L’ispetuur

Stampa questo copione

“L’ISPETUUR”

“L’ISPETUUR”

commedia dialettale in tre atti di Alfredo Caprani

liberamente ispirata al “Revisore” di Nikolaj Gogol

personaggi:

PRIMO RODA  (sindaco)  

AUGUSTO ZERBINOTTI (viaggiatore di commercio)  

DESIDERIO MAGNONI  (assessore lavori pubblici, urbanistica)  

MODESTINA PACCIOTTI  (assessore pubblica istruzione, cultura)     

ABBONDIO SCARSELLA (assessore servizi sociali, sanità)  

LAZZARINA STROZZI (assessore commercio, turismo, sport) 

VITTORIA  (moglie del sindaco)   

GILDA (collaboratrice domestica)  

PASSEROTTI (proprietario alberghiero)  

SOLANGE (cameriera)  

Salotto di casa Roda. All’apertura del sipario la scena è vuota. Il campanello della porta d’entrata squilla insistentemente. Gilda entra in scena dalla destra.

GILDA             a rivi…a rivi…che pressa! Anca ul campanèll incöö l’è nevrastenich. (apre la porta di sinistra ed entra Desiderio Magnoni visibilmente “teso”) che ‘l sa comoda sciur Magnoni…ul sciuur sindich l’è dréé a cundì via le “Dame della Misericordia” là, nel so stüdi…ogni méés ìnn chì a muung

MAGNONI         gh’è anca la Serughetti?

GILDA                sì!

MAGNONI         oh, cara Madona! Se la ma vééd la ma mola pü. Inn déés ànn che la ma perseguita per la sede per le “Figlie di Maria”

GILDA               che ‘l sa preoccupa minga, i fuu andà fö de l’altra paart

MAGNONI        brava sciura Gilda. Alura a speci chì. (si siede) L’apuntameent l’è per i séés e mancan ciinq minüt

GILDA                l’è la prima volta che vedi un pulitich in anticip. Minim a gh’è un culpu de stato…a ‘l bééf un aquajcòss, assesuur?

MAGNONI          sì, grazie!

GILDA                 (a parte) figüremàss! (forte) Il solito cognachino?

MAGNONI         léé l’è una culaburatriis famifliaar perfetta!

GILDA                dopu quarant’ànn de servizi in ‘sta cà, altar che perfetti sa diventa. (gli versa il cognac porgendogli il bicchiere poi, voltandosi, ne tracanna un paio di sorsate dalla bottiglia)

MAGNONI         in che senso?

pag. 1

GILDA                nel senso che ta gh’éét de fa cun geent e sitüaziùn de ogni risma e, se ta vörat supraviif. Ta gh’éét de imparà a tasé e parlà quand l’è ul mumeent. Sparì e fàss vedé, nascund e tirà föö, insomma, andach a dréé a l’unda in ogni situaziùn (suona ancora il campanello) ecu, gh’è scià un quajaltar assesuur. (va ad aprire ed entra Modesta Pacciotti) prego, signora Pacciotti, che si accomodi

PACCIOTTI       (anche lei molto turbata) grazie Gilda…ciao Magnoni

MAGNONI        ciau

GILDA               cosa ci do da bere, signora?

PACCIOTTI       ma…savaria minga…(a Magnoni) cussè che ta bevat?

MAGNONI          un cognach

PACCIOTTI       ‘l va bèn anca per mì

GILDA              siamo tutti sul “forte”! (versa da bere, ed il primo bicchierino se lo beve lei alle spalle dei due) Ma paar che tra l’alcool e l’elettricità che gira chì incöö, se pizzi un sufranèll a s’ciopa tütt cumè una bumba (da il bicchierino alla Pacciotti)

MAGNONI        sempre arguta e schietta la nostra Gilda

GILDA               eh, sì! Cara i me sciuri, l’è ul prezzo del potere. Ma chi ve l’à faa fa a bütàss nela pulitica? Beh, vist  che adèss sii in düü vu de là e avisi ul sindich che sii rivaa e vedèmm de disfescià sveelt le “dame della Misericordia” (esce)

PACCIOTTI       (preoccupata) ma alura, cussè che gh’è sucedüü?

MAGNONI         a ‘n suu cume tì.

PACCIOTTI       ma l’à ciamaa anca i altar?

MAGNONI         l’à cunvucaa tüta la giunta. A pruposit, a t’à telefunaa un certo Resmini?

PACCIOTTI         Resini!? A ‘l savaria minga

MAGNONI           a ‘l duvaria telefunàtt a nòmm mè

PACCIOTTI          sta settimana m’ànn telefunaa almén sètt o vòtt a nòmm tò

pag. 2

MAGNONI          quell lì, l’è ul padrun dela BEVIBON

PACCIOTTI         quela del latt?

MAGNONI          brava, propi lüü.

PACCIOTTI        e cussè che ‘l vöör?

MAGNONI         ma racumandi. L’è ul cüsìn dela cügnada del me fradèll…beh, l’à faa un puu de galera per assegn a vöj e bancarotta, ma l’ un bravu fiöö, l’à metüü la crapa a post…mo’ a gh’ànn daa sra cuncessiunaria e bisögna fàll laverà

PACCIOTTI        e cussè che podaria fa?

MAGNONI          fa cumè che fànn in tütt i altar città. Fa distribüì i quartìn de làtt in tütt i scòll del nòss cumün per la merenda dela matina. Mangià pan e salàmm o quii trujaad de merendìn cunt ul ciculàt a fànn maa e vegnì ul brusuur de stomich…ul làtt, l’è nütriéént e digeribil

PACCIOTTI       l’è minga una brüta idea. Ta diseruu che avevi già pensaa de distribüì di vasètt de yogurt

MAGNONI           brava! Yogurt, perché a ‘l gh’à anca quèll e ta ga tacàt là anca ul làtt

PACCIOTTI         ga darémm anca ul làtt

MAGNONI           e anca un quaj furmagìn

PACCIOTTI          a ‘l gh’à anca i furmagìtt?

MAGNONI           furmagìtt, làtt, yogurt. Tutti i latticini

PACCIOTTI          l’è una bela iniziativa. Ma chi paga?

MAGNONI           purterém la pruposta in giunta e fèmm pagà metà ai fiöö e metà al cumün. Pö, ga penserà un Resmini a fa saltà fö un quajcòss per spunsurizzà e suvenziunà l’assuciaziùn che ta seet presideent (suona il campanello). A ‘n parlarémm dopu, adèss a riva un quajvün

PACCIOTTI         va bén. Dicch a stu Resmini de ciamàmm a cà

GILDA                 (attraversando la scena) gh’è minga mezzo che casciai via quii quatar befàn. E vöran anca l’uspizi per i gatti randagi                                          pag. 3

MAGNONI         ga l’à dii che sèmm chì?

GILDA                certo! l’à dii che ‘l riva sübit. (apre la porta) Prego sciur Scarsella, che ‘l sa comoda

SCARSELLA      (tesissimo saluta a soggetto) ma cussè che gh’è? Cume mai a ‘l riva chì? Chi l’è? Cusse che ‘l vöör?

MAGNONI         sta quiètt, che a scalmanàss a sa risoolv nagòtt

GILDA                (a Scarsella) anche a lei un cognachino?

SCARSELLA      doppio, grazie!

GILDA                porca bestia! (versa il cognac e, sempre alle spalle dei presenti, trangugia il primo bicchierino. Ne versa ancora e serve) ecco, alla salute. Intaant, mì a vuu de là a liberà ul sindich (esce)

SCARSELLA       ma chi l’è stu òmm?

MAGNONI           a ‘n sèmm cume tì. Adèss a riva ul Roda e ‘l ga diserà tütt

SCARSELLA       in minga ròbb che sa po scherzà, neh!

MAGNONI          e chi scherza? Ma l’è minga nanca ul caas de perd ul cò. Nelle situazioni difficili bisogna sempre mantenere il sangue freddo

RODA                 (entra)  sangue freddo per mantegnì ul cadreghìn al caldo! Saluti a tutti (saluti a soggetto). Stii comud…(si serve da bere) la Strozzi l’è nemò rivada?

SCARSELLA        quela lì, l’è sempar l’ültima a rivà

MAGNONI            cume tütt i sò amiis del sò partito

RODA                    cumincèmm minga cunt i stori del partito. Chì sèmm tütt süla stessa barca e gh’èmm de remà tütt se vörum minga andà a fuund

PACCIOTTI          ma in fìn di cüünt, cussè che sücééd?

RODA                    spetèmm che riva la Strozzi e va spiegherù tütt...(suona il campanello) ecu. L’è léé: (forte) Gilda! Che la vaga a vèèrt la porta

pag. 4

GILDA                (entra) bej ròbb quii dàmm dela Misericordia. Ann fumaa cume türch e ànn bütaa tüta la scendra per tera. Altar che gàtt randagi ìnn püsséé randagie luur (va ad aprire la porta)

RODA                 la gh’à resùn. Vegnan chì a cercàm i danéé per la pora géént e per i animai e luur gh’ànn sü certi pelizz de visùn e agnellino...

GILDA                prego signora Strozzi

STROZZI            (preoccupatissima a Roda) cussè che gh’è? Cussè che sucééd?

RODA                 sta calma, sta calma e setass giò

GILDA               alura, sciur Roda, podi andà de là?

RODA                che la vaga e, se ma telefona un quajvü, ga summ minga

GILDA              alura vuu süla terrazza a spiümà la galina e stachi ul telefono

RODA               e se ma cercan per un quajcòss de urgente?

GILDA               ma alura, a ‘l gh’è o ‘l gh’è minga?

RODA                dipeend

GILDA               dipeend da cussè?

RODA                (seccato) la veed minga che gh’ù chì geent e gh’èmm de parlà de robb impurtaant?

GILDA               (c.s.) e cussè che ma toca fa? A ‘l gh’è o ‘l gh’è minga?

RODA                ci sono solo per casi eccezionali e indispensabili

GILDA               e se gh’avèss bisögn la sua miéé o la sua cügnada?

RODA                 men che men! Ga sùmm minga

GILDA               per adèss la sua dona l’è in giardìn a fa la manicüre e la sua cugnada l’è nela vasca indro...indromassaggio

RODA               ecu. Lassai stà e va fö di bàll anca ti

pag. 5

GILDA                   che manéér! (esce)

PACCIOTTI           ma sa po’ savé cussè che gh’è sucedüü?

RODA                    tristi novità, cari amici

STROZZI               chi gh’è moort?

RODA                    magari füss moort un quajvün

MAGNONI            per la malura, cuminci a stremìmm

RODA                   gh’è dréé rivà un ispetuur

SCARSELLA        un ispetuur!? Un ispetuur de cussè?

RODA                   un ispetuur de Roma. Mandaa dal Ministero in incognita. E ìl riva per cuntrulà ul nòss cumùn e la nossa aministraziùn

SCARSELLA         porca vacca!

MAGNONI             sa po’ mai sta tranquill

PACCIOTTI           e quand a ‘l riva?

RODA                     a ‘l suu minga

STROZZI                e chi te l’à dii?

RODA                ul segretari del me partito de Roma. (estraendo una lettera da tasca)

A ‘l ma scrivüü ‘sta letera...sentii...(legge) caro amico...quest’anno le cipolle del mio orto sono enormi...

PACCIOTTI         cussè che centran i scigùll?

RODA                  un mumeent...anca la sciatica sta migliorando...

MAGNONI          cussè ma interessa a mì se ‘l gh’à la sciatica?

RODA                 ...la mia cagna ha partorito sei cuccioli...

STROZZI            ga manca anca la cagna

SCARSELLA      ma ta rivat al dunque?                                                               pag. 6

RODA                  un mumeent, un mumeent...ecu...con questa mia lettera vengo ad informarti che ho saputo da amici fidati che presto giungerà nella tu città un ispettore ministeriale in incognita, quindi ti consiglio di rivedere i tuoi peccatucci e prendere delle precauzioni perché, so che questi ispettori in missione agiscono nella massima segretezza e quindi, colui che è stato incaricato potrebbe essere già arrivato nella tua città e alloggiato, in incognita, in qualche albergo eccetera, eccetera

PACCIOTTI          sèmm ruvinaa

SCARSELLA       mò, cussè che fèmm?

STROZZI              la nostra addormentata sarà fragorosamente risvegliata da roboanti e improvvisi fuochi di guerra

MAGNONI           sì, ma guarda che in mèzz ai fööch, ta ga séét anca tì. Tì e ul tò partito

PACCIOTTI           l’è cumè che ‘l presentìss. Tüta la nòtt ma sum insugnada un scurbàt che ‘l stava süi fiil dele lüüs de fö de cà mia. E ‘l seguitava a fa “Cra! Cra! Cra! Ul me òmm l’à ciappa ul s’ciòpp e ‘l gh’à sparaa sü. e ul scurbàtt a ‘l s’è metüü a riid e pö, l’è diventaa gròss cumè un armadi e ul bècch l’è diventaa una proboscide, i öcc gròss cumè angüri, pö gh’ìnn cressüü i cavej e ‘l s’è trasfurmaa nela mia suocera

SCARSELLA             cussè che te mangiaa ieer sira?

MAGNONI          sü, Pacciotti, ma paar minga ul muméént de parlà dela tua suocera

STROZZI       ma perché a ‘l vegn propi chì da nümm? Cun tütt i cumün che roban miliuni e miliaard, propi chì a vegnan a cuntrulà?

MAGNONI           per mì gh’è sota un sciampìn del Bonacci

SCARSELLA         cussè che c’entra ul Bonacci?

MAGNONI           da quand ul tò partito l’ànn lassaa fö dala lista e l’ànn mandaa a fa ul tirapé del Carletti in Regiùn, l’è diventaa cumè una zitela ingrügnida

SCARSELLA            sarà püsséé facil che sia una quaj vostar amiis che ‘l vöör faff i scarp. Cun tütt i cureent che gh’è nela vostra magiuranza, se seruf minga sü una quaj finestra a sbatann tütt i poort

STROZZI               per mì gh’è sota una spiada

pag. 7

PACCIOTTI         e se füss un colpo de stato? Inscì, per una prevenziùn, ul ministro a ‘l manda chì un ispetuur per cuntrulà eventüaal muvimeent suversiiv e tradituur

MAGNONI            Pacciotti, ta lengiat tropp fotoromanzi

SCARSELLA               e se ‘l füss chì per l’autosilos?

STROZZI                l’autosilos!?

SCARSELLA         eh, sì! Cari fiöö, se ‘l füss chì per l’autosilos, sìì tütt sota prucèss

MAGNONI             perché?

SCARSELLA         perché avrànn scuprii che nela società de gestiùn a sii dentar tütt

MAGNONI             ga vööran i prööv

SCARSELLA         ma se la sànn tütt che in quela società gh’è dentar tütt i vòss pareent e i amiis del vòss partito

MAGONI                 e i amììs del tò partito che gh’ànn in man la municipalizzata del gas e de l’acquedòtt?

RODA                     fiöö, l’è inütil sta chì a litigà. Chì a gh’èmm de preparàss a riceev stu ispetuur e medegà i feriit. Quand a ‘l riverà, a ‘l vurerà visità tütt i nòss ufizi e strutüür. Perciò, ognün a ‘l duvrà pensà a mètt a post tütt quèll che ga cumpet

SCARSELLA         cume sarja a dì?

PACCIOTTI               sarja a dì che ta cunvegnerà fa mètt a post tütt i ospizi e i uspedaa che paran di rateer

SCARSELLA             perché, cussè che và minga?

PACCIOTTI               cussè che va ben, piutost! L’altar dì, a seri sü a l’uspizi a truvà una mia zia. Roba da vergugnàss! L’è un’indecenza vedè i lètt in di curiduur, in di ripustigli e perfina giò nela caldèra. Düü inferméér ogni ceent malaa, vegètt ligaa nela branda perché gh’è nessun che ga fa adréé e, m’ànn perfina dìì che a un vegètt gh’ànn lassaa la padella nel lètt trii dì prima de svujagala

STROZZI                      beh, Scarsela, fa un puu de atenziùn

SCARSELLA              (a Strozzi) e cusse che ta parlat tì!? Tì guarda i tò palestar e i tò piscìn che gh’ànn tütt i vedar rott e i piastrèll che saltan via                           pag. 8

RODA                  cumincèmm minga a litigà e pensèmm piutost ai rimedi. Giüstameent, caro Scarsella, ta gh’éét de mètt a post i strutüür del tò assessuraa e, in particulaar, l’uspedaa. Gh’è déént tropa géént

SCARSELLA            e mì, cussè che podi fa se gh’è tanti malaa?

RODA                     se gh’ìnn tanti malàà vöör dì che i dutuur ìnn minga bùn de cüraj. Quindi pruvééd de mandà a cà püsséé geent pussibil. Chi l’è minga grave o per chi gh’è pü nagòtt de fa, fai mandà a cà e pö, per un mesètt, radopia la paga dei straordinari, inscì, tütt ul persunaal a ‘l vegn a lavurà e che tütt a gh’abbian un camice biaanch e nètt, perché l’ultima volta che sùmm staa a fa visita ma parevan di macelaar, püsseéé che a l’uspedaa ma pareva de vèss al macèll cumünaal. E sü, a l’uspizi de San Lureenz fa disinfetà sübit perché m’ànn dìì che giran di raduni che paran cunili. Pö, mì a ga metarja un quajcòss che meta un puu de alegrja, l’è inscì triste quel post...a ‘l suu minga...fà mètt di üselìn fiint tacaa sül sufìtt cunt un carillon, un puu de müsica. Ah, e pö che ga fagan ubligatori ul bagn a tütt i vegìtt e distribüissan i pigiami e lenzöö nètt che ìnn sempar cunsciaa cume spazzacamìn. E manda un barbéé a fa la barba a tütt, anca aj dònn

SCARSELLA          la barba!?

RODA                      certo! M’ànn dìì che gh’è sü certi eleméént che gh’ànn la barba püsséé lunga del Fidel Castro. Pö, ga penseruu mì a mandà sü un bidùn de lavanda per nascuund quela spüzza de müfa che gh’è sempar déént. A pruposit de spüzza, m’è rivaa vuus che sü, a l’uspedaa Magiuur, ul primari de urtupedia cunt ul purtinaar, ànn metüü sü, visìn al repaart de pneumologia una specie de alevameent cun galìn, anas, faraòn...

SCARSELLA          ...e anca dü purcèj

RODA                     ecu. Sarà mej, per un puu de téémp, fa sparì tütt i besti

SCARSELLA          l’è un pecàà. Ogni taant ma dànn anca a mì una bestia e ta disi che roba buna e ruspante cume quela lì a s’an tröva pü in giir

RODA                    l’è questiùn de un mesètt, fina quand a ‘l và via quel’ispetuur. E tì, Strozzi , và a mètt una regulada ala piscina cumünaal. Per prima roba dacch una sturgiüda al custode che l’è sempar ciöcch e ‘l cuntrola mai chi ‘l va avanti e indréé; tütt che roban e ‘l ciapa la mancia dai zingar per fai andà déént a fa ul bagn. Per quanto riguarda i piastrèll che saltan sü, manda un quajvün a mètt giò un puu de linoleum celest e quercia i böcc. Pö, manda sübit un vedriéé a mett a post i finestar dela palestra Peretti e anca ul riscaldaméént. Ma paar che ‘l sia rott anca quell

STROZZI                ìnn trii ànn che l’è rott. Per furtüna l’è primavera               pag. 9

RODA                  e cume i faa d’invernu?

STROZZI             in palestra sa và a fa muvimeent. Dopu un puu che ta curat, ul frecc a ‘l sa séént pü. D’altronde podi minga pagà mì la caldera e ul gasoli. Inn düü ànn che porti in bilancio i spéés per la palestra Peretti ma, per vialtar, gh’è sempar un quajcòss de püsséé impurtaant e urgente...

RODA                 va bèn, va bèn, ga penserèmm in autünn. E tì, Pacciotti, ta gh’éét de mètt a post i scòll. Parla cunt ul pruvedituur e fa distribüì un ciclostilato cunt i regul de seguì. Primo: nelle aule assoluto silenzio, ordine e pulizia. Secondo: proibito fumare, anche nei cessi. Terzo: vietato mettersi in malattia, almèn per un méés. E pö, fa distribüì ul metariaal didatich che ga cercan da un para d’ànn e, dicch a quii insegnanti sessantottini che, se in quii dì chì, a un quajvün ga vegn in méént de lamentàss, i fuu trasferì in Sardegna a insegnà ai asnìtt. Inoltre fa tacà sü in ogni aula i futugrafii del presidéént dela Repüblica e del Papa

STROZZI             e se l’ispetuur l’è ateo e socialista?

RODA                  ta gh’éét resùn. Alura quii del Papa fai minga mètt. E tì, Magnoni, guarda che i straad dela nossa cità, a fànn propi schivi

MAGNONI           adèss, ta ma ‘l disat?

RODA                   l’è un pèzz che vurevi dital ma gh’ù mai avüü téémp e, quand a gh’avevi téémp, ma regurdavi minga de ditall. A parte i straad che paràn grüviera, gh’è in giir una spurcizia de fa pagüra

MAGNONI          quii che gh’ànn l’apaalt a lavuran inscì. podumm minga preteend püsséé, cun quèll che ga dèmm. Eran quii che custavan de mén

RODA                 parla cunt ul culunèll del C.A.R. e manda giò una centena de suldàà a netà sü. e pö, quii bulugnìtt dela via Roma che saltan sempar sü

PACCIOTTI        l’è vera! L’altar dì ù scapüsciaa anca mì e quasi ma rumpi una gamba

MAGNONI            e mì, cussè che podi facch? Duvruu minga andà giò mì, stanòtt, a picà giò i bulugnìtt dela via Roma

RODA                    manda la dita che l’à vinciüü l’apaalt e che ja meta a post

MAGNONI            l’è falida!

RODA                    altar che falì, se lavuravan in quela manera                        pag. 10

SCARSELLA          (alludendo a Magnoni)  eran so amiis

MAGNONI             cussè che ta vörat dì?

SCARSELLA          che eran tò amiis

MAGNONI             per quell, anca quii che ànn piastrelaa la piscina, a gh’avevan un quaj legàm de parentela cun la tua miéé

RODA                    sü, adèss stèmm minga lì a tirà fö stüpidaat e cerchèmm de metach una pezza. Podùm mandà i cantuniéér e un quaj bechìn a fà stii lavurà

MAGNONI            ta paar facil. I cantuniéér dipendan dala Provincia e i bechìn ìnn restaa dumà in düü. Gh’è pü nessun che vöör fa sti lavurà. Tütt che vöran andà in ufizi

RODA                a pruposit de ufizi, se quell là a ‘l vöör visità i ufizi del cumùn, a ‘ndèm tütt in galera. Tüta geent che fa nagòtt e e vànn déés voolt al dì al bar

PACCIOTTI          bisögna truvacch un quajcòss de fa

STROZZI              i püsséé giuvin, podum mandaj a sustitüì i bechìn

SCARSELLA        e i dònn a rinfurzà l’infermièèr de l’uspedaa

MAGNONI           e i püsséé intranaa a fa i pulizii dela piscina e dela palestra

RODA                   dumàn parleruu cunt ul cap del persunaal per fa un quaj spustaméént, almèn fina quand a ‘l narà via quel spiùn

PACCIOTTI          ma quand a ‘l riva?

RODA                   a ‘l suu minga. Po’ dàss che ‘l sia già in giir

PACCIOTTI          magari l’è già chì da un quaj dì e l’è dréé a fa giò ul rapoort

RODA                  comunque, stamattina, ù telefunaa a tütt i alberghi di mè amiis per dì che se rivava un quaj furest de Roma cun la facia suspeta, de avisàm

PACCIOTTI          e se l’avessan mandaa chì per la piazza Dante?

SCARSELLA        ga sarja minga de stüpìss. Inn quindas ànn che mandan chì danéé per metela a post e l’è püsséé cunciada de prima

pag. 11

RODA                   nümm a c’entrum nagott. L’è stada l’aministraziùn de prima

SCARSELLA         ma l’ültim intervento de granito l’èmm metüü nümm

PACCIOTTI           già. Quèll che gh’èmm minga truvaa stèss e l’èmm metüü d’un altar tipo

RODA                     se ga n’era pü, l’è minga culpa nossa

SCARSELLA         fatto stà che, ogni giunta del dopuguera, ànn metüü giò un tocch diveers de l’altar e adèss, gh’è lì una piazza che ‘l paar ul vestii de l’Arlecchino

RODA                    telefunéé sübit alle serre Floris e, per duman, che metan giò un puu de piaant e tera cunt i viulètt del pensiero per cundì via un quajcoss...e anca una quaj panchina. Pö, ala fin del méés a tirum sü tuttcoos

SCARSELLA                in düü dì, podumm minga fa quell che gh’èmm minga faa in déés ànn

MAGNONI              (a Scarsella)  e se invece a ‘l dumanda indua ìnn finii i danéé della “primavera artistica” che urganizzan i amiis del tò partito? Dimm minga che i bütaa via una barca de danéé per quii quatar seraat cunt artistoidi de terza categoria che fasevan scapà anca quii trii gàtt che vegnivan a vedei

SCARSELLA            sa capìss propi che de cultüra tì a ta capissat propi nagott

RODA                   sü, cumincèmm minga ancamò a fa discüssiun. (suona il campanello. Tutti si allarmano) Ul campanèll! Chi l’è che ‘riva?

PACCIOTTI             l’è lüü!

STROZZI                  oh, cara Madona! L’è già chì

SCARSELLA           cussè che fèmm?

MAGNONI              stèmm quiètt!

RODA                      fermi, fermi tutti! Stiamo calmi. (suona ancora il campanello) l’è nervuus! (chiama) Gilda! Gilda vai ad aprire

GILDA                    (entra) vado, vado. Sii chì in ciinq e sii minga bùn de vèèrd una porta. (notando la tensione che blocca i presenti) Cussè sii dréé a fa. Le belle statuine?

pag.12

RODA              muchela de parlà e vànn a veert la porta

GILDA            (rientra) l’è ul sciuur Passerotti. Ul padrun de l’hotel Bellavista

RODA             ul Passerotti!? Cussè che ‘l vöör?

GILDA           a ‘l suu minga. A ga ‘l dumandi?

RODA             dumandach nagòtt e fall passà

GILDA           va ben

RODA            (ai presenti) a ‘l purtarà una quai notizia

GILDA            prego. Che ‘l sa acomuda

PASSEROTTI      (meridionale che ostenta un abbigliamento vitoso e pacchiano. Entra preoccupato) buanasera, buonasera a tutti

GILDA                   buonasera, neh!

PASSEROTTI        sü Gilda, va de là

GILDA                   vado (esce)

RODA                    oh, Passerotti. Che novità ci porti?

PASSEROTTI        (guardando gli assessori presenti e salutandoli con salamelecchi e inchini servili) signor assessore...signor assessora...caro dottore...signorina assessora...eccellenza...signor sindaco...

RODA                     sü, muchela de salüdà e contaci su il motivo della sua visita

PASSEROTTI         sì, certo...passavo di qui e sono venuto di persona per avvisarla

RODA                     avvisarmi di che cosa?

PASSEROTTI        (misteriosamente a Roda) posso parlare?

RODA                     parli. Che parli pure. Tra noi non ci sono segreti

PASSEROTTI         sa...eccellenza...in riferimento alla telefonata di stamane...quella che voi mi faceste... ma posso parlare?

pag. 13

RODA                   (un po’ irritato) ma parli, però!

PASSEROTTI      ecco...come dire...una persona giunse...una persona sospetta giunse nel mio albergo

RODA                   no!?

PASSEROTTI       sì!

RODA                   e non poteva farmi un colpo di telefono per dirmelo?

PASSEROTTI       per dire certe cose è meglio non fidarsi del telefono. Con tutte le intercettazioni che ci stanno. E poi dovevo fare una commissione qui vicino ed ho preferito disturbarla a casa

RODA                  ma alla fine, questo tipo chi è?

PASSEROTTI      non saprei. Ma senza dubbio è qualcuno che conta. Qualcuno che, a mio avviso, è di una certa importanza...un pezzo grosso

RODA                   e come ha fatto a capirlo

PASSEROTTI       si vede. Parla in un modo ricercato, è molto elegante, distinto e soprattutto, viene da Roma

TUTTI                  (scompiglio generale a soggetto) da Roma? L’è lüü! Siamo fritti!

RODA                  ma è sicuro?

PASSEROTTI     l’ho osservato attentamente. Quando arrivò, sistemati i suoi bagagli, si recò al bar dell’albergo e conobbe un altro cliente. Quando sentii parlare di Roma, io mi avvicinai e, fingendo di fare altri lavori ascoltai ciò che dissero

RODA                   e cosa dissero?

PASSEROTTI       questo diceva che al Ministero era di casa, che conosceva il ministro Paolotti...

TUTTI                      il ministro Paolotti!?

PASSEROTTI         sì! Ed anche il Senatore Raschillà

TUTTI                      anche!?

pag. 14

RODA                      e poi, cosa diceva?

PASSEROTTI         diceva che gira in tutta Italia e che controllava tutto

TUTTI                     controllava!?

 

PASSEROTTI         sì! E alla fine, gli diede un bigliettino da visita; quello lo guardò e lesse forte: “C.S.M.”

TUTTI                      C.S.M.!?

RODA                      Consiglio Superiore della Magistratura!

MAGNONI               sèmm fregaa!

STROZZI                  oh, cara Madona!

SCARSELLA           l’è propi lüü

PACCIOTTI              mì a stuu maa!

RODA                      (a Passerotti) ma è sicuro che ha detto C.S.M.?

PASSEROTTI          con le mie orecchie lo udii. C.S.M.

RODA                        sü, sü, geent. Chì bisögna metàss all’opera

PACCIOTTI              cussè che gh’èmm de fa?

RODA                       (a Passerotti) caro Passerotti, lei deve darci una mano e, in questi giorni deve stare a nostra disposizione

PASSEROTTI          vorrei tanto sua eccellenza, ma domani devo partire per Bari e sto una settimana. Ho già tutto organizzato

RODA                     ah! Deve andare a Bari?

PASSEROTTI          sì. Mi stanno aspettando da mesi per alcuni affari

RODA                      ma lei, Passerotti, non aveva fatto domanda per aumentare di un piano il suo albergo

PASSEROTTI         sì!

pag. 15

RODA                   e mi sembra che l’ufficio tecnico e le “belle arti” l’abbiano bocciata, questa domanda

PASSEROTTI             sì, è stata bocciata

RODA                       ma qui, abbiamo il nostro assessore all’edilizia e se ne potrebbe riparlare, vero Magnoni?

MAGNONI               ma certo! Come no. Tutto si potrebbe rivedere

PASSEROTTI           beh, allora rimanderò la partenza per Bari

RODA                       bravo! Bravo il nostro Passerotti

PASSEROTTI           e cosa dovrei fare?

RODA            deve semplicemente prendere più confidenza con quel tipo e, vantando una lunga amicizia con il sindaco, che sarei io, della città, portarlo a casa mia

PASSEROTTI           a casa sua!?

RODA                      già! Deve dirci che il sindaco della nostra città è molto democratico e attivo, particolarmente con i turisti e con gli stranieri e, combinazione, domani sera ci sarà una cena dove è invitato...

PASSEROTTI           chi è invitato?

RODA                        lei

PASSEROTTI            oh, grazie. Molto gentile

RODA                       ma deve venire quell’altro, però

PASSEROTTI            non capisco

RODA                   lei ci deve dire che c’è questa cena e lo inviterà a casa mia però, combinazione, all’ultimo momento ci capita un altro impegno importante e non potrà venire, così manderà solo lui, capito?

PASSEROTTI           abbastanza

RODA                        bravo. Che adesso vadi a fare il suo dovere

pag. 16

PASSEROTTI           grazie eccellenza. Allora me ne vado. Illustrissimi signori, i miei ossequi... (rinculando con inchini e saluti a soggetto)  bacio le mani...a presto...signor assessore le porterò le richieste per l’albergo...

RODA      (accompagnandolo alla porta) sì, va bene...grazie...ci vedremo...(Passerotti esce) che piatula!

PACCIOTTI               chì la sa mètt propi brüta

SCARSELLA             per la malura, cume ta séét stremida. Ta ga l’éét la coscienza spurca, è?

MAGNONI                 sarà neta la tua!

STROZZI             e chi gh’à la coscienza neta? Chi gh’à minga un pecaa süla coscienza? Mì credi che tütt, prima o pö, gh’èmm fa una quaj balussada

PACCIOTTI              sì, ma gh’è balussada e balussada. Mì, tant per vèss ciaar, dichiari apertamente a tüti che, si va bèn, ù acetaa un quai regalìn, ma regal de che gener? Una quaj legura, un vestidèll, una pelizzeta..nient de impurtaant, de impegnatiiv 

SCARSELLA             e dìmm minga che te ciapaa nagòtt per l’apaltu che ul tò cügnaa l’à ciapaa per i pulizii de tütt i ufizi cumünai

PACCIOTTI             nagott de nagott

SCARSELLA            tì no, ma la tua surela, sì

PACCIOTTI              e tì? Che  per lavà i lenzöö e i tuvaj d’i uspedaa e d’i ospizi, te gh’éét metüü sü una lavanderia indüstriaal al tò fredèll?

RODA                      ma basta! Capissuf minga che l’è inütil sta chì a litigà tra nümm? chì l’è minga una questùn lucaal. Ul problema l’è püsséé gròss. Il caso viene dall’alto

STROZZI               “alto”, “gròss”? mì a capissi minga

RODA                    l’è tütt un afari pulitici. Da Roma ànn mandaa l’ispetuur per cuntrulà la gestiùn pulitica lucaal che si potrà ripercuotere a livello nazionale e, allora, bisognerà adottare la strategia della “buona armonia” e dell’”efficienza”

STROZZI               mì capissi minga

pag. 17

RODA                    per prima regula gh’èmm de fàss vedè tütt amisuni, d’acordi sü tütt e dimustrà la funzionalità de tüta la cità in ogni setuur. Cumincèmm da stasira a telefunà a tütt i respunsabil e dirigeent per mètt a post tütt quèll che disevum prima. Pö, invidum l’ispetuur a fa un giir cun nümm e ‘l portum a visità tütt i strutüür

MAGNONI            e se ga dessum un quajcòss

SCARSELLA             bravu! A ‘l vegn chì per vedè se gh’è curruziùn e ‘l sa fa curuump lüü

PACCIOTTI           già! Se tantum de curumpall a ‘l pensa sübit che gh’èèm un quajcoss de nascuund

STROZZI                 invece noi dovremo dimostrare ingenuità e candore

RODA                  brava! E poi, chi corrompe, dimostra di conoscerne il meccanismo. Bene, ora tutti ai posti di comando. Andéé a cà e datevi una mossa. Sa vedum duman matina in cumün. (tutti si alzano e, salutandosi a soggetto, escono. Roda rimane solo e chiama la moglie) Vittoria! Vittoria! Vieni un momento

VITTORIA                   (entra)  che c’è?

RODA                    guarda che domani sera avremo gente a cena

VITTORIA             chi?

RODA                    gli assessori e un funzionario di Roma

VITTORIA            un funzionario di Roma? Chi è?

RODA                    un ispettore

VITTORIA             un ispettore? E cosa verrebbe a ispezionare?

RODA                    è mandato dal Ministero per dei controlli sull’operato della nostra amministrazione comunale. Ma lui non sa che noi sappiamo

VITTORIA           cosa non sa che voi sapete?

RODA                   che non sappiamo della sua funzione di funzionario

VITTORIA          non capisco

RODA                  noi, non sapendo, dobbiamo fingere di non sapere              pag. 18

VITTORIA           ma cosa non sapete?

RODA                  oh, caar Signuur! Tì fa finta de nagòtt e basta. Fai gli onori di casa e non parlare assolutamente di politica. Quindi disponi con Gilda un menù di rispetto

VITTORIA          dispongo subito. (chiama) Gilda! Gilda, venga un attimo

GILDA                (entra) eccomi      

VITTORIA          domani sera avremo degli ospiti, cosa ci proponi?

GILDA                missultìn, büsecca e òss büüs

RODA                  ...pulenta, gnòcch e pö, per digerì una slèpa de gurgunzöla

VITTORIA           ma, Gilda, qualcosa di raffinato. C’è un ospite di riguardo, un pezzo grosso del ministero

RODA                 sì, ma nümm a ‘l sèmm minga

GILDA               cussè?

RODA                che l’è del ministero

VITTORIA         lascia perdere, Gilda, ti spiegherò dopo io

GILDA                beh, comunque per i ròbb rafinaa, sarà mej andà in rusticeria

VITTORIA         Gilda, non offenderti, ma la tua ottima cucina è troppo genuina, nostrana e, per certa gente, non va bene, non ci sono più gli stomaci di una volta

GILDA                a gh’è pü la fàmm de una volta. Comunque fate quel che volete. Duman andèm dal Marinelli e cumperum tanti scatulètt de carta stagnöla cun déént tanti trujaad faa in serie

VITTORIA           no, vedremo di approntare un menù leggero anche perché alla sera non bisogna appesantirsi

GILDA                va bèn! Vurerà dì che mì mangeruu un bèl galùn de galina che ù spiümaa incöö e, cunt ul brööd faruu un bèl risutìn giaald e, vialtar, stii legeer e in “linea” che, prima o pö, a borlerii in tera cume pèll de fiich!

FINE I ATTO

                                                         pag. 19

II ATTO

Sempre nel salotto di casa Roda, in scena Gilda con Solange, cameriera part-time assunta per l’occasione che sistemano il salotto.

GILDA           alura te capii? Mì a stuu in cüsina e tu devi servire gli aperitivi, la cena e i digestivi

SOLANGE      va bene

GILDA           e sta atenta de minga spacà sü ancamò un quajcòss

SOLANGE      va bene

GILDA             sì, “va bene, va bene” e te già spacaa düü bicéér e un piàtt. Se ta stéét chì quindass dì, a gh’èmm de cambià tütt i servizi

SOLANGE         va bene, starò attenta

GILDA               ti, Solange

SOLANGE          “Solansc”! Si dice “Solansc”

GILDA              sì, Solanscc o Solange l’è sempar stèss. Ma pudevan minga ciamàtt un nòmm püsséé cristiàn? Dacch una netada ai scendréé

SOLANGE        a cosa?

GILDA              ai scendréé!

SOLANGE        cosa sono?

GILDA              i posacenere, no!

SOLANGE       ah! Va bene (esegue)

GILDA              adèss, quand a ‘l riva quèll de Roma, ga dèmm un aperitiif e ga disum de aspetà un muméént perché ul sciuur sindich l’è impegnaa

SOLANGE          ma è di là che sta guardando la televisione

GILDA                fa nagòtt. Bisögna dì che l’è impegnaa  cun la delegaziùn di spazzìn

SOLANGE          ha detto di dire che sta con gli operatori ecologici              pag. 20

GILDA           l’è la stessa roba. Sü, fa giò un puu de pulver

SOLANGE     l’ho già fatta

GILDA           e fala giò ancamò che l’è mai asséé

SOLANGE       va bene (esegue. Suona il campanello)

GILDA             ul campanèll! L’è rivaa. Sü vai a verdere la porta

SOLANGE        dov’è?

GILDA              ma ti ta séét entrada dala finestra? (indicando) de là, no!

SOLANGE       io sono entrata dall’altra parte. Dall’entrata di servizio

GILDA             e adèss veerd l’entrada principaal

SOLANGE        va bene (va ad aprire ed introduce Zerbinotti). Prego s’accomodi

ZERBINOTTI    (distintissimo squattrinato, millantatore e vanaglorioso dall’evidente superficialità comportamentale e, preso dalla sua presunzione e vuotezza, non s’accorge d’essere scambiato per il personaggio atteso e temuto. All’entrata, con aria importante e indagatrice osserva il salotto) buonasera a voi

GILDA               buonasera, signore. Il signor sindaco ha detto di scusarlo ma ritarderà un momentino. E’ di la con la delegazione degli spazz...cioè degli operatori ecologi...ecologgici

ZERBINOTTI         capisco, capisco

GILDA                     ogni momento c’ha qualcuno con qualche rogna

ZERBINOTTI         certo, certo,

GILDA                     c’è sempre qualcuno che c’ha bisogno. Intanto posso darci qualcosa da bere?

ZERBINOTTI          volentieri. Un “bourbon” c’è?

GILDA                     un barbùn!? Chì a ga n’è minga de barbuni

ZERBINOTTI           ma no! Un bourbon, un whisky

pag. 21

GILDA                 ah, un wisky! Ma beve il wisky prima de mangià?

ZERBINOTTI      certo! Dilata le coronarie e prepara lo stomaco al pasto. Altro che aperitivi

GILDA                 quante cose sapete voi a Roma. Sü, Solange, dai un “barbone” al signore

SOLANGE           e dove vado a prenderlo?

GILDA                 in farmacia! Oh, santo cielo, te minga capii che l’è ul wisky. Guarda l’ sül carèll di liquur

SOLANGE           va bene (esegue)

ZERBINOTTI        il signor Passerotti mi ha detto che a cena ci saranno altre persone

GILDA                  certo. Quasi tutta la giunta

ZERBINOTTI        bene, bene. E’ lodevole per un’amministrazione pubblica invitare ogni tanto qualche forestiero a cena. E’ giusto socializzare e allargare i propri confini culturali...credo sia l’unica città in Italia con questa ospitalità

GILDA               l’ünica città al muund, ma paar. (a Solange) ma ta rivat cun quèl wisky, o no?

SOLANGE           non so qual è

GILDA                  che intranada de vüna! (va al carrello bar) tell chì! C’è scritto wisky. Dagan là un bicérìn...(Solange versa tremolante) ma vardéé cumè ga trema la màn. Cià lassa fa de mì...(versa) toh, portalo al signore

SOLANGE        (porta in modo molto incerto il bicchiere a Zerbinotti) prego, signore

ZERBINOTTI       grazie. Allora alla salute signore

GILDA                  alla salute! (alle spalle dei due tracanna il whisky dalla bottiglia)

ZERBINOTTI       non è bourbon ma è buono

GILDA                 è quello che c’è

ZERBINOTTI        mi scusi, signora collaboratrice domestica. Avrei una comunicazione urgente da fare. Potrei usare il vostro telefono?                         pag. 22

GILDA                deve telefonare a Roma?

ZERBINOTTI       sì, a Roma

GILDA                  al Ministero?

ZERBINOTTI        (non comprendendo l’allusione) perché al Ministero?

GILDA                  beh, a Roma gh’è ul Ministero

ZERBINOTTI       certamente. Ma a quest’ora sarà chiuso

GILDA                 e già! Che faccia pure. Intanto io e la Solange andiamo a preparare la cena e la tavola e vediamo se il signor sindaco si è desliberato. Andèmm Solange

SOLANGE           sì (escono)

ZERBINOTTI      grazie e a dopo. (compone un numero telefonico) sì? Ciao, mamma, sono io...sono ancora qui, in settimana partirò per Sondrio...in questa città sono di un’ospitalità veramente deliziosa. Pensa che questa sera sono stato invitato in casa del sindaco e verranno anche degli assessori...ma certo, vedrai che farò grossi affari con questo Comune, riempirò di carta tutto il circondario...eh, sì, il C.I.S.M. ha trovato la sua fortuna, trovando me. Porterò la cartiera ad essere un colosso internazionale e io diventerò il direttore generale, l’amminitratore delegato e il presidente. Sì, cara mamma, sarò il massimo esponente del Gruppo industriale C.I.S.M.- Carta Igienica Super Morbida! Come? Già, tutte le comunità, gli ospedali, gli ospizi, gli alberghi, gli asili nido, le scuole, tutti useranno la carta igienica C.I.S.M.! bene, mammina, ora ti lascio, ti richiamerò domani sera...a presto (appende, si guarda attorno e si riversa da bere)

VITTORIA         (entra tutta “charmante”) ci deve scusare se l’hanno lasciato solo ma sa, con tutti gli impegni

ZERBINOTTI      (mieloso)  ma si figuri, signora

VITTORIA           (porgendogli la mano) piacere,  Vittoria Roda, moglie del sindaco

ZERBINOTTI      (con baciamano) il piacere è tutto mio. Augusto Zerbinotti

VITTORIA          ma no, il piacere è tutto mio

ZERBINOTTI     ma si figuri, signora, il piacere è mio. Sono onoratissimo di conoscerla

pag.  23

VITTORIA           e a me, è ancora più gradito fare la sua conoscenza

ZERBINOTTI       lei mi confonde, signora

VITTORIA           voi lo dite per farmi un complimento. Sedete, vi prego

ZERBINOTTI       stare accanto a voi, anche in piedi, è già una fortuna. Ma se lo volete, siederò (si siede)

VITTORIA           (sedendosi accanto ed esprimendosi sensualmente provocante) dovete pazientare ancora un poco. Mio marito è impegnato con della gente

ZERBINOTTI          (svenevole) accanto a voi l’attesa sarà dolcissima

VITTORIA              è impegnato con la delegazione della terza età

ZERBINOTTI         ma la vostra collaboratrice domestica ha detto che era impegnato con gli operatori ecologici

VITTORIA             (confusa) ah, sì! Ma quelli se ne sono già andati e, subito dopo sono arrivati gli altri. C’è sempre un via vai di gente quando si è troppo democratici (suona il campanello) oh, il campanello. (forte) Solange! Va ad aprire

SOLANGE              cosa devo aprire, signora?

VITTORIA              ma la porta, no!

SOLANGE              (indicando) quella lì? ah, sì. Apro subito

VITTORIA             (a Zerbinotti) è nuova e non conosce bene la casa

SOLANGE             (introducendo Magnoni e Pacciotti) prego, signori (esce)

VITTORIA              ecco i nostri primi ospiti. Signori, vi presento il signor Zerbinotti

MAGNONI             buonasera, piacere Magnoni

VITTORIA             è l’assessore all’urbanistica ed ai lavori pubblici

ZERBINOTTI         onorato!

MAGNONI             che bel nome!

ZERBINOTTI         che nome?                                                                       pag. 24

MAGNONI             onorato!

ZERBINOTTI         veramente intendevo onorato derivato da onore

MAGNONI             ah! E allora io sono felice

ZERBINOTTI        di nome?

MAGONI                no, come dire contento

VITTORIA             e la signora (indicando Pacciotti) è l’assesore alla cultura, alla pubblica istruzione ed al tempo libero

PACCIOTTI             piacere

ZERBINOTTI          molto lieto

PACCIOTTI             anch’io

ZERBINOTTI          complimenti per i suoi assessorati. Piuttosto impegnativi, vero?

PACCIOTTI            altroché!

VITTORIA              prego signori, accomodatevi. Nel frattempo servo l’aperitivo

ZERBINOTTI         io continuo con il whisky, incantevole padrona di casa

VITTORIA             ma lei mi confonde, signor Zerbinotti

ZERBINOTTI         dovere, signora, dovere! (a Pacciotti)  ma lei, signora Panciotta

PACCIOTTI           (timidamente risentita) Pacciotti   

ZERBINOTTI          sì, mi scusi, signora Pacciotti. Dicevo che il suo assessorato è alquanto impegnativo la pubblica istruzione e la cultura richiedono una preparazione non indifferente. Bisogna essere sempre informati, preparati. Lei è un’insegnante?

PACCIOTTI           no, faccio la macellaia

ZERBINOTTI         la macellaia!? Ma allora legge molto

PACCIOTTI            ah, sì. Tutti i giorni leggo i giornali, guardo la televisione, poi vado al cinema...

pag. 25

ZERBINOTTI        (che ormai ha già bevuto qualche bicchierino, la interrompe senza ascoltare ciò che dice. Anche nei dialoghi e monologhi seguenti si esprimerà a ruota libera in un crescendo comportamentale che evidenzia l’effetto alcolico subìto)

Sono elementi necessari per una signora alla quale sono affidate l’educazione e la preparazione culturale e intellettiva dei giovani virgulti...

PACCIOTTI               di chi?

ZERBINOTTI            dei virgulti

PACCIOTTI               (fingendo di capire) ah, dei virgulti

ZERBINOTTI             ...dei giovani virgulti che saranno il futuro della nostra società

PACCIOTTI               i virgulti?

ZERBINOTTI             già, i virgulti

RODA                         (entra) finalmente sono riuscito a liberarmi. Scusatemi ma è stata una cosa più lunga del previsto

VITTORIA                 ecco mio marito

ZERBINOTTI            (alzandosi) signor sindaco, quale onore

RODA                         (stringendogli la mano) l’onore è tutto mio, della mia amministrazione e di tutta la cittadinanza

ZERBINOTTI           non esageriamo. Comprendo il vostro impegno sociale, la vostra ospitalità ed il vostro altruismo ma non è il caso

RODA                     è il caso, è il caso

MAGNONI              (intenzionalmente sospettoso rivolgendosi a Roda) il nostro ospite stava “informandosi” sull’assessorato alla cultura ed alla pubblica istruzione

RODA                ah!  bene, bene. E cosa voleva sapere di bello?

ZERBINOTTI         così...”pour parler”. Ci sono molte scuole nel vostro comune?

RODA                circa una ventina e, vi assicuro, tutte funzionanti alla perfezione

PACCIOTTI       (preoccupata) perché, c’è qualcosa che non va?                pag. 26

ZERBINOTTI        e come potrei saperlo? E’ la prima volta che vengo nella vostra città. E, come a carta igienica, come stanno?

RODA                     (dopo uno scambio di sguardi perplessi e interrogativi con gli assessori) carta igienica!? Beh, stiamo bene ma, mi scusi, in che senso?

ZERBINOTTI          beh, è un indice, un parametro di giudizio

PACCIOTTI             mì a capissi minga

MAGNONI              intende come pulizia, come igiene?

ZERBINOTTI         già!

PACCIOTTI            perfette! Io nelle scuole, più che allo studio, guardo alla pulizia. Perché l’igiene è la base della cultura

ZERBINOTTI         brava! Complimenti, assessore

PACCIOTTI           (rinfrancata) eh, sì! Nelle mie scuole si puù mangiare anche per terra. Anche nei cessi (suona il campanello)

RODA                     (forte) Gilda! Vai ad aprire

GILDA                    (attraversando la scena) dopu, se mangiùff ul ròst brüsaa, dèmm minga la culpa a mì

RODA                   saranno gli altri ospiti. Un altro bicchierino, dottore?

ZERBINOTTI      solo un goccetto, grazie. A stomaco vuoto, non bisogna esagerare

MAGNONI          (sottovoce a Pacciotti) chissà dopu   

GILDA                  (rientrando) ìnn i sciuri Strozzi e Scarsella. Scüsèmm ma, tra déés minüt, tütt a tavula che l’è pruunt

SCARSELLA         (entrando seguito dalla Strozzi) scüsèmm ul ritaard ma, in sta cità chì a sa tröva minga un parcheggio nanca a pagàll oor

STROZZI                e un trafich! Sa po’ minga andà in giir

RODA                    (sdrammatizzando) non esageriamo. Oggi c’era sciopero dei trasporti e presto, con la metropolitana leggera che faremo, tutto sarà risolto

pag 27

STROZZI              che metropolitana?

RODA                   (lanciando uno sguardo minaccioso) come che metropolitana!? Quella che abbiamo nel nostro programma elettorale, no. E poi tra poco saranno pronti gli autosilos

STROZZI            che autosilos?

RODA                 (irritato) ma Strozzi! Ta séét propi indréé de cutüra! (calmandosi a Zerbinotti)  la nostra assessora è un po’ che è in malattia e non è al corrente delle ultime decisioni della giunta. Anzi, permette che le presenti gli assessori Strozzi, assessora al commercio, turismo e sport e l’assessore Scarsella responsabile dei servizi sociali e della sanità

ZERBINOTTI      molto lieto (presentazioni a soggetto)

VITTORIA           accomodatevi pure e, prima che Gilda ci chiami, beviamoci un aperitivo. (serve e si risiede accanto a Zerbinotti) e come trova il soggiorno nella nostra città, signor Zerbinotti? Certo che, per lei, abituato alla capitale, non sarà facile adattarsi

ZERBINOTTI        effettivamente, abituato a vivere, lei comprenderà, nel gran mondo e trovarsi in una cittadina senza svaghi, senza vita notturna, con attività commerciali gestite da gente scontrosa e ignorante è difficile. Se non fosse stato per voi sarebbe stata una ben triste esperienza...ma voi e lei...(avvicinandosi a Vittoria da svenevole cascamorto) gentile signora, in particolare, mi avete ricompensato di tutto

VITTORIA           (civettuola) certo che dev’essere stato spiacevole il suo impatto con la nostra realtà

ZERBINOTTI          (sempre più vicino) però, ora sono tanto contento di stare accanto a voi

VITTORIA              (confusa) mi fate molto onore...io non merito tanto

ZERBINOTTI          (sempre più vicino osservato con molto imbarazzo dai presenti che guardano il sindaco con malizia) lo meritate, lo meritate

VITTORIA            ma io vivo in provincia

ZERBINOTTI       (con il viso molto vicino a quello di Vittoria) ma anche la provincia ha i suoi meriti...ma voi pensate che io sia il solito viaggiatore?

pag. 28

RODA                  (interrompendo bruscamente le avance separando i due) no! Nessuno lo pensa

MAGNONI              ci mancherebbe altro

ZERBINOTTI            io, spesso sono a cena dal sindaco di Roma e, quando sono in giro tutti mi riconoscono

VITTORIA              (rapita) è così conosciuto a Roma?

ZERBINOTTI          conosciuto? Quando passo io, anche i paracarri si mettono sull’attenti. Io conosco attori, attrici, musicisti, cantanti. Io e Pippo Baudo, siamo fratelli

VITTORIA           (c.s.) com’è interessante

ZERBINOTTI             se vi capitasse di venire a Roma, sarete miei ospiti. Do anche dei ricevimenti, sapete?

VITTORIA              immagino che gusto, che sfarzo alle vostre feste

ZERBINOTTI          non potete immaginare. Si serve del caviale a chili e tartufo cianco a manciate con torrenti di champagne francese. All’ultimo ricevimento, abbiamo organizzato un poverino; il ministro delle finanze, l’ambasciatore degli Stati Uniti, un console africano ed io...

PACCIOTTI             e Dio!?

ZERBINOTTI           io!

PACCIOTTI              ah, mi scusi

ZERBINOTTI           giocammo sino al mattino e la mia fortuna sfacciata, oltre alla mia abilità, mi fecero vincere una bella somma ed anche un’isoletta alle Antille

VITTORIA               ma è stupefacente!

ZERBINOTTI           ma non sapendo cosa farmene dell’isoletta l’ho donata al Vaticano per farne un lebbrosario

VITTORIA               che animo nobile!

pag. 29

ZERBINOTTI          beh, con il Vaticano ho ottime relazioni e, anche il Santo Padre, ha una grande simpatia nei miei confronti e, capirete, con tutta la “carta” che gira lì, faccio ottimi affari

RODA                    eh, sì! Chissà quante carte girano lì

ZERBINOTTI         ed io, modestamente, sono l’unico a “controllare” la situazione

RODA                    (timorosamente indagatore) ah, è lunico a “controllare”?

SCARSELLA          anche nel Vaticano?

ZERBINOTTI         anche nel Vaticano

RODA                      ed ora, dovrà “controllare” anche qui. Nella nostra città?

ZERBINOTTI          tutta l’Italia! Io non mi fermo mai, sono implacabile. E, gli alti papaveri, della C.I.S.M. sanno che solo Zerbinotti è all’altezza della situazione. D’altro canto, il mio lavoro è una missione

RODA                    un altro goccetto, dottore?

ZERBINOTTI        grazie, un goccettino perché comincia a girarmi un poco la testa

RODA                    (versando) ma si lasci andare. Ogni tanto bisogna lasciarsi andare e non parlare solo di lavoro e “scartoffie”

PACCIOTTI           chissà al Ministero quanta carta gira, è?

ZERBINOTTI        a montagne! Camion interi di carta. Meglio così. Con più carta gira, più ho lavoro

RODA                   e domani la faremo “lavorare” noi

ZERBINOTTI        sempre a disposizione

RODA                    per prima cosa l’accompagneremo a visitare l’ospedale maggiore e l’ospizio Genzianella. Poi qualche scuola e qualche palestra. Poi, dopo un buon pranzetto, continueremo le visite

ZERBINOTTI        volentieri. Così avrò un’idea generale della situazione cittadina per valutare un corretto intervento per il futuro

pag. 30

RODA               a disposizione. Noi crediamo nella comunità e vogliamo che la comunità stessa sia appagata in ogni sua esigenza e, per questo, non baderemo a spese e...e ci rimettiamo nelle vostre mani

ZERBINOTTI        sempre pronto ad aiutare amici gentili e premurosi come voi. (a Scarsella) e lei, che assessorato guida?

SCARSELLA          servizi sociali e sanità

ZERBINOTTI         è medico?

SCARSELLA          no, ho una autofficina meccanica

ZERBINOTTI         ah! e sarebbe il responsabile degli ospedali?

SCARSELLA         (timoroso) sì. Perché, c’è qualcosa che non va?

ZERBINOTTI        come potrei saperlo? Non li ho ancora visti

RODA                    domani. Domani verrà a visitare l’ospedale. Vedesse che pulizia. E’ il vanto della città

ZERBINOTTI        e gli ospizi, le comunità, i laboratori?

SCARSELLA         non avrà mai visto cose simili. L’accompagnerò io a visitarle

STROZZI               e poi, verrà con me a visitare tutte le strutture sportive e turistiche che, io, sono orgogliosa di rappresentare in qualità di assessore al commercio, turismo e sport

ZERBINOTTI         lei è una commerciante?

STROZZI                no, sono impiegata all’I.N.P.S.

ZERBINOTTI         e tutte le strutture sportive, dipendono da lei??

STROZZI                già!

ZERBINOTTI         bene, bene. Affari d’oro

STROZZI              cosa vorrebbe dire?

pag. 31

ZERBINOTTI       una considerazione. Voglio dire che, se in ognuna delle vostre strutture bisognerà “coprire” il fabbisogno e renderle “regolarmente agibili”, saranno affari d’oro...magari per tutti, no?

VITTORIA              (dopo uno scambio di sguardi interrogativi) ma come parla forbito. Si vede che lei è un uomo “vissuto”, d’esperienza

ZERBINOTTI         io, cara signora, ho girato il mondo. I quattro continenti li conosco come le mie tasche. Ho vissuto in Brasile, a New York, in Normandia in sud Africa a Durban...

PACCIOTTI             dove fanno il dentifricio?

ZERBINOTTI          esattamente! E poi in Canada, in mezzo agli Indios...

VITTORIA              che vita avventurosa!

ZERBINOTTI         senza contare le mie apparizioni nel modo della celluloide

VITTORIA             ha fatto anche il cinema?

ZERBINOTTI         qualche volta. Modestamente, avrei avuto molte occasioni per emergere, ma sinceramente, non amavo quel mondo. Troppo vuoto e sciocco. Tutto basato sull’esteriorità e, poi, quelle attricette...che pena

VITTORIA             chissà quante avventure amorose?

ZERBINOTTI         certamente! Beh, ora vi confesso una cosa. Sapete perché Liz Taylor ha piantato il suo sesto marito? Aveva perso la testa per me

VITTORIA             e poi, cosa è successo?

ZERBINOTTI         che, dopo un flirt e in giro per il mondo per qualche tempo, mi aveva nauseato. Troppo appiccicosa, invadente. E così, una notte fuggii da Acapulco lasciandola sola. Ed è lì, che tentò il suicidio

VITTORIA             il suicidio!? Non l’ho mai saputo

ZERBINOTTI         tutto a tacere per non creare scandali. Comunque sono rimasto talmente deluso da quell’ambiente che ho rifiutato anche un film con l’amico Fellini e mi sono segregato, per due mesi, in India per uno stages di meditazione trascendentale...(prendendo la mano di Vittoria) ma le assicuro signora, che se avessi incontrato una creatura stupenda come voi, sarei stato l’uomo più felice della terra

pag. 32

VITTORIA             che adulatore!

RODA                    (interrompendo gli intensi e imbarazzanti sguardi dei due) ancora un goccetto?

ZERBINOTTI        (sempre guardando negli occhi Vittoria e sempre più vicino) grazie...molto gentile

RODA                    (versando) un goccetto tira l’altro...e ormai sarà pronta la cena...(i presenti commentano con espressioni ironiche la situazione) com’è il tempo a Roma?

ZERBINOTTI         (c.s.) bello...molto bello

RODA                     (seccato) alura!? Andèmm avanti ancamò un pèzz?

ZERBINOTTI         (risvegliandosi) come?

RODA                     no, dico...sarà ora d’andare a mangiare

SOLANGE             (entra) signori, la cena è pronta (esce)

RODA                     l’era ura!

ZERBINOTTI         (a Vittoria) mi scusi signora, dove sono i servizi, dovrei sciacquarmi le mani.

VITTORIA               venga, l’accompagno io (escono)

RODA                      arriviamo subito anche noi. (rivolgendosi agli assessori) alura, i vist che razza de ròbb?

MAGNONI             a ‘l gh’à un puu dela mama del vedèll

RODA                      mej. Sarà püsséé facil mangiàll

PACCIOTTI             ma sarà tütt vera quèll che l’à cüntaa sü?

RODA                      altrochè! A certi livej na sücedan de tütt i culuur

STROZZI                 a gh’èmm una bela gata de pelà

RODA                      perdèmm minga ul cò e vedèmm cumme sa svilüpa la sitüaziùn

MAGNONI              per mì bisögna vuunc la röda                                            pag. 33

RODA                      anca per mì

PACCIOTTI              cumè? Iéér ta disevat de minga curumpal perché chi curuump a ‘l gh’à la cuscienza spurca

RODA                     perché a ‘l cunussevi minga. Ma i minga sentii i messaggi? Quand a ‘l diseva che bisögna visità i strutuur cumünaj per “coprire” il fabbisogno e “renderle accessibili” e pö, quand l’à dii: “saranno affari d’oro”

MAGNONI               “affari d’oro, magari per tutti”

RODA                       appunto! E’ chiaro e lampante

PACCIOTTI              cussè?

RODA                       che l’è dispunibil

PACCIOTTI              dispunibil a fa?

RODA                      a tratà!

PACCIOTTI             e alura, cussé che fèmm?

RODA                     adèss andèmm a mangià. Parlùmm de tütt senza numinà ul cumün pö, tra una bala e l’altra, ga vojùm giò de bééf

PACCIOTTI              che ma paar a ‘l refüda minga

RODA                       appunto. Pö, ala fìn, quand l’èmm tiraa bel ciòcch a ‘l catum vün ala volta e ‘l curumpum. Ma racumandi, niente assegni perché ìnn di prööv. In contanti

PACCIOTTI           sì. Con tanti saluti! Mì a gh’ù chì nagòtt

SCARSELLA         anca mì

RODA                    intaant che mangium, telefunii a cà e fii purtà chì i danéé

PACCIOTTI         mì a gh’ù a cà una culana d’oor che m’ànn regalaa. Podaria dacch quèla

RODA                    fii quèll che vöruff. Mì a vedi nagòtt e a senti nagòtt

STROZZI               e se pö, a ‘l sa incazza?                                                        pag. 34

RODA                   a ‘l sa incazza minga. Quèll lì, l’è chì aposta. L’è ul classich funzionari che l’è in giir per catà sü danéé

SCARSELLA           ma avé vist, cumè che a ‘l sa infurmava de tütt?

STROZZI                 a quèll l’ ga scapa nagòtt

RODA                      ceert che a ‘l sa infurma. Püsséé ròbb che a ‘l sà, püsséé a ‘l po’ pretéénd

SOLANGE               (entra) signori, la Gilda dice d’andare a tavola perché la pasta è ormai diventata colla  e l’arrosto è bruciacchiato

RODA                     arriviamo subito. Ma di là, non c’è mia moglie?

SOLANGE              no, non c’è

RODA                    (preoccupato) e indove è andata?

SOLANGE             è andata in giardino e nella serra con l’ospite

RODA                   ma se è notte...tutto buio

SOLANGE             sono andati con la pila

RODA                    cun la pila!? Che la vada giù subito a chiamarla che si mangia

SOLANGE             vado! (esce)

RODA                    quèll lì, a ‘l gh’à un puu tròpp del balòss

MAGNONI           bisögna stà in campana

PACCIOTTI          mi gh’ù un’idea

RODA                    quale?

PACCIOTTI          perché lassum minga fa tütt ala tua miéé? Quèll lì a  ma paar che ‘l gh’à una certa simpatia per la tua dona

RODA                   (seccato) tuca minga la mia miéé, neh!

PACCIOTTI          per quèll sùmm minga mì che la tuchi

pag. 35

RODA                 stà atenta cumè che ta parlàt perché l’è minga la sira giüsta! Mò, andèmm a mangià prima che s’ciopi! (esce seguito dagli altri lasciando sola Pacciotti)

PACCIOTTI          mì ma fermi un muméént per telefunà a cà. (compone un numero telefonico) pronto? Erminio, fàmm un piasé, va là nel cumò...sì, in camera. Nel quaart cassèt gh’è déént una scatola de müdaand...sì, i mè...nela scatola gh’è déént una culana d’oor...bravu, metala dent in un büsta e portumala chì, in cà del sindich...no, giüghi minga a caart...preocupàss minga...portumala chì svèèlt se ta vöràtt minga vegnì a truvàmm a San Vituur...sì, ciau! (appende ed esce)

FINE SECONDO ATTO

pag. 36

TERZO ATTO

Dopo cena rientrano tutti nel salotto. Zerbinotti, seguito da Vittoria e da tutti gli altri, è evidentemente ebbro.

ZERBINOTTI           complimenti, eccellente cena. Come si chiamava quel pesce?

RODA                       missoltino

VITTORIA               è un piatto tipico della nostra zona

ZERBINOTTI          un po’ “salatino” ma gustoso

RODA                     è necessario  accompagnarlo con un buon vinello

ZERBINOTTI          infatti ho gustato quel bianco a tavola

PACCIOTTI             (a Magnoni) n’à bevüü trii butigli

ZERBINOTTI           a Roma si beve solo Frascati, Frascati e Champagne

RODA                      (vedendolo malfermo) ma si accomodi

ZERBINOTTI           grazie...volentieri (tutti si accomodano)

VITTORIA               ora Solange ci porterà un buon caffè

RODA                      intanto ci facciamo un bel digestivo. Un grappino?

ZERBINOTTI          per me un whisky, grazie

SCARSELLA             (a Pacciotti) che spügna!

PACCIOTTI             se bevan tütt inscì a Roma, altar che dissanguà l’Italia

ZERBINOTTI          una buona cena in allegra e spensierata compagnia è la migliore medicina per lo spirito. Epicureo insegna ad abbandonarci (sensuale a Vittoria) agli istinti dei sensi ed alle bramosie della carne

VITTORIA              (estasiata) che profondità di pensiero

ZERBINOTTI         mai reprimere i nostri istinti. Per una completa felicità dobbiamo liberarci da tutte le meschine ipocrisie. (prende la mano di Vittoria tra gli sguardi imbarazzati) perché, signora mia, dobbiamo rinunciare al piacere?                  pag. 37

RODA                  (con seccato imbarazzo) beh, ogni taant l’à mej rinüncià

ZERBINOTTI       (senza udirlo) in questa nostra breve esistenza fatta di privazioni e di sofferenze, perché mai non abbiamo diritto di gioire, di godere della nostra libertà? Tutto ciò che reca piacere, dobbiamo assaporarlo

VITTORIA         ma lei è un filosofo

ZERBINOTTI      modestamente ho anche pubblicato qualche trattato di filosofia

VITTORIA          allora conosce anche qualche scrittore?

ZERBINOTTI      tutti i massimi letterati viventi possono vantarsi della mia amicizia.  Spesso ci si trova nei salotti romani per interessanti scambi culturali e vado spesso a cena con Roberto Gervaso, Alberto Eco, Moravia...

VITTORIA            ma il Moravia è morto

ZERBINOTTI        morto!? Ah, sì, che sbadato. E pensi che sono andato anche al funerale. Gli ho mandato anche una corona da duemila euro con scritto “l’inseparabile amico Augusto Zerbinotti”

VITTORIA              e scrive anche poesie?

ZERBINOTTI          altroché!

RODA                      ancora un goccetto? (versa)

VITTORIA               ce ne dica una

ZERBINOTTI          non so se è il caso

VITTORIA               la prego!

ZERBINOTTI          va bene. Le dirò una delle ultime. (declama enfatico) Ognuno sta solo nel cuor della terra, trafitto da un raggio di sole. Ed è subito sera.

VITTORIA             (rivolta ai presenti che esprimono perplessità)  che bella, vero? Ce ne dica un’altra

RODA                    l’è minga ul caas. Ecu, guarda che ‘riva ul cafè

SOLANGE              (entra con i caffè) ecco, il caffè

pag. 38

RODA                  metti sul tavolino e vai pure di là (Solange esegue ed esce). E van anca tì Vittoria.

VITTORIA           perché?

RODA                  perché noi dobbiamo parlare di...di affari comunali e l’è minga ul caas che ta restàt chì

VITTORIA          mi dispiace, signor Zerbinotti ma la devo lasciare

ZERBINOTTI         ma no, signora, resti con noi

VITTORIA             io non mi occupo degli affari comunali quindi devo andare. Ma ci vedremo dopo

RODA                  “dopo” quando?

VITTORIA             dopo, per i saluti

RODA                    salüdall adèss e vànn de là

VITTORIA            allora arrivederci

ZERBINOTTI        (baciandole la mano) a presto, cara signora. Spero di rivederla

VITTORIA            anch’io

RODA                   (spingendo fuori scena Vittoria) sü, sü, vàn de là. (a Zerbinotti)

Allora, caro signor Zerbinotti, spero abbia passato una piacevole serata

ZERBINOTTI        magnifica, signor sindaco

RODA                   e spero che domani, sia in forma per visitare le nostre strutture

ZERBINOTTI       volentieri. E’ la prima volta che gli amministratori di una città mi accompagnano spontaneamente a visitare le loro strutture. E questo è lodevole

RODA                    certo! Perché noi non abbiamo nente da nascondere

MAGNONI            tutto quello che facciamo è alla luce del sole

STROZZI               e abbiamo la coscienza pulita

SCARSELLA         noi possiamo solo vantarci del nostro operato                    pag. 39

PACCIOTTI         e ne siamo orgogliosi

RODA                  e desideriamo che tutti partecipino al nostro orgoglio. Un goccetto?

ZERBINOTTI      (guardando il bicchiere) già finito? Questo bicchiere non ha fondo

PACCIOTTI         (a Magnoni) ga l’à lüü, ul fuund

RODA                  (versa ancora) allora, alla salute!

MAGNONI          (evidenziando un precedente accordo di gruppo, si rivolge a Roda)

Scusatemi, ma non dovevamo discutere quella faccenda del piano regolatore?

PACCIOTTI         che piano regolatore’

MAGNONI          (dandole una gomitata) sei la solita. Non ti ricordi che dobbiamo discutere la destinazione dell’area “Mimosa”?

PACCIOTTI         ha, sì!

RODA                  me n’ero dimenticato anch’io. (a Zerbinotti) Domani mattina alle sette abbiamo un incontro con la commissione edilizia e dobbiamo decidere gli ultimi dettagli per la pianificazione dell’area “Mimosa”. Spero non si offenda se ci ritiriamo qualche minuto per questa importante decisione

MAGNONI          rimarrò io a farle compagnia

ZERBINOTTI       ma fate, fate pure. Come se fosse a casa vostra

RODA                  grazie. Lei è molto comprensivo. Allora, signori, andèmm de là. (tutti escono lasciando soli Magnoni e Zerbinotti) ci vediamo dopo

MAGNONI            (tossicchia imbarazzato) allora, signor Zerbinotti. Cosa si dice di bello a Roma?

ZERBINOTTI         beh, le solite cose

MAGNONI             e della nostra città?

ZERBINOTTI         come di tutte le altre città

MAGNONI             e della Mimosa?

ZERBINOTTI         la Mimosa? Beh, sì...la Mimosa...certo che...                    pag. 40

MAGNONI           ma non è solo colpa nostra, neh! Certo, è un caso piuttosto complesso e, come vede, anche stasera ne discutiamo ma...gli interessi sono tanti..

ZERBINOTTI              immagino

MAGNONI                           e io, in qualità d’assessore all’edilizia...

ZERBINOTTI              è ingegnere?

MAGNONI                  no, lavoro alle Poste. E, dicevo, nin qualità della mia carica, cerdo da tempo di sistemare tutti i “casini” che hanno combinato i miei prece...precedess...insomma, quelli che sono venuti prima di me...ma lo sa, che il Comune paga da decenni interessi passivi di milioni per quell’area...

ZERBINOTTI              (distratto) ah, sì!?

MAGNONI               sì! Milioni, su milioni. E tutto per mancanza di volontà politica

ZERBINOTTI              ed ora?

MAGNONI                  ed ora, tutto sarà risolto al più presto...(mentre parla gli passa davanti cercando di fargli intravedere una mazzetta di banconote che spuntano dalla tasca)...ma tutto sarà sistemato dalla nostra amministrazione

ZERBINOTTI           (notando il denaro) ah, sì...ci credo

MAGNONI               per ora, un po’ di quello spazio, è occupato da mio cognato...piccolo, un piccolo spazio per deposito di legname...tremila metri...ma quando sarà trovata una destinazione definitiva, lo trasferirà...

ZERBINOTTI          (sempre osservando la mazzetta) non lo metto in dubbio

MAGNONI               (fa cadere per terra le banconote) sì, certo. Tutto sarà adibito per il bene della comunità

ZERBINOTTI          (dopo attimi di silenzio) le sono caduti dei soldi

MAGNONI              (molto teso)  quali soldi?

ZERBINOTTI          (raccogliendoli)    questi!

MAGNONI               oh, toh! Guarda. Ma non sono miei

                   

ZERBINOTTI           ma li aveva in mano                                                     pag. 41

MAGNONI               non è vero. Io non avevo niente in mano

ZERBINOTTI           veramente...

MAGNONI              sa cosa deve fare? Roba trovata, roba regalata. Se li tenga

ZERBINOTTI           ma...

MAGNONI               niente “ma”! se non si offende, se li tenga

ZERBINOTTI           per quello, io non mi offendo

MAGNONI               bravo! (rincuorato) su, non faccia complimenti. L’importante è che a Roma si parli bene della nostra città e dei suoi amministratori

ZERBINOTTI          (guardando i soldi) senz’altro!

MAGNONI               lei è un uomo intelligente e aperto. Ora, se permette, vado di là in riunione. Anche perché se manco io, non si possono prendere certe decisioni...a dopo (esce sollevato)

ZERBINOTTI         (solo, conta il denaro) che strano personaggio. Boh! Se fa piacere a lui, per me tanto meglio. (si versa da bere)

PACCIOTTI                (entra timidamente) l’è permèss?

ZERBINOTTI              ah, signora Panciotti

PACCIOTTI                 Pacciotti, prego

ZERBINOTTI              si accomodi, si accomodi pure, signora Panciotti

PANCIOTTI                 (tra sé) ancamò! (indicando la poltrona) posso?

ZERBINOTTI              prego, s’immagini!

PACCIOTTI                 (sedendosi) grazie

ZERBINOTTI              ha già finito la riunione?

PACCIOTTI                 mi sono presa una pausa per farci compagnia. Poi il caso in discussione non è di mia impertinenza essendo l’assessora alla cultura e alla pubblica istruzione

pag. 42

ZERBINOTTI              ah!

PACCIOTTI                (spaventata) perché?

ZERBINOTTI              che cosa?

PACCIOTTI                ha detto “ah!”

ZERBINOTTI              consideravo

PACCIOTTI                che cosa “considerava”?

ZERBINOTTI             consideravo la situazione

PACCIOTTI                (terrorizzata) perché. Sa forse qualcosa?

ZERBINOTTI             (misterioso) io so tutto e non so niente

PACCIOTTI               (dopo una pausa, piangente si sfoga) sì, ma non è stata colpa mia. Io ho firmato così, ingenuamente...è stato il Fortis a farmi firmare le licenze dei pullmann...io ero in buona fede...(mentre parla si aggrappa al braccio di Zerbinotti) lei deve capire. Io ho detto che non si poteva e lui mi diceva che non c’era nulla da temere e che era volontà politica...l’ordine veniva dal segretario provinciale del partito...sono tutti loro, una manica di ladri...

ZERBINOTTI         (che aveva notato la collana doro di Pacciotti) bella!

PACCIOTTI           (bloccandosi e pavoneggiandosi) grazie!

ZERBINOTTI         proprio molto bella

PACCIOTTI           mi confonde, Zerbinotti

ZERBINOTTI        le sta proprio bene

PACCIOTTI           cosa?

ZERBINOTTI         quella collana

PACCIOTTI             (delusa) ah! Ci piace?

ZERBINOTTI          a chi non piacerebbe

PACCIOTTI            beh, se non si offende...se proprio ci piace...ce la dò          pag. 43

ZERBINOTTI         che cosa?

PACCIOTTI            la collana

ZERBINOTTI          ma no! Non è il caso

PACCIOTTI             un ricordino della nostra città. (togliendosi la collana) noi, nella nostra città siamo molto generosi

ZERBINOTTI          ma davvero?

PACCINOTTI         (porgendo l’oggetto) è suo!

ZERBINOTTI          (prendendolo) è stupefacente, meravigliosa

PACCIOTTI            (rassicurata)  bazzecole! Ce la regali alla moglie

ZERBINOTTI          si capisce che lei è una persona corretta e generosa

PACCIOTTI            lo dicono tutti. E domani andremo a vedere i miei Istituti

ZERBINOTTI         (ammirando la collana e intascandola) certamente

STROZZI                 (affacciandosi all’uscio fa cenni a Pacciotti, la quale risponde mimicamente d’attendere)  pssst! Allora?

PACCIOTTI           bene, allora signor Zerbinotti, posso contare sulla sua amicizia

ZERBINOTTI         ci conti, ci conti ad occhi chiusi

STROZZI              (entra) Pacciotti, ha detto il sindaco d’andare di là che c’è bisogno

PACCIOTTI           subito. Allora, se permette, vado di là

ZERBINOTTI         vada, vada tranquilla signora Panciotti

PACCIOTTI            Pacciotti! (tra sé) ma sì, intaant l’è stèss (esce)

STROZZI                caro signor Zerbinotti, spero che al ritorno a Roma, conservi un buon ricordo della nostra città

ZERBINOTTI          ottimo! La migliore accoglienza che non abbia mai avuto. Si vede che siete persone ospitali, premurose, di cuore

pag. 44

STROZZI                l’altruismo è il nostro fiore all’occhiello. Nessuno deve andarsene da qui senza un tangibile ricordo della nostra città

ZERBINOTTI             lodevole

STROZZI                    beh, è certo che nessuno è perfetto e, anche noi, abbiamo qualche difettuccio

ZERBINOTTI             tutti possiamo sbagliare

STROZZI                    poi, quando si è in politica...lei capirà

ZERBINOTTI            capisco, capisco

STROZZI                   sa, io conduco una vita riservata...casa e Comune. Non sono come i miei colleghi di giunta. Quelli lì, sì che se la spassano. Come il Magnoni, per esempio, quello lì sì che sa vivere, spende e spande, automobili, belle donne, viaggi...

ZERBINOTTI           mica scemo, però!

STROZZI                  altrochè! E se sa mantenere un segreto, le faccio una confidenza

ZERBINOTTI           sarò muto come una tomba

STROZZI                  il Magnoni, è l’amante della moglie dello Scarsella

ZERBINOTTI           no!

STROZZI                 sì! E quello lì ha sempre gli assessorati più importanti. E’ giusto che a Roma questo si sappia

ZERBINOTTI          sono leggi di vita. Ma per tutti arriverà  il momento

STROZZI                 ma le attese, ogni tanto sono troppo lunghe

ZERBINOTTI          esempio?

STROZZI                 vede...a parte la mia posizione politica, io sono, come le avevo detto, una capo ufficio dell’I.N.P.S.. Ebbene, attualmente il direttore generale della zona andrà in pensione

ZERBINOTTI           ebbene?

pag. 45

STROZZI                  al momento, per quella carica siamo in tre candidati e...come dire...con tutte le conoscenze che lei ha a Roma, io potrei...con una sua parolina...

ZERBINOTTI               capisco, capisco

STROZZI                      e crede di potermi aiutare?

ZERBINOTTI               ne parlerò con il Ministro

STROZZI                      davvero?

ZERBINOTTI              perché no?

STROZZI                     sarebbe magnifico. Lei è un uomo fantastico...(prende dalla borsetta una busta) ecco, le scrivo il mio indirizzo personale dove potrà comunicarmi ogni sviluppo della situazione...(scrive) vedrà che sarà ben ricompensato per ogni suo interessamento...ecco, tenga (gli da la busta)

ZERBINOTTI             che bella penna

STROZZI                    è una Montblanc, le piace?

ZERBINOTTI            molto!

STROZZI                    gliela regalo. Tenga busta e penna

ZERBINOTTI             molto gentile (prende il tutto)

STROZZI                    ora vado di là per vedere gli sviluppi della situazione. A opo e grazie ancora (esce)

ZERBINOTTI           a dopo. (intasca la penna e soppesa la busta) com’è pesante...(la apre) soldi!? Due...quattro...dieci...ma perché tuti questi regali? Possibile che siano così generosi? Ho paura che mi abbiano scambiato per qualcun altro...forse ho parlato troppo e mi hanno preso per qualche autorità...sarà per questo che cercano di corrompermi...mo’ che faccio?

SCARSELLA              permesso? Disturbo?

ZERBINOTTI             prego, prego, s’accomodi

SCARSELLA              di là, la discussione si fa lunga ed ho pensato di farle un po’ di compagnia

pag. 46

ZERBINOTTI             prego s’accomodi

SCARSELLA              (sedendosi) grazie

ZERBINOTTI              e così, lei è l’assessore alla Sanità?

SCARSELLA              sì, perché, c’è qualcosa che non va?

ZERBINOTTI             come potrei saperlo. E’ il mio primo giorno in città

SCARSELLA             oh, guardi, da quando sono assessore io, tutto funziona alla perfezione...o quasi

ZERBINOTTI             davvero?

SCARSELLA              certo! Venga a visitare gli ospedali con me. Da quando ci sono io, tutti i malati guariscono come mosche. E tutto grazie alla mia amministrazione

ZERBINOTTI           e naturalmente per l’igiene

SCARSELLA             naturalmente!

ZERBINOTTI            e chissà quanta carta igienica consumate

SCARSELLA            carta igienica? Chilometri! Ogni giorno arrivano camion pieni di carta igienica.  Malati e parenti, quando vanno a casa, si portano sempre qualche rotolo per ricordo

ZERBINOTTI           e da chi vi fornite per tutta questa carta?

SCARSELLA            (titubante) beh...da un’azienda della zona

ZERBINOTTI           (severo) la cartiera Scarsella & C.!?

SCARSELLA             beh, sì!

ZERBINOTTI             e lei, se non sbaglio, si chiama Scarsella

SCARSELLA            (sentendosi scoperto, si butta in ginocchio davanti a Zerbinotti implorante) sì, è vero, è la cartiera di mio zio. Ma io non c’entro. E’ stato lui ad insistere...io non ci guadagno niente, è stato lui ad insistere. E’ un caso umanitari, è un invalido di guerra e si è messo a fare carta...così ho voluto aiutarlo. Ma la prego, non dica niente a Roma, io sono con le mani pulite, lavoro per il bene della società. Chieda pure chi è Abbondio Scarsella, è l’immagine della “pulizia”                pag. 47

ZERBINOTTI          su, su, non facciamo tragedie. Vedremo di trovare una soluzione

SCARSELLA          io mi affido a lei. Sono nelle sue mani (gli prende le mani e gli consegna una busta). Lei è comprensivo e pregherà per me (congiungendogli le mani)

ZERBINOTTI        (guardando la busta tra le mani giunte) pregherò!

SCARSELLA         (alzandosi) lei è un Santo. (uscendo) avrà solo del bene sulla terra

ZERBINOTTI         (guarda nella busta) ancora soldi! E’ evidente, questi sono tentativi di corruzione

GILDA                (entra) posso portare via le tazzine?

ZERBINOTTI       prego, signora

GILDA                  ma l’hanno lasciato solo?

ZERBINOTTI      hanno una riunione di giunta

GILDA                 che cràpp! E lasciano qui un ospite importante come lei da solo...ma mi scusi, lei cos’è giù al Ministero?

ZERBINOTTI         io!? Nulla

GILDA                    sü, che ‘l faga minga ul mudèst

ZERBINOTTI          ma chi le ha detto che sono del Ministero

GILDA                    ma lo sanno tutti e nessuno vuole che lo si dica. A me l’ha detto la mia signora. (si sentono le voci) ecu che rivan...mì a vuu de là. Arrivederci (esce)

ZERBINOTTI          arrivederci! M’hanno preso per un funzionario del Ministero...che faccio? Sarà meglio sparire dalla circolazione

RODA                 (entra con il seguito) ecco il nostro carissimo ospite. Ci deve scusare ma capirà, le ragioni di stato prima d’ogni cosa. Beviamo un goccetto?

ZERBINOTTI           signor sindaco, mi deve scusare, ma non sto tanto bene

RODA                       oh! Cosa c’ha?

ZERBINOTTI            forse ho bevuto troppo                                                    pag. 48

PACCIOTTI              senza forse!

RODA                        vuole che le faccia fare una camomilla?

ZERBINOTTI           no, grazie, preferisco  tornare in albergo

RODA                       va bene, non insisto. Vorrà dire che domani mattina vengo in albergo a prenderla e l’accompagnerò in giro per le nostra città per un’accurata visita.

ZERBINOTTI          va bene. L’attenderò

RODA                       (porgendogli una rivista) e intanto prenda anche questa rivista e se la legga stanotte

ZERBINOTTI           una rivista!?

RODA                      (avvicinandosi sottovoce) la apra in albergo e vedrà che bella sorpresa. Farà sogni d’oro!

ZERBINOTTI            (prende la rivista) grazie

RODA                         dovere, caro il mio Zerbinotti, dovere

ZERBINOTTI            allora signori, grazie di tutto ed arrivederci. (saluti a soggetto ed esce) Vado perché mi gira proprio la testa

RODA                   e l’è passada anca questa

MAGNONI            ma perché ta gh’éét regalaa ul giurnaal?

RODA                   oh, car Signuur! in mèzz a gh’ù metüü dent il mio obolo. Inscì a stèmm tranquilli

PACCIOTTI          cert che l’era ciucch cumè una mina

STROZZI               però l’è anca simpatich

SCARSELLA         a mì ‘l ma pareva un puu tròpp sbrufùnn

RODA                    ma l’è geent de altar livèll. Geent che cünta. (suona il campanello) Ul campanèll! L’avrà dimenticaa un quajcòss. (va ad aprire) Passerotti!
cussè che ta féét in giira st’ura?

PASSEROTTI          buonasera signori, posso?                                             pag. 49

RODA                      cussè che gh’è sucedüü?

PASSAROTTI         una disgrazia!

RODA                     chi l’è che gh’è moort?

PASSAROTTI         nessuno

RODA                      e alura?

PASSAROTTI          allora, stasera, in albergo è arrivato un Ispettore da Roma

RODA                       un altar?

PASSAROTTI         mi ha chiesto informazioni sull’amministrazione della città e poi, mi ha detto che domani andrà in Comune per un’ispezione

RODA                      ma se l’è apena andaa via adèss un ispetuur

PASSAROTTI         ma quello non è un ispettore

RODA                     come no!? Te minga dii tì che l’era del C.S.M.

PASSAROTTI       già! Infatti avevo sentito giusto, C.S.M.

RODA                     e alura?

PASSAROTTI        si da il caso che oggi è arrivato un fax indirizzato al sigor Zerbinotti della C.I.S.M.

RODA                     Consiglio Superiore della Magistratura!

PASSAROTTI         no! Carta Igienica Super Morbida!

RODA                     Passerotti, ta séét un pirla!

FINE

pag. 50

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno