L’eredità dello zio Chiumenza

Stampa questo copione

L' EREDITA' DELLO ZIO CHIUMENZA

l' Eredita' dello zio Chiumenza

Commedia in tre atti di Giuseppe Balzamo

         

Edizione - Il mio teatro

PERSONAGGI IN ORDINE DI USCITA

             

GIACOMINO PARLAPIANO  - Impiegato

FELICE CHIUMENZA   -     Studente

DONNA RAFILINA - Portinaia

ALFONSO CHIUMENZA - Avvocato

CASIMIRO CHIUMENZA - Avvocato

ADELINA PASTARELLA - Zia di Nunzia

RAFFAELE -         Giovane del bar

SAVERIO CHIUMENZA - Ricco proprietario terriero

ANIELLO -            Un  servitore

MARGHERITA - Una cameriera

NUNZIA   -             Fidanzata di Giacomino

CONCETTA PASTARELLA - Madre di Nunzia

SALVATORE TARALLO - Padre di Nunzia

RAIMONDO TIRIPICCHIO - Farmacista

CLOTILDE TIRIPICCHIO - Moglie del farmacista

FLAVIETTA         - Figlia del farmacista

La scena rappresenta lo studio degli avvocati Alfonso e Casimiro Chiumenza. Lo studio appare misero ma dignitoso nell’ aspetto globale. Vecchia libreria a sinistra con scrivania grande, piccolo scrittoio a destra. Due uscite: una sul fondo con sopraluce che delimita un disimpegno e uno a destra di servizio. Vecchia poltrona, libri, documenti ecc... messi un po' alla rinfusa

PRIMO ATTO

" A sipario aperto, Giacomino e' comodamente seduto al suo scrittoio. Dalla porta del disimpegno, entra Felice. "

SCENA PRIMA

"  GIACOMINO POI FELICE "                           

FELICE:                 BUON GIORNO, GIACOMI',  MA  CHE  FAI?  LASCI LA PORTA APERTA?

GIACOMINO:       BUON GIORNO DOTTO'! L'AGGIU LASCIATA APERTA PE' NUN M' AIZA'                    

FELICE:                 SEI SEMPRE IL SOLITO SCANSAFATICHE. E SE FOSSI STATO UN LADRO?                                                          

GIACOMINO:       UN LADRO.. QUA’?...E CHE VENEV 'A FFA'?... A SE PIGLIA' NU POCO E BULLETT? DUTTO' , MA VE SIT GUARDATO ATTUORN.... CCA' CE STANNO SULE BULLETT DA' LUCE ...DO' TELEFON..... BULLET

FELICE:                 SI SI GIACOMI' ,  COMUNQUE E' PREFERIBILE CHE  LA  PORTA RESTI CHIUSA!

GIACOMINO:       VA BENE,  VA BENE.. DUTTO',  COME VOLETE. ..MA........ MO' PARLAMMO  'E COSE CCHIU' IMPORTANTE:  GLI STUDI COME VANNO?  STATE A BUON PUN­TO?

FELICE:                 SIENTE  GIACOMI',   AVISSE  PIGLIATO NA’ FISSAZIONE ‘NCOPPE E STUDIE MIE?.....MA COME SI  PUO FFA',  OGNI VVOTE  CA' ME VIRE  E  STUDIE  CUMME  VANNO?

GIACOMINO:       NO,  DUTTO' CHE C' ENTRA, IO M' INFORMO  PECCHE' , INNANZITUTTO ,  SIETE  NA'  PERSONA  CHE MERITA,  E  POI MI FA'  PIACERE CHE ADDIVENTATE  DUTTORE,  HO FORSE SBAGLIATO?

FELICE:                 NON DICO CHE HAI SBAGLIATO, ANZI , TI RINGRAZIO,  MA E' L'INSISTENZA CHE PUO' DARE FASTIDIO, TU SI PEGGIO DE’ ZII MIEI,  UNA  CONTINUAZIONE ! E  PO',  SPECIALMENTE QUANDO UNO STA' NERVOSO!

GIACOMINO:       MA PECCHE',  MO' STATE NERVUSO?.....MA PE’ BIA DE' STU...        

FELICE:                 PE’  VIA DE' STUDIE  'E  SORE...MO'  CHI 'O SAPE CHE TE RISPUNNEVO! COMUNQUE BASTA !   DIMMI,  ZIO ALFONSO E' VENUTO?

GIACOMINO:       GNERNO',  NON E' ANCORA VENUTO.

FELICE:                 .......E  ZIO CASIMIRO?

GIACOMINO:       PE' VOSTRO ZIO CASIMIRO E' AMBRESSO!

FELICE:                 (Camminando nervosamente avanti e indietro )  MA TU VIDE CHE SITUAZIONE, GESU' MA CUMME FACCIO  MA TU VIDE  COMME S'  INGARBUGLIA  'A FACCENDA!  MA TU  VIDE CHE GUAIO.

GIACOMINO:       DOTTO' CALMATEVI, CHILL TUTT 'E MATINE  VENGONO  TARDI ,  E'  COSA NORMALE, VEDITE CHE  FRA POCO  STANNO  CCA'

FELICE:                 CHE DICI? COME?. MA SI', FIGURATI SE STO' NERVOSO PERCHE' NON HO TROVATO I  MIEI ZII,  LASCIA PERDERE GIACOMI',  SENTI IO DEBBO ANDARE ALL' UNIVERSITA',  NON POSSO  TRATTENERMI,  DOMANI  DEVO FINALMENTE  DISCUTERE  LA TESI....... TE FA' PIACERE?          

GIACOMINO:       E ME  LO DOMANDATE

FELICE:                  'E   TE  PAREVA,  PERCIO'  FAMMI  LA CORTESIA,  QUANDO  VIENE ZIO  CASIMIRO,  GIACOMI'   NON TI SBAGLIARE: "ZIO CASIMIRO" !...

GIACOMINO:       EH! DUTTO' AGGIU CAPITO, E CHE SO’ SCEMO?  VOSTRO ZIO CASIMIRO....O' CACAGLIO PER INTENDERCI.          

FELICE:                  UE'! TU LADEVI FINIRE DI DIRE COSE FUORI POSTO , SE  ZIO CASIMIRO SENTE NA' COSA 'E CHESTA,  TI  LICENZIA IMMEDIATAMENTE,  HAI CAPITO?                                   

GIACOMINO:       EH, MI LICENZIA E PPO' CAGGIU' RITTO E MALE, CHILLO VERAMENTE E' CACAGLIO!    

FELICE:                 SENTI, LA DEVI FINIRE, SE MIO  ZIO  QUALCHE  VOLTA BALBETTA  NUN ADDARA’ CUNTO A TE,  PERCIO', SEI PREGATO DI NON FARE  APPREZZAMENTI. COMUNQUE QUANDO VIENE MIO ZIO, GLI DICI CHE LO ASPETTO A MEZZOCANNONE, LUI SA' DOVE, SE PUO' VENIRE CHE GLIDEVO PARLARE DI UNA COSA IMPORTANTE.

GIACOMINO:       STATE  SENZA PENSIERO, QUANDO LO VEDO GLIELO DICO.

FELICE:                 SPERIAMO BENE!... CI VEDIAMO!   ( Esce )

GIACOMINO:       ARRIVEDERCI......CHIURIT A' PORTA!

GIACOMINO:       MA INSOMMA, VEDITE SE SI PUO' FARE QUESTO, DEVO  FARE  BUON VISO  A CATTIVO  GIOCO, CU ' 'E SORDE  CA'  ME SPETTANO, QUESTE SONO  COSE  DA PAZZI,  CHILLE  'E  ZIE SONO OTTO MESI  CA’ NUN ME PAVANO.  ORAMAI  CU ' LLORO AGGIU PERZE 'E SPERANZE,  NON  C’ E' DA FARE NIENTE, CA' IO CIO' DDICO, ME DANNO RAGIONE, ATE CA' DICENO:  GIACOMINO  HAI RAGIONE, MA VEDRAI CHE QUESTO MESE SI RISOLVE TUTTO; GIACOMINO HAI RAGIONE , MA TI  PROMETTIAMO CHE QUESTO MESE AVRAI QUELLO CHE  TI SPETTA....E  INTANTO A OTTO MISE 'A CHESTA PARTE, A FINE MESE, INVECE 'E ME DA' 'E SORDE, ME DANNO RAGIONE. ORAMAI AGGIU CAPITO, L' UNICA SPERANZA PE' MME' E' FELICE. AVE VOGLIA 'E DICERE CHE AGGIO PIGLIATO  'A  FISSAZIONE NCOPPE 'E  STUDIE  SUOI,  SE!.. SE PENSA CA' NUN   SACCIO O' FATTE  'E  L' EREDITA' ." Suona il campanello, Giacomino va' ad aprire e rientra con  Rafilina

SCENA SECONDA

GIACOMINO - RAFILINA

RAFILINA:            ( Da dentro ) BUON GIORNO GIACOMI’

GIACOMINO:       ( Da dentro ) BON GIORNO DONNA RAFILI’ TRASITE ( In scena ) PREGO ACCOMODATEVI

RAFILINA:            GIACOMI'  VI HO PORTATO  LA POSTA.

GIACOMINO:       ( Prendendo le buste )  DONNA RAFILI',  MA QUA' POSTA M’ AVETE PURTATO?!?!

RAFILINA:            GESU', CHELLA CHE VE SITE  PIGLIATE.

GIACOMINO:       DONNA RAFILI',  VUIE PURTATE SULE BULLETTE DA LUCE E  DO'  TELEFONO.

RAFILINA:            MA PECCHE',  E BULLETTE DA' LUCE E DDO'  TELEFONO NUN E'  POSTA?

GIACOMINO:       SE'SE' , VA BE', AVITE RAGIONE, MO'  M' AVESSA  METTERE  'A FFA' NA QUESTIONE?!

RAFILINA:            GIACOMI', VUIE STATE TROPPO NERVOSO!

GIACOMINO:       MA CUMME FACITE  'A STA'  CALMO,  DONNA RAFILI' DITEMI,  SI  'A  VVUIE NUN VE PAVASSENO, STISSEVE ALLERA?

RAFILINA:            AGGIU CAPITO, A' SOLITA STORIA.  SCUSATE  MA PECCHE' CON  I PADRONI VOSTRI NUN  PARLA TE CHIARO NA' VOTA  E  PPE' SEMPE,  MA PECCHE' NUN V’ EMPUSTATE E DICITE:  M' AVITA DA' 'E SORDE?

GIACOMINO:       NUN AGGIU CAPITO?!  FACITEME  AVVEDE'........ CUMM' AGGIA DICERE?

RAFILINA:            (  Guappescamente )  M' AVITA DA' E SORDE!

GIACOMINO: ( Imitando donna Rafilina )  M' AVITA DA 'E  SORDE?!  ACCUSSI' AGGIA DICERE?...E SECONDO VOI  NUN  'O DDICO? AH! SECONDO VOI NUN DICO NIENTE, DONNA RAFILI' IO FACCIO UN' ARTE A' DDI':  MA VI RENDETE CONTO CA' SONG  OTTO MISE CA'  NUN ME DATE NA' LIRA, MA VI RENDETE CONTO CA'  NUN POZZO CAMPA' CCHIU' E CA' VACO FACENNO RIEBBETE TUORNO TUORNO?... SAPITE CHE ME RISPUNNETTE  URDIMA MENTE  L' AVVOCATO CASIMIRO ..... O' CACAGLIE?

RAFILINA:            NO! CHE VE RISPUNNETTE?     

GIACOMINO:       ( Imitando l' avvocato ) VE..VEDI GIACOMINO, TUTU HAI UN VANTAGGIO RISPETTO A NOI!....DICETTO IO: QUAQUALE? RISPUNNETTO ISSO: QUE...QUELLO  CHE PUOI FARE DEBBITI, PE.PE.PERCHE' A NOI NON CE NE FANNO PIU' DA ANNI!. VUIE AVITE CAPITO?

RAFILINA:            MA CHISTE OVERO CA' STANNE NGUAIATE!?

GIACOMINO:       ALLORA SECONDO  VOI PECCHE' STONG’ NERVUSO? DEVO SOPPORTARE, CAGGIA' FA',  MA 'E SORDE ME DARANNO. DEVO SOLO RESISTERE;  DONNA RAFILI', IO SO' DELLE  COSE  CHE SE’  SI AVVERANO MI DARANNO 'E SORDE CU' TUTTI GLI INTERES­SI. 

RAFILINA:            OVERE!?! E CHE SAPITE?

GIACOMINO:       AH! 'O VULISSEVE SAPE' HE’!?

RAFILINA:            GIACOMI'  SI MO' DICITE VE POZZO FA' 'O FAVORE E VE SENTERE, CASINO' , ME NE VACO CA' TENGO CHE FFA'!

GIACOMINO:       EMMBE'! DONNA RAFILI', VO' VOGLIO DICERE, MA VUIE PERO'... M' ARRACCUMANNO!

RAFILINA:            NUN VE PREOCCUPATE, P'ASCI' NA' PAROLA  'A  VOCCA 'A MEE'?! CE VONNO  'E TENAGLIE.

GIACOMINO:       ( Con aria circospetta ) VUIE SAPITE CA 'E  DUIE AVVOCATI SONO CUGINI, E NON SONO DI NAPOLI.

RAFILINA:            CA' NUN ERANO E NAPULE NUN HO SAPEVO! E EDDO'  SONG?

GIACOMINO:       SONO DI MONTEMILETTO, NU' PAESE E  'PPARTE D' AVELLINO. DOVETE SAPERE CHE AL PAESE VIVE UN LORO VECCHIO ZIO, UN CERTO DON SAVERIO CHIUMENZA, CHE, STANDO A QUANTO SI DICE E' UN RICCHISSIMO PROPRIETARIO TERRIERO

RAFILINA:            OVERO? MA VUIE CHE DICITE?!

GIACOMINO:       'E SENTITE, CHEST NUN E' NIENTE. TIENE BENI INESTIMABILI!  DONNA RAFILI'... E' UNO RICCO ASSAIE.          

RAFILINA:            MA COMME, STU' ZIO TANTI RICCHEZZE E I NEPUTE SE MORENO E FAMME?

GIACOMINO:       E QUA' STA' IL BELLO, PERCHE' DOVETE SAPERE CHE TRA IL VECCHIO E I DUE NIPOTI NON CI STAVANO BUONI RAPPORTI, IL MOTIVO MI E' SCONOSCIUTO, MA CERTO E' CHE QUESTO DON SAVERIO HA SEMPRE  MINACCIATO E LASCIA' TUTTE COSE 'A  'E PRIEVETE.

RAFILINA:            MA PECCHE' ATI PARIENTE NUN NE’ TENE?

GIACOMINO:       NO! TENE SULE A CHISTI DUIE NEPUTE..E A FELICE......O' STURENTE, CHE  VIVE NELLA CASA DEL VECCHIO ZIO GIA' DA DIVERSI ANNI, PERCHE' AL RAGAZZO GLI MORIRONO I GENITORI E QUINDI RUMMANENNE SULO,  DON  SAVERIO SE LO PRESE CU ISSO DINT 'A  CASA SOIA.                                  

RAFILINA:            MA SE STU’ DON SAVERIO VO' LASCIA' TUTTE COSE 'E PRIEVETE, ALLORA NCE L' AVE PURE CU STU' NEPOTE?

GIACOMINO:       NO! CO' GUAGLIONE NO! ANZI, PROPRIO PE' MEZZA SOIE  ‘O VIECCHIO E' VENUTO 'A COM PROMESSO CON GLI ALTRI DUE.

RAFILINA:            IN CHE SENSO!                          

GIACOMINO:       NEL SENSO CHE, DON SAVERIO, VEDENDO CHE IL NIPOTE PROMETTEVA NELLO STUDIO, DECISE DI MANDARLO A  NAPOLI ALL' UNIVERSITA' PER FARLO ADDIVENTARE  DOTTORE!

RAFILINA:            VA BE',  MA CHE C' IAZZECCANO E' ZIE?

GIACOMINO:       C' IAZZECCANO, PECCHE' NUN PUTENNO  MANNA'  'O GUAGLIONE  'A ISSO SULE A NAPOLI, DECISE DI SOPRASSEDERE ALLE QUESTIONI CON I DUE NIPOTI, I QUALI GIA' VIVEVANO E LAVORAVANO QUA'  E LI MANDO' A CHIAMARE.

RAFILINA:            E LORO CHIARAMENTE CI ANDARONO.

GIACOMINO:       CI ANDARONO? FUIETTONO E' CORZE. MA  VUIE AVITE CAPITO?!, ERA 'O  ZIO CA' 'E MANNAVA A CHIAMMA', E QUINDI PER LORO SI RIACCENDEVA LA SPERANZA DI UNA RIAPPACIFICAZIONE ( Nel dire riappacificazione Giacomino con le dita fa il segno del denaro ) COME INFATTI SI APPRESENTARONO DALLO ZIO IL QUALE DISSE QUESTE TESTUALI PAROLE, PE’ QUANTA VOTA L’ AGGIU DITTE, ME L’ AGGIO MPARATE PE’ FILO E PE’ SEGNO, SENTITE: IO ORAMAI SONO TROPPO VECCHIO E PER IL POCO TEMPO CHE MI RESTA DA VIVERE, VOGLIO DIMENTICARE LE CUNTRARIETA’ CHE HO AVUTO DA VOI ......

RAFILINA:            CA’ PO’ VVA’ ‘A SAPE’ STI CONTRARIETA’!

GIACOMINO:       QUESTO NON LO MAI SAPUTO .... COMUNQUE RITORNANDO AL DISCORSO .....  EEEE DONNA RAFILI’ NUN M’ AVITA INTERROMPERE, ME FACITE PERDERE ‘O FILO ... ADDO’ ERO RIMASTO ..... EEEEEE DA VIVERE VOGLIO DIME’ AH! AH ECCO .... VOGLIO DIMENTICARE LE CUNTRARIETA’ CHE HO AVUTO DA VOI PERCIO’ ASCOLTATEMI BENE, VI AFFIDO MIO NIPOTE FELICE CHE DEVE ANDARE ALL’ UNIVERSITA’ A NAPOLI DEVE ADDIVENTARE DUTTORE. DOVRA’ ESSERE PER VOI COME UN FIGLIO. LO DOVRETE SEGUIRE E FARLO STUDIARE SOTTO LA VOSTRA RESPONSABILITA’. QUANDO SARA’ DIVENTATO DUTTORE, DOVRA’ RITORNARE QUI AL PAESE DOVE GLI APRO UN GRANDE STUDIO MEDICO. AH! POI SI DEVE SPOSARE PURE UNA CERTA FLAVIETTA....  UNA SUA PROTETTA A FIGLIA E DON .... NUN ME RICORDO ME PAR ‘A FIGLIA DO’ FARMACISTA. ( Riprendendo il tono di Don Saverio )SOLO A QUESTE CONDIZIONI QUELLO CHE HO SARA’ VOSTRO. TUTTO E’ STATO SCRITTO NEL TESTAMENTO CHE HO GIA’ DATO AL NOTAIO. NEL CASO CHE QUESTE MIE VOLONTA’ NUN SI DOVREBBERO AVVERARE TUTTI I MIEI BENI ANDRANNO AI PRIEVETI. DONNA RAFILI’ AVETE CAPITO?                                                                                 

RAFILINA:            MA ALLORA E' QUESTIONE DI TEMPO, MA 'E SORDE SONGO ASSICURATI!

GIACOMINO:       AVITE CAPITO MO' PECCHE' DEVO RESISTERE?

RAFILINA:            VA BBUO’ GIACUMI’, MA CCA’ NISCIUNO SE’ MUORT ‘E FAMME FINO A MMO’!

GIACOMINO:       SI LO SO, MA DOVETE SAPERE CHE NON SI VIVE DI SOLO PANE E SORD SERVONO PURE PE’ ATI COSE. PIGLIATE A UNO DISPERATO CA’ NUN TENE SORD, PURE SI HA MANGIATO E TENE ‘A PANZA CHIENA, ‘O GUARDATE NFACCIA E DICITE CHILL? CHILL  SE’ MOR ‘E FAMME.

RAFILINA:            EH SI, AVITE RAGIONE, PERO', A   QUESTO  PUNTO, VI  CONVIENE  ASPETTARE  PERCHE' PRIMA O  POI  QUALCHE COSA VEDRETE SUCCEDE, COMUNQUE IO MO' ME NE SCENGO, S' E' FATTO TARDI, SE AVETE BISOGNO DI QUALCHE COSA ... 'A FOR E' SORDE ...  PECCHE' VUJE O' SAPITE!?.

GIACOMINO:       O' SSACCIO, EH! FIGURATEVI SI NUN ‘O SACCIO, 'E VVOTE SE PARLA CCHIU' PE' NU' SFOGO, COMUNQUE VI RINGRAZIO.

RAFILINA:            MA VE PARE, BUONA GIORNATA GIACUMI'.

GIACOMINO:       PURE A VUIE DONNA RAFILI', STATEVE BBONA.

SCENA TERZA

" GIACOMINO - ALFONSO

GIACOMINO:       ....E NUIE ASPETTAMMO, ASPETTAMMO E SPERAMMO!

ALFONSO:             (Dall' ingresso del disimpegno l'avvocato Alfonso. personaggio frenetico , imprevedibile, irrompe nello studio mentre Giacomino su  uno sgabellino depone un fascicolo sullo scaffale. Alfonso chiamando ad alta voce) GIACOMINO, GIACOMINO, GIACOMINO!!!

GIACOMINO:       ( Preso di soprassalto, a momenti cade) CHE'    STATO?!, CHE E' S'UCCIESE?

ALFONSO:             AH! TU STAIE LLOCO!

GIACOMINO:       ( Con sollievo per lo scampato pericolo ) PE' FURTUNA, SI ALLUCCAVEV N' ATU PPOCO, ANZICHE' 'E ME TRUVA' CCA'! ME TRUVAVEV LLA'!... LUONG LUONG NTERRA!         

ALFONSO:             AH, AH GIACOMINO NON POLEMIZZARE, DIMMI E' VENUTO QUAlCUNO?         

GIACOMINO:       E' VENUTO QUALCUNO?

ALFONSO:             GIACOMI’, MUOVITI SCETATE PARLA DIMMI E’ VENUTO QUALCUNO, GLI APPUNTAMENTI, LE TELEFONATE LA CORRISPONDENZA!

GIACOMINO: EH AVVOCA', NU' MUMENT,  SPUTATE NU' POCO. VUIE ME PARITE NA' MITRAGLIATRICE, ASPETTATE, FACITEME PENSA' .......  NIENTE E NON E’ VENUTO NESSUNO! SOLO LA CORRISPONDENZA!

ALFONSO:             AH! FINALMENTE, BENE, BENE..... E DI CHE SI TRATTA?

GIACOMINO:       DE' BULLETTE DA LUCE E DDO' TELEFONO!

ALFONSO:             ( Alterato ) MA COSA VUOI CHE M' INTERESSANO LE BOLLETTE DELLA LUCE E DEL TELEFONO. IO VOGLIO SAPERE DELLA  CORRISPONDENZA  DI LAVORO. DI QUESTE BOLLETTE SE NE INTERESSA MIO CUGINO L'AVV. CASIMIRO.

GIACOMINO:       VA' BENE, VOI DICITE CHE SE NE INTERESSA VOSTRO CUGINO, VOSTRO CUGINO DICE CHE VE NE INTERESSATE VOI, E IO QUESTE LE METTO INSIEME ALLE ALTRE. ( a parte ) FINO A QUANDO NUN CE VENEN A STACCA' TUTTE COSE.

ALFONSO:             BE'? ALLORA CI SARANNO STATE SICURAMENTE DELLE  TELEFONATE?

GIACOMINO:       NIENTE TELEFONATE, IL TELEFONO NON SQUILLA!

ALFONSO:             PERCHE' E' GUASTO?

GIACOMINO:       NO! CE L'HANNO STACCATO!

ALFONSO:             NON DIRE SCIOCCHEZZE, E' GUASTO!

GIACOMINO:       EMBE’, VOI IN LEGGE LO CHIAMATE GUASTO, IO NELL’ IGNORANZA LO  CHIAMO  CHE C’ E’  L'HANNO STACCATO

ALFONSO:             GIACOMINO NON TI PERMETTO DI ENTRARE IN QUESTIONI CHE NON TI COMPETONO, QUESTI SONO PROBLEMI NOSTRI, TU VIENI PAGATO PER ESEGUIRE SOLO QUELLO CHE TI VIENE DETTO DI FARE E BASTA

GIACOMINO: " PAGATO???! " AVVOCA' IO QUA' SOPRA VENGO TRATTATO PEGGIO DE' BULLETTE DA LUCE E DDO' TELEFONO, VOI DITE " PAGATO "  SONGO OTTO MESI CA' NUN VECO A CROCE E NU' CENTESIMO, E DAL MOMENTO CHE AVETE APERTO L'ARGOMENTO, VEDITE COMME AVITA FA' MA IO OVERAMENTE AGGIA ESSERE PAVATO!

( A  questo punto, Giacomino immaginando la risposta di Alfonso, ripete ad unisono. ( a soggetto)

ALFONSO:             HAI RAGIONE GIACOMINO, MA VEDRAI CHE PRESTO LE COSE SI AGGIUSTERANNO, CI SONO GROSSI PROGETTI E QUANTO  PRIMA SI RACCOGLIERANNO I FRUTTI E PER TE,  OLTRE AD AVERE CIO'  CHE TI SPETTA, AVRAI ANCHE UNA LAUTA  RICONPENSA.

GIACOMINO:       VOI DITE LAUTA IO INTRAVEDO CHIU'  " LOTE " CHE LAUTA!

ALFONSO:             MO' BASTA GIACOMI', TRONCHIAMO L'ARGOMENTO!

SCENA QUARTA

GIACOMINO - ALFONSO - CASIMIRO

( Rumore di porta, entra dall' ingresso principale l' avv. Casimiro. Al contrario del cugino Alfonso questi e' decisamente complessato da una balbuzia, che evidenzia molto di piu' nei momenti di nervosismo ) 

CASIMIRO:           BUO BUO BUON GIORNO E SALUTE

GIACOMINO:       BUON GIORNO, AVVOCATO. 

ALFONSO:             ( Un poco nervoso ) BUON GIORNO, BUON GIORNO.                              

CASIMIRO:           MA MA MA CHED' E' STAI NGUACCHIATO STAI NGUARTATO?

ALFONSO:             MA NO!, NON STO' INGUARTATO, E' CHE  OLTRE  AI  SOLITI PROBLEMI , SI UNISCE IL  LAVORO  CHE VA' COME VA', ANZI PER MEGLIO DIRE CHE NON VA' AFFATTO NON DIRMI CHE PER QUESTO TU NON SEI PREOCCUPATO?

CASIMIRO:           MA!..., CCCHE TI DEVO DIRE, COCOMUNQUE, LE OCCUPAZIONI PER LA FINE DEL MESE SARANNO AUMENTATE.

ALFONSO:             MI FA' PIACERE, MA QUESTO CHE C' ENTRA?

CASIMIRO:           COCO COME, CHE ....CHE....

ALFONSO:             CHE LE OCCUPAZIONI PER LA FINE DEL MESE SARANNO  AUMENTATE.

CASIMIRO:           MA NO, CHE HAI CACAPITO, VOLEVO DIRE CHE LE PREOCCUPAZIONI...PE PER ME SONO COSE NORMALI.

ALFONSO:             QUESTE SONO COSE DA PAZZI, MA COMME.... TU PIGLI STI' ZARR 'E PPO' SONGO IO CA' NUN CAPISCO?

GIACOMINO: SE'! CHILLE NUN SE’ CAPISCIENO FRA DI LORO, FIGURAMMECE 'NCOPPE A' NA' CAUSA.

ALFONSO:             A PROPOSITO HO SAPUTO CHE SI E' CHIUSA  LA  CAUSA  DI ANTONINO COZZI.

CASIMIRO:           AH!, C'E' CAPUTO?.... LO..LO.. HAI GIA'  SAPUTO?

ALFONSO:             'E PER FORZA.... NON SI PARLA D' ALTRO IN TRIBUNALE, QUELLO IL POVERETTO DOVEVA RIS PONDERE DI UN PICCOLO  REATO DI PECULATO .....SI E' BECCATO TRE ANNI SENZA LA CONDIZIONALE.

CASIMIRO:           'E..' E CON QUESTO?  CU..CU TRE DENTI MALATI... TETE MANGI 'A CUTALETT ?         

ALFONSO:             MA CHE STAI DICENNO!

GIACOMINO:       ( A parte ) NO! AVE RAGIONE, COMME SE FA'!

CASIMIRO:           CHI.CHILLO..A.A AVEVA AVUTO TRE PRECETTI E..E NON ME ..LO AVEVA DETT....

GIACOMINO:       ( A parte ) ALL'ANEMA D' O'  ZARRO!?!?

CASIMIRO:           NO..NOI PUPUNTAVAMO SUL FATTO CHE EEERA SCOSTUMATO

ALFONSO:             SE CAPISCE!

CASIMIRO:           E..ERA IIINCENSURATO! O..O... GIUDICE L' HA CONDANNATO E... AANDAMMO TUTTI A SIVIGLIA.

ALFONSO:             ISTEVE 'A FESTEGGIA'!

CASIMIRO:           CO'..CO NOSTRA MERAVIGLIA. 'E CAPITO?!?

ALFONSO:             MA C'AGGIA' CAPI', CASIMI' , TU  CU STA' LENGUA SI' PERICOLOSO.

GIACOMINO:       ( A parte ) MA VUIE VERITE CHE SCHIFEZZA 'E LENGUA, MA COMME O'  FA' L'AVVOCATO?

CASIMIRO:           ( Rivolto a Giacomino )  'E SPASE E PANNE?

GIACOMINO:       VERAMENTE HO FATTO PRIMMA LA CUCINA!

CASIMIRO:           COCOSA STAI FARFUGLIANNE.

GIACOMINO:       CHI IO? NIENTE.

CASIMIRO:           HO.. L' IMBRESSIONE CHE  MI PRENDI IN GGIRO.

GIACOMINO:       NOOOO 'O! QUANTO MAIE, E' IMBRESSIONE.

CASIMIRO:           E' IMBRESSIONE? GIA GIA GIAGIACOMI' STAI ATTENTO A TE (Rivolto ad Alfonso  )  IL FORNAIO E' ANDATO A RAPALLO?

ALFONSO:             MA CHI 'O SAPE A CHISTO!

CASIMIRO:           CO..COME FAI A SOPPORTARLO.

ALFONSO:             MA INSOMMA LA VOGLIAMO FINIRE!

GIACOMINO:       LA VOGLIAMO FINIRE, E GUARDATE A MME'?

CASIMIRO:           DON RODRIGO DINT' 'E PROMESSI SPOSI, FACEVA O' ZUZZUSO CU' LUCIA.

ALFONSO:             MA TU CHE STAI DICENNO?!?!

CASIMIRO:           DI...DICO CHE E' UN TIPO RISSOSO,  SESENTI ..AA...AMME'... MANDIAMOLO VIA.

GIACOMINO:       AH! MANDIAMOLO VIA, AVETE SENTITO, HA DETTO MANDIAMOLO VIA, BEN DETTO, GIUSTO MANDATEMI VIA, DATEMI  'E  SORDE  CA IO ME NE VACO MO' MMO'.

ALFONSO:             SENTITE, MO' BASTA. QUA' LE COSE NON VANNO COME DOVREBBERO, ATTRAVERSIAMO UN PERIODO DECISAMENTE NEGATIVO E SE CONTINUIAMO DI QUESTO PASSO, POSSO PREVEDERE SENZA OMBRA DI DUBBIO CHE NON  POTREMMO PAGARE NEANCHE  LE BOLLETTE DELLA LUCE.

GIACOMINO:       ( Con sgomento ) 'E BOLLETTE DA LUCE?

CASIMIRO:           SULE 'E PURPETT DA' CIUCIU..... CIU

ALFONSO:             MA CHE STAI RICENN??!!

CASIMIRO:           SU SUL 'E BULLETT DA LUCE? E ..E E PALL E SANTU STEFANO?

GIACOMINO:       'E PALL E CHI?

CASIMIRO:           EEE CHELL D''O TELEFONO?

ALFONSO:             EH! GIACOMINO, NON CI CREDERAI, MA NON POTREMMO PAGARE NEANCHE IL TELEFONO.

GIACOMINO: ( Con tono sempre piu' meravigliato ) NON POTREMMO PAGARE IL TELEFONO, AVVOCA'?

ALFONSO:             ( Alterato ) GIACOMI', NOI NON POTREMMO PAGARE NEANCHE IL PADRONE DI CASA.

GIACOMINO:       AVVOCA', VUIE NUN STATE PAVANNE A MME' A OTTO MISE! MA COMME SE PO’ FFA’! VUIE DINT' 'A L' ELENCO DE' DIEBBETE NON MI NOMINATE PROPRIO, MA......ALLORA PER ME NUN CE STANNO SPERANZE D' ESSERE PAVATO?

ALFONSO:             MA NO, GIACOMINO COSA C' ENTRI TU, TU SEI UN' ALTRA  COSA TU FAI PARTE DELLO STUDIO, SEI UNO DI NOI.

CASIMIRO:           E' GIUSTO. TE SI' GRATTATO ARET 'O  CULLETTE?          

GIACOMINO:       E' PECCHE', A MME' NUN ME PRORE.                     

CASIMIRO:           .....VUO' VUO'  ESSERE TRATTATO COMME E' BULLETTE?!

GIACOMINO:       SE LE BOLLETTE VENGONO PAGATE, ALLORA SI', VOGLIO ESSERE TRATTATO COMM’  'E BULLETTE!

ALFONSO:             SENTITE, MO' MI DOVETE FARE LA CORTESIA, LA DOBBIAMO SMETTERE..

CASIMIRO:           ( Con molta calma )  GGIUUSTO, SSMETTIAMOLA , PENSIAMO AL LAVORO, DUNQUE EE... PUPURTATO 'E STRUMENTI....

GIACOMINO:       VERAMENTE NO! AVVOCATO.

CASIMIRO:           CCCI SONO AAAAPPUNTAMENTI? TEEELEFONATE CO CO CO CORRISPONDENZA....

GIACOMINO:       ( Con amorevole disponibilita' ) AAH, CON VOI E’ UN ALTRA COSA, PERCHE’ MI DATE  TUTTO IL TEMPO DI RIFLETTERE, ( Finta riflessione ) NO! AVVOCATO, NESSUNO VI HA CERCATO NESSUNO VI HA TELEFONATO E NESSUNO VI HA SCRITTO...E' VENUTO SOLO  VOSTRO NIPOTE FELICE..

ALFONSO:             ( Con tono di rimprovero ) COME?  E' VENUTO FELICE E TU NON MI HAI DETTO NIENTE?

GIACOMINO:       EH! AVVOCA', NON VI HO DETTO NIENTE PERCHE' VOSTRO NIPOTE E' STATO PRECISO, MI  HA DETTO: QUANDO VEDI MIO ZIO CASIMIRO,..E QUI' HA INSISTITO: GIACOMI' NON TI SBAGLIARE, MIO ZIO CASIMIRO!?!? TANTO CA' IO L'AGGIU  RITTO  'E CHE SO' SCEMO, AGGIU CAPITO, VOSTRO ZIO O'....

CASIMIRO:           OOOCCHHE?.VVOOOSTRO.. ZZIO O'.....O' CHE?!?!

GIACOMINO:       EH NNO', AVVOCA’, ALLORA IO NUN PARLO CCHIU' , VUIE OGNI COSA CA' IO DICO V' IMBRES SIONATE.

CASIMIRO:           NO! IO NUN ‘O CHIAMMO 'A SARCHIAPON

GIACOMINO:       'E A MME' CHE ME NE' MPORTA.

CASIMIRO:           NO! IO IO NUN M' IMBRESSION!

GIACOMINO:       MA.. NOSSIGNORE, SPIEGAVO A VOSTRO NIPOTE CHE  AVEVO CAPITO E QUINDI GLI HO DETTO VOSTRO ZIO.... OOO'

CASIMIRO:           OOOOO'?

GIACOMINO:       OOOO'..... PIU' ALTO, QUELLO PIU' ALTO.

ALFONSO:             INSOMMA, DIMMI PIUTTOSTO FELICE CHE TI HA DETTO? VOLEVA QUALCHE COSA?

GIACOMINO:       NIENTE, COME STAVO DICENDO, MI HA DETTO DI DIRE  'A L' AVVOCATO VOSTRO CUGINO, CHE LO  ASPETTA  A  MEZZOCANNONE ( Rivolto a Casimiro )VOI SAPETE DOVE, PERCHE' VI DEVE PARLARE DI  UNA  COSA IMPORTANTE.

ALFONSO:             CASIMI', TU CI DEVI ANDARE  SUBITO,  QUELLO 'O RAGAZZO STA' PREOCCUPATO PER DOMANI, EVIDENTEMENTE VORRA' FARTI PARLARE CON QUALCHE  PROFESSORE PER STARE UN POCO PIU' TRANQUILLO.

CASIMIRO:           DACCORDO ALLORA IO VACO!? ( Fa per andare poi torna indietro. Ad Alfonso ) CHE... CHE DICI  ALFO’, MMME VOTTO PO' BALCONE 'O PA' FENESTA?

ALFONSO:             PA' FENESTA?

GIACOMINO:       E' MEGLIO 'O BALCONE E' PIU' LARGO.

CASIMIRO:           .....CHECHE DICI ME NE VVVACO PO' CAVONE, FFACCIO PIU' PRESTO?

ALFONSO:             CASIMI', TU CHE MI DICI, FAI COME CREDI, NON TI PREOCCUPARE, L' IMPORTANTE E' TENERE PRESENTE: INNANZITUTTO  LA LAUREA DI FELICE.

GIACOMINO:       INNANZITUTTO.

CASIMIRO:           AAAALLLOOORA CICICI VEEEDIAMO ARRI ARRI ARRI

ALFONSO:            CASIMI’! STATTE BBUO’! AAAAH!

ALFONSO:             DUNQUE GIACOMINO DIAMOCI DA FARE, PRENDI QUESTO FASCICOLO , METTILO A POSTO E RIORDINA UN POCO L'ARCHIVIO.

GIACOMINO:       ( Borbottando ) PRENDI IL FASCICOLO...RIORDINA L'ARCHIVIO TUTT PERDITE  'E TIEMPO.

SCENA QUINTA

GIACOMINO - ALFONSO POI ADELINA PASTARELLA

Suona il campanello Giacomino va’ ad aprire. ritorna correndo, tutto euforico )

GIACOMINO:       AVVOCA', AVVOCA'......

ALFONSO:             CHE CASPITA STA' SUCCEDENDO.

GIACOMINO:       AVVOCA', SE VE DICO NA COSA NUN NCE’ CREDETE...!

ALFONSO:             MA INSOMMA GIACOMINO, VUOI DECIDERTI A DIRMI COSA SUCCEDE?

GIACOMINO:       FUORI C'E' UN CLIENTE.

ALFONSO:             GESU' E TI MERAVIGLIA TANTO? OVERAMENTE, MA..SEI SICURO CHE E' UN CLIENTE?

GIACOMINO:       ‘E VE PARE, ‘A PRIMMA COSA C' AGGIU RITTO E' STATO:  'E  CHE SI TRATTA? E CHELLA MA' RISPOSTO, PERCHE' E' UNA SIGNORA, HO BISOGNO DI PARLARE CON UN AVVOCATO.

ALFONSO:             ALLORA MUOVETE, FALLA ENTRARE SUBITO.

GIACOMINO        ENTRATE, PREGO. (Poi siede allo scrittoio )

ALFONSO:             PREGO, PREGO SIGNORA, SONO L' AVVOCATO....                                     

ADELINA:             ( Precipitosa , verso l' avvocato ) AVVOCATO, VOI MI DOVETE AIUTARE,... SONO DISPERATA.

ALFONSO:             (Meravigliato) SPIEGATEVI SIGNORA IN CHE SENSO?

GIACOMINO:       ( A parte ) FOSSE VENUTA 'A CERCA'  QUACCHE COSE E SORDE?

ADELINA:             SONO DISPERATA PERCHE' MI TROVO IN UNA SITUAZIONE  CHE MI HA TUTTA IMBARAZZATA.

 ALFONSO:            E..... VOLETE PARLARE CON UN AVVOCATO.

GIACOMINO:       ( A parte ) FOSSE STATO MEGLIO NA' FARMACIA

ADELINA:             E SI CAPISCE, SOLO UN AVVOCATO PUO' RISOLVERE  LA  MIA SITUAZIONE, QUANDO SENTIRETE I FATTI MI DARETE RAGIONE.

ALFONSO:             PREGO SIGNORA, ACCOMODATEVI... IO SONO QUA' APPOSTA, CON  CALMA  DITEMI QUAL' E' IL PROBLEMA?.

ADELINA:             E QUA' STA' IL DIFFICILE, NON SO' COME  COMINCIARE, NON MI SONO MAI TROVATA IN UNA SITUAZIONE DEL GENERE......PRIMA DI VENIRE QUA' HO RIFLETTUTA ASSAI, IN  UN PRIMO MOMENTO NON VOLEVA VENIRE, VOLEVA DIMENTICARE, VOLEVA ABBRUCIARE IN ME STESSA, MA POI HO PENSATO....... E DATESI CHE ARIA NETTA NUNN' AVE PAURA DI TRONOLE, AGGIO DECISA, HO SAPUTO CHE NELLA ZONA CI STAVA QUESTO  LABORATORIO DI AVVOCATI.. E SONO VENUTA.

GIACOMINO:       E SI', LABORATORIO, NUIE CCA' FACIMME  'E PASTICCIOTTI.

ALFONSO:             AVETE FATTO BENISSIMO, SIETE VENUTA TRA PROFESSIONISTI SERI E POSSO DIRE CARA SIGNORA CHE  SIETE  CAPITATA COME SI DICE BENEVOLMENTE ....COME IL CACIO SUI MACCHERONI.

GIACOMINO:       ( A parte ) SE' SE', CUMME STA' L' AVVOCATO FA' UNA FURCHETTATA E SE  MAGNA 'A SIGNORA.

ALFONSO:             GIACOMINO, HAI DETTO QUALCOSA?

GIACOMINO:       CHI IO? CHE LA SIGNORA E' CAPITATA COME IL  CACIO SUI MACCHERONI.

ALFONSO:             TI PREGO DI NON INTERFERIRE; E POI QUESTO GIA' L' AVEVO DETTO IO.

GIACOMINO:       SCUSATE...VOLEVO FAVORIRE ANCH’ IO.

ALFONSO:             DUNQUE, SIGNORA....

GIACOMINO:       ( Borbottando ) CCA' PURE QUANDO SE TRATTA E MAGNA' PER FINTA, GIACOMINO NON DEVE INTERFERIRE. CHELLE SO' COSE 'E PAZZE.                                   

ALFONSO:             .... SCUSATE SIGNORA... GIACOMINO NON DEVI FARFUGLIARE,  QUESTO RONZIO MI DA' FASTIDIO, SE HAI QUALCHE COSA DA DIRE TI ALZI E LA DICI, LO SAI QUANDO PARLO CON I  CLIENTI?!? HO BISOGNO DELLA MASSIMA CONCENTRAZIONE!

GIACOMINO:       AVETE RAGIONE.. ( Alzandosi ) SCUSATE, ANZI SAPETE  MO' CHE FACCIO, VADO DI LA', PERCHE' FRA POCO VENEN 'E CLIENTI... ‘E SUCCERE 'A MMUINA, PECCHE' VONNO TRASI' TUTTI NZIEME. INVECE IO 'E FACCIO TRASI' A UNO 'A VOTA, ZITTU ZITT, COMME SI FOSSERO FANTASMI, ACCUSSI' NUN VENITE DISTURBATO E NON PERDETE LA CONCENTRAZIONE. STA' BBENE?

ADELINA:             MA CHE BRAVA PERSONA.

ALFONSO:             GIA'.. SIGNORA, NOI IL PERSONALE LO SELEZIONIAMO SCRUPOLOSAMENTE, SI' BRAVO E' ME GLIO CHE TE NE VAI DI LA' AD INTRATTENERE I CLIENTI CHE QUANDO  HO  FINITO CON LA SIGNORA TI CHIAMO

GIACOMINO:       ( Uscendo ) GIACOMI' RESISTI, DEVI RESISTERE.

ALFONSO:             FINALMENTE SIGNORA, SCUSATE, ORA SIAMO PIU' TRANQUILLI E VORREI RASSICURARVI CHE  OLTRE L' AVVOCATO, AVETE  DI FRONTE A VOI UN AMICO AL QUALE CONFIDARE I VOSTRI PROBLEMI.

ADELINA:             GRAZIE, ADESSO VI RACCONTO IL FATTO, VI  DICO TUTTO DALL' INIZIO....EMBE'..... SI'... EFFETTI VAMENTE ADESSO MI SENTO MEGLIO, MA...MA CHE SBADATA ...NON MI SONO NEANCHE RAPPRESENTATA! ..PERMETTETE, SONO LA SIGNORA: " PIACERE AVVOCA' ADELINA PASTARELLA!"

ALFONSO:             (Preso alla sprovvista,  scivola sulla scrivania e risponde con un grido smorzato ) LIETO...

ADELINA:             LIETO A RO'

ALFONSO:             LIETO DI FARE LA VOSTRA CONOSCENZA.  ( Attimo di pausa) ADESSO  DITEMI VI ASCOLTO.

ADELINA:             DUNQUE, DOVETE SAPERE, CHE  ABITO CON MIO MARITO, COL QUALE SONO SPOSATA DA DODICI ANNI, AL VICO S. NICANDRO N.16, COME ENTRATE NEL VICOLO, IL TERZO BASSO A DESTRA PROPRIO DI FRONTE A DON FEDERICO.

ALFONSO:             PER COME LO DITE, SI PRESUME  CHE IO DEBBA CONOSCERE QUESTO DON FEDERICO ... SARA.'.... CERTAMENTE  UNA  STATUA  DI QUALCHE PERSONAGGIO RISORGIMENTALE .

ADELINA:             MA AVVOCATO CHE AVETE CAPITO DI QUALE ORGIMENTALE PARLATE...

ALFONSO:             NO! NO! SIGNORA HO DETTO RISORGIMENTALE.

ADELINA:             MA NOSSIGNORE, DON FEDERICO FA' IL SALUMIERE. NEL VICOLO LO INDICHIAMO PER TALE SEGNALE, PERCHE' QUESTO  NEGOZIO E' ANTICO SI TRAMANDA DA PADRE IN FIGLIO.E' CONOSCIUTO DA TUTTI.

ALFONSO:             AH! ORA CAPISCO, INTENDAVATE DON FEDERICO, COME NEGOZIO DI SALUMERIA SITUATO DI FRONTE CASA VOSTRA.

ADELINA:             PRECISAMENTE AVVOCATO.

ALFONSO:             EMBE', MI DOVETE SCUSARE SIGNORA, MA SAPETE NON CONOSCO IL QUARTIERE.

ADELINA:             NO! AVVOCATO, FIGURATEVI, ANZI QUELLO IL MIO BASSO NON PER DIRE SI RICONOSCE SUBITO PERCHE' CIA' UNA  BELLISSIMA VENERANDA DI FERRO SBATTUTO CHE SFUGGE DA TERRAZZINO.

ALFONSO:             AH! CAPISCO, SI' .... DI FERRO SBATTUTO, SE'! PREGO SIGNORA, CONTINUATE.

ADELINA:             DUNQUE, COME VI DICEVO, SONO SPOSATA DA DODICI  ANNI, MA E' COMME FOSSE SPUSATA DA DODICI MESI.

ALFONSO:   COMPLIMENTI, UN MATRIMONIO FELICE, UN MATRIMONIO CHE  NON RISENTE DEL TEMPO PASSA TO, VI CONSIDERATE DOPO DODICI ANNI ANCORA SPOSINI ALLE PRIME ARMI?!

ADELINA:             MA  QUALE ARMI, AVVOCATO MIO, TUTTO AL CONTRARIO, QUA'  DA' QUANDO  CE SIMME SPU SATE NON E' COMINCIATA NESSUNA  GUERRA.... NON  ABBIAMO SPARATO NESSUN COLPO ... DODICI ANNI DI MATRIMONIO, STANNO ‘NCOPPA A' CARTA CA' FIRMAIMO AL MUNICIPIO, MA COMME UNIONE VERA E PROPRIA ... DIECI MESI!...E FORSE SO' STATA PURE LARGA 'E MANECA.

ALFONSO:             PERDONETEMI SIGNORA, PENSAVO IL CONTRARIO.

ADELINA:             NO! AVVOCATO, FIGURATEVI, COMUNQUE COME VI DICEVO... DIECI MESI, PERCHE'  DOVETE SAPERE, E QUI' COMINCIAMO AD ENTRARE NELLA QUESTIONE CA' CHILLU BUON' OMMO E MIO MARITO, COME ATTIVITA' FA' IL RAMMARO, VENDE BIANCHERIA E CORREDI E LA SUA CLIENTELA LA TIENE TUTTA NEI PAESI DELLA PROVINCIA. ALL' INIZIO, PARTIVA LA MATTINA E RITORNAVA LA SERA E  DICIAMO CHE LA COSA ERA NORMALE ...AVVOCA' VUIE ME CAPITE A MME'!

ALFONSO:             CAPISCO, CAPISCO..CONTINUATE.

ADELINA:             POI A MANO A MANO, COMINCIAVA A TORNARE DOPO DUE GIORNI, POI TRE, POI QUATTRO ...NE' UE', MA TU TENISSO  QUALCHE ALTRA FEMMENA 'A PARTE E FORE?!.

ALFONSO:             SIGNO', MA LO STATE CHIEDENDO A ME?

ADELINA:             NO! SCUSATE, LO DICEVO A MIO MARITO PER SAPERE SE IL MOTIVO CHE NON TORNAVA ERA PER CAUSA DI QUALCHE DONNA, E INVECE, NOOO, SE N' ASCEVA DICENNO CHE IL LAVORO ERA MOLTO, CHE LA CLIENTELA AUMENTAVA E LUI NON POTEVA TORNARE OGNI GIORNO PERCHE' LE SPESE DI VIAGGIO COSTAVANO MOLTO E QUINDI CONVENIVA RESTARE SULLA ZONA. COSI PER NON PORTARLA PER LE LUNGHE SONO  DA OLTRE DIECI ANNI CHE PARTE IL LUNEDI' MATTINA  E  RITORNA IL SABATO. ALLORA TOLTA QUELLA MEZZA GIORNATA DEL SABATO  E  LA DOMENICA, PRATICAMENTE VIVO DA SOLA. MO'  RICIARRATE VUIE: ...EH VIVE DA SOLA!? EH! AVVOCA' VIVO DA SOLA... ( Gridando per convincere ) VIVO DA SOLA!

ALFONSO:             SIGNO', CALMATEVI, IO NUN AGGIU RITTO PROPRIO NIENTE,  E POI CHE COSA C'E' DI STRANO FINO A QUESTO PUNTO, VOSTRO MARITO PARTE IL LUNEDI' E RITORNA IL SABATO E VOI RESTATE UNA SETTIMANA DA SOLA, E ALLORA? FINO A QUESTO  PUNTO NON VEDO QUALE POSSA ESSERE IL MIO INTERVEN TO, ( Con determinazione ) VOI DOVETE VENIRE AL SODO, MI DOVETE DIRE IL FATTO DOLOSO.

ADELINA:             UN MOMENTO! AVVOCATO, LO SO' CHE A VOI INTERESSA SAPERE IL FATTO, MA IO PRIMA VI DEVO DIRE COME SI ABBIA ARRIVATO AL FATTO STESSO....PERCHE' VEDETE SE PER VOI  E' NORMALE CHE NA' FEMMENA CUMM’ E' MME' RIMANE SOLA,  SENZA  UN UOMO VICINO NA' SEMMANA SANA SANA, NUN E' NORMALE  PA' GENTE DO' QUARTIERE... VUIE NUN SAPITE COSA SIGNIFICA VIVERE DA SOLA PE' NA' FEMMENA  SPUSATA  CA' TENE O' MARITO MA E' COMME SI NUN O' TENESSE... VENITE GUARDATA A VISTA CON SOSPETTO, VI SENTITE.. CONTROLLATA, NUN PUTITE  FA' QUELLO CHE VOLETE.

ALFONSO:             IN CHE SENSO?

ADELINA:             IN CHE SENSO?....NU' JUORNO CHE SACCIO...ME VENESSE  PE' CAPO E ME J' 'A CUCCA' CHIU' AMBRESSE? NUN E' POSSIBILE.

ALFONSO:             PERCHE', QUANDO IL MARITO NON C'E', E' VIETATO ANDARE A LETTO PRESTO?

ADELINA:             CUMM'E' BELLO L'AVVOCATO, AH!  SECONDO  VOI, DECIDO DI ANDARE A LETTO ALLE SETTE, CHIUDO IL VASCIO E ME NE VADO A CUCCA'!, E' NA' PAROLA.

ALFONSO:             SIGNO', MA SCUSATE, PECCHE' E' NA' PAROLA?

ADELINA:             MA COMME AVVOCATO, 'E  SETTE ‘A SERA, QUANDO  E' ANCORA GIORNO, O' VASCIO CHIUSO? ...FACESSE  'A  FELICITA' DE' MALE LENGUE, E SENTISSEVE E DICERE: " NE' GUE', MA ADELINA NUN CE STA'? 'E CHE SACCIO...SARA' ANDATA A PRENDERE UNA BOCCATA D'ARIA, OOH.. .TENARRA' QUALCHE VISITA"! ( Con allusione ) ...AVVOCA'! ...QUALCHE VISITA! .

ALFONSO:             EMBE'...EFFETTIVAMENTE MA SONO VOSTRE SUPPOSIZIONI.

ADELINA:             SUPPOSIZIONI?! CERTEZZE AVVOCATO MIO. DOVETE SAPERE CHE SE VOGLIO VIVERE IN MEZZO ALLE DONNE DEL MIO  QUARTIERE " SPOSATE NORMALMENTE ", LA MIA GIORNATA DEVE ESSERE SEMPRE LA STESSA, SEMPRE REGOLARE, PERCHE' SE’ PER COMBINAZIONE  ‘NCE  STA'  QUALCHE  CAMBIAMENTO, QUAL CHE RITARDO DI APERTURA O CHIUSURA DEL VASCIO ...DEVO PORTARE LA GIUSTIFICA.

ALFONSO:             COME I RAGAZZI CHE VANNO A SCUOLA?

ADELINA:             PEGGIO! PERCHE' 'E GUAGLIUNE CHE VANNO 'A SCUOLA, E' LA  LORO SIGNORINA CHE VUOLE LA GIUSTIFICA,  'O GUAGLIONE, NCE LA PORTA, ACCOCCHIA QUATTRO FESSERIE E TUTTO E'  A POSTO. MA IO NO! A MME' 'A  GIUSTIFICA NUN MMA’ CERCA NISCIUNO, IO 'A GIUSTIFICA MA’ VACO FACENNE SENZA CA’ NISCIUNO MA' CERCA. E VE PENSATE CA' VE CRERENO?!

ALFONSO:             NO 'EH......  NON VI CREDENO...

ADELINA:             NIENTE, VE GUARDANO SEMPE CU CHELLA MEZA RESATELLA, COMME PE' DDI'... ADELI' MA ‘A CHI ‘O VUO' AMMUCCA'!                                                                         

ALFONSO:             SIGNORA!.......MA IO POSSO ANCHE COMPRENDERE LA VOSTRA SITUAZIONE, MA VOI ESAGE RATE, SONO  SICURO CHE  QUESTI PROBLEMI VE LI CREATE INCOSCIAMENTE, DOVRESTE  PENSARE PIU' A VOI STESSA E NON VIVERE IN FUNZIONE DEGLI ALTRI.

ADELINA:             SICURO, AVVOCATO, AVETE  DETTO  GIUSTO, AGGIA PENSA' A ME  STESSA, MO' BASTA, NUN  POZZO  CONTINUA' A CAMPA' ACCUSSI' PE’ MEZZO ‘E  CHELLA  SPECIE  D' OMMO CA' ME SO' SPUSATA E CA' NUN ME’ MERETA...E SI' AVVOCA' PERCHE'...PUTEVO APPROFITTA' DA SITUAZIONE ......AVVOCATO. GUARDATEMI BENE.....DITEMI CON LA MASSIMA ONESTITA'         

ALFONSO:             MA VI PREGO!

ADELINA:             COMME FEMMENA, PUTESSE FA' PERDERE  E' CEREVELLE  ALL' UOMMENI?

ALFONSO:             EH BE', CERTAMENTE SIGNORA, AD ONOR DEL VERO SIETE UNA BELLA DONNA... MA.... NON CAPISCO DOVE VOLETE ARRIVARE.

ADELINA:             VOGLIO ARRIVARE AL FATTO CA' CHILL' OMMO 'E NIENTE E MIO MARITO FINO A MMO' HA AVUTO ‘A CIORTA CA' ME MANCATO  'O CURAGGIO ..CASINO', AVVOCATO MIO, L'AVESSE INCUTO  'E CORNE. MA MO' BASTA! E GIUSTAMENTE COME EVETO DETTO VOI DEBBO PENSARE A ME' STESSA! AVVOCATO SONO VENUTA QUA' PER DENUNCIARE MIO MARITO.

ALFONSO:             SIGNORA! FINALMENTE UNA PAROLA CHE, SCUSATE LA DEFORMAZIONE PROFESSIONALE, MI FA’ SPERARE AD UN MIO SERIO INTERVENTO NEL VOSTRO CASO...PERCHE' FINO A QUESTO MOMENTO AVEVO TEMUTO IL PEGGIO. VI PREGO CONTINUATE.

ADELINA:             ORMAI VI SARETE FATTO L' IDEA DI COME PASSO LE GIORNATE E ALLORA IL VENERDI CAPIRETE CHE PER ME E' UNA  GIORNATA PARTICOLARE, PERCHE', IL SABATO  FINALMENTE  ARRIVA MIO MARITO. COME AL SOLITO, DA DIECI ANNI A QUESTA PARTE, IL  VENERDI' SERA  MI  PREPARO  IL  CONCOLINO  CON L' ACQUA PERCHE' PRIMA CHE VADO A LETTO MI FACCIO IL BAGNO .....NUDA.

ALFONSO:             E SE CAPISCE, CHE VO' VULIVEVE FA' VESTUTA?

ADELINA:             MA NO! AVVOCATO MI VOLEVA SPIEGARE, COMPLETAMENTE NUDA, COMUNQUE, VENERDI' SCORSO DOPPO CHE AVETTO PREPARATO L'ACQUA DENTRO AL CONCOLINO DIETRO LA TENDA  VICINO AL LETTO, PERCHE' DOVETE SAPERE, CHE NEL MIO BASSO  C' E' UNA TENDA CHE DIVIDE A LUNGO A LUNGO TUTTA LA STANZA E DIETRO C'E' IL LETTO, SOCCHIUDETTE 'A PORTA 'E FORE, NUN 'A CHIUDETTE COMPLETAMENTE PE' FA’ PASSA' NU POCO D'ARIA E ME FACETTE 'O BAGNO. AVVOCA'.... ERO APPENA USCITA DALL' ACQUA ...QUANDO SENTETTE ARAPI' 'A PORTA E  ME  TRUVAIE  DINTA 'A CASA NU' GIOVINE... NU' BELLU GIOVINE A  VERITA' , MA  CHE NON AVEVO MAI VISTO PRIMA DI ALLORA. FIGURATEVI  'O SPAVENTO.... IO TUTTA ANNURA, CHIST CURRENNE ME VENETTE QUASI NCUOLLO CU' TUTTA A TENDA, PO' VEDENNEME ANNURA, SECONDO ME NUN AVETTA CAPI' CCHIU' NIENTE, NUN S' ASPETTAVA CHILLU SPETTACOLO..... 

ALFONSO:             E' CERTO SIGNORA, ME L’ HO IMMAGINO, E ALLORA?

ADELINA:             AVVOCA', CHILLO SE NE VOLEVA FUGGIRE?!?!

ALFONSO:             NOOOO! MA VOI CHE DITE?!

ADELINA:             EEEH! MA IO SUBBETO 'O ACCHIAPPAIE E 'O NCATASTAIE NCOPPE 'O LIETTO

ALFONSO:             AH! VE VENETTE  'O CURAGGIO?

ADELINA:             CURAGGIO E CHE? AVVOCATO?! L' AVETTA TRATTENERE PERCHE' PENSAIE CA' SI QUACCHE DUNO L' AVESSE VISTO  D'ASCI' ‘A CHELL' ORA 'A DINTO O' VASCIO, CHE AVREBBE PENSATO?

ALFONSO:             GIA', GIA'...CASINO'...LA GIUSTIFICA.

ADELINA:             SE CAPISCE, ALLORA, MO’ METTETTO SOTTO.... E  NUN 'O FACETTO MOVERE ...AVEVA SAPE' CHI ERA, PERCHE' ERA ENTRATO  D’ INT’ 'A CASA MIA;....AVVOCATO MIO, MENTRE MO' STEVO..... INTERROCANDO, S' ARAPE A TENDA.. NE'...HUE', INDOVINATE CHI ERA?

ALFONSO:             DON FEDERICO!

ADELINA:             GESU',  'E CHE C' IAZZECCA DON FEDERICO?!

ALFONSO:   .         ..NON LO SO'..E' UN NOME CHE MI E' RIMASTO SIMPATICO.

ADELINA:             ( Grido improvviso )AVVOCA’, MIO MARITO!

ALFONSO:            MAMMA DO’ CARMENE (Al grido di " mio marito " per un ingiustificato senso di colpa, preso dal racconto, si nasconde sotto la scrivania )

ADELINA:             AVVOCATO, DOVE STATE, MA CHE E' SUCCESSO?!

ALFONSO:             ( Cacciando la testa fuori ) VO VO VOVVOSTRO MARITO?

ADELINA:             SI! BRAVO, DIETRO LA TENDA C' ERA MIO MARITO.

ALFONSO:             AH! GIA', VOSTRO MARITO... BRAVO VI HA VOLUTO  FARE  UNA SORPRESA?!

ADELINA:             BRAVO! MI HA VOLUTO FARE UNA SORPRESA ( Togliendosi il cappello, scopre una fasciatura alla testa ) SORPRESA?!? VENTIQUATTRO PUNTI CON IL PERUOZZOLO  DELLA  SEGGIA  E MME' GGHIUTE  CHIAMMANNE  PUTTANA  PE' TUTTO  'O VICOLO! ( Inviperita ) AVVOCATO CAPITE? PUTTANA A MME?!?

ALFONSO:             CALMATEVI SIGNORA, CERTO CAPISCO.....

ADELINA:             AVOOCA', L'AVITA MANNA' NGALERA, L'AGGIA VEDE' NGALERA E M' ADDA RA' PURE  'A SEPARA ZIONE.

ALFONSO:             PIANO, SIGNORA, NON PRECORRIAMO I TEMPI.....

ADELINA:             SI  'O SACCIO AVVOCATO, I FATTI MI DANNO TUORTO, MA  E' TUTT' APPARENZA, IO 'E TUTTO CHELLO CHE E' SUCCIESE NUN NE AGGIO COLPA, PE' QUESTO CA' STONGO CCA', AVVOCATO, NON BADO A SPESA MA  LO DEVO VEDERE IN PRIGIONE! QUALSIASI CIFRA AVVOCA’, MA ADDAJ’ NGALERA!

ALFONSO:            NON HO CAPITO, SIGNORA, MI SONO DISTRATTO UN MOMENTO, COSA AVETE DETTO?

ADELINA:             CHE LO DEVO VEDERE IN GALERA, IN PRIGIONE, E VE L’ HO DETTO AVVOCA’, PAGO QUALUNQUE CIFRA

ALFONSO:              PAGA’... ‘E PIOMB ‘E VENEZIA SIGNO’! L’ ERGASTOLO, NON LO FACCIAMO USCIRE PIU’!

ADELINA:             EEEEH! VOI VERAMENTE DITE?

ALFONSO:             E SECONDO VOI, IO VEDO TANTO INSISTENZA DA PARTE VOSTRA...  E NON MANDO IN GALERA VOSTRO MARITO, DEVE ANDARE IN GALERA! .... PER CARITA', NON FOSSE ALTRO PER RISCATTARE IL  VOSTRO ONORE CHE HA INGIUSTAMENTE INFANGATO E POI, QUELLO  VI POTEVA UCCIDERE.

ADELINA:             E COMME NO! AVVOCATO IO SO' VIVA PE' MIRACOLO, SE  NON ERO PRONTA A RIPARARMI CON IL BRACCIO, MI AVREBBE APERTA LA TESTA META' A META'

ALFONSO:             QUELLO PUO' DIRE...MA IO HO VISTO MIA MOGLIE NUDA  SUL LETTO CON UN UOMO?! ...... E CHE SIGNIFICA....

ADELINA:             SE SAPE, CHE SIGNIFICA?

ALFONSO:             NIENTE! L'UOMO ERA PURE LUI NUDO? NO!..... NON ANCORA..

ADELINA:             NE' AVVOCA', CUMME SAREBBE NON ANCORA?

ALFONSO:             NO, SIGNORA, MI SPIEGO, IO IN QUESTO MOMENTO STO' FACENDO L'AVVOCATO DEL DIAVOLO, IMMAGINO COME VOSTRO MARITO GIUSTIFICHERA' LA REAZIONE AVUTA NEI VOSTRI CONFRONTI E VEDO CHE NON AVRA' NESSUNA DIFFICOLTA' A DIRE AL GIUDICE : SIGNOR GIUDICE MI SONO RITIRATO A CASA E HO  VISTO MIA MOGLIE NUDA A LETTO CON UN UOMO. IL GIUDICE CHE FA'?

ADELINA:             'E CHE NE SACCIO IO? CHE FFA'?

ALFONSO:             CHIAMA VOI E VI DICE: E' VERO QUELLO CHE HA DICHIARATO  VOSTRO MARITO? VOI CHE DITE?

ADELINA:             IO CHE DICO?!  'O GIUDICE CHE FA?! AVVOCA' MA CHE NE SACCIO, IO SE SAPESSE TUTTE STI COSE,  'A CAUSA MA FACESSE IO E BONA NOTTE . EH! SCUSATE TANTO, MI DOVETE DIRE  VOI QUELLO CHE DEVO FARE E QUELLO CHE DEVO DIRE, IO QUELLO CHE SO' E' CHE  L'AGGIA  VEDE' NGALERA  E  VE L' HO DETTO PAGO  QUALUNQUE  CIFRA, NON  BADO  A SPESE, MA.... L'AGGIA VEDE'  'NGALERA!

ALFONSO:             SU QUESTO SIAMO DACCORDO NON CI PENSATE PIU’! IO PRIMA VI FACEVO QUELLE  DOMANDE PROPRIO PER FARVI CAPIRE CHE PER VOSTRO MARITO NON  VI E' SCAMPO ( Si alza e continua come in una arringa in tribunale ) VOSTRO MARITO POTRA' DIRE QUELLO CHE  VUOLE MA  CI  DOVRA' DIRE, PERO', COME MAI DA DIECI ANNI, TESTIMONE TUTTO IL VICOLO, E' SEMPRE VENUTO  PUNTUALMENTE DI SABATO, QUELLA SETTIMANA GUARDA CASO, NON  SOLO ARRIVA DI VENERDI, MA COMBINAZIONE SI PRESENTA  NEL PRECISO MOMENTO IN CUI STAVATE CERCANDO D’ INTERROGARVI IL GIOVANOTTO SUL LETTO .....

ADELINA:             AVVOCATO, E CHE CI VOLETE FARE, QUELLA E' LA MIA  SFORTUNA NERA.

ALFONSO:             EH NO! CARA SIGNORA, VOI CREDETE ALLA SFORTUNA TROPPO COMODO INCOLPARE  LA SFORTUNA. AVESTE VOI IL TEMPO D' INTERROGARE IL GIOVINE?

ADELINA:             ADDO' AVVOCATO....PROPRIO NIENTE.

ALFONSO:             VEDETE? QUESTO GIOVINE NON SI SA' CHI FOSSE, E AVETE SAPUTO PERCHE' ENTRO' IN CASA VOSTRA QUELLA FATIDICA SERA?

ADELINA:             NIENTE NON L'HO SAPUTO, SACCIO SOLO CHE QUELLA FETENTE DI SERA NON ME LA SCORDERO' PIU'.

ALFONSO:             ED ALLORA, L' AVVOCATO ALFONSO CHIUMENZA VI DA' LA RISOLUZIONE DEL CASO, PERCHE' PER  ME  NON CI  SONO DUBBI; QUA' TUTTO IL FATTO E' STATO  ABILMENTE  PREPARATO  DA VOSTRO MARITO.

ADELINA:             AVVOCA! MA VUIE CHE DICITE?!?!

ALFONSO:             LO SO', LO SO'! COSA PROVATE, MA VEDETE IO SONO ABITUATO A DIRE LE COSE COSI' COME SONO.

ADELINA:             GESU', MA VOI VEDITE CHE PIEZZO 'E CAROGNA E VVUIE COME AVETE SAPUTO TUTTO QUESTO?

ALFONSO:             COME SAREBBE COME L'HO SAPUTO?... SIGNORA , LA  MIA E' UNA ANALISI LOGICA DEI FATTI, E SIC  STANTIBUS  REBUS VOSTRO MARITO VA' IN GALERA.

ADELINA:             AH, MO' AGGIU CAPITO, POICHE' E' SICC  VA' 'NGA LERA CU' LL' AUTOBUS?!?!

 ALFONSO:            NO!.....CA'CARRUZZELLA ACCUSSI' STA' CCHIU' FRISCO! SIGNO' CHE AVETE CAPITO, SIC STANTIBUS, STANDO COSI' LE COSE, VOSTRO MARITO ANDRA' IN GALERA.

ADELINA:             AVVOCA' VUIE PARLATE TROPPO DIFFICILE, COMUNQUE FATE QUELLO CHE DOVETE FARE CHE PER ME STA BENE.

ALFONSO:             PERFETTO, VOI NON VI PREOCCUPATE, LASCIATEMI PREPARARE LA DENUNCIA CHE PRESTO VI DARO' SODDISFAZIONI.

ADELINA:             AVVOCATO, MI RACCOMANDO STO' NELLE VOSTRE MANI.

ALFONSO:             NON VI DOVETE PREOCCUPARE, ADESSO MI LASCIATE UN PICCOLO..... ACCONTO DI CENTOMILALIRE PER LE SPESE INIZIALI.....

ADELINA:             AVVOCATO, NOI ABBIAMO SOLO PARLATO... CENTOMILALIRE?

ALFONSO:             A PARTE IL FATTO CHE NON ABBIAMO SOLO PARLATO, MA,  MODESTAMENTE GIA' VI HO DEFINITO IL TESTO DI ACCUSA, PER QUANTO, SIGNORA CARA, BISOGNA ISTRUIRE LA PRATICA IN TUTTI I SUOI DETTAGLI SENZA LASCIARE NULLA AL CASO E QUESTO, CARA SIGNORA, COSTA. ALLORA? LO VOGLIAMO VEDERE IN GALERA QUESTO MARITINO?

ADELINA:             QUESTO MARITINO?! CHISTU’  CARUGNONE. VA BE' AVVOCA' COME VOLETE VOI, CA' STANNE  'E SOLDE......MA  ARRICURDATEVE! L'AGGIA VEDE' NGALERA, N G A L E R A!

ALFONSO:             ( Suonando il campanello sulla scrivania, chiama ) GIA­COMINO, GIACOMINO!? SIGNORA QUANDO L'AVVOCATO CHIUMENZA PRENDE UN INCARICO SIGNIFICA: " VITTORIA ( Gridando e suonando ripetutamente il campanello ) GIACOMINO!?!?

GIACOMINO:       ( Entra con rilassatezza ) AVETE CHIAMATO A MME'?

ALFONSO:             NO! AGGIU CHIAMMATO A CHILLATO!

GIACOMINO:       AH! VA' BE' ( fa' per tornarsene indietro )

ALFONSO:             ( Alterato ) MA INSOMMA SI PUO’ SAPERE DOVE VAI?

GIACOMINO:       VADO DI LA' A TRATTENERE LA FOLLA.

ALFONSO:             ASPETTA! PRIMA ACCOMPAGNA LA SIGNORA  ALLA PORTA ( bacia mano )  'A PRESTO SIGNORA STIA SENZA PENSIERO.

ADELINA:             MI RACCOMANDO AVVOCATO, ASPETTO VOSTRE NOTIZIE. ( Si avvia verso l’ uscita )

GIACOMINO:       NO NO SIGNORA USCITE DI QUA'... CASINO' DI LA', DOVETE  ATTRAVERSARE TUTTA LA FOLLA....

Fine primo atto

Secondo Atto

SCENA PRIMA

" STESSA SCENA. GIACOMINO - RAFFAELE POI DONNA RAFILINA

GIACOMINO:       TRASE RAFE', TRASE MIETT CCA', NCOPP 'A SCRIVANIA.

RAFFAELE:          ( Esegue ) ECCO FATTO!

GIACOMINO:       ( Sedendo e mangiando ) BRAVO RAFE', DEVO DIRE CHE IL SERVIZIO E' INAPPUNTABILE, ED IO PER QUESTO, TE STO' FACENN FA' NA' LETTERA CHE DOVRA' ESSERE NA' CANNUNATA.

RAFFAELE:          ME STATE FACENNO FA'? 'A SICCHE', MANCO STAMMATINA 'A LETTERA E' PRONTA?

GIACOMINO:       MA.... INSOMMA, COME TE LO DEVO DIRE; UNA LETTERA DI ASSUNZIONE, NUN E' NA' COSA ‘E NIENTE, BISOGNA FARLA COME SI DEVE, CON ATTENZIONE....

RAFFAELE:          SI, MA NUN L' AVITA FA' MICA VUIE, L' ADDA FA' L' AVVOCATO!?!

GIACOMINO:       PROPRIO PER QUESTO, DAL MOMENTO CHE L' AVVOCATO LA DEVE FARE PE' SENZA NIENTE, DEVO TROVARE IL MOMENTO OPPORTUNO CASINO' CHILL’ ARRONZA E TU CONTINUI A FFA' 'O GIOVAN ‘E BARRISTA.

RAFFAELE:          VA BE', L' AVVOCATO L' ADDA FA' PE’ SENZA NIENTE, MA IO A VUIE VE STO' PAGANDO, CU’ CHIST, SO' SETTE CAPPUCCINI E SETTE BRIOSC.

GIACOMINO:       (Con disappunto ) SETTE CAPPUCCINI E SETTE BRIOSC?? ‘E CHE SO', MA ‘E CAPIT CA’ TU PRESIENTI NA’ LETTERA SCRITTA NIENTEDIMENO CHE DALL' AVVOCATO CASIMIRO CHIUMENZA. MA.... TU 'E CAPIT CHI E' L' AVVOCATO CASIMIRO CHIUMENZA?

RAFFAELE:          ( Con timidezza ) CHI E'?

GIACOMINO:       ( Non sapendo che dire ) GUARDATE ..... CHILL DICE CHI E'? MA SE PO' ESSERE ACCUSSI' CIUCCI?! POSSIBILE CA’ TU NUN SAIE CHI E' L' AVVOCATO CASIMIRO CHIUMENZA??!!

RAFFAELE:          EH NUN ‘O SACCIO... CHI E’?!?! ......

GIACOMINO:       GUARDA, TANTO PE' TE FA' N' IDEA, QUANTO TU PRESIENTI LA LETTERA SCRITTA DALL' AVVOCATO .... COME MINIMO TE FANNO DIRETTORE SCUPATORE  DE' MUSEI.

RAFFAELE:          SENTITE GIACUMI', TUTTO CHELL CA' ME DICITE, MA SE IO SI NUN PRESENTO 'A LETTERA PE' LUNNERI', NUN PUTARRAGGE FA' CCHIU' MANCO 'O SCUPATORE SEMPLICE DE’ CIESSI..

GIACOMINO:       ( Bevendo l' ultimo sorso di latte ) NUN TE PREOCCUPA', CE PENSO IO, TI FARO' PRESENTARE LA DOMANDA NEI TERMINI, MA RICUORDATE, AGGIAVE’ COME MINIMO, NATI SETTE CAPPUCCINI E SETTE BRIOSC. ( Suona il campanello ) VA', VIDE CHI E'.

( Raffaele esce e rientra con Rafilina )

RAFILINA:            BUON GIORNO GIACOMI'.

GIACOMINO:       BUON GIORNO DONNA RAFILI', TRASITE ( Porgendo il vassoio a Raffaele ) RAFE', VA' NUN TE PREOCCUPA' STAI IN BUONE MANI, CE VERIMM DOMANI MATTINA.... SOLITA ORA.

RAFFAELE:          VA BUO', VUIE PERO' M' AVITA FA' TRUVA' 'A LETTERA. ( Esce )

RAFILINA:            TENETE PURE 'O SERVIZIO A DOMICILIO, TUTTO SOMMATO PO' NUN E' CHE VA’ PASSATE PROPRIO MALAMENTE.

GIACOMINO:       GIA', MI SONO ASSICURATO PER UNA SETTIMANA LA COLAZIONE ALLA MATTINA, COMUNQUE DITEMI, DONNA RAFILI',  TENITE ATI BULLETTE?

RAFILINA:            NO! GIACOMI', NIENTE POSTA, NON SONO QUA' INVESTITA DI PORTINAIA, SONO VENUTA PERCHE' VI DEVO PARLARE  DI UNA COSA CHE....FORSE VI RIGUARDA, SONO SALITA ADESSO PERCHE' A QUEST' ORA GLI AVVOCATI NUN NC' 'E STANNO ANCORA E PUTIMMO PARLA' CINQUE MINUTI IN SANTA PACE.

GIACOMINO:       EH DICITE, DONNA RAFILI', DI CHE SI TRATTA .........VOI M' INCURIOSITE.

RAFILINA:            'A IERE SSERA, PUTEVANO ESSERE 'A VIA DDE'  SSEIE, VENETTE DINT 'A GUARDIOLA A CHIEDERE DELLE INFORMAZIONI, NA' FIGLIOLA E VULETTE SAPE' SE NEL PALAZZO  'NCE STAVA NU'  STUDIO D' AVVOCATO.

GIACOMINO:       EH, E VVUIE A' FACIVEVE SAGLI'.

RAFILINA:            ASPETTATE, FACITEME PARLA'; DUNQUE, DICETTE GNORSI', CI SONO DUE AVVOCATI E SE VOLE TE PARLARE CON LORO, ACCOMODATEVI AL PRIMO PIANO, FUORI ALLA PORTA NC' E' SCRITTO STUDIO LEGALE AVV. CHIUMENZA"

GIACOMINO:       EMBE', ALLORA?

RAFILINA:            ALLORA, RISPUNNETTE ESSA, CHE NON ERA L' AVVOCATO CHE ANDAVA CERCANDO.

GIACOMINO:       NO?!? 'E 'A CHI STEVA CERCANNO?

RAFILINA:            UN GIOVINE, UN GIOVINE CHE LAVORA SOPRA 'A NU STUDIO D' AVVOCATI.          

GIACOMINO:       UN GIOVINE CHE LAVORA SOPRA NU'..STUDIO..E VOI GLI AVETE DETTO QUESTO GIOVINE COMME SE CHIAMMA!?!?

RAFILINA:            MA VE PARE CA' NUN CIO' CHIEDEVO?, MA RISPUNNUTA CHE IL GIOVINE CHE CERCA SE CHIAMMA LELLO.

GIACOMINO:       ( A parte ) LELLO?? MA....  SIT SICURO,  HA DETTO LELLO?

RAFILINA:            'E CERTO CA’ SO' SICURA! MA PECCHE', RICITEME 'A VERITA', ‘A CUNISCITE?

GIACOMINO:       DONNA RAFILI', QUELLA ERA LA MIA INNAMORATA, CA’ ME STA' CERCANNO.

 RAFILINA:           GESU', VEDITE, GIACUMI' IO ME L’ ERO IMMAGGINATO. GESU’! CHELLA AJER SSERA ME FACETT NA' PENA, MI HA RACCONDATO, CA' STU PIEZZ 'E FETENTONE MASCALZONE... NO' VUIE, LELLO

GIACOMINO:       DONNA RAFILI, STU’ LELLO SONG' IO.

RAFILINA:            VA' BBUO', MA AJER SSERA NUN 'O SSAPEVO, COMUNQUE, CA’ STU’ PIEZZ EEEAEEEEHH! LELLO...  ALL' IMPROVVISO, SENZA NA' RAGIONE, NUN S' E' FATT CCHIU' VEDE' E L' HA LASCIATA MMIEZ 'A NU GUAIO TROPPO GRUOSSO.

GIACOMINO:       NU GUAIO? 'E QUA' GUAIO DONNA RAFILI'?

RAFILINA:            'E CHE SACCIO, NUN M' HA VULUTE DICERE NIENTE. MI HA DETTO CHE SI TRATTA DI  UNA COSA ASSAI DELICATA. MA SI ‘A VERIVEVE ... M’ E’ FACETTA NA’ PENA CA’ NUN VE DICO.

GIACOMINO:       NA’ COSA ASSAI DELICATA, ‘E CCHE’ PUTUTO SUCCEDERE??

RAFILINA:            AH! E SE NON LO SAPETE VOI FIGURATEVI IO, MA PO' SCUSATE, PECCHE' L'AVITE DATO NOMME FAVUZE, INDIRIZZO FAVUZO; ACCUSSI' FACITE QUAND VE' METTITE 'A FFA' AMMORE CHE' GUAGLIONE?

GIACOMINO:       MA NO! SAPIT, QUANDO 'A CUNUSCETT, PENSAVO 'A UNA AVVENTURA PASSEGGERA, NA' COSA TANT PE' PASSA 'O TIEMPO, ACCUSSI' ME VULETT FA' BELL DICENN.... CHE LAVORAVO COME SEGRETARIO 'NGOPP 'A NU STUDIO DI AVVOCATI IMPORTANTI, CHE GUADAMBIAVO BENE E FESSERIA PE' FESSERIA, LE DETTO PURE 'O NOMME 'E L' INDIRIZZO FAVUZ

RAFILINA:            EGGIA', 'A GUAGLIONA PENSAIE.. ADDO' 'O TROVO N’ATU PARTITO CUMM' 'A CCHIST?

GIACOMINO:       PROPRIO COSI', POI INVECE LA COSA ADDIVENTO' MOLTO SERIA. SAPETE SPESSO SI COMINCIAVA A PARLARE DI MATRIMONIO E SEMPRE PIU' DIFFICILE DIVENTAVA PER ME DIRGLI LA VERITA’. ERA ORMAI DIVENUTA UNA SITUAZIONE PESANTE. NON POTEVO PIU' SOSTENERE QUELLA PARTE.. CAPITEMI, VUIE PO' 'A SITUAZIONE MIA 'A SAPIT..... SENZA NA' LIRA DINT' 'A SAC­CA, SENZA PUTERLE FA' NU' REGALINO, SENZA PUTERLA AC­CATTA'.... NU’ GELATO....

RAFILINA:            BELLA COSA!

GIACOMINO:       BELLA SCHIFEZZA. ED E' STATO PER QUESTO MOTIVO CA' PENSAIE... E' MEGLIO FARLA FERNUTA, NUN 'A PUTEVO CONTINUA' 'A LUSINGARE.... 'O CURAGGIO 'E LLE RICERE A VERITA' NUN HO TENETT... E ACCUSSI' NUN ME FACETTE CCHIU' VEDE'.

RAFILINA:            GIA'...O' CURAGGIO ‘E DICERE FESSERIE, QUELLO SI! QUEL­LO LO AVETE TENUTO.

GIACOMINO:       EMBE' SAPETE ..QUELLO....

RAFILINA:  .         O' CURAGGIO E DICERE A' VERITA' NO! QUELLO NON L’ AVETE AVUTO.

GIACOMINO:       GIA'.. EFFETTIVAMENTE....

RAFILINA:            AVETE AVUTO IL CORAGGIO E NUN VE FA' VEDE' CCHIU'

GIACOMINO:       HE NO! INSOMMA DONNA RAFILI', MA PENSATE CA' PE' MME E' STATO FACILE, RICITE 'A VERITA' .... MA PER CARI­TA', IO QUANTO CE PENSO ME SENTO D' ASCI' PAZZO, MA..CHE POZZO FA'?!

RAFILINA:            CHE PUTIT FA'? SENTITE A MME'...JATE. CERCATE DA' TRUVA'.... SE CI TENETE NUN  FACITE PASSA' CCHIU' TIEM­PO, RICITALE A' VERITA' ......CHE POI MI RINGRAZIERETE.

GIACOMINO:       MA COMME FACCIO VUIE SAPITE  A SITUAZIONE....

RAFILINA:            MA QUALE SITUAZIONE, GIACUMI’, JATE... NUN VE PREOCCUPATE, STATEME ‘A SENTI’. DICITELE A VERITA’, CHE POI LE COSE SI AGGIUSTANO ....

GIACOMINO:       EMBE'! AVITE RAGIONE, DONNA RAFILI'...SICURO, IO DEVO REAGIRE, AVETE PIENAMENTE RAGIONE... VE VOGLIO STA' 'A SENTI' ....

RAFILINA:            BRAVO E NON VE NE PENTIRETE .....

GIACOMINO:       IO NON SO' COME RINGRAZIARVI .....

RAFILINA:            GIACUMI', NUN CE PENSATE, FACITE AMBRESSO TROVATELA E  FACITEME SAPE’ ....MO' ME NE VACO CA'  S’ E’ FATT TARDI.

GIACOMINO:       GRAZIE, GRAZIE ASSAJE, VI ACCOMPAGNO.

RAFILINA:            STATEVE COMODO, CONOSCO LA STRADA, PENSAT  'A VE MOVERE.  ( Esce )

GIACOMINO:       PENSATE 'A VE MOVERE! COMME FACCIO, NUN POZZO MICA  CHIUDERE E ME NE VACO..E PO', AGGIA SAPE', SE FELICE STA' FETENTE  'E LAUREA SA' PIGLIATA O NUN SA' PIGLIATA, IO STONGO ‘NCOPPE E SPINE...( Si sente aprire la porta ) FINALMENTE, MO' SAPIMM QUALCHE NOTIZIA

SCENA SECONDA

GIACOMINO - AVV. CASIMIRO POI FELICE

CASIMIRO:           GIA..GIACOMINO, SENTO PUZZO DI FUMO.

GIACOMINO:       OVERO? CAGGIA FA’ CHIAMMO E PUMPIERE

CASIMIRO:           NO...NO..NU..NUN E' VENUTO NESSUNO?

GIACOMINO:       ( Spazientito ) NON E' VENUTO NESSUNO!

CASIMIRO:           BE..BENE, COCOME VIENE FFFELICE O L' AAAV VOCATO ... AA ..AAAA...AVVISAMI.

GIACOMINO:       PERCHE', VOI DOVE ANDATE?                                                                     

CASIMIRO:           GESU', 'A BALLA'!

GIACOMINO:       BEATO VOI!

CASIMIRO:           DODOVE VADO.... STO' CCA'!

GIACOMINO:       HEEE ALLORA CHE VI DEVO AVVISARE.

CASIMIRO:           GGIACOMI' NON TTTI SMENTISCI MAI, AAAVVISA MI E' UN MODO DI DDIRE....... CACAPISCI L' URGENZA!

GIACOMINO:       LO SO', LO SO' QUA' TUTTI CAPIAMO QUESTA URGENZA.

" Suona il campanello "

GIACOMINO:       ( Con eccitazione ) OILLOCO, CHIST SARANNO LL'ORO!?, VENGO VENGO ( esce )

CASIMIRO:           GGGIACOMINO 'O VECO CCHIU' STRANO E LL' ATI  VVOT.

FELICE:                 ZIO CASIMI', CHIAMATEMI DOTTORE

CASIMIRO:           COCOCOCO......

GIACOMINO:       ( A parte ) MO' CACCIA LL' UOVO!

CASIMIRO:           CO..COMPLIMENTI NON SSAI QUANTO SONO CONTENTO ...A A A QUAGLIA, NUN S' E' MISE 'A PAURA 'E TRASI' DINTO.....

GIACOMINO:       ( a parte ) NO! ERA NA QUAGLIA CURAGGIOSA!!?

CASIMIRO:           LA LA BBAATTAGLIA E' STATA DURA, MAMA L' ABBIAMO VINTA!

FELICE:                 GIA’ CE L’ ABBIAMO FATTA.....

CASIMIRO:           ... OSSA 'E PALOSSA...

GIACOMINO:       ( a parte, dando la voce dei venditori ) 'A CARNE 'E PIECORO E' TUTT' OSSA!!??

CASIMIRO:           SO...SONO COCOMMOSSO, DAMME NU' VASO!                                       

GIACOMINO:       ( Euforico ) AUGURI DOTTO', NON IMMAGINATE COME SONO CONTENTO IN QUESTO MOMENTO. DATEME NU' BACIO PURE A MME'!

FELICE:                 GRAZIE GIACOMI', LO CREDO CHE SEI CONTENTO, IL TUO INTERESSAMENTO ALLA MIA LAUREA E' STATO PREMIATO, TI RINGRAZIO. ADESSO PERO', AVREI BISOGNO DI PARLARE DA SOLO CON MIO ZIO.

GIACOMINO:       ( A parte ) GESU', E' PROPRIO QUELLO CHE VOGLIO. DOTTO' FIGURATEVI, MI FACCIO UNA PASSEGGIATINA.

CASIMIRO:           NO NO GGGIACOMINO, PUOI ANDARE NEL POLLAIO

GIACOMINO:       VAC ‘A VEDE’ SI’ ‘E GALLIN HANN FATT LLUOVO?

CASIMIRO:           PUOI ANDARE DAL NOTAIO.. CHILL PAZZEE ‘E TU ‘O TIEN MENT..

GIACOMINO:       ‘O NUTAIE PAZZEA?

CASIMIRO:           VA VAI ‘A PRENDERE QUEI DOCUMENTI.

GIACOMINO:       AH! ‘E DOCUMENTI?!? AVVOCATO ...MA QUELLO IL NOTAIO ...... HA FATTO  SAPERE CHE ......

CASIMIRO:           TUTU TUTU TUTU......

GIACOMINO:       NO! NO.. IO VACO APPER ! CO' TRENO ME SCOCCIO.

CASIMIRO:           TUTU... GLI DAI LO SPAZZOLINO.....'E CAPITO?

GIACOMINO:       LLE DICO, L' AVATEVE 'E DIENTI.

CASIMIRO:           LU..LUI LO SA'...CHE PAPASSO IO!

GIACOMINO:       'AH 'AH, SA’ CHE PASSATE VOI? VA BENE COCOCOME VOLETE ( A parte ) " SE!, IO MO' CE VACO SENZA 'E SORDE". CI VEDIAMO PIU' TARDI, PERMETTETE. ( Esce )

CASIMIRO:           ALLORA, DIMME FELI' RARACCONTAMI COCOCOMMME....

FELICE:                 NO! NO ZIO CASIMIRO, PER PIACERE, NON CHIEDETEMI NIENTE, E' DA TEMPO CHE VI DEVO PARLARE DI UNA COSA MOLTO MA MOLTO IMPORTANTE E NON NE HO AVUTO L' OCCASIONE. FIGURATEVI CHE APPENA FINITA LA TESI, IN MEZZO ALLA CONFUSIONE SENZA FARME VEDE' DA ZIO ALFONSO, ME L' AGGIU SQUAGLIATA PE' CORRERE QUA' E PARLARVI DA SOLO A SOLO.

CASIMIRO:           VEVEEERAMENTE  E E E ..... PIGLIA 'E CICERI ‘A DINT 'A MUTANT......   

FELICE:                 ZIO CASIMI' , MA CHE STATE DICENNO?!?!

CASIMIRO:           CHE...CHE MI 'A DICERE DI COSI' IMPORTANTE?

FELICE:                 CHE VI DEVO DIRE? VI DEVO DIRE CA'... ME SONGO CACCIATO MMIEZO A NU' DDIECE  'E GUAIO E NUN SACCIO MANCO COMME.

CASIMIRO:           FELI'  BALLA... FEFELI' PARLA, COCOSA TI E' SUCCESSO?

FELICE:                 DUNQUE, DOVETE SAPERE CHE UN TRE QUATTRO MESI FA', CAMBIAI LAVANDERIA PERCHE'....

CASIMIRO:           FELI'. MEME PENSAVO CHE ERA SUCCIES?!? TI HANNO ROROVINATO QUALCHE VESTITO  E NON TI VOGLIONO MANDARE IN CINA...

FELICE:                 NO ME VONNO MANNA' A POLLENATROCCHIE

CASIMIRO:           .EEE..NONON TI VOGLIONO RRISARCIRE, E' VERO ?

FELICE:                 ZIO CASIMI', PER PIACERE, SE MI FATE PARLARE...PERCHE' GIA' E' DIFFICILE...E NUN SACCIO COMM' ACCUMMINCIA', VOI TRAETE CONCLUSIONI FESSE....

CASIMIRO:           GUE' FELI'..... COCOSA SONO QUESTE ESPRESSIONI VERSO TUO   ZIO, MA...NUN TI HO MAI VISTO AAACCUSSI' NERVUS   TUTU ME PREOCCUPI, JA' MANGIATI 'O BABBA' C' 'A CREMA..

FELICE:                 ( Spazientito ) ZIO CASIMI', MA CHE STATE DICENNO ?

CASIMIRO:           .....PAPARLA QUAQUAL' E' IL PROBLEMA!   

 FELICE:                DUNQUE, COME VI DICEVO, CAMBIAI LAVANDERIA... E PER UN MOTIVO BANALE, NA' RIPICCA.. NA'... PECCHE' ACCUSSI' AVEVA J'. BASTA, INIZIAI A SERVIRMI DI UNA LAVANDERIA CHE SI TROVA IN UNA TRAVERSA DEL C.SO UMBERTO, E LI' FECI AMICIZIA CON LA NIPOTE DELLA TITOLARE, CHE SPESSO AN­DAVA A TROVARE LA ZIA.

CASIMIRO:           ( fremendo ) FELI'.....VIVIENI AAAL DUNQUE.

FELICE:                 ( Con determinazione ) ZIO CASIMI'! QUESTA RAGAZZA E' INCINTA E DICE CHE IL PADRE DEL BAMBINO, SONO IO!

CASIMIRO:           TU CHE CA...TU CHE CAA.. TU CHE CAANCHERO STAI DICEN­NO? FELICE, O' GIROTONDO 'O FACIMMO CU' CLEMENTE?

FELICE:                 NO NO! O' FACIMMO CU ZIO ALFONSO: CI JETT' A' COPP '  ABBASCIO.

CASIMIRO:           .....TITI RENDI CONTO E CHELL CA STAI DICENN?

FELICE:                 E SECONDO VOI! VE L'HO DETTO CHE MI TROVO IN UN GUAIO TROPPO BRUTTO E SENZA SAPE' COMME.

CASIMIRO:           EH! NO!, FELI', PEPERBACCO, CHE VAVAI DICENNO? INSOMMA, CA' SE TRATTA 'E NU' CUNIGLIO

FELICE:                 FOSSE 'O CIELO....

CASIMIRO:           IIINSOMMA, CA' SE TRATTA 'E NU FIGLIO, SANGUE DI BACCO, CHE FFAI VENI' 'E CICERI CU 'E SEMMENTE?!?.....

FELICE:                 ( Con tono supplichevole, per renderlo piu' calmo ) ZIO CASIMI'..VI PREGO......

CASIMIRO:           ......NUNUN ME' VENI' A DICERE CA NUN SAIE NIENTE ( gridando al massimo ) EEE...MO' VATTENNE DINT 'A STAZIONE....

FELICE:                 ZIO CALMATEVI.... VI PREGO...

CASIMIRO:            .....TUTU MO'...MI A' DA' NA' SPIEGAZIONE ( quasi isterico da non controllarsi. Nel frattempo entra in scena Alfonso con le braccia stese il sorriso sulle labbra riesce a dire: " Felice " poi si blocca meravigliato e confuso vedendo Casimiro stravolto che chiude con l'ultima battuta ) TUTU TE MAGN ‘E CIUCCULATIN, E NUIE GUARDAMM?

FELICE:                 ZIO CASIMI’!!!

CASIMIRO:           TU..TU CE MANNE MMIEZ A' NA' VIA A TUTTI QUANTI.

ALFONSO:             MA..MA CHE' STATO...CHE STA' SUCCEDENDO, CASIMI,' COSA STAI GRIDANDO?

FELICE:                 ZIO ALFONSO.... VOI ...VOI GIA' STATE QUA'?

ALFONSO:             MA INSOMMA, SI  PUO' SAPERE COSA SUCCEDE?

CASIMIRO:           ( Agitatissimo, asciugandosi il sudore ) CO..... COSA SUCCEDE?  ( Gridando ) CHIST ‘A PERZ E CARAMELLE

ALFONSO:             E TE STAI FACENN VENI’ NA’ COSA PECCHE’ ‘A PERZ ‘E CARAMELLE????

CASIMIRO:           HA PEPERZ 'E CEREVELLE

ALFONSO:             ( Alterato ) GUE', INSOMMA BASTA, FELICE PARLA CHE SO­NO QUESTE NOVITA'?

FELICE:                 ZIO ALFONSO, VEDI..IO, NON SO’ COME DIRTELO, MI SUCCEDE UNA COSA CHE SA’  D’ INVE ROSIMILE. SONO VITTIMA DI UNA DIABOLICA MACCHINA­ZIONE... FORSE...

ALFONSO:             FELI'! TAGLIA CORTO... DIMMI COSA SUCCEDE!

FELICE:                 ZIO ALFONSO...UNA RAGAZZA CHE HO CONOSCIUTO QUALCHE TEMPO FA’! HA DETTO AI SUOI GENITORI DI ESSERE INCINTA.. E..... CHE IL PADRE.... ZIO ALFO'...TI PREGO; NON TI ARRABBIARE...E CHE IL PA­DRE  DEL  DEL BAMBINO CHE DOVRA' NASCERE SONO IO .......

ALFONSO:             ( Al massimo della sopportazione ) GUEEEEEEE!!! BASTA CON QUESTE CRETINATE, CON QUESTE BUFFONATE, MI RIFIUTO DI ASCOLTARE OLTRE.

CASIMIRO:           ALFONSO, CALMATI,  IO MO' CERCO 'O MAZZO 'E CLEMENTE, DENTRO 'A CUCINA E FACIMMO COLAZIONE.

ALFONSO:             CASIMI’, TU JA' CERCA' 'O MAZZO 'E SORETA.

CASIMIRO:           NO NO DICEVO ...I I IO CREDO CHE IL RAGAZZO VERAMENTE NON C'ENTRA...E' VITTIMA DI UNA MAMAMACCHINAZIONE.

ALFONSO:             MA ALLORA,E' VERO? ALLORA, NON E' UNO SCHERZO, ( Rivolto a Felice ) DICI CHE NON C' EN TRI? E COME PUO', QUESTA RAGAZZA DIRE UNA COSA DEL GENERE, UN FATTO COSI' GRAVE, GESU', QUELLA DICE CHE IL PADRE SEI TU?!  SEI VITTIMA DI UNA MACCHINA­ZIONE? FORSE, FORSE E' VERO! TI CREDO, IL PADRE  NON  SEI TU ( A Casimiro ) O' PAT NUN E' ISSO, 'O PAT SARA' ...CHI SA' CHI..... MA CERTAMENTE UNO CHE HA SAPUTO CANCELLARE LE SUE IM­PRONTE.. 'E  'O FERLOCCO NEGLI AVANZI RIMASTI, HA LASCIA­TO OLTRE ALLE IMPRONTE PUR  'A FOTOGRAFIA, E' COSI?

FELICE:                 EH NO! ZIO ALFONSO, QUESTO NON LO POSSO ACCETTARE, IO NON SONO AFFATTO LO SPROVVEDUTO CHE VOI PENSATE E SE MI ASCOLTATE CREDO DI CAPIRE IL PERCHE' DI QUESTA AS­SURDA FACCENDA.

ALFONSO:             E ALLORA DICCI, FACCI CAPIRE.

FELICE:                 HO CONOSCIUTO QUESTA RAGAZZA, COME HO DETTO PRIMA A ZIO CASIMIRO, NELLA LAVANDERIA DOVE SPESSO MI SERVIVO ED HO FATTO AMICIZIA....

ALFONSO:             TU NON AVEVI NESSUNA NECESSITA' 'E CUNOSCERE GUAGLIONE, TU 'A GUAGLIONA LA TIENI AL PAESE, TE NE SEI FORSE DI­MENTICATO? TI SEI FORSE DIMENTICATO CHE NON PUO' ESSE­RE SOSTITUITA?

FELICE:                 MA CHE DITE, NON C’ E’ PERICOLO CHE IO POSSA DIMENTICARE, PERCHE' A PARTE IL FATTO DELL' EREDITA', IO, A FLAVIETTA GLI VOGLIO BENE. INSOMMA, VOI MI DOVE­TE  CREDERE, SE MI FATE SPIEGARE VI FACCIO CAPIRE CHE SONO VITTIMA DI UN RAGGIRO PERCHE' A QUESTA RAGAZZA NON L'HO SFIORATA NEMMENO CON UN DITO....

CASIMIRO:           'E SENTUT, SE L' E' PURTATA D' INT' 'O VICO.

ALFONSO:             COME MINIMO.

CASIMIRO:           NUN L'HA SFIORATA MANCO CU' NU' DITO.

ALFONSO:             CASIMI', NUN E’ IL DITO CHE MI PREOCCUPA. CONTINUA FELI' CONTINUA.

FELICE:                 NON PIU' TARDI DI UNA VENTINA DI GIORNI FA' INIZIAI 'A VEDERE  LA RAGAZZA, UN PO' GIU' DI MORALE, PIUTTOSTO TRISTE E CO­SI' LE FECI QUALCHE DOMANDA VOLEVO SA­PERE CHE COSA LA RENDEVA COSI' TRISTE, E NIENTE MI DISSE CHE AVEVA LASCIATO IL SUO FIDANZATO..... PER CAUSA MIA.

CASIMIRO E ALFONSO :  PER CAUSA TUA?

FELICE:                 COSI' DISSE. PERCHE'...... SI ERA INNAMORATA DI ME.

ALFONSO:             VA BE', VA BE', BASTA HO CAPITO TUTTO, E' INUTILE CHE CONTINUI, CHESTA HA FATTO O' FATT CON IL SUO RAGAZZO, CHIST SICURAMENTE SE NE SARA' LAVATO LE MANI  E PER RISOLVERE IL PROBLEMA STA' CERCANN 'E TRUVA' IL SOSTITUTO. FELI', TI SEI FATTO INFINOCCHIARE.

FELICE:                 SI...ZIO ALFONSO...MA VEDETE IL FATTO....

ALFONSO:             FELI', NIENTE, NON TI PREOCCUPARE, DOMANI MATTINA PAR­TIAMO TUTTI PER MONTEMILETTO. TU SCOMPARI... 'A CHESTA CHI 'A VEDE CCHIU', FALLA DICERE CHELL CA' VO'.

FELICE:                 ( Rivolto a Casimiro, implorante come per cercare pro­tezione ) ZIO CASIMIRO... PPE' PIACERE.... LA COSA NON E' COSI' SEMPLICE, COME DICE ZIO ALFONSO....NON E' CHE SI RISOLVE.....

CASIMIRO:           PEPECCHE', A MMME ME PARE CA ZIO ALFONSO DDICE BBENE.

FELICE:                 ( Con la testa abbassata e rivolto ai due zii ) DUMME­NECA A MONTEMILETTO 'A CASA DO’ ZIO....S'APPRESENTA  'A GUAGLIONA CU' TUTTA 'A FAMIGLIA!

( Gli zii rimangono impietriti, a soggetto, si evidenzia la situazione divenuta drammatica.

ALFONSO:             'E CAPITO? NA' SEMPLICE AMICA.... SI PARLAVA DEL PIU' E DEL MENO.... CASIMI', SO' SICURO CA' SANNO TUTT 'E FATT NUOST. SICURAMENTE SANNO DI ZIO SAVERIO, ALTRIMENTI PERCHE' JESSENE LLA' DOMENICA?

CASIMIRO:           ALFONSO, D’ INT ‘O SIGGION NUN FACCIO ASSETTA’ ‘A NISCIUNO!

ALFONSO:             BRAVO, FAI BUON CASIMI’

CASIMIRO:           STA’ GENTE NUN ADDA’ PARLA’ CO’ NESSUNO A..., ALTRIMENTI E' LA FINE.

ALFONSO:             E' LA FINE....SICURO...  QUA’ BISOGNA FARE QUALCHE COSA, MA  CHE COSA?!? IO MI SENTO CONFUSO...NON RIESCO A PENSARE... CASIMI' SONO LETTERALMENTE AVVILITO!

CASIMIRO:           ASPETTA UN MOMENTINO, SO... SONO SICURO CHE ALLA RAGAZZA SERVE SOLO UN QUALCUNO DA PRESENTARE ALLA SUA FAMIGLIA E... NUIE... MANGIAMMO PASTA 'E FASULE E TUTTO E' RISOLTO.

ALFONSO:             ( Senza piu' forza di reagire ) CASIMI', NON REAGISCO PIU'!

CASIMIRO:           BA... BASTA TROVARE QUESTO QUA.. QUALCUNO 'E TUTTO E' RISOLTO

ALFONSO:             ( Riprendendo lo spirito battagliero ) MA SICURO! BRAVO, E' UN'IDEA. ( Rivolto a Felice ) .....CHE DEVI ESSERE PER FORZA TU?

FELICE:                 MA...CHI VOLETE CHE SI ACCOLLI UN GUAIO DEL GENERE, E POI, PERCHE' LO DOVREBBE FARE?!

ALFONSO:             FELICE! COME SEI INGENUO, MA PAGANDO NO? CON IL DENARO, DI PATERNITA' NE' TROVIAMO A CENTINAIA.

CASIMIRO:           FELICE..COME SEI INGENUO...ALFO' MA.. A... ADDO' E PIGLIAMMO   STI' " DANARO?!

ALFONSO:             VEDETE, QUESTO E' IL GUAIO, VOI ANCORA NON AVETE ASSO­PORATO L' IDEA CHE SIAMO RICCHI, NOI ABBIAMO RISPETTA­TO LA VOLONTA' DI ZIO SAVERIO E DAL MOMENTO, CHE DI QUESTO INCIDENTE, ZIO SAVERIO NON NE' SA' E NON NE' DOVRA' SAPERE NIENTE!?!  NOI SIAMO, DA QUESTO MOMENTO,  I SUOI DIRETTI EREDI. ED ALLORA?! POSSIAMO DISPORRE DI TUTTO CIO' CHE CI SER­VE, GIUSTO? BASTA, CASIMI' L'IDEA E' OTTIMA, E' L'UNICA VIA DI USCITA. CI SERVE UN PO' DI TEMPO. FELI' DOBBIAMO ASSOLUTAMEN TE PARLARE CON QUESTA RAGAZZA.

FELICE:                 ZIO ALFONSO, E' PIU' DI UNA SETTIMANA CHE CERCO D' IN­CONTRARLA, PER CONVINCERLA DAL DESISTERE DA QUESTA SUA ASSURDA MACCHINAZIONE, HO  CHIESTO A SUA ZIA DELLA LAVANDERIA E MI HA DETTO CHE IL PADRE LA TIENE CHIUSA IN CASA E NON LA FA' USCIRE.    

( Campanello - Felice' va ad aprire, rientra con un telegramma )

FELICE:                 DONNA RAFILINA, MI HA DATO QUESTO TELEGRAMMA, VIENE DA MONTEMILETTO, E' DI ZIO SAVERIO

ALFONSO:             DELLO ZIO? DAMMI QUA', FAMMI VEDERE. ( Lo apre e legge ) AH! 'O SSAPEVO, CHIST E' NATU PROBLEMA.

CASIMIRO:           CCHE E' SUCCIESO?

FELICE:                 ZIO ALFO' CHE E' STATO?

ALFONSO:             CHE E' STATO? ZIO SAVERIO NON ASPETTA NEANCHE DI SA­PERE L'ESITO DELL'ESAME, PER LUI E' SCONTATO CHE SEI DIVENTATO DOTTORE E PER QUESTO CI ORDINA DI PARTIRE IMMEDIATAMENTE PER MONTEMILETTO. DICE E' TUTTO PRONTO PER LA GRANDE FESTA, SALUTI E BACI!  TIE', CASIMI' E CON QUESTO ABBIAMO CHIUSO.

CASIMIRO:           'E MMO'...CUMM FACIMMO, ABBIAMO BISOGNO DI TEMPO, BI.. BI­SOGNA ASSOLUTAMENTE PRANZARE CON NETTUNO E PORTARE 'O SALVAGGENTE.

ALFONSO:             SE CAPISCE, SE NO' DINT' ALL' ACQUA, FACIM ME 'A MORTE DE' STRUNZE.

CASIMIRO:           MA NO! DICEVO, BI... BISOGNA ASSOLUTAMENTE TROVARE QUESTO QUALCUNO E PA..... PARLARE CON CON QUESTA GE.... GENTE

FELICE:                 ...... NON POSSIAMO TROVARE UNA SCUSA CON ZIO SAVERIO, CHE SO'.. CHE DOBBIAMO ASPETTARE PER UN DOCUMENTO.... PER....

ALFONSO:             FELI', MA QUA' DOCUMENTO, CHILL ZIO SAVERIO CON QUELLO CHE AVRA' PREPARATO, SE NE' 'MPORTA DO' DOCUMENT...SE'! CHILL CE VENE A PIGLIA' PO' CRUVATTIN. NO! BISOGNA TROVARE UNA SOLUZIONE....E SUBITO.

CASIMIRO:           E' NA' PAROLA.

( Campanello )

ALFONSO:             E MMO'...CHI 'AT SARA'?!?

SCENA TERZA

ALFONSO - CASIMIRO - FELICE - GIACOMINO

FELICE:                 ( Felice va' ad aprire e rientra con Giacomino. Con noncuranza ) E' TORNATO GIACOMINO.

GIACOMINO:       ( Euforico ) BUONGIORNO AVVOCA' AVET VISTO..

ALFONSO:             ( Sobbalzando ) GESU' GIACOMINO!  C' ERAVAMO SCORDATI DI GIACOMINO!.

GIACOMINO:       ( A parte ) VUO' VEDE' CA' SE SO' SPISE TUTT CO­SE?

CASIMIRO:           COMME CECECE SIMM SCURDAT 'E GIACOMINO!?

ALFONSO:             CASIMI'!.... G I A C O M I N O!

CASIMIRO:           ( Avendo capito l' allusione di Alfonso ) HAAHAA.... SSISSICURO... GGGIACOMINO!

FELICE:                 ( Come Casimiro ) CERTO, COME NON RICORDARCI DI GIACOMINO!

ALFONSO:             GIACOMINO VIENI QUA’ .......

GIACOMINO:       ( Frastornato ) NO NO NU’ MUMENT, NON MI TOCCATE, NON VI AVVICINATE.... ( Tutti si fermano ) E MO' BASTA MO'. " CI SIAMO SCORDATI DI GIACOMINO, COME ABBIAMO FATTO A DIMENTI­CARCI DI GIACOMINO " MO' BASTA MO'... ( Silenzio ) MO' NUN VOGLIO  SENTERE RAGIONE. ( Silenzio ) IO SO' TUTTO... EEEEEEEH, ...CHE VI CREDAVATE...( di tanto in tanto, si ferma a guardare l' atteggiamento dei suoi interlocutori credendo di trovarvi segni di reazione, ma con sua meraviglia, nota che tutti verso di lui restano in atteggiamenti di ammirazione )... IL FATTO DELL'EREDITA'....IO L'HO SEMPRE SAPUTO...PERCIO' TANTU BELL.... ANDIAMO DALLO ZIETTO A PRENDERE I SOLDI,  ME LI DATE E CHI SE' VIST SE' VIST. ( Timoroso di pro­vocare all' improvviso una qualche reazione, non si spiega perche' tutti rimangono a guardarlo e sempre sorridenti.. A parte ) NO! NO! CHIST E' NU' MANI­COMIO, CHIST 'O FANN AVVEDE'..'O SO'  SCIEMI OVERAMENT.

ALFONSO:             ( Con molta dolcezza ) GIACOMINO.. E' A NOME DI TUTTI CHE PARLO ( Giacomino, non comprendendo il motivo di cosi' tanta premura nei suoi confronti, si allontana. Non si sa' mai ) VEDI, SIAMO LIETI CHE TU SAPPIA DELL' EREDITA'. FELICE SI E' LAUREATO E DUNQUE DA QUE­STO MOMENTO  POSSIAMO DISPORRE DI TANTO, TANTO DENARO.

GIACOMINO:       PERCIO', DAL MOMENTO CHE A ME,  NE DOVETE DARE POCO....

ALFONSO:             ASPETTA, GIACOMINO, ACOLTAMI ATTENTAMENTE. VEDI NELLA VITA BISOGNA SAPER COGLIERE I MOMENTI FAVOREVOLI E  QUESTO CREDIMI E' IL MOMENTO BUONO PER TE......

CASIMIRO:           AH! OTTIMO, OTTIMO!

FELICE:                 ....GIACOMINO, STAI PER DIVENTARE MILIONARIO!

ALFONSO:             HEEE PER CORTESIA.... E NON ESAGERIAMO......

GIACOMINO:       CASINO' IO MO' CREDO OVERAMENT...E PPO' DOPPO FACIMME QUESTIONE ....

ALFONSO:             GIACOMINO ASCOLTAMI , DEVI COLLABORARE CON NOI. D' AL­TRONTE FINO A QUESTO MOMENTO LO HAI FATTO ANCHE SE QUALCHE VOLTA NON SEI STATO PAGATO....

GIACOMINO: NO! NO! AVVOCA', VOI SU QUESTO VI SBAGLIATE SEMPRE,  DOVETE DIRE ?!? ANCHE SE QUALCHE VOLTA ...TEMPO FA', SEI STATO PAGATO.

ALFONSO:             D'ACCORDO GIACOMINO, D'ACCORDO MA ADESSO LA MUSICA E' CAMBIATA, E LO SAI, QUINDI, CONTINUA A COLLABORARE CON NOI E NON AVRAI PIU' PROBLEMI ECONOMICI.

GIACOMINO: AVVOCA' MI FATE PAURA. COMUNQUE SENTIAMO: COSA DOVREI FARE DI COSI' IMPORTANTE ?

CASIMIRO:           UUNA SCIO SCIO SCIO CCHEZZA.....

FELICE:                 DEVI SEMPLICEMENTE DIRE CHE ....

ALFONSO:             PER CORTESIA! PARLIAMO UNO ALLA VOLTA! OH! GIACOMINO, NON DEVI FARE NIENTE DI COMPLICATO, UNA FESSERIA........ C'E'  UNA RAGAZZA INCINTA E DEVI DIRE CHE IL PADRE SEI TU!

FINE SECONDO ATTO

TERZO ATTO

Montemiletto, paesino in provincia di Avellino. La scena si svolge in casa di don Saverio Chiumenza, ricco proprietario terriero. Grande sala di disimpegno. Sul fondo, grande vetrata che da' in giardino, due porte a destra una a sinistra. Grande salotto, mobili, adeguati in stile antico, quadri.... ecc...

SCENA PRIMA

GIACOMINO - FELICE - ALFONSO - CASIMIRO

GIACOMINO:       AVVOCA', IO NUN ME SENTO TRANQUILLO, MA.... AMMETTIAMO CHE STA' FIGLIOLA, S' INCA PONISCE E NON ACCETTA IL ....... CAMBIO, CCA' CURRIMM NU’ BRUTTO RISCHIO, QUA'...SE LA FACCENDA S' INGARBUGLIA, DON SAVERIO, VOSTRO ZIO, OLTRE A NUN CE DA' NA' FETENTE 'E LIRA, CE FA' PURE NA FETENTE 'E MAZZIATA!?!

ALFONSO              MA RIFLETTETE, LA RAGAZZA, L' UNICA COSA CHE VUOLE E'... COME DIRE... COPRIRE LA SUA SITUAZIONE. A QUESTA, INTERESSA TROVARE UN CAPRO ESPIATORIO, IN MODO DA GIUSTIFICARE... LA SUA.... CHIAMIAMOLA... SCAPPATELLA, NEI CONFRONTI DELLA FAMIGLIA.

" Tutti approvano "

ALFONSO:             ( A Felice ) CON TE, SI GIOCA TUTTO CON LA MINACCIA DELLO SCANDALO, MA RESTA IN CONTRADIZIONE PER IL FATTO CHE TU, GIUSTAMENTE, NEGHI LA PATERNITA'; CON GIACOMINO, INVECE, CHE E' CONSENZIENTE, HA TUTTO DA GUADAGNARE. QUINDI, NON DOBBIAMO PREOCCUPARCI PIU' DI TANTO; L' IMPORTANTE, E' TENERE GLI OCCHI APERTI E FARE IN MODO CHE QUESTE PERSONE, NON S’ INCONTRANO CON ZIO SAVERIO. 

CASIMIRO:           ( A Giacomino ) 'E CHIUS A PASQUALE D' INT A STANZA.

GIACOMINO:       IO, NO! ( A Felice ) HANN CHIUSO 'A PASQUALE D' INT 'A STANZA?!?

FELICE:                 CHI 'A CHIUS 'A PASQUALE D' INT 'A STANZA?!?

ALFONSO:             COSA C'E'?

FELICE:                 GIACOMINO A CHIUSO 'A PASQUALE D' INT 'A STANZA

ALFONSO:             ( A Giacomino, con rimprovero ) EMBE’? GIACOMINO COSA SONO QUESTE COSE?

GIACOMINO:       IO?! AVVOCA', IO NUN SACCIO NIENT, VOSTRO CUGINO L' HA CHIUSO.

ALFONSO:            TU ‘E CHIUS ‘A PASCALE D’ INT ‘A STANZA?

CASIMIRO:           AAAA ASSOLUTAMENTE                                                                               

ALFONSO:             MA SE PO’ SAPE’ CHI HA CHIUS ‘A PASCAL D’ INT ‘A STANZA?

FELICE:                 L’ HA DETTO ZIO CASIMIRO

CASIMIRO:           MA CHI... MA QUA’ PASCAL D’ INT 'A STANZ......... IO HO DE DEDETTO....QUE QUESTO... E' DI VITALE  IIMPORTANZA.

GIACOMINO:       AAAAAH AVETE CAPITO? L' AVVOCATO, HA DETTO E' DI VITALE IMPORTANZA, NO ‘A PASCALE D’ INT ‘A STANZA

CASIMIRO:           SI CAPISCE!

ALFONSO:             CASIMI’ NON SEMPRE! NON SEMPRE  SI CAPISCE!

GIACOMINO:       COMUNQUE AVVOCA', MA.... COME FACCIAMO AD AVVISARE LA RAGAZZA?

ALFONSO:             DI QUESTO ME NE OCCUPO IO, TROVERO' IL MODO, NON VI PREOCCUPATE. UNA VOLTA CHE LA RAGAZZA E' D' ACCORDO ....CON IL ...CAMBIO, IL GIOCO E' FATTO... IL PROBLEMA E' RISOLTO.

GIACOMINO:       VA BBE’, PERO’ SIA BEN CHIARO CHE TUTTO QUELLO CHE FARO' E DIRO', VALE SOLO PER SALVARE LA SITUAZIONE QUA'! DOPO DI CHE, MI P A G A T E ....E IO SCOMPARO 'E CHI SE' VISTO SE' VISTO.

ALFONSO:             CERTAMENTE, NON TI PREOCCUPARE. SENTI, UN' ALTRA COSA, TU FAI VEDERE CHE SEI UN GIOVANE PREPARATO, UN RAGAZZO COME DIRE DI... CULTURA, OGNI TANTO QUALCHE PAROLINA DIFFICILE; COSI' AGLI OCCHI DELLA RAGAZZA E DELLA FAMIGLIA VIENI MEGLIO ACCETTATO.

CASIMIRO:           TU PO' C'E' NTIS 'E PARLA'

GIACOMINO:       SE' 'O FATT 'E CHEST..... NO! CA' ABBUSCAMM SICURAMENT.

SCENA SECONDA

DON SAVERIO - ANIELLO E DETTI

" Entra don Saverio, ricco proprietrio terriero, con il suo servo Aniello, il quale oltre ad avere una espressione poco intelligente, e' anche un po' sordo "

SAVERIO:              ANIE', 'E PIGLIATO 'O VINO A DINT' 'A CANTINA?

ANIELLO:             COMME NO! 'A DITT CA' MO' SUBBETO VENEVA.

SAVERIO:              CHI E' CA' SUBBETO VENE?

ANIELLO:             ADELINA!

SAVERIO:              ( Gridando ) ANIE', 'O VINO! AGGIU DITTO 'O VINO 'A DINT' 'A CANTINA.

ANIELLO:             HE! NUN ALLUCCATE, CA' CE SENTO, MO' VACO, MO' VACO.

SAVERIO:              'E MUVIMMECE, CA MO' VENENO TUTTI GLI OSPITI, ANIE' SCETATE.

ANIELLO:             DON SAVE', CCA' PE PREPARA' STA' FESTA, SONG DUIE JUORN CA' NUN ME REPOSO NU POCO, NUN CIA' FACCIO CCHIU'.

SAVERIO:              GUE'..GUE', MO' NUN CE PUTIMMO ALLENTA', DA DOMANI TE FACCIO DURMI' PE' QUANTO TIEMPO VUO TU! MA MO' C' IAVIMMA MOVERE! ( A questo punto, si rivolge agli altri, Aniello ne approfitta per sedersi e dopo poco si addormenta ) ALFONSO, CASIMIRO, E CHE OSPITALITA’ E’ QUESTA, STU POVERO GIOVANE STA’ CHIUSO CCA’ D’ INT ‘A STAMMATINA PORTATELO  NU' POCO 'A VISITARE LA FATTORIA, GLI ANIMALI IL GIARDINO, ASCIT NU' POCO ALL' ARIA APERTA....

GIACOMINO:       LA RINGRAZIO, ELLA SIGNOR SAVERIO, E' UNA PERSONA.. SQUISITAMENTE SQUISITA

CASIMIRO:           ( Ad Alfonso ) ACCHIAPP 'A CHIST!!

SAVERIO:              ( Ad Alfonso ) GUE', MA CHE M' HA PIGLIATO PE' NA SFUGLIATELLA?

ALFONSO:             ( Nel tentetivo di giustificare Giacomino ) MA NO! ZIO SAVERIO, VEDI ...... E' UN DISCORRERE PROPEDEUTICO AL MOMENTO.... E' PER ESTERNARE LA GRADITUDINE VERSO  LE ALTRUI CORTESIE....

SAVERIO:              ( Sguardo fisso su Al fonso ) SE’... ( A parte ) E CHI ‘A CAPIT NIENTE. FELI’, BELLO DO’ ZIO, NUN LASCIA’ MAI ‘O PAESE TUOI.... ( Con allusione ) 'A CITTÀ' FA' MALE, L' ARIA NUN E' BBONA!?! VIEN CU’ MME’ FOR ‘O GIARDINO, FRA POCO VEN DON RAIMONDO ‘O FARMACISTA CON LA TUA FLAVIETTA, PER FESTEGGIARE LA LAURA E IL FIDANZAMENTO UFFICIALE. SI’ CUNTENTO?

FELICE:                 'E ME LO DOMANDATE,  SONO CONTENTISSIMO!

SAVERIO:              ALLORA NUIE STAMMO FORE 'O GIARDINO, ANIE' JAMMUNCENNO, ANIE'...... GESU', GUARDATE CHILLO S' E' ADDURMUTE...  ( Gridando ) ANIE' SCETATE!

ANIELLO:             ( Svegliandosi di soprassalto ) CHE DE', CHE 'E STATO? .... AVITE PIGLIATO 'O VINO? 

SAVERIO:              AGGIU PIGLIATO SULO NA' BUTTEGLIA, PE' TTA' SCASSA' 'NCAPO, JESCE, CURR 'A PIGLIA' 'O VINO.

ANIELLO:             ( Uscendo ) CA’ ‘E CCOS S’ ANN FA’ SEMP CURRENN

SCENA TERZA

MARGHERITA E DETTI

( Entra Margherita, la domestica, con un cesto di fiori )

MARGHERITA: DON SAVERIO, QUESTO CESTO DI FIORI, L' HA MANDATO 'O SINDACO PER IL DOTTORE FELICE.

SAVERIO:              AH! BRAVO, 'E VISTO FELI', QUA' TUTTO IL PAESE TI FESTEGGIA E FRA POCO VENENO TUTTI QUANTI. MARGHERI', MIETTELI 'A NA' PARTE E SISTIEME NU' POCO, NUIE STAMME FORE 'O GIARDINO.

MARGHERITA: COME VOLETE, DON SAVERIO.

( Esce Saverio, Aniello e Felice )

GIACOMINO:       EMBE', IO NON LO SO', MA.... A ME’ VOSTRO ZIO ME METTE SUGGEZIONE... NUN SACCIO.....

ALFONSO:             GIACOMI', ZIO SAVERIO , QUA' NEL PAESE, CONTA PIU' DEL SINDACO.

GIACOMINO:       VERAMENTE?!

CASIMIRO:           SICURO! QUANT FA' 'A SPESA, SE METTE 'O FUR MAGGIO D' INT 'A MUTANDA

GIACOMINO:       AH...  ECCO MO' SE  SPIEGA.....

CASIMIRO:           QUA' QUA' NEL PAESE, E' UN PERSONAGGIO IMPORTANTE.

GIACOMINO:       ADESSO HO CAPITO. SCUSATE AVVOCA', MA QUANT’ VENE QUALCUNO, CHI E' CHE VA' 'A RAPI' 'A PORTA?

ALFONSO:             PERCHE'?

GIACOMINO:       PUTESSEME AVVISA', CA' CHIUNQUE VENE, 'O PURTASSENE PRIMMA 'A DDU NUIE.

CASIMIRO:           SE’ FIFIFIGURIAMOCI ....

ALFONSO:             ASPETTA CASIMI', FORSE E' NA' BON' IDEA... DOMANDIAMOLO ‘A MARGHERITA

( Alfonso e Casimiro insieme )  SENTI MARGHERITA NORMALMENTE...( Si fermano e si guardano )

ALFONSO:             CASIMI’! FORSE E’ MEGLIO SE GLIELO DOMANDO IO!

CASIMIRO:           ALFO’, VUO’ FA’ ‘O PUPPU’?

ALFONSO:             ( Con santa pazienza ) ADESSO NO!

CASIMIRO:           ....GLIE..GLIELO VUOI DIRE TU?

ALFONSO:             GRAZIE! SENTI MARGHERITA, NORMALMENTE QUANDO VIENE QUALCUNO, CHI VA' AD APRIRE IL PORTONE?

MARG:                   AD APRIRE 'NCE VA' SEMPE ANIELLO, PERO' QUALCHE VOLTA CA' ISSO NUN PUO ANDARE, PERCHE' STA' OCCUPATO CU' DON SAVERIO, CE VACO PURE IO. MA PECCHE'?.....

ALFONSO:             TE LO DICO DOPO, ADESSO FAMME 'O PIACERE VAI A CHIAMARE ANIELLO, POI VENITE TUTTI E DUE, CHE VI DEVO PARLARE.

MARG:                                                                                                                                                   'NCE VACO SUBBITO , 'O TIEMPO 'E VEDE' ADDO' STA' E VENIAMO.

ALFONSO:             VEDI CHE IL SIGNOR SAVERIO, L' HA MANDATO 'A PRENDERE IL VINO IN CANTINA.

MARG:                   VADO SUBITO. PERMETTETE. ( Esce )

ALFONSO:             MA VUIE PENSATE SE NUN CE STEVA STU’ PROBLEMA...

CASIMIRO:           QUE QUE QUELLQ E’ LQ NOSTRA SSFORTUNA CHE CHE CI PERSEEPERSEGUITA

ALFONSO:             CHIAMALA SFORTUNA TU...

CASIMIRO:           COCOMUNQUE ALFO’ SPERIAMO BENE.

SCENA QUARTA

MARGHERITA ANIELLO E DETTI

( Entra Aniello con due bottiglie di vino in mano e Margherita )

ALFONSO:             ( Un po' gridando ) ANIE', SPILATI BBONE 'E RECCHIE E STAMME 'A SENTI'.

ANIELLO:             AVVOCA', ALLUCCATE NU POCO CCHIU' CHIANO, CHE M' AVITE PIGLIATO PE' SURDO?

ALFONSO:             VA BUO', BASTA CA' ME SIENTE, MARGHERI', STAMME 'A SENTI' PURE TU. DUNQUE, QUASI CERTAMENTE, VENGONO DELLE PERSONE CHE NON CONOSCETE, GENTE DI NAPOLI CHE NON AVETE MAI VISTO.  QUANDO VENGONO, CERTAMENTE DIRANNO: VOGLIAMO PARLARE CON IL SIGNOR  SAVERIO CHIUMENZA. ALLORA VOI DITE " SUBITO " E LI PORTATE QUA' DA NOI. AVETE CAPITO?

MARG:                   SCUSATE, AVVOCA', .... MA ALLORA AD APRIRE DOBBIAMO ANDARE TUTTI E DUE?

ALFONSO:             COME TUTTI E DUE?!? MARGHERI'?!

MARG:                   E VOI AVETE DETTO, VENGONO QUESTI SIGNORI E DICONO VOGLIAMO PARLARE CON IL SIGNOR SAVERIO. E' VERO?

ALFONSO:             BENISSIMO.... E ALLORA?

MARG:                   .....E AVETE DETTO: VOI DITE SUBITO! QUINDI, “ SUBITO " L' AVIMMA DICERE INSIEME?

ALFONSO:             MA...CHE C' ENTRA, HO DETTO " VOI DITE " NON SAPENDO CHI DI VOI DUE ANDRA' AL MOMENTO AD APRIRE IL PORTONE. SE ANDRAI TU SARAI TU A DIRE " SUBITO " E LI PORTI QUA' DA NOI, SE INVECE ANDRA' ANIELLO, SARA' ANIELLO CHE DIRA' " SUBITO " E SARA' ANIELLO A PORTARLI DA NOI. E' CHIARO?

ANIELLO:             AVVOCA', PARLATE CU MME', NUN 'A DATE RETTA 'A CHESTA, PA' FA' CAPI' NA' COSA C' E' VO' 'A MANO 'E DIO.

MARG:                   EH GIA', M' ERO SCURDATA, GUARDATE CHI PARLA?!??

ANIELLO:             STAI ZITTE, NON INTRERFEDIRE... L’ AVVOCATO PER MANDARMI A CHIAMARE A ME, SI VEDE CHE MI DEVE DIRE NA’ COSA IMPORTANTE A ME! QUINDI, STAI ZITTE. PARLATE AVVOCA'. DITO!

ALFONSO:             ( Guardando sgomento gli altri ) ANIE'... CHE ALTRO DEVO DIRE? QUELLO CHE DOVEVO DIRVI L' HO DETTO. TU M' E' SENTUTO?

ANIELLO:             CHI E' CARUTO?

( Tutti sono un po' presi dallo sconforto )

MARG:                   L' AVVOCATO 'A DITTO SI E' SENTUTO?

ANIELLO:             AGGIU SENTUTO? 'E CUMME PUTEVO SENTI', TE SI MISA CU' STA' VOCE 'E ZAMPUGNELLA D' INT 'E RECCHIE!

MARG:                                 GUARDATE, DICE CA’ SO’ LLATE CA’ NUN CAPISCENE. CHILLO E' SURD CUMME 'A NA' CAMPANA E PPO'

ANIELLO:             VEDETE QUANTA E' CRETINA, CHE C' ENTRA CA' SO' CURTO.

MARG:                    SURD! AGGIU DITT SURD!

ALFONSO:             BASTA, BASTA COSI', MARGHERITA TU HAI CAPITO QUELLO CHE DEVI FARE?

MARG:                   SE VENGONO QUESTI SIGNORI CHE VOGLIONO PARLARE CON DON SAVERIO, LI PORTO QUA' DA VOI.

ALFONSO:             BRAVA, TU PUOI ANDARE, CON ANIELLO ME LA VEDO IO.

MARG:                   ALLORA CON PERMESSO. ( Esce )

ANIELLO:             VAI, VAI IN CUCINA... QUESTE NON SONO COSE PER TE AVVOCATO, LA DOVETE PERDONARE.... NUN E’ COLPA SOIA.

ALFONSO:             ( Con pazienza ) ANIE', PENSA 'A TE. STAMMI 'A SENTIRE. DUNQUE, QUANDO VIENE QUALCUNO, CHI VA' AD APRIRE?

ANIELLO:             CHI VA' AD APRIRE!!?... QUANNO BUSSANO 'O PURTONE?

ALFONSO:             SE CAPISCE, ANIE', ( Spazientito ) CHI E' C' ARAPE 'O PURTONE?

ANIELLO:             GESU', L' ARAPO IO!

ALFONSO:             E ALLORA! VENGONO DELLE PERSONE CHE NON CONOSCI, CHE NON HAI MAI VISTO, GENTE DI NAPOLI. TI DIRANNO: VOGLIAMO PARLARE CON IL SIGNOR CHIUMENZA. ALLORA JE' PIGLIA' 'E L' JA' ACCUMPAGNA' QUA' DA NOI. HAI CAPITO MO'?

ANIELLO:             MA... IO QUESTO FACCIO IN QUESTA CASA, TUTTI LI SIGNURI CHE VENENO LI ACCUMPAGNO.

ALFONSO:             BRAVO, MA QUESTI SIGNORI, NON LI DEVI PORTARE DA DON SAVERIO, LI DEVI ACCOMPAGNARE QUA' DA NOI. HAI CAPITO?

ANIELLO:             ‘E COMME NUN AGGIU CAPITO?!? MA.. CHE CE STA' 'A CAPI', NUN VI PREOCCUPATE, QUANNO VENENO STI' SIGNURI IO L' ACCUMPAGNO.

( Tutti vogliono intervenire )

GIACOMINO:       ABBIAMO CAPITO CHE LI ACCOMPAGNI MA TU... NON DEVI ACCOMPAGNARE A TUTTI QUANTI...

CASIMIRO:           QUE QUESTE PERSONE TU LE DEVI .....

ALFONSO:             ASPETTATE, ASPETTATE UN MOMENTO, ANIE', HAI DETTO BENE LI ACCOMPAGNO E... DOVE LI ACCOMPAGNI?

ANIELLO:             GESU', ADDU' DON SAVERIO!

( Tutti danno per scontata la risposta di Aniello )

ALFONSO:             ‘O SAPEVO, CA' 'O FATTO E' SERIO VERAMENTE, NOI CI TROVIAMO IN MEZZO 'A GENTE SEMPLICE, GENUINA, GENTE CHE NON HA MALIZIA... PER LUI E' SCONTATO IL FATTO CHE CHIUNQUE VIENE 'O PORTO DA DON SAVERIO.

GIACOMINO:       ....E ALLORA?

ALFONSO:             E ALLORA ... NIENTE, SIGNIFICA CHE DOBBIAMO TROVARE UN' ALTRO SISTEMA. ANIE', VA'..VA'.....! VA' CA' TIENE CHE FFA'.

ANIELLO:             SE VOLETE QUALCHE ALTRA COSA, SONO A DISPOSIZIONE.

ALFONSO:             GRAZIE ANIE', MA NON VORREMMO APPROFITTARE TROPPO.

ANIELLO:             ALLORA CHE FACCIO? ME NE VACO?

CASIMIRO:           ( Prendendo Aniello per un braccio) ANIE'...'EEE VA'....VA'. ( Via Aniello )

ALFONSO:             EH VA BE', CHE DOBBIAMO FARE, DOPO TUTTO NON E' COLPA SUA... FACCIAMO COSI'.... GIACOMINO, TU VAI FUORI AL GIARDINO, TI METTI A DISTANZA E TIENI D' OCCHIO ZIO SAVERIO, CON LUI C' E' PURE FELICE, COME VEDI DELLE PERSONE SOSPETTE, VIENI SUBITO A CHIAMARCI.

GIACOMINO:       PERSONE SOSPETTE? AVVOCA', QUELLO VENGONO UN SACCO DI GENTE, IO COMME FACCIO, NON CONOSCO 'A NISCIUNO... CHE VACO VICINO 'A GENTE E DICO " VOI SIETE UNA PERSONA SOSPETTA?

ALFONSO:             GIACOMI', QUANTO SI FESSO.

CASIMIRO:           NONON TI SMENTISCI MMAI, SESEI UN IDIOTA.

GIACOMINO:       AVVOCA', MA.... NON HO CAPITO.....

ALFONSO:             NON C' E' NIENTE DA CAPIRE! CHI VIENE NORMALMENTE PASSA PER QUESTA STANZA, PERCIO' UNO DI NOI DEVE STARE QUA'. QUALCUNO PERO' POTREBBE PASSARE PURE PER IL GIARDINO, PER QUESTO QUANDO VEDI... CHE SO' NU' SIGNORE, NA' SIGNORA E NA' SIGNURINA, TI DEVI INSOSPETTIRE, PERCHE' POTREBBERO ESSERE LE PERSONE CHE ASPETTIAMO.

CASIMIRO:           BRAVO, ‘E CURR SUBBITO ‘A DDU’ ALI’ BABBA’.

GIACOMINO:       CO’ TAPPETO VOLANTE

CASIMIRO:           CU..CURR SUBBITO ‘A CCIA’ VVISA’!                                                           

GIACOMINO:       MA! SPERIAMO BENE!

ALFONSO:             VIA...VIA MUOVIAMOCI, PER PIACERE, OCCHI APERTI... MI RACCOMANDO.

GIACOMINO:       IO ALLORA STO' FUORI AL GIARDINO, QUALSIASI COSA VENGO AD AVVISARVI.

ALFONSO:             SENTI CASIMI', IO DEVO ANDARE UN MOMENTO DI LA', VENGO SUBITO, TU RESTA QUA'..... E MI RACCOMANDO.

CASIMIRO:           ALFO', SE DEVI BALLARE, BALLA...SE..DEVI ANDARE VAI, MA TI PREGO VIENI SUBITO... IO ME TENG MENT ‘O CARDILLO....IO NUN ME SENTO TRANQUILLO....

ALFONSO:             VENGO SUBITO, NON TI PREOCCUPARE. ( Esce )

CASIMIRO:           MA VUIE VEDITE.... A UNO A UNO SE NE SO' GGHIUTE TUTTI QUANTI EEEE  MI HANNO LALALASCIATO SOLO. PPOPOPROPROPRIO QUELLO CHE NON VOLEVO. MO' CHE FOSSE BELLO... CA'CA’ CA’ S' ARAPESSE 'A PORTA EEEEEEE  S' AP PRESENTASSERO TUTTI QUANTI...

SCENA QUINTA

MARGHERITA - GENNARO - CONCETTA - ADELINA - NUNZIA

(Come termina la battuta, si apre la porta e entra: Margherita - Gennaro Tarallo - Concetta Pastarella - Adelina Pastarella - Nunzia figlia di Gennaro e di Concetta )

MARG:                   PREGO ACCOMODATEVI. AVVOCATO, QUESTI SIGNORI , VENGONO DA PARTE DEL DOTTORE FELICE, VOGLIONO PARLARE CON DON SAVERIO, LO VADO SUBITO A CHIAMARE.

CASIMIRO:           ( Ancora non riavutosi completamente dalla sorpresa, un po' impacciato, ferma Margherita che si accinge ad uscire in giardino e l' accompagna materialmente alla porta dalla quale era entrata  MA MA MA...MARGHERITA ..DOVE VAI! PIGLIA ‘O RINAL ‘A SOTT’ ‘O LIETT..

MARG:                                                                                                                                                   ‘E AVVOCA’, MA CHE DICITE?

CASIMIRO:           EEEE PERBACCO, PRIMA CHE TI ABBIAMO DETTO IO NON CAPISCO, ABBIAMO BALLATO COSI’ BENE, T’ AGGIU TUCCATA CU’ NU RITO...

MARG:                                                                                                                                                   MAMMA MIA .... MA CHE STATE DICENN?

CONCETTA:         ADELI’, MA CHIST CUMM PARLA?

ADELINA:             ‘E CHE SACCIO....

CASIMIRO:           AAA AAA ABBIAMO PARLATO COSI’ BENE,  AAAAVEVI DETTO DI AVER CAPITO. ( Rivolto ai presenti ) NON SO’ CHE DIRE. NON LA USA E ORESTE NUN S’APE NIENTE

ADELINA E CONCETTA: ‘E A NUIE CHE C’E’ N’ IMPORTA?

CASIMIRO:           NO, NO DICEVO, VIVVI CHIEDO SCUSA PER L’ INCONVENIENTE.

CONCETTA:         ( Ad Adelina ) CHIST OVER CA’ VA’ BELL

CASIMIRO:           MARGHERITA, PIGLIA ‘A MAPPINA CA’ SIGNORA CE PULEZZ ‘O TAVOLINO.

ADELINA:             MA.. SIGNORE COSA DITE?

CONCETTA:         ( Ad Adelina ) MO’ PIGLIO ‘O TAVULIN E CIO’ SCASSO NCAPO!

CASIMIRO:           VA VAVAVAI IN CUCINA CHE AI SIGNORI CI PENSO IO. ( Fatta uscire Margherita, richiude la porta, apre quella di fianco, cercando di mascherare l' agitazione, con finta naturalezza emette un grido di aiuto, che nessuno, vorrebbe sentisse ) ALFONSO! ( Subito richiude la porta e si rivolge agli ospiti in preda ad uno stato di agitazione ) SE... SE HO BEN CAPITO, CO CONOSCETE IL DOTTOR FELICE?

CONCETTA:         CERTO CHE LO CONOSCIAMO, E' IL FIDANZATO DI MIA FIGLIA QUI' PRESENTE. SIAMO VENUTI PERCHE' DOBBIAMO PARLARE CON LUI E CON SUO ZIO IL SIGNOR SAVERIO. PERCIO', SE CI FACETE LA CORTESIA DI ANDARE A CHIAMARLO?!?!

CASIMIRO:           MA, SENZ' ALTRO, NON DUBITATE, NEL FRATTEMPO....  CANTATEMI NA’ BELLA CANZONA

CONCETTA:         SE’! VA’ CANTAMM ‘A FRONN ‘E LIMONE.

CASIMIRO:           AAAAAACCOMODATEVI IN POLTRONA ( Mentre dice queste battute e gli ospiti prendono posto in salotto con commenti a soggetto, si ritrova nuovamente vicino alla porta che riapre velocemente, ripete il grido di aiuto: ALFONSO! richiude e come se nulla fosse stato riprende a parlare ) BENE, PERFETTO... OOO ORA CONSENTITEMI DI DI PRESENTARMI... PERMETTETE FACCIO UN GIRO CON VINCENZA?

CONCETTA:         SENTITE, MA ‘A NOI CHE CI DITE?

CASIMIRO:           NO! NO! DICEVO, SO SO SONO CASIMIROCHIUMENZA. SONG NAT CO' RINAL MMANO

CONCETTA:         'E SAPIT CUMM' IVEV BELLO?!?

CASIMIRO:           NO NO AAA ABBIATE PAZIENZA, SO SO SONO AVVOCATO CIVILE E PENALE.... SOSOSONO IL NIPOTE DEL SIGNOR CHIUMENZA.

CONCETTA:         AAAHHH... ADELI’ ‘E CAPIT, SI VOLEVA RAPPRESENTARE.

ADELINA:             AHHH, SI’ HO CAPITO...TANTO, TANTO PIACERE, IO SONO ADELINA PASTARELLA LA ZIA DELLA RAGAZZA, LA SIGNORA CONCETTA, PURE LEI PASTARELLA.....

CASIMIRO:           ( Molto distratto perche' preso a guardare se arriva Alfonso, poco capisce di quanto dice la signora, ma cerca di non dimostrarlo ) COME? AH SI... CERTO PURE LEI PASTARELLA. BRAVA... BRAVA....

ADELINA:             SI', ECCO, DUNQUE COME STAVO DICENDO, PURE LEI PASTARELLA PERCHE' SIAMO SORELLE

CASIMIRO:           ( Sempre distratto ) PA PASTARELLA.... UN' ALTRA PASTARELLA... MA ALLORA ..... LA SIGNORINA...

CONCETTA:         SENTITE, AVVOCATO! NOI DUE SIAMO SORELLE E FACCIAMO PASTARELLA. MIO MARITO E MIA FIGLIA FANNO TARALLO.... NE' GESU'!

CASIMIRO:           ( Distratto e completamente confuso ) AH..SE..SI.. BE' MO E' CCHIARO, VOVOVOI FATE EE.. PASTARELLE EE LORO FANNO 'E TARALLI....

CONCETTA:         'NZOGNA 'E PEPE, VUIE PURTATE 'E BIRRE E PASSAMME 'A JURNATA. CHE DICITE? HU! GESU’,‘E SCIEM??!!

CASIMIRO:           ‘E SCIEM? 'E BIRRE?..QUALI BIRRE, NON CAPISCO!

ADELINA:             MA SCUSATE, MIA SORELLA MI SEMBRA CA’ TENE RAGIONE, IL VOSTRO COMPORTAMENTO E' STRANO, NUIE PARLAMME E VUIE NUN SENTITE, V’ AVUTATE SEMPE 'A CHELLA PARTE

CASIMIRO:           SIGNO’,  VOI SCUPAT?

ADELINA:             HUUU... MA CHE DITE?

CONCETTA:           ‘A NE’! MO’ BASTA MO’!

CASIMIRO:           MA MASCUSATE, IO  NON VI ASPETTAVO. SSSS STAVO  ALLISCIANDO ‘A CAMERIERA D’ INT ‘O STANZINO.

CONCETTA ED ADELINA🙁 Spaventata ) HUUU! MAMMA MIA’?!?!

CASIMIRO:           ( Si alza e va’ verso la porta ) STASTASTAVO PENSANDO PERCHE’ NON VIENE MIO CUGINO. ( Chiamando, piu’ forte del solito ) ALFONSO:

CONCETTA:         ( Si guarda con Adelina come per dire.. ma questo e' scemo. ) SENTITE, VUIE CHIAMMATECI A STU' SIGNORE SAVERIO, E PO' ASPETTATE A CHI VULIT VUIE.

CASIMIRO:           SESESENZ' ALTRO, FIGURATEVI, MO’ ME METT ‘O TUTU’ E ANDIAMO A BALLARE

CONCETTA:         ‘E SSI’, FACIMM ‘A QUADRIGLIA.

CASIMIRO:           MO’ CHIAMO QUALCUNO DELLA SERVITU’ E LO MANDO A CHIAMARE.

CONCETTA:         MA SCUSATE, LA RAGAZZA CHE CI HA ACCOMPAGNATI, LO VOLEVA ANDARE 'A CHIAMARE E VOI AVETE DETTO... CI PENSO IO! TU VAI IN CUCINA.

CASIMIRO:           IO... QUANTO MAI...AH...AH, CHI 'A RAGAZZA... MAMA MARGHERITA?.... NO, E.... QUELLA NON AVREBBE MANGIATO... NONONON L’ AVREBBE CHIAMATO; NO! PER CARITA'.... DOVETE SAPERE CHE QUESTA MARGHERITA, LAVA ‘E PULPETT CA’ MAPPINA...

CONCETTA:         UE’! MA CHEST CHE SCHIFEZZ SONG...

CASIMIRO:           E’E’E’.. E' ADDETTA ALLA CUCINA

ADELINA:             AH.. E CAPIT, STA’ D’ INT ‘A CUCINA!?!

CASIMIRO:           GIA’.. E NON SI DEVE MAI MUOVERE DI LA'. NON APPENA TENA 'A POSSIBILITA'.... CUCINA ‘A PASTA FROLLA CA’ COLL ‘E PESCE.

CONCETTA E ADELINA:  ( Sconcertate ) MA CHEST E’ PROPRIO NA’ NZEVOSA.

CASIMIRO:           VOVOVOLEVO DIRE...QUANDO NESSUNO 'AAA CONTROLLA ESCE! INFATTI E' STATA LEI CHE VI E' VENUTA AD APRIRE?

TUTTI:                   EH! E' OVERO, MA PECCHE', CHE CE STA' 'E STRANO?

CASIMIRO:           ( Si alza come prima ) FIFI FIN QUI NIENTE ( ALFONSO! ) DUNQUE ( Sempre piu’ agitato ) POPO’...POPO’...POPO’

ADELINA:             CUNCE’, S’ E’ ‘NGAGLIATO

CONCETTA:         ‘E BELL, ‘E BELL ‘A VECCHIA NCIEL...I

CASIMIRO:           POPO..POI, QUANTO SIETE ENTRATI, COSA VI HA DETTO?

TUTTI:                   COSA CI HA DETTO?

CASIMIRO:           VAVADO ‘A PASCOLARE DON SAVERIO

CONCETTA:         L’ HA PIGLIATO PE’ PIECURO

CASIMIRO:           VA..VADO A CHIAMARE DON SAVERIO                                                   

CONCETTA:         SI! MA VOI, NON L' AVETE FATTA ANDARE.

CASIMIRO:           NO, NO NONNA NONNA...

CONCETTA:         UH.. MO’ S’ ADDORME

CASIMIRO:           NO..NON L' HO FATTA ANDARE... PERCHE'... PERCHE' NON SAREBBE ANDATA A PASCOLARE DON SAVERIO... A..A  CHIAMARE DON SAVERIO....

ADELINA:             HU! VUIE VEDITE?!? 'E DOVE SE NE JIEVA?

CASIMIRO:           HE..E..ADDO' SE NE JIEVA? ( Parlando si ritrova sempre vicino alla porta e ripete sempre con angoscia il grido di aiuto: ALFONSO ) AA..ADDO' SE NE JEVA? D’ INT ‘A CANTINA

ADELINA:             AVETE DETTO BENE? D’ INT ‘A CANTINA?

CASIMIRO:           NO! ... SI! SI, VA D’ INT ‘A CANTINA E.. S’ EMBRIACA. ( Alfonso )

TUTTI:                   ( Commenti di disappunto )

ADELINA:             MA VERAMENTE DITE?

CASIMIRO:           SISICURO, CON LA SCUSA DI CHIAMARE QUALCUNO, VA' D' INT 'A CANTINA E S' EMBRIACA

CONCETTA:         PERCIO', SUBBIT 'A DETTO LO VADO A CHIAMARE...

CASIMIRO:           AVETE CAPITO? SIGNORA MIA, DOVETE SAPERE CHE PER QUESTO FATTO, STAMM DA’ MATIN ‘A SERA D’ INT ‘O TRAMM

ADELINA:             HU! MAMMA MIA, SAPETE CHE SCOCCIATURA

CONCETTA:         ADELI’, ACCUSSI’, D’ INT ‘O TRAMM NUN PO’ BERE.

CASIMIRO:           SIGNORA, MA NO, DICEVO CHE PER QUESTO FATTO VIVIAMO UN CONTINUO DRAMMA.

CONCETTA:         AH, ADELI’ ‘E CAPIT, L’ AVVOCATO VUOLE DIRE CHE HANNO PASSATO ‘O GUAIO.                  

ADELINA:             MA ALLORA CHEST STA’ SEMP ‘MBRIACA.

CASIMIRO:           SEMPRE. E PE’ QUESTO CIA’ GUARDAMM SOTT ‘A PANZA

ADELINA E CONCETTA: ADDO’ VA’ GUARDATE?

CASIMIRO:           VOLEVO DIRE LA TENIAMO SOTTO SORVEGLIANZA. ( Alfonso )

CONCETTA:         ( Spazientita ) SI', SI VA BE', COMUNQUE NUN AVIMM FATTE STU' VIAGGIO PE' PARLA' DA CAMERIERA, NOI DOBBIAMO PARLARE  CON QUESTO SIGNOR SAVERIO. FINO 'A MO', MIO MARITO E' RIMASTO CALMO ( Il marito, personaggio che subisce il carattere forte della moglie ) PERCIO', PRIMMA CA' PERDE 'A PACIENZA, FACITECI 'A CORTESIA ( Gridando indispettita ) VEDITE CUMME AVIT' 'A FA' E FACITECE PARLA' CU STU' SIGNORE.

CASIMIRO:           CACALMA, SIGNORA, NON C' E' MOTIVO DI GRIDARE... IO MO’ VE DONG ‘A LENZ, E VE PISCAT ‘O CAPITON

CONCETTA:         SENTITE, MO’ BASTA.

CASIMIRO:           UN PO' DI PAZIENZA... E PARLERETE CONQUESTO SIGNORE...SIGNIFICA CHE VADO IO A CHIAMARLO

CONCETTA:         AH! FINALMENTE, BRAVO ANDATE.

CASIMIRO:           VOI NO NON VI MUOVETE, IO SU SU SUBITO VENGO. ( Esce )

SCENA SESTA

ANIELLO E DETTI

( Entra Aniello con tre bottiglie di vino )

ANIELLO:             MARGHERITA... MAR.. SCUSATE, AVETE VISTO A MARGHERITA?

ADELINA:             CHI E' MARGHERITA, 'A CAMERIERA?

ANIELLO:             CHIST NUN RISPONNEN, SARANN STRANIERI. ( Puntualizzando ) MARGHERITA!

ADELINA:             ABBIAMO CAPITO, E VI CHIEDIAMO SE E’ LA CAMERIERA

ANIELLO:             NIENTE, SO’ STRANIERI NUN SE CAPISCE NIENTE ....                              

CONCETTA:         ADELI’, CHIST E' SURD. ( Gridando ) GIUVINO', STA' MARGHERITA E' 'A CAMERIERA?

ANIELLO:             AH! AH! ALLORA VUIE PARLATE?

ADELINA:             NUIE PARLAMM, SIT VUIE CA' SIT SURD!

ANIELLO:             ( Rivolto al pubblico ) SE SO' FIISAT TUTT QUANT CA' SO' CURT!

CONCETTA:         VEDIT, STARA' D' INT 'A CUCINA.

ANIELLO:             D’ INT ‘A CUCINA NUN CE STA', QUELLA SAPE CHE IO GLI DEVE DARE I CUMMANNI DI ORDINI DA FARE, E SI ANNASCONNE, E VA' TROVA ADDO' STA' ?!?!

ADELINA E CONCETTA:  'O SAPIMM NUIE ADDO' STA'!.

CONCETTA:         JATE 'A VEDE' D' INT 'A CANTINA

ADELINA:             JATE, 'A TRUVAT CA' TRUMBETTA MMOCCA.

ANIELLO:             D' INT 'A CANTINA? ( Uscendo ) MA QUA' CANTINA, IO 'A LLA' STO' VENENN, STO' CARRIANNCCHIU' VINO 'A STAMMATINA, CA NUN CIA' FACCIO CCHIU'.

SCENA SETTIMA

ALFONSO E DETTI                                                                                                                           

ADELINA:             ( Gridando meravigliata ) AVVOCATO... MA ... MA CHE SORPRESA... MA COME? VOI QUI?

ALFONSO:             SIGNORA.. NON HO IL PIACERE... ASPETTATE MA VOI SIETE.....

ADELINA:             ADELINA PASTARELLA! SONO VENUTA AL VOSTRO STUDIO... A NAPOLI.. PER QUELLA CAUSA CONTRO MIO MARITO....

ALFONSO:             MA.. SICURO... ORA RICORDO PERFETTAMENTE ... MA SAPETE.. CON TUTTE LE CAUSE CHE ABBIAMO.... E COMUNQUE MAI AVREI IMMAGINATO DI TROVARVI QUI!

ADELINA:             CONCETTA, MA TU VEDI LE COMBINAZIONI, QUESTO E' L' AVVOCATO CHE TI HO TANTO PARLATO CHE MI STA' SEGUENDO LA CAUSA PO' FATTO 'E FERDINANDO.... MA DITEMI AVVOCATO, VOI COSA CI FATE QUA'?

ALFONSO:             BE', DOVREI ESSRE IO A FARVI QUESTA DOMANDA, PERCHE' VOI STATE IN CASA MIA. IO SONO IL NIPOTE DEL SIGNOR SAVERIO CHIUMENZA.

CONCETTA:         ADELI', ASPETTA NU' MUMENTO; AVVOCA', SCUSATE, MIO MARITO, HA CHIESTO SE IN QUESTA CASA CI SONO SOLO NIPOTI 'O C' E' STA' PURE NU' ZIO, PERCHE' NUIE E' CO' ZIO CA' VULESSEME PARLA'!

ALFONSO:             SI! SIGNORA, MA.... IO NON HO SENTITO CHE VOSTRO MARITO MI ABBIA RIVOLTO QUALCHE DOMANDA.

CONCETTA:         'E SE CAPISCE, SONO IO CHE LO STO' TRATTENEDO PER NON FARLO PARLARE, 'E SCUSATECI TANTO, VUIE FORSE NUN 'O SAPITE, MA NUIE GIA' STAMME 'A N' ORA CCA'...., 'E NUN PUTIMMO AVE' 'O PIACERE 'E PARLA CU' STU' SIGNORE.

ALFONSO:             CI MANGHEREBBE ALTRO, PROVVEDO IMMEDIATAMENTE.. MA NON VEDO MIO CUGINO, L' AV VOCATO CASIMIRO....

ADELINA:             AVVOCATO, QUEL SIGNORE CHE PARLA UN POCO....COME DIRE...

ALFONSO:             SI, SI , UN.... LEGGERISSIMO DIFETTO DI PRONUNCIA...

ADELINA:             SI, NOI CE NE SIAMO ACCORTI PER COMBINAZIONE, E' VERO CONCETTA?

CONCETTA:         SI! PERCOMBINAZIONE. HA DETTO CHE ANDAVA A CHIAMARE IL SIGNOR SAVERIO, MA FIN 'E MMO' NUN S' E' VISTO.

ALFONSO:             AH! BENE, ED ALLORA, VEDRETE CHE TRA POCO VERRANNO. ( Rivolto ad Adelina ) DUNQUE SIGNORA... MA CHE PIACERE MI HA FATTO INCONTRARVI... NE APPROFITTO PER DIRVI CHE ABBIAMO PRESENTATO LA CITAZIONE IN TRIBUNALE, QUINDI LA COSA VA' AVANTI.

ADELINA:             HA! BENE BENE, MI FA' PIACERE.

ALFONSO:             MA... DITEMI SIGNORA... COME MAI STATE CON QUESTI SIGNORI?

ADELINA:             LA SIGNORA CONCETTA, E' MIA SORELLA LA MAMMA DI NUNZIA.... MA SE VOI SIETE.... MA... ALLORA.... SAPETE IL FATTO DI FELICE E DI MIA NIPOTE?

ALFONSO:             SO' TUTTO, SI, SO' TUTTO. SO' PROPRIO TUTTO! FELICE E' MIO NIPOTE.

CONCETTA:         SCUSATE, AVVOCA', VOI DITE CHE SAPETE TUTTO E ALLORA SAPITE PURE PECCHE' STAMME CCA'! NUIE AVIMME RISOLVERE STA' FACCENDA. INSOMMA CA' SE TRATTA 'E LL' ONORE 'E MIA FIGLIA. MIO MARITO, E' TROPPO NERVUSO, VA' 'A FERNI' CHE NON SI CONTROL LA PIU'! ( Il marito resta placitamente seduto annuendo tutto quello che la moglie dice )

SALVATORE:       SE' SE', GUARDATE CA' IO SONG' NERVUSO, NUN ME CUNTROLLO.

ALFONSO:             NO NO, PER CARITA', CONTROLLATEVI ( Lo guarda ma non scorge nessun segno di agitazione ) NON V' INNERVOSITE..... (Lo guarda ancora, poi si rivolge ad Adelina con tono confidenziale ) SIGNO', 'A ME ME PARE NA' PERSONA TRANQUILLA.

ADELINA:             SEMBRA AVVOCATO, SEMBRA.

ALFONSO:             COMUNQUE, VI ASSICURO CHE TUTTO SI RISOLVERA'  NEL MIGLIORE DEI MODI, PERCHE', VEDETE SIGNORA COME HO DETTO PRIMA, SO' TUTTO DELL' EQUIVOCO NATO TRA LA SIGNORINA E FELICE.

CONCETTA:         ( Infuriata )NE', AVVOCA', QUA' EQUIVOCO! NUIE PE' CHESTO STAMME CCA'... E Q U I V O C O ! EGGIA', VOSTRO NIPOTE ACCUSSI' FA'?.. METTE INCINTE 'E GUAGLIONE 'E PPO' DICE CHE E' STATO N' EQUI VOCO?!?! SE'! MA CU NUIE 'A SBAGLIATO PALAZZO, CA' 'O PATO, FA' SUCCEDERE 'A GUERRA 'E TRIPOLI. VUIE NUN 'O CUNUSCITE, PERCIO' NUN FACIMM STORIE, FACITECE PARLA' CU' FELICE 'E CU' 'O ZIO E NUN PERDIM MO CCHIU' TIEMPO. SE'! EQUIVOCO!

ALFONSO:             SIGNORA, NON GRIDATE PER CARITA',  DITE A VOSTRO MARITO DI STARE CALMO ( Lo guarda ) PERCHE' VI FARO' PARLARE CON CHI VOLETE... MA PER PIACERE, CONSENTITEMI DI INSISTERE, IO SO' DELLE COSE.. CHE FORSE I RAGAZZI NON VI HANNO DETTO.....

CONCETTA:         ( Sempre alterata ) AVVOCA', VUIE E' INUTILE CHE CERCATE 'E MBRUGLIA' 'E CCARTE. IO NUN AGGIA SAPE' CCHIU' NIENTE. VOSTRO NIPOTE HA SBAGLIATO 'E SE LA DEVE SPOSARE E RINGRAZIATO 'O CIELO CA’ MIO MARITO NUN L' ACCISO. ( Al marito ) CHEDE', NUN PARLI?

( A questo punto risponde Salvatore e copre le parole di Alfonso che anche lui parla )

ALFONSO:             ( In contemporanea con Salvatore ) MA PER CARITA'  SIGNORA, IO QUELLO CHE SO' PUO' RISOLVERE DEFINITIVAMENTE IL PROBLEMA....

SALVATORE:       GUARDATE CA' IOOOOO FINO 'A MMO' ..... MIA MOGLIE MI HA TRATTENUTO..... CASINO'....

CONCETTA:         ( Al marito con malo modo ) GUE', STATTE NU' POCO ZITTO, NUN ME FAI CAPI' NIENTE, AVVOCA' CHE AVETE DETTO, NUN MA' FATT CAPI' NIENTE.

ALFONSO:             ( A Salvatore ) EH! SCUSATE, AVE RAGIONE....... VUIE PARLATE SEMPE... DUNQUE, SIGNORA DICEVO, CAPISCO IL VOSTRO DISAPPUNTO E LO CONDIVIDO PIENAMENTE... MA PER PIACERE, DATEMI LA POSSIBILITA' DI CHIARIRE QUANTO STA' SUCCEDENDO......

CONCETTA:         SI', MA VUIE PARLATE 'E CHIARI'. MA CHE NCE STA' 'A CHIARI?

ALFONSO:             SIGNORA, VOI VOLETE CHE LA SITUAZIONE DI VOSTRA FIGLIA VENGA REGOLARIZZATA?

CONCETTA:         GESU'! E ME LO DOMANDATE?!?!

ALFONSO:             BENE! ALLORA... MENTRE ASPETTIAMO CHE VIENE IL SIGNOR SAVERIO, PERMETTETEMI DI PARLARE CINQUE MINUTI CON LA SIGNORINA DA SOLO, E' NECESSARIO.  HO BISOGNO DI SAPERE DELLE COSE CHE SOLO VOSTRA FIGLIA MI PUO' DIRE, E VI GARANTISCO CHE TUTTO SI RISOLVERA' NEL MIGLIORE DEI MODI.

ADELINA:             CONCETTA, NON FARE COSI', L' AVVOCATO E' UNA PERSONA CHE SA' QUELLO CHE FA'.

CONCETTA:         ...... 'E 'O DICITE 'A ME?..... 'O PATE E' ISSO!

ALFONSO:             'E VA BE', IO PENSO CHE VOSTRO MARITO NON DIRA' NIENTE SE...QUALCHE DECISIONE 'A PIGLIATE PURE VUIE?! CHE DITE?

CONCETTA:         ( Al marito ) TU CHE DICI?

SALVATORE:       IO CHE DICO? IOOOOO....  DICO CAAAAAAA’  SICCOMM MO'.  PECCHE' CHELL CA' DICH' IO....

CONCETTA:         ( Interrompendolo con autorita’ ) SI' SI', VA' BE', HA DETTO DI SI'!

ALFONSO:             ED IO VI RINGRAZIO.... SIGNORINA MI VOLETE SEGUIRE?

NUNZIA:                ( Riluttante ) MAMMA', C' AGGIA FA'?

ADELINA:             VA', VA' BELLA DA ZIA, NUN TE PREOCCUPA'

ALFONSO:             PREGO SIGNORINA, SEGUITEMI. ( Escono porta a sinistra )

ADELINA:             CUNCE', IO NUN CE POSSO PENSA', CHIST SO' NUMMERI......

CONCETTA:         ADELI', CA' NUN C' IAVIMMA FA' METTERE 'O PERE 'NCAPO, CHESTA E' GENTE RICCA... MA TU E' VISTO CHE CASA?

ADELINA:             SE NUNZIA SE SPOSA CHISTU GIOVANE HA FATTO 'A FURTUNA SOIA.

SALVATORE: ( Si alza ) CUNCE', IO, MO' CA VEN 'O ZIO CIO' DDICO TUOSTO TUOSTO: BELLU SIGNO', NUN FACIMM STORIE, O' NIPOT VUOST HA SBAGLIATO 'E ADDA ARREPARA'! PECCHE’ CASINO'...

CONCETTA:         CASINO' CHE?! VUIE VEDITE....STATTE ZITTO, TU NUN 'E HA PARLA', ASSETTATE...

SALVATORE:       EGGIA', IO NUN POZZO PARLA'... SE  CAPISCE...... ADDA' PAR­LA' SOLA ESSA.

CONCETTA:         NE' GUE'! E CHE SONO QUESTE COSE....NON DEVI PARLARE.... QUANDO PARLI, SCOMBINI...... " BELLU SIGNO', NUN FACIMM STORIE..." MA TU 'E CAPITO CA' CHEST E' GENTE APPOSTA?

ADELINA:             SALVATORE, CONCETTA TENE RAGIONE, BISOGNA PARLARE CON PRUDENZA...E' NA' COSA DELICATA... AVIMMA MANTENE' 'O CARRO PER LA SCESA....CAPISCE 'A MME'.

CONCETTA:  PERCIO', ASSETTATE E STATTE ZITTO!

SCENA OTTAVA

( Entra - Margherita con Raimondo Pizzuto ”  Farmacista “ la mo­glie -  la figlia Flavietta )

MARG:                   PREGO DOTTO', ACCOMODATEVI FUORI AL GIARDINO, DON SAVERIO VI STA' ASPETTANDO....

RAIMONDO:         ( Saluti di convenienza con gli ospiti seduti ) VAI VAI MARGHERITA, CONOSCIAMO LA STRADA.

MARG:                   GRAZIE DOTTO', ALLORA TORNO IN CUCINA.

ADELINA:             SE'! SE', MO SE NE VA' DINT' 'A CANTINA E S' EMBRIACA.

CONCETTA:         GESU', MA...ALLORA STA' MBRIACA DA' MATINA 'A SERA?

MARG:                                                                                                                                                   SIGNURI', VUIE STATE ANCORA ASPETTANN DON SAVERIO?

ADELINA:             COSA VUOI FARCI, SI VEDE CHE E' DIFFICILE PARLARE CON QUESTO SIGNORE.

MARG:                   NOOO'! QUANTE MAIE! MO' 'O VACO A CHIAMMA' SUBBITO.

CONCETTA:   ( alzandosi irritata ) ADDO', ADOO' VAIE! JESCE DINT 'A CUCINA CAMMINA, EBBIVA 'A ESSA AJ'.. 'O VAIE 'A CHIAMMA' SUB­BITO?!?!....MA...'O SSAIE CA' TE FA' MALE?

MARG:                                                                                                                                                   ME FA MALE? MA CHE DICITE...IO 'O CHIAMMO DA MATINA 'A SERA!?

ADELINA:             GUE'! BASTA! ...'O CHIAMM QUANT NUIE NUN CE STAMMO, E' CAPITO?

MARG:                   HE! E STATEVE LLOCO, 'A MME' CHE ME 'MPOR TA ( Uscendo ) CHIST SO' PAZZI.

SCENA NONA

( Entra Giaconmino e Casimiro )

CASIMIRO:           IL SIGNOR SAVERIO, HA DETTO SE TENETE ‘A BICICLETTA..

CONCETTA:         NO! TENIMM 'A CARRUZZELLA

CASIMIRO:           NO, DICEVO SE A..ANDATE DI FRETTA ... MO’ VIENE.

CONCETTA:         ( Scocciatissima ) L' IMPORTANTE E' CA' VENE! PECCHE', NUIE 'A CCA' NUN CE MUVIMMO!

CASIMIRO:           PERMETTEMI DI PRESENTARVI IL NOSTRO SEGRETARIO DI FIDUCIA, SUONA 'O PIANINO PIANO PIANO

CONCETTA:         AH! BRAVO

CASIMIRO:           VOLEVO DIRE... IL SIGNOR GIACOMINO PARLAPIANO

TUTTI:                   PIACERE!

ADELINA:             MA.. IO VI CONOSCO, STAVATE SULLO STUDIO A NAPOLI...

GIACOMINO:       SI, SI MI RICORDO, LA SIGNORA E' VENUTA ALLO STUDIO, HA PARLATO CON L' AVVOCATO VOSTRO CUGINO.

CASIMIRO:           AH! BENE, MI FA' PIACERE...

SCENA DECIMA

( Entra Aniello con quattro bottiglie di vino )                                                                                     

ANIELLO:             ( Chiamando ) MARGHERITA! MARGH... SCUSATE AVVOCA', AVETE VISTO A MARGHERITA

CASIMIRO:           NO, NON L' HO VISTA

CONCETTA:         ADELI', CHILL STA' CERCANN ANCORA 'A MARGHERITA. ( A Casimiro ) AVVOCA', CHELLA STARA' D' INT 'A CANTINA.

CASIMIRO:           D' INT 'A CANTINA?!? MA... AH..SI', SI D' INT 'A CANTINA, SICURO. ANIE', VIDE CA' STARRA' LAVANN 'A MAPPINA

GIACOMINO:       AVVOCA', 'A MAPPINA?!?.

CASIMIRO:           STARRA' D' INT 'A CANTINA

ANIELLO:             ‘O SACCIO, CHELLA OVER E' CRETINA.

CONCETTA:         ADELI', CHIST OVER CA' VANN BELL. OGNUN PARLA PE' FATT SUOI.

ANIELLO:             MA DICO IO, DON SAVERIO OGNI VVOT CA' ME VERE, ANIE' CURR 'A PIGLIA' 'O VIN. 'A STAMMATINA AGGIU CARRIAT TUTT 'E BBUTTEGLIE 'E VIN, MO' E' RIMAST CHELL 'A COPP 'O STIPON, MA IO SUL NON 'O POZZ PIGLIA, AGGIO BISOGNO 'E NA' MANO. E MARGHERITA NUN C' E' STA'!

GIACOMINO:       ANIE', MO' TI AIUTO IO, TE DONG' IO NA' MANO.

ANIELLO:             VUIE? ME DATE NA MANO A MME?

GIACOMINO:       SE VUOI....

ANIELLO:             E ... VA BBE’, VENITE APPRIESSO 'A MME', CHE IO VI SPRATICHISCO COSA SI DEVE FARE.

GIACOMINO:       SPERAMM CA' CE' RIESCO. ( Escono )                                                              

CASIMIRO:           SIGNO’, VE SIT MANGIAT ‘E PULLICINI 'A D’ INT ‘O SCANTINATO?

ADELINA:             NUIE, NOI PER CARITA’!

CASIMIRO:           DICEVO...NON VEDO...MIO CUGINO... L' AVVOCATO...

ADELINA:             STA' PARLANDO CON MIA NIPOTE, SONO ANDATI DI LA'.

CASIMIRO:           AH! BENE, BENE STARANNO CHIARENDO L' EQUIVOCO....

CONCETTA:         ( Si alza impetuosa ) INSOMMA, MO' BASTA, PURE VOI CU' L'EQUIVOCO, ADELI', MO' ME SO' SCUCCIATA. CHE DICITE CA' CE STA' L'EQUIVOCO? ALLORA CHIARIMMOLO STU' EQUIVO­CO, ADDO' STA'  FELICE, ADDO' STA STU ZIO. IO NUN CAPISCO, VE­NE UNO... VENE N' ATO.... PIACERE A DESTRA 'A CCA', PIACERE A SI­NISTRA 'A LLA' 'E NUIE NUN PUTIMM AVE' 'O PIACERE E PARLA' CU' CHIST CRISTIANO.

ADELINA:             CONCETTA, NON FARE COSI', CALMATI.

CONCETTA:         ADELI', MA CHE M'AGGIA CALMA'.

SALVATORE:       CUNCE', STAMME A SENTI'...

CONCETTA:         HUUU! SALVATO', MO' TI 'A STA' NU POCO ZITTO, MO' AGGIA PARLA' IO...

CASIMIRO:           ...MA NON E' IL CASO DI GRIDARE. ALLISCIATEV ‘A SALMA... RESTATE CALMA..

CONCETTA:         SENTITE CHIAMATE CHILL' ATU SIGNORE ...L' AVVOCATO, STA' CU MIA FIGLIA IN QUELLA STANZA, FACITELI ASCI', JAMMO NUIE 'A TRUVA' STU' DON SAVERIO, JATE FACITEME 'O FAVORE...FORSE NUN SE' CAPIT, CA' STATE PAZZIANNO CO' FFUOCO.

ADELINA:             CONCETTA, SIEDITI, ASPETTIAMO COSA DICE L' AVVOCATO E POI PRENDEREMO UNA  DECISIONE.

SALVATORE: CUNCE', ASSETTATE! ASPETTAMM CHE DDICE L'AVVOCATO 'E PPO' DECIDIMM.

CONCETTA:         SALVATO', SI  NUN ME FACIV 'A TRADUZIONE, NUN CA­PEVO.

SCENA UNDICESIMA

( Entra Alfonso E Nunzia)

CASIMIRO:           ALFO', SPE..SPERO CHE SEI VENUTO AD UNA CONCLUSIONE

ALFONSO:             CALMA CASIMI', CALMA LASCIA FARE A ME! DUNQUE SIGNORI...TUTTO E' BENE QUEL CHE FINISCE BENE. VEDETE, SIGNORA COME VI DICEVO, L'EQUIVOCO C'E' STATO.

CONCETTA:         NE', AVVOCA', VUIE N'ATA VOTA CU' ST' EQUIVOCO...SALVA­TO' .

ALFONSO:             ( Con ritrovata autorita' )HE NO! SIGNO', MO' MI DOVETE ASCOLTARE,..PERCIO' DITE A VOSTRO MARITO DI NON INTERROMPERE SEMPRE, SE NO' NON NE VENIAMO A CAPO DI NIENTE.

SALVATORE:       AVVOCA'...GUARDATE CHE IO NUN AGGIU CAPITO, PECCHE’ SE NUN ...

CONCETTA:         SALVATO', STATTE NU POCO ZITTO, SENTIMMO L' AVVOCATO C' ADDA DICERE.

ALFONSO:             ( A Salvatore )...ARREPUSATEVE NU POCO! DUNQUE... L' EQUIVOCO, CARA SIGNORA, STAVA NEL FATTO CHE IL FIDANZATO DI VOSTRA FIGLIA NON E' FELICE MIO NIPOTE, COME LEI STESSA VI DIRA' MA...BEN­SI' DEL NOSTRO SEGRETARIO GIACOMINO... DOVE STA?

 ( Nel frattempo, Concetta ed Adelina si sono alzate, mentre Con­cetta prende per un braccio la figlia )

CONCETTA:         NE GUE'! MA CHE SO' STI NUVITA? PARLA!

ADELINA:             E' OVERO CHELLO CA' DITTO L'AVVOCATO?

NUNZIA:                ( scoppiando a piangere ) SI! SI E' OVERO...'O FIDANZA­TO MIO NUN E' FELICE ......ME SONG 'NVENTATA TUTT COSE , SONGO STATA NA' PAZZA, MA IO NUN SAPEVO COMME AVEVA FA'...AVVOCATO.......

SCENA DODICESIMA

ANIELLO - GIACOMINO E DETTI

( Entra Aniello con due bottiglie di vino seguito da Giacomino, Nunzia riconosce Giacomino )

NUNZIA:                ( Gridando )MA...MA... LELLO?!?

ANIELLO:             ( Aniello, si ferma impaurito credendo che la ragazza si stia rivolgendo a lui ) SIGNURI’ MA L’ AVITE CU MME’!

( Giacomino, intanto riconoscendo la sua fidanzata resta coperto da Aniello. A questo punto la ragazza cerchera' di raggiungere Giacomino per infierire materialmente su di lui. Giacomino, facendosi scudo di Aniello fuggira' intorno al tavolo. Aniello a soggetto, impaurito, subisce passivamente l' azione )

ALFONSO:             SIGNORINA! SI CHIAMA GIACOMINO, GIACOMINO!

GIACOMINO:       NUNZIATINA! TU?!?!?

NUNZIA:                ( asciugandosi le lacrime e inviperita ) AVVOCATO, MA QUALE GIACOMINO E GIACOMINO, QUESTO E' UNO SCHIFOSO FETENTE CHE MI HA INGANNATA, LUSINGATA...MA 'O PEGGIO E' CA SENZA NA SPIEGA­ZIONE, ALL'IMPROVVISO NUN S'E' FATTO CCHIU' VEDE' ( piangendo per la rabbia ) MA IO T'ACCIRO ( Vuole inveire su Giacomino ma viene trattenuta dalla mamma )

ANIELLO:             MAMMA DO' CARMEN, AIUTAMI TU!

ALFONSO:             ( A nunzia ) BENE BRAVA... CONTINUATE COSI'.

CONCETTA:         GESU', IO NUN CAPISCO CCHIU' NIENTE, MA SE PO' SAPE' CU' QUANTA GENTE L' E' FATTO STU' FIGLIO?

NUNZIA:                MAMMA' LASSAME, L'AGGIA SCIPPA' LL' UOCCHIE ( Corre ver­so Giacomino, il quale scappa intorno alla tavola sempre con Aniello davanti )

SALVATORE:       NUNZIA, BELLO 'E PAPA', VIENE CCA'...FAMME CAPI'....

CONCETTA:         MA CHE VVUO' CAPI', STATTE NU POCO ZITTO, ASSIETTATE NU POCO.

( Aniello, esce dal circolo, e si appiattisce, impaurito alla parete. tentera' di scappare, ma per paura di essere investito restera' in scena. )

GIACOMINO:       NUNZIA FERMA! FERMATELA..... AVVOCA’, QUE­STA VERAMENTE E' LA MIA FIDANZATA.

ALFONSO:             GIACOMI', MA TU OVERAMENTE STAI DICENNO?

CASIMIRO:           COMME COMME, 'O PATE  SI TU?

GIACOMINO: NON LO SO', NUN SACCIO NIENTE, NUNZIATI', DAMMI LA POSSIBILITA' DI SPIEGARTI..  VEDI SE MI FAI PAR­LARE SONO SICURO CHE MI PERDONERAI. SONO PRONTO A RIPARARE

NUNZIA:                AH! TI DEVO PERDONARE?! T'AGGIA MANNA' 'O SPITALE.

CONCETTA:         NO! TU PRIMMA T' 'O SPUSO...'E PPO' 'O MANNO 'O SPITALE.

ALFONSO:             SIGNORINA, DATEGLI PERLOMENO LA POSSIBILITA' DI SPIEGARSI ...PENSATE  AL....BAMBINO....

NUNZIA:                GIA', AVETE RAGIONE, NON HO MOLTA SCELTA....E VA BENE PER IL MOMENTO ALMENO TI HO RITROVATO....MA...ARRICUORDATE COMME TE MUOVE TE CIACCO.

GIACOMINO:       NUNZIATI', TI SPIEGHERO' TUTTO...FAMMI PARLARE, VEDRAI NON CI LA­SCIEREMO PIU'.

NUNZIA:                VUO' PARLA'? IO AGGIA PARLA', IO AGGIA DICERE CHELLO CHE ME FATTE PASSA' .... CA' SONG STATA DINT ALL' INFERNO, PE' CAUSA TOIA. VA BE', MO' BASTA, PO' NE PARLAMMO, PO' FACIMM 'E CUNT.

( Attimo di calma, Aniello piano piano attraversa la scena, scappando quando e' sicuro di aver guadagnato l' uscita )                 

ALFONSO:             GUE', CHELLA 'A FIGLIA E' TALE  E QUALE A MAMMA. CASIMI', GIACUMINO VULES SE PARLA'.

CASIMIRO:           SE'! SE MAGNA ‘A CREMA CHE RAFANIELL.... HA FATTO MARENNA 'A SARACHIELLI.

CONCETTA:         MAMMA MIA, IO NUN CAPISCO CCHIU' NIENTE.

ADELINA:             ( Ad Alfonso ) AVVOCATO, VI PREGO, VOI CI DOVETE SPIEGARE...

ALFONSO:             SIGNORA, AVRETE TUTTO IL TEMPO PER LE SPIEGAZIONI, A­DESSO DOVETE SOLO PENSARE CHE TUTTO SI E' RISOLTO NEL MIGLIORE DEI MODI, VOSTRA NIPOTE HA RITROVATO IL FIDANZATO ED E’ QUESTO QUELLO CHE CONTA.

SCENA TREDICESIMA

SAVERIO - FELICE - FLAVIETTA E DETTI

SAVERIO:              MA INSOMMA, CASIMIRO, ALFONSO...VOLETE VENIRE FUORI?

ALFONSO:             SI, ZIO SAVERIO, STAVAMO APPUNTO USCENDO

SAVERIO:              ‘E ALLORA MUOVIAMOCI, E’ TUTTO PRONTO...

FELICE:                 ( Timoroso ) ZIO CASIMIRO, ALLORA?

CASIMIRO:           VIENI, FELICE, ACCUMMIENCET ‘A SPUGLIA’ D’ INT ‘O SALOTTO.

FELICE:                 CHE M’ AVITA FA’? ‘E TURTURE?

CASIMIRO:           NONO NON TI PREOCCUPARE, TUTTO RISOLTO.

FELICE:                 ZIO ALFO', VERAMENTE?

ALFONSO:             MA TU ‘E CAPIT?, CHILL ‘O PAT ERA OVERAMENTE GIACOMINO.

FELICE:                 NO! MA TU CHE DICI?

GIACOMINO:       DOTTO', E' PROPRIO COSI', NUNZIATINA E' VERAMENTE LA MIA FIDANZATA...

FELICE:                 MA...ALLORA NUNZIA........

GIACOMINO:       UN MOMENTO... MA VUIE DOTTO' MI DOVETE SPIEGARE ....

ALFONSO:             'E NO!, PER PIACERE, I CHIARIMENTI DOPO, ADESSO BISOGNA PENSARE A FESTEGGIARE E DARE SODDISFAZIONE A ZIO SAVERIO CHE HA FATTO TUTTO QUESTO PER NOI.

SAVERIO:              FINALMENTE, ALFONSO, TI SENTO DIRE NA' COSA GIUSTA, FUO­RI E' TUTTO PRONTO ....MA QUESTI SIGNORI NON LI CONOSCO....

ALFONSO:             SCUSA ZIO SAVERIO, FORSE  AVREMMO DOVUTO PARLARTENE PRIMA, ABBIAMO INVITATO QUESTI SIGNORI PER FESTEGGIARE INSIEME AL FIDANZAMENTO UFFICIALE DI FELICE E FLAVIETTA, ANCHE QUELLO DI GIACOMINO E LA SIGNORINA NUNZIA. SPERO NON TI DISPIACCIA. PENSA CHE QUESTI SIGNORI NON VEDEVANO L' ORA DI CONOSCERTI.

( Tutti ridono e acconsentono )

SAVERIO:              ED IO SONO FELICISSIMO DI CONOSCERE 'A LORO. QUA' OGGI TUTTI POSSONO FESTEGGIARE, TUTTI QUELLI CHE HANNO BISOGNO DI FESTEGGIA­RE QUALCOSA SONO I BENVENUTI, PERCIO' BASTA CON LE CHIACCHIERE E ANDIAMO IN GIARDINO. PREGO SIGNORA, ACCOMODATEVI, PREGO, PREGO (Uno per volta escono )

MARG:                                                                                                                                                   DON SAVERIO, STANNO BUSSANDO AL PORTONE, IO NUN POZZO  LASCIA', ANIELLO ADDO' STA?

SCENA QUATTORDICESIMA

( Entra Aniello )

SAVERIO:              ANIE', VAI AD APRIRE CURRE, FA' PASSA TUTTI PO' GIARDI­NO.

ANIELLO:             AGGIA J' A PIGLIA' LL'ATU VINO?

SAVERIO:              ( gridando ) VA' ARAPI' 'O PURTONE, HANNO SUONATO!

ANIELLO:             ( uscendo a destra ) CA' STANN ASCIENN PAZZ TUTTI QUANTI, PRIMMA DICE NA' COSA PO' NE' DICE NATA.

SAVERIO:              ALFONSO, CASIMIRO VE VULIT MOVERE?

ALFONSO:             ZIO SAVERIO, VAI... VENIAMO SUBITO.

SAVERIO:              SUBITO, CASINO' TORNO N'ATA VOTA. ( esce )

ALFONSO:             CASIMI', FINALMENTE, CHE TRANQUILLITA', MO' MI SENTO BENE, TI CON­FESSO CA' SO' CUNTEN TE ...E PURE PE' GIACOMINO. MA CHI SE L' A­SPETTAVA, TU VEDI LA VITA COM' E' FATTA, NON SAI MAI QUELLO CHE TI RISERVA.

CASIMIRO:           GIA’, MA TU CAPISC ME SONG NGUACCHIAT ‘E LENT, E SO’ GGHIUT ‘A FERNI’ D’ INT ‘O CESS...

ALFONSO:             MA TU CHE DICI?

CASIMIRO:           DICEVO.. CA’ CE SIMM NVENTATO QUELLO CHE REALMENTE E’ SUCCESSO.

SCENA QUINDICESIMA

( Entrano in seguenza con allegria: Felice e Flavietta poi Giacomino e Nunzia subito seguiti da Adelina)

FELICE:                 ZIO ALFONSO, ZIO CASIMIRO, VOLETE VENIRE STIAMO ASPETTANDO VOI

ADELINA:             AVVOCATO, VI STIAMO ASPETTANDO                                                     

ALFONSO:             ( Si alza ) SI! SI! VENIAMO SUBITO.                                                                  

ADELINA:             AVVOCATO, ADESSO CHE TUTTO E' CHIARITO, VI RICORDO DELLA CAUSA, AVVOCA', IO DEVO AVERE LA SEPARAZIONE E PAGO QUALSIASI CIFRA

ALFONSO:             SIGNORA VI PREGO, IO FACCIO L’ AVVOCATO PER VOCAZIONE NON PER SOLDI. I SOLDI PER NOI SONO L’ ULTIMA COSA, E’ VERO CASIMI’

CASIMIRO:           POPRPROPRIO L’ ULTIMA COSA. SI SI EEE’ VERO. QUEQUESTO E’ VERO!

ADELINA:             ALLORA AVVOCATO SIGNIFICA CHE SE MANDATE IN GALERA MIO MARITO ...... POTETE CHEDERMI QUALSIASI COSA ....

ALFONSO:            ( Capendo l’ allusione ) QUALSIASI COSA? SIGNO’ SIAMO SICURI?

ADELINA:             QUALSIASI!

ALFONSO:            ‘E PIOMB E VENEZIA. SIGNO’, ‘E LAVORI FORZATI STATE TRANQUILLA              ADESSO PERO' PENSIAMO AI MATRIMONI, ALLE SEPARAZIONI CI PENSIAMO DOPO. VIA, VIA TUTTI FUORI A FESTEGGIARE

TUTTI CON ALLEGRIA ESCONO

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 16 volte nell' arco di un'anno