Le donne? Ah, le donne!!!

Stampa questo copione

LOGO COMPAGNIA

8


Versione napoletana della commedia comica in tre atti:

“LE DONNE… AH! LE DONNE”(2013)

di

PASQUALE CALVINO

(Posizione SIAE n. 180531-La commedia alla SIAE va denunciata anche con il titolo italiano. Il copione si può avere anche con numero diverso di personaggi, battute…scrivendo a: calvinopasquale@gmail.com  cell. 347-6622400)

Versione in napoletano con 5 uomini- 6/8 donne di

PAOLO DI PERNA


PERSONAGGI E INTERPRETI

(In ordine di entrata)

CARLOTTA GIANNETTI, sorella di Odette                           _____________________

FEDERICA, cameriera tuttofare                                 _____________________

ODETTE GIANNETTI                                                 _____________________

ANGELA GIANNETTI, altra sorella (intellettuale          )        _____________________

GAETANO DE CAROLI, amico di famiglia                     _____________________

EDOARDO RISPOLI, fidanzato di Odette                     _____________________

GIORGIO BELLI, giornalista                                         _____________________

ELEONORA MONTIMAR, contessa                               _____________________

CARLO CARLETTI, musicista                                        _____________________

JUAN SANCHEZ, corteggiatore di Odette                            _____________________

CRISTINA, cameriera di casa Montimar                        _____________________

VIRGINIA, figlia di Eleonora Montimar                          _____________________

GIANNINA, cameriera di Edoardo                                 _____________________


ATTO PRIMO

Salotto in casa di Odette Giannetti.

Entrata comune da destra, grande passaggio verso la sala da pranzo al centro o verso sinistra, uscita sinistra verso gli altri locali della casa.

A destra: camino un divano e una o due poltrone; a sinistra: tavolino con due o tre sedie; in scena altre sedie accostate alle pareti, suppellettili varie, tendaggi, quadri.

Luogo ed epoca: Napoli, qualsiasi periodo agli inizi degli anni ‘80.

All’aprirsi del sipario, Carlotta è già in scena che sbuffa con aria seccata, appoggiata al camino. Entra da sinistra Federica cameriera tuttofare: controlla il suo orologio con l’orologio sopra il camino, guarda Carlotta con aria perplessa e allarga le braccia.

SCENA PRIMA

(CARLOTTA e FEDERICA)

Carlotta      (Staccandosi dal camino e andando a sedersi in poltrona) Allora Federica, se magna o no? Si nun ghiamme a tavola ampressa ampressa io sbatto ‘nterra!

Federica        (Controllando l’orologio, guarda Carlotta con aria perplessa e allarga le braccia) Ma signurì, io non posso servire fino a che ‘a signurina Odette nun è turnata!

Carlotta      Federì, chesta è ‘overamente ‘na bella rittura ‘e scatole! ‘A quanno chillu spiantato d’‘o conte Edoardo l’ha lassata torna sempe tardi d’‘e pprove. Io mò dico: visto ca t’ ha mullato, almeno putessemo pranzà a ‘n’ora decente, no?

Federica        Chissà! Forse ‘a signurina ha truvato già ‘o successore d’‘o signor Rispoli.

Carlotta      Chi, sorema? Noo, non ‘o facesse maje! È ‘na cantante, sì, ma tene ‘na morale: as-petterebbe per lo meno ‘na quindicina ‘e juorne… E po’, comunque, io me n’avesse avuta addunà, no?… Almeno credo.

Federica        (Dubbiosa) Sì?

Carlotta      Insomma, capisco ca l’ammore po’ ffà perdere ‘o senso d’‘o tiempo, ma quanno è ora ‘e pranzo è ora ‘e pranzo, è accussì o no, Federica?

Federica        (Sempre dubbiosa) Mah, si ‘o ddicite vuje…

Carlotta      E chell’ata sora mia, l’intellettuale, che sta facenno? Essa nunn’‘e ssente ‘e muorze d’‘a famma?... Starrà liggenno, comme ‘o ssoleto.

Federica        Sissignora, stammatina, a primma matina, m’ha chiammata e m’ha ditto: (Imitando una persona che ha un’aria di superiorità) “Federica, non disturbarmi per nessun motivo perché stamani devo ripetere a memoria alcune pagine di Catullo e Orazio, in latino. Chiamami solo quando è pronto in tavola… oppure se c’è gente salto il pranzo, non mi concentro bene… vuol dire che cenerò solo stasera.”

Carlotta      E te pareva! Je vulesse sapè sorema Angela comme fa a ccampà penzanno sulamente ‘e libbre suoje… Chella nun campa, vegeta!

SCENA SECONDA

(ANGELA e dette)

Angela          (Fa capolino, ironica) Chi è che parla male di me? Chi sparla? (Entra)

Federica        Io no, signurì, io v’aggio ammirata sempe!

Carlotta      Je nun parlo malamente ‘e te sora mia, sulamente ca m’addimanno comme faje a ccampà penzanno sulamente ‘e libbre… (Angela fa a Federica segno di rispondere)

Federica        ‘A signurina Angela m’ha ditto ca se po’ ccampà ‘e quatte manere: vivendo ‘a vita in primma perzona oppure scrivenno ‘a vita, oppure recintanno dint’a ‘nu triatro oppure liggenno ‘a vita ‘e ati pperzone dint’‘e rumanze, dint’‘e racconte…

Angela          Brava Federica, ma cerca di parlare un po’ di più in italiano, perché lo sai fare…

Federica        Va bene signorina.

Angela          Poi stasera imparerai a memoria qualche passo in latino, ad esempio, visto che è ora di pranzo: “Cenabis bene apud me mihi Fabulle”.

Federica        Ma io il latino nun l’aggio studiato

Angela          Non importa, lo imparerai. Alfieri studiò il greco facendosi legare a una sedia… “Volli, sempre volli, fortissimamente volli…“

Federica        Ma se mi attacco ad una seggia poi come faccio a fare i servizzi?

Carlotta      Federì, ma nunn’‘a dà audienza… “Bolli, sempre bolli…” ma ccà nun volle ‘o riesto ‘e niente. Hê miso l’acqua p’‘a pasta ‘ncoppa ‘o ffuoco?

Federica        Signur’, so’ ddoje ore ca stonghe aggiungenno acqua pecché evapora.

Carlotta      Saje che faccio? Mò piglio ‘nu poco d’acqua e me butto ‘a pasta sulo pe’ mme, o si no ‘overamente sbatto ‘nterra p’‘a famma.

Angela          Sei abituata male, si vede che non hai studiato la filosofia stoica. Saresti stata capace di stare con un bel piatto di lasagne, guardarle e non mangiarle?

Carlotta      No, nun songhe abbituata a ffà fesserie.

Angela          Beh, io ritorno nella mia stanza a studiare, salto il pranzo… sono stoica! (Esce)

Carlotta      Vai, vai, st…oica! A me me piace ‘e magnà, campà, amare in prima persona. Mò me vaco a cucen… (Sta per alzarsi ma entra Odette)

SCENA TERZA

(ODETTE e dette)

Odette           (Entrando da destra a passo deciso) Ciao Carlotta, buongiorno Federica!

Carlotta      (Alzandosi di scatto dalla poltrona) Ah, ‘assa fà Ddio! Finalmente jammo a magnà! Fà ampressa, Federì! (Si avvia verso sinistra seguita da Federica)

Odette           Aspè! Damme primma ‘n’aspirina. E tu, Federì, pigliame ‘nu bicchiere d’acqua pe’ piacere.

Federica        Subito signurì. (Esce a sinistra)

Carlotta      (Avvicinandosi a un mobile, prende una compressa) ‘N’aspirina? Ma che d’è, nun te siente bbona? Nun vuò magnà?

Odette           No no, je sto benissimo! Nun è pe’ mme, ma pe’ isso. Tene male ‘e capa.

Carlotta      Isso? Isso chi?

Odette           Ma comme isso chi, Edoardo, no?

Carlotta      Edoardo? Ma allora è turnato?

Odette           (Spazientita) Sissignore!

Carlotta      (A Federica che rientra da sinistra con un bicchiere d’acqua su un vassoio) Hê ‘ntiso Federì? Il signor… ‘o conte Rispoli è turnato.

Federica        Ah, me fa piacere. (A Odette) ‘A signurina sarrà cuntenta, immagino.

Odette           (Raggiante) Dice bbuono, Federì. Nun sapite l’emozione ch’aggio avuta quanno l’ag-gio visto ‘e trasì dint’‘o teatro stammatina! Povero ammore mio! E io ca penzavo… E invece sapite ch’hêva avuto?

Federica + Carlotta         No.

Odette           ‘Na sinusite! Steva chiuso dint’‘a casa ‘a diece juorne cu’ ‘na terribile sinusite!

Carlotta      (Ironica) Uh! Ma è proprio ‘na cosa tremenda, non è vero Federica? (Consegna la compressa a Federica)

Federica        (Con finta gravità) Certamente, signorina: tremenda è proprio la parola giusta.

Odette           (Preoccupata) Uh, nun me ne parlà. Chillo puteva murì, puveriello. È accussì bello… L’hê notato pure tu, è ‘overo, Federica?

Federica        (Distrattamente, mentre sistema bicchiere e compressa sul vassoio) Che cosa, signurì?

Odette           Quant’è bello Edoardo! Alta nobiltà.

Federica        (Ironica e lentamente, senza convinzione) Comme no, signurì!.

Odette           L’adoro, ‘o ssaje?

Federica        (C.s.) ‘O ssaccio, ‘o ssaccio, signurì… ‘e che cosa fet… ‘e che cosa addora?

SCENA QUARTA

(EDOARDO, da fuori, e dette, poi GAETANO)

Edoardo        (Voce fuori scena, lamentoso) Odette!

Odette           (Agitandosi) È isso, è isso ca me chiamma! Carlotta, ‘a ricunusce ‘a voce?

Carlotta      (Spazientita) E comme no?! Vulimmo vuttà ‘e mmane?

Odette           (Sempre agitata) Eccomi, tesoro! (A Federica) Damme ‘o vassoio, ‘o port’io. (Prende il vassoio ed esce a destra: suono di campanello)

Federica        (Avviandosi verso destra) Vaco a arapì. (Esce)

Carlotta      (Sbuffando) Uffà! Oggi hanno deciso ca aggio ‘a murì ‘e famma!

Federica        (Entrando da destra seguita da Gaetano De Caroli) È arrivato ‘o signor Gaetano De Caroli. (A Gaetano) ‘O signore resta a pranzo?

Gaetano        Sì Federica, certamente.

Federica        (A parte, ironica) Chisto nun fa maje passo!.

Gaetano        Buongiorno Carlotta, come state.

Carlotta      (Seccata) Buongiorno. Sto male… tengo famma!

Gaetano        Pecché nun site ‘nnammurata… ‘Nnammurateve e vedite ca nun penzate cchiù ‘o magnà ma penzate all’ammore.

Carlotta      E diciteme ‘na cosa, ‘e chi m’avesse ‘nnammurà?

Gaetano        (Ironico) ‘E me, è normale, ‘e chi ve vulisseve ‘nnammurà?

Carlotta      (Sorridente) ‘E vuje? E ssapite cucenà bbuono?

Gaetano        Benissimo! Cucenà è ‘a passione mia.

Carlotta      (Divertita) E che ssapite cucenà, faciteme sentì?

Gaetano        Lasagne, cannelloni, pasta chiena, cutulette, sasicce… sapite, me piace assaje ‘o maiale… songo ‘nu purcelluzzo… ma saccio cucenà pure spaghette cu’ ‘e vvongole, ‘e bucatini cu’ ‘a ‘matriciana, ‘a carbonara, ‘a genuvese e addirittura ‘o sartù ‘e riso, ca nunn’è ffacile!

Carlotta      (Scherzando) Aah, e allora si ‘e ccose stanno accussì… ve dongo ‘o permesso ‘e me corteggià. Faciteme ‘a corte, po’ vedimme.

Gaetano        ‘O ffaccio cu’ tanto piacere.

Federica        (A Gaetano) ‘O signore nun sape ancora ‘a nutizia? È turnato!

Gaetano        Turnato? Chi?

Carlotta      (Sempre in tono seccato) ‘O signor… il conte Edoardo Rispoli. E chi sennò?

Gaetano        No!

Federica        Sì. Stammatina, per la precisione.

Gaetano        (Ridacchiando) Robba ‘a nun credere!

Federica        È ‘overo? Vaco a mettere ‘n’atu cuperto ‘ncoppa ‘a tavula, si permettite.

Gaetano        Vaje, vaje pure Federì. (Federica esce a sinistra. Gaetano a Carlotta) E accussì, è turnato!

Carlotta      (Meno seccata) Proprio accussì, mò sta dinto cu’ essa.

Gaetano        Ma chesta è proprio pazza. Edoardo è simpatico, è ‘overo, ma è ‘nu spiantato, ‘nu nobbele decaduto, uno ca nun tene né arte né parte. Nun è ‘na bella cosa quanno è isso ca nun tene denare!

Carlotta      Proprio accussì! Se vede ca quanno si ama un uomo al verde, funziona meglio.

Gaetano        Sarrà accussì. (Con aria circospetta) Ma… diciteme ‘na cosa… chillu spagnuolo ca veneva ccà ‘a semmana passata?

Carlotta      Chi, Sanchez? Chillu ricco imprenditore? Ah, no, nun ce sta niente ‘a fà: a chillo s’‘o tene comme rota ‘e scorta.

Federica        (Entrando da sinistra) Proprio accussì signurì, si me pozzo permettere ‘e dicere comme ‘a penzo… è ‘nu peccato a ttenè ‘n’ommo accussì ricco comme rota ‘e scorta.

Gaetano        Ah, sì? Io nun capisco: tene ‘a ciorta ‘e cunoscere ‘n’ommo ricco sfondato ca lle more appresso… E ‘o tene comme rota ‘e scorta?!

Federica        Certo nunn’è bello, nunn’è nemmanco ‘nu giuvinotto, ma è ricco assaje… Ah, si m’avesse fatta ‘a corte a mme… che ‘nce avesse dato… tanta vase… tutto ‘nce avesse dato!

Carlotta      E pure assaje gentile. Quanno ha scuperto ca songo ‘a sora ‘e Odette, a fforza m’ha vuluto abbuffà ‘e dolcette!

Gaetano        Visto? Insomma, pareva ca cu’ ‘o conte Edoardo era fernuto tutte cose, ha addirittura invitato a Sanchez a lla venì a truvà ogge pomeriggio… po’ chillu spiantato torna e mò stammo punto e a capo. Mah!

Carlotta + Federica         (Sconsolate, mentre Federica si allontana) Già!

Gaetano        (A Carlotta che non riuscirà a rispondere per l’arrivo di Odette) Allora, quanno ce putimme vedè pe’… cucenà a quatt’uocchie?

SCENA QUINTA

(ODETTE e detti, poi EDOARDO)

Odette           (Entrando da destra, sorridente) Buongiorno Gaetano. Hê saputo ‘a nuvità?

Gaetano        Sì, m’‘a steveno dicendo mò mmò. È turnato Edoardo.

Odette           (Raggiante) È turnato, è turnato, sta ccà. ‘Ojccanne! (Si volta verso destra, mentre tutti si dispongono in modo da fare ala all’ingresso di Edoardo Rispoli)

Edoardo        (Entrando da destra, sorridente e mesto allo stesso tempo, si porta al centro) Signori…

Carlotta + Federica + Gaetano(Accavallandosi) Bentornato! Sò cuntento ‘e ve rivedè! Signor conte! Comme state? Finalmente ce vedimmo ‘n’ata vota!

Edoardo        (Sempre sorridente e mesto) Sì, sì, so’ turnato. (A parte, in tono serio) Accummenciamme bbuono! Io ero venuto pe’ mannà tutte cose all’aria e ccà trovo ‘o cumitato ‘e benvenuto! (Va a sedersi al tavolino a sinistra e prende distrattamente un giornale)

Federica        Si ‘a signorina permette, vaco a cuntrullà si ‘a llà è tutto pronto.

Odette           (Andando a sedersi in poltrona, seguita da Gaetano) Sì, vaje Federì (Federica esce a sinistra. Odette inizia a parlare con Gaetano)

Carlotta      (Sbuffando) Ah, vuò vedè ca finalmente magnammo? (Esce a sinistra)

Gaetano        Carlotta, ve pozzo parlà ‘nu mumento?

Carlotta      (Sorridente) ‘E che cosa? (Gaetano la distacca dagli altri e le parla, non sentito da Odette e da Edoardo. Carlotta sorride spesso come se Gaetano le stesse facendo la corte)

Edoardo        (Sobbalzando, a parte) Oh cacchio, ce sta l’annuncio d’‘o matrimonio mio ‘ncoppa ‘o Matino! (Piega rapidamente il giornale e lo nasconde dentro la giacca)

Odette           Edoardo, ma ch’è succieso?

Edoardo        Niente, niente. È… è ‘nu poco ‘e sinusite.

Odette           Nunn’è ca t’ammale ‘n’ata vota, eh?

Edoardo        (Fingendo sicurezza) Chi, io? Ma si nun m’aggio maje… ma no, che staje dicenno?! (A parte) Ha da essere stata ‘a mamma ‘e Virginia a ffà mettere ‘a nutizia ‘ncoppa ‘o Matino senza ‘e me dicere niente.

Gaetano        (A Odette) Ah, a proposito ‘e giurnale. Hê visto l’articolo ca parla ‘e te ca ha scritto Belli oggi ‘ncoppa ‘o Matino?

Odette           No.

Gaetano        ‘O ssapevo, aggio fatto bene a t’‘o purtà, aspetta. (Estrae una copia del giornale da una tasca)

Odette           Ah, benissimo. Oltretutto l’aggio invitato a pranzo, ‘n’atu ppoco vene ccà.

Gaetano        Hê invitato a Giorgio Belli? Sarrà pure ‘nu bravo giornalista, ma è accussì palluso…

Odette           E tiene sempe ‘a dicere! Invece è proprio ‘na perzona gentile.

Gaetano        (Che nel frattempo ha sfogliato il giornale e ha tovato l’articolo che cercava) Liegge, guarda ccà.

Edoardo        (Che ha seguito la scena con preoccupazione, alzandosi di scatto strappa il giornale dalle mani di Gaetano, lo piega e se lo mette dentro la giacca) Che cosa? No, no, mò no!

Gaetano        (Stupito) Ma… ma ch’è stato?

Edoardo        (Alzando la voce in tono di rimprovero) Insomma, mò jamme a magnà, Nunn’è chisto ‘o mumento ‘e leggere ‘o giurnale!

Federica        (Entrando da sinistra) Signurì, il pranzo è pronto.

Edoardo        Ecco, che ve stevo dicenno? (S’incammina verso sinistra)

Odette           Aspettammo a Giorgio, è sempe accussì puntuale…

Gaetano        Appunto, te l’aggio ditto, è sempe accussì palluso…

Odette           E smettila! Sei ingiusto con lui, in fondo isso tene… (Squillo di campanello) Ecco, ha da essere isso. Federica…

Federica        (Avviandosi verso destra) Vaco subbeto signurì. (Esce)

Edoardo        Ma sì, ma sì, jammuncenne ‘a llà, pe’ ttramente facimmo quatte chiecchiere… (A parte) Accussì fernimmo ampressa e pozzo affruntà ‘o fatto d’‘a rottura cu’ Odette. (Esce a sinistra)

SCENA SESTA

(FEDERICA, GIORGIO e detti, poi EDOARDO)

Federica        (Entrando da destra seguita da Giorgio Belli) Signurì, il signor Giorgio Belli. (Esce a sinistra)

Giorgio          (Bacia le mani a Odette) Ah, cara signorina, che piacere vedervi! (Saluta Gaetano che ricambia con un sorrisetto ironico)

Odette           Caro Giorgio, proprio mò stevemo parlanno ‘e vuje.

Giorgio          Ah, che bellu penziero! V’è piaciuto l’articolo su di voi ca aggio scritto ‘ncoppa ‘o Matino ‘e ogge?

Odette           Gaetano m’ha ditto ‘na meza cosa. Ma purtroppo nun aggio avuto manco ‘o tiempo d’‘o leggere!

Giorgio          (Estraendo un giornale dalla tasca) Ll’hêvo penzato. Menu male ca m’aggio arricurdato ‘e ve ne purtà ‘na copia.

Odette           (Avvicinandosi a Giorgio) Oh, che bravo! Vediamo, so’ curiosa assaje.

Giorgio          (Sfogliando il giornale) Ecco… Ha dda stà ccà… Mannaggia, nun ‘o trovo…

Edoardo        (Rientrando da sinistra) Allora, venite o no? ‘A llà sta tutte cose pronto. (Vedendo il giornale) ‘N’atu giurnale? (Si precipita verso Giorgio e gli strappa il giornale di mano, piegandolo e mettendoselo sotto la giacca) Date a mme! Lassate stà ‘o giurnale!

Odette           ‘N’ata vota?

Giorgio          (Stupito) Ma che sta succedenno?

Edoardo        Nunn’è ‘o mumento ‘e leggere ‘o giurnale. È ora ‘e pranzo, capite? (Scandendo) È o-r-a-‘e-p-r-a-n-z-o! Se magna!

Odette           Ma insomma, Edoardo! Ce sta ‘n’articolo ca parla ‘e me!

Edoardo        Doppo, Odè, ‘o leggimmo doppo. Mò nun putimmo fà aspettà a Carlotta ca tene ‘na famma esaggerata, nun te pare? (A parte) Ma quanta copie ne stampano?

Giorgio          (Irritato, a Edoardo) Ma insomma, signore!

Edoardo        (Irritato) Sì?

Odette           (Frapponendosi tra Giorgio e Edoardo e rivolgendosi a Giorgio) No no, nun ce facite caso, vi prego… Giorgio, permettetemi ‘e ve prisentà il signor conte Edoardo Rispoli, mio… mio carissimo amico. (Evidenzia la parola “carissimo”)

Giorgio          (Sconcertato) Vostro… carissimo…? Oh, sì, certo, certo, aggio capito… (A Edoardo) Signor conte, felicissimo ‘e ve cunoscere.

Edoardo        (Seccato) Pur’io. (Si stringono la mano mentre Odette si avvicina a Gaetano e comincia a parlare con lui)

Giorgio          (Imbarazzato) Ehm, sapete… pur’io songo ‘n’estimatore, platonico naturalmente, d’‘e ggrazie d’‘a signurina Odette.

Edoardo        Platonico? Bravo!

Giorgio          Pensate ca songo stato io, in un certo senso, a lla scuprì.

Edoardo        A lla scuprì?

Giorgio          Ma sì! All’epoca cantava… cantava… (A Odette) Addò cantaveve, Odette?

Federica        (Entrando prima che Odette potesse rispondere) ‘O primmo piatto sta già a tavola, signurì, se raffredda.

Odette           Oh, benissimo. Jamme, forza! (Si avvia, chiacchierando insieme agli altri, verso sinistra. Suona il campanello) Federì, arape ‘a porta mentre nuje ce mettimmo a tavula. (Federica esce a destra mentre tutti gli altri vanno via a sinistra)


SCENA SETTIMA

(FEDERICA e la signora ELEONORA MONTIMAR, poi CARLO CARLETTI)

Federica        (Entrando seguita dalla signora Montimar) Mi spiace signò, ma mò la signorina sta pranzando… e tiene gente a tavula.

Eleonora      (Contrariata) Ma l’aggio ‘a vedè! È p’‘o ricevimento ‘e stasera, capite?

Federica        Certamente signora, posso provare a chiedere. Vaco a ssentì. (Si avvia verso sinistra; suona il campanello) Scusate, devo andare ad aprire. (Esce a destra)

Eleonora      Prego. (Va a sedersi al tavolino, estrae dalla borsa una copia del giornale e comincia a leggerlo con aria soddisfatta) Ecco qua: “È annunciato il matrimonio della signorina Virginia Montimar…” (Con orgoglio) Mia figlia… “con il conte Edoardo Rispoli”. Bene… Bene…

Carlo             (Entrando da destra insieme a Federica; ha in mano un ombrello che depone in un angolo; ha una balbuzie a discrezione del regista) Insomma, vedite si me po’ ricevere adesso!

Federica        Già v’aggio ditto ca sta pranzando… e ca tene gente a tavula.

Carlo             Sì, si ma… ma è pe’ ll’arrangiamenti d’‘e ccanzone ca le dette ajere. Dicitincello, pe’ piacere!

Federica        (Esasperata) Sissignore, sissignore, mò ce ‘o ddico!

Carlo             Carletti… Carletti! Me chiammo Carlo Carletti, v’arricurdate? Site bellella, ‘o ssapite? E ssapite cucenà?

Federica        Certo che ssaccio cucenà… ccà faccio tutte cose, pure ‘a coca.

Carlo             Avimme addeventà amice… ‘Nce avimme ‘a cunoscere… Quacche vvota venite a casa mia, je ve dongo ‘na mano… magno sempe scatulette…

Federica        Vabbuò, vò dicere ca faccio ‘nu fioretto.e ‘o ddico!

Carlo             Me piacene assaje ‘e ppatane, fritte, ma specialmente ‘e panzarotte!

Federica        ‘E ppatane sò bbone ‘e tutte manere, ma specialmente cu’ ‘e ssasicce ‘e maiale… po’ ne parlamme, mò aggio ‘a jì ‘a via ‘e dinto.

Carlo             Dicitincello ‘a signurina ca ce sta Carlo Carletti, ‘o musicista, pe’ ll’arrangiamente, v’‘o rricurdate?

Federica        Sissignore, m’‘o rricordo, m’‘o rricordo, state a penziero cujeto, nun songo scema. Aspettateme ccà. (A parte) Che tipo curiuso… me fa ridere! (Esce a sinistra)

Carlo             Benissimo. (Accenna un saluto alla signora Montimar, che ricambia con un cenno del capo e si rimette a leggere il giornale; si siede vicino al tavolo e si guarda intorno; momento di silenzio; nota il giornale; inizia a parlare in tono cantilenante, come se la seguente frase fosse composta da una sola parola) State liggenno ‘o Matino, signora bella?

Eleonora      (Alzando la testa dal giornale) Comme?

Carlo             (Sempre cantilenando) Dicevo… State leggendo il Mattino signora bella?

Eleonora      (Perplessa) Sì…

Carlo             Giornale fatto bene, non trovate?

Eleonora      (Sempre perplessa) Sì, ma…

Carlo             Fatto bene ‘overamente. ‘Ncoppa ‘a quarta pagina, po’, ci sta ‘na nutizia assaje interessante… nun saccio si l’avite letta.

Eleonora      Nunn’‘o ssaccio… nun me pare… ‘e che se tratta?

Carlo             Nun l’avite letta? Permettete… (Sottrae il giornale alla signora Montimar, che lo osserva sbalordita, e lo sfoglia) Ecco qua: “L’editore Galloni ha pubblicato una serie di nuovi spartiti di canzoni. Tra i titoli segnaliamo…” (Mormora velocemente un elenco incomprensibile) Ecco… “Parapa, parapa che pizzicò… di Carlo Carletti”, ca songh’io. (Riconsegna il giornale alla signora Montimar) Prego, si vulite vedè vuje stessa…

Eleonora      (Inorridita) Cosa?... “Para… pa”…?

Carlo             “Parapa, parapa che…” veramente! Vedete, è la storia di uno che ogni volta ca vede ‘na guagliona, nun riesce a vencere ‘a tentazione di… vabbuò, lassammo stà. (La battuta viene pronunciata inizialmente con entusiasmo, poi rallentando fino a spegnersi compketamente quando Carletti si accorge dello sguardo della sgnora Montimar) Ehm… ecco… io scrivo canzoni, sapete…

Eleonora      (Severa) Ah!

Carlo             Sì, per vocazione sono musicista, per vivere faccio l’accordatore di pianoforti. Capite?

Eleonora      E allora?

Carlo             (Imbarazzato) Ecco, io… (Suona il campanello; rientra Federica da sinistra)

Eleonora e Carlo   (A Federica, con vivacità) Allora? ‘Nce avite parlato? Ch’ha ditto?

Federica        (Di fretta, uscendo a destra) Ancora no, aggiate pazienza. Scusatemi, hanno sunato. (Esce)

Carlo             Aggiate pacienza! Me pozzo rivolgere benissimo ad altre cantanti, io! (Alla signora Montimar) Ma ‘o ssapite ca Lina Cavallo ‘o Salone Margherita canta tutte ‘e ssere ‘na canzone mia a doppio senso?

Eleonora      (Con disprezzo) Che d’è, ‘n’ata scemenza comme ‘stu “Parapa parapa, che pizzicò”…?

Carlo             (Con fierezza) “Parapa, parapa…”, si nun ve dispiace è ‘na metafora. Sta per “Ti faccio piedino, mio caro tesorino che hai un bel nasino…” e parla di un…

Eleonora      (Interrompendo) ‘Na metafora? Ma lassate perdere, p’ammore ‘e Ddio! Fare ‘o piedino a ‘nu nasino, e ghiammo! (Rientra Federica da destra portando un mazzo di fiori) Ah, e che bellu mazzo!

Carlo             (Guardando il sedere di Federica) ‘Overamente ‘nu bellu ma-ma-mazzo! Ma ne riceve assaje di mazzi così?

Federica        (Con indifferenza) Moltissimi, signore.

Carlo             Sarrà ricco assaje chi ‘e mmanna.

Federica        (Con indifferenza) Nunn’ ‘o ssaccio, nun ce sta ‘o biglietto. È ‘nu mazzo, comme se dice… anonimo. (Depone il mazzo di fiorni sul tavolino)

Carlo             Anonimo? Che sciocchezza! Ah, piuttosto: mò nun putisseve jì a pparlà cu’ ‘a signurina? Ve putarraggio ricompensà cu’ ‘nu bellu vaso e ‘nu pizzeco.

Federica        No, no, nun ve scomodate, nun tengo bisogno ‘e vase e pizzeche, sto ghienno.

Carlo             Pizzeche e vase nun fanno pertuse… V’arricurdate ‘o nomme mio? Carlo Carletti, pe’ ll’arrangiamente d’‘e ccanzone… Jate e… turnate… turnate ampressa!

Federica        Sissignore, signor Carlo Carletti, per gli arrangiamenti delle canzoni.

Eleonora      E p’‘o ricevimento ‘e chesta sera, nun ve scurdate!

Federica        (Esasperata) Nossignora, nun m’‘o scordo! (Si avvia a sinistra)

Carlo             (Estraendo di tasca un biglietto da visita) Aspettate, ve dongo ‘nu biglietto mio, è meglio.

Federica        (Decisa) Nun serve, nun ve preoccupate. M’‘o ricordo bbuono ‘o nomme vuosto, è facile: Carlo Carletti! (A parte, uscendo a sinistra) Che pittima ca è chisto! (Via a sinistra)

Carlo             (Tra sé, mentre la signora Montimar, per ignorarlo, riprende vistosamente a leggere il giornale) Sicuramente ‘o sbaglia! (Si guarda intorno e vede il mazzo di fiori) Però, ‘overamente è bello. (Sta per rimettere il biglietto da visita in tasca ma gli viene un’idea: guarda furtivo la signora Montimar per assicurarsi che stia continuando a leggere e mette il biglietto da visita nel mazzo di fiori. Poi, rivolto al pubblico) Ma è meglio ca ‘stu mazzo è ‘o mio, invece ca ‘e nisciuno… anonimo!

Eleonora      (Alzando lo sguardo dal giornale) Che state dicenno?

Carlo             (Ridacchiando) Eh? Ah, niente, niente… stevo penzanno alle mie canzoni… aggio fatto cierte arrangiamente p’ ‘a signurina Giannetti. ‘E vvulite sentì? Ve faccio sentere “Patatiamo”, è a doppio senso. ‘E ccunuscite ‘e ccanzone tipo: “Tu mi dai la cosa più bella che hai”… “Che bella pansè che hai?”… “T’‘a vuò fà fà ‘na foto?”… Vulite sentì “Patatiamo”?... Parla di uno a cui piacciono assai le patate…

Eleonora      P’ammore ‘e Ddio! (Ironica) Vuje pe’ ffà ‘o paroliere, che poi è la stessa cosa di un poeta, sicuramente canuscite Catullo, Orazio, Tibullo…?

SCENA OTTAVA

(FEDERICA e detti)

Carlo             No, signora cara, io purtroppo vivo comme a ‘n’eremita, nun frequento ‘e salotte… (La signora ride; rientra da sinistra Federica con dei fogli in mano; la signora Montimar e Carletti le vanno incontro) Ah, state ccà. Allora, che v’ha ditto, ‘nce avite parlato?

Federica        (A Carlo) Sissignore.

Carlo             E che v’ha detto?

Federica        (Impassibile) Che i vostri arrangiamenti so’ stupidi e v’‘e ttorna addereto.

Carlo             Accussì ha ditto?

Federica        Proprio accussì. Ecco, tenete. (Gli passa i fogli)

Carlo             (Irritato) Io nun me faccio capace! ‘Na vota tanto ca uno cerca ‘e ce fà cagnà chillu repertorio volgare ca tene … vò dicere ca continuarraggio a me rivolgere a Lina Cavalli, ca sape apprezzà ‘o talento mio. Dicitincello.

Federica        (Impassibile) Comme vulite vuje, signore.

Carlo             (C.s.) Stupide ll’arrangiamente mieje! (Guarda il mazzo di fiori) E io ca… (Si avvicina ai fiori come se volesse riprendere il biglietto da visita, poi ci ripensa) No! Bona jurnata! (Esce a destra, lasciando sul posto l’ombrello)

Federica        Buongiorno signore.

Eleonora      (Con aria spazientita) Signurì, tenite nutizie pure pe’ mme? ‘Nu poco meglie, spero!

Federica        (Impassibile) Me dispiace assaje, signora mia, ma ‘a signurina Odette in questo momento tene gente e nun po’ proprio parlà ‘e lavoro.

Eleonora      (Irritata) Che scucciatura!

Federica        ‘A signurina però vò sapè si vuje putisseve turnà cchiù tarde.

Eleonora      (C.s.) E pe’ fforza! Nun pozzo fa ‘e ‘n’ata manera. ‘O ricevimento è pe’ stasera. Dicitece ca torno tra ‘n’oretta. (Si avvia verso destra lasciando il giornale sul tavolo)

Federica        Grazie, signora, riferirò alla signorina. Venite ‘a chesta parte, signò… (Accompagna la signora Montimar verso destra ed esce insieme a lei)

SCENA NONA

(ODETTE, EDOARDO, GIORGIO, GAETANO e CARLOTTA)

Entrano da sinistra Gaetano, Carlotta, Odette, Edoardo e Giorgio parlando tutti insieme, con un bicchierino in mano (Frasi del tipo: “Ottimo”… “Niente male”… “Ci voleva proprio”… ecc.); Gaetano si dirige verso il camino parlando sottovoce con Carlotta e Giorgio mentre Odette e Edoardo restano al centro.

Gaetano        (A tutti) Quant’è buono chist’amaro, è ‘n’ottimo digestivo!

Odette           Edoà che ttiene? Te veco accussì triste!

Edoardo        Io? No no, nun te preoccupà, è ‘n’impressione! (Porta alle labbra il bicchierino)

Odette           (Lo afferra con dolcezza al collo, trascinandolo a sé, ma ottenendo il risultato di farlo strozzare) Mi ami?

Edoardo        (Soffocando) Ti amo e ti adoro. (A parte) Accussì nun va buono però!

Giorgio          (Accorgendosi del mazzo di fiori) Che bellu mazzo ‘e sciure!

Odette, Edoardo e Gaetano        (Avvicinandosi al tavolino) Stupendo! ‘Overamente è bello!

Odette           Ma chi l’avarrà mannato?

Gaetano        (Prendendo il biglietto da visita nel mazzo di fiori) Guarda, ce sta ‘nu biglietto. (Legge e commenta ironicamente) Ma guarda ‘nu poco: Carlo Carletti!

Odette           (Prendendo il biglietto, stupita) Carletti? E io ca ce aggio turnato addereto ll’arrangiamen-te suoje …

Gaetano        (In tono di rimprovero) Facennoce dicere ca songhe stupide…

Odette           (Annusando i fiori) Ma chello è ‘overo!... Ma che prufumo! Ma pecché s’è… ma ccà ce sta… (Fruga nel mazzo di fiori e prende un oggetto) ce sta ‘n’astuccio!

Edoardo, Gaetano e Giorgio       (Avvicinandosi) ‘N’astuccio?

Odette           (Aprendo l’astuccio) Ma sì! (Osserva il contenuto interno) Ma no! È troppo bello! ‘N’aniello ‘e brillanti! (Estrae un anello e se lo mette al dito, rimirandolo)

Gli altri       (Tutti insieme, osservando l’anello che Odette mette loro sotto il naso) Bellissimo, stupendo, meraviglioso!

Odette           (Sedendosi) Ma io nun saccio ch’aggio ‘a dicere…

Edoardo        Bene, quindi ‘stu Carletti è pure ricco!

Odette           Accussì pare… Ma si ‘o vide nun ‘o penzasse maje. È sempre accussì trasandato… nun le disse ‘na lira ‘mmano.

Carlotta      Paricchie artiste songhe accussì, parene tanta barbune… Comunque, ha da essere ricco assaje pe’ se permettere ‘e fà cierte regale! (Guarda Gaetano) Pure a mme me piacesse d’havê ‘nu rialo accussì bello!

Gaetano        Pe’ mme s’avessero eliminà tutte ‘e riale, accummencianno ‘a chilli ‘e Natale! Sò compromettente, pecché si l’accette hê ‘a ricambià. Cierti vvote acciette riale ca nun te servene e spisso, pe’ nunn’‘e ghittà, ‘e rriale a ati pperzone ca nun sanno che se n’hanno ‘a fà… Ll’unice ca ce guadagnane songhe ‘e commerciante.

Giorgio          ‘Stu Carletti ha da essere e… ‘nnammurato!

Odette           (Ridendo) ‘Overamente ‘o ppenzate?

Giorgio          (Avvicinandosi a Odette) E ghiammo Odette, ‘sti regali è ppò ffà sulamente ‘n’innamora-to, me pare chiaro. (Guardando Carlotta) E vuje che ne penzate?

Carlotta      (Avvicinandosi ridendo alla sorella) Beh, penzannece bbuono… non me pare ca tenite tutte ‘e tuorte…

Edoardo        (Allontanandosi verso il camino, mentre gli altri parlano tra di loro, a parte) Guarda guarda… Si ‘stu Carletti ‘overamente se vò menà dint’‘e bbraccia ‘e Odette… io putesse taglià ‘a corda cchiù facilmente… Vedimmo ‘nu poco comme putesse fà… (Rimane appoggiato al camino studiando il proprio piano d’azione gesticolando appropriatamente)

Odette           (Allontanandosi dagli altri) Sì, ma ll’arrangiamente suoje ‘overamente songhe brutte.

Carlotta      Vabbuò, ma se putessero adattà. Magari quaccheduno ‘e putesse accuncià…

Odette           (Pensierosa) ‘’Nce l’avessemo ‘a proporre… Gaetà, t’‘o vvide tu?

Gaetano        Sì, ma primma famme appriparà ‘e spartite p’‘o ricevimento ‘e chesta sera.

Odette           Certo. (Rivolta a Giorgio) A proposito, vuje venite? (A Gaetano) Ah, cu’ quala canzone accummencio?

Gaetano        Je avesse penzato a “Se mi dai la cosa più bella che hai. Io ti do la cosa più bella che ho”… [O altro, a discrezione del regista](Mentre pronuncia questa battuta si allontana verso il fondo insieme a Odette, continuando a parlare in modo che Odette non riesca a sentire la battuta successiva di Giorgio)

Giorgio          (Avvicinandosi al camino) No, stasera tengo già ‘n’impegno, vaco a truvà ‘na vecchia a-mica, ‘a signora Montimar.

Edoardo        (Sobbalza) Comme avite ditto?

Giorgio          (Senza aver notato l’interruzione di Edoardo, si gira verso Odette) Dà ‘nu ricevimento p’ ‘o spusalizio d’‘a figlia cu’ ‘o signor… aspettate, m’hanno ditto ‘o nomme… Signor…

Edoardo        (Alzando la voce, si mette davanti a Giorgio) Non fa niente! D’‘o nomme nun ce ne ‘mporta! (Odette e Gaetano smettono di parlare e si avvicinano)

Giorgio          Ma no, aspettate. È ‘nu nomme ca assumiglia assaje ‘o vuosto… Signor…

Edoardo        (Terrorizzato) Ma lassate perdere!

Odette           Che d’è Edoardo, perché staje accussì agitato?

Edoardo        Io? Ma quanno maje?! Tanto ‘o ssaccio comme va a fernì: è uno ‘e chille ca dicene “aspettate, aspettate, accummencia cu’ A”… e po’ invece accummencia pe’ Zeta.

Giorgio          Ah, ecco, m’aggio arricurdato! È…

Edoardo        (Rapidamente) Romano! Sicuramente vulite dicere Romano!

Giorgio          No, e po’ che ce azzecca cu’ ‘o cugnomme vuosto?! È… mannaggia, me l’avite fatto scurdà ‘n’ata vota!

Edoardo        Ma sì, ma sì, ma po’ che ce ne ‘mporta d’‘a gente ca nun canuscimmo?

Carlotta      Ma sì, tenite raggione vuje.

Edoardo        Ecco, brava, tiene raggione, lassammo perdere.

SCENA DECIMA

(FEDERICA e detti, poi CARLO)

Federica        (Imbarazzata, entrando da destra) Scusate signurì… ‘nce stesse ‘n’ata vota il signor Carletti… pare ca ha lassato ‘o ‘mbrella ccà dinto.

Gli altri       Carletti?

Odette           Facitelo trasì.

Federica        (Stupita) L’aggio ‘a fà trasì? Certo, certo signurì. (Esce a destra, mentre gli altri si dispongono a destra per accogliere Carletti che entra intimidito)

Odette           (Sorridendo) Accomodatevi, accomodatevi signor Carletti. Permettetemi di fare le presentazioni… (Presentazioni e strette di mano) Carlotta, mia sorella… il conte Edoardo Rispoli… il signor Gaetano De Caroli… il signor Giorgio Belli…

Carlo             (Stupito) Signurì, scusateme, ma penzo ca m’aggio scurdato…

Odette           (Premurosa) Ma signor Carletti, vi prego, assettateve. (Carlotta immediatamente gli porge una sedia)

Gaetano, Edoardo e Giorgio       Ma certo, assettateve. (Ognuno prende una sedia e la porge a Carletti, che si trova circondato e non sa dove sedersi)

Carlo             (Imbarazzato) Signurì, ve ringrazio ma penzo ca nunn’è ‘o caso.

Odette           (Sedendosi al suo fianco, mentre gli altri fanno corona alle spalle) Nun è ‘o caso?... Ma io v’a-vesse sgridà!

Carlo             (Stupito) Sgridare?

Carlotta      (Con aria di rimprovero) E certamente! Pecché nun avite vuluto lassà a sorema ‘e spartite vuoste?

Carlo             Io? Ma veramente… è stato ‘a cammarera vosta ca m’ha ditto ca ‘a sora vosta l’ ha truvate stupide.

Carlotta      (Protestando) Stupide ll’arrangiamente vuoste? Ma no, mia sorella nun ha ditto maje ‘na cosa ‘e cheste: è stata Federica, ‘a cammarera, ca ha capito malamente!

Gli altri       (Insieme) Ma certo, nun ha capito niente!

Carlo             (Rincuorandosi) Ah, me pareva strano ca…

Odette           Ma primma v’aggio ‘a ringrazià p’‘o mazzo ‘e sciure.

Carlo             (Imbarazzato) ‘O mazzo ‘e sciure? Ah, certo, per il mazzo di fiori! Certo… sì… sì…

Odette           È stato gentile assaje da parte vostra.

Gli altri       (Insieme, enfatizzando la parola “assaje”) Assaje gentile, assaje!

Carlo             Beh, nun ne parlammo cchiù…

Odette           (Mostrando la mano con l’amnello) E l’aniello?

Carlo             L’aniello??? (Tra sé) Ma quale aniello?

Gli altri       (Insieme, enfatizzando la parola “stupendo”) Stupendo!

Carlo             (Imbarazzato) Certo… è stupendo…

Odette           E me l’aggio miso subito ‘o dito!

Carlo             (C.s.) Eh, veco, veco…

Odette           E che riflessi, ‘sti brillante…

Carlo             (Si ferma, non sapendo che dire) Si po’ uno penza quanto costano ‘sti ccose… (Tutti si guardano sconcertati)

Carlotta      (Sorpresa) Certamente, ma Odette l’ha saputo apprezzare!

Carlo             Beh, cu’ chello ca è custato ‘na famiglia ce po’ campà pure pe’ dduje anne!

Edoardo        (A parte a Gaetano) Ma che villano!

Gaetano        ‘Overamente.

Odette           (Imbarazzata) Ehm, certo… ma questo prova la generosità del donatore, nun ve pare?

Carlo             Ah, sì… ma sentite… per tornare ai miei arrangiamenti…

Giorgio          (Cogliendo l’opportunità) Bene, cara Odette, visto ca tenite che ffà, ve saluto. Signori… (Si avvia verso destra)

Odette           (Alzandosi) Aspettate, v’accumpagno. (Segue Giorgio)

Gaetano        Vengo pur’io, v’aggio ‘a parlà ‘nu mumento, signor Belli. (Segue Giorgio)

Odette           (A Carlo) Scusateme ‘nu mumento, signor Carletti, mò torno. (Esce a destra con Gaetano e Giorgio)

Carlotta      Scusate, me n’aggio ‘a jì pur’io. (Esce a sinistra)

Edoardo        (Guarda uscire tutti e con aria sorniona si avvicina a Carletti che lo guarda turbato) Bene… bene… bene, mio caro signor Carletti, vulite proprio ca v’‘o ddico?

Carlo             (Stupito) Che cosa?

Edoardo        (Arrivando alle spalle di Carletti) Vuje site ‘nnammurato ‘e Odette!

Carlo             Io?

Edoardo        Ma sì, ma sì, è inutile ca facite finta ‘e niente: vuje site innamorato! Se vede, se capisce… E allora, jamme bello, faciteve curaggio! (Parlando all’orecchio di Carletti) È ‘o mumento buono!

Carlo             (Scattando in piedi) Ma che state dicenno? Nun è proprio ‘overo ca…

Edoardo        E ghiammo! Carletti, si site ‘n’ommo, Odette è d’‘a vosta!

Carlo             D’‘a mia? Ma v’assicuro ca io…

Edoardo        (Guardando verso destra) Ssst! Stateve zitto, sta venenno. Nun dicite manco ‘na parola, è chiaro? Ma, m’arraccumanno… all’attacco! (Si allontana verso il camino fischiettando, mentre Carlo lo guarda sconvolto)

SCENA UNDICESIMA

(ODETTE e detti)

Odette           (Entrando da destra) Scusateme si v’aggio avuto ‘a lassà. (Sedendosi e invitando Carletti a sedersi al suo fianco) Mò putimmo chiacchierà senza ca nisciuno ce disturba.

Carlo             (Impacciato, senza sedersi) Certo, naturalmente…

Odette           Allora… Ll’arrangiamente vuoste so’ deliziose, nun ce sta niente ‘a dicere… è ‘overo Edoardo?

Edoardo        Verissimo.

Carlo             Site troppo buona, io nun sapesse…

Odette           (Senza ascoltarlo) Però, vedete… nun saccio comme ve l’aggio ‘a dicere… mancano ‘nu poco ‘e personalità, è ‘overo Edoardo?

Edoardo        Verissimo.

Carlo             (Dispiaciuto) Oh, ma io putesse…

Odette           (Senza ascoltarlo) No! So’ deliziose, ve l’aggio ditto, sicuramente, ma… ‘a forma…

Edoardo        (Con tono severo, staccandosi dal camino e avvicinandosi a Odette e Carlo) Si pozzo esprimere ‘nu parere, caro Carletti, penzo proprio ca ‘a forma s’ha da approfondì ‘nu poco.

Carlo             (Perplesso) ‘A forma?

Odette           Ecco, ‘o vvedite… se capisce ca songhe arrangiamente ‘e ‘n’ommo ‘e spirito… (In difficoltà, non sapendo più che cosa dire) ‘e ‘n’ommo ‘e spirito… ca…

Edoardo        Ca dint’a chillu mumento pare ‘n’ata perzona! (Enfatico, non sapendo cosa dire) Uno, nessuno e centomila… Così è se vi pare… La ragione degli altri!

Carlo             (Che nel frattempo ha continuato a volgere lo sguardo ora a Odette, ora a Edoardo) ‘N’ata perzona? (Perplesso) Ma ve parene buone?

Odette + Edoardo  Ottimi!

Odette           Sono ottimi… ‘E ttenite ccà cu’ vuje?

Carlo             No, l’aggio lassate ‘a casa.

Odette           (Con falso dispiacere) Oh, che peccato!

Carlo             (Rinfrancandosi) Ma nunn’è ‘nu problema, abito ccà addereto. ‘E vvaco a piglià.

Odette           (Alzandosi) Bene, accussì ce putimme faticà ‘nzieme … Caro signor Carletti! Forma e contenuti hanno ‘a essere ‘na cosa sola.

Carlo             (Agitato, avviandosi verso destra) Benissimo, allora faccio ‘na corsa e torno subbeto.

Odette           (Seguendolo con l’ombrello che Carletti aveva dimenticato) Nun ve scurdate ‘o ‘mbriello!

Carlo             (Confuso, prendendo l’ombrello) Comme? Ah, grazie. (Esce a destra con Odette)

Edoardo        (Soddisfatto) Bene, bene, bene. E mò ca avimmo appriparato ‘o tturreno pe’ chill’im-branato ‘e Carletti… (Va a sedersi sul divano)

Odette           (Entrando da destra, afferra Edoardo per il collo) Edoardo, mi ami?

Edoardo        (Quasi soffocato) Ti adoro! (A parte) Accummenciammo malamente!

Odette           (Sedendosi a fianco di Edoardo) So’ stata cuntenta assaje ‘e te rivedè. Tenevo appaura ca tra nuje fosse fernuto tutte cose!

Edoardo        Fernuto?!?!

Odette           Sì sempe d’‘o mio?

Edoardo        Sempe!

Odette           Nun finirà maje, è ‘overo? (Abbracciandolo)

Edoardo        Maje. (A parte) Accussì nun ghiammo a nisciuna parte però!.

Odette           (Sempre abbracciata) Me stesse accussì pe’ ‘na ventina d’anne.

Edoardo        Vint’anne? Guarda ca songhe assaje, Odè!

Odette           Te chiammasse “tesoro” e tu m’arrispunnisse “cara” e passasseme ‘a vita accussì.

Edoardo        (A parte) Seh, saje che spasso?!

Odette           (Lasciandolo andare di colpo. Edoardo, che quasi cade, si alza improvvisamente) Edoardo, mi ami?... Ma che ttiene? Me pare accussì triste!

Edoardo        (Alzandosi dal divano e prendendo coraggio) Odè,  nuje ce avimme lassà!!

Odette           (Sbalordita) Comme? Che staje dicenno?

Edoardo        È necessario!

Odette           Tiene ‘n’ata femmena?

Edoardo        (Con finto stupore) Io? Ma comme te vene ‘ncapa?

Odette           E allora pecché, pecché?

Edoardo        Ma p’‘a situazione finanziaria mia! ‘Nun ‘o ccapisce ca nun te pozzo offrì ‘o tenore ‘e vita ca te mierete? (A parte) Chesta nun s’‘a beve!

Odette           È solo per questo?

Edoardo        (C.s.) Se l’ha bevuta!

Odette           Ma quanto sì scemo! Che me ne ‘mporta a mme d’‘e sorde tuoje!

Edoardo        (Disorientato) … E comunque ‘a dignità nun me permette…

Odette           A me m’abbasta ‘e sapè che mi ami. Perché mi ami, è ‘overo?

Edoardo        Certamente!

Odette           E po’ nun voglio ca te spuse a ‘n’ata! Si avesse succedere… saccio già chello ca facesse.

Edoardo        Che facisse?

Odette           ‘Nu bellu colpo ‘e pistola ‘ncapa.

Edoardo        A chi?

Odette           Ma a me! (Avvicinandosi al tavolo e prendendo il giornale lasciato dalla signora Montimar) Vedi, si avesse ‘a leggere ‘ncoppa ‘o giurnale ‘a nutizia ca te spuse… (Sfoglia il giornale)

Edoardo        (Si blocca terrorizzato; a parte) ‘N’ atu Matino?

Odette           (Smette di sfogliare il giornale e lo lascia cadere sul tavolo) Ma pecché me preoccupo accussì? Tanto nun ce sta mutivo! (Si volta e si dirige verso sinistra)

Edoardo        (Corre a prendere il giornale e lo ficca sotto la giacca) Appunto! È chello ca dico pur’io… (A parte) Ma spuntano comme ‘e funge ‘sti giurnale!

Odette           (Sentendo il fruscio del giornale si volta, ma nota che il giornale è sparito) Oh, il mio povero Edoardo! (Lo afferra per la testa tappandogli la bocca con la mano) Mi ami, è ‘overo?

Edoardo        (Cercando a fatica di districarsi) Ti adoro.

Odette           Vabbè, è meglio ca me vaco a cagnà. Ce vedimmo adoppo, tesò! (Esce a sinistra)

Edoardo        (Rimasto solo, estrae il giornale dalla giacca e comincia ad appallottolarlo furiosamente) No! No! No! Ma comme cacchio faccio mò a lle dicere ca stasera me…

SCENA DODICESIMA

(GAETANO e detto, poi FEDERICA)

Gaetano        (Entrando da destra, lo interrompe) Ah, Odette, sò riuscito a cunvincere a Giorgio Belli… (Si guarda intorno) Ma addò è ghiuta Odette?

Edoardo        A se cagnà.

Gaetano        Ma ve veco preoccupato.

Edoardo        Preoccupato? Dicite pure disperato!

Gaetano        Che sta succedenno?

Edoardo        (Guardandosi intorno per assicurarsi che non stia arrivando nessuno, imbarazzato) Sentite, sulamente vuje me putite aiutà. Aggio ‘a dicere ‘na cosa a Odette ma nun saccio comme. Vuje invece… ca site l’amico ‘e famiglia e l’organizzatore d’‘e cuncerte suoje… ‘e vuje se fida.

Gaetano        Che gghiate truvanno?

Edoardo        (Imbarazzato, dopo avere deglutito) L’aggio ‘a lassà!

Gaetano        (A voce alta) L’avite ‘a lassà?

Edoardo        (Gli mette una mano sulla bocca) Shhh! Ma stateve zitto! Me vulite ruvinà? Sì, è ‘overo, me sposo.

Gaetano        Vuje?

Edoardo        Io! E stasera ce starrà ‘a dichiarazione d’‘o fidanzamento.

Gaetano        (Stupito, va a sedersi al tavolo) Oh, chesta po’!

Edoardo        (Avvicinandosi) In fondo fosse pure nell’interesse sujo ca ‘a fernimmo ccà, nun ve pare?

Gaetano        (Perplesso) Beh, ‘a verità ll’occasione buone nun le mancassero. (Suono di campanello)

Edoardo        (Con aria convincente) Bene, parlatece vuje. Songo sicuro ca ve starrà a sentere.

Gaetano        Io?

Federica        (Esce da sinistra e si dirige a destra per aprire la porta, poi rientra ed annuncia) Signori, è arrivato ‘o cavaliere commendatore… ‘o signor Sanchez.

Gaetano        Fallo trasì. (Federica si avvia verso destra ma Gaetano la ferma) No, aspetta. Nuje ce ne jamme. (A Edoardo) Venite, facite ampresso!

Edoardo        Pecché?

Gaetano        (Con aria sorniona) Pecché simme assaje.

Edoardo        Assaje? Dduje ‘e nuje?

Gaetano        Primma nun ve dicevo ca a Odette ll’occasione nun le mancassero?

Edoardo        (Perplesso) E allora? (Finalmente comprende) Aggio capito! (Indicando con la testa verso destra sorridendo) Fosse isso l’occasione…

Gaetano        Appunto. Jammuncenne, forza! (Spinge Edoardo verso sinistra ed escono)

SCENA TREDICESIMA

(CARLOTTA e detta, poi SANCHEZ, indi ODETTE)

Carlotta      (Entrando da sinistra) Federì, chi ha sunato?

Federica        ‘O signor Sanchez, signurì.

Carlotta      ‘O cavaliere commendatore Sanchez? E che state aspettanno a llo fa trasì e avvisà subbeto a signurina Odette?!

Federica        Subbeto, signorì. (Esce a destra. Carlotta si sistema il vestito ed i capelli, portandosi al centro del palco; nel frattempo Federica rientra seguita da Sanchez) Se il signore si vuole accomodare…

Sanchez         (Entra con due mazzi di fiori: uno enorme bene in vista e uno piccolissimo, tenuto nascosto dietro la schiena) Muy bien, me acòmodo.

Carlotta      (Ostentando un largo sorriso, fa un inchino) Cavaliere… Eccellenza…

Sanchez           (Riconoscendola) Ah, la señorita! Encantado de rivederve! (A Federica) Camarera! (Federica non risponde) Camarera! (Federica non risponde; Sanchez la fissa) Olè!

Federica        (Perplesso) Dite a me, signore?

Sanchez         Seguro! Va a dire alla señorita che io son qua! Andala! Andala!

Federica        Subito signore! (A parte) Quant’è ‘gnurante chisto, eccellenza e bbuono! (Si avvia verso sinistra ma si ferma vedendo entrare da sinistra Odette) Signorina… (Esce a sinistra)

Sanchez         (Fermandosi di fronte a Odette, con aria incantata) Señorita! Esto es el giorno magnifico… (Legge su di un foglietto) magnific…entissimo de mi vida!

Odette           (Lo guarda perplessa e poi guarda Carlotta) Scusate, signore…

Carlotta      (Con aria di rimprovero) Odette, il grande cavaliere, il commendatore… sua eccellenza… grande ufficiale… professor Sanchez… che avevi invitato per oggi pomeriggio. (Sanchez, scattando sull’attenti, batte i tacchi e fa un rapido inchino)

Odette           (Ricordandosi finalmente) Ah, sì! Come potrei essermene scordata! Sono assai felice di rivedervi, commendatore Sanchez.

Sanchez         Io soy felìz. Permettete? (Le consegna il grande mazzo di fiori)

Odette           (Prendendo i fiori) Oh, cavaliere, commendatore, ma pecché ve site disturbato e come sapete che io adoro i fiori?

Sanchez         Porque voi siete un flor! (Sorride compiaciuto e si guarda intorno, soddisfatto del suo complimento) E ho pensato anche alla señorita. (Consegna a Carlotta il mazzo di fiori piccolo)

Carlotta      (Delusa, cerca di non mostrare il proprio disappunto) Oh… grazie assaje, cavaliere commendatore.

Sanchez         (Avvicinandosi con aria sorridente a Odette e senza curarsi di Carlotta) Oh, de nada. Es peque-ño ma es più… più portatile, ecco!

Carlotta      (Con aria galante) Pur’io adoro i fiori, sapete?

Sanchez         (Seccamente a Carlotta, dopo essere giunto a fianco di Odette) Sì, però el complimiento es solamente por la señora, claro?

Odette           (Cercando di cambiare discorso) Che bel mazzo di rose, generale!

Sanchez         Naturalmente! (Sforzandosi di ricordare la frase che deve dire) Son rosas por la reina de las rosas!

Odette e Carlotta(Si guardano perplesse) Ehh!

Sanchez         (Con aria modesta) Es una batuta!

Odette           Siete ‘overamente galante, sapete? Propeto ‘nu cavaliere!

Sanchez         (Con aria modesta) Eh, se fa quel che se puede.

Odette           (A Carlotta) Bene. Carlotta, si te n’hê ‘a jì…

Carlotta      Io?

Sanchez         Non avete entendido? (Fa segno con la mano di andare)

Carlotta      Come?

Sanchez         (Spazientito) Señorita, anda, anda… andala, andala!

Carlotta      Uffà! (Uscendo a sinistra, a parte) Che scustumato!

Odette           (Va a sedersi al tavolo) Commendatore, cavaliere, accomodatevi, prego.

Sanchez         (Con passione) Ah, Odette, io non puedo! Porque… porque… (Cade in ginocchio davanti a Odette e le prende le mani) Ah, Odette!

Odette           (Si alza e si libera; in tono di rimprovero) Attento cavaliere, qua entrate in un campo minato.

Sanchez         (Alzandosi) Io non temo el periculo. Son steto… statuto… stato anco ministro interni, ex generale!!

Odette           (Stupita) Vuje?

Sanchez         (Scattando sull’attenti, batte i tacchi e fa un rapido inchino) Se stesso!

Odette           Caspiterina che onore… Ministro degli interni!

Sanchez         Ex ministro! Ex generale! Non lo soy più (In tono lugubre) Yo soy suelo un condannato a muerte!

Odette           (Spaventata) Ma che gghiate dicenno?

Sanchez         Se non amarete me… io uccidere me…

Odette           E pecché?

Sanchez         Porque? (Inginocchiandosi e prendendo una mano di Odette) Porque yo ve amo, Odette! Todas le my industras… todos la my ricchezzas per il vuestro amor!

Odette           (Prendendo la mano di Sanchez tra le sue, in modo da far vedere l’anello) Oh ministro, quanto siete galante!

Sanchez         (Sempre inginocchiato) Siempre! (Osservando l’anello) Esto me fa pensar! Che miro al vuestro dido, un anello?

Odette           (Lasciando la mano del generale ed osservando l’anello con aria distaccata) L’anello?

Sanchez         (Rialzandosi) Hermoso, vero?

Odette           (Allontanandosi) Sì, non è male… ‘n’anellino…

Sanchez         (Perplesso) Un agnellino?

Odette           Sì, ci sono affezionata… è ‘nu ricordo.

Sanchez         (Perplesso) Un recuerdo?

Odette           ‘E mammà.

Sanchez         (Stupito, alza la voce) Cossa? Esto agnellino, soy yo che l’ho enviado esta mañana in un masso de flores!

Odette           (Stupita) Vuje?

Sanchez         Seguro!

Odette           (Finalmente comprendendo) Site stato vuje. E ‘o musicista invece… che faccia tosta… Mò che vene ce faccio vedè io , ce faccio vedè…

Sanchez         Che succede? Me dicevate che esto es l’agnellino de vuestra madre…

Odette           (Guardando l’anello) Ah, ma voi parlavate di questo?! Io credevo che vi riferiste a ‘n’ ato aniello! Nun ‘o ssapevo ca dovevo ringraziare a vuje.

Sanchez         De nada. Como dite voi es un agnellino. Anzi, se permettete, ve ofro anche el bracialeto. (Estrae dalla giacca un astuccio che consegna a Odette)

Odette           (Prendendo l’astuccio) Oh, eccellenza, cavaliere, ma vuje me viziate! Ch’aggio fatto per meritarmi tutto questo?

Sanchez         Nada. Yo ve amo, mucho mucho… tanto tanto… ve odoro… adoro!

Odette           (Sospirando) Ah, eccellenza cavaliere, perché? (Con aria drammatica) Nun pozzo accettà il vostro dono. (Porge l’astuccio a Sanchez)

Sanchez         (Respingendo l’astuccio) No es posible. Tenetelo!

Odette           (Drammatica) Non posso! (Porge l’astuccio a Sanchez)

Sanchez         (Respingendo l’astuccio) Ma porque?

Odette           (Abbassando la testa) Perché amo un altro! (Mette l’astuccio in tasca)

Sanchez         Como saria a dir un otro? Un hombre?

Odette           (Decisa) Naturalmente.

Sanchez         Hermoso?

Odette           (Decisa) Certo.

Sanchez         E chi es esto hombre?

Odette           Cavaliere! Vi dico solo che se il mio cuore fosse stato libero vi avrei preferito fra tutti.

Sanchez         Che dolor al corazon!

Odette           Che ce pozzo fa? Sappiate che finché mi amerà non potrò amare altri uomini.

Sanchez         (Rincuorato) Ahh, bueno! E per quanto tiempo ve amerà?

Odette           (Perplessa) Finché vivrà.

Sanchez         (Soddisfatto, si sfrega le mani) Muy muy muy bien. Bien, bien, bien.

Odette           (Spaventata) Cavaliereee, eccellenza, ministro… ex… ma che vvulite fà?

Sanchez         (Rassicurante) Oh, nada, nada, nada…


SCENA QUATTORDICESIMA

(EDOARDO e detti, poi FEDERICA)

Edoardo        (Fa capolino da sinistra, contraffacendo la voce) Signorì, putite venì ‘nu mumento?

Odette           (Disorientata, si gira e vede Edoardo) Comme? Sì, vengo. (Si avvia verso sinistra)

Sanchez         (Segue Odette e si piazza davanti a Edoardo) Señor?

Edoardo        (Avanzando da sinistra, imbarazzato) Buongiorno, signore.

Odette           Cavaliere ministro, vi presento il signor conte Edoardo Rispoli, mio… mio… mio…

Sanchez         Prego?

Edoardo        Collega… collega e basta. (Suono di campanello)

Sanchez         (Sempre diffidente) E basta?

Edoardo        Certamente.

Sanchez         (Stringe la mano a Edoardo) Si es un cullega… (Suono del campanello, Federica va ad aprire)

Federica        (Rientrando da destra annuncia) Signorì, ci sta chella signora ca è venuta primma… v’ar-ricurdate? P’‘o ricevimento ‘e chesta sera… Sta dint’a chill’atu salotto.

Odette           Vado subito. (A Sanchez che sta parlando con Edoardo) Scusate un momento…

Sanchez         Prego. (Odette esce a destra insieme a Federica. Dopo una breve pausa durante la quale Sanchez e Edoardo si scambiano sorrisi, senza sapere cosa dire) Es mucho ambulatoria, la señora Odette.

Edoardo        Ambulatoria, esattamente.

Sanchez         (Avvicinandosi a Edoardo) Dunque voi cantare unido a Odette…

Edoardo        Certamente.

Sanchez         Scusate mio cattivo italiano. Voi siete tenor, vero? (Soddisfatto) L’ho capi… capisciato… capisciuto da vostra face… faccia.

Edoardo        Dalla faccia?

Sanchez         Se capisse! (Fa segno a Edoardo di avvicinarsi) Voi conoscete bien la señora Odette?

Edoardo        (Perplesso) Beh, sì…

Sanchez         Diteme… Sapete chi es el suo amante?

Edoardo        (Stupito) Comme?

Sanchez         (Rassicurante) Oh, non preoccupateve, ella me ha dito che ha un amante. Me disse che es un hombre muy hermoso.

Edoardo        (Vezzoso) Beh, non dovrei essere io a dirlo!

Sanchez         Ma yo non vedo homini hermosi aquì. Comunque, chi es esto hombre? Voi lo conossete?

Edoardo        (Ridendo) Veramente ‘o vvulite sapè?

Sanchez         (Cominciando a ridere) Sì.

Edoardo        (Continuando a ridere con maggiore intensità) Ma veramente ‘o vvulite sapè?

Sanchez         (Ridendo insieme a Edoardo) Seguro… porque yo debo… (Risata forte) yo debo matarlo, come se mata un toro!

Edoardo        (Continua a ridere per qualche secondo, poi si ferma di colpo, quindi comincia a ridere forzatamente) Ah, ah, simpatico assaje! Davvero, veramente simpatico! (Sanchez continua a ridere)

SCENA QUINDICESIMA

(ODETTE e detti, poi FEDERICA, indi CARLO)

Odette           (Entra da destra: Sanchez e Edoardo smettono di ridere) Eccomi qua, eccellenza. Canterò ad un ricevimento questa sera, volete venire a sentirmi?

Sanchez         Oh sì, con mucho gusto!

Odette           Bene, allora pigliatevi l’invito. (Consegna un biglietto a Sanchez)

Sanchez         (Mette il biglietto nella giacca) Muchas gracias.

Odette           E tu, Edoà?

Edoardo        No, stasera non posso. (A parte) Tengo ati cacchie p’‘a capa stasera!

Odette           (A Sanchez) Se mi volete scusare ancora un… momiento… (Esce a sinistra)

Sanchez         Prego. (A Edoardo) Bueno. Me stavate dicendo como se iama el suo amante…

Edoardo        (Avvicinandosi al camino, osserva distrattaente il mazzo di fiori attribuito a Carletti) Se chiamma… (Gli viene un’idea) Se chiamma Carlo Carletti!

Sanchez         (Con aria indifferente) Ah, Carletti? Bueno, bueno… Esto Carletti es un hombre muerto, sapete? (Suona il campanello)

Edoardo        Un uomo morto, certo. (A parte) Ma chisto è pazzo!

Federica        (Esce da sinistra per andare ad aprire la porta e rientrando da destra annuncia) È turnato il signor Carletti, signore. (Esce nuovamente a destra)

Edoardo        (A parte) Cosa?

Sanchez         Como avete detto?

Carlo             (Entrando da destra, depone l’ombrello vicino all’ingresso) Oh, buongiorno, aggio purtato ll’ arrangiamente. (Si guarda intorno) Nun ce sta ‘a signurina Odette?

Edoardo        (Agitato, cercando per tutta la scena di non fare avvicinare Sanchez a Carletti) No, nun ce sta! Quindi ve ne putite jì, grazie… Buongiorno… Arrivederci! (Cerca di spingere Carletti verso la porta d’uscita mentre Sanchez si avvicina lentamente)

Sanchez         (Calmo e gentile, a Carletti) Escusse, el señor Carletti?

Carlo             Sissignore, sono io.

Edoardo        (Agitato) Sì, è isso, è isso, ma sta andando via, vedete? Sta andando. (A Carletti) È ‘overo che ve ne state jenno?

Carlo             (Perplesso) Ma io veramente nun…

Sanchez         (Senza curarsi di Edoardo, accenna un piccolo inchino verso Carletti) Yo soy encantado de conosserve.

Carlo             (Inchinandosi a sua volta) Anch’io signore… Ma nun capisco… A che debbo l’onore?

Sanchez         Avete una carta de vissìta?

Edoardo        (Agitato) No! Nun ne tene! È ‘overo ca nun ne tenite, Carlè?

Carlo             (Estraendo un biglietto dalla giacca e consegnandolo a Sanchez) Certamente signore, con piacere. (Edoardo mostra segni di agitazione)

Sanchez         (Prende il biglietto di Carletti e gli porge un biglietto) Muy bien. Tenete la mia.

Edoardo        (Agitato) Nun fa niente, ‘a piglio io. Dateme a me! (Cerca di intercettare il biglietto che Sanchez porge a Carletti, senza riuscirvi)

Carlo             (Prende il biglietto di Sanchez e legge con ammirazione) Caballero Juan Alejandro Luis Francisco Sanchez De Alicante. (Edoardo si aggira per la scena in preda all’agitazione)

Sanchez         (Scattando sull’attenti, batte i tacchi e fa un rapido inchino) Se stesso!

Carlo             (Inchinandosi) Lietissimo, caballero.

Sanchez         (Con noncuranza) E… diteme señor Carletto… siete liberos crai… domani nel matino?

Edoardo        (Sempre più agitato) No! È occupato, occupatissimo! È ‘overo, Carlè, ca tenite ‘nu sacco ‘e cose ‘a fà?

Carlo             Domani mattina? No, so’ libero, perché? (Edoardo tenta di mettersi in mezzo tra Sanchez e Carletti, che cercano di evitarlo per potersi parlare) Arrangiamenti o accordatura pianoforte?

Sanchez         (Cambiando tono, afferra Carletti per il bavero della giacca) Porque yo vojo la vuestra cabeza! Capa… capeza! (Indica)

Carlo             (Terrorizzato) Ma… ma… che state dicenno? Lassateme!

Edoardo        (Agitato) Ma sì, cavaliè, lassatelo, anzi, lassate perdere tutte cose, che ddicite?

Sanchez         (Senza ascoltare Edoardo lascia la presa con aria feroce) Yo non amo los ostaculos. Anzi, si truevo un ostaculo lo supprimo. (Guarda Carletti con disprezzo) E poi non siete por nada hermoso. (Riprende Carletti per la giacca) Claro?

Edoardo        (Tentando di separare Sanchez da Carletti) Sissignore, claro, clarissimo! Bene, mò ca è fernuto tutte cose, perché non ci beviamo…

Carlo             (Gridando terrorizzato) Ma lassateme! Che v’aggio fatto?

SCENA SEDICESIMA

(ODETTE e detti)

Odette           (Entrando da sinistra) Ma che sta succedenno? (Sanchez, vedendo Odette, lascia Carletti)

Carlo             Oh, signorina!

Odette           (Furente) Ah, vuje! Che faccia tosta! Fuori di qui! Immediatamente!

Carlo             (Sconvolto) Ma signorina, non capisco… sono venuto per gli arrangiamenti…

Odette           (Furente) Già v’aggio ditto ca songhe stupide, quindi fuori! Fuori… avite capito?

Carlo             Stupidi? Ma m’aviveve ditto ca…

Sanchez         (Senza sapere di cosa si stia parlando) Sono stupidi, Carletti, stupidi! Comprendido? Fuori! Andala! Go out!... Via!

Carlo             Ma nun capisco… ero venuto pe’…

Odette           Ascite immediatamente ‘a via ‘e fore!

Sanchez         (Rincorrendolo) Via de aqui! Via!

Edoardo        (Agitato, spinge Carletti verso l’uscita) Inzomma, ‘o vvulite capì, sì o no?? Jatevenne!

Carlo             (Uscendo di corsa verso destra, dimentica nuovamente l’ombrello) Ccà dinte songhe asciute pazze tutte quante! (Sanchez si avvicina a Odette, mentre Edoardo si appoggia al camino, esausto)

Sanchez         (Raggiante) Gracias, Odette, gracias! So che lo avete fatto por mi.

Odette           (Disorientata) Ma che cosa?

Sanchez         Abete casciato Carletti.

Odette           (Irritata) State tranquillo, non tornerà più. Nun ‘o voglio vedè cchiù!

Sanchez         (Contentissimo, prende le mani di Odette e le bacia) Oh, como soy felìz de sentirvelo dire. Gracias, Odette! (Carletti entra da destra cercando di non farsi notare, per recuperare l’om-brello; urta contro una sedia e tutti si accorgono della sua presenza)

Odette, Edoardo e Sanchez         Carletti! Carletti!

Carlo             (Con voce tremante) Scusate, m’aggio scurdato ‘n’ata vota ‘o ‘mbriello. (Afferra rapidamente l’ombrello e fugge verso l’uscita)

Odette, Edoardo e Sanchez         (Inseguendo Carletti, escono correndo a destra) Fuori! Jatevenne! Via! Go out!

Sipario

FINE DEL PRIMO ATTO


ATTO SECONDO

Si consiglia di strutturare la scenografia partendo da quella del primo atto con il minimo possibile di cambi. In alternativa:

Stanza di servizio in casa Montimar.

Due entrate a destra: una comune da fuori ed una per il salone dei ricevimenti.

Un’entrata a sinistra che porta verso gli altri locali della casa. Il grande passaggio a sinistra del primo atto è parzialmente chiuso verso sinistra da un armadio ed è agibile solo nella metà destra, arricchita da un tendaggio.

A destra: un grande paravento e una o due sedie; a sinistra: mobile da toeletta su cui sono disposti diversi oggetti (flaconi di profumi, creme, pettini, spazzole), un vaso di fiori e spighe e un campanello, una o due sedie e una poltrona; in scena: suppellettili varie, tendaggi, quadri.

Tempo: la sera dello stesso giorno del primo atto.

SCENA PRIMA

(CRISTINA e VIRGINIA, poi la SIGNORA MONTIMAR)

Cristina        (Mentre aiuta Virginia, seduta alla toelette, a sistemare il vestito) Ecco qua, accussì va meglio, nun ve pare?

Virginia        (Aggiustando delle pieghe) Sì sì, mò va bene. Uffà, che sofferenza!

Cristina        (Andando dietro Virginia, stringe l’abito) Aspettate ‘nu mumento… (Dà ancora uno strattone a Virginia) Ecco qua signurì, mò me pare ‘overamente a posto.

Virginia        (Allontanandosi) Finalmente, nun ce ‘a facevo cchiù! Che staje facendo?

Eleonora      (Entrando da destra) Allora Virgì, bella ‘e mammà, sì pronta?

Virginia        Spero proprio ca sì, Cristina nun è maje suddisfatta!

Cristina        ‘Na festa ‘e fidanzamento nun s’organizza tutte ‘e juorne, nunn’è accussì signò?

Eleonora      Hai ragione Cristina. A proposito, ‘o buffet sta a posto? È bello ricco?

Cristina        Penzo ‘e sì, ma è meglio ca vaco a dà ‘n’urdemo sguardo. Scusateme. (Esce a destra)

Eleonora      (Accostandosi alla figlia e prendendola per le spalle) Allora Virgì, sei pronta per il grande momento?

Virginia        Eh, mica sarà la fine del mondo!

Eleonora      (Tenendo la figlia per le spalle; nel corso della scena Virginia finirà di truccarsi e vestirsi) Ma comme, nun sì cuntenta ‘e diventà ‘a mugliera del conte Edoardo Rispoli?

Virginia        (Con indifferenza) Pe’ mme è ‘a stessa cosa!

Eleonora      (Stupita) Ma che staje dicenno? Che ssignifica?

Virginia        Mammà, significa che in fondo isso addeventa sulamente maritemo.

Eleonora      (Stupita) Ma… ma… me pare ca abbasta, no?

Virginia        Si ‘nce pienze bbuono che cagna? Quanno sì ‘na criatura tiene ‘a balia, addeviente ‘na guagliona e t’ammollano l’istitutrice e quanno te sì fatta ‘na femmena adulta tiene ‘o marito. Tutto qua.

Eleonora      Tutto qua?

Virginia        Ma sì. Mammà, ‘o marito è ‘na specie ‘e dama ‘e cumpagnia, maschio. Chest’è.

Eleonora      Ah, chesta po’! E ‘a maternità… e tutto ‘o riesto, addò ‘e miette?

Virginia        Che ce azzecca ‘o marito cu’ ‘a maternità?

Eleonora      Nientedimeno? Che ce azzecca?

Virginia        Ma sì, ‘nce stanno femmene ca senza ‘o marito tenene ‘e figlie e femmene ‘nzorate ca nun ne tenene. Quindi, che ce azzecca ‘o marito cu’ ‘a maternità?

Eleonora      (Apre la bocca per rispondere ma non riesce a trovare le parole) Ma… ma… Che ce sta ca nun te piace d’‘o conte Rispoli? Tanto p’accummencià è ‘nu bell’ommo.

Virginia        (Indifferente) Oh, pe’ ffà ‘o marito uno ne vale ‘n’ato…

Eleonora      Nun è accussì. Dint’a ‘nu marito ‘na femmena ha da truvà… il proprio complemento ideale… almeno p’evità d’‘o truvà doppo, me songhe spiegata?

Virginia        (Finisce di truccarsi e di vestirsi e si avvicina alla mamma) Sì mammà, ma ‘o fatto è ca ‘o marito ideale pe’ mme è ‘n’ommo ca tu nun me facisse spusà maje.

Eleonora      (Stupita) Ma che vaje dicenno?

Virginia        Ecco… io avesse vuluto ‘n’ommo molto in vista, per esempio, che ne ssaccio…

Eleonora      ‘N’ artista… ‘nu pittore?

Virginia        No, ‘nu mascalzone!

Eleonora      (Sbalordita) Comm’hê ditto?

Virginia        Sì mammà, ‘n’ommo ca tutte ‘e ffemmene ‘o corrono addereto, ‘nu busciardo, uno poco affidabile.

Eleonora      Ma comme te po’ piacè ‘nu disgraziato accussì?

Virginia        Mammà è facile. È la legge della domanda e dell’offerta.

Eleonora      (Faticando a capire) Domanda? Quà domanda?

Virginia        Uno accussì ‘o vonno tanti ffemmene. Sapisse quante amiche mie vulesseero fernì tra le braccia ‘e ‘nu Don Giovanni, pure pe’ pochi juorne! Invece io m’‘o vulesse spusà e po’ dicere a lloro: “‘O vuliveve? E invece no. Mò è d’‘o mio, sulamente d’‘o mio”. Me capisce mammà?

Eleonora      Beh, primma ‘e tutto s’avesse sempe ‘a vedè si fosse sulamente d’‘o tujo, figlia mia. E po’ tu me lasse senza parole. Ma che ce aggio ‘mparato fino a mmò ‘a piccerella mia?

Virginia        (Abbracciandola) Mammà, sì troppo giovane pe’ ccapì!

Eleonora      (Ridendo) Ah, si ‘o ddice tu!

Virginia        Mammà, Edoardo è un uomo gentilissimo, educato, sempre serio, ma… nun fa colpo! Se vede subito ca nun è ‘nu Don Giovanni, ca nun ha avuto maje ati ffemmene. Insomma, pe’ te fa capì, so’ sicura ca maje nisciuna femmena s’è accisa pe’ isso.

Eleonora      Ma scusa Virgì, tu vulisse ca ‘na femmena… (Viene interrotta dall’ingresso di Cristina da destra)

SCENA SECONDA

(CRISTINA e dette, poi EDOARDO)

Cristina        (Entrando da destra) Signò, è arrivato ‘o conte Rispoli.

Eleonora      Fallo passà, Cristì.

Cristina        Sì, signora. Ah, ‘o buffet è pronto, sta tutte cose a posto. (Esce a destra mentre la signora Montimar aggiusta i capelli alla figlia)

Edoardo        (Entrando da destra, con aria allegra e un mazzo di fiori) Buongiorno cara signora, buongiorno Virginia.

Eleonora      Buongiorno Edoardo, comme staje?

Virginia        Ciao caro, che bellu mazzo ‘e sciure!

Eleonora      Per te, cara mia, nun è maje abbastanza!

Eleonora      (Con aria di finto rimprovero) Edoardo, ma comme, ancora non hai baciato la tua fidanzata?! (Edoardo bacia Virginia sulle guance mentre la signora Montimar si avvicina; quando Edoar-do ha finito di baciare Virginia si trova faccia a faccia con la suocera) E la suocera non la baciamo?

Edoardo        (Cambiando espressione) E comme no?! Ecco qua. (Bacia rapidamente la signora Montimar poi, a parte, con una smorfia) ‘O ffele doppo ‘o ddoce!

Eleonora      (Con aria tenera) ‘A farraje felice, è ‘overo Edoardo?

Edoardo        A chi?

Eleonora      Comme a chi? ‘A figlia mia!

Edoardo        (Imbarazzato) Certo, certo…

Virginia        E si accussì nun fosse, ce sta sempe ‘o divorzio, nun te pare?

Edoardo        (Perplesso) Ah, pecché, già hê previsto ca…

Virginia        Ma no, sciocco. Dico sulamente ca ‘nu dimane vulesse essere divorziata invece ‘e vedova.

Edoardo        (Sollevato) ‘A verità, pur’io.

Eleonora      (Avvicinandosi e prendendo da una parte la figlia e dall’altra Edoardo) Sì, vabbè ma a ‘sti ccose nun ce arrivarrate maje, so’ sicura. Edoardo è ‘n’ommo serio e a posto…

Virginia        (Sospirando delusa) E già.

Eleonora      Certo, pur’isso, comme tutte ll’uommene, avarrà avuto quacche peccatuccio ‘e gioventù…

Edoardo        (Categorico) Maje!

Eleonora      (Sottovoce a Edoardo) Ma comme, quacche donnina allegra… manco ‘n’amichetta?

Edoardo        Io? Pe’ ccarità! Spesso vedevo ll’amice mieje ca facevene ‘a corte ‘e gguaglione e ‘nce dicevo: Ma insomma, che ce ce truvate ‘e accussì spassuso?

Virginia        (Con commiserazione, a parte) Oh!

Edoardo        (Con voce commossa) Io aggio amato sulamente ‘na femmena!

Virginia ed Eleonora        Ah! (Pronunciano la stessa battuta in modo differente: Virginia come se dicesse: “Non è possibile!”, la mamma con tono soddisfatto, come se dicesse: “Lo immaginavo!”)

Edoardo        (Con voce solenne) Mammà! (Virginia, che si era avvicinata speranzosa, si allontana delusa)

Eleonora      (Commossa) Bravo Edoardo, sei una perla!

Virginia        (A parte) Chisto è pure peggio ‘e chello ca penzavo!

Edoardo        (A parte) Forse aggio esagerato ‘nu poco, sperammo bbuono…

SCENA TERZA

(CRISTINA e detti, poi GIORGIO)

Cristina        (Entrando da destra) Signò, già è arrivato un ospite.

Eleonora      Di già? E chi è?

Cristina        Il signor Giorgio Belli, ‘o giurnalista.

Edoardo        (Sobbalzando) Belli!

Eleonora      (Sorpresa) Che d’è, ‘o cunusce?

Edcardo        Io? No, naturalmente! No!

Eleonora      M’era parso. (A Cristina) Dicce a Belli ca tanto è di casa e ca venesse ccà; nun penzo proprio ca se formalizza.

Edoardo        Comme, ccà cu’ nuje?

Eleonora      E perché no? È un vecchio amico. (A Cristina) Vaje Cristì, fallo trasì.

Cristina        Sissignora. (Esce a destra)

Edoardo        (A parte, agitato) ‘Nce mancava sulamente ‘o giurnalista! E mò comme faccio?

Cristina        (Rientrando da destra seguita da Belli) Ecco, venite signor Belli. (Fa entrare Belli poi esce a sinistra)

Giorgio          (Baciando le mani che la signora Montimar gli porge) Cara Eleonora! Buonasera Virginia.

Eleonora      Caro, caro Giorgio.

Virginia        (Accennando un piccolo inchino) Signor Belli.

Edoardo        (Precipitandosi verso Giorgio in modo da frapporsi tra lui e la signora Montimar, con aria gioviale) Ueh, carissimo Belli, che bella surpresa! Comme state, eh? Comme state? (Lo trascina lontano dalla signora Montimar e da Virginia, che lo guardano perplesse)

Giorgio          (Sorpreso) Ma… ma… vuje ccà?

Edoardo        (Sempre gioviale) Certamente, songh’io in persona! (A Giorgio, in disparte) Zitto! Stateve zitto, m’arraccumanno! (Forte, con aria gioviale) Ah, il caro Belli sta ccà pur’isso! (Gli batte una mano sulla spalla, più volte) Bravo! Bravo!

Eleonora      (Perplessa) Ma allora ve canuscite?

Edoardo        E comme no! Certamente ca ‘o cunosco.

Eleonora      Ma si mò mò hê ditto ca…

Edoardo        (Interrompendola) Pecché nun hêvo ca stiveve parlanno ‘e isso. Pe’ mme ce sta sulamente ‘nu Belli, il caro Giorgio. (Gli mette una mano sulla spalla)

Giorgio          Veramente…

Edoardo        (Senza scomporsi) Il caro Giorgio, appunto. (A Belli) Bravo! Bravo!

Giorgio          (Confuso) Eh, già… certo… pensate Eleonora… ca ogge avimmo pranzato ‘nzieme.

Edoardo      (Cominciando ad agitarsi) Ehm, sì… me l’ero già scurdato…

Virginia        Interessante. E addò avite pranzato?

Edoardo        Addò aviammo pranzato? Beh… là… addò… comme se chiamma?

Giorgio          Addò ‘a cantante!

Edoardo        (A parte) Chist’è scemo proprio!

Eleonora      Addò ‘a cantante?

Virginia        Quale cantante?

Edoardo        (Precipitosamente, per evitare che Giorgio parli) È ‘nu ristorante. Il ristorante “Dalla cantante” (Rivolto a Virginia e alla madre, ridendo in tono forzato) Ma comme, nun canuscite ‘o ristorante “Dalla cantante”?

Virginia        Veramente no.

Giorgio          E manco io, ‘a verità.

Edoardo        (Sempre in tono forzatamente allegro, prende Giorgio per le spalle e lo allontana dalle due donne) Il caro Belli ca nun s’arricorda d’‘o ristorante “Dalla cantante” (In disparte, cambiando tono) Ma ve vulite stà zitto, sì o no? Pe’ cortesia, stateve zitto!

Eleonora      (Gioviale) E addò sta?

Edoardo        Addò sta? (Ridendo per prendere tempo) Vulite sapè addò sta ‘stu ristorante.

Virginia        Appunto.

Edoardo        Beh, sta ‘nu poco luntano.

Eleonora      E che ce ne ‘mporta. Dicce pure caro Edoardo.

Edoardo        Dunque… Tenite presente via Via Petrarca?

Eleonora      Sì, ma mica sta luntana?

Edoardo        Infatti, nun ce azzecca niente, sta ‘a tutta ‘n’ata parte hahahahaha

Eleonora      Hê fatto ‘o spiritoso, aggio capito.

Edoardo        Vabbuò, seriamente, tenite presente Corso Garibaldi?

Virginia ed Eleonora        Sì.

Edoardo        Perfetto, allora vuje ve mettite in modo ‘e tenè ‘e spalle Piazza Garibaldi e Corso Garibaldi ‘e rimpetto, è chiaro?

Virginia + Eleonora          Ma ‘a che parte?

Edoardo        Da destra… poi proseguite fino a Piazza Carlo III… (Indica con il braccio) D’accordo?

Eleonora      Aggio capito… Ma si se magna bbuono forse è meglio si ce jamme ‘nzieme uno ‘e chisti juorne.

Edoardo        (In panico) Eh? Beh, sì… forse.

Virginia        (Spazientita) Vabbuò, nun dammo retta, levammo mano.

Edoardo        Appunto! Ma sì. Che continuammo a ffà, quanno ce vulimmo jì v’accumpagno, no?

Eleonora      Ma sì, ma sì. Dint’a tutta ‘st’ammuina l’unica cosa chiara è ca già ve canuscite… (A Giorgio) e quindi, caro Giorgio, nunn’è necessario ca ve faccio cunoscere ‘o sposo ‘e figliema Virginia.

Giorgio          Chi? Chi è ‘stu sposo ‘e Virginia?

Eleonora      Comme chi è? È isso, il signor conte Edoardo Rispoli.

Giorgio          (Confuso) Comme? (A parte) Ah, mò me spiego tutto ‘stu burdello d’‘o ristorante! (Avvicinandosi a Edoardo) ‘O ddicevo io ca ‘o fidanzato teneva ‘nu nomme ca assumigliava assaje a chillo vuosto!

Edoardo        (Senza farsi notare da Virginia e dalla madre torce un orecchio a Giorgio) Ma ve vulite stà zitto ‘na vota e pe’ ssempe!? Stateve zitto!

Giorgio          (Gridando si allontana da Edoardo) Ahi, ahi!

Eleonora e Virginia          (Accorrendo) Ma ch’è succieso? Ve site fatto male? Assettateve ccà. (Lo portano verso la poltrona)

Edoardo        (Sovrastando con la voce quelle della signora Montimar e della figlia) Ch’è stato? Ve site fatto male? Presto assettateve! Purtate ‘nu bicchiere d’acqua!

Virginia        Vi sentite meglio, signor Belli?

Giorgio          (In poltrona, con voce debole, a Eleonora) Sto bene, grazie.

Virginia        (A Edoardo) Ma che t’è venuto in mente di…

Edoardo        (Lanciando un’occhiataccia a Giorgio e facendo segno di volergli torcere ancora l’orecchio) Stateve zitto, ve dico!

SCENA QUARTA

(CRISTINA e detti, poi ODETTE, CARLOTTA e GAETANO)

Cristina        (Entrando da destra con un biglietto da visita in mano) Signò, è arrivata… Sapite chi… (Guarda con aria d’intesa la signora Montimar e le porge il biglietto) Chisto è ‘o biglietto sujo.

Eleonora      (Prendendo il bigliettino, soddisfatta) Benissimo, già è venuta. Addò sta?

Cristina        Dint’‘o salottino ‘a llà, e cu’ essa ce stanno ‘a cammarera soja e ‘nu signore.

Eleonora      Jamme Cristì. (Rivolta agli altri) Scusateme ‘nu mumento. (Si avvia con Cristina a destra)

Edoardo        Che d’è?

Eleonora      (Ridendo) Oh, niente, ‘na piccola surpresa pe’ ll’ospite.

Giorgio          ‘Overamente?

Edoardo        Jamme, a nuje ce ‘o putite dicere!

Eleonora      Vedrete, sarà proprio ‘na bella surpresa, v’addevertirete. Viene cu’ nuje, Virgì.

Virginia        Sì, mammà. (Escono insieme a destra Virginia, la mamma e Cristina)

Edoardo        (Attende che siano uscite e poi piomba su Giorgio, che sta tentando di rialzarsi dalla poltrona) Disgraziato! Nun avite visto che maciello stiveve pe’ cumbenà poco fa?

Giorgio          (Alzandosi dalla poltrona) Scusatemi, l’aggio capito sulamente doppo! Comme putevo ‘mmacenà ca ‘o fidanzato ‘e Virginia era l’amante ‘e Odette!

Edoardo        (Alzando le spalle) Tanto p’accummencià, cu’ Odette è fernuto tutte cose ‘a quinnece juorne.

Giorgio          Ma comme? Ogge stiveve lloco addò essa!

Edoardo        (Irritato) Oggi… oggi… che vò dicere: oggi…! Stevo llà ‘e passaggio… p’‘a salutà, simme perzone civile, no?

Giorgio          Sì, non ne dubito…

Edoardo        (Avvicinandosi minaccioso all’orecchio di Giorgio) Comunque m’araccumanno! Si vedite Odette nun dicite manco ‘na parola, e dico: manco ‘na parola, ‘ncoppa ‘o fatto d’‘o matrimonio mio. È chiaro?

Giorgio          (Spaventato) Sissignore, chiarissimo. (Si avvia verso destra)

Edoardo        Bene, mò vedimmo ‘sta surpresa. (Si allontana indifferente verso sinistra)

Giorgio          (Esce a destra poi rientra subito sbalordito) Comme? Nun è possibile! (Esce di nuovo a destra; voce fuori scena della signora Montimar) Oh, carissima, ma site proprio vuje?

Odette           (Da fuori, a destra) Oh, carissimo Belli, che piacere!

Edoardo        (Sentendo la voce di Odette sobbalza, si gira, dà una rapida occhiata verso destra) Ma chi è? Uh Madonna mia! (Comincia ad agitarsi) Odette sta ccà! E mò? (Si guarda intorno senza sapere che fare, va verso sinistra) No, ccà me vedeno. (Va verso destra) Mannaggia, no, ccà ce sta ‘o salone. Che faccio? (Si ferma davanti all’armadio, lo apre e si nasconde dentro. Per evitare l’ armadio si potrebbe aprire la porta di un piccolo stanzino e ficcarsi dentro)

Giorgio          (Preoccupato, fingendo disinvoltura, entra da destra con la signora Montimar) Eleonora, chesta è stata ‘overamente ‘na sorpresa!

Eleonora      Hê visto, caro Giorgio? (Voltandosi verso destra) Prego signorina Giannetti, si ve vulite accomodare qua…

Giorgio          (Agitato, bloccando l’ingresso da destra) No! Ccà no, meglio ‘e no!

Eleonora      (Mentre Odette, Carlotta e Gaetano si affacciano da destra) Pecché?

Giorgio          (Guardandosi intorno e non vedendo più Edoardo) Pecché… pecché… ma no, stevo pazzianno, trasite pure!

Eleonora      Ah, ecco, vulevo dicere! (Odette, Carlotta e Gaetano entrano da destra) Bene signorì, spero ca ‘sta stanza va bbuono comme camerino.

Odette           (Guardandosi intorno) Certamente, andrà benissimo.

Eleonora      Bene, ‘a cammarera vosta po’ pusà ‘e vestite ccà ‘ncoppa. (Indica il tavolo da toeletta a Carlotta, che vi depone a fianco una grande valigia)

Odette           Permettete ca ve prisento il signor Gaetano De Caroli ca m’accumpagna ‘o pianoforte e ca organizza tutte le mie serate.

Eleonora      (A Gaetano, che si inchina a baciarle la mano) Lietissima.

Carlotta      (A parte) Non ce sta pericolo ca me prisenta! Accussì tutte penzarranno ca songo ‘a cammarera soja.

Odette           Spero sulamente ca nun ve dongo assaje fastidio.

Eleonora      Fastidio? Ma quanno maje! (Si muove per la scena indicando i vari oggetti) Ecco. Ccà ce sta tutto chello ca serve p’‘a toletta… ce sta pure ‘n’armadio dove addò putite appennere ‘e vestite… se tenite bisogno ‘e quaccheccosa, sunate ‘stu campaniello… (Suona il campanello) e pure ‘a cammarera vosta putarrà… (Indicando Carlotta)

Carlotta      (Seccata) Cammarera? Quà cammarera?

Eleonora      Ma pecché, nun site ‘a cammarera d’‘a signorina Giannetti?

Carlotta      Nossignore. Songo ‘a sora!

Eleonora      Uh, scusateme. Songo murtificata!

Carlotta      Nun fa niente, nun damme retta. (Si allontana verso sinistra; a parte) Cammarera!

Eleonora      (A Odette, indicando verso destra) Va bene, si mò vulite venì dint’‘o salone pe’ vvedè si ‘o palco e ‘o pianoforte songhe a posto…

Odette           Generalmente ce penza il signor De Caroli. (A De Caroli) Gaetà, t’‘o vvide tu, pe’ piacere?

Gaetano        Certamente. (Alla signora Montimar) Si ‘a signora me fa strada …

Eleonora      (Avviandosi a destra) V’accumpagno. (A Bello) Venite pure vuje, Giorgio?

Giorgio          Eccomi.

Eleonora      Jamme Virgì. Ma che fine ha fatto ‘o fidanzato tujo?

Virginia        Nun ‘o ssaccio, starrà già dint’‘o salone. (Escono a destra insieme alla signora Montimar, sua figlia, Giorgio e Gaetano)

Carlotta      (Avviandosi ad aprire la valigia e ad estrarne il contenuto) ‘A cammarera toja! M’ha pigliata p’‘a cammarera toja!

Odette           Nun è ca tiene scritto ‘nfaccia ca sì sorema.

Carlotta      Sì, ma tu t’addevierte quanno me ponno umilià. Sperammo almeno ca ‘o buffet è ricco…

Odette           Jamme, fernescela e damme ‘na mana a piglià ‘e vestite, accussì nun s’arruvinene; anze, ‘e ‘ppennimme dint’a ll’armadio.

Carlotta      ‘O vvide? Pure tu me tratte comme ‘na cammarera. (Prende un vestito e cerca di aprire l’ armadio) Ma ch’ha passato ‘st’armadio? Nun s’arape.

Odette           E manco chesto saje fà. Sarrà ‘nzerrato a chiave. Girala, no?

Carlotta      L’aggio girata ma nun s’arape.

Odette           (Si avvicina all’armadio) Levate ‘a miezo. (Tenta di aprire l’armadio senza riuscirvi) È ‘overo, nun s’arape.

Carlotta      Hê visto? Che t’hêvo ditto?

Odette           È strano, pare ca fa resistenza ‘a dinto. Facimme ‘na cosa, pruvamme ‘nzieme.

Giu. + Car.     Uno, due, tre… via! (Aprono a forza la porta dell’armadio e Edoardo esce quasi cadendo loro addosso; grida e confusione) Ah! ‘N’ommo! ‘Nu mariuolo!

SCENA QUINTA

(EDOARDO e dette, poi GAETANO)

Edoardo        (Con finta calma) Et voilà, eccomi qua.

Odette           Edoardo!

Carlotta      Rispoli!

Edoardo        Brave! Avete azzeccato una il nome ed una il cognome!

Odette           (Spaventata e confusa) Ma… che ce facive lloco ddinto?

Edoardo        Io? Nun ‘o vvide? Ve stevo aspettanno.

Odette           Dinto all’armadio?

Edoardo        (Minimizzando) Eh, dinto all’armadio. Ogne tanto uno sente ‘a necessità ‘e rimmanè sulo … a penzà…

Carlotta      Dint’a ll’armadio? C’hê fatto fà janche d’‘a paura!

Edoardo        (Ridendo forzatamente) V’aggio spaventate? Bene, vò dicere ca ‘o scherzo è riuscito.

Carlotta      ‘Nu scherzo cretino, t’‘o ddico!

Edoardo        Sapete, aggio pensato… stanno venenno, allora me metto dinto all’armadio… e me faccio truvà lloco ddinto...

Carlotta      ‘Nu scherzo soprattutto intelligente assaje!

Edoardo        Bene, sò cuntento ca v’è piaciuto. (A parte) Sperammo ca nun arriva nisciuno cchiù.

Gaetano        (Entrando dal salone) Bene Odette, ‘a là sta tutte cose a posto… (Scorge Edoardo) Uh, Edoardo!

Edoardo        Gaetano!

Gaetano        (Perplesso) Ma comme, vuje state ccà?

Edoardo        (Cercando di assumere un’aria disinvolta) Beh, che ce sta ‘e strano?

Odette           (A Gaetano) Vuò sapè addò l’aggio truvato?

Gaetano        Addò l’hê truvato?

Odette           Dint’a ll’armadio!

Gaetano        Dint’a ll’armadio?

Edoardo        (Senza convinzione) Sì… ogne tanto uno have bisogno ‘e rimmanè ‘nu poco sulo… pe’ penzà… e po’ fà ‘nu scherzo… ‘a surpresa!

Gaetano        E se ‘nzerra dint’a ll’armadie ‘e ll’ate?

Edoardo        E se ‘nzerra dint’a ll’armadie ‘e ll’ate.

Gaetano        (A parte) Ma chisto è asciuto scemo ‘overamente!

Odette           (A Carlotta, porgendole un vestito) Carlotta, va di là e vide ‘e te fà stirà ‘stu vestito.

Carlotta      (Prendendo seccata il vestito) Sìssignora! (A parte) ‘Na cammarera, chesto me considera. ‘Na cammarera! (Si avvia brontolando a destra)

Gaetano        Nun ve pigliate collera, Carlotta, site sempe affascinante… (La segue parlandole all’orec-chio poi, una volta uscita Carlotta, torna indietro dagli altri)

Odette           (Continuando a sistemare la roba) Quindi tu cunusce ‘a famiglia Montimar.

Edoardo        ‘A paricchiu tiempo. Conosco ‘a mamamma ‘a quann’era ‘na criatura!

Odette e Gaetano   Comme?

Edoardo        Cioè… essa me cunosce ‘a quann’io ero ‘nu criaturo. (Con aria decisa) Mò però tu m’ hê fà ‘na cortesia: nun cantà dint’a ‘sta casa. Intesi?

Odette           (Sbalordita) E pecché?

Edoardo        (Non sapendo cosa dire) Pecché?... Pecché?... Pecché ‘a chella parte… (Indica verso sinistra) ce stanno troppi ccurrente d’aria.

Odette           Ma addò?

Edoardo        ‘A chella parte, dint’‘o salone.

Odette           Dint’‘o salone? Hê ‘ntiso Gaetà? Si ce stanno currente d’aria nun canto! Mò ‘nce ‘o vvaco subbeto a ddicere ‘a signora Montimar. (Si avvia a destra)

Edoardo        (Ferma Odette) Statte ferma! Addò vaje? Si ce ‘o vvaje a dicere scoprirà ca songo stat’ io a t’‘o ddicere, nun te pare?

Odette           Ma nun farraggio ‘o nomme tuojo, può stà tranquillo. (Guardando a destra) Ah, aiccanne, sta turnanno. (Edoardo fugge precipitosamente a sinistra) Mò lle dico… (Si gira e vede che Edoardo è scomparso; rivolta a Gaetano) Ma addò se n’è gghiuto?

Gaetano        (Allargando le braccia con aria desolata) È scappato ‘a chella parte…

Odette           Ma chisto s’è scemunuto bell’e buono!

SCENA SESTA

(SIGNORA MONTIMAR e detti, poi EDOARDO, indi VIRGINIA)

Eleonora      (Entrando da destra) Vulesse proprio sapè addò è juto a fernì ‘o fidanzato ‘e Virginia…

Odette           Signora, speravo proprio ‘e ve vedè. Tengo paura ca dint’‘o salone ce sta quacche corrente d’aria.

Eleonora      (Perplessa) Quacche corrente d’aria?

Odette           È chiaro ca nun pozzo cantà si ce stanno correnti d’aria dint’‘a sala.

Eleonora      Tenite ragione… ma nun capisco… venite a cuntrullà voi stessa…

Odette           E ghiammo. Pecché, capirete bene, a ‘sti condizioni io nun pozzo cantà. (Esce verso il salone con la signora Montimar, mentre Gaetano va a sedersi a destra)

Edoardo        (Spuntando da sinistra) Se ne so’ gghiute?

Gaetano        (Di soprassalto) Ma che sta succedenno?

Edoardo        Che sta succedenno! ‘N’atu ppoco me crolla ‘o munno ‘ncuollo, chesto sta succedenno! Odette sta ccà pe’ ccantà ‘a festa d’‘o fidanzamento mio cu’ ‘a figlia d’‘a signora Montimar e sta pure pe’ vvenì ‘o nutaro p’‘a firma d’‘o cuntratto ‘e matrimonio!

Gaetano        (Alzandosi) ‘Nu bellu casino!

Edoardo        Avite cercà ‘e ve purtà Odette ‘a via ‘e fore, in qualunque modo.

Gaetano        Ma comme?

Edoardo        Nun ‘o ssaccio, ma s’ha dda fà.

Gaetano        Ce provo, ma nun saccio si… (Si sentono le voci della signora Montimar e di Odette da destra)

Edoardo        (Agitato) Aggio ‘a sparì! (Corre verso l’uscita e si scontra con Virginia che sta entrando) Ah, sì ttu?

Virginia        Addò stive? È cchiù ‘e mez’ora ca te cerco.

Edoardo        Pur’io te stevo cercanno. S’Sta casa è troppo grossa… Vabbuò, mò putimmo cercà ‘nzieme.

Virginia        Cercà che ccosa? Oramaje ce simme truvate.

Edoardo        (A parte) Nun saccio cchiù manco chello ca dico!

Virginia        (A parte) Ma è addeventato scemo proprio?

Gaetano        (Che nel frattempo era a destra per spiare l’arrivo di Odette e della signora Montimar) ‘E bbì lloche, stanno arrivanno!

Eleonora      (Entrando da destra, porta del salone, seguita da Odette) Ecco, avite visto ca nun ce sta niente ‘a se mettere appaura?

Odette           È ‘overo. Nun ce sta nisciuna currente d’aria.

Eleonora      (Vedendo Edoardo) Ah, Edoardo, menumale! (A Odette) Signorì, permettete ca ve presento… (Nel frattempo Edoardo ha cercato di allontanarsi il più possibile, mettendosi le mani sulla testa come per parare il colpo)

Gaetano        (Interrompendo ad alta voce la signora Montimar) No, nun è ‘o caso! Già se cunoscene! Se cunoscene! Nun ce sta bisogno ‘e presentazione!

Le donne        (Stupite) Comme?

Gaetano        (Afferrando un braccio di Odette e portandola verso sinistra) Viene, viene cu’ mme! Jamme a cercà ‘e currente d’aria, jamme!

Odette           (Cercando di resistere) Ma insomma!

Gaetano        Viene cu’ mme, te sto dicenno! (Esce di corsa a destra trascinando per un braccio Odette, mentre Edoardo tira un sospiro di sollievo)

Eleonora      (Stupita) Ma che sta succedenno? Pecché s’‘a trascina via ‘e chella manera?

Edoardo        (Con aria di rimprovero) Pecché? Pecché stiveve facenno ‘na gaffe esagerata, ecco pecché!

Eleonora      ‘Na gaffe?

Virginia        Ma quale?

Edoardo        (Sempre con aria di rimprovero) Vuje stivevee pe’ me prisentà comme “Il signor conte Edoardo Rispoli, il fidanzato di vostra figlia”, o “mio futuro genero” o ‘na cosa ‘e cheste, è ‘ovè?

Eleonora      Certo…

Edoardo        E proprio chesto nun s’ha da fà. Pe’ ffurtuna chillu signore là… (Indica verso destra) m’ hêva avvisato… pe’ cchesto se l’ha purtata via accussì. (Si avvicina a Virginia e alla madre, con aria misteriosa) M’ha cunfidato ca nun s’ha dda maje, dico maje, dicere ‘a parola fidanzato o genero o cose ‘e cheste annanze a Odette Giannetti!

Eleonora      E pecché?

Edoardo        (Sempre con aria misteriosa) Pecché pare ca ‘a puverella ‘na vota avette ‘n’ammore infelice!

Eleonora      No!

Virginia        Interessante!

Edoardo        (Lancia un’occhiataccia a Virginia e prosegue in tono lamentoso) Quacch’anno fa canuscette ‘nu giovane bello e sfurtunato e s’hêva ‘nzurà cu’ isso. ‘O giovane però era ‘nu debole e ‘nu bellu juorno…

Ele. + Vir.     (Prese dal racconto) ‘Nu bellu juorno?

Edoardo        ‘Nu bellu juorno ha ceduto!

Eleonora      Ha ceduto? A che cosa?

Edoardo        Alle insidie ‘e ‘na vecchia e ricca signora americana ca s’‘o portaje cu’ essa a San Francisco.

Eleonora e Virginia          (Desolate) Ohh!

Edoardo        E accussì ‘o matrimonio sfumaje! Odette Giannetti nun s’è ripigliata cchiù. E ‘a tanno basta dicere annanze a essa una ‘e chelli pparole ca subbeto… svenimiente, crise ‘e nierve, chiante…

Eleonora      Avite fatto bbuono a m’‘o ddicere!

Virginia        Che bello, ‘nu rumanzo d’ammore accussì bellillo!

Edoardo        Virgì, che dulore! Menu male ca chillu signore m’ha avvisato! (Si avvia verso destra per vedere se Odette sta rientrando)

Virginia        Vabbuò, mò ‘o ssapimmo e ce stamme attente a nun… (Si sentono le voci di Odette, Giorgio e Gaetano fuori scena a destra)

Edoardo        (Agitandosi, afferra Virginia e la signora Montimar) Presto, venite cu’ mme! Facite ampresso!

Eleonora + Virginia          (Stupite) Ma addò? Che cosa? Comme? Pecché?

Edoardo        (Trascinandole verso sinistra) Venite ‘a ccà, ve sto dicenno, v’aggio ‘a dicere ‘n’ata cosa. Jamme, jamme! Ampressa ampressa! (Esce a sinistra con le due donne)

SCENA SETTIMA

(ODETTE e GAETANO, poi GIORGIO, indi CRISTINA, infine SANCHEZ)

Odette           (Irritata, entrando dal salone con Gaetano) Insomma, Gaetà, nun capisco pecché m’hê vu-luto trascinà ‘n’ata vota ‘a chella parte. Hê visto ca nun ce stanno currente d’aria?

Gaetano        (Contrito) È ‘overo… però… me pareva ca ce stevene. (A parte) Aggio ‘a fa pure ‘a figura d’‘o cretino!

Odette           (Sedendosi alla toeletta) Vabbuò, nun ne parlammo cchiù. È meglio ca accummencio a me truccà.

Giorgio          (Entrando da sinistra) Scusate, siccome ca nun è arrivato nisciuno ancora, ve dispiace si me stongo ccà cu’ vuje?

Odette           (Cominciando a truccarsi) Ma ci mancherebbe, assettateve, prego.

Giorgio          (Sedendosi a sinistra) Grazie. (Momento di silenzio durante il quale Odette continua a truccarsi e Gaetano evita deliberatamente di parlare; Giorgio osserva i due e prosegue con imbarazzo) Io proprio nun arrivo a capì che sta succedenno a Edoar…

Cristina        (Entrando da destra) Scusate tanto signorì. Ce sta ‘nu signore ca ve va truvanno…

Odette           A me?

Cristina        Aggio visto ca ‘a cammarera vosta sta stiranno ‘nu vestito e allora m’aggio permessa ‘e…

Odette           Nun è ‘a cammarera mia, è mia sorella.

Cristina        Oh, scusateme signorì. Nun volevo…

Odette           Nun ce facite caso. È abituata… Chi è ‘stu signore ca me va truvanno?

Cristina        Il cavaliere Sanchez.

Odette           Ma è in anticipo! Facitelo trasì.

Cristina        Sì signorina. (Esce a destra)

Gaetano        Sanchez? Ma chi l’ha invitato?

Odette           So’ stata io…

Giorgio          (Alzandosi) ‘O cavaliere Sanchez?

Gaetano        Sì, ‘n’ammiratore ‘e Odette, chella specie di ex ministro spagnolo… mò è ‘nu ricco imprenditore…

Giorgio          Accussì mò ca se libera ‘o posto …

Odette           (Avvicinandosi a Giorgio) Comme?

Cristina        (Entrando seguita da Sanchez che regge un mazzo di fiori) Il signor cavaliere Sanchez. (Esce a destra)

Odette           Oh, carissimo cavaliere!

Sanchez         (Prende una mano di Odette e la bacia) Excusateme tanto Odette. Yo soy en retardo. Soy emperdonable.

Odette           Ma no, che dite? Non siete affatto in ritardo, anzi! Conoscete già il signor De Caroli, mio grande collaboratore artistico… (Sanchez e De Caroli si stringono la mano) Permettetevi ‘e ve presentà il signor Giorgio Belli, giornalista del Mattino.

Giorgio          (Stringendo la mano a Sanchez) Signore…

Sanchez         (Accennando un inchino) Encantado! (A Odette, porgendo il mazzo di fiori) Permetteteme de ofrirve… ‘sto mazzo…

Odette           (Interrompendolo prende i fiori) Ati rrose? Ma come siete originale!

Sanchez         Gracias. (Sforzandosi di ricordare la frase che deve dire) Son rosas por la reina de las rosas! (Sfilando un astuccio dal mazzo di fiori) E visto che abete gustato l’agnellino… (Estrae una collana dall’astuccio e la porge a Odette) esto es el complemento

Odette           (Prendendo la collana) Uh mamma mia, cavaliere! (Mostra la collana a Giorgio e a Gaetano; commenti ed espressioni di meraviglia, atteggiaamento compiaciuto di Sanchez: Gaetano aiuta Odette ad agganciare la collana)

SCENA OTTAVA

(SIGNORA MONTIMAR e detti, poi VIRGINIA, indi EDOARDO, poi CRISTINA e infine GAETANO)

Eleonora      (Entrando da sinistra) Cose ‘a nun credere! Ce fa saglì tre ppiani ‘e pressa, ce porta ‘ncoppa ‘a suffitta e ce dice: “Nun ce avite fatto caso ca ‘sta casa nun tene ‘o parafulmine?” (Poi si ferma, vedendo Sanchez)

Sanchez         (Inchinandosi) Señora…

Odette           Signora Montimar, permettetemi ‘e ve presentà il cavaliere commendatore Sanchez, grande imprenditore, ca m’aggio permiso ‘e ‘nvità al concerto. (Sanchez scattano sugli attenti, batte i tacchi e fa un rapido inchino)

Eleonora      Molto lieta, cavaliere commendatore.

Sanchez        Gracias por l’invito alla fiesta.

Eleonora      (Civettuola) Oh, è soltanto una serata in famiglia, tra amici.

Sanchez        (Con aria gentile) Ma sì, ma yo soy venido solamente por la señora Odette!

Eleonora      (Sconcertata) Aggio capito…

Giorgio         (Accostandosi a Gaetano, indicando Sanchez) ‘Nu gran signore, è ‘ovè? Ma addò vene? (O-dette, Sanchez e la signora Montimar continuano a parlare tra loro)

Virginia        (Entrando da destra si volta fuori scena) Ce spicciammo?! Ma che sta succedenno stasera?

Edoardo        (Apparendo da destra) Ma no… niente… (Vede Sanchez) Oh, no! Ce mancava sulo ‘o spagnolo!

Sanchez        (Si gira e vede Edoardo) Oy! El señor… (Riconoscendolo) Ahora canterete anche voi!

Tutti              (Sorpresi) Comme? / Che cosa? / Cantà? / ‘Overamente? / Possibile?

Sanchez        Seguro! Siete un tenor, vero?

Tutti                   (Sorpresi) No? / ‘Overo? / ‘Nu tenore? / Robba ‘a nun credere!

Edoardo        (Imbarazzato) Ma no… solo un pochino…

Virginia        Nun ‘o ssapevo. Accussì facimmo ‘nu poco ‘e musica.

Edoardo        (A parte) Perfetto! Di bene in meglio!

Cristina        (Entrando da destra) Signò, è arrivato ‘o nutaro…

Eleonora      L’hê fatto accomodà?

Cristina        Sì, signò, sta già dint’‘o salone.

Eleonora      Dicce ca mò venimmo subbeto.

Cristina        Sìssignora. (Esce a destra)

Eleonora      (Rivolgendosi a tutti i presenti, invitandoli verso il salone) Bene, cari amici, se volete accomodarvi di là per la lettura del contratto… (Escono verso il salone Giorgio e Virginia parlando tra loro, mentre Edoardo si allontana lentamente verso sinistra) Signor De Caroli?

Gaetano        (Interrompendo la conversazione con Sanchez) Onoratissimo, signora, eccomi! (A Sanchez) Permettete?

Sanchez        Ve priego.

Eleonora      (A Odette) Non vulite venì, signorì? (Edoardo sobbalza)

Odette           Grazie signò, ma aggio ‘a fernì ‘e me priparà. (Indica il tavolo da toeletta e i vestiti mentre Edoardo sospira di sollievo)

Eleonora      (A Sanchez) E voi, cavalier Sanchez, non venite?

Sanchez        E che me interessa el vuestro contrato? Prefiero restare con la señora Odette!

Eleonora      Naturalmente! (A Edoardo) Edoà, vuje nun venite?

Edoardo        (Confuso e imbarazzato) E come no, eccomi. (Si avvia verso destra cercando di evitare Odette, mentre la signora Montimar si dirige verso il salone)

Odette           Ma ce vaje pure tu? (Edoardo si ferma) Che te ne ‘mporta d’‘o cuntratto lloro?

Sanchez        Yo ci vado, forse? Y ahora?

Odette           (Sistemando i vestiti nell’armadio) Si proprio ce tiene tanto, ce vaje adoppo… cu’ mme.

Edoardo        Giusto!

Cristina        (Entrando da destra) Scusate, signorì. Ccà ce sta l’accordatore d’‘o pianoforte ca ce ha mannato l’agenzia. Vò parlà ‘nu momento cu’…

Odette           (Interrompendola) Va bene, va bene. Facitelo trasì… (A Edoardo) Famme ‘nu piacere, me vuò chiammà a Gaetano?

Cristina        (Esce da destra; foce fuori scena) Ecco, trasite ccà.

Carlo            (Voce fuori scena) Grazie. Addò pozzo lassà ‘o ‘mbrello?

Odette ed Edoardo            (Si guardano e guardano Sanchez che assume un’aria sospettosa) Carletti!

Sanchez        (Vedendo entrare Carletti da destra) Carletti!

Carlo            (Sconvolto, vedendo Sanchez) ‘O spagnolo pazzo! (Sanchez e Carletti si inseguono intorno alle sedie e al tavolo, mentre Odette e Edoardo cercano di fermarli)

Sanchez        Venite aqui, Carletti! State lontano da Odette, ve digo! Via, si no sete un hombre muerto!

Carlo            Ma che state dicendo? Fermateve! Calmateve! (Mentre si rincorrono entrano la signora Montimar e Gaetano dal salone)

Eleonora      Ma che sta succedenno ccà dinto?

Odette           (A Gaetano) Fermali! (Gaetano ed Edoardo riescono a bloccare Carletti e Sanchez, che si divincolano; Carletti fugge a destra, inseguito poco dopo da Sanchez che per liberarsi ha fatto cadere Gaetano; fuori scena si sentono rumori di oggetti infranti, mobili caduti)

Eleonora      Ma chi è? Me pare ca già l’aggio visto ‘a quacche parte e pecché ce l’have cu’‘o cavaliere spagnolo? (Nel frattempo da destra si affacciano Giorgio, Carlotta e Virginia)

Giorgio e Virginia  Ma che d’è tutta ‘st’ammuina? Ch’è succieso? (Giorgio, Carlotta e Virginia discutono con Edoardo e con Gaetano, mentre la signora Montimar finisce di parlare con Odette)

Eleonora      (Irritata) Insomma, è ‘na cosa seccante assaje, scusate! Dint’‘a casa mia e justo chesta sera! Ce sta ‘nu cuntratto ‘a firmà. (A Edoardo e Virginia) Sig. Rispoli! Virginia! Jammuncenne!

Odette           (Insospettita) Perché Edoardo?

Eleonora      (Senza riflettere) Comme, pecché? Perché è ‘o fidanzato ‘e figliema Virginia!

Odette           (Sentendosi mancare) ‘O… ‘o… fidanzato? Isso?! (Lancia un urlo e sviene; accorrono tutti tranne Edoardo, che si dirige a destra e la signora Montimar, che si blocca; Odette viene portata sulla poltrona e tutti intorno cercano di rianimarla)

Edoardo        (Avviandosi verso la signora Montimar) Brava! Avite ditto “fidanzato”!

Eleonora      (Imbarazzata) Io?

Virginia        (Avvicinandosi alla madre) Sì, tu!

Edoardo        (Tornando verso destra) E v’avevo avvisata! Mò nun dicite ca nun v’hêvo avvisata.

Virginia        Mammà, te l’aveva detto ca nun avive ‘a dicere chella parola, Ma tu, comme ‘o ssoleto… (La signora Montimar cerca di assumere un’aria indifferente)

Sanchez         (Entrando da destra) Oh! Yo ho sbattuto fuori dalla puerta Carletti. (Vede Odette svenuta) Madre de mi vida! Che passa? Che habe Odette? (Si avvicina alla poltrona e cerca di aiutare a rianimarla) Lasciatele un poquito de aria! Aria! Aria! (Allontana le persone da Odette)

Gaetano        (Si allontana, passandosi una mano sulla fronte) Che serata!

Edoardo        Ecco, facimmola respirà! (Alla signora Montimar e a sua figlia) Sentite. Mentre loro si occupano di lei, nuje jammo ‘a llà a firmà, va bene?

Eleonora      Sì, jammuncenne. (Escono a destra Virginia e Edoardo)

Gaetano        (Allontanandosi da Odette, mentre Carlotta, Sanchez e Giorgio le stanno incontro) Che avventura!

Sanchez         (Consegnando un fazzoletto a Carlotta) Bagnatelo de l’agua! Presto, de l’agua!

Carlotta      (Avviandosi stizzita al tavolo da toeletta) ‘Na cammarera! Tutte quante me trattano comme a ‘na cammarera! (Versa l’acqua su un fazzoletto e ritorna dalla sorella) Nun ne pozzo cchiù… sono al colmo! Nun me rispettano… (Urla) Je songhe ‘a sora ‘e Odette!

Sanchez         (Strappando il fazzoletto a Carlotta, lo pone sulla fronte di Odette) Odette… rinvenite… ve digo de rinvenire… su, su, fuerza!

Giorgio          (Allontanandosi da Odette) Ha da essere stata ‘a nutizia d’‘o matrimonio ‘e Rispoli a ridurla accussì!          

Gaetano        (Inorridito, avvicinandosi a Carlotta) Oh, no!

Sanchez         (Continuando a passare il fazzoletto sul viso di Odette) El matrimonio del tenor? E che le empuerta del su matrimonio?

Giorgio          È il suo amante. No?

Carlotta        (A Gaetano) Oilloco, ‘o scemo!

Sanchez         (Si ferma, si alza lentamente e butta il fazzoletto in faccia a Odette) Cossa, cossa, cossa? Rispoli es el suo amante?

Giorgio          Ma sì, ‘o ssanno tutte quante!

Gaetano e Carlotta          (A parte) Ma chisto è scemo cu’ ‘o core!

Sanchez         (Afferrando Giorgio per il bavero della giacca) Rispoli es el suo amante?

Giorgio          Ma lassateme! Che v’afferra?

SCENA NONA

(EDOARDO e detti, poi, da dentro, la SIGNORA MONTIMAR, indi VIRGINIA e TUTTI I PRESENTI NELLA CASA)

Edoardo        (Entrando con aria soddisfatta da destra) Che se dice ccà?

Sanchez        (Mollando Giorgio si avventa contro Edoardo) Voi siete l’amante de Odette?

Edoardo        (Spaventato) Che avete detto?

Sanchez        Yo ho sapudo que siete el suo amante!

Giorgio         (Avvicinandosi a Gaetano e a Carlotta) Penzo ca aggio fatto ‘na strunzata.

Carlotta e Gaetano          Una sola?

Gaetano        (Cercando di intromettersi tra Edoardo e Sanchez, mentre Carlotta discute a parte con Giorgio) Su, signori, calmammece ‘nu poco.

Sanchez         (Allontanando Gaetano con un gesto) Silenzio voi! (A Edoardo) Rispoli, non sete que un adventurero! Voi meritate de essere matado por questo!

Edoardo        Oh, calma! Matado? Ucciso… E po’ pecché?

Sanchez         Porque yo amo Odette e voi siete un ostaculo! Ve mataderò como un toros de corridas! Sete osta culo… en ostaculo.

Edoardo        Ma quale ostaculo? Nunn’o ssapite ca me sposo?

Sanchez         (Calmandosi) Davvero? E non amate più Odette?

Edoardo        No.

Sanchez         (Sospettoso) Seguro? Ah, caro Rispoli, sete un amigo! (Gli stringe la mano)

Edoardo        (Vedendo che Odette comincia a riprendere i sensi) Lasciatemi solo con lei un momento. Aggio ‘a chiarì ‘sta cosa ‘na vota e pe’ tutte.

Sanchez         Vamos de là. Priesto, priesto! (Spinge Gaetano, Carlotta e Giorgio verso sinistra ed escono tutti)

Odette           (Riprendendosi, con voce lamentosa) Che m’è succieso?

Edoardo        (Supplicando) Odè, perduoname. Songhe ‘nu traditore. Sì, songhe ‘nu traditore!

Odette           (Ricordando quello che è avvenuto, cambia completamente tono di voce) Miettete scuorno! (Si alza spingendo via Edoardo e si allontana verso sinistra) Ma allora è tutto ‘overo? ‘O fidanzamento… ‘o cuntratto ‘e matrimonio… è tutto ‘overo?

Edoardo        (Sempre supplicando) Sì, è tutto ‘overo. E t’addimanne perdono!

Odette           (Con gesto teatrale, in tono triste e malinconico) Saccio chello ch’aggio ‘a fà! (Aprendo la borsetta e frugando dentro, con voce drammatica) T’arricuorde chello ca t’aggio prummiso? (In tono drammatico) T’arricuorde?

Edoardo        E comme, no?!! (A parte) Ma che cacchio m’ha prummiso?

Odette           L’hê vuluto tu! (Estrae una pistola dalla borsetta) Addio! Sii felice!

Edoardo        (Spaventato) Ma che vaje facenno, sì pazza? (Afferra il braccio cercando di prendere l’arma) Odette, fermate! No ccà, dint’‘a casa ‘e ‘n’ate, te prego! Magari doppo, a casa toja, cu’ calma. Ma primma famme spiegà, pe’ favore…

Odette           (Svincolandosi) E ghiamme, parla!

Edoardo        Damme ‘a rivoltella!

Odette           (Allontanandosi verso destra) No, parla primma!

Eleonora      (Voce fuori scena) Rispoli! Rispoli, addò state?

Edoardo        Ecco, ce mancava sulamente ‘sta vecchia gallina! (Si precipita verso la porta e parla fuori scena, con voce falsamente tranquilla) Sto venenno, sto venenno. Tutto bene, ‘n’atu ppoco vengo.

Odette           (Mentre Edoardo di spalle parla con la signora Montimar, estrae dalla canna della pistola un ventaglio e si fa aria) Che cavero ca fa ccà dinto! (Mentre Edoardo parla, chiude ventaglio e pistola nella borsetta)

Edoardo        (Si gira verso Odette, che gli volta le spalle) Odette, ti prego, in nome del nostro amore! (S’ inginocchia a fianco di Odette, in modo che le loro teste si trovino alla stessa altezza)

Odette           Il nostro amore? Ma si te spuse!

Edoardo        E che vvò dicere, scusa? Me sposo a essa, ma amo te! (A parte) Se l’ha creduta.

Odette           (A parte) È proprio ‘nu disgraziato! (A Edoardo, in tono falsamente dolce) Caro!

Edoardo        (Prendendole la mano) Cara!

Odette           (Si alza e sempre tenendo la mano di Edoardo si porta verso il centro) Sarrà ancora comme ‘na vota?

Edoardo        Comme ‘na vota!

Odette           Tenevo appaura ca tu nun m’amasse cchiù! (Avvicinandosi al tavolo da toeletta) Oh, E-doardo, guarda ‘sti sciure. Nun t’arrecuordene ‘a campagna? (Con voce falsamente sognante) T’arricuorde chelle belle passiate ca ce faceveme dint’‘a campagna?… (Si siede davanti al tavolo e Edoardo si inginocchia al suo fianco, mentre Odette gli accarezza i capelli) ‘O sole, ‘o viento dint’‘e capille… ‘e spighe… (Prende una spiga dal mazzo) E io ca m’ad-devertevo a t’‘a ‘mpezzà pe’ dint’‘o culletto d’‘a cammisa… (Rapidamente infila una spiga nel colletto di Edoardo che scatta in piedi)

Edoardo        (Cominciando a contorcersi) No… nun ce arrivo a lla piglià…

Odette           (Seduta, con voce falsamente dolce) Te dà fastidio? Levatella.

Edoardo        (Continuando a contorcersi) E comme prode!... Sta sotto ‘a maglietta!

Odette           Vattenne addereto ‘o paraviento e levate ‘a spiga.

Edoardo        E va bene, va bene, vaco! (Va dietro al paravento dove resta fino alla fine dell’atto; sul paravento, durante le battute seguenti, appaiono la sua giacca, la cravatta, la camicia e la maglia)

Odette           (Inizia a spogliarsi anche lei) Si uno tene ‘na spiga ca ‘o pizzica, se l’ha dda levà, nun te pare? (Si spoglia fin dove crede il regista e prende, senza far rumore, il campanello e lentamente si alza, avviandosi verso il paravento)

Edoardo        Sì, sì, tiene raggione…. Ah, ‘assa fa ‘a Madonna! ‘Aiccanne!

Odette           Dammella, pecché m’‘a voglio astipà. L’hê tenuta ‘ncoppa ‘o core.

Edoardo        No, steva addereto ‘a schiena. (Si vede il braccio di Edoardo sporgersi dal pavimento con una spiga in mano)

Odette           (Si accosta e prende la mano di Edoardo e lo osserva) Oh Edoà, quanto sì bello!

Edoardo        (Cercando di liberarsi della stretta di mano) Lassame stà, m’aggio ‘a vestere!

Odette           No, te voglio abbraccià! (Sparisce dietro il paravento)

Edoardo        (Agitato) No, statte ferma! Che faje? Ce scopriranno!

Odette           Ma sì, ca ce scupressero! (Si vede il braccio di Odette sporgersi dal paravento con il campanello in mano: comincia a suonare. Al suono del campanello accorrono tutti da sinistra, tranne Sanchez)

Voci               (Confuse) “Che sta succedenno?” / “Chi sta sunanno?” / “Che vergogna!” / “Che scandalo!” / “Che indecenza!” (Il vociare continua fino alla fine dell’atto)

Virginia        (Fermandosi compiaciuta davanti al paravento) Edoardo!

Eleonora      (Fermandosi inorridita davanti al paravento) Rispoli! Mettiteve scuorno! Abbracciato a chesta femmena, spugliate, dint’‘a casa mia!

Edoardo        Ma signora…

Eleonora      Silenzio! Jatevenne immediatamente ‘a via ‘e fore! È fernuto tutte cose!

Sanchez         (Entra precipitosamente da sinistra, vede la situazione e si lancia dietro al paravento) Ah, Rispoli! Siete proprio un aventurero! Dovete muorire!

Edoardo        No, fermatevi, ci sta un equivoco! (Si sentono rumori e grida confuse dietro il paravento, mentre il vociare continua)

Sipario

FINE DEL SECONDO ATTO


ATTO TERZO

Stanza armadio-ripostiglio come è più semplice organizzarla rispetto alla scena del secondo atto e secondo la fantasia dello scenografo; in alternativa:

Stanza di servizio in casa di Edoardo Rispoli.

Entrata comune da destra. Le uscite a destra e a sinistra sono chiuse da tende fisse (di colore uguale o complementare a quello delle pareti). A destra e a sinistra scaffali con valige, scatoloni, abiti e cappotti appesi, oggetti da toeletta, asciugamani, scarpe. Su una parete (o su uno scaffale) un orologio. Al centro un tavolo su cui sono appoggiate scatole; sparse per la scena un paio di sedie. Non vi sono quadri.

Tempo: il mattino del giorno dopo il secondo atto.

SCENA PRIMA

(GIANNINA, poi FEDERICA)

Giannina       (Durante questo monologo dovrà mettere ordine nella stanza e fermarsi nei momenti di cambio del discorso, seguire con la mimica facciale e la gestualità ciò che dice) Je nun capisco ‘o patrone mio che fine ha fatto! Robba a nun ce credere, ma ajeressera c’è stata ‘a festa d’‘o fidanzamento sujo cu’‘a signorina Virginia!... Chella è ricchissima! Niente a che vve-dè cu’ Odette, ‘a fidanzata ca teneva primma!... Chi ‘o ssape si ha firmato ‘o contratto ‘e matrimonio… (Guarda l’orologio) Sperammo ‘e sì, accussì avarrà avuto ‘a dote ‘e Virginia… E sperammo ca avuto ‘e sorde in denaro contante, accussì me putarrà pavà ‘e mensile arretrate… e pure chistu ccà in corso… E si ‘o patrone mio invece nun  l’ha avute ancora… si nun me putesse pavà!... Io avanzo ancora sei mise ‘e stipendio arretrato!... Mah, sperammo ca è gghiuto tutte cose bbuono. (Mettendo ordine) Ma quant’è bravo chillu patrone mio a mettere ammuina!... Ma dich’io, ‘e mobbele e ‘e tirette a che servono? Chillo a isso lle piace ‘e tenè tutte cose sotto all’uocchie… ‘ncoppa ‘e tavule… accussì ll’abbasta ‘nu sguardo e trova chello ca lle serve!... Sulo ca cierti vvolte, ‘mmiezo a tanti ccose, nun vede manco chello ca va cercanno e ca invece tene sotto all’uocchie e accussì me chiamma a mme!... (Rivolta al pubblico) Perde tutte cose… forse sarrà ‘nu principio ‘e demenza precoce… ha perduto perfino tutt’‘o patrimonio ‘o juoco e cu’ ‘e ffemmene. Che brutte vizzie ca tene… povera chella futura mugliera! M’‘a veco e m’‘a chiagne… (Lunga pausa; guarda di nuovo l’oro-logio) Se sposa ‘nu nobbele, ‘nu conte, è ‘overo, ma senza ‘a croce ‘e ‘na lira e cu’ ‘o vizio d’‘o juoco e d’‘e ffemmene… Po’ je nunn’aggio capito maje ‘a differenza ca ce sta tra ‘nu nobbele e ‘n’ommo comune… ‘e ccerevelle, ‘o sanghe, nun songhe d’‘o stesso tipo? Mah… Intanto s’hanno fatto già ‘e ddiece ‘e matina e ancora nun è turnato! Je nun voglio fà ‘a muralista, ma a chest’ora avesse ‘a essere già a casa… (Si ferma ansiosa) Nun è ca s’è sentuto male e l’hanno purtato ‘o ‘spitale?... Noo, nun credo!... Sperammo piuttosto ca nun è gghiuto a se jucà ‘e sorde d’‘a dote! Noo… nun credo… lle sarrà rimasto ‘nu minimo ‘e giudizio? Pure si però è ‘overo ca ‘o lupo perde ‘o pelo ma nun perde ‘o vizio! (Si ferma perplessa) Mah! (Suono di campanello) E mò chi sarrà? ‘O signore certamente no, tene ‘e cchiave! (Si alza ed esce; voce fuori scena) Chi è?

Federica       Signor conte?! Ariapite! Songh’io… so’ Federica!

Giannina       E chi è Federica? Che gghiate truvanno?

Federica       Songh’io, ‘a cammarera d’‘a fidanzata vosta!

Giannina       Ueh ueh, je songo ‘na femmena… e nun me fidanzo cu’ ati ffemmene! A me me piacene ll’uommene!

Federica       Ma nun site ‘o conte Edoardo? E chi site? ‘A putite arapì ‘sta porta? Mica ve mangio!

Giannina       (Alza la voce) ‘E chiste tiempe je non arapo mai ‘a porta ‘e scunusciute! Diciteme bbuono chi site e che vulite? Site ‘n’ommo o ‘na femmena?

Federica       ‘N’ata vota?

Giannina       Pure ‘n’ati quatto vote, jamme belle!

Federica       Ma nun se sente ca songhe ‘na femmena? So’ Federica, ‘a cammarera d’ ‘a signurina Odette Giannetti, ‘a cantante, ‘a fidanzata o ex fidanzata d’‘o conte Edoardo… A-vimme truvate… anzi, aggio truvate, cierti ccose ca appartenene ‘o conte e so’ vvenuta pe’ ‘nce ‘e ppurtà… Songhe ‘na femmena, che paura tenite? Nemmanco a mme me piacene ‘e ffemmene, ma ll’uommene. Songhe pure quase fidanzata cu’ Carletti, ‘o sapite? Jamme, nun ve mangio e nemmanco ve violento, arapite ‘sta porta o si no, si nun ‘o ffacite, me ne vaco e me vendo tutte cose… ma vuje po’ perdite ‘o posto si site ‘a serva d’‘o conte!

Giannina       Io nun songo ‘a serva ‘e nisciuno! Dongo ‘na mana a ttenè ‘sta casa a posto pecché ‘o conte sta sulo… Je mò arapo ma nun facite scherze pecché songo armata e songo ‘na sportiva! (Prende una pistola ed apre)

Federica       (Entra seguita da Giannina, guarda l’ambiente, poi si volta a guardare Giannina) Caspita, ma ‘o ssapite ca site giovane e bellella assaje… ‘o conte nun v’ha fatto maje nisciuna… corte… proposta?... Dicene ca tene ‘nu debole p’‘e ffemmene giovane e belle…

Giannina       S’aveva sulo permettere e ll’ammullavo tante ‘e chille cavece, cazzotte e pacchere… e nun m’avesse vista cchiù… (Riflette) sempe doppo ca m’avesse pavato ll’arretrate ca aggio havê…

Federica       Ma allora è ‘overo ca nun tene cchiù ‘a croce ‘e ‘na lira e ca sta chino ‘e diebbete… Ajere matina steva a casa d’‘a signurina Odette… ha lassato dint’‘o bagno ‘n’aniello d’oro… almeno accussì me pare, nun ‘o ssaccio si po’ è favezo… ‘na catenina sempe d’oro cu’ San Gaetano, santo d’‘a pruvvidenza e prutettore d’‘e povere… (Giannina posa la pistola nel cassetto) A Napoli ‘e napulitani vanno a tuzzulià vicino ‘a bara soja ca sta dint’a ‘na chiesa ‘e pparte ‘e via San Gregorio Armeno, ‘a via d’‘e pasture… poi vincono ‘o banculotto o quacche ata cosa e… insomma risolvono ‘e probbleme economiche… ‘o fatto strano però è ca vicino ‘a medaglia ‘e San Gaetano ce sta pure ‘nu curniciello. Mò dich’io: uno o è devoto ‘e San Gaetano, oppure crede ‘o curniciello… ‘o santo s’offende si uno crede pure ‘o curniciello… ma isso fa comme a chilli llà ca vonno essere amice ‘e tutte quante… uno o sta a sinistra o sta a destra… o tene simpatia p’ ‘e puverielle o tene simpatia p’‘e ricche. Tu ‘a che parte staje? Te dongo ‘o ttu pecché in fondo simme donne e colleghe cammarere, pure si io stongo già ‘o massimo d’‘a carriera…

Giannina       Io nun stongo ‘a nisciuna parte. O meglio, stongo ccà! Invece ‘e fare “‘a filosofa” pecché nun me daje ‘e gioielle d’‘o conte e te ne vaje ‘e pressa espressa?... Ma ha lassato sulamente gioie? Niente portafoglie, sorde cuntante?...

Federica       Ma che staje penzanno, ca io songo ‘na mariola “parziale”? Torno addereto ll’oro e me tengo ‘e cuntante? Guarda ca je songo ‘na femmena onesta!

Giannina       Neh, bellella, ‘e gioielle, si m’‘e vvuò… no, è meglio ca te dongo ‘o vvuje… ‘o ttu è troppo confidenziale pe’ ‘na tipa comme a tte… dunque si m’‘e vvulite dà je ce ‘e donghe ‘o conte, o si no facite comme credite!

Federica       ‘E ggioielle, sempe si nun songhe faveze, ce ‘e ddongo direttamente ‘o conte! Me stongo ccà e l’aspetto!

Giannina       (Ritorna al tu) Tu o me daje ‘e gioielle o te ne vaje… o si no te sparo! (Riprende la pistola)

Federica       (Arrabbiata) Je nun te dongo ‘o riesto ‘e niente e… me ne vaco! (Va via)

Giannina       (Rimasta sola) Ma cheste songhe cose ca nun se credene! Je nun ‘a cunosco, nun l’ag-gio mai vista e chella va truvanno ‘e cumannà ccà ddinto… (Riprende a mettere ordine; bussano di nuovo alla porta) E mò chi è? ‘O conte tene ‘e cchiave! Famme jì a vvedè… (Va alla porta) Chi è?

Federica       Songo ‘n’ata vota io, Federica… ce aggio ripensato: te lasso ‘e ccose d’‘o conte… me voglio fidà!

Giannina       (Gridando) E allora miettele vicino ‘a porta e vattenne… pecché songh’je ca nun me fido! Me staje antipatica!

Federica       Vabbuò, vabbuò mò nun tengo genio ‘e discutere cu’ ttico! Tiene ‘nu bruttu carattere! Nun alluccà! Sì isterica! Vattenne addo’ ‘nu psichiatra e fatte curà, o si no rimmane zetella… Statte bbona! (Va via)

Giannina       (Dopo pochi secondi ritorna con il pacchetto dei gioielli) S’è misa appaura, se n’è fujuta! Ma che fine ha fatto ‘o conte? Mò chiamme ‘e ‘spitale… se fosse sentuto male! Intanto ancora nun aggio fatto colazione! Dint’a ‘sta casa nun se magna maje… ma tanto isso magna addo ll’amichette, ‘e ffidanzatine, futura moglie ricca… (Bussano di nuovo) Ma chiesto è ‘nu stillicidio! ‘E gioielle me l’ha date! (Pausa) Allora nun se n’è juta! Sta ancora ccà a m’azzellià! Mò ‘a ricevo cu’ ‘a pistola. (Riprende la pistola e va ad aprire) Chi è? Che gghiate truvanno?

SCENA SECONDA

(EDOARDO e detta)

Edoardo        (Con voce rauca, come se venisse dall’oltretomba) So’ io… so’ Edoardooo… ‘o patroneee. (Entrando con passo incerto, i capelli arruffati, la camicia aperta, senza cravatta, senza giacca e avvolto in una coperta spiegazzata) Che nuttata! Songhe miezo muorto!

Giannina       (Seguendolo, perplessa) Ma… ma ‘overo site vuje? ‘O patrone in perzona? (Cerca di nascondere la pistola)

Edoardo        (Sedendosi) E chi avesse ‘a essere? Nunn’‘o vide ca songh’io? (Consegna la coperta a Giannina, che la guarda con aria di disgusto e comincia a piegarla tenendola lontana da sé)

Giannina       (In tono di rimprovero) Signò, ma songhe ‘e dieci d’‘a matina… (Lo vede strano) ‘o juorno appriesso a chillo d’‘o cuntratto d’‘o matrimonio vuosto… Ve pare chesta l’ora ‘e v’arretirà? E po’ in questo stato? Scusateme si v’‘o ddico, ma vuje tenite quacche rutella fore posto… Piuttosto, avite avuto ‘e denare?

Edoardo        Una cosa, nun me scuccià. Pienze sempe ‘e denare! Pe’ mmeza toja aggio passato ‘a notte sotto a ‘nu ponte.

Giannina       Sotto a ‘nu ponte?

Edoardo        (Seccato) Sissignore, sotto a ‘nu ponte. Menu male ca tenevo ancora quacche spicciolo dint’‘a sacca accussì ll’aggio pututo dà a ‘nu barbone ca m’ha dato chella cuperta e ‘nu posto arreparato pe’ durmì. ‘Overamente ‘na bella nuttata! E tutto pe’ mmeza toja.

Giannina       Pe’ mmeza mia, signò?

Edoardo        Proprio accussì. Si tu fusse stata a casa quanno ajeressera m’arretiraje… invece… Aggio provato a bussà, a bussà… niente! Addò stive?

Giannina       Ma nun teniveve ‘e cchiave, signò?

Edoardo        Sì, ma erano rimaste dint’‘a giacca, ca è rimasta ‘a casa ‘e Virginia ajere ‘o juorno, a casa Montimar…

Giannina       Ah! E non putiveve jì dint’a ‘n’albergo?

Edoardo        Nun tenevo ‘o portafogli, ca steva dint’‘a giacca…

Giannina       (Completando) … ca steva addu Virginia, aggio capito. Beh, certo, si vuje lassate ‘e ccose voste tuorno tuorno… (Tra sé borbottando) ‘A capa addò l’avite lassata? (A Edoardo) Avite pure lassato ‘e gioielle vuoste, ajere matina, a casa d’‘a signurina Odette, la vostra ex. Poco fa è vvenuta Federica, ‘a cammarera d’‘a signurina, a v’‘e ppurtà! Si accummenciate a ve scurdà ‘e ccose è ‘nu bruttu segno, pecché vò dicere ca accummenciate a perdere colpi! Sapite, ‘a memoria se ne scenne si nun l’esercitamme… Memoria minuitur nisi exercetur, diceveno ‘e latine… Stateve accuorto patrò, si continuate accussì addeventate… IPOMNESICO e poi AMNESICO! DEMENTE!

Edoardo        Nun dicimmo fesserie! ‘A colpa è ‘a toja! Tu sì l’unica e vera colpevole! Addò stive ajeressera? Dimmi, “tu addò stive?”

Giannina       Nun v’arricurdate cchiù, patrò, ca era ‘a sera mia ‘e libbertà? Me n’aggio juta ‘o triatro… So’ gghiuta a me spassà!

Edoardo        (Ironico) Bellu spasso!

Giannina       E certamente, ‘o triatro ce se spassa… E po’, a triatro, ‘e pperzone intelligenti, oltre a se spassà, riflettono pure ‘ncoppa ‘e probbleme serie d’‘a vita! Aggio visto “L’avaro” di Moliére in un adattamento assaje bello. ‘E povere amano ‘overamente ‘a cultura

Edoardo        (Seccato) A proposito ‘e chelli cchiave…

Giannina       (Interrompendolo) Aggio capito! Vaco a casa Montimar a piglià giacca, chiavi e portafoglie. (Si avvia verso l’uscita, poi torna indietro) Ma comm’è ca nun ve site scurdato pure ‘o cazone? (Ride) Forze nun v’‘o levate quase maje… (Diventa seria) Ma avite firmato ‘o cuntratto ‘e matrimonio? V’hanno dato ‘e denare pe’ me pavà ‘e mensilità arretrate a mme e pe’ saldà tutte ‘e diebbete vuoste?

Edoardo        (Fermandola) No, aspè. Và a chiammà ‘nu ferraro e faje cagnà ‘a mascatura.

Giannina       (Perplessa) ‘Nu ferraro?

Edoardo        Eh, ‘nu ferraro, hê capito bbuono. Jamme, spicciate, pe’ ttramente io me lavo e me cagno.

Giannina       Sissignore, comme vulite vuje. Torno subbeto! (Si ferma di colpo e si rivolge a Edoardo) A proposito, avanzo sei mise ‘e stipendio… m’arraccumanno… ‘e sorde me servene pure pecché nun aggio avuto ‘a sciorta ‘e nascere ricca comm’a vuje, pure si po’ v’a-vite magnato tutte cose … Nun pozzo faticà cchiù senza ricevere il giusto compenso. Avite capito bbuono?

Edoardo        Va bene, mò spicciate! (Giannina esce) Ah, e chi s’‘a scorda ‘sta nuttata?! Durmì com-me a ‘nu barbone sotto a ‘nu ponte… ‘nu conte ca dorme comme a ‘nu barbone! Durmì po’… nun aggio ‘nzerrato ll’uocchie manco ‘nu momento… Ih che vipera, Odette! Po’ essere cuntenta ‘e chello ch’ha fatto. ‘O matrimonio sfumato… io jettato fore d’‘a casa… ‘a festa annullata mentre steveno arrivanno ll’invitate… brava! ‘Overamente brava!... Ma si se penza d’‘a passà liscia… (Suono di campanello) Oh cacchio, stanno sunanno e Giannina è asciuta. E chi po’ essere? Sunassero pure… io nun arapo, e po’ tornano ‘n’ata vota. (Suono di campanello) ‘N’ata vota?!. Je nun pozzo arapì accussì cumbinato! (Suono di campanello, più lungo; Edoardo si infila una vestaglia ed esce; voce fuori scena) Uffà, sto venenno, sto venenno!... Chi è?

SCENA TERZA

(CARLO e detto, poi SANCHEZ)

Carlo            (Voce fuori scena) Signor conte, sono Carlettti.

Edoardo        (Voce fuori scena) Carletti? E che gghiate truvanno?

Carlo            (Voce fuori scena) Faciteme trasì ‘nu mumento.

Edoardo        (Voce fuori scena) Nua esiste proprio! Non posso, sto in vestaglia.

Carlo            (Voce fuori scena) Ma io nun me formalizzo.

Edoardo        (Voce fuori scena) E va bene! (Riappare Edoardo seguito da Carletti) Allora, se po’ ssapè che gghiate truvanno?

Carlo            (Guardandosi intorno perplesso, appoggia l’ombrello in un angolo) Ma… ma vuje ricevite ccà?

Edoardo        (Spazientito, mostrando i vestiti sparsi) V’aggio ditto ca me stevo appriparanno.Allora?

Carlo            (Intimidito) Ecco… veramente… chesta fosse ‘a nota spese mia… pe’ ll’accordatura d’ ‘o pianefforte… (Mostra un foglio a Edoardo)

Edoardo        (Incredulo) Che cosa?

Carlo            (Intimidito) Sì… ‘a signora Montimar nun vò pavà e m’ha ditto… ‘e me rivolgere a vuje.

Edoardo        (Marcia verso Carlo e lo costringe a camminare all’indietro intorno al tavolo) ‘A signora Montimar nun vò pavà?

Carlo            (Spaventato) Sì… no…

Edoardo        (Continuando a marciare verso Carletti) E v’ha ditto ‘e ve rivolgere a mme.

Carlo            (Spaventato) Sì…

Edoardo        (Fermandosi; a voce alta) Ma ‘o ssapite o no ca ‘o matrimonio è juto a fernì a pisce fetiente? ‘O ssapite o no? (Carletti con la testa prima fa segno di sì, poi di no) ‘A nota spese vosta! Vulite vedè che ne faccio io d’‘a nota spese vosta? (Prende dalle mani di Carlettti il foglio e lo strappa in piccoli pezzi) Ecco qua, chesto faccio. E già! È juto tutte cose malamente e io avesse pure ‘a pavà!

Carlo            (Spaventato) Ma ‘a nota spese mia… Je me vulesse fi… fidanzà cu’… comme me ‘nzoro? ‘Nce vonno ‘e denare… Senza denare nun se cantano messe, figurammoce si ce se po’ ‘nzurà…

Edoardo        E cu’ chi ve vulisseve fidanzà?

Carlo            Chesto nun v’‘o ppozzo dicere, pe’ scaramanzia, ma è ‘na guagliona ca vuje cunuscite e quanto primma v’‘o ffaccio sapè. (Suono di campanello)

Edoardo        E mò chi sarrà?

Carlo            (Intimidito) Scusate, io vulesse dicere ca… (Suono di campanello)

Edoardo        (Irritato) Mò nun è ‘o mumento, abbiate bontà, ne parlammo doppo. Anzi, faciteme ‘na cortesia, jate a vvedè chi è e dicitece ca nun pozzo ricevere nisciuno.

Carlo            Io???

Edoardo        Vuje! Nun pozzo arapìe in vestaglia! Jamme bello, jate, jate…

Carlo            (Incerto) Vabbuò, ma doppo parlammo d’‘e sorde… (Suono di campanello)

Edoardo        (Spingendolo verso la porta) Sì, sì, jate mò! (Carletti esce) Ma che tenene ‘a sunà accussì, stammatina? (Torna per vestirsi; rumore di serratura che si apre)

Sanchez        (Voce fuori scena) Oh, finalmente! (Sorpreso) Carletti?

Carlo            (Voce fuori scena, spaventato) ‘O cavaliere Sanchez! (Entra seguito da Sanchez) È ‘o cavaliere commendatore… (Ironico) Grand’uff… uff… (Edoardo dà un’occhiata indifferente e continua a prepararsi)

Sanchez        (Insegue Carletti intorno al tavolo) Carletti. Fermateve! (Vede Edoardo) Ah, Rispolos, ci siete anche voi?! Aspettateme!

Carlo            ‘Nu momento! Che volete da me? (Mentre Sanchez cerca di afferrarlo, Carletti scappa uscendo verso sinistra inseguito da Sanchez; rumori fuori scena; Carletti e Sanchez ricompaiono da sinistra e corrono verso destra; rumori fuori scena; Edoardo, indifferente, continua a pettinarsi e a vestirsi; Carletti e Sanchez infine rientrano e si rincorrono intorno al tavolo)

Sanchez        (A Carletti) Ès inutile scappare, Carletti. Ve tiengo! (A Edoardo) E voi non ve movete. (Edoardo, indifferente, fa un cenno affermativo con la testa, continuando a prepararsi; Carletti ne approfitta per nascondersi sotto il tavolo; Sanchez, non vedendolo più, si guarda in giro) Aspettame, Carletti! (Esce correndo a destra; rumore di porta sbattuta)

Carlo            (Emergendo da sotto il tavolo) Se n’è juto?

Edoardo        Sì, ve sta currenno appriesso.

Carlo            Ma pecché ce l’have cu’ mme? Che ce aggio fatto?

Edoardo        Se penza ca vuje site l’amante ‘e Odette Giannetti.

Carlo            (Stupito) Io? Ma nun è ‘overo! Dicitincello vuje…

Edoardo        (Canticchiando il noto motivo) Dicitincello a ‘sta cumpagna vosta…

Carlo            Ma insomma, ve pare ‘o mumento ‘e cantà?! Dicitincello vuje ca nun è ‘overo! Nun ce sta niente tra me e ‘a signorina Giannetti. V’‘o giuro!

Edoardo        ‘Overamente?

Carlo            V’‘o ggiuro! E si ‘a signorina Giannetti se ne va giranno vantannose d’essere ‘a fidanzata mia, ebbene me dispiace d’‘o ddicere, ma s’è muntata ‘a capa! (Supplichevole) Oh, pe’ piacere, dicitincello vuje ‘o spagnuolo ca nun è ‘overo! Nunn’è ‘o tipo mio… a me mme piace… è ancora sicreto… ‘a cammarera, Federica… ma songo timido, nun saccio manifestà ‘e sentimente mieje… Rica, cioè Federica, ancora nun m’ ha ditto ‘e sì, dice ca ce ha dda penzà… nun ce putisseve parlà pure vuje?... ‘Nce dicite ca ‘a voglio bbene e ca m’‘a voglio spusà… mettitece ‘na bbona parola… Dicitece ca songo ‘nu bravo artista… Rica sape cucenà bbuono e sò ssicuro ca sape fà bbuono pure l’ammore… Po’ essa è ‘a cammarera dint’‘a casa ‘e Odette, e je putesse fà ‘o maggiordomo, e po’ putesse accordà ‘o pianefforte, putesse fà ll’arrangiamente musicale p’‘a signurina… In fondo pure pe’ Odette fosse ‘n’affare!

Edoardo        (Condiscendente) E va bbuono, ce parlo io. Naturalmente, p’‘nota spese vosta… (Con le mani accenna a spezzare un foglio)

Carlo            (Precipitoso) Naturalmente, ce mancasse! (Suono di campanello. Ci ripensa) Vabbuò, po’ vedimme… ne parlamme… (Suono di campanello)

Edoardo        Uffà, ‘n’ata vota! Carlè, pe’ cortesia, jate a arapì.

Carlo            (Terrorizzato) Ah, no! Io nun arapo ‘a porta.

Edoardo        (Indicando il proprio abbigliamento) Ma ve l’aggio ditto ca io nun pozzo arapì accussì!

Carlo            E si fosse ‘n’ata vota ‘o cavaliere commendatore eccellenza…? (Suono di campanello)

Edoardo        Arapite ‘a porta si vulite ca parlo cu’ Federica… ca è ‘na bella guagliona!(Si sente un rumore di serratura che viene aperta; Edoardo e Carletti si guardano perplessi; entra Odette)

SCENA QUARTA

(ODETTE e detti)

Carlo            (Sorpreso) Signorina Giannetti!

Edoardo        (Sorpreso) Odette!

Odette           (In tono freddo) Sì, sono io.

Edoardo        Comme sì trasuta?

Odette           Non t’arricuorde? M’hê dato tu ‘a chiave. T’aggio ‘a parlà. (A Carlo) Lassatece sule, signor Carletti. (Carlo accenna ad uscire)

Edoardo        (A Carletti) Fermateve. (A Odette) Nun penzo ca ce sta quacche sicreto dint’a chello ca m’hê ‘a dicere. (A Carletti) Avite ditto alla signorina Odette ca vulite bbene ‘a cammarera soja, Federica? (Carletti si nasconde) e ca vulisseve addeventà ‘o maggiordomo, l’ accordatore e l’arrangiatore d’‘a signurina?

Odette           Nun è cchisto ‘o mumento ‘e parlà ‘e Federica, e nemmeno ‘e maggiordome… Aggio ‘a parlà cu’ tte, conte dei miei stivali! (A Carletti) Signor Carletti…

Edoardo        (A Carlo) Signor Carletti, ve dispiace ‘e v’accumudà ‘nu mumento ‘a llà? Quanno ‘a signurina ha fernuto ve vengo a chiammà io stesso. (Carletti annuisce ed esce a sinistra; quando è uscito Edoardo si rivolge ad Odette) Allora?

Odette           (Fredda) Sò venuta… pe te turnà addereto ‘a chiave…

Edoardo        Vabbuò, miettela ‘ncoppa ‘a tavula.

Odette           E pe’ te dicere… ca me manche assaje assaje.

Edoardo        Basta! Ce sta ‘nu limite a tutto. Te penzave ca abbastava scumbinà ‘o matrimonio mio facenno chella sceneggiata ridicola? E po’ venì a me dicere ca te manco pe’ cancellà tutte cose e metterme ‘n’ata vota ‘o guinzaglio? E no, te sbaglie cara mia. Te manco? Bene. A me nun me ne passa manco p’‘a capa. Hê capito? Te ne può gghì.

Odette           (Indignata) Me staje caccianno?... Si ‘o ffaje nun me vide cchiù… Me sposo a Sanchez!

Edoardo        Benissimo. Affare fatto. Prego… (Indica a Odette di uscire)

Odette           Pienzece buono, Edoà!

Edoardo        Ce aggio penzato. Addio pe’ ssempe!

Odette           Guarda ca si jesco…

Edoardo        (Interrompendola) Sì, sì, ‘o ssaccio, nun te veco cchiù. Perfetto, accomodate! (Indica a Odette di uscire)

Odette           (Indirizzandosi verso l’uscita) Penza bbuono a chello ca staje facenno. Aggio ditto: pe’ ssempe! (Riportandosi verso il centro) E va bene. Peggio pe’ tte. Sarraje stato tu m’‘o ffà fà! (Estraendo la pistola dalla borsetta) T’arrecuorde d’‘a pistola mia?

Edoardo        (Agitato) ‘Nu mumento! Damme chella cosa! (Cerca di strappare la pistola dalle mani di Odette ed entrambi girano intorno al tavolo) Odè, famme ‘stu favore! (Riesce ad afferrare la pistola per la canna e ne esce il ventaglio; Edoardo lo afferra e rimane perplesso) ‘Nu ventaglio? (Scoppia a ridere) ‘Nu ventaglio! Te vulive accidere cu’ ‘nu ventaglio? (Si fa aria con il ventaglio) Ma nun me fà ridere! ‘Nu ventaglio!

Odette           Me circarraje ma nun me vedarraje cchiù! (Esce)

Edoardo        (Continuando a ridere) Addio! (Si siede al tavolo, osserva il ventaglio e la pistola, poi rimette il ventaglio nella pistola e la depone sul tavolo) Ma guarda ‘nu poco. ‘Nu ventaglio: ‘n’arnese ‘e teatro. Ed io ca me penzavo ca ‘overamente se vuleva sparà! (Si alza) Vabbuò, continuammo a ce vestere.

SCENA QUINTA

(SANCHEZ e detto)

Sanchez        (Facendo capolino da destra, con aria mesta) Rispoli!

Edoardo        (Sobbalzando) ‘N’ata vota vuje? Ma come siete entrato?

Sanchez        La puerta era apierta. (Va a sedersi al tavolo) Ah, Rispoli, yo ho rincorrido Carlettos… (Mesto) Es scappado…

Edoardo        E allora?

Sanchez        Yo soy tornado porque vollio hablarve…

Edoardo        Dopo, dopo. Mò tengo delle cose importanti da fare. Non vedete che devo finire di vestirmi?

Sanchez        Rispolos, por favor… Non fate el settico. Ve digo, non fate el settico.

Edoardo        Ah, lo scettico! Cercate almeno di parlare correttamente! S, c, e non si pronuncia “se”, si pronuncia “sce”. Lo scettico, non el settico, comme scemo, non semo!

Sanchez        (Mesto) Va bueno, como volete.

Edoardo        Si può sapere pecché state ccà?

Sanchez        (Mesto) Yo ero tornado por chiederve di Carletti, ma yo ho visto Odette aqui da basso… Y me ha dicho una cossa muy fastidiossa… Me ha dicho: “Yo sarò vuestra solo si Rispolos vuole essere ancora mio.

Edoardo        Cosa?

Sanchez        (Mesto) Es un dolor, sabete? Si poi penso allo sciandalo de ieri noche que avete fatto con Odette en cassa della señora Montimar…

Edoardo        Lo scandalo! Voi dite sciandalo! S, c, a si pronunciano “sca”, non “scia”. Scandalo, non sciandalo! Ve vulite ‘mparà a parlà ‘nu poco meglio l’italiano?

Sanchez        (Inalberandosi) Rispoli, me volete prendere para los fondeglios? Yo digo settico, vos me dite scettico. Bueno. Ahora yo digo sciandalo y vos me dite scandalo! (Calmandosi di colpo, pronuncia le parole con fatica) Ve prego… de reconciliarve… con Odette.

Edoardo        Nun esiste proprio!

Sanchez        No? Y ahora devo matarve.

Edoardo        (Con calma) Bene, matatemi. Ma faciteme capì: prima mi volevate ammazzare pecché stevo cu’ Odette, mò pecché non sto più con lei. Vi decidete? Che volete da me?

Sanchez        (Perplesso) Ma… yo vollio que Odette sia mia… vollio passare la noche con ela… con Odette… vollio que Odette sia finalmiente mia…

Edoardo        Benissimo. Io invece voglio che non sia più mia. Quindi le due cose combaciano perfettamente! Allora sapete che facciamo?

Sanchez        Diteme.

Edoardo        Voi andate da Odette e le dite che non ne voglio più sapere di tornare da lei.

Sanchez        Ma me chiederà porque!

Edoardo        Si ve chiede perché… voi le dite… (Lo osserva con aria di complicità) che è per il suo grave difetto fisico.

Sanchez        (Preoccupato) Odette habe un grave difietto fissico?

Edoardo        (Esasperato) Assolutamente no!!

Sanchez        Ma… ahora… non capisso.

Edoardo        Conosco Odette e saccio quanto è vanitosa. L’avite visto pure voi. Quando le direte che vi ho detto questa cosa, non vera, sarà così arrabbiata cu’ mme, che sarà lei a non volermi più vedere. Avete capito?

Sanchez        (Dubbioso) Mah… yo credo che sì. Spiriamo… speriamo…

Edoardo        E allora sarrà ‘a vosta, sulamente ‘a vosta! Site cuntento? (A parte) Sperammo! (Rivolto a Sanchez) E mò andate, su forza, andate! (Spinge Sanchez verso la porta)

Sanchez        Vado, vado subito! Gracias, muchas gracias! (Esce)

Edoardo        Oh, menu male! E sperammo ca chesta è ‘a vota bbona! (Ricomincia a vestirsi; appare Carletti da destra)

SCENA SESTA

(CARLO e detto)

Carlo                (Con aria decisa) Signor conte?

Edoardo        Ueh, Carletti! M’ero scurdato proprio’e vuje. Bene, mò ve ne putite jì e faciteme ‘o favore, ‘nzerrate ‘a porta quanno ascite.

Carlo            (Avvicinandosi) No conte, ‘Nu mumento, pe’ piacere. Quanno aggio ‘ntiso ‘e ascì ‘a signorina Giannetti stevo pe’ turnà ccà, ma aggio visto ‘e trasì ‘o caballero.

Edoardo        E allora?

Carlo            M’aggio annascunnuto lloco ddereto.

Edoardo        E allora?

Carlo            Aggio ‘ntiso tutto chello ca ll’avite ditto.

Edoardo        Nun vulesse essere scucciante: e allora?

Carlo            (Tutto d’un fiato, prendendo coraggio) Si nun me pavate ‘a nota spese ce dico tutte cose ‘a signurina Giannetti!

Edoardo        Ah, facimmo ‘e ricattielle? E bravo, Carletti, veramente bravo. Jate a ‘nce ‘o ddicere. Ma je po’ dico a Federica ca vuje comme artista nun valite dduje sorde… e comme ommo pure ‘e meno… e po’ ce dico a Odette Giannetti ca comme maggiordomo nun site all’altezza…

Carlo            (Esasperato) Guardate ca je nun pazzejo, signor Rispoli.

Edoardo        Jate, jate pure, dicitece tutto chello ca vulite, je me saccio vendicà!

Carlo            (Vede la pistola sul tavolo, la prende e la punta su Edoardo) Signor Rispoli, pavateme ‘a nota spese o v’accido! E guardate ca nun sto pazzianno.

Edoardo        Sulo ca, vedite… (Si avvicina e prende la canna della pistola) ‘sta pistola funziona accussì: (Estrae il ventaglio, si fa aria e lo consegna a Carletti) Avite visto? E mò, caro Carletti, jate… jate… (Agitando il ventaglio, spinge fuori Carletti) E sperammo ca ‘ fernuta ‘overamente. (Depone pistola e ventaglio sul tavolo) Povero Carletti, overamente è sfurtunato!

SCENA SETTIMA

(VIRGINIA e detto)

Virginia        (Entrando) Edoardo!

Edoardo        (Sorpreso) Virginia? Comm’hê fatto a trasì? Nun m’‘o ddicere: ce steva ‘a porta aperta.

Virginia        Sì, e so’ venuta a te dicere… ca songo pazza pe’ tte.

Edoardo        Che cosa? Ma… ma comme’è possibile, doppo tutto chello ca è succieso ajeressera a casa toja?

Virginia        Vedi… aggio capito ca sì proprio tu ‘o tipo ‘e marito ca aggio sempe sunnato. (Avvicinandosi) Finalmente aggio capito ca sì ‘nu mascalzone e perciò sì ll’ommo ca vaco cercanno.

Edoardo        (Incredulo) ‘Overamente dice?

Virginia        Proprio accussì. E siente, dimme ‘na cosa, hê avuto paricchie ffemmene?

Edoardo        E ghiamme Virgì, te parene cose ca s’addimannano?

Virginia        Ti prego, dimme ca sì e t’amerò ancora ‘e cchiù.

Edoardo        Si ‘e ccose stanno accussì… beh…

Virginia        Quante femmene?

Edoardo        Ma… che t’aggio ‘a dicere… più o meno ‘nu centenaro… (A parte) Chesta nun s’‘a beve.

Virginia        ‘Overamente? Comme songo felice!

Edoardo        (Fra sé) Azzò, se l’a bevuta!

Virginia        E dimme ‘n’ata cosa… ce n’è stata quaccheduna ca s’ha vuluto accidere pe’ tte?

Edoardo        Famme penzà… sì, quinnece o sedece, mò nun m’arricordo esattamente… (Prende la pistola sul tavolo) Penza ca manco mez’ora fa aggio strappato ‘sta pistola ‘a mano a una ‘e lloro!

Virginia        (Ammirata) ‘Overamente? E comme putesse non amare ‘n’ommo tanto amato? Se ti amano tutte quante ‘nce ha dda stà ‘nu mutivo… e je l’aggio ‘a truvà!

Edoardo        (Tentando di abbracciarla) È chello ca dico pur’io… Facimmo ‘nu provino d’ammore?

Virginia        (Respingendo l’abbraccio) No, statte fermo! Aspetta. Mammà m’è venuta appresso. A-vesse ‘a stà ccà ‘a ‘nu momento a ‘n’ato.

Edoardo        Mammeta? E pecché?

Virginia        ‘Nce aggio lassato ‘nu biglietto pe’ lle dicere ca stevo venenno ccà.

Edoardo        Che bell’idea! Chella sicuramente me va a denunzià!

Virginia        Certo, alluccherà, sbraiterà, ma po’ ha dda cedere, visto ca m’hê compromessa.

Edoardo        Io? E quanno?

Virginia        Ma no, sciocco, ch’hê capito! L’ha dda sulamente credere, no?

Edoardo        (Perplesso) Ma sì ssicura ca ‘sta cosa funziona?

Virginia        Nun tengo dubbi.

SCENA OTTAVA

(SIGNORA MONTIMAR, CRISTINA e detti)

Eleonora      (Voce fuori scena, irritata) Virginia, Virgì, ‘o ssaccio ca staje ccà! Virginia! (Entra insieme a Cristina con passo deciso, si ferma al centro e si guarda intorno) Ah, ajlloca, ‘sta disgraziata!

Virginia        (Calma) Ciao mammà.

Edoardo        (Impacciato) Buongiorno signora Montimar.

Eleonora      Stateve zitto voi, mascalzone. Avite compromesso ‘a figlia mia.

Edoardo        (Impacciato) Ma veramente io…

Eleonora      Stateve zitto, v’aggio ditto, e mettiteve scuorno! È accussì evidente… (A Cristina) Cristì, vedete pure voi chello ca sto vedenno io?

Cristina        (Severa) Certamente. Veco ‘a signorina Virginia assieme a chillu… chillu signore…

Eleonora      (Indignata) Miezu spugliato…

Cristina        Miezu spugliato… (Edoardo fa un gesto come per dire “Non esageriamo”)

Eleonora      Ca ha attirato dint’‘a casa soja a figliema cu’ chiarissime intenzioni vergognose!

Cristina        Ca ha attirato dint’‘a casa soj ‘a signurina Virginia cu’ chiarissime intenzioni vergognose!

Edoardo        No, no, ‘nu mumento, scusate… ccà ce sta ‘n’equivoco.

Eleonora      Ccà d’equivoco ce state sulamente vuje!

Virginia        (In tono di rimprovero) Mammà!

Eleonora      Statte zitta pure tu! (A Cristina) Cristì, nun me pare ca ce stanno dubbi, è ‘overo?

Cristina        Nun ce ne stanno, signora.

Eleonora      Bene, allora jate ‘o cummissariato ‘e polizia, dicite chello ca avite visto e facite intervenì ‘a forza pubblica pecché c’è stata ‘na violenza carnale.

Cristina        Vaco subbeto. (Si avvia verso destra)

Edoardo        ‘Nu mumento, fermateve! (Cristina si ferma; con voce calma alla signora Montimar) Signora, ho l’onore di chiedervi la mano di vostra figlia.

Eleonora      Mai!

Virginia        Ma mammà, io lo amo e m’‘o voglio spusà! (Va verso Edoardo e lo abbraccia)

Eleonora      Isso? Il “nun voglio dicere che cosa” d’‘a signorina Giannetti?

Edoardo        (Con dignità) Nun songo cchiù ‘o “nun vulite dicere che cosa” d’‘a signorina Giannetti.

Eleonora      Ah, no? (A Cristina) Avite ‘ntiso Cristì?

Cristina        Aggio ‘ntiso, signò.

Eleonora      Doppo chello ca è succieso ajeressera, doppo ‘o scandalo ch’avite provocato, tenite ancora ‘o curaggio ‘e me dicere ‘na cosa ‘e cheste? (A Cristina) Jate Cristì, jate a ffà chello ca v’aggio ditto. (Cristina si avvia)

Edoardo        Ferma! (Cristina si ferma) Ma sì. Chello ca avite creduto ‘e vedè, nun era ato ca ‘na rottura.

Eleonora      Ah sì? È pe’ cchesto ca ve stivete spugliando annudo annanze a essa? Dint’‘a casa mia? (A Cristina) Cristina… (Cristina si avvia)

Edoardo        (Si allontana da Virginia e ferma con un gesto della mano Cristina, che sbuffa, non sapendo più che fare) ‘Nu mumento, e che caspita! Che pressa tenite? (Alla signora Montimar) Sissignore! Vedete, stevo appunto dicenno ‘a signorina Giannetti: “Nun voglio astipà niente ca me putesse fà arricurdà ‘e te. Niente. Manco ‘sti vestite ca avite tuccato!” (A parte) Chesta nun s’‘a beve.

Eleonora      (Perplessa) Jate annanze.

Edoardo        (A parte) Azzò, se l’ha bevuta. (Alla signora Montimar) E accussì aggio accummenciato a me spuglià. Si fusseve trasuta ‘n’attimo doppo… m’avisseve visto… (Abbassa gli occhi in atteggiamento pudico) annudo comme a ‘nu verme.

Eleonora e Cristina          (Scandalizzate) Oh!

Edoardo        (Solenne) Sì!

Virginia        (Tornando ad abbracciare Edoardo) ‘O vvide, mammà? T’arricuorde chello ca t’aggio ditto? È proprio ‘o marito ca vaco cercanno! E po’ da poco abbiamo fatto l’amore… (Al conte) Pe’ pruvà… va tutto bene. È bravo, ce sape fà… me piace!

Eleonora      (Perplessa) Oh, beh… Je penzo ca ‘o cummissariato ce putimmo jì ‘n’ata vota… (Guar-dando Edoardo e Virginia abbracciati, che aspettano la sua benedizione) Che v’aggio ‘a dicere… Virgì, si pienze ca accussì sarraje felice, spusatillo! (Virginia e Edoardo abbracciano e baciano la signora Montimar e poi Cristina; confusione, grida, etc.; nel frattempo ritorna Carletti con passo leggero, per non farsi notare)

SCENA NONA

(CARLO e detti, poi FEDERICA, GAETANO e CARLOTTA, indi ANGELA)

Edoardo        (Scorgendo Carletti) Carletti! ‘N’ata vota ccà?

Le donne        Carletti?

Carlo            (Impacciato) Ehm… sì, scusate… M’aggio scurdato ‘o ‘mbrello. (Afferra rapidamente l’ ombrello) E po’ ve vulevo dicere ‘e me scusà pe’ primma e ca me ‘nzoro. Aggio ‘ncuntrata a Federica abbascio e ha accettato d’essere ‘a mugliera mia… Vulesse ca vuje, conte, me facisseve ‘a testimone… Ve ‘nvito a tutte quante, me sposo cu’ ‘na femmena ca primma quase me pigliava in giro, ma mò ha capito ‘e qqualità ca tengo e ce simme fidanzate e ce spusamme. (Entrano Federica, Gaetano e Carlotta)

Gaetano        Pur’je me ‘nzoro… me ‘nzoro cu’ Carlotta… putesseme fà ‘na funzione sola.

Carlo            (Abbraccia Federica) Je sposo Federica, che mi darà ‘a felicità. Putimme fà ‘nu matrimonio a quatto: je cu’ Federica, ‘o spagnuolo cu’ Odette, ‘o signor Gaetano cu’ Carlotta e ‘o conte cu’ Virginia… (Entra Angela con un libro sottobraccio)

Angela          Voglio fare gli auguri al conte che si sposa… (Guarda tutti abbracciati) Anche io voglio l’amore!

Eduardo        Tu tiene ‘e libbre, chilli llà nun te deluderanno maje! Auguri a tutte quante!

Federica       Auguri pure a vuje e ‘a signurina Virginia… ‘A patrona mia, ‘a signurina Odette m’ha fatta venì ccà pe’ ve cunzegnà ‘sta lettera.

Edoardo        Che ce sta scritto?

Federica       (Ingenua) ‘A nota d’‘e diebbete… cioè… nunn’‘o ssaccio… nun l’aggio letta, pure si era araputa… aggio penzato…

Edoardo        Vabbuò, aggio capito, famme vedè! (Legge) Prestiti, restituzione regali… Vabbuò Federì, può dicere a Odette ca lle torno addereto tutte cose, pure si è ‘n’ingiustizia, pecché spusannese ‘o caballero addeventa ricca assaje… Ma je mò songo amato, felice e ricco e lle torno tutte cose addereto… Ma mò vattenne, o si no… (prende la pistola finta) sparo! (Tutti spaventati iniziano a fuggire, lasciando in scena il solo Edoardo) Che cosa bella essere amati per le proprie qualità… E quali songhe le mie grandi qualità? Me piacene assaje ‘e ffemmene, tutte quante, da diciotto a nuvant’anne… me piacene ‘e mmachine, ‘e vvarche, ‘e ccase… insomma me piace ‘e m’accattà tutto chello che amo… Pazzià, dicere buscie e tant’ati ccose, ma soprattutto mi piace aver fatto divertire, spero, questo meraviglioso pubblico.

Sipario

FINE DEL TERZO ATTO

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 23 volte nell' arco di un'anno