L’eredità

Stampa questo copione

L’EREDITA’

2004

COMMEDIA IN DUE ATTI

DI

RAFFAELE CAIANIELLO

 ‘L’eredità’ è una commedia che non si distacca dalle altre per le tematiche ricorrenti ma il messaggio proposto è dato con un tono alquanto ‘serioso’, in modo divertente ma non troppo: possiamo dire che l’autore si propone in una veste nuova, meno comica, per suggerire che nella vita i soldi non sono tutto e che ciò che arricchisce veramente le persone è la condivisione che solo la generosità d’animo può concepire ed attuare. La superstizione la fa da padrona… L’ignaro parente iettatore tenuto alla larga da tutti alla fine riuscirà a guadagnare l’amore della sua bella ma soprattutto vinceranno la generosità e l’onestà. Una serie di intrighi porta a conoscenza dello spettatore la situazione di una famiglia che cerca in tutti i modi di sbarcare il lunario, imbrogliando… onestamente! Da parcheggiatore abusivo a sensale di matrimoni a ‘jucatore de tre carte’, il padrone di casa cerca comunque di insegnare ai propri figlioli principi sani: lavoro innanzitutto. In questo arrangiarsi giunge la notizia di una grossa eredità da parte di un parente poco dabbene, un malavitoso arricchitosi con la ditta del ‘caroestinto: dal produttore al consumatore’. E’ il senso di onestà, la coscienza, che salva i congiunti dai raggiri dall’avvocato che ha elaborato un piano per accaparrarsi la società. E’ tangibile la tensione dei protagonisti che devono decidere e dare una risposta al legale ma le persone buone e perbene lo sono sempre, in ogni situazione, anche se ‘imbrogliano’ per campare, ed è così che si fa largo la coscienza: cercano disperatamente di liberarsi della gravosa eredità fino a quando trovano un accordo con l’avvocato stesso ma proprio l’ingordigia di questo e la sua cattiveria portano il parente jettatore a… pensare a lui mentre va via!!! Alla domanda che la padrona di casa  a se stessa ed agli altri: ‘Scegliere in una bilancia dove in un piatto si trova la ricchezza che puo cambiare completamente, la vita, le abitudini di tutti e può farci navigare nell’oro come zio Paperone e sull’altro piatto la miseria, quella di sempre!’ segue la risposta del marito che suggerisce la scelta di vita con la sua semplice filosofia: ‘Voi pensate solo alle ambizioni della ricchezza, alle passioni sfrenate, ai bagordi, a non voler ascoltare la coscienza! Quando non si sente più quella vocina di dentro che ti dice:  questo è male non lo devi fare, allora è finita, va tutto a catafascio. Si perché io ho gia capito!: vuie penzate e sorde! Ma a decidere aggia essere sule je e nisciune cchiù!’. Ed è in questo abisso che si ‘apre’ la commedia portando al lieto fine. Con il giusto pizzico di fortuna che scaturisce, manco a farla a posta, dalla forza della jettatura… 

L'EREDITA'

FRANCESCO     ACCIARINO

GELSOMINA    sua moglie

SALVATORE   figlio

MARIA             figlia

VIOLA sorella di Gelsomina

ARMANDO  fidanzato di Maria

ALFONSO  padre di Gelsomina

VINCENZO  MORTELLA   Cugino di Alfonso ( jellatore)  

GIACINTO PALILLO  avvocato

MIMI ’         scapolone

ROSA

DON CARLO

LAURETTA

CARMELA  vicina di casa

1° ATTO

Casa di  Francesco Acciarino, salone con   due porte laterali, una finestra a prima quinta, ammobiliata  

in stile moderno,Francesco é in poltrona a leggere il giornale. Gelsomina a sistemare i fiori

FRANCE: spettacoli, cultura,  oh ecco quà, sport. Eh eh povero Napoli!  si prospetta n'ata batosta,   e anche quest'anno dobbiamo soffrire

GELSOMINA: devi soffrire Francè! io da domani in poi faccio a modo mio, tu te ne vai a vedere la partita? ed io me ne vado al cinema, e basta non se ne può piu, e ogni domenica la stessa storia, esci di mattina  , ritorni , mangi e poi sparisci, quando torni tutta tv ed io qui ad annoiarmi, si ho deciso , da domani vita nuova, a me la partita non mi piace e allora me ne vado al cinema con le amiche,

FRANCE: ( si alza posa il giornale)ah,ah, cinema? e dove, qui non c'è, e i soldi dove li trovi i soldi! Ca nun tenimme l’uocchie pe chiagnere , nun sapimme comme avimme affruntà sta situazione do fidanzamente e Maria e tu te ne viene cu cinema e e teatro  e po..po  non mi risulta che qualcuna delle tue amiche sappia portare l'auto per andare fuori ed è miliardaria . e poi non hai pensato a Salvatore e a Maria; se pure tu esci loro che faranno?

GELSOMINA: ma perchè  ti si mai preoccupato e chelle ca fanne quando sei via?

FRANCE: che c'entra , so che stanno con te e allora. . .

GELSOMINA: e allora sò passate vint'anne Francè’, vint'anne, e ormaie si nun te ne sei accorte ,sappi ca escono da soli, non hanno bisogno dell'accompagnamento ( entra  Salva ancora in pigiama)

FRANCE: a proposito ma dormono ancora, ma come  con la luce del giorno non…..

 SALVO: La prima luce del giorno è quello che serve ad aprire gli occhi alla speranza. A letto bisogna starci quando si è malati e soltanto se c'è l'ordine del medico. L'inattività è una malattia... Babbo, l'abbiamo imparato a memoria.

( si butta sul divano e sbadiglia ) buon giorno gente, è pronto o caffellatte?

FRANCE: eh eccolo quà , mange ,dorme, e stà a spasse da matina a sera, e questo vuole fare

SALVA: e che debbo fare, fosse  che il lavoro non lo cerco, io lo cerco… ma non lo trovo!

FRANCE: Salvatò  la verità è una sola il lavoro  che piace a te non l'hanno ancora inventato, ma guardalo, vent'anni, vent'anni buttati sul divano e sui marciapiedi del paese.

GELSOMINA:  e lascialo stare possibile che ogni mattina è sempre la stessa storia, se ha detto che stà cercando , vuol dire che stà cercando, e prima poi lo troverà, ecco il latte a mammà caldo caldo e ci sono pure i biscottini, non t'arrabbiare quello papà non è cattivo , fà così ma poi. .( Salvo fà il cucciolone)

FRANCE:  m a poi sempre va a finire che lo ciacco se non vede  quello che deve fare ( si avvicina a Salvo)  hai capito, tu una strada la devi prendere non puoi restare a guardare.

SALVA: ho capito, stamane prendo la strada principale,quella che porta al bar sport

FRANCE: Bada che quella porta pure al fiume eh... facci un pensierino, così ti si sciacquano le cervelle. Ricordati un uomo si realizza solo se ha un lavoro. E quando dico lavoro mi riferisco a lavoro onesto.L’onestà soprattutto!  Lavoro ed onestà?Ma insomma, vi rendete conto che qua ogni giorno si dervono riempire quattro bocche e due forni! Due figlioli impertinenti! (Alla moglie) Ecco cosa ci siamo tirati su: due figli che non ti rispettano... che ci prendono per il bavero!... Due vecchi, siamo diventati! Due vecchi da buttare nel sacchino della spazzatura! O da spedire all'ospizio insieme al quel vecchio scassamnbrelle di tuo padre!

GELSOMINA: ma se tu avessi un lavoro continuativo,stabile,arrengeremmo pure noi come tante altre famiglie ,invece….ma ti pare che si puo portare avanti una famiglia come la nostra facenne o posteggiatore abusivo,nonché o sensale e matrimonio! e pe campà simme costrette a fa ogni juorne e gioche e prestigie ormaie è un continuo pellegrinaggio  o santuarie de diebbete ,  ecco che cosa è addiventata la nostra casa.

MARIA: ( entra anche lei in pigiama) Salvatò guarda un pò ( gli porge una rivista) leggi quà sotto

SALVO: ah quà sotto! <Zanise:oggi, ore 18 in piazza Roma  sagra della mozzarella, potete degustare . . .azze e questa non si può perdere

MARIA: Salvatò, non qua sotto, ( indicando con il dito) quì Salvatò, quì

SALVA: ah, quì, lavori socialmente utili, eh no! sono lavori che non fanno per mè, grazie  ma preferisco la mozzarella, e poi scusa, tu mi ci vedi sotto il sole a tagliare l'erba, a potare la piante, a spazzare la strada, io sono di costituzione delicata, posso solo fare lavori di concetto, io sono nato per pensare.

FRANCE: e allora pensa che ti butto in mezzo alla strada se non vedi che devi fare eh capito! lavoro di concetto! seh, e quale sarebbero questi lavori

SALVA: pensare, ideare, la pubblicità,si potrei lavorare per la pubblicità

FRANCE: per la eminflex  al posto dell'elefante

SALVO : eh papàa  avete sempre voglia di scherzare, lo sapete fino a quanto si può guadagnare?  oggi per uno scoop intelliggente ideato per una grande ditta , miliardi!

MARIA:  se  lo scoop  è intelligente certamente non sarà stato ideato da te!

SALVO: (Di rincalzo) è si a parlate a principessa sul pisello. tu inutile che sogni a occhi aperti e che aspetti c’arriva il principe azzurro (A Maria) Aiza ‘e piede e vide pure tu che è fa!

MARIA :(Leggermente imbarazzata) Papà dice che è bello aspettare… Dice che l’attesa è come l’oasi nel deserto della vita!

GELSOMINA:Peccato che Lui o trove  sempe  senz acqua! (Con disgusto) Chest’è ‘a casa d’’a gente  c’aspette.Tuo padre aspetta che il mondo si accorge di lui è e le danne nu posto e lavoro…E intanto stracce e porta annanze! Tuo fratello aspetta  ca le purtene o poste e lavore fine in casa…e intanto dorme! Tu aspiette ‘o principe azzurro…e intanto suoni! o nonne aspette ca se magne sempe!mia sorella aspette l’anima gemella,chiste  è brutte,chille è belle e rimmane sempe zitelle

FRANCE: ah si e tu che faie

GELSOMINA Io aspetto ancora un poco e po’ ve lasso a tutte quante e me ne vado.

ALFONSO: (entra dalla comune con un pigiama a strisce lunghe ma con giacca,bombetta in testa, camicia i cui lembi fuoriescono dalla giacca eborsa da spesa in mano) Gelsomì, io scengo nu mumento, haie bisogno ‘e quacche cosa?

GELSOMINA: Papà, ma addò iate cumbinato accussì?

ALFONSO : pecchè comme sto cumbinato?

MARIA: comme state cumbinate? Ca ascite ca cammisa e o pigiame!

ALFONSO (guardandosi le gambe) Uh, ‘a capa, ‘a capa, avite ragione ma c’aggià fa quanne me sente o stommache vacante  ‘sarravogliene e cervelle e me scorde pure e me mettere e mutande . A proposito, ma quanno se mangia?( si siede) 

FRANCE: ovì ca te diceve  è scise l’atu furne!

SALVA  mo nò, è ambressa, è ambressa!

ALFONSO  E’ ambressa? (facendo atto di dargli un manrovescio sul muso) Je quanne tenche famme l’orologio nun o guarde!… e fatte e fatte tuoje si no abbusche pure

SALVA: ohe ma cher’è? me vonno vattere tutte quante int’’a ‘sta casa! E sule perchè ce mancane e sorde! ah comme fosse belle se improvvisamente sulla gente povera e miserabile comme a nuie piovessero dal cielo cibi e provviste di ogni genere

FRANCE:  e invece a Pataterne te cadè sule l’acqua pe te sciaqua’ e cerevelle

VIOLA  (entra con i pantaloni di Alfonso) ecco qua papà, ma ve site nzallanute!ma comme e vuie  vulite ascite co pigiame a strisce

ALFONSO:  nzallanuta ce sarraie tu, e capite, ma comme ti permetti! esco comme me pare vabbuò! e  fatte e fatte tuoie (prende i pantaloni e li infila)

GELSOMINA: nun accuminciame mo  sà! che po ce vo a mano e nostro signore pe fa fernute!. (squilla il tel.e Viola va a rispondere)

VIOLA: Pronto!chi? si è in casa, ve lo passo subito! Francè, è per te, un certo avvocato..Palo.. boh, Palillo

FRANCE: e che  può volere da me  un avvocato,che può volere da un integerrimo      lavoratore come me, ca nun tene diebbete cu nisciune,e nun fa male a na mosca e..…

GELSO: seh… che dice nu cuofene e fesserie e fa debbite une coppa a nate

SALVO: e chille e diebbete so comme a rogna chiù ti gratti e chiù s’allargane

FRANCE: avimme accumincià?e vedimme nu poco po! Passame o telefone! pronto!Si,si sono io,mi dica ah,certo(si avvicina Gelsomina) beh ma era un lontano parente,come dite?ah si, si ma non abbiamo avuto mai contatti diretti con lui e.. e  va bene vi aspetto( si avvicinano tutti gli altri)  a fra poco, si,si,arrivederci!

GELSOMINA: beh si può sapere che voleva!

FRANCE: ci ho capito poco e niente

VIOLA: ma comme Francè e tu si state tutto stu tiempe  o telefono e nun e capite niente

FRANCE: e tu staie sempe mmieze ca vuoie sapè!niente! non mi ha spiegato niente! mi ha solo chiesto un’appuntamento e verrà qui fra poco!

VIOLA: e com’è?

FRANCE: (infastidito) cosa, chi com’è?

VIOLA: ma l’avvocato!

FRANCE: ah Violì e comme si scocciante,e chi o canosce!

VIOLA: ma comme, tu ce parlate pe telefono e nun o canusce?

FRANCE:  e si quello il telefono teneva pure a telecamera.  Siente Violì famme nu favore nun accumincià! Tu t’avisse mettere a fa a civetta pure quanne vene chiste!

VIOLA: dipende! si e nu tipo interessante e soprattutto scapolo, perché no! io primme o poi mi debbo sistemare!

GELSOMINA: è certo quella si deve sistemare!e volesse il cielo che succedesse!

VIOLA: ma cherè? me tenite ncoppe o stommache?

FRANCE: nooo!  E si fosse accussì c’avesseme purgate tutte quante!la verità mia cara Violina è che tu e perze o tram, ma chi vuo ca s’interessa a te,40 anni e tiene na bellezza nunce  sì, e sorde te mancane…l’unico ca tene a debbulezze pe te nun o vuoi…saie ca te diche…. Statta a casa

VIOLA: nun te preoccupà,ieri agge fatte na bella pensate. Agge fatte scrivere n’annuncio ncoppe o giurnale:  piacente  quarantenne nubile e nulla tenente conoscerebbe scopo matrimonio persona pari età gentile ed onesto.e ci ho messo anche l’indirizzo di casa.quanto a tuo cugino dincelle ca me se scordasse, nun fa pe me!S. Pascale Bailomme,protettore delle donne,mannammille nu marite ,belle,tuoste e sapurite!

FRANCE: Pure!Violi’ ma allora tu si scema!  Ih ca bell’annuncie ca e fatte! Nullatenente!!!e chi vuo ca s’appresente,sule nu sceme te se po piglià! E po tu nun si nullatenente: tu tiene a patete!

VIOLA vuo dicere tuo suocero! Chille  cio putimmo spartere mieze a pedune!

ALFONSO: eh si ! so fatte nu babbà ca me se spartene

VIOLA: e po meglie nu sceme pe marite ca chillu iettatore e tuo cugino. Mo dice ca ce facesse cu nu mammalucche e chella manera

SALVO: (finito la colazione si alza) io per esempio….

FRANCE: tu statte zitte!(si sentono le voci fuori della portinaia ed  di un uomo) e vaie a vedè chi è!(Salva esce)

ALFONSO:  Salvatò,m’arraccumanne si è o  bariste nun te fottere  e babbà! (A Francesco) l’agge telefonate pe me e fa purtà frische frische nzieme a nu bellu cafè!

GELSOMINA:  a pensate è bona! ce sta sule nu piccule problema! Chi  paghe!

ALFONSO: io pago io! Me so rimaste ancora qualcosa da pensione e stu mese e io modestamente so signore!

FRANCE: ah… beate chi a casa  si tene  nu cane ca nun tene parole

GELSOMINA: ma mo a vulimme fernì v’avite scurdate ca ogge venene e famigliari   e Geppino Per conoscere a famiglia e Maria?

FRANCE: ah si! E a nuie ca ce n’importa!

MARIA: papà! Maria so je , e si nun me sbaglie o capa da famiglia  mia site vuie!

FRANCE: eh, o principe azzurre se decise? e  comme ca je nun sacce niente?

GELSOMINA : Francé so passate doie settimane ca ci hanno avvisati

FRANCE: ahe da tanne e mo me vuo fa arricurdà sti cose, ma tenimme almene qualche cosa da offrire o facimme e fiurelle comme al solito

GELSOMINA: niente è fernute pure o cafè!Violì, famme o piacere  scinne nu poco abbascie e fattenne prestà nu poco do guardaporte.(esce Viola)

FRANCE: Marì ma tu a questa gente che cosa gli hai detto di noi?

MARIA: ho solo detto che siamo una famiglia perbene e tranquilla e che papà tiene un certo conto in banca

GELSOMINA: e le ditte nu cuofene e fesserie!

SALVA (entra di corsa) cataclisma e distruzione! E no! e je l’ultima volta m’agge fatte quinnece jorne e spetale, ve salute esco pa fenestre e ce vedimme stasera. Anze dimane!( si guardano tutti con aria sorpresa,poi..)

MARIA: je me ne trase dinta a cammera mia e tanne esco quanne zi Vicienze se ne ghiute!(esce)

GELSOMINA: madonna Francè sta arrivanne tuo cugino Bicienzo!  !

FRANCE: embè!  cher’è tutta st’agitazione? nun accuminciamme nata vota cu sti fesserie da iettatura!

GELSOMINA:e addio pure o fidanzamento e Maria, ma comme Francè, tè  si scurdate ca succedette l’ultima vote ca è venute ccà?

FRANCE:Coincidenze, pure coincidenze!

GELSOMINA: ma quali coincidenze! La povera Viola,stava finalmente per combinare il matrimonio con  il vicino di casa quando a quel poveretto ,mentre sorseggiava il tè insieme a lei gli è venuto un colpo ed è rimasto paralizzato, il povero Salvatore è scivolato su una buccia di banane e si è slogato la caviglia,a me mi è scivolato la bottiglia del cognac dalle mani e ti ho rovinato il vestito nuovo.Al povero papà, gli è venuto una indigestione che per poco non ci restava!e il povero Giovanni che si trovava qua per combinazione,ha perso il posto sul comune. E tutto questo in una giornata! E tu mi parli di coincidenze?

FRANCE:  destino,disattenzioni,ingordigia,incapacità gestionale! vi agitate per niente, mio cugino è solo un poco sfortunato ecco tutto!(suona il campanello)non agitatevi vado ad aprire io!(si alza e fa per andare)

VIOLA( entrando) ne ch’erè tutta st’ammuine ve sentite a lla fore

FRANCE: niente..sta arrivanne Vincenzo e stanne già tutte agitate, e stateve quiete e pe piacere!

ALFONSO: Francesco ha ragione non agitatevi, basta non farsi vedere e uno sta tranquillo, je mo venghe! (si alza e va via)

GELSOMINA: bene e allora vidatelle tu! io e Viola siamo uscite e non torniamo prima di stasera, non ci teniamo proprio a farci colpire dalle sue sfortunate coincidenze!   

FRANCE: basta. ( Va verso la moglie)Finiamola una buona volta con queste illazioni. Io non vi permetto  più di parlarmi così di mio cugino, che solo a nominarlo (inciampa e stà per cadere) accidenti ai tappeti!io li odio e tu li piazzi dovunque! Dunque ,che solo a nominarlo mi si spezza il cuore! Ma non vi fa senso, non vi desta pietà,pena? vedere come la gente lo allontana temendo quali disgrazie possono capitare solo a vederlo! chi si attacca alla fontana chi al palo della luce  chi si gratta le parti basse! È un povero disgraziato, ecco cosè veramente!Dicerie di paese e false superstizione ecco di cosa è vittima!(risuona il campanello)

GELSOMINA: basta!calmati…stai tranquillo non dirò piu niente!  però ognune ha le sue idee! Mo va arrapì si no se bruce pure o campanielle! (Francesca va per aprire e Gelso si avvicina aViola) , ma nun te piace Vicienzo! E falle stu sforze! chille a ditte ca si spose nata vota,parte pe l’america e se ne và addò o zio industriale e tu addeviente “na signora americana”

VIOLA comme si malvagia sora mia! ma comme chille le so morte già doie mugliere pe disgrazia e a me me vuo fa addiventà  a terza disgraziata?

GELSOMINA (canzonatoria) uh ma ca dice chelle so state sule coincidenze !(entra                                                                                                       Vincenzo)

FRANCE: viene ,entra Vincè! ah è il cielo che ti manda

VINCENZO:  ( sulla porta) no! Veramente so e trecentomila lire ca t’agge prestate

FRANCE: e nun e penzà mo ,statte calme e nun e penzà e sorde

VINCENZO: non posso Francè, je a quei soldi ci sono troppo affezionate

FRANCE: Vincè mo nun è cose ,guardame facce!,ca vide?

VINCENZO: a facce e une che nun me vo dà!

VINCENZO: ah! !  ah! Nun te pozze dà! ma dai trase mo!! Maria,Viola; guardate chi è venuto a trovarci!

ViNCENZO: (vestito scuro e molto affranto quasi timoroso) cara,Gelsomina,Viola amatissima,  come state?

GELSOMINA: fino a mò na meraviglia

VIOLA:ma po sapite,ponne succedere e coincidenze e allora…

FRANCE: siediti Vincè,siediti,le signore qua hanno sempre voglia di scherzare!allora come và? A che devo la fortuna di averti qui! Ne è passato del tempo ma che fine avevi fatto eh..(fuori si sente una frenata di una macchine e una botta) cosa è successo? Avete sentito…. una botta!

GELSOMINA: niente sarrà stata na coincidenza! (Suonano alla porta Gelso va ad aprire)

CARMELA: (entra trafelata) Francè,… io…mannaggia(prendendo fiato)

FRANCE:! Donna Carmè, che è state? Ancore pe chille quate sorde ca vaggia da? Guardate ca nun è cosa, avitece pazienza forse tra una  settimana, sempre  potendo eh  

CARMELA: niente… niente,  nun sto ca pe sorde ma pe ve dicere ca nu camion  ha sbandate e si è infilato dinto e o purtone e…

FRANCE: e…parlate!

CARMELA: e.. ha distrutte na machina nova vostra!

FRANCE: Qua  machina!! Parlate!

CARMELA: A…machina vostra..nun è bona cchiù!

FRANCE: (correndo fuori seguito da Carmela), madonna! la macchina nuova del ragionier Casillo che ho preso in prestito abusivamente

GELSOMINA: Lui! non può essere stato che lui! e Francesco che si ostina a non credere alla sua potenza occulta!

VIOLA: e mu vulive fa spusà a me?

GELSOMINA:e vabbè che centra puteve pure essere ca doppe spusate andandovene in america che si trova  tutta all’incontrario  dell’italia,si capotava pure la sfortuna

VIOLA: eh si! e quella è  fatta una frittata che si capota!

VIOLA: nonsignore ragiona! Qaundo qui è giorno,in america è notte: chesto o saie no?e accussi si ca mo chille porta iella,in america avesse   porta furtuna,no?

VIOLA:sarrà,ma è meglie ca me sta luntane!(rientrano Francesco Carmela e Vincenzo)

GELSOMINA: che è stato Francè, a macchina se fatte male assaie? È grave?

FRANCE: no cosa e niente! appena la portiera rotta, il parafango distrutto, e  tutti i vetri frantumati. Raffaele  o purtiere  ha già chiamato  il carro attrezzi per portarla via e io aggià vedè comme aggià fa pe spiegà al ragioniere comme a machina soia  invece e se truvà parcheggiata vicina a scola steve dinte o purtone mie!

VIOLA 😮 Gesù e addò a portane ( esce per andare a vedere)

FRANCE: o spedale! a portano all’ospedale!  E mo statte nu poche zitte!

VINCENZO: mi dispiace,sono veramente desolato che questo brutto episodio  sia avvenuto proprio quando sono arrivato io.Vedete cosa succede? Capitano queste coincidenze negative e la gente non perde occasione di addossarmi la responsabilità dell’accaduto!ormai tutto ciò che accade di negativo nel circondario in cui mi trovo mi viene addebitato.Ognuno si sente in diritto di dare sfogo alla sue manie, alle sue suggestioni, alle  proprie stupide supertizioni.Ognuno giustifica  la sua stupidaggine,la sua inferiorità intellettuale,la sua malaccortenza per ciò che gli accade e  incolpa un suo simile di  iettatura  rendendolo  infelice e avvelenandole l’intera esistenza.

FRANCE: ma cosa dici non ti preoccupare, io no sono certo il tipo da credere a queste stupidaggine da mercato.piuttosto mo me procure  nu paie e testimone  facce in modo ca dicene che la macchina è stata spostata da due balordi vicine a portineria e vedimme e apparà a situazione

CARMELA: sentite viste ca sto  ca ve ricorde ca

FRANCE: guardate donna Carmè parliamone ma

CARMELA : ma so due anne ca ne stamme a parlà. C’avimme dicere chiù? E mo vi do a natale , po aspettate vi do a pasqua , passa pasqua e vene natu natale e po nata pasqua. Don Francè agge viste nascere,  morì  e resuscità Gesù Criste quatte vote ( si fa il segno della croce) ma nun agge viste na croce e sorde.

FRANCE: ma io mica ve li sto negando

CARMELA:non me li state negando ma neanche me state dando, questa è l’ultima volta ca vo diche : si pe pasqua  prossime nun me date facce veni o terremote anzi il diluvio universale. Stateve buone (esce)

FRANCE: (: a  Vincenzo) nun te preoccupà,tutte s’aggiuste a fore ca a morte!

VINCENZO: la morte! Si  quella,appiana tutto e tutti mette allo stesso livello … a chi primma e ….a chi doppe ..Permettete? Vado in bagno (esce) suona campanello e Francesco va ad aprire)

FRANCE: ( entra con Mimì ) scusate qualcuno in questa casa ha bisogno del fioraio?

GELSOMINA: no e po chi a chiammate !

FRANCE: e diglielo tu a questo signore  che ha tanto insistito

MIMI’: mi dovete scusare ‘o signore non mi ha capito, io ho detto il fioraio per darmi”nu tone pazziarielle, per via che sto un po imbarazzato ( accennando timidamente al giornale)

FRANCE: ohe!  questa  è una casa  rispettabile Guardà llà, ih che tipe, sta mbarazzate trase dinta a casa mie e … se porta pure o giurnale… qui non ci sono  cessi pubblici! Fuori!   

MIMI’: aspettate, ma che avete capito, io  son venuto in questa casa a cercare un tesoro dolce e profumato. Io cerco un fiore!

FRANCE: un fiore? Neh sentite andate via pecchè nu tenimme nanco nu sorde a ve dà

MIMI’: ma io non voglio niente, io cerco una donna che tiene il nome di un fiore 

FRANCE:Gelsomina?( guardando la moglie)Voi cercate, ah!hai capito questo cerca te!

GELSOMINA: ma chi ‘o canosce!

MIMI’: (inginocchiandosi e porgendo i fiori) oh dolce creatura, sogno mio incantato…mi prostro ai tuoi piedi e mi ti offro anima e corpo e….  sentite ma chiste nun se ne po je?

FRANCE: eh e ma pigliate po serve da   casa!

GELSOMINA: sentite..come vi chiamate..avizateve a terra e spiegate ca vulite

MIMI’: oh che sbadato, non mi sono presentato, permettete, Domenico Cafiedo ma per voi  angelo mio… solo  ..Mimi’

FRANCE: siente Mimì  cafiede ora basta! ti do quattre secondi pe dicere ca vuoi truvanne a mugliereme

VINCENZO: (entra e osserva la scena)

MIMI’:  (a Gelsomina ) ma scusate  voi non siete la viola appassita ca  a fatte l’annuncio ncoppa o giurnale

GELSOMINA: Viola appassita?no! io so’Gelsomina!

MIMI’:   ( a France)  e  tu m’he date nu  sciore pe n’ate ( fa per andare)

GELSOMINA:  aspettate addò iate? Mo agge capite vuie chi site; chella m’ha ditte pure

MIMI’: ma chi?

GELSOMINA: mia sorella!

VINCENZO: come come, Viola avrebbe fatto un annuncio sul giornale!

 GELSOMINA: beh vedi..Viola…e Francè dincelle tu!

FRANCESCO: je! e c’agge dicere!si chelle tene a cape a schiovere che ce pozze fa!

VINCENZO: ma allora…oh povero me, misero me, tutti tutti contro. Un perdente ecco cosa sono un perdente anche nell’amore…ma io lotterò .si Violina sarà mia o di nessuno!

MIMì:  (in tono canzonatorio)  questo lo vedremo caro mio eh eh. Se vi avesse voluto, non avrebbe fatto l’annuncio . ed io per ciò sto qua eh …pe…me sistemà

GELSOMINA: peccheste nun ve preoccupate , na sistemazione l’avite sicure….

FRANCE: sentite fate una cosa ,ore non è il momento,non mi sembra il caso e…insomma è meglie ca ve ne jate

MIMI’: non prima di vedere la mia “Viola appassita” e io pecchesto sto cca, e che facce me ne vado e lasse campo libero a chistu cca’

VINCENZO: Ma come vi permettete, che insolenza!

GELSO: addio povero fioraio!

VIOLA: (entra vede Mimi con i fiori in mano) oh che belli! Per me?

MIMI’: si mio dolce fiore,lasciate che vi guardi e vi ammiro,io..!   (mentre fa un passo avantiper porgere i fiori inciampa sul tappeto  e cade a terra) ahia che male ,che male! La mia gamba!

GELSOMINA: ?o sapeve! è cadute o fioraio!ma tu guarda a combinazione!

VIOLA:  oh poveretto cosa vi siete fatto

FRANCE: venite vi aiuto a sollevarvi

MIMI’: no non mi toccate, chiamate un medico,ah la mia gamba ,la mia gamba!

FRANCE: venite su vi aiutiamo noi , vi portiamo giù e Raffaele il portiere provvederà ad accompagnarvi all’ospedale  Vincenzo dammi una mano ( lo alzano ,lo sorreggano e lo portano fuori )

MIMI’: addio mio bel fiore..tornerò,,tornerò!( via)

 GELSOMINA: Violì e pure questo è andato! Te rassegnà! O te piglie a Vicienze o a nisciune!

VIOLA: Mai, hanne ferni prime tutte l’uommene coppo o munne prime ca me piglie a isse!

GELSOMINA: e nun te preoccupà  ca Vicienze e sisteme a tutti quanti   

VINCENZO: (Entra con Francesco)  ma tu vide nu poche  a volte  o destine !o pover’omme che l’aveva succedere, comunque ti ringranzio caro cugino!io avrei voluto fare a meno di farti visita, oltretutto se poi penso a  ciò che è successo l’ultima volta che son venuto a trovarti,ma ho dovuto perché un certo avvocato Palillo mi ha dato appuntamento qui e poi perchè ho bisogno di sfogarmi pure con qualcuno se no impazzisco e allora ho pensato a..

FRANCE: a me eh ed io ti ringranzio eh..!  e d’altra parte tu chi hai; hai… solo me..e  Io poi figurati se  credo a queste cose,anzi io ti rispetto e ti difendo da tutte quelle vergognose illazioni che fanno  nei tuoi riguardi. E ti giuro ca si potesse ,cummigliasse  a vocca e tutti quanti cu carte e cientimilalire ma…. vabbè. ha proposito Vincè me lo rifaresti un altro prestito di centomilalire?

VINCENZO: ma comme je venghe pav’è e tu me ne chiede ancore! (guarda il viso scuro diFrancesco)e… e va buò e se non li presto a te  a chi li do eh..poi tu un giorno sempre me li darai non è vero?

FRANCE: e certo ..un giorno sempre te li darò eh. Grazie ,grazie Viciè!.

GELSOMINA: e si...aspetta ciucce mie ca……

FRANCE: ca è meglie ca te staie zitte!

VIOLA: (facendo segno a Gelso) Gelsomì, mentre i cugini parlano, perché non finiamo di sistemare quelle faccende?(escono)

VINCENZO: Francé ti ricordi l’ultima volta che ti ho detto di aver conosciuto uan certa Rosita Ercolano?

FRANCE e come no!eh me ne raccontasti di crude e di cotte! Casanova!

VINCENZO:si Casanova! ma intanto nun riesco ad essere simpatico a tua cognata ah!ma torniamo a Rosita

FRANCE: a chi?

VINCENZO: a Rosita!je sto dinte e guaie e tu mi dovresti fare un piccolo favore ed io queste centomila lire…. te le regalo (tira fuori il portafoglio)

FRANCE: (seguendo con gli ochhi le centomila che gli sbandiera davanti ) ma io pe cientamila lire te ne facce tre e favore! Dimmi

VINCENZO:dunque … devi sapere che questa Rosita Ercolano è si una bella donna ma ha pure un carattere troppo difficile ed è per questo motivo che voglio lasciarla.

FRANCE: e allora stai a posto glielo dici bello bello: senti Rosita tu tiene nu carattere e merde e nun putimmo je d’accorde perciò….

VINCENZO: e già! Comme si fosse facile. Purtroppe agge già fatte o sbaglie! Per levarmela di torno agge ditte ch’ero gia spusate.

FRANCE:ah e allora staie a poste  tu a chi devi rendere conto

VINCENZO: Francè ma chelle ha ditte che se vo vendicà e che  mi avrebbe mandato a casa sua sorella che fa l’attrice di varietà a sputtanarmi con mia moglie

FRANCE: e a te che te ne importa! Si spusate tu? Tiene a mugliere tu?

VINCENZO:no!e appunto per questo! Si chelle manna a sora e se ne accorge ca nun tenche mugliere ,me l’aggia spusà pe forza .altrimenti me spare!Francè aiutame je l’agge date l’indirizzo tuo, je l’agge ditte che chesta è a casa mia e l’agge date pure o nummere e telefone!

FRANCE :Viciè ma tu che cancare me combinate e mò?

VINCENZO: (sbandierando le centomila) Francè…aiutame

FRANCE:eh è comme si fosse facile! Dime na cosa quante avesse venì a sore e cheste a te ….sputtanà!

VINCENZO: domani , Francè domani Alle dieci!

FRANCE: e allora è facile! Domani farò in modo che Gelsomina e Viola se ne vanno a fare spesa  a Caserta  e accussì apparamme a situazione, chelle vene te fa a sparate e fernisce a questione. così

VINCENZO: ah! e a chi a fa a sparate si a mugliere nun a trove?tante valeve ca le deve l’indirizze da casa mia! Qui ci vuole una donna! Tua moglie Francè, ci vuole tua moglie!

FRANCE: tu si pazze! Accussì po pierde Filippe e o panare!chelle po o dice a Viola e tu ce pierde ogni speranza. Nun te preoccupà  ce mettime  d’accorde cu Carmela a portiere. Chella è vedova e pe… ventimila lire te facesse pe mugliere pe tutta a settimana!

VINCENZO. Allora stamma poste! M’arrraccumanne domani alle dieci!( mette il portafoglio intasca) 

FRANCE: Viciè e cientemila lire! E…e  pure e ventimila!

VINCENZO: ( riprende il portafoglio) giusto!ssss zitte ( sisente un rumore di passi  sono Viola e Gelso che rientrano gag delle centomila) m’arraccumanne ..acqua in bocca cu Viola

GELSOMINA:Francè ma dico io questo avvocato doveva venire proprio oggi che venene a gente e  Geppino?nun puteve venì dimane! Pechhè nun o teliefene  e cio dice!

FRANCE: nossignore! Ha detto che era urgente e po o tel. suoie nun o tenghe, tu nun te preoccupà quante vene se ne parla: Viciè sai che facimme jammuncenne nu poche dinte o giardine e quante vene gente ce chiammate ( escono)                  

VIOLA: No in giardino no! povere sciure mie!

GELSOMINA: siente in attesa della tempesta, je mo vache a pulizzà a cucina tu  sistieme nu poco stu soggiorno  e si vene l’avvocato avvierti tu a chille duie!(esce)

VIOLA: (si affaccia al balcone) maronna mia! povere sciure mie!(campanello)vuo vedè che chiste  è l’avvocato!( si aggiusta i capelli si da una rassettata e va ad aprire) prego, si accomodi lei è?

GIACINTO: (sulla cinquantina,ha occhiali spessi e fatica a muoversi, tipo alquanto disordinato e curioso) sono l’avvocato ho un appuntamento con il signor Francesco Acciarino

VIOLA: (tendendo la mano) piacere!  Io sono la sorella,Viola Esposito,(fa smorfie) nubile!

GIACINTO(si avvicina ad un appendiabiti e da la mano ad una manica di un cappotto) piacere Giacinto Palillo ( con fare curioso) celibe!

VIOLA: no.no prego io sono qua (e gli da la mano)  madonna!  Voi siete celibe?

GIACINTO Uh Gesù! E che c’è di strano!

VIOLA: Oh per carità proprio niente!però che combinazione!

GIACINTO ah certamente! Voi nubile ed io celibe! Però  eh.. che bella combinazione,entrare in questa casa e incontrare un bocciuolo di rosa cioè volevo dire ..di viola  come voi

VIOLA: oh via signor avvocato voi mi adulate.io un bocciuolo? Non sono certa più una ragazza,certo (pavoneggiandosi) sono piacente e….(appare salvo dalla finestra)

GIACINTO e interessante! (con fare dongiovannesco) ah che donna interessante,bella,(si avvicina a Viola che è rimasta mezza imbambolata e le prende le mani ) simpatica e…

SALVO (dalla finestra) pssss… pssss.. A zi!’!

VIOLA ( si scuote come da un sogno e,) scusate, è mio nipote (va verso salvo) Salvatò ma insomma!

SALVO chèr’è? ho interrotto forse  qualche cosa?

VIOLA (visibilmente seccata):niente! nun è interrotto niente! ma che vuò?

SALVA  Attila addò stà?  Tengo o tiempe e trasì in camera senza ca me vede?

VIOLA: stà dinto ‘o giardine  cu  patete;anze mo o chiamme ca è venuto… il signor Palillo… ,l’avvocato  ca stevene aspettanne

SALVO: agge capite facce nu salte in camera e po ci vedimme acchiù a tardi doppe ca Attila ha lasciato il campo di battaglia!!ciao!

VIOLA:  scusate signor Palillo, allora vi chiamo subito mio cognato (esce)

GIACINTO: (accompangnandola) Giacinto prego,per voi solo Giacinto.

ALFONSO(entra e vede Giacinto sulla porta con la borsa in mano) ah finalmente e tante c’avite mise?

GIACINTO: veramente sono stato puntualissimo

ALFONSO: ma che puntualissimo  avevo detto alle nove e mo (tira fuori l’orologio dal taschino) e mo so e 10 e meze

GIACINTO: ma veramente…

ALFONSO: va beh va…mo fa ambresse, jamme addò o tiene  tirale a fore

GIACINTO: ( sorpreso e impacciato) ma veramente…

ALFONSO: fa ambresse ca si vene nepoteme ,iamme, addò o tiene  caccia fore

GIACINTO: si si è tutto nella borsa

ALFONSO: dinta a borza? agge capite o tiene o caure e forza mo a chi aspiette a tirarle a fore!  

GIACINTO: ma signore che modi sono questi!un po di rispetto per un professionista!

ALFONSO:ah ah o professioniste do…babbà, ne famme o piacere e fa ambresse si no  te scuteleie (avvicinandosi ccon fare minaccioso)aho è insomme, tire fore!

SALVO( entra ) cherè né ca succede!

ALFONSO:  eh !succede ca stu piezze e cancare nun vo caccià  babbà a parte a fore!

SALVO: e pe forza! ma ve pare ca chiste tene a faccia e tene ‘o babbà! 

ALFONSO: ma  pecchè che facce tene? si ha ditte ca teneve tutte dinta a borza? forza tira a fore  stu babbà ,che aspiette che se ne va e rancide!

GIACINTO: ma come v vi permettete! Io sono l’avvocato Palillo  e non un pasticciere ( entra Viola)

VIOLA: papà salvatò! Ma che diavole è succiese

SALVATORE : niente a zì! O nonne a pigliate avvocate Palillo po caffettiere

MARGHE: madonna mia papà che figure!

ALFONSO: qua figure, io che ne potevo sapere che questo …pallino era un avvocato!

GIACINTO: Palillo prego  e adesso se non vi dispiace (rivolgendosi a Viola) desidererei parlare con vostro fratello.

VIOLA:  certo certo arriverà a momenti intanto accomodatevi qui (mostra il divano) Tu e Papà facite na cosa prima che arriva Attila jatevenne dinta a camera vostra ca appena arrive o caffettiere ve porte tutto io ( il padre e Salvo se ne vanno sbuffando  mentre entra Gelso)

GELSO : buongiorno! l’avvocato Pa..

GIACINTO : (alzandosi) Palillo,signora per servirvi

GELSO: prego, prego accomodatevi. Mio marito arriva subito, intanto gradite qualcosa

GIACINTO: beh veramente prenderei una’aranciata se…

GELSOMINA:  un ‘aranciata e (guarda Viola che fa segno di no) noo e l’aranciata a quest’ora  fa male  sarebbe meglio una birra (Viola fa segno di no) no la birra no,  è pesante ..allora una orzata (Viola fa segno no  e suggerisce   mimando una  limonata) ee…ho trovato una cosa semplice e fresca! Una bella limonata!

GIACINTO:  si si va bene

GELSOViolina  fammi il piacere  preparala tu che sei brava va va! (esce con riluttanza) dunque signor avvocato come mai è venuto a trovarci

GIACINTO Violina che bello ..Violina emmm..   veramente è una cosa un po delicata e preferirei che ne parlassi direttamente a vostro marito

GELSO; su via almeno qualcosa a me sono la moglie lo potete dire, sapete noi donne siamo sempre così curiose,

GIACINTO: ma vedete..

GELSO:  e su signor avvocato mi dica almeno  l’argomento…( lo guarda con insistenza) allora..

GIACINTO : e va bene, ma mi raccomando  ssssshh… si tratta di un atto a favore di vostro marito semprechè……

GELSOMINA: semprechè….avvocà ! e parlate!

GIACINTO: semprechè sussistono o si  avverano determinate condizioni!    

GELSOMINA: avete detto atto a favore di mio marito se si avverano o sussistono determinate condizioni? ahhh allora aspettate non vi muovete..(  si affaccia dalla finestra) vincenzo, Vicièèèè curre, curre  a casa hanne telefonate e vigile se sta allaganne tutta quanta, va curre ( l’avvocato segue tutto con curiosità) Francè saglie subite coppe si no perdimme o trene  curre. Curre! Curre!!

GIACINTO: signora ma cosa succede.si sta allagando il paese forse? Eppure non ha piovuto

GELSO: no niente avvocà! Quella è venuto la portiera ad avvisarmi che al signore che sta con mio marito gli si è rotto il rubinetto dell’acqua ( entra France)

FRANCE: ma insomma che succede.,è o vero che a casa e Vicienze se sta allaganne?

GELSO: e ehh e comme no! Francè qua ci sta il signor avvocato ( sottovoce) Francè Vicienze nun po sentì ehhhh  ehhhhhh

FRANCE: oh mi voglia scusare signor avvocato non l’avevo neanche visto . prego accomodatevi, prego ( si seggono  sul divano) allora ditemi di che si tratta. Non vi nascondo che sono un po turbato.sapete quando viene a casa vostra un avvocato , uno si sente sempre un po preoccupato,anche se la coscienza è tranquilla

GELSO.ah se è per questo ora siamo veramente tranquilli

GIACINTO: dunque voi siete il signor..

FRANCE: Francesco Acciarino per servirvi

GIACINTO: bene! un vostro zio in america e precisamente il signor Aniello Acciarino

FRANCE: no!… per favore non lo nominate perché io con i gangster nu ce voglie niente a spartere. Io sono una persona onesta! Voi …

GIACINTO: voi cosa?  , io caro signore, sono un professionista e considerato che quello per cui sono venuto non vi interessa, posso  anche andare, mettetemi una firma su questo documento e tutto è fatto!

FRANCE: fatto cosa ? voi non mi avete ancora detto niente!

GIACINTO: ma come io avevo appena cominciato a parlare che un vostro parente,,

FRANCE: no! faciteme o favore nun me l’avite annuminà, je cu chillu signore nun ce voglie avè accheffà

GIACINTO:avete visto? Voi non mi fate andare  avanti e allora me ne torno indietro e…. addio all’eredità!

FRANCE: quale eredità,state pazzianne, eredità…

GELSOMINA: eredità? ma insomma Francè o vuo fa parlà? ( fa un cenno a France di starezitto ) parlate avvocà!

GIACINTO: Dunque! Vi stavo dicendo che questo vostro parente…ma il signor Mortella non c’è? Mi aveva dato appuntamento  qui ,considerato che anche lui deve essere presente eh

GELSOMINA: ah volete dire  Vincenzo

GIACINTO: Si ,il signor Vincenzo Mortella eh pure lui deve essere presente altrimenti non posso leggervi il documento, in fondo è anche lui nominato nel testamento

FRANCE :Testamento? Agge capite buone avvocà?

GIACINTO: avete capito bene! il  grande vecchio, come dite voi , il gangster  è morto ed ha fatto testamento e sono qui per esprimere le sue volontà ed eventualmente  essere il vostro consigliere …amministrativo,come per tanto tempo lo sono stato per il signor Acciarino quindi fate in modo di far venire qui il signor Mortella altrimenti sono costretto ad andarmene.

FRANCE; no,no pe carità non vi muovete, lo faccio venire subito,intante  pigliateve a limunate eh je mo subbete venghe!(entra Viola con la limonata) Viola a limunate! Versa a limunate all’avvocate! (esce)

VIOLA: (Versando la limonata) prego signor Palillo

GIACINTO: oh ma vi prego..(un tono vezzoso) Giacinto,… Giacinto!

GELSO:Giacinto? Così vi chiamate? J che bellezza tutte e tre facimme nu giardine!(suonano alla porta e va ad aprire)oh! Ma..siete voi?

MIMI’: ( appare Mimì con inmano un mazzo di rose e con un piede fasciato e si aiuta con un bastone) si,eccomi qui! Dov’è? ,dov’è il mio bel fiore

GELSO: ehh… ed è arrivate o fioraie!

VIOLA: oh carissimo! Venite son qui,come state, accomodatevi sul divano,prego!( si siedono)

GIACINTO: (a Gelso)  è il signor Mortella?

GELSO: ( verso Giacinto) no,no, abbiate pazienza è un amico di mia cognata!

GIACINTO: (lo guarda con sospetto)e porta i fiori bah!( a Gelso) è il fidanzato?

GELSO: noo è uno che l’ha conosciuto un’ora fa!

GIACINTO: ah allora  è un pretendente?

ALFONSO: (entrando) neh ma stu chiaviche do bariste nun è venute ancore

GELSO: ehh , che vi debbo dire, forse..( entrano Francesco e Vincenzo) Oh finalmente

FRANCE: eccoci qua! ( a Vincenzo che intanto ha notato Mimi’ e Viola sul divano) Vieni Vincenzo che ti presento al signor avvocato; Vincenzo! Mah ….ahhh ..ehhhhh e ci risiamo!

VINCENZO: ( va verso  i due sul divano) Ma voi state ancora qui? Siete già guarito?

MIMI’: e caro mio , ci vuole altro per mettere K.O. a Mimi’ Bellapanza!o forse voi pensavate ca cu na piccola buttarelle o pede m’avesse ricoverate o spedale!eh si e lassave  appassì stu sciore belle vicine a vuie!

VINCENZO:ah ma pe chi me pigliate, ma come ti permetti, evidentemente nun saie cu chi avaie accheffà,io te facce….      

MIMì: (inalberandosi) ma chi si ,chi te canosce, je nu te penze proprie!Cumpà.. o saie che te diche?chi se mette a paura nun se cocche che femmine belle e je nun me mette paure e nisciune! 

VINCENZO: ah si e allora puozze…

FRANCE (velocemente verso Vincenzo) zitte Vincè  zitte pe carità, viene lasso o stà, nun fa niente pe carità, viene che te presento l’avvocato ca ci deve parlare, poi…e capite! Poi…..eh

VINCENZO: e va buò, ma arricurdateve buone ca prime o poi ve ciacche! ( segue France che lo prende sottobraccio)

  FRANCE. Oh caro avvocato mo simme al completo putite parlà, questo è Vincenzo Mortella!

  GIACINTO: bene ( apre la borsa ed estraie una busta ) Ora io provvederò ad aprire la busta sigillata contenente le ultime volontà di vosro zio.Chiaramente  gia le conosco considerato che

Proprio le ho redatte poco prima che vostro zio rendesse l’anima a..

FRANCE: o diavole! (l’avvocato lo guarda brutto)No vuleve dicere mammaggia o diavolo!

ALFONSO: ma insomma stammatine nun se mange?

VIOLA(ìntervenendo) Papà e nun facite o scucciante venite cu nuie dinte o giardine ja! Facitece compagnia nun o vedite ca stane parlanne e cose serie

ALFONSO: e o babbà?

GELSO: appene o portane te chiamme, va, va! Fa compagnia a tua figlia

ALFONSO:   e ghiamme . ma tu vide o pataterne ie a sittantanne agge pure mantenè a cannela a chesta! ( escono)

GIACINTO:oh, a questo punto aprirei la busta ma  mio malgrado,tenuto conto della delicatezza del documento devo  pregare la signora qui presente di lasciarci soli.

GELSO: ma comme je so a mugliere!

FRANCE: Gelsomì, agge pazienze; va pure tu dinte o giardine ; va , va ca po te diche. Si no chiste nun dice chiù niente

GELSO: e va be! Ce vedimme avvocato… (esce)

Giacinto Oh! (comincia ad aprire la busta) dunque ..ah ecco qua! Leggo testualmente il documento recante le ultime volontà di vostro zio redatto dal notaio in mia presenza . Leggo?

FRANCE E VINCE: (all’unisono) liggiite avvoca!

GIACINTO: bene…io sottoscritto Aniello Acciarino, in piena facoltà mentale dichiaro quanto segue: lascio il mio intero patrimonio  e in parti indivisibili ai miei due nipoti Francesco Acciarino e Vincenzo Mortella, a condizione che portino avanti e dirigono la mia azienda: qualora non accettino l’eredità questa passa automaticamente ad una comunità parrocchiale  cristiana che sarà indicata a loro piacimento in compenso del perdono e a risarcimento del male che ho fatto su questa terra..in fede Aniello Acciarino: in allegato poi c’è la descrizione di tutto il patrimonio.

FRANCE:  avvocà, mica so diebbete?

GIACINTO:diebbete? Signori miei…..il patrimonio di vostro zio è….

VINCENZO e FRANCE: è….

GIACINTO:  in contanti… un …..miliardo di dollari e … poi c’ è l’azienda!

FRANCE: Viciè…( una mano sul cuore)

VINCENZO: Francè…(una mano sul cuore e si abbracciano)

FRANCE:  e l’azienda…. , l’azienda in che consiste

GIACINTO:è una grande azienda! Con succursali in tutto il mondo

VINCENZO: e noi come faremo a portarla avanti, non abbiamo esperienza ma almeno diteci che tipo di azienda è!

GIACINTO: nulla di più facile, basta avere fegato e coraggio!e poi ci sarò io che so già tutto…e la dirigerò per voi!. È un’azienda di POMPE FUNEBRI!

FRANCE: pompe funebri?

VINCENZO: pompe funebri!

GIACINTO: esattamente!vostro zio era un dirigente veramente all’altezza e la società è cresciuta ed è diventata un punto di riferimento per tutti quelli che desiderano commissionare un servizio pulito, sicuro e perfetto  e al di sopra… di ogni sospetto.

Il motto della società è infatti: oggi vivi ,domani morti!

FRANCE. Io..io forse non ho capito bene, scusate avvocà, ma  di questa azienda …non ne potremmo fare a meno ..la cediamo incassiamo il liquido e…tanti saluti a zio Aniello:

GIACINTO: eh no!o tutto o niente! Ma voi per l’azienda non vi dovete preoccupare, c’è tutta un’organizzazione che  da vent’anni funziona come un orologio svizzero!tutto è schematizzato e collaudato.

VINCENZO: cioè. funziona da sola?

GIACINTO: da solo proprio no! Ecco..arrivano le commissioni, voi le autorizzate…una piccola firma..e all’esecuzione e al perfezionamento della pratica ci pensa…. l’organizzazione.in poche parole…come dice il nostro motto (ridendo sarcasticamente)  ahhh eehhh  il vivo diventa morto! e il tutto con cerimonia in chiesa e trasporto salma al cimitero..ahhhhahhhh

FRANCE: voi ..voi state dicendo che noi…( con tono di terrore) Viciè e capite chella agge capite pur’je?

VINCENZO: France…

GIACINTO: avete capito bene! Voi dietro commissione  autorizzate l’assassinio e l’azienda si interessa dell’esecuzione! O tutto…o niente!o tutto  alla chiesa! PENSATECI BENE O PEZZENTI, O MILIARDARI!Ahhha ahhh

FRANCE: ( una mano al cuore e uno al petto) madonna ! (e sviene)

VINCENZO:Francè!… madonne! ( sviene pure lui!)

GIACINTO: che gente e paglie ih! Mancu nu pile do zie! (affacciandosi alla finestra) signore, aiuto  aiuto, accorrete ,accorrete!

GELSO  :Madonna è muorte mariteme, è muorte mariteme! (lo scuote e niente) madonne, è muorte mariteme.

FRANCE: (riprendendosi) niente niente sta passando, zitta , zitta per carità, prima ragioniamo e poi..vevimme c’amma fa!

GELSO; mamma mia e che paura Francè! Ma l’avvocato c’a ditte?

FRANCE: doppe .parlammo doppe…Viciè!….

VINCENZO ( rinvenendo)Francè!…

FRANCE: eh…ce penzate, ce penzate buone? Ca dice?

VINCENZO ( fa cenno ammiccando) Francè je c’agge penzate  ma tu…te si scurdate ca..ogge… Francè ….Rosita…

FRANCE: Rosita?…ah..madonna… e chi ce penzave chiù, e comme se fa?

VINCENZO: e mo dice a me!

FRANCE:  e e..commme vene cia pigliammo , mai chiu nera da mezzanotte  po essere.

ViNCENZO: e  sarrà nera chiu da mezzanotte!

FRANCE: eh, e nun te putive sta zitte mo ( bussano) madonne, ovilloco ovì! ( entrano Don Carlo Rosa  e Armando) eh e chisti pure m’aveve scurdate speramme ca se ne vanne ambresse si no ..è na tragedia!

MARIA: (introducendo gli altri) accomodatevi, venite, vi presento mia madre il  padre Carlo, …mammà… questa   è  donna Rosa Annunziata e questo è  Armando …e questo è..zio Vincenzo ( presentazioni)

GELSO:  (sottovoce a France)  ,ma o pate è  e nu monache ? ( France fa un gesto)

ARMANDO: ahh ahh  padre Carlo è  mio zio  e dirige un orfanotrofio e mia madre lo aiuta in questa caritetevole  attività.

FRANCE:  Maria ci ha detto che voi siete dottore ..  così giovane!

ARMANDO: si mi sono laureato presto e ho già dei clienti

GELSO:  ah bene!

VINCENZO: e a nuje nu miereche in casa pure ce serve!!

FRANCE: (da un colpo a Vincenzo come a farlo stare zitto) venite accomodatevi,la casa è un poco piccola ma accogliente

GELSO: sapete a noi le case grandi non piacciono,e poi per pulirle ce ne vuole e sei costretta ad avere camerieri per casa .per non parlare  poi dei  giardinieri  ( Maria ed Armando si defilano e parlano fra loro )

FRANCESCO: preferiamo stare nel piccolo  e stare tutti assieme

ROSA: oh non vi preoccupate ,noi apprezziamo solo onestà  e buona  educazione …e…se poi c’è anche sostanza…intendo… soldi, un bel corredo, qualche pezzo di terrra,delle rendite, qualche buona azienda bene avviata….

GELSO ah si  na bella azienda ,e comme no  la stiamo proprio per  procurarcela

P. CARLO:  state per avere  una bella azienda

VINCENZO: eh! e pure bene avviata! A proposito zi prè ma vuje e celebrate e funerale

P.CARLO:  veramente fratello siamo venuti per..matrimonio

VINCENZO: però…. in seguito….

GELSO:  (a Vincenzo ) ma ti pare questo il momento di chiedere certe cose

FRANCE:  Vincenzo! e ti prego!

VINCENZO: era per l’azienda nel caso… sa tutto in famiglia!

FRANCE:   all’azienda pensiano dopo

ROSA: no ..no ditemi è una  bella azienda ,ditemi di cosa si tratta

GELSO: sarà una sorpresa non vogliamo anticipare niente ma vi assicuro che renderà tantissima e avrà un grande giro di affari

FRANCESCO: e siamo certi che Armando ,avrà molto da fare  nella nostra azienda

VINCENZO: e come no! Si va in porto  pure vuje zi prè! Si fa tutto iun famiglia!

P. CARLO: ah, bene, sapete io e mia sorella Rosa,siamo ormai alle soglie della vecchiaia  e vorremmo vedere il nostro caro Armando   ben  sposato in modo che un domani  anche io e mia sorella ci possiamo sistemare a dovere

FRANCE:per  la vecchiaia  non dovete preoccuparvi a sistemarvi ….ci pensiamo noi. Anzi ci pensa Vincenzo

P. CARLO:e allora sia fatta la volontà del signore, chi ha tanto ,deve essere anche generoso verso chi ha poco E allora offriamo signora … offriamo!

GELSO: si capisce..( chiama Viola) Viola  porta il caffè

P. CARLO: no…  io dicevo offriamo.. ai poveri . Sa noi dirigiamo un orfanotrofio e quei bimbi sono tutti figli di povera gente  che li ha abbandonati.Perciò se avete un’azienda potete donare ai quei poveretti un po' di felicità

GELSO: ma certo e poi  i poveri  da noi sono di casa , vanno e vengono   e fino a chè il Signore ci aiuta noi… daremo!

P. CARLO : ah provvidenza che provvidenza ( suona il telefono)

FRANCE: ( si alza come colpito da uun presentimento e va a rispondere) pronto? No,no avete sbagliato.questa è un’altra casa, non chiamate più.(torna a sadere)

GELSO: chi era caro?

FRANCE: niente ,uno che aveva sbagliato, sa..a volte capita!

GELSO: allora che dicevate  (risuona il telefono) rispondo io

VINCENZO:  no ,no lascia ,ci penso io  ( va al telefono) ma no stai stai, pronto, avete sbagliato di nuovo e non ci scocciate più .Avete capito bene? Non chiamate più!ahhh

FRANCE: e speriamo che non scocci più!

GELSO: tesoro, calma non ti innervosire

FRANCE: no mia cara, sono calmissimo

ROSA: (a  Padre Carlo) hai visto come è gentile? si preoccupa per il marito

GELSO: sa signora cara,ci vogliamo bene come se fossimo sposati ieri

DON CARLO: ma si vede subito, voi non siete come certe famiglie di oggi :tradimenti ,liti,separazioni..

GELSO: per carità! Non mi ci fate pensare, che cosa terribile!

ROSA: pensate, io sono rimasta vedova per ben tre volte e non ho mai tradito un marito, anche solo con il pensiero!

FRANCE:  tre? .. e pe forza! Puverielle  Nun l’ha manche  dato o tiempe e penzà  ca subbete..

ROSA: come prego?

GELSO: no, quello mio marito voleva dire, che poveretti non hanno potuto neanche pensarlo una cosa del genere..

FRANCE: (fra se) so muorte prime!

ROSA : e come facevano ,io sono stata sempre una donna fedelissima!

GELSO: e che volete fare  e la vita.(suona il citofono) se è quello che ha sbagliato numero ora ce ne dico quattro

VINCENZO: vado io! ( va a rispondere) pronto.. no.. noo… niente! ca nun ce sta nisciuno Vicienze!  Va via!!Ahh ( chiude) e chesta nun a fernisce!.. ( a France in disparte )  Rosita nun vene ma ha ditte che mo   manne  n’attrice e varietà  ca manche canosche  pe me sputtanà nnanze a mugliereme

FRANCE: (guardando il cielo) nnanze a muglierene vuo dicere! e sai che casine si vene! Ahia…

DON CARLO: ma si sente male?

FRANCE: no  tenche nu prurite al sedere

DON CARLO:  vi fa male?

VINCENZO: si…si.  ha le emorroidi

FRANCE:  speranne ca chiste  se ne vanne ambresse! Si no so dulore

ROSA:  comunque noi siamo pronti per il matrinomio ( ad Armando ) vero Armando

ARMANDO: prontissimo mammà!

 ROSA: Maria ha detto che avete già pronto  il corredo

GELSO: ah il corredo ?   ma certo!   ma  per il momemto abbiamo comprato solo le cose necessarie sa … tanto tempo dinta a cascia  la roba si rovina

ROSA:  e avete ragione e poi quando ci sono i soldi si fa tutto e subito!

P. CARLO:   eh la provvidenza..la provvvidenza

GELSO: Maria vieni facciano vedere il corredo a tua suocera Francè noi andiamo di là..,viene Armando… vieni anche tu ( esce con Rosa ,Maria ed Armando)

 VINCENZO: meno male un po di tregua ma  forse ha scherzato e non viene nessuno ( suona il citofono

FRANCE: l’hanna fa e pompe e glicerina! ( bussano al citofono)  ! madonna!

DON CARLO: sempre sia benedetta

FRANCE  :     vincè vai ad aprire ( fa per entrare e Vincenzo non visto da Carlo la spinge indietro)  madonna!

DON CARLO : sempre sia benedetta!

CARLO: ma  chi è  fuori la  porta?

FRANCE: no,no niente…una che ha sbagliato…che ha  sbagliato indirizzo ( Vede Vincenzo spingere fuori qualcuno e che  poi torna a sedersi )  madonna!

FRANCECARLO: sempre  sia benedetta!  ( nessuno si muova e ribussano ) ma qualcuno vada ad aprire

 FRANCE: ( si alza, va verso la porta. Apre e tenta di chiudere subito) non è nessuno

LAURETTA: ( spinge ed entra. Giovane ,  indossa una gonna cortissima e una camicetta osè ) ma quando mai, io sono qui  eh!. ( entrano Rosa e Gelso)

FRANCE( torcendosi come un serpente)  madonna!

DON CARLO: ( si alza in piedi sconcertato )sempre sia benedetta!

LAURETTA: ( si guarda intorno ) dov’è il mio orsacchiotto

GELSO: orsacchiotto?

FRANCE: ma cu chi parle? Ah si…figlieme è asciute

LAURETTA: ( va verso France ) ma  sono io .ma comme nun me canusce chiù..orsacchiotto  mio?

ROSA 🙁 tenta subito di coprire gli occhi con una mano a Don Carlo)

FRANCE: ma chi è cheste?

LAURETTTA:comme chi so ! (si avvicina accarezzandolo) ‘o tigrotte mio , o pesciolino,’o passerottino bellille, l’orsacchiotto mio!

ROSA:  Ma cheste tenesse  nu zoo?

FRANCE.: noo cheste è appena asciuta a dinte o manicomie. Vincè cheste vo a te!

LAURETTA: ah… siii. ( va verso Vincenzo abbracciandolo ) È Lui! E’ Lui il mio orsacchiotto!

VINCENZO:  ma quale orsacchiotto Ma chi te canosce!

LAURETTTA: ma staie pazzianne! Je tenghe ancore  e livide de pizzicotti tuoie

GELSO: ( prende la chitarra di Salvatore e la imbraccia a mo di clava) noo!  Cheste  è pazze

VINCENZO: ma quali pizzicotte!  Quali lividi!

FRANCE:  (verso gli altri )  .. ( a Don Carlo) Padre cheste è possedute do diavule!

LAURETTA: ( scoprendo una ganba proprio sotto gli occhi di Don Carlo il quale si arretra ) ah si .e chiste che so allora?

DON CARLO: ( chiudendosi gli occhi) signore  Iddio che scandalo !

GELSO: è la fine del mondo! ( entrano Armando e Maria )

FRANCE: aspettate, aspettate, ragioniamo con calma.ah..ah mi sento  male, fatemi sedere

LAURETTA:(  andando da Francesco) il povero lupacchiotto mio!

FRANCE:  e ferniscele cu stu lupacchiotto  ( indica Vincenzo ) ovvì là addo sta o lupacchiotte tuoje

LAURETTA: (  va da Vincenzo e gli si butta addosso) oh mio porcellone

GELSO: ma insomma Vincè a canusce o no a sta nvasate!!

DONCARLO: calma calma perl’amor del cielo!

VINCENZO : (svincolandosi da Lauretta) ma je nun a sacce, nun a canosche

LAURETTA: overe? Tutte  juorne  a casa mia, mangiave ,beveve , me spugliave e me vesteve e mo nun me vo spusà! E je percio so venute cca po svergognà nnanze a muglierete

GELSO: ma quala  mugliera?

LAURETTA:  ah gia mo agge capite tu si a mantenute soja

GELSO : Neh grandissima zoccola , ma che staie dicenne?

LAURETTA: a me zoccule? E tu chi si? ah agge capite .si  Gelsomina chella ca so mantene

ROSA: andiamo via subito da questa casa!

GELSO: je  a mantenute e Vicienze?

VINCENZO : è   pazze.. è pazze!

LAURETTA: je pazza?  ( a Gelso)  certamente site vuie! Vincenzo ma ditte ca isse nun è spusate e  tu a faccia e mantenute e da svergognate a tenite!

ROSA: oh madonna!

DON CARLO: sempre sia benedetta!

GELSO: ( agitando la chitarra  e fa per colpire Lauretta mentre questa si da alla fuga) ah e mo o vedimme! ( si gira versoVincenzo  che comincia a scappare in cucina) addò vaie tu ( gli corre appresso)

DON CARLO:andiamo via , andiamo via!

ROSA: si si, Andiamo 

MARIA:  ( piangendo) ma no aspettate è tutto un equivoco! ( entrano  e si scontrano con  loro  Alfonso Mimì e Salvo mentre rientrano Vincenzo  e Gelso che corrono per la casa)

ALFONSO : ‘o terremoto, ‘o terremoto, fuimme fuimme!

  Cala il sipario

FINE PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

La scena è quella del primo atto, France è sul divano con la testa fra le mani, Gelso cammina su e giu nervosamente,,Viola,seduta su una sedia, dall’esterno si ode una canzone  allegra intervallata con un messaggio pubblicitario.

GELSO:  Non è possibile ,,nun è possibile!….per piacere chiude nu poche sta finestre ca nun me fire e sentere  a nisciune  (Viola chiude la finestra e la musica siinterrompe mentre  France beve nervosamente  in un bicchiere posato sul tavolino) je nun ce pozze penzà ( alza gli occhi al cielo) ma comme tu dinta a vita toia e accise, rubbate,mbrugliate mieze munne e l’unica vota ca putive fa na bon’azione,che faie ,ce mitte dinta a na situazione che solo a pensarci mi viene da inorridire! E nu cristiane comme  fa a non pensarci, na famiglie e muorte e famme comme a nuie ca dall’oggi è domani si trova davanti ad una scelta  così drammatica!  Scegliere in una bilancia dove in un piatto si trova la ricchezza che puo cambiare completamente, la vita, le  abitudine di tutti e puo farci navigare nel’oro come zio peperone e sull’altro piatto la miseria, quella di sempre!

FRANCE: calmati, stai calmo! Vedimme se è possibile fare qualcosa senza ca ci’ammmiscamme dinte a chelli brutte cose ca ditte l’avvocato

GELSO: Francé l’avvocato è stato chiarissimo! O tutto o niente!

VIOLA: e si nuie ce dicessimo : avvocà,a nuie l’aziende  do zie nun ce  interessa ,pecchè nun va pigliate vuie! Nuie prime ce pigliammo tutte cose e po ce tenimme sule e sorde e l’azienda ve la cediamo a voi e ne facite chelle ca vulite.

FRANCE : j che bella penzate! Nuie prime ce pigliammo tutte cose e po cedimme l’azienda è ovè?

GELSO: e nun è na bella penzate!

FRANCE : certamente! Sule ca o siconde juorne  l’azienda ha trovato nuovi clienti …!tutti quanti noi!

VIOLA: madonna Francè!

FRANCE;maledetto!

GELSO: e Vicienze… Vicienze  ca dice..

FRANCE: ca dice? Sta  a casa che scolle fronte comme a me! C’adda dicere?

GELSO: doppe chella c’ha fatte s’ammeritasse  a forca! e ai ragazzi ? nun diche a papà pecchè è nzallanute! Ma e ragazzi nun ce  vulimme dicere niente?, nun vulimme sapè comme a penzene?   

FRANCE: niente ! nun hanne sapè niente!nun ce putimmo mettere nu pise coppa a coscienze pure a loro

GELSO: già a cuscienza!

VIOLA: a coscienza! Ma sta coscienza l’avimme tenè sule nuie? Ma pecchè nun riunisce  tutta a famiglia e sentimmo a voce da coscienze e tutti quanti!

GELSO: a ragione Viola Ha ragione tutta a famiglia l’adda sapè! nun puoie cumannà pure e coscienze e l’ate

FRANCE- Stiamo calmi. Stiamo calmi: ragioniamme. Una volta il marito era il capo della famiglia, comandava tutto; poi hanno cambiato il codice civile e marito e moglie hanno diritti uguali: mi sta bene. E se i figli son maggiorenni, possono intervenire anche loro sui problemi familiari: e mi sta bene anche questo!ma tu ( aViola) che c’entri tu!Ma vidite  nu poverommo, che in fin dei conti, si da tanto da fare, si consuma a lavorare come un dannato, pe campà  figli,, moglie cainate e genero per dare loro una posizione, per non fargli mancare nulla... alla fine, la bellaricompensa:.essere additato come un tiranno. E tutto questo perché? Per non voler aver dar retta ai principi più saggi della vita. No! voi pensate solo alle ambizioni della ricchezza,alle passioni sfrenate, ai bagordi, a il non voler ascoltare la coscienza! Quando non si sente più quella vocina di dentro che ti dice: questo è male non lo devi fare, allora è finita, va tutto a catafascio.Si perché io ho gia capito!: vuie penzate e sorde! Ma a decidere aggia essere sule je e nisciune cchiù!

GELSO: e allora sbrigate a scegliere, pecchè je nun cia facce cchiù cu sta tragedia

FRANCE: Si è na tragedia!…e avesse vulute ca st’avvocato nun fosse maie venute a purtarme  a tentazione dinta a casa… ma tu ce pienze? Nu miliarde e dollare, palazzi ,piscine,crociere , servi,e che vita ,che vita!

GELSO: che vita si ne fusse capace!ma tu……

FRANCE : Gelsomì , ma a ma pe chi me pigliate

GELSO: pe une ca nun è mai capace e piglià na decisione, specialmente quante se tratte e decisione ca te ponne cagnà a vita!

FRANCE:ecco qua mo accumince a darme velene!

GELSO: velene? E quale velene, chiù e chelle ca me piglie  je ogni juorne , aspettanne ca finalmente  ne schiare une diverse! Macchè niente! E juorne passane e tutte è comme prime, tu  continue  a  mbruglià pe campà  e accussì,disperate simme e disperate rimmanimme

FRANCE : a verità è n’ate! È che tu e perze a stima verso di me  e so sicure ca si putisse me cagnasse pure pe marite

GELSO:si e raggione ma nun cu n’ate omme! Te cagnasse cu n’ate te  stesse  ca steve  dint’a  fantasia mia e che po nun agge truvate cchiù!

FRANCE: e tu te cride ca è facile pe n’omme ,essere comme na femmene so sonne ?

Nun tutte putimme essere come  gli eroi ca vulesseve, nun tutte putimme essere , Garibaldi, l’Orlando furioso,Casanova o Indiana jones, cheste so fantasie ca ve mettite ncape vuie femmine!

GELSO:ma io vun vuleve tutte cheste! Indiana jones no! ma manche pullecenelle! Ca ride ,mbroglie pe campà e quante se tratte e piglià na decisione ca le po cagnà a vita…..si perde!

FRANCE: e va bene! Ma arricuordate ca le vulute tu!mo trove e mode e e te regne e sorde!

GELSO: ma po…. cu tutti sti sorde ,accumincene e vizie e… femmene ca vanne e venene..

FRANCE . ma che dice Gelsomì, je te so state sempe fedele…sempre

GELSO:si nei secoli comme e carabinieri!

FRANCE: e tu na carabbinere si state sempe appriesse comme a n’ombra

GELSO: è certo si no all’ore e mo…nun fusse campate abbastanza, pecchè si sule avesse avute o sentore ca mi stive ncurniciande cu n’ate…nun ce fosse state bisogne e me rivolgere all’azienda e tuo zio!

FRANCE: ahh Gelsomì e commme te ne tene, nuie tenimme stu prubleme  pe mane e tu rumpe …ma ce pienze….si e sorde, e crociere e palazze e servi e fe….ste ma po….a coscienze a do mettimme a coscienza!

GELSO: mittele addò vuoi tu, ma fa ambresse! (suona il campanello) Viò ,va arape pe favore e vide chi è ( va alla porta)

VIOLA: ( aprendo e girandosi))  è Vicienze!

GELSO: ehh  tombola; Violì damme na mane a sistema sti fiori ( si defilano verso la finestra)

VINCENZO: (entra con un mazzo di fiori e si dirige verso Gelso ) mia cara, ti ho portato questo fascio di rose, per quell’inperdonabile incidente e come ti spiegato per telefono,il povero Francesco  non c’entra per niente.E’ stato solo una vittima della mia malaccortenza

FRANCE: uno dei tanti…

GELSO: e tenute a faccia  tosta e turnà ?

VINCENZO:( alludendo a Viola) si pecchè coppa a sta casa  ce sta na persona che amo e che senza me rischia e rimmanè zitella pe tutta a vita

VIOLA:  si so pe me te putive sparagnà….jettele

 e sciure  (esce)

VINCENZO: beh addò e mette?

GELSO: dammi qua che li sistemo…( va verso un vaso a sistemarli)

FRANCE: Viciè..hai trovato una via d’uscita? E penzate ca l’avimme dicere all’avvocato?

VINCENZO: beh certamente nui na risposta ce l’avimme dà

FRANCE: si ma quale? A dinte o a fore! Voglio dire: accettiamo tutto o rifiutiamo?

VINCENZO: e comme si fosse facile

FRANCE: Viciè,je n’idea c’è l’avrei….. piensece tu! Dico io…tu e fatte tanti piacere all’ate, pecchè nun ne faie une a te stesse!

VINCENZO: non capisco, che me vuo dicere?

FEANCE: vedi…come debbo dire….eehh mi spiego: mettiamo il caso che  quando viene l’avvocato, noi gli diciamo di accettare tutto! Bada bene, tutto! Che succede?

VINCENZO: e che deve succedere, semplice: diventiamo miliardari e proprietari  di una grande azienda.L’avvocato diventerebbe il nostro consigliere nonché  direttore amministrativo di tutte ….le nostre  agenzie di…. pompe funebri.

FRANCE: bravo! E a noi resterebbe poco da fare se non firmare e autorizzare tramite il nostro amministratore le richieste…di   funerali tutto compreso  che ci pervengono da tutto il mondo 

VINCENZO: ma si hai ragione! Tante morene tanta gente ca nun canuscimme proprie e chi se ne fa na raggione, nuie nun vedimme e nun sentimme , pecchè forse mo l’azienda ha chiuse? No! Funziona ancora  e funzionerà sempre cu nuie e senza nuie..cheffà? ce penze l’avvocate! Nuie avimme penzà sule  pensare a goderci la vita!

FRANCE: ( scuote il capo e si mete le mani davanti agli occhi) ma tu ca staie dicenne! Ma a tiene na coscienza? Ma riuscisse a durmì a notte penzanne ca cu na firma ca mitte ncoppa a nu piezze e carte , dinta a chillu mumente tu accide nu cristiane? Nu cristiane ca po essere nu pate e figlie, na mamma e addiritture nu creature? Si o sacce …ca si nun o facimme nuie ce sta sempe chi ‘o fa!’o munne è na chiavica Viciè e nuie nun ‘o putimmo cagnà! A coscienza Viciè…a coscienza chelle ognune e nui avesse sentere pe cagnà e cose!je pe campà a famiglie agge fatte tutte. Agge nbrugliate, arrubbate pure ma.. sempe …onestamente! E cheste schifezze nun e facce!

VINCENZO: ma allore Francè che vuoie a me che piacere a me stesse avesse fa?

GELSO: (si avvicina) ma allore nun è capite?

VINCENZO: no!

FRANCE: Viciè..comme t’aggia spiegà..vedi…tu tiene na potenza ca si sule a riuscisse a cuntrullà fusse nu pataterne!

VINCENZO: non capisco

GELSO: Viciè..Francesco vo dicere ca quanne l’avvocate vene, nuie accettammo tutte cose

VINCENZO: ma comme … e a coscienza…?

GELSO: Viciè, stamme a sentì: l’avvocate vene? E nuie accettammo. chille ce firme a liberatoria e se ne va  e quante scenne mmieze  va ..sotto a nu tram e schiatte  !

FRANCE: e nisciune sape chiu niente, viste ca solamente isse sape o segrete e tutte cose. Nuie ce pigliammo sule e sorde e l’azienda sa spartene le varie agenzie  oppure fallisce!

VINCENZO: si ma je c’aggià fa?

FRANCE: tocca a te Viciè,,tocca a te!..  almene a coscienze ta spuorche na vota sola e pe nu fetente ca pure o pataterne doppe te  vene a ringranzià!

VINCENZO: me staie forse dicenne ca aggia essere je a vuttarle sotto o tram?

GELSO: ma non materialmente Viciè!,,capisce…co penziere, mittece sule  o penziere!

VINCENZO :  madonna santa!  Ma allore..no! no! (va verso  France) tu , pure tu, pure tu ..e io che credevo che almeno tu, non credessi a quelle brute cose su di me! Come puoi farmi questo, tu l’amico ..il fratello!che brutta giornata , che brutta giornata( le luci si affievoliscono e si sentono tuoni e fulmini) vado via vado via! ( comincia a piovere) che brutta giornata!

GELSO: e panne tenghe e panne spise  fore..(corre via).

FRANCE: ( trattenendolo con un braccio)fermate! Aspiette nu poco.

VINCENZO: aspettare? E cosa..( si mette il capo fra le mani)

FRANCE: beh… fore sta chiuvenne e sta manera,…ti bagni….Viciè je te voglie bene, ma capiscimi, la disperazione ti fa dire tante cose, ti offusca la mente, ti tormenta e ti rende disponibile a qualsiasi brutta azione.perdonami.

VINCENZO: no,no, è inutile ormai ne so convinto pure io.. e viste?

FRANCE: cosa?

VINCENZO: ma comme!  Nun appena aggie ditte: ca brutta jurnata è succiese o finimondo, affacciate a finestra nun o vide? Chiove, lampe e tuone dinta a nu mumente ,e sì ch’era na bella jurnata e sole e mo se fatte scure e sule pecchè agge ditte; che brutta jurnate! Ce pienze? No  è overe Francè … è overo je porta a malasorte!

FRANCE:   ( avvicinandosi e abbracciandolo)Viciè…je te voglie bene…

VIOLA: (entrando) oh scusate…

VINCENZO:no  niente..vieni vieni. Ci stavamo confortando e commiserando per la triste  situazione in cui ci troviamo

VIOLA: essere o non essere. Vivere o morire…questo è il dilemma!.( prende i fiori ed esce)

FRANCE: eh! A parlate…amleta! ( bussano ala porta) 

FRANCE: ( va ad aprire) ah siete voi?.. entrate tante ormaie….

MIMI’: (entra con don Carlo, ha in mano in mazzo di fiori) Permesso,posso accomodarmi o…(guardando Vincenzo) ce sta pericolo!

FRANCE: prego ,prego,trasite e…senza responsabilità

VINCENZO: nun ve preoccupate ..tenite vicine a vuie l’antidoto giusto.

DON CARLO: buona giornata, pace e bene

GELSO: (entrando) e che sia ringraziato il Signore, prego trasite ,accomodatevi

DON CARLO: sempre sia ringraziato, grazie,grazie

FRANCE: beh…a che dobbiamo la vostra visita? Pe case  stavote site venute  pe Viola?

VINCENZO: ( come svegliandosi) Viola? Nata vota?

MIMI’:  pe carità.. nun v’agitate!  Veramente ieri dopo il putiferio che è successo ho avuto modo di parlare con  Viola..ma..nun pe chelle ca penzate eh… mi ha invece raccontato della situazione in atto  e allora ho pensato che potervi essere utile.

GELSO: quale situazione in atto?

FRANCE: spiegateve meglie!

DON CARLO: vedete, Mimì mi ha parlato di una certa presunta eredità e….cosi io avrei un’idea per risolvere la situazione. Vedete si potrebbe….

FRANCE: Viola della malora! Fra poco  a notizie esce pure coppe e giurnale! Ahhh ca  male agge fatte..pe tene nnanze e piede chella scervellate e sorete!

GELSO: e calmati! Sentimmo primme o prevete ca dice e po parle. Chi to dice ca  nun ha truvate na soluzione o probbleme. Calmati facimmele prime fernì e parlà,

FRANCE: ma…..

GELSO: e zitte! Parlate Don ...comme caspite ve chiammate…dicite!    

DON CARLO: vi stavo dicendo che per risolvere il problema la soluzione è semplice e razionale

GELSOMINA: e sarebbe!

MIMI’: rinunciare  a tutto a favore della  chiesa!

FRANCE:come? Agge capite buone?

GELSO: zi prè! ma fosse asciuteve pazze!

VINCENZO: puzzate je tutte e duie…( Gelso gli chiude la bocca)

GELSO: zitte tu pe carità! Vuie ce state dicenne ca nuie avesseme rinuncià a tutto pe fa ò favore a zi prevete?

DON CARLO: non è così ascoltate. Il testamento come mi ha raccontato Mimi’? Parla chiaro. O vi riducete in peccato mortale e così Dio non voglia oppure fate del bene a tanti poveri bisognosi

FRANCE: e prievete?

DON CARLO: no! Ai poveri, agli orfanelli

FRANCE: e nuie che simme! Nun simme povere! ca simme  tutti orfanelli!

DON CARLO: orfanelli?

FRANCE: orfanelli padre! Ca si succede na cosa e chesse in un modo o nell’altro..Francesco Acciarino e n’omme muorte e o rieste so tutti  ….orfanelli.

DON CARLO: ma no. Statemi a sentire . Quando verrà questo avvocato, voi gli direte che giammai , come è giusto che sia, vi prestereste a gestire un’azienda così perversa e maledetta pertanto rinuncerete all’eredità in favore della confraternita del convento della misericordia di cui modestamente  ne sono il padre priore quindi…

GELSO: don…ca..logero… e turnamme do cape!

FRANCE: aspette lasso o fernì e parla’ .jate annanze!

DON CARLO:dicevo che a tutti gli effetti cosi facendo , la volontà del fu..comme si chiame isse  è rispettata!

GELSO: si a nuie nun ce trase niente

DON CARLO: eh no! È qui invece che che lo stratagemma va in porto:

FRANCE: spiegateve meglie!

DON CARLO: noi  prima di ereditare, sottoscriviamo da un notaio in assoluta segretezza  un atto dove il convento beneficiario si impegna a restituire agli eredi legittimi del defunto il cinquanta per cento del’eredità! Eh….che ve pare?

GELSO: sule o cinquanta pe cient!

FRANCE: zi prè ma allore site proprie pazze!

DON CARLO: prendere o lasciare

GELSO: chiste è n’umbruoglie belle e buone

VINCENZO: e meno ,male ca appartenite a chiesa!

DON CARLO: figlioli..vi prego in fondo è fin di bene! se voi  vedeste come soffrono i nostri cari orfanelli,la gente non ha piu cuore.li abbandonano  in mezzo ad una strada, appena nati.madri senza coscienza,a noi ci vengono affidati in attesa che qualche coppia senza figli oppure qualche anima buona ,decida di adottarli,ma nel frattempo hanno bisogno di tutto e noi poveri frati viviamo della carità di tutti.

MIMI’:beh qualcosa tocca pure a me  eh  nun pe niente a penzate è stata a mia!

VINCENZO: puzzate sculà!

GELSO: zitte nun se dicene certe cose a n’omme e chiese!

FRANCE: ( contorcendosi e andando avanti e indietro)e va bene. Considerata la situazione non ci resta che…..accettare,d’altronde altre non ce ne sono e’ vero Vincè?

VINCENZO: ( stringendo le spalle) al momento……nun ce ne stanno

GELSO: o accussì o (facendo segno con la mano ) o accussì

FRANCE: e va buono! Telefono all’avvocato e gli comunico la decisione.nuie però dopo..Don Carlo insieme a Vincenzo andiamo dal notaio e facimme prime l’atte, valide sule però quante o firmammo e cioè si l’avvocate accette e donà l’eredità ai vostri…..orfanelli!

DON CARLO: d’accordo e sia fatta la volontà di Dio!

TUTTI: amen!

FRANCE : ( va al telefono  chiama lavvocato e parla con lui al telefono)

GELSO: ( a Vincenzo sottovoce mentre Don Carlo e Mimi’  aspettano sull’uscio) ma tu ce pienze  e perze o cinquanta pe ciente! Va va (Vincenzo a capo chino, apre le braccia senza dire niente)

FRANCE:( France torna e invita tutti ada andare) tutto a posto a ditte ca  vene piu tardi. nuie  intante sbrigammece si avimme fa sti servizie.agge telefonato pure o nutaie  Frongillo e ce sta aspettà, iamme zi prè jamme! ( escono)

GELSO: (va a chiudere la porta,  entra Alfonso)Gelsomì  io esco, arrivo a puteche  ca sotte..si te serve qualcosa , me rimaste ancora ……

GELSO. Nu te preoccupà  penzate a te ca  a me me se chiuse a vocche do stommache,   va va,  ca almene tu nun faie malesanghe

ALFONSO: ma insomma se po sapè ca succede dinta a sta casa! Tu ca staie nervose comme a na janara figliate ca sta da jere chiuse dinta  a camera  e nun vo ascì, e po chi va e chi vene ca  me pare e sta coppe o porte e napule. Allora ca succede mo vuo dicere?

GELSO: niente! Nun te preoccupà.va va ,vatte a fa a camminata, ca po essere ca pe quane viene … sto chiù calma, va va ( lo accompagna alla porta mentre entra Viola)  

ALFONSO: (uscendo) ah, mo me scurdave ,  agge telefonato ‘o spuzzacesse, nun te preoccupà, pav’io m’hanne ditte ca mannene a qualcune,perciò si avesse venì primma ca m’arretire faccia a vedè tu! (esce)

VIOLA: allora! Ve site mise  d’accorde?

GELSO: pare ca si, nun te movere , ca avesse arrivà l’avvocato, anze si vene tienile ncaure

VIOLA: e che l’appicce a vrasere!nun ce sta nne manche e gravune

GELSO: Violì! Capisce a me, tienile in sospire , nun e viste comme te guarde? Tienile  caure, nun se po maie sapè

VIOLA: e già! Ma nun e viste comme è curiose? E po ……è nu delinquente! E je cu une comme a isse nun me ce mettesse maie, chiuttoste me pigliasse a … Vicienze

GELSO: ah te asciute finalmente a parola! Lè capite che è l’uniche ca te po fa felice!

Chillate po ,’o fioraie! Nun le viste comme se pretende? mo ca sentute addore de  sorde nun penze cchiu a niente! L’avvocate è nu delinquente e cheste l’aveve capite appena sìe presentate a casa nostra.,sule pe c’è mbruglià, Ma…ricordatete,nuie simme femmine e ne sapimme una chiù do diavole percio  all’avvocato ci penso io! 

e…..siente  a me…faccille buono o penziere pe Vicienze,

 VIOLA: si, mo pigliasse pecchè agge viste ca me vo bene! E che fa si dicene ca porte male, l’importante è che a me me porte o bene! E po si è vere o fatte e l’america….(bussano alla portaViola apre ed entra L’avvocato)

GIACINTO (entrando) Oh carissimo fiore profumato , buongiorno (notando Gelsomina)  Signora cara, buongiorno, finalmente ci siamo! Ho ricevuto la telefonata di suo marito in merito a quella decisione e mi sono precipitato sapete in queste cose meglio essere veloci! E…sapete pure cosa ha deciso di fare?

GELSO: veramente  non so niente ! è..è andato a chiamare anche il signor Mortella e

Penso che a momenti arriveranno. Intanto accomodatevi,  Viola fa tu compagnia  all’avvocato io intanto vedo se Salvatore si è alzato, permette (esce )

GIACINTO: bene eccoci qua! E…( si guarda intorno) ma dove siete , non vi vedo

VIOLA: ma sono qui! Eccoci qua ( si mette di fronte seduta) e.. quindi siete venuto ,per l’eredità!

GIACINTO: e anche …per una proposta….dipende anche da voi…sapete!

VIOLA: (meravigliandosi) da me ma voi che dite …  non sono certo io che devo ereditare!

GIACINTO: ma potreste esserne la beneficiaria!

VIOLA: ma che dite, io sono sola la cognata e prima o poi…..uscirò fuori da questa famiglia. Si forse mio cognato se avrà tutti quei soldi..puo darsi che avrà un pensiero gentile per me e penserà alla mia dote ma non  spero altro

GIACINTO:sperate , sperate , puo anche darsi che qualcuno con molte ricchezze è interessato a voi fortemente ( si avvicina con l’intento di prendergli la mano inginocchiandosi buffamente mentre entre Alfonso)

ALSONSO: ah e vuie già state ccà!no,no nun lloco dinto bagne!

GIACINTO: ( si alza sorpreso) ma veramente…..

ALFONSO: jamme venite con me e facimme ambresse ( lo prende per un braccio)

VIOLA: ma papà, ca facite

ALFONSO; zitte tu,avimme a je a spilà o cesse!

GIACINTO: ma..allora voi siete veramente pazzo! lasciatemi  e questo è una mania!prima mi avete preso per il caffettiere mo per un operatore ecologico

ALFONSO: che? Operatore eco…ma quale operatore ,io vi ho chiamato po cesse

VIOLA: ma papà !nun t’arricuorde ? chiste è L’avvocato

ALFONSO: pecchè mo  ce vo l’avvocato?

GIACINTO: ma per favore vada via, mi lasci un pace ( entra Maria e Salvatore)

MARIA: (entrando) Viò ha ditte mamma ..ah scusate

SALVA: ( porta sotto il braccio un involucro)penzavame ca stive sole! E tu ‘o nò, nun sive asciute!

ALFONSO: e certe m a po co penziere ca aveve veni o spuzzacesce so turnate ambresse  ,.. ma chiste ovì sta a fa storia,mo telefone all’agenzia e mo facce cagnà?

MARIA: ma ‘o nò chiste è l’avvocato

SALVATORE:avite pigliate asse pe fiure

VIOLA: Marì, Salvatò..faciteme o favore..purtateve o nonne

SALVATORE: Marì va tu sola je agge fa na commissione a mammà ,(facendo segno a Maria  di andare che ci pensa lui)

GIACINTO; che vergogna: non sono mai stato umiliato in questo modo

ALFONSO: e va bene.. però ve trove senpe annanze e piede , je po me scorde chelle è a vecchiaie!

GIACINTO: certo  la vecchiaia è carogna ma vuie scusate superate il limite

ALFONSO: ogni limite tene ammisure sua avite raggione a vecchiaie è carogna ma pe chi nun ci’arriva ci sta a pena morte! Stateve accuorte …..(mentre esce accompagnato da Maria) e mo vache all’agenzia e si m’avite fatte fesse puzzate je sotto a nu tram!

VIOLA: scusate. Avitece pazienza ma papà è nu poco arteriosclerotico e allora…( la porta riapre e d entrano Vincenzo e Francesco)

FRANCE: oh caro avvocato,vuie già state ccà? E avite fatte ambresse  eh?

VINCENZO: e nuie ca penzaveme ca fosseve venute doppe pranze

GIACINTO: eh cari amici ,gli affari sono affari ! e non ci dorme su, dunque mi avete detto che avete preso la vostra decisione non è vero?

FRANCE : si , si è overe

GIACINTO: benissimo, mi auguro che qualunque sia, spero l’abbiate ponderata bene,nel vostro interesse s’intende.

VINCENZO: vedete, ci abbiamo pensato,pensato eh……

GIACINTO: eh? Allora?(entra Gelso)

FRANCE:vedete,  vieni mia  cara ,è stata pure merito suo sa,ci ha aiutato a riflettere, noi uomini tante volte ,pensiamo di essere saggi,invece le donne ….

GIACINTO: ne sanno una piu del diavolo

VINCENZO: bravo! Ma….quando si è nel giusto, tutti lo riconoscono

GIACINTO : ma insomma, veniamo al problema!. Cosa avete deciso

VIOLA: beh si ce l’avite dicere , che aspettate

FRANCE: azze e cheste comme freme, calma, calma. Parlo io. Vedete caro avvocato, noi siano una famiglia povera, lo siamo sempre stata, mia madre faceva a lavannare  e mio padre faceve o sanzane e matrimonio, mestiere  che io ho imparato bene e che adesso non tanto va di moda e così  per campare la  famiglia mi sono dovuto inventare  altri mestieri, posteggiatore abususivo, o juco de tre carte, a vennere e biglietti po Napoli ,a fa o prestanome pe cambiale in protesta e non vi nascondo che tante volte preso dalla disperazione agge pure mbrugliate a gente, pe purtà a casa nu piezze e pane e creature meie, po un po alla volta un lavoretto per una ditta o un lavoretto per un’altra so riuscito a tirà annanze.

GIACINTO: beh e questo che c’entra

FRANCE: c’entra e come! Ora siete venuto voi  a portarci la notizia di una eredità cosi enorme e cosi crudele.miliardi ,miliardi che noi  si stessimo  pre tre mesi sempre a contare e neanche a fernesseme, ricchi e straricchi,dalla stalle alle stelle, tutti i nostri desideri che sia avverassero al solo schioccare delle dita,ma.ma a coscienze avvocà!A coscienza ca ad ogni secondo da vita nostra ce sbattesse nfacce  o male ca facessimo!No avvocà ci’avimme penzate  nuie simme gente povera si,ma oneste nui  nun vulimme o male e nisciune e perciò siamo pronti a rinunciare a tutto in favore della chiesa, come indicato anche nel testamento e siamo sicuri che così almeno anche l’anima di nostro zio ne possa trovare giovamento.

GIACINTO:ma vi rendete conto di quello che state dicendo? Voi non cambiereste niente. L ‘attività dell’azienda non si fermerebbe comunque, perché in questo caso tutto passerebbe alla ..Famiglia  e i soldi, tanti miliardi regalati e voi neanche un dollaro.suvvia pensateci ancora un po

GELSO: avvocà noi ci abbiamo pensato! A gente facesse chelle ca vò o munne certe nui nun o putimmo cagnà ma almene a coscienza nostra sta in pace e perciò accuminciate a scrivere

GIACINTO: io sono l’unico responsabile  di questo testamento e l’unico a conoscere le volontà del, defunto vostro zio pertanto adesso sottoscriverete quello che intendete fare. Dunque avete pensato anche a chi donare i soldi! Ricordate che l’azienda torna alla… Famiglia  e che verrà specificato nel documento che firmerete.

VINCENZO: abbiamo pensato a tutto,procedete!

GIACINTO: aspettate, visto che… siete cosi determinati…vi voglio dire una cosa: nel testamento è anche scritto.. e ve lo faccio leggere…dunque …ecco qua. Nel caso che gli eredi designati non vogliano neanche optare per una donazione alla chiesa il mio avvocato è delegato a devolvere l’ammontare di tutta la somma mobiliare alla gente della famiglia.

FRANCE: ma noi vogliamo devolvere in favore della chiesa eh

VINCENZO: e certo

GELSO: tutto alla chiesa mene  e cascie e muorte

GIACINTO: ( si alza con rabbia) giammai!non permetterò mai che tutti questi soldi vadano perduti! Adesso vi dirò io come si fa e se non accetterete vorrà dire che la nostra o vostra azienda come preferite ,si occuperà pure di tutti voi, nessuno escluso!

GELSO: ma avvocato,voi prima avevate detto che alla chiesa….

GIACINTO: si alla chiesa ma a decidere quale e a chi.sarò io non voi. E già e vi pare che in tutti questi anni che ho servito vostro zio in tutto e per tutto , vi pare che io permetta una cosa simile!piuttosto vi faccio ammazzare tutti!

FRANCE-VINCENZO: madomma

GELSO:   gesù mmie chiste è pazze 

GIACINTO: pazzo? I pazzi siete voi. Ma come, potevate essere ricchi e gestire un’azienda sotto la mia consulenza e non avete voluto,poi avevate detto che volevate solo i soldi ed io vi ho detto di no, ora mi dite che volete dare tutto ad un ente della chiesa e che non volete saperne di niente ed io sarei  pazzo?

FRANCE: ma nel testamento….

GIACINTO: nel testamento c’è scritto cio che io ho voluto che ci fosse scritto!infatti è stato redatto quando ormai vostro zio era già moribondo  e alla mia mercè!

 E vi pare bello, voi donate alla chiesa il patrimonio mobiliario, e l’azienda finisce alla..Famiglia  ed io ,io che faccio,dopo tanti anni di servitù e di umiliazioninon solo non becco un centesimo  ma non dirigerei neanche più l’azienda.

FRANCE: ma allora perché ci avete designato quale eredi si  nostro zio nun capeve cchiù niente e ve puteveve designà vuie stesse. Almene ci’avesseve risparmiate tutti sti guaie e tutti sti penziere

GELSO: almene nun ce fossime maie illuse e addiventà ricche

GIACINTO: perché senza di voi il mio piano non avrebbe potuto funzionare:

GELSO: come sarebbe a dire

GIACINTO: sarebbe a dire che la..Famiglia non avrebbe mai permesso che l’eredità del suo capo andasse  al singolo ma che fosse divisa fra tutti i mammasantissima affliati al clan. E allora ecco l’idea.voi mi firmerete un documento in cui non rinuncerete all’eredità  mobiliare e cosi facendo, con un nuovo documento che mi firmerete, me la girate  e l’azienda va così alla Famiglia e tutto si sistema.

FRANCE: nu mumente,nui nun firmammo proprie niente è overe Viciè 

GELSO: ma vuie nun aviveve ditte ca il patrimonio era indivisibile? O tutto o niente?

GIACINTO : lo avevo detto per fare in modo che voi prendeste tutto  e tutto mi sarei preso

FRANCE: mascalzone!

VINCENZO: farabutto!

GELSO: nu mumente avvocà, mettiamo che ne Francesco ne Vincenzo vi firma niente ca  succede?

GIACINTO: succede che purtroppo , vi debbo fare ammazzare !metto delle firme false e la faccio in barba alla Famiglia

FRANCESCO: a tutti quanti ?

GIACINTO: a tutti quanti!

GELSO: e allora muoia Sansone cu tutti i filistei! Tu te  credive e essere furbe? Ma je so state chiù furbe  e te! L’è viste o guaglione mie? Ha registrate tutte chelle che ditte

 E tutte chelle che ditte sacce je comme l’aggia fa recapità  allaFamiglia e accussì si n’omme muorte!

 GIACINTO: Voi ;voi avete fatto questo?

GELSO: e si capisce! Avvocà je quante guarde facce a gente  e scanaglie  subbete e  a vuie  v’agge pittate subbete! E mo turnamme a nuie! Nuie o testamente  o firmammo e ce pigliammo e sorde e vuie ve salvate a vita ehhh

GIACINTO: ahhahha  ed io mi accontenterei? Voi siete stata furba ma io a questo punto niente per niente! Preferisco morire che subire la miseria! Lo vede questo testamento?ebbene io lo straccio e poi voi fate quello che volete, avete detto  bene muoia Sansone con tutti i filistei!( fa per stracciarlo)

FRANCE: fermo,fermo per carità! Possiamo sempre trovare un punto d’accordo, non è vero Vincè?

VINCENZO: certo,certo pe carità troviamo questo punto. Allo stato delle cose non conviene a nessuno perdere il danaro per mettersi a fare gli eroi

GIACINTO: e sia! Facciamo così ora firmate il documento che accettate il patrimonio mobiliare e rifiutate l’azienda e po mi firmerete un documento in cui mi donate il cinquanta per cento a me e tutto va a posto! Che ne dite?o così o niente ( e fa finta di stracciare)

GELSO: ( facendo segno a France e poi a Vincenzo) e Viciè e parla! Francè!

FRANCE: ehh che debbo dire io….accetto

VINCENZO: per me va bene

GELSO : me dispiace pe l’orfanelle ma…..

GIACINTO: quali orfanelli? Ah già la chiesa Bah! Allora ecco qua il documento, leggete e firmate ( gli posa il documento tenendolo per le mani)

FRANCESCO:(France,legge il documento e pi lo firma)  ecco qua,  letto e firmato !

GIACINTO: bene ( a Vincenzo) ora tocca a voi

VINCENZO: ecco qua letto e firmato.

GIACINTO: ora firmerete il documento di accettazione dell’eredità e..sarete ricchi..grazie a vostra moglie , Prego firmate ( eseguono mentre Giacinto tiene benstretto tra la mani il documento ) bene queste sono le copie controfirmate da me e tutto e a posto legalmente ( le consegna) queste sono anche le credenziali che presenterete alla banca indicata nel frontespizio e, mi raccomando, appena entrate in possesso dell’eredità , versate subito sul conto indicato nel documento che avete firmato la mia parte.altrimenti non farete a tempo a farmi qualche brutto scherzo che siete già morti. Avete capito( rivolgendosi a Gelso)…e un’altra cosa.appena concluso l’affare mi consegnerete pure la registrazione .arrivederci… Signora!

GELSO: Avvocà,  noi siamo gente onesta e di principio così è stato detto e così sarà naturalmente poi cu vuie nu ce vulimme chiù tenè niente a spartere.mo  simme ricche simme ricche!

GIACINTO: (mette tutto in valigetta)   le copie v’è le ho date e ..arrivederci  ( a Gelso)con voi po facimme e cunte ( esce)

VINCENZO: puozze jettà o sanghe ! e mo ca a vulute dicere!

GELSO: Francè…tenghe paure chille è malvagie

FRANCE: nu te preoccupà chille a ditte po smacche che le date

GELSO: si però e sentite? Madonna (bussano alla porta)

VIOLA : vado io ( apre ed entrano Don Carlo e  Mimì) accomodatevi prego…

DON CARLO: il signore sia con voi

GELSO: amen!

DON CARLO:   stiamo giu gia da mezzora ma non siamo saliti subito perché abbiamo chiesto alla portiera e ci ha detto che  avevate visite. era l’avvocato mafioso che è andato via adesso?lo abbiamo visto uscire tutto furioso,pensate che ha preso a calci anche il povero cane che stà all’ingresso.

FRANCE: miserabile!delinquente e disonesto di un avvocato

VINCENZO: voleva arraffarsi tutto, chill’omme e niente e pe fortuna ha trovato pane per i suio denti

MIMI’: allora è tutto a posto! Nuie avimme purtate o documento pe vuie e ..pe me

France::don Carlo, vedete ..io non so come dirvelo….io..Viciè dincelle tu

VINCENZO: eh che gli devo dire..mi dispiace per gli orfanelli ma….quel cinquanta per cento….

DON CARLO:ma cosa state cercando di dirmi…che forse non intendete più rispettare nostro patto? E come potete, siete forse riusciti a convincere l’avvocato a tenervi tutto per voi?

FRANCE: magari!

DON CARLO: ma allora?

GELSO: zi prè, stateme a sentì,mo ve lo spiego io : il patto che avevamo fatto non è stato piu possibile mantenerlo per la semplice ragione che l’avvocato, minacciandoci di morte se voleve  arrubbà tutte cose isse, ma ha fatte e cunte senza l’oste e accussì je magge registrate tutte cose e tutte chelle c’ha ditte minacciando di portare tutto ai suoi amici e solo così, siamo riusciti ad avere almeno il cinquanta per cento del’eredità mentre quello che doveva toccare agli orfanelli,s’arrubbate isse altrimenti minacciava di distruggere il testamento. È tutto!

FRANCE:vedete a noi dispiace tantissimo e mo ce vo sule a penzà che tutti chille sorde so ghiute mmane a nu farabutte e chella manere mentre avessene putute fa a felicià e tanti piccoli bambini

VINCENZO: adda jttà o sanghe mo. mo,

DONCARLO; zitto pe carità non bestemmiate!

GELSO: ormaie…è troppe tardi. C’avive penzà prime

VINCENZO: e mo accuminciamme nata vota?

MIMI’: ma allora neanche io  non becco piu un soldo. Don Carlo , voi me li avete promessi! (va  verso Viola) mia cara come siamo sfortunati

VIOLA: sei sfortunato, agge pazienze vide a do e je!

DON CARLO: sia fatta la volontà del signore. Comunque la vostra intenzione era buona ed io ve ne do atto. per i poveri orfanelli era un’occasione  unica. Con quei soldi  Avremmo potuto creare una struttura adeguata per accoglierli , per farli dormire in locali riscaldati,  costruire una mensa piu idonea,  farli studiare e giocare come tutti gli altri bambini . ma ahimè! Poveretti….io….beh arrivederci noi andiamo..e..

GELSO: don Carlo, aspettate, in fondo noi con tutti quei soldi non sapremmo neanche che fare e io penso che se una parte la donassimo a voi ce ne resterebbero

Ancora tanti da campare per tutta la vita perciò…..

FRANCE: perciò mia moglie ha ragione , Gelsomì si na femmina cu nu core tante,Viciè tu che dici?

VINCENZO: Francè , tua  moglie  è na signora!na vera signora! E si nun fosse stata pe essa nuie fossime rimaste ancore chiù muorte e famme e prime! So d’accorde!

MIMI’ ma allora ce sta pure a parte mia!

VINCENZO: abbaste ca te lieve a tuorne e te vaie!

GELSO: Viò, famme o piacere chiamme  a Salvatore e Maria e falle venì ccà (Viola Esce)

DON CARLO: Signore Iddio grande è la tu misericordia,io sono un povero prete e non so come ringraziarvi….quello che state facendo è frutto di una nobiltà d’animo che solo la gente povera e timorata di Dio puo capirla. Perché non è povero chi non possiede nulla ma lo è colui che che tanto ha e niente dà!grazie grazie, i nostri orfanelli grazie a voi potranno vivere una vita piu tranquilla e dignitosa (entrano Salvo e Maria) Maria figlia mia vieni, vieni con me

MARIA: ma mamma papaà che succede?

GELSO: che siamo ricchi,ricchi Maria

SALVO: ricchi? Ma che state dicenne

FRANCE : po vi spiego ora abbracciatemi tutti  abbracciamoci ( eseguono mentre entra il nonno con una valigetta in mano)

ALFONSO: salute! Ma che ce sta na festa, se magna?

VIOLA: ma papà a do venite, ve site accattate pure a valigetta

ALFONSO : quale valigetta!

GELSO: chelle ca tenite mmane

ALFONSO: ah caspite mo m’arricorde, l’agge purtà o commissariate

FRANCE : o commissariate ..e pecchè?

ALFONSO: ma comme nun sapite niente?

GELSO : e c’avimme sapè?

ALFONSO: nun avite ntise niente?

FRANCE:no! ma che è state?

ALFONSO: chille comme se chiamme mo nun mo manche arricorde, o spuzzacesse, chille cose curiose  ca steve coppe addò nuie,

GELSO: ma chi l’avvocate forse?

ALFONSO: eh si comme diceve isse

FRANCE: embè?

ALFONSO: embè ,mentre scenneve e scale l’agge salutate , isse ma risposte malamente allora je l’agge curse appriesse e ce n’agge ditte quatte come dich’io

Ne chille sìè infuriate comme a n’animale  ca attraversanne a strada……

VINCENZO:attraversanne a strada?

ALFONSO: è ghiute sotto o tram! 

FRANCE: per la miseria

GELSO: è…è…muorte

ALFONSO: crepato la per la!

VINCENZO: (si mette le mani nei capelli )Mio Dio! Mio Dio!

GELSO: sia  fatta la volontà di….

DON CARLO: no, vi prego!

FRANCE: nun è stato o Signore ! a chille sa chiammate o diavole

GELSO: ma a valigetta?

ALFONSO: non lo so me la trovo in mano così per caso. Mo la porto alla polizia e tanti saluti

FRANCE (guarda un po tutti poi..)state pensanne che lle ca sto penzanne je? (tutti annuiscono, apre la valigetta) ecco qua i documenti! ( straccia la copia di Giacinto e lascia le altre (Poi prende la valigetta e la consegna ad Alfonso) ora la puoi pure portare al commissariato. Don Carlo il patto che avevamo fatto è sempre valido!il cinquanta per cento dell’eredità è degli orfanelli l’avvocato non ne ha più bisogno!

DON CARLO: sia fatta la volontà del signore in fondo, è stata una disgrazia

GELSO: na disgrazia ca levate nu delinquente a coppa a terra ma ha fatte felice tanti bambini. Viò (le  fa cenno di andare da Vincenzo)

VIOLA: ( gli prende le mani) Vincè me porte in america?

VINCENZO: Violì addò vuo tu!ma nun te mitte a paura e me spusà?

GELSO: ma che paura? Fatture ,superstizione,jettature,nun esiste niente!pe  ognune nuie ce sta nu  destine e chille nisciune e nuie ‘o canosce!

CALA LA TELA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 16 volte nell' arco di un'anno