Le fortune di Tofulu

Stampa questo copione

BOCCACCIO

ALDO LO CASTRO

LE FORTUNE DI TOFULU

Scherzo in due atti

Ispirato al “Decamerone” del Boccaccio (VII G iorn., IV Novella – VIII Giorn. IX Nov.)

                Personaggi:

BRUNO, giovane astuto e spregiudicato

LORENZO, suo amico e complice

TOFULU anziano sciocco e credulone

SMERALDINA, la giovane moglie

GIUSTINA, fidanzata di Lorenzo

CALOGERO, il venditore ambulante

______________________________

L’azione si svolge in Sicilia, in qualsivoglia epoca  (si suggerisce il Medioevo).

 

ATTO PRIMO

Squarcio di un vecchio sobborgo. Case sul fondo, a destra e a sinistra, in prima. Ingresso comune - tra il fondo e la parete di sinistra - attraverso un grande arco, al di là del quale si scorge un muretto rustico e la campagna. Altra uscita, in fondo, a destra da cui s’intravedono porzioni di altre case. Un pozzo –  sopraelevato da un ”praticabile” – al centro della scena. Una panchina, accanto al pozzo.

Tardo pomeriggio estivo. All’apertura del sipario, in scena, sulla panchina, Bruno e Smeraldina – immobili – che si guardano teneramente negli occhi.

Sulla destra, appare Lorenzo, nelle vesti di “narratore”.

LORENZO – (cantato o declamato))  Fazzu l’inchinu e do il benvenuto

Al pubblico presente questa sera!

E poi, passu, sveltu e risoluto,

a cuntari ‘na storia …quasi vera!

(parlato) Ma prima, devo fare una premessa…

In Sicilia, spissu si senti diri:

“Cuntaccilla  a Tofulu!... ca è cchiù fissa!”

Cu’ è  ‘stu Tofulu, vuliti sapiri?

(Cantato) Tofulu è un omu accussì minchiuni

C’ammucca cunti fantasiusi e pazzi!

Tofulu è accussì babbu e simpliciuni

Ca va circannu la luna ‘nte puzzi!

(Parlato) Ora, vi voglio svelare un segreto:

Tofulu esiste, esiste veramenti!

Campa in un paisi vicinu o’ Simeto…

Fra pocu,‘u viditi, personalmenti!

(Cantato) pì ora, ddà, c’è Bruno, l’amicu miu,

‘nsemi cù l’amanti, Smeraldina.

Fra li pirsunaggi ci sugnu iu,

il vecchio Calogero e poi Giustina.

Di Tofulu, già, vi n’haiu parratu…

Quannu arriva, vi n’accurgiti sul momento

Pirchì non passa certu inosservato!

E ora, vi auguro un buon divertimento! 

(Via, a destra)

1 –

(Bruno e Smeraldina si scambiano tenere effusioni)

SMERALDINA – Ma che mi fai fare… che cosa mi fai fare?

BRUNO – No, “tu” che mi fai fare!

SMERALDINA – No, tu!

BRUNO – Tu!

SMERALDINA - Ma senti… quanti mani hai?

BRUNO – Due. Però su’ ‘nsignati: sanno perfettamente quello che debbono fare!

SMERALDINA – Me ne sto accorgendo… Su’ dui ma parunu deci! Rallenta, per favore, Bruno… perché se qualcuno ci vede, semu rovinati!

BRUNO – La colpa è tua! Sei una strega! Mi hai ammaliato, con questi occhioni belli! (le palpeggia il seno)   

SMERALDINA – (con un sorriso, pone fine al palpeggiamento) Gioia, ti stai confondendo… Vidi ca chisti non su’ “occhioni”!

BRUNO – T’assicuro che quello che guardo sono due meravigliosi occhioni!

SMERALDINA – Ma chiddu ca tocchi, no! Senti, ho capito, vah, andiamo in casa! Qua ci sono certi vicinazzi sparritteri…!

BRUNO – A casa? Sei sicura? E si torna ddu bestia di tò maritu…?

SMERALDINA – Non torna, non torna. E chi fa, lassa ‘a putìa?

BRUNO – Comunque, la prudenza non è mai troppa! E iù, francamenti, vogghiu stari tranquillu… Fammi mettiri d’accordu cù Lorenzo… Tu, intanto, trasi!

SMERALDINA – Ma pirchì tutti ‘sti trafichi? Se ti dico che non torna, pirchì sta’ cumplicannu…

BRUNO – (la interrompe) Lasciami fare! Non è che TOFULU è un cristianu normali…! Chiddu è imprevedibile…

SMERALDINA - Come tutti i cretini.

BRUNO – Appunto. Non sai mai chiddu ca po’ cumminari. Fammi parrari cù Lorenzo.

SMERALDINA – Va bene, spicciati, allura! (Via, nella casa di sinistra).

2 –

(Bruno va sul fondo, a destra e chiama a gran voce Lorenzo il quale, dopo qualche istante, entra in scena).

LORENZO – Ma com’è ca non mi lassi mai in pace! Io ero impegnato e ho dovuto interrompere pì curpa tò!

BRUNO – Impegnato, tu? E a fari chi?

LORENZO – A riflettere!

BRUNO – Su che cosa?

LORENZO – Se è il caso ca mi cercu un travagghiu oppure no.

BRUNO - Nientedimeno! E che hai deciso?

LORENZO – Niente! Se mi hai interrotto…! Comunque, ero più sul “no” che sul “sì”…

BRUNO – E va bene, Lorenzo, non t’impressionare… Ogni tantu venunu macari a mmia ‘sti pinseri brutti… ma uno deve avere la forza di allontanarli… hai capito?

LORENZO – Sì, lo so, lo so… E menu mali ca non mi venunu o’ spissu, ‘sti mumenti!

BRUNO – Ora basta, non ci pinsari cchiù e parramu di cosi serii. Mi devi fare un favuri.

LORENZO – Cioè?

BRUNO – Io sto andando a casa di Smeraldina…

LORENZO – E c’ha’ fari?

BRUNO – (stizzito) Ci haiu a cogghiri un panaru di cirasi.

LORENZO – E unn’è ‘u panaru?

BRUNO – ‘U panaru ci ‘u metti Smeraldina.

LORENZO – E tu chi ci metti?

BRUNO – ‘A manodopera! 

LORENZO – Ma ‘nto giardinu di donna Smeraldina, non ci n’è cirasi!

BRUNO – (piuttosto contrariato) Ci su’, ci su’! Ci sunu cirasi,  nespuli, muluni, ficusicchi…!

LORENZO – Ma chi sta’ ‘ncucchiannu…

BRUNO – Senti, spiritusu bestia, mi fa’ parrari o no?

LORENZO – Parra.

BRUNO – Dunque. Io sono con Smeraldina. Ci semu?

LORENZO – Ci semu? Ci si’ tu sulu. Chi c’entru iù?

BRUNO – Mutu! (Dopo averlo fulminato con lo sguardo) Ora, TOFULU, so maritu, teoricamente non ci dovrebbe fare brutte sorprese… ma se, putacaso, spuntassi e si vulissi ritirari a’ casa, tu ‘u cchiappi e lo blocchi! Chiaro?

LORENZO – E comu ‘u bloccu?

BRUNO – T’a vidi tu! Fantasia e capacità non ti mancanu di sicuru! Ma poi, ti veni facili facili: chiddu,TOFULU, è menzu cretinu…

LORENZO – E iù mi preoccupo di l’autru menzu!

BRUNO – Ca levati, “ti preoccupi”! Non fare il modesto! Piuttosto, cerca di fari abbastanza vuci! Accussì ti sentu e me la squaglio dal giardino, arreri ‘a casa. Va bene?

LORENZO – Sì ma tu quantu tempu perdi? Non è ca pozzu fari ‘a sentinella pì tutta ‘a sirata…!

BRUNO – E quantu ci pozzu stari, babbu? Ca pocu, non ti preoccupare! A dopo! (Via, in casa di Smeraldina, a sinistra)

3 –

LORENZO - (da solo) E sissignore, “a dopu”! Ma vardati comu mi finìu! A farici ‘a vardia mentri iddu se la spassa cù donna Smeraldina! (Siede sulla panchina) Il guaio è che ci vogghiu troppu beni… e anche se, certe volte, ‘u mannassi a ddu paisi… chi ci pozzu fari? Non gli so dire di no! E iddu, naturalmenti, ne approfitta. Però… senza Bruno, che vita sarebbe? Un mortorio, proprio! Quantu n’hamu cumminatu, ‘nsemi, porca miseria! Di tutti i culuri! Unni ci su’ fissa e minchiuni, arrivamu nuautri e… ‘u spassu è sicuru! (Ride, compiaciuto. Si sdraia sulla panchina, soddisfatto) Che bella vita, signuri mei! Speriamo ca non finisci mai…!

(Da destra,con una brocca d’acqua, entra canticchiando Giustina. S’accorge di Lorenzo e gli si accosta ridacchiando).

GIUSTINA – (sarcastica) Mi raccomando, Lorenzo, non ti strapazzari troppu che poi ti senti male!

LORENZO – (per nulla sorpreso, non muove un muscolo) Sì, scherza, tu!

GIUSTINA – E cu’ scherza? Quannu ti vidu accussì, tuttu sudatu, cridimi, mi fai ‘na pena…!

LORENZO – (lentamente, solleva il busto e si siede) Finiscila di sfottere, va bene? Sappi che io mi sono sdraiato proprio perché… perché ho avuto un capogiro!

GIUSTINA – ‘U figghiu! Ha avuto un capogiro! E tu devi stare attento, gioia. Ni vidu moriri genti cù ‘sti capogiri, comu a chiddi to’…! Accussì, propriu: un capogiro e cascanu ‘nterra, comu i pira!

LORENZO – (stizzito) Sì, sì, continua ca mi sta piacennu. Ma chi hai sbaddu superchiu, oggi?

GIUSTINA – (ride di gusto) Il fatto è che mi diverto troppo quando t’arrabbi! Fai ‘na facci…!

LORENZO – Ah, allura m’u fai apposta!

GIUSTINA – Ca certu!

(Lorenzo minaccia scherzosamente Giustina che gli sfugge, divertita. Dopo un brevissimo inseguimento, il giovane riesce ad afferrare la ragazza).

LORENZO – (l’abbraccia) E allura, si po’ sapiri chi facci fazzu quannu m’incavulu? (Giustina lo osserva un momento poi scoppia in una sonora risata) Lo sai che quando ridi, mi fai impazzire? (Tenta invano di baciarla)

GIUSTINA – E no, beddu! Stai a debita distanza!

LORENZO – Avaia, Giustina…Ma semu o non semu ziti?

GIUSTINA – Ziti?

LORENZO – “Quasi” ziti.

GIUSTINA – Quando ti conviene, “semu ziti”, vero?

LORENZO - Io solo un bacio voglio. Chi ti costa? (Altro inutile tentativo di baciarla)

GIUSTINA – ‘A vidi dda quartara? Si non ci ‘a finisci, fra pocu, t’a rumpu ‘nta testa!

LORENZO – E va bene. M’arrendo. Cedo alla violenza!

GIUSTINA – Bravo. Fai il bravo bambino ca è megghiu.

LORENZO – Ma almenu, assettiti… parramu du’ minuti, no? O è proibito pure parrari?

GIUSTINA – No, non è proibito. Sulu ca haiu chi fari e non mi posso intrattenere.

LORENZO – (quasi implorante) Ti prego!

GIUSTINA – E va bene. Du’ minuti precisi, però, ah.

(I due siedono sulla panchina).

LORENZO – D’accordo, due minuti. Il tempo preciso per dirti che ti voglio bene, Giustina e che senza di te, io non ci resisto. Io… (Giustina si alza) Ma perché ti alzi?

GIUSTINA – Perché il tempo a tua disposizione è scaduto. Ciao.

LORENZO – (la ferma) Ma come “ciao”…? io ti fazzu un discursu seriu e tu mancu mi senti?

GIUSTINA – Ah, chistu sarebbe un discursu seriu? A mmia, invece, mi pareva ‘na minchia… Lasciamo perdere, va!

LORENZO – No, no, dillu: “’Na minchiata”!  Pirchì ti fermi?

GIUSTINA – E va beni: ‘na minchiata! Pirchì tu, caro Lorenzo, sa’ diri sulu…

LORENZO - … minchiate, ho capito.

GIUSTINA – E ora, ti salutu.

LORENZO – No, ora, mi devi spiegare la ragione per cui, secondo te, dicu minchiati! E chi fai, tiri ‘a petra e poi ti ni scappi?

GIUSTINA – ‘A vidi dda quartara?

LORENZO – E chi c’entra ‘a…

GIUSTINA – Mi ni scappu pì non rumpiratilla ‘nta testa! Perché quando ti sento dire certe…

LORENZO - … minchiate…

GIUSTINA – Ecco. Mi smovunu i nervi! Hai capito?

LORENZO – No. Ma comu, io ti dico che ti voglio bene, che senza di te…

GIUSTINA – Basta, finiscila! Perché altrimenti…

LORENZO – (la precede) “’A vidi dda quartara”?

GIUSTINA – Bravo. Ora, mi ni fai iri o no?

LORENZO – Ma pirchì ci l’hai cù mia? Che t’ho fatto, si può sapere?

GIUSTINA – (improvvisamente seria, quasi triste) Niente m’hai fatto, niente.

LORENZO – E ‘sta facciuzza, ora, pirchì? Chi c’entra? Oh, Giustina,si fai d’accussì, non mi piaci cchiù!

GIUSTINA – Meglio. Così mi lasci in santa pace e ci ‘a finisci di svummicari…

LORENZO - … minchiate, l’ho capito!

GIUSTINA – No, peggio: menzogne!

LORENZO – Ma chi sta’ ‘ncucchiannu, Giustina?! Comu po’ diri ‘sti cosi? Io ti voglio bene veramente! E tu ‘u sai che dico la verità!

GIUSTINA – Havi un annu ca semu “quasi ziti”! Un anno ca mi ripeti che mi vuoi bene, che senza di me, non po’ campari… Ci permetti che ora, dopo un anno, non ti cridu cchiù?

LORENZO – E perché?

GIUSTINA – Ah, te lo debbo pure spiegare “il perché”! E va bene, te lo spiego. Non ti credo perché non me lo hai mai dimostrato! “Ti voglio bene, ti voglio bene” ma di matrimoniu non ni parri mai!

LORENZO – (sgomento) Matrimonio?!

GIUSTINA – (sarcastica) Vuoi vedere ca ti veni qualche altro capogiro? Vardatilu!  È diventato bianco comu un linzolu! Scusami, gioia, sbagghiai… Mi è scappata questa brutta parola: matrimonio!

LORENZO – Ma ‘u sai ca non ti capisciu, Giustina?

GIUSTINA – Senti, riconosco che non sei un genio ma, in quanto a capire, mi hai capito perfettamente! Quindi non fari ‘a parti d’o scimunitu!

LORENZO – Ma me lo spieghi comu fazzu a parrari di matrimoniu se non ho un lavoro?

GIUSTINA – Tu il lavoro non ci l’hai per la semplice ragione ca non ci pensi a circaritillu seriamente!

LORENZO – Non è vero! Proprio poco fa… stavo pensando esattamente ‘o travagghiu! Poi mi chiamò Bruno e…

GIUSTINA – Ecco, Bruno. Ccà c’è ‘n’autru ca è cunvintu che al lavoro, uno, non si deve avvicinare perché è cacca! Beddi siti, tutti dui: Dio fa gli uomini e poi li accoppia!

LORENZO – Varda, Giustina, ti prometto… anzi, ti giuro solennemente ca mi cercu subitu un travagghiu! Si’ cuntenta?

GIUSTINA – E… chi significa “subito”?

LORENZO – Dumani!

GIUSTINA - Promesso?

LORENZO - Promesso.

GIUSTINA – Vidi ca si cangi idea, ti scippu l’occhi e a mmia, non mi vidi cchiù!

LORENZO – Certu. Cù l’occhi scippati, comu fazzu a vidiriti?! (Ride)

GIUSTINA – Sì, scherza, tu! Continua a fari ‘u cretinu. Torna a sdraiarti ‘nta panchina ca è megghiu! A proposito… si può sapere chi ci facevi, misu ccà, stinnicchiatu o’ suli?

LORENZO – Vuoi sapere la verità? aspittavu a tia.

GIUSTINA – Sì, va bene, cuntani ‘n’autra! Ti salutu. (Sta per allontanarsi ma Lorenzo l’afferra e l’abbraccia vigorosamente).     

LORENZO – Dammi un bacio.

GIUSTINA – No!

LORENZO – Uno solo!

GIUSTINA – Mizzica, chi si’  camurriusu! Senti, uno. Uno solo, però e basta, va bene?

LORENZO – Va bene. (Si baciano)

GIUSTINA – Lorenzo! Non sei di parola! Io ti ho dato un bacio ma  tu te ne sei presi due!

LORENZO – Daveru? E allora, uno te lo restituisco! (La bacia ancora sulla bocca).

4 –

(Dalla comune, giunge TOFULU il quale si accorge dei due che si baciano e si ferma a fissarli).

GIUSTINA – (sottovoce, a Lorenzo che non s’è accorto del nuovo arrivato) Lassami… c’è Tofulu ca ni sta taliannu…

LORENZO –  E chi t’interessa? Lassalu taliari… (realizza)  Cui?

GIUSTINA – Tofulu.

LORENZO – (si stacca rapidamente) Vossia benedica, mastru Tofulu… Chi si dici?

TOFULU – Unni?

LORENZO – Comu “unni”?

TOFULU – Quando si fa una domanda, bisogna essere precisi. Tu mi hai chiesto “Chi si dici ?”. E’ veru o no?

LORENZO – Eh, infatti. Chi fici, sbagghiai?

TOFULU – Ovvio ca sbagghiasti. Perché non hai specificato “unni”! E dunque, io ribadisco: chi si dici, unni? ‘nto paisi, ‘nta me’ putìa o nel mondo?

GIUSTINA – Va bene… Scusate… Intanto che Lorenzo ci riflette, io mi ritiro a casa… Vi lascio ai vostri discorsi filosofici.  (Via, nella casa di destra).   

TOFULU – E siccome non haiu tempu di perdiri cù unu scunchiudutu comu a tia, mi ritiru macari iù.  (si avvia rapidamente verso casa).

LORENZO – (lo blocca e ricordando che deve urlare per farsi sentire da Bruno e dargli, così, il tempo di scappar via, urla in modo esagerato) Mastru Tofulu, unni sta ghiennu?

TOFULU – (sobbalza, spaventato) A’ casa.

LORENZO – (continua ad urlare) A’ casa?! E pì fari chi?

TOFULU – (si lascia coinvolgere e grida  altrettanto forte) Caddi mei!

LORENZO – (c.s.) Non è ca iù vogghiu sapiri i fatti so’…

TOFULU – (c.s.) Ah, no?

LORENZO – (c.s.) No… è che stavo pensando che se vossia deve andare a casa a quest’ora insolita, di sicuru sarà successa qualche cosa… Ci fu cosa? Qualche problema di salute… qualche camurrìa ‘nta putìa… Insomma, chi fu?

TOFULU – Ma insomma, t’haiu a dari cuntu a tia? Cu’ schifìu si’ tu? E poi, si può sapere pirchì sta’ ittannu vuci?

LORENZO – Iù?! Vossia sta ghittannu vuci! Io mi sono solo adeguato.

5 –

(Smeraldina apre l’uscio di casa).

SMERALDINA – Tofulu! Ma si può sapere pirchì stati ittannu vuci?

TOFULU – Iù? Iddu!

LORENZO – Iù?! Ma vossia havi ‘na bella facci, ‘u sapi?

(Dalla comune, intanto, sbuca, con l’aria fintamente contrariata, Bruno).

BRUNO – Oh, finalmente! Lorenzo! Havi un gniornu ca ti cercu! Salutamu donna Smeraldina. Mastru Tofulu, i miei rispetti. (A Lorenzo) Ma chi ci fai ccà? Ci ha’ fari qualchi sirvizu a mastru Tofulu o a donna Smeraldina?

LORENZO – No, anche perché “’u sirvizu” a donna Smeraldina ci’u facisti tu, mi pari…

(Bruno gli pianta uno sguardo di fuoco).

TOFULU – (sospettoso, a Smeraldina) Qual è ‘stu sirvizu ca ti fici?

SMERALDINA – (balbetta) Ah, sì… Siccome si trovava a passare da qua…

BRUNO – (le va in soccorso) … e siccome stavo andando in campagna, ci dumannai a donna Smeraldina se aveva bisogno di… di un poco… un poco…

LORENZO – (interviene) …di ricotta!

SMERALDINA – Di ricotta!

BRUNO – Ecco, di ricotta!

TOFULU – Ricotta fresca, spero!

LORENZO – Fresca? Freschissima!

BRUNO – Ricotta appena munta dalla vacca, proprio!

TOFULU – Sugnu cuntentu… A mia, mi piaci assai, ‘a ricotta! ‘Stasira mi fazzu ‘na bella mangiata di ricotta con un pocu di panuzzu abbrustolito!

SMERALDINA – No, non cridu… pirchì… pirchì non ci n’è.

TOFULU – Comu no?! N’avemu tantu pani…!

SMERALDINA – Lo so ma è ìa ricotta ca non c’è.

TOFULU – Comu… “’a ricotta non c’è”? E chi fini fici ‘a ricotta ca pigghiò Bruno?

LORENZO – S’a mangiò pì strata!

BRUNO – No, chi mi mangiai pì strata, bestia!

TOFULU – Ma insomma, ‘sta ricotta frisca unni ivu a finiri?

LORENZO – Frisca? Appena munta dalla vacca!

TOFULU – Eh, appunto!

BRUNO – Se è per questo, unni ‘a pigghiu iù, è, a dir poco, unica!

LORENZO – Io direi “favolosa”!

BRUNO – Ecco, bravo, la parola giusta è “favolosa”!

LORENZO – Ma poi, è

   talmente frisca ca è cauda cauda! Vero, Bruno?

BRUNO – Verissimo!

TOFULU – Ho capito! “Freschissima… caldissima”… ma ‘a pigghiasti o no, ‘stu schifìu di ricotta?

BRUNO -  Purtroppo, no.

TOFULU – No?

LORENZO – No. Vero, Bruno?

TOFULU – (a Smeraldina) Ma… allura… chi caddu di sirvizu ti fici?

LORENZO – Iddu ‘a bona volontà ci ‘a misi!

BRUNO – Diciamo… ca fu un sirvizu a mità, purtroppo…

SMERALDINA – (sospira) Che peccato, veru, Tofulu?  Mè maritu non si potti mangiari ‘sta bella ricotta co’ pani abbrustolito!

TOFULU – Piccatu daveru!

SMERALDINA - Comunque, Bruno, facitini un piaciri: dumani purtatammilla ‘na fascedda,, va bene? Promesso?

BRUNO – Per voi, donna Smeraldina, e per vostro marito,  farò di più: v’a portu stasira stissa!

TOFULU – E di sira, unni ‘a trovi ‘a ricotta, babbu?

LORENZO – ‘A trova, ‘a trova.

BRUNO – Si fidi, mastru Tofulu, si fidi! Perché io, stanotte, non ci portu ‘na fascedda di ricotta qualunque…!

TOFULU – Sì, ‘u sacciu: frisca frisca.

LORENZO – Non è sulu “frisca frisca”…

TOFULU – Frisca frisca e cauda cauda!

BRUNO – Non è sulu cauda cauda! Lo vogliamo dire, Lorenzo?

LORENZO – E diciamolo!

BRUNO – E diciamolo. Tanto… qua, siamo fra amici… giustu?

LORENZO – Sì, sì, putemu parrari.

BRUNO – Mastru Tofulu, (abbassa la voce ad arte) ‘a ricotta ca ci portu, stanotti, non è una ricotta… normale…

TOFULU – E chissu già ‘u dicisti…

BRUNO – Si tratta di ricotta straordinaria che quindi ha delle virtù altrettanto straordinarie!

TOFULU – Ancora? Se ti dico che l’ho capito…! Bella, cauda cauda!

BRUNO – No, vossia, con rispetto parlando, non ha capito.

SMERALDINA - Bruno, scusate… ma chi vi pari ca mè maritu è cretinu?

BRUNO –Che c’entra? Non avevo intenzione di offendere a so maritu, donna Smeraldina!

LORENZO – Mai pensato che mastro Tofulu è cretino! Vero, Bruno?

BRUNO – Mai!

SMERALDINA - Insomma, quali sono queste virtù straordinarie?

BRUNO – Ci ù dicu subitu. Chi mangia questa ricotta, una volta al mese, potrà campare almeno fino a 122 anni!

TOFULU – Ma chi mi sta’ dicennu?

LORENZO – Parunu minchiati, veru? E, invece, è la sacrosanta verità! Vero, Bruno?

BRUNO – Non solo!

LORENZO – Non solo, ha sentito? Stassi attentu, stassi attentu!

BRUNO – Cu’ si mangia ‘sta ricotta, non sulu campa fino a 122 anni ma, per giunta, non conoscerà malattie?

TOFULU – Chi significa?

BRUNO – Significa ca vossia non casca malatu mancu si ‘u ‘mmazzanu! Beddu, tranquillo e sempre in perfetta salute!

TOFULU - Incredibile!

LORENZO – Ma vero!

SMERALDINA – Che bellezza! E voi due l’avete mangiata… ‘sta ricotta?

LORENZO – Ca certu. E chi semu fissa? Due volte al mese. Vero, Bruno?

BRUNO – Certe volte, pure tre volte al mese! E, infatti, siamo in perfetta salute. Abbiamo mai avuto malanni? Chi sacciu… un duluri di testa o di denti… rannicchia di frevi…? Mai niente!

LORENZO – Mancu ‘n colpu di tussi!

SMERALDINA – Itila a pigghiari di cursa, per favore! A mia. ‘a ricotta non mi piace ma, in questo caso, m’a mangiu cù tantu piaciri!

TOFULU – Carusi, staiu ‘ntrunannu! Si può sapiri unni ‘a pigghiati?

BRUNO – Non ci su’ problemi. Conosco la stalla giusta e ‘u vaccaru giustu!

LORENZO – Io penso ca canusci macari ‘a vacca giusta!

TOFULU – Mah! (Alla moglie, a parte) Tu, Smeraldina. Che ne pensi?

SMERALDINA – Ma scusate, Tofulu, nuautri chi ci appizzamu? Tantu, a vui, ‘a ricotta vi piaci quindi chi vi costa? E poi, non pensu che due persone serie come Bruno e Lorenzo, cuntunu stupidaggini.

TOFULU – E va bene… tantu, comu dici tu, chi ni costa? A Bruno) E, dimmi ‘na cosa,  quantu t’haiu a dari pì ‘sta ricotta accussì priziusa?

BRUNO – A pagari e a muriri, c’è sempri tempu, mastru Tofulu!

TOFULU –  Bravu! Iù ‘a pensu precisu comu a tia! Ni videmu cchiù tardu. Avanti, moglie, trasemu.

BRUNO – Un momento, un momento… c’è un piccolo problema da risolvere.

TOFULU – ‘U sapeva, iù, ca c’era qualche intoppo! Era troppu bellu pì essiri veru…!

BRUNO – Niente paura, mastru Tofulu, non si abbarruassi. C’è solamente un piccolo ostacolo… vero, Lorenzo?

LORENZO – Sì ma si tratta di ‘na cosa di nenti! Diciamo ca è proprio ‘na fesseria!

SMERALDINA – E… quale sarebbe questo piccolo ostacolo?

BRUNO – Dunque, dunque… Facitimi riflettiri…

LORENZO – E quannu Bruno riflette, putiti stari tranquilli che qualche cosa succede!

BRUNO – (gli fa cenno di assecondarlo) Senti ‘na cosa, Lorenzo, stasira, per caso, tò soru è disponibile?

LORENZO – No, mi dispiace… Ti l’avissi datu cù tuttu u cori ma purtroppo, proprio stasira, non ti pozzu dari aiutu!  Diccillu a tò soru.

BRUNO – Ti ricordo ca iù, soru, non n’haiu, purtroppo!

LORENZO – E va bene… nessuno è perfetto.

SMERALDINA - Scusate, Bruno… ma che c’entra ‘a soru di Lorenzo?

TOFULU – Appunto. P’accattari ‘na fascedda di ricotta, t’ha’ purtari dappressu a so soru?

BRUNO – Oh benedetto San Michele di Ganzaria! Non è ca m’haiu a purtari  a so soru pirchì è so soru ma pirchì mi giova‘na fimmina… Dici: e comu mai ti servi ‘na fimmina? Presto detto. ‘A fimmina mi serve proprio per il rituale mistico, mi spiego?

TOFULU – M’avissiru ammazzari si ci haiu caputu ‘na parola!

BRUNO – Vossignoria mi fa sdilliriari, beddamatri! Iù chi ci staiu iennu a’ccattari, un quattruni di ricotta ‘nta putìa…? Ccà stamu parrannu di una ricotta miraculusa…! Mi sta capennu?

TOFULU – Sì, sì ma non t’incazzari.

BRUNO – Di conseguenza, per ottenere questa preziosissima ricotta, bisogna eseguire scrupolosamente tutto il rituale… il rituale magico! Mi spiego?

TOFULU – Più o meno…

BRUNO –Mastru Tofulu, parliamoci chiaro. Io vi sto svelando un segreto ca sapemu sulu iù, ‘u vaccaru e Lorenzo.

LORENZO – E ‘a vacca.

BRUNO – E dunque, mi raccomando: senza parrarini cù nuddu, ci siamo capiti? No, perché io, altrimenti, qui lo dico e qui lo nego, ah?

TOFULU – Ma ci cridi ca ancora non ci haiu caputu nenti? Soprattutto, ancora non ho capito pirchì ti n’ha’ ghiri a’ccattari ‘a ricotta cù ‘na fimmina!

BRUNO – Vossia è duru, parola mia! Non cù ‘na fimmina qualunque. Mintemu, ‘na fimmina tinta o ‘na fimmina di strata… no! Deve essere una donna virtuosa, capito?

TOFULU – Meno di prima!

LORENZO – Bruno, scusa… ma se non spieghi qual è il rituale, comu fannu a capiri…?

BRUNO – Hai ragione. Dunque, donna Smeraldina, mastru Tofulu, avete presente una vacca?

TOFULU – Sissignore, continua ca ni scurò ccà, oggi, appressu a tia, appressu ‘a vacca e appressu a so soru!

BRUNO – Calma. Ora, il “ritum ricottae” – che sarebbe il rituale magico di cui parlavo prima – si svolge nella seguente maniera: Lorenzo fa sette giri attorno alla vacca. La femmina virtuosa ci tira ‘a cuda per sette volte ovvero ‘na vota per ogni giro e, nel frattempo, iù mungiu.

TOFULU - Nientedimeno! E ‘u vaccaru chi fa?

LORENZO – Caccia i muschi.

TOFULU – E dopu tuttu ‘stu traficu…

LORENZO - …la vacca magica ci regala ‘a ricotta miracolosa!

BRUNO – Roba ca non si può livari d’a vucca, ‘mpari Tofulu! E in più, ci fa campare sanu e vispo fino a 122 anni! Chi ci ni pari?

TOFULU – E’ una cosa troppu bella! ‘U difficili è truvari ‘na fimmina onesta! Unni ‘a pischi, gioia?

LORENZO – Mi meraviglio di voscenza! Ma pirchì, so muggheri, non è ‘na fimmina onesta?

SMERALDINA - Grazie, Lorenzo. Per mio marito, evidentemente, non sono abbastanza onesta!

TOFULU – Chi c’entra? Mia moglie non si discute! ‘A genti può parrari quantu voli ma per me, Smeraldina è ‘a fimmina più onesta e più virtuosa di tuttu ‘u paisi!

BRUNO – Bravo! E allora, donna Smeraldina – col suo permesso, si capisce – ha il dovere di partecipare al Ritum ricottae!

SMERALDINA – Io?

TOFULU – Mè muggheri?

LORENZO – E pì forza. ‘u dissi magari vossignoria…! Unni ‘a truvamu ‘n’autra fimmina onesta, ‘nto paisi?

TOFULU – E va bene, amuninni. Chi è luntana, ‘sta stadda?

BRUNO – Amuninni… cui? Chi c’entra vossia?

TOFULU – E chi mannu a mè muggheri sula, di notti… peri peri… cù du’ masculi?!

BRUNO – Si ricordi ca prima di essiri masculi, noi due siamo gentiluomini, ha capito, caro Tofulu? E, visto ca vossia non si fida… lassamu perdiri… non si ni fa nenti. Mi perdoni ma io quest’offesa non me la meritavo. I miei rispetti, donna Smeraldina…

LORENZO – Aspetta, Bruno. Mastru Tofulu non voleva offendere, veru?

TOFULU – Non volevo affenniri a nuddu. Ho chiesto solamente di vinirici magari iù. Non è possibile?

BRUNO – E ci torna!

LORENZO – Ma com’è ca vossia ca è tantu intelligenti, non lo capisce da solo? Se il proprietario della vacca vidi a vossia – cioè una persona estranea – ni fa fari i cursi a tutti: a vossignoria e magari a nuautri! Senza contare ca non ci putemu turnari cchiù! E finìu ‘a ricotta, pì sempre!

TOFULU – Ho capito. Mah. Se è proprio indispensabile…

SMERALDINA – Se mio marito non vuole che io vada, mi dispiace ma preferisco restare a casa.

TOFULU – Tu sei la moglie più onesta e più fedele del mondo…! Però, gioia, accussì ni facemu scappari un’occasione daveru unica! Campari fino a 122 anni e sempri in salute…! T’u ‘mmagini?

SMERALDINA - Ditemi, allora, quello che debbo fare.

TOFULU – Vacci. Mi fido di questi galantuomini ma, soprattutto, mi fido di tia, moglie.

SMERALDINA - Come voi comandate, marito mio.

BRUNO – Grazie, mastru Tofulu, ci vediamo fra ‘na para di uri… con la ricotta prodigiosa!

TOFULU – Sta bene. Iù vi aspettu in casa. Pì fari prima, pigghiativi u mè carrettu… E’ ddocu arreri, vicinu o’ giardinu!

BRUNO – Sissignore!

(Si salutano, a soggetto. Smeraldina, Bruno e Lorenzo, via, per la comune. Tofulu indugia un pò, sulla soglia di casa).

TOFULU – (raggiante) 122 anni! E, forse, anche di più! Autru ca ‘na vota o’ misi…! M’a mangiu ‘na vota a’ simana e macari ogni ghiornu! Tantu, pì mia, non è ca è un sacrificiu…! Iù mi ricrìu a mangiari ricotta…! Caspita, chi furtuna ca mi capitò! 122 anni e sempre in buona salute! (Ride felice, si sfrega più volte le mani) Che culo, signori miei! Che culo! (Via, in casa, a sinistra. Scende la sera.  Stacco musicale.                                                                   

6 –

(Dalla comune, rientra Lorenzo, con un fagotto fra le mani. Si avvicina alla casa di Giustina e chiama la ragazza evitando di alzare troppo la voce, per non rivelare la propria presenza a Tofulu).

GIUSTINA – (si affaccia alla finestra) Lorenzo! Ma che vuoi a quest’ora? Chi è, ‘mpazzisti?

LORENZO – Apri, ti debbo parlare!

GIUSTINA – Non dire scemenze e vatti a curcari ca è tardu!

LORENZO – Non mi fari ittari vuci, Giustina! Si tratta di ‘na cosa urgenti! Apri!

GIUSTINA – Senti, se è una scusa per…

LORENZO – Ma quali scusa…?! Grapi, spicciati!

GIUSTINA – (scompare  dalla finestra e, un momento dopo, apre l’uscio di casa) E allura… chi successi? Che c’è ‘nta ddu sacchettu?

LORENZO – Ora te lo spiego. Fammi trasiri… Ccà non pozzu parrari.

(I due, via, in casa di Giustina.

Qualche istante dopo, dalla porta di casa propria, appare Tofulu, in camicia da notte e con una lanterna, in mano. Palesemente ansioso, raggiunge la comune e scruta in strada, nella speranza di scorgere la moglie con gli amici. Poi mestamente, rientra in casa.

Tornano in scena Lorenzo – che al posto del fagotto, ha un canestrino – e Giustina che si sbellica dalle risate).

GIUSTINA – Ma dico… è completamente scemo, ‘stu cristianu! Comu può cridiri a queste favole?

LORENZO – I bambini, alle favole, ci cridunu, no?

GIUSTINA – Come bambino, mi pare un poco cresciutello, Tofulu!

LORENZO – E si vidi ca ristò picciriddu! Giustina, stamu ccà, arreri o’ puzzu… Non vulissi ca nesci e mi vidi.

GIUSTINA – Senti… io, invece, me ne torno a casa… E’ tardu e mi ni vulissi iri a durmiri.

LORENZO – Avaia, fammi cumpagnia, finu a quannu non tornanu iddi!

GIUSTINA – Sì ma quannu si ricogghiunu tutti dui?

LORENZO - Questione di poco, oramai.

GIUSTINA - Sto qualche minuto e poi, mi ni vaiu.

(I due si siedono dietro il pozzo, ben visibili al pubblico ma al riparo da un’eventuale sortita di Tofulu).

LORENZO – Beh, ora sì ca ‘a ricotta ci fa a so bella cumparsa! Non è ca si ci puteva dari ammegghiuata ‘nta carta…!

GIUSTINA – Ma, chiuttostu… è bona ‘sta ricotta? Non cridu ca ‘u ‘vvilinati, mischinu?

LORENZO – No, quannu mai! È ancora frisca… havi sulu ‘na para di jorna ca l’haiu a’ casa… E, per questa òagoca ricotta, mastru Tofulu deve sborsare almenu 5 monete d’oro pesante!

GIUSTINA – Lorenzo… a mia non mi piaci ca tu campi di ‘sta manera! Fino a quando si tratta di fari uno scherzo… e va bene… ci ridu supra macari iù… però se diventa quasi un mestiere, allura ‘u discursu cangia! Ti ricordo la promessa ca mi facisti!

LORENZO – Non ti preoccupare. Te l’ho detto, mi pare, no? Dumani mi cercu un travagghiu.

GIUSTINA – Ca speriamo! 

(Si sente un fischio prolungato: è un segnale)               

LORENZO – Ccà sunu… stannu arrivannu!  (Risponde al segnale con un altro fischio prolungato).

GIUSTINA – E allura, iù mi ni tornu intra. Non mi vogghiu fari truvari ccù tia! ‘Ssà chi putissiru pinsari…!

LORENZO – E certu! Siccomu Bruno fa ‘u monaco e Smeraldina è in odore di santità… ! Ca finiscila! Che cosa vuoi che pensino?

GIUSTINA – Non lo so e non m’interessa. Iù, comunque, mi ni vaiu! Buona notte! (Rapidamente, via, in casa).    

7 –

(Sopraggiungono, mano nella mano e piuttosto allegri, Bruno e Smeraldina).

BRUNO – (a Lorenzo) Tutto a posto? ‘A truvasti ‘a ricotta?

LORENZO – Mi furriai ‘na para di botteghe ma niente da fare…

SMERALDINA – (allarmata) E allura, comu facemu?

LORENZO – Niente paura… ‘A ricotta ccà è.  (Mostra il canestrino)

SMERALDINA - Meno male! Bravissimo!

BRUNO – E… comu t’a procurasti?

LORENZO – L’aveva iù, in casa… e mi l’hava macari scurdatu…! ‘U canestrino, invece, m’u fici dari da Giustina.

SMERALDINA – Ma… sei sicuro che è… ancora commestibile?

LORENZO – Io non l’ho assaggiata ma pensu di sì.

BRUNO – Si può sapiri da quantu jorna ci l’avevi intra?

LORENZO – A essiri sinceru, non m’u riordu…

BRUNO – Vidi ca no’ putemu ammazzari a mastru Tofulu…! Ancora n’aggiuva!

LORENZO – Ahu, chista c’è e chista ci damu! In ogni caso, cchiù di ‘na simana non havi, sta ricotta.

SMERALDINA – ‘Na simana?!

LORENZO – Al massimo! Ma, forse, di meno.

SMERALDINA - Videmu comu finisci…

BRUNO – Speriamo bene.

LORENZO – D’altra parte, qual è l’alternativa?

BRUNO – Non ci n’è alternativa. Si non ci purtamu nenti, finisci daveru mali…!

SMERALDINA – ‘U sapiti chi vi dicu? Megghiu chista can enti!

BRUNO – E pì forza! Comunque, mastru Tofulu è unu furtunatu: non mori!

SMERALDINA – Lo chiamo?

BRUNO – Chiamalu, livamini ‘stu pinseri!

SMERALDINA – (Bussa alla porta e chiama) Tofulu! Marito mio, siamo tornati!

8 –

(Un momento dopo, appare, trepidante, Tofulu).

TOFULU – Oh, finalmente! Ma comu mai ci vosi tuttu ‘stu tempu? Chi successi?

SMERALDINA – Iù sugnu stanca morta, criditimi ! Abbiamo dovuto ripetere il rituale più d’una volta!

BRUNO – Ca, alenu almenu… tri voti!

TOFULU – E comu mai?

SMERALDINA – Ca pirchì ‘a vacca non ni vuleva sentiri, proprio! Ci tirai ‘a cuda non sacciu quanti voti…!

BRUNO – E iù mungeva, mungeva senza sosta…! A un certo punto, caro mastru Tofulu, non m’a stava fidannu cchiù, parola d’onore!

LORENZO – E certu… Idda, mischina tirava, iddu mungeva… M’u ‘mmaginu!

TOFULU – Comu t’u ‘mmagini? Ma pirchì, tu non c’eri?

BRUNO – Naturale ca c’era! Pì forza, ci doveva essiri!

LORENZO – Logico ca iù c’era! Io faceva i giri, attorno alla vacca, no?

SMERALDINA – Solo che, siccome era con gli occhi bendati, non puteva vedere niente!

TOFULU – Cui, ‘a vacca?

BRUNO – Sì, ‘a vacca! Lorenzo aveval’occhi bendati, no?

TOFULU – Ah, certu… Lorenzo. E pirchì aveva l’occhi bendati?

BRUNO – Accussì vuole il rituale e accussì si deve fare.

TOFULU – Ho capito. Ma comu fici a girari attorno alla vacca, senza attruppicari?

LORENZO – Giusto. Vossia mi piaci perché è un acuto osservatore! Come facevo a non attruppicari? Presto detto. C’è una spiegazione per ogni cosa. Vero Bruno?

BRUNO – E pirchì non ci ‘u spieghi tu?

LORENZO – No, è megghiu ca ci ‘u spieghi tu.

SMERALDINA – (al marito) Il fatto è che Lorenzo si vergogna un po’…

TOFULU – E pirchì?

SMERALDINA -  Perché girava, accompagnato, mano nella mano, dal padrone della vacca.

TOFULU – E chi c’è di male, sciocco?

LORENZO – No, è che mi sentivo un poco a disagio… Tutta colpa di ‘stu binidittu rituale!

TOFULU – E… i muschi… cu’ ‘i cacciava?

LORENZO – Bravo! Vossia non si smentisce: ottima osservazione! Cu’ è ca cacciava i muschi?

BRUNO – (stizzito) Tò soru!

LORENZO – No, mè soru non potti veniri, t’u scurdasti?

SMERALDINA – Vero. Infatti ci sono andata io… o’ postu di so soru!

TOFULU – Appunto. Allura, cu’ cacciava ‘sti muschi?

BRUNO – Ca sempri ‘u vaccaru, no? Cù ‘na manu tineva a Lorenzo e cù l’autra cacciava muschi! Mastru Tofulu, mi scusi ma chi è, non n’havi intenzione di mangiarisi un po’ di ricotta?

TOFULU – Comu, no…? Havi c’aspettu ‘stu mumentu…! ‘U sai chi fazzu? M’a sbafu ccà fora stissu… o’ friscu ca cala megghiu! (Ride, eccitato) Varda chi fai, moglie, vammi a pigghiari un bellissimo cucchiaio d’argento!

SMERALDINA - Come comandate.

BRUNO – Un momento, donna Smeraldina… Mi perdoni, mastru Tofulu, visto ca so muggheri deve andare per il cucchiaio d’argento, ci facissi pigghiari pure sei monete d’oro. Accussì, fa un viaggiu e du’ sirviza!

TOFULU – Ah, beh, certu… Ma pirchì ha pigghiari ‘sti sei monete…?

BRUNO – Comu, pirchì? Mastru Tofulu, e chi è, s’u scurdò? La debbo pagare la ricotta o no?

TOFULU – E ci volunu tutti ‘sti denari?

LORENZO – E vossia voli spenniri cchiù picca per questa… no, non la voglio chiamare “ricotta” ma “miracolo della natura”!

TOFULU – Ho capito però… sei monete d’oro…

SMERALDINA – Se considerate tutte le  sue virtù, secondo me, sei monete su’ macari picca!

BRUNO – Picca? Nenti, proprio!

LORENZO – 100 anni, mastru Tofulu! E tutti in ottima salute!

TOFULU – Comu “100”? Non dissimu 122?

LORENZO – Ah, allura se lo ricorda perfettamente ca ‘sta ricotta non ha prezzo!

TOFULU – Aviti ragiuni ma iù, sei monete d’oro, ‘i guadagnu ‘nta tri misi…!

BRUNO – Va bene, va, ho capito. Donna Smeraldina, lassassi perdiri ‘u cucchiaru… Sò maritu si ni pintìu. Voli diri ca ci ‘a iemu a vinniri a Petru ‘u putiaru. Chiddu ni duna, non sei ma dieci monete di oru!

TOFULU – No! A Petru, ‘u putiaru, no! Chiddu mi sta rubannu tutti i clienti…! Va bene. Non ni parramu cchiù. Moglie, mentri ca pigghi ‘u cucchiaru, piggghia macari sei monete… no, no… ci vaiu iù. Aspittatimim ccà. (Via, in casa).

SMERALDINA – E logico! Il disonesto non è ca puteva mannari a mia, pì pigghiari il denaro…! Iddu sulu ‘u sapi unni schifiu ci l’havi ammucciatu!

BRUNO – Ma viditi quant’è ‘nfamiu, ‘stu cristianu…!

LORENZO – (a Bruno) ‘U sai chi ti dicu? Abbiamo fatto male a dimannarici sulu sei monete…!

SMERALDINA – Ha ragione Lorenzo. Gliene dovevi chiedere dieci!

BRUNO – E va bene… alla prossima occasione, non vi preoccupate. Muti ca sta turnannu!

TOFULU – (Ritorna con un cucchiaio in mano e un sacchetto con le monete. Si rivolge a Bruno e sta per consegnargli il cucchiaio) Avanti, questo è per te!

BRUNO – E chi mi ni fazzu? No, vidissi ca sta sbagghiannu. ‘U cucchiaru, anche se è d’argento, s’u tinissi vossia…

TOFULU – Bih, chi sugnu stunatu! Teni. (Gli consegna il sacchetto) Ccà ci sunu sei monete d’oro pesante. Siti cuntenti, ora?

LORENZO – Saremmo contenti, se ‘sti denari fussiru i nostri ma, siccome ci l’hamu a purtari o’ vaccaru…

BRUNO – Ma semu cuntenti lo stesso perché abbiamo fatto una buona azione a vossignoria e a so muggheri!

TOFULU – Saprò come ricompensarvi, state tranquilli. Io, gli amici, ‘i vogghiu beni!

BRUNO – E nuautri, no?

TOFULU – (il cucchiaio in mano,siede sulla panchina poi  si guarda attorno) Ahu! Ma unn’è ‘a ricotta?

LORENZO – (gli appoggia sulle ginocchia, il canestrino) Eccola qua, mastru Tofulu, si ricriassi!

TOFULU – Ah, finalmente! Panza mia, fatti capanna! Moglie, vuoi assaggiare?

SMERALDINA – No, grazie…

TOFULU – Megghiu!

SMERALDINA – …  mangiatela voi ca n’aviti bisognu.

(Sotto lo sguardo divertito dei tre, Tofulu divora a gra cucchiaiate, la ricotta).

BRUNO – Comu ci pari ‘sta ricotta?

LORENZO – Non si può livari d’a vucca, veru?

TOFULU – (mentre continua a mangiare) Di essiri… è bella… gustosa, fresca... ‘A sento sulu… un poco asprigna…

BRUNO – Asprigna, comu? Comu si fussi un pochettino acida?

TOFULU – Eh!

LORENZO – Perfetto. È segno ca ‘a ricotta è bona e farà il suo effetto positivo!

SMERALDINA – Io direi ca, pì stasira, può bastari… non vi ni mangiati cchiù. Chi diciti, non è megghiu, Lorenzo?

LORENZO – Ca oramai, ‘u facissi arricriari, donna Smeraldina! No’ vidi ca ci sta piacennu?

BRUNO – Sì, però, mastru Tofulu, vossia deve mangiare cchiù lentamente…! Fra ‘na cucchiarata e l’autra… respirassi… pirchì altrimenti, accupa!

TOFULU – (ancora con la bocca piena) Non ti preoccupari ca non accupu! Chista, a mia, mi fa bene, mi duna ‘a saluti! (Ingoia l’ultima cucchiaiata poi sbianca, gli occhi sbarrati)

SMERALDINA - Matri! Chi è ca havi? Fa ‘mprissioni! Tofulu!

BRUNO – Mastru Tofulu! Chi si senti?

LORENZO – Ca nenti, nenti havi! È ca mangia di cursa e ci aggruppò!

(Tofulu guarda fisso davanti a sé. Poi comincia a contorcersi. Infine, di corsa, scappa in casa).

SMERALDINA – Dov’è che andate?

(Tofulu è già sparito, dentro casa).

LORENZO – Iù pensu ca si ni ivu a liberari il pancino!

BRUNO – (a Lorenzo) Ma quanti misi aveva dda ricotta?

LORENZO – Ma quali misi?!... non esagerare! Può darsi ca ‘a pigghiai du’ simani fa, chissu, sì… ma no’ un misi o du’ misi! Chi fai, scherzi?

SMERALDINA – Mah! Francamente, no’ ‘u vulissi aviri supra ‘a cuscienza…

LORENZO – Mizzica, comu ‘a stati facennu tragica! Nenti havi! Sulu un poco di ‘mmarazzu di stomaco e basta!

BRUNO – Sì ma ‘a putevi circari un pocu di ricotta meno dannifica!

LORENZO – Ahu, chissa truvai e chissa purtai!

(Ritorna Tofulu, un po’ più tranquillo).

SMERALDINA - Come vi sentite?

TOFULU – Ora ca mi sbarazzai, mi sentu megghiu…

SMERALDINA - Meno male.

BRUNO – Stassi tranquillo perché è assolutamente normale.

TOFULU – Sì?

LORENZO - Normalissimo. Glielo ripeto: significa che la ricotta magica sta già facendo il suo effetto benefico!

TOFULU – Mi sta facennu bene, vero?

LORENZO – Bene? Chissa è tutta salute! Tutto il male c’aveva di intra, sta niscennu, ha capito? E ogni vota ca va in bagnu a liberarsi del male, guadagna due anni di vita in più!

TOFULU – (raggiante) Daveru? Due anni in più, ogni vota ca…

LORENZO – Due anni, esatto! Ma… chi fa, non s’a mangia ‘st’autru pocu ca ristò?

TOFULU – M’a mangiu? Sì, sì… mangiamu ché  fa bene, fa bene!

SMERALDINA - Forse, però, è megghiuu ca lassati perdiri…

TOFULU – E chi facemu, ‘a jttamu, piccatu? Dopu chiddu ca mi custò…! E poi, mi fa bene…! ‘U vo’ capiri?

LORENZO – Bravo!

(Tofulu ingoia l’ultima cucchiaiata. Stesso malessere di prima, stessa corsa in casa ma, stavolta, lo fa ridendo felice e urlando: “Mi fa bene”).

LORENZO – (gli grida dietro) Chissa, tutta saluti è, mastru Tofulu!

(Da fuori scena, Tofulu ride e canticchia allegramente).

BRUNO – Va be’, ‘u scherzu è bellu ma non è che dobbiamo infierire sulla vittima!

SMERALDINA – Quello che dico anch’io!

LORENZO – Carusi, scusate, voi due vi siete “divertiti” prima, è giustu? Ci pirmittiti ca mi divertu un pocu macari iù, ora?

(Pausa).

BRUNO – Ma, dimmi ‘na cosa, chi ci mittisti ‘a cicuta ‘nta ddu schifiu di ricotta? Non cridu ca ni mori…

SMERALDINA - Speriamo di no!

LORENZO – Non mori, non mori. Un poco di cacarella non ha mai fatto male a nuddu!

(Rientra Tofulu, allegro come non mai)

TOFULU – (ride) Altri due anni di vita in più! Non è vero?

SMERALDINA - Certo.

BRUNO – Naturale. Due anni.

TOFULU – Autru ca 122…! ‘ssà a quant’anni arrivu, iù!

LORENZO – E cu’ ‘u ‘mmazza, ormai, a vossignoria?

TOFULU – (si contorce ancora dal dolore ma, mentre si avvia in casa per l’ennesima volta, non può fare a meno di ridere, felice) Mi fa bene, mi fa bene!! E, cù chisti, sunu sei anni di vita in più! Tutta salute, carusi!

SIPARIO 

 

 

ATTO SECONDO

Medesimo ambiente del primo atto.

Pomeriggio di qualche giorno dopo. Sul muro della casa di sinistra, sono appesi, ad asciugare, alcuni panni.

In scena, Giustina che, seduta accanto alla porta di casa, è intenta a ricamare. La ragazza, mentre lavora, canta una canzone d’amore. Di lì a poco, si apre l’uscio di Smeraldina che entra con una cesta fra le mani.

1 –

SMERALDINA – Io lo dico sempre: ci hai una voce magnifica, Giustina!

GIUSTINA – (si schermisce) Sì, va be’… figuriamoci…!

SMERALDINA – Se ti dico di sì…! E che stai ricamando di bello?

GIUSTINA – Roba di poco conto, donna Smeraldina… Un fazzolettino di cotone.

SMERALDINA – Per il tuo corredo, immagino… Mi sbagghiu?

GIUSTINA – Non vi sbagghiati. Però… (Sospira)

SMERALDINA – (va riponendo i panni nella cesta) E pirchì ‘sti suspiri…?

GIUSTINA – No, nenti… Pensu. Cu’ ‘u sapi se un giorno, ‘stu corredu mi può servire? A chissu, pensu.

SMERALDINA – Oh, e chi su’ ‘sti pinseri brutti, ora? Ma certu ca ti servi, babba! ‘U zitu, mi pari ca ci l’hai, no? Di che cosa ti sta’ preoccupannu?

GIUSTINA – ‘U zitu ci l’haiu, come no? Il problema è ca ‘stu zitu non ni mangia di ‘sti discursi! Quannu ci parru di matrimonio,… casca malatu pì ‘na simana!

SMERALDINA – (sorride) Tutti i masculi su’ ‘i stissi, stai tranquilla! Ma io lo so che Lorenzo ti vuole bene. Anzi, ti vogghiu diri ‘na cosa… Sono sicura ca vi maritati presto!

GIUSTINA – E come mai siti accussì sicura?

SMERALDINA - Perché mè maritu è riccu.

GIUSTINA – E che c’entra vostro marito con…

SMERALDINA – C’entra, c’entra. Tofulu, col danaro che ha, può mantenere a mia, a tia e a tutti quanti!

GIUSTINA – Scusate, Smeraldina ma non vi capisco…

SMERALDINA – Ho pensato a un piano che ci consente di vivere tranquilli e beati, per il resto dei nostri giorni.

GIUSTINA – Ma… chi significa “un piano”? Di quale piano stati parrannu? E chi ci trasu iù?

SMERALDINA – Ci trasi tu, iù, Bruno e Lorenzo! E se tutto va bene – e tutto andrà benissimo! – per te, ci sarà il matrimonio e per me, forse, qualche giorno di gioia e di serenità.

GIUSTINA – Non ci haiu caput unenti, beddamatri!

SMERALDINA - Giustina, semu fimmini tutti dui e cù tia, mi posso confidare. Tu ‘u sai che anche io, come te, sugnu orfana. E quannu, un gniornu, m’attruvai a dovere scegliere fra la povertà cchiù niura o maritarimi cù Tofulu, io scelsi la seconda strada. Anche perché a Bruno, ancora non lo conoscevo… E poi – io pensavo – Tofulu è vecchio, è scimunito però mi pare ‘un cristianu bonu. E, invece, mi sbagghiai pirchì, oltre a essiri scemu completu, è macari tintu e manescu.

GIUSTINA – Daveru? Pari accussì mansuetu…!

SMERALDINA – (le mostra le braccia) Altro che mansueto! Varda , la bestia, comu mi riducìu ‘sti vrazza!

GIUSTINA – Ma chissi parunu… muzzicuni di un cani!

SMERALDINA – E invece, su’ i so’! ‘U vidi comu m’ha lazzariatu? Iddu, quannu si siddia, non alza le mani, no. M’acchiappa ‘u vrazzu e chianta muzzicuni!

GIUSTINA – Ma è ‘n’animali…! Beh, certu non è ‘na bella vita, ‘a vostra!

SMERALDINA - Diciamo ca fa proprio schifo! Ecco perché mi ci misi d’impegno e ‘nta ‘sti jorna, iù e Bruno abbiamo architettato un progettino che, forse, ci fa cambiare vita. Lorenzo, naturalmente, ni duna ‘na bella manu e se pure tu sei disposta a collaborare…

GIUSTINA – Non c’è bisogno ca continuati. Se vi posso essiri d’aiuto… iù ci sugnu.  L’importante è che non dobbiamo ammazzarlo, a vostru maritu…!

SMERALDINA -  No, stai tranquilla… nenti sangu…! Anche se Tofulu si meriterebbe di essiri affucatu!

(Il dialogo viene interrotto dall’ingresso, dalla comune, di Calogero, un anziano venditore ambulante. Sulle sue spalle, enormi e pesanti bisacce).

2 –

CALOGERO – (a gran voce, richiama l’attenzione) Mutanni! Di lana e di cuttuni! Pì masculi e pì fimmini…! Pignati… di cocciu e di ferru! Linzola! Vestiti per uomo e per donna…! Tutta roba di lusso! Cullani e braccialetti…! (Accostatosi alle due donne) Gentili signore, i miei ossequi. Aviti bisognu di qualche cosa? Iù ci haiu unu di tuttu! Roba per la persona e roba per la casa! Di chi cosa aviti bisognu?

SMERALDINA – Iù di tanticchia di felicità…! N’aviti?

GIUSTINA – Iù, invece, m’accuntentu di un poco di speranza…!

CALOGERO -  Mi dispiace… non vi posso servire, belle signore. Di ‘st’articoli, non mi ni trovu, disgraziatamente! Felicità… Speranza…!  Eh…!(Sospira) Merce troppu rara e priziusa! S’avissi avutu la furtuna d’aviri, non dicu assai ma ‘na sbrizza di ‘sta mercanzia, non m’a vinneva di sicuru…!

SMERALDINA – (ride) Aviti ragiuni!

GIUSTINA – Chista è roba ca, cu’ l’havi, s’a teni stritta!

CALOGERO – Però si v’aggiuva ‘na vesti, ‘na cammisa, ‘na cullana o – chi sacciu – un pezzu di sapuni, un pettini… Haiu tutti cosi! Parrati e vi servu subito. (Tira fuori, per mostrargliela, della merce).

SMERALDINA –No grazie, aviti tanta bella roba ma ‘nta ‘stu mumentu, non haiu bisognu di nenti… Avanti, va’, m’arritiru intra che debbo andare a cucinare… scusatimi. Arrivederci, Giustina! Ni videmu dopu. (Via, nella casa di sinistra).

GIUSTINA - Arrivederci, donna Smeraldina.

CALOGERO – I miei rispetti, signuruzza!

GIUSTINA – E mi ni trasu macari iù… Vi auguro una bella giornata… e speriamo ca faciti boni affari! ‘U paisi è granni! (Via nella casa di destra)

CALOGERO – Grazie. Una bella giornata pure a voi. (Mestamente, ripone la merce nelle bisacce) “Bella giornata”! Iù, n’havi tempu ca non ni vidu “belli iurnati”! Mah! Ca comu voli Diu… Chi ci putemu fari?

3 –

 (Da destra, sopraggiungono, fischiettando allegramente, Bruno e Lorenzo.).

CALOGERO – Cuor contento, Iddio l’aiuta! Santa carusanza! ‘U tempu è vostru! (Si avvia verso la comune. Bruno e Lorenzo osservano, interessati, l’uomo poi, dopo uno sguardo d’intesa, fermano Calogero).

BRUNO –Aspittati, amicu, non vi ni iti…!

CALOGERO – aviti bisognu di qualche cosa?

LORENZO – Viniti ccà… assittativi.

CALOGERO – Ma si mi diciti chiddu ca vi servi, non facemu prima?

BRUNO – Ma si vi stamu dicennu d’assittarivi…! C’aviti primura?

CALOGERO – Ca, veramente… Il problema è che dovrei pensare pì mangiari…

LORENZO – A ‘st’ura? E vui chi mangiati a ‘st’orariu?

CALOGERO – Si è pì chissu, iù non mangiu nè a ‘st’orariu nè in altri orari! E, infatti, propriu pì putiri mangiari, haiu primura di vinniri un pocu di roba...

BRUNO – Vi vuliti assittari, sì o no?

LORENZO - Assittativi ca vi cunveni!

CALOGERO – (si siede, rassegnato, sulla panchina) Assittamini. I clienti vanno sempre accontentati.

BRUNO – Bravo! Dicitimi ‘na cosa, cumpareddu…

CALOGERO – Ah, divintamu “cumpari”?

BRUNO – Quannu finisciu di dirivi chiddu ca v’haiu a diri, divintamu consanguinei, autru ca cumpari!

CALOGERO – (ironico) Bah, sugnu cuntentu. Cu’ l’aveva avutu mai ‘na famigghia? Scusate, carusi, vuatri aviti ‘u sbaddu  e io, invece, come vi dissi prima, haiu primura di…

LORENZO - Ma pirchì, vi paremu dui ca ci hannu ‘u sbaddu?

CALOGERO – (li squadra da capo a piedi) Veramente, sì.

BRUNO – ‘Mpari, si mi faciti parrari, vi assicuro ca cangiati idea!

CALOGERO – Va bene, basta ca ni spirciamu.

LORENZO – Innanzitutto, vi debbo fare qualche domanda. Intra ‘sti sacchi, che cosa aviti di preciso?

CALOGERO - Benissimo. Vuliti l’elenco completo o v’accuntintati d’o riassuntu?

LORENZO – E’ inutili ca faciti ‘u spiritusu! Mintemu… roba fine pì masculi, ci n’è?

CALOGERO – Oh, finalmente! Ci vuleva tantu? La risposta è “sì”! Vestiti eleganti e finissimi!

BRUNO – E vanno bene per la nostra misura?

CALOGERO - Sissignore, non ci su’ problemi.

LORENZO – E… scusate, qual è il vostro riverito nome?

CALOGERO - Calogero. Però vi avverto ca non sugnu in vendita.

BRUNO – E chi lo sa?

LORENZO – Dunque, Calogero, riepiloghiamo.

CALOGERO - Riepiloghiamo.

LORENZO – Avete detto che per la nostra misura, non ci sunu problemi. Giustu?  

CALOGERO – Esatto.

LORENZO – Perfetto. E per la vostra misura?

CALOGERO – “Per la mia misura”… che cosa…?

BRUNO – L’amico mio vi dumannò se avete vestiti eleganti anche della vostra misura.

CALOGERO – Ma… scusate, chi vuol dire ‘stu discursu… chi c’entru iù?

LORENZO – Se ve l’abbiamo chiesto, significa che voi c’entrate…!

CALOGERO – Ho capito. N’hamu fattu du’ risati. Ora, siccomu ‘u scherzu finìu, mi ni faciti iri?

BRUNO – (guarda Lorenzo) Va bene, va, tagliamo la testa al toro! Deciso?

LORENZO – Ma sì, tagliamo la testa al toro! Deciso!

CALOGERO – No, no, lassatilu stari ‘u toru, armaleddu... Avanti, è stato un piacere. (Si alza)

BRUNO – Vi vuliti guadagnari cento monete d’oro pesante?

CALOGERO – (piuttosto sorpreso) Non ho capito. (Torna a sedere)

LORENZO – Eppure la domanda è facile facile. Vi piacissi guadagnari, ‘nta ‘na para di jorna, cento monete d’oro pesante?

CALOGERO – Stati schirzannu, veru?

BRUNO – Non schirzamu, state tranquillu! Voi, caro Calogero, siete una persona troppu priziusa per noi e… per quello che dobbiamo fare.

CALOGERO – A cu’ hamu ammazzari…? Oppure dobbiamo rubare il tesoro del sultano…?

LORENZO –A nuddu hamu ammazzari.

BRUNO – Ma, se vogliamo, il tesoro c’è. Solo che non appartiene al gran sultano!

LORENZO - Appartiene al gran cornuto!

CALOGERO – Sintiti, picciotti… se mi state pigliando per i fondelli, giuru ca vi difettu! Se, invece, la proposta è seria, vi dico subito ca iù per cento monete di oru, mi fazzu calari, pì tri voti di seguito, intra ‘a vucca dell’Etna, a usu di purpu ‘nta pignata ca vugghi!

BRUNO – (ride, imitato da Lorenzo) Nientedimeno! No, no, ‘u purpu  che bisogna cuocere, non siti vui! Sentite, non è il caso ca continuamu a discutiri ccà... Facemu di ‘sta manera, Lorenzo. Iù mi portu Calogero a mangiarisi un muzzicuni… pirchì mi pari ca n’havi bisognu di primura…! E nel frattempo, ci spiego ogni cosa. Cù tia, inveci, ni videmu dopu, d’accordo?

LORENZO – Va bene.

BRUNO – Caminati, Calogero, amuninni a mangiari! Aspittati, vi dugnu ‘na manu a purtari tutta ‘sta roba!

(Insieme, i due, si caricano le brosse bisacce).

CALOGERO – Io non lo so si siti angeli o diavuli…! Ma a mia, non m’interessa pirchì, personalmente, a cu’ mi duna cento monete d’oro, iù ‘u chiamu “patri”, pì tutta ‘a vita!

(Bruno e Calogero escono per la comune, ridendo).

4 –

LORENZO – (canta o declama) La storia si fa ‘ntirissanti!       

        E vi lu dicu apertamenti!                                                                  Lu scherzettu è già preparatu…                                                        e Mastru Tofulu è sistematu!                                                         Dopu ‘a ricotta prodigiosa,                                                     ‘n’altra furtuna favolosa                                                                   ci capita allu nostru amicu                                                              ca, comu un imperaturi anticu,                                                      sogna fimmini, oru e putiri!                                                        Chissu brama e lu voli aviri!                                                          Però ccà mi devo fermari…    

         Mi spiaci, nun pozzu parrari!                                                             No’ sacciu comu va a finiri…                                                          Ma ‘na cosa vi vogghiu diri!                                                        Zoccu vi cuntu è  un cuntu veru!                                                      E cù vuatri parru sinceru.                                                             ‘Na favula accussì  reali

          ca pari quasi teatrali!              

(Dalla comune, entra Tofulu).

TOFULU – Salutamu, Lorenzo! Ma chi t’a fai sempri ccà, tu?

LORENZO – E pì forza. Ccà non ci sta Giustina?

TOFULU – Eh.

LORENZO – Giustina non è ‘a mè zita?

TOFULU – E chi ni sacciu?

LORENZO – E’ ‘a mè zita.

TOFULU – E’ ‘a tò zita.

LORENZO – Dunque è normale ca sugnu sempri ccà, ‘nte paraggi, no?

TOFULU – (per nulla convinto) Boh?

LORENZO - Chiuttostu, vossia ‘a chiusi accussì prestu ‘a putìa?

TOFULU – (Non gli risponde. Si siede, invece, sulla panchina e chiama, a gran voce) Moglie! Moglie!

SMERALDINA – (sulla soglia di casa) Tofulu! Che è successo? Come mai avete chiuso la bottega accussì prestu?

TOFULU – Non è successo niente! E la bottega ‘a chiudu quannu mi piaci! Varda ch’è bella! Haiu a dari cuntu a tutti?

SMERALDINA – E pirchì mi chiamastivu?

TOFULU – M’u scurdai.

SMERALDINA – Quannu v’u riurdati, ni parramu! Arrivederci, Lorenzo. (Richiude la porta e scompare)

LORENZO - Arrivederci, donna Smeraldina.

TOFULU – (riflette) Ma pirchì ‘a chiamai? Ah, sì! (Chiama ancora) Moglie!

SMERALDINA – (riappare) V’u riurdastivu?

TOFULU – Sì! Varda chi fai… pigghiami i tappini e mi levi ‘sti scarpi… Vogghiu stari un pocu ccà fora… Intra, si mori d’o caudu!

SMERALDINA – (falsamente servizievole) Come comandate! (Rientra in casa)

LORENZO - Effettivamente, sta facennu troppu caudu, ‘nta ‘sti jorna…!

TOFULU – Iù ci haiu ‘sti pedi ca stannu vugghennu…!

LORENZO – Va be’ ma, lassannu stari i pedi, vossia si senti bonu, no? La ricotta, mi pari ca sta facennu il suo effetto, penso…

TOFULU – Bonu? Mi sentu un liuni! (Grida all’indirizzo della moglie) Ma chi ci voli tantu, a pigghiari i tappini…?

SMERALDINA – (riappare con le pantofole) Ma si non mi dati ‘u tempu…! Chi fazzu, abbolu?

TOFULU – Va bene, va bene… Levami ‘sti scarpazzi, va, ca non ni pozzu cchiù!

SMERALDINA – (esegue malvolentieri) Vui i manu non l’aviti, veru?

TOFULU – I manu ci l’haiu ma ci ho pure una moglie che deve essere servizievole e pronta…

LORENZO - … a “seviziare” il marito!

TOFULU – Bravo!

LORENZO – Grazie.

TOFULU – Perciò… ti stavo dicendo che con quella ricotta straordinaria, mi sentu troppu bonu!

LORENZO – Sono contento.

TOFULU – Ma lo sai perché mi sento bene?

SMERALDINA – Per la ricotta, no?

TOFULU – Certu, per la ricotta ma, soprattutto, per gli effetti della ricotta!

SMERALDINA - Verissimo. Testimone, io! Il cesso lo visita almeno quattro volte al giorno!

TOFULU – A’ casa! Autri quattru voti quannu mi trovu ‘nta putìa…! Fatti ‘u cuntu!

LORENZO – Otto o dieci volte giornaliere!

TOFULU – Bravo!

LORENZO – Io? Vossignoria è bravo perché, in questo modo – lo sa benissimo – in questo modo, caccia via tutte le schifezze e purifica l’organismo!

TOFULU – Sante parole!

LORENZO – E voi, donna Smeraldina, vi sintiti bona, no? La ricotta, la mangiate pure voi…

SMERALDINA – No, preferisco lasciarla tutta al mio adorato marito!

TOFULU – Chi si n’ha fari, idda, d’a ricotta? Lei sta bene… non n’havi di bisognu!

5 –

(Elegantissimo e sgargiante, dalla comune, entra Bruno).

BRUNO – Il mio deferente saluto a questa nobile compagnia!

(Tutti restano ammutoliti  e impressionati, compresi Smeraldina e lo stesso Lorenzo)  

LORENZO – Vedo che ti sei vestito com’è di giustu…!

BRUNO – Mi sono vestito come impone il mio, anzi, il nostro nuovo rango, fratello di brigata! Piuttosto, mi meravigghiu di tia… ca pari un pizzaru! Non ti vergogni, corbezzoli? Avanti, di cursa, vatti a mettiri nuovi e più acconci abiti!

LORENZO – Nuovi abiti? E allora, passu d’a tò casa, è giustu?

BRUNO – Ovvio. Ivi troverai il mio bravo e illuminato famiglio che ti saprà servire a dovere. Vai, nobile amico! Io t’attendo quivi.

LORENZO – Vado immantinente e quivi torno tosto, mio  signorile fratello di Brigata! A dopo, esimio mastro Tofulu! I miei rispetti, donna Smeraldina. (Via dalla comune).

 SMERALDINA – Le vostre maniere e il vostro aspetto sono cangiati, Bruno, proprio in modo impressionante…! Comu è potuto succedere tutto questo… accussì, diciamo, a morti subitania…?

BRUNO – Mi spiace, donna Smeraldina… parlar non posso… Si tratta di un segreto, voi capite… e i segreti, si sapi, non si ponnu cuntari, altrimenti chi segreti fussiru?   onde per cui… taccio e più non dico!

SMERALDINA - Capisco.

TOFULU – (fino a quel momento, rimasto muto e con gli occhi sgranati) Ma chi fu…? Chi successi? Pì casu, avete scoperto qualche truvatura? Qualche antico tesoro ammucciatu…?

BRUNO – No, niente truvature e mancu tesori, caro  mastru Tofulu!

TOFULU – Ma… allura… tutta questa eleganza, ‘sta ricchezza tutta ‘nta ‘na vota… comu caddu si spiega? Ca parra, gioia!

SMERALDINA – Non può… Se dice che è un segreto…!

BRUNO – Infatti. Se è un segreto, comu parru? non posso parlare. Anzi, non devo parlare! Guai si parru! E quindi non parru. Criditimi, si puteva parrari, chi fa, non parrava? Ma siccome non pozzu parrari, comu fazzu a parrari? Per carità, non mi faciti parrari!

TOFULU – (a Smeraldina) Chi è ca dissi?

SMERALDINA – Ca non po’ parrari.

(Si affaccia alla finestra, Giustina).

GIUSTINA – (canzonatoria) Oh, Bruno! Unni i truvastivu ‘sti robbi? Ma poi, scusate… semu a ferragosto o a carnalivari? (Ride)

BRUNO – (stizzito) Giustina, ‘a minchiata ‘a dicistivu… ora vi putiti macari arritirari!

SMERALDINA – (interviene per sanare la piccola questione e trova il pretesto per spiegare ogni cosa alla ragazza) Ah, Giustina… tu mi avevi chiesto comu si cucina il fagiano, veru? Si mi fa’ trasiri, te lo spiego… Aprimi, per favore.

GIUSTINA – (capisce che deve assecondare Smeraldina) Sì, il fagiano… Vi apro subito. (Scompare dalla finestra, riappare sulla porta. Le due donne, via, in casa).

6 –

TOFULU – Ma io non mi capacito! Finu a ieri – m’ha’ scusari si t’u dicu – finu a ieri parevi un murtazzu di fami e ora, ti ritrovu vistutu comu un principe…! Addirittura, a casa, ci hai pure il servo…! M’u spieghi ‘stu miraculu o no?

BRUNO – Vossignoria insiste ma io, in vero, non potrei…

TOFULU – Ma poi… ‘stu modu di parrari accussì raffinatu… di unni scasò? Mi sentu pigghiatu de’ turchi, parola mia!

BRUNO – Vossia giustamente si meraviglia e ne ha ben donde di meravigghiarisi! Ma… comu fazzu a parrari…? A dirici che il miracolo, in verità, ci fu e che miracolo! Un miraculuni, proprio!

TOFULU – Ma si può sapiri pirchì non po’ parrari? Che c’è di male, se ti confidi con un amico?

BRUNO – E chissu è vero. Però… comu fazzu? Io non lo so se…  Mi dicissi ‘na cosa, mastru Tofulu, vossia è capace di mantenere un segreto, vaero?

TOFULU – Ci mancassi!

BRUNO – Cù tutti…! Macari cù so muggheri!

TOFULU – Macari cù idda, certu. Parra!

BRUNO – E va bene, mastru Tofulu, mi voglio fidare di vossignoria. Dunque… e di unni ci cuminciu? Forse è megghiu ca cuminciu dall’inizio.

TOFULU – E di unni vo’ cuminciari… d’a fini? Senti, mi sta’ facennu veniri l’ansia!

BRUNO – La faccio breve. Qualche giorno fa, io e Lorenzo abbiamo conosciuto un uomo di grande levatura… un livello, egregio amico, daveru impressionante!

TOFULU - Nientedimeno! Ma quant’era autu, chissu?

BRUNO – Non parru di levatura fisica ma di levatura spirituale oltre che intellettuale!

TOFULU – Ah, ecco… ora ho capito.

BRUNO – Il suo nome è Minchiatarus e fa il negromante!

TOFULU – Chi è ca fa?

BRUNO – Il negromante, il mago!

TOFULU – Ho capito. Fici ‘na magarìa e tu e Lorenzo divintastivu ricchi! (ride per darsi un atteggiamento da scettico) Iù non ci cridu a ‘sti bestialità!

BRUNO – Ma quali bestialità… quali magarìa? Comunque, si a vossia non ci interessa, non ci cuntu cchiù nenti.

TOFULU – No, No… oramai, continua… sugnu curiusu!

BRUNO – In ogni caso, sappi che, se magarìa c’è stata, ‘a ficimu iù e Lorenzo.

TOFULU – In che senso…?

BRUNO – Noi due facciamo parte della “Brigata della luna”. Una specie di setta segreta che insegna ai  fratelli che ne fanno parte, la maniera di raggiungere la felicità spirituale e materiale.

TOFULU – In poche parole…?

BRUNO – Con l’aiuto del Maestro Minchiatarus, ora, possiamo ottenere tuttu chiddu ca vulemu! E quannu dico “tutto”, vogghiu diri proprio tutto!

TOFULU – T’a pozzu diri ‘na cosa?

BRUNO – Parrassi.

TOFULU – Non ci haiu caput unenti! E quannu dicu “nenti”, vogghiu diri proprio nenti!

BRUNO – Mi spiego megghiuu. Se, mintemu, abbiamo bisogno di soldi, l’avemu subitu e quanti ni vulemu. Se, putacaso, avemu desiderio di stari cù ‘na fimmina, ‘ntempu nenti, abbiamo a disposizione le donne più belle e più nobili d’o munnu! Insomma, qualsiasi nostro desiderio viene esaudito, senza problemi!

TOFULU – (sbalordito) Daveru? Ma chi mi sta’ dicennu? Perciò, putiti aviri la qualsiasi cosa…! Che bellezza! Tutto a disposizione! Oru, fimmini…

BRUNO – (continua) … pietre preziose, vestiti…! Se dico tutto, significa tutto!

TOFULU – Chistu sì ca è culu!

BRUNO – Non nego che abbiamo avuto la fortuna d’incontrare il maestro Minchiatarus però… parliamoci chiaro: prima di avere, bisogna dare, mi spiego? E, soprattutto, è indispensabile purificare l’anima ed elevare lo spirito.

TOFULU – E chi vò diri?

BRUNO – Spiacente. Altro verbo proferir non posso.

TOFULU – Ma comu…? Ti fermi ‘nto megghiu?

BRUNO – Sono desolato, cesso.

TOFULU – E va be’, tu “cesso” ma iù restu comu un baccalaru! Insomma… in conclusione, non m’ha’ dittu nenti!

BRUNO – Ho detto pure troppo, caro mastru Tofulu, pure troppo!

TOFULU – Perciò, non si può sapiri comu faciti ad aviri soldi, fimmini…

BRUNO – No.

TOFULU – Ma, dimmi ‘na cosa… E, si mintemu, unu vulissi trasiri in questa… comu si chiama?

BRUNO – Brigata della luna.

TOFULU – Eh, in questa Brigata della luna. Si unu vulissi trasirici, c’avissi a fari?

BRUNO – Purtroppo, non è facile… non è semplice… non è agevole…

TOFULU – E basta! L’ho capito che è difficile!

BRUNO – Il problema è che non semu nuautri a decidere ma il maestro.

TOFULU – E non si ci po’ parrari cù ‘stu maestru… comu si chiama?

BRUNO - Minchiatarus.

TOFULU - Minchiatarus. (Breve riflessione) Ma “Minchiatarus”… chi significa… ca cunta “minchiati”?

BRUNO – Ma chi ci scappa d’a vucca, mastru Tofulu? Non siai blasfemo! Nella lingua della costellazione superiore  dello “scecco alato”, “Minchiatarus” vuol dire “Figlio della luna”!

TOFULU – M’ha’ scusari… E’ ca, certi voti, l’ignoranza ‘i fa svummicari a mia i minchiati…! Chi ni sacciu, iù, di costellazioni, di scecchi cù l’ali…! A ogni modo, ci putissi parrari con questo… Minchiatarus?

BRUNO – Si fussi facili parrari col maestro, che brigata segreta sarebbe? Sarebbe ‘na brigata pubblica, giustu?

TOFULU – E allura, che si può fare?

BRUNO – Ma vossia è proprio sicuro ca ci voli trasiri?

TOFULU –Ah, perciò, pozzu aviri tutti i fimmini e tutti i soldi ca vogghiu… e tu mi dumanni si ci vogghiu trasiri? Ma mi pari logico, no?

BRUNO – Mastru Tofulu, vossignoria è un amico e io farò tutto il possibile per aiutarlo ma vidissi ca ‘a cosa è complicata… Tanti ci hanno tentato ma pochissimi ci hannu rinisciutu! Tantu pì cuminciari c’è un problema che deve risolvere subito.

TOFULU – Parra!

BRUNO – Deve rimanere puro, immacolato… a partire da oggi stissu.

TOFULU – Cui?

BRUNO – Ca vossia, no?

TOFULU -  Ah, va bene.

BRUNO – Ho l’impressione ca non ha caput unenti. Vietati assolutamente i rapporti sessuali cù so muggheri o con qualsiasi altra femmina! Ci siamo?

TOFULU – D’accordo, affare fatto.

BRUNO – Mi dispiace ma non mi fido. Vossignoria – io lo immagino – è un tipo fucusu e non ci resiste a stare in astinenza.

TOFULU – Stai tranquillu ca ci resisto.

BRUNO – Replico: vossia non ci ‘a fa, comu non ci ‘a facissi mancu iù e quindi dobbiamo eliminare la tentazione. A so muggheri, ‘a mannassi ‘nti so matri, per un poco di tempo.

TOFULU – Ma quali matri…?! Smeraldina è orfana!

BRUNO – Ho capito. Ma non n’havi parenti… zii, cucini… A nuddu havi?

TOFULU – A nuddu. E mancu iù ci haiu parenti.

BRUNO – E va bene, facemu ‘na cosa. Io ci ho una vecchia zia… badessa in un convento, ccà vicinu. Sugnu sicuru che la ospiterà con piacere.

TOFULU – Ti ringrazio. Del resto, sarà per poco tempo, no?

BRUNO – Logico… non più di tri misi…

TOFULU – (sorpreso da quella eccessiva durata) Tri misi?

BRUNO – Ci parunu picca?

TOFULU – (gli vorrebbe spiegare che è esattamente il contrario…) Veramente iù non pinsava…

BRUNO – (continua a fingere di equivocare) No, no… tri misi sono sufficienti, pensu… E, comunque, è il maestro che deve decidere.

TOFULU –  (riflette) Senti, Bruno, prima, non mi dicisti ca iù puteva aviri tutti i fimmini cchiù beddi di ‘stu munnu…?

BRUNO – Sissignore, l’ho detto e lo ripeto.

TOFULU – E allura, bonu accuminciamu! Ora, mi sta dicennu ca pì tri misi, devo fare astinenza… Insomma, quannu l’avissi aviri ‘sti fimmini… l’annu ca veni?

BRUNO – Ah, pirchì a vossia ci pareva ca quantu iungi, accussì, bellu bellu, friscu friscu… avrebbe avuto fimmini, sordi…?! Ma chi si misi ‘nta testa? Ci ‘u dissi, mi pari, no? Qua la questione è longa e complicata! Sempri sperando ca ‘u maestru dici di sì!

 7 –

(Dalla comune, riappare Lorenzo. Anch’egli è vestito in modo vistosamente e grossolanamente “elegante”).   

LORENZO -  Rieccomi qua, fratello … acconciato secondo i canoni della nostra  sublime Brigata della luna! Io son pronto per il nobile convegno di questa notte!

BRUNO – E’ ancor presto, o mio Lorenzo. Attardiamoci un pochettino qua, col nostro comune amico, mastru Tofulu. Vuoi?

LORENZO – Ma certo ch’io voglio! Con sommo piacere, io mi trattengo a discutere con l’amabile e amato mastru Tofulu!

TOFULU – (prova a usare un linguaggio adeguato) Ma… “sputacaso”, dovete ire a qualche bellu festino?

BRUNO – Oh, sì… trattasi del solito convegno dei fratelli della luna.

TOFULU – E ddocu… si mangia, si mangia?

LORENZO – Si mangia? (Ride, imitato da Bruno) Ma è d’uopo che si mangi!

TOFULU – Va be’, prima… dopu… L’importante è ca si mangia, giustu?

LORENZO – In queste riunioni – e se ne fanno almenu almenu, ua a’ simana! – In questi riunioni, dico, c’è il ben di Dio!

BRUNO – Vossignoria lo sa quante portate vengono “portate”?

TOFULU – No’ sacciu…

LORENZO – La bellezza di 65 portate!

TOFULU – Ninchisi! 65?

BRUNO – Ti scurdasti dei dieci piatti di antipasto, Lorenzo!

TOFULU – 75 pietanze?! E quannu livati manu di mangiari? Mai!

LORENZO – Ca… principiamo a mangiari un’ora dopu il tramonto e ci leviamo mano all’alba.

TOFULU – Insomma… vi scura e v’agghiorna!

BRUNO – Ma poi, caro Tofulu, vossia dovrebbe vedere non sulu quantu si mangia ma chiddu ca si mangia!

LORENZO – Vero, verissimo! Arrizzanu li carni, parola d’onore! Per esempio, vossia ha mai assaggiato il bue ripieno?

TOFULU – Il bue ripieno?

LORENZO – Sì, il bue fatto a usu falsumauru, insomma. Ah, un piatto favoloso! Dunque, si prepara in cotal guisa.  S’acchiappa il bue, per le corna, si disossa, bellu, pulitu pulitu e poi si riempie. Prima si ci metti un bel porcello arrustutu. All’interno del porcello, un agnello, cotto al forno. Intra l’agnello, un tacchino fritto, intra il tacchino, un bellu cunigghiu, in salsa piccante!

TOFULU – E intra ‘u cunigghiu…?

BRUNO – Du’’ ova fritti!

LORENZO – Deinde, si lega il tutto ben bene e si fa cuocere allo spiedo lentamente. Che ce ne pare, illustre mastru Tofulu?

TOFULU – Mih, carusi…! Chistu sì, ca è falsumauru!

BRUNO – E dopo avere mangiato e bevuto in sichitanza, fino allo sorgere del sole, ognuno si ritira neli suoi appartamenti, con la propria femmina! E ddocu… lascio immaginare a vossia!

TOFULU – Porca miseria, chi bella vita!

BRUNO – Io, Stavota vado con la meravigliosa principessa orientale Oraisaakura!

LORENZO – Iù, invece, mi sollazzerò con la stupenda regina turca Lassalossu.

TOFULU – Quantu vi invidio! Sintiti… Se siete daveru amici miei, mi dovete fari trasiri, macari a mia, in questa Brigata!

LORENZO –  Io e Bruno – mi deve credere – havi due giorni che ne parliamo. Due giorni ca dicemu sempri ‘a stissa cosa: ”Mastru Tofulu deve entrare nella Brigata della luna pirchì s’u merita”!  (A Bruno) E’ vero o no?

BRUNO – E’ vero, è vero. Nuatri ci vulemu bene assai, mastru Tofulu! E mi pare di averglielo dimostrato! Per vossia ho mancato ai miei giuramenti…! U sapi, veru?

LORENZO – (finge di allarmarsi) Ma… che diamine ci hai raccontato, indegno fratello?

BRUNO – Non aver timore… non ho svelato, di certo, il gran segreto della luna!

LORENZO – Deo gratias! Un abbondante raccapriccio si era impadronito di me, per un momento! Deve sapere, amico Tofulu, che colui che svela il gran segreto della luna… getta sangue e drizza li palitti, nel breve volgere di poche ore!

8 –

(Dall’uscio di destra, ritornano Smeraldina e Giustina).

GIUSTINA – Che eleganza, Lorenzo! Tu e Bruno, oggi, pariti du’ vamparigghi: cu’ vi tocca, s’abbrucia e cu’ vi talìa, annorba!

SMERALDINA – Che splendore di abiti! Che finezza!

LORENZO – Grazie, gentili signore… mi confondete!

TOFULU – Moglie!

SMERALDINA - Comandate.

TOFULU – Andiamo in casa ché ti debbo parlare! (ai due giovani) Divirtitivi comu si deve, “fratelli”! (Risatina di complicità)

SMERALDINA – E… dove andate di bello?

GIUSTINA – Di sicuru vanno a una festa, non è vero?

BRUNO – Non si tratta di una festa ma di un simposio fra ricchi gentiluomini.

LORENZO – Una noia mortale, mia cara ma… i doveri son doveri!

TOFULU – (ridacchia malizioso) Allura! I doveri sono doveri! E… mi raccumannu, Bruno, Lorenzo, pinsatici per me! Parratici al maestro, va bene?

BRUNO – Senza meno, senza meno.

TOFULU – Grazie, grazie. Ora, vi salutu che debbo andare a fare quel discorso che tu sai, a mè muggheri!

BRUNO – Bene. Chi ha tempo, non aspetti tempo.

(Smeraldina saluta e va in casa, seguita dal marito. In scena, Bruno, Lorenzo e Giustina. Scende lentamente la sera).

 9 –

LORENZO – Mi pari ca ci semu, no?

GIUSTINA - Smeraldina mi ha spiegato ogni cosa e…

BRUNO – (a Giustina) Speriamo ca non ti veni di fari qualche autra nisciuta di funnicu, comu a chidda di prima!

LORENZO – Pirchì, chi successi?

GIUSTINA – No… è ca, poco fa, vidennu a iddu (indica Bruno) cumminatu cù ‘sti robbi e, non sapennu nenti, mi scappò di ridiri!

BRUNO – E mi dissi ca pareva vistutu di carnalivari! Comunque, non ci pinsamu cchiù… L’importante è ca Tofulu ristò impressionato positivamente.

LORENZO – E mi pari propriu di sì1… Pensu ca non vidi l’ura di trasiri nella “Brigata della luna”!

GIUSTINA – E certu! Che c’erano dubbi? ‘U pezzu di vecchiu purceddu… appena sintìu ciauru di sordi e di fimmini, ‘mpazzìu e a ‘st’ura, non pensa ad autru!

(Ridono tutti).

BRUNO – Dimmi ‘na cosa, Giustina, tu sai tutto, veru? Smeraldina ti ha spiegato quello che devi fare? Hai bisogno di qualche chiarimento?

GIUSTINA – No, no. Conosco la mia parte, non ti preoccupare. Intanto, domani, devo accompagnare Smeraldina al… convento, giustu?

LORENZO – (sorpreso) Al convento? Quale convento?

BRUNO – (ironico) Il convento di Cazzimpopoli! Avaia, scimunitu, ci ‘u puteva diri a so maritu ca m’a purtava a mè casa?!

LORENZO – Ah, certo… è logico.

GIUSTINA – (a Lorenzo) L’amicu tò è un vulcano di idee! A confrontu, l’Etna può fare, al massimo, du’ rutti e ‘na pirnacchia!

(Ridono).

BRUNO – Avanti, Lorenzo… ora, amuninni. Lassai sulu, a casa, a Calogero…

GIUSTINA – Cu’ è Calogero?

LORENZO – Un venditore ambulante. Passò macari di ccà… no’ vidisti?

GIUSTINA – Come no?  Una persona simpatica. Ma… allura, ‘sti vestiti v’i desi iddu?

BRUNO – Logico. Devo riconoscere che quest’incontro cù Calogero, è stato veramente utile!

GIUSTINA – Ma com’è ca ‘u cunvincistivu a…?

BRUNO – Con la forza della persuasione!

LORENZO –  …E de’ sordi che gli abbiamo promesso!

BRUNO – (a Lorenzo) Forza, amuninni! A domani, Giustina!

GIUSTINA - Arrivederci, Bruno, a domani.

LORENZO – (a Bruno) Passa avanti… ti raggiungo fra poco.

BRUNO – Va bene. (Via, per la comune).

GIUSTINA – Buona notte, Lorenzo.

LORENZO – (La stringe a sé e la bacia) Buona notte.

GIUSTINA – (si avvia poi, si ferma) Ho paura ca chiddu ca stamu facennu… sì, insomma, tu non pensi ca non è tantu giustu? Anzi, diciamo che si tratta proprio di una cosa disonesta!

LORENZO – Una cosa disonesta?! Non ti fari veniri ‘sti scrupoli, Giustina, perché non c’è ragione, cridimi.

GIUSTINA – Vulissi essiri sicura comu a tia ma…

LORENZO – Tu ‘u sai comu ‘a tratta a Smeraldina? È tintu, violento…! Spissu ‘a lassa morta di fami…! ‘U sai, chistu?

GIUSTINA – Lo so, lo so… Smeraldina, proprio oggi, m’ha cuntatu tutti cosi… Si misi macari a chianciri, mischina…!

LORENZO – E quindi, che scrupoli hamu aviri?! Unu che si comporta in questa maniera schifosa, “deve” subire le giuste conseguenze!

GIUSTINA – Sì, va bene ma noialtri cu’ semu… i suoi giudici… i suoi carnefici?

LORENZO – Noi rappresentiamo le “conseguenze” che Tofulu deve patire. Senza contare che tu e io – in modo assolutamente onesto – ni putemu maritari e sistemare pì tutta ‘a vita!

GIUSTINA – Sì, m’u dissi macari Smeraldina…

LORENZO – A proposito di Smeraldina… dumani, perciò, l’accompagni in casa di Bruno, veru?

GIUSTINA – E’ tutto concordato, sì.

LORENZO – E accussì, ‘a figghia, sta un poco ‘nta paci!

GIUSTINA – Se lo merita, mischinedda!

LORENZO - Ora vo cucchiti ca si fici tardu. (La bacia ancora).

GIUSTINA – Forse ci hai ragiuni… I miei scrupoli sono fuori luogo. Ni videmu dumani. (Via, in casa).

LORENZO – Dormi serena! (Esce dalla comune, rapidamente. È notte. Breve stacco musicale).

10 –

(Sorge il nuovo giorno. Dalla comune, entra Bruno. Il suo abbigliamento non è più quello della sera precedente, tuttavia si nota la presenza di qualche lemento” stravagante”. Il giovane bussa alla porta di Tofulu che appare, qualche istante dopo).

BRUNO – Vossia benedica, mastru Tofulu! Ci portu ‘na bella notizia!

TOFULU – (raggiante) Trasìi? Trasìi nella Brigata?

BRUNO – E comu traseva, d’accussì… comu si trasissi ‘nta putìa…? Il tempo che ci vuole, ci vuole, no? Ma… so muggheri è ancora a’ casa?

TOFULU – Si sta priparannu ‘a truscia e havi du’ uri…! (Grida verso l’interno) Spurugghiti, moglie, ca haiu chi fari, iù!

SMERALDINA – (compare con una sacca dove ha riposto alcuni indumenti) Pronta, pronta, sugnu… non jttati vuci!

TOFULU – Avanti, spicciati! ‘U sai unni ha’ ghiri, veru?

SMERALDINA – Non mi parrastivu di convento? E, ccà vicinu, cunventu, unu sulu ci n’è!

TOFULU – (a Bruno) Ma unn’è ‘stu cunventu?

BRUNO – Vossia ‘u canusci aNicola “Assicutafimmini”?

TOFULU – No.

BRUNO –  Benissimo. Nicola ci havi una bella vigna. Ci l’havi presente unni si trova?

TOFULU – No.

BRUNO – Appressu porta, c’è ‘u cunventu.

TOFULU – Ho capito. (Alla moglie) E allura, chi sta’ aspittannu? Ca vattinni!

SMERALDINA – Sula non ci vaiu. Mi fazzu accumpagnari da Giustina.

TOFULU – Basta ca ti spicci!

SMERALDINA – Non viditi l’ura di sbarazzarivi di mia! Ma si può sapiri pirchì mi stati mannannu?

BRUNO – No, donna Smeraldina, non c’è niente di misterioso. Il fatto è che io e mastru Tofulu dobbiamo partire… Gli ho proposto un buon affare e iddu ha accettato. Ora, pì non rimanere sula, a casa, ‘a sta mannannu in questo convento, ha capito?

SMERALDINA – Va bene, va bene. (Chiama) Giustina!

GIUSTINA – (appare sull’uscio) Ditemi, donna Smeraldina.

SMERALDINA – Ti chiedo un favore. Mi puoi accompagnare al convento?

GIUSTINA – Chi si fici, monaca?

SMERALDINA - Quasi. Mio marito mi ha ordinato di stare in convento per qualche giorno…

TOFULU – Tri misi!

GIUSTINA – Non ci su’ problemi… Io stavo giustu pì nesciri. Amuninni.

BRUNO – (a Smeraldina) Mi raccomando… dite alla madre badessa che vi mannu iù, so niputi BruNo. La zia sarà felicissima di avervi in casa… cioè, in convento!

SMERALDINA - Grazie, Bruno. Addio, marito.

TOFULU – Addio, addio!

(Le due donne escono per la comune).

TOFULU – Finalmente si ni ivu! Allura, qual è ‘sta bella notizia? Parra, Bruno, ca staiu friennu!

BRUNO – Stassi cuntentu pirchì il primo passo - chiddu cchiù ‘mpurtanti! – è fattu. Il maestro ha acconsentito di incontrare a vossignoria!

TOFULU – E unni?... Quannu?

BRUNO – Fra poco Lorenzo ‘u ‘ccumpagna ccà stissu!

TOFULU – A’ mè casa? Minchiatarus si abbassa a veniri a mè casa? Ma che grande onore!

BRUNO – Siccomu ci dissi ca vossia è una persona importante, unu ca cunta, ‘nto paisi… e perciò iddu si è desiso a farici visita qui, ‘nta so casa.

TOFULU – Sei un grande amico… e non so come ringraziarti! Tu mi sta’ dannu la vita… la salute…! A proposito, non ti scurdari di purtarimi ‘a ricotta, a simana ca veni, ‘u senti?

BRUNO – Non si preoccupi. Sulu ca ora, dobbiamo sostituire a so muggheri cù ‘n’autra fimmina onesta… Va be’, c’è sempre ‘a soru di Lorenzo… c’è Giustina… Comunque, poi ci pinsamu. Per il momento, concentriamoci sulla “Brigata”. E, ci raccumannu, mastru Tofulu, non mi facissi fari malacumparsa…

TOFULU – In che senso?

BRUNO – Nel senso che deve essere all’altezza della situazione. Tuttu chiddu ca ci dici il maestro, deve essere eseguito, per filo e per segno! Ci siamo? Si non s’a senti, parrassi ora… ca semu ancora in tempo per rinunciare. Dunque?

TOFULU – Ma quali rinunciare… chi fai, scherzi?

BRUNO – E allora, va bene. Aspettiamo il maestro che dovrebbe arrivare da un momento a… Qua è! Insieme a Lorenzo! Mi raccumannu: stassi tranquillo!

11 –

(Dalla comune, entrano Lorenzo e Calogero il quale porta un mantello nero che lo avvolge dalle spalle ai piedi. Si avvicina a Tofulu con atteggiamento regale).

 BRUNO – Benvenuto, maestro! (Profondo inchino)

CALOGERO – (a parte, a Lorenzo) M’a pozzu livari ‘sta cuttunata? Di ccà, non passa nuddu, veru? (indica il pesante mantello).

LORENZO - Tranquillu. Chistu è un curtigghiu privatu.

CALOGERO – E allura, forza, attaccamu! (Scosta, con gesti lenti e studiati, il mantello e mette in mostra, in tutto il suo splendore, l’abito che indossa: i colori sono sgargianti e accostati in modo improbabile e il tessuto è punteggiato da chiassose pallettes)  

LORENZO – (in maniera solenne, fa le presentazioni) Il nobilissimo, “eccelsissimo” maestro Minchiatarus, della suprema stirpe dei Minchiatari stellari superiori! L’eccellentissimo mastru Tofulu, appartenente alla mitica casata siciliana dei Beoti Tofuli!

TOFULU –(rapito dalla figura del maestro, s’inginocchia umilmente) Reverendissimo maestro Minchiatarus, io sono onorato, “stuprato” e “tumefatto” dalla vostra bellissima presenza, qui! Ecco perchè  io mi “castro” davanti ai vostri piedi maestosi!

CALOGERO – Non c’è bisogno, surgi!

TOFULU – Sì, lo so… In confronto a voi, io sugnu un surgi, un surgittu di campagna, ‘na bratticedda, ‘na furmicula…! Chi sono, io? Niente sono, a confronto!

CALOGERO – Gioia, ti sto dicendo surgi… isiti… susiti! Io parlo tutte le lingue dell’universo! Dimmi in quale lingua ti l’haiu a diri e t’u dicu!

TOFULU – No, no, l’ho capito. (Si alza) V’a pozzu vasari ‘a manu?

CALOGERO – No!

TOFULU – In segno di rispetto, maestro!

CALOGERO – Ti sto dicendo di no! Non puoi nemmeno sfiorare la mia sacra persona perché sei lordo e impuro!

TOFULU – Ma comu lordo?! Mi lavai du’ simani fa…!  Non per contraddirvi, eminenza ma…

CALOGERO – Ahu, basta! Ma si’ duru, figghiu…!

BRUNO – Maestro, allontanate il vostro animo dal legittimoincazzamento! Ma vedete… è accussì felice di fare la vostra conoscenza, che s’è vieppiù confuso e rincoglionito, il tapino!

TOFULU – Veru è. E perciò, perdonatelo a questo povero “topino”!

CALOGERO – (a Bruno) Ma chi si fissò ch’e surgi…?

BRUNO – Lassamili perdiri i surgi, mastru Tofulu, ca non c’entrano!

LORENZO – Si calmassi e ascutassi il maestro!

TOFULU – Certo. È ca sugnu emozionato. Maestro, scusate… pirchì non mi fate l’onore di trasiri nella mia casa?   

CALOGERO – No. Pirchì ‘a tò casa è lorda comu a tia. E poi, parlando con te, con tutto questo armamento ca ci haiu ‘ncoddu, ho bisogno di un poco di friscazzu… onde ragion per cui, megghiu fora ca intra!

TOFULU – Come volete voi, io faccio.

BRUNO – LORENZO – Bravo!

CALOGERO - Dunque, fratello Bruno e fratel Lorenzo, possiamo cominciare la cerimonia?

BRUNO – LORENZO – Pronti, maestro!

CALOGERO – Tofulu dei Beaoti Tofuli!

TOFULU – Presente!

CALOGERO – Vuoi tu far parte della sublime “Brigata della luna”?

BRUNO – LORENZO – Rispondi: “Lo voglio”!

TOFULU – Lo voglio!

LORENZO – Bravo!

TOFULU – (ripete meccanicamente) Bravo!

BRUNO – No, chistu non c’entra!

TOFULU – (nel pallone) No, chistu non c’entra!

CALOGERO – Ma chi schifiu sta’ dicennu?

TOFULU – Ma chi schifiu…

CALOGERO – Basta! E chi si’ ‘ntrunatu, beddu? (Agli altri, a parte) Ahu… ma è cretinu forti!

TOFULU – Ma… che sto andando troppo male, maestro?

CALOGERO - Procediamo, va. Tofulu dei Beoti Tofuli!

TOFULU – Presente!

CALOGERO – E perché vuoi tu entrare nella sublime Brigata della luna?

BRUNO – LORENZO – Perché?

TOFULU – Perché?

LORENZO – Non deve ripetere “perché”!

BRUNO – Deve dire perché!

TOFULU – Perché?

CALOGERO – Carusi… fra ‘u caudu e chistu ddocu, mi sta vinennu di scuncirtari!

LORENZO - Trattenetevi, maestro!

TOFULU -  (a Lorenzo) Ma chi è, si ni voli iri?

CALOGERO – Ho capito. Accuzzamu il rito. Neofita!

(Tofulu si guarda attorno, sperduto).

BRUNO – Il maestro sta parrannu cù vossia!

CALOGERO – (insiste) Neofita!

TOFULU – (lo corregge) Tofulu!

CALOGERO – Neofita significa nuovo convertito, novizio!

TOFULU – Ah, ho capito. Ma chi vo’ diri “novizio”?

CALOGERO – Fratelli, ianca è! Ho la vaga sensazione che dobbiamo stringiri ancora la cerimonia. Purtamula all’ossu, proprio! Siete d’accordo?

BRUNO – D’accordissimo!

 LORENZO - Procediamo.    

CALOGERO – Tofulu dei Beoti Tofuli!

TOFULU – Presente!

CALOGERO – Per entrare nella Brigata della luna, devi essere puro come acqua di sorgente. E siccome tu sei infetto e fitusu come acqua di fogna, ebbene, devi sgrassare la tua anima immonda. Sei, tu, pronto?

TOFULU – Maestro, non ci haiu caputu nenti proprio ma se voi mi diciti chiddu c’haiu a fari, io lo faccio senza meno!

CALOGERO – E io, senza meno e senza più, ti dicu subito che prima di tutto, devi spogliarti delle tue ricchezze.

TOFULU – Ricchezze? E iù, nuzzunteddu di mia, chi ci haiu ricchizze?

CALOGERO - Attento, omuncolo! Se non dici il vero, la tua anima sarà dannata per l’eternità! E ti po’ scurdari di trasiri nella Brigata della luna!

BRUNO –  Parla col cuore, fratello!

LORENZO – Nella verità v’è la luce! Nella menzogna, il buio!

BRUNO – LORENZO  - CALOGERO - Addumati ‘a luci, fratello!

TOFULU – Ma iù non ci hai unenti… a parte la bottega…

CALOGERO – E ‘a chiami “nenti”? Se vuoi elevare il tuo spirito e darici ‘na puliziatedda a quell’anima ‘ngrasciata che ti ritrovi, ebbene, ti devi liberare di questa bottega. Ho detto.

TOFULU – E si mi levu ‘a putìa, comu campu?

CALOGERO - Omiciattolo di poca fede! La Brigata della luna provvederà alle tue esigenze e ai tuoi bisogni! Ci semu? (Tira fuori da una tasca un documento) Sa’ leggiri?

TOFULU – Insomma…

CALOGERO – Sa’ firmari?

TOFULU – Sì, m’a fidu.

CALOGERO – E allura, firma ccà.

TOFULU – E comu firmu, senza pinna?

CALOGERO – (ai due assistenti) Fratelli, niscemu ‘a pinna!

LORENZO – Subito! (Tira fuori la penna)

TOFULU – E… l’inchiostru?

LORENZO – Chi fazzu, abbagnu?

CALOGERO - Abbagna!

(Lorenzo trafigge con la punta della penna, il braccio di Tofulu che lancia un grido di lolore, quindi gli cede la penna).

LORENZO – Si spirciassi a firmari, prima ca ‘u sangu sicca e ci haiu a fari ‘n’autru purtusu!

TOFULU – (firma, ancora dolorante per la ferita) Tantu pì sapillu… chi è ca firmai, maestro?

CALOGERO – L’atto di donazione della bottega che, da ora in poi, passa ai fratelli della luna. Tofulu dei Beoti Tofuli, Sei tu contento?

TOFULU – (tutt’altro che contento) Felice!

TUTTI – Bravo, fratello!

CALOGERO – E ora, dimmi: non possiedi, per caso, altra roba? Chi sacciu, case, oru…?

TOFULU – Ci haiu ‘sta casa, eminenza… ma si m’a levu, unni mi ni vaiu a stari, cù mè muggheri?

CALOGERO – Starai, appunto, cù tò muggheri! ‘A casa, ormai, è ‘a so.

TOFULU – Maestro Minchiatarus, chiedo “nenia” ma mi pari che vi state sbagliando. ‘A casa è mia!

CALOGERO – Prima. Ma dopu ca firmasti, appartiene a tua moglie Smeraldina. Ho detto.

BRUNO – (a parte) Mastru Tofulu, il maestro, pì non fari traficu, ci fici firmari tutti du’ cosi insemi, ha capito?

TOFULU – Ho capito.

CALOGERO – Ci hai altro da dichiarare, fratello?

TOFULU – Ma unni semu, o’ Daziu!

TUTTI – Rispondi!

TOFULU – Nossignore. Non ci haiu cchiù nenti.

CALOGERO – E va bene, mi voglio fidare di tia. Ma sta’ attentu! Se dici menzogna, la tua pena sarà terribile. Riordatillu, ometto! E ora, procediamo alla chiusura della cerimonia… ca si fici tardu.

BRUNO – LORENZO – Pronti, maestro!

CALOGERO – Tofulu dei Beoti Tofuli!

TOFULU – Presente!

CALOGERO - Accostati! (Tofulu resta immobile) Ahu! Cù tia parru! Veni ccà! (Tofulu esegue) Tofulu dei Beoti Tofuli…

TOFULU – Presente.

CALOGERO – Mutu! Ti nomino apprendista novizio dei fratelli della Brigata della luna!

TOFULU – Grazie.

CALOGERO – Mutu! Fratelli, si proceda alla chiusura della cerimonia! Fratello Bruno!

BRUNO – Comandate!

CALOGERO – Un bellu pugnu ‘nto battisimu del Neofita!

(Bruno esegue. Urlo di sofferenza di Tofulu).

CALOGERO – Fratel Lorenzo!

LORENZO - Comandate, maestro!

CALOGERO – Un bacio arreri ‘o cozzu del medesimo neofita!

(Lorenzo esegue).

CALOGERO – E ora, Tofulu, va’ in casa e prega. Prega fino all’alba di domani! Vegliando e digiunando per tutta la notte! Avanti, beddu valenti, vatinni!

TOFULU – Mi ni pozzu iri, maestro?

CALOGERO – Te ne “devi” andare, gioia!

TOFULU – Ma… ora fazzu parti della Brigata?

CALOGERO – C’è tempo! C’è tempo! Addio.

TOFULU - Addio e… grazie di tutto!

TUTTI – Addio, Fratello!

(Tofulu – atteggiamento ieratico – in silenzio entra in casa).

CALOGERO - (Agli amici) E amuninni macari nuautri ca squagghiai!

LORENZO – Vi cunsigghiu di mittirivillu ‘n’autra vota ‘u mantellu… prima ca vi pigghianu a pirnacchi!

CALOGERO – Giusta precauzione.

(I tre si avviano verso la comune. Si riapre la porta di casa e riappare Tofulu).

TOFULU – Maestro Minchiatarus, scusate! Una domanda! Cu’ trasi nella Brigata, si chiama “Brigatista”?

CALOGERO – No, “Brigatiere”! (Via, per la comune, assieme a Bruno e Lorenzo).

 TOFULU -(rimugina) “Brigatiere”?  Boh? (Via in casa.

Scende la sera. Breve stacco musicale).                     

12 –

(Dalla comune, entrano Smeraldina e Giustina, il volto travisato da maschere, non necessariamente grottesche. Il costume – in cui predomina il colore rosso – ha una peculiarità: la gonna presenta uno spacco che, spesso, lascerà scoperte le gambe.       Le ragazze portano alle caviglie e ai polsi, delle eleganti sonagliere che producono un gradevole effetto musicale. Le voci delle due sono artefatte e cangianti: ora sensuali, ora sinistre, ora nasali o gracchianti… 

Le donne bussano energicamente alla porta di Tofulu quindi si nascondono).

TOFULU – (appare in camicia da notte e con una lanterna in mano) Ma cu’ è ca si passa ‘u tempu…? (Lancia uno sguardo attorno poi rientra borbottando).

(Le donne bussano ancora e, come prima si nascondono).

TOFULU – (riappare ma più infuriato) Ma cu’ schifiu è, si po’ sapiri?

SMERALDINA – GIUSTINA – (sono nascoste dietro il pozzo. Le loro voci, alterate ad arte, sembrano giungere dall’oltretomba) Tofulu! Tofulu! Vieni, Tofulu, non ti scantari…!

TOFULU – (turbato) A mia ‘sti scherzi, non mi piaciunu, va bene?

SMERALD. GIUST. – Tofulu!

TOFULU – Vo’ dati i cianchi! Iù mi ni tornu a curcari!

SMERALD. – GIUST. – Unni vai? Vieni qua, scimunito!

TOFULU – Ni canuscemu?

SMERALD. – GIUST. – Avvicinati al pozzo e guarda dentro! Ci vedrai apparire dal fondo!

TOFULU – Di intra ‘u puzzu?! Ma livatici ‘a farsa, va!

SMERALD. – GIUST. – (perentorie) Avvicinati o’ puzzu!

TOFULU – (esegue commentando) S’incazzanu! M’avissi incazzari iù e s’incazzanu iddi…! Varda ch’è bella! (Guarda accuratamente dentro il pozzo) Ma iù, a nuddu vidu…!

(Le due donne, intanto, si sono portate dietro le spalle di Tofulu).

SMERALD. – GIUST. – Tofulu!

TOFULU – (sobbalza e si gira a guardarle) Minchisi! Ma… chi… chi siete?

SMERALD. – GIUST. – Le figlie della luna!

TOFULU – Ah, ho capito. Vi mannò il maestro Minchiatarus!

SMERALD. – GIUST. – Ci manda la divina regina della luna. La bellissima, celestiale ‘Mballaccheride!

SMERALDINA - Minchiatarus è il suo figliolo prediletto.

TOFULU – E… come mai siete mascherate? Du’ beddi fimmini come a voi…!

GIUSTINA – Non ti è concesso vedere il nostro volto!

TOFULU – Piccatu! Mah, comunque…  A che debbo questa vostra visita?

SMERALDINA – La regina ‘Mballaccheride ci ha dato l’incarico di prendere il tuo oro.

TOFULU – Ma iù non n’haiu oru!

SMERALD. – GIUST. – L’oro ca teni ammucciatu!

TOFULU – Ma quannu mai?

(Le due ragazze gli si accostano provocanti).

GIUSTINA – La regina ci ha dato il permesso di essere buone con te… molto buone…

TOFULU – (colpito, non resta indifferente e, anzi, prova a palpeggiare le due donne) Minchisi!

SMERALDINA – Ma tu, prima, devi fare il bravo. Portaci qui l’oro!

TOFULU – Vi fissastivu cù ‘st’oru? Non ci n’haiu!

(Le due cambiano strategia).

SMERALD. – GIUST.  – Non è vero, ipocrita e disonesto! Non entrerai mai nella Brigata della luna! Strunzu!

TOFULU – Pirchì non mi criditi? Io vi giuro…

SMERALD. – GIUST. – Spergiuro! Spergiuro e cosa fitusa! Sarai punito per le tue menzogne! Va’ a pigliare tutte le monete di oro e portale qua! Annachiti!

SMERALDINA - Altrimenti ti finisci mali… malissimo!

TOFULU – (spaventato) Cioè?

GIUSTINA – Ietti sangu… prima che la luna tramonti!

TOFULU – Moru? Cù tuttu ca mi mangiu ‘a ricotta magica…?

GIUSTINA – Ci ‘a po’ dari o’ iattu!

SMERALD. – GIUST. – La regina ‘Mballaccheride – che  sa tutto e può tutto! – ci ha mandato per premiare ma anche per punire! (Cantano)

Noi siam figlie della luna…

Noi siamo figlie dell’amor!

Cu’ ni vidi, havi furtuna…

Cu’ n’abbrazza, ha il nostro cuor!

Balliamo in tondo

attorno al mondo!

In fondo in fondo,

è un girotondo…

Il girotondo

dell’Amor!

Giriam giriamo…

Un po’ danziamo…

Man nella mano,

noi giochiamo…!

Noi cantiamo

“Viva l’Amor”!

Siamo figlie della luna

ma con gli  stronzi, niente pietà!

Pì chisti non c’è furtuna

ma ‘na pedata… propriu ccà!

(Gli assestano un calcione nel sedere) E ora, va’ a pigghiari tuttu l’oru ca teni ammucciatu, bistiuni!

TOFULU – (piagnucola) Tutto?

SMERALD. – GIUST. – Tutto!

TOFULU – (piange) Ma accussì non mi restanu mancu l’occhi pì chianciri!

SMERALD. – GIUST. – L’occhi pì chianciri, t’i lassamu, non ti preoccupare!

TOFULU – Grazie.

SMERALD. – GIUST. – E ora, moviti!

(Tofulu, piangendo, entra in casa da dove sentiremo sempre i suoi lamenti).

SMERALD. – GIUST. – E’ fatta! (Si stringono la mano, soddisfatte e fiere. Accennano a cantare ancora la canzone di prima).

(Con due borse di monete d’oro, ritorna Tofulu, sempre più disperato).

SMERALDINA - Bravo, Tofulu!

GIUSTINA – E ora, ci puoi anche abbracciare!

TOFULU – (stizzito, fra le lacrime) Sì, ca ci haiu ‘stu baddu, iù! Ristai poveru e pazzu! Povero e pazzu!

SMERALDINA – Per la pazzia, non ti putemu dari aiutu…

GIUSTINA - …ma, per il resto, i fratelli della luna ti daranno una mano, stai tranquillo.

SMERALD. – GIUST. – Sei contento, fratello Tofulu dei Beoti Tofuli?

TOFULU – (èiange disperato) Felice!

SMERALD. GIUST. – Va’, torna in casa… a pregare e a digiunare, fino all’alba. Va’!

(Tofulu, in lacrime, rientra a casa. Le due ragazze, con le borse in spalla, escono dalla comune.

Un momento dopo, riappare Tofulu).

TOFULU – (tiene una moneta sul palmo della mano destra. Chiama) Figlie della luna! (Si accosta al pozzo)

(Intanto, guardinga, è ritornata Giustina che gi si avvicina).

GIUSTINA – Chi è ca vuoi?

TOFULU – (stende il braccio e mostra la moneta che tiene in mano) M’havu scurdatu a darivi ‘sta moneta!

GIUSTINA – Grazie. (Velocissima, s’impossessa della moneta.

Buio. Breve stacco musicale).

13 –

(La mattina seguente. La scena è inizialmente vuota.

Dalla comune, entra Calogero, con Bruno e Lorenzo. I tre si apprestano ad una “visita ufficiale” e dunque indossano gli abiti “eleganti”. Si fermano accanto alla panchina).

CALOGERO – (dopo un cenno d’intesa con gli amici, chiama in tono grave e perentorio) Tofulu dei Beoti Tofuli!

VOCE DI TOFULU – Cu’ è?

CALOGERO – Nesci fora!

BRUNO – LORENZO – Nesci fora!

TOFULU – (appare sull’uscio) Fratelli! Maestro!

CALOGERO – A quali fratelli e sorelle…! Vieni qua, moviti!

(Tofulu esegue).

Chi schifiu cumminasti, stanotte, grandissimo disonesto?

TOFULU – Stanotte? Vinniru le figlie della luna…

CALOGERO – Ma che figlie della luna? Sei una bestia! Quelle erano figlie di…! Due diavolesse erano! Hai capito? Perché ti sei fidato, scunchiudutu…?

TOFULU – Ma… mi dissiru… Insomma, sapevano ogni cosa… Io, parola d’onore, non ci ‘u vuleva dari il mio oro…

CALOGERO – Però ci ‘u dasti!

BRUNO – Lorenzo – Chi cumminò mastru Tofulu?

TOFULU – (fra le lacrime) Ma io pensavo…

CALOGERO – Tu non devi pensare pirchì fai dannu! Ti ricordi, disgraziato? Io ti dissi se avevi qualche altra cosa da dichiarare, oltre la casa e ‘a putìa… e tu mi dicisti di no! Iù ‘u sapeva ca tu avevi l’oru ammucciatu – perché io so tutto! – ma ti ho voluto mettere alla prova! Etu, ‘a prova, m’a dasti. Mi dasti ‘a prova che sei un disonesto!

BRUNO – LORENZO – Che immane delusione!

TOFULU – Amici, sugnu rovinato!

CALOGERO – Logico che sei rovinato!

TOFULU – Maestro Minchiatarus… voi che siete un grande mago… nenti putiti fari per recuperare il mio oro?

CALOGERO – Mi dispiace ma io non pratico la magia nera. Non m’ammiscu con gli affari di messer diavolo! Non ti pozzu aiutari, gioia… anzi, sono costretto a punirti!

TOFULU – Pure?

CALOGERO – E per forza! Non posso sottrarmi al mio dovere, ahimé! Ti devo condannare a…

BRUNO – No, maestro, vi prego!

LORENZO – Siate generoso, maestro!

CALOGERO – D’accordo. Lo condanno a…

BRUNO – No, per pietà! Vi supplichiamo di condannarlo ad una pena più lieve!

CALOGERO – E allora lo condanno a…

LORENZO – No, maestro! Che sia una pena ancora più leggera!

CALOGERO – Ancora più leggera? E va bene. Voglio essere magnanimo!

BRUNO – LORENZO – Grazie, maestro!

TOFULU – Grazie, maestro!

CALOGERO – La fortuna ti è amica, caro Tofulu dei Beoti Tofuli! Non ti infliggerò nessuna condanna. Ma, d’ora in avanti, tu ti guadagnerai da vivere lavorando, come garzone, nella putìa di fratel Lorenzo!

TOFULU – Ma pirchì, Lorenzo chi ci havi ‘na putìa?

CALOGERO – Sì chidda tò! Che tu hai donato alla Brigata della luna.

LORENZO – Non si preoccupi, mastru Tofulu, no’ fazzu travagghiari assai…!

TOFULU – Grazie.

CALOGERO – E inoltre, tu non metterai più piede in qulla casa che, te lo ricordo, appartiene, ora, a tua moglie Smeraldina.

TOFULU – E unni mi ni vaiu a stari?

LORENZO – Non si scantassi… un pagghiaru, ‘nta putìa, ci ‘u sistemu iù… Stassi cuntentu!

CALOGERO – Nascisti c’a cammisa, gioia!

BRUNO – Avanti, tutto è bene, quel che finisce bene! Vossia è furtunatu!

TUTTI E TRE – (a Tofulu) Contento?

TOFULU – (piange) Felice!

LORENZO – (canta o declama) Lu cuntu di Tofulu finisci ccà.

‘Na favula, roba di fantasia.

‘Na favulidda con qualche verità.

Pensu, e speru ca nuddu si siddia,

Pensu ca semu tutti un pò minchioni…

Quannu calamu ‘a frunti a certa genti!

Quannu dicemu “sì” senza convinzioni!

Quannu non sapemu nesciri i denti!

Quannu n’illudemu ca “l’umanità”

fa sempri rima cù la “sincerità”!

Ma ora, lassamu a Tofulu in libertà…

La commedia finisci daveru ccà!

Se avete riso, il merito è di Tofulu!

Se non avete riso, ‘a curpa… è nostra!

SIPARIO                            15 maggio 2016   

    

 

 

  

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 19 volte nell' arco di un'anno