L’equivoco

Stampa questo copione

L’EQUIVOCO


Commedia Brillante in Due Parti

di MASSIMO ISIDORI

Posizione S.I.A.E. n° 183827

E-mail: massimoisidori@alice.it

Cell.: 3398368787


Personaggi:

TORQUATO                  il padrone di casa, di circa sessant’anni, commerciante di cavalli, uomo austero

FILOMENA                   serva tuttofare un po’ attempata, vedova

GEMMA                              figlia di Torquato,non più giovanissima e un po’ timida

NARCISO                          garzone di stalla di circa cinquant’anni, vestito da lavoro

BENIAMINO               giovane sui venticinque anni timido e impacciato, vestito in maniera goffa

RIGHETTO                    garzone di bottega di Torquato, sulla cinquantina vestito da lavoro

UGGENIA moglie di Righetto, nonché amica diFilomena

GIOACCHINO         pensionato, amico di Torquato e all’occorrenza aiutante

Scena:

La scena si svolge in un salotto arredato in maniera semplice e con poco stile. A sinistra, in primo piano, un tavolo con tre sedie, e sullo sfondo la porta che da nelle altre stanze. A destra un mobile vetrina e, sulla stessa parete, verso il fondo, la porta del disimpegno che fa da ingresso e va verso la cucina. Tra la porta e il mobile vetrina si trova una sedia appoggiata alla parete. Sul fondo, una finestra, vicino alla quale c'è un'altra sedia. Al centro, in primo piano, un divano e apposito tavolinetto, sopra di esso un posacenere. Qualche quadro alle pareti.

2


PRIMA PARTE

All'aprirsi  del  sipario,   in  scena  c’è  Filomena  che  sta  facendo  le  pulizie.

Suonano alla porta.

SCENA PRIMA

(Filomena e Uggenia)

FILOMENA: Eccome, arrivo!…(va ad aprire)oh! Si tu?… veniavanti!…

UGGENIA: Bongiorno Filome’!… aggià stai all’opera?… beata te chec’hai tanta voja de prima matina!…

FILOMENA: La voja tocca fassela veni’!, fija mia!… sinnò ‘l padronechi lo vole senti’!…speciarmente ‘sto periodo che quella cavalla nun je da pace!… ce dorme poco anchi la notte!…

UGGENIA: ma quale?… quella bella bestia che ha jamato col nome dela fija?…

FILOMENA: si, proprio quella!..la vole venne perché non ce commattepiù!…ma pare che non ji la vole nisuno!…

UGGENIA: Me pare strano!… eppure è famoso, commecommerciante!… l’affari l’ha sempre saputi fa bene!…

FILOMENA: eh!, ma!… stavorda nun è tanto facile!… oramai lo sannotutti, qui pe torno, che c’ha quarche difetto!… e, cusì, niciuno la vole!… hai visto si quante fotografie ha attaccato ju la bottega?…. e tanto nun ce giova!…(cambiando discorso) che volei quarche cosa ugge’?

UGGENIA: No!… gnente!.. so’ passata a trovatte prima de anna’ a faqualche faccenna!… nun te voleo gnente!… (suonano alla porta)

FILOMENA: E mo chi è?!…(va ad aprire, sempre con la scopa inmano. Entra Gioacchino))

SCENA SECONDA

(Gioacchino e Dette)

GIOACCHINO: (entrando)Bongiorno Filome’!…(vedendo la scopa)speramo che non sia per me… quella!… (vede Uggenia) oh!… Ugge’!… bongiorno!…

UGGENIA: Bongiorno!…

FILOMENA: C’hai sempre voja de scherza’!… Gioacchi’?…

GIOACCHINO: no, è che quanno te vedo, me passa tutta lamalincunia!… è come se vedessi ‘l sole!… sempre indaffarata!… una gran lavoratrice!… una femmina de casa de quelle vere!… vero, ugge’?…

3


UGGENIA: è vero!… è vero!… secondo me se dovrebbe risposa’!… èsprecata pe sta da sola!… faressivo ‘na bella coppia, lo sapete?!…

FILOMENA: facetela finita!… sinnò la scopa l’addopro vero!… ma sula schina vostra!… (i due ridono) io un marito l’ho preso!.. si ‘l padreterno ha deciso de portammelo via!.. se vede che dovea anna’ cusì!… oramai basta!.. nu ne vojo sape’ più gnente!…

GIOACCHINO: Anchi a me me l’ha portata via, lamoje!… è passatotanto tempo!… nun te nasconno che se trovassi ‘na femminetta comme te… me risposerebbe subbito, senza pensacce tanto!…

UGGENIA: lo senti?!… lo senti?!…

FILOMENA: C’arfacete cavallo?…(a Gioacchino)ma stamatina sivenuto pe’ fa ‘l cascamorto o volevi quarche cosa?!… che voli parla’ co ‘l sor Torquato?…

GIOACCHINO: Ah! Già!… basta che te vedo e me scordo tutto!… cheha fatto Torquato che la bottega sta ancora chiusa, stamatina?… che se sente male?!…

FILOMENA: no, no!.. sta mejo de me!… sta dentro l’ufficio a sistema’certe carte!… anzi, nun me l’ha fatto manco puli’!… figurate ‘n po’!… (ripensandoci) veramente la bottega, stamatina, la dovea apri’ Righetto!… (guarda Uggenia) ma tu marito che fine ha fatto?…nun me di’ che ancora sta adurmi’!…

UGGENIA: (sorpresa)ma che durmi’!… è scappato de casa primadelsolito stamatina!… e do’ è annato?!… (sostenuta) sarà riannato a beve come al solito!…(arrabbiata) se lo trovo ‘mbriaco, pijo su ‘n tortoro e ji lo scoccio su la capoccia!… quant’è vero Dio!…

GIOACCHINO: comunque i discorsi stanno a zero! La bottega stachiusa!… se se n’accorge Torquato scoppia ‘l finimonno!… nun vorrebbe sta al posto de Righetto!.. quello è capace pure de cacciallo via!… mica no!…

UGGENIA: (si mette le mani in testa)poretta me, me ce mancherebbesolo questo!…

GIOACCHINO: Filome’, damme le chiavi prima che se n’accorge, cevado io a aprilla!… sbrigate!…

FILOMENA: (prende le chiavi da un cassetto e le porge a Gioacchino)eccole!… corri, prima che se n’accorge!…

UGGENIA: Grazie tante sa Gioacchi’!…

GIOACCHINO: (mentre esce)Ciao!.. voi non m’ete visto!..(sulla portasi ferma, guarda Filomena e inchinandosi) ciao raggio di sole!… (esce)

SCENA TERZA

(Dette)

FILOMENA: (sorridendo)Quant’è scemo!…

UGGENIA: Beh!, però!… è galante!.. se vede che è ‘nnamorato sulserio!…lo sai che te dico Filome’?… io un pensierino ce lo farebbe, si stessi al posto tuo!… sete vedovi tutte due!… esso c’ha pure una discreta pensione!…


4


FILOMENA: (interrompendola)ma finiscila!… chissà che annamogiranno!… semo du vecchi rimbambiti!… tra ‘n po’ ce porteranno a li bonvecchi!… altro che amore!…

UGGENIA: vecchi o non vecchi quanno uno se ‘nnamora se‘nnamora!…

FILOMENA: zitta, zitta famme ‘l piacere!..(ricomincia a pulire, poi ciripensa) e poi io qui c’ho ‘na promessa da mantene’!…

UGGENIA: (incuriosita)Una promessa?!… sarebbe a di’?…

FILOMENA: Ho promesso a la pora padrona!.. la moje del sorTorquato!… che sarebbe stata vicino a la fija e ji avrebbe aiutato a trova’ marito!… perché quell’orso del padre nun sarebbe stato bono!… e cecame!… finchè nu ji la faccio nun me posso permette manco de muri’!… pensa tu se posso pensa’ a ‘nnamoramme!…

UGGENIA: te si arcapezzata una rogna de gnente!.. quell’orso delpadrone tuo quella pora fija la tene peggio de ‘na monaca de clausura!… Filome’, qui se nun te sbrighi c’è rischio che la bardascia se stagiona pure!…

FILOMENA: Hai ragione!… Gemma ha zompato trent’anni e a senti’ ‘lpadre è ancora troppo presto!… con quel modo che c’ha i giovanotti li scaccia invece d’avvicinajeli!…

UGGENIA: Ah!… a proposito de giovanotti!… ce n’era uno che giravaqui pe torno da un po’ de tempo!… però è qualche giorno che nu lo vedo!… ma che ja scacciato pure quello?…

FILOMENA: no, de quello ancora nun se n’è accorto!… speramo chesia la vorda bona!…

UGGENIA: A vedello nun me pare tanto svejo, però!…

FILOMENA: pure essa nun me pare una corbe!… diventa rossa solo serespira!…

UGGENIA: un po nu la fa scappa’ mae!…(alzandosi)Beh!… tantiauguri Filome’!… mo, però, vado via!… tu c’hai da sfacchina’!.. e io pure che cosa me toccherà fa!.. (si avvia verso la porta, poi si ritorna) tenime informata su li sviluppi, eh!… me raccomanno!… (si sente un grido e dei lamenti provenienti da fuori)

SCENA QUARTA

(Narciso e Dette)

NARCISO:(da fuori)Ahi, ahi!.. che te pija ‘n corbo bruttabestiaccia!…Filome’ curri!… Filome’!… (Filomena e Uggenia corrono verso la porta, mentre stanno per aprire entra di corsa Narciso con una mano fasciata con un panno sporco di sangue) che te pija ‘n corbo!… che te pija ‘n corbo!…

FILOMENA:Che è successo?!… che hai fatto?!…

NARCISO: (continuando a girare per la stanza, tenendosi la mano conl’altra) La cavalla!…. m’ha mozzicato la cavalla!… che pozzi murìabbruciata!…

UGGENIA: Uuhh!.. poretti noi!… ma tu dimme!…


5


FILOMENA: smettila de anna’ zompanno e mettite a sede’ che te lamedico!… (a Uggenia) pijame l’arcole e la bammace, stanno dentro la credenza!… (si siedono al tavolo) fa vede’ si mori o no!… (Uggenia le porta l’occorrente e Filomena comincia a medicare la ferita)

UGGENIA: Narci’, fai certi versi che pare che te stanno ascortica’!…(Filomena finisce la medicazione e comincia a fare la fasciatura)

NARCISO: Piano, piano! Filome’, fa piano Nu la stregne tanto 'stafascetta, che me dole! Porca miseria! Ma che si pacia?

FILOMENA: Oh e statte zitto!… sinnò smetto eh!… per la miseriaquanto si fregnone!… e che si ‘n potto?!…

NARCISO: Pare che stai a scortica’ ‘n cunijo!.. mettice po’ po’ degrazia!.. un po’ de sentimento!… Dijelo pure te!.. Ugge’!…

UGGENIA: sta a fa tante storie pe ‘no strangichetto!…

FILOMENA: sta fermo che è peggio!…e pu’! senti eh!.. io ce n’hopoche spicce e gnente da spiccia!… eh!…

NARCISO: e te vedo!…

FILOMENA: Se nun te sta bene, fatte medica da quarcun’andro!…ma tusenti!… invece de ringraziamme!… le fasciature, sor capiscione, tocca falle strette! Hanno da acconsentì bene sopra le strangicature, sinnò è come si nun ce le mettessi pe' gnente!… hai capito o nun hai capito?!…

NARCISO: Si, ma, c'è modo e modo! 'mpo’ de delicatezza!

UGGENIA: (sorridendo)Visto che ‘l pericolo è passato e che Narcisope’ stavorda nun more, io vado via che m’è s’è fatto tardi!… c’arvedemo Filome’!… ciao Narci’!..(esce)

NARCISO e FILOMENA: Ce vedemo Ugge’!…

SCENA QUINTA

(Filomena e Narciso)

FILOMENA: (riprendendo la medicazione)Su, su, damme 'sta mano enun chiacchierassi tanto! Io c'ho da fa di là, su....mica posso stà a perde

tempo co' te, e co' ’sta manina delicata. Figurate, senti chi parla de delicatezza! Adopra 'l forcone tutto 'l giorno!...Su, forza, teni!...oh, dico a te!…

NARCISO: Oh, che c'è?…

FILOMENA: Metti 'l deto sopra 'l nodo! (Lega la fascetta...e il dito)

NARCISO: Oh, arlasciame 'sto deto! arlasciamelo?!

FILOMENA: Lo potevi levà prima!… 'spetta che mo ce fo’ colà soprel'arcole, sennò te ce po’ veni’ l’infezione!… Giù, giù...'nzuppamolo bene!…

NARCISO: Ajo, Filome'! Pizzica, che te cechi comme pizzica!

FILOMENA: E se capisce che pizzica!.. Lascialo pizzicà! Madonnaquanto si piagnone!… Oh, l'omini, è vero sà, nun sopportano manco 'n doloretto! Per carità che fifoni! Anche 'l poro marito mio era accusi. E pu dicono ch'è 'l "sesso forte"! Quanto me fanno ride!...Ecco fatto, 'n'artra volta stacce più attento, sor cojone!


6


NARCISO: Che te pija 'ngorbo da la cavalla! Ce mancava chestamatina me desse 'sto mozzico! Addannala quant'è 'nguastita!

FILOMENA: (con ironia)Va a finì che 'n giorno o l'andro, co' 'nabocconata te porta via 'na mano!

NARCISO: E tu scherzace! Quella è 'na bestiaccia feroce sà! L'androieri m'ha tirato du cargi, che si me chiappa me manna al camposanto! Ma ch'è vero vero! E che io posso rischià la vita cussì?! Ma io me ne frego de la cavalla e der padrone! Ah giusto...Filome', ma 'l padrone do' stà che nun l'ajo visto pe' gnente?

FILOMENA: Ssst! Nun te facessi sentì che stà là drento l'ufficio a fàli conti!

NARCISO: Si, si ma mo', quanno lo vedo ce penso io...je dico che nunne vojo sapè più gnente de quella bestiaccia! Che se sbrigasse a vennela!… sinnò la rigalasse a chi je pare!…io drendo la stalla nun ce la vojo più!

FILOMENA: E noh! E quanno l'hai detto tu! Esso t'ascordaparecchio,si! Quanto si buffo, fijo mio!…

NARCISO: (alzandosi in piedi)So’ buffo?!… Oh, io c'ho andri diciottocavalli da governà, sà... mica posso sta' sempre appresso da essa!

FILOMENA: E certo che quella cavalla dà da fa' parecchio eh!...Macome mai è cusì?.. è Narci’?…

NARCISO: E che t'ho da dì’?...ce sarà nata!… E' come coicristiani;...c'è chi nasce bono, calmo, giudizioso...e chi nasce tristo! Sarà cusì!

FILOMENA: E già!… E pensà che a vedella è tanto bella, dritta,piena de vigore!…

NARCISO: E guastala si è bella!… Ma oh...ormai qua per di qui s'èsparsa la voce che c'ha tutti sti difetti niscosti e allora nu gnela vole nissuno! E chi è quel matto che jela pija!

FILOMENA: Eppure ‘l sor Torquato so' trentanni che fa 'lcommerciante de cavalli....Figurate, ha vennuto certi cangheri che 'n se

reggevano su dritti...me pare 'n caso che nu je riesce de da via la Gemma!...La Gemma!...Anche questa te pare 'na cosa fatta bene? Ma te pare, da 'na cavalla, de metteje nome Gemma, 'l nome de la fija sua?

NARCISO: E bè,  che ce voli fa...'l padrone è  fatto  cusì! Dai  cavalli je

mette 'l nome dei cristiani: Pippino...Vittorio...Gisuè...

FILOMENA: E noh, e noh, che bel sistema!

NARCISO: Quanno nascette,...no, quanno, ...comme se dice,....

FILOMENA: Quanno nasciè!

NARCISO: Quanno nasciè, ecco! Quanno nasciè sta puledra bianca 'lpadrone, tutto contento, me fece: "Narci’, guarda quant'è bella! Pe' fa 'n omaggio da la fija mia, je metto nome Gemma!" E cusì la battezzò!

FILOMENA: E si! Bell'omaggio! Scommetto che si era viva la poramoje, poretta, 'sto nome da la cavalla nu je lo metttea de sicuro! Te lo dico io!

NARCISO Oh! Ma, a la fine, da noiandri che ce frega?!

FILOMENA: Eh già! gnente! Ma se fa cusì pe' chiacchiera’!

NARCISO: Bèé, annamo a fa quarche cosa, vah! Ma certo che co' 'sta

mano posso fa poco!


7


FILOMENA: Farai quello che poi fa!

NARCISO: Ah ce credo! E mica me la pijo! Tanto quann'è notte è 'nagiornata! Mo sai che faccio? Pe' abbeverà i cavalli me faccio aiutà da Righetto. Oh, grazie eh Filomè! Dio te paghi!

FILOMENA: Degnente!… pe’ cusì poco!(esce verso le camere)

NARCISO: (avviandosi)Righettooo...Righettooo...Che, si sordo?!(aprela porta e si trova Righetto che entra con un fiasco di vino in mano)

SCENA SESTA

(Righetto e Narciso)

RIGHETTO: (leggermente alticcio)Chi è che me disturba, quanno sto afa ‘n lavoro de concetto?!…(vedendo Narciso)ah!… si tu che me stai a chiama’?…m’hai fatto lascia’ via de prescia!… momenti me va de fori!…

NARCISO: (ridendo)so’ sicuro che nun te se n’è sprecata manco ‘nagoccia!… l’hai acchiappate a volo co’ la bocca quelle che annavano fori dal fiasco!…

RIGHETTO: che voi di’ che so’ ‘mbriaco?… che frego ‘l vino dalpadrone?…io sto a lavora’ pe’ esso, sa!…

NARCISO: No ,no!… nun t’arrabbia’!… faceo cusì pe’ parla’!…

RIGHETTO: Ambe’! credeo!…(vede la mano fasciata di Narciso)ch’hai fatto su quella mano che la porti fasciata?…

NARCISO: me c’ha mozzicato quella disgraziata de la cavalla!.. pozzimuri’ abbruciata!…

RIGHETTO: Ma chi Gemma?…

NARCISO: proprio essa, si!… è avvelenata!…nun ce se commatte!…

RIGHETTO: Che è vivace è vero!.. ma mo, nun esagerassi!.. E’ che nunc’hai pazienza!..

NARCISO: Ma che me stai a di!.. troppa ce n’ho avuta de pazienza!.. Co’quell’andri cavalli nun succede gnente!.. dunque, comme fai a dimme che nun ce so commatte!..

RIGHETTO: No, io voleo di, che tu nun ce sai commatte perché nun sisposato!… la cavalla è comme la moje, tocca domalla piano piano!…devi fa comme ho fatto io co’ Uggenia!…m’ho te aiuto io!…

NARCISO: E’ per questo che t’ho chiamato!.. co’ ‘sta mano nun pozzofa!… doppo te vengo a aiuta’ a ‘nfiasca’ ‘l vino!…

RIGHETTO: no, no,‘l vino è mejo che lo ‘nfiasco da solo!… te co’ ‘namano sola po’ esse che me lo butti fori!… doppo ‘l padrone chi lo sente?!… (ridendo si avviano all’uscita. Sulla porta incrociano Uggenia che sta entrando)

SCENA SETTIMA

(Uggenia e Detti)


8


UGGENIA: (al marito che porta ancora il fiasco in mano)Lo sapeo cheeri riannato a beve!.. sto ‘mbriacone che nun si andro!… che te pija ‘ncorbo monno!… proprio ‘n marito comme te me doveo trova’?… manco la bottega c’hai aperto stamatina pe sbrigatte anna’ a beve!…che si lo scopre Torquato te licenzia pure!… doppo bevi le coliche vedrai!… manco magni!…

RIGHETTO: ma de ‘nfiasca ‘l vino, a me me l’ha detto esso!… io se‘nfiasco ‘l vino nun pozzo apri’ la bottega!…credeo che l’aprisse esso!…

UGGENIA: de sicuro eri‘mbriaco, e comme al solito hai capito male!…pe’ fortuna che c’è annato Gioacchino a apri’ la bottega!… quello si che è ‘n’omo coscienzioso!…cammina, cammina, prima che te scopre ‘l padrone!…

RIGHETTO: vado, vado!.. ma prima devo aiuta’ da Narciso, che quellamano nun la po’ sforza’!…

UGGENIA: vedi quello che poi fa!… e nun arveni’ a casa ‘mbriaco,eh!… (Uggenia esce)

NARCISO: (che durante il dialogo dei due ha riso divertito)comm’è chedevo fa Righe’?… comme hai fatto te co’ la moje tua?… me sa che allora la cavalla nu la domo de sicuro!… è mejo che ‘l padrone se sbrighi a vennela!… tu che dici!…

RIGHETTO: annamo va! Che è mejo!…(escono ridendo. La scenarimane vuota per qualche istante, poi entra Gemma)

SCENA OTTAVA

(Gemma e Filomena)

GEMMA: (entra, dalle camere, con in mano un cestino dove tienel’uncinetto) Filomena!... Filomena!...Ma dove ti sei cacciata? Filomena!...

FILOMENA:           (entra  anche  lei  dalle  camere)    Eccome.....Che  c'è

signorina Gemma, me volevi?

GEMMA: Filomena mia!....Non si è visto nemmeno oggi!

FILOMENA: Chi, quel giovanotto? Eh bè, nun te la pijassi, se faràrivedè, possibile!

GEMMA: Ma che, ma che, sono tre giorni che non viene sotto le miefinestre! Tre giorni! Chissà come mai?!

FILOMENA: E c'avrà qualche ragione, poro potto! so du mesi che venetutti i giorni a fa' la cecarola qui sotto! Ma tu nu l'hai incoraggiato pe' gnente! Mai ‘n’occhiatina!… mai ‘n sorrisetto!…

GEMMA: Ma come faccio!… Come faccio ad incoraggiarlo!? Se siaccorgesse mio padre sarebbe il finimondo!

FILOMENA: Ma lascialo chiacchiera!.. ma insomma, se po’ sape’ chevole quell’omo?… tu devi pensa’ a trova’ marito!… a trova’ un omo che te vole bene e basta!.. altro che le chiacchiere!…

GEMMA: Si, ma lo sai com' è fatto mio padre, noh?!…

FILOMENA: E lo so, lo so!… ahi voja si ce lo so!…


9


GEMMA: E' geloso, non vuole che parli con nessuno, non vuole che escadi casa, mi considera ancora una bambina....Guai se si parla di fidanzamento! Oh, povera me, quanto sono infelice! (piange)

FILOMENA: Su, su, nun te la pijassi! Si tanto caruccia! Eeeh, ce nefossero!…

GEMMA: E' una vita insopportabile la mia! Non ne posso più!(piange dinuovo)

FILOMENA: E certo, pora fija! Mammanco se fosse 'na sora declausura! Eh! se ci stavo io al posto tuo, 'l sor Torquato s'arrangiava! Avea voja esso a strilla’! ...E che se fa cussì co 'na bardascia che ha passato trent’anni!? Mammanco ai tempi del poro nonno!

GEMMA: Ogni giorno che passa io perdo la speranza! Quel ragazzosembrava tanto innamorato di me...E invece..(Piange)

FILOMENA: Su, smettila de fa le tragedie, che nun c'è motivo!… Esu! (Al pubblico) Aveo promesso de sta zitta, ma, visto che questa se la pija tanto, me tocchera’ parlà! (A Gemma) Via! Via! Su!.. smettila de piagne!.. stamme a senti’, che te devo di’ ‘na cosa!…

GEMMA: Che mi devi dire, Filomena?

FILOMENA: L'andro ieri, quanno so annata sul paese, vedo stobardascio vicino al cancello. Allora me so detta: mo, ce vado a parla’!.. voio sape’ che intenzioni c’ha!… voio sape’ come la pensa!…

GEMMA: E' vero? Sei andata là?

FILOMENA: E certo! C'ho parlato pure parecchio!

GEMMA: E che cosa gli hai detto?

FILOMENA: J'ho detto: senti ‘n po’ giovanotto!.me sa che tu stai a fa laronda da la signorina Gemma! E' vero o nun è vero?....."E beh!" Fa quello,

tutto   rosso su la faccia....."E com ha fatto a accorgese?"....E 'n gorbo! Je fo

io....So du mesi che stete di qui a fa ‘l palo!

GEMMA: Iiiih! Che coraggio Filomena mia! E lui?

FILOMENA: E esso!.... tutto timido, timido!.. me fa: "E bè, si!  Me piace

tanto Gemma! Sento già che ji vojo bene!" GEMMA: E' vero? Ha detto proprio così? FILOMENA: Proprio cusì!.. te lo giuro!… GEMMA: Continua, continua!....

FILOMENA:  Ah,  adesso  nun  piagni  più,eh!…  Dunque,  allora  io  ji

faccio: prima de tutto come te chiami? E esso: "Sebastiani Beniamino"

GEMMA: Si chiama Beniamino? E' un bel nome!… sembra un nomenobile!…

FILOMENA: Zitta, zitta, stamme a senti’, che mo’ vene ‘l bello!…Alloraji dico: Beniamino!.., veni con me in paese, cusì chiaccheramo. E cusì, strada facenno, emo parlato de tante cose.

GEMMA: Iih, Filomena mia! Se lo sapesse mio padre ti caccerebbesubito!

FILOMENA: E che m'emporta!        Io lo    faccio per te!....e per quella

bon’anima della mamma tua!…( al pubblico) anche perché ji l’ho promesso!… (a Gemma) si me caccia via, andrò a servizio da n'andra parte!… a le brutte,


10


andrò a fa la serva da Beniamino, che ‘l padre dice che c'ha 'na barca de quatrini!

GEMMA: E che fa suo padre?

FILOMENA: C'ha 'n grosso allevamento de maiali...Commercia ‘l vino,‘l grano, ll'olio! C’ha diversi poderi da le parti de Dunarobba!… E' più ricco de tu’ padre!… E pu se conoscono, E’ 'n amico del sor Torquato!…. So’ annati a

scola assieme!… Oh, però...sssst! Mosca eh! Io non t'ho detto gnente! L'ho promesso a Beniamino. Dice che uno de sti giorni verrà di qui col padre, perchè vole parlà col sor Torquato.

GEMMA: E per quale motivo?

FILOMENA: Pe' chiede la mano tua, noh?!… perché sennò?!…

GEMMA: Ti ha detto così?!

FILOMENA: Si, e pu ha detto che si tu si contenta, te sposa prima deNatale. Oh, c’ha ‘ntenzioni serie quel bardascio!, te lo dice Filomena tua!

GEMMA: Dovrebbe essere un bravo ragazzo. E poi io lo trovo ancheinteressante, lo sai?… Mi piace!… Gli dirò senz'altro di si!

FILOMENA: E' ma io lo sapeo, sà!…(al pubblico)stacce pure apensa’!… e quanno t’arcapita?!…

GEMMA: Grazie Filomena!… Se non ci fossi tu!…(La bacia)Senti, matu pensi che mio padre acconsentirà?..

FILOMENA: Io penso che quanno sentirà 'l nome de Sebastiani deDunarobba, nun farà tante storie! Signorì’!....i quatrini chiamano andri quatrini!… Hai capito l'antifona?

GEMMA: Speriamo bene!…   in questi giorni è di   pessimo   umore per

via della cavalla che non riesce a vendere!.... e allora non vorrei che....

FILOMENA: Ma no! Che centra la cavalla con te!… Va bè, che sechiama Gemma pure essa, ma 'nsomma!… (Suona il campanello)

GEMMA: (si alza in piedi preoccupata)Hanno suonato!.. chi saràFilomena mia?… che siano loro?… Oh Dio che batticuore!…

FILOMENA: Sta calma,sta calma!… Pò esse che siano loro! mo vado avedè!...(tra se)Oh!.. quarcheduno dirà ch'è 'na ruffianata, ma io me sa ch'ho fatto bene quello ch'ho fatto! Ha visto pora disgraziata com'ha arpreso via! (A Gemma) Su, datte 'n'arcutinata e fatte vedè disinvolta!… capito?…

GEMMA: Si, si....

FILOMENA: Oh!.. fa finta de gnente, eh!... Io nun t’ho detto gnente,me raccommanno!..

GEMMA: Si, si, stai tranquilla!  (Suona il campanello di nuovo)

FILOMENA: Ecco 'n minuto!... Arrivo!…(a Gemma).Oh,         sciuttate

l'occhi e sorridi!....

SCENA NONA

(Torquato e Dette)

TORQUATO: (Sessant'anni    circa, austero. Da fuori) Filomena!...Ma

dove s'è ficcata!… Filomena?!.....


11


FILOMENA: Sto di qui sor Torqua’!…

TORQUATO: (Entrando)Filome’!.. ma che si sorda?.. Nun sentich'hanno sonato 'l campanello?..

FILOMENA: Si, mo vado a aprì!… Madonna mia!.. mica piove!

TORQUATO: Sbrigate che dev'esse 'l postino!..

GEMMA e FILOMENA: (sorprese)Il postino?!?…

TORQUATO: Perché, nun po’ esse 'l postino?!… Che c'è de strano?!…De solito arriva sempre verso quest’ora!…

FILOMENA: No, no, gnente!… che c'ha da esse!.. sarà 'l postino!..annamo a vedè si è vero ch'è 'l postino!.. (Esce)

TORQUATO: (seguendola con lo sguardo)Ma che s’è ‘mpacitatutt’insieme?..

GEMMA: Buongiorno papà.

TORQUATO: Oh, bongiorno Gemma!.. beh!… come va st'uncinetto?..

GEMMA: Sono abbastanza avanti, ma ancora c'è da fare!

FILOMENA: (Rientrando)Sor Torquato!.. nun è 'l postino!...

TORQUATO: E chi è?

FILOMENA: E' un giovanotto!?!..

TORQUATO: (sorpreso)Un giovanotto?!?..

FILOMENA: Si, m'ha dato 'sta lettera per voi!…

TORQUATO: (prendendo la lettera)E chi sarà?!?..

FILOMENA: Booooh!…(Fa delle mosse con le mani a Gemma)

TORQUATO: (accorgendosi delle mosse)Beh!.. che stai a fa quadietro?.. Che smanetti?..

FILOMENA: (Stropicciandosi gli occhi)Accidenti da sti moscellini,momenti me cecano!… Beh, io sto bardascio lo faccio' 'spettà de la, me sa!..

TORQUATO: Si, si fallo aspettà!.. 'ntanto voijo legge ‘sta lettera!..(aprela lettera mentre Filomena tenta di sbirciare.) Beh!.. che stai a fa’ ancora qui?..che aspetti?..

FILOMENA: Gnente!.. Che devo aspettà!..

TORQUATO: Ma dellà ‘n c'hai gnente da fa?..

FILOMENA: Euuh!.. troppe ce n’ho da fa’!..

TORQUATO: E allora cammina!..

FILOMENA: E' quello che stavo pefa’!… Annamo a sistemà lacucina, vah!… (Esce)

GEMMA: (che nel frattempo era rimasta sul divano facendo finta dilavorare, con un orecchio attento per cerccare di capire.) Chi è che ti scrivepapà?

TORQUATO: (Sedendosi al tavolo.)E’ un vecchio amico mio che tunon conosci!.. Un certo Geremia Sebastiani de Dunarobba.!.. Saranno cinque

osei mesi che non lo vedo!…. E come m'ha scritto?!.. Vorrà sape’ come sto!..

GEMMA:  (nascondendo  l’imbarazzo)  Beh,  io  vado  un  momento  in

camera mia.Vuoi niente da me, papà? TORQUATO: No, va pure.(Gemma esce)


12


SCENA DECIMA

(Torquato,poi Filomena)

TORQUATO: (Seduto al tavolo legge la lettera)."Caro amico Torquato.Il latore della presente è il mio figliolo Beniamino, che da sei mesi ho ritirato dal collegio." (rimane un attimo a pensare, poi prosegue nella lettura) "Il mio Beniamino ha veduto la tua Gemma ed è rimasto incantato dalla sua bellezza. Gli piace molto e la vuole ad ogni costo. Lui ne ha parlato anche con Antonio de Collesecco, che tu conosci bene ed ha avuto da lui le migliori informazioni sul conto della Gemma. Io purtroppo sono allettato, perchè ho un forte attacco di gotta che mi fa tribolare, altrimenti sarei venuto di persona a trattare con te. Caro Torquato, con la presente ti autorizzo a trattare con mio figlio e se combinerete, mi dichiaro, fin da ora, pronto ad approvare il contratto che stipulerete insieme. Ben conoscendo la tua onestà e l'amicizia che ci lega, ti ringrazio e ti saluto. Tuo affezionatissimo Sebastiani Geremia."

Allora sto bardascio che sta dellà è il fijo de Geremia!… Poraccio!.. C'ha la gotta..! Me dispiace!.. Beh!.. allora che faccio?.. Je la do 'sta cavalla?.. Certo!.. si da 'sto bardascio ji piace ji la darò!… Però me dispiace de da 'na fregatura da Geremia!… e chissà che ji'avrà arcontato Antonio?… Certo che dei viziacci che c'ha nu gnen'ha parlato de sicuro!.. Figurate!.. da quello ji preme de fa l'affare pe pijacce la percentuale, se capisce!…

FILOMENA: (Entrando)Allora che devo fa’?.. lo faccio venì qua?

TORQUATO: Aspetta!.. aspetta ‘n momento!…(Filomena esce).Allora decidemoce!.. Ji la do o nu ji la do ‘sta cavalla?.. Certo si lascio perde 'st'occasione, te saluto!.. Oh!.. si sto bardascio la vole, se la pijasse! Vol di che io ji dirò onestamente i difetti che c'ha, e pu farà 'mpò esso! Meijo de così!...

Chissà quel beccamorto de Antonio che j'ha messo a divede’?!… Addannalo!

Quello  quanno  se  tratta   de  affari   nun  guarda  su  la   faccia   da    niciuno!...

Filome'...Filome'... (Filomena entra)

FILOMENA: Allora?

TORQUATO: Fa entrà 'l fijo de Sebastiani.

FILOMENA: (Restando  sulla  porta)     Ahè,  giovanotto,  veni  avanti...

accomodate!

SCENA UNDICESIMA

(Beniamino e Detti)

BENIAMINO: (Sui venticinque anni, timido e impacciato, vestito inmaniera goffa e con il cappello in mano) E' permesso? (Si siede proprio vicino alla porta)

FILOMENA: Accomodate! accomodate!… Beh, e che fai, te metti asedè?!..

BENIAMINO: M'hai detto d’accommodamme!…

FILOMENA: Ma no! Che c'entra! Io volevo dì: passa, entra!.. Ma che tesi emozionato? Vedo che c'hai la tremarella!


13


BENIAMINO: e beh!    M'è presa 'n po’   d'agitazione!.. è la prima volta

che....

FILOMENA: Su,   su,   coraggio!.. Va là tranquillo che mica te magna!

(A bassa voce) E fatte vale', eh! (Forte) Mo ve porto da beve!

BENIAMINO: Ce proverò!…(Filomena esce)E' permesso? Posso?(Resta in piedi)

TORQUATO: Veni!.. veni avanti!.. Allora giovanotto...come va? Come

va?

BENIAMINO: Ringraziamo Dio!

TORQUATO:E allora, te saresti 'l fijo de Geremia?

BENIAMINO: Si! So 'l fijo de papà!....vojo dì de Geremia Sebastiani!

TORQUATO: Bene, bene! Te si fatto giovanotto!.. io me te ricordo cheeri piccolo piccolo!.. Ma che fai, stai su dritto? Veni qua, mettite a sede'!

BENIAMINO: Grazie, sor Torquato!..(Si siede)

TORQUATO: Dunque...prima de tutto dimme comme sta tu padre! Ma èvero che s'è allettato?

BENIAMINO: E no? E' a letto co' la gatta!

TORQUATO: Co' chi?

BENIAMINO: No, scusate, voleo di: è a letto co' la gotta!

TORQUATO: Si, si me l'ha scritto. Poretto, me dispiace!

BENIAMINO: Anchi a me!

TORQUATO: Speramo che nun sia gnente!

BENIAMINO: speramo!…

TORQUATO: Co’ tu’ padre ce conoscemo da tanti anni!.. semo annati ascola assieme!..

BENIAMINO: Si, si, me l'ha detto!

TORQUATO: Eravamo ‘n po’ scapezzacolli!.. qualche marachellal’emo combinata!…

BENIAMINO: Questo nun me l'ha detto! Che birbaccione!

TORQUATO: quarche vorda aspettavamo le serve dei signori pe faji idispetti!… ma nun eravamo cattivi!… che tempi!… A proposito, ce l'avete più quella servotta mora.... co' quei luffi tonni....co' quelle du' gamme dritte.....

BENIAMINO: Quala?

TORQUATO: Quella giovinotta co' quelle du'...belle!…      Eh?! Ce l'ete

più?

BENIAMINO: Nun ce l'ho presente!

TORQUATO: E un gorbo! 'Na bardascia bella e vistosa come quella,se vede da 'n chilometro lontano!....

BENIAMINO: Aahh!.. aspettate un momento!.. quala dicete? Quella co'quei du' fianchi...co' quelle du'...belle...Co' quelle gamme dritte...

TORQUATO: Si, si quella!...

BENIAMINO:No! Nun me la ricordo!

TORQUATO: quella moretta de Sambocetole.

BENIAMINO: Aaaah! La Giuseppina! Mo ch'ete detto deSambucetole!…no, nun ce l'emo più d’ampezzo!…


14


TORQUATO: peccato!…beh, cambiamo discorso, che è mejo!…parlamo del nostro affare.

BENIAMINO: Si, si, parlamo de quello. L'ete letta la lettera de mi’padre?

TORQUATO: Si,si!.. l'ho letta.

BENIAMINO: Allora l'ete capito, lo scopo della visita mia?

TORQUATO: Si, l’ho capito! Però io!...caro!...com’è che te chiami?

BENIAMINO: Sebastiani Beniamino, classe 1984, rivedibile!

TORQUATO:  Ah!  Si,  perchè...te  voleo  dì,  caro  Beniamino,  che  io

so'...so' 'n po’ indeciso perchè....

BENIAMINO: Come, allora voi nun acconsentite?

TORQUATO:    Si,   'spetta!    Pe'   acconsentì,   acconsento...però   sa...

francamente...per quanto riguarda ‘l prezzo!....

BENIAMINO: Sentite sor Torquato....nun  parlamo de cifre, per piacere!

Quello che stabilite voi me stà bene!… Mi padre, stamatina, m'ha detto: Beniami’ì, lascia decide da Torquato!.., è un galantomo, e da noiandri le fregature nun ce le da de sicuro! Oh, me pozzi cecà si nun m'ha detto cusì!

TORQUATO: Si, d'accordo! ringraziame tu' padre pe’ la fiducia!..Però!... prima, bisogna che te dica 'na cosa; doppo, quanno te l'ho detta...deciderai te!

BENIAMINO: Ah!, tanto per me c'è poco da decide, sor Torqua'! Io giàl'ho presa la decisione! Da me la Gemma me piace....me piace parecchio! Io la

vojo!....Sor Torqua'...nun me dicete de no, pe'  l'amor de Dio,   sinnò è capace

che faccio ‘na sciocchezza eh!…

TORQUATO: Ma che dici?! No! No! Io nun te dico de no!

BENIAMINO: Grazie, grazie, sor Torqua’!… che Dio ve paghi!…(Preso dall'entusiasmo, si china e gli bacia ripetutamente le mani)

TORQUATO: (ritrae le mani e se le asciuga sui calzoni)Ma che fai? Mache fai?

BENIAMINO: Ve bacio le mano pe' ringraziavve!

TORQUATO: Ma cammina! Nun fa 'l cojone!… famme finì'l discorso. (Si pulisce, di nuovo, la mano sui pantaloni)

BENIAMINO: Dicete, dicete!.. so’ tutt’orecchi!…

TORQUATO: dunque...le cose stanno cusì:...se tu eri 'n'artra persona,nun me fregava gnente!...La Gemma te la deo subito senza pensacce! Manco te faceo parla’! Ma a te no, nun posso!

BENIAMINO: Come sarebbe?!...Ma che stete a di?!...ma allora nun mela dete più?!

TORQUATO: Si, si, aspetta t'ho detto! Prima famme spiegà comestanno le cose, doppo, se 'ncora te piacerà, combineremo ll'affare, butteremo giù du' righe e faremo le cose per bene! Si d'accordo?

BENIAMINO: Si, ma io nun ho capito!...Mo me dete 'na botta calla emo me ne dete una fredda! Spiegateve mejo!

TORQUATO: Senti, giovanotto!.. io nun è che vojo facce lo sparone!..ma tu l'hai vista quant'è bella la Gemma!…noh!..Dico!… su tutto 'l circondario de Terni è difficile trovà 'n esemplare de femmina come essa! (entra Filomena)


15


SCENA DODICESIMA

(Filomena e Detti)

FILOMENA: (Entra dal fondo portando un vassoio con sopra unabottiglia di vino e due bicchieri) Ecco da beve. Serviteve da soli!(Lo poggia sul tavolinetto davanti al divano ed esce)

BENIAMINO:   (riprendendo il discorso)E si! C'avete ragione! E' bella!

E' 'no splendore!

TORQUATO: Hai visto si che testa che c'ha? Hai visto si che occhivispi?....

BENIAMINO: (trasognato)Si, si! Che occhi vispi!…

TORQUATO: E 'l collo?! Hai visto che collo bianco?… dritto?!....

BENIAMINO: (c.s.)Uuuuuuh! Nu' ne parlamo!

TORQUATO:  E  poi  giù,  giù...i  fianchi!  Hai  visto  che  bei  fianchi

tonni?!....

BENIAMINO: (c.s.)Iiiiiih! Che me dicete!...

TORQUATO: E le cosce?...Hai visto che cosce?… Bianche!… fattebene!..

BENIAMINO: (c.s.)Uuuuuh! Le cosce!...(ripensandoci).le cosce?…Ma quelle mica ji l'ho viste!?!…

TORQUATO: (sorpreso)Come?… Nun j'hai visto le cosce!?!…

BENIAMINO: E no! E quanno?!

TORQUATO: E che si guercio?!.. Va beh!..nun c'avrai fatto caso!…comunque lasciamo perde!… annamo avanti!..

BENIAMINO: si, si, annamo avanti!…

TORQUATO: Se dice, però, che ogni medaglia ha 'l suo rovescio.Adesso io t'ho elencato i lati belli, i pregi.... ma devi sapè che c'ha anche 'n

sacco de difetti!… purtroppo…

BENIAMINO: (sorpreso)Che c'ha la Gemma?… i difetti?!?

TORQUATO: Eh si!...e pure grossi!

BENIAMINO: E quali? E quali? Sentimo ‘n po’?

TORQUATO: Te li dico 'n fila, uno per volta!

BENIAMINO: (sempre più sconcertato)Poretto me!… E quanti so'?!

TORQUATO: Non te spaurà!… perché!.. più che difetti so'vizi.!...'nsomma, so' viziacci che co' 'n po' de pazienza e soprattutto con l'amore se vincono e s'eliminano! (Versa da bere sui due bicchierini)

BENIAMINO: Ah beh, si è cusì...se se tratta dell'amore, io ce lo mettotutto! Tutto!

TORQUATO: Bene!.. D'altronde è giovane e 'ncora la poi guidà ecorregge come te pare!… Tè, bevi….

BENIAMINO: Si, si, a quello ce penso io! Allora,...dicete...quali so' 'stiviziacci? (Prendendo il bicchiere) Grazie, che è vino de la cantina vostra?

TORQUATO: Si, senti quant'è bono.

BENIAMINO: Si, si, ce credo!.. Allora, che viziacci c'ha?

TORQUATO:   Dunque!...prima  de   tutto   è   'n   po'  scorbutica!....   è

ombrosa!.... s'embizzarrisce facilmente!...


16


BENIAMINO: (sempre più meravigliato)Che fa? S'embizzarrisce?!?

TORQUATO: Si, se 'mpunta!...e nun da più retta da nissuno!...Ma bevi,no... che fai, lo teni su le mano?

BENIAMINO: Si, bevo, bevo!… Sicchè se 'mpunta?…

TORQUATO: Eh si!… Però io ho trovato ‘l modo de levaje ‘stodifetto.

BENIAMINO: Ah si?… E come?

TORQUATO: Tocca accarezzaji la capoccia! Cusì ve'...posa 'lbicchierino.

(Beniamino posa il bicchiere e Torquato gli accarezza la testa in modo buffo)

Quanno j'hai fatto 'n po'  de 'ste

strufinazioni,

se calma de botto e doppo

t'ubbidisce a meraviglia! Ma bevi Beniami', bevi!

BENIAMINO:  Va  beh,  si  è  per  questo...sarà  poco  male!  Ji  farò  le

strufinazioni!… E doppo?

TORQUATO: Doppo ce n'ha 'n andro de problemino!... ji

pijono i

giramenti de testa!

BENIAMINO: Uuuuh! Porettella!… Ma l'ete fatta visita’?

TORQUATO:  E

certo  che

l’ho  fatta  visita’!…

Gnente!

Nun

c'ha

gnente!.. ma ‘gni tanto,

casca per terra come 'no straccio!

BENIAMINO: Ma tu senti che robba!…

TORQUATO: E pu' fa anchi la baiccia!.. Ma bevi, bevi!

BENIAMINO:  (sempre  più  meravigliato)  La  baiccia?!?…

Ma

nun

c’avrà mica qualche brutto malaccio?!…

TORQUATO: Ma che malaccio!..  Ji pijono le mancanze!...'na specie de

marcaduto insomma!.. Comunque, anchi pe' 'sto difetto ci sta 'l rimedio.

BENIAMINO: Ah si?.. E quale, sor Torqua'?..

TORQUATO: Avvicinate che te faccio vede'!..  posa 'l biccchierino!..

ecco come j'hai da fa'!... j'hai da strigne la capoccia

co'

le mano,  cusì!....

Proprio sopra le tempie!.. (Esegue sulla testa di Beniamino)

ricordate...e 'gni

tanto je dai 'na ringarzata! Cusì ve'...(Stringe e allenta più volte)

BENIAMINO: Ajo!.. che facete, sor Torqua’!… Me facete male!

TORQUATO: Hai capito?.. Hai capito come devi fa?

BENIAMINO: Si, ho capito, ma!....

TORQUATO: Tu  vedrai  che co' 'sto sistema,

ripija subito via!.. Bevi,

bevi che lo lasci di lì?!

BENIAMINO: E va bene!Ripassando la lezione)Dunque!...ji pijo la

capoccia fra le mano, e poi!...(Eseguendo sulla propria testa)

TORQUATO: Bravo! Allenta e strigni, alllenta e strigni, strigni e allenta.

BENIAMINO: oh, pazienza!.. ce proverò!.. D'altronde si tocca fa cusì!...

(prende il bicchiere e beve)

TORQUATO: Oh!.. doppo!....

BENIAMINO:

(Gli  va

il  vino  per

traverso)

Ma

che

c'è

quarcos'andro?!?..

TORQUATO:

Eeeh!..

ancora

questi

so'

i   difetti

più

piccoli!…Beniami’!… me raccommanno!.. devi sta' attento!...e, soprattutto, occhi e gamme!.. perché!.. potrebbe arrivà quarche zampata!


17


BENIAMINO: Da le zampate?!?… Ma sete matto?!.. Oh Signore!…(Tossisce ancora)

TORQUATO: (Gli da una pacca sulle spalle)che t’è annato pertraverso?… Su, su!… (riprendendo il discorso) Eh, noh!… Allenta certi cargi!.. che si t'acchiappa!..

BENIAMINO: Ma voi me stete a pija ‘n giro!… Io nun ce pozzo crede!

TORQUATO:   Beniami'!....  mica  te   sto  a   racconta’  le   trappole!…

Quarche volta scargia anchi quanno dorme! BENIAMINO: E 'na paradisse!.. Anchi la notte?…

TORQUATO:   Si!....cusì!..   all'improvviso!..  Sarà   'na   questione   de

nervi!… che te devodì!… Bevi, bevi fijo mio!

BENIAMINO: (tra se)Si!… bevice pure!…(a Torquato)Ah, beh!.. maallora!... me dispiace, ma!... io la notte, quanno dormo, mica vojo ave’ 'sta preoccupazione!.. No, no!.. e che scherzamo?!… E si m'acchiappa?....(Mimica, con le mani e stringe le gambe) No, no!...

TORQUATO: Aspetta, Beniami’!.. nun te scoraggià!.. Anchi per questo

c’è il rimedio!…

BENIAMINO: E ho capito!.. ma io!...uh! uh!..(Mima come sopra)

TORQUATO:   Famme  parla'!…         Lo   sai   come   faccio   io    quanno

scargia?…

BENIAMINO: No!.. come facete?

TORQUATO: M'avvicino piano piano!...(si alza e si accosta aBeniamino) ji metto 'sta mano su la capoccia (la mano sinistra)...e con

quest’andra ji faccio 'l succico dietro l'orecchio! Cusì, veh! ....

BENIAMINO: (Allontanandosi con la testa)Si, si, ho capito sorTorqua’!.. ma me sa che nun ne facemo più gnente!.. Me dispiace!

TORQUATO: Insomma ji faccio cusì!...(Strofina le dita dietro il suo

orecchio destro) ...e poi la chiamo: Gemma!... bona!... Bona!... pirirpì!...piripì!... bona Gemmina!... oh, tu nun ce crederai, se calma de colpo!... e poi abbassa la testa piano piano e la mette 'n mezzo a le gamme!..

BENIAMINO: (esterrefatto)Che fa!?.. Mette la testa 'n mezzo a legamme?!

TORQUATO: (Si siede)Vedessi quant'è curiosa!(Beniamino si alza inpiedi e ci prova)

BENIAMINO: (al pubblico)E come fa a arrivacce?!… Booh!… Questaè un fenomeno da circolo equestre!.. te lo dico io!

TORQUATO: E doppo caro Beniamino,c'ha n’andro vizio!...

BENIAMINO: Un gorbo!… ancora nun so finiti?… 'Sto goccio de vinome l'ete fatto rimponne!…

TORQUATO: Questo è l'ultimo!…  E' l'ultimo ma è 'l peggio  de tutti!...

mozzica!…!

BENIAMINO: Pure?!?…

TORQUATO: Eh si, purtroppo!… C'ha certi denti!… Hai visto che beidenti che c'ha? Hai visto che bocca?..

BENIAMINO: E l'ho vista!… E' bella!… però si mozzica!....

TORQUATO: Comunque!....


18


BENIAMINO: Avete trovato 'l rimedio anchi pe' questo!

TORQUATO: Certamente!… Eccolo qua!...(Tira fuori dal taschino delpanciotto una zolletta di zucchero)

BENIAMINO: E che è?

TORQUATO: E' 'na zolletta de zucchero!…       Quanno vedi che sta pe'

azzannatte....zac!   Cacci fori   da   la   saccoccia   'l zucchero   e   je   lo   schiaffi

dentro la bocca!... se calma all'istante!.. Eccoquaà!.. finito!… All'infori de questi, nun c'ha andri difetti!…

BENIAMINO: E ma nun so pochi!…

TORQUATO: Sta tranquillo!.. perché!…,   come te dicevo prima...co' 'n

po' d'amore e de pazienza se risolve tutto!..

BENIAMINO: E’ 'na parola!… L'amore!... ma l'amore solo basterà?

TORQUATO: Sicuro!… Quindi, tu, giovanotto, adesso, pensacebene!..... fa i conti tui!..... se decidi de pijalla, bene!... Sennò, gnente! E

amici come prima! 'nsomma, nun te facessi scrupoli, capito?… (pausa) allora, che ne dici?

BENIAMINO: Un momento!… dateme ‘l tempo de pensacce!…

TORQUATO: Si, si, fijo mio, fa con commido!…  Io 'ntanto me vado a

fa 'na fumata!… (Si alza in piedi , accende un sigaro ed esce)

SCENA TREDICESIMA

(Beniamino)

BENIAMINO: (Rimasto seduto sul divano,  ripassa la  lezione mimando

le       varie   situazioni)   Dunque...quanno se   'mbizzarrisce:  tocca  strofinaje  la

capoccia!...  Pe'  'l  marcaduto  'l   rimedio  sarebbe:...allarga  e  strigni!...  pe'  le

zampate!... ‘l succico dietro l'orecchi!.... pe' i mozzichi!... ‘l zucchero!... Certo

che!.. de 'sti viziacci ce n'ha tanti!.. Io nun so più quello che devo fa!… Ma tu guarda si che me dovea capita'!… E pensà che la notte manco ce dormo più al pensiero suo!… Oh, a me la Gemma me piace! Mica è colpa mia si ji vojo bene!... Allora , che faccio?… La pijo o nun la pijo?… Io nun so più che pensà!…

SCENA QUATTORDICESIMA

(Torquato e Beniamino)

TORQUATO: (Rientrando da fuori)Allora?… che hai deciso?…

BENIAMINO: E allora, sor Torquato mio...nun me le dovevate di tutte'ste cose!... nun me le dovevate di’!…, m'avete buttato a terra!

TORQUATO: No, no, io t'ho voluto di' la verità!… Con te vojo avecce lacoscienza a posto!… guarda che 'l difficile saranno i primi tempi!.. perchè doppo!....

BENIAMINO: Basta che nun è sempre peggio!


19


TORQUATO: No, no, doppo, piano piano tutto s'assesta, tutto se risolve!

Te lo dice 'l sor Torquato!… Allora!... che hai deciso'?.. La piji o nun la piji?

BENIAMINO: E beh!...Me toccherà pijalla,  sennò che figura ce  faccio

co’

mi’ padre!..  Figurate,  j'ho fatto 'na capoccia cusì pe' 'sta Gemma! (Fa il

gesto con le mani)

TORQUATO: Va bene!… Vedrai che nun te pentirai!…!

BENIAMINO:  Speramo!…  Io  ce  starò  attento...c'avrò  riguardo...la

curerò...e  poi!... 'L  Signore

mannerà 'l freddo secondo i panni!… Come devo

fa,

se questo è 'l destino mio?....

TORQUATO: Bravo, fijo mio!… Bravo!… Te la do volentieri perchè si

un

giovanotto  in  gamba!…

Senti  Beniamino!....  pe'  ‘l  prezzo,  come  ce

regolamo?

BENIAMINO: (Pensieroso)Eh?...Ah, facete voi...facete voi!

TORQUATO: Beh, pe' quello ce metteremo d'accordo!… Piuttosto che

ore so'?… (guarda l’orologio) Uh! Le undici!!… per la miseria me s’è fatto tardi!… Beniamino!.. senti!... Io c'ho un appuntamento e già sto in ritardo!.. cerco de sbrigammela presto!… tu, intanto va a compra’ un fojo de carta bollata!…

BENIAMINO: (assorto nei suoi pensieri, risponde meccanicamente)Acompra’ un fojo de carta bollata!… (rendendosi conto) E che ce facemo co' la carta bollata?

TORQUATO: Come chece facemo!… io vojo fa' le cose regolari!.. tupija 'sto fojo, cusì quanno ritorno buttamo giù du' righe.

BENIAMINO: Come ve pare!… Per me nun c'era bisogno, ma si voletecusì!…

TORQUATO: No, no!.. Le cose o se fanno per bene o gnente!…Filomenaa!.... la giubba e 'l cappello!.. sbrigate!.. (Si alza in piedi) senti,

Beniami’!....

BENIAMINO: (Avvicinandosi)diceteme sor Torqua’!…

TORQUATO: Se fai prima de me, intanto che m’aspetti, se voiguarda’mejo la Gemma, poi dajela ‘n’occhiata!… nun ce facessi complimenti!…fa come te pare, insomma!… (Si avvia, poi ci ripensa) Oh, se te fa piacere, la poi anchi prova', eh!…

BENIAMINO: (Sbigottito)Come?.. Come?.. La pozzo prova'?!?…

TORQUATO: Si, si provala pure!… Tanto ormai è la tua!..(si riavvia)

BENIAMINO: Iiiih! Che matto che sete sor Torquato!…C'ete voja descherza', eh?... (Fra se esterrefatto) E 'n gorbo! Ma te pare de di' 'ste cose de la fija sua!… (forte) Va beh, allora vado a pijà 'sto fojo! Ce vedemo doppo! (Esce)

TORQUATO: Va', va'!…(Fra se)zitto che me so' levato 'n pensiero de

gnente co' 'sta cavalla!… Piuttosto,      quanto je la posso mette'? Settecento...

ottocentomila!... si, si, via! Vojo ottocentomila lire!.. (forte) Filome'...ma che fai, dormi?

SCENA ULTIMA

(Filomena e Torquato)


20


FILOMENA: (Entra con in mano la giacca e il capppello)Eccome,eccome!… Nun me riusciva d'artrova' 'l cappello!… Qua...'nfilate 'sta giubba.

TORQUATO: Filomena, io faccio ‘na scappata giù la bottega, che devoparla’ co’ ‘na persona!… se quel giovanotto ritorna prima de me!......hai capito quale?

FILOMENA: Si, si, Beniamino!..

TORQUATO: (sorpreso)Ma che lo conosci?

FILOMENA: Certo!.. Semo amici!

TORQUATO: Ah siii?!…

FILOMENA: Proprio adesso m’ha detto ch’avete combinato tutto!.. chec’è rimasto da scrive solo ‘l contratto e basta!…

TORQUATO: Senti, senti!… E tu de che te ‘mpicci?!.. fatte l’affari

tui!…

FILOMENA: Che c'entra!... so' contenta pure io quanno le cose vannope' 'l verso giusto!.. mica voi solo!..

TORQUATO: Lasciamo perde’ che è mejo!.. Dunque!... se ritorna primade me, fallo entra' e trattalo bene!...

FILOMENA: Ce penso io!

TORQUATO: Ah, già!..(ironico)se sete amici!.. non c'è bisogno dadittelo! (Esce. Filomena, che lo ha seguito sulla porta esce anche lei)

FINE PRIMA PARTE


21


SECONDA PARTE

All'aprirsi del sipario la scena è vuota. Dopo qualche istante entra Filomena, prende il vassoio, con sopra la bottiglia e i bicchieri, mentre sta per uscire, suonano alla porta.

SCENA PRIMA

(Filomena, poi Gioacchino)

FILOMENA: Oh, Signore!.. nun sarà che già è tornato!..va beh che è‘nnamorato, però, accidenti che prescia!…(suonano di nuovo, mentre posa nuovamente il vassoio) Eccome, arrivo!…(apre la porta ed entra Gioacchino) Ah!.. si, tu?…

GIOACCHINO: (inchinandosi)Si!.. so’ io!.. il tuo Romeo!… l’uomoche si consuma giorno dopo giorno in attesa di un si dalla sua Giulietta!… oh, Giulietta!.. quanto tempo devo attendere ancora?…

FILOMENA: Campa cavallo mio che l’erba cresce!…

GIOACCHINO: ‘nsomma, nun me dai nessuna speranza?… lasci sola‘st’anima disperata!…

FILOMENA: O Gioacchi’!.. finiscila de fa lo scemo!… tu te credi ‘nbardascetto!.. semo vecchi!.. mettitelo su la capoccia!.. e lasciame ‘n pace che io c’ho da fa e nun c’ho tempo da perde appresso a le stupidaggine tue!…

GIOACCHINO: Ma che stupidaggini!.. io nun so’ mai stato cusì serio invita mia!…

FILOMENA: Finiscila t’ho detto!…(cambia discorso)Piuttosto, giù labottega chi c’hai lasciato?..

GIOACCHINO:   C’è Torquato a parla’ d’affari con un altro signore!..

pe’ nun disturballi so’ venuto via!..tra un po’ rivado giù!..

FILOMENA: Vacce subito che ‘l padrone aspetta ‘na persona anche quicasa!.. ‘sta a minuti!…(vedendo la titubanza di Gioacchino) Sbrigate, che è un affare serio!…

GIOACCHINO: Anche la mia è ‘na proposta seria!… ma tu nun voisenti’!…

FILOMENA: (sospingendolo verso la porta)Cammina, cammina!…vattene!…(lo spinge fuori e chiude la porta senza dargli il tempo di replicare) Che appiccicoso!…però è una brava persona!… mica, mica!… (riprendendosi) senti tu, si che vado a pensa’!…(suonano alla porta) Stavorda è esso e, io, nun ho ‘ncora avvisato la signorina Gemma!…’ntanto lo faccio accomoda’!.. (apre la porta e si trova Uggenia che la guarda con un sorrisetto malizioso)

22


SCENA SECONDA

(Uggenia e Filomena)

UGGENIA: Arieccume, Filome’. Pozzo entra’?…te disturbo?…

FILOMENA: Entra, entra!.. veramente nun m’aspettao ch’eri te!… cesemo già viste prima!… però, oggi, me pare che nun c’hai pace!…

UGGENIA: (tono ammiccante)Ho ‘ncontrato Gioacchino, quidavanti!… me sa che voi strigni, strigni!…eh, Filome’?!…

FILOMENA: Ah!.. nun te ce mette pure te, eh!… già, quello, èappiccicoso più de la pece!…

UGGENIA: perché te vole bene sul serio!… guarda che c’ha pure ‘nabella pensione!… finiresti de fa la serva!…

FILOMENA: (arrabbiandosi)Ma che ve sete messi d’accordo?… mevolete fa arrabbia’ sul serio, allora!…

UGGENIA: No, no, per carità!.. nun ne parlamo più!.. basta!…(le siavvicina e quasi sussurrando) Andre novità, ci stanno?….

FILOMENA: (fingendosi sorpresa) Che andre novitàà ce devono sta?!…

UGGENIA: No, gnente!… tante vorde c’era qualche cosa de novo!…

FILOMENA: Ce semo viste poche ore fa!.. che voi che sia successo, nelfrattempo!…

UGGENIA: No, dico!.. nun è venuto nissuno?..

FILOMENA: (fingendosi sorpresa)perché, chi dovea veni’?…

UGGENIA: (decisa)Ma come chi!.. quel giovanotto!.. l’ho visto, non piùtardi de mezz’ora fa, sul paese!.. mo tu me dici che nun sai gnente!..la Menica m’ha detto che l’ha visto che scappava da casa vostra!.. e nun me tene’ su le spine, no!… lo sai che io nun pozzo sta!..

FILOMENA: Si sai tutto, nu lo potei di’ prima, invece de giraji tanto a lalarga?… si, è stato di qui a parla’ co’ ‘l sor Torquato!…

UGGENIA: (sempre più curiosa)J’ha domannato la mano de la fija?…

FILOMENA: No, ja domannato ‘n quintale de grano e du’ balle defieno!…

UGGENIA: (delusa)Ah, beh! Allora!…

FILOMENA: Ma certo che j’ha domannato la mano de Gemma!… ch’èvenuto a fa, sinnò?…

UGGENIA: (rinfrancata)E Torquato?… che j’ha risposto?… dimme,dimme!…

FILOMENA: Si curiosa, eh!…

UGGENIA: E certo che so’ curiosa!.. che ce posso fa, se so’ fattacusì?…si nun ce l’arcontamo tra noi, che semo amiche, chi ce le dice ‘ste cose!…

FILOMENA: Me pare che, però, ce n’hai ‘n po’ troppe d’amiche!…vaicuriosanno ‘n po’ co’ tutte!…

UGGENIA: Nun me cambia’ discorso!… dimme comme l’ha presaTorquato!…

FILOMENA: Bene!.. come la dovea pija?!.. c’ho messo le mano io!…

UGGENIA: ..insomma, ha acconsentito?!…


23


FILOMENA: si, signora!… hanno fatto tutto!.. mo, l’ha mannato acompra’ la carta bollata pe’ scrive’ ‘l contratto!…

UGGENIA: ‘l contratto?!?… accidenti!… e, che nun se fida?!?…

FILOMENA: ‘l sor Torquato vole cusì!… d’altronde, fa ‘lcommerciante!… piuttosto, quel giovanotto, tra ‘n momento o l’andro arvene e io nun ho ancora avvisato Gemma!… (suonano alla porta) poretta me, eccolo!… Ugge’, famme ‘l piacere!.. te lo presento, però, doppo va via che sinnò lo metti in imbarazzo!…

UGGENIA: va bene!.. vabene!.. Ma nun è ‘n po’ troppo giovane peressa?… (suonano di nuovo alla porta)

FILOMENA: Arrivoo!…(a Uggenia)Sta a frega’ si c’ha qualche annode meno, si!… l’età nun conta pe’ ‘ste cose!…(va ad aprire la porta seguita da Uggenia. Rimangono sorprese nel vedere Righetto)

SCENA TERZA

(Righetto e Dette)

RIGHETTO: (sulla porta)Ch’ete visto ‘n fantasma?!?…(aUggenia)ah!.. tu stai di qui?… avoja io a cercatte!…

UGGENIA: Oh!.. e che santo è, oggi!… nun me cerchi mae!… che teserve de cusì urgente?!…

RIGHETTO: No, gnente!… te voleo solo di’ che oggi nun veneo a casape’ pranzo, perché devo aiuta’ Narciso co’ i cavalli, che esso co’ quella mano fasciata nun po’ fa!…

UGGENIA: Che è ‘n’andra scusa pe’ pote’ anna’ a beve comme tepare?!?…

RIGHETTO: ma che scusa!… ji devo aiuta’ per dero!… dijilo ‘n po’ tu,Filome’!

FILOMENA: (che passeggia nervosamente)è vero, è vero!… Narcisoda solo nun po’ fa!…

RIGHETTO: Mo ce credi?!?… E, po’ te l’ho detto pure stamatina!.. mache già nun te l’aricordi più?!..

UGGENIA: Certo che me lo ricordo!.. io nun c’ho ‘l cervello annebbiatodal vino come qualcuno de mia conoscenza!… de te poi nun me fido!.. ce credo giusto perché me lo dice Filomena!…

RIGHETTO: Sempre marfidata!.. che mojie che si, eh!.. i primi tempimica eri cusì!…

FILOMENA: (c. s.)se vede che i primi tempite comportai mejo!…

UGGENIA: e soprattutto nun me venei a casa ‘mbriaco!…

RIGHETTO: esagerata!… sarà capitato tre o quattro vorde, in tutti ‘stianni!..

UGGENIA: comme no!… tre o quattro vorde al giorno!…

RIGHETTO: senti!… senti, Filome’?!… quant’è diventata buciarda, lamoje mia?… (alla moglie) agguastate!..quanto si diventata ‘gnorante!…

UGGENIA: Me c’hai fatto diventa’ te!…


24


FILOMENA: (c. s.)Insomma!… ve la volete pianta’?… io, c’ho da fa!…aspetto ‘na persona!… tra ‘n po artorna anchi ‘l padrone!… nun pozzo sta a senti’ le beghe vostre!… annate a discute a casa!… scusateme, ma!…

UGGENIA: Hai ragione, Filomena mia!.. scusame tanto!.. ma co’‘st’attrezzo, nun se ne po’ fa a meno de litiga’!…

RIGHETTO: Arie’ colpa mia!… te parea!… si stata te che haicominciato!…

FILOMENA: (decisa)allora nun ce semo capiti!…

UGGENIA: hai ragione!..(al marito)annamo a casa, via!…

RIGHETTO: a casa vacce tu!… io c’ho da fa co’ Narciso, t’ho detto!… FILOMENA: ciao Ugge’!.. bon lavoro Righe’!…(li accompagna allaporta mentre i due ancora discutono)Era ora!… oh, nun ji la faceo acaccialli via!… (va verso la porta delle camere chiamando Gemma) Gemma!… signorina Gemma!… veni qua!.. sbrigate!..

SCENA QUARTA

(Gemma e Filomena)

GEMMA: (entrando dalle camere con l’uncinetto in mano)Cosa c’è, che

urli tanto Filomena mia?!…

FILOMENA: Ma nun hai sentito gnente?!..

GEMMA: Dalla camera mia solo delle voci confuse!… poi, nessunom’ha chiamato!… pensavo che era tutto come al solito!…

FILOMENA: Macchè come prima!..(con tono concitato)Hanno fattotutto!… Tu’ padre è d’accordo!… Beniamino è annato a compra’ la carta bollata pe’ scrive ‘l contratto!… ‘l sor Torquato m’ha detto che lo devo tratta’ bene!… si contenta?!…

GEMMA: (che nel frattempo ha abbracciato Filomena)Si Filomena mia,sono tanto felice!… E adesso, quando ritorna, cosa devo fare? Come mi devo

comportare?

FILOMENA: Come      te    comporti sempre!..    Con naturalezza!.. Con

spontaneità!.. Gentile si, ma sempre co' 'n certo tono!…                  Quanno stavo a

servizio da la marchesa Terroni,  che poretta c'avea  cinque  fije  da  marita'...'sti

ricevimenti   galanti, c'erano tutti i giorni o quasi!.. quindi, me ne 'ntenno!

GEMMA: (incredula)Eeh! possibile! Tutti i giorni?..

FILOMENA: Eh si, perché, pore fije, erano bruttarelle ‘n c'èmale!... eallora, i giovanotti ce venivano 'na volta e poi sparivano e nun s’arfaceano vede più!… Allora la madre, la marchesa...se dava da fa' pe' armedianne antri cinque! 'L giorno doppo arrivava 'n antro scajone e cusì via! Ce so' stata sei mesi, sempre cusì!.... (Suona il campanello della porta)

GEMMA: Oh Filomena mia!.. che dici, sarà lui?

FILOMENA: E stavorda speramo de si!…(al pubblico)mo sarà finito ‘lvia vai de l’impiccioni!…

GEMMA: (Alzandosi nervosamente)Oddio! Io fuggo in  camera mia!..


25


FILOMENA: (Trattenendola)    Sta bona!.. Do'   voi annà!.. Fermate di

quì!..

GEMMA: Mi manca il coraggio!…

FILOMENA: E si che esso ce n'ha tanto!… Quello c'ha più paura dete, te lo dico io!… Su, su mettite a sede' di qui e sta pronta a ricevelo!… (la fa sedere sul divano)

GEMMA: Ma che gli dico?!.. Io ho una confusione qui!..(si tocca latesta) Un'agitazione!…

FILOMENA: Sta bona e nun t'agitassi tanto!.. Ce penserà esso a attacca'discorso!… E si nun è bono manco esso, ce penserò io!.. Giù, giù, mettite a sede'!… L'uncinetto...do' l'hai messo l'uncinetto?...

GEMMA: Prima l'ho portavo!..(si guarda intorno)

FILOMENA: Su, su!.. cercamolo!..(si guarda intorno)

GEMMA: Eccolo, eccolo!.. l’ho trovato!…

FILOMENA: Meno male, signorì!... ce volel'uncinetto, noh!… anche siuno fa finta!… Questo è 'l modo mijore de riceve' li spasimanti!… La marchesa Terroni faceva sempre cusì co' le fije!… cinque fije, cinque uncinetti!… (Suona il campanello) Via, nu' lo facemo aspettà de più!…

GEMMA: Mio Dio! Mibatte il cuore forte forte!…

FILOMENA: Fallo 'n po’ batte!.. Se vede che funziona bene!..(apre laporta) Beniamino!....veni!... veni avanti!.. 'L padrone nun è ancora tornato, mac'è la signorina Gemma che t'aspetta!...

SCENA QUINTA

(Beniamino e Dette)

BENIAMINO: (Entra e si ferma sulla porta. Tiene in mano il foglio dicarta da bollo) Eh, è!.. E' permesso?

FILOMENA: Veni, veni!….

BENIAMINO: (Vede Gemma, si toglie il cappello e appoggiandolo sulproprio petto, dice fra se) Oddio! Eccola!!

FILOMENA:   (avvicinandosi a Gemma) Signori'!.... tocca   a te!… fallo

accomoda’!… su, invitalo!…

GEMMA: Io?!?…

FILOMENA: Sicuro!.. Si la padrona de casa!..  Su, forza, diji qualcosa!..

sennò quello stà tutt'oggi su la porta!..

GEMMA: (quasi sottovoce)Prego, s’accomodi!....

FILOMENA: Più forte!

GEMMA: Prego, s’accomodi!…

BENIAMINO: Grazie signorina!…(Si siede vicino alla porta)

FILOMENA: Ma no!… Ma che te rimetti a sede' laggiù?!…(fra se)Eguasti che broccolone 'sto bardascio!… (a lui) Veni qua mettite a sede' vicino a la signorina!… che c'hai paura?…

BENIAMINO: No, no nessuna paura!.. dove me devo mette?!... quì?..(Si siede vicino alla parete di fondo)


26


FILOMENA: No!Giù, giù!... (Beniamino si c'hai su le mano?…


Di quì!… (indica il divano dove sta seduta Gemma) siede) Oh!..meno male!… Senti, che è st'affare che


BENIAMINO: E' 'l fojo de carta bollata pe' scrive 'l contratto!…

FILOMENA: Ah, bene!…(sbrigativa)dammelo quà, che te 'mpiccia!…Mettemolo sopra 'l tavolino!... Ecco fatto!.. (Poi gli toglie il cappello dalle mani, lo poggia sul tavolinetto e si piazza in piedi dietro ai due. Pausa) Oh, adesso avanti!...diceteve qualcosa, su!… (silenzio) Beh!.. forza!.. nun ce l'ete più la lingua? (silenzio) Oh dico...attaccate bottone!?!… Ormai sete fidanzati, stete lì, lì pe' sposavve, qualcosa ce l'avrete d'arcontavve, no?!… Oh, Soro sposo!?…

BENIAMINO: Io?!…

FILOMENA: Forza!.. Tocca a te 'ncomincia' 'l discorso!…

BENIAMINO:   Da me?!?..

FILOMENA: E certo!… Si te l'omo!.. Si te, come se dice?!..'lpretendente!..

BENIAMINO: Si, va bene!.. 'n momento de pazienza!...sto a pensa' aquello che posso di'!...

FILOMENA: E che ce vole tanto?

BENIAMINO: c'ho 'n po' de confusione di quì!…(Si tocca la testa)Nun ce capisco più gnente!..

FILOMENA: Mavia, su!.. Di’ la prima cosa che te vene su la capoccia!

BENIAMINO: E' ma, si me stai a borbotta' qua dietro, nun me ce venegnente de sicuro su la capoccia!

FILOMENA: Ho capito!.. Ve lascio soli!... Tra ‘n po’ sarete sposi!… vedovrete conosce!… c’ete bisogno de parla’!… e, poi, si ce scappasse qualche carezza e qualche bacetto...mica sarà la fine del monno!… Ma queste nun so' cose che ve le devo di' io!… (A Gemma) Iiiih! Vent’anni de meno e al posto tuo, fija mia, te lo faceo vede' io!… (Esce)

SCENA SESTA

(Beniamino e Gemma)

BENIAMINO: (Rimasto solo con Gemma, tenta l'avvicinamento conmosse molto goffe ed impacciate, sfuggendo alle timide occhiatine di lei. Dopo qualche attimo, con un filo di voce, attacca discorso) Bella giornata, eh?...Fa caldo!..

GEMMA: (Senza staccare gli occhi dall’uncinetto)  Eh, si!...Fa caldo!

BENIAMINO: Me sa che Filomena je vole bene!... sbajo?

GEMMA: Si, è vero!... ma anch'io le sono affezionata!

BENIAMINO: (Fra se voltandosi)Ma tu senti!.. E pensa' che c'ha tantidifetti nascosti!… Nun se direbbe!… (forte) Gemma!... Gemmina!... La posso chiama' cusì?

GEMMA: Si, si, come vuole!…

BENIAMINO: M’ascolti, Gemma!...


27


GEMMA: Mi dica Beniamino!....

BENIAMINO: Adesso che su’ padre acconsente!... me risponda confranchezza!... acconsente anche lei?!

GEMMA: Acconsentire a che cosa?

BENIAMINO:   A sposamme, noh?… E’h!..che me dice?

GEMMA: Si, acconsento!

BENIAMINO: Ooooh!… Gemma, Gemmina!..So' contento!.. me pozziceca’, si nun so’ contento!… (Pausa) Allora mo ce potemo da' anchi del tu!... 'n je pare, Gemma?

GEMMA: Va bene, se lo desidera!

BENIAMINO: Oh Gemma!.. Gemmina mia! So' più de du' mesi cheaspettavo 'sto momento!

GEMMA: Per essere sincera!... anch'io, Beniamino!…

BENIAMINO: Sapessi quante ore so' stato a guarda' 'ste finestre! Tutti igiorni stavo laggiù...appoggiato a quel muro!

GEMMA: Si lo so!

BENIAMINO: E  ogni  volta  che  te  vedeo de straforo!... tu tu...Tu tu...

Tu tu...! Erano tre corbi di qui!... dentro al core, Gemma!… (Mano sul cuore) GEMMA: Anch'io Beniamino, provavo la stessa emozione ogni volta che

ti vedevo!

BENIAMINO: Me ne vergogno, ma te lo dico uguale!...Io te...commese po' di'...io te vojo bene! E tu?

GEMMA: Anch'io!

BENIAMINO: Iiiih!… Signore te ringrazio!..(Si china e le baciaripetutamente le mani)

GEMMA: Ma che fai?… Calmati, ti prego!

BENIAMINO: (Fra se piagnucolando)E pensa' che c'ha 'n sacco deviziacci nascosti!… Mammanco ce posso pensa'!

GEMMA: Cosa dici Beniamino?

BENIAMINO: Gnente, pensavo tra me e me!

GEMMA: E a cosa pensavi?

BENIAMINO: Pensavo!... Pensavo de sposacce prima de natale!.. Sicontenta, Gemma?…

GEMMA: Si caro, come vuoi tu!

BENIAMINO: Però!..  prima io!.... voleo chiari’  certe cose!  Perchè 'na

vorda fatto 'sto passo, indietro nun ce se po ritorna' più!… E allora me dispiace, ma...

GEMMA: E allora?.. Cosa vuoi dire?…

BENIAMINO: Vojo di' che!... io, presempio!... come posso di'?... Io so'un ragazzo giudizioso!.. I vizi nun ce l'ho!.. Nun bevo, nun fumo, nun gioco!... nun vado co' le donnacce!

GEMMA: questo mi fa piacere!..

BENIAMINO: Io so' anchi 'n bardascio bono, pacifico... so' schietto eleale!... Ecco!… io t'ho raccontato tutto de me!… Vita, morte e miracoli!... Mo sarebbe contento che tu facessi lo stesso e me parlassi de te!… Co' calma!… Senza nasconneme gnente!


28


GEMMA: (Sorpresa e un po' frastornata)Ma!.. non so!.. cosa ti devodire di me?

BENIAMINO: Daje, su, parla, dimme de tutti quei difetti e quei viziacciche c'hai!… nun te vergogna'! Mica c'è gnente de male...'n fondo è 'na disgrazia!.. Su, forza!...

GEMMA: (Sconcertata)Beniamino,  ma che dici?…  Tu mi sbalordisci!

Io i difetti? Io i viziacci?... Ma di quali viziacci stai parlando, Sentiamo?!

BENIAMINO: Su, cammina, Gemma!... Io lo capisco che nun te fapiacere ammettele ‘ste cose!... ma si te lo dico!... lo saprò, no?!

GEMMA: (Si alza in piedi stizzita)Ma cosa sai tu?.. cosa sai?

BENIAMINO: Aaaah!..  E  là!..,  c'è  stato  chi  me  l'ha detto!....ma  me

piaceva sentillo anchi da te!.. D'altronde, fija mia, se te devo sposa' lo dovrò sape', no?!.. Anchi pe' damme 'na regolata!... si, perchè, caso mai, facemo fa' du' lettini separati, capito?… Sa...io la notte vojo dormi' tranquillo, mica vojo ave' la preoccupazione de riceve 'na zampata sotto a l'improvviso!.. (stringe le gambe)

GEMMA: (Sempre più arrabbiata)Ma che?... Ma cosa dici? Chi puòaverti detto una cosa simile?.. Avanti, dimmi chi te lo ha detto?

BENIAMINO: Eh, no!… Se dice 'l peccato ma no 'l peccatore!

GEMMA: Oh basta eh!.. Basta con queste insolenze!.. Non mi sarei maiaspettata da te un'infamia del genere!.. Come ti permetti..? Anzi, come si permette?.. Lei sta abusando della mia buona fede e di quella di mio padre! E' una cosa indegna! Da questo momento fra noi è tutto finito!.. Esca da questa casa e non si faccia più vedere!.. (Lo prende per un braccio alzandolo in piedi con forza e lo spinge verso l'uscita)

BENIAMINO: (Un po' sorpreso)Ma!... ma che dici per davero?

GEMMA: Sicuro!.. Se ne vada!.. Quella è la porta!..(Lo spinge dinuovo)

BENIAMINO: (Fra se)E un corbo!.. C’avea ragione su' padre! Mo'ncomincia a 'mbizzarrisse!.. (a lei,dolce) Gemma!... Gemmina mia!... (fra se) oh, è vero, nun risponne!.. Un po' provamo co' le strufinazioni su la testa!.. (a lei) Gemma, bona!.. Bona!.. (La prende alle spalle e le strofina la testa)

GEMMA: (Divincolandosi)Mah!... ma cosa le prende?!.. Che stafacendo?.. Ma come si permette, villano!.. Mi costringe a gridare!..

BENIAMINO: Gemmina, bona, bona!... veni quà!..(tenta di nuovo distrofinargli la testa)

GEMMA: (Spingendolo via)  Vada via!.. Guai a lei se mi tocca!!

BENIAMINO: Veni quà...veni quà...bona!(Tenta di nuovo)

GEMMA: Vada via ho detto!..Lei è un mostro!… un bruto!

BENIAMINO: Veni qua, amore mio, veni!...

GEMMA: Indietro! Via di qua! Via da questa casa! Fuori ho detto!(Piange disperatamente e batte i piedi colpendo un piede di lui)

BENIAMINO: Ajo!.. Annamo bene!.. Mo da pure i cargi!.. Porettome!.. (fra se) Che ha detto de faje? ... Ah, si!.. 'l succico dietro l'orecchie!.. (La prende per la testa e le fa il solletico dietro le orecchie)


29


GEMMA: (si gira sgranando gli occhi, digrignando i denti, alzandolemani a mofo di artigli gli si lancia contro urlando come un nitrito di cavallo) Iiiihhhhh!… ti graffio!… ti mordo!… sei un pazzo!… aaahhhh!…

BENIAMINO: (indietreggia impaurito)mamma mia!… adessomozzica!… mo’ me mozzica!… qual’era ‘l rimedio?!… ah, lo zucchero!… (tira fuori una zolletta di zucchero dalla tasca e tenta di infilargliela in bocca)

GEMMA: Ma cosa fa?.. aiuto!.. Filomena!... Filomena!... questo èpazzo!.. Mio Dio!.. Sono nelle mani di un pazzo!.. Aiuto!.. Oh Dio, la mia testa!.. Mi gira la testa!...Mi sento mancare!.. Aiuto!.. (Sta per svenire, si butta sul divano e appoggia la testa sullo schienale)

BENIAMINO: Toh!.. Ce mancava anchi questa!.. Mo je pija pure 'lmarcaduto!.. Via, nun perdemo tempo, tocca faje allenta e strigni su le tempie! (La'agguanta per la testa ed esegue il movimento. Gemma si lamenta. Entra Torquato)

SCENA SETTIMA

(Torquato e Detti, poi Filomena)

TORQUATO: (Rimane un attimo sulla porta incredulo, poi si lancia)Beniamino!.. Ma che fai?.. Si diventato tutto matto?… Lascia sta mi fija?.. Oh, dico a te, sa!..

BENIAMINO: (continuando con il movimento sulle tempie)Sssst!Nun strillate! Je preso 'l marcaduto!..

TORQUATO: (sempre più sorpreso)'L marcaduto? Ma che si'mbriaco? 'N po' sta bono co' quelle manacce! (gliele toglie)

FILOMENA: (Entrando)Oddio Signore! E che è successo? Se sente

male?

BENIAMINO: Eh no?!..

TORQUATO: Filome' 'n po' che ji è successo a 'sta fija!

FILOMENA: Signorina, signorina!... su, su!...(a Beniamino)'n po' vapiù là che j'arpari l'aria!.. (a Gemma) Su, su signori'!... ma ch'è successo!.. (a Beniamino) Ma che j'hai fatto male pe' bacialla?!… (Scena libera per far riprendere conoscenza a Gemma)

BENIAMINO: No, ma che dici?!…

TORQUATO: Gemma!... Gemma!... ma che c'hai?..

GEMMA: (riprendendosi)Ooooh!… Papà...non è niente!

BENIAMINO: Oh!.. Sta zitto che s'è ripresa!.. Meno male!..

TORQUATO:   Gemma, ma che hai fatto fija mia, che hai fatto , se po'

sape'?

GEMMA: Un leggero capogiro! Non ti preoccupare!

FILOMENA: Su, su, n'è gnente!.. Sarà stata l'emozione de 'stagiornata! Guardate, già ha arpreso colore!..

BENIAMINO: E  ce  credo!  Co'  quelle  ringarzate che j'ho dato!.... Mo,

però, vojo vede' come fa a mette' la testa 'n mezzo a le gamme!… So' curioso de vedella!..


30


TORQUATO: Che dici Beniami’?

BENIAMINO: (Portandolo in disparte)Dicevo, che mo, dovrebbe mette'la testa in mezzo a le gamme!.. Vojo vede' come fa, perchè da me nun me riesce!.. (mima la scena)

TORQUATO: Ma che stai a di'?!..

BENIAMINO: No, perchè voi m'ete detto che...

TORQUATO: (interrompendolo, per rivolgersi a Gemma)Gemma,allora, tutto a posto?!..

GEMMA: Si, si, papà!.. tutto a posto!..

FILOMENA: Veni di la co’ me, signori’!.. annamo a beve qualcosa chete fa bene!... (escono insieme)

SCENA OTTAVA

(Torquato e Beniamino, poi Gemma)

TORQUATO: (riprendendo il discorso)Che me dicevi, Beniami’?..

BENIAMINO: Che voleo vede’ comme facea a mette la testa ‘n mezzo ale gambe!.. perché è cusì che fa doppo che s’è calmata, no?!…

TORQUATO: Si, fa cusì!… ma allora, l’hai vista, quanno s’èimbizzarrita?!

BENIAMINO: E certo che l’ho vista!… s’è imbizzarrita, ha scargiato!…ji so successe tutte, le cose che m’ete detto!…io, ho provato a fa quello che m’avete spiegato voi, ma nun è stato facile!..

TORQUATO: Chi te c’ha accompagnato giù la stalla?!…

BENIAMINO: (sorpreso)Quale stalla, sor Torqua’?!…

TORQUATO: Comme quale stalla?!… Ma, Gemma dove stava, quannos’è imbizzarrita?!…

BENIAMINO: Stava di qui!… dove stamo adesso noi!…

TORQUATO: (sorpreso)Stava di qui?!?… Ma, si sicuro de sentittebene?!…

BENIAMINO: Nun so’ mai stato mejo!…

TORQUATO: (incredulo)E come ha fatto, la cavalla, ha venì diqui?!… Chi ce l’ha portata?!… (rientra Gemma e si va a sedere sul divano e in silenzio ascolta i discorsi dei due)

BENIAMINO: E, io che ne so, chi ce l’ha portata, la cavalla?!..(ripensandoci) La cavalla?… quale cavalla?…

TORQUATO: Come, quale cavalla?!… Gemma, no?!…

BENIAMINO: (sempre più sbalordito)Gemma?!?… Ma che, la cavallase chiama Gemma?!…

TORQUATO: Si, certo!… n’avemo parlato tutto stamattina, mo temeravigli?..

BENIAMINO: (sempre più incredulo)ma, io!… veramente!…

TORQUATO: Scusa sa!... ma tu nun si venuto a chiedeme Gemma!.. lacavalla?!… Almeno cusì m'ha scritto tu' padre!…


31


BENIAMINO: (Alzandosi in piedi) La cavalla?!?... ma che cavalla!?!…Io so' venuto a chiede Gemma!... vostra fija!

TORQUATO: (Alzandosi anche lui) La fija mia?.. E che c'entra?!.. E tuche vorresti da la fija mia?..

BENIAMINO: Indovinatece 'n po' ?!… La vojo sposa'!..

TORQUATO: La voi sposa'?!... Oh dico!... ma che!..(mimica con lamano come per dire se è pazzo)

BENIAMINO: Come sarebbe, scusate!... Mica so' 'n delinquente!.. 'nassassino!… E che io nun posso esse degno de vostra fija?… (avvicinandosi a lei, sempre seduta in silenzio sul divano) Dico bene Gemma?.. (lei si stringe nelle spalle)

TORQUATO: Mano, chi te dice questo!.. solo che!…

BENIAMINO: Ah, meno male!…(cambiando tono)Ma allora, scusatesa!... tutti quei viziacci che m'avete detto, quale Gemma ce l'ha?… La cavalla speramo!

TORQUATO: Ma certo!.. Perchè tu ch'avei capito?..

BENIAMINO: (mettendosi le mani sulla testa)Uuuuuuh!.. Che equivocosor Torquato mio!.. Che figura m'ete fatto fa'!… J'ho fatto le strufinazioni su la capoccia!...'l succico dietro l'orecchi!.. (a Gemma) Gemma mia!.. io me sprofonnerebbbe di quì da la vergogna!..

TORQUATO: E certo che è stata 'na faccenna 'n po' confusa!.. Unbell’equivoco!…

BENIAMINO: Anche voi, però!… metteji lo stesso nome!…(versoGemma) Gemma!.. Gemmina mia!... (Gli si butta ai piedi) Scusame tanto!.. Ionu’ lo sapeo!... (le bacia ripetutamente le mani in modo buffo)

GEMMA: Si, Beniamino, ho capito!.. Sta su, non ti agitare!..

BENIAMINO: Chissà che avrai pensato de me!.. Che so' matto,nervoso!... parla, dimme qualcosa!...

GEMMA: Ma no!.. non te la prendere Beniamino!.. Sono convinta cheeri in buona fede!..

BENIAMINO: Me perdoni?

GEMMA: Ti ho già perdonato!

BENIAMINO: Uh!.. Tesoro mio!.. Grazie!..    (le bacia ancora le mani)

Grazie amore mio!..... grazie!.. (entra Filomena)

SCENA NONA

(Filomena e Detti)

FILOMENA: (Entrando vede la scena)Che j'è preso mo da questo?

TORQUATO: Un momento!…(lo prende per il colletto della giaccae, sollevandolo glielo lascia sopra la testa) Un po' sta su!.. Che amore tuo! Cheamore tuo!.. Eeeeh come corri!.. Gemma 'ncora nun ce pensa' a 'ste cose!…

FILOMENA: Scusate   si   m'entrometto!.... Quanno ce pensa?!.. quann'è

vecchia come me?

TORQUATO: Ma no, che c'entra!..


32


FILOMENA:   La   signorina   Gemma  c'ha        più   de  trent’anni!...anzi,

trentatre, pe’ di’ mejo!…

BENIAMINO: E che la lasciate stagiona' come i pioppi?!..

FILOMENA: E a ‘st’età, la maggior parte de le bardasce c'hanno maritoe tre o quattro fiji!.. Ma si da voi ve pare presto!... facete 'n po'!…

TORQUATO: Beh!.. o presto o tardi!... tu che te ‘mpicci?

FILOMENA: E 'nvece me 'mpiccio!.. Perchè da me me ce piagne 'lcore a vede' 'sta pora creatura rinchiusa qua dentro come se stesse 'n galera!.. Certo che me 'mpiccio!.. Ma voi che padre sete?.. Sete 'n orso, no 'n padre!.. E si nun ve sta bene quello che ho detto, ‘chiappo i quattro stracci miji e me ne vado!… Oh porca matina!… E vedemo 'n po'!… (si mette alle spalle degli altri, dietro al divano, tutta accigliata e commenta a gesti il dialogo che segue)

BENIAMINO: (al pubblico)Avete sentito si che serenata?!

TORQUATO: Beh!... e che è 'stascenata!.. Che so' 'sti urli?!… Ma cheoggi sete diventati tutti matti?... (a Beniamino) Senti, Beniamino

BENIAMINO: (avvicinandosi)Diceteme sor Torquato!..

TORQUATO: Ma te che intensioni c'hai?.. Vojo di'!... da Gemma, tu jevoi bene?

BENIAMINO: Oh, facemo a capicce 'na volta pe' tutte!.. Chi voletedi'!...da Gemma, la fija, o da Gemma, la cavalla?…

TORQUATO: La fija, la fija!

BENIAMINO: Si, papà!..

TORQUATO: Ambé!.. Questo già me chiama papà!.. Aspetta 'nmomento!.. Nun c’avessi tanta prescia!.. Famme senti' anche 'sta fija, noh!.. (Si avvicina a Gemma)Gemma, hai sentito?!...Tu che ne dici?

GEMMA: Anch'io gli voglio bene!

TORQUATO: Si sicura de voleji bene?..

GEMMA: Si, papà!

TORQUATO: Lo conosci appena, si sicura de quello che fai?!..

GEMMA: Si, sono sicura e sono convinta!.. a me Beniamino, mi piace!

TORQUATO: Te piace?.. Io, fija mia, sbajerò, ma me sembra 'n po'broccolone!.. (risatine di Beniamino che si crede elogiato) Pensace bene!... nun vorrei che dopo te ne pentissi!

GEMMA: No, papà, ci ho già pensato!... si comporta così perchè ètimido! E' un modo di fare, ma è un ragazzo intelligente!...

TORQUATO: Sarà!.. Da fori nun sembrerebbe!

GEMMA: Si, papà!...e soprattutto è buono e affettuoso!… Sono sicura dinon sbagliarmi!

TORQUATO: (allargando le braccia)E va bene!.. Quann'è cusì!…

GEMMA: Oh! Grazie papà!...(gli butta le braccia al collo e lo bacia)Grazie!

FILOMENA: Oh, meno male!… Ce volea tanto a capilla?!…

BENIAMINO: Allora sor Torqua’?!... ch'avete deciso?…(Torquatotenta di parlare ma Filomena lo precede)

FILOMENA: Va bene, Va bene fijo mio!.. Ormai c'è poco da decide'!…

TORQUATO: Oh!.. Nun te fa manco risponne!… Ha deciso essa!..


33


FILOMENA: Perché, nun è ‘na cosa giusta, forse?.. Se se vojono bene!..

TORQUATO: E va bene!.. acconsentirò!... che devo fa'?.. m'avetemesso a le strette!.. Ce mancavi solo te Filome’!…

FILOMENA: Io?!?.. E io che c'entro?.. Io nun m'empiccio mai degnente!... (a Beniamino) Beniami’!.. va a ringrazia’ tu’ socero!..

BENIAMINO: Grazie, papà!...grazie!..(tenta di abbracciarlo e dibaciarlo)

TORQUATO: (tenta di evitare l’abbraccio e soprattutto il bacio)Fermo!.., sta fermo!.. Ma che baci ‘n’accidente!.. Mica so' 'l vescovo!

BENIAMINO: Sete mejo, papà!..(preso dall'entusiasmo bacia tutti)Gemmina mia!.. Anchi a te, Filomena!..

FILOMENA: Anchi a me?..

BENIAMINO: Ecco!...(la bacia sulla guancia)Te lo si meritato!..(entra Uggenia)

SCENA DECIMA

(Uggenia e Detti, poi Gioacchino)

UGGENIA: E’ permesso?.. ho trovato aperto e so’ entrata!.. disturbo?..

BENIAMINO: Un bacetto anchi da voi!… anche si nun ve conosco!..(labacia sulla guancia)

UGGENIA: (tenta di evitarlo)Perché?.. ma che succede!.. che s’è‘mpacito?!..

BENIAMINO: No, nun so’ pacio!.. so’ contento perché mesposo!..(sorrisi degli altri)

UGGENIA: Congratulazioni, allora!…(aglia altri)Ma, nun è ‘n po’troppo giovane pe’ Gemma?!..(gomitata di Filomena) Uuh!.. poretta me, che ho detto!…

TORQUATO: (che distratto non ha sentito bene)Che dicevi Uggenia?!.. FILOMENA(prontamente)Diceva che so’ giovani e che è contenta pe’

loro!.. vero, Ugge?…

UGGENIA: Si, si!.. è vero!..(a Gemma)So tanto contenta, fija mia!..(leva incontro e l’abbraccia)

GEMMA: Grazie tante, Uggenia!..

TORQUATO: (a Filomena)Ma tu pe’ secondo mestiere fail’avvocato?!..(suonano alla porta mentre Filomena sta per rispondere) Zitta, per piacere e apri la porta!..

FILOMENA: (ironica, mentre apre la porta)Signorsì, sor padrone!..(entra Gioacchino)

GIOACCHINO: (inchinandosi)Filomena!… è sempre un piacerevedette!…

FILOMENA: Ma si oggi, m’hai visto tre o quattro vorde!..

GIOACCHINO: Proprio per questo!…(a Torquato)Ah, meno male chestai qui!.. me si sparito senza dimme gnente!..me serviva de sape’ certi prezzi!…


34


(vedendo  Beniamino  e   Gemma)   Ciao,  Gemma!..  Bongiorno  Giovanotto!..

(guarda Torquato in modo interrogativo) Chi sarebbe?!..

TORQUATO: E’ ‘l futuro genero!…

BENIAMINO: Piacere, Beniamino!.. ‘l promesso sposo de Gemma!..

GIOACCHINO: Complimenti, ragazzi!..

BENIAMINO e GEMMA: Grazie!..

GIOACCHINO: Eh!.. beati voi, che ve sposate!.. Se qualcuno de miaconoscenza sciojesse ‘n po’ de più ‘l core suo!… me sposerebbe anch’io!..

FILOMENA: Arfacce, tu!…

UGGENIA: Filome’, tu m’hai detto che avevi fatto ‘na promessa!.. quellade aiuta’ Gemma ha trova’ marito!.. o, sbajo?..

FILOMENA: no, nun sbaji!…

UGGENIA: Gemma, marito l’ha trovato!.. ‘l compito tuo è finito!..dunque, diji de si a sto poro disgraziato, no!… nu lo vedi che se struje d’amore per te?!..

GEMMA: Si, Filomena mia!.. mi farebbe tanto piacere che ti sposassianche tu!…

BENIAMINO: Almeno facemo ‘l matrimonio lo stesso giorno!…risparmiamo, no?!..

FILOMENA: (titubante)Ma, io!.. orimai!… so’ vecchia!…   dunque!..

UGGENIA, GEMMA e BENIAMINO: Dunque?!..

FILOMENA: (c.s.)beh!.. chissà si la proposta è sempre valida!.. e, po’,nun so che ne pensa ‚l sor Torquato!…

GIOACCHINO: (si avvicina a Filomena e le prende le mani)Filomenamia, certo che la proposta è sempre valida!…

TORQUATO: Per me, nun te devi preoccupa’!… la decisione la devipija’ tu!…

GIOACCHINO: (sempre tenendogli le mani)Allora?…

UGGENIA, GEMMA e BENIAMINO: Allora?!..

FILOMENA: E allora!.. Va bene!.. te sposo!..

GIOACCHINO: (abbracciandola)quanto so’ contento!..(tuttiapplaudono contenti)

FILOMENA: Però, a una condizione!.. che possa veni’ ogni tanto aservizio dentro ‘sta casa!..

TORQUATO: se è d’accordo Gioacchino, per me nun c’è problema!..

GIOACCHINO: tutto quello che voi tu, tesoro mio!..

UGGENIA: Porco monno, ji l’emo fatta!… tutto è bene quel che finiscebene!..

TORQUATO: Mica tanto!.. io, pensavo d’ave’ sistemato la cavalla!..

invece, ho sistemato la fija e la serva!.. la cavalla, m’è rimasta sul gozzo!..

Pazienza!..(suonano alla porta) Mo, chi è?!..

UGGENIA: Apro io!..(apre la porta, entrano Righetto, zoppicando eNarciso con la mano fasciata)


35


SCENA ULTIMA

(Righetto, Narciso e Detti)

RIGHETTO e NARCISO: (entrando)Do’ sta ‘l padrone?…

UGGENIA: (vedendo il marito che zoppica)Che hai fatto Righe’?…

RIGHETTO: Oh, ma tu stai sempre di qui?.. che devo ave’ fatto!.. m’hadato ‘na zampata la cavalla!.. pozzi pijaji ‘n corbo!.. sta bestiaccia!…

UGGENIA: Uuh, poretti noi!… de sicuro eri ‘mbriaco, no?!… come alsolito!..

NARCISO: Veramente stea a aiuta’ da me, che co’ ‘sta mano nun pozzofa’ gnente!..

RIGHETTO: .. quella bestiaccia maledetta, tutto insieme s’è girata e marifilato ‘n cargio!… E pe' fortuna che m'ha preso de sguincio, sinnò, addio Righetto tuo!…

UGGENIA: Iiihh!… ma tu senti!… E dove t'ha chiappato?…

RIGHETTO: Ecco ve'...proprio di qui....(indica la coscia interna,sotto

l'inguine)... pensate, quattro dita più sù e...(breve fischio e gesto con la mano) ce vedemo!..

UGGENIA: E, tanto!… poco danno avrebbe fatto!..(raggiunge Gemmae gli altri sul divano)

TORQUATO: (che nel frattempo si è avvicinato)Ma tu senti che robba!..Me dispiace, Righe?!… (a Narciso, indicando la mano fasciata) Anchi a te, la cavalla?…

NARCISO: (mostrando la mano)Si, che te pozzi murì avvelenata!… conun mozzico, momenti me la stacca!… Sentite sor Torquato!... voi m'ete da fa' 'n piacere!...

RIGHETTO: Anchi da me, l’ete da fa!…

TORQUATO: Diceteme, diceteme pure!...

NARCISO: Ve lo dico col core su le mano!… Cercate d'appioppa' laGemma a quarcuno!.. Detela dal primo cojone che ve capita!.. perchè io nun ne posso più! Nun ne vojo sape' più gnente de 'sta cavalla!..

RIGHETTO: Manco io sor Torqua’!…Perché io, da Righetto ji vojobene!… Ete capito?… Di qui le cose so' due!.. o fori essa da la stalla...o fori noi!.. è diventato più pericoloso che sta' al fronte!..

TORQUATO: Calmi!.. calmi, che la risolvemo 'sta questione!..(mimica,guarda Beniamino che ride e beve conGemma, Filomena, Gioacchino e Uggenia, sul divano)

NARCISO: Ma subito, però!.. Subito!..

RIGHETTO: Senza manco perdece tempo!…

TORQUATO: Subito, subito, state tranquilli!… Beniamino!...

BENIAMINO: Sto di qui, papà!..

RIGHETTO e NARCISO: (sorpresi)Che v'ha detto?.. Papà?!..

TORQUATO: Eh si!... E’ 'l futuro genero mio!..

RIGHETTO  e  NARCISO:  (sempre  più  increduli)  Ma  chi...quello?..

Quel broccolonelì?!..

TORQUATO: Oh, da essa ji piace!.. Che devo fa’?..


36


RIGHETTO: Contenta essa!…

NARCISO: Eh, già!..

TORQUATO: Senti, Beniami’!…

BENIAMINO: (avvicinandosi)Diceteme!...

TORQUATO:Senti!.. io Gemma, te la faccio sposa’!... ma a unacondizione!..

BENIAMINO: (sorpreso)Che condizione?..

TORQUATO: Le devi pijà tutte e due!.. Sennò, gnente!..

BENIAMINO: Come sarebbe, gnente?... ma che è ‘no scherzo?..

TORQUATO: No, no!.. nessuno scherzo!..devi pijà anchi la cavalla!..

BENIAMINO: Ma io la cavalla ce l'ho!..

TORQUATO: La darai a tu' padre!.. pe' ‘sto prezzo, 'na bestia comequella è praticamente rigalata!…

BENIAMINO: E va bene!.. La governerà mi' padre!..

TORQUATO: C'ha  qualche   vizietto,  ma  alla fine, che voi che sia!...

Tu comunque, spiegaji tutti i rimedi che t'ho 'mparato!…

BENIAMINO: Si, si, ce penso io!.. A mi padre, ji dirò che ji doveo porta’‘na sposa, ma per colpa d’un equivoco, ji porto la sposa e la cavalla!..

NARCISO: Oh, meno male!.. Speramo ch'avrò finito de tribola'!..

RIGHETTO: Che avremo finito!.. de tribola’!..

GIOACCHINO: (avvicinandosi aBeniamino)E cusì, caro giovanotto,con un colpo solo te si preso du’ Gemme!..

FILOMENA: Si!.. un diamante e ‘na patacca!..

BENIAMINO: Si, però Io da la cavalla je cambio 'l nome!... la chiamoUfemia!..

TORQUATO: E perchè Ufemia?

BENIAMINO: Perchè mica la vojo scambia' co' la moje anchi a casa

mia!

UGGENIA: C'ha ragione, poro potto!…

FILOMENA: E certo!.. Come sarebbe!... chiama la  moje e, 'nvece...

(nitrisce) j'arisponne la cavalla!… Beh, nun me pare 'l caso!.. (ridono tutti mentre si chiude il sipario)

FINE DELLA COMMEDIA


37

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 13 volte nell' arco di un'anno