Lisistrata

Stampa questo copione

LISISTRATA

testo in dialetto

(da Aristofane)

rielaborazione, traduzione e adattamento

di

Alberto Ticconi

Personaggi : Lisistrata

Cleonice

Mirrina

Lampitò, La Pace

Vecchio

Stratillide

Misulfata

Rodippe

Cinesia, il Commissario e

I° Ambasciatore Ateniese

Bambino

Araldo

I° Ambasciatore Spartano

II° Ambasciatore Spartano

II° Ambasciatore Ateniese

ATTO I°

Grande frontale di un tempio greco con gradinata, e una piattaforma in legno a lato.

Sulla scena LISISTRATA, sola

LISISTRATA - Si ca' ce fosse statu nu’ mercatu, o si caccherunu l'avesse chiamate pe' n'abballata de foco alla facci de Dionìsiu, a chest'ora fossemo già stati schiattati dalla folla e sturditi dagli sderrài. Ma, come potemo bbono vedé, ca' non ce sta’ propitu nisciunu. A parte sta’ vicina mia de casa, meza arruvinata dalla vecchiaia e dalla panza. (entra Cleonice, donna abbondantissima) Cleonice, è nu’ piacere vederete.

CLEONICE - Figlia mia, gliu piacere è tuttu gliu meo. (al pubblico) Stateve zittu, c'aggio lassatu na' sfornata de ficu che me commoveva a ogni muzzicu. Quent'erano bbone! Si me l'avesse potute finì, pe’ le lacrime me sarìa fatta secca tutt'a' na’ botta, o cumunque n'atu poco chiu' umana de core. Ma chesto, oramai, pe' colpa sia, non lo potemo sapé. Ehi, vagliò, ma stammatina te vedo nu’ poco scanzata de coccia. E che facci nera. Hai lassatu caccosa a metà puri tu?

LISISTRATA - Magari fosse! Tengo nu’ foco n' petto che me se sta’ a rosecà, e l'aggitazione me stregne sempe de chiu' alla cola. Che fine potemo mai fa’ nui femmene?!

CLEONICE - Che vu’ dice mo’?

LISISTRATA - Gli'ommene ce cretono capaci de tutto.

CLEONICE - E chi meglio de issi lo pò sapé?!

LISISTRATA - Ma quanno ce sta nu’ fattu seriu, 'mportante, na’ situazione de vita o de morte nui, disgraziate, dormemo.

CLEONICE - Dormemo? Tu criti? No!! I' so’ convinta che n'è veru. Tra poco tutte le compagni noste staranno ca'. Tu lo sai che pe' nui è difficile scì dalla casa. Ce sta' gliu marito, gliu schiavu. Po' hama pensà agli criaturi; farigli magnà; lavarigli e vesteregli.

LISISTRATA - Ma ce stanno puri fatti chiù de consistenza, e urgenti.

CLEONICE - Come è veru!... E do' stanno che i' ce volesse già i', e puri de subbitu?!! Ma... senti; la raggione de tuttu chesto foco che ti'n'corpo quale è? Pecché ci'hai fattu veni' ca’? Voglio dice: Che robba è?

LISISTRATA - Consistente. De sostanza.

CLEONICE - Stai a dice grosso?

LISISTRATA - Assai de chiù.

CLEONICE - E hanna venì pe' forza puri l'ate?

LISISTRATA - Non se ne po' fa’ a meno.

CLEONICE - Ste' disgraziate? Ma n'è che n'hanno capitu bbono gli'argomentu?

LISISTRATA - Non po' esse!

CLEONICE - E certu, pe' chesta scienza non sbagliamo mai.

LISISTRATA - Ma non è chello che pinsi! Allora sì che ce fossemo già a doppia fila! E' nu' fattu che co’ la coccia mia aggio pensatu e sbattutu e ribbattutu pe' tante e tante notti a occhie raperte.

CLEONICE - E a esse trattatu a sa' manera starà propitu arruvinatu addavero gliu povereglio. Gli'avrai pistatu finu finu com'a na' fittina de mortadella. Pero’ che sprecaria, cazzarola!

LISISTRATA - Tantu finu che è 'ncoppa le spalli noste tuttu gliu destinu della Grecia.

CLEONICE - E allora stamo tutti n'mezo a na’ strati. Ma famme capisce bbono: dipende da nui la sorte de' stu' paese?

LISISTRATA - Certu!!

CLEONICE - Chesto n'aggio mai saputo.

LISISTRATA - E' veru.

CLEONICE - Sarà, ma 'n'ce pozzo crete!

LISISTRATA - E che se screffonnassero tutti gli’estranei!

CLEONICE - Se screffonnassero addavero, pe' Zeus!!?? Ma propitu tutti? No. Facemo cacche eccezione. P'esempiu chigli dì bbegliu vagliuni c'hamo cunusciuto la settimana passata.

LISISTRATA - Ma pe' quantu concerne la città nosta, non faccio gliu stesso auguriu. Scòteme bbono: Si tutte nui femmene, chelle della Boezia e chelle degliu Peloponneso, ce mettemo 'nsema, potemo de certu salvà la Grecia.

CLEONICE - Ma tu te stai propitu a sonnà! Quanno mai le femmene hanno fatto caccosa pe' la salvezza de na’ nazione? A me me pare che nui semo sulu bbone a stà assettate 'nanzi a nu' bbegliu specchiu, pe' ore e ore, a farece belle; chi ce riesce. A pensà alle scarpe, alle tuniche, alle sottane; chelle strette, chelle che fanno vedé bbono tutto chello che ce sta' de sotto.

LISISTRATA - Ecco!!! Brava! L'hai propitu ditto. Ce sì arrivata. E' da tuttu chesto; tuniche, vesti trasparenti, scarpette, russètta, 'mprofumamènti e cureve chiene de sostanza, che i' m'aspetto sta’ salevezza.

CLEONICE - Ma ne si' convinta addavero?

LISISTRATA - Gliu sordatu non saglierà chiù a cavagliu pe' i' alla guerra.

CLEONICE - Allora vaio a a'ccattareme subbitu subbitu na’ vesta...

LISISTRATA - Gli'ome de valore n'abbraccerà chiù gliu scudu...

CLEONICE - E me piglio propritu chella trasparente, cazzarola.

LISISTRATA - Gli'ome de ferro no' sprecherà chiù le forzi sèi pe' sbatte na’ spati da na’ parte all'ata degliu munnu.

CLEONICE - E che sbatterà?...Ih! E mo’ m'accatto propitu le scarpe rosse co' tutto gliu resto, cazzarola addavero! Tèh!

LISISTRATA - Non te pare che chelle disgraziate dovevano esse già ca'?

CLEONICE - Ma zompenno co' nu’ pere sulu, pe' la sauciccia! Tutte 'nzema, e co' gliu core emozionatu.

LISISTRATA - Sfortunatamente so' mosce; lente, com'a' na’ ciammarruca: e fanno tuttu co' ritardu.

CLEONICE - Disgraziate! Però...chesto mica è sempe nu’ difettu, eh?!

LISISTRATA - M'aspettavo che ce fosse almeno caccheruna degli Parali o de Salamina.

CLEONICE - Beh! E' stranu; pecché i' saccio bbono che st'aggenti tè l'abbitudine de mettérese a cavagliu de nu’ ciucciu, chi è è, già dalla matina lestu.

LISISTRATA - E non vedo mancu chelle d'Acarne, 'ncopp'alle quali me s’era appoggiatu tantu gliu pensero meo.

CLEONICE - So' sicura che la mugliere de Teogene, p'arrivà ca', ha iaozati tutt'e'dui gli fiaschi, e a ogni biviu avrà sbagliatu ghiece voti. E' chello che succede puri agli disgraziati d'ommene noste. Ma sento na’ brutt'ammuina. U' vedé che stanno a vinì?

---------------- (MIRRINA E LAMPITO')--------------------

LISISTRATA - Si, so’ esse. Era ora.

CLEONICE - De che postu so'?

LISISTRATA - De Salamina.

CLEONICE - Già; l'avesse duvutu capisce subbitu; ca se sente la puzza de sauciccia.

Entra in scena Mirrina

MIRRINA - Creca, semo arrivate co' nu' poco de ritardu, Lisistrata? Ma pecché non parli? Ce stamo; duvissi esse contenta....mo'. Uhé, n’è che te s'è catuta la lengua?

LISISTRATA - A sì, puri?! I che facci tosta che tine!? 'Nmece non pozzo esse contenta mancu pe' niente, disgraziata e sgustumata che, pe' nu' fattu de sta’ portata, te prisinti sulu mo’!

MIRRINA - Vidi, che si me vu’ propitu sintì te pozzo puri rispogne, a sore, puri si so’ sulu fatti gli mee.

LISISTRATA - Parla, 'nginga; che tenemo le recchie bbone spilate.

MIRRINA - Era troppu scuru, e ntromento cercào la corréa de maritumu, pecché avéo persu la mia, me so' sbagliata spissu. La verità è che gli'ome meo pare picculu, ca' spissu mancu gliu vidi, ma si 'n'te stai attento ti gliu truvi sempe da tutte le parti. Ma mo' stamo ca', pu' incomincià se ti caccosa veramente 'mportante da dice. Chigliu begliu maritu meo, pe' na’ vota che ce stéa....

LISISTRATA - E smittela, cazzarola!. Hama aspettà puri le femmene della Boezia e degliu Peloponneso.

MIRRINA - Chesto è giustu. Ma pe’ fa’ che?

Entra Lampitò

LISISTRATA - O! Ecco finalmente Lampitò, la spartana. Te vedo, carissima e bbona Lampitò, amica mia e de tante com’a’ me. E te trovo propitu n'forma, pe’ cento aglimali ‘ngrifati. Si tonna e chiena com'à nu’ porco arrivatu. E che muscolatura! A me, me pare, che putissi senza sforzu strozzà puri nu’ toru.

LAMPITO' - Ce pu' mette la mani 'ncopp’allo foco, commare mia; vajo alla palestra e quanno zompo arrivo finu a mezo curipizzu.

MIRRINA - E che è?!

LAMPITO’ - Le chiappe.

CLEONICE - Ah! E che carni profumate e sostanziose che tine.

LAMPITO' - Ma che cazzarola iate facenno? Me state a manià come se fa’ co’ gli veteglie pe' la chianca. Chiuttostu, (verso Mirrina) se po' sapé chesta da do' è sciuta?

LISISTRATA - E' na’ nobbile pollasta de Salamina.

CLEONICE - E come tale tè na’ bbella maese semmenata a ranu.

MIRRINA - Ma quanno mai.

LAMPITO' - E chest'ata?

LISISTRATA - E' Cleonice, na' vagliona de Corintu.

MIRRINA - Vagliona? Ma fateme gliu piacere! Quale vagliona è chesta?!

CLEONICE - Chello c'aggio fattu i' da giovane tu te lo pu' sulu sonna', e mo' co’ te, si propitu ci tine, non me ce cagnasse mancu pe’ na’ 'ntecca!

LISISTRATA – Nu’ pezzo de pane; simpatica, raperta de core, de coccia e ...

CLEONICE - E basta. Che chisti so' fatti gli mee e de nisciunu!

LAMPITO' - Si, ma... capiscemoce bbono: chi ci'ha chiamatu pe' st'assemblea? Vedo, co’ meraviglia, che semo sulu femmene. Che addunata è?

LISISTRATA - So' stata i'.

LAMPITO' - E allora dacce na’ luci 'ncoppa a chello che sta’ a succede.

MIRRINA - E fosse puri ora, i' penso.

LISISTRATA – Mo’ ci'arrivamo. Ma primu voglio fareve na’ domanda.

MIRRINA - 'Ncoppa gli'argomentu che te pare.

CLEONICE - Chesta, stammatina, già m'ha datu de nerve e de stommucu.

LISISTRATA - Non sentete la dolorosa mancanza degli fatti degli padri degli figli voste, oramai quasi tutti alla guerra?

CLEONICE - Gli padri degli figli noste!? Chi è st'aggenti? Ah, maritumu. E parla come t’ha fattu mammeta. Si è pe' chesso gliu meo è rimastu alla Tracia. Oramai so' cincu misi che sta’ a difende la fortezza... che tè sotto. Pozz'ess'accisu, a issu e a chi gliu comanda.

MIRRINA - Gliu meo è statu a Pilu pe' sette mesi sani sani... Mo’ sta alla casa, Però da un momento a n'atu me pò scappà da 'n'mezo le mani senza che i’ pozzo dice a’. Chigliu bbegliu maritu meo. Che si gliu scorresse la freve, tèh!.

LAMPITO' - Gliu meo, si capita che cacche vota torna alla casa, appena me vede, subbitu subbitu 'mbraccia gliu scudo e... e se ne parte n'ata vota, senza mancu salutareme.

MIRRINA - I', agliu postu seo, facesse la stessa identica cosa!

CLEONICE - (alludendo alla tette di Lampitò) Ca' la crapa ci'ha raggione: si uno n'sa' notà, loco 'mezzo ce s'affoga. Co' bbona salute, pe' carità; senza 'ngnuria.

LISISTRATA - Smettetemola! E lo bruttu è, che a stu’ paese oramai, non se trova mancu chiù na’ sciacquatura d'amante. Ma se i' ve prospetto na’ soluzione a tutti sti probblemi vui m'aiutate a sradicà la guerra e tutti gli mali soie da chistu munnu?

MIRRINA - I' si, puri si me dovesse venne gliu corredo.

CLEONICE - E pecché i'? Puri si dovesse diventà fina fina, com'a na’ sogliola; la chiù fina degli'Eggeu.

LAMPITO' - E puri i'. Iesse a pere ‘nfin'a'ncoppa la montagna chiù iaota della terra: si là vedesse la pace.

LISISTRATA - Bbono! E allora scotate, pecché non pozzo chiù stareme zittu. Si veramente desideramo che gli' ommene noste se decidano a fa' la pace... Eh!? Ehi...(pausa)

CLEONICE - Pecché te sì fermata, mo'? T'è iutu caccosa de traverso? Continua. Diccello no, e nui te venemo appresso fina a'n'capu agliu munnu.

LISISTRATA - Aggio paura che, specialmente pe’ te, stu’ fattu non potarìa esse.

LAMPITO' - Chiuttosto gli taglio gliu canniliru.

CLEONICE - O sta digraziata! Ma 'mpiccete degli fatti toie. Allora?

LISISTRATA - Ci'hama scordà, pe' nu’ bbegliu pezzo... senza nisciuna nostalgia,... senza rammaricu o ripensamentu....de Peppinu. Ma che ve sta’ a succede mo'? State a tremà!? Chiagnete!? Arrotate gli rente!? Non ve reggete chiù arrizzate? Sete sbiancate! State a da' de stommucu??

MIRRINA - Ih, e pe' così ppoco. Ma po' chi è stu' Peppinu?

LAMPITO' - Allora n'hai capitu niente?!

MIRRINA - Aaaaaaa, Pippinu!!? No! No! Pe’ la sauciccia! Che nisciunu fermasse la guerra, sa'! Pippinu non se tocca.

CLEONICE - Che se ne 'ngrifasse n'ata, chiuttostu e subbitu.

LAMPITO' - Hanna continuà chesta e cento de chesta!!

TUTTE - Chesta e cento co’ na’ bbona salute, cazzarola!

LISISTRATA - Svergognate! Non ve rendete cuntu de chello che state a dice. E tu? Tu, la sogliola chù fina degli'Eggeu!?

CLEONICE - Sinti, (pausa) a mama, che tale te pozzo esse; tu me pu' chiede chello che te pare; puri de camminà 'n'mezo allo foco, e i' lo faccio. E non te dico de no, mancu si me chidi de magnareme nu’ rospu sanu, vivo e zuzzu. Ma a Pippinu… a Pippinu no! Mancu a pensarela na’ cosa accussi agra. C'aggia fa', se i' fosse pe' te me mettesse propitu scorno. Figlia mia, e chi se lo fosse mai aspettatu da una com’a’ te che gli’h’acchiappati da tutte le parti… dico, gli pensere bbone, pozza scì na’ cosa de chesta, e a prima matina, po’!

LISISTRATA - (A Mirrina) E tu?

MIRRINA - I'? I' pe' nu’ fattu de chissu me potaria sinti' troppu, troppu, troppu malamente.

LISISTRATA - Che specie arruvinata è la nosta. Pe' forza dent'alle commeddie semo chello che semo. Dent’alla capu nosta nu' svulazza ato che gliu medesim'aglimale. Ma i' saccio bbono, senza paura de ce perde la facci, che pozzo appoggiareme 'ncoppa le spalli tòie valuruse o Lampitò; e 'nsema, nui dui, puri da sole, ne scemo vincitòre.

LAMPITO' - E' disgraziatamente dulurusu, mortificante dent'agliu core, dento agliu spiritu e dent’agliu corpo, pe' nui femmene, starece allo scuru, senza gliu marivizzu. Però aggia riconosce che chello che stai a dice è validu, e nui non potemo negà che la pace è troppu... troppu, troppu 'mportante pe’ la vera salute nosta. Anzi, i' dico: oramai è 'ndispenzabbile.

LISISTRATA - Lo sapevo che tra tutte sulu tu ti' forma e sostanza de giusta femmena.

MIRRINA - Pe' me… è sulu paricchiu esaggerata; de larghezza e de spessore, 'nmece.

CLEONICE - Se manc'agli cani dovessemo pensà che chigliu begliu Pippinu nosto, ca' sulu a nommenarigliu me ve’ nu’ mancamentu de core, hanna rimanè pe’ forza fore dalle relaziuni noste iornaliere, ce sta' caccherunu che ce po' assicurà co’ garanzia e fatti ca non è nu’ sacrificiu a vacantu?

LISISTRATA - Chello che ce potemo dice è sulu che n'tenemo n'ata pussibbilità. Ma scotate: abbasterà che tutte nui, tutte, stamo dent'alle casi bbone aggiustate e pittate, praticamente 'ngnure sotto le tuniche, e co' lo ranu piru pe' piru perfettamente metuto, gli'ommene, che spissu già se 'nfocono agliu sulu pensero, sbufferanno, scalpitreranno, rusperanno com'à enche dent’alla stalla, se 'ngriferanno, sbatteranno gli zoccole n' terra, se creperanno dalla voglia de darece de mani e d’aoceglio.

CLEONICE - Mama, e i' a stu puntu tenesse puri nu’ poco de palpizione de core.

MIRRINA - Ma chisti che robba so’? Me parono chiù aglimali che ommenei, cazzarola!

LISISTRATA - Nui, però, hama fa' finta de niente, e tene' porte e fineste sempe 'n'serrate.

MIRRINA – I’ già le tengo sempe appannate…

LISISTRATA - Ati porte e ate fineste! Hate capitu?

LAMPITO' - E certu c'hamo capitu! Che po’ a me st’infocamenti aglimaleschi non me so' mai piaciuti, pe' Zeus!

LISISTRATA - Accussì, chianu chianu, le truppe de issi s'arrenneranno e la pace ce sarà servuta 'ncoppa nu’ piattu d'argénto.

CLEONICE - Po'... po'... Po' funzionà. Lo sanno tutti quanti che chigliu strunzu de Menelao se perse spati e scutu quanno sé troètte 'nannzi agli'occhie chigliu pezzo de femmena de Elena co’ tutte le zinne de fore.

LAMPITO' - E se gli'ommene, come gli'è cosa assai d’usu, vanno pe' ati voschi?

LISISTRATA - A chistu munnu ce stanno puri strati novi.

CLEONICE -Però nisciuna se po' paragonà a chello mele azzuccheratu de Pippinu. Ma aspetta nu’ poco; e si chigli disgraziati ce pigliono e ce trascinano dento la stanza co’ la forza?

LISISTRATA - Appiccicateve alla porta.

MIRRINA - E si ce schiattono de mazzati?

LISISTRATA - Tu 'ei resiste!

CLEONICE - E se ce sbattono 'ncoppa agliu letto e ci'attaccono?

LAMPITO' - Pe' Zeus e pe' tutti gli ddei, ma i' volesse sulu sapé co’ chi cazzu ve sete sposate, a sore!!?

LISISTRATA - 'Scotate. Sulu a stu’ puntu hama cede; ma lo foco vosto hanna rimané stutatu e mutu. Ste’ cose senza calore e meamismi non danno piacere mancu a nu’ verre.

CLEONICE - Si lo dici tu.

LISISTRATA - Stateve tranquille che lestu s'arrenneranno.

CLEONICE - Si sta' bbono a tutte l'ate i' non me pozzo tirà arreto.

LAMPITO' - Sicuramente a Sparta nui potemo bbono tené la situazione, ma ca', ad Atene, ce la facete vui co' gli scalmanati voste?

LISISTRATA - Ognunu conosce gli’aglimale seo, e puri nui, come pu' vedé, tenemo chello che ce serve.

LAMPITO' - Però i' non me sento tranquilla fina'ché è a portata de mani gliu tesoru sfonnatu degliu tempiu.

LISISTRATA - Calmamoce, ca tuttu è già statu pensatu. Dent'a' stu’ momentu le chiù anziane, facenno finta de fa' sacrifici agli dei, stanno a occupà l'Acropoli.

MIRRINA - Addavero?! Ma allora è tutto a posto!!!?

LISISTRATA - Chiariti tutti gli fatti, si sete daccordu, pecché non celebbramo davanti agli dei la decisione nosta?

LAMPITO' - Nui.... semo pronte a giurà.

LISISTRATA - Dateme nu' recipiente, nu' scudu, caccosa... e passateme la vittima. Cercate bbono, che gliu momentu è propiziu. Non facemo passà troppu tempo dagli pensere agli fatti.

MIRRINA - (porta con se un vaso da notte) Ecco trovatu, chello che ce serve

LISTRATA - Bbono! Giuramo.

CLEONICE - Sinti, Lisistrata, i' t'aggio visto nasce e cresce, e a modu teo si stata sempe na’ brava vagliona, e a modu meo te voglio paricchiu bbene, ma mo' che razza de giuramento ce stai a fa’ fà?

LISISTRATA - Come vo’ Eschilo: la vittima sacrificata 'ncopp'agliu scudu.

CLEONICE - E 'ncapu a te chistu è nu’ scudu?!! (Lisistrata si rivolge con un terribile sguardo a Mirrina)

MIRRINA – Ohhh!! e mica è colpa mia; chesto aggio trovatu e chesto v’aggio portatu!

LAMPITO' - Ma squartamo 'nmece nu’ bbegliu cavagliu biancu e 'nsistu, e sacrificamugli le urella ‘ncoppa na’ vrace a dovere.

MIRRINA - Eh!?? Le urella? Che schifu!

LISISTRATA - Ma quale cavagliu biancu!

CLEONICE - E allora come se fà?

MIRRINA - Facemo finta che chesta è na’ bbella e grossa coppa nera, cava e prufumata...ce sacrificamo dento nu’ cannategliuo de vinu, eh... e giuramo 'ncoppa la coppa che non ce mettemo mai l'acqua!

CLEONICE - Sine! (Va già a prendere la brocca)

LAMPITO' - Non te saccio dice quantu me piaciono sti’ giuramenti tee!

LISISTRATA - Iate dento a piglià gliu' cannateglio de vinu..

CLEONICE - (uscendo) Eccugliu ca'!! E' propitu grosso addavero. No’ mi gli’arricordavo da iere accussì begliu. Figlie mei, me ve' nu’ piacere agliu core sulu a maniarigliu.

LISISTRATA - Ecco, la vittima è pronta...

"Bella Padrona degli destini noste;

Ancella della pace e dello bbene:

raprece le vie de st'occhie carnusi,

e facce doce gliu sapore de chisti duluri.

Fallo, te chiedemo,

pecché spisso

ce gli portamo 'n'petto annascugniuti.

Scotece!

Scota le figlie tei aggenocchiatete.

CLEONICE - (Mentre le altre sacrificano) Che bbegliù. Ma so’ anni che chigliu fattu me gliu trovo 'nanzi agli'occhie.... e avesse pensatu na’ vota che potéa servì a n'operazione de chesta. Ottant’agni e non me (s)c’è sciuta mai na’ puisia ‘ncoppa! Mah! In compensu gliu sangu tè nu’ bbegliu colore oggi.

MIRRINA - Squizza che è na’ bellezza.

LAMPITO'- E tè n'addore assai chiu doce dello mele.

MIRRINA - Amiche mei, lassateme giurà pe' prima.

CLEONICE - Ma mancu pe' fratutu, cazzarola! A meno che non te succeda pe' disgrazia.

MIRRINA - Ehi!? Ma l'aggio trovata i' sta robba!!?

CLEONICE - Sì, ma dento la casa mia, però!

LISISTRATA - Schiaffate ca' le mani voste. E tu, Cleonice, ripiti ste’ parole. Vui tutte state ferme e partecipate co’ spiritu criccu e labburiusu.

CLEONICE - Mama mia, e pecché propitu i'?

LISISTRATA - Pecché si lo farai tu lo faranno tutte. "Si cacche ome, amante o maritu..." Ripiti!

CLEONICE - "Si cacche ome, amante o maritu..."

LISISTRATA - "S'accosta bramusu..." E muvete.

CLEONICE - "S'accosta bramusu... e muvete…" - Figlia mia, me tremono le genocchia -.

LISISTRATA - "Gliu piglio a cauci 'nmezo alle cepolle..."

CLEONICE - "Gliu piglio a cauci 'nmezo alle cepolle..."

LISISTRATA - "Camperò n'perfetta castità... "

CLEONICE - "Camperò n'perfetta castità...." - Ma pecché, dico i'?!-

LISISTRATA - "Però truccata bbona, scortecata, scorepata e 'mprofumata."

CLEONICE - "Però truccata bbona, scortecata, scorepata e 'mprofumata."

LISISTRATA - "Accussì che a’gli'ome meo gli se 'ngrifa la coccia e puri gliu core."

CLEONICE - "Accussì che a’gli'ome meo gli se 'ngrifa la coccia, gliu core e puri..."

LISISTRATA – N’aggiognemo paroli! "Ma pe' volontà mia gliu canniliru gli rimarrà aggianatu...."

CLEONICE - "Ma pe' volontà mia gliu canniliru gli rimarrà aggianatu".- Purtroppu! -

LISISTRATA - "N'aggiognemo parole! "E si me piglierà co' la forza..."

CLEONICE - "Béh, se me piglierà co' la forza..."

LISISTRATA - "Sarò chiena sulu de disgustu."

CLEONICE - "Sarò chiena sulu de disgustu."

LISISTRATA - "No' iaozerò le scarpe fin'alla suffitta..."

CLEONICE - "No' iaozerò le scarpe fin’alla suffitta..."

LISISTRATA - "Non starò come le vacche a pasce..."

CLEONICE - "Non starò come le vacche a pasce..."

MIRRINA - Ma pecché, a pasce le vacche che probblema tenno?

LAMPITO' + CLEONICE + LISISTRATA – N’aggiognemo paroli!

LISISTRATA - "Se i' rispetto stu’ giuramentu che ca’ dento ce pozza trovà sempe lo vinu."

CLEONICE - "Se i' rispetto gliu giuramento che ca’ dento ce pozza trovà sempe lo vinu." - (a Mirrina) Disgraziata... potivi trovà cacch'ata cosa.

LISISTRATA - "Si non lo faccio, che se pozza enchie d'acqua." (espressione di spavento da partre di teutte le donne)

CLEONICE - "Si non lo faccio, che se pozza enchie d'acqua." - Uhm... Chistu, prima de stasera, se enchierà de ati cose -.

LISISTRATA - Giurate tutte?

TUTTE - Si!! Giuramo.

LISISTRATA - E allora facemo puri gliu sacrificiu.

CLEONICE - Iammo: moveteve. E viti si fanno lestu? Ca' hama esse come na' famiglia sola. (rumori di folla)

LAMPITO' - Sentete! C'ammuina!? Che sta' a succede, mo'?

LISISTRATA - Niente de novo; è sulu chello c'hamo dittu. Le noste hanno occupatu l'Acropuli. E mo' tocca a te, cara Lampitò. Però lassece, come ostaggiu, le femmene che t'hanno accompagnatu, ca nui ama i' agliu tempiu a sbarrà le porti.

CLEONICE - Ma non ve passa pe' la capu ca chigli'aglimali mascuri ce ponno dà de mani?

LISISTRATA - Calmete! N'ammescà le speranze co' le paure; sinnò sbanii sulu. Pe' mo' non è chisto gliu probblema. In quantu alle porte, state sicure, ca esse non se rapreranno senza gliu comandu nosto; senza che l'utima condizione delle femmene sia stata accettata e sottofirmata. (escono, resta Cleonice)

CLEONICE - E ce mancasse atu.(continuando a bere) E si no come se potesse giustamente dice de nui ca' semo maleditte, traditòre, 'ntriganti, ruffiane, malamente: de core e de capu? Ma ce piace puri: pozzess'accise, 'ntossecatare, scassastommucu, 'nbriagòne e rosec'aoceglie. E chi chiu' ne tè chiu' ne metta, ca a nui è propitu accussì che ce sta’ bbono. Cazzarola!! (esce barcollando)

FINE PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

Entra un vecchio Ateniese con un fardello di legna ed un piccolo braciere fumante appeso a delle catenelle. Si appoggia ad un bastone.

VECCHIO - Dent'a' stu’ munnu, e pe' tuttu gliu tempo della vita nosta, paricchi fatti ci'arriono allo scordatu. Avesseàte mai pensatu voi che le femmene, na’ malatia schifosa, de puri mal'addore, che ce crescemo co' cura e co' carezze dendo la casa nosta, avessero datu de mani all'Acropuli; alla statua sacra, e 'nchiovatu gli Propilèi co' ogni sorta d'attrezzeria? Embé propitu chesto è successo oggi. E mo' non potemo fa’ atu che corre la 'ncoppa. Iaozà turnu turnu a chelle, - a cheste bestie sfrenate, - na’ diga de trunchi, e faregli fa' una lampa, com'à nu’ metale de paglia seccatu agliu sole pe’ anni. ‘Ncoppa a tuttu, e chesto è a carecu meo, a chella vecchiaccia che tutti acconoscemo; gli pozza piglia na' freve com'a' ghiece cavagli missi 'nzema. Ma i' ve dico che finu a che na’ sola cellula degliu corpu meo è viva n'gni permetterò de pigliarece pe' culu. Mancu a Cleomene iette a finisce bbono, eppure è statu gliu primu a occupà l'Acropuli. Puri si Spartanu, abbottatu de vanti, bavusu e urgugliusu, s’aut’arrenne, pecché gli'assediu nosto gli'aveva 'ngenocchiatu. E non dovessemo fàrecela co' le cagline? E allora damocella addavero na’ 'nchiovatura e na’ passata de forbici, cazzarola!

Ma vidi quanta strati ancora hama fa; e puri tutta de salita. E gliu uaiu è che tenemo poco tempo. Ma senza n'asino i' ce crepo, sotto a sta lena, Dento la città oggi non ne' aggio tro(v)ato mancune unu quanno fin'a' iere tutte le strati, le casi e le assemblee ne erono chiene. Po' aggia puri soscià 'ncopp'a’ sto’ foco, sinnò co’ che arrostemo le scioarde? (Soffia) Ma che fumu! O Zeus, chi l'avesse mai dittu?! Puri sto’ foco è femmena, ca 'n'se spiega d'atu modu la puzzolenteria sia, e gliu fumo non me ‘ntossecasse a sta’ manera. Ma facemo lestu; 'ncamminamoce pe’ l'Acropuli, datu c'hama salvà puri la dea da st'orda 'nferucita. (Soffia) Che fumu! 'Ntromento, però, posamo sta’ lena, e co' sta’ torcia de vite appicciata stanamo le ianare. E si esse non raprono le porti, le iardemo, senza pietà. (Soffia) Ma che fumo, pe' tutti gli ddei.

Sentendo avvicinarsi qualcuno sale su una piattaforma appena più alta di un uomo.

STRATILLIDE - Vedo na’ fumata! Vedo na’ fumata! Vedo na’ fumata! O Zeus. Hanno appicciatu lo foco! Iarde ce vonne le compagne noste. Facemo lestu a darigli confortu.

RODIPPE - Si, corremo commare Misulfata, prima che chelle povere figlie de mama pozzano cadé dent'alla tagliola de sti vecchie abbesciolati.

MISULFATA - Porelle! Porelle! Porelle, le compagne noste. Ma chisà se ce riesce stu’ bbono provvedimèntu.

STRATILLIDE - Scotate! Quant'aggio dovutu faticà, compagne mei pe' vinì da chesta parte. ‘Ngingatu aggio agliu principiu la sistemazione della casa mia e l’arrepezzatura de chesta facci che vui mo’ vedete bbona: missu m’aggio nu’ begliu vestitu, nu’ truccu e nu’ profumu; le scarpe a tonu, co' tuttu gliu resto sistemate, e na’ pettenatura pe' l'occasione. Ma che fatica c'è voluta pe' enchie sta’ valletta dent'agliu puzzu futu. Sciuta pe' la strati m’aggio disperatu: na’ folla; ni’ rumori; na’ poreve; gli schiavi. Però alla fine ce l'aggio fatta, ed eccome ca'. E grazie a ste’ bbone combattenti mo' potemo i' a sarvà chelle povere femmene accerchiate, che da nu’ momentu a n'atu cenere se fanno.

RODIPPE - Aspettate. Ca' la genti va dicenno che certi brutti aglimali marciono verso gliu tempiu.

MISULFATA - Alla malora!

STRATILLIDE - Pozzess'accisi!!

RODIPPE - Co' grosse fascine de lena, quintali e quintali, montagne, e co' gli'unicu scopu de da’ foco e iarde le compagne nosti.

STRATILLIDE - O dea, non permette a sti disgraziati de spiritu e de corpo de ottené succésso. Anzi, vidi de salvà la Grecia, e tutti nui, dalla guerra e dalla stronzaggine degli ommene noste. Sulu pe' stu’ scopu so’ le aziuni noste, ed è pe' chesto che te stamo a parlà. Stacce vicinu e guardece da sti’ nemici senza raggione.

RODIPPE - (Vede il vecchio) Eccugli!!Eccugli! Ommene crepati de coscenzea!!

MISULFATA - Chiunque tè gli’usu degliu cerveglio non lo fa’ chello che vui fate.

STRATILLIDE - E chi te nu’ poco d’educazione dagliu sulu pensero se ne guarda.

VECCHIO - Che v'avivu dittu? Na’ falange de papere sta’ mobilitata pe' la sepponta alle cagline. La spece non fa’ chiù probblema! L'unica parola d'ordine è: semo femmene.

RODIPPE - Stai già a tremà, a quantu pare?

MISULFATA - Prima de fa’ na’ mossa pensa: nui non semo poche.

VECCHIO - Come me piacesse esse surdu pe' no' scotà sta’ brutt’ammuìna. Ma, creca, sarà chiù facile rompe la coccia a caccheruno.

STRATILLIDE - Chianu, ca gliu verme me pare velenusu.

VECCHIO - Quantu fosse bbono pigliarete a secuzzuni dento la panza; ma nu’ cauci 'n'mocca te terrà megliu chiusu su’ pizzu. (comincia a scendere dalla piattaforma)

STRATILLIDE - A sì!? E pecché no' fai?

RODIPPE - Prima che te n'accurgi, a sore, te truvi nu’ serviziu che 'ngni' senterai chiù gli duluri si cacche cana arraiata te mozzecherà alle cepolle.

VECCHIO - Brutta pollasta, chiena de pirucchi, si n'te ne vai a'ammasonarete te tiro le penne a una a una.

MISULFATA - Accostete sulu a Rodippe e n't'acconoscerà mancu mammeta bonanima.

VECCHIO - Ma se a forza de cauci i' te gonfio tu che fai?

MISULFATA - Te 'nfilo na’ spingola pe' ogni ritu.

STRATILLIDE - E i quaranta pe' ogni chiappa.

RODIPPE - E i' cincucento 'ncoppa a tuttu gliu curipizzu.

VECCHIO - E no? Tene propitu raggione chigliu santu Euripide; cheste, chiù ce tratti e chiù te gli'arruvinono gliu stommucu.

STRATILLIDE - Forza sordati; caricamo l'armi. (Solleva le anfore)

VECCHIO - Che 'ntenzioni tii co' chell'acqua, villana de bassu pantanu?

STRATILLIDE - E tu co’ lo foco, disgraziatu? Ma co’ chi te criti d'avé a che fa', co' gli serpenti?

VECCHIO - Sicuru! Vipere e serpente a sonagli, pe' capiscerece megliu. E si l'amiche toie no' scomparono, i' te le iardo.

STRATILLIDE - E i', co' l'acqua te gliu spegno.

VECCHIO - Spegne lo foco meo?

STRATILLIDE - Spegne lo foco teo!

VECCHIO - E i' te faccio addorà d'arrustu.

RODIPPE - Ma guardete come sì zuzzu; nu'llu viti che ce vo' nu’ bagno dent'alla varricchina.

VECCHIO - A me, disgraziata?

STRATILLIDE - Sulu dopu sarai pronto pe' gliu sposalizziu. Ma mica co' na’ femmena: co’ na’ bella cassa da morto.

VECCHIO - Sentete! Sentete che sgustumaria circolà pe' le terri noste.

MISULFATA - Ehi! Viti ca semo sempe chiù gustumate e civili de te.

VECCHIO - Mo' basta! La faccio smette i’ sta’ cantasilena.. Iammo, foco, torcia beneditta, 'ncumincia la fatica tia.

STRATILLIDE - Iammo acqua, santu arrimediatu,

addefresca stu’ cardu scortecatu. (Lo innaffia)

MISULFATA - Movete, cannata senza funnu,

leva stu’ male da ‘ncoppa gliu munnu.(c.s.)

RODIPE - Sbrigamoce a darigli friscura,

a stu’ pignatu chinu d’arsura.(c.s.)

CORO DELLE DONNE - Anneete foco maligno,

dento agliu lagnu nosto benignu.

VECCHIO - O Zeus!! Chesto che è mo? Che me sta a' succede?

MISULFATA - Creca, è troppo caora, e vecchio?

VECCHIO - Magari! 'Nmece stongo propitu a tremà pe' lo friddu. (Si avvicinano le altre e lo innaffiano) E tuttu me s’arrugginisce. Ehi! Ehi! Che volete fa ancora?

RODIPPE - Lo sai che non chiove da tantu agli’orto nosto, e nui semo de coscenzea.

VECCHIO - Ma già le radici me se stanno a marcì! E stongo a tremà pe' lo friddu!

STRATILLIDE - E allora usolo, sto' foco teo. Appiccete; e vidi come lo friddu scompare dent'a' na’ botta.

(Entra il COMMISSARIO)

COMMISSARIO - Ecco gliu ‘ngingamentu all’arruina! Ma nui già n’ce la facemo propitu chiù co' cheste femmene: gli sderrai, gli lamente, gli votreamente l'una 'mpetto all'ata. (il vecchia risale lentamente sulla piattaforma) Mo', p'esempiu, hann’annacquono chigliu poviru vecchio pe' prepararigliu chissà a quale operazione. Cheste stanno sempe a fa’ n'arte. O le sinti o no’lle’ sinti. Na’ vota, all'assemblea, Demostrato, - che non s'è mai cecato - sbraitava pe' na’ spedizione militare alla Sicilia, e la mugliere, 'ncopp'agli tetti, puri dell'ata genti, se déa a sfrenati balli alla facci d'Adone. 'Ntromento gliu poveru maritu se scaorava e consumava, e sbraitava, a tutta forza pe' reclutà sordati carichi d'armi e corazze, essa sbaneàva e strepetava pe' Adone, propitu com'a' na’ iatta co' lo foco; che n'aggio mai capitu po' chi è st'Adone! Accussì, gliu maritu, gliu malidittu dagli ddei, ieva facenno la figura degliu sciagurato ch'è gelusu degliu toru sulu pe' gli'occhie, senza vedérese le corne sei , addò issu, ‘n’grazi’a’Diu, è 'nsuperabbile. Ecco! Sulu de chesto so' capaci le cioarde femmene.

VECCHIO - Commissariu! Commissariu meo, ste disgraziate m'hanno chinu d'acqua come nu’ cavorefiore, e mo' pare che m'aggio pisciatusotto.

zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz

COMMISSARIO - E' chello che ce meretamo, pe' Zeus! E tu lo sai bbono che semo nui, quanno ce n'ammoramo com'agli cetrulli, a 'nfocarele e a'ncoraggiarele a tutta forza pe' gli'avviziamenti see.

VECCHIO - Ma commissà, de che stai a parlà? A me le femmene non me so' mai piaciute. Addirittura schifu me fanno.

COMMISSARIO - Sinti, pe’ stu puntu, parla pe' te. Pe' forza ce trovamo dento la casa ste ianare. Quanno, pe' esempiu, iamo da certi artigiani a chiede: "Vaglio', scota bono, chella collana c'hai fatto a muglierema s'è rotta. Stasera famme stu piacere; i' aggia i' a Salamina, e tu, si ti tempo, passa pe' la casa mia e, sempe si te riesce, aggiustacélla a mestiere." I'mmedesimu, co' tutta la bona fede de stu munnu, so' iutu dagliu scarparu, nu pezzo de vaglione da farene quatto, a diceregli : "Scarparu, chella fibbia che tu bono cunusci, sta a ruvinà gliu rito degliu pere della mugliere mia, che è accuossì delicatu. Dimani, a mezzeiorno, e' vinì assolutamente a allentarela; allargacélla pe' chello che gli serve!" Ma non se pò, non se pò. E alla fine è chiaru ch'è successo tuttu chello che è successo, e ce trovamo la porta chiusa n'faccia da chi? dalle femmene. A me?! A nu commissariu de chistu valore e de chistu pisu; 'ncarecatu dagliu statu e dagliu populu de prelevà gli sordi pe' armà na flotta?! Ma damoce da fà, cazzarola! Mettemo mani agli pruvvidimènti. Chi tè nu palu, da ste parti? Gliu pigliasse e gliu portasse, allora. Si 'ngni tenete trovategli. (Al vecchio) Damme na mani tu, vecchio! E tu che stai a fa' loco 'nmezo; già stai a durmì? Tu, là 'n' funno, smettela d'allungà le mani, e vì a faticà. Vui portate chigli attrezzi, e scardinamola, finalmente, sta porta. I' 'ncumincio da chesta parte.

Entra Lisistrata

LISISTRATA - Ma addavero!? E che ci'hama fa co' sti pali? Creca, stamo a pensà de fabbricà nu recinto per te e o pe' gli compani tee de magnatora?

COMMISSARIO - Che 'nsolenza! Che sgustumaria! Addo' stà gli'arcere? Pigliate chesta e attaccatela.

LISISTRATA - Fagliu venì tu, che sì sulu me tocca, dent'a' na botta, perde gliu frateglio co tutte le sori.

COMMISSARIO - Ma che, tenemo paura de chesta? Pigliatela co’ na pinza pe' gliu coglio e attacatela!

Entra Cleonice

CLEONICE - Cleonice è arrivata!

COMMISSARIO - Addavero? e c'hama fa? Ma chi è sta criatura, mo’?

CLEONICE - (Voltandosi da qualche parte) Chistu sii che se ne 'ntènde! Ma se le mitti le mani 'ncoglio te vacanto lo stesse la panza sott'agli pere mee.

COMMISSARIO - A me?! A nu commissariu? Ma addo' stà gli'arciere? Attaccateme puri chest'ata prima che esce dagliu caglinaru.

Entra in scena Misulfata

MISULFATA - Pe' tutti gli ddei; 'ngnuria ancora le compagni mei e subbitu te abbisognerai de na’ purga de quatto litri.

COMMISSARIO - Non ce capiscio chiù niente. Ma chigliu strunzu d'arcere addò se n'è iutu?. Pigliateme puri chest'ata: facemola finisce stà processione.

LISISTRATA - Pe' Artemide, se t'accusti a caccheruna de nui te tiro tutti gli piri, 'ncinghenno sempe da chigli chiù annascusi.

COMMISSARIO - Gli'arcere s'è squagliatu. E mo'? E mica ce potemo fa vence dalle femmene? Chistu ca', stu cosu, come se chiama? Puri si è nu vecchio abbesciolatu gli’arrolamo lo stesso. Ca ca' s'hanna combatte gli'avversariu a ogni costu. Forza, vecchio, marciamo serrati pe' gliu campu de battaglia.

LISISTRATA - Venete puri! e assaggerete le carezze degli battagliuni noste; carichi d'armi e de coraggiu.

COMMISSARIO - Forza, vecchio, fall'a' fittine.

LISISTRATA - Massare, tessitrici, panettere, venditrici d'agli, d'alacci e cocozze; venete fore.

COMMISSARIO - Pe' gliu curipizzu, e co' st'esercitu la vittoria c’è assicurata. Va' sordatu, tranquillu e sicuru. Attacca e fatte onore. (il vecchio viene spinto sul campo)

LISISTRATA - Dategli de meni allora: mazziate; scortecate; scassate, scardinate, crepate, vestete gliu nemicu co' piaghe marce e puzzolenti. (le donne si accaniscono contro in poveretto) Tritate ossa; schiattate viscere; ammaccate facci e coratelle. Ma senza sporcareve, ca nui non semo issi.E mo fermateve. Basta! Basta! E' ora degliu primu 'ntervallu. (il Vecchio è tutto traballante)

COMMISSARIO - O Zeus, e che ne è statu degli'esercitu nosto!?

LISISTRATA - Pe' casu tu eri cunvintu d'avé a che fà co' genti senz'ossa? Tenemo puri nui na spina torsale, e gliu scheletro nosto n'è chiù tennero degliu vosto.

COMMISSARIO - Ce ne semo accorti, mannaggia la sfurtuna.

VECCHIO - Disgraziatu de nu ciarlatanu: 'ntromento tu multiplicavi le parole, i' aggio pigliatu mazzati a tutta forza da chelle ianare. E dopo gliu bagnu vestutu e senza sapone, a stu' puntu, tengo tutte l'ossa.... nu dolore.

COMMISSARIO - Così te 'mpari a ittarete alla guerra senza eserciziu.

VECCHIO - Ah! Si tenesse n'atu grammu de forza e de gioventù....

COMMISSARIO - Chianu, ca ce le pigliassi puri dagli sottoscrittu!!

Il vecchio, spaventato, risale velocemente sulla piattaforma.

STRATILLIDE - Come non è begliu tuttu chesto.A me è sempe piaciutu cresce come vagliona bona e bella.

COMMISSARIO - Pecché, che robb'è mo'?

VECCHIO - E certu, tu n'hei vista da vicinu poco fa!Me s'è ittata 'ncoglio come na furia scatenata!

STRATILLIDE - Doce, tranquilla e gustumata. Senza da disturbu a nisciunu, eh!.

VECCHIO - E si n'eri a sta manera m'avissi raperto de sicuru com'a' nu porco da saucicce.

COMMISSARIO - Vecchio, n'te scaorà accussì.

STRATILLIDE - Senza sfiorà mancu nu ramozzeglio d'avvrivu.

VECCHIO - E è pe chesto che dento la vocca tengo ancora gliu sapore dello ferro delle vergate.

STRATILLIDE - Ma stateve attento, però: che nisciunu se sonnasse de m'arrubareme lo mele o de venì a sforcheneareme gliu vesparu.

VECCHIO - Gliu vesparu? Gliu vesparu!? Ma chi te gliu sforchenea? 'Nsomma... cheste songo propitu belve scatenate: diavuri fatti genti! Vo' campà com'a' na criatura doce e gustumata, cresce bona, senza molestà a nisciunu, e tè gliu vesparu!!? O cummissà? Cummissariu... Non se po' certu cuntinuà a sta manera. Ca s'hanna sapè co' quale 'ntenzione hanno pigliatu possessu degliu recintu sacru. 'Nterrogamole a stu puntu no?!. Gliu vesparu?! Noooo! Cummissariu, na cosa de stu' genere non m'è mai capitata. Daccella sta 'nterrogata; e fa' gli'ome, na bona vota! I' vaio a toccà .. A sforcheneà gliu vesparu seo!? Ma mancu si me lo chiedesse Zeus 'npersona! Mancu!!

COMMISSARIO - Basta mo'! Ammasonete nu poco, ca ce penso i'. Primu de tuttu chiaremo gli'argomentu. Pecché avete 'ntasatu l'Acropuli?

LISISTRATA - Nui femmene de tutta la Grecia, dent'agliu chinu possessu delle bone facoltà nosti, e co l'approvazione de ogni gente umana che conta, cioé sempe de nui femmene, hamo "occupatu" l'Acropuli pe' disinnescà gli sordi e rende manza la guerra, de modu cché stu munnu pozza trovà finalmente la giusta strati, e liberarece dagliu pisu e dalla schiavitù degli sordi.

COMMISSARIO - Pecché, secundu vui nui facemo la guerra sulu pe' gli sordi?

LISISTRATA - Nooo! Poveru figliu de mama delicatu e friscu de fasciatora. Mancu a pensarelo. Te pozzen’accite. Chesto e puri tutte l'ate voste aziuni schifose. Dent'all'acqua truglia se pesca bono, e co' la guerra se 'ngrassono sempe gli peggiu. Ma da stu momentu ve potete pur'accite; gli sordi gli comandamo nui.

COMMISSARIO - Che stai a dice?

LISISTRATA - Chello c'hai sentutu bono.

COMMISSARIO - Ma none! Non pozzo avé capitu ca vui comandate gli sordi!

LISISTRATA - Che te sta' a i', de traverso? Non portamo 'nnanzi nui tutti gli fatti della casa?

COMMISSARIO - Ma chesto che ce trase?

LISISTRATA - Non v'arrizzamo nui da quantu nascete finu a che iate a dammaggiu, e puri dopu??

VECCHIO - Commissariu...

COMMISSARIO - 'Nsomma, a nui ce servono gli sordi pe' fa' la guerra.

LISISTRATA - Ma la guerra non serve. Nisciunu tè abbisiognu de sta' maledetta; sulu gli pazzi.

VECCHIO - Commissariu...

COMMISSARIO - Calma! E come ce salvamo?

LISISTRATA - A chesto ce pensamo nui.

VECCHIO - Commissariu.

COMMISSARIO - E nu momentu, pe' favore. Vui?

LISISTRATA - Certamente!

COMMISSARIO - Tuttu chesto è na buffonata.

LISISTRATA - E lo facemo puri si non lo volete.

COMMISSARIO - Raggionamenti de ciucciu.

LISISTRATA - Sderraia quantu te pare ma nui facemo a sta manera.

VECCHIO - Commissariu.

COMMISSARIO - Nu minutu. Ma chisto è n'abbuso, pe' Demetra!

LISISTRATA - T'assicuro che ti bisognu d'esse salvatu.

COMMISSARIO - E si i' non lo voglio affattu?

LISISTRATA - Unu che non vo' esse salvatu? E’ assai chiu grave de chello che pensavamo. Allora è' necessaiu farelo subbitu e a ogni costu?

COMMISSARIO - N'c'è sta’ niente de peggiu che esse salvatu a forza.

VECCHIO - Commissariu.

COMMISSARIO - Ma che te piglia? Parla!

VECCHIO - E.... e.... Cazzarola! mo' me l'hai fattu scordà.

COMMISSARIO - Allora è veru che si propitu rincogliunitu?! (Alle donne) Dicetemena cosa: ma come v'è venuta st'allergia alla guerra?

LISISTRATA - Te lo spiegamo, si la coccia tia è capace de stareci'appresso.

COMMISSARIO - Era ora!

LISISTRATA - Scota... E tinete le mani agliu postu seo.

COMMISSARIO - Non ve lo saccio dice pecché; comincio a sentireme stranu. Non riesco chiù a dominà certe parti degliu corpo meo.

CLEONICE - Vu n’appoggiu??

COMMISSARIO - Vecchia, m’è passatu. E tu statt’ammasonata. Allora?

LISISTRATA - Rodippe, parla a nome de tutte.

RODIPPE - Subbito (Si schiarisce la voce!)

VECCHIO - Ma c'hanna fa'? Nu comiziu?

RODIPPE - Finu da quandu gliu munnu ha 'ngingatu a esse, nui femmene sopportamo, sempe pe' la troppu bona coscenzea e magnanimaggine nosta, tuttu chello che vui mascuri facete e disfacete, sconsideratamente. ‘Ntromento vui non sopportate mancu na mosca che ve s’apposa ‘coppa nu pere.

VECCHIO - Ma che stai a dice? Cognatema se 'ncazzava puri si me sosciavo nu poco gliu nasu.

LISISTRATA - Statte zittu, anticu ateniese.

RODIPPE - Non potevamo raprì la vocca e, chiù assai de chesto, gliu comportamentu vosto era da criaturi vacanti e sgustumati. Dovevamo starece attento, e paricchi voti, puri si 'nchiavestate dento la casa, sentevamo senza sentì; vedevamo senza vedé; capiscevamo...

VECCHIO - Che s'era fattu tardi ed era ora d'ammasonareve finalmente dent'agliu cufinu, gente de pollaiu.

LISISTRATA - Chiuri sa' vocca, vecchio tarolatu!

RODIPPE - Capiscevamo c'avevate cumbinatu n'atu uaiu, sbaglienno 'ncopp'a' situaziuni 'mportanti. Disperate, surridenno, ve chiedavamo:

STRATILLIDE - "Quale è stata la decisione vosta?..."

RODIPPE - (con tono di rimprovero alla compagna) Sempe surridenno.

STRATILLIDE - Si! "C'avete decisu de bono, oggi, 'ncoppa la pace e la guerra?"

RODIPPE - E gli'ome rispogneva:

STRATILLIDE - (continuando a sorridere) Che te ne frega?...

RODIPPE - No! Te puzzi schiattà!

STRATILLIDE - A si! Scusateme. (con tono duro e arrogante) "Che te ne frega? Chiuri chella occa de ciucciu!" Va bono mo?

VECCHIO - Ma addò stamo, agliu teatru?

RODIPPE - E noi zitte! Noi sempe zitte. Assolutamente ammutulite.

COMMISSARIO - Ma quanno mai! Ziema ha parlatu fin'a' dento l'urna.

VECCHIO - Nu casu de morte apparente!?

COMMISSARIO - No. Era già cremata.

RODIPPE - Perfettamente ammutite.

CLEONICE - I' me fosse ribbellata, sangu degliu diavuru.

COMMISSARIO - Accussì l'avissi pigliate.

CLEONICE - E i' te l'avesse stroccate.

RODIPPE - Stavamo ammutulite e schiaffate dento la casa. Ma subbitu dopu veneamo a sapé d'ati sciocchezze, peggiu de peggiu de chelle passate, e ve chiedavamo:

STRATILLIDE - "Che v'è successo? V’arruvinate a vista d'occhie, pare. Pecché pigliate decisiuni sempe chiù sceme?"

VECCHIO - Ma che te frega, dico i'!?

RODIPPE - E gli'ommene noste erono bone sulu a da’ de mani; 'ntimannoce de orde la tela, si no dento la coccia nosta paricchii duluri avessemo assaggiatu. (Stratillide tira fuori un pezzo di pane e mangia)

STRATILLIDE - "Sulu gli'ome è padrone della guerra!"

COMMISSARIO - Giustu! Non v'è stata mai verità chiù santa.

RODIPPE - Quale verità? Ma che stai a dice? Verme co gli baffi. E nui: mancu a parlà, quanno era chiara la pulitica vosta. Tantu che pé le strati puri unu de vui eva sbaneènno:

STRATILLIDE - (con la bocca piena) "Non ce stà mancu chiù u'ome dent'a'tutta la città."

VECCHIO - Ma chistu è chigliu poveru Clistene, che è completamente frociu e ogni tantu non trova chiù a fidanzarese.

RODIPPE - E n'atu ribattea:.....

STRATILLIDE - (fa capire con gesti e suoni che non può più continuare) Mmm...Mmmm...

RODIPPE - E n'atu aggiogneva: (Stratillide non riesce a parlare e invita Rodippe a continuare per proprio conto, con il disappunto di questa) "E' veru, ieri gli'utimu è morto 'nfilatu!"

VECCHIO - Certu, povereglio! Voglio dice, abbisognava puri rispogneglie caccheccosa, no?!.

RODIPPE - Accussì, schiattate dagliu bisognu, ‘nfocate dalla giustizia, semo state costrette a 'ngingà la guerra nosta pe' la pace de tutti. Che cazzarola se doveva d'aspettà, ancora? Si gli'omene ce vonno scotà, zitti e coeti, in considerazione della pacenzea e della 'ntilligenza delle femmene, bono; vedemo come stu probblema se risolve.

VECCHIO - E si no?

STRATILLIDE - Nui procedemo lo stesso, e salvamo la nazione.

COMMISSARIO - 'Mpossibbile, pe' gliu meritu vostro.

LISISTRATA - Ancora parli senz'ammupirete?

COMMISSARIO - Ammupireme pe' ordine teo? Ine? nu sordatu de grosso valore e de grosso pisu; azzittareme agliu cospettu de na cosa com'a te, vestuta de veli e de fiocchi?

LISISTRATA - Ma si chistu è gliu probblema teo, t'aiutamo de subbitu. (lo copre di veli e fiocchi) Eccote servutu; mo pur'a' te 'nte mancono gli veli e gli fiocchi. E vistu che ce stai, piglia stu panaru; tirete 'ncoppa la veste, così starai chiù comudu pe' sbrigà gli fatti de casa. E statt'attento; ca le femmene so' padrone puri della guerra!

MISULFATA - Ca’ gli'ariu se scaora; tenemoce pronte. Giustu pe' notizia, compagne mei, fecemogli sape’ ca i' potaria abballà pe' iorne sani e pe' na giusta causa, co' gli'aiutu de stì sordati chini de bellezza, de grazia e de sapore, ma puri de coraggio, de coscenzea e 'nammoramentu benuino pe' la patria, pe' misi e misi, e nesciunu aglimale avverso me potaria resiste. E tu Lisistrata, 'nmezo a tutte quante, la chiù coraggiosa e bona, avanza e non lasciarete 'mpaurà: oramai ti gliu vento 'n'poppa.

COMMISSARIO - In che sensu?

VECCHIO - Critinu. In tutt'e dui, no?!.

LISISTRATA - Addevotateve. Si gliu subblime Eros e la doce Afrodite moltiplicheranno gliu fascinu delle zinne e gliu prufumu delle cossi noste, e 'ntosteranno dulurusamente chello che sulu da valore agli'ome, dent'a poco tempo ce se presenterà la Paci.

VECCHIO - Sarà che so' vecchio ma gli fattu non m'è chiaru.

LISISTRATA - Pe' primu sarà proibbitu iresenne pe' la via armati.

CLEONICE - Era ora, p'Apollo. Mo' te gli vidi da tutte le parti, meno da chelle giuste, chini de ferro fino agli rente.

COMMISSARIO - Ma chistu è gliu dovere de nu valurusu!

LISISTRATA - Ancora parli?! Non ce se po' pensa' ca unu, sanu de coccia, se va' accattà vroccole e fasuri co' scudu, lancia e spada.

RODIPPE - I' propitu pozzo da testimonianza c'aggio vistu co' gli'occhie mee n'ufficiale annascognerese la polenta, appena accattata agliu mercato, dento la coppola de ferro. E nu Trace, che pareva sferrà n'attaccu agli'utimu squizzu de sangu, 'mpaurà la vecchiarella delle ficu... e 'ntromento magnarese le chiù mature.

COMMISSARIO - E, a parere vosto, che s'hanna fa?

MISULFATA - Le questiuni se pigliano sulu co' pacenzea e 'ntelliggenza. Come pe' la lana. gli fili sanna tesà da na parti all'ata pe' scioglie gli'agnurichi e abbutinà gliu gumitulu, addoperando megliu l'ambascerie.

VECCHIO - Lana, fili e gomituli? Statu e governu ammescati co fatti de casa?

LISISTRATA - Ma si a chesta manera la rota po' girà allo megliu se po' sapé quale è gliu probblema teo?

MISULFATA - Come pe' gli pagni se leva lo sporco 'coppa nu raru de fiume, accussì se capono stirpi, spini e duluri, sciacquenno dalle cariche 'mportanti gli speculaturi, gli arrivisti e gli ladri. Chesta è vera pulitica. E alla fine se fa' rinasce tuttu ammeschenno la concordia, l'amicizia, la coerenza, la legalità co' la giustizia, la preparazione co gliu rigore; dando puri bone premi agli chiù bravi e a chigli che ce tenno a pagà le tasse.

VECCHIO - Commissariu, ma tu n'hai mai vistu unu?

COMMISSARIO - De che?

VECCHIO - De chisti che gli piace pagà le tasse.

COMMISSARIO - Si, e come no. Na vota unu gli'amo trovatu. Ma gliu dovettemo chiure dalla sera alla matina, pecché era pazzu scatenatu.

MISULFATA - E gli coloni noste, con le belle città soie, hanna esse addunati, com'a' tanti fiocchi de lana, e farene n'unicu begliu vestitu.

COMMISSARIO - Mannaggia la sauciccia! Ma vidi! Pe' quantu me spremo la coccia non riesco a capisce na mazza de tuttu chello che stanno a dice.(al vecchio) Che ci'appizza gliu vistitu, a stu puntu?

VECCHIO - E lo dimandi a me??!

LISISTRATA - Sciagurati, che non ve rendete cuntu che semo nui a sopportà gli pisi e gli duluri chiù grosse? So gli figli noste che vann'a' morì alla guerra!

COMMISSARIO - Chesto è veru, vecchio.

VECCHIO - Lo saccio che è veru!

CLEONICE - A voti me metto a pensà, e me vè n'a' trstezza de morte, a tutta la sulitudine che ce regala la guerra. Ma, puri peggiu, a vedé le vaglione noste, giuvini, giuvini e belle, costrette a farese vecchie prima degli tempo; sole e sconsolate!

COMMISSARIO - Ma che, creca, pe' nui n'è la stessa cosa? Guardate ca': chistu è già decrepitu.

LISISTRATA - No! Non è la stessa cosa. E' diversu assai: gli’ommene, puri gli chiù anziani e gli chiu’ strunzi, quanno tornano dalla guerra se sposono co' facilità. Ma pe' nui gliu iorno è breve; e alla sera nesciunu chiù ce vo'. E accussì, pe' gliu meritu vosto, restamo alla casa, sole, abbattute, a contà le ore che passono.

COMMISSARIO - I’ dico, però, ca si nu contadinu conserva ancora tutte le forzi pe' mete pecché no' dovesse fa?

LISISTRATA - E se i' t'aiutassi a schiattà dent’a’ stu’ momentu? I' penso che saria na cosa bona.Tu trovete la bara che agliu resto ce pensamo nui. Eccote già le bende.(Gli mette delle bende)

CLEONICE - Si criti che gliu viaggiu potesse esse troppu longo, i' te preparo na 'nfornata de ficu. co te 'n'mezo, pe' te cunservà megliu e sicuru.

RODIPPE - Eccote gliu passaporto.(Gli infila un cappio al collo)

STRATILLIDE - Ce semo scordate caccosa?

CLEONICE - Ti cacche atu desideriu?

MISULFATA - E allora pecché non parti?

LISISTRATA - Iammo, 'ncumincia a i' che Caronte chiama, e non pò partì senza de te.

COMMISSARIO - Che umiliaziuni! Mancu muglierema, che puri è disgraziata, m'ha mai fattu chesto. Lo vaio a dice subbitu subbitu agli compagni mee, e gli faccio vedé come stamo arruvinati. (esce)

LISISTRATA - E non te fa nervusu si gliu serviziu n'è ancora completu. Agliu terzu iorno t'arriveranno puri l'offerte che te spettono. Tuttu a regola, nui facemo!

FINE ATTO SECONDO

ATTO TERZO

Il vecchio ateniese è quasi appisolato sulla piattaforma ma luci e rumori improvvisi lo svegliano.

VECCHIO - Se da ste parti c'è sta ancora n'ome addavero, s'aggiognesse a me. Sine, pecché nui non potemo chiù perde tempo. Gliu probblema è oramai accussì grosso da scurarece puri la luce degli'occhie, ed è chiaru che se 'ncumincia a sospettà che sotto sotto, ce sta la mani de cacche tirannu reazionariu. Puri se i' creto che gliu spiritu de pigliarece le pensiuni sia de Clistene, che pe' fa begli regali a certi ommene spartani, gli quali spissu s'addunano dent'alla casa sia, sta sempe a curtu de sordi; gliu pozzess'accisu. Ma pecché n’se po’ scorre che ste femmine ce venno a parlà de guerra, de scudi, de lanci, e co' la scusa de farece la scola spegnono pe' na paci co' gli spartani; degli quali non ce se pò fidà mancu pe nu piru. E' loggicu, cari cuncittadini, che tuttu chesto è sulu nu giocu pe' la tirannide; pe' la soggezione della civiltà nosta. Ma no' ve 'mpaurate: i' ve pozzo dice ca'nisciunu ce potaria fregà. V'assicuro che starò agliu 'mposto co' gli'occhie raperte, co' gliu surrisu n'mocca e la spati sotto gliu manteglio; guardannome soprattuttu dalle femmene, dalle femmene e dalle femmene. Ma puri da chelle appena svezzate; da chelle che mancu so nate, cazzarola. (entra Cleonice) Tantu che i' mo' ancuminciasse a piglià a cauci chesta ca' vicinu, che me pare puri paricchiu sospetta.

CLEONICE - E tu fallo, che po' a finisce gli iorne toie ce penzo i'.

Entrano le donne del coro, il vecchio fugge nel suo nascondiglio

STRATILLIDE - Femmene, mo' hama 'ngingà nu trascursu bono pe' la vita de stu paese. Cittadini, riconoscemolo, tenemo paricchiu pe' esse grate verso la città nosta cara: pecché ci' ha curate e ci'ha vulutu bene com'a' na mamma; generosa e accorta.

RODIPPE - A sett'anni aggio celebratu Afrodite, portenno gli segreti doni, dopu avé preparatu lo rano pe' le fruscole e le zeppole.

MISULFATA - A ghieci, pe' onore d'Artemide, aggio depostu la veste gialla quale orsa, aglimale a essa sacru.

CLEONICE - Addiventata grossa, voglio dice: bella e matura, pe' non dice bona, e paricchiu puri, so' stata canefora e aggio dovutu portà, come regalu alla ddea, na' collana de ficu secce.

VECCHIO - Ah! Chigli'agnu, gliu ricordamo bono: alla ddea arrivò sulu lo spagu.

STRATILLIDE - Accussì, pe' tutta l'educazione datace, ch'è la cosa chiù 'mportante, mò tenemo nu debbeto verso de essa e, puri pecché femmene, gli potemo dà nu bono consigliu.

RODIPPE - E che nisciunu se 'ntromettesse.

MISULFATA - Non scordamoce gliu contribbutu nosto agliu tesoru.

STRATILLIDE - Nui hamo datu gli'omene.

CLEONICE - Cosa che n'avete fattu vui, vecchie aglimali, egoisti e disgraziati.

VECCHIO - Ma che, me stai a rimproverà pe' casu che n'aggio parturitu?

RODIPPE - Sperperenno, 'nmece, le ricchezze conquistate dagli patri noste cotro gli Persiani.

MISULFATA - Non ve sete degnati d'aggiogne mancu nu centesimu, e mo' semo tutti a nu passu dall’aruina.

VECCHIO - Ma...!

STRATILLIDE - Che ti' da lamentarete?

CLEONICE - Se ce dai ancora fastidiu, te piglio a schiaffi.

VECCHIO - E non è na sgustumaria chesta? E se sta puri a spagne sempe de chiù. Ma si semo ommene co' le sfere, ci'hama scetà, pe' Zeus, da stu sonno, 'Ncriccamoce, si è veru che gli'ome tè puzza da ome.

CLEONICE - E allora profumerà de carogna!

VECCHIO - Iaozamoce o figli! Iaozamoce!! Ca' ce semo fatti pure onore quanno eravamo vivi. Pulizzamoce da 'ncoglio l'ammosciatura, la fifa, la vecchiaia; e tiramo fore la coratella. Enchiemo n'ata vota d'aria gli pulmuni; pecché se ci'arrennemo mo' non ce sarà chiù niente che potaria fermà ste cavallètte. Se 'nfocheranno e s'armeranno, s'adduneranno e s'aggiogneranno a toreme; e combatteranno puri pe' mari. E se decideranno de mettese a cavagliu nisciunu gli potaria resiste ca è pe' stu mestiere che so' nate: so capaci de restà alla sella pur'addurmute, o morti, dopu avè ben datu le nov'anime com'agli iatti. Quindi non tenemo scéota. L'ama piglià a stu momento, subbito, tutte pe' gliu coglio, e spennarele, prima che sia troppu.... troppu tardi!!

CLEONICE - Pe' l'Olimpu, continua così e te zompo 'ncoglio com'a' na' tigre, e te faccio strillà: "Pietà e perdonu!" simpaticu vecchi'abbisichitu.

VECCHIO - Scattamo n'coppa le cossi, cazzarola! La puzza nosta non è de meno de chella de esse.

CLEONICE - Continua a' offende e stu modu e te faccio parturì addavero, bestia dalla dubbia sponda.

RODIPPE - Tu e tutti gli colleghi tee, oramai, nn'avete chiù voce n'capitulu e nIsciunu ve pò chiù sentì, tantu sete schifati, voi e gli decrete voste.

MISULFATA - Ma quali decrete? Chiù ne fanno e chiù se fanno critini.

Entra Lisistrata

STRATILLIDE - "Padrona delle leggi e delle vittorie, pecché sì accusì 'ngrifata de facci?"...

CLEONICE - Dimmello a me se caccherunu te sta a' ncoetà. (sta per avventarsi sul vecchio)

VECCHIO - Ehi! Guardate da n'ata parti, ché i' steo ca’, 'nsema a voi, pe' Zeus.

LISISTRATA - Stongo accussì avvelenata pecché traduta dalle necessità degliu corpo e della coccia de certe cattive fressore, che m'hanno servutu nu piattu de tosseco.

MISULFATA - Addavero?!! 'N'ce pozzo crete!

LISISTRATA - Eppure è accussì.

RODIPPE - Chi è statu? E che robba t'anno cucinatu? Ne' che ce l'amo magnatu puri nui so' tosseco??

LISISTRATA - Non se pò dice e non se pò tacé tantu è dulurusu stu' scorno.

STRATILLIDE - Ma si puri fosse tra le chiù gravi disgrazie non ce la pu' mica annascogne.

CLEONICE - (al vecchio) Ma tu na' casa nn'a' ti'?

VECCHIO - Mo' che me sta a piglià gliu diverimentu?

LISISTRATA - Vui non ce cretete, ma stamo pe' esse 'nchiummate dagliu desideriu.

RODIPPE - E chi è? Voglio dice, pe' tutti gli ddei, giu desideriu? Non po' esse!

LISISTRATA - Eppuri s'è arrivatu a stu puntu. Non riescio chiù a fermarele. Me scivolanno da sotto le reta.

STRATILLIDE - Non ce pozzo crete.

LISISTRATA - Stanno sempe a pensà agli'ommene.

STRADILLITE - E che schifezza, tèh!!

MISULFATA - Beh, mo' n'esaggeramo!

LISISTRATA - Sentete. N'aggio pizzicata una che, come na' talepa, se scavava la via verso la cappella.

STRATILLIDE - Ieva a pregà. Alla cappella!?De sicuru.

LISISTRATA - N'ata, co' na' carrucola, scegneva accostata alle mura.

CLEONICE - Ma puri i' m'aggio duvutu servi' della carrucola, pe me calà dent'agliu puzzu; me stea a' murì pe' la caora, e n'addefrescata agliu curipizzu fa bono ogni tantu.

LISISTRATA - Una è scomparsa, n’ata s’è multiplicata e n'ata ancora ha cercatu de vularese 'ncoppa nu passeru.

MISULFATA - E che passeru era?

LISISTRATA - Non me pozzo chiù fidà de nisciuni tra vui. Ma meno male che m'è rimasta la bona e fedele Mirrina. (Mirrina cerca di attraversare la scena senza farsi vedere) Mirrina!!?

MIRRINA - Signora protettrice delle femmen prene, padrona della notti e degliu iorno, argina sta figliata mia e sepponta gli sforzi mee; finu a ché non sarò arrivata agliu postu giustu.

STRATILLIDE - Stai sbaneènno?! Non creto alle recchie mei!

MIRRINA - No, me sto sulu a figlià.

LISISTRATA - Si ieri nu stivi mancu agliu primu mese!

MIRRINA - E mo' sto già agliu decimo. Ve scongiuro, ve supplico aggenocchiata. Pe' l'anema de tuttu gli morte voste, pe' chigli che so stati e pe' chigli c'hann'ancora vini, sempe co' bona salute vosta e de chi v’è caru: i' aggia i'alla casa mia; addo' sulu maritumu me pò aiutà a stu servizziu. Ma l'aggia fa lestu, ca chiù d’aspettà atu non m'è concesso.

LISISTRATA - Addavero?!(Palpandola) E che è sta cosa tosta com'alle preti!?

MIRRINA - Me pare! De sicuru è mascuru.

LISISTRATA - Però sòna a vacantu! Mo lo vedemo subbitu subito. Ancora st'apparecchio?! Pe' casu ce vulivi piglià pe' culu?

MIRRINA - Ve dico che i' songo prena addavero.

LISISTRATA - E chistu che è, allora?

MIRRINA - Teneo na' paura che me capitasse allo scordatu. Accussì, se fosse successo, me ce saria accovacciata 'ncoppa; come fanno le tortorelle alla primavera.

LISISTRATA - Ma che stai a dice? Vai ommechenno gliu cerveglio pe’ la strati, me pare?

MIRRINA - Non è corpa mia. Da quanno so' rimasta aggianata dagliu serpente che custodisce l'Acropoli, non riesco mancu chiù a raggionà... pe' la paura.

MISULFATA - Puri i'! E stongo sempe scetata... pe' ste cioccioettole sgustumate che non finisciono mai de cantà.

STRATILLIDE - Ma ca' non ce stanno le cioettole.

MIRRINA - E nui le sentemo. C'hama fa?! A voglia a chiure le fineste. I' n’appanno occhie mancu si mi gl'incollo.

RODIPPE - E pecché, i? Quanno cerco d'addormereme, appena chiuro gli'occhie, vedo maritumu che co' na piccola pastanaca n'mano me fa, - che tormento de core -: "Vi' ca', vi ca', begliu cuniglietta meo, morbitu e prufumatu; vi' dagliu padrone, che te da chesto e atu."

CLEONICE - Che begliu! E dopu che succede?

LISISTRATA - E basta co' sti sbaneamenti! Saccio bono chello che sentete. So' fatta com'a’ vui, me pare. Ma consolamoce, pensenno a chello che dent'a' stu momentu provono issi. E' chiaru che le notti de soie so' peggiu delle nostre e gl'incubi si gli rosecanno: de sotto e de coppa. Quindi hama resiste. Puri pecché c’è già statu tuttu rivelatu.

CLEONICE - Addavvero?

LISISTRATA - Certu; e vincemo, si restamo agliu postu nosto.

MISULFATA - Allora parla.

MIRRINA - Si, pe' favore.

LISISTRATA - Silenziu! Chistu è gli'oraculu: "Quanno le duci rose

se libbereranno dagli pirucchi

e l'aria sarà chiù respirabbile,

Zeus metterà tuttu sotto sopra".

MIRRINA - E nui staremo sopra o sotto?

LISISTRATA - "Ma si le rose disobbediranno;

scapperanno fori dagliu iardinu,

se faranno acchiappà allo scoperto,

allora mai specie de pirucchiu sarà chiù sazia".

STRATILLIDE - A me pare abbastanza chiaru, puri si n'aggio capitu chi so gli pirucchi e de che s’anna sazzià, pe' Zeus.

RODIPPE - Come stongo a stu momentu puri nu pirucchiu me esse bono. Basta che saria mascuru, iautu di' metri e co gli capigli russi. Ce stanno puri pirucchi russi?

MIRRINA - Già! Sulu che st'oraculu n'gn'aggio mai sentutu. Po' chi glia fattu? Da do' è sciutu?

Lisistrata esce seguita dal coro, Cleonice resta in scena.

CLEONICE - Io poco fa' non'aggio dittu niente, però pur'a' me stann'a' succede cose strani: a voti m'acchiappo a ballà 'ncoppa gliu letto, a rischiu puri de sbatte la capu agliu suffittu, pe' colpa de tante piccole formicole che me camminono 'ncoppa e sott'a' tutta la pelle.

VECCHIO - A chess'età? Sinti, tengo da raccontarete nu' begliu fattu. Ce stea, agliu paese meo, nu gioene de nome Melanione, che nesciuna femmena accalappiava. Issu se ne iette, nu begliu iorno, 'ncoppa na montagna, addo' campava caccenno e peschenno n'compagnia de nu cane. Tantu se troètte bono, senza na femmena pe' gli pere, che se scordao della casa sia. Criti che i' fosse chiù scemu de issu? Fatte da' nu vasu, femmena.

CLEONICE - Ma nu'lu viti ca' si' troppu vecchio.

VECCHIO - Si, ma dopu te faccio na bella sarecheata de mazzati.

CLEONICE - E si pure troppu pelusu.

VECCHIO - Puri cognatumu teneva tanti de chigli piri da farigli tuttu gliu curipizzu niru, eppuri non'accanoscea la paura. E cuginumu...

CLEONICE - E nonnitu?! Sinti, voglio rispogne agli'aneddutu teo co' unu degli mee. Me venea a trovà gli iorne delle festi nu' vagabbondo, nu' certu Timone, che tenea la facci chiena de zinguni accussì longhe e toste, da murtificà gliu peggiu porcospinu . Nu' figliu de... delle Erinni. Embé, tantu schifava gli'ommeni da non poteregli sentiregli mancu pe' puzza. Però alle femmene voleva bene. Pozza campà cent'agni, addò sta sta. Vu' che te tiro nu' cazzottu 'ncoppa gliu mussu?

VECCHIO - Manc’agli cani! Tengo na paura.

CLEONICE - E allora te srareco gliu nasu.

Entra Lisistrata

LISISTRATA - (Gridando) Periculu! Periculu! Tutti allerta, lestu!!!

Entrano le donne del coro con Mirrina

CLEONICE - E che è mò?

STRATILLIDE - Che sta a succede? Chi sta a sderraià?

LISISTRATA - Non lo vedete che caccosa, caccherunu, come 'mpossessatu da nu bruttu diavuru, se sta a'avvicinà? O Afrodite, grande dea; grossa pe' coccia e pe argomentu, continua l'opera tia, ca è pe' sta strati la salvezza nosta.

MISULFATA - Ma chi è? Me pare n'ome.

LISISTRATA - Eccugliu; vicinu alla cappella de Cloe!

RODIPPE - Sì, gliu vedo puri i'; ma n'gn’acconosci’affattu.

MIRRINA - E chi poteva esse? Cinesia, chigliu ciucciu de maritumu.

CLEONICE - Gliu commissariu? Ancora ca'?!

MISULFATA - E che và trovenno mo??

RODIPPE - Però è propitu cagnatu.

MIRRINA - Pare nu parente de n'aglimale.

STRATILLIDE - Si lu dici tu, figlia mia. E' veru: tè gli'occhie tutt'ittati da fore.

MIRRINA - E la bava alla occa.

CLEONICE - E sì! Se vede che sta' a cercà propitu a te, povera figlia mia.

MIRRINA - N'è novo a sti fatti; ma a chesto 'n'c'era mai arrivatu. Me sto a sintì la tremarella.

LISISTRATA - Statte coeta, che da stu momentu s'anniziano gli balli. Issu s'appennerà alla vocca tia e tu, co essa, te gliu cucenarai senza pietà; pe' pietà degliu munnu sanu. Pe' gli ferre degliu mestiere che ti' te gliu pu' aggirà e votà come te pare e piace; dicennogli mo sì e mo no. Gli pu' da paricchiu senza lassaregli niente, come puri gli pu da niente e lassaregli maru n’mocca. Tuttu come da programma e come da natura.

MIRRINA - Ma l'aggia propitu fa?

LISISTRATA - T'aiuto i'. Vui iatevenne.

Le donne escono, entra Cinesia, il commissario, con un

"bambino",- l'attore che interpreterà il bambino dovrà essere ben tornito e vestito

soltanto con un grosso pannolone -.

(COMMISSARIO) - CINESIA - Stongo a murì, e non reggio alla iornata; gliu dolore è spissu e sto' tesatu assai di chiù degl'arcu de Itaca. E' come se fosse 'ncopp’a’ nu spiedo a rosolareme, e tante femmene che me mozzecanno nu poco alla vota p'assaggiareme; aote me ottono 'ncoglio certu sugu puzzolente ed aote ancora me condisciono co’ strefolate de rami d'alloru e de rosmarinu secolare...

LISISTRATA - (Minacciosa) Chi è? Chi è statu a'attraversà gliu postu de guardia?

CINESIA - Ine!

LISISTRATA - Tune!? Me pari n'ome!?

CINESIA - E.. e che n'se vede, pe' gliu curipizzu de Zeus? Si 'n’so ome i', a stu momentu....

LISISTRATA - Allora tornete subbitu subbitu da do' si venutu.

CINESIA - Ma come? E chi si tu pe' me da sta ricetta?

LISISTRATA - Tutto chello che non si tu.

CINESIA - Te scongiuro, aggenocchiatu com'a nu servu, chiameme Mirrina.

LISISTRATA - E pecché lo dovesse fà? Chiamarete Mirrina? E tu chi si?

CINESIA - So' Cinesia, gliu maritu. Gliu commissariu.

LISISTRATA - Gliu nosto caru commissariu? E chi t'avesse mai accanusciutu, accussì arruvinatu, addobbato de gunfiuri, abbottatu e scortecatu.

CINESIA - Eh! Si vidissi fratumu.

LISISTRATA - Poveru tesoru nosto! Dico a te! Come me dispiace; e che differenza dent'accussì poco tempo. Ma nui conoscemo tutte le 'mprese toie; pecché mugliereta te tè sempe 'n'mocca.

CINESIA - Pe' Zeus.

LISISTRATA - Te l'assicuru; pe' ore sane.

CINESIA - Per tutti gli ddei!

LISISTRATA - E se nui provamo a parlà d'ati ommene, essa 'ncumincia a dice che gliu chiù bono fa' rire a paragone teo, o possente, o immensu e solidu Cinesia!

CINESIA - E hamo capitu. Ma chiamamélla, pe' favore.

LISISTRATA - E i' che ce guadagno?

CINESIA - Se me lo chidi, te dongo tuttu chello che te pozzo dà; senza risparmiu!

LISISTRATA - Mo l'hai dittu. Te la porto dent'a' nu momentu (Esce)

CINESIA - Fa' lestu che già me se stanno a'appannà gli'occhie, ca stongo accussì arruvinatu che pe' gliu dolore non sento chiù nì la caora e nì lo friddu; nì lo doce e nì lo maru. Si stongo dento la casa so' rusichi e si fore me venno le smanie. Stongo 'nfocatu!

MIRRINA - (dall'alto, parlando a Lisistrata) Nesciuno a stu munnu gli vo bene come ce ne voglio i', ma issu non se lo mereta. 'Ngnù voglio mancu vedé a chelle cundiziuni.

CINESIA - Tesoru meo, ma che stai a dice? Cheste so le cundiziune che te so' sempe piaciute?!

MIRRINA - (senza voltarsi verso di lui) 'N'è veru, tu te stai a sonnà!

CINESIA - I' me stongo a sonnà? Ma guardeme bono. Cazzarola!

MIRRINA - (volgendosi) Pippinu!!

CINESIA - Pippinu??? (guardandosi intorno)

MIRRINA - Volevo dice... Cinesia. Cinesia, tu me prighi? Si sempe stato unu che n'ha mai duvutu chiede niente a nisciunu; e mo de che tì bisognu? De niente!

CINESIA - Eppuri già sto' a murì.

MIRRINA - E allora levamo gliu scommudu.

CINESIA - Se non lo vu' fa' pe' me, fallo per issu.

MIRRINA - Pe' issu chi?

CINESIA - Gliu criaturu. E tu, disgraziatu, chiama mammeta prima che 'n'te gonfio de mazzati! (Lo prende a calci)

IL BAMBINO - AAAAH! Aiuto, mamma, mamma! Bua!!

CINESIA - Non dicereme che hai persu l’affezione puri pe' figliutu? E' da paricchie settimane ch'è trascuratu, ittatu; e mo puzza propitu a robba morta.

MIRRINA - Assassinu, criminalu. Gli voglio bene sì, gli voglio; ma è gliu padre gliu colpevole.

CINESIA - Scigni abbasciu! Povereglio, - Chiama mammeta! - lo vidi ca' abbisognu de te.

MIRRINA - E' propitu veru che pe' na mamma n'c'è scampu.

CINESIA - (al pubblico) Se non me sbaglio, me pare chiù bona e, accussì scurbutica, me sta a 'ngrifà tutte le carni.

MIRRINA - (scende quasi tutti i gradini) Figliu meo, fruttu de nu padre scelleratu, stringnete begliu begliu dent'a' ste' vraccia chiene de calore, zuccheru degliu core meo. Piccionceglio picculu picculu della mammarella tia, bona, tennera, prufumata e delicata. Sapurita e ben cundita.

CINESIA - Disgraziata! Non continuà co' sta' musica, ca mo dongo de mani puri a sta vecchia ca' vicinu. Non capiscio che me sta’ a piglià, e chello che ce stai a guadagnà tu. Se tutte l'ate gli s'è ammala l'apparecchiatura, tu me simbri sana e de forma bona.

MIRRINA - Leva se’ mani da 'ncoglio.

CINESIA - E stai a fa’ seccà gliu iardinu teo e gliu meo?

Anche il bambino, chiaramente risentito, cerca di tenerlo lontano sferrando qualche calcetto.

MIRRINA - Leva se’ mani da ‘ncoglio, che n'gn'hamo mai avuto su iardinu.

CINESIA - E gli'orto? Ma non te ne 'mporta mancu niente della tela che le cagline vann'arruvinenno?

MIRRINA - Tengo da pensa a ben'ati fatti.

CINESIA - E Afrodite? Per le celebrazioni alla facci sia eri sempe la prima, non me lassavi de pere fin’a’ quanno non me vidivi schiattatu e spompatu pe’ terra, com’a nu saccu vacantatu. Te scungiuro, te prego: torna alla casa nosta.

MIRRINA - Sulu si finisce la guerra.

CINESIA - (pausa) Si sarà pussibbile...

MIRRINA - E allora si sarà pussibbile, potesse puri tornà.

CINESIA - Sinti, ma pecché non te curichi ca', mo: dent'a' stu momentu; subbitu subbitu?

MIRRINA - Non ce penso mancu si t'acciti. (fa quasi per andarsene) Eppuri è chiaru che sto male senza de te.

CINESIA - Ma si è accussì, pecché non si già 'gnura e alla posizione giusta?

MIRRINA - Pazzu sfrenatu. E puri sgustumatu. Nu' viti ca' ce sta' gliu criaturu?

CINESIA - Me s'era scordatu, cazzarola. Criaturu: sciò! Frusti là! (il bambino viene cacciato a calci) Ecco: mo gliu criaturu è fore dalle cepolle. Damo de mani alla fatica.

MIRRINA - Aspetta nu poco;.ma addò me dovesse corecà?

CINESIA - Ma puri 'ncoppa a ste tavole... O 'ncoppa a chigliu muru.

MIRRINA - E dopu come.... come me pulizzo dagliu peccatu?

CINESIA - Si è pe' chesto, come stongo te scavo puri nu puzzu.

MIRRINA - Ma accussì vengo meno agliu giuramentu!

CINESIA - Giuramentu? Ma quale giuramentu? Se ce starà na multa la pago i', pe' Zeus.

MIRRINA - Allora vaio a piglià nu letto.

CINESIA - T’assicuru che è megliu pe' terra.

MIRRINA - E i' dovesse permette che nu valurusu com'a te s'avvasciasse a tantu? Mai!! Puri si te lo miriti. (esce)

CINESIA - E' evidente che me vo' bene. O no!?(Rientra Mirrina)

MIRRINA - Iammo, preparete, che i' me vaio a levà la vesta. Però manca la varda, voglio dice la stoia! N'aggia piglià una.

CINESIA - Odio le varde! E’ robba da ciucci. Va bono accussì come stamo.

MIRRINA - Ma è da crapi farelo 'ncoppa le cinghie.

CINESIA - E puri 'ncoppa na sporta, gli cardi e le ordicole. Mo', però, te voglio bacià a ogni costu, mappata de sapore.

MIRRINA - Fa' puri. (Divincolandosi, Mirrina, riesce a far baciare a Cinesia la propria mano)

CINESIA - Che sapore. Che doce.Che sapore! Che doce! Che caramella. (Mirrina esce) Torna, ca non ce la faccio chiù.

MIRRINA - Co’ chesta varda starai chiù commudu. I' ‘ntantu me vaio a spuglià. Oh no!! Non te si' portatu mancu gliu cuscinu.

CINESIA - Non n’aggio mai tenutu unu.

MIRRINA - Ma i' si. (Esce)

CINESIA - E’ propriu chella degliu ciucciu. Me crero propitu ca Pippinu stasera farà la fine degliu pesce fore dall'acqua.

MIRRINA - (Rientrando) Spostete. Si, a stu puntu ce sta tuttu cosu.

CINESIA - Tuttu, tuttu? (rimanendo incantato sul fondo schiena di Mirrina) Tuttu, tuttu. tuttu, tuttu. E fatt'acchiappà, iattaccia servateca e maligna.

MIRRINA - No!! M'aggia i' ancora a levà la veste. Però sia chiaru: la pace prima de ogni ata cosa.

CINESIA - Come vu tu!

MIRRINA - E si no' fai?

CINESIA - 'Ncoppa nu piattu te porto gliu corteglio e gli'aoceglio; po' vedemo che coraggiu tì. Eh, eh, eh!

MIRRINA - Bono. No?!

CINESIA - Come no?

MIRRINA - Non ce sta la coperta!?

CINESIA - Chi se ne frega, pe' tutti gli ddei. Non ce la faccio propitu chiù.

MIRRINA - Ma non fa' a sta manera. Tenemo tulla la vita 'nanzii a nui. Arrivu subbitu. (Esce)

CINESIA - Se continua accussì, già so crepatu. (Entra Mirrina)

MIRRINA - Addrizzete.

CINESIA - Stamo già ‘ncopp’agli’attenti.

MIRRINA - Ti piacesse essere addurusu?

CINESIA - Che cosa?

MIRRINA - Tantu addurusu de violette e ciclamini!

CINESIA - Ma che stai a dice?

MIRRINA - Prufumatu de fiuri de voscu.

CINESIA - Non lo voglio affattu, mannaggia l'arruvina tia.

MIRRINA - E chesto pecché non me vu bene. Ma io si!. (Esce)

CINESIA - Che se pozzeno screffonnà tutti gli fiure de voscu de tutti gli voschi de chistu munnu!(Torna Mirrina)

MIRRINA - Damme la mani.

CINESIA - Pigliate cacc’ata cosa! Pe' Apollo... Ehi! Ato che violette: st'addore sa de frociu.

MIRRINA - Hai raggione. Perdoneme amore meo gluriusu; me so' sbagliata.

CINESIA - Ma pe' tutti gli ddei, n'gni fa niente, ca non fa dannu a come stongo!

MIRRINA - Non parlerai addavero?!. (Esce)

CINESIA - Me piacesse 'ncontrareme co' chigliu c'ha 'nventatu gli'u prufumu. (Torna Mirrina)

MIRRINA - Piglia st'arnese.

CINESIA - Tengo già Pippinu.

MIRRINA - E levete su prufumu.

CINESIA - Mo basta! co' tutte ste sciocchezze, e mittete 'ncoppa la linea de partenza.

MIRRINA - Ci'hai raggione, poveru caru. Ecco, me vaio a levà le scarpe e torno subbito subbitu subbitu.... da te. Però ricordete bono: la pace prima de tuttu.

CINESIA - Si, si. Si! Si!! (Attimi di attesa) Ma pecché non vene? Mirrina. Me sforchenéa, me gnuria, me 'nfoca, m'attizza com'agli careunu ardenti...e po se ne va! E non torna chiù!!? Ahi mama mai! Mirrina! Mirrina!!! E mo?! Che me po' succede a stu puntu? Mo che m’ha lassatu gliu tesoru meo medicamentusu? Chi me reparerà da st'aglimale 'nferucitu, che già me sta a' rosecà la panza? E come faccio a teneregliu, accussì 'ngrifatu. Ma peggiu: co' quali armi gliu pozzo combatte? Gli’unicu, creca, è provà agliu collocamentu: cacche bebbisitter a chest’ora ci'hanna puri stà a spassu. (sta per uscire)

Il vecchio, che per tutto il tempo era rimasto ad osservare con partecipazione ma senza

intervenire nelle vicende, prende la parola.

VECCHIO - Ehi, arruvinatu dalla sorte. Che destinu t'è toccatu, e come me dispiace. Eri nu valurusu: la dignità fatta persona. Le montagne e gli voschi chiù futi s'addenocchiavano agliu cospettu teo. La patria se compiaceva dett'avè pe' figliu. Come me dispiace, mo'.

CINESIA - Vecchio, n'esaggeramo, che tanto per te non ce scappa mancu la muglica!

VECCHIO - Come me dispiace... vederete a ste cundiziuni. Ma quali pulmuni, quale core, quali nerve e musculi e rina, potessero resiste. Quali cepolle non dovessero schiattà accussì abbottate e nere, già a prima matina, senza sfogu?

CINESIA - Tì raggione, pe' Zeus. Che dolore!!

VECCHIO - Eppuri t'aggio datu sempe bone cunsigli: lassa perde le femmene, che da esse non po' mai vinì niente de bono. Lassele perde ca la robba sia è sempe de poco cuntu. E quanno puri ce sta gustu la spesa non vale mai la ‘mpresa. Vidi come t'ha cumbinatu chella disgraziata?

CINESIA - Sarà puri chello che dici, però è la ninna chiù bona e sapurita, e prufumosa, com'a nisciuna, ‘ncopp’a’ tuttu gliu munnu. T'è na vita accussì stretta, e nu curipizzu accussi tunnu. Certi nee 'ncoppa la panza de zuccheru abbrustuliti, e na facci bella com'agliu sole, che a guardarela gli’occhie mee n’ci’abbastono. La voce sia me da gliu sonno e chigli capigli, ‘dò n'ce stanno parole, me 'mbriacono.

VECCHIO - Disgraziata, ti dico! Disgraziata e basta!! Gliu megliu prufumu de femmena se chiama arruvina. Ah, come volesse che tu, 'rraggiatu dalla raggione e dagliu spiritu, de botta, l'acchiappassi e, come nu ciclone, la ittassi pe' l'aria, tra vento, tronele e saette. E po' la lassassi screffonnà. E 'ntromento stà a schiattarese pe' terra... s'encontrasse co' Pippinu.

CINESIA - Te dongo garanzia che se scagnassero saluti de foco pe' na settimana sana. Che dolore! (prende a pugni il gonfiore)

VECCHIO - E...chianu! Ma tu si senza speranza, figliu meo.

Entra l'Araldo di Sparta.

ARALDO - Con chi pozzo negozià ? Aggia trascorre co' caccherunu. Fateme parlà co' unu de conseguenza: nu senatore; nu deputato, n'uscere. Ce sta cacche pritanu? N'assessore agli beni pubblici.

VECCHIO - Beni con la b o con la p?

ARALDO - Co' chello che te pare, mannaggia! Tengo nu messaggiu urgente.

VECCHIO - Si è chello che vedo gliu putissi consegnà puri a me.

CINESIA - Ammasonete vecchio. I' 'mmece, no' riesco a vedé bono. Ma che si', na femmena o...o na femmena?

ARALDO - Ma quale femmena?!! Ine songo n'esemplare de pura razza spartana, e stongo ca' sulu pe' la questione della pace.

CINESIA - E che tì annascusu loco sotto?

ARALDO - Ine?

CINESIA - Tune. De certu ti caccosa annascusu.

ARALDO - None!! (si volta)

CINESIA - E sine, cazzarola! Ma addò stai a guardà? Sotto la tunica tia. Ce stà nu gonfiore che gliu vede puri nu cecatu. Che robba è?

ARALDO - Ah, niente; è gliu messaggiu.

CINESIA - Ma che messaggiu e messaggiu; non sarà mica n'ernia?

ARALDO - Tu te stai a sonnà.

CINESIA - E tu si 'nfiammatu, figliu degli'aglimale!

ARALDO - Non saccio de chello parli.

CINESIA - E su' botto, allora, che è?

ARALDO - E' nu novo look modernu de Sparta, modellu ARRAPAGE. Tantu ARRAPAGE.

CINESIA - Si, si, allora gliu tengo puri i' su' modello ARRAPAGE.

CINESIA+ARALDO - Tantu ARRAPAGE!!!

CINESIA - Scommetto che a Sparta va tuttu bono, veru? Che non c'è sta nesciunu probblema e se fanno sulu sfilate de moda.

ARALDO - Mancu pe' niente. Tutta la città è assediata da na' 'nfiammatura persistente. Semo tutti 'nfocati e abbottati. Tutti!! (anche lui prende a pugni il gonfiore)

VECCHIO + CINESIA - Chianu!!

CINESIA - Ce volesse cacche dottore, allora?

VECCHIO - Dutturi??! E' contaggiora o è com'a' nu male de rente?

ARALDO - Ma che male de rente!? St'epidemia te sulu na' midicina, e si manca chella... se crepa.

ARALDO + CINESIA - Se crepa!

CINESIA - E allora?

ARALDO - E allora!!? E allora niente. Non se sa chiù addò unu po' sbatte la coccia.

CINESIA - Come è veru.

ARALDO - La colpa de tuttu è Lampitò. Essa è stata!! A nu segnale seo tutte le femmene, senza pensarece di’ voti, ma dico propitu tutte, hanno chiuso le saracinesche....

ARALDO + CINESIA - Chiusu le saracinesche!

ARALDO - ....e ittatu la chiavi.

ARALDO + CINESIA - E ittatu la chiavi!

CINESIA - E vui?

ARALDO + CINESIA -Ahi mama!

ARALDO - Pe' di settimane hamo resistutu, ma po' s’è 'ngingatu a cede. E a stu puntu ce ne iamo girenno pe' le vie della città e delle campagni accussì scofenati, tantu da non pote' vedé mancu chiù gliu celo. E chelle maledette non se lassono toccà nu pocareglio. Che dico, che è nu pocareglio... Ma che è nu pocareglio? Non si gliu lassono toccà.

ARALDO + CINESIA - No si gliu lassono toccà!

VECCHIO - Non si gliu lassono toccà?

ARALDO - Eh, eh!

VECCHIO - Non se gliu lassono toccà!?

ARALDO - EEEHH!

VECCHIO - Ma come so' fatte ste femmene a Sparta?

CINESIA - Lassece perde, vecchio. E tu continua.

ARALDO - Insomma, se non ce mettemo d'accordu, e facemo la pace dento a tutta la Grecia, esse ce faranno murì.

CINESIA - Mo è tuttu chiaru. Fermete loco; mancu n'ata parola. Ca' stamo agliu cospettu de nu progettu ben pensatu; a tal puntu che n'c'è possibilità d'opposizione. Quindi non resta che arrennerece e fa la paci. Tu torna a Sparta e 'nfoca gli frati tee pe' mannarece ambasciaturi co' tutti gli mandati che ce servono. I' faccio lo stesse co' gli compagni mee, addirizzandugli pe' n'accordu sbrigativu e sanitariu.Ma a me sarà sufficiente i' agliu senatu e, senza mancu parlà, mostraregli st'accessu n’prima linea, oramai iutu pe' lo marciu. (Esce)

ARALDO - Zeus sia lodatu. E i’ guidatu da stu timone, co vento o senza vento, arriverò a Sparta dent'a' nu minutu. (Esce)

VECCHIO - Non ce sta speranza: ogni guerra contr’a’ esse è destinata alla scunfitta.

Entra Rodippe.

RODIPPE - Ci'hai missu tempo a capiscerelo. Ma si è accussì, pecché non ce pigliate come collaboratrici?

VECCHIO - I' cuntinuo la battaglia, 'nmece.

RODIPPE - Aaaah... Vidi ca nisciunu te lo vieta. Povereglio, però; non è giustu che tu te ne stai senza gliu manteglio, all'età tia. Mo te dongo na mani.

VECCHIO - Chesto non me lo saria mai aspettatu. (Si commuove) Pe' tutti gli ddei, mi gli'eru levatu pe' la foga degliu combattimentu.

RODIPPE - Mo' sì che nisciunu te po’ agniurià. E si fussi stato chiù civile, te levasse puri chello che te roseca agli'occhie.

VECCHIO - Sentevo nu pizzicore; nu fastidiu. Eccote sta pezza, e chello che è, po', fammelo vedè, pecché è da stammatina che me da’ tormentu.

RODIPPE - E pecché no, puri si sempe statu antipaticu e tosto: de coccia e de core; com'a nu mulu. (l'operazione è abbastanza violenta e il vecchio grida per il dolore) Ecco che era: na zanzara femmena.

VECCHIO - Cazzarola! La peggiore specie. Si stata propitu bona a fà chesso; e a chello che n' c'è riuscita la zanzara ci si riuscita tu, co sa’ trapanatura. E mo’, che gli'aglimalucciu non ce sta, scegnono légge légge gli lacrimamente.

RODIPPE - Pe' fareme scusa' ti gli'assuco i'. E te dongo puri nu' vasu.

VECCHIO - Te puzzi schiattà! A chesto n'ciarriverai.

RODIPPE - Scomettemo? Viti ca lo doce è sempe bono.

VECCHIO - Ma iatevenne dalle parti degliu curipizzu! A vui femmene nisciunu ve supera pe' gli 'mbroglie, e com’è vero chigliu dittu: nì co' cheste maledette, nì senza. (Rodippe piange) Mbèh, ch'è successo mo'? Vidi ca ste lamentaziunu propitu non le sopporo; me fanno smove la panza. Va bono, va bono! Facemo pace, e te prometto che da dimani non dico chiù niente de sgustumatu. Anzi sarò gliu primu a difèndeve, e si smitti de me da' de stommucu facemo nu begliu coru, e i' medesimu dongo gli'anniziu alle canzuni.

RODIPPE - Meravigliusu. Ecco gliu iorno nove pe gliu novo munnu. Meravigliusu! Era ora. Ma aspetta, che è st'ammuina? Pe' gli dei, ecco na torema d’aglimali. Ma chi so’? Mama mia! So’ gl'ambasciaturi de Sparta. Ma so solo dui! Però, cazzarola! co' che mandati diplomatici!

VECCHIO - Mai vista n'ambasciatura chiu chiena de bona volontà.

Entrano gli Spartani.

RODIPPE - Grande Zeus! Tenno la facci tutta rossa. (si schiarisce la voce) Salute ambasciaturi spartani!!! Come state?

SPARTANO I° - A che te riferisci? O non se vede come stamo?

Entrano Stratillide e Misulfata

STRATILLIDE - Ehi, ambasciaturi. Pe tutti gli diòscuri! Ma che tenete, cacche fatica da fa', creca?

SPARTANO II° - Nui quatto stamo ca' pe' ottene' la paci.

MISULFATA - Nui quatto??! Ah, già! Bono. Ma ecco ch’arriva puri gli'ambasciatore ateniese e gliu tuttu gliu portaborse seo.

VECCHIO - Sì, ma che sta vota porta ben’autu.

STRATILLIDE - Povereglio, figliu de mama! pure issu co' la facci tutta rossa e chella strana attrezzeria; se potesse pensa quasi quasi a na malatia da muraturi.

SPARTANO 1° - Genti! Genti de sta’ contrada. Gente de sta parti de munnu; caccherunu ha vistu Lisistrata? Guardate che nui semo arrivati. Dicetecello.

STRATILLIDE - Lo vedemo che sete arrivati.

ATENIESE - Capisetece bono, Nui semo propitu arrivati.

STRATILLIDE - E l’hamo capitu che sete arrivati.

SPARTANO 1° - None, nui semo arrivati a nu puntu bruttu de pressione.

RODIPPE - E sì. Sì. E’proprio la stessa malatia. Sentemo.

Entra in ritardo e traballante il secondo ambasciatore ateniese, la sua cariola cigala terribilmente sotto il peso.

Zeus e tutti gli ddei!! Ma chistu sta peggio de tutti! Potete raccontarece, chiuttostu, che ve succede a prima matina? Voglio dice; sti' spasimi che ve cumbinono?

ATENIESE I° - Primu: ce sbattono pe' terra, e po' ce torturano co' dolore e sofferenza. Si non trovamo la via pe' giogne alla paci finisce che, stenno agliu letto, sfonnamo tutta la suffittatura.

VECCHIO - Se i' fosse agliu postu vosto però, m'annascognesse; pe' tenereme lontano dagli certi dutturi che vanno scorepenno ernie.

ATENIESE I° - Tu dici bono, pe' Zeus.

SPARTANO I° - Si, ma st'operazione gli dovesse i' bona alla primu botta.

ATENIESE II° - Dopo non se ne potessero pentì.

ATENIESE I° - Ah, me stéo a scordà. (si schiarisce la voce rumorosamente) "Salute a vui, Spartani!" (al suo compagno) Ce stamo a sputtanà a’ tutta forza.

SPARTANO II° - (al pubblico) E' murtificante farese vedè da chigli ricchiuni degl'ateniesi a sta manera; ma che potemo fa’?.

ATENIESE II° - Orsù, Spartanu, chiaremo la posizione nosta. Pecché stamo ca'?

SPARTANO II° - Ma pecché stamo de bruttu arrap...(sonoro schiaffone dal 1° Spartano) arrabbiati.

SPARTANO I° - Volemo dice: "Paricchiu 'ntenzionati a ottené la pace".

ATENIESE I° - Benissimu. Che caccherunu chiamasse Lisistrata.

SPARTANO I° - De subbitu, pe' l'Olimpu!

SPARTANO II° - E si n'ce sta’, puri Lisistratu.

Entra Lisistrata con Cleonice e Mirrina

ATENIESE II° - Era già pronta. Eccola finalmente.

CORO DI DONNE -

GLORIA A TE, FEMMENA VITTORIOSA.

CA’ DENT'A' STU MOMENTU

TE PU' MOSTRA' FORTE E GENTILE,

MAGNANIMA E TOSTA,

ORGOGLIOSA E TENNERA,

BEN DISPOSTA A OGNI BONA OPERAZIONE.

SPARTANO II° - Sante parole.

CORO DI DONNE -

COME PU' BONO COSTATA’,

GLI CAPI DEGLI GRECI

PE GLIU SULU FATTU CA SI BONA

TE SO' TUTTI ADDENOCCHIATI

E TE METTONO CO’ REVERENZA N’MANI

GLIU TRONU(ò) DE TUTE LE CITTÀ SEI,

E TUTTI 'NSEMA, CHINI DE CRURA SPERANZA,

S'AFFIDONO A L’ARTE TIA

PE' LA SOLUZIONE DE CHIGLIU PROBBLEMA.

ATENIESE I° - Mai soluzione è stata cercata da mani chiù boni.

SPARTANO I° - Mai probblema s’è trovatu dent’a’ mani chiù caore. Puri si dopo gli sarà difficile accontentarese d’ati probblemi e d’ate soluziuni..

LISISTRATA - I' stongo ca' apposta pe' chesto. E penso che, 'nmece, me sarà facile si teng'a' che fa' co' genti venuta pe' lo bene e no' pe' lo male; pe’ usà la raggione e no’ la pazzaria. Ma chesto lo potemo subbitu appurà. Chiamateme la pace?

Entra la Pace: una bellissima donna in abiti succint

TUTTI GLI AMBASCIATORI - Ahi, che male de core! (cercani di far sta fermi a tutti costi i gonfiori imbizzariti)

LISISTRATA - Chiano.Vai dagli Spartani; ma no co' modi malamente e sgarbati, come issi s'aspettono dagli nosti, ma co' chello doce che è tipicu delle femmene. E puri vérso gli'ateniesi. Però si issi fanno gli cappricciusi tu, senza pensarece, pigliagli pe' le roti. Veneteme vicinu; da na parte e dall'ata, e scotateme. 'Nfacci a vui vedete na femmena, ma i' posseggo raggione e coscenzea. So' stata educata dagli mee alla saggezza e l'aggio avuta pe' volontà e desideriu e, a differenza de paricchi de vui, non so' 'ngorante, ma struita bona. Oggi che stamo tutti ca, me piacesse direve belle cosi; ma so' costretta a fareve sulu nu rimproviru 'nnanzi a stu’ populu arriunitu. Ca puri co' sse’ facci toste non potete nega' ca semo na famiglia, come quanno iamo a purificà co' la stessa acqua gli altari d'Olimpia, delle Termopili e de Pilo, e ‘nfacci a chesto, all'avvicinarese degli eserciti barbarici, struiemo le città noste e le genti noste. Ma come non ce vergogniamo de tutta sta' schifezza?

ATENIESE I° - Ne sto' a morì addavero... ma pe' la voglia.

LISISTRATA - E mo' parlamo de vui, Spartani. Nesciunu v'ha raccontatu che nu iorno gliu Spartanu Periclida giugnette a' Atene e, supplicannoce, s'assettètte 'ncoppa gli'aotare 'mploranno umiliatu, annascusu dalla vesta scarlatta, n'esercitu, pe' difendéreve dagli Messeni, e grosse appoggi pe' gliu terremotu? E nui v'hamo mannatu Cimone, armatu de quattumila fanti; da magnà e da beve, co coperte e tendaggi. E Sparta se sarvata. E ve pozeno schiattà, dopo tutto chesto pecché stroiete la terra nosta, la terra degli libberaturi? Parlate; dicetece come fate a chiamareve ancora ommene?

ATENIESE II° - E' chiaru che tenno torto.

SPARTANO II° - Purtoppu tene raggione. Però che curve, cazzarola!

LISISTRATA - E vui non sete megliu de issi. Ateniesi da quatto sordi; ve sete già scordati che quanno eravamo schiavi degli Tessali e degli seguaci e alleati de Ippia, fosèttero propitu gli Spartani, correnno numerusi e armati fin'agli rente, a sarvareve, combattenno agliu fiancu vosto, da suli? E, ve se pozza crepà chessa coccia vacanta, si oggi ve potete chiamà ancora ommene libberi è grazie a issi.

SPARTANO I° - Sta femmena è sicuramente nobbile.

ATENIESE II° - No, sta femmena è sulu bona.

LISISTRATA - E arrivamo a spiegà , dopu tuttu chesto, la raggione della guerra. Ditece pecché chiurete le porti n'facci agli frati voste, sigillantole de 'nfamità. Quale è gliu veru probblema vosto?

SPARTANO I° - Pe' nui ce ne stanno, apparte chistu dent'a' ste carriole; ma potessemo puri fa finta de niente. Tuttu se po' appiana', a pattu che c’arrennessero chelle dui collinelle tennere tennere, morbide e prufumate, che ossi sanno bono.

LISISTRATA - Quali??

SPARTANO I° - Ma come quali? Chelle vicino alla città de Pilo. So' misi che ce scappono dalle mani.

ATENIESE I° - Chesto non lo facemo pe' Apollo!

LISISTRATA - (agli Ateniesi) Ma iammo, è robba de poco.

VECCHIO - Chesso è veru: è propriu robba da poco.

ATENIESE II° - Statte zittu, vecchio. E che tenemo nui, dopu??

LISISTRATA - Chiedete ati fatti.

ATENIESE I° - Datece allora chella robba la'... la Serve de Megara.

SPARTANO I° - Mancu pe' gliu fraulu.

LISISTRATA - Ma ve pare giustificatu 'ncapunireve 'ncoppa na serve?

ATENIESE II° - Dent'a stu statu pe' ne avé una potesse puri da' la vita.

VECCHIO - I’ ve dico che ce stà de megliu.

CORO DI TUTTI - Chiuri sa’ occha, vecchio abbesciolatu!

ATENIESE I° - Ehi!? I', co' st'attrezzo, voglio mettereme alla fatica.

SPARTANO II° - Pecché nui no? Puri prima de mo'.

LISISTRATA - Ma pe' sti fatti è già tuttu pronto. Però chesto se po’ fa’ sulu dopu la pace. Allora che pensate? Che dicete? Che volete fa’? Sete daccordu ‘ncoppa tuttu cosu? Vui spartani? Vui Ateniesi? Che la pace parli!

LA PACE - Cari mascuri coraggiusi,‘nsisti e abbestialiti, tutte le femmene ve stann’aspett’à; co na palpitazione de core e co’ una de coccia. Esse so’ tutte profumate, scorepate e pronte. V’apettano chiene de desideriu e de tenerezza. Le volemo lassà aspetà?

TUTTI - Nooo!!

LA PACE - Le volemo i’ a trovà?

TUTTI - Siii!!

LA PACE - Volemo ancora perde atu tempo?

TUTTI - Nooo!!

LA PACE - Volemo i’ a farigli vedè chi sete?

TUTTI - Cazzarola!

LISISTRATA - E allora La volete la pace vui spartani?

SPARTANI - Siiii!!!

LISISTRATA - E vui ateniese?

ATENIESI - Siiiii!!!

Grida e gesti di gioia da parte di tutte le donne

LISISTRATA - Stateve quiete. Bono, ma si lo volete veramente trovate gli'accordu, segnateve le giuste strati e chiudete gliu trascursu co' gli'alleati voste. O ce stanno ati probblemi co gli’alleati?

ATENIESE I° - Non ce stanno alleati che enono. Ca' gliu tormentu è troppu forte e nui possedemo tutti gli mandatu necessari a conclude ogni tipo d'accordu.

SPARTANO I° - Gli nostre acconsentono.

ATENIESE II° - E gli nosti de chiù.

SPARTANO I° - T'assicuramo che ce sta na voglia universale...

TUTTI GLI AMBASIATORI - De farece la Pace!!

Di nuovo grida e gesti di gioia

LISISTRATA - Onore a Zeus.

CORO - Onore a Zeus.

LISISTRATA - Onore ad Afrodite.

CORO - Onore ad afrodite!!

LISISTRATA - La pace è conclusa.

CORO - Onore a zeus in eterno!!

LISISTRATA - Da chistu momentu ancuminciono le purificaziuni degli'aglima.... degli ommene noste, affinché pozzano esse ricevuti all'Acropuli e meritàrese chello che issi desideranno. La’ dento se schiureranno gli giuramenti e le garanzie. E prima de stasera ce ne tornamo tutti 'nsema alle città e alle casi noste. (alla Pace)Tu, portagli addò sai.

SPARTANO II° - E puri addò vu'.

ATENIESE II° - Ma lesto, maledizione! Chiù lestu dello lestu. E si po' puri prima.

Esce la Pace seguita dagli ambasciatori, poi Lisistrata,

Mirrina ed il coro lasciando in scena il vecchio e

Cleonice.

VECCHIO - Robba da magnà, vestiti, mobbili, prufumi, schiavi; tutto è pe' vui. Non semo tirchi e tirati de mani, come potete bono vedé. Volemo offrì tuttu a tutti. Che lo posseate portà a caseva, agli vagliuni e alle ninne voste pe' quannu se sposeranno.

CLEONICE - Si ce stà cacherunu che tè fame e tè puri paricchi servi e criaturi picculi, venesse da nui e s'abbuscherà lo pane pe' jorne e jorne. Chi te bisognu, se portasse tanti sacchi, 'ncoppa a tanti carri, ca' gli damo ranu e farina; e puri co' gli'aiutu degli servi noste.

VECCHIO - Ma statev'attento però; che appena bussate alla porta squizzerà fore na torema de cani arraiati che ve s'appennerà subbitu subbitu agliu curipizzu.

CLEONICE - ‘Ntromento ricevete gli'auguri noste de bona iornata e de bono ‘ncasamentu.

VECCHIO - Che non ve se pozza rompe na cossa.

CLEONICE - Che non ve' pozzate mai cecà!

VECCHIO - Che a stu munnu non ve pozza mai i' niente de traverso.

CLEONICE - E che Pippinu...

CLEONICE + VECCHIO - Sia sempe co' vui! (guardandosi con intesa) Bèh, pure con nui. Cazzarola!(Escono)

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 5 volte nell' ultimo mese
  • 19 volte nell' arco di un'anno