L’arte di Giufà

Stampa questo copione

NINO MARTOGLIO

L’ARTE DI GIUFÀ

Copyright 1979 by Edizioni " Il Vespro" S. p.A.

Palermo - Via degli Orri, 41

finito di stampare nel mese di febbraio 1979 dalla Tipolitografica Operaia S. C. R. L. Palermo

PERSONAGGI

PEPÈMOSCARDINO (Giufà)

MIMÌ, sua moglie

LIBERINO, suo cognato

LA SIGNORA RACHELE, sua suocera

IL DIRETTORE, diva dello schermo

CACIOTTA, divo come sopra

IL CONTE SMICIACIATO, grande metteur en scene cinematografico

ROMEO, usciere

SCIURTINISI, attore di posa

L’ALMAROSA, attrice di posa

LA GIANFRÈ, attrice di posa

LA TUPPINI, attrice di posa

LA CIOLLI, attrice di posa

L'AVVOCATO SBENTA

PINETTI, direttore di scena

UNA SERVA DI MOSCARDINO

L'AGENTE INGLESE (non parla)

La scena si svolge in una grande cittàsiciliana, ai giorni nostri

ATTO I

Tinello in casa Moscardino - Comune in fondo, uscio sulla sinistra e uscio sulla destra - Una tavola in centro, una credenza, un buffet, un'ottomana, una scrivanietta da signora; tutto mobilio comune, ma nuovo, e ben tenuto.

SCENA I

Donna Rachele, Mimì e Liberino.

LIBERINO

(èseduto alla scrivanietta e, con aria da ispirato, pensa, poi scrive, ripensa e riscrive).

MIMÌ

(èseduta sull'ottomana ed èirrequieta. Essa batte nervosamente un piedino ben calzato per terra, facendo tremare il piancito e disturbando Liberino).

DONNA RACHELE

(dandosi da fare, guarda un po' la figlia, un po' il figlio, infastidita anch'essa, mentre copre, con salviette, la fruttiera, il cestino del pane e un coperto sulla tavola apparecchiata)

LIBERINO

Mimì, quannu poi voi  smittiri!... Non mi sta' facenn fari nenti!

MIMÌ

(seccata) Viriri chi dannu! ...

DONNA RACHELE

Pirchí'ssu disprezzu, ccu to' frati? ...

Chi ci staiu facennu? …Si mancu parru! …

LIBERINO

Fai peggiu. 'U parrari non mi disturba, perchécreo e sono assorto, ma tu batti 'u peri 'nterra, fai trimari tuttu e m'impedisci di scriviri materialmenti.

MIMÌ

Non battu chiú, scusa! (smania sull'ottomana).

DONNA RACHELE

Càlmati, càlmati, Mimiedda!... Sta' facennu finiri 'u munnu! ...

MIMÌ

Sunnu 'i cincu, capisci? E ancora non si vidi spuntari!... E mancu donna Rosa!

DONNA RACHELE

Ma chi pensi? Chi ci puteva capitari, babba ca si'? .. Sa unni si firmò...

MIMÌ

Ma quannu mai, iddu, ca nesci, 'na vota ogni tantu e quannu nesci, doppu menz'ura, èdi ritornu!

LIBERINO

(restando a sedere alla scrivania) Mamà, si sapissi chi mi niscìu! ...

DONNA RACHELE

(alla figlia) E chistu ha statu 'u mali, figghia mia! Ppi du' anni e menzu sempri cusutu 'a to' faretra... si sapi! Ora ca si stacca ppi 'na para d'uri, ti pari ca finiu 'u munnu!... (al figlio) Chi dicevi, Liberinu?…

LIBERINO

(c. s.) Si sapissi chi mi nisciu ! …

DONNA RACHELE

Chi ti nisciu, figghiu?

MIMÌ

(ironica) Sangu d' 'u nasu! ...

LIBERINO

Quantu si’spiritusa!…E educata!…

DONNA RACHELE

Bonu, Liberinu!... E tu, Mimì, sta' un mumentu tranquilla.

MIMÌ

(scattando) Ma chi daveru 'u dici, mamà? … Com'èca parri d'accussí? .. Pepènesci e' novi d' 'a matina, non torna a ura di mangiari; e' tri passati si ci manna a donna Rosa ppi circallu, su nnu 'i cincu e non si vidi nél'unu nél'autra ed iu divu stari tranquilla?

DONNA RACHELE

Tranquilla, tranquilla, sissignuri, pirchía dispiaciriti non ci guadagni nenti! ... Zìttiti un mumentu, quantu sentu chi fici to' frati: Parra, Liberinu, chi ti niscìu? ..

LIBERINO

Mi niscìu un attu, sull'onuri!... (si alza col suo quaderno in mano).

DONNA RACHELE

Senti, sentulu ma cari tu, Mimì, ca ti svaghi.

MIMÌ

Ca comu! ...

LIBERINO

(enfatico) Guarda chi importanza pusitiva ca pigghiòora 'u dramma! (legge) "Atto sesto. La scena rappresenta la piazza del paesello, in ripida discesa verso il vallone. Tre vicoli in fondo e due per ogni fianco. Animatissimo via vai di villani, a piedi e a cavallo, carrette e carrette Ile che si intersecano…”Attenta, mamà. "Dal Nord della piazza scende, a buon trotto, su una giumenta baia, bardata, don Calcedonio, avvolto nel suo tabarro, e i ferri della bestia stridono sull'acciottolato: tric, trac, tric, trac, tric, trac, trie, traec...... Guarda ch'importanza positiva che pigliòil dramma. "Raimondo Ferace, avvolto nel suo pastrano, ènascosto dietro il primo vicolo di destra, con le mani in tasca”…

DONNA RACHELE

Maria santissima, e chi fa, ora? ...

LIBERINO

..... e al momento opportuno si svela, corre in piazza, afferra la giumenta di don Calcedonio per la briglia, la ferma col suo braccio poderoso e apostrofa il cavaliere: - Ad armi pari, don Calcedonio, vi lascio la scelta, se non siete pusillo smontate di sella e venite meco all'agone, per la prova suprema.

DONNA RACHELE

Madonna mia, s’ammazzanu! ...

MIMÌ

(sbuffa di noia e di commiserazione).

LIBERINO

E ddocu è'u bellu, ca non s’mmaazzanu!... Senti, senti: "Don Calcedonio resta per un po' indeciso, perplesso, poi riprende il suo spirito e il sopravvento, trae di tasca l'acciarino e un sigaro manilla, batte il ferro sulla pietra e alla scintilla che ne sprigiona accende il sigaro; poi, freddo, calmo, risponde al rivale: - Ferro contro ferro, caro signore, io gioco coi miei pari, per quelli che: non mi valgono non scendo d'arcione. - Sprona la giumenta e riprende la sua via, a trotto misurato, baldo e sicuro, senza neanche voltarsi indietro, e sempre fumando a larghe boccate: pof, por. pof, poI, pof, pof, pof, pof, pof ..

DONNA RACHELE

Oh, che fierezza!... Che nobiltà! ...

LIBERINO

Aspetta, ca non èfinito!... "Sulla scena restano Raimondo Ferace, avvilito, e il fumo del sigaro manilla, che sale, sale, sale, in larghe spire ... " - Sipario - Ddocu 'u pubblicu! ...

MIMÌ

Ogne pitrata!... Non lassiràchiúvisuli 'n t' 'o paisi! ...

DONNA RACHELE

Mimì!…Pirchísu accussímaligna?….

LIBERINO

Làssila parrari…Non su cosi so’! ... Chi con gallina pratica convien che razzoli!... Ccu trenta misi di cuntattu ccu 'ddu sceccu a' stadda, chi gustu d 'arti si puteva fari? ! ...

MIMÌ

Si non fussi ppi 'ssu sceccu ca dici tu, a cuminciari di tia 'u primu, caru drammaturgu! ...

LIBERINO

Nuoti nella volgarità !...

MIMÌ

E tu nell'incoscienza! ...

DONNA RACHELE

Bonu, bonu, finitila, tutti dui! ...

LIBERINO

Ti persuari, cara mamà, in quale ambiente sugnu costretto a creare?... In quale atmosfera sugnu obbligato a vivere e pensare?... Si po' parlari d'arti, cca dintra?... Si puòdiscutere, di cose elevate? ...

DONNA RACHELE

(severa) Ragiuni avi, figghia mia! …

MIMÌ

(irata) Ma l'arti e 'i cosi elevati chi sunnu, mamà, 'ssi fanfarunati ca scrivi iddu?... Ccu 'a scena ccu dicerottu viculi, tutta di scinnuta, 'i carretti ca vannu e venunu e 'i ferri d' 'a jmenti ca fannu tric, trac, supra l'acciottulatu d' 'u palcuscenicu? E il fumo che sale, sale in larghe spire?... E tu ca ti nni vai in estasi sintennuci leggiri 'ssi bistialità!... Chi su', cosi serii, chissi?...

LIBERINO

E già, di cosa seria cca dintra, non c'èautru ca 'ddu Giufàdi to’maritu!…

MIMÌ

Certu! E si tu, inveci di scriviri 'ssi purcarii e di farici jri, ppi circallu, a donna Rosa, ci avissi jutu tu, avissi fattu 'na cosa chiúutili assai! ...

DONNA RACHELE Mimì, smettila!

MIMÌ

Vogghiu vídiri si ci successi quarche cosa, diu ni scanza, chi fariti tutti ? ...

LIBERINO

Chi con pollame pratica convien che razzoli - mi ripeto con la variante - E mi duole di averti fatto l'onore di adoperare la tua scrivania (uscendo, per la destra). Non sei piùuna Pagliuca, cara mia! ...

DONNA RACHELE

E mancu una Sautamitria! ...

SCENA II

La Sig. ra Rachele e Mimì, poi la Serva.

DONNA RACHELE

(resta per un po' a guardare la figlia in cagnesco, poi) Figghia mia, non ti riconusciu chiú!… Hai ragiuni di essiri inquieta, non dicu di no, ma chi c'entramu, nui, ca ti stamu sirvennu di petra d'ammulari? …

MIMÌ

Chi c'entrati? .. Comu, chi c'entrati?... E cu' ca c'entra, 'u cappillanu di l'Itria?... M'aviti fattu divintari 'na vespa, ccu ddu criaturi, ca non ci dugnu chiúrequii e finiu ca ‘u sbirsai d’‘àcasa!... (vedendo che donna Rachele fa segni di diniego) Tu, 'a prima di tutti, mamà!... Ogne tanticchia. "To' maritu non fa nenti, to’ maritu èun disutili, sempri cusutu a' to' faretta, ca non ti fa pìgghiari un pùlici all'anca! To ' maritu si mangia 'ddi quattru grana ca ci lassòso' patri…e si avriti figghi muririti tutti di fami!…” E dai oggi, dai dumani, 'u panaru si non si jnchi si vagna, e da 'na para dìmisi non ci dugnu chiúrequii. "Procùrati un impiegu, fa quarche cosa, arrimìniti, vidi di tràsiri a quarche banna!... " E pp ' arriminàrisi, ora non torna chiúdintra!…

DONNA RACHELE

E tu, inveci d'essiri cuntenta ca to' maritu .... i duna da fari! ...

MIMÌ

Mamà, chi m' 'u fai, il p posta?... Cuntenta, divu essiri, ca me' maritu si persi e non torna chiú? .. Senza sapiri chi fici e chi non fici, unni 'mpincìu, chi ci successi? ...

DONNA RACHELE

Non ti scantari, ca non t' 'u 'roba nuddu! ...

MIMÌ

Pirchí, chi è, un mostru? .. Quannu m' 'u dastuu era la simpatia in persuna, ora non servi chú, èveru? ..

DONNA RACHELE

Ora si fici conusciri ca ètenchia morta, eccu!

MIMÌ

(irritata) Mamà, vidi ca si parru! ...

DONNA RACHELE

E si parri... chi po' diri? ...

MIMÌ

Vogghiu diri ca Pepènon avissi bisognu d'arriminàrisi, si non avissi a mantEniri 'i cavaddi 'a stadda!... Celi chiddu ca pussedi di rennita, iu e iddu suli putissimu campari comodamenti felici e senza fari nenti! ...

DONNA RACHELE

Ah, 'i cavaddi 'a stadda cu' semu, iu e to' frati, èveru? ...

MIMÌ

E chi faciti? Chiddu 'u cummidiografu sfarda carta, e tu 'a signurazza scuntenti! ...

DONNA RACHELE

Belli sintimenti, ti facisti! Perciòsi' contra 'u to' sangu, a favuri d' 'u sangu stranu?!

MIMÌ

Mamà, Pepèème' maritu!… M' 'u dastuu e 'u vogghiu beni! E quannu vidu ca inveci di vasari unni camina, ppi tuttu chiddu ca fa ppi vui, 'u sparrati notti e jornu, mi ribellu, eccu! Sugnu vunchia, ha' capitu? Sugnu vunchia comu un palluni!

DONNA RACHELE

Mi nni staiu addunannu!... Jttasti l'àcitu c'avevi d'ìntra!... Ma iu speru di livaratillu prestu, 'stu disturbu! Liberinu, ccu l'ingegnu ca avi, tantu assai non passa ca guadagna, e comu! E allura ...

MIMÌ

Già, faràdinari celi 'a paia!... Specialmenti ccu 'ssa cummedia ca sta scrivennu ora! ...

DONNA RACHELE

Hai dimustratu sintimenti bassi, figghia … Di vili interessi materiali!... Avi ragiuni, tòfrati: non si' chiúuna Pagliuca!... Quannu mai, 'ncasa nostra, s'ha rinfucciatu nenti a nuddu, quannu ma i s'ha carculatu il vile denaro? ...

Quannu mai, ci nn'ha stutu? … Ppi grazia di diu avemu statu sempri cusuti ti cc' 'u spirali! ...

DONNA RACHELE

Speru ca non passiràassai ca ci nni saràdi putillu jttari ...

MIMÌ

Sicuru, e 'ntantu nni spiluccamu chiddu e 'avemu... cioè, ca avi Pepè... E spartì'u sparramu, 'u cutturiamu pirchínon fa nenti e 'u facemu scappari d'intra!... Quannu mai, iddu? ...

DONNA RACHELE

Viditi chi tragedia!... (si ode il campanello dell'ingresso).

Quantu vidu cu' è(va, per la comune, poi, dall'interno). Oh! Cca c'èdonna Rosa!

MIMÌ

(forte, premurosa) Sula?

DONNA RACHELE

(c. s.) Sula.

SCENA III

Donna Rosa e detti.

MIMÌ

(andando incontro a donna Rosa, che entra, preceduta da donna Rachele) Non l'aviti vistu?

DONNA ROSA

(afflitta) Nenti, signurina, e si mi cridi, non haiu chiúarmu di stari all'imperi!... L'haiu circatu ppi l'Erca e la Merca, di porta in porta!…

MIMÌ

Gesù, Gesù!... E chi ci successi? ! ...

DONNA ROSA

Nenti, signurina, non stassi ccu pinseri, pirchíl'hannu vistu ...

MIMÌ

Allura un'aviti nutizii?

DONNA ROSA

Sissignura, nni Tofulu, 'u furmaggiaru, chiddu ca sta o' Cursu, mi dissiru ca 'u vitturu stamatina, ca curreva.

DONNA RACHELE

E pirchícurreva, 1'assicutavanu?

MIMÌ

(piccata) Pirchíl'avevanu a assicutari? ...

DONNA ROSA

No, o' cuntrariu, dici ca era iddu, ca assicurava 'n'automorbitu.

MIMÌ

Assicutava 'n'automobili? ...

DONNA ROSA

Sissignura!

SCENA IV

Liberino e detti.

LIBERINO

(rientrando dalla destra) Mamà, nesciu.

MIMÌ

(a donna Rosa) Ma chi sta ti dicennu? chi vi 'ncucchiaru? … (guarda il fratello in cagnesco, mentre questi calza i guanti, poi, rivolta alla madre) Ti persuari? Liberinu nesci!... Iu chi haju frati, chi haju a nuddu? (al fratello) Tu nesci, èveru? E iu restu supra 'i spini, senza sapiri unn'ème' maritu, ca dici ca fu vistu c' assicurava ’n'automobili! … (a donna Rosa) Ma pirchí, faceva 'ssa cursa, 'nt ' 'a strata 'ritta? Chi ci successi? Chi fu, 'mpazziu? ..

DONNA ROSA

Signurina, d'accussími dissiru e d'accussíci dicu! ...

LIBERINO

(ridendo) Ah, ah! Duveva essiri buffu, to' maritu, correndo pel corso appressu un 'automobili! ...

MIMÌ

Tu non ti vidi, quantu sì' puddicinedda, èveru?... Pirchínon pensi ca si ci successi qualche cosa, arristamu tutti ccu 'na manu davanti e n'autra d'arreti, cumprisu tu, illustre drammaturgo! ...

LIBERINO

Ti cumpatisciu! … Ti cumpatisciu!... (ha finito di calzare i guanti) Ora mi informerò, sta beni? …Era chistu, ca vulevi?... (sìriode il campanello dell 'ingresso).

MIMÌ

(scattando) Cca è, iddu è!... (corre verso la comune).

DONNA RACHELE

(trattenendola) Unni vai, Mimì? Facci jri a donna Rosa. Si non fussi iddu, vògrapi 'a porta tu, d'accussídiscinta?

MIMÌ

(scostando la madre e andando) Iddu, iddu  è... Voi ca non sapissi, doppu tri anni, comu sona me' maritu? (va via. Donna Rosa lo segue e non ritorna. Si ode il parlare delle due donne e di Pepè, nell'interno).

SCENA V

Pepèe detti.

MIMÌ

(rientrando, con Pepè, tutto impolverato, rosso come un pomodoro, madido di sudore) Ma chi ti successi? Pirchítorni a 'st'ura? Unni ha' sturu? ...

PEPÈ

(senza rispondere e senza togliersi il grande cappello tosto, si butta a sedere sull'ottomana, stanco morto).

MIMÌ

(osservandolo bene) Madonna mia, comu si' stancu e sudatu!... Ma chi ti successi? ... Cc'ha' fattu?

(non ottiene alcuna risposta e corre a prendere un asciugamani, mentre Liberino, osservando il cognato, ride, ride).

DONNA RACHELE

Levati 'ssu cappiddazzu, dintra! (fàper levarglielo).

PEPÈ

(scostandola, premuroso) No, ca m 'arrifriddu! ...

MIMÌ

(mentre gli asciuga il sudore, coll'asciugamani, e lo spolvera, sopra sopra) Ccu 'stu caluri? … Tutti cosi chiusi ci su(fa per levargli il cappello, alla sua volta).

PEPÈ

(scostandola e calcandosi il cappello sulle orecchie con difficoltà, come se incontrasse ostacolo) M'arrifriddu, vi dissi.

MIMÌ

Quantu sentu: dici ca ti vìttiru 'nt'a strata ritta, c'assicuravi 'n'automobili? … Dimmi 'a virità, oh!? .. (lo guarda negli occhi).

DONNA RACHELE

Quardalu 'nt' 'o nasu, Mimì...

MIMÌ

Giàdivi essiri veru, pirchísi' riduttu ca pari un pagghiazzu! ...

LIBERINO

Pari c'ha fattu 'a cursa d’‘i ‘mbriachi!...

PEPÈ

(guarda prima Liberino, poi Mimì, facendo un sorriso mezzo idiota e mezzo malizioso).

MIMÌ

Ridi, ma non rispunni!... Va, assèttati a tavula, ca cridu ca 'a dibulìzza ètali ca mancu hai armu di parrari.

PEPÈ

Non mangiu.

DONNA RACHELE

Non mangi? Dopu dicerott’uri ca non tasti l'acqua?

PEPÈ

Non mi cala ...

MIMÌ

E chi ci pigghiò, chi appi?... Ma 'nsumma, si po' sapiri chi ti successi?... Senza diri minzogni, oh, ca ti staiu guardannu 'nt' o' nasu! …

PEPÈ

(dopo breve silenzio, col solito sorriso idiota) Facili ca trasu! ...

DONNA RACHELE

(con gioia) Daveru?!… Quantu sentu, quantu sentu?... (a Mimì) 'U vidi, tu ca ti pinnavi tutta!... Senza nesciri fora di casa, 'stu criaturi, u nni avia a tràsiri? … (a Pepè) Bravu!... E unn'è, ca trasi, ‘nt’‘o ghiacciu?…

LIBERINO

Già, ca era pisci! ...

PEPÈ

No.

DONNA RACHELE

E allura unni, ‘nt’‘o petroliu?…

LIBERINO

Bonu!... Ca era quasatta di lumi! ...

MIMÌ

Senti, 'nt' 'o petroliu ci putissi tràsiri tu, comu un stuppinu di balluni, ca poi ci damu a focu e accussísulu po' acchianari, autu, comu vo ' tu! ...

LIBERINO

Pirchíparri ccu mia: 'a mamà, 'u voli fari trasiri 'nt' 'o ghiacciu e 'nt ' 'o petroliu '... Iu, ppi mia, a Pepè, 'u mittissi 'nt ' 'o gileppu, comu 'i pira 'ncunfittati'.

DONNA RACHELE

(mentre Pepèguarda Liberino con occhio torvo) Quantu siti 'nsursi, tutti dui '... Sentu diri 'm' 'a fabbrica d' 'u ghiacciu o 'nt ' 'a raffinaria d' 'u perroliu (a Pepè) 'Nt ' 'a raffinaria?

PEPÈ

No.

(impaziente) E allura unni?

PEPÈ

'Ntà'na fabbrica artistica.

MIMÌ

Mobili Ducrot? ...

DONNA RACHELE

Fabbrica di mandolini? …

LIBERINO

Nenti, nenti, 'u 'nzerru iu: Ceramica di Cartagiruni.

PEPÈ

(seccato) No, artistica d'arte, caru cugnatu... Fabbrica d’arte.

LIBERINO

(incredulo) Tu?

PEPÈ

Pirchí, non sugnu bonu? ..

MIMÌ

Ma 'nsumma, chi fabbrica è? ...

PEPÈ

Di cinematografia.

LIBERINO

Sicula Film?

PEPÈ

Precisamente.

DONNA RACHELE

Chi fetu di codda !… Di unni veni? ...

MIMÌ

Quantu sentu: mamà, làssalu parrari.

LIBERINO

Un mumentu... Allura industriale, no artistica …

PEPÈ

Pirchí?... A cinematografia non èarti? ...

LIBERINO

(sprezzante e sentenzioso) Non ci puòessiri arte, mio caro, laddove manca il divino ausilio della parola!

DONNA RACHELE

Liberinu, làssalu parrari ...

MIMÌ

(annusando) Vero è, mamà, c'èfetu di codda e di trimintina. Cc' 'u purtasti tu, Pepè?

LIBERINO

E lassa til u parrari!... Tutti 'i feti ora, stati sintennu? Par late, illustre cognato!

PEPÈ

Tu m' 'u dici ppi smaccu, e tantu assai non passa ca mi l'ha' a diri ppi daveru!

LIBERINO

Guarda chi spiritu ca pigghiòGiufà!…

MIMÌ

Liberinu, ti pregu di chiamallu cc' 'u so' nomu!... (a Pepè) Quantu sentu. veru èca pigghiasti 'n'autru spiritu !... Cunta.

PEPÈ

Stamatina, niscennu di casa ppi la centesima vota in cerca di arriminàrirni, e tràsiri a quarche banna (a Rachele) comu dici so' figghia, 'i pedi mi purtaru surta 'i bastiuni d' 'a Marina... Aveva un malumuri... ‘Na ‘utta .... E ripiteva a me’ stissu: “Pepè, arriminiti !... Pepènon siari tenchia morta!... Pepè, vidi di trasiri ti quarche banna !… (sempre a Rachele) comu mi dici so' figghia. E siccomu a parrari semu tutti boni, ma a ura dìfari è'n'autra cosa... arristava ddà, comu un fanali astutatu !… Unni puteva tràsiri? … A' Piscaria, o 'nnunca a' Villa d' 'i guadagghi, ca su' sempri aperti!... (risa di Liberino, frenate dalle donne). Ppi fari qualche cosa, doppu un pezzu, m'avvicinai a 'na bancarella di ficudinnia e mi nni fici munnari du ' soldi, di chiddi bastarduni... Ma l’intellettu non si grapeva!...

LIBERINO

Sfidu iu, 'ntupparisi puteva!

MIMÌ

Liberinu, ti dicu!... Non fari 'u spiritusu ! ...

PEPÈ

Da poi, mi misi a caminari ranti ranti 'u bastiuni, ppi qualche ura... nenti!... E allura turnai 'nt' 'a bancarella: 'n' autri du ' soldi di ficudinnia, di chiddi muscareddi!...

MIMÌ

Bravu!…Perchissu non hai chiúappetutu!…Sfidu iu!…

LIBERINO

Lassa parrari a Giufà, ca èinteressanti! ...

PEPÈ

Ora vedrai, chi sappi fari Giufà!... Era ali 'urtimi quattru ficudinnia, e siccomu 'u ficudinniaru era lestu di manu, nn'aveva una 'nvucca, una 'nta 'na manu e una 'nta 'n'autra, ca m'affuddava a mangiari... Quannu arriva, di tutta cursa, 'n'automobili, e si ferma 'nta ddu puntu unn'era iu, di bottu. 'Na signura, elegantissima, ca era dda supra ccu un signuri, si lotta ccu chistu, ca la trattineva, si svincula, sauta di l'automobili e', 'nta 'nvidiri e svidiri scavalcava 'a cancillati d' 'a Cala e si jetta a mari, ccu tutti 'i robi! ...

DONNA RACHELE

Gesù, gesù…

MIMÌ

E pirchí?... Chi ci diceva, a 'ddu signuri, mentri si luttava? ...

Ora ti chiamanu ppi tistimoniu! ...

LIBERINO

(sorridendo) Zitti, 'gnuranti, lassàtilu parrari.

PEPÈ

Nenti, non ci diceva nenti, non parlavanu... Scena muta!... Ju, ppi diri 'a virità, mi pigghiai un spaventu tali, ca mi vinni 'a tussi; senza vulillu, 'dda ficurinnia c'aveva 'nvucca, mi trasiu nel sòfico, e fazzu 'na sbruffata ca 'mpannai 'na vanedda!... E a cu' è, ca 'ncucciai, propriu 'mpettu?: a un signuri ca scinneva d' 'a calata dìSan Placidu, sunannu un friscalettu comu a chiddu d' 'i tramveri ...

LIBERINO

(guardando le donne, che restano stupite) Non avete capito niente! …Ju tuttu così.

PEPÈ

Viremu!

LIBERINO

Chiddi di l'automobile facevano un quadro cinematografico, e 'ssu signuri cc' 'u friscalettu, ca scinneva friscannu, era il direttore di scena che dava lo stop alla macchina (a Pepè, che assente) E la macchina?

PEPÈ

Poi vitti ca era piazzata supra 'u marciapiedi di ddà'rifacci.

MIMÌ

E 'dda signura ca si jttòa mari? ...

PEPÈ

Omu era, omu vistutu fimmina!... Ma tantu perfettu ca pareva fimmina ppi daveru! ...

LIBERINO

Controfigura.

MIMÌ

(a Pepè) E tu?

PEPÈ

Ju, doppu 'dda sbruffata 'nfacci a 'ddu signuri, dissi: Ora èura d' 'i corpa!... E difatti chiddu, ccu l'occhi di fora e 'na speci di frustinu ca purrava a manu, jsatu 'nta l'aria, s'avia avvicinatu e si stava partennu... Ma, appena mi guardau ‘nifacci: e chi fu, scupittata?... Sbruffa a ridiri macari iddu, e mi dici: ha ragione lei!... E stèsimu rnenzura ridennu, iu e iddu!... Ma menz'ura di secutu, va? ..

MIMÌ

(seccata e ironica) Oh chi bella avventura! ...

PEPÈ

Aspetta, ca ora veni 'u megghiu, cara moglie!... 'Nta 'ddu mumentu mi 'ntisi grapiri l'intellettu, dicu curaggiu, mi fazzu avanti, bellu, prontu, e ci dicu: scusa, per entrare in cinematografia, chi ci volunu, esami?... Mi guardòun pocu, poi mi dissi:

Eh si... Sa correre, lei? - lo? - ci rispusi - ppi curriri sugnu un saittuni - Beni - dici - il primo esame èquello che lei deve correre fino allo stabilimento, appresso alla nostra vettura, senza perderla di vista, se vinceràquesta prova, le faremo un provino e se il provino riusciràlei saràscritturato.

MIMÌ

(indignata) E non capisti ca ti pigghiava in giru?

PEPÈ

A cui?…. Va, statti muta!…Appena foru tutti in carrozza e parteru, m'affigghiu 'a giacca e appizzu arreri, ca parsi un cani livreri! Passannu d' 'u Cursu chiddi di 'ncarrozza a ridiri, a dirimi paroli curiusi, ppi farimìabbarruari, ma iu, 'a testa o' funnu, a cùrriri, senza guardari a nuddu !... Non ci desi mancu ducentu metri di vantaggiu. Si pòdiri c'arrivamu o' stabilimentu 'nsemi!... E ddocu applausi !... Scinneru chiddi di 'ncarrozza, nisceru l'aurri ca eranu o' stabilimentu: - Beni, bravu! lei ècinematografista!... Lei ègagliardo!... Lei èmagnificu!... - Poi vinni 'ddu signuri d' 'a sbruffata e mi fici truccari. Doppu ca fui truccatu, piazzaru 'a machina dintra un teatru tuttu di vitru e chiddu mi dissi: scusi, lei ha moglie? - Sì. - Ha la suocera? —Sì. - Sta bene?… benissimo ...

MIMÌ

(fiotta) Dio, dio, chi vergogna! ...

DONNA RACHELE

Comu si fici sbintari, 'stu Giufàppi daveru! ...

PEPÈ

Sta bene, allora faccia una scena a piacere, fingendo di letigare con sua suocera.

DONNA RACHELE

E tu 'a facisti? …

PEPÈ

Si capisci! ... Mi vineva tanta facili!... Risati, mamà, Mimì... si ficiru risati, ca ancora si stannu tinennu 'i cianchi, tutti!... Dici ca sugnu attore ridicolo nato!

MIMÌ

Si, èveru, si' lu veru Giufànatu e crisciutul...

DONNA RACHELE

(sconsolata, si segna) Oh! chi razza d'imbecilli !...

PEPÈ

Si ficiru dari nomu, cugnomu, paternità, indirizzu e stato di famiglia e poi mi dissiru: - torni posdomani. Lei èfacile che entra con cinquecento lire al mese.

MIMÌ

Unni?

PEPÈ

In cinemategrafia,

MIMÌ

E com'èca non ti persuadi ca ti sbintaru? .. Unn' èca vo' turnari, unni, ca si t’arrìsichi ti fazzu vidiri iu!...

PEPÈ

'A risposta mi l'ha' a pigghiari, si o no?

DONNA RACHELE

Ca quali risposta, Giufà!... Com'èca non capisci ca t’abbuffuniaru?.. Fu uno scherzo di cattivo genere, da mascalzoni! ...

PEPÈ

Scherzu? .. Sbagghiu c'è. Iu doppu dumani ci vaju!

MIMÌ

Ti dicu di non ti risicari, Pepè!... Non ti risicari pirchíva si no nni spartemu ppi sempri!... Vidi chi ti dicul... E sai ca sugnu fimmina di fallu!

PEPÈ

(irato) Ah si?... Prima mi punci, mi punci, pp' arriminàrimi, e doppu ca m' arrimìnu e rinesciu 'n ta 'na cosa, mi va ' fari turnari nn' arreri?... E chi ti pari, ca sugnu Giufàppi daveru?... Badati ca iu sugnu bonu e caru, ma si mi faciti satari 'a musca cavaddina! ...

MIMÌ

Ti persuadi, ti persuadi, mamà? … 'U vidi comu si ribella? ... 'U vidi comu divintò?... (a Pepè) Senti, si fai chissà, ca cci torni, pripàriti a stari sulu pirchíiu mi nni vaiu!... (andando via per la sinistra) E si a vuautri non v'accomuda, starivi ccu iddu, ma iu mi nni vaiu!... Tantu, ora ca m' 'u sbirsastuu, me' maritu non èchiúiddu!… Ve lo regalo! (via).

DONNA RACHELE

(seguendo la figlia) ·Mimì!... Ma chi ti pigghiò?... Sempri ccu mia, sempri ccu mia? … 'A curpa di tuttu l'haju iu? … (scompare anch 'essa).

SCENA VI

Pepèe Liberino.

PEPÈ

(si accascia un 'altra volta sull 'ottomana).

LIBERINO

(dopo breve silenzio) Ma tu supra 'u seriu hai spiranza di tràsiri alla Sicula film?

PEPÈ

Spiranza?…Mi pari cirtizza! …Ma si to’soru fa accussí!…

LIBERINO

Scusa... e nella Sicula film, che tu sappia, hanno un autore fisso.... Un soggettista... Uno che scrive gli scenari?…

PEPÈ

Chi sacciu? .. Sacciu ca è'n paisi!… Granni, chinu di genti, chinu di manichini, ca a vidilli macari firrìa 'a testa! ...

LIBERINO

Ascuta a mia... Posdomani, quannu ci torni ...

PEPÈ

Cu' èca ci torna? ...

LIBERINO

Tu.

PEPÈ

N' 'o vidi comu hannu fattu, Mimìe tòmatri?

LIBERINO

E tu chi duni, cuntu 'e fimmini?... Allura daveru si' un Giufàqualunchi?... Trattannusi d'affari e del tuo avvenire, tira drittu e cu' parra parra!... Poi si persuaderanno, a cosi fatti.

PEPÈ

Allura chi dici, ca ci tornu?

LIBERINO

Certamenti. E iu t’accumpagnu.

PEPÈ

Pirchí?

LIBERINO

T' 'u dicu 'n cunfidenza. vogghiu tentati di trasìrici comu soggettista.

PEPÈ

Tu?

LIBERINO

Pirchínon sugnu bonu?

PEPÈ

E comu!... Finìu che la cinematografia non èarte, pirchíci manca il divino esilio della parola? ...

LIBERINO

Non importa: quando peròquest'arte diventasse lo strumento di un uomo di genio, po' rinesciri 'na cosa seria; anzi, l'arte piùsuggestiva, l'arte muta, del silenzio! ...

PEPÈ

(melenso) L'omu di geniu cu ' fussi, ru? ...

LIBERlNO

Pirchí, non pozzu essiri? ..

PEPÈ

Ca comu!... Tuttu cosi po' essiri, tu!...

LIBERINO

(che capisce la canzonatura) Senti, si' chiúlisciu d' 'a pagghia longa! ...

PEPÈ

Ca quali lisciu, sugnu 'mpurugghiatu!... Anzi, senti, mentri ca semu suli... veni cca, aiùtimi a livarimi 'stu cappeddu

LIBERINO

(incuriosito) E tu non t' 'u po' livari? ..

PEPÈ

(facendo sforzi per staccarsi di testa il cappello) E chi sacciu, cridu ca 'mpiccicau cch ' 'i capiddi... Attempu, oh, adaciu!... Ah i!... ah i!... ahi!... (all'udire questi ahi, tornano in scena Mimì e donna Rachele, e si fermano, non viste, ad osservare, presso l'uscio).

LIBERINO

Ma chi diavulu ci hai? … (nota la madre e la sorella e con un ultimo sforzo, stacca il cappello di testa a Pepè, il quale fa un ultimo urlo di dolore e appare coi capelli tutti impiastrati e incollati a foggia di corna irte, piatte e ruvide).

MIMÌ

(e donna Rachele, a vederlo così, cacciano un grido di spavento e di collera, mentre Liberino' ride, ride).

PEPÈ

(Dopo la prima sorpresa e dopo che gli s'ècalmato il dolore alla testa per lo strappo violento, sedendosi) Mi scurdai di dimannaricci com'èca si sciogghi 'sta codda ca mi misiru 'nt ' 'e capiddi!... Parunu petri, botta di vilenu!... Chi codda è, Liberinu?

LIBERINO

(osservandolo bene) Ca quali codda, chistu cementu armatu, è!…

MIMÌ

(furibonda) Eccu di unni vineva 'u fetu di codda e di trimintina!... E chi ci ficiru, in testa? ...

PEPÈ

Mi truccaru! ...

MIMÌ

Ha capitu, mamà… Hai capitu, ppi causa tua?…‘U sta’vidennu chi cosa nni ficiru di me’maritu?…Ci ‘a stai vidennu a testa? Quest’orrore, lo vedi?…

PEPÈ

(cercando di accostarsele) Ppi finzioni, babba!... Per finzione! ...

MIMÌ

Vattinni, non tavvicinari!... Mi fai schifo! … Mi fai schifo! …Tuttu maniàtu, tuttu impiastrato, tutto manomesso e puzzolente! ...

PEPÈ

(c. s.) Truccu è, truccu!…

MIMÌ

Luntanu di mia, ti dissi!…Non ti risicari d'avvicinarimi ppì'na simana!... Anzi, ppi quinnici jorna!... P'un misi! ... (torna nella sua camera, mentre Pepèvorrebbe scogiurarla a non compiere la minaccia)

PEPÈ

(dopo aver guardato con aria melensa Liberino, che ride) Ti persuari?

Cala la tela

ATTO II

Salone di direzione della Sicula Film. ~ Comune a destra, due usci in fondo e uscio a sinistra. - Un pianoforte, una scrivania, canapè, poltrone, (avoli, sedie, molti cuscini e sopramrnobili, ricchi tappeti, molti quadri e ritratti in cornice alle pareti, sia di singoli artisti che di gruppi. Ambiente ricco, anzi di lusso, se non di molto gusto.

SCENA 1

Pepèe Liberino.

(sono seduti su un canapè, in attesa. Pepèporta sempre il suo cappello in testa).

LIBERINO

Dunca, sta attentu a non fari patacchi. O trasemu tutti dui o nuddu.

PEPÈ

A tia non ti spercia autru, e iu 'u pinseri sempri l'haiu a' na banna! ...

LIBERINO

Non ci pinsari e non fari 'u picciriddu. Prima gli affari e poi le donne.

PEPÈ

Ma 'u sa' sèntiri ca àvi du' notti e du' jorna ca non m’arrinesci 'a tra siti 'nt' 'a me' cammira?...(Liberino ride) Tu ci ridi, e 'ntantu ècosa ca non po' durari, accussí!... Specialmenti doppu mangiari, vidi... a stari sulu mi fa u n'impressioni! ...

LIBERINO

Levati 'u cappeddu, ca trasunu genri..

PEPÈ

N' 'o sai ca non m' 'u pozzu livari!... E non èca si porti appurari com'èca si sciogghi, 'stu truccu di 'sti capiddi!…

SCENA II

La Sparapaoli, Caciotta, il Conte, l'Avvocato e detti.

(I nuovi venuti, carichi di ori e di gioielli, fu or che l'avvocato, sono di una eleganza smodata e pacchiana. Essi entrano, con affettata disinvoltura, dalla comune. Al loro apparire, Pepèe Liberino si alzano e si inchinano, ma non sono degnati neanche d'un cenno del capo, anzi guardati con disprezzo e con sospetto. Mentre Pepèe il cognato tornano a sedere, mortificati, il conte invita gli altri a sedere su un canapèe indica all'avvocato).

IL CONTE

Veda, quell'uscio di fondo, a sinistra, conduce al teatro, pcr l'interno, e quello a destra in sartoria. Per quell'altro si va in direzione e alla sala di proiezione ... Le piace, lo stabilimento?

L' AVVOCATO

Oh, resto ammiratissimo!…

LA SPARAPAOLI

Quindi non èscontento di aversi passato un cinichetto del suo tempo? ..

L'AVVOCATO

(che non puòtrattenere un sorrisetto ad ogni sfondo ne che ode) Oh, tutt'altro, e poi mi reputo piùfortunato ancora per averlo passato in compagnia di tre celebritàmondiali.

CACIOTTA

Troppo buono.

L'AVVOCATO

La verità, signori…La signorina, non èforse la Sara Bernardt dello schermo? …

LA SPARAPAOLI

(indignata) Ah, caro signore, questo no!... Lei ripete le parole pubblicate da uno stupido giornalista cinematografico, il quale, se non ci ho dato querela, èper non avere begole e non espormi in una pubblica aula magistrale, che la gente, trattandosi di me, ci starebbe così (segno espressivo della mano per indicare gran folla) La Bernarda ha venduto un massimo di cento copie e le mie pellicole se ne vendono un minimo di duecento, a busta chiusa! ... Quindi la prego di non fare paragoni. Ognuno al suo posto! …

L'AVVOCATO

Chiedo scusa, non credevo di arrecarle offesa! ...

CACIOTTA

Eh, caro avvocato, come fa lei, a confondere la Bernarda con una Sparapaoli?

L'AVVOCATO

(col solito sorrisetto) Già... cosa vuole, l'ignoranza delle cose d'arte!... Comprendo di averla detta grossa! ... E chiedo scusa... Non me ne voglia, signorina...

LA SPARAPAOLI

Non fa niente, perdonato (gli tende la mano carica di gioielli e l'avvocato la bacia).

L'AVVOCATO

Scusi, ora, mi informi d'una cosa: che vuol dire, a busta chiusa? ...

IL CONTE

Ah, vuol dire, senza neanche esaminarle, senza discuterle. Il compratore o l'agente prende la copia di un soggetto, e dice: C’èla Sparapaoli?…C’èCaciotta?…

CACIOTTA

La messa in iscena èdel conte Smiciaciato?... Compro trenta, quaranta, cinquanta copie senza prova nel quadro, e snocciola il denaro in contanti o firma la tratta. (Lungo questa conversazione Pepèe Liberino si scambiano sottovoce le loro impressioni. che sono di ammirazione e di stupore, o si danno dei pizzichi per richiamare l'attenzione l'uno dell’altro).

L'AVVOCATO

Oh, il cavaliere Buonafede ha fatto le cose in grande ...

IL CONTE

Sì, non c'èche dire... Peccato che non èun uomo d’ingegno!... All'infuori dei suoi milioni ...

L'AVVOCATO

Ma mi pare che abbia giàavuta la mano felice, scritturando per la sua casa tre elementi della loro forzai...

LA SPARAPAOLI

Specialmente il conte.

IL CONTE

No, specialmente lei e Caciotta.

CACIOTTA

Ma dica specialmente lei e la Sparapaoli! ...

L'AVVOCATO

No, specialmente tutti e tre, lasciate che salvi io tutte le modestie.

LA SPARAPAOLI

Si, ma vede, non èil cavaliere, che fa le scritture, èil direttore generale, un uomo molto furbo e introduttivo, che ti fa sempre contento e gabbato.

PEPÈ

(si alza e benché Liberino lo tiri per la giacca, domanda al conte) Scusi, si ci puòparlare con questo direttore generale? ..

IL CONTE

(lo osserva, poi, altezzoso) Lo domandi all'usciere.

LA SPARAPAOLI

(preme il bottone del campanello elettrico).

SCENA III

Romeo e detti

ROMEO

(si presenta, in berretto gallonato, sulla comune) Che comandi ci occorrono?

LA SPARAPAOLI

(gli fa cenno di avvicinarsi, poi, piano) Chi sono quei due imbecilli laggiù?

ROMEO

(piano) Non so, signurina... non potrebbe precisari, perchènon l'ho visto all’atto della sua introduzioni.

CACIOTTA

(c. s.) E come si trovano qui?

ROMEO

Zoccu ci dicu, ci dicu bucia, ma lei lasciano fari a me ca nn' 'i mannu (avvicinandosi a Pepèe Liberino) Scusa, cu' sunnu, lei?

PEPÈ

Iu sugnu chiddu di passannu ajeri.

ROMEO

E iu sugnu chiddu d ' 'a simana 'e Pasqua... Chi mi raccunta lei?... A cu' cercano?

PEPÈ

Al direttore generale.

LIBERINO

Abbiamo appuntamento.

ROMEO

Beni, allura passunu dda banna, nella sala d'aspetto, mi descrivano il so' nomi e cugnomi e quando viene il suo turno entrono... Cca non si po' stari, (Pepèe Liberino si alzano, a malincuore, e se ne vanno via per la comune, non senza aver guardato in cagnesco la Sparapaoli e C.).

SCENA IV

Detti, meno Pepèe Liberino.

LA SPARAPAOLI

(riprendendo il discorso) Veda, noi tre siamo qua per un boccon di pane!... Ci ha saputo prendere così bene...

L'AVVOCATO

Davvero? ..

CACIOTTA

Eh, quando si dice che una Sparapaoli qua prende diecimila lire di stipendio! ...

LA SPARAPAOLI

E un Caciotta ottomila!

L'AVVOCATO

Davvero!…Meno di un capo Divisione!…

IL CONTE

No, avvocato, ma cosa crede, lei, all'anno? ..

L'AVVOCATO

No? …

IL CONTE

Eh, ci mancherebbe altro!... Ma che dice? .. Al mese! ...

L'AVVOCATO

Ah, al mese!... Caspita !... Davvero, per un boccon di pane !…Eh, dati i vostri meriti, la vostra statura artistica e intellettuale! ...

SCENA V

Il Direttore Generale e detti.

IL DIRETTORE

(apparendo dalla sinistra) Signori, se vogliono passare in sala di proiezione, siamo pronti.

L'AVVOCATO

(alzandosi) Allora... io li saluto.

LA SPARAPAOLI

No, avvocato, venga anche lei... Signor direttore, le presento l'avvocato Sbenta, nostro buon amico e ammiratore.

L'AVVOCATO

Soprattutto ammiratore ...

IL DIRETTORE

Tanto piacere.

CACIOTTA

Lei permette, èvero, che assista anche lui?

IL DIRETTORE

... Senta ... in linea eccezionale, eccezionalissima.

L'AVVOCATO

Ma se disturbo, non faccia complimenti ...

IL DIRETTORE

No... non parli di disturbo... Ci raccomandiamo alla sua discrezione, ecco!... Veda, avvocato, si tratta della prima visione di un nuovissimo lungo  per il quale l'aspettativa ècolossale!... Saràil piùgrande avvenimento d'arte del giorno!... Immagini che vi agiscono la Sparapaoli, Caciotta e sei leoni, e il lavoro èinscenato dal conte Smiciaciato... Tutti i re della cinematografia, insomma ...

L'AVVOCATO

E degli animali.

IL CONTE

Come dice?

L'AVVOCATO

Il signor direttore ha detto che vi agiscono anche dei leoni, quindi anche i re degli animali.

IL CONTE

(persuaso) Già, perfettamente.

IL DIRETTORE

Perciòsiamo molto riservati, temiamo delle sorprese, delle cavallette d'altre case. Sa, in cinematografia la concorrenza èterribile, si rubano le idee, che èun piacere ...

L'AVVOCATO

Senta, sulla mia discrezione puòcontare ...

IL DIRETTORE

Lo credo bene... Favorisca, avvocato.

L'AVVOCATO

Prego (fa passare prima la Sparapaoli, poi, andando appresso a lei) E chi èl'autore del cinedramma? ...

IL DIRETTORE

Il capo contabile del cavaliere! ...

IL CONTE

Sa, ha fatto un capolavoro! ...

L'AVVOCATO

Sfido, trattandosi d'un capo contabile!... (tutti scompaiono per la sinistra).

SCENA VI

Pepè, Liberino e Sciurtinisi

PEPÈ

(dopo breve scena vuota, si spalanca, sotto forte spinta, la comune, e rientra Pepè, seguito da Liberino, trascinandosi Sciurtinisi) Viniti cca!... Non fustuu vui ca mi truccastuu 'a testa, passannu ajeri?... (si toglie il cappello), U viriti comu ristai? .. Non ci pòsapuni, non pu tassa... Com 'èca si sciogghi, 'sta purcaria ca mi fricastuu? ...

SCIURTINISI

(ridendo) Calma, calma, non mi tirati, a giacca, ca si scusi!

PEPÈ

'A 'mprisa ca vi scusu 'a panza, si non parrati?... Vi staiu priannu, comu si sciogghi? ...

SCIURTINISI

Ccu l'acqua raggia e poi acqua cauta e sapuni moddu.

SCENA VII

Romeo e detti

ROMEO

(rientra, furioso, dalla comune) Signori, ci ho pregato ca cca non si pòstari!… Lei passino in sala da aspetto.

SCIURTINISI

Bonu, su' ccu mia.

ROMEO

Signor Sciortinesi, mi dispiaci, ma iu haiu ordini ca cca non ci divano entrari estranii ...

SCIURTINISI

Sta beni. Ora iu ordini ti nni dugnu 'n 'autru: Vo' pigghiami un pocu d'acqua raggia, fammi fari quantu 'na para di litri d'acqua calda, bollente, e portimi tuttu cosi 'nt ' 'o me' cammarinu, marciamu!…

ROMEO

Signor Sciurtinesi, mi maravigghiù ca lei, artista primariu, davanti a 'sti signuri, mi dàquesta murtificazioni!... Iu sugnu addetto alla direzioni ginirali e questi sirvizza non m'appartenono.

PEPÈ

Ma ‘nsumma, ci ‘u dicistuu a ‘ssu diritturi generali, ca ci sugnu iu? …Abbasta ca vi piagghiastu ‘u nomu!…

ROMEO

Signori, per comora non posso passare mmasciata pirchíil signor dirittori ginirali èin sala di priizioni e non si ci pòentrari!… Intanto torno e rebrico nella prighiera ca lei si nni vano dda banna, pirchìqua non si pòstari.

SCIURTINISI

Va, fammi fari 'ssi sirvizza ca ti dissi, e quannu tuttu cosi su' pronti avvertimi.

ROMEO

Non pozzu ...

SCENA VIII

L'Almarosa, la Gianfre, la Tuppini, la Ciolli e detti.

(Le quattro ragazze entrano dall'uscio di fondo a sinistra, tutte accaldate, in costume greco, assai discinto, e si abbandonano a sedere una qua, una là, in pose assai lascive, scoprendosi assai generosamente. Pepèguarda, come un ubriaco, i loro seni, le loro spalle, le loro braccia nude e comincia a contorcersi sulla sedia, provocando la curiositàe le risate delle ragazze).

ROMEO

(si mette le mani ai capelli, poi, a Sciurtinisi) Eccu!... Si persuari, lei, il mal'asempiu '... (alle ragazze) Signurina Gianfrè, signurina Ciolli, signurini artisti, suno pregati di sosìrisi e andari nei suoi... cammarini ....

L'ALMAROSA

I camerini?... Esposti a ponente e senza persiane, nèstorini?! ... Sei matto!

LA CIOLLI

Chiddi non su' cammarini, su' butti di Modica!...

LA GIANFRÈ

Crematoi!... Ma che siamo, delle bestie? ...

ROMEO

Allura passano in sala d'aspettu, ca c'è'na bella vintilazioni!

LA TUPPINI

Già... C'è'na currenti d'aria! ...

L'ALMAROSA

(alzandosi e accostandosi al canapèdov'èseduto Pepè) E poi, esposte alla curiositàdi tutti i cachets! (cascè) (a Pepè, che si scosta timido ma con l'occhio fisso sulle nuditàdella ragazza) No, restate pure.

PEPÈ

(incoraggiato) Lei chi è, prima donna? …

L'ALMA ROSA

(ridendo, gli si butta addosso) Oh, guarda, Gianfrè!… Prima donna !... (Dandogli un buffettino e parlandogli col tu) Quanto sei caro!

PEPÈ

Varda ch'èbella!... (comincia a strofinarsi anch'egli, non senza guardare Liberino, che lo mette in soggezione).

LIBERINO

(accostandosi alla Ciolli, galante) Posso ricevere l'onore di sederle accanto? …

LA CIOLLI

(alla Gianfrè) E guarda st'autru, quant'èsapuritu! (a Liberino) L'onore èmio, si faccia piùvicino.

SCIURTINISI

(allacciando alla vita la Tuppini e trascinandola a sedere presso di sè) Veni cca, Tuppini ...

LA TUPPINI

Chi voi, Sciurtinisi? ...

SCIURTINISI

L'amor tuo, crudele!

LA GIANFRÈ

(stendendosi lunga su un canapè) Oh Dio, svengo! ...

ROMEO

(che ha visto e udito, smaniando e fuori di sé) Vi persuaditi?… Vi persuaditi?... Signori mei, cuntegno!… Signori mei, dicenza! ... Vi lo arrebrico con le bone: nisciti, ca qua non si pòstari!…Chi mi voleti costringiri a fari rapporto al capo del pirsunali artistico?... Vidiri ca lo faccio!...

LA GIANFRÈ

(con mollezza) E che dirai, nel rapporto?

ROMEO

Chi dirò?… Diròca la Tizia, la Filana, e la Simpronia, nomi, cugnomi e paternità... hanno entrato di pripotenza e insiemi con personi opposti, di cui due estranii, s'hanno abbandonato ad atti inconsapevoli!... (Grande risata di tutti).

SCIURTINISI

(si alza, prende Romeo per le spalle e a viva forza lo caccia via) Va, vattinni, ora! ...

SCENA IX

Detti, meno Romeo.

L'ALMA ROSA

(ha tolto il cappello a Pepèe gli ha scoperto i capelli impiastrati e duri) Uh, poverino, che malattia hai, nei capelli?

PEPÈ

No, non èmalatia, codda è! (guarda Sciurtinisi in cagnesco),

L'ALMAROSA

E che sei venuto a fare, qui, vu ai entrare in cinematagrafia? ...

PEPÈ

Spero.

LA GIANFRÈ

(corre a sederglisi accanto dall'altro lato) Oh bravo! E che sai fare? (gli prende una mano e se la mette in grembo tra le sue).

PEPÈ

(c. s.) Varda ch'èbella!... (sente caldo, smania, si alza) Con permesso (si asciuga il sudore, poi risiede) Sacciu fari... qualunchi cosa ...

L'ALMAROSA

Sai ballare?

PEPÈ

Altro!…

L'ALMAROSA

Il tango? ...

PEPÈ

Il ranco, la tanca, il tinco ranco... ballu curruttu ... ogni cosa! ...

LA GIANFRÈ

E come ti chiami? ..

PEPÈ

Pepè.

LA GIANFRÈ

Oh, guarda, Pepè!… Pepècome? ..

PEPÈ

Moscardino.

LA GIANFRÈ

Oh, guarda, Moscardino! ...

PEPÈ

Liberinu!.. Mi dici 'atesta ca ppi daveru mi stannu sbintannu…Ni nni jemu ....

LIBERINO

(che fila con la Ciolli ed èin estasi) Ma chi jri, chi si' pazzu? Ora ca semu al momento conclusivo!…

L'ALMAROSA

Come, te ne vuoi andare? … Ma che dici?

LA GIANFRÈ

Scherza!… E dimmi un po', se ti prenderanno, come ti farai chiamare in arte, col tuo nome o con un nome di battaglia?

LIBERINO

Di battaglia, di battaglia! ...

LA GIANFRÈ

Allora te lo trovo io: Giambolì...

L'ALMA ROSA

Ma che Giambolì... Fatti chiamare Bebè...

PEPÈ

Bebèe Pepènon ètuttu 'u stissu? ...

LA CIOLLI

Làssili parrari, a chissi… 'U veru nomu ppi tia 'u sai qual è? …Giufà? …

TUTTI

Bello!... Buono!... Giufà!... Giufà!… Carino!...

PEPÈ

E non po essiri...

LA CIOLLl

Pirchí? …

PEPÈ

PirchíGiufàmi chiamanu ‘nfamigghia!...

LA TUPPINI

Megghiu!…Anzi!…

LA CIOLLI

Giufà, Giufà, viva Giufà!…

TUTTI

Viva Giufà!...

LA GIANFRÈ

Adesso dammi la prova che sai ballare... Sciurtinisi, ti metti un po' al piano e suoni un tango? …

SCIURTINISI

(andando al piano) Jemuninni! (Qui L'autore lascia all'interprete di svolgere una scenetta di ballo, a soggetto, con varie ballerine. Applausi, acclamazioni e gelosie tra le ballerine stesse. Abbracci e relative controscene. Nel colmo del brio si ode il fischietto che richiama le artiste nel teatro di posa, e subito dopo rientra Romeo).

PEPÈ

'U tram, 'u tram! ...

SCENA X

Romeo e detti

ROMEO

(rientra mentre ancora si balla, e si fa chiasso) Ma chi soccessi, ripubbrica!? Chi non lo sentono il friscaletto del direttori di scena, signurine?... Fora, fora, si nni vanno in tiatro!... (le spinge tutte verso l'uscio di fondo a sinistra, poi, rivolto a Pepèe Liberino) E lui sono pregati, torno e arrebrico, di aspittari in sala d'aspetto... Signor Sciurtinisi, zoccu addisidirava lei èprontu.

SCIURTlNISI

(a Pepè) Caminati, ca vi lavu 'a testa!... (passa per la comune, Pepèe Liberino lo seguono).

ROMEO

(rimasto solo si dàa rassettare il salone, lasciato in disordine, mormorando) Genti chiúustinati e chiúsfruntati di chisti non nn'haiu vistu, per diu!... Guarda ehi e'ècca, chi sobbugliu ca ficiru (si ode la voce del direttore generale che torna) Ecculu cca, 'u 'attu!... Avissi avutu piaciti ca nisceva un mumentu prima!… (va a mettersi presso la porta di sinistra, in attesa rispettosa).

SCENA XI

Il Direttore, il Conte, Cacioppo e Romeo, poi Pinetti.

IL DIRETTORE

(rientra, coi suddetti, dalla sinistra, esaltato) Straordinario!... Immenso!... lrresistibile !... Ma ehi è? .. Dov'è?... Chi l'ha fatto, questo provino? ....

IL CONTE

Non saprei, ma siccome èin coda al soggetto, si fa presto a saperlo (a Romeo) Va a chiamare subito Pinetti, e digli che lo attendiamo qui. (Rome o va di corsa).

IL DIRETTORE

Oh, guarda, nell'entusiasmo, abbiamo lasciato l'agente inglese solo, in sala di proiezione! ...

CACIOTTA

Non èsolo, direttore, sono rimasti con lui la Sparapaoli e il signor avvocato.

IL CONTE

Ha inteso?... Ha detto che di ogni pellicola con quest'attore, lui solo ne prenderàsessanta copie, senza visione.

IL DIRETTORE

Lo credo bene! ...

ROMEO

(tornando) Ecco il signor Pinetti.

PINETTI

(entrando) Agli ordini, signor direttore ...

IL CONTE

Senta, lei ha girato L'ultimo quadro dell'Antro della morte?

PINETTI

Sissignore.

IL DIRETI'ORE

Benissimo... E' stato lei che ha fatto girare quel provino in coda?

PINETTI

(mortificato) Come, non l'hanno staccato? …Questa èuna birbonata che m'hanno fatto giù, allo sviluppo.

IL CONTE

Ma non se ne prenda, va benone,

PINETII

Veda, signor direttore, ho incontrato un tipo buffo, che diceva di volere entrare in cinematografia ...

IL DIRETTORE

Ah, disse così?

PINETTI

Sissignore... Gli artisti ci si divertirono un mondo, lo fecero correre e saltare, poi lo truccarono, e siccome mi restava in macchina una coda d'una dozzina di metri, ne ho approfittato per farne un provino; ma tutto avrei immaginato all'infuori che lo lasciassero attaccato al quadro del soggetto ...

IL DIRETTORE

Ma se le diciamo che va benone!... Anzi le faròdare una gratificazione... E mi dica un po', sa lei, come si chiama questo tale? ...

PINETTI

Sissignore, ho preso nome, cognome e indirizzo (toglie di tasca un taccuino e legge), Giuseppe Moscardino, via Sorge, numero tre.

IL DIRETTORE

Bisogna mandarlo a chiamare subito. Se questo ha intenzione di entrare in cinematografia, c'èpericolo che se lo prendano altri.

ROMEO

(col suo taccuino aperto in mano) Scusa, signor Pinetti, comu dissi, ca si chiama? ...

PINETTI

Giuseppe Moscardino.

ROMEO

Guarda chi cumminazioni!... Signor Dirittori Ginerali, ha' stato qua ca s'ha fituto! ...

IL DIRETTORE

Chi, questo Moscardino? ...

ROMEO

S'ha fituto, ci dico, cca dintra, finu a du' minuti arreri!... E divi essiri ancora cca, nel cammarino del signor Sciurtinesi, ca si fici purtari acqua raggia e acqua bullenti ppi spudugliarisi 'i capelli, ca l'àvi tòppola tòppola comu si forono di stuppa colla picireca!

PINETTI

Difatti, gli ho detto di tornare tra due giorni... Poi l'avevo dimenticato. Sa, si trattava d'uno scherzo!...

IL DIRETTORE

Benissimo (a Romeo) Corri a cercarlo e fallo venir qui (Romeo va, a Pinetti) Chi lo ha diretto? …

PINETTI

Nessuno, ha fatto da sè.

IL DIRETTORE

(al Conte) Perbacco !... E' un grande attore nato!... (a Pinetti) Vada, vada in projezione anche lei, Pinetti. Lo vada ad ammirare... Ha scoperto un tesoro!... Bravo! ...

PINETTI

(andando in sala di proiezione) Sa, io non ci ho messo malizia... (esce).

SCENA XII

Il Direttore e il Conte, poi Pepèe Liberino.

IL DIRETTORE.

Cosa crede che gli si possa offrire, Conte?

IL CONTE

Eh, come primo ingresso... un migliaio di lire al mese ...

IL DIRETTORE

Poche, poche!... Bisogna dargli almeno duemila lire, per metterlo subito in condizioni di benessere e affezionarlo alla casa.

IL CONTE

Lei gli metta una penale forte.

IL DIRETTORE

Ma che penale!… Le penali, caro Conte, sono una garanzia per gli artisti, non per le case... Quando le hanno mancato ai patti, lei cosa prende, agli artisti cinematografici? ...

ROMEO

(entra primo, si mette sulla soglia della comune, e, col berretto in mano, rigido e rispettoso) Voscenza favurisca, signor Muscardinu!

PEPÈ

(entra col cappello in mano e i capelli tutti lavati, umidi e prolissi, fa un inchino e attende, Liberino lo segue).

IL DIRETTORE

Lei èil signor Giuseppe Moscardino?

PEPÈ

Sissignori.

IL DIRETTORE

(additando Liberino) E il signore? ...

LIBERINO

Sono suo cognato... Sa, siamo indivisibili.

PEPÈ

Sissignori, la moglie di mio fratello... cioè, il fratello di mia moglie.

IL DIRETTORE

(che osservando Pepè, non puòfrenare un sorriso di ilaritàe di contentezza) Benissimo, seggano, prego... E lei vorrebbe entrare in cinematografia?

PEPÈ

Se posso ricevere tanto onore (Liberino gli tira la giacca)... ma se non posso.

IL DIRETTORE

Sicuro, che può... Eh, dica: non ha mai posato? …

PEPÈ

Si... ogne tantu m'haiu pusatu, pozzu stari sempre additta? …

IL DIRETTORE

No, intendo, non ha mai agito sotto l'obiettivo?

PEPÈ

Ecco, veda, il mio obiettivo sarebbe quello di entrare qui (Liberino gli tira la giacca)... ma si poi non pòessiri ...

LIBERINO

(venendogli in aiuto) No, signor direttore, non ha posato altro che per quel provino dell'altro ieri.

IL DIRETTORE

Benissimo, allora lei èvergine.

PEPÈ

No, senta, qui c'èequivoco.

IL DIRETTORE

Come sarebbe a dire?

PEPÈ

Ammogliato sono!

IL DIRETTORE

Ma si, si.

PEPÈ

(seccato) Varda ch'èbella! (con malizia, additando Liberino) Non èche siamo cognati perchélui ha sposato mia sorella, ma perchéio ho sposato sua sorella, capisce? ...

IL DIRETTORE

Meglio così! Ecco, veda, noi siamo disposti ad assumerla nella nostra famiglia, ma però, siccome lei èvergine... di cinematografia e deve imparare a nostre spese, vogliamo garantirci le spalle per quando saràprovetto e quindi non combineremo niente se lei non firmeràcon noi un contratto lungo ... Per esempio, di tre anni.

PEPÈ

Anche quattro (Liberino c. s.)... Cioè... faccia lei.

IL DIRETTORE

Vada per quattro... Nei primi tempi, naturalmente, non prenderàuno stipendio forte ... Noi non possiamo offrirle piùdi mille e cinquecento lire al mese.

PEPÈ

(che non crede alla sue orecchie) Quantu dissi, lei? ...

IL DIRETTORE

(interpretando che gli sembran poche) Piùtrecento di indennitàdi carrozzelle ...

PEPÈ

(resta muto e sbalordito).

IL CONTE

Beh, direttore, invece di mille e ottocento faccia duemila in totale.

PEPÈ

(serio) Ma chi?... Ppi daveru 'u stannu dicennu? ...

IL DIRETTORE

Senta... io dico l‘ultima, ma purchélei non osservi piùniente.

Per primi due anni le daremo duemila lire al mese, nei due anni successivi tremila. Sta bene? … Adesso passeremo in amministrazione, faremo scrivere le due copie del contratto e le firmeremo.

PEPÈ

(come trasognato) Ca... si lei 'u dici supra 'u seriu! ...

LIBERINO

(scattando) Ma quali firmari, chi firmi, ti scurdasti tuttu cosi? …

PEPÈ

Non divu firmari? ..

IL DIRETTORE

Perchénon dovrebbe firmare?... Non èlibero di farlo? ..

LIBERINO

Eh, veda, mio cognato ha una famiglia... anche per un riguardo verso la famiglia, prima di firmare, deve consultarsi con essa, o almeno almeno con un membro di essa.

IL DIRETTORE

Benissimo, c'èlei, qui, che èun membro della famiglia ...

PEPÈ

(come ricordandosi, si batte forte la fronte) Ah, scusa Liberinu, mi l'aveva scurdatu!... Veda, signor direttore, non ponu firmari, iu sulu, pirchítra me e mio cognato c'èuna convenzione, ca mi l'aveva scurdatu... cioè, non èuna convenzioni, non c'ènenti, ma iddu dici: o entriamo tutti e due o niente.

LIBERINO

Bravu!... Mi fai passari per un senzale qualunque, che approfitta di una situazione per crearsi uno stato !...

IL DIRETTORE

Ma no, non dica questo... Senta, io, se vuole, la scritturo volentieri, sa. E' un bel giovanotto, elegante, bella testa, occhio mobile! ...

LIBERINO

No, sa, io non posso entrare come attore.

IL DIRETTORE

Perché, scusi?… Puòguadagnarsi benissimo cinque, seicento lire al mese.

LIBERINO

No, veda, sarebbe per me una diminutio capitis... io faccio lo scrittore, ho scritto piùdi dieci drammi... Il mio posto qui, se mai, sarebbe quello di soggettista.

PEPÈ

Ah, sa, signor direttore, non fazzu ppi vantallu, ma me' cugnatu, sa, scrivi drammi ca fannu cascari cantuneri!… E' un drammiere forte!

IL DIRETTORE

Beh, beh, ci accorderemo.

PEPÈ

E allura iu firmu.

IL DIRETTORE

Benissimo. Passiamo in projezione, le faròvedere sèstesso sullo schermo, la presenteròal nostro grande agente inglese e poi passeremo a fare il contratto (battendo una mano sulla spalla di Liberino) anzi 'i contratti, sta bene?… Favoriscano (si avvia, seguito da tutti, verso la sala di projezione).

PEPÈ

(rimasto in coda con Liberino, per la contentezza se lo abbraccia, poi, al direttore) Sa, in arte non mi voglio chiamare col mio nome, Ho giàscelto un nome di battaglia: Giufà.

LIBERINO

Ed io pure: Liberto.

IL DIRETTORE

Evviva!…

IL CONTE

Ben scelti, bravo! ... (tutti passano in sala di projezione).

SCENA XIII

Romeo, l'Almarosa, la Ciolli, la Gianfrè, Sciurtinisi e la Tuppini.

ROMEO

(ha appena fatti gli ultimi inchini ai partenti, che corre all'uscio che porta in teatro, dal quale tornano i suddetti) Passino dall'esterno, passino dall'esterno, ca sta turnannu il dirittori ginirale con quei signuri d'antura ...

L'ALMAROSA

(senza dargli retta) Di' un po' li hanno scritturati? ...

ROMEO

E chi sorti di scrittura!… A chiddu chiúminutulo duimila liri o’misi!

LA GIANFRÈ

Davero? ...

ROMEO

Ca comu !... E bisogna vidiri chi riguardi ca ci avi il direttori ginirali!…

L'ALMAROSA

Caro il mio Giufà!...

LA GIANFRÈ

Tuo? …Guarda che sfacciata!… La vedremo! ...

SCIURTINISI

E dimmi' na e osa, all' autru, quantu? ...

ROMEO

Secentu liri o' misi, ma comu suggittista!… Va, mi nesciunu, ppi carità, ca sta turnannu tutta la dirizioni!… (Tutti escono per la comune, prime l'Almarosa e la Gianfrè, che continuano a litigarsi Giufà, poi Sciurtinisi con la Tuppini, ultima la Ciolli).

LA CIOLLI

(fermandosi, prima di uscire) Ora iu, caru Rumeu, tutti 'ssi fumi ca hannu l'Almarosa e la Gianfrè, non l'haiu, e mi cuntentu di chiddu di secentu liri, dicu giustu? ...

ROMEO

(offeso) Lei chi non nn'avi, parenti chiú'ntrinsechi, per cuntarci questi privatanze? ...

LA CIOLLl

Pirchí, chi t'offisi? ...

ROMEO

Certu!... Non sunnu cosi ca ci deve raccontare al mio dicoro!... (la Ciolli esce ed egli torna indietro ad attendere, con la consueta rigidezza, il direttore e gli altri, che tornano in iscena).

SCENA XIV

Il Direttore, il CORte, la Sparapaoli, Caciotta, l'Avvocato, Pinetti, Pepè, Liberino, l'Agente inglese e Romeo.

(Pepèesce a braccio della Sparapaoli, che gli fa un mondo di smorfie, Caciotta parla con Pinetti, che gli racconta come scoprìGiufà, Liberino ha sotto il braccio il conte, e gli racconta la trama di un grande soggetto che ha ideato, il direttore parla animatamente con l'agente inglese).

ROMEO

(quando Pepègli passa accanto) Le mie condoglianzi, signor Muscardinol... Mi nni condoliscio assai assai ... Servo suo!... (Pepègli fa un cenno del capo, con aria da protettore. Tutti passano di làdella scena, per la destra, meno Pepèe la Sparapaoli, che si indugiano e restano soli).

SCENA XV

Pepèe la Sparapaoli

LA SPARAPAOLI

Straordinario, caro mio!... Ma come riesce lei, ad essere Ccosì espressivo?... Mi ha fatto nascere la voglia di fare una scena con lei... Che ne pensa, riuscirei?

PEPÈ

(dandosi delle arie) Eh, sa, a secunnu comu pigghi., Po' darisi che vieni beni, e po' darisi che la scaccia fracita!...

LA SPARAPAOLI

(trascinandolo presso il canapè) Sediamo un po', le dispiace di star solo con me, un momentino?

PEPÈ

(sedendo) Faccia lei! ...

LA SPARAPAOLI

(prendendogli una mano) Grazie! ... E sarebbe disposto a posare con me?.. Eh?.. (lo guarda negli occhi, con malizia e finto desiderio) In una scena d'amore, eh?

PEPÈ

(contorcendosi) Faccia lei... (Mentre si guardano, si sorridono e Pepèsi abbandona quasi sul seno della diva)

Cala la tela.

ATTO III

(La stessa scena del secondo ano. Un anno dopo).

SCENA I

Il Direttore e la Sparapaoli

LA SPARAPAOLI

(sta semisdraiata in un canapè, ascoltando il direttore generale, che le parla stando seduto alla scrivania).

IL DIRETTORE

Cara signorina, non èmancanza di fiducia nella sua arte, sempre grande, nèmancanza di volontà. Il suo contratto scade, tutti i mercati ora sono chiusi, il lungometraggio drammatico non va piùe la gente, troppo preoccupata per conto suo, non vuole affliggersi ancora di piùcon i drammi, vuole ridere e svagarsi con le commedie brillanti. Il consiglio d'amministrazione ha deciso di limitare la sua produzione alle commedie e alle farse di Giufà... Quando riprenderemo il lavoro in grande stile, lei saràla prima ad essere richiamata. Per adesso ...

LA SPARAPAOLI

Già, già... ho capito. E poi, non creda che io sarei rimasta con lo stesso stipendio che mi davate.

IL DIRETTORE

In tal caso nessun rimorso da parte nostra, e se crede puòpure: dichiarare che èlei, che ci abbandona, e noi non le daremo una smentita. Va bene?

LA SPARAPAOLI

Benissimo. Ma... non per entrare nelle faccende della Società: di Giufà, sono sicuri? ...

IL DIRETTORE

Che intende dire? ...

LA SPARAPAOLI

Sono sicuri che Giufàresteràalla Sicula film? ...

IL DIRETTORE

Giufàha con noi un contratto che gli scade fra tre anni.

LA SPARAPAOLI

(alzandosi) Ah, bene, bene, allora possono dormire sonni tranquilli... A rivederla, direttore, (gli tende la mano).

IL DIRETTORE

(baciandogliela) Senza rancore. La vedròancora?

LA SPARAPAOLI

Eh, prima di tutto ho ancora da finire il mese ...

IL DIRETTORE

Questo non vuoi dire, lei èlibera fin da questo momento.

LA SPARAP AOLI

E poi, verròa trovarla spesso... Non vorràchiudermi le porte dello stabilimento, spero! ...

IL DIRETTORE

Ma le pare!... Lei qui saràsempre la padrona, libera di andare e venire, a piacer suo.

LA SPARAPAOLI

Grazie!... A rivederci, commendatore!... (fa un inchino ed esce).

SCENA II

Il Direttore e Romeo, poi Liberino

IL DIRETTORE

(rimasto solo, suona il campanello elettrico)

ROMEO

(sulla soglia della comune) Cumanna, signor commindatori?

IL DIRETTORE

Prega il signor Pagliuca di venire qui un momento (Romeo va via. Il direttore prende da una cartiera un copione e lo esamina, sfogliandolo e tentennando il capo)

LIBERINO

(entrando) Signor direttore ...

IL DIRETTORE

Caro Pagliuca, saràuna fatalità, ma èun anno che lei sta qui e la Societànon ha ancora potuto trar profitto dei suoi talenti... Questo èil suo ultimo copione. Il macchinone non sarebbe ideato male, ma non se ne puòfare alcun conto perchélei vi ha scaraventato un anacronismo che farebbe saltare in aria anche il nostro bidello.

LIBERINO

Un anacronismo?…

IL DIRETTORE

Sicuro!…Ai tempi di re Nasone il telegrafo era ancora in mente dei, e lei mi fa battere un telegramma al complice del falso principe, dall'America in Europa!... Mi dispiace, perchésarebbe ora che lei giustificasse lo stipendio che le diamo (si alza) Se lo rilegga, si metta a questo tavolo, e veda se c'èmodo di riparare (lo lascia mortificato, e va per la sinistra).

SCENA III

Liberino e Pepè

LIBERINO

(si mette a sfogliare il copione e a pensare, quando sopraggiunge, dalla comune, Pepè, elegantissimo, in abito sportivo)

PEPÈ

Oh, uomu di geniu!.. Chi sta' fannu?...

LIBERINO

(lo guarda in cagnesco, poi lasciando da parte il copione, si scosta dalla scrivania, gli si avvicina e, torvo, gli dice).' Bravu!... Mentri si' cca, assèttati, ca t'haiu a parrari.

PEPÈ

Chi è, discursu seriu? ..

LIBERINO

Seriissimu.

PEPÈ

E allura chiútardu, ca sugnu di scena e ancora m 'haiu a jri a vèstiri.

LIBERINO

Non importa, assèttati... Un divo come te sìpo' fari aspittari (Pepèsiede, contro voglia) Iu non ti parru comu cugnatu, pirchíme' soru, 'u maritu, si l'ha a sapiri guardati da sè, e si non s' 'u sapi guardari, peggiu ppi idda ...

PEPÈ

Benissirnu, mi piaci pirchíti dimustri persuna ragionevuli e basata.

LIBERINO

Iu ti parru come Liberinu Pagliuca.

PEPÈ

Sì, ma no accussíseriu, ca fa scantari! ...

LIBERINO

Smetti di fari 'u Giufà, ca non semu o' teatru!... Mi pari ca ti pregai, tempu fa, ca si ti spizzuliavi tutti i fimmini d' 'u stabilimentu, non mi nni 'mpurtava nenti; ma ti misi tutte le riserve supra una sula, ca mi apparteni: la Ciolli.

PEPÈ

Ah!... E chi fu iu? ..

LIBERINO

Comu?... Allura veru è? ...

PEPÈ

Sì, veru è, ma chi fu iu? … Sull'onuri miu, mancu mi passava ppa testa" ..

LIBERINO

(verde di collera) E si puru avissi statu idda ... 'ssa gran miserabili, tu, ppi rispettu miui, l'avevi a mettiri a postu! ...

SCENA IV

Romeo e detti.

ROMEO

(sulla soglia della comu ne) Signor Giufà... cioè: signor Muscardinu, l'aspettanu in teatru, subitu subitu, pirchísi non ci va prestu, dici, cambia la luci e divano voltari la scena.

PEPÈ

(a Liberino) Non t' 'u dissi, iu?... M' ha' fari fari mala cumparsa ppi forza!... (andando per l'uscio di fondo a destra) Non pinsari a nenti, Liberinu, cosi di 'na vota!... (va via).

LIBERINO

(mordendosi le dita, sottovoce) Vigliaccu!... Si ti pozzu cunzari 'u capizzu, t' 'u conzu p' 'i festi!

ROMEO

(piano, accostandosi a Liberino) Vossia vidi ca c'è'a mamà...

LIBERINO

Me matri? ...

ROMEO

Sì, mi dissi di diraccillu di nascostu! ....

LIBERINO

E chi vinni a fari cca?... Unn 'è? ..

ROMEO

Dda banna, in sala daspettu.

LIBERINO

Falla passari.

ROMEO

Sissignuri (va via, e torna, poco dopo, seguito da Donna Rachele, entrata la quale, si riallontana, chiudendo l'uscio).

SCENA V

Donna Rachele e Liberino.

LIBERINO

Chi vinisti a fari, cca, mamà? …

DONNA RACHELE

Vinni ppi parràriti! ...

LIBERINO

Cca?…E  ‘nta stu mumentu... ca haju tantu chi fari?

DONNA RACHELE

Non su' cosi di ridiri, Liberinu! ...

LIBERINO

Chi successi? ...

LIBERINO

Chi successi?…

DONNA RACHELE

Dimmi 'na cosa: com'èca tu, frati di Mimì, non pigghi cuntu della condotta di to' cugnatu, cca dintra?

LIBERINO

Pirchí?…Chi sapiti cosa?

DONNA RACHELE

Stamatìna, doppu ca vuautri niscistuu di casa, ci arrivau 'na littra anonima, unni ci dicevanu, cu lu nummiru e lu postu, ca Pepè, cca, avi a una... E allura Mimì, povira figghia, incuminciòa sfirniciari, si riurdau di la friddizza di so' maritu, di tanti piccoli cosi ca cunfermanu il fattu e sta facennu comu 'na pazza! ...

LIBERINO

(che ha subito maturata nel pensiero l'idea di vendicarsi del cognato) Avi ragiuni, povira figghia!

DONNA RACHELE

Ah, allura 'u sai ma cari tu!? … E non parravi? … E non dicevi nenti?.. Ma chi frati si', ah, chi frati si'? È cosa certa, dunca, avi a una! ...

LlBEKINO

A una? .. A dui, a sei, a centu! ...

DONNA RACHELE

Gesù!... E chi divintau, 'u gran sultanu? …

LIBERINO

(prendendola per un braccio, piano) Non nni risparmia una! ...

DONNA RACHELE

Sì, una sula, nni risparmia!… A so' muggheri (piano, prendendolo per un braccio, alla sua volta) Povira figghia, ci lu scippai di la vucca a gran stentu.

SCENA VI

Pepèe detti.

PEPÈ

(in costume da romano antico, spunta in iscena dalla destra di fondo e, vedendo la suocera, fa per tornare indietro, di corsa; ma Donna Rachele lo afferra, lesta, per la sottanina, e lo fa tornare indietro) Veni cca, unni vai?

PEPÈ

Un mumentu, ca sugnu di scena... Cu' ci 'a porta, a vossia, cca? ..

DONNA RACHELE

Cu ' mi ci porta? ... 'I peri, mi ci portanu, e 'u cori di matri, sfurcatu birbanti, ca non si' autru! ...

PEPÈ

Un mumentu, ora tornu ...

DONNA RAClIELE

(afferrandolo e costringendolo a sedere). Oh. non mi fari 'u graziusu a mia, ca malamenti finisci!... Ddocu assetta ti! ... (gli siede accanto, poi, piano, tenendolo per un braccio). Tu tradisci a to' mogghi! ...

PEPÈ

(come se si trattasse d'altri, con la stessa intonazione) Aora? ...

DONNA RALHELE

Cornu, aora?.. Accussí rispunni, comu si trattassi d 'autri? ..

Tu tradisci tua moglie, mascalzone, e sapemu tuttu cosi... e non poi negari!... Varda, varda ca s'arrizza 'u nasu!... Non diri minzogni, o... mizogna sta icennu .... Vo’ diti menzogna .... Tu

tradisci a to' rnuggheri, non negari ca èpeggiu ppi tia! ... 'U sapemu, da centumila indizii... dalla tua freddezza ...

PEPÈ

Cui?... Si iu 'a vogghiu beni chiúdi l'arma mia!... Si l'haiu carricatu di giojelli! ...

DONNA RACHELE

Sì, ma trascuri altri doveri coniugali! ...

PEPÈ

Eh... cara mamà, chi ci pari ca èsempri 'dd' epuca, ca non aveva autru pinseri? … Ora lavoro... lavoro di un lavoro pesante, ca leva 'u ciatu... Varda ch'èbella, va!... Prima si lamintava ppi 'na ragiuni, vossia, ora si lamenta per la ragion e opposta! ... ‘Nsumma, com'èca m'haiu a regulari? ...

DONNA RACHELE

Da gentiluomo.

PEPÈ

Varda unni ci fa trasiri 'a gentilomineria, vossial... Allura so' maritu ... 'n ta l’urtimi anni d' 'a so' vita, chi era, un farabuttu? ..

DONNA RACHELE

Non muntuari 'a sant'anima, ti nni pregu, ca fu un maritu esemplari!... E lo so io !... Tu trascuri a to' mugghieri pirchíti prodighi con altre... E sapemu tuttu, ti ripetu! ...

PEPÈ

(dopo breve silenzio, lungo il quale guarda Liberino in cagnesco) Varda ch'èbella! ...

DONNA RACHELE

Pepè, guardami 'tra l'occhi! ... 'U sai ca ti stimu pirchínon sai diri minzogni!... Dimmi 'a virità!... non negari...

PEPÈ

No, non negu... Ma chi sugnu iu? …

LIBERINO

Guarda chi discursu di Giufa !... Chi veni a diri, ca non si' tu? ..

DONNA RACHELE

Ca cu ' è, allura? …

PEPÈ

Sono le ore calde.

DONNA RACHELE

Chi è?... Chi c'entranu, le ore calde? ..

PEPÈ

Si sapissi chi effettu mi fannu!… Nelle ore calde non sugnu chiúiu... Si Mimìfussi cca!.. Ma Mimìèluntana! ...

DONNA RACHELE

Guarda chi sf'acciatu! ...

PEPÈ

Cca c'ètanta grazia di diu, a purtata di manu! ...

DONNA RACHELE

Sugnu morta, signuri!... Grazia di diu, 'a chiama!... E chi facci hai, a parrari accussí....

LIBERINO

Facci d'imbecillì, chi facci ha' a aviri? ...

PEPÈ

(a Rachele) Ci giuru, sull'onuri ca doppu mi nni pentu!... E si putissi turnari indietro ...

DONNA RACHELE

Gesù, gesu '... (a Liberino) Ma iu, pensu e dicu, chi significa, a purtata di manu?... E chi stabilimentu è, chistu, accussí? …

PEPÈ

Chi stabilimenti ha' ad essiri? Di cinematografia!...

DONNA RACHELE

Sugnu esterrefatta, a sintìriti parrari d'accussí!... E chi divintasti? ...

PEPÈ

Nenti, non si nni pirsuadi, pirchínon l'ha pruvatu!… Vurrissi vìdiri a vossia, doppu ca riesci d' 'u teatru di posa, sutta 'ddu suli, ccu 'ddu cauru, congestionata, ardenti... si trova 'mmenzu a ...

DONNA RACHELE

Basta, basta, non fari descrizioni, e non fari paragoni irriverenti ccu mia!... Avi ragiuni, me' fìgghia, ca ci ficimu perditi 'u maritu, ppi spronarlu a fari qualche cosa!... Ma cu' s'ha' puteva fiurari 'na cosa di chissi!... Pareva 'na talpa, e ora ...

SCENA VII

Il direttore generale e detti.

IL DIRETTORE

(rientrando e vedendo la signora Rachele, resta per un po' interdetto, poi) Scusi, signora, desidera di me? ...

LIBERINO

(pronto) Il signor direttore generale, mia madre.

IL DIRETTORE

(galante) Ah, la madre di Pagliuca... dunque, parmi, la suocera fortunata di Moscardino ...

DONNA RACHELE

Non tanto fortunata, signor direttore ...

PEPÈ

Ecco, vede, commendatore? ... 'U signuri manna 'u viscottu a cu’non avi anghi!..

DONNA RACHELE

(lo guarda con occhio torvo).

PEPÈ

(fa delle mosse da guerriero, per farla ridere, ma non vi riesce).

DONNA RACHELE

Liberinu, guarda chi fai, vo' chiama a to' soru, e falla veniri cca. Ma prima informala di tuttu.

PEPÈ

Pirchí, chi è, pazza?…Non ti moviri, oh?…

DONNA RACHELE

(a Liberino) Va, va, làssalu parrari! Lei permetti, èveru, direttore, che faccia venire mia figlia? Avi desideriu di visitari lo stabilimento.

PEPÈ

Non si può... E' vero, direttore? .. (a donna Rachele) Non liggìu, vossia, fora, 'ddu cartellu granni, ca dici; E' proibito l'ingresso alle persone non addette ai lavori? ...

IL DIRETTORE

Ma sì, ma sì, venga pure, la sua figliuola, saròlieto di conoscerla.

LIBERINO

Con permesso, allora, signor direttore ...

IL DIRETTORE

Vada, vada pure (a Rachele, mentre Liberino esce) S'accomodi, signora... E' venuta anche lei per visitare lo stabilimento? …

DONNA RACHELE

No, veramente venni per tutt'altro scopo, e mentre ho la fortuna di trovarmi con lei, le vorrei fare certe domande.

IL DIRETTORE

Dica, dica pure.

DONNA RACHELE

(a Pepè) Ti nni po' jri, tu, si hai chi fari! …

PEPÈ

No, ancora non èura.

DONNA RACHELE

Comu, pocu fa avevi tanta primura? …

PEPÈ

Si non prima sona 'u friscalettu, ppi truvarimi in teatru, èinutili ca ci vaiu ...

IL DIRETTORE

Beh, Moscardino, ma se la signora vuole restare sola con me ...

PEPÈ

E non sta beni! ...

DONNA RACHELE

Chi dici? ...

PEPÈ

Non sta beni!... (piano a Donna Rachele) Vossia vidi ca 'u cummendaturièsarvaggiu ... 'u sapi sentìri? ..

DONNA RACHELE

(segnandosi) Gesùe Maria!... Vattinni ti dissi!…

PEPÈ

No, non mi nni vaju! ... In mancanza di so' maritu, ca èmortu, e di so' figghiu, ca èfora, il rappresentante del decoro della famiglia sugnu iu, e non mi movu!… Suli a tutti dui, non vi lassu, mancu? So io il perché!

IL DIRETTORE

(ridendo) Che matto!… Lo lasci stare, signora! ...

DONNA RACHELE

Matto? Mattu birbanti, però... Ma ora 'u capizzu t' 'u conzu iu, Giufà!... (al Direttore) Mi dicissi 'na cosa, signur diretturi:

Quantu fimmini ci sunnu, nel suo stabilimento? …

IL DIRETTORE

Eh, tra le scritturate, i cachets fissi, le avventizie, le dattilografe, le impiegate alla contabilitàe alla spedizione, le addette al negativo, al positivo, alla stampa, all'imbibizione, al viraggio, al lavaggio, al prosciugamento, alla numerazione, all'imbobinaggio, all'imballaggio, alla pulitura... saranno in tutto un centoventi ...

DONNA RACHELE

(che intanto ha guardato Pepècon occhi di fuoco, mentre questi fa i soliti gesti da guerriero, come ripassandosi la parte) Caspita! …Un reggimenti, nn’avi!…

IL DIRETTORE

Un momento: ho dimenticato quelle addette al montaggio.

DONNA RACHELE

Come? …

IL DIRETTORE

Al montaggio.

PEPÈ

Sì, ma chistu èrepartu speciali ...

DONNA RACHELE

Ah, repartu speciali!…Sfacciatu!…

IL DIRETTORE

Tutti sono reparti speciali, in cinematografia! ...

DONNA RACHELE

E già... mi persuadu!... E mi dicissi 'n' autra cosa, scusi: Ccu qual i criterii le ingaggia, lei? ...

IL DIRETTORE

Perchémi fa tutte queste domande, signora? Vuole metter su stabilimento cinematografico?

DONNA RACHELE

Iu?…Scusi, per chi mi ha preso, lei?…

IL DIRETTORE

Non ho avuto intenzione di offenderla.

DONNA RACHELE

Ci fazzu 'sti dumanni, pirchím 'haju persuasu che il suo non èuno stabilimentu ...

IL DIRETTORE

E che è, scusi? ...

DONNA RACHELE

E' l 'harem di 'stu scimiuni di me' jenniru!... E lei lascia fare! ...

IL DIRETTORE

Senta signora, per la partita donne, io non ho occhi!…

DONNA RACHELE

Bravu! ... Bella moralità! ...

IL DIRETTORE

Eh, signora mia, se si dovesse cercare la moralitàin cinematografia, si starebbe freschi! ...

DONNA RACHELE

La cinematografia èuna porcheria, caro signore! ... E se io avessi saputo questo non avrei acconsentito mai a fare trasiri tantu a me' figghiu quanto a mio genero.

IL DIRETTORE

Senta, quanto a suo figlio, non si offenda, ma se non lo avesse fatto entrare qui mi avrebbe fatto un regalo.

PEPÈ

Oh, lu bestia! ...

IL DIRETTORE

Quanto a suo genero, si becca tremila lire al mese, che non li ha un ministro... E l'appetito viene mangiando, non èvero Moscardino?

PEPÈ

Parola d'onuri! Quannu sugnu cca haju un appetitu! …

DONNA RACHELE

(al genero) Sfacciatu!... (al Direttore) Ho capito, lei èun cinico, che corrompe la gioventù(si ode un fischietto dall'interno).

IL DIRETTORE

Quale gioventù, signora, scusi ?….Tanto suo figlio che suo genero sono uomini adulti!... Che mi va contando, lei?

DONNA RACHELE

Ad ogni modo questo scandalo deve finire, e deve tornare la pace nelle famiglie oneste ...

IL DIRETTORE

Signora, se avessi potuto prevedere che lo scopo della sua visita era quello di dirmi delle male parole!

DONNA RACHELE

Dal momento che lei mi provoca! ...

IL DIRETTORE

Io?... Ma se non ho fatto che rispondere alle sue domande! …

DONNA RACHELE

Sì, ma mi ha rispostu dicennumi cosi orribili, ccu 'na bella sfacciataggini!... (si riode il fischietto).

IL DIRETTORE

Moscardino, vada, non ode il fischietto? ...

DONNA RACHELE

Vada, vada?!…Unn’èca divi jri?…(facendosi verso l’uscio che mette nel teatro e guardando) Gesù, Gesù!... Guarda chi vergogna, quantu fimmini nudi! ...

IL DIRETTORE

Ma che nude, sono vestite alla romana! ...

PEPÈ

(facendosi presso l'uscio, tutto arzillo, dopo d'essersi aggiustato l'elmo) Va, vossia mi lassa passari!

DONNA RACHELE

Unni?…Unni èca ha a jri?…‘Mmenzu a chissi?…Pazzu si’?

IL DIRETTORE

Signora, lo lasci lavorare. Deve finire la scena comica! ...

DONNA RACHELE

Mi dici 'a testa ca oggi finisci a scena tragica!... Ccu 'ssi strascinati è, ca ha' a fari scena? ...

PEPÈ

No, sulu sugnu... Chiddi su' ddàppi guardari.

DONNA RACHELE

E ppi guardari si nni venunu nudì? ...

PEPÈ

Non su' nudi, sunnu in costumi anticu, ca hannu fattu scena a 'n' autru teatru e ora si divertunu a guardari a mia

DONNA RACHELE

Allura, si ponnu guardari iddi, pozzu guardari puru iu. Passa ...

PEPÈ

(al direttore) Po' trasiri? ... ,

IL DIRETTORE

Si diverta!... Ma mi raccomando, Moscardino, non facciamo storie. Qui si lavora, non si fanno pettegolezzi.

PEPÈ

(alla suocera) Vossia passa! ...

DONNA RACHELE

(prima di entrare di là, al direttore) Avi 'na facci tosta, lei!... (all'usciere che rientra in quel punto, imperiosamente) Appena veni me' figghia, mi chiamati, aviti capitu? … (passa di là, Pepèla segue, gesticolando),

SCENA VIII

Romeo e il direttore, poi il Conte.

ROMEO

Vedi, signor direttori? … Mi staiu ridducennu che mi comanda anchi la scupa, qua dentro!... Si lei ci prommetti, mi fazzu fari un berretto unni ci descrivo così: Uscieri addettu particolarissimo del solo direttori ginirali.

IL DIRETTORE

(sorridendo) Andiamo, andiamo, Romeo, non dire sciocchezze. Perchései venuto?

ROMEO

Il signor conti Smiciaciatu desidera sapiri si po' parlari con lei cincu minuti.

IL DIRETTORE

Digli che venga pure, ma non piùdi cinque minuti.

ROMEO

(va via e torna di lìa poco con il conte, al quale dice) Disidira altro? ...

IL CONTE

Niente, grazie (Romeo va via, il conte siede presso la scrivania).

IL DIRETTORE

Dica, conte.

IL CONTE

Ella sa, signor direttore, quanto io mi senta legato alla Sicula film e quanto amore abbia sempre messo nel disimpegno del mio ufficio.

IL DIRETTORE

Scusi, conte, le ho fatto dire che ho pochi minuti da perdere, quindi non faccia preamboli, venga subito al grano. Che deve dirmi? ...

IL CONTE

Ecco, signor commendatore: io noto, con dolore, che lei si lascia scappar via i migliori elementi. Sei mesi fa ci piantava Caciotta per fare la Caciotta film ...

IL DIRETTORE

Ha fatto questo magno affare! La societàèfallita dopo quattro mesi e lui èa spasso da due mesi e mezzo.

IL CONTE

Oggi se ne va la Sparapaoli... Ma dica un po', lei, chi ci resta? Una casa come la nostra che vantava le prime firme del mondo!

IL DIRETTORE

Ci resta Giufà, che basta e soverchia !... Sa, lei, che di questi tempi la pellicola di Giufàva piùe meglio della lira sterlina? Ecco chi non bisogna lasciarsi scappare, a costo di qualunque aumento e di qualunque sacrificio.

IL CONTE

Si, ma lei non pretenderàche io resti direttore artistico alla Sicula film per mettere in iscena le comiche di Giufà, dopo i trionfi del Mamerco e lo strabiliante successo dei Canali del delitto! Cosa si direbbe nel mondo?

IL DIRETTORE

Senta, come mio, il mondo ha ben altro da pensare ...

IL CONTE

No, no, commendatore, son parole ...

IL DIRETTORE

Son fatti, mio caro...

IL CONTE

No, veda, così, io, francamente ...

IL DIRETTORE

Concluda...

IL CONTE

Non posso restare qui, ecco... Per il mio decoro, il mio nome, l'occhio del mondo ...

IL DIRETTORE

Signor conte, io non voglio costringerla a sacrificarsi per noi.

Faccia pure il suo vantaggio, e amici lo stesso (gli tende la mano)

IL CONTE

Allora lei èdeciso a fare a meno di un primo attore ed anche di una prima attrice? ...

IL DIRETTORE

Sì, caro conte, gliel'ho detto: mi basta Giufà...

IL CONTE

E di Giufàèsicuro, lei?...

IL DIRETTORE

Curioso! ... La stessa domanda mi èstata fatta un'altra volta, da un'altra persona. C'èun'intesa tra voi forse? …

IL CONTE

Che intesa... se non so nemmeno chi sia questa persona che lei dice?... La domanda, scusi, èlegittima. Le case si fanno tale concorrenza ...

IL DIRETTORE

A questo lasci che provveda io. Ha da dirmi altro? ...

IL CONTE

Nulla, signor direttore. Dal primo del mese entrante m'intendo sciolto d'ogni impegno con lei.

IL DIRETTORE

Anche da oggi, se vuole, senza complimenti.

IL CONTE

(livido di bile) Grazie, commendatore, arrivederla (fa un inchino e va via, per la comune).

SCENA IX

Il direttore e Romeo, poi Pepè.

IL DIRETTORE

(andato via il conte, suona il campanello e si presenta Romeo, al quale dice) Chiamami Moscardino, e fallo venire qua subito.

ROMEO

Voscenza si (va per l'uscio del teatro)

PEPÈ

(rientrando dal medesimo) Comandi, signor Direttore,

IL DIRETTORE

Ha finito?

PEPÈ

Non ancora, Haju a fari l'urtima scena quannu Orazio Cicloide ...

IL DIRETTORE

Coclite.

PEPÈ

Ah, già, quannu Orazio Coppula èsupra 'u ponti e dici: Orazio sol contro Toscana tutta! ... Ddocu arriva la bomba col gas asfissiante, Oraziu si 'ntuppa le nasche (fa il gesto), si jetta nel fiume, a fiscina, e nesci vistutu di pisci-spatu! ...

IL DIRETTORE

Senta, Giufà, cioè, Moscardino, io l'ho fatta chiamare perchédesidero da lei una dichiarazione franca e leale. A proposito, dov'èsua suocera?...

PEPÈ

Ah, 'a lassai 'nta l’osservatorio. S'assittau supra 'na catasta di scudi di lanna, arreri 'na finestra d' 'u teatru, d'unni si vidi 'a scena esterna, e non mi leva chiúl'occhi dìsupra. Parrassi, diretturi.

IL DIRETTORE

So che lei non ècapace di dire bugie ...

PEPÈ

No, sa, non lo faccio apposta, io le vorrei dire, come lei e comu tutti, ma non mi rinesci... Pirchíquannu dicu 'na minzogna, vede, queste pinnolara del naso s'arrizono, e non m'arrinesci. Mi tradisco subito. Iu 'u sacciu, e allura, inveci di fari du' mali figuri, nni fazzu una sula e dicu 'a virità.

IL DIRETTORE

Benissimo. Allora mi dica perchése ne vuole andare.

PEPÈ

Cui iu? .. Cu' ci 'u dissi? ...

IL DIRETTORE

Lo so.

PEPÈ

Ca quali, non èveru! ... Mi parraru, ppi jraminni ... Dici ca a 'n' autra banna mi dunanu quattrumila e cincucentu liri o' misi, ma tu non ca vaiu.

IL DIRETTORE

Chi le ha parlato? ...

PEPÈ

(pianissimo) La Sparapaoli (accostandoglisi, scemo) Sa, signor direttore, èinnamorata di me !...

IL DIRETTORE

Oh, guarda! ...

PEPÈ

Ppuh!… Dici ca èdisposta a fari cosi di pazzi!... Mi fa anche i massaggi!…

IL DIRETTORE

Lo credo. Ma vedràche anche il conte Smiciaciato si innamoreràdi lei; se non oggi, domani.

PEPÈ

No, e chi nni fazzu?... Chissu ci 'u lassu a lei.

IL DIRETTORE

Grazie!... Perciòlei non va in un'altra casa ...

PEPÈ

Affattu!

IL DIRETTORE

Sinceramente?

PEPÈ

Sincirissimamenti. Lei mi guardi le pendolari del naso e vede ca su' lisci comu l'ogghiu.

IL DIRETTORE

E se venisse il conte, a offrirle quattro o cinque mila lire al mese, per andare con lui in un'altra casa?

PEPÈ

Nenti, non ‘nguma!… non ci vaju!…Ma lei, però, m’ ha a ajutari ccu me' mugghieri e specialmenti ccu me' soggira!

IL DIRETTORE

Questo si sa. Non solo, ma per premiarla della sua fedeltàle aumento subito lo stipendio e la porto io, da tremila a quattromila e cinquecento lire al mese.

PEPÈ

Grazii !... Lei si voli disturbari ... Allura, per farle vedere... faccia cinquemila! ...

IL DIRETTORE

... E, vada per cinquemila!

SCENA X

Romeo e detti, poi voce di donna Rachele.

ROMEO

(dall'uscio che dànel teatro) Ah, cca èlei, signor Muscardino?...

IL DIRETTORE

Perché, chi lo desidera?

ROMEO

E chi sacciu, signor dirittori! Scusa: la signura Sautamitria, cioèla soggira del signor Giufà, chi è, 'n 'autru diritturi ginirali? ...

IL DIRETTORE

(sorridendo) Perchédite questo? …

ROMEO

Pirchí mi cumanna ccu 'na 'mponenza! ... Ora sta facennu comu 'na ciocca scuvata, ca voli ppi forza a suo geniru, vivu o mortu!... Mi scusa, signor Muscardinu, ma sua soggira ètroppu, va troppu! ... Mancu si fussi 'mpiegatu so’!...

DONNA RACHELE

(dall'interno, irritata, sempre piùavvicinandosi) Pepè!... Pepè!... Usceri!... Usceri!... Ma unni ju 'dd'autru imbecilli ca ci mannai d 'appressu? ...

ROMEO

Eccu, vidi, lei?…Cca è, signura, cca è…sta vinennu!…Ma lei non tocchi suscettibilità, mi chiamassi col mio nomi e cognomi! ...

PEPÈ

Va, diretturi, mi nni vaju. Semu rimasti a cincumila.

IL DIRETTORE

Si, ma torni subito ... Questo che diciamo si deve mettere in carta, e lei deve firmare i nuovi patti.

PEPÈ

Chi c'èbisognu, diretturi! ... Le ho dato la parola ca non vaju 'nta 'n'autra casa e basta! ...

IL DIRETTORE

Ma il contratto bisogna sempre rinnovarlo ... e firmarlo.

DONNA RACHELE

(c.s.) ‘Nsumma, unn’è‘ssu Giufà?…

PEPÈ

(muovendosi verso l'uscio che dànel teatro) Mi nni facìssi jri, sannunca fa nu catuniu ... 'A sta sintennu? ...

IL DIRETTORE

Appena avràfinito, venga di là, in direzione.

PEPÈ

Subito!... Mi fazzu 'ssa tummata di ciatu, poi un picculu rnassaggiu e sugnu cca... Iemuninni, Romeo (va via).

ROMEO

(seguendolo) Vossia passa (gli fa largo, poi, rivolto al direttore) E' inutili, si non mi fa discriviri quella discrizioni nel beretto, cca finisci a jocu d' 'a scarpazza!... Anche per il dicoro dello Stabilimento! Si dici, usceri particulari, e poi chi particularitàhaiu, ca cu' junci mi cumanna a bacchetta?... (va via).

IL DIRETTORE

(recandosi per la sinistra, nel gabinetto di direzione) Sta bene, Romeo, ho capito (esce).

SCENA XI

Liberino e Mimì.

(dopo brevissima scena vuota, dalla comune rientra Liberino, seguito da Mimì).

LIBERINO

E unni su'? ...

MIMÌ

C'èpaura si nni jeru? ...

LIBERINO

Comu si nni jevanu? ... Si 'a mamàaspetta a mia!... Assèttati, ca cca hannu a vèniri.

MIMÌ

(osservando le fotografie) Guarda chi purcarii!... Quantu fimmini nudi... E me' maritu 'mmenzu a chisti? Ah, me' matri ci curpa!… E iu ca ci dava ascuto! Fallu arriminari, fallu arriminari! ... Ca comu ?… S'ha arriminatu bonu, ‘u babbu birbanti? ...

LIBERINO

Bonu, ora mettiti calma e pensa a fari 'a pirsuna seria, senza smanii e senza svinimenti. Bella, energica e decisa.

MIMÌ

Iu macari mi vergognu di aviri misu 'u pedi cca dintra!... Che bolgia! ...

LIBERINO

Ora ci si' e non nni parramu chiú. Insomma, chi hai decisu?

MIMÌ

Non t' 'u dissi? .. O si nni nesci iddu di cca, o mi nni vaju iu d' 'a casa.

LIBERINO

Benissimu! ... Iddu, iddu si nn'ha 'a nesciri, 'u gaddu bicuccheddu... Ma bada, ca non èca poi t'ha' 'a pentiri e hai a muddari, pirchí si no èmegghiu ca non fai nenti e non dici nenti ! ...

MIMÌ

Cui, iu? ... Si sapissi quantu sugnu decisa!... Si di unu mi scantu, francamenti, chistu si' tu.

LIBERINO

Iu? ... E chi c'entru iu? ..

MIMÌ

'U vidi? ... Si non ci voi entrari,èmegghiu ca non dìcu nenti.

LIBERINO

Ma chi senti diri? ...

MIMÌ

Chi sentu diri? … Niscennusinni Pepè, di ccà, picciuli non nni vusca chiú... E turnannu ccu 'dda piccula rennita ca avi iddu... Ppi mia rri'abbasra, ma pp' 'a mamà, si non ci pensi tu ...

LIBERINO

Ah!…Dici beni! E’‘na cosa gravi chista!…

MIMÌ

Eccu, u vidi? .. Si hai 'sta bona vuluntà, stamu frischi !… Si' sempri 'ddu Liberinu, egoista e vanesiu!... Quannu non guadagnavi, 'a mamàdiceva sempri: Vedrete, vedrete, quannu guadagna Liberinu.... Ora guadagni, e o' primu accennu ca si fa ppi dimannariti qualche sacrifiziu, ti stracanci e 'ncuminci a parrari masticatu!... Oh, chi bellu frati, ca haju... Chi cori granni e ginirusu!…

LIBERINO

Oh, sa chi ti pari chi guadagnu, iu? …Ccu tuttu chistu, quannu sarànecessariu... (udendo il passo del direttore) Cca c'è'u cummendaturi.

SCENA XII

Il Direttore e detti.

IL DIRETTORE

(entrando e vedendo Mimì) La signora Moscardino?

LIBERINO

Sissignore, mia sorella.

IL DIRETTORE

(si inchina) Sono lieto di conoscerla; ma suo fratello e la sua signora madre potevano risparmiarle questa sorpresa e questa corsa, stamattina... Sa, si tratta di sciocchezze ...

MIMÌ

Ah, lei le chiama sciocchezze, èvero? ... lo, invece, le chiamo d'un'altra maniera e non me le tengo, sa!… Non me le tengo! Sono venuta qua per questo.

LIBERINO

(sottovoce) Bravu Mimì, energica! ...

IL DIRETTORE

(sorridendo) Se crede che io possa esserle utile in qualsiasi maniera, non mi dispensi. Ma prima di prendere qualunque risoluzione, ci rifletta, signora. Lei èancora così giovane, una bambina... ed io' ho l'esperienza dei miei capelli grigi.

MIMÌ

Lei èun uomo d'affari e antepone qualunque sentimento agli interessi; io sono donna e antepongo qualunque interesse alle ragioni del cuore. Non andremo d'accordo.

SCENA XIII

Detti, poi Donna Rachele, Pepèe Romeo, voce della Sparapaoli.

(si ode, dietro le quinte, un grido di donna Rachele, poi uno della Sparapaoli, e ne segue il rumore d'un tafferuglio).

ROMEO

(dall'interno) Signora, signora, ma chi fa? Accussí, lei, èun carrabinieri, non èuna signora!

LA SPARAPAOLI

Le dòquerela!... Le dòquerela!... Io non so chi sia lei, ed io sono la Sparapaoli! ...

DONNA RACHELE

Lei è'na strascinata qualunchi!

ROMEO

Signori, prego, non facemu catunii! ...

PEPÈ

Ahi!…Ahi!…E comu, accussí, mentri ca sugnu nudu?

DONNA RACHELE

Passa, sfurcatu, passa!...

MIMÌ

(alzandosi) Chi fu? ..

IL DIRETTORE

(id.) Oh davvero, che accade? … (forte) Romeo!... (preme il bottone del campanello).

ROMEO

Signor Muscardino!... Signore!... Pinsamu al dicoro dello stabilimento!... (forte) Veni, veni, signor direttore!... Avanti, avanti, passunu in dirizioni, tutti!...

DONNA RACHELE

Si, si, eamina, svergognatu! ...

MIMÌ

(andando incontro alla madre, che torna in iscena, trascinandosi Pepèin accappatoio a spugna) Ma chi fu mamà?

DONNA RACHELE

Niscemu, niscemu, figghia mia, jemuninni!... Non ti fermari chiúmancu un minutu in questo locale innominabile! ...

IL DIRETTORE

Ma che avviene, signora? Che le èaccaduto?... Moscardino, parli lei! ...

PEPÈ

(tenendosi la testa) Aspetti un poco, signor diretturi, quanto m'aggiustu l'ossa, ca mi pari ca l'haju sdulicati! ...

DONNA RACHELE

Mi dispiaci ca non l'ammazzai! ...

MIMÌ

Ma pirchí, mamà, chi fici? ..

PEPÈ

Nenti, cc'aveva a fari… Sa chi ci passau pp' 'a testa! ...

DONNA RACHELE

Sfacciatu, nenti, ah? L'ho colto in fregante, ccu dda Sparapaula d' 'a prima donna… Tutti dui s'avevanu chiusu 'nt' 'o cammarinu, sutta l'occhi mei, svergognati! ...

MIMÌ

A 'stu puntu? ...

LIBERINO

Con la Sparapaoli?! ...

DONNA RACHELE

Ca comu!... Ci spalancai 'a porta, ccu 'na spaddata, e 'i truvai 'nserni, iddu d'accussí, quasi nudu e idda che lo fregava, lo fregava! ...

PEPÈ

Ma si mi stava facennu un massaggiu ! ... Parola d' onuri, Mimì!... (Mimìsi scosta come per schifo) Guardimi, guardimi nt' 'o nasu: lisciu comu 'na pena d'ammulari... Signor diretturi, cci 'u dicissi lei. E' veru ca ci 'u dissi, un mumentu fa, ca doppu 'a scena d' 'ajttata nt' 'o ciumi, mi faceva fari un massaggiu? ...

IL DIRETTORE

Ah, questo posso testimoniarlo io ...

DONNA RACHELE

Lei èun bellu cummugghieddu, signor direttore, mi nni cungratulu, assai! Ma cca non tratta ccu imbecilli, sa! (parlano tutti insieme).

MIMÌ

(a Pepè) Bruttu scimiuni stupidu e imbecilli, non ti risicari a parrarimi chiú, sai!

LIBERINO

Almenu ppi rispettu d' 'a mamà, ca era cca, purcidduzzu, ca non si autru …

DONNA RACHELE

Niscemu, di 'stu catoiu! ...

MIMÌ

Catoiu?…Bolgia!…

DONNA RACHELE

Ma cinni desi 'na para, a 'dda svergognata! ...

IL DIRETTORE

(alzando le braccia in aria) Per carità, signori, per carità, correranno i pompieri! ....

MIMÌ

Oh, chi jurnatal... Chi cosi ca succedunu, cca dintra !... E unn 'è, ora, 'ssa svergognata?

IL DIRETTORE

(a Mimì) Si calmi, signora, si calmi, e si accomodi, sono qua per darle tutte le soddisfazioni …

MIMÌ

(risoluta) Qua la soddisfazione èuna sola!

IL DIRETTORE

Mandar via la Sparapaoli... Ebbene, le dòparola di onore che da domani non faràpiùparte del nostro personale artistico

MIMÌ

(c. s.) No, nenti affattu! ... Se la tenga, la sua Sparapaoli. Deve mandar via mio marito ...

IL DIRETTORE

Ma che dice, lei?

PEPÈ

Ma che dice, lei?

MIMÌ

Oh, Giufà!... (lo minaccia) E si non nn' 'u manna lei nn' 'u facemu jri nuautri.

DONNA RACHELE

Ah, si capisci! ...

IL DIRETTORE

Ma loro scherzano!... Lo sanno che poco fa l'ho portato da tremila a cinquemila lire al mese? ..

PEPÈ

Sul mio onore, oh? Anzi sul suo onore; testimoniu iu!…

MIMÌ

Non m'importa nenti.

IL DIRETTORE

(a donna Rachele, che tace e riflette) Signora, parli lei.

DONNA RACHELE

Caro signore... a me mi preme la tranquillitàdi me' figghia, chiúdi qualunchi tesoru! Cinquemila lire, comprendo, ma 'ntantu ...

IL DIRETTORE

E lei non parla, signor Pagliuca? ..

LIBERINO

Che vuole che le dica? ... Anch 'io, tra la salute di mia sorella e l'interesse materiale ...

IL DIRETTORE

Materiale soltanto? … E l'arte? ... Dove la mette, lei, artista, l'arte? .. (a Mimì) E lei, signora, che deve avere un'anima d'artista? ... Giufà, oramai non appartiene piùa se stesso, o a lei, o a me!... Appartiene all'arte mondiale!...

PEPÈ

Alla storia! Orazio Coppula!

IL DIRETTORE

Egli non èpiùpadrone di ritirarsi!… (a Mimì) Cosa crede, signora, che un artista della celebritàdi suo marito, possa dare, da un momento all'altro, un addio all'arte, così, per una gelosia di donna?... Ah no ... Ah no! ... Lei si sbaglia! ...

MIMÌ

(seccata) Ma che arte e arte, mi faccia il piacere!... Qual è, l'arte, chidda ca ci faciti fari l’ova comu fussi 'na gaddina? Chidda ca 'u faciti satari di 'na finestra longu comu un citrolu e arriva 'nterra largu comu 'na lasagna? Chidda ca 'u faciti curriri e assicurari di tutti? … Chista èpurcaria, non èarti!... Pepèdivi lassari 'stu mestieraccio schifoso, vasinnòiu e me' matri, cca, facemu uno scandalo al giorno, ha capito? ...

IL DIRETTORE

(cambiando tattica) E sta bene, signora, non si scalmani tanto... Lo manderemo via.

DONNA RACHELE

Bravu!

MIMÌ

Benissimu !

LIBERINO

E' l'unica soluzione, creda ...

PEPÈ

Sìpirchípoi si teni a tia!…

LIBERINO

Pirchí? ...

IL DIRETTORE

Eh, mio caro, il perchédovrebbe capirlo da sè... Via Caciotta, via la Sparapaoli, via Giufà... io chiudo stabilimento! ...

DONNA RACHELE

Benissimu, chiuda! Così sìleva lo scandalo dal paese!…

LIBERINO

Un mumentu, mamà... Chiuda ... chiuda !... E si chiudi, iu, comu restu? ...

L'USCIERE

Comu ristamu tutti!...

DONNA RACHELE

... Già, chistu èveru... Comu ristamu? ..

MIMÌ

(dopo averli guardati negli occhi, irritata) Eccu ... si capisci... comu ristati, tu e iddu? ... Pirchíiu resterei meno male! ... Ma eccu ca ppi causa vostra, sempre, io devo subire tutte le umiliazioni e tutti gli strazii!…

PEPÈ

Ma chi c'entra, babba, non ci sugnu iu? ..

MIMÌ

Io devo essere la vittima della famiglia! Ero vittima da zitella, mi maritai per emanciparmi e sugnu sempri 'nta 'mpuntu! ... (parlando si atteggia a vittima, con gesti larghi e tragicomici. Pepèsi alza per guardarla, sorpreso, il direttore la segue con vivo interesse) E bravo, signore, lei ha trovato la molla per aprire il cuore dei miei parenti e schierarli dalla parte sua. Ora sono sola contro tutti.

PEPÈ

Comu Orazio Coppula ... Ora ora 'u fici ... Ma tu nt' 'o ciuminon ti ci jetti ..

MIMÌ

Pepèdeve restare qui perchése va via lui, lei licenzia anche mio fratello,

IL DIRETTORE

Signora mia, che me ne farei? ...

MIMÌ

E già!... (a Liberino) Allura ru, ppi non perdiri 'u to' postu m'ha' a custringiri a perdiri a me' maritu! ...

LIBERINO

'U sai ca si' curiusa! ... Com'èca perdu seicentu liri o' misi d'un mumentu all' autru?... E doppu chi fazzu? … Chi facemu, iu e 'sta povira gentildonna vedova di to' matri? ...

DONNA RACHELE

Giustu, dici, figghia mia! ... Bisogna riflittilli tutti, 'i cosi ! ... Chi facemu, nuautri? … (rivolta verso Pepè, minacciosa) Ah, boja! ...

MIMÌ

(c. s.) Ecco, vede, signore? ... Ha udito? ... Fino a quando ero io, che perdevo cinquemila lire al mese, andava bene tutto, ma quando invece sono loro che ne perdono seicento, casca il mondo!... Che ne pensa? … Che ne dice? ...

IL DIRETTORE

(con volto illuminato, raggiante) Dico, cara signora, che lei èstraordinaria!... Oh, che rivelazione!... Ch e gesto!... Ch e maschera!…

MIMÌ

Ma chi dici? ...

IL DIRETTORE

Dico che ho trovato il mezzo di salvare ogni cosa, (tutti lo guardano meravigliati) Suo marito èun libertino, èvero! ...

DONNA RACHELE

Un mandrillo! ...

IL DIRETTORE

Un mandrillo!...

MIMÌ

Un porco! ...

IL DIRETTORE

Un porco!

PEPÈ

Diretturi, e chi fu? ...

IL DIRETTORE

Stia zitto! ... (alle donne) Perònon puòe non deve lasciare l'arte, perchésarebbe un suicidio e una sventura per la famiglia. Suo marito, dunque, deve restare qua ... Ma deve essere sorvegliato... E sa da chi? ...

LIBERINO

Da me.

PEPÈ

Zittiti, sceccu! ...

MIMÌ

Già, comu l'ha sorvegliatu finu ad oggi!

IL DIRETTORE

Niente affatto, signora: da lei!… Da lei che deve stare sempre qui... E con quale veste? ... Con quella di prima donna assoluta; perchémi ha palesato delle attitudini superbe... Lei, tra un paio d'anni, daràle pacche a tutte le Dive del teatro di posa!

PEPÈ

Ma chi, commentaturi, lei scherza?…

IL DIRETTORE

Tanto vero che non scherzo ch'io offro subito alla sua signora una scrittura con mille e cinquecento lire al mese, Non abbiamo che d'andar di là, redigere il contratto e firmarlo! ...

PEPÈ

E chi nni sta dannu, 'i nummira, diretturi?... (guarda Mimì, che resta perplessa, e anche Rachele e Liberino la guardano, da trasognati).

DONNA RACHELE

(dopo breve silenzio) Figghia mia... lassamu stari 'i milli e cincucentu liri, ca non su' di jttarisi...ma il vantaggio di stari sempri accantu a to' maritu e non farlu gaddiari, c'è! ...

LIBERINO

Chiddu di non farimi licinziari a mia, c'èmacari ...

MIMÌ

E iu, propriu iu, mamà, divu entrari in cinematografia? ...

Doppu c'avemu capitu chi purcaria è? Doppu ca l'avemu chiamatu bolgia? ...

DONNA RACHELE

Bonu, autru sunnu 'i paroli ca si diciunu nt' 'a còlira, autru è la rialtà... Dopu tuttu èun'arte...

LIBERINO

E che arte!... Arte muta!…

PEPÈ

Ca quali muta, c'aviti fattu un catuniu! ...

DQNNA RACHELE

Ci su' conti, baroni, commendaturi... fiore di nobiltà...

LIBERINO

E soddisfazioni da re! ...

PEPÈ

Si, comu chiddi c' ha' avutu tu!...

IL DIRETIORE

Dunque èdeciso? ... Facciamo la serittura? ...

MIMÌ

(guarda la madre, come ad interrogarla).

DONNA RACHELE

Ma si, figghia!

MIMÌ

E tu, poi, comu resti?…Sula sula, in casa, d0’a matina ‘a sira!

DONNA RACHELE

(enfatica, dopo breve riflessione) Senta, signor direttore: dal momento che lei ècosì provvidenziale, che con quest'arte nobile e sublime della cinematografia sa scoprire tanti genii nascosti o incompresi, perchénon completa l'opera e scrittura anche me? … Leveràun'anima buona dalla solitudine! ...

IL DIRETTORE

Beh... vedremo di contentare anche lei!… (preme il bottone del campanello).

SCENA XIV

Romeo e detti.

ROMEO

(sulla soglia) Comandi?

IL DIRETTORE

C'èPinetti?

ROMEO

Sissignori, dda banna è.

IL DIRETTORE

Digli che si prepari a fare un bel provino alla signora (accenna a donna Rachele).

ROMEO

Fatto.

IL DIRETTORE

Che, il provino?

ROMEO

Sissignori.

IL DIRETTORE

Ma che dici? … Dove, come, quando? ...

ROMEO

Anturazza, signor dirittori, quannu ci fu quel sobbuglio, che la signora chiantau corpa, il signor Pinerti si truvava con la machina a tiru, e nni girau 'na vintina di metri ca vinni una scena comica distinta daveru, vah! ...

DONNA RACHELE

Chi fu?... Comu? A mia, mi pigghiau?

ROMEO

A lei sula?... A tutti. Ci sugnu macari iu, ma leivinnispruìbita, val...

IL DIRETTORE

Ma dove l'hai vista? ...

ROMEO

In prìizioni...

IL DIRETTORE

Impossibile, non c'era il tempo di stampare ...

ROMEO

Non signori, il signor Pinetti ha passatu il negativu!... Si lei lo vidi, signor diritturi, arresta ammaluccutu!... Si la signora fora artista non ci nni fussi una uguali.

DONNA RACHELE

(sorride e si segna, tutti la guardano meravigliati).

IL DIRETTORE

Signora mia, se ècosì la scritturo con doppio piacere ...

MIMÌ

Mamà, e tu farai l'artista?

DONNA RACHELE

Figlia mia, che cosa non sa fare una madre, per amore delle sue creature?... (al direttore) E di stipendio; quantu miduna, lei?...

IL DIRETTORE

Su ciòci accorderemo. Contenti tutti vi voglio! Vedrete come si staràbene qui... E Lei, Moscardino, non parla?

PEPÈ

Ca comu non parru!… lu sugnu Giufà, èveru? E lei èomu spertu (alla suocera) Lei èfimmina scaltra e iu sugnu Giufà(alla moglie) Tu si' intelligenti e iu sugnu Giufà... (guarda Liberino)

LIBERINO

Prosegui e conchiudi. iu sugnu intelligenti e tu si' Giufà....

PEPÈ

No, sbagghìasti: iu sugnu Giufàe tu si' Peppi Nnappa!... (a tutti) Ora Giufàvi fa arristari ccu a vucca aperta (al direttore) Diretturi, iu mi nni vaju di cca.

IL DIRETTORE

(meravigliato) Se ne va? … Come, ora che s'èaccomodata ogni cosa? ..

PEPÈ

E pirchissu, mi nni vaiu!

IL DIRETTORE

E il contratto? ...

PEPÈ

Pago la penale.

IL DIRETTORE

E la parola datami?…

PEPÈ

Chi ci dissi iu, scusi? ... Ca non jeva 'nta 'n 'autra 'casa... E iu …non ci vaiu ....

IL DIRETTORE

E dove va, allora?

PEPÈ

‘A me’ casa … Fazzu casa ppi cuntu miu ....

IL DIRETTORE Dice sul serio?

PEPÈ

Si capisci!... Caru lei, ora mi scannaliastuu a testa e canusciu 'a chiazza e' morti! . ... 'U conti mi voli ccu iddu, 'a Sparapaoli mi voli ccu idda, e mi fa milafii, lei m'aumenta migghiara di liri senza dimannariccilli, si pigghia a me' cugnatu ca èbestia, a me' muggheri, a me' soggira ... e stagghia, stagghia pirchí? pirchía pezza èlonga. Ma siccomu haiu vistu ca 'a pezza sugnu iu, m'ammogghiu e tagghìu ppi me stissu. A me' mugghieri, a me' soggira, e macari a 'stu bestia di me' cugnatu... e macari a lei, si voli, vi scritturu iu... E fondo la Moscardino film.

ROMEO A mia mi voli signor Muscardino? …

PEPÈ

Macari! ... E ti f azzu  un berretto e cu 'n a scrizioni di menza canna, comu vo ' tu,

IL DIRETTORE

(dopo averlo guardato per un bel po’ con intenzione) Ah... e lei era lo scemo !... Lei era il Giufà? …

PEPÈ

E Giufàaccussíè, ca pari babbu e poi èspertu... Du nca, 'a Suciitàèfatta: Non mancunu autru ca 'i capitali; ma ccu 'sta marca si trovanu subitu, basta ca ci vannìu ...

MIMÌ

Sugnu morta! …E tu si’me’maritu?…Non ti riconosci chiú!…Guarda che malizia!…

DONNA RACHELE

Non t' 'u diceva, iu, fallu arriminari! ...

IL DIRETTORE

E se ècosì, Moscardino, 'le spiace che i capitali li metta io? …

Vuole diventare mio socio d'industria? ... Le garentisco, entro un paio d'anni, mezzo milione d 'utili.

DONNA RACHELE

Sugnu morta! ...

PEPÈ

(piano) Macari Diu! … (al direttore) Ecco, ora lei parra assinnatu! Qua c'èla mano. Oggi ènata la Moscardino Film.

TUTTI

E viva la Moscardino Film!

SIPARIO

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 103 volte nell' arco di un'anno