Le scoasse comunali

Stampa questo copione

Le immondizie

Le scoasse comunali

-istruzioni per l’uso –

Personaggi:     Un Papà un po’ imbranato e pasticcione

                        Un figlio superattivo energico e brillante

                        Una mamma un po’ brontolona

Un vicino di Casa

Scena : Una cucina di una famiglia: un tavolino 4 sedie alcuni mobiletti…

PAPÀ:  (entra trascinando uno alla volta 10 bidoni per raccogliere le scoasse.. aiutato da Nane)  … iiiissssa ….   Issa… uff… che sudada … a portar su per le scae tutti sti bidoni … grassie .. grassie Nane de verme dat na Man…

Nane:         Prego prego … brrr. Che freddo che fa ancuo …

Papà:         Eh, si … fa proprio freddo…

Nane:         Mi  po’ ! no so parchè…  ho sempre un freddo ae recie…

Papà:         Ciote na barèta, cussì te le tien calde

Nane:         Eh si … bisognerà che faè cussì … arrivederci …

Papà:         Arrivederci e grassie … ( si siede su una sedia e comincia a leggere) allora comincièn  a lezèr … : “ Istruzioni comunali per una corretta raccolta differenziata” “Per una corretta racolta differenziata bisogna predisporre alcuni bidoni per separare all’origine i vari tipi di rifiuti …” (conta i bidoni …) uno do tre quattro …zinque …  be’ speren che i  baste, ghe  ne ho compradi 10 !”

MAMMA: Cossa eo tutta sta confusion … tutta stamattina che furbisse la casa e mette in ordine e varda qua! Tutt rabaltà in tre minuti …, fango per le scae … e poi sti bidoni che me impinisse  la cusina … cosa devitu  fare … un de i to soiti esperimenti ? Varda che no vui veder tutt sto casìn … se riva ospiti che figura che fèn ?

PAPÀ:   L’è rivada a bronteona! Ti cara mia no te si aggiornada l’è più de un anno che l’è partida la raccolta differenziada .. e ancuo son andat a comprar i bidoni .. ma .., mi no capisse più nient … ho ciot 10 bidoni spere che i baste … adess iere drio lezzer le istruzioni comunai … speren che i baste tutti sti bidoni .. un par la carta, un par la plastica, un par el vero , un par la ceramica …un par el legno .. un par el ferro .. ma cosa credei sti  amministratori che me  deve  comprar na casa pi granda par poder tegner i so bidoni e le so scoasse? 

                   Mi no son convinto …  qua sotto l’ha da eserghe na fregatura ..(Pensa) Ecco , ho capio …se cioe na casa pigranda … i me fa pagar anca pi ICI …quindi  pi scoasse … l’è un can che se magna la coda … ecco l’inganno … i è furbi lori… i sa come far …!!!

                  E po, nina, (rivolgendosi alla moglie)   nessun vol pì tegner le scoasse perché le costa !!! Varda qua (prende il giornale e legge ) “L’inter cerca di dar via VIERI (giocatore dell’INTER) …” Pensa, anca na squadra come l’inter … pitòst de comprarse un bidòn par i VIERI (vetri) i scrive un annuncio sul giornàl par darli via …

MAMMA: Ma varda che cavei par aria che te ha … no te si ‘ndat dal barbier un ora fa?

PAPA’ :   Ah sì , anca el barbièr el voea far el furbo … el me ha taià i cavei  , e prima de petenarli el  me dise : “i capelli li vuole indietro?” e mi ghe ho rispost ..: “no no , tientei pur !!”Buttei via ti”. Capissitu? Sto canaja del fiol de Rino Campagna …Pittost de non pagar lu le scoasse …el voea darte i cavei da portar casa…. Ho fat un fumèròn…

MAMMA: Che teston … l’indendea dir se te i voea PETTENADI indrio, non se te voea indrio quei che el te ha taià!. E cussì el te ha lassà tutt spetènà .

                   Ti caro mio te si fissà con sta raccolta differenziada! Te la fa  pì granda de quea che l’è !!!!

PAPÀ:      A.h ... si… ma ti atu vist’ l’ultima boetta dee scoasse ???  250 euro in te un anno… bisognaria far come Toni Fantuin… anca se aa fine no l’ha avuda vinta…

Mamma: e cioè ?

Papà:       Lu, l’è andat dal Sindaco a protestàr par le tasse de le scoasse, e l’ha dita che no le voea pagàr… , ma el sindaco dopo un ora de discussìon lo ha mandà fora dal so ufficio senza braghe…

MAMMA: E co le braghe i ha pagà la boetta de le scoasse?

PAPA’      : No.. l’è un chiaro messaggio par i cittadini: “Chi no paga le scoasse resta in maneghe de camisa…”

MAMMA  : Ah si?

PAPA’      :Si, ma no la è finida… la settimana dopo lu l’è tornà a colloquio col Sindaco, par protesta de la prima volta , senza braghe … e par dispèt senza camisa… cioè, in pratica el iera in mudande.. “Adess vedèn cossa che i me cava… l’ha dita …” inomma dopo do ore de discussìon… i lo ha mandà fora nudo…

MAMMA : N’altro messaggio ai cittadini?

PAPA       : Lampante!!! Se no te paga, te sten drio, fin che no te cavèn anca le mudande.

MAMMA : Però!

PAPA’      : Si, ma Toni, no el voea darse par vint.… la terza volta l’è andat in tel ufficio del sindaco NUDO!!! Vedèn chi che la vinze… l’ha dita prima de entrar… ma ciò, el sindaco l’è un dritto!, …dopo 4 ore de discussion lo manda fora co na benda in tei occi e un stopoeo in tel dadrio !

MAMMA: E questo cosche significa?

PAPA     :  Cosche vol dir? Vol dir che se no te paga le scoasse comunai, el comun el te ciòl anca la luce e el gas !!!

MAMMA : Che farabutti !!!

PAPA   : E si, i l’ha sempre vinta lori… (cambiando discorso…) comunque sti bidoni , dove che li mettèn ?

MAMMA: Be’ mettii dove che te vol basta che non i stae qua in cusina.. . (si sente un piagnisteo dall’altra stanza…) ecco, me se ha sveià anca Carletto !! Mi vae de là … a ciorlo su, e co torne spere che te abbie fat sparir tutta sta confusiòn.

BAMBINO: (Entra tutto allegro e comincia a rovesciare tutti i bidoni ) Iiiiiiii che bell !!!! (li fa rotolare …)

PAPÀ: : Oh!hh! tanghero! ! (alla moglie)    ma cosche i ghe da da magnar aa mensa dea scuoea, petardi col Ketchup?  ogni zorno el viene a casa più tanghero de prima!

MAMMA: (Esce)

BAMBINO: Cosche l’è sti bidoni? (continuando a farli girare entrando dentro uno ... facendo un po di confusione)

PAPÀ :    Intanto vien qua, e sta fermo un minuto!. Questa la è na roba seria. Da ancuo bisogna far la raccolta differenziada. … anche se i me sembra tutti matti …non so neanca dove metterli sti bidoni!

BAMBINO: Ah si  oggi i è stati a scuoea quei del comun co l’assesòr in testa, e i ne ha spiegà la raccolta differenziata!

PAPÀ :      Ecco così te me iuta a capir e senza dover lèzer sto pacco de istruzion.

MAMMA: (Entra e consegna in mano al papà un pannolino di un bambino appena cambiato e quindi sporco di pipì)  Avanti qua .. scienza comunae.. tien questo. Nostro  fiòl l’ha da esser  nat senza le guarnizion … quando che el pissa el ghe’n fa  un litro!!!

                  E par ti adess un bel quesito : sto pannoin in te che bidon che te o butta?

PAPÀ:    (un po schifato  lo apre …) Be’ umido l’è umido … (bheeehhh) (ci pensa un po’…) Ma l’ha anca la plastica…. (lo alza .. lo soppesa ..) be’ el me sembra sembra più umido .. che implasticà  … lo butte in tel umedo.

BAMBINO: Nooooo!!! I lo ha ditta oggi a scuoea!! Va sul secco!!!

PAPÀ:       Ah si ??? be’ Allora lo metto qua che dopo co vae a Motta lo porto daa Maria!

BAMBINO: Daa Maria?

PAPÀ:        Si ! Daa Maria !

BAMBINO: Ma cossa centra la Maria!

PAPÀ:          Leggi le istruzion: “I rifiuti non riutilizzabili ,  vanno buttati nel secco …”

BAMBINO: e quindi ?

PAPÀ:        Ecco, allora probabilmente i se ha desmentegà el termine “giardino” in realtà la frase andea scritta cusssì: “I rifiuti come la plastica,  vanno buttati nel  - giardino – di Secco …” E quindi che cognome che l’ha la Maria? Maria Secco !

BAMBINO: Ma papà!!! Che teston che te si !!! non i se ha  desmentegà  nessun termine . Nel Secco  se intende … in tèl bidon del secco !!!

PAPÀ:  (imbarazzato …) be … be’ dighe che i scrive meio le istrussiòn …come faeo un che no la fat le scuoe alte a savèr ste robe … !!! 

BAMBINO: Ma pittòst dove che te ha ciòt tutti sti bidoni ?

PAPÀ:          Li ho compradi  i me ha costà un ocio de la testa. !!

BAMBINO: (comincia a ridere) ha ..ha .. compradi ? Ma non te sa che el comun te li da gratis  .. semplicemente i te li presta … e comunque perché te ghe n’ ha compra cussì tanti? ?

PAPÀ:       Eh, perché ghe ne serve un par la carta, un par la plastica, un par el legno , un par l’umido, un par el ferro, un par i vieri , un par e lattine …

BAMBINO:  Ma papà … no te ha capìo nient …!!! Stamattina a scuoea i me ha dita che ghe ne    basta 2 +  un scatoeon  per par la carta e la plastica !

PAPÀ:  Sol che quattro? ??? Ma va !!! (rivolto al pubblico ) Sti fioi de ancuo i pretende de farte la foja, i crede de savèr pi de noialtri che vèn fat la guera!. L’è tre ore che lezze le istruzion …  e riva lu  .. e el vien a far el maestrìn … a mi te vol insegnarme che ho un fradèl che va a cicche?  .

BAMBINO: Ma si te dise !  Famme veder (prende il foglietto e legge …) varda qua “I rifiuti vanno raccolti e distinti in quattro parti: 1 - il rifiuto umido, 2 - la carta, 3 - la plastica e la latta, 4 – il cosiddetto rifiuto secco non reciclabile”

PAPÀ:      Porca miseria … l’ha proprio rasòn! Ho sempre dita che fae  ben a mandarte a scuoea!!! Allora vedèn  (inforca gli occhiali, prende il foglietto …) …la carta e la plastica una volta raccolte vanno portate nelle campane … (si toglie gli occhiali) ecco ! Ho dita mi che ghe iera l’imbrojo …! Dopo ver fat la fadiga a distinguer le scoasse, ne tocca portarle tutte in zima  al campanil!!! Dentro e campane … sevede che al comùn le ge disturba co le sona a mezzodì, e i vol impinirle de scoasse cussì no le sona pì…   

BAMBINO: (che ride come un matto ) ma che teston che te si papà … cossa atu capio! Le campane no l’è è quee del campanil!!!

PAPÀ:       No?

BAMBINO: Noooooooo !!! Le se  ciama campane quei contenitori verdi e gialli che i se trova lungo le strade che le serve appunto per raccoglier la carta – quei gialli – el vero e la latta – quee verdi !!

PAPÀ:    Ma varda sti studenti che i deventa sempre più inteigènti !!! Mi saria ndat in zima al campanil senza batter zeja .. !!!

BAMBINO: Papà … l’è meio che doman a scuoea con mi te vegne anca ti ! Me sembra che te ha tante robe da imparar su sta  raccolta differenziada !

PAPÀ:        Be’ quasi quasi me cioe un zorno de ferie vegne proprio co ti a scuoea !

MAMMA: (Entra e attraversa la cucina … sente solo l’ultima frase …) L’è  meglio sì … cussì te va  fora dai pie e chissà che te impare qualcossa anca ti , intanto butta questo in tèl bidon giust (gli consegna un pannolino sporco di cacca )  !!!

PAPÀ:  (Papà e bambino ) iiiiiii  che spussa !!!!..(entrambi si tappano il naso ) … (parla con il naso tappato ) lè meio che lo mettèn un fià’ fora daa porta da drio  … (esce ed entra con un deodorante che spruzza un po’ in giro …)  … cussì  va meio …!

BAMBINO: (col naso tappato ) se mi magne petardi col Ketchup me fradell  magna calzetti  sporchi e  gorgonzola !!!

PAPÀ:    Ascolta ti che te sa tutt … me satu  anca dir parché che se fa tutta sta raccolta differenziada, e che cossa che se fa con le latte e la plastica che vien raccolta?

BAMBINO: Certo ! l’è el programma de doman, ma ieri pomeriggio  ho naviga un fià in internet, e ho lett che differenziando i rifiuti innanzitutt se inquina meno, perché non i vien inceneridi, ma i vien recicladi ! Pensa che la carta la vien riportada in te na cartiera , sciolta co appositi prodotti e se torna far la carta reciclada, così si evita di tajar tanti alberi .

PAPA’ :      Speren che no i recicle anca la carta igienica …

BAMBINO: Po con le bottiglie de plastica … non me ricordo pi co quante, se fa i PILE (un maglione) come questo !

PAPÀ:       Ma va ? disitu  sul serio ? Ecco l’imbrojo … el sinnico l’ha fredo e co la plastica vèn da farghe i majoni … 

BAMBINO: Ma va …non è il sindaco che li utilizza, ma ditte apposite .. ! E pensa anca l’alluminio che riva dae lattine delle bibite reciclade: co 360 lattine circa, una al giorno, se pòl far na bicicletta in alluminio!

PAPÀ:        Na bici? Ma se ghe ne cioe su tante allora forse rive a farme anca na macchina ?

BAMBINO: (Ironico ) Si , si !! (rivolto al pubblico ) Non l’è vero, ma ghe’ho ditta  parché cussì lo convinze a far la raccolta differenziada! (fa l’occhietto al pubblico)

PAPÀ:         E co l’umido?

BAMBINO: L’umido el viene raccolto a parte, e attraverso un compostaggio (cioè un trattamento particolare) deventa un’ottima terra par i fiori … cussì te farà contenta anca la mamma!!!

PAPA?:   E cussì’ fen proprio contenti tutti! (si guarda intorno ) ma de tutti sti bidoni … adesso che ven dita che ghe ne  basta 4 cossa che ghe ne fae ?

BAMBINO: Papà satu che me ha vegnù na idea? Co questi te me fa contento anca mi … te me fa  un regaeo che l’è da un tòc che te o domande ..(prende i bidoni, li posiziona uno vicino all’altro .. si prepara a costruire una batteria)

VICINO : (entra con il pannolino del bambino ROVESCIATO in testa …con i bordi rivolti verso l’alto tipo aviatore  ) Scusi è suo questo? (indicando sopra la testa…)

PaPA:       Osteria , l’ha da esser vegnù su un colpo de vento …!!!!

VICINO : Pretendo una spiegazione…

PAPA’:    Emm …  sa … le na question de raccolta differenziata … e questo …(Gli viene un’idea ….) el me scusi .. no l’è lu che la sempre le recie frede?

VICINO  … si ma  …

PAPÀ:      Ecco, cussì la raccolta differenziada la te fa ben anca a ti …(Prende il pannolino e glielo allaccia sotto la gola …) co questo in testa e co quel che l’è dentro te tien le reccie al caldo  …(Canticchiando … improvvisa un balletto) evviva la raccolta differenziata che fa contenti tutti !!

VICINO:   (correndo dietro al Papà … ) Gliele do io un po’ di randellate differenziata gliele differenzio su tutti gli arti del corpo !!!!

                   (i due escono..uno inseguito dall’altro … intanto il bambino che si è costruito la batteria prende da un cassetto 2 bacchette e comincia a suonare la batteria cantando a squarciagola )

BAMBINO : Voglio una vita …spericolata … voglio una vita come steve mc queen …voglio una vita spericolata voglio una vita come quelle dei film ..  …  eeeehhhhh……

 

FINE

By Bortolin Marco   28.02.2004

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 10 volte nell' arco di un'anno