Lo scarfalietto

Stampa questo copione

LO SCARFALIETTO

Lo scarfalietto

da La Boule, di Meilhac e Halévy

Commedia in tre atti

Personaggi

Felice

D. Gaetano

D. Anselmo

Raffaele

Antonio

Emma

Dorotea

Giacomino

Amalia

Rosella

Pasquale

Michele

Gennarino

Direttore del teatro

Nannina, ballerina

Emestina, ballerina

Cancelliere

1° e 2° giudice

Pubblico ministero

ATTO PRIMO

Camera da pranzo in casa di Felice. Porta in fondo e 2 laterali. Una finestra seconda a destra dello spettatore. In fondo a destra una credenza con piatti, bicchieri, posate ed un libro. A sinistra in fondo una cristalliera. Nel mezzo della scena una tavola apparecchiata per due. Sedie ecc. ecc.

SCENA PRIMA

Rosella, poi Michele.

ROSELLA (dal fondo):Nun nce sta nisciuno. Doppo la nuttata de stanotte starranno durmenno ancora. Mamma mia e che gente, manco la notte stanno cujeto.

MICHELE (dalla scena):Guè, Rusè, che d’è?

ROSELLA: So’ trasuta pe doje cose, primma, pe dì a lo signore che stammatina è venuta na persona che se vò affittà la casa a lo primmo piano, e pò vuleva sapè comme è ghiuto a fenì l’appicceco de stanotte.

MICHELE: E ghiuto a fenì, che doppo tanta strille, doppo tante allucche, la mugliera s’è addurmuta ncoppa a na pultrona, e D. Felice lo marito s’è addormuto nterra!

ROSELLA: Vui vedite che gente stravagante. Ma pecché fanno sempe quistione?

MICHELE: E pecché... e pecché D. Felice nun s’aveva nzurà accussì priesto, e pigliarse na capricciosa, na pazza comme a chella! Tutte cosa le dà fastidio, pe niente s’attacca li nierve. Le vularria fa attaccà io li nierve!

ROSELLA: Ma tu staje da paricchie tiempo a servì cu D. Felice?

MICHELE: Uh! Nce songo da 10 anne, da che murette la mamma, e fino a l’anno passato io nun era maje nu servitore, faceva chello che vuleva io. D. Felice nun ghieva a na parte si nun se purtava a me, mangiava a tavola cu isso, durmeveme dinto a uno lietto, insomma io era tutto. Da n’anno a chesta parte che s’è nzurato, io nun aggio avuto cchiù pace; da che faceva tutto chello che vuleva io, mò nun pozzo arapì manco la vocca. Ma si me riesce chello che sto facenno...

ROSELLA: Che staje facenno neh! Michè?

MICHELE: Niente, niente, mò nun te lo pozzo dicere! Vattenne mò ca si esce chell’arpia de la mugliera, siente li strille.

ROSELLA: Si dice buono, allora traso, a n’auto poco, pe sapè che risposta vonno dà a chillo signore che se vò affittà la casa. Statte buono. (Via pel fondo.)

MICHELE: Mò vedimmo si arrivo a chello che dich’io. Tanto fuoco aggia mettere, tanta cose aggia fà, fino a che D. Felice se sparte co la mugliera. (Dalla strada si sente suonare un tamburo, una cassa e piatti, con grande fracasso.) Ah! Eccoli ccà, so’ venute. (Corre alla finestra.) Jamme, belli figliù, ncasate la mano, forte... (Viene avanti.) A chiste le dongo meza lira a lo juorno pe le fà sunà cà sotto... mò vedimmo si nce riesco. (Di nuovo cassa, piatti e tamburo.)

SCENA SECONDA

Felice, poi Amalia e detti.

FELICE (d.d. dalla prima a destra):Mannaggia l’arma de le mamme voste! Guè, chiste hanno accomminciato n’ata vota a primma matina. (Fuori in veste da camera e berretto. Michele si ritira in fondo.) Mannaggia Chi v’ha allattate. (Corre alla finestra, gridando.) Neh, lazzaroni, scostumatoni! (Colpo fortissimo di tre strumenti insieme.) Levateve da lloco sotto, ca ve mengo na cosa ncapa! (Colpo c.s.) Voi per chi m’avete preso? Io sono un galantuomo. (Colpo c.s.) All’arma vosta!... E ccà si nun me ne vaco faccio fa la folla!

AMALIA (dalla prima a s. va alla finestra):Ecco ccà la solita grancascia e piattine, ecco ccà lo solito stunamiento.

FELICE: Sta cosa de li giocoliere a me nun me fa capace. Michè, va dà na lira a sti curiuse ccà sotto, e fannilli gghì.

MICHELE: Subito. (Via pel fondo.)

FELICE: Posso mai credere, che da nu mese, sti giocoliere venene sotto la fenesta mia, ogni mattina, all’istessa ora.

AMALIA: Accussì, spontaneamente.

FELICE: Senza che nisciuno le dice niente.

AMALIA: Senza che nisciuno le paga.

FELICE: Quaccheduno adda essere che le fà venì.

AMALIA: Quaccheduno nce ha da stà che le refresca.

FELICE: Io pe me, nun le refresco certo. (Io le refresco de n’ata manera.)

AMALIA: E io manco.

FELICE: è impossibile!... Pecché si chille nun sarriano pagate, nun venarriene a fà tanto fracasso. Io aggio appurato tutto cose, quei ridicoli, sono pagati da voi.

AMALIA: Da me? Ah! ah! ah! Mò me faje pure la parte faticata, chille so’ pagate da te.

FELICE: Da me? Uh! Io pagave a chille pe farle fà: Nfrunghete, nfrunghete, nfrù?

AMALIA: Sì, da te, che staje facenno tanta cose, pe me fà schiattà ncuorpe a me poverella. Da n’anno che simme spusate, io aggio perzo la pace, mò pe na cosa e mò pe n’ata, nun pozzo stà maje cuieta. Stanotte aggio fatta chella nuttata.

FELICE: E che l’avete fatta per me la nottata?

AMALIA: Se capisce, pecché tu m’haje fatta cocere co lo scarfalietto.

FELICE: Io? Voi l’avete messo nel letto... e po’ è succieso chillo guaio!

AMALIA: Uh! Io l’aggio miso! Io l’aggio truvato dinto a lo lietto. Vattenne, vattenne, briccone, sta vita nun la pozzo suppurtà cchiù, me ne voglio j, me voglio spartere, nun te voglio vedè cchiù (Via prima a s.)

FELICE: E io chesto vaco truvanno. Mannaggia l’arma de mammeta, vì che me sta facenno passà! Mò te acconc’io. (Via prima a d.)

SCENA TERZA

Michele, poi Rosella, poi Felice, indi Amalia.

MICHELE (dal fondo):Ah! ah! ah! Comme jammo bello! Mò vedimmo si nce riesco. A me n’ata mbroglia. (Va alla tavola.) Luvammo stu salvietto a D. Felice, e mettimmoce invece chisto. (Va alla credenza e prende dal tiretto una mutanda da uomo, piegata come una salvietta, in modo che il pubblico non se ne accorge, e la mette nel piatto.) Mò siente le rise!

ROSELLA (dal fondo con 2 piatti, uno con carne, e l’altro con 2 uova sode.) Michè, li patrune che fanno? (Li mette in tavola.)

MICHELE: Seh, che fanno?... Mò s’hanno fenuto de fà n’ata spellicciata.

ROSELLA: Mamma mia ma chiste fanno un’arte da la matina a la sera? Stanotte è succiesa chell’ammuina. Dich’io po’, quanno hanna sta accussì, èmeglio che se spartene.

MICHELE: E chello che dico pur’io.

ROSELLA: Invece che sta cujeto, nun le manca niente, so’ duje perzune, senza figlie... Ah!... leva lè! (Guarda verso d.) Uh! Zitto!... vene D. Felice. (Si ritirano in fondo.)

FELICE (con lettera):Michè, dite al guardaporta che portasse mò proprio sta lettera al suo indirizzo. Bada ch’è un’affare de premura.

MICHELE: Vulite ca la porto io stesso?

FELICE: Tu, lo guardaporta, chi nce addà j nce và. Basta che facite priesto.

MICHELE: Va bene. (P.a.)

AMALIA (con lettera):Michè, porta mò proprio stu biglietto al suo indirizzo. (Ce lo dà.)

MICHELE: Scusate, signò, aggia purtà primma sta lettera de lo marito vuosto.

AMALIA: La puorte doppo. La mia è di gran premura.

FELICE: La mia è urgentissima!

AMALIA: La mia è pressantissima!

FELICE: La mia è grandissima! (Uh! grandissima.)

ROSELLA: Va buono Michè, fa nu zumpo, e portele tutte e doje.

MICHELE: Mò ve servo subeto subeto. (Via.)

ROSELLA: Ma comme, signori, vuje mò avita stà sempe scujete, pe na cosa de niente v’avita piglià tanta collera?

FELICE: No, mò finisce tutto.

AMALIA: A n’atu poco s’accunciarrà tutte cose.

ROSELLA: Assettateve, facite colazione. Ccà sta la genovese, ccà stanno ll’ova, chesto che cos’è, site spusate da n’anno, v’avarrisseve da vulè bene, invece facite sempe chiacchere.

FELICE: Tu ntricete dei fatti tuoi.

AMALIA: Cheste so’ cose che a te non te riguardano.

FELICE: Tu sei una serva, e sta al tuo posto.

AMALIA: Vattenne fore.

FELICE: Vattenne dinto a la cucina.

ROSELLA: Eccome ccà me ne vaco. Si aggio parlato è stato pe bene vuosto. (Che me de preme a me, nun fà che s’accidene tutti e duje.) (Via pel fondo. Fel. ed Amalia: si sono seduti a tavola, l’uno di fronte a l’altra. Pausa. Si guardano. Lazzi.)

AMALIA: (Vuò sapè la verità... mò mangio, si no me faccio secca secca, io moro, e chillo se ne piglia a n’ata! No chesto maje, nun nce l’aggia dà per vinta). (Si volta per mangiare facendo molto rumore con i piatti e le forchette.)

FELICE ( dopo pausa, guarda 2 o 3 volte i piatti):(Mò mangio pur’io!... E si no chella se combina tutte cosa!). (Senza avvedersene, mette la mutanda alla gola, come la salvietta.) L’ho messo io lo scarfalietto dentro al letto?

AMALIA: E che l’ho messo io?

FELICE: Va bene, questo poi si vedrà. (Tutti e due padando a sogg.:prendono le forchette, ed insieme afferrano una sola fetta di carne. Pausa. Si guardano.) Ma vedete che stongo appezzanno, e lasciateme appezzà!

AMALIA: E io pure steva appezzanno.

FELICE: Ma a me, me pare, c’appizza prima il marito.

AMALIA: No, no, mio caro, sei in errore, appizza prima la moglie.

FELICE: Ma niente affatto, prima il marito.

AMALIA: No, prima la moglie. Ma già, non è questo e non è quello, è che mi vuoi contrariare in tutto. Tu haje visto che io steva mangianno, e haje ditto: Io a chesta nun l’aggia fà mangià, la debbo torturare, la debbo far soffrire!... Non è vero? haje detto questo? Sì? E va bene!... Nun mangiamme cchiù. E fatto. (Lascia la forchetta e gli volta le spalle.)

FELICE (pausa):E nemmeno io voglio mangiare! Stammece diune comme a duje cane. (Lascia la forchetta.)

AMALIA: Già, questa è l’educazione che avete ricevuto da vostro padre... nu baccalajuolo!

FELICE: Mio padre non era baccalajuolo, era negoziante de baccalà. Capite?

AMALIA: E non è l’istessa cosa?

FELICE: Ricordatevi invece di vostra madre, ch’era purtusara, se pigliava 5soldi lo buco!

AMALIA: Mammema! (Alzandosi:) Guè nun parlà de mammema sà, che nce ncuitammo seriamente!

FELICE (alzandosi lascia vedere la mutanda):E voi non parlate di mio padre.

AMALIA: Uh! (Ridendo.)

DIRETTORE: Chillo che s’ha puosto nganna? Nu cazunetto?!

FELICE: E io comme tengo stu coso nganna? (Se lo toglie.) Va bene... questo è stato un altro scherzo che m’avete fatto, m’avete combinato lo sottocazone dinto a lo piatto?

AMALIA: A me? Aveva essere pazza, faceva lo scherzo cu isso.

FELICE: Intanto si mò me vedeva quaccheduno, facevate ridere sulle mie spalle.

AMALIA: E tu chesto faje sempe, faje ridere.

FELICE: No, m’è piaciuto, invece del salvietto, il calzonetto. Ma questo, cara signora, lo porterò in tribunale; lo farò vedere al Presidente. (Lo mette sulla credenza, e da questa prende un libro.)

AMALIA: Faje vedè na bella cosa!

FELICE: Mangiate voi, perché io non tengo appetito.

AMALIA: Oh! Meno male, accussì sto cuieta. (Si mette a mangiare.)

FELICE (apre il libro, ed appoggiandolo alla bottiglia dell’acqua, si mette a leggere).

AMALIA (prende la bottiglia e fa cadere il libro, e si versa un bicchiere d’acqua).

FELICE (prende la bottiglia del vino e fa lo stesso).

AMALIA: St’acqua assoluta com’è disgustosa. (Prende la bottiglia del vino per metterne un poco nell’acqua, e fa cadere il libro.)

FELICE: Ma insomma, stu coso addò vulite ca lo poso?

AMALIA: Miettele addò vuò tu.

FELICE: E voi m’avete levato lo primmo e lo secondo puoie da dereto... po’ dicite che so’ io.

AMALIA: Nun nce aggio badato, si no nun te deva tanta confidenza.

FELICE: Nun aggia leggere neppure? E non leggiamo! (Chiude il libro.)

SCENA QUARTA

Michele e detti, poi Rosella.

MICHELE: Li biglietti so’ state portate.

FELICE: Bravissimo.

MICHELE: Eccellenza, forse nce sta Rosella che ve vò parlà.

FELICE: Mò non è ora.

AMALIA: Pecché non è ora?

FELICE: Pecchesto. Pecché io sto facenno colezione... ossia sto facenno, sto guardanno...

AMALIA: E io voglio sentì che vò.

FELICE: E io no!

AMALIA: E io sì!

FELICE: Ma io sono il marito, e la moglie deve stare sottoposta al marito.

AMALIA: No, no, no, t’inganni, sei tu che devi stare al disotto di me.

FELICE: Quando lo voglio io! Come s’intende? Mò per qualche gentilezza che vi ho usato.

AMALIA: Che gentilezza... Michè, falla trasì, vedimmo che vò.

MICHELE (in fondo):Trase Rosè. (Ros. entra.)

FELICE: Che cosa volete?

ROSELLA: Signò, nce sta na persona che se vularria affittà la casa a lo primmo piano.

AMALIA: E ommo, o è femmena?

ROSELLA: Signurì è na femmena.

AMALIA: Ah! è na femmena? (Guardando Felice a denti stretti:) è na fem... me... na...

FELICE: E c’aggia fà ch’è na fem... me... na?

ROSELLA: M’ha dato stu biglietto de visita, signò liggite. (A Felice.)

FELICE (legge).

DIRETTORE: «Emma Carcioff, ballerina».

AMALIA (c.s.):Ah!... è na ballerina?... E tu che l’haje ditto?

ROSELLA: L’aggio ditto ca lo patrone nun vuleva affittà la casa a femmene senza uommene.

AMALIA: E essa c’ha risposto?

ROSELLA: M’ha ditto che ogge vene a parlà nu signore co lo patrone.

AMALIA: Nce perde la venuta.

FELICE: Ma pecché nce perde la venuta?

AMALIA: Pecchesto. Pecché nun voglio che dinto a casa che t’aggio portato pe dote, e che m’ha lassata la felice memoria de mammà, nce jesse ad abità na femmena de chesta.

FELICE: Ma in questo modo la casa non la fitteremo mai.

AMALIA: E che me ne mporta, resterrà sfittata, nce metto le palumme dinto.

FELICE: Ma oggi, presentemente, il padrone sono io.

AMALIA: No, la padrona so’ io, la casa è roba mia.

FELICE: Stai in errore, mia cara, prima era tua, ma mò è de la mia.

AMALIA: Chesto lo vedimmo a n’atu poco. Rosè, vattenne.

ROSELLA: Ma vedite...

AMALIA: Vattenne, t’aggio ditto, si no te mengo na cosa nfaccia.

ROSELLA: Eccome ccà. (Via.)

FELICE: (Te mengo na cosa nfaccia, e io ccà che so’, n’attaccapanno).

AMALIA: Haje ditto che la casa era roba toja?

FELICE: Se capisce, e io per la casa ti ho sposata!

AMALIA: Ah! Neh? E va buono, chesto a n’atu poco lo vedimmo, si è oba toja, o è roba mia. Capirai che questa è una cosa che la deciderà il tribunale, non la puoi decidere tu certamente, che sei un cretino, na bestia! No, me piace l’idea: La casa è roba mia!... Insomma tu sei il proprietario?... Ma... proprietariodi che cosa sei? Di baccalà forse? Tu puzzi di baccalà che appesti!

FELICE: Ma che tengo la scella de baccalà dinto a la sacca!?

AMALIA: Vò fa l’ommo, se mette in tuono... La casa è roba soja. Mò, mò, a n’atu poco vedimmo de chi è. Mò, mò. (Via prima a s.)

FELICE: Insomma essa ordina, essa comanda, e io m’aggio sta zitto.

MICHELE (levando la tavola dal mezzo la mette in fondo a s.):Ah! D. Felì, che facisteve, ve isteve a nzurà, stiveve accussì bello.

FELICE:Ti ricordi? Ti ricordi, amico mio che vita felice era la mia?... Te ricuorde... de chisti tiempe...

MICHELE (dando la voce):Fattenne n’ata magnata.

FELICE: Che cosa?

MICHELE: De fiche trujane?

FELICE: Nun pazzià, pecché chisto nun è tiempo de pazzià. Ti ricordi quei divertimenti, teatri, cene, feste, e mò quanno le pruove n’ata vota?

MICHELE: So’ chello de lo ciardeniello overo!

FELICE: Dalle dà; io dico quanno le pruove n’ata vota quei divertimenti.

MICHELE: E che vuò pruvà cchiù.

FELICE: Sì, ma mò è finito tutto. Ho mandato a chiamare l’avvocato, e me voglio spartere assolutamente, assolutamente. (Via prima a d.)

SCENA QUINTA

Rosella, Anselmo e detto, poi Antonio, indi Felice.

ROSELLA (dal fondo):Favorite, favorite, da chesta parte, diciteme chi site. (Ans. si ferma sotto l’uscio.)

MICHELE: (Uh! Chi è? Lo scarrafone de lo campo!).

ANSELMO: Dite alla signora, che io sono Anselmo Raganelli l’avvocato, che poco prima m’ha mandato stu biglietto. (Lo mostra.)

ROSELLA: Va bene, mò ve servo, aspettate nu mumento. (Via prima a s.)

MICHELE: Scusate voi siete avvocato?

ANSELMO: Civile e Penale.

MICHELE: E vuje cu chesta faccia, cu chesta figura v’azzardate a fà l’avvocato?

ANSELMO: Statte a vedè, che pe fà l’avvocato, nce vò la faccia e la figura; la lingua dev’essere buona.

MICHELE: E me ne so’ accorto.

ROSELLA: La signorina ha ditto che trasite dinto. (Via pel fondo.)

ANSELMO: Prontissimo. (Sogg. col servo poi via prima a s.)

MICHELE: Adda essere curiuso chillo quanno difende qualche causa. (Ridendo.)

ANTONIO (dal fondo):E permesso?

MICHELE: Chi è?

ANTONIO: è in casa il Signor Felice Sciosciammocca?

MICHELE: Sissignore, diciteme chi site.

ANTONIO: L’avvocato Antonio Saponetto.

MICHELE: Saponetto? (Guardandolo.) (E chillo me pare nu cerotto). Vi vado subito ad annunziare. (P. a d.) Ah! ecco ccà lo patrone.

ANTONIO: Caro D. Felice.

FELICE: Pregiatissimo Signor Avvocato, con quant’ansia v’aspettavo. Senza cerimonie posso offrirvi qualche cosa? (Pigliandosi il cappello e mettendolo sulla credenza.)

ANTONIO: Oh! grazie. (Michele dà le sedie.)

FELICE: Na piccola cosa.

ANTONIO: Ma niente grazie.

FELICE: (Michè, va a lo cafè de rimpetto, e fa venì na giarra d’orzata con 3 paste, ma mò proprio).

MICHELE: (Mò ve servo). (Via fondo.)

FELICE: Mi dovete scusare se vi ricevo in questa stanza, ma, per andare in galleria bisogna passare per avanti a mia moglie, e io non voglio.

ANTONIO: Ma non fa niente, grazie, ditemi, di che si tratta?

FELICE: Signor Avvocato, voi mi dovete ajutare, voi dovete essere il mio salvatore, Sig. Avvocato io sto nelle vostre braccia.

ANTONIO: Ma se non mi dite?

FELICE: Io mi voglio spartere da mia moglie.

ANTONIO: Una separazione.

FELICE (lazzi):Ma senza perdere tempo. Voglio spendere qualunque somma, doppo che se ne devono andare 40, 50lire, non me n’importa.

ANTONIO: Ma 40 50 lire non bastano. (Ridendo.)

FELICE: Quelle che so’... 55, 56, 57... io sono ricco e non bado al danaro. Signor Avvocato da un anno che mi sono ammogliato, ho perduta la pace, non sto una giornata quieto, insomma, domando la separazione.., e tengo mille ragioni per averla.

ANTONIO: Benissimo. Ditemi quali sono queste ragioni.

FELICE: Ecco qua, mò ve dico io la vita che passo. La mattina verso le 7, mentre sto dormenno saporitamente, sono svegliato da na grancassa, da nu tammurro de piattine, tre sfelenze vengono a fare i giochi sotto la mia finestra.

ANTONIO: Ma scusate, qui non c’entra vostra moglie.

FELICE: C’entra, c’entra, pecché essa li paga pe le fà venì.

ANTONIO: Possibile!?

FELICE: Possibilissimo. Seh, e chesto ched’ è? Io tengo lo cazunetto... mò ve lo faccio vedè.

ANTONIO (ridendo):Il calzonetto?

FELICE: Già... n’ata cosa che m’ha fatto; ma questo è niente. Verso le 11, voglio fà colezione, essa dice che nun tene appetito, vò fà colezione a mezzogiorno, e quindi a mezzogiorno s’ha da cucenà n’ata vota. Quanno io voglio mangià ragù, essa vò mangià menesta, quanno io voglio mangià menesta, essa vò ragù. Ma questo non lo fa perché vuol mangiare ragù, ma lo fa per... come si dice... per...

ANTONIO: Per ostacolarvi.

FELICE: Bravo. Per olastocarmi.

ANTONIO: Ostacolarvi.

FELICE: Ostalocarmi.

ANTONIO (ridendo):No, no, no...

FELICE: Avvocà, nun mporta, io sto nervoso, e nun ncarro. Per esempio, Signor Avvocato, io vado pazzo per i faggioli, e come, dentro un anno nun me l’ha vuluto fà maje. Pecché dice che so’ cibi cattivi’ cibi che fanno male.

ANTONIO: Eh!... Ha ragione.

FELICE: Sì, questo va bene, forse c’è un poco di ragione, perché i faggioli sono saporosi... ma... so’ nu poco scostumate! Ma una volta ogni tanto. Oh! Quanno ascimmo, si io voglio j ncarrozza, essa vò j appede, si io voglio j appede, essa vò j ncarrozza. Quanno io sto allegro, essa sta di cattivo umore, quanno io sto de cattivo umore, essa sta allegra, vi assicuro che facciamo sempe cane e gatte, è una vita che non la posso sopportare, Sig. Avvocato, voi mi dovete aiutare. (Pausa.)

ANTONIO: Sentite, io non saprei che rispondervi, tutto quello che mi avete detto, è niente, proprio niente.

FELICE (pausa guardandolo):Avvocà, è niente?

ANTONIO: Caro D. Felice, non sono ragioni per avere la separazione. Ve pare ca lo Presidente se pò ncarricà de lo cazunetto, de li fasule?

FELICE: E pecché? Posso trovare un Presidente che le piacene i faggioli, e me dà ragione.

ANTONIO (ridendo):Uh! D. Felì, stateve zitto!... Una cosa potremmo vedere.., invocare la incompatibilità di carattere.

FELICE: Bravo, chesta è essa, la incolatibilibà.

ANTONIO Incompatibilità.

FELICE: Incompatibilibà... Incomatitilibà.

ANTONIO: Incompatibilità. (Ridendo.)

FELICE: (Ma ch’è na parola cu 7 B?).

ANTONIO: Ma difficilmente ne potremo ricavare niente. Queste cose in faccia alla legge sapete cosa sono? Futilità. (Poca pausa.)

FELICE: E già... quello presidente dice, mio caro queste non sono ragioni.., queste in faccia alla legge sono fuit...

ANTONIO: Futilità.

FELICE: Ho capito, ho capito. (Io mò si dico sta parola, sa che malaparola m’esce da la vocca.)

ANTONIO: Non avete qualche ragione più positiva?

FELICE: Na ragione più positiva?... Ah! Aspettate, ve voglio raccontà lo fatto de stanotte.

ANTONIO: Ah! Vi è un fatto?

FELICE: Nu fatto? Io me moro de suonno! Sentite. Sul principio che me la sposai, essa mi fece capì che la notte durmeva co la lampa, al contrario di me, che se la stanza nun sta a lo scuro io nun pozzo piglià suonno.

ANTONIO: Guardate un po’, due abitudini diverse.

FELICE: E già, che questo è stato: ma pure per contentarla nce appicciaje la lampa. Due o 3 giorni dopo, la notte vaco a me scetà, e la trovo assettata mmiezo a lo lietto. Neh, Amà, e tu che fai, perché non dormi? Pecchesto. Io non posso pigliare sonno, chella lampa è troppo miccia, io voglio n’ata lampa. Allora io cu na bella pazienza, nce appicciaje n’ata lampa, e così stette cuieto pe nu pare de mise. Doppo sti 2 mise, na notte me vaco a scetà, e nun la trovaje dinto a lo lietto! Vaco vedenno pe la casa e nun la trovo, addo la trovo, fore la loggia!... Tu che faje loco fora? Trase dentro, tu può piglià nu raffreddore... No, io voglio sta qua, pecché io nun tengo tutte le comodità de la casa mia, io nun pozzo durmì pecché sto troppo all’oscuro... io voglio n’ata lampa!

ANTONIO: Una terza lampada?

FELICE: Avvocato mio, chella cammera e lietto pare na galleria! Basta, pe levà ogni quistione, nce appicciaie n’ata lampa. Ma però, sapite io che faceva, verso l’una doppo mezanotte, che essa, s’era addormuta, scenneva de lo lietto zitto zitto, e stutava la lampe. (Ridendo.)

ANTONIO (ridendo):Bravo, un bel ritrovato.

FELICE: Eh, pe dormì io, si no durmeva sulo essa. E ho fatto questo pe na bello poco de tiempe. Stanotte, doppo nu poco che io aveva stutato le lampe, ho inteso a essa che gridava comme a na pazza. Ah! Chi ha stutato le lampe, chi è stato... Chi lo sa, moglie mia, se saranno stutate a pe loro. No, sei stato tu, che hai deciso di farmi morire, me vuò fà venì na cosa a me poverella... Nu fracasso, avvocato mio! è curruta la serva, lo servitore, lo guardaporta, la folla sotto a lo palazzo accussì... se credevene ch’era incendio! Basta doppo tant’ammuina, doppo tanta strille, aggio appicciate le lampe n’ata vota, essa s’è addurmuta a nu pizzo de io lietto... io a n’ato... perché comprenderete bene caro Avvocato cu tutte sti cuntraste che succedene ogne sera... essa sta a nu pizzo de lo lietto... io a n’ato... Quando tutto nzieme, so’ ghiuto pe stennere la gamma, e mi sono inteso scottare nfaccia lo purpone. (Mostra il polpaccio.)

ANTONIO: No, no, polpaccio, volete dire...

FELICE: Nonsignore... avvocà... qua vedete, nfaccia lo purpone (c.s.).

ANTONIO: Ho capito, ma si dice polpaccio.

FELICE (pausa):Io sempre porpone ho detto.

ANTONIO: E dite male. Si dice polpaccio.

FELICE (c.s.):Forse in legge?

ANTONIO: Uh! In legge. (Ridendo.) E che fa, la legge cambia le parole?

FELICE: Basta, chiammatelo comme vulite vuje. (Mò m’avessa disgustà a chisto pe via de lo porpone?) Dunque, vado a vedè, e chella che era neh? Una bottiglia piena d’acqua bollente.

ANTONIO: Oh! Ma questa poi non è una cosa strana. Tutti l’usano all’inverno. Specie in alta Italia. A Torino, a Milano, a Genova.., tutte le famiglie. E l’ho usato anche io... sicuro; sapete come si chiama? Il monaco.

FELICE: Ah! Già, avete ragione, l’ho inteso dire anch’io... sicuro.., il monaco... Basta, so’ ghiuto pe m’avutà, e ho visto che vicino a mia moglie, nce steva...

ANTONIO: Il monaco!

FELICE (pausa):Avvocà dicimmo la butteglia, mi suona così brutto a l’orecchio st’affare de lo monaco vicino a muglierema.

ANTONIO: Allora dite scaldaletto.

FELICE: Bravo, dicimmo scarfalietto.

ANTONIO: E chi l’aveva posto nel letto?

FELICE: Essa, essa, e si no chi nce lo metteva. Basta, io me so’ ntiso scuttà, e co lo pede l’aggio vuttata la via soja, essa me l’ha vuttata la via mia, votta io, e votta tu... avvoca, là s’è rotta la bottiglia!... Ma nuje nun nce ne simme accorte, doppo nu poco che m’era addurmuto, sento na cosa calda, le gamme nfose, vaco a vedè, e veco lo lietto tutto nfuso ma di un’acqua tiepida... vedete quanto, Signor Avvocato (ridendo) io era andato a l’idea che fosse stata una mia mancanza involontaria!

ANTONIO: Ah! ah! ah!... Questa è veramente da ridere. (Ride in modo da impedire a Fel. di parlare.)

FELICE: Avvocà, non ridete che me tuccate i nervi. Io le sto contanno chisti guaje, e chille rire. Insomma Avvocà, io lo scarfalietto non lo voglio vedere più.

ANTONIO: Ditemi na cosa, essa v’ha portato dote?

FELICE: Sissignore, questo palazzo de casa.

ANTONIO: Non l’avete mica mangiato?

FELICE (pausa):Per dote m’ha portato stu palazzo de casa.

ANTONIO: Lo capito, non l’avete mica mangiato?

FELICE: Lo palazzo de casa?

ANTONIO: Uh! Lo palazzo de casa. (Ridendo.)

FELICE: E che era nu pasticciotto?

ANTONIO: Ma no, io dico è intatto com’era?

FELICE: Ah! Sì, sulo lo cornicione si deve rifare.

ANTONIO: Ma no, voglio dire, è pulito?

FELICE: Sicuro, da poco nce aggio fatto fà la facciata.

ANTONIO: Che facciata? Io dico ci sono ipoteche?

FELICE: Sissignore, quatte puteche.

ANTONIO: Ma no, se ci sono iscrizioni?

FELICE: Sì, ncoppa a le puteche nce sta la scrizione.

ANTONIO: No (ridendo), io voglio sapere, se è intatto, se ci sono ipoteche, se ci sono debiti insomma.

FELICE: Ah! Ho capito. Niente Signor Avvocato, intatto. Voi sapete che papà m’ha rimasto bene. E pe causa de stu palazzo de casa, nce stanno pure sempe quistioni. E ogne mumente, lo palazzo de casa mio, lo palazzo de casa mio. Signor Avvocato, mi credete, io, vengono certi giorni, che quando mi ritiro, nun vularria truvà lo palazzo de casa.

ANTONIO: Oh! Non lo dite neppure. Ditemi un’altra cosa, in tutti i contrasti che avete avuti, ci sono state persone presenti?

FELICE: Persone presenti... Sì, Michele lo servitore, Rosella la serva.

ANTONIO: E no, queste sono persone vostre salariate, voi dovreste avere dei testimoni estranei. Prima di tutto, dovete mostrarvi con vostra moglie, dolcissimo, non contradirla, in niente, e quando vi è un estraneo presente, un amico, uno qualunque, fate in modo che il contrasto cominci da lei, che vi dicesse delle parole insolenti, che vi minacciasse, e se tocca, che vi desse uno schiaffo. Se noi abbiamo uno schiaffo, siamo a cavallo.

FELICE (pausa):Lo dovete avè pure voi lo schiaffo?

ANTONIO: No, no, voi solamente!

FELICE: No, perché voi avete detto, se noi abbiamo uno schiaffo.

ANTONIO: Ah! Va bene, ma noi altri avvocati parliamo sempre in persona plurale.., facciamo, diciamo ma sempre voi...

FELICE: Io aggia avè lo pacchero. Ho capito, ho capito! E avendo uno schiaffo, posso avere la separazione?

ANTONIO: Oh! Senza dubbio, ma sempre cu nu pare de testimone presenti, uno pure basta.

FELICE (s’alza):Va bene.

ANTONIO: Quando sarà successo questo, me lo farete sapere, mi farete conoscere il nome, o i nomi dei testimoni, l’abitazione, così noi li citeremo, e non dubitate che riusciremo a l’intento.

FELICE: Va bene, Sig. Avvocato, vi ringrazio tanto tanto. (Dandogli il cappello.)

ANTONIO: Oh! Niente. Siate docile, siate buono, acconsentite a tutto quello che dice lei.

FELICE: Va bene, non ci pensate... arrivederci. (Strette di mano.)

ANTONIO: Arrivederci.., prego, non v’incomodate. (Via pel fondo.)

FELICE (seguitando ad inchinarsi sotto la porta poi parlando verso l’interno):Accompagnate l’avvocato. (Viene avanti.) Aggia d’avè nu paccaro. Pe venì lo cuntrasto, nun nce vò niente, ma le testimone? Mò me vaco affaccià lo balcone, chi sà passa qualche amico, quando lo chiamme, saglie, aggio nu paccaro e se ne và.

SCENA SESTA

Amalia e Anselmo, poi Felice indi Rosella.

ANSELMO: Dunque signò arrivederci.

AMALIA: Arrivederci Signor Avvocato e vi raccomando.

ANSELMO: Eh! io ve l’ho detto, dipende da voi. Siate docile, ubbidiente, e fate che l’appicceco vene da isso, sempre co la testimone presente.

AMALIA: Va bene, non dubitate, nce pens’io.

ANSELMO: E di nuovo. (Via pel fondo.)

AMALIA: Mò vedimmo si nce riesco. (Prende un libro e si siede leggendo.)

FELICE: (Nun è passato nisciuno, nce steva lo castagnaro a lo puntone, puteva chiammà lo castagnaro? Ah! Quanto pagherei mò n’amico, na persona qualunque. Che veco, essa sta ccà... te voglio accuncià io, te voglio). (Siede, caccia una sigaretta, l’accende e incomincia a fumare.) (No... aspè... mò stuto la sigaretta, pò essere che ncoppa a lo tribunale dice ca lo fummo le fa male.) (Getta la sigaretta.)

AMALIA (con modi gentilissimi):Felì, pecché haje stutata la sigaretta?

FELICE (c.s.):Perché mi sono ricordato che il fumo ti fa male.

AMALIA: No, anze, me fa piacere, fuma, fuma marito mio.

FELICE (pausa):(E quanno maje? Io era privo, e piglià na sigaretta mmano!).

ROSELLA (dal fondo):Signò, fore nce sta nu signore che vò parlà cu vuje.

FELICE: Chi è?

ROSELLA: Lo nomme nun m’ha vuluto dì. Dice che v’ha da parlà de la casa a lo primmo piano.

FELICE Fatelo entrare. (Ros. via.)

AMALIA: Felì, io me ne traso dinto.

FELICE: E perché, tu puoi restare liberamente.

AMALIA: No, sarebbe un’imprudenza, quando un signore viene per parlare d’affari che la moglie fosse presente. Parlaci tu con questo signore, e poi se vuoi mi fai sapere qualche cosa. Capirai che se ho voluto sapere qualche cosa per lo passato, è stato così... sai per semplice curiosità, non per altro. Del resto tu sei il padrone di fare tutto ciò che ti pare e piace. (Azione di Fel.) Perché tu, sei la perla dei mariti... sei il modello dei mariti. Io dubitare dite? Oh! No, non ci ho mai pensato a questo, né ci penserà giammai. Hai capito? Maretiello mio bello bello bello! (Azione di Fel.) Parlaci tu con questo signore, vedi prima che cosa vuole, cosa desidera, e poi se credi, ma se vuoi... mi fai sapere di che si tratta... marito mio caro, caro, caro! (Via prima a s.)

FELICE (pausa):E io mò esco pazzo!... E io accussì lo paccaro nun l’aggie maje!

SCENA SETTIMA

Gaetano e detto.

GAETANO (d.d. dal fondo):èpermesso?

FELICE: Favorite. (Gaetano tipo di vecchio elegante. Comparisce sotto la porta e si ferma.) (Uh! chisto se n’è fujuto da ncoppa quacche scatolella de cerine!)

GAETANO: D. Felice Sciosciammocca?

FELICE: Sono io, a servirvi.

GAETANO: Favorirmi sempre. (Mette il cappello sulla credenza.)

FELICE: Accomodatevi. (Gli dà la sedia.)

GAETANO: Grazie. (Siede, restando fermo in una posizione comica.)

FELICE (lo guarda, pausa):(Chillo cancaro de guardaporta m’ho cumbina sempe, sapete). Signore, avete sbagliato, non è qua, è all’ultimo piano.

GAETANO (senza muoversi):Che cosa?

FELICE: La fotografia.

GAETANO: E c’aggia fà co la fotografia?

FELICE: Voi vi volete fare il ritratto?

GAETANO: Niente affatto, io voglio parlare con voi.

FELICE: E voi ve siete posto in posizione. (Imitandolo.)

GAETANO: Ah! Ho capito... Quella è graziosità che tengo io. Io sono tutto grazioso!

FELICE: (Bello bè). (Siede.)

GAETANO: Voi mò volete sapè io come mi chiamo, ma quando vi dico quello che so’ venuto a fare, che ve n’importa, che ve n’importa, che ve n’importa?

FELICE: Voi se me volete dire bene, e se no che me n’importa, che me n’importa, che me n’importa.

GAETANO: Stamattina, è venuta una persona per affittarsi la vostra casa al primo piano?

FELICE: Sissignore, una certa Emma Carcioff, ballerina.

GAETANO: Per l’appunto, e l’è stato detto che il proprietario, non voleva fittarla a donne. (Marcato.)

FELICE: Sissignore, perché così vuole mia moglie... capite...

GAETANO (approva muovendo la testa comicamente).

FELICE: (Ma che tene la capa co le molle?!).

GAETANO: Me lo sono immaginato, perché forse, ha inteso ballerina, e va trova che se crede. Ma sapete che ci sono l’eccezioni, ci sono le buone, e le cattive. Emma... è un angelo! Emma... è un fiore di virtù!

FELICE (pausa guardandolo):(Ma che tene lo mustaccio sotto e ncoppa?). Ma scusate, a questa Emma voi che le siete padre?

GAETANO: Padre? (Ridendo comicamente.) Uh! Lo padre?

FELICE: E nun facite sta brutta faccia!

GAETANO: Sono uno che la voglio bene come una figlia, anze mò ve dico comme la cunuscette: Un giorno, mentre camminavo per via Caracciolo...

FELICE: Ah! Voi là andate a passeggiare?

GAETANO: Sicuro, spesso, al giorno.

FELICE: E là nce tira tutto quel vento?

GAETANO: Anzi, quando fa vento io là vado a passeggiare, mi fa tanto bene il vento.

FELICE: E vuje avita parè nu strummolo!

GAETANO: Perché?

FELICE: Perché quanno site trasuto ccà, avite avutato tuorno tuorno.

GAETANO: Ah! E quella è graziosità che tengo. Ve l’ho detto, io sono tutto grazioso.

FELICE: (Brutto, brù!).

GAETANO: Vi dico la verità, la sua bellezza mi colpì... essa andava avanti, e io appresso. Quando tutto insieme, viene nu forte temporale, tuone, lampe, e n’acqua tremenda. La poveretta stava senza ombrella, allora io colpii l’occasione, me nce accustaje, e le dissi: Signorina, riparatevi qui sotto. (Con voce bassa.)

FELICE: Lei si spaventò?

GAETANO: Che!... Anzi accettò l’invito e l’accompagnai fino a casa.

FELICE: A casa vostra?

GAETANO: A casa mia? Nun voglia maje lo Cielo!... Io sono ammogliato... chella si la vedeva mughierema la jettava da coppa a bascio!

FELICE: Ah! Voi siete ammogliato?

GAETANO: Sissignore. L’accompagnai fino a casa sua, e per istrada mi raccontò tutta la sua storia. Vi assicuro che mi fece tanta pena... e tanta pena...

FELICE: (Sì corta e chiena...).

GAETANO Me fece tanta compassione, che da 8 mesi non mi sono fidato di lasciarla.

FELICE: Ma lei non lo sa che siete ammogliato?

GAETANO: Ah! Oh! Ah! (Lazzi.)

FELICE: (Passa llà, pà!).

GAETANO: Essa nun sape niente. Vedete quanto, che appunto l’altro giorno, mi disse: Mio caro, perché non mi sposi? (Imitando la voce di donna.)

FELICE: E voi che le rispondeste?

GAETANO: Eh! Trovai subito la scusa. Le dissi che papà non vuole ch’io m’ammogli!

FELICE: Papà vostro?

GAETANO: Già!

FELICE: Scusate, papà vostro chi è Giacobbe? (E lo patre de chisto, o è Giacobbe o è Noè!)

GAETANO: Ah! Ho capito... volete dire ch’è nu poco vicchiariello?

FELICE: Nu poco?!... Col conto che me posso fare io... povero vecchio... ha da tenè... 124, 125 anne!

GAETANO: Eh! che dite? Papà tiene 42 anni.

FELICE: (Pe coscia!). Sentite, io pò avarria trovata n’ata scusa, l’avarria ditto: Mia cara, nun te pozzo spusà, pecché sto caccianno le carte pe la leva.

GAETANO: E nun nce lo poteva dicere questo, perché lei sa che io mi trovo già in terza categoria.

FELICE: Ah! Neh? E addò ve mettono a vuje, dinto a li vitarane?

GAETANO: Eh! Vitarane. A me mi hanno assicurato che sarà posto in uno dei più bei reggimenti.

FELICE: E quà reggimento?

GAETANO: Nella cavalleria di mare!

FELICE: (Ha da parè bello chisto, accavallo a nu cavallo marino!). Ma signore, vedo che volete scherzare.

GAETANO: No, io non scherzo.

FELICE: Oh! Ma scusate che entro nei fatti vostri.., lei perché se ne vuole andare da dove sta di casa?

GAETANO: Per la lontananza che tiene dal teatro. Essa abita sopra la Cesaria, è stata scritturata al Fondo capite, come pò fà la poverella andare e venire 4 volte al giorno? La vostra casa era proprio adatta... qua vicino, è a mezzogiorno, m’hanno detto che se pagano 70 lire a lo mese, io, se me la date, ve dà n’annata anticipata, l’ho portata co me, 840 lire.

FELICE: (Sangue de Bacco, sto pensanno na cosa... chisto sarrìa nu buono testimone, pe stu fatto, l’appicceco vene certo). Sentite, signore, io voglio interrogare prima mia moglie, pecché capite, io non faccio niente senza il suo consenso.

GAETANO: è giusto. Si vede che siete un marito proprio affezionato.

FELICE: Marito affezionato?

GAETANO: Sicuro.

FELICE: Ricordateve sta parola.

GAETANO: E perché?

FELICE: Pò essere che l’avita dicere ncoppa a na parte. (Chiamando s’alza:) Rosella.

SCENA OTTAVA

Rosella e detti, poi’Amalia, indi Michele e Gennarino.

ROSELLA: Comandate?

FELICE: Andate a dire a mia moglie, che se sta comoda, se le fa piacere, venisse un momento qua, che le debbo dire una cosa.

ROSELLA: Va bene. (A Gaet.:) Permettete. (Via prima a s., lazzi di Gaet. poi torna.)

GAETANO: Speriamo che se fa capace.

FELICE: Mio caro signore, io per me, ci ho tutta la buona intenzione speriamo che lei dicesse che sì.

GAETANO: Mò vediamo, na parola voi, na parola io...

ROSELLA: Ecco ccà la signorina. (Via pel fondo.)

AMALIA (sempre con modi gentilissimi):Eccomi qua marito mio.

FELICE: Cara Amalia.

GAETANO: Rispettabilissima Signora. (Lazzi nel salutare.)

AMALIA: Signore. (Salutando.)

FELICE: Moglie mia, il Signore qua, è venuto per fittarsi la casa al primo piano.

AMALIA: Con piacere, e avete fatto l’affitto?

FELICE: No, non ancora, sai che io non faccio niente senza il tuo consenso.

AMALIA: Il mio consenso!? E a che serve? Il padrone sei tu marito mio.

FELICE: No, moglie mia, la casa è roba tua, e tu ne devi disporre.

AMALIA: Ma che dici... il padrone sei tu, e quello che fai tu, sta tutto bene.

FELICE: Ma no, sei tu la padrona.

AMALIA: No, sei tu marito mio.

FELICE: No, sei tu...

AMALIA: Ma no, sei tu...

GAETANO: (Chiste quante so’ farenelle!).

FELICE: Dunque, ce la vogliamo dare?

AMALIA: Si tu nce la vuò dà, dancella.

FELICE: No, si nce la vuò da tu, nce la damme.

AMALIA: Se vuoi tu, per me io non nce la do.

FELICE: E io manco.

GAETANO: Sapete, voi non me la date per senza niente, io ve dongo 840 lire, n’annata anticipata.

FELICE: Ma non si parla per questo... mia moglie non sape ancora la casa pe chi serve, capite?

AMALIA (con ingenuità caricata):Ah! Non serve per lui?

FELICE: E no, percià ti ho chiamata. Il signore è ammogliato, abita con la moglie.

GAETANO: (Stateve zitto, nun facite sapè li fatte mieje!).

FELICE (seguitando):La casa serve per quella tale ballerina, Emma Carcioff. (Mò siente le botte!)

AMALIA (c.s.):Ah! E va bene... che male ci sta?

FELICE: Come!... Vuoi fittarla alla ballerina?

AMALIA: Voglio?... Ma io non voglio niente. Se tu credi, io so’ contenta, la tua volontà è pure la mia.

GAETANO: Brava. Vera moglie obbediente.

AMALIA: Moglie obbediente? (A Gaet. sotto voce:) (Ricordatevi sta parola!).

GAETANO: (E pecché me l’aggia ricordà?). D. Felice mò dipende da voi.

FELICE: Aspettate... (Me stracciaria tutte le panne da cuollo pe quanto è certa la morte!) Ma moglie mia cara cara, ma comme, tu stammatina eri tanto avversa a fittare la casa a la ballerina.., e mò?

GAETANO: E mò s’è fatta capace, e me la vò dà.

AMALIA: Ma nonsignore... quando mai? è stato isso che non l’ha voluta maje affittà.

FELICE: Io?, Oh! (Per inveire, s’arresta, ridendo poi a denti stretti:) Ma moglie mia cara cara... non dire bugie, tu mezz’ora fa, quanno nce l’ha ditto la serva, n’atu poco facive correre la cavalleria!

AMALIA: Io!?... Ma tu sei pazzo!

FELICE (subito):Pazzo?! (A Gaetano sotto voce:) (Signore, ricordatevi che m’ha chiammato pazzo!). Già haje ragione e chiammarme pazzo, perché se non ero pazzo, nun m’avarria sposata na stravagante comme sei tu.

AMALIA: Stravagante? (A Gaet. c.s.:) (Signore, ricordatevi che m’ha chiammata stravagante!).

FELICE (gridando):Signore, è un anno che io sto nell’inferno, questa non è una donna, è una tigre!

AMALIA: Tigre?! (A Gaetano:) (Signore, ricordatevi che m’ha chiammata tigre!).

GAETANO: (E ccà nce và nu quinterno de carta).

AMALIA: Vattenne, che tu non eri degno de spusarte a me.

FELICE: Io? Io ero un signore, tua madre era na purtusara. Signore (a Gaetano:) la madre pigliava 5 soldi a lo buco.

GAETANO: Chesto nun lo voglio sapè.

AMALIA: T’aggio ditto tanta vote, nun parlà de mammema. La famiglia mia ti ha nobilizzato!

FELICE: A me mi ha nobilizzato? Vattenne. (Dando una spinta a Gaetano: lazzi.) Io t’ho sposata senza cappello!

AMALIA: A me? Vattenne, baccalajuolo!

FELICE: Ah! (A Gaetano:) (Signore, ricordatevi che m’ha chiammato baccalajuolo!)

GAETANO: (Eh! Dalle sotto!).

FELICE: Vattenne, zantraglia!

AMALIA: Zantraglia?! (A Gaetano:) (Signore, ricordatevi che m’ha chiammata zantraglia!). (A questo punto viene dal fondo Michele con Gennaro, quest’ultimo, porta un cabaret con entro mezza granita d’orzata. Michele vedendo il contrasto, situa Gennaro in un angolo della scena, dicendogli con gesti d’aspettare, e va via pel fondo. Gennaro guarda i 3 maravigliato.) Signore, ma c’ato vulite sentere da stu puorco!

FELICE: Porco?! (A Gaetano:) (Signore ricordatevi che m’ha chiammato puorco!) (Poi tirandolo da parte:) Signore, come vi chiamate?

GAETANO (subito):(Mà me cagno lo nomme, m’avessa ncuità). Nicola Copierchio!

FELICE: Dove abitate?

GAETANO: Vico Mbiso n. 17. (Inceppato.)

FELICE: Benissimo. (Va a scrivere l’indirizzo sulla tavola in fondo.)

AMALIA (tirando da parte Gaetano):Signore, come vi chiamate?

GAETANO: Francesco Stoppa.

AMALIA: E abitate?

GAETANO: Strada S. Teresa n. 80.

FELICE (viene avanti):Signore, potete andarvene, che domani parleremo.

AMALIA: Signore, jatevenne mò, dimane parlammo.

GAETANO: Seh! State frische!... Chiste so’ duje pazze! (Via pel fondo correndo.)

AMALIA: M’haje chiammata zantraglia?

FELICE: Sì, zantraglia, zantraglia e mezza. (Dopo altre parole a soggetto dei due, Amalia dà un forte schiaffo a Felice e via prima a s. Pausa. Felice tenendosi la mano alla guancia, si volta e vede Gennaro, quindi correndogli vicino l’afferra pel braccio e lo porta avanti.) Haje visto? (Mostrando la guancia.)

GENNARINO: Eh! Aggio visto.

FELICE: E ghiammoncenne, jesce. (Trascinandolo in fondo.)

GENNARINO: Io aggia j a la puteca, io aggia j a la puteca! (Gridando, viano pel fondo.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

La scena rappresenta il dietroscena d’un teatro, 4 porte laterali e una nel mezzo in fondo. Sulla prima a sinistra sarà scritto: ORCHESTRA. Sulla seconda a sinistra: PALCOSCENICO. Sulla prima a destra: ATTREZZERIA E COMPARSE. Sulla seconda a destra: CUSTODE. In fondo: al muro a sinistra, vi sarà un cartello stampato che dice TEATRO FONDO - PRIMA RAPPRESENTAZIONE DEL BALLO PLUTONE. DEBUTTO DELLA PRIMA BALLERINA ASSOLUTA EMMA CARCIOFF. Al muro a destra in fondo altro cartello che dice: È VIETATO FUMARE. A destra fra le 2 porte un tavolo senza tappeto, con occorrente da scrivere, ed una lettera in busta chiusa. una sedia rustica dietro al tavolo, ed un’altra in fondo.

SCENA PRIMA

Pasquale, Direttore e 4 Comparse.

DIRETTORE (alle 4 Comparse):Jammo, facite priesto, vestiteve ca lo cuncierto mò principia. (Le 4 Comparse entrano una dopo l’altra nella prima a destra.) Ah! Mamma mia!... Me pare mill’anne che va in iscena stu ballo, non me ne fido chiù.

PASQUALE: Direttò, scusate, la prova generale aieressera jette malamente?

DIRETTORE: Uh! Fuje na rovina! A lo ballabile de lo secondo atto, succedette nu pasticcio! Lo primmo ballerino se n’avetta j pecché le venettene le dulure ncuorpo. La scena de la neve po’, jette proprio rovinata.

PASQUALE: E pecché?

DIRETTORE: E che saccio, dice che nun era pronta, lo macchinista sbagliaje, mentre steva la scena de cammera, ncoppa s’arapette la macchina, e cadette la neve primma de lo tiempo! Lo maestro de Ballo c’alluccava, lo mpresario peggio, e lo cetrulo jette a cadè ncuollo a me. Se dette pure la combinazione che aieressera stevene dinto a li palche, e dinto a le pultrone, paricchie gente pe vedè lo cuncierto.

PASQUALE: Vuje vedite lo diavolo!

DIRETTORE: Intanto poc’ato nce và pe lo cuncierto, e mancano ancora paricchie ballerine. Da aieressera tengo na capa tanto, nun ne pozzo cchiù. (Via pel palcoscenico.)

SCENA SECONDA

Gaetano e detto, poi Direttore.

GAETANO (dal fondo correndo):Neh! Pascà, Emma è venuta?

PASQUALE: No ancora.

GAETANO: Meglio accussì, pecché l’aggia dà na brutta notizia.

PASQUALE: Che notizia?

GAETANO: Chella vuleva essere affittata na casa loco vicino, sono andato dal proprietario, e non c’è stato modo de puterla avè. Nu marito e na mugliera duje pazze, c’aggia fà? Io ho fatto tutto il possibile, quanno nun ha potuto essere. Ma io aggio penzato, mò le scrivo nu biglietto, equanno vene nce lo daie. Tiene nu fuglietto e na busta?

PASQUALE: Ncoppa a chillo tavolino nce sta tutte cosa.

GAETANO (siede al tavolino e scrive):«Mia bella Emma, ho fatto tutto il possibile per fittare la casa, ma non ci sono riuscito. Spero che sarò da te compatito. Stasera ci rivedremo. Ama sempre il tuo eterno Gaetanuzzo».

PASQUALE: (Gaetanuzzo? Gaetanone!).

GAETANO (legge sotto la lettera, quando arriva alla parola «compatito» s’arresta):Ma si la capa nun nce stà...

PASQUALE: Ch’è stato neh. D. Gaetà?

GAETANO: Invece de compatito, aggio fatto... compatate.

PASQUALE: So’ bone, chella se fà a nzalata.

GAETANO: Basta, mò nce lo dico a voce, e che diavolo, ma ha da mangià. (Getta la lettera a terra presso il tavolo.) Dimme na cosa, Pascà. Emma quant’ato tiempo pò tricà?

PASQUALE: Eh, io credo ch’è prossima a venì, pecché a n’atu poco accummencia lo cuncierto.

GAETANO: Allora mò sa che faccio? Torno a n’atu quarto d’ora; Pascà, me faje lo piacere de dirle che nun è stata colpa mia, pecché so’ ghiuto là cu li denare mmane, e nun n’aggio cacciato niente.

PASQUALE: Va bene, ve servo.

GAETANO: Tiene, Pascà, pigliate li sigari.

PASQUALE: Oh! Lasciate sta...

GAETANO: Nonsignore, te l’haje da piglià, tiene. (Gli dà un soldo e va.)

PASQUALE: Grazie. (Poi guardando la moneta:) Vì comm’è splendido! Pigliate le sigari, e me mette nu soldo mmano! (Via in fondo e guarda.) Ah! ah! ah!... Vì comm’è curiuso!... A chell’età pretende de fà ammore. Chillo, mò che esce da lo teatro, nu colpo de viento lo mena pe ll’aria.

DIRETTORE (con orecchino in mano):Pascà?

PASQUALE: Comandate?

DIRETTORE: S’è truvato stu ricchino dinto a lo curreturo de la prima fila, l’avetta perdere quacche signora aieressera. Si te lo venene a cercà, te faje dicere comm’è fatto, e nce lo daje.

PASQUALE: Va bene nun dubitate. (Prende l’orecchino.)

DIRETTORE (alla porta delle comparse):Giovinò, facite priesto.

PASQUALE: Lo cuncierto è accumminciato?

DIRETTORE: Mò se sta pruvanno la mimica, doppo se provene li ballabile, e all’ultimo se provene le scene. Specialmente la scena dell’Inferno ch’è bella assaje, nce stanno cierti mostri cu tanta na capa!

PASQUALE: Vularria proprio vedè la scena quanno cade a neve.

DIRETTORE: Ah! Chella è na bellezza. (Via nel palcoscenico.)

PASQUALE: Vì che bello sciucquaglio, va trova chi l’ha perduto. (Prende la carta che ha gettato Gaetano.) Mettimmolo dinto a sta carta. (L’avvolge e se lo mette in tasca.)

SCENA TERZA

Antonio e detto, poi Dorotea.

ANTONIO (dal fondo):Pss, pss... custode? Sapete se è venuta la prima ballerina?

PASQUALE: (E chisto n’è n’ato!). Nonsignore, non è venuta ancora.

ANTONIO: Potrei attenderla sul palcoscenico?

PASQUALE: Nonsignore, là nun se pò trasì.

ANTONIO: è giusto, forse staranno facendo il concerto?

PASQUALE: Sissignore, lo ballo nuovo che s’ha da fà stasera.

ANTONIO: E qua posso aspettare?

PASQUALE: Qua, gnorsì, si vulite, ve putite pure assettà.

ANTONIO: No, grazie tanto, io sto sempre all’impiedi.

PASQUALE: Facite comme ve piace.

ANTONIO (cava di tasca una sigaretta, e accende un cerino).

PASQUALE (subito):No, no... signò, scusate... ccà nun se pò fumà... leggite llà.

ANTONIO: Ah! Avete ragione. (Guardando l’avviso a d.:) è vietato fumare. (Smorza il cerino.)

DOROTEA (dal fondo affannosa):Signori miei, scusate, lasciateme assetta nu poco, ho fatta una carrera da casa fino a ccà.

PASQUALE: Signò, a chi vulite?

DOROTEA: E nu mumento, lasciateme rifiatà, io songo nu poco chiattulella.

PASQUALE (ad Antonio):La signora è nu poco chiattulella. (Le dà la sedia.)

ANTONIO: (Nu poco? Chella me pare na vufera!).

DOROTEA (sedendosi nel mezzo):Mi dovete dire: quando si fa la perdenza di un oggetto qualunque a chi bisogna fare il domando?

ANTONIO: (Ah!).

PASQUALE: Ma perché? Avite perduto quacche cosa?

DOROTEA: Sissignore. Ieri sera, Gaetanino, mio marittimo, mi portò a questo triato, e mi prese un bel porchettino al primo piano per farmi vedere il concerto del ballo nuovo. Quando nce ne jetteme, infoscata di mente, mi dovette scappare l’orecchino da la recchia, senza che me ne accorgiò!

ANTONIO (ridendo):(Cu sciabola e sciaccò!).

DOROTEA: L’avete trovato?

PASQUALE: Ah, sissignore, è stato trovato nu ricchino, ma signò, scusate, m’avita dì comm’è fatto.

DOROTEA: Oh! è giusto. è un bel cianfo di cavallo, e in mezzo ci sta una bella pietra Diotelamanda.

ANTONIO: (è fatta l’elemosina). (Ridendo.)

PASQUALE: Volete dire, diamante?

DOROTEA: Scusate, in, pulito, si dice: Diotelamanda.

ANTONIO (a Dorotea):Lui poi non lo sa.

DOROTEA (ad Antonio):Non è troppo restituito.

ANTONIO: (A la faccia de mammeta!).

PASQUALE (le dà l’orecchino):Vedite si è isso.

DOROTEA: Oh! E propito luio!

ANTONIO: (Buh!).

DOROTEA: Eh!... Adesso vi spetta la mangianza.

PASQUALE: (Mò m’ha pigliato pe nu cefaro la signora).

DOROTEA (caccia dalla borsetta 2 lire, e conserva nella medesima l’orecchino):Tenete. Queste sono due livore.

ANTONIO: (E cecoria!... S’è proprio appiccecata co la grammatica!).

PASQUALE: Grazie tanto.

DOROTEA (alzandosi):Neh, ma qua com’è curioso.

ANTONIO: (Vì chi parla).

DOROTEA: Qua, forse, è il porcoscenico?

PASQUALE: Sissignore, il palcoscenico.

DOROTEA: E potrei trasire?

PASQUALE: Nonsignore, là, non si può trasire.

ANTONIO: (Siente lloco siè!).

PASQUALE: Llà trasene sule chille de la cumpagnia, si trase quaccheduno estraneo, io pago la multa.

DOROTEA: Oh! Allora me ne vache.

ANTONIO: (Statti bona!).

SCENA QUARTA

Emma e detti.

EMMA (dal fondo):Oh! Sig. Antonio. (Strette di mano.)

ANTONIO: Pregiatissima signorina Emma.

EMMA: Che fate qua?

ANTONIO (con molta passione):Attendeva voi.

EMMA (ridendo):Ah! Ah! Ah! (Poi chiamando:) Pasquale?

PASQUALE: Comandate?

EMMA: Sono venute mie lettere?

PASQUALE: Sissignore, una, eccola qua. (La prende dal tavolo e gliela dà. Emma l’apre e legge sotto voce.)

DOROTEA (a Pasquale piano):Neh, scusate... questa chi è?

PASQUALE: è la prima ballerina.

DOROTEA: Ah! Chesta è chella che aieressera ballava cu chillo bello figliulo? E comme va? S’è cambiata. Aieressera pareva na fata... la verità? Di mattina non troppo mi piacquò!

ANTONIO: (Vì si la fenesce cu chella lengua).

EMMA (terminando di leggere ridendo):Ah! Ah! Mi si propone una scrittura per la Grecia senz’anticipo, dovrei essere pazza.

ANTONIO: Ma che Grecia, voi che dite, voi non dovete mai più lasciarci. Al pubblico levereste una celebrità, ed al mio cuore un palpito.

EMMA (ridendo):Ah! Ah! Ah! Ma voi mi mortificate, mi adulate troppo.

ANTONIO: Oh! No, io non vi adulo, voi siete il cuore di tutti!

DOROTEA: Oh! Oh! Datele nfaccia. (Ridendo.)

ANTONIO: Chi è?

PASQUALE: No, niente, l’ha avuto cu me. (Signò, stateve zitta, vuje me facite ncuità.)

EMMA: Basta, Sig. Antonio, permettete. (Per andare.)

ANTONIO: Come! Mi lasciate? Partite senza dirmi una parola, una sola parola, che possa mettere un sol raggio di speranza, nel mio povero cuore?

EMMA: Sig. Antonio, voglio dirvi due sole parole: Per vostra regola io non ammetto più aberrazioni per amore, poesia, platonicismo; ovivere con l’arte mia, o trovare un uomo che possa sposarmi. Le adulazioni, le belle parole, non fanno per me!

DOROTEA: Mordo bene!

ANTONIO: Mò pure l’ha avuto cu tte? (A Pasquale.)

PASQUALE: Sissignore. (Signò, stateve zitto!)

EMMA: Sig. Antonio, vi saluto. (Via nel palcoscenico.)

ANTONIO: Bravissimo!... Stasera, signorina Emma, stasera parleremo!

DOROTEA: Oh! Oh! Lasciatelo stare!

PASQUALE: Mò l’ha avuto cu vuje!

ANTONIO: L’aggio capito!... Ma signò, sapete che mò m’avete toccato i nervi? Chi vi dà tanta confidenza vurria sapé? Vì quanto è brutta... me pare na balla de baccalà! (Via fondo a destra.)

DOROTEA: Uh! A me, balla de baccalà? Oh! Schistimato, schistimato!... Haje ragione che ccà nun nce steva Gaetanino mio marittimo, si no te la faceva annuzzà nganna sta parola! Lazzarone, rilliguilo, miscillo!... Io è scherzeggiato, e chillo me dice balla de baccalà, va buono, te voglio accuncià io, te voglio. (Dando la mano a Pasquale.) Addio scorticò... ci vetriamo sà ci vetriamo! (Via fondo a destra.)

PASQUALE: Vuje vedite c’aggio passato co la Signora. Me chiamma scortecone.

SCENA QUINTA

Nannina, Ernestina e detto, poi Direttore indi Gaetano.

ERNESTINA (dal fondo):Neh! Pascà, è accumminciato lo cuncierto?

PASQUALE: Gnorsì, mò stanno cuncertanno la mimica.

NANNINA: E che d’è, nun hanno accumminciato co lo valzer?

DIRETTORE (andando verso la porta delle comparse):Giovinò, facite ambressa che nce simme. (Poi a Nannina ed Emma:) Ah! Vuje site venute finalmente?

ERNESTINA: Direttò, c’avimmo mancato?

DIRETTORE: No, pecché s’è accumminciato da la mimica. Intanto jate mò, jateve a calzà.

NANNINA: Nce avimma vestere comm’aieressera?

DIRETTORE: Nonsignore, nun c’è bisogno, ve calzate soltanto. (Via nel palcoscenico.)

NANNINA: Mò vide a che ora nce ne jammo stammatina.

ERNESTINA: Ajè da dicere ca justo stammatina mammà ha fatto la cucozza co la pasta... sa comme la trovo bella! ( Viano nel palcoscenico ridendo.)

PASQUALE: Le signurine vanno a cucozza co la pasta.

GAETANO: Pascà è venuta?

PASQUALE: Gnorsì, sta dinto.

GAETANO: L’haje ditto niente?

PASQUALE: Nun aggio avuto lo tiempo, pecché s’è miso a parlà cu nu giovene.

GAETANO: Nu giovene?

PASQUALE: Gnorsì, uno che se vuleva vummechià nu poco, ma essa l’ha ditto cierti parole che l’ha fatto rimanè cu tanto nu palmo de naso.

GAETANO: Ah! Neh! Me putarisse fà lo piacere de chiamarla nu mumento?

PASQUALE: E che saccio... moveco... si nun sta cuncertanno.

GAETANO: Vide, agge pacienza, che pò te rialo l’ati sigari.

PASQUALE: Me mettite n’atu soldo mmane!

GAETANO: Nu soldo? Quell’era na lira.

PASQUALE: Eh! Na lira. (Via nel palcoscenico.)

GAETANO: Chella mò nce stanno tanta case, nonsignore ha da essere chella. Nun voglia maje lo Cielo e l’appurarria muglierema. Aieressera, dinto a lo palco, pe dì soltanto: Che bella gamba che tiene la prima ballerina! Me dette na scarpesata ncoppa a lo callo, che me facette chiagnere pe mez’ora!

SCENA SESTA

Pasquale, Emma e detto, poi Direttore, poi Felice indi Gaetano.

PASQUALE: Ecco ccà la signorina. (Via seconda a destra.)

GAETANO: Mia cara Emmuccia.

EMMA: Finalmente vi siete fatto vedere. Ebbene, la casa?

GAETANO: Emmuccia mia, non è stato possibile di poterla avere! Lo proprietario è pazzo, la mugliera è cchiù pazza d’isso! Quanno nce so’ ghiuto a parlà se songo appiccecate, e si nun me ne fujeva de pressa, abbuscava pure.

EMMA: E come si fa? Quella casa mi piaceva tanto!

GAETANO: Non dubitare, tesoro mio, ne troveremo un’altra.

EMMA (in collera):Va bene... non ne parliamo più!

GAETANO: Vuoi niente? Desideri qualche cosa?

EMMA: Vorrei delle paste.

GAETANO: Delle paste? Subito, vado io stesso. (P. a. poi torna.) Te piacene li cannuole a la siciliana?

EMMA: Sicuro.

GAETANO: Mò te porto lo cannulo! (Via correndo pel fondo a sinistra.)

DIRETTORE: Signorina Emma, tocca a voi.

EMMA: Eccomi. (Via col Direttore nel palcoscenico.)

FELICE (dal fondo a destra correndo, entra e legge tutti i scritti che sono sulle porte): Mannaggia l’arma de la mamma! Nun me fido cchiù de cammenà. Pe tutta Napole nun aggio potuto arrivà a truvà chillo cancaro de D. Nicola Copierchio! So’ ghiuto a lo Vico Mbiso n. 17, è asciuto nu viecchio, l’aggio addimandato, scusate, qua abita D. Nicola Copierchio? (Facendo la voce del vecchio:) Sissignore, aspettate. è ghiuto dinto, e è asciuto cu na peroccola mmano de chesta posta, che si nun me ne scappava, chillo me rumpeva l’osse. Va trova, s’avarrà creduto che io lo cuffiava. So’ venuto ccà, pecché me so’ ricordato che isso faceva ammore con la ballerina Emma Carcioff - Emma Carcioff ccà sta scritturata. Ma a chi avarria addimannà. (Alla porta delle comparse:) Neh! Scusate... (Escono 4 comparse avvolte in lunghe mantelle nere, con elmi in testa, e lance in mano. Senza parlare una appresso a l’altra entrano nel palcoscenico.) Chille che so’, Giudei?... Ah! aggio capito, chille avarranna essere artiste, forse staranno cuncertanno. (Esce Gaetano con grosso cartoccio di dolci, e si dirige nel palcoscenico. Felice lo vede e batte il bastone sul tavolo.) Ah! V’aggio ncucciato finalmente!

GAETANO: (Oh! Sangue di Bacco!).

FELICE: C’avite fatto? M’avite mannato a lo Vico Mbiso n. 17, n’atu poco me faciveve abbuscà! Queste non sono azioni che si fanno.

GAETANO: Mio caro signore, abbiate pazienza, io saccio pecché vuliveve sapè l’abitazione, e lo nomme mio? Scusate... E poi, nel modo come me l’avete domandato, m’avete fatto mettere paura, e so stato costretto a dirve na cosa pe n’ata.

FELICE: E io vi ringrazio tanto tanto. Che tenite ccà dinto? (Mostrando il cartoccio.)

GAETANO: Niente, è biancheria.

FELICE: Dunque, se volete la casa, io sono pronto a darvela, anzi, invece de 70 lire al mese, me ne date 50.

GAETANO: Uh! E come va?

FELICE: E come va... va che poi lo saprete. Però, io ve do la casa, ma voi dovete venire mò proprio cu me.

GAETANO: Addò?

FELICE: Dall’avvocato mio nu momento. Quando dite che siete stato presente all’appicceco c’aggio avuto cu muglierema, che m’ha chiammato porco e baccalajuolo, e poi ve ne andate.

GAETANO: Voi siete pazzo, amico mio, questo è impossibile, non pò essere.

FELICE: Perché non pò essere?

GAETANO: E non pò essere. Ve pare, me metto a fà lo testimone? S’appura la cosa, va a li recchie de muglierema, me vulite fà passà nu guaio?

FELICE: La casa ve la do per 40 franche a lo mese.

GAETANO: Ma senza fa lo testimone?

FELICE: No, facenno lo testimone.

GAETANO: E nun ncè penzate, non la voglio manco si me la date pe senza niente.

FELICE: Dunque, non volete venire assolutamente?

GAETANO: Non posso! Stia bene, signore. (Ra.)

FELICE: E va bene. (P. a. poi torna.) Senti, vecchio scorpione...

GAETANO: Neh! Guè!

FELICE: Senti, orangotango co lo soprabitino.

GAETANO: Ehi... dico...

FELICE: Tu non hai voluto fare il testimone? E mò t’acconc’io!... Tanto cammino, e tanto faccio, fino che aggia truvà la casa di tua moglie, e le debbo raccontare tutte le scostumatezze che vai facendo!... Ti voglio rovinare.., ti voglio subissare. (Ra. esce Pasquale.)

GAETANO: Nonsignore per carità... nun voglia maje lo Cielo.

FELICE: E allora vieni cu me?

GAETANO: Eccomi qua, vengo. (P.a. con Felice il quale arrivato sotto la porta in fondo vede venire Amalia e s’arresta.)

FELICE: (Sangue de Bacco!... Da chesta parte vene muglierema Amalia... truvanneme ccà ncoppa lo dice in tribunale, e io so’ rovinato. Addò m’annasconno? Ah! Ccà). (Via in palcoscenico correndo.)

PASQUALE (correndogli dietro):Aspettate... mio signò... sapite... lloco nun se pò trasì. (Via.)

GAETANO: Io l’aggio ditto, chillo è pazzo.

SCENA SETTIMA

Amalia e detto, poi Direttore, Pasquale e Felice indi Dorotea.

AMALIA (entra in fretta guardando intorno):A chi avarria addimmannà? (Vede Gaetano:) Ah! Vi ho trovato finalmente!

GAETANO: (Oh! E chesta nce mancava).

AMALIA (afferrandolo pel braccio):Signore, io sono stata sopra S. Teresa al n. 80, ed il n. 80 invece d’essere un palazzo era una cantina! Spiegatemi signore, perché mi avete mandata nella cantina?

GAETANO: (Vuje vedite la combinazione, vaco a mannà a chesta dinto a la cantina!). Nonsignore, voi avete inteso male, io vi dissi 180.

AMALIA: No, siete un bugiardo, voi non abitate là. Qua dentro che avete?

GAETANO: So’... calzettine bianche!

AMALIA: Signore... senza far tante chiacchiere, in questo momento dovete venire con me dall’avvocato.

GAETANO E perché?

AMALIA: Mi dovete fare da testimone.

GAETANO: Signora mia... non posso!

AMALIA: Se volete la casa ve la do per 20 lire al mese.

GAETANO: (Ccà va a fenì che me danno lloro na mesata a me pe me fà piglià la casa).

AMALIA: Venite signore, venite con me, altrimenti, benché donna sarò capace di qualunque cosa! (D.d. si sente un forte rumore d’una quinta che cade, poi molte voci confuse e gridi.)

GAETANO: Ch’è succiesso?

FELICE (d.d.):Ah! M’avite sciaccato!... M’avete menata na quinta ncape!

AMALIA: (Che!! Mariteme!).

DIRETTORE (d.d.):Ma capite che sul palcoscenico non si può stare.

PASQUALE (d.d.):Avite visto che v’è succieso!

FELICE (fuori con la fronte fasciata da un fazzoletto sporco di sangue): Ah! Mamma mia! (Vedendo Amalia:) (Muglierema!). (Direttore e Pasquale seguono Felice).

DIRETTORE (alle 4 comparse che escono dal palcoscenico con le lance abbassate):Jate a fà lo travestimento da mostri subeto, subeto. (Le comparse traversano la scena correndo.)

FELICE: Chille vanno a lanzà ciefere!

DIRETTORE: Mò se prova la scena de la neve, speramme che ghiesse bona!

PASQUALE: Direttò la vurria vedè.

DIRETTORE: è impossibile, tu haje da stà lloco, e nun fà passà a nisciuno. (Via nel palcoscenico.)

AMALIA (tenendo pel braccio Gaetano):Bravo, il Sig. Felice.., per venire a trovare qualche ballerina, siete venuto sul palcoscenico, e siete stato sciaccato!

FELICE: Io lo sapeva. (Dando un colpo sul cartoccio che ha in mano Gaetano, facendo rompere la carta.)

GAETANO: Ah!... Mannaggia chi v’allattato!... Ha fatto ascì tutta la crema da fore. (Cerca di accomodarlo.)

FELICE (liccando):Io lo sapeva che questo dicevate.

GAETANO: S’allicca pure li dete!

FELICE: Ma v’ingannate o signora!... Io non sono venuto a trovare la ballerina, questo signore sa perché sono venuto. Voi invece, va trova per chi siete venuta qua sopra.

GAETANO: Io nun saccio niente de l’arma vosta.

AMALIA: Basta, signore venite con me. (Tirandolo.)

FELICE: Nonsignore, deve venire con me. (Tirandolo.)

AMALIA: Con me! (C.s. gridando.)

FELICE: Con me! (Gridando.)

PASQUALE: Eh! Signori miei... Ma che ve credite che state miezo a la strada?... Che me vulite fà pagà na multa?

GAETANO: Eh! Me pare che ha ragione. Qua non si può gridare... usciamo fuori. (Quanno ascimmo fora me ne fuje.)

FELICE: E andiamo fuori. Vedremo, poi, il signore con chi va! (Fanno p.a.)

GAETANO (arrivato alla porta in fondo vede venire Dorotea e s’arresta):

Mamma mia!... Muglierema!... E chella, si me trova ccà, io so’ acciso! (Fugge nel palcoscenico gettando il cartoccio a terra.)

PASQUALE: Addò jate, lloco nun se pò trasì. (Via appresso e chiude la porta sul naso di Felice, che voleva seguire Gaetano.)

AMALIA: Ben fatto!

FELICE: Moglie infame!

AMALIA: Marito svergognato!

DOROTEA (entra con lettera piegata in mano, gridando):Ah!... Gente!... Gente!... Popolo! Popolo! Popolo!... Sono stata tradita!

FELICE: S’è stizzita la vufera!

DOROTEA: Mio marito ha scritto questa lettera a una certa Emma, dicendole che non ha potuto affittà la casa. Uh! Uh! Uh! (Saltando.)

FELICE: (Oh! mò se mena lo pallone!).

DOROTEA (gridando):Popolo!... Popolo!... Popolo!...

AMALIA: Possibile! Voi siete la moglie di D. Francesco Stoppa?

DOROTEA: Quà Stoppa!

FELICE: Nonsignore, bestia, questa signora è moglie di D. Nicola Copierchio!

DOROTEA: Ah! sarrate vuje nu Cupierchio!... Mio marito si chiama Gaetanino Papocchia!

FELICE: Gaetano Papocchia! (Caccia dalla tasca un pezzo di carta, e scrive sulle gambe, girando intorno.)

AMALIA: Gaetano Papocchia! (Va a scrivere sul tavolo.)

DOROTEA: Voglio fare la divisione, mi voglio sipariare!

FELICE: (Statte soda cu li mane!).

DOROTEA (ai due):E voi, mi farete da testimoni!

FELICE: Io la fo a voi, e voi la farete a me.

AMALIA: E pure a me.

DOROTEA: E pecché? (Da d. si sentono molte grida «cacciatelo fuori, cacciatelo fuori». Esce Gaetano imbianchito da capo a piedi dalla pioggia di neve. Appresso a lui vengono il Direttore, Pasquale, Emma, Ernesta e Nannina: queste 3 ultime escono ridendo.)

GAETANO: M’avete rovinato. (Vedendo Dorotea:) Dorotea!

DOROTEA: Che? Isso! Ah! Cca te voglio... (L’insegue, Gaetano fa un giro poi cade verso il lato sinistro. Dorotea l’afferra e lo bastona. Le ballerine ridono. Dalla prima a destra escono le comparse vestite da mostri, si fanno largo per passare. Felice ed Amalia si spaventano. Il Direttore grida con Pasquale. Nella confusione cala la tela dopo che esce il quarto mostro.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

La scena rappresenta una sala del Tribunale. La ruota in fondo. A destra, sedia per il Cancelliere, a sinistra quella del P.M. Tavoli per gli avvocati sul davanti a destra, e a sinistra, con sopra occorrente da scrivere e vicino una sedia. Sedie a destra e a sinistra per i testimoni prima a destra porta comune. In fondo a destra e a sinistra due porticine con tendine verde. Sulle sedie degli avvocati vi sarà ad ognuna la toga.

SCENA PRIMA

Usciere, accomodando le sedie, poi Raffaele.

USCIERE: E chesta è n’ata jurnata, mò vide che pure a le 5nce ne jamme. Me so’ proprio seccato de fà l’usciere.

RAFFAELE (veste con grosso soprabito nero, colli alti e grossa cravatta nera. Cappello a cilindro, guanti di lana color pignuoli. Entra frettoloso):Guè, Giacomì, staje ccà.

USCIERE: Servo vostro, Eccellenza.

RAFFAELE: Sta na folla fore, che nun se pò passà.

USCIERE: Eccellenza, l’avite fatta nu poco tarde stammatina?

RAFFAELE: Lasceme sta, Giacomì, tengo la capa ca me va pe ll’aria. Stanotte aggio fatto na nuttata chiara chiara, io e quella povera infelice di mia moglie.

USCIERE: Ma è figliata o no?

RAFFAELE: Addò... so 3 ghiuorne che tene li delure, na casa revutata... stongo cu nu pensiero che non ti puoi credere. Fra le altre cose tengo 7 figlie femmene, nun aggio potuto avè maje nu mascolo, ti assicuro che me sentarrie currivo assaje si facesse n’ata femmena. Mò l’aggio rimasto cu li delure, stanno tutte li pariente a casa.

USCIERE: E lassate fà a lo Cielo, pò essere c’avite na bona nutizia.

RAFFAELE: Aggio rimasto ditto a la serva che appena muglierema figlia, me lo venesse a dì, eme facesse sapè si è masco lo, o è femmena. Si è femmena Giacomì, parola d’onore, te la regalo a te!

USCIERE: (E sì, l’ha pigliata pe na cacciutella). Signò, jatevenne, che dicite...

RAFFAELE: Tu mò me cride, io sto ncoppa a li spine, me ne vurria turnà la casa.

USCIERE: Eccellenza, vuje pazziate, ogge s’ha da fà la causa de D. Felice Sciosciammocca, che se vò spartere de la mugliera.

RAFFAELE: Ah! Già, haje ragione, che vuò da me, nun nce aveva pensato. Và, lasseme cagnà sta cammisa che pe correre stongo una zuppa. (Ra. poi torna.) Neh! Giacomì, che dici, faje che fà, lo mascolo?

USCIERE: E io che ne saccio, accussì sperammo.

RAFFAELE: Che diavolo!... Avarria fà n’ata femmena. E questa sarebbe una disdetta, una disdetta! (Via nella porticina in fondo a sinistra.)

USCIERE: Ah! Ah! Ah!... Cheste so’ cose proprio curiose.

SCENA SECONDA

Michele, Rosella e detto, poi Felice ed Antonio.

MICHELE: Neh, scusate... ccà se fa la causa de lo patrone mio?

USCIERE: Chi è lo patrone vuosto?

MICHELE: D. Felice Sciosciammocca.

USCIERE: Ah! Gnorsì, è ccà. Diciteme lo nomme vuosto, io veco si state dinto a la nota de li testimone. (Legge una carta che sta sul tavolo del Cancelliere.)

ROSELLA: Io me chiammo Rosella Paparella.

MICHELE: E io me chiammo Michele Pascone.

USCIERE: Rosella Paparella... e Michele Pascone... Sissignore site testimone, assettateve là. (Indica a sinistra e Michele va a sedersi al posto del Presidente.) Neh, guè! Uh! Mannaggia mammeta, scinne da lloco! Chisto è lo posto de lo Presidente.

MICHELE: Vuje avite ditto, assettateve ccà.

USCIERE: Lloco, animale! (Laterale a sinistra.)

FELICE (d.d.):D. Antò, lasciatemi...

ANTONIO (d.d.):Ma sentite, venite qua.

FELICE (fuori):Voi non l’avete visto era isso chillo scorfene de mare, che m’è passato pe vicino, era isso.

MICHELE: (Uh! lo patrone!).

ROSELLA: (Comme sta arraggiato).

ANTONIO: Ma chi era?

FELICE: Era lo paglietta de muglierema.

ANTONIO: Ah! Già, D. Anselmo.

FELICE: Quella bestia non sapete che me fece? Quanno venetteme ccà la primma vota, me cuffiaie, me chiamò marito impossibile!... So’ marito impossibile io?

ANTONIO: E io saccio chesto?

FELICE: Isso avette ragione che steveme ccà ncoppa, ma si stammatina s’azzarda de guardarme soltanto, cu nu punio le rompo acchiara. (Gridando.)

USCIERE: Signore... vi prego... nu poco chiù zitto, là dinto, lo presidente se sta cagnanno la cammisa.

FELICE (togliendosi il cappello):Scusate... Sig. Cancelliere.

ANTONIO: (Che Cancelliere, stateve zitto, chillo nun è lo Cancelliere).

USCIERE: Nonsignore, io sono l’usciere.

FELICE: Ah! L’usciere? Allora me raccomando a voi, sapete.... io a quella donna, non la poteva più sopportare. (Ant. ride.) Se vinco sta causa potete comandare pure a me.

ANTONIO (ridendo):D. Felì, ma voi che state dicenno? Che c’entra lui? Quello è usciere, quello non può far niente, quello sapete che fa? Quando viene il presidente dice: Fate loco, fate loco!

USCIERE: Caro signore... volesse il Cielo, ma io non posso far niente.

FELICE (lo guarda prima un poco):E va llà vattenne, va fà chello c’haje da fa! (Mettendosi il cappello.)

USCIERE: Neh, guè, e che d’è?

FELICE: Chillo nun pò fà niente, e io me metto a cuntà li fatte mieje a isso!

USCIERE: E chi v’ha pregato de dirmi i fatti vostri? Voi vedete che se passa.

FELICE: E vattenne!... Vì quanto è bello.., me pare na butteglia d’inchiostro!

USCIERE: Oh! Neh, avvocà, ma quello m’insulta.

ANTONIO: Va bene, non ci fate caso, quello sta nu poco nervoso. (D. Felì stateve zitto.)

FELICE: Sta stola de carboni!

USCIERE: Neh! avvocà, e mò c’avimma fà?

ANTONIO: Non importa, Usciè, v’ho pregato che sta nervoso.

USCIERE: Che m’importa che sta nervoso?... Sia fatta la volontà del Cielo. (Via a destra:)

ANTONIO: D. Felì stateve zitto. Mettetevi qua, e non vi muovete più. E quanno se fa la causa stateve zitto, non dite nemmeno una parola, se nce sta qualche cosa da dire nce pens‘io.

FELICE: Nce pensate vuje?

ANTONIO: E si capisce, io sono l’avvocato vostro.

FELICE: Va bene. (Siede a destra.)

ANTONIO: Zitto, viene vostra moglie.

SCENA TERZA

Anselmo, Amalia e detto, poi Usciere e Gaetano.

ANSELMO: Signò, ve raccomanno la calma. Llà sta vostro marito, sedetevi qua. (Siede al tavolo.)

AMALIA: è venuto lo nfame! (Siede vicino al tavolo d’Anselmo.)

ANTONIO: (D. Felì, vi conviene di salutarla).

FELICE: (A chi?).

ANTONIO: (A vostra moglie).

FELICE: (E io ve faccio pazzo, caro avvocato! Chella m’ha fatto passà chello poco).

ANTONIO: (E voi salutandola fate vedere che essa è la birbante. Capite).

FELICE: (Ah! Già, dite bene... Allora mò la saluto?).

ANTONIO: (Sicuro).

FELICE (s’alza):Eh! Questo è il mondo. (Naturalmente si dirige verso la ruota, in fondo, passeggiando piano piano.)

ANTONIO: (D. Felì?... D. Felì... Addò jate? E quanno?).

FELICE: (No, io nce lo faccio pe coppa, capite?).

ANTONIO: (Eh! Pe coppa all’asteco!).

FELICE (arrivato vicino a Amalia si toglie il cappello):Oh! Signora. (Amalia cambia di posizione alla sedia, si siede volgendogli le spalle.) M’avite fatto fà chesta figura. (Ad Antonio poi siede.)

ANTONIO: (Bravo, bravo, n’aggio avuto tanto piacere).

FELICE: (E io no). Sangue de Bacco!... Ma è forte sà, chella have tuorto, e vò fà pure la sostenuta.

AMALIA (rimettendosi come prima):(Vì che assassino!... Have pure lo coraggio de me salutà).

FELICE: Quando uno saluta bisogna rispondere.

ANTONIO: (Stateve zitto, non parlate con lei).

FELICE: Io non parlo cu essa, l’aggio cu na persona che stammatina l’ho salutata, e non m’ha risposto. Si lo sapeva, seh, mò la salutava!

AMALIA: Io nun tengo ciente facce comme tiene tu!

ANSELMO: Signò, vuje nun avita fà tanta chiacchiere, nun parlate cu isso.

AMALIA: Io nun parlo cu isso, l’aggio cu na persona che sta diventando ridicolo bastantamente!

FELICE: Oh! Ridicolo poi...

ANTONIO (ridendo):Bravo, bravo, bravo...

FELICE: E chisto ca se recrea!

ANTONIO: (D. Felì, ha detto solo ridicolo? Io avrei voluto che v’avesse detto delle altre cose).

FELICE: (E già, si me deva na seggia ncapo).

ANTONIO: (Nun ve n’incarricate, poi vedete che accusa che fo io).

FELICE: (Eh, accusa tre tre, e la napolitana a coppa!).

MICHELE (a Rosella):(Mò vide che se vattene ccà ncoppa).

ROSELLA: (E a chesto va a fenì).

USCIERE (uscendo):Favorisca signore, da questa parte. (Introduce Gaetano e via. Gaetano indosserà una scemis col bavero alzato. Sarà pallido. Entra piano piano col cappello in mano, e guardando intorno.)

FELICE: Uh! D. Gaetano. (Andandogli incontro:) D. Gaetano mio. Eh, dice che non veniva D. Gaetano lo galantomo sempe galantomo è. Quanto è bello D. Gaetano! D. Gaetà, ricordatevi, porco, e baccalaiolo!

GAETANO: Seh, mò penzo justo a vuje! Tengo ato pe la capa D. Felì. Mia moglie me vò fà la causa di separazione capite?

FELICE: E a me che me ne preme.

GAETANO: E haje da vedè che me ne preme a me de te!

FELICE: No, dico, che ogge non me preme, forse dimane...

GAETANO: E a me me preme ogge e dimane.

FELICE: D. Gaetà, assettateve ccà, vicino a me.

GAETANO: (E vì quanto è seccante). (Siede vicino a Felice a s.)

FELICE: D. Gaetà vuje avita dicere che muglierema me chiamò porco e baccalaiolo.

GAETANO: Ma io tengo li guaje mieje.

FELICE: D. Gaetà... contentatemi, che io po... mi levo l’obbligazione. Ho preparato na cosa che... pò ve la manno la casa... na cosettina... che vi farà piacere... Dice, ma che cos’è!... Non lo so. (Ridendo.) Non si può dire! (Accomodandogli i capelli:) Vuje faciteme nu buono testimone.., che io poi... non me lo tengo. Vedrete che bella sorpresa... Dice, ma che cos’è? Non lo so!

GAETANO: (Chisto è miezo pazzo!). (Ad Antonio:) Avvocà c’è tempo assai?

ANTONIO: è un affare di pochi altri minuti.

GAETANO: A proposito, Sig. Avvocato, vi dovrei dire una cosa. (Alzandosi.)

ANTONIO: A me? Eccomi. (S’alza e viene avanti.)

GAETANO: Ecco qua... (Passando a destra con Antonio.)

FELICE: D. Gaetà, addò jate?

GAETANO: Debbo dire una cosa a l’avvocato.

FELICE: Ma uscite fuori?

GAETANO: Nonsignore qua.

FELICE: Lloco mmocca?

GAETANO: Che?

FELICE: Lloco mmocca?

GAETANO: Chi mmocca! Quà mmocca?

FELICE: Dico, non uscite fuori, ve state ccà?

GAETANO: Sissignore.

FELICE: Mmocca lloco?

GAETANO: Comme?

FELICE: Lloco mmocca, mmocca ccà?

GAETANO: Lloco mmocca mmocca lloco, mmocca ccà. Che modo de parlà tene chisto.

FELICE: Insomma non uscite fuori?

GAETANO: Nonsignore, sto qua.

FELICE: Ah! Mbè.

GAETANO: Avvocà, Sentite, vediamo d’accomodare st’affare mio con mia moglie.

ANTONIO: Perché, di che si tratta? (Felice mettendosi in mezzo ai due per sentire.)

GAETANO (lo guarda un poco, e fa ancora qualche passo a destra):Dunque avvocà, ve stava pregando... (Felice c.s.) Oh! ma insomma che educazione è questa? Vulite sentì li fatte mieje a buoncunto.

FELICE: No, addò, io sto qua, sto passeggiando.

GAETANO: State passeggiando? (Impaziente.)

ANTONIO: D. Felì, abbiate pazienza, mi sta parlando di un affare serio.

FELICE: E fate. (Va a sedersi.)

GAETANO: Dunque, avvocà, ve steva pregando... Vedete d’accomodare st’affare mio con mia moglie... Quella, sono 15 giorni che mi ha lasciato, e se n’è andata dai parenti suoi... se vò dividere assolutamente da me, me vò fa la causa.

ANTONIO: E perché?

GAETANO: Perché le capitò una lettera in mano che io avevo fatta a na giovine... capite?

ANTONIO (ridendo):E voi di questa età jate facenno lettere a fìgliole?

GAETANO: Che volete.., sono errori di prima gioventù.

ANTONIO: Di prima gioventù? (All’arma de la prima gioventù.)

FELICE: Avvocà, ma voi sapete che papà non vuole che s’ammogli?

ANTONIO: Lo padre? Tene lo padre?

FELICE: Sicuro.

GAETANO: Ma che d’è, ve fà maraviglia che io tengo a papà?

ANTONIO: D. Gaetà, nun nce fate ridere.

GAETANO: Ma voi sapete che tengo pure lo nonno!

ANTONIO: Lo nonno?! Oh! questo poi...

FELICE: Ah! Sicuro, lo nonno lo saccio, l’ho visto na volta.

GAETANO Ah! Lo conoscete?

FELICE: Sicuro.

GAETANO (ad Antonio):Avete visto? E addò l’avete conosciuto? (A Felice.)

FELICE: Lo vidi na domenica matina, sopra a lo Museo.

GAETANO: Sì, llà va a passeggiare.

FELICE: No, stava dentro lo Museo, dinto a nu scaravartolo de creta... accussì. (Si stende sulla sedia come un morto.)

ANTONIO (ridendo):Ah! Ah! Ah!

GAETANO: E ch’è na mummia lo nonno mio?

FELICE (ridendo):Io scherzo.

GAETANO: E ma questi scherzi non mi piacciono... chi vi dà sta confidenza?

ANTONIO: Va bene, D. Gaetà, non ce fate caso... dunque?

GAETANO: Io ho giurato che non lo farò più!... Vedete d’accuncià sta cosa. Io vi manderò da lei, in casa dei parenti suoi.

FELICE: Avvocà, avete visto che bella testa tiene D. Gaetano?

ANTONIO: Ah! sicuro, in moda.

FELICE: Me pare nu purpo sotto e ncoppa!

ANTONIO: Ah! Ah! Ah! (Ridendo Gaetano fa gesti d’impazienza.) D. Gaetà, nun mporta.

GAETANO: Si vede ch’è mancanza d’educazione... Perché io sto parlanno d’affare serie con l’avvocato, e voi m’interrompete, e mi stuzzicate a dietro.

FELICE: Io vi stuzzico a dietro?

GAETANO: E se capisce, me state stuzzicanno, fino a che perdo la pazienza poi! Eh! me pare!... Perciò stia a suo posto signore, e si faccia i fatti suoi.

FELICE: Datele nfaccia! (Gaetano lo guarda.)

ANTONIO: D. Gaetà non mporta, nun ve pigliate collera.., dunque?

GAETANO: Io vi manderò da lei, in casa dei parenti suoi, voi ci parlerete, e le dite che io sono pentito, sono amaramente pentito, che non lo faccio più, mai più. (Con voce bassa.)

FELICE: Fate l’elemosina a nu povero padre di famiglia, non me lo posso lavorare...

GAETANO: Oh! Ma insomma, me volete fà parlà? Mò aizo ncuollo e me ne vaco, e felicenotte!... Eh! Pecché ve ne state piglianno troppo mò! Me state rumpenno, proprio comme se dice, l’ove dinto a lo panaro!... Vuje vulite rompere l’ove dinto a lo panaro mio!

FELICE: Io voglio rompere l’ove dinto a lo panaro vuosto?

GAETANO: E se sa!... Lo scherzo fino a nu certo punto, ma pò basta pò. (Pausa.) Perciò, stia al suo posto, esi faccia i fatti suoi. (Poi ad Antonio:) Dunque avvocà... Essa poi sfocò bastantemente, perché la sera me fece na mazziata numero uno.

ANTONIO (ridendo):Ve vattette?

GAETANO: Me vattette? Io so’ stato fino a l’altro giorno a letto. Tengo sta spalla che non la pozzo movere!... Ma vi prego, non dite niente a nessuno!

ANTONIO: Ah! Ah! Ah! Chesta è bella!

FELICE: Avvocà, ch’è stato?

ANTONIO: La mugliera lo vattette!

FELICE: Uh?... Ah! Ah! Ah!

GAETANO: Embè, avvocà. Io vi ho pregato de nun dì niente.

FELICE (ridendo):Mò che esco fuori lo dico a tutti quanti.

GAETANO (ad Antonio):Avete visto? Io lo sapeva, chillo è la trummetta de la vicaria! Mò lo sape Napole e li 36 casale.

ANTONIO: Va bene, vedrò io d’accomodare tutto.

GAETANO: Vi ringrazio anticipatamente. (Ritornano ai loro posti.)

SCENA QUARTA

Usciere, Emma e detti, poi Gennarino.

USCIERE (introducendo Emma):Favorisca, signora, s’accomodi.

EMMA: Grazie. (Siede vicino ad A malia, dopo aver salutato tutti senza parlare.)

GAETANO: (Uh! Emmuccia!). (Con molta passione.)

FELICE: (Mò more D. Gaetano!).

GAETANO (alzandosi):Avvocà, un’altra preghiera.

ANTONIO: Dite. (S’alza e viene avanti.)

GAETANO (sotto voce):(Questa qua, è quella tale giovine, alla quale io aveva scritta la lettera che mia moglie trovò).

ANTONIO: (Ah! questa qua?).

GAETANO: (Sissignore).

ANTONIO: (Bravissimo!). Te voglio accuncià io te voglio.

GAETANO: (Comme ve pare?).

ANTONIO: (Eh! molto simpatica!). (Ritornano ai loro posti.) Signorina Emma, chi lo doveva dire che dovevamo vederci qui, in tribunale.

EMMA: Eh! Non c’è che fare, pazienza. Ecco, che cosa significa fidarsi troppo degli uomini.

ANTONIO: Degli uomini, va bene, ma voi adesso vi siete fidata dei mandrilli! (Ridendo.)

FELICE: D. Gaetà, l’ha con voi!... Uno quanno sente mandrillo, subito s’accorge che siete voi!

GAETANO: E quanno uno sente rangotango, subito capisce che siete voi!... Avvocà, e comme ve vene ncapo?

ANTONIO: Ma scusate, abbiate pazienza, io non sò come una donna si può innamorare di voi.

GAETANO: Eh! Ncasate la mano! (Felice ride.)

EMMA: Egli disse che voleva sposarmi, ed io, a questa lusinga, non guardai né l’uomo, né l’amante, nè il mandrillo, ma il marito.

ANTONIO: Il marito?... Ma guardaste il marito di una signora!

EMMA (forte ed alzandosi):Voi siete un imbecille!

ANTONIO: Ah! A me imbecille?! (S’alza e viene avanti.)

EMMA: Sì, a voi. (Gridando.)

FELICE: Pss... non gridate. (Mettendosi in mezzo ai due, gridano contemporaneamente tutti e tre.)

USCIERE: Pss... signori... signori... vi prego, un poco di silenzio... lo presidente se sta cagnanno la cammisa.

FELICE: Chisto è n’ora che se la sta cagnanno!

ANTONIO: Va bene, questa parola me la pagherete.

EMMA: Ve la pagherò come vi pagano tutte le vostre parole. (Usciere via e poi torna.)

ANTONIO: Voi siete una donna, e non mi conviene mettermi con voi mandatemi qualche vostra persona e ce la vedremo. (Gaetano si sarà fermato col cappello in mano guardando Emma con molta passione.)

EMMA: E va bene, vi manderò mio fratello.

ANTONIO: Benissimo! (Ritorna al suo posto.)

FELICE (ad Emma):Va bene, mandatece pure la sorella. (Poi ad Antonio:) Avvocà, vuje invece de penzà a la causa mia... (Poi vedendo Gaetano si mette vicino a lui togliendosi il cappello.) Signurì... fate bene a nu povero cecato... aggio perzo lo meglio de la vita mia!... La vista de l’uocchie!

GAETANO: Ma voi siete n’affare serio... sapete?

FELICE: E vuje me parite nu pezzente, che cerca la lemmosena!

GAETANO: Che pezzente... io sto guardanno a chella... Io saccio quella quando se nfoca quanto è terribile! (Siedono tutti.)

USCIERE (introducendo Gennarino):Trase, trase, levete lo cappiello.

FELICE: Lo cafettiere. (Alzandosi.)

GAETANO: A primma matina!

USCIERE: Assettate llà dereto. (Indica dietro la ruota.)

FELICE: Un momento, Usciè, perdonate... (A Gennarino:) Gennarì viene ccà, assettate vicino a me. (Lo piglia per la mano.)

USCIERE: Nonsignore, scusate, questo non può stare qua.

FELICE: Perché non può stare? Quello è testimone a carico...

ANSELMO: No, no, a discarico.

FELICE (a l’usciere):E dunque lasciatelo discaricare. (Gennarino siede vicino a Gaetano.)

USCIERE: E se ne va abbascio la dugana a scaricà, qua non può stare. (Lo piglia per mano per farlo alzare.)

FELICE: Ma nonsignore, Usciè, quella è persona mia.

USCIERE: Ma scusate, chillo sta cumbinato de chella manera...

FELICE: E che vuoi dire? Mo lo testimone lo faccimmo venì in frak e cravatta bianca! Comme se trova, viene, sarebbe bella! Gennarì, assettate, nun te n’incaricà.

ANTONIO: Va bene, Usciè, lasciatelo stare. (Tutti siedono.)

GAETANO (pausa, guardando Gennarino e Felice):Oh! Ma insomma vuje mò che tenite ncapo, che stu lazzarone io vulite fa stà vicino a me?

FELICE: Lazzarone?!... D. Gaetà e che d’è sta parola? Sapisseve vuje chello che sape chisto.

GAETANO: Pecché è istruito, è istruito?

FELICE: Istruito? Chillo sape lo fatto de io schiaffo.

GAETANO: Vì che sape, teh!

FELICE (appoggiandosi con Gennarino sulle gambe di Gaetano):Gennarì, tu haje da dicere co lo schiaffo fuje tanto forte, ca me nturzaje tutta la faccia.

GENNARINO: Va buono.

GAETANO: Oh! ma vulisseve na colonnetta, na scanzia, nu cuscino... pe sapè almeno. (Poi a, Gennarino gridando:) E scostati... tu puzzi di cipolla che appesti!

USCIERE: Pss... pss... Signori miei, nu poco de silenzio. Vi ho pregato ca lo presidente se sta cagnanno...

FELICE: La cammisa.

GAETANO (pausa, s’alza e s’avvicina a l’usciere, mostrando Gennarino): Puzza di cipolla! (Siede.)

USCIERE: Levete da lloco.

FELICE: Oh! Usciè, ma mò me pare che sia na mancanza de rispetto proprio a me. Vi ho detto ch’è persona mia, e qua deve stare.

USCIERE: Ma quello puzza di cipolla!

FELICE: E che vuol dire che puzza di cipolla, il signore questo ha fatto colezione. D. Gaetà, ma ched’è sta cosa? Puzza de cipolla, e non puzza de cipolla... ve voltate da questa parte, e non la sentite. Mò me disgustate nu testimone pecché puzza de cipolla!... Questo ha potuto, e questo ha fatto colezione! (A Gennarino:) Signore puzzate! (Siede. A destra lunga suonata di canipanello.)

USCIERE (annunziando):La Corte! (Tutti si alzano.)

GENNARINO (a Gaetano):Neh!... Io pure m’aggia sosere?

GAETANO: Susete, assettete, a chi l’assigne!... (Gennarino s’alza.)

SCENA QUINTA

Raffaele, 2 Giudici, Pubblico Ministero e il Cancelliere, con toghe e berretti neri. Raffaele siede nel mezzo della ruota, e 2 Giudici a destra e a sinistra del detto, il Pubblico Ministero a sinistra della ruota, ed il Cancelliere a destra.

RAFFAELE: (Va trova si muglierema è figliata!). (Suona il campanello che è sul tavolo.)

FELICE: (La spiegazione degli animali!).

RAFFAELE (piano a l’usciere):L’Udienza è aperta.

USCIERE (verso la comune gridando):L’udienza è aperta. (Tutti siedono.)

RAFFAELE (fa un gesto al Cancelliere, per farlo incominciare a leggere): Avanti.

CANCELLIERE (prende la lista dei testimoni e legge):«Michele Pascone!»

USCIERE: Pascone Michele... Pascone Michele... (Poi verso la comune:) Pascone Michele!... Sig. Presidente. Michele Pascone manca.

MICHELE (alzandosi):Che manca? Presente.

USCIERE: Come! Vi ho chiamato 3 volte, e non rispondete.

MICHELE: Quanno m’avite chiammato? Voi avete chiamato Pascone Michele... Io me chiamo Michele Pascone! (Siede.)

FELICE (s’alza e fa per tirargli il cappello):Ah! Mò cerco permesso al Presidente, e te mengo lo cappiello! Bestia! Pascone Michele, e Michele Pascone non è lo stesso?

RAFFAELE (a Felice):Pss... basta, basta. (Al Cancelliere:) Avanti.

CANCELLIERE (legge):«Rosella Paparelia».

USCIERE (c.s.):Rosella Paparella?

ROSELLA: Presente. (S’alza e siede subito. Gennarino s’è addormentato.)

CANCELLIERE (c.s.):«Emma Carcioff».

USCIERE (c.s.):Emma Carcioff?

EMMA: Presente. (S’alza e siede subito.)

GAETANO: (Quanto è bella, quanto è bella!).

FELICE: D. Gaetà, lassatece fà.

CANCELLIERE (c.s.):«Gennarino Fasulillo».

USCIERE (c.s.):Gennarino Fasulillo?... Gennarino Fasulillo? (Poi alla porta:) Gennarino Fasulillo? (A Raffaele:) Sig. Presidente, manca Fasulillo.

FELICE: Che manca? Subito dite che manca.

USCIERE: E dove sta?

FELICE: Sta qua, si era addormentato un poco.

USCIERE: E scetatelo.

FELICE (afferra Gennarino per la mano e lo scuote):Dite, presente, presente.

GENNARINO (stropicciandosi gli occhi):Presente.

FELICE (dandogli uno schiaffo):All’arma de mammeta! Mò m’ha da fà perdere la causa. S’accomodi, signore s’accomodi.

GAETANO: (Ccà correne chiste pacchere!?).

GENNARINO (piangendo):Ma io me l’avarria piglià cu chisto, lo vì! (Mostrando Gaetano.) Ma comme, duje cumpagne, vanno a fà uno servizio, tu haje visto ca io me so’ addurmuto, comme a cumpagno mio me vuò scetà, pe nun me fà scumparì cu chiilo che sta llà ncoppa?

GAETANO (pausa, guardandolo):Ma quà compagne? (Più forte:) Ma quà compagne? A te chi ti conosce? (Alzandosi.)

RAFFAELE: Pss... pss... (A denti stretti.)

FELICE: (La vocca de lo Presidente, me pare na senga de carusiello!).

RAFFAELE (c.s. al Cancelliere):Avanti.

CANCELLIERE (c.s.):«Dorotea Papocchia».

USCIERE (c.s.):Dorotea Papocchia.

ANTONIO: Non è venuta ancora. (S’alza e siede subito.)

GAETANO (alzandosi):Sta cucinando certe patate.

USCIERE: E salutatemmella!

RAFFAELE (al Cancelliere):Passate avanti.

CANCELLIERE (c.s.):«Gaetano Papocchia».

GAETANO (a Gennarino):Lo cumpagno... se ne vene, lo cumpagno.

USCIERE (c.s.):Gaetano Papocchia?

GAETANO (a Gennarino):Non lo dire più sà...

USCIERE (c.s.):Gaetano Papocchia?

GAETANO: Vedete che se passa.

USCIERE (più forte):Gaetano Papocchia?

FELICE: D. Gaetà, ca llà ve chiammano.

GAETANO (subito ed alzandosi):Presente, sto qua io!

USCIERE: Presente, sto qua io, e non rispondete? Ma che siete sordo?

GAETANO: Nonsignore.

USCIERE: E perché non rispondete?

GAETANO: Ho risposto adesso.

USCIERE: Dopo 3 volte che v’ho chiamato?

GAETANO: Sissignore.

USCIERE: Mbè, quanno lo sapite allora assettateve.

GAETANO: Grazie tante.

USCIERE: Niente!

GENNARINO (a Gaetano):E ve vulite luvà a nanze, me vulite fà vedè comme fanno chilli llà?

GAETANO: Ma c’haje da vedè, l’opera de li pupe? Mò te lo ceco n’uocchio!

RAFFAELE (a Gaetano suonando leggermente il campanello):Pss... psS...

CANCELLIERE: Sig. Presidente, pare che manchi soltanto la Papocchia.

RAFFAELE: E va bene, possiamo incominciare senza la Papocchia.

FELICE: Io mò saccio se me fa male o me fa bene, a incominciare senza la Papocchia?

RAFFAELE: Giacomì, vattenne fore, eappena vene la femmena de servizio mia, me faje sapè si muglierema ha fatto lo mascolo o la femmena.

USCIERE: Va bene, Eccellenza. (Via.)

GAETANO: Ma che tene la cova de le palumme?

FELICE: Quà palumme, chella è la mugliera c’ha da sgravà.

RAFFAELE (ai 2 guardandoli sott’occhio):Nu poco de silenzio da quella banda. (Poi fa un cenno al Cancelliere d’incominciare a leggere.)

CANCELLIERE (prende un’altra carta e legge):«In nome della legge, ecc. ecc. Noi Presidente ecc. ecc. con sentenza in data del 25 ottobre...

FELICE (interrompendolo):Eccetera, eccetera. (Il Cancelliere si ferma e guarda, Raffaele.)

RAFFAELE (manda un occhiata d’impazienza a Felice poi fa il solito gesto al Cancelliere di seguitare):Seguitate.

CANCELLIERE (legge):«Autorizziamo la signora Amalia Sciosciammocca, nata Maruzzella, a provare i seguenti fatti».

GAETANO: Come, ve jate a spusà a na maruzzella.

FELICE: Che c’entra, chillo è cognome.

GAETANO: Anche il cognome dev’essere bello.

FELICE: E già... è meglio lo suio: Papocchia!

GAETANO: Se capisce, te ienca la vocca, Papocchia!

RAFFAELE (lazzi):Pss... pss... (Solito gesto al Cancelliere.)

FELICE: (è na funtanella chella vocca, m’ha nfuso tutta la faccia!).

CANCELLIERE (c.s.):«1° Che il Sig. Felice Sciosciammocca suo marito, voleva farla morire di freddo, perché non voleva che in letto avesse tenuta la bottiglia d’acqua calda, usata da molti come scaldaletto».

FELICE: E ma questo è un’infamità!

ANTONIO: (Stateve zitto). (Raffaele impone il silenzio suonando il campanello, ed aprendo la bocca. Lazzi.)

FELICE: (Mall’arma de lo fumo!). (Raffaele fa il solito gesto c.s.)

CANCELLIERE (c.s.):«Per causa di questo nacquero mille dispiacenze, sempre occasionate dal Sig. Sciosciammocca, il quale voleva financo fittare una casa fatta fabbricare dalla madre della Sig. Amalia, a certa gente che la discreditavano!...».

EMMA (alzandosi):Oh! questo poi...

RAFFAELE (imponendole silenzio suonando il campanello piano piano e gentilmente):Pss...

FELICE: (A chella nce lo sona cu la morbidezza!).

RAFFAELE (al Cancelliere):Avanti.

CANCELLIERE: «2° Che il Sig. Sciosciammocca, non contento di far morire di freddo la Sig. Amalia sua moglie, voleva perfino toglierle il sonno, e per ottenere questo, pagava dei saltimbanchi, i quali ogni mattina, con grancassa e tamburo, facevano tanto rumore, che la Sig. Amalia, era costretta di levarsi e non poter più dormire».

FELICE: (Uh! Non è vero, questo lo faceva essa a me).

ANTONIO: (Stateve zitto).

FELICE: E ma ccà è nu murì, nu schiattà ncuorpo!

RAFFAELE (suonando):Neh! neh! ma voi la volete finire sì o nò?... Ma chi è l’avvocato di quel signore?

ANTONIO: Sono io...

RAFFAELE: E me faccio meraviglia di voi, Sig. Avvocato, che non gli dite niente.

ANTONIO: Ma ce l’ho detto.

RAFFAELE: Che educazione è questa? Ve l’ho detto per la prima, per la seconda...

FELICE: (E per la terza veduta, signori, poi si passa al gabinetto riserbato!).

RAFFAELE: E per la terza volta. Mò succede che faccio sgrombrare la sala, e la causa nce la facimmo nuje! Eh! (Lazzi con la bocca.)

FELICE: (E chillo è lo pescecane!).

RAFFAELE: Sia fatta la vuluntà de lo Cielo. (Al Cancelliere:) Avanti.

CANCELLIERE (c.s.):3° Che il Sig. Sciosciammocca tormentava sempre la Sig. Amalia, ora per una cosa, ora per un’altra e specialmente nell’ora della colazione o del pranzo, ed in ultimo l’aveva fatta priva di ogni divertimento lecito ed onesto».

SCENA SESTA

Usciere e detto, poi Dorotea.

USCIERE (correndo e gridando):Eccellenza, eccellenza!

RAFFAELE (alzandosi):Giacomì che d’è?

USCIERE: è na femmena!

RAFFAELE: N’ata femmena! 7 e una 8! Ma è na disdetta!

USCIERE: Nonsignore, Eccellenza, vuje c’avite capito! Fore nce sta na femmena, se chiamma Dorotea Papocchia.

RAFFAELE: All’arma de mammeta! Me credeva che muglierema aveva fatta n’ata femmena! Falla trasì.

USCIERE: Favorite.

DOROTEA (entra, dà un’occhiata di rabbia a Gaetano ed Emma):Signori miei, salute a buje!

GAETANO: (è morta la ciuccia! Mò che scennimmo a ccà certo abbusco!).

RAFFAELE: Giacomì, va fore e statte attiento.

USCIERE: Va bene. (Via.)

DOROTEA (a Gaetano):Vesite mise de rimpetto, mò che scennimmo abbascio, te volgio rompere li gamme a te e a essa.

GAETANO: Mò l’ho detto!

RAFFAELE (legge nella lista dei testimoni):Emma Carcioff, venite avanti. (Emma s’alza e si dirige verso Raffaele e Dorotea occuperà la sua sedia.)

GAETANO: Comme cammina bello, che belli passe, che belli passe.

FELICE: Nu turneso lo piatto, vì che pignuole!

RAFFAELE (con caricata eleganza):Voi siete Carcioff?

EMMA: Sì signore.

RAFFAELE: A me pare che siete la ballerina?

EMMA: Sicuro.

RAFFAELE: Bravo!... Eh, a me me piacciono tanto le ballerine. Io vengo tutte le sere al teatro, dove state voi, tengo la poltrona a prima fila, non m’avete visto mai a me?

EMMA No, non ci ho fatto caso.

RAFFAELE: Eh, come, io vengo sempre. Tengo nu binocolo grande grande, e vi fisso, vi fisso tutta la serata.

FELICE: (Ma è possibile c’avimma suppurtà sti vuommeche!).

RAFFAELE: Dunque giurate di dire la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità?

EMMA: Lo giuro.

GAETANO: Quanto è bella, quanto è bella!

RAFFAELE: Che sapete voi di questo Felice Sciosciammocca e sua moglie?

EMMA: Niente, Sig. Presidente, so che sono i proprietari di una casa al vico Baglivo.

RAFFAELE: E questa casa voi la volevate fittare?

EMMA: Sì, perché era vicino al teatro dove sto scritturata.

DOROTEA: E s’era diretta al suo cassiere.

RAFFAELE: Pss... (Suonando il campanello con lazzi.)

FELICE: Nu pupazzo movibile 25 soldi.

RAFFAELE (mostrando Dorotea):Guè, n’è venuta n’ata, la vì! E poi perché non l’avete più fittato?

EMMA: Perché i proprietari non vollero più fittarla.

FELICE: No, io la volevo fittare. (Raffaele fa gesti d’impazienza; lazzo di tirare il campanello.)

GAETANO (riparandosi dietro Felice):(D. Felì stateve zitto, chillo mena a vuje e coglie a me!).

RAFFAELE: Sapete niente come questo Sig. Sciosciammocca trattava la moglie?

EMMA: No, di questo non so niente.

RAFFAELE: Come, non sapete tutte le quistioni, tutte le chiacchiere, tutte le liti che succedevano in casa.

EMMA: No, niente.

RAFFAELE (aprendo la bocca sul manico del campanello):Ah!

FELICE: (Oh! Mò se lo magna lo campaniello! E chillo che nce vò a scennere).

RAFFAELE: Allora, una volta che non sapete niente, potete ritirarvi. (Dandole la mano.)

EMMA: Grazie.

RAFFAELE: Ricordatevi di guardarmi la sera, sa?

EMMA: Va bene. (Salutando.) Signori. (Passando davanti a Dorotea questa le volta le spalle.)

GAETANO (guardando Emma):Mò se ne và!... Mò se la portano...

FELICE: A Tata li prievete. (Predica.)

RAFFAELE (leggendo c.s. nella lista):«Rosella Paparella».

ROSELLA: Presente. (S’alza.)

RAFFAELE: Venite avanti.

ROSELLA: Eccome cca.

FELICE: Chesta è na bona testimone, sape tutte li fatte mieje! (Piano a Rosella:) Rusì, ricordate che te facette la vesta nova lo nomme tujo!

ROSELLA (s’avvicina a Raffaele):(Va buono).

RAFFAELE (sorridente):Voi siete la serva di D. Felice?

ROSELLA: Sissignore.

RAFFAELE: Bravo! A me me piacene tanto le serve.

FELICE: (Chisto, a stu Presidente le piacene tutte quante).

RAFFAELE: Se mai ve ne andate da D. Felice, fatemelo sapere, perché vi prendo al mio servizio.

FELICE: (Va a servizio cu l’urzo!).

RAFFAELE: Io tengo 7 figlie femmene, ho bisogno di un’altra cameriera.

FELICE: (Chisto tene lo serraglio a casa!).

RAFFAELE: Bè!... Giurate di dire la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità.

ROSELLA: Lo giuro.

GAETANO: Spiritosa.

FELICE: Io ve l’aggio ditto ca è bona.

RAFFAELE: Sapete niente se i vostri padroni si contrastavano mai?

ROSELLA: Sempe, ogni minuto secondo!

FELICE: Bene! (Dando un colpo sul cappiello di Gaetano che aveva sulle gambe.)

GAETANO: Puozze passà nu guaio. M’ha rovinato lo cappiello!

FELICE: Abbiate pazienza, D. Gaetà, è stato pe fà na mossa de piacere.

GAETANO: E che piacere, scusate!... Sia fatta la volontà de lo Cielo!

RAFFAELE (ai due):Stu mormorio, stu mormorio! Ah!

FELICE: (E trasuto la vacca dinto a lo palazzo, pigliate lo bicchiere).

RAFFAELE: E sapete niente dell’affare dello scaldaletto?

ROSELLA: No, de lo scarfalietto nun ne saccio niente.

RAFFAELE: Chi era la causa del contrasto, il marito ola moglie?

ROSELLA: Nun lo saccio signò, io me trovavo sempe quanno se stevene appiccecanno, nun saccio da chi preveneva.

RAFFAELE: Va bene, sedetevi, che poi sarete richiamata. E ricordatevi, se ve ne andate da D. Felice fatemelo sapere.

ROSELLA: Va bene. (Ritornando al posto:) (Mamma mia! Mò moro da la paura).

FELICE: (Bestia, tu aviva dicere che preveneva da essa).

GAETANO (a Gennarino):Non t’addormentare.

RAFFAELE (leggendo sulla lista):«Gaetano Papocchia».

GAETANO: Hai capito? Che mò sarai chiamato pure tu.

RAFFAELE (c.s.):«Gaetano Papocchia».

GAETANO: Statte svegliato, si no haje n’atu paccaro.

RAFFAELE (c.s. gridando):«Gaetano Papocchia».

FELICE: D. Gaetà, jate llà.

RAFFAELE: Ma nce sta sta Papocchia, o no?

GAETANO: Presente, sto qua io. (Alzandosi.)

RAFFAELE: Ma vuje overo fusseve surdo?

GAETANO: Nossignore!

RAFFAELE: E venite avanti.

GAETANO: Me vulite lloco?

RAFFAELE: E vulite che vengo io lloco?

GAETANO: Nossignore.

RAFFAELE: E dunque, venite. (Gaetano si avanza, e facendo segni con la moglie di volerlo perdonare, ritarda di andare da Raffaele. Questi lo chiama con un grido e dà un colpo col campanello. Gaetano fa un salto.) Papocchia! Ma volete venire sì o no?

GAETANO: Eccomi. (S’avvicina a Raffaele.)

FELICE (sotto voce):D. Gaetà, ricordatevi, porco e baccalaiuolo!

GAETANO (arrivato vicino a Raffaele gli dice):Porco e baccalaiolo!

RAFFAELE: Oh! (S’alza gridando:) Chi è porco e baccalaiolo!?

FELICE: (Che animale!). (Sogg. lazzi.)

RAFFAELE: Giurate di dire la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità.

GAETANO (guardando ora Felice, ora Dorotea che lo minaccia):Lo giuro! (Giura con la mano sinistra.)

RAFFAELE: Co la mano sinistra giurate?

GAETANO (a Felice):Co la mano sinistra me fate giurà.

FELICE: E che so’ io?

GAETANO (c.s.):Lo giuro! (Mettendo la mano destra sul calamaio.)

RAFFAELE: Ncoppa a lo calamaro!

GAETANO (a Felice):Ncoppa a lo calamaro?

RAFFAELE: Qua, qua, dovete giurare. (Sulle carte che avrà innanzi.)

GAETANO: Lo giuro!

RAFFAELE: Voi volevate fittare la casa del Sig. Sciosciammocca?

GAETANO: Sissignore. (Mò che scengo abbascio muglierema m’accide.)

RAFFAELE: Ma questa casa non serviva per voi, serviva per la ballerina Emma Carciofi’?

GAETANO: (è fatta la frittata!). (Poi pianissimo a Raffaele:) Sissignore.

RAFFAELE: Che avete detto?

GAETANO (c.s.):Sissignore.

RAFFAELE: E alluccate, io non ve capisco.

GAETANO (piano):Sig. Presidente, c’è mia moglie là, non vorrei far sapere.

RAFFAELE: Che m’importa a me di vostra moglie, lo debbono sentire tutti. Avanti.

GAETANO: Sissignore. (Forte.)

RAFFAELE: E quando andaste per fittarla, il Sig. Sciosciammocca si stava contrastando con la moglie?

GAETANO: Sissignore.

FELICE: (D. Gaetà, mò viene).

GAETANO (a Raffaele):Mò viene.

RAFFAELE: Chi viene?

GAETANO (a Felice):Chi viene?

FELICE: (Lo porco).

GAETANO (a Raffaele):Lo porco!

RAFFAELE: Viene lo porco qua?

GAETANO (a Felice):Viene lo porco qua?

FELICE: (Che bestia!).

RAFFAELE: E chi lo porta?

FELICE (a Gaetano):(Lo baccalaiuolo).

GAETANO (a Raffaele):Lo baccalaiuolo.

RAFFAELE: Lo baccalaiuolo porta lo porco qua?

GAETANO (a Felice):Porta lo porco qua?

FELICE: (No! La moglie).

GAETANO: La moglie.

RAFFAELE: La moglie porta lo porco?

FELICE: (No! la moglie lo chiamò porco).

GAETANO: La moglie chiamò il porco.

FELICE: (E baccalaiuolo!).

GAETANO: E baccalaiuolo!

RAFFAELE: La moglie chiamò il porco e lo baccalaiuolo?

FELICE: (No! A me, a me!).

GAETANO: A lui, a lui!

RAFFAELE: A lui? Voi che state accucchianno? (Gridando:) Se pò sapè chi lo porta stu porco?

GAETANO: Ecco qua... (Poi mostrando Felice:) (Chillo me fa j ngalera me, lo vì!). Si dissero delle parole improprie, tanto lui a lei, che lei a lui, alleluja tutt’e duje.

RAFFAELE: Va bene, ho capito, jateve assetta!... Va!

GAETANO: Grazie, Sig. Ministro.

FELICE: (Che ministro? Presidente).

GAETANO: Grazie, Sig. Presidente.

FELICE: (Cavalier Presidente).

GAETANO: Cavalier Presidente.

RAFFAELE (gridando):Assettateve! (Gaetano siede spaventato.) «Dorotea Papocchia».

DOROTEA: Presente. (S’alza.)

RAFFAELE: Avanti.

DOROTEA: Eccome ccà. (S’avvicina.)

RAFFAELE: Giurate di dire la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità.

DOROTEA: Lo giuro.

RAFFAELE: Che sapete voi di questo Sig. Sciosciammocca e sua moglie?

DOROTEA: Sig. Presidente, io nun le cunosco.

RAFFAELE: Come? E non sapete niente.

DOROTEA: Niente, proprio niente.

RAFFAELE: E allora perché ci siete venuta?

DOROTEA: Perché voi mi avete chiamata. (Esce l’usciere.) E poi sono venuta per dirvi che mio marito mi tradisce pe na Carcioffola! (Gridando:) Ma io nun me stongo, Sig. Presidente, io le scippo tutta la faccia.

RAFFAELE (suonando il campanello):Pss... silenzio.., basta.

USCIERE (pigliandola pel braccio per farla ritornare al posto):Pss... prego.. signò... silenzio...

DOROTEA: Ma Sig. Presidente, noi siamo tutti qui per essere giustiziati.

FELICE: (L’ha pigliato pe lo boja!).

DOROTEA (a l’usciere):Vi comme stregna, lo vì, miezo all’ammuina se vuleva piglià lo passaggio!

USCIERE: (Mannaggia mammeta!). (Dorotea ritorna al suo posto e l’usciere via e poi torna.)

ANSELMO (alzandosi):Sig. Presidente, que... questi ci ba... ba... bastano, gli altri te... te... testimoni si po... po... possono inter...rogare do... dopo... (Raffaele cerca parere ai Giudici, e al P.M. i quali con cenni approvano. Poi Anselmo ha la parola, e chiama l’usciere:) Usciè la toga!

GENNARINO: Neh, ma io aggia j a la puteca.

GAETANO: Statte zitto!... (L’usciere ritornando con toga sul braccio, bottiglia d’acqua e un bicchiere nel piatto.)

USCIERE: Ecco servito, Sig. Avvocato. (Lazzo, bottiglia nel cappello d’Anselmo. Poi l’aiuta a mettere la toga e via.)

ANSELMO (dopo aver bevuto):Signor...

FELICE: Capitano, faciteme nu favore... (Cantando.)

RAFFAELE: Pss... (Impaziente:) Lasciate parlare l’avvocato.

FELICE: Sig. Presidente, io me credeva che vuleva cantà la canzone.

RAFFAELE (ad Anselmo):Avanti.

ANSELMO: Signor Presidente, e signori Ciucci... signori Giudici, qui non si tra... ta...ta... tta... tra...tra.

FELICE: Buh! (Ha sparato nu tracco!)

ANSELMO: Qui non si tra...tta di fare la caucia... la causa per un omicidio primmerattato... premeditato, e di un fu... o di un fu...fu...fu...

FELICE: Chiano cu sta parola.

ANSELMO: O di un fu...furto con assoì... assoì...

FELICE: Nun lo vattere!

ANSELMO: Ass...assassinio, ma soreta se ratta... ma solo si tratta di una povera mula sventrata... di una povera moglie sventurata, che viene innanzi a voi signor Puzzulente... signor Presidente, per provare con li fritte de tartufe... con i fatti le torture che le dava co... co... co...

FELICE: Ha fatto l’uovo!

ANSELMO: Co... continuamente suo marito. Chella che ha rotta la pupatella.

FELICE: E chella se ncuieta co la criatura!

ANSELMO: Quello che ha detto la Paparella, ci prova tutta la sua coppola... la sua colpa, e la Parrocchia de S. Gaetano... e il Papocchia sig. Gaetano, uomo impotente... uomo imponente e incapace di mentire, poco fa ci ha detto che 40 ove pe la frittata co lo caso... che quando andò per fittarsi la casa, vide che il sig. Sciosciammocca, se cuccava la state co la provola mmocca...

FELICE: Io me cuccava a la state co la provola mmocca?

ANSELMO: Si contrastava con la propria moglie, e si facevano delle pommarole in brodo... e si dicevano delle parole improprie! Da sotto pe li chiancarelle! (Tutti si alzano spaventati, gridando e guardando il plafond. Felice si copre la testa con una sedia, il Presidente appaurato si curva lasciando vedere dal tavolo la sola testa, e il braccio destro che suona il campanello. Anche Anselmo, vedendo gli altri si spaventa.)

FELICE: Ch’è stato?... Avete visto cadè quacche cosa? (Mostrando la soffitta.)

ANSELMO: No.

FELICE: E voi avete detto da sotto pe le chiancarelle?

ANSELMO: No, io voleva dire... la suddetta Paparella. (Tutti rassicurati si mettono a posto.)

FELICE: Ah! Sangue de Bacco! Mò nce la mengo la seggia. La suddetta Paparella, de sotto pe li chiancarelle! (Siede.)

ANSELMO (seguitando):Dunque, la suddetta Paparella, come serva della casa e donna salata... e donna salariata poteva dire che io saglio lo pallone.., che i suoi padroni non si contrastavano mai, ma nonna nonna...

FELICE: Che vene mammone...

ANSELMO: Ma no... ma no... Essa venne a durece...

FELICE: Alice!

ANSELMO: Essa venne a dirci che il Sig. Felice e sua moglie se cuccavene ogne minuto secondo.

FELICE: E quanno nce suseveme?

ANSELMO: Si contrastavano ogni minuto secondo. (Pausa breve.) Signor Presepio... signor Presidente, si prore a buje e a Giustina...

RAFFAELE: Piano piano avvocà!

ANSELMO: Se preme a voi la Giustizia, potreste credere che questi contrasti venivano secula... per secula...

FELICE: Seculorem amen!

ANSELMO: Se... sempre per parte della maglia.., della moglie? E chi-chi-ri-chi.

FELICE: è schiarato juorno.

ANSELMO: E chi... chi non sa che la donna è assai più debole del marito? E poi, guardate sta figliola, e ciuncate voi sig. Presidente.

RAFFAELE: (Tu e l’arma de mammeta).

ANSELMO: E giudicate voi, signor Presidente, se in quel vizio.., viso vi può essere mannaggia...

FELICE: Ll’arma de patete.

ANSELMO Mannaggia...

FELICE: Chi t’ha allattato!

ANSELMO: Ma... mal... vagità. (Crescendo:) Essa non è col sepe.

FELICE: No, è co lo sale!

ANSELMO: Non è colpevole, è il marito che vuole pane cevuze e case-cavalle...

FELICE: Io voglio pane cevuze e casecavalle?

ANSELMO: Che vuole paglia per cento cavalli!

FELICE: All’arma de la lengua!

ANSELMO (gridando):Ma chi di voi non tene corne?

FELICE: Mò jammo carcerate tutte quante.

ANSELMO: Tene core, non può fare altro che darle rangiata.

FELICE: No limonata.

ANSELMO: Darle ragione!... Qui... qui... qui...

FELICE: Cacciate le capuzelle.

ANSELMO: Quindi, io conchiudo Sig. Presidente, voi che rappresentate la cestunia...

FELICE: Mò haje ditto buono.

ANSELMO: La... giustizia, se le dovete dare na pera... na pena, o chella de mammeta o chella de sorete... o che l’amalgama, e che l’assolva! (Siede.)

ANTONIO: Sig. Presidente, vi prego d’ascoltare gli altri testimoni...

RAFFAELE (legge la lista):Michele Pascone. Avanti. (Michele s‘avvicina.) Giurate di dire la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità.

MICHELE: Lo giuro.

RAFFAELE: Tu sei il servo di D. Felice Sciosciammocca?

MICHELE: Eccellenza si...

RAFFAELE: Che sai tu dei tuoi padroni?

MICHELE: Saccio che s’appiccecavano sempe.

RAFFAELE: E lo scaldaletto chi l’ha posto nel letto, il marito, o la moglie?

MICHELE: La mugliera!

AMALIA: Non è vero, Sig. Presidente!

FELICE: Pss. Lasciate parlare il testimone...

ANTONIO: Lasciatelo finire.

DOROTEA (a Gaetano):Galantò, nuje pò facimmo li cunte nuoste.

GAETANO: Perdonami.

(Tutti parlano e fanno confusione. Raffaele agitando sempre il campanello impone silenzio.)

SCENA ULTIMA

Usciere e detti.

USCIERE (gridando):Eccellenza, eccellenza.

RAFFAELE: Giacomì che d’è? (Con interesse.)

USCIERE: è figliata la mugliera vosta!

RAFFAELE: Ha fatto mascolo? (Alzandosi.)

USCIERE: Nonsignore!

RAFFAELE: La femmena?

USCIERE: Doie femmene!

RAFFAELE: 7 e 2 nove! Signori miei permettete, lassateme correre a casa, resta sospesa per un’ora l’udienza (p.a.).

AMALIA: Sig. Presidente, questo testimone è un bugiardo.

RAFFAELE: Va bene, adesso che torno, s’è un bugiardo andrà subito carcerato. (Via correndo. I Giudici, P.M. e Cancelliere lo seguono.)

MICHELE: Carcerato! Nonsignore Eccellenza, mò ve dico la verità! Lo scarfalietto lo mettette io dinto a lo lietto, le giocoliere le faceva venì io ogne matina, tutte sti mbroglie l’aggio fatto io!

FELICE: Che! (Dando un colpo sul piede di Gaetano, che si trovava vicino a lui.)

GAETANO: Ah! Ncoppa a lo callo! (Zoppicando va da Dorotea a domandare perdono.)

FELICE: E levateve da dereto!

AMALIA: E perché hai fatto questo?

MICHELE: Pecché D. Felice, prima de se nzurà me trattava buono doppo nzurato nun me trattava cchiù comme a na vota, e io cercave tutte li mezze pe farlo spartere da vuje.

AMALIA: Ah! Adesso ho capito.

FELICE: Birbante, pe causa toja me facive lascià questo pezzo di burro. Mugliera mia cara, cara, perdoname.

MICHELE: Signore mio perdunateme, nun lo faccio cchiù!

FELICE: Esci! Non ti voglio più vedere.

AMALIA: Va buono, Feliciè, perdonalo chillo è nu scemo.

FELICE: Lo vuoi tu? Ebbene, per questa donna io ti perdono. (A Dorotea ed a Gaetano:) Avite fatto pace pure vuje?

GAETANO: Nun ncè rumpite a capa, lassatece fà.

FELICE: Bravo. Me dispice ca lo Presidente se n’è ghiuto, ma mò che torna sono sicuro d’avere una sentenza d’assoluzione e di perdono. Mò nce ne jammo a affittà tre belle carrozze e nce ne jammo a mangià tutte quante ncoppa a du Pallino. Sperando però, come sempre, di aver contentato questo rispettabile pubblico!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 11 volte nell' ultimo mese
  • 40 volte nell' arco di un'anno