla ‘nta ‘nmuru e sminuzzalla!
PAOLINO – Lo so.
BERNARDINO – E dunque, per evitare un macello, mi ni vaiu. Fazzu beni?
PAOLINO – Fa bene.
BERNARDINO – Mi ni vaiu.
PAOLINO – Si ni jssi.
BERNARDINO – (si avvia, poi si ferma e torna indietro) Ah, senti, viri ca ‘u cun-tu...
PAOLINO – Havi vogghia: ‘u pò cuntari.
BERNARDINO – No... dicu, ‘u cuntu...
BERNARDINO – Tranquillu: ‘u cuntassi.
BERNARDINO –(confuso) Chi è c’haiu a cuntari?
PAOLINO – Chiddu ca voli.
BERNARDINO – E a cui?
PAOLINO – A cu’ ci piaci.
BERNARDINO – Chi c’entra? Io mi riferisco... insomma, appoi t‘u cuntu...
PAOLINO – Appoi m’u cunta.
BERNARDINO – Chi cosa?
PAOLINO – E chi ni sacciu? Chi m’ha cuntari?
BERNARDINO – (completamente inebetito) Bah, quannu m’u riordu, t’u cuntu.
PAOLINO – Non s’u scurdassi!
BERNARDINO – No, (Uscendo, al pubblico) Haiu l’impressioni ca ‘stu carusu divintò scemu, poviru figghiu! (Esce per la comune)

3 .
PAOLINO – Si ni jvu, ‘u bestia! (Ride di cuore) Povero mastru Bernardinu! Chi bella pietanza havi priparata! Certu ca ci ni facemu di tutti i culuri! Ma la colpa è sua. Cù dda facci di minchiuni ca si ritrova, ‘i scippa di l’unghia, propriu! Ora, mio fratello Tanu – ca è ‘nfigghiu di tappinara, senza offisa pì mè matri – dopo avere riflettuto a lungo – du’ secunni! – si è reso conto che Bernardino ha bisogno di un salasso... di soldi! Pirchì n’havi assai, troppi... e Tanu dici ca ci ponnu fari mali... Ora, i cosi su’ dui: o il salasso ci ‘u facemu nuautri o ci’u fa qualche altro. Tano ha deciso ca è megghiu ca ci’u facemu nuautri. Ma c’è un inghippo. E l’inghippo si chiama Nedda, ‘a muggheri di mastru Bernardinu. Dici, e chi c’entra Nedda? C’entra. Pirchì si fissò cu mè frati Tanu. Dici ca è innamorfata, che non può vivere senza il suo Tano, che non dorme, non mangia... Dove sta l’inghippo? Ca Tanu non ni voli sentiri mancu a broru. Non è ca non ci piaci... Dici ca ci veni propriu di ittari, quannu a viri! Comunque, fatti soi, sunu. Ci lassu ‘stu panaru, vah... (Chiama) Donna Nedda!
NEDDA – (f.s.) Cu’ è?
PAOLINO – Paolino.

4 –
(Nedda entra)
PAOLINO – Bacio le mani, donna Nedda.
NEDDA – E Tano?
PAOLINO – Tanu? Sta bene. Ci purtai ‘a spisa.
NEDDA – Ma dov’è Tano?
PAOLINO – Havi chi fari. Donna Nedda, si taliassi ‘u panaru ca mi ni vaiu.
NEDDA – Ma dimmi, Paolino... mi pensa, Tano? Mi ama, Tano? Mi desidera, Tano?
PAOLINO – Ca certu. Tanu la pensa, l’ama e la desidera... (al pubblico) morta!
NEDDA – Cuore mio, non battere così forte! E che dice, che dice?
PAOLINO – Cui?
NEDDA – Ca Tanu, no?
PAOLINO – Ah, sì... dice che quando lui la vede, ci veni propriu di ittari...
NEDDA – Di ittari?!
PAOLINO - ... di ittarisi a mari!
NEDDA – Per amor mio?
PAOLINO – E allura, no? Perchè, dice che questo è un amore complicato, quasi impossibile e siccomu soffri – ma soffri assai! – ci veni di ittari...si a mari.
NEDDA – Povero amore mio, quanto mi deve amare!
PAOLINO – Assai!
NEDDA – Paolino, io sono innamorata di Tano! Non posso vivere senza il mio Tano. Io non dormo più...
PAOLINO - ... non mangia più... lo so, lo so.
NEDDA – E lui?
PAOLINO – Anche lui: di giorno non dorme, di notte non mangia... è disperatu.
NEDDA – Vita mia! Chissà come soffre! Ma... dimmi ‘na cosa: non ti ha detto di riferirmi niente? Non ti ha dato niente da consegnarmi? Una “epistòla”, una “mìssiva”... nenti?
PAOLINO – No, nenti missili e nenti pistole. Mi desi sulu ‘sta littra. (La cerca rovistando dentro il paniere)
NEDDA – Quant’è brutta l’ignoranza! Ca dammi ‘sta littra, vah!
PAOLINO – E unn’è? Bih, chi sugnu stunatu! Ci ammugghiai ‘a supprizzata... (Tira fuori la lettera che ancora avvolge la salsiccia)
NEDDA – Ammugghiasti ‘a supprizzata c’a littra?! Fussi cosa di piriariti! Dammi qua! (Stringe al petto la salsiccia) Amor mio! (Legge il contenuto della lettera. Sospira più volte poi ride di cuore. Infine bacia ripetutamente il foglio) Beddu! Zuccaratu! Cosa fina! ... Matri, chi fetu!
PAOLINO – Debbo riferire qualche cosa a Tanu?
NEDDA – Digli ca iù sugnu pronta macari. Che sono disposta a tutto, per amor suo!
PAOLINO – Per amor suo, va bene.
NEDDA – Digli che fremo...
PAOLINO – Che freme...
NEDDA – Digli che l’amo...
PAOLINO – Che l’ama, certu. C’è altro?
NEDDA – Digli che dda bestia di mè maritu si merita chistu e altro! Mi l’haiu a fari quattru risati! Mi fazzu quattru risati! Ah, si mi fazzu quattru risati! (Ride nervosamente) Paolino, stai tranquillu ca ni facemu...
PAOLINO - ... quattru risati!
NEDDA – Bravu. Dammi ‘stu panaru. (Preso il paniere si avvia verso casa) Mi vogghiu stricari ‘nterra de’ risati!
PAOLINO – Donna Nedda, vidissi ca ‘u cuntu...
NEDDA – Sì?
PAOLINO - ... l’havi ‘nto panaru.
NEDDA – E a mmia chi mi cunti?
PAOLINO – A cu’ ci l’haiu a cuntari?
NEDDA – A mè maritu. Vo cuntaccillu a iddu. Paolino!
PAOLINO – Ah?
NEDDA – Pripariti ca n’hamu a fari...
PAOLINO - ... quattru risati!
(Nedda esce ridendo)

4 –
(Tano fa capolino dalla comune, poi entra)
TANO – E allura, chi è ca ti dissi?
PAOLINO – Ca n’ham’a fari quattru risati.
TANO – Comu... quattru risati...?
PAOLINO – Accussì dissi.
TANO – Insomma, scimunitu, mi vuoi riferire chiddu ca ti dissi?
PAOLINO – Che è innamorato di te.
TANO – Chistu non m’interessa.
PAOLINO – Che freme.
TANO – Non m’interessa.
PAOLINO – Che ti ama.
TANO – Non m’interessa!
PAOLINO – Che per amor tuo...
TANO – Se ti sto dicendo che non m’interessa...!
PAOLINO – No, chistu t’interessa: è disposta a tutto.
TANO – Daveru?
PAOLINO – Putemu stari tranquilli.
TANO – (lo bacia) Paolino, quannu ‘sta storia finisci e a mastru Bernardinu ci hamu futtutu i soldi, ti fazzu ‘mbellu rialu!
P’AOLINO – E chi rialu mi fai?
TANO – T’accattu ‘u sceccu.
PAOLINO – Ma iù vogghiu ‘u cavaddu!
TANO – C’ha fari c’o cavaddu? Pì ttia ci vuoli ‘u sceccu.
PAOLINO - E iù ‘u sceccu no’ vogghiu!
TANO – Ascutimi, ‘u sceccu è megghiu d’o cavaddu...
PAOLINO – Ma quannu mai!

5 –
(Entra, nel frattempo, Bernardino)
TANO – Ora ci ‘u dumannamu a iddu. Mastru Bernardino, scusassi... vossia ca è omu di munnu, mi dicissi ‘na cosa, chi è cchiù megghiu, ‘u sceccu o ‘u cavaddu?
BERNARDINO – (casca dalle nuvole) ‘U sceccu?!
PAOLINO – (contrariato) ‘U sceccu?
BERNARDINO – ‘U cavaddu?
TANO – (contrariato) ‘U cavaddu?!
BERNARDINO – (sforzandosi di capire) Ma in che senso “cchiù megghiu”?
PAOLINO – (in disparte a Tano) O m’accatti ‘u cavddu oppure pigghiu a ma-stru Bernardinu e ci cuntu,,,
TANO – (gli tappa la bocca) Mutu, disgraziatu!
PAOLINO – Tu m’u ‘ccatti ‘u cavaddu?
TANO – T’u ‘ccattu.
PAOLINO – E allura non ci ‘u cuntu.
BERNARDINO – Bih, veru, ‘u cuntu... Comu finìu c’o cuntu?
PAOLINO – Ci l’havi sò muggheri ‘nto panaru.
TANO –Non ci pensi, eccellenza, c’è tempo p’o cuntu... Baciamo le mani! (a Pa-olino) Amuninni, bestia! (Esce con Paolino)

6 –
BERNARDINO – Mah! Chi su’ bestii tutti dui frati! Viriti chi dumanni: si ‘u sceccu è cchiù megghiu d’o cavaddu! Si sapi ca ‘u cavaddu... mentri ‘u sceccu... (Pausa di riflessione) Certu, se vogliamo considerare, ‘u sceccu... Basta! ‘A testa mi sta dulennu... E poi, a mmia chi schifìu m’interessa? ‘U sceccu, ‘u cavaddu... S’a spurugghiunu iddi!
(Canticchiando, entra Nedda)
NEDDA – E chi è, turnastivu accussì prestu?
BERNARDINO – (taglia corto) Turnai.
NEDDA – ‘U ‘ccattastivu ‘u carbuni?
BERNARDINO – No.
NEDDA – Fussi cosa di pigghiarvi dda facciazza di signa e timpuliarla!
BERNARDINO – Muta, cosa sdingusa!
NEDDA – (minacciosa) A mmia, cosa sdingusa?!
BERNARDINO – (le sta alla larga) A ttia, sì.
NEDDA – E allura ‘u sapiti chi vi dicu? Siti un masculu di menzu sordu! Lariu, stranchillatu e fitusu! Cu’ vi talia, sputa pì ‘na simana!
BERNARDINO – E pirchì sputa?
NEDDA – Pirchì, a confrontu vostru, ‘nsaccu di munnizza profuma comu ‘na grasta di basilicò!
BERNARDINO – Lavannara!
NEDDA – Cornuto!
BERNARDINO – Cornuto?!
NEDDA – Iù ci speru sempri.
BERNARDINO – (sempre a debita distanza) Passa intra, fimmina scavallata, non ti fari piriari!
NEDDA – Passu intra quannu mi piaci!
BERNARDINO – Va bene!
(Nedda, imprecando, entra in casa. Via)
BERNARDINO – (al pubblico) Trasìu intra muta muta. Signuri mei, io quando m’incazzo, m’incazzo! Sugnu bonu e caru ma...
(Nedda apre per un momento l’uscio di casa e gli lancia un cuscino e una coperta)
NEDDA – E pì stasira, vi curcati fora! (Richiude l’uscio e scompare)
BERNARDINO – (col piglio di chi l’ha spuntata) E pì stasira, mi curcu fora! Vi-remu cu’ ‘a vinci, minchiuni!
(In modo assai laborioso, si sistema sulla panchina. Cerca la posizione meno sco-moda per dormire. Lentamente, buio.
Luce sul Cantastorie)
CANTASTORIE – Stativi muti, non lu disturbati...
Pì Bernardinu è dura la nuttati!
Lu mischineddu fa santa pacienza:
dìo lettu, pì com’ora, ha fari senza!
Certu, si senti ‘mpocu maltrattatu...
Non pigghia sonnu... è veru siddiatu...
Pensa puri a lu cuntu ‘i Paulinu...
Poi, finalmenti, dormi a sonnu chinu.
Ah, quanti sonni fa, lu disgraziatu!
S’insonna puri ca vinìa ammazzatu
da n’omu tristu ca, cù du’ cuteddi,
lu pigghia, lu strapazza e lu fa a feddi!
E d’accussì ci passa la nuttata...
tra friddu, cunti e... qualchi cutiddata!
L’ultima stidda, intantu, s’astutò
e lu suli, di livanti, ormai spuntò..,


7 –
(Luce del mattino. Bernardino, sulla panca, continua a dormire. Entra Tano. Lo osserva divertito per un pò poi si decide a svegliarlo)
TANO – Mastru Bernardinu! O mastru Bernardinu! (Lo scuote) Ma chi fici, si curcò fora, assira?
BERNARDINO – (non del tutto sveglio) Cu’ è?
TANO – Iù sugnu, Tanu. Buon giorno, eccellenza!
BERNARDINO – (ancora assonnato, si mette a sedere, cerca le pantofole...) Ned-da! Unni su’ i tappini... tappinara? Portami i tappini, ‘u senti?
TANO – Eccellenza, s’arrusbigghiassi!
BERNARDINO – Ah, Tanu...
TANO – Ma chi successi? Ci fu cosa cù donna Nedda?
BERNARDINO – Lassamu perdiri.
TANO – Ci fu qualche incompressione, qualche incompatibilità di origine co-niugale...? Forse qualche increscevole inconveniente sensuale... qualche...
BERNARDINO - ... Qualche vota ‘a ‘ffucu!
TANO – Non si diciunu ‘sti cosi, ‘ccillenza!
BERNARDINO – Non si diciunu, veru è... Si fannu!
TANO – Ma chi fa, scherza?!
BERNARDINO – Fatti l’affari to’ e non ti mettiri ‘nto menzu! Iù ‘a vogghiu af-fucari e ‘a ‘ffucu!
TANO – Nossignore. (Prende per mano Bernardino) Vinissi cù mmia: ci parru iù a donna Nedda.
BERNARDINO – Ahu, mi lassi stari, ah?
TANO – Vossia deve fare pace, Avanti, beddu valenti!
(Non hanno ancora raggiunto l’uscio di casa quando Bernardino sfugge a Tano)
BERNARDINO – No, no e no! Non la voglio più vedere! (Continua a scappare af-fannosamente inseguito da Tano)
TANO – Vinissi ccà!
BERNARDINO – Po’ moriri!
(L’inseguimento dura per un pò. Alla fine, entrambi stremati, si fermano ansiman-ti)
TANO – Mi dicissi ‘na cosa: iù sugnu un amicu?
BERNARDINO – E chi ni sacciu?
TANO – Sugnu ‘n’amicu. Iù ci vogghiu beni?
BERNARDINO – E chi ni sacciu?
TANO – Ci vogghiu beni. E se sono un amico e ci vogghiu beni, non ho il dovere d’intervenire?
BERNARDINO – Completamenti!
TANO – E io intervengo. Anche contro la sua volontà. Facci fare a me, facci chè io non sono nato giovedi scorso!
BERNARDINO – E a cu’ ci’a cunti? A proposito di cunti...
TANO – Ora io chiamo a donna Nedda e in quattru e quattr’ottu, sistemo la fac-cenda e faciti ‘a paci.
BERNARDINO – (si schernisce come un bambino) No!
TANO – Sì!
VOCE DI NEDDA da f.s. – V’arrisbigghiastivu, scimunitu?
NEDDA – (entra. S’accorge di Tano e il suo viso si illumina) Tano! (Sospira)
TANO – Comare Nella! E allora, che dobbiamo fare?
NEDDA – (languida) Che vogliamo fare?
TANO – Insomma, cummaredda, questo ingrescevoli sgrezio con suo marito si deve sanare. Dico giusto?
NEDDA – Se lo dite voi, Tano...
TANO – E certo che lo dico. Avanti, un bacetto e tutto si sistema.
(Nedda e Bernardino, contemporaneamente, si accostano a Tano e lo baciano)
TANO – E chi è, stamu iucannu? A mmia? E iù chi ci trasu? Voialtri ve lo dove-te dare il bacetto, no?
NEDDA – A iddu? Mancu morta! Mi fa senso, ribrezzo e ripulsione!
BERNARDINO – E a mmia mi fa schifu, pietà e ‘mprissioni!
TANO – Ora basta! (Lui al centro, prende per mano i due che se ne stanno a testa bassa, come due bambini appena rimproverati) Varda ch’è bella, vah! E cu’ m’u fici fari? (Si rivolge a Nedda) Abbissamula ‘sta matassa, altrimenti... (con intenzione) non putemu cumminari nenti. Chiaro?
NEDDA – Va bene.
TANO – Mastru Bernardinu, parru macari cù vossia. Circamu di fari ‘ncumari ‘sta cosa. Non è ca vossignoria pò dormiri ogni sira ccà fora! Vidissi ca ora veni ‘u friscu... Ci siamo capiti?
(Bernardino annuisce timidamente)
E allora, donna Nedda, che ci dice al maritino suo per fare la pace?
NEDDA – (ha tutte le intenzioni di baciare Bernardino. Gli si avvicina ma poi si ri-trae disgustata) Vo’ trasiti intra e itivi a lavari ca stati fitennu!
BERNARDINO – No!
TANO – (suggerisce a Nedda) Con dolcezza...
NEDDA – (con estrema dolcezza) Trasiti intra e itivi a lavari ca stati fitennu.
BERNARDINO – ‘U sapiti ca ora mi siddiai pì daveru? Mi ni vogghiu iri a’ ca-sa, va beni? Fino a prova contraria, cumannu iù e iù, ora, ho deciso ca mi ni vogghiu iri a’ casa! (Afferra il cuscino e la coperta rimasti sulla panca e si avvia verso casa) Vo’ dati i cianchi! (Esce)

8 –
(Nedda, come un’ossessa, si avventa su Tano che fugge terrorizzato)
NEDDA – Beddu! Veni ccà! Perchè mi sfuggi? (Riesce ad afferrarlo)
TANO – Perchè sono timido... (Si dimena, le sfugge. Al pubblico) E menu mali ca fiteva sò maritu!
NEDDA – Amore! Sono tutta un fuoco! Prendimi! Sono tua! (Infila la mano nel seno a cercare qualcosa) Guarda che ti faccio vedere!
TANO – (al pubblico) Scansatini!
NEDDA – (tira fuori la lettera) Quante belle parole mi hai scritto! Mi hai fatto impazzire, Tano! (Riprende l’inseguimento) Amore, prendimi! Prendimi!
TANO – (si ferma, blocca Nedda. Atteggiamento da maschio spaccone) Ora basta, Nelletta! E chi è? La femmina deve stare al suo posto. Sono io il maschio e sono io che debbo decidere se ti debbo prendere, come ti debbo prendere e quando ti debbo prendere! E, per com’ora, non ti voglio prendere!
NEDDA – Sei cattivo... Tu non m’ami.
TANO – Io “tano”... io t’amo!
NEDDA – No, tu non m’ami.
TANO – Se ti dico che t’amo! Pirchì m’ha’ fari incazzari?
NEDDA – E allora, baciami!
TANO – Ora?
NEDDA – Subito!
TANO – (rassegnato) E va bene.
(Lei attende ad occhi chiusi. Lui s’avvicina. Lei, improvvisamente apre gli occhi, lo afferra e lo bacia con ardore. Tano si svincola ancora).
TANO – (mentre fugge lontano da lei) Bedda! Mi fai morire, tu!
NEDDA – E allora perchè scappi?
TANO – Perchè sono caurulinu e se continuamu di ‘stu passu, non lo so comu va a finiri!
NEDDA – E tu prendimi! Prendimi!
TANO – E ci torna! Ma che ti prendo, Nedda?! Ogni cosa a suo tempo. Poi, a-more, poi... Te lo giuro, facemu cosi de’ pazzi! A cu’ sutta e cu’ supira, an-gelo mio!
NEDDA – Ripetilo!
TANO – Angelo mio!
NEDDA – No. Ripeti:”A cu’ sutta e cu’ supira”!
TANO – Ah... (Recita) A cu’ sutta e cu’ supira!
NEDDA – Come lo dici bene... Ancora, ancora!
TANO – Ora basta con le sciocchezze, Nedda e pinsamu a futtiri...
NEDDA – (speranzosa) Sì...?
TANO - ... a tò maritu. E allora, ti piace il mio piano?
NEDDA – Perfetto.
TANO – E hai capito come ti devi comportare?
NEDDA – Perfettamente.
TANO – Brava! E siccomu Bernardinu è un cretinu...
NEDDA - ... perfettu...
TANO - ... sarà facile facile: come rubare il biscotto a un neonato!
NEDDA – Quando si comincia?
TANO – Oggi stissu. Tu sei pronta?
NEDDA – (ride) Prontissima!

9 –
(in lacrime, sopraggiunge Carmelina)
CARMELINA – Compare Tano, buon giorno. Buon giorno, Nedda...
TANO – Carmelina! Ma chi successi?
CARMELINA – Paolino non mi vuole bene più!
NEDDA – Ah, i masculi...! Quanti peni, quanti peni ci danno!
TANO – Ma non è vero. Paolino ti vuole bene, invece.
CARMELINA – Vi dico che non mi vuole bene!
TANO – Ma pirchì, chi ti fici?
CARMELINA – (continua a piangere) Mi ha offesa!
TANO – In che senso?
CARMELINA – Mi dissi ca sugnu...(gli sussurra qualcosa all’orecchio)
TANO – ‘Na tappinara?! E pirchì?
CARMELINA – Perchè io gli ho chiesto... la prova d’amore. Ci dissi: “Paolinu, se mi vuoi veramente bene, mi devi dare la prova d’amore”...
NEDDA – E iddu?
CARMELINA – Prima mi dissi ca sugnu...
TANO - ... ‘na tappinara.
CARMELINA – E poi dissi ca ‘sti cosi si fannu sulu quannu dui su’ maritati. Io, invece, la voglio subito questa prova d’amore. Subito, subito! (Si dispera)
NEDDA – ‘A figghia... chi pena mi fa!... Non fari d’accussì, gioia!
TANO – (a Carmelina) Veni ccà, fatti taliari bona. (La esamina da capo a piedi) Ma io non mi capacito: pirchì ti dissi di no?
CARMELINA – Perchè non mi ama!
TANO – Spiramu ca è sulu pì chistu!
CARMELINA – E se lui non mi ama, io m’ammazzo!
TANO – Ma chi fai, scherzi?
CARMELINA – No, m’ammazzu pì daveru!
TANO – Ti sto dicendo che tu, per com’ora, non ti puoi ammazzare!
CARMELINA – (fra le lacrime) Ma vardati quant’è curiusu, vah!
TANO – Scimunita! Si t’ammazzi, m’u vo’ diri comu ci ‘u facemu ‘u scherzu a mastru Bernardinu?
CARMELINA – E allora, io voglio la prova d’amore!
TANO – L’avrai. Ti dò la mia parola! Anche perchè, se permetti, qua c’è in bal-lo l’onore della famiglia. O ti dà la prova d’amore o ci spaccu ‘a testa co-mu un muluni! Vado, ci calu i causi e tornu! (Infuriato, si avvia verso la comune)

10 –
(Sopraggiunge Paolino che ha sentito le ultime parole)
PAOLINO – A cu’ ci cali i causi?
TANO – (annuisce più volte) Veni ccà, avvicinati.
PAOLINO – (esegue) Chi voi?
(Carmelina continua a piangere rumorosamente)
TANO – (a parte) Senti, fatti taliari ‘nta facci... per ora- Poi, stasira... facemu un esame più approfondito...
PAOLINO – Un esame?!
TANO – Ma dicu, chi si’ scemu? Comu, chidda ti dumanna la prova d’amore e tu...
PAOLINO – Ah... mi pareva chi era! Vardati cu’ parra! L’esame approfondito! E allura tu ca scappi ogni vota ca Nedda s’avvicina?
TANO – Non alzare la voce, ignorante sessuale! Cù Nedda il discorso è diverso: dda ci voli figutu!
CARMELINA – (si avvicina disperata a Paolino) Tu non mi vuoi bene!
TANO – Non ti vergogni, cretinu? Ma è mai possibile che a tutto debbo pensare io? E per la scuola, ti ho dovuto aiutare io! E per il lavoro, ti ho dovuto fa-re vedere come si fa! Vo’ vidiri che questa prova d’amore la debbo soste-nere io al posto tuo? Ma unni semu arrivati?

PAOLINO – No, no, non ti pigghiari di colira pirchì ancora, finu a ‘stu puntu non ci semu arrivati!
TANO – E allura, viri c’ha fari! Moviti!
PAOLINO – E c’haiu a fari?
TANO – Comu, c’ha fari?!
PAOLINO – Ora? Subito?
TANO – Ca veramenti, subitu macari no... Avemu autri cosi p’e’ manu... (A Carmelina) Senti, gioia, vedi che io ho sistemato tutto. Stasira, Paolinu farà il suo dovere. Sei contenta?
CARMELINA – E chi me lo garentisce che stasera...?
TANO – Te lo garentisco io!
CARMELINA – E che c’entrate voi, Tano?
TANO – Comu, che c’entro?
PAOLINO – Havi ragiuni: tu non c’entri propriu. (Si accosta affettuoso alla ra-gazza) Carmelima... amore mio... vieni qua, facciamo la pace... (Si apparta-no)
CARMELINA – Tu mi vuoi bene?
PAOLINO – Certo che ti voglio bene.
CARMELINA – E quanto mi vuoi bene?
PAOLINO – Assai, assai.
CARMELINA – E allura... me la dai la prova d’amore?
PAOLINO – Te la dò la prova d’amore.
CARMELINA – Stasera?
PAOLINO – Stasera.
CARMELINA – Senti, Paolino... ma chi è ‘sta prova d’amore?
(Paolino la guarda sconcertato poi sorride e le sussurra qualcosa...)
TANO – E allora, Nidduzza, sai quello che devi fare. Entra in casa, stai un poco intra e poi esci con tuo marito.
NEDDA – (ridendo, a Paolino) Paolino!
PAOLINO – Ah?
NEDDA – Pripariti ca ora ni facemu...
PAOLINO – Quatru risati!
NEDDA – (si sbellica dalle risate) Bravu! Quattru risati!
TANO – Avanti, spurigghiamini... Io, nel frattempo, ci rinfresco la memoria a Paolino e a Carmelina.
NEDDA – (a Tano) Un bacio!
TANO – Sì. (La bacia sulla fronte)
NEDDA – Ma non così!
TANO – Poi, poi, amore...
NEDDA – Sì, poi, poi! Tano, ricordati che anch’io voglio la prova d’amore. Ha’ caputu? (Esce)

11 –
(Tano chiama a sà Paolino e Carmelina per le ultime raccomandazioni. All’apparire del Cantastorie, i personaggi rimangono immobili, in posizioni plastiche).
CANTASTORIE – A lu poviru mastru Bernardinu
ci priparanu ‘i corna c’o cufinu!
‘Na bella festa è puri priparata
pì futtirici i soldi d’a pignata!
Ora viditi, miei cari amici
zoccu si dissi e chiddu ca si fici.
Ma ora è megghiu ca non vi cuntu nenti...
Lassamu fari, inveci, a ‘sti fitenti!
(Buio sul Cantastorie.Tano esce rapidamente di scena lasciando il fratello e Car-melina seduti sulla panca a scambiarsi tenerezze).

12 –
(Qualche istante dopo, rientra Nedda che spinge il riottoso Bernardino. Nedda sta avvolgendo un gomitolo di lana, aiutata – nel peggiore dei modi – dal marito. E mentre la lana s’imbroglia in modo impressionante, i due si avvicinano alla pan-china).
NEDDA – Avanti, Bernardinello, tenetemi compagnia. Che vi costa?
BERNARDINO – (le mani imprigionate dalla lana) Ahu, a mmia mi sta dulennu ‘a testa cù ‘sta cosa...! E’ troppu traficusu...! E poi, mi siddiu. Mi ni tornu intra! (Tenta di districarsi dai fili)
CARMELINA – Buon giorno, Bernardino!
PAOLINO – Mastru Bernardinu.
NEDDA – (al marito, con una inconsueta dolcezza) Ma pirchì vi vuliti chiudiri sempri intra? Ca pigghiati un pocu di aria, no?
BERNARDINO – Aria?! Havi ‘na nuttata sana ca pigghiu aria! T’u scurdasti? Ma poi, si pò sapiri pirchì ti vinni tutta ‘sta voglia di stari cù mmia, stama-tina?
NEDDA – Pirchì, anche si non v’u miritati, iù vi vogghiu beni... E poi, non vede-te che abbiamo la compagnia di questi due pulcini innamorati? Chi sunu duci, veru?
BERNARDINO – (rassegnato) E va beni. Stamu con i puddicini e... c’a ciocca!
(Tutti e quattro sono seduti. Rimangono, per qualche istante, in silenzio)
PAOLINO – Mah!
CARMELINA – Mah!
NEDDA – Mah!
BERNARDINO – Boh?
PAOLINO – Mi pari ca oggi sta facennu cchiù friscu di ieri.
CARMELINA – Veru è.
BERNARDINO – Allura, forsi, è megghiu ca mi ni trasu...
TUTTI – No!
BERNARDINO – E pirchì, no?
NEDDA – (taglia corto) Pirchì intra c’è cauru!
CARMELINA – (dà inizio al piano...) Mastru Bernardinu, ci pozzu dumannari un favuri?
BERNARDINO – Vidi ca soldi non n’haiu.
CARMELINA – Ma quali soldi?! No... si tratta... insomma, m’ha fari ‘u favuri di dirici a Paulinu ca è scemu!
BERNARDINO – Ti n’accurgisti macari tu?
CARMELINA – Voli sapiri pirchì? Ora ci’u cuntu.
BERNARDINO – A proposito d’o cuntu...
CARMELINA – Quali cuntu?
BERNARDINO – ‘U cuntu... (Abbassa la voce) ‘U sai chi ti dicu? Facemu finta di nenti... Facemu finta ca m’u scurdai ‘nto panaru di mè muggheri!
CARMELINA – ‘Nto panaru di sò muggheri?
BERNARDINO – Muta! (Alza la voce) E allora, che mi stavi dicendo? Ah, sì, ca Paolinu è scemu.
CARMELINA – Scemu completu!
NEDDA – Io, invece, penso ca è un giovanotto spertu!
CARMELINA – Ma quali spertu! Unu ca è spertu, chi cridi a certi favuli?
PAOLINO – Quante volte ti debbo dire ca non sunu favuli?
CARMELINA – Sono favole! E tu si’ scemu ca ci cridi!
NEDDA – Scusa, Carmelina... ma di quali favuli stati parrannu?
CARMELINA – Ma pirchì, cummaredda, non ni sapi nenti? Mi meraviglio ca ‘stu cretinu non ci ha cuntatu ancora nenti.
NEDDA – No, non ne so niente. (Al marito) Vui ni sapiti cosa?
BERNARDINO – Ma di chi schifiu stati parrannu?
PAOLINO – Ma, santa carusa, se era un segreto, a cu’ ci l’hava a cuntari? Che dovevo fare il bando?
NEDDA – Un segreto? Un segreto pure con noi? Tu ‘u sai: Bernardinu ti vuole bene comu a ‘nfigghiu e iù macari... ‘U sai, no?
PAOLINO – ‘U sacciu, donna Nedda...
NEDDA – Fra di noi, niente segreti. Dico bene, Carmelina?
CARMELINA – Ma poi, chi segreti su’, chisti? Bestialità, cummari mia, bestiali-tà. A pinsarici, mi veni sulu da ridiri! (Ride)
PAOLINO – Chi è ca ridi, scunchiuruta? T’u fazzu vidiri iù se è ‘na favula!
BERNARDINO – (incuriosito) Cuntammilla macari a mmia ‘sta favula, Paoli-nu... Di chi si tratta?
PAOLINO – Mi dispiace, non posso. Anzi, chista (indica Carmelina) ha parratu macari assai!
CARMELINA – (a Paolino) Avanti, e diccillu ca ti ni vo’ jri ‘nto vadduni a cir-cari ‘na petra!
NEDDA – (finge meraviglia) ‘Na petra?
BERNARDINO – (ride) E pirchì ‘nto vadduni? Ci ni su’ tanti, ccà, petri ca si ci pò vurricari!
NEDDA – Ma... chi petra è?
BERNARDINO – (continua a ridere divertito) Petrapumici!
CARMELINA – (molto attenta alla parte che le è stata assegnata, ride anche lei) E no! Non si tratta di una pietra normali!
PAOLINO – (finge di essere molto contrariato) Infatti. Ed è conosciuta col nome di “Elitropia”!
BERNARDINO – (si sbellica dalle risate) E il cognome qual è?
NEDDA – Io però mi domando: se Paolino cerca questa “Elitropia”, una ragione ci deve essere, no?
PAOLINO – E infatti, c’è.
BERNARDINO – (c,s,) Inveci di cercare “elitropici”, pirchì non cerchi di livarici ‘a farsa?
PAOLINO – (molto serio) Vossignoria ci arridi perchè non conosce le virtà di questa pietra!
NEDDA – Che virtù?
CARMELINA – Ca quali virtù!
PAOLINO – (abbassa la voce ad arte e si guarda attorno) Veramente avevo pro-messo a Tano che non avrei detto niente a nessuno ma... oramai...! Se mi promettete di mantenere il segreto, vi dico tutto. Promettete?
NEDDA – Certo che promettiamo. Vero, Bernardino?
BERNARDINO – (senza smettere di ridere) E chi semu a chistu? Prometto.
PAOLINO – Ebbene... L’Elitropia – grapiti ‘a’ricchi – ha la virtù di rendere in-visibile chi la possiede!
NEDDA – Nienmte di meno! Paolino, chista mi pari veramenti grossa!
CARMELINA – Vo’ facitaccillu trasiri ‘ntra dda tistazza di mulu!
BERNARDINO – Ma levati, “invisibile”!
PAOLINO – E invece, s’. E lo posso anche dimostrare.
NEDDA – Lo puoi dimostrare?
BERNARDINO – (ha smesso di ridere. Ora si mostra più incuriosito che scettico) E parra, vah, ca mi staiu divirtennu!

13 –
TANO – (entra piuttosto contrariato) Paolino! Fussi cosa di pigghiariti a pirati! Chi sta’ facennu ccà^ Havi menzura ca t’aspettu!
PAOLINO – Stavo venendo... Mih, chi si’ caddaciusu!
TANO – Ahu, parra col dovuto rispetto, ‘u senti? Ma dico, è mai possibile ca ti mannu a fari un sirvizu e scumpari d’a circolazione?!
BERNARDINO – (ride) Si vidi ca truvò l’Elitropica!
TANO – (finge la massima sorpresa) Chi significa ‘stu discursu?
PAOLINO – Io non c’entro! Fu Carmilina a mettiri i puddicini o’ suli!
TANO – E io che t’avevo raccomandato? “Non ni parrari mancu cù Carmilina”! Tu, inveci, testa di sceccu, facisti i pubblicazioni!
NEDDA – E va beh, cumpari Tanu, fra noialtri...
TANO – Chi c’entra... non è per voi... Sulu che si tratta di una cosa delicata e ‘a genti ca non ni canusci ni putissi pigghiari macari pì pazzi...
NEDDA – Noialtri lo sappiamo ca siti persone serie e assennate... non è veru, Bernardinu?
BERNARDINO – Insomma...
NEDDA – Avanti, con noialtri putiti parrari tranquilli...
TANO – E va beni. Mastru Bernardinu, vossia chi è unu ca parra assai?
BERNARDINO – Ca si mi dununu corda...
TANO – Appostu, semu! E allura, livamici manu.
BERNARDINO – Senti, beddu, ma chi è ca voi di mia?! Havi menzura ca chistu (indica Paolino) parra di puddicini, di petri...
TANO – Di “una” pietra, eccellenza.
BERNARDINO – Di una pietra, ho capito. Ti pari ca sugnu scemu?
TANO – Grapissi i padiglioni d’aricchi e m’ascutassi.
BERNARDINO – Va beni.
TANO – Mi sta ascutannu?
BERNARDINO – Sì! E quanti voti?
TANO – E mentri ca vossia si distrae...!
BERNARDINO – Ca parra, ddocu!
TANO – Però, mi raccomando: acqua in bocca. Segreto assoluto. Ci semu?
BERNARDINO – (sbuffa) Ci semu.
TANO – Dunque, vossignoria deve sapere che nel mondo ci sunu tanti petri! Chi sacciu, ‘na vintina di miliuni...
BERNARDINO – (sorpreso per l’eccessivo numero) Minchiuni!
PAOLINO – (lo corregge) Miliuni!
TANO - ... tostu di più e no’ cchiù picca. Ci sunu petri priziusi, petri minerali... Ci su’ petri nichi ca si chiamanu “pitruzzi” e petri grossi ca si chiamanu “madduni”...
BERNARDINO – Minchiuni!
PAOLINO – “Madduni”!
TANO – Poi ci su’ petri d’acqua dolce e petri d’acqua salata... Petri esposti a menziornu e petri esposti a tramuntana... Petri di muntagna, petri di cam-pagna, petri di sciara... Petri pisanti, petri leggeri...
NEDDA – (si avvicina a Tano languidamente) Quanto siete istruito, cumpari Ta-nu! (abbassa la voce) Gioia mia!
TANO – (a Nedda, a voce bassa) Arrassiti e fammi travagghiari. (Cintinua la dis-sertazione...) Pì non parrari de’ culuri. Ci su’ petri ianchi, petri niuri, petri russi... Ora, ognuma di ‘sti petri ha un nome...
BERNARDINO – (piuttosto confuso dalla disquisizione) Logico.
TANO – Ma a nuatri non ci interessa canusciri tutti i petri pì nomu...
BERNARDINO – Certu.
TANO – La pietra che c’interessa a noialtri, per le sue virtù miracolose, le sue virtù magiche, le sue virtù straordinarie, si chiama... Comu si chiama?
BERNARDINO – Si chiama... Ci l’haiu ‘mpizzu a’ lingua!
PAOLINO – Elitropia, no?
BERNARDINO – Elitropia!
TANO – Bravo! Che ha il potere di rendere invi... invi...
BERNARDINO – (confuso più che mai...) Invidiosi!
TANO – Invisibili!
BERNARDINO – Minchiuni!
PAOLINO – (lo corregge) Invisibili. (Al pubblico) E puri minchiuni!
NEDDA – (finge grande stupore) Bih! E’ mai possibile?
TANO – Il difficile è trovarla.
BERNARDINO – (ormai sedotto) E... si iù non ci vulissi cridiri, tu chi fai pì cun-vincirimi?
TANO – (a Paolino, sorridendo) Chi fa, ci’a vulemu cuntari ‘a virità...?
BERNARDINO – (preoccupato) Comu, “a virità”?! Non è ca mi stati pigghiannu in giro?
PAOLINO – Ma chi fa, scherza?
TANO – Chi ci pari ca stamu iucannu?
BERNARDINO – E allura?
TANO – Caro mastru Bernardino, l’Elitropia esiste com’è vero che esiste vossia!
PAOLINO – Non sulu. C’è pure chi l’ha trovata!
BERNARDINO – Sì?
CARMELINA – (finge d’essere quasi convinta) Trovata? E chi l’ha trovata?
TANO – Eccellenza, vossia su riorda a Ninu “fungia”?
BERNARDINO – ‘U putiaru! Chiddu ca quannu s’imbriacava, diceva di essiri San Girolamo!
PAOLINO – Bravu!
TANO – E mi dicissi ‘na cosa: vossia l’ha vistu cchiù?
BERNARDINO – No.
TANO – E non si è mai chiesto pirchì scumparìu?
BERNARDINO – No.
TANO – Ha trovato l’Elitropia!

NEDDA – Allura è ancora ‘nto paisi?
PAOLINO – Sicuramente.
TANO – Capaci ca è cca vicinu ca ni senti e si sta facennu quattru risati!
NEDDA – E allura... Ciccina ‘a custurera?
BERNARDINO – Cui, dda gran scavallata ca s’a faceva cù tutti?
CARMELINA – Ma chi sta dicennu? Ciccina era ‘na santa!
NEDDA – Si fimmini boni ancora ci n’è, idda era ‘a prima!
CARMELINA – Sempri casa e chiesa, chiesa e casa...
TANO – (al pubblico) Pì forza: s’a faceva macari cù patri Celestinu!
NEDDA – Mischina, quanti ci ni dicevanu ‘sti curtigghiari invidiusi!
CARMELINA – Cchiù bona è una e cchiù ‘ssai veni sparrata!
BERNARDINO – Allura non è vero ca era ‘na tappinara e si ni scappò cù Filip-pittu, ‘u sagristanu?
TANO – Ma quannu mai!
PAOLINO – Ma chi è, non l’ha caputu? Ha trovato l’Elitropia!
BERNARDINO – Macari idda?! Allura ci n’è assai di ‘sti petri!
TANO – Pirchì, di dissi ca ci n’era una sula?
PAOLINO – Per lo meno, ci ni sarannu ancora ‘na decina...
NEDDA – Matri, cumpari Tanu, mi sento emozionata! Ma allura questa Elitro-pia ‘a putemu truvari pure noialtri!
TANO – Se agiamo con discrezione, con metodo e con intelligenza... non è im-probabile, cara cummaredda.
TANO – Se agiamo con discrezione, con metodo e con intelligenza... non è im-probabile, cara cummaredda.
(Il cerchio si stringe attorno a Bernardino)
CARMELINA – Aspittati... io sto riflettendo su una questione. Se è vero che Ni-nu “fungia” divintava San Girolamu quannu s’imbriacava e si è vero, co-mìè vero, ca Ciccina era ‘na fimmina di chiesa... chistu significa ca ‘sta pe-tra la possono trovare sulu chiddu ca sunu onesti e virtuosi...
BERNARDINO – No... chi c’entra?
TANO – Comu, chi c’entra? Secunnu vossia, unu ca, mintemu, futti o’ prossimu, che è degno di trovare questa pietra? Unu c’arrobba, unu c’ammazza i cristiani...
PAOLINO – (con intenzione) Unu ca, mintemu, havi troppi soldi e non li vuole uscire pirchì è un tintu tirchiazzu...
TANO - ... nonchè grandissima cosa fitusa...
PAOLINO - ... secunnu voscenza, ‘a pò truvari mai ‘sta petra?
TANO – Nè ora nè mai!
BERNARDINO – Ah... perciò cu’ è tirchiu n’a pò truvari, abberu?
TUTTI – S’a pò scurdari!
TANO – Io, per esempio, in virtù di questo discorso, havi du’ misi ca vaiu a’ missa ogni matina.
PAOLINO – E iù vaiu accucchiannu soldi pì daraccilli ai poveri.
CARMELINA – E io che posso fare? Va bene: prometto ca non mi sciarrìu cchiù cù Paolino!
NEDDA – E iù mi vogghiu cunfissari ogni sira. Lo giuro!
(Tutti e quattro ignorano volutamente Bernardino e facendo buoni propositi, si riti-rano in casa di Nedda. Bernardino rimane un pò pensieroso).
BERNARDINO – (si guarda attorno, convinto che gli “scomparsi” lo stiano a sen-tire) ‘Mpari Ninu! ‘Mpari Ninu, ‘u sacciu ca siti ccà! E sacciu ca c’è puri Ciccina! ‘A vulemu fari ‘na scummissa, tutti tri? Tempu du’ iorna e scumparu macari iù. Minchiuni! (Ride per l’eccitazione)
SIPARIO


SECONDO ATTO
(Medesimo cortile del primo atto. All’apertura del sipario, la scena è vuota. Dopo qualche istante, entrano Bernardino, Tano e Paolino portando, ciascuno, un sacco pieno di pietre. Ovviamente, il sacco di Bernardino è il più appariscente e il più pe-sante).
TANO – Finalmente siamo arrivati.
BERNARDINO – Io non capisco pirchì ficimu ‘u traficu di purtari ‘sta gran sor-ta di sacchi finu a ccà! Non la potevamo cercare ‘nto vadduni stissu l’Elitropia?
PAOLINO – ‘Nto vadduni?! Col rischio ca ni videva qualcunu?
TANO – Qua, invece, a sò casa, lontani da occhi indiscreti, putemu stari tran-quilli, giustu?
BERNARDINO – Quantu sugnu bestia! Aviti ragiuni.
TANO – Avanti, all’opera!
BERNARDINO – Forza, circamu di circari ‘sta petra!
(Con finta eccitazione Tano e Paolino, con vera trepidazione, Bernardino, rovista-no dentro i sacchi, alla ricerca dell’Elitropia. L’azione mimica, sottolineata da una musichetta, dura per un pò).
PAOLINO – (stringe una grossa pietra) Tano! Chi è chista, pì casu?
TANO – Ca quali, scimunitu! No’ vidi ca ti vidu?
PAOLINO – Veru è. (Ricomincia a cercare)
BERNARDINO – (si ferma improvvisamente) Ma dimmi ‘na cosa, Tanu: iù cer-cu, cercu... ma non sacciu mancu chi schifiu staiu circannu. Si può sapere com’è fatta ‘sta petra? Almeno, mi regolo.
TANO – Com’è fatta? E comu ci ‘u spiegu? E’ una pietra normale... che può es-sere grossa comu ‘na petra grossa e nica comu ‘na petra nica. Però, è di-versa.
PAOLINO – Chiaro?
BERNARDINO – (senza capire) Ho capito.
(Continuano la ricerca. Dopo un pò, esausti, si lasciano cadere a terra)
PAOLINO – Chi facemu, ci livamu manu, per ora?
TANO – (scuote la testa) Ho l’impressione che qualcosa non va. Paolino, tu c’ha’ cumminatu ‘nta ‘sti iorna? Non cridu ca ddi soldi c’avevi sarvati...
PAOLINO – Chi fai, scherzi? Tutti ddà, sunnu. Li avevo promesso ai poveri e mantengo la promessa!
TANO – E allura? Io non mi capacito: i soldi, tu non l’ha’ spinnutu... Iù, a’ mis-sa ci staiu jennu ogni santu iornu... e dunque? Un momento, un momento. Mastru Bernardinu, si può sapere chi sta facennu vossia pì miritarisi que-sta Elitropia?
BERNARDINO – (imbarazzato e confuso) Iù? Ogni sira dico le orazioni.
TANO – Non basta!
BERNARDINO – E c’i fazzu diri anche a mia moglie.
PAOLINO – Eccellenza, non basta, abberu, Tanu?
TANO – Ca certu, Troppo poco. Non ci siamo.
PAOLINO – Non ci siamo.
TANO – Ci vuole qualche cosa... di più importante... più sostanzioso... Minte-mu... vossia chi havi soldi?
BERNARDINO – Soldi...? Roba di pocu... cosi di nenti...
TANO – Vidissi ca mancu i munzignari ‘a trovanu l’Elitropia!
PAOLINO – E’ chiaro?
BERNARDINO – (rassegnato) Ci n’haiu soldi.
PAOLINO – Bravu! E s’i teni ancora sarvati?
TANO – Avemu vogghia di circari! E comu ‘a putemu mai truvari l’Elitropia? Certu ca ficimu un affare a cuntarici tutti cosi a vossia!
PAOLINO – E cu’ s’u puteva immaginari ca vossia fussi tirchiu finu a ‘stu pun-tu!
BERNARDINO – Non sugnu tirchiu!
TANO – (perentorio) E allura, vossia, ora, pigghia tutti i soldi e pì subitu c’i du-na alla Chiesa!
BERNARDINO – Subito!
PAOLINO – Prima di subito!
BERNARDINO – Va bene. Dumani.
TANO – PAOLINO – (insieme) Dumani? (A Bernardino) Dumani.
BERNARDINO – Dumani matina prestu arricogghiu un poco di soldi...
PAOLINO – Comu, “un poco”?
TANO – Tutti!
BERNARDINO – Pigghiu tutti i soldi e c’i portu a patri parrucu.
TANO – Non ci semu.
PAOLINO – Non ci semu.
BERNARDINO – Non ci semu?
TANO – No, E’ troppo pericoloso. Mintemu ca qualche malintenzionato ci veni d’appressu, ‘u pigghia a vastunati e ci futti i soldi. Ah? Vossia s’a senti di rischiare i soldi e la vita?
BERNARDINO – E allura?
TANO – Tranquillu. Ascutassi a mmia.
PAOLINO – Non si distraissi e ascutassi a mè frati.
TANO – Vossia ‘u canusci a frate Serafino?
BERNARDINO – No.
PAOLINO – E iddu veni a pigghiarisi i soldi.
BERNARDINO – Ma... aspittati... Si no’ canusciu comu fazzu a sapiri che si tratta di iddu?
PAOLINO – E non ci siamo noialtri?
TANO – Quannu arriva Frati Serafino , noi siamo qua, cà voscenza. Chi fa, ‘u lassamu sulu?
BERNARDINO – Vuatri ‘u canusciti a ‘stu frati... Serafino?
TANO – Come la mia stessa persona. Non s’ha preoccupari.
BERNARDINO – Ora sugnu cchiù tranquillu.
PAOLINO - Ad avvertirlo, ci penso io.
BERNARDINO – A cui?
PAOLINO – Ca a frati Serafino, no? Dumani acchianu o’ cunventu e ci dicu ca vossia vuole fare una grossa regalia alla Madre Chiesa.
TANO – Bravo. Vacci tu.
BERNARDINO – Bravo. Ci vai tu. E allura, chi facemu, ‘a putemu circari, ora, ‘sta biniditta petra?
PAOLINO – Havi ‘mpinseri, ah?
TANO – L’importante è che questa promessa di regalia, voscenza ‘a sta facennu senza ‘nfamità e cù tuttu ‘u cori! In caso contrario, ogni ricerca sarà inuti-le. M’ha caputu bonu?
BERNARDINO – Ci mancassi. Certu, cù tuttu ‘u cori!
TANO – Ora ‘a putemu continuari a circari.
(Riprendono la ricerca. Dopo qualche istante, Bernardino, scartate altre pietre, giocherella pensieroso con un sassolino).
PAOLINO – (solleva la schiena, si asciuga il sudore dalla fronte) Tano! Ni scurau ccà!
TANO – Allura. Ho l’impressione c’ ham’a turnari ‘nto vadduni a carriari autri petri!
PAOLINO – Accussì mi sta parennu macari a mmia. Sintemu chi ni pensa ma-stru Ber... Ma unn’è? Chi fini fici? (Si guarda attorno e finge di non veder-lo)
TANO – E chi è, si ni jvu senza diri nenti e ni lassò ccà comu a du’ sciamuniti?!
(Bernardino s’illumina in volto poichè crede d’essere invisibile).
PAOLINO – E bravu! Appena sintìu ca s’hava a ghiri ‘nto vadduni a carriari autri petri, s’a squagghiò mutu mutu...!
TANO – Si non fussi p’o rispettu ca ci portu, ‘nta ‘stu mumentu, parola d’onore, ‘ u piriassi! Ci dicissi:”Mastru Bernardinu, accussì si trattanu l’amici?” E ‘ddocu, ‘na pirata! (Sferra un poderoso calcione a Bernardino che, nono-stante il dolore, si mostra felice)
PAOLINO – Tu? Iù, inveci, pigghiassi ‘sta petra e ci ‘a lassassi curriri ‘nta cari-na! (Scaglia la pietra addosso al malcapitato che continua a ridersela) Ci ammiscassi macari iù ‘na bella pirata! (Insegue, addirittura, Bernardino che tenta, con scarsa fortuna, di evitare il colpo)
TANO – Amuninni, o frati. Non ti pigghiari di nervi. Dumani ci ‘u dicemu chia-ru e tunnu ca chistu non è modo di comportarsi. Amuninni.
(Tano e Paolino escono per la comune)
BERNARDINO – (raggiante) Minchiuni! ‘A truvai!
(Buio.
Luce sul...)
CANTASTORIE – “Minchiuni!” grida mastru Bernardinu,
“Cangiò, oramai, tuttu lu mè distinu!”
Stringennusi cuntentu dda pitruzza,
la vasa, la talìa e l’accarizza.
“Sugnu l’omu cchiù filici d’o munnu!”
Ma è sulu lu cchiù bestia e lu cchiù tunnu.
“Ora, zoccu mi piaci non l’accattu:
ci vaiu, mi lu pigghiu e mi ni futtu!”
E’ cuntentu assai, lu veru babbiuni...
pò fari so’ tutti li furtuni!
Quanti cosi furrianu ‘nta sò testa...!
Ma c’è cu’ pensa a farici la festa!

2 –
(La scena torna a illuminarsi su Paolino che raccoglie le pietre del giorno prima e su Carmelina, seduta sulla panchina).
CARMELINA – (sospira con finto rapimento) Com’è bello tutto ciò! Il sole che sorge, gli uccellini che cinguettano sugli alberi, il profumo delle viole e dei lillà che si spande nell’aria quieta... e io che ammiro a ttia c’arricogghi pe-tri...!
PAOLINO – Ieri l’atmosfera era ancora più romantica! Il sole che tramontava, gli uccellini che cinguettavano sugli alberi... – non mi ricordo se c’era il profumo delle viole e dei lillà – e iù ca mi rumpeva ‘a carina a carriari pe-tri d’o vadduni finu a ccà!
CARMELINA – Sì? Che peccato ca iù non c’era!
PAOLINO – Piccatu, sì. (Ride) Ti sei persa la scomparsa di mastru Bernardinu! Oh, lu bestia!
CARMELINA – Senti, ma ora, quannu arriva Bernardinu... com’è: visibile o in-visibile?
PAOLINO – A seconda. Si ci havi ‘a petra, n’o videmu, si ‘a petra non ci l’havi, ‘u videmu.

3 –
(Entra – ridendo – Nedda).
NEDDA – Paolino! Carmelina! Viditi ca sta niscennu!
CARMELINA – Visibile o invisibile?
NEDDA – Invisibile. Havi da ieri sira ca è invisibili! E poi si curcò c’a petra sut-ta ‘u cuscinu!
PAOLINO – Chi c’erano dubbi?
NEDDA – ‘Sta matina, happi ‘mpinseri: s’a pigghiò a’mmucciuni di mia – a id-du ci pareva! – e attaccò a dimannarimi:”Nedda, mi vedi? Nedda, unni sugnu?” (Ridono tutti) Muti, muti... ccà è...
(Con la pietra in mano, entra Bernardino, certo d’essere invisibile.Divertito, siede sulla panchina, accanto a Carmelina che diviene oggetto delle sue “attenzio-ni” ).
CARMELINA – Mi dicissi ‘na cosa, cummari Nedda, unn’è sò maritu? Intra?
NEDDA – ‘U lassai curcatu ca durmeva comu ‘n’angileddu, gioia mia!
(Con estrema noncuranza – visto che le carezze di Bernardino a Carmelina diven-tano sempre più audaci – Nedda prende il posto della ragazza: Bernardino si
mostra alquanto contrariato).
PAOLINO – Ma ‘u sapi ca ieri sira, mastru Bernardinu si è comportato in modo strano?
NEDDA – In che senso?
PAOLINO – A un certo punto, mentri stavamo cercando l’Elitropia, si ni jvu senza diri nenti e ni lassò a mia e a mè frati comu a du’ citrola!
NEDDA – Daveru? E comu mai? Mè maritu – no pì vantallu – è ‘na persona e-ducata. Certu, havi i so’ difetti ma in quanto a educazione e intelligenza, n’o batti nuddu!
PAOLINO – ‘U sacciu, ‘u sacciu... Pì chistu iù e Tanu ci siamo meravigliati...
(Bernardino, deciso a “manifestarsi”, depone la pietra sotto la panchina. I tre fin-gono grande stupore).
PAOLINO – Ma unn’era ammucciatu voscenza?
CARMELINA – Mi fici satari l’anima! Non li facissi cchiù ‘sti scherzi!
NEDDA – (al marito) Beddu! Simpaticunazzu! Uomo sgherzoso!
PAOLINO – Allura! A mastru Bernardinu i scherzi ci piaciunu assai! Ieri sira bona ‘na cumminò, abberu? “Circamu ‘a petra, circamu ‘a petra” e ni las-sò in tridici!
(Bernardino si sganascia dalle risate)
E chi è, per giunta si metti a ridiri?
BERNARDINO – Sei un ingenuo!
PAOLINO – Chi c’entra l’ingenuità? Vossia ‘u sapi ca mè frati s’affinnìu?
BERNARDINO – (continua a ridere) Ingenui, tutti dui!
PAOLINO – Comunque, ‘nto vadduni, cù nuatri, vossia non ci veni cchiù!
BERNARDINO – (non riesce proprio a smettere di ridere) Matri, Nedda! Tenimi i cianchi! Non ci ‘a fazzu cchiù!
PAOLINO – Inveci di divirtirisi alle nostre spalle, pirchì non n’u diceva aper-tamente? “Iù non ci cridu ca ‘sta petra esiste”! Punto e basta. Pirchì non parrava chiaru?
BERNARDINO – (improvvisamente serio) Ma cu’ è ca non ci cridi, scimunitu? Tanto per essere chiari: ieri sira io stavo con voi.
PAOLINO – Lo so. Sulu che, improvviamente, comu fu e comu non fu, scumpa-rìu!
BERNARDINO – Bravo! Infatti... “sono scomparso”! Hai capito, cretino?
PAOLINO – Vossia... truvò l’Elitropia?
NEDDA – L’avete trovata?
CARMELINA – Daveru?
BERNARDINO – (annuisce trionfante poi, ridendo, rivolto a Nedda) L’hava a vi-diri a tutti dui frati! Cu’ mi dava pirati... cu’ m’assicutava! (Continua a sbellicarsi dalle risate, a Paolino) Ci pensi quannu lassasti curriri dda bella petra?
PAOLINO – Ca era ‘ncazzatu...! Ma... allura vossia era presente!
BERNARDINO – (ride fino alle lacrime) Presente? Moncagghiasti ‘nchinu! Dda petra m’allippò ccà, ‘nta carina! (A Nedda) Iddi eranu siddiati e iù arride-va! E cchiù s’incazzavanu pirchì non mi videvanu e cchiù arrideva!
PAOLINO – Ma si pò sapiri pirchì voscenza non si è manifestato?
BERNARDINO – Bravu! E si vi dicevo: sugnu ccà, fineva ‘u spassu, no?
CARMELINA – Ma allora, questo significa che vossia ha mantenuto la promes-sa...
BERNARDINO – Quali promessa?
CARMELINA – La regalia alla chiesa.
PAOLINO – La grossa regalia alla chiesa!
BERNARDINO – Poi si ni parra. Per ora mi voglio godere la mia invisibilità!
PAOLINO – Alt! Un momento! Tantu pì sapillu: vidissi ca vossia havi tri ghior-na di invisibilità. Dopu ‘sti tri ghiorna, se non ha fatto quello che deve fa-re...
BERNARDINO – Chi succedi?
PAOLINO – Cumpari vossia e scumpari l’Elitropia!
BERNARDINO – Cioè?
PAOLINO – Si spicciassi a mantenere la promessa perchè, altrimenti, l’effetto della pietra... svanisce! L’ha caputu o no? Avanti, vidissi c’ha fari. Vidissi d’annacarisi... Vidissi ca sta vinennu fratello Serafino!
BERNARDINO – Sta vinennu?
PAOLINO – A pigghiarisi i soldi.
BERNARDINO – Ah, ho capito. Ora trasu a’ casa e pigghiu i soldi... Ora pig-ghiu ‘a casa ... e trasu i soldi...
PAOLINO – No... si sta cunfunnennu: i soldi l’ha nesciri!
BERNARDINO – ‘U capìi. Ti pari ca sugnu scemu?! (Esce)

4 –
(Tutti ridono come matti. Intanto,dalla comune, fa capolino Tano, travestito da fra-te Serafino).
TUTTI – (cantilenando) La pace sia con te, fratello! (Ridono)
TANO – Unn’è l’uomo invisibile?
PAOLINO . Trasìu intra pì nesciri i soldi.
NEDDA – (non riesce a frenarsi e corre ad abbracciare Tano) Tanuccio!
TANO – Chiamami “fratello Serafino”!
NEDDA – Sì, Serafino! L’angelo del mio paradiso!
TANO – (si scioglie dall’abbraccio) Nedda, e chi è, accuss’ t’allanzi? Un pò di ri-spetto per la veste che indosso!
NEDDA – L’abito non fa il monaco.
TANO – Allaschiti chè l’abito “fa” il monaco! E poi, vidi ca sta arrivannu tò maritu!
PAOLINO – ‘A varva, Tanu! T’a scurdasti?
TANO – Veru è. (Tira fuori dal tascone una barba posticcia che sistema subito)

5 –
(Rientra Bernardino con un vistoso sacchetto di soldi. Tano, chino il capo, è im-merso nella preghiera).
BERNARDINO – I soldi ‘i pigghiai.
PAOLINO – (cantilena) I soldi ‘i pigghiau!
NEDDA – CARMELINA – (confermano cantilenando) I soldi ‘i pigghiau!
TANO – (risponde, sempre cantando) Bonu fici.
BERNARDINO – (a Paolino) Chi è iddu?
TANO – E tu chi sei, piccolo omiciattolo?
BERNARDINO – (a Paolino) Sta parrannu cù mmia?
PAOLINO – E allura, cù cui?
TANO – (severo) Qual è il tuo nome, peccatore?
BERNARDINO – (intimorito) Bernardino.
TANO – Tu, Bernardino, sei un grandissimo peccatore, apostata! Figlio immon-do di padre turpe e madre comcubina! Insano! Scellerato! Animale e amo-rale! Tu devi morire!
BERNARDINO – (con un filo di voce, a Paolino) Ma chi vinni pì ‘nsurtarimi ?
PAOLINO – Mutu, se no, s’incazza!
TANO – Ordunque, fedigrafo, perchè mi hai distolto dalle mie sublimi medita-zioni e da lassù, dal monte Angelicus, mi hai fatto scendere quaggiù, in questa orripilante valle Diabolicas?
(Bernardino rimane perplesso, non sa che dire...)
Cù ttia, staiu parrannu!
PAOLINO – (a Bernardino) Ci ammustrassi i soldi accussì si calma.
BERNARDINO – (a Tano) Padre...
PAOLINO – (lo corregge) Fratello.
BERNARDINO – Padre fratello...
TANO – Figliolo.
BERNARDINO – Padre, fratello, figliolo... mi cassariai!
NEDDA – Il suo nome è Serafino.
BERNARDINO – Dunque, Serafino, senti...
TANO – Inginocchiati, verme! Prostrati al cospetto dei piedi della mia venerabi-le persona santa e metafisica! Umiliati! Cospargi di cenere il capo, ultimo rampollo di una degenerata stirpe! Avanti, figlio di padre ignoto e madre allegra, vidi c’ha fari!
BERNARDINO – C’haiu a fari?
TANO – Bestia! Appropinqua quel vile denaro e posalu ccà. (Stende la mano)
BERNARDINO – Subito. (porge il denaro)
TANO – Bonu facisti.
TUTTI – Bonu fici!
TANO – Ego te purifico et absolvo omnia peccata tua. (Tra sè) Vo’ duna i cian-chi!
BERNARDINO – (commosso) Grazie.
TUTTI – Grazie.
TANO – Non c’è di che. Io, ora, vado a orare sul monte Angelicus. Tu, intanto, piccolo uomo, medita e pentiti. Ciao. (Si avvia verso la comune)
NEDDA – (colta da improviso raptus, gli si butta ai piedi) Frate Serafino!
TANO – Chi c’è, bedda?
NEDDA – Anch’io sono una peccatrice immonda! Purifica anche me!
TANO – (taglia corto) Ego te absolvo, donna.
NEDDA – Ma io ho peccato mille volte, fratello!
TANO – (ancora più rapidamente) Et ego te absolvo mille volte, sorella!
NEDDA – Non basta! Ho bisogno di confessare le mie colpe a te solo. Voglio che le tue sante mani percuotano la mia carne impudica!
TANO – (senza perdersi d’animo, a Paolino) A ttia! Tu, giovane uomo, sarai lo strumento della sua espiazione! Tu percuoterai la carne impudica di que-sta camurriusa peccatrice!
PAOLINO – Iù?!
TANO – Tu,
NEDDA – (spazientita e aggressiva) Fratello, io voglio che sia tu a percuotermi, l’ha’ caputu o no?
TANO – Femmina, il monte Angelicus mi attende.
BERNARDINO – (interviene con calore) Fratello, ma chi vi costa? Ca purificati puri a idda!
TANO – Che parli, tu, piccolo mostriciattolo... che ne sai? Ci voli tempo... sangu friddu... Haiu chi fari!
BERNARDINO – Se non la purificate, ‘a petra m’a pozzu scurdari!
TANO – Di quali petra sta’ parrannu?
PAOLINO – (interviene ad arte) No, nenti... diceva che se la moglie non sarà pu-rificata, iddu s’a vidi petri petri!
NEDDA – (come invasata) Il diavolo è entrato in me! Scaccia il diavolo dal mio corpo!
TANO – Basta! Allaschiti, femmina! (Tra sè) Ci staiu dannu ‘na pirata!
NEDDA – Flagellami! Fammi del male!
TANO – (al pubblico) Ora ‘a ‘struppìu pì daveru!
NEDDA – Sii pio!
TUTTI – Pio!
NEDDA – La mia carne brucia!
TUTTI – La sua carne brucia!
TANO – Scinnitila!
BERNARDINO – Santo fratello, abbiate pietà per questa donna, vi prego!
NEDDA – (con intenzione) Vedi, fratello, che anche lui implora la tua santa ope-ra? Chi stamu aspittannu?
(Nedda e Bernardino trascinano letteralmente dentro casa Tano. Paolino se la ri-de)
TANO – (a Paolino) Ca dammilla ‘na manu, disonestu!
(Escono tutti e tre).
TANO – (per un momento, fa capolino dall’uscio) Si ci campu, m’ammazzu!

6 –
PAOLINO – (divertito) Mi pari ca chistu non faceva parte del piano...
CARMELINA – Allura. Cummari Nedda ha improvvisato bene. Secondo te, Tano che cosa è andato a fare dda intra?
PAOLINO – A purificari a donna Nedda, no?
CARMELINA – Chi dici, n’a damu pure noialtri ‘na bella purificata? (Trascina Paolino dentro casa sua. Escono)
(Rientra Bernardino)
BERNARDINO – (cerca Paolino e Carmelina) Paolino! Paolino!
PAOLINO – (voce f.s.) Oh!
BERNARDINO – Non pensi ca, cù tutti i piccati ca havi mè muggheri, a ddu santu cristianu ci scura ccà?
PAOLINO – (f.s.) Ci agghiorna!
BERNARDINO – Speriamo almeno ca ci ‘a fa a purificarla...
PAOLINO – (f.s.) Si donna Nedda collabora... ci l’avissi a fari.
BERNARDINO – (sospira. Si accosta all’uscio di casa e grida) Nedda! Mi raccu-mannu! Cunfessati bona, ‘u senti? Collabora! Daccilla ‘na manu a ‘stu santu frati! (Tra sè) Se no, c’è il pericolo che l’Elitropia perde il suo pote-re! Chi facemu, schirzamu? (Si ricorda improvvisamente della pietra che si trova ancora sotto la panchina e la guarda in adorazione)
(Interviene il Cantastorie)
CANTASTORIE – Nedda è in casa cù frati Serafinu
e custringi ‘stu poviru mischinu
a livarici tutti li piccati
facennu cosi assai svirgugnati!
E intanto Paolino e Carmelina
ca lesti già lassaru la panchina,
su’ belli e sistemati e quatti quatti...
si spiegano cchiù megghiu con i fatti!
(Buio sul Cantastorie.

7 -
Entra Tano, visibilmente stanco).
TANO – Mi staiu livannu ‘a vita!
VOCE DI NEDDA – Fratello Serafino!
BERNARDINO – Fratello, e chi è, ‘a lassastivu d’accussì a mè muggheri?
TANO – Pigghiu ciatu e continuo, fratello.l
BERNARDINO – Ma è accussì complicata ‘sta purificazioni?
TANO – Complicata? Io a qualche altra tappinara... (si corregge) cioè, a qualche altra peccatrice, l’ho purificata... ma tua moglie, fratello, ne ha troppi di peccati! E’ arretrata di almeno un centinaio!
BERNARDINO – Disgraziata!
TANO – Ti persuadi, piccola fulinia di uomo, quanta fatica mi tocca fare?
BERNARDINO – Altro che, altro che! Il fatto è che voi eremiti non ci siete abi-tuati a queste porcherie. Unni v’hava a capitari ‘na fimminazza comu a chista? Disonesta! Quanti mi n’ha cumminatu!
TANO – Lo immagino, piccolo mortale.
BERNARDINO – Ci havi cchiù piccati ca capiddi ‘nta testa Sulu i corna non m’ha fattu ma appoi...!
TANO – Sante parole, mortaletto.
BERNARDINO – Ma voi, fratello, dovete fare di tutto affinchè questa pecorella ritrovi la via smarrita! Ne avrete tutto paradiso!
TANO – Lo penso anch’io, mortalino.
VOCE DI NEDDA – Fratello!
BERNARDINO – Avanti, un ultimo sforzo!
VOCE DI NEDDA – Ti prego, fratello!
TANO – Sorella, sono solo un uomo. Non chiedermi miracoli!
BERNARDINO – Un santo siete, un santo! (Lo spinge dentro casa. Tano esce. Si avvicina alla “sua” pietra) Bedda! Chi ti lassai sula? (Se la coccola amore-volmente. Poi la pone a terra... quindi la riprende...) Invisibile... (la ripone) Visibile. Invisibile... Visibile...

8 –
(Entra Paolino, anch’egli palesemente affaticato. Si ferma per prendere fiato. Os-serva Bernardino che prende la pietra da terra e poi la ripone, a intervalli re-golari. Poi va a sedere sulla panchina. Rientra anche Tano, sempre più di-strutto. Bernardino continua a giocherellare con la pietra).
TANO – (si lascia cadere sulla panchina accanto al fratello. Con un filo di voce) Paolino...
PAOLINO – (anch’egli con un filo di voce) Tano... come procede?
TANO – (fa ampi gesti) Mi sta lazzariannu...!
PAOLINO – Pensa ai soldi e arridi.
TANO – Non ci ‘a fazzu.
PAOLINO – A fari chi?
TANO – A ridiri.
PAOLINO – Pensa a’ saluti e non ci pinsari.
TANO – E iù a’ mè saluti staiu pinsannu. Ma tu chi hai? Chi è, mi sta’ abbuffu-niannu?
PAOLINO – No... Carmilina... ‘a prova...
TANO – Ah, la prova d’amore.
PAOLINO – La prova di resistenza.
VOCE DI CARMELINA – Paolino!
PAOLINO – ‘A senti?
VOCE DI NEDDA – Fratello Serafino!
TANO – ‘A senti?
(Rassegnati e lentamente, Tano e Paolino si avviano ma... ognuno nella direzione opposta. Paolino, per primo, se ne accorge e blocca il fratello).
PAOLINO – Fratello Serafino, sbagghiasti latu. Di ccà ci sugnu iù ca fazzu ‘a prova.
TANO – (si avvia verso la direzione giusta) E di ccà ci sugnu iù ca ci provu.
(Escono entrambi. Bernardino, sempre alle prese con la sua pietra)
CANTASTORIE – E ghioca cù la petra ‘nta li manu
‘stu scemu granni, ‘stu gran tabbaranu!
Ioca filici, curnutu e cuntenti
pirchì è invisibili a tutta la genti!

9 –
(Rientrano contemporaneamente e del tutto stremati, Tano e Paolino. Insieme, a quattro zampe, raggiungono a fatica la panchina).
TANO – (bisbiglia appena) Cu’ si’?
PAOLINO – (esattamente come il fratello) Iù? Paolino.
(Si guardano, poi all’unisono...)
TANO – PAOLINO – Non ci ‘a fazzu cchiù!
VOCE DI NEDDA – Fratello!
TANO – (raccoglie le ultime forze per urlare) Ancora?! Sorella, ci livai manu! Basta! (A Paolino) Si nasciu ‘n’autra vota, mi fazzu monacu!
(Bernardino – sentendo la voce della moglie – smette di giocare. Gli balena un’idea: afferra la pietra e si rende, perciò, “invisibile”. S’avvicina a Tano).
PAOLINO – (a Tano) Vidi ca Bernardinu divintò invisibile.
TANO – ‘U staiu vidennu.
PAOLINO – Sì ma tu fa ‘a finta ca no’ vidi: è invisibile.
TANO – Ti dissi ca ‘u staiu vidennu!
BERNARDINO – (tenta, con pessimi risultati, di camuffare la voce) Serafino!
TANO – (recita) Cielo! Sento una voce!
PAOLINO – (recita) Matri, cu’ è ca sta parrannu?
BERNARDINO – Sono la voce della tua coscienza!
PAOLINO – Della mia coscienza?
BERNARDINO – Della sua!
PAOLINO – (a Tano) Della tua.
TANO – (tra sè) Havi ‘u sbaddu!
PAOLINO – Egli ti ascolta! Parla, voce della sua coscienza!
BERNARDINO – Tu, Serafino, dovrai finire l’opera pia che hai lasciato incom-piuta!
TANO – Voce della mia coscienza, l’opera pia io l’ho fatta. Di più non posso.
BERNARDINO – Tu scaccertai il diavolo che è in quella donna e salverai la sua anima!
TANO – A questo punto, per me, il diavolo in quella donna, ci pò fari i vermi! E ora non mi fari incazzari! Perchè se tu non fossi la voce della mia coscien-za, ti darei ‘na iangata! (Esegue. Per il colpo ricevuto, a Bernardino cade giù la pietra. Paolino finge grande spavento)
PAOLINO – Vossia, cù ‘sta petra, si sta passannu i megghiu piaciri, ah?
BERNARDINO – (a Tano, implorante) Vi prego, fratello, se non purificate com-pletamente mia moglie, iù sugnu ‘nte’ guai! Ne va della mia vita!
PAOLINO – (a Tano) Ne va della sua vita!
TANO – E alla mia vita... cu’ ci pensa?
BERNARDINO – Vi dugnu altri soldi!
TANO – Non ni vogghiu.
BERNARDINO – Non aviti cori!
TANO – Non ci haiu jammu!
VOCE DI NEDDA – (urla come un’invasata) Serafino! Vieni!
TANO – (urla all’indirizzo di Nedda) Mi ni staiu turnannu sul monte Angelicus!
BERNARDINO – No, vi prego, fratello! Vaiu a pigghiaru i soldi!
PAOLINO – Bravo. Vo’ pigghiassi i soldi chè ora lo convinco io.
BERNARDINO – Tutti, tutti i soldi ca haiu pigghiu! (A Paolino) Trattenilu, prima ca scappa! (Corre in casa. Esce)
TANO – Unni? Iù scappu? Prima ci voli cu’ mi duna ‘na manu a susirimi!
PAOLINO – ‘U sintisti? Sta pigghiannu l’autri soldi!
TANO – Non m’interessa.
PAOLINO – Ma chi è, sciamunisti? Ti rendi conto ca ni sta dannu ‘na furtuna?
TANO – E si moru, comu m’a godu ‘sta furtuna?

10 –
BERNARDINO – (rientra con una voluminosa borsa di soldi) Fratello, accettate questo denaro, vi scongiuro!
TANO – Tenatillu ca non ni vogghiu.
PAOLINO – (afferra la borsa) Ci penso io! Stassi tranquillu ca ora fratello Sera-fino s’arricupigghia e completa l’opera. Abberu?
TANO – No.
BERNARDINO – (piange) Abbiate pietà!
VOCE DI NEDDA – (sempre più indemoniata) Fratello, perchè mi hai lasciata?
BERNARDINO – (urla, all0indirizzo di Nedda) Tappinara! Ma comu ‘u ridduci-sti ‘stu puvireddu?! Quantu n’hai piccati, tappinaruna?! Havi ‘ngniornu che lo torturi! Si miritassi ‘na statua, mischinu!
TANO – (tra sè) Mi bastassiru du’ uova!
BERNARDINO – Forza, fratello, un ultimo sforzo! Un uomo come voi non si può fermare...!
PAOLINO – Non si deve fermare! (Aiuta il fratello ad alzarsi) Coraggio.
BERNARDINO – (a Paolino) Aspetta... ti dugnu ‘na manu. (Sostiene Tano)
TANO – (tra sè, con intenzione) Prima ci hava a pinsari a darimi ‘na manu!
(Bernardino e Paolino sostengono Tano fino all’ingresso in casa. Buio).

11 –
(Il giorno dopo. In scena, Paolino e Carmelina)
PAOLINO – Mi raccumannu: siamo nelle tue mani.
CARMELINA – Sì, però iù mi siddiu!
PAOLINO – Attenta ca sta arrivannu. Recita bene!
(Entra Bernardino che stringe la pietra, felice. Certo d’essere invisibile, gironzola attorno ai due).
CARMELINA – (recita in modo plateale) Paolino... mi dispiace tanto tanto... ma ti debbo dire che non t’amo più.
PAOLINO – Perchè parli in cotesta maniera, Carmelina? Da donde questo mu-tamento subitanio?
CARMELINA – Quali subitanio? Io a lungo m’interrogai.
PAOLINO – E che ti rispondesti?
CARMELINA – Mi rispondetti che non t’amo più.
PAOLINO – Tu mi stai dando un’atroce sofferenza!
CARMELINA – Io leggetti nel mio cuore...
PAOLINO – Che cosa leggisti?
CARMELINA – Che non t’amo più.
PAOLINO – Ahi, me lasso! Dimmelo chiaro e forte!
CARMELINA – Non t’amo più.
PAOLINO – Oh, me topino! C’è dunque un altro uomo nella tua vita?
CARMELINA – Sì. L’hai insertato.
PAOLINO – Oh, quale triste fato mi scafazza! Quale spada di Pericle mi pende sul capo! Oh, sventura, sventura! Addio, fetrigrafa... fretifraga... (Taglia corto) Ciao. (Esce per la comune)

12 –
CARMELINA – (continua la recita alla presenza di un incuriosito Bernardino) Addio, amore mio perduto. Nel mio piccolo cuore non c’è posto per due. C’è posto solo per uno. Per te, no. Io amo un altro uomo. Un uomo crudele che non mi pensa, che non mi ama... Oh, triste fata! Perchè non mi pensa e non mi ama? (Finge di piangere disperatamente)
BERNARDINO – (tra sè) ‘A figghia...!
CARMELINA – Il suo nome è dolce... Lungo e dolce, come una sera d’estate... Bernardino...! Oh, Bernardino! Amore mio impossibilitato!
BERNARDINO – (disorientato) Ma... sta parrannu di mia?!
CARMELINA – Bernardino! Perchè non ti fai vedere? Fa’ che io manifesti pubblici i miei sentimenti più nascosti, arcani...!
BERNARDINO – Allura... mi ama!
CARMELINA – Ebbene, sì! T’amo come non ametti mai “nettuno”
BERNARDINO – (lascia cadere la pietra e si rende visibile) Carmelina!
CARMELINA – (finge spavento e sorpresa) Voi?!
BERNARDINO – Sì, io! Tutto per te, Carmilina bedda!
CARMELINA – Dunque, udì le mie parole, i miei sfoghi... di gioventù!? Oh, che vergogna!
BERNARDINO – E perchè, gioia? Avanti, vieni qua, fra le mie braccia!
CARMELINA – No! Ho troppa vergogna di me medesima! Non posso! (Si allon-tana)
BERNARDINO – (la insegue eccitato) Bedda! Hai risvegliato in me istinti pri-mordiali... che non provavo da secoli! Sono trasecolato!
CARMELINA – (continua a sfuggirgli) No, voscenza! Quest’amore non è giusto!
BERNARDINO – Vieni qua chè se non è giusto, ora ‘u ìbbissamu!
(Continua l’inseguimento poi, improvvisamente, Carmelina si arresta)
CARMELINA – E sia. Non posso più resistere! Fa’ di me quello che schifio vuoi!
BERNARDINO – Minchiuni! (L’abbraccia)
CARMELINA – (grida verso la comune) Mi abbraccia! Mi sta abbracciando!

13 –
(Irrompono in scena Tano e Paolino)
PAOLINO – Alt! Fermi tutti!
TANO – Eccellenza, chi sta cumminannu?
BERNARDINO – (non molla Carmelina) Non n’aviti chi fari e’ casi?
TANO – E insiste! Mastru Bernardinu! Chista non ci l’hava a fari! (Simula un pianto disperato) Non ci l’hava a fari!
PAOLINO – (piange anch’egli) Vossia è un incosciente! Tutto è perduto, ormai!
TANO – Tutto! Ciatu persu!
PAOLINO – Tempu persu!
TANO – Soldi persi!
PAOLINO – ‘A bedda petra... non ha più nessun valore!
BERNARDINO – (intontito) E pirchì?
TANO – E m’u dumanna?! Vossignoria non è più puro! Vossignoria ha com-messo il peccato più grosso: il peccato dei sensi!
BERNARDINO – In che senso?
PAOLINO – Il peccato della carne!
BERNARDINO – Ma quali carni?! Non avevo ancora maco cominciato...!
TANO – Basta solo il pensiero per peccare! E voscenza era oltre... il pensiero, si non mi sbagghiu! Ma si rende conto di come ha “vinificato” tutti i nostri sforzi...
PAOLINO – I nostri sacrifici...
TANO – Le preghiere!
PAOLINO – Tutte le purificazioni!
TANO – Allura! Mancu ‘u traficu ca ci ficimu fari a ddu santu cristianu di Frati Serafinu!
PAOLINO – E’ mai possibile che non riesce a fare un poco di astinenza?!
CARMELINA – Al cuore non si comanda.
PAOLINO – Tu muta, vergognosa!
TANO – Certu ca vossia, basta ca vidi fimmini, vidi russu, ah? Diventa un toro!
PAOLINO – Un torone!
BERNARDINO – (del tutto intontito) Un turruni?!
TANO – Taliatilu: pari chiddu ca non ci curpa!
BERNARDINO – Ahu, ma si pò sapiri chi successi?
PAOLINO – Ma chi è ‘ntrunatu?
TANO – Pigghiassi dda petra e ci ‘a rumpissi ‘nta testa, bedda matri!
BERNARDINO – Mi stati facennu veniri i nervi! (Prende la pietra) ‘A petra ccà è!
TANO – Bravu! E ora, mi rispunnissi: vossia chi è visibili o invisibili? Avanti, ri-spunnissi!
BERNARDINO – Invisibile.
TANO – E allura pirchì ‘u stamu vidennu?
BERNARDINO – Pirchì... mi stati vidennu?
TANO – PAOLINO – D’a testa finu e’ peri!
BERNARDINO – Non può essiri. (Corre a destra e a manca) Ccà mi viditi? E ccà? Macari ccà? (Al pubblico) Minchiuni! ‘U vuliti vidiri ca mi vidunu pì daveru?! (Piange e si dispera) Vogghiu moriri! Ora, m’attaccu ‘sta petra o’ coddu e mi jettu a mari!
TANO – Ci livassi ‘a farsa, vah!
BERNARDINO – Lassatimi stari ca vogghu moriri!
CARMELINA – (recita e con gran divertimento) No, mio Nernardinino! Perchè vuoi suicidare te stesso? E se proprio vuoi morire, “noicidiamoci” ambe-due!
BERNARDINO – Vatinni davanti all’occhi mei, tappinaruna! “Fa’ di me quello che vuoi... Fa’ di me quello che vuoi”! E iù, bestia...!
CARMELINA – Non parlare così, amor mio!
BERNARDINO – Ti staiu dicennu, vatinni! Rovina della mia vita! Rovina della mia invisibilità!
CARMELINA – Vuoi dunque, soffocare il nostro amore?
BERNARDINO – No! Vogghiu affucari sulu a ttia! Ora ‘a ‘ffucu! Taliati comu ‘a’ffucu, ‘sta gran tappinara!
(Bernardino insegue Carmelina. Tano e Paolino gli corrono dietro per fermarlo.
Entra Nedda).
NEDDA – Ma, insomma... chi sta succidennu ccà?
(Tutti continuano a correre. Paolino si arresta un istante davanti a Nedda)
PAOLINO – ‘O prossimu giru ci ‘u cuntu!
(Alla parola “cuntu”, Bernardino si ferma. Così, gli altri)
BERNARDINO – A propositu, comu finìu c’o cuntu? A’mprisa ca ristò ‘nto pa-naru?
TANO – Quali cuntu?
PAOLINO – Quali panaru?
NEDDA – E allora, mi volete spiegare che cosa è successo?
TANO – Ci ‘u spiegu iù. E’ successo che oramai, fra ‘na cutuliscia e l’Elitropia, non c’è nessuna differenza!
NEDDA – Chi storia è chista? Che avete combinato, Bernardino?
BERNARDINO – Iù? (Indica Carmelina) Idda!
CARMELINA – (sospira) Io? L’amore!
NEDDA – L’amore?!
TANO – Chi ci voli fari, cummari Nedda... E’ ca havi un maritu troppu mascu-lu!
PAOLINO – Troppu fucusu!
TANO – Cummaredda... ‘u sangu non è acqua... ‘a carni è deboli... ‘A tentazioni è forti... Chi voli fari?
NEDDA – Chi vogghiu fari? Ca ‘u ‘mmazzu! Non voleva essiri invisibili? E io lo rendo invisibile per tutta l’eternità!
TANO – No, comare Nella! Non si macchi di sangue coniugale!
NEDDA – Egli mi ha tradito e mi ha sdisonorata!
CARMELINA – Se egli morrà, voglio morire teco... seco... meco... insomma, cù iddu!
BERNARDINO – (in un angolo, spaventato dalla moglie) Ci ‘a finisci, ah? Min-chiuni, sempri cù mmia, ci l’havi! M’avissiru ammazzari si n‘a’mazzassi!
NEDDA – (lo raggiunge) Preparati a morire, porco!
BERNARDINO – Nedda, non fari d’accussì! Tano! Paolino!
NEDDA – (lo percuote) Questo per il tuo tradimento, vigliacco! Chissu pì chiddu ca m’ha fattu passari...! E chistu...
TANO – (la ferma) Basta, cummari Nedda, soprassieda!
PAOLINO – Sii generosa, lo perdoni. Tantu, oramai “ha pagato”. Veru, Tanu?
TANO – I cosi giusti, ha pagato.
PAOLINO – Ormai ‘u cuntu è chiusu, chiaru?
BERNARDINO – (tra sè) Varda ch’è bella! Su’ cunvinti ca ‘u cuntu ‘u pavai! (Si avvicina al proscenio, rivolto al pubblico) Iddi s’u scurdaru e a mmia mi ri-stò ‘nta panaru!
(I personaggi rimangono immobili. Entra il...).
CANTASTORIE – Alla fini oramai semu arrivati...
fra cunti, corna e ‘mpocu ‘i vastunati!
Certu ca ‘sta petra miraculusa
fu càù tutti fin troppu ginirusa!
Sulu a iddu, poviru Bernardinu,
ci tuccau lu cchiù tintu distinu!
Ci pareva d’essiri invisibili
Inveci è ‘u cchiù curnutu de’ visibili!
Morale:
Dintra di ognunu, si taliamu bonu,
esisti un Bernardinu e puri un Tanu.
Ma si vulemu campari cuntenti,
senza mai passari pì dementi,
è sempri megghiu ca non vinci Tanu,
è megghiu ca non vinci Bernardinu.
Parru sinceru cù vuatri e pensu
ca è megghiu ca vinci lu buon sensu!

SIPARIO

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 6 volte nell' ultimo mese
  • 49 volte nell' arco di un'anno