L’ocaziù de fa bogàda

Stampa questo copione

L’OCAZIÙ DE Fa BÖGADA

L’OCAZIÙ  DE  FA  BÖGÀDA

commedia in due atti in dialetto bresciano

di

Velise Bonfante

Scena: un salotto o soggiorno con finestra, porta d’ingresso e una o due porte per le camere. Un telefono. Su di una sedia della biancheria da stirare con un lenzuolo o uno scialle o un copritavolo con le frange. Questa stoffa dovrà essere azzurra e/o bianca, lunga abbastanza da avvolgere o quasi avvolgere una persona.

Personaggi:      1)  Agnese, la moglie

                         2)   Ubaldo, il marito

                         3)   Luciana, la figlia

                         4)   Clara, la figlia                   

                         5)   Orsolina, madre di Ubaldo

             6)   Modesta, la zia

                         7)   Rosy la vicina di casa

                         8)   Egidio, marito di Rosy

             9)   Una ladruncola

                        10)  Seconda ladruncola

            11)  Il falegname

ATTO PRIMO

(È notte, la stanza è vuota e silenziosa. Dalle porte delle camere entrano, prima una e poi l’altra, due ladruncole. Hanno le gonne lunghe, magari uno scialle e una torcia in mano che fanno saettare ovunque. Al buio si scontrano fra di loro.)

 
Scena 1 - Le due ladruncole

1 ladruncola) Che spavento, sta un po’ attenta.

2 ladruncola) Cosa hai trovato, hai fatto buona caccia?

1 ladruncola) Macché, questi qui sono proprio dei poveracci.

2 ladruncola) Hai guardato bene nei cassetti?

1 ladruncola) Certo, vuoti. Nessun oggetto d’oro o di valore, nemmeno un orologio, neppure una catenina, nulla di nulla.

2 ladruncola) È incredibile. E nelle borsette?

1 ladruncola) Vuote anche quelle.

2 ladruncola) E il portafoglio?

1 ladruncola) Vuoto, completamente vuoto. Al primo momento pareva bello gonfio, invece... Solo scontrini di cassa, e tu?

2 ladruncola) Niente di niente nemmeno io, o sono per davvero dei poveracci o devono aver trovato un nascondiglio a prova di ladri (indicando col dito le camere).

1 ladruncola) È impossibile che non abbiano nulla di valore. Che non ci sia proprio niente da rubare. Chissà dove hanno nascosto gli oggetti preziosi!

2 ladruncola) Sembra che questa casa sia abitata da gente furba!

1 Ladruncola) Vediamo anche in quell’altra stanza se c’è qualcosa.

2 ladruncola) (Ricordandosi si preoccupa) No, andiamo via di corsa, subito senza perdere tempo.

1 ladruncola) Perché? Dormono tutti, si può lavorare tranquillamente ancora per un po’.

2 ladruncola) Andiamo andiamo. Mi sono ricordata di una cosa e non c’è tempo da perdere (tirandola per un braccio).

1 ladruncola) Fammi dare un’ultima occhiata di là, non si sa mai…

2 ladruncola) No… proprio di là no, (indicando con un dito) una delle donne si era quasi svegliata, anzi, in un primo momento credevo proprio che fosse sveglia.

1 ladruncola) Chissà che spavento! E poi?

2 ladruncola) Dormiva, probabilmente sognava.

1 ladruncola) Menomale, e tu cosa hai fatto?

2 ladruncola) Io niente, lei invece ha iniziato a dire (declamando): “Santa Brigida... Santa Brigida”

1 ladruncola) Davvero?!

2 ladruncola) Certo.

1 ladruncola) E poi?

2 ladruncola) Mi sono immobilizzata, ho alzato le mani e le ho detto “devi dormire... devi dormire”

1 ladruncola) E lei?

2 ladruncola) Si è messa a piangere e si è riaddormentata.

1 ladruncola) Che bella idea che hai avuto a dirle così. E poi?

2 ladruncola) E poi sono scappata di corsa dalla stanza

1 ladruncola) E lei?

2 ladruncola) Non vorrai che ti racconti tutta la storia adesso! Dai, scappiamo, guai se si svegliano.

1 ladruncola) Hai ragione, andiamocene alla svelta, finora è andata bene...Non tentiamo ancora la fortuna (escono di corsa).

Scena 2 - Il risveglio di Agnese - Rosy, la vicina di casa

( Agnese è miope, senza occhiali non vede bene da lontano. Si è appena alzata, è in vestaglia, entra sbadigliando tutta spettinata o con i bigodini il testa e con la caffettiera, prende le tazzine per fare colazione, canticchia, ad un certo punto si ferma, si ricorda e si spaventa)

Agnese) Oddiosignurmemàma, “Santa Brigida”, no, l’è mia posiból, pöl mia éser en mestér compàgn... eppure, l’ho ista be… (Si preoccupa, si agita, si siede disperata con la testa fra le mani, alla voce di Rosy si riscuote.)

Rosy) Permesso (entrando) permesso, ciao  Agnese, m’è riàt de là el bu udùr del cafè ghe n’è e‘n gós apó per me?

Agnese) Certo, dènter dènter Rosy.

Rosy) El cafè biìt en compagnia l’è pö bu. (Guardandola bene in viso) stet mia be? Cosa ghet? (Sedendosi) Che bröta cera. Cosa t’è sücès?

Agnese) Rosy Rosy, ‘na ròba ‘ncredibil.

Rosy) E quando? Ger dòpo-mesdé te stàet benone.

Agnese) Ger stàe benone, te ghéset de saì Rosy, cosa m’è capitàt sta nòt!

Rosy) Sta nòt! Cosa pöl sucéder de nòt (maliziosa) el  stat el tò Ubaldo  a sinsigàt?!

Agnese) Ma va là, ala sò età e dopo la bega gròsa de ger sera!

Rosy) De sòlit “l’aocàt linsól el mèt a pòst töte le cause fra marìt e moér” Agnese, o t’hal fat en qualche schèrs?

Agnese) L’ Ubaldo el ghe c’entra mia.

Rosy) De nòt no pöl véser stat sul che ‘l tò òm a sinsigàt, o ghet ‘n amante e te me le mai dit!?

Agnese) (La guarda sospettosa e all’erta) Cosa volaresèt dì? Sta mia dì stüpidàde Rosy.

Rosy) Dai cöntem. Me t’el domande perchè som amiche, t’èl set che mé so mia ‘na fómna curiùsa.

Agnese) (Guardandola perplessa) El so, el so Rosy che te set mia ‘na fómna curiusa e che te set la me migliore amica.

Rosy) Certo, oltre che la tò migliore amica, so apó la tò vizìna de casa e ricórdet Agnese che i vizì de casa j-è i prim parèncc.

Agnese) (Al pubblico) Enfati “coi vizì o se brüza o se sènt de strì”. (A Rosy) l’è ‘na ròba delicàda,  sö mia se cöntàtela, magari te se bèla bùna de mia cridìm.

Rosy) Agnese, varda che me te crède za de adès, qualunque ròba la sàpe. Dai cönta, dIm.

Egidio) (Chiamando fuori scena) Rosy... Rosy...

Agnese) Giürel.

Rosy) Vöt ofindìm Rosy?! Te fìdet mia! E va be: giüre, set contenta! Cönta, mia fam sta söi spi?

Agnese) Rosy (Si guarda attorno controllando che nessuno senta) sta nòt g'ho vist la Santa Brigida.

Rosy) Santa Brigida?  (Delusa) Te ghe vist Santa Brigida?! E te m’èl dìzet isé?

Agnese) Come goi de ditèl?

Rosy) Ma, so mia... e che ulìela da te? T’hala portàt i nömèr del lòt?

Agnese) No

Rosy) Che pecàt! Set sicüra che l’èra mia envece “La Madóna”? Pensa ai sólcc che farésem se l’era la Madóna, magari che pianz. E dim, come èrela vistìda? Compàgn de la Madóna, col mantèl celèst?

Agnese) No, come ‘na santa, co le sotàne longhe, i bèi caèi (allarga le braccia) le mà isé, la us...

Rosy) L’et vista be? Set sicüra?

Agnese) Sie dré a dórmer e sie senza öciài però l’ho vista be, (guardandosi attorno) endó èi i me öciài?

Rosy) E cosa t’hala dit? G’hala almeno parlàt?

Agnese) Certo che la g’ha parlàt Rosy, e l’ha m’ha dit: (Declamando) “Devi morire... devi morire” g’ho ciapàt ‘na pöra!

Rosy) Devi morire?! Santa Brigida a te! Set sicüra che l’èra pròpe lé? Ghe n’è de sancc en paradìs!

Agnese) L’era lé, so pö che sicüra. Tacc agn fa l’ho pregàda de vègner e le adès che l’è ùra l’è vignìda a dìmel. So disperàda Rosy, so disperàda.

Rosy) Disperàda? Spiéghet  Agnese.

Egidio) (Chiamando fuori scena) Rosy... Rosy...

Agnese) (Sospira e spiega) La mé zia Agenore, la sorela de la nóna, na ólta, prima de ègner a sta a Riultèla, la stàa a Carpenédol, però i sò prim amó i stàa a Munticiàr e tancc agn fa, anzi, la sorela de la mé bisnóna, la mama de la mama de me cüsì pö vècc el ...

Rosy) (Interrompendola) Lasà sta le parentele e va al sòdo.

Agnese) Se va be. Alura: quan che me sie pütina, garo it (pensando) so mia se ...

Rosy) Sta mia töga la ólta longa, ve a sta nòt che me sö curiùsa, per modo di dire s’intendi.

Agnese) Làsem spiegà prim. La me zia Agenore, quan sie pütina la m’ha fat dì un’oraziù per sèt sere de fila. En  orasiù de chèle lónghe...  e mai pö pensàe a ‘na ròba del gèner.

Rosy) De che gèner? Dai, va aànti Agnese.

Agnese) Con che l’oraziù lé, dìda en zenüciù  per setantasèt sere de fila la Santa Brigida, tre dé prim de mörer, lé la sarés vignida a dìmel, de mòdo che me sarès pudìda preparàm al... chiamiamolo trapasso... cristianamente e co’ la coscienza a posto.

Rosy) Trapasso!? E secondo te, la Santa Brigida la g’ha gnènt alter de fa en paradìs che curìga dré a töcc chèi che g’ha de trapasà.

Agnese) Somearés de sé.

Rosy) E la gares el bu temp de  ricordàs de te e de la tò zia Agenore dopo töcc chèsti agn!?

Agnese) Somearés de sé.

Rosy) Te volaré mia dim che la Santa Brigida la cor dré a töcc chèi che g’ha de mörer per dìghel. Con töta la zènt de sto mond la garés un bèl de fa.

Agnese) Sta mia scherzà sö certe ròbe Rosy. La Santa Brigida la va a dìghel apena a chèi che l’ha pregàda e chèla lé, l’è ‘na preghiera conservada nei secoli in quel di Gerusalemme. Dopo l’incendio l’è stada troàda bruciacchiata ma salva e conservata dal Podestà de Agrigento...

Rosy) Sé, sé... e per sta Santa, el sarés asé tre dé per sistemà le ròbe.

Agnese) Per sistemà töte le ròbe forse no, ma per fa bögàda sicuramente.

Rosy) Fa bögàda?

Agnese) L’è ‘n mòdo de dì, significa per “confesàs” e liberàs de töcc i pecàcc.

Rosy) Pecàcc? (Incuriosita) Ghet dei pecàcc gròs sö la coscienza Agnese?

Agnese) Se te set curiùsa Rosy, cosa vöt saì te de le me ròbe.

Rosy) (Offesa) Me sö mia curiùsa e vöi saì gnènt de le tò ròbe  Agnese, (alzandosi per andarsene) set che te dìze: Mangia de men la sera, isé de nòt te faré mia i bröcc sògn.

Agnese) Come te set permalùsa, sèntet zo nom, e, comunque de pecàcc gròs gròs n’ho mai fat Rosy, set contenta de saìl?

Egidio) (Chiamando fuori scena) Rosy... Rosy...

Rosy) (Alla porta) Vègne vègne (ad Agnese) se, el so che te set ‘na bràa fómna, adès vo, e te sta pö pensàga a la Santa Brigida, (guardandosi attorno) pènsa ai mestér che te spèta.

Agnese) (Tragicamente, anche lei guardandosi attorno) Me rèsta tre ólte de scuà la cuzìna, tre ólte de fa sö i lècc, tre ólte de frigà zo, tre ólte de sopresà, (toccandosi la faccia),  tre ólte de laàm el müs, tre ólte...

Rosy) (Interrompendola) Schèrset o pàrlet söl serio Agnese?

Agnese) Te par chèsto el momènt de schersà? Tre dé Rosy, tre dé e gh’è töt finìt per me! Me ve de piànzer. Chisà en che mòdo moraró, chisà se me tóca de patì… come faró mai Rosy!

Rosy) Dai sö, sta mia fa isé, J-è töte bàle Agnese.

Egidio) (Chiamando fuori scena) Rosy... Rosy...

Rosy) (Guardando l’orologio) Me tóca na, che l’embranàt de ‘l me òm l’è bu de fa gnènt da sul, gna de fas en gos de cafè.

Agnese) Va va...

Rosy) Vègne dopo a véder  Agnese e continuaròm la nòsa ciciaràda, te sérca de sta tranquila e de mia preocupàt, te vedarè che a la fì sücét niènt, t’el garantése mé che j-è töte bàle...

Agnese) Magari fos töte bàle...

Egidio) (Chiamando fuori scena) Rosy... Rosy...

Rosy)  (Nell’uscire al marito) Vegne vegne Gidio, quanta frèsa, vègne, ciao Agnese

Agnese) Ciao Rosy, ciao.

Scena 3 -  Ubaldo e Agnese, passa Clara, entra Orsolina

(Entra Ubaldo il marito, pronto per andare a lavorare, si versa il caffè e non parla)

Agnese) Set amó ‘nrabiàt con de me Ubaldo?

Ubaldo) (Non risponde)

Agnese) Te ricòrdet Ubaldo i prim temp del nòs matrimonio che bèi che j-era?

Ubaldo) (Non risponde)

Clara) (Entra con uno zaino o dei libri in mano, attraversa la stanza salutando) Ciao.. ciao...

Agnese) E la colasiù Clara?

Clara) G’ho mia temp mama, se de no fo mia a ura a ciapà ‘l pulmino.

Agnese) O èl che te fe amó la dieta? T’el set che mé so contraria a le diete.

Clara) No, la dieta la fo pö, sul che stamatìna l’è tarde, ciao ciao (esce)

Agnese) Dieta, la g’ha fat quìndes dé sensa mangià niènt (Qualche attimo di silenzio, sospira) Semper de cùrsa i zùegn del dé de ‘ncö, noàlter de zuègn... quan temp che gh’è pasàt, te ricórdet Ubaldo? ‘Na ólta se ulìegn isé be, j-era töcc baci e abbracci e parulìne dólse.

Ubaldo) (Sbuffando)  ‘Na ólta! Adès le paroline j-è dolse come chèle che te me dit ger sera. Se te par el modo de tratàm chèl lé. Semper sgarbàda e mai gentile, semper a contradìm, semper a vulì vìga l’ültima parola. ‘Na ólta te sìet mia isé caa-fiat.

Agnese) Se vèt che fra noàlter du gh’è subentràt l’ incompatibilità di carattere.

Ubaldo) Sta atenta Agnese che ‘n Merica i domanda el divorzio per chèsto.

Agnese) Che som mia ‘n Merica caro el me Ubaldo.

Ubaldo) Me ghe l’ho fat lo stèss en pensierino, so stöf de èser tratàt da te come ‘n Giupì.  A chèsto punto, a noàlter du,  no gne rèsta che ‘l divòrsio.

Agnese) El divòrsio? Set dré a scherzà? Per isé poch?

Ubaldo) Isé poch? Te par poch! El fato l’è che töcc i dé l’è pès. Te l’ho dit sènto ólte  Agnese, t’el set che vöi mia, ma te düra a...

Agnese) (Interrompendolo) Quante storie ...per ‘n ólta? T’el set che me cönte mai le bòzie (alza gli occhi al cielo) Scüza Santa Brigida, la m’è scapàda.

Ubaldo) ‘Na ólta? Töte le sere. Dì la verità se te ghet coràgio

Agnese) E va be Ubaldo. Chèsta l’è l’ocaziù giösta per fa bögada. Vöt pròpe saì la verità: töte le sere, set contènt!

Ubaldo) Visto, visto che g’ho rizù mé alùra! E perchè, se pöl saìl?

Agnese) Per el tò be. Te fa mal béer el vi.

Ubaldo) Scüza  Agnese, ma chi l’ha dit che me fa mal béer el vi!

Agnese) Ubaldo sta mia stöfàm per isé poch, quante storie per en po de acqua zontàda.

Ubaldo) En po de acqua?! De menemà che cala la bòsa (fa il gesto) alé, zo acqua. Laùre töt el dé, la sera so strach mort e me toca béer apó ‘l vi trempàt. E za che som en vena de verità: da quant el che la va aànti chèla menàda ché, se pöl saìl?

Agnese) Da semper.

Ubaldo) Come da semper? Te volaré di ... metóm... da la setimana pasada.

Agnese) L’è da semper che ghe zonte l’acqua a la bòsa del vi. Da semper!

Ubaldo) Pensàet de éser come el nòs Signùr e che l’acqua la se trasformàes en vi?

Agnese) No, speràe apena che te n’ancurzìet mia.

Ubaldo) (Indicando la fronte) Per te, me g’ho scrìt “Giocondo” che ‘n sima?

Agnese) Adès te dize töta la verità Ubaldo. (Al pubblico) Chèsta l’è l’ocaziù giösta de fa bögàda. Oltre che per el tò be, el fàe pö che àlter per faga dispèt a la tò cara mama.

Ubaldo) Poarìna la me mama, te ghe gna ‘n po de compasiù per el sò stòmech delicàt.

Agnese) La g’ha ‘n stòmech de strùzzo me madóna. La tò cara mama, la la fa per fas compatì, l’è ‘na filùna la siùra Orsolina! Gna ‘l diàol l’è bu de fàghela a le, (alza gli occhi al cielo) Scüza Santa Brigida.

Ubaldo)  Sta mia di isé de la me mama, poarìna. Scomète che gh’è restàt apó a lé i cöcömer  de ger sera sö le stòmech, a me, i m’ha römàt töta nòt.

Agnese) I cöcömer i gh’è mia restàcc de sicür sö le stòmech delicàt de la tò mama!

Ubaldo) No! E te come fet a sail?

Agnese) Perchè chei cöcömer le j-éra söchèi caro ‘l me Ubaldo.

Ubaldo) Cosa vet a casà a ma: söchèi!? Vöt schersà Agnese! T’èl set che a me i söchèi i me pias mia. I m’è mai piazìcc e no j-ho mai magiàcc en töta la mé vita, bahh.

Agnese) Caro, caro el me Ubaldo, te j-e semper mangiàcc en töta la tò vita: (elencando) nel minestrù, ne la fretàda, consàcc, rustìcc... e a ólte finamai en del rizòt.

Ubaldo) Che dìzet sö pò? Se m’è mai piazìt i söchèi!

Agnese) I te sarà mai piazìcc ma te j-e semper mangiàt. Va be!

Ubaldo) Capise mia, che set dré a di?

Agnese) So dré a di che te ghe semper mangiàt i söchei pensando che i éres cöcömer o melanzane, chèsta l’è la verità e za che ghe som dré a confesàs…

Ubaldo) A confesàs?

Agnese) Se, voi fa bögàda e isé te dize apó che la tò cara mama la g’ha semper mangiàt i petti de pollo pensando che j-éres vitello.

Ubaldo) Agnese stet be?

Agnese) E l’è mia finida ché caro Ubaldo. Garés de cöntàn amó de ròbe. Tante, ma tante…

Ubaldo) Amo? Che dìzet sö pò? (Guarda l’orologio) Cosa  gh’è amó de cöntà, pès de isé?

Agnese) (Fa il gesto ad indicare molte cose) En tacc agn de matrimonio caro el me Ubaldo...

Ubaldo) (La interrompe) El discorso el se fa serio. Pecàt che l’è tarde e adès g’ho de na a laurà  Agnese, però lasóm mia cascà ‘n tèra töcc chèsti discorsi, en parlaróm quan che tùrne e s-ciararóm töt ‘na ólta per semper! (Guarda l’orologio, deve uscire ed è tardi) e pò come mai isé a l’improìsa t’è vignìt sta òja de cönta la verità? (Si preoccupa) Che t’è sücès, stet mia be Agnese?

Agnese) Sto be, sto be, sul che g’ho de fa bögàda.

Ubaldo) Bögàda? Con chèl che costa l’acqua e ‘l detersivo contìnuet a fa ‘na la lavatrice? En chèsta casa i detersivi i se consöma a chili.

Agnese) L’è ‘n alter tipo de bögàda Ubaldo.

Ubaldo) G’ho capìt! Te ocór amó dei sólcc! Varda che g’ho mia el portafòi fat a fisarmonica.

Orsolina) (Entra sbadigliando) Semper dré a tacà bega voàlter du, ambìf amó a la matina bunùra a fa sö cazì? (Ad Agnese) Ghe n’et cumbinàt en’altra de le tue? (Al figlio, cambia tono, dolcemente) Ciao Ubaldo, ghet fat culisiù o t’hàla gna preparàt en gos de cafè? Spèta che...

Ubaldo) Lasa sta mama, el cafè l’ho za biìt e adès g’ho pròpe de na, l’è tarde (bacia la madre sulla fronte) Ciao mama. (Alla moglie) Ciao Agnese, en parlaróm amó quan che tùrne (fa per uscire e poi torna sui suoi passi) e a tàola, d’ora in poi, basta söchèi, ghet capìt! (esce)

Agnese) Va be, va be, ciao ciao.

Scena  4 - Orsolina, la suocera

Orsolina) Ciao caro… oh che mal de spale. (Ad Agnese, brusca) Gh’è restàt en gós de cafè per me?

Agnese) ( Porge la tazza in malo modo) La tègne (Alza gli occhi al cielo) Scüza Santa Brigida.

Orsolina) Semper gentile la me  Agnese, amó de prima matina. La gentilezza personificata.

Agnese) Ghe l’hoi mia dat el cafè? E alura, cosa völela amó de me?

Orsolina) Gnènte, gnènte per carità. (Dopo qualche attimo di silenzio riprende a parlare) Cosa fet de mangià per mésde  Agnese, ghet za pensàt?

Agnese) Vitello tonnato (ironica) e pròpe per lé, perché so che ‘l ghe piàs fis.

Orsolina) Te racomande che la sape carne de vedèl tenera. T’èl set che me g’ho ‘l stòmech delicàt.

Agnese) Vedèl tèner tèner, compàgn de semper (Alza gli occhi al cielo) Scüza Santa Brigidia, (Alla suocera)  el fato l’è che....

Orsolina) Móchela lé  Agnese de fa semper polemiche per niènt, so stöfa de discüter.

Agnese) La varde che chèla che fa le polemiche en chèsta casa so mia me, ma ...

Orsolina) (La interrompe)  Agnese, stamatìna sto mia gna ‘n po be, a parte che me fa mal le spale, de sicür me sarà restàt i cöcömer sö le stòmech (Guarda l’orologio e si alza) l’è mèi che nàghe dala duturèssa a fam urdinà le büstine per digerì, endó èl el me librèt de la mutua?

Agnese) Ghe l’hala mia söl sò cumudì?

Orsolina) No, el gh’è mia, g’ho za vardàt.

Agnese) (Infastidita) G’hala vardàt en del casèt del comò?

Orsolina) Certo, el gh’è mia.

Agnese) Ne la borsèta?

Orsolina) El gh’è mia gna lé.

Agnese) E va be, va be, vo me a véder (fa per uscire e si ferma) Orsolina, g’hala vist per caso i me öciài? Senza öciài ghe vède gnènt?

Orsolina) E come fet a catà ‘l me librèt se te ghe vèdet mìa?

Agnese) (Rimarcando le parole) L’è sul de luntà che ghe vède mia e senza öciài me sente persa.

Orsolina) Te j-aré lasàcc da ‘na quach banda.

Agnese) Bèla scoperta, el so apó a me che j-ho lasàcc da ‘na quach banda (esce).

Orsolina) Fa ‘n frèsa, che se nò da la duturèsa tróe la cua e me töca spetà, e pèrder töta matina.

Scena 5 - La vespa

(Orsolina rimasta sola, sente volare una vespa, la scaccia con la mano, fa per catturarla, non ci riesce, la rincorre, segue il rumore con la testa, si toglie una ciabatta e cerca d’ammazzarla.)

Orsolina) (Pensando) E se la me spons?

(Prende il lenzuolo o lo scialle dalle robe da stirare. Se lo avvolge attorno come un mantello, partendo dalla testa. Con la ciabatta in mano rincorre la vespa. Prende una sedia per tentare di raggiungerla in alto. Infine sale su questa sedia e con una bella ciabattata l’ammazza. Soddisfatta, la prende delicatamente fra il pollice e l’indice e si volge trionfante verso il pubblico. Le braccia allargate. La sedia dovrebbe trovarsi in controluce davanti alla finestra, magari investita da un raggio di sole che le crei quasi un’aureola. Orsolina guarda la povera vespa, non vede Agnese rientrare, ha il fiatone e la voce le esce alterata).

Orsolina) Marrria Vergine... finalmente… e t’ho pròpe ciapàt...  adès, te ghet finìt de tirà ‘l fiàt!

(Agnese rientra, vede la suocera sulla sedia, senza occhiali non la riconosce, la sente parlare con voce strana, la scambia per una visione. Si prende la testa fra le mani ed esce sconsolata)

Orsolina) (Scende dalla sedia, butta la vespa nella pattumiera o dalla finestra) L’è gnamó nasìda la bestia che pöl fàmela a me! (Si toglie il manto, lo appoggia al suo posto,si siede soddisfatta, chiama)  Agnese...  Agnese, alùra sto librèt de la mutua? Peséghet che se fa tarde.

Agnese) (Rientra umile con il libretto della mutua in mano, guarda la sedia sotto la finestra, si fa il segno della croce, poi si getta ai piedi della suocera abbracciandole le ginocchia) Ghe domande scüza de töt Orsolina, la me perdune, sircaró de cambià, cöntaró pö gna ‘na bòzia...

Orsolina) L’et capìda che “se fa prim a rià en boziàder che ‘n sop” (Stupefatta la scuote)  Agnese... stet mia be  Agnese?  Che te sücét?

Agnese) La me perdùne Orsolina, la me perdùne, g’ho de fa bögada fin che so ‘n temp.

Orsolina) Bögada? Se te j-e laàcc du dé fa i linzöi? Che te ve ‘n mènt  Agnese?

Agnese) L’è ‘n alter tipo de bögàda.

Orsolina) (Riflettendo) El programma dei colori delicati? Vöt laà le tènde? Me pòde mia aidàt a tirale zó, g’ho l’artrite ai bras.

Agnese) (Scuote la testa) No no, j-è mia le tende...

Orsolina) Léa sö de lé dài nom, te me mètet en sidusiù. Ghet catàt el me librèt de la mutua?

Agnese) (Lo porge umile) La tègne, la tègne, la me scüse e la me perdùne Orsolina se la pöl.

Orsolina) (Stringendo il libretto) Menomal che te l’et catàt (la scuote) e lea sö de lé dai, sta mia fa isé. El librèt l’è saltàt föra, che problema ghè?! O èl perchè te ghé pers j-öciài? Ghèl dizóm a l’Ubaldo e ‘n fóm fa un alter pér. (Si alza) Dai nóm, làsem na che sedenò tróe la cua da la duturèsa (si mette le scarpe,ogni tanto gira la testa per guardare la nuora ancora in ginocchio, torna sui suoi passi) Agnese stet be o set dré a fa le finte come al tò sòlit?

Agnese) Töta la vita l’è ‘na finta, l’è un’illusione, (tragica) sóm töcc ché  de passaggio!

Orsolina)  Agnese, el mia mèj che te vègnet a te da la duturèsa?

Agnese) La nàghe Orsolina... la naghe.

Orsolina) Come foi a lasàt che en chèste cundisiù? Set sicüra de sta be?

Agnese) Sto be, sto be... (sospira vistosamente) per adès sto amó be.

Orsolina) Alura me vo. Vöi mia pèrder töta matina a fa anticamera. (esce).

Scena 6 - Rosy

(Nell’uscire si scontra quasi con Rosy che sta rientrando)

Orsolina) Ciao Rosy, va déter che te àidet l’Agnese a sercà j-öciài. L’è disperada che la j-a càta pö!

Agnese) Set te Rosy? Senza öciài de luntà ghe vède mia tat be.

Rosy) (Vede l’amica accasciata in terra) Maria Vergine...

Agnese) Sé, la m’ha pròpe dit isé...

Rosy) Chi?

Agnese)  (Declamando) “La Maria Vergine la m’ha mandàt”

Rosy) Ghet vit n’altra aparisiù! T’è aparìt la “Madóna” staólta?

Agnese) No, l’era semper la Santa Brigida a parlà.

Rosy) Ohhh se la me stöfa chèla Santa lé, pòdela mia sta sö ‘n paradìs e pensà a j-afari sò.

Agnese) Me so ‘n afare so, me l’ho pregada amó quan che sie pütìna.

Rosy) Perchè ghet mia pregàt la “Madóna” envece, (infervorandosi) La tò casa la deentarés un Santuario, e i pellegrini i vegnarés da töta Italia. Pensa a quancc sólcc se podarés fa a molà en giro le uss che ché, pròpe ché, gh’è comparìt la “Madóna”.

Agnese) I me ‘nterèsa pö i sólcc

Rosy) Ma schersèt? I sólcc J-è sólcc

Agnese) Sé, ma le casse de mort le g’ha mia le bisache, (disperandosi)  vöi mia mörer, Rosy .

Rosy) E t’hala dit amó che te ghe de mörer?

Agnese) Certo, la m’ha dit: (pensando,imita la suocera) “ e ... te ghet pròpe finìt de tirà ‘l fiàt”.

Rosy) Amó, e semper sta Santa...

Agnese) Per fórsa, la Santa Brigida l’è la protettrice dei moribondi.

Rosy) (Fa uno scongiuro)  Bèi protètti la s’è catada föra, l’è mia tat fürba chèla santa le. Léle j-a protegèla da chì i sò protetti, da la mórt? Stet be  Agnese?

Agnese) Per adès sto be, (disperata)... vöi mia mörer Rosy, so amó zuina per mörer.

Rosy) El so che te ghe amó le prime rìce, va là che j-è töte bale, fin che no sarà la tò ura, te möret gna te Agnese. Se sarà tratàt apena de ‘n bröt ensòme

Agnese) Forse la prima ólta se pudia sbaglià, ma co la seconda aparisiù.

Rosy) Sènsa öciài set sicüra de ìga vist be?!

Agnese) Certo che so sicüra!

Rosy) E sta Santa la g’ha vit el coragio de vègner ché a spaentàt per dò ólte!? Bèla santa! Complimenti!  Set sicüra che l’ères pròpe lé?

Agnese) Uff.. certo che l’era la Santa Brigida, enpó, come dì: pö ciciòta de l’altra.

Rosy) Adès ghe n’è dò de Sante Brigide? Giöna magra e giöna grasa?

Agnese) L’è semper chèla Rosy,  ma dièrsa, el set mia che i sancc i fa i miracoi!

Egidio) (Chiamando fuori scena) Rosy... Rosy...

Rosy) En do l’ét vista?

Agnese) (Si avvicina alla sedia dove era salita la suocera) Ché, daànti a la finestra.

Rosy) (Si guarda attorno e anche fuori dalla finestra, annusa) Me sènte mia nüsü udùr

Agnese) Se vèt che apó i sàncc en paradìs i se làa.

Rosy) Se sènt gna udùr de incèns e gna udur de saunèta. Ché gh’è gnènt, nüsü sègn, gna ‘na pèsta.

Agnese) Eppure, l’èra ché, sö chèsta scagna e la ghéra en gran mantèl...

Rosy) En momènt, prima te ghe mia parlàt de mantèl, prima te ghe parlàt de sotàne lónghe.

Agnese) Se vèt che apó ‘n paradìs i se càmbia de vistìt.

Rosy) Sé: i se làa, i se cambia i vistìcc, i süda a försa de pregà, fam mia vègner de rìder Agnese. Per me, te set ‘nventada töt.

Agnese) Me crèdet mia?

Rosy) Na Santa Brigida vignida zó dal paradis, l’è ‘nposibòl.

Agnese) L’era lé, l’era pròpe lé, e la m’ha dit (declamando): “La Maria Vergine la m’ha mandàt e te, te ghe pròpe finìt de tirà ‘l fiàt”.

Rosy) (Al pubblico) L’è apó ‘na Santa poetessa, la parla ‘n rima.

Agnese) (Prosegue il suo discorso e allarga le braccia) E la ghia le mà isé.

Rosy) (La imita con le dita allargate) Isé?

Agnese) No, (facendole vedere) isé. En de ‘na ma la ghia ‘na sàata.

Rosy) ‘Na sàata! Adès basta schersà  Agnese. En fiùr, ‘na rösa, en giglio capìse, ma ‘na saàta.

Agnese) Cosa gh’è de strano: ‘na saàta!

Rosy) Vöt fam créder Agnese, che i sàncc là ‘nsima, i se làa, i se cambia de vistìcc e i dòpra le saàte?

 Agnese) Te capìset gnènt Rosy. I sancc i parla per simboli. Con chèla saàta lé, la Santa Brigida la vulia significàm che… che… de che e tre dé garó finìt de caminà.

Rosy) Co’ le saàte (guarda bene la sedia).

Agnese) Co’ le saàte e sensa saàte. Rosy sta mia scherzà che me g’ho za pèrs töte le me speranse. (quasi piangendo) vöi mia mörer Rosy, vöi mia möreèr.

Egidio) (Chiamando fuori scena) Rosy... Rosy...

Rosy) Amó che l’embranàt del me òm che me ciama, l’è pròpe bü de fa gnènt de sul!

Agnese) Va va...

Rosy) Turne dòpo Amlia, te sta che tranquila e sta mia pensàga.

Agnese) El set che fo ‘ntant Rosy!?

Rosy) (Fraintendendo spaventata) Sta mia fa ‘n qualche sproposito me racomànde!

Agnese) No, sta tranquila,  za che me tóca mörer: faró testamènt!

Rosy) Testamènt?

Egidio) (Chiamando fuori scena) Rosy... Rosy...

Rosy) Uff.. en parlóm dopo  Agnese, spètem che apéna pòde turne, (nell’uscire al marito) vègne vègne Gidio, quanta frèsa, vègne...

Agnese) Va va, ciao Rosy... ciao.

Scena 7 - La figlia  Luciana 

(Agnese prende un pezzo di carta ed una penna e si mette a scrivere, ogni tanto si ferma per pensare, entra la figlia  Luciana.)

Luciana) Ciao mama, che set dré a fa de bèl?

Agnese) So dré a fa testamènt  Luciana.

Luciana) Testamènt? E come mai mama?

Agnese) Perchè me tocherà mörer e scrìe le me ültime volontà.

Luciana) A töcc gne tocarà mörEr. La nóna la dis semper che nüsü rèsta che a fa somènsa.

Agnese) Che la pèna ché, la scrìf pö.

Luciana) Varda nel portapène sö la me scrivania, le gh’è le pène che scrìf.

(Agnese esce per andare a prendere la penna e Luciana fa una telefonata)

Luciana) Pronto, ciao so la  Luciana…alura?... va be... J-è dò sorele zemèle, per forsa ocor dò curune de aloro. Caspita: Centodieci e lode a l’università l’è mia de töcc. Sé, va be, bèle grande...  sarà de fa apó ‘n trafiletto söl Giornal de Bresa e comprà En bèl màz de fiùr... va be…  se gh’è vergót en contrare telefona e fam saì... va be... ciao (depone la cornetta e guarda l’orologio) fo amó a ura a ciapà ‘l pulmino, desmentegàe i lìber (torna a prenderli).

Scena 8 - la zia Modesta e  Luciana

(La scena resta vuota qualche attimo, entra la Zia Modesta, ha in mano due belle candele kunghe)

Modesta) Permesso ( Entrando) Ch’è nüsü? Me le poste ché (depone le candele sul tavolo e chiama)  Agnese... Orsolina... Orsolina.

Luciana) (Rientrando con dei libri sottobraccio) Ciao zia Modesta, la nona l’è nada dal dutur

Modesta) Fa niènt, varda, te lase chée le candele.

Luciana) Che candele èle zia Modesta?

Modesta) Chele del pelegrinaggio al Santuare de Sant’Antone da Padova. So turnada ger da Padova. Che bèl che l’è stat. Cheste candele  J-è benedette, bisogna tignile de cönt, varda che bèle... ghe j-ére ‘mpromèse a me sorela Orsolina.

Luciana) Come mai?

Modesta) Perché ‘l sant’Antonio el ghe faghe la grazia de fala guarì dal mal de (pensando si tocca in varie parti del corpo) de töcc i mai.

Luciana) (Fa per prenderle) Sé, le mète en chèsto cantù e quan vède la nona ghèl dize.

Modesta) No, ferma, j-è delicade, lassele sö la taola che no le te casche e le se sbrèghe.

Luciana) Va be, le toche pö... sta tranquila, ghel dìze me a la nona.

Modesta) Set dré a na vià? Nom ensèma che te cönte del pelegrinaggio a Padova.

Scena 9 -  Orsolina

(Nell’uscire incontrano Orsolina che sta entrando. Ha in mano un bel vestito nero, ritirato dalla lavanderia e un paio di scarpe in una borsina)

Orsolina) Ciao Modesta endó set dré a na?

Modesta) Ciao Orsolina, so dré a ‘na a compagnà la  Luciana a ciapà ‘l pulmino. Ah, varda che come promès, t’ho portàt le candele del pellegrinaggio fat a Sant’Antonio da Padova

Luciana) (A Modesta) Dai nom zia, sedenò perde ‘l pulmino.

Orsolina) (Alla sorella) Grazie Modesta (alla nipote) Spèta ‘n momènt che pòste zo chèla ròba ché, che ‘no la me se stranfógne e vègne a me che g’ho de na ‘n farmacia.

Luciana) Set nada dala duturessa?

Orsolina) Se, gh’era nüsù e g’ho fat en frèsa (Appoggia il vestito in vista) Nel turnà ‘ndré so pasada davanti a la lavanderia e g’ho ritiràt el vistìt bèl, chèl de le fèste, de la tò mama.

Luciana) Te ghe fat be nona, chissà come la sarà contenta la mama quan che la vedarà ‘l vistìt.

Orsolina) E la tò mama la g’ha ‘l coragio de dim che me so catìa. Varda come che so catìa, nel pasà deànti al scarpulì, (sistema le scarpe in vista) g’ho ritiràt apó le sò scarpe bèle, chèle  che la ghìa portàt a fa giöstà.

Luciana) (Prende in mano una scarpa) Le par pö gna chèle chèste scarpe, le par nöe.

Modesta) A propòsit Orsolina, che t’hala dit la duturessa per el tò mal de pansa?

Orsolina) La m’ha urdinàt de le pastiglie, adès  vègne con voàltre e vo dal spézier a töle. (A Luciana) Prima so ignida drìta a casa de la póra de stranfognà ‘l vistìt de la tò mama. (Escono tutte e tre).

Scena 10 -  Agnese

(Suona il telefono. Agnese rientra, va a rispondere, è senza occhiali, osserva perplessa i ceri, le scarpe e il vestito)

Agnese) Pronto... se… cosa g’hal dit?!?! ... El trafileto söl giornal, la  Luciana la g’ha dit de fa preparà la curuna... dò curune? ... le curune le costa care e apó i fiùr i costa car …  che tipo de fiùr? Apó i gigli biànchi i costa càr... el me faghe capì, ma che dizèl?... Vöi pö sai gnènt, el me dize pö gnènt (butta giù la cornetta e si avvicina al vestito, lo guarda) Cosa èi dré a organizà a le me spale, el me funeràl? Za e töt! Come gai fat a saìl? (Pensa) La sarà stada la Rosy, la g’ha la bóca pès de ‘n culapasta, la te zo gna l’acqua. Ma, chèsto l’è ‘l mé vistìt de le fèste, chèl pö bèl che g’ho (tocca i ceri, si porta le mani al viso), somearés che j gàbes töcc göst che me möre.

Scena 11 - Il falegname

(Suona il campanello della porta d’ingresso,  Agnese va ad aprire)

Agnese) Buongiorno, buongiorno, si accomodi

Falegname) (Entrando)  Buongiorno siòra, èla lé la siùra  Agnese?

Agnese) Se so me, cosa gh’è? Lü chi èl?

Falegname) Me so ‘l marengù. L’è stat el sò òm a dam l’indiriz e dim de vegner a ciapa le misüre, el m’ha racomandàt de domandàga che lègn g’ho de doprà.

Agnese) Che lègn?

Falegmane) La g’ha de piaziga a lé s’entèndi. La varde, me garés töt sö apó dei campiù (fa vedere dei pezzetti di legno) chèsto l’è pino, chèsto l’è acero, chèsto le cigliegio, chesto le nóce...

Agnese) En momènt, el lègn de fa? Che misüre g’hal de ciapà?

Falegname) Chèle de la sò càssa naturalmente e...

Agnese) (Lo interrompe e lo caccia via in malo modo) Föra, föra de casa mia, el se faghe pö véder

Falegname) Ma siùra, l’è stat el sò òm, el m’ha dit che le la ghe tignìa isé fìs a fa chèl mestér lé!

Agnese) Föra g’ho dit! Föra de casa mia!

Falegname) La scüse se insiste, ma la varde che èl sò òm èl m’ha dit de vegner amó stamatina perché le siura (indicandola col dito) le siùra la ghia pressia.

Agnese) Me g’ho pressia?! E lur’! Èl mé faghe un piazèr, èl naghe e ‘l se faghe pö véder!

Falegname) Va be, vo...  però ‘l sò òm... (esce).

Agnese) ( Rimasta sola accarezza il vestito e sospira) Cóme che le vula le notizie! E l’Ubaldo, che facia tosta, ciamà za ‘l marengù per ciapà le misüre de la cassa, (tocca le candele) chèste de sicür l’è ‘l regàl de me suocera. Töcc che no i vèt l’ura che me möre. E Alura? De fa spetà tre de. Mörer per mörer. (Si siede sulla seggiola dove secondo lei è apparsa la Santa, alza gli occhi al cielo) Santa Brigida so pronta, ve a töm, (resta immobile a dal quel momento non si muove più, al pubblico) val mìa la pena vìver quan che nüsü te völ be.

Scena 12 - Rientrano tutti

(Agnese cade in trance e aspetta di morire. Entra Ubaldo col giornale, si toglie la giaccia e si siede a leggere, dopo qualche istante si accorge della moglie.)

Ubaldo) Che set dré a fa  Agnese?

Agnese) (Non risponde e non si muove.)

Ubaldo) (Le si avvicina incuriosito) Varda che g’ho mandàt el maregù a ciapà le misüre per la ... stet be  Agnese? (La scuote) Ohhh...

Agnese) So morta Ubaldo. Pàrlem pö ‘nsema che me so za morta.

Ubaldo) Che dìzet sö pò?! (La scuote ancora) Agnese, vàrda che ‘l carneàl l’è finìt da ‘n pèz... alura... parla.

(Entrano Luciana e Orsolina con le medicine in un sacchetto.)

Luciana) La zia Modesta la ciapa la scüza dei pelegrinaggi e isé la va semper en gìro. (Vede la madre immobile e le si avvicina incuriosita) Stet mia be mama? (Al padre) Cosa gh’è sücès?

Ubaldo) La dis che l’è zabèla morta.

Orsolina) (Controllando le medicine) J-è töte finte, se vèt che la g’ha mia òja de fa i mestér.

Luciana) Stamatina l’èra dré a fa testamènt.

Ubaldo e Orsolina) Testamènt?

Luciana) Sé, la m’ha dit che la vulìa scrièr el testamènt, le sò ültime volontà.

Orsolina) La ghe na gna ü che conta du, de che testamènt pàrlela (ad  Agnese) Sö, léa sö de lé (le tocca il polso e si rivolge agli altri) l’è mia morta.

Ubaldo)  Agnese, cosa me cumbìnet?

Orsolina) Che te ve ‘n mènt de fa isé  Agnese? (Ad Ubaldo) Adès che ghe pense,  apó stamatina l’era ‘n pó strana.

Ubaldo) Te ghe rezù mama, apo a me la m’è parìda strana. Forse la se sintìa za la mort adòs.

Luciana) Quan che l’ho vista me la stàa benone. La mort adòs?! Èla malada? Èla grave?

Orsolina) Macchè grave, per me l’è butép, la volarà fagn en qualche schèrs.

Luciana) (Alla madre) Mama, sta mia fa isé... parla.

Orsolina) J-è finte, la fa finta de éser morta, lasómela sta che magari ghe pasa la òja de fa schèrs.

Clara) (Rientra) Che fam, gh’è gnènt de pront?

(Nessuno risponde)

Luciana) Ghét interrotto la dieta?

Clara) Te pènsa per j-àfari tò. (Al padre)Cosa g’hala la mama, stala mìa be? (le si avvicina) Vàrdem so mé mama.

Agnese) Lasìm sta che so dré a mörèr!

Orsolina) Ma l’if sintida?! La parla, l’è buna de parlà, per me la sta benóne.

Luciana) Come fala a sta be se la dis che l’è dré a mörer?!

Orsolina) Töte bàle, töte bàle. Mé vo a caàm le scarpe e a mitìm le saàte, g’ho ‘n mal de pè. L’è töta la matina che no aànti e ‘n dré dal paes (esce).

Ubaldo) Forse g’ha rezù la vòsa nóna. Stamatina g’ho parlàt de divorsio e alura la mèt en atto töte le sò tecniche per fas compatì.

Luciana e Clara) Divorsio bubà!?

Ubaldo) Perchè, pòde mia divorsià da la vósa mama?! I la fa töcc èl divorsio al dé de ‘ncö, en speciàl modo se la moér l’è n’insensibile e la capìs mia el marito.

Clara) La mama l’è mia un insensibile. La mama la te völ be bubà.

Ubaldo) Tra marìt e moér a ólte le ròbe j-è mia come le par.

Luciana) Te ghe rezù bubà, le situasiù j-è tante.

Clara) Fa sito Luciana, cosa vöt saì te de sèrte ròbe.

Luciana) Quan che du i va mia dacordi l’è mèi che i divorsie.

Clara) (Interrompendola) Che ciciàret che te sét gnach spuzàda.

Luciana) Ocó mia éser làder per saì chèl che völ dì robà! Te, te set tròp zùina per parlà e per conòser la vita. Me so per el divorsio.

Ubaldo) (Guarda la moglie) Varda cara la me Agnese che le tò manfrine le sèrv a gnènt e ghe casche pö. Te m’et embrojàt asé en töcc chesti agn, semper a cöntàm bale.

Luciana) Ma bubà, e se la sta mal de bu?

Ubaldo) Le le bianca e róssa, (alle figlie) dai nóm, quan che l’è stöfa de sta lé sentàda la learà sö. (Scuotendo il capo) A ólte chèla fómna lé, la capìse pròpe mia. (Esce)

(Le due ragazze guardano perplesse la madre, poi sempre guardandosi perplessi escono. Agnese resta immobile sulla sedia.) 

cala il sipario

ATTO SECONDO

- dopo tre giorni -

Scena 1 – Agnese e Rosy

(Stessa scena del primo atto,la mattina del terzo giorno. Agnese è immobile sulla sedia. Rosy entra con una tazzina e qualcosa da mangiare, chiama sottovoce)

Rosy)  Agnese, Agnese... ghe set amó?

Agnese) (Riscuotendosi) Set te Rosy? T’ho cunusìt de la us.

Rosy) So me, so me. T’ho portàt en gos de cafè e vargót de mangià. Lùrche j-è bèla bu de lasàt mörer de fam.

Agnese) Vöi gnènt Rosy, l’è inütil che mange, tanto oramai l’è questiù de poch per mörer.

Rosy) Varda che gh’è za pasàt la nòt del tèrz dé e te se gnamó morta.

Agnese) El sarà sul questiù de minücc. La Santa Brigida l’ültima ólta l’è comparida all’incirca a che l’ura ché. Varda l’orolòi.

Rosy) (Guardando l’orologio al polso) Te ghé rezù. Giösta giösta tre dé fa, de che e ‘n quart d’ura circa. Vint minücc al massimo.

Agnese) Visto! L’è questiù de minücc Rosy, ormai so rasegnàda.

Rosy) (Porgendole la tazzina) Mörer per mörer bef almeno el cafè prima che ‘l deènte frèt. Magari de la banda de là te ‘ncontrèt mia sübit el “Solenghi” che te pórta ‘l cafè con San Piero.

Agnese) No grasie, vöi pròpe gnènt. Me, fo cönt oramai, de éser zabèla mórta.

Rosy) (Sospirando) Che stüpidàde e stüpida a me che sto a sintìle. Set ché de sula? T’hai bandunàt?

Agnese) Sé, a lur ghe ne ‘mporta gnènt se möre o möre mia. A lur ghe ne ‘mporta gnènt de me.

Rosy) Sta mia dì isé, mangia vergót Agnese, (guardandosi in giro) gh’è nüsü che te vèt!

Egidio) (Chiamando fuori scena) Rosy... Rosy...

Rosy) Pòde mai sta tranquila en momènt con che l’òm lé. Capìse mia, sömèa finamai che ghe daghe fastide se me fèrme a parlà con de te.

Agnese) Va Rosy, va che ‘l tò òm el te ciàma.

Rosy) Vègne dopo Agnese, te lase che la ròba se te càmbiet idea. Mangia almeno ‘n biscutì!

Agnese) No, portej vià, mange pö gnènt. Oramai so morta!

Egidio) (Chiamandao ancora) Rosy... Rosy...

Rosy) Turne dopo Agnese (guarda l’orologio) apéna pode, vègne a véder cosa gh’è sücès.

Agnese) (Con voce rassegnata, sensa saperlo mangiucchia) Per alùra te me cataré morta, so a la fi.

Rosy) Sta mia di isé Agnese, e comunque spèta almen che turne, vöi parlàt ensèma amó ‘na ólta.

Agnese) Che bùna che te set te, te naré ‘n paradìs cara Rosy.

Rosy) Te me fe ègner de piànzer, come faró mai dopo sensa de te  Agnese?

Agnese) Te me ricordare en de le tò preghiere Rosy.

Rosy) Te ‘n disarò tante, ma tante.

Angese) Te ringrasie fin de adès, sul che podaró mai ricambiàt el piazèr.

Rosy) Veramente el modo el ghe sarés

Agnese) (Sempre mangiucchiando) Dim, se apena apena pòde Rosy.

Rosy) (Imbarazzata) Ecco, se mai… se te ghéset de pudì vègner a portàm du nömer del lòt.

Egidio) (Chiamando ancora fuori scena) Rosy... endó set?

Rosy) J-òm, j-òm! (Al marito) Vegne, vegne Gidio, vegn. (Ad Agnese) Ciao, turne apéna posìbol (esce) se te vède pö ricorda che me bastares tre nömer.

Egidio) Rosy… Rosy…

Rosy) Ohhh (esce facendo un gesto scocciato con le mani).

Scena 2 - Ubaldo e Orsolina

(Agnese è sempre sulla sedia, ascolta attentamente tutto quello che gli altri dicono, quando nessuno la guarda esprimerà con la mimica i propri sentimenti. Entrano Ubaldo e Orsolina)

Ubaldo) Tre dé gh’è za pasàt, tre dé e (indicandola) vardéla le. E me g’ho pö gna ‘na camìza nèta.

Orsolina) Me pòde mia stiratele, (va vicino alla sedia dove c’è la ròba da stirare) me fa mal i brass (facendo il gesto) e le spale, rie mia a tègner leàt el fèr.

Ubaldo) E me che me mète, m’èl dìzet?

Orsolina) Ghe n’é pròpe pö gna öna?

Ubaldo) No, gna ‘na camiza e gh’è dré a finìser apó i calsècc. En del casèt ghe n’è restàt apena ‘n pér. (Indica la moglie) Vardela lé da tre dé sö chèla scagna e la völ mia sènter rezù!

Orsolina) ‘Na ròba compàgn no l’ho mai vista en töta la me vita. E se che n’ho vist de ròbe!

Ubaldo) (Si avvicina e scuote la moglie) Desèdet  Agnese. Parla  Agnese: en dó èl el me giübì de lana? Me ocór apó la fanèla nèta. Endo èle chèle de scorta?  E varda che m’è restàt apena du per de mödande nète e dopo che fói? (Alla madre)  Che se pöl fa mama?

Orsolina) Bisognarà o decidìs a laà chèle spurche o na a tön de nöe.

Ubaldo) Dizie mìa per le mödànde, sie dré a dì de la me  Agnese, che se pöl fa per la me Agnese?

Orsolina) So gna me che dit caro Ubaldo. L’è semper stada ‘na fómna ‘n pó original, ma la capése gna me ‘na tiràda del gèner. So pròpe mia che dit!

Ubaldo) (Si guarda le scarpe) E varda che scarpe spurche mama. Dam almen té ‘na mpatinàda!

Orsolina) G’ho l’atrite a le mà Ubaldo, rie mia a tègner en mà la brös-cia, e pò, gh’è lé la tò fómna dìghel a lé, serca de fala ragiunà.

Ubaldo) En pòde pö! Ater fat che divorsio domande. Tre dé che mange panini, a propòsit, bisognerà che vargü nàghe a fa le spese, bisogna andà a comprà almen el pà..

Orsolina) Se mai chèl vo me a töl e toaró apó en po’ de persöt. Còt o crüt?

Ubaldo) So stöf de mangià panini mama. Cosa darés per en bèl cunìcc aròst co’ le patatine. L’era bràa la me Agnese a fa de mangià.

Orsolina) Perchè dìzet che l’era bràa?!

Ubaldo) (Difendendo la moglie) Perché l’éra bràa. La me Agnese la fàa de mangià mèi de te, se l’è per chèl!

Orsolina) A me me piàs mia fa de mangià. A me me semper piazìt troàla pronta.

Ubaldo) A töcc ghe pias troàla pronta, come mangerés volentéra en bèl piat de lasagne. La me Agnese la me fàa de chei pranzetti. L’era pròpe bràa a fa de mangià.

Orsolina) Vulìe dì: perchè dìzet che l’era bràa. L’era! L’è gnamó morta e gna la sta mal. L’è. Se la völ l’è bràa apó adès de fat le lasagne. (Alla nuora) Lea sö e móchela lé de scherzà.

Ubaldo) Mama, perchè fét mia almen en bris de pastasöta?

Orsolina) G’ho l’artrite Ubaldo, rie mia a mèter sö la pignata co’ l’acqua e per fa la pastasöta se g’ha apó de fa ‘l sugo, per fa ‘l sugo bisogna na a tö la ròba, laàla, netàla, preparàla, tajàla, rustìla...

Ubaldo) (Interrompendola) Se pöl mia na aànti isé. Encö vó da l’aocàt.

Orsolina) Envece de ‘na da l’aocàt, va a ciamà ‘l dutùr pötòst Ubaldo, (dubbiosa) e se ‘nvece de éser töte finte fos de bu la verità?

Ubaldo) Che ölaréset dì mama?

Orsolina) Se la sta mal de bu Ubaldo? J-è za tre dé che no la mangia e no la parla. Semper lé, ferma immobile. Me la taca a rincrisìm a vidìla en chèle cundisiù lé.

Ubaldo) So mia che dit mama.

Orsolina) La pöl mia na aànti isé sensa mangià, va a finìser che la mör del di bu.

Scena 3 -  Luciana

Luciana) (Entrando) Tróe pö la me giaca róssa, l’èt vista nóna?

Orsolina) Se te ghéset de mèter a posto le ròbe (Ad  Agnese) G’hét vist a mia ‘nsegnàga? Adès la tróa gnènt. Granda e gròsa come che l’è, l’è buna de fa gnènt. Che fiöla (alla nipote) G’hét almen laàt zo i piàcc?

Luciana) Me i piàcc i làe mìa zo nóna. Me fa schifo laà zo i piàcc.

Orsolina) Te fa schifo laài e te te fa mia schifo mangià en chèi spórch?

Luciana) Me mange en de i piàcc nècc.

Orsolina) Alura bisogna che vargü j-a làe zo i piàcc.

Lucian) Fal te nóna

Orsolina) Me pòde mia perché g’ho l’artrite.

Luciana) E me pòde mia perche se gh’è ‘na ròba che òdie l’è prope laà zo i piàcc. Mèter le mà en de l’acqua ónta! Che schifo!

Ubaldo) Vardì che gh’è pö gna ‘n bicér nèt.

Orsolina) Vó a sercà la Clara, forse rióm a fàghei laà zo a lé.

Luciana) Bràa, buna idea, fàghel fa a me sorela Clara.

Orsolina) (Cambia idea) Spèta, prim l’è mei che nàghe a tö ‘l pà sedenò a mesdé gh’è gna chèl de metèr sóta i dèncc (esce)

Luciana) (Guarda la madre, poi il padre e si confessa) ... e se l’è ignìda a saìl bubà? Forse l’è culpa me se la mama la sta isé mal.

Ubaldo) Culpa tò? Saì che ròba?

Luciana) Forse l’è stat per el gran dispiazér, se vèt che la g’ha pröat un dispiazèr de mörer! Se la sta mal la culpa l’è me.

Ubaldo) Culpa tò? Fam capì. Dispiazér de che ròba  Luciana?

Luciana) (Si inginocchia davanti alla madre) Mama, te promète che se te guarìset me ‘l mòle. Gh’è capitàt töt isé, sensa saìl, cridìe mìa de dat en dispiazér isé grand!

Ubaldo) Cosa gh’è capitàt de isé grand Luciana?

Luciana) Me so ennamuràda!

Ubaldo) Oh, alùra l’è ‘na bèla ròba. L’è bèl èser ennamuràcc, l’età te ghe le.

Luciana) E per me l’è ‘na ròba seria ... ma se vèt che la mama l’è ignìda a saìl e la g’ha pröàt un gròs dispiazér, un dispiazèr de mörer.

Ubaldo) Va là che la sarà contenta a lé. Ma lü chi èl? Me ‘l dìzet?

Luciana) (Contrita) L’è l’aocàt del terz pìa.

Ubaldo) (Alza l’indice) Chèl vècio stüpidòt che sta là ‘n sima?

Luciana) L’è mia en vecio stüpidòt. L’è amó ‘n gran bèl òm, piè de fascino. L’è ‘n’aocàt en gamba e noàlter du, se vulóm be.

Ubaldo) Vóter du?! J-è brài j-aocàcc de bàtola, te ghé troàt pròpe chèl giöst che te l’ha cöntàda sö! Varda che lüle l’è spuzàt e da ‘n pès, el g’ha quàter fiöi. E sò moér!? Che dizéla sò moér?

Luciana) I va mia d’acordi, sò moér l’è ‘n’insulsa de giöna. Lé, la la capìs mia come me. La ghe n’ha mia de sentimèncc, lur i continua a tacà béga e lü el domandarà el divorsio per me.

Ubaldo) Chèsta l’è nöa.

Luciana) Lü l’è un òm sensìbil, delicàt, distinto, e lé envece, l’è gròsa compàgn dei bò. Fra de lur gh’è, come se dis… incompatibilità de carattere. El me l’ha dit lü!

Ubaldo) Encompatibilità en corno, se töte le ólte che giü ‘l taca béga el garés de divorsià, adio.

Luciana) Apó te bubà te vulìet divorsià de la mama per incompatibilità de carattere.

Ubaldo) Se ‘n dis de ròbe quan che s’è enrabiàcc. (Guardando la moglie) Me ghe vöi be a la tò mama. (Alla figlia) Ma Luciana capisèt mia che lüle el te töl en gir? Chèl bröt vècio ‘nsiminìt! Te te sèt zuina e lüle el podarés éser tò pader. (Al pubblico) “No gh’è ‘n pom bèl che no ‘l bùrle ‘n boca a ‘n bröt porsèl”

Luciana) Macchè pader e pader: l’è giovanile, incompreso, infelice.

Ubaldo) Infelice pié de sólcc (al pubblico) e brào a dala de ‘ntènder!

Luciana) I sólcc i fa mia la felicità.

Ubaldo) T’el crède che tò mama la g’ha pröàt dispiazér en del saìl. Varda en che cundisiù te l’ét ridüzìda. Domandega scüzs sübit, anzi prima va de süra da chèl vècio rimbambìt e s-ciarìss le ròbe (minacciando) se no vó sö mé e rebàlte per aria töt e a lüle ghe spàche ‘l müs.

Luciana) No, ghe pense me, el fo per la mama. Ghe do ‘n bèl taj a töt. Sarl asé per fàla guarì?

Ubaldo) Certo che l’è asé, bràa, fal per la tò mama e ‘l sarà mèi apó per te, cór, (esce accompagnandola) Va... va , sta mia pèrder temp.

Agnese) (Alzandosi) La me Luciana! La me pütìna! Ennamuràda de chèl vècio spurchignù. J-è ròbe de l’lter mond. Se per caso möre mia, vo sö al tèrz pià e còpe chèl vècio rimbambìt. Mé, che sie gnènt, me so mai ‘ncurzìda de gnènt (Sente dei rumori e si riaccascia sulla sedia).

Scena 4 - Clara

(Ubaldo rientra dalla porta d’ingresso e Clara entra da quella della camera)

Clara) El set bubà che g’ho pö gna na calsitìna nèta? E la mama?

Ubaldo) (Soppraprensiero) Semper chèla.

Clara) Te bubà, e se ghes de éser stat per el dispiazér per chèl che g’ho cumbinàt mé?

Ubaldo) Cumbinàt te! Che set dré a dì?

Clara) Forse l’è ignida a saìl e la g’ha pröat un dispiazèr de mörer.

Ubaldo) (Minaccioso) Cosa ghìela de vègner a saì tò mader de te? Che storia èla chèsta Clara, spiéghem apó me!?

Clara) L’è che… che… che… envece de na a scöla nàe a Veruna.

Ubaldo) A Veruna? A fa? Ghe n’è amó de sènter de frèsche?

Clara) (Si inginocchia davanti alla madre) Mama, te promète che se te guarìset tùrne a scöla e faró de töt per èser promosa. (Al padre) L’è töta culpa me se la mama la sta mal, se vèt che l’è ignida a saìl e del dispiazèr la s’è malada.

Ubaldo) Parla. Spieghet Clara che “a tirà tróp - la corda la se sbrèga”, varda che la me pazienza la g’ha ‘n limite.

Clara) ME, bubà, so mia da che banda cumincià perchè l’è ‘na ròba complicada.

Ubaldo) Clara, àmbia da ‘n dó te ne òja, ma àmbia.

Clara) A Veruna gh’è n’agenzia che sercàa de le modelle e isé so nada a iscriìm.

Ubaldo) A Veruna?

Clara) Se, a Veruna. Lé i te ‘nsègna a balà, cantà, sunà, caminà giöst,e i te prepara en töt isé dopo te pòdet laurà o come indossatrice, o modella, o attrice e se podarés finamai na a laurà en televisiù.I dizìa che i me catàa apó ‘l posto lur e che sarés dientàda famosa en póch temp. E dopo ‘na setimàna de pröa, i m’ha fat firmà de le carte.

Ubaldo) Che ròba ghèt firmàt!

Clara) De le carte per el rimborso spese a l’agenzia.

Ubaldo) Ma de che spese pàrlet.

Clara) Per le foto, la pubblicità, i vistìcc, i gioielli, i visagisti, gli estetisti, i parrucchieri, i fotografi, i giornalisti. Ma el set mia quante ròbe ghe ocór per fa l’attrice o l’indossatrice?!

Ubaldo) E te, te völet fa l’attrice?

Clara) I m’ha dit che pòde mia fa gna l’attrice e gna la modella perché so mia fotogenica asé.

Ubaldo) Ma alura perché ghét firmàt le carte.

Clara) Perché l’ho saìt dopo che sie mia fotogenica asé, i me l’ha dit dopo.

Ubaldo) E la cifra, sentóm… saràl quanto? Sentomila lire?

Clara) T’èl conóset mia el mondo de la moda, te se tròp retrogrado, te set restàt en dré co’ i tempi.

Ubaldo) E alura dìmel te che te set moderna, de che cifra se parla.?

Clara) De miliù.

Ubaldo) Miliù? En miliù?

Clara) No, vint miliù.

Ubaldo) Vint miliù Clara! Vint miliù sbatìcc föra de la finestra. Ma cosa set nada a firmà!

Clara) Vulìe deentà ‘na indossatrice come la Claudia Schiffer. E me sarés piazìt fa apó l’attrice. Che la zènt lé, la guadagna ‘na barca de sólcc.

Ubaldo) Vint miliù e te tignièt scundìt ‘na ròba compàgn? (si sente male) Adès capìse perché la me  Agnese la völ mörèr. (Alla moglie) Vègne apó mé a fat compagnia Agnese. Volarés mörer a mé. Vint migliù, (alla figlia) Clara, disgraziàda. Come fét a éser isé tranquila (al pubblico) Vardì, la par gna le chèla del fato.

Clara) So tranquilla perchè le ròbe le s’è za risolte bubà e se vèt  che la mama la l’ha gnamó saìt.

Ubaldo) Risolte? E come?

Clara) So fürba mé! Prim de firmà, so nada a domandà consiglio a l’aocàt del tèrs pià.

Ubaldo) L’aocàt del tèrz pià?! (Al pubblico) “Sta mèi en ràt en bóca a ‘n gat che un òm en ma a ‘n aocàt!” (Alla figlia) A chel vècio ‘nsiminìt, perché set mia vignida a domandàm a me?

Clara) Ghìe póra de ciapàle. Envece l’aocàt el m’ha aidàt. El g’ha tignìt apena a precisà che ‘l la fàa mia per me ma per me sorela Luciana. G’ho mia capìt cosa ghe c’entràa la Luciana ma comunque el m’ha consigliàt a gratis

Ubaldo) A gratis?

Clara) A gratis, certo a gratis.

Ubaldo) Ricórdet Clara che nüsü fa mai gnènt per gnènt, en special modò i siòri, “i siòri i g’ha i dèncc del ca – se i pìa mìa encö, i piarà dumà”

Clara) Ma no bubà, te t’el conòset mìa be l’aocàt del tèrz pià. Lü l’è stat pròpe gentile e oltretöt l’è un òm modesto: el völ mia che j-àlter i la sàpe come che l’è gentile. El m’ha dit de dì gnènt a nüsü e  me g’ho dit gnènt a nüsù, gna a me sorela. So fürba me!

Ubaldo) Bèla fürba! Vint miliù, benedètta fiöla, sóm ruinàcc. A gratis, en do nom a töi? Mé j-ho mai vis-cc töcc ensema vint miliù... a gratis… vint miliù...

Clara) Bubà sculta, lasa che te spiéghe.

Ubaldo) Cosa vöt spiegà amó de pö Clara. N’et mia cöntàt asé! Basta discütèr. Chèsta l’è gròsa (riflette) en momènt, va, cor sö al tèrz pià e diga a tò sorela Luciana de vègner che sübit che gom de parlà.

Clara) Còsa goi de diga a me sorela? L’aocàt el m’era racomandàt fis de dì gnènt a nüsü.

Ubaldo) Enventa ‘na scüza per mia fa bröta figüra. So mia, diga che la mama la sta mal , che l’è apó la verita, cor cor ... (alla moglie) Poera la me Agnese e te tignìet töt denter de té?

Clara) (Interrompendolo) Bubà, làsem finìser de cöntà.

Ubaldo) T’èl finìset dopo, adès cor, va a ciamà tò sorela (lo spinge fuori) forse rióm amó a fa vergót, peséghet.

Clara) Bubà varda che le ròbe j-è risolte.

Ubaldo) (L’accompagna fuori dalla porta) Disgrasiàda de ‘na disgrasiàda, risolte ‘n corno cor, va, vint miliù j-è vint miliù.

(La spinge fuori ed escono tutti e due.)

Agnese) (Alzandosi) Vint miliù! A gratis… e la me Clara che völ fa l’indossatrice, l’attirce.Vint miliù e chèl bröt pòrch de l’aocàt del terz pià che ‘l dà apó i consigli a gratis. Me sente mal dal de bu a pensà a töcc chèi sólcc lé, vint miliù (Si accascia sulla sedia).

Ubaldo) (Rientra e va dalla moglie)  Agnese, perchè me l’ét mia dit? Afrontà töt da sula! Te ghé rezù, ultimamente fàegn fadìga a parlàs ensema. Certo che le nòse fiöle i gne l’ha cumbinàda gròsa (si guarda attorno per vedere che nessuno ascolti) apó me te l’ho cumbinàda gròsa. El per chèl che te völèt mörer? Sét vignida a saìl Agnese? Come ghét fat? (Si guarda attorno)  Agnese, sérca de guarì, el so che l’è töta culpa me, adès te spiéghe Agnese, te cönte töt....

Scena 5 - Orsolina

Orsolina) (Entra col pane e interrompe il discorso) Ubaldo, cosa gh’è sücès a la Clara? L’ho ìsta a ndà sö de cursa per le scale co’ ‘l föch al cül.

Ubaldo) Te contarò mama, te contaró (indica la moglie) la me  Agnese.

Orsolina) (Interrompendolo, sospira) L’Agnese, g’ho pensàt sùra Ubaldo. Ma g’ho idea de éser mé la culpa de töt, la causa de töt.

Ubaldo) Cosa dìzet sö mama? Te!

Orsolina) Sé, culpa me. Se vèt che l’ Agnese la se n’è ‘ncurzida de chèl che g’ho fat e la g’ha pröàt en dispiazér gròs, en dispiazèr de mörer.

Ubaldo) Oh no, apó te? De che e ‘n po ghe vo de bu apó me a faga compagnia a la me Agnese. (Sedendosi) Mama... parla.

Orsolina) Te ricórdet Ubaldo i tò zemèi d’or per i polsini?

Ubaldo) (Indica la moglie) La me j-ha pèrs, la sa pö ‘n do la j-ha mès, no, la dizìa che, forse, nel  laà la camìza, i gh’éra nacc zo per el laandì.

Orsolina) E che béga che ghì fat chèla ólta lé, te ricórdet Ubaldo?

Ubaldo) Certo, l’è stada la fi del mond, el bèl l’è che lé la vulia viga rézù.

Orsolina) Usaèf töi-du come macc.

Ubaldo) Per fórsa, coi zemèi la m’ha pers apó el fermacravatte d’or e la cadinina del batès.

Orsolina) E j-uricì de la  Luciana.

Ubaldo) (Fa vedere il polso senza orologio) E l’orolòj.

Orsolina) Se ve dènter i làder ché (guardandosi in giro) en chèsta casa, i cata pròpe gnènt. De bèl gh’è restàt che noàlter góm mia póra dei làder.

Ubaldo) Enfatti ghéra sparìt a po ’l tò braccialetto d’or mama, me ricorde che l’ Agnese la dizia...

Orsolina) (Interrompendolo) ...che lé la sia gnènt, che la ghe n’ìa mia culpa.

Ubaldo) Apó che la ólta le ghìem fa öna béga (Alla moglie) Te ricórdet  Agnese? E la bega per l’anèl?

Orsolina) Pö gròsa amó, me la ricorde a’ me chèla.

Ubaldo) (Indicando la moglie) L’è perchè la ghà ‘l bröt vise de cönta bàle.

Orsolina) “Na bòsia e ‘na verità – le té ‘mpé ‘na ca”. Da che mond l’è mond l’è semper stada isé. L’è ‘na ròba normale Ubaldo.

Ubaldo) Sarà normale, ma a me, me piaz mia che me se cönte le bàle. A l’inizio la dizìa che j-era stacc i làder.

Orsolina) Dopo gh’è saltàt föra chèla del laàndì.

Ubaldo) Però, che fantasia la me Agnese a dim che j-or j-era burlàcc zo en del büs del cèso.

Orsolina) Te l’ét biìda?

Ubaldo) Certo che no, ma cosa ghere de fa, la continuàa a insìster. Po gh’éra saltàt föra chèla che forse i s’éra ‘ntompàcc ne ‘l stràss de frigà zò e nei squasàl föra de la finestra j-era nacc pèrs.

Orsolina) Garés pü vèser, l’era credìbil.

Ubaldo) E po, cosa s’èrela enventàda? Che gh’era saltàt föra amó?

Orsolina) Però gh’è mai saltàt föra …che l’era stada culpa me!

Ubaldo) Culpa tò mama?

Orsolina) Certo. G’ho catàt sö töt l’or de la casa e po so nada a vendìl, i sólcc che g’ho ciapàt ghe j-ho dacc a tò sorela per finìser de pagà i debicc del sò òm.

Ubaldo) Me cügnà (Al pubblico) Ecco perché ‘l m’è mai piazìt, l’è semper stat tròp de mànega larga lüle co’ i sólcc de j-àlter. (Alla madre) “A fa ‘l siòr sensa entràda – l’è ‘na vita büseràda”.

Orsolina) Pòde pö viver con chèsto peso e véder l’Agnese en chèste condisiù.

Ubaldo) Per culpa de me sorela, te me fat begà isé fis con de la me Agnese! Mama, pudiét mia dìmel che te sìet stada te!?

Orsolina) Che figüra ghe fàe. E tò sorela che figüra ghe fàela, el sò òm che figüra ghe fàel?

Ubaldo) Lùrle te ghe j-et semper vicc en pansa. E te m’et lasàt créder che l’eres töta culpa de la me Agnese poarìna. Perché?

Orsolina) Per vendicàm dei dispècc che la me fàa, cridìe mia che la garés pröàt un dispiazer compàgn. (Alla nuora) Te domande scüza  Agnese. So mia come te gàbet fat a scoprìl però, sérca de perdunàm e de capìser, te ghét i fiöi apó te.

Ubaldo) Certo mama che...

Orsolina) (Interrompendolo) L’è nada isé Ubaldo, che vöt faga. (Alla nuora) Perdùnem  Agnese, se te pòdet. Set Ubaldo che me sènte mal a me dai gran rimorsi de cosciensa, me fa finamai mal ché (indica il cuore) dal dispiazér.

Ubaldo) (La prende sottobraccio) Bötet zo söl lèt mama che ‘l te pasa. Te compàgne.

Orsolina) Me gira ‘l có Ubaldo, me ve quasi de piànzer.

Ubaldo)  Ghét töt zo la midizina mama?

Orsolina) Sé, sé, ma le medizine le me fa gnènt. 

(Ubaldo sorregge la madre, escono)

Agnese) (Alzandosi) Ghét capìt me madóna! E me g’ho fat töte chèle béghe lé con de ‘l me òm per culpa de me cügnàda e de chèl spendaciù de me cügnà! (Alza gli occhi al cielo) Santa Brigida fam mia mörer adès. Sta mia fam la tiràda de fam mörer pròpe adès dopo chèl che g’ho scoperto, (ringalluzzendosi) Prim bisogna che faghe ‘na bèla samàda. De chèle giöste (sente dei rumori e riprende la sua posizione).

Scena 6 - Ubaldo

Ubaldo) (Rientra e va dalla moglie) Ghét sintìt la me mama? E zo batòste cara Agnese (la guarda perplesso).  L’è mia per chèl nè, che te ste isé mal Agnese, dopo tancc agn de matrimonio mé te conòse be: (si inginocchia ai suoi piedi) la Luciana, la Clara, la me mama, ma la gósa che g’ha fat simà ‘l vas el so… so stat me. Te se vignìda a saì de la Giüsipìna ne! (Cambia tono) Èla stada la tò amica Rosy a dìtel? Che t’hala cöntàt? De sicür la ghe narà slongàt en tòch (sospira). Ma adès gh’è töt finìt, ögnü per la sò strada, l’ho molàda. A vidìt en chèste condisiù g’ho capìt el me sbaglio. Se te me perdùnet, te giüre che capitarà pö.

Orsolina) (Dalla camera) Ubaldo, me pòrtet per piazèr en gos de acqua?

Ubaldo) (Alla madre) Vegne sübit mama. (Alla moglie) Vo e vègne Agnese, sta mia muìt (esce).

Agnese) (Alzandosi) Àter fat che la me de bögada. Per lur ghe völ en sach de detersivo e l’è asé gna na damigiana de candizina. Le me en confrònt a töt chèsto, j-è macìne. Oh (sente dei rumori e si siede precipitosamente, riprende la sua posa).

Ubaldo) (Rientra)El dis el proèrbe:“Amur nöf el va e ‘l ve – amur vècc el se manté” e l’è pròpe éra (va vicino alla moglie, le parla dolcemente) Agnese, te ricòrdet i prim temp che sìegn spuzàcc? Come se vulìegn be. Ghe n’èrem gna ü.

Agnese) (Ironica con un fil di voce) Per chèl gh’è cambiàt gnènt Ubaldo. Ghé nom gna ü apó adès. (Si ricompone)

Ubaldo)  Agnese, cara, finalmente te ghe parlàt!  Agnese sö dai, sö, sta mia fa isé. Agnese perdùnem, stom pö parlà de divorzio. Stom pö taca béga per stüpidàde. Pröóm amó, me e te, da sui, noàlter du.

Agnese) E la tò mama.

Scena 7 – Le figlie

Clara) (Entrando precipitosamente) Bubà bubà. Sö de sùra gh’è ‘l finimond. Gh’è la moér de l’aocàt che la ghe cor drè co’ la canèla de la polenta. Che scene, che scene!

Ubaldo) E tò sorela?

Clara) L’ho mia vista, l’era za vignida zó.

Ubaldo) E adès n do èla?

Luciana) (Entrando) So che bubà

Ubaldo) Som ruinàcc Luciana, tò sorela Clara, e te...

Luciana) Me so a posto, g’ho sistemàt töt.

Ubaldo) Töt? E come ghét fat?

Luciana) Adès te cönte: so nada sö de l’aocàt, g’ho sunàt el campanèl e m’ha dervìt la sò fómna.

Ubaldo) La sò fómna!

Luciana) Mèi de isé la pudìa mìa ‘na.  La ghìa ‘n ma la canèla, e me g’ho dit: -“Èla dré a fa le fojàde siòra? - No - la m’ha rispundìt lé - so dré a spacaghéla söl có a chèl pòrch de ‘l me òm perchè g’ho scoperto che ‘l se la fàa co’ la segretaria e co’ la cameriera.

Ubaldo) Co’ la segretaria e co’ la cameriera?

Luciana) L’è pròpe chèl che g’hò dit mé – co? la segretaria e co’ la cameriera! - Alura la ghé daghe ‘na canelàda apó per me siòra, perché el sò òm el g’ha pröat apó con de me. Lé, l’è nada dènter co j-öcc che fömàa. Me so girada e so vignida zò. Fine de la storia. Gói fat be?

Ubaldo) Bràa, te ghét fat pròpe be, l’è per chèl che quan tò sorela Clara l’é ignìda a sercàt la t’ha mia troàt.

Luciana) Em del turnà zo me so fermada en minüt de la Rosy. La m’ha vist e la m’ha ciamat per saì come che stàa la mama. A propòsit come stala? (Le si avvicina) Visto mama. Töt risolto, per chèl che me riguarda g’ho sistemàt töt. Töt finìt. Te pòdet sta tranquila e guarì (le prende le mani e gli e le accarezza, si siede accanto a lei e la cocola).

Ubaldo) (All’altra figlia) Te rèstet te Clara.

Clara) Se te me lasaèt spiegà, t’èl dizìe apó prima che gh’éra töt sistemàt. So mia stüpida mé!

Ubaldo) (Al pubblico) E la se crèt apó fürba. (Alla figlia) Vint miliù J-è vint miliù! Embranàda!

Clara) Te dìze de mia preocupàt, s’è töt risolto amó de sübit. L’aocàt del terz pià…

Luciana) (Interrompendola) G’hal pröat apó con te?

Clara) A fa?

Ubaldo) Làsa pèrder tò sorela, rispóndem a me. Alura?

Clara) El mìa consigliàt che se i me fàa firmà ‘na quach carta, mia firmà col me nòm, ma col nom sbagliàt.

Ubaldo) Se l’è sbagliàt l’è mia pö ‘l tò nòm

Clara) Enfàti. Envece de Clara g’ho firmàt Chiara, lo stès g’ho fat col cognòm, g’ho zontàt na “i” en mes. Isé l’è, e l’è  mia pö la me firma. Se la nàa be dizìe che l’era la me firma, ma l’è nada mal e lur i pöl pretender gnènt da me.

Ubaldo) Set sicüra?

Clara) Certo, el me l’ha dit apò l’aocàt. Oltre töt, el m’ha dit che se lur i la móca mia lé de tormentàm el ghe fa causa per truffa.

Ubaldo) A gratis.

Clara) A gratis certo. Cosa crèdet, le gh’è amó le persune generùse al dé de ‘ncö. (Si avvicina alla madre) Mama, se l’è per i vìnt miliù che te te se malada, te pòdet sta tranquila. Gh’è töt risolto e te promète che da dumà turne a scöla. Serca de guariser mama, fal per me, te me mànchet, me manca el tò bruntulà.

Luciana) Chèsta casa l’è pö chèla sensa la ùs de la mama. L’è deentàda ‘na casa triste, (alla madre) mama, fal apó per me. Te prómete che faró pö studipade.

Ubaldo) (Avvicinandosi anche lui alla moglie)  Agnese, töcc g’hom sbagliat. A stó mondo gh’è nüsü de perfetti. “Chi no g’ha ‘n difèt, g’ha ‘n mancamènt . Chi no ghe l’ha de föra, ghe l’ha de dènt”.

Luciana) Chi póch e chi tant se sbaglia töcc a sto mond.

Ubaldo) Varda, el tò òm e le tò fiöle i te domanda scüza de töte le preocupasiu che i t’ha dàt. E me te domande scüza apó per la mé mama.

Luciana) Mama mama, guarìs, noàlter te volóm töcc be.

Agnese) (Alla figlia con un fil di voce) E la curuna... e i fiùr...

Luciana) Te volaré dì le dò curune e i fiùr? Le zemèle j-è stade contente fis del regal.

Ubaldo) Chi gh’è stat contènt?

Luciana) Le dò zemèle. Le s’è laureàde con centoedieci e lode e noàltre amiche góm fat dò bèle curune de alloro e un bel mas de gigli. E góm fat apó ‘l trafilètto söl Giornal.

Ubaldo) E i problemi j-è stacc töcc risolti Agnese.

Luciana) Varda mama, se te guarìset d’ora in poi, te promète... te promète... che laaró zó i piàcc.

Clara) Se sèrf per fa guarì la mama i piàcc i làe zo semper apó me.

Luciana) Te me mànchet fis mama, ma fis fis.

Ubaldo) Te gne mànchet. A töcc te gne màchet

Agnese) (Con un fil di voce) De bu ve manche?

Scena 8 - Spiegazioni

(Tutti si guardano contenti, entra Orsolina con gli occhiali di Agnese. Osserva la scena )

Orsolina) Te gné mànchet  Agnese, te gné mànchet. Gh’è posto apó per me vizì a l’Agnese?

Luciana) (Facendole posto) Ve ché nóna.

Agnese) E i ceri?

Orsolina) Quali ceri?

Agnese) Le candele che g’ho troàt en sö la taola

Orsolina) Ah le candele, la me j ha portàde me sorela.

Luciana) La zia Modesta l’è nada a Padova, al santuare de Sant’Antonio e la g’ha portàt le candele per fa guarì la nóna da… da töcc i mài.

Orsolina) Vöt che l’empìse per te?

Agnese) No, no grazie. Ma… el vistìt négher.

Orsolina) Te l’ho ritiràt mé en lavanderia. L’è ‘l tò vistìt bèl, chèl de la festa.

Ubaldo) (Alla moglie) E se te guarisèt  Agnese, nóm töcc a fa festa.

Agnese) E le scarpe?

Orsolina) J-è le tò, chèle che te ghe fat giösta e che mé g’ho ritiràt dal scarpulì. Pensàe de fat piazèr. Agnese, apó se ‘l par mia o se so mia buna de dimostràl, me te so afesiunada. Prim m’èra vignìt un magù. Quasi quasi me mitìe a piànzer.

Luciana) A pensà a la mama?

Orsolina) Certo. (Alla nuora)  varda Agnese, varda cosa t’ho troàt: i tò öciài. Set contenta?

Agnese) Grasie. (Sempre con un fil di voce) Che ura èl adès Ubaldo?

Ubaldo) (Guarda il polso senza orologio) El so mia, l’è ‘n pès che g’ho pö l’orolòj.

Luciana) (Tutta contenta) Che bèl che la mama la parla, se vèt che l’è dré a guarìser.

Ubaldo) Ghét sét? Vöt de béer?

Luciana) Ghét fam mama?

Orsolina) Te fói scaldà ‘n gós de lat Agnese?

Clara) Vöt en panino? Mé so buna de fa sul chèi, adès vó a preparàtel (esce).

Luciana) E mé mama, vo a laà zo i piàcc e a mèter a posto (esce).

Orsolina) (Premurosa) Te prepare ‘n gos de cafè  Agnese?

Ubaldo) Vöt el cafè?

Orsolina) (Ad Ubaldo) Va a töga ‘na quèrta de mitìga söi zenöcc a la nòsa Agnese che no la gabe frèt. (Alla nuora) Ghet frèt Agnese?

Agnese) No, no grazie.

Ubaldo) Endó èla la quèrta?

Orsolina) La garés de èser en de la cassapanca sóta la finestra.

Ubaldo) A propòsit de cassapanca, g’ho vist che l’è amó róta. Come mai? El mia vignìt el marengù? Ghìe dit de vègner a giöstàga el quèrc.

Orsolina) L’Agnese la ghe te isé fis a chela cassa lé, l’è ‘n ricordo de la sò mama.

Ubaldo) L’è per chèl che vulìe che ‘l marengù el la giöstàes e ‘l la pitüràes. Pudìe fal mé, ma vulìe mia ruinàga la cassa e isé g’ho ciamàt en professionista.

Agnese) El marengù?!

Ubaldo) Gói mia fat be? (Alla moglie) L’hó fat per te Agnese (le va vicino per consolarla) ades vo a töt ‘na quèrta de metèr söi zenöcc.

Orsolina) E me vo a fat el cafè, te sta lé tranquilla

(Ubaldo e Orsolina escono  Agnese resta sola)

Scena 9 - Rosy

Agnese) Alura, l’era mia vera che i vulìes fam el funeràl! L’è stat töt en equivoco, coincidenze. Certo che, töcc i sta lé a vardà i me difècc (toccandosi un occhio) la paja en de i me öcc e nüsü i se ‘ncurzìa de la sò traf. E che traf.

Rosy) (Entrando) Agnese. Stèt mèi? Varda che l’ura l’è pasada e chèla Santa, come se ciamela?

Agnese) Santa Brigida, l’è mia vignìda. So mia morta Rosy

Rosy) Chissà come mai?

Agnese) Come mai so mia morta?

Rosy) No, come mai l’è mia vignìda.

Agnese) A sènter chèl che i cumbina ché ‘n tèra la se sarà spaentàda e la garà preferìt sta ‘n ciel.

Rosy) O sedenò la se sarà desmentegàda.

Agnese) O ghe sarà sücès en qualche contrattempo.

Rosy) Contrattempi! En ciel?

Agnese) E perchè no?

Rosy)  Forse te ghe rezù: töt el mond l’è paés.

Luciana) (Attraversa la scena salutando e spiegando) Ciao Rosy, ghet vist che la mama l’è guarìda, adès volóm faga festa.Vo zo a tö du fiurilì de mèter sö la taola. (Alla madre) El som che te piàs i fiùr mama (esce in tutta fretta).

Agnese) E l’è mei che i sancc i rèste en paradìs. Che spaènt Rosy, che spaeènt, en spaènt de mörer.

Clara) (Entrando) Sie dré a vègner de te Rosy, ghet mès limù de ‘mprestàgn, la nóna l’è dré a preparà le tartine per faga festa a la mama che l’è guarida.

Egidio) (Chiamando) Rosy... Rosy...

Rosy) Nom , nom che te do ‘l limù. Vègne dopo e te porte apó mé ‘na bèla turta per festegià.

(Rosy e Clara escono)

Scena 10 - Ubaldo

Agnese) (Rimasta sola) Se vèt che la Santa Brigida la g’ha vit compasiù de me, con töt chèl che i m’ha cumbinàt! Grasie Santa Brigida.

Ubaldo) (Rientra con la coperta e la sistema sulle ginocchia di Agnese) Tò, cara la me Agnese, sta ché tranquila, som töcc contèncc che te sàpet guarida.

Agnese) (Si lascia accomodare la coperta sulle ginocchia) G’ho mia frèt, adès sto be Ubaldo, m’è pasàt töt.

Ubaldo) E menomàl che t’è pasàt töt. Agnese en chèsti tre dé g’ho capìt che mé te vöi be. Scancelóm el passato, chèl che gh’è stat gh’è stat, pensómega pö, parlómen pö. Pröóm de nöf, noàlter du, mé e té.

Agnese) E la tò mama.

Ubaldo) (Sospirando) E la me mama. 

Agnese) Ma sé, ormai l’Orsolina la fa parte de la famèa.

Luciana) (Attraversa la scena sventolando i fiori)

Clara) (Rientra con il limone ed esce dall’altra parte)

Ubaldo) Te volóm töcc be Agnese! Apó la me mama la te völ be.

Agnese) Apó te Ubaldo, set sicür?

Ubaldo) Agnese, te domande scüza amó ‘na ólta. Perdùnem.

Agnese) Va be Ubaldo, te perdùne. Metóm de bànda töt chèl che gh’è stat e da adès vardóm al futuro.

Ubaldo) Basta passato

Agnese) Basta passato. Promesso?

Ubaldo) Promesso. Parlómen pö.

Agnese) El pasato l’è scancelàt. La nòsa vita la àmbia de ‘ncö.

Ubaldo) Te ghe rizù, chesti tre dé j-è stàcc pès che tre dé d’inferno per me. Varda come so ridoto. G’ho pö gna ‘na camiza nèta… Prlóm pö del passato.

Agnese) So stàda talmente mal che me cridìe de mörer Ubaldo e chèsta esperiensa la m’è servida de lesiù, capise la diferensa fra chèl che gh’è ‘mportante e le stüpidàde.

Ubaldo) Mé, sói amó ’mportante per te?

Agnese) Certo Ubaldo.

Luciana) (Attraversa la stanza in tutta fretta) Vo da la Rosy a tö ‘n vasèt de ulìe en prestìt. El so mama che te pias le ulie (esce).

Agnese) El set che m’è vignìt fam?

Clara) (Attraversa la stanza) Vo a tö ‘na bòsa de aranciata (alla madre) o preferìset el chinotto? O la limunàda?

Agnese) Va töt be Clara.

Clara) Alura l’aranciata che la me pias apó a me. (esce)

Orsolina) (Si affaccia sulla porta) Ubaldo, va a véder da la Rosy se la g’ha en tübèt de pasta d’acciughe de ‘mprestàgn. So dré a fa le tartine per fa festa e diga che i vègne apó a lur a fa festa a la nòsa  Agnese.

Ubaldo) (Nell’uscire contento) Vo sübit mama. (Alla moglie) Te sta ché tranquila. (esce)

Luciana) (Entra ed esce con le olive ) Gh’è quasi pronto mama.

Scena 11 - Egidio e Rosy

Agnese) (Alzandosi) Me piazarès fa na bèla samada con chèl che i m’ha cumbinàt töcc. Ma come se fa? (Enumerando) El funeràl l’è stat en equivoco. La Santa Brigida l’è stada ‘na santa e la m’ha fat la grasia de mìa mörer. Come se fa a ruinàga la festa che j-è dré a organizà per me? (Si siede pensierosa) J-è isé contèncc che sape guarida, se vèt che i me völ töcc be perché i völ töcc fam festa!

Clara) (Entra, attraversa la stanza) Pronti de béer. (Esce)

(Entra Ubaldo sventolando il tubetto e Rosy con la torta seguita da Egidio)

Ubaldo) Gh’è töt pronto, fom töcc festa a l’ Agnese che l’è guarida.

Rosy) Me g’ho portàt la turta.

Egidio) E me ‘na bósa de chèle bùne, sensa ofesa Ubaldo, ma ‘l tò vi  l’è mia tant special de béer, el par trempàt co’ l’acqua (gli porge la bottiglia).

Ubaldo) Te ghe resù Gidio, dà ché, nom a tirala sö.

Rosy) Endó se metóm?

Ubaldo) (Si guarda attorno) Nom de là ‘n cuzina  (Ubaldo esce seguito da Rosy)

Egidio)  Agnese... (con fare guardingo) scüza ma g’ho mai pudìt vègner.

Agnese) Enfati, te ghièt mia de vègner.

Egidio) Alura noàlter du?

Agnese) Noàlter du gnènte.

Egidio) Me ghìe capìt che te, me parìa de vìga capìt che te...

Agnese) Te ghet capìt mal Gidio.

Egidio) Set pròpe decisa. Pènsega süra amó ‘n po’.

Agnese) G’ho za pensàt asé Gidio. G’ho fat pace co l’Ubaldo, pröóm amó ‘na òlta, mé e lü.

Egidio) E mé?

Agnese) Da adès en poi gh’è pö posto per té ‘n de la me vita.  

Egidio) Set sicüra?

Agnese) Se, g’ho decìs.

Ubaldo) (Rientra ed esce subito) Endó èj i bicér  Agnese? Nom, che sif dré a fa? A confesàf?

Agnese) J-è ‘n de la credènsa.

Ubaldo) I gh’è mia, g’ho za vardàt.

Agnese) I gh’è, i gh’è(piega la coperta) vègne sübit a me caro Ubaldo.

Ubaldo) Fa ‘n frèsa, de  là j-è dré töcc che i ve spèta. Nom Gidio (esce).

Egidio) Vegne vegne (Nell’uscire si ferma due volte, guarda Agnese scuotendo la testa. Esce)

Agnese) (Prima di uscire riflette) Giü el làa el làa, ma per tant che el sérche de laà be, ‘na quach macina la ghe resta semper (esce).


(cala il sipario)

L’OCCASIONE DI FARE IL BUCATO

(In dialetto equivale a confessarsi, cioè lavarsi la coscienza, fare il bucato = fa bögada)

Commedia brillante in due atti, in dialetto bresciano, di Velise Bonfante

TRADUZIONE LETTERALE

Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali. Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale).

I proverbi e le parole intraducibili sono scritti in maiuscoletto.

ATTO PRIMO

(È notte, la stanza è vuota e silenziosa. Dalle porte delle camere entrano, prima una e poi l’altra, due ladruncole. Hanno le gonne lunghe, magari uno scialle e una torcia in mano che fanno saettare ovunque. Al buio si scontrano fra di loro.)

 
Scena 1 - Le due ladruncole

1 ladruncola) Che spavento, sta un po’ attenta.

2 ladruncola) Cosa hai trovato, hai fatto buona caccia?

1 ladruncola) Macché, questi qui sono proprio dei poveracci.

2 ladruncola) Hai guardato bene nei cassetti?

1 ladruncola) Certo, vuoti. Nessun oggetto d’oro o di valore, nemmeno un orologio, neppure una catenina, nulla di nulla.

2 ladruncola) È incredibile. E nelle borsette?

1 ladruncola) Vuote anche quelle.

2 ladruncola) E il portafoglio?

1 ladruncola) Vuoto, completamente vuoto. Al primo momento pareva bello gonfio, invece... Solo scontrini di cassa, e tu?

2 ladruncola) Niente di niente nemmeno io, o sono per davvero dei poveracci o devono aver trovato un nascondiglio a prova di ladri (indicando col dito le camere).

1 ladruncola) È impossibile che non abbiano nulla di valore. Che non ci sia proprio niente da rubare. Chissà dove hanno nascosto gli oggetti preziosi!

2 ladruncola) Sembra che questa casa sia abitata da gente furba!

1 Ladruncola) Vediamo anche in quell’altra stanza se c’è qualcosa.

2 ladruncola) (Ricordandosi si preoccupa) No, andiamo via di corsa, subito senza perdere tempo.

1 ladruncola) Perché? Dormono tutti, si può lavorare tranquillamente ancora per un po’.

2 ladruncola) Andiamo andiamo. Mi sono ricordata di una cosa e non c’è tempo da perdere (tirandola per un braccio).

1 ladruncola) Fammi dare un’ultima occhiata di là, non si sa mai…

2 ladruncola) No… proprio di là no, (indicando con un dito) una delle donne si era quasi svegliata, anzi, in un primo momento credevo proprio che fosse sveglia.

1 ladruncola) Chissà che spavento! E poi?

2 ladruncola) Dormiva, probabilmente sognava.

1 ladruncola) Menomale, e tu cosa hai fatto?

2 ladruncola) Io niente, lei invece ha iniziato a dire (declamando): “Santa Brigida... Santa Brigida”

1 ladruncola) Davvero?!

2 ladruncola) Certo.

1 ladruncola) E poi?

2 ladruncola) Mi sono immobilizzata, ho alzato le mani e le ho detto “devi dormire... devi dormire”

1 ladruncola) E lei?

2 ladruncola) Si è messa a piangere e si è riaddormentata.

1 ladruncola) Che bella idea che hai avuto a dirle così. E poi?

2 ladruncola) E poi sono scappata di corsa dalla stanza

1 ladruncola) E lei?

2 ladruncola) Non vorrai che ti racconti tutta la storia adesso! Dai, scappiamo, guai se si svegliano.

1 ladruncola) Hai ragione, andiamocene alla svelta, finora è andata bene...Non tentiamo ancora la fortuna (escono di corsa).

Scena 2 - Il risveglio di Agnese - Rosy, la vicina di casa

( Agnese è miope, senza occhiali non vede bene da lontano. Si è appena alzata, è in vestaglia, entra sbadigliando tutta spettinata o con i bigodini il testa e con la caffettiera, prende le tazzine per fare colazione, canticchia, ad un certo punto si ferma, si ricorda e si spaventa)

Agnese) Oddiosignurmemama, “Santa Brigida”, no, non è possibile, non può essere una cosa simile... eppure, l’ho vista bene… ( Si preoccupa, si agita, si siede disperata con la testa fra le mani, alla voce di Rosy si riscuote.)

Rosy) Permesso (entrando) permesso, ciao Agnese, mi è arrivato di là il buon odore del caffè, ce n’è un goccio anche per me?

Agnese) Certo, dentro dentro Rosy

Rosy) Il caffè bevuto in compagnia è più buono. (Guardandola bene in viso) Non stai bene? Che hai? (Sedendosi) Che brutta cera. Cosa ti è capitato?

Agnese) Rosy Rosy, una cosa incredibile.

Rosy) E quando? Ieri pomeriggio stavi benone.

Agnese) Ieri stavo benone, se sapessi Rosy... cosa mi è capitato questa notte!

Rosy) Questa notte! Cosa può succedere di notte (maliziosa) è stato il tuo Ubaldo a stuzzicarti?!

Agnese) Ma va là, alla sua età e dopo il litigio grosso di ieri sera!

Rosy) Di solito “l’avvocato lenzuolo mette a posto tutte le cause fra marito e moglie” Agnese, o ti ha fatto un qualche scherzo?

Agnese) L’ Ubaldo non c’entra.

Rosy) Di notte non può essere stato che tuo marito a stuzzicarti, o hai un amante e non me lo hai mai detto?

Agnese) (La guarda sospettosa e all’erta) Cosa vorresti dire? Non dire sciocchezze Rosy.

Rosy) Su raccontami. Io te lo chiedo perché siamo amiche, lo sai che io non sono una donna curiosa.

Agnese) (Guardandola perplessa) Lo so, lo so Rosy che tu non sei una donna curiosa e che tu sei la mia migliore amica.

Rosy) Certo, oltre che la tua migliore amica, sono anche la tua vicina di casa e ricordati Agnese che i vicini di casa sono i primi parenti.

Agnese) (Al pubblico) Infatti “con i vicini o si brucia o si sente di strinato”. (A Rosy) è una cosa delicata, non so se raccontartela, te sei capacissima di non credermi.

Rosy) Agnese, guarda che io ti credo già da adesso, qualunque cosa sia. Dai racconta, dimmi.

Egidio) (Chiamando fuori scena) Rosy... Rosy...

Agnese) Giuralo.

Rosy) Vuoi offendermi Agnese?! Non ti fidi di me! E va bene: giuro, sei contenta. Racconta, non farmi stare sulle spine.

Agnese) Rosy (Si guarda attorno, controlla che nessuno senta) stanotte ho visto la Santa Brigida.

Rosy) Santa Brigida? (Delusa) Hai visto la Santa Brigida?! E me lo dici così?

Agnese) Come dovrei dirtelo?

Rosy) Ma, non saprei, e che voleva da te? Ti ha portato i numero del lotto?

Agnese) No

Rosy) Che peccato! Sei sicura che non fosse invece “La Madonna”? pensa ai soldi che faremmo se fosse stata la Madonna, magari che piange… E dimmi, com’era vestita? Come la Madonna, col mantello celeste?

Agnese) No, come una santa, con le gonne lunghe, i bei capelli (allarga le braccia) le mani così, la voce…

Rosy) L’hai vista bene? Sei sicura?

Agnese) Stavo dormendo ed ero senza occhiali però l’ho vista bene (guardandosi attorno) dove sono i miei occhiali?

Rosy) E cosa ti ha detto? Ha almeno parlato?

Agnese) Certo che ha parlato Rosy, e mi ha detto: (Declamando) “Devi morire... devi morire” ho preso una paura!

Rosy) Devi morire?! Santa Brigida a te! Sei sicura che fosse proprio lei?! Ce ne sono tanti di santi in paradiso!

Agnese) Era lei, sono più che sicura. Tanti anni fa io l’ho pregata di venire e lei adesso e venuta a dirmelo. Sono disperata Rosy, sono disperata.

Rosy) Disperata? Spiegati Agnese ...

Egidio) (Chiamando fuori scena) Rosy... Rosy...

Agnese) (Sospira e spiega) La mia zia Agenore, la sorella della nonna, una volta, prima di venire a stare (ad abitare) a Rivoltella, loro stavano a Carpenedolo, però i suoi prima ancora stavano a Montichiari e tanti anni fa, anzi, la sorella della mia bisnonna, la mamma della mamma di mio cugino più vecchio...

Rosy) (Interrompendola) Lascia stare le parentele e vieni al sodo.

Agnese) Si va bene. Allora: quando io ero una bambina, avrò avuto (pensando), non so se ...

Rosy) Non prendere il giro lungo, vieni a questa notte che io sono curiosa, per modo di dire s’intende.

Agnese) Lasciami spiegare prima. La mia zia Agenore, quando ero una bambina, mi ha fatto dire un’orazione per 77 sette sere di fila. Un’orazione di quelle lunghe… e mai più pensavo ad una cosa del genere.

Rosy) Di che genere? Dai, vai avanti Agnese...

Agnese) Con quell’orazione, detta in ginocchio per 77 sere di fila, la Santa Brigida, tre giorni prima di morire sarebbe venuta a dirmelo, in modo che io avrei potuto prepararmi al, chiamiamolo trapasso, cristianamente e con la coscienza a posto.

Rosy) Trapasso! E secondo te, la Santa Brigida non ha nient’altro da fare in paradiso che correre dietro a tutti quelli che devono trapassare.

Agnese) Sembrerebbe di sì.

Rosy) E lei avrebbe il buon tempo di ricordarsi di te e della tua zia Agenore dopo tutti questi anni!

Agnese) Sembrerebbe di sì.

Rosy) Non vorrai dirmi che la Santa Brigida corre dietro a tutti quelli che devono morire per dirglielo. Con tutta la gente di questo mondo avrebbe un bel daffare.

Agnese) Non scherzare su certe cose Rosy. La Santa Brigida va a dirlo solo a quelli che l’hanno pregata e quella è una preghiera conservata nei secoli in quel di Gerusalemme. Dopo l’incendio è stata trovata bruciacchiata ma salva e conservata dal Podestà de Agrigento...

Rosy) Si, si... e per questa Santa, sarebbero abbastanza tre giorni per sistemare le cose.

Agnese) Per sistemare tutte le cose forse no, ma per fare il bucato (confessarsi, lavarsi la coscienza) sicuramente.

Rosy) Fare il bucato?

Agnese) È un modo di dire, significa per “confessarsi” e liberarsi di tutti i peccati.

Rosy) Peccati? (Incuriosita avvicina la sedia) Hai dei peccati grossi sulla coscienza Agnese?

Agnese) Come sei curiosa Rosy, cosa vuoi sapere tu delle mie cose..

Rosy) (Offesa risposta la sedia) Io non sono curiosa e non voglio sapere niente delle tue cose Agnese, (alzandosi per andarsene) sai quello che ti dico: Mangia meno alla sera, così di notte non farai brutti sogni.

Agnese) Come sei permalosa, risiediti e, comunque di peccati grossi grossi non ne ho mai fatti Rosy, sei contenta di saperlo?

Egidio) (Chiamando fuori scena) Rosy... Rosy...

Rosy) (Alla porta) Vengo vengo (ad Agnese) si lo so che tu sei una brava donna, ora vado e tu non star più a pensarci alla Santa Brigida, (guardandosi attorno) pensa alle faccende che ti aspettano.

Agnese) (Tragicamente, anche lei guardandosi attorno) Mi resta tre volte da scopare la cucina, tre volte da rifare i letti, tre volte da spolverare, tre volte da stirare, (toccandosi la faccia), tre volte da lavarmi la faccia, tre volte…

Rosy) (Interrompendola) Scherzi o parli sul serio Agnese?

Agnese) Ti pare questo il momento di scherzare? Tre giorni Rosy, tre giorni e per me sarà tutto finito! Mi viene da piangere. Chissà in che modo morirò, chissà se mi toccherà di patire, come farò mai Rosy!

Rosy) Dai su, non fare così, son tutte balle Agnese.

Egidio) (Chiamando fuori scena) Rosy... Rosy...

Rosy) (Guardando l’orologio) Devo andare, quell’imbranato di mio marito da solo non è capace di fare niente, nemmeno di farsi un goccio di caffè.

Agnese) Va va...

Rosy) Vengo dopo a vedere Agnese e continueremo la nostra chiacchierata, tu cerca di stare qui tranquilla e di non preoccuparti, vedrai che alla fine non succederà niente, te lo garantisco io che sono tutte balle.

Agnese) Magari fossero tutte balle.

Egidio) (Chiamando fuori scena) Rosy... Rosy...

Rosy) (Nell’uscire al marito) Vengo vengo Gidio... quanta fretta... vengo... ciao Agnese

Agnese) Ciao Rosy... ciao.

Scena 3 - Ubaldo e Agnese, passa Clara, entra Orsolina

(Entra Ubaldo il marito, pronto per andare a lavorare, si versa il caffè e non parla)

Agnese) Sei ancora arrabbiato con me Ubaldo?

Ubaldo) (Non risponde)

Agnese) Ti ricordi Ubaldo i primi tempi del nostro matrimonio che belli che erano?

Ubaldo) (Non risponde)

Clara) (Entra con uno zaino o dei libri in mano, attraversa la stanza salutando) Ciao.. ciao...

Agnese) E la colazione Clara?

Clara) Non ho tempo mamma, altrimenti non faccio in tempo a prendere il pulmino.

Agnese) O è che fai ancora la dieta? Lo sai che io sono contraria alle diete.

Clara) No, la dieta non la faccio più, solo che stamattina è tardi, ciao ciao (esce)

Agnese) Dieta, ha fatto 15 giorni senza mangiare nulla. (Qualche attimo di silenzio, sospira) Sempre di corsa i giovani al giorno d’oggi… quanto tempo che è passato, ti ricordi Ubaldo? Una volta ci volevamo così bene, erano tutti baci e abbracci e paroline dolci.

Ubaldo) (Sbuffando) Una volta. Ora le paroline sono dolci come quelle che mi hai detto ieri sera. Se ti sembra il modo di trattarmi quello. Sempre sgarbata e mai gentile, sempre a contraddirmi, sempre a voler avere l’ultima parola. Una volta non eri così cava-fiato.

Agnese) Si vede che fra noi due è subentrata l’incompatibilità di carattere.

Ubaldo) Sta attenta Agnese che in America domandano il divorzio per questo.

Agnese) Qui non siamo in America caro il mio Ubaldo.

Ubaldo) Io l’ho fatto lo stesso un pensierino, sono stufo di essere trattato come un Gioppino. A questo punto, a noi due non resta che il divorzio.

Agnese) Il divorzio? Stai scherzando? Per così poco?

Ubaldo) Così poco ? Ti pare poco? Il fatto è che tutti i giorni è peggio. Te l’ho detto cento volte Agnese, lo sai che non voglio, ma tu dura a…

Agnese) (Interrompendolo) Quante storie, per una volta. Lo sai che io non racconto mai le bugie (alza gli occhi al cielo) Scusa Santa Brigida, mi è scappata.

Ubaldo) Una volta? Tutte le sere. Dì la verità se hai il coraggio.

Agnese) E va bene Ubaldo. Questa è l’occasione giusta per fare il bucato. Vuoi proprio sapere la verità: tutte le sere, sei contento!

Ubaldo) Visto, visto che ho ragione io allora. E perché, si può saperlo?

Agnese) Per il tuo bene. Ti fa male bere il vino.

Ubaldo) Scusa Agnese, ma chi ti ha detto che mi fa male bere il vino?

Agnese) Ubaldo non stufarmi per così poco, quante storie per un po’ d’acqua aggiunta.

Ubaldo) En po’ d’acqua?! Mano a mano che calava la bottiglia (fa il gesto) alé, giù acqua. Lavoro tutto il giorno, la sera sono stanco morto e mi tocca bere anche il vino annacquato. E già che siamo in vena di verità: da quando è che va avanti questa storia, si può sapere?

Agnese) Da sempre.

Ubaldo) Come da sempre? Vorrai dire… mettiamo… dalla settimana passata...

Agnese) È da sempre che aggiungo l’acqua alla bottiglia del vino. Da sempre!

Ubaldo) Pensavi d’essere come nostro Signore e che l’acqua si trasformasse in vino?

Agnese) No, speravo solo che tu non te n’accorgessi.

Ubaldo) (Indicando la fronte) Per te, io ho scritto “Giocondo” qua sopra?

Agnese) Ora ti dico tutta la verità Ubaldo. (Al pubblico) Questa è l’occasione giusta per fare il bucato. Oltre che per il tuo bene, lo facevo più che altro per fare dispetto alla tua cara mamma.

Ubaldo) Poverina la mia mamma, non hai neanche un po’ di compassione per il suo stomaco delicato.

Agnese) Ha uno stomaco di struzzo mia suocera. La tua cara mamma, lo fa per farsi compatire, è una furbacchiona la signora Orsolina! Nemmeno il diavolo è capace di farla a lei, (alza gli occhi al cielo) Scusa Santa Brigida.

Ubaldo) Non dire così della mia mamma, poverina. Scommetto che le sono rimasti anche a lei i cetrioli di ieri sera sullo stomaco, a me hanno disturbato tutta notte.

Agnese) I cetrioli non sono rimasti di sicuro sullo stomaco delicato della tua mamma!

Ubaldo) No?! E tu come fai a saperlo?

Agnese) Perché quei cetrioli erano zucchine caro il mio Ubaldo.

Ubaldo) Cosa vai a tirar fuori: zucchine! Vuoi scherzare Agnese! Tu sai che a me le zucchine non piacciono. Non mi sono mai piaciute e non le ho mai mangiate in tutta la mia vita, bah.

Agnese) Caro, caro il mio Ubaldo, tu le hai sempre mangiati in tutta la tua vita: (elencando) nel minestrone, nella frittata, condite, arrostite… e a volte perfino nel risotto.

Ubaldo) Che stai dicendo? Se non mi sono mai piaciute le zucchine.

Agnese) Non ti saranno mai piaciute ma le hai sempre mangiate. Va bene!

Ubaldo) Non capisco, che stai dicendo?

Agnese) Sto dicendo che tu hai sempre mangiato le zucchine pensando che fossero cetrioli o melanzane, questa è la verità e già che stiamo confessandoci…

Ubaldo) Confessandoci?

Agnese) Si, voglio fare il bucato e così ti dico anche che la tua cara mamma ha sempre mangiato i petti de pollo pensando che fossero vitello.

Ubaldo) Agnese stai bene?

Agnese) E non è finita qui caro Ubaldo. Ne avrei da raccontare ancora di cose. Tante, ma tante…

Ubaldo) Ancora? Che stai dicendo? (Guarda l’orologio) Cosa c’è ancora da raccontare, peggio di così!

Agnese) (Fa il gesto ad indicare molte cose) In tanti anni di matrimonio caro il mio Ubaldo...

Ubaldo) (Interrompendola) Il discorso si fa serio. Peccato che è tardi ed ora devo andare a lavorare Agnese, però non lasciamo cadere per terra tutti questi discorsi, ne riparliamo quando torno e chiariremo tutto una volta per sempre (Guarda l’orologio, deve uscire ed è tardi) e inoltre, come mai così all’improvvisa ti è venuta questa voglia di raccontare la verità? (Si preoccupa) Che ti è successo, non stai bene Agnese?

Agnese) Sto bene, sto bene, solo che devo fare il bucato.

Ubaldo) Bucato? Con quello che costano l’acqua e il detersivo continui a far andare la lavatrice? In questa casa i detersivi si consumano a chili.

Agnese) È un altro tipo di bucato Ubaldo.

Ubaldo) Ho capito! Ti servono ancora dei soldi! Guarda che io non ho il portafoglio fatto a fisarmonica.

Orsolina) (Entra sbadigliando) Sempre a litigare voi due, iniziate ancora alla mattina presto a fare casino? (Ad Agnese) Gliene hai combinata un’altra delle tue? (Al figlio, cambia tono, dolcemente) Ciao Ubaldo, hai fatto colazione o non ti ha preparato nemmeno un goccio di caffè? Aspetta che…

Ubaldo) Lascia stare mamma, il caffè l’ho già bevuto e ora devo proprio andare, è tardi (bacia la madre sulla fronte) Ciao mamma. (Alla moglie) Ciao Agnese, ne riparliamo quando torno (fa per uscire e poi torna sui suoi passi) e a tavola, d’ora in poi, basta zucchine, hai capito! (esce).

Agnese) Va bene, va bene, ciao ciao.

Scena  4 - Orsolina, la suocera

Orsolina) Ciao caro, oh che mal di spalle. (Ad Agnese, brusca) è rimasto un goccio di caffè per me?

 Agnese) ( Porge la tazza in malo modo) Tenga. (Alza gli occhi al cielo) Scusa Santa Brigida.

Orsolina) Sempre gentile la mia  Agnese, ancora di prima mattina. La gentilezza personificata.

Agnese) Non glielo dato il caffè? E allora cosa vuole ancora da me?

Orsolina) Niente, niente per carità. (Dopo qualche attimo di silenzio riprende a parlare) Cosa fai da mangiare per mezzogiorno Agnese, hai già pensato?

Agnese) Vitello tonnato (ironica) e proprio per lei, perché so che le piace moltissimo.

Orsolina) Ti raccomando che sia carne di vitello tenera. Lo sai che io ho lo stomaco delicato.

Agnese) Vitello tenero tenero, come sempre. (Alza gli occhi al cielo) Scusa Santa Brigida, (Alla suocera) il fatto è che...

Orsolina) Smettila Agnese di fare sempre polemiche per niente, sono stanca di discutere.

Agnese) Guardi che quella che fa le polemiche in questa casa non sono io, ma…

Orsolina) (La interrompe) Agnese, stamattina non sto neanche un po’ bene, a parte il fatto che mi fanno male le spalle, di sicuro mi saranno rimasti i cetrioli sullo stomaco. (Guarda l’orologio e si alza) è meglio che vada dalla dottoressa a farmi ordinare le bustine per digerire, dov’è il mio libretto della mutua?

Agnese) Non ce l’ha sul comodino?

Orsolina) No, non c’è, ho già guardato.

Agnese) (Infastidita) Ha guardato nel cassetto del comò?

Orsolina) Certo, non c’è.

Agnese) Nella borsetta?

Orsolina) Non c’è nemmeno lì.

Agnese) E va bene, va bene, vado io a vedere (fa per uscire e si ferma) Orsolina, ha visto per caso i miei occhiali? Senza occhiali non ci vedo niente.

Orsolina) E come fai a trovare il mio libretto se non ci vedi niente?

Agnese) (Rimarcando le parole) È solo da lontano che non ci vedo e senza occhiali mi sento persa.

Orsolina) Li avrai lasciati da qualche parte.

Agnese) Bella scoperta, lo so anch’io che li avrò lasciati da qualche parte (esce).

Orsolina) Fa in fretta, altrimenti dalla dottoressa trovo la coda e devo aspettare e perdere tutta mattina.

Scena 5 - La vespa

(Orsolina rimasta sola, sente volare una vespa, la scaccia con la mano, fa per catturarla, non ci riesce, la rincorre, segue il rumore con la testa, si toglie una ciabatta e cerca d’ammazzarla.)

Orsolina) (Pensando) E se mi punge?

(Prende il lenzuolo o lo scialle dalle robe da stirare. Se lo avvolge attorno come un mantello, partendo dalla testa. Con la ciabatta in mano rincorre la vespa. Prende una sedia per tentare di raggiungerla in alto. Infine sale su questa sedia e con una bella ciabattata l’ammazza. Soddisfatta, la prende delicatamente fra il pollice e l’indice e si volge trionfante verso il pubblico. Le braccia allargate. La sedia dovrebbe trovarsi in controluce davanti alla finestra, magari investita da un raggio di sole che le crei quasi un’aureola. Orsolina guarda la povera vespa, non vede Agnese rientrare, ha il fiatone e la voce le esce alterata).

Orsolina) Maria Vergine... finalmente… e ti ho proprio preso, ora hai finito di tirare il fiato!

(Agnese rientra, vede la suocera sulla sedia, non la riconosce, la sente parlare con voce strana, la scambia per una visione. Si prende la testa fra le mani ed esce sconsolata)

Orsolina) (Scende dalla sedia, butta la vespa nella pattumiera) Non è ancora nata la bestia che può farla a me! (Si toglie il manto, lo appoggia al suo posto, si siede soddisfatta, chiama) Agnese, Agnese, allora questo libretto della mutua? Spicciati che si fa tardi.

Agnese) (Rientra umile con il libretto della mutua in mano, guarda la sedia sotto la finestra, si fa il segno della croce, poi si getta ai piedi della suocera abbracciandole le ginocchia) Le domando scusa di tutto Orsolina, mi perdoni, cercherò di cambiare, non racconterò più nemmeno una bugia…

Orsolina) L’hai capito che “si fa prima ad arrivare un bugiardo che uno zoppo” (Stupefatta la scuote) Agnese... non stai bene Agnese? Che ti succede?

Agnese) Mi perdoni Orsolina, mi perdoni, devo fare il bucato fin che sono in tempo.

Orsolina) Bucato? Se le hai lavate due giorni fa le lenzuola. Che ti viene in mente Agnese?

Agnese) È un altro tipo di bucato.

Orsolina) (Riflettendo) Il programma dei colori delicati? Vuoi lavare le tende ? Io non posso aiutarti a tirarle giù, ho l’artrite alle braccia.

Agnese) (Scuote la testa) No no, non sono le tende...

Orsolina) Alzati su, dai, che mi metti in soggezione. Hai trovato il mio libretto della mutua?

Agnese) (Lo porge umile) Tenga, tenga, mi scusi e mi perdoni Orsolina se può...

Orsolina) (Stringendo il libretto) Menomale che lo hai trovato (la scuote) e alzati dai, non fare così. Il libretto è saltato fuori, che problema c’è?! O è perché hai perso gli occhiali? Lo diremo all’Ubaldo e ne facciamo fare un altro paio. (Si alza) Dai su, lasciami andare che altrimenti trovo la coda dalla dottoressa, (si mette le scarpe, ogni tanto gira la testa per guardare la nuora ancora in ginocchio, torna sui suoi passi) Agnese stai bene o stai facendo le finte come al tuo solito?

Agnese) Tutta la vita è una finta, è un’illusione, (tragica) siamo tutti qui di passaggio...

Orsolina) Agnese, non sarebbe meglio che venissi anche tu dalla dottoressa?

Agnese) Vada Orsolina... vada...

Orsolina) Come faccio a lasciarti in queste condizioni.? Sei sicura di star bene?

Agnese) Sto bene, sto bene... (sospira vistosamente) per ora sto ancora bene.

Orsolina) Allora io vado... non voglio perdere tutta mattina a fare anticamera. (esce).

Scena 6 - Rosy

(Nell’uscire si scontra quasi con Rosy che sta rientrando)

Orsolina) Ciao Rosy, va dentro che aiuti l’Agnese a cercare gli occhiali. È disperata che non li trova più.

Agnese) Sei tu Rosy? Senza occhiali da lontano non ci vedo tanto bene…

Rosy) (Vede l’amica accasciata in terra) Maria Vergine...

Agnese) Si... mi ha proprio detto così...

Rosy) Chi?

Agnese) (Declamando) “La Maria Vergine mi ha mandato”

Rosy) Hai avuto un’altra apparizione? Ti è apparsa la “Madonna” questa volta?

Agnese) No, era sempre la Santa Brigida a parlare.

Rosy) Oh se mi stufa questa santa, non può starsene su in paradiso e pensare agli affari suoi.

Agnese) Io sono un affare suo. Io l’ho pregata ancora quando era bambina.

Rosy) Perché non hai pregato la Madonna invece, (infervorandosi) La tua casa sarebbe diventata un Santuario, e i pellegrini verrebbero da tutta Italia. Pensa a quanti soldi si potrebbero fare spargendo la voce in giro che qui, proprio qui è comparsa la Madonna.

Agnese) Non m’interessano più i soldi.

Rosy) Ma scherzi? I soldi sono soldi.

Agnese) Si, ma le casse da morto non hanno le tasche... (disperandosi) non voglio morire Rosy ...

Rosy) E ti ha detto ancora che devi morire ?

Agnese) Certo, mi ha detto: (pensando, imita la suocera) “ e ... tu hai proprio finito di tirare il fiato”.

Rosy) Ancora... e sempre questa Santa...

Agnese) Per forza, la Santa Brigida è la protettrice dei moribondi.

Rosy) (Fa uno scongiuro) Bei protetti che si è scelta, non è tanto furba quella santa li. Lei da chi li protegge i suoi protetti, dalla morte?… stai bene Agnese?

Agnese) Per ora sto bene, (disperata) non voglio morire Rosy, sono ancora giovane per morire.

Rosy) Lo so che hai ancora le prime orecchie... va là che sono tutte balle, finché non sarà la tua ora, non morirai nemmeno tu Agnese. Si sarà trattato solo di un brutto sogno.

Agnese) Forse la prima volta si poteva sbagliare, ma con la seconda apparizione...

Rosy) Senza occhiali sei sicura di aver visto bene?!

Agnese) Certo che sono sicura!

Rosy) E questa Santa avrebbe avuto il coraggio di venire qui a spaventarti per due volte?! Bella santa! Complimenti! Sei sicura che fosse proprio lei?

Agnese) Uff.. certo che era la Santa Brigida, un po’, come dire… più grassoccia dell’altra.

Rosy) Ora ce ne sono due di Sante Brigide? Una magra e una grassa?

Agnese) È sempre quella Rosy, ma diversa, non lo sai che i santi fanno i miracoli!

Egidio) (Chiamando fuori scena) Rosy... Rosy...

Rosy) Dove l’hai vista?

Agnese) (Si avvicina alla sedia dove era salita la suocera) Qui, davanti alla finestra.

Rosy) (Si guarda attorno e anche fuori dalla finestra, annusa) Io non sento alcun odore.

Agnese) Si vede che anche i santi in paradiso si lavano.

Rosy) Non si sente né odore d’incenso né odore di saponetta… qui non c’è niente, nessun segno, nemmeno un’orma.

Agnese) Eppure, era qui, su questa sedia ed aveva un gran mantello…

Rosy) Un momento, prima tu non hai parlato di mantello, prima tu hai parlato di gonne lunghe.

Agnese) Si vede che anche in paradiso si cambiano i vestiti.

Rosy) Si… si lavano, si cambiano i vestiti, sudano a forza di pregare, non farmi venire da ridere Agnese. Per me, ti sei inventata tutto.

Agnese) Non mi credi?

Rosy) Una Santa Brigida venuta giù dal paradiso, è impossibile.

Agnese) Era lei, era proprio lei e mi ha detto (declamando): “La Maria Vergine mi ha mandato e… tu hai finito di tirare il fiato”.

Rosy) (Al pubblico) È anche una Santa poetessa, parla in rima.

Agnese) (Prosegue il suo discorso e allarga le braccia) ... e aveva le mani così.

Rosy) (La imita con le dita allargate) Così?

Agnese) No, (facendole vedere) così. E in una mano aveva una ciabatta.

Rosy) Una ciabatta! Ora basta scherzare Agnese. Un fiore, una rosa, un giglio capisco, ma una ciabatta…

Agnese) Cosa c’è di strano: una ciabatta!

Rosy) Vuoi farmi credere Agnese, che i santi là sopra si lavano, si cambiano i vestiti ed usano le ciabatte?

Agnese) Tu non capisci niente Rosy. I santi parlano per simboli. Con quella ciabatta la Santa Brigida voleva significarmi che… che… fra tre giorni avrò finito di camminare…

Rosy) Con le ciabatte... (guarda bene la sedia)

Agnese) Con le ciabatte e senza ciabatte. Rosy non scherzare che io ho già perso tutte le mie speranze (quasi piangendo) non voglio morire Rosy, non voglio morire.

Egidio) (Chiamando fuori scena) Rosy... Rosy...

Rosy) Ancora quell’imbranato di mio marito che mi chiama, non è proprio capace di fare nulla da solo.

Agnese) Va va...

Rosy) Torno dopo Amelia, tu sta qui tranquilla e non pensarci.

Agnese) Lo sai che farò intanto Rosy?

Rosy) (Fraintendendo spaventata) Non fare un qualche sproposito mi raccomando!

Agnese) No, sta tranquilla, già che dovrò morire: farò testamento

Rosy) Testamento?

Egidio) (Chiamando fuori scena) Rosy... Rosy...

Rosy) Uff.. ne riparliamo dopo Agnese, aspettami che appena posso ritorno, (nell’uscire al marito) vengo vengo Gidio, quanta fretta, vengo...

Agnese) Va va, ciao Rosy... ciao.

Scena 7 - La figlia  Luciana 

(Agnese prende un pezzo di carta ed una penna e si mette a scrivere, ogni tanto si ferma per pensare, entra la figlia  Luciana.)

Luciana) Ciao mamma, che stai facendo di bello?

Agnese) Sto facendo testamento Luciana.

Luciana) Testamento? E come mai mamma?

Agnese) Perché dovrò morire e scrivo le mie ultime volontà.

Luciana) Tutti dovremo morire. La nonna dice sempre che nessuno resta qui a fare semenza.

Agnese) Questa penna non scrive più.

Luciana) Guarda nel portapenne sulla mia scrivania, là ci sono le penne che scrivono.

(Agnese esce per andare a prendere la penna e Luciana fa una telefonata)

Luciana) Pronto, ciao sono Luciana…allora? … va bene, sono due sorelle gemelle, per forza servono due corone d’alloro. Caspita: Centodieci e lode all’università non è da tutti. Si va bene. Belle grandi, e ci sarà da fare anche un trafiletto su Giornale di Brescia e comperare un bel mazzo di fiori... va bene… se c’è qualcosa in contrario telefona e fammi sapere… va bene… ciao (depone la cornetta e guarda l’orologio) faccio ancora in tempo a prendere il pulmino, dimenticavo i libri (torna a prenderli).

Scena 8 - la zia Modesta e Luciana

(La scena resta vuota qualche attimo, entra la Zia Modesta, ha in mano due belle candele lunghe)

Modesta) Permesso (Entrando) Non c’è nessuno? Io le appoggio qui (depone le candele sul tavolo e chiama) Agnese... Orsolina... Orsolina…

Luciana) (Rientrando con dei libri sottobraccio) Ciao zia Modesta, la nonna è andata dalla dottoressa.

Modesta) Fa niente, guarda, ti lascio qui le candele.

Luciana) Che candele sono zia Modesta?

Modesta) Quelle del pellegrinaggio al Santuario di Sant’Antonio da Padova. Sono tornata ieri da Padova. Che bello che è stato. Queste candele sono benedette, bisogna tenerle da conto, guarda che belle… le avevo promesse a mia sorella Orsolina.

Luciana) Come mai?

Modesta) Perché Sant’Antonio le faccia la grazia di farla guarire da mal di (pensando si tocca in varie parti del corpo) da tutti i mali.

Luciana) (Fa per prenderle) Si, le metto in questo angolo e quando viene la nonna glielo dico.

Modesta) No, ferma, sono delicate, lasciale sul tavolo che non ti caschino e si rompano.

Luciana) Va bene, non le tocco più... sta tranquilla, glielo dico io alla nonna.

Modesta) Stai andando via? Andiamo insieme che ti racconto del pellegrinaggio a Padova.

Scena 9 - Orsolina

(Nell’uscire incontrano Orsolina che sta entrando. Ha in mano un bel vestito nero, ritirato dalla lavanderia e un paio di scarpe in una borsina)

Orsolina) Ciao Modesta dove stai andando?

Modesta) Ciao Orsolina, sto accompagnando la Luciana a prendere il pulmino. Ah, guarda che come promesso ti ho portato le candele del pellegrinaggio fatto a Sant’Antonio da Padova.

Luciana) (A Modesta) Dai su zia, altrimenti perdo il pulmino.

Orsolina) (Alla sorella) Grazie Modesta (alla nipote) Aspettate un momento che appoggio questa roba che non si stropicci e vengo con voi che devo andare in farmacia.

Luciana) Sei andata dalla dottoressa?

Orsolina) Si, non c’era nessuno ed ho fatto alla svelta. (Appoggia il vestito in vista) Nel ritorno sono passata davanti alla lavanderia e ho ritirato il vestito bello, quello delle feste di tua madre.

Luciana) Hai fatto bene nonna, chissà come sarà contenta la mamma quando vedrà il vestito.

Orsolina) E la tua mamma ha il coraggio de dirmi che sono cattiva. Guarda come sono cattiva, nel passare davanti al calzolaio, (sistema le scarpe in vista) ho ritirato anche le sue scarpe belle, quelle che lei aveva portato a far aggiustare.

Luciana) (Prende in mano una scarpa) Non sembrano più quelle, queste scarpe, sembrano nuove.

Modesta) A proposito Orsolina, che ti ha detto la dottoressa per il tuo mal di pancia?

Orsolina) Mi ha ordinato delle pastiglie, ora vengo con voi e vado dal farmacista a prenderle. (A Luciana) Prima sono venuta diritta a casa dalla paura di stropicciare il vestito di tua madre. (Escono tutte e tre).

Scena 10 - Agnese

(Suona il telefono. Agnese rientra, va a rispondere, è senza occhiali, osserva perplessa i ceri, le scarpe e il vestito)

Agnese) Pronto... si… cosa ha detto?! ... il trafiletto sul giornale, la Luciana ha detto di far preparare la corona… due corone? Le corone costano care e anche i fiori costano cari… che tipo di fiori? Mi faccia capire, ma che sta dicendo? Non voglio più sapere niente, non mi dica più niente. (Butta giù la cornetta e si avvicina al vestito, lo guarda) Cosa stanno organizzando alle mie spalle, il mio funerale? Già e tutto?! Come avranno fatto a saperlo? (Pensa) Sarà stata la Rosy, ha una bocca peggio di un colapasta, non tiene giù nemmeno l’acqua…Ma, questo è il mio vestito delle feste, quello più bello che ho (tocca i ceri, si porta le mani al viso), sembrerebbe che tutti abbiano piacere che io muoia.

Scena 11 - Il falegname

(Suona il campanello della porta d’ingresso, Agnese va ad aprire)

Agnese) Buongiorno, buongiorno, si accomodi

Falegname) (Entrando) Buongiorno signora, è lei la signora Agnese?

Agnese) Si, sono io, cosa c’è? E lei chi è?

Falegname) Io sono il falegname. È stato suo marito a dirmi di venire a prendere le misure, e mi ha raccomandato di chiederle che legno dovrò adoperare.

Agnese) Che legno?

Falegname) Deve piacere a lei s’intende. Guardi, io avrei portato dei campioni (fa vedere dei pezzetti di legno) questo è pino, questo è acero, questo è ciliegio, questo è noce…

Agnese) Un momento, il legno per fare? Che misure deve prendere?

Falegname) Quelle della sua cassa naturalmente e...

Agnese) (Lo interrompe e lo caccia via in malo modo) Fuori, fuori da casa mia, non si faccia più vedere.

Falegname) Ma signora, è stato suo marito, mi ha detto che lei ci teneva così tanto a fare questo lavoro!

Agnese) Fuori ho detto! Fuori da casa mia!

Falegname) Scusi se insisto, ma guardi che suo marito mi ha detto di venire ancora questa mattina perché lei signora (indicandola col dito) lei signora, aveva fretta.

Agnese) Io ho fretta?! E loro! Mi faccia un piacere, vada via e non si faccia più vedere.

Falegname) Va bene, vado... però suo marito... (esce).

Agnese) ( Rimasta sola accarezza il vestito e sospira) Come volano le notizie! E l’Ubaldo, che faccia tosta, chiamare già il falegname per prendere le misure della cassa, (tocca le candele) queste di sicuro sono il regalo di mia suocera. Tutti che non vedono l’ora che io muoia. E allora? Perché aspettare tre giorni. Morire per morire… (Si siede sulla seggiola dove secondo lei è apparsa la Santa, alza gli occhi al cielo) Santa Brigida sono pronta, vieni a prendermi, (resta immobile a dal quel momento non si muove più, al pubblico) non vale la pena vivere quando nessuno ti vuole bene.

Scena 12 - Rientrano tutti

(Agnese cade in trance e aspetta di morire. Entra Ubaldo col giornale, si toglie la giaccia e si siede a leggere, dopo qualche istante si accorge della moglie.)

Ubaldo) Che stai facendo Agnese?

Agnese) (Non risponde e non si muove.)

Ubaldo) (Le si avvicina incuriosito) Guarda che ho mandato il falegname a prendere le misure per la ... stai bene Agnese? (La scuote) Ohhh...

Agnese) Sono morta Ubaldo. Non parlarmi più insieme che io sono già morta.

Ubaldo) Che stai dicendo?! (La scuote ancora) Agnese, guarda che il carnevale è finito già da un pezzo... allora... parla...

(Entrano Luciana e Orsolina con le medicine in un sacchetto.)

Luciana) La zia Modesta prende la scusa dei pellegrinaggi e così va sempre in giro. (Vede la madre immobile e le si avvicina incuriosita) Non stai bene mamma? (Al padre) Cosa è successo?

Ubaldo) Dice che è già morta.

Orsolina) (Controllando le medicine) Sono tutte finte, si vede che non ha voglia di fare le faccende.

Luciana) Stamattina stava facendo testamento.

Ubaldo e Orsolina) Testamento?

Luciana) Si, mi ha detto che voleva scrivere il testamento, le sue ultime volontà.

Orsolina) Ma se non ne ha nemmeno uno che conta due, di che testamento parla (ad Agnese) Su, alzati da lì ( le tocca il polso e si rivolge agli altri) non è morta.

Ubaldo) Agnese, cosa mi combini?

Orsolina) Che ti viene in mente di fare così Agnese? (Ad Ubaldo) Ora che ci penso, anche questa mattina era un po’ strana.

Ubaldo) Hai ragione mamma, anche a me è parsa strana. Forse si sentiva già la morte addosso.

Luciana) Quando l’ho vista io stava benone. La morte addosso?! È ammalata? È grave?

Orsolina) Macché grave, per me è solo buontempo, vorrà farci qualche scherzo.

Luciana) (Alla madre) Mamma, non fare così... parla...

Orsolina) Sono finte, fa finta di essere morta, lasciamola stare che magari le passa la voglia di fare gli scherzi.

Clara) (Rientra) Che fame... non c’è niente di pronto?

(Nessuno risponde)

Luciana) Hai interrotto la dieta.

Clara) Tu pensa agli affari tuoi. (Al padre) Cos’ha la mamma, non sta bene? (le si avvicina) Guardami, sono io mamma.

Agnese) Lasciatemi stare che sto per morire!

Orsolina) Ma l’avete sentita?! Parla, è capace di parlare, per me sta benone.

Luciana) Come fa a stare bene se dice che sta morendo?!

Orsolina) Tutte balle, tutte balle… Io vado a togliermi le scarpe e a mettermi le ciabatte, ho un mal di piedi! È tutta mattina che vado avanti ed indietro dal paese (esce).

Ubaldo) Forse ha ragione la vostra nonna. Questa mattina ho parlato di divorzio ed allora lei mette in atto tutte le sue tecniche per farsi compatire.

Luciana e Clara) Divorzio papà!?

Ubaldo) Perché, non posso divorziare dalla vostra mamma?! Lo fanno tutti il divorzio al giorno d’oggi, in special modo se la moglie è un’insensibile e non capisce il marito...

Clara) ... la mamma non è un insensibile. La mamma ti vuole bene papà.

Ubaldo) Tra marito e moglie spesso le cose non sono come sembrano.

Luciana) Hai ragione papà, le situazioni sono tante.

Clara) Sta zitta Luciana, cosa vuoi sapere tu di certe cose.

Luciana) Quando due non vanno d’accordo è meglio che divorzino...

Clara) (Interrompendola) Cosa parli che non sei neppure sposata!

Luciana) Non serve essere ladro per sapere cosa vuol dire rubare. Tu sei troppo giovane per parlare e per conoscere la vita. Io sono per il divorzio.

Ubaldo) (Guarda la moglie) Guarda cara la mia Agnese che le tue manfrine non servono a niente e non ci casco più. Mi hai imbrogliato abbastanza in tutti questi anni, sempre a raccontarmi delle balle.

Luciana) Ma papà, e se sta male veramente?

Ubaldo) È lì bianca e rossa, (alle figlie) dai su... quando è stanca di stare seduta si alzerà. (Scotendo il capo) A volte questa donna non la capisco proprio. (Esce)

(Le due ragazze guardano perplesse la madre, poi sempre guardandosi perplessi escono. Agnese resta immobile sulla sedia.)

cala il sipario

ATTO SECONDO

- dopo tre giorni -

Scena 1 – Agnese e Rosy

(Stessa scena del primo atto, la mattina del terzo giorno. Agnese è immobile sulla sedia. Rosy entra con una tazzina e qualcosa da mangiare, chiama sottovoce)

Rosy) Agnese... Agnese... ci sei ancora?

Agnese) (Riscotendosi) Sei tu Rosy? Ti ho riconosciuto dalla voce.

Rosy) Sono io, sono io. Ti ho portato un goccio di caffè e qualcosa da mangiare. Questi qui sono capacissimi di lasciarti morire di fame.

Agnese) Non voglio niente Rosy, è inutile che mangi, tanto oramai è questione di poco per morire.

Rosy) Guarda che è già passata la notte del terzo giorno e non sei ancora morta.

Agnese) Sarà solamente questione di minuti. La Santa Brigida l’ultima volta è comparsa all’incirca a quest’ora. Guarda l’orologio.

Rosy) (Guardando l’orologio al polso) Hai ragione, giusto giusto tre giorni fa, fra un quarto d’ora all’incirca, venti minuti al massimo.

Agnese) Visto! È questione di minuti Rosy, ormai sono rassegnata.

Rosy) (Porgendole la tazzina) Morire per morire, bevi almeno il caffè prima che diventi freddo. Magari dalla parte di là non incontri subito il “Solenghi” che ti porta il caffè con San Pietro.

Agnese) No grazie, non voglio proprio nulla. Io faccio conto oramai, di essere già morta.

Rosy) (Sospirando) Che stupidate... e stupida io che sto qui a sentirle. Sei qui da sola? Ti hanno abbandonato?

Agnese) Si, a loro non gliene importa niente se muoio o non muoio. A loro non gliene importa niente di me.

Rosy) Non dire così, mangia qualcosa Agnese, (guardandosi in giro) non c’è nessuno che ti vede!

Egidio) (Chiamando fuori scena) Rosy... Rosy...

Rosy) Non posso mai stare tranquilla un momento con quell’uomo. Non capisco, pare perfino che gli dia fastidio se mi fermo a parlare con te.

Agnese) Va Rosy, va che tuo marito ti chiama.

Rosy) Vengo dopo Agnese, ti lascio qui la roba se cambi idea. Mangia almeno un biscottino!

Agnese) No, portali via, non mangio più nulla. Oramai sono morta!

Egidio) (Chiamando ancora) Rosy... Rosy...

Rosy) Torno dopo Agnese (guarda l’orologio) appena posso, vengo a vedere cosa è successo.

Agnese) (Con voce rassegnata, sensa saperlo mangiucchia) Per allora tu mi troverai morta. Sono alla fine.

Rosy) Non dire così Agnese, e comunque aspetta almeno che torni, voglio parlarti insieme ancora una volta.

Agnese) Che buona che sei… tu, tu andrai in paradiso cara Rosy.

Rosy) Mi fai venire da piangere, come farò mai dopo senza di te Agnese?

Agnese) Mi ricorderai nelle tue preghiere Rosy.

Rosy) Te ne dirò tante, ma tante…

Agnese) Ti ringrazio fin da ora, solo che io non potrò mai ricambiarti il favore.

Rosy) Veramente il modo ci sarebbe.

Agnese) (Sempre mangiucchiando) Dimmi, se appena appena posso Rosy…

Rosy) (Imbarazzata) Ecco, se mai… se tu potessi venire a portarmi due numeri del lotto.

Egidio) (Chiamando ancora fuori scena) Rosy... dove sei?

Rosy) Gli uomini, gli uomini! (Al marito) Vengo, vengo Gidio, vengo... (Ad Agnese) Ciao, torno appena possibile (esce) se non ti vedrò più ricorda che di numeri me ne basterebbero tre…

Egidio) Rosy… Rosy…

Rosy) Ohhh (esce facendo un gesto scocciato con le mani).

Scena 2 - Ubaldo e Orsolina

(Agnese è sempre sulla sedia, ascolta attentamente tutto quello che gli altri dicono, quando nessuno la guarda esprimerà con la mimica i propri sentimenti. Entrano Ubaldo e Orsolina)

Ubaldo) Tre giorni sono già passati, tre giorni... e (indicandola) guardala lì. Ed io non ho più nemmeno una camicia pulita.

Orsolina) Io non posso stirarle, (va vicino alla sedia dove c’è la roba da stirare) mi fanno male le braccia (facendo il gesto) e le spalle, non riesco a tenere alto il ferro.

Ubaldo) Ed io che mi metto, me lo dici?

Orsolina) Non ce n’è proprio più nemmeno una?

Ubaldo) No, nemmeno una camicia e stanno finendo anche le calze. Nel cassetto ne è rimasto solo un paio, (indica la moglie) guardala lì, da tre giorni su quella sedia e non vuole sentire ragione.

Orsolina) Una cosa simile io non l’ho mai vista in tutta la mia vita. E sì che ne ho viste di cose!

Ubaldo) (Si avvicina e scuote la moglie) Svegliati Agnese... parla  Agnese... dov’è il mio giubbino di lana? Mi serve anche la maglietta pulita… dove sono quelle di scorta? E guarda che mi sono rimaste appena due paia di mutante pulite e dopo che faccio? (Alla madre)  Che si può fare mamma?

Orsolina) Bisognerà o decidersi a lavare quelle sporche o andare a comperarne di nuove.

Ubaldo) Non dicevo per le mutande, stavo parlando della mia Agnese, che si può fare per la mia Agnese?

Orsolina) Non so che dirti caro Ubaldo, è sempre stata una donna un po’ originale, ma non la capisco nemmeno io una tirata del genere. Non so che dirti.

Ubaldo) (Si guarda le scarpe) E guarda che scarpe sporche mamma, dammi almeno tu una lucidata!

Orsolina) Ho l’artrite alle mani Ubaldo, non riesco a tenere in mano la spazzola, inoltre, c’è lì tua moglie, diglielo a lei, cerca di farla ragionare.

Ubaldo) Non ne posso più. Altro che divorzio domando. Tre giorni che mangio panini, a proposito, bisognerà che qualcuno vada a fare le spese, bisogna andare a comperare almeno il pane.

Orsolina) Se mai quello vado io a prenderlo e prenderò anche un po’ di prosciutto. Cotto o crudo?

Ubaldo) Sono stufo di mangiare panini mamma. Cosa darei per un bel coniglio arrosto con le patatine. Era brava la mia Agnese a fare da mangiare.

Orsolina) Perché dici che era brava?

Ubaldo) (Difendendo la moglie) Perché era brava. La mia Agnese faceva da mangiare meglio di te, se è per quello!

Orsolina) A me non piace fare da mangiare. A me è sempre piaciuto trovarla pronta.

Ubaldo) A tutti piace trovarla pronta, come mangerei volentieri un bel piatto di lasagne. La mia Agnese mi faceva di quei pranzetti. Era proprio brava a far da mangiare.

Orsolina) Volevo dire: perché dici che era brava. Era? Non è ancora morta e nemmeno sta male. È. Se vuole è brava anche adesso di farti le lasagne, (alla nuora) alzati e smettila di scherzare.

Ubaldo) Mamma... perché non fai almeno un poco di pastasciutta?

Orsolina) Ho l’artrite Ubaldo, non riesco a mettere su le pentole con l’acqua, e a fare la pastasciutta bisogna anche fare il sugo, per fare il sugo bisogna andare a prendere la roba, lavarla, pulirla, prepararla, tagliarla, abbrustolirla...

Ubaldo) (Interrompendola) Non si può andare avanti così. Oggi vado dall’avvocato.

Orsolina) Invece di andare da un avvocato, va a chiamare un dottore piuttosto Ubaldo, (dubbiosa) e se invece di essere tutte finte fosse veramente la verità?

Ubaldo) Che vorresti dire mamma?

Orsolina) Se sta male veramente Ubaldo? Sono già tre giorni che né mangia e né parla. Sempre lì, ferma immobile... a me inizia a dispiacermi a vederla in quelle condizioni.

Ubaldo) Non so che dirti mamma.

Orsolina) Non può andare avanti così senza mangiare, va a finire che muore veramente.

Scena 3 - Luciana

Luciana) (Entrando) Non trovo più la mia giacca rossa, l’hai vista nonna?

Orsolina) Se mettessi a posto le cose (ad Agnese) hai visto a non insegnarle? Ora non trova più niente. Grande e grossa com’è non è capace di fare niente. Che figlia! (alla nipote) Hai almeno lavato i piatti?

Luciana) Io i piatti non li lavo nonna. Mi fa schifo lavare i piatti.

Orsolina) Ti fa schifo lavarli e non ti fa schifo mangiare in quelli sporchi?

Luciana) Io mangio nei piatti puliti.

Orsolina) Allora bisogna che qualcuno li lavi i piatti.

Luciana) Fallo tu nonna.

Orsolina) Io non posso perché ho l’artrite.

Luciana) Ed io non posso perché se c’è una cosa che odio è proprio lavare i piatti. Mettere le mani nell’acqua unta! Che schifo.

Ubaldo) Guardate che non ci sono più bicchieri puliti.

Orsolina) Vado a cercare la Clara, forse riusciamo a farglieli lavare a lei.

Luciana) Brava, buona idea, faglieli lavare a mia sorella Clara.

Orsolina) (Cambia idea) Aspettate, prima è meglio che vada a comperare il pane altrimenti a mezzogiorno non abbiamo nemmeno quello da mettere sotto i denti (esce).

Luciana) (Guarda la madre, poi il padre e si confessa) ... e se è venuta a saperlo papà? Forse la colpa è mia se la mamma sta così male.

Ubaldo) Colpa tua? Sapere che roba?

Luciana) Forse è stato per il gran dispiacere, si vede che ha provato un dispiacere da morire! Se sta così male la colpa è mia.

Ubaldo) Colpa tua? Fammi capire. Dispiacere di che cosa Luciana?

Luciana) (Si inginocchia davanti alla madre) Mamma, ti prometto che se guarisci io lo lascio. È capitato tutto così, senza saperlo, non credevo di darti un dispiacere così grande.

Ubaldo) Cos’è capitato di così grande Luciana?

Luciana) Mi sono innamorata!

Ubaldo) Oh, allora è una bella cosa. È bello essere innamorati, l’età ce l’hai.

Luciana) E per me è una cosa seria ... ma si vede che la mamma è venuta a saperlo ed ha provato un grosso dispiacere, un dispiacere da morirne.

Ubaldo) Va là che sarà contenta anche lei. Lui chi è? Me lo dici?

Luciana) (Contrita) È l’avvocato del terzo piano piano.

Ubaldo) (Alza l’indice) Quel vecchio stupidotto che sta là sopra?

Luciana) Non è un vecchio stupidotto. È ancora un gran bell’uomo, pieno di fascino. È un avvocato in gamba e noi due ci vogliamo bene.

Ubaldo) Voi due! Sono bravi gli avvocati di chiacchierare e tu hai trovato proprio quello giusto che te la raccontata. Guarda che quello lì è sposato da un pezzo ed ha anche 4 figli. E sua moglie? Che dice sua moglie?

Luciana) Non vanno d’accordo e sua moglie è un’insulsa. Lei non lo capisce come faccio io. Lei non ha alcun sentimento, loro continuano a litigare e lui domanderà il divorzio per me.

Ubaldo) Questa è nuova.

Luciana) Lui è un uomo sensibile, delicato, distinto, e lei invece è grossa come un bue, fra loro c’è, come si dice… incompatibilità de carattere. Me lo ha detto lui!

Ubaldo) Incompatibilità un corno, se tutte le volte che uno litiga dovesse divorziare, addio.

Luciana) Anche tu papà volevi divorziare dalla mamma per incompatibilità de carattere.

Ubaldo) Se ne dicono di cose quando si è arrabbiati. (Guardando la moglie) Io voglio bene a tua madre. (Alla figlia) Ma Luciana non capisci che lui ti prende in giro? Quel brutto vecchio rimbambito. Tu sei giovane e lui potrebbe essere tuo padre. (Al pubblico) “Non c’è una mela bella che non cada in bocca ad un brutto maiale”.

Luciana) Macché padre, lui è giovanile, incompreso, infelice.

Ubaldo) Infelice pieno di soldi (al pubblico) e bravo a darla a bere!

Luciana) I soldi non fanno la felicità.

Ubaldo) Lo credo che la tua mamma ha provato un grosso dispiacere nel saperlo. Guarda in che condizioni l’hai ridotta. Domandale scusa subito, anzi prima va di sopra da quel vecchio rimbambito e chiarisci le cose (minacciando) altrimenti vado su io e rovescio tutto per aria e a quello lì gli spacco il muso.

Luciana) No, ci penso io, lo faccio per la mamma. Do un bel taglio a tutto. Sarà abbastanza per farla guarire?

Ubaldo) Certo che è abbastanza, brava, fallo per la tua mamma e sarà meglio anche per te, corri, (esce accompagnandola) Va... va, non perdere tempo.

Agnese) (Alzandosi) La mia Luciana! La mia bambina! Innamorata di quel vecchio sporcaccione. Sono robe dell’altro mondo. Se per caso non muoio vado su al terzo piano e ammazzo quel vecchio rimbambito. Ed io che non sapevo niente, non mi ero accorta di niente. (Sente dei rumori e si riaccascia sulla sedia).

Scena 4 - Clara

(Ubaldo rientra dalla porta d’ingresso e Clara entra da quella della camera)

Clara) Lo sai papà che non ho più neppure una calza pulita? E la mamma?

Ubaldo) (Soprapeensiero) Sempre quella.

Clara) Te papà e se fosse per il dispiacere per quello che ho combinato io...

Ubaldo) Combinato tu?! Cosa stai dicendo?

Clara) Forse è venuta a saperlo ed ha provato un dispiacere da morirne.

Ubaldo) (Minaccioso) Cosa doveva venire a sapere tua madre di te? Che storia è questa Clara, spiega anche a me.

Clara) L’è che… che… che… invece di andare a scuola andavo a Verona.

Ubaldo) A Verona? A fare? Ce ne sono ancora di fresche da sentire?

Clara) (S’inginocchia davanti alla madre) Mamma, ti prometto che se guarisci torno a scuola e farò di tutto per essere promossa. (Al padre) È tutta colpa mia se la mamma sta male, si vede che è venuta a saperlo e dal dispiacere si è ammalata.

Ubaldo) Parla. Spiegati Clara che “a tirare troppo - la corda si rompe”, guarda che la mia pazienza ha un limite.

Clara) Io… papà, non so da che parte cominciare perché è una cosa complicata...

Ubaldo) Clara, incomincia da dove vuoi, ma incomincia.

Clara) A Verona c’era un’agenzia che cercava delle modelle e così sono andata ad iscrivermi.

Ubaldo) A Verona?

Clara) Si, a Verona. Lì, t’insegnano a ballare, a cantare, a suonare, a camminare giusto, e ti preparano in tutto così poi tu puoi andare a lavorare o come indossatrice, o modella, o attrice… e si potrebbe perfino andare a lavorare in televisione. Dicevano che mi avrebbero trovato loro il posto e che sarei diventata famosa in poco tempo. E dopo una settimana di prova mi hanno fatto firmare delle carte…

Ubaldo) Che cosa hai firmato?!

Clara) Delle carte per il rimborso spese all’agenzia.

Ubaldo) Ma di che spese parli.

Clara) Per le foto, la pubblicità, i vistiti, i gioielli, i visagisti, gli estetisti, i parrucchieri, i fotografi, i giornalisti… ma non sai quante cose servono per fare l’attrice o l’indossatrice?!

Ubaldo) E tu, tu vorresti fare l’attrice?

Clara) Mi hanno detto che non posso fare né l’attrice e né la modella perché non sono abbastanza fotogenica.

Ubaldo) Ma allora perché hai firmato le carte.

Clara) Perché l’ho saputo dopo che non ero fotogenica abbastanza, me lo hanno detto dopo.

Ubaldo) E la cifra … sentiamo, sarà quanto? Centomila lire?

Clara) Tu non conosci il mondo della moda, sei troppo retrogrado, sei rimasto indietro con i tempi.

Ubaldo) E allora dimmelo tu che sei moderna, di che cifra si parla.?

Clara) Di milioni.

Ubaldo) Milioni? Un milione?

Clara) No, venti milioni.

Ubaldo) Venti milioni Clara! Venti milioni buttati fuori dalla finestra. Ma cosa sei andata a firmare?!

Clara) Volevo diventare una indossatrice come la Claudia Schiffer. E mi sarebbe piaciuto anche fare l’attrice. Quella gente lì guadagna una barca di soldi.

Ubaldo) Venti milioni e tenevi nascosta una cosa simile? (si sente male) Ora capisco perché la mia Agnese vuole morire. (Alla moglie) Vengo anch’io a farti compagnia Agnese: Vorrei morire anch’io… venti milioni, (alla figlia) Clara, disgraziata. Come fai ad essere così tranquilla (al pubblico) Guardate, non sembra nemmeno lei quella del fatto.

Clara) Sono tranquilla perché le cose si sono già risolte e si vede che la mamma non l’ha ancora saputo.

Ubaldo) Risolte? E come?

Clara) Sono furba io! Prima di firmare sono andata a domandare consiglio all’avvocato del terzo piano.

Ubaldo) L’avvocato del terzo piano?! (Al pubblico) Sta meglio un topo in bocca a un gatto che un uomo in mano ad un avvocato! (Alla figlia) A quel vecchio rimbambito? Perché non sei venuta a chiederlo a me?

Clara) Avevo paura di prenderle. Invece l’avvocato mi ha aiutato. Ha tenuto solo a precisare che non lo faceva per me ma per mia sorella Luciana. Non ho ben capito cosa c’entra la Luciana ma comunque lui mi ha consigliato gratis

Ubaldo) Gratis?

Clara) Gratis, certo a gratis.

Ubaldo) Ricordati Clara che nessuno fa mai niente per niente, in special modo i ricchi. “i ricchi hanno i denti del cane  - se non morsicano oggi morsicheranno domani.”

Clara) Ma no papà, tu non lo conosci abbastanza l’avvocato del terzo piano. Lui è stato proprio gentile ed oltretutto è un uomo modesto, non vuole che gli altri sappiano com’è gentile. Mi ha detto di non dire nulla a nessuno ed io non ho detto nulla a nessuno, nemmeno a mia sorella Luciana. Sono furba io!

Ubaldo) Bella furba! Venti milioni, benedetta ragazza… siamo rovinati… gratis… dove andremo a prenderli? Io non li ho mai visti tutti insieme venti milioni… a gratis.. venti milioni….

Clara) Papà senti, lascia che ti spieghi.

Ubaldo) Cosa vuoi spiegare ancora di più Clara. Non ne hai raccontante abbastanza ? Basta discutere. Questa è grossa (riflette) un momento, va, corri su al terzo piano e dì a tua sorella Luciana di venire qui subito che dobbiamo parlare.

Clara) Cosa devo dire a mia sorella? L’avvocato mi ha raccomandato molto di non dire niente a nessuno.

Ubaldo) Inventa una scusa per non fare brutta figura. Non so, dì che la tua mamma sta male, ed è la verità, corri corri ... (alla moglie) Povera la mia Agnese e ti tenevi tutto dentro di te.

Clara) (Interrompendolo) Papà, lasciami finire di raccontare...

Ubaldo) Finirai dopo, ora corri, va a chiamare tua sorella (lo spinge fuori) forse riusciamo ancora a fare qualcosa… spicciati.

Clara) Papà, guarda che le cose sono risolte

Ubaldo) (L’accompagna fuori dalla porta) Disgraziata di una disgraziata, risolte un corno corri, va, venti milioni sono venti milioni.

(La spinge fuori ed escono tutti e due.)

Agnese) (Alzandosi) Venti milioni. Gratis… e la mia Clara che vuole fare l’indossatrice, l’attrice.Venti milioni e quel brutto porco dell’avvocato del terzo piano che dà anche i consigli a gratis… mi sento male davvero a pensare a tutti quei soldi… venti milioni... (Si accascia sulla sedia)

Ubaldo) (Rientra e va dalla moglie) Agnese, perché non me lo hai detto.Affrontare tutto da sola! Hai ragione, ultimamente facevamo fatica a parlare insieme, certo che le nostre figlie ce l’hanno combinata grossa... (si guarda attorno per vedere che nessuno ascolti) anch’io te l’ho combinata grossa. È per quello che vuoi morire? Sei venuta a saperlo Agnese? Come hai fatto? (Si guarda attorno) Agnese, cerca di guarire, lo so che è tutta colpa mia, ora ti spiego Agnese, ti racconto tutto...

Scena 5 - Orsolina

Orsolina) (Entra col pane e interrompe il discorso) Ubaldo, cosa è successo alla Clara? Lo vista andare su di corsa per le scale come se avesse il fuoco al sedere.

Ubaldo) Ti racconterò mamma, ti racconterò... (indica la moglie) la mia Agnese.

Orsolina) (Interrompendolo, sospira) L’Agnese... vi ho pensato Ubaldo. Purtroppo ho idea di essere io la colpa di tutto, la causa di tutto.

Ubaldo) Cosa stai dicendo mamma.? Tu!

Orsolina) Si, colpa mia. Si vede che l’Agnese si è accorta di quello che ho fatto ed ha provato un dispiacere grosso, un dispiacere da morire.

Ubaldo) Oh no... anche tu? Fra poco vado davvero anch’io a far compagnia alla mia Agnese. (Sedendosi) Mamma... parla...

Orsolina) Ti ricordi Ubaldo i tuoi gemelli d’oro per i polsini?

Ubaldo) (Indica la moglie) Me li ha persi, non sa più dove li ha messi, no, diceva che, forse, nel lavare la camicia erano andati giù per il lavandino.

Orsolina) E che litigata che avete fatto quella volta, ti ricordi Ubaldo?

Ubaldo) Certo, è stata la fine del mondo, il bello è che voleva aver anche ragione.

Orsolina) Gridavate tutti e due come due matti.

Ubaldo) Per forza, con i gemelli mi aveva perso anche il fermacravatta d’oro e la catenina del battesimo.

Orsolina) Egli orecchini della Luciana…

Ubaldo) (Fa vedere il polso senza orologio) E l’orologio.

Orsolina) Se vengono i ladri (guardandosi in giro) in questa casa non trovano proprio niente, di bello è rimasto che noi non abbiamo paura dei ladri.

Ubaldo) Infatti era sparito anche il tuo braccialetto d’oro mamma, mi ricordo che Agnese diceva…

Orsolina) (Interrompendolo) ...che lei non sapeva niente, che non ne aveva colpa.

Ubaldo) Anche quella volta avevamo fatto una gran litigata. (Alla moglie) Ti ricordi Agnese? Ed il litigio per l’anello?

Orsolina) Più grosso ancora, me lo ricordo anch’io quello.

Ubaldo) (Indicando la moglie) È perché ha il brutto vizio di raccontare le balle.

Orsolina) “Una bugia e una verità – tengono in piedi la casa”. Da che mondo è mondo è sempre stato così. È una cosa normale Ubaldo.

Ubaldo) Sarà normale, ma a me, non piace che mi si raccontino delle balle. All’inizio diceva che erano stati i ladri.

Orsolina) Dopo è saltato fuori quella del lavandino…

Ubaldo) Però, che fantasia la mia Agnese a dirmi che tutti gli ori forse erano caduti nel buco del cesso.

Orsolina) Tu l’hai bevuta?

Ubaldo) Certo che no, ma cosa avrei dovuto fare, continuava ad insistere. Poi era saltato fuori quella che forse si erano impigliati nello straccio delle polveri e nello scuoterlo fuori dalla finestra erano andati persi.

Orsolina) Avrebbe potuto essere, era credibile.

Ubaldo) Inoltre, cosa si era inventata? Cos’era saltato fuori ancora?

Orsolina) Però non è mai saltato fuori, che era stata colpa mia.

Ubaldo) Colpa tua mamma?

Orsolina) Certo. Ho raccolto tutto l’oro della casa e poi sono andata a venderlo, i soldi che ho preso li ho dati a tua sorella per finire di pagare i debiti di suo marito.

Ubaldo) Mio cognato! (Al pubblico) Ecco perché non mi è mai piaciuto, è sempre stato troppo di manica larga con i soldi degli altri. “A fare il ricco senza entrata – è una vita da minchioni”.

Orsolina) Non posso più vivere con questo peso e vedere l’Agnese in queste condizioni.

Ubaldo) Per colpa di mia sorella, tu mi hai fatto litigare così forte con la mia Agnese! Mamma, non potevi dirmelo che eri stata tu!

Orsolina) Che figura avrei fatto. E tua sorella che figura avrebbe fatto, e suo marito che figura avrebbe fatto?

Ubaldo) Loro, li hai sempre avuti in pancia. E tu mi hai lasciato credere che fosse tutta colpa della mia Agnese poverina. Perché?

Orsolina) Per vendicarmi dei dispetti che mi faceva, non credevo che avrebbe provato un dispiacere simile. (Alla nuora) Ti domando scusa Agnese. Non so come tu abbia fatto a scoprirlo però, cerca di perdonarmi e di capire, anche tu hai dei figli.

Ubaldo) Certo mamma che...

Orsolina) (Interrompendolo) È andata così Ubaldo, che vuoi farci! (Alla nuora) Perdonami Agnese, se puoi. Lo sai Ubaldo che mi sento male anch’io dai gran rimorsi di coscienza, mi fa perfino male qui (indica il cuore) dal dispiacere.

Ubaldo) (La prende sottobraccio) Buttati sul letto mamma che ti passa. Ti accompagno.

Orsolina) Mi gira la testa Ubaldo, mi viene quasi da piangere.

Ubaldo) Hai bevuto le tue medicine mamma?

Orsolina) Sì si, ma le medicine non mi fanno nulla. 

(Ubaldo sorregge la madre, escono)

Agnese) (Alzandosi) Hai capito mia suocera. Ed io ho fatto tutti quei litigi con mio marito per colpa di mia cognata e di quello spendaccione di mio cognato! (Alza gli occhi al cielo) Santa Brigida non farmi morire proprio ora. Non farmi lo scherzo di farmi morire proprio ora dopo quello che ho scoperto, (ringalluzzendosi) prima bisogna che faccia una bella gridata. Di quelle giuste (sente dei rumori e riprende la sua posizione).

Scena 6 - Ubaldo

Ubaldo) (Rientra e va dalla moglie) Hai sentito la mia mamma? E giù batoste cara Agnese (la guarda perplesso). Però non è per quello che tu stai così male Agnese, dopo tanti anni di matrimonio io ti conosco bene: (s’inginocchia ai suoi piedi) la Luciana, la Clara, la mia mamma, ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso, lo so, sono stato io. Sei venuta a sapere della Giuseppina né! (Cambia tono) È stata la tua amica Rosy a dirtelo? Che ti ha raccontato? Di sicuro ne avrà aggiunto un pezzo (sospira). Ma ora è tutto finito, ognuno per la sua strada, l’ho lasciata, a vederti in queste condizioni ho capito il mio sbaglio. Se mi perdoni, ti giuro che non capiterà più.

Orsolina) (Dalla camera) Ubaldo, mi porti per piacere un goccio di acqua?

Ubaldo) (Alla madre) Vengo subito mamma (alla moglie) vado e vengo Agnese, non muoverti (esce).

Agnese) (Alzandosi) Altro che il mio bucato. Per loro ci vuole un sacco di detersivo e non basta una damigiana di candeggina. Le mie, in confronto a tutto questo, sono macchioline... oh (sente dei rumori e si siede precipitosamente, riprende la sua posa).

Ubaldo) (Rientra) Dice il proverbio “amore nuovo va e viene – amore vecchio si mantiene” ed è proprio vero (va vicino alla moglie, le parla dolcemente) Agnese, ti ricordi i primi tempi che eravamo sposati, come ci volevamo bene… non ne avevamo neppure uno (neanche una lira).

Agnese) (Ironica con un fil di voce) Per quello non è cambiato proprio nulla Ubaldo. Non ne abbiamo neanche uno nemmeno adesso (si ricompone).

Ubaldo) Agnese, cara... finalmente hai parlato. Agnese su dai... su... non fare così. Agnese perdonami, non parliamo più di divorzio. Non litighiamo più per sciocchezze. Proviamo ancora una volta, io e te, da soli, noi due…

Agnese) ... e la tua mamma...

Scena 7 – Le figlie

Clara) (Entrando precipitosamente) Papà papà, su di sopra c’è il finimondo. C’è la moglie dell’avvocato che lo rincorre con il bastone per fare la polenta. Che scene, che scene!

Ubaldo) E tua sorella?

Clara) Non l’ho vista, era già scesa.

Ubaldo) Ed ora dov’è?

Luciana) (Entrando) Sono qui papà.

Ubaldo) Siamo rovinati Luciana, tua sorella Clara... e tu...

Luciana) Io sono a posto, ho sistemato tutto.

Ubaldo) Tutto? E come hai fatto?

Luciana) Ora ti racconto, sono andata su dall’avvocato, ho suonato il campanello e mi ha aperto sua moglie.

Ubaldo) Sua moglie?

Luciana) Meglio di così non poteva andare, aveva in mano il matterello ed io le ho detto: “sta facendo le tagliatelle signora?”- No – mi ha risposto lei – sto per spaccargliela sulla testa a quel porco di mio marito perché ho scoperto che se la faceva anche con la segretaria oltre che con la cameriera.

Ubaldo) Con la segretaria e con la cameriera?

Luciana) È proprio quello che le ho detto io – anche con la segretaria e la cameriera! – Allora le dia una manganellata anche per me signora, perché suo marito ha provato anche con me. È rientrata con gli occhi che fumavano. Mi sono girata e sono scesa. Fine de la storia. Ho fatto bene?

Ubaldo) Brava hai fatto proprio bene, è per quello allora che quando tua sorella Clara é venuta a cercarti non ti ha trovato.

Luciana) Nello scendere mi sono fermata due minuti dalla Rosy. Mi ha visto e mi ha chiamato per sapere come stava la mamma. A proposito come sta? (Le si avvicina) Visto mamma. Tutto risolto, per quello che mi riguarda ho sistemato tutto, tutto finito. Puoi stare tranquilla e guarire (le prende le mani e gli e le accarezza, si siede accanto a lei e la coccola).

Ubaldo) (All’altra figlia) Resti tu Clara.

Clara) Se mi avessi lasciato spiegare, te lo avrei detto ancora da subito che era tutto sistemato. Non sono mica una stupida io!

Ubaldo) (Al pubblico) …e si crede anche furba. (Alla figlia) Venti milioni sono venti milioni. Imbranata!

Clara) Ti dico di non preoccuparti che si era risolto tutto ancora da subito. L’avvocato del terzo piano…

Luciana) (Interrompendola) Ha provato anche con te?

Clara) A fare?

Ubaldo) Lascia perdere tua sorella, rispondi a me. Allora?

Clara) Mi aveva consigliato che se mi avessero fatto firmare una qualche carta, di non firmare col mio nome ma con un nome sbagliato.

Ubaldo) Se è sbagliato non è più il tuo nome.

Clara) Infatti. Invece di Clara ho firmato Chiara, lo stesso ho fatto col cognome, ho aggiunto una “i” nel mezzo. Così era e non era più la mia firma. Se andava bene dicevo che era la mia firma, ma è andata male e loro non possono pretendere niente da me.

Ubaldo) Sei sicura?

Clara) Certo, me lo ha detto anche l’avvocato. Oltre tutto, mi ha anche detto che se loro non la smettono di tormentarmi gli farà causa per truffa.

Ubaldo) A gratis.

Clara) A gratis certo. Cosa credi, ci sono ancora le persone generose al giorno d’oggi. (Si avvicina alla madre) Mamma, se è per i venti milioni che ti sei ammalata, puoi stare tranquilla. Ho tutto risolto e ti prometto che da domani torno a scuola. Cerca di guarire mamma, fallo per me, mi manchi, mi manca il tuo brontolare.

Luciana) Questa casa non è più quella senza la voce della mamma. È diventata una casa triste, (alla madre) mamma, fallo anche per me. Ti prometto che non farò più sciocchezze.

Ubaldo) (Avvicinandosi anche lui alla moglie) Agnese... tutti abbiamo sbagliato. A questo mondo non c’è nessuno di perfetti. “Chi non ha un difetto, gli manca qualcosa – Chi non ce l’ha di fuori, ce l’ha di dentro”.

Luciana) Chi poco e chi tanto si sbaglia tutti a questo mondo.

Ubaldo) Guarda, tuo marito e le tue figlie ti domandano scusa di tutte le preoccupazioni che ti hanno dato. Ed io ti domando scusa anche per la mia mamma.

Luciana) Mamma... mamma... guarisci... noi ti vogliamo tutti bene.

Agnese) (Alla figlia con un fil di voce) E la corona... e i fiori...

Luciana) Vorrai dire le due corone ed i fiori. Le gemelle sono state molto contente del regalo.

Ubaldo) Chi è stato contento?

Luciana) Le due gemelle. Si sono laureate con 110 e lode e noi amiche abbiamo fato loro due belle corone di alloro ed un bel mazzo di gigli, e abbiamo fatto anche il trafiletto sul giornale.

Ubaldo) E i problemi sono tutti risolti Agnese.

Luciana) Guarda mamma, se guarisci d’ora in poi, ti prometto, ti prometto che laverò i piatti.

Clara) Se serve a far guarire la mamma i piatti li laverò sempre anch’io.

Luciana) Ci manchi tanto mamma, ma tanto tanto.

Ubaldo) Manchi a tutti...

Agnese) (Con un fil di voce) Davvero vi manco?

Scena 8 - Spiegazioni

(Tutti si guardano contenti, entra Orsolina con gli occhiali di Agnese. Osserva la scena )

Orsolina) Ci manchi Agnese, ci manchi. C’è posto anche per me vicino all’Agnese?

Luciana) (Facendole posto) Vieni qui nonna.

Agnese) E i ceri?

Orsolina) Quali ceri?

Agnese) Le candele che ho trovato sul tavolo.

Orsolina) Ah, le candele, me le ha portate mia sorella.

Luciana) La zia Modesta è andata a Padova, al santuario di Sant’Antonio e ha portato le candele per far guarire la nonna da tutti i mali.

Orsolina) Vuoi che le accenda per te?

Agnese) No, no grazie… ma… e il vestito nero?

Orsolina) Te l’ho ritirato io in lavanderia. È il tuo vestito bello, quello della festa.

Ubaldo) (Alla moglie) E se tu guarirai Agnese… andremo tutti a fare festa

Agnese) E le scarpe?

Orsolina) Sono le tue, quelle che avevi fatto aggiustare e che io ho ritirato dal calzolaio. Pensavo di farti un piacere. Agnese, anche se non sembra o se non sono capace di dimostrarlo, io ti sono affezionata. Prima mi era venuto un magone... quasi quasi mi sarei messa a piangere.

Luciana) A pensare alla mamma?

Orsolina) Certo. (Alla nuora) guarda Agnese, guarda cosa ti ho trovato: i tuoi occhiali, sei contenta?

Agnese) Grazie (Sempre con un fil di voce) Che ore sono adesso Ubaldo?

Ubaldo) (Guarda il polso senza orologio) Non lo so, è da un pezzo che non ho più l’orologio.

Luciana) (Tutta contenta) Che bello che la mamma parla, si vede che sta guarendo.

Ubaldo) Hai sete? Vuoi da bere?

Luciana) Hai fame mamma?

Orsolina) Ti faccio scaldare un goccio di latte Agnese?

Clara) Vuoi un panino. Io sono capace di fare solo quelli, ora vado a prepararteli (esce).

Luciana) Ed io mamma vado a lavare i piatti ed a mettere tutto a posto (esce).

Ubaldo) Vuoi il caffè?

Orsolina) (Premurosa) Ti preparo un goccio di caffè Agnese?

Agnese) No, no grazie.

Orsolina) (Ad Ubaldo) Vai a prendere una coperta da mettere sulle ginocchia alla nostra Agnese che non abbia freddo, (alla nuora) hai freddo Agnese?

Ubaldo) Dov’è la coperta?

Orsolina) Dovrebbe essere nella cassapanca sotto la finestra.

Ubaldo) A proposito di cassapanca, ho visto che è ancora rotta. Come mai?! Non è venuto il falegname? Gli avevo detto di venire ad aggiustare il coperchio.

Orsolina) L’ Agnese ci tiene moltissimo a quella cassapanca, è un ricordo della sua mamma.

Ubaldo) È per quello che volevo che il falegname l’aggiustasse e la ripitturasse. Avrei potuto farlo io ma non volevo rischiare di rovinarle la cassa così ho chiamato un professionista.

Agnese) Il falegname?

Ubaldo) Non ho fatto bene? (Alla moglie) L’ho fatto per te Agnese (le va vicino per consolarla) ora vado a prendere una coperta da metterti sulle ginocchia.

Orsolina) Ed io vado a farti il caffè, tu resta qui tranquilla

(Ubaldo e Orsolina escono, Agnese resta sola)

Scena 9 - Rosy

Agnese) Allora non è vero che volessero farmi il funerale. È stato tutto un equivoco, coincidenze… certo che, tutti stanno lì a guardare i miei difetti... (toccandosi un occhio) la pagliuzza nei miei occhi e nessuno si accorge della propria trave, e che trave!

Rosy) (Entrando) Agnese. Stai bene Guarda che l’ora è già passata… e quella Santa, come si chiama?

Agnese) Santa Brigida.... non è venuta. Non sono morta Rosy

Rosy) Chissà come mai?

Agnese) Come mai non sono morta?

Rosy) No, come mai non è venuta.

Agnese) A sentire quello che combinano qui sulla terra si sarà spaventata ed avrà preferito restare in cielo.

Rosy) ... o altrimenti si sarà dimenticata.

Agnese) ... o le sarà capitato un qualche contrattempo.

Rosy) Contrattempi in cielo?

Agnese) E perché no?

Rosy) Forse hai ragione: tutto il mondo è paese.

Luciana) (Attraversa la scena salutando e spiegando) Ciao Rosy, hai visto che la mamma è guarita, ora vogliamo farle festa. Vado giù a prendere due fiorellini da mettere sul tavolo. (Alla madre) Lo sappiamo che ti piacciono i fiori mamma (esce in tutta fretta).

Agnese) Ed è meglio che i santi restino in paradiso. Che spavento Rosy, che spavento, uno spavento da morire.

Clara) (Entrando) Stavo venendo da te Rosy, ce l’hai mezzo limone da prestarci, la nonna sta preparando le tartine per far festa alla mamma che è guarita.

Egidio) (Chiamando) Rosy... Rosy...

Rosy) Andiamo, andiamo che ti do il limone… vengo dopo e ti porto anch’io una bella torta per festeggiare.

(Rosy e Clara escono)

Scena 10 - Ubaldo

Agnese) (Rimasta sola) Si vede che la Santa Brigida ha avuto compassione di me… con tutto quello che mi hanno combinato! Grazie Santa Brigida.

Ubaldo) (Rientra con la coperta e la sistema sulle ginocchia di Agnese) Tieni, cara la mia Agnese, stai qui tranquilla, siamo tutti contenti che tu sia guarita.

Agnese) (Si lascia accomodare la coperta sulle ginocchia) Non ho freddo, ora sto bene Ubaldo... mi è passato tutto.

Ubaldo) E menomale che ti è passato tutto. Agnese in questi tre giorni ho capito che ti voglio bene. Cancelliamo il passato, quello che c’è stato c’è stato, non pensiamoci più, non parliamone più. Proviamo di nuovo, noi due, io e te…

Agnese) E la tua mamma.

Ubaldo) (Sospirando) E... la mia mamma. 

Agnese) Ma si, ormai l’Orsolina fa parte della famiglia.

Luciana) (Attraversa la scena sventolando i fiori)

Clara) (Rientra con il limone ed esce dall’altra parte)

Ubaldo) Ti vogliamo tutti bene Agnese! Anche la mia mamma ti vuole bene.

Agnese) Anche tu Ubaldo, sei sicuro?

Ubaldo) Agnese, ti domando scusa ancora una volta. Perdonami.

Agnese) Va bene Ubaldo, ti perdono. Mettiamo da parte tutto quello che c’è stato e da ora in poi guardiamo al futuro.

Ubaldo) Basta passato

Agnese) Basta passato. Promesso?

Ubaldo) Promesso. Non ne parliamo più.

Agnese) Il passato è cancellato. La nostra vita inizia da oggi.

Ubaldo) Hai ragione, questi tre giorni sono stati peggio di tre giorni d’inferno per me. Guarda come sono ridotto. Non ho più nemmeno una camicia pulita… non parliamo più del passato.

Agnese) Sono stata talmente male che mi credevo di morire Ubaldo e questa esperienza mi è servita di lezione, ora capisco la differenza fra quello che c’è di importante e le stupidate.

Ubaldo) Io, sono ancora importante io per te?

Agnese) Certo Ubaldo

Luciana) (Attraversa la stanza in tutta fretta) Vado dalla Rosy a prendere un vasetto di olive in prestito, lo so mamma che ti piacciono le olive (esce).

Agnese) Lo sai che mi è venuta fame?

Clara) (Attraversa la stanza) Vado a prendere una bottiglia di aranciata (alla madre) o preferisci il chinotto? O la limonata?

Agnese) Va tutto bene Clara.

Clara) Allora l’aranciata che piace anche a me (esce).

Orsolina) (Si affaccia sulla porta) Ubaldo, vai a vedere dalla Rosy se ha un tubetto di pasta d’acciughe da prestarci. Sto facendo le tartine per far festa... e dì che vengano anche loro a far festa alla nostra Agnese.

Ubaldo) (Nell’uscire contento) Vado subito mamma. (Alla moglie) Tu resta qui tranquilla. (esce)

Luciana) (Entra ed esce con le olive ) C’è quasi pronto mamma.

Scena 11 - Egidio e Rosy

Agnese) (Alzandosi) Mi piacerebbe fare una bella gridata con quello che mi hanno combinato tutti. Ma come si fa? (Enumerando) Il funerale è stato un equivoco. La Santa Brigida è stata una santa e mi ha fatto la grazia di non morire. Come si fa a rovinare la festa che stanno organizzando per me? (Si siede pensierosa) Sono così contenti che io sia guarita, si vede che mi vogliono tutti bene perché vogliono tutti farmi festa.

Clara) (Entra, attraversa la stanza) Pronti da bere (esce).

(Entra Ubaldo sventolando il tubetto e Rosy con la torta seguita da Egidio)

Ubaldo) C’è tutto pronto, facciamo tutti festa all’Agnese che è guarita...

Rosy) Io ho portato la torta.

Egidio) Ed io una bottiglia di quelle buone, senza offesa Ubaldo, ma il tuo vino non è molto speciale da bere, pare annacquato con l’acqua (gli porge la bottiglia).

Ubaldo) Hai ragione Gidio, dammi che andiamo a stapparla.

Rosy) Dove ci mettiamo ?

Ubaldo) (Si guarda attorno) Andiamo di là in cucina (Ubaldo esce seguito da Rosy).

Egidio) Agnese... (con fare guardingo) scusa ma non ho mai potuto venire…

Agnese) Infatti, non avresti dovuto venire.

Egidio) Allora noi due?

Agnese) Noi due niente…

Egidio) Io avevo capito che tu… mi pareva di aver capito che tu...

Agnese) Hai capito male Gidio.

Egidio) Sei proprio decisa... pensaci sopra ancora un poco.

Agnese) Ho già pensato abbastanza Gidio. Ho fatto pace con l’Ubaldo, proviamo ancora una volta, io e lui.

Egidio) Ed io?

Agnese) Da adesso in poi non c’è più posto per te nella mia vita.

Egidio) Sei sicura?

Agnese) Si, ho deciso.

Ubaldo) (Rientra ed esce subito) Dove sono i bicchieri Agnese, andiamo, che state facendo? Confessandovi?

Agnese) Sono nella credenza.

Ubaldo) Non ci sono, ho già guardato.

Agnese) Ci sono, ci sono…(piega la coperta) vengo subito anch’io caro Ubaldo.

Ubaldo) Fa in fretta, di là stanno tutti aspettandovi. Andiamo Gidio… (esce).

Egidio) Vengo vengo... (Nell’uscire si ferma due volte, guarda Agnese scotendo la testa. Esce)

Agnese) (Prima di uscire riflette) Uno lava, lava, ma per tanto che cerchi di lavare bene, una qualche macchiolina resta sempre (esce).


(cala il sipario)

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno