Lo scherzo

Stampa questo copione

Lo scherzo

di Vincenzo Rosario PERRELLA ESPOSITO

(detto Ezio)

28/03/2005

Personaggi:   11

il professor Peppe Sullo    

Carmela Sullo                   

Simona Sullo                    

Alessio Sullo                     

Agostino Sullo                   

Chiara Mente                    

Gennaro                            

Melina Del Trentino         

Enza                                  

Arturo Zampa                   

Checco Savinco                

Napoli, anno 2005. Il professore di lingua e letteratura italiana Giuseppe Sullo è una persona rigorosa ai limiti dell’assurdo. Il suo carattere spigoloso e intrattabile, lo rendono antipatico agli occhi della gente. Cosicché, un giorno, gli abitanti del quartiere e qualche familiare fel professore, decidono di organizzarsi per fargliela pagare in modo pacifico e fargli comprendere l’importanza di essere un po’ più disponibile e rispettoso nei confronti del prossimo. Mettono su allora uno scherzo: stravolgono le posizioni dei mobili di casa sua, e perfino i ruoli familiari, affidati a persone fin qui conosciute da lui come estranee. Il professore torna da scuola e trova molte cose cambiate: casa sua, la moglie, le parentele, gli amici. Non ci capisce più nulla. Gli sembra un brutto sogno. Crede quasi di impazzire. Ma alla fine deve accettare quella situazione come se tutto fosse sempre stato come gli appare ora.

Non contenti, gli abitanti del quartiere organizzano un altro scherzo. Sempre dello stesso tipo, stavolta si cambiano ancora le posizioni dei mobili in casa Sullo e ruotano di nuovo i ruoli dei familiari  e degli amici. Al suo ritorno da scuola, il professor Sullo nota di nuovo questi cambiamenti. Non ci capisce più nulla. Stavolta davvero crede di impazzire. Ma in un modo o nell’altro riesce a scoprire il trucco. Così, invece di smascherare i colpevoli, sta al gioco ed anzi capovolge la situazione: sono gli altri vittime di un suo scherzo. Ne succederanno di cotte e di crude.

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

 

            Napoli, casa del professore di italiano Giuseppe Sullo. Alla stanza si accede da una entrata comune. A destra, una porta, conduce in camera da letto e bagno. A sinistra vi è la cucina, il bagno di servizio e due stanzette. Al centro della stanza vi è un tavolo con quattro sedie. Poi sulla sinistra vi è la credenza e un appendiabiti. Sulla destra c’è un divanetto.

ATTO PRIMO

1. [Carmela, Peppe Sullo e Alessio]

                 Carmela è intenta a spolverare sulla credenza. Per l’occasione, canticchia.

Carmela: “Felicissima sera / a tutte ‘sti Sìgnure‘ncruvattate/ a chesta cumitiva accussì

                  alléra, uommene scic e femmene pittate… / Chi so’, che ve ne ‘mporta, aggio

                  araputo ‘a porta e so’ trasuto ccà...”!

                  All’improvviso, dalla porta a destra, entra un pallone da calcio che la colpisce.

                  Ch’è stato? ‘N’ata vota ‘stu pallone? Ma ‘sti guagliune so’ tremende propio! ‘O

                  guajo è che nuje stamme ‘e casa a pian terreno. Accussì ‘o pallone trase p’’a

                  fenesta nosta e arriva ccà ddinto. Ma mò ‘e ffaccio avvedé io, a ‘sti delinquente!

                  Prende il pallone ed esce a destra e richiama chi sta giocando a pallone.

                  Uhé, ma nun putite ì a pazzià cchiù allà? Jate a menà ‘o pallone ‘int’’a fenesta

                  d’’a signora Russo. Embé, si nun ve ne jate, ve mengo ‘nu scarpone appriesso!

                  Si sente una pernacchia. Così Carmela torna dentro col pallone in mano, offesa.

                  ‘Sti quatte fetiente! M’hanne fatto ‘nu pernacchio! Ah, sì? E mò ve faccio

                  avvedé io. (Chiama) Peppe! Aiésce mommò ‘a parte ‘e fora! Ohi Peeee’!

                  Da sinistra esce Peppe in maglietta, pantaloni... e sapone da barba in faccia.

Peppe:      Ma che vvuo’?

Carmela: Ohi Pe’, ma che staje facenno, ‘a mez’ora?

Peppe:      Siente, primma cosa, t’aggio ditto nun me chiammà “ohi Pe’”! E ppo’, secondo

                  te, uno che tene ‘o ssapone p’’a barba ‘nfaccia, che sta facenno?

Carmela: Sì, aggio capito, te staje facenno ‘a barba. (Le mostra il pallone) Però guarde ccà!

Peppe:      Embé, e tu m’he’ chiammato pe’ pazzià ‘o pallone cu’ te?

Carmela: Peppe, ma si’ scemo? ‘Stu pallone l’hanne menato ccà ddinto ‘e solite quatte

                 fetiente che ssapimme nuje!

Peppe:      Embé, e tu pecché nun chiude ‘a fenesta?

Carmela: Ma comm’è, so’ priva ‘e tené arapùta ‘nu poco ‘a fenesta?

Peppe:      E allora affacciete e falle ‘na cazziata.

Carmela: E ce ll’aggio fatta. Però tu ‘o ssaje che risposta aggio avuto? ‘Nu pernacchio!

Peppe:      Aspiette, ja’, damme ‘nu poco ‘stu pallone. Mò ce penz’io! (Se lo fa consegnare)

Carmela: Ohi Pe’, pe’ piacere, mò nun fa’ arrevutà ‘o vico!

Peppe:      Nun te prioccupà! Cchiù assaje ‘e trenta-quaranta male parole nun ce ‘e ddico!

                  Ed esce via a destra. Da lì, lo Sì sente richiamare chi sta giocando a pallone.

                  Uhé, ate fernuto ‘e ittà ‘o pallone ‘int’’a casa mia?

                  A un tratto si sente i ragazzi ridere (hanno visto Peppe col sapone da barba).

                  E che redìte a ffa’? Nun ate maje visto a uno cu’ ‘o ssapone p’’a barba ‘nfaccia?

                  I ragazzi ridono ancora e Peppe si arrabbia.

                  Ma come vi permettete di sfottermi? Io sono il professor Peppe Sullo!

                  Ad un tratto si sente una pernacchia che sbeffeggia il suo nome.

                 Ah, sì? E mò v’’o schiatto, ‘stu pallone! Comme? Ve n’accattate n’ato? E io v’’o

                 schiatto ‘n’ata vota! Comme? Ve n’accattate ‘n’ato ancora? E io ve schiatto pure

                 chillo! Vabbuò?

                 Torna dentro da sua moglie.

                 Ecco qua, gliel’ho detto. Mò finalmente hanne capito cu’ chi hanne a che ffa’!

Carmela: Comme, no? S’è capito d’’o pernacchio che t’hanne fatto!

Peppe:     E chille so’ scustumate. ‘E ffamiglie nun ‘e ssanne ‘mparà ll’educazione!

Carmela: E che vvuo’ fa’? Questa è la società di oggi. E questi sono i giovani di oggi.

Peppe:     E intanto mò ce ‘o bbuco, ‘stu pallone!

Carmela: Ma che vvuo’ bbucà? Tu dice sempe chesto, e invece mò ‘o vaje a stipà.

                 Tenìmme ‘nu ripostiglio chino ‘e pallune! Nun saccio si tenimme cchiù pallune

                 nuje oppure Giuanne ‘o pallunaro!

Peppe:     Vabbuò, ja’, Carmé, nun perdimme tiempo. Muòvete a te fa’ ‘sta barba!

Carmela: E che m’’a sto’ ffacenno, io, ‘a barba? T’’a staje facenno tu.

Peppe:     Appunto, famme movere a ffa’ ‘sta barba. Cchiù tarde ha da venì Checco a ffa’ ‘o

                 doposcuola.

Carmela: Ah, già. Embé, ohi Pe’, ma chi t’’o ffa’ fa’?

Peppe:     Ma pecché, te fanne schifo dujciento Euro ‘e cchiù ‘o mese?

Carmela: E chi ‘e vvede? Tu t’’e ppiglie tutte quante tu! Ma nun t’abbasta ‘o stipendio ‘e

                 prufessore ‘e raggioneria?

Peppe:     E chi ‘o vede? Tu t’’o piglie tutto quanto tu, tuo figlio e tua figlia!

Carmela: E vabbuò, però io voglio capire se tu fai il doposcuola a un ragazzino. Ma tu

                 invece tiene a ‘n’alunno ch’è ‘nu “ciuccione” ‘e trent’anne!

Peppe:     Embé? Ce vo’ ll’età pe’ studià? Quello fa il contadino. Non ha potuto studiare, e

                 ora vuole prendere la licenza elementare. Anzi, quest’anno tiene pure gli esami!

Carmela: (Ironica) E già, chille po’ so’ troppo difficile!

Peppe:     E che capisce, tu? Tu tiene ‘a terza media serale! Te l’aggio accattata io!

Carmela: E pacienza! Non siamo tutti professori come te!

Peppe:     Vabbuò, Carmé, mò famm’ì a ffernì ‘sta barba, o si no s’aciutta ‘o ssapone

                 ‘nfaccia. E a te, muòvete a ffa’ ‘e servizie. ‘A ‘n’appoco aggia fa’ lezione.

                 E torna via a Sìnistra.

Carmela:‘E che bruttu carattere che tiene! (Poi torna a togliere la polvere e canticchia) “Si

                 me vulìsse bene overamente / nun me facìsse sfruculià d’’a gente...”!

                 E da sinistra entra Alessio, figlio dei due: si è vestito ma è assonnato. Protesta.

Alessio:    Ma inzomma, mammà, è possibile che m’aggia scetà accussì ambresso, cioè a 

                 miezjuorno, pe’ colpa toja e ‘e papà?!

Carmela: Ah, te si’ scetato, finalmente? (Ironica) E allora, principe Alessio, scusatemi se vi

                 ho fatto alzare così presto! La prossima volta vi faccio dormire mezz’ora in più!

Alessio:    E che ffaje? Sfutte? Io faccio il “cartunaio”. Di giorno devo dormire perché di

                 notte devo raccogliere i cartoni per strada.

Carmela: Ma nun t’’o putive scegliere ‘nu mestiere cchiù meglio?

Alessio:    E perché? Quello è facile. E poi don Aniello mi paga bene.

Carmela: Embé, e pe’ ffa’ ‘stu mestiere, he’ durmì fin’e chest’ora, e nun t’amma disturbà?

Alessio:    Esattamente. Comunque nun è tanto papà che nun me fa’ durmì...!

Carmela: Ah, aggio capito: so’ ‘e guagliune che giocano ‘o pallone!

Alessio:    No, nemmanco. ‘O problema si’ tu.

Carmela: Io? E pecché?

Alessio:    Pecché tu te miette a cantà sempe! Ma nun puo’ pulezzà silenziosamente?!

Carmela: (Ironica) E allora scusate, commendatore! La prossima volta non canto più!

Alessio:    E mò dimme ‘na cosa: papà addò sta?

Carmela: Sta ‘int’’o bagno. Ce vuo’ dicere coccosa?

Alessio:    Pe’ carità! Cu’ chillu bruttu carattere che tene, chi ce dice niente?! A proposito,

                 ma ‘a colazione addò sta?

Carmela: ‘A colazione? Nuje tra ‘n’ora amma pranzà!

Alessio:    No, mammà, io aggia fa’ colazione. Picciò, appripàreme ‘na bela zuppa ‘e latte.

                 Però t’arraccummànno: ‘int’’o bicchiere ‘e latte, oltre ‘o llatte, c’he’ mettere pure

                 ‘nu cornetto, diece biscotte, ‘e cereali, ll’orzo, ‘o cappuccino e ‘o ccafé!

Carmela: Niente cchiù?! E allora ccà nun ce vo’ ‘nu bicchiere, ma ‘nu sicchio ‘e latte!

Alessio:    Ma che? Miette tutto cose ‘int’a chella bella scodella gialla cu’ Paperino ‘a sotto!

                 Mammà, te dongo diece minute ‘e tiempo pe’ priparà tutto cose!

Carmela: ‘E che pacienza che tengh’io! Ma quanno ve spusate, tu e ssoreta?

Alessio:    Che vvuo’? M’aggia spusà cu’ ssorema?

Carmela: Chisto è cchiù scemo d’’o pato! Ja’, viene cu’ me, fernésco ‘e pulezzà aroppo!

                 I due escono a sinistra.

2. [Simona Sullo, Agostino Sullo e Chiara Mente. Poi Gennaro]

                 Dalla comune (al centro) entrano Simona, zio Agostino e zia Chiara.

Simona:   No, no, e no! Zio Agostino, zia Chiara, non mi convincerete mai! Io, con Attilio

                 il muratore, non uscirò mai.

Agostino: Ma pecché, che t’ha fatto?

Simona:   E’ rozzo.

Chiara:    No, mica è rosso? Quello è castano!

Agostino: Chiara, ma te staje zitta? Chella nun ha ditto ch’è “rosso”. Ha detto che è rozzo.

Chiara:    E vabbuò, nun aggio ‘ntiso buono. Tu che vaje truvanno?

Agostino: Ma vuje femmene nun capite maje niente.

Chiara:    ‘O vero? E allora vide che te sbaglie. Noi donne capiamo più di voi uomini.

Agostino: E invece no.

Chiara:    E invece sì.

Simona:   Néh, ma mò ve vulìsseve appiccecà ccà ddinto?

Agostino: E chelle, ‘e ffemmene, hanna parlà sempe ‘nmiezo.

Chiara:    E pecché, mò nun staje parlanno tu? E mica tu si’ femmena?

Agostino: Pe’ carità. Io sono iscritto al partito degli uomini.

Simona:   ‘O zi’, ma ‘na vota nun ire maschilista?

Agostino: E pecché, nun è ‘a stessa cosa?

Simona:   E tu, invece, zia Chiara, si’ femminista?

Chiara:    Prego, partito delle donne.

Simona:   Ma chi ve capisce, a tutt’e dduje?!

Agostino: Sìente, inzomma ch’aggia fa’, Sìmò? Aggia parlà cu’ ‘stu Attilio?

Simona:   ‘O zi’, t’aggio ditto che no. Quello non tiene soldi.

Agostino: E già. Site tutte quante eguàle, ‘e ffemmene: currìte sempe appriesso ‘e sorde!

Chiara:    E invece, vuje uommene currite sempe appriesso a ‘n’ata cosa!

Simona:   E mò nun accumminciate ‘n’ata vota. Anze, jate a salutà a mammà e a papà.

Agostino: E ch’aggia fa’ cu’ mammà toja? Io saluto solo gli uomini.

Chiara:    E io solo le donne.

Simona:   Ma io vulésse tanto capì ‘na cosa: ma comme v’ate spusate, tutt’e dduje?

Chiara:    Infatte! Secondo me, chisto, s’era spusà cu’ ‘n’ommo!

Agostino: E tu, invece, t’ira spusà cu’ ‘na femmena! Saje comm’ireve belle, tutt’e ddoje!

Simona:   Va bene, basta! Andate in cucina. Là troverete sicuramente a papà e a mammà.

Agostino: No, no, io aggia parlà primma cu’ papà, pure si tene ‘nu bruttu carattere!

Chiara:    E io primma cu’ mamma toja. Noi donne ci dobbiamo far rispettare.

Agostino: Ma nun me fa’ rirere!

                  I due si avviano a sinistra, sempre litigando:

Chiara:    E che tiene ‘a rirere? Tu ‘issa chiagnere, invece!

Agostino: Abbassa il tono della voce, donna!

Chiara:    No, abbassalo tu, uomo!

                  I due escono a sinistra sotto lo sguardo attento di Simona.

Simona:   Mamma mia, m’hanne stunate, ‘sti duje! Stanne facenno chesto ‘a quanno l’aggio

                 ‘ncuntrate ‘o Rettifilo mentre jevo all’università.

                  In casa entra Gennaro (in giacca e jeans), parrucchiere da uomo e da donna.

Gennaro: E’ permesso?

Simona:   Ciao, Gennaro. Vieni, vieni, entra.

Gennaro: Cià, Sìmò. Ma tu tieni un po’ i capelli spettinati. Ma chi te pettina, ‘a matina?

Simona:   No, Gennaro, ancora con questa mania dei miei capelli?

Gennaro: E certamente. Io faccio il parrucchiere da uomo e da donna, e li schifo proprio i  

                 capelli fuori posto. Aspiette ‘nu sicondo, aggio visto ‘na brutta cosa.

Simona:   Che cosa?

Gennaro: ‘Na vertigine! (Dalla tasca estrae un pettine) Mò ce penz’io! (La pettina)

Simona:   (Infastidita) Gennà, e te vuo’ sta’ fermo?

Gennaro: Nun te movere, nun te movere! (Prosegue a pettinarla)

Simona:   (Rassegnata) E gghià, fernìsce ll’opera d’arte!

Gennaro: (Così fa) Dunque: un colpo di qua, un altro di là... et voilà! Fatto!

Simona:   (Ha i capelli davanti agli occhi) E chesta fosse ‘a pettinatura che me vulìve fa’?!

Gennaro: Beh, effettivamente è imperfetta. Aspiette ‘nu poco, mò ce penz’io! (Dalla tasca

                  della giacca estrae delle forbici) Mò te taglio ‘e capille annanzo all’uocchie!

Simona:   (Si sistema i capelli in fretta e furia) A chi? Fance sta’ qujete!

Gennaro: E che he’ fatto? T’he’ scungecato ‘n’ata vota ‘e capille?

Simona:   Sì, me piacene accussì. E mò SIente, Gennà, ma pecché si’ venuto ccà?

Gennaro: Sto’ ccà pecché pateto m’ha da pavà diece tagli e doje barbe. Totale: 95 Euro!

Simona:   E poi?

Gennaro: E ppo’ so’ venuto pure pe’ parlà cu’ mammeta. M’ha da pavà ancora ‘na messa

                 in piega, cinche sciampe, doje tinture e ‘nu taglio. Totale: 125 Euro!

Simona:   Ho capito. E poi?

Gennaro: E ppo’ aggia parlà pure cu’ frateto. M’ha da pavà ancora ‘nu sciampo, tre tagli e

                 ‘nu chilo ‘e gelatina! Totale: 55 Euro. In tutto, so’ dujcientosittantaciche Euro!

Simona:   (Spazientita) Néh, ma allora? Pe’ me nun si’ venuto propio?

Gennaro: Ma pecché, tu t’he’ tagliato ‘e capille?

Simona:   Ma qua’ capille? Io nun m’aggio tagliato niente.

Gennaro: Aggio capito: te l’he’ taglià mò? E allora avvì a te fa’ ‘o sciampo!

Simona:   Cretino! Ma io non ti interesso proprio?

Gennaro: Ah, ma allora tu me vuo’ dicere chesto?

Simona:    E secondo te?!

Gennaro:  Ma sì, che me ne ‘mporta d’’e sorde?! Viene cu’ me, te porto a ‘nu bellu posto.

Simona:    (Interessata) Dove mi porti, dove mi porti?

Gennaro:  A accattà doje zeppole e panzarotte! Po’ ce ne jamme ‘int’’o negozio mio,

                   acalàmme ‘a serranda e ce ‘e mmagnamme! Ja’, viene!

                   La prende per mano e se la tira via fuori casa (lei sembra perplessa).

3. [Peppe e Agostino. Poi Melina e Checco]

                  Da sinistra entrano Peppe (ancora col sapone da barba in faccia) e Agostino.

Peppe:      Ma inzomma, m’’a facite fa’ ‘sta barba ‘ngrazia ‘e Dio?

Agostino: Ohi Pe’, ma a chest’ora se fa ‘a barba?

Peppe:      Siente, prima cosa, nun me chiammà “ohi Pe’”! Secondaria cosa: ma pecché, ce

                  sta ‘n’orario pe’ se fa’ ‘a barba? Terza cosa: e tu a chest’ora viene?

Agostino: Pecché, a chi ora ‘eva venì?

Peppe:      ‘E ddiece. A ‘n’appoco è ‘a mezza! E penzà che staje ‘e casa ‘o piano ‘e coppa!

Agostino: E che vvuo’ ‘a me? Chella è colpa ‘e mia moglie! Quanno se trucca, se pripara e

                  se veste, ce mette sempe trent’anne! Purtroppo, ‘e ffemmene so’ fatte accussì.

Peppe:      Ma tu ce ll’haje sempe cu’ ‘e ffemmene? Ma che t’hanne fatte?

Agostino: So’ sempe ‘a stessa cosa: trucco, apparenza che inganna, opportunismo e vanità!

Peppe:      Agostì, si vaco addù mugliereta, essa me dice ‘a stessa cosa, però ‘o cuntrario!

                  Dice che sso’ ll’uommene che tenene ‘sti difiette. ‘O bello è che te l’he’ scigliuta

                  tale e quale a te, a mugliereta!

Agostino: Non offendiamo, una cosa!

Peppe:      Vabbuò, comunque facimme ambresso, che s’asciutta ‘o ssapone p’’a barba

                 ‘nfaccia! Ja’, dimme pecché si’ venuto ccà.

Agostino: E allora ti spiego subito. Dunque, Peppe, prego, accomodati.

Peppe:      M’aggia pure accomodà? Ma ccà s’asciutta ‘o ssapone p’’a barba ‘nfaccia!

Agostino: E duje minute!

Peppe:      E vabbuò. Però muòvete a parlà.                

                  I due Sì accomodano al tavolo.

Agostino: Dunque...! E no, mò nun me trovo! Io mi trovo a parlare quando tengo davanti a

                  me tutte le comodità. Nun è che me putìsse fa’ ‘na tazzulella ‘e café?!

Peppe:      Agostì, ccà s’asciutta ‘o ssapone p’’a barba ‘nfaccia! E ppo’, a ‘n’appoco, ha da

                  venì Checco a ffa’ ‘o doposcuola.

Agostino: Ma chi? Checco Savinco? ‘O contadino?

Peppe:      Eh, sì, sì, propio isso. E mò ja’, muòvete che s’asciutta...

Agostino: ...’O ssapone p’’a barba ‘nfaccia! E vabbuò, allora stamme a sentì. Dunque, come

                  ben sai...! (Nota l’appendiabiti) Uh, ma chill’appendiabiti mò l’he’ accattato?

Peppe:      (Spazientito) E te vuo’ movere a parlà? S’asciutta ‘o ssapone...!

Agostino: ...P’’a barba ‘nfaccia! Aggio capito.

Peppe:      Embé, e sì he’ capito, parle, forza! Guarde, che mò aìzo ‘ncuollo e me ne vaco!

Agostino: No, no, adesso parlo. Dunque: come ben sai, io sono un piccolo imprenditore.

                  Però la mia piccola azienda cartaria non rendeva più bene. Sai com’è, la carta si  

                  fa con la cellulosa, e la cellulosa comincia a scarseggiare. E allora costa troppo...       

Peppe:      Agostì, stringi, stringi!

Agostino: Néh, ma pecché nun t’’a puorte ccà, ‘a lametta! Accussì t’’a faje ccà, ‘sta barba!

Peppe:      Ma te pare ca me metto a ffa’ ‘a barba ccà ddinto? Ja’, muòvete a parlà.

Agostino: E vabbuò, ‘nu mumento. Dunque: come ti dicevo, mi stavo scocciando di fare la

                  carta, e così ho deciso di cambiare...! (Nota la credenza) Ohi Pe’, ma chella è ‘a

                  credenza nova che mò t’he’ accattato?!

Peppe:      E mò basta!                

                  Si alza e si avvia a sinistra, rincorso da Agostino che lo ferma.

Agostino: No, no, aspié, Peppe, famme fernì ‘e parlà ‘nu mumento.

Peppe:      Agostì, t’he’ ‘a da’ ‘na mossa! Parle e muòvete.

Agostino: E va bene. Ci sediamo?

Peppe:      No, me voglio sta’ allérto. Vabbuò?

Agostino: E allora ascoltami. Dunque: come ti dicevo, ho deciso di cambiare attività. E così

                  ho camminato per strada e mi sono guardato intorno. E lo sai che cosa ho visto?

Peppe:      ‘E mmachine!

Agostino: No, di più.

Peppe:      ‘E pulmmànn!

Agostino: No, di più.

Peppe:      ‘Nu burdello ‘e ggente!

Agostino: Ti ho detto di più!

Peppe:      Ma se po’ ssapé che he’ visto?

Agostino: Ho visto cosa beve le gante.

Peppe:      Embé, e allora?

Agostino: La gente beve un sacco di bevande: la Coca Cola, l’aranciata, la Pepsi Cola...! E

                  allora aggio penzato: “Ecco qua, questa è l’idea”! E così ho inventato una nuova

                  bevanda, simile alla Pepsi Cola, usando anche il tuo nome.

Peppe:      ‘O nomme mio? Ma pecché, comme l’he’ chiammata?

Agostino: La “Pepsi Fess”!

Peppe:      E secondo te, st’idea m’avessa piacé?

Agostino: E si capisce. ‘Sta bevanda tene pure ‘o nomme tuojo!

Peppe:      Ma famme ‘o piacere! Famme fa’ ‘a barba, che s’asciutta ‘o ssapone ‘nfaccia!

                  Ed esce via a sinistra lasciando Agostino interdetto.

Agostino: Embé? E ch’aggio ditto ‘e male? Ma questo fratello mio è troppo permaloso! E

                  vabbuò, tanto, che me ne ‘mporta a me? La Pepsi Fess venderà un miliardo di

                  lattine in tutto il mondo! E chesto nun m’’o lleva ‘a capa nisciuno!

                  Entrano Checco (ha uno zaino) e sua moglie Melina (ha una busta di frutta).

Checco:    Ma nun dicere scimmità, cu’ chella vocca!

Agostino: Ma chi, io?

Checco:    Uhé, Agostì. No, sto’ parlanno cu’ muglierema. A proposito, mò t’’a presento. 

                  Melì, chisto è ‘o frato d’’o prufessore.

Melina:    Piacere, Melina Del Trentino.

Agostino: Piacere, Agostino Sullo, imprenditore.

Melina:    ‘O vero? Si’ imprenditore? E ch’impresa tiene? ‘A Valfrutta?

Agostino: No, tengo ‘a Del Monte!

Melina:    (Sorpresa) Uh, he’ ‘ntiso, Checco? Allora chisto tene cchiù frutta ‘e nuje!

Agostino: Sìente, ma quala frutta? Io sono imprenditore di bevande analcoliche.

Melina:    (Dubbiosa) Néh, ma che ha ditto, Checco?

Checco:    Niente, ha ditto che tene ’e bbevande che fanne venì ‘e ccoliche!

Melina:    P’ammore ‘e Dio, e chi se l’accatta?

Agostino: Ma che state dicenno? Io ho detto analcoliche.

Checco:    Ah, e bravo! E allora, Agostì, t’aggia chiedere ‘nu favore. Tu sì amico mio. E

                 allora me vuò bene, a me?

Agostino: Dipende: te servene sorde?

Checco:    No.

Agostino: E allora te voglio bene comm’a ‘nu frato! Ja’, dimme, che piacere te serve?

Checco:    Niente, volevo un parere da te: ma muglierema te piace?

Agostino: In che senso?

Checco:    No, io dico, così. Cioè, è di tuo gusto?

Agostino: A occhio e croce, è una bella donna. Ma pecché me staje facenno ‘sta domanda!

Melina:    E mò t’’o ddich’io: chesta, muglierema, accomme tene ‘na cosa ‘e sorde ‘nmana,

                  subito s’’a spenne. Accatta sempe. E’ propio ‘n’”accattona”!

Melina:    Ma io aggio visto ‘nu bellu slip “leopardato” e te l’aggio accattato!  

Checco:    Ma a me nun me piace ‘o slip leopardato. Me piace chillo “tigrato”! Io aggia fa’

                  bella figura cu’ tutt’’e contadini d’’e tterre vicine ‘a mia!

Agostino: Ma pecché, tu aiésce senza ‘o cazone?!

Checco:    Agostì, tu nun ‘e ppuo’ capì, ‘sti ffinezze!

Agostino: Vabbuò, siente, he’ studià? E allora mò te vaco a chiammà a frateme. Aspettate

                  ccà. Con permesso.

                  Esce via a Sìnistra.

Checco:    Ecco, brava, me faje fa’ sempe ‘sti ffigure annanzo ‘e ggente. Ma io t’aggio ditto

                  che m’he’ accattà ‘o slip tigrato? Embé, e pecché tu m’accatte chillo leopardato?

Melina:     ‘A prossima vota t’’o vaje a accattà tu.   

Checco:     Vabbuò, mò famme fà lezione, o Sì no se fa tarde.    

                  Torna Agostino che Sì tira Peppe, col sapone in faccia e una lametta in mano.

Agostino: Peppe, viene ccà, è venuto ll’alunno tuojo!

Peppe:      Uffa! Ma inzomma, so’ privo ‘e me fa’ ‘sta fetente ‘e barba?!

Checco:    Prufessò, bonasera.

Melina:     Prufessò, comme state? Ate visto? V’aggio purtato ‘a bella cosa: ‘nu chilo ‘e

                  purtualle! (Mostra la busta) Tutte pe’ vvuje!

Agostino: (Ma li prende lui) Grazie, comme site gentile! Mio fratello accetterà con gioia!

Peppe:      Aggio perzo ‘e purtualle! Embé, Melina, l’he’ accumpagnato tu, a Checco?

Melina:     Sì, pecché vulévo vedé si overamente venéva ccà, oppure faceva filone!

Checco:    Ma che l’he’ pigliata, p’’a scola?

Peppe:      Vabbuò, comunque mò nun ve pozzo da’ retta. M’aggia fa’ ‘a barba, o si no

                  s’asciutta ‘o ssapone ‘nfaccia.

Checco:    Prufessò, e allora vulite che passo cchiù tarde?

Agostino: No, cchiù tarde l’aggia accumpagnà a vedé la mia nuova azienda.

Peppe:      E vabbuò, e allora facìmme accussì: io me faccio ‘nu sicondo ‘a barba, o si no

                  s’asciutta ‘o ssapone ‘nfaccia. 

Checco:    Prufessò, e quantu tiempo ce mettite?

Peppe:      E nun te prioccupà, io vengo subito. Agostì, intrattieni un poco a tutti e due.

Agostino: Cioè?

Peppe:      Fai un po’ di spettacolo.

Agostino: E che me metto a ffa’, ‘e ccapriole? 

Peppe:      E allora fammi un piacere. Tu mi vuoi sempre bene?

Agostino: Dipende: te servene sorde?

Peppe:      No.

Agostino: E allora non ti voglio bene, ma ti amo! Mi puoi chiedere tutto quello che vuoi!

Peppe:      Bene, e allora faglieli vedere tu, i compiti.

Agostino: Che? Io? E pecché propio io?

Peppe:      Accussì me sostituisce ‘nu mumento. Io m’aggia fa’ ‘a barba, o si no s’asciutta...

Gli altri:   ...’O ssapone ‘nfaccia!

Peppe:      Appunto!

Checco:    E vabbuò, Agostì, e che ffa? Tu nun si’ istruito?

Agostino: Ma io tengo ‘a quinta elementare serale. Me l’aggio pigliata diec’anne fa.

Peppe:      E ja’, Agostì! Mò ve mettìte ‘int’’a stanza ‘e lietto mia, qujete qujete. Vabbuò?

Melina:    Che cosa? ‘Int’’a stanza ‘e lietto? E pecché lloco ddinto?

Checco:    Melì, ma nuje amma studià, nun amma fa’ ‘e ccose sporche!

Melina:    Ah, me penzave! E allora mò me ne vaco. Prufessò, ‘o vengo a piglià cchiù tarde.

Agostino: Scuse, ma tu ‘o puorte pure p’’a mana ‘nmiezo ‘a via?

Melina:    Esattamente! E allora ce vedimme aroppo. Uhé, e ffa’ ‘o bravo, a te. He’ capì?

Agostino: O si no nun t’accatta ‘o Big Jim!

Melina:    E che ffaje a ffa’ ‘o spiritoso?

                  E se ne va via offesa.

Peppe:      Vabbé, seguitemi e muoviamoci... che s’asciutta...

Gli altri:   ...’O ssapone ‘nfaccia!

Peppe:      Appunto!                

                  I tre escono a destra.

4. [Carmela e Chiara. Poi Sìmona e Alessio]

                  Da sinistra entrano Carmela e Chiara.

Chiara:    Ma comme, tu ce vaje a ffa’ chella piezza ‘e zuppa ‘e latte, a Alessio?

Carmela: E che vvua’ ‘a me, Chiara? Io, in questa casa, sono una schiava!

Chiara:    E ‘a colpa è ‘a toja. Tu non ti ribelli. Perché noi donne dobbiamo sottostare alla

                 volontà degli uomini? Pecché amma cucenà pe’ lloro?

Carmela: Pecché o si no ce stamme dijune pure nuje!

Chiara:    E no! Sbagliato! Tu ti devi imporre. E specialmente con tuo marito.

Carmela: Pe’ carità, chillo tene chillu carattere difficile. E chi se fida d’’o sentì?!

Chiara:    E questa cosa la pensano pure le altre persone del vico. Dicono tutti che tuo

                 marito è arrogante, antipatico, presuntuoso e antidemocratico.

Carmela: Anti...?

Chiara:    ...Demo... demo...! (Non riesce più a dirlo) Aeh, Carmé, chi sa comme l’aggio                

                 ditto ‘na vota, antidemocratico?!

Carmela: Embé, comunque chillo è ‘o carattere suojo. E’ fatto accussì. Ch’aggia fa’?

Chiara:    E ‘o vvuo’ sapé ‘a me? Io, quando si tratta di uomini, tengo il dente avvelenato.

                 Ma cu’ tuo marito, nun ce riesco propio: me va a fernì tutto ‘o vveleno aréto!

Carmela: No, chillo è ‘o llatte che va aréto!

Chiara:    Vabbé, comunque dobbiamo studiare qualcosa per farlo calmare. Che ne dici se...

Carmela: No, secondo me nun è ‘na bona idea.

Chiara:    Aspié, famme dicere primma che vvoglio fa’! Io stavo pensando a uno scherzo.

Carmela: ‘Nu scherzo? E secondo te, ‘nu scherzo, ‘o fa calma chillu bruttu carattere che               

                  ttene? Chillo è proprio nato accussì.

Chiara:    Sì, ma non sarà uno scherzo da due soldi, ma uno scherzo serio. Lo facciamo

                 insieme a tutti gli altri abitanti del vico. Tu che dici?

Carmela: Beh...

                 E da sinistra entra un pallone che va contro le due.

Chiara:    E che d’è ‘stu pallone?

Carmela: Che d’è? ‘O ssacc’io, che d’è! (Lo prende e s’arrabbia) Néh, ma mò v’ate miso a  

                  pazzia ‘a chell’ata parte? Vuje me rumpìte ‘e ffeneste d’’a cucina!

Chiara:    Ma cu’ chi staje parlanno?

Carmela: Mò te faccio vedé. Viene ‘nzieme a me.

                 Le due si avviano a sinistra e Carmela già comincia a gridare.

                 Néh, uhé, ma ‘a casa mia l’ate pigliata p’’o San Paolo?! Jamme bello, jamme!

                 Vanno a sinistra. Dalla comune ecco Simona (con una busta di rosticceria).

Sìmona:   ‘E comm’è romantico, chillu Gennaro!... M’ha regalato ‘na busta ‘e zeppole e

                 panzarotte. E me vuleva regalà pure ‘e ppalle ‘e riso. E chi s’’e magna ‘sti ccose?

                 Da sinistra entra Alessio che sta masticando.

Alessio:    Uhé, Sìmò!

Sìmona:   E chisto magna sempe. ‘E che capa fresca che tiene!

Alessio:    Simò, io aggia magnà pecché ‘a notte aggia faticà. E allora m’aggia mantené in

                 forze! (Nota la busta) A proposito, ma che ce sta ‘int’a ‘sta busta?

Sìmona:   (Gliela consegna) Tié, fatte chiatto!

Alessio:    (Apre e controlla) Zeppole e panzarotte? Ma l’he’ accattate pe’ me?

Sìmona:   No, veramente sono un regalo di un mio spasimante. Invece ‘e me regalà anielle,

                 cullane e perle preziose, a me ll’uommene me fanne sulo ‘sti regale lloco!

Alessio:    Embé? E che ce sta ‘e male? (Porge la busta) ‘A vuo’ ‘na zeppola?

Sìmona:   No, grazie! Ma tu ‘o ssaje chi me sta corteggianno? Attilio ‘o muratore!

Alessio:    E che ce sta ‘e male?

Sìmona:   Chillo è ‘o classico tipo che nun te regala maje niente.

Alessio:    E tu dincello: “Siente, Attì, regàleme ‘na busta ‘e zeppole e panzarotte”!

Sìmona:   Ma no, io voglio qualcosa di dolce.

Alessio:    E allora fatte regalà doje zeppole ‘e San Giuseppe!

Sìmona:   Ma no, io voglio qualcosa di tenero.

Alessio:    E allora fatte regalà ‘nu bumbulone cu’ ‘a crema ‘nmiezo!

Sìmona:   Alessio, ma tu parle sempe ‘e magnà?

Alessio:    Ma tu che vvuo’, Sìmò? Stiamo oltre il 2000, e tu aspetti ancora il principe

                  azzurro: bello e ricco. Nun puo’ avé tutt’e ddoje cose. Picciò t’he’ accuntentà. 

Sìmona:   E invece no. Ti faccio vedere che un giorno si avvererà il mio sogno.

Alessio:    E allora haje voglia ‘e sunnà. (Le porge la busta) Tié, ‘a vuo’ ‘na zeppola?

Sìmona:   Nun ‘a voglio, t’aggio ditto. A proposito, cammenànno pe’ ddinto ‘o vico, aggio

                 ‘ntiso ‘e ggente ‘e parlà ‘e ‘nu scherzo. Però nun aggio capito a chi ‘o vonno fa’.

Alessio:    E già, l’aggio ‘ntiso pur’io. Ne stavano parlando mammà con zia Chiara. Sulo

                 che nun c’aggio capito gran che, pecché me steve magnanno ‘a zuppa ‘e latte!

Sìmona:   E già, se capisce: tu, quanno magne, nun pienze a niente e a nisciuno!

Alessio:    E se capisce: quando si mangia, non si parla e non si ascolta.

Sìmona:   Siente, Alessio, voglio a ‘n’ommo!

Alessio:    E che ce azzecca, mò?

Sìmona:   Nun voglio sta’ io sola.

Alessio:    E io ch’aggia fa’?

Sìmona:   M’he’ aiutà.

Alessio:    E pecché?

Sìmona:   Tengo ‘n’amarezza ‘nmocca!

Alessio:    (Le porge la busta) ‘A vuo’ ‘na zeppola?

Sìmona:   (Spazientita, gli toglie la busta di mano) Basta! He’ capì?

                  Gliela getta via e se ne va a destra.

Alessio:     Ma è scema? Jetta ‘e zeppole ‘nterra? (La va a raccogliere e la apre) Pe’ furtuna

                  nun s’hanne fatte niente! Mò m’’e vvaco a magnà fora ‘o vico. In santa pace!

                  Esce di casa.

5. [Peppe e Agostino. Poi Gennaro, Chiara e Carmela]

                  Da destra tornano Peppe e Agostino.

Peppe:      Agostì, ma io m’aggia fa’ ‘a barba, o si no s’asciutta ‘o ssapone ‘nfaccia! Ja’, che

                  vvuo’ ancora ‘a me?

Agostino: Ohi Pe’, io a Checco l’aggio miso a ripetere ‘a storia. Però mò t’aggia cercà ‘na

                  curiosità. Saje comm’è, nun voglio fa’ brutta figurà cu’ isso. ‘O fatto è che...!

Peppe:      Agostì, ma tu ogni vvota che he’ ‘a parlà, ce miette sempe mez’ora? E gghiamme

                  a ce movere, che se sta asciuttanno ‘o ssapone ‘nfaccia.

Agostino: No, niente, vulésse sapé ‘na cosa: ma ‘a Siconda guerra mondiale, vene primma

                  d’’a Primma, o aroppo?!

Peppe:      (Ironico) No, vene assaje tiempo primma d’’a Primma. E ‘o vvuo’ sapé chi l’ha

                  fatta? Giulio Cesare! Ha cumbattuto contro a Napoleone! E aroppo s’è mmiso 

                  ‘nmiezo pure Scipione ll’Africano! E infine so’ arrivate pure Asterix e Obelix!

Agostino: (Soddisfatto) Ua’, grazie! Mò ce ‘o vvaco a dicere a Checco!

Peppe:      Cretino, ‘a Sìconda guerra mondiale è venuta aroppo ‘a Primma, e ll’hanne fatte

                  perlomeno ‘nu miliardo ‘e ggente.

Agostino: E voglio sapé ‘e nomme e ‘e cugnomme!

Peppe:      Ma famme ‘o piacere, io m’aggia fa’ ‘sta benedetta barba, nun ‘a supporto cchiù!

Agostino: E siente ‘n’ata cosa, ohi Pe’...!

Peppe:      E nun me chiammà “ohi Pe’”. Io so’ Peppe e basta!

                  Dalla comune entra Gennaro.

Gennaro:  Ah, prufessò, finalmente v’aggio truvato.

Peppe:      Uhé, ce sta Gennaro ‘o barbiere.

Gennaro:  Prego, parrucchiere! Io faccio barba e capille! (Lo guarda bene) Scusate, ma ve

                  state facenno ‘a barba?

Peppe:      (Ironico) No, me sto’ ffacenno ‘na maschera ‘e bellezza! Ma chisto che domande

                  sceme che ffa! Nun saje riconoscere ‘o ssapone p’’a barba?

Gennaro:  (Tira fuori il pettine) Prufessò, comme state pettinato brutto! (E lo pettina)

Peppe:       Ma che staje facenno?

Gennaro:  (Termina) Ecco qua! Così state bene.

Agostino:  E che l’he’ cumbinato? Chillo steva meglio primma cu’ ‘e capille scumbinate!

Gennaro:  Tu nun parlà propio, Agostì, che tiene cierti capille che parene ‘e alluminio!

                  Anze, aspié, fatte pettinà ‘nu poco! (Così fa)

Agostino:  Néh, ma che vvuò cu’ ‘stu pettine?

Gennaro:  (Completa) Ecco fatto!

Peppe:      Siente, Gennà, ma che vaje truvanno ‘a ccà?

Gennaro: Niente, prufessò, avìsseve visto a vostra figlia? Sto’ parlanno ‘e Sìmona!

Peppe:     Ma me vuo’ ‘mparà a me comme se chiamma mia figlia? Ja’, che vvuo’ ‘a essa?

Gennaro: Niente, se n’è fujuta cu’ ‘na busta ‘e zeppole e panzarotte!

Agostino: E chelle, ‘e ffemmene, so’ fatte accussì: accòmme ce daje ‘na cosa, dicene ch’è

                  d’’a lloro! Picciò, fatte capace, chella già s’ha magnato tutto cose.

Gennaro: E allora, prufessò, mò m’avìsseva dà 95 Euro!

Peppe:      (Stupito) Pe’ ‘na busta ‘e zeppole e panzarotte?! E quant’era grossa, ‘sta busta?! 

Gennaro: No, m’’ita pavà diece taglie e doje barbe: totale, 95 Euro.

Peppe:      Sì, ma mò facìteme fa’ ‘sta barba ‘nsanta pace.

Gennaro: E facìte ambresso, o si no s’asciutta ‘o ssapone ‘nfaccia!

Peppe:      Ma è chello che sto’ ddicenno pur’io! Mannaggia ‘a miseria! Agostì, va’ a ffa’

                  lezione a chillo. Io intanto me faccio ‘sta benedetta barba!

Gennaro: Prufessò, vulìte che v’’a faccio io?

Peppe:      Sì, però gratis!

Gennaro: Affare fatto!

Peppe:      E allora jamme a ce movere. Agostì, ce vedìmme aroppo.

                  Gennaro e Peppe escono a destra.

Agostino: Aspié, addò vaje? Io t’aggia domandà ‘na cosa ‘e grammatica: chi è il soggetto!

                  Non c’è risposta e allarga le braccia, stufo. Da sinistra ecco Chiara e Carmela.

Chiara:     E allora he’ capito, Carmé?

Carmela:  Sì, aggio capito.

Agostino: ‘O vi’ lloco, mò c’’o ddimanno a loro! (Le va vicino) Uhé, sentite.

Carmela:  Ah, cià, Agostì. Come va la nuova bevanda?

Agostino: ‘A Pepsi Fess? Va’ bona, va’ bona: ancora aggia vennere ‘na lattina!

Carmela:  Embé, e allora comme fa a gghì bbona?

Chiara:     Ma nun ‘o da’ retta, Carmé! Chella rrobba fa schifo. Sape ‘e cammumillo!

Agostino: Ma come osi? La Pepsi Fess è la pietra militare delle mie aziende!

Chiara:     Agostì, ma che vvuo’? Io e Carmela stamme parlanno ‘e ‘na cosa importante.

Agostino: E io invece v’aggia addimannà ‘na cosa ancora cchiù importante.

Carmela: A tutt’e ddoje?

Agostino: Certamente.

Carmela: ‘E che se tratta?

Agostino: Dunque, praticamente... (La guarda bene) Carmé, ma he’ cagnato pettinatura?

Carmela: No, io tengo ‘sta pettinatura ‘a vint’anne! E allora, ja’, che ce vuo’ dicere?

Agostino: Dunque, praticamente... (Guarda bene Chiara) Chiara, ma ‘stu vestito è nuovo?

Chiara:    E gghiamme bello, ce ‘a vuò dicere ‘sta cosa importante, sì o no?

Agostino: Sì, sì, dunque: Peppe m’ha chiesto ‘o piacere, diece minute, ‘e fa’ lezione a chillu

                 Checco Savinco.

Chiara:    Tu he’ fa’ ‘o doposcuola? E tu nun saje niente!

Agostino: E chi te l’ha ditto? Non ve l’ho mai detto perché è il mio segreto, ma io sono

                  molto istruito! Ebbene sì, care mie: io tengo il segreto istruttorio!

Chiara:    Eh, è arrivato ‘o giudice!

Carmela: Sì, Agostì, ma nuje ch’amma fa’?

Agostino: Niente, voglio sapé ‘na cosa ‘a vuje: pe’ caso cunuscìte ‘a grammatica italiana?

Chiara:    E ‘a vuo’ sapé ‘a nuje? Ma pecché, tu nun ire istruito?

Agostino: Sì, songo istruito, però nun m’arricordo ‘na cosa: chi è il soggetto?

Carmela: Ah, e chi ‘o ssape?

Chiara:    E ‘o ssacc’io.

Carmela: ‘O vero? E comm’’o ssaje?

Chiara:    ‘O ssaccio, ‘o ssaccio! Dunque, ‘o “soggetto” è chella perzona che ddice ‘e

                  essere istruito comm’a te, però nun sape ‘o riesto ‘e niente!  

Agostino: Ah, chest’è? Io me penzave che d’era! Vabbuò, allora mò torno addù Checco. E a

                  vuje, v’arraccummanno: “Bevete Pepsi Fess, la più buona che c’ess”!

                  Ed esce via a destra sotto lo sguardo delle due.

Carmela:  Siente, Chiara, famme sentì buono ‘stu fatto d’’o scherzo. Ma che vonno fa’ ‘e

                  ggente d’’o vico?

Chiara:     Carmé, viene cu’ me che te faccio parla direttamente cu’ lloro.

Carmela:  Ma mica se tratta ‘e coccosa ‘e pericoloso?

Chiara:     No, nun te prioccupà.

Carmela:  Ma è sicuro?

Chiara:     Sìcurissimo.

Carmela:  E nun le succede niente a Peppe?

Chiara:     No.

Carmela:  (Rassegnata) Che peccato!

                  E le due escono di casa.

6. [Sìmona, Alessio e Gennaro. Poi Agostino, Checco, Peppe, Carmela, Chiara e Melina]

                 Da destra entra Sìmona con una margherita a cui sta sfogliando i petali.

Sìmona:   Lo trovo, non lo trovo, lo trovo, non lo trovo, lo trovo... oh, no: non lo trovo! Uff!

                 La margherita mi ha detto che non lo trovo, il fidanzato! (Si siede sul divanetto)

                 Ma chi schifo! Pure ‘a margherita me fa ‘e dispiette!

                 Dalla comune entra Alessio mangiando biscotti. Nota Sìmona e le Sì avvicina.

Alessio:   (Masticando) Cià, Simò!

Sìmona:  (Lo nota) E chisto magna sempe!

Alessio:   ‘O vuo’ ‘nu biscotto?

Sìmona:  Ma qualu biscotto? Nun voglio niente.  

Alessio:   Sora mia, ma pecché te staje facenno ‘o sango amaro? Nun te prioccupà, ‘o truove

                 a ‘n’ommo. S’è spusata peffìno ‘a figlia d’’a vaiàssa di fronte, ch’è ‘nu purpo

                 autentico! Pare asciùta ‘a sotto ‘o mare!

Sìmona:  E chi è chesta?

Alessio:   Sìmò, è chella corta corta che cammina cu’ ‘e zeppole sotto ‘e scarpe!

Sìmona:  ‘E zeppole? Ma forse vuoi dire le zeppe!

Alessio:   Appunto! Si s’è spusata chella, te spuse pure tu. ‘O vuo’ ‘nu biscotto?

Sìmona:  ‘N’ata vota mò? No, no e no! Nun voglio magnà!

Alessio:   E nun magnà! Tu ‘a chi ‘o vvuo’?! Tanto, la colpa è tua, perché un uomo lo

                 avevi trovato: Attilio il muratore, figlio di Arturo.

Sìmona:  Si è pe’ chesto, ‘n’aggio truvato pure a ‘n’ato: Gennaro ‘o barbiere. Ma chillo è

                ‘n’essere talmente assurdo! E ‘o ssaje pecché?

Alessio:   Pecché t’ha regalato zeppole e panzarotte!

Sìmona:  A parte! Chillo nun te dice maje ‘na frase gentile. E nun sulo: nun arape maje ‘o

                 prortafogli! E intanto, tengo ‘n’amarezza! Damme ‘nu biscotto.

Alessio:   So’ fernute!

                Simona lo osserva. E da destra tornano Gennaro e Peppe, tutto tagliato sul viso.

Peppe:      Ma che modo ‘e fa’ ‘a barba è chisto?! Guarde ccà, m’he’ scippato sanu sano!

Gennaro: E m’’ita scusà, prufessò, io me songo ‘nu poco sbagliato!

Peppe:      ‘Nu poco? Tu m’he’ dissanguato! Ma comme ‘o faje ‘o barbiere?

Gennaro: No, parrucchiere per uomo e per donna.

Peppe:      E no. Tu faje pure ‘a barba? E allora si’ pure barbiere!

                  Alessio e Sìmona intervengono tra i due.

Alessio:    (Masticando un biscotto) Uhé, ch’è stato, ch’è stato?

Peppe:     (Lo nota masticare) Ma che vvo’ chisto che vene, vicino a me, masticanno?!

Sìmona:   Vabbuò, papà, e allora rispunne a me: ch’è succieso?

Peppe:      Niente, è ‘stu ‘nzallanuto che nun è capace ‘e fa’ manco ‘na barba!

Sìmona:   E vabbuò, nun è succieso niente.

Peppe:      Ma comme nun è succieso niente? E allora che tengo ‘nfaccia?

Alessio:    E calmete, papà. ‘O vuo’ ‘nu biscotto?

Peppe:      No, nun voglio niente.

Simona:   Ma non erano finiti?

Alessio:    Aggio fatto apposta! Ci stanno ancora.

Gennaro: Prufessò, m’avìta scusà, ma io saccio usà sulo ‘e llamette d’’o barbiere.

Peppe:      Ma liévete ‘a nanzo, nun te fa’ vedé cchiù. (E va a sedersi sul divanetto nervoso)

Gennaro: Prufessò...

Sìmona:   No, mò lass’’o stà. Chillo sta nervuso.

Gennaro: E mò comme faccio?

Alessio:    E che t’aggia dicere? Màgnate ‘nu biscotto!

Gennaro: Nun voglio niente.

Alessio:    E allora m’’o magno io! (Così fa)

Gennaro: (Gli guarda i capelli) Aspié, Alessio! (Prende il pettine) Fatte pettinà ‘nu poco!

Alessio:    A chi? Stattu fermo cu’ ‘stu pettine!

Sìmona:   Sìente, Gennà, pecché mò nun te ne vaje?

Gennaro: Ma io volevo dire a tuo padre che tengo intenzioni serie con te.

Sìmona:   (Ironica) Sì? E ce vuo’ regalà ‘na busta ‘e zeppole e panzarotte pure a isso?

Gennaro: Ma pecché, nun te so’ piaciute?

Sìmona:   No.

Alessio:    Però a me sì!

Gennaro: Allora mò provo a parlà cu’ isso. (Gli si avvicina) Ehm... professore! (Prende il

                  pettine) Ve pozzo pettinà ‘nu poco!

Peppe:     (Sì alza e gli grida contro) Vatténne!

                 Gennaro subito scappa via di casa.

Sìmona:   Vabbuò, papà, però mò càlmete ‘nu poco.

Peppe:     Ma famme ‘o piacere!

                 Se ne va a destra imbronciato.

Sìmona:   Niente, nun se po’ propio parlà, cu’ chisto.

Alessio:    Vabbuò, Sìmò, io me vaco a lavà, pecché stanotte tengo ‘a faticà. A proposito, ‘o

                 vuo’ ‘nu biscotto?

Simona:   No, nò nun ‘o voglio cchiù!

                 Gli prende la scatola e gliela getta in terra. Poi esce di casa.

Alessio:    Chesta sta propio esaurita! (Raccoglie la scatola) Eppure sò buone, ‘sti biscotte!

                 Ed esce via a sinistra. Da destra tornano Agostino e Checco (con un libro).

Checco:   He’ capì, Agostì? Io nun aggio studiato buono, e picciò, mò che m’interroga ‘o

                  prufessore, nun ce saccio dicere niente.

Agostino: E che he’ fatto fin’e mò?

Checco:    Aggio liggiuto ‘a storia, però nun c’aggio capito niente.

Agostino: E allora fattélla spiegà ‘a isso.

Checco:    No, Agostì, chillo ‘o prufessore s’arraggia.

Agostino: Embé, e allora comme vuo’ fa’?

Checco:    Agostì, tu me vuò sempe bene a me?

Agostino: Dipende: te servene sorde?

Checco:    No.

Agostino: E allora sono tutto per te! Dimmi tutto.

Checco:    Siente, guarde ‘stu libro: ccà ddinto ce sta ‘o riassunto ‘e tutt’’e mmaterie. E 

                  allora quando il professore mi fa le domande, tu mi devi suggerire tutto.

Agostino: E tu accussì nun te ‘mpare maje niente.

Checco:    E che me ne ‘mporta, a me? Chiuttosto che ricevere ‘na cazziata d’’o prufessore,

                  preferisco essere ciuccio! Chillo tene propio ‘nu bruttu difietto: allucca sempe!

Agostino: E già, è ‘o vero. E allora damme ‘stu libro. (Lo prende) E mò assiettete. Io invece

                  mi metto dalla parte opposta. Però t’arraccummanno, cirche ‘e capì tutto cose.

Checco:    E tu cirche ‘e te fa’ capì.

                  Così Checco va a sederSì verso Sìnistra e Agostino Sì mette dalla parte opposta.

Agostino: E mò famme chiammà a Peppe. Ohi Pe’!

                  Da destra torna Peppe che ha indossato giacca e camicia.

Peppe:      Néh, ma ch’allucche a ffa’?

Agostino: No, te vuléve dicere che Checco è pronto.

Peppe:      Ah, bravo. Allora mò gli sentiamo la lezione. Se vuoi, puoi andare, Agostino.

Agostino: E no, nun me ne pozz’ì.

Peppe:      E pecché?

Agostino: E pecché si me ne vaco io, Checco nun parle cchiù!

Peppe:      In che senso?

Agostino: Ehm... nel senso che chillo s’emoziona, pecché ‘a lezione se l’ha studiata cu’ me!

Peppe:      E vabbuò, allora vuo’ venì pure tu vicino a isso?

Agostino: No, nun pozzo, pecché... pecché isso parle sulo si io stongo ccà bbascio!

Peppe:      Agostì, secondo me, ‘a Pepsi Fess t’ha dato ‘ncapa! E mò vaco addù isso.  

Agostino: Aspié, Peppe, siente: ehm... a Checco, domandagli cose facili, tipo: Chi era la

                  regina d’Egitto? (Legge sul libro) Cleopatra. Oppure: Il lago più grande del Sud

                  America? (Legge) il Titicaca! Oppure: Che tipo di animale è la mucca? E

                  perché? (Legge) La mucca è un mammifero perché tiene le mammelle.

Peppe:      Ma pecché? Io ce voglio domandà chello che voglio io!

Agostino: No, ohi Pe’, facce ‘sti ddomande lloco. Famme fa’ bella figura.

Peppe:      E vabbuò, faccio comme dice tu. Aspiette ccà. (E si avvicina a Checco) E allora,

                  Checco, si’ pronto?

Checco:    Ah, ehm... e nun dipende ‘a me.

Peppe:      E allora ‘a chi dipende?

Checco:    No, ehm... voglio dicere che nun dipende ‘a me, ma d’’a cerevella mia!

Peppe:      E allora cominciamo dalla storia: come si chiamava la regina dell’Egitto?

Checco:    (Preoccupato) Ah, e mò comme se chiammava?

                  Agostino cerca in fretta sul libro e poi mima: sculetta e indica un naso lungo.

                  Dunque, la regina d’Egitto si chiamava... Pinocchio! Anzi, no, era donna, allora

                  si chiamava Pinocchia!

Peppe:      Pinocchia?

Checco:    Eh, e chella teneva chillu piezzo ‘e naso!

Peppe:      Animale, se chiammava Cleopatra!

Checco:    Ah, già, era Cleopatra! Però ‘e cugnomme faceva Pinocchia!

Peppe:     Ma stattu zitto. E’ meglio che passamme ‘a geografia: come si chiama il lago più

                 grande del Sud America.

                 Agostino cerca sul libro e Checco intanto guadagna tempo.

Checco:   Uh, Marò, prufessò, è accussì facile ‘sta domanda! Però io sto’ sudanno friddo!

Peppe:     E allora, me vuo’ risponnere?

                 Agostino mima il lago Titicaca: finge di sedersi sul gabinetto e un mal di pancia!

Checco:   (Preoccupato) Ah, Agostì, e propio mò t’ha da venì ‘stu male ‘e panza?

Peppe:     Agostino? E che ci azzecca Agostino?

Checco:   No, voglio dicere che primma, ‘o nomme d’’o lago, me l’ha ditto Agostino.

                  Agostino prosegue e Checco lo osserva.

                 Dunque, praticamente, ce sta ‘nu gabinetto!

Peppe:     ‘Nu gabinetto ‘int’’o lago?

Checco:   No, ‘ncoppa!

Peppe:     ‘Ncoppa ‘o lago? E che ce sta a ffa’?

Checco:   Aspettate, prufessò, chianu chiano. Però levàteve ‘a nanzo, o si no nun pozzo

                 risponnere a ‘sta domanda!

Peppe:     E allora, te vuo’ mòvere?

                 Agostino mima un mal di pancia.

Checco:   Ah, aggio capito, prufessò: è il famosissimo lago Sciorda!

Peppe:     Cretino! Il lago si chiama Titicaca!

Checco:   Sì, ma questo è il secondo nome!

Peppe:     Ma che staje dicenno?

Checco:   No, niente. Se volete, andiamo avanti.

Peppe:     Beh, parliamo di scienze. Che tipo di animale è la mucca: oviparo o mammifero?

Checco:   Ah, chesta ‘a saccio: è un fiammifero!

Peppe:     Veramente, io nun me l’aggio maje appicciata ‘na sigaretta cu’ ‘na mucca!

                 Deficiente! Ho detto mammifero. E perché la mucca è un mammifero?

Checco:   Ah, e mò pecché?

Peppe:     E ‘o vvoglio sapé ‘a te!

                 Agostino legge sul libro, poi mima i seni delle donne.

Checco:   Ah, pecché è bona!

Peppe:     ‘A mucca è bona?

                 Agostino fa di no, e poi continua a mimare i seni.

Checco:   No, voglio dicere ch’a mucca... tene doje mammelle, annanzo, ‘e chesta manera!

                 Agostino mima, volendo dire che ne tiene di più.

                 No, ne tene tre!

                 Agostino mima per dire di più, e Sì tocca tutto il corpo. Checco Sì alza eccitato.

                 No, ne tene quatte... cinche...! Prufessò, ‘a mucca tene mammelle pe’ tutte parte!

Peppe:      Disgraziato, ma che staje dicenno? Ma tu comme ‘o vuo’ fa’ ll’esame?

Checco:    Ma pecché, prufessò, aggio sbagliato coccosa?

Peppe:      No, pe’ carità! Secondo me, tu fusse capace ‘e te fa’ boccià pure all’asilo!

Checco:    Ehm... prufessò, Pe’ piacere, nun v’arraggiate.

Peppe:      Nun m’aggia arraggià? E comme faccio a nun m’arraggià? Comme faccio?

                  E Peppe se ne esce di casa. Agostino si avvicina a Checco.

Agostino: Checco, Checco, nun he’ capito propio niente!

Checco:    E se capisce, tu facive cierti mmosse strane!

Agostino: E intanto, mò Peppe s’è arraggiato overamente. (Sì Sìede sul divanetto)

Checco:     E ch’aggia fa’, Agostì? Chillo è fatto accussì. (Sì siede al tavolo)

                  Dalla comune entrano Chiara e Sìmona che Sì lamentano con Carmela.  

Sìmona:    Mammà, lo dobbiamo fare. Hai capito? Quello scherzo ci serve come il pane.

Chiara:     E già, Carmé, tanto, se tratta ‘e ‘na cosa innocente.

Carmela:  (Si convince) E vabbuò. Facìmmele, ‘stu scherzo.

Agostino: ‘E qualu scherzo state parlanno?

                   Le tre si avvicinano a Agostino e a Checco.

Chiara:     Niente, Agostì, amma fa’ ‘nu scherzo a Peppe. E sì, chillo s’arraggia sempe cu’

                   tutte quante, ce chiamma scieme, allucca, ce dice ‘e mmale parole...! E allora

                   nuje ‘o facimme sbarià ‘nu poco! ‘Int’’o vico sò tutte quante d’accordo.

Sìmona:    E già, se tratta ‘e ‘na cosa pe’ ce fa’ quatte resate.

Checco:     E in che consiste?

Carmela:  Niente, in pratica, Sìmme nuje che chiammàmme scemo a isso!

Agostino: Sì, ma io nun aggio capito buono.

                  E da Sìnistra entra Alessio con una busta di taralli in mano.

Alessio:     Praticamente ci scambiamo i ruoli: gli cambiamo la moglie, i figli, gli amici, i

                  parenti. Ognuno di noi assume il ruolo di un altro.

Checco:    Uh, Sì, me piace. E allora ce ll’aggia cuntà pure a muglierema Melina.

                  E dalla comune entra Melina che Sì avvicina agli altri.

Melina:     E io già ‘o ssaccio. Io faccio parte del piano: devo procurare la nuova moglie e il

                   figlio del professore. E già tengo in mente a chi devo chiamare: Enza e Arturo.

Agostino: ‘O vero? E chi ‘e tutt’e dduje ha da fa’  ‘a mugliera?

Chiara:     Ma che domande sceme che ffaje tu!

Sìmona:    E va bene, allora Sìamo tutti d’acordo?              

Altri: v      (Rispondono tutti in coro (tranne Carmela): Sì!

Chiara:v    Carmé, e tu?

Carmela:  (Rassegnata) E vabbuò, allora dico ‘e “Sì” pur’io!

                   Gli altri la applaudono. Alla fine dell’appaluso, Alessio chiede a tutti:

Alessio:      E allora ,pe’ festeggià, ‘o vulìte ‘nu tarallo?!

Gli altri:    (Lo mandano a quel paese) Ma va’ fa’...!

                   Gli altri vanno in tutte le direzioni, lasciando il solo Alessio sorpreso al centro.

              

FINE ATTO PRIMO

            Salone di casa Sullo: il giorno dopo. Nella stanza è stata cambiata la disposizione dei mobili: il tavolo dal centro passa leggermente a destra, il divanetto passa a Sìnistra, la credenza e l’appendiabiti passano a destra. Alla parete c’è un nuovo elemento: un quadro.

ATTO SECONDO

1. [Enza, Carmela e Chiara. Poi Alessio e Simona]

                  Al centro ci sono Enza, Carmela e Chiara. Le tre concertano qualcosa.

Chiara:    Dunque, eccoci qua. Mettiamoci d’accordo, prima che viene la nostra vittima.

Carmela: Tanto, Alessio sta facenno ‘a guardia fora ‘o vico. Ci avvisa lui.

Chiara:    Benissimo. E allora tu, Enza, come sai, devi fare la moglie di Peppe, il quale è un

                 personaggio particolarmente difficile. He’ capito tutto cose?

Enza:       Sì, aggio capito. Ma che moglie devo essere?

Chiara:    Tosta, tostissima! Nun ha da cummannà isso, he’ ‘a cummannà tu!

Enza:       Eh, è ‘na parola! Io me metto ‘nu poco appaura.

Chiara:    Nun te prioccupà, nun è difficile. Praticamente, devi essere tutto il contrario di

                 di Carmela. E’ ‘o vero, Carmé? (La nota pensierosa) Carmé, ma ch’è stato?

Carmela: Ehm... niente, niente. Stive dicenno?

Chiara:    Carmé, ma si nun si’ convinta, levàmme tutto cose ‘a miezo.

Carmela: No, ma che staje dicenno? Nuje ce amme organizzate cu’ ‘e ggente d’’o vico.

                 Ognuno farà la parte sua! Amme spustato pure tutt’’e mobbile. Nun pare cchiù ‘a

                 casa mia. E ppo’, mentre isso durmeva, ce aggio cagnato pure ‘a fede nuziale!

Chiara:    E mio marito ha fatto pure ‘e ffotografie fàveze d’’o matrimonio ‘e Peppe e

                 Enza! Picciò, ‘o scherzo è perfetto! Allora è tutto pronto. Tu si’ pronta, Carmé?

Carmela: Sì. Io aggia fa’ ‘a mamma ‘e ll’alunno Esposito. Aggia cercà ‘na

                 raccomandazione pe’ mio figlio che va malamente ‘int’’a materia soja.

Chiara:    Ecco, però t’he’ vestì provocante. Mariteto nun t’ha da propio riconoscere!

Enza:       E io, invece?

Carmela: Tu staje bona comme staje: cu’ ‘e scarpune ‘o pede e ‘o mandesino ‘ncuollo.

Chiara:    A proposito, Carmé, ma Simona comme s’è vestuta?

                 E da sinistra entra Sìmona in tailleur, scarpe con tacco e occhiali.

Sìmona:   (Si mette in posa) Eccomi qua.

Enza:       Oh oh, e comme staje bella, guagliò! E tu che he’ ‘a fa’ accussì vestuta?  

Chiara:    Deve fare la nuova maestrina dell’asilo dove lavora Peppe. E sì, perché Peppe

                  non si dovrà ricordare di essere un professore di ragioneria.

Sìmona:   (Avvicinandosi) Mammà, e comme me piace ‘sta parte ch’aggia fa’ io!

Carmela: E già, pure a me. A proposito, Chiara, ma tu nun faje niente?

Chiara:    Comme no. Aggia fa’ ‘a vicina ‘e casa. E Alessio tuo figlio, ha da fa’ ‘o figlio

                 mio. Però ha da fa’ ‘o laureato in Ingegneria aerospaziale.

Carmela: Aero...?

Chiara:    Aerospaz... aero... Uffa, mò nun m’aésce cchiù! Vabbuò, comunque è laureato!

                 E dalla comune entra Alessio (ben vestito) con una busta di patatine in mano.

Alessio:    (Masticando) Uhé, e allora ate fernuto ‘e parlà?

Carmela: (Preoccupata) Uh, Marò, sta venenno?

Alessio:    No.

Carmela: E allora pecché si’ venuto?

Alessio:    Pecché m’aggio sfastriato ‘e sta’ io sulo lloco ffora!

Chiara:    Ma comme, io t’aggio dato pure ‘a busta ‘e patatine. Chelle te fanne cumpagnia!

Alessio:    Purtroppo stanne fernenno! Po’ rimango io sulo lloco ffora? (Nota Simona) Uhé,

                  Simò, comme staje bella!

Simona:   Chi? Io?

Alessio:    Sì, tu. ‘A vuo’ ‘na patatina?

Chiara:    Ma v’ate mise a chiacchierà? Alessio, aiésce mommò fora e vide si vene pateto.

Alessio:    E vabbuò. (Prende delle patatine e le mette in bocca) Ce vedimme aroppo.

                 E va fuori.

Carmela: E allora io me vaco a priparà ‘int’’a stanza ‘e lietto.

Chiara:    Aspié, addò vaje? Nun puo’ gghì dint’’a stanza ‘e lietto.

Enza:       Facìmme accussì: Carmé, tu e Chiara ve venite a priparà addù me.

Carmela: E vabbuò.

Chiara:    E allora simme d’accordo.

                 E dalla comune entra Alessio, di corsa, portando la notizia.

Alessio:    Uhé, uhé, sta venenno, sta venenno.

Chiara:    Uh, e allora fujìmmencenne pe’ de reto ‘o vico. Enza, t’arraccummanno. Capito?

Enza:       Nun ve prioccupate.

                 Così Chiara, Carmela, Simona e Alessio escono di casa. Enza sembra nervosa.

                 Mamma mia, si mariteme Arturo vene a ssapé che sto’ cumbinanno, me spara!

                 Si fa il Segno della Croce e poi esce a sinistra.

2. [Peppe e Enza. Poi Checco e Melina]

                Dalla comune entra Peppe canticchiando un motivetto casuale.

Peppe:    “Pompompompo...”! (Si guarda intorno) E che d’è, aggio sbagliato casa? Mah!

                Esce di nuovo e poi poco dopo vi rientra.

                No, nun me so’ sbagliato, chesta è ‘a casa mia. Ce sta pure ‘o cartiello fora ‘a

                porta cu’ ‘o nomme mio. E allora che ha cumbinato Carmela? Ha spustato ‘e

                mobbile senza me dicere niente? E vabbuò, meglio accussì.

                Toglie la giacca, tenta di posarla a sinistra sull’appendiabiti, ma gli cade.

                E addò sta ll’appendiabiti? (Guarda a destra) Ah, mò sta lloco? E vabbuò, forse

                sta meglio ‘a chest’ata parte!

                Riprende la giacca e la posa. Da destra entra il solito pallone che lo colpisce.

                Mò accumminciamme ‘n’ata vota cu’ ‘stu pallone? (Lo prende) Ma mò ‘e ffaccio

                avvedé io, a ‘sti scieme!  

                Esce a destra e comincia a gridare.

                Oh, ma è possibile che ‘stu pallone ha da trasì sempe ‘int’’a casa mia? Che dicite?

                Chisto è ‘n’atu pallone? E che me ne ‘mporta? Io v’’o schiatto ‘o stesso. Vabbuò?

                Torna dentro con la faccia sorpresa.

                Néh, ma chille che stevene pazzianno ‘o pallone nun so’ ‘e solite guagliune ‘e

                tutt’’e juorne! Ce steva pure Gennaro ‘o barbiere e frateme Agostino. E comm’è? 

                E da sinistra entra Enza a braccia conserte.

Enza:      Néh, Peppì, he’ fernuto ‘e alluccà comm’a ‘nu sapunaro?

Peppe:    (La guarda sorpreso) ‘A signora Enza?

Enza:     (Gli si avvicina) Uhé, signora a me? Ma te siente spiritoso, oggie?

Peppe:   No, aspettate, signora Enza. Chesta è ‘a casa mia. ‘A casa vosta sta cchiù annanzo.

Enza:     Peppì, ma fernìscele ‘e fa’ ‘o scemo.

Peppe:   (Imbarazzato) No, signora Enza, vuje site spusata cu’ Arturo ‘o muratore. E tenìte

               pure ‘nu figlio: Attilio. Chillo fa ‘o muratore ‘nzieme ‘o pato.

Enza:     Peppì, ma nun te fide? T’he’ scurdato ca io e te simme spusate ‘a vintiquatt’anne?

Peppe:   ‘O vero?

Enza:     Sì. E ppo’ tenimme pure duje figli: Checco e Melina.

Peppe:   Ma no, che staje dicenno? ‘E figli mie se chiammene Simona e Alessio.

Enzo:     ‘O vero? E forse l’he’ avuto cu’ cocch’ata femmena! (Si arrabbia) ‘Nzevuso!

Peppe:   (Confuso) Giesù, Giesù, io nun ce sto’ capenno cchiù niente.

Enza:     E allora vuo’ che te porto addù ‘nu duttore?

Peppe:   Ma no. Io so’ sicuro che so’ spusato cu’ Carmela. Vuo’ vedé ‘a fede nuziale? (La

               toglie e legge all’interno) Ecco qua, c’è scritto Giuseppe e... (Poi stupito) ...Enza?

Enza:     He’ visto?

Peppe:   Ma nun po’ essere. Io m’arricordo buono.

Enza:     E allora vuo’ controllà ‘e ffotografie d’’o matrimonio nuosto?  

Peppe:   Brava, brava, piglie ‘e ffotografie.

               Esce a destra. Peppe si guarda il pallone in mano.

               Ma che sto’ ffacenno cu’ ‘stu pallone ‘nmana? (Lo lancia via) So’ ccose ‘e pazze.

               Fin’e stammatina, io ero spusato cu’ Carmela. Mò invece torno ‘a faticà e me trovo

               ‘a casa cagnata, ‘e figli cagnate e ‘n’ata mugliera! Beh, però st’ultimo fatto nun me

               dispiace. Enza è ‘e cchiù bona ‘e Carmela! He’ ‘ntiso comme me chiamma: Peppì! 

               Torna Enza con un album fotografico in mano.

Enza:     Peppì, t’aggio purtato ll’album fotografico. (Lo posa sul tavolo) ‘O vuo’ vedé?

Peppe:   Sì, sì, ‘o voglio proprio vedé. (Lo apre e guarda le foto) Ecco qua, lo vedi che sono

               sposato... (Guarda bene le foto) ...con te!

Enza:     Visto? E non ti ricordi nemmeno che lavori come maestro nell’asilo qua fuori?

Peppe:   Io? Ma… ma… è ‘a raggioneria? (Poi realizza) Aspié, tu he’ ditto che mio figlio

               se chiamma Checcho e mia figlia se chiamma Melina? Embé, e allora addò stanne?

               E dalla comune entra Checco. E’ vestito da idraulico.

Checco: Mammà, io so’ turnato ‘a casa. Uhé, cià, papà.

Peppe:   Papà? Checco, ma... ma comme te si’ cumbinato?

Checco: E comme m’aggia cumbinà? Io faccio ‘o stagnaro.

Peppe:   Aspiette ‘nu sicondo, ma tu nun facìve ‘o contadino?

Checco: (Ride) Mammà, ‘o siente a papà?

Enza:     (Ride) Ma comm’è spiritoso, oggie!

Peppe:   Ma pecché, Enza, a chisto ll’amme fatto io e te?

Enza:     E se capisce, Peppì.

Checco: Ma pecché, papà, te dispiace? E allora, si è pe’ chesto, pure a me me dispiace. Io

               avésse vuluto essere ‘o figlio d’’o barone Gennaro Amato.

Peppe:   Gennaro Amato, barone? Ma si chillo fa ‘o barbiere! Anze, no, ‘o parrucchiere. Enza:     Uhé, nun te fa sentì ‘a isso! Chillo è ‘nu tipo tanto “pipì”!

Peppe:   No, no, ma vuje me state facenno ascì pazze. Uhé, Checco, liévete mommò ‘stu

               custume ‘a stagnaro e miettete a ffa’ ‘e llezione! Tu, chist’anno, tiene ll’esame!

Checco: Mammà, ma papà nun se fide?

Enza:     Nun ‘o da’ retta, a mammà. A proposito, Checco, a mammà, ‘int’’a cucina ce sta

               ‘na funtana che scorre. Nun è che m’’a putìsse accuncià ‘nu mumento?

Checco:   Subito! Però aggia ì a piglià ‘nu mumento ‘a chiave inglese.

Enza:       E allora, pe’ m’accuncià ‘a funtana, aggia aspettà che tu vaje in Inghilterra?            

Checco:   Ma qua’ Inghilterra? Io aggia ì ‘nu mumento ‘int’’a stanzetta mia. Vaco e torno.

                 Va verso destra ma viene chiamato da Enza.

Enza:       Addò vaje? ‘A stanzetta sta ‘a chell’ata parte!

Checco:   Ah, già. E che ce vuo’ fa’, mammà? Chella è ‘a stanchezza!

                 Esce via dalla parte giusta. Peppe sembra molto confuso.

Peppe:     Pazzesco! (Va a sedersi sul divanetto) E mò che surpresa ce sta cchiù?!

                 Dalla comune entra Melina, in camicetta, gonna, ben truccata. Ha una valigetta.

Melina:   Cià, mammà.

Enza:      Uhé, cià, Melì. Che se dice, tutto a posto?

Melina:   Purtroppo no. La mia azienda, la Melina SPA, sta perdendo in borsa.

Peppe:     (Salta in piedi) Che cosa? La Melina SPA? Ma pecché, tu tiene ‘n’azienda?

Melina:   (Gli si avvicina gioiosa) Ciao, papà, come stai? Tutto bene?

Peppe:     Siente, rispunne ‘a domanda che t’aggio fatto: tu tiene ‘n’azienda?

Melina:   Papà, ma parla in italiano.

Peppe:     Ma si tu he’ sempe parlato comm’a ‘na fruttajola!

Melina:   Ma che dici, papà? Comunque, sì, ho un’azienda di computer. L’hai dimenticato?

Peppe:     (Si risiede, confuso) Uh, Marò!

Melina:   (Si riavvicina a Enza) Mammà, ma che tiene papà? Forse sta un po’ stanco?

Enza:      Lass’’o stà, a mammà. Papà sta ‘nu poco esaurito. S’è scaricata ‘a batteria!

Melina:   E allora miéttele sotto carica! T’è piaciuta ‘a battuta?

Enza:      (Finge di ridere) Sì, a mammà!

Melina:   Allora io vado a lavarmi nel bagno di servizio e poi vado a farmi un panino. Ciao.

                Si avvia a destra ma viene richiamata da Enza.

Enza:      Addò vaje? ‘O bagno ‘e servizio sta allà!

Melina:   Ah, già. E che ci vuoi fare? Io sono stanchissima. Ciao, papà.

                Non riceve risposta, allora se ne va via a Sìnistra. Enza Sì avvicina a Peppe.     

Enza:      E allora, Peppì, mò te si’ cunvinto?

Peppe:    (Perplesso) Siente, Enza, t’aggia cercà ‘nu piacere: me puo’ chiammà ‘o duttore?

Enza:      Sì, comme, subito. Ma pecché, nun te siente buono?

Peppe:    No. (Poi si alza) Mò me vaco a ffa’ ‘na doccia ‘int’’o bagno. 

Enza:      Va’, va’. Buon divertimento.

                Peppe si avvia a sinistra ma viene richiamato da Enza.

Enza:      Dove vai? Là ci sta il bagno di servizio. ‘O bagno ‘ruosso sta ‘a chell’ata parte.

Peppe:    Ah, già. Mò m’aggio scurdato pure comm’è fatta ‘a casa mia! Cose ‘e pazze!

                Esce a destra. Enza controlla che sia uscito e poi fa considerazioni, soddisfatta.

Enza:      Marò, so’ propio ‘n’attrice! (Poi si preoccupa) Speramme sulo che mariteme

                Arturo nun torna ancora ‘a casa. Chillo nun sape niente ‘e ‘stu scherzo! Pe’ carità!

                Ed esce via a sinistra.

3. [Chiara, Gennaro, Checco e Arturo]

                 Dalla comune entrano Chiara e Gennaro (elegantisSìmo e con bastone).

Gennaro: E allora, Chiara, te piace comme m’aggio vestuto?

Chiara:    Mamma mia, Gennà, si’ troppo bellissimo! Tu me pare overamente ‘nu barone.

Gennaro: Ma io lo sono. Io sono il barone Gennaro Amato. E pe’ ll’occasione, m’aggio

                  ‘mparato pure ‘nu poco ‘e italiano. E saccio parlà pure cu’ ‘a “erre moscia”!

                  Vuo’ sentì? (Così fa) Cara Sìgnora Chiara, mi fa piacere arraggionare con voi!

Chiara:    Sì, è perfetto! Sicuramente Peppe ce casca cu’ tutt’’e scarpe!

Gennaro: ‘O vero? E ce càschene pure ‘e scarpe?

Chiara:    Sì. E adesso aspetta il tuo momento.

Gennaro: Sì, ma spiégheme ‘nu poco ‘a storia: io ch’aggia fa’? Pecché aggia parlà cu’ isso?

Chiara:    Pecché t’ha da vedé accussì. Chillo sicuramente te scagna p’’o barbiere Gennaro!

Gennaro: Prego, barone.

Chiara:    Sì, però tu normalmente faje ‘o barbiere.

Gennaro: No, faccio ‘o parrucchiere. Faccio pure ‘a barba, però sempe parrucchiere so’!

Chiara:    E vabbuò, allora mò jammece a priparà. Viene, Gennà.

Gennaro: Prego, barone.

Chiara:    Ma famme ‘o piacere!

                 Escono di casa. Da Sìnistra torna Checco: ha un martello e un giravite.

Checco:   Ah, e mò qual è ‘a chiave inglese: chesta o chesta? Io nun ne capisco proprio!

                 Si siede sul divanetto e guarda gli utensili. Entra in casa Arturo in tuta da lavoro.

Arturo:   Ma Enza addò è gghiuta? ‘A casa nun ce sta, e manco add’’a signora ‘a fianco. E

                 allora sta sicuramente ccà add’’a signora Carmela. (Nota Checco) E chillo chi è?

Checco:   (Guardando il giravite) Forse sarrà chesta, ‘a chiave inglese!

Arturo:    (Avvicinandosi) No, chillo è ‘o giravite!

Checco:   (Sì alza) Ah, sì? E allora forse è chest’ata?

Arturo:    No, chisto è ‘o martiello!

Checco:   Mannaggia ‘a miseria, aggio sbagliato a piglià ‘a chiave inglese!

Arturo:    E comm’’o faje ‘o stagnaro, si nun cunusce manco ‘a chiave inglese?

Checco:   (Posa gli attrezzi sul divanetto) Mò nun te pozzo da’ spiegazione. Tengo che ffa’!

Arturo:    Siente, pozzo sapé tu chi si’? Tiene ‘na faccia cunusciuta.

Checco:   Me chiammo Checco. E tu?

Arturo:    Arturo. E comme va staje ccà ddinto? S’è scassato coccosa?

Checco:   No, io songo ‘o figlio d’’o prufessore.

Arturo:    (Sorpreso) Che cosa? Tu si’ ‘o figlio d’’o prufessore Peppe Sullo?

Checco:   Sì, songo ‘o figlio suojo e ‘e mammà Enza!

Arturo:    (Sorpreso) Comme? Mammà Enza? Quala mammà Enza?

Checco:   Mammà se chiamma Enza Russo!

Arturo:    Enza Russo? (Muglierema?!). (Si arrabbia) Ma si’ sicuro ‘e ‘stu fatto?

Checco:   E che t’arraggie a ffa’? Sì, so’ sicuro: papà Peppe s’è spusato cu’ mammà Enza.

Arturo:    (Ma allora chesto vo’ dicere... ch’Enza... s’è spusata doje vote!).

Checco:   Néh, ma pecché faje chella faccia? Che te ne ‘mporta a te?

Arturo:    No, niente, niente! Sìente, ma mò addò sta mammà toja? Ce vulésse parlà.

Checco:   No, mò nun è cosa. Stamme facenno ‘nu scherzo a papà. Passe cchiù tarde.

Arturo:    E vabbuò. Allora torno aroppo… e facimme ‘e cunte!

Checco:   ‘E cunte?

Arturo:    Ehm... sì, cierti cunte ch’amma fa’ io e essa. Allora ti saluto, Checco, figlio del

                 professore... (Poi rabbioso) ...e di Enza Russo! Cià.

                 Arturo esce di casa a passo deciso, viSìbilmente arrabbiato.

Checco:   ‘E che tipo strano! E vabbuò, famme pusà ‘stu martiello e ‘stu giravite. Aggia

                 cercà ‘a chiave inglese. Ma comme sarrà fatta? E soprattutto, ‘e che materiale?

                  Prende gli utensili sul divanetto ed esce a sinistra.

4. [Agostino, Enza e Peppe. Poi Gennaro. Infine Carmela, Alessio e Simona]

                  Da destra torna Peppe che si è cambiato la camicia. E’ sorpreso.

Peppe:      Néh, ma io sto’ perdenno proprio ‘a capa! Nientemeno, m’aggio fatto ‘a doccia

                  vestuto! Pe’ furtuna, me n’aggio accorto a tiempo, accussì se so’ ‘nfuse sulo ‘a

                  cammisa e ‘e cazettine! (Si siede sul divanetto) Ma che me sta succedenno?

                  Riflette. Da sinistra torna Enza. Non lo nota.

Enza:        Chi sa si ‘o prufessore ha fernuto ‘e se fa’ ‘a doccia? Però è strano: è ‘na perzona

                  accussì intelligente, eppure è accussì battilocchio!

Peppe:      (Si volta e la nota) Battilocchio? Enza, e pecché me chiamme battilocchio?

Enza:        (Si spaventa) Oddio, vuje state ccà? No, cioè, tu staje ccà?

Peppe:      Sì, Enza, aggio fernuto ‘e me fa’ ‘a doccia!

Enza:        (Avvicinandoglisi) Ehm... e allora comme te siente, ammore mio?

Peppe:      ‘Na schifezza! Nun m’arricordo cchiù niente. Cioè, nun è che nun m’arricordo.

                  E’ comme si m’arricurdasse, però nun m’arricordo ‘e m’arricurdà! He’ capito?

Enza:        Insomma! Ma mò statte calmo e tranquillo. Aggio chiammato ‘o duttore. Anze,

                  nun te mòvere. Vaco fora ‘a porta: vedo se sta arrivando.

Peppe:      Va’, va’.

                  Enza si avvicina alla comune e guarda fuori.

Enza:        Ah, eccolo qua. (Fa segno ad Agostino di venire) E sì, lo vedo proprio! (Poi

                  torna da Peppe) Peppì, ‘o duttore sta venenno.

Peppe:      Aspit’oh, ha fatto accussì ambresso?

Enza:        E chillo sta ‘e casa ccà vvicino. (Impaziente) Anze, mò ‘o vide ‘e trasì! Anze, è  

                  quase trasuto! Anze, già sta ccà...! (Grida) Oh, e te vuo’ mòvere a trasì?!

Peppe:      Enza, e ‘nu poco ‘e delicatezza!

                  Agostino entra: è in giacca e cravatta, capelli col gel, occhiali e ventiquattrore.

Agostino: Ehm… è permesso?

Enza:        Prego, prego. Il malato è lui.                

Agostino: (Vi si avvicina) Ah, sì? Il malato è lui?

Enza:        Peppì, saluta ‘o duttore.

Peppe:      (Appena lo vede salta in piedi) Che?

Agostino: E cosa tiene, il malato?

Enza:        E chesto ‘o vvulimme sapé ‘a vuje!

Agostino: Ah, già, ‘o duttore songh’io!

Peppe:      Néh, ma che d’è ‘sta pagliacciata? Agostì, ma nun fa’ ‘o fesso!

Enza:        Peppì, ma che d’è tutta ‘sta cunferenza cu’ ‘o duttore?

Agostino: E’ vero. Ma che ci siamo conosciuti da qualche parte?

Peppe:      Ma tu si’ fràteme!

Agostino: E non è possibilie, perché io tengo solo una sorella. Che siete, mia sorella, voi?

Peppe:      Ah, sì? E allora famme sentì... no, cioè, facìteme sentì comme ve chiammate.

Agostino: Io sono il dottor Agostino Sull... ehm... Sullaneve! Sì, dottor Agostino Sullaneve!

Peppe:      Piacere, professor Giuseppe Sullo.

Enza:        Ma che professore? Te si’ fissato! Tu lavori all’asilo qua fuori. Già te l’ho detto.

Peppe:      Ah, già, nun so’ manco prufessore. Eppure, dottò, io pensavo di conoscervi.

Agostino: Forse mi avete sognato. Sapete com’è, ogni tanto capita di fare dei sogni erotici!

Peppe:      E secondo voi, io me facéve ‘nu sogno erotico cu’ vuje?!

Agostino: Uhé, e calmateve! Io dicevo così per dire! Ma vuje nun state buono cu’ ‘a capa?

Enza:        Sì, dottò! Mio marito non si ricorda più niente. Nemmeno che è sposato con me.

Agostino: Ah, e allora il fatto è grave. E dunque, professore, accomodatevi.

Peppe:      E vabbuò. (Sì siede sul divanetto)

Agostino: Dunque, professò, fatemi capire una cosa: vi è mai capitato di avere queste crisi?

Peppe:      Veramente, no.

Agostino: E avete avuto qualche trauma da bambino? A parte la caduta dal seggiolone che

                  avete avuto a cinque mesi.

Peppe:      E vuje comm’’o ssapite?

Agostino: Ah, e mò comm’’o ssaccio?

Enza:        E già, comm’’o ssape? Ehm... e come, Peppì, non ti ricordi? Ce l’he’ ditto tu mò.

Peppe:      Ce ll’aggio ditto io mò?

Agostino: Ehm... esattamente!

Peppe:      Ma io nun m’arricordo proprio!

Enza:       (Finge di preoccuparsi) Uh, Marò, duttò, e che tene mio marito? Mica more?

Peppe:     (Fa le corna) Oh, ma chi è che more?

Agostino: Calmatevi, signora. E a voi, professore, alzate una gamba e aprite la bocca.

Peppe:      (Perplesso) E vabbuò. (Esegue)

Agostino: Va bene così. Caro professore, adesso ne sono sicuro: voi tenete un virus.

Enza:       ‘Nu virus? Embé, e mò comme se fa?

Agostino: E niente, ci vuole un antivirus!

Peppe:      ‘N’antivirus? Ma che m’ate pigliato, pe’ ‘nu computer?!

Enza:        No, quello vuole dire che ti prescrive un antibiotico!

Agostino: Appunto!

Peppe:      E cosa mi può portare questo virus?

Agostino: La rabbia!

Peppe:      ‘A rabbia? E che songo ‘nu cane, io?

Agostino: No, la rabbia, cioè il nervosismo. Voi potete avere un rattuso di follia!

Enza:        (Finge preoccupazione) Uh, mamma mia! ‘O marito mio è ‘nu rattuso!

Peppe:      Chesta pare sempe che ha passato ‘nu guajo! Dottò, ma perché ho questo virus?

Agostino: Si tratta di deficienza di fosforo. Ebbene sì, voi siete deficiente!

Enza:       (Preoccupata) Uh, mamma mia, duttò, so’ troppo prioccupata!

Agostino: E state tranquilla, Sìgnò. Mò vi prescrivo tutto io.

Enza:       (Si alza) E allora venite con me in cucina e scrivetegli la ricetta.

Peppe:      Ma pecché, nun ‘a po’ scrivere annanzo a me?

Agostino: No, e chella già è bella e fatta!

Enza:       Ehm... ma che ddicite, duttò? (Gli prende la ventiquattrore) Ja’, venite cu’ me!

Agostino: Allora ce vedimme aroppo, ohi Pe’... cioè, prufessò!

                  I due escono a Sìnistra. Peppe non ci capisce più nuente.

Peppe:      Ma forse stongo ascenno pazzo? E sì, sto’ propio ascenno pazzo! Sì, è accussì!

                  Continua a ripetere la stessa cosa, ma intanto entra Gennaro e gli si avvicina.

Gennaro: (Parla con la “erre moscia”) E’ permesso?

Peppe:      Chi è? (Lo nota e salta in piedi, spaventato) Uh, Marò!

Gennaro: Salve!

Peppe:      Ma si’ tu, Gennà? Sìente, ‘o ssaje, tengo ‘nu problema serio: sto’ ascenno pazzo!

Gennaro: Senta, buon uomo, il suo problema non mi tange affatto! Orsù!

Peppe:     (Stupito) Orsù? Ma comme cacchio parle? Quanno maje he’ ditto “orsù”?

Gennaro: Sempre! L’ho detto sempre!

Peppe:     Gennà, nun me dicere che si’ cagnato pure tu, pecché nun po’ essere! Uhé, caccia  

                 mommò ‘o pettine e famme ‘a fila ‘nmiezo! Muòvete!

Gennaro: Io aggia caccià ‘o pettine? E che mi avete preso, per un volgare barbiere?

Peppe:     No, no, t’aggio pigliato pe’ ‘nu parrucchiere da uomo e da donna!

Gennaro: Ah, sì? Buonuomo, guardate che vi sbagliate. Io sono il barone Gennaro Amato!

Peppe:     (Stupito) Come?

Gennaro: Néh, ma fusseve surdo? Ora vi dò il mio biglietto da visita. (Lo mostra) Tenete.

Peppe:     (Lo prende sconvolto) Uh, Maronna mia!

Gennaro: Ah, siete religioso? Anch’io! E come vi chiamate?

Peppe:     Se mi ricordo bene, mi chiamo Giuseppe Sullo.

Gennaro: Ah, e bravo. E non c’è la vostra signora?

Peppe:     Chi? Carmela?

Gennaro: Ma qua’ Carmela? La signora Enza.

Peppe:     Ah, già, chella mia moglie è Enza! No, in questo momento tiene da fare. Perché?

Gennaro: Non vi preoccupate, visita di cortesia. Lei non vi mette le corna!

Peppe:     Ah, menu male, o si no facevo curnuto e mazziato!

                 E da sinistra tornano Agostino e Enza (con la ricetta in mano).

Enza:       Dottò, allora complimenti per la ricetta che avete scritto! E’ bellissima!

Agostino: Ma ch’aggio fatto, ‘o quadro ‘e Picasso?!

Peppe:      Ah, eccola là, a mia moglie. Ci sta pure il dottore.

Enza:       (Si avvicina) Oh, buongiorno, barone!

Agostino: (Avvicinandosi) Uhé, carissimo barone!

Enza:       (Fa segno) Aspettate, vuje nun ‘o cunuscite ancora!

Agostino: Ah, già.

Enza:       E allora, barone, vi presento prima a mio marito Peppe.

Gennaro: Sì, già l’ho conosciuto.

Enza:       E lui è il dottor Agostino... Agostino... aspié, comme puorte ‘e cugnomme?

Agostino: Sullaneve!

Gennaro: Ah, siete dottore? E in che cosa?

Agostino: No, niente, tengo un’azienda di bevande analcoliche, la Pepsi...!

Enza:       (Interrompe) Ehm... è dottore in medicina! Per la precisione è medico generico!

Gennaro: Complimenti vivissimi! E lo conoscete pure voi il signor Peppe Sullo?

Agostino: No, adesso l’ho conosciuto. Praticamente l’ho visto di nascere!

Enza:        Va bene, allora posso fare un poco di caffè?

Agostino: Sì, sì, e vide ‘e te movere! No, voglio dire... ma certamente, signora Enza.

Enza:        Peppì, vieni pure tu. Prego, vi faccio strada.

                  Enza si avvia a sinistra e i tre la seguono.

5. [Carmela, Simona e Alessio. Poi Peppe]

                  Dalla comune entrano Carmela (ben vestita), Simona e Alessio.

Simona:   Mammà, comme staje vestuta bella! E soprattutto, come sei sexy!

Alessio:    E sì, staje proprio bona! E penzà ca io e Simona t’amme vista sempe cu’ ‘o

                 mandesino ‘ncuollo, ‘e bbigodini ‘ncapa e ‘e scarpune ‘o pede!

Carmela: Ate visto? Una volta ero così come sono adesso. Sulo che, ‘a quanno aggio

                 cunusciuto a papà, me so’ cagnata pure esteticamente!

Simona:   E nuje femmene, quanno vulìmme conquistà a ‘n’ommo, ce vestimme e ce

                 truccamme tantu belle! E invece, aroppo spusate, nun ce accunciamme cchiù!

Alessio:    Ma che parle a ffa’, tu, ch’ancora t’he’ ‘a spusà?!

Simona:   Ma stattu zitto, tu! Chi sta parlanno cu’ te?

Carmela: Vabbuò, basta, basta. Mò nun v’appiccecate. E allora facìmme accussì: traso in

                 scena primm’io. Po’ me ne vaco, e trase tu, Alessio. E infine trase Simona.

Alessio:    Vabbuò. T’arraccummanno, mammà, recita buono!  

Carmela: Sì, però mò ascite fora, o si no trase papà e ce vede ‘e parlà.

Simona:   Viene, Alessio, facìmme ambresso.

                 I due escono quatti quatti. carmela sospira.

Carmela: Speramme che quanno ‘o veco, nun me vene ‘a chiagnere! E soprattutto,

                 speramme che nun me vene ‘a rirere!

                 Va sul divanetto. Da sinistra torna Peppe con un bicchierino di carta col caffè.

Peppe:     Com’è buono questo caffè! Enza lo sa fare meglio di Carmela... si Carmela esiste

                 overamente! (Beve, poi nota proprio lei, e sputa il caffè) Uh, Marò, ‘nu miraggio!

Carmela: (Lo nota) Ohi Pe’! Ehm... cioè, professore! (Si alza e gli va vicino) Che si dice?

Peppe:     Carmé! Ma tu si’ Carmela?

Carmela: Sì, mi chiamo Carmela. Ma perché, voi mi conoscete?

Peppe:     E chi ‘o ssape? Vuje assomigliate a… no, no a nessuno. E chi sareste voi?

Carmela: La signora Carmela Esposito, la mamma del vostro alunno Vincenzo Esposito.

Peppe:     Ma pecché, io tengo a ‘n’alunno che se chiamma Vincenzo Esposito?

Carmela: E certamente. Io lo accompagno tutte le mattine all’asilo. Nun v’arricurdate?

Peppe:      No! Cioè... sì! Cioè... boh! A ‘stu punto, tutto po’ essere! Beh, accomodiamoci.

Carmela: Grazie.

                 Lei va a sedere al tavolo: cammina sculettando e Peppe la osserva attentamente, 

                 e nella foga, stringe e rompe il bicchierino di carta col caffè.

Peppe:     Uh, mannaggia a me! Aggio schiattato ‘o ccafé! Menu male ch’era quase fernuto!

Carmela: E voi non vi sedete?

Peppe:     Ehm... sì, certo. (Posa i resti del bicchierino sul tavolo e poi le siede accanto)

Carmela: E allora, ohi Pe’... cioè, maestro, a che devo la vostra visita?

Peppe:     Beh, passavo di qua, e allora...! (Realizza) No, ma vuje site venuta addù me!

Carmela: Ah, già. E allora vi dirò il motivo della mia visita. Caro amestro, voi, a mio

                 figlio, al primo quadrimestre, gli avete messo 9 allo scritto e 9 all’orale!

Peppe:     Scusate, ma io lavoro all’asilo. Mica metto i voti ai bambini?

Carmela: Ah, no? Ehm… ricordatevi bene. Da quest’anno si mettono i voti pure all’asilo.

Peppe:     Overamente? E va bene, allora se gli ho messo 9, di che cosa vi lamentate?

Carmela: Secondo me, il bambino è da 10! (Si alza e gli si avvicina provocante) Il bambino

                 studia sempre. E per questo, non esce mai. Neanche al sabato.

Peppe:     (Imbarazzato) Ah, sì? Neanche al sabato?

Carmela: (Gli siede su una gamba) Sì. Per studiare, sta facendo clausura!

Peppe:     ‘O vero? E comm’è? Se vo’ fa’ prevete?

Carmela: (Sexy) Andiamo, non fate lo spiritoso! Lo alziamo questo 9? Sì? Lo alziamo?

Peppe:     (Imbarazzato) Sì, si sta alzando, si sta alzando!

Carmela: Bravo! (Si alza) E adesso devo andare.

Peppe:     E che d’è, nun ‘o vulite aizà cchiù, ‘o 9?

Carmela: No, già s’è aizàto abbastanz... cioè, vedo che già avete capito tutto!

Peppe:     Vabbuò, però io po’ me scordo!

Carmela: E allora ritorno più tardi con una sorpresa per voi.

Peppe:     Però non vi dimenticate.

Carmela: Tranquillo, sarà mia cura tornarvi a trovare. Arrivederci. (Gli lancia un bacio)

                 Ed esce via sculettando. Peppe è sconvolto.

Peppe:     Secondo me, chisto è tutto ‘nu suonno! (Va sul divanetto)

                 Intanto, dalla comune, entra Alessio che gli si avvicina con una busta di tarallini.

                 Mò m’addòrmo. (Chiude gli occhi) Forse, quanno me sceto, è cagnato tutto cose!

                 Alessio prende un tarallino e mangia. Peppe sente masticare e apre gli occhi.

                 Ma chi è che sta magnànno? (Si volta e lo vota)

Alessio:   (Masticando) Salve!

Peppe:     (Si alza sorpreso) No, nun po’ essere.

Alessio:   Volete un tarallino?

Peppe:     No, nun ‘o voglio. Scummetto ca si mò dico che ve cunosco, vuje dicite che no!

Alessio:   Infatti, no. E allora mi presento: Alessio Sullivan, ingegnere aerospaziale.

Peppe:     Peppe Sullo, docente di… di… nun m’arricordo cchiù.

Alessio:   Sapeste da quanto tempo vi sto cercando. Per la precisione, da stamattina.

Peppe:     Ma si vuje mò site arrivato!

Alessio:   E lo so, però ho avuto un incidente: sì è rotta la macchina. E per la precisione, si è

                 rotto il radiatore. E così ho dovuto portarla dal radiologo!

Peppe:     (Ironico) ‘O vero? E allora l’ate purtata a ffa’ ‘a radiografia?

Alessio:   ‘A radiografia? Quala radiografia?

Peppe:     Sentite, lassate sta’! Comunque, pecché me stìveve cercanno?

Alessio:    Perché io sto lavorando a un progetto spaziale per la NASA. La conoscete?

Peppe:     E comme no. Embé, e io che ce azzecco?

Alessio:    C’entrate, c’entrate. Come sapete, per andare nello spazio, ci vogliono delle

                 precise caratteristiche del sangue. E queste caratteristiche, voi, ce l’avete.

Peppe:     Ma pecché, uno che tene ‘o colesterolo, po’ gghì ‘int’’o spazio?

Alessio:   E che ce azzecca ‘o colesterolo? Il vostro sangue tiene una caratteristica che lo

                 ossigena continuamente: un’alta presenza di emoglobina.

Peppe:     E con ciò?

Alessio:   Voi sarete il primo isegnante d’asilo ad andare nello spazio. E scoprirete la Luna!

Peppe:     Ma chella già è stata scuperta!

Alessio:   ‘O vero? Oh, nun se po’ ffa’ ‘na cosa, che subito t’’a vonno cupià tutte quante! E

                 allora si cambia progetto: si va a scoprire Marte.

Peppe:     E già è stato scuperto.

Alessio:   Pure? E va bene, allora cerco di scoprire un nuovo pianeta e vi farò sapere. Va

                 bene? Vulìte ‘nu tarallino?

Peppe:     V’aggio ditto che no!

Alessio:   E allora Alessio Sullivan vi saluta. Arrivederci, uomo dello spazio!

                 Esce via di casa celermente. Peppe lo guarda interdetto. Poi si siede di nuovo.

Peppe:     Ma po’ essere che me stanne facenno ‘nu scherzo? (Chiude gli occhi) E già.  

6. [Simona e Peppe. Poi Melina, Checco, Agostino e Chiara]

                 Entra Simona, nota Peppe rilassato sul divanetto, si avvicina e gli siede accanto.

Simona:   Ehilà!

Peppe:     (Apre gli occhi) Chi è?

Simona:   Sono io.

Peppe:   (La nota) Oh, no! (E si mette le mani davanti agli occhi)

Simona: Peppe, e perché non mi guardi? Sono brutta?

Peppe:   (Toglie le mani dagli occhi) No, nun si’ brutta, però me voglio scetà a ‘stu suonno!

Simona: Ma no, io non sono un sogno. Permetti? Sono Simona Sullarno. Sai, ho tanto

               sentito parlare di te. Tra poco lavorerò anch’io all’asilo dove lavori tu.

Peppe:   E che cosa farai?

Simona: Insegnerò il greco.

Peppe:    ‘O ggreco all’asilo?

Simona: No, volevo dire, il latino!

Peppe:    ‘O llatino all’asilo?

Simona: No, no, volevo dire che insegno italiano.

Peppe:    Ma all’asilo non si insegna. Si fanno giocare i bambini.

Simona: Ehm... lo so, però da quest’anno la legge è cambiata. E perciò mi hanno chiamato.

Peppe:    Ah, e io nun sapevo niente. Allora chist’anno ce vedimme spisso.

Simona: Certo, molto spesso.

Peppe:    Ah, ecco. E senti, ma tu sei fidanzata o sposata?

Simona: (Sconsolata) No, purtroppo non ho nessuno.

Peppe:    Ah, sì? Sei vedova?

Simona: Ma che vedova? Sono ancora single.

Peppe:    E allora ti posso aiutare io a trovare l’anima gemella?

Simona: (Felice) Sì, grazie. A chi mi fai conoscere?

Peppe:    Ti faccio conoscere a un tizio che ho conosciuto poco fa. Si tratta dell’ingegnere  

                aerospaziale Alessio Sullivan!

Simona: (Delusa, però finge felicità) Ah, grazie tante.

Peppe:    (Si alza) E allora ci vediamo a scuola?

Simona: (Si alza) Ma certo. E allora ciao, caro Peppe.

Peppe:    Cià, cià.

                E così Simona esce di casa. Peppe si insospettisce e comincia a gironzolare.

                Eppure ce sta coccosa che nun me quadra. Già, è accussì!

                Da sinistra Melina entrano Melina e Checco abbracciati.

Melina:   Ammore mio!

Checco:  Sapìsse comme te voglio bene!

Peppe:    Uhé, e che d’è, tutt’e dduje?

                I due si spaventano e si distaccano.

Checco:  Ah, ehm... prufessò... cioè, papà, lo sai, io e Melina ci vogliamo proprio bene!

Melina:   E sì, amore fraterno! Embé, m’he’ ‘a crerere, papà, si io e Checco nun fòsseme

                frato e sora, io m’’o spusàsse volentieri!

Peppe:    E allora che siete fratello e sorella! A proposito, ma tutt’e dduje site fidanzati?

Melina:   No, papà, e io ora te l’ho detto: come mi fidanzo con Checco? Chillo m’è frato!

Peppe:    No, dico: tu tiene ‘nu ‘nnammurato e isso tene ‘na ‘nnammurata?

Melina:   Ah, ehm... beh, io tengo una certa simpatia per un ragazzo. E tu, invece, Checco?

Checco:  E pur’io.

Peppe:    Tieni pure tu l’interesse per un ragazzo?!

Checco:  No, per una ragazza femmina donna!

Peppe:    Ah, ecco qua. E va bene. A proposito, Checco, l’he’ accunciata ‘a funtana?

Checco:  No, non ancora. Però tengo una notizia bellissima: aggio truvato ‘a chiave inglese.

                (Dalla tasca tira fuori una pinza) ‘A vi’ ccanno!

Peppe:      E mica chella è ‘a chiave inglese? Chella è ‘a pinza!

Checco:    Uh, scusa. (Dall’altra tasca estrae una sega) E allora è chesta, ‘a chiave inglese!

Peppe:      No, chillo è ‘o seghetto!

Checco:    Mannaggia, ma comme so’ distratto! E allora mò ‘a vaco a piglià ‘a casa mia!

Melina:     Ehm... ma che staje dicenno? Chesta è ‘a casa toja!

Checco:    Ah, già. E allora mò ‘a vaco a cercà meglio a ‘n’ata parte.

Peppe:      No, aspié, mò t’’a dongo io. Sta fora ‘o barcone d’’a stanza ‘e lietto.

Checco:    Ah, e allora grazie, papà.

Peppe:      E ja’, venite, venite. Voglio sentire qualche notizia in più sui vostri spasimanti.

                  I tre escono a destra. Da sinistra esce Agostino, quatto quatto.

Agostino: Chi sa comme stanne jenno ‘e ccose?! Néh, ma Chiara nun s’è vista propio?

                  Dalla comune entra Chiara (con grembiule) che va dietro Agostino, lo spaventa.

Chiara:     Agostì!

Agostino: Mamma bella! Mi arrendo!

Chiara:     Cretino, ma che staje facenno?

Agostino: Ah, si’ tu? Ma che fine he’ fatto?

Chiara:     Niente, tra poco tocca a me. E allora, c’è cascato?

Agostino: Sì, c’è cascato, c’è cascato. Nun s’è addunàto proprio ‘e niente!

Chiara:     Bravo! E allora mò ‘o facìmme sbarià ‘n’appoco, e ppo’ ce dicimme ‘a verità.

Agostino: Sì, ma dicimmancélla cchiù tarde possibile, pecché io me sto’ troppo divertenno!

Chiara:     E vabbuò, ma nuje accussì ‘o facìmme ascì pazzo, a chillu puveriello!

Agostino: E allora t’arraccummanno, Chiara, nun te fa’ scappà a rirere! E nun ce dicere

                  ch’’e ffemmene so’ meglio ‘e ll’uommene, o si no chillo te sgama!

Chiara:     E che ce sta bisogno che ce ‘o ddich’io? Chella è ‘a verità.

Agostino: E invece no. So’ meglio ll’uommene!

Chiara:    ‘E ffemmene!

Agostino: Ll’uommene!

Chiara:    ‘E ffemmene!

                 E continuano, fino a che Agostino non esce a Sìnistra e Chiara esce di casa.

7. [Peppe, Chiara, Carmela, Arturo, Enza e Melina]

                  Da destra torna Peppe con una chiave inglese in mano.

Peppe:      E che ce faccio io cu’ ‘sta chiave inglese ‘nmana? Ma chesta nun serveva a

                  Checco? Ma chillo è cchiù ‘nzallanuto ‘e me! Comme se vede ch’è mio figlio!

                  Posa la chiave inglese sul tavolo e Sì Sìede. Dalla comune entra Chiara.

Chiara:     Signora Enza!

Peppe:      (Senza vedere chi è) Sta ‘int’’a cucina! (Poi si alza e la nota) Che?

Chiara:     Bonasera, ‘on Peppe. Scusate, ma pecché me guardate accussì?

Peppe:      Ehm... no, niente, curiosità.

Chiara:     E allora, vi posso stringere la mano?

Peppe:      E vabbuò.

Chiara:     (Si pulisce la mano col grembiule e gliela stringe) Ecco qua, bravo!

Peppe:      (Si odora la mano e sente un odoraccio) Mamma bella!

Chiara:     Uh, scusate, me fétene ‘e mmane pecché aggio ammunnàto ‘e ccepolle!

Peppe:      E se sente!

Chiara:     E allora, ‘on Peppe, ‘a mugliera vosta sta ‘int’’a cucina?

Peppe:     Sì. Vulìte che v’’a chiammo?

Chiara:    No, nun ‘a disturbate. E ppo’ vaco ‘e pressa pecché aggio lassato ‘a porta aperta.

Peppe:     Ma pecché, addò state ‘a casa?

Chiara:    E jamme, nun facìte ‘o spiritoso, io stongo ‘e casa vicino a vuje!

Peppe:     Ah, sì? Da poco tempo?

Chiara:    ‘A vint’anne!

Peppe:     E vabbuò, po’ essere pure! Comunque, scusate, ve serve coccosa?

Chiara:    Sì, veramente me servésse ‘na capa d’aglio. ‘A tenìte?

Peppe:     Beh, fin’e mez’ora fa, nun ‘a tenéveme. Ma mò po’ essere ch’’o tenìmme. In ogni

                 caso, jate a domandà a mia moglie.

Chiara:    Va bene. E allora con permesso.

                 Esce via a sinistra. Peppe si avvicina alla porta e vi sbircia dentro.

Peppe:     Eppure chella me pare Chiara, mia cognata! Ah, già, chisto è tutto ‘nu suonno!

                 Dalla comune entra Carmela con un pacco regalo. Nota Peppe e gli si avvicina.

Carmela: Signor Peppe!

Peppe:     (Si spaventa) Chi è?

Carmela: E nun sta bene a spià areto ‘e pporte!

Peppe:     Ma chesta è ‘a porta d’’a casa mia! Io ce pozzo fa’ chello che voglio! E’ chiaro?

Carmela: E nun v’arraggiate. (Gli porge il pacco) Tenete!

Peppe:     E che d’è ‘stu coso?

Carmela: Una bomba!

Peppe:     Ate miso ‘na bomba ccà ddinto? Ma mò me vulìte fa’ zumpà ‘e ‘n’aria?

Carmela: No, si tratta di una bomba a forma di profumo. Ed è tutta per voi.

Peppe:     Sìgnò, ma pecché v’ate misa in cerimonie?

Carmela: Ma che cerimonie? Per voi questo ed altro. E allora, ‘o vulimme aizà ‘stu voto?

Peppe:     E certo, amme ditto ch’’o nove ‘o purtamme a diece!

Carmela: E no, ja’, vedite si ‘o putite aizà ‘n’appoco. Vedimme ‘e arrivà a unnice!

Peppe:     Sìgnò, ma nun esiste ‘o unnice!

Carmela: Ah, sì? E vulìmme vedé si esiste? E allora venite cu’ me. (Lo prende per mano)

Peppe:     Signò, ma che vulìte fa’? 

Carmela: Silenzio!

                 E se lo porta via a sinistra. Dalla comune entra Arturo: ha un cucchiaio di legno.

Arturo:    Vedìmme si Enza è turnata ccà. Voglio proprio vedé appena me vede, che ddice!

                 Da destra torna Melina. Sì ferma sulla porta e parla con Checco.

Melina:    Sì, pierde tiempo a cercà ‘a chiave inglese, tu! A me m’he’ abbandunata proprio!

                 (Poi si volta e nota Arturo) (E chi è, chisto?).

Arturo:    (Le si avvicina) Ehm... senti, scusa, hai visto la signora Enza Russo? La conosci?

Melina:    E se capisce ch’’a cunosco. Io songo ‘a figlia!

Arturo:    (Sorpreso) Che? ‘A figlia? Ma allora Enza... cioè, ‘a signora... tene duje figli?

Melina:    Sì, tene duje figli e ‘nu marito! Si tratta del signor Peppe Sullo.

Arturo:    Ma no. ‘O prufessore? E allora io sto’ ccà pe’ ffa’ ‘na surpresa a mammeta!

Melina:    ‘O vero? E che surpresa ‘a vulìte fa’?

Arturo:    ‘A vuo’ vedé! E viene fora ‘a porta cu’ me. Quanno arriva ‘o mumento giusto, te

                  faccio vedé ‘e fuoche artificiale!

Melina:    ‘E fuoche artificiale? Bello! E allora jamme, jamme fora!

                  I due escono. Da sinistra riecco Carmela e Peppe (con due “baci” sulla faccia).

Peppe:      Signora Carmela, ma vuje nun ata fa’ accussì, pecché io songo ommo!

Carmela: E se vede, signor Pe’! Comme aizàte vuje ‘e vote, nun l’aìza nisciuno!

Peppe:     Sì, sì, ma mò ve n’ata ì, o si no, si se trova a ascì muglierema, facimme battaglia!

Carmela: No, e facìteme sta’ ancora ‘n’appoco ‘nzieme a vuje!

                 E da sinistra torna Enza che nota i due.

                 Ma ‘o ssapite? Io ve spusàsse proprio!

Peppe:     E pur’io, signò!

Enza:       (Interviene) Néh, uhé, ma che state facenno, tutt’e dduje?

Peppe:     Uh, Marò siamo stati scoperti! Signò, fujìtavenne, o si no muglierema ve vatte!

Carmela: Ah, già, ‘a mugliera vosta è essa!

Enza:       E allora che stìveve facenno, tutt’e dduje?

Peppe:     Ma no, Enza, nun stéveme facenno niente ‘e male! Io voglio bene sulo a te!

                 Così, quatto quatto, entra Arturo seguito da Melina, terrorizzata. I tre sèguitano.

Enza:       E pur’io te voglio bene! (Si mette sottobraccio a Peppe)

Arturo:    (Si fa notare, arrabbiato) ‘O vero? E allora a me nun me vuo’ bene cchiù?

Enza:       (Inconsapevolmente, gli risponde) Certamente! (Poi realizza) Uh, Marò, Arturo!

Peppe:     E chi è?

Melina:   ‘O marito d’’a signora Enza!

Peppe:     ‘O marito d’’a Sìgnora Enza? Ma ‘o marito d’’a signora Enza songh’io!

Arturo:    Ah, sì? (Comincia ad accarezzare il cucchiaio di legno)

Enza:       No, ehm... Artù, ce sta ‘na cosa che nun t’aggio ancora ditto!

Arturo:    E invece mò t’’a dich’io, ‘na cosa: ‘a vi’ ‘sta cucchiarella? ‘O ssaje a che serve?

Peppe:     A avutà ‘e maccarune ‘int’’a tiella!

Arturo:    No, pe’ ve scannà a tutte quante!

                 Enza, Carmela, Peppe e Melina, fuggono a sinistra inseguiti da Arturo. Si odono

                 botte e grida. Poi torna Peppe, fugge fuori casa. E riecco Arturo, Chiara e Enza.

Chiara:    He’ capì, Artù? Se tratta sulamente ‘e ‘nu scherzo che stamme facenno a Peppe. 

                 Chesto è tutto. Mugliereta nun sta facenno niente ‘e male.

Arturo:    Ah, chest’è? E io che ne sapevo?

Enza:       (Dolorante al sedere) E intanto, io aggio abbuscato pe’ senza niente!

Arturo:    E che vvuo’ ‘a me? Tu nun me l’he’ ditto. Vuje tenite proprio ‘a capa fresca!  

Chiara:    Artù, per fortuna il professore non ha capito niente. Solo che adesso ha sentito

                 che Enza è sposata con te. Me dispiace, ma t’amma fa’ passà pe’ ‘nu pazzo!

Arturo:    E che tengo a che vedé? Io nun ‘o cunosco manco.

Enza:       No, no, però vattenne.

Arturo:    Vabbuò, allora me ne vaco. E v’arraccummanno, nun ve facite sgamà.

                 Esce via di casa.

Chiara:    Enza, mò priparammece p’’o grande finale.

Enza:       E sì. Mamma mia, comme me stongo divertenno!

                 Escono a destra. Dalla comune entra Peppe col viso interessato: ha sentito tutto.

Peppe:     Ah, he’ capito? Aggio fatto buono a me n’ascì p’’a fenesta. Ma allora io nun so’

                 pazzo! M’hanne fatto ‘nu scherzo pe’ me fa’ ì ‘nfreva! Tutt’’e ggente d’’o vico

                 erene d’accordo. Allora mò vediteche paccotto v’aggio astipato a tutte quante!

                 Esce di nuovo di casa.

Scena Ultima. [Tutti tranne Arturo, Melina e Checco]

                 Dalla sinistra entra Carmela.

Carmela: Mannaggia, Peppe steva scuprenno tutto cose. Menu male che nun se n’è accorto!

                  E dal centro torna Peppe che fa finta di niente canticchiando il solito motivo.

Peppe:      “Pompompompom...”!

Carmela: (Lo nota) (Uh, ‘vo ì ccanno!). Ehm... buongiorno, signor Pe’. Come state?

Peppe:      (Spavaldo) Oh, carissima signora Esposito. Come sta vostro figlio Vincenzo?

Carmela: Bene, grazie. 

Peppe:      Poco fa l’ho incontrato e ci ho parlato.

Carmela: (Stupita, risponde) Ehm... veramente? E com’è? Cioè, cosa vi ha detto?

Peppe:      Mi ha detto che voi siete un poco birbantella! A proposito, ho parlato pure con

                  vostro marito. Ha detto che tra poco viene qua a prendervi.

Carmela: (In difficoltà) Ehm… io allora gli vado incontro. Ci vediamo un altro giorno.

Peppe:      Aspettate un momento. E perché già ve ne volete andare? Parliamo un po’.

Carmela: No, per carità. Mio marito… se esiste veramente… non ci deve vedere insieme.

Peppe:      E non vogliamo alzare più il voto di vostro figlio?

Carmela: (Preoccupata) No, no, va bene anche il 9. Ma pure 8. Tanto…! Arrivederci.

Peppe:      Arrivederci!

                 Carmela esce via di corsa. Peppe si diverte.

Peppe:      He’ visto comme corre Carmela? E mò aggia sfottere ‘o riesto d’’e scieme! Ora

                  sono io che mi diverto!

                 Esce di casa, fregandosi le mani. Dal sinistra entra Gennaro: beve il suo caffè.

Gennaro: Famme sfottere ‘n’atu ppoco ‘o prufessore. Prima del finale, m’aggia spassà!  

                  Si siede sul divanetto e si accende una sigaretta. Peppe entra dalla comune.

                  Guarda fuori e parla ad alta voce per farsi sentire da Gennaro.  

Peppe:      Mi hanno detto che il barone Gennaro Amato sta pieno di debiti. Tra poco viene

                  il suo creditore per riprendersi i soldi. E se il barone non paga… so’ mazzate!

Gennaro: (Impressionato, si alza in piedi) Che? Signor Peppe, dite sul serio?

Peppe:      (Gli si avvicina) Oh, carissimo barone. Ma certo che dico sul serio. 

Gennaro: Ma voi conoscete veramente questo tizio che vuole picchiare il barone Amato?

Peppe:      Uff! E’ alto 1 metro e 99. E con i tacchi, raggiunge 2 metri e mezzo! 

Gennaro: Povero barone Amato. Non vorrei nei suoi panni! Anzi, quasi quasi, torno da lui

                  e gli restituisco i vestiti!

Peppe:      Scusate, ma perché, voi non siete il barone Gennaro Amato?

Gennaro: Sì! Solo che… Scusate, professò, io vi saluto. Nun voglio abbuscà! Arrivederci.

                  Gli lascia il bicchere del caffè e corre via di casa. Peppe si siede sul divanetto.

Peppe:      (Divertito)‘Stu ‘mbruglione!E mò vedimme chi è ‘o prossimo estratto!

                  Da destra entra Chiara.

Chiara:     Uh, e che ce fa chisto ccà?    

                  Tenta di correre via di casa, ma lui (senza voltarsi) la chiama.

Peppe:       Signora Chiara!

Chiara:     (Si ferma di botto) Ehm… signor Peppe. Che si dice?

Peppe:       Avete trovato la capa d’aglio?

Chiara:     Ehm… sì, sì.

Peppe:       E perché stavate uscendo da quella porta? (La guarda) La cucina sta a sinistra.

Chiara:     Ehm… perché mi ha chiamato vostra moglie Carmela.

Peppe:       Quale Carmela? Mia moglie si chiama Enza!

Chiara:     Giusto! Ho detto Carmela? E mi sono sbagliata. Allora io vado. Buona giornata.

Peppe:       Aspettate, ma perché già ve ne volete andare? (Si alza in piedi e le si affianca)

Chiara:    Ehm… perché tengo alla mia figlioletta con la febbre a 40.                 

Peppe:      E allora vi chiamo un mio amico medico in gamba: il dottor Agostino Sullaneve.

Chiara:    No, per carità. Quello non è buono proprio. Preferisco un altro medico.

Peppe:      Ma voi lo sapete che quel medico è un donnaiolo eccezionale?

Chiara:    (Interdetta) Veramente?

Peppe:      Sì. Poco fa l’ho visto scherzare con la figlia del tabaccaio di fronte.

Chiara:    (Interessata) E lei che cosa faceva?

Peppe:      Gli dava il suo numero di cellulare. Come del resto già avevano fatto la figlia del

                  salumiere e la figlia del macellaio. E pure la moglie del commercialista.

Chiara:     Ah, hai capito!

Peppe:      Ma non vi preoccupate. Quello tra poco viene.

Chiara:    (Sorpresa) Uh, Gesù! E voi come lo sapete?

Peppe:      E’ tutto cronometrato! Volete vedere? Quattro… tre… due… uno…

                  E dalla comune entra Agostino, con la propria ventiquattrore.

Agostino: Signor Peppe, buongiorno! Oh, carissima signora Chiara!

Chiara:    Carissima a me? Tu si’ ‘nu puorco! E aroppo facìmme ‘e cunte.

                  Lo spinge via ed esce di casa.

Agostino: Non capisco.

Peppe:      Lasciate stare, non ci fate caso. Piuttosto, non volete sapere come mi sento?

Agostino: Ehm... certamente. Come vi sentite, caro mio? Facciamo una bella siringa?

Peppe:      No, e quale siringa? Per la pazzia, non ci vuole la siringa. E io sto diventando

                  pazzo. (Sgrana gli occhi, come un pazzo) Anzi, già lo sono! Mi credete?

Agostino: (Insicuro) Ehm… sì, ti credo. Cioè, vi credo. Ma non mi guardate così!

Peppe:      Ah, no? E va bene, non vi guardo? (Va alla credenza e prende un mattarello, poi

                  torna da Agostino) Eccomi qua.

Agostino: Sentite, perché avete preso quel mattarello? Non lo potete posare?

Peppe:      E no, io una cosa devo farla: o vi guardo male oppure prendo il mattarello.

Agostino: Ohi Pe’… cioè prufessò… cioè amico, mò basta. Accussì nun me piace ‘e pazzià.

Peppe:      Pazzià? In che senso? Io faccio sul serio.

Agostino: Ma non mi potete picchiare. Io sono un medico.

Peppe:      Veramente? Strano, io tengo amicizie all’ordine dei medici? Il vostro nome però

                  non c’è. Mi spiegate come mai?

Agostino: Perché io sono il generale di tutti i medici! Allora sto scritto in un albo speciale.

Peppe:      E come sta andando la Pepsi Fess?

Agostino: (Felice) Bene, grazie! (Poi imbarazzato) Cioè, ma chi la conosce questa cosa che

                  avete detto voi? Bene, visto che state bene, stiamoci bene! Arrivederci.

                  Agostino esce via di corsa. Peppe si frega le mani e si siede al tavolo.

Peppe:      Sotto a chi tocca!

                  Dalla sinistra torna Enza. Nota Peppe seduto e va da lui.

Enza:        Ehm… ammore mio, e che ce faje tu sulo?

Peppe:      (La osserva) Ah, bene bene!Amore mio, ti dirò. Riflettevo. Io e te abbiamo solo

                  due figli. Ne vogliamo un terzo?

Enza:        (Perplessa) In che senso?

Peppe:      (Si alza in piedi e le prende la mano) Enza, come si fanno i figli? Io e te siamo

                  marito e moglie! Dunque…!

Enza:        Ma ormai non abbiamo più l’età per fare figli.

Peppe:      E chi te l’ha detto? Su, dai, io vado a prepararmi sul letto. Tu raggiungimi subito.

                  Le fa l’occhiolino ed esce a sinistra.

Enza:        (Va nel panico) Mamma mia!

                 Fugge via per la comune, ma viene ricondotta dentro casa da Simona e Checco.

Checco:   Oh, addò vaje? ‘O scherzo nun è fernuto.

Enza:       No, no, pe’ me è fernuto e comme! Chillo vo’ fa’ ‘nu figlio cu’ me. A chi?

Simona:   Ma non ti preoccupare.

Enza:       E invece mi preoccupo.  

                 Entrano pure Chiara, Carmela, Gennaro ed Agostino. 

Chiara:    Ma ch’è succieso? Pecché s’è interrotto ‘o scherzo.

Carmela:  Nuje amma fa’ ‘o finale.

Enza:        E ‘o finale quale fosse? Aggia fa’ ‘nu figlio cu’ tuo marito?

Agostino: Ecco, brava. Ti devi sacrificare per tutti noi.

Genanro: Ma poi abbiamo finto finora? Embé, tu fai finta di avere un bambino!

Agostino: (Ironico) ‘O vero? E che ce mettimme ‘o posto d’’o criaturo? ‘Nu bambolotto?

Enza:        E allora basta, io nun ce gioco cchiù. Pe’ me ‘a farsa è fernuta!

                  Torna Peppe, applaudendo i presenti.

Peppe:      Bravi, bravi! ‘Na bella cummedia overamente! Sulo ch’’o finale l’aggio fatto io!

Simona:    Ma pecché, papà, tu già sapive tutto cose?

Peppe:      Certamente. E che m’ate pigliato, pe’ scemo?

Carmela:  E ‘o ssapive fin dall’inizio?

Peppe:      Ehm... sì, fin dall’inizio.

Chiara:     E sapìve pure ‘o mutivo pecché t’amme fatto chistu scherzo?

Peppe:      Sì, per il pessimo carattere che tengo. Ma pecché, vuje ‘o tenite meglio d’’o mio?

                  Comunque, non vi preoccupate, non mi sono pigliato collera. Anzi, mi sono pure

                  divertito. Tanto, io mi stavo annoiando, a causa della solita vita di tutti i giorni.

Agostino: E nun ce ‘o pputìve dicere primma?  

Peppe:      E ppo’ nun ce steva sfizio! Io sono stato al gioco e non vi ho voluti umiliare. A

                  proposito, informate pure gli altri che lo scherzo è finito. 

Gli altri:   (Contenti) Menu male!

Peppe:      Gentilmente, mi lasciate da solo con mia moglie? 

Gli altri:   Con permesso!

                  Escono tutti in fretta, tranne Carmela e Peppe.

Peppe:      E allora? (Le da un bacio sulla fronte) Ti sei divertita?

Carmela:  Io però non volevo farti questo scherzo.

Peppe:      Non ti preoccupare. Ora però mi prepari la cena? Io intanto mi faccio la barba. E

                  che nessuno mi interrompa, o si no s’asciutta ‘o ssapone ‘nfaccia!

Carmela:  Va bene.

                  Esce a sinistra.

Peppe:      Mannaggia ‘a morte! Ma pecché m’aggia fa’ sempe ‘a barba a rrate, io?!

                  Da destra entra un pallone e gli va addosso.

                  ‘N’ata vota ‘stu pallone? (Ha un’idea) Beh, però quase quase, ‘na partetélla m’’a

                  facésse pur’io! Guagliù, ve servésse ‘nu purtiere? Arrivo!

                  Ed esce via di corsa a destra, facendo rimbalzare il pallone a terra.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 21 volte nell' arco di un'anno