Le femmene

Stampa questo copione

LE FEMMENE

Traduzione e adattamento di

Alberto Ticconi

da

Donne al parlamento

di

Aristofane

Personaggi in ordine di apparizione :

Pasqualina Lotroncato (Prassogora I)

Santina, prima figlia di Pasqualina (Prassagora II)

Felicissima, terza figlia di Pasqualina

Marietta, seconda figlia di Pasqualina

Zia Antonia, cognata di Pasqualina

Ludovico, marito di Santina

Peppino, marito di Marietta

Gegé Losciupafemmene, marito di Felicissima

ATTO PRIMO

SCENA PRIMA

Siamo al centro del paese, una piccola piazzetta tra vecchie case: un crocevia. C'è qualche portoncino

in pietra e un piccolo balcone a lato. Alle finestre, panni stesi, vasi di fiori. Per i costumi l'azione

dovrebbe collocarsi intorno agli anni 1940 o 1950. Al centro della scena Pasqualina Lotroncato,

signora sui sessanta, robusta e decisa. E' vedova e madre di tre ragazze, suoi luogotenenti nell'azione

scenica. Ella manifesta della vita una sua chiara e robusta visione, raggiunta dopo lunghi anni di dure

esperienze, che ben traspare dei suoi discorsi. E' vestita come certi pastori della nostra Italia centro

meridionale; cioce ai piedi, copri gambe e giacca senza maniche in pelle di pecora, pantaloni di

velluto marrone scuro e maglia di lana.

PASQUALINA - Vidi si na' mamma de famiglia po' perde tuttu stu' tempo appresso a ste' sartanie! Appropositu de sartanie, (tira fuori una grossa padella da dietro la schiena) propitu iere me l'aggio fatta aggiustà, ca' sti' iorne passati l'hamo usata nu’ poco troppu. Povera sartania (1) mia. V'aggia confessà ca' i' a voti la penso com'a' una de famiglia; na' sore. Anzi, na' mamma. Quante frittate che ci'aggio cucinatu; quante turdane (2). Quanta cosse de pugliu (3) e saucicce co' gli vroccole. E quanta peroccolate(4) 'ncapu a maritumu bonanima, ché faceva gliu sgustumatu (5) nu’ iorno si e unu puri. Chigli si ch'erano tempe bbone. Mo' mi si rimasta sulu tu, ca ste’ tre figlie che tengo si le pigliassi e le ittassi dent'a' nu’ puzzu non facissi nu’ sordu de malevaragniu (6). E vidi si venno? Mo’, a sore, te l'aggia propetu dice chello che me passa pe' la capu, tantu nui non ci'hamo mai annascusu niente. Intantu chelle disgraziate non stanno ancora a veni'; ca' se sta' a fa’ tardi e tra poco 'nginga a farese iorno e ce sta' l'assemblea agliu comune. Hai capito mo'? Nui femmene hama i' la', e n'gnu potemo propitu perde glu postu che ce serve.

Me stanno puri a fa’ preoccupa': che gli sarà successo mo'? 'Ngni sarà riuscitu de trova' cacche barba; d'acchiappà cacche stivale. O gli mariti, ca so’ sempe disgraziati fin'a' dendo l'ossa, puri quanno ti criti ca so’ troppu bbone, l'hanno viste co' gli pagni da ome e se saranno missi a f'ammuina (7). Mama, me pare de vedé na' luce che s'avvicina. E' megliu che ci'annascognemo. Si è n'ome (alla pentola) tu già sai chello c'hai fa. (si nasconde)

Entrano in scena Santina e Felicissima

SANTINA - Com'è tardi! N'ce riesco propitu a capisce pecché è

successo tutto chesto, mo'!

FELICISSIMA - E' veru, a vote ce capita de n'ce rende cuntu degliu tempo che scorre.

PASQUALINA - (uscendo in scena) Addavero? E vu vede' che mo’ l'aggia sepé i'? E' nu’ bbegliu poco che sto' a parlà co’ sta’ sartania, pe' me fa’ nu’ poco de compagnia.

FELICISSIMA - A si!? E che ve sete confidatu?

............................

1) Pentola con manico.

2) Uccelli della famiglia dei tordi.

3) Pollo.

4) Bastonate.

5) Scostumato.

6) Danneggiamento.

7) Baccano.

PASQUALINA - Ca primu de stasera essa vo' assaggià sta’ coccia vacanta che ti'.

SANTINA - Chianu. I', pe' esempiu, aggio fattu tardi pe' colpa de maritumu. Stéa accusì 'ngrifatu a faticà l'abbasciu che n'aggio tenutu gliu coraggiu de 'ncoetaregliu, povereglio.

FELICISSIMA - Abbasciu a' do'?? Dent'alla cantina?

SANTINA - Ma no, quale cantina.

PASQUALINA - Dent'agliu puzzu?

SANTINA - E che è, dico ca sì. Venti centimetri chiù sotto degliu muglicuru.

FELICISSIMA - E che schifezza è?

PASQUALINA - Gli'ombellicu. Venti centimetri chiù sotto degli'ombellicu... !?(a Santina) Sta' sgustumata! Sta' sgustumata...(Entra in scena Marietta con la zia Antonia, Marietta ha un velo davanti alla bocca) Ma ecco chest'ate.

MARIETTA - Ban giornu.

ZIA ANTONIA - Ban giornu.

PASQUALINA - Ban giornu. Ve se facesse la lemgua a mortadella. (a Marietta) Ma come, non me meraviglio de chella, ca si se trasferisce agli'atu munnu chistu n'ha persu niente, ma tu, che si stata sempe la primu, mo' c'hai fattu? Lo peggiu!?

MARIETTA - Ma non m'è statu mica facile acchiappà allo scuru scarpuni....

ZIA ANTONIA - N'è statu mica facile.

MARIETTA - …cammisa, pantaluni...

ZIA ANTONIA - Non c'è statu facile addavero.

MARIETTA - Vastone e fiaccola.

ZIA ANTONIA - Non è stato pe' niente...

PASQUALINA - A te... n'è facile mai niente, a stu’ munnu, apparte lo magnà.

SANTINA - Aspettate nu’ poco. Da chelle parti me pare de vedè tante de chelle femmene, che esciono dalle casi soie, e che se mòvono da chesta parte.

PASQUALINA - Speramo che se so' m'profumate a dovere.

FELICISSIMA - M'profumate?

MARIETTA - Mama vo' dice c'hanna puzzà come agli'ommene noste.

PASQUALINA – Mo’ le vedo puri i'. Cazzarola, chesta è la vota bbona.

MARIETTA - Non potete n'mmaginà la fatica pe' iavozareme. Maritumu iere sera ha mangniatu sarde e, pe' la tosse, non m'ha fatto chiure occhie.

PASQUALINA - Puri a me patuvu cacche vota se le magnava, ma i’ e chesta (mostra la pentola) gli'ammasonavamo (1) sempe alla perfezione. Dopu nun sintivi vulà na’ mosca mancu si t'accitivi.

ZIA ANTONIA - Poveru frate méo.

PASQUALINA - Pover'a' me! Sai quante sartanie aggio scassatu prima de trovà una bbona? Ma lassamo perde sti trascursi(2) e passamo a' atu. Chello c'hamo decisu de fa' l'ate fattu?

SANTINA - Sicuru. I' me so' fatta crescere tanti de chigli piri sotto le vraccia che mo' faccio nu’ sforzu pe' l'avvascià, che no' ve dico.

PASQUALINA - Bbono.

FELICISSIMA - Che schifu!

SANTINA - E si ve facesse vede' gliu resto.

............................

1) Addormentavamo.

2) Discorsi,

MARIETTA - Si è pe' chesso i' aggio vennutu addirittura gliu rasoio e mo' n'assomiglio mancu chiù a una femmena.(Scopre gambe e braccia pelosissime) E non tengo certu necessità della barba finta. (si scopre il viso mostrando un bel paio di baffi)

SANTINA - O Diu degli patri noste!!!

FELICISSIMA - Si, ma nemmeno a n'ome.

ZIA ANTONIA - E tu che sbanii tantu?

FELICISSIMA - I', come potete bbono vedè, aggio passato tante de chigliu tempo a cocem'agliu sole che mo' faccio strilla' gli vicini, pe' la paura, ogni vota che me vedono.

PASQUALINA - Ma che stai a dice? Chigli sderraiono (1) pecché si troppu scema. (alla cognata Zia Antonia) E tu che t'hai fattu cresce?

ZIA ANTONIA - I' so’ na’ femmena de teatru e quanno aggia i' n'copp'agliu palcoscenicu gliu reggista hanna potè sempe dice: Ecco na’ bbella vagliona.

PASQUALINA - Addavero? Accussi funziona gliu fattu? E nui che pensavamo ch'eri sulu cretina. Ma le barbe l'avete trovate?

SANTINA - Si. Ma la mia non me dona mancu pe' niente.

FELICISSIMA - Pur'a' me. Chesta me fa’ assomiglià troppu a na’ crapa.

MARIETTA - A a me a nu' cane guardapecore

ZIA ANTONIA - I', 'nmece, assumigliu sulu a me stessa.

PASQUALINA - (con grande preoccupazione)E chesto è lo peggio! Vui mo’, me pare, che state nu’ poco troppo arruvinate, sia de fore che da dento. N’è che alla fine ce cacciono pecché la dendo non ci gli vonno gli'aglimali?

MARIETTA - A ma', ma che stai a dice?

PASQUALINA - Chesto è puri vero; co’ tutti chigli che già ce stanno, la' dento, non ponno caccià propitu a nisciunu. Però mo’ n'hama perde tempo: vedemo chello che s'hanna fa’.

SANTINA - Dent'all'assemblea m'aggia i' a'settà propritu de fronte a maritumu. Se dice che l'utima vota s'è addurmitu addirittura a occhie raperte.

FELICISSIMA - E certu, si nu’ poviru cristianu è schiaffatu a faticà notte e iorno dent'alla cantina tia.

MARIETTA - Pe' non perde tempo, me so' portata ferre e gumituli. Aggia fa' na’ bbella canotta pe' gliu bradipu meo.

PASQUALINA - Ma addavero?! A chi l'hei fa?

ZIA ANTONIA - Gliu bradipu. E' na’ specie d'aglimale abbastanza raru.

PASQUALINA - Ah, agliu maritu. Che po' n'è raru mancu pe' niente. E pecché 'n'te lo scrivi propitu 'n'fronte ca si' femmena?

FELICISSIMA -Ma i' scoterò bbono: co' tanta attenzione, e co' tantu de recchie spalancati. E stammatina me l'aggio puri pulizzate.

PASQUALINA – Ecco! Tantu hai rattatu bbono loco dento che n'c'è rimastu mancu chiù nu’ poco de cerveglio. Sentete, nui ci'hama capisce alla perfezione. Non se n'hann'accorge nisciunu ca non semo ommene, si no' ce cacciono fore e po' hamo chiusu addavero. Hama fa' attenzione. Chesta è na’ cosa de vita o de morte. Ci'hama assetta' 'nanzi 'n'tuttu, dopu che ci'hamo missu barbe e scarpuni, e chi tè le vraccia muscolose le facesse vede'. Si caccherunu ce da fastidiu, o a raggione o a torto gliu pistamo, dicenno cacche fesseria, sputenno pe’ terra e facenno puri cacche sderraiu com'agli lupi mannari. Ve faccio vede' sì a sta’ manera 'n'ce pigliono addavero pe' ommene.

MARIETTA - Non ne dubbiterà chiù nessuno.

............................

1) Protestare gridando.

FELICISSIMA + ZIA ANTONIA - Tali e quali.

PASQUALINA - Bbono.

SANTINA - Ma aspettate nu’ poco. Non saremo nu’ poco troppo, ma troppu mascuri a chistu puntu? Lo sapeate che tutti chigli compagni mee de scola femmenelle so' stati eleggiuti?

FELICISSIMA - Puri gli mee.

MARIETTA - Mama, agli mee è successa la stessa cosa.

ZIA ANTONIA - Gli mee hanno fattu tutti na’ brutta fine.

PASQUALINA - Pe' gliu curipizzu degliu ciucciu! Ma n'è che è stata la vicinanza tia. Comunque puri gli mee so’ stati eleggiuti! Ecco pecché quannu ce sta' gliu cunsigliu, e stanno tutti all'assemblea, pe' gliu paese se respira tutta n'at'aria. Ma allora, a maggior raggione ci'hamma fà votà nui, che tenemo de natura e de dirittu gliu dovere de gli'acchiappà, ca ca' non se va chiu' ni' annanzi e ni' arreto. Cazzarola!

MARIETTA - Sulu na’ cosa, me chiedo, come potemo noi femmene, no' 'ncingate alla materia, tenè le capacità pe' 'nfoca' gliu populu?

ZIA ANTONIA - Addaveru, è statu sempe nu’ fattu da ome.

SANTINA - Puri chesto è giustu.

PASQUALINA - Ma n'è mestiere nosto fa’ 'ngrifà(1) la genti? Maritumu, grazie a me, o pe' na’ manera o pe' n'ata, steva sempe 'ngrifatu. Quanno vaio alla chianca a'accattà la carni, appena m'affaccio alla porta, se 'ngrifà puri gliu chianchiero (2), co’ tutti chigli che ce stanno dento. Pe' non parlà de chello che succede agliu mercatu, pecché chigli disgraziati volessero fregà propetu a me che gli'aggio visti nasce, cresce e pasce.

SANTINA - Si, però, creca, la tecnica è diversa.

MARIETTA - Ma che ce vo' a parla' co' loggica e sentimentu!

PASQUALINA - (guarda minacciosa Felicissima) La canotta agli'aglimale?! Mettemoce nu’ poco le barbe. (le ragazze ridono)

ZIA ANTONIA - Ah ah ah!! Cognata mia, si te putissi vedè agliu "spiecchiu".

PASQUALINA - I' te dico che quanno guardo agliu "spiecchiu" vedo sempe na’ femmena, e tu?

FELICISSIMA - Chesta m'è piaciuta. Pare na cosa 'ntelligente, pare. Ah ah ah.

PASQUALINA -(c.s.) Pare? E vistu che ti voglia de parlà 'ncumincia tu.

FELICISSIMA - Ine?

MARIETTA - Certu. Mettete 'n'mezo.

FELICISSIMA - State a parlà addavero?

SANTINA - Mé, non perde tempo.

ZIA ANTONIA - E movete!

FELICISSIMA - I' 'n'mezzo a tant'aggenti pe' parla' de cose 'mportanti?

FELICISSIMA - Ma.... non me so' fatta la permanente, e non me so' mancu 'mprufumata addavero.

PASQUALINA - Ma tu stai propriu arruvinata fin'a' dento l'ossa. Levatemella da 'nnanzi, sta’ disgraziata.

FELICISSIMA - C'aggio fattu mo' de malamente?

PASQUALINA - Chi atu vo’ parla’? La permanente!? Prima o dopu....

MARIETTA - Ine.

........................

1) Arrabbiare, qui il termina gioca con l'essere aizzato con una buona arringa e stare bene in piedi.

2) Macellaio.

3) Grossi cumuli di fieno sistemati intorno ad un palo, in genere a forma di cono dai fianchi abbombati.

PASQUALINA - Brava. Ma me raccomando: 'npostete nu’ poco megliu e fa’ la voce da ome. Ecco, accussì. Però non fa’ vedé sti’ di' metali de feno(3) che ti' m'petto, (intende il seno) ca tu si stata sempe nu’ poco esaggerata.

SANTINA - Non poteva certu lasciarele alla casa.

PASQUALINA - Come, soreva ce lassa pure gliu cerveglio?!

FELICISSIMA - N'è vero! (quasi piangendo) N'è vero mancu pe' niente!

MARIETTA - Scotate! "Pe' chella che è la natura mia, i' avesse voluto restà lontanu da chisti privileggi; nu' poviru faticatore che pensa e agisce. Rispettusu de' chelle leggi che fanno bbono all'anima e agliu corpo e concentratu sulu pé gliu sostentamentu della famiglia e all'educazione degli figli. Non è abbitudine de chist'ome, quinti, mettese 'n mostra. 'Ntromento però, caccosa m'ha schiaritu la coccia 'ncopp'agliu dovere che nu’ cristianu de razza hann'avé verso la città sia e la patria sia, e accussì i' mo' me sento allu strittu, e non pozzo fa’ ammeno de strillà, co’ tuttu chello che tengo de chiù mascurinu: Per tutte le zinne mei, st'ingiustizia non passerà!

PASQUALINA - Eh!? Ch'e' dittu? Pe' chelle de mammeta. A chesto punto già ce dovessemo sparà. Levete da loco. Leve da loco, ca si no' t'ammasono. Aveva 'ncuminciatu accussì bbono...I' volesse sulu sape'... Ma che parlamo a fa?

ZIA ANTONIA - Scusate se m'ammesco agli raggionamenti voste, ma se non facemo lestu ce chiureranno da fore.

PASQUALINA - Ma addo' potemo i' co’ sta' coccia che tenete? I' non me movo da ca' si non trovamo chella c'adda parlà e gliu trascursu che s'hadda fa'. Ve pozzen'accite, a tutte e tre, Maronna, téh!

SANTINA - Va bono. Mo' hamo capitu. Scusace; non succederà chiù. Tu 'ntromento facce prova' ancora. (alla madre) E po' i' ancora n'avevo dittu mancu na’ parola. A stu' puntu fate silenziu che tocca a me. "Secundu gliu rettu penseru e a parere meo, o femmene ca' addunate..."

PASQUALINA - Disgraziata. Te puzzi schiattà (1). Chiami femmene puri gli'ommene?

SANTINA - Non tengo colpa si so' nu’ poco sensitiva.

PASQUALINA - Ma statte zitta, che fai la meglio cosa, e assettete. Chi atu vo’... (la zia Antonia sta alzando la mano)Nisciunu! Nisciunu che po’ fa' gliu trascursu. Nisciunu! Me sa’ che so' costretta pe' forza a farelo i' pe' vui, ca co' gliu fattu che sto' già alla pensione me ne potesse puri fregà. Pateterno meo, Tu che m'hai sempe aiutatu, non me te scordà propritu mo’, ca chistu e nu’ momentu bruttu assai. In considerazione puri degliu fattu che se cheste so’ figlie a me è sulu pecchè Tu me l'hai date. Ve pozzen'accite n'ata vota. Mo 'ngingamo (2), e stateve zitte. (le ragazze si vanno a sedere tra il pubblico). "Amici, compagni, camerati e arruvinati qualsiasi, i' aggio sempe sopportatu com'a' vui, ma spissu peggiu de vui, le disgrazie de stu’ paese, che si mo' nui volessemo dice che sta' sulu dento a na' fogna avessemo dittu propitu na’ fesseria. E gliu motivu è unu: quanno ce se mette sempe 'n'mani agli peggiu e po' ce se lamenta, e po' ce se rimette n'ata vota n'mani agli stessi, chi lo fà, 'nmece de parlà, saria megliu che se 'nfilasse nu’ tappo 'n'mocca e nu’ fiascu da cincu litri 'n'culu. Che po' alla fine chi cumpina gli uai ci'ha sempe raggione, e vo' esse puri pacatu da chi ci'ha già rimissu gli'osso degliu coglio. Ma da na’ parte come se fa' a raggionà co' ommene che non s'abbottono mai? Che hanno arrobbatu pe'' issi, pe' gli figli; pe' gli niputi, gli pruniputi, gli stranniputi e chi gli'accopp'a'mmorto, e hanna continuà a rosecà senza sazziarese mai? Chesta è na’ sgustumarìa. A stu' puntu è chiaru che gli disgraziati tagliono le cossi a chi dice e fa’ lo bbono e invece leccono gli pere a chi, se non se stessero attento, se rosecanno pur'a' issi: semo nui

...................................

1) Morire crepando; esplodendo,

2) Iniziato.

che ce lo permettemo; a tutta forza. Na’ vota ce steva nu’ padrone e faceva chello che gli paréa; tutti se lamentaono ma nisciunu poteva parlà. Mo' a voglia a parlà; n'mezo alle strati, n'mezo alle piazze, dento alle casi, 'ncoppa gli'aotare, dent'agli consigli comunali, all'assemblee degli parlamenti. Te se rosecanno lo stesso, o te n'accurgi o 'n'te ne accurgi affattu; cotte e cruri."

MARIETTA - Brava, brava!

PASQUALINA - Te puzzi cecà n'ata vota. Brava a chi?! Ma non te lu vu' fa trasì 'n'capu ca la' i' so' ome.

FELICISSIMA - Veramente pure a casa, ma'.

PASQUALINA - C'hei dittu tu mo’? Uh! Si ve sbagliate la dento, fosse l'utima cosa della vita mia, ve faccio a fittine. "Quanno a st'assemblea vè caccherunu e ce presenta nu’ bbono progettu, 'ngni fa’ niente ch'è propritu bbono, pe' gliu sulu fattu che non so’ stati chigli che gli puzza gliu nasu, e puri cacche ata cosa, a presentarigliu, s'hanna sulu ittà a maru. Ma si stu' proggettu appartene a chi gliu puzza gliu nasu e tuttu gliu resto come robba morta, puri si è sulu megliu della merda de vacca, dopu nu’ poco è passatu e s'è fattu già legge. Ma a fa' chesto n'cé vo' bravura; anzi chiu' semo ciucci e chiu' semo prepotenti. Mo' dicemo puri n'atu fattu: quanno uno ca' dento magna se sta’ zittu, quanno non magna strepeta e sbanéa (1) a tutta forza a chi 'ngniu vo’ sentì, ca' se dovesse taglià la coccia a chigli c'arrobbono o se vennono o vanno corrompenno. Ma gliu iorno dopu, quanno ha magnatu puri issu, si iavoza la mani è sulu pe' i' agliu cabbinetta, ché già gli fa’ male la panza pe' gliu troppu pisu."

ZIA ANTONIA - Che pezzo d'ome.

MARIETTA - 'Ntelligente.

SANTINA - Onestu.

PASQUALINA - Chi, chigliu ch'è iutu agliu cessu?

FELICISSIMA - Ma no, tu ma'.

PASQUALINA - E lu viti che hai sbagliatu n'ata vota?! "E la colpa è la nosta! E di chi, pagatu co' gli soldi noste, usa gliu postu, che nui gli'hamo datu, pe' ce i' 'n'fronte a nui stesse. E a sta' manera semo curnuti, mazziati e 'nchiummati (2); no na vota, ma cento. Primo pecché lo sapemo, e le ate novantanovi voti pecché non facemo niente pe' ce levà da stà posizione e pulizzarece sti' pirucchi che tenemo 'ncoglio."

ZIA ANTONIA + FELICISSIMA+MARIETTA+SANTINA - Bravo. Bravissimo! (incitano il pubblico a partecipare)

PASQUALINA - Mo' si! "Ca' l'hama smette, tutti quanti, de fa sulu gli fatti pe' gliu 'nteresse nosto. Me spiego megliu. Gliu 'nteresse è bono ma no chigliu degliu ciucciu, che te' gli paraocchie, o chigliu degliu porco, che s'accite sulu pe' la panza sia. Nui hama fa scomparì dagli vocabbolariu della coscienzea nosta le porole egoismu, invidia e gelusia. E le parole meo e teo hanno diventà nosto e vosto. Allora, i' che so' venutu a fa ca' dento?"

ZIA ANTONIA - E' vero Pascalì', che si' venuta a fa'?

PASQUALINA - Si 'nce stesse la legge...

"I' so' venutu a prospettareve na strati: che gliu governu fosse missu da oggi stesso 'n'mani alle femmene."

MARIETTA - Eccellente.

SANTINA - Notevole.

FELICISSIMA - Questo si che è un uomo.

..................................

1) Protesta sbraitando con molta agitazione

2) Frodati, nel sottinteso: violentati con inganno ed in modo devastante.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

PASQUALINA - "E mo ve dimostro pecché. A differenza de 'nui ommene', che semo quasi sempe eguisti, vanitusi, presuntusi, 'n'ce sazziamo mai, le femmene, apparte cacche pecora zoppa com'a' cognatema, che gli pozza cresce na sérve de pummarole 'n'capu, ca' almeno gli serverà a caccosa, le femmene, come steamo a dice, so' già abbituate a fà tuttu pe' gli'ati. Esse, poverelle, sò chelle che preparono da magnà, spaccono e careccanno le lena, lavono e cosono, e fanno tanti ati fatti che ca' 'nse ponno manco nomina'. Tutto chesto pe' chi? Pe' gli figli, gliu maritu, gli'amante, gli niputi, gli vecchie e gli stravecchie, e pe' esse si ci'avvanza tempo e forzi. La femmena è tradizionalista de natura. Essa sa cucinà le cosi bone de na vota, gli piace lo vino bono de na vota, no com'a' chigli che stanno ca dento e se 'mbriacano dalla matina alla sera, e non cernono lo vinu dagliu brodu. Se mantene car'e'cuntu gliu maritu come se faceva na vota, e sulu si propitu issu se n'è iutu all'acito se fa gli'amante, tale e quale come agli begli tempe de na vota.

Mentre nui ommene, puri si tenemo la cchiu' bella, giovane e bona femmena de stu munnu, si ce capita l'occasione 'n'c'è periculu che ce sputamo 'ncoppa. Le femmene non vanno cerchenno stramperie moderne, che non sai mai si ponno funzionà, ma si' pigliano cacche novità state sicuri che hanno provatu bono che funziona cento voti megliu delle cose vecchie. A chistu punto i' me chiedo: Che perdemo tempo a fa'? Facemoce governà da esse, e non preoccupamoce dello peggiu, che peggiu de come stamo non potemo i'. Po so' mamme, e de chesto se ne ricordano iorno e notte; no com'a' nui. E chi chiu' de na mamma po' pensà allo bene degli figli? E chi megliu de na mamma sa' come s'hanna amministrà gli sordi dent'alla casa.

Agliu mercatu no'lle frega nisciunu, mentre si ce va n'ome agliu povereglio gli levono puri le mutande e, dopu che gli'hanno scorepatu(1) puri gliu voscu de sotto, issu

è capace de tornarese alla casa co' nu begliu sorrisu stampatu n'facci, convintu che gli fregati so' gli'ati. E me voglio fermà ca, ca' ce ne stesse d'aggiogne si uno volesse approfiddià(2).

LE RAGAZZE IN CORO - Bravu. Bravissimu, meravigliusu. (ritornano in scena)

ZIA ANTONIA - Chistu sì che è nu trascursu de livellu iautu.

FELICISSIMA - E' propritu accossì.

MARIETTA - Non me lo fosse mai aspettatu.

SANTINA - Ma addo' te sì 'mparata a fa' sti begli raggionamenti?

PASQUALINA - E' statu durante la guerra, quanno ce n'hamu dovutu scappà da tutte le parti. Girenno pe' gliu munnu aggio 'ncontratu veramente tanta gente. Ce steono ciucci e varzuni, ma ce steono puri cert'ommene ca' sulu a sentiregli parlà te se rapreva gliu core: ommene de legge, letterati, atturi famusi, cantati bone, generali e puri presidenti.

FELICISSIMA - Che begliu!

ZIA ANTONIA - Si, ma come mai gli'hai accanusciuti tutti tu?

PASQUALINA - Cuntinua a no'mpicciarete degli fatti toie e viti che fine fai prima de stasera. L'intelligenza ce la dà gliu Pateterno come e quanno vo issu, e siccome a me me n'avuta dà paricchia, pe' combatte co vui, chello che issi diceono i' lo capiscevo, puri megliu de chi parlava. Tantu che ancora mo' n'aggio persu na parola.

MARIETTA - So' sicura che tutte l'ate femmene t'eleggeranno come presidente nosto, co' la certezza che co' te agliu comandu se realizzerà ogni progettu.

FELICISSIMA - Chesto è sicuru. Ma si gliu maritu de Santina te dovess'acconosce?

PASQUALINA - Primo, è troppu strunzu, e secondo, se issu conosce a me gli faccio capisce bono che puri i' conoscio a issu. (mette in evidenza l'indici e il mignolo sulla sua mano)

MARIETTA - Brava ma'.

ZIA ANTONIA - Simbri nu puliticu addavero.

SANTINA - E se maritumu te farà vedè e toccà co' mani che gli fatti che vai dicenno so' sulu scemenze?

PASQUALINA - Gli ricordo che la mugliere ne dice e ne fa' (con tono di rimprovero) addavero, e cento voti de chiu', dalla matina alla sera, eppuri issu la scota e l'obbedisce come nu cane fa' co gliu patrone.

FELICISSIMA - Perfettu ma'.

SANTINA - Pecché, i' dico scemenze?

PASQUALINA - E come no. Oggi, per esempiu, n'hai sfornate a cofene. "O femmene ca' addunate..." Ma n'te mitti scorno?

................................

1) Tagliare il sottobosco

2) Continuare o approfondire il discorso.

MARIETTA - E se unu degli compagni noste de scola te dovesse affronta'?

PASQUALINA - Chigli, che quanno vedono n'ome addavero s'allampano(1), appena senteranno a me se metteranno 'ncopp'agli'attenti; e quanno po' capisceranno gliu pisu de chello che vaio dicenno me verranno addirittura a lecca gli pere e puri cacche ata cosa.

ZIA ANTONIA - Accussì scopriranno però che non sì ome.

PASQUALINA - E secondo te ci'arriveranno vivi agliu tappetu della porta?

FELICISSIMA - No. I' dico che va tuttu bono.

MARIETTA - Na domanda: Come se fa a vota'?

SANTINA - Giustu. S'hanna iavoza' la mani o cacche ata cosa?

PASQUALINA - Ve pozza nasce na pianta de masinicola 'nmocca, tèh.

ZIA ANTONIA - Ma pecché dovesse succede chesto mo'?

PASQUALINA - E che volete iavoza, la cossa com'agli'ommene voste quanno hanna i' agliu cabbinetta?

FELICISSIMA - Ehi! Ine n'aggio sposatu nu cane!?

PASQUALINA - Allora chi è statu, maritutu?

ZIA ANTONIA - I' n'aggio sposatu propitu a nisciunu.

PASQUALINA - E co chi ce la volemo piglià? Scotate, come vedete fa a gli'ati ata fa' puri vui. Mo aggiustateve bono e 'ncuminciamo a i'. E date sta voce a tutte l'ate: Chi arriva in ritardu, oltre a rimané de fore, s'abbusca puri nu cauci 'n'mocca. (esce)

Le donne si portano nel proscenio

MARIETTA - Iamocenne o femmene; non se pò chiù aspetta'.

SANTINA - Forza o bone cittadini.

ZIA ANTONIA - Pecché chesto mo' semo.

FELICISSIMA - Sulu nui tra tutti rischiamo caccosa della vita nosta.

MARIETTA - Pe' la patria.

CORO - Pe' la città degli vécchie noste.

MARIETTA - Aota mamma nosta.

SANTINA - Aota e iaota nosta bella famiglia e bona casa.

FELICISSIMA - Non semo nui come chell'aggenti ca non movono nu passu quanno n'c'è sta niente da abbuscà.

CORO - E s'annascognono quanno c'è sta'nu poco de sacrificiu da sopportà.

FELICISSIMA - Che 'nmece so'propitu le prime sì ce sta d'acchiappà oru o onore, e cacche atu grosso privileggio da piglia' n'mani.

IN CORO - No, nui non semo accussì.

FELICISSIMA - Bèh, se oltre a èsse grosso è puri tosto...

SANTINA + MARIETTA - Nui non semo affattu accussì!

. . . . . . . . . . . . . . . .

1) Si fanno rossi per la fortissima emozione.

FELICISSIMA - A me non me pare! Chella vota che ce steva chigl'accampamentu de sordati....

SANTINA + MARIETTA + ZIA ANTONIA - Nui non semo gli suci grosse e femmene della società.

SANTINA - (minacciosa) Dici chello che volivi dice?

FELICISSIMA - Che non tenemo niente a che sparte co' chelle cose là.

ZIA ANTONIA - Forza o cittadini, votamo e sostenemo gli giusti disegne de legge.

IN CORO - Che songo gli noste.

MARIETTA - Screffonnamo chigli sbagliati e guardamoce dagli vampiri e dagli ciucci travestiti da ommene.

FELICISSIMA - Appoggiamo pe' nui, e pe' gli figli noste specialmente, le bonee soluzioni.

IN CORO - Che so' sempe le noste.

ZIA ANTONIA - Ittamo a mari gli progetti da quatto soldi che servono sulu a chi vo' arrobbà bono e megliu.

IN CORO - Che non so' certu robba nosta.

SANTINA - Acchiappamo e schiattamo sott'agli pere gli pescaturi de frodu.

ZIA ANTONIA - Che se pozzeno cecà!. I' mica lo sapevo che dent'all'assemblea se facesse puri st'arte.

MARIETTA - E secondo te che ce vanno a fa' tutti chigli cagnati de sponta dent'algliu consigliu comunale?

SANTINA - 'Ntromento se fanno gli trascursi pulitici, gli curnuti 'nvece de 'mubriacarese o addormerese, come fanno gli'ati arruvinati, allongono le mani tra le cosse degli mariti noste.

FELICISSIMA - E allora hama corre, e lestu puri, prima che stennono la mani a mama, ca' a' essa, chiù 'ngrifata de' n'aglimale feroce, è facile scatenà nu terremotu.

IN CORO - (uscendo) Venete o bone cittadini, non pensate sulu a magna' e beve. Guardate agli giusti fatti voste prima che diventono sulu e soltantu "fatti d'ati". Lo magnà e lo beve passono, e finisciono dent'à na fogna; La dignità resta, e puri dopu morte. Ma si ve fate ciucci sa' capezza chi ve la leva? Venete o bone cittadini, non pensate sulu a magnà e beve. Guardate agli giusti fatti voste, prima che diventono sulu e soltanto fatti d'ati. Ecc. ecc..

FINE SCENA PRIMA

SCENA SECONDA

Entra Ludovico, marito di Santina, lamentandosi e reggendosi la pancia.

LUDOVICO - Che me sta a succede stammatina? E do' è iuta a schiaffarese muglierema? Non me vè manco de pensà a chi me pozza da' na mani. Chi m'aiuterà pe stà situazione? Non riesco a fa' la cacca! Eppure tengo la panza che se sta' a schiatta. A voti non me da gliu tempo d'assettareme che esce co' tanta de chella pressione da sfonnareme la tazza, ma stammattina non né vo' sape; a' voglia a spreme. E che dolore! Iavozannome dagliu letto aggio cercatu la robba mia; gliu pantalone, la cammisa, ma chello c'aggio trovatu so' sulu gli vestiti de muglierema. E 'ntromento sta' scalmanata bussava alla porta, e mo' n'ce riesce a sci'. Se sarà arruzzinitu glu catenacciu, oppuri s'è 'ncastratu gliu stanteru de lena. Ma non po' esse che i', a stu munnu, m'aggia preoccupa' puri de portà a spassu' la merda. Pe' carità, c'è stà caccherunu de vui che me po' da na mani? Nesciunu. Come lo sapevo. Pover'ammé. Ma fate che dovesse capità a vui.... E muglierema chisà do' se n'è iuta. Si ce fosse nu minatore.

Entra in scena Peppino

PEPPINO - Ehi, Ludovico. Ma non è gliu sinducu chigliu che la pe' terra se sta' a torce com'a' nu verme? 'Nvece de presiede l'assemblea che sta a fa'?

LUDOVICO - Ban giornu Peppì. Tengo nu probblema.

PEPPINO - Unu sulu?! I' dicesse almeno dui, se sì vestutu da femmena.

LUDOVICO - Non te pozzo da' torto. Ma pecché, tu come stai vestutu?

PEPPINO - Chistu è n'atu cuntu: dento la casa mia, e n'aggio capitu ancora pecché, non c'è rimastu mancu unu degli vestiti mee.

LUDOVICO - Addavero? A me è successo gliu stesso fattu.

PEPPINO - Le vidi ste scarpe? So' de muglierema.

LUDOVICO - Puri le mei.

PEPPINO - La disgraziata s'è squagliata e co' essa tutte le mutande.

LUDOVICO - I', essendu sinducu, non potevo 'i certu agliu consigliu senza le mutande. Spissu piglio chelle de ferro, e oggi so' statu costrittu a usà gliu reggipettu de muglierema.

PEPPINO - Addavvero! E funziona?

LUDOVICO - Esse dui stanno bono, ma è gliu povereglio che non sa addo' sbatte' la coccia. Scusa, scusa: solo nu poco de pacenzea che forse è la vota bona. (si accovaccia dietro una grossa pietra)

PEPPINO - Ma che stai a fa?

LUDOVICO - Piglio l'occasione a vulu. E' da ghieci iorne che non vajo de corpo.

PEPPINO - E lo vu fa' 'nanzi a me? O stu' sgustumatu! A tutta sta genti??

LUDOVICO - (al pubblico) Vui fate finta che i' songo sulu chiù grosso de cacche mese de nu figliu vosto appena natu. Grazie.

PEPPINO - Si, ma che puzza, cazzarola! Sinti, forese mugliereta è stata mantenuta a pranzo da n'amica sia.

LUDOVICO - Lo penso puri i'. E' sempe stata na bona femmena.

PEPPINO - Caspita si è bona! (tra se) Chistu è gliu uaiu teo. Allora, come va' sta trattativa?

LUDOVICO - Peggiu de peggiu. Era sulu nu poco d'aria. Ma gliu macignu non ce riesce propitu a ruglià alla chiana. Se se potesse, capisceme bono, allarga' na ntecca la porta penso ca gliu probblema saria aggiustatu.

PEPPINO - E chi dice de no. Ma non guarda' a me, che mo' non tengo tempo pe' sta specie d'operazioni. Aggia corre' all'assemblea, figliu meo, che è già troppu tardi. Ce vedemo allo chiu lestu. E auguri agliu curipizzu. (esce di corsa)

LUDOVICO - Vattene, vattenne puri, che dopo vengo puri i', si non saraggio crepatu prima. Allora, propitu nisciuno vo' dareme na' mani? Mannaggia la sfurtuna. Ma po' mai esse che n'mezo a vui n'ce sta mancu nu dottore, nu' farmacista, nu' frociu!? C'è sta nu frociu mascuru? Prima m'era sembratu de vederene caccheruno; ci'avesse missu le mani 'coppa gliu foco. Sta spece cagnata, pe' natura o pe' vocazione, te la truvi sempe 'nmezo agli pere, ma quanno te ne serve urgentemente uno, mancu a pagaregliu oro.

Entra in scena Gegè visibilmente agitato.

GEGE' - E chi l'avesse mai potutu crete. Non ce pozzo pensa'. E ca è propitu nu fattu storicu. (si accorge di Ludovico) Ehi, ma che stai a fa'? Non dicereme assolutamente che stai a cacà!?

LUDOVICO - Ma propritu no! E guarda; me iaozo puri.

GEGE' - E allora che stivi a fa' tuttu accovacciatu la dereto?

LUDOVICO - Addunavo margherite.

GEGE' - Vestutu a sta manera?

LUDOVICO - E' la manera migliore. Me vesto sempe accussì quanno vaio pe' fiuri. Ma Gegé, leveme na' curiosità, tu da do' stai a tornà?

GEGE' - Dall'assemblea.

LUDOVICO - E' già finita?

GEGE' - Dent'a' stu' momentu.

LUDOVICO - Deserta, scommetto?

GEGE' - Nient'affatto, anzi parea de sta' agliu mercatu.

LUDOVICO - Come a sempe, allora.

GEGE' - Mai vista na' folla accussì grossa. Gliu fattu curiusu è che ce steva puri gente streoza. Pe certi momenti parea che fossero meze femmene, e ate voti mascuri abbestialiti.

LUDOVICO - Come sarìa begliu se uno de chisti me venesse ad aiuta'.

GEGE' - De che stai a parlà mo'?

LUDOVICO - N'aggio dittu na' parola.

GEGE' - Gente che n'te saccio descrive.

LUDOVICO - E qual'era gliu trascursu?

GEGE' - Gli'argomentu degliu jorno era: "La sarvezza degliu statu". Forse pe' chesto ce stea na' confusione che n'se poteva crete: genti che strillava, genti che cantava, e genti che menava. La pazzaria è che chigli che le pigliaono steono muti e chigli che le deono chiagneono pe' gliu dolore. Sartanie e fressore che parea tenessero le scelle, tantu vulaono da tutte le parti.

LUDOVICO - Sartanie e fressore come a dischi vulanti? Pare de sta' dento alla casa della socera nosta. Va 'nnanzi.

GEGE' - A nu begliu puntu caccheruno è riuscitu a fa sta' zittu sta torema d'aglimali e propritu a chigliu momentu ha 'ncincatu a parlà gliu schiattamorte. Come se fosse nu personaggiu de pisu, e dopo averese schiaritu la voce, ha dittu: "Ca' s'hanna cura' co' urgenza le casse degliu statu". E subbitu gli'hanno marcatu de concussione, 'nteressi privati pe' gli fatti degli'ufficiu e abbusu d'autorità.

LUDOVICO - Ma se fin'a ieri la dento era gliu chiù onestu?!

GEGE' - Scota. Dopu n'ata 'ncredibbile ammuina ha pigliatu la parola... Come se chiama? Chigliu tuttu sgobbellatu. Gliu parente della zia de Peppinu.

LUDOVICO - Zia Francesca la scofenata? Aggio capitu. E c'ha dittu?

GEGE' - Cerchenno de sta' chiù dirittu che se potea ha 'ncuminciato: "Non facemoce faose pensere, se volemo avè caccosa de bono pe' gliu paese nosto, è necessariu raddrizzà gli perne degliu governu, ca' si no'..."

LUDOVICO - E' giustu.

GEGE' - Ma mica ha pututu approfiddià! Gli fischi e gli sderrai se so' sprecati: alla facci sia, della mamma, degliu patre, delle sori e soprattuttu della zia. Gliu povereglio s'è dovuto annascogne. Sapeono puntu pe' puntu tutto de issu e della famiglia. Na cosa de gli'atu munnu. Si, ma pecché te vai a accovaccià n'ata vota? Ti cacche probblema?

LUDOVICO - Affattu. Come fai a pensà na cosa de chesta? 'Ntromento continua.

GEGE' - A sto puntu s'è iaozato gliu moderatore.

LUDOVICO - Era ora.

GEGE' - E come no. Ma sento nu poco de puzza.

LUDOVICO - Va 'nnanzi, ch'è tutta 'mpressione.

GEGE' - Però gliu disgraziato era 'ngnuru come gl'ha fattu la mamma, e approfiddiava, co' na facci chiù tosta delle preti, a a' giurà e a spergiurà d'essere vestutu. Ha 'ngingatu gliu trascursu sbaneènno a tutta forza contro gli mariole. Ma mica chigli normali, no. Chigli che vanno arrubbenno le mutande. Pe' la coccia sia chisti gli peggiu.

LUDOVICO - Addirittura.

GEGE' - E certu, pecché chi accite terrà puri cacche raggione, ma chigli che arrobbono le mutande se po sapé pe' quale motivu lo fanno? E po' unu che t'arrobba le mutande non tè limiti a chello che te po' fa.

LUDOVICU - Pe' casu tenissi gliu 'ndirizzu de caccherunu de chisti?

GEGE' - Ma che stei a dice? Ha approfiddiatu promettenno favuri e posti pubblici a chi n'avesse fatt'acchiappà almeno uno.

LUDOVICO - Tra poco sta povera panza mia scopperà com'a na pentola a pressione.

GEGE' - No, a dice la verità, da chigliu momentu pentole e fressore so rimaste agliu postu seo. S'è iaozatu, dopu nu poco n'ome, che nisciunu de nui avea mai vistu. Tenea na barba e nu corpo, tantu grosso, da sembra' nu pecoraru de montagna, e ha 'ngingatu a fa' nu trascursu, degliu quale i' 'n'c'iaggio capitu nu fraulu, fino a che, cagnatu postu, e missume vicin'a' issu, ha 'ncuminciatu a dice che è assai necessario da' gliu governo, - viti tu che fattu,- alle femmene. E appena ha profiddiatu l'utima parola so' sparati sbattimani e strilli d'acconsensu. Ce steono sì chigli che gli'era iutu de traverso...

LUDOVICO - Pecché teneono ancora chello che gli funziona bono alla pressione giusta, sangu de' la miseria.

GEGE' - E come no! Ma erono gliu scartu, e paricchi de issi erono chigli cagnati de sponta.

LUDOVICO - Come si n'avesse parlatu. E come s'è mosso gliu pecoraru?

GEGE' - Ha continuatu na bellezza: dicenno ogni cosa bona delle femmene; l'ha messe addirittura 'ncoppa n'aotare, co' na lengua accussì lesta da farese 'nvidià da Cicerone. Ma ha parlatu malamente de te.

LUDOVICO - De me? E che diavuru ha pututu mai dice?

GEGE' - Che si nu ciucciu.

LUDOVICO - E tu?

GEGE' - I' non c'entro. E ha aggiuntu che si puri cornutu.

LUDOVICO - Solo i'? E de te c'ha dittu?

GEGE' - Si permitti, degli'ome Gegé Gliusciupafemmene che se pò dice? N'c'è stà femmena che non tene de me nu ricordu paricchiu sapuritu, e ome che, appena me vede, non corre subbitu ad assicurarese ca la mugliere sta chiusa bona dento la casa.

LUDOVICO - E che autu ha dittu?

GEGE' - Che si' nu menefreghista e pinsi sulu agli cazzi toie, come tutt'a' sta' brava genti.

LUDOVICO - Chesto lo saccio bono. Non te danno n'appoggiu mancu se te vedono crepa'.

GEGE' - Ma delle femmene ha dittu lo megliu che se pò.

LUDOVICO - 'Nfame e traditore.

GEGE' - Secondo issu so' brave, oneste e 'ntelligenti; e puri bone.

LUDOVICO - E chesto chi lo po' negà!?

GEGE' - A chi lo dici. Sanno fa' frutta' le lire e gli centesimi. So' esperte a nascogne le cose; a mantene' gli segreti. No come facemo i' e te, che se ce capita lo ténnero fra' gli rente godemo chiù a dirolo che a' farolo. E gli fatti degli tribbunali grazie a nui divennono pastora de porco.

LUDOVICO - Ca ci'ha raggione, e de paricchiu puri.

GEGE' - Che le femmene so' capaci de mantene' le parole senza bisognu de testimoni.

LUDOVICO - Beh, nui cercamo de magnarecele puri quando gli testimoni ce stanno.

GEGE' - E la giustizia, co' denuncie, cause e processi de ogni specie, come facemo nui, esse non la 'ntasano.

LUDOVICO - (gridando) Non pronuncia' chella parola.

GEGE' - Quale parola?

LUDOVICO - Iammo 'nnanzi!

GEGE' - Se ce stà cacche probblema, dopo nu bono pistamentu e na salutare tirata de capigli, esse gliu sciogliono accordantose pe' nu giusto riscattu.

LUDOVICO - Che toccherà sempe a nui pagà. Ma alla fine che cazzarola s'è decisu dent'a'stu' cunsigliu?

GEGE' - Lo peggiu. E' statu affidatu a esse gliu governu e puri tutti gli'ati 'ncarichi.

LUDOVICO - Vu dice, pe gliu curipizzu degliu soce, che nui non ci'hama preoccupà chiù de niente?

GEGE' - E me pare.

LUDOVICO - I' n'avvr'aggio chiù bisognu de sderraià la dento pe' me fa pagà la presenza alla poltrona?

GEGE' - Accussì.

LUDOVICO - Non m'aggia chiù iavozareme lestu la matina pe' sostenè la famiglia?

GEGE' - Lo stam'a' dice; da mo' pu' rimanè alla casa a fa' tranquillu tranquillu gli bisogni tee.

LUDOVICO - (c.s.) Pe' favore smettela! Me stai a torturà, me stai!!

GEGE' - Ma che, t'è iutu de traverso gliu cerveglio?

LUDOVICO - Però, scota; pe' gliu pensero meo c'è sta nu periculu.

GEGE' - Che vu dice?

LUDOVICO - Se gliu potere passa a esse potaria capità che le cioàrde, quanno gli zompa pe la coccia, che de idee malamente n'è sempe chiena, ci'acchiappono e ce metteranno a fa chello che gli pare: puri gli'ammore. Te voglio vedé a farelo a comandu.

GEGE' - E i' gli dico de no. Cazzarola!

LUDOVICO - Ma allora esse te faranno murì de fame.

GEGE' - Se pò sempe fa nu certificatu medicu.

LUDOVICO - Sine, si non te chiamassi Gegè Gliusciupafemmene forse lo putissi puri fa'.

GEGE' - Allora ci'accordamo.

LUDOVICO - Già, ma farelo sotto padrone; "Bobby, movete! che gliu tempo è poco! Fidu, fa lestu, che tengo na riunione!" non sarà pe' niente facile.

GEGE' - Mo te spiego, ca'a'vote non se capisce pe quali meriti t'hanno elettu sinducu. A nui "issu" n'ce scota, manco si gliu pigni a muzzichi 'ncapu, ma appena tè gli'osemo delle grazie de na' femmena è capace de mettèrese 'ncoppa gli'attenti dento a nu secondo. E pò se chesto ce chiede lo statu ine me considero nu cittadinu assai furtunatu. Mo te lasso, e tu non ce pensà. Da retta a me, levatigli sti matuni da 'ncoppa gliu stommucu.

LUDOVICO - (c.s.) E basta, pe' gliu diavuru 'nfocatu che n'te se roseca. Te stai a spassà a tutta forza 'ncoppa alla panza mia, stammatina. Volesse gliu celo.

GEGE' - Mah!? E' meglio che me ne vajo. E' megliu che me ne vajo. (esce)

LUDOVICO - Aggia subbitu i' a provà co nu clistere. E se non funziona passamo allo peggio, pecché ca' abbisogna risolve gliu probblema a ogni costu.

Ca' unu s'hanna accontentà pe' forza de chello che passa stu' conventu. (dando un'occhiata verso il pubblico) Nooo! Non c'è periculu; chisti fanno propritu recchie da mercante. E che sgustumaria. (esce dalla parte opposta)

Po' vanno trovenno sulu favuri. Venete la prossima vota pe' nu certificatu. Venete....

FINE SECONDA SCENA

SCENA TERZA

VOCI DI DONNE FUORI CAMPO

Entra in scena la signora Lotroncato, Marietta e Felicissima

PASQUALINA - Bbono, chiù bbono d'accussì non poteva i'. Gli fatti noste so’ iuti allo megliu, e tuttu s'è realizzatu come doveva esse; pé mo’. Da na’ parte non potea i' pe' ati modi.

MARIETTA - Ma', si stata de grosse dimenziuni: pulitiche, voglio dice.

FELICISSIMA - Accussì brava che si ce penso me ve' da chiagne.

MARIETTA - Puri a me, ma pe' la contentezza.

ZIA ANTONIA - La verità è che semo troppu bbone.

PASQUALINA - Addavero? Ma te puzzi schiattà, spiegame nu’ fattu: come è pututu succede ca tu hai sempe votatu allo contrariu de chello c'hamo fattu tutte nui?

FELICISSIMA - Ohi ma, zia n'ha fatt'apposta, poverella. Gli'è scappata la spiegazione.

PASQUALINA - A parere meo dovesse esse considerata com'agli tradituri durante la guerra. E gliu parer meo, pensece bbono, a stu’ puntu, non è poco. Appropositu de guerra, chiuttostu, guardateve bbono alle spalle. Vedete si n'c'è venutu appresso cacche disgraziatu d'ome. Ca' issi, quanno è pé scorno nosto, so’ capaci pure degliu tené, gliu cerveglio.

MARIETTA - Ma ormai non ponno fa’ chiù niete.

PASQUALINA - Intantu iamoce a cagnà, e n'arruvinamo lo semmenatu.

Entra in scena Santina

MARIETTA - Tromentete, Santina s'è già cagnata.

FELICISSIMA - Beat'a' essa.

SANTINA - Gioia e felicità a tutte vui.

PASQUALINA - Come se vede che stu' munnu ha cagnatu aria. Com'è la strati?

SANTINA - Pulita: n'aggiu vistu mancu n'ome. Si facete lestu non ce dovesse esse periculu.

PASQUALINA - Tu intantu rimani, che se cacche merolo s'è abbiatu appresso, accussì come stai attrezzata, ne pu' fermà puri ghiece. Sentete, ve l'aggia propitu dice: La' dento gli unici ommene de razza chiena eravamo nui, de' fattu e de' principiu. Cazzarola! E mò ce ne potemo puri i'. (escono)

Entra in scena Ludovico

LUDOVICO - (da fuori scena) Era ora. Era ora. (in scena, trascinando un grosso infermiere armato di martello pneumatico, ma senza accorgersi di Santina) Pe' tutti gli curipizzi de stu paese disgraziatu. Non c'è statu mancu bisognu d'operà. Appena gliu portale s'è accortu co' che razza de clistere stea pe' esse sfonnatu, pecché a estremi mali estremi rimedi, s'è allargatu com'a nu fiore che alla matina vede gliu sole. E vui non potete 'nmagginà che addefrescamentu de curipizzu. E' statu come se me se fossero spalancate le porte degliu paradiso; i' godevo degliu sulu fattu d'esse vivu. E mo' aggio 'ntasatu gliu cessu.

SANTINA - Ma de che cazzarola stai a sbaneà?

LUDOVICO - Ohi mama! Tu sì? E do' si stata fin'a' mo'?

SANTINA - Rispugni chiuttostu prima alla domanda mia, pe' favore.

LUDOVICO - Non te preoccupà, che già aggio chiamato gl'idraulicu. Ma se pò sapé da do' stai a venì?

SANTINA - Purtroppo gli'amante meo era già occupato, e me so dovuta tornà.

LUDOVICO - Spiritosa.

SANTINA - Vi'a addorà, allora. Lo sai bono che se non me metto na boccetta sana sana de profumu sotto agliu naso non ce riescio a fa' agli'ammore: vui ommene puzzate sempe a tutta forza.

LUDOVICO - Come stongo non ce la facesse a cerne na viola da nu crisantemu: tengo gliu nasu troppu 'ntasatu. Ma pecché te ne sì iuta a chell'ora?

SANTINA - Ce stea n'amica mia co' le doglie che m'ha mannatu a chiamà: non potevo certu lassarela a chella manera.

LUDOVICO - Ma a chella manera ce la messa gliu maritu.

SANTINA - Addavero?! Ne si' sicuru?

LUDOVICO - E io che ne saccio!?

SANTINA - Comunque, la poverella, doveva esse aiutata.

LUDOVICO - (tra se) Ca c'è sta cacche fregatura. E pecché doveva esse aiutata co' gli pagni mee?

SANTINA - Che pecoro. Lu vidi che si vacantu de coccia. Era scuru e si m'avesse vistu nu sgustumatu com'a' te, accorgegnose ch'ero na femmena, se fosse de sicuro approfittatu.

LUDOVICO - Viti ca oggi puri gli froci se organizzano a toreme; de notte e de iorno. Meno quanno te servono.

SANTINA - Addavvero?

LUDOVICO - Sicuru. Però putivi puri avvisareme.

SANTINA - M'e' scusà se t'aggio lassatu 'nmezo a lenzola morbide e pulite, co coperte de lana caore e profumate, a ronfà tranquillu com'a' nu porco saziu, senza sturbarete.

LUDOVICO - Chigli, 'nmece, erono dulurusi lamente, 'nmece. Pe' colpa tia gli'aggio persu nu jorno de stipendiu e, peggiu assai, so' statu 'ntasatu finu a poco fa. Come sinnucu avesse dovuto dà gliu bono esempiu. Cretaria, a stu puntu, ca' me so' sputtanatu na belleza e gliu segretariu starà 'ngazzatu chiu' de' nu verre.

SANTINA - Robba de poco. Chiuttostu lo sai che ha parturitu propitu na bellezza?

LUDOVICO - Gliu segretariu cumunale?!

SANTINA - Ma te si propitu 'npecuritu, stammatina. Che ci'appizza stu' segretariu? L'amica mia. Quindi tu no' lo sai chello che è successo dent'assemblea?!

LUDOVICO - E 'nvece si. Nui ommene hamo decisu, quasi tutti d'accordu, de ve mette n'mani na cosa.... grossa.

SANTINA - Quantu grossa?

LUDOVICO - Ma n'è chello che pinsi tu. Pe' st'argomentu già non tenemo pace da sempe.

SANTINA - E allora che è?

LUDOVICO - E' na cosa assai chiù grossa.

SANTINA - Sarà periculusu?

LUDOVICO - Penso de si. Hamo affidato a vui femmene.... gliu governu.

SANTINA - Non ce pozzo crete.

LUDOVICO - Mancu i'.

SANTINA - Acchiappamo n'mani nui tutti gli fatti della città?

LUDOVICO - A stu puntu è sicuru.

SANTINA - E allora gliu nosto sarà gliu paese chiù criccu degliu munnu.

LUDOVICO - Speramo.

Rientra in scena Peppino

SANTINA - N'ce starà mancu chiù nu delinquente; mancu unu pe' i' a corrompe.

LUDOVICO - Tu dici?

SANTINA - Né chi se farà corrompe.

LUDOVICO - E allora i' che ce vajo a fa' già da mo' a st'assemblea?

PEPPINO - Statte zittu, cazzarola. Statte zittu sai, e famme capisce, che aggio persu tutti gli trascursi fatti agliu consigliu pe' colpa della 'ntasatura tia.

SANTINA - Non s'arrobberà chiù, e se state bono attente ve faccio capisce, co' precisione, chello che è capitatu.

LUDOVICO - Ma si tu n'ce stivi!?

PEPPINO - (a Ludovico) Te puzzi schiattà! Ma che, co' le 'nterferenze tie oggi, hai decisu de tenereme lontanu dalla pulitica?

SANTINA - Scotate. Le femmene so' capaci de na comunione che a vui è scunusciuta. Steo in assemblea in spiritu, com'a' tutte le compagne mei e come puri l'ate voti, e chello che è statu dittu, pecché è statu scotatu co le recchie della coscenzea, da nui s'è capisciutu. Ma vui che parlavate e scotavate co' cervella vacante, aglimali de vasciu raru (1), sete fore da ogni significamentu.

LUDOVICO - Ma che sta a dice chesta mo'??

PEPPINO - Che puri si tu ci fussi statu de persona n'avissi capito nu fraulu.

LUDOVICO - E' colpa della panza mia: a vote va 'nmpressine, e me manna 'npressione puri la coccia.

SANTINA - A stu' puntu, pe' fa capisce gli fatti a chistu pubblicu, senza faregliu stancà mancu nu poco, 'ngingamo a parlà de cose nove e della pratica degli progetti noste. Pe' prima cosa ci'hama liberarà da tuttu chello che è vecchio e stantiu; sarvà gli vere principi e scrollaresi dalla schiavitù delle tradiziuni sceme e 'mbrogliose, e avvraccià lo novo.

PEPPINO - Pe' chesto pu' sta' tranquilla: n'avvracciasse na cosa vecchia mancu sotto minaccia.

SANTINA - Si fosse pe' te, oggi, su pensero gliu cancellasse. Mo', che nisciunu se mettesse 'nmezo agliu trascursu: si volemo capisce bono gliu progettu e tuttu gliu resto cosemoce la vocca e spilamoce le recchie. Nui gli'hamo sviluppatu partenno da chella comunione della quale già s'è parlatu. E' veru o non è veru che tanti mali della cittadinanza so' schiusi dalle esaggerate sperequaziuni de beni? Pecché c'è sta' genti che non tè na lira e a voti non pò mancu magnà, e genti che tè troppu? Pecché tanti cristiani non tenno tempo manco pe' pensà e se vanno riducenno sempre chiù a verme de terra e ati, co' na torema de servi, pensano talmente tantu che se 'mpicciano degli fatti degliu prossimu pe' gliu propitu e disonestu tornacuntu?

PEPPINO - A vote è de nu fastidiu.

SANTINA - Ma troppo spessu è n'assassiniu: pecché usono gliu potere che tenno pe'leva e arrobbà gliu dirittu de' campà megliu che ogli cittadinu tene o hanna tené; pe' issu e pe gli figli see. Chesto capita agli cristiani chiù disgraziati.

LUDOVICO - O meno prepotenti.

PEPPINO - O meno ladri.

SANTINA - E allora pecché non mettemo tuttu n'cumune?

LUDOVICO - In che sensu?

-------------------

(1) Animali di basso gradino.

PEPPINO - Non ne vedo la manera.

LUDOVICO - Come faccio i' a mette n'cumune gliu male de panza?

PEPPINO - Stu disgraziatu! Chissu ti gli'è mantené, e puri co' tutte le corna tie, thè!

SANTINA - Avete già 'ngingatu a 'ntromettereve?! Sarà missu 'n'cumune la terra, gli sordi e tutta l'ata robba; chella che pruduce e che chella che non produce. Ognunu, dopu, potaria piglià quantu gl'è necessariu pe' lo normale e pe' la vocazione sia. E' scontatu che saranno sempe le femmene a sorveglià gliu muvimentu, e tuttu hanna esse fattu co' coscenzea e educazione.

LUDOVICO - Sembra d'esse tornati all'asilu. Passa pe' la terra, ma se unu non ne tene ed è sulu riccu?

PEPPINO - I', pe' esempiu, tengo paricchia terra ma mancu na lira dend'alle sacche.

SANTINA - Tuttu apparterrà a tutti.

PEPPINO - (a Ludovico) Caccia gli sordi.

LUDOVICO - E se unu se rifiuta?

PEPPINO - Mica lo po' fa'?!

SANTINA - Gli'accanoscerà gliu munnu sanu com'a' nu ladru.

LUDOVICO - Ma se è diventatu riccu propitu facennugliu gliu ladru?

PEPPINO - Da chistu, oggi, n'acchiappamo mancu na' lira.

SANTINA - Quanno tuttu sarà n'cumune nu ladru n'avvrà chiù nisciuna raggione d'esse.

LUDOVICO - Già, ma pe' me gli peggiu so' gli possidenti.

PEPPINO - E pe' me gli speculaturi.

SANTINA - Però pur'issi non potranno fa a meno de consegnà le cosi sie, pe' lo bene della comunità, pecché secondo le leggi nove la proprietà sarà tale e quale a nu pisu.

LUDOVICO - E mettemo che unu se piglia na 'nfocatura de core pe' na' vagliona, e che pe' chesto gli volesse fa nu bono regalu?

SANTINA - N'cé sarà bisognu?

PEPPINO - Puri la 'nchiummatura sarà 'n'cumune??

SANTINA - E' la prima.

PEPPINO - Ce stongo. Ce stongo, e guai a chi ce se 'ntromette.

LUDOVICO - Nu momentu. E le brutte?

PEPPINO - Chistu è critinu. Ma che ce fa' mo con le brutte? Lu vidi ca si sciutu scemu. Le brutte rimanono a spassu. Ala casa rimanono.

SANTINA - E no. 'Nzema alle belle ce staranno puri le brutte, e chi vo' ine agliu pianu de 'ncoppa hanna passà prima per gliu scantinatu.

PEPPINO - Che cazzarola significa?

LUDOVICO - Che tu t'hei fa' tutte le brutte e racchie della città.

PEPPINO - Ma lu vidi ca ce si cretinu?! E mica è possibbile na cosa de chessa. E tu?

LUDOVICO - Ine? N't'aggio mai dittu che oramai a ste' cose ce tengo la preta 'ncoppa?

PEPPINO - La preta la ti' dento la coccia, pe' regge megliu chello che ce sta appoggiatu. Sentete, ca è propitu nu fatto meccanicu. Nui vecchie già co' na bella e bona vagliona, com'a' chesta, a esempiu, tenemo probblemi agliu montacarichu; co una brutta e racchia nun sulu non ce se ìaozerà ma de sicuru gli si sgonfieranno puri le roti.

SANTINA - Ma la stessa cosa sarà pe' gli'ommene. Gli begli hanna cede gliu passu agli struppiati e agli vecchie; chigli che ce la fanno a chigli che 'n'cé la fanno.

LUDOVICO - A sta' manera, dent'alla città, non rimane libbera mancu na tana.

PEPPINO - Chesta si che è democrazia. 'Na conseguenza bona potesse esse che scompareranno gli curnuti.

LUDOVICO - Addavero?

PEPPINO - Sì, lo saremo tutti. Sarà come gli'abbusivismu, no?: tutti abbusivi, mancu nu curnutu. E puri stavota te sì sarvatu.

LUDOVICO - A si?! E pe' gli figli? Come se saprà qual è gliu propitu?

PEPPINO - Gli mee te gli cedo volentieri.

SANTINA - Issi, n'accanoscenno gliu padre seo, considereranno tutti gli anziani com'a' ginituri.

LUDOVICO - Ma non funziona. Già chiamantote padre te pistono sott'agli pere, come semplice ome te cacheranno addirittura 'ncoglio.

PEPPINO - Se piglieranno de te gli sarà difficile, povereglie.

SANTINA - E invece no. Gli'ati non glielo faranno fa. Nesciun sopporta che n'estraneu maltratta gliu padre seo.

LUDOVICO - Tutto sommatu me piace. L'unica cosa che me potaria da' fastidiu saria che... che saccio, chiunque 'ncuntri; nu critinu, na' cucurbitacea: si, na cocozza, nu cocomero, nu melone, te potesse chiamà tata.

PEPPINO - Nu melone che te chiami patre? Da tagliarese le foglie. Ma che me state a fa dice?! E pensa se te volesse puri da ogni sera gliu bacetta della bona notte.

LUDOVICO - Megliu farese femmena. E un'ata cosa, e chesta saria paricchiu murtificante, se una di quelle racchie che prima se dovessero sazià sott'agliu scantinatu non fosse na brutta ma nu zuzzu travestitu? No. Io non ce stongo. So ancora ome, cazzarola.

PEPPINO - E pecche i' no. Però ce stanno puri chigli begli. Si, ma chistu che probblema è? Gliu periculu se po scanzà leggio leggio allonghenno na mani sott'alla veste.

LUDOVICO - Lu vidi ca gliu critinu sì tu?! Si addavero fosse n'ome, come facesse po' i' a dice, co' gli'apparecchio bono strittu 'n'manu, che l'operazione non è de gustu meo?

PEPPINO - Già, co' gli'apparecchio strittu 'n'mani chi te cretaria?! Mancu i' che te accanoscio bono. Ma che apparecchio è?

LUDOVICO - E, pensandoce megliu, se unu è 'mpegnatu a fa' tutte ste operaziuni chi se metterà sotto faticà? Quale necessità costringnerà la genti a non sdraiarese spissu e a riposarese megliu? Lo sapemo; ce stanno posti addo' nu sistema a sta manera ha funzionato accussì malamente che naziuni sane se so' trovate co le mutandi 'n'mani.

SANTINA - La non comandaono però le femmene.

PEPPINO - Ca si no puri chelle sariano sparute.

SANTINA - Gente de poca fede. Nui, 'nmece, hamo pensatu a tuttu, e ci'hamo pensatu bono. Chiunque tè desiderio e necessità de realizzarese. Chiunque tè dent'agliu core scrittu de cresce e sanarese; pecché tutti speramo lo bono e no lo malamente. Si chesto non avvene è sulu pecché c'è sta caccosa che l'appila sta' strati: na malatia o una cattiva educazione. Sarà a caricu nosto scuprì le vocaziuni e sanà la coscemzea de tutti gli cittadini.

PEPPINO - Ma come la mettemo si la vocazione è propitu chella de non fatica? Se uno è squitatu, 'ntronatu, vacantu de forzi; piegatu come a na canna moscia?

SANTINA - Se unu è 'ntronatu gliu tiramo fore nui dallo scuru de sta malatia. Se unu n'se regge 'ncoppa gli pere, nui gliu raddrizzamo e gliu 'ndirizzamo come n'se lo mancu sonna.

LUDOVICO - E certu, ognunu conosce bono la casa sia.

PEPPINO - E si perdemo na causa e venemo condannati a pagane na multa, co quali sordi se potaria fà?

SANTINA - Non ce saranno cause.

LUDOVICO - Ah!! Chesto basta a fareve condannà.

PEPPINO - E dagli giudici non ve salva chiù nisciunu; puri se non ne vidu unu né ponno spuntà a centenara da dereto gliu strapizzu d'ogni muru de stà terra.

LUDOVICO - Ma se uno tè gliu vizziu degliu giocu?

SANTINA - E che se po' jocà?

PEPPINO - Chianu! Chianu. Pe' la mortadella! Ma che razza d'avvenire ce state a preparà? Volete dice che i' n'aggià chiù passà ore, jorne e anni, assettatu a perde tempo, a avvelenareme de birra; a 'ntossecareme co' gliu fumu delle sigaretti; a jastema'; a fa discursi strunzi su fattu paricchiu chiù strunzi? Mai chiù? Tromendete che c'è sta genti che se po' puri accire pe' chesto.

SANTINA - Ma la comunità ch'avesse persu? Niente!

LUDOVICO - Chesto è lo veru.

PEPPINO - Sarà puri veru assai, però a me non me stà bono. Comunque, (strofinandosi le mani) addo' se magna?

SANTINA - Sarà apparecchiatu dento agli vecchie teatri abbandonati o alle sale delle conferenze ormai vacante. dento agli tribbunali, addò sarà datu ogni cosa a chi la vorrà e allo megliu modu.

LUDOVICO - Non me dice che puri tu farai scola d'aggiornamentu.

SANTINA - Se n'te soddisferà come lo faccio i' lo pu' fa co chi te pare.

PEPPINO - Sinti, bella vagliò, i' mica so' de gusti difficili.

LUDOVICO - Provece e te metto a soffrìe le cepecce.

PEPPINO - Oramai è legge.

SANTINA - Bone, state bone. Ve faccio vedé che nisciunu se lamenterà. Ce staranno femmene sapurite che sapranno consolà abbondantemente ogni sacrificiu vosto.

PEPPINO - E vai.

SANTINA - Amanti affilate da non mannà a vacantu mancu na botta.

PEPPINO - Sempe accussì.

SANTINA - E ommene de ferro, pe' ogni specie de tenaglia.

LUDOVICO - Chesto si che ...(L+P) che non ce ne 'mporta mancu pe niente.

PEPPINO - Insomma, apparte st'utimu puntu, a nui va bono. Tu si d'accordu?

LUDOVICO - Provamo. Lo provà non è peccatu, me pare. Si dovesse i' malamente... Maronna mia, e si dovesse i' malamente addavero?

PEPPINO - Controllete, che ome si?

Ludovico e Peppino si avviano ad uscire di scena

LUDOVICO - Che u' dice?

PEPPINO - Basta... concentrarese.

SANTINA - (al pubblico) A stu puntu, scusateme, ma v'aggia lassà. So' stata 'ncarecata de dirigge le operaziuni d'addunamentu. Puri gli'ommene ponno partecipà. Hama acchiappa' tutti gli beni degliu paese.

LUDOVICO - Cazzarola! Chigli con la b o chigli con la p?

SANTINA - Ancora ca' state?!

PEPPINO - No, è che gliu vaglione è nu poco troppu tisu; troppu emozionatu. Sinti, i' te ripeto che basta prima allongà bono le mani.

LUDOVICO - Ma tu m'assicuri che funziona sempe?

PEPPINO - All'ottanta pe' cento.

LUDOVICO - E lo vidi che non va?!

PEPPINO - Ma che te ne 'mporta? L'hai dittu puri tu: "Assaggia' non è peccatu."

LUDOVICO - Si, si. Ma sai che dolore. I' gli saccio bone certi fatti, puri si so' de ata sostanza.

Ludovico e Peppino escono discutendo a soggetto

SANTINA - Scusate, bone cristiani, che steamo a dice? A, si. M'hanno datu sta missione e mo v'aggia salutà. S'hanna trovà vraccia bone, banditrici e ruffiane. 'Nsomma, caccherunu che m'aiuta alle operaziuni de raccolta e a preparà gliu banchetta 'naugurale. Co' chesto daremo gli'anniziu agli tempe nove e alla furtuna vosta e nosta. Compagni, amici, camerati e arruvinati tutti, a dopu.

FINE PRIMO ATTO

ATTO SECONDO

SCENA PRIMA

Entra in scena Peppino trasportando suppellettili e inveendo contro gli operai fuori scena.

PEPPINO - Moveteve, che pe' gli sordi che chiedete avesseate dovutu vacantà nu tir co' tutta la motrice. Chianu co' chigli vasi, mal'arruvinati, che me so' costati n'occhie della coccia. E tu, con chella farina che ieri aggio pigliatu agliu mulinu? Pe' tutta chella che te sì ittata 'ncoglio, mo putissi puri ì' a addescà cacche fantasma. Sistemate bono, me raccomando. Tu posa chelle zeppole; so' misi che se so' perse e si te le magni, dopu avereme arrubbatu dento la casa, pagatu co gli sordi mee, pe' gliu male de panza me denuncerai de sicuru, brutt'aglimale screanzatu e malevivente. Chi t'ha dittu de 'mballà puri gli bicchiere e smontà gli rubbinetta? Me vu fa murì de sete?! Fate chianu. E te'atu, co chessa scatola? E' nu ricordu della socera mia. Ma i' dico: come, tuttu m'hai arruvinatu da stammatina e chesta no? Allora sì 'n'mala fede! Fatem'assettà, che non ce la faccio chiù. Che tromendete? Pe' casu ve dovesse da gli'anticipu? Non lo sapete che puri gli musculi voste appartenono alla cumunità?

Entra Gegè, sconvolto

GEGE' - Ma mancu pe' l'anticamera degliu cerveglio. Aggia da' la robba mia, gli suduri mee, la consolazione mia, pe' che cosa? Ca s'hanna vedé prima bono come stà la situazione e po' pensà de fa' cacche mossa. E unu mica se pò arruvinà; da nu momentu a n'atu!? Ehi, che stai a fa' loco pe' terra? T'hanno sfrattatu o hai divorziatu?

PEPPINO - Ch'hei dittu?

GEGE' - Vu' vedé che mugliereta t'ha riduttu a sta' manera e sì custrittu a venne la robba tia co' te 'nfilatu dento.

PEPPINO - Oggi non te capiscio.

GEGE' - Che ci'hei fa' co' tutti sti' mobbili?

PEPPINO - Sanna consegnà. Lo sanno tutti che oggi è gli'utimu jorno.

GEGE' - A sì?

PEPPINO - E certu.

GEGE' - Non dicéreme che sì scemu com'agli'ati?

PEPPINO - Pecché no! Come scemu? Hama d'aorenzea alla legge.

GEGE' - Ma de che legge vai parlenno?

PEPPINO - Chella decisa all'assemblea.

GEGE' - I' aggio votatu contro e tu sì propitu cretinu.

PEPPINO - Sto' a fa' gliu dovere meo.

GEGE' - Alle spalle degliu sottoscrittu, però.

PEPPINO - Ma la robba è la mia.

GEGE' - Partecipenno a sta' pazzaria azzicchi maggioranza 'nfront'a'me.

PEPPINO - Chesto me comanda gliu cerveglio.

GEGE' - E gliu meo afferma che sì chiù vacantu de na crapa.

PEPPINO - Pecché faccio gliu dovere meo?

GEGE' - Sinti, ne tenemo sulu unu: salvaguardà gli fatti noste.

PEPPINO - Allora tu non la consigni la robba tia?

GEGE' - E ce mancasse atu. Fino a quanno non saranno tutti, ma dico, propitu tutti, a fa' sta' scellerataggine, me ne guardo bono.

PEPPINO - I' saccio già che l'hanno fatto.

GEGE' - Nisciunu lo pò dimostrà.

PEPPINO - Lo dicono tutti.

GEGE' - E co' quali prove?

PEPPINO - Gli'aggio visti puri i': hanno portatu gli beni see alla piazza.

GEGE' - Caccosa degli beni see alla piazza; pe' pigliarese megliu chello degl'ati. De sicuru se so' libberati dello sopercheo pe' nu bono 'nmmestimentu.

PEPPINO - Che l'avarizia te se roseca.

GEGE' - Lo faranno: se rosecheranno tuttu.

PEPPINO - E la malafede te stroesse.

GEGE' - Ne pu' sta' certu: stroeranno fin'all'utima muglica. Gli'accanosco bone.

PEPPINO - Ma che stai a dice?

GEGE' - Scota. Hai mai accanosciutu nu concittadinu nosto ch'ha datu nu grammu senza pigliarese nu' chilu?

PEPPINO - Chi non tene niente.

GEGE' - Bravu. Ma chi non tene niente non po' portà propitu niente.

PEPPINO - 'Nsòmma, mo' tengo da finisce la sistemazione de sta' robba.

GEGE' - Ma che sciocchezze.

PEPPINO - N'è che ce semo scordati le funi?!

GEGE' - N'cé pozzo pensà: vu' consegnà addavero?

PEPPINO - Sine.

GEGE' - Aspetta almeno che lo fanno tutti gl'ati.

PEPPINO - E a chigliu puntu?

GEGE' - Piglierai atu tempo.

PEPPINO - None.

GEGE' - Aspetta dimani.

PEPPINO - Aggio dittu de no.

GEGE' - Ma mitti che se rompe na' cossa agliu sinducu?

PEPPINO - E co chesto?

GEGE' - Si gliu cagnono succederà de sicuru che chi ha datu ha datu e chi n'ha avuto gli'acchiapatu.

PEPPINO - E chesto che significa?

GEGE' - Che gliu dolore è sempe gliu nosto. T'aggia confessà che puri i' aggio votatu a favore; nisciunu poteva pensà che s'arrivasse a tantu. E sicuramente i' so' n'ome de coscenzea, almeno assai di chiù della maggioranza degli governanti noste. Ma arrivati a chistu rigu s'hanna usà la raggione, e ogni capigliu è bono pe' salvarese la pelle.

PEPPINO - E appènne chella degl'ati.

GEGE' - Cusì stai già appennènno la tia.

PEPPINO - In che modu?

GEGE' - Alla manera peggiore.

PEPPINO - Sinti, i' aggia consegnà.

GEGE' - Non l'hai fa'.

PEPPINO - L'aggia fa'.

GEGE' - None!

PEPPINO - Sine che l'aggia fa'.

GEGE' - Te dico de no.

PEPPINO - Te dico de si.

GEGE' - Te sto' a dice de no!

PEPPINO - E i' te sto' a dice de si. Cazzarola!

GEGE' - Se l'hei fa le fa' n'atu jorno.

PEPPINO - E sarebbe?

GEGE' - Quanno sarà necessariu.

PEPPINO - Te stongo a dice che è necessariu oggi.

GEGE' - E' necessariu non farelo affattu.

PEPPINO - Ma pecché?

GEGE' - Se appresso agliu sinnucu dovesse cagnà puri gliu consigliu, e ca' è cosa d'ogni jorno, chigli che verranno dopu se venneranno chello che trovono, non guarderanno 'n'facci a nisciunu; acconceranno n'a' legge bona pe' issi e tu, com'a' tutti gli critini de stu' paese, te troverai 'n'mezzo a na strati; propritu com'a' mo', ma senza la seggia. De fattu starai co' gliu curu pe' terra.

PEPPINO - E tu?

GEGE' - Se chiederai l'elemosina a chigliu puntu da me acchiapperai caccosa. Ma pensa 'nmece se i' t'avesse scotatu. Me dispiace, ma i' degli'ommene non me fido mancu pe nu piru.

PEPPINO - Guarda che agliu governu de stì tempe ce stanno le femmene.

GEGE' - Peggiu; peggiu. Hai mai vistu na cosa chiù leggera de na femmena. Mica a casu se canta: "La donna è mobile, qual piuma al vento..." Tu non sai quante n'aggio accanusciute. "Caro, ti amo da impazzire." E gliu jorno dopu: "Scusa ti ho detto qualcosa? Ah, ieri!? Si, ricordo. Ricordo che è stata proprio una bella giornata. Ritelefonami se proprio ci tieni."

PEPPINO - Non so' mica tutt'accussì.

GEGE' - 'Nfatti. Ce stanno pure de peggiu. Tempo fa canuscitti na bella, bona e seria vagliona. "Non ti lascerò, tesoro mio. - me dicea - Cascasse il mondo. Vedi, solo tu mi sai amare e solo a te ho dato tutto il mio amore." E la settimana dopu s'è sposata con nu raggioniere de passaggiu.

PEPPINO - 'Nmece penso che ce se pozza affirà alle femmene.

GEGE' - Facennugli da seggia.

PEPPINO - Chene?

GEGE' - Da seggia.

PEPPINO - E com'è da seggia?

GEGE' - Sì, da seggia. 'Ntromento te staranno assettate 'ncoglio te pu' firà: e so' precise. Se po' sai puri trottà ancora megliu. Ma quanno saranno scese dalla sella, sulu n'attimo dopu, tu.... n'esisterai chiù.

PEPPINO - Ma che patane vai raccontenno? Non so' mica nu cavagliu. Basta! Lasseme la capezza... Ma che me fai dice? Lasseme perde.

Entra una banditrice vestita da cavallerizza, con cappello e

frustino.

FELICISSIMA - Scotate, brava genti. Prestate attenzione a chello che ve dico. Tra nu poco saranno assegnati gli posti apparecchiati. Portate co' vui: frocchetti, cucchiari e cortegle; mesoleglie e codici fiscali. Le mesa già so tutte preparate e a vui basterà approfiddiareve a ritirà bigliettu e passaportu, da cacche dipendente cumunale, scanzenno però chigli che so sempe lavativi.

GEGE' - E allora sarà la fame a magnarese a nui.

FELICISSIMA - Gliu menù della jornata contène: antipasto de mare co' verdure ammescate; rigatuni agliu ragù; mozzarella co' la 'nsalata e nu pezzo de carni agli ferre chiu grosso de nu matone. Lo casu sarà datu a piacere. Frutta, gelato e caffè chiureranno la festa della panza. Lo vinu e lo pane so' de casa e de bona fattura. Pe' gliu personale de serviziu ve pozzo dice che sarà compostu sulu dagli chiù begli giuini degliu cumune; mascuri e femmene. Sulu le coche so' vecchie, addipirite e racchie, peggiu de' na befana de strati, ma tantu chelle non le vede nisciunu e lo 'mportante è che sanno bono cucinà. Non mancate, ché n's'hanna ittà mancu na muglica de pane. All'udemu, si caccherunu se vo' stenne come se deve, ce staranno bone lette e ottima compagnia. (esce)

GEGE' - Sinti, scusa se te lasso ma, come hai pututu sintì, gliu dovere ce chiama.

PEPPINO - Gliu dovere? Addò te n'hai ì??

GEGE' - A pranzu.

PEPPINO - Come a pranzu? Mica lo pu' fa?

GEGE' - E pecché no?

PEPPINO - Ma tu n'hai consegnato niente.

GEGE' - E chi lo sa?

PEPPINO - Cazzarola. Lo saccio ì. La coscenzea tia!

GEGE' - Oggi s'è iuta a farese quatto passi.

PEPPINO - Ma pecché lo vu fa'?

GEGE' - Tengo fami, e gliu menù è puri bono.

PEPPINO - E non consegnerai?

GEGE' - Consegnerò.

PEPPINO - Quanno?

GEGE' - Quanno sarà necessariu.

PEPPINO - Guarda che te faranno 'mpegnà.

GEGE' - Me 'mpegnerò.

PEPPINO - Ma come pu' fa' na cosa de' chesta?

GEGE' - Non tengo sceota. Fa sprecà nu pezzo de pane è peccatu de morte; co tutta stà fami che sta pe' gliu munnu. Me fa specie che tu stai ancora ca' a perde tempo. I' vajo.

PEPPINO - E si te fermono?

GEGE' - Sarò com'a nu vuferu de palude.

PEPPINO - Se te pigleranno a cauci?

GEGE' - Gliu culu meo è abbituatu a peggiu.

PEPPINO - Se sarà la socera nosta, de persona, a vietaretello?

GEGE' - Me 'nfilo annascusu e alla primu occasione scicco lo magnà dalle mani degli sguatteri.

PEPPINO - Vedo che non te se pò fermà da nisciuna parte. Ma verrai sempe dopu de me.

GEGE' - Chesto te l'ammetto.

Rientrano gli operai con altri oggetti

PEPPINO - Era ora. Cominciam'a'i'.

GEGE' - Cumpà, si vu' te pozz'aiutà.

PEPPINO - Mancu per gliu fraulu; tu fussi capace de dice che è robba che t'appartene e frecarete puri la razione mia. (esce seguito dagli operai)

GEGE' - N'ce so' ancora riuscitu a trovà gliu stratagenna pe' conservareme la robba. Ma pe' chesto n'tengo paura: già saccio che ce sarà sempe, 'ncoppa sta terra, cacche pugliu lestu a farese accattà. Bono è che vedo già pe' la strati na processione de fedeli della frocchetta. Pozzo mai mancà? Frateglie mee de sangu, aspettateme. Aspettateme , cazzarola!! (esce)

FINE SCENA PRIMA

SCENA SECONDA

Entrano in scena Zia Antonia e Ludovico

ZIA ANTONIA - Come potete vedé gliu sistema nosto funziona na' bellezza?

LUDOVICO - Sinu a stu momentu, te l'aggia confessà, non pozzo dice d'effetti collaterali negativi. E se dovesse continuà a sta manera potete contà ancora 'ncoppa gli'appoggiu de st'ome, (zia Antonia gli si avvicina) Dico, pe' le prossime votaziuni.

ZIA ANTONIA - Luduvico meo, ma che bisognu ce stà de ate votaziuni si tuttu va pe' lo doce?

LUDOVICO - Tu pinsi?

ZIA ANTONIA - Accusì come non tene certu significatu farele quanno va tutto capucuru.

LUDOVICO - E che vo' significà?

ZIA ANTONIA - Ca cagnamo gliu postu agli nummeri gliu prudottu o la somma non diventono atu.

LUDOVICO - None?!.

ZIA ANTONIA - Sinti, chiuttostu, prima c'arriva mugliereta, pecché n'approfittamo pe' fa bone sondaggi, dico, de governu.

LUDOVICO - Non saccio si aggio capitu chello c'aggio capitu.

ZIA ANTONIA - Ma cercamo de facerelo lestu, però. Si, pecché si mugliereta s'è 'nnammorata de te cacche raggione de pisu ci'hanna sta' e sti fatti non se ponno tené annascusi.

LUDOVICO - E' lo veru, ma chisti pisi non so' gli toie.

ZIA ANTONIA - Tutti gli pisi prima o poi saranno gli mee; è matemateca.

LUDOVICO - I non saccio mai si capisco bono che che capisco. Chiuttostu com'è la questione delle votaziuni.

ZIA ANTONIA - Figliu meo, si nui dovessemo rivelà gli fatti degliu governo a vui le femmene avessero già finitu de comandà.

Entra in scena Santina

SANTINA - O bone frati mee, che bellezza trovareve.

ZIA ANTONIA - Essola 'i'!

LUDOVICO - Tesoru meo, 'ntaggio mai vistu co tantu piacere. Quale megliu 'npoppatura pe' na femmena si no' gliu governu.

ZIA ANTONIA - Allora Pasqualina sarà la chiù bella de tutte?!

LUDOVICO - Aggio parlatu de femmene, no d'aglimali feroci.

ZIA ANTONIA - Parlece chiuttostu degliu pranzu.

SANTINA - E che pozzo dice? 'N'hanno lassatu mancu na muglica.

LUDOVICO - Ce stea d'aspettàreselo.

ZIA ANTONIA - C'avete servutu?

SANTINA - Tesoru meo peccatu che non ce stivi.

LUDOVICO - Co' gliu spirito ce steo e come.

SANTINA - E ti sì saziatu?

LUDOVICO - Pe' jorni. Ma si si tu a chiedereméllo, de magnà ancora, i' volentieri lo faccio; fino a crepà.

ZIA ANTONIA - Scusate. 'Ntromento che succede tuttu stu sbavamentu, che da' puri nu poco agliu stommucu, se pò sapè quali erano gli piatti voste?

SANTINA - Primu: n'antipasto de vasi; chigli alla cioccolata. Po' semo passati, senza perde tempo, alle cossi.

LUDOVICO - De che cosse stai a parlà mo'?

SANTINA - Certe cossi longhe e formate bone. Erano accussì sapurite che so' rimasti tutti aggianati. Come secundu caccherunu ha missu a disposizione gli coglie.

LUDOVICO - Chigli de caglina?

SANTINA - De caglina, de vicciu, de struzzo. E subbito dopu è statu nu rosecheamentu generale. Ma alla fine hanno servutu saucicce, e 'nsema alle saucicce, sturiuni, fave, fringueglie, cefali, pisigli, 'nguille e banane.

ZIA ANTONIA - Cazzarola! Ma non ve s'è missu 'ncoppa la panza tutta sta' robba?

SANTINA - Magari sulu 'ncoppa la panza.

LUDOVICO - A parere meo gli coche hanno fattu nu' poco de confusione.

SANTINA - Cunfusione? Non se sapeva chiù addò mette le mani.

LUDOVICO - Ma non teneate le frocchette?

SANTINA - Si pazzu?! Po', arrivati alla frutta, s'è ricuminciatu tuttu da capu.

LUDOVICO - E com'è finitu?

SANTINA - Ma n'è finitu? I' so' venuta pecché a furia d'assaggià, m'è venuta tanta nostalgia de te, biscottone meo che si ce ne iamo alla cucina nosta è megliu. Addò puri nu cicu de merenda tè chiù sapore degliu "munnu sanu".

LUDOVICO - E tu non sai come me truvi allineatu, doce dello doce, sapore dello sapore meo. 'Ntromento che iamo stamme vicinu però, che tengo orgogliu de faremi.... de fareme vedè a te apparentatu, domatrice dell'anima mia. (escono)

ZIA ANTONIA - Non saccio che me piglià, ma si cheste so foie caccosa aggià fa, cazzarola. Pe gliu curipizzu degli'aoceglio è da nu begliu pezzo che non vedo Gegè, maritumu. La paura è che se la sta a spassà co' na bella forestera. Sarà puri na legge bona e 'ntilligente, l'hamo fatta nui, ma gliu sulu pensero de issu, lontano, magari tiratu da di' belle vaglione, me fa spantecheà. Comunque bon'appetitu a tutti voi, femmene e mascuri degliu pubblicu nosto. (esce)

FINE SCENA SECONDA

SCENA TERZA

Entra Marietta ben vestita e profumata. Dopo qualche attimo

irrompe, uscendo dall'uscio della propria casa, e presa da una

grande agitazione, una vecchia, curva e truce.

PRIMA VECCHIA - Sangu degli'aglimale, e ca iamo sempe peggiu. Chisti decreti 'nvece che aumentà lo foraggiu ce stanno affamà. Nu tempo ce stea cacche soce che te passava a tiru. Oggi, sapenno d'esse allo strittu, te scanzono mancu tenissi la peste. Non se ne vede uno. Ma si sta pollasta stà a'aspettà chello che creto, tra poco ce sarà da mette sott'agli rente puri pe' me.

MARIETTA - (accorgendosi della vecchia) Ehi, vecchiaccia, che ce stai a fa' fore dagliu caglinaru? Non lo sai che l'umidu della matina te smonta la dentiera?

PRIMA VECCHIA - Sinti, vagliona sgustumata, tu non te lo pu' mancu 'nmaginà quantu de st'ummidu aggio sopportatu durante la vita mia. Te pozzo assicurà che i' tengo ancora gliu collaudu, ma non saccio pe' quantu tempo ancora gli'avrai tu.

MARIETTA - E che è pubblicità chesta?.

PRIMA VECCHIA - Pubblicità? Non ne tenemo affattu bisognu, nui.

MARIETTA - E' chiaru: sete già alla pensione.

PRIMA VECCHIA - Non ne tenemo bisognu pecche semo già accunusciute.

MARIETTA - Però tutti sanno che lo piacere vè dalle giuini.

PRIMA VECCHIA - E le frecature? Lo piacere passa, chelle rimanono. Sulu nui sapemo apprezzà la robba che conta 'ncoppa a' sta terra. Gli sbagli noste ci'hanno ammaestratu a cerne chello che vale da chello che è foco de paglia.

MARIETTA - E in considerazione pure de chesto semo sempe nui le chiù allampate e sapurite.

PRIMA VECCHIA - Si, da rosecà co' de patane e cavolifiuri.

MARIETTA - Sinti vecchia, tu pu' truccarete e 'mprofumarete quantu te pare, vestirete co' gli pagni chiù beglie e mostrà tutta la scienza tia, ma pe' zompà a cavagliu te ce vo' sempe na' carrucola.

PRIMA VECCHIA - Che te se pozza seccà stà lengua biforcuta, e non solo essa. Che te se pozza 'ntasà sa' occa sacrilega, e nun sulu essa. Po' lo voglio propitu vedé come la purti la barca a maru.

MARIETTA - (tra sé) Stu fattu non ce voleva. Gli'amante meo n'arriva e la ianara me sta' a fa' vinì nu male de capu. Oggi era propitu gliu jorno bono: deglie mee n'ce sta' nisciunu dento la casa, e non torneranno prima de sera. Fosse issu? Eccugliu. No, è sulu gliu scupinu. Sinti vecchia, pecché non t'addevuti a chigli'ome la basciu? De cose com'a' te sa bono 'ncarecarese e te sistemerà doce doce dento a nu letto 'mprofumatu.

PRIMA VECCHIA - Sbanéa quantu te pare; ma tu lo sai che prima d'assaggià gliu corpo teo, tennero e rosecareglio, s'hanna sazzià della robba mia.

MARIETTA - E a pensà che semo state nui a fa' sta schifezza.

PRIMA VECCHIA - Ma de che te laminti?

MARIETTA - Dopu che sarà venutu da te addorerà de funerale.

PRIMA VECCHIA - Dopo che ti gli'aggio battezzatu i' non terrà chiù la forza mancu pe' iaozà nu ritu.

MARIETTA - E addò ti sì esercitata; agliu spiziu chesto ve fanno fa??

PRIMA VECCHIA - Ne piglierai coscenzea tra poco, a sore. Eccugliu! E' arrivatu, gliu pecoro.

MARIETTA - N'è issu, e tu sì cecata, e io me ne vajo, ch'è tardi. (esce)

PRIMA VECCHIA - (tra se) Non crere d'avé a che fa' co' na dilettante, nennella mia. (rientra in casa)

Entra in scena Gegé

GEGE' - E' tardi, e puri paricchiu; lo sapeo. Da quanno muglierema te gl'incarichi pulitici, e tocca a me preoccupareme degli fatti della casa, non me riesce chiù d'esser puntuale. Ma non ve preoccupate, Gegé sa farese perdonà chesto e atu. Puri si stongo nu poco affannatu, quanno senteraggio la voce, gliu prufumu e lo doce delle carni de Marietta, rasperò pe' terra tale e quale a nu giovane toru appena sciutu dalla stalla. E ringrazianno gliu celo non vedo mancu uno de chigli soliti scorfene de vecchie, che stanno agliu 'mposto sempre pronte a da de mani. Dopo che si statu co' una de esse gli'aoceglio te rimane 'nchiummatu pe' terra, e non pu fa atu che tornareténne alla casa. Così gli'unicu guadagnu, de sta legge criminale, è che a stu paese a fa' gli'ammore oramai so' sulu le vecchie addeperite. L'ata sera ci'aggio vomitatu puri gli'occhie e agliu pucinu gli so' cadute le penne, e non saccio mancu si oggi gliu po' fa' stu vulu.

Marietta, si affaccia al balconcino.

MARIETTA - La mummia c'è catuta. Mo sì che pozzo stregne n'ata vota gli'aocegliucciu meo. Ammore degli'ammore de chistu core, da quantu tempo. Luce dell'anima mia, vi', curri 'nmezo a ste vraccia, che me si mancatu com'all'acqua a chi s'è perdutu pe' gliu desertu.

GEGE' - E non pu' pensà quantu tu sì mancat'a' me.

MARIETTA - Come gli datteri per gli'esploraturi morte de fame delle scunfinate rene tu, mo, si' la salvezza degliu corpo meo. Nu pezzo de datteru, grosso, lucido e chinu de nutrimentu.

GEGE' - Mama mia! E.. e.. E puri tu lo si pe' me.

MARIETTA - Te stregnero e te spennerò come nu frutto maturu, giallu, longo, grosso e biancu.

GEGE' - Si, tutto chello che vu'. All'anima degliu curipizzu! Ma si non scigni subbitu subbitu faccio scì prena puri sta lucertola che sta 'mpett'agliu muro.

MARIETTA - Eccome, foco dello foco meo. (rientra all'interno)

GEGE' - Sta femmena te sulu nu difettu è troppu bona. Cazzarola.

Esce immediatamente la vecchia.

PRIMA VECCHIA - E basta, che sto' a veni' fore. Basta!

GEGE' - Cazzarola addavero!

PRIMA VECCHIA - Chi va bussenno con tuttu sto' pruritu? Tu! Si stato tu c'hai sbattutu alla porta mia?

GEGE' - Non l'aggio mancu sfiorata.

PRIMA VECCHIA - Eppure è successo.

GEGE' - Viti ca te lo si' sonnatu.

PRIMA VECCHIA - E allora che è statu che t'ha portatu da cheste parti?

GEGE' - Se va' dicenno che ce sta nu pranzu.

PRIMA VECCHIA - E' addavero. Ma chi vo avé hanna puri da'. Tu, che me dai?

GEGE' - Pecché, tengo nu debbeto co te?

PRIMA VECCHIA - E' stranu che n'gnì'accanusci gli diritti noste.

GEGE' - Come no!? Saccio che superati gli sessant'anni tenete dirittu alla pensione.

PRIMA VECCHIA - Con la legge nova pur'a' cacche ata cosa. Non te volissi rifiutà?

GEGE' - Guarda che i' so' meza femmena.

PRIMA VECCHIA - E i' so' abbilitata pe' corse de recupero.

GEGE' - Ma i' sto bono come sto'.

PRIMA VECCHIA - I' no.

GEGE' - Non tengo nisciuna 'ntenzione.

PRIMA VECCHIA - La tengo i' pe me e pe te.

GEGE' - La verità è che me fa paura maritutu.

PRIMA VECCHIA - So’ vedova.

GEGE' - Volevo dice gliu spasimante teo.

PRIMA VECCHIA - E chi è?

GEGE' - Gliu direttore delle pompe funebri.

PRIMA VECCHIA - Issu po aspetta ma tu no.

GEGE' - Gente, se ve serve n'appinnipagni ca c'è n'è sta uno pe vui.

PRIMA VECCHIA - T'assicuru che non me scappi.

GEGE' - E i' te dico che si 'ntronata.

PRIMA VECCHIA - Come te sbagli, so sulu n'calore.

GEGE' - E pe chesto che me fai schifo.

PRIMA VECCHIA - 'Nmece tu me piaci.

GEGE' - Non me pu costregne, arpia.

PRIMA VECCHIA - I' no, ma chesto si. (gli mostra il decreto)

GEGE' - E che è?

PRIMA VECCHIA - La legge che puri tu hai firmatu.

GEGE' - D'accordu. D'accordu. Va bono. Va bono. Tu però 'ncumincia a camminà. Va a prepararete gliu letto. Mittece quatto ceroggi agli' angoli, e procurate gl'inginocchiaturi, e po' aggiognece puri cacche seggia pe' gl'invitati.

PRIMA VECCHIA - Bono. Vu' fa' na cosa spettacolare, cazzarola?

GEGE' - E come no! Se è pe' chesto sto già facenn'attaccà gli manifesti pe' tutta la città.

PRIMA VECCHIA - E pe' la camera?

GEGE' - Chella sarà ardente.

PRIMA VECCHIA - De passione?

GEGE' - Accussì tantu che te farà cenere dent'a poco tempo.

PRIMA VECCHIA - Chistu sì ch'è nu bono sentimentu. Ma pe' mo' jamo dento. (Lo prende per un braccio e lo tira con se)

Entra Marietta

MARIETTA - Ehi, ma addò gliu stai a portà?

PRIMA VECCHIA - Non perdemo tempo, si no farà tardi puri pe' te.

MARIETTA - Ma non te mitti scorno?

PRIMA VECCHIA - No.

MARIETTA - Con tutti gli'agni toie vu' arruvinà n'ome accussì giovane?

PRIMA VECCHIA - E' la legge.

MARIETTA - Ma c'è sta puri na legge chiù iaota. Co' quale coscenzea pu' costregne caccheruno ad azzeccarese a te? Sarai contenta dopu a vedé 'ncoppa la facci sia disgustu e sofferenza? Addò è se n'è iuta la dignità tia?

PRIMA VECCHIA - Tu sderrai sulu pe'nvidia e gelusia. Ma me la paghi. Vidi se non me la paghi. Te la faccio pagà cara. (esce)

GEGE' - Grazie amore meo. Non ce la facevo chiù a fareme sulu vecchie. E pe' ringraziarete de stu favore mo t'aggia da' nu begliu regalu.

MARIETTA - Non m'aspettavo de megliu, canarinu meo.

GEGE' - E se non te soddisferà te gliu ridarò n'ata vota.

MARIETTA - E si me piacerà paricchiu, begliu canarinu meo?

GEGE' - A chigliu puntu facemo gli'abbonamentu.

Entra la seconda vecchia

SECONDA VECCHIA - Ehi, canarinu. Guarda che ca' c'è sta prima st'ata gabbia da visità.

GEGE' - E chesta da d'è sciuta?

MARIETTA - E' colpa degliu schiattamorte, che n'ha chiuso bono la cassa.

SECONDA VECCHIA - Me stavate ad'aspettà, n'è veru?

GEGE' - Mancu pe' niente.

SECONDA VECCHIA - Me dispiace tantu se stongo 'n'ritardu.

GEGE' - Pe' entrà dent'alla fossa stai sempe perfettamente in orariu. (la vecchia lo prende sottobraccio) E co chesto c'hama fà?

SECONDA VECCHIA - I' 'ngingasse co' nu bacetta.

MARIETTA - Chist'ome è gliu meo e i' me gliu porto alla casa mia.

SECONDA VECCHIA - Bellella de stu core, secundu la nova legge chist'ome appartene a me, e secundu la vecchia de certe non è gliu teo.

MARIETTA - Ma issu è 'nfocatu pe' me.

SECONDA VECCHIA - Ti cacche certificatu cumunale?

GEGE' - Lo pozzo dice i'.

SECONDA VECCHIA - Ma i' n'té creto.

GEGE' - Lo pozzo giurà.

SECONDA VECCHIA - 'Ncoppa a che lo giuri?

GEGE' - 'Ncoppa gliu curipizzu de chi te pare.

SECONDA VECCHIA - Puri si fosse gliu meo oggi so' sorda a tutt'e dui le recchie.

GEGE' - (a Marietta) Non gli permette de trascinareme agliu letto seo tra le talepe.

SECONDA VECCHIA - E 'nmece l'adda fà, pecché puri essa hanna pensà alla vecchiaia sia. La giuvintù dura poco e nui femmene semo sempe previdenti. Bella vagliò, dillo si me stongo a sbaglià.

GEGE' - Vecchia, te lo dico i' che te stai propitu a sbaglià.

Marietta si volta e nella tristezza più grande si allontana

SECONDA VECCHIA - Che t'avivu dittu?

GEGE' - Amore meo, no' farai addavero?

SECONDA VECCHIA - E' la legge che lo vò, non è colpa sia.

GEGE' - Ma non ti si' guardata stammattina agliu specchiu? Come pretindi che nu pover'ome pozza 'nchiummarese nu calamaru accussì schifusu? O, peggiu ancora, nu purpu abbesciolatu?

SECONDA VECCHIA - Non perdemo tempo a fa' chiacchiere. La pollasta tia tra cacche agnu potaria esse puri peggiu de me. E po' non te scordà c'allo scuru se sentono sulu sapuri e prufumi.

GEGE' - Gli saccio bone, oramai, sti sapuri e prufumi.

SECONDA VECCHIA - Azzecchete amor meo, e 'ngingam'a' i' allo bono.

GEGE' - 'Ncumincia tu, cazzarola, che 'ntromento i' vaio agliu cabbinetta.

SECONDA VECCHIA - Dento alla casa mia ce sta tuttu chello che po' servì, e si pe' casu ti la malatia degliu sinducu te la risolvo i', (gli da una forte pacca sul sedere) dent'a' nu minutu.

GEGE' - Non starai a dice addavero?

Rientra in scena la prima vecchia

PRIMA VECCHIA - Ehi!? Ma come te pirmitti? Non te lo pu' certu trascinà tu. Strega!

GEGE' - Finalmente caccherunu che me salva. Pe' ringraziarete, chiunque tu sì, faccio tuttu chello che vu'.

PRIMA VECCHIA - E te creto.

GEGE' - (la vede) AAAHH. Ahi mama! La ianara de prima.

PRIMA VECCHIA - Dici la verità che non stai chiù dent'alla pelle pe' la gioia de me vedé.

SECONDA VECCHIA - Troppu tardi: oramai è robba mia.

PRIMA VECCHIA - (prendendolo per l'altro braccio) Se hanna esse scolatu da cacche vecchia chella sarò i'. E' n'ora che tiramo 'bcopp'agliu prezzu.

SECONDA VECCHIA - Ma l'offerta migliore è la mia.

GEGE' - Ragazze, attente alla merce.

PRIMA VECCHIA - Gliu cederai a me.

SECONDA VECCHIA - I' gnu' lasso mancu pe' niente.

PRIMA VECCHIA - Dalle mani mei non se scolla.

SECONDA VECCHIA - E le mie se so' fatte a pinza.

GEGE' - Me state a squartà come a nu porco agliu maceglio, sangu degliu morto! Metteteve d'accordu e che finisca sta storia.

PRIMA VECCHIA - Da me.

SECONDA VECCHIA - No, da me che so' la chiù vecchia.

PRIMA VECCHIA - 'N'se po' fa; i' so la chiù brutta e racchia.

SECONDA VECCHIA - Mancu pe' sonno; I' so' pure malata e chiena de puci.

PRIMA VECCHIA - Se è pe' chesto nisciunu me supera: tengo gliu catarru da tutte le parti, n'occhie de vetro e piaghe da decubito a scriffunnu.

SECONDA VECCHIA - Giusto a titulo de cronaca ine disinfetto la casa mia a botti de perete, e se guardo storto nu cristianu, agliu sfurtunatu gli scoppa na diarrea perpetua.

GEGE' - Ehi! E addò stamo? Ce sta puri cacche perdita radioattiva, per casu? Sentete, me la vedo co' una alla vota, va bono? Dateme gliu tempo de me procurà nu scafandro a tenuta stagna e ve vengo a sazià.

PRIMA VECCHIA - Non me fido.

SECONDA VECCHIA - E ine me fido de meno.

Entra la signora Lotroncato

PASQUALINA - I' sì.

GEGE' - La socera mia!?

PRIMA VECCHIA - Che te manca a te, mo'?

SECONDA VECCHIA - E che vu' significà co': "I' sì"?

GEGE' - La socera mia!

PASQUALINA - Quanno i' faccio nu contrattu co' chesta, (mostra la padella)non c'è bisognu mancu de na firma.

PRIMA VECCHIA - Si venuta pe' casu a levarece la bistecca?

SECONDA VECCHIA - O te vu fa forza co' l'autorità tia pe' superà gliu vantaggiu nosto dent'alla graduatoria?

PASQUALINA - State tranquille che gliu postu dent'alla graduatoria vosta nu' vi gliu leva nisciunu. E po' delle bistecche che tenete vui, che ormai non so' bone manco chiu' pe' gliu brodu, non saccio propitu che me n'aggia fà.

PRIMA VECCHIA - E allora che vu'?

SECONDA VECCHIA - Nui iamo de corsa.

GEGE' - Cara socerema, sarvezza mia, sarveme.

PASQUALINA - Tuttu po' esse a stu munnu. Ma i' che ce guadagno?

GEGE' - Tuttu chello che vu'.

PRIMA VECCHIA - E' controlegge. Ine so' chiù vecchia de te.

SECONDA VECCHIA - Gli'esempiu hanna scegne dall'autu. I' stongo pe' morire.

GEGE' - Tuttu chello che vu'.

PASQUALINA - Mo l'hai dittu, e non ce lo scordamo. (alle vecchie) Senteteme bono vui dui. La legge è chello che è, e nisciuno la tocca, quindi portatevigliu e bon'appetitu. Ma dimani matinu lestu, quanno sponta gliu sole, gliu vengo a ritirà. E guai a vui si nun gliu trovo già ca'. Hanna esse lavatu, disinfettatu, prufumatu e chiu' criccu de nu rigliu. Fatemegliu magnà bono e fategli fa' tutte le cosi sie, ca dopu non voglio perde tempo a sentì scuse.

GEGE' - E che sarvezza è chesta?

PASQUALINA - Stu' disgraziatu sgustumatu. Prima de tuttu che è la salvezza mia. Secondo, chesse, co la fami arretrata che tenno, non t'avessero lassatu mancu dopu n'agniu, e te s'avessero rosecatu fin'a' dento l'ossa. E po' che vulissi dice, che me manca caccosa?

GEGE' - Me disperatu; me scomsolatu; me sciaguratu.

PASQUALINA - Me, me, me; non perdemo tempo. Gegè Glisciupafemmene. E' facile vederesela co' le povere pollastelle sprovvedute; co' chelle che hann'appena 'ngingatu gli'ovo. Ma dimani, finalmente gliu munnu potrà sapè quantu vali e quantu duri. Iatevenne, ja'! (trascinato dalle due vecchiette, Gegè esce di scena cercando inutilmrnte di ribbellarsi. Pasqualina si avvina erso il pubblico) E nui ce salutamo ca', co' la speranze che ve sete spassati come l'hamo fattu nui. Si' caccherunu vo' propitu giudica' sta' commeddia lo facesse co la coscienza appostu: no com'a' chelle femmene de marciapiede che se ricordano sulu degli'utimu cliente; no, com'a' certi pulitici che sanno vedé di' voti le crape degliu recintu seo e mancu meza chelle degli'ati partiti; e nemmeno com'a' chigli critici che ponno magnà sulu chello che s'hanno già magnatu, e che se cretono puri d'esse Patreterni. Mo' nui avessemo finitu. V'anticipo sulu ca' a chigliu poveru generu meo, chiu' pe' rispettu de figliema che pe' issu, ma 'ncoppa ad ogni cosa pecché dopo che pe' na notte sana se gliu so passatu chelle dui, a'voglia a zoffrecà co' la varricchina e lo sapone, puzzerà sempe de cassa da morto, dimani matinu, appena mi gliu consegnano, gliu' porto alla casa e gli metto la scusa che me fa male la capu. Però stu fattu me fa capisce che stà legge è puri pericolosa, e paricchiu. Non volesse che dopo che pe' tutta la vita m'aggio saputu sceglie sempe lo meglio, a tutte le cose, mo me toccasse, pe' chiude la festa, cacche vecchio abesciolatu(1), che pe' dirittu de legge m'arruvinasse la vocca e gliu stommucu. Manc'agli cani, cazzarola! Aggia fa subbitu subbitu nu decretu de ferro che pozza aggiustà sta' situazione.

Pateterno meo, e puri sta fatica è finita; e si è veru che gli meriti 'ncoppa a stu' munnu s'acquistano chiu' co le rinunce che che co gli fatti, i' penso che oggi, pe' gliu pisu de chello c'aggio rinunciatu, m'aggio guatagnatu minimu mezo Paradisu. O no? Viti Tu. N'utimu cunsigliu a tutti chigli che tenno le cervella: Si volete esse ommene, ma ommene addavero, ma dico propitu omme addavere co' le cose sotto, guardate a nui.... femmene. Bona sera!

F I N E

1) Malato di catarro in modo cronico.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno