L’è ‘n bello dì

Stampa questo copione

L'È 'N BELLO DÎ

 


COMMEDIA IN GENOVESE

DUE ATTI BRILLANTI

DI

ENRICO SCARAVELLI                                                                                    

                                                                                                 

                                                                                         

PERSONAGGI:

(in ordine di apparizione)

LISA                                              padronn-a de casa

MAININ                                      a figgiàstra

PACIFICO                                  màjo da Lisa

TERENZIO                                tapulante

ZORZO                                       immobiliarista

NICOLETTA                              'n'amïga da Lisa

MARTINA                                  ‘n’amïga da Lisa

ROCCO                                      autotrasportatore

LO BUONO                                funzionäio

GIUSE                                         tradizioni liguri

A San Çeprian ai nostri giorni

L'È 'N BELLO DÎ..

ATTO PRIMO

SCENA I

(Lisa – Mainin – Pacifico)

(Interno di una casa rustica di campagna nell'entroterra genovese (San Cipriano). Finestra con tendine sul fondale; sui vetri un po' di neve. Ingresso principale accanto alla finestra. Orologio alla parete, stufa sulla destra. Tavolo e sedie. Al lato sinistro porta che va alle camere, al lato destro porta che va alla cucina, alla dispensa e al bagno. Un giornale sul tavolo. Mentre il sipario si apre si odono alcuni brani della canzone: "Lisa dagli occhi blu")

 

LISA           :- (scialle sulle spalle,si frega le mani accanto alla stufa spenta) "Ah.. l'è 'n bello dî <risparmia a legna ch'a costa di belli dinae>. Gh'è ben poco da ascädäse senza feugo. Brr, son zeà finn-a in te osse.. gh' ho anche e moen abbessïe[1]… Pövia de mì, chi son mai andaeta a sposà...! <Mëgio 'n màjo vëgio che ninte>, me dïva mae moae.. Scì, saià… màjo vëgio e pe' zunta con duì figgi za faeti…Meno male che ûn, o Giacomin, o l'è majòu e feua de casa e che ogni tanto me vegne a trovà mae nessa Giada, figgia de mae frae… bella figgia quella… pe' forza… a l'assomeggia a mì.. (apre la porta delle camere e ad alta voce) Mïila lì.. 'na figgia da majà che a-o canto do gallo a dorme ancon. Ehi diggo, Mainin… parlo con ti!"

MAININ     :- (fuori scena)"Ma cöse t'hae da crià..? T'eu famme vegnì 'n'assidente?!"

LISA           :- (esce di scena e si sente altercare da fuori) “Levite e coverte e descc-iullite e molla 'n po' quello telefonin. Con chi t' hae da parlà ä mattin a sett'öe? (rientra in scena brontolando e va verso la cucina dove c'è il bricco del caffè. Da fuori scena) N'assidoro de 'n'assidoro… oua gh'è anche o caffè buggîo.. e l'è 'n bello dî <intanto che ti fae i mesté metti sciû o caffè>.. O caffè l'è comme o laete ch'o l'aspëta che no ti l'ammìi pe' andà sciù! (rientra con la caffettiera) Se o bevian comm'o l'è!"

MAININ     :- (entra in scena in camicia da notte, sbadigliando. Piuttosto bruttina. Ha il viso pieno di foruncoli e i capelli raccolti in due code alla Pippicalzelunghe)

LISA           :- (che intanto aveva versato il caffè in tre tazzine mettendo anche lo zucchero. Porge una tazza alla ragazza) "Tè… porta a cicchetta in (salace) laboratorio a teu poae, coscì o no s'addorme, se no o sé passa torna o ciûnetto[2] in te 'na man… e mescite che gh'è anche l'orto da daghe a mente, gh'è da levà 'n po de néje dai strazetti e da-i cöi"

MAININ     :- "Ma quello dovieiva fällo o Terenzio e no mì"

LISA           :- "O Terenzio..? Tsé, bello gaitàn[3] quello; o deve ancon scaregà o furgun ch'o l'è arrivòu con a legna pe' a stïva"

MAININ     :- (prende la tazzine per il padre e..beve e fa smorfie di disgusto)

LISA           :- (sbottando) "T'ho dïto de portäla a teu poae, no de beivila..! (porge un'altra tazzina) Tè, portighe questa e poi fätte armeno o letto e leva a borsa de l'aegua cäda, ch' a l'inûmidisce i lenzeu"

MAININ     :- "Pe' forza addeuviemo a borsa de l'aegua cäda… no ei vosciûo mette o riscaldamento autonomo e andemmo ancon a l'antïga… " (posa la tazzina sul tavolo, si mette un cappotto o mantello, in ciabatte sta per uscire, dimenticando la tazzina del caffè)

LISA           :- (con cipiglio, mani sui fianchi) "O riscaldamento… dillo a teu poae ch'o dïxe de no avei e palanche. (osservandole le estremità) Ma dimme 'n po', ti sciorti in sciarbelle? Ammia che feua gh'è a nèje e poi te vegnan i brignoìn in te dîe di pë… E a cicchetta? Ti ghe porti o caffè a man scrollanti? "

MAININ     :- "Ti me confondi con o teu crià" (torna a riprendere la tazzina ed apre l'uscio proprio mentre sta entrando Pacifico, il padre della ragazza. Indossa una tuta blu o un grembiulone da falegname)

PACIFICO  :- (la vede con la tazzina, richiude l'uscio) "Grassie Mainin (beve e fa le smorfie e sbruffa il caffè; poi a Lisa) Che razza de caffè t'hae addeuviòu? Cicoria..? O sa finn-a de brûxòu.."

MAININ     :- (esce di scena per andare a vestirsi)

LISA           :- " 'n'ätra votta ti t'ou fae fa da teu figgia, coscì brûxìà anche a caffettéa.. e poi digghe quarcösa anche tì…a l'è de longo a dormì, o attaccà a-o cellulare"

PACIFICO  :- "Tempi moderni… Oua no se dïxe ciù a-o telefono <comme ti stae> ma <donde t'è?>…A propoxito, e teu nessa a l'è vegnûa?"

LISA           :- (con dolcezza) "A Giada a l'ha da stûdià e a deve riposäse… a m'ha telefonòu ch'a l'ha stûdiòu finn-a a tardi"

PACIFICO  :- "Invece a Mainin a no stûdia ma a l'ha de longo o telefonin in te moen … figûrite che sentivo o seunaggin di messaggi finn-a a mëzaneutte passà. Oua se scrive via etere… Ma dimme 'n po', t'èi tì che ti criàvi primma?.. Se sentiva finn-a da o laboratorio"

LISA           :- "Esageròu! Stavo dixendo a quella pelandronn-a da Mainin de issäse invece di dindanäse.... e poi diggo mi, a l'ha anche l'etae d'attrovässe  'n'ommo… Quella a staieiva de longo a dormì. A deve imparà a dässe 'n po' recatto, a fa i mesté de casa…"

PACIFICO  :- "Ma oua son i ommi che sé se veuan sposà devan fa i mesté de cà, fa da mangià se donca e figgie no i piggian. Tûtto l'è cangiòu"

LISA           :- "Se vedde che teu figgia a l'è aggiornà perché a sta in letto a abbrassäse a borsa de l'aegua cäda e a fa di gnau, gnau a-o telefonin… chissà con chi poi…"

PACIFICO  :- "A propoxito de gnau gnau, no te pä che quande vegne teu nessa ti mostri troppa differenza in to trattamento dë due figge?"

LISA           :- "Ammia Pacifico, precisemmo, a Giada a l’è mae nessa e…”

PACIFICO  :- "…ospite.."

LISA           :- "D’accordio, ospite ogni tanto…fintanto ché mae frae o no ritorna da l'estero dovve l'han ciammòu pe' travaggio e a no peu ësse trattà che comme ospite… a no gh' è mai. Ti sae ch'a l'ha perso a moae e mi a tratto comme s'a fisse 'na figgia mae, visto che noiätri duì no n'emmo faeto"

PACIFICO  :- (ironico) "No l'è corpa mae se s'è rotto a vascellea… Comunque no se devan fa de differenze. I zoeni devan esse trattae ä stessa mainéa, se donca poi no veddan l'öa de taggià a corda pe' levase d'in ti pë; coscì i perdemmo"

LISA           :- "Oua no esageremmo. Mi ä Mainin l'ho tià sciù da piccinn-a e ghe veuggio ben… Però vorrieiva ch’a se descc-iullesse…ch'a se sentisse ûtile…Comunque segge l’è inûtile regiäla, tanto a vitta l'è 'na reua; <oggi a te e domani>…"

PACIFICO  :- "..torna a mi, coscì no cangia ninte. Cangemmo discorso e parlemmo de cösse serie. Cösse se mangia ancheu, torna do precheutto in scàttoa comme sempre?  No se mangia mai de trippe accomodae, stocchefiscio cö i bacilli…"

LISA           :- "Se teu figgia a m'aggiûttesse invece che perde do tempo, te preparieiva quarcösa de fin..."

PACIFICO  :- (ironico)"Scì, pesto do supermarket faeto cö porsemmou, pescio sûrgelòu, eccetera, eccetera"

LISA           :- "Ma se poco tempo fa ho faeto i raieu cö ûn tocco de funzi da perleccäse i mustasci..."

PACIFICO  :- (con comicità) "Beleu Lisa, oua che ti me o dixi me regordo… l'éa o Natale de trei anni fa!"

LISA           :- "Ti veddi che te l'ho faeto"

PACIFICO  :- "Che memöia! Eh, dïxe ben o proverbio:<Chi làua mangia 'n'anciöa, chi no làua ne mangia due>"

LISA           :- "E ti che t'è de longo chì invece che a-o travaggio, ti ne mangi tre!"

MAININ     :- (rientra vestita ma un po' goffa… ha il cellulare all'orecchio)

LISA           :- (la squadra disapprovando col capo) "Va ben che chì a San Çeprian no ghe fan guaei cäxo, ma se no ti te dae 'n po' ciù de recatto chi t'eu che te stag- ghe appreuvo… quello benärdo do Terenzio?" (cerca di aggiustarle le spalle del cappotto o mantellina)

MAININ     :- (al telefonino) "Ma no, tranquilla, no stemmo ratellando, a l'è a moggé de mae poae…" (continua la conversazione appartandosi)

PACIFICO  :- (che intanto si versa in un bicchiere dell'acqua) "Lascila 'n po' quëtà.. a l'è 'na figgia senza malissia.. a quelle cöse a no ghe pensa ancon.." (beve)

LISA           :- "Ma famme o piaxéi <senza malizia>. Mì, éo senza malissia.. timida e ingenua…"

PACIFICO:- (a questa battuta spruzza l'acqua che stava ingoiando e tossisce. La figlia le batte una mano sulla spalla)

MAININ     :- (staccando un attimo il cellulare dall'orecchio) "Ma pà, se ti beivi in strangoggion te va l'aegua pe' traverso…"

PACIFICO  :- "Ti savesci quello che me va pe' traverso.."

MAININ     :- (al cellulare) "No so se posso…"

LISA           :- "Te va pe’ traverso quello che me va a mì..! Tûtto perché me son lascià convinçe quande ti me seunnavi o mandorlin cantandome <Lisa dagli occhi blù>. Poscito ëse… Se proppio t'eu saveilo… (civettuola) ..a me mi stavano approvo i più meglio della sala da ballo del dopolavoro ferroviario e ce n'era uno che ci aveva anche il negossio da bezagnino… e invece… t'òu lì chi ho piggiòu… ûn bancà..!"

PACIFICO  :- "L'è comme t'esci piggiò 'n bancà..rio, solo che a parola a l'è 'n po' ciù cûrta, <bancà>, artigiano del legno che sa far mobili, infissi e…"

LISA           :- "...casce da morto!"

PACIFICO  :- "E ben? Quello o l'è 'n travaggio dovve i clienti no mancan. Pensa ch'o avûo 'n ordinazion de 47..."

LISA           :- ".. casce da morto! Bella ordinazion"

PACIFICO  :- "Se vedde che han finîo a scorta. Del resto cara mogliera, è un... comme se peu dï… un contenitore utile e anche tì ti n'aviae de bezeugno…ûn bello giorno"

LISA           :- (facendo le corna) "Bello giorno foscia pe' tì, che poi, o l'è 'n bello dî, ma o l'è tûtto da vedde…Mia, cangia argomento... (alla ragazza) Senti 'n po' o Rocco o va con l'Ape zû a Pontedeximo, digghe s'o te dà 'n passaggio fin-a a-o marcket coscì t'accatti quello che t'ho scrïto in ta notta... tè, chi ghe son anche e palanche" (porge una lista)

PACIFICO  :- (come sovvenendogli, porge un'altra nota che ha cercato nelle tasche) "E stacca da l'oégia quello telefonin e stamme a sentì… Za che ti gh'è a bocca averta te daggo 'na notta mi ascì, coscì avanzo de chinnà in zû. Ti me piggi 'n chillo de semenze da mezûa ch' ho scrïto e da colla arabica…”

MAININ     :- "A-o marcket?" (toglie il cellulare)

PACIFICO  -:- (ironico) "No, da o bezagnin…quello che <stava approvo> alla Lisa!"

MAININ     :- "Ma 'n chillo de semenze... pe' l'orto? No l'è stagion!"

PACIFICO  :- "Santa pazienza… Ninte orto e ninte bezagnin, son de stacchettinn-e piccinn-e; vixin a-o marcket gh'è anche a ferramenta do Gino, ti ghe dïxi che quande chinn-o in zû passo a pagà. (alla moglie con comicità) Grassie da cicoria… a me ricorda o tempo de guaera… Se vedemmo…(con eloquenza) vaddo a travaggià…MI" (esce)

SCENA II

(Lisa – Mainin)

LISA           :- (a Mainin) "Assettite che a colazion a l'è pronta"

MAININ     :- (compone un numero al cellulare e parla) "Aggi pazienza ma ho dovûo serrà… ti sae comm'a a l'è… Figûrite che me dixan che gh' ho de longo o celleluare aççeizo… Se no parlo con tì che t'è 'n'amïga no gh' ho nisciûn ätro… " (pausa)

LISA           :- (si stupisce, mani sui fianchi, scrolla la testa disapprovando)

MAININ     :- "Devo andà a Pontedeximo a-accattà a-o marcket… primma fasso colassiòn…. Cöse mangio?… O solito, laete e pan con a marmellata e ti?"

LISA           :- "Laete, pan e marmellata anche lé!"

MAININ     "…Cösse?… Croissant? Che roba a l'è?… Scherzo…o so beniscimo (mima che non lo sa) Figûrite che mae mojegna a me i prepara tûtte e mattin… No ti ghe creddi?"

LISA           :- "Manco mi"

MAININ     :- "Va ben… se vedemmo a-o marcket… Comme? Ah, m'accompagna o Rocco con l'Ape. (pausa) Oh, a lé ghe saieiva cäo ma a mì, gente do paise manco pe' rïe…Ciao… " (conclude la conversazione)

LISA           :- (scimmiottando Mainin) "A mi, gente do pàise…Ma chi ti te creddi d'ësse… Gh’è da brava gente chì… Mi no ho foscia piggiòu ûn do pàise? Anche se mogognemmo de lungo so ch’o l’è ‘n brav’ommo…Ma dimme 'n po' …cösse son i croissant che mi te preparieiva tûtte e mattìn?"

MAININ     :- "L'ho visti 'na votta in te 'n bar… Son comme di panetti döçi faeti a mëzalûnn-a"

LISA           :- (ironica) "No saveivo che te-i faxeivo. (accennando al cellulare) E chi o l'éa?"

MAININ     :- "Chi a l'éa… a Franca do spezià… a va in zù anche lé e se vedemmo"

                        (si sente il clacson e il rombo del motore)

LISA           :- "O Rocco… O l'è za pronto e ti t'hae ancon da fa colaziòn"

MAININ     :- (si alza e uscendo a sinistra dice) "Mangiòu doppo… Digghe ch'o l'aspëte

LISA           :- (apre la porta esterna) "Rocco… aggi pazienza, da chi a mezôa a vegne sûbito… spero… E m'arraccomando, andae cianin… metteive o casché..."

MAININ     :- (da fuori) "O CASCO e no o CASCHÈ"

LISA           :- "Va ben… quella röba lì.."

MAININ     :- (sempre da fuori) "Ma o casco o se mette solo pe' a moto"

LISA           :- "Se ti te issävi primma ti poevi fa colassiòn…"

MAININ     :- (rientra) "A faiò in te 'n bar con a Franca… approfittiòu pe' assazzà i croissant. Ciao" (esce)

LISA           :- “Ciao. Chi gh'accapisce l'è bravo...Fan colazion con da röba confezionà che magara a l'è pinn-a de porcaie, con di condimenti strani e refûan o pan con a marmellata o con o bitïro… e 'sto laete?… Mah, faiòu 'n budin; me rincresce straggiälo. (leva tutto dal tavolo e porta in cucina mugugnando) 'Ste figge, son de longo attaccae a-o telefonin... Te gh' han 'na rapiditaè in to mescià e dîe in sci tasti che se ghe l'essan mai a travaggià… Mah…l’avvegnî o l'è di zoveni…Fan quello che ghe pä…O mondo o va a reversa… quand’éa zovena mi, comandavan i vëgi, oua comandan i zoveni… e mi quande comando? Mai! Forza Lisa, andemmo a fa e stanzie” (esce a sinistra)

SCENA III

(Terenzio – Pacifico)

PACIFICO  :- (entra con Terenzio) "Te daieiva 'na man a scc-iappà a legna, ma gh' ho o travaggio da portà avanti"

TERENZIO :- (sulla quarantina o poco meno, indossa un camicione a quadretti colorati, bretelle, un cappellaccio di panno. Parla con dialetto dell'entroterra) "Pài, son solo VINTI QUINTALI e 'na votta scc-iappae bezeugna scistemmà tûtti i ciocchi... (salace) cösse ti veu che segge mai. In te 'na settemann-a… l'è sûbito finio!"

PACIFICO  :- "Va ben…no remenäla de longo… do resto te paghemmo pe' o teu travaggio"

TERENZIO :- "Euh, te lascio dî… manco ûn romeno o vegnieva pe' e palanche che ti me dae…"

PACIFICO  :- "E alloa perché ti ghe stae?"

TERENZIO :- (seccato) "All'antù me ne aggo e te lascio finì a tì!" (fa l'atto di uscire subito fermato da Pacifico)

PACIFICO  :- "Ma dovve ti vae con 'sta néje... Finisci o travaggio e poi, intanto che ti te ripösi… ti spaliae a néje d'intorno ä cà e in te l'orto"

TERENZIO :- (ironico) "Nint'ätro? Teu 'na man anche in laboratorio? Se vuoi mi metto a fare anche il falegname…(riflettendo) 'n'accapiscio perché in italian o se ciamme <falegname>… non lo fa mica il legname… semai lo lavora … (ridacchia compiaciuto della battuta) Te pâ?"

PACIFICO  :- "Dovieiva rïe?"

TERENZIO :- (si guarda attorno come se cercasse qualcosa o qualcuno)

PACIFICO  :- (nel frattempo aveva preso una bottiglia o fiasco e due bicchieri, versa due grappini, poi a Terenzio, offrendo) "Tegni che s'ascädemmo intanto che a Lisa a no me vedde, a dïxe che o fa mâ a-o colesterolo… Ä salûte!"

TERENZIO :- "Salûte… che no gh'è dinae pe' poeila pagà e attento a-o teu <polistirolo" (beve e si guarda attorno. Fa scena bevendo il grappino che è forte)

PACIFICO  :- "Colesterolo!… Terenzio… l'è inûtile che t'ammîi in gïo… A no gh'è!"

TERENZIO :- (facendo lo gnorri) "Chi l'è che no gh'è?"

PACIFICO  :- (che sembra divertirsi a mettere in imbarazzo Terenzio) "A personn-a che ti çerchi"

TERENZIO :- "Mi?"

PACIFICO  :- "No, quell'ätro! No fa o nescio che t'hae accappìo beniscimo… A l'è andaeta a Pontedeximo… (spara la battuta sapendo di irretire Terenzio) in scé l'Ape cö Rocco"

TERENZIO :- (ha un gesto di stizza mal dissimulato e sottovoce) "Sidoro! (poi, con malcelata noncuranza) E… comme mai proppio con quello sciätagalinn-e do Rocco? Quello o l'è ûn ch' o l'allunga e moen, a quante dixan"

PACIFICO  :- (ironico) "Ti preferivi ch'o l'allunghesse in sce tì? (uscendo) Sei dell’altra sponda?”

TERENZIO :- “No dî de scemmäie”

PACIFICO  :- “Andemmo se donca a legna a no se scc-iappa da sola"

TERENZIO :- (si volta un attimo, guarda attorno e uscendo impreca. Lascia la porta aperta) "Cö Rocco…Sidoro!"

SCENA IV

(Lisa – Zorzo)

LISA           :- (rientra e, sulla porta, guarda fuori) "Quelli duì me pä che cuae de travaggià…(chiude la porta e guarda l'ora) L'è ancon fïto pe' innandià o mangià … Tanto o sûgo l'ho accattòu za faeto, i puisci ghe l'ho in ta scatoéta za cheutti e condìì.. basta ascädali 'n po' in ta poela, o pan ö porta a Mainin, o laete o gh'è a lunga scadenza, e patatte, anche se gh'han o nasciòn[4] ghe son, o vin o gh'è.. Cöse gh'ammanca..? Ah, a poligrinn-a, oua se dïxe ‘candegginn-a’, ma quella a l'è in ta notta dä Mainin…. Va ben, alloa posso telefonà ä mae amiga Emma. (compone un numero) Ancon da sé ch'emmo tegnûo o telefono fisso…no me gh’attreuvo cö cellulare… quelli tasti coscì piccin… sciacco 'n nûmero e ne spuntan trei... (rispondendo al telefono) Ciao Emma, cöse ti stae faxendo de bello? (pausa. Poi ogni tanto esclama con gesti di sopportazione) Ah!…Ah!...  Ah!.. Coscì ti stae preparando o tocco con i funzi? (pausa) No, mi no… l'emmo mangè véi e o Pacifico o l'è stûffo…t'accapiae, trenette a-o pesto, lasagne cö tocco de funzi, levre in salmì, raieu 'n giorno scì e l'ätro paegio (espressioni di comicità perché le spara grosse) e coscì o vorrieiva cangià e mangià roba… comme dï…casereccia ecco, comme pasta e faxeu, menestron con e cuîghe.  Veuggio ch'o mange röba genuinn-a, faeta in casa…(pausa) Cösse gh' ho preparòu?…(dandosi un certo tono) Pesce galoppante del Baltico con pasticcio di mais… Che röba a l'è?… Ma comme, 'na cheuga comme tì…Va ben, poi te spiego… ah, pe' teu informazion doman ghe preparo <becco di bibino con salamin e beròdi alla francese>… Comme se fan? (tergiversa mimando che non lo sa) Ehm… l'è 'n po' complicòu… e poi a-o telefono... Uh, scûsa, me se brûxa o soffrïto, aggi pazienza, se sentiemo 'n'ätra votta, ciao. (posa il ricevitore) A l'è arrestà mûtta… A se dà tante de quelle äie (sorridendo con ironia) Ah, ah… s'a savesse che o pesce galoppante del Baltico con pasticcio di mais…l'ho letto in te 'n menù do ristorante dove'emmo mangiòu cö Pacifico quande me son majà… (ironica) o no l'è ätro che polenta e baccalà…" (bussano alla porta ma Lisa non sente. Si aggiusta i capelli dando le spalle alla porta stessa)

ZORZO       :- (Uomo brizzolato, ben vestito entra non visto dalla donna e con voce tonante) "Signoria scignoa!"

LISA           :- (fa un balzo comico in avanti gridando e portandosi una mano al cuore) "Ah!"

ZORZO       :- (preso di sorpresa grida anche lui spaventato) Ah!… (si riprende e poi con fare affettato e modi signorili) "Scià no se sciäte scignoa…a sentila crià m'acciappòu 'n resäto a mi ascì… Ho piccòu… a porta e a l'éa averta e.."

LISA           :- (ansimando si lascia scivolare su una sedia) "Ciû 'n po' scià me fa vegnì 'n'aççidente… (riprendendosi e con rapido tono accusatorio) Ghe scommetto ch'o l'ha faeto intrà quello mariölo[5] de mae màjo pe' famme vegnì 'n corpo..." (si deterge la fronte con un fazzoletto mentre Zorzo si avvicina facendole fresco con un giornale preso dal tavolo e invitandola a sedersi. Premuroso, le passa una mano sulla testa)

PACIFICO  :- (entra, vede la scena, resta un attimo sbigottito e poi esplode. Alla moglie) "Cösse son 'ste smancerie?!… T'è piggiòu a smangiaxon primaverile tûtt'assemme? Ammia che semmo in inverno… E chi o l'è questo damerin?"

LISA           :- (con poco fiato) "O me fa.. o me fa fresco.."

PACIFICO  :-(sempre adirato) "Ah, 'n'ommo solo o te fa fresco... e cösse ti ne pretendi, duì che te fassan cädo? (a Zorzo) E Voì cösse ghe fae arrembòu a mae moggé?!

ZORZO       :- (imbarazzato) "Voscià scià l'è… Pacifico?"

PACIFICO  :- "Scì, ma in questo momento son accassìo[6] (lo prende per il bavero. Comi- cità in quanto Zorzo viene spinto indietro e lui spinge in avanti)

ZORZO       :- "Ma… ma sciò Pacifico… scià fasse onore a-o so nomme… scià no s'arragge... o l'è 'n'equivoco.."

LISA           :- (che sta riprendendosi, guarda compiaciuta il marito e con pacatezza) "Lascilo stà... no accabbannâte[7]… Però… (si avvicina civettuola al marito, gli toglie la mano dal bavero su Zorzo, il quale arretra perdendo quasi l'equilibrio) No te faxeivo gïoso… ma alloa… quande ti me mandi di aççidenti l'è perché ti me veu ben"

PACIFICO  :- (imbarazzato) "Ciantila lì… con ti ne parlemmo doppo (a Zorzo, severo) Allòa… voemmo spiegäse?!"

ZORZO       :- (impaurito e un po' servile) "Ecco.. scià vedde... ho piccòu ä porta ma evidentemente a so scignoa a no l'ha sentìo... a porta a no l'éa serrà, son introu e.."

LISA           :- ".. me son sentïa 'na vöxe derré a-e spalle e gh'ammancou poco che me vegnisse 'n'aççidente in sciò serio"

PACIFICO  :- (con comicità) "E invece, ninte… Eh, quande e cösse veuan andà storte"

LISA           :- "Cösse ti mugugni?... Me son assettà e o scignoro o çercava de famme fresco"

PACIFICO  :- "No gh'è abbastanza fresco con a néje che gh'è? (all'uomo) E voì cösse sei vegnûo a fa?"

ZORZO       :- "Ecco… se scià me permette me presento: Giorgio Bellagamba… Zorzo pe’ i amïxi"

PACIFICO  :- (squadra le gambe di Zorzo) "Bellagamba… Saià.."

ZORZO       :- (estrae dal taschino un biglietto da visita che porge a Pacifico) "Immobiliarista"

LISA           :- "Che röba a l'è?" (siede)

PACIFICO  :- "Noiätri no emmo bezeugno de mobili… Quelli i fabbrico mi!"

ZORZO       :- "Davvei scià costruisce mobili?…Interessante… Porrieiva aveine de bezeugno"

PACIFICO  :- (pensando di avere un probabile cliente si disinteressa della moglie) "Interessante scià dïxe? Ma prego… scià s'accomodde Sciò Gambetta, che ghe spiego.."

ZORZO       :- “Bellagamba… ma scià me ciamme Zorzo…”

LISA           :- (sbracata sulla sedia si fa fresco con un fazzoletto e fa scena vedendo il marito che sembra fregarsene di lei. Tra sé) "O s'è za ascordòu de mì!"

PACIFICO  :- "Fasso tanti travaggi che son richiesti in to pàise e d'intorni, anche pe' di mobilieri de Zena, mobili in sciè mezûa e in to stile che me ordinan"

LISA           :- (scocciata della disattenzione, si alza ed uscendo dice con sarcasmo..) "Tra 'na cascia da morto e l'ätra.."

ZORZO       :- (untuoso) "Molto interessante"

PACIFICO  :- "… e, comme dïva mae moggé…anche …feretri "

ZORZO       :- "Anche! Bene,  porrieiva aveine de bezeugo pe' o Sud-America"

PACIFICO  :- "Ma perché là no ne fan?"

ZORZO       :- "Scì, ma non son comme quelle fabbrichae in Italia. Me servieivan con 'n'intercapedine de çinque-sei citti in sciò fondo…scià peu fäle?"

PACIFICO :- "Oh, bella questa… e comme mai… I morti patiscian l'ûmiditae?"

ZORZO       :- "Perché… l'è ûsanza de quelli posti…climi tropicali… poi ghe saviòu dì quante me ne servan… devo contattà o mae collaboratò de lazzù, ûn collega… se scangemmo i clienti… comme gh' ho dïto fasso l'immobiliarista e son anche soccio de ‘n’agenzia de Pompe Fûnebri…"

PACIFICO  :- (mima tra sé, che non ne conosce il significato di <immobiliarista e gira attorno all'argomento) "Pompe fûnebri… beniscimo e anche o <mobiliarista> o dev'ësse è 'n bello mesté…o no l'è de picco e pala nevvea?"

ZORZO       :- "Ah, ah… scherzoso o scignoro… picco e pala, ah, ah.."

PACIFICO  :- "Me piaxe scherzà anche perché con quello mesté che scià fa se va a… se va a caccia, eh?…" (tergiversa con comicità attendendo che il suo interlocutore risponda per sapere se ci ha azzeccato)

ZORZO       :- "Ecco! Scià l'ha daeto colore a-o mae dî"

PACIFICO  :- (che non capisce il significato ma crede di aver azzeccato il mestiere di Zorzo) "Colore? …Mae moggé de votte a me manda a dà do colore… Ma quella a l'è 'n'ätra cössa"

ZORZO       :- "Me fa piaxei veddilo scherzoso, se crea l'ambiente pe' parlà. Ma, riguardo a-o mae travaggio, scià l'ha compreiso beniscimo che…"

PACIFICO  :- (con faccia tosta) "Ma natûralmente… comme Pompe Fûnebri... semmo che travaggio o l’è, e comme mobiliarista scià fa…"

ZORZO       :-"…tratto case, ville, terren, compra e vendita e anche mobili d'epoca.."

PACIFICO  :- "Ah!... L'è quello che stava pe dî"

ZORZO       :- "M' ha indirizzou chì 'n certo…(legge un bigliettino che aveva in tasca)...ûn certo Rocco Cucirillo"

PACIFICO  :- "Ah, o Rocco e quande scià l'ha visto?"

ZORZO       :- "Beh, quarche giorno fa e sciccomme çerco anche 'na stanzia in affitto da ûsà comme scagno in loco…"

PACIFICO  :- (interrompendo) "Loco? Quella localitae a no l'è chì.. Scià deve andà verso Rovegno, Loco di Rovegno"

ZORZO       :- "Sempre scherzoso… scià m'ha accappìo beniscimo… loco, intendendo in sciò posto e-o m' ha dïto de vedde se pe' cäxo scià gh'avesse 'na stanzia, coscì avieiva a zona sotto controllo pe' cûrà i mae affari nevvea"

PACIFICO  :- (tergiversando) "Veramente no saviae… e poi avei da gente pe' i pë… Oh, scia me scûse… l'è che no semmo abituae a-avei di foresti in casa.."

ZORZO       :- (sornione) "Senza contà… che porrieva sciortì do travaggio da bancà… Chi accatta di immobili de votte veu cangià anche i mobili"

PACIFICO  :- "Davvei?"

ZORZO       :- "Ma s'accapisce"

PACIFICO  :- "Sentimmo primma cösse dïxe a donna (chiama) Lisa!.. Lisaaa!… A no sente. Ghe faiò savei… se scià me veu lascià o numero do telefono…"

ZORZO       :- "No me pä o cäxo… son sempre in gïo… semai ripassiòu, se no destûrbo s'intende"

PACIFICO  :- "Comme scià credde"

ZORZO       :- "D'accordio, e scià me sacce dî, coscì se ingranemmo ne staiemo ben tûtti duì, segge pe' o mae travaggio,(untuoso) segge pe' o seu e poi… gh'è anche a pixòn de 'n'eventuale stanzia pe' o scagno… Signoria"

PACIFICO  :- "Scignorìa anche mi…L'accompagno e intanto ghe fasso vedde o mae laboratoio" (escono)

SCENA V

(Terenzio – Lisa)

TERENZIO         :- (entra in scena poco dopo e chiama) "Lisaaa, ti gh'è?"

LISA           :- (entra da sinistra) "No dimme che t'hae finìo de scistemmà a legna"

TERENZIO :- "E l'è 'n bello dî scistemmà a legna… son solo e ghe n'è ancon mëzo furgon da scaregà"

LISA           :- (intanto scopa) "E alloa comme mai ti perdi do tempo?"

TERENZIO :-(imbarazzato)"Ecco…avieiva da fäte 'na domanda…ma no so se posso"

LISA           :- "Basta che no ti me domandi de palanche, perché ti sae comme dixan quelli de Torriggia: chi veu tûtto ninte piggia.. alloa, de cöse se tratta?"

TERENZIO         :- "Ecco… mi.. mi…"

LISA           :- "Anche mi… Sciù che n' ho mïga do tempo da perde"

TERENZIO :- (facendosi coraggio) "Ecco.. sci insomma… mi ... (deglutisce e poi spara la battuta) me son innamuòu de… de 'na donna de questa casa! Ecco, l'ho dito"

LISA           :- (smette di colpo di scopare, allarga il braccio con la scopa che tiene come un <'pié d'arm> e sbotta) "Cösse?… Innamuòu de ‘na donna de questa casa? Brûtto mangiapan a tradimento, ma no ti l' hae vergheugna?.. T' hae proppio o muro comme e lastre… ma comme ti te permetti!"

TERENZIO :- (spaventato e balbettante) "Do…domando scûsa se inscisto ma… a me piäxe…e poi… al cuore non si comanda.."

LISA           :- (scatta ed alza la scopa rincorrendo Terenzio che gira attorno. La donna, stanca ed ansante, si ferma e si siede) "Va ben che a 'na donna i complimenti fan sempre piaxei… ma a tûtto gh'è 'n limite… Mi son majà a quello rûstegho do Pacifico, ghe veuggio ben… e poi… ghe saian quaexi vint'anni de differenza"

TERENZIO :- "Ma cösse ti dixi.. son ciù vëgio mi da Mainin"

LISA           :- (comicità ;un attimo di silenzio come a voler raccogliere le idee) "Ah, ...a Mainin… credeivo che…(si alza, gira attorno a Terenzio squadrandolo dalla testa ai piedi) E a ti te pâ che a Mainin a piggieiva ûn comme <il qui presente Terenzio>"

TERENZIO :- "E perché no?… Gh' ho a casa di mae chi a San Çeprian… cö riscaldamento autonomo… gh'ho 'n po' de taera e quarche erbo da früta e…"

LISA           :- "…e poae e moae vëgi da stagghe appreuvo…"

TERENZIO :- "Beh, no son ciù zoveni ma son ancon autonomi"

LISA           :- "Comme o riscaldamento. A Mainin pe' oua lascila quetà e no t'azzardà a invescigäla perché se donca te mando a spiguà, inteixi?.. E oua vanni a scaregà a legna... Vira pelandron!"

TERENZIO :- "Vaddo ma ..(esclamando) ...a no finisce chi perché… comm' ho visto e sentìo in te 'n film: <l'amore trionferà!>" (esce)

LISA           :- "Eh, l'amò da zoventû o l'è 'n feugo de paggia…(si specchia aggiustandosi una ciocca dei capelli e tra sé) Che stondàia a pensà che fïsse mi quella che … Eh, o mae bezagnin… Ancon da sae che no l'ho piggiòu… o l'è andaeto in rovinn-a… ma questo o Pacifico o nö sa… Dai Lisa, cösse ti dïxi… (suonano alla porta, Lisa va ad aprire) Saià a Mainin…"

SCENA VI

(Lisa – Nicoletta - Terenzio)

NICOLETTA:- (con fazzoletto in testa, sporta, entra da fuori) "Scûsa Lisa se te destûrbo ma avieiva 'n piaxéi da domandate…'na richiesta… (titubante) ûn prestito.."

LISA           :- "Se posso, voentéa, basta che no seggian palanche…perché ti sae comm'a l'è, a prestà di dinae se riscc-ia de perde l'amicizia e anche i dinae. Cösse te serve?"

NICOLETTA:- "Ho visto o Terenzio ch'o sta scaregando a legna…"

LISA           :- "E alloa? Ti voeivi mïga dagghe 'na man?"

NICOLETTA:- "No, no… Ecco… mae màjo o n' ha ordinou diversi quintali ma han dïto che no ghe n' han ciù… balle perché a ti te l' han portà"

LISA           :- "E l'ho anche pagà in sciè l'ungia"

NICOLETTA:- "Capiscio ma se… ecco… ti porriesci dî a-o Terenzio de tegnïnne 'na bonn-a parte caregà e portamela da mì?.. Poi te a pago"

LISA           :- "Ma se a no bastià manco pe' mì...Ti veddi Nicoletta, se mi te ne daggo, poi a m'ammanca a mì e a-o momento ch'a finisce piggiescimo do freido in duì; invece se no te ne daggo, piggia freido solo ûn. Me son spiegà?"

NICOLETTA:- "Euh, ätro che!… Piggieiva freido solo mì…Cösse t' hae puja che no te a paghe?"

LISA           :- "Puja no ghe l'ho perché so za che no vedieiva manco un citto, do resto l'è ben pe' quello che t' han dïto de no avei ciù legna"

NICOLETTA:- (siede dispiaciuta e col magone in gola) "T'hae raxòn… ma e poche palanche ch' intran van quaexi tûtte pe' pagà o mutuo da casa. Primma a l'éa 'na somma abbastanza raxonevole…strenzendo 'n po' o curesìn[8] se poeiva andà avanti, ma oua a banca a n' ha aumentòu o rateo e pe' no fasse pignorà a casa emmo rinunziòu a-accattà a legna, risparmiemmo in ta lûxe e ätre cösse… Scûsime Lisa, ho tentòu… ma t' hae raxòn… pe' sta a o freido in dui…" (si alza triste)

LISA           :- (con dolcezza) "Dovve ti vae…aspëta 'n momento… no t'è a sola a avei di pensciéi. Ogni casa, anche se fan mostra de ninte, gh' ha a so cröxe… Noiätri ascì stemmo attenti a-e speize, a Mainin a no l'ha ancon trovòu 'n travaggio, anche se gh' han promisso 'n posto da centralinista a Radio-Taxi e s'a no basta dovemmo ancor riparà i danni de l'allûviòn derrè a casa. Comme ti sae emmo faeto 'n'anno fa a richiesta di danni ä Provincia e finn'òua no s'è visto manco 'n citto e manco son vegnûi a controllà i danni. N' han dïto che mandian 'n funzionäio pe' controllà a situazion, ma… o se dev'ëse perso in ti boschi perché no l'è vegnûo mai nisciûn"

NICOLETTA:- "Se sa comm'a l'è; se ne dovemmo dà allòa son solleciti a piggiäli, ma se ti ne devi piggià, te lascio dì… Beh, fanni conto che no t'àgge dïto ninte… in te 'n moddo o in te l'ätro, s'arrangiemo" (triste si avvia all'uscita e viene fermata da Lisa)

LISA           :- (con dolcezza) "Benedetta donna, aspëta 'n momento (apre la porta esterna e chiama) Terenziooo… Vegni un po chì" (l'attende sull'uscio)

TERENZIO :- (si presenta) "Se gh'è?"

LISA           :- "Intanto nettezzite e seue de scarpe che ti me inciastri o pavimento…"

TERENZIO :- (esegue ed entra salutando Nicoletta) "Bongiorno Nicco"

NICOLETTA:- "Bongiorno anche a ti"

LISA           :- (a Terenzio) "A che punto t'è con a legna?"

TERENZIO :- "No son manco ä meitae"

LISA           :- "Ghe demmo de ciatto eh zovenotto?"

TERENZIO :- "Se me ciammae de longo… Primma m' ha ciammòu o Pacifico che ghe desse 'na man a spostà 'n macchinäio… oua ti me ciammi ti.. "

LISA           :- "Va ben, va ben, stamme a sentì, tegnine careghae 'n pà de quintali e portili a cà dä Nicoletta"

TERESA    :- "Pe mì va ben ma o Pacifico o l'è d'accòrdio?"

LISA           :- "Cösse te ne frega a ti de savei se mae màjo o l'è d'accordio o no, fallo e basta!"

TERENZIO :- "Va ben, ma o Paficico poi…"

LISA           :- "… o l'arrestià pacifico!"

TERENZIO:- (a Lisa, portandosi comicamente una mano alla fronte nel saluto militare) "Agli ordini signora Pacifica. Dïva coscì perché a stagion passà o m' ha accûsòu d'avei grattòu da legna e no vorrieiva che anche 'sta ‘otta…"

LISA           :- "Tranquillo t' ho dïto… ghe penso mì… Oua vanni"

TERENZIO         :- (uscendo) "Vaddo, vaddo"

NICOLETTA:- "Oh, grassie Lisa… appena-a posso saviòu sdebitäme" (si alza)

LISA           :- "No piggiäghe o vissio però"

NICOLETTA:- (abbraccia Lisa commossa) "Son pochi quelli ch' aggiûttan chi n' ha de bezeugno… Aveiva vergheugna a domandate ma… a necessitae..."

LISA           :- "No preoccupate, oua vanni e se t' hae de bezeugno picca pûre ä mae porta, ma de raeo, eh?…Se faià quello che se peu e no sta a dî ninte a niscûn da legna, no vorrieiva avei di ätri clienti…"

NICOLETTA:- "Ho attrovòu 'n'amïga che no saveivo d'avei... Grassie"

LISA           :- (accompagna l’amica alla porta) "A riveise” (richiude)

SCENA VII

(Lisa – Martina)

(squilla il telefono e Lisa va a rispondere)

LISA           ”Pronti?.. Ah, t’è tì Delaide… Cösse gh’è?… Te sento zù de corda... (pausa) Oh.. comme me despiaxe meschinetto… E quande o l’è morto o Drïa? (pausa) Cösse ti veu mai… l’è ‘n bello dî ‘fatte coraggio’ ma accapiscio che tra il dire e il fare… Se t‘hae bezeugno de quarcösa fammelo savei… Ciao (posa triste la cornetta) Meschinetta anche lé, a novant’an- ni… senza nisciûn..” (suonano alla porta e va ad aprire. E’ l’amica Martina)

MARTINA :- (entra con aria un po’ triste) “Ciao Lisa”

LISA           :- “Martina?… E comme mai?… Son anni che no se vedemmo”

MARTINA :- “T’hae raxòn…. Posso assettäme?”

LISA           :- “E comme no… ma cösse gh’è?… T’è zù de corda ti ascì?… T’hae sacciûo dä Delaide?”

MARTINA:- “No, ma ho sacciûo che mae figgio…”

LISA           :- “…teu figgio…?”

MARTINA :- (scoppia a piangere)  “O SE SPOSA!!”

LISA           :- “O Mariëto? Ancon da sae… l’éa tost’öa”

MARTINA :- “Ma mì e mae màjo… arrestiemo soli…Ih, ih, ih…”

LISA           :- “O bella Madonna cäa… invece d’ësse contenta… Lascia cianze a Delaide meschinetta che gh’è morto seu màjo”

MARTINA :- “Davvei? … O l’éa ancon zoveno o Drìa…”

LISA           :- (tra l’ironico e il salace) “O l’aveiva solo novanteçinque anni”

MARTINA :- “Ghe mandiò ‘n telegramma”

LISA           :- “E mi paegio… E coscì, doppo tanti anni ti t’è ricordà de mi”

MARTINA :- “No l’è che me segge ascordà de ti… l’è che se dïxe sempre <oua a ciammo, oua a ciammo> poi passa o tempo e…”

LISA           :- “..e oua ch’o se sposa o Mariëto… t’è vegnûo in mente… Ûn caffè?”

MARTINA :- “No, grassie.. l’ho appena-a piggiòu dä Zoraide che gh’ho portòu e confìttûe…. A propoxito (porge una scatoletta) l’ho portae anche pe’ ti”

LISA           :- “Ah… e va ben… grassie” (prende)

MARTINA :- (con un po’ di acredine) “Teu màjo e seu figgia… stan ben?”

LISA           :- “Scì, mae màjo e seu figgia, ringrassiando o Segnô, stan ben! Ti pensavi o conträio?”

MARTINA :- “Mi no ma… a Nicoletta a m’ha dïto che ratellae de lungo e coscì… (sottile) aveivo puija che no andesci d’accordio”

LISA           :- (ironica) “Che gentile. L’è o nostro moddo…de voeise ben… Ti veu savei de l’ätro?”

MARTINA :- “No, ma za ch’éo chì…voeivo dïte che (accennando ai confetti) no l’è o caxo che ti te destûrbi pe’ o regallo a-o Mariëto… Comunque o l’ha faeto a lista de nozze a Pontedeximo da ‘Canepa-casa’ “

LISA           :- “Coscì tûtti vegnan a savei cösse gh’han regalò, quante han spéizo”

MARTINA :- (infingarda)  “Ma pe’ caitae… no gh’è obbligo…abasta anche… comme se dïxe… abasta anche o pensiero…”

LISA           :- “Quello ghe l’ho”

MARTINA :- “Ma se proppio t’inscisti…. veddi ti… tûtto l’è ben accetto… Anche a Nicoletta a fa quello ch’a porrià nevvea…”

LISA           :- “Meschinetta, quella l’è mëgio lasciäla quëtà… a l’ha di pensieri…”

MARTINA :- “O so… o muttuo…(malignetta)… In fondo a l’ha voscio a bicicletta e alloa… ch’a pedäle, no?”

LISA           :- “L’ho sempre pensòu che t’è ‘n’amïga!”

MARTINA :- (si alza) “E da amïga te diggo che pe’ o regallo a mae figgio no t’hae da lambiccate o çervello… gh’è tûtto in ta notta da…”

LISA           :- “.. Canepa casa a…”

MARTINA :- “… a Pontedeximo… Te lascio perché gh’ho de ätre vixite… Ciao”

LISA           :- (l’accompagna alla porta) “Ciao e… cösse te devo dî… GRASSIE DA VIXITA COSCI’ SPONTANEA DOPPO TANTI ANNI!” (chiude ed esce a sinistra)

SCENA VIII

(Rocco – Mainin - Pacifico)

MAININ     :- (entra in scena con Rocco. Entrambi hanno borse di roba) "Pösili in scià tòua e grassie do passaggio"

ROCCO     :- "L'è staeto 'n piaxei stäte vixin. (si avvicina intenzionato) Ti me piäxi Mainin"

MAININ     :- (si discosta poco alla volta) "Ciàntila lì… no veuggio che ti me piggi in gïo"

ROCCO     :- "Figûremmose…no te piggio mïga pe' o pané.. diggo a veitae… Mainin damme ûn bäxo.."

MAININ     :- "E gh'ammanchieiva ätro… se mae poae o l'intra stemmo freschi … Oua vanni, grassie do passaggio… "

ROCCO     :- Aspëta 'n pittin… voeivo dïte che se te ciamman a Radio-Taxi a Zena te daiò 'n passaggio tûtte e mattin"

MAININ     .- "No l'è proppio o cäxo… Gh'è l'autobus"

ROCCO     :- "Aspëttiòu che ti sciorti da-o travaggio e andiemo a ballà"

MAININ     :- "A ballà? Ma se no gh' ho manco 'n vestì comme se deve, ti peu accapì.. e poi da tì no ghe penso pe’ ninte”

ROCCO     :- (si avvicina e quasi sottovoce) "Fïto aviò tanti de quelli dinae che no ti te l'asseunni manco e t'aviae tûtti i vestî ciù belli…"

MAININ     :- "No t'andiae mïga a svalixà e banche…"

ROCCO     :- "No, quello no.. ma gh' ho in te moen 'n'affare che s'o va ben… Ma no te posso dî de ciù pe' o momento se donca va tûtto a monte… Mainin… damme ûn bäxin…" (si avvicina per abbracciarla quando entra Pacifico)

MAININ     :- "Ma a tì te gïa o berettin!"

PACIFICO :- "Oh, sei chì? (alla figlia) … e semenze e a colla arabica?"

ROCCO     :- "Gh'è tûtto lì in ti sacchetti"

PACIFICO :- (a Rocco) "Dimme 'n po’, comme mai t'hae dïto a quello Zorzo se gh'affittemmo 'na stanzia.. e comme ti fae a conoscilo?"

ROCCO     :- (un po' titubante) "L'ho conosciûo a Zena perché… perché o m' ha faeto fa di travaggi… di trasporti con l'Ape… o l'è 'n brav'ommo e sciccomme o voeiva mette sciù ûn scagno chì a San Çeprian ho pensòu de fatte guagnà a pixòn, visto che o posto ti ghe l' hae… tûtto fa…"

MAININ     :- "T'affitti a stanzia chì o-a ciàn?"

PACIFICO :- "Sentimmo primma cösse a ne dïxe a Lisa… Parrieiva che ghe fisse do travaggio anche pe' mì. Ah, m'ascordavo… (mostra una lettera alla ragazza) l'è vegnûo o postin con 'sta lettera… a l'è de Radio Taxi… Pare che te ciamman pe' ûn provin" (consegna la lettera)

MAININ     :- "Oh finalmente m' han risposto… ma…. (guardandosi il proprio abbigliamento, la propria capigliatura) no posso presentame a 'sta mainéa..."

PACIFICO :- "Parline con a Lisa… te daiòu e palanche pe' a perrûcchea e in quante a-o vestì… se ghe n'avesse ûn a Giada se no pazienza... ti 'n'accatiae ûn in sciò mercòu o ti te mettiae ‘n pä de braghe, tanto e donne cö-e fädette son sempre ciù raë"

PACIFICO :- (a Rocco) “E ti cösse t’aspëti?”

ROCCO     :- “Ninte… ho solo accompagnou chi a Mainin”

PACIFICO :- “Bene, grassie… lì gh’è a porta…”

ROCCO     :- “Vaddo, vaddo… Bona, eh?” (esce)

MAININ     :- “Porto e borse in cûxinn-a” (prende ed esce) 

SCENA IX

(Pacifico – Terenzio - Lo Buono)

PACIFICO  :-  "Visto che a padronn-a a no gh'è se ne bevemmo 'na lampetta pe’ ascadäse" (nel frattempo si versa un bicchiere di vino o di grappa)

TERENZIO :- (apre adagio la porta prendendo di sorpresa Pacifico. Poi, con irruenza) "E bravo!"

PACIFICO  :- (ha un sobbalzo, trangugia malamente e tossisce) "Che te vegnisse 'n po' de ben a pagamento!… Ma a l'è a mainéa de fa questa? Ma no ti travaggi mai ti?"

TERENZIO :- "Scì che travaggio, ma vorrieva ascädäme mi ascì…posso?" (prende la bottiglia o fiasco, un bicchiere e si versa da bere. Suonano alla porta. I due, che stanno bevendo, sbruffano il liquido e mettono via di corsa, con comicità, i bicchieri e la bottiglia o fiasco. Suonano un'altra volta e Terenzio apre)

LO BUONO        :- (ben vestito, funzionario della Provincia, dall'accento meridionale, con una cartella, entra) "É permesso?"

TERENZIO :- "Avanti"

PACIFICO  :- "Semai avanti o diggo mì e no ti!"

TERENZIO:- "Allòa dillo"

PACIFICO  .- "Avanti!… chi scià dexidera?"

LO BUONO        :- "Lei è il signor Pelissa Pacifico?"

TERENZIO :- "Scì, o l'è lé"

PACIFICO  :- (a Terenzio) "Ma insomma, ti veu stà 'n po' sitto? So risponde anche da solo.(a Lo Buono, un po' burbero) E Voscià chi scià l'è?.. Scià l'ammîe che no accatto ninte, semmai vendo"

TERENZIO :- "…Casce da morto… se ne compra due glie ne dà una piccola in omaggio"

PACIFICO  :- "Che spirito de patatta. Vanni a travaggià e pensa ai faeti teu. Vira!"

TERENZIO         :- "No accabannate[9], vaddo…" (esce)

LO BUONO:- (indicando una sedia) "Posso?"

PACIFICO :- "Primma scià me digghe chi scià l'è"

LO BUONO:- (porgendo la mano) "Permette? Lo Buono"

PACIFICO :- "Eh, l' ho buono anch'io ma no vaddo in gïo a dïlo"

LO BUONO:- "Mi chiamo Lo Buono e sono incaricato dalla Provincia per valutare i danni della frana causata dall'alluv…"

PACIFICO  :- (scatta interrompendo e va con comicità, alla sedia indicata per pulirla col fazzoletto) "…Ma prego signor Lo Bello… si accomoddi"

LO BUONO        :- "Lo Buono"

PACIFICO  :- "Lo Buono, Lo Bello… l'è sempre 'na bella cössa.. " (siede)

LO BUONO        :- (estrae nel frattempo dalla cartella dei documenti) "Allora lei mi conferma che è.."

PACIFICO  :- "Pelissa Pacifico"

LO BUONO:- (leggendo la documentazione) "Coniugato con prole?"

PACIFICO  :- "No! Coniugato con Lisa Parodi"

LO BUONO        :- "Intendo dire se è coniugato con figli"

PACIFICO  :- "Ah! O accappîo… ho una prola e un prolo sposato”

LO BUONO        :- "Ho qui la sua domanda di risarcimento danni abbastanza recente… inoltrata circa un anno fa, per una smottamento di terreno dal pendio della montagna verso il lato nord della casa; così la Provincia mi ha mandato, quasi immediatamente…"

PACIFICO  :- (interrompendo con comicità) "… e l'è 'n bello dì: <quasi immediatamente>, se scià vegniva a pë scià ghe metteiva meno"

LO BUONO        :- "… stavo dicendo che sono venuto a constatare la veridicità del fatto che metterò a verbale, dopo aver fatto un sopralluogo in sito"

PACIFICO  :- "In sito? Ma a frann-a a no l'è <in sito>… a l'è chi derré"

LO BUONO        :- "Intendo dire sul posto"

PACIFICO  :- "Ah, in loco!"

LO BUONO        :- "Appunto"

PACIFICO  :- "Non c'è guaei strada da fare… Ma mi dica signor Lo Bollo..."

LO BUONO:- (che comincia spazientirsi) "Lo Buono, Lo Buono! Che, mi prende in giro?"

PACIFICO  :- "No me permettieiva mai signor Lo…"

LO BUONO        :- ".. Buono.."

PACIFICO  :- "L'è quello che stavo pe' dî. Vede, la terra e le pietre franate, sono state in parte portate via con un caterpillar di un mio amico…che però o l' ha vosciûo e palanche o maeximo, perché tutto il materiale ronsava contro la mûagia della casa col rischio di sfondarla e allora ho fatto venire uno di Serra Riccò, un giometro, che conosco a vedere sul posto e farmi la domanda alla Provincia per avere il risarcimento. Mi quello ch' ho posciûo fa lo faeto a mae speize…ûn po' de materiale contro ä mûagia l'ho faeto portà via primma d'avei ätri danni… "

LO BUONO        :- "E' stato accorto"

PACIFICO  :- "No, non è stato <accorto>, è stata la ditta del giometro ch'o no me  l’ha mïga faeto <agrati> e le dirò di più… ho piggiòu anche a contravvenzion per <discarica abusiva>"

LO BUONO        :- "Allegheremo la fattura delle spese alla domanda del risarcimento"

PACIFICO  :- "Ma dopo il sopralluogo in… in…"

LO BUONO        :- "In sito.."

PACIFICO  :- "L'è quello che stava pe' dï, arriveranno immediatamente le palanche così come immediatamente scia l'è vegnûo a fa a verifica di danni?"

LO BUONO        :- "C'è tutto un iter burocratico da espletare, ma stia tranquillo, cercherò di accelerare per quanto mi sarà possibile. (si alza e ripone le carte nella borsa) Vogliamo andare?"

PACIFICO  :- (alzandosi a sua volta) "Andemmo… Scià stagghe attento però perché il ginecologo che ha fatto venire il giometro ha detto che la collina è in movimento… a l'è instabile e che da 'n momento a l'ätro peu torna derrûa"

LO BUONO        :- (che non ha compreso il significato)" E che è questo derruà” (dice con la <u> normale)

PACIFICO  :- "Franare, derruare…"

LO BUONO        :- "E questo l' ha detto il…"

PACIFICO  :- "… il ginecologo, quello tecnico ch'o se n'accapisce do terren… ch' o l'ha stûdiòu a taera, e prïe e frann-e…"

LO BUONO        :- "Ah, ah…vorrà dire il geologo… Ma non si preoccupi, quelli sono come i meteorologi… non ne azzeccano una"

PACIFICO  :- "Se scià o dïxe Voscià… Venga, andiamo sul loco… (si avviano alla porta) Prego, prima lei" (escono. Poco dopo si ode un gran fracasso, grida di aiuto e poi silenzio. Poco dopo si sente il calpestio della gente che corre in soccorso. Parole libere all'esterno dei soccorritori. Come "Attento sono qui sotto, non schiacciarli, eccoli. Poco dopo entrano in scena Pacifico e Lo Buono, accompagnati da Terenzio, barcollanti, sporchi di fango sul viso e sui vestiti, Pacifico e Lo Buono si appoggiano a Terenzio che è fra loro) "Signor Lo Bello…Ancora d'assai che i ginecologi non ne azzeccano una!"

(SI CHIUDE IL SIPARIO)

FINE PRIMO ATTO

ATTO SECONDO

SCENA I

(Zorzo – Rocco)

A sipario chiuso si sente la musica che man mano va scemando con l'apertura del sipario

Stessa scena del primo atto. Zorzo sta parlando al telefono

ZORZO      :- "Allò? Ramirez? Soy Giorgio, como està? (pausa)… muy bien, graçias e donde estàs ahora? (pausa) Siempre in Colombia a Medellin?…Bien … te envio el material promiso… cuatro caje da muerto para los pobrecidos… Bueno, hasta la vista"(entra Rocco)

ROCCO      :- "Bongiorno Sciò Zorzo… ho portòu in porto da o spedizioné quelle quattro casce da spedì… Che animo generoso che scià l'è, pensà a quei meschinetti che se peuan permette manco l'ûrtimo addìo…"

ZORZO      :- "L'è che son faeto coscì… no abasta dì de belle parolle, bezeugna anche agì… Bene, poi mi e tì s'arrangemmo"

ROCCO      :- "O me pä contento anche o Pacifico… affitto do locale, o travaggio… Scià pense ch' o l'ha finn-a piggiòu 'n figgioamme perché da solo o no ghe a fa a rispettà e consegne"

ZORZO      :- (che non vuole tirare alla lunga la conversazione) "Va ben, va ben… ma oua vanni pûre… se vedemmo da o teu magazin"

ROCCO      :- "Vaddo… scignorìa"

ZORZO      :- "Ciao e… no andà a spantegà in gïo o tipo de materiale che ti trasporti da o spedizioné…"

ROCCO      :- "E casce da morto?"

ZORZO      :- ".. me cäo fa do ben ä gente…senza fallo savéi… mantegnì l'anonimato"

ROCCO      :- "Pe' mi scià peu mantegnì chi scià veu… contento Voscià" (suona il cellulare di Zorzo)

ZORZO      :- "Pronto?… (abbassa la voce circospetto per non farsi udire da Rocco) Sì, sono io… In Vico Casana?… D'accordo… fingerò di incontrarti per caso… Sarò lì al più presto, il tempo di arrivare; chiudo" (chiude il cellulare e cerca di darsi un atteggiamento di noncuranza)

ROCCO      :- (che aveva comicamente ascoltato) "L'accompagno con l'Ape?"

ZORZO      :- "E dovve?"

ROCCO      :- "A Zena, in Vico Casana"

ZORZO      :- "…in Vico… Casana?… A fa cösse?"

ROCCO      :- "A incontrà <pe' cäxo> quello, o quella, ch' ha telefonòu"

ZORZO      :- (alterandosi) "Mì no devo incontrà nisciûn, manco pe' cäxo!" (esce all'esterno)

SCENA II

(Rocco – Lisa)

ROCCO      :- "Contento lé… Mah, speravo de attrovà chì a Mainin… Oua ch'a l'è impiegà a Radio-Taxi a se daià 'n po' ciù recatto… Mah… A no l'è 'na gran bellezza a dî a veitae… Con quelli cavelli che pan due cöe de cavallo... e poi,comm'a l'è innandià… però a l'è 'na brava figgia de quelle che se lascian ancon guidà da l'ommo… Coscì me piaxan e donne che veddan in to mascc-io l'ommo guidda…"

LISA           :- (entra alle ultime battute di Rocco) "Chi l'è che guidda, ti? A propoxito, dovve t' hae andaeto ancheu con o teu catorcio?… Aveivo bezeugno d'accattà se t'andavi in zù"

ROCCO      :- "Son andaeto… no te o posso dï…"

LISA           :- "Questa a l'è neuva… no l'è poi che m'interesse"

ROCCO      :- "Alloa no te o diggo…"

LISA           :- "Va ben… no dimmelo"

ROCCO      :- "No posso mïga dïte che son andaeto a fa 'na spedizion in porto"

LISA           :- "No dïmmelo… a spedì cösse?"

ROCCO      :- "Segreto… Ho promisso de no rivelà a bontae de 'na personn-a che… conoscemmo…"

LISA           :- "Alloa… no stamme a dî che t' hae spedîo e casce da morto do Pacifico… No veuggio saveilo"

ROCCO      :- "No, no te o diggo"

LISA           :- "L'importante che o Pacifico o segge staeto pagòu… Giûsto, doviòu famme dà i dinae pe' pagà a legna a-o Terenzio"

ROCCO      :- "Son vegnûo a dïte che o Terenzio a gïa troppo vixin ä Mainin…"

LISA           :- "E tì ti ghe patisci…"

ROCCO      :- "Mì? Manco 'na stissa!"

LISA           :- "A parte che o Terenzio o l'è ciù stondäio de ti e in questi giorni o mepä ciù allandronòu[10]de primma, ma questi son faeti mae e no i teu… Cangiando discorso, ti o sae che l'è morto o Drìa?"

ROCCO      :- "O so…me l'ha dïto a Delaide, eo vegnûo a dïte anche questo… meschinetto… o no l'éa manco tanto vëgio…"

LISA           :- "O l'aveiva solo novanteçinque anni… Mandiò 'n telegramma…"

ROCCO      :- "A proposito de telegramma… doviò mandäne ûn anche mi, se sposa o Mario, o figgio do maxin[11]"

LISA           :- "So anche questo”

SCENA III

(Rocco – Lisa – Mainin – Terenzio)

MAININ      (entra tutta elegante, ben pettinata, provocando stupore in Rocco. Parla meccanicamente come se fosse in servizio) "Bongiorno-bongiorno… Ciao-Mamma-ciao mamma… Ciao-Rocco, ciao-Rocco…"

ROCCO      :- (la guarda imbambolato e senza accorgersene risponde alla stessa maniera) "Ciao-Mainin, ciao-Mainin…"

LISA           :- "Ma comme parlae?"

ROCCO      :- (c.s) "Che-bella-Mainin, che-bella-Mainin..."

MAININ     :- "Scûsae, ma l'è tûtto o giorno che son ä radio-taxi e me arrestòu a parlata coscì"

ROCCO      :- "Baccere Mainin, che restauro!"

LISA           :- (alla ragazza) "Ti che t'è ciù pratica de mì… gh'è da fa duì telegrammi; ûn pe' a Delaide che gh'è morto so màjo o Dria…Ti ghe metti solo <Sentite condoglianze> e l'ätro a-o Mario ch'o se sposa…Anche lì poche parolle coscì spendemmo meno. Mettighe… <cento di questi giorni>... i indirizzi ti i sae…"

MAININ     :- (va al telefono e, sottovoce, detta i telegrammi mentre gli altri parlano)

TERENZIO :- (entra col solito andare da contadinotto, si avvede di Mainin che sta telefonando, arretra verso il pubblico squadrandola) "Ma… a l'è a Mainin quella?"

ROCCO:- (con il tono meccanico) "A-l'è-a-Mainin, a-l'è-a-Mainin…"

TERENZIO :- "Perdincolinn-a… l'han trasformà…"

LISA           :- "Ti voeivi quarcösa?"

TERENZIO:- (sempre guardando Mainin che sta telefonando) "Ho portòu a legna ä Nicoletta… ha l'ha dïto che poi a vegnà a pagate"

ROCCO      :- Ah, primma che m’ascörde… ho visto a Scià Giuse Bûrlando…"

LISA           :- "Quella ch'a se dà tante äie da <so tûtto mi?>"

ROCCO      :- "Ha l'ha dïto ch'a vegniva a troväte, ch'a te deve parlà"

LISA           :- (stupita) "Parlà… a mì?"

TERENZIO :- (sempre guardando Mainin che sta terminando di telefonare) "Coscì a m' ha dïto… A l'è 'n tipo strano…"

ROCCO      :- (vedendo che squadrava la ragazza) "A Mainin?"

TERENZIO :- "Ma no, a Scià Bûrlando… sempre in gïo a interessäse di affari di ätri…"

LISA           :- (con indifferenza) "A mi a me pä solo 'n po' cuiüsa… L'è poco ch'a l'è vegnûa chì da Zena e magara a vorrià fa de amicissie"

MAININ     :- (che ha terminano di dettare i telegrammi al telefono) "Parlae da Scià Giuse Bûrlando?"

ROCCO      :- (con voce da cascamorto) "Giûsto de lè… Mainin"

MAININ     :- "A l'è vegnûa a San Çepriàn poco doppo che o Sciò Bellagamba o l'è arrivòu da noiätri"

LISA           :- "O Sciò Zorzo, comm'o preferisce ësse ciammòu… O me pâ  'n brav'ommo, gentile, gaibòu... o paga a pixon puntualmente… però t'arrïa de bollette do telefono che te lasciò dï…"

TERENZIO :- (a Lisa) "Fatte dà anche e palanche de telefonate ch'o fa"

LISA           :- "Lascime fa a mì… a Mainin a controlla e bollette e quello o paga"

MAININ     :- "Mamma, doman devo sostituì 'na collega marotta e vegnò a casa ciù tardi"

LISA           :- "Ma faià scûo quande t'arrivi"

ROCCO      :- "Pe' quello no gh'è da preoccupase… vaddo a piggiäla mi con l'ape"

TERENZO :- (alzando un po' il tono della voce) "Ti con l'ape?… Ghe vaddo mi con o furgoncin"

ROCCO      :- "E da quande in sa'.. L'ho accompagnà tante votte a Pontedecimo che posso anche andäla a piggià a Zena"

MAININ     :- "Ninte de ninte… (con aria trasognata) Gh' ho chi m'accompagna"

LISA           :- "Ehi diggo… attenta a quello che ti fae. T'hae appena-a commençou a travaggià e di gh'è za t'accompagna?"

ROCCO      :- "Ha l'ha raxòn to moae"

TERENZIO :- "Ti taxi"

ROCCO      :- "Taxi tì che no ti ghe intri"

TERENZIO :- "Cösse t'orriesci dì… che ti gh'intri tì?"

MAININ     :- "Ma voei ciantäla lì de mettime in mëzo?!" (esce a sinistra)

LISA           :- "Ha l'ha raxòn… E oua ho da fa.. Poei anche andà"

TERENZIO :- (uscendo con Rocco) "No veddo perché ti veu andäla a piggià ti…"

ROCCO      :- "Perché scì" (escono)

LISA           :- (scrolla il capo sorridendo) "Son comme Barudda e Pipìa[12]… se rattellan e poi son sempre insemme"

SCENA IV

(Lisa – Nicoletta – Giuse)

(suonano alla porta)

LISA           :- "Chi ghe saià?" (apre. E' Nicoletta che accompagna la signora Giuse Burlando)

NICOLETTA:- "Ciao Lisa… ho accompagnòu chi a Scià Bûrlando" (siede)

LISA           :- "Ah!…Piaxei de conoscila (scambio di saluti) Prego… si accomodisca signora Burlando. (le porge una sedia. Poi, a Nicoletta che la vede già seduta) Assettite pûre, eh?"

NICOLETTA:- (dà una scrollata di spalle)

GIUSE        :- "A ringrassio Scià Pelissa… ma scià me ciamme pûre Giuse"

LISA           :- "Comme scià desidera Scià Bûrlando… In cösse posso servïla?"

GIUSE        :- "Staggo scrivendo 'n libbro ch'o parlià de nostre tradizioìn che, con a modernitae stan sparendo e che i nostri zoeni no conoscian"

NICOLETTA:- "L'è 'n bello dî. I zoeni imparan e tradizioìn sudamericann-e e marocchinn-e"

GIUSE        :- "Eh, stiamo entrando, come in America, in una società multietnica"

LISA           :- "Ancon da sae che chi a San Çeprian semmo pochi e quelli de quella societae lì no ghe son ancon…"

GIUSE        :- "…quelli da societae?"

LISA           :- "Scì, quelli multi.. multi…"

GIUSE        :- "Società multietnica"

LISA           :- "Quelli. Ma l'è bello savei che gh'è chi ghe tegne a sarvà e nostre tradizioìn, o nostro parlà"

NICOLETTA:- "Me ricordo a mae madonnà che, quand'éo 'na fuentinn-a, a me contava de filastrocche comme quella…(canta) "fanni a nanna, puppon de pessa, che teu moae a l'è andata a messa…>

GIUSE        :- (continuando) <…e teu poae o paga a pixòn, fanni a nanna bello puppon..>"

LISA           :- "Scì, m'arregordo… (siede) ma se continuae 'sta nénia me metto a bägià… Però, che bello Scià Giuse che scià se dediche a-e costûmanze zenezi… comme o Natale de 'na votta… o dinà da nöxe… o pandöçe faeto in casa... e-o tipico pranzo natalizio…"

GIUSE        :- (che nel frattempo aveva estratto dalla sua borsa un taccuino, prende nota) "Interessante… scià digghe che ne piggio notta"

LISA           :- "Mae madonnà con mae mamma, se invexendavan a preparà o disnà… anche s'o l'éa modesto… ma se sa… a tradiziòn a se ripettava…"

NICOLETTA:- "Oua l'è Natale tûtti i giorni"

GIUSE        :- (a Lisa) "Scià vadde avanti"

LISA           :- "Tondi de menestron, con maccaroìn cheutti con 'n po' de séllao. Doppo, cappòn buggïo, ténio, con a pelle bella gianca…"

NICOLETTA:-"E-o piäto ûmido?"

LISA           :- "L'è véa...fracassà de creste, de cheu, pellàntega[13], fighaeti e teste de pollo con lûganega…"

GIUSE        :- "Ciù adäxo pe' piaxei… son arresta ä pellàntega"

NICOLETTA:- "Carne che nisciûn mangiava, specialmente chi no aveiva de denti"

LISA           :- "...con a so bagnetta pe' inzûppäghe a mòula de pan… e poi… Eh, e poi üghetta, torron, beròdo… Chi poeiva spende accattava l'aragösta, o-u classico bibbin misso ä storiönn-a…"

NICOLETTA:- "… radicce de insalata…"

LISA           :- "… recheutto de Voltaggio e in ûrtimo o stracchin… Ma ghe contiò 'n'ätra votta se donca me ven l'aeguetta in bocca"

GIUSE        :- "Son andaeta anche in porto dai camalli e m'han parlòu di mesté sparìi comme quello do <barilâ>"

LISA           :- "O nonno de mae màjo o faxeiva o barillâ; o controllava o mantenimento de l'ûmiditae de botti"

NICOLETTA:- (interviene per far sapere che anche lei sa..) "Mi invece gh'aveivo mae barba…"

LISA           :- (con ironia) "Quello ch'o l'ha avûo da fa con i… fratelli Branca?" (incrocia i polsi .. ammanettati)

GIUSE        :- "I fratelli Branca?"

LISA           :- "I carabiné, che t'abbrancan…"

NICOLETTA:- (risentita) "L'è stateo n'erô de sbaglio… poi l'han mollòu... e ben lé o faxeiva o <bansâ>”

GIUSE        :- (scrive) ".. barilâ e bansâ… ch'o saieiva?.."

NICOLETTA:- "O peisatô"

GIUSE        .- " Séi proppio 'na minéa de informazion… se no destûrbo ritorniò"

NICOLETTA:- "Ma no ch'a no destûrba… anzi…"

LISA           :- "Ti pensa pe' tì"

GIUSE        :- (chiudendo il taccuino e riponendolo in borsa) "E con l'inquilin comm'a va?"

LISA           :- "Ah, scià o sa?" (dà un'occhiataccia a Nicoletta)

NICOLETTA:- (imbarazzata) "Ne parlävimo giûsto pe' cäxo, vegnindo in sa…"

LISA           :- "Natûralmente… (a Giuse) O no dà fastidio, anzi, o l'è molto riservòu. O fa… l'immobi… l'immobiliare…"

GIUSE        :- "L'immobiliarista"

LISA           :- "Ecco, quello mestè lì… o l'ha daeto do travaggio anche a mae màjo… riparazion de mobili antighi…"

NICOLETTA:- "… e casce da morto…"

GIUSE        :- "Casce da morto? O fa anche l'impresäio de pompe fûnebri?"

LISA           :- "A quante ne so o Sciò Zorzo o l'è soccio de n'impreisa de pompe fûnebri ch'a spedisce feretri anche a l'estero…O fa ascì da beneficenza pe' di meschinetti all'estero che no se peuan permette manco e speize pe' questa triste circostanza. Casce particolari"

GIUSE        :- (interessata) "Cösse gh'han de particolare?"

LISA           :- "Gh'han 'n doppio fondo pe' a gran ûmiditae che gh'è in te quelli pàisi e mae marîo o l'è 'n bravo bancà”

GIUSE        :- “E questo Zorzo…o l’è in casa?”

LISA           :- “In casa o gh'è de rëo,  de votte o fa quarche telefonäta, specialmente in Sudamerica"

NICOLETTA:- "Perché o no l'addeuvia o telefonin?"

LISA           :- "Domandighelo se ti ghe tegni…! (a Giuse) O parla squaexi sempre in foresto"

NICOLETTA:- "Se vedde ch' o sa e lingue"

GIUSE        :- (guarda l'orologio) "Uh…a ciacciarà s'e faeto tardi devo andà a telefonà a-o mae editò… spero de agguantälo ancon…"

NICOLETTA:- "Ma a Lisa a ghe l'ha o telefono"

LISA           :- (un po' seccata) "Fanni comme se ti fisci in casa teu, eh Nicoletta?"

GIUSE        :- "Ma no… no orrieiva approffittäne… Accetto a patto che paghe a telefonata"

LISA           :- "Gh'ammanchieiva ancòn… tanto ghe a marco a-o sciò Bellagamba"

GIUSE        :- "Ah, o se ciamma coscì?"

NICOLETTA:- (a Giuse) "Scià veu fagghe de domande anche a lé in sciè e tradizioìn de nostre parti?"

GIUSE        :- "E perché no? Saieiva molto interessante sentì quello ch'o l'avieiva da dî" (va al telefono seguita da Nicoletta. Giuse compone un numero, guarda Nicoletta, poi le volta le spalle e parla)

LISA           :- "Nicco… t'hae da telefonà ti ascì?"

NICOLETTA:- "Mi no"

LISA           :- "E allòa vegni chì, no?"

NICOLETTA:- (esegue e sottovoce) "No voeivo mïga cuiusà"

LISA           :- "Macchè!"

GIUSE        :- (al telefono) "Editore Pirella?... Ma sì.. Pirella… io sono Giuseppina Burlando… Ah, ha capito adesso?... Le volevo dire che ho parte di quelle notizie che ci interessano… Gliene farò avere altre sulle nostre… diciamo… tradizioni. No, non mi chiamate, ci penserò io… Le mando nella solita forma, via mail o via fax" (parla ancora sovrapponendosi a quello che dicono le altre donne) Mi farò viva io. Saluti"

NICOLETTA:- (sottovoce a Lisa) "Mai sentîo che a Zena gh'è segge via Meil o via Fax"

LISA           :- "E mi cösse ne so… no ghe vaddo mai in zù… saian personaggi americani"

GIUSE        :- "Scià Pelissa, grassie pe' a telefonata"

LISA           :- "De ninte e scià me ciamme Lisa, no son abituà a sentimme ciammà Scià Pelissa"

GIUSE        :- "Scià Nicoletta… andemmo?"

NICOLETTA:- "M'affermo 'n pittìn se no ghe despiaxe"

GIUSE        :- "Alloa… scignorìa… Ci vediamo"

LISA           :- "Sì, teniamoci visti così ci conto la tradizione do pandöçe… (a Nicoletta)Ma no t'hae da fa ti in ca teu?"

NICOLETTA:- "Mae màjo ancheu o no gh'è a disnà e coscì…"

LISA           :- (sorniona)"E a legna… ti l'è scistemmà?"

NICOLETTA:- "Tranquilla… appenn-a gh'ho i dinae, te a pago"

LISA           :- "Visto che no ti te ne vae, ti porriesci mondäme due patatte" (esce un attimo alla destra)

NICOLETTA:- "E va ben… damme chi.."

LISA           :- (rientra con una pentola, o teglia, dalla quale toglie alcune patate con apposito coltello, siede) "Ecco chi…gh'han o nasciòn[14] ma van ben o maeximo" (Nicoletta inizia a pelarle assieme a Lisa)

NICOLETTA:- (con fare misterioso) "A propoxito do Sciò Zorzo, m'han vosciûo dì…"

LISA           :- (salace) "…t'han vosciûo dî…"

NICOLETTA:- "…che l'han visto andà in quarche casa de Serra Riccò, de Pedemonte e anche ciù sciù finn-a a Casella"

LISA           :- (con ironia) "T'han vosciûi dï…E ben… cösse gh'è de mâ? Oltre a fa da beneficenza o s'interessa anche de accattà mobili antighi da rivende ai antiquäi, doppo che o Pacifico o l'ha restaurae"

NICOLETTA:- "Saià… Ti sae che a mì no me piäxe fa di ciaeti…"

LISA           :- (salace) "Figûremmose se ne o so…"

NICOLETTA:- "O sacciûo ch'o frequenta spesso a casa… casa pe' moddo de dî anche s'a l'è 'na baracca de legno, do Nadir, quell'ambulante marocchin ch'o va in gïo a vende röbettìn[15] da quattro palanche"

LISA           :- "A mi no me interessa quello ch'o fa… gh'ho za do mae da pensà"

NICOLETTA:- "Finn-a a scià Giuse a l'è restà mäveggià"

LISA           :- "Tanto pe' fätte i faeti teu… gh'éa bezeugno de contäghe anche quello?"

NICOLETTA:- "Ma mi no diggo ninte a nisciûn, no me piäxe andà a spantegà in gïo i faeti di ätri"

LISA           :- "Ti dixi?”

NICOLETTA:- "… no me piäxe sorviatûtto perché se peu fa do mâ senza voei, com- me l'è accapittòu a-o Terenzio"

LISA           :- "A-o Terenzio?"

NICOLETTA:- "No ti l'hae saccûo?"

LISA           :- "No, no t'éi ancon passà"

NICOLETTA:- "Te fasso 'na confidenza perché so chi t'è e a mì no me piaxe…"

LISA           :- "…fa di ciaeti, ö so… o Terenzio?…"

NICOLETTA:- "L'han çercòu i poliziotti…son vegnûi anche da mì"

LISA           :- "Oh, Segnò benéito"

NICOLETTA:- "M'han domandòu se conoscevo ûn certo Fravega…lì per lì gh'ho dïto de no, comme cognome no me ricordavo, poi m' han dïto Fravega Terenzio e alloa gh'ho dïto ch'o trasportava da legna e quello che gh'accapi- tava. M'ha domandòu s’o l’ha cangiòu de cà, perché no l'han attrovòu…"

LISA           :- (apprensiva) "O no se saià mïga misso in ti pacciûghi benedett'ommo… stondàio comm'o l'è…"

NICOLETTA:- "M'han vosciô dî…"

LISA           :- "…t'han vosciûo dî…"

NICOLETTA:- "…che l'àggian trovòu a Fontaneggi e portòu no se sa dovve…"

LISA           :- (ironica) "E comme mai no ti o saè?"

NICOLETTA:- "Pûrtroppo a votte sûccede… Comunque son trei giorni ch'o no se fa vedde"

LISA           :- "Vorrià dî che no ghe paghiò o trasporto da legna"

NICOLETTA:- "Ecco, e patatte l'ho mondae… me despiaxe lasciate ma devo andà"

LISA           :- "No te preoccupà, a mi no me despiäxe… Grassie e stanni ben" (L'accompagna alla porta e Nicoletta esce)

LISA           :- "Gh'ammancava anche a scià Bûrlando, a Nicoletta, o Terenzio...m'han faeto perde do tempo e devo ancon preparà a çenn-a" (esce a sinistra con le patate poste in una pentola)

SCENA V

(Pacifico – Zorzo)

PACIFICO :- (entra dall'esterno, grembiulone azzurro da falegname) "Lisaaa… Dovve ti t'è caccià?"

ZORZO      :- (entra dall'esterno) "Salve Pacifico"

PACIFICO :- "Giûsto Voscià… l'è 'n po' de giorni che no se vedemmo"

ZORZO      :- "Son andaeto a l'estero pe' di affari. Tûtto ben?"

PACIFICO :- "Ho aggiûstòu quello comò stile… chicchiricchò… roccocchì..."

ZORZO      :- "Stile rococò"

PACIFICO :- "Quello!… Ghe son tanti de quelli rebïghi da aggiûstà… câmoe che rosiggian a tûtt'andà, pézo de çerte personn-e che gh’han posti de responsabilitae… Me son perso de giornae appreuvo a 'sto mobile.."

ZORZO      :- "Tranquillo… O giûsto tempo pe' 'na giûsta retribuziòn" (sta per avviarsi alla sua stanza)

PACIFICO :- "L'è vegnûa da mì a Finanza…"

ZORZO      :- (si blocca e si volta apprensivo) "A… Finanza?… Scià no l'ha pagòu e fattûe do legnamme?"

PACIFICO:- "… m'han domandòu da seu attivitae..."

ZORZO      :- "E… cösse scià gh'ha dïto?"

PACIFICO .- "Che scià fa da beneficenza e che scià l'è immobiliare…"

ZORZO      :- "..immobiliarista!"

PACIFICO :- "Scì, quella röba lì e che scià l'è 'na degna personn-a…"

ZORZO      :- (rilassandosi) "Grassie pe' <a degna personn-a>"

PACIFICO :- "…finn'òua.."

ZORZO      :- "Comme saieiva a dî? Mi son 'n personn-a onesta… Fasso o mae travaggio… da beneficenza quande posso…"

PACIFICO :- "L'è quello che gh'ho dïto.. che finn'òua a l'è coscì…Pare ch'aggian arrestòu quello marocchin che scià conosce, me pä ch'o se ciamme Nadir…"

ZORZO      :- (sul chi vive, si dà un atteggiamento di indifferenza) "Marocchin?… Nadir?… Ah, foscia o l'è quello ch'ö va in gïo a vende di röbin da figgieu…Gh’ho accattòu quarcösa anche mì… O conoscio de vista… Ma no accapiscio cösse o gh'intra con mi"

PACIFICO :- "Se scià no o sa Voscià…"

ZORZO      :- "Va ben, va ben, lascemmo perde, se me veuan son a loro disposizion. Tutto o mae travaggio o l'è fattûròu e son tranquillo… Saian e solite verifiche a campiòn… (guarda l'orologio) M'è vegnûo in mente che devo andà a Zena, in San Bernando a vedde di mobili antïghi… compermisso"

PACIFICO :- "Ma prego… O travaggio o no dà de tregua"

ZORZO      :- "Appunto" (esce)

PACIFICO :- "Mah… fastidio o no ne dà… pagà o paga… Ûn po' de fortûnn-a a no guasta. Son anche contento che a Mainin l'han tegnûa a radio-taxi e finalmente se commença a vedde quarche palanca… speremmo che a Provincia a me rimborse i danni da frann-a coscì porriò mette o  riscaldamento autonomo in casa e femmo contente anche e donne"

SCENA VI

(Pacifico – Lo Buono)

(suonano alla porta e Pacifico va ad aprire. E' Lo Buono, che entra con una cartella)

LO BUONO         :- "Buongiorno signor Pelissa… buone notizie… posso entrare?"

PACIFICO :- "Se son bonn-e notissie scià l'intre pûre"

LO BUONO         :- (va a sedere ed estrae dei documenti dalla borsa) "Gli è stato riconosciuto, parzialmente, il danno che l'alluvione ha provocato, con lo smottameno del terreno, contro il muro della sua casa"

PACIFICO :- "Parzialmente? E quante o l'è questo.. parzialmente?"

LO BUONO         :- "Il cinquanta per cento del danno richiesto perché è risultato dalle perizie, che il muro maestro a nord della casa, muro che lei ha rifatto, era comunque soggetto a sgretolarsi colpa della vetustà…"

PACIFICO :- (seccato) "Guardi che io non so chi sia questa vetustà, ma le dico che è stata la frana… Ho dovûo ciammà finn-a o massacan pe' i travaggi urgenti!"

LO BUONO         :- "E che c'entra l'ammazzacani… povere bestie"

PACIFICO :- "Secondo la signora Giuse… a proposito, la conosce?"

LO BUONO:- "No. E sarebbe lei l'ammazzacani? Una donna?"

PACIFICO :- "Guardi che o massacan è il muratore"

LO BUONO:- "Ah, questa mi giunge nuova… e questa donna farebbe il muratore.. o si dirà muratrice?"

PACIFICO :- "A Scià Giuse a fa de ricerche in sciè tradizioìn liguri.. a scrive 'n libbro in propoxito…e dice che anticamente, durante le incursioni dei saraceni, i primi ad avvistarli furono dei muratori sui ponteggi delle case che gridarono: <ammassae quelli chen.. ammassae quelli chen!>… Coscì, armeno a quante a dixe questa ricercatrice, ne vegne o nomme de <massacan>… Ma ritornemmo a-o risarcimento… L'è troppo poco quello che me dae in confronto a-o danno"

LO BUONO:- "Può far ricorso se vuole… naturalmente ci vorrà del tempo… Non glielo consiglio…"

PACIFICO :- (dopo aver tentennato) "Ö creddo mi ascì. Do resto l'è coscì che se fa de solito. Se fan passà di meïxi, quande no son anni, pe' i accertamenti, ätri meïxi pe' a burocrazia… poi arrïa 'n'offerta ch'a pâ 'n'elemoxina e se no s'accetta gh'è o ricorso con a perdita de ätri meïxi, o anni, finché ûn se stûffa e o no piggia ciù ninte… Va ben… Scià l'ha guägno… accetto"

LO BUONO: "Guardi che io non ho <guagno> proprio nulla, faccio solo il mio lavoro. Allora chiudiamo la pratica. Metta una firma qua sotto" (volge il foglio per la firma e dà una penna per la bisogna)

PACIFICO :- (prende la penna e si accinge a firmare, mugugnando) "Cösse gh'è scrïto in te questa pappardella chi sotta?"

LO BUONO:- "Sono le avvertenze che lei deve sapere all'atto della firma"

PACIFICO :- "E comme mai son scrïte coscì in piccìn? Ghe veuan i binoccoli pe' lëzile e n'öa de tempo"

LO BUONO:- "E' la prassi, come le firme sui contratti della banca e delle assicurazioni"

PACIFICO:- "Che drïti. Coscì peuan sempre dì¨<Ma c'era scritto nelle norme che lei a firmato!> Poscitoësse… che ganci…"

LO BUONO:- "Vogliamo firmare?"

PACIFICO:- "Vogliamo? Scià firma anche Voscià?"

LO BUONO:- "Io no di sicuro"

PACIFICO :- "Firmo, firmo.. coscì serrëmmo a questiòn" (firma e consegna il foglio)

LO BUONO         :- "Bene. Riceverà un'assegno con la somma accreditata (ripone il foglio nella cartella e si alza) La saluto e … statteve bbuono" (esce accompagnato)

PACIFICO :- "Se ne stia buono anche lei…Scià l'aspëte che sciorto mi ascì" (esce all'esterno)

SCENA VII

(Mainin - Terenzio - Lisa)

MAININ     :- (dall’esterno) “Ciao pà..”

PACIFICO :- “Ciao Mainin… a mamma a l’è in casa”

MAININ     :- (sempre sgargiante, entra) "Mamma, son arrivà"

LISA           :- (si fa vedere sull'uscio, con grembiule e fazzoletto in testa) "Meno male… commençavo a sta in pensiero… con tûtto quello che sûccede in gïo…"

MAININ     :- "Tranquilla… m'han accompagnòu"

LISA           :- "E chi?"

TERENZIO:- (entra alla battuta di Lisa. E' ben vestito, andamento non più… contadinotto) "Da mì!"

LISA           :- (stupefatta, si avanza, lo gira comicamente come una trottola) "Ma... Terenzio … t'hae rapinòu 'na banca?"

TERENZIO :- "Ma che banca… Ho ereditòu da mae barba Ghigermo a proprietae de Fontaneggi, quarche scïto e… quarche palanca"

LISA           :- "Baccere che cangiamento… Allòa l'è pe' quello che no t'emmo ciù visto pe' trei giorni"

TERENZIO :- "M'è accapittòu de fa 'n trasporto in Brianza e son stato feua Zena a fa di travaggi"

LISA           :- "Chi t'ha avvisòu?"

TERENZIO :-"O notäro o m'ha faeto çercà dä Polizia perché no gh’éo e quande m’han  attrovòu m'han dïto de mettime in contatto con lé"

LISA           :- "Coscì cangiòu ti me pàggi finn-a ciù bello"

MAININ     :- (accarezzandogli con affetto una guancia) "L'è quello che gh'ho dïto mi ascì... O Terenzio o m'aveiva confiòu tûtto"

LISA           :- (compiaciuta) "Me fa proprio piaxei…Ti me pàggi finn-a ciù asperto… saian e palanche… Però attento Terenzio, se con lé ti gh'hae intenzioìn serie… (indicando Mainin) perché questa a no sa fa manco 'n'euvo in camixa… "

TERENZIO:- (capo chino, innamorato, inesperto, si dondola come un fanciullo) "Semai… a-o faià… senza camïxa…"

MAININ     :- (con dolcezza) "Madûcòu"

LISA           :- (si avvicina alla ragazza cingendole le spalle e… con un po' di magone…) "Chiunque àgge a fortûnn-a de piggià questa figgia o deve trattäla ben… (col groppo alla gola, parla lentamente)... se dunca o l'ha da fa i conti con mì" (accarezza la figliastra)

TERENZIO:- "Spero d'ësse mì quell'ommo affortûnòu"

MAININ     :- (stupita dell'affetto della matrigna) "Mamma… comme mai? Credevo che, comme moijegna no ti me voesci poi coscì ben… ti m' hae squaexi sempre trattà ciûttosto mä… t'éi solo pe' teu nessa Giada…"

LISA           :- (asciugandosi gli occhi) "Te domando scûsa Mainin se t'ho daeto questa impresciòn…Voeivo descc-iulläte, fatte imparà i mesté de casa…A Giada …  a m'ha delûso… a se n'è andaeta a convive con ûn tanto ciù vëgio de lé… Me l'ha dïto o sciò Zorzo ch'ho conosce l'ommo… Ti veddi Mainin, veuggio confiäte che gh'è staeto ûn giorno che ti m'hae ciammòu <mamma> con 'n slancio che no l'éa mai sûccesso…me son sentiâ tremmà e venn-e e ho sentîo drento de mì che son staeta affortûnnà d'avei sposòu 'n brav'ommo e d'ësse diventà 'na moae pe' tì" (si abbracciano)

SCENA VIII

(Mainin – Terenzio – Lisa – Rocco – Pacifico)

ROCCO      :- (entra trafelato. Si blocca un attimo al vedere Terenzio così cambiato) "Ti? Comme ti te permetti d'ësse coscì… in te questo stato… drento a questo vestì?"

MAININ     :- (interviene bruscamente) "Comme ti permetti tì de intrà de corsa in casa mae e dì 'ste cösse a-o mae galante!"

ROCCO      :- "O teu… o teu galante questo finto damerin…?"

TERENZIO:- (lo affronta prendendolo per il colletto) "No t'è ben accetto in te questa casa e l'è mëgio che ti te a batti primma de fa a fin, come complice, do sciò Ballagamba e do Nadir!"

LISA           :- "Eh?… Cösse l'è sûccesso a-sciò Zorzo?"

TERENZIO :- "A l'è 'na stöia lunga ma ve diò che mì ho collaboròu a-e indagini da scià Giuse… Sovrintendente de Polizia…"

LISA           :- (stupefatta) "A Scià Bûrlando… 'na poliziotta?"

ROCCO      :- "Brûtto spiòn!"

MAININ     :- "Se ti l'offendi ancon te regïo 'n lerfon che no t'attreuvan manco a l’a- nagrafe, bezûgo!"

ROCCO      :- "E no accabannate… no te faxeivo coscì rattellosa"

MAININ     :- "Contighe Terè…"

TERENZIO :- "A Scià Giuse, con a scûsa in parte de fa de riçerche in scie nostre tradizioìn, a se tegniva informà, anche tramite mae, di movimenti do Bellagamba do Nadir e do Rocco…"

ROCCO      :- "Ah… ti m'aggueitävi, eh? Spiòn!"

TERENZIO :- "Ancon da sae perché ho posciûo dimostrà che ti no ti saveivi che o doppio fondo de casce da morto che andavan in Colombia, servivan per ritornà con a droga drento insemme a 'n morto… e mi… faxeiva 'n po' o nescio pe' no dà in te l'euggio… E quande a Mainin a se n'è reiza conto chi éo, a l'ha accappìo anche i mae sentimenti in ti seu confronti"

LISA           :- (preoccupata) "O sciò Zorzo…ûn mandillà?[16] E.. o Pacifico ch'o faxeiva e casce?…"

TERENZIO :- ".. e-o l'aggiûstava i mobili antighi che poi o Bellagamba o gh'ascondeiva drento a dröga…Coscì o ghe guagnava in scì mobili e in scié a droga"

MAININ     :- "Tranquilla mamma, o papà o nö saveiva e o no gh'intra"

LISA           :- (frastornata, si siede) "Meno male… ma ammìa 'n po' cösse va a sûccede, stondàia anche mì che contavo e nostre vëgie ûsanze a 'na poliziotta"

MAININ:- "… coscì a-o tegniva d'euggio"

ROCCO      :- "Ho accappìo a lession Terenzio… me sa che oltre a…fregatûa e-a figûa da nèscio (indica Mainin) doviòu anche ringrassiäte pe' avei testimoniòu a mae vantaggio"

MAININ     :- "Saieiva o minimo"

TERENZO :- "Lascia perde Rocco, sempre amïxi" (si danno la mano)

LISA           :- "No immaronäte[17] Rocco; gh'è 'n proverbio zeneize ch'o dïxe: <chi ha faeto do mâ paghe a penitenza> e a tì a t’è andaeta ben"

PACIFICO :- (entra di corsa rabbuiato. Guarda il crocchio) "O sei cösse l'è sûccesso?"

TUTTI        :- "Han arrestòu o Zorzo!"

PACIFICO :- "O savei za?… Ciù 'n po' me mettan drento anche mì"

LISA           :- (prende sottobraccio il marito spostandolo verso il pubblico) "Semmo staeti abellinae tutti quanti a no pensà che l'éa troppo bello…Ciù travaggio, ciù dinae, a pixon, a Mainin impiegà… No poeiva andà tûtto ben… Ma a l'è andaeta ben che ne sciortimmo puliti e che questi duì figgeu se veuan ben" (si volta verso Terenzio e Mainin)

PACIFICO  :- (stupendosi di Terenzio) "E bravo Terenzio…T'ho intravisto ma no credevo che ti fïsci proprio tì … "

LISA           :- "O l'ha ereditou da seu barba Ghigermo"

PACIFICO  :- "Quello pelandròn..? Complimenti Terenzio… E oua chi me portià a legna?"

ROCCO      :- "Gh' ho sempre l'ape e poco pe' votta, te a porto mì"

MAININ     :- "Tûtto l'è ben quello che finisce ben" (suonano o bussano alla porta e Mainin va ad aprire

SCENA VIII

(Mainin-Terenzio-Lisa-Rocco-Pacifico-Nicoletta-Martina)

NICOLETTA:- (entra con un telegramma aperto e lo consegna con gesto inviperito a Pacifico) "Ecco chì!"

LISA           :- "Oh, Segnô bello cäo… ‘n’ätra desgrassia?”

PACIFICO  :- (prende il telegramma e si accinge a leggerlo “Cösse gh’è che no va?”

NICOLETTA:- “Cösse l’è che no va?… Bell’ommo, lezei o telegramma”

LISA           :- (lo prende dal marito) “E ben? L’è quello ch’emmo mandou pe’ o Marieto ch’o se sposäva: <Cento di questi giorni>”

NICOLETTA:- "Cento di questi giorni… scì… indirizzou ä pövia Delaide che gh’è morto o màjo!”

TUTTI        :-"Eh?"

LISA           :- (alla figlia)"Oh, Segnò benéito... "

NICOLETTA:- "…a Delaide meschinetta… ciù ‘n po’ ghe venge ‘n corpo”

MAININ     :- “Avian faeto confûxon quelli do telefono…”

LISA           :- “Ma alloa… l’ätro telegramma…”

MARTINA :- (piomba dentro come una furia con un telegramma in mano) “Bella gente che sei!… Gente gramma… chì… (porge il telegramma che Pacifico prende e legge) Son despëti imperdonabili!”

PACIFICO  :- (leggendo imbarazzato) “<Sentite… condoglianze>

 MARTINA         :- “Eh, zà… a mae figgio ch’o se sposa <sentite condoglianze>. Ma a no finisce chì…”

TERENZIO :- "Ûn sbaglio o se peu perdonnà… A Mainin o quelli do telefono han scangiòu i indirizzi… peu accapittà.."

NICOLETTA:- "E l'è 'n bello dï te peu accapittà… però a 'na famiggia cö morto in casa mandaghe a dï <cento di questi giorni>…"

ROCCO      :- "E s'accapisce che a l'ätro ch' o se sposa digghe <sentite condoglianze>…”

LISA           :- "Ah… me ven da patì… " (sviene sorretta dal marito e da Rocco. Musica di scena)

PACIFICO  :-  (comicamente) "Ma che bella giornata!"

 

SI CHIUDE IL SIPARIO

F I N E


[1] Abbessìe – intorpidite, intirizzite

[2] Ciûnetto - pialla

[3] Gaitàn – bel gancio

[4] Nasciòn – pargoletto. In questo caso nuovo getto

[5] mariölo –maglietta della pelle. In questo caso è dato per “birbante”

[6] Accassìo- stizzito, adirato, incollerito

[7] Accabbannâse – rabbuiarsi, offuscarsi, minacciar tempesta

[8] curesin - cintura               

[9] accabbannase- offuscarsi, minacciar tempesta

[10] allandronòu - sciamannato

[11] Maxin- accalappiacani. Da Tommaxin il primo accalappiacani comunale

[12] Barudda e Pipìa- maschere genovesi

[13] pellantega- carnaccia tutta pelle quasi immangiabile

[14] nasciòn- il getto

[15] robettin- vestitini da bambini

[16] mandillà. Ladro de mandrilli-farabutto, mascalzone

[17] immaronäse- mettere il broncio

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno