Leucio l’egiziano

Stampa questo copione

Leucio l'Egiziano

LEUCIO L’EGIZIANO

Giullarata sul Primo Vescovo di Brindisi

e Protettore di San Leucio

Un Atto

di

Salvatore Macri

Personaggi:                                                                                     

Frate Francesco                                                                              U                           

Ferdinando IV di Borbone                                          U                           

Concetta, popolana                                                                      D            

Elisabetta, nobildonna                                                                 D            

Veronica, nobildonna                                                                  D            

Eudeclio, vecchio padre di Leucio                            U                           

Leucio                                                                                 U                                           

Berengario, monaco                                                     U                           

Leila, zingara                                                                                    D            

Inoltre:

due monaci figuranti

un chitarrista

un gruppo di musici

giocolieri vari

Scena: Interno di una chiesa; alcune panche o scranni ai limiti dello spazio di recitazione.

Costumi: per esaltare la differenza tra i nobili e i saltimbanchi / giocolieri, i costumi di questi ultimi dovranno essere rabberciati ed approssimativi, pur nella chiassosità delle tinte; alcuni figuranti potrebbero anche cambiare il costume in scena (es. funambolo che assume la parte dello spezzacatene), sottintendendo la dignitosa scarsità di risorse dello spettacolo ambulante, e in maniera analoga per i costumi dei musici e delle ballerine.


Scena prima: Francesco, Ferdinando, Concetta

Francesco                                (entra in scena e si pone in raccoglimento in ginocchio)

Ferdinando                             (dopo qualche istante entra dalla platea, in vestiti plebei, con un cappellaccio, esita qualche istante, tossisce e cerca di richiamare l’attenzione) Scusate, sant’omme…

Francesco                                (riscuotendosi) Ohé… chi site?

Ferdinando                             Aggiate pacienza… songo… ma chesto nun è impurtante… me so’ truvato ‘a chesti parti… aggio visto ‘a chiesa aperta e… me vulevo cunfessa’!

Francesco                                E mò nun se po’ fa’! (si alza, con rassegnazione) ‘O frate cunfessore se sta cagnanne p’ ‘a recita… ma tu sai leggere? ‘E liggiuto ‘o cartiello for’ ‘a chiesa, ‘e visto ‘e bancarelle for’ ‘a porta? Ce sta a festa ‘e Santo Leucio! E nuie, pe’ da’ gloria ‘o Santo, facimmo ‘na rappresentazione d’ ‘a vita soia; ‘o cunfessore se sta appriparanne ‘nzieme all’ati…

Ferdinando                             Ah, e vuie nun me putite cunfessa’?

Francesco                                Sì, ma pure io aggia recita’; faccio l’attore, ‘o cantastorie e ‘o regista, e me stevo ripassanne ‘a parte mia i’ sulo… ‘amma ancumincia’ subbeto! E po’… gìrate attuorno… addo’ ce mettimmo? Ce sta ‘nu sacco ‘e gente! Quann’ ‘e doppo ca se ne vanno, allora se po’ fa’!

Ferdinando                             Epperò io songo… n‘anema che tene ‘nu peccato ‘ncuollo! ‘Nu peccato gruosso! (facendo scongiuri) Me metto appaura! Si me succeresse cocche cosa primma che me cunfesso… io po’ tengo… ‘na famiglia assai grossa… (continua con gli scongiuri)

Francesco                                Ohé, ‘a prossima vota ce pienzi primma… e quanne hai ‘a tentazione, nun fa’ ‘e peccati! E me staie sulo facenne perdere tiempo! (lo incalza) E po’… cca’ dinto simmo tutti uguali, signuri e servi, surdati e zappaterra… te sì pentito ‘e chello che ‘e fatto, o è sulo pe’ scrupulo, ca te vuo’ cunfessa’? ‘O sai ca cu’ Dio nun se pazzeia? Pruove dulore pe’ chello che ‘e fatto? ‘E dato ‘na curtellata a chi t’ ‘a criato, l’ ‘e jencuto ‘a faccia ‘e schiaffi, tu, piezzo ‘e… (si morde la mano) peccatore!

Ferdinando                             Calmateve, frato mio… io nun aggio fatto tutte ‘sti cose… io songo…

Francesco                                ‘O saccio chi sì! Ma sì ‘o stesso ‘nu piezzo ‘e… (si morde la mano) peccatore!

Ferdinando                             Ohé, ma mai nisciuno ca ce creresse, ca songo ‘nu piscatore! Ma tu ‘e capito buono chi songo io?

Francesco                                Aggio capito, sissignore, ma cca’ dinto ce sta Dio! Te vulisse mettere a paragone a Isso? Tu sì pòvere come a me! Mò statte zitto! Assettate lla’ (indica uno scranno in scena) e aspetta che ‘ammo fernuto! Doppo te manno ‘o frato cunfessore o vengo io… e mentre che aspietti, abbia a pruva’ dulore pe’ chello che ‘e fatto… ‘e capito? Miettete scuorno!

Ferdinando                             (girandosi intorno) E nun strilla’… nun facimmo sape’ ‘e fatti nuosti a tutti quanti… (si siede, cercando di mimetizzarsi)

Francesco                                (rivolgendosi al pubblico) Cari fratelli, benvenuti a chesta sacra recita in onore ’e Santo Leucio; ce simmo impegnati tutti quanti… ce sta pure cocche femmena che ce aiuta… nuie simmo a pochi e nun putimmo fa’ tutte cose! M’arraccumanno, chesta è ‘na cosa seria, nun ve mettite a rirere, pure si ve piace e site cuntienti…

Ferdinando                             (alzandosi) Scusate…

Francesco                                E mò che vuo’? Tu ‘e aspetta’ lloco, fa’ penitenza e statte zitto!

Ferdinando                             No, ‘o fatto è che me peroccupo… nun putessemo evita’ chesti chiacchiere? Accussì fernisce primma… e io… e io…

Francesco                                E tu che cosa? Accussì te ne puo’ turna’ fore primma, aro’ ce stanno chelli… cortigiane e chilli… peccaturi che t’aspettano, a fa’ peccato n’ata vota? Statte lloco! Shhh! Pienza all’anema toia! Miettete scuorno!

Ferdinando                             Veramente io me vulevo sulo cunfessa’… pe’ turna’ ‘a… casa mia… ce sta pure muglierema che m’aspetta… (si siede nuovamente)

Francesco                                Zitto! (rivolgendosi al pubblico) Cari fratelli, allora, ve dicevo… chesta è ‘na sacra rappresentazione in gloria ‘e Santo Leucio, sempe beneritto; ‘a festa ce sta pure lla’ fore pe’ chi se vo’ pure spassa’ cu’ cose profane, ma chello che ve facimmo vede’ nui è impurtante e sacro; è succieso verzo ‘o terzo secolo ‘e l’era cristiana, e ce ‘ammo avuto mettere ‘nu poco d’ ‘o nuosto, pecchè ‘a storia dice overamente poca robba… chello che è sicuro è che Leucio è stato Vescovo, e ‘a fatto miraculi quann’era ancora vivo…

Ferdinando                             (dà segni di impazienza)

Francesco                                …e speriamo che oggi ce aiuta, facenne sta’ zitti e fermi chilli ca ce putessero fa’ fa’ brutta figura…! Allora mò facimmo ‘e primme scene, quanne Santo Leucio steva ancora a Alessandria, pò ‘a siconda parte, ‘e quanne steva a Brinnese, ‘e facimmo stesso cca’, nun ve ‘mpapucchiate!

Concetta                                  (entra con premura) Frate Franci’, frate Franci’…

Francesco                                Che è succieso?

Concetta                                  ‘Na disgrazia! ‘O monaco piscatore è caruto e… s’è rutto ‘nu vraccio! ‘O stanne ‘nfascianne… ma nun po’ recita’!

Francesco                                Ah! E mò chi ‘o fa’ ‘o piscatore…? (guarda lungamente in giro tra gli spettatori, poi si sofferma su Ferdinando)  Tu! ‘O piscatore ‘o fai tu!

Concetta                                  (applaude) Frate Franci’… che bell’idea… chisto pare proprio ‘nu piscatore! Ma… chi è? Comme se chiamma? Bell’ o’, chi site?

Ferdinando                             (si alza, allarmato) Ohe’, ve sentesseve buoni tutt’e duie? Seee… io mò me metto a fa’ ‘o triato…

Francesco                                (lapidario) Chesta è ‘a penitenza!

Ferdinando                             Ma insomma, si manco sai ‘o peccato, già me dai ‘a penitenza? E si fosse troppo grossa? 

Francesco                                ‘A penitenza è ‘nu sacrificio pe’ scunta’ ‘nu peccato! E nun ce stanno peccati piccirilli, so’ tutti gravissimi! Tu ‘e fatto ‘o peccato? E allora fai ‘o sacrificio e fai ‘o piscatore!

Ferdinando                             Ma io songo… t’arricuorde? E po’ manco saccio che ‘essa fa’… no, no, nun se ne parla!

Francesco                                Però l’assoluzione ‘a vuo’! E si nun fai penitenza… io nun t’ ‘a dongo!

Concetta                                  E jammo, che ce vo’… nun facite storie! Ma… tenite ‘na faccia ca nun m’ è nova… nun m’arricordo addo’ v’aggio visto… chi site?

Francesco                                E’… ‘nu nobile, ca se mette scuorno ‘e dicere che è venuto a cunfessarsi… perciò nun vo’ dicere chi è!

Concetta                                  Bella robba! Ve mettite scuorno ‘e Giesù Cristo? E povero a vuie… ‘ata sape’… ‘ata sape’ che appena murite, jate all’inferno! Facite almeno penitenza!

Ferdinando                             (facendo scongiuri) Io ‘o sapevo! Io nun ce vulevo veni’! Chella è stata muglierema che m’ ‘a fatto veni’ ‘a prioccupazione… (imitando una voce femminile) ‘e fatto peccato, ‘e fatto peccato… (voce normale) s’è misa dint’ ‘e recchie! Si ce stesse n’ata chiesa vicina, me jesse a cunfessa’ lla’… ma me metto paura ca passa troppo tiempo! E po’, chi se mette a viaggia’, cu’ ‘nu peccato ‘n cuollo?

Francesco                                E allora è fatta! Tu fai ‘o Luciano ‘o piscatore, chillo che porta Leucio da Alessandria a Brinnese! Concetta… purtatavello ‘a rinto, ‘nzignatele coccosa e dicitancello all’ati ca ‘o facessero asci’ quanne vene ‘o turno suoio! Facitelo ‘mpara’ doppo quali parole adda trasi’, m’arraccumanno!

Concetta                                  Jammucenne! (lo prende sotto braccio e lo accompagna) Te faccio vede’ comme te piace! Che ce fai assettato? Ma io te cunosco… arò t’aggio visto?

Ferdinando                             Ma viri che me succere! Io me vulevo sulo cunfessa’… (esce con Concetta)


Scena seconda: Francesco, Elisabetta, Veronica, Ferdinando

Francesco                                (rivolto al pubblico) Allora, frati miei, se Dio vo’, ancuminciammo! Maestro, forza!

(entra un musico che inizia un pezzo di sottofondo con una chitarra; durante i primi momenti dell’esecuzione due dame in costume nobiliare entrano dal fondo della platea e cominciano ad aggirarsi tra gli spettatori, entrando anche nelle file di panche, disturbando volutamente lo spettacolo e dimostrando perplessità)

Francesco                                (ferma la musica) No, no, fermo, basta… non se po’ ghi’ annanze accussì! Vuie duie che jate facenne? Ma inzomma, ce facite ancumincia’ o no?

Elisabetta                                No, è che stammo cercanne ‘na perzona che è trasuta… assai imp…

Veronica                                  (tagliando il resto della frase) In costume! No, cioè, sta vestuto ‘a piscatore…

Francesco                                Ah, chillo! Mò recita pur’isso! Assettateve e aspettate ca fernimmo… po’ facimmo doie parole io e isso, e po’ v’ ‘o pigliate! Assettateve… (indica i posti in prossimità della scena) assettateve lla’ e nun ve muvite! Forza, maestro! (le due dame eseguono, disorientate, mentre il musico riprende)

‘A storia ‘e Leucio abbia a’ Alessandria,

perciò stammo parlanne ‘e ll’Egiziani;

‘e sacerdoti stevano c’ ‘a ‘nziria

cu’ chi ‘e lassava p’addiventa’ cristiano!

‘Sto giuvinotto se chiammava Euprescio;

Murette ‘a mamma; p’ ‘o grave dispiacere,

fernette ‘e fa’ ‘a bella vita e ‘o struscio:

jettero pate e figlio ‘o munastero!

Chiusi lla’ dento, a fa’ meditazione,

ce steva tanto tiempo pe’ sturia’!

E quanto se ‘mparai de religione!

‘A gente l’abbiava a rispetta’!

Quanne murette ‘o capo d’ ‘o cunvento,

scigliettero l’abate successore:

“Chiammammo a Euprescio; ne sarrà cuntiento,

ne sape tante, è già ‘nu prufessore!”

Ferdinando                             (entrando con decisione, interrompendo Francesco ed il musico) No, io nun ce stongo! Sant’ommo, ‘a lla’ ce stanno ‘e pagani! Io songo ‘o cristianissimo Re… (incerto, si gira intorno a guardare il pubblico) …rematore e piscatore…

Elisabetta                                (si alza) Vostra mae… maestra… ‘a maestra ve… ve… te va truvanne!

Veronica                                  (si alza anche lei) Si… comme te chiammi… mugliereta ‘a ditto che t’ è spiccia!

Ferdinando                             Nobili dame… v’arringrazio, ma chisto nun è ‘o mumento… dicite a… chi ve manna che io… songo trattenuto ‘a ‘nu bisogno spirituale… nun aggio fatto ancora chello che ero venuto a fa’… dicitancello ca ce vo’ tiempo!

Francesco                                (alterato) ‘Ate fernuto? Ve pare bello che mentre stammo parlanne ‘e ‘nu santo ve mettite a ferma’ ‘nu spettacolo sacro? Vui assettateve! E zitte! (le due eseguono) E tu… piscatore… fussi capace ‘e arruvina’ ‘o spettacolo dicenne pure ‘o riesto? Vieni ‘a cca’… ‘e aspetta’ ‘o turno tuoio primma ‘e trasi’! Mò te spiego io… jammuncenne! (lo prende per un’orecchia ed escono, il musico li segue)


Scena terza: Eudeclio, Leucio, Berengario

(Leucio entra da sinistra, contemporaneamente il padre Eudecio entra da destra; egli sarà poi chiamato Eudeclio; per chiarezza viene indicato già con questo secondo nome)

Eudeclio                                   Figlio mio, ‘a fine d’ ‘a vutazione hanno fatto ‘e cunti, e i muonaci m’hanno ditto che tu ‘e fa’ l’abate d’ ‘o munastero!

Leucio                                       Papà, ma ‘e muonaci stavota nun hanno scevuto buono! ‘E visto ‘a bonanema ‘e l’abate Niceta che faceva… io comme pozzo arriva’ a fa’ tanto?

(entrano tre monaci da destra: Berengario e due figuranti, Stefano ed Ermete)

Berengario                              Caro frato mio, patete t’ ‘a ditto ca te vulimmo pe’ abate?

Leucio                                       (con le mani giunte sul petto) Frati miei, io non so comme ve pozzo ringrazia’ ‘e l’onore che me facite, ma nun pozzo accetta’ chesta grave respunsabilita’… io songo ancora giovane, ‘mmiez’ ‘a vuie ce stanno monaci cchiù viecchi, chini d’esperienza … io nun me sento degno!

Eudeclio                                   Figlio mio, io te l’aggio ditto, m’aggio sunnato ca tu addiventavi Vescovo… si nun addivienti primma abate, comme fai?

Leucio                                       Papà, ma ‘nu suonno nun abbasta! ‘O suonno è fantasia… ce vo’ cocche ‘ata cosa pe’ dicere che è overo!

Berengario                              Però nuie te vulimmo tutti quanti p’ ‘abate; pure ‘e cchiù viecchi hanno vutato pe’ te! Nun ce ne sta n’ato comme a te che cunosce accussì buono ‘a Scrittura! E guarda che si fai passa’ tiempo, sarrai respunsabile che nui rimmanimmo senza pastore! ‘O riavulo chesto aspetta pe’ levarci l’obbedienza e l’unione… sì ognuno fa chello che vo’, addiventammo pecure sparpagliate!

Leucio                                       Cari frati miei, ma pecchè me vulite furza’ ‘e chesta manera? Io nun cunosco ancora bona ‘e regola d’ ‘o monastero e po’ nun so’ cunsacrato! Nun pozzo fa’ l’abate pecchè nun pozzo celebra’ Messa, nun pozzo predica’, nun pozzo leggere ‘o Vangelo ‘a gente!

Berengario                              Ma nuie sapimmo comme te cumpuorti! Tu fatichi e sturi ‘e Scritture tutt’ ‘o juorno e perciò dai ‘o meglio esempio! Pe’ chesto simmo tutti d’accordo ca tu addivienti ‘o superiore nuosto, e abate d’ ‘o munastero! Nun sì cunsacrato? Ce vaco io addo’ ‘o Vescovo, e verimmo che dice!

Eudeclio                                   Berenga’, sì ce vai, nun pierdi ‘a cammenata… sò sicuro che chillo era ‘nu suonno mannato d’ ‘o Cielo!

Berengario                              Anzi… aggio penzato che è meglio sì ce jammo tutti quanti… facimmo ‘na legazione ‘e muonaci, però, si no cca’ se ferma tutte cose…

Leucio                                       Tu sì ‘nu religioso ‘e primm’ordine e pure ‘na brava perzona… ‘e truvato ‘na manera delicata e dicere che io nun aggia veni’, e tieni ragione! Io nun ce fosse venuto ‘o stesso pecchè me pare… che saccio… troppo ‘a faccia tosta!

Berengario                              Nun te preoccupa’, appena fa ‘na bella jurnata, lassammo cca’ ‘o padre guardiano e jammo… e po’ verimmo! Mò jammo a prega’! E’ ‘o tiempo ‘e l’Angelus, ce raccumannammo pure ‘a Maronna!

(escono tutti a destra)


Scena quarta: Leila, Francesco, Ferdinando, Elisabetta, Veronica

Leila                                           (entra dalla platea con musici al seguito)  E io me l’immaginavo! Nun ce sta nisciuno dint’ ‘o paese…! Ma che ce facite cca’, a senti’ ‘sti cose ‘e muorti? Venite addo’ nuie, ca simmo venuti ‘a luntano pe’ farve rirere e abballa’…! ‘O Sole ce ‘a mannato chesta bella jurnata, nun ‘a sprecate cca’ dinto! Forza, venite cu’ nuie!

(i musici eseguono una tammurriata, coinvolgendo il pubblico ad applaudire a tempo nel tempo del ritornello)

                                                    ‘A vita è bella, nun penzate ‘a morte,

nun ve perdite chello che ve vene,

ca si ‘o lassate, nu ve torna ‘a ciorte,

pigliate sempe, pure a mani chiene!

Nui ve facimmo rirere e abballa’

‘a meglia vita è proprio chesta cca’!

Appriesso a nui ce sta chi legge ‘a mano,

chi zompa comme si tenesse ‘e molle,

‘a femmena c’ ‘a barba e pure ‘o nano,

e chi ve leva ‘e rienti e schiatta ‘e ‘mbolle!

Nui ve facimmo rirere e abballa’

‘a meglia vita è proprio chesta cca’!

Ce sta ‘nu magnafuoco e ‘o giocoliere,

l’urzo che abballa e ‘o sorice c’ ‘a tosse,

ce sta ‘o spezzacatene Barbanera,

‘e ballarine ca ve fanno ‘e mosse!

Nui ve facimmo rirere e abballa’

‘a meglia vita è proprio chesta cca’!

E po’ ce sta ‘o triato d’ ‘a priezza,

fatica pure dint’ ‘a matinata,

Pulecenella c’ ‘o bastone ‘e pezza

ca sì ‘o sentite, vuie ve recriate!

Nui ve facimmo rirere e abballa’

‘a meglia vita è proprio chesta cca’!

Leila                                           ‘Ate ‘ntiso che simmo capaci ‘e fa? E chesto è niente! Forza, venite addo’ nuie, lassate perdere cheste lamentazioni ‘e muorto! ‘O tendone ‘o verite ‘a cca’, sta ‘mmiez’ ‘o mercato, ‘o palco sta muntato, ascite e purtateve ‘e segge, ca chelle ne tenimmo poche!

Francesco                                (entra, alterato) Ma cheste so’ cose ‘e pazzi! Che d’ è ‘st’ammuina? Io nun saccio cu’ che faccia tosta tu trase cca’ a fa’ chesti cacciate! Cca’ stammo facemmo ‘nu spettacolo sacro!

Leila                                           Hi, quanto ‘a fai longa! Vieni pure tu a vere’ ‘o spettaculo nuosto… te fa’ bene! (rivolgendosi ai musici, che assentiscono) Vui che dicite?

Francesco                                Fore! Jesce fore subbito ‘a cca’… riavulo tentatore! Tu… che vai appriesso sulo ‘e sordi… si nun te cunvierti a Dio, vai a ferni’ int’all’inferno… (con enfasi) tu e tutti chilli che veneno cu’ te!

Ferdinando                             (entra, sicuro di sé)  Sì, io pozzo purta’ pure a loro! ‘A barca mia è grossa…

Elisabetta                                (si alza ed applaude) Bene, bravo!

Veronica                                  (si alza anche lei) Che cosa bella! Che sicurezza! Bravo!

Francesco                                Maronna aiutame! Comme te chiammi… Lucia’… nun ‘e trasi’ mò! E vuie fernitela ‘e fa’ ammuina e assettateve!

Ferdinando                             Ma comme, chella è ‘a battuta…: “Chilli che veneno cu’ te!”

Francesco                                Sì, ma l’adda dicere n’ ato! Jesci ‘a rinto!

(Ferdinando esce borbottando; Elisabetta e Veronica si siedono di nuovo)

Francesco                                (rivolto a Leila) Stai ancora cca’? Vavattenne, o piglio ‘a scopa!

Leila                                           Va buono… tanto chello ca s’eva dicere l’aggio ditto… guagliu’, jammuncenne! (il gruppo esce tammurriando per la platea)


Scena quinta: Francesco, Veronica, Leucio, Eudeclio, Berengario

(entrano dalla platea alcune figuranti in costume nobiliare che, individuate le altre due dame, vanno al loro fianco e cominciano a parlare fittamente in modo non udibile, gesticolando anche verso l’esterno)

Francesco                                Maronna, aiutace! (prima sarcastico, poi deciso) Signore nobili… siete a vostro agio? Ve servesse cocche cosa? ‘Na tazzulella ‘e tè? Nun facite cumplimenti… inzomma, ‘a vulite freni’? E che manere! Chisto è ‘nu spettacolo sacro! Mettiteve scuorno ca site arrivate tardi! Assetteteve e… si ve muvite o dicite ‘na parola sola ve… io ve…

Veronica                                  Scusate… tengo n’ammasciata da fa’! (esce per la platea prima che Francesco possa replicare)

Francesco                                Frati miei…, ‘nu poco ‘e pacienza! Cuntinuammo! (esce)

Leucio                                       (entra con premura da sinistra) Papà, certo che l’ è fatta grossa! Meno male che se ne sò accuorti sulo a pochi!

Eudeclio                                   (entrando affannato) Figlio mio… aspetta… famme arripiglia’… tu curri troppo!

Leucio                                       Pe’ forza che aggia fui’! Io vulesse sprufunna’! Tengo ancora scuorno pe’ chello che ‘e fatto! Ma comme te vene ‘e t’addurmi’ int’ ‘a chiesa? ‘A funzione p’ ‘a Maronna Assunta… tutt’ ‘o popolo ‘e Alessandria e pure chilli d’ ‘e paesi vicini! Che figura, che figura! Chella funzione accussì bella… e tu, int’ ‘a ‘nu silenzio chino d’ ‘a solennità ‘e Dio… te mietti a tira’ ‘o runcico! Poveri a nuie!

Eudeclio                                   Ma si tu nun me fai manco parla’…! Chillo è ‘nu suonno mannato ‘a Dio! Aggio avuto ‘na visione… m’ ‘a ditto che io m’aggia chiamma’ “Eudeclio” invece ‘e “Eudescio”… e tu, invece ‘e “Euprescio” t’ ‘e chiamma’ “Leucio”… e che sarrai Vescovo ‘e Brinnese, pe’ distruggere l’idolatria ‘e chella città!

(entrano Berengario e due monaci figuranti da destra)

Berengario                              Comme, comme…?

Leucio                                       Papà, ma tu dici overo?

Eudeclio                                   E se po’ mai pazzia’ quanne ce sta Dio pe’ miezo?

Leucio                                       (alzando le mani in atto di orante) Dio beneritto, padre ‘e Abramo, Isacco e Giacobbe! Tu nun disprezzi chilli ca te vonno bene e dai ‘a misericordia toia pure ‘e puverielli, e perciò guardi pure a me! Signore, io te glorifico quanto cchiù pozzo, p’ ‘o bene ca ce puorti!

Berengario                              Chisto ringraziamento significa ca allora ‘e accettato! Frati miei, Dio c’è venuto incontro e ‘a sentuto ‘e preghiere noste! Finalmente tenimmo l’abate! (rombo prolungato di tuono fuori scena; Berengario e gli altri assumono un atteggiamento estatico) ‘Na visione…! Aggio avuto ‘na visione! ‘Ate visto, ‘ate sentuta pure vuie? Rispunnite! ‘O voto d’ ‘o silenzio nun vale, annanze a chesti cose!

(i monaci figuranti scuotono affermativamente il capo)

Eudeclio                                   Era n’angelo…

Leucio                                       Si, ‘na forma comme fosse stata ‘e luce… aggio sentuto ‘sti parole… “Leucio, Leucio, tu ca sì stato illuminato int’ ‘o core, ‘e sape’ pure che ‘o nomme tuoio è stato scritto dint’ ‘o libro d’ ‘e viventi, e ‘a memoria toia nun sarrà cancellata!”

Berengario                              ‘E stesse parole che aggio sentuto io! E’ ‘nu miraculo! ‘O Vescovo adda sape’ che succere cca’… frati miei, jate a appriparà tutte cose… primma ‘e tutto chiammate tutt’ ‘e muonaci dint’ ‘a cappella, cantammo ‘e lodi a Dio e po’ partimmo subbito pe’ ghi’ addo’ ‘o Vescovo, e vuie sarrete testimoni annanze a isso d’ ‘a visione che avimmo avuto oggi, dint’ all’abbazia ‘e Sant’Ermete!

(i monaci figuranti scuotono affermativamente il capo ed escono a destra)

Eudeclio                                   Leucio… sta cagnanne ‘a vita toia! Nun te scurda’ chello che te dico: nun te fa’ acchiappa’ d’ ‘e passioni ‘e chisto munno e d’ ‘e promesse ‘e chi vo’ sulo l’anima toia, facenne carezze e cumplimenti! Arricordate ca Dio m’ ‘a fatto sunna’ che tu addivienti Vescovo ‘e Brinnese, e che ‘e allumma’ tutto chillo paese c’ ‘a luce ‘e Dio!

Leucio                                       Cca’ sta ‘o servo d’ ‘o Signore… si Isso vo’…

Berengario                              Venite, jammo a ringrazia’ ‘o Signore p’ ‘e grazie che ci ha fatto oggi… ”Gloria Patri et Filio et Spiritui Sancto…” (si avvia per uscire a destra)

Leucio,Berengario               “…sicut erat in principio et nunc et semper, et in saecula saeculorum, amen.” (escono a destra)


Scena sesta: rancesco, Ferdinando, Veronica, Elisabetta, Concetta

Francesco                                (entra con il musico al seguito, che esegue il sottofondo)

Quanne sapette ‘o Vescovo ‘sto fatto,

sentette a uno a uno ‘e munacielli;

se cunvincette ch’era tutto esatto

e ca nun era visione de n’auciello!

Po’ se ‘nfurmai ‘sto Leucio che faceva,

si sapeva ‘a dottrina, si sturiava,

‘o popolo cristiano che diceva,

e quante cose che l’addimannava!

‘A fine concludette ch’era degno:

“Dici a ‘sto Leucio ca se fa vede’;

sarrà ministro d’ ‘o divino Regno,

abate ‘e chilli che veneno cu’ te!

Ferdinando                             (entra, sicuro di sé)  Sì, io pozzo purta’ pure a loro! ‘A barca mia è grossa…

Elisabetta                                (si alza) Evviva! Bravo!

Veronica                                  (si alza ed applaude anche lei) Incredibile! Che recitazione! Fantastico! Bravissimo!

Ferdinando                             (va al proscenio e si inchina per ringraziare) Grazie, popolo mio… (verso Francesco) popolo… è mio fratello! Ce sta pure frateme, lla’! Comme stai, Popolo?

Elisabetta                                (uscendo per la platea, a mani levate) L’anna sape’ tutte quanti! Sta recitanne ‘o Re… ‘o re… matore d’ ‘ Regno!

Francesco                                Maronna, aiutace tu! Lucia’, t’aggio spiegato… nun ‘e trasi’ mò! (rivolto a Veronica, che obbedisce) E tu ferniscela e assiettate!

Ferdinando                             Ma comme, chella è ‘a battuta…: “Chilli che veneno cu’ te!”

Francesco                                Sì, ma l’adda dicere n’ato! Comme te l’aggia spiega’? Jesci ‘a rinto!

Ferdinando                             (esce borbottando) Neh, ma putesse sape’ chi l’adda dicere ‘sti parole?

Francesco                                (rivolto al pubblico, poi al musico) Ripigliammo! Maestro, attacca!

Ma Leucio rispunnette: “Nun so’ degno,

però, Vescovo mio, faccio obbedienza,

pecchè porto rispetto a chillo segno,

e si Dio me cumanna, le do’ aurienza!”.

‘O popolo, sapenne ‘sta risposta:

“Nun sulo prevete venga cunsacrato,

chillo è uno buono, nun è capa tosta,

e pure Vescovo ca fosse nummenato!”

E se facette ‘o rito ‘a cattedrale

e Leucio addiventaje n’arciprete;

ce jette pure ‘a gente d’ ‘o ‘spidale,

dettero gloria a Dio pure li prete!

Concetta                                  (entra trafelata) Frate Franci’, frate Franci’, venite subbeto!

Francesco                                Che succere? N’ato vraccio rutto?

Concetta                                  Ma che…! Ce sta ‘o Delegato ‘e Giustizia… dice che nun tenimmo ‘o permesso… e nun putimmo cuntinua’!

Francesco                                Ma chisto che vo’? Mò ce parlo io…! Vuie facite trasi’ ‘o quadro nuovo… (esce)

Concetta                                  ‘O quadro nuovo? E arò ‘o piglio? ‘Ncopp’ all’altare? O forze fosse n’ato? ‘A lla’ ce ne stanno ‘nu sacco… e che ne saccio, io, qual’ è chillo nuovo? Frate Franci’, frate Franci’… (esce chiamandolo)


Scena settima: Leila

Leila                                           (entra dalla platea, con musici al seguito)

                                                    Ma che facite ancora cca’ assettati?

           Venite fore che ‘a jurnata ‘e bella!

‘E ballarine ‘a mò che hanno abbiato,

pe’ ‘miezo ‘a chiazza fanno ‘a tarantella!

‘A vita è bella e ce l’amma gode’!

Venite tutti quanti appriesso a me|

I’ songo ‘a zingarella della Luna,

forza, venite, ca ve lèggio ‘a mano;

ve parlo dell’ammore e d’ ‘a furtuna,

si addiventate ricchi e state sani!

‘A vita è bella e ce l’amma gode’!

Venite tutti quanti appriesso a me!

Sultanto ‘nu turnese v’addimanno

po’ me dicite, quanno aggio parlato!

Si nun venite, pò ve resta ‘n canne,

comme perdite l’ato che lassate!

‘A vita è bella e ce l’amma gode’!

Venite tutti quanti appriesso a me!

Nobili dame, a vui ‘nteressa ammore?

E chi ve sposa, vulisseve sape’?

Ve dico quanno e comme, ma lla’ fore!

Venite tutte quante appriesso a me!

‘A vita è bella e ce l’amma gode’!

Venite tutti quanti appriesso a me!

(esce dalla platea, con i musici)


Scena ottava: Elisabetta, Concetta, Berengario

Elisabetta                                (entra per la platea con l’ultimo gruppo dei figuranti nobiliari –uomini e donne-, che prendono posto in prossimità della scena, parlottando tra di loro)

Concetta                                  (entra da destra, brontolando, mentre ancora i figuranti si siedono) ‘O quadro… see se’… puteva pure spiegarse meglio…

Berengario                              (entra da sinistra)  Allora, brava femmena… che è ‘sta cosa segreta che vuleveve dicere?

Concetta                                  ‘Na cosa grande! Sì ce penzo io… me sento tutta… scumbinata! ‘Ata sape’… io nun saccio che ‘amma fa’… ‘na festa, ‘na preghiera, ‘na Messa cantata… ‘o fatto è che ‘a gente dice che è ‘nu miraculo!

Berengario                              Jammuce chiano cu’ ‘sti parole… che è succieso?

Concetta                                  Don Leucio! Chillo è ‘nu santo! Vui sapite che chillo va cunfessanne e purtanne ‘o Sacramento ‘e malati…

Berengario                              Sì, quanne po’… ne tene ‘e cose ‘a fa’! E’ abate e Arciprevete… magna allerta, dorme poco…

Concetta                                  Sì, sì, ma nun è chisto, ‘o fatto! ‘Ata sape’… io manco l’essa dicere, ma comme se fa a starze zitta? ‘Ata sape’… vui ‘a cunuscite a Melanzia, chella che sta ‘e casa vicino ‘o triato rumano…? ‘Ata sape’ primma ‘e tutto che io songo ‘a zia d’ ‘a sarta ‘e Melanzia… puverella!

Berengario                              Saccio che Melanzia è ‘e bona famiglia… ma nun vene mai ‘a Messa, pecchè… sta malata…

Concetta                                  ‘Ata sape’… è ‘na malatia vecchia… pure ‘o pate bonanema ‘a teneva… chella malatia… nun saccio comme se chiamma… chella che fa sta’ abbuttati d’acqua… (mimando) dice che quanne s’assettavano ‘nzieme parevano duie rannavuottoli!

Berengario                              Idropisia… dice ‘o Vangelo che pure nostro Signore Giesù Cristo incuntraie n’idropico… e ‘o guarette!

Concetta                                  E proprio chisto è ‘o fatto! ‘Ata sape’ che don Leucio ‘a sanato a Melanzia! Chella pareva ‘na votte, mò s’è fatta n’alicella! S’ è fatta stregnere ‘e vestiti d’ ‘a nipote mia… cu’ uno viecchio ce ne jesceno tre nuovi!

Berengario                              E pecchè dicite che è stato l’Abate? Nun po’ essere che s’ è sanata essa sola?

Concetta                                  Hmm? E io, sicundo a vuie, nun verevo primma si ‘a nepote mia s’era sunnata? I’ aggio cuntrullato! ‘Ata sape’…! Ce sta ‘na cummare e’ sorema che fa ‘a serva dint’ ‘a chella casa… chillo juorno che don Leucio è ghiuto ‘a casa ‘e Melanzia… sentite, sentite… doppo ‘nu poco l’anno chiamata pe’ pulezza’… ce steva ‘nu sacco ‘e chella schifezza d’ ‘a malatia pe’ terra! E po’ essa ‘a sentuto e ‘a visto tutte cose! Melanzia che ‘o ringraziava, chiagneva e le vasava ‘e mani e che isso diceva che nun l’eva ringrazia’, ca nun s‘eva dicere niente, che era ‘a vuluntà ‘e Dio, che isso ‘eva fatto sulo ‘na preghiera p’ ‘a salute soia… ‘on Berenga’… è ‘nu miraculo!

Berengario                              L’Abate… si me dice coccosa isso stesso, oppure donna Melanzia… allora putimmo fa’ ‘nu solenne ringraziamento int’ ‘a chiesa… ma sì isso nun dice niente…

Concetta                                  E ‘a parola mia nun vale niente, allora? V’aggia purta’ a nepoteme e ‘a cummare ‘e sorema pe’ ve fa’ dicere ‘o fatto n’ata vota?

Berengario                              Nun è chesto che ‘ata penza’. Sì facessimo ‘na funzione… o ‘nu ringraziamento pubblico e isso nun vo’, sicuro che le dispiace… e vuie vulisseve da’ ‘nu dispiacere all’Abate?

Concetta                                  Sicuro che no! Chillo è ‘nu sant’ommo! Adda pria’ pe’ nuie…

Berengario                              E allora ringraziammo a Dio, ognuno pe’ fatti suoi… ‘na bella Messa ‘a putimmo fa’… chi sape ‘o fatto, l’offre cu’ chella intenzione… ‘a facimmo dummeneca che vene…

Concetta                                  Allora io nun dico niente… o quasi niente… vaco a avvisa’ ‘e cummare mie, che veneno a canta’ tutte quante! Grazie, ‘on Berenga’… l’impurtante è che ringraziammo a Dio, comme putimmo fa’!

Berengario                              Io ce vaco mò, int’ ‘a chiesa… (uscendo) allora venite cchiù tardi, facimmo ‘na prova d’ ‘e canti…

Concetta                                  Meglio dimane! Si no, nun ce ‘a faccio… chelle ‘e cummare mie so’ assai! Vaco subbeto! Grazie, ‘on Berenga’…! (esce)


Scena nona: Francesco, Concetta

Francesco                                (entra con il musico che lo accompagna)

                                                    E’ juorno ‘e festa pe’ tutt’ ‘o paese!;

a n’omme etiope ca s’era battezzato

l’abate Leucio, justo for’ ‘a chiesa,

‘nu munaciello ‘a cuollo l’ ‘a luvato!

Concetta                                  (entra, trafelata, agitando le mani)

           E chisto nun è ‘o primmo, don Franci’!

I’ songo testimone de ‘nu fatto

che succerette justo marterì:

sanaie ‘e botta a ‘na signora chiatta!

Francesco                                Nui dammo gloria a Dio che l’ha aiutato,

‘a fatto ‘nu miraculo assai gruosso;

l’abate Leucio tanto l’ha priato

ca Dio ha accunsentito e po’ s’è muosso!

Concetta                                  L’aggio visto pur’ io, l’indemoniato!

Quant’era brutto! Niro e dienti stuorti!

E doppo che San Leucio ‘a liberato,

è riturnato janco… comme ‘o muorto!

Francesco                                Chell’anema salvata ‘a dannazione,

‘o riavulo ‘a vuleva ripiglia’,

chillo faceva cose ‘e mascalzone,

talmente brutte che nun se po’ spiega’!

Concetta                                  Uh, nun dicite niente, frato mio!

Nun aggio visto mai cose cchiù brutte!

Jeva scuitanne ‘a gente ‘mmiez’ ‘a via,

spurcava pure ‘e panni stisi e asciutti!

Francesco                                E po’, doppo che Leucio l’ha cacciato,

‘o riavulo pareva ‘nu serpente!

Jeva giranne pe’ tutt’ ‘o vicinato

suscianne fuoco e cu’ sciato fetente!

Concetta                                  E quanta gente ‘a stiso muorti, ‘nterra!

Io ch’ ‘e cummare, stevemo ‘o balcone:

“E mò, tutti ‘sti muorti, chi l’attera?”

E po’ ‘o serpente addiventaie dragone!

Francesco                                Ma Leucio nuosto ‘a fatto l’esorcismo,

e ‘o riavulo s’ è ghiuto a vutta’ a mare!

E’ stato proprio n’atto d’eroismo,

n’azione santa, che s’adda tramandare!

Concetta                                  E po’ nun ve scurdate l’ato fatto,

nun ce so’ stati lutti int’ ‘o paese!

A chilli stisi, Leucio ‘a beneritti

e se so’ aizati, tutti sani e illesi!

Francesco                                Pe’ ‘sta liberazione ‘a Dio vuluta,

tutt’ ‘o paese è stato ‘mpressiunato!

‘A chiesa all’improvviso s’è ghincuta,

cchiù de tremila se so’ battezzati!

Concetta                                  ‘A gente rire e canta alleramente,

stanno cuntenti, come mai so’ stati;

frate Franci’, io dico overamente!

stanno venenne, pe’ fore so’ passati!

Francesco                                Sorella mia, ma che state dicenne?

‘a gente sta assettata ‘ncopp’ ‘e banchi!

‘Sto spettacolo cca’, le sta piacenne…

o fossero n’ata vota ‘e saltimbanchi?


Scena decima: Leila, Concetta, Ferdinando, Francesco

Leila                                           (entra da sinistra, con un gruppo di ballerine e musici; Ferdinando li segue) Eccoci qua! V’ammo fatto ‘a surpresa! Siccome vuie nun venite fore, simme venuti nuie ‘a rinto! (a frate Francesco, che è tra la sorpresa e l’indignazione) Vuie… comme ve chiammate?

Concetta                                  Se chiamma frate Franci’!

Ferdinando                             (seguendo le ballerine, si ferma a salutare le figuranti nobili, con baciamano o ricevendo inchini) Ma comme so’ belle chesti guaglione!

Leila                                           Ah, ecco! Frate Franci’, e facitele diverti’ ‘nu poco a chesta gente!

Francesco                                Io nun saccio si tu si’ ‘nu diavulo o sì tieni sulo ‘a capa tosta! Nuie stammo facenne ‘nu spettacolo, ‘nu spettacolo sacro! ‘O capisci o no? Vavattenne tu e chesti… guaglione ca stanno cu’ te!

Ferdinando                             (pronto) Ah, no! Nun è chesta ‘a battuta! (rivolgendosi ai componenti della Corte, e raccogliendo consensi) Chisto me vuleva fa’ scemo n’ata vota!

Francesco                                Signore, dammi ‘a pacienza! (rivolgendosi a Leila) T’aggio ditto jatevenne! (a Ferdinando) E tu vieni cu’ me! (lo prende per un’orecchia e lo porta fuori) Mò te spiego n’ata vota… (sgomento dei figuranti)

Leila                                           (rivolta alle ballerine) Guaglio’, chisto è ‘o mumento buono! abballate!

(le ballerine eseguono una tarantella e, sempre ballando, escono di scena)

Leila                                           (uscendo)

           Nun ve scurdate chello che ‘aggio ditto!

Fore a ‘sta porta, v’aspettammo ancora!

Ascitevenne chiano, zitto zitto,

cca’ ce fa friddo… e nuie dammo ‘o calore! (esce)


Scena undicesima: Eudeclio, Leucio, Berengario

Eudeclio                                   (entrando da sinistra, rivolgendosi verso l’interno) Frate Franci’… aggio capito! E fernitela, io faccio ‘a parte d’ o viecchio, songo viecchio e nun pozzo correre! (al pubblico) Chillo è ‘nu poco… tuosto!

Leucio                                       (entra da destra, con tunica e mitra)

Eudeclio                                   Figlio mio bello! Dio m’ ‘a dato ‘a cunsulazione ‘e vede’ ‘o suonno mio che addiventa overo! Vescovo ‘e Alessandria… che suddisfazione! T’ ‘o dicevo, io!

Leucio                                       Papà caro, si nun vuleva Dio, ‘evi voglia ‘e fa’ suonni! E po’… io nun me sentevo degno ‘e essere cunsacrato… mò me moro d’ ‘o scuorno! Ce stanno cierti viecchi sacerdoti, teneno ‘na vita passata ‘mmiez’ ‘a gente che soffre, cunsolano, pregano, e canosceno ‘e pecurelle loro una pe’ una… chilli so’ pastori overamente! Io… nun so’ capace ‘e fa’ chello che fanno loro! E nun ne parlammo ‘e chello che faceva ‘o Vescovo bonanema!

Eudeclio                                   A ognuno ‘o suoio! Tu sai prereca’, sai spiega’ ‘e Scritture, puo’ parla’ buono cu’ chi vene ‘a fore… ognuno l’arte soia!

Berengario                              (entra da destra con i due monaci figuranti) Vescovo Leucio… ‘na nutizia brutta e una bella!

Eudeclio                                   Oggi nun ce ponno sta’ nutizie brutte! Tenimmo ‘o Vescovo nuovo… mio figlio Leucio!

Berengario                              E proprio chillo è ‘o fatto… ’o Preside Saturnino ‘o vo’ acciddere!

Eudeclio                                   Comme, comme?

Leucio                                       Ma io nun aggio fatto niente contro a Saturnino…

Berengario                              Si, ma sapimmo che isso vo’ mettere ‘e mani ‘ncopp’ ‘e proprietà d’ ‘a chiesa… ‘a aspettato che mureva ‘o vescovo viecchio però nun s’aspettava che subbeto s’eleggeva ‘o nuovo, perciò ‘o vo’ leva’ ‘a miezo… ma nuie ce stammo preparanne! E’ chesta ‘a bona nutizia! Isso te vo’ accidere? E nuie ‘o fermammo ‘na vota e pe’ sempe primma ca se move! Tenimmo perzone fidate…

Leucio                                       Frati miei, fermatevi! Nun facite cchiù niente! Berengario… nun s’adda commettere omicidio! E ‘nu peccato gravissimo!

Eudeclio                                   Ma comme, cca’ se tratta d’ ‘a vita toia…

Berengario                              …e d’ ‘a guida d’ ‘a Chiesa ‘e Alessandria!

Leucio                                       Peccati nun s’anna fa’, manco si pare che ce vonno pe’ fa’ bene! Facite pusa’ curtielli, frecce, tutte cose! Comunque… stateme a senti’ buono! Nun ‘o vulevo dicere… ma io aggio avuto ‘na visione!

Eudeclio                                   E che diceva?

Leucio                                       Chello che dicivi tu, papà… cca’ se nommena n’ato Vescovo, io aggia i’ in Italia… a Brinnese!

Berengario                              (assieme ai monaci si gettano alle ginocchia di Leucio) No, tu nun ce può lassa’! Santo Padre, nun ce lassa’ orfani; nun disprezza’ chisto popolo, ma aiutalo fino a che Dio te da’ forza!

Leucio                                       Vui nun rimmanite orfani ‘e Dio! Isso ce vo’ bene e nun ce lassa mai! E po’… eleggimmo a n’ato vescovo… uno ca ve sape guida’… io aggia i’ a Brinnese… forza… aizateve… (li aiuta a riazarsi)

Eudeclio                                   Sì, nun ce sta niente ‘a fa’, è ‘a vuluntà ‘e Dio!

Leucio                                       E po’ v’aggia dicere che appena che parto io, Saturnino nun ve darà cchiù fastidio… ‘a casa addo’ sta isso, se ne care essa sola, cu’ isso ‘a rento, e lla’ more, cu’ parienti e servi, perciò nisciuno se metterà contro a vuie!

Berengario                              No, caro Leucio… tu ci stai abbandunanne! Pecchè nun vuo’ ricambia’ l’ammore che te purtammo nuie?

Leucio                                       Io me ne vaco in Italia, no pe’ sfizio mio… aggia obbedi’ ‘a vulunta’ ‘e Dio… me porto ‘nu diacono… e ve manno nutizie mie pe’ isso… accussì è comme si stessemo sempe vicini…

Berengario                              Allora purtate a Eufebio e Dionisio e n’ati quatto o cinche discepoli…

Eudeclio                                   …e io scummetto che vo’ veni’ pure cocche ‘ata perzona… ma chi te porta… a te e a tutti chilli che veneno cu’ te?

(momento di pausa)

Eudeclio                                   (imbarazzato, riprende)  Cioe’… vulevo dicere… (alza la voce)  …quale barca te po’ purta’? Ce sta pe’ caso ‘nu piscatore ‘a chesti parti cu’ ‘na barca grossa? Eh? Che po’ purta’… (alza ancora di più il tono di voce, guardando smarrito verso le quinte) che po’ purta’ a te, e a chilli che veneno cu’ te?

(momento di pausa; gli attori mimano disagio)


Scena dodicesima: Francesco, Ferdinando, Elisabetta, Veronica, Leila

Francesco                                (da dietro le quinte) ‘E fernuto ‘e ghi’ appriesso ‘e guaglione? Fui, ca tocca a te!

Ferdinando                             (entra)  Sì, io pozzo purta’ pure a loro! ‘A barca mia è grossa…

Elisabetta                                (si alza ed applaude) Bene, bravissimo! Me so’ commossa!

Veronica                                  (si alza anche lei) Che bella recitazione! Comme sape fa’! Bravo!

(tripudio da parte della Corte; Ferdinando ringrazia, accetta baciamani, si inchina al pubblico)

Francesco                                (entra minaccioso con le mani sui fianchi; aspetta che il tripudio si avvievolisca, mordendosi una mano come nella prima scena; nel frattempo Leucio, Eudeclio, Berengario e gli altri si ritirano)

                                                    Allora? ‘Ammo fernuto? Lucia’… va’ a purta’ a Leucio a Brinnese… Curri!

(la Corte si calma, tutti si risiedono)

Ferdinando                             (a Francesco) Proprio mò che m’ancuminciavo a spassa’?

Francesco                                Forze nun me songo spiegato buono… Leucio è sagliuto ‘ncopp’ ‘a barca toia… chillo sant’ommo sta aspettanne a te! Fila e puortalo a Brinnese! (al pubblico) Gentilissimi signuri… ‘nu minuto ‘e pausa! (prende Ferdinando per un’orecchia e lo porta fuori)               

Leila                                           (entra dal fondo sala, col dito sulle labbra per chiedere silenzio e sale sul palco; durante la sua esibizione alle sue spalle potranno sfilare silenziosamente gli artisti del circo esterno, ad esempio un giocoliere che fa roteare anelli, un pagliaccio, un acrobata che finge di camminare sul filo, un pulcinella inseguito da una guardia, una coppia di ballerine che si incroceranno, un forzuto che esibisce delle catene, un mangiafuoco, un’odalisca, un burattinaio con i suoi pupazzi, ecc.)

                                                    I’ v’aggia dicere che cca’ state durmenne,

surtanto ‘o piscatore v’ ‘a scetato!

Nui simmo pronti, perciò venitavenne,

‘a tenda grossa sta mmiez’ ‘o mercato!

Tenimmo ‘o repertorio ‘e qualità,

sulo chi ‘o vede allora ‘o po’ capi’,

nui ve facimmo rirere e abballa’,

cca’ ve putite sulo appecundri’!

Vulite ca se spassano ‘e guagliuni?

Tenimmo ‘nu triato ‘e pupatelle;

e pure a chi venesse c’ ‘o bastone,

sicuro piaciarrà Policenella!

Ce stanno ‘e ballerine ch’ ‘e cavalli

e chillo ca cammina ‘ncopp’ ’o filo;

tenimmo pure l’urzo dint’ ‘a stalla,

povera bestia, sta perdenne ‘o pilo!

Ce sta chi venne cevuze annevate,

chi v’appripara ‘o piatto ‘e maccaruni,

ce sta pur’ ‘a menesta ammaritata;

chi nun se spiaccia po’ resta’ riuno!

Si manco chesto ve po’ fa’ schiuva’,

io ve prumetto ‘na surpresa bella!

A chi ce vene subbeto a truva’

le faccio da’ ‘nu vaso ‘a zingarella!

(esce, col dito sulle labbra)


Scena tredicesima: Berengario, Concetta, Ferdinando, Eudeclio, Leucio

Berengario                              (entra da sinistra con Concetta) …e accussì è finalmente arrivato!

Concetta                                  Povero Vescovo Leucio, ‘a passato ‘o guaio! L’aggia dicere ‘e cummarelle mie! ‘Anna sape’ tutte cose!

Berengario                              L’impurtante è che mò sta a Brinnese… ma io nun ce pozzo penza’! Chillo Luciano pareva tanto ‘nu brav’ommo!

Ferdinando                             (entra da sinistra, parlando verso la quinta) E nun ve prioccupate, m’arricordo! Uffa! Viri che guaio… (Ferdinando fa un gesto di impazienza e riprende la recitazione, inchinandosi al pubblico; i figuranti applaudono, e vengono tacitati dallo stesso Ferdinando, a gesti; poi egli si rivolge a Berengario) Frato mio… ‘e saputo, è overo?

Eudeclio                                   (entra, ansimando) Ma cca’ currite sempe! Io songo viecchio, aggia ghi’ chiano chiano!

Concetta                                  ‘Ammo saputo tutte cose!

Berengario                              Ma comme, ‘nu piscatore comme… a vuie… cu’ chella barca, nun tene ‘e carte?

Eudeclio                                   See… chiammala barca! Chella è ‘na bagnarola che puzza!

Ferdinando                             Tu statte zitto che nun capisci niente d’ ‘e barche! Io tengo tutte cose a bordo! Tengo ‘o… ‘o… (suggerimento udibile dalle quinte) … stadiasmo d’ ‘o Mare Magno, ‘nu pe… ‘nu  pe… periplo, inzomma ‘na carta d’ ‘o mare!!

Concetta                                  E cu’ tutte ‘sti cose, invece ‘e arriva’ a Brinnese, tu te sì fermato a Adrianopoli? Ma tu si’ ‘nu scemo!

Berengario                              Concetta… vacce chiano… arricordate che chisto è ‘nu nobile….

Concetta                                  E fosse sulo chesto! Pe’ farlo arriva’ a Otranto, chillo puveriello d’ ‘o Vescovo ‘a dovuto pure pava’ chilli calabrisi!

Ferdinando                             Ma io nun putevo cchiù ghi’ annanze! Tenevo ‘a carica’…

Eudeclio                                   E ‘o stommaco mio nun ne puteva cchiù!

Concetta                                  Tu si’ ‘nu ‘ngrato! Chillo povero Vescovo! (rivolgendosi in giro) ‘Ata sape’… doppo ‘a nave calabrese, ‘a dovuto pure pava’ ‘na nave d’ ‘a Dalmazia… ce ‘a miso cchiù ‘e ‘nu mese, pe’ arriva’! Nuie sapimmo tutte cose!

Berengario                              Concetta, calmateve… caro… Luciano… è turnato arreta ‘nu diacono quinnece juorne fa e ce ‘a cuntato comm’ è ghiuto ‘o viaggio…

Ferdinando                             E v’ ‘o putevo dicere pure io! Pe’ chesto so’ turnato! ‘O Vescovo vuosto mò sta in Italia, a Brinnese… e sta prerecanne fore d’ ‘a città!

Concetta                                  Hmm? E tu che ne sai?

Ferdinando                             E chillo s’ è fermato appena fore ‘o puorto… io, quanne aggio caricato, aggio fatto ‘o giro pe’ Brinnese, primma ‘e turna’ cca’… ohe’, ne teneva ‘e gente che ‘o sentevano… l’aggio visto io e aggio sentuto ‘e prediche che ‘a fatto!

Eudeclio                                   Sì, s’è fermato pe’ na’ semmana sana! Accussì pure io so’ pututo turna’… ma sentite, sentite, forze chesto ‘o diacono nun v’ ‘a ditto!

Ferdinando                             Ve putesse cunta’ parola pe’ parola… sentite… Leucio ‘a addimannato a cierti chi era che cumannava lla’, e l’anno ditto che era ‘nu certo… (raccogliendo il suggerimento dalla quinta) Antioco! L’hanno chiammato signore ‘e tutta l’Italia… e po’ ‘a addimannato ‘e che religione era, e ‘nu tribuno ca se chiamma…

Eudeclio                                   Se chiamma Armaleone… l’ha risposto: “Ce sta pe’ caso n’ata fede e n’ato dio da adora’ che nun è ‘o Sole e ‘a Luna, che fanno luce a tutt’ ‘a terra? Tutti quanti ponno senti’ ‘e voci loro, ‘a copp’ ‘e nuvole, e che ce sta ‘e cchiù putente e veloce d’ ‘a luce d’ ‘o Sole? Che ce sta ‘e cchiù splendente d’ ‘a Luna? Chilli ce fanno capi’ pure ‘e tempeste che veneno e comm’ è cuntento ‘o cielo!”

(le luci si abbassano; solo un faro puntato su Leucio che entra e si rivolge a figuranti e spettatori reali)

Leucio                                       (sospira, compassionevole) Frati miei, comme site miserabili e ignoranti! E quanto state luntani d’ ‘a vera Luce d’ ‘o Cielo e d’ ‘a canuscenza ‘e Dio! Vuie nun sapite che ‘o sole e ‘a luna so’ servi ‘e Dio pure loro, e se movono secondo ‘e leggi soie! Dio l’ha fatte pecchè servissero a nuie ‘e juorno e ‘e notte! Nun v’ata credere che so’ dei, sulo pecchè s’aizano e se coccano, vanno ‘a levante a ponente; nun teneno putere, nun so’ divinità! E vuie ‘o sapite ca ‘na nuvolella ‘e po’ annasconnere, che ‘a luce loro mo' e forte e mò s’ammoscia; sapisseve quanto è diversa ‘a luce ‘e Dio, comme po’ essere diverso ‘na criatura dall’Infinito! ‘O Dio nuosto è chillo che ‘a criato ‘o sole, ‘a luna, ‘a terra, ‘o cielo e tutto chello che ce verite! E’ Isso ‘a luce vera, che fa luce a chi crere a Isso! Se vuie capisseve che è chesta luce invisibile e misteriosa, certamente nun ve mettisseve a adora’ chesti stelle!

Ferdinando                             (dalla penombra) Ma ‘o tribuno Armaleone le addimannai: “E qual è chesta luce che tu dici che esiste, ma che l’uocchi nuosti nun vereno?”

Leucio                                       Chella luce è Cristo, ‘o Figlio ‘e Dio, nato ‘a Maria Vergine pe’ opera d’ ‘o Spirito Santo!

Ferdinando                             (dalla penombra) E le spiegaie tutt’ ‘o rito cristiano, ‘a nascita ‘e Cristo, ‘a Passione, ‘a tumulazione e ‘a Resurrezione e l’Ascensione. E le dicette ‘e comme nuie l’aspettammo quanno turnarra’ a giudicare ogni perzona, pe’ ‘o premio o ‘a dannazione eterna! E chille che ‘o sentettero l’addimannarono ‘e addiventa’ cristiani!

Leucio                                       Erano settantasette anime, che chillo juorno so’ state battezzate, a gloria ‘e Dio!

(si spegne il faro su Leucio, che esce; dopo ritorna la luce in scena)


Scena quattordicesima: Berengario, Ferdinando, Eudeclio, Concetta, Leucio

(tripudio ed applausi da parte dei figuranti; Ferdinando si concede a baciamani ed inchini)

Berengario                              (riporta l’ordine; i figuranti ritornano ai loro posti)  Fratelli… fratelli… ohe’, frati miei! (riprende la recitazione) Fratelli… chesta è ‘na gloriosissima nutizia… neh, ma site sicuri?

Ferdinando                             ‘O Re… ‘o re…matore tene ‘na parola sola! Chello che aggio ditto, aggio ditto!

Eudeclio                                   Ce stevo pure io! Comme ve l’aggia dicere?

Concetta                                  E sulo chesto ‘ate visto?

Ferdinando                             Nuie ‘ammo visto pure ‘nu miraculo!

Eudeclio                                   Ma ‘o fatto ‘e primma nun è fernuto!

Berengario                              Lucia’… arricuordate ca si’ ‘nu piscatore… ‘e piscaturi…, comme a tutti quanti, nun ponno parla’ ‘e miraculi si nun so’ primma cunfermati d’ ‘a Chiesa!

Ferdinando                             Allora faciteme dicere e po’ verimmo!

Concetta                                  E che aspietti? Dici, dici…

Ferdinando                             Allora a chisto… Antioco subbeto le dicettero che Armaleone s’era fatto cristiano! Isso s’ ‘o chiammaie e l’addimannaie: “Tu m’e dicere ‘a chi t’ è ‘mparato ‘sta duttrina, tu che sai accussi’ buono ‘a religione nosta; ‘stu fatto me fa meraviglia!”

Eudeclio                                   E Armaleone rispunnette: “Io fino a mò so’ stato ‘nu cecato, mò me sento vivo e chino ‘e luce! E pure tu te putisse senti’ buono comme me sento io!”

Ferdinando                             Dicette Antioco: “’Stu fatto me ‘ncuriosisce, ma nun pozzo credere che ce sta n’ata vita o n’ata luce ‘a fore ‘e chella d’ ‘o sole o d’ ‘a luna!”

Eudeclio                                   “Antioco, ‘o sole e ‘a luna nun so’ dei, ma è Dio che ‘a criati e ‘a misi ‘o posto loro, cummannanole ‘e servi’ all’uommene, comme ce addimanna ‘e servi’ a Isso! E’ stato chillo Vescovo egiziano a farme capi’ tutte cose!”

Ferdinando                             Antioco allora se chiammaie a Leucio: “Sì tu vuo’ che io te credo, famme ‘nu segno! Io nun addimanno pe’ me, ma facesse tutte cose pe’ fa’ cuntento ‘o popolo mio e sò duie anni che nun chiove! ‘Ammo perzo duie raccolti, ‘a gente se more ‘e famme… pe’ chesta povera gente, dici ‘o Dio tuoio che avesse ‘nu poco ‘e cumpassione e facesse chiovere!

(le luci si abbassano; solo un faro puntato su Leucio che entra e si rivolge al pubblico)

Leucio                                       Antioco, tu sì ‘nu bravo Re. Nun ‘e addimannato cose pe’ sfizio tuoio, ma ‘e penzato a chi soffre… comme fussi ‘nu pate, pe’ loro… Dio stesso, ‘o Pate nuosto, ‘a sufferto pe’ nuie, e sape buono che so’ ‘e duluri! Pe’ chilli duluri ‘e Cristo nostro Signore, io mò faccio ‘na preghiera, cu’ tutti chilli che hanno creduto a chello che l’aggio ditto e se sò battezzati! Frati miei sfurtunati, pregate cu’ me! (a braccia levate) Signore, p’ ‘a gloria toia e p’ ‘e duluri ‘e Cristo, dai requie a chisto popolo ‘e brava gente; falle turna’ a rirere, a gode’ ‘a vita che tu l’he dato, falle vede’ comm’ è bello a sta dint’ ‘a luce toia! Proteggili e manna ‘nu poco d’acqua ‘ncopp’ ‘a ‘sta terra ca tene sete; mannale ‘a Pruvvidenza e arapele l’uocchie, accussì ponno capi’ che è ‘a luce toia e falle campa’ in eterno cuntienti, senza carestie e senza malatie! Pe’ l’uocchi d’ ‘e guagliuncielli che nun te vereno, p’ ‘e lacrime d’ ‘e mamme, p’ ‘e dispiaceri d’ ‘e papà, p’ ‘a famme d’ ‘e puverielli, manna ‘nu poco d’acqua a chest’anime che teneno sete! P’ ‘a gloria toia, fa che chesta gente capisce che va appriesso a ‘na religione vacante!

Eudeclio                                   (dalla penombra) Tutto chesto e ‘ati cose ancora dicette ‘o figlio mio, Vescovo ‘e Alessandria… mentre parlava, ‘o Cielo abbiaie a cagna’ culore… chiano chiano s’aizarono cierti nuvulelle… e cchiù ‘a preghiera jeva annanze, cchiù ‘e nuvole s’aizavano… e venette a chiovere!

Ferdinando                             (dalla penombra) Allora Armaleone se mettette pure isso addenucchiato a prega’… nun sapeva buono che dicere, ogni tanto s’aizava e se girava attuorno pe’ capi’… e chi priava, chi s’era aizato e jeva ballanne, chi curreva e chi s’addenucchiava annanze ‘o Vescovo… ‘na mamma cu’ ‘na critura ‘mbraccio le vasava ‘a mano, ‘nu viecchio se spugliaie pe’ se piglia’ tutta l’acqua ‘n cuollo… e chiuveva, chiuveva… ‘nzieme cu’ Antioco, se facettero battezza’ a diciassettemila!

Leucio                                       Signore Dio, che ‘ammo fatto pe’ ammeritarce ‘sta grazia? Ecco, ‘sto povero servo tuoio che nun è degno manco ‘e t’annummena’, te ringrazia, a nomme ‘e chisti puverielli… e te ringrazia pecchè m’ è purtato c’ ‘a mano toia fino addo’ ce steva bisogno che io parlasse ‘e te! Signore, nun me fa’ mai manca’ ‘o bastone tuoio… io, ‘a sulo, nun so’ buono a niente…!

(si spegne il faro su Leucio, che esce; ritorna la luce in scena)


Scena quindicesima: Berengario, Concetta, Eudeclio, Ferdinando, Francesco

Berengario                              ‘Sto fatto è impressiunante!

Concetta                                  Overamente! E io ce crero… chillo, ‘o Vescovo, ha fatto pure cca’ ‘e miraculi… basta! Chesto l’hanna sape’ subbito ‘e cummarelle mie! (esce)

Eudeclio                                   Nuie simmo testimoni d’ ‘o fatto!

Ferdinando                             Io ‘evo lassato ‘e vutticelle ‘e l’acqua aperte, ‘ncopp’ ‘a barca… se so’ jencute loro sole!

Berengario                              Chisto fatto s’adda sape’… voglio scrivere ‘na carta… e po’ ‘o vaco a dicere ‘o Vescovo nuosto…

Ferdinando                             Facite buono… ma nun ve scurdate che chi ‘a fatto cchiù ‘e ‘nu miraculo mentre campava ancora, nun ave bisogno ‘e niente… ce sta chi penza a isso… ecco, verite? Chella signora… chella che mò se n’ è ghiuta…

Berengario                              …Cuncetta…

Ferdinando                             Proprio essa! Chella mò ‘o dice ‘e cummarelle soie… e loro teneno l’ati cummarelle… s’abbia a spannere ‘a voce… ancumincia ‘a devuzione… è comme a tutt’ ‘e cose che vo’ Dio! ‘O Regno suoio, nu ve scurdate, è comme ‘a pasta d’ ‘o pane… è comme ‘a semmenzella ‘e senape… ce vo’ tiempo… ma cresce ‘a sulo, nun ce vo’ l’arte ‘e nisciuno, abbasta ‘a gente d’ ‘o popolo… ‘nu poco ‘e tiempo e ‘o Vescovo Leucio sarrà prutettore ‘e chi sa quanti paisi… pure addò nun c’è mai stato!

Concetta                                  (entra, trafelata) ‘On Berenga’… io nun saccio comm’ è ‘sto fatto! So’ ghiuta pe’ dicere ‘o miraculo ‘e cummarelle mie… n’aggio ‘ncuntrate quatto tutte ‘nzieme… ohe’, chelle m’hanno riso ‘n faccia… ‘o sapevano già!

Eudeclio                                   E chi ce l’eva ditto?

Concetta                                  Beh… sapite… oggi è festa… ce sta pure ‘a gente ‘e fore… càpita che una… vere a uno che le piace… se ferma… fa doie chiacchiere… e parlanne parlanne…

Ferdinando                             …esce fore ‘o fattariello! (a Berengario) ‘Ate ‘ntiso? Si chesta nun è vuluntà ‘e Dio, io nun me chiammo cchiù Ferd… Luciano!

Eudeclio                                   Io ve l’aggio ditto ‘a ‘nu sacco ‘e tiempo… nun ve permettite ‘e dubità!

Berengario                              ‘Sta cosa se sta facenne troppo grossa pe’ me… n’aggia parla’ c’ ‘o Vescovo!

Concetta                                  Qua’ Vescovo? Vuie ‘ata ghi’ a parla’ c’ ‘o Papa! Chillo è ‘nu sant’ommo… s’adda fa’ santo overamente!

Berengario                              Cunce’… ‘a Chiesa nun fa’ santo nisciuno si nun more primma…

Francesco                                (entra di premura) Neh… fratelli, ‘o sapite? E’ turnato mò mò ‘o diacono Dionisio ‘a l’Italia, ha purtato nutizie d’ ‘o Vescovo… nuosto!

Concetta                                  Dicite, dicite… ‘amma sape’!

Eudeclio                                   Comme sta? Comme sta ‘e salute?

Francesco                                Beh, quann’ è partuto… ‘nu mese fa, dice che faticava comm’ ‘a pazzo, jeva a prereca’ a tutte parti e chi ‘o senteva subbeto se cunvertiva e se faceva battezza’! Però…

Eudeclio                                   Comme… “però”?

Francesco                                Sì, dice che teneva ‘nu poco ‘e tosse… è pe’ via d’ ‘e penitenze che fa…

Eudeclio                                   Povero figlio mio… io l’aggia ghi’ a truva’… piscatore… iammucenne subbeto… e stavota non ce fermammo a nisciuna parte, iammo direttamente e Brinnese!

Federico                                  Hmm? E a me chi me pava?

Concetta                                  Te pavammo nuie! Mò vaco a truva’ ‘e cummarelle, tanto perono, e facimmo… chello che facimmo! E si nun abbasta, ‘o riesto ce ‘o metti tu!

Ferdinando                             Ma comme, nun sulo ve faccio ‘o piacere…

Concetta                                  Ahh! Comme te permitte, pe’ ‘nu sant’ommo, ‘e fa’ chesti questioni? Va’ a priparà ‘a varca… io torno ch’ ‘e sorde… nuie l’amma manna’ ‘e merecine! Chillo povero Vescovo, sta malato... da solo … sulo int’a chillo posto luntano… miez’ ‘a chella gente furastiera… chi sa se teneno barbieri e speziali... putesse pure muri’!

Eudeclio                                   Ohe, signo’, mò nun esagerate!

Berengario                              ‘O Signore sape chello ca fa. I nun credo che se chiamma a ‘nu Vescovo accussi’ bravo… è ancora giovane!

Francesco                                Però, si succere… cocche cosa… nuie ‘amma essere pronti! (a Berengario) Frato Berenga’, Dionisio dice che chella tosse è proprio brutta… jammo a vede’ che le putimmo fa’, ‘na statua, ‘na cappella… ‘na chiesa… jammo a parla’ cu’ l’Abate!

Berengario                              Subito! (i due escono a sinistra).

Eudeclio                                   Io me vaco a priparà ‘a robba p’ ‘o viaggio… (esce a desta)

Concetta                                  E io vaco a fa’ denari… ma quanto vulissi, pe’ ‘stu viaggio?

Ferdinando                             Ma… inzomma… io aggia pava’ ‘o dazio…

Concetta                                  Ma tu nun puorti robba, pirciò nun ‘o pavi!

Ferdinando                             Aggia pava’ cinche o sei marenari… ‘o magna’… ‘o vino…

Concetta                                  T’abbastano sei uommene? T’ ‘e trovo io, nun se pigliano pavato e ‘a robba s’ ‘a portano loro!

Ferdinando                             Inzomma, m’ata da’ cinchemila ducati!

Concetta                                  Ehh? Te siente buono? Fussi asciuto pazzo? Chesta è ‘na cosa ‘a mariuolo! Aspetta ‘nu mumento… no, no… m’era venuto ‘nu lampo… sentenne che vulive tutti ‘sti ducati, me pareva ca m’ero arricurdata chi si’… ma è passato! Ma tu si’ mai stato arrestato d’ ‘e guardie d’ ‘o Re?

Ferdinando                             Bella femmena… nun pozzo parla’, si no te dicesse…

Francesco                                (entrando da sinistra)  Luciano… lassa sta’… (sottintendendo che si stanno allontanando dal copione) me pare che ce stammo scurdanne cocche cosa… vai a pripara’ a varca, che dici?

Ferdinando                             E no, chella è già pronta…

Concetta                                  Ehhh? E’ già pronta? E tu vulissi tutti chilli sordi c’ ‘a barca che nun ave bisogno ‘e niente? Frate Franci’, ata sape’ che chisto va truvanne cinchemila ducati pe’ ghi’ a Brinnese!

Francesco                                E chillo s’ è scurdato ‘na cosa… (con intenzione) è overo? E’ overo ca te si scurdato che ‘o fai pe’ carità?

Ferdinando                             Ma inzomma, ‘e piscaturi tanto se pigliano…

Francesco                                Ma tu nun sì sulo ‘nu piscatore… e stai cca’ pure pe’ fa’ ‘na penitenza… te vulissi invece fa’ ‘e sorde? (lo prende per l’orecchio e lo porta fuori) Iammuncenne, mò te spiego io, accussì t’arricuorde meglio! (escono insieme a sinistra)

Concetta                                  Ah, meno male! So’ cuntenta! Chillo, frate Franci’, è assai bravo, comm’ ‘e spiega isso ‘e cose… nun ce sta nisciuno! Allora… io che ‘eva fa? Ah! ‘E cummarelle mie! (esce di corsa)


Scena sedicesima: Francesco, Concetta

(entra Francesco che recita con un sottofondo suonato fuori scena)

 Francesco                               Chillo sant’omme ‘e Leucio prerecava

e quanti cose che putette fa’!

Jeva parlanne ‘a gente e l’aiutava

e Dio le deva ‘a forza ‘e continua’.

Concetta (rientra di corsa; i primi due versi li rivolge al pubblico, gli altri due a Francesco)

                                                    Addo’ ‘e cummare mie ce vaco doppo,

si no frate Francisco mò s’offende!

‘Stu piscatore va truvanne troppo,

fernisce che nun ‘ave proprio niente!

Francesco                                Luciano ‘o piscatore s’è ‘mbarcato

state senza penzieri, Cuncetti’!

‘E medicine io ce l’aggio date,

è robba fina e Leucio po’ guari’!

Concetta                                  Frate Franci’, ‘ata sape’ ‘na cosa…

io credo che ‘ate fatto ‘na sciucchezza!

L’ate spiegate buone tutte cose?

Luciano è buono sulo a mena’ ‘a rezza!

Francesco                                Donna Cuncetta, nun ve prioccupate,

a Leucio l’aggio scritto che ‘adda fa’!

E po’ sta pe’ veni’ pure l’estate

e chello poco ‘e tosse se ne va!

Concetta                                  Io spero che parlate cu’ ragione,

ma chillo, Leucio, ‘o tiempo nun ‘o tene!

La’ ce vulesse ‘a mano ‘na guagliona,

pe’ prepararle pure ‘o pranzo e ‘a cena! 

Francesco                                Luciano ‘a ditto che faceva ampressa,

e che le deva pure ‘e mericine,

nun ve penzate che sia tanto fesso…

tene ‘nu posto buono… e che marina!

Concetta                                  Ma quanne state cu’ ‘na freva ‘ncuollo

vuie jate dint’ ‘o lietto, pe’ sura’!

E chi v’ ‘o porta, ‘o poco ‘e broro ‘e pollo?

‘Nu marenaro? E comme ‘o sape fa?

Francesco                                L’Italia è ‘nu paese furastiero

ma stanno pure llà gente de core!

E po’ ‘sta malatia è assai liggiera,

sarrà ca s’ è addurmuto a pieri ‘a fore!

Concetta                                  Frate Franci’, cagnate ‘a litania!

Appena torna arreta ‘sto Luciano

me ‘mbarco ‘nzieme ‘e cummarelle mie,

e jammo tutte quante a da’ ‘na mano!


Scena diciassettesima: Leila, Francesco

Leila                                           (entra dal fondo con le ballerine, che avanzando danzano al tempo della musica di sottofondo; durante la sua esibizione alle sue spalle potranno sfilare come prima gli artisti del circo)

           V’aggio sentuto ‘e recita’ pur’io,

e credo che ‘sto Leucio è bravo assai!

Nuje simmo gente timorata ‘e Dio

priammo sempe che ce scanza ‘e guai!

Sì nuje putimmo fa’ ‘na bona azione

nun ce penzammo ‘ncoppa cchiù ‘e na vota:

smuntammo ‘e bancarelle c’ ‘o tendone

mettenne pure l’uoglio dint’ ‘e rote!

E po’ ‘sti piazze noste l’ammo fatte

e pure nuje vulessemo cagna’;

saglimmo n’copp’ ‘e barche, tre o quatte,

venimmo pure nuje pe’ l’aiutà!

‘E musicanti pe’ tenerlo allero,

chillo che magna ‘o fuoco p’ ‘o scarfa’,

‘o tiramole le massaggia ‘e pieri,

e po’ stongh’io che saccio cucena’!

Pe’ ‘nu bravo pastore ‘e pecurelle

ca nun se cura pe’ penzare ‘a gente,

coccosa la pò fa’ Pulecenella,

parlanno, ‘o farrà rirere int’ ‘a niente!

E doppo che ‘sto Leucio s’è sanato,

nun le facimmo manco arapì ‘a vocca;

lassammo tutti quanti senza sciato,

facenne ‘nu spettacolo ch’ ‘e fiocchi!

Francesco                                (a braccia levate) Fermi! Basta! Riavulo tentatore, tu chesto vulisse fa’? Magari a chillo sant’omme le mettisse pure ‘e ballerine annanze? Vavattenne, jatevenne tutti quanti!

(gi artisti smettono di sfilare)


Scena diciottesima: Berengario, Francesco, Concetta, Ferdinando, Leila

(Berengario e Ferdinando entrano da destra; la musica si ferma)

Berengario                              Frati miei, ce stanno brutte notizie…

Francesco                                Che è succieso? E che ce fa cca’, Luciano?

Concetta                                  Ma comm’ ‘e fatto, accussì ampressa? Dicite, dici, ‘amma sape’!

Berengario                              (triste ed esitante) ‘O Vescovo Leucio… è turnato ‘a casa d’ ‘o Padre!

Concetta                                  (disperandosi) Maronna mia… ma site sicuro?

Ferdinando                             Stevo ascenne d’ ‘o puorto e me so’ ‘ncuntrato cu’ ‘nu piscatore amico mio che veneva ‘a lla’ e m’ha ditto ‘o fatto. Allora so’ turnato arreta… che c’ ‘e purtavo a fa’, ‘e mericine?

Berengario                              Appena è turnato ‘o cunvento e m’ ‘a ditto ‘sta cosa, so’ ghiuto pur’io ‘o puorto… pure ‘ati marenari ‘e ll’ate barche… tutti diceno ‘a stessa cosa… pe’ scrupolo ‘ammo mannato subbito ‘na varca piccerella e cchiù veloce… vulimmo essere sicuri… frate Franci’. io ‘o vaco a dicere all’ati frati nuosti… e jammo a dicere ‘nu rusario…

Francesco                                Ancuminciate, che po’ vengo pur’io…

                                                    (Berengario esce e Concetta e Francesco discutono animatamente con dialogo non udibile; si sentirà Concetta ogni tanto che dice, in tono inquisitorio: “E’ colpa vosta!” e Francesco: “Ma chi ‘o fermava?”)

Ferdinando                             (cercando di farsi ascoltare dai due infervorati) Io allora me ne vaco…

Leila                                           (rivolgendosi solo a Ferdinando) Psst! Bellommo! Tu si’ bravo a recita’, vieni a fatica’ cu’ nuie!

Ferdinando                             Ehhh? Comme? Ma ‘o sai chi songo io?

Leila                                           Nun ‘o saccio, ma aggio visto che ‘a gente quanne te vere è cuntenta assai! Vieni cu’ nuje… io te pavo buono… quanne guaragnammo!

Francesco                                (riprendendo la recitazione normale) E mo’ basta, Cuncetti’! ‘A bon’anema ‘e Leucio ha fatto chello che ‘a fatto… pe’ vuluntà ‘e Dio!

Ferdinando                             Ah, pure io so’ testimone che era ‘nu sant’ommo… e po’ si nun mureva, nun se puteva fa’ santo!

Convetta                                 Sì, ma nun era meglio che campava ancora, pe’ fa’ bene ‘a gente?

Ferdinando                             E tu che ne sai ‘e quanto bene po’ fa’ mò? Chi t’ha ditto che quann’uno more, non po’ fa’ cchiù bene ‘e quann’era vivo?

Francesco                                E’ overo, chesto! Bravo! Io me penzavo che iri scemo… cioè… tu me capisci…

Ferdinando                             (ergendosi e togliendosi cappellaccio e mantello da pescatore e facendo apparire l’abito nobiliare) Io songo il cristianissimo Re Ferdinando IV ‘e Borbone! E nun aggio bisogno ‘e ‘nu cupione che me dice chello che aggia dicere, quanne se parla ‘e Giesù Cristo! E ‘a storia ‘e Santo Leucio ‘a canosco pur’io… chillo è ‘o prutettore d’ ‘a Real… d’ ‘o paese addo’ stongo!

(tripudio della Corte)

Concetta                                  Ah! E chi t’ ‘a ditto?

Ferdinando                             Ce steva ‘nu monaco che era asciuto d’ ‘o cunvento, jeva sulo dicenne matina e sera chello che aveva fatto Santo Leucio… era ‘na specie ‘e penitenza…

Concetta                                  Ah! Forze era ‘nu monaco femmeniello… ce sta ancora? Chilli songo muonaci speciali! Me voglio fa’ benericere!

Ferdinando                             No… è muorto ‘a poco tiempo… ‘eva esagerato ‘nu poco … anzi ‘eva esagerato e basta! (rivolgendosi a Francesco e cambiando tono) M’arraccumanno, arricuordate che doppo io me voglio cunfessa’… e si ‘a penitenza t’ è ghiuta bona…

Leila e Concetta                    Penitenza?

Ferdinando                             Sì, è pe’ penitenza ‘e ‘nu peccato gruosso, che aggio fatto ‘a parte ‘e Luciano! Frate Franci’… m’ammerito l’assoluzione?

Francesco                                No! Primma ‘e ricere che peccato ‘e fatto!

Ferdinando                             E’ ‘nu peccato ‘e gola… l’aggio fatto c’ ‘o monaco… ‘o tengo ‘ncopp’ ‘o stommaco!

Francesco                                E pe’ forza, si ‘e magnato assai… chisto nun è ‘nu peccato assai gruosso… allora te pozzo assolvere… (accenna ad un segno di benedizione)

(tripudio della Corte; i nobili si alzano circondando Ferdinando ed escono in gruppo, festosamente)

Concetta                                  Giesù, Giesù… chillo era ‘o Re… perciò me pareva che l’evo visto a cocche parte!

Leila                                           Però ‘a recitato buono overamente… nun fa niente chello che ‘a fatto, è stato bravo!

Francesco                                Eh, proprio ‘nu bravo Re… teneva ‘o scupulo pure ‘e ‘nu peccato ‘e gola… chi sa che s’ è magnato, che ‘o tene ancora ‘ncopp’ ‘o stommaco!

Leila                                           Peccato ‘e gola… ma site sicuro, frate…

Concetta                                  Se chiamma frate Franci’!

Leila                                           Ah, già… stevo ricenne… frate Franci’ site sicuro che era ‘nu peccato ‘e gola… d’ ‘a gola soja?

Francesco                                Doppo chello che ‘a passato, nun credo che me diceva buscie!

Leila                                           Ah… no, pecchè stammatina aggio visto ‘miez’ ‘o mercato che, pe’ ordine d’ ‘o Re, stevano appennenne ‘a forca ‘nu monaco… (fa il gesto della corda al collo e tira fuori la lingua).

Francesco                                Chillo fetente, Re e buono! M’ha fatto scemo! E io l’aggio pure beneritto!

Concetta                                  Frate Franci’, però chillo… ‘o Re… era dispiaciuto assai, forze si l’avesseve dato cchiù aurienza ve l’esse pure ditto…

Francesco                                Mò sta’ a vede’ che ‘a colpa ‘e ‘a mia? Io aggio penzato a tutte cose, m’ aggio vista nera…

Leila                                           E vulisseve dicere che ‘ate fernuto già? E chest’era ‘a sacra rappresentazione?

Francesco                                Ohè, ‘ammo ditto tutt’ ‘a vita e tutt’ ‘e miraculi d’ ‘o Santo… nun t’abbasta?

Leila                                           Eppure ‘na cosa v’ate scurdata!

Concetta                                  Che cosa? Dici, dici… ‘amma sape’!   

Francesco                                Che me so’ scurdato?

Leila                                           Ve site scurdato che è festa! E pe’ ferni’ buono ‘a recita vosta, ce vo’ l’arte nosta! ‘A gente le piace ‘e sape’ che è succieso, ma le piace pure ‘e rirere e abballa’… pe’ l’onore d’ ‘o Santo, (rivolgendosi verso l’interno) guagliu’, forza, facite vere’ che site capaci ‘e fa’!

(carosello finale di acrobati, ballerine ed artisti che invadono il palco; i musici eseguono una tammurriata, coinvolgendo il pubblico ad applaudire a tempo nel tempo del ritornello e le ballerine fanno una danza che viene imitata da tutti; entrano e si uniscono anche il Re, i nobili, Berengario e gli altri monaci, battendo il tempo a mani levate)

                                                    ‘A storia ‘e chisto Santo è stata bella,

n’ànema nata pe’ fa’ bene ‘a gente!

P’ ‘o ringrazia’, ballammo ‘a tarantella

perciò simmo sicuri ca ce sente!

Cantammo tutti quanti a core ‘mmano:

“Evviva Santo Leucio l’Egiziano!”

Nuje nun parlammo lengue allitterate,

greco e latino, nun ‘e cunuscimmo;

tenimmo sulamente ‘sta parlata,

‘na ‘nzalata d’ ‘e terre ‘a rò venimmo!

Cantammo tutti quanti a core ‘mmano:

“Evviva Santo Leucio l’Egiziano!”

E simmo gente semplice e de core,

e pili ‘ncopp’ ‘a lengua nun tenimmo;

a chisto bravo Santo dammo onore,

pe’ isso, nuje buscìe nun ne dicimmo!

Cantammo tutti quanti a core ‘mmano:

“Evviva Santo Leucio l’Egiziano!”

Facimmo festa a chisto Santo bravo,

che sempe Santo Leucio sia lodato,

ca ce mannasse gente ca ce pava,

facenne ‘sta ‘n salute a chi ‘a pavato!

Cantammo tutti quanti a core ‘mmano:

“Evviva Santo Leucio l’Egiziano!”

E fistiggiammo tutti nui fedeli,

‘a gloria ‘e chisto Santo puveriello;

chi va int’ ‘a chiesa, appiccia ‘na cannela,

e doppo s’accattasse doje nucelle!

Cantammo tutti quanti a core ‘mmano:

“Evviva Santo Leucio l’Egiziano!”

‘Sta bella cuntetezza che tenimmo

purtammecella sempe dint’ ‘o core;

nun ce ‘a scurdammo, quanne ce n’ascimmo

‘a festa ‘e chisto Santo protettore!

Cantammo tutti quanti a core ‘mmano:

“Evviva Santo Leucio l’Egiziano!”

‘A festa dint’ ‘o core, a gloria ‘e Dio,

t’ ‘a manna Santo Leucio, è ‘na ricchezza!

Pirciò tu m’ ‘e capito, amico mio?

Te chiamma ‘n Paraviso c’ ‘a priezza!

Cantammo tutti quanti a core ‘mmano:

“Evviva Santo Leucio l’Egiziano!”

(frate Francesco, prima trasecolato, alla fine si lascia trascinare, batte anche lui il tempo ed applaude assieme agli altri alla fine della tammurriata.)

fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno