Li nipute de lu sinneco

Stampa questo copione

LI NIPUTE DE LU SINNECO

li nipute de lu sinneco

Da Le Droit d’un aîné, di Burani

Commedia in tre atti

Personaggi

Saverio, oste

Carmeniello, garzone dell’osteria

Nannina, sua sorella

Pasquale Guerra, contadino

Don Ciccio Sciosciammocca, sindaco

Silvia, sua nipote

Felice, suo nipote

Procopio, custode dell’Educandato di Castellammare

Concettella, cameriera del sindaco

Angiola, direttrice dell’Educandato di Castellammare

Giuseppina, Leopoldina, Adelina e Virginia, educande

ATTO PRIMO

Un sito di campagna a Pozzano; in fondo due muri con apertura in mezzo. A destra, grande palazzina con finestra praticabile sulla quale vi sarà scritto «OSTERIA». Fuori dell’osteria una tavola preparata, con intorno tre o quattro sedie rustiche; su una sedia un paniere pieno di fiori. A sinistra, altra palazzina con finestra praticabile; sulla facciata sarà scritto: ALBERGO DELL’ALLEGRIA.

SCENA PRIMA

Carmeniello prepara la tavola, disponendo le posate di stagno. Saverio entra e s’avvicina.

SAVERIO: Jamme, jamme. Avimmo mettere na tavola principesca! Sangue de Bacco, è stata proprio na fortuna pe me: lo nuovo sinnaco m’ha fatto sapé che stammatina vene a visità la trattoria mia. Naturalmente a me me conviene de farle trovà na colazione scicca! (Osservando la tavola:) Che so’ sti posate? Cheste so’ posate de stagno!

CARMENIELLO: E quale aggio piglià?

SAVERIO: Chelle d’argiento, animale! (Carmeniello esce e torna con le posate d’argento.) Mò, si non me stevo attiento, lo sinnaco trovava le posate de stagno!

CARMENIELLO: E co sto panaro de fiori ch’aggia fà?

SAVERIO: Tu ti devi mettere areto a chella fenesta, nascosto dietro lo parapetto, e aspiette. Quanno io dico: «Signò, guardate lo cielo che ve mena!», tu pigli e butti i fiori ncapo a lo sinnaco.

CARMENIELLO: Va bene, aggio capito.

SAVERIO: Tiene a mente, quando io dico: «Signò, guardate lo cielo che ve mena!».

CARMENIELLO: Va bene.

SAVERIO: Tu t’avisse distrarre? P’ammore de lo cielo!

CARMENIELLO: Va bene. (Esce a destra col paniere.)

SAVERIO: L’aggia fà rimanè a bocca aperta. Dice che sto sinnaco è nemico assaje de li femmene... è stato bbuono ca l’aggio saputo, così si m’addimanna, dico che pure io la penso accussì...

SCENA SECONDA

NANNINA (entra correndo dal fondo a destra, gridando):Ah! Mamma mia, m’ha accisa! (Piange e porta una mano al viso.)

SAVERIO: Commarè, che è stato?

NANNINA: Frateme m’ha vattuto... mò me sta venenno appriesso! Pe carità, chillo m’accide!

SAVERIO: Non avere paura... (A Pasquale che entra con fisionomia stralunata:) Compà, che cos’è?

PASQUALE: Niente, compà, cose da niente... (A Nannina:) Jammoncenne a casa.

NANNINA: No, non nce voglio venì! Compà, chillo m’accide!

PASQUALE: E nun strillà, pecché tu o strilli o non strilli, sempe lo stesso è. Io me so’ miso ncapa de te ne levà da lo munno e te ne levo!

NANNINA: Uhhhh! Compà, compà, compà!

SAVERIO: Ma scusate, compare, pozzo sapé ch’è stato?

PASQUALE: Niente, compà, niente... M’ha levato quello che n’ommo tene cchiù caro ncoppa a la terra... Si m’avesse acciso sarría stato meglio! Io? Pascale Guerra, ommo conosciuto pe lo paese, ommo ca pe essere troppo onesto, voi lo ssapite, me so’ muorto de famma... Dimane, quanno se sparge la voce, l’amice mieje nun me guardarranno cchiù nfaccia... a me? Nfama, scellerata, te voglio... (Fa per battere Nannina.)

NANNINA: Ah!!!! Compà, còmpà, compà!

PASQUALE: Mò che rappresenta cchiù la vita toja, doppo chello ch’hai fatto?

NANNINA: Nun è overo, compà, io non aggio fatto niente! Sentite sentite: stanotte, comma lo solito, stevo vicino a lo casale nosto, aspettanno a isso ca se ritirava. Quanno se so’ fatte li ddoje, aggio accostate li pporte e me ne so’ trasuta dinto. L’uoglio de la lampada s’era cunsummato, e quando è sonata la campanella de li tre so’ rimasta all’oscuro. Io stavo tranquilla pecché sapevo che lo sabato Pascale se ritira tardi da la fatica... Che saccio comm’è stato, m’ha pigliato lo suonno e me so’ addurmuta... quando tutto nzieme aggio ntiso cammenà dinto a lo casale... Io, poverella, me credeva ch’era isso, e aggio dito: «Pascà, finalmente sì venuto! Non me ne fidavo cchiù d’aspettà. Appiccia no fiammifero». Chillo, invece, non era frateme, compà... era no birbante che m’ha afferrata...

PASQUALE: T’ha afferrata...?

NANNINA: E m’ha vasata.

PASQUALE: Eh, t’ha vasata!

NANNINA: Questo è stato, compà! Mentre io strillavo, Pascale è trasuto e quanno ha appicciato lo fiammifero, lo birbante se ne era scappato. Isso l’è corso appriesso, ma non l’ha potuto trovà... è tornato a casa e m’ha dato tante mazzate che io non tenevo cchiù la forza de strillà.

PASQUALE: E mi trovo pentito che non t’aggio accisa.

SAVERIO: Va bbuono, compà, non la facite mettere cchiù paura... Alla fine, non c’è stato niente di male: un bacio!

PASQUALE: Un bacio! Nu vaso a sorema! Pe tutt’oggi aggia trovà chill’assassino. Non l’aggio potuto nemmeno vedé, pecché steveme all’oscuro, ma non ce pensate, compà: io aggia mettere lo paese sotto e ncoppa, e si la sorte ma lo ffà ncuccià, o se sposa a mia sorella o l’accido. L’accido, ncoppa a l’anema de mamma mia!

SAVERIO: E non ve pigliate cchiù collera, mò ve facite venì na cosa...

PASQUALE (a Nannina):Cammina a casa, t’aggio ditto!

NANNINA E SAVERIO: Compà, compà, compà!

SAVERIO (a parte):Vuje vedite che guaio aggio passato! (Avvicinandosi a Pasquale:) Compà, faciteme no piacere a me: pe stammatina lassatela ccà, dinta a la casa mia; quanno po’ è stasera, che ve site calmato un poco, ve la porto io stesso.

PASQUALE: Va bene, quanno sta co voi non trovo difficoltà.

SAVERIO: Jammo, jammo dinto, commarè. Non piangere cchiù, tutto s’acconcia...

NANNINA: Io non ne saccio niente. Io stevo all’oscuro... Aggio ditto: «Appiccia nu fiammifero...»

SAVERIO: E chillo s’è appicciato! (Nannina entra nell’osteria, Saverio si avvicina a Pasquale:) Compà?

PASQUALE: Jatevenne, mò, lassateme stà!

SAVERIO (a parte):è meglio che me ne vado. Questo se la dovesse piglià co me? (Entra nell’osteria.)

PASQUALE (fuma di rabbia):Mannaggia! Stongo avvelenato, avvelenato! (Si mette a sinistra.) Tengo lo beleno ccà! (Indica la bocca.)

SCENA TERZA

Di dentro si odono applausi e voci che gridano: «Evviva ’o sinneco!».

CICCIO (di dentro):Va bene, va bene, grazie! Salvatore, non fà venì nessuno appresso!

SALVATORE (di dentro):Va bene, Eccellenza. (Di dentro ancora applausi e voci che gridano: «Viva ’o sinneco!».)

CICCIO (entra seguito dal segretario Alfonso e la guardia municipale Salvatore):è n’affare serio, sà! Nun pozzo cammenà! (Salvatore passeggia sul fondo, da guardia municipale.)

ALFONSO: Illustrissimo, questo vi deve far piacere, perché vuole dire che il popolo vi ama, e giustamente, perché voi lo meritate sotto tutti i rapporti. Un uomo come voi, qui non c’è mai stato!

CICCIO: Vi ringrazio tanto tanto.

ALFONSO: Ma che ringraziare, è la verità! Voi avete un cuore nobile, sentimenti nobili... L’altro sindaco, invece, si faceva odiare da tutti, appunto per il suo carattere superbo. Voi no, voi siete nobile e democratico!

CICCIO: Basta, segretà, grazie tanto. (A parte.) Chisto è nu poco seccante, la verità! (Ad Alfonso:) Quell’uomo, però, non sò se ci avete fatto riflessione, m’ha visto e s’è voltato dall’altra parte. Non m’ha dato proprio confidenza.

ALFONSO: Possibile! Ma forse non sa che voi siete il sindaco. Aspettate un momento.

CICCIO: No, non ve ne incaricate, segretà: io non ci tengo.

ALFONSO: Ma ci tengo io, però! (Si avvicina a Pasquale e lo guarda.) (Pasquale guarda lui con occhi stralunati; lazzi di paura, ma senza strafare.)

PASQUALE: M’avite dicere quacche cosa?

ALFONSO: No, vi volevo dire che quel signore là è il nuovo sindaco...

PASQUALE: Lu sinneco nuovo? (Si leva la coppola e si avvicina a Ciccio:) Uh! Scusate, Eccellenza, non nce avevo badato pecché steva pensanno a cierte fatti de li mieje... e cierti fatti che voi, comme a sinneco, pure avisseve sapé... Ma non importa, ci penso io, io solo tengo lo coraggio de m’incarricà de sta cosa... pecché comme coce a me non coce a nessuno... E s’ha da perdere lo nommo de Pascale Guerra se pe tutt’oggi nun ne veco lo costrutto! (Soggetto, poi.) Bacio la mano a vostra Eccellenza. (Esce.)

CICCIO (ad Alfonso):Io v’avevo pregato che non ci tenevo... ma voi afforza l’avite vuluto sfruculià... Chi lo sa che gli sarà successo... si sarà contrastato co qualcheduno.

ALFONSO: Sono affari che non riguardano voi. Non ve n’incaricate. Dunque, Illustrissimo, stamattina voi volete proprio pranzare qui?

CICCIO: No, voi che dite: sono venuto per vedere questo sito che me ne parlavano tanto bene... dice che ci sta un buon bicchiere di vino. Assaggeremo qualche cosa, così, per colezione.

ALFONSO: Oh, guardate, io avevo fatto preparare il pranzo.

CICCIO: E avete fatto male, io non vi ho dato nessun ordine. Che pranzo! Vi pare, io oggi aspetto mio nipote Felice che viene da Milano: aggio fatto preparà certe squisitezze dal cuoco mio!

ALFONSO: Ah, bravo, avete un nipote?

CICCIO: Sicuro, tengo un nipote e una nipote. Se vi dico una cosa, voi mò non lo credete...

ALFONSO: Ma vi pare!

CICCIO: Tengo un nipote e una nipote, ma non li conosco, nessuno dei due, perché non l’aggio viste mai.

ALFONSO: Oh, questa è bella! E come, scusate? (Seggono.)

CICCIO: Ecco qua: mio fratello Ambrogio, buon’anima, da giovinotto s’innammuraje de na nzalatara.

ALFONSO (sconcertato):Nzalatara?

CICCIO: Sì, un’erbivendola... Io, figuratevi, da quel giorno non lo volli più vedere e siamo stati in urto per sette anni, durante i quali, mio fratello fece due figli co sta nzalatara: un maschio e una femmina. Arrivato co l’acqua alla gola venette da me dicendomi che voleva fare pace pecché, capite, steva disperato... Un momento che io me andai in camera mia a vestirmi, questo mio signore apre la scrivania e se piglia 40000 franchi, tutti titoli al latore.

ALFONSO: Possibile? Vostro fratello?

CICCIO: Mio fratello. Se pigliaje la nzalatara e se ne scappò. Io che potevo fare: si trattava di mio fratello, capite? Ma non lo vulette vedé cchiù, però. Seppi che tornò a Napoli, ma che poi se ne andò via n’ata vota pecché a Napoli morì la nzalatara.

ALFONSO: Ah, morì?

CICCIO Già a tre anne fa morì pure lui, a Milano.

ALFONSO: E i due figli dove sono morti?

CICCIO: I figli sono vivi! Se vi ho detto che oggi aspetto mio nipote...

ALFONSO: Già... Mi ero lasciato prendere dalla mortalità... Aspettate il nipote maschio, evvero?

CICCIO: Perfettamente. Lui restò a Milano per studiare, e vi dico che ha fatto profitto assai: conosce quattro lingue. Na vota m’ha scritto in francese, na vota in inglese... Na carta postale pure me la scrivette in milanese. Insomma, è istruito assaje.

ALFONSO: E la femmina?

CICCIO: La femmina? Seppi che il padre la lasciò nell’educandato che sta qui a Castellammare... ma quella là non ci penso nemmeno, non la voglio vedere. Chi lo sa come hanno saputo che io le so’ zio e ogni tanto mi mandano lettere dicendomi che è insopportabile, che è disobbediente, che se ne vò ascì da llà dinto... Io non l’aggio manco risposto e si le vene ncapa de venì addò me, immediatamente le faccio taglià li capille, le faccio passà lo rasoio e la chiudo in un convento.

ALFONSO: Eppure io dico che se l’arrivate a vedere...

CICCIO: No, segretà, ve ne prego, non me ne parlate! Quella ha preso del sangue della madre: è na nzalaterella pur’essa. Appena arriva mio nipote Felice, lo metto in possesso di tutti i mie beni e a essa manco nu centesimo!

ALFONSO: Quello che fate voi sta ben fatto.

CICCIO: Chiamate sto padrone, va’.

ALFONSO: Ehi, padrone! Qualqueduno!

SCENA QUARTA

SAVERIO (entrando in fretta):Comandate? Chi è?

ALFONSO: Come chi è? Qua sta il sindaco.

SAVERIO: Lo sinneco! Eccellenza, Illustrissimo, perdonatemi se non so’ uscito a tempo: stevo preparanno tutto, appunto per vostra signoria illustrissima... Chi maje se poteva aspettà chesta fortuna! La trattoria, la locanda, e tutto chello che tengo, lo metto a disposizione dell’Eccellenza vostra, pecché site n’ommo de core, facite bene a tutte quante e perciò... Signò, guardate lo cielo che ve mena!

CICCIO: Che me mena?

SAVERIO (guardando alla finestra):Comme, che ve mena... Ve mena quello che meritate... tutto lo paese ve porta nchianto de mano... No sinnaco comme a vuje nun l’avimmo maje tenuto. E io che ve pozzo di? Signò, guardate lo cielo che ve mena!

CICCIO: Se po’ sapé stu cielo che me mena?

SAVERIO (a parte):Puozze sculà, chillo s’è addormuto llà ncoppe! (A Ciccio.) Noi siamo povera gente e quello che possiamo fare facciamo, ma tante volte s’accetta il cuore, il pensiero... Signò, guardate lo cielo che ve mena! (Carmeniello si sveglià e getta i fiori, i quali vanno a cadere vicino alla porta dell’osteria, senza che Ciccio se ne accorga. A parte.) Uh, l’ha menate llà sotto, puozze passa no guaio! (A Ciccio:) Guardate che v’ha menato lo cielo, signò.

CICCIO: Ah, i fiori! Grazie tanto, ma lo cielo l’ha menate llà dietro...

SAVERIO: Aggiate pacienza, Eccellenza. Io ve li volevo fare cadere in testa, ma po’ aggio ditto: po’ esse che se piglia collera.

CICCIO: No, che collera! Grazie tanto, sei troppo buono.

SAVERIO: è dovere, Illustissimo, è dovere. Dunche, Eccellenza, ve piace de mangià ccà fore?

CICCIO: No, che mangià... Grazie tante, nui simmo venute p’assaggià lo vino che m’hanno ditto ch’è bbono assaje. Tiene na stanzetta separata?

SAVERIO: Tutto chello che comandate, Illustrissimo. Favorite, Eccellenza. Accomodatevi, Eminenza.

CICCIO: Mò so’ addiventato cardinale, mò... (Chiamandolo:) Salvatore?

SALVATORE: Comandate. (Si mette sull’attenti con la mano al berretto.)

CICCIO: Cala sta mano. Vai al palazzo e se caso mai arrivasse o fosse già arrivato mio nipote, me lo fai subito sapere.

SALVATORE: Va bene, Eccellenza.

CICCIO: Tu mò hai capito? Nun te stunà, comme faje sempe.

SALVATORE: Nonsignore, Comandate, Eccellenza. (Mano al berretto.)

CICCIO: Ho già comandato! Quanta vote t’aggia dicere? Vai al palazzo...

SALVATORE: Va bene.

CICCIO: Cala sta mano.

SALVATORE: Sissignore. (Si volta e va sul fondo parlando fra sé.)

CICCIO (ad Alfonso):Sto pover’ommo s’è giocato pe tre anni di seguito una quaterna, e non l’era uscito mai niente. Due settimane fa non se l’ha giocata e ascettero tutte e quattro li numere... Perciò s’è miezo scimunito.

ALFONSO: Poveruomo, ha ragione. (Salvatore passeggia.)

CICCIO: Sta passianno lo leone dinto a la gabbia! Salvatò?

SALVATORE (avvicinandosi e facendo il saluto):Comandate, Eccellenza.

CICCIO: Cala sta mano. Sto raccontando l’affare della quaterna...

SALVATORE: Eh, 1, 21, 50, e 83...

SAVERIO: E quello mò muore!

CICCIO: E questo fa sempre. Io gli dò qualche ordine, e lui: «Uno, ventuno, cinquanta e ottantatre!» Dunque, hai capito quello che t’ho detto?

SALVATORE: Sissignore. (Fa il saluto.)

CICCIO (gridando):Cala sta mano... Mò te la faccio j nterra! Vai al palazzo.

SALVATORE: Subito... (Se ne va in fondo e passeggia.)

CICCIO: Segretà, venite: vediamo se è vero che il vino che si beve qua, è tanto buono.

SAVERIO: Se è buono, addiventa più buono mmocca a vostra Eccelllenza.

CICCIO: Se è buono, è buono mmocca a te, mmocca a me, mmocca a tutte quante! (Entra nell’osteria seguito da Alfonso.)

SAVERIO (che stava per entrare anche lui, ma è stato chiamato da Salvatore):Che vulite?

SALVATORE: Io, a quest ora, non sarría guardia municipale, sarrìa nu principe! Pe tre anne me li so’ giocati sempe...

SAVERIO: Scusate, tengo lo sinneco dentro...

SALVATORE: E chi sarría stato lo sinneco di fronte a me? Nu pilo... Un pelo! E io sarría stato no trave.

SAVERIO: Embè, che nce vulita fà? Invece mò isso è nu travo e vuje site nu pilo.

SALVATORE: Lo cielo, accussì ha voluto... Ma pecché, pecché, pecché... uno, ventuno, cinquanta e ottantatre... (Via per il fondo.)

SAVERIO: Chisto me fa ascì pazzo pure a me! (Entra nella trattoria.)

SCENA QUINTA

Entra da fondo Achille, portando in mano una sacca da notte e una valigia. Indossa un costume estivo di colore chiaro. Si guarda intorno più volte.

ACHILLE: Silvia, Silviè, vieni, qua non ci sta nessuno, non ti mettere paura.

SILVIA (entra, in costume da educanda):Mamma mia, il cuore mi batte comme a che... Me ne voglio tornà al collegio...

ACHILLE: Ma perché tanta paura? Allora vuol dire che non mi vuoi bene affatto, che non credi a quello che t’ho detto... che insomma non senti affezione per me?

SILVIA: E se non avessi sentito affezione pe te non avarría fatto chello c’aggio fatto.

ACHILLE: Ma allora nun fà accussì: coraggio, si no me faje avvilì pure a me... e statevi bene!

SILVIA: Devi capire il mio stato d’animo... Non è stato facile per me, fuggire dal collegio. Siamo scese come al solito in giardino... chi rideva, chi leggeva, chi pazziava, chi faceva mazzolini di fiori... Tutte le compagne mie stavano in allegria, sol’io tremmavo comme a na foglia e sudavo freddo pensanno a chello che aveva fà... Zitto zitto me so’ nascosta dietro a n’albero. Pe fortuna lo guardiano s’è juto a accattà nu sigaro addo lo tabaccaro de rimpetto... Io ho colto l’occasione e me ne so’ scappata. Ma mi devi credere, però: io pe la strada correvo e piangevo! So’ stata dodici anni chiusa llà dentro... Chella nun era na direttrice, era na mamma... e chelle pe me nun erano cumpagne, erano sore! (Quasi piangendo:) E io l’aggio lassate accussì, senza darle l’ultimo bacio... me pare che questa sia una prova che sento affezione per te!

ACHILLE: Hai ragione Silvia mia! Ma non dubitare, io te voglio bene assai e ti renderò felice.

SILVIA: Bada però, che dobbiamo fare tutto quello che abbiamo stabilito: tutto chello che te scrivette iere dinto a la lettera.

ACHILLE: Sissignore, eccola qua. (Caccia la lettera.)

SILVIA: E che dice?

ACHILLE (legge):«Domani fuggirò da questo luogo e verrò da te come tu desideri, ma ricordati che devi accompagnarmi prima da mio zio, il sindaco di Pozzano. Tenterà tutti i mezzi per farmi perdonare da lui ma se non mi vuole ricevere, se assolutamente non mi vuole più riconoscere, allora verrò con te a Napoli, dove spero che manterrai le tue promesse».

SILVIA: Hai capito?

ACHILLE: Ma sicuro, farò tutto quello che vuoi tu, bellezza mia.

SILVIA: Quanno zizìo m’avarrà perdonato, dopo nu paio de giorne te presiente tu e sposammo lesto lesto.

ACHILLE: Perfettamente! Se invece tuo zio non ne vò sapé, ccà. (Indica le valige) tengo tutta la robba mia, aizammo ncuollo e ce ne jamme. Ti porterò a Napoli, a casa di mia madre e là ci sposeremo. Mò me voglio nfurmà sto sinneco addò sta de casa, ma prima voglio posare un momento ste valigie, ti voglio fare riposare un poco... Ah, qua ci sta n’albergo... Albergo dell’Allegria. Bravissimo! (Alla porta dell’albergo.) Ehi, qualcheduno, albergatore!

SCENA SESTA

SAVERIO (esce dalla porta dell’osteria e entra in scena):Eccomi qua: che comandate?

ACHILLE: Io ve chiammo da nanze e vui me responnite da reto?

SAVERIO: Stavo nell’osteria perché all’albergo e l’osteria so’ tutto na cosa.

ACHILLE: Voi siete l’albergatore?

SAVERIO: Sissignore. Comandate qualche cosa?

ACHILLE: Si, una stanza per poche ore, perché partiamo subito.

SAVERIO: Poche ore? Sempre na giornata pagate.

ACHILLE: Quello che volete voi, purché faccio riposare mia sorella.

SAVERIO: Ah... quella v’è sorella... là, là!

ACHILLE: Sissignore: sorella, là, là.

SAVERIO: Va bene. (Chiama:) Carmeniello!

CARMENIELLO (entrando):Comandate?

SAVERIO: Porta questi signori nella stanza numero 3.

CARMENIELLO: Va bene, venite con me. (Prende le valigie e entra nell’albergo.)

ACHILLE: Và, Silviè, riposate, io mò m’informo sto sinneco addò sta e po’ te vengo a piglià. (Fa entrare Silvia in albergo.)

SAVERIO (a parte, ma in modo che Achille senta):Afforza ce vonno mbruglià... fratello e sorella... Se credene ca simmo pacchiane, simme scieme...

ACHILLE: Albergatò, sapete che c’è di nuovo? Mò, invece de ve pagà, ve faccio na cauciata!

SAVERIO: E pecché?

ACHILLE: Ma come, dovete sempre malignare! Statte a vedé che non possono viaggiare un fratello e una sorella... Tenete, queste so’ cinque lire.

SAVERIO (prende la moneta):Fratello e sorella.

ALFONSO (sopraggiunge in fretta):Neh, padrone, e che avete fatto? Quello vi sta chiamando!

SAVERIO: Sissignore, scusate, eccomi qua. (In fila la porta dell’osteria.)

ACHILLE (sorpreso):Caro Alfonsino!

ALFONSO: Guè, Achille mio, e come mai da queste parti?

ACHILLE: Per certi affari miei particolari... E tu come ti trovi qua?

ALFONSO: Eh, mio caro, io oggi non sono più quel giovane scapestrato che tu hai conosciuto a Castellammare... Oggi tengo un posto importantissimo!

ACHILLE: E che posto?

ALFONSO: Sono il segretario del sindaco. (Carmeniello esce dall’albergo e entra nell’osteria, mentre Silvia appare alla finestra dell’albergo.)

ACHILLE: Lo segretario de lo sinneco? E quale sindaco?

ALFONSO: Oh bella, il sindaco di questo paese, il barone don Ciccio Sciosciammocca.

ACHILLE: Possibile! E tu sei il segretario?

ALFONSO: Io, sì... Perché, che d’è?

ACHILLE: No, niente... Allora tu mi puoi dire dove abita sto sindaco?

ALFONSO: Sicuro! Ma perché lo vuoi sapere?

ACHILLE: Perché... Alfonsì, io te dico tutto, ma tu mi devi promettere di non dire niente a nessuno.

ALFONSO: E ti pare...

ACHILLE: Devi sapere che io faccio l’amore appunto co la nipote de sto sinneco, la quale stava chiusa dinto all’Educandato de Castellammare...

ALFONSO: Già sicuro: me l’ha detto.

ACHILLE: Tre mesi fa, appena arrivato alla villa che teniamo a Castellammare, l’ho vista che passeggiava dinto a lo giardino... la fenesta de la cammera mia affaccia sul giardino del collegio. Che ti debbo dire, amico mio: me ne innamorai talmente che tu non puoi credere. Ogni giorno le scrivevo una lettera e la buttavo dentro a un’aiuola, e la risposta, quanno era la sera, lei me la faceva trovare mmiezo a la strada pecché la passava da sotto lo canciello.

ALFONSO: Bravissimo!

ACHILLE: Mò stamatina se n’è scappata da là dentro e la tengo co me. Povera giovane, primma de venì a Napoli co me, vuole vedere lo zio e tentare tutti i mezzi per farsi perdonare.

ALFONSO: Niente, amico mio cerca di farle levà stu pensiero, per carità!

ACHILLE: Ma perché?

ALFONSO: Perché lo zio non la vò sentì nemmeno nominà. Poco primma questo m’ha detto: «Se mia nipote si permette di venire da me, immediatamente le faccio taglià li capille e la chiudo in un convento», (Silvia si mostra addolorata.)

ACHILLE: Nientedimeno! Questo ha detto?

ALFONSO: E tu me consigliarrisse de non la fà presentà?

ALFONSO: Se capisce, se no è peggio! Ha detto che tutta la robba soja la vuole lasciare a suo nipote Felice che stava a Milano e che stammatina arriva qua; che lo deve mettere in possesso di tutti i suoi beni, e alla nipote manco nu centesimo!

ACHILLE: Ed è na cosa ben fatta, questa?

ALFONSO: Lo sò, ma che ci vuoi fare... Intanto vide che cos’è la fortuna: chillo mò arriva sto Felice e lo zio senza che lo conosce, senza che l’ha visto maje, lo fa padrone di tutta la robba soja... Famme trasì dinto, se no può essere che si piglia collera.

ACHILLE: Chi?

ALFONSO: Il sindaco.

ACHILLE: Il sindaco sta là dinto?

ALFONSO: Eh, se sta mangiando na costata e s’ha bevuto già no litro de vino.

ACHILLE: E che ne dici... se mò vedesse la nipote...

ALFONSO: Non ci pensare nemmeno. So’ sicuro che si mò la vedesse la faciarrìa taglià li capille e la farebbe chiudere in un convento... Io saccio comme la pensa. Si tu la vuò bene veramente, pigliatèlla e puortatèlla a Napoli. Statte bbuono. (Infila la porta dell’osteria.)

ACHILLE: E bravo, vì che bella nformazione aggia avuta! Se nce lo dico a Silvia chella certo non lo crede.

SILVIA (dalla finestra):Ci credo, ci credo, perché l’aggio ntiso io stessa.

ACHILLE: Ah, stavi llà... E già che hai sentito tutto, dimme, che vuoi fare? Jammoncenne a Napoli, siente a me: chillo si appura che staje qua, siamo rovinati. Hai sentito, ti piglia e ti chiude in convento. Tu aspetta là, io mò vado a piglià na bella carrozza e ce ne andiamo haje capito?

SILVIA: Va bene, faccio chello che vuò tu.

ACHILLE: Io mò vengo. (Esce dal fondo.)

SILVIA: No, no... Primma d’andare a Napoli io devo tentare tutti i mezzi per parlare a zizìo... E si potesse... (Si ritira dalla finestra.)

SCENA SETTIMA

FELICE (entra trafelato e stanco):Mamma mia, aiutatemi, io mò moro! Non me ne fido più de correre... Vuj vedite che guaio aggio passato stanotte! Ieri sera arrivaje a Castellammare doppo a nu viaggio de ventisette ore! Tenevo famme, sete... Trovaje na taverna, me mpezzaje e me facette nuovo nuovo! Miezo stunato de vino addimannaje: «Neh, scusate, per andare a Pozzano?», e lo tavernaro: «Da quella parte, però badate: è na bella cammenatella». E se facette na risata... La serata era bbona, e io tenevo genio de cammenà, pure per schiarirmi un poco la mente. Ma che vuò arrivà: camminaje cchiù de n’ora e mmeza... La notte era scesa e vi dico la verità, me mettevo paura. «Anima di papà mio, aiutatemi voi!» Dicenno chesto me trovaje vicino a no casale co na senghetella aperta. Entro, per domandare almeno dove mi trovavo, ma subito me so’ ntiso afferrà da na mano morbida e po’ na vocella accussì aggraziata m’ha ditto: «Pascà finalmente sì venuto! Appiccia nu fiammifero», Io che saccio, o è stato lo vino o ch’è stato... lo fiammifero s’è appicciato overo! Me l’aggio abbracciata e vasata. Quella s’è messa a strillà. è trasuto lo frate... «Chi è, chi ci sta qua dinto? Me voglio mangià lo core!» Pe scappà, aggia aperta na porta: era n’armadio. Finalmente aggio trovato la porta vera, me so’ miso a correre, e curre, curre curre... Io sto correnno da stanotte: tengo la gola arsa! Potesse avé nu bicchiere d’acqua, tengo na sete! (Bussa sul bicchiere.)

SCENA OTTAVA

SAVERIO (accorrendo):Comandate?

FELICE: Abbiate pazienza, scusate, se potesse avé nu bicchiere d’acqua?

SAVERIO: Acqua? Qua acqua non ne tenimmo. Se la volete nu buono bicchiere di vino ve pozzo servì.

FELICE: No, no! Io voleva acqua.

SAVERIO: E l’acqua non ce l’ho. Se volete, dovete andare da quella parte (indica a sinistra in fondo), passate la grotta, trovate la strada nova, cammenate sempre diritto, di faccia trovate la fontana e bevite.

FELICE: Grazie tante. (Fa per andare, poi si ferma.) Ma dimme na cosa, sta lontana sta fontana?

SAVERIO: Tre miglia.

FELICE: Addò! Io non faccio manco tre passe! Allora portame miezo litro de vino e na pagnottella.

SAVERIO: Vi volete fàre la zuppetta?

FELICE: Eh, mi voglio fare la zuppetta.

SAVERIO: Va bene. (Chiamando:) Carmeniè!

CARMENIELLO (di dentro):Che comandate?

SAVERIO: Porta miezo litro de vino e na pagnottella.

CARMENIELLO (di dentro):Va bene.

SAVERIO: Assettàteve. Mò ve faccio assaggià nu vino che non l’avete provato ancora.

FELICE: Eh, da queste parti si fa buon vino.

CARMENIELLO (entrando):Ecco il vino e la pagnottella. (Posa tutto sul tavolo e via.)

SAVERIO: Signò, provate sto vino e diciteme la verità. (Felice versa il vino nel bicchiere e fa per bere.) Comm’è?

FELICE: E mò, si non lo provo... (Beve.) Magnifico, se sente proprio l’uva mmocca.

SAVERIO: è vino comme l’ha fatto la mamma.

PASQUALE (di dentro):Compà, compare mio... mo moro de contentezza!

SAVERIO: Ch’è stato?

PASQUALE (entrando):Faciteme assettà nu poco.

SAVERIO: Ccà sta la seggiola, assettàteve.

PASQUALE (a Felice):Permettete? (Siede.) Compà, aggia avuto dinto a li mmane chella carogna de stanotte? (Felice che aveva messo in bocca un pezzo di pane, resta col boccone in bocca; lazzi dei tre.)

SAVERIO: Compà, veramente? E addò sta?

PASQUALE: Addà arrivà oggi e si deve presentare allo zio, e lo zio sapete chi è?

SAVERIO: Chi è?

PASQUALE: è lo sinneco mpersona! (Felice fa la tarantella col coltello nel piatto; lazzi dei tre; Pasquale dice piano a Saverio:) Compà, sentite, asseconnammolo: chisto adda essere nu povero giovane, malato de nierve, nevrastenico...

SAVERIO (piano):Aggio capito, va buono. (Forte:) Lo sinneco?

PASQUALE: Eh, lo sinneco.

SAVERIO: E comme l’avite appurato?

PASQUALE: è stato lo cielo, compare mio! Poco primme so’ andato a casa, e vicino a lo lietto, nterra, aggio trovato sto portafoglio. (Felice, c.s., fa tarantella col coltello nel piatto; lazzi dei tre.) Sulamente lo suo poteva essere... L’aggio aperto e nce aggio trovato ddoje lettere de lo zio. Dice che l’aspetta qua il giorno 25agosto: oggi 25n’avimmo, dunque ogge adda arrivà... Po’ ce stanno 15 lire e questi biglietti de visita. Se chiamma Felice Sciosciammocca. (Lazzi di Felice.)

SAVERIO: Sissignore, lo sinneco accussì se chiamma. Avite visto buono, neh, cumpà?

PASQUALE: Comme, chesto che cos’è... Leggete voi stesso.

SAVERIO (prende il biglietto e lo guarda):E io non saccio leggere... (Lo restituisce a Pasquale.)

PASQUALE: Signò, scusate, qua come dice? (Dà il biglietto a Felice.)

FELICE (legge):Fel... Fel... Felice Sciosciammocca.

PASQUALE: Avete visto?

SAVERIO: E voi mò che pensate di fare?

PASQUALE: Comme che penso di fare? Mò mi vado a piazzà sotto lo palazzo de lo sinneco e non mi muovo. Appena arriva lo nipote, una de li ddoje: o se sposa a sorema, o le dongo na cortellata ncanna. (Lazzi.)

SAVERIO: E avite ragione, accussì se mparano a rispettà le figliole oneste.

PASQUALE: Compà, ma vedite la combinazione... lo nipote de lo sinneco?

SAVERIO: E figuratevi che lo sinneco s’ha chiammata a Nannina e ha voluto sapé chi era...

PASQUALE: Pecché, lo sinneco addò sta?

SAVERIO: Sta dinto, è venuto a pruvà lo vino mio. (Meraviglia di Felice.)

PASQUALE: Ah, neh? Allora mò trase pur’io e senza che se ne accorge me metto appresso a isso come una sentinella. Addà arrivà lo nepote!

SAVERIO: Sicuro, dicite buono.

PASQUALE: Jammo, compà, trasimmo. (Soggetto e entra nell’osteria.)

SAVERIO: Voi vino non ne volete più? (Lazzi di Felice; Saverio a parte.) Uh, e a chisto le sta venenno na cosa!

FELICE: Quanto pago?

SAVERIO: Undici soldi. (Felice caccia la moneta e fa lazzi nel piatto.) Che ve vulita fà, n’ata tarantella?

FELICE: Questi so’ 12 soldi, nu soldo a voi.

SAVERIO: Grazie tanto. (Prende il danaro e via.)

FELICE: E comme faccio, comme me presento cchiù da mio zio... Quello m’ha scritto che mi voleva mettere in possesso di tutti i suoi beni appunto perché aveva saputo che io ero un giovane serio... se appura sto fatto, è capace che lascia tutto a mia sorella, la quale non ne ha bisogno perché vive ritirata... Mò ziemo sta llà dinto, io me potarrìa presentà... Eh, e comme me presento, co la sentinella vicino... Aspetta, mò gli scrivo nu biglietto... (Scrive:) «Amato zio, colgo l’occasione che un amico si reca costà, e vi scrivo questo biglietto per dirvi che mi trovo in letto con una forte febbre». E io mò freva tengo! «Spero fra otto giorni potervi abbracciare. Vostro nipote Felice»...

SCENA NONA

FELICE (vedendo Carmeniello uscire dall’osteria, mentre Silvia compare alla finestra):Giovinò, scusa famme nu piacere. Dentro ci sta il sindaco?

CARMENIELLO: Sissignore.

FELICE: Allora dalle sto biglietto.

CARMENIELLO: E chi nce lo manna?

FELICE: Lo nipote che sta a Milano. Siccome dovevo venire qua per affari, m’ha cercato lo piacere di portare sto biglietto a lo zio.

CARMENIELLO: Va bene. (Se lo prende. Felice soggetto.)

FELICE: Io me ne vado, ti raccomando.

CARMENIELLO: Non dubitate. (Felice via a destra per il fondo.) Mò certo m’abbusco na meza lira.

SILVIA (uscendo dall’albergo):Guè, pss... Addò vaje?

CARMENIELLO: A portà no biglietto a lo sinneco.

SILVIA: Bravo! Vai a portare un biglietto al sindaco senza sapé che dice... E si nce stanno scritti insulti, male parole? Che vuò passà nu guaio?

CARMENIELLO: Vui che dicite?!

SILVIA: Famme vedé. (Legge piano fra sé:) Mamma mia. Mò facive colezione, pranzo e cena! (Fa gesto di botte.)

CARMENIELLO: Pecché? Pecché?

SILVIA: Comme pecché? Qua dice: «Signor sindaco, voi siete una rapa e avete voluto essere sindaco per rubare perché siete nu marioncello»... Hai capito?

CARMENIELLO: Mamma mia! Eh... mo m’abbuscavo sta meza lira!

SILVIA (lacera il biglietto):Vattènne dinto, e non dire niente, sà?

CARMENIELLO: Io non arapo manco la vocca. (Via nell’osteria.)

SILVIA: Aggio fatto la penzata... Caspita, mio fratello arriva tra otto giorni... ziemo non conosce né a me né a isso... Mò te faccio abbedè che combino! (Via nell’albergo.) (Procopio entra dal fondo a destra; è stanco, con fisionomia pallidissima; porta un lungo soprabito con bottoni di metallo bianco e tutto abbottonato, collo con cravatta nera, coppola del medesimo colore del soprabito con lunga visiera e scritto «Custode»; calzone stretto, scuro.)

PROCOPIO: Anema de moglierema Catarina, aiutami tu! Aggio passato lo guaio, e tutto pecché? Pe me j a comprà nu sicario... Non ce fosse mai juto! Ma pure se non ci andavo, quella s’era messa in testa di scappà? E se non era ogge era dimane... Anima de moglierema Caterina, e io comme faccio? La direttrice ha detto: «Andate, correte, appurate dove sta la ragazza, altrimenti guai a voi! Voi l’avete dato braccio forte, voi eravate d’accordo con lei, voi vi siete fatto vincere dal danaro». A me? A Procopio Ciaramella questo insulto? A un uomo onesto! Dunque allora, che significa? Che io, mediante una ventina di lire ch’aggio avute, nn’aggia fatta fuì? Oh, Caterina mia, aiutami tu!

SALVATORE (che si trova uscendo dal fondo con lettera):Che cos’è, neh, vi sentite male?

PROCOPIO: No, niente, grazie, troppo buono. Stavo parlando con mia moglie, Caterina.

SALVATORE: E addò sta?

PROCOPIO: Addò sta? Sta llà, in Cielo. è morta da due anni, mi voleva tanto bene. Quando mi succedeva qualche disgrazia, essa cercava di darmi coraggio, mi compativa, mi asciugava le lacrime.

SALVATORE: Ma perché, scusate, mò avete avuto qualche dispiacere?

PROCOPIO: Nu dispiacere gruosso assai, una rovina! Dovete sapere che io sono il custode dell’Educandato che sta a Castellammare. Stammattina, come al solito, le figliole so’ calate in giardino per passeggiare... Io me so’ ghiuto a piglià nu sicario dal tabaccaro dirimpetto... In questo frattempo un’educanta, nientemeno, se n’è scappata... e fra l’altre cose, giusto la nipota de lo sinneco se n’è scappata! Capite? Tengo ragione di piangere?

SALVATORE: Ih? non è stata na gran cosa, non sapeva che era succieso.

PROCOPIO: Comme ! Chille vònno la figliola da me! Hanno ditto ca io l’aggio dato braccio forte.

SALVATORE: Ihhhhhh!

PROCOPIO: Ma lo capite che io passo nu guaio, che me ne cacciano?

SALVATORE: Ihhhhhh! So’ tutte cosarelle de niente nfaccia a la disgrazia che aggio passato io!

PROCOPIO (a parte):Questo è n’ato disgraziato!

SALVATORE: A voi se n’è scappata una, a me se ne scapparono quatte!

PROCOPIO: Salute! Quattro? E ll’avite passata liscia?

SALVATORE: Liscia? Me steva piglianno la morte! So’ stato otto giorni senza parlà, e mò so’ rimasto che quanno è la notte, dormo co n’occhio chiuso e n’ato apierto.

PROCOPIO (a parte):Quanto adda essere brutto la notte, chisto!

SALVATORE: Capite, m’ha toccato la nervatura!

PROCOPIO: Avete ragione, ma scusate, voi poi nintemeno ve ne facite scappà quatto?

SALVATORE: Erano tre anni che io me l’accarezzavo... Ogni settimana mi privavo de lo pane pe lo dà a loro... Due settimane fa m’ero seccato. Dicette: «Vattènne, nun me ne voglio ncarricà cchiù» Quanno fuje lo sabato, bell’ommo mio cheste so’ cose d’ascì pazzo! Quanno fuje lo sabato, ppppà tutte e quatto!

PROCOPIO: Che cosa?

SALVATORE: Che cosa? 1, 21, 50 e 83.

PROCOPIO: Ah, voi parlate di quattro numeri?

SALVATORE: Sissignore!

PROCOPIO (fa la mossa):Mò te sòno no schiaffone! Io me credevo che parlava di quattro figliole che se n’erano scappate e chello se ne vene... 1, 21, 50 e 83... Ccà, si se mbroglia la facenna, si fanno na denunzia in questura, io me trovo mbriacato mmiezo a nu mbroglio che me po’ mannà deritto deritto ngalera, e stu muorto frisco... 1, 21, 50 e 83... Mannaggia a la primma mamma, de la promamma de la stramamma de tutte le mamme de la promamme de l’anema de mammeta! Ehhhh, anema de muglierema Catarina, aiutame tu! (Esce.)

SALVATORE: Ih comme parla bello! A chest’ora sarrìa no signore, sarrìa padrone de 60.000 piezze! (Addenta la lettera che ha in mano.) Uh, a proposito, chesta è na lettera che va al sindaco, l’aggio trovata al palazzo e io mò la stavo straccianno!

VOCI (dall’osteria):Evviva lo sinneco! Vivò!

SALVATORE: Viva lo sinneco! (Entra nell’osteria.)

SCENA DECIMA

SILVIA (esce dall’albergo, vestita da uomo):Mò vedimmo se faccio lo colpo. Co li panne d’Achille sto bene. Chillo che sta ascenno sara zizìo. Coraggio! (Via.)

FELICE (entra dal lato destro):Chi sa se quello scemo l’ha data la lettera, chi sa Zizìo ch’ha ditto...

VOCI (dall’osteria):Evviva lo sinneco!

FELICE: Stanno uscendo qua fuori... (Entra nell’albergo, poi comparisce alla finestra.)

CICCIO (esce dalla porta dell’osteria, seguito da Alfonso, Pasquale, Saverio, Nannina e Salvatore):Grazie, grazie: ho passato un’ora proprio divertita. (Pasquale lo segue.)

SAVERIO: Vostra Eccellenza m’ha fatto un grande onore, e si me promettite de tornà, ve faccio trovà lo locale tutto rinnovato.

CICCIO: Bravissimo, e ti dico francamente ca tiene nu buono bicchiere de vino.

SAVERIO: è bontà vostra. (Ad Alfonso:) Segretà, io ce ne volarrìa mannà no barile a casa. Comme ve pare, s’avesse piglià collera?

ALFONSO (a parte a Saverio):Sà che vuò fà? Mandalo a casa mia, io poi ce lo mando a lui, se no s’offende.

SAVERIO: Va bene.

CICCIO (a Pasquale):Ma vuje venite appriesso a me?

PASQUALE: Sì, eccellenza, pecché ve voglio bene assaie.

CICCIO: Va bene, ma io non posso camminà co uno appriesso... Dunque, tu ti chiami Nannina?

NANNINA: Sì, Eccellenza. Sissignore.

SAVERIO: è la commarella mia, serva di vostra Eccellenza.

CICCIO: Bravo! è proprio na figliola aggraziata.

NANNINA: Grazie, Eccellenza.

CICCIO: Và, segretà, jammoncenne. Voglio arrivà fino alla stazione pe vedé si è venuto lo treno da Napoli. Chi sa che sarà successo, a quest’ora mio nipote Felice avvarrìa stà ccà.

FELICE (dalla finestra, piano):E io sto ccà!

ALFONSO: Forse si sarà dovuto trattenere qualche poco a Napoli.

CICCIO: E andiamo a vedere. (Fa per andare.)

TUTTI: Viva lo sinneco!

SILVIA (entra):Signori miei, scusate: Vorrei sapere il sindaco chi è...

SAVERIO: Comme chi è? L’addore non lo sentite? (Mostra Ciccio.)

CICCIO (a parte):Già, comme fosse nu piatto de baccalà!

SILVIA: Voi!

CICCIO: Sì, io... Perché?

SILVIA: Signor sindaco rispettabile! (Gli stringe la mano.) Ma non vi dice niente questa stretta di mano? Il sangue non vi dice chi sono?

CICCIO: Aspetta... Forse tu sei...?

SILVIA: Vostro nipote Felice! Il vostro caro nipote. (Lazzi di Felice.)

CICCIO: Ah... qua, un abbraccio! (Si abbracciano.) Mò credo che sarraje stanco?

SILVIA: Eh, vi pare: vengo da Milano.

FELICE (a parte):Uh... vène da Milano... (Pasquale vorrebbe inveire, ma lo trattengono.)

CICCIO: Ma che bel giovane! Don Alfonsino, dite la verità, che bella salute!

ALFONSO: E che bella presenza...

CICCIO: Caro Felice.

FELICE (a parte):Che?

CICCIO: Tu sarai il padrone di tutta la mia roba!..

FELICE (a parte):Mamma mia, mamma mia...

CICCIO: Adesso ce ne andiamo a casa, dove ho fatto preparare per te un magnifico pranzetto.

SAVERIO: Viva lo nipote de lo sinneco!

TUTTI: Evviva!

SALVATORE (avvicinandosi a Ciccio):Eccellenza, scusate, mò che so’ juto a lo palazzo, aggio trovata sta lettera per vostra Eccellenza, e siccome ncoppa dice «Di Premura», ve la dò. (Felice dà un colpo di bastone sul cappello di Alfonso.)

ALFONSO: Signor sindaco, mi hanno fatto un ferbone!

CICCIO: Che vi hanno fatto?

ALFONSO: Mi hanno menato una cosa in capa!

CICCIO: E va buono! (Apre la lettera e legge:) «Onorevole signore, verso le otto di questa mattina vostra nipote Silvia è fuggita dall’educandato e non abbiamo ancora notizie. Cercate con la vostra autorità di rintracciarla. La Direttrice»... Bravissimo, m’ha fatto immenso piacere! Tanta vote l’ha ditto fino a che l’ha fatto! Meglio accussì, mò spero che non mi seccheranno più. Io tengo nu solo nipote e si chiama Felice. Questa Silvia non appartiene a me, perciò non la voglio nemmeno sentire nominare. (Straccia la lettera.)

SILVIA: Sì, perché fa disonore al nostro cognome!

CICCIO: Vieni, nipote mio vieni! (Via.)

TUTTI: Viva lo sinneco, viva lo nipote de lo sinneco!

FELICE (uscendo dall’albergo con gli abiti di educanda di Silvia sopra al braccio):Aggio trovato sti panne llà dinto; questi sono di mia sorella, e co tutto che m’è sorella, me combina chesto servizio! Ah, se io potessi... Benissimo! (Va in fondo.) Eh, cara sorella, te voglio fà vedé che te sape combinà questo fratello! Mò, mò ce penso io! (Via nell’albergo.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

Salotto con porta in fondo e quattro laterali. Due mensole dorate con orologi e candelabri. Sulla mensola di sinistra una bottiglia di marsala e due bicchierini, campanello e scatola di cerini. Due poltroncine e due sedie dorate.

SCENA PRIMA

CONCETTELLA (dal fondo):Quanto è simpatico lo nipote de lo sinneco... Da stammattina che è arrivato m’ha fatto stunà talmente che io non conchiudevo niente cchiù! Po’ tene na maniera... tene na voce accussì aggraziata ca non se po’ credere! Pe li servì a tavola, aggio rotto duje piatti e no bicchiere... Po’ se dice ca li femmene fanno perdere la capa all’uommene! Ce stanno cierti giovinotti che ce fanno perdere la capa, li gamme e tutte cose! Ah, eccoli qua!

SCENA SECONDA

CICCIO (entra, in veste da camera, seguito da Silvia):Dì la verità, Feliciè: te siente meglio?

SILVIA: Oh, meglio assai! è stato un pranzo proprio squisito.

ALFONSO (che è entrato dietro agli altri due):Avete un cuoco magnifico, signor sindaco.

CICCIO: Và, assettammoce nu poco.

SILVIA: Io, vi dico la verità, ho mangiato con grande piacere... prima perché avevo una fame diabolica e poi per la gioia di avere abbracciato uno zio così buono e così affezionato. Quando vi ho veduto, credetemi, ho avuto una tale emozione che non sono scoppiato a piangere solo perché mi vergognavo.

CICCIO: Veramente?

SILVIA: In parola d’onore! Che volete, sono stato tanto tempo solo a Milano, senza un parente, senza un amico affezionato che potesse, in qualche momento, lenire le mie pene, calmare i miei dolori...

CICCIO: I tuoi dolori.,, e che dolori?

SILVIA: Che dolori? Oh, zio, e che domanda mi fate? Perdetti mia madre!

CICCIO (ad Alfonso):La nzalatara!

SILVIA: Poi perdetti mio padre, il povero padre mio... ed eccomi solo nel mondo, orfano, senza un aiuto, senza un conforto... Quanti e quanti giorni sono stato digiuno e ho sofferto con pazienza, perché dicevo: «Verrà il momento che il fratello di mio padre si ricorderà del suo sventurato nipote!» (Piange.)

CICCIO (piangendo):E mi sono ricordato, mi sono ricordato!

CONCETTELLA (piangendo) E se capisce che s’aveva ricordà!

CICCIO: Statte zitta tu! Tu non c’entri!

ALFONSO: State al vostro posto, voi!

CICCIO: Io non ti permetto sta confidenza.

CONCETTELLA: Signò, io me sento na cosa dinto a lo stommaco, io debbo sfogare!

CICCIO: E và a sfogare a la via de fore! Nipote mio, leviamo questi discorsi da mezzo: mò sono finite le tue pene... mò te faccio fà la vita de lo signore! Và, fumammece na sigaretta. (Tira fuori un portasigarette, dà una sigaretta ad Alfonso, una a Silvia, ne prende una per sé; rivolto ad Alfonso.) Avete fiammiferi?

ALFONSO: No, non ne tengo.

CICCIO: Vuje nun tenite mai niente! Concettella, i fiammiferi.

CONCETTELLA: E pecché?

CICCIO: Guè, pecché? Pecché vulimmo appiccià!

CONCETTELLA: Ah, scusate, steva pensando a n’auta cosa. (Prende la scatola di cerini sulla mensola e la porge a Silvia.) Eccovi servito.

CICCIO: Io te l’aggio cercata io! (Toglie di mano a Silvia la scatola e accendono le sigarette.) Parliamo un poco di Milano.

SILVIA (a parte):Oh, mò viene lo mbruoglio!

CICCIO: Mi dicono che è una gran bella città.

ALFONSO: Oh, bellissima! Io ci sono stato due volte.

CICCIO: Feliciè, tu dove abitavi?

SILVIA: Io abitavo... Oh, tenevo una bella casa, ma quando era vivo papà abitavamo a quella strada così bella... non mi ricordo come si chiamava... quella bella strada lunga lunga... cioè non tanto lunga, così così... quella strada che ci sono quelle belle botteghe... botteghe da qua, botteghe da là...

ALFONSO (a Silvia):Al Corso?

SILVIA: Già al Corso! Ah, là stavamo bene.

ALFONSO: Vedevate il Duomo?

SILVIA: Sì, lo Duomo steva llà bascio.

CICCIO: Dice che il Duomo è bello assaje?

SILVIA: Ih, così, così, non c’è male.

ALFONSO: Voi che dite, Don Felì, non c’è male? Quella è un’opera sorprendente, un’opera colossale.

SILVIA: Sì, questo non lo nego, ma a me non piace.

ALFONSO: Non vi piace?

CICCIO: Non gli piace, che volete, questione di gusti. A me, per esempio, la frittata con le cipolle non mi piace. (A Silvia:) E la galleria, come ti pare?

SILVIA: La galleria? (Ad Alfonso:) Scusate, quale sarebbe la galleria?

ALFONSO: Come, quale sarebbe? La galleria di Milano, dove c’è il caffè Biffi.

SILVIA: Ah, dove sta quel caffettuccio!

ALFONSO: Eh, caffettuccio! Quello è un grande caffè a quattro entrate!

SILVIA: Ah, sissignore. Ma che volete, ho studiato sempre, non teneva mai un’ora di libertà.

ALFONSO: Non avete visto nemmeno la Scala?

SILVIA: Oh, di scale sì, n’aggio visto assaje!

ALFONSO: Io dico la Scala, il Teatro Massimo!

SILVIA: E no, il Teatro di Don Massimo nun l’aggio visto.

ALFONSO (a parte):Io volarria sapé che c’è stato a fà, a Milano!

SILVIA: Ma caro zio, mi avete detto che volevate passeggiare in giardino?

CICCIO: Sì, te voglio fà vedé che bella cosa, che belle piante... In mezzo ci ho fatto una capanna cinese... Te voglio fà consolà. Quella è tutta roba tua. Alfonsì; jate che io mò vengo. Vaco a scrivere na lettera a lo Notaro, pe dicere che venesse subeto co la carta bollata. E appena vene, te faccio donazione di tutto quello che posseggo.

SILVIA: Zio mio io avrei bisogno di parlarvi… vi dovrei dire una cosa che...

CICCIO: Forse non deve sentire nessuno?

SILVIA: Perfettamente.

CICCIO: Segretà, scusate: andate in giardino, mio nipote adesso verrà.

ALFONSO: Vado subito. (Via.)

CICCIO (a Concettella): Vattennefore, tu.

CONCETTELLA: Io pure me n’aggia j?

CICCIO: Eh, tu pure.

CONCETTELLA: Va bene. (Dà un sospiro guardando Silvia.) Ah! (Via.)

SILVIA (parte):Voi vedete chella che vò da me!

CICCIO: Dunche, Feliciè, che m’haje da dicere?

SILVIA: Primma di tutto, volevo ringraziarvi di tutto quello che avete fatto per me, e che farete per l’avvenire. Voi dite che mi volete fàre donazione di tutta la vostra roba... e credete con ciò di avermi fatto felice?

CICCIO: E che altro ti debbo dare? Quanno te dongo tutto cose...

SILVIA: Ed è appunto questo che io non voglio! Invece di tutte le vostre ricchezze, io ne desidero la metà.

CICCIO: La mmità? E io l’altra mmità che ne faccio? A chi la dongo?

SILVIA: La darete a Silvia, a quella povera sorella mia...

CICCIO: No, questo no! Non me ne parlare nemmeno, a essa non le voglio dà manco nu centesimo.

SILVIA: Ma perché?

CICCIO: Pecché m’hanno scritto sempe che è stata insopportabile, disubbidiente, capricciosa... Insomma, Felì, se io aggio voluto riconoscere a te che sì ommo, va bene, ma essa non posso, non la voglio riconoscere. (A parte.) Lui non lo sa che la mamma era na nzalatara e che mio fratello non s’è mai unito co lei in vincolo matrimoniale!

SILVIA: Dunque, assolutamente non le volete lasciare niente?

CICCIO: Manco nu centesimo!

SILVIA: Allora, caro zio, scusatemi, io rinunzio a tutto ciò che voi volete offrirmi. L’avrei accettato con piacere e sarei stato più contento se a mia sorella, al sangue mio, non le fosse mancato il pane. Fino a che stava chiusa nell’Educandato, va bene, non era tanto da compiangersi, ma adesso che è fuggita, e non sappiamo per quale ragione, adesso che la poveretta si vede sola, senza un appoggio, senza un aiuto, volete che io, suo fratello, la lasci in mezzo a una strada, senza averne compassione? Oh no, zio mio, non posso farlo, non mi sento la forza di abbandonare quella povera giovane. Domani chi sa che cosa ne potrà avvenire di lei... Potrà rovinarsi, potrà perdersi, e allora che cosa si dirà di voi, che si dirà di me! Oh che bravo zio, che buon fratello sono stati loro che hanno messo alla disperazione quella sventurata fanciulla. Oh, no, zio mio, date le vostre ricchezze a chi volete, a chi meglio vi piacerà, io mi contento di essere povero, povero come lei! (Via.)

CICCIO (piangendo):Che cuore nobile! Che sentimenti nobili! Teh nu vaso! M’ha fatto venì nu nuozzolo nganna... Chillo se contenta de la mmità, abbasta ca l’auta mmità và a la sora... Scommetto che si era la sorella, s’avarría pigliato tutte cose essa!

SCENA TERZA

CONCETTELLA (entrando):Signò, fore ce sta na figliola che vò parlà afforza co voi.

CICCIO: E chi è?

CONCETTELLA: Non me l’ha voluto dicere, ma si la vedite fa compassione: sta co lo fazzoletto mmane e sta chiagnenno.

CICCIO (a parte):Quale sospetto... fosse mai... (A Concettella:) Fatela entrare. (Siede.)

CONCETTELLA (che è uscita e rientra ora con Felice vestito da educanda come Silvia):Bella figliò, trasite, chillo llà è lo sinneco. (Felice si getta ai piedi di Ciccio piangendo.)

CICCIO: Pss... (A Concettella:) Uscite, voi. (Concettella via.) Alzatevi.

FELICE: Oh, no, zio mio. Mi alzerà quando mi avrete perdonata.

CICCIO: Mai, non vi perdonerà mai! (La spinge.) Voi non meritate il mio perdono, e non sò con quale ardire vi siete presentata a me, dopo quello che avete fatto!

FELICE: L’ho fatto ma senza voglia.

CICCIO: Ah, senza voglia?

FELICE: Ho mancato, sì è vero, ma ora ne sono amaramente pentita... Io non credeva di fare un gran male.

CICCIO: Ma ora che cosa volete da me?

FELICE: Niente, non desidero che due cose: esse perdonata da voi e abbracciare mio fratello!

CICCIO: Vostro fratello tiene troppo amor proprio, troppo decoro e non credo che vi abbraccerà.

FELICE: Oh, non dubitate, caro zio, mio fratello mi abbraccerà!

CICCIO: Ma perché ve ne siete fuggita dall’educandato? Voglio sapere la ragione, voglio sapere perché?

FELICE: Mille sono state le ragioni, zio mio, mille! Non me ne fidavo più, mi hanno messo con le spalle al muro... tutte le compagne contro di me, la Direttrice non mi poteva pariare.

CICCIO (a parte):Eh! Pariare...

FELICE: Sì, sopportare... A me mi faceva fare tutti i servizi pesanti... e mò và scopa, mò và tira l’acqua... Teneva una mano così gentile, me l’hanno fatta fare piena di calli, guardate.

CICCIO: E chesta è mano da facchino!

FELICE: Po’ trovàvene sempe la scusa che m’ero portata male e mi facevano stare digiuna, mi davano solamente pane e acqua. Come dovevo fare io, povera figliola? Stammatina, disperata e morta di fame, sono fuggita... Dove potevo andare? Fino a mò m’è venuto appriesso nu signore, ma poi, vedendo che non l’ho dato retta, se n’è andato. Zio mio, perdonatemi, mi moro di fame! (Piange.)

CICCIO: Pss, finitela! (A parte.) La nipote de lo sindaco che se more de fame! (A Felice:) Mi fa meraviglia questa cosa! Tutti dicono che in quell’educandato le ragazze sono trattate bene.

FELICE: Non è vero, zio mio, non è vero! Mangiamo sempre fagioli, ceci, aringhe e rape...

CICCIO: Come fossero carcerati!

FELICE: E la biancheria dei lettini ce la cambiano ogni mese.

CICCIO (a parte):Mamma mia, povere figliole! (A Felice:) Basta non voglio sentire più niente. In ogni modo, avete fatto male a fuggire: una figliola onesta questo non lo fa!

FELICE: Perdonatami!

CICCIO: Per ora non posso dirvi niente. Non sò vostro fratello che cosa intende fare. Oggi è lui il padrone di tutto: io l’ho fatto donazione di tutta la mia roba.

FELICE: A chi?

CICCIO: A Felice, a vostro fratello.

FELICE: Ah! E alla sorella... cioè, a me?

CICCIO: A voi... a voi... niente!

FELICE: Veramente? (Piano.) Oh, che piacere!

CICCIO: Come avete detto? Ne avete piacere?

FELICE: Si capisce! E io appunto questo volevo, che lasciavate tutto a Felice. Oh, se aveste lasciata a me la metà, io l’avrei ceduta a lui... Ma che cosa ne facevo del danaro? Donna, sola, senza una persona che me lo avesse amministrato, in pochi mesi sarebbe tutto finito... Invece voi avete fatto benissimo di dare tutto a Felice e io sono sicura che egli non abbandonerà la sua misera sorella! (Piange.)

CICCIO (a parte):Ma sangue di Bacco, chiste so’ due angeli!

FELICE: Ma dov’è mio fratello? Dove sta? Lo voglio vedere.

CICCIO: Aspettate in quella stanza. Quando io vi chiamerà voi uscirete.

FELICE: Grazie, zio mio, grazie. Me more de fame?

CICCIO: Mò mange!

FELICE Me more de sete?

CICCIO: Mò beve! (Felice via.) Che bona figliola! Che bravi ragazzi! Chillo rinunzia alla metà pe la dà a essa, essa invece cede tutto a isso... che bella cosa! Un bacio pure a te, tieni! (Manda un bacio.)

SCENA QUARTA

SILVIA (entra):Ebbene, zio, che cos’è, non venite in giardino?

CICCIO: Si, mò appunto venivo da te. T’aggia dicere na cosa, che sono sicuro ti farà piacere.

SILVIA: Che cosa?

CICCIO (con precauzione) : Indovina dinta a chella cammera chi ce sta?

SILVIA: Chi ce sta?

CICCIO: Ce sta Silvia, tua sorella.

SILVIA: Mia sorella? Possibile?

CICCIO: Sì, è venuta poco prima chiagnenno comme a che... te dico che m’ha fatto compassione... S’è menata a li piede mieje col domandarmi perdono di quello che aveva fatto. Mò sta là, dinto a chella cammera. Ha ditto che se n’è scappata dall’Educandato pecché la trattavano male, le facevano fare i lavori pesanti e la davano a mangià ceci, aringhe e rape!

SILVIA: Ah! perciò se n’è fuggita? (A parte.) E chesta chi cancaro sarrà?

CICCIO: Mò sta aspettanno che io la chiammo pecché te vò vedé. Ma si vide quanto te vò bene! Io, pe vedé comme la pensava, aggio fatto avvedé che già ti avevo fatto donazione di tutta la mia roba. Me credevo che essa n’aveva dispiacere. Niente affatto! Ha ditto: «Bravissimo, avete fatto bene a lasciare tutto a Felice!»

SILVIA: Ah, questo vi ha detto?

CICCIO: Chesto, sì. Me pare che sia na bell’azione. Aspetta, mò la chiammo. Tu fà vedé ca, come fratello, le faje nu rimprovero... Io pure, capisce, me so’ mantenuto sulla mia. Po’ essere che se n’è scappata per un’altra ragione e allora ci troviamo che non ci siamo troppo sbilanciati co lei. (Va a destra, porta della stanza dov’è Felice.)

SILVIA: Va bene. (A parte.) Io aggia vedé chi è sta figliola che me combina questo scherzo.

CICCIO: A voi, venite avanti. (Entra Felice.) Abbracciate vostro fratello.

FELICE: Ah fratello, fratello mio! (Abbraccia Silvia.) Ma che cos’è, tu mi accogli freddamente, tu non mi dici niente... Ma che ti ho fatto di male! Perché non mi stringi, perché non mi baci?

SILVIA (a parte):Ma chesta chi è?

FELICE: Come ti sei fatto bello! Quando ci siamo lasciati eravamo piccolini piccolini, tu ci avevi ancora la pettola, ti ricordi? (A Ciccio:) Ci aveva la pettola! Oh, adesso sei un uomo... E a me, a me come mi trovi?

SILVIA: Oh, anche tu stai bene.

FELICE: Ma che sò... tu stai serio, freddo... forse stai in collera con me perché sono fuggita dall’educandato? Ah, lo sò, una buona figliola, una giovane onesta, questo non lo deve fare... E poi, la nipote del sindaco... Già tutti l’avranno saputo, chi sa che cosa avranno pensato di questa fuga! E che figura farà questo povero infelice, nessuno lo guarderà più in faccia... (A Ciccio:) Non è vero?

CICCIO: Si capisce!

SILVIA: Ma niente affatto, scusate! Perché quando si saprà che la nipote appena è fuggita dal collegio è andata dallo zio e questi l’ha perdonata, nessuno potrà dire niente.

FELICE: Ma bisogna vedere se lo zio la perdona!

SILVIA: Oh, la perdonerà.

FELICE: Oh, questo lo vedremo!

CICCIO: Ma tu vuò essere perdonata o no?

FELICE: Ma si... tanto da voi quanto dal mio caro fratello.

CICCIO (a Silvia):Lei se n’è scappata perché la trattavano male, le facevano fà tutti i servizi pesanti e poi la facevano morì de fame. Se questa è la verità, noi vi perdoniamo. Comme te pare, Feliciè?

SILVIA: Perfettamente.

CICCIO: Vostro fratello penserà per la vostra dote e per il vostro avvenire. Egli voleva dividere con voi l’eredità, ed io così stavo facendo; però, riflettendo a quello che voi giustamente avete detto, ho deciso di lasciare tutto a Felice, di modo che, badate, adesso dipendete da lui.

FELICE: Si capisce, il fratello penserà per la sorella.

SILVIA: Ma no, zio mio, sarà meglio metà a me e metà a lei.

FELICE: No, io non voglio niente, date tutto a Felice.

SILVIA: Ma io tutto non lo voglio... voglio la metà.

FELICE: Ma che metà, o tutto o niente.

SILVIA: Allora date tutto a lei.

FELICE: Oh, guardate, ma io tutto non lo voglio!

SILVIA: Ma perché non vuoi accettare la metà?

FELICE: Perché non voglio niente.

SILVIA: E io nemmeno!

CICCIO: Oh, mò sta robba mia a chi la ddongo? Venita qua, si potrebbe fare in questo modo...

SCENA QUINTA

CONCETTELLA (entrando):Signò, fore ce sta n’ommo che ve vò parlà. Dice ca se chiamma Don Procopio, il guardiano dell’Educandato.

SILVIA (a parte):E chisto me conosce!

CICCIO: Il guardiano dell’Educandato?

FELICE (a parte):Mò vèneno le mazzate!

CICCIO: Benissimo! Ho piacere di fare la sua conoscenza!

FELICE: Zizì, scusate, io non me voglio fà vedé.

CICCIO: Sì, dici bene. (A Silvia:) Feliciè, portati tua sorella. Vi fate una passeggiata in giardino.

SILVIA: Andiamo, sorella.

FELICE: Andiamo, fratello.

SILVIA (piano):Tu in giardino m’haje fà capì chi sì?

FELICE (piano):Io in giardino t’aggia piglià a pacchere! (Escono.)

CICCIO: A te, fà trasì a sta persona.

CONCETTELLA Subito. (Via.)

CICCIO: Le voglio dicere quatte parole a uso mio! Teneno pure lo coraggio de venì ccà. L’hanno misa co li spalle nfaccia a lo muro, a chella povera creatura!

CONCETTELLA (entra seguita da Procopio):Favorite. Chillo è lo sinneco!

PROCOPIO: Grazie, Illustrissimo Signore...

CICCIO: Favorite, favorite, accomodatevi. Concettella, date una sedia al signore. (Concettella dà la sedia.)

PROCOPIO: Troppo buono, grazie. (Siede.)

CICCIO: Scusate, con chi ho l’onore di parlare?

PROCOPIO: L’onore è mio, per carità. (A parte.) Che bella maniera... lo signore sempe signore è! (A Ciccìo:) Io mi chiamo Procopio Ciaramella, ai vostri pregiati comandi.

CICCIO: Preghiere sempre.

PROCOPIO: Sono il custode dell’Educandato che sta qui a Castellammare.

CICCIO: Possibile! Voi siete il custode dell’Educandato? Oh, sono proprio fortunato di aver fatto la vostra conoscenza!

PROCOPIO: Ma no, la fortuna è mia.

CICCIO: Concettella, date un bicchiere di marsala al signore.

CONCETTELLA: Subito.

PROCOPIO: Ma illustrissimo, queste sono mortificazioni!

CICCIO: Ma niente affatto, è dovere!

PROCOPIO: Grazie tante, troppo gentile. (A parte.) Che educazione, che nobiltà! (Beve.)

CICCIO: Concettella, ritiratevi. (Concettella via.) Dunque, perché vi siete incomodato, che cosa dovete dirmi?

PROCOPIO: Ecco qua, signore. Io vengo da parte della Direttrice, la quale, poveretta, sta molto addolorata per il fatto che è successo. Dice che vi ha scritto una lettera, e bramerebbe sapere se avete fatto qualche cosa... se avete appurato niente. Io poi ero venuto per avere da voi un biglietto di raccomandazione appunto per la Direttrice, la quale sta infuriata assai contro di me e mi ha licenziato. Che c’entro io, pover’ommo? M’ero andato a prendere no sicario, in questo frattempo se n’è scappata... Giacché voi siete tanto buono, ma fate nu piccolo bigliettino e così mi salvate.

CICCIO: Questo è tutto? La Direttrice sta addolorata...

PROCOPIO: Piena di dolori.

CICCIO: E vuole sapere se io ho appurato niente... E voi volete un bigliettino di raccomandazione per farvi rimanere là?

PROCOPIO: Sissignore, Eccellenza.

CICCIO: Te voglio dà tanta cauce e tanta cauce che t’aggia fà abballà pe mez’ora, a te e alla signora Direttrice, capisci? Sùsete da lloco, alzati! Sùsete da lloco te dico! Tene pure lo coraggio de venì dinto a sta casa mia, grandissimo svergognato! E dì a questa direttrice dei miei stivali che non se pigliasse cchiù l’ardire di scocciarmi co lettere e co «ambasciatori», pecché si no vaco llà e le mparo io comme se fa la Direttrice.

PROCOPIO: Ma signò...

CICCIO: Zitto non arapì la vocca che te piglio a paccare! Io saccio tutto. Chella povera figliola non ne poteva cchiù, l’era arrivata l’acqua nganna... e mo và scopa, e mò và a tira l’acqua... Che se credeva, la Direttrice, che chella era la serva dell’anema de la mamma? E po’ dincello da parte mia, che i fagioli, i ceci, l’aringhe e li rape se l’ha da magnà essa, non l’ha da dà alle educande!

PROCOPIO: Ma qua rape?

CICCIO: Zitto, non parlà ca te dongo na seggia ncapo! (Prende una sedia.) Le voglio fà io no piattino comme se conviene, n’aggia fà na pubblicità de sto fatto, l’aggia fà mettere ncoppa a tutte li giornale! Se n’è scappata... Se capisce che se n’aveva scappà, ha fatto bbuono che se n’è scappata... E che aveva aspettà, che se moreva de famma? La biancheria a li lietti se cambia ogne mese! E tu, quanno te la cambie, ogne anno? Chesto addò se vede!

PROCOPIO: Ma nonsignore, eccellenza...

CICCIO: Statte zitto che te mengo la butteglia nfaccia!

PROCOPIO (a parte) : All’anema de lo signore!

CICCIO: Vattènne tu, e dincello alla Direttrice che mia nipote sta qua e che perciò non si pigliasse più il fastidio di andarla cercando, hai capito?

PROCOPIO: Sissignore.

CICCIO: E quanno te ne vaje!

PROCOPIO: Eccomi qua... vi volevo dire...

CICCIO (minacciandolo con la sedia):Non voglio sentì niente! Jesce! (Procopio scappa.) Ah! Aggio sfucato! Aggio sfucato! (Via.)

SCENA SESTA

ALFONSO (entra sconcertato):Io pe me non ho capito se quelli so’ fratello e sorella o so’ cani e gatti... M’hanno lasciato co la scusa che volevano andare a passeggiare, e se ne sono andati a litigare sotto al pergolato. Va trova perché...

CONCETTELLA (entra seguita da una donna in nero):Favorite, favorite, accomodatevi,

ACHILLE: (mascherato da donna con velo nero sulla faccia guanti e ventaglio):Grazie.

CONCETTELLA: Segretà, sta signora ha detto che è la Direttrice dell’Educandato. Ha saputo che la nipote de lo sindaco sta ccà e la vò vedé. Allora ce lo dite voi a Don Ciccio, chillo po’ essere che sta occupato.

ALFONSO: Va buono, vattenne.

CONCETTELLA (ad Achille):Chille è lo segretario de lo sinneco, parlate co isso. (Via.)

ALFONSO: Se la signora vuole attendere un momentino...

ACHILLE: Che signora, Alfonsì so’ io! (Si toglie il velo dalla faccia.)

ALFONSO Che vedo! Achille! Oh, chesta è bella, vestuto da femmena... e pecché?

ACHILLE: Pe venì a vedé la nnammurata mia... Ma Alfonsì, pe carità...

ALFONSO: Oh, te pare... (Ride.) No, ma staje bbuono, sà!

ACHILLE: Quando tu stamattina m’hai detto: «Se la vuoi bene, portatela subito a Napoli», io l’ho lasciata all’albergo e so’ andato a pigliare na carrozza. Quando so’ tornato non l’ho più trovata. Figurati che preoccupazione! Ho pensato che era tornata al collegio, mi sono andato a informare e m’hanno detto che non s’era vista. Allora m’è venuto il pensiero che fosse venuta qua, da suo zio... «E che scusa trovo per entrare? Comme me presento? Un momento, mò faccio finta di essere la Direttrice!» Mi so’ fatte mprestà sti panne dalla patrona de casa mia ed eccomi qua.

ALFONSO: Sangue de Bacco, è stata proprio na pensata magnifica. E quando vedi il sindaco che gli dici?

ACHILLE: Non te n’incarricà, l’invento quatte chiacchiere... Ma essa addà sta? Alfonsì fammela vedere, famme sto piacere...

ALFONSO: Sta in giardino, aspetta... (Va a guardare in fondo a sinistra.) Ah, eccola qua!

FELICE (entrando):Neh, scusate, zizio addo sta?

ALFONSO: Non sò, forse starà nel suo studio. Qua c’è una signora che vi deve parlare.

FELICE: A me? (La guarda, poi a parte.) E chi è quella, la levatrice?

ACHILLE (piano):Aspetta, Alfonsì, tu che fai? Chesta non è essa!

ALFONSO (piano):Non è essa?

ACHILLE (piano):No!

ALFONSO (piano):Comme no? Tu fai l’ammore con la nipote del sindaco?

ACHILLE (piano):Sì, ma non è chesta.

ALFONSO (piano):E chi è?

ACHILLE (piano):è n’ata.

ALFONSO (piano):Voi vedete la combinazione! Io mò le stavo per dire: «Qua sta l’innammorato vostro!»

FELICE: Dunque, chi è che mi deve parlare?

ALFONSO (piano ad Achille):Questa la Direttrice la conosce e capisce che non sei tu. Voltati da là. (Lazzi.) Ecco, signorina... (A parte.) Statte, aggio fatta la pensata! (A Felice:) Questa signora è la sorella della vostra Direttrice che è venuta qui per vedervi.

FELICE (a parte):E si chesta me conosce?

ACHILLE (ad Alfonso):Tu che hai fatto? E si chesta me sape?

ALFONSO (piano):Non credo, che diavolo! (Ad alta voce:) Dunque, parlate, io vado dal sindaco a vedere se ha bisogno di me. (Piano ad Achille:) Ricordate mò, che se il sindaco ti vede, tu gli devi dire che sei la sorella della Direttrice!

ACHILLE: E si capisce.

ALFONSO: Permettete? (Via.)

FELICE (a parte):Vuje vedite, aveva venì chesta pe me nguaià a me!

ACHILLE (a parte):Io vorrìa sapé chesta chi è?

FELICE: Accomodatevi, vi prego. (Gli dà una sedia e seggono con le facce voltate.)

FELICE: Vostra sorella la Direttrice, come sta?

ACHILLE: Eh, non c’è male. E voi?

FELICE: Ih, così così.

ACHILLE: E voi siete proprio la nipote del sindaco?

FELICE: Sissignore, per servirla.

ACHILLE: Che volete, in mezzo a tante ragazze, non mi ricordo, ma mi pare che a voi non vi ho vista mai.

FELICE: Non sò, così mi pare.

ACHILLE: Io credo che voi non mi conoscete nemmeno?

FELICE: Io no. E voi nemmeno mi conoscete?

ACHILLE: Nemmeno.

FELICE: Ah, va bene! (Si volta.)

ACHILLE: Bravissimo! (Si volta.) E qui, in casa di vostro zio, vi trovate bene?

FELICE: Ah, benissimo! Figuratevi, quello non è uno zio, è una perla!

ACHILLE: Ma scusate, voi perché siete fuggita dall’Educandato?

FELICE: Non me ne fidavo più, cara signora. La Direttrice, scusate che v’è sorella, ma non sa trattare le ragazze.

ACHILLE: Scusate, mi pare, se non sbaglio, che voi a vostro zio non lo conoscete?

FELICE: No, non l’avevo mai visto.

ACHILLE: E, scusate... come vi chiamate voi?

FELICE: Io mi chiamò Silvia.

ACHILLE: Silvia! (A parte.) Sangue de Bacco, ma chisto è n’inganno! (A Felice:) Voi non siete Silvia, non siete la nipote del sindaco!

FELICE (a parte):Mò vène lo mbruoglio! (Ad Achille:) E perché?

ACHILLE: Perché Silvia io la conosco benissimo! E adesso dirò tutto al sindaco.

SCENA SETTIMA

SILVIA (entrando):Che cos’è, ch’è successo?

FELICE (piano):Chesta è la sorella de la Direttrice, và dicere a zizio che io non songo la nepota. Arrepàra!

ACHILLE (a parte):Silvia co i vestiti miei ncuollo!

SILVIA: Scusate, voi siete la sorella della Direttrice?

ACHILLE: Sissignore.

SILVIA: Ma che sorella! La Direttrice non tiene sorelle!

FELICE: La Direttrice non tiene sorelle!

SILVIA: Chiamate il segretario del sindaco.

FELICE: Subito. La Direttrice non tiene sorelle! (Via.)

SILVIA: Adesso sapremo subito chi siete.

ACHILLE (togliendosi il velo):Silvia, mannaggia a te! So’ io!

SILVIA: Che vedo!? Achille!

ACHILLE: Tu che hai fatto? Pecché sì venuta ccà? Pecché te sì vestuta da ommo?

SILVIA: Mò non ti posso dire niente, poi ti racconto tutte cose. Ma tu, pecché te sì vestuto da femmena?

ACHILLE: Pe venì dinta a sta casa, pe te vedé!

SILVIA: Statte zitto.

FELICE (entrando con Alfonso):Ecco qua il segretario.

ALFONSO: Che cos’è?

SILVIA: Niente, la sorella della Direttrice, siccome non aveva mai visto mia sorella, così diceva che non era lei.

ACHILLE: Sicuro.

FELICE: Ma tu hai detto che la Direttrice non tiene sorelle...

SILVIA: Così mi credevo.

ALFONSO: Scusate, e Don Felice che ne sapeva? Niente!

SILVIA: Attendete in questa stanza, che fra poco vi farò parlare con mio zio.

ACHILLE: è stato uno sbaglio, lui si credeva... Addio, carina. (Via.)

FELICE: Addio carogna!

ALFONSO (a parte):Io non capisco chisto che mbruoglio è! (Ad alta voce:) Adesso vado a farle io compagnia. Permettete? (Entra appresso ad Achille.)

FELICE: Prima avete detto che non era la sorella, e poi vi siete cambiata.. Sotto ci sta l’imbroglio...

SILVIA: Feliciè, fratello mio, mò te dico tutte cose: quello è l’innamorato mio, il quale per vedermi è venuto qua vestito da donna...

FELICE: L’innamorato vostro? Bravissimo! Mò vi combino un bel servizio co zizìo! Questo è il momento di scoprire gli altarini...

SILVIA: No, per carità, Feliciè, non fà chesto! Ma comme, quando poco fa, in giardino, m’hai detto che sei mio fratello io un altro poco morivo di gioia... E mò perché mi vuoi fare del male?

FELICE: Niente, non sento compassione! V’è piaciuto il pranzetto che stava preparato per me, e io pover’ommo me moro de famma... V’è piaciuto di presentarvi da mio zio e tentare di levarmi la metà delle sue ricchezze...

SILVIA: Ma io sono tua sorella, e la metà spetta a me.

FELICE: Ma pe piacere mio pero, non già con un inganno, come voi avete fatto! Mò non ce sta cchiù rimedio. Una delle due: o dite a zizìo che lasciasse tutto a voi, cioè a Felice suo nipote, o si no le dico tutte cose!

SILVIA: Questo mai! Se si tratta di stare soggetta a te pure per un centesimo, allora fà quello che vuoi tu, dì quello che vuoi tu, che non me ne importa niente! Poi vedremo zizìo come si regola.

FELICE: Va bene, vedremo zizìo come si regola. (Chiamando:) Zio... zio...

SCENA OTTAVA

PASQUALE (di dentro, gridando):T’aggio ditto che voglio parlà co lo nipote de lo sinneco e non me ne vaco da ccà si nun ce parlo!

FELICE (a parte):Mamma mia! Il fratello della ragazza!

CONCETTELLA (entrando, a Silvia):Signurì, scusate, fore ce sta n’ommo co na figliola, dice che vonno parlà co vostra Eccellenza. C’aggia fà?

SILVIA: Vonno parlà cu me?

FELICE: Eh, tu sei il nipote del sindaco!

SILVIA: Va bene. Falli entrare.

CONCETTELLA (alla porta):A vuje, trasite!

PASQUALE (entrando con Nannina):Grazie tante.

SILVIA: Che cos’è, perché gridate in quel modo?

PASQUALE: Signuri, scusate; io pe tanto aggio strillato pecché sta figliola ha ditto: «Mò non potite parlà co nisciuno», e siccome se trattava de nu fatto necessario assaje, accussì aggio aizato nu poco la voce. Scusate.

SILVIA: Va bene. Voi dunque dovete dirmi qualche cosa?

PASQUALE: Sissignore, signurì, na cosa che me preme assaje.

SILVIA: Concettella, ritiratevi. (Concettella via.) Andiamo, parlate.

PASQUALE: Ma sta figliola, però...

SILVIA: Questa figliola è mia sorella.

PASQUALE: Scusate, signurì: è zitella?

SILVIA: Ma perché volete saperlo?

PASQUALE: Pecché, vedite, signurì, si è zitella non po’ sentì.

SILVIA: Sorella, vi prego, ritiratevi.

FELICE: Io volevo sentì... Ah, m’ero scordato che so’ zitella. (Esce efa capolino.)

SILVIA: Dunque?

PASQUALE: Signurì, vedite a sta figliola? Questa è mia sorella.

SILVIA: Bravo, è una simpatica ragazza!

PASQUALE: Ve piace?

SILVIA: Sicuro!

PASQUALE: E a te, Nannì, comme te pare stu signorino?

NANNINA: Ma che addimanne me faje, frate mio! Me piace assaje, assaje!

PASQUALE: Brava, chesta era la primma cosa necessaria. Signurì, vui vedite sta figliola? Chesta v’ha da da essere mogliera.

FELICE (a parte):E faje st’affare!

SILVIA: A me? (Ride:) Ah, ah, ah! Chesta è bella!

PASQUALE: Ched’è, signurì, vuje redite, ve facite na resatella?

SILVIA: Ma si capisce, perché sono cose curiose.

PASQUALE: Comme, so’ cose curiose?

NANNINA: Ma frate mio, chillo non sape nuje chi simmo, pecché stevemo all’oscuro.

FELICE (a parte):Siente a chell’auta, siè!

PASQUALE: Ah, già! Signurì, chesta ccà è chella figliola de stanotte.

SILVIA (con lo stesso tono):Quà figliola?

PASQUALE: Comme, non sapite? Quà figliola... Chella che steva dinto a lo casale allo scuro.

SILVIA: Quà casale...? Io non sò niente.

PASQUALE: Ah, non sapite niente? (Fa il gesto di prendere un’arma.)

NANNINA (lo trattiene):Pascà!

PASQUALE: Statte zitta! Giovinà, parlammo no poco cchiù chiaro. Si tu...

SILVIA: Ma insomma...

PASQUALE: Si vuje site lo nipote de lo sinneco, io so’ Pascale Guerra, giovane onorato fino alla cima dei capelli... Io fatico e magno, magno e fatico...

FELICE (a parte):E chisto è cavallo d’affitto...

PASQUALE: E a chi tentasse de fà n’affronto a la casa mia, saria capace de scepparle lo core da lo pietto!

SILVIA: Ma io non sò voi che dite... non capisco le vostre parole... (Un poco appaurata.)

PASQUALE: Comme, io parlo accussì chiaro e non capite?

NANNINA (piano):Pascà, chillo ha fatto la faccia bianca bianca, non lo fà mettere appaura... mò parl’io. (A Silvia:) Ma comme, signurì, non ve ricordate quanno stanotte site trasuto dinta a la casa mia e io, piglianneve pe frateme, pecché steveme all’oscuro, v’aggio ditto: «Guè, Pascà, te sì ritirato finalmente! Appiccia nu fiammifero»...

FELICE: All’anema de lo fiammifero!

NANNINA: Vuje, senza parlà, m’avite abbracciata, e m’avete dato nu bacio. Ero io, stgnurì, ero io chella figliola c’avite vasata!

FELICE: E ssì bbona, sà!

NANNINA: Po’ è venuto Pasquale, s’è miso a strillà e vuje ve ne site scappato. Vuje site stato, signurì... non lo potete negare, pecché vuje site lo nipote de lo sinneco, vuje ve chiamate Felice Sciosciammocca... E sto portafoglio che avimmo trovato nterra vicino a lo lietto è vostro... ce stanno li bigliette da visita co lo nomme vostro, e ce stanno pure doje lettere che zizìo v’ha scritto a Milano.

FELICE (a parte):E li quinnece lire?

NANNINA: Lo vedete, signurì, vuje acalate la capa... non lo potete negare... e allora pecché farme lo mmale a me poverella? Pasquale me voleva accidere, mentre io non ce aggio nisciuna colpa, nisciuna colpa! (Piange, e piange anche Pasquale asciugandosi gli occhi con la manica della giacca.)

FELICE (a parte):Ha cacciato lo fazzoletto de batista!

PASQUALE: Credo che mò avarrate capito?

SILVIA: Va bene, tornate domani, io parlerò con mio zio.

PASQUALE: E tanto ce vo, pe parlà co sto zio vuosto? Ce parlate mò e nuje tornammo stasera.

SILVIA: Tornate stasera... Cercheremo d’aggiustare questa cosa.

PASQUALE (sullo stesso tono):Cercheremo di aggiustare questa cosa... Non ce vò niente: o ve spusate a sorema, o ve chiavo na cortellata nganna! Ce simme capite? Stateve bene, ce vedimmo stasera. Jammoncenne. (Fa per andarsene, poi torna.) Dinto a lo portafoglio ce aggio trovato 15 lire...

FELICE (a parte):Ah, mbè!

PASQUALE: Colle 15 lire m’aggio accattato no cortiello accussì. (Mostra con la mano l’altezza.)

FELICE (a parte):S’è accattato lo pecoriello pe Pasca.

PASQUALE: O ve sposate a sorema, si no nganna ve lo chiave! Jammuncenne. (Via Nannina che guarda Silvia con passione.)

SILVIA (a Felice che esce dalla destra):Oh, mò dimme che vuò combinà?

FELICE: Sorella, sorella mia!

SILVIA: Ah, mò me chiamme sorella tua? Benissimo! Mò te combino lo servizio... O dice a zizìo che me desse la mmità delle ricchezze soje, o le dico tutte cose.

FELICE: No, per carità!

SILVIA: Niente, non sento compassione!

FELICE: Ma io so’ ommo... Facimmo tre quarte a me e nu quarto a te.

SILVIA: No miezo pedono! Ah, ecco ccà zizìo. Che vuò fà?

FELICE: Va bene, facinimo miezo pedono!

SCENA NONA

CICCIO (con carta):Feliciè, questa è la donazione, mò vaco addo lo notaro mio e isso s’incarica de farla registrà, e de fà tutte cose. Tiene, lieggiatella: aggio rimasto tutto a te, tu poi penserai per tua sorella.

SILVIA: Ma scusate, io a mia sorella volevo darle la metà.

CICCIO: Mò accomminciammo n’auta vota?

FELICE: Mò cominciamo un’altra volta?

CICCIO: Tua sorella ha ditto che non vò niente?

FELICE: No, zizì ce aggio pensato meglio, facimmo metà per uno accussì ognuno se vede lo ssujo.

SILVIA: Perfettamente, è meglio così.

CICCIO: Cheste so’ cose de pazze! Mò aggia fà la carta n’auta vota... Vì ca chesta è carta bollata, sà?

SILVIA: Non importa, zizì, facitela n’auta vota.

CICCIO: Va bene. (Esce.)

FELICE: Ora siete contenta?

SILVIA: Contentissima. (Via appresso a Ciccio.)

FELICE: Io mò aggio avuta perdere la mmità de la robba mia, pe causa e chillo cancaro de Pascale Guerra, mannaggia all’anema de la mamma!

ALFONSO (entra, eccitato):Sangue de Bacco, lo nipote de lo sindaco è femmena vestuta da ommo, Achille m’ha ditto tutte cose... E chesta chi è? (Fa precauzione, lazzi.) Neh, scusate, bella figliola... diciteme la verità, io non dico niente: voi chi siete?

FELICE: So’ na povera infelice, na povera disgraziata che per causa de nu fatto ca m’è successo stanotte aggio perzo mmità de la robba mia!

ALFONSO: Possibile? Ma chi siete?

FELICE: Non ve lo pozzo dicere ancora, perché se sta facenno na carta a la via de dinto... Non pozzo parlà. (Concettella entra da fondo.)

ALFONSO: Ma con me vi potete confidare, non abbiate paura. (L ‘abbraccia.)

FELICE: Lasciateme stà, non ve pozzo dicere niente. Stasera, in questa camera, saprete tutto.

ALFONSO: Va bene, non vi voglio forzare. Se avete bisogno di me, comandatemi pure. Per voi farò qualunque cosa!

FELICE: Grazie, grazie, amico mio! (L’abbraccia e lo bacia, lasciando Concettella scandalizzata.)

ALFONSO (a parte):Uh, m’ha vasato!

FELICE (a parte):Tiene mente, distratto aggio vasato a chisto!

ALFONSO: Dunque, stasera mi direte tutto?

FELICE: Sissignore, stasera.

ALFONSO: Dateme n’altro bacio.

FELICE: Sì, tenete. (Lo bacia molte volte.) (Concettella fa segni con la mano che dirà tutto allo zio poi esce.)

ALFONSO: Basta, basta... io mò moro! (Cade sopra una sedia.)

FELICE: Eh, hai fatto st’affare, hai fatto!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

SCENA PRIMA

SILVIA (entra e chiama):Achì, Don Alfonso, uscite.

ALFONSO (entra con Achille):Eccoci qua.

ACHILLE: Insomma, c’aggia fà? Io non me ne fido cchiù de sta co sti panne ncuollo... Mò mi vado a spogliare a casa, poi torno regolarmente e mi presento a tuo zio, dicendo che ti voglio sposare. Io non credo che farà difficoltà.

SILVIA: Ma no, è impossibile, Achille mio, questo non si può fare stasera, perché zizìo ha detto che siccome s’è fatto tardi, dal notaio ci va domani mattina. Quando appura la finzione c’aggio fatto è capace che s’infuria, straccia la carta c’ha fatto e me faje perdere na fortuna.

ALFONSO: Già, dice bene.

SILVIA: Io direi, giacché non t’ha visto, pe mò vattènne, domani al giorno, po’, quando la carta è legalizzata, quando tutto è fatto, te lo faccio sapé pe mezzo de Don Alfonsino. Tu viene, ci parli e o vuole o non vuole ha da consentì afforza. La paura mia era che mio fratello parlasse, ma fortunatamente non può parlà, pecché tene nu guaio ncoppa a li spalle.

ALFONSO: Vostro fratello? Aspettate, chi è vostto fratello?

SILVIA: Come chi è? Non l’avete capito ancora? è quello che sta qua, vestito da femmena... quello ch’ha ditto a zizìo che era la nipote, che era io, insomma!

ALFONSO: Comme, come! Possibile? Quello è uomo?

SILVIA: Sissignore, è mio fratello.

ALFONSO: Uh, mamma mia! E io m’aggio fatto vasà da chillo!

ACHILLE: Te sì fatto vasà? (Ride:) Ah, ah, ah!

ALFONSO: E io sapevo chesto? Quello pareva proprio na femmena... Mannaggia all’anema soja! E mò addò sta?

SILVIA: Sta in terrazza co zizìo. Achì, vattènne, ce vedimmo dimane.

ACHILLE: Statte bbona. (Fa per andarsene.)

SILVIA: Aspetta, sento rummore... Chi è?

CONCETTELLA (con candelabro acceso):Signurì, felice sera!

SILVIA: Felice notte.

CONCETTELLA (vedendo Achille):Uh signò! Vuje state ancora ccà?

ALFONSO: Adesso se ne va, tornerà domani perché il sindaco è occupato.

ACHILLE: Sì, tornerà domani.

CONCETTELLA E comme, doppo aspettato tanto tempo se n’ha da j... Ah, ecco ccà lo signore.

ALFONSO (a parte):Stateve bene!

SCENA SECONDA

CICCIO (entra a braccetto con Felice):Mò faccio preparà na bella tavola in terrazza e là ceneremo stasera... Hai visto che bella luna sta uscendo?

FELICE: Zizì, pecché la luna quann’esce e rossa e po’ se fa bianca?

CICCIO (a parte):E io mò saccio chesto? (A Felice:) Pecché... quann’esce, esce allegra allegra, tutta beata, poi quando s’innalza vede le miserie del mondo, i peccati dei mortali e impallidisce.

FELICE: Ah, mò aggio capito... (A parte.) Vede i guai miei e se fa bianca!

CICCIO: Feliciè, tu stai qua? E questa signora chi è?

SILVIA: Questa signora... è sorella alla Direttrice dell’Educandato; era venuta per parlare con voi e per vedere mia sorella.

CICCIO: Ah, la sorella della Direttrice? Tanto piacere.

ACHILLE: Piacere è mio.

CONCETTELLA: Scusate, signò, a me me pare che la signora quando è venuta ha detto che era proprio la Direttrice.

ALFONSO: Nossignore, avete inteso male: ha detto la sorella della Direttrice.

ACHILLE: Sissignore, ho detto la sorella.

CICCIO: Voi dunque dovete parlarmi? Io pure debbo dirvi qualche cosa. Signori vi prego, ritiratevi un momentino. (Silvia eAlfonso s’inchinano e escono a sinistra; Alfonso va via guardando Felice; Concettella via dal fondo; Felice fa per andare.) Voi rimanete. (Ad Achille:) Accomodatevi, signora. (Seggono.) Parlate prima voi.

ACHILLE (a parte):E io mò che dico? (A Ciccio:) Ecco qua, signor sindaco: avendo saputo che vostra nipote era fuggita dall’Educandato dove sta mia sorella come direttrice, sono venuta a domandare perché ha fatto questo. Quale è stata la ragione che l’ha spinta a fare un simile passo? Io sò che mia sorella le voleva tanto bene. Non è vero? (A Felice:) Ditelo voi stessa.

FELICE (a parte):Chisto è cchiù mbruglione de nuje! (Agli altri:) Sì, mi voleva bene... io mò che debbo dire? Certamente per fuggire c’è dovuto essere una ragione. Non si fugge così.

ACHILLE (a parte):Ma che imbroglione che è questo!

CICCIO: Vedete, signora, per parlare così la ragazza è segno che l’hanno dovuta mettere con le spalle al muro, se no non sarebbe fuggita!

FELICE: Oh, questo è certo!

ACHILLE: Ma signor sindaco, voi poi non dovete credere tanto facilmente a tutto quello che vi si dice. Io non posso parlare perché se no vi proverei con i fatti che tutto ciò che vi ha detto questa ragazza non è vero... Aprite gli occhi.

CICCIO: Come s’intende, aprite gli occhi?

FELICE: Oh, scusate, Donna... non mi ricordo come vi chiamate?

ACHILLE: Mi chiamo... Anna.

FELICE: Scusate, Donn’Anna: io a zizìo l’ho detto la verità, e voi parlando in questo modo fate capite che non siete venuta qua per parlare con lui e per vedere a me, ma forse per qualche altra ragione... Aprite le orecchie!

ACHILLE: Qualche altra ragione... Io perché dovevo venire?

FELICE: E io perché dovevo fuggire?

CICCIO: E io perché non debbo capire? (Si alzano.) Basta in ogni modo io ho voluto ritirarmi la ragazza.

ACHILLE: Oh, voi siete il padrone di fare quello che vi pare e piace.

CICCIO: Quando poi mi riesce, andrò a parlare direttamente con la Direttrice.

SCENA TERZA

SAVERIO (di dentro):èpermesso?

CICCIO: Chi è? Avanti.

SALVATORE (con biglietto da visita):Illustrissimo, abbascio a lo palazzo s’è fermata na carrozza con parecchia gente dentro. Na signora m’ha dato sto biglietto de visita dicennome che se permettete v’avarria fà na visita. (Consegna il biglietto.)

CICCIO (leggendo):«Angiola Maria Tropea, Direttrice dell’Educandato in Castellammare». La signora Tropea! (Ad Achille:) Vostra sorella.

ACHILLE (a parte):E chesta ce mancava!

CICCIO: Justo iusto! Io ci volevo parlare... giacché è venuta, falla saglì, e la fai aspettare un momento qua.

SALVATORE: Subito. (Via.)

ACHILLE: Signor sindaco, io vi chieggo un gran favore: siccome sto contrastata con mia sorella da tanto tempo, così non mi vorrei fare vedere...

FELICE: State contrastata con vostra sorella? Sarebbe una bella occasione per riappaciarvi.

ACHILLE: No, no, non me voglio riappacià. (A Mò le chiavo lo ventaglio nfaccia!)

CICCIO: E come si fa?

ACHILLE: Me ne vado, ci vedremo un altro giorno. (Fa per andarsene.)

CICCIO: Ma scusate, quella mò v’incontra per le scale. Sapete che volete fàre? Entrate in questa camera e ve ne andrete dopo di lei.

ACHILLE: Ah, sicuro, grazie. (A parte.) Afforza aggia stà ccà. (A Ciccio.) Ma non dite che io sono venuta...

CICCIO: Non dubitate. (Achille entra.)

FELICE: Zizì; io nemmeno me voglio fà vedé dalla Direttrice...

CICCIO: Va bene, tu aspetti in terrazza. Vieni. (Via a sinistra, seguito da Felice.)

SALVATORE (entra dal fondo):Favorite, favorite, da questa parte. (Entra Angiola infuriata, facendosi vento col ventaglio; la seguono Virginia, Adelina, Leopoldina e Giuseppina, vestite da educande tutte uguali, con paglia; in ultimo entra Procopio anche lui infuriato e segue tutti i movimenti di Angiola; porta un cassettino con bottigline di odori e un soffietto; in tasca ha un biscotto nero.)

ANGIOLA: Grazie infinite! (Con lettera e raffioletti.)

PROCOPIO: Grazie infinite!

SALVATORE: Il signor sindaco ha detto che aspettate un momento qua.

ANGIOLA: Va bene, aspetteremo. Noi non daremo tanto fastidio al signor sindaco... è quistione di chiarire dei fatti, è quistione di amor proprio! (Passeggia.)

PROCOPIO: Perfettamente: è quistione di amor proprio! (Passeggia.)

ANGIOLA: Statte zitto, tu.

PROCOPIO: Va bene.

SALVATORE (mette le sedie dietro alle quattro educande):Permettete? Vui ve putite pure assettà.

ANGIOLA: No, grazie, stiamo all’impiedi. (Alle quattro:) Voi potete accomodarvi. (Le quattro seggono tutte insieme con un sol movimento, e restano come statue.)

SALVATORE (a parte):Uh, quanto so’ belle cheste! (Ride e via.)

PROCOPIO: Signò, voi vi dovete fare sentire, quello ha detto parole brutte assaje, ha detto parole che manco a na serva se mannarrìano a dì!

ANGIOLA: Ma m’ha chiamata proprio direttrice dei suoi stivali?

PROCOPIO: Sissignore. Eh, solo chesto... Tutto chello che v’aggio ditto.

ANGIOLA: Va bene. Vedremo se sono direttrice dei suoi stivali! Mi sento un tremito per tutte le carni... Mi gira un poco la testa... dammi il liquore anodino.

PROCOPIO (prende una bottiglia e la dà):Eccovi servita. (La donna odora e la restituisce.) Un poco di vento. (Esegue.)

ANGIOLA: Sono cose che fanno dispiacere, credimi... Procopio, io vorrei piangere.

PROCOPIO: Ma si capisce, sono parole che offendono assai, e specialmente una donna come voi che tiene venti anni di servizio!

ANGIOLA: E in vent’anni, quando mai mi è successo una cosa simile? Dire, niente di meno che io faccio mangiare alle ragazze fagioli, ceci, aringhe e rape... Noi non sappiamo che cosa sono le rape.

PROCOPIO: No, io lo saccio.

ANGIOLA: Tu che c’entri. Ragazze, ditelo sul vostro onore: avete mai mangiato voi di questi cibi?

LE QUATTRO: Oh, mai, Mai! Mai!

ANGIOLA: E quali sono i frutti che avete sempre?

LEOPOLDINA: Mele...

ADELINA: Pere...

VIRGINIA: Aranci...

GIUSEPPINA (forte):Ceràse...

PROCOPIO (a parte):Prune pappagone a no soldo! Mò simme arrivate abbascio a lo mercato, mò!

ANGIOLA: E poi ha avuto il coraggio di diere allo zio che io le facevo tirare l’acqua, le facevo pulire i pavimenti... io! Ma se l’appura il governatore, io come farò? Va bene che mi conosce, che sa io come la penso... ma pure se non vuole credere tutto, qualche cosa crederà, e io che figura ci faccio?

PROCOPIO: Eh, signò, mò me scurdavo na cosa: ha detto che la biancheria ai lettini la cambiate ogni mese e a me ogne anno!

ANGIOLA: Ogni mese! Oh, ma questo è troppo, questi sono insulti positivi! E tu non l’hai risposto niente?

PROCOPIO: Che aveva rispondere? Quello n’ato ppoco me scassava na seggia ncapo!

ANGIOLA: Benissimo!

PROCOPIO: No, malissimo!

ANGIOLA: Vedremo se questo signor sindaco ripete ancora quello che ha detto... Mi sento una rabbia che non si può credere, vorrei sfogare come dico io... Guardate come sto tremando... Procopio, dammi l’acqua di Melissa.

PROCOPIO Subito. (Esegue.) Nu poco de vento sempe è buono. (Esegue.)

ANGIOLA: Io non sono abituata a queste emozioni, ho un cuore così sensibile che ogni piccola cosa mi fa impressione. Queste calunnie a me? A me che voglio bene a quelle ragazze come fossero mie figlie? E quando è venuto qualche loro parente con l’intenzione di ritirarsene qualcheduna, quella giornata io ho pianto, e che cosa gli ho detto sempre? Ditelo voi stesse.

LEOPOLDINA: Non me la togliete...

ADELINA: Non ve la prendete...

VIRGINIA: Non ve la portate...

GIUSEPPINA (forte):Lasciatela stà!

PROCOPIO (a parte):Datele nfaccia!

ANGIOLA: E adesso mi debbo sentire queste infamie! Fortunatamente si è trovato questo biglietto nel cassettino della signorina sua nipote e con questo biglietto l’illustrissimo signor sindaco saprà la vera ragione perché la tortorella è volata via!

PROCOPIO: Zitto, signò: eccolo qua!

SCENA QUARTA

CICCIO (entra, e le quattro ragazze si alzano):State comode... Accomodatevi.,. Assettateve! (A parte.) Mò so’ sorde? (A un cenno di Angiola le quattro seggono.) Ah, l’aveva dicere essa! (Ripetere il cenno di Angiola; ad Angiola:) Signora, vi prego, accomodatevi. (Procopio dà le sedie; lazzi; lui siede in mezzo.) Rispettabilissima signora, io avevo stabilito di venire domani da lei, e così avere una spiegazione del modo come è stata trattata Silvia mia nipote. Fortunatamente è venuta lei da me...

ANGIOLA: E con la stessa sua intenzione, cioè per farmi spiegare con quale ardire lei si permette di dire a Procopio, qui presente, che io sono la Direttrice dei suoi stivali!

CICCIO (alzandosi):Perché così è, Direttrì! Senza che vi vestite di carattere... Ardire e non ardire... Io tutto quello che ho detto, ho detto bene.

ANGIOLA (alzandosi):Avete detto male, signor sindaco, e vi prego di non gridare con me, perché io non sono avvezza ad essere trattata in questo modo... Ricordatevi che sono una donna e sono una signora! (Siede abbattuta.)

PROCOPIO: Signò, signò!

ANGIOLA: Dammi l’aceto aromatico.

PROCOPIO: Subito. (Esegue.) Volete nu poco de vento?

ANGIOLA: No!

PROCOPIO: Sempe buono. (Esegue.)

CICCIO: Chella se ne vene, come lei si permette? Me permetto, sicuro!

ANGIOLA: è la prima volta in vita mia che mi succede questo... Quando mai...

PROCOPIO: Ma voi potete ragionare senza alterarvi. Sindaco, scusate, quella è sensibile, subito si accende.

CICCIO (lazzo):La ragazza è venuta qua piangendo, col dirmi che era fuggita perché voi specialmente non la potevate pariare.

PROCOPIO: Uh, pariare!

CICCIO: Che d’è?

PROCOPIO: Niente.

CICCIO: Poi le faciveve tirà l’acqua, la faciveve scupà, e poi trovàveve la scusa che s’era portata male e la faciveve stà a pane e acqua.

ANGIOLA: Oh veramente? Questo facevo io? (Ridendo:) Ragazze, ma voi sentite? Ma come, non ridete? (Le quattro ridono forte ad un cenno di Angiola.) Basta! (Le quattro smettono di colpo.)

CICCIO (a parte):S’è rotta la corda... (A Angiola:) Poi, che sò, ogni giorno fagioli, ceci...

ANGIOLA: Basta! Signor Sindaco, vi prego di ascoltarmi un poco...

PROCOPIO: Volete odorare qualche cosa?

ANGIOLA: No! Io capisco che voi avete creduto, e giustamente dovevate credere, a tutto quello che vi ha detto vostra nipote. Ma chi vi dice che non ha potuto mentire? Io posso provarvi due cose, la prima che non è vero affatto che io tratto le ragazze come dice lei, e la seconda che è fuggita per una ragione assai più importante di quella che v’ha detto.

CICCIO: E quale sarebbe sta ragione?

ANGIOLA: Un momento. Leopoldina, venite qua. (Leopoldina si presenta.) Dite al signore come vi trovate con me, come vi tratto io?

LEOPOLDINA: Oh, bene, bene assai, non abbiamo di che lagnarci. Mi fa meraviglia come Silvietta ha potuto parlare male della nostra buona Direttrice.

ANGIOLA: Grazie. (Prende un raffioletto dalla borsa e lo dà a Leopoldina, che se lo mette in bocca e va a sedere mangiando.)

CICCIO (a parte):E incominciato il pasto delle belve!

ANGIOLA: Adelina, venite avanti. (Adelina si presenta.) Dite al signore come sono i vostri lettini.

ADELINA: Oh, bellissimi, morbidi, con biancheria sempre pulita e Silvietta diceva sempre: «Che buoni letti, che brava Direttrice!».

ANGIOLA: Grazie. (Dà un raffìoletto.)

CICCIO (a parte):La scigna ha avuto la porzione soja!

ANGIOLA: A voi, Virginia. (Virginia si presenta.) Dite al signore se è vero che io facevo tirare acqua e facevo spazzare alla vostra compagna Silvietta.

VIRGINIA: Oh, non è vero affatto! Noi non facciamo altro che studiare, ricamare e passeggiare. Non ci strapazza per niente la nostra buona Direttrice.

ANGIOLA: Grazie. (Altro raffioletto.) A voi Giuseppina. (Giuseppina si presenta.) Dite al Signore quante volte al giorno mangiate.

GIUSEPPINA: Quattro volte! La mattina alle sette: latte e caffè e pane. A mezzogiorno: carne e patate. Alle sei: riso, carne, uova e frutta. Alle dieci e mezza: insalata, salame, pane e mela.

PROCOPIO: A mezzanotte no prociutto accussì!

CICCIO: A mezzanotte te dongo nu provolone ncapo, si non te staje zitto!

GIUSEPPINA: Oh, non ci fa desiderare niente, la nostra buona Direttrice!

ANGIOLA: Basta grazie. (Per prendere altro raffioletto.)

PROCOPIO: Lasciate sta, signora: chesta me la governo io. (Caccia di tasca un biscotto nero e lo dà a Giuseppina che lo mette in bocca e mangiando va a sederei)

CICCIO: Va bene, tutto questo va bene... ma perché se n’è fuggita?

ANGIOLA (alzandosi):Procopio, conducete un momento in sala queste ragazze.

PROCOPIO: Subito.

CICCIO: Perché scusate?

ANGIOLA: Perché non possono sentire quello che adesso vi dirà.

CICCIO: Allora fatele trattenere qua, nella sala da pranzo.

PROCOPIO: Va bene, Eccellenza. Ragazze, alzatevi. Su, all’impiedi! (Le quattro si alzano in un solo movimento tutte insieme.) Fianco sinist, sinist! (Le quattro eseguono.) In avanti marsh! (Le quattro camminancì a passo di soldato ed escono.)

CICCIO (a parte):Ma che so’, soldate?

PROCOPIO: Io debbo restare?

ANGIOLA: Sicuro!

PROCOPIO: Voleva tené compagnia alle piccerelle.

ANGIOLA: Nonsignore, state qua.

PROCOPIO: Va bene.

CICCIO: Dunque?

ANGIOLA: Quest’oggi, nel cassettino di vostra nipote si è trovato questo biglietto. (Glielo dà.) Leggete.

CICCIO (legge):«Amata Silvia, cieco è l’amor mio per te... » (A Procopio:) Cieco...!

PROCOPIO (a parte):Tu e la Direttrice!

CICCIO: «Domani ti aspetto alle nove lungo la strada nuova. Non essere più crudele con me. Fuggi da questo esilio. Io ti condurrò da tuo zio, come tu desideri, e se egli non ti vuol riconoscere verrai a Napoli con me e sarai mia per sempre! Ti aspetto. Il tuo eterno A». (A Procopio:) Il tuo eterno A!

PROCOPIO (a parte):Ah! Capa de prò!

CICCIO: E chi è questo A?

PROCOPIO: La prima lettera dell’alfabeto.

ANGIOLA: Questo, poi, illustrissimo signor sindaco, non ve lo saprei dire. Siete convinto adesso perché è fuggita la ragazza, e perché vi ha detto tante bugie? Sono adesso la Direttrice dei vostri stivali?

PROCOPIO: E io il custode dei vostri scarponi?

CICCIO: Avete ragione, signora, e vi chiedo scusa delle parole che vi ho detto...

PROCOPIO: Ma un’altra volta riflettete bene le cose...

CICCIO: Statte zitto tu, animale! Pecché si tu nun te ive a piglià lo sicario, chella non se ne scappava... Signora, voi adesso mi dovete fare un gran favore. Dovete entrare un momento anche voi in quella camera. Quando vi chiamerà, voi uscirete.

ANGIOLA: Ma...

CICCIO: Fatemi questo favore, scusate. Voglio chiamare a lei e voglio vedere che mi dice di questa lettera.

ANGIOLA: Va bene. Vieni, Procopio. (Esce.)

PROCOPIO: Eccomi qua. (A Ciccio:) Pecché che volete fà?

CICCIO: Nun l’aggia dicere a te! Trase! (Lo spinge; Procopio esce.) Dunque, mi ha ingannato, m’ha portato pe li vicoli? Va bene! (Suona il campanello.) Voglio vedé che me dice, e che faccia fa, quando legge sta lettera!

SCENA QUINTA

CONCETTELLA (entra):Comandate.

CICCIO: Andate a chiamare mia nipote Silvietta, ditele che la voglio io.

CONCETTELLA: La vulite ccà?

CICCIO: Sì qua!

CONCETTELLA: La nipote vosta?

CICCIO: Sì, mia nipote... Pecché, che d’è?

CONCETTELLA: Signò, io v’aggia dicere na cosa, na cosa seria assaje!

CICCIO: Seria assaje! Di che si tratta?

CONCETTELLA: Si tratta appunto de la nipote vosta.

CICCIO: E ch’è stato? Ch’è successo?

CONCETTELLA (con precauzione):Na mezz’ora fa, io so’ trasuta dinta a sta cammera pe combinazione e aggio trovata niantedimeno a essa che abbracciava e vasava a isso!

CICCIO: Isso chi?

CONCETTELLA: Non ve lo potite mai immaginà, Eccellenza! Lo segretario vuosto!

CICCIO: Possibile? Don Alfonsino? E hai visto proprio che abbracciava a Silvietta?

CONCETTELLA: Sissignore.

CICCIO: Sangue de Bacco, mi viene un sospetto... Fosse isso che... sicuro, isso ha scritto la lettera, perciò sta firmato A... cioè Alfonsino.. Oh, questo poi non me l’aspettavo... Bravissimo! (A Concettella:) Hai fatto buono che me l’haje ditto. Và a chiammà a Silvia.

CONCETTELLA: Subito. (Fa per andarsene.) Ah, signò, eccola ccà.

FELICE: Zizì, se n’è andata la Direttrice? Se n’è andata la Direttrice?

CICCIO: Sì, se n’è andata... Io però vi debbo parlare necessariamente. (A Concettella:) Andate a chiamare Don Alfonsino. (Concettella s’inchina, poi esce.)

FELICE: Zizì, che cos’è?

CICCIO: Che cos’è? (Chiude la porta.) E che voi mi avete ingannato! Voi non siete fuggita dall’Educandato perché vi trattavano male, non è vero che mangiavate fagioli, aringhe ,e rape... siete fuggita invece per coprirmi di disonore e di obrobrio! Non è vero che vi avevano messo con le spalle al muro: siete fuggita per darvi in braccio al vostro seduttore!

FELICE: Oh, no, zio, non è vero!

CICCIO: Ah, non è vero? Ebbene, ditemi che significa questa lettera?

FELICE (la prende e la scorre con gli occhi):Ma io non sò che cos’è questa lettera... Non sò chi l’ha scritta...

CICCIO: Ah, non lo sapete? E allora ve lo dico io: questa lettera ve l’ha scritta Don Alfonsino, il mio segretario!

FELICE: Don Alfonsino? (A parte.) Ma quello nun me vò lascià mpace, sà!

CICCIO: Sì, che una mezz’ora fa avete abbracciato e baciato, in questa stanza! Potete dire che non è vero neanche questo? (Felice abbassa la testa.) Vergogna, disonore della mia casa!

FELICE: Oh, zio mio!

CICCIO: Andate! (Lo spinge.)

SCENA SESTA

SILVIA (entrando seguita da Alfonso e Concettella):Che cosa c’è?

ALFONSO: Ch’è successo?

SILVIA: Sorella mia...

CICCIO: Non la chiamare più sorella! Essa non merita più questo nome. Concettella, portatela nella stanza da letto.

CONCETTELLA (a parte):Poverella, mò me fa compassione. (A Felice:) Signurì, vulite venì dinta a la cammera de letto?

FELICE (guarda Concettella):Jammo! Jammo! (Via con Concettella.) (Alfonso e Silvia ridono.)

CICCIO: Io non capisco che significa sta risata. Don Alfonso, uscite dalla mia casa e non ci mettete mai più il piede!

ALFONSO: E perché?

CICCIO: Perché? E avete il coraggio di domandarmelo?

ALFONSO: Ma se non ho fatto niente, scusate.

CICCIO: Ah, credete che non sia niente abbracciare e baciare mia nipote?

ALFONSO: Ah, ho capito! (Ride.)

CICCIO: E ride! Ma cheste so’ cose da coltellate! Siete stato voi che l’avete fatta fuggire dal collegio scrivendole questo biglietto.

ALFONSO (prende il biglietto, lo guarda; Silvia guarda anche lei):Ah!

SILVIA: Lo biglietto d’Achille!

CICCIO: Chi è st’Achille?

SILVIA Chi è Achille?

CICCIO: Io voglio sapé pecché haje ditto Achille?

SILVIA: Ma io non ho detto Achille!

CICCIO (gridando):Hai detto Achille, càttera! Guè, chiste afforza me vònno piglià pe scemo!

ALFONSO: Basta, signor sindaco, non vi pigliate più collera, questo è un imbroglio che domani vi si chiarirà.

CICCIO: Che domani! Io voglio sapere tutto in questo momento, e prima di ogni altra cosa, vi ripeto, uscite dalla casa mia e non ci accostate più.

ALFONSO: Ma signor sindaco... dovete sapere... (Silvia gli tira il soprabito per fargli capire che non deve rivelare niente.)

CICCIO: Non voglio sapere niente! Uscite!

ALFONSO: Io mi trovo... (Silvia come sopra.)

CICCIO: Vi ho detto uscite!

ALFONSO: Ecco qua... (Silvia come sopra.) Oh, basta! Abbiate pazienza, scusate io non me pozzo stà cchiù zitto, non ho detto niente fino a mò pecché non s’era imbrogliata la cosa fino a questo punto... Ma mò si tratta di amor proprio, si tratta del pane e col pane non si scherza, bella figliò!

CICCIO: Bella figliò...? Come s’intende?

ALFONSO: Sissignore, bella figliò, perché dovete sapere che questo non è un uomo, ed è appunto vostra nipote Silvia.

CICCIO: Come?

ALFONSO: E quell’altra, quella che voi avete detto che io ho abbracciato è invece Felice, vostro nipote.

CICCIO: Possibile? E pecché sto cambiamento?

SILVIA: Per nessuna cosa di male, zizì. Avendo sentito stammatina che voi non mi volevate neanche vedere, ho pensato di presentarmi a voi vestita da uomo e fingere di essere Felice che voi aspettavate da Milano.

CICCIO: Vuoi dire allora che tu sei scappata dal Collegio? E sta lettera chi te l’ha scritta?

ACHILLE (che già faceva capolino si presenta alzandosi il velo):Gliel’ho scritta io, signor sindaco.

CICCIO: Voi! La sorella della Direttrice co li mustacci... Chiste quanta mbruoglie hanno fatto dinta a la casa mia? Voi dunque chi siete?

ACHILLE: Achille Fardini, ai vostri comandi. Amo vostra nipote immensamente e me la voglio sposare.

CICCIO: Achille Fardini? Siete parente al Giudice Fardini?

ACHILLE: Parente? è mio padre?

CICCIO: è vostro padre! Ah, benissimo, è tanto amico mio! (Gli stringe la mano.) Ma scusate, perché ve site combinato accussì?

ACHILLE: Per entrare in questa casa e vedere Silvia.

CICCIO: Ah! Pe cchesto quanno è venuta la Direttrice non v’avite voluto fà vedé? Mò capisco.

SILVIA: Zio mio, mi perdonate?

CICCIO: Va bene... è stato uno scherzo che è riuscito proprio a meraviglia. Ma chill’assassino de Felice, pecché s’è vestuto da femmina?

SILVIA: Pecché, poveriello, non se poteva presentà da ommo, pe causa de nu guaio che ha fatto stanotte.

CICCIO: E che guaio?

SILVIA: Dinto a l’oscurità ha baciato e abbracciato na figliola, po’, scappando, ha perduto lo portafoglio dove ce steveno due lettere vostre e i biglietti da visita suoi... Il fratello della figliola l’ha trovati...

CICCIO: Basta, aggio capito tutte cose... Bravissimo! E come m’ha saputo bene cuffià, come ha saputo fingere... Mi faceva l’ingenua, voleva sapere pecché la luna quann’esce è rossa e po’ se fà ianca... (I tre ridono.) Le voglio arapì la capa e ce la voglio fà rimanè rossa pe no mese! Adesso vi faccio vedere come sarà lui stesso a confessare tutto.

ALFONSO: E che volete fare?

CICCIO (a Silvia e Alfonso):Andate di là e ditegli che io la voglio, ma senza dirle che sò già tutto.

ALFONSO: Va bene, ho capito. (Via con Silvia ridendo.)

CICCIO (ad Achille):Vuje nun ve muvite da ccà, calateve lo sipario e fate n’ato ppoco la femmena.

ACHILLE: Va bene! (Cala il velo.)

CICCIO (alla porta, e chiama Angiola):Signò, venite ccà! Pure li piccerelle.

SCENA SETTIMA

ANGIOLA (Procopio e le quattro educande la seguono):Eccomi qua!

CICCIO: Signà, voi mi dovete secondare a uno scherzo che voglio fà. Mò che esce mia nipote, siccome voi non la riconoscete pecché è ommo vestita da femmena...

ANGIOLA: Come?!

CICCIO: Sissignore. è un imbroglio, na pazziella che m’hanno fatto. Io ho scoperto tutto, e voi mò m’avita fà chistu piacere: andatevene di là e quando io vi chiamo voi vi presentate insieme a queste ragazze e fate finta che la riconoscete e che naturalmente volete farla ritornare con voi all’Educandato.

ANGIOLA: Va bene, ho capito.

CICCIO: Voi ragazze avete capito?

LE QUATTRO: Sissignore. (Ridendo.)

CICCIO (ad Achille): Poiuscite voi, e nel vedere la Direttrice direte: «Oh sorella, sorella mia!».

ACHILLE: Va bene.

ANGIOLA: E questa signora chi è?

CICCIO Questa nemmeno è donna... è un amico mio.

ANGIOLA (ride):Ah, ah, ah! Ma che stiamo in Carnevale?

CICCIO: Zitto, stanno venendo, andate andate... (Tutti escono da dove sono entrati.)

ALFONSO (entra):Signor Sindaco, eccola qua: non ci voleva venire.

SILVIA (entra portando per mano Felice):Caro zio, ecco qua mia sorella: aveva paura di venire da voi. (Concettella, che è con loro, esce dal fondo.)

CICCIO: Paura? E perché questa paura? Se ho detto quelle parole poco prima è stato perché ti voglio bene assai. Vieni qua, Silvietta mia, tu non hai nessuna colpa. Don Alfonsino non doveva mai fare quello che ha fatto.

ALFONSO: Ma signor Sindaco...

CICCIO: Basta! Vi siete approfittato della debolezza di questa povera ragazza! Perché quando ti ha abbracciata non l’hai detto a me?

FELICE: Perché ho avuto vergogna, zio mio.

CICCIO: Va bene, io ti ho troppo strapazzata ingiustamente, e per darti un compenso ho deciso di cambiare un’altra volta la donazione e lasciare tutto a te, Silvia mia!

SILVIA: Bravissimo!

FELICE (a parte):Ma che bravissimo...

CICCIO: Però voglio assolutamente che tu baci la mano alla tua Direttrice, le chiedi perdono di quello che hai fatto e ritorni con lei al collegio.

FELICE (a parte):E staje frisco!

CICCIO: Ah, eccola qua. Venite, signora Direttrice!

SCENA ULTIMA

ANGIOLA (entrando):Eccomi a voi, signor sindaco. (Procopio e le quattro educande la seguono.)

CICCIO: Signora, io vi presento mia nipote Silvietta, erede universale di tutte le mie ricchezze. Essa è pentita di quello che ha fatto ed è pronta a ritornare con voi.

ANGIOLA: Oh, bravissima! (Si accosta a Felice.) Adesso, bambina mia ti voglio più bene di prima. Il pendimento è una gran bella cosa. (Alle educande:) Ragazze, state allegre: la vostra compagna affezionata ritorna fra di voi.

LEOPOLDINA (avvicinandosi a Felice):Brava, brava Silvietta! Ci hai fatto un gran piacere.

ADELINA: Senza di te si era perduto il brio!

VIRGINIA: Non si scherzava più.

GIUSEPPINA: Ti giuro che ho pianto! Io ti volevo bene come una sorella, ma ora che ritorni sento che ti amerà ancora di più!

FELICE (a parte):O cheste so’ pazze o io me so’ mbriacato!

ACHILLE (entrando):Sorella, sorella mia! (Abbraccia Angiola.)

ANGIOLA: Cara sorella!

FELICE (a parte):Ch’aggia fà, sorella! (Alla Direttrice:) Come, questa vi è sorella?

ANGIOLA: Sicuro!

FELICE (a parte):Ho capito tutte cose.

PROCOPIO: Basta, la carrozza sta abbascio, vogliamo andare?

CICCIO: Ma si capisce, deve venire con voi.

ANGIOLA: Stasera deve dormire al collegio. Vieni Silvietta, vieni.

FELICE: Eccomi, vengo... Addio, caro zio. (Sorpresa generale.)

CICCIO: Addio nipote mia... chi sa se ci vedremo piu...

FELICE: Eh, chi lo sà... (Si avvia abbracciando le educande.)

ANGIOLA (a Ciccio piano):Neh, e che facciamo? Quello viene! Io tengo tante ragazze...

CICCIO: Sangue de Bacco, ma è tremendo! (A Felice:) Neh, assassì, vieni qua, dove vuoi andare?

FELICE: Con le compagne a dormire in collegio.

CICCIO (prendendolo per l’orecchio):Ti voglio fare andare a dormire all’ospedale a te! (Lo porta avanti.) Mbruglione che sì! Io saccio tutte cose, mi hanno detto tutto!

FELICE: E all’ultimo volevate mbruglià a me?

TUTTI (ridono):Ah, ah, ah!

ANGIOLA: Ma vostra nipote perché sta vestita da uomo?

CICCIO: Per venire da me, sapendo che io non l’avrei perdonata, dopo di essere fuggita.

ANGIOLA: Ma adesso ritorna al collegio, però?

CICCIO: No, perché sposa questo giovine. (Indica Achille.)

SILVIA: Oh, che piacere!

FELICE (alla Direttrice):Se sposa a vostra sorella...

TUTTI: Ah, ah, ah! (Ridono. Intanto entra Concetta, seguita da Pasquale e Nannina.)

CONCETTELLA: Trasite! Qua sta il Sindaco!

PASQUALE: Servo vostro, Eccellenza.

SILVIA (piano allo zio):Zizì, chella è la figliola che Felice ha baciato stanotte...

CICCIO (piano):Ah, la commarella de lo tavernaro.

NANNINA: Bacio la mano.

PASQUALE: Signò...

CICCIO: Sò tutto. Mio nipote Felice sposerà tua sorella.

PASQUALE: Grazie, Eccellenza!

FELICE: Zizì, diteme na cosa... Voi la donazione veramente l’avete cambiata?

CICCIO: Nonsignore, sta tale e quale come stava: metà per uno!

FELICE: Ah, mò va buono! Noi siamo fratello e sorella e qualunche cosa dobbiamo fare sempre metà a me e metà a lei.

SILVIA: Qualunque cosa?

FELICE: Qualunque cosa...

SILVIA: Pure se si tratta di un applauso?

CICCIO: No, l’applauso dobbiamo fare un poco per uno.

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 9 volte nell' ultimo mese
  • 31 volte nell' arco di un'anno