L’isola stregata

Stampa questo copione

L'ISOLA

STREGATA

di Annalisa Rossi

n. posizione SIAE 207988

PERSONAGGI

(in ordine di apparizione)

FEDERICO

CLAUDIO

MATTEO

SOFIA

PUK

JINN

KUR

APPRENDISTA STREGA, DAHUT

FATA RHIANNA

STREGA CERIDUEN

PIXI

DUK

STREGA UGANA

STREGA NEMEZIA

STREGA FERIDE

STREGA BELISMA

STREGA NIMUE

STREGA SAGANA

FANTASMI

VOCE MADRE

VOCE PADRE


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                      1


INDICE

PRIMA SCENA............................................................................................................................................................................. 3

SECONDA SCENA..................................................................................................................................................................... 4

TERZA SCENA............................................................................................................................................................................. 7

QUARTA SCENA........................................................................................................................................................................ 8

QUINTA SCENA.......................................................................................................................................................................... 8

SESTA SCENA.............................................................................................................................................................................. 9

SETTIMA SCENA........................................................................................................................................................................ 9

OTTAVA SCENA...................................................................................................................................................................... 10

NONA SCENA............................................................................................................................................................................ 11

DECIMA SCENA...................................................................................................................................................................... 12

UNDICESIMA SCENA......................................................................................................................................................... 13

DODICESIMA SCENA......................................................................................................................................................... 14

TREDICESIMA SCENA....................................................................................................................................................... 15

QUATTORDICESIMA SCENA........................................................................................................................................ 16

QUINDICESIMA SCENA................................................................................................................................................... 17

SEDICESIMA SCENA........................................................................................................................................................... 19

DICIASSETTESIMA SCENA............................................................................................................................................ 20

DICIOTTESIMA SCENA..................................................................................................................................................... 23

DICIANNOVESIMA SCENA........................................................................................................................................... 24

VENTESIMA SCENA............................................................................................................................................................. 26

VENTUNESIMA SCENA..................................................................................................................................................... 27

VENTIDUESIMA SCENA................................................................................................................................................... 28

VENTITREESIMA SCENA................................................................................................................................................. 28

VENTIQUATTRESIMA SCENA..................................................................................................................................... 29

VENTICINQUESIMA SCENA......................................................................................................................................... 30

VENTISEIESIMA SCENA.................................................................................................................................................. 31

VENTISETTESIMA SCENA.............................................................................................................................................. 32

VENTOTTESIMA SCENA................................................................................................................................................... 33

VENTINOVESIMA SCENA............................................................................................................................................... 34

TRENTESIMA SCENA.......................................................................................................................................................... 35

TRENTUNESIMA SCENA.................................................................................................................................................. 36

TRENTADUESIMA SCENA.............................................................................................................................................. 36

TRENTATREESIMA

E ULTIMA SCENA.................................................................................................................................................................. 37


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                      2


PRIMA SCENA

MUSICA – Mare in tempesta. Alcuni bambini naufragano sulla spiaggia di un'isola.

FEDERICO         Dove sono… che freddo…

CLAUDIO            Sì… freddo… tanto freddo…

FEDERICO         Siamo tutti bagnati e… (tenta di alzarsi, ricadendo subito giù)… mi sento a pezzi!

CLAUDIO            Ma siamo vivi… vivi!

Si sentono dei lamenti

FEDERICO         Ehi, amico mio, guarda lì!

CLAUDIO            Sono altri due bambini!

FEDERICO         Andiamo a vedere!

Due piccoli bimbi sono sdraiati, vicini. Sembrano morti.

FEDERICO         Sono Matteo e Sofia, i due piccolini che erano con noi sulla nave.

CLAUDIO            Che possiamo fare?

FEDERICO         Io provo con il massaggio cardiaco, ce l'hanno insegnato a scuola, ricordi?

CLAUDIO            Ma no, se uno è affogato serve la respirazione bocca a bocca.

FEDERICO         Massaggio cardiaco.

CLAUDIO            Respirazione bocca a bocca.

FEDERICO         Massaggio.

CLAUDIO            Respirazione.

FEDERICO         Massaggio.

CLAUDIO            Respirazione.

Mentre i due litigano sul da farsi, i bambini, che erano solo svenuti, cominciano a muoversi ed a tossire.

FEDERICO         Massaggio!

CLAUDIO            Respirazione!

FEDERICO         Pari.

CLAUDIO            Dispari.

I due giocano a “morra”.

CLAUDIO            Dispari! Alè!

Colpi di tosse. I due ragazzi si voltano e vedono i due bambini che li stanno osservando.

FEDERICO         Ehi, ma come…


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                     3


MATTEO              Se aspettavamo voi… eravamo stecchiti.

CLAUDIO            Bè… però ora non potremo mai sapere chi di noi due aveva ragione!

SOFIA                     Che facciamo… ci ributtiamo in acqua?

FEDERICO         Potrebbe essere un'idea… sto scherzando!

CLAUDIO            Chissà dove siamo capitati… che strano posto.

FEDERICO         Già… guardate il cielo. Sembra che le nubi siano finte. Sono

immobili, anche se c'è vento.

MATTEO              Dove saranno finiti gli altri che erano con noi sulla nave?

SOFIA                     Forse si sono salvati.

FEDERICO         La nave si sarà schiantata sulle rocce. Saranno tutti morti.

CLAUDIO            Siamo partiti per cercare i nostri genitori, e ci siamo persi pure noi.

MATTEO              Già. Che jella.

SOFIA                     Bè… siamo vivi, almeno.

SECONDA SCENA

Si sentono piccoli rumori.

FEDERICO

Avete sentito?

MATTEO

Cosa?

CLAUDIO

Io non ho sentito niente.

Risatine sommesse.

SOFIA

Ho sentito anch'io!

FEDERICO

Ehi! Chi c'è?

Altre risatine.

CLAUDIO

Insomma! Uscite fuori!

Escono fuori 2 strani piccoli esseri.

FOLLETTI           Salve salve!

FEDERICO         Chi siete?

PUK                          Lui è Jinn.

JINN                         E lui è Puk.

CLAUDIO            Ma cosa siete?

MATTEO              Non siete dei bambini.

SOFIA                     Avete le orecchie a punta.

FEDERICO         Ed anche i piedi a punta.

CLAUDIO            Direi anche la testa a punta.


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                     4


FOLLETTI           No, non siamo bambini.

PUK                          O meglio… eravamo bambini.

JINN                         Bambini come voi.

PUK                          Più o meno.

FOLLETTI           Ma da tempo non più.

JINN                         Da tempo.

PUK                          Non più, da tempo.

FOLLETTI           Non più bambini.

FEDERICO         Ma come parlate?

FOLLETTI           Parliamo per quel che siamo.

CLAUDIO            Insomma! Cosa siete?

FOLLETTI           Indovina indovinello

PUK                          ha la punta il suo cappello

JINN                         ed il suo cappello pure

PUK                          e le vostre teste dure

FOLLETTI           siam folletti prigionieri

di una Strega e sue sorelle

Ahimè, ahinoi,

Puoi salvarci? Dicci, puoi?

I due Folletti cominciano a piangere in maniera esagerata e grottesca.

SOFIA                     Su, su, basta piangere!

CLAUDIO            Riuscite a raccontarci la vostra storia in modo chiaro?

FOLLETTI           Va bene.

PUK                          Allora…

JINN                         Tanti tanti anni fa…

PUK                          Una nave naufragò.

FEDERICO         Come è successo a noi.

FOLLETTI           Noi eravamo piccoli piccoli.

PUK                          E non ci ricordiamo niente.

JINN                         Solo delle Streghe ci ricordiamo.

CLAUDIO            Streghe?

PUK                          Le Streghe della Tempesta.

JINN                         Sono loro che fanno naufragare le navi.

FOLLETTI           Per non far arrivare nessuno vivo nell'isola.

MATTEO              Ma noi siamo vivi!

PUK                          Peggio per voi!


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                      5


PUK

JINN BAMBINI FEDERICO CLAUDIO PUK JINN PUK

PUK

JINN

PUK

JINN FOLLETTI SOFIA PUK JINN PUK MATTEO PUK SOFIA JINN FEDERICO FOLLETTI

JINN                         E sì, molto peggio!

SOFIA                     E perchè mai?

FOLLETTI           (ridendo) perchè mai… chiedono… perchè mai!

CLAUDIO            Non mi sembra una domanda così strana!

FEDERICO         Non capisco cosa ci sia di divertente.

FOLLETTI           (piangendo) Ridiamo per non piangere… per non versare lacrime…

per non disperarci… per non farvi intristire, preoccupare, angosciare…

CLAUDIO eFEDERICO

E basta!

Chi sopravvive…

Viene trasformato in folletto…

E diventa proprietà delle Streghe… Non possiamo mai dir di no. O ci trasformano!

Ma non siete già trasformati in folletti? Sì… ma meglio folletto che… scarafaggio. O ragno.

O puzzola come è successo l'altra settimana a Pixi. Chi è Pixi?

Il fratello di Duk. E Duk?

Il fratello di…

Lasciamo perdere… abbiamo capito, sono altri due folletti.

Ora sono in castigo, chiusi nella cucina da un mese, per aiutare Strega Ceriduen a preparare la pozione.

L'avevano fatta grossa.

Pensavano di fuggire nel bosco fatato. Bosco fatato?

Quindi… ci sono le Fate oltre che le Streghe.

Finalmente una buona notizia.

Veramente la fata è una sola e si chiama Rhi… Non dire quel nome! … anna.


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                     6


TERZA SCENA

Suono di fulmini e saette, tuoni ed esplosioni

KUR                        Chi ha pronunciato quel nome?!!!!

I Folletti si buttano a terra tremando

FOLLETTI

Perdono perdono grande e potente padrona del vulcano, grande Strega

Kur!

Con chi state parlando, sciocchi servitori?

KUR

PUK

Con… con…

JINN

(ai bambini, sottovoce) Scappate!

Chi c'é lì con voi?

KUR

PUK

Ecco… allora…

JINN

(sempre sottovoce ai bambini) Allora! Via via… laggiù nel bosco!

Presto!

Insomma! Rispondete, schiavi!

KUR

I bambini scappano via

FOLLETTI

Dei naufraghi, potente padrona.

PUK

Feriti!

JINN

Gravemente feriti.

PUK

Moribondi direi.

Ora mando la mia giovane apprendista… a prendersi cura di loro.

KUR

PUK

Non è possibile, mia grande Strega.

JINN

Sono… sono fuggiti.

E come possono essere fuggiti, se erano moribondi?

KUR

PUK

Allora… erano qui, svenuti.

JINN

Molto svenuti.

PUK

Quasi morti, insomma.

JINN

Ed è arrivata un'onda.

PUK

Grande…

JINN

Gigantesca.

PUK

E se li è portati via.

JINN

Per sempre.

FOLLETTI

(piangendo in maniera esagerata) Poveri poveri bambini! Poveri

po…

BASTA! Mi avete presa in giro fin troppo! Passerete le prossime

KUR

settimane insieme ai vostri stupidi simili, a preparare la magica


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                      7


pozione. Per quanto riguarda i nostri nuovi ospiti… saprò trovarli io. Mi servivano giusti giusti un altro po' di servitori… non appena recupererò un corpo nuovo, potrò uscire dal vulcano e ritornare nel mio palazzo. Da dove dominerò il mondo intero!

Fulmini, tuoni, lampi ed esplosioni

QUARTA SCENA

PUK

Bel guaio.

JINN

Siamo fritti.

PUK

In cucina a lavorare con Strega Ceriduen.

JINN

A quella pozione puzzolente.

PUK

Che va girata di continuo.

JINN

Giorno e notte.

PUK

Notte e giorno.

FOLLETTI

Puah! Che schifo la pozione Stregalà!

PUK

Ed ora che si fa?

JINN

Io direi di scappare.

PUK

Tanto ormai… peggio di così… non può andare!

QUINTA SCENA

I due folletti fanno per andarsene, ma appare l'apprendista Strega, Dahut.

DAHUT                  Dove pensavate di andare, eh?

FOLLETTI           Da… da… da nessuna parte, nostra giovane Strega!

DAHUT                  Chissà perchè avevo l'impressione che volevate andare nel bosco fatato…

FOLLETTI           Sbaglia, strega Apprendista!

DAHUT                  Apprendista ancora per poco! La magica mistura è quasi pronta… poi… basterà aggiungervi una goccia del mio sangue… ed io, la prescelta da Kur, diventerò lei, il suo spirito sarà dentro di me… Lei sarà libera ed io, con lei, più potente che mai. Nel frattempo… vi dimostrerò la forza delle mie arti magiche… (punta la bacchetta su Jinn) Trasformati in… ragno!

Jinn comincia a camminare come una rana, saltando qua e là.

DAHUT           Ho detto ragno non rana! Ragno!

Jinn saltella di continuo gracidando e Dahut non riesce a trasformarlo. Allora punta la


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                     8


bacchetta su Puk.

DAHUT           Che tu sia… leone!

Puk comincia a miagolare come un gattino.

DAHUT           Leone! Leone! Ho detto leone!

Puk si strofina affettuoso a Dahut miagolando di continuo, mentre Jinn continua a gracidare e saltare. Per liberarsi dai due, Dahut inciampa sul suo mantello e cade gambe all'aria.

DAHUT           Uffa!

I due folletti trasformati scappano verso il bosco fatato.

SESTA SCENA

DAHUT                  E no! Non vale! Nel bosco non posso entrare! E neanche voi, maledetti! Quando lo saprà Kur…

Fulmini, tuoni, saette ed esplosioni

Kur sa sempre tutto, mia cara, giovane, inesperta ed INCAPACE

KUR

apprendista! Sappi che se a breve non imparerai ad usare le arti

magiche a dovere… potrei anche ripensarci. Ed aspettare tempi

migliori ed un'altra allieva. Anche se qui sotto fa veramente troppo,

troppo caldo. Studia, Dahut! Studia!

Fulmini, tuoni, saette ed esplosioni

DAHUT                  Studia, studia… la fa facile lei. Lei è Strega da almeno 10 mila anni. Ed io sto studiando da 7. Vabbè… torno nell'antro e chiedo aiuto a strega Ugana. È sempre gentile con me. Stanotte… sui libri!

SETTIMA SCENA

Antro delle Streghe. Strega Ceriduen sta girando la mistura. Le altre entrano ed escono portando strane cose e buttandole nel pentolone. – MUSICA(canzone)

STREGHE            Butta butta butta nel pentolone ora è quasi pronta questa pozione Ecco ecco ecco con nuovi intrugli bollirà

poi puzzerà

se cuocerà Stregalà


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                      9


Forza forza forza nel calderone

tutte le paure ed ogni finzione

torna torna torna il gran terrore

trionferà

senza pietà

la nostra Kur rivivrà!

Alla fine della musica, tutte le streghe escono di scena (portando via il pentolone).

OTTAVA SCENA

Nel bosco fatato

FEDERICO

Che bel posto! Finalmente si sente odore di fiori invece che di zolfo.

CLAUDIO

Già, speriamo però di non fare altri strani incontri.

MATTEO

I folletti parlavano di una fata buona.

SOFIA

Speriamo abbiano detto il vero.

FEDERICO

Che ne dite se decidiamo una direzione?

CLAUDIO

Io dico a destra.

FEDERICO

A sinistra, mi ispira di più.

CLAUDIO

Destra.

FEDERICO

Sinistra.

CLAUDIO

Destra!

FEDERICO

Sinistra!

SOFIA

Fatela finita!

MATTEO

Si resta qui.

FEDERICO

Ma… dobbiamo cercare la fata.

MATTEO

Se questa Rhianna è una fata vera, ci troverà lei. Intanto… mi metto a

dormire. Sono stanco. Ed ho tanta fame. Proverò a sognare… lasagne

pollo arrosto patate fritte macedonia.

SOFIA

Sono d'accordo. Ma ci metto pure il dolce.

FEDERICO

E vabbè. Restiamo qui. Tra l'altro è quasi buio.

CLAUDIO

E sì… ora di cena.

BAMBINI

Che fame!

SOFIA

Dormiamo, che è meglio.

I bambini si addormentano. – MUSICA – Al risveglio…

FEDERICO         Che cos'è questo strano odore?

CLAUDIO            Strano? Tu lo chiami strano?


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                   10


MATTEO              È odore di…

BAMBINI              Ciambelle fritte!

NONA SCENA

Arriva fata Rhianna, con un grembiule da cucina addosso, un cappellone in testa ed una cucchiarella di legno in mano

RHIANNA            Ciao cari, la colazione è pronta!

SOFIA                     E tu chi sei?

RHIANNA            Perchè, non si vede?

FEDERICO         Una pasticcera?

CLAUDIO            Puzzi di fritto.

RHIANNA            Questa non è “puzza” ma profumo!

MATTEO              Sei una profumiera?

RHIANNA            Insomma… sono la fata!

BAMBINI              (ridendo insieme) See… la fata… .ma che dici! Non farci ridere!

MATTEO              Le fate hanno il cappello a punta non un cappello da cuoco.

FEDERICO         Ed hanno il mantello dorato… non il grembiule.

CLAUDIO            E la bacchetta magica… non la cucchiarella di legno!

RHIANNA             Bella riconoscenza! Mi sono alzata alle 5 per prepararvi una colazione

coi fiocchi… e mi prendete in giro! Mi viene quasi voglia di farvi

vedere come questa cucchiarella sa diventare una bacchetta che…

trasforma!

MATTEO              O no! Anche tu sei fissata con le trasformazioni!

RHIANNA            Che ne sapete… di trasformazioni?

SOFIA                     Abbiamo conosciuto due folletti.

FEDERICO         E ci hanno raccontato tutto.

CLAUDIO            Cioè… ci hanno detto delle Streghe della Tempesta.

FEDERICO         E poi… è arrivata una certa Kur.

CLAUDIO            Solo la sua voce.

MATTEO              che arrivava con fulmini, tuoni…

SOFIA                     …saette ed esplosioni!

CLAUDIO            Adesso pure voi parlate in rima?

FEDERICO         Vi ci vedo bene come folletti…

RHIANNA            Non lo dire neanche per scherzo! Essere servi senza speranza di

liberazione è peggio della morte. Ed i folletti vivono in eterno… da schiavi.


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                    11


SOFIA                     E non possono essere liberati? Tu sei una fata!

RHIANNA            Da sola posso ben poco, loro sono sette streghe ben addestrate, e con

loro è Kur.

FEDERICO         Ma Kur… è davvero così potente?

RHIANNA            Anche se migliaia di anni fa venne battuta da un grande Mago e

precipitò nel vulcano, il suo spirito è ancora fortissimo. Ora sta cercando di riprendere vita ed energia con…

MATTEO               Molto interessante… ma… se parliamo mangiando? Altrimenti servirà

anche a noi una magia…

SOFIA                     Per riprendere energia!

FEDERICO         Avete sentito? È proprio una vocazione la loro… sono portati a fare i

folletti!

RHIANNA            Su… presto… la colazione vi aspetta! Ed ho già preparato anche il

pranzo e la merenda del pomeriggio e la cena…

Escono tutti di scena

DECIMA SCENA

CERIDUEN        Allora, Pixi, ci vogliamo sbrigare? Ti ho chiesto di portarmi le unghie del Drago, non di fargli la manicure!

Entra Pixi con una scodella in mano. Cammina piano piano per il timore di farla cadere.

PIXI                          Scotta, strega Ceriduen! Brucia!

CERIDUEN        Certo che brucia, stupido folletto! Il Drago ci sputava sopra per

pulirle!

DUK                         Ma io quando sputo non brucia mica!

CERIDUEN        Sei forse un Drago Sputafuoco tu? Eh?

DUK                         Magari…

CERIDUEN        A sì? E che faresti se fossi un Drago?

DUK                         Potrei… potrei…

PIXI                          Potresti alzarti in volo.

DUK                         Sputando fuoco ovunque.

PIXI                          Andare oltre il bosco.

DUK                         Portando te sulle spalle.

PIXI                          Volare verso il mare.

DUK                         Ed oltre…

CERIDUEN        Ma che bravi… ma che belle idee di fuga… invece siete qui! E se dite un'altra parola vi trasformo in due lucertole, altro che Draghi! Ma che


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                    12


devo sentire… Svelti… a girare la pozione Stregalà!Quella che farà tornare alla vita la nostra Sovrana!

PIXI                          Ma puzza!

CERIDUEN        Non come puzzavi tu l'altra settimana… ti ricordi Pixi come ti

trasformò Strega Ugana?

PIXI                          Sì…

CERIDUEN        In una fetida puzzola! Te lo meritavi. Come vi meritate tutti e due di star qui a girare la pozione. Che pensavate di fare andando nel bosco? Chiedere aiuto… alla fatina? Ora a breve avrete un bell'aiuto. I vostri sciocchi amici Puk e Jinn arriveranno qui con Dahut. E vi daranno una mano… per le prossime settimane. Giorno e notte. Notte e giorno. Su, su! Io mi riposo… e vi dò il tempo.

I due folletti si mettono a girare la pozione – MUSICA (canzone)

CERIDUEN        Gira gira la pozione, l'infernal mistura

Se ti fermi sei perduto, Ceriduen lo giura.

Non pensare di barare, di far finta di girare

Io ti vedo anche se sembra che la palpebra va giù.

FOLLETTI           Giriamo, mescoliamo, la brodaglia infame

Se puzza noi piangiamo, nessun ci salverà.

CERIDUEN        Siete nostri prigionieri, dei folletti veri,

E il doman non vi appartiene, servi senza speme Credevate di fuggire, ed invece siete qua

A girare senza fine la pozione Stregalà. FOLLETTI Cuociamo mescoliamola brodaglia infame

Giriamo senza fine, nessun ci salverà!

UNDICESIMA SCENA

Nel bosco fatato. Arrivano correndo Puk e Jinn.

PUK

Che dici Jinn? Ce l'abbiamo fatta?

JINN

Io so solo che non ce la faccio più a correre!

Si buttano per terra stanchissimi

PUK

Fata Rhianna dovrebbe essere vicina… ma ormai è quasi notte.

JINN

E sì… direi di dormire un po'.

PUK

Mettiamoci sotto quelle foglie laggiù.

JINN

Domattina riprenderemo a cercare.


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                   13


I due folletti si addormentano abbracciati.

DODICESIMA SCENA

Arriva Federico. Si stende a terra guardando in aria. Poi si rimette seduto.

FEDERICO         Mi sento così strano. Forse sarà che sono successe così tante cose negli ultimi giorni. Spero di tornare presto nella mia città. Anche se non ho nessuno che mi aspetta. La direttrice dell'orfanatrofio non è cattiva, ma non so se ci perdonerà d'essere fuggiti per cercare le nostre mamme e papà. Tutto sommato era meglio restare. Ho dato retta a Claudio ma non so se ho fatto bene.

Si sente un fruscìo… come un vento improvviso. Poi si sente una voce… è Kur, ma parla con voce delicata…

Caro, caro bambino…

KUR

FEDERICO

Chi sei?

Che importa chi io sia? Domandati chi sei tu!

KUR

FEDERICO

Io sono… sono Federico.

Federico… e poi? Qual'è il nome dei tuoi genitori?

KUR

FEDERICO

Io… non lo so. Non li ho mai conosciuti.

Oh… come mi dispiace! È triste crescere senza nessuno che ti ami per

KUR

quel che sei… Dover sempre dimostrare qualcosa… mentre l'amore

vero è quello che ti sprona, che riconosce i tuoi meriti anche se non fai

niente di particolare, anche se sbagli… e tu, mio caro ragazzo…

meriti molto. Lo vedo… lo so.

FEDERICO

Tu sei Kur. L'ho capito.

Che perspicacia! Allora ho visto giusto… hai grandi qualità. Peccato

KUR

che…

FEDERICO

Peccato… cosa?

Che nessuno te le riconosca. Io invece saprei valorizzarti, sai? Potrei

KUR

insegnarti tutte le arti oscure…

FEDERICO

Non mi interessa! E poi… anche fata Rhianna prima ci ha detto che ci

insegnerà la magia.

(ride) Fata Rhianna! È ancora convinta di battermi. Cosa pensa di

KUR

fare? Di usarvi contro le mie Streghe? Ma che brava… vedi, Federico,

non ci si può fidare nemmeno di una buona e dolce fatina. Lei vi

manderebbe in battaglia per salvare se stessa… che egoista… Per voi,

giovani ed inesperti, non ci sarebbe scampo. Salvati almeno tu,

Federico, tu che hai così tante qualità da poter diventare il mago più

potente che ci sia mai stato!


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                   14


FEDERICO

Dovrei forse abbandonare i miei amici? Loro mi vogliono bene, sai?

Che sciocchino a fidarti dell'amicizia… Vedrai che verrà il momento

KUR

in cui ti chiederanno di rischiare la vita, e con dei validi motivi…

falsi. Allora capirai quanto vali per loro!

FEDERICO

Non ti credo! Non ti credo!

Per ora. Ma cambierai idea. A presto… Federico!

KUR

Rumore di vento. Silenzio.

FEDERICO         Non posso… e non voglio credere a quel che mi ha detto Kur. È malvagia e cerca solo di portarmi dalla sua parte. Anche se non so come potrei, io, aiutarla. Certo… in effetti… è strano che una strega che dicono così forte, cerchi il mio aiuto. E se fossi veramente più in gamba di quanto io stesso possa pensare? Se lei ha bisogno di me… No. Non voglio pensare più a queste cose. Torno nella casa della fata. E`ora di riposare. Domani dobbiamo iniziare l'addestramento. E non posso sfigurare.

Federico va via.

TREDICESIMA SCENA

I due folletti nel frattempo si erano svegliati.

PUK                          Hai sentito, Jinn?

JINN                         Ho sentito, Puk.

FOLLETTI           E non ci piace per niente.

PUK                          Sarà il caso di andare da fata Rhianna.

JINN                         E raccontarle quel che abbiamo sentito.

FOLLETTI           Se il gruppo rimarrà unito potrebbe farcela a battere le Streghe.

PUK                          E noi saremmo liberi.

JINN                         Noi e Pixi e Duk.

FOLLETTI           Tutti liberi!

PUK                          Se uniti lotteremo

JINN                         Le Streghe vinceremo

PUK                          Se uniti si sarà

JINN                         Chi ha fame mangerà!

PUK                          Jinn… ma che dici?

JINN                         Ho fatto la rima, no?

PUK                          Ma è senza senso!

JINN                         Questo lo dici tu… muoio dalla fame!


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                    15


PUK

Anche io…

FOLLETTI

Presto! A cercar cibo da Fata Rhianna!

QUATTORDICESIMA SCENA

Ugana e Dahut che sta con un libro in mano

UGANA                 Vedi bene, mia cara, perché hai sbagliato. Quel che ti manca è la

concentrazione in quel che fai. Se pensi a trasformare un folletto in ragno, ma appena pronunciata la prima sillaba ti distrai, la tua bacchetta decide al posto tuo e completa la parola come le pare e piace!

DAHUT                  Subito dopo ci ho riprovato, ma quello… rana era e rana è rimasto!

UGANA                 Perchè avevi perso la pazienza. Fredda devi essere, Dahut… fredda.

DAHUT                  Va bene strega Ugana. Ora vado a studiare questo libro che mi hai

portato dalla tua biblioteca.

UGANA                 A breve la pozione Stregalà sarà pronta. Prima della notte prevista per

il rito dovrai affrontare un'ultima prova, la più difficile.

DAHUT                  Quale prova difficile? Io non ho paura di nulla!

UGANA                 Non dire così… tutte noi abbiamo paura. È sulla paura che il male

cresce forte. I buoni guardano le loro paure per vincerle. I malvagi per nutrirsi di loro. Sarai chiamata a vedere in faccia il tuo dolore più profondo ed a scegliere se perdonare e guarire da esso… oppure se alimentarti con la tua stessa sofferenza e divenire… il nuovo corpo di Kur. Ma saprai il resto a tempo debito. Ora và a studiare, Dahut!

DAHUT                  Vado!

Dahut esce

UGANA                 Perché vivo con difficoltà quest'impegno di insegnare le arti del male a Dahut? Sento ogni volta, sempre di più, una pena immensa. Lei non sa che, quando Kur le sarà dentro, di Dahut non esisterà altro che la forma esteriore. Crede che la sua essenza continuerà ad esserci… ma non sarà così. E d'altra parte, quando farà quella cosa infame che le verrà chiesta, di ingannare sua sorella Rhianna, di portarla a Kur, gettandola nel vulcano… comunque quel poco di buono che è ancora in lei… sparirà. Mi sento costretta in un ruolo che improvvisamente non riconosco più necessario, come se le angosce vissute tanti anni fà, che mi condussero fin qui… quegli inganni subiti da chi amavo… ecco… fossero spariti, ormai lontani. No… non devo scordare il dolore. Dimenticare il male subito ci riporta ad una condizione di ingenuità che ci rende subito, di nuovo, vittime pronte a nuovi sacrifici. Riprenderò a coltivare i miei vecchi dolori e li userò per il


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                    16


male e per Kur. Costretta in questa orrida prigione che ormai conosco, non rischierò di ritrovarmi con nuove sbarre intorno, ancor più penose di queste. A che vale fuggire, se fuori la porta trovi solo catene?

QUINDICESIMA SCENA

Nel bosco fatato. Fata Rhianna, i bambini ed i due folletti.

RHIANNA            Eccoci qua, cari amici. Ora vi insegnerò le arti magiche. Sento che in voi c'è tanta energia. Ma vi dico che questa da sola non basterà a sconfiggere la Strega Kur e le sue Streghe della Tempesta… ci vorrà coraggio ragazzi. Perchè la paura quando ci prende ci trasforma le mani in gelatina ed il cuore in budino. Quindi… nervi saldi!

FEDERICO         Ma in che consisterà la lezione?

RHIANNA            su… prendete le vostre bacchette e vedrete.

I bambini si armano delle loro bacchette e le puntano davanti a sè . La Fata si mette di fronte a loro e comincia a parlare – MUSICA

RHIANNA            Ora tutto cambierà

io sarò quel che più temi

vincerai e mi batterai

solamente se non tremi!

Grida forte quel che pensi

punta il legno su di me

se il tuo credo non tentenna

vincerai ciò che sta in te

Su Matteo, sono il mare

calme acque per nuotare

Ora l'acqua si fa forte

e ti soffoca fino a morte!

Rumore forte di tempesta, Matteo annaspa, sembra stia affogando, poi riesce a puntare la bacchetta sulla Fata gridando…

MATTEO              Nuota!

RHIANNA            Caro Claudio, son l'amico

che ti tiene per la mano.

Ora sono alle tue spalle

e ti uccido piano piano!

Claudio è terrorizzato, si volta e si rivolta spaventato


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                    17


CLAUDIO            Ehi! Chi c'è dietro di me? Sento un respiro, sento una mano che mi stringe il collo! Lasciami maledetto, lasciami!

Impugna la bacchetta e urla

CLAUDIO            Lascia!

RHIANNA            Sofia bella, sei serena

non c'è nulla che tu temi.

Ma se al buio resti sola

sono certa che tu svieni!

Buio e silenzio. Luce fievole solo su Sofia. La bimba si guarda intorno un po'. Poi prende la bacchetta e grida

SOFIA                     Luce!

Tutto torna come prima.

RHIANNA            Federico, anche tu

sei un impavido bambino.

Eppur vedo, sono certa,

che il terrore ti è vicino.

Silenzio. La Fata è immobile. Si sente una voce alterata: è quella di Federico.

VOCE FEDERICO

Cosa ci faccio qui? Io posso diventare qualcosa di più di uno sciocco bambino che fa stupide magie. Io posso dominare gli altri. Potrei… potrei allearmi di nascosto con Kur. La sua magia è più potente, niente a che vedere con quella di Fata Rhianna. Potrebbero diventare tutti miei servitori, tutti, a cominciare da Claudio. Lui nemmeno merita la mia amicizia, lui può solo essermi servo, lui…


FEDERICO

I TRE AMICI


Basta!

Punta la bacchetta!


FEDERICO

Non posso!

VOCE FEDERICO

Vi ucciderò tutti!

I TRE AMICI

Fermalo!

I tre amici cominciano a contorcersi dal dolore


FEDERICO

I TRE AMICI

FEDERICO

I TRE AMICI


Non ucciderli!

Uccidilo!

Come faccio? Sono io!

Puoi!


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                   18


VOCE FEDERICO

Nessuno può fermarmi, Kur è con me!

FEDERICO         No! Non sarò mai con Kur! (punta la bacchetta) Muori!

VOCE FEDERICO

Noooo… ti sei… ucciso…

Fata Rhianna cade a terra. Poi si rialza.

RHIANNA Vedete, cari ragazzi, il male spesso non è fuori di noi.FEDERICO Ma io non sono così!

CLAUDIO              Non ti giustificare. Lo so. Ma so anche che la Strega Kur è potente.

Spero solo che tu sappia dire sempre “basta”. Per il bene di tutti.

SEDICESIMA SCENA

Sono rimasti in scena i Folletti, Claudio e Federico

FOLLETTI (facendo girotondo)

Se nel cuore senti freddo

tutti gelidi vedrai.

Se tu temi il tradimento

a tradir pronto sarai.

Non sentirti mai migliore

neanche stupido però.

Sii sincero con te stesso

questo il giusto raccontò!

FEDERICO         Cosa volete dire con questa filastrocca?

PUK                          Niente.

JINN                         Si scherzava.

FEDERICO         Non mi piacciono certi scherzi.

CLAUDIO            Perché te la prendi tanto? Mica ce l'avevano con te!

FEDERICO         Bè… però mi verrebbe voglia di cominciare a provare ad usare la

bacchetta e di trasformarli in… in vermiciattoli!

I due folletti cominciano a strisciare come vermi.

CLAUDIO            Guarda che hai fatto! (punta la sua bacchetta sui folletti) Folletti!

FEDERICO         Scusami Claudio. Scusatemi anche voi, io… (esce velocemente,

turbato)

PUK                          Sei il suo unico amico.

JINN                         Stagli accanto.


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                    19


FOLLETTI           Un buon amico ci trasforma più di una bacchetta di fata!

DICIASSETTESIMA SCENA

Le Streghe della Tempesta in riunione.

NEMEZIA            Come vice Sovrana temporanea sostituta della immensa Grande Strega Kur…

TUTTE                    Grande grande grande Kur!

NEMEZIA            … dichiaro aperta la riunione. Ordine del giorno?

Silenzio

NEMEZIA            Ordine del giorno?

Silenzio. Colpi di tosse.

NEMEZIA            Insomma! Strega Ugana! Ci vuole dire questo maledetto ordine del giorno? Strega Ugana! Ma dove caspita è finita…

Strega Ugana entra trafelata con un foglio in mano.

UGANA                 Eccomi eccomi! Chiedo scusa! Ero alle prese con la nostra

apprendista. Le stavo spiegando alcune cosucce sulla differenza tra la tortura per divertimento e quella finalizzata a…

NEMEZIA            Strega Ugana! La sua pur nobile dedizione alla causa riferita alla

crescita magico culturale nonché malefica della giovane apprendista

nonché prossima casa corporea della immensa Grande Strega Kur…

TUTTE                    Grande grande grande Kur!

NEMEZIA            Bene. Dicevo… La sua pur nobile dedizione alla causa riferita alla

crescita magico culturale…

Si sente sbadigliare sonoramente.

NEMEZIA            (tossisce imbarazzata) Bene… bene. Ordine del giorno?

UGANA                 Punto numero uno: la Strega Kur è grande e va detto di più;

punto numero due: la giovane apprendista studia poco ed apprende meno;

punto numero tre: la Grande Strega Kur mostra evidenti segnali di impazienza, stamani ha sputato lava a ripetizione, e la puzza di zolfo sta rovinando la coltivazione di mandragola;

punto numero cinque: alla pozione manca qualcosa ma non abbiamo capito cosa manca.

NEMEZIA            Chi chiede la parola?

Alzano tutte le mani, compresa Nemezia.


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                    20


NEMEZIA            Per anzianità inizio io!

Risatine

NEMEZIA            Per anzianità di servizio… inizio io. Allora… circa il punto numero uno…

TUTTE                    Grande grande grande Kur!

NEMEZIA            Bene. Passiamo al punto numero due. La giovane apprendista è ancora molto giovane. Confido che le ripetizioni di Strega Ugana siano efficaci e ci consentano di trasformare il suo sangue, ancora inquinato da punte di umana bontà, in sangue di vera malefica megera.

Alza di nuovo la mano Strega Feride.

FERIDE                 Contesto. Credo che le ripetizioni di Strega Ugana siano insufficienti. Sappiamo tutte molto bene che Ugana è fin troppo paziente, mentre la giovane apprendista avrebbe bisogno di un po' di… rudezza.

Mormorii di approvazione.

UGANA                 Si sta forse mettendo in dubbio la mia capacità didattica? Vi ricordo di aver conseguito numerosi master internazionali nelle migliori scuole di negromanzia e stregoneria!

BELISMA             Ugana… non credo che Feride intendesse mettere in dubbio le tue capacità didattiche…

NIMUE                   Invece credo proprio che intendesse quello. Ed ha il mio pieno appoggio! Ugana ultimamente ha il sangue molto annacquato. Evidentemente la nostra allieva ha gli occhi troppo candidi ancora, ed esercita una pessima influenza su chi non riesce a ricordare lo scopo ultimo delle nostre fatiche.

UGANA                 Tutte queste affermazioni sono solamente dettate da invidia!

FERIDE                 Io invidiare te? Puah! Che idiozia. Perchè mai?

UGANA                 Perchè sono stata personalmente scelta dalla Grande Kur per insegnare alla sua apprendista! Un onore che nessuna di voi meritava, evidentemente!

Si alzano grida varie, “ma che dici”, “come ti permetti!”, ecc. ecc.

NEMEZIA            Silenzio! Credo di parlare anche a nome della nostra Grande Kur, e così dico: ancora una settimana e poi la nostra apprendista dovrà affrontare l'ultima prova di malvagità e stregoneria. Che fino a quel giorno prosegua per lei l'istruzione a cura di Strega Ugana. È ovvio che se la giovane dovesse fallire… si riprenderà la nostra discussione su meriti e competenze…


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                    21


Mormorii di approvazione e disapprovazione.

NEMEZIA            Passiamo al punto numero tre: la Grande Kur è ormai impaziente. Troppo a lungo ha atteso un nuovo corpo per tornare tra noi. Tutto a breve sarà risolto… sempre grazie alle capacità di Strega Ugana. Per quanto riguarda la mandragola, sarà Strega Ceriduen ad occuparsi di trovare delle soluzioni adeguate. Ed ora… punto numero… numero… cinque!

Alzano la mano le Streghe Nimue e Sagana

NEMEZIA            Che succede?

NIMUE                   Manca un punto!

SAGANA              Già… dov'è il punto numero quattro?

CERIDUEN        È vero, manca il quattro.

NEMEZIA            (scorrendo il foglio che ha davanti più volte)… mmmhhh… .è vero, èvero… Strega Ugana, dov'è finito il punto numero quattro?

Strega Ugana sta cercando di andare via quatta quatta…

NEMEZIA            Strega Ugana! Dove sta cercando di scappare?

UGANA                 Ecco, allora, cioè…

FERIDE                 Possiamo sapere dove è finito il punto quattro?

UGANA L'ho perduto… in cucina.CERIDUEN In cucina? E che ci facevi in cucina?

UGANA                 Ecco… cercavo di avere delle informazioni da Pixi e Duk.

NEMEZIA            (sospettosa) Che genere di informazioni?

TUTTE                    Già… che informazioni?

UGANA                 Sui… sui… bambini.

TUTTE                    Bambini?

Fulmini, tuoni, lampi ed esplosioni.

Mie malvagie sorelle… non serve interrogare Strega Ugana. Io, la

KUR

Grande Kur…

TUTTE

Grande grande grande Kur!

… so tutto, ovviamente… Dei nuovi piccoli ospiti sono arrivati tra

KUR

noi. Ma non è stato possibile accoglierli… a dovere… perchè sono

stati aiutati da… quei luridi e schifosi folletti, Jinn e Puk! Con il

contributo determinante dell'incapacità della giovane apprendista. La

qui presente Strega Ugana credo che, omettendo il punto quattro,

volesse, in maniera maldestra, proteggere proprio Dahut. Comunque,

nella mia immensa malvagità, so anche essere un po' magnanima. Dò

dunque tempo a Strega Ugana di addestrare l'apprendista ancora per


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                    22


due giorni…

UGANA

Ma doveva essere una settimana!

Non si interrompe la Grande Kur! Cara cara Ugana… potrei anche

KUR

farti scivolare dalla scopa proprio mentre passi sopra la bocca del

vulcano… e dopo lo splash… puff! In fumo!

Risatine

Così ho detto. Due giorni. E non più. Ai bambini… ci penso

KUR

direttamente io. Ora potete passare al punto numero cinque.

NEMEZIA

Punto numero cinque: cosa manca alla pozione, Strega Ceriduen?

CERIDUEN

Cosa manca? Cosa non manca, direi. Ci ho messo tutte le schifezze

possibili, mancano solo le caccole di bimbo, quelle di folletto non

vanno bene, purtroppo.

I bimbi sull'isola non mancano… e credo di poter far avere a Strega

KUR

Ceriduen, a breve, caccole di bimbo fresche fresche… Ora tornate a

lavorare, mie sorelle! Strega Ugana… credo sia il caso di comunicare

ufficialmente l'ultima prova a Dahut. Mi aspetto sia fatto subito.La

seduta è tolta!

Fulmini, tuoni, lampi ed esplosioni. Tutte le streghe escono, tranne Ugana.

UGANA

Ingrato compito. Vorrei liberarmene, ma non posso, non posso.

Parlerò subito con Dahut. Cercherò di ricordarmelo… sono una strega

malvagia, malvagia, malvagia…

Esce velocemente.

DICIOTTESIMA SCENA

Nel bosco fatato. Tutti i bambini e Fata Rhianna in riunione.

RHIANNA            Avete lavorato bene in questi giorni. Certo, so che combattere le streghe e Kur sarà difficilissimo. Se almeno avessimo avuto più tempo… ma ho ricevuto dai miei amici scoiattoli la notizia che a breve la pozione che riporterà in vita Kur sarà pronta. Dobbiamo dare gli ultimi ritocchi alle vostre magie e poi… agire.

FEDERICO         Ma non sarà rischioso per noi tutti?

RHIANNA            Sì. Non ve lo posso nascondere. Ma io sarò con voi.

CLAUDIO            Con te, nessuna paura!

MATTEO              Gliela faremo vedere noi a quelle brutte streghe!

SOFIA                     Saremo implacabili!

CLAUDIO            Ma dove sono Puk e Jinn?


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                    23


RHIANNA            Li ho mandati in perlustrazione al limitare del bosco, torneranno tra

poco.

FEDERICO   Allora, tutto deciso?

MATTEO              Che si fa? Si mangia?

SOFIA                     Ma hai sempre fame!

MATTEO              Dopo anni di brodaglia dell'orfanotrofio… non mi pare vero di aver

trovato una fatacuoca come Rhianna!

RHIANNA            Veramente non ho ancora deciso per la cena… pensavo a funghi

giganti ripieni di fusilli. Ma li ho finiti un paio di giorni fà. Li tenevo dietro casa, ma sono scomparsi. Credo siano stati gli orsetti lavasciuga. Ne vanno ghiotti.

CLAUDIO            A me i funghi non piacciono molto.

RHIANNA            I funghi giganti del bosco fatato sono speciali… li volevo cucinare

proprio per prepararvi alla battaglia. Aiutano a rendere precise le magie.

MATTEO              Li vado a cercare io!

RHIANNA            No, è troppo pericoloso, si trovano al confine con la zona del vulcano,

appena al di là del bosco. Ci andrò io.

CLAUDIO            Non mi sembra una buona idea. È meglio che vada uno di noi e che tu

resti a preparare gli altri. Potrebbe andarci Federico. Lui è di sicuro il più bravo di noi, ha meno bisogno dei tuoi addestramenti.

FEDERICO         Che strano… chissà perchè non sono stupito della tua proposta.

CLAUDIO            Non capisco che vuoi dire.

FEDERICO         Non importa… basta che abbia capito io.

(si alza) Io vado allora, prima che faccia buio. Vi saluto… amici…

RHIANNA            Stai attento, Federico. A tutto. Anche a te stesso!

DICIANNOVESIMA SCENA

CERIDUEN           Girare, girare, girare… uff… meno male che le sorelle streghe mi daranno dei cambi… Alla fine ci sono riusciti a fuggire, quegli sciocchi folletti. Chissà quanto tempo pensano di poter essere al sicuro nel bosco fatato. Non appena la pozione sarà pronta, ne basterà bere un sorso per ciascuna… e la grande Kur tornerà più viva che mai. Ed allora… nessun bosco fatato potrà essere di protezione a chi le sfugge! Ella è potente, ed anche noi saremo più forti con lei accanto. C'è solo una cosuccia che mi preoccupa… ( si avvicina al pubblico, parlando a bassa voce) ed è la sua fissazione per il volo sulla scopa.Ricordo… ero ancora una strega assai giovane. Kur mi diede l'incarico di portare alla Strega d'Oriente un invito urgente per la sua


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                   24


festa di compleanno. Compiva mille anni. Ma quell'invito non arrivò mai… perchè io lo persi mentre volavo. Non fu colpa mia… ma dei cigni selvatici, quelli che in primavera vengono verso le terre del tramonto. Eravamo sulla stessa rotta, ma nel senso opposto. Purtroppo me ne accorsi troppo tardi e, nell'impatto, l'invito mi cadde. Cercai di acchiapparlo… però… ecco, non sono brava a fare evoluzioni in cielo… diciamo che ne ho paura, ecco… e con una mano sola… insomma, caddi come una meteora sui monti del Tibet, spezzando la scopa. La rovinosa caduta svegliò in me strani ricordi… voci amorose di una donna ed un uomo accanto a me… poi qualcuno che mi diceva come essi non sarebbero più tornati… ricordai stanze enormi con tanti bimbi insieme, eppure tutti soli… e quell'incendio spaventoso… e qualcuno che urlava “buttati, buttati!”… e quella paura del vuoto che mi fece svenire. Mi svegliai col gelido vento che è sopra le nubi… Kur mi aveva salvata, per portarmi con sé… ricordi… ricordi confusi.

Nel Tibet conobbi Sagana. Non era ancora una strega, ma facemmo amicizia lo stesso. Lei era poco più di una bambina, ed a me… piacciono i bambini. O no! Non pensate male… mica al forno! Ma (guarda ovunque circospetta)… che non si sappia in giro! Noi streghenon dobbiamo coltivare pensieri positivi, tutt'altro!

Bè… la faccio breve. Ovviamente Kur seppe quel che era accaduto… anche perchè io non tornavo, passò il giorno della sua festa , e la strega d'Oriente non arrivò. Kur mi cercò a lungo, finchè mi trovò. Per punizione mi relegò in eterno in cucina, e tutto sommato spero che non ci ripensi, ormai questo è il mio mondo. Poi decise anche di portarsi via Sagana per farne una strega. Io non so se ne fui contenta. In parte sì, perchè mi ero affezionata. Però… quando la conobbi era una ragazzina che sapeva volare… anche se con la fantasia. I suoi occhi ridevano. Adesso vola benissimo con la scopa. Ma i suoi pensieri sono lugubri e pesanti, proprio come i miei. Brutti uccelli neri chiusi in gabbia…

(riprende a girare la pozione)

FERIDE                 (entrando) Dai Ceriduen, ora tocca a me!

CERIDUEN        Bene! Sei puntuale come sempre, Feride!

FERIDE                 Vai pure a sgranchirti le gambe, sorella.

CERIDUEN        Preferisco restare qui. Mi metto seduta e mi rilasso.

FERIDE                 Così si fanno due chiacchiere, non mi piace star sola.

CERIDUEN        Sì, certo (sbadiglia)… ho voglia anch'io di parlare un po'… (sbadiglia ancor più rumorosamente)… parliamo… sì… due… .chiacchiere…

(Ceriduen si addormenta)


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                    25


FERIDE                 Ecco qua. In un modo o in un altro… resto sempre sola. Non so se sia perchè mi tengo io troppo in disparte, o se c'è qualcosa in me che proprio non piace. Anche ai miei genitori non piacevo troppo, al contrario di mio fratello. Forse perchè lui rideva per ogni sciocchezza, mentre io ho sempre avuto una faccia triste.Ma era il mio viso ad essere severo, io, dentro, spesso sorridevo, e mi aspettavo sorridenti risposte. Si sa però cosa succede nella vita… se non riusciamo a trovare un canale per parlare agli altri, per esprimere quel che sentiamo… finisce che ci vedono per quel che non siamo. Ed alla fine ci crediamo pure noi. Ecco perchè me ne andai presto da casa. Giravo il mondo da sola. E tutto quel che mi passava negli occhi e mi emozionava, restava nel cuore… che divenne sempre più pesante, perchè pieno di sentimenti inepressi. La solitudine fu da allora la mia unica compagna, e maturai rancore per il mondo intero, sentendomi ingiustamente incompresa.

Facile fu per Kur portarmi a sé. La mia anima, ormai arida, si fece forte con le paure non dette. Ed il desiderio d'amore si trasformò in brama di rivalsa. Ogni tanto, nella notte cupa, una piccola parte di me trema ancora, aspettando, come da bimba, una carezza che non arriverà mai… ma che questo non si sappia! Il mio destino sarà, per tutti gli anni a venire, un'eco senza voce.

VENTESIMA SCENA

Al limitare del bosco fatato. Federico.Poi Claudio.

FEDERICO         Sono alla fine del bosco. Devo decidere che fare. Kur mi aveva anticipato quel che sarebbe accaduto. Che stupido… a fidarmi di Claudio. È sempre stato contro di me, ogni cosa che proponevo non gli stava mai bene. E lui? Cosa ha mai fatto lui di migliore rispetto a me? Lo consideravo un fratello, non un amico. Un fratello.

CLAUDIO            (arrivando di corsa) Federico! Non andare da solo! È troppopericoloso uscire dal bosco. Di sicuro le Streghe saranno in agguato per catturarci.

FEDERICO                Bè… come mai questo ripensamento improvviso? Se non ricordo male sei stato tu a propormi per questa missione…

CLAUDIO            È vero. Poi però ci ho ripensato. Non va bene che tu rischi da solo. In due ci si può dare una mano.

FEDERICO         Non ho bisogno del tuo aiuto!

CLAUDIO Abbiamo sempre bisogno dell'aiuto di chi ci vuole bene.FEDERICO Perché… tu mi vorresti bene, forse?

CLAUDIO            Certo. Sai Federico? Se non fosse stato per te, per la nostra amicizia,


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                    26


io non so se avrei trovato il coraggio di scappare dall'istituto. Sei sempre stato il più coraggioso. Con te ero certo che ce l'avremmo fatta a trovare i nostri genitori. Ed ora che siamo in questo posto mi sento così in colpa di non poter fare di più! Prima ho capito che non stavo chiedendoti di aiutarci, ma ti stavo scaricando un compito perchè… avevo paura. Ho paura, Federico. Aiutami ancora una volta. Portami con te a prendere quei funghi.

Federico resta in silenzio, colpito dalle parole di Claudio. Improvvisamente si alza in piedi risoluto.

FEDERICO         Io vado.

CLAUDIO            Andiamo.

FEDERICO         No! Vado da solo. (punta la bacchetta sul suo amico) Pietra!

Claudio diventa una pietra.

FEDERICO         Non temere Claudio. Non sono ancora bravo a fare incantesimi, durerà pochi minuti. Il tempo perchè io non sia più raggiungibile. Vedi, tu sei certo di ritrovare i tuoi genitori, io non ci ho mai creduto. Sono fuggito via per stare con te, il mio unico grande amico. Sei tu ad essere coraggioso, io non ho fatto altro che assecondare il tuo entusiasmo. Ora ho capito che ho fatto male a dubitare. Kur mi stava portando via l'unica cosa importante e bella della mia vita, la tua amicizia. Andrò da solo ad affrontare le Streghe e Kur. Loro non se l'aspettano. Appena finirà la mia magia, vai ad avvertire gli altri e Fata Rhianna. Io aprirò la strada… voi batterete le streghe e sarete liberi. Addio, amico… fratello mio.

VENTUNESIMA SCENA

Nel bosco fatato. Jinn e Puk.

PUK                          Bè, caro Jinn, credo si possa tornare.

JINN                         Nessun pericolo da raccontare.

Si sentono strani rumori provenire dal cielo.

JINN                         Ehi… nel cielo che succede?

PUK                          C'è qualcosa che vola… ma da qui non si vede.

Un fracasso enorme. Rumore di uno schianto.

JINN                         Aereo… dirigibile… o uccelli in stormo…

PUK                          Se non capisco che sia… stanotte non dormo!


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                    27


VENTIDUESIMA SCENA

Arrivano Pixi e Duk, doloranti.

DUK

Ahia, ahia, ahia… che botta!

PIXI

Colpa mia… ho sbagliato rotta.

JINN ePUK

Pixi! Duk!

DUK ePIXI

Jinn! Puk!

Si abbracciano tutti felici

JINN

Siete fuggiti… con quale invenzione?

PIXI

Abbiamo rubato un po' di erbe della pozione.

DUK

Strega Ceriduen… non è mica sveglia quella là…

PIXI

Russava mentre giravamo la mistura Stregalà!

JINN

E voi siete scappati… ma come avete fatto a volare?

DUK

Abbiamo mangiato le erbe pronte da cucinare.

PIXI eDUK

E poi abbiamo usato un incantesimo per trasformare.

PIXI

Duk si è trasformato in drago volante.

DUK

E Pixi in cavaliere errante.

JINN

Allora avete imparato ad usare la magia.

PUK

Può servirci la vostra stregoneria.

VENTITREESIMA SCENA

Arriva Matteo.

MATTEO

Salve folletti! Ma… questi chi sono?

PIXI

Piacere… lui è Duk!

DUK

Piacere… lui è Pixi!

JINN ePUK

I nostri amici!

MATTEO

Bene… serve proprio una mano. Sto andando a cercare Claudio che

era andato a cercare Federico.

FOLLETTI

Che bel gioco… e noi chi cerchiamo?

Si coprono gli occhi come quando si conta nel gioco del nascondino.

PUK

Corri Matteo… un due tre… !

PIXI

Quattro… cinque… tocca a te!

JINN

Sei e sette e pure otto…

DUK

Se non scappi poi vai sotto!


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                   28


Si scoprono e vedono Matteo che li guarda arrabbiato.

MATTEO              È una cosa seria, folletti dispettosi. Per domani è prevista la battaglia contro le streghe, e qui stanno sparendo tutti. Piuttosto, aiutatemi a trovare quei due, prima che scenda la sera.

PUK eJINN        Agli ordini, comandante!

PIXI eDUK         Siam fieri di aiutare!

FOLLETTI           In meno di un istante

quei due possiam trovare!

I quattro folletti e Matteo partono alla ricerca di Claudio e Federico.

VENTIQUATTRESIMA SCENA

DAHUT                  Eccomi qui, nel bosco fatato. Vedo già la casa della mia buona sorellina. Fingerò di essere fuggita dal dominio delle streghe, di essere ferita e moribonda. Lei sa bene che qui dentro non ci sono erbe magiche per evitare la morte, dovrà portarmi alla fonte della vita che è sopra l'antro delle Streghe. E lì… verrà catturata… (risata perfida) Eccola… la vedo, Rhianna… il suo profilo dietro la finestra. Non mi somiglia molto… forse… sì… quel modo di muovere le mani… il suono della sua voce… ricordo, ricordo… quella piccola bambola con cui insieme si giocava, le sue storie inventate per me… Sono anni che non ci vediamo più, da quando i nostri destini si separarono. I nostri genitori furono salvati dalla morte ad un patto: che scegliessero una delle due bambine da dare alle Streghe. E che poi mai e poi mai uscissero dal bosco. Lì… la loro tomba. (si inchina sulla tomba) Madre… padre… perchè scegliesti lei e non me da tenere accanto? Quale torto potevo aver commesso? Ero così piccola… Rivedo… i tuoi occhi dolci, madre mia. Di te, padre, quelle grandi mani che mi sollevavano in aria, e le tue forti risate.

E come dimenticare quella notte, quella notte buia senza stelle, quando le Streghe vennero, mi presero dal letto dove sognavo serena accanto a mia sorella… e non seppi più altro di voi . Se non che sceglieste di tenervi Rhianna, lei, non me.

(si rialza) Basta lacrime! Non voglio ricordare il vostro abbandono. Equella paura immensa ogni volta che vedevo su di me non più sguardi teneri, e non sentivo più voci amorevoli… ma solo malvagità senza fine. Fui nutrita ad odio e risentimento, bevevo ira, sognavo vendetta. Ed ora potrò finalmente portare a compimento quel che ho sempre sperato… Tra non molto, madre, padre, riavrete accanto la vostra figliola tanto amata. Sarò io, la vostra carne rinnegata, a condurla a voi. Ed in cambio riceverò il dominio sul male del mondo. Il potere


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                    29


cancellerà ogni ricordo, ogni lacrima, ogni compassionevole dubbio.

Sorella… sorellina… preparati a morire.

VENTICINQUESIMA SCENA

Antro delle Streghe.

CERIDUEN        Ahhhh… maledetti folletti! Si sono portati via gli ingredienti per la pozione! Presto! Presto! A cercare le erbe! Strega Belisma… sul ciglio del burrone… per le foglie di sangue rappreso!

Nimue… nella caverna dei fantasmi… per i fiori della vedova!

Sagana… nell'antro della perdizione… per i rami dell'appeso!

Veloci!

Esce Ceriduen. Entra Belisma. Va fino al limite del proscenio. Guarda in giù spaventata.

BELISMA             Ed io dovrei… no no no. Non ci penso nemmeno. Stanno troppo in fondo. Rischio di cadere… soffro di vertigini peggio di Ceriduen. Ma di lei lo sanno tutti… io finora… l'ho saputo tenere nascosto. E guai che non si sappia! Forse… se con una mano mi tengo a questa roccia… e punto un piede qui… e con l'altra mano mi appiglio a quel ramo di siepe… e con l'altro piede mi incastro là… e poi con un'altra mano… Ma quante mani ho? Santo cielo, dimenticavo, ne ho due. No no. Senza appigli non mi posso sporgere. Senza una presa sicura, appoggi, guide, protezioni… no no no. Non posso sentire il vuoto intorno a me.

Sapete una cosa? Io le porto… quell'erba che sta sopra la roccia. Sembra quasi uguale… casomai… la stropiccio un po'… e sono certa che nemmeno se ne accorge. E sì… quando non si ha il coraggio dell'azione… ci vuole sempre un'invenzione!

Esce Belisma. Subito entra Nimue.

NIMUE                   Ma proprio in questa caverna fredda mi doveva mandare Ceriduen? Eppure… etciù… lo sa che sono raffreddata. E poi… (fruscìo)… diciamo che (ancora fruscii, rumore di catene)… non è bello dirlo… dopotutto sono una strega e le streghe, si sa, mettono paura a tutti… tranne che… ai fantasmi. Loro non hanno mica il timore di essere trasformati in chissà che… si può trasformare solo la materia… perciò, sono io ad avere paura. (fruscii, rumore di catene, sospiri) Anzi… terrore! Lo stesso terrore che provo quando cerco di ricordare chi ero e che facevo prima di svegliarmi una mattina e ritrovarmi qui a fare la strega. Sono certa di non essere nata così. Ogni tanto nei miei sogni vedo grandi onde. Ed a volte gli occhi un bambino, che non


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                   30


conosco. Per il resto, il nulla. Lo spaventoso nulla (fruscii, catene, botti, lamenti). E no, cara Ceriduen, io me ne vado da qui. Ti porteròquei brutti fiori che stanno sul mio balcone. Tanto credo che nemmeno tu li abbia mai visti interi i fiori della vedova. Esco da questo nulla, per rientrare nel male che ben conosco e che posso vedere e toccare, per fortuna!

Esce Nimue. Entra Sagana.

SAGANA              Ecco. Sono davanti all'antro della perdizione. Ma non ho nessuna, nessuna intenzione di entrarci. È più nero e tenebroso di quanto potessi immaginare. Strega Ceriduen non sa che i rami dell'appeso stanno anche nel giardino privato di Nemezia. Sono vecchi e malridotti, a dire la verità. Ma che importa? Credo siano stati un regalo personale di Kur. Nemezia a quest'ora sarà come sempre appisolata sulla poltrona. Entrerò sotto forma di un corvo, staccherò uno dei rami e… sarò a posto.

VENTISEIESIMA SCENA

Nel bosco. Folletti, Matteo e Claudio.

FOLLETTI           Siamo stanchi di cercare

non sai neanche dove andare!

MATTEO              Perchè, secondo voi io non sono stanco? E pure affamato… è quasi ora di cena.

VOCE CLAUDIO

Pensi sempre a mangiare, Matteo.

MATTEO              Chi ha parlato?

Si guarda intorno, poi vede una roccia e fa per sedersi, ma…

VOCE CLAUDIO

Non ti azzardare a metterti addosso a me!

MATTEO              Ma… è questa roccia che parla!

VOCE CLAUDIO

Roccia un corno… sono Claudio!

MATTEO              Claudio? E chi ti ha conciato così?

VOCE CLAUDIO

Dopo ti spiego… ora vedi di liberarmi.

MATTEO              Ma io non sono bravo a far magie.

VOCE CLAUDIO

È ora che ti impari, allora.


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                   31


MATTEO              Vabbè… ma non so da dove cominciare… vediamo…

VOCE CLAUDIO

Sbrigati!

DUK                         (avvicinandosi a Matteo) Prendi l'erba stregata che abbiamo rubato…

cioè… che Ceriduen ci ha prestato

MATTEO              E come si usa?

PIXI                          La tiri sopra il masso

DUK                         dici una bugia

PIXI                          ridi a più non posso

DUK                         poi gridi: pussa via!

Matteo esegue… lancia l'erba, poi…

MATTEO              Le torte mi fanno schifo! (comincia a ridere a crepapelle)Pussa via!

Claudio ritorna alle sue sembianze

CLAUDIO            Presto, dobbiamo andare a fermare Federico! Quel pazzo è andato da

solo verso il vulcano per sfidare le streghe e Kur!

MATTEO              Sì, ma… dobbiamo avvertire Fata Rhianna e Sofia. E poi, non

possiamo lasciarle sole.

CLAUDIO            Come fare? Il tempo è poco e la strada è lunga.

JINN                         Noi andremo ad avvertire

PUK                          Voi andate per la strada

DUK                         Che i fantasmi posson dire

PIXI                          qualunque cosa accada

FOLLETTI           voi due non fuggite via

per saper dove passare

basterà la cortesia!

I folletti vanno via di corsa.

MATTEO              Secondo te… i fantasmi che mangiano?

CLAUDIO            Di certo non due bambini.

MATTEO              Era perchè… pensavo… visto che ci arriveremo per ora di cena… magari avranno cucinato qualcosa…

CLAUDIO            Sì… ossa bollite. Andiamo Matteo… o saranno guai grossi per tutti!

VENTISETTESIMA SCENA

Dahut si finge ferita e si lamenta. Arrivano Fata Rhianna e Sofia.

RHIANNA            Dahut! Sorella mia! Cosa è successo? Santo cielo, forse ha cercato di


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                    32


sfuggire alle streghe ed è stata colpita da un incantesimo mortale! Sofia, aiutami. L'unico modo di salvarla è di farla bere alla fonte della vita, che è proprio sopra l'antro delle streghe.

SOFIA                     Ma ci vedranno e saremo catturate!

RHIANNA            È un rischio che voglio correre. Mia sorella ha sofferto fin troppo lontana dalla sua famiglia. Ora la sua casa sono io, non posso abbandonarla. Mamma e papà non me lo perdonerebbero.

Dahut si muove lamentandosi.

RIHANNA            Coraggio sorellina! Si va a cercare l'acqua della vita!

Rhianna e Sofia aiutano Dahut ad alzarsi e la portano con loro

VENTOTTESIMA SCENA

Nemezia dorme su una vecchia poltrona. Entra Sagana come corvo. – MUSICA e suoni di sottofondo

SAGANA              Ecco i rami da rubare

Ora sì li prenderò

Non c'è tempo per pensare

Io Nemezia ingannerò!

Nemezia si sveglia all'improvviso e grida:

NEMEZIA            Svelata!

Sagana torna ad essere una strega, cadendo per terra.

SAGANA              Ahi! ma… non stavi dormendo?

NEMEZIA            Sei ancora una strega troppo giovane, mia cara, per ingannare una vecchia megera come me. Alla mia età non si dorme mai del tutto ed in ogni caso una buona strega deve essere come i gatti, che dormono sempre con un occhio solo. Così… mi volevi derubare dei rami dell'appeso…

SAGANA              Bè… Strega Ceriduen mi ha chiesto di scendere nell'antro della perdizione per prendere lì questi rami che le servono. Ho pensato che prendendo quelli del tuo giardino… avrei fatto prima.

NEMEZIA            E non pensi che avresti potuto chiedermeli?

SAGANA              Mi hanno detto che erano un regalo di Kur. Non credo proprio che me li avresti dati volentieri.

NEMEZIA            Non sono esattamente un regalo. Tutt'altro. Anzi, anzi, prendili pure e portali a Ceriduen. Immagino servano per la pozione Stregalà.


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                   33


SAGANA              Li posso prendere? Davvero?

NEMEZIA            Sì. E non fare quella faccia stupita. Su… prendili e vai.

SAGANA                (tra sé) Non mi aspettavo questa cortesia da una fattucchiera incallitacome Nemezia. Anche le streghe riservano piacevoli sorprese!

NEMEZIA            Cortesia… Se Sagana sapesse cosa sono in realtà quei rami… Non sono certo quelli che vuole Ceriduen per la mistura. Sì, mi furono dati da Kur… centinaia di anni fa, appena giunsi qui, fuggita dalla nave nella quale viaggiavo con i miei cari. Ero giovane allora, bella e piena di speranze. Ed allergica ai vincoli che la mia famiglia, pur amandomi, mi imponeva. Quando il veliero dove mi trovavo cominciò ad avere problemi per la tempesta riuscii a calarmi di nascosto rubando una scialuppa. Per questo riuscii a sopravvivere al naufragio. Vidi dalla spiaggia la nave schiantarsi e capii che nessuno poteva essere sopravvissuto. Se avessi portato con me qualcuno dei miei familiari… invece pensai solo a me stessa. Ecco perchè restare in vita fu per me una maledizione. Qui Kur mi prese con sé. E perchè nella mia anima restasse per sempre il rimorso di quel che avevo fatto mi regalò quell'albero avvizzito. Quei rami secchi, sui quali non sono mai spuntate foglie né fiori, eppur destinati a non morire mai, sono come la mia anima. Essa vivrà in eterno, senza poter mai esprimere amore… Ah, potessi tornare indietro… far fuggire con me la mia famiglia… o perire con essa, con l'anima in pace!

VENTINOVESIMA SCENA

Nella caverna dei fantasmi. Sibili, fruscii.

MATTEO              S… senti anche t… tu, Claudio?

CLAUDIO            C… cosa?

Rumor di catene, ululati, sussurri.

MATTEO eCLAUDIO

I fantasmi!

FANTASMI       Salve bambini… .vi siete perduti?

CLAUDIO            Assolutamente no!

FANTASMI       Non sarete mica spaventati?

MATTEO              Macchè! (a Claudio) Scappiamo!

CLAUDIO            (a Matteo) Sì… scappiamo!

FANTASMI       Scappare? Avete detto scappare?

MATTEO eCLAUDIO


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                  34


Non abbiamo fiatato!

Non è bello entrare in casa altrui e poi scappare senza salutare!

FANTASMI

CLAUDIO

E già… chi è stato a fare così?

Tutti, proprio tutti lo fanno. Nessuno che voglia farci compagnia.

FANTASMI

CLAUDIO

Ecco, veramente… noi avremmo un impegno… serio.

MATTEO

Dobbiamo salvare un nostro amico.

Che bella cosa l'amicizia. Voi siete nostri amici, vero?

FANTASMI

CLAUDIO

E come no!

CLAUDIO eMATTEO

Amici per la pelle!

FANTASMI   Ci fate una grande cortesia, allora?

CLAUDIO            No! Cioè… dipende da quale cortesia.

FANTASMI       Un po' di compagnia. Due chiacchiere. E ve ne saremo grati.

CLAUDIO(a Matteo) Poi però… rischiamo di far tardi.FANTASMI Se ci farete compagnia vi potremo aiutare, altrimenti…

MATTEO              (a Claudio) Io non li farei arrabbiare…

CLAUDIO            Ok ok. Che ci si racconta di bello?

FANTASMA        A me piacerebbe raccontare come accadde che mi tagliarono la testa.

MATTEO              D… d… divertente.

CLAUDIOGià. Muoio dalla voglia di saperlo. FANTASMA Bene! Sono tutto eccitato! Allora…

MUSICA di chiusura scena.

TRENTESIMA SCENA

Nell'antro delle Streghe. Entra per prima Ceriduen.

CERIDUEN        Le nuove erbe non so perchè ma non vanno bene. Ormai è tardi.

Speriamo Kur non se ne accorga e che l'effetto sia quello sperato.

Entrano via via le altre Streghe.

NEMEZIA            Rhianna è stata catturata, grazie a Dahut.

FERIDE                 Quel bambino, che pensava di sconfiggerci, è stato ucciso da Kur in

persona.

BELISMA             Il male vince sempre.

NIMUE                   Perchè non ha scrupoli.

SAGANA              Pensa poco.

UGANA                 Agisce e colpisce.


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                   35


CERIDUEN        La pozione è pronta.

NEMEZIA            Grazie al sangue di Dahut.

FERIDE                 Ormai è una di noi.

BELISMA             Come noi.

NIMUE                   Non abbiamo scrupoli.

SAGANA              Pensiamo poco.

UGANA                 Agiamo e colpiamo.

CERIDUEN        Anime perdute.

STREGHE            Immortali anime nere!

Escono correndo tra suoni e lamenti spaventosi

TRENTUNESIMA SCENA

Nei pressi del vulcano di Kur. Matteo, Claudio, poi Sofia.

CLAUDIO            Siamo quasi arrivati al vulcano.

MATTEO              Il passaggio sotterraneo che ci hanno svelato i fantasmi è stato utile.

CLAUDIO            Si, ma… c'è troppo silenzio, la cosa non mi piace.

Sofia arriva correndo e piangendo.

MATTEO

Cosa è successo Sofia? Perché sei qui?

CLAUDIO

E fata Rhianna?

SOFIA

Dahut, l'apprendista strega, sorella di Rhianna… ci ha ingannate ed

ora Rhianna è nelle mani delle streghe. Stanotte vogliono gettarla nel

vulcano per far rivivere Kur!

MATTEO

E Federico?

CLAUDIO

Lo hai visto?

SOFIA

Kur in persona gli ha fatto un incantesimo mortale, lo ha rinchiuso

nella caverna dei fantasmi, per sempre.

CLAUDIO

Nooo! No! No! Povero amico mio!

MATTEO

Ed ora che facciamo? Siamo rimasti soli. Non possiamo fuggire, non

possiamo combattere, i nostri amici sono morti o quasi morti.

TRENTADUESIMA SCENA

Arrivano i Folletti.

FOLLETTI           Ci siamo noi, ragazzi.

E dobbiamo lottare,


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                   36


Non sarete mica pazzi

Rhianna è da salvare!

MATTEO              I Folletti!

CLAUDIO            Voi conoscete bene le streghe.

SOFIA                     Sapete quindi come sconfiggerle.

JINN ePUK        Chi vive di terrore

PIXI eDUK         teme di più l'amore.

CLAUDIO            Cioè? Non capisco.

FOLLETTI           Ascoltate e capirete

e le streghe batterete.

Si siedono in cerchio e cominciano a parlare tra loro fitto fitto. – MUSICA

TRENTATREESIMA

E ULTIMA SCENA

MUSICA – Le streghe sono intorno al pentolone. Bevono la pozione. Rhianna èlegata. Dahut le è accanto.

STREGHE            È il momento di iniziare

questo rito si può fare.

Il tuo sangue scorrerà

Grande Kur poi rivivrà.

RHIANNA            Non permetterlo, Dahut!

STREGHE            Taci fata prigioniera

non vedrai mai un'altra sera!

DAHUT                  Ora sarai gettata da questo precipizio nel vulcano, e morirai Rhianna.

RHIANNA            Perchè mi odi così tanto, sorella?

DAHUT                  Odio te e… e tutta la tua famiglia, che mi diede via come una cosa inutile!

RHIANNA            Non è vero! Tu fosti rapita da Kur, loro non volevano!

DAHUT                  Menti perchè pensi di salvarti la vita. Non ti credo.

RHIANNA            Fai l'incantesimo dei morti, quello che fa tornare la voce di chi non c'è più.

STREGHE            Non c'è tempo per giocare

tua sorella devi immolare.

RHIANNA            Ti prego Dahut, fai l'incantesimo, e saprai quel che accadde quella notte lontana!


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                    37


STREGHE            Uccidila! O Kur ti punirà!

Dahut esita un po', poi punta la bacchetta verso Rhianna.

DAHUT                  Rivivi vox!

Si sentono improvvisamente delle voci. Sono quelle del padre e della madre di Rhianna e Dahut.


VOCE MADRE VOCE PADRE VOCE MADRE VOCE PADRE VOCE MADRE VOCE PADRE VOCE MADRE


Cosa sono questi rumori, amore mio?

Ora vado a vedere, non avere paura cara!

Le streghe… sono le streghe!

Non prenderanno nessuna delle nostre bambine!

Hanno preso Dahut! No! Lasciate la mia bambina!

Lasciatela! Attenta!

Ahhhh!


Boato.

RHIANNA            Nostra madre morì quella sera Dahut. Mentre cercava di strapparti dalle mani delle streghe. E nostro padre morì pochi anni dopo, distrutto dal dolore per aver perso lei e te. Questa è la verità. Ora decidi tu che fare.

STREGHE            Dahut, sei stata troppo ad ascoltare devi agire e non pensare!

In quel momento… arrivano i bambini con i folletti.

MUSICA

Battaglia tra streghe e piccoli maghi. Sembra che le streghe prevalgano. Poi, inaspettatamente, interviene Dahut che libera Rhianna. Con le due sorelle le streghe si ritrovano sconfitte. In quel momento, si sente la voce di Kur.

Che succede?! Che succede?

KUR

BAMBINI e FOLLETTI

Sei sconfitta, Kur!

Non è possibile! Streghe, vecchie megere, dove siete?

KUR

Le Streghe sono a terra che si lamentano.

RHIANNA

Le streghe sono sconfitte!

DAHUT

Ed ora anche tu lo sarai!

(ridendo) Stupida fata ed ancor più stupida Dahut… nessuno può

KUR

uccidermi del tutto. Sono stata privata del corpo fisico, ma nessuno

può togliermi il potere sulle anime dannate e perdute! Solo le streghe


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                   38


insieme potrebbero farlo… ma esse mi appartengono! Specialmente dopo aver bevuto la malefica pozione Stregalà!

Le Streghe si muovono e lentamente si alzano. Sembrano frastornate.

Sorelle, mie schiave del dolore … uccidete Rhianna… Dahut la

KUR

traditrice! E tutti gli altri!

CERIDUEN

Uccidere? Io… no… so solo che voglio volare lassù, sopra le nubi,

dove c'è sempre il sole! Ora non ho più paura di cadere! Si cade solo

quando si fa del male.

SAGANA

Io… dove mi trovo? Voglio tornare nel Tibet, nelle mie montagne! E

salire ancora più su, più su… con la mia fantasia!

FERIDE

Che ci faccio qui? Io… devo ritrovare la mia famiglia o una famiglia

qualunque, o qualunque persona che voglia farsi amare! E poi…

sorridere, sorridere!

BELISMA

In che posto sono? Fatemi scendere giù da questo vulcano, ho bisogno

di sentirmi viva, saltare tra i sassi ed i rovi, ferirmi le gambe e

scendere fino al mare!

Ma che succede, streghe? Non avete bevuto la mistura? O siete

KUR

impazzite?

UGANA

Impazzite? Savie siamo tornate! Libere di decidere di noi, della nostra

vita, senza limiti e costrizioni!

NEMEZIA

Libere di essere noi stesse, di perdonare e perdonarci, perchè nella

vita si sbaglia ma si può e si deve poter rimediare, e ricominciare

guardando gli errori in faccia e fare…

STREGHE

Buuuuu! Buuuuu! Senza paura!

NIMUE

Sì! Senza paura cercherò il mio passato… e quegli occhi di bimbo…

MATTEO

Mamma! Tu sei la mia mamma! Ti ho trovata!

NIMUE

Mamma? Io… tu…

MATTEO

Sì, ti ho riconosciuta! Ho una tua foto, ogni sera prima di

addormentarmi ti guardavo sempre. Ed eri qui… e facevi la strega

cattiva di mestiere.

Nooooo! Amore, perdono, coraggio, libertà, sogni… questa è la fine

KUR

di ogni male, di ogni schiavitù!

Boato gigantesco.

STREGHE            Ora Kur mai più!Mai più dolore!

Guariremo le paure e sogneremo ancora.

Nei nostri cuori c'è ancora amore

e lo dimostreremo fin d'ora.

CLAUDIO            Bè… se siete diventate così buone, datevi un po' da fare.


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                   39


NEMEZIA            Cosa vi occorre cari bambini?

SOFIA                   Prima di tutto che torni Federico.

CERIDUEN        È un po' difficile, è stato trasformato in un non-morto, non può morire ma nemmeno tornare alla vita, perchè Kur lo ha donato ai Fantasmi.

RHIANNA            Nemmeno la mia magia può nulla contro i fantasmi, miei cari.

Improvviso suono di vento e sospiri

FANTASMI       Ma noi non dimentichiamo mai… gli amici per la pelle! (risate)

Arriva Federico.

CLAUDIO            Evviva! Sei vivo amico mio!

FEDERICO eCLAUDIO

E vai! Siamo di nuovo insieme!

DAHUT                  (a Rhianna prendendola per mano) Sì… di nuovo insieme… sorellamia!

RHIANNA            Insieme a far magie… buone!

SOFIA                     Ed ora voi streghe… ops… ex streghe… che farete?

NIMUE                   Io torno a casa con Matteo.

UGANA                 Appena ci saremo riprese da anni di brutte cose… ognuna a cercare la propria strada!

NEMEZIA            Nel frattempo… possiamo dare una mano a Dahut e Rhianna per la cura del verde.

CERIDUEN        Io vorrei invece scambiare con Rhianna un po' di ricette, basta pozioni amare e puzzolenti!

RHIANNA            Io comincerei con le ciambelle fritte.

MATTEO              Alè! Si mangia!

NIMUE                   Ehi, dobbiamo tornare a casa!

MATTEO              Sì… ma… non va bene affrontare un lungo viaggio a stomaco vuoto!

Streghe e bambini ridono ed escono saltando felici. Restano solo i Folletti.

JINN                         Alla fine son felici

PUK                          e tornati tutti amici.

PIXI                          E nessuno pensa più

DUK                         ai folletti che stan giù.

Sospirano tristi.

JINN                         Ahhh…

PUK                          Ehhh…

PIXI                          Ihhh…


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                  40


DUK                         Ohhh…

FOLLETTI           Uhhhhh… (piangono disperati)

Si affacciano Dahut e Rhianna e puntano le bacchette sui folletti. Trillo e suono di campanelli. Buio poi luce. I Folletti son tornati bambini. Saltano felici ridendo.Rientrano tutti.

TUTTI                      Qui finisce la sventura

di chi vive di paura.

Son finiti gli spaventi

or vivremo più contenti!

MUSICA di chiusura. Tutti in scena per i saluti.


L'ISOLA STREGATA ©2011 by Annalisa Rossi                                                                                                                                   41

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 35 volte nell' arco di un'anno