Le sottili polveri della follia

Stampa questo copione

                  

                                 LE SOTTILI POLVERI DELLA FOLLIA

                                                  Commedia in tre atti

                                                                     di

                                                     BAIOCCO ROSANNA

Sipario chiuso. Brano musicale

Cleofe, romana ben vestita, occhiali e borsetta è in platea tra il pubblico seduta in una delle poltrone di sinistra, si alza e va sulla passerella, si posiziona al centro, poi ricordandosi, dalla borsetta estrae una mascherina antismog di color bianco…

Brano…che sfumando termina…

CLEOFE       (al pubblico) Me so’ scordata de metteme questa!...(mette la mascherina)…

AMELIA      (romana, ben vestita…è in platea, si alza da una poltrona sulla destra, e raggiunta l’amica sulla passerella) Cleofe..guarda che stamo in Italia mica in Cina, è!..è lì che vanno in giro tutti co’ la mascherina antismog!...

CLEOFE       Sì, ma ormai pure l’Italia come smog e inquinamento…a la Cina jè sta vicina!...Amelia…ma nun l’hai inteso er telegiornale ieri sera?...

AMELIA      Però…se parli co’ qua’ cosa su’ a bocca..se capisce poco e niente, è!...

CLEOFE       (abbassa la mascherina) Te dicevo che ieri sera er Tg…ha detto che da domani a Roma, Milano e altre città che mo nun me ricordo quali, ce ristà pe’ n’altra settimana..er blocco de’ machine!...le centraline hanno rilevato ancora ‘na percentuale esagerata de’ polveri sottili!..cloruro de vinile..radon..benzene…monossido de carbonio!...

AMELIA      (annuendo) Te sei informata bene, è!..ma tutta ‘sta robaccia respiramo?..

CLEOFE       Apposta me so’ messa ‘a mascherina!..pe’ limità i danni!..qui però se nun pieno provvedimenti seri…è un macelo!...le macchine nun dovrebbero più circolà, altro che targhe pare e dispare!..dovrebbero bloccalle pe’ sempre!...

AMELIA      Sìiii…ma quanno?...troppi interessi intorno ar petrolio!...questi pure quanno l’aria sarà diventata irrespirabile, a costo de nun fermà er commercio de’ macchine, ce sarà er blocco pure pe’ i pedoni!...se er vigile te ferma, invece da’ patente..te chiede er certificato de nascita!..dice…”lei è del 54..è un anno paro e oggi ponno circolà solo i pedoni dispari”..e te fa’ na bella contravvenzione!...(sorride)…

CLEOFE       E sarebbe un’altra ingiustizia sociale, perché chi cià li sordi…se po’ comprà du’ machine…co’ targa para e traga dispara!...ma siccome se nasce ‘na vorta sola…er poro pedone…se deve accontentà de ‘n’anno solo de nascita..paro o disparo..a secondo de quanno ‘a partorito la madre!...e mo’ famme annà..vado a fò un po’ de spesa…che oggi è sabato e ar supermercato sarà pieno!..poi devo annà a preparà ‘a cenaaa..

AMELIA      Che je fai de bono a tu marito stasera?...

2

CLEOFE       Ma che jè voi fa’!..tanto quello nun s’accontenta mai…”cucini sempre le solite cose..nun te inventi mai gnente”!...ssss..ma che so’ na chef io?...

AMELIA      (sorride) Se eri ‘na chef..a quest’ora lavoravi su qualche canale!...un piccolo canale..o magari su Canale Grande….

CLEOFE       (stupore) Piccolo canale…canale grande..er Ponte dei Sospiri..amè..ma che stamo a Venezia?..ma de quali canali parli?...

AMELIA      Dei canali televisivi..che ormai ar posto dei Studi co’ ‘a regia…cianno ‘a cucina co’ lo chef…’a televisione è diventata ‘na catena de ristoranti!..do’ giri giri (mima cambiare canale)…se cucina, che er televisore sa de fritto!..invece de TV Sorrisi e Canzoni pe’ i programmi…mo’ ce vo’ er menù..pe’ sape che bolle n pentola!...

CLEOFE       (sorride) Ciai proprio ragione!...cominciano ‘a matina presto!...sur primo..stanno a preparà un secondo…sur Secondo..stanno a cucinè un primo…sur Terzo..’o Chef..sta a spiegà i contorni!...

AMELIA      Che a ‘sto punto invece de Rai 1..Canale 5..la7..Teleoro..Teleuniverso…se dovrebbero chiamà..Telecoccio..Telefriggo…Telecapo…Telesbuccio..e è così su tutti i 999 canali è! (imitando il telecomando) che ‘a sera tra un fornello e l’altro, pe’ trovà un film te se fa mezzanotte…e a la fine…sazio de visioni culinarie..dici…”pure stasera in tv nun ce sta niente!...te rigiri e buonanotte ai sonatori!...

CLEOFE       (annuisce, poi sbircia dietro il sipario che indica al pubblico) Qui ce abita Massimo so’ 37 che fa l’autista lavora all’Atac, e stanno sempre in mezzo ar traffico..ha un po’ sbroccato! A Febbraio de l’altr’anno jè morta ‘a moje (fa segno della crove) Avevano appena festeggiato 40anni de matrimonio e nun avendo figli, è stata dura pe’ lui, ma s’é ripreso presto!...

AMELIA      (anche lei sposta il sipario e dopo una sbirciatina al pubblico) S’è ripreso talmente presto che a Febbraio è rimasto vedevo..e soltanto sei mesi dopo..a Agosto..se n’è ito in ferie su ar Nord..a visità l’Expo..è partito solo..e è ritornato co’ Agnese..’a milanese!..’na bella pasta de donna e…niente da dì!...è separata  e pure lei senza figli…

CLEOFE       (all’amica)  Niente da dì…se nun fosse che cià quarche annetto de troppo meno de lui…che ha fatto ‘na vedovanza par time è!..’a poteva fa’ durà un po’ de più! Dopo ‘na vita insieme…qua’ pora donna da’ moje se meritava un po’ più di rispetto!...

AMELIA      E’ vero..lei cià 54 anni!..Ma lui..ma quale vedovanza più lunga!..a 67 anni…nun te l’hai poi mica permette!..i tempi pe’ rifatte ‘na vita so’ ristretti…e se nun te sbrighi…rischi de moricce de vedovanza!...pe’ pe ma ha fatto bene a riaccoppiasse!

CLEOFE       Comunque..nun è che so’ fatti nostri..ma chi s’impiccia!...

AMELIA      Ah…io no de sicuro!...

CLEOFE       E nemmeno io!...Amelia..te saluto e stasera mi marito..je faccio..spaghetti aglio e ojo..e du’ ova ar tegamino!..ma che so’ ‘na chef io! (sorride) ciao!

AMELIA      Ciao!..e rimettete ‘a mascherina..che mo’ me la compro pure io!.....

CLEOFE       E fai bene!...(e si rimette la mascherina)

Brano…………………………………………………………………………Cleofe e amelia tornano a sedersi

3

Brano…………………………………………………………………………….Apertura sipario……………….

Marzo a Roma, sabato pomeriggio. Agnese esce dalla camera, entra nel salone canticchiando

“Sapessi com’è strano….”,,,e spolvera e sistema qua e là.

Rumore di bambino che salta al piano di sopra(due volte)

MASSIMO   (seduto legge il giornale poi guarda su incazzato con atteggiamenti un po’ nevrotici) Senti che robba!...da quanno so’ venuti abbità questi quassù…è finita ‘a pace!...’sta ragazzina nun se ferma mai…sta da’ matina a la sera a zompà…è un’invasata..è posseduta dar demonio…altro ch a’ camomilla..er valium…jè ce vorrebbe u’ esorcista jè ce vorrebbe!...

AGNESE      (al compagno) Massimo! Devi essere più tollerante!..è una bambina di tre anni!...

1° gemellino che piange (una volta)….

MASSIMO   (alterato) E fosse solo lei!...mo so’ arivati pure i du’ gemellini tutto pepe!...e questo (indicando sù) è quello più calmo è!...

2° gemellino che piange (una volta)….

MASSIMO   (indica su) Senti quest’altro, quanto strilla!...co sta voce da grande farà er tenore!

AGNESE      (scherzando) Sarà il futuro Placido Domingo!...

MASSIMO   (incazzato) Placido?...all’anima de’ placido!...

AGNESE      (sposta, sistema, spolvera) Te la prendi troppo1…fai finta di non sentire!...

MASSIMO   (si alza, posa il giornale) E’ ‘na parola!...è robba che i muri de ‘ste case …so’ talmente fini….che se ‘a sera se pia er caffè uno ar primo piano…rimane svejo tutto er palazzo!..pe’ nun sentì bisognerebbe èsse sordi…o mettesse i tappi…ma a me me danno fastidio, non li sopporto!..Ma poi perché uno che ce sente…pe’ evità e rumore…se deve autoinvalidà…facenno er finto sordo? E se qui sopra c’era un vicino assassino…pe’ evitallo…che facevo..er finto morto?...e con l’arrivo de ‘sto doppio lieto evento, ‘sottura de palle…(indica sù)..andrà avanti ancora per’ quarche annetto! (scuote il capo)…no no…nooooo…ma che stiamo a scherza?....(bambina che salta, una volta) Famme escì sennò divento matto!...(entra in camera…riesce con la giacca..prende le chiavi dal mobiletto) Agnese…me ne vado a fa’ ‘na giocatina a picchetto!...

AGNESE      (annuendo..guarda l’orologio) Io tra un po’ esco con Raffaella1..E’ un periodo che ha paura ad andare in giro sola!...mi ha chiesto di accompagnarla all’Oviesse!...

MASSIMO   Te credo!...co’ quello che specialmente st’ultimi tempi ‘sta a succede!..va be’ se vedemo dopo…(sce di scena)

Agnese entra in camera. Brano musicale che sfumando termina. Campanello della porta (due vol

4

-te)

AGNESE      (esce dalla camera da letto e andando ad aprire) Questa deve essere Raffaella! (dall’ingresso) Raffaella…entra…cinque minuti e sono pronta!

Raffaella (romana ben vestita) e Agnese entrano nel salone.

AGNESE      Prendo la giacca e andiamo! (va in camera) Gianluca sta con tuo marito?...

RAFFA         (in piedi nel salone) Sì…me lo riporta domani sera!..

AGNESE      (esce dalla camare con giacca e borsa) Con il figlio è un angelo!...e con te?...continua sempre allo stesso modo?

RAFFA         (triste) Lasciamo perde va!

AGNESA      Raffaella..non sottovalutare le minacce di tuo marito!...

RAFF.          Ma non credo che Piero…arriverebbe mai a famme der male!

AGNESE      Molte donne..poi vittime di orrendi crimini…non lo credevano!...e invece bisognerebbe intervenire prima che sia troppo tardi!...questi crimini…lo sai, no?...quasi sempre…sono commessi da mariti…compagni..fidanzati…che non accettano la fine di una storia!...

RAFFA         E’ sempre successo!..

AFNESE       Sì..è vero!..ma non così frequenti e raccapriccianti!...mi viene in mente uno degli ultimi fatti di cronaca, quella donna con un bambino in grembo..arsa viva dal marito!...questa non è follia “normale”..è una follia anomala!...

RAFFA         Fortunatamente……l’omini…nun è che so’ tutti mostri!...

AGNESE      E meno male!....

RAFFA         E Massimo? ..che fa il turno de pomeriggio?..

AGNESE      No!...ha fatto la mattina!...è uscito un momento!... (Bambina che salta(una volta) indicando su e in romanesco)..Non gliela faceva più!...

RAFFA         ‘sta ragazzina è un terremoto!... (i due gemellini piangono) Questi so’ i gemellini?...te credo che Massimo è uscito!...

AGNESE      Sì…ma è anche lui che ultimamente..qualsiasi movimento..suono…rumore…lo infastidisce!..anche la musica…la percepisce come un rumore fastidioso!....

RAFFA         E’ pure da capirlo!...quanno che sta a casa vorrebbe un po’ de pace…de silenzio!..ma co’ questi sopra!...

AGNESE      (annuisce)  Io però…’sta familiola…rompimaron..da una parte la devo ringraziare!...

RAFFA         (con stupore) E perché?...

AGNESE      Perché Massimo..pur di non sentirli…esce sempre più spesso!...stasera per esempio mi porta a mangiar fuori, e stasera ho proprio volgio di una bella pizza napoletana!...

RAFFA         Ma a magnà fori…ar giardino?...stai a scherzà!..do’ annate..qui dall’Egiziano?...

AGNESE      (fa no con il capo) No…è un ristorantino sulla Prenestina..ha aperto da poco!...Si chiama..”Simme’ e Napule paisà”…

RAFFA         Pizza Napoli..fatta da un napoletano!..è ‘na fortuna rara de ‘sti tempi!

5

AGNESE      Non è napoletano!... 

RAFFA         E te pareva?..nun me di’ che è cinese!....

AGNESE      Il proprietario è indiano!...un bell’uomo…tipo Kabir Bedy!..Sandokan!...insomma come dite voi a Roma..quest’indiano…” è un fico!”….

RAFFA         (sorridendo e annuendo)..Un fico d’india!...aho…annamo va!....

Agnese e Raffaella, sorridendo alla battuta, escono di scena….

Brano musicale che sfumando termina…..

Torna Massimo, con Nicola e Lucia (i genitori di Nicola, molro anziani, abitano al 4° piano, nella

Stessa scala di Massimo. I tre entrano nel salone. Nocola e Lucia parlano in dialetto narese.

.

MASSIMO   (posa le sue cose sul mobiletto) L’ultima volta sete venuti a Natale!

LUCIA         (annuendo) Sì..a Natele!...

NICOLA       Il telefono va bene, ma ogni tanto quei du’ vecchietti bisogna pure venire  a constatare di persona come stanno?..mio padre tiene 89 anni..mia madre ne tiene 85!...sono soli..

LUCIA         Ecosì..almeno per le feste importanti…facciamo i pendoli eri!....

MASSIMO   Ormai..avete ripreso a parlà baresano è!..proprio come parlavate tanti anni fa quanoo dar profondo sud (scherza) sete partiti migranti…pe’ venì a stabilivve qui a Roma!...

LUCIA         (scherza) Ma col u trene!...mica co’ lo gommone sopra lu mere!...

NICOLA       E le origini sono come..lu legno…che tra i flutti de lu mere tempestoso della vita…può anche momentaneamente scomparire…ma dopo..torna sempre a ghella!...

MASSIMO   (sorride ai due) Ma metteteve a sede!...

Massimo, Nicola e Lucia siedono intorno al tavolo.

LUCIA         (Si guarda in giro) E Agnese la milanese?..

MASSIMO   Tra un po’ torna..e sarà contentissima da rivedevve!...a proposito..Nicò…ma quanno l’altr’anno pe’ ragioni de lavoro….te sei trasferito giù…invece de fa’ su e giù..i pendolari…pe venilli a trovà..(e indica su)..nun potevano tornà a ristabilisse giù pure loro?

NICOLA       Che cosa!...sono vecchi ma la chepa non gli si è ammorbidita! e’ sempre tosta!...si lamentano del caos di Roma, dell’ascensore che si rompe spesso. E fare quattro piani di scale a quell’età, è come fare del gran sesso, si lamentano che non possono stare sul balcone perché è nu balconcino di un metro quadro, e non ci cape neppure nu tavolino co due sedie!...insomma nonostante tutte queste lamenteleee…

LUCIA         Non c’è stato niente da fere!...ai voglia tu ad insistere (imitanto) “Noi siamo devoti di S. Francesco, ma siamo anziani e non ce la sentiamo di andare in pellegrinaggio ad Assisi,

6

                   ma  pure a Roma c’è Francesco, il Santo Padre..e vogliamo rimanere qui…così ogni tanto..ce ne andiamo a San Pietro..a vedere lu Papa..e a pregare per un po’ di salute!”

NICOLA       E co’ stu fatto che per vedere lu Papa..sono rimasti a Roma..io per vedere il papà..devo partirmi da giù..e venirci a Roma!

LUCIA         (al marito).Vieni a vedere pure la memmà!...

NICOLA       Certamente!..considerando poi…che giù a Bitetto…(viene interrotto dal runore di bammbina che salta).

LUCIA         (guarda in alto) La peste..non si è ancora calmata?...

NICOLA       (annuendo e guardando su) Massimo…ciai sempre lo stesso problema è?

MASSIMO   Magari ‘o stesso! Nicò, in un condominio se confini con varie facciate, ce devi ave’ un culo multi facciale (indica, mima) più de ‘nu mazze! E a me m’ha detto male co questi sopra!

LUCIA         (indicando su) Ma la signora, quando a Natale siamo partiti…er aprossima a partorire!..aspettava i gemellini!...Sono arriveti?... (Pianto di neonati. Lucia guarda su sorride annuendo) Sono arrivete…sono arriveti!...

MASSIMO   (Smorfie un po’ da folle..poi annuendo..e un po’ incazzato)..Altro che stesso problema!..er problema si è triplicato!..lasciamo perde va!..Nicò..stavi a parlà de Bitetto…

NICOLA       Stavo dicendo..che io lavoro a Bari..ma abito a Biletto, bella seconda casa di mio padre, quella più grande.

MASSIMO   (scherza) Cià du’ case giù, tu’ padre!?..be’..me pare ovvio, no?..(poi, in burino)..a Bi-tetto..nessuno cià un solo tetto! (e sorride alla battuta)

NICOLA       (sorride) E Bitetto..tu lo sai perché te l’ho detto..è il paese natio dei miei genitori, è un bel paesino in collina a circa 15 kl da Beri…c’è tanto verde…è tranquillo..lontano dal caos..l’ideale per due persone anziane come mio padre e mia  madre.

LUCIA         A Bitetto..non ci sarà il Papa..ma ci sta il figlio!...

NICOLA       (indicando la moglie) E la nuora che li accudisce!...

LUCIA         (con astio al marito, indicando se stessa con il pollice della mano destra) La serva!..

NICOLA       Eeee..la serva!..mo’ che c’entra la serva?!...

LUCIA         C’entra c’entra!...Nicò…ne abbiamo già parlato!..per loro…sarebbe meglio una casa di riposo con un’assistenza specializzata!...

NICOLA       A parte che ancora sono sufficientemente autosufficienti!..ma insomma, si dovrebbero andare a rinchiudere in un ospizio…dove magari vengono pure maltrattati?..Lucì..per favore!..lasciamo perdere, va!..insomma…caro Massimo…si sono impuntati a restare a Roma..soli..tra smog..inquinamento..veleni..a respirare quest’aria, quest’aria infetta…radioattiva!..

MASSIMO   E pe’ colpa della follia..che in nome di un progresso selvaggio e spietato..calpesta ogni etica morale..tra un po’ il disastro ambientale sarà globale!..E così spariranno pure ‘sti salubri e ridenti paesini..’ste piccole oasi incontaminate rimaste incontaminate!..e allora..caro Nicola…tra Bitetto, Bitonto o Bisceglie…c’è sarà poco da sceglie!..ma ci

7

                   avete fatto caso che gli ufo nun s’avviceneno più?..ET, ve lo ricordate? Quello de..”telefono casa..casa?” E’ ritornato a casa ‘na trentina d’anni fa e nun s’è più visto1…anche gli ufi so’ stufi! Prima ce veniveno pure in ferie da noi…ma mo’ co’ ‘sta natura avvelenata..stravolta!...qui va a finì che ‘e vacche invece del latte faranno er vino..er contadino invece dei secchi..riempirà i fiaschi!...Ar mare i pesci s0’ talmente pieni de mercurio che te ce poi misurà ‘a febbre!...(e mima mettersi il termometro sotto il braccio)…

LUCIA         (mettendogli la mano sulla fronte)..Massimo, e tu mi sa tanto che la febbre ce l’hai alta, stai delirando!..

MASSIMO   (un po’ folle) E nel cielo le nubi saranno talmente rigonfie dei petrolio…che con la pioggia ce potrai fa’ er pieno!...la neve sarà e quando cadrà sul monte Bianco..tu dirai..

NICOLA       (canta) “E’ diventato nero..nero nero…come il carbò” Massimo!..se questo quadro che hai dipinto a voce..lo dipingevi su una tela…(mima dipingere) gli altri colori li potevi anche gettare via!..tanto..ti occorreva soltanto il nero!.(sorride)

MASSIMO   In primavera non ci saranno fiori..nè gorgoglio di acque limpide..ma fiumi, ruscelli e cascate dei liquami tossici, ed allora, sarà la fine!...(sintomi di pura follia)

LUCIA         E questa è proprio febbre!..febbre dell’ottimismo..e Madonna mia1..stai diventando catastrofico!...a sentire te tra poco ci sarà l’apocalisse!...

La bambina salta

MASSIMO   (indica su e esasperato) Pe’ nu parlà dell’inquinamento acustico!..a volte..me vorei trovà su un’isola..l’isola del silenzio!..(muovendosi con gesti un po’ folli)

Agnese entra in scena. Felicemente sorpresa, posa la borsa sul mobiletto. Nicola e Lucia si alzano e

Si salutano con abbracci e baci. Si risiedono al tavolo

AGNESE      (seduta accanto a Lucia) Che bella sorpresa!..quando siete arrivati?..

LUCIA         In tarda mattineta!..poco fa abbiamo incontrato Massimo al bar..ci ha offerto il caffè!...siamo venuti a fare Pasqua a Roma!..

NICOLA       Ci fermiamo due settimane..mi sono sorpreso un po’ di ferie anticipate!...

Pianto di bimbo.

MASSIMO   (Esasperato strilla) Ahoooo…e fateie ‘na bella tanica per uno de camomilla!..mannaggia la miseriaccia!..porca zozza…aho!

NICOLA       Certo che è un bel problema è! (guarda su..pensa un po’…poi annuisce) ma se tu sei d’accordo..io una soluzione ce l’avrei!..

MASSIMO   L’ho provate tutte!...co ‘e bone, ciò litigato. Ho chimato i vigili, jò fatto scrive

                    dall’amministratrice…

8

NICOLA       Massimo!..lu giardine!..(lo indica)..

AGNESE      (sorpresa) Il giardino?...

MASSIMO   Ma che me stai a suggerì de trasferimme ar giardino?

NICOLA       (sorride) Massimo!...tu hai un bel giardino!...

LUCIA         Nicò, la vu piantò no co ‘stu giardino?..insomma..quale sarebbe questa soluzione!..

NICOLA       (alla moglie) Luci..quante volte mio padre e mia madre hanno detto..”Quanto ci piace lu giardine di Massimo!”…

LUCIA         (al marito) L’hanno detto spesso e volenieri!..e allora?..

NICOLA       (a Massimo) E allora..i vecchietti non si trovano bene su..tu non ti trovi bene giù…facciamo uno scambio!..giù va su e su viene giù!...

LUCIA         Su e giù..come l’ascensore!..Nicò..spiegati meglio!...

MASSIMO   Nun c’è bisogno de spiegasse meglio!...ho capito benissimo!..è ‘na proposta de scambio!.....

AGNESE      Uno scambio d’appartamenti!..

NICOLA       In piena regola!...con tanto di atto notarile!..si fanno valutare i due appartamenti che internamente sono identici..chiaramente il vostro avendo un bel giardino ha un valore maggiore!..Nessun problema, si paga la differenza..e così..con una feva prendono due piccioni!...mio padre e mia madre, avranno il loro giardino dell’ Eden e Massimo…la sua isola.

LUCIA         L’isola dei famosi?...

NICOLA       Né dei famosi né del tesoro! Massimo avrà la sua isola del silenzio!..i rumori sopra di te (indica su) stano al secondo pieno…l’appartamento del terzo pieno è vuoto!

MASSIMO   (imitandolo) Mè piene …o vuoto?...sto a scherzà!...lo so che al terzo piano nun ci abbita nessuno!...

NICOLA       Al 4° pieno..dove stanno i miei vecchi..i vicini è gente tranquilla…niente bambini, piccoli neonati…sopra ci sta lu terrazzo!...vai veramente a stare nell’isola del silenzio!...

Bambina che salta.

AGNESE      E il silenzio è d’oro! …ma qui quei poveri vecchietti…d’oro..ne troveranno (indicando su) ben poco!...avete pensato a questo?...

NICOLA       Papà e mamma..ci sentono talmente poco…che quando li chiamo al telefono…debbo urlare per farmi sentire!...la televisione la guardano con i sottotitoli!...e poi..anche se percepiscono un po’ di rumori di vita…è meglio…perché a quell’età..il troppo silenzio..ha il rumore della cadenza dei passi della morte che avanza!...allora Massimo..che ne dici?..

MASSIMO   (riflette) Dico cheee..se po’ fa’…ciai avuto una gran bella idea!...

LUCIA         (al marito, scherzando) San Nicola ti ha dato l’illuminazione!....

NICOLA       (si alza) Eheee..ma portate l’elettricità!...Allora facciamo così…(indicando Agnese e Massimo)..parlatene tra di voi..e tenete conto…se decidete subito..prima che io e Lucia ripartiamo..quatro r quattrotto…sistemiamo tutto!...

9

LUCIA         (si alza)…E mo’ ce ne andiamo..che abbiamo disturbato troppo!

Lucia e Nicola si alzano imitati da Agnese e Massimo.

AGNESE      Stasera..io e Massimo..andiamo a cena fuori!...se non avete altri impegni…venite anche voi!..ci farebbe piacere!...

MASSIMO   (annuisce) Annamo a un bel ristorantino su a Prenestina!...pulito..se spenne poco..ambiente famigliare..cucina casareccia..e cibo genuino!...

NICOLOA    Non è cibo sofisti cheto?...

LUCIA         Nicò..se ci mettiamo a guarda queste cose…dovremmo fare sempre lo sciopero della fame..come Pannella!..ormai pure al’alcool puro..è sofisti cheto!..

AGNESE      (sorride e rivolta agli ospiti) Allora?...

NICOLA       (annuendo) Ok…tu che dici Lucì?..è sottinteso che offriamo noi, è!...

AGNESE      Ma che stai a dì…t’amo invitato noi..e offrimo noi!...

NICOLA       Nooo…allora niente!....

MASSIMO   Me dispiace però…se fate così!...

LUCIA         Facciamo come fanno i romeni!...

AGNESE      (con stupore) I romeni?

MASSIMO   Sìiii i polacchi!...Voleva dì…famo alla romana!..va be’ daje poi quanno stamo lì vedemo!...qualcuno pagherà!...

LUCIA         Ok!...noi adesso però…saliamo un momento per…

MASSIMO   Famo così! (guarda l’orologio) tra ‘na mezz’ora ce vedemo qui sotto..al bar dove ce semo prei er caffè prima!...

NICOLA       Perfettto! A dopo allora!...

Nicola e Lucia escono di scena.

AGNESE      (prende la borsa sul mobile) Massimo, la casa è tua e su questo non ci piove..ma ci vivo anch’io, e il giardino piace anche a me! Ma sei proprio deciso a farlo questo scambio?

Rumore di bambina che salta.

MASSIMO   (indica su) So’ deciso sì..e fidate de me…pe’ un po’ de tempo ‘sta soluzione po’ annà bene..poi se vedrà..annamo avanti!...

AGNESE      Ma sì..ciai ragione!..domani è ‘nantro giorno!...

MASSIMO   (prende le sue cose sul mobiletto e sorride) Ogni tanto te scordi per milanese..e te butti ner romaneccio è!?..

AGNESE      (sorride) ce provo!...

MASSIMO   Aho..prima che i gemellini se svejeno pa’ poppata..annamose a fa’ ‘sta magnata da “Simme e Napule paisà”…

AGNESE      Io ho deciso è!...stasera..una bella pizza Napoli..e tu?...

10

MASSIMO   Io..’na bella pizza due stagioni!..

AGNESE      Volevi dì…na quatttro stagioni!...

MASSIMO   (scherza)  E chi ‘a fa più!..’na vorta ‘a facevano, quanno c’erano ancora ‘e quattro stagioni! Ma mo’ se stagioni ne so’ rimaste solo due! Estate inverno..(sorride)..noooo..io stasera..ciò ‘na volgia de ‘mber piatto de pasta asciutta al ragù..e deve esse..pasta agnese..l’Agnese me piace un sacco!...

Gemellino piange.

MASSIMO   Eccheteli tiè!..Agnè annamosene..che mo parte pure Placido! E questi quanno se sveieno pa’ pappa..attacheno ‘na pippa! (velocemente escono di scena)

                                                     FINE PRIMO ATTO

Brano musicale.

Prima Amelia da destra e quasi contemporaneamente Cleofe da sinistra entrambe con mascherina

Bianca si alzano e dalla platea vanno al centro della passerella. Le due amiche vedendosi  si abbas-

sano la mascherina.

Brano che sfumando termina.

CLEOFE       Amelia..ta’ sei messa pure te ‘a mascherina è! Pensa che proprio ieri sera ar telegiornale hanno detto che forse diventerà obbligatoria.

AMELIA      Cioè?..dovremo annà in giro sempre co’ sta cavolo de cosa in faccia?...

CLEOFE       Ma mica sempre!..ogni volta che ce ‘sta er blocco de’ macchine..a causa dei troppi veleni nell’aria!...

AMELIA      Annnamo bene!..a proposito d’aria avvelenata!..mesà che ‘a mascherina…bisogna mettela pure ale piante!...

CLEOFE       Ale piante?..ma che stai a dì’ Amè?...ma che te se sta a inquinà er cervello?

MELIA         (annuendo) Ale piante..sì…te ricordi l’ultima volta che ce semo incontrate..proprio qui?..era fine Marzo!..proprio qur giorno..comprai ‘na bella pianta!..un bel rododentro!..

CLEOFE       (annuendo) Qua piantavo l’atia è!..

AMELIA      Jò dato l’acaua..l’ho messa fora ar balcone pe’ l’aria..morta stecchita!...

CLEOFE       E capirai!..tutti quei scarichi de monossido!..do’ stai te er traffico te passa quasi dentro casa!..qua’ pora pianta è morta avvelenata!..(segno della croce)..

AMELIA      Pe’ que’ Rododentro..nun me ce rode solo dentro..ma me ce rode pure gori!..

CLEOFE       E se vede!...

11

AMELIA      T’ho detto che ce vo’ ‘a mascherina pe’ le piante! (si guarda il suo pollice destro. Seria) ‘sto dito..me s’è ammalato!

CLEOFE       Sarà un po’ d’artrosi!  Mettece il Voltaren!..

AMELIA      Ma che c’entra artrosi!...ma se è ammalato..ner senso che prima ciavevo per pollice verde!...nun m’è morta mai ‘na pianta!..mo è diventato nero..nero killer!...

CLEOFE       Ma quale pollice e indice!..è che qui ormai è tutto avariato!...i regazzini appena nati…so’ già da braccialetto rosso!.. ce manca poco che in pediatria..ai neonati..la chemio jà mettono direttamente ner biberon..e ‘a Plasmon, Nipiol, ‘a Buitoni…dentro i vasetti!..co’ sopra scritto..”Svezzamento oncologico”!..

AMELIA      (scuotendo il capo) Che tristezza!..(poi scosta di poco il sipario chiuso e da una sbirciatina all’interno della scena)…

CLEOFE       (vedendola sbirciare) Ma che fai..te ‘mpicci?...

AMELIA      Sì…’a trovata!..volevo giusto vedè..dopo er trasloco ar quarto piano..come hanno sistemato i mobili!..

CLEOFE       Hanno rimessi come stavano ar primo piano!...gli appartamenti so’ uguali!..è tutto uguale..solo che sotto..ci aveveno er giardino..e qui invece..cianno ‘na bella veduta!..

AMELIA      L’altro giorno ho incontrato Massimo..parlava da solo!..mesà che co’ la testa …

CLEOFE       E te credo!..jà detto proprio male ar cambio è!..

AMELIA      (annuendo) Male?..èeggio de così ‘nungne poteva dì poraccio!..

CLEOFE       (annuisce) Mo’ è mejo annassene..sennò..a gente che ce vede…potrebbe pensà che nun ce famo mai i cavoli nostri!...

AMELIA      Ciai ragione!...allora ciao..e bona giornata!..

CLEOFE       Anche a te!...e me raccomano..nun comprà più piante che vonno l’aria!..

AMELIA      E che so’ matta!..pio solo quelle finte..così niente acqua..nè luce..e né aria!...

CLEOFE       (sorride) De ‘sti tempi è l’unica!...

Brano musicale. Amelia e Cleofe tornano in platea ai loro posti.

Apertura sipario. Brano musicale termina sfumando.

Fine Aprile (un mese dopo). Domenica, ore 9,39..Agnese è seduta a bere il caffè, la tazzina con il

Caffè di Massimo è sul tavolo.

AGNESE      In vestaglia e verso la camera) Massimo..il caffè si fredda!

MASSIMO   Arivo! (vestito,  ha  la camicia fuori dai pantaloni entra nel salone sbadigliando..scuro in volto. Siede) Ciò un sonno arretrato!..se dorme poco pure quassù!...altro che isola del silenzio!...(beve il suo caffè)

AGNESE      Però almeno il rumore esterno del traffico, il 4° piano te lo risparmia, senti che pace?

Scoreggia (varie volte)

12

MASSIMO   (indica parete retro) ‘A pace è durata poco!...er nemico ha ripreso a bombardà!..e poi…(gesti un po’ da folle)..come ‘a violenza su le donne..e i bambini..’a violenza acustica, nun viè tanto dall’esterno..ma quasi sempre viene subita all’interno de’ mura domestiche!...

AGNESE      Lo scambio d’appartamento..è stata una tua decisione!...

MASSIMO   (posa la tazza, si alza arrabbiato) Agnè..lo so..nun c’è bisogno che ogni volta mo’ ricordi! Ma che se l’annava a immaginà..che appena traslocato succedeva cheee (cane che abbaia. Massimo indica la parete) Che a questa qui a fianco..je moriva er marito d’infarto..e se facesse er cagnolino pe’ compagnia!...

AGNESE      Porella!..è rimasta sola!..(trattenendosi dal ridede)..

MASSIMO   Ma invece del cane nun se poteva fare un criceto?....(pianoforte che suona) E che er fio de questi, Bhetooven rompesse i coglioni pure ‘a Domenica invece d’anna a giocere a pallone come fanno tutti i regazzi dell’età su!..chi so’ poteva immaginà…

AGNESE      (si trattiene dal ridere) Ha il sacro fuoco dell’arte nel sangue!...

MASSIMO   Cor quer foco sacro…ar quer maledetto pianoforte, me piacerebbe da’je foco! (scoreggie) E chi l’avrebbe potuto immaginà…che ar pilota durante un volo..pe’ un pauroso voto d’aria..jè venisse un pieno d’aria..a lo stomaco..” aerofia cronica!”..

AGNESE      Ed è pure un ber pieno d’aria!..Massimo..mettiti i tappi!..(e si trattiene dal ridere..

MASSIMO   ‘O so’ io ar pilota..’ndo glielo metterei un bel tappo!... (sciacquone bagno) Scoreggie e scariche diarroiche! (rivolto verso la retro parete a voce alta, esasperato) ahoooo..e piatela un po’ de enterogermina!..

AGNESE      Me immagino ‘a moje..che jè sta vicino!...

MASSIMO   Se ‘a moje, hostes, ancora vola è pe’ nun staje vicino, se farà pure i voli internali!..

Scoreggie

AGNESE      (scoppia a ridere) E certo..lui in quelle condizioni non può volare di sicuro!…

MASSIMO   (finalmente si rilascia e sorride anche lui) nE te credo, t’ommagini  se mentre pilota t’ammolla un po’ di sleppe?..i passeggeri..tutti impauriti a urlà..”è un’attacco teroristico!...ma quale attacco teroristico!..è ‘na tromba d’aria peggio der Tornado Galveston!...

AGNESE      (sorridendo si alza prende le tazzine dal tavolo) Massimo, da Raffaella..a pranzo..bisogna portare qualcosa è!...una torta..un po’ di dolci!...

MASSIMO   Annamo da “Secco e Bagnato”!....

AGNESE      (annuendo) Ok! (va in camera e canta) O mia bela Madunina, che te brilet de luntan, tuta dora e piscinina, ti te dominet Milan….

MASSIMO   (si siede) Te manca Milano è?

AGNESE      (ritorna in scena vestita ma senza giacca) Sì! Me manca, eccome!

MASSIMO   (accenna al motivo) “Nostalgia nostalgia canaglia,,di un amico..di un paese..di un bar” Capisco la nostalgia  ma ricordate che  te sei trasferita a Roma..mica a Pietrasecca è!

AGNESE      (annuendo) Sì..ma io ho lasciato Milano..micaaa Gorgonzola è!..

13

MASSIMO   (stupito) A Gorgonzola?...ma mo’ che c’entra er formaggio?!..

AGNESE      (ride divertita) Ma Gorgonzola il paese!..il piccolo cumune vicino a Milano!..

MASSIMO   (sempre stupito) Su..c’è un paesetto che se chiama Gorgonzola?

AGNESE      Proprio così!...

MASSIMO   (sorride) Ma l’omonimo famoso formaggio ha preso il nome da lì?..

AGNESE      (annuendo) Sì..perchè è lì che ha avuto origine!..(scherzando) Gnurant!...

MASSIMO   Aho..e no’ sapevo!..

AGNESE      Ma mi son de Milan e di Milan me manca tutto!..Il Duomo..con la sua grande chiesa, il Castello Sforzesco!...

MASSIMO   A Roma c’è San Pietro..er Colosseo!...

AGNESE      A Milano c’è la Scala, Porta Romana, Via Montenapoleone..il fiume Naviglio!...

MASSOMO Un fiumiciattolo!..’na piccola marana!..’na manarella..che tra l’altro ‘a Manarella ciavemo pure noi a Roma!..qui c’è a Scalinata, Porta Portese, Via del Corso, il biondo Tevere!

AGNESE      Biondo? S’è fatto ‘a tinta..perchè mo’ è castano..marron glassè!...

MASSIMO   Laciamo perde ‘sto confronto..che so’ due città diverse nella loro bellezza!..Milano..se po’ paragonà..a un mobile moderno…e Roma..a un mobile antico1..E se uno ce vo’ proprio trovà qualcosa che le accomuna..ecco!..su smog e inquinamento..so’ gemelle!...

AGNESE      Infatti…cor blocco del traffico..vanno de pari passo! (sorride)

MASSIMO   E anche ‘na malapolitica..potrebbero fa’ er gemellaggio!..(poi a mo’ di poesia)

Brano musicale di sottofondo

A Roma..hanno chiamato Tronca  pe’ mafia capitale..

Pe’ cerca de rimettte a posto..lìeterna città nostra!...

Ma caro Tronca, ma che te voi troncà..qui seguita annà male…

E coll’ultimi Sindaci..’a corruzione?..gira che ti rigira..solita giostra!...

E a Milano?..pure lì..ala Regione..mejo me sento!...

Prima co’ le tangenti ne la Sanità..c’era un giro de milioni…

Cambiato er Presidente..er milanese se disse so’ contento!...

E mo’ co’ le tangenti come va’…è annata ancora peggio co’ Maroni!...

Brano sfumando termina….

MASSIMO   (s’avvicina alla donna..l’abbraccia) Ma come se dice però?..”Ogni città è bella a mamma sua!”..ma se prima Milano e i milanesi..ciavevo qui..(indice sulla gola)…da quanno t’ho conosciuto..ce l’ho qui!..(mano sul cuore e la bacia)

AGNESE      Massimo ci vogliamo arrivare adesso da Secco e Bagnato a prendere quei dolci?

MASSIMO   Noo, me gira un po’ la testa! Quanno dormi poco1..e meno male che er pianista a notte riposa!..ma per cane scoreggeee e sciacquoni a notte è come er giorno è!..no, arivace te!

AGNESE      (esce di scena e riappare con giacca)…Allora…ci vediamo tra un po’! (suona il campanello e Agnese va all’ingresso) Raffaella!..(insieme entrano nel salone)

14

RAFFA         Buongiorno Massimo!...

MASSIMO   (sedutosi sul divano) Ciao Raffaè!..

AGNESE      Ma è successo qualcosa con tuo marito?...

MASSIMO   A Raffaè, se ciai problemi, nun te sta’ a preoccupa per pranzo de oggi è!...potemo pure lassa perde!...sarà pe’ un’altra Domenica!...

RAFFA         Ma no..è tutto a posto!..anzi!…stamattina presto…vado aprì..e me trovo davanti Piero, con un mazzo de rose rosse in mano che me fa’..”te vojo un sacco bene!..e me s’abbraccia forte co’ e rose ancora in mano!..’a schiacciate tutte!..(sorride commossa)..oggi a pranzo..c’è anche mio marito!..se semo rimessi insieme!...

AGNESE      (l’abbraccia)..Sono felice per te!

MASSIMO   Tra tante separazioni che finiscono in tragedia..qualche lieto fine ce vo’, no!?

AGNESE      E ti auguro di cuore che duri nel tempo!..Senti Raffaella..io stavo uscendo…

RAFFA         Vado via anch’io!..Massimo… scusa…ma me faceva piacere divve ‘sta cosa..ci vediamo a pranzo, allora!

MASSIMO   (si alza..la bacia)..Ma scusa de che!..Noi venimo verso..’a mezza!..

Agnese e Raffaella escono. Massimo si sdraia ma subito..il cane abbaia, suonano il pianoforte, il cane scoreggia e tirano lo sciacquone.

MASSIMO   Se danno appuntamento…parte una pippa e l’altri tutti appresso!...(segni di follia). ‘Sto progetto ‘o devo realizzà a tutti i costi!..Hai vistomai cheeee..no deve esse isolata..nun posso rischià..no!...ma chi mo’ garantisce che quanno poi la..no!...(Campanello della porta suona Massimo si alza esasperato). Pure er campanello ce se mette!...(va all’ingresso)..Uè Nicò..Signora Lucia!..(entrano nel salone)

NICOLA       (guarda tutt’intorno) Lucì..senti che tranquillità quassù è?...

LUCIA         E sì!..Massimo..te la stavi godendo questa quiete è?.questa pece!....

NICOLA       L’isola del silenzio!..e noi ti abbiamo desturbeto..è vero?...

MASSIMO   (gesti come per dire “se sapessi”) Ma quale disturbo!..ma che sete arivati adesso?

LUCIA         Noo.è da ieri che stiamo qua!...

NICOLA       Gli operai hanno finito il pergolato..e così abbiamo fatto una scappatina a Roma..per saldare i conti con la ditta dei lavori…e a sistemare un po’ di cose!...

LUCIA         E oggi pomeriggio ce ne torniamo a Bitetto!..

MASSIMO   A proposito de tetto!...l’altro giorno..stavo affacciato sur balconcino..e ho visto per pergolato!..hanno fatto un bel lavoro!...

NICOLA       Ci voleva!..il giardino è un paradiso..ma ci batteva troppo il sole!..adesso..i vecchietti non corrono il rischio d’incocciarsi con un’insolazione!..no no..era un lavoro da fare!...

LUCIA         Anche se..il padre dei gemellini..ha avuto da ridire!...

NICOLA       Ha detto che avremmo dovuto chiedere il permesso!..Che dal pergolato possono salire su gli animaletti..ed entrargli in casa…

MASSIMO   I figli rompono le palle..e lui rompe i cojoni!..ma nun lo sta a sentì!..accomodateve..Agnese è uscita n’atttimo..doveva comprà ‘na cosa..ma tra un po’ torna..e se piamo un ber caffè insieme!..

LUCIA         No, Massimo andiamo che i vecchietti.. (indica giù)..ci stanno aspettando!...

NICOLA       Anticipiamo un po’ il pranzo!..Il viaggio è lungo e la domenica..c’è un po’ di traffico!..ce la saluti tu Agnese..e la prossima volta che veniamo..stiamo un po’ insieme!..

15

MASSIMO   Ok!..(li accompagna all’ingresso…) allora buon viaggio de ritorno!..(Ritorna in scena. Rumore di scorreggie, sorridendo si sbraga  sul divano) L’isola del silenzio!!...strano!..’o sciacquone tace!..bha..hai visto mai che er pilota..sta in via de guarigione!..je l’auguro proprio co’ tutte er core!...

AGNESE      (ritorna in scena col pacchettino di dolci in mano che posa sul tavolo insieme alla borsa) Da “Secco e Bagnato” era pieno di gente!..

MASSIMO   Te salutano Lucia e Nicola!...so arivati ieri ma sto pomeriggio riparteno!

AGNESE      (si agita sulle gambe) Lo so…li ho incontrati giù al portone!..(guarda l’orario sempre saltellando) Massimo..tra un po’ andiamo via è!..

MASSIMO   Va bene! (si alza e guardandola) ma che..te la stai a fa’ sotto?..

AGNESE      (annuisce) Sìiii..famme annà in bagno!..(esce di scena)

MASSIMO   Agnese…Agnese me senti..

AGNESE      Sì, ti sento..che c’è?

MASSIMO   No niente…e che poco fa er pilota..n’ammolata n’artra!..ma poi stranamente..silenzio…nun ha scaricato?..

AGNESE      E allora?

MASSIMO   Famme un favore!...dopo che hai fatto..nun la tirà ‘a catena!..cos’..armeno pe’ oggi..’no sciacquone mo’ risparmio!...

Brano musicale. Il sipario si chiude.

                                  

                                           FINE SECONDO ATTO

Sipario chiuso. Brano musicale. Cleofe da sinistra e Amelia da destra dalla platea contempora-

neamente  vanno sulla passarella. Sono di fronte. Brano sfuma…

CLEOFE       (abbassa la sua mascherina all’amica) Ciao Amè! Aspetta n’attimo! (dalla borsa estrae una bomboletta spray e si spruzza in bocca e poi fa profondi respiri)

AMELIA      (abbassa la mascherina con stupore) Ma nun sapevo che soffrivi d’asma?

CLEOFE       Ma quale asma!..(mostra la bomboletta)..questa è aria pura in confezione spray!

AMELIA      (stupita) E mo’ che è ‘sta novità?...

CLEOFE       E’ ‘na bella novità!...Se trova in farmacia!..Amelia..l’aria ormai nun è più quella de’ ‘na vorta!..se voi l’aria bona, l’aria pura..’a devi pagà!...

AMELIA      (sorride) Come l’acqua!?..Levissima, freschissima, purissima!...

CLEOFE       8annuendo) Brava!..e vedrai che tra un po’..l’aria bona..sarà talmente merce rara..che costerà più dell’oro!...

AMELIA      Come semo ridotti male!..(sbircia) a Clè..comunque..a come stava messo (si tocca il capo intendendo arrivato di testa)..prima o poi quarcosa jè doveva capità!...mo so’ un paio de mesi che è successa ‘a disgrazia, no?..

CLEOFE       E sì!...è stato subito dopo Pasqua!..(sbircia anche lei)   p’aggiustà antenna!..i vecchietti ciavevano sur sur balconcino!...

AMELIA      ‘A milanese ‘aveva pure avvisato!..’nun ce salì su ‘a ringhiera che è pericoloso!”

CLEOFE       (con circospezione) Ma né che è stata lei a daje..(mima spintone sorridendo)..

16

AMELIA      Ma che stai a di’?..ma poi pe’ quale motivo avrebbe fatto?..guarda che lei jè vo’ bene!...(romanticamente) “Quando in un bar dell’Expo di Milano..lui gentilmente gli offrì un caffè…fu amore espresso…come quel caffè che lei volentieri accettò!”…

CLEOFE       Ma stavo a scherzà!..e comunque de ‘sti tempi nun è che ce vo’ un motivo pe’ fa’ fori qualcuno è! Qui ammazzano pure solo “pe’ vede’ de nascosto l’effetto che fa!”…pe’ vede’ quello che se prova!..certi crimini so’ talmente assurdi..che pure volendo trovaje un movente..nun ce riesci!...

AMELIA      (annuisce) Certo che h afatto un ber volo è!..(e mima caduta di sotto)…

CLEOFE       (annuendo) Però co’ tre giorni de coma..e un paio de settimane d’ospedale..se lè cavata abbastanza bene!..ammortizzannoje ‘a caduta..er pergolato l’ha miracolato!

AMELIA      A lui e ai du’ vecchietti..che se lo so’ visto piombà addosso..ma a velocità rallentata!..e pure loro..ne so’ esciti vivi..co’ tanto spavento..e quarche contusione!...

CLEOFE       (annuisce) Amelia..te saluto!...Ah..prima che me scordo!...sta in campana che ‘a Zika..’a zanzara brasiliana..è arrivata pure da noi è!

AMELIA      (annuendo) Lo so!...(dalla borsa estrae una bomboletta che le mostra) ‘a vedi questa?..questa né aria pura..nè aria fritta..e né aria de montagna!..è ‘no spray killer!..se incontro a zanzara Zika jè faccio un…(mima “un mazzo così”)

Cleofe e Amelia sorridendo tornano a sedersi in platea ai loro rispettivi posti

Brano musicale. Apertura sipario. Brano musicale sfumando termina

Fine Giugno, due mesi circa dopo la disgrazia..sono le 11.30. Agnese, Raffaella, Lucia e Nicola, sono

Seduti sorseggiando il caffè.

AGNESE      Prima dell’incidente..per lui..ogni suono …era rumore!..ma dopo che uscito dal coma..è il silenzio che gli dà fastidio…che non sopporta più!...

NICOLA       E’ strana questa cosa!...comunque se davamo retta al padre dei gemellini, avremmo auto un pergoleto in meno…

LUCIA         (annuendo) E quasi certamente…tre defunti in più!

RAFFA         Ormai è passata, va!...

NICOLA       (annuisce) I vecchi stanno bene..e Massimo è ritornato dal tunnel…

MASSIMO   (entra, saluta, posa le sue cose sul mobile)..’Sto cacchio de tunnel, durante er coma, hanno vistto tutti!..io ‘no ho visto né tunnel..nè ‘a luce in fondo al tunnel!...

NICOLA       (scherza) Non c’era nemmeno la luce?...sei rimasto tre giorni al buio?..

MASSIMO   (scherza annuendo) Sì…era sartata ‘a corrente!..(e sorride)

AGNESE      Non ricorda niente!...Vero Massimo?

MASSIMO   No, Agnè, nun è vero!...(agli ospiti) è che fino adesso quello che ho..diciamo “vissuto”..durante il coma..non l’ho raccontato a nessuno..nemmeno a lei…(indica la compagna)..perchè rispetto a quello che hanno raccontato l’altri ar risveglio..la mia è tutta un’altra storia!...allora ho pensato..famme sta zitto…tanto nun me crederanno!..

LUCIA         E che storia sarà mai?..a questo punto..raccontaci!...

MASSIMO   E va be’!...basta che nu’ la piate a ride, perché io parlo seriamente è!

NICOLA       (serio) Ma ci  mancherebbe!..Massimo..continua!...

MASSIMO   Quello che me ricordo..è che lì c’era uno…’na specie d’uscere co ‘na coppola modello mafia, me dà un foglio e in dialetto siculo me fa..”devi firmasre qua!”..e poi me indica una porta, entro, e lì nun c’erano né tunnel, né sottopassaggi..e nemmeno gallerie!

17

AGNESE      Ma era un vicolo cieco?...

MASSIMO   Noooo…c’era ‘na scala mobile a doppia careggiata!...pe’ sal’ e pe’ scenne!...

LUCIA         Allora era un supermercacheto!...o era una rampa della metro?

MASSIMO   (fa no col capo) All’inizio da scala..su’ cartello c’era scritto: “Defunti instabili”

NICOLA       (curioso) E cioè’..un po’ toccheti?..

AGNESE      (sorride) Ma forse perché chi è in coma..non è ancora stabilmente defunto!...

MASSIMO   Infatti!...Insomma pio ‘a scala mobile..arivo su e me ritrovo in una specie d’arena co’ tanto de pubblico e seduti an’tavolo c’erano tre omini e ‘na donna! Tali e quali!...

RAFFA         (lo corregge) Tale e Quale!...ma che era..la trasmissione de Carlo Conti?...

MASSIMO   Sì, buonanotte!..quello già sta da pe’ tutto..pure in coma so dovemo cibà? Conti nun c’entra niente!..erano tali e quali de quei quattro che stavano là in qua’ specie de giuria.

NICOLA       Ma tale e quali a chi’…

MASSIMO   Era evidente a chi!..e così al quarto, un tipaccio in canotta…pelato…pieno de pirsing..tatuaggi..co’ orecchino ar naso..jè faccio..”Scusa è..ma quei tre so’ proprio loro?” Me risponde co’ na voce roca:” So’ loro so’ loro..che no’ vedi che questo (a sinistra) co’ la barba scura…e qua’ bella signora (la indica) col manto azzurro..so’ i genitori putativi..de’ sto capellone secco..(mima scapigliare)..co’ la barba incolta e l’occhi azzurri?..

LUCIA         (incredula) Ma niente niente erano..Gesù Giuseppe e Maria?

MASSIMO   (annuendo) Proprio loro!...dal vivo!..live!..in carne ossa!...

LUCIA         (esclama) O Gesù Giuseppeee…

NICOLA       …e Maria!...(alla moglie con tono di richiamo) Luciiii..(rivolgendosi a Massimo) ma il naziskin che cosa c’entrava lì..con quei tre..chi era?..

MASSIMO   Jè l’ho chiesto!..m’ha risposto: “Io so’ io e voi nun sete un cazzo!...

RAFFA         (sorride) Questa l’ha copiata dar Marchese der Grillo!...

MASSIMO   ‘O so!...e poi aggiunge “E tutto esiste per volere mio!”..Ma allora..dico..”tu sei Lui? Sei er padre legittimo der capellone?”..”Bravo..se se’ privato!...allora jè faccio “ma se sei proprio Lui…come mai quel look strano,,qua’ aspetto? Dice: “ Ma perché come dovrei esse?..io nun so’ mai esistito in materia..nun m’ha visto mai nessuno! Quell’identikit co’ tanti capelli e barba bianca,,quer misto tra Giuseppe Verdi e Giuseppe Garibaldi vo’ siete inventato voi laggiù, e sto look è perché me piace seguì ‘a moda!

AGNESE      (in romanaccio) Ma t’ha detto che stavano a fa’ lì? De che se trattava?

MASSIMO   Sì..era un talent..tipo The Voice..dal titolo “Lasci o Rimani?” do’ se decideva se dovevi lascià quer posto e ritornà tra i vivi, o rimanè là…in eterno!

LUCIA         (curiosa) E in merito a che cosa lo decidevano?

MASSIMO   State a sentì!..A un certo punto er cappellone, da un grande casellario, apre ‘no sportelletto, pia ‘na cartella e la da ar Capo che la apre e legge: “Massimo ecc..anni 67..nato a Roma..ecc ecc” ..a quer punto jà chiesto..”ma ancora cor cartaceo? Ma nun ciavete un computer?..risponne er figlio: “Quassù non disponiamo di energia elettrica!” ..’na bella signora: “Non vogliamo che accada ciò che è accaduto laggiù!...Interviene pure er falegname ‘artigiano da’ qualità! Dice: “Qui tutto è manuale!..Devo levigare un asse?..uso la pialla..Io debbo segare?..sega a mano”..continua Lui: “La nostra..è  energia naturale! Nun volemo trattà er celo colme voi trattate la terra!...E adesso mettete ‘e cuffie!..Partimo co’ le domande’..2Niente domande, co’ quelle nun senti niente!..bha!..poi Lui..da’ cartella pia ‘na scheda…’a

18

                   guarda..la passa all’altri..?..’a guardano pure loro..jà ridanno..poi me fa segno de levamme ‘e cuffie..e er capoccia attacca…”Buon curriculum!..onestà sufficiente..de ‘sti tempi cosa rara laggiù..rispetto ambiente, buono..anche s esu ‘a raccolta differenziata ‘gnazzicchi un po’!..Comunque..mo’ passamo ar voto!..parte l’artigiano: “ Per me..lasci”..poi er fio: “Per me… rimani”..uno pari!..tocca ‘a la madre: “Per me…lasci”..due a uno..er voto de Lui è decisivo!...”Per me..lasci”..e vai!..se ‘narinnamo giù!..me metto a ballà come un matto..ringrazio ‘a giuria..er pubblico..tutti!..So’ sceso giù pa’ scala mobile..e all’uscere jè faccio “Io ritorno giù, ma se invece dovevo rimanè come Defunto Stabile (mima) potrei vedè do’ sarei annato a finì?” “Certamente! Ma lì non puoi né vedere né parlare! Cieco e muto devi essere!..’tu capisti?..puoi soltanto ascoltare”..er padrino!..va be’!..Arivamo sul posto..aho..regnava un silenzio assordante, da paura, terrificante..a tal punto che in quel momento me so’ rimpianto..l’indemoniata, gemellini compresi!..me ne so’ ito subito!..E poi me so risvegliato co’ Agnese vicino a me lì all’ospedale! E questo è tutto!

AGNESE      (sorride) Sei rimasto scioccato da tutto quer silenzio!?...

MASSIMO   (annuendo) E ho capito che so’ cento volte cejo i runori da’ vita quaggiù!...

LUCIA         E adesso quel rumore che ti piace tanto, intorno…non ce l’hai più!..

MASSIMO   E sapessi quanto me li rimpiango!..Fuffi..Beethoven..scureggia e sciacquone!..purtroppo er cagnolino porello è morto!..’e regazzino nun strimpella più perhcè mo’ vo’ diventà come Ronaldo, sta sempre a giocà a pallone!..ar pilota ‘hostes..’a moje, l’ha cacciato da casa..jà detto..basta, vattene..aria, aria!..’n invito a nozze pe’..perchè più lui diceva a ria e più lui scureggiava!..e che devo fa’ è ita così!...

NICOLA       Insomma, caro Massimo…una volta il silenzio..una volta il rumore..ho l’impressione che l’isola che cerchi tu..è l’isola che non c’è!..

RAFFA         Nun è detto però che lassù ‘ndo staveno i morti…’e cose stiano veramente così!...

AGNESE      (indica prima su e poi giù) Comunque sia al di là..la storia…l’importante è che stai stai al di qua…a raccontalla!...

LUCIA         E tutto bene quel che finisce bene!..Nicò andiamo, che i vecchietti..lo sai, no?

NICOLA       Quando veniamo a Roma  non mangiano se a tavola non ci stiamo anche noi!

RAFFA         Scappo pure io..che oggi Piero è di riposo e pranza a casa!...

Nicola, Lucia, Raffaella si alzano e dopo i soliti convenevoli di saluti vanno via accompagnata dalla

milanese.  Torna nel salone  prende il  vassoio e le tazzine sul tavolo e le porta in cucina per poi

tornare nel salone.

MASSIMO   Agnè..stavo a pensà a un certo progetto che ciavevo in mente de realizzà!

AGNESE      (curiosa) E cioè?...

MASSIMO   (riflette un po’ su  e sorridendo) Me volevo costruì una tomba!

AGNESE      (meravigliata si siede) Cheeee?

MASSIMO   (siede anche lui) Sì, ‘na bella tomba acusticamente isolata, perché pensavo “e se ‘na volta traslocato (su) dopo tanto rumore terrestre, traffico, regazzini, cani, pianoforti, scoregge e sciacquoni, me te ritrovo vicino un morto rompicoglioni? Che magari parla, parla forte! (scherza) perché se risiede al civico 47 è un morto che parla, è!..Poi però è successo che so’ stato quei tre giorni lassù..e anche se ‘a differenza tra coma e morte..è come quella tra un farmaco generico e l’originale, sembrano uguali ma non è così,  nessuno po affermà co’ certezza che l’aldilà del coma è virtuale, farmacologico,

19

                   artificiale, come dice ‘a scienza, perché nessun morto è mai tornato in vita pe’ di’ er contrario! Solo er capellone, er fio, pe’ tre giorni è morto davero e poi è risorto, ma lui nun fa testo, è de parte, lì c’è conflitto d’interesse è! E quindi dal momento che ho visto durante qua’ breve vacanza (su) e lì c’è uno spreco del silenzio esagerato, e allora a ‘sto punto a che me serve ‘na tomba antirumore? Invece, co’ quei soldi, vado da “Cherubini strumenti Musicali” e me faccio, stereo, quattro casse da 2000 watt l’una, e pure ‘na batteria (simula) Silenzio! Devi fa’ silenzio, nun te vojo più sentì, la vita è rumore 8canta) rumore rumore (canta, salta, tambureggia) cuore, batticuore..rumore, rumore..nana…nananana..

AGNESE      (si alza preoccupata, scuote il capo e va in camera per poi riuscire e con tono serio) Massimo..scenno a pià qualcosa..sennò oggi..oltre che a zompà de qua e de la…zompamo pure er pranzo!..(esce di scena)

MASSIMO   ( cammina nervoso per il salone, su e giù, guardandosi tutto inorno) Maledetto silenzio! Ma famme mette un po’ de musica! (accende la radio e va a sdraiarsi sul divano e ascolta la musica) Sì, buonanotte! (si alza e spenge la radio) Ce manca solo ‘sto “Silenzio de tromba”!”..(torna a sdraiarsi sul divano e si addormenta)

Brano musicale che sfumando termina

MASSIMO   (si sveglia, sbadiglia, guarda l’ora) Porca miseria! …ho dormito più de n’ora!..(si alza e va verso la cucina) Agnese..ciò ‘na fame! (esce di scena per pochi secondi ritornando in salone) ma nun è ancora tornata!?..Bha! (ritorna a sdraiarsi sul divano)

AGNESE      (entra nel salone, stravolta e agitata e scuotendo il capo va in cucina a posare la spesa e ritorna nel salone) Massimo..indovina un po’ che è successo!? Indovina!..

MASSIMO   Agnè..mica so’ er mago Otelma è!...che è successo!?...

AGNESE      (agitata) Al supermercato..al Sidis..

MASSIMO   (preoccupato) Ma che c’è stato  n’attentato dell ISIS..ar Sidis!?...

AGNESE      Ma noooo!..nun c’è stato nessun attentato!...

MASSIMO   (rassicurato) Meno male!..e allora?

AGNESE      Uscendo dar supermercato…ho incontrato ‘a cognata de Raffaella?

MASSIMO   (annuendo) ‘A sorella de Piero!...Bhe?...

AGNESE      Stava annà all’ospedale!...

MASSIMO   Ma perché..chi è che sta male?...

AGNESE      (imprecando quel nome) Raffaella!..Raffaella!..(e scuotendo il capo)

MASSIMO   (arrabbiato) Porca zozza!..quer bastardo ‘a mannata all’ospedale!?..ma come rinnaveno d’amore e d’accordo?..’nantro caso de femminicidio!...

AGNESE      (fa no col capo) Massimo..stavorta né femminicidio!...

MASSIMO   Ano?..e come ‘o voi chiamà!?..

AGNESE      Omicidio!..perchè stavorta all’ospedale c’è finito l’omo!..c’è finito Piero!..

MASSIMO   (allibito) Ma come Piero?

AGNESE      Quanno Raffaella..prima è tornata a casa, siccome er marito nun aveva apparecchiato ‘a tavola come lei javeva detto de fa’..ha preso er mattarello pa’ pasta..e mentre lui stava a vede’ ‘a televisione..l’ha preso a bastonate in testa..su ‘a schiena..su ‘e braccia.. da pertutto..l’ha massacrato!...’a cognata ha detto che poi è scappata..e nun se sa do’ sta!...Per fortuna che Piero nun ha perso i sensi..e è riuscito a chiamà ‘ambulanza!....

MASSIMO   (annuendo) Hai capito quella che faceva ‘a vittima stolking!...

20

AGNESE      Io javevo pure detto da sta’ attenta a le minacce der marito!..(imita l’amica) “Nun credo che Piero arriverebbe a famme der male!”..

MASSIMO   C’è  arivata lei però!..iè partita a brocca!...(scuote il capo) so’ le polveri sottili!...

Brano musicale. Massimo inizia a ballare come un matto. Agnese lo guarda scuotendo il capo esce

di scena per poi rientrarvi con le cuffie alle orecchie e una mascherina antismog bianca sulla boc-

ca. Massimo la guarda e sorpreso si ferma e con gesti chiede spiegazioni.

AGNESE      (abbassa la mascherina) A Massimo, qui tra un po’..fra stereo, casse e batterie..’sta casa dalll’isola der silenzio..diventerà l’isola dei rumori!..e allora..co’ queste..(indica le cuffie)..nun se sente niente..(e abbassa)..so’ come quelle che ciavevi lassù a “Lasci o Rimani”..e questa..(indica la mascherina)..è pe’ polveri sottili..perchè tu ormai (si tocca il capo) nun ce stai più con la testa…ma pe’ quanto me riguarda..è mejo prevenì..e me dovresti pure ringrazia..perchè senza prevenzione…’a brocca..me potrebbe partì pure a me!...

MASSIMO   (sorridendo) E allora?

AGNESE      (con  un ghigno satanico) E allora..’a potresti fa’ pure te a fine de Piero!...

MASSIMO   (sorpreso..ma sorridendo) Daje!...annamo bene!..

                                                      FINE

 

                  

                       

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 0 volte nell' arco di un'anno