L’Inter-Vista

Stampa questo copione

www.tittygiannino.jimdo.com

Titty GIANNINO

L 'INTER- VISTA

commedia brillante in 3 atti

                                                            

–—

                                                   Personaggi

ANTONIO CARRUBBA, detto Ntoni

PEPPA CARRUBBA, la moglie

        

LUCETTA CARRUBBA, la figlia

GIROLAMO DAL CONTE, il suocero di Lucetta

                    

CARMELA DAL CONTE, la suocera

ENZO DAL CONTE, il fidanzato di Lucetta

                    

PADRE NICOLA, il prete

                    

FERDINANDO GATTI, il giornalista

GNAZIO, il postino

DONN'ANNA, la vicina

ALFIO, il sarto

                                                                      

SINOSSI

'Ntoni e Peppa, due coniugi alla buona e ignoranti, decisi a migliorare la propria condizione sociale, fanno fidanzare la figlia Lucetta con Enzo, figlio di un ricco imprenditore. Un giorno ricevono una lettera in cui viene proposto loro un'intervista sullo sport, che scambiano per una partita di calcio dell'Inter con l'ipotetica squadra del Vista, che , a detta loro, si sarebbe dovuta giocare proprio  nel salotto di casa loro. Tra numerosi problemi, come quelli creati da Padre Nicola, un prete, loro padrone di casa, non tanto generoso; Donn'Anna, la vicina di casa sempre pronta a spettegolare, e Lucetta che manda a monte il fidanzamento con Enzo essendosi innamorata del giornalista, Peppa e 'Ntoni riusciranno a risolvere, in meglio, la loro situazione dopo la "malafigura" dell' Inter-Vista.

AMBIENTAZIONE

La scena si svolge ai nostri giorni, in un qualunque paese della Sicilia.

LA SCENA

Identica per tutti gli atti:

siamo nel soggiorno di casa Carrubba. Di fronte un corridoio, con  a sinistra e a destra,  nascoste, le porte d'ingresso e della terrazza; nella parete di sinistra la porta della cucina, e accanto una grande libreria; due poltrone e un tappeto,  una finestra a destra, e davanti un tavolo con le sedie. Altre sedie sparse. Quadri alle pareti.

CARATTERISTICHE DEI PERSONAGGI

NTONl, 55 enne, autoritario. Veste in maniera semplice, cercando sempre però di adeguarsi all'alta società alla quale non appartiene.

PEPPA, 50enne, molto meno autoritaria del marito, di cui non sempre condivide le scelte: ama il quieto vivere. Veste come una classica donna di casa, con grembiule e scialle sulle spalle.

LUCETTA , 25enne, amante dei divertimenti, ma repressa dal padre che la vuole a tutti i costi sposa di Enzo. Veste in modo semplice, non troppo moderno, come di chi non può permettersi di seguire la moda.

GIROLAMO, coetaneo di Ntoni. Elegante, di classe, un po' arrogante e snob, appartiene all'alta societ√°.

ENZO, 27enne, degno figlio del padre, ma meno arrogante e snob. Bruttino.

CARMELA , pi√Ļ giovane del marito. Elegante, molto pi√Ļ snob del marito.

GNAZIO, 30enne, semplice, buono, generoso e onesto. In divisa da postino.

DONN'ANNA, 50enne. Impicciona e pettegola, veste pi√Ļ o meno come Peppa.

PADRE NICOLA, 60enne. Molto robusto, ama molto mangiare, un po' duro di carattere ma con una vocetta molto querula che mal si addice alla sua stazza.

FERDINANDO, coetaneo di Enzo. Elegante, anch'egli di classe, distinto, per niente snob; gentile.

ALFIO, E' un uomo semplice, un po' stupido e balbuziente, ride sempre.

                                                              

N.B. Dove trovasi nel testo  (c.p.) s'intende (come prima).

PRIMO ATTO

In scena Lucetta che sta spolverando con un piumino la libreria.

LUCETTA,   (si ferma un attimo e sognante) Ah! Chi bella junnata! Chi suli chi c'è fora! Si vidi chi sta arruannu a stati! Mi faria na passiatedda! Oppuru .. minn'anniria 'nta tirrazza ... sutta a peggula ... sittata nto bisolu! Ah! Chi ciauru! Già u sentu .. acidduzzi chi cantinu! Ah! (pausa) Autru chi stari intra a puliziari, lavari! (pausa) Malidittu ddu jonnu chi me patri si pigghiau l'eredità du ziu Gregoriu! Ma jò dicu ... chi nikki nakki! lddu pinsava ch'erinu soddi. e inveci erinu sulu na muntagna di libri e

giunnali (indica la libreria) chi jò ... tutti i jonna ... è spovvirari!  Menzamà ni scappiria unu! Non è possibili! U pubbirazzu cadi tutti i jonna! Ma vi pari giustu? A mia no! E jò mi nni vaju! Pi mia ponnu fari puru a muffa  sti libri chi non leggi mai nuddu! (sta per uscire)

PEPPA,  (parla dalla cucina, come voce fuori campo) Lucetta! Unni vai? Finisti?

LUCETTA ,   (ritorna indietro contrariata) No,  mamma!

PEPPA,  E allura dopu ci vai  'nta tirrazza  mi t'arricrii!

LUCETTA ,  (piano) Uffa! (riprende a spolverare)

(Entra, distratto, Ntoni)

NTONI,  (piano) Chi nuttata chi fici! Nu cauddu 'nfirnali! Non mi fici dommiri mancu nu minutu! Non fici autru chi sudari .. sudari! (pausa) Acqua chi ittai! Bagnatu mancu s'avissi statu sutta u malutempu senza umbrellu!

LUCETTA,  Buongiorno, papà! Bella junnata, eh?

NTONI, E mica tantu! Scurau ajeri sira,  brisciu stamatina. sempri stotta! E` così i quannu nascia! Brisci e scura vidu sulu niru! Vogghiu vidiri jò quannu ci pigghia mi va ritta!

LUCETTTA,   Picchì ….  papà... chi c'è?

NTONI,   E chi c'è... chi c'è! Chi ci ava essiri? Sempri i stissi cosi! Per esempiu: u nostru patruni di casa voli pagatu l'affittu e nui..  soddi...  non avemu!

LUCETTA,   Cu? Patri Nicola?

NTONI,  Patri Nicola, Patri Nicola... sempri iddu! Non avemu autri patruni i casa! E menu mali! N'autru comi a iddu saria troppu! Pecciò na basta, n'avanza e ni suvecchia! (pausa) E menu mali chi è parrinu! (pausa) Parrinu? Pi figura! Megghiu però mi non ci pensu, sinnò mi ntruscinu i budedda chiussai i quantu l'haiu già ntrusciati!

LUCETTA,   E non fari cosi,  papà!

NTONI,   E non fazzu così! E non fazzu così! (pausa) U fattu è chi non finiu ccà u discussu! Avissi finutu ccà,  eravamu ricchi! Jò t'avia fattu sulu n'esempiu! Ti nni dicu n'autra... anzi ti nni dicu na para : a cambiali du to corredu... a bricichetta i scuntari! U vidi comi mi ridducia? Chi a me età me mettiri ancora a pidaliari, picchì na machina custa troppu cara pu me bossellinu!

LUCETTA,¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬† Ma pap√†, ma c'√® ancora a leggi da rottamazioni? Na machina custa cchi√Ļ picca cos√¨!

NTONI,¬† Chi figghia scattra chi haiu! Canigghia ‚Ķ canigghia hai o postu du ciriveddu! (pausa) E secunnu tia ‚Ķ anchi ammessu chi ci fussi a liggi da rottamazioni..¬† si nui machina non n'avemu, chi ci damu pi rottamari.... a to matri?

LUCETTA,   (scandalizzata da tale affermazione) Papà!

NTONI,   E papà! Ma facisti scappari! (pausa) Anchi si non saria mali l'idea! Non pi cacchi cosa! I cosi giusti, è na brava mugghieri, però... si sintiu puru mali pa dibulizza e appimu chiamari u dutturi! Ama cuntari puru chistu 'nte spisi! U dutturi scrivia.. scrivia! E jò curria nta fammacia! E a munita si strutia! (ed esce la fodera vuota delle tasche) Vidi chi bedda rima fici? Chisti ammenu su gratissi! Pi cui una nova  non saria mali l'idea! Una figghiuledda e in bona saluti!

LUCETTA,   Mi dispiaci, papà! Mi dispiaci propriu chi pensi a sti cosi!

NTONI,  Eh! Ti dispiaci ! Ti dispiaci! A vita è chista figghia bedda! I guai ti fannu pinsari cosi ... cosi .... chi non s'avrissinu pinsari!

(suonano alla porta; é Gnazio il postino)

GNAZIO,  C'è pemmessu Don Antoniu?

NTONI,  Ntrasi .., ntrasi Gnazieddu! Quantu mi piaci quannu mi chiaminu accussì: Don Antoniu! Mi pari di essiri nobili! Mi incu u cori ! Ammenu chiddu! (pausa) Gnazieddu, vinisti mi mi fai na visitedda? Lucetta fallu sittari, pigghicci na seggia!

GNAZIO,   No, non restu! Sugnu in sevviziu! C'è posta pi lei!

NTONI, Chi è Maria De Filippi chi mi dici chi c'è cacchidunu chi mi voli regalari i so soddi?

GNAZIO,  Non schizzati, Don Antoniu! (e gli consegna parecchie lettere)

NTONI,  Senti figghiu …  tu si nu brau giuvini...   ma quannu fai u pustinu , non ci pozzu fari nenti, mi stai na picchicedda antipaticu!

GNAZIO,            E picchì? Chi vi fici?

NTONI,¬† Nenti! E' chi potti sulu brutti notizii!¬† Chiddi boni..¬† chinni sai ‚Ķ pidderu u me indirizzu! Attrova unni u zziccaru! Nto cchi√Ļ tintu puttusu!

GNAZIO, Ma comi si dici , Don Antoniu: Ambasciator non porta pene!

NTONI,  No chi potta! Senza mi nn'avi cuppa, ma i potta! (pausa) E secunnu tia sti littri chi mi dasti pi mia non su peni? E puru disgrazi! U vidi chi haiu ragiuni jò?

GNAZIO,  Ma vui a ntreppitastu a modu vostru! Viditi sempri tutti cosi niri! Ata pigghiari a vita cu filosofia, pi comi veni!

NTONI,   Picchì jò chi fazzu? E a vita chi quannu veni, mi dugna du cauci nto culu e poi si nni va! E veni e va tammenti svetta chi mancu mi nn'accoggiu! U duluri resta però!

GNAZlO,   Pacenza, Don Antoniu! Comunqui, io mi nni vaiu! Nu giru longu è fari stajunnata! Vi salutu! Bona junnata, signurina Lucetta!

NTONI,   Ni videmu, Gnazieddu!

LUCETTA,  Attrittantu a tia Gnaziu! (pausa; poi al padre che guarda la posta) Chi su  papà?

NTONI,   E chi su! Allura non capisti nenti? Debbiti! Debbiti!

LUCETTA,           Mi dispiaci, papà! 

NTONI,¬†¬†¬† E sapi diri autru? Sulu j√≤ me rrunchiari i manichi nta sta casa! (pausa, sfoglia la posta) A bulletta da luci! (e la butta all'indietro) A cambiali du ferru i stirari! (e la butta all'indietro) U cuntu du funnaru! (e la butta all'indietro) Chiddu du ghiancheri.... du scapparu.... du sattu! (e le butta all'indietro)¬† N'avi cchi√Ļ? Ma sempri soddi vonnu!? Ou! Unni arruammu cu sceccu!

LUCETTA, (che nel frattempo ha raccolto le lettere buttate per terra) Ma c'era bisognu mi siminavi  'nterra?

NTONI,   (non risponde perché  all'improvviso vede una lettera che non è un conto da pagare, ma ) Vadda vadda!

LUCETTA, (vedendo il padre distratto, lo chiama) Papà?

NTONI,   (ancora distratto)Vadda vadda!

LUCETTA,   Va beni.. và.. ntrasiu in trans! Jò... mi nni vaju! (esce)

NTONI,    (ancora distratto per via di questa lettera che rimira da tutti i lati) E chista chi è? Mah! E cu ni scrivi? Megghiu mi chiamu a me mugghieri! Peppa!

PEPPA,  (risponde sempre dalla cucina) Si!

NTONI,¬†¬† (pi√Ļ forte) Peppa!

PEPPA,  (senza scomporsi) Si!

NTONl,¬† (ancora pi√Ļ forte) Peppa!

PEPPA,   Si!

NTONI,   Peppa! E rispunnimi quannu ti chiamu! Pi tutti i diauli non mi senti mai, mi senti!

PEPPA,   (entra dalla cucina) Ccà sugnu, non fari bbuci! A mia mi sa chi chiddu chi non senti si tu! (pausa) Avanti parra ! Chi vulivi?

NTONI,   Ni sai nenti di sta littra tu? Non n'arrivinu mai a nui!

PEPPA,   E chi mi dumanni a mia! Chinni pozzu sapiri jò! Ta mannai jò?

NTONI,   No! U sacciu!

PEPPA,   E allura! Chi mi cunti! Aprila e vidi! ( e mette le braccia conserte, dopo essersi aggiustata lo scialle)

NTONI,   (mentre apre la lettera) Ma chi tu teni a fari stu sciallu ancora? Cu stu cauddu chi fa!

PEPPA,   Eh! Ni stannu sudannu tutti i denti! (pausa) U sai no, chi jò sentu sempri friddu! Mi sentu sempri nu friggideri nte spaddi!

NTONI,   Bonu è! Vistu chi u nostru friggideri si spasciau, u manciari d'ora in poi tu mittemu nte spaddi a tia! Tantu, pi chiddu chi ci ama mettiri, sunnu boni comi misura...  i to spaddi!

PEPPA,   Non ti cassariari! Leggi ddocu!

NTONI,¬†¬†¬† Allura: (prende fiato) ¬ęEgregio signor Antonio Carrubba,‚Äļ‚Äļ - U senti.. u senti? ‚ÄúEgregio‚ÄĚ a mia! Chi sona beddu per√≤ !

PEPPA,  Continua..continua...  signor egregiu!

NTONI,¬† Dunqui .. u leggiu n'autra vota picch√¨ mi piaci assai ¬ę Egregio signor Antonio Carrubba, le scriviamo per informarla che lei √® stato prescelto quale campione per una nostra intervista sullo sport. Un nostro giornalista verr√† gioved√¨ prossimo... 14 c.m.‚Äļ‚Äļ - e chi misi √® ‚Äúciemmi‚ÄĚ.. u giungeru ora? Ottobri, novembri, dicembri.. ciemmi? Mah!

PEPPA,   Di cm jò sapia sulu i centimitri. e ccà non ci ntrasinu! Comunqui, jò pensu, essennu chi dissi gioveddì prossimu, saravi dumani!

NTONI,¬†¬†¬† Probabili! Per√≤ chi ci custava mi scrivinu.. dumani? Hanna fari sti cosi cuss√¨ cumplicati!¬† Comunqui... allura...¬† 14 cm.. direttamente a casa sua per conoscere pi√Ļ da vicino le impressioni della gente. Distinti saluti, il direttore de ¬ęL'opinione‚Äļ‚Äļ. Amedeo La scarpa¬Ľ. (pausa) Peppa ‚Ķ (titubante¬† e melodrammatico) ...chi √® n'intervista?¬†¬†¬†¬†

PEPPA,    Comu no sai? Chi viggogna!

NTONI,   Picchì … tu u sai?

PEPPA,   Cettu cu sacciu! Ci mancava chi no sapia! Jò a scola annai pi studiari, no pi quaddiari u bancu  comi a tia!

NTONI,  Tu.. a scola cu mia.. non c'eri, pecciò non parrari assai! (pausa) Anzi no, parra! E dimmi na bona vota chi è st'intevvista!

PEPPA,   Ti l'è diri pi fozza jò? A tia u carrettu non t'arriva?

NTONI,   No! Non m'arriva! Voli diri chi per ora l'haiu ruggiatu ..  u carrettu!

PEPPA,   E mettici na picca d'ogghiu chi .. fossi .. ti funziona... u carrettu! Ma a mia mi pari chi è ciatu pessu e fatica cassariata!

NTONI,   Peppa.. fazzu finta i nenti chi è megghiu! Comunqui.. mu voi diri chi è sta camurrìa i cosa.. o è nn'ari mi mu ceccu 'nto vacabolariu?

PEPPA,    Vadda tu dicu.. picchì tantu sugnu sicura chi non si cosa mancu mu cecchi 'nto vacabolariu!

NTONI,   Scinni pi ssutta! (a sè stesso)  Ntoni... lassila peddiri.. cammiti e na pigghiari in considerazioni!

PEPPA,    Allura, na vota pi tutti... (pausa, enfatica, facendo la colta) n'intervista è …  na pattita di calciu: Inter - Vista! Oh! Elementari no!! Ci vulia assai  ci vulia! Jò si chi sugnu accutturata!

NTONI,   Veru è! Ragiuni hai! Na vota tantu! (pausa) U sai chi ora chi vaddu bonu,  ccà c`è scrittu chi mi sciglieru puru comi campiuni! Mizzica! Jò nta l'Inter vogghiu giucari! L'autra squatra na canusciu! Vai! Alè-Oo! Alè- Oo! (pausa) Ou! E a littra dici ca fannu puru ccà, unni nui! (pausa) Ma comi a fannu na pattita nto me salottu? E accussì picciriddu!

PEPPA,¬†¬† Chistu √®! S'arrancinu in cacchi modu! Si u vuliinu ranni, viniinu prima mi si nfomminu!¬† O si scigliinu nu campiuni cchi√Ļ riccu! Magari c'av√¨a na villa... nu castellu! Nui chistu avemu!

NTONI,   Ma cusapi picchi u fannu?

PEPPA,¬†¬† Pi conusciri chi√Ļ i vicinu i tifosi! No liggisti ddocu?

NTONI,¬†¬† Si, si! C`√® scrittu: ¬ęPer conoscere pi√Ļ da vicino le impressioni della gente¬Ľ! Mizzica! Priatu sugnu! Assai assai e non picca! Stanotti non pensu chi mi rinesciravi mi dommu! Chi emozioni! Ci pensi? Aviri a [nominare il campione del momento dell'Inter] chi gioca nta me casa! Chi preu!

PEPPA,  E puru jò sugnu priata! Na vota tantu ammenu non ha cattari u bigliettu mi ti vidi na pattita! Soddi rispammiati! E chi tempi chi currinu ... su na gran cosa!

NTONI,   (bacia la moglie) Sugnu cuntentu assai! (pausa) Menu mali chi tu studiasti a scola! Si no dumani chi figura ci faciimu!

PEPPA,   E menu mali si! (pausa) Chi voi...  una  accutturata nta famigghia ci voli!

(Suonano alla porta: è Don Girolamo Dal Conte)

GIROLAMO,   E` permesso.... compare? (entra)

NTONI,¬†¬†¬† Avanti ... avanti,¬† Don Girolimu! Caru consuociru! (a Peppa) Tutti chi soninu e ntrasinu senza mi spettinu a cacchidunu mi ci apri! E chi √® nu pottu i mari sta casa? Prima o poi c`√® mettiri nu catinazzu! Cos√¨ non ntrasi chi√Ļ nuddu si non ci apremu nui!

PEPPA,¬†¬† Conuscennuti¬† poi...¬†¬† anzi¬† mai... √® cchi√Ļ sicuru!

NTONI,   Don Girolimu carissimu ! (gli stringe  la mano)

GIROLAMO,   Don Antonio! (ricambia la stretta) Donna Peppa! (a lei accenna un inchino)

PEPPA,  Don Girolimu!

NTONI,   Avia assai chi non ni vidiimu!

GIROLAMO,     Eh! Caro Don Antonio,  sono stato via per affari! Ero a Parigi! Ah! Che città meravigliosa! Dovreste vederla!

NTONI,   Ma mannau na cattulina?

GIROLAMO,     No,  mi dispiace, non ne ho avuto  il tempo!

NTONI,   (piano) E allura è praticamenti impossibili  chi jò a vidu!

GIROLAMO,  E lei? I suoi affari come vanno?

NTONI,  Ah! Na meravigghia! Megghiu non purrissinu annari! (piano) E peggiu mancu! U funnu u tuccammu! Avi mo chi u tuccammu! (forte) Sapi... puru jò è pattiri!

GIROLAMO,  Pure voi?

NTONI,   Si.. si... si!

GIROLAMO,    E dove andate?

NTONI,   Ah! Luntanu!

PEPPA,¬†¬† (piano) Si! Nesci da casa.. gira l'angulu e arriva a putia! Chistu √® u so luntanu! E si √® futtunatu e u put√¨aru √® cunfissatu friscu no fa arrivari cchi√Ļ luntanu c'un cauci nto culu! Cu tutti i soddi chi ciama dari! Ma si ll'avi giriati.. autru chi volu ci fa¬† fari!

NTONI,   Ma cumpari! Ristastu addritta? Pregu sittativi! Non sia mai chi a casa di Don Antoniu Carrubba s'ava ristari senza na seggia!

PEPPA,  (piano) Finu ad ora i seggi  ammenu... non ni manchinu! Finu a quannu non si scuncassinu! Di essiri .. su vecchi!

NTONI,   Peppa offricci cacchi cosa o cumpari!

PEPPA,   Vu pigghiati na pocu i cafè?

GIROLAMO,  Si! Grazie! Però un goccino soltanto!

PEPPA,   (piano) E vi paria chi vi nni  dava assai? Cu sta pinuria c'avemu! (esce e va  cucina )

NTONI,  Comi sta so mugghieri Cammela? E so figghiu Enzo? Tuttu a postu?

GIROLAMO,  Tutto a posto grazie.. non ci possiamo lamentare! E vostra figlia Lucetta, sta bene?

NTONI,  Tanta biddazza!

GIROLAMO,  Sa, Enzo,  era con me a Parigi, no? E l'ho visto così triste, gli mancava tanto la sua Lucetta! Lo dico veramente: insieme sono così carini! Due fidanzatini perfetti!

NTONI,  Puru Lucetta sintiu assai a so mancanza! (piano) Pi idda c'e o non c'è ... è a stissa cosa! (forte) A propositu! Ma comu mai Enzucciu non e ccà... cu vui?

GIROLAMO,  L'ho mandato ad impostarmi delle lettere! Arriverà subito!

PEPPA,¬† ( intanto √® ritornata con il caff√©) Cc√† c'√® u cafe! Cauddu. cauddu! Ora ora u fici! (piano) Riquaddiatu i stamatina¬† chi poi fu riquaddiatu puru ajeri... quannu fici sta cafittera i caf√®.. non mu ricoddu cchi√Ļ..¬† piddia u cuntu! E' chi nui autri nu pigghiamu ca spizzeca... pi rispammiari! (lo porge a Don Girolamo)

GIROLAMO, Grazie, Donna Peppa! (lo beve un po' interdetto, per lo strano gusto) Ma Don Antonio? Donna Peppa? Voi non ne prendete?

NTONI,  (per giustificarsi) No! A nui ni fa mali! Ni nchiumma! Ni fa nu bucu nto stomicu!

PEPPA,  Già! Avemu tutti na brutta castriti...

NTONI,  ... E puru i petri a cistafeli!

PEPPA,   … e u fighitu 'ngrossatu!  Auccà! (mette la mano sullo stomaco) Mi sentu nu pisu nta bucca i ll'anima e poi tutti cosi chi mi girinu girinu , e u bellu è chi non si

vonnu fimmari!

GIROLAMO,    Mi sembra strano quello che dite! Non sono un medico, ma la vostra sembra …  mi scusi il termine... flatulenza... (in confidenza) .. cioè..  aria nello stomaco!  Insomma... ma voi... che cosa mangiate di solito? Cose pesanti...elaborate .. fritture... sughi molto ricchi... cibi piccanti... cosa?

PEPPA,  Noo! E chi manciamu! Cosi semplici!

NTONI,  (piano) Faciola! Tutti i jonna! Custa picca! E poi... hai vogghia dill'aria!

(Suonano alla porta: è Enzo)

ENZO,  (entra anche lui senza aspettare)  Si può, Don Antonio?

NTONI, (piano) Ccà n'avemu n'autru chi ntrasi senza mi spetta a nuddu! (forte) Oh! Carissimo futuro jenniro! (si alza per accoglierlo, gli stringe la mano,  gli da una pacca sulla spalla, magari tanto forte da far tossire Enzo )

ENZO,  Buongiorno Don Antonio! (ricambia la stretta) Buongiorno Donna Peppa! Come sta?

PEPPA,   Eh! Si tira a campari!

ENZO,  E Lucetta? Dov'è? Sta forse male?

PEPPA,  No! Comi si esagiratu! (fa gli scongiuri, piano) Puru a cucca fa! (forte) A mannai mi spovvira a so stanza!

ENZO,   Com'è lavoratrice!

PEPPA,  (piano e schernendo la figlia) Si! A picca è bissata! (forte) Vaju e a chiamu?

ENZO,  Si, grazie Donna Peppa! Ardo dal desiderio di rivederla!

PEPPA,  Fa cuntu chi arruau! (piano e ironica mentre esce) Arde! Si! Puru Lucetta! Di quantu ardiu a st'ura è cabbonizzata!

ENZO,   Don Antonio... come va la vita?

NTONI,   E comi ava annari! Na picchicedda a rilentu! Ma ni rranciamu! Ma picchì stai addritta,  chi voi llungari? Settiti!

ENZO,  Grazie Don Antonio! (prende una sedia e si siede vicino al padre; pausa) Senta,  Don Antonio, sono poi usciti quei numeri a lotto?

NTONI,  Non mi fari parrari, si no fazzu piccati i prima matina! (pausa) Avia giucatu u 43, u 9 e u 17 , tennu siccu supa a rota i Palemmu! E non vannu mi nescinu u 44, u  10 e u 18? U diaulu  chi si mammugghiau menzu i cipuddi! (piano) E puru cuppa da futtuna! Dui sunnu i cosi... o cu l'occhi stuppati chi avi... potti peddiri a strada da me casa.. o a strada ci veniravi i nchianata! Sulu a sputtuna a nzetta sempri! Anzi! Pari chi sapi sulu chista! A idda... fossi.... ci veniravi i scinnuta!

GlROLAMO,   Mi dispiace tanto! Quando succedono queste cose … beh!. uno si arrabbia un pochettino!

NTONI,   (piano) Na picchicedda? Ci nescinu l'occhi i fora ! E si mancirìa  puru i mani! Cu nu tennu m'avissi sistimatu pi na bella picca!  (forte) E chi voli fari, santa pacenza!

ENZO,   Ha ragione, pazienza! Ma è stato un vero peccato! Dico sul serio! Comunque dicono che bisogna giocarli per tre volte di seguito... lei lo ha fatto?

NTONI,   E cettu cu fici! Tutti e tri voti.... gira, vota e firria... si sbagghiaunu p'un nummiru! (piano) Speriamu chi no veni a sapiri Peppa.. picchì si scopri chi strutìa i soddi pi ttri voti.. apriti cielu!

ENZO,  Che sfortuna... Don Antonio! Potete però riprovarci ancora!

NTONI,   Cettu! Ci manchiria! (piano) E comi  no! Di ittari... n'aju jò  soddi !

ENZO,  Non tanto per la vincita in se stessa.. per il denaro intendo... quanto per il piacere di vincere.. vero Don Antonio?

NTONI,   Giustissimu!  A vincita? E chi mi nn'è fari jò? Pfui! I soddi? Pfui!(piano) Maliditti sti soddi!!!

PEPPA,  (Rientra con Lucetta) Ccà c'è me figghicedda Lucetta!

LUCETTA,           (forzata dalla madre, che le dà una spinta) Buongiorno Don Girolamo! Buongiorno Enzo.. bentornato! (piano, alla madre) Madonna quant'è bruttu! Comi ci potti veniri nta testa o papà mi mi mprusa sta speci i rospu! Ah! I soddi chiddu chi fannu fari! (Peppa fa spallucce)

GlROLAMO,  Buongiorno cara futura nuora!

ENZO,  Buongiorno Lucetta! Grazie... come sei gentile! (si alza dalla sedia per farle posto; Lucetta si siede ed Enzo ne prende un'altra per sé)

GlROLAMO,  Don Antonio... Donna Peppa! Visto che siamo stati qualche giorno fuori, ed Enzo e Lucetta non son potuti stare insieme... che ne direste se oggi ci fermassimo a pranzo. .. qui da voi? Un'occasione come un'altra per stare insieme! Visto poi che mia moglie oggi starà fuori tutto il giorno! Sa... è in visita dalla madre!

ENZO, Si .. si .. che bello! Non è vero Lucetta? (Lucetta annuisce falsamente)

NTONI,  (Inghiotte,  sorriso forzato)  Cu tuttu u cori... Don Girolirnu! (piano a Peppa) Chi facciazza tosta! Bedda... china china nchinata i caddi!

PEPPA,¬†¬† E chi voi fari! ¬ęCaliti iuncu chi passa la china!‚Äļ‚Äļ

NTONI,  M'è calari? Sugnu già ghigatu in dui! Avi mo chi mi nzuppu a china! Pensu i quannu eppi a malasotta i nasciri povireddu!

GIROLAMO, Ma mi raccomando... niente cibi  elaborati... niente di che... ormai siamo .. quasi .. parenti!

NTONI,  Mancu l'ava diri cumpari! (piano a Peppa) E senti Peppa.... a propositu...  chi facisti i manciari oggi?

PEPPA,  Non tu mmaggini?

NTONI,  Na cosa a casu....faciola!

PEPPA,¬†¬† Eh! Faciola! ¬ęC√† ci luci a fera nta stu pizzu i cantunera!¬Ľ

NTONI,   Tutti nta na vota ti vinninu i provebbi a tia! (Pausa) Ma ti pari giustu chi ciama dari faciola e nostri ospiti? Picchì non pigghi ddu jaddu c'avemu nto cottili?... ci tiri u coddu viatu viatu...

PEPPA,   Giustu o non giustu. .. chistu c'è! E u jaddu ni giua pi duminica ... pu pranzu cu Patri Nicola! E u sai chi si non mancia bonu...

NTONI,   ... Ni jetta fora da casa!

PEPPA,¬†¬† Appuntu! lddu non spetta autru! Pi cui... bucca fina Don Girolirnu oggi s'ava cuntintari da faciola! Anchi picch√¨... iddu stissu cumannau ‚Ķ cosi semplici... e cchi√Ļ semplici di cos√¨!

NTONI,     Ci mancava puru Patri Nicola! Chiddu mi si bulla a cupula da Matrici è unicu! (forte) Don Girolimu, Enzu. mentri me mugghieri e Lucetta finiscinu i cucinari. .. chinni diriu di na... brisculedda ? Così.. tantu pi passari u tempu?

GIROLAMO,   Volentieri Don Antonio!

ENZO,   Con vero piacere!

PEPPA,    Allura nui autri ni ritiramu nta cucina! Camina Lucetta... dammi na manu!

(Peppa e Lucetta escono. Ntoni va a prendere le carte in un cassetto della libreria e

libera il tavolo per giocare)

NTONI,               (mischia e divide le carte con Don Girolamo, Enzo guarda) Ah!Boni cuminciamu! Briscula a oru, e l'asu è i fora! Videmu cu su pigghia a fini! (cominciano a giocare) Cincu i coppi!

GIROLAMO,     Bene! Prendo con il re! Quattro punti! Cavallo di spade!

NTONI,  Eh! Pigghiativillu... non haju nenti!

GIROLAMO,    Bene! E siamo a sette! Avanti! Tre di bastoni!

NTONI,     Eh! Pigghiativi puru chistu... continuu a non aviri nenti i bonu!

GIROLAMO,     Bene! Diciassette! Donna di coppe!

NTONI,     Ah! Dui i dinari! Stavota mu pigghiu! Setti i bastuni!

GIROLAMO,    Vi do il quattro .... di bastoni!

NTONI,     A-a-ah! Chiddu chi mi dastu! Scattini!

GIROLAMO,¬†¬† Questo avevo! (continuano a giocare senza pi√Ļ dire le carte; solo Don Girolamo fa il conteggio a voce alta) Ventidue! Grandioso. ‚Ķ trentatr√®! Ottimo, trentanove! Cinquanta! Cinquantaquattro! Sessanta!

NTONI,  ( che ad  ogni conteggio di Girolamo fa una smorfia, altamente infastidito proprio perché Don Girolamo sottolinea in continuazione la sua fortuna contando le carte) Fossi è megghiu chi si fa u cuntu nta so testa, caru cumpari! Non pi cacchi cosa (trova una scusa al suo disappunto) ... mi cunfunnu!

GIROLAMO,  Me lo poteva dire prima Don Antonio! Non ci avevo pensato! (prende la carta di fuori, l'asso di denari) Oh! E` toccato a me.. l'asso di denari!

NTONI,  (piano) Comi si no sapia già in pattenza! (forte) E pacenza! I catti.... a comi girinu! (piano) I catti ci girinu sempri a iddu... a mia mi girinu.. autri cosi!

GIROLAMO,     (finiscono la partita e fanno i conteggi) Novantaquattro! Un bel punteggio!

NTONI,   (piano) Nu bellu punteggiu? Nu cappottu mi fici! Si mi ll'avissi fattu pi ddavera.. era megghiu!

ENZO,   Non è comunque uno dei massimi punteggi che ha fatto mio padre! Una volta... giocava con un suo dipendente...  ha totalizzato 118!

NTONI,¬†¬† (piano) Autru chi cappottu chistu! Na stola i pilliccia! Megghiu i mia avia essiri cumminatu chistu ... pi scutra! Fossi a iddu unn'√® chi ci√Ļ chiamavinu .. stu 118!

ENZO,   Non c`è niente da fare! Mio padre è imbattibile!

GIROLAMO,  Ne facciamo un'altra Don Antonio? Vuole la rivincita?

NTONI,    No... no ! (piano) Mi bastau!

ENZO,   Eh! Non vi piace perdere Don Antonio!?

NTONI,  (imbarazzato)  No! Non è pi chistu .... (non finisce la frase e viene salvato dall'arrivo di Lucetta)

LUCETTA,            Scusate! Fossi è megghiu chi livati tutti i cosi... si no oggi non si mancia!

NTONI,     … chi sapià già chi arrivava me figghia! Ci liggìa 'nto pinseri! (alla figlia,  piano) Figghia. bedda! Rruasti o mumentu giustu! Non sapia chiddu c'avia nvintari mi non fazzu n'autra malacumpassa! To soggiru è na putenza a briscula! E non sulu a chiddu!

ENZO,   Prego Lucetta... ti aiuto! (l'aiuta ad apparecchiare)

NTONI,   (piano) E senti n'autra cosa, Lucetta: to matri piddavera fici a faciola?

LUCETTA,   (piano) E allura pi finta?

NTONI,   (piano) U Signuri mi na manna bona! (forte) Fozza! Cuminciati a pigghiari postu!

(Nel  frattempo Lucetta finisce di apparecchiare, poi va in cucina e ritorna con la madre con i piatti)

NTONI,   (ironico) Chi ciauru! Haju na fami! 

(Si siedono tutti; Don Girolamo guarda titubante il piatto con i fagioli, comunque, rassegnato,  inizia una preghiera, mentre Ntoni aveva già preso il cucchiaio)

GIROLAMO,   (dà un'occhiata al figlio e, benché sconsolato) Grazie Signore per averci dato questo cibo e benedici tutti noi! Amen!

TUTTI,   Amen!

(iniziano a mangiare)

PEPPA,    N' ava scusari cumpari.. si ci stamu uffrennu nu piattu i faciola  ma a nui  … comi diri …  ni piaci assai!

NTONI,     Luannu da faciola, pi quantu ni piaci,  non manciriimu autru! (piano) Comi si no farissimu già!

GIROLAMO,     Ma ci mancherebbe! Contenti voi! Noi... per così dire... ci adeguiamo! (piano) O quasi! Ora capisco il perché del loro … disturbo!

(il pranzo continua tra falsi apprezzamenti da parte di tutti)

NTONI,¬†¬† (Ntoni finisce subito) Ah! Mi scialai! Non √® brava me mugghieri? A fa ogni vota sempri divessa... sempri¬† cchi√Ļ ... bona! (piano) Falla comi la voi, sempri faciola resta!

GIROLAMO,  (che ha a malapena assaggiato il piatto, ironico) Fantastica! Siete stata fantastica Donna Peppa! (piano) Ma chi ci ha portato oggi qui?  (pentito però cerca una scusa per andar via; si guarda intorno e finge di aver sentito suonare il suo telefonino) Oh! Scusate! L'avete sentito? Il mio telefonino!

NTONI,   No! Jò non sintia nenti! Ma non ci facissi casu! A vicchiaia m'avvinciu! Na picca i suddaria non mi manca!

GIROLAMO,   (risponde alla finta telefonata) Si ? Ah! E' lei ingegnere! E' urgente? Devo correre subito? Nessun problema! No! Nessun disturbo! A disposizione, ingegnere! (chiude) Mi dispiace tanto! Sono desolato! Ma devo andare! Gli affari mi chiamano! Anche all'ora di pranzo... purtroppo! Andiamo Enzo!

NTONI,   Chi piccatu! Na vota tantu chi putiimu stari na picca assemi! E tutta sta bedda faciola! Stavota chi me mugghieri l'avia fatta accussi... spiciali!

GIROLAMO,   (ironico) Come mi dispiace!

NTONI,   Don Girolimu! Senza complimenti! Va fazzu mettiti nto camillinu e va puttati a casa? O va manciati all'ufficiu?

GIROLAMO,     No! No! Non disturbatevi!

NTONI,   Ma chi distubbu! Vi fazzu fari na truscicedda picciridda, così non vi mpiccia!

GIROLAMO,  No! No! Anche piccola mi impiccerebbe! Andiamo Enzo, si fa tardi! Arrivederci Don Antonio! Donna Peppa! Lucetta!

ENZO,   Arrivederci!

NTONI,  Vi ccumpagnu a potta!

GIROLAMO,  Non è necessario! Conosco la strada!

PEPPA,   (piano) Sta casa è nu pottu i mari! Ntrasinu e nescinu comi si nenti fussi!NTONI,   E allura , arrivedecci!

GIROLAMO,    Arrivederci ancora!

PEPPA,   Arrivedecci!

LUCETTA,   Arrivedecci!

NTONI,   Mi ficinu passari puru a fami! Comi si non capia chi si nn'annaru picchì non ci piaciu u manciari! Prima s'invitinu suli, e poi quannu ci veni i nchianata ... tagghinu a codda!

PEPPA,    (comincia a sparecchiare) E jò chi mi nni fazzu maravigghia! Cu stu beddu piattu chi ci mprisintammu! Cusà chi si spittaunu i nui!

LUCETTA,  E' cuppa toi , papà! Tu cià sempri fattu cridiri cusapi chi di nui autri!

NTONI,   E ti paria di cu era a cuppa!  Chi voi diri cu sti paroli? Si jò me cumputtatu cusi, ll'è fattu sulu pi tia! Mi ti fazzu maritari nu bonu pattitu! E ora vidi chi beddu ringraziamentu!

LUCETTA,   T' assicuru jò chi beddu pattitu mi stai ccullannu!

NTONI,  Picchì? Chi hai i diri contru a Enzucciu?

LUCETTA,   Nenti! Ma tu u vaddasti bonu?

NTONI,   E cu vaddu a fari? Basta chi avi i soddi! (pausa) Jò vogghiu sulu chi tu fai a vita di gran signora e basta! L'autri cosi non cuntinu!

LUCETTA, Cuntinu! Cuntinu! Eccomi si cuntinu! Jò avrissi stari cu iddu tutta a vita! Tu mittisti nta testa?

NTONI,   E chi voi! U sacciu chi non è tantu bidduni! Eh! ... Chiudi l'occhi!

LUCETTA,   Ma secunnu tia, jò è stari pi sempri cu l'occhi stuppati?

NTONI,     Eh! Obba ... ma ricca!

LUCETTA,   Bella vita chi mi pruspetti!

NTONI,   Bonu! Bonu! Statti muta! Juta a to matri inveci mi ti lamenti sempri! (pausa) Figghi ingrati!

LUCETTA,   (índispettita) Sempri cusì finisci! A cuppa è sempri di figghi! (se ne va in cucina)

NTONI,  Sta cuppa non si capisci di cu è!

PEPPA,   (che nel frattempo ha finito di sparecchiare) Cettu... però,  chi Lucetta non avi tantu tottu!

NTONI,   (alterato) Puru tu ora ci metti u carricu i unnici? E tutti sti sacrifici ch'è fattu finu a ora? A cu? O ventu! O ventu! Sciò, sciò! O ventu! E tutti ddi soddi chi avi Enzu? O ventu! O ventu puru chiddi! Così ci inchinu i sacchetti a cacchi autra, chi magari non n'avi mancu bisognu! (pausa) Fimmini senza ciriveddu!

PEPPA,¬†¬† Bonu! Ricettiti! Finemula cu sta storia! E chiuttostu, pi cottesia, dacci na vaddata a me machina e cuciri, chi non camina chi√Ļ n'autra vota!

NTONI,  U vidi? Si tu sentirivi a mia .. autru chi machina i cuciri vecchia! Una nova ti ni purrissi cattari! Una? Dui.. tri .. centu machini i cuciri! Nu stabilimentu di machini i cuciri!

PEPPA,   Scinni.. scinni i supa a luna, Ntoni! E curri.. curri a giustari chidda c'avemu!

NTONI,  Giustari? Chidda cosa i ferru vecchiu è!

PEPPA,   Nachiti! Smoviti! Spicciti e fammiiia caminari ! E lassa stari a chiddu du ferru vecchiu a unni è!

NTONI,¬†¬† Vadda chi √® l'uttima vota chista chi ta vaddu! A prossima chi si spascia ‚Ķ fora! Via! Da finestra a jettu! (esce)

PEPPA,   Curri, curri ti dissi! Poi videmu! (e finisce di sistemare il tavolo)

( Si affaccia alla porta la vicina di casa, Donn'Anna)

ANNA,   (praticamente già entrata) C'è nuddu intra? Pozzu ntrasiri?

PEPPA,  (brontola perché non sopporta la vicina. Piano) A ccà c'è a capa di chiddi chi a potta da me casa... mancu a vidinu! E chista mancu sona! (forte e falsamente affettuosa) Vinissi avanti, Donn'Anna!

ANNA,   Menu mali chi ci siti vui, Donna Peppa! M'ata cridiri, jò... non vi daria distubbu , ma  sugnu nte guai e vui sula mi putiti dari na manu!

PEPPA,   Parrati! Chi vi succidiu? (piano) Videmu chi ci giua stavota... a sta mancia pani a tradimentu!

ANNA,¬†¬† Haju na taulata di nvitati e...¬† ci√Ļ nciuru!... j√≤ no sacciu comi fu! Ma mi finiu u vinu! Dicitimi vui ora chi figura ci fazzu?

PEPPA,      (ironica, finge di condividere la sua pena) Mah! E ora? Chi ponnu diri ora? Donn'Anna ni dugna a biviri acqua? E chi ni pigghiau pi tanti pedi i cucuzzara?

ANNA,   Sulu vui mi putiti jutari?

PEPPA,   Jò? V'è iutari a mbivirari i cucuzzari?

ANNA,  No,  chi diciti! (finalmente sta per dire il motivo della sua visita, cercando di prendere per il verso giusto Peppa) Donna Pippinedda ?

PEPPA,   (piano) Auddocu! Arruau o dunqui!

ANNA,  (sempre con lo stesso tono) Non è chi n'avrissu na pocu vui  i... vinu? (breve pausa) Vu rennu, vu rennu quantu prima!

PEPPA,  Cettu, cettu! Comi no! Mancu l'aviti a diri! Staju annannu subitu!(piano e mentre va in cucina) Vu rennu... comi no?! U mittemu in cuntu.. insemi o pani, o zucchiru. o sali, o spezzi, o fummaggiu, a l'ogghiu, e cipuddi, o cafè, a farina  (elenca sempre cibi fino a quando non esce)

ANNA,  Grazi! Grazi assai! U Signuri mi vu renni centupricatu!

PEPPA,  (si riaffaccia dalla cucina) Si u Signuri l'avissi sintutu ogni vota chi mi ciccau cacchi cosa, a st'ura saria ricca spunnata! (rientra in cucina)

ANNA,   (si siede; si guarda attorno; passa la mano sui mobili per vedere se c'è polvere ) Milla du pubbirazzul E sunnu du fimmini intra! (guarda il tetto) Milla di fulinii! E chi fannu tuttu u jonnu? (si accorge del mazzo di carte e lo prende in mano) Ah! Giochinu e catti! Bedda famigghia i sfacinnati! (li riposa )

GNAZlO,   (rientra affacciandosi alla porta ) Donna Peppa? Sugnu jo Gnaziu! Staiu ntrasennu!

ANNA,  (si volta) U staiu vidennu cu si!

GNAZlO,   (infastidito, visto che non gli è molto simpatica) Ah! Siti vui, Donn'Anna! Jò ciccava Donna Peppa!

ANNA,   E inveci ci sugnu jò! (pausa) Ma chi è? Luastu l'usu i salutari?

GNAZIO,  Scusassi! Bongionnu! Ma è chi non vi spittava cà! (pausa) A propositu: e vui comu mai siti ccà?

ANNA,  Ma jò sugnu i casa ccà!

GNAZIO, Allura vinustu mi ci faciti na visitedda a Donna Peppa?

ANNA,¬† Pi√Ļ o menu!

GNAZIO,¬† Pi√Ļ o menu?

ANNA,¬† Eh! Pi√Ļ o menu!

GNAZIO,¬†¬†¬† Mah... comi diciti vui! (accettando la risposta, si siede) Mah! Pi√Ļ o menu! Non capia chiddu chi vuliti diri , ma comunqui! ( pausa in cui i personaggi fanno f√≠nta che l'altro non c'√®; per riempire) E si, e sissisgnuri!

ANNA,   (dopo un po' che sembrava sulle spine, cerca di attirare la sua attenzione) Gnaziu! Oh Gnaziu!

GNAZIO, Chi vuliti?

ANNA,   Vui u sapistu? Vu dissi cacchidunu?

GNAZIO, (senza particolare interesse) Chi è c'avrissi sapiri?

ANNA,  Comi? Vui chi giriati tutti i casi? Nenti vidistu? Nuddu vi dissi nenti?

GNAZIO, (alterato) Jò i giriu i casi, ma mi fazzu l'affari mei!

ANNA,  Ma l'occhi e i ricchi l'aviti?

GNAZIO,  (c. p.) L' haju, grazi a Diu! Ma quannu travagghiu  jò... non vidu e non sentu!

ANNA,   E allura mi vuliti ncucchiari chi non sintistu nenti di Rosetta.. a figghia di Vanni u scapparu?

GNAZIO,   (c.p.) Vu dicu!

ANNA,   Allura ci pensu jò mi vi dugnu a notizia!

GNAZIO, (c,p.) Non c'è bisognu mi mi diciti nenti,  picchì a mia non mi interessa!

ANNA,  Ma chi pustinu siti?

GNAZlO,  (arrabbiato) Chi vuliti nsinuari? Jò, pi bona regola.. pottu posta  no cuttigghi! Supa u me travagghiu..  jò..  non transigiu!

ANNA,  Bonu! Cammativi! E chi v'avia nciuriatu?

GNAZIO,  (piano e alterato) Quasi chi quasi!

ANNA,  (pausa, poi insiste) Pi cui no vuliti sapiri?

GNAZIO,  (categorico) No! Non si nni parra propriu!

ANNA,¬† Comu diciti vui! (pausa: ma spettegolare e pi√Ļ forte di lei e ci ritenta) E non vuliti sapiri mancu¬† cu dicinu¬† chi ci rubbau¬† a l'Ufficiu postali?

GNAZIO,  (stavolta interessato visto che si tratta del suo lavoro) Picchì.. si sappi?

ANNA,   (contenta e provocatoria) Ah! Chistu vi interessa! E cettu! Vistu chi riguadda ... u vostru travagghiu! E magari nta posta aviu puru u librettu i rispammiu! A stu puntu è ovviu chi vi nteressa! Stu cuttigghiu vi cummeni sapillu! Chista ... è cosa di pustinu, no?!

GNAZIO,  Stu cuttigghiu .. fossi. .ci l'avrissu a diri a custura, no a mia!

ANNA,  (risentita) E mica sugnu cunfidenti i custura, jò?! C'è cu ci pensa a chistu!

GNAZIO,  Bedda cuscienza civili c'aviti!

ANNA,  A cuscienza u lupu l`avi! (pausa;  indispettita) Senti u voi sapiri oppuru mu tegnu pi mia?

GNAZIO, Tantu non cià fariu mu vu tiniti,  pi cui tantu vali chi parrati, avanti fozza. spugativi!

ANNA,  (si avvicina come per fargli una confidenza e piano) ...Ciccinu Lo Giudici!

GNAZIO, (meravigliato) No?!

ANNA,¬† Si! (pausa) Autru chi¬† Lo ¬ęGiudici‚Äļ‚Äļ, Lo Latru s'avia chiamari!

GNAZIO,  (curioso) Ma a vui cu vu dissi? Com'è chi siti così nfommata? Cacchidunu vi fici cacchi spiata?

ANNA,¬†¬† Pi√Ļ o menu!

GNAZIO, N'autra vota pi√Ļ o menu? Siti fissata? Per o divisu mai?

ANNA,¬† Chi √® , pi√Ļ o menu non vi piaci?

GNAZIO,  A mia? Si vi piaci a vui! (pausa) E di autru .. non mi vuliti spiegari nenti?

ANNA,  Già vi dissi assai! A mia mi dissinu mi mu tegnu pi mia!

GNAZIO,¬† Bonu u facistu u vostru doveri! A custura chi saria chi√Ļ giustu, no! A tuttu u paisi, si! Bonu pi ddavera vu tinistu pi vui!

ANNA,  Maria chi siti suscettibili! Ma c'aviti u denti nvilinatu cu mia? Jò  na cunfidenza v'avia fattu!

GNAZIO,  Vu dicu chiaramenti: a mia i cristiani chi sparrinu e cuttigghianu e (rimarcato)  chi fannu … cunfidenzi.... non mi piacinu!

ANNA,   Ah! Evviva a sincerità!

PEPPA,    (Rientra ) Arruai, arruai! Ccà c'è u vinu! (si accorge di Gnazio) Ah, Gnaziu! Puru tu ci si?

GNAZIO,  Salutamu. Donna Peppa!

PEPPA,  (a Donn 'Anna) Chistu e tuttu chiddu chi vi pozzu dari! E mi raccumannu...

ANNA,  (gentile) Stati tranquilla! Quantu prima! (si alza) Arrivedecci Donna Peppa. e grazi! (a Gnazio)  A vui non vi salutu.. vistu chi non vi piaciu! (non lo lascia nemmeno parlare e va via di corsa)

GNAZIO,  (resta basito) E cu u voli u vostru salutu! (causa) Chi facci i sola! ldda sa dissi, idda sa cantau e idda sa sunau! A cettuni .. cu i capisci è brau!

PEPPA,¬†¬† (ironica e quasi tra s√©) Si!¬† Quantu prima! Comi no! Cadi nto dimenticatoiu comi all'autri cosi! Ogni cosa chi ci dugnu si chiama Lul√Ļ e non tonna cchi√Ļ! (pausa) Ma j√≤ dicu: giustu giustu sta raustina avia stari ampressu! Nui campamu d'aria, e n'autri du jonna ca bucca o sciroccu ni mittemu!

GNAZIO,  Vuliti diri chi non è a prima cosa chi ci dati e chi non vi ritonna?

PEPPA,   A prima? Cu dda firrinedda chi avi ti scippa tutti i cosi! Puru a camicia di ncoddu n'autra picca!

GNAZIO,  Ma scusati: si stati dicennu chi n'autri du jonna campati d'aria,  picchì vi luati i cosi di mani e ci dati a... a... dd'ingrata? E picca staju dicennu!

PEPPA,      Oh! Figghiu! Mancu tu mi pari! Tu mmaggini chiddu chi ci cuntiria a genti na cuttigghiara comi a chista? Ni spubbrichiria dicennu chi non avemu nenti, chi semu povireddi... e poi cu cunta metti a giunta...  si passiria a buci chi annamu ciccannu puru a limosina o chi lavamu i vitri e semafuri pi campari! Oh! Gnazieddu! Mi cuntentu cusi! (pausa) Pensa si sti buci arriviriinu e ricchi di Don Girolimu... addiu matrimoniu riccu di Lucetta! E poi cu u sentiria a Ntoni? Nui... dda ci spiramu!

GNAZIO, Eh! Vita amara! (pausa: poi all'improvviso si ricorda di qualcosa) Maria chi rimbambinutu! Mi stava scuddannu picchì vinni! Donn'Anna mi fìci nsalaniri! Patri Nicola mi manna a diri chi duminica non si nni fa di nenti!

PEPPA,      (sollevata) Pi grazia di Diu... avemu nu pinseri i menu!

GNAZIO, Mi sa chi pi sta vota non  ci nni fu grazia!

PEPPA,      (preoccupata) Chi  voi diri?

GNAZIO,  Chi patri Nicola si autu invitau pi n'autru jonnu!

PEPPA,  (c.p.) E … quannu sarìa st' autru jonnu?

GNAZIO,  (titubante e timoroso) ... Ehm... dumani!

PEPPA,¬† Uh.. mali pi mia! Maria ddulurata! Ges√Ļ.. Ges√Ļ.. Ges√Ļ! E comi fazzu ora? Non haju nenti intra! Mancu spisa fici stamatina! E oggi √® mercoled√¨ e i putii i manciari su chiusi! (pausa) Haju u jaddu..si.. ma ci fazzu quattru cu iddu sulu! A Patri Nicola mancu nta ula ci rriva! Sugnu ruvinata!

GNAZIO,  (un po' imbarazzato) Donna Peppa, si pimmittiti! Jò sugnu a vostra disposizioni! Chiddu chi è mei ..  è u soi! Pi chiddu chi haju, cu tuttu u cori! Pasta, buttigghi i pumadoru, mulanciani,  pipi a canariu, chiddu chi vuliti!

PEPPA,  Che cori ranni chi  hai! Santu t'avrissiru a fari! Curri! A cu stai spittannu?

GNAZIO,  Vaju, vaju donna Peppa! Stati tranquilla! Ci pensu a tutti cosi jò! (esce)

PEPPA,¬† U Signuri¬† mi ti benedici e mi ti ccumpagna ... e a mia mi non mi bbannuna! Santu figghiolu! Onesti e ginirusi comi a iddu non si nni trova cchi√Ļ! (esce verso la cucina)

                                                

                             

                                                                                     FINE PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

( Il giorno dopo, seduto sulla poltrona Padre Nicola sonnecchia. Nell'altra poltrona Ntoni e , seduta al tavolo, Peppa.)

PEPPA,   (si alza e piano si avvicina a Padre Nicola) Si drummintau?

NTONI, ¬†¬†¬† (lo guarda meglio, pi√Ļ da vicino) Pari chi si!

PEPPA,      Oh! Era ura! (si risiede)

NTONI,     E dopu tuttu chiddu chi si calau!

PEPPA,      Nu puzzu senza funnu è!

NTONI,¬†¬†¬†¬† U sai com'√® fattu.. quannu si tratta di manciari: ¬ęPanza mei fatti capanna!¬Ľ

PEPPA,      Fatti capanna? Fatti grattacielu! Comi a chiddi i Neva Jokki (pausa) Ma u vidisti comi manciava?

NTONI,     Mancu s'avia cent'anni chi non vidia manciari!

PEPPA,      Mi svagantau tutti i piatti! U vidisti comi facia? Quannu puttava cacchi cosa a taula, senza diri né schì né scò né passalà, sa parava davanti e cu si vitti si vitti! Nui autri  non esistiimu! C'eri tu? E mancu jò!

NTONI,b¬†¬† Ma tu ti nnaccuggisti chiddu chi mi nvintai? Ci dicia : ¬ęPatri Nicola, vaddati dd√†!¬Ľ, e j√≤ vutava i mani! E cussi ammenzu u manciari si mmuccava puru tutti i panzani chi dicia j√≤!

PEPPA,      Ti vitti, ti vitti! Ah! Si ti scannagghiava!

NTONI,     E chi voi? U fuiri è viggogna ma è savvazioni i vita! E ti pari chi nta me casa l'autri mancinu e jò è vaddari i passiri? Speci poi quannu non c'è faciola! Non sia mai! (pausa)

P. NICOLA,    (mentre dorme,  comincia a fare strane smorfie, e strani gesti,  come se si stesse preparando per mangiare, sembra si stia mettendo un tovagliolo al collo)

PEPPA,      (si avvicina piano e l'osserva da vicino, piegata per guardarlo da vicino) Ma chi sta facennu ?

NTONI,   (si avvicina anch'egli e l 'osserva dall'altro lato della moglie) E chi sacciu? Cusapi chiddu chi si sta nzunnannu!

P. NICOLA,   (sembra che stia prendendo le posate per cominciare a mangiare,  e nel frattempo pasteggia, come se avesse l'acquolina in bocca)

PEPPA,   Senti! Ma a tia non ti pari chi si sta priparannu a n'autru pranzu?

P. NICOLA,   (ora sta tagliando un' ipotetica fettina di carne, portandone i pezzetti in bocca)

NTONI,     Ou! Ma a testa sempri a na patti l'avi! Sempri a manciari pensa!

PEPPA,      E cu nasci tunnu non po' rnoriri quatru! Mancu quannu dommi!

P. NICOLA,   (posa le posate, si forbisce col tovagliolo la bocca)

NTONI,     Eh! Usa u tovagliolu... pulituni!!

P. NICOLA,   ( e poi si lecca le labbra)

NTONI,   Prima si manciau na fedda i canni, e ora chi avi davanti?

P. NICOLA,    (si rilecca le labbra)

NTONI,     Cacchi cosa duci, di sicuru! No vidi comu si llicca i mussa? Llicca, llicca

mommu! Llicca, llicca mommu!

P. NICOLA,    (comincia a mangiare lo pseudo dolce in estasi, continuando a leccarsi

le labbra e anche lo pseudo cucchiaio)

NTONI,     Llicca, llicca mommu... ca mamma fici a mustadda!

P. NICOLA,   (finalmente si acquieta, ancora in estasi)

NTONI,     Finiu! U pranzu finiu.. e u spettaculu puru! A bobbia  sa inchiu! (va a risedersi in poltrona) Picchitta manciau però!

PEPPA,  (anche se si è seduta) Veramenti a bobbia.. oggi.. si l'avia incutu già abbastanza!

NTONI,     E si vidi chi chiddu chi ci desimu.. non ci bastau!

PEPPA,      Non ci bastau? S'avissi statu jò, a st'ura era ittata pi motta nto'n lettu i spidali!

NTONI,     Iddu stu piriculu...  no curri!

P. NICOLA,    (fa un rumoroso rutto)

NTONI,   A-A-Ah! Ora a completau l'opira! (pausa)

PEPPA,  (soprapensiero) Non ci pozzu pinsari a sta junnata! A comi si buffau! (facendo il conto con le dita) Du piatti i spaghettu ca pumadoru a carrittera.. jaddu o funnu..tuttu... sosizza rustuta.. stuppateddi.. bracioli di canni e di pipi.. mulincianeddi chini, brocculi ffuati e sparici a frittata.. pepatu friscu chi fafaiani.. salami.. alivi chini.. niri e salati! Tutti i cosi lavati cu abbondanti vinu russu! Meli.. pira.. banani e fraguli! Pignulata.. na guantera di babà e cannola janchi e niri! U cafè e puru l'ammazzacafè! Auccà! Auccà! (lo imita, come se mangiasse a 4 ganasce) Unu arreti all'autru! A fudduni! A fudduni! (pausa)

NTONI,  A propositu,  Peppa! Ma tutti sti cosi chi cucinasti d'unni spuntaru? Jò sapia u nostru friggideri chinu i vacantaria!

PEPPA,  E' spasciatu u friggideri, non tu ricoddi?

NTONI,  Megghiu mi sentu! A chi manciamu faciola, a chi spunta tuttu stu beni i Diu! Ci fu cacchi miraculu senza mi jò ni sacciu nenti?

PEPPA,¬† U miraculu u fici ddu santu figghiolu di Gnaziu! M'√† cridiri! Mi inchiu na casa! E chi non puttau! Mi vitti biliata quannu mi dissi chi stu (indica Padre Nicola) ... sant'omu... avia nticipatu l'invitu. e mi desi tuttu chiddu c'avia a so casa! ¬ęTuttu chiddu chi √® mei √® soi, donna Peppa¬Ľ..mi dissi! Si non era pi iddu! A st'ura cu sti quattru barattelli c'avemu. .. erimu nto'n mezzu a na strada!

LUCETTA,            (intanto è rientrata dalla terrazza, e, senza essere vista, li ascolta)

NTONI,  Si non era chi ommai a Lucetta cià prumittia a Enzu, a figghiola era pi iddu! E s'avissi avutu nu cuntu a banca beddu sviluppatu! Cettu chistu non ni l'avemu scuddari!

PEPPA,¬†¬†¬†¬†¬† J√≤ m'avissi cuntintatu chi√Ļ poviredda, me figghia. e sapilla cu'n figghiolu onestu e ginirusu comi a Gnaziu! Nu posticeddu bonu poi l'avi! Fari u postinu non √® mali! Tu pi fozza a voi maritari cu ddu prisintuni ... i Enzu!

NTONI,     U dissi e u ripetu! Lucetta ava divintari na gran signora! Non ava essiri zu nuddu comi a nui! Nuddu miscatu cu nenti  no, me figghia no!

LUCETTA,  (che aveva commentato a gesti i discorsi dei genitori, essendo in disaccordo con entrambi, si fa vedere) U me pareri mai.. veru? Cu mi voli cu Tiziu, cu mi voli cu Caiu... ma chiddu chi vogghiu jò, mai!

NTONI,  Non mi diri ... non mi diri ... chi tu  nenti nenti... hai a cacchidunu nta testa?

LUCETTA,           No, papà! Ora comi ora.. no!  Ma non si po' mai sapiri!

NTONI,  Ou! Cecca mi tu levi stu puIici da testa! Sintisti?!

LUCETTA,            (piuttosto seccata) Si! Si! (esce verso la cucina)

(suonano alla porta)

P. NICOLA,   (facendo uno strano verso si sveglia e si guarda attorno stranito)

NTONI,     (sobbalza eccitato perché ha ricordato qualcosa) C'ura è? C 'ura è?

PEPPA,  (guarda l'orologio) I dui e menza, picchì?

(risuonano)

NTONI,     U sacciu jò! Fammi annari, apru jò... apru jò! (frettoloso sparisce nel corridoio)

PEPPA,      E vai.. vai! Chi stranu affreu! Mah! E cusapi picchì chistu non japriu a potta sulu! Mah! U fannu tutti! Cacchidunu educatu è !

P. NICOLA         ,  (ancora mezzo addormentato, schiocca la lingua, assaporando un brutto gusto in bocca) Chi bucca amara chi haiu!

PEPPA,  (piano) Duci s'aspittava dopu tuttu chiddu chi si bullau! Svigghiu e ddrummintatu! (forte) Vossia non si senti bonu? Voli cacchi cosa? Na pocu i becabbunatu? Na sprimuta i limiuni? L'acqua cu lauru?

P. NICOLA,   U becabbunatu? U limiuni? U lauru? E picchì? Chi manciai? Nenti! Quattru fissari!

PEPPA,      (piano) A facci ...! Fissari mi chiama! (pausa) Ma chi fa Ntoni? Cu era a

                   potta?

NTONI,     (affaccia solo la testa dal corridoio e chiama circospetto) Peppa!

PEPPA,      Oh! Cu era?

NTONI,     Nuddu, nuddu! Senti, vidi chi mancu cincu minuti.. ora vegnu!

PEPPA,      Unni vai?  Ma mi lassi sula? Cu.. cu.. (indica P. Nicola)

NTONI,     Ora vegnu ti dissi! Ciau! (va via)

PEPPA,      (perplessa) Ciau! Ora chista ci vulìa!  (pausa, poi a P. Nicola) Vossia dicidiu? Ci fazzu cacchi cosa?

P. NICOLA,   Dicidia. dicidia! Ci vulia assai a dicidiri ddi quattru cosi chi mi dastu a

manciari!

PEPPA,  (piano) Chi facci i sola! A prossima vota u mannamu nta cucina i cacchi casemma! Sugnu sicura chi lassiria motti i fami a tutti i suddati!

P. NICOLA,  In compensu aviti na pottrona commida! Concilia! Pensu chi mi nni

fazzu n'autra minzurata!

PEPPA,      (piano) Di sonnu o di manciati? (forte) Facissi.. . facissi cu commidu! Vossia s'ava sentiri nta so casa!

P. NICOLA,   E picchì? A unni sugnu? Finu a prova contraria sta casa è a mei.. o mi

sbagghiu?

PEPPA,¬† (alterata) Non sbagghia! Non sbagghia mai vossia! (piano) Sempri i puntini supa i ‚Äúi‚ÄĚ ava mettiri!

P. NICOLA,  E mi raccumannu... silenziu! Si no.. non pozzu dommiri!(sbadiglia e si riaddormenta immediatamente continuando a fare smorfie)

PEPPA,  E cu ciata! (piano) Non peddi occasioni mi nni rinfaccia chi stamu nta so proprietà! (pausa) Stauumu accussi boni cu vecchiu patruni! Ma jò dicu: giustu giustu a Chiesa ci ll'avia lassari sta casa quannu muriu? Chi scucchi chi ebbi! Non na putìa lassari a nui, liggittimi nquilini? No! Troppa grazia! (pausa) E inveci cu chistu (indica P. Nicola) ama caminari sempri supa u filu du rasolu! U pedi  non ti po' scappari!

GNAZIO,  (si affaccia dal corridoio) Donna Peppa? A potta era apetta, ntrasu?

PEPPA,¬†¬† (piano) Cosa chi mai! (forte) Shhhh! Avemu u picciriddu chi dommi! (poi) Ntrasi, ntrasi binidittu! (pausa) Parra chi√Ļ alleggiu, u vidi?..avemu a Patri Nicola chi ni fa u beddu ddrummintatu! (P. Nicola fa sempre pi√Ļ smorfie, magari¬† ne fa una pi√Ļ esagerata e rumorosa che fa spaventare Gnazio e Peppa che a gesti lo manda a quel paese)

GNAZIO,¬† (Parla anche lui pi√Ļ piano) J√≤ pinsava chi ommai si nn`av√≠a annatu! Vinni apposta apposta mi ci dumannu comi avia finutu!

PEPPA,      Figghiu! Ci poi dari tunnillati i manciari, non si sazìa mai! E chissacciu! Aviravi u vemmu solitariu! Pensa chi mancia puru mentri dommi!

GNAZIO, Veru sta dicennu?

PEPPA,  Veru staiu dicennu?! Jò pensu chi aviravi nu chiou fissu nto ciriveddu!

GNAZIO, E allura? Ristau scuntentu? Vi dissi chi vi sfratta?

PEPPA,  No, no! Nenti dissi ...non eppi tempu ....  fra na manciata e n'autra! (pausa) Mencu mali però, chi truvau a pottrona commida! Dissi chi si nni fa n'autra menz'urata!

P. NICOLA,  (mentre dorme fa un verso maialesco e poi ricomincia a masticare)

PEPPA,      (soprapensiero, al verso di P.Nicola, trasale) Bedda matri! U cori mi fici sautari! (pausa) U vidi ddocu?! Si parau n'autru piattu davanti! (P. Nicola ricomincia a mangiare nel sonno)

ANNA, (entra improvvisamente e molto forte) Bongionnu!

PEPPA,      (sobbalza ancora una volta e, tenendosi il petto) Bedda matri cu fu?! (pausa, si accorge di Donn'Anna) Ah! Vui siti! (pausa) Unu ampressu all'autru però ... accussì ... sicca ci restu!

ANNA,  Uh! Donna Peppa! Vi scantastu? Piddunatimi, no fici apposta!

PEPPA,¬† (piano) Annunca! No fici apposta! Facci i sola! (forte) Bonu, vi piddunu! Basta chi¬† non buciati cchi√Ļ! (abbassa il tono) Cca sinnunca mi ruspiggh√≠ati ... ¬ęu picciriddu‚Äļ‚Äļ... chi mancia ... aehm! ... chi dommi!

ANNA,   (accorgendosi di P. Nicola) Ah! Patri Nicola c'è? Quasi quasi quannu si ruspigghia mi fazzu cunfissari!

GNAZIO,  (provocatorio) Aviti na junnata i peddiri?

ANNA, (indispettita) Ah! Gnaziu! Puru vui cà? Mittistu radici?

GNAZIO,  Appressu e vostri Donn'Anna!

ANNA,  (girandosi dall' altro lato e piano) Cafuni!

GNAZIO,  (c.p.) Ntrichitimicciu!

ANNA,  Donna Peppa … m'è fari nu mossu i ratipuntu... ma faciti usari a vostra machina?

PEPPA, Spasciata è! Me maritu mi prumittiu ca vaddava. . ma a testa non ci dissi.. ancora!

ANNA,  Mannaia! E ora comi fazzu?

PEPPA,¬† S'aviti pacenza.. Ntoni mi dissi chi mancava cincu minuti! Unn√® c'avrissi ritunnari ! E quannu arriva ci√Ļ ricoddu nautra vota! J√≤ pensu chi √® cosa di pocu!

ANNA,  Spettu. spettu! Non ci nnè primura!

(Mentre tutti sono distratti sulla porta si presenta Ntoni vestito di tutto punto da giocatore¬† col n¬į10 dell'Inter con un pallone sotto un braccio e una bomboletta da stadio nell'altra mano; per attirare l'attenzione, con un sorrisetto divertito e sardonico,

socchiudendo gli occhi in previsione del forte suono, la suona. Spaventati Peppa, Anna e Gnazio urlano)

        

PEPPA,      Maria Mmaculata, chi mmattiu?

P. NICOLA,   (Si sveglia e trasalendo)  Santa Maria Veggini. .. chi succidiu?

LUCETTA,         (rientra trafelata dalla cucina) Matri du Camminu.. chi fu?

NTONI ,   E pi così pocu scommidati a Madonna?

( Tutti si voltano verso di lui e a vederlo restano con la bocca aperta)

NTONI,     Chi è, non parrati? Vi siccau a lingua? O ... ristastu ... foggorati?

(Gli altri,  ancora ammutoliti si guardano allibiti)

NTONI,¬† (pavoneggiandosi, comincia a mostrarsi girando per la stanza) Allura? Vi piaci a me nova ... "misi‚ÄĚ? Vaddati! Ammirati! Nel¬† mio massimo splendori spottivo! (mostrando il suo abbigliamento) E sta divisa? Bedda veru? Frisca frisca di sartoria! (se la spolvera e mostrando il di dietro per far notare il numero) Nummiro "dieci", comi a .. (il campione dell'Inter del momento)! Mica unu qualunqui!

P. NICOLA,   (rompe il silenzio, dopo essersi pulito gli occhiali e aver squadrato da capo a piedi Ntoni) ... Ma ... chi voli diri .... sta ...  mascarata? Nenti nenti chi è .... Cannaluari?

NTONI,¬†¬† No! Chi dici vossia! Passau Cannaluari! (o ‚ÄúAncora ava veniri‚ÄĚ, a seconda dei casi)

LUCETTA,  E allura papà, nu voi diri chi voi fari vistutu accussì?  Voi fari ridiri i polli?

NTONI,  Quali polli? L' uttimu nu manciammu a menz'jonnu! (pausa) E tu Peppa... nenti dici? Non ti piaci to maritu accussì... non ti paru allicchittatu? Allura ... mprissiunata ristasti?

PEPPA,      Sicca nte robbi sugnu!

NTONI,     Esagerata! (comincia a palleggiare un pò maldestro) Vaddati! Ammirati il ... campioni! A (sempre il campione) un baffu ci fazzu!

GNAZIO,  Don Antoniu! Fossi saria u casu chi ni spiegati u picchì di ... tanta ... (non sapendo cosa dire)... lliganza?!  Picchì... a diri a virità.. comu minimu u vostru compottamentu ... è stranu! Lassastu tutti a bucca apetta!

NTONI,  (Non si decide, poi) ... ehm! Peppa diccilu tu!

LUCETTA,            Mamma! Tu sai u picchì di sta pagliacciata e non dici nenti?

PEPPA ,  Jò sulu cacchi cosa sapia! Mica a sapia accussì ... longa a storia! To patri a solitu soi... fa sempri i cosi di testa soi e a ... mucciuni! Pi cui,  a passata, è megghiu ma cunti tu, Ntoni e comincia i ll' iníziu! Anzi ... cumincia i unni i pigghiasti i soddi mi ti fai ... stu abbigliamentu!

NTONI,   Comi si terra terra Peppa! Sempri e soddi pensi! (causa) Ama fari na bella figura? Pensa a gloria! E pa gloria i soddi non si vaddinu! (pausa) E poi chi problema c'è? 

PEPPA,      Mu staiu mmagginannu chi problema c'è!

NTONI,     Chi ti biIii! Affiu u sattu mi fici a creditu!

PEPPA,¬†¬†¬†¬†¬† E cettu, u sapia j√≤! Unu i cchi√Ļ¬† unu i menu! E chi probiema c`√®? Chi po' essiri? SuIu n'autru menzu metru longu u cuntu? E chi impottanza avi?! (pausa) Ma j√≤ mi dumannu. .. comi l'avi u curaggiu Affiu mi ni continua a fari i robbi senza m'ava vistu na lira! J√≤ non mu spiegu!

LUCETTA,   E jò nemmenu! Però non vi stati sbuttunannu nuddu di dui! Vi capiti sulu vui!  Canciati discussu e non ni faciti capiri nenti!

NTONI,  (che stava continuando a palleggiare, si ferma, e solenne) Japriti i ricchi! (pausa) I apristu boni?

TUTTI,  (stanchi di aspettare) E si!!

NTONI,  (sempre solenne) Oggi.. in casa nostra...  avremu l'onori di aviri (pausa, prende fiato per dirlo, poi si ferma, per due volte, mentre gli altri lo seguono nei suoi movimenti,  ma quando cerca di farlo per la terza volta)

TUTTI,  Uffa!!

LUCETTA,  Papà, allura..  ti spremi?

NTONI,  Ou! E` troppu impottanti mu dicu accussì ... !

PEPPA,  (lo interrompe) Accussì spicciti. chi non avemu tempu i peddiri!

NTONI,  Bonu! E chi aviti u picciriddu chi vi cianci?

P. NICOLA,    Maria...  quantu a faciti longa!

NTONI,     Menu i vui supa attaru sicuru! Quantu dummuti m'è fattu!

P. NICOLA,   Pi stavota fazzu finta chi non sintia, basta chi parrati!

NTONI,     Allura, unni era arruatu?

TUTTI,      Ancora?!?!

NTONI,     Bonu, bonu... a finia! (pausa) Avremu l'onori di aviri... a squatra di l'Inter! E al completu!

ANNA,  Na squatra i calciu? Chi ni stati ncucchiannu? E poi, pi quali santu? (tutti annuiscono)

P. NICOLA,   Non scunzamu puru i santi , ora! (a Ntoni) Continuati, a me testa mi fa diri chi c'è cosa ampressu!

NTONI,     E a vostra testa vi dici giustu! (pausa) E mica veni sulu l'Inter!

GNAZIO,  (ironico) Troppu picca è! E magari veni puru u Milan così facemu u debby!

NTONI,     No, ava essiri straniera, picchì jò na conusciu! Comunqui ci annasti vicinu!

GNAZIO,  E quali sarebbi allura?

NTONI,¬†¬† A squatra du..¬† du..¬† du..¬† non mu ricoddu cchi√Ļ! Ma comunqui, chiddu chi cunta √® chi oggi¬† nta me casa¬† fannu¬† na pattita¬† i calciu!

TUTTI,  (tranne peppa) Na pattita i calciu !?!?

GNAZIO,  Piddaveru diciti? A mia quannu dicistu chi ci avia annatu vicinu mi paria chi babbiau!

NTONI,  (tutto soddisfatto) No, no! Non babbiu propria!

ANNA,   Ma si po' sapiri pi quali santu na pattita nta vostra casa?

P. NICOLA,  N'autra vota cu sti santi! Lassatili nto Paradisu , i santi!

ANNA,  Si va bè! Ma ciava essiri nu motivu! Non è chi pi casu vincistu cacchi concossu. .. chissacciu chi punti di.. fummaggini … o di brioscini... per esempiu? Na vota davinu u mucca Carolina... ora chi fannu.. pattiti i calciu?

NTONI, Ma quali punti... quali fummaggini e quali brioscini... e quali mucca Carolina!! Ccà cosa seria è ! Diccillu tu Peppa chi non è na fissaria!

PEPPA,  Veru è !

P. NICOLA,  Aspittati... è parrari e mi vogghiu suggiri.. datimi na manu! (tutti lo aiutano con non poca fatica, magari esagerare in questa scena. Una volta in piedi, tutti sono stanchi, si concentra per parlare ) Si....  ma  a mia...  mu ciccastu u pemmessu?

NTONI,  Quali .. pemmessu … v'avia ciccari?

P. NICOLA,   E vui pinsau chi jò... vi putia dari u pemmessu mi faciti na cosa del generi.. nta me casa? Vu putiti luari da testa!

NTONI,   Vossia mu dugna nto cori! E jò unni a trou n'autra occasioni simili?

P. NICOLA,   E chi m'interessa a mia da vostra occasioni! A cosa non si fa! Non si nni parra propria! E'  fora discussioni!

NTONI,     Ma ci su tutti cosi ogganizzati ommai! Anzi... vaddassi! (va al corridoio d'entrata e chiama) Poi ntrasiri ora!

ALFIO,   (entra in scena con delle bandiere interiste) Salutamu!

NTONI,   U viditi chi ogganizzazioni? Puru i banneri ci su!

PEPPA,  Non mi diri nenti... puru chisti su nto cuntu!

ALFIO,  (ridendo come se fosse stupido) E comi no?! Nu cuntu longu... comi di ccà ... a ... a... a Ntinnammari[1]!

NTONI,   Non mu ricuddari... Affiu! Non è u casu!

ALFIO,  (c.p.) No, no! Jò vu ricoddu!

PEPPA,   Jò u dissi! (ad Alfio) Comu ti fidi ancora?!

ALFIO,      Eh... eh... vostru maritu ... mi da .... u travagghiu ... chi fazzu .... u  rifiutu?

NTONI,     E' nu santu figghiolu! Avi i mani d'oru e ... a testa i lignu i canna ... vacanti d'intra!

P. NICOLA,   Comunqui... banneri o non banneri... sta cosa non si po' fari!

NTONI,  Ma Patri Nicola, non mu putiti fari stu sgabbu!

P. NICOLA,¬†¬†¬† J√≤ pozzu fari chiddu chi vogghiu... nta me casa! Vui no! E non nsistiti! E si vi passa pa testa mu faciti u stissu... bonu mu sapiti... chi putiti puru canciari aria! A me casa non √® cchi√Ļ a vostra disposizioni!

NTONI,     (supplichevole) Vossia mi mi pidduna! Non mi po' fari na cosa i chisti! E poi pi cosi pocu! Jò ha statu sempri n'inquilinu onestu e rispittusu! Vossia l'ava diri: ama fattu mai cacchi cosa i stottu? Sempri a missa... ogni duminica... ! E a casa? Na vidi com'è? Bedda ricittata e pulituna!E di cu e u meritu? (va dalla moglie) Di sta santa cristiana di me mugghieri! Nu brazzu i mari! A vaddassi bona: sta facci non dici ..  Sugnu na fimmina onesta e bissata? (poi va dalla flglia) E me figghicedda Lucetta? Degna figghia di so matri! (abbraccia entrambe) U vidi chi bedda famigghia chi semu? A unni a trova n'autra comi a chista? Vossia non ni po' cacciari di sti quattru mura pi nenti, pi na cosa chi non fu mancu na nostra idea! A mia mu scriveru! Mi mannaru a diri chi sciglieru giustu giustu a mia! E non mi scrissiru chi ci putia rinunciari! (pausa) E poi ama diri a virità: aviri a tutta sta genti famosa nta me casa, non è cosa i tutti i jonna! Vui l'ata capiri... chistu non è cosa i rinunciari! Aviti presenti poi chiddu chi significhiria? A genti nto paisi diciria: - U sintistu chiddu chi ci fu a casa di Ntoni? (e sottolineando) Nta casa i proprietà i Patri Nicola? Na pattita i calciu dill'Inter! - E mi vuliti diri chi non vi piaciria?

P. NICOLA,   Maria, quantu parrati! Peggiu di mia supa attaru!  Mi stati inchennu a testa di chiacchiri! Quantu frastocchi chi stati cuntannu mi vi puttati a ragiuni! Pi mia però putiti  stari a parrari finu a dumani matina.. di tuttu chiddu chi diciti non mi ni  nteressa mancu na nticchia! Vi putiti stricari 'nterra quantu vuliti... jò a me opinioni na canciu! Sta sotta i buffunata non si po fari, e basta! E ora mi nni vaiu, chi l'aria ccà si fici  pisanti, e jò ... na digirisciu!

PEPPA ,     (piano) Comu? Digirisci puru i petri e l'aria no?

P. NICOLA,   Stativi boni! (sta per uscire)

NTONI,  E comi? A solita benedizioni non na dugna? (facendo con le mani come se stesse benedicendo) U Signuri … mi vi... benedici eccetira?

P. NICOLA,  Facitivi benediri di giocatori ill'Inter.. vistu chi vi interessinu cchiussai i mia! (esce)

NTONI,   Mah! Sta cosa da pattita non ci calau propriu!

PEPPA,¬†¬† Cu tuttu chiddu chi si manciau... . chi voi...¬† laggu nto stomicu non avia cchi√Ļ!

(Suonano alla porta)

NTONI,     (si galvanizza)  Femmi tutti! Arruaru!

LUCETTA,  Di già?

NTONI ,  Matri! U cori mi batti! (si spolvera e si sistema) Comu staju? Sugnu beddu?

PEPPA,    (lo aiuta a sistemarsi) Nu quatru si!

NTONI,   (ad Alfio) Dammi na bannera, l'autri dividili!

ALFIO,   Una ma pozzu ... teniri ... jò? Vogghiu ... pattecipari ... puru ... jò!

NTONI,    E pattecipa... pattecipa puru tu!

PEPPA,    (agitata pure lei) Non stati femmi comi tanti baccalari! Datimi na manu! Facemu laggu. no?! (comincia, aiutata da Ntoni, Gnazio e Anna a fare spazio, spostando i mobili)

(Risuonano)

LUCETTA,¬†¬†¬† (guarda gli altri nervosamente indaffarati) Cc√† pidderu tutti a testa! Mancu u campanellu sentinu cchi√Ļ! Va b√® va, vaiu j√≤!

FERDINANDO,           (prima che Lucetta vada alla porta, è già entrato, e si scontrano frontalmente: fra di loro c'è subito scintilla) Salve! E' permesso? Scusate... ho visto aperto, ho sentito delle voci e sono entrato!

PEPPA,      (si volta di scatto, e dopo un prima momento di stupore) Ora puru i strani si pigghinu i cunfidenza!

FERDINANDO,  (vedendo lo scompiglio) Scusate.. forse ho interrotto qualcosa? Disturbo?

NTONI,  Dipende! Vui cu siti?

FERDINANDO, ¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Oh, scusate! Avete ragione, non mi sono presentato! Sono Ferdinando Gatti,¬† giornalista de ¬ęL`Opinione‚Äļ‚Äļ, sono venuto per l'Inter...

NTONI,   (contento lo interrompe) Quali distubbu... quali distubbu! Anzi, finalmenti! Prego accomodatevi! Peppa fallu sittari!

PEPPA,  (gli prepara una sedia) Pregu, s'assittasi!

NTONI,   Vi stavamo aspettando! Con trepidazioni, a dir la virità!

FERDINANDO, (un po' stranito) Mi fa piacere! ( si siedono tutti) Sa, al giorno d'oggi, non tutti accettano ... in casa poi! (d'ora in poi, mentre parla, non perderà occasione di lanciare delle occhiate a Lucetta, che risponderà, un po' ritrosa, ma volentieri, pendendo dalle sue labbra)

NTONI,     Ah si? E comu mai? Pi mia è n'onori! Io chi sono solo un povero paisano! Non è cosa i tutti i jonna! Ne conveni!

FERDINANDO, Si, ha ragione, e sono proprio contento di aver trovato una persona disponibile come lei! Vedo (guarda il suo abbigliamento)  che lei è anche uno sportivo! Perfetto! Meglio di così non poteva andare per il mio compito!

NTONI,   (in sollucchero) Spottivo? Spottivissimo! E poi... Antonio Carrubba, che poi sarebbi io, è sempri a disposizioni pi queste cose! Quannu vuliti... a me casa... è sempri apetta!

PEPPA,   (piano) Nta quali casa si Patri Nicola ni ittau fora?

FERDINANDO, Ben gentile! Fossero tutti come lei! Sa ... al giorno d'oggi¬† con il discorso della ... privacy ... il nostro mestiere √® diventato difficile! Mi creda, la difesa della privacy √® ci√≤ che pi√Ļ conta!

NTONI,   (perplesso) Pravasi? Chi è  cacchi  tattica nova? Nisciu ora o laggu? Jò na conusciu!

FERDINANDO, Si! Sa com'è?! Tutti, nello svolgimento del proprio ruolo, sono liberi...

NTONI,   (lo interrompe) Tutti liberi? E comi fannu? Nuddu chi attacca, nuddu chi difenni?

FERDINANDO, Attaccare? Difendersi? Eccome.. c'è sempre qualcuno dei miei colleghi che s'azzarda ad attaccare qualche VIP!

NTONI,     Vippi? Chi su?

FERDINANDO, Very Important Person... √® inglese¬† le persone pi√Ļ importanti insomma.. quelli che detengono... come dire... ecco... un ruolo chiave!

NTONI,   Ah! Comi a (il campione dell'Inter) .. per esempiu?

FERDINANDO, Bravo, ha fatto un bell'esempio! Vede.. se uno attaccasse uno come (c.p.), magari con qualche scorrettezza.. . capita nel nostro campo...

NTONI,   E allura: cattellino giallo!

FERDINANDO, Metaforicamente parlando... si! E via con la violazione della privacy! Lo sa.. ci sono guai anche solo nel diffondere notizie sui dati di chiunque! E non parlo solo dei VIP! Bisogna usare degli appositi moduli per poterlo fare!

NTONI,   Chi moduli? All'italiana?

FERDINANDO, Ha ragione! Siamo sempre in Italia! Le solite ... ¬ęregole¬Ľ ... chiamiamole cosi¬† italiane! E se non si usano questi moduli... √® come , sempre metaforicamente parlando, usare un catenaccio!

NTONI,  E cettu. o u modulu all'italiana. .. o u catinazzu! Tutti dui nta na vota non è possibili!

FERDINANDO, Glielo ripeto: è diventata solo una lotta alla propria difesa!

NTONI,     Ma scusassi ... facennu accussì .... nta riti ... ni ntrasi ?

FERDINANDO, Solo i pesci piccoli! Quelli che non si sanno difendere!

NTONI,  Mah! Chi cosi strani chi mi sta dicennul Vidi quanti cosi chi canciaru! Ca scusa chi si spasciau a nostra televisioni … ristai arretratu!

FERDINANDO, Ne hanno parlato tanto! E già da un po' ... eh?

NTONI,   In effetti... avi assai chi è spasciata!

FERDINANDO, (pausa) Ma comunque... bando alle ciance... vogliamo incominciare?

NTONI,  Comi? E l'autri ne spittamu?

FERDINANDO, Quali altri?

NTONI,  E scusassi, mica basta sulu lei? E poi vistutu accussì? Ci nni vonnu addirittura vintidui! Jò.. comunqui.. sono a vostra completa disposizioni... posso svolgere il mio ruolo... come volete voi!

FERDINANDO, Si .. ho capito che siete a disposizione! Ma .. ventidue? Addirittura   22? E poi cos'è che non va nel mio abbigliamento?

NTONI,  Mi pari na pocu ... scommido! Vaddasi a mia: peffettu, u dissi puru lei!

FERDINANDO, Non le sembra un po' esagerato?

NTONI,  Di chi munnu è munnu, pi na cosa de geniri... s'ava sempri vistutu accussì! E hanna sempri statu vintidui!

FERDINANDO, Ancora con questo 22?! Io non le basto? O visto che è cosi disponibile … ne vuole 22? Lo so che non se ne trovano come lei... ma addirittura pretendere un'intera squadra! E poi, detto fra parentesi... non ce ne sono cosi tanti nel mio staff! Neanche contando il direttore!

NTONI,     U diritturi... quali diritturi? (pausa) Ah! Fossi ntinnia u diritturi di gara

... l'abbitru? Non ci bastinu pi fari l'abbitru?

FERDINANDO, Ma quale arbitro?

NTONI,¬†¬†¬†¬† U putia diri prima chi mancava l'abbitru? E bonu... ci√Ļ facemu fari a Gnazieddu! lddu √® onestu! E poi... parrannu fra mia e lei... non √® maritatu, pi cui¬† non ci nni po' dari fastidiu¬† si capita chi¬† ci dicinu... (piano)¬† ¬ęcunnutu‚Äļ‚Äļ! E` peffettu! Tu si d'accoddu Gnazieddu?

GNAZIO,            E comi no!

FERDINANDO, Mi scusi, non capisco... perch√© qualcuno dovrebbe dirgli¬†¬†¬† ‚Ķ¬† (imbarazzato)¬† ¬ę Cornuto‚Äļ‚Äļ?

NTONI,  Sa com'è! Po' capitari! Nta foga!

FERDINANDO, Ma quale foga? Che sta dicendo? Perché dovrebbe esserci della foga per così  poco?

NTONI,   Pi cosi pocu? M'ava scusari: ci saravi o non ci saravi ... st' lnter-Vista?

FERDINANDO, Si! E allora?

LUCETTA,           (che ha finalmente capito l'equivoco con uno sguardo un po` trasognato, visto che si è innamorata a prima vista di Ferdinando Gatti) Scusa papà! Scusate signor ... aehm!  .. Cani!

FERDINANDO,  (guardando Lucetta, di cui anche lui si è innamorato, e anche lui  trasognato) Gatti, signorina! Ferdinando Gatti! (le fa pure un baciamano)

LUCETTA,            Si, signor  Gatti! (sfoggiando d 'ora in poi un italiano perfetto per far colpo su Ferdinando) Io penso papà... che ci sia stato un  equivoco!

NTONI,   Quali equinu? Chi ci ntrasinu i cavaddi ora?

LUCETTA,           Equivoco, papà! Un malinteso! Un qui pro quo!

NTONI,¬†¬† Ma chi Qui Quo Qua, Paperinu e Paperoni! Quali malintesu! J√≤ ricivia na littra e nta sta littra c'era scrittu esplicitu chi mi sciglieru comi campiuni pi ¬†¬† n'Iinter-vista! Cchi√Ļ chiaru i cos√¨!

FERDINANDO, In effetti è cosi chiaro, non vedo dove può essere l'equivoco!

NTONI,  Ma allura, si non c`è qui quo qua.... a vulemu fari sta pattita, si oppuramenti no?

FERDINANDO, Mi scusi, quale partita?

NTONI,  Matri! Unnè cu tumpuliu si fa ancora u cadutu da naca!

FERDINANDO, Io non son caduto da nessun posto... voglio solo capire quello che sta farneticando! Di quale diamine di partita parla?

NTONI,   (diventa tutto rosso per la rabbia) E chi avi du uri chi parramu! Da pattita i l'Inter cu sta speci i squatra chi non conusciu! Oh! Ci ll'ama muccari ca cucchiaredda.. ci ll'ama!?

FERDINANDO, (comincia a ridere, prima sotto i baffi, poi pi√Ļ esplicitamente) E certo che non la conoscete, questa squadra ... non esiste!

NTONI,     Chi mi sta ncucchiannu?! Chi voli diri chi non esisti?!

FERDINANDO, Signor Carrubba, se permette... non vorrei essere scortese, ma  lei sa ... che cos'è  un'intervista?

NTONI,   E ci ritonna ca minchia du pupu!

LUCETTA,            Papà!!!

NTONI,   E chi voi! Sta facci i babbu ma fici scappari!

FERDINANDO, Non si preoccupi signorina! Credo che suo padre abbia bisogno di una .. spiegazione!

NTONI,   E saria puru ura!

FERDINANDO, Dunque... l'intervista, per inciso... scritto tutto unito... e non Inter-Vista.... scritto staccato, è , come dire ... una conversazione.... una serie di domande! Domande che io dovevo rivolgerle, manco farlo apposta, sullo sport!

NTONI,  (alterato) Mancu a fallu apposta! Disgraziati! Dumanni su!!

FERDINANDO, Domande... si, quesiti, informazioni sui vostri gusti, sulle vostre opinioni, sul vostro modo di pensare e di vivere lo sport!

NTONI,¬†¬† (sempre pi√Ļ alterato, soprattutto per la cattiva figura) Vuliti sapiri chiddu chi pensu j√≤? (scandendo) A mia non mi nni frega nenti di tutti sti fissarii chi stati ncucchiannu una arreti all'autra! Di sti camurrii i dumanni e di sta malanova d'intervista! E comu vivu u spotti? No vivu, picchi soddi non nn'haiu, n√© mi vaiu o campu n√© mi mi cattu u giunnali! E a televisioni ... √® spasciata! Oh!

PEPPA,   (preoccupata) Ntoni cammiti!

NTONI,   Tu muta!! E fammi finiri! (al giornalista) Anzi... chi dicu... a vui non vi nn'ava frigari nenti di comu campu jò! (si avvicina minaccioso, Ferdinando indietreggia) Pi cui, dda c'è a potta e annativinni!

PEPPA,   Ntoni... controlliti!

NTONI,¬†¬† Ti dissi muta tu! (al giornalista) Ancora cc√† siti?! Fora da me casa dissi! (quasi spingendolo) Fozza! Ca prescia... sci√≤! E mi non si fa vidiri cchi√Ļ davanti a l'occhi mei!

LUCETTA,           Papà aspetta! (interessata, è ovvio, al giornalista) Non fare cosi!

FERDINANDO, (trovando in Lucetta un'alleata) Signorina, glielo dica lei di non agitarsi!

NTONI,¬†¬† J√≤ fazzu comi mi pari e piaci ‚Ķ (lo spinge sempre di pi√Ļ) .. e mi agitu quantu vogghiu! Cos√¨! (comincia a muoversi nervosamente e in maniera scomposta)

FERDINANDO, La prego. .. non si scaldi così!

NTONI,  Jò mi quaddiu quantu mi passa pu ciriveddu! Anzi  bruciu..  addu... fazzu nu focu...  n'incendiu! (tutti cercano di trattenere Ntoni che è diventato una furia)

FERDINANDO, (cerca di difendersi come può, nascondendosi ora dietro una cosa, ora dietra un'altra)

NTONI,   Lassaaaaaatimi!!! Niru u vogghiu fari! A iddu e a cu u mannau ccà mi mi pigghia pu culu!

PEPPA,   Cammiti... Ntoni... pi cortesia!

NTONI,   Ti dissi chi tu non ha parrari! Non tu poi pemmettiri! Tu... mi mittisti nta sti rotula scassi! E ora non mi cammu, no! Non mi cammu. no! Ffuari u vogghiu! Veni ccà, novu ti fazzu! Lassaaatimi!!!

FERDINANDO,           Si calmi, la prego, faccia come dice la signora! Sia gentile!

NTONI,   Lassaaaatimi!!! Anzi tiniiiitimi chi fazzu n'omicidiu!!!

FERDINANDO,           Signor Carrubba non le sembra di esagerare?

NTONI,   Tiniiiiitimi, chi mottu u vogghiu vidiri! No! Lassaaatimi! Lassaaaatimi chi u fazzu! U fazzu! Ll'è fari... si no non mi cammu!

FERDINANDO,           Per così poco! Non è il caso! La prego!

NTONI,    Si! U fazzu! U fazzu! ( dà uno scrollone e si libera dalla stretta. Ferdinando fugge verso l'uscita, e lui lo insegue urlando) U fazzuuuu! U faaaazzu! Femmiti chi u fazzu!!!!

PEPPA,   (inseme agli agli altri lo insegue per fermarlo) Ntoni, Ntoni! Tonna arreti!

ANNA,   (rimasta per ultima) Chi scena! Chi scena! Non ma pozzu teniri! Ll'è cuntari subitu! (mentre esce) Cummari Maria! Cummari Santa! U sapiti chi succidiu?!!?!!

                                                                                                                                                                                              FINE SECONDO ATTO

TERZO ATTO

(Il giorno dopo. Ad una parete sono appoggiate le bandiere.  Ntoni è seduto su una sedia e legge il giornale. Peppa su un'altra sta sferruzzando)

LUCETTA,  (entra dalla cucina con un mazzolino di fiori in mano, appoggia lo scialle sulla sedia e poi inizia a sistemare i fiori in un vasetto) Che freddo fa fuori! Oggi non sembra per niente che stia arrivando l'estate! (poi soffiandosi) Però in casa c'è un bel calduccio! Sembra che ci siano i termosifoni accesi!

NTONI,  (sfogliando nervosamente il giornale) Non n'avi temmosifoni nta sta casa!

PEPPA,  Ancora nibbusu si?

NTONI,   (irritato) Senti...  non sugnu in vena! E' chiaru?

LUCETTA,            Ancora arrabbiato per ieri sera?

NTONI,¬† Ma comu siti bravi... tutti e dui... mi giriati u cuteddu nta firita! (imitando il gesto) Fozza cchi√Ļ o funnu, a cu ci spittati?

LUCETTA,¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Pap√†! Oramai quel che √® stato √® stato! Non ci pensare pi√Ļ!

NTONI,¬† Non ci pensu cchi√Ļ? Comi fazzu mi non ci pensu? A st'ura sugnu supa a bucca di tuttu u paisi!

PEPPA,  No! Pi chistu non ti biliari! Riniscia ma femmu , a donn'Anna! A cummari Maria e a cummari Santa.. nenti arruau mi ci dici!

NTONI,   Sta cuttigghiara! U nzetta sempri u mumentu!

PEPPA,¬†¬† Ti dissi ca fimmai! Supa u bisolu da potta da cummari Maria, ma a fimmai! NTONI,¬†¬† Si, ma c'era puru Gnaziu! E patri Nicola? Va b√® chi si nn'annau prima... ma menza storia a sapi... e l'autra menza a st'ura ci arruau e ricchi! E non n'ama scuddari¬† ¬ęu gionnalista‚Äļ‚Äļ! (pausa) Vistu chi¬† ci annau mala cu ¬ęl'intervista¬Ľ supa¬† ¬ęu sport¬Ľ¬† non avennu autru mi metti supa u giunnali,¬† potti scriviri, beddu rossu: ‚ÄúPaisano ignoranti scancia n'intervista pi na pattita di calcio di l'lnter: cronica di na malafigura‚ÄĚ!

PEPPA,   Comi si catastroficu! Tu ha pinsari sulu chi Gnaziu è nu figghiolu onestu e affiziunatu, e non ci pensa propriu mi mpizza i manifesti! Patri Nicola  figuriti si voli fatta na mala pubbricità supa a no so proprietà! E ddu gionnalista ...

LUCETTA,           (la interrompe precipitosamente e arrossendo)  Non ci pensate  al giornalista! State tranquilli che non ci mette sopra il giornale!

NTONI,     E tu chi nni sai?

LUCETTA,           (imbarazzata) No..  il fatto è  che  questa non è una notizia da mettere sul giornale! E poi ... poi ... poi ...

NTONI,   E poi chi?

LUCETTA,    (c.p.) E  poi  hai visto come ci è rimasto male? Poverino... no..  non lo racconterà!

NTONI,   Eh.. comi no.. poverino!  (pausa) Mah! Saravi comi dici tu! (pausa) Ma  com'è chi ti vinni  sta smania ... i parrari ... in 'taliano? Tutta nta na vota fai a fina?

LUCETTA,¬†¬†¬† Ma, cos√¨! Tanto per cambiare! E' pi√Ļ stimolante!

NTONI,     Ehhh.. stimolante! E chi paroli! Non è chi c'è cacchi cosa sutta chi jò non sacciu? A mia non ma cunti giusta!

LUCETTA,¬†¬†¬† (sempre pi√Ļ imbarazzata) No! Che c'√®!? Che ci deve essere?! Visto che tu vuoi che io faccia la vita della gran signora..¬† comincio parlando in maniera... elegante! Non ti pare sia conveniente?

NTONI,   Mih! Chi finizza! Fai bonu figghia!

PEPPA,   Ma parra comu ti nzignau to matri chi è megghiu!

NTONI,   (ironico) Cettu, cettu! Pigghia copia  da  ncutturata i famigghia!

PEPPA,  Accutturata! No ncutturata! Ncutturata è a sassa! Ignoranti!

NTONI,   (la guarda con gli occhi storti) Ignoranti? Jò? (pausa) Chi figura ! Chi figura chi fici! A figura i Puddicinedda!

LUCETTA,           Ma papà, in effetti, ripensandoci, come potevi pensare che un'intervista fosse una partita di calcio?

NTONI,  Comi u potti pinsari jò? Spiiccillu a to matri!

PEPPA,  (punta sul vivo) A mia?

NTONI,   A tia! A tia! Picchì cu è chi mi desi sta bedda spiegazioni? Cu è chi dissi chi quannu annava a scola no quaddiava u bancu? (facendole il verso) N'accutturata ci voli in famigghia! Ah! Si non ci saria jò! E' elementari!... 'Nta l'elementari tu .. ci avrissi tunnari! Ma fammi u piaciri, fammi! Ah! Ll'avissi ciccatu 'nto vacabolariu.. sta malafigura.. na facia!

PEPPA,¬†¬† (sempre sferruzzando) Cu √® cchi√Ļ Cannaluari... Cannaluari o cu ci va d'arreti?

NTONI,  E chistu chi voli diri?

PEPPA,¬† Cu √® cchi√Ļ latru, chiddu chi robba o cu ci mpara u saccu?

NTONI,     N'autru! Senti, finiscila mi parri pi provebbi! Chi mi fai nchianari cchiussai! Parra chiara, e pigghittilla a to patti i cuppa! Chi n'hai puru in abbunnanzia!

PEPPA,¬†¬†¬†¬†¬† Non ti fidari mi mi dugni a cuppa a mia! Picch√¨, si tu eri cchi√Ļ ntilligenti. ne pigghiavi i me paroli!

NTONI,     (rigirando bruscamente il giornale in mano e cominciando a muovere vistosamente una gamba) Peppa... a jamma mi trema! A jamma mi trema! Non mi contrariari... chi a jamma mi trema!

PEPPA,   Trema, trema! Pi mia poi fari puru u terrimotu! Tantu, a ragiuni... l'haiu jò!

NTONI,     Peppa, a ragiuni è di fissa... ricodditillu!

PEPPA,      (con le mani sui fianchi) E mi dicisti fissa a mia?

NTONI,   Tu u dicisti!

PEPPA,  Ouh! Vidi chi jò non mi nni fazzu mettiri pedi supa a facci  i nuddu...mancu i tia! U sintisti?

NTONI,  E mancu jò! (la gamba continua a tremare)

PEPPA,   E femmu cu sta jamma chi mi sta pattennu u gigghiu!

NTONI,   (ironico) Pi unni... p'America? Salutimmillu!

PEPPA,  Vadda chi mi stai facennu giriari!

NTONI,  I mei avi d'ajeri chi fannu comi un paloggiu! Accussì! (gira di continuo l'indice su se stesso) Nu motu peppetuu!

PEPPA,  Vih! E chi nni sai tu du motu peppetuu?

NTONI,     Prima mi si spascia a televisioni mi visti ... comi si chiama dda trasmissioni?  Ah! Quakki! Chidda cu Petru Janciulina!

PEPPA,   Si! Precisu! Chi finizza!

NTONI,   Si fina tu!?

PEPPA,  Chiussai i tia sicuru!

NTONI,  Cettu, tu facisti a dieta!

PEPPA,   Ma u vidi quantu si ignoranti?! Fina significa...  raffinata.. con  buon gusto!

NTONI,  Chistu  l'haiu puru jò! Sulu chi tu mu facisti peddiri manciannu faciola!

PEPPA,  Terra terra! Non si autru chi terra terra! Obba..  obba fui quannu ti maritai!

NTONI,  No! U cecatu fu jò, chi non visti quantu si arroganti!

PEPPA,  Staju piddennu a pacenza! Tagghiti a lingua chi è megghiu! Si no cà finisci mali!

LUCETTA,¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† (non riesce pi√Ļ a sopportare i battibecchi dei suoi genitori e interviene) Ma si p√≤ sapiri c'aviti oggi? Vi suggistu cu l'ou vutatu? Cu pedi sbagghiatu?

NTONI,  Vah! Finiu u 'talianu?

LUCETTA,         (un po'  imbarazzata) No!

NTONI,  Dillu chi ti jetta pesanti fari ... a fina ... comi a to matri!

PEPPA,   Ancora?

LUCETTA,           Finitela! Avanti... forza. .. fate pace! (gli interessati tacciono) Che aspettate? Dai papà, comincia tu!

NTONI,   Non ci pensu propriu! Mi fici peddiri a facci!

LUCETTA,            Allora mamma.... comincia tu! Fagli vedere chi sei!

PEPPA,   (un po' titubante) Mah! ln effetti ... nu sfozzu u putissi puru fari!

NTONI,   Cettu, si sta passannu a mani supa a cuscienza!

PEPPA,   Ah! Si fai accussì, tu poi puru scuddari ... u sfozzu!

LUCETTA,            Ah! Ora mi scoddu chi sugnu vostra figghia e fazzu unni vegnu vegnu du mulinu!

NTONI,¬†¬† Ogni tantu ci voli na botta in dialettu! Veru Lucetta? Fa cchi√Ļ effettu!

LUCETTA,    Non pensate a me! Avanti avvicinatevi!

(Ntoni e Peppa esitano, guardandosi sottecchi; poi,  a poco a poco,  da seduti e con tutta la sedia, contemporaneamente,  si avvicinano; quando sono quasi vicini)

PEPPA,   Paci?

NTONI,   Dopu chi mi facisti cadiri a facci nterra? Non l'avrissi a fari!

PEPPA,   Nsisti ancora? Allura  nenti paci! (e si allontana, sempre con tutta la sedia)

NTONI,   Accussì dici? (la imita; poi si guardano in cagnesco)

LUCETTA,            Siete un quadretto tutti e due! Finitela una buona volta!

(Peppa e Ntoni si riguardano e sembra si convincano; sempre un po' reticenti si riavvicinano come prima. Di nuovo vicini, entrambi porgono la guancia in attesa di un bacio, ma nessuno dei due prende l'iniziativa. Lucetta allora, da dietro,  gira le loro

teste e li costringe a baciarsi.)

LUCETTA,            Pace?

PEPPA/NTONI,  Paci! (si alzano e rimettono le loro sedie al posto originale; e riprendono le loro attività)

LUCETTA,            (li guarda soddisfatta) Ora sono contenta! (esce verso la cucina)

PEPPA,      (dopo una breve pausa) Ntoni, chi ni facemu ora di ddi banneri? Chi dici, secunnu tia Affiu si ripigghia e ni leva du cuntu? Chi dici, u chiudi un occhiu?

NTONI,     Jò pensu chi l'occhi ... mi chiudi a mia, cu ddu beddi pugna! E u voi sapiri chi fini fannu, secunnu mia, i banneri? (ironico) Affiucciu mi rumpi nta testa a mia, ccà... rittu nta cruci o frunti! Tu dissi chi avi i mani ... d'oru ... beddi pisanti! (pausa) Iddu pari scemu, ma  unu di babbi s'ava scantari! (pausa) Allura, ti piaci chistu comi  finali? Nu finali chi micci, non ti pari?

PEPPA,   Speriamu di no!

NTONI,   E tu spera... spera! Cu di spiranza campa,  dispiratu mori!

PEPPA,      I spiranza jò non campu, ma ca vita chi fazzu... anzi chi mi fai fari..  è sicuru chi moru dispirata!

NTONI,     (adirato per la battuta) E' megghiu chi mi suggiu! (posa il giornale, si alza e va verso la terrazza)

PEPPA,      A unni vai?

NTONI,   Fora! A pigghiari na buccata d'aria! Quannu pensu a malafigura d'ajeri e a chiddu chi sentu e chi ancora mi spetta, mi nchianinu i baschi! (esce)

PEPPA,      Poviru Ntoni! Ci ristau troppu mali! Non avissi mai rruatu dda littra! Non ni bastaunu tutti i guai chi già avemu, ci vulia puru st'autra botta! (continua a sferruzzare sospirando di tanto in tanto)

(Suonano alla porta)

PEPPA,  E cu è ora? Non si po' mai stari in paci! (non si muove pensando che la porta sia aperta) Non mi suggiu, tantu a potta saravi apetta! Potta nchiusa nta sta casa.. non esisti! A poi si spissia! E cu è chi sona, auddocu chi spunta! (risuonano) Voi a vidiri chi ora chi mi siddiava mi mi suggiu a potta è nchiusa? Sarissi nu miraculu! Sta casa è sempri nu funnicu! (risuonano ancora) Miraculu! E' nchiusa! (si alza per aprire, va nel corridoio, e prima che appaiano i personaggi) Oh! Don Girolamu! Donna Carmela puru vui? Chi onori! Pregu accomodativi!

(poi compaiono)

GIROLAMO,     Grazie, donna Peppa!

PEPPA,      Pregu... assittativi!

CARMELA,   (altezzosa) Grazie!

PEPPA,¬†¬†¬†¬†¬† Donna Carmela, comi stati? √ą tantu tempu chi non ni vidiimu!

CARMELA,  (c.p.) Bene, grazie!

GIROLAMO,     Ehm...  vostro marito  non c'è?

PEPPA,      Sintia cauddu e nisciu nta terrazza! Vulia cacchi cosa,  Don Girolimu?

GIROLAMO,   Noi ... veramente ... eravamo qui per... parlare di …  matrimonio!

PEPPA,      (sorpresa) Matrimoniu?

GIROLAMO,     Si... matrimonio! Veda..  glielo dico sinceramente...  io non sarei molto d'accordo ... non per qualche cosa ... ma ... mi sembrava ... come dire ... un po' troppo presto! In effetti ...non è che vi conosca molto bene... né voi né vostro marito né tanto meno Lucetta!

PEPPA,      E si... in effetti! (piano) E si ni canusciriu boni  fariu cussi, a cauci nto culu vi nn'anniriu!!

GIROLAMO,¬†¬†¬†¬† Vedo che √® d'accordo con me! Ma i giovani? Lo sa come sono i giovani! Irrequieti... impazienti ... teste calde! Ed Enzo non ne viene meno! "Lucetta mi √® entrata nel cuore... voglio sposarla al pi√Ļ presto!"... ormai non dice altro! Quasi come un disco rotto! E sa com'√®.... con i figli! Noi genitori non facciamo altro che accontentarli! E allora ‚Ķ (solenne) io ho acconsentito!

CARMELA,  Noi amiamo molto nostro figlio e vogliamo farlo felice! Se ha deciso di sposare Lucetta... allora sia!

PEPPA,      Comi sugnu commossa! Assai assai!

CARMELA,  E c'è dell'altro! Enzo avrebbe il desiderio... visto che si sta avvicinando il compleanno di Lucetta..  di celebrarlo proprio in quella data...il matrimonio!

PEPPA,   Chi bella idea! Com'è romanticu! E poi è nu beddu periudu u misi i giugnu p'un matrimoniu! Nè cauddu ne friddu! Beddu piddaveru! (pausa, poi ci riflette e preoccupata) U misi i giugnu? Ma è u misi chi ntrasi! (o comunque, volendo adeguare con il mese in cui si fa la rappresentazione)

CARMELA,   Esatto! Qualche problema?

PEPPA,      Ma è troppu viatu! No... non si po' fari! Sapiti chi vi dicu? E' megghiu chi parramu cu me maritu! Annamu nta terrazza!

GIROLAMO,¬†¬† E' giusto! E' con vostro marito che dobbiamo parlare! Andiamo in terrazza...¬† parleremo pi√Ļ comodamente all'aria fresca!

PEPPA,   (piano) Si, così ci rifriscamu a testa cauda e figghioli! (piano) E puru a chidda di ranni! (escono)

LUCETTA,           (rientra subito dopo per riprendere lo scialle lasciato sulla sedia; nel frattempo, molto cautamente e circospetto, entra il giornalista; Lucetta, scorgendolo, presa alla sprovvista, arrossisce) Voi qui? (ritrosa, si allontana)

FERDINANDO, Oh! Lucetta! Non stavo pi√Ļ nella pelle, dovevo rivedervi!

LUCETTA,            (facendosi un po' restia, mantenendo le distanze) Signor Gatti! Ma che dite!? E poi qua! Se vi vede mio padre!

FERDINANDO, Oh Lucetta! Non mi importa proprio niente! Per voi rischierei qualunque cosa, anche la collera di vostro padre... la replica di ieri sera, e anche di pi√Ļ!

LUCETTA,            (pendendo dalle sue labbra, comincia piano ad avvicinarsi) Ma mio padre è cosi ... fuori ... dalla grazia di Dio!

FERDINANDO, (anche lui comincia molto lentamente ad avvicinarsi) Non conosco pericolo per voi, Lucetta! Un terremoto... un'inondazione... un uragano... affronterei qualsiasi cosa! Non lo capite, Lucetta? Io vi ho amato dal primo momento che vi ho visto... ieri sera! Voi...voi siete stata il mio... il mio faro nella tempesta!

LUCETTA,           (sciogliendosi,  fra le nuvole,  continua l'avanzata) Si! E che tempesta!

FERDINANDO, ¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† (avvicinandosi, sempre pi√Ļ poeta) I vostri capelli erano ... la mia ...

vela maestra!

LUCETTA,   (c.p., sospira)

FERDINANDO, (c.p.) Il vostro viso ... la mia ... dolce luna che rischiarava il cielo!

LUCETTA,           (c.p.)

FERDINANDO, (c.p.) I vostri occhi .... la mia ... ancora di salvezza!

LUCETTA,  (c.p.)

FERDINANDO, (praticamente vicinissimo, con voce calda e suadente) La vostra bocca ...il mio ... porto ... sicuro! (cerca di baciarla ma ..)

LUCETTA,            (... si allontana timida) Non posso!

FERDINANDO, Perché? Perché mia dolce ispiratrice... mia incantevole musa? Perché non potete?

LUCETTA,            (senza guardarlo) Non fatemi domande, vi prego!

FERDINANDO, Non potete respingermi così! Senza spiegarmi nulla! Ora che vi ho

trovato... non intendo lasciarvi!

LUCETTA,                  (c.p.) Fatelo per me... lasciate questa casa!

FERDINANDO, E'  forse che.. non mi volete? Lucetta, vi prego parlate!

LUCETTA,                  (c.p.) Non insistete, non posso!

FERDINANDO, Per favore.... guardatemi negli occhi, e ditemi se è perché non sono come voi desiderate!

LUCETTA,            (alza lo sguardo su di lui, cerca di parlare, ma non ci riesce)

FERDINANDO, Il vostro silenzio mi riempie di gioia, Lucetta! Però vi supplico... ditemi cos'è che vi turba!

LUCETTA,            (confusa, con voce flebile) Mio padre ...

FERDINANDO, (la interrompe) Non temete, lo affronterò!

LUCETTA,            No,  non è per questo!

FERDINANDO, E allora? Cosa dunque? Parlate, vi imploro!

LUCETTA,            (sospira) Sono stata promessa a un altro!

FERDINANDO, Un altro??!! E ... e ... voi lo amate?

LUCETTA,            (triste) No... non l'ho mai amato! E mai lo farò..  (timidamente) adesso poi ... che ho ... incontrato  voi!

FERDINANDO, (gli prende la mano) Voi mi rendete immensamente felice, Lucetta! Ma chi è costui? Chi è che ci è da ostacolo?

LUCETTA,           (con voce fioca, sospira malinconica) ...Enzo Dal Conte!

FERDINANDO, Quel baccalà? Come ha potuto promettervi vostro padre ad un pesce lesso come quello? Voi... dolce e incantevole fanciulla... fidanzata ad un ... uno stoccafisso! Incredibile!

LUCETTA,            Eppure è così! Noi non siamo molto ricchi...  anzi tutt'altro, anche se mio padre cerca sempre di nasconderlo! Per lui farmi sposare un Dal Conte significa l'unica soluzione per farmi fare la vita della gran signora! Anche se io non gliel'ho mai chiesto!

FERDINANDO, Ma quale unica soluzione! Quando vostro padre saprà chi sono io, non avrà niente da obiettare!

LUCETTA,             (speranzosa) State dicendo sul serio?

FERDINANDO, (sempre stringendole la mano) Certo mia adorata! Mio padre è il Sindaco!

LUCETTA,            Il figlio del Sindaco?

FERDINANDO, Si, lo so! Non lo avevate capito! Ferdinando Gatti è il mio nome d'arte, lo uso solo per fare il giornalista! Non volevo che qualcuno pensasse di me che sono un raccomandato!

LUCETTA,           Oh Ferdinando... come sono contenta!

FERDINANDO, Anch'io mia diletta! (si stringono di pi√Ļ, stanno per baciarsi ma ...)

NTONI,   (rientra in quel momento dalla terrazza, e, vedendoli abbracciati, rimane sconvolto)   Ah! Chi vidinu i me occhi! Lucetta... chi stai facennu?

LUCETTA,            (presa alla sprovvista) Papà!

NTONI,     (sedendosi di peso sulla poltrona, come se gli fosse venuto un colpo) Ciatu di to patri... chi facisti? Mi tradisti? Traditura si?

LUCETTA,            Che dici papà! (gli va vicino per consolarlo)

NTONI,   (con la mano sul cuore come se gli facesse male) Di rispettu, di rispettu mi mancasti! (quasi urlando) Lucetta... Lucetta, figghia mia, chi cumminasti?!?!

PEPPA,      (richiamata dalle urla del marito, rientra seguita dal Dal Conte) Chi fu? Chi mmattiu? (vedendo il marito che si sente male) Ntoni, chi ti succidiu? (accorre)

NTONI,   To figghia, to figghia! (solenne) Mi tradiu!

PEPPA,   Chi voli diri? Chi stai dannu nummira? (e accorgendosi in quel momento di Gatti) E vui chi ci faciti ccà? Chi è opira vostra chista? Non vi bastau u manicomiu chi cumminastu ajeri sira?

FERDINANDO, (risentito) Io non sono qua per fare scenate! Come non lo ero ieri sera!

NTONI,     Luatimmillu davanti all'occhi mei! Si no chiddu chi non fici ajeri u fazzu ora!

GIROLAMO,     (confuso e incuriosito di tanto clamore) Non capisco! Cosa è successo ieri sera di tanto grave?

PEPPA,      Nenti! Nenti, don Girolimu! Nenti i gravi!

GIROLAMO,   Scusate, ma vostro marito allora sta male per niente? Ci sarà pure un motivo!

PEPPA,      U motivu u vurrissi sapiri puru jò!

LUCETTA,           (si consulta con lo sguardo con Ferdinando che approva) Forse è meglio che spieghiamo noi come stanno le cose!

FERDINANDO, Hai ragione, Lucetta!

LUCETTA,            Sedete tutti, e poi parlo!

PEPPA,  Accussì gravi è?

NTONI,   No vidi comu parra bonu u 'talianu? Seria è!

LUCETTA,            Sedete... per favore!

(Si siedono tutti. Subito prima che Lucetta cominci a parlare, entra dal corridoio, con un mazzo di rose rosse e un bel sorriso stampato in faccia, Enzo, e dietro di lui donn'Anna. Nessuno li vede. Enzo, vedendo l'atmosfera un po' tesa, si ferma ad ascoltare)

LUCETTA,¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬† Quello che devo dire √® breve! (prende fiato) Io non voglio pi√Ļ sposare Enzo!

(sbalordimento totale: Girolamo e Carmela borbottano stizziti,  Enzo perde il suo sorriso, e abbassa le braccia con i fiori)

PEPPA,      Ih! Chi dici? Piddisti a ragiuni?

NTONI,     Stu speci i gionnalista vinni sulu mi ni fa peddiri a paci da casa!

PEPPA,      Ma chi c'entra! Lucetta non si senti bona.... non sapi chiddu chi dici!

LUCETTA,           Io so bene quello che dico! E sto bene, veramente bene! Enzo non mi è mai piaciuto... non mi piace e non mi piacerà mai!

ENZO,   (gli cadono i fiori per terra e amareggiato) Lucetta!!! (mentre gli altri, sbigottiti,  si accorgono della sua presenza, si avvicina a Lucetta) Lucetta ... Lucetta ... donna della mia vita ... sole del mio mattino ... cosi mi stai straziando il cuore! Le tue parole mi feriscono ! Dimmi .. dimmi che non è vero ... dimmi che è solo un incubo!

LUCETTA,¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬† Mi dispiace! √ą la verit√†! E ora che l'ho confessato, mi sento anche meglio!

ENZO,   No... non è possibile! Non può essere vero! (sta per sentirsi male) O mio Dio! Mi gira tutto! (pronta donn'Anna gli offre una sedia e comincia a soffiarlo col grembiule)

LUCETTA,           Io però non avevo ancora finito!

NTONI,¬†¬†¬†¬† Ah puru! A giunta √® cchi√Ļ du rotulu? Ne spasciasti gi√† abbastanza i brigghia?

LUCETTA,¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬† Ti prego pap√†, non fare cosi! (si avvicina a Ferdinando,¬† gli stringe le mani) Ho preso una decisione: sposer√≤ Ferdinando! √ą solo lui che amo!

GIROLAMO,     (alzandosi di scatto) Ora basta! Ho sentito anche troppo! Andiamo Carmela!

ANNA,   (soffiando Enzo) Chi notizia! Chi scuppi!

PEPPA,      Spittassi! Me figghia non sapi chiddu chi dici!

GIROLAMO,¬†¬†¬†¬† Lo sa benissimo! Sa benissimo che col suo parlare ha offeso me, mia moglie e soprattutto mio figlio! Andiamo Carmela! (e prendendo il figlio dal braccio) Anche tu Enzo... andiamo! Siamo stati umiliati abbastanza! Cinque minuti prima si parlava di matrimonio.. e cinque minuti dopo ... sbattuti .... fuori di casa ... vilipesi e oltraggiati! √ą scandaloso!

NTONI,     (cercando di risolvere la situazione) A unni va... cumpari? Tutti cosi si ponnu risovviri!

GIROLAMO,¬†¬†¬†¬† (seguito dalla moglie stizzita e dal figlio assente) Non si risolve un bel niente! E d'ora in poi... niente pi√Ļ compari! Addio! (escono)

ANNA,   (avendo trovato pane per i suoi denti) Chi storia! Chi scuppi! E puru stasira nisciu l'edizione straoddinaria! (mentre esce) Cummari Maria! Cummari Santa!

(Pausa Lucetta e Ferdinando sono seduti vicini e, incuranti della situazione, si scambiano occhiatine dolci. Ntoni √® sempre pi√Ļ depresso sulla poltrona e Peppa cerca di consolarlo)

PEPPA,      (alla figlia) Sciagurata! Sbenturata! Ti nn'accuggisti i chiddu chi cumminasti? Chi beddu piattu i gghiotta chi facisti?

LUCETTA,    Io non ho combinato niente!

PEPPA,   Annunca! Nta cincu minuti ti bruciasti u to avveniri e a reputazioni i to patri!

LUCETTA,¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬†¬† Se √® per la reputazione che vi preoccupate e per il mio avvenire, non ci pensate pi√Ļ! Io sposer√≤ Ferdinando Gatti ... il figlio dei Sindaco!

NTONI,     (rinvenedo all'improvviso, interessato) U figghiu i cu?

FERDINANDO, Il figlio del Sindaco, in persona!

LUCETTA,            Lo sapevo che si sarebbe svegliato dicendo di chi sei figlio!

NTONI,   (si alza dalla poltrona, vispo) Ciatu i to patri, u sapia jò chi putia cuntari supa a tia! (e avvicinandosi alla figlia le da un bacio in fronte; poi rivolto a Ferdinando) E puru unu a tia ... “figghiu"! Ti pozzu chiamari accussì... no?

FERDINANDO, Ma certo, ci mancherebbe!

NTONI,     (lo bacia; pausa) Ou! Ma com'è chi quannu succedi cacchi cosa i bonu, donn'Anna sparisci? Nte megghiu mumenti si nni  va... a cuttigghiara! (poi, guardando di nuovo la coppietta, a Peppa) Peppa! Vaddili: non su biddicchi? E' vera?

PEPPA,      (guardandoli ammirata) Veru è! N'amuri su!

NTONI,     Chi figghia d'oru chi avemu! Veru Peppa?

PEPPA,      Veru è!

NTONI,     Peppa... ccà ci voli nu brindisi! Pigghia i bicchirini!

PEPPA,      Vaiu, vaiu! ( va in cucina)

NTONI,     L'ama fistiggiari sta bedda coppia... no? (pausa: a Ferdinando) E ora ... a quannu ... u matrimonu?

LUCETTA,            Papà!!

FERDINANDO, (guardando Lucetta) Presto! Presto! Voglio avere al piu presto al mio fianco questo ‚Ķ "bocciolo di rosa"!

NTONI,     (alla figlia) Puru poeticu tu truvasti! Chi preu!

PEPPA,      (torna col vassoio) Pronta pronta, arruvai!

NTONI,¬†¬†¬†¬† (prendendo un bicchiere in mano insieme a tutti gli altri, e alzandolo per il brindisi, si rivolge alla figlia) Senti u seguitu da poesia, mica sulu iddu √® poeta! Scuta bonu:¬† (rivolto al pubblico) A saluti di me figghia, chi un beddu giuvini si pigghia! Unu riccu ni lassau, unu riccu ni truvau! √ą distinu chi Lucetta, c'un bon pattitu si ricetta! E a Peppa e a Ntoni non resta nenti¬† ... chi ringraziari ... li presenti!!!¬† (brindano). ¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†FINE

SANTINA ( detta TITTY ) GIANNINO (n¬į pos. SIAE 216044)

www.tittygiannino.jimdo.com

In caso di eventuale rappresentazione contattare l'autrice

e-mail: tittyg68@gmail.com,  santina.giannino@hotmail.it,     cell. 3343589590


[1]    Ntinnamari: it. Dinnamare. Zona sui Monti Peloritani a 1130 m s.l.m., famosa per il suo omonimo Santuario e raggiungibile attraverso una lunga strada piena di curve e tornanti.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno