Le zitelle

Stampa questo copione

   

 

                              Gruppo teatrale

          “Je concentraménte”

                                     AVEZZANO

     

             LE ZITELLE

             Patto con il diavolo

                                              due atti comici 

                                                        di         

            RAFFAELE    DONATELLI

Per essere grandi bisogna prima di tutto essere piccoli.

L'umiltà è la base di ogni vera grandezza.

Papa Francesco  

BENEDÌTTE                     Padrone di casa

CROCIFISSA                      sua moglie

IMMACOLATA                         Figlia

CONCEZIONE                           Figlia

IMMY                                   Figlia

CONCY                                Figlia

PERFIDONE                       Diavolo

LUCIO                               Diavolo

MAGA                                Chiromante

MARIA                                Vicina di casa sorella di Prenella e Sabbetta

PRENELLA                      Vicina di casa sorella di Maria e Sabbetta

SABBETTA                          Vicina di casa sorella di Maria e Prenella

FILÙCCIA                           Madre di Vincénzine e Nicolìne

VINCÉNZINE                     Figlio di Filùccia

NICOLÍNE                                  Figlio di Filùccia

SAN PASQUALE                Santo

SANTA FILOMENA           Santa

ASTRUBBALE                    Poeta 

CROCIFISSA                              

IMMY

CONCY

MAGA

MARIA

PRENELLA

FILÙCCIA

SANTA FILOMENA

IMMACOLATA

CONCEZIONE  

BENEDÌTTE

PERFIDONE   

LUCIO    

ASTRUBBALE 

VINCÉNZINE   

NICOLÌNE  

SAN PASQUALE

SABBETTA

 

                                                   1   ATTO

( Interno casa, due attori di sesso maschile che faranno la parte delle figlie zitelle Immacolata e Concezione.Una madre Crocifissa.Sono sedute intente a ricamare ed hanno un rosario sulle ginocchia. In casa due altarini, molto visibili. Uno di San Pasquale Baylonne e l'altra da Santa Filomena. I due quadri all'inizio sono vicini)

CROCIFISSA          Dièce punti e preghiera, dièce punti e preghiera. Sètte òtte nòve dièce, posete j'àghe e pijéte je rosarie (eseguono)

CROCIFISSA-IMMACOLATA-CONCEZIONE (insieme)

Noi vi preghiamo, o Santa Filomena
voi dateci uno sposo o brutto o bello
povero o ricco, saggio e pazzerello.
Pazienza poi se è gobbo oppur sciancato
o zoppo o guercio o tutto sconocchiato.
Il tempo passa e noi siam pronte a tutto:
perciò accogliete voi questa preghiera

prima che il sol tramonti e venga sera.

CROCIFISSA             Poséte je rosarie e rencomenzéte a ricamà ( Immacolata fa cadere il rosario) Immacolà, che te pòzzene spartuccià. Si fatte cascà je rosarie, mo nen vale più, dovéme refà tutta la novena. Propria mò che èmme arrivati a sette jórni, ce ne manchevane ddù

CONCEZIONE          Mammina, so' sette novene che ficéme e ècche nen succede gnènte. Te le so ditte co Santa Filomena nen funziona. Reprovéme co San Pasquale Baylonne

IMMACOLATA         Scìne, pure pe mì è méjie San Pasquale!

CROCIFISSA             Zitte ne ve ficéte sentì che Santa Filomena se po' 'nguastì e po' vójie vedè chi ve se pijia

IMMACOLATA          Ma mammina, quande stèmme a precà San Pasquale, ècche a casa sonèttere alla porta, jèmme a ruprì e se presententette n'òme! Béjie, avéte, co la divisa e co je cappéjie

CONCEZIONE           Immacolà, èva je pustine

IMMACOLATA         (ironica)  Cara la mia sorellina Concezione, pustine o non pustine èva sèmbre n'òme

CONCEZIONE          E quande t'ha viste nen ha aspettate manche la mancia, pe le corre i tacchi ce sbattevane 'ncùjie, e se caschette pure pe le scale

CROCIFISSA             Concezione! Nen offende sorèta, e ppò ce putivi ì tu a ruprì!

IMMACOLATA         Cuscì cascheva arrugate cómme ne verme sìcche

CONCEZIONE          Beh, armene remaneva ècche e je potèmme raccòlle

IMMACOLATA         Ma quije quande se repijièva e te vedeva, strabuzzeva j'ócchi e se metteva volontariamente in coma farmacologico

CONCEZIONE          Ha parlate la bella Immacolata

IMMACOLATA            Sembre più bella de tì ce so

CROCIFISSA                Oh, 'nzomma, finitela. Recordeteve che séte sorelle e v'assomijiéte pure.

CONCEZIONE             Penza che cule!

CROCIFISSA                Ie e babbine vóstre ce séme 'mbegnati a lo stremo delle nostre forze pe favve belle e somijianti. Se séte rimaste zitelle è pe pura combinazione. Ie nen resce a capì. Ma cómme po' èsse? Se sposane cérti ragani co le squame, e le mie bambine, Immacolata e Concezione, so rimaste signorine e per giunta....pure vergini

CONCEZIONE             (Sconsolata) Pure vergini

IMMACOLATA            (Sconsolata) Pure vergini

CROCIFISSA                (guardandole) E te crede!

CONCEZIONE             Mà, dièce

CROCIFISSA                Dièce che?

CONCEZIONE             Punti, dièce punti ( svelte riprendono il rosario)

CROCIFISSA-IMMACOLATA-CONCEZIONE (insieme)

Noi vi preghiamo, o Santa Filomena
voi dateci uno sposo o brutto o bello
povero o ricco, saggio e pazzerello.
Pazienza poi se è gobbo oppur sciancato
o zoppo o guercio o tutto sconocchiato.
Il tempo passa e noi siam pronte a tutto:
perciò accogliete voi questa preghiera

prima che il sol tramonti e venga sera.

CROCIFISSA               (guardando gli altarini) Che ve pozzène accìte a tittiddù! Chi ha misse San Pasquale vicine a Santa Filomena? (si alza e allontana i quadri)

IMMACOLATA           So stata ie

CROCIFISSA               E perché?

IMMACOLATA           So penzate che se stevane vicine èva più positive

CROCIFISSA               Ma te si 'mbazzita? Quiji nen se pònne vedè. Atre che positive! E se mò scropene che stéme a precà tittiddù séte belle che frecate

CONCEZIONE            Immacolà, sta sèmbre a fa guai! Mà, dièce ( svelte riprendono il rosario) 

CONCEZIONE-IMMACOLATA    Noi vi preghiamo.....

CROCIFISSA               Ferme, ferme, accontentéme pure San Pasquale

CROCIFISSA- IMMACOLATA-CONCEZIONE (insieme)

«San Pasquale Baylonne,/ protettore delle donne,/  trovatemi un marito/ bianco rosso e colorito/ come voi: ma talequale,/ o glorioso san Pasquale».

IMMACOLATA        (guardando il quadro di Santa Filomena) Mammina, Santa Filomèma s'è 'ngazzata

CONCEZIONE         (guardando anche lei) Scìne, me pare pure a mmì. Ce sta a vardà brutte.Zitte, zitte mo ce pènze ie (si alza, prende il quadro di San Pasquale e lo gira, poi va a Santa Filomena e gli parla). Ma che strane, se senténe certe voci venì da fòri, me sembreva che venissere da je piane de sótte, addò abitane quelle ddù sciuèrte, che ce fanne concorrenza. Eh Mà, le si sentute pure tu?

CROCIFISSA       Scìne, me pare che stevane a precà San Pasquale Baylonne

IMMACOLATA   Scìne, mammina, pure a mmì me pare che che stevane a precà San Pasquale

CONCEZIONE     Che pó, che tène quele ddù più de nu?

IMMACOLATA     Nen séme femmene pure nù?

CONCEZIONE       Ma le si viste? Co quiji ócchi azzurri, co le soppraciglia che parene ddù ventaji

IMMACOLATA     Ma le si sentute? Nu teneme 90-60-90

CONCEZIONE      E nu 60-90-60!

IMMACOLATA     Co quiji sederi a mandolino, nen se pòne manche assettà

CONCEZIONE      Vò mette a nnu, co sti béji posteriori piatti, piatti

CROCIFISSA         Vajò, finitela sinnò ècche perdéme la causa.(poi al quadro) Santa Filomè, ma peddavére te credivi che stèmme a precà San Pasquale?

CONCEZIONE    Nù nen ce penzeme propria a San Pasquale. Nù pregheme sóle Santa Filomena

IMMACOLATA     Sól'éssa!

CROCIFISSA         E cérte, e so sicura che quante méne te l'aspitti, sònane alla porta e se presentane ddù béji givinótti, avéti, biondi cignàti...

IMMACOLATA     Mammina, ie je vójie coi capiji scuri...je vójie mòre

CROCIFISSA         E va bbó, allora ficéme une cignàte e une mòre

CONCEZIONE      Pure ie je vójie mòre, pure se so bionda i biondi nen me piacene

IMMACOLATA     No, mo tu te piji je cignàte, je mòre je so capate prima ie

CONCEZIONE      Nen fa la prepotente! Nen comandi tu! Vójie càpà prima ie.  Ècche, so capàte, me pijie quie mòre e je cignàte je lasse a ttì...se te sse pijia...perché a ttì mòre, cignàte, rùsce o pelàte cómme ne ginócchie, nen te se pijia nisciùne

IMMACOLATA    (piangendo) Mammina, si sentute che m'ha ditte?

CROCIFISSA        Carmetece

IMMACOLATA    Vò sembre càpà prima essa! Le sta a ffà appòsta perché le sa che a mi me piacene i vajùli co la coccia scura

CONCEZIONE     Pure a mmì me piacene i vajùli co la coccia scura, va bbó?

IMMACOLATA    Ma je so capate prima ie e mo tu te piji je cignàte

CONCEZIONE     Manche pe gnènte, je cignàte te je piji tu?

IMMACOLATA    Mammina! Diccele tu che je mòre tocca a mmì

CONCEZIONE     No, no e no je mòre je vóje ie

CROCIFISSA        Oh, 'nzòmma! Finitela! Mo sa che facce? I manne via e frecheteve tittiddù

IMMACOLATA    No mammina, nen ji mannà via

CONCEZIONE     No, no lassaji ècche, vorrà dice che me sacrifiche ie. ( rassegnata) Me pije je cignàte

IMMACOLATA    E va bbó, nen te sacrificà, je cignàte me je pijie ie

CONCEZIONE     No, mo me je pijie ie

IMMACOLATA    Te so ditte che me je pije ie (ricominciano a litigare)

CONCEZIONE     Le vidi mà? Ha dà sèmbre scumbinà quele che facce ie. Je cignàte è je mì!

IMMACOLATA    No, me je pije ie!

CONCEZIONE    Mo te strocche si quattre capiji che tè 'ncape cuscì nen te se pijia manche je pelàte

IMMACOLATA    Mammina! Le vidi? Mo vò je cignàte sóle pe famme dispétte

CONCEZIONE     Nen è le vére me steva a sacrificà pe ttì

CROCIFISSA        Basta! Ie so la mamma e decide ie.. je mòre...se je pijia....

IMMACOLATA   (interrompendola) Mammina..

CROCIFISSA       Zitta che sténghe a penzà. Je mòre....se je pijia....

IMMACOLATA   (interrompendola di nuovo) Mammina..

CROCIFISSA       Ma te vò sta zitta?

IMMACOLATA   Mammina, m'è venuta n'idea

CONCEZIONE    Ah, quessa scì che è na novità.(ironica) Audite gente, a mia sorella Immacolata ci ha venuta una itea. I ddù pezzitti de cervéjie fraciche che tè 'ncape, se òne incontrati, pe pure case, e òne generate, ma che diche generate, partorite...ma che diche partorite...(scandendo) FI-JIA-TE.. una itea. Sicuramente sarrà na penzata de quele ròsse,  che sicuramente sconvolgerà je mùnne. Mammina, voleme sentì la cara zitellòna, cuscì ce levéme se pensiere e poteme decide finarmènte a chi se pijia je vajóle co la coccia chiara e chi quiie co la coccia scura?

CROCIFISSA          (anche lei, ironica) Cérte cara fijia Concezione, sentime la bella Immacolata, cuscì ce levéme se penziere e potéme procede all'assegnazione dei ddù pringipi azzurri. Preco Scienziata, dicci il tuo penziere.

IMMACOLATA     (offesa) Nen le vójie dìce più!

CROCIFISSA         E no! Mo tu ce le dici

CONCEZIONE      Mà, lassala perde, se vede che èva na stupidaggine

IMMACOLATA     Gnènt'affatte!

CONCEZIONE      (sempre ironica) E allora fatte 'scì se fiate puzzolente!

IMMACOLATA     Ie voleva sóle dice, che viste che stéme a sonnà, nen potéme fa entrà ddù mòri cuscì nen litichéme? (Crocifissa e Concezione rimangono interdette)

CROCIFISSA  (imbarazzata) Su, forza nen perdéme témbe recomenzéme a ricamà, nen perdéme témbe che se fessarìe

CONCEZIONE     Scì, scì, nen perdéme témbe co se fessarìe (riprendono ago, filo e rosario)

IMMACOLATA    A mmì me pareva n'idea bòna

CROCIFISSA        Sé, sètte, òtte nòve dièce. Poséte j'aghe e pijiéte je rosarie

CROCIFISSA-IMMACOLATA-CONCEZIONE (insieme, Immacolata piagnucolando)

Noi vi preghiamo, o Santa Filomena
voi dateci uno sposo o brutto o bello
povero o ricco, saggio e pazzerello.
Pazienza poi se è gobbo oppur sciancato
o zoppo o guercio o tutto sconocchiato.
Il tempo passa e noi siam pronte a tutto:
perciò accogliete voi questa preghiera

prima che il sol tramonti e venga sera.

IMMACOLATA         A mmì me pareva n'idea bòna

CROCIFISSA             Angóra? Ricamete e stétece zitte

CONCEZIONE         (a Immacolata) Si contenta? Mo pe córpa tè, remaneme vizzòche pure nel modo dei sogni

IMMACOLATA         Ma ie volèva ajiutà

CONCEZIONE          Tu ajiùti sèmbre alla discesa

IMMACOLATA         Nen è le vére, ie ajiùte pure alla sallita

CONCEZIONE          Mà, dièce

CROCIFISSA-IMMACOLATA-CONCEZIONE (insieme)

Noi vi preghiamo, o Santa Filomena.......( entra Benedìtte, è il capofamiglia, piuttosto malandato.)

BENEDÌTTE              Angóra co sa storia? Ma le volete capì che ormai è tardi? Zitelle séte e zitelle remanete (Immacolata e Concezione seguitano a ricamare, per tutto il dialogo si scambiano parole e risatine, non sentono le parole dei genitori)

CROCIFISSA             (a parte) Benedì, nen dì suscì! So angóra givinòtte, po èsse che quacchidùne se le pija

BENEDÌTTE              Crocifì, vardeme 'nfaccia alla realtà. Vardale bbóne

CROCIFISSA             Le sténghe a vardà, nen so poi suscì malamènte

BENEDÌTTE              Crocifì, ma tu cómme le sta a guardà?

CROCIFISSA             Con l'occhio di una mamma

BENEDÌTTE              E allora chiudi s'ócchie e rùpri quìe atre, quìe de na cristiana normale

CROCIFISSA            (esegue) Quante so brutte!

BENEDÌTTE              Sta a vedè?

CROCIFISSA             Che dici, sarà state je forcipe?

BENEDÌTTE              Je forcipe? A quesse òne usate je martéjie pneumatiche

CROCIFISSA             Quande si cattive!

BENEDÌTTE              Ma quasse cattive! Nen le vidi che 'nfaccia so tutte ondulate! Ma la cosa più triste è che so pure povere e senza dote. Mo te domanne a ttì, quale cristiane che tè ne póche de decenza, ne póche de lucidità mentale, ne póche de vista, se po' pijà una delle ddù?

CROCIFISSA          (piange) Eppure ce séme 'mbagnati allo stremo

BENEDÌTTE            Crocifì, vardame 'nfaccia, è arrivate je mumente de dicce la verità.

CROCIFISSA           Quasse verità? Ie nen so mai ditte na buscìa

BENEDÌTTE            Si sicura?

CROCIFISSA           Le giure sulla coccia delle mie bambine!

BENEDÌTTE            Me sa che nen vale come giuramento

CROCIFISSA           E allora le giure sulla coccia de Santa Filomena e San Pasquale Baylonne, che stane a ffà tante per le nostre creature

BENEDÌTTE            Creature me pare na parola ròssa, dicéme... ddù individue

CROCIFISSA           Quante si malamènte!

BENEDÌTTE            Realista

CROCIFISSA           Ma che vó sapè?

BENEDÌTTE            No... è che, tante notti quande nen dorme, gire pe la casa e ve vede durmì, e m'accorge che vù tre v'assomijiéte na freca, rufiate nella stessa identica manèra, mentre ie, dicéme la verità, so na 'ntécchia più béjie, e allora facce quacche riflessione. Diche: ma cómm'è pussibbile che so fatte ddù sgorbi de sa portata? E allora la coccia mè 'ncomènza a spazià nell'infinito, va e revè, va e revè, va e revè.....

CROCIFISSA           Benedì, nen te sténghe a capì. Sa coccia, va o revé?

BENEDÌTTE            Revè Crocifì, revè!....... Te recurdi quie scupine che veniva a retirà la monnezza na ventina d'anni fa?

CROCIFISSA            Chi, Astrubbale?

BENEDÌTTE             Scìne, me pare propria che chiameva suscì

CROCIFISSA            E cómme nen me je recorde! Je chiamevane “Astrubbale brutte 'nfaccia”, nen se poteva manche guardà

BENEDÌTTE             Steva a pensà.....mo tu nen te 'nfurminà

CROCIFISSA            Nóne, e perché me débbe 'nfurminà?

BENEDÌTTE             No, perché steva a pensà...nen è che tu....tante vòte....sa quanne stivi sòla...e isse.... veniva a ritirà la monnezza...magari a ne mumente de debbelézza ( Crocifissa lo guarda con incredulità) Po succede...succede...

CROCIFISSA            (ironica) Ah,tu dici, viste che siccome tu si béjie e isse èva brutte, ie so brutta, le fijie so brutte...

BENEDÌTTE             Ne mumente de debbelézza....n'attime...che ce vò? Se spiegherebbe tutte

CROCISSA                (sempre ironica) E è nata Concezione

BENEDÌTTE              Se spiegherebbe tutte...

CROCIFISSA            (sempre ironica) Pó, viste che la creatura èva 'scìta bbòna sò avute n'atre attime de debbelézza, sempre co Astrubbale “brutte 'nfaccia”, e dóppe nove mesi ha nata Immacolata

BENEDÌTTE              Se spiegherebbe tutte...

CROCIFISSA           (pausa, poi arrabbiata) Che te pòzzene spartuccià cómme ne pórche! Ma cómme te permitti? Cómme te vè 'ncape na cosa de quessa?

BENEDÌTTE            Scusa Crocifì, ma so tarmente brutte che me sembra 'mbussibbile che so fijie a mmì

CROCIFISSA           Ma te si vardate bbóne a je spécchie?

BENEDÌTTE            Beh, tante malamènte nen ce so

CROCIFISSA           NO, si pégge. Si più brutte de na scimmia affamata! Ah, tu vò sapè la verità? E mo te la dice ie la vera verità. La verità de perché me te so sposate! Quie jórne teneva le borze a j'ócchi. Scìne, ddù borze che parevane ddù valiggie! Nen te vedeva bbóne, vedeva n'ombra e a pensacce bbóne l'ombra èva na freca méjie de tì. Ho rimasta frecata dalla tua ombra!

BENEDÌTTE           Nen te 'nfurminà! Eva sóle n'ipotesi

CROCIFISSA          L'ipotesi de sorèta!

BENEDÌTTE           Lassa sta sorema che tè ddù fijie splendide

CROCIFISSA          E invece quelle tè so brutte, e so le tè, sono le tue! Tittiddù! Nen so de Astubbale, sono le tue, e sono brutte! Vardale bbóne: ddù zitellòne...brutte!

IMMACOLATA         Mammina, Babbino, me che stéte a ddì? Perché stéte a liticà?

CROCIFISSA              Zitta tu, e ricama! (a Benedìtte) Ie èva na poetessa, scriveva poesie, pó so 'ngondrate a ttì e nen so scritte più

BENEDÌTTE                E chi te l'ha impedite?

CROCIFISSA              Tu!

BENEDÌTTE                Ie?

CROCIFISSA               Scìne tu! Nen te le recurdi? “ Crocifì ma che sta a ffa? Ma sta sembre co la coccia pell'aria, penza a fa a magnà invece de scrive se frescacce!

BENEDÌTTE                Ma ie rentreva a casa e a magnà nen èva pronte

CROCIFISSA               E già, le magnà è 'mbortante, più 'mbortante delle poesie

BENEDÌTTE                Crocifì, ma le poesie se magnene?

CROCIFISSA               Nóne Benedì, nen se magnane

BENEDÌTTE                Ma tu me ne putivi legge quacchidùna. Poèsse che me piacevene e te le ficeva scrive

CROCIFISSA               Me vergogneva! Ma na vòta so proate a dittene una

BENEDÌTTE                Nen me recorde

CROCIFISSA               E che te vò recordà? Tu te recùrdi sóle quele che se dice alla cantina de Peppone

BENEDÌTTE                E quass'èva sa poesia?

CROCIFISSA               (musica  La cancion mas triste del mundo da sec 22) Ne jórne rientristi stanche, sfiduciate. Je principale tì t'èva trattate male, i colleghi tì nen t'evane difese. Rintristi che sembrivi ne stracce. T'èva crollate je mùnne 'ncójie. Ie allora me te abbraccette e te dicétte na poesia che èva scritte quela matina e che me pareva tante bella

BENEDÌTTE                 Ah, scì?

CROCIFISSA                Sta a vedè? Manche te le recurdi

BENEDÌTTE                 Ma è passate tante témbe

CROCIFISSA                Se t'èva piaciuta nen te n'ìri scórde, le cose belle nen se scordane, te rimanene avéntre l'àrma

BENEDÌTTE                 E se vede che nen èva bella!

CROCIFISSA                A mmì me pareva bella

BENEDÌTTE                Cómme se intitola?

CROCIFISSA               “ Me so revejiàta”

BENEDÌTTE                 Era ora!

CROCIFISSA                Le vidi? Si sembre je solite

BENEDÌTTE                 Ma nóne, sténghe a pazzià.Famme sentì,su. Cómme ficéva?

CROCIFISSA                 “ Ógge me so revejiàta con n'angoscia

                                     

                                           me sentiva triste e moscia.

                                          Je céle butteva acqua a più nen posse

                                          e ie me sentive avéntre a ne fósse

                                          Po so viste a ttì, vita mia

                                          e in céle ha volate l'anima mia”

BENEDÌTTE               (emozionato, ma cercando di nascondere la sua sensibilità)                                    Bella chi la scritta?

CROCIFISSA               Benedì..ma va a murìammà....

BENEDÌTTE                (interrrompendola) Stéva a pazzià, è bella. Ie manche l'èva capite che quela èva na poesia pe mmì

CROCIFISSA               E infatti appena so finite me si ditte” Crocifì, ma che te si bevute? Va a fa a magnà, cammina! ” E allora ie so ìta in cucina, me so fatte ne béjie piantaréjie e nen te so dìtte più nisciùna poesia

BENEDÌTTE                Crocifì, ie so ne póche ruzze, ie se cose nen le capisce. Ie sacce a mala pena fa la firma mè. È le vére sacce legge, ma so ne pòre pulitore de fogne. Tu invece si acculturata, si fatte ddù vòte la prima e ddù la seconda. Si istruita

CROCIFISSA            Benedì, armene fa quaccósa pe le fijie nostre

BENEDÌTTE             E che pòzze fa?

CROCIFISSA            Isci, gira, 'mbegnate a troà quacchidùne che se le pija 

BENEDÌTTE             Tittiddù?

CROCIFISSA            Tittiddù o nisciùna!

BENEDÌTTE             Crocifì, ma te rindi cunte quele che sta a ddì? Ecche già ce vò na grazia co una, figurate co tittiddù. Atre che Santa Filomena e San Pasquale, ecche ce vò ne vére e propria miraquele

CROCIFISSA           Ma tu parlà co quacche amiche che tè ne fijie givinótte

BENEDÌTTE            (sconsolato) E che ce dice?

CROCIFISSA           Ce dice che sanne fa a magnà, che sanne rezzelà, che sanne ricamà

BENEDÌTTE           Sanne ricamà? Crocifì, ma te recurdi l'atra vòta? Appena òne arzate je linziòle pe vedè quele che èvane fatte..... je ricame la viste e acquànte che se sfilate! S'è suicidate!

CROCIFISSA          (sconsolata guarda che le figlie che intanto hanno ripreso a ricamare, contente e giulive)  Tè raggione Benedì, chi se le 'ngòlla? (siede)

BENEDÌTTE           (siede sfiduciato) Manche je DIÀVELE

( Lampi di luce, tuoni, fumo. La scena si blocca. I quattro attori rimangono fermi immobili,il tempo si ferma. Entrano i diavoli, balletto sulle note LA BALLATA DEI DIAVOLI,con il mantello rosso, corna e coda. Finita la musica rimangono 2 diavoli: Perfidone e Lucio)

PERFIDONE           Ecco qua, questa è la casa

LUCIO                     Beh, non male. E quale sarebbe il mio compito o sublime perfidezza?

PERFIDONE          Vedi quelle due ragazze che stanno ricamando?

LUCIO                     Dove?

PERFIDONE           Sedute su quelle sedie

LUCIO                     (spaventato) Perbacco! Quelle sono due ragazze? Pensavo fossero due soprammobili rococò

PERFIDONE           Magari lo fossero!

LUCIO                     E cosa ci devo fare con quelle due... cose?

PERFIDONE          Vedi, questa è la tua ultima tua possibilità. Tu hai fallito in ogni compito che ti abbiamo dato

LUCIO                     Questa volta non sbaglierò, o sublime schifezza

PERFIDONE           E' una famiglia religiosissima, lui si chiama Benedetto, la moglie Crocifissa (tuono),le figlie Immacolata, mai nome più azzeccato e Concezione, mai nome fu più sbagliato (altro tuono) Come senti, anche il solo nominarle suscita le ire di nostra malvagità

LUCIO                     Dimmi, oh mio signore Perfidone, ed io assolverò il mio compito

PERFIDONE          Vedi Lucio, tu sei un diavolo un po' anomalo. Dovevi essere stato cacciato dall'inferno già parecchio tempo fa, ma grazie alla tua parentela con Lucifero ti stiamo dando un'altra possibilità

LUCIO                     Non fallirò, niente è impossibile per  Il DIAVOLO LUCIO fratello minore di Lucifero

PERFIDONE           Più che fratello minore...fratello minorato

LUCIO                     Si, offendimi pure o spregevole Perfidone

PERFIDONE           Ricorda, questa è la tua ultima possibilità, se fallirai diventerai un povero mortale, come questi disgraziati

LUCIO                     No, non fallirò o diabolico Perfidone

PERFIDONE          Tu dovrai prendere l'anima di quelle due fanciulle

LUCIO                    Ah già, quelle sono due fanciulle!

PERFIDONE          Si, non sembra, ma sono due fanciulle

LUCIO                    Oh, putrido Perfidone, perché non facciamo un bello scherzo alla concorrenza e gliele lasciamo?

PERFIDONE          Mi chiamo Perfidone, ma non sono così perfido. E poi sono belle dentro

LUCIO                    Molto dentro!

PERFIDONE         Fagli trovare marito, e in cambio ti fai firmare un contratto dove loro ti cedono la loro anima

LUCIO                  Ma è un compito difficilissimo!

PERFIDONE        Lo so, sono molto religiosi, la casa è piena di Santi e Santini.

LUCIO                  No, non è per questo. È che è proprio difficile trovare due ragazzi che se le pigliano

PERFIDONE     (guardandole) Porca miseria! Sono proprio due sgorbi.

LUCIO                 Non si capisce nemmeno quale è la dritta e la rovescia

PERFIDONE     Guarda, guarda, perfino San Pasquale Baylonne e Santa Filomena. Dobbiamo batterli sul tempo!Tu usa tutti i mezzi diabolici che tuo fratello Lucifero ti ha insegnato. Mi raccomando! E ricordati che le due...cose dopo la firma non si dovranno pentire per almeno ventiquattro ore, altrimenti il contratto non sarà valido

LUCIO                   Non si pentiranno o schifezza infinita

PERFIDONE     Adesso io tornerò negli inferi, tu ti trasformerai in un essere umano

LUCIO                  Che schifo!

PERFIDONE        Lo so, è terribile prendere le sembianze di un uomo, ma è l'unico modo per avvicinare i due... attrezzi. Dirai che sei uno zio lontanissimo che torna dopo tanti anni e ti fingerai ricco. Poi tocca a te. Ora andiamo (via,tuoni e rumori)

( le persone in scena si rianimano)

BENEDÌTTE          Crocifì, me sente ne póche scìfrecàte

CROCIFISSA         Scì è le vére, pur'ie

IMMACOLATA     Mammina, Babbino, me fa male la coccia

CONCEZIONE      Pure a mmì. Nen ce potéme reposà ne póche? Tante che fretta tenéme a finì se correde

IMMACOLATA     Nen se po' mai sapè! Pò esse che sonane alla porta e se presenta ne béjie vajóle co la coccia scura che dice “ Scusate, abbeta ecco la signorina Immacolata che me la vójie sposà?” “ Scìne abita ècche” ce responne mammina

“E pòzze vedè je correde?” “Spiacente”, ce responne babbino, “ma je correde non ha  angóra fenite” E allora ie che facce?

CONCEZIONE      A parte che se sòna ne cristiane co la coccia scura, cerca a mmì, perché a tì te po' cercà sóle ne cignàte. E pó nen penze che tu remani vizzòca perché nen si fenite je correde

IMMACOLATA      Sóle pe quesse! E ppó je mòre è je mì!

CONCEZIONE       No, je mòre è je mì, a ti t'attocca je cignàte

IMMACOLATA      Mammina...Babbino...

BENEDÌTTE           Oh, inzomma basta! Fenitela che sa tiritera! Mòre, cignàte, rusce, verde pisello, gialle paglierine, turchese, arcobaleno, pelate! Cómm'è è, basta che ve se pijiane e ve se 'ngòllane na bbòna vòta!

CROCIFISSA           Benedì, carmate

BENEDÌTTE            E nen ne pòzze più! Stete sèmbre a penzà a je marite! Ma ficéteve monache...(fa per andare, poi torna) se ve fanne entrà a je convénte (via)

(Concezione e Immacolata escono piangendo)

CROCIFISSA           Ecche qua! Ce reséme, se so sfocati tutti e se ne vanne, e co la scusa me lassane sòla a rezzelà la casa (campanello) E chi sarrà mo? (va ad aprire)

(entra il diavolo Lucio, nelle sembianze di un signore elegante, con bastone e cappello) Preco, dica signore

LUCIO                     Signòra, scusi l'intrusione. Sto cercando la casa de Benedìtte Scortellone

CROCIFISSA          E' questa. Ie so la mójie

LUCIO                     Piacere, ie so je zie

CROCIFISSA          De chi?

LUCIO                     De Benedìtte

CROCIFISSA          Mariteme nen tè nisciùne parente

LUCIO                     Cuscì penseva pur'ie, ma pó da na ricerca fatta da je notaie dottor Perfidone, so appurate che Benedìtte è nipotéme

CROCIFISSA          Ma stéte a ddì peddavére?

LUCIO                      Cérte, chiametéjie che ce spiéche tutte

CROCIFISSA          (chiamando sgraziatamente) Benedì! Benedì! Benedì!

BENEDÌTTE          (entrando) Ècchemè! Ècchemè! Ècchemè!  Ma che t'allucchi?

CROCIFISSA           Ce sta ste signore che te vò parlà

BENEDÌTTE            A mmì?

CROCIFISSA           No a nonneta!

BENEDÌTTE           (a Lucio) Oh, me dispiace gentile signore ma nonna s'ha morta

CROCIFISSA           Cérte che si propria sembrice! Vò parlà co ttì!

BENEDÌTTE            E tu si dìtte che voleva parlà co nonna!

CROCIFISSA           Ma tu sta a ffà peddavére?

BENEDÌTTE            Scìne sténghe a fa peddavére. Perchè nen poteva volè parlà co nonna?

LUCIO                         Ma no, vójie parlà co tì

BENEDÌTTE               E parla!

LUCIO                        (stringendogli la mano) Che piacere conoscette

BENEDÌTTE              (ritira la mano) Porca miseria me si abbruciàte!

LUCIO                         Scusa, sténghe ne póche riscallàte

BENEDÌTTE               Ma chi si?

LUCIO                         Ie sarei tuo zio

BENEDÌTTE               Ma chi te conosce?

LUCIO                         E' le vére, tu nen me conosci, mo te spieche (indicando una sedia) Permettete?

BENEDÌTTE              Assettate pure

LUCIO                        (esegue, si siedono anche Benedìtte e Crocifissa) Dunque, mi presento: ie me chiame Lucio Diavolaccio

BENEDÌTTE               Diavolaccio?

LUCIO                         Scìne Diavolaccio. Ie nen ténghe ne amici e ne parenti, e siccome so na freca ricche e ténghe sessant'anni ...

CROCIFISSA              In che senso?

LUCIO                         Nel senso che so nate sessant'anni fa...

CROCIFISSA              Nóne, diceva ricche in che senso?

LUCIO                         Ah, la domanda è riferita a ricco

CROCIFISSA              E me pare!

BENEDÌTTE               Zitta ppó Crocifì, fajie parlà!

LUCIO                         Io possiedo parecchie proprietà, case, ville, terreni, castelli, chiese (tuono) no, scusate niente chiese, e tanti tanti liquidi

BENEDÌTTE              Liquidi?

CROCIFISSA             Oh, de liquidi ècche ne tenéme na freca

BENEDÌTTE              Crocifì, quiji se chiamane liquami!

LUCIO                        Ma che séte capite? Pe liquidi intendo sórdi, moneta, nichelle

BENEDÌTTE              Anche lire?

LUCIO                        Soprattùtte

CROCIFISSA           ( A Benedìtte) Ah, scì mo me recorde de ne zie che ce diceva mammeta. Scìne ce parleva de cérte zie Lucio

BENEDÌTTE              Ma che sta a ddì? Ie nen ténghe nisciùne zie

CROCIFISSA             Ma cómme no? Mammeta te diceva che tenivi ne zie che se chiameva Lucio, che èva béjie, legante, generoso, un gran signorone

BENEDÌTTE              Ma tu te sta a sónna? Ie nen ténghe nisciùne zie!

CROCIFISSA             Che sciccìse se sempliciótte!

LUCIO                        Ma scìne, la signòra tè ragione!

BENEDÌTTE              Che so sempliciótte ?

LUCIO                        No, che ie so ziete

BENEDÌTTE              Ah, scì? Ma cómme po' èsse? Tenéme la stessa età

LUCIO                        Nóne, sembra che tenéme la stessa età, ie nen dimostro, so cuscì da céntemila anni

BENEDÌTTE               Céntemila anni? Frecate, allora si vécchie!

LUCIO                         Ficeteme finì de raccontà. Ve steva a dice che siccome me so fatte vécchie...

CROCIFISSA              (adulatrice)  No, ma quasse vécchie

BENEDÌTTE                E' vécchie, è vécchie...céntemila anni!

CROCIFISSA               (a Benedìtte) Quante si stòrdele!

LUCIO                           Carma, ficetéme finì

BENEDÌTTE                 (Cricifissa suggerisce, incitando il marito a fingere) Preco.....zio

LUCIO                           Siccome me sténghe a fa vécchie e nen ténghe eredi

BENEDÌTTE                (Crocifissa come sopra, Benedìtte non capisce ma finge)

 Ah, scì mo me recórde de ste zie...giovane

CROCIFISSA               Ah, mo si capite stordolò?

LUCIO                          Diceva... nen ténghe eredi e allora me so misse alla ricerca de quacche lontane parente

BENEDÌTTE                (che non ha capito) E je si troate?

CROCIFISSA               Quiste è propria stupide!

LUCIO                          Scì, je so troate

BENEDÌTTE                (c.s.) E chi è ste fértunate?

CROCIFISSA               Benedì! Ma tu si propria cuscì o le sta a ffa apposta?

LUCIO                          (ridendo) Eh, la signòra ha capite

CROCIFISSA               Nen me chiamà signòra, chiamame Crocifissa ….Zio

BENEDÌTTE                (c.s.) Zio?

CROCIFISSA               'Ndondolò! Ma le si capite o no che je nipote si tu?

BENEDÌTTE                 Ie?

CROCIFISSA               Tu, eh!

BENEDÌTTE                 E cómme po' esse?

LUCIO                           So ìte a je famuse notaio Perfidone che ha scopérte una lontana parentela tra di noi

CROCIFISSA               Speréme nen tróppe lontana!

LUCIO                          Mia madre èva la cugina della sorella de je zie de je nònne de je genere acquisite della bonettàrma de mammeta

BENEDÌTTE              ( fraintendendo, adirato) Ma la bonettàrma de zieta, de nonneta e de tutta la streppijia tè!

CROCIFISSA            Benedì!

BENEDÌTTE             E quisse offende!

LUCIO                       No, no, quasse offende! Steva sóle a spiecà la parentela che ci unisce e che me permette de lasciavve tutti i miei averi

BENEDÌTTE             (sviene)

CROCIFISSA            Oddie, sa mórte, sa mórte maritéme. Ajiùte cómme facce? (a Lucio) Zio... se se mòre l'eredità vale uguale?

LUCIO                        Ma nen te preoccupà, nen è mórte

CROCIFISSA             No, èva tante pe sapè  (arrivano Immacolata e Concezione)

CONCEZIONE          Che è succésse?

IMMACOLATA         Babbino,babbino

BENEDÌTTE             (apre gli occhi, guarda le figlie ) Matònna! (sviene di nuovo)

CONCEZIONE          Ha mancate n'atra vòta!

CROCIFISSA             E te crede! Che sa veduta!

LUCIO                        Chi so se dù vajòle?

CROCIFISSA             Se te le diche... l'eredità vale listésse?

LUCIO                         Ma cérte!

CROCIFISSA              (Benedìtte gli fa cenno di non rivelare l'identità delle figlie e di mandarle via) So dù vajòle che stevane a passà pe case

IMMACOLATA         (risentita) Mammina!

CONCEZIONE          Ma cómme, nen reconusci le tue perle?

CROCIFISSA            (alle figlie) Beh, adesso potete andare nen teneme bisogne de gnènte, via via

CONCEZIONE          Ma mamma...che dici?

LUCIO                        Mamma?

IMMACOLATA         Ma scì, séme le fijiùcce belle

LUCIO                        Nen ce sténghe a capì gnènte

CROCIFISSA            (rassegnata) So.... le fijie nostre... Immacolata e Concezione

BENEDÌTTE             (che si è ripreso)  Zietto, mo nen ce fa case, le vidi cuscì perché stane pe casa, ma quante s'aggiustane..(scoppia a piangere)

LUCIO                     Ma che è succésse? Perché sta a piagne?

BENEDÌTTE          (sconsolato) E quante s'aggiustane!

LUCIO                     Ma no, nen dite cuscì, nen so bellissime ma sono carine

BENEDÌTTE           Zietto, tu ce vidi bbóne?

LUCIO                     Benissimo, speciarménte da vicine.

BENEDÌTTE           E allora nen te avvicinà tróppe

LUCIO                     Mo ve dénghe na bella notizia. Siccome prima de venì ècche me so informate su tutta la famijia vostra, già sapeve de si ddù....soprammobbili rococò

BENEDÌTTE            Rocochè?

LUCIO                      Creature..voleva dice...ddù creature, e allora so disposte a je notaie che tutti i miei averi andranno in dote a Immacolata e Concezione  non appena se sposane, se pijiane tutte

BENEDÌTTE-CROCIFISSA       (svengono contemporaneamente)

IMMACOLATA       Oddie, mammina e babbino se so mórti!

CONCEZIONE        Ma no è la cuntentezza!

LUCIO                      Nen ve preoccupete, mo se repijiane, sta tutte appóste, ie vaje, tornerò più tardi, permetteteme de baciavve le mani (bacia Immacolata)

IMMACOLATA       (ritraendo la mano dopo il bacio) Mannaggia, me so scottata

LUCIO                      (bacia la mano a Concezione)

CONCEZIONE        Mamme mè, ma vu scottete!

LUCIO                      Scìne ténghe ne pòca de freve, ce vedeme dóppe (via, lasciando il bastone)

IMMACOLATA       Mammina, babbino, ma perché séte svenuti?

BENEDÌTTE            E le domandi pure?

CROCIFISSA           Ma séte sentute?

CONCEZIONE        Embè, ereditéme appena ce sposéme

BENEDÌTTE            Appunte!

CONCEZIONE        Ma è na bella notizia

IMMACOLATA       Sposate e ricche! Che bellezza!

CONCEZIONE        Evviva! (fanno un girotondo, ridendo)

BENEDÌTTE            (alla moglie) Crocifì, ma quesse se vardane a je spécchie quacchevòta?

CROCIFISSA          Nóne, Benedì, i spécchi ì so nascosti tutti. So dièc'anni che nen se vedene. Se credene belle

BENEDÌTTE-CROCIFISSA  (insieme) Poréji a nnù!

CROCIFISSA         (alle figlie, che seguitano a giocare e a ridere) Finitela!Iate a refà i létti, nu ce mettéme alla porta e aspetteme che vè Pìcchedòre

IMMACOLATA-CONCEZIONE (insieme,come oche giulive) Iame, iame

IMMACOLATA     (uscendo) Ie je vójie co la coccia scùra

CONCEZIONE      No a tì cignàte!

IMMACOLATA     (frignando) Mammina! (via tutte e due)

BENEDÌTTE          Crocifì, séme frecati

CROCIFISSA        (prende i quadri di Santa Filomena e San Pasquale) Ma che santi séte? Nen séte capaci a troà ne marite alle mie bambine (tuono)

BENEDÌTTE        Zitta Crocifì, nen le numina più che fa scatenà j'inférne (via)

(da fuori si sente una voce, è la maga del Cupello che annuncia il suo passaggio)

MAGA                   E' arrivata la maga vostra, la maga de je Cupéjie, carte, fatture, bolle d'accompagnamento, malòcchie

CROCIFISSA      (subito alla porta) Venite, entrate, entrate

MAGA                  Ecchemè, ie sò la maga de je Cupéjie, facce brutte e facce béjie. Ie azzecche ne fichesecche se assettata ie me mette. Te diche passate, presente, future, congiuntivo, condizionale e so brava a j'impérfette

CROCIFISSA      Quante vò pe famme le carte?

MAGA                  Uova, pane, ójie, ddù saucicce de pórche cicóne, na fiaschetta de vine pe refamme la òcca, ddù...... de quele che tenete. Basta che se magna e se beve

CROCIFISSA       Va bbó, famme le carte

MAGA                   Che vò sapè?

CROCIFISSA       Se le fijie mè troane marite

MAGA                   Ah, tè le fijie vizzòche! Quande ne so?

CROCIFISSA       Ddù

MAGA                   Frechete, sta messa male! Allora razione doppia

CROCIFISSA       Va bbó, liggi

MAGA               ( si siede e comincia a mischiare le carte) Ajie, frattajie, la fijia zitella, la prima e la seconta chi se le cromba? Mannaggia mannaggia, la situazione è 'ngarbujiata. Vedeme, vedeme. (Scoprendo una alla volta le carte) Cràpa, léngua de fóche, ali de pipistréjie. Ce sta ne signore cattive che non conosce, che è comannate da n'atre signore più cattive, na freca cattive. Perfido! 'Mbiccia 'mbròjia, 'mbiccia 'mbròjia (pensierosa) po èsse che ce la fane

CROCIFISSA          Se sposane?

MAGA                      Aspetta, mamma mè quante so brutte!

CROCIFISSA          Ah, se vede pure da èsse?

MAGA                     Che?

CROCIFISSA         Che so brutte

MAGA                     Chi?

CROCIFISSA         Le fijie mè

MAGA                     Nóne, ie sténghe a dice le carte. Le fijie so vizzòche e se pònne 'nzorà, ma ce stà ne prezze care da pacà. Guàje adà passà se se vònne sposà

CROCIFISSA         Che significa? Che guàie?

MAGA                     Zitta, famme 'mmischià! Luna, luce, sóle. Famme vedè che ce succede alle fijie sòle

CROCIFISSA        Se fa 'scì le carte bbòne te ténghe pure ne sacche de patane

MAGA                   M'atà da  pure na scerta d'àjie. Mo zitte famme vedè. Mannaggia ìscene tutte co la coccia sotte

CROCIFISSA        Ma nóne, so brutte ma la coccia la tène sopra cómme tutti ji cristiani

MAGA                    Le carte ìscene co la coccia sótte. Pure la stella a cinque punte è alla riverza. Cavajie, fante e re, co la coccia sótte tutte e tre. Spade coppe, denari e bastoni tutte le carte so allucinazioni

CROCIFISSA        Che vò dì?

MAGA                   (dispone ancora le carte, poi urla ) La carta de j'Arcane! (getta le carte) Je demonie! Je demonie!

CROCIFISSA        Ma che sta a ddì?

MAGA                   Je demonie a sta casa! Via, via! Ajie, frattajie, corna e bicorna! Scì maledìtte chi tè le corna!

CROCIFISSA        Oh, ma che t'ha pijiate

MAGA                    Via, via! Ajie, frattajie, corna e bicorna! Scì maledìtte chi tè le corna! J'Arcane, Je demonie, Je demonie a sta casa (via)

CROCIFISSA      (sconsolata) Pòre fijie mè, manche le carte le pòne vedè! E chi se le pijia? Addie eredità

BENEDÌTTE       (rientrando)Ma che è succésse? Chi sta alluccà?

CROCIFISSA       Na maga che ma fatte le carte

BENEDÌTTE        Le che?

CROCIFISSA       Le carte, ce so chieste se le fijie nostre se sposevane e s'è scatenate j'inférne, ha 'ncomenzate alluccà:” Ju demonie, ju demonie”

BENEDÌTTE       Beh, nen esagereme, va bbó che nen se pònne vardà, ma addiritture brutte cómme je diavéle!Crocifì, ma tu pénzi che nen tenéme nisciùna speranza?

CROCIFISSA       Benedì, ma le viste bbóne?

BENEDÌTTE        Ma tu si sicura che co Astrubbale.....

CROCIFISSA       Se nen la finisci co sa storia te ténghe tante de quele mazzate che nen te reconosce manche je Patretèrne

BENEDÌTTE       Nen te 'nfurminà, steva a ddì pe ddì. Comunque stéva a penzà che viste che ce sta na ròssa eredità, po èsse che quacchidùne.....

CROCIFISSA      E' l'unica speranza

BENEDÌTTE        Dovessime sparge la notizia e cuscì po èsse che quaccidùne s'avvicina. Ma cómme poteme fa?

CROCIFISSA      Quesse è facile.. varda eh! (si affaccia alla porta e chiama) Maria, Prenella, Sabbetta

BENEDÌTTE        Ah, le sorelle Chiacchierelli, e quesse so méjie de je tiligiornale

( entrano le sorelle Chiacchierelli, Maria, Prenella e Sabbetta)

MARIA                 Oh, che ce si chiamate?

CROCIFISSA      Scìne Marì, me dovete fa ne piacere

MARIA                 Cérte, tu le sa che nù stéme sèmbre a disposizione

CROCIFISSA      (inventando) Maritéme sa fissate co je suche finde

MARIA                 E che è mo sa novità?

PRENELLA         Nù de finde nen tenéme gnènte

CROCIFISSA       Ma no, che séte capite? Maritéme ha sentute, alla cantina de Peppone, che se po' fa je suche senza cìccia, sóle co la pummatòra, e mo je vò pe pranze

PRENELLA                 Oh, Gesù!

SABBETTA                  Quisse s'ha 'mbazzite! Je suche finde!

CROCIFISSA            Ma scì, dice che è tante bbóne,e siccome ie nen je sacce fa, so penzate mo l'addimanne alle sorele Chiacchierelli, che quele so tre cucinatòre co j'attrubbuti

MARIA                      (offesa)E propria perché séme cucinatòre co j'attrubbuti che nen ficéme le cose finde

PRENELLA              Nù de finde ficéme sóle le cose vere

SABBETTA              Nu séme famose pe cómme séme autentiche, genuine, originali

CROCIFISSA           E va bbó, nen ve 'nfurminete (poi al marito) Benedì, t'atà rassegnà, t'atà magna je suche co la cìccia. (poi alle sorelle) Grazie listésse.

BENEDÌTTE            E va bbó, rassegnemece. Sinti Crocifì, ie vajie alla cantina de Peppone a famme ne guccitte de Ciripicchia co la gazzosa. (ammiccando) Me raccomanne nen dì gnènte de quie secrete...rósse...rósse...che sapeme sóle nù...

CROCIFISSA           No, no nen te preoccupà, nen dice gnènte a nisciùne

(Benedìtte esce, mentre le sorelle Chiacchierelli cominciano ad agitarsi)

Va bbó, ie ve ringrazie uguale, mo scusete ma ténghe ne póche da fa

MARIA                     Eh, Prenè, mo che ce sténghe a repensà, me pare che Mamma na vòta ficette ste famuse suche finde

SABBETTA                 Ma che èva quela cosa rossa che bulliva lèsta, lèsta e ficéva blu-blu-blu-blu-blu?

MARIA                        Ma la finisci?

SABBETTA                E che so ie? È je suche finde

PRENELLA             Scì me pare pure a mmì, mo che sténghe a sentì blu-blu-blu. Mo ce penséme ne póche e ppó te le ficéme sapè...Ma..che è ste secrete rósse, rósse?

CROCIFISSA          Oh, gnènte

PRENELLA             Ie stéva a ddì pe ddì, sóle perché ha parlate maritéte

MARIA                     Uh, Prenè quande si curiosa! So cose de famijia, so cose loro, nen è che mò Crocifissa se métte a ddì le cose sé a ddù vicine de casa che ce vònne bene cómme na sorella, che l'òne sèmbre rispettata, riverita, difesa dalle chiacchiere della gente, che nen se so mai fatte 'scì ne fiate de tutte quele che succede

PRENELLA          E appunte! Viste che ce séme sèmbre comportate da gransignòre, se una se volevà sfocà, se voleva avè ne cusijie da tre amiche...che so di più de tre sorelle...

SABBETTA                 (guardando Maria)Quasci quattre!

MARIA                    Sabbé, sorelle o non sorelle, se ce le voleva dice ce le diceva!

PRENELLA             E cérte, na cunfidènzia a tre cristiane che nen s'òne mai fatte ìscì ne fiate, mai na parola, na mutolina

MARIA                    Mute, mai na sillaba, tutte 'ncórpe. E' le vé Sabè?

SABBETTA             J'atre jórne pe cacciacce na parola, Francische je facòcchie, ha dovute pijià le tenaglie

CROCIFISSA         Ie ve le dicésse pùre, perché de vù me fide

MARIA                    E ce manchesse...

PRENELLA            Nù delle vòte nen rescime manche a magnàpe cómme teneme le bocche cucite

MARIA                   'Nzerrate!

PRENELLA            Le labbra strette, co i déndi 'ndirignàti

SABBETTA             Cuscì varda (mostra le labbra chiuse ermeticamente)

MARIA                   Comunque se te vò confidà, nu stéme ècche

CROCIFISSA         E' che è ne secrete tróppe rósse

PRENELLA            (incuriosite) E sfocate, sfocate

SABBETTA              Di tutte alle sorelline tè

CROCIFISSA          Ma nen le sacce se è je case

MARIA                    (sale ancora la curiosità)  E' je case, è je case

CROCIFISSA          E' venute ne signore..(poi di colpo) Lasséme perde, nen ve le pòzze dice

MARIA                      E che diavéle! E che sarrà mai? Crocifì, ne pòca de fiducia de chi t'ha volute sèmbre bene

SABBETTA          Nu la sera pregheme la Matònna Pietraquale pure pe ttì e pe le fijie tè. Ce diceme Matonnella nostra fa trovà ddù scemi che se pijiane qui ddù ragani

MARIA                      Sabbè, ma che sta a ddì?

SABBETTA               So ditte ragani? No voleva dice raga....ragazze

CROCIFISSA           Ficéme finda che è cuscì

SABBETTA                Eh, eh ficéme finda

CROCIFISSA            No, è che è na cosa tróppe ròssa..

PRENELLA              (ridotta allo stremo dalla curiosità) Crocifì, nen le dicéme a nisciùne, te le promettéme

SABBETTA                    Manche alla Matonnella!

CROCIFISSA                Volete sapè che è succésse?

MARIA-PRENELLA-SABBETTA    (insieme, estenuate) Scì!

CROCIFISSA                 Sicure?

MARIA-PRENELLA-SABBETTA    (insieme) E parla!

CROCIFISSA                (si siede) Allora è venute ste signore e (si alza) uh!... (si siede) nen potete capì...(si alza) ah!..(si siede).che è succésse....(si alza) ih! (si siede) Na cosa inimmagginabbile...(si alza) eh! (si siede) Na cosa ròssa...ròssa...ròssa

(le sorelle seguono con molta ansia)

MARIA                         (alla sorella) Nen ce la facce più!

PRENELLA                 Crocifì, facce la carità!

SABBETTA                   Mo me suicidie!

CROCIFISSA              Scusate, ma è na notizia bomba

PRENELLA                 E falla schioppà sa bomba!

CROCIFISSA              Dunque ve stéva a dice che è venute ne signore...

PRENELLA                 Eh, eh...

MARIA                         Dì, dì....

SABBETTA                  Su....su...

CROCIFISSA              E c'ha dìtte...(rientra Benedìtte)

BENEDÌTTE               Crocifì, ma mica sta a parlà?

CROCIFISSA              Benedì, ma alle sorelle Chiacchierelli ce le poteme dì

BENEDÌTTE               Tu dici?

CROCIFISSA              Ma scìne

PRENELLA                Scìne, scìne

MARIA-PRENELLA-SABBETTA     (insieme)   Potete dì, potete dì

BENEDÌTTE              Sicure? Nen è che ppó le jate dicenne in gire?

MARIA                        Benedì, ma ce conusci! Co nù po' sta tranquille

SABBETTA                 Nu séme tre trombe...tombe... voleva dice tombe

BENEDÌTTE              Crocifì, che dici stéme sicuri?

CROCIFISSA             Sicurissimi!

BENEDÌTTE              (si siede) Allora è venute ne signore e (si alza) uh!... (si siede) nen potete capì...(si alza) ah!...(si siede)che è succésse....(si alza) ih!  (si siede) Na cosa inimmagginabbile...(si alza) eh! (si siede) Na cosa ròssa...ròssa...ròssa

PRENELLA                (piangendo) Oh, inzòmma, basta! Parlete

MARIA                        E che modi sò?

PRENELLA                Nen se trattane cuscì dù signòre mute cómme..... dù mute

MARIA                          Prenè, ma che sta a ddì?

PRENELLA                  E me stane a fa 'nnervusì! E parlete!

SABBETTA                  Mo me fiònne dalla finestra

CROCIFISSA            (ammiccando al marito) Ste signore s'ha presentate. “ Me chiame Lucio Diavolaccio, e so na freca ricche” embè, a nù che ce ne freca c'ha risposte maritéme. E isse: “Ie so ricche e nen ténghe parenti”

BENEDÌTTE               “Ie so povere e ténghe na famijia” ce so dìtte ie

CROCIFISSA               Benedì, ma ie penze che sti fatti nostri nen ce interessane alle sorelle Chiacchierelli, che ce ne 'mborta de quele che c'ha succésse?

MARIA                         Crocifì, mo si 'ngomenzate a parlà e mo finisci sinnò ie e sorema nen ce moveme da ecche

CROCIFISSA               E va bbóne, se insistete...

PRENELLA                  Insistiamo

BENEDÌTTE                Carma, carma!Ste cristiane c'ha dìtte che da na ricerca fatta da je notaie Perfidone..

PRENELLA                   Segnate, notaio Perfidone. Nen è pe controllà...

SABBETTA                    Le scrive ie...(prende un foglio e una penna dalla borsa e scrive) Notaio Perfidone

CROCIFISSA               Va bbóne,  va bbóne

BENEDÌTTE                 E je notaie ha scopérte che j'uniche parente so ie, e quindi m'ha numinate Erede universale

PRENELLA                 E è tante ricche?

CROCIFISSA              Uh, ricchissimo. Ville, terreni, castelli, chiese (tuono), no chiese no, cavalli, carrozze..

BENEDÌTTE               (alla moglie) Basta Crocifì

CROCIFISSA              (imperterrita) Montagne, colline, frutteti, riserve di caccia

BENEDÌTTE               (alla moglie) Basta Crocifì 

CROCIFISSA              (imperterrita) Barche, isole, addirittura na nazione intera

BENEDÌTTE               (alla moglie) Basta Crocifì 

CROCIFISSA              Benedì, n'atra cosa sòla

PRENELLA                 Dì, dì

CROCIFISSA              Na cosa che nen ve potete manche immagginà

SABBETTA                  Immaggina...immaggina...

BENEDÌTTE               Nen esaggerà

MARIA                         Esaggera, esaggera

PRENELLA                 E che sarrà mai?

CROCIFISSA              Na cosa che ie so sembre sognate, fin da bambina e che mò finarménte s'avvera

MARIA                         E che sarrà mai?

CROCIFISSA              (prende fiato) Na cappella a cambesante!

PRENELLA                 Chissà che me credeva! Marì, jame che tenéme da fa

MARIA                         Scìne, scìne, jame jame (si alzano, ansiose di andare a raccontare la notizia)

CROCIFISSA               (le fa arrivare quasi alla porta, poi) Aspettete, le méjie adà angóra venì   (si risiedono, di corsa, incuriosite) Ce sta na condizione      

MARIA-PRENELLA-SABBETTA    (insieme) Na condizione?

BENEDÌTTE                 Tutta sa rròbba, nen vè a mì

MARIA-PRENELLA-SABBETTA   (insieme)  E a chi? A chi?

CROCIFISSA                 A Immacolata e a Concezione

MARIA                            E va bbóne, è listésse

BENEDÌTTE                  Quande se sposane

PRENELLA                  (silenzio, poi una risata di tutte e tre) Ma vù stéte a pazzià?

BENEDÌTTE                   No, e perché?

MARIA                            Benedì, vardeme bbóne avéntre a j'ócchi, propria avéntre alla pupille e respunni. Ma te pare na cosa pussibbile?

BENEDÌTTE                   E cérte

PRENELLA                     Forse sorema tè j'ócchi ne póche 'ncacaliti e nen si viste bbóne. Benedì, Crocifì, nu ve voleme bene, ma ve doveme dì la verità. A nù ce pare na cosa difficile

MARIA                              Dicéme 'mbussibbile.

SABBETTA                       Voleme dì assurda?

BENEDÌTTE                    E perché?

SABBETTA                       Scusa è, ma nen ce séme 'nzorate nù che séme tre fiori

BENEDÌTTE                    Le vi che papàmmeri

SABBETTA                       Ma quasse papàmmeri, nu séme tre rose...(guarda le sorelle) Co le spine ma séme tre rose

PRENELLA                     Dicéme che pe i fiorellini vostri ce vònne ddù vajuli co gusti particolari

BENEDÌTTE                   Che vò dice? Che so brutte?

PRENELLA                     Oddìe, nen so propriamente belle...

MARIA                             Se une ce fa j'ócchie...

PRENELLA                     Ce volesse n'oculista

SABBETTA                        Ma une brave peddavére!

CROCIFISSA                   E perché?

MARIA                            Comunque, potete sta tranquilli nu nen parleme, nù i secreti i sapeme mantenè. (ironica) Jame Prenè,jame Sabbé, jame a priparà je vestite pe je matrimmónie de Immacolata e Concezione (via ridendo)

BENEDÌTTE                   Tu dici che funziona?

CROCIFISSA                  Benedì, témbe ddù minuti e le sa tutte Avezzane

(entrano Immacolata e Concezione)

IMMACOLATA              Mammima, Babbino voleme precà tutti 'nsèmmia Santa Filomena e San Pasquale?

BENEDÌTTE                  Belle de pa...(guardandole si interrompe) fijie mè, me sa che ddù santi nen basténe 

CONCEZIONE             Ma perché dici cuscì?

CROCIFISSA                Sentite, vù repijiete a ricamà che se le sorelle Chiacchierelli òne laórate bbóne po èsse che fra póche se presenta quacchidùne. Nu intante jame in cucina a vedè se rescime a fa je suche finde (via Benedìtte e Crocifissa , sconsolati)

CONCEZIONE              Forza Immacolà, ricameme

IMMACOLATA             A dièce  pregheme Santa Filomena?

CONCEZIONE              Ecche me sa che nen basta tutta la bibbia

LUCIO                            (entrando) E' permésse?

CONCEZIONE              Chi è?

LUCIO                            So Lucio, lo zio Lucio

CONCEZIONE              Oh, zietto comm'è che si revenùte?

LUCIO                      Scusatémi...bambine, ma so lassate je bastone da quacche parte

IMMACOLATA            (scorge il bastone in un angolo, si alza e lo va prendere)

Oh, zietto ècche je pascióne, l'ìri lassate ècche

LUCIO                           Grazie, vù permettete che m'assette ne póche? Me se straccate a fa tutte se scale (siede)

IMMACOLATA            Ma accomodate pure, 'ntante nù ricameme, che poèsse che quacchidùne ce vè a cercà cómme spose e je correde non ha angóra fenite

CONCEZIONE             Sa, pò èsse che mo che sanne che, grazie a tì, diventeme ricche quacchidùne ce s'avvicina

IMMACOLATA             Nù te ringraziéme, tu si veramente bbóne, tu si ne sante (tuono). Oh, ma óggi nen la fenisce de tonà, eppure ce sta je sòle

LUCIO                            Po succéde, ma me raccomanne lasséme sta i santi

IMMACOLATA             No, no tu si veramente ne sante (tuono)

LUCIO                            Ma te sta zitta?

CONCEZIONE               Sai, zietto. Nù ce rendeme cunte che nen séme belle,belle

IMMACOLATA              Mamma ha levate tutti ji spécchi pe nen facce vardà, ma nù mica séme sceme! Nù cé vedéme l'una co l'atra e se tante me da tante....

CONCEZIONE               Perché nù c'assomijiéme, è le vére zì-zì?

LUCIO                             Eh scì, v'assomijiéte

CONCEZIONE -IMMACOLATA   (si guardano, poi insieme) Mamma mé!

CONCEZIONE               Me sa che nen ce l'appotéme manche co i miliùni!

LUCIO                             Veramente, una possibbilità ci sarebbe

CONCEZIONE -IMMACOLATA    Eh?

LUCIO                              Ie ve pòzze fa diventà le vajòle più belle de je mùnne  

CONCEZIONE                Ma sta ddì peddavére?

LUCIO                              Scì!

IMMACOLATA              Zietto, nen ce refrecà, nù séme brutte ma mica séme scème

LUCIO                             Sténghe a dice peddavére

CONCEZIONE               Pe piacere, ne pòca de pietà, nen ce sfótte. Mamma e papà pònne nasconne ji spécchi, pònne fa finta che ce vedéne belle, ma nu ce n'accorgéme quande ammiccane, quande i vajuli ce vardane e fane quiji sorrisetti ironicie se scambiane quele occhiate che dicéne tutte

LUCIO                             E che dicene?

IMMACOLATA              Dicéne: “ Aócchiappó, quande so brutte, e chi se ji pijia si scandali?”

CONCEZIONE               Nù ficéme finta de gnènte, e seguiteme a ricamà ne correde che nen ce servirà mai

LUCIO                             Ma a vù ve piacerebbe èsse belle?

CONCEZIONE               Che domande! Cérte che ce piacerebbe

LUCIO                             E ie ve ce facce diventà!

IMMACOLATA             Lassace sta

LUCIO                    Stéte a sentì a mmì. Ie ténghe n'amiche che tè cérti poteri magici, ie je facce venì e ve facce fa la magia, e vù sarete la vajòle più belle de je mùnne

CONCEZIONE -IMMACOLATA    (insieme) Peddavére?

LUCIO                           Peddavére!

IMMACOLATA            E se pàca?

LUCIO                           Beh, scì se pàca

IMMACOLATA            Pachi tu?

LUCIO                           No, dovete pacà vù

CONCEZIONE             E allora nen se po' fa gnènte!

LUCIO                           Ma nen ce dovete dai sórdi

CONCEZIONE -IMMACOLATA    (insieme, preoccupate) E che ce dovéme da?

LUCIO                           Nen ve preoccupete. Ce dovete sóle firmà na carta, e j'amiche mì ve fa la magia

IMMACOLATA            Sóle na firma?

LUCIO                           Sóle na firma

CONCEZIONE             E che dovéme firmà?

LUCIO                           Gnènte de particolare, vù dovete dichiarà che ste amiche mì va fatte sa magia e che vù ce séte riconoscenti...... pe l'eternità

CONCEZIONE            Per l'eternità?

LUCIO                          Ma scì, se maghe è ne póche strane, ce piace fa vedè che fa le magie e tè tutte se carte firmate pe vantasse co j'atri diàveli

IMMACOLATA          Diàveli?

LUCIO                         Diàveli...d'amici. Che ne dite?

CONCEZIONE           Immacolà, ie vójie proà, me so stufata de èsse brutta

IMMACOLATA          Ma nen è che è peccate?

LUCIO                      (alterandosi) Oh, peccate, peccate, stéte sèmbre a penzà a ji peccati! E campete bbóne che a rende cunte de ji peccati ce sta témbe! Pensetéce bbóne, brutte e sòle tutta la vita, o ricche, belle e co je marite. Ie mo me ne vajie, vù nen dicéte gnènte a nisciùne sinnò j'incantesime nen se po' fa più. Fra póche revénghe co j'amiche mì e ficéme tutte (via)

IMMACOLATA         Conceziò, ie me sténghe a mette paura

CONCEZIONE          Ma quasse paura! Ie vójie èsse bella!

CROCIFISSA            (entrando) Ma chi èra?

CONCEZIONE          Zio Lucio

CROCIFISSA             E che voleva?

IMMACOLATA         Mammina, ha venute e c'ha dìtte che se volevame diventà..

CONCEZIONE          (bloccandola) Ricche, se volevame diventà ricche ce dovevame sposà

CROCIFISSA             E quisse è ne problema! Ma sóle pe quesse?

CONCEZIONE          No, ha lasciate je pascióne e se je venùte a repijià

FILÙCCIA                 (entra con i figli Vincénzine e Nicolìne) Permésse? Potéme entrà?

CROCIFISSA             Chi è?

FILÙCCIA                  So Filùccia Ciavattòna, nen me reconusci? Séme ìti a scòla congiuntamente insèmmia

CROCIFISSA             Uh, Filùccia! Quant'è témbe! Cómme sta?

FILÙCCIA                  Stongo beno, ed essa?

CROCIFISSA             Essa chi?

FILÙCCIA                  Ma essa tu

CROCIFISSA             Ah, essa ie sténghe bbòna. Ma cómm'è da ste parti?

FILÙCCIA              Ho venuta a fare una visita qui nel tuo quartiero Madonna's step

CROCIFISSA              Madonna che?

FILÙCCIA                   Madonna step è incleso, step vuole dire passo, quinti Madonna's con la esse e step, Madonna del passo. Ma già tu non hai stata brava come me medesima

CROCIFISSA              No, pur'ie èva brava, ma no a ste livélle

FILÙCCIA                  Ti stavo erudento che stavo ripassanto ècche sótte e mi sono incocciata con le sorelle Chiacchierelli, e mi ano diciùte, che ci sei addimannate della mia persona medesima, e che la volia di guardarmi ti struggeva, e allora sono ascesa

CROCIFISSA              Che si?

FILÙCCIA                   Racazzi, traducete per la madama che non ha comprenduto

VINCÉNZINE             Ha salita

CROCIFISSA              Ha salita?

NICOLÌNE                  Ha salita pe le scale

CROCIFISSA              Ah, so capite! Òne laórate bbóne le sorelle Mutarelli!E si ddù vajuli?

FILÙCCIA                  Oh, che sbadata, neanco mi era accorgiuta della loro presenzia

CROCIFISSA              Ie nen te capisce

FILÙCCIA                  (secca) Ne m'èva accorta che ji teneva apprésse!

CROCIFISSA              Oh, mo scì, Filù parlà avezzanese sinnò nen te capisce

FILÙCCIA                   E vada bono, mi sprescierò per la tua contentitudine

CROCIFISSA              Brava sprèsciate

FILÙCCIA                   I racazzi, (Crocifissa la guarda storto) Ho capito, i vajùli..

CROCIFISSA              Ambè

FILÙCCIA                   Si givinótti nen vène sembre co la mamma

CROCIFISSA              E ce mancheria, so ddù aséne vécchi

FILÙCCIA                   Nen so ne aséne e ne vécchi. So i fiji mì Vincénzine e Nicolìne. Dù bravi vajùli, e penza nen so nemmene fidanzati. Bambini salutete

VINCÉNZINE             Bongiórne signòra

NICOLÌNE                  Bongiórne

FILÙCCIA                   Anche loro ano stati bravi alla scòla. Salutate in incleso

NICOLÌNE                  The pen ise in bucche

VINCÉNZINE            The finester is openne

CROCIFISSA             Ddù geni, sperciarménte in incleso

FILÙCCIA                  Ma m'òne dìtte che pure tu tè ddù fijie

CROCIFISSA             Sembre le sorelle Chiacchierelli?

FILÙCCIA                  Sembre

CROCIFISSA             Scìne, pure ie ténghe ddù fijie che nen so fidanzate

FILÙCCIA                  E addò stane?

CROCIFISSA             So quele ddù che stane a ricamà je correde pe quande trovane marite

FILÙCCIA                  Piacere, ragazze (poi guardandole bene) Mamma mè!

VINCÉNZINE            (al fratello) Quele so ddù vajòle?

NICOLÌNE                  A mmì me parene ddù animali domestici

VINCÉNZINE            A mmì nen me pare

NICOLÌNE                 Nen te parene ddù animali?

VINCÉNZINE            Nóne, nen me pare che so domestici

NICOLÌNE                 Vincenzì, scappeme

VINCÉNZINE            Scusate, nù tenéme da fa (fa per andare)

FILÙCCIA                  Ma no, ficéteme fa dù chiacchiere co l'amica mè

CROCIFISSA              Assetteteve, che ve vaje a pijià na marsala che fanne le creature me con le loro manine, con permésse (esce, Filùccia e i figli siedono)

FILÙCCIA        (ai figli, che alla vista delle ragazze fanno cenno di voler andare via, Immacolata e Concezione invece fanno sorrisetti compiacenti verso i due) Vajù, carmetéce. Quesse òne ereditate na freca de proprietà

VINCÉNZINE             Mà, a mmì nen ne freca gnènte, ie nen ce vóje manche parlà

NICOLÌNE                   Mà, nen ce po' chiede na cosa de quessa

VINCÉNZINE             Pe piacere jamecénne che me sténghe a sentì male

NICOLÌNE                  (si alza) Ie me ne vaje (entra Crocifissa)

CROCIFISSA              Ecche qua, tre marzale per i nostri ospiti, fatte co le manine de Immacolata e  Concezione che nen sane l'incleso, ma tène le mani d'òre. Sariane quelle ddù belle vajòle che stane a ricamà je correde pe quande se sposane. Bambine salutate

CONCEZIONE-IMMACOLATA    (insieme) Bongiórne

FILÙCCIA                  Bongiórne (deglutisce)...bambine. Sti ddù vajùli so i fiji mì, se chiamene Vincénzine e Nicolìne e so propriaménte bravi. Su, salutete le vajòle

NICOLÌNE                 Nóne

FILÙCCIA                 Salutete (scappellotto a Vincénzine)

VINCÉNZINE           Nóne

FILÙCCIA                (piano ai figli) Salutete o ve facce fa preti

VINCÉNZINE           Méjie prete che co se ddù

FILÙCCIA                 Nen me ficéte 'nguastì   (entra Benedìtte)

BENEDÌTTE             Bongiórne

CROCIFISSA            Benedì, te presente Filùccia Ciavattòna, ha venuta alla scòla co mmì

FILÙCCIA                 Si, abbiamo state allo steso banchitte. Io ho stata la più brava dell'aula, speciarmento all'incleso

CROCIFISSA             Veramente io ero la più migliore assai

FILÙCCIA                  Ma Crocifissa, forse tu ti sei stordita una 'ntecchia e non rimembri perfetto

CROCIFISSA             Cómme stordita?

FILÙCCIA                  Ma si, come si parla? Stordita.. sbalordita

NICOLÌNE                  Mamma voleva dice confusa

CROCIFISSA              Ah, mbè!

BENEDÌTTE              Quessa doveva èsse na classe speciale!

CROCIFISSA             Va bbó, comunque ha incontrate le sorelle Chiacchierelli e c'òne dìtte che ie me stéva a strugge pe rivedella, e siccome pe pure case stévane a passà pe Madonna's step

BENEDÌTTE               Pe ddó?

CROCIFISSA              È incleso, significa: ecche sótte casa co i ddù fiji, e ha ascesa!

BENEDÌTTE               Ah, ha 'ncontrate le sorelle mute cómme na tromba

FILÙCCIA                   E scì, allora mi sono chieduta..

BENEDÌTTE               Filù parleme come magneme che è méjie!

FILÙCCIA                   Ma io mancio in questo moto

BENEDÌTTE               Allora magni male!

FILÙCCIA                   Te cridi tu! Stava dicenda viste che ci steva, sono penzata       “ Mo ascendo, e ce facce pure conosce i fiji mì”

VINCÉNZINE             Mà, mo séme ascesi e mo poteme pure calà

NICOLÌNE                  Jame, jame (tutti e due verso la porta)

BENEDÌTTE         (di scatto davanti l'uscio) Fermi! Da ècche nen se mòve nisciune

VINCÉNZINE             Pe piacere, ficétece uscì

BENEDÌTTE               Gnent'affate!

NICOLÌNE                   Ma cómme?

CROCIFISSA               Ma scì, scusete è che nen ve séte pijiate gnènte e mariteme c'ha remaste male, è le vére Benedì?

BENEDÌTTE               E cérte, beveteve sa marzala, che poèsse che v'annebbia la vista

NICOLÌNE                  Nóne, nù ce voleme vedè bbóne (guardando le ragazze che seguitano a ricamare e gli sorridono)  Madonna stone water!

BENEDÌTTE               Che ha dìtte?

FILÙCCIA                   È  incleso

BENEDÌTTE               E che significa?

VINCÉNZINE             Madonna Pietraquaria!

NICOLÌNE                  Jame Vincenzì (cercano di uscire)

BENEDÌTTE                (si para avanti) Altolà! Da ècche nen s'esce. E quande ce recapita de vedè dù vajùli a sta casa

NICOLÌNE                  Pe piacere ficétece escì

BENEDÌTTE               Nóne

NICOLÌNE                  Me dichiare prigioniero politico

VINCÉNZINE             Vi prego signore

BENEDÌTTE               So ditte nóne, ormai séte entrati e nen escite più

NICOLÌNE                  Veraménte nù teneme n'urgenza

BENEDÌTTE              (sempre davanti la porta) Gnente da fa

VINCÉNZINE            (da una spinta a Benedìtte scanzandolo) Scappa Nicolì (via)

FILÙCCIA                ( in imbarazzo) Scusateci, ma forse i vajùli dovevane antare urgentemente al cabinetto

BENEDÌTTE-CROCIFISSA     (insieme) Tittiddù?

FILÙCCIA                     Scìne tène je stimole sincronizzate. Ce vedéme (via)

BENEDÌTTE                 Nen tenéme speranze

CROCIFISSA                E va bbó, ce le tenéme co nù

BENEDÌTTE                 E l'eredità?

CROCIFISSA                Persa! (via tutti e 2)

CONCEZIONE             (scattando) Nen ce la facce più

IMMACOLATA            (piangendo) Nen fa cuscì

CONCEZIONE             Ie me facce fa la magia, costi quel che costi

IMMACOLATA            Ma se pó è peccate?

CONCEZIONE             Nen me ne freca gnènte. Ie vójie diventà bella! Ma nen le vidi che ce schifane tutti? I givinótti nen s'avvicinane manche a ne metre, séme pégge delle lebbrose

IMMACOLATA            Ma ie me mette paura. Ma cómm'è pussibbile che une vè ècche fa na magia e nù diventeme belle?

CONCEZIONE             Nen le sacce, ma ie ce vójie proà

IMMACOLATA            Conceziò, nen è che ce sta je zampine de je diàvele?

CONCEZIONE             Ie vójie diventà bella, diàvele o non diàvele

(tuoni, entrano Perfidone e Lucio)

LUCIO                           Eccoci qua!

IMMACOLATA           Oddìe che paura!

LUCIO                          Gnènte paura, so lo zio Lucio

IMMACOLATA           No, è che séte entrati cuscì all'imbruvvisa

CONCEZIONE            Entra zio. Il signore è ….?

LUCIO                          E' j'amiche di cui séme parlate. Permettete Mago Perfidus

PERFIDONE               (prendendo la mano a Immacolata per baciarla) Molto lieto

IMMACOLATA          (ritirando la mano) Brucia!

CONCEZIONE           Nen ce fate case sorema fa sèmbre la smorfiosa. (gli da la mano) Piacere ie so Concezione (ritira la mano anche lei)

PERFIDONE               Lucio m'ha dìtte che ve débbe fa na magia

LUCIO                    Care Perfidus. Cómme vedi se vajòle nen so propriamente belle

PERFIDONE                Dicéme, che tène quacche difétte

LUCIO                          Tu dici che se po' fa quaccósa?

PERFIDONE             (si avicina alle due e le guarda attentamente) E che duvria fa?

LUCIO                         Falle diventà le più belle de je mùnne

PERFIDONE               E' difficile, na freca difficile

CONCEZIONE           Nù c'accontentéme pure de èsse le più belle d'Avezzane

PERFIDONE               (guardandole bene) E' difficile pure d'Avezzano..facciamo Borgo Pineta?

CONCEZIONE           Va bbóne pure via dei Paracadutisti

PERFIDONE               Difficile, difficile, ma ce potéme proà. Ma vù sapete le condizioni?

CONCEZIONE           Scìne, lo zio c'ha parlate de na carta da firmà

PERFIDONE               Va bbóne, se po' fa.(caccia un foglio) Questa è la carta

IMMACOLATA          Che ce sta scritte?

PERFIDONE               Che mi sarete riconoscenti  per l'eternità

IMMACOLATA          Ie nen ce vede chiare, ie me métte paura

LUCIO                         Ma che paura! Su firmete

CONCEZIONE           Un momento! Nù voleme vedè prima i risultati

PERFIDONE               Giusto! Me piacene le persone malfidate. Lucio procedi

(Lucio esce e rientra con una grande cornice con un telo sopra che sarà uno specchio) Quiste è ne spécchie, adesso Lucio leverà il telo e vù vedrete come diventerete se firméte sa carta. Avvicineteve a je spécchie (Immacolata e Concezione si mettono di fronte allo specchio) Lucio scupri (esegue, al levare del telo appariranno due ragazze con lo stesso vestito. Immcolata e Concezione si guarderanno sbalordite, faranno delle mosse che le attrici di fronte eseguiranno contemporaneamente, effetto specchio. Le due ragazze verranno chiamate per comodità Immy e Concy)

CONCEZIONE            (sbalordita) Quante so bella!

IMMACOLATA           Pur'ie!

PERFIDONE                Lucio, rimitti je tele e porta via je spécchie (esegue)

Allora? Che ve ne pare? Firmete

CONCEZIONE           Subito, subito damme sa carta

PERFIDONE               Carma, carma. Dovéte firmà tutte e due

CONCEZIONE            Immacolà, ve ècche, firma

IMMACOLATA           Ie me métte paura!

CONCEZIONE            Ma quasse paura! Ma le si viste cómme séme belle?

IMMACOLATA           Nóne, nen vójie firmà

CONCEZIONE           (prende la mano della sorella e la fa firmare a forza) E mo tocca a mì (firma)

IMMACOLATA          (piangendo) Ie nen voleva firmà

LUCIO                          Ma su, nipotina mia, goditi la vita, sarai bella, ricca, e troverai ne givinótte che te se pijia. Finarmènte nen t'atà vergognà

IMMACOLATA         (esce piangendo, Concezione la segue e la riporta dentro, rientrano le due attrici belle, adesso sono Concy e Immy)

LUCIO                         E' fatta

CONCY                        Ma su stupidò, nen piagne, ma ce pinzi belle e ricche

PERFIDONE               Ce sta na cosa imbortante da divve. Pe j'atri sarete belle, ma i vostri genitori ve vedranne sèmbre cómm'eravate, altrimenti capirebbero la magia

LUCIO                      Nù ce ne jame, ma me raccomanne, nen dite gnènte a nisciùne

PERFIDONE            (facendo l'inchino) A presto! (escono)

CONCY                     Séme belle, séme belle. Sa che c'è? Mo cagne pure nome, mi chiamerò Concy, e tu pure. Cómme te vò chiamà?

IMMY                       (frignando) Immy

CONCY                    Scìne Immy con la ipslon, e pur'ie con la y, Concy con la ipslon

Ma te l'immagini? Vè ne vajóle e te dice “ Cómme te chiami?” E ie ce respónne “ Me chiame Concy” e isse “Con la ipslon? “ “ Scìne co la ipslon”. Su prova pure tu

IMMY                       Immy, con la psolon

CONCY                    Ipslon, no pslon. E su, sta cuntenta, séme belle!

IMMY                      (riprendendosi) Ma scìne, d'artónte che séme fatte de male

CONCY                    Gnènte, nen séme fatte gnènte de male

IMMY                       Ma te immaggini? (facendo l'inchino alla sorella) Gentile signurina perméttete ste balle?

CONCY                     Nóne, nen abballe

IMMY                       Ma la preco

CONCY                    Ah, se mi preca

IMMY                       La preco si, séte cuscì bella!

CONCY                    E allora mettete un teschio che abballiamo

IMMY                       Che ne dite di un teschio italo-mericano?

CONCY                    Quelo che voleta voi

IMMY                      (mette un disco, BUONASERA SIGNORINA di Dean Martin dal 55 secondo)  Preco

 (ballano uno swing mentre si chiude il sipario)

                                                Fine 1 atto

                                              ATTO 2

 (Stessa scena del primo atto, con in più un tavolo rettangolare con una lunga tovaglia che arriva fino a terra.Benedìtte entra e va verso il quadro di San Pasquale)

BENEDÌTTE           (entra furtivo e va a prendere il quadro) San Pasquà, ècche nen se campa più. Stane sèmbre a penzà a maritasse. Oddìe, pure a mmì me piacerria che le fijie mè troessere quacchidùne che se le 'ngòlla, ma le sacce che è 'mbussibbile, so tróppe brutte. Sóle tu ce po' penzà, fa se miràquele! Che te custa? (entra Crocifissa)

CROCIFISSA               Benedì, che te va ciammóttenne?

BENEDÌTTE                Gnènte, stéva a cantà na canzona

CROCIFISSA               Tu?

BENEDÌTTE                E chi allora?

CROCIFISSA               E che canzona stivi a cantà?

BENEDÌTTE                Je titole nen me je ricorde

CROCIFISSA               Ma nen dì fessarie! Tu nen si mai cantate alla vita te

BENEDÌTTE                E mo stéva a cantà! Va bbóne?

CROCIFISSA               Famme sentì, famme sentì

BENEDÌTTE                Nóne

CROCIFISSA               No, perché me parze che stivi a precà San Pasquale

BENEDÌTTE                Ie?

CROCIFISSA               Scìne, propria tu

BENEDÌTTE                Crocifì, ie stéva a cantà!

CROCIFISSA               Famme sentì

BENEDÌTTE                E mo nen me recórde

CROCIFISSA               Benedì....

BENEDÌTTE                Ah, scì, apetta cómme fa? (accenna a cantare ma è stonatissimo) Nen te fidà..de ne bace a mezanotte.. se ce sta la luna nen te fidà

CROCIFISSA              Benedì, atre che bace a mezanotte! Ecche pe ricoddamme de ne bace débbe pijà je calendarie

BENEDÌTTE               Ma sta sèmbre a penzà a na cosa?

CROCIFISSA              Cómme si ditte? Sèmbre a penzà a na cosa? Benedì, l'urtima vòta che me si date ne bace èmme vajuli

BENEDÌTTE               Eh già, èmme spregiudicati. Ma mo séme róssi, mo tenéme gedìzje, Crocifì te salute, me stane a spettà a Peppone (via)

CROCIFISSA              (prende il quadro di Santa Filomena) Le si viste Santa Filomè? Prima s'è negate che stéva a precà San Pasquale, pó cómme ce so parlate de ne bace se nnè ìte alla cantina de Peppone. J'òmmeni so propria strani! Quande si fidanzate sembrane i polipi, tène cénte mani che se 'nfilane a tutte le vie. Te vònne riempì de baci, e tu atà resiste, c'atà fa brutte, perché pure se te piace adà fa vedè che si na fémmena seria, sinnò acquante che fane i fatti sì e ppó te mollane. Nen sóle, 'ncòmenzane a vantasse co tutti j'amici e tu diventi na pòca de bbóne, na fémmena liggera. Dóppe che si resistite e ti si fatte sposà, e tu che nen si de férre, vulissi na pòca d'attenzione, ddù carezze, ne bace....se ne vanne alla cantina de Peppone. Ècche è tutte alla rivèrza. Ie propria nen ji capisce j'òmmeni. Ma le ddù creature mè so serie, nen òne mai conosciute ne vajóle e allora ie diche: ma perché adanne rimanè zitelle? Santa Filomè facce la grazia, fatte ajiùtà da San Pasquale, ma facce troà quacchidùne che se le 'ngòlla.(via)

(entrane Immy e Concy)

CONCY                    Immy, a mì nen pare vére, maddimane so stata ddù ore annanze a ne spécchie che so troate alla cambera de mamma. Me sembre n'atra perzona

IMMY                      Oddìe, è le vére si propria bella, bionda co j'ócchi azzurri, me simbri na fata!

CONCY                   Pure tu si bella, mora, co j'ócchi scuri, avéta. Si ne splendore!

IMMY                      Concy, ma nen è che è peccate?

CONCY                   Angóra co se peccate! E che séme fatte? La magia c'ha redate quele che la natura c'èva levate. Ma perché c'atanne sta tante belle vajòle e nù doveme èsse brutte? Dovéme èsse belle pure nù!

IMMY                     Ma ie nen so capite che carta séme firmate

CONCY                  Uh, angóra co sa carta!

IMMY                     Scì, angóra co sa carta! Ie nen ce vede chiare. Arrivane ddù sconosciùti, te fane firmà na carta e tu divinti la più bella d'Avezzane!

CONCY                    Ma è na magia! La natura s'è accorta che c'ha fatte tórte e ha rimmediate, c'ha fatte diventà belle, séme belle Immacolà!

IMMY                      Ma quii tóni, quele mani che abbrucevane, quela puzza de zolfe

CONCY                    I tóni pòne fa pure a céle sirìne, la mani che abbrucevane èva na pòca de freve e la puzza de zolfe èva la puzza de papà

IMMY                      Papà?

CONCY                   Scusa è, ma che laóre fa babbino?

IMMY                      Je pulitore de fogne

CONCY                   E che vó sentì ècche davéntre Chanel nummere cinque?

IMMY                      Ma cuscì forte?

CONCY                   Ma scì è je prefùme de papà

IMMY                      Préfume?

CONCY                   Eau de fogne

IMMY                      Nen pazzià

CONCY                   Su, su, sta cuntenta, séme belle, séme belle (via)

(entra San Pasquale Baylonne con le sembianze terrene di un frate)

SAN PASQUALE   Permésse? Ah questa è la casa da ddó m'arrivene tutte quele preghiere. Quiste è je quadre mì. Ma ècche ce sta pure Santa Filomena. Fanne je doppie gióche i filibustieri!

CROCIFISSA         (entrando)   Chi è?

SAN PASQUALE     Scusate, signora sono ne pòre frate cercatore

CROCIFISSA           E che sta a cercà?

SAN PASQUALE     Ne pòca de grazia de Ddìe, ddù noci, na lisca  de pane, quele che tenete

CROCIFISSA           Preco, Fra.....?

SAN PASQUALE             Pasquale, fra Pasquale

CROCIFISSA                   Cómme San Pasquale Baylonne, che cumbinazione!

SAN PASQUALE             Eh, già cómme San Pasquale, na cumbinazione

(Crocifissa prende il quadro di San Pasquale)

CROCIFISSA                   E c'ha assomijiéte pure, tale e quale

SAN PASQUALE             (facendo lo gnorri) Uh, varda ppó, che case

CROCIFISSA                   Ddù gocce d'acqua

SAN PASQUALE             Signòra, vivete sòla?

CROCIFISSA                   Nóne, vive co maritéme Benedìtte e le fijie mé, ddù  creature: Immacolata e Concezione

SAN PASQUALE              Na bella famija!

CROCIFISSA                    Oddìe, bella, bella nen tante

SAN PASQUALE              E perché? Quande ce se vòle bene è sembre na bella famija

CROCIFISSA                    Tu dici cuscì perché nen conusci le fijie mè

SAN PASQUALE              Ne so sentute parlà

CROCIFISSA                    A scì? Pe quande so brutte so diventate famose

SAN PASQUALE        (riprendendosi) Nóne, voleva dice che me ne si parlate mò tu

CROCIFISSA                     Sicure?

SAN PASQUALE               Ma scìne, me si ditte che tè ddù fijie

CROCIFISSA                     E le sì mai viste?

SAN PASQUALE               Dall'alto

CROCIFISSA                     Cómme dall'alto?

SAN PASQUALE               No voleva dice che le so viste nell'alto del tuo cuore di mamma

CROCIFISSA                    Scusa fra Pasquà, ma a mì me sembri ne póche strane. Comunque mo le vajie a chiamà e te le presente, cuscì te rindi cunte che la me nen è propria na bella famijia. Assettate che 'ndraminte ie vajie a pijiatte quaccósa da fatte portà aje convénte, te le manne a fatte compagnia.(va alla porta della camera e chiama) Immacolata, Concezione, venite ècche che ce sta na perzona 'mbortante che ve vò conosce. (esce dall'altra porta, non si incontra con le figlie che saranno Immy e Concy)

CONCY                            Vé Immy, poèsse che è quacche givinótte

IMMY                               Ie me ne vergone!

CONCY                            Ma de che t'atà vergonà, nen se sa (poi scorge il frate)

Oh, scusate, nen penzavamo che ce stésse ne frate

IMMY                               Eh, mamma ha dìtte na perzona 'mbortante e allora...

SAN PASQUALE             Vù séte penzate a ne béjie givinótte!

IMMY                               Scìne, è le vére, scusétece

SAN PASQUALE            Ma nen ve preoccupete, capisco. Ie me chiame fra Pasquale, e so ne frate cercatore

CONCY                              Piacere ie so Concy e sorema se chiama Immy

SAN PASQUALE              Concy? Immy?

CONCY                              Scìne con la ipsolon

SAN PASQUALE              Ma si nomi?

CONCY                              So nomi moderni

SAN PASQUALE              Ah, so capite! Sembre pe via de je marite

CONCY                              E cérte ddù vajòle cómme nù a che adanne penzà? Nu teneme vint'anni, già stéme in ritarde

IMMY                                 Ie ne ténghe sóle diciannòve

CONCY                              E che ce manca a vinti?

SAN PASQUALE              (alzandosi e squadrando bene le ragazze) Ma ie vede quaccósa de strane, me sembrete diverze

CONCY                               E che ne sapete vù? E' la prima vòta che ce vedete

SAN PASQUALE               No, è che da je quadre (indica il quadro di San Pasquale) me sembravate na freca diverze, sembravate na freca brutte

IMMY                                  Da je quadre?

SAN PASQUALE               (riprendendosi) Voleva dice che se me mette vicine vicine a je quadre, ve vede divèrze

IMMY                                  Ie 'nvéce se te mitti vecine a je quadre te vede na freca uguale a San Pasquale

CONCY                                E' le vére, è propria uguale!

SAN PASQUALE                No, no (inventando) E' che nu frati c'assomijiéme

IMMY                                  Sarrà! (poi in disparte valla sorella) Concy, ècche stane a succède troppe cose strane

CONCY                              (sembre a parte)  Ma quasse cose strane?

IMMY                                 Quisse è uguale a San Pasquale, e ppó si sentute come ha ditte? “ Da je quadre sembravate più brutte”

CONCY                               Sinti Immy, mo me si scocciate!

SAN PASQUALE               Eh, vajò. Vù ve volete sposà, ma vù preghete abbastanza San Pasquale Baylonne protettore delle donne?

IMMY                                Cérte pure Santa Filomena

SAN PASQUALE              Pure Santa Filomena?

CONCY                              No, no, sorema voleva dice che pure a Santa Filomena ce piacesse che nu la pregassime, ma nù preghéme sóle San Pasquale.

SAN PASQUALE             Mah! Comunque a sta casa ce stane na freca de cose strane, e ppó se sente na strana puzza de zolfo

CONCY                             Quele è la puzza de patréme

SAN PASQUALE              La che?

IMMY                                Scì, babbino fa je pulitore de fogne

SAN PASQUALE              Nen me commince, mo che revaje in céle débbe vedè

IMMY                                 In céle?

SAN PASQUALE              Eh scì, in céle: Nù frati.... chiameme je convénte céle

(si sentono le voci di Crocifissa e Benedìtte che stanno rientrando)

IMMY                                Oh, ècche mammina e babbino, méttemece a ricamà

( le due ragazze vanno a sedersi dietro il tavolo e riprenderanno a ricamare. Dietro una tenda nascosti ci saranno i due attori maschi che si alterneranno con un veloce cambio, ogni volta andando a prendere dei panni da stirare. Va una coppia e entra l'altra con dei panni, sempre così ad ogni cambio. La scena dovrà essere questa: quando guarderà verso il tavolo San Pasquale ci saranno Immy e Concy, quando guarderanno Benedìtte e Crocifissa saranno Immacolata e Concezione)*

(rientrano Benedìtte e Crocifissa, San Pasquale è posizionato seduto avanti con le spalle al tavolo non vede le ragazze, che in questo caso saranno i maschi)

CROCIFISSA                 Ècchemè, so raunàte ne pòca de róbba pe je frattóne nóstre. Benedì, te presente Fra Pasquale

BENEDÌTTE                 (gli da la mano)  Piacere

SAN PASQUALE          (dandogli la mano, annusa Benedìtte) Nen me pare che puzzéte tróppe

BENEDÌTTE                  Eh?

SAN PASQUALE           No diche, nen puzzete de zolfo

BENEDÌTTE                  E perché dénche puzzà de zolfe?

SAN PASQUALE           Le fijie tè m'òne dìtte che fa je pulitore de fogne

BENEDÌTTE                  E allora?

SAN PASQUALE           E allora dovete puzzà de zolfo

BENEDÌTTE                  Fra Pasquà, ma tu le sa che ce sta alle fogne?

SAN PASQUALE           Nen ce sta lo zolfo?

BENEDÌTTE                  Se te si magnate i pròsperi, scì

SAN PASQUALE           E allora s'addore avéntre sta casa?

BENEDÌTTE                  Ma che ne sacce! Se 'ngómenzate a sentì da quande ha venute zio Lucio

SAN PASQUALE           E chi è?

BENEDÌTTE                  Mah, ne zie acquisite tante ricche, che ha dìtte che ie so j'uniche parente, e che vò lassà tutta l'eredità alle fijie mè a patte che sposane. Pe mmì ce venute a pijià in gire, e chi se le pijia se ddù? (guarda le figlie...maschi)

SAN PASQUALE            Perché?

BENEDÌTTE                   Ma le viste bbóne?

SAN PASQUALE            E cérte! So ddù belle vajòle. Da je quadre nen parevane, ma mo che  le so viste da vecine te pòzze dì che so veramente belle

CROCIFISSA                  Da je quadre?

SAN PASQUALE            No, voleva dice che a vòte ce vede quadre e me parevane brutte 'nvece guardete cómme so belle, le più belle d'Avezzane!(*si gira, i due attori maschi si nascondono dietro il tavolo e appaiono Concy e Immy, nel frattempo Benedìtte e Crocifissa guardano altrove, Crocifissa va cercare dentro un cassetto)

BENEDÌTTE                   Crocifì, che sta a cercà?

CROCIFISSA                  Ne pare d'occhiali pe Fra Pasquale

BENEDÌTTE                   Té raggione a mmì me pare propria cecate

(cambio di situazione, Fra Pasquale si gira e tornano Immacolata e Concezione, Benedìtte e Crocifissa guardano perplesse le figlie)*

SAN PASQUALE             Beh, mo me nne vajie, grazie per la carità, ma ritornerò, ce débbe vedè chiare

BENEDÌTTE                   (guardando le figlie) Fra Pasquà, tu ce vidi scure

SAN PASQUALE            Perché?

BENEDÌTTE                  (riferito alle figlie) Ma cómme fa a dice che so belle?

(cambio, tornano Immy e Concy, San Pasquale si gira)*

SAN PASQUALE           Sono bellissime (via)

( tornano Immacolata e Concezione)*

BENEDÌTTE                  (si avvicina alle figlie, e le scruta attentamente) Boh! Fammene ì a Peppone ca sinnò se refredda la seggia (via)

CROCIFISSA                Ma quisse se fusse innamorate de Peppone? (via in camera)

( di nuovo Immy e Concy)*

CONCY                           Sta a vedè, pure pe fra Pasquale séme belle!

IMMY                              Ma babbino ha dìtte che séme brutte

CONCY                           Ma te le recurdi che ha dìtte je maghe? “Pe j'atri sarete belle, ma i vostri genitori ve vedranne sèmbre cómm'eravate”

IMMY                             Cioè, brutte

CONCY                          Pe forza, se ce vedéne belle ce pija na sincope a tittìddù, e ppó nu che ce dicéme? Ma che ce 'mborta! Abbasta che j'atri ce vedéne belle

(entra Astrubbale, è un uomo di mezza età, elegante)

ASTRUBBALE               Permésse? Scusate so troate la porta roperta e so entrate

CONCY                            Dite signore

ASTRUBBALE               Scusate, ie cerche la signòra Crocifissa

IMMY                              E' nostra madre

ASTRUBBALE               Che belle ragazze! (le guarda attentamente, poi con commozione) Séte veramente belle......due belle figlie

CONCY                           Grazie

IMMY                              Ma voi chi siete?

ASTRUBBALE               Oh, scusate, nen me so presentate. Ie me chiame Astrubbale, veniva a ritirà la monnezza na ventina d'anni fa, vù nen èste angóra nate. Anzi no me pare che una de vù la so conosciuta e subbite dópe ha nata l'atra

CONCY                        Eh si, forse ie èva nata perché ténghe vint'anni

IMMY                           E ie diciannòve

ASTRUBBALE            Eh scì, un anne de differenza tra l'una e l'atra(guardandole di nuovo) Cómme séte belle! Due belle figlie...

CONCY                      (a Immy,a parte) Ma quisse che vò?

IMMY                         Boh, a mmì me sta a dà fastidie co tutti si comprimenti, angóra nen ce so abituata

CONCY                       Comunque signore....

ASTRUBBALE           Nen me chiamete signore, chiameteme Astrubbale

CONCY                       Tróppe è béjie se nome!

ASTRUBBALE          Cómme?

CONCY                       No, diche è ne béjie nome. Comunque stéva a dice accomodeteve che chiame mamma. (Astrubbale si siede. Concy alla porta della camera) Mammina!

CROCIFISSA                (da fuori) Che vò?

CONCY                         Te cercane

CROCIFISSA               (da fuori) E chi è?

CONCY                         Ne cérte Astrubbale (si sente un botto) Mammina ma che te si cascata?

CROCIFISSA               (con voce dolorante) Nóne, nóne, gnènte, gnènte

CONCY                         Immy, me sa che mamma sa cascata

IMMY                           Scìne, da je bótte me pare pure a mmì. Iamece assettà e contnueme a ricamà

( all'entrata di Crocifissa tornano ad essere Immacolata e Concezione)*

CROCISSA                  (entrando, guarda le figlie, ha una smorfia di disgusto, poi le figlie gli indicano Astrubbale che è seduto davanti e non vede la scena, Crocifissa tossisce, Astrubbale si gira e la vede)

ASTRUBBALE              (si alza e gli va incontro) Crocifissa!

CROCIFISSA                 Astrubbale

ASTRUBBALE              Croci!

CROCIFISSA                 Astru!

ASTRUBBALE              Quante témbe!

CROCIFISSA                 Vint'anni!

ASTRUBBALE              Pricisi!

CROCIFISSA                 Ma cómm'è che nen te si fatte più vedè?

ASTRUBBALE              E cómme poteva? Tu le sa, te le so scritte pe lettra che so state fòri, so cagnate laóre, so diventate 'mbortante grazie a ttì, e ppó tu tè na famijia, ne marite, ddù fijie bellissime

CROCIFISSA              (guarda le figlie) Bellissime?

ASTRUBBALE           ( cambio attori, di nuovo Immy e Concy *, Astrubbale le guarda) Ma scì, ddù splendori ( si rigira, di nuovo Immacolata e Concezione)*

CROCIFISSA              Ma tu ce vidi bbóne?

(entra Benedìtte, che vedendo i due si nasconde per spiare la scena. In tutto questo  le figlie  rimarranno sempre Immacolata e Concezione)*

ASTRUBBALE             Nen me so fatte più vedè, ma so penzate sembre a ttì

CROCIFISSA               Oddìe, Astrù, nen me dì cuscì

ASTRUBBALE             Ma scì, angóra me ricorde quelle ddù notti de luna piena addò me si recalate i mumenti più belli della vita me

CROCIFISSA               Ah, te le ricurdi?

ASTRUBBALE            E cérte!

CROCIFISSA              Zitte, pe carità che ce stane le bambine che ce pònne sentì

ASTRUBBALE            Mannale via

CROCIFISSA               Bambine, andate a preparà ne béjie caffè

IMMACOLATA- CONCEZIONE    (insieme) Subbite mammina

ASTRUBBALE            Ddù notti,  che nen dimenticherò mai

CROCIFISSA               A distanza di un anno l'una dall'altra

ASTRUBBALE            E lòche so nate le ddù perle. Grazie alla tua grande passione

CROCIFISSA              Na passione che ie voleva rende cunte a tutte je mùnne, ma nen è state pussibbile

ASTRUBBALE            Ma perché nen le si fatte?

CROCIFISSA              Pe córpa de maritéme. Quie è antiquate, nen capirebbe

ASTRUBBALE           Ma tu sta angóra a témbe. Pe se cose nen ce sta età

CROCIFISSA              Astrù, ma chi me le fa fa? Oramai ténghe na famijia, sténghe in pace, so raggiunte la pace dei sensi, e se resce a marità le fijie...mé, sténghe appóste

ASTRUBBALE             (le prende le mani) Che peccate!

CROCIFISSA                Nen se po' avè tutte dalla vita. A mmì me basta sapè che tante fessa nen èva

ASTRUBBALE              Ma quasse fessa? Tu hai talento

CROCIFISSA                 Grazie, si tróppe bbóne

ASTRUBBALE              E' la verità. Tu si soddisfatte centinaia de persone

CROCIFISSA                 Addirittura centinaia, tutta al più decine

ASTRUBBALE              Ma quasse decine. Centinaia, migliaia

 CROCIFISSA                Ma sinti ppó, Astrù. A tì te chiamevane Astrubbale brutte 'nfaccia quanne ìri vajóle, ma mo si cagnàte, si ne béjie òme. Ma cómm'è?

ASTRUBBALE               Èva brutte perché teneva le acne giovanili

CROCIFISSA                 Le che?

ASTRUBBALE              La acne

CROCIFISSA                 E che so?

ASTRUBBALE               I céquj! I céquj 'nfaccia

CROCIFISSA                 Ah, so capite! Sinti mo vatténne che po' rentrà maritéme,e quie nen capirebbe. E ppó ìsse te se ricorda brutte, se te vede cuscì béjie succede je quarant'òtte. Se vè a sapè che ce séme scritte pe tutti quist'anni c'accide a tittiddù

ASTRUBBALE              Scìne, me ne vajie, ma dóppe revénghe perché te débbe dì na cosa 'mbortante

CROCIFISSA                  E se ce sta maritéme?

ASTRUBBALE               Te la diche lìstesse, pure 'nnanzi a ìsse. L'ha atà sapè che le ddù perle le séme generate 'nsèmmia. Anzi è méjie (via)

CROCIFISSA                  Quiste è pazze! (via)

BENEDÌTTE                   Ie l'èva dìtte che nen potevane èsse le fijie mè! So tróppe brutte! Le chiama pure perle, ha fatte se capolaóre! Ie le saria fatte più belle! Viste che tenéva raggione? So conténte, so conténte! Aspetta ne mumente, se non so le fijie mè....so cornute! E ppó? Centinaia, mijiaja de perzone. Ma chi me so sposate? Messalina? Mo facce na strage!..... Ma no, è méjie che facce finta de gnènte vójie vedè fine a che punte arrivene (via)

SANTA FILOMENA      (entra, è vestita da suora)   Eccoci qua! So arrivata alla casa delle ddù vajòle. Vedéme se cómm'è sta situazione. (va verso il quadro di Santa Filomena e lo prende) Beh! M'assomijia abbastanza, prò je quadre è tutte zuzze, ècche perché nen ce vedeva bbóne.(lo pulisce) Vedeva ddù cose brutte quante la fame che me prechevane de falle marità, e ie nen ce so mai rescita, mo le vójie propria vedè da vicine, senza appannamenti (rimette a posto il quadro)

BENEDÌTTE                       (rientrando) Chi è?

SANTA  FILOMENA          Bongiórne

BENEDÌTTE                       Bongiórnesorella

SANTA FILOMENA          Scusete l'intrusione, ma stéva a cercà na pòca de carità pe le sorelle de je convénte

BENEDÌTTE                       Pure vù?

SANTA FILOMENA          Perché, chi atre?

BENEDÌTTE                       Mah, è venute ne frate, ne cérte Fra Pasquale de ne convénte che nen so mai sentute, e ha chiesto na pòca de carità. Pó ha dìtte che le fijie mè....cioè.... le fijie de mójiema èvane belle

SANTA FILOMENA           Fije de mójieta? Nen so pure fijie a a ttì?

BENEDÌTTE                       Lasséme perde che è méjie. Comunque ste frate ha fatte na freca de domande strane. Ma pó la cosa curiosa è che èva tale e quale a ste quadre de San Pasquale Baylonne (gli mostra il quadro)

SANTA FILOMENA          Ah, ècche, mò me spieche perché quande arrivevane le preghiere nen èvane chiare. Ma vù preghete San Pasquale?

BENEDÌTTE                      Uh, Nen sóle, pure Santa Filomena, ce manca sóle che pregheme je diàvele (tuono)

SANTA FILOMENA          Zitte, nen je numinà. A preposite ècche se sénte na strana puzza de zolfo

BENEDÌTTE                      Boh! Le fije mè....cioè... de mójiema dicene che so ie che puzze

SANTA FILOMENA         Angóra débbe capì se fatte delle fijie

BENEDÌTTE                      Pur'ie!

(entra Crocifissa)

CROCIFISSA                     Bongiórne 

BENEDÌTTE                      Ah, ècche la madre delle mie bambine

CROCIFISSA                     E tu si je padre

BENEDÌTTE                      Crocifì, lasséme perde, famme ì alla cantina de Peppone che è méjie (via)

CROCIFISSA                      Boh! Preco sorella assettate, te pòzze suffrì quaccósa?

SANTA FILOMENA           Ne bicchiere d'acqua      

CROCIFISSA                      Mo te je facce portà dalle mie bambine cuscì le conusci pure (va alla porta)   Bambine, portete ne bicchiere d'acqua che teneme n'ospite

SANTA FILOMENA          Maritete m'ha dìtte che stete a precà San Pasquale pe fa marità le vajòle

CROCIFISSA                     Veramene nù pregheme più Santa Filomena. Ma le sa che tu c'assomiji na freca

SANTA FILOMENA         Beh, séme monache tittiddù, ma t'assicure che ie nen so Santa Filomena

CROCIFISSA                    E cérte che nen si tu! Te pare che mo Santa Filomena o San Pasquale vène ecche?

SANTA FILOMENA          Ha già venute quie brigante

CROCIFISSA                      Eh?

SANTA FILOMENA           (riprendendosi) Voleva dice che San Pasquale saria capace, pur de fa ne miraquele più de mì

CROCIFISSA                      De tì?

SANTA FILOMENA          Cioè, voleva dice: ne miraquele più de Santa Filomena.

Scusa, me pòzze assettà?

CROCIFISSA                     Preco assetteteve (si siede avanti, non vede Immacolata e Concezione entrare)

IMMACOLATA                 Mammina, ecco l'acqua

CROCIFISSA                     (prende il bicchiere) Fammele portà a quela monaca

CONCEZIONE                  Poteme sta ècche a ricamà?

CROCIFISSA                     Scìne, scìne ricamete ( va a portare il bicchiere a Santa Filomena, Immacolata e Concezione si siedono e diventano Immy e Concy)* 

Preco, sorella ( gli da il bicchiere) Quele ddù vajòle (senza girarsi) so le fijie mè

( Santa Filomena si gira e vede Immy e Concy)

SANTA FILOMENA        So ddù belle vajòle, comprimenti

CROCIFISSA                   Ma me stete a pijà pe scema?

SANTA FILOMENA        Ma no, perché? Forse sarà perché je quadre èva ne póche zuzze, ma ie le vedeva na freca brutte

CROCIFISSA                  Je quadre?

SANTA FILOMENA       No, voleva dice che so talmente belle che ce se po' fa ne quadre (le guarda poi si gira, cambio attori, di nuovo Immacolata e Concezione, Crocifissa si gira e le guarda )*

CROCIFISSA                  Ecche me pare che se so tutti 'mbazziti, comunque sorella, pure pe ttì ce sta quaccósa. Nu séme poveri ma pe quiji più poveri de nu ce sta sembre quaccósa. N'attime che vajie a pijà ne póche de noci e na lisca de pane e revénghe (alle figlie) Ficéte compagnia alla suora (via)( di nuovo Immy e Concy)*

(Santa Filomena si alza, va vicino alle due e le guarda attentamente)

IMMY                                Suora, perché ce vardete cuscì?

SANTA FILOMENA        No, è che me pare strane, na freca strane

IMMY                                Che?

SANTA FILOMENA        Che vù séte cuscì belle

CONCY                             (risentita) E perché? Nen poteme esse belle?

SANTA FILOMENA        E' che dall'alto eravate na freca diverse

CONCY                              Dall'alto?

SANTA FILOMENA        (riprendendosi) Scìne, se ve vede dall'alto.

IMMY                                Ie me sténghe a mette paura

SANTA FILOMENA        No gnènte paura, ma sta storia nen me piace

CROCIFISSA                   (da fuori) Ecche le provviste pe la monaca

(Santa Filomena si va a sedere, Immy e Concy diventano Immacolata e Concezione)*

CROCIFISSA                  (rientra con una busta) Ecco qua sorella, quaccósa la so rammediata

SANTA FILOMENA        Grazie, mo me ne vaje, me recomanne prechete Santa Filomena, notte e jórne. Lassèteje sta San Pasquale! Preghete tante, che ie nen ce vede chiare (via senza guardare Immacolata e Concezione)

CROCIFISSA                   Pregheme scì, óggi è na jornata cuscì strana.

(entrano Maria, Prenella e Sabbetta)

MARIA                             Crocifì, potéme entrà?

CROCIFISSA                  Preco, preco

PRENELLA                     Te doveme dì na cosa 'mbórtante

MARIA                              Ce potéme assettà?

SABBETTA                       Sa..assettate chiacchieréme méjie, a nu è automatico, cómme appoggéme je sedere 'ngima alla sedia acquande che 'ncomènzane a 'scì le parole

CROCIFISSA                   Preco, assetteteve pure

(eseguono)

PRENELLA                      Manna via le vajòle

CROCIFISSA                   Ma perché?

PRENELLA                      Mannale via te dovéme dì na cosa 'mbortantissima

CROCIFISSA                   Vajò, lassetece sòle

IMMACOLATA               Uffa! Se seguitéme cuscì quande je finime se correde!

CONCEZIONE                Va e vè, va e vè, stéte sèmbre a ciammóttà! (escono)

CROCIFISSA                   Allora?

SABBETTA                      Pòzze parlà ie?

PRENELLA                     Zitta tu! Sème 'ngondrate Filùccia Ciavattòna e c'ha dìtte che ha venuta ècche, co ji fiji

MARIA                              Sa pe je fatte delle vajòle che so vizzòche

CROCIFISSA                   No pe l'eredità?

MARIA                              No, e che ne po' sapè dell'eredità?

CROCIFISSA                   Giuste, che ne po' sapè? Le sapeste sóle vu tre!

SABBETTA                        E co nu sta a na botte de férre

PRENELLA                      Tu le sa che nù séme ermetiche, impenetrabbili

MARIA                              Mai na parola, na ciancia, ne pettegolézze, na diceria, na maldicenza, na malignità. Mai!

SABBETTA                      Quande tenéme quaccósa 'ncórpe che vò escì, sbattéme la coccia 'mbaccia a je mure, ma nen la dicéme   

CROCIFISSA                   So capite, ce le séte dìtte!

PRENELLA                      Ma che sta a ddì? Manche na parola

CROCIFISSA                   Prenella!

MARIA                             Te l'assicure Crocifì

CROCIFISSA                   Maria!

SABBETTA                       Me pòzza cecà

CROCIFISSA                    Attenta Sabbé che passa j'angele e dice ammen

SABBETTA                       No.... steva a dì pe dì

MARIA                              Pò esse che l'ha capite da ji sguardi

CROCIFISSA                   Ah, da ji sguardi

MARIA                             Nù le séme 'ngontrate pe pure case alla casa

CROCIFISSA                  Sète ìte propria alla casa? Dirette

PRENELLA                     Ma no, stèmme a passà lòche pe rientrà a casa nostra

CROCIFISSA                  Prenè, vu abitete dirimpétte a mmì, a je concentraménte, Filùccia a San Nicola, ce stane ddù chilometri, mo ficéte capì cómme ce séte fatte a passacce pe case

PRENELLA                        Séme fatte ne gire larghe, ma pe pùre case

MARIA                                E ppó, pure se fósse, te séme fatte ne favore

CROCIFISSA                     Grazie mille!

PRENELLA                        E su, statte zitta e facce parlà. Nu sapéme che i vajùli quande òne viste le ddù....creatrure se ne so scappati. E' le vére?

CROCIFISSA                     Scìne, maritéme ha cercate de fermaji ma nen c'è state gnènte da fa, parevane ddù furie!

SABBETTA                         Pe le corre se so rucicati pe le scale! Sème sentute ne bótte!

PRENELLA                        Mo la mamma, forse pe via dell'eredità....

CROCIFISSA                     Che essa nen sa, perchè nen ce l'ha dìtte nisciùne...

PRENELLA                        Ma te le so dìtte che l'ha capite da ji sguardi

CROCIFISSA                     Pó ficéteme vedè si sguardi, perchè so propria curiosa de vedè cómme se pòne dì tante cose co n'occhiata

PRENELLA                        Zitta, zitta famme raccontà

MARIA                               (alla sorella) Mo zitta! Famme raccontà ne póche pure a mmì

SABBETTA                        Apprésse a Maria ce sténghe ie

PRENELLA                       Ma stéva a parlà ie!

MARIA                               Basta! Vò sèmbre parlà tu! Tocca a mmì si capite? Tocca a mmì., toccca a mmì. Allora Crocifì...

SABBETTA                         Sinti a mmì, sinti a mmì

PRENELLA                       Crocifì, nen ce da retta sinti a mmì. Steva a dice...

MARIA                               (capricciosa) No, no, no tocca a mmì, vójie parlà ie

PRENELLA                        Mo se nen la finisci te la cuce sa vocca de ciavatta

MARIA                               Vocca de ciavatta a mmì? Chi è stata a raccontà tutte, pe file e pe signe a Filùccia Ciavattòna je fatte dell'eredità, eh?

PRENELLA                        Zitta!

SABBETTA                          Ha stata essa, ha stata essa

MARIA                                Manche pe gnènte, Crocifì so state tittìddù, sembrevane ddù mitrajiatrici. Nen m'òne fatte dì manche na parola, manche de je suche finde

SABBETTA                         Ie so fatte sóle blu-blu-blu

MARIA                    A mmì manche quele, hanne volute dì tutte loro. E mo nen diche che débbe dì tutt'ie ma arméne ficéme ne póche pedùne!

PRENELLA                         Si sémbre la solita capricciosa!

CROCIFISSA                      Oh, basta! Se dovéte parlà parlete sinnò stetece zitte

MARIA                                 E che ce vò levà le cresce?

PRENELLA                         Parleme, parleme

MARIA                                 Ie! Parle ie e basta!

PRENELLA                         Prepotente!

CROCIFISSA                      Mo me ne vaje!

MARIA                                 Addó va? E a chi racconde ie?

SABBETTA                          Pó raccondà a mmì

MARIA                                 Ma tu già le sa!

SABBETTA                          Me piace listésse

CROCIFISSA                      Nen ne pòzze più

MARIA                                 Allora, Filùccia Ciavattòna, quande ha capite da ji sguardi nóstri, che le vajòle ereditevane na fertùna se se sposevane ha insistite co ji fiji, c'ha dìtte de venì a proà a vedè bbóne da vicine se vajòle

CROCIFISSA                      Da vicine è pégge

PRENELLA                         Cómme?

CROCIFISSA                      Se le vedene da vicine è pégge

PRENELLA                         Ma appunte séme venute subbite subbite ecche...(si accorge che la sorella la guarda minacciosa) Va annanzi tu Marì

MARIA                                Nù séme penzate che se tu ce dà n'aggiustata po esse che i vajùli se accontentane e se le sposane

CROCIFISSA                      E' difficile.

MARIA                                Mo tu provace. Ma me raccomanne se se sposane nù ddù ficéme le testimoni. Mo ce ne jame che doveme fa na scappata a San Poline a troà na commare nostra

CROCIFISSA                    Ce jate a ffa ddù sguardi?

PRENELLA                       Mah, ddù chiacchiere giuste pe passà témbe

SABBETTA                        Prò c'assettéme, che assettate séme più spontagne

MARIA                               Jame, jame sinnò me scorde quele che ce débbe dì

SABBETTA                        Te le recorde ie

PRENELLA                       Parle prima ie

MARIA                               Nóne, prima ie

SABETTA                           Prima ie che ténghe tutte segnate (via litigando)

CROCIFISSA                    Pòre fijie me

BENEDÌTTE                     (entrando)  Si dìtte bbóne, fijie tè

CROCIFISSA                    Ma angóra co sa storia?

BENEDÌTTE                     Crocifì, a mmì nen me fa fesse

CROCIFISSA                    Sinti, ne parléme dóppe mo famme aggiustà le bambine che atanne venì ddù spasimanti

BENEDÌTTE                     Aspetta che t'ajiute (va a prendere degli attrezzi)

CROCIFISSA                   (alla porta,chiamando) Bambine (poi prende dei trucchi)

(entrano Immacolata e Concezione)

IMMACOLATA               Dicci mammina

CROCIFISSA                   Venite ècche che ve v'aggiuste (poi vedendo il marito con degli attrezzi in mano, martello e scalpello) Ma che si pijate?

BENEDÌTTE                   Ma nen si dìtte che le vò aggiustà?

CROCIFISSA                  Embè?

BENEDÌTTE                   Pe aggiustà quesse ce vònne martéje e scarpéjie!

CROCIFISSA                  Ma Benedìtte, le nostre bambine!

BENEDÌTTE                   Nostre? Le té (via)

CROCIFISSA                  Nen ce déte retta, venite ècche, ne póche de rossette e na poca de cipria (esegue, risultato pessimo) Oh, mo scì

I ragazzi con Filùccia

FILÙCCIA                   (da fuori) Forza, forza sbrighetéve, ficeteve curagge

CROCIFISSA               Metteteve a ricamà, sta arrivà Filùccia co i fijii, lèste

(Immacolata e Concezione vanno a sedersi)

FILÙCCIA                   Permésse? Crocifì potéme entrà? (trascina a forza i figli)

CROCIFISSA             (alle figlie) Ricaméte, ricaméte.Preco Ciavattò, accomodate

( le figlie ora diventano Immy e Concy, Crocifissa non le guarderà)*

FILÙCCIA                    Scusa, ma i fiji mì so voluti pe forza ritornà. Salutete

VINCÉNZINE              Nóne

FILÙCCIA                    Nen fate i vergognusi, salutete

NICOLÌNE                   Nóne, iamecénne

FILÙCCIA                 Ma che jamecénne, nen se sa! Oh, si vajùli so strani. Hano stati tutto il dì di oggi maddimane cétte a dìcere “Ma perchè non antiamo a fare una visitazione a quele due perline che si nominano Immacolata e Concezione, ma che belle pulzelle che sono. A nù ce piacéne immensamente tante tante.” E mo esternano le timidezze di qualsivoglia

NICOLÌNE                   Ma quasse timidi? Si fatte tutte tu

FILÙCCIA                    Ma che cosa stai blaterando?

VINCÉNZINE              Scìne Mà, si fatte tutte tu! “Antiamo che sono due belle ragazze vizzòche co na freca de proprietà”

FILÙCCIA                   Proprietà de linguaggie.Voleva dice che parlene bbóne il Taliano cómme mì

NICOLÌNE                   No, tu vulivi dice che tène...

FILÙCCIA                 (interrompendolo) Na freca de grazia, hano na freca de grazia

CROCIFISSA             So capite! Quesse so sembre le sorelle Chiacchierelli che so passate pe case a San Nicola

FILÙCCIA         (parlando italiano) Ma certo mia cara compania di aula, le sorele hano passate per puro caso ed non hano parlato, lo interesse dei miei pulzelli è noquo

CROCIFISSA         Filù, ma che t'ha pijiate?

FILÙCCIA              Scusa, è che ogni tanto mi recordo che a squola era tanta brave e mi viena spontagna parlare un taliano perfetto assai appropinquamente

CROCIFISSA            Apprò, che?

FILÙCCIA                Ma sino, appropinquamente in moto propinquo

(intanto i ragazzi vedono Immy e Concy)

CROCIFISSA          Va bbó, Filù ma se i vajùli se ne vònne ì, ficémeji ì, se le vajòle nen ce piacene...

(i ragazzi si scambiano sorrisi)

FILÙCCIA                Ma no mia cara vecchia compania, i racazzi sono soltantamente una 'ntécchia mozionati, se noi due medesime li lassiamo un poco, ma che dico un poco, uno mumento, uno atimo, insomma una 'ntecchia solitari si fano concorrenza, oppùramente conozienza, o si ammiccano fino a fare micizia, ma che dico micizia, compagnizia. Antiamo in un altro loco in moto che si formino le coppie, come alla quadriglia, lassiamoli tra essi, antiamo a fare due chiacchirei nella tua cambera

CROCIFISSA                Va bbóne, jame. Ma Filù te le dice subbite parla dialétte che

 ie nen te sopporte!

FILÙCCIA                    Si lo so, è tura essera la più prava dell'aula (via)

( i ragazzi rimangono soli, le ragazze ricamano e si scambiano sorrisetti)

NICOLÌNE                   (a Vincénzine)  Vincenzì, a mmì nen me parene tante brutte

VINCÉNZINE              Pure a mmì, me parene propriamente belle

NICOLÌNE                   A mmì me piace la mora

VINCÉNZINE              A mmì la cignàta

NICOLÌNE                   Parla tu

VINCÉNZINE              Nóne, parla tu

NICOLÌNE                   Ie me vergone

VINCÉNZINE              Pure ie

NICOLÌNE                   E su dicce quaccósa

VINCÉNZINE              E va bbó.  Scusate, sapete pe case ….se è jórne o è notte ?  

(le ragazze ridono)

NICOLÌNE                    Ma che domande so?

VINCÉNZINE               Ma è pe parlà

NICOLÌNE                    Ma cuscì ce pijiane pe scemi!

VINCÉNZINE               E allora parla tu

NICOLÌNE                    Scusate belle ragazze, ma vu séte ddù?

VINCÉNZINE               No so quattre!

NICOLÌNE                    Eh?

VINCÉNZINE               Ma si propria sembrice. Mo ce penze ie. Signurine ie me chiame Vincénzine, pe j'amici Vinci 

NICOLÌNE                    Ie me me chiame Nicolìne....pure pe j'amici

CONCY                          Piacere, ie me chiame Concy....con la ipslon

IMMY                             E ie Immy, pur'ie con la pslon

CONCY                          Se dice ipslon e no pslon

IMMY                             Uh, e che fa? Tante se capisce lìstésse

VINCÉNZINE               Quindi séte sorelle?

IMMY                             Scìne

NICOLÌNE                     Pure nù

CONCY                          Sète sorelle?

NICOLÌNE                    No, séme fratéji

VINCÉNZINE               Che significa che tenéme la stessa mamma e je stésse padre

CONCY                          Ma va?

NICOLÌNE                    Nen ce ficéte case frateme è ne póche sturdite

VINCÉNZINE               Ma vù séte fidanzate?

CONCY                          Nóne, e vù?

NICOLÌNE                    Manche nù

CONCY                          Allora ce potéme frequentà

VINCÉNZINE               Scìne, scìne, (a Concy) e ppó se permitti a mì me piacene le bionde cignàte

CONCY                          Pure a mmì me piacene i cignàti

IMMY                            Ma nen si dìtte che te piacene i mori

CONCY                         Fatte i fatti tì! Addó je ritrove une béjie cómme quisse!

VINCÉNZINE               Ie so béjie?

CONCY                         (timida) Scìne

VINCÉNZINE               E pure tu si tanta e bella

NICOLÌNE                    A mmì 'nvece me piacene le more

IMMY                            E a mmì i mori

VINCÉNZINE              Vajò, séme fatte j'une pe j'atre

NICOLÌNE                    Scìne, ie già so pazze de Immy

VINCÉNZINE               E ie de Concy

IMMY                            Carma, séte passate dalla timidezza alla scostumatezza

NICOLÌNE                    Tè raggione, ma tu si bellissima, la più bella d'Avezzane

VINCÉNZINE               Nóne, la più bella è Concy

NICOLÌNE                    La più bella cignàta! Ma la più bella mora è Immy

( entra Benedìtte, le ragazze si vanno a risedere e diventano Immacolata e Concezione, i ragazzi non le guarderanno)*

BENEDÌTTE                       Oh, a sta casa sèmbre gente. Ah séte vù vajù, cómm'è nen ve eravate dati alla fuga?

NICOLÌNE                         No, nu voléme venì ecche ogni jórne pe parlà co le fijie vostre

BENEDÌTTE                      Fijie de mójiema

VINCÉNZINE                    Beh, pure vostre, anche se nen ve sumijiane tante

BENEDÌTTE                      Nen me sumijiane? (contento)

NICOLÌNE                         Scusete la franchezza ma so tróppe belle pe assomijià a vù. Ma cómm'è state pussibbile?

BENEDÌTTE                     (guarda le figlie)  E che dovevane esse più brutte?

NICOLÌNE                         Ma quasse brutte? Sono bellissime

BENEDÌTTE                     Óggi me parene tutti 'mbazziti! Ma scusete a vù ve piacéne le fijie mè?

VINCÉNZINE                  Scìne e ce le voleme sposà

BENEDÌTTE                   (sviene, le ragazze tornano ad essere Immy e Concy e accorrono al padre)*

CONCY                              Babbino, babbino

IMMY                                Oddìe, babbine sa mórte!

VINCÉNZINE                  Ma nóne s'è emozionate

NICOLÌNE                       Ficémece vénde. (Benedìtte apre gli occhi)

BENEDÌTTE              Scusete nen so capite bbóne. Vù ve volete sposà le babbuine?

VINCÉNZINE                  Babbuine?

BENEDÌTTE                    Bambine, voleva dice bambine (Benedìtte non guarderà le figlie)

VINCÉNZINE                  Scìne ie me volesse sposà Concy      

NICOLÌNE                       E ie Immy

BENEDÌTTE                    Concy? Immy?

CONCY                             Scìne papà da óggi cagneme pure nome

IMMY                                Nen me pare vere, ie co ne béjie vajóle come Nicolìne      . Scusete ma me sténghe a sentì male (via)

CONCY                            Scusete vaje a vedè che ha fatte sorema (via)

BENEDÌTTE                   Vajù, ma vù séte sicuri de quele che dite?

NICOLÌNE                      Sicurissimi!

(rientrano Crocifissa e Filùccia)

FILÙCCIA                       Allora? Seto interloquito?

NICOLÌNE                      Scìne mà, e ie me vóje sposà Immy

VINCÉNZINE                 E ie Concy

CROCIFISSA                  E chi so?

BENEDÌTTE                   Crocifì quande si antiquata! Immy è Immacolata e Concy è Concezione, come ie so Benedict e tu Crocifiss

FILÙCCIA                           Eio sono giuliva!

BENEDÌTTE                       Ma nen si Filùccia?

FILÙCCIA                           Ma cosa hai inteso? Sono giuliva, sotisfatta,graticolata

BENEDÌTTE                       Nen capisce

FILÙCCIA                           So contenta!

BENEDÌTTE                       Oh, co quessa è difficile!

CROCIFISSA                      Vajù, ficéteme capì se fatte. Prima ve ne séte scappati pe quande èvane brutte e mo tutt'insèmmia ve le volete sposà?

VINCÉNZINE                   Ce séme sbajiati. Nen c'èmme accorti della loro bellezza

BENEDÌTTE                     Vajó, ma tu ce vidi bbóne?

VINCÉNZINE                   Nóne, so rimaste accecate dalla bellezza de Concy

NICOLÌNE                        Ie da quela de Immy

CROCIFISSA                    Filù, parlemece chiare, nen è che si montate sa scena pe l'eredità?

FILÙCCIA                        No mia cara compania, io la iridità non lo sappi nemeno

Se i miei fanciuli hano spreso un tesiterio di matri e di monio co le due fanciùle è per puro more, senza abbatare a gli interessi della custione in essere

BENEDÌTTE                  Che ha dìtte?

CROCIFISSA                 Che nen l'òne fatte pe i sórdi

BENEDÌTTE                  Ah, no?

FILÙCCIA                      Ma certo che nóne! Racazzi antiamo, torneremo più tardi all'imbrunire di codesto o di quelo e che dir si voglia ciorno o addimane per concomitare la tata delle vostre convolanti cozze

VINCÉNZINE  - NICOLÌNE       (insieme) Che si dìtte mà?

FILÙCCIA                    Jamecénne che torneme addimane e c'accordéme (via i tre)

CROCIFISSA               Nen me pare vere, le fijie mè che se sposane, e ppó tittiddù! Ma nen si cuntente Benedì?

BENEDÌTTE              A mmì nen me ne freca gnènte delle fijie té (via)

CROCIFISSA            Oh, quisse è propria strane, séme state na vita a cercà de allocà le vajòle, e mò che ce séme resciti dice che nen ce ne freca gnènte. Boh! (via)

 (entrano Perfidone e Lucio)

LUCIO                      Avete visto o sommo schifidone, sono riuscito nell'intento, le due ragazze si sposano e noi avremo la loro anima

PERFIDONE           Bravo Lucio, hai avuto una bella pensata, non mi sarei mai aspettato che due fanciulle così morigerate avessero venduto l'anima per amore

LUCIO                    Veramente loro non hanno neanche capito quello che hanno firmato. Le abbiamo ingannate

PERFIDONE           E certo, e che diavoli saremmo se dicessimo la verità?

LUCIO                     Abbiamo approfittato della loro buona fede

PERFIDONE          Bravo! Così si fa! Inganni, bugie, maldicenze questo è lo spirito del male, quello che ci permette di dominare il mondo!

(entrano San Pasquale e Santa Filomena)

SAN PASQUALE             Ah, lo dicevo che c'era lo zampino del diavolo

SANTA FILOMENA        Addirittura due diavoli

PERFIDONE                    Guarda, guarda i due sconfitti

SAN PASQUALE             Non è detta l'ultima parola

PERFIDONE                    Oh si, è detta, è detta. Le ragazze hanno firmato un contratto ( Lucio mostra il contratto)

SANTA FILOMENA        Con l'inganno

PERFIDONE                    E certo! L'inganno è la nostra arma migliore, vero Lucio?

LUCIO                               Si o sommo sgorbio

SAN PASQUALE              Avete dimenticato un particolare

PERFIDONE                     Ah, si? E sentiamo quale è questo particolare

SAN PASQUALE              Il contratto per essere valido deve essere chiaro. I firmatari devono essere consapevoli di ciò che firmano

PERFIDONE                     Ma erano consapevoli

SANTA FILOMENA         Non mi pare

PERFIDONE                     Lucio vuoi ricordare a questa specie di santini come è stato l'accordo?

LUCIO                               Voi diventerete belle e vi sposerete se firmate quasta carta dove dite che sarete riconoscenti al mago Perfidius per l'eternità

SANTA FILOMENA          A chi?

LUCIO                                 Al mago Perfidius

SANTA FILOMENA          E chi sarebbe?

PERFIDONE                       Sono io!

SAN PASQUALE                No, tu sei Perfidone il diavolo

PERFIDONE                       E' lo stesso

SAN PASQUALE                No, non è lo stesso. Il contratto non è valido

PERFIDONE                       (a Lucio) Imbecille! Hai fallito come al solito!

LUCIO                                 Perdonami schifezza infinita. Ma posso rimediare

PERFIDONE                       E come?

LUCIO                    Chiamiamo le ragazze gli diciamo tutto e le facciamo scegliere. Io sono sicuro che non rinunceranno al matrimonio per far contenti due santini

PERFIDONE                       Giusto! Facciamo scegliere loro, Lucio chiamale!

LUCIO                                (chiamando) Immacolata! Concezione! Non rispondono

Aspetta forse ho capito Immy! Concy! (entrano tutti e quattro, si guardano con timore e sospetto)

IMMACOLATA -IMMY    (insieme)    Ma che succéde?  Sono io o sei tu?

CONCEZIONE-CONCY    (insieme)    Ma tu sei io? O io sono tu?

LUCIO                                Calma ragazze vi spiego

IMMACOLATA-IMMY       (insieme)    Ie me sténghe a mette paura, ne sacce più chi so come so fatta, se so bella o brutta

CONCEZIONE-CONCY      (insieme)  Pur'ie, quale so delle ddù?

PERFIDONE                      Queste dipende da vù!

IMMACOLATA-IMMY-CONCEZIONE-CONCY (insieme)Da nù?

PERFIDONE                        Lucio spiega!

LUCIO                                  Care ragazze, voi avete firmato una carta al sommo Perfidone che se foste diventate belle gli eravate riconoscenti per l'eternità

SAN PASQUALE                Questi due esseri immondi non sono lo zio Lucio e il mago Perfidius

CONCEZIONE-CONCY       (insieme)   E chi sono?

SAN PASQUALE                 Sono demoni!

IMMACOLATA-IMMY-CONCEZIONE-CONCY   (insieme)   Eh?

SANTA FILOMENA           Diavoli!  ( le 4 ragazze sono terrorizzate)

SAN PASQUALE                Firmando quella carta avete venduto l'anima al diavolo

IMMACOLATA -IMMY    (insieme)    Ie l'èva dìtte che ce stéva j'inganne!

SANTA FILOMENA          Ora i due signori sono venuti a riscuotere il debito, ma per fortuna siamo arrivati noi

CONCEZIONE-CONCY     (insieme)  E voi chi siete?

SANTA FILOMENA          Io sono Santa Filomena

SAN PASQUALE                E io San Pasquale

PERFIDONE                       Sono i santi che voi avete pregato tanto e che non vi hanno accontentato, invece noi...

SAN PASQUALE                Non gli date retta. Dite che non avevate capito che erano diavoli e il contratto verrà annullato

IMMACOLATA-IMMY   (insieme)   Non avevamo capito, non avevamo capito, annulliamo

CONCEZIONE-CONCY      (insieme)  Ma ritorniamo brutte?

CONCY                                E noi spariremo

IMMY                                   Non sarò più bella? Non sposerò Nicolìne?

LUCIO                                 No, tornerete come prima. Loro spariranno, d'altronde non esistono, voi dimenticherete tutto e rimarrete zitelle

SANTA FILOMENA           Ma guadagnerete il paradiso

IMMACOLATA -IMMY     (insieme) Straccia, straccia il contratto

CONCEZIONE                    Aspetta! Scusa diavolo Perfidone ma se nen straccéme je contratte sareme belle fine a cent'anni?

PERFIDONE                       Oggi mi sento buono, sarete belle fino a dùcent'anni

IMMACOLATA-IMMY        (insieme)No, straccia, straccia

SANTA FILOMENA           Straccia, straccia

SAN PASQUALE                Straccia, straccia

CONCEZIONE-CONCY     (insieme) Zitti! Ie nen je vóje straccià

IMMACOLATA                  Ma che sta a ddì?

CONCEZIONE                   Sténghe a ddì che nen vójie esse più je zimbéjie de tutte je concentraménte. Me so stufa de esse brutta, pégge de na lebbrosa! Vójie esse bella! (si avvicina a Concy)  Vójie èsse Concy, varda cómm'è bella, e pure Immy, varda Immacolà, la più bella mora de Avezzane fino a dùcent'anni. Ie nen stracce gnènte e manche tu. Nu sparime nen esisteme più, mo esistene sóle Immy e Concy (prende Immacolata a forza e la porta via, rimangono Immy e Concy)

CONCY                         Scusete, ma pe mmì la bellezza è la cosa più 'mbortante

IMMY                            Ma ie voleva straccià la carta, a mì nen 'mborta de esse brutta, ie nen vójie fa je patte co je diàvele

CONCY                         Immy, dùcent'anni belle, iame (via)

PERFIDONE               (ai santi) Allora? Ancora state qua?

SAN PASQUALE        (deluso)  No, ce ne andiamo

PERFIDONE               Ciao, ciao

SAN PASQUALE         Jamme Filomè, ancora una volta ha vinto l'apparire su l'essere

SANTA FILOMENA   Caro San Pasquale, sono le debolezze dell'uomo, noi non ci possiamo fare niente (via)

PERFIDONE                Visto Lucio? Il male è imbattibile

LUCIO                          Già

PERFIDONE                Che fa sei triste?

LUCIO                          No è che in quel modo

PERFIDONE                (alterandosi) Uè! Noi siamo diavoli, Demoni! Non siamo angeli, noi siamo cattivi, perfidi. L'uomo è più simile a noi che ai Santi. Lucio ti avverto, se fai qualche fesseria ti caccio dagli inferi, ti faccio diventare un uomo.

E adesso andiamo a comprare qualche altra anima anche se non c'è bisogno, molte anime vengono da sole, andiamo

LUCIO                         Posso rimanere?

PERFIDONE              Che cosa hai in mente?

LUCIO                         Niente. (poi mentendo) Voglio rimanere a godere della mia prima vittoria. Non è da tutti portare all'inferno due fanciulle così timorose di …..

PERFIDONE            Non lo nominare! E va bene, pochi minuti, ti aspetto giù negli inferi (via)

LUCIO                       (a Immy che si era nascosta) Ti ho visto, sai?

IMMY                        (esce)

LUCIO                       Vieni, non aver paura (Immy rimane ferma) Vieni!

IMMY                         Non farmi del male!

LUCIO                        Stai tranquilla

IMMY                         Perchè si rimaste?

LUCIO                       Volevo farti qualche domanda

IMMY                         (timorosa) Dimmi

LUCIO                       Ti ricordi quando mi sono presentato come lo zio Lucio?

IMMY                         Scìne

LUCIO                       Sono stato bravo eh? Pure il dialetto. So je zie Lucie, ténghe na freca de sórdi e ve ji vójie recalà. Ma lo sai che mi piace “je dialétte”? Vójie parlà cuscì. È una delle cose che so scopérte...scopérte dice bbóne?

IMMY                         Scìne

LUCIO                        Scìne, quante me piace “Scìne” e perchè “Nóne” che t'ha fatte? (Immy ride, Lucio seguita) Apperciò, Sténghe, Vójie, Bbòna. Aspè induina chi so (rifacendo il verso a Concy) “Nen vójie esse più je zimbéjie de tutte je concentraménte. Me so stufa de esse brutta, pégge de na lebbrosa! Vójie esse bella!”

Induina, induina 

IMMY                          Concy

LUCIO                        Tè raggione, quiste è ne mùnne dell'apparenze

IMMY                          Ma che domande me vulivi fa?

LUCIO                        Giuste! Te stéva a dìce che quande so fatte finta de esse zie Lucie...quante me piace parlà cuscì, nen sbajie n'accénte....Quande so fatta la sceneggiata so escite fòri pe Avezzane e pe la prima vòta so viste je mùnne

IMMY                          Che significa?

LUCIO                         Ie èva state sóle all'inférne, nen èva mai viste la terra.

IMMY                          Mai?

LUCIO                         Nóne, sembre alle scure

IMMY                          Ma lòche sótte nen ce sta je fóche?

LUCIO                         Ma quasse fóche! C'è l'oscurità, il buio, le nìre che più nire nen esiste. Je fóche è quele che brucia avéntre l'arma dei dannati. Je rimórze, je torménte delle male che òne fatte. Quie è je fóche, e è pégge delle fiamme vere, te l'assicure

IMMY                        Mamma mè!

LUCIO                       Ie so viste la luce, je sòle, la luna, j'arberi, le montagne, i cellitti, le creature. Vù tenete ne tisòre e nen le sapete!

IMMY                         Ma vù  séte eterni!

LUCIO                        E che ce fa co l'eternità se è tutta nera. Ie vóje campà n'anne, ma vójie remirà tutte le bellezze della terra. Pó so sentute na cosa strana, cómme ne rumore, nen te sacce addì cómme se chiama, però ma fatte emozionà

IMMY                         Aspetta, so capite (va al giradischi e mette un disco, Buona sera signorina di Dean Martin) È questa?

LUCIO                        Scìne!

IMMY                         Se chiama musica

LUCIO                        È meravijósa!

IMMY                         Te piace?

LUCIO                        Scìne, tante.Cómme se fa?

IMMY                         Co ji strumenti

LUCIO                        E che so?

IMMY                          So deji oggetti che che producono musica, chitarra, piano, violino, fisarmonica e se canta

LUCIO                        Canta?

IMMY                         Senti sta voce? Questo si chiama cantare

LUCIO                        Cómme i cellìtti?

IMMY                          Su per giù

LUCIO                        Che bello, atre che inférne. Zitta famme sentì. (accenna un canto sottovoce) ie vójie rimanè ècche

IMMY                         Preco, vuoi abballare?

LUCIO                        Eh?

IMMY                         Non sai abballare?

LUCIO                       Nóne, non sono mai abballato

IMMY                        Varda cómme se fa (a 55 secondi dall'inizio della canzone accenna dei passi di ballo lo swing)  Prova

( Lucio segue i passi, poi al ritonello lo prende a ballare a coppia fino dietro le quinte al riapparire non c'è più Immy ma Immacolata )

LUCIO                            Vedo che te si pentita

IMMACOLATA             Scì, ma cómme le si capite?

LUCIO                            (prende uno specchio e gli lo da) Guardati

IMMACOLATA              E mo che succede?

LUCIO                             Je pentiménte entre vintiquattr'ore cancella je contratte

IMMACOLATA             Méjie cuscì  (entra Concy)

CONCY                           Immy, (poi) ma che si fatte?

IMMACOLATA             Me so pentita

CONCY                           Stupida! Ma ce pinzi a quele che si fatte?

IMMACOLATA            Sinti a mmì. Ma tu pinzi che è méjie ne marite a je paradise?

CONCY                           No è che ie....

LUCIO                            (a Concy) Segui l'esempio de sorèta

IMMACOLATA             Dacce retta

CONCY                          (via piangendo)

LUCIO                           Nen te preoccupà, che se commince pur'essa. Beh, fammene ì, mo scì che passe le pene de j'inférne! Jame a rapportà l'ennesimo fallimento! È che ie so tróppe bbóne pe esse ne diavéle (stappa il contratto poi fa per andare)

IMMACOLATA            Lucio..

LUCIO                           Eh?

IMMACOLATA            Grazie

LUCIO                           Bah! (via)

IMMACOLATA            Conceziò, isci da èsse  (entra Concezione)

CONCEZIONE            So ridiventata brutta?

IMMACOLATA           Cómme na scimmia!

CONCEZIONE            E mo?

IMMACOLATA           E mo gnènte, vedrai che si vajùli c'apprezzeranno listésse perchè nù séme belle dentre

(entrano Vincenzine e Nicolìne, hanno ognuno un mazzo di fiori)

VINCÉNZINE              Permésse?

NICOLÌNE                   Potéme entrà?

(Immacolata e Concezione saranno girate)

VINCÉNZINE             Nicolì, ma che hanne fatte?

NICOLÌNE                  Boh! Saranne timide

VINCÉNZINE             Mo ce penze ie (si avvicina di soppiatto a Concezione )

Tesoruccio, girate fa ne béjie surrise a Vincénzine tì ( Concezione si gira) Mamma mè  (scappa dietro il tavolo)

NICOLÌNE                      Oh, ma che si fatte?

VINCÉNZINE                (terrorizzato)  Nicolì, jamecénne

NICOLÌNE                      Ma che sta a ddì, mo che pòzze sta con la mia amata Immacolata (Immacolata  si gira) Ahhhhh.... ajùte.. pompieri, polizzia, guardie a cavallo, astronauti! (anche lui dietro il tavolo)

CONCEZIONE                Si viste? Pégge de la peste bubbonica

IMMACOLATA               Manche fussime contagiose

VINCÉNZINE                 (al fratello) Se nne so ìte?

NICOLÌNE                       (si affaccia ) Nóne, stane angóra ecche

VINCÉNZINE                  Ma che è succésse?

NICOLÌNE                       Ma che ne sacce!

VINCÉNZINE                  Mesà che ce stéme a 'mbazzì

NICOLÌNE                       Na vòta so belle, na vòta so brutte

VINCÉNZINE                 Brutte? Macari!Quesse me parene le gobbe de notre-dame

CONCEZIONE                Escite fòri che nen ve ficéme gnènte

NICOLÌNE                       Sicùre?

CONCEZIONE                Sicùre

VINCÉNZINE                  Nen è che moccichete?

NICOLÌNE                       La séte fatta l'antirabbica?

IMMACOLATA               Oh, insomma, venite fòri!

NICOLÌNE                       Escime Vincenzì

VINCÉNZINE                  Nóne, ie nen me mòve da ècche!

CONCEZIONE                Ma Vincenzine mì, nen me reconusci?

VINCÉNZINE                  Nóne, e manche te vójie riconosce

IMMACOLATA               E tu Nicolìne?

NICOLÌNE                       Pussa via!

CONCEZIONE                Ma che ómmeni séte?

VINCÉNZINE                 Propria perchè séme ómmeni! Co vù nen escivane manche i scimmiótti

IMMACOLATA              Insomma escite!

(Vincénzine e Nicolìne escono lentamente e impauriti)

CONCEZIONE                Bravi, venite ecche

IMMACOLATA               Piane, piane

VINCÉNZINE-NICOLÌNE    (insieme) Nóne

IMMACOLATA                Da bravi

VINCÉNZINE-NICOLÌNE    (insieme) Nóne

IMMACOLATA                 Su, su

VINCÉNZINE-NICOLÌNE    Nen ce ficéte gnènte, pe carità

CONCEZIONE                 Mo me ficéte arrabbià!

NICOLÌNE                        (piangendo) Vóje mamma!

VINCÉNZINE                   Su, su nen piagne che mò vè

NICOLÌNE                      (piangendo più forte, fa i capricci come un bambino) Vóje mamma!Vóje mamma!

VINCÉNZINE                    Zitte, zitte che mò vè! (si abbracciano)

CONCEZIONE                  (alla sorella) Si viste? E nen èva méjie l'inférne!

(entrano Benedìtte e Crocifissa)

BENEDÌTTE                      Ma che è succésse? Chi sta a piagne?

CONCEZIONE                  I ddù latin-lover

CROCIFISSA                     Ma perchè?

BENEDÌTTE                      (guardando le figlie) Crocifì, e l'addimanni pure

CROCIFISSA                      Ma èvene dìtte che èvane belle

BENEDÌTTE                       Ce s'èva appannata la vista!

CROCIFISSA                      (ai ragazzi che sono rimasti abbracciati in un angolo)

Vajù, ma che v'è succésse? Ma nen ve piacene più?

VINCÉNZINE-NICOLÌNE   (insieme)  Voleme mamma! Voleme mamma!

FILÙCCIA                        (entrando come una furia) Che è succésse? Chi sta faciendo lacrimare come i coccotrilli i miei cioielli?

CROCIFISSA                     Filù, ma che ne sacce! Prima se volevane sposà le fijie nostre e mo tutt'insèmmia c'òne ripensate e se so missi a piagne

FILÙCCIA                         Chi sa che ce séte fatte!

CROCIFISSA                    E che ce séme fatte?

FILÙCCIA                         (andando ai figli) Che v'hanne fatte béji de mamma?

VINCENZINE                   So brutte!

FILÙCCIA                         Ma no!

NICOLÌNE                        Scìne, so bruttissime

FILÙCCIA                         Ma che stéte a ….(mentre parla si gira e vede le due)

Mamma mè! Ma che è succésse?

CROCIFISSA                      Gnènte, che è succésse?

FILÙCCIA                          Tène raggione i fiji mì! Che ce séte fatte a se vajòle?

BENEDÌTTE                       Filù, ma che te sta a escì de coccia? Nù nen ce séme fatte gnènte, quesse so sèmbre state cuscì. Magari fussere cagnate!

FILÙCCIA                          Ma ie l'èva viste più belle!

NICOLÌNE                         Pur'ie

VINCÉNZINE                    Pur'ie

FILÙCCIA                          Addó le séte annascondute quel'atre ddù?

BENEDÌTTE                      Ma che sta a ddì?

FILÙCCIA                          Sténghe a dice che le vajòle che èmme viste nen so queste, le séte cagnate

VINCÉNZINE                    Scìne Mà, l'òne cagnate

NICOLÌNE                         C'òne misse la brutta copia!

FILÙCCIA                          Caccete la bella copia!

VINCÉNZINE                    Forza caccete Concy

NICOLÌNE                         Ie vójie Immy

BENEDÌTTE                      (alla moglie) Crocifì, quissi òne avute quacche abbaglie. (a Filuccia) Le vajòle so sembre state quesse

NICOLÌNE                          Nen è le vére, quesse so brutte

CROCIFISSA                     E allora nen le volete più?

FILÙCCIA                          (dandosi contegno) Cari siniori

BENEDÌTTE                      Mo 'ngomènza a riparlà Taliano

FILÙCCIA                          Sino! Riparlo con la lincua che mi ha più congeniale, perchè noi siamo di San Nicola e non de Je Concentraménte.

BENEDÌTTE                       Frechéte, frechéte

FILÙCCIA                           Noi siamo offenduti. Ci ha venuto il patè d'animo.Voi ci aveta presa pe i fornelli. Non sono cueste le damigianelle che io e i miei cioielli....

BENEDÌTTE                       Quali?

FILÙCCIA                           (indica i figli) Cuesti

CROCIFISSA                      Più che cioielli me parene ddù ciondoli!

FILÙCCIA                          Méjie ciondoli che cozze! Si perchè le vostre filie sono due cozze ropérte co tante de scorza de limone annessa, e anche se aveta la redità più grossa assai e financo eccessiva, io non pozzo sacrificare i miei fili come si sacrificavano i fiji delle pecore al Signore Dio

NICOLÌNE                         A mmì nen me piacene le cozze

VINCÉNZINE              A mmì manche i fiji delle pecore. Jamecénne mà, scappéme

FILÙCCIA                         Sicuramente che antiamo via da cuesto luoco di errori

BENEDÌTTE                     Che fa?

FILÙCCIA                         Ce ne jame! 

VINCÉNZINE                   (frignando) Mà, ie me so misse paura

NICOLÌNE                         (frignando) Pure ie, tanta tanta

FILÙCCIA                         Su, su nen piagnete che mamma ve fa il lattuccio (via)

CROCIFISSA                   (alle figlie) Bambine mie  (Immacolata e Concezione via piangendo)  ( al marito ) Ecco qua stéme punte a cape, stème cómme prima

BENEDÌTTE                     No Crocifì, stéme pégge de prima

CROCIFISSA                    Benedì, è ne póche de témbe che te vede strane. Fai strane allusioni su de mì e sulle fijie nostre

BENEDÌTTE                     Nostre?

CROCIFISSA                    Benedì, fatte capì, che vó dì?

BENEDÌTTE                     Sacce tutte

CROCIFISSA                    Ma brave, si preparate! Mo po ì a fa j'esami de quinta alimentare

BENEDÌTTE                     Nen pazzìà

CROCIFISSA                    No, tu nen pazzià! Ma che vò dì? Angóra co la storia de Astrubbale?

BENEDÌTTE                     Ve so sentute quande tè venute a troàtte

CROCIFISSA                    Beh, arméne la sentuta è bbòna

BENEDÌTTE                     Scìne è bbòna. Cómme t'ha dìtte:

“Angóra me ricorde quelle dù notti de luna piena, addò me si recalate i mumenti più belli della vita me.Ddù notti,che nen dimenticherò mai” e tu " A distanza di un anno l'una dall'altra”

CROCIFISSA                 E tu si penzate, n'anne Concezione e j'anne apprésse Immacolata

BENEDÌTTE                 I conti tornane

(entra Astrubbale, ha un libro in mano)

ASTRUBBALE              Permésse?

BENEDÌTTE                  Lupus in sciabola!

ASTRUBBALE              Benedì, cómme sta? È tante che nen ce vedeme

BENEDÌTTE                  Vatténne nen t'avvicinà

ASTRUBBALE              Ma che si fatte?

CROCIFISSA                 Astrù, mariteme ha scoperte tutte

ASTRUBBALE              Tutte?

CROCIFISSA                 Scìne, pure le ddù notti de luna piena

BENEDÌTTE                  A distanza de un anno

CROCIFISSA                 Priciso

ASTRUBBALE              Crocifì, ma perché nen ce si dìtte gnènte

CROCIFISSA                 Perchè me ne vergogneva

BENEDÌTTE                   E voleva vedè!

ASTRUBBALE               Si sbajiate, ce le duvivi dì. Tè raggione a sta 'ngazzate

BENEDÌTTE                   Astrù, guarda che se me le diceva m'engazzeva lìstésse

ASTRUBBALE               Ma perchè?

BENEDÌTTE                   E me l'addimmanni pure?

ASTRUBBALE               Ma è na cosa cuscì bella

BENEDÌTTE                   Astrù nen esaggerà, che pòzze pijià pure ne cortéjie

ASTRUBBALE               Ma nen esagero. Anzi so fatte in mode che tutte je mùnne sapesse della cosa

BENEDÌTTE                   Tutte je mùnne?

ASTRUBBALE               Ma scìne le so ditte e je mùnne intere, perchè tutti atanne sapè, e mo le sanne tutti

BENEDÌTTE                    Tutti, tutti?

ASTRUBBALE                Tutti

BENEDÌTTE                    Allora so ne cornute internazionale!

ASTRUBBALE                Cornute?

CROCIFISSA                   Aspetta Astrù, quisse nen ha capite gnènte, spiegace le due notti favolose

ASTRUBBALE                Ma allora c'è un equivoco

BENEDÌTTE                    Sinti cornute va bbóne, ma equivoco ce si tu e tutta la ràzza te

CROCIFISSA                   Carmate Benedì, che chiarime tutte

BENEDÌTTE                    Forza! Sentime se chiariménte

CROCiFISSA                   Le due notti so state du notti che tu stivi alla cantina de Peppone e Astrubbale sapendo della mia passione m'è venute a troà

ASTRUBBALE                (sospirando)  Una grande passione (a Benedìtte)  Tu nen po capì

BENEDÌTTE             ( prende Astrubbale per il bavero della  giacca)   Mo t'accìde!

CROCIFISSA            (fermando il marito ) Mo statte zitte e stamme a sentì. La passione che teneve ie e che tu nen si mai accettate èva la poesia, e siccome Astrubbale scrive poesie ie ce dicétte se ce ne poteva dì qualcuna delle mé. Ha venute ècche a casa ddù vòte a distanza de n'anne e ce so dìtte ddù poesie, una è quela che te so raccondata.

BENEDÌTTE                   E l'atra?

CROCIFISSA                 Astrù, faccela legge

ASTRUBBALE              Sa legge?

BENEDÌTTE                  Oh, nen offende, ie so cornute.... ma sacce legge

ASTRUBBALE              Ecche qua, è questa (gli da il libro aperto)

VIOLINO TRISTE E PIANO ( Secret Garden da 9 sec)

BENEDÌTTE                   (legge) A Benedetto, mio marito. Saria ie?

CROCIFISSA                   E chi allora?

BENEDÌTTE                    Nen è Astrubbale?

CROCIFISSA                   Angóra?

BENEDÌTTE                   (riprende a leggere)

Amore mio

quando ho sperato di averti vicino

accanto a me

Il tuo sorriso accende in me

un amore grande

io amo solo te

Tu sei tutta la mia vita

ma non ho il coraggio

di dirti queste parole

parole che vengono da in fondo l'anima

Non dubitare mai di me

non dubitare del mio amore

perché ne soffrirei

Solo per te queste mie parole

grande amore Benedetto

(si abbracciano commossi)

CROCIFISSA                Stupidó

ASTRUBBALE             Bella eh?

BENEDÌTTE     (fa cenno di si con la testa non riuscendo a parlare per l'emozione)

ASTUBBALE               Ie le so fatte pubblicà a ste libbre che so scritte ie (mostra il libro) e le due poesie òne avute succésse pe tutte je mùnne, e ie so venute a portà parte de je guadambie, ècche qua (caccia un assegno) Pe je mumente quiste è n'assegne de ne milione pó arrivene j'atri

BENEDÌTTE                Ma allora tu e mójièma...

ASTRUBBALE            (si avvicina a Benedìtte, con movenze da gay)  Benedì, ma le sa che si propria béjie

BENEDÌTTE                 Ma che sta a ddì?

ASTRUBBALE             Sténghe a dice che se ce sta chi se dovesse preoccupà delle corna co mì, saria Crocifissa e no tu

BENEDÌTTE                 Nen capisce

ASTRUBBALE             Benedì, a mmì me piacene j'ómmeni, me piaci tu (gay)

BENEDÌTTE                 Ma tu?

ASTRUBBALE             Scìne, ie. Beh, mo me ne vaje, ce vedeme quande arrivane j'atri sórdi

BENEDÌTTE                 Scìne, scìne, t'aspétte

ASTRUBBALE             Peddavére?

BENEDÌTTE                 Pe i sórdi

ASTRUBBALE             Peccate  (via)

BENEDÌTTE                 Ie l'èva capite che èva effimminate

CROCIFISSA                Ma che ìri capite, stupidó. Mo si cuntente?

BENEDÌTTE                 Scìne, me dispiace sóle pe quelle ddù vajòle

CROCIFISSA                Le nostre bambine

BENEDÌTTE                 Cérte Crocifì, le poesie te rescène bbòne, ma le figlie...lasséme pèrde

CROCIFISSA                Assómijiane a ttì....perchè so le té!

BENEDÌTTE                 Eh, già, mo nen ténghe manche più la scusa che so de Astrubbale

CROCIFISSA                Cómme potéme fa?

BENEDÌTTE                 Aspè, me venuta n'idea grandiosa! Chiama le vajòle

CROCIFISSA               (chiamando) Bambine! (poi al marito) Ma che t'è venute 'ncape? Mo nen refà danni

BENEDÌTTE                 No, no. È n'idea mondiale da Premio Nobel

(entrano Imacolata e Concezione, ancora tristi)

IMMACOLATA            Che c'è?

CONCEZIONE             Lassétece sta

CROCIFISSA                Zitte che papà ha avute na grande idea pe favve marità

IMMACOLATA-CONCEZIONE  (insieme) Peddavére?

BENEDÌTTE                Scìne a papà , assettetéve e pijiéte je rosarie (mentre eseguono va  a prendere i quadri di Santa Filomena e San Pasquale, poi tutti seduti) Forza mò tutt'insèmmia: ( invita il pubblico a pregare insieme a loro)

BENEDÌTTE-CROCIFISSA-IMMACOLATA-CONCEZIONE

Noi vi preghiamo, o Santa Filomena
voi dateci uno sposo o brutto o bello
povero o ricco, saggio e pazzerello.
Pazienza poi se è gobbo oppur sciancato
o zoppo o guercio o tutto sconocchiato.
Il tempo passa e noi siam pronte a tutto:
perciò accogliete voi questa preghiera

prima che il sol tramonti e venga sera.

(musica Buonasera signorina)

                                                         SIPARIO

                                                   

  

        

                       

 





            

 








    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 39 volte nell' arco di un'anno