L’odore di sòrdi

Stampa questo copione

L'odore di sòrdi

                                           

              

      Compagnia Teatro Dialettale

                             “PARLA come MAGNI”

                                     

 

     “L’odore di sòrdi”

commedia in due atti

in dialetto narnese - ternano

di Francesco Martellotti

(non iscritto Siae)

Personaggi ed Interpreti

Federico

il capo famiglia

Lisetta

la moglie

Natalino

il figlio

Michele

il cognato

Albina

la vicina di casa

Terenzio

rappresentante

Avv. Rigamonti

un avvocato

Gisella

una conoscente

Anno 2001

 

PRIMO ATTO


La scena raffigura una stanza (grande cucina) di una famiglia di contadini, con mobili e suppellettili tipici; una porta in fondo con lo sfondo di un paesaggio e una scala a sinistra che da sulle camere e una porta a destra che da in cucina; sulla parete di fondo uno specchio.

1° SCENA (Lisetta e Natalino)

LISETTA: (sta seduta al tavolo e sta facendo dei conti)  Dunque vedemo ‘n po’!!…. mmm… guarda quanto emo speso ‘sto mese!! Ah… annamo proprio bene, si!! E poi qui sti conti che so’…!!

NATALINO: (sta seduto su una seggiola a leggere un libro) Oh ma’ che vor dì “con voluttà”?? Qua c’è scritto (sillabando) “La bella Caterina baciò Renato con voluttà e donò le sue grazie al giovane!” Che vorrà dì, ma’???

LISETTA:  Senti Natalì, nun me sta rompe co’ ste stupidaggini specialmente  quanno che ‘sto a fa i conti!! Gia che nun m’artornano… e po’ ‘sto libro do’ l’hai trovato??

NATALINO: E’ de papà, lo tène giù ‘a cantina sopra a ‘u bigozu!!!! Se ‘ntitola “Sospiri d’amore”

LISETTA:  Oh, e mo' com’è che  tu’ padre legge ste cose!!… (fra se) So’ sicura che manco essu ce capisce gnente… se i risurtati so’ quelli che so’!!

NATALINO: Oh mà… a me me sa che qui se so’ sbajati… ce dovea sta scritto co’ volontà!!!.. No?.. te pare? (pausa) Però io nun capisco che so’ ste grazie… te che dici ma!?!… Luigino de zi’ Rosetta me dice sempre che ‘e bardasce a ‘i regazzi je danno ‘n’andra cosa!! E’ vero.. ma’!!…

LISETTA:  (spazientita) Ma che stai a dì!!… leggi bene, j’avrà… dettu grazie per ‘u bacetto che j’ha dato! E poi Natalì è possibille che tutto ‘u giorno stai lì sopra sti libri, e più leggi e meno ce capisci!! Eh… pori sòrdi mii… sa quant’era mejo se l’eo messi in banca ‘nvece de mannatte a scola!!

NATALINO: Però ‘ntanto ho ‘mparato a legge!!! (continundo a leggere) E poi me sa, ma’,  che a sta Caterina, che sta scritta qui, je tocca pure parturì!

LISETTA:  Oh fresca… e da che l’hai capito!??

NATALINO:     Eh… mica so stupido io…!! Qui c’è scritto: “dopo poco tempo la bella Caterina si accorse di essere incinta!”… Io lo so che vor di, mà!!!… Quanno l’annu scorsu è venitu ‘u vetrinaio a visità a vacca, a papà j’ha detto: “Sta vacca è ‘ncinta!”!  ‘Nfatti dopo quarche tempu ‘a vacca ha partoritu ‘u vitellu!! Oh ma’… ma allora anche ‘a vacca ha datu ‘e grazie a quarc’uno…!! (pensa) A chi ma’??!

LISETTA:  E che ne so’ io!!!… domannalo a tu’ padre!!

NATALINO: Ma come!!… dici sempre che papà nun capisce gnente!!??… e mo' ‘nvece capisce più de te??

LISETTA: De vacche si!!… (alzandosi e risistemando i fogli) Senti Natalì, famme ‘u piacere, smettitela co’ ste fregnacce e lassa perde ‘sto libro! Piuttosto va a guernà ‘i billi.. che stamattina manco hanno magnato!!    

NATALINO: Oh ma… però anch’io ci ho fame!… Oh è da j’ersera che nun magno!! Ci ho ‘na fame mà, che ‘u stomicu m’è arrivatu giù ‘e ginocchia!

LISETTA:  (carezzandolo) Va beh… Natalì, mo' va a fa quello che t’ho detto, e po’ te  preparo du’ fette de pane co’ ‘a frittata de cipolle ch’è arvanzata jersera!!

NATALINO: Aaaah… ricominciamo!!… a me ‘’a cipolla me se rinfaccia… io ce vojo ‘u cacio!!! (batte i piedi arrabbiato)

LISETTA:  (sospirando) E va bene… nun te ‘ncazza!! te ce metterò ‘u  cacio!! (va in cucina a preparare il panino, quando entra Michele dalla camera)

2° SCENA (Michele, natalino e lisetta)

MICHELE:  (è vestito in modo elegante) Bongiorno gente!! Bella giornata oggi, eh!!

NATALINO: Bongiorno zì… io me so arzatu già da parecchio!! Già me so’ caricatu tre carrettate de stabbiu, però mo' m’è arrivata ‘na fame!!!

MICHELE:  Per forza Natalì… certi profumi risvejano l’appetito!!

NATALINO: E te do’ vai zi’ tutto ‘legante!!??

MICHELE:  A pollastre!!

NATALINO: Beh… se vai giu ‘u pollaru è pieno!!! Ce servia che te ‘ncravattassi!!??

MICHELE:  ‘E pollastre che cerco io Natalì, so’ speciali!!…

MATALINO: (fra se) Ma che sta a di’?… Booh!! Poi dicono de me, che so’ strano!!! ‘Ntantu io c’ho la nomina e l’andri fanno i fatti!! (forte) Oh zi, ‘sto a legge un libro…, se sapessi??!!!!

MICHELE:  Ah… sì… bravo Natalino!! Fai bene a fatte ‘na curdura!! E che libro stai a legge… fa ‘npo’ vedè?? (prende il libro e legge il titolo) “Sospiri d’amore”… Ah… dev’ esse  bellu! Eh Natalì!?! (rende il libro a Natalino, nel frattempo rientra Lisetta che , non vista, si mette ad ascoltare con un coltello in mano)

NATALINO: E’ bellu si!! però ‘gni tantu c’è che cosa che nun capisco!!  Tu che te n’intenni, me devi spiegà bene come stanno ‘e cose, perché mamma nun me da ascordo!! e papà dice che nun ce capisce gnente come me!!.. pre esempio, no, che vor dì… (va a cercare sul libro la frase,)

LISETTA:  (avvicinandosi) Natalì… falla finita e lassa perde tu’ ziu!! Cammina va a fa quello che t’ho detto che quanno arveni su, magni!!

NATALINO: (sbottando) Ecco a me nun me da ascordo mai nessuno, devo sempre sta zittu!!

MICHELE:  Natalì io mo'  ci ho ‘n po’ de prescia, però te prometto che quanno ci ho ‘n po’ de tempo  te spiego tutto!! Va bene!?

NATALINO: Oh zì ma… tutto… tutto?!?

MICHELE:  Certo!! Sta tranquillo!! (Natalino esce) - (a Lisetta) Lisè è pronta ‘a colazione???… io c’ho ‘n po’ de prescia e nun posso aspettà!!

LISETTA:  (con ironia) Il signor conte ha fretta??… e  stanotte come ha dormito !??

MICHELE:  Bene… io dormo sempre bene!!

LISETTA:  Per forza, ‘n ci hai ‘n cavolu da pensà!!… Comunque ‘a colazione è già stata servita da ‘n pezzo, quindi, se ha premura, può anche annà via!!… E nun me sta a rompe!!… hai capitu!??!

MICHELE:  Cognà… me sa che tu ‘nvece stanotte hai dormitu scomoda…, che t’è ‘nnato pe’ traverso che cosa?! E’ ‘n po’ de tempo che co’me c’hai ‘na grazia!!!… (Lisetta va in cucina) Comunque… se nun c’è de mejo.. pe’ colazione me basta anche ‘n goccio de caffè jaccio!! (si siede, aspettando che Lisetta lo serva) Ah… e poi te voleo dì, se pe’ domenica sera potei preparà che cosa de bono pe’ cena!!… ‘E bistecche le porto io… che te nun le compri de sicuro!!

LISETTA:  (da dietro) Perché quello che te preparo io nun te piace… nun te va bene!!… il signore nun è soddisfatto!??

MICHELE:  Noo, voleo di che… siccome domenica sera ho ‘nvitato a cena ‘na bardascia…

LISETTA:  (arrivando con una tazzina sulle mani) ‘N’andra de le solite, no??! 

MICHELE:  Ma che solite… è ‘na brava bardascia!!

LISETTA:  Eee… come no, le conosco ‘e brave bardasce che frequenti tu!! So’ tutte casa e Chiesa e marciapiede!!! Questa senza meno verrà da ‘llu conventu che sta verso  Somma!!

MICHELE:  (prendendo il caffè) Ma possibile che tu pensi sempre male de me!! Se te dico ch’è ‘na brava bardascia, è cusì!!

LISETTA:  Comunque ‘a musica nun cambia!.. io certe femmine qui casa mia nun ce le vojo!! Hai capitu??!

MICHELE:  (alzandosi) Guarda che fino a prova contraria, questa è anche casa mia!!

LISETTA:  E de tu fratello!! Ma se tu vòi fa quello che te pare, perché nun te compri casa pe’ conto tuo e te ne vai?! Cusì ce pòi portà tutte ‘e puttane che te pare!!

MICHELE:  A me ‘n’andra casa nun me serve… ‘sto tanto bene qui!! E poi, finchè me funziona ‘a zucca, io nun me sposerò mai!! (si alza)

LISETTA:  Guarda bello, che io ho pijatu ‘n maritu solu, no due!!

MICHELE:  E chi t’ha dettu gnente… che so’ venuto quarche vorda  a lettu co’ te!!

LISETTA:  Ih… che te pijasse ‘n corbu!!! Ce mancherebbe solu questo!!! Io me so’ stufata… me so’  proprio rotta… hai capitu!??! (prende la tazzina e ritorna in cucina)

MICHELE:  Beh… se te sei rotta… fatte accomodà!! (si sistema davanti allo specchio, canticchiando)

LISETTA:  (riesce risentita) Ma senti quant’è spiritoso stamattina!!! Eeeh  te, caro cognato, sì bbono solu a fa tre cose: ‘u spiritosu, ‘u puttaniere e ‘u sfaticatu!!

MICHELE:  Sfaticatu nun me lo pòi dì!!  Che te sì scordata che io lavoro giù ‘u stabilimento!!

LISETTA:  Se c’ei voja de lavorà, ‘gni tantu dei ‘na mano giu ‘u campu a tu’ fratellu??!

MICHELE:  Me pare che essu nun ce venuto mai a aiutamme li ‘u stabilimentu??

LISETTA:  Ma va ‘a morì ammazzato te, e chi te manna sciordu!!! Comunque se ancora nun l’hai capita, io me so’ stufata de fatte ‘a serva!

MICHELE:  Macché serva… me pare che bona parte de ‘u stipendiu mio ve  lo pappate voi!! O me sbajo??!

LISETTA:  Fresca, quanti so’!!! e po’ oggi è ‘u 15 del mese, e ‘a parte tua ‘ncora nun l‘ho vista!!!

MICHELE:  Ahooo… che me stai a tirà pe’ ‘a giacchetta!??

LISETTA:  Io, quann’è ‘u primo de ‘u mese, i sòrdi li vojo!!! Hai capitu?!?

MICHELE:  E che ce devi annà a comprà ‘u pane!?!… A parte che dentro sta casa se magna altro che quello, ‘u companaticu nun esiste!… se vojo magnà ‘na bistecca o ‘n pollastro me tocca annà ‘n trattoria!!

LISETTA:  ‘Mbe… e vacce!… e chi te lo ‘mpedisce!! Io a casa mia c’ho le mie abitudini…

MICHELE:  Le conosco io quale so’ l’abitudini tue… soprattutto una, l’avarizia!!!

LISETTA:  Io, sor cojone, me so’ amministrà!!…

MICHELE:  Come no… facenno magnà tutto l’anno a noi ‘a panzanella e l’acqua cotta! Ma nun te sì accorta che tu marito va perdenno ‘e bannelle e tu’ fijiu sta seccu come ‘n chiodu! ‘E bestie che c’hai giù ‘u pollaru, faccele magnà, ‘nvece de portalle a venne!! Nun pensà solo a ‘ngrassà ‘u conto che c’hai ‘n Banca!!

LISETTA:  Te pensa a l’affaracci tua… che ai mii, ce penso io!!!

3° SCENA (Michele, lisetta, albina, Poi Federico e Natalino)

ALBINA:   (da fuori) Lisè… Lisetta… ce stai?… posso entrà ??!

LISETTA : Entra, entra Albì !!

ALBINA:   (entrando) Lisè scusame tanto, me potresti ‘mprestà ‘na coppia d’ova??! Voleo fa ‘na sfoja de pasta e me so’ accorta che so armasta senza!! (accorgendosi della presenza di Michele) Oh, bon giorno Michè…!! (Lisetta esce in cucina)

MICHELE:  Salve Albì, stemo tanto vicini, e nun ce vedemo mai! Beh, come te la passi?

ALBINA:   Beh… potrebbe annà mejo! Però nun me lamento!… Certo che se ancora c’eo ‘u poro mi’ marito, era mejo…!! Eee ‘a vita purtroppo… è fatta cusì!!

LISETTA:  (rientrando) Albì, me dispiace tantu, ma l’ova nun te le posso dà… che nun ce l’ho più manco pe’ me!! L’ha portate ieri a ‘u mercato Federicu!!

(entra Natalino con un secchio e Federico con della verdura in mano, Federico va direttamente in cucina)

NATALINO: Oh mà… è prontu ‘u pane co’ ‘o cacio?? Io ci ho fame!!

LISETTA:  Si, si è pronto… sta de ‘lla s’u tavolinu!! (prendendo il secchio) Ma che ci sta dentro stu secchiu?? (Natalino e Federico vanno in cucina) Ah, Albì, ecco l’ovi… so’ quattro, ne facemo due per uno!! Ecco tiè!!, e po’ ‘spetta, mo' che ci stai, te do anche du’ foje de ‘nsalata!

ALBINA:   Ma… nun te devi ‘ncomodà Lisè!! (Lisetta da due uova ad Albina e va in in cucina)

MICHELE:  Allora… ce vedemo gente… io me ne vado! C’arvedemo stasera a cena!! (fa per uscire)

FEDERICO: (uscendo dalla cucina) Aspetta Michè… nun te n’annà che t’ho da fa vede ‘na cosa!!! (prende dal cassetto una lettera e la porge a Michele) Ma che oggi nun lavori?  (Rientra Lisetta con l’insalatache e si mette a sceglierla sul tavolo, Albina si avvicina)

MICHELE:  ‘Ncomincio ‘u turno de notte domani, oggi faccio festa!!

FEDERICO: Allora me potresti aiutà a carreggià ‘u fieno su ‘u campo??

MICHELE:  Ma mbè… ci steo proprio a pensà!!! A me ‘u lavoro che faccio me basta e m’avanza!!

FEDERICO: Eh.. guastate, quanto sì de core!!… Sì come ‘na scorza de cerqua!! (Porgendo la lettera) Leggi… c’ha scrittu ziu!

MICHELE:  Ma ziu… chi?

FEDERICO: Zi’ Nicola… quello che sta in America.. leggi! (Michele si mette a leggere la lettera)

ALBINA:   (prendendo l’insalata che Lisetta gli porge) Lisè ma nun te dovevi ‘ncomoda!!.. Va be’… in qualche me sdebiterò!! (si avvia all’uscita ed esce)

LISETTA:  Quanno te pare Albì… nun te preoccupà!!

FEDERICO: Ma quella giù casa sua, nun c’ha caolo da fa’, che sta sempre qui tra i piedi!! ‘Gni tantu je se scioje che cosa!! (Rientra Natalino mangiando)

LISETTA:  Ma che te ‘mpiccia!??… quanto si’ orso!!!… Poretta sta sempre sola, e se vene ‘gni tantu a fa du’ jacchiere, nun credo che te porta via che cosa!!?

4° SCENA (Michele, Natalino, federico e lisetta)

MICHELE:  (che nel frattempo ha finito di leggere) A Federì, ma che ziu venne tutto li in America e arvene a sta qui?? Ho capitu bene??

FEDERICO: Eeee… pare de si!!

MICHELE:  Ma stu zi’ Nicola, se nun me sbaio, nun è quello che c’ha un mucchio de sòrdi?

FEDERICO: Si, si!! Te nun l’hai conosciuto, che c’ei ‘n par d’anni quanno che essu  è partito! E’ annato in America, che c’ea appena 18 anni, ‘a rota j’ha giratu subitu bene! Ha ‘ncominciato a fa ‘u coco a Nova Jorke, poi ha aperto ‘na pizzeria, poi ‘n ristorante e mo'… dovrebbe avecce anche ‘n par de alberghi!!

MICHELE:  Ah… me dici gnente!! E se se venne tutto arcapezza ‘na barca de sòrdi!! Ma… nun è ‘sto ziu che nun c’ha né moje né fiji!??!

FEDERICO: E già!!

MICHELE:  E allora… tutti sti sòrdi a chi li lascia??!

LISETTA:  Se nun li lascia ai preti… i parenti più stretti semo noi!!

FEDERICO: E po’ hai letto? La lettera l’ha scritta ‘u 5 de ‘u mese, oggi è 15…, dunque, se è partito subito, dovrebbe arrivà a giorni!!

 

NATALINO: (che in tutta questa scena è stato ad ascoltare)  Chi  arrivà, papà, qui casa nostra??

FEDERICO: Natalì!! arriva zi’ Nicola dall’America!!… e…

NATALINO: Chi sa papà, se ziu porta che libru, ‘ndo’ se dice che so’ ‘e grazie de ‘e femmine!!

FEDERICO: Natalì, …. a propositu, n’hai vistu per caso ‘llu libro che stea sopra ‘u bigonzu giù a cantina??

NATALINO: Io??…. io… io  no!!! (continua a mangiare)

MICHELE:  Federì… ma allora co’ tutti sti sòrdi de ziu, ce se pò fa anche ‘n pensierino, visto che se vole vinì a sta qui co’ noi?!?

LISETTA:  E certo!… se ce sapemo fa, e lo sapemo pijà pe’ ‘u verso giusto!!

MICHELE:  In che sensu??

LISETTA:  Vojo dì…, io penso… che se tu te sposassi, pre esempio, ziu sarebbe più contentu…!! (guarda Federico)

MICHELE:  Questo ‘o dici tu!!… sa quanto je ne frega a esso!!  Ma senti ‘npo’ Federì, ma perché ziu nun s’è sposatu, visto che i sòrdi nun je mancano!!

FEDERICO: Ma nun te lo ricordi?… eppure n’eamo parlato?

NATALINO: Ma che sì tontu zi??… nun te ricordi?…

MICHELE:  Boooh… nun me lo ricordo pe’ gnente!!

FEDERICO: Zi’ Nicola, Michè, nun s’è mai sposatu… perché… perché  quann’era pottu… c’ea si e no 3, 4 anni…, ‘n giorno d’estate mentre che stea a giocà co’ ‘n cane sottu ‘u pajaru… chissà come fu…, capace che manco i carzoni portava, stu cane ji dette ‘n mozzicu… li!!… e te saluto scuffia!!

MICHELE:  Li…. dove!!

NATALINO: Oh… zi!!….  su i cojoni!!…

LISETTA:  Natalì, te la vòi piantà, ma che so’ stamattina tutti sti sfonnoni!!! Cammina va giu de sotto a giocà co’ Luigino!!

NATALINO: E beh.. te parea!! Tutti co’ me se la pijano!! Io nun ce vado giù fori, vado lì a camera a legge ‘u libro!! (esce in camera)

MICHELE:  Ma ‘nsomma se po’ sapè che jìè successo a stu ziu??

LISETTA:  Nun hai ‘nteso che ha dettu Natalino!??… Che se era successo a te… a femmine nun ce ‘nnavi più de sicuro!!

 

MICHELE:  (coprendosi) Porca mignotta!! Ah, mo' capisco perché nun s’è mai sposato!!

FEDERICO: E certo … che j’arcontava a ‘e femmine… ‘e scantafavole?? Quann’era bardascettu je diceano “‘u cappone”!!! Cusì, stufo d’esse canzonatu, a 18 anni è partitu pe’ l’America e nun s’arvistu più!

MICHELE:  E mo' vedemo ‘sto ziu quanno vène si che tipo è e come la pensa!!  (guardando l’orologio) Madonna quant’è tardi!!! Famme ‘nnà via!! (sulla porta) Lisè… n’andra vòrda che me stiri i carzoni, stacce più attenta, che ‘a riga la vojo dritta!! (esce di corsa)

5° SCENA (Lisetta,federico e natalino)

LISETTA:  Senti Federì, eh!… io nun ne posso più de tu’ fratello!!… me so’ stufata de faje ‘a serva!! Per quella miseria al mese che ce da, se crede de nun avecce più obblighi co’ noi!!! Te je dovresti di che cosa, e oltretutto è anche strafottente, l’hai ‘nteso, no!! (esce ed entra ripetutamente dalla cucina)

FEDERICO: No, no c’hai ragione…. Ma mica lo posso caccià via da casa!… casa è anche ‘a sua!! 

LISETTA:  Ma lo sai, io ‘nvece che penso… che l’eredità de tu’ ziu è ‘na bella occasione pe’ convince Michele a sposasse e annassene da casa!

FEDERICO: Ma che stai dicenno!!

LISETTA: Perché… basta pre esempio che ziu je dice: “Michè li vòi ‘i sòrdi??… pija moje prima!”

FEDERICO: Bah…. sa a ziu quanto je ne frega se Michele se sposa o no!!

LISETTA:  Tu’ ziu fallo venì qui, e po’ ce penso io a convincelo! Federì, capace che è arrivatu ‘u momentu bono de caccià via Michele da casa e de rimedià che centinaru de mijoni!!!

FEDERICO: Hai ‘nteso subbito l’odore de i sòrdi, nooo??!

LISETTA:  Mica so’ come te, che quanto se tratta de affari, sì sempre arifreddatu!! Poco fa, steo a fa ‘npo’ de conti, e guarda ‘’npo’ (mostra il foglio) La luce, l’ICI, ‘u contu de ‘u vetrinaio, l’assicurazione de ‘u trattore, ‘o sfarrato pe’ i porchetti… ecco so’ più de ottocentomila lire che so’ volate via!! Qui nun se va più avanti!!…, se nun ci stai ‘mpo’ attente, ‘lli du’ sòrdi che c’emo in Banca facemo presto a giocacceli!!!

FEDERICO: E tu 450 milioni li chiami “du’ sòrdi”??!

LISETTA:  Fregate quanti so’!! Se nun fosse io che sminestro, da mo' che eravamo ‘nnati a gamme all’ aria!!

FEDERICO: Oh… senti eh!… de me nun te pòi lamentà!! Io nun sciupo ‘na lira, ‘llu pocu che magno e basta!!

LISETTA:  Come no… mo' vai pure compranno i libri!!!

FEDERICO: Tu basta che pensi a saccoccia!!…  i sòrdi, cara Lisetta, se nun li spenni e come se nun ce l’essi!! E poi ‘llu libro che tu dici se l’è lasciatu qui ‘u fiju de Rosetta, l’amico de Natalinu!!

LISETTA:  Sarà cusì, comunque a me certi libri nun me piace che girano pe’ casa!!

FEDERICO: Perché te sì armasta all’antica… nun lo sai che mo' ci sta l’educazione sissuale??

LISETTA:  Pe’ carità, Federì, nun toccamo ‘sto tasto, sa!! Che tu da mo' che dovei annà a ripetizioni!! ‘A teoria la saprai pure… ma come pratica sì armasto parecchio addietro!!!

FEDERICO: A propositu de spese… nun te pare che sarebbe ora che ce comprassimo ‘a televisione…!! Oh, ce l’hanno tutti, ce semo armasti solo noi!!

LISETTA:  ‘A televisione… e che ce fai! Te vòi rovinà ‘u stomicu co’ ‘e brutte notizie??!!

FEDERICO: De ‘u telefonu pu’, manco a pensacce… no, Lisè!!

LISETTA:  ‘U telefonu!?? Sta grossa azienda che c’hai da dirige… te ce vole ‘u telefono!! Ma famme ‘u piacere!… So’ sòrdi buttati via!!

FEDERICO: Ma se devo parlà co’ ‘u vitrinaio, co’ poche lire me la scappo!! Se pijo ‘a macchina nun spenno de più??! Ah… a proposito de vetrinaiu, l’andro giorno m’ea fatto ‘na ricetta e nun riesco più a trovalla!! Chissà do’ l’ho messa!??

LISETTA:  E perché pe’ annà da ‘u vitrinaio devi pijà ‘a macchina!?? Ce se po’ annà anche a piedi, so appena 5 chilometri de strada?!! E poi camminà fa bane a la salute!!

FEDERICO: (riesentito) E magari ce vado pure scarzu… cusì risparmiamo pure ‘e scarpe?!?!… Guastete quanto sì tirchia… se te vene bene manco magni, pe’ nun sprecà ‘a carta igenica…!!!

LISETTA:  Villano e cafone….!!! Io ‘sto cercanno de mannà avanti ‘a baracca mejo possibile, e tu me tratti cusì!!!  Famme ‘nnà a preparà che cosa pe’ pranzo…va!  mejo che sta a discute co’ te! Ah… senti ‘npo’ Federì, mo' che c’arpenzo, stamattina ho vistu ‘a biocca per terra e ‘a canestra vòta… che l’ova je l’hai levate tu???

FEDERICO: Domannalo a ‘llu ‘ntronatu de tu’ fijo!! L’ha scocciate tutte esso!!

LISETTA:  (va verso la camera ad alta voce) Natalino…, Natalì!!

NATALINO: (da dentro) Oooh… ma che vòi ci ho da fa adesso!!

LISETTA:  Scappa ‘n po’ fòri che te devo parlà!!

NATALINO: (affacciandosi sulla porta) Che rottura… mà, ma che vòi??!

LISETTA:  Natalì perché hai scocciato tutte l’ova de ‘a biocca??…

NATALINO: Voleo vedè se dentro ci stea ‘u purgino!… oh… mà, n’essi travato uno!! (va a mettersi seduto con il libro sulle mani)

LISETTA:  Che te se scocciasse ‘na mano!!  E certo, erano poco più de 5 giorni che coava… ne volei pochi de purgini!??!… io te japperebbe e te farebbe ‘na faccia cusì!!!

FEDERICO: Eeee… e che sarà mai… pe’ du’ ova!!! Stu bardascio dovrà pure fa esperienza, no Natalì!!  Arpij ‘n’antra decina d’ovi e l’armetti sotto ‘a biocca!!

LISETTA:  Do’ li pijo se nun so’ più boni!!!

FEDERICO: Come sarebbe che nun so’ più boni??…

LISETTA:  Che te sì scordato che ‘na settimana fa ‘u cane c’ha ammazzatu ‘u gallo!??

FEDERICO: E ‘mbe?… ha ammazzatu ‘u gallu, mica ‘a biocca!!

LISETTA:  Allora, omo de esperienza… mo'  a durmì co’ è galline ce vai tu??? … Ce pensi tu a ringallale, eh?

FEDERICO: ‘Mbe’ anche volenno…. nun credo de esse capace?!!

LISETTA:  E beh, che nun ce lo so…. nun abbasti a casa tua, figurate giù ‘u pollaru!!

FEDERICO: Che vorresti dì…  me pare che io ‘u dovere mio lo faccio….

LISETTA:  Nun è che te sforzi tantu… come gallu, nun te pòi certu vantà d’avecce ‘na bella cresta!! Eeee.. io perché certi istinti li so’ frenà…!! sennò caru maritu da mo' che eri passatu pe’ cornetu!!

FEDERICO: Senti Lisè… falla finita, eh!! Io penso che se l’ovi, ‘nvece de venneli o metteli sotto ‘e biocche, le facei magnà a noi a postu de ‘a panzanella e dell’acqua cotta, sti problemi, po’ esse che nun c’erano!!

NATALINO: (che nel frattempo era sta a sentir tutto, facendo finta di leggere) Oh… mà!.. ma che è ‘sto Cornetu??

LISETTA:  E’ ‘n paese do’ ci stanno parecchie corna!!

NATALINO: Allora se ci stanno tante corna, ci stanno anche tante vacche!!

 LISETTA: Eeee… vacche, porci, troje…

NATALINO: Oh, mà…. ma ‘i porci e le troje mica c’hanno ‘e corna!!!

LISETTA:  No… no, però le fanno spuntà!!

FEDERICO: Lisè famme ‘n piacere, falla finita co’ ste stupidaggini e veneme a dà ‘na mano giu ‘a cantina!! Senti, Natalì, noi ‘nnamo de sotto a ‘mbuttijà ‘u vino, se vène Terziliu, chiamame… hai capitu!! ‘Nnamo Lisè!!

LISETTA:  Natalì, nun combinassi casini, me raccomanno, eh!!! Leggi e sta bono!! (escono)

6° SCENA (natalino e terenzio)

NATALINO: (si mette a leggere il libro, ma sfogliando trova un foglio) E questo che è?…. vòi vedè che è de papà…, annisconne sempre a roba in mezzu ai libri!! (legge)  dr… DR… chissà che vor dì!!. Mazza... le.. pri!! Coo… stan… tino… aah!… ho capitu, dovrebbe esse ‘u vetrinaio!!…. ‘u medico de ‘e bestie… Ve… te.. ri..na.. rio ! Eccu infatti!! Questa dovrebbe esse ‘na ricetta, chissà che so’ tutti sti scarabocchi… boh!! Chi ce capisce gnente!! (fa per rimettere via il foglio, lo gira e…) Ah… questa è la scrittura de papà… dovrebbe esse ‘a traduzione…(legge) Cri…sta… ru, virgola, quanno ‘u parcu va stadicu! (pausa) mm… dovrebbe esse “Cristeru quanno ‘u porcu va stitico” Ce vole, du’ punti:  du la..dri,!! che c’entrano i ladri!! Ah, no du lidri de acqua colla.. calla, ma nun ta..nto!! Ah be’ ce credo!!!  E po’ ‘na pizzata… pizzicata de capo..milla, ‘na brancatella de milva, (ride) Si e po’  ‘na cucchiarata de Mina e du’ baca de Celentanu!!! Ma ch’ha scrittu papà?? Sarà ‘na brancatella de marva!??! (legge) mmm… 5 cucchiari de ajo… Ajio??? de… ojio. Pe’ stu lavoru ce vojiono 4 per..s..iane… (ride ancora) si… e du’ finestre!!… me sa che volea dì persone!! Due reggiono ‘u porcu fermo…. uno regge ‘u bitellu… ‘u bidellu??? Ah no ‘u butellu… uno l’imputo e uno butta l’aqua  pe’ fortuna s’è fermatu qui… senno ce volea ‘n riggimento!!  Oh… papà è scrupoloso, dei cristiani nun je ne frega gnente,… ma quanno se tratta de ‘e bestie, lascialu sta!! (va in cucina e poco dopo ne esce con un barattolo di marmellata su una mano e sull’altra un coltello abbasstanza lungo che lecca insistentemente) Bona ‘a marmellata ch’ha fattu mamma, essa l’ha niscosta dietro la pigna dei facioli, ma io l’ho trovata… mica so’ stupito io!! (rientra in cucina quando si sente chiamare da fuori )

TERENZIO: (un uomo ben vestito, con due valigi in mano) E’ permesso…!! Si può… E’ permesso!!

NATALINO: (da dentro la cucina) Terzì entra…. ‘a porta è aperta!! (esce dalla cucina sempre con un coltello in mano e con la bocca vistosamente sporca) Entra… entra… t’ho detto d’entra…!! (lo guarda sorpreso) Ah… me parea ch’eri Tirziliu!!…

TERENZIO: No… forse si è sbagliato… (avvicinandosi per dargli la mano) Io sono…

NATALINO: (continuando a leccare) Nu ce serve dacce ‘a mano… io già lo so chi sei!!!

TERENZIO: (sorpreso) Ma se è la prima volta che vengo qui… e non conosco nessuno…, come fa… legge nel pensiero!??

NATALINO: Tu ce leggerai su i pensieri!!…, io leggio su i libri!!! Per chi m’hai pijatu!! Che me vòi fa ‘ncazzà, eh??!! (muove il coltello in modo minaccioso)

TERENZIO: No… no nun serve ‘ncazzasse…!!  volevo solo dire, che io sono… (fa per ridargli la mano)

NATALINO: Arfacce… lo so!! Te piuttosto lo sai chi so’ io??!! ‘Mpo’ se ci azzecchi??!

TERENZIO: E come… faccio!! T’ho detto che qui non conosco nessuno!!

NATALINO: Va be’, pe’ stavorda te lo dico io!… Io so’ Natalino Strappafora… ‘u fijo de mi’ padre e mi’ madre!!

TERENZIO: (ridendo) Beh… ma questo lo sapevo…

NATALINO: (mostrando di nuovo il coltello) Ma… allora me stai a pijà ‘n giru!! Ma come prima hai detto che nun conoscevi nissuno, e mo' ‘nvece…!!

TERENZIO: Ma no… io intendevo dì che…

NATALINO: (cambiando tono) Allora zi…. come è jito ‘u viaggio!! Che sì vinuto co’ l’aroplano??

TERENZIO: (ridendo) Ma no che dici… so’ venutu con la macchina mia, ma….

NATALINO: Come… !!!  sì vinuto dall’America co’ ‘a macchina!!??

TERENZIO: Ma quale America!! io… vengo da Casteltodino…!!

NATALINO: Oh… ma allora stamattina tu me vòi fa ‘ncazzà!! (alza di nuovo la cucchiara)  Oh, zi… guarda che io nun so’ ‘ntronatu come quarcuno dice!!… io ce ragiono co’ ‘a capoccia!!??… me l’ha dettu anche papà!!… Io lo so chi sei tu… tu sì zi’ Nicola… l’americano!!  Quello che c’ha ‘n mucchio de sòrdi, de  ristoranti, de alberghi, de pizzerie… e po’ ‘nvece nun c’ha i…

TERENZIO: (sempre più sorpreso) Ma quali alberghi e ristoranti… io faccio… io vendo… (rendendosi conto con chi ha a che fare) Ma che te lo dico a fa… tanto noi parliamo due lingue diverse, e…

NATALINO: Pe’ forza…. tu parli americanu!!!

TERENZIO: (tra se) Arfacce…!! Dimme ‘n po’ giovanottu, stai solu?? Io volevo parlare co’… co’ qualcuno che… insomma, mamma o papà non ci stanno?

NATALINO: Si… si!! Stanno giu ‘a cantina a ‘commatte co’ ‘u vinu!!

TERENZIO: Ah, beh!! semo tutti!!… Senti li potresti chiamà ‘n attimo, se non disturbo, altrimenti ricapito un altro giornu!!

NATALINO: No, no li chiamo subito!! (fa per uscire poi si ritorna) Oh… zì… ma dall’ America l’hai portato ‘che libro do’ parla de’ ‘e grazie de ‘e femmine!??

TERENZIO: (imbarazzato) Che…!!  Ma scusa… perché continui a chiamamme  zio??

NATALINO: Perché te sì zì Nicola… ‘u ziu d’America!!!

TERENZIO: Ma quale zio d’America!! Io sono Terenzio Cipolloni!!! ‘sto zio che tu dici nemmeno lo conosco… su, su, per favore chiamami mamma, che…

NATALINO: (minaccia di nuovo con il coltello) Oh… ma allora me vòi fa ‘ncazzà perdero…! Ma sì vinuto qui pe’ sta co’ noi, o sì vinuto qui a fa ‘u stronzu!! Guarda che sì cascatu male, co’ me!!

TERENZIO: (impressionato) No… no… io… forse che… io me so’ spiegato male!  Se te fa piacere, chiameme zio… zì Nicola.. !!!

NATALINO: Allora tu sei zì Nicola??!

TERENZIO: Si, si… io so’ zio Nicola, certo…

NATALINO: E ce volea tantu?!?  Che nun te volei fa arconosce??

TERENZIO: Ma no… scherzavo!!… Sei così simpatico!!

NATALINO: Davero zì!?!  Perché l’andri me chiamano in andru modu, dicono tutti che so’ ‘ntronato!! Secondo te zi… po’ esse??

TERENZIO: Eeeeh… ma che dici Natalì… stai a da retta a quello che dice a gente!!??… allora la chiami mamma, eh??

NATALINO: Certu… però te nun te n’annassi, eh!! (esce e da fuori forte) Mamma, papà… è arrivatu zi’ Nicola..!!

TERENZIO: (asciugandosi il sudore) Ma oggi do’ cavolo so’ capitatu!??  Se anche i genitori so’ come ‘u fijo!? E po’ mo' saranno pure ‘mbriachi!! Poretto me…!! Ero venuto pe’ vedè se je poteo appioppà che cosa… però me sa che nun è aria!! Ma guarda in che casinu me so’ ficcatu!! Io me sa che me ne rivado!!… (fa per uscire, quando entrano Lisetta, Federico e Natalino; Federico ha in mano una bottiglia di vino)

7° SCENA (terenzio, lisetta, federico e natalino)

FEDERICO: Oh zì!! Che te possino… come stai!! dopo tantu tempo…!! (lo abbraccia)

TERENZIO: (impacciato) Bene… e tu??

FEDERICO: Eh… ringraziamo ‘n po’ Dio!!! Questa è Lisetta, mi’ moje!!

LISETTA:  (baciandolo) So’ proprio contenta de vedette zì!! Questo è Natalinu, ‘u fijo nostru!

TERENZIO: Si… si, già ce semo conosciuti… vero Natalì!! Però io ve volevo dì… che… (guarda Natalino che ancora porta sulle mani il coltello)

LISETTA:  Oh zì… ma mettite a sedè… ‘u viaggiu sarà stato lungo… sarai stracco, no? Voi magnà  che cosa!??

TERENZIO: No… no!! Grazie… ma nun c’ho fame!! Magari ‘n goccetto de vino!!

LISETTA:  Beh… certo, quello nun ce manca!! ‘Spetta che pijo ‘n bicchiere pulito! (esce in cucina)

FEDERCO:  Porca puttana zì, quantu tempu è passatu!! Sì partitu ch’eri ‘n bardascio e mo' ‘nvece, eh!?? Te ricordi, zi!! Io ero  ‘n bardascettu, però me te ricordo bene!!

TERENZIO: Eeeeh… anch’io me lo ricordo!!??

LISETTA:  (rientrando) Ma co’ che sì venuto, zì…!! la macchina che sta de sotto è ‘a tua?? (versa da bere)

TERENZIO: E certo!!… e de chi deve esse!!

LISETTA:  Agguastate, appena che sì arrivato, te sì comprata ‘na macchina!! Beato te, zì, che te lo pòi permette!! (versando da bere) Eee… quanti giorni te fermi??

TERENZIO: (guardando Natalino) Beh… nun lo so… dipende…

FEDERICO: Natalì, moite porta ‘mpo’ le valige de ziu ‘n camera!! (Natalino si muove per farlo)

TERENZIO: No… no!… ‘spetta! Prima ve vojo fa vedè quello che v’ho portato!!

NATALINO: Che c’hai portatu, zì!!??….

TERENZIO: Beh… dicemo… come se po’ dì!!  Ecco, un regaletto!

LISETTA:  Oh, zì…. Ma nun te dovei ‘ncomodà!! Nun servia… !!

TERENZIO :    Ma quale incomodo… Figuramoce… per me, è… come se fosse… (apre la valigia)

NATALINO: Che c’hai portato zì… che cosa che se magna!!

TERENZIO: (tira fuori un pajo di pantaloni) Allora che ve na pare?? Senti, senti… (li da in mano a Federico) Senti che tessuto… è pura lana…  è tessuto americano, eh!!

FEDERICO: Bello per dèro!!!

LISETTA:  (toccando anche essa) E si.. se sente che è roba bona!!… Oh, l’americani nun li frega nessuno, so ‘nnati pure su ‘a luna!!

NATALINO: Te zì ce sì ‘nnato mai su ‘a luna??!!

TERENZIO: (sarcastico) Come no…. ‘n pajo de vorde!!

NATALINO :    E come so’ ‘e femmine lassù !! Come so’ zì!??

TERENZIO: Uuuh… lunatiche, come qui da noi!!

LISETTA:  Natalì… e lassa ‘n pace ziu!! Possibile che devi sta sempre a pensà lì!! Ma dentro ste valige, c’hai tutta roba pe’ noi, zì ??

TERENZIO: (aprendo l’altra valigia e tirando fuori una giacca da donna) Che ne pensi…  de ‘sto taielleur… te piace??

LISETTA:  (guardandolo attentamente) Madonna… quant’è bello, zì!!

TERENZIO: Nun ve preoccupate de le misure… giù ‘a macchina c’ho altre taje!!

FEDERICO: Tutta sta robba te si portato appresso?? Mancu se c’essi ‘na bottega!!

LISETTA:  Che pensiero gentile che c’hai avuto!! Va be’ che sì americanu… ma nun te dovevi disturbà cusì!!… Mo' nojaltri come ce sdebitamo!!  

NATALINO: Oh, zi ma a me nun m’hai portatu gnente?? (cerca di guardare nelle valige, ma Terenzio glielo impedisce)

TERENZIO: Come no!! dopo te lo faccio vede!!.. (guardandoli soddisfatti) Allora ve piace??

LISETTA:  Se ce piace… mai visto ‘n vestito cusì bello!! Federì, hai visto si che sorpresa c’ha fatto ziu??!!

TERENZIO: Ma questo che è!! La sorpresa arriva quanno ve dico ‘u prezzu!! Lo sapete quantu ve la metto tutta sta roba?… V’avevo detto ch’era ‘n regalu…!?? e ‘n regalu ve faccio!… Tutta sta roba… mezzu milione tonnu.. tonnu!!

FEDERICO: (guardando sorpreso Lisetta) Come hai dettu zì…!! Mezzu milione tonnu???

TERENZIO: Perché ve sa caru !??

FEDERICO: Oh, zì!!… se qui c’è che cosa de tonnu… quello so’ proprio io!!! Te ci hai capitu gnente Lisè… perché io…

LISETTA:  Veramente manco io….

TERENZIO: Ho capitu va!!… Oggi vojo esse de manica larga… facemo 450.000 lire e nun se ne parla più!!! A stu prezzo nun je posso levà manco ‘na lira…

LISETTA:  Scusame tantu, zì…. Ma stu momentu ‘sto ‘mpo’ fori de brocca…!!! Ma pocu fa nun c’ei detto ch’era ‘n regalu??!

TERENZIO: A ‘sto prezzu, è più che ‘n regalu!! Se annate giù i negozi lo sapete quant’è ‘u prezzu??? Eccolo… (mostra le cinque dita, più il pollice della sinistra)

LISETTA:  Beh… veramente adesso… ‘n questo momentu nun ce potemo permette certe spese!! Sa… zì, emo comprato ‘a motozappa nova… ‘n pajo de carrettoni de stabbio de pecora pe’ i piantoni… ‘u verderame pe ‘e viti..

FEDERICO: C’è morta ‘a troja de marrossinu… e so’ annate a monte du’ fijate!!

LISETTA:  E po’ i panni ce li semo comprati novi cinque anni fa, quanno ch’ ha sposato ‘u nipote de Federico…

FEDERICO: Si, si… ‘u fijo de Furmicone… te ‘u ricordi zi??

TERENZIO: Veramente… io…

NATALINO: Oh, zì, ma su ‘a luna ce sì ‘nnato co’ l’aroplano?

TERENZIO: Ma che sì paciu…!! (temendo la reazione di Natalino) No… no… soffro anche de vertigini…

LISETTA:  Natalì, lassa sta ziu, che sarà pure stracco!! perché nun vai giu de fori a vedè se c’è Luigino!!

NATALINO: Va bene… però zì nun annà via che t’ho da domannà ‘na cosa dopo…., capitu!?? (esce)

8° SCENA (terenzio, lisetta, federico e per poco albina)

TERENZIO: (seguendo Natalino per accertarsi che è uscito) Menu male… nun je la faceo più a tenemme ‘sto rospu su ‘u stomico!!

FEDERICO: Che nun te senti bene zì??!

TERENZIO: No, no!! ‘sto benone, è che… me dispiace de deludeve, ma… io… io… nun so’… ziu Nicola!!

LISETTA:  Nun sei zi’ Nicola???

FEDERICO: Eeee… eee… allora chi sei???

TERENZIO: Io so’ Terenzio Cipolloni e so’ de Casteltodino!!! E…. come ete potuto capì faccio ‘u venditore ambulante… insomma vado venneno i vestiti pe’ ‘e case!!!

LISETTA:  Ma… ma… allora perché nun ce l’hai dettu subito!??? Perché hai dettu che eri zi’ Nicola!!?

TERENZIO: Veramente io nun ve l’ho detto mai che ero zi’ Nicola… l’idea è stata de Natalino!! Appena che m’ha visto entrà co’ ‘e valige, m’ha cominciato a chiama zio, zi’ Nicola…!! C’ho provato a dije che io ero ‘n andro…, ma esso s’è ‘ncazzato, è vinuto avanti co’ ‘llu curtello… Io c’ho avuto quasi quasi paura che me dasse addosso!! Poi ho capito che era mejo nun ‘nsiste, e l’ho accontetato… tantu nun c’eo gnente da rimettece!! (si mette seduto)

FEDERICO: Eeeh, Natalino purtroppo ce l’ha de ste scappate!!! Mo' capisco!… ‘nfatti nun me spiegao com’è che parlai come noi dopo tanto tempo che stei ‘n America e po’ nun me quadrava ‘u discorso de ‘u regalo!?!

TERENZIO: E’ che nun poteo parlà… nun potevo dì chi ero finchè c’era Natalino… (beve) Bono ‘sto vino, che lo fai tu!?

FEDERICO: Certo… e tutta roba de casa nostra!! Bei.. bei!! Senza cumplimenti!!

TERENZIO: (bevendo) Oggi me la vojo pijà comoda… tanto stamattina quarche affaruccio l’ho già fatto e poi a casa mia, magnato io, hanno magnato tutti!!

LISETTA:  Perché abbiti da solo?? Nun sì sposatu??

TERENZIO: No, no… so’ vedovo…!!! Mi moje è morta quarche anno fa e c’ho ‘n fijo che sta sposatu a Torino!!

NATALINO  (da fuori) Papà… papà… vèni ‘n po’ giù…

FEDERICO: (affacciandosi sulla porta) Che c’è Natalì, che te s’è sciordu???

NATALINO: (sempre da fuori) C’è Luciano, ‘u postino, che te deve dà ‘na cosa!!

FEDERICO: ‘U postino???… e che m’ha da dà??! Eccu arrivo!! (esce)

LISETTA:  Che disgrazia sta creatura!! ‘E tantu bono porettello, ma purtroppo fatica ‘n po’ a capì! 

TERENZIO: Ma da quanno che ve ne sete accorti??

LISETTA:  Quanno c’ea cinque o sei anni, ce semo accorti che annava parlanno co’ ‘e papare e po’ se ‘ncazzava perché nun je risponneaono!

TERENZIO: Ma a scola c’è annato?? Ce l’ete mannato!!

LISETTA: ‘Mbe… no!! c’ha messo tre o quattr’anni pe’ ‘mparà a legge, però quello che ji parea come lo capia bene!! E po’, ai piedi de ‘u ficu ce nasce ‘u ficarellu, eh!!

TERENZIO: Ma nun l’ete fatto vedè a nessuno??

LISETTA:  Come no, l’emo portato da cento medichi, ma nun se po’ fa gnente!!

FEDERICO: (rientrando con un telegramma in mano) Porca puttanaccia zozza!!

LISETTA:  Madonna, ch’è successo, Federì!!??

FEDERICO: E’ mortu…  zi’ Nicola!!

LISETTA:  Ch’hai dettu??

FEDERICO: E sì… è mortu zi’ Nicola!! Sta scrittu qui, ho letto solu ‘a prima riga!

FEDERICO: (legge aiutato da Lisetta) “Comunicasi morte di vostro zio Nicola giorno 13 mese corrente, stop… i funerali  avranno luogo giorno 16 stesso mese, stop, sentite condoglianze, stop. Seguiranno ulteriori notizie tramite delegato addetto diplomatico stop“ firmato: Isabella Carmen de Fonseca”  Ah, è ‘a governate che c’ea li casa co’ esso!

LISETTA:  Oh… è propriu veru eh!!  Se nasci scarognatu, te pioe la ‘n culo anche se stai assettato!!

FEDERICO: Com’ha da esse ‘u destinu, eh?? C’ea scritto l’andru jeri che sarebbe vinuto sti giorni pe’ sta qui co’ noi… e ‘nvece!!! Mo' capisci Terè, perché è statu facile sbajasse co’ te!!!

TERENZIO: E certo capisco… capisco!! Ma… stu ziu d’America ce l’ea i sòrdi???

LISETTA:  Ce l’ea si… e parecchi pure!!

TERENZIO: E… i fiji ce l’ea???

FEDERICO: Macchè… nun s’era manco sposatu!!

TERENZIO: Aaaah… ho capito!…. sète preoccupati pe’ l’eredità??!!

LISETTA:  E già….!! No, voleo di, anche pe’ quella!! C’eamo già fatto ‘n pensierino!!

TERENZIO: ‘Mbe… certo!! Ma via su, nun ve state tanto a preoccupa!! Se nun c’ha altri parenti, avrà lasciatu tutto a voi!

LISETTA:  E… speramo…!! Però purtroppo anche n’antra cosa c’è annata a monte… io e Federico eamo fattu contu su’ zi Nicola pe’ convince mi’ cognato a sposasse…!! E ‘nvece mo'… pijatela ‘n saccoccia Lisè!!

TERENZIO: E che c’entra tu’ ziu??

FEDERICO: C’entra, perché mi fratellu Michele è ‘n zitellone e sta qui co’ noi! Nun c’è verso de cacciallo via, perché dice che casa è anche la sua, e femmine nun je mancano e che esso sta tanto bene come sta… e ‘ntanto…

LISETTA:  Io je faccio ‘a serva!!

TERENZIO: (riprendendosi le valige) Ah.. ‘mbe mo' ho capito!! Va be… ve faccio tanti auguri… salutateme Natalino e m’ha fattu tantu piacere d’avevve conosciuto!! Allora… se proprio nun ve serve gnete, io ve saluto! (fa per uscire)

LISETTA:  Veramente ce potrebbe servì ‘na cosa… anzi ‘n piacere… ma nun so’ se… (guarda Federico)

TERENZIO: Dica… dica… se posso, volentieri!!

LISETTA:  Senti….  nun è che… potresti pijà tu ‘u posto de ‘u poro zi’ Nicola??

FEDERICO: Ma….  Lisè… ma che te sì ‘mpacita!??

TERENZIO: Beh… veramente… me sembra ‘n piacere che proprio nun posso favve… anche perché nun me va de rinchiudeme dentro ‘na cassa da morto ancora vivu, nun ve pare???

LISETTA:  Ma mica ce servi da morto… ce servi da zi’ Nicola, vivu!!! Basta che dici  a Michele: “Michè, la vòi l’eredità, prima pija moje!!” e ‘u giocu è fattu!! Esso mica ce rinuncia a l’eredità!!

TERENZIO: Ma scusate, ma Michele lo vedrà subito che io nun so’ zi’ Nicola!!

FEDERICO: No… perché  Michele, zi’ Nicola nun l’ha visto mai!!

LISETTA:  Tu je potresti dì che te fermi a Narni solu quarche giorno… giustu ‘u tempo de parlà co’ le  Banche de affari…, e poi che artorni in America pe’ venne tutto e che fra tre, quattro mesi ritorni co’ tutti i sòrdi e lasci a essu ‘na parte d’eredità, a pattu che intantu se sposi! Te invece dopo quarche giorno  sparisci e nun te fai vedè più!!

TERENZIO: E ‘u telegramma…???

FEDERICO: ‘U telegramma lo nasconno, mica je lo faccio vedè!! Che te pare che io so’ stupido?? Ah… beh!!

TERENZIO: E cusì, in quattro e quattr’otto ete messu su ‘n meccanismo ch’è ‘n capolavoru!!… Complimenti… Però, me dispiace… ma io nun ve posso aiutà!! Co’ ‘sto giochettu se tratta de ji dritti ‘n galera, senza mancu passà pe’ casa!! Questo se chiama “sostituzione de persona”, punibile dal codice penale!! Nun scherzamo, eh!!

LISETTA:  Ma nun la fa tanto esagerata!!… te sparisci senza lascià né nome, né cognome… chi vòi che t’artrova??! E poi lì a… Casteltodino mica c’hai nessuno che t’aspetta e che te cerca… penseranno tutti che stai fori pe’ lavoro…

TERENZIO: No… no… nun posso!…. Se poteo, nun me faceo pregà…!!

FEDERICO: Senti… se le cose mettono bene… vojo dì se ce casca addosso ‘na bona eredità te prometto che, se ce dai ‘na mano, ce scappa ‘na parte anche per te!!

LISETTA:  Beh… certo… vedemo se…  e quanto sarà…, e poi….!!!

TERENZIO: Grazie… siete molto gentili!! Ma… (entra Albina)

ALBINA:   Lisè, è permesso??… Scusateme tanto, t’ho portato ‘n piatto de fettuccine… te prima sì stata cusì gentile… (vedendo Terenzio) Bon giorno!

TERENZIO: Buon giorno, signora!!

ALBINA:   Lisè, vengo su più tardi che mo' c’ho da pelà ‘n pollastro e c’ho l’acqua su gas! ‘sto sola… ma ‘e faccenne nun mancano mai!! Ce vedemo dopo!! (esce)

LISETTA:  (sulla porta) Si si, Albì… veni su piu tardi che t’ho da dì ‘na cosa!!

TERENZIO: Scusi signora… ma chi è quella signora… l’ho vista anche prima… prima che venissi qui da voi! Stava giù fori a stenne i panni… m’ha pure guardato in un modo ‘n po’ strano…

LISETTA:  Chi Albina??… è ‘a vicina nostra… abbita qui davanti a noi!

TERENZIO: E’ anche… ‘na bella signora!!!

LISETTA:  Tanto brava femmina, porettella!! Sta sempre sola, e appena c’ha ‘n po’ de tempo vène su da noi a fa du’ chiacchiere!!

FEDERICO: Porettella, sta sempre qui a fasse l’affari de l’andri e mancu vole gnente!!

LISETTA:  Io vorrebbe sapè che fastidio te dà!!

TERENZIO: Prima non ha detto che sta da sola!??!… Ma che è zitella??

LISETTA:  Nooo… è vedova!!! J’è mortu ‘u marito che so’ 5 o 6 anni!! Fiji nun ce l’anno avuti e cusì è armasta sola e allora...

TERENZIO: Ah… me dispiace…!! e… nun c’ha provato mai… a… risposasse!!

LISETTA:  Ma… che ve devo dì…!! Io più de ‘na vorda ho provatu a consijaccela… Ma essa dice che c’ha paura de sbajà… che nun è facile trovà l’omo giusto a st’età…!! Però io c’ho l’impressione che se trovasse uno che je va a ciciu… penso che…

TERENZIO: Lei dice?….

LISETTA:  Ma che … gnente… gnente… tu… (mimica)

TERENZIO: Beh… io so’ vedovo… essa è vedova… fiji de mezzo nun ci stanno… Hai visto mai che ho trovatu ‘a scarpa pe’ ‘u piede mio!!

FEDERICO: Terè… quanno che se scejono ‘e scarpe tocca stacce attente… che si le piji troppu strette, zoppichi e dopo so’ dolori!! Io ne so’ che cosa!!

LISETTA:  Tu…!!!  sapessi io!!

TERENZIO: Scusi signora… forse le sembro ‘n po’ sfacciato… ma… lei nun è che ce pò mette ‘na parola bona??!  Che ne dice?!

LISETTA:  Ma damme del tu!!! Tantu..!! Certo… che te do ‘na mano, ce mancherebbe…

FEDERICO: Ma… mo' te metti a fa pure ‘a ruffiana??!!

LISETTA:  Federì, ma che ruffiana!!… E’ ‘n piacere che faccio a Terenzio… come se dice… io fo’ ‘n piacere a te, e tu… fai ‘n piacere a me!?!! Te pare… Terè!!??

TERENZIO:     E già!!… Allora je lo volemo fa stu scherzetto a tu’ fratello??! Mo' che stamo ‘n ballo, ballamo!! Tanto è da quanno che so’ entrato qua dentro che so’ zi’ Nicola!! Annamo avanti speranno de nun fa la fine de quello vero!!!

LISETTA:  Finalmente je l’hai fatta…!

TERENZIO: Però, me raccomanno…. silenzio co’ chiunque de sta faccenna… nun deve sapè gnente nessuno!! Manco Albina!

LISETTA:  Essa pe’ prima!! E’ tanto brava cristiana, ma nun se tène ‘na frasca manco pe’ traversu!… Allora io te vado a mette a postu ‘e valige!! (esce)

TERENZIO: Si.. grazie!…. ‘Ntanto pe ‘ncomincià,  te te chiami???

FEDERICO: Io??… io me chiamo Federico Strappafora!… e mi’ moje se chiama Lisetta Tirchioni!

TERENZIO: Tu’ zio che faceva ‘n America??

FEDERICO: Zi’ Nicola faceva l’mprenditore… è partito co’ ‘e toppe là ‘n culo e mo' c’ha i sordi pe’ fa ‘na guerra!!!

TERENZIO: E perchè nun s’è mai sposatu??

FEDERICO: Ma… perché… (mimica) sa com’è… l’affari… ‘u lavoro… e po’ che ce sai!!

TERENZIO: Dunque… come età ce stemo? Io c’ho 54 anni!! Va bene??

FEDERICO: Siiii , esso è partito che c’ea 18 anni, mo' so’ 38, 39 anni ch’è partito… dunque 18 più 38 fa…. 19, 20, 21, 22, 23…. (comincia a contare con le dita)

TERENZIO: (interrompendolo) Fa 56!!! Va be’…pare che tutto fila a pennello!! Manco si c’essimo studiato su!!!

FEDERICO: Oh zi… eh, mo' te devo chiamà zio, no??!!…  adesso ‘u matrimoniu de mi’ fratello sta su ‘e mano tue!!

TERENZIO: Si, sta tranquillo che se me ce metto, ‘e bucie l’arconto bene!!…  non pe’ gnente facciu ‘u commerciante!!!

LISETTA:  (rientrando) Federì… me sa ch’è arrivato Michele…!!! Oh Terè… zi’ me raccomanno… mo' te lasciamo solo co’ esso… cerca de convincelo, eh!!… Senti, Federì, te va a ammazzà ‘n pollastro pe’ cena!!… io vado a preparà ‘u forno!! Oh zi’… se vòi ‘nnà a datte ‘na rinfrescata… ‘u gabinetto sta de là!!

TERENZIO: E… quasi, quasi…!! Nun ve preoccupate, voi pensate a cucinà bene ‘u pollastru, che Michele me lo cucino io!!! (esce)

LISETTA:  Federì… se Terenzio ce sa fa… me sa che je la facemo sta vorda a mannà via Michele da casa!!

FEDERICO: Speramo bene… !!

LISETTA:  ‘U pollastru nun pijàssi quelli che stanno dentro ‘a gabbia, che l’ho promessi…! Ammazza quillu senza ‘na zampa, tantu qann’è cottu e stà la pe’ ‘u piatto mica ce se conosce gnente!!

FEDERICO: Ma quellu… ma è seccu come ‘n chiodo!!

LISETTA:  Mejo… ‘u grasso fa male pe’ ‘u polistirolu!! (entra Michele)

9° SCENA (Lisetta, Federico, terenzio e michele)

LISETTA:  Michè… ‘nduina ‘mbo chi ci sta de là!!

MICHELE:  E che ne so… so’ arrivato adesso!!

LISETTA:  Ci sta… zi’ Nicola!!

MICHELE:  (sorpreso) Chi…. zi Nicola!?!… e… quann’è venuto??

FEDERICO: Pocu fa… mo' sta la ‘u gabinetto a dasse ‘na rinfrescata!!

MICHELE:  Ah… so’ proprio curioso de conosce ‘sto zi’ Nicola!!… Ah… Lisè, nun te preoccupà pe’ ‘a cena che quella bardasca nun vene più!

FEDERICO: Beh… si nun c’è ‘a bardascia, c’emo zio a cena… mo' vado pure a tirà ‘u collo a ‘n pollastro!!

MICHELE:  Ce volea zio pe’ magnà ‘mpo de ciccia dentro sta casa… (entra Terenzio)

 

TERENZIO: Ooooh… ce volea sta rinfrescata… mo'  me sento proprio mejo”!!

LISETTA:  Oh… zì… questo è Michele… tu’ nipote!!

MICHELE:  (abbracciandolo) Porca mignotta, zì!! Sì proprio ‘n giovanottu…!!! Io me te figurao più vecchio, ‘nvece guarda ‘n po’…!! Eee… l’americani!!! Ma come stai??

TERENZIO: Bene… e te??!

MICHELE:  A pippa de cocciu!! C’hai fatto proprio ‘na bella sorpresa…

TERENZIO: Ma…. non è arrivata una… lettera?? (guarda Fedrico per conferma)

FEDERICO: Si… si… quarche giorno fa…!! Oh, zì, momemti arrivai prima te che ‘a lettera!!

LISETTA:  Su, su  Federì… tu va a tirà ‘u collo a ‘llu pollatru… che io vado a preparà ‘u forno!!

FEDERICO: Oh… zi… allora noi ‘nnamo de sotto… ve lasciamo soli, eh…!!! (escono)

MICHELE:  Ma lo sai zì, io m’aspettavo che pe’ parla co’ te volea l’inteprete, e ‘nvece parli mejo de noi!!

TERENZIO: (cercando di inventare una scusa) Si, si… è… che io…!! Ecco si, ‘u segretario mio era originario de… de Collescipoli, si… e tra noi parlavamo sempre in italiano …  ce piacea tanto!! Ecco perchè ancora parlo bene ‘n dialettu!!

MICHELE:  Ma lo sai che te mantèni proprio bene?? a nun avecce né moje né fiji, tanti pensieri e ‘ncazzature de meno…. Eh?!?

TERENZIO: E apposta te ancora nun te si sposato…??

MICHELE:  A moje…!!!! e che so’ matto!!! E che ce fai… la libertà è ‘na bella cosa… vai do’ te pare senza rende contu a nessuno, rientri quanno che t’accomoda… e po’ zì te faccio ‘na confidenza: ‘e femmine me piaciono troppu, ma quelle de l’andri, ‘na vorda che ti sposato… si’ finitu!!

TERENZIO: Se vede che hai preso de’ razza, attizzano parecchio anche a me… e…

MICHELE:  (sorpreso) Ah… si?! piaciono pure a te….?? (sorridendo) nun ce lo sapeo!!

TERENZIO: (sorpreso anche lui) E… certo… perché a me nun me devono piacè???

MICHELE:  Ma… in che sensu??

TERENZIO: Aaa com’è… in senso orizzontale…. verticale… come capita!! Michè, so’ ‘n omo anch’io, eh!!

MICHELE   (sempre sorpreso) No… certo… facevo cusì pe’ dì!!?… Come dici te, semo de razza… a pora nonna, pre esempio, … te la ricordi… no??!!

TERENZIO: Eeeeh… me la ricordo si… era alta… secca, secca…

MICHELE:  Veramente era bassa e tarchiata… se vede che te confonni!! Beh, steo a dì  che ‘a pora nonna era una che nun arrivava a da ‘u resto… ‘nsomma era una che je piaceano l’ommini! Me ricordo che dicea sempre che era mejo sta sotto ‘n omo che sotto ‘n trattore!!!

TERENZIO: (ridendo) Eeeh le femmine de prima erano de ‘n andro temperamento…!! Eh… sì!!  Beh… parlame ‘mpo de te… nun te conosco pe’  gnente… Quanno che io so’ partito pe’ l’America tu eri appena nato… ‘nsomma vojo dì che lavoro fai??…, come te la passi…??

MICHELE:  Beh… abbastanza bene!! Lavoro li ‘u stabilimentu de ‘a Polime, a Terni, faccio l’operaiu… Come se dice, potrebbe ‘nnà mejo ma nun me lamento, certu ‘u stipendiu è quello che è, però, nun c’ho nè moje, nè fiji… nun devo pagà l’affitto…

TERENZIO: Ecco io proprio de questo te voleo parlà!!… Vedi, io quanno steo in America pensao spesso a te… ero sicuro che t’eri sposato e c’ei quarche fijo… e ‘nvece ….

MICHELE:  E ‘mbe… e perché me dovevo sposa? A ‘u tempo del fascio c’era ‘na tassa pe’ quillu che nun se sposava, ma mo'…

 

TERENZIO: E allora la tassa mo' te la metto io!! Io lo so quant’è brutto sta da solu e nun vorrebbe che te facessi la stessa fine mia!!

MICHELE:  E beh… e da me che voi??

TERENZIO: Io ‘Michè, me so stufato de sta ‘n America!! Ho deciso de venne tutto e divide in tre parti uguali: una per me, una pe tu fratello e una per te!! ma a condizione che tu te sistemi e piji moje…! Te piace l’idea!!

MICHELE:  Ma…. ma che si mattu ‘nun pjerebbe moje manco pe’ dieci milioni!

TERENZIO: Pe dieci, no…!! Ma lo sai in tutti quest’anni quanto ho arcapezzato in America: tre mijardi e mezzo!! Fatte ‘m po’ i conti!!

MICHELE:  Quanti??… Tre mijardi e mezzo..??!!? Porca mignotta…! Certu l’idea de pijà quarche sòrdo nun me schifa… è che nun me piace quella de pijà moje!!

TERENZIO: E che vorresti ‘a botte piena e la mije ‘mbriaca!??

MICHELE:  Oh zì se me venia bene ‘a moje nun la voleo pe’ gnente, né ‘mbriaca, né astemia… ma se se tratta de beve o d’affoga…!! Va be… vedrò … nun sarà facile… e po’ chissà ‘u tempo che vòle!! In quattro e quattr’otto, zì, me sa che…

TERENZIO: No… no! I tempi so’ questi… Io mo' me fermo quarche giorno… giusto pe’ sistemà qualche affaruccio qui a Narni… poi arvado in America, venno tutto e fra tre, quattro mesi ritorno… e te vojo artovà sposato!! Solo allora potrai dispone de la metà de ‘a parte tua d’eredità!!!

MICHELE:  E… l’altra metà??

TERENZIO: Quanno che c’avrai ‘n fijo!!

MICHELE:  Ah, l’hai pensate tutte!!! Oh zì… va beh… se proprio hai deciso cusì… c’ho paura… però me faccio coraggio!!!

 

FINE 1° ATTO
SECONDO  ATTO

1° SCENA [QP1][QP2] ( Albina e Lisetta)

ALBINA:   (stanno sedute al tavolo a fare la maglia) Lisè, quanno vado via, me potresti ‘mprestà ‘n pezzettino de  pane, poco, tanto ‘sto  sola, a me me basta…

LISETTA:  A propositu de sola, com’è annata a finì co’ quellu de Capitone??… te lo voleo domannà jeri… e po’, pare che uno se vole ‘mpiccià sempre de l’affari de l’andri…

ALBINA:   Ma… gnente… la cosa è finita prima che ‘ncumiciasse!! E po’ lo sai come so’ fatta io.. io so’ ‘na sentimantale, ‘na romantica, a me me piace la natura, le bestie…  con ‘n fiore a me me se comprano!!!… Te farò ride ma io me commovo anche davanti a  ‘u sole che tramonta…

LISETTA:  Beh… anche a me me viene da piagne davanti a  ‘u sole, ma quanno che leva… perché me tocca arzamme, e ‘nnà a faticà!!!

ALBINA:   Nun ce scherzà su ste cose… io so’ fatta così… co’ ‘u carattere mio nun è facile trovà ‘n omo come ‘u poro mi’ marito!! Esso me capiva, era sempre gentile co’ me… spesso arvenea a casa con ‘n fiore, un regaletto…

LISETTA:  Sarà che io c’ho ‘n andro  carattere… ma a me me basterebbe che ‘u regalettu mi maritu me lo facesse, si!!, ma come dico io!!… e po’ nun  ce spennerebbe manco ‘na lira!

ALBINA:   Beh… quello è ‘n andro genere de regalu!! Anche li ‘u poro Alberto miu, nun se facea prega de sicuro, anzi…..

LISETTA:  (con amarezza) Eeeeh… sti ommini… chi tantu, e chi gnente….!!!

ALBINA:   Perché… Lisè, scusa se me permetto, ma nun sì soddisfatta de tu’ maritu??

LISETTA:  Eeeeh…!

ALBINA:   Eppure Federico è ancora giovane!!

LISETTA:  Lui si… è l’appettitu che je s’è ‘nvecchiato!! Albì… io dentro a ‘e vene mica c’ho  acqua de marva,  me piacerebbe che mi’ maritu ‘gni tantu me desse che strallicciata pe’ famme ricordà che anch’io so’ ‘na femmina,… e ‘nvece…

ALBINA:   Beh… non tutti l’ omini so’ uguali, se ‘u marito nun c’ha appettito, ce dovrebbe pensà ‘a moglie…! Me capisci no ???

LISETTA:  Da mo' che ce pensu… ‘gni tantu quanno annamo a durmì allungo là ‘na gamma… gnente, mancu ‘a ceca!! L’inverno dice che c’ho i piedi jacci, d’estate che je butto callu! Dopo me dici tu?…

ALBINA:   Beh… ma ci sono altre finezze…

LISETTA:  E sarebbero??

ALBINA:   Quanno che vai a letto, pre esempio, c’hai provato mai a mettete ‘na camicia de notte trasparente… nun c’è omo che resiste!! Vedrai che je scattà ‘a molla!!

LISETTA:  Ma fija mia… quanno ‘a molla è fiacca e nun regge più ‘a carica, pòi mettete su quello che te pare!!

ALBINA:   Ma perché… Federico ha chiuso bottega del tutto…??!!

LISETTA:  Del tutto no… però ‘a serranda sta quasi sempre abbassata!!! ‘Gni tantu che sfuriata la fà… ma è come l’autobusse, se nun stai lì pronta quanno che passa, te saluto, armani a piedi!!!

 

ALBINA:   Beh, te capisco.. però, me pare che te vòle bene!! no??!

LISETTA:  Si… si… me vorrà pure bene… ma pe’ fa ‘e frittelle, cara Albina, nun basta l’acqua e ‘a farina, ce vòle pure l’ojio!!!

ALBINA:   (alzandosi) E certo nun te posso dà torto!!…  Beh… io vado via, se stasera vòi venì giù casa mia, su ‘a televisione c’è ‘n bel film d’amore!!

LISETTA:  Si fammece vedè pure quellu… che tantu!! (entra Terenzio dalla camera)

2° SCENA: (Albina, Terenzio, Natalino e Lisetta)

TERENZIO: Salve Lisè…  (vedendo Albina) Ah… c’è anche lei!??  Piacere di rivederla!!

ALBINA:   ‘U piacere è mio, e…

LISETTA:  Oh… zì, te sì riposato bene?! Te preparo ‘u caffè??

TERENZIO: No…no!! Mo' vado a Narni… caso mai lo pijo al bar!! (entra Natalino)

NATALINO: Oh mà… oh mà…!! (vedendo Terenzio) Zì… te sì arzato!??  Se vèni de là…  te dovrebbe domannà ‘na cosa…

LISETTA:  Natalì… e basta, che jellu che sì!! Che vòlei… che sì entrato de corsa!??

NATALINO: Papà m’ha detto se vai giu ‘a stalla!! E’ vinuto Gustavo a pijà i porchetti!! Ha detto se je vai à fa i conti che esso nun c’arcapezza gnente!!

LISETTA:  Eh… se nun ce fossi io… qui andrebbe tutto a rotoli!! Albì, arvengo su subito, nun te n’annassi (cenno d’intesa con Terenzio) che dopo te do ‘u pane che m’hai domannato!! (esce)

ALBINA:   Ma… no c’arvengo su dopo…!! (fa per uscire)

TERENZIO: Perché non aspetta… così possiamo conoscerci mejo!! Se metta seduta… ecco!!! (porge la sedia) Me pare d’ aver capito che lei si chiama Albina!!!

NATALINO: Oh… zì, che nun la conosci Albina!?? E’ tantu bona… Me da sempre ‘e caramelle!!

ALBINA:   E così lei sarebbe Nicola, zì Nicola, l’americanu? Eeee… in America che si fa di bello!!

TERENZIO: Mah… quello che se fa anche qui…! Se mangia, se dorme, se lavora… l’omini se ‘nnamorano de le femmine…, se sposano…, divorziano… come dice ‘u proverbio, “Tutto il mondo è paese”!!

ALBINA:   Ma il proverbio dovrebbe valere anche per lei, no?

TERENZIO: Senta… ma perché non ci diamo del tu?? Lei è così gentile e alla mano, che mi sembra di conoscerla da tanto!! Va bene?

ALBINA:   Ma certo con piacere!… 

NATALINO: Oh zi’!! Allora che volemo fa…??? io te devo domannà ‘na cosa…?!

TERENZIO: Dopo Natalì … dopo … Adesso nun vedi che ‘sto a parlà co’ Albina??

NATALINO: E  io mo',chissà che faccio  qui!…

TERENZIO: Leggi qualcosa… te piace tanto legge… Eccolo ‘u libro che leggevi stamattina… (gli porge un libro)

NATALINO: E sì… vòio vedè come finisce ‘a storia… (si mette seduto a leggere, ma nel frattempo ascolta ciò che si dicono Albina e Terenzio)

ALBINA:   Beh… io allora…vado via… ve saluto… (fa per rialzarsi)!!

TERENZIO: Ma come vai via così??! (la fa risedere) Emo ‘ncominciato ‘n discorsu, finimolo no??!… Natalino mica ce dà fastidio… esso deve legge!! Che stavamo a dì…???

 

ALBINA:   Senti… Lisetta m’ha detto che non ti sei mai sposato… che in America nun te fecea l’aria!!

TERENZIO: Ma… che te devo dì… ‘u lavoro…, l’affari…, m’hanno preso tutto ‘u tempo e… eccome qua! Però me sa che c’hai ragione… perché appena che ho respirato l’aria de Narni, me sento ‘na smania de…! Oh, me pare de avecce vent’anni de meno!!

ALBINA:   Nun sapeo che l’aria de Narni facesse sti miracoli!!

TERENZIO: E’ proprio cusì… Te dico anche de più, che me so’ pure innamorato…!! Eeeh, cara Albina … come se dice l’amore non ha età!!!

ALBINA:   Complimenti e… a quanno i confetti!!??

TERENZIO: Beh… questo nun lo so’!!…. dipende da… dipende da… come la pensa essa!!

ALBINA:   Perché lei ancora nun s’è decisa?

TERENZIO: No… nun è che nun s’è decisa… è che… è che essa ancora nun sa gnente!!

ALBINA:   Ah…! Ma almeno hai capito se a essa je piace l’idea…?!!

TERENZIO: Macchè… è tantu poco che ce conoscemo!!

ALBINA:   Beh… ormai nun sei più ‘n bardescettu e mica te pòi permette de perde altro tempo; dijelo noh.. che aspetti!!

TERENZIO: Te dici ch’è mejo dijelo… eh?!

ALBINA:   E se capisce…

TERENZIO: E gia…!! allora… (si schiarisce la voce) Albì… Albì… che me vòi sposà??

NATALINO: Si… domani… domani arriverà la nave dal… Brasile, disse il… padre di Francesco… (deve dare a intendere che non sente ciò che dicono)

ALBINA:   (alzandosi dalla sedia) Come…?? Ma che… ma dici a me?

TERENZIO: E a chi se no?!?… Albì…quanno l’andro ieri t’ho visto pe’ ‘a prima vorda… beh… nun so come spiegattelo… ma ho provatu… è statu come… Oh, nun m’era mai successo!!! Come se dice… è stato ‘n colpo de fulmine!!

ALBINA:   ‘N corbo lo fai pijà a me… cusì all’improvviso!!

TERENZIO: Allora… Albì, che me dici, eh??

NATALINO: Ma che sei matto… rispose Angela fuori di se…

ALBINA:   Eeee… come curri!! Mica è grano che casca!! Ce conoscemo da cusì poco…

TERENZIO: Si…si! C’hai ragione…. Nun te vojo mette prescia!! Però… ‘nsomma… ce posso sperà???

ALBINA:   Beh… io vojo esse sincera… come omo…, cusì a primo acchittu, ‘nsomma… nun me dispiaci….!! E’ solo che… prima de fa ‘sto passo, me tocca pensacce ‘n po’ su!! Nun te pare!?!

TERENZIO: Si... come no!!… me pare giusto!! Però l’hai dettu pocu fa che nun so più ‘n bardascettu e anche tu… nun sei più de primo pelu…!!! Dunque…. nun sprecamo più andro tempo!!!

ALBINA:   Vedemo ‘n po’, nun me mette prescia!!!

TERENZIO: Io… cara Albina, è da parecchio che dormo da solo!! ‘A notte pe’ compagnia c’ho solu ‘n cuscino!! Me capisci no??

ALBINA:   Eeeh… anch’io purtroppo so’ armasta sola co’ ‘u cuscino!!

NATALINO: E ‘u materazzu, ve lo sète giocatu??!

TERENZIO: E allora perché nun li mettemo vicini!!… Nun credi che staressimo mejo tutt’e due??!

ALBINA:   T’ho dettu che ce penserò e poi te darò ‘na risposta!!

TERENZIO: Albi… io vado a fa du’ passi a Narni e vedè se m’aricordo de come è fatta e se riconosco quarcuno!! C’ho bisogno de pijà ‘n po d’aria!!

ALBINA:   Nicò… sta attente a come respiri, l’hai vistu l’aria nostra che scherzi che fa??!! (fanno per uscire, quando entrano Lisetta e Federico)

3° Scena  (Natalino, Lisetta, Federico  e Albina)

LISETTA:  Albì, ma che vai via anche tu??!!… nun dovevi pijà ‘u pane?? (fa rientrare Albina, mentre Terenzio esce)

ALBINA:   (ritornandosi) Uh… me n’ero scordata!! Si se me ne dai ‘n pezzetto allora!! (Lisetta e Albina vanno in cucina a prendere il pane, mentre Federico sistema dei fogli, poi Lisetta ed Albina ritornano in scena)

ALBINA:   Beh… grazie eh, Lisè!! Mo' vado via che c’ho tanto da fa!! Po’ darsi che dopo arcapito!! Ce vedemo Federì… ciao Natalì!!

LISETTA:  Si t’aspetto… che te devo fa vedè ‘na cosa! (Albina esce)

FEDERICO: Lisè… che ne dici… sta femmina ce la volemo accasà!!! Ce manca solu che porta su ‘u lettu, e stemo a postu!!

NATALINO: Oh mà… papà… a propositu de lettu.. se sapessivo!??! (ride) Si v’arconto?!!

LISETTA:  Che c’è Natalì… ch’è successo?!!

NATALINO: A mà… zi’  Nicola… (ride)

FEDERICO: Beh… ch’ha fatto zì Nicola??!

NATALINO: Zì Nicola… se vole sposà co’ Albina!!

LISETTA:  E te che ne sai??

NATALINO: L’ho ‘nteso co ste ‘recchie… co’ queste le vedi??! J’ha detto cusì… “Albì… me voi sposa??!” E po’ dopo c’è dovrebbe esse statu che temporale, perché hanno parlato de furmini… de cuscini… booh!!

LISETTA:  Eeeh… io me lo immagginavo che quei due prima o poi accenneano ‘u furminante!!! Speramo che ‘u focu nun ce manna a monte ‘u piano nostru… sennò…

NATALINO: Sennò… mà… che succede??… che va a focu??

FEDERICO: Natalì… giu ‘a stalla ci sta ‘u vitellu che sta a pijà ‘u latte, vallu a legà sennò se ‘mbarazza!!

NATALINO: E a me che me frega!!…

LISETTA:  Natalì… come sarebbe!! Fa subito quello che t’ha dettu tu’ padre!!… Hai capitu!!??  E anzi… dopo me vai a pijà ‘e scarpe su da ‘Nocenziu, ‘u carzolaru, che m’ea detto che me le facea pe’ oggi!!!

NATALINO: No.. no!! Io su da ‘Nocenziu nun ce vado… quanno che ce so’ annato l’andra vorda… m’ha datu addossu ‘u cane de Pasquale… oh, da ‘a paura me so’ quasi cacato sottu!! E po’ nun vorrebbe fa a fine ch’ha fattu zi’ Nicola!! No, no, se vòi ‘e scarpe ce vai te su da ‘Nocenziu!! Io vado giu ‘a stalla! (esce)

LISETTA:  Federì… hai ‘ntesu…! Me tocca annacce a me a pijà ‘e scarpe!!… che alleo ch’emo fatto!! Senti se dovesse arcapità Albina dije che me ’spettasse, che io faccio prestu!! 

FEDERICO: Senza dijelo… vedrai quanto ce mette arvenì su!!!

LISETTA:  Ma… cambiamo ‘n po’ discorsu… ma co’ Michele c’hai più parlatu!!??

FEDERICO: No… nun m’è più capitu a tiru… po’ adesso sta pure ‘n ferie… lo vedi ‘a notte e se va bene!!

LISETTA:  Beh… toccherebbe faje capì che se sbrigasse… che ‘a corda nun è che la potemo tirà tantu!! (entra Michele)

4° SCENA  (Michele, Federico e Lisetta)

LISETTA:  ‘Nvece… eccolu veh!! E com’è sta ‘mprovvisata… Michè!!

MICHELE:  Nun fa tantu ‘a spiritosa… e po’ nun sète contenti che nun ve ‘sto a ‘mpiccià dentro casa??!! Senti Lisè, ‘lla camicia blu me l’hai stirata?? Fra ‘n  po’ me tocca riscappà e questa che porto è sporca!!

LISETTA:  Io nun c’ho avuto tempo e po’… fattela stirà da tu’ moje, no??!! Federì… io vado da ‘u carzolaro!! (esce)

MICHELE:  Federì, oh… co’ Lisetta nun ce se commatte più!!

FEDERICO: E lo dici a me… ‘N po’ però tutti i torti nun ce l’ha, eh!! Anche tu bisogna che te decidi… nun è che mannamo a monte l’eredità de zì Nicola??!… Nun te scordà che anch’io devo pijà a parte mia…

MICHELE:  Beh… e che c’entro io co’ ‘a parte tua??!

FEDERICO: (mentendo) E’ che zì Nicola m’ha fatto capì… che se tu nun te sposi… nun solo nun da gnente a te… ma manco a me dà gnente, me capisci, no!!?

MICHELE:  Mah… valli ‘n po’ a capì st’americani?! Io nun capisco perché se ‘ntigna tantu a famme pijà moje!?! Anche tu, e damme tempu, no… cusì, su du’ piedi, do’ ‘a trovo… giusto se faccio ‘n giretto a Somma!!

FEDERICO: Ma nun sta a dì ‘e stupidaggini, Michè!! Possibile che co’ tutte ‘e femmine che dici d’avecce, nun ne trovi una che te piace… seria, per bene e possibilmente co’ ‘a capoccia su ‘e spalle!??

MICHELE:  Veramente ce ne sta una che sarebbe stata ‘na brava moje… ma so’ più de sei o sette mesi che nun l’ho vista più … chissà che fine a fattu! A parte… che manco l’ho cercata più, eh!!

FEDERICO: Michè… vedi ‘n po’ tu!!!… basta che te dai ‘na mossa!! Senti io vado giu de sotto a vedè che sta combinanno Natalinu!!

MICHELE:  Va… va!! Tanto fra ‘n po’ vado via anch’io…!! Ah… dì a Lisetta che nun ci ‘sto a cena!!

FEDERICO: Senti  fra ‘n po’ dovrebbe capità ‘na femmina a pijà ‘n billo, se ancora ci stai, dije de venì giu ‘u pollaru, che io ‘sto lì, hai capitu!! (esce)

MICHELE:  Va bene!!… Ma guarda ‘n po’, so’ campato sempre senza pensieri…!! Ce mancava ‘sto ziu ch’arvenisse da l’America a rompe… m’ha datu tre mesi de tempo… ma io do’ la trovo ‘na femmina disposta a sposamme…! Mah… (esce in camera, dopo un poco entra Albina)

5° SCENA  (Michele ed Albina)

ALBINA:   Lisè… Lisè… (non vedendo nessuno) Ma che nun c’è Lisetta??  Lisetta…

MICHELE:  (uscendo dalla camera)  Entra, entra Albì… ci ‘sto solo io… Lisetta è annata da ‘u carzolaru, tra ‘n po’ arvene!! Però me fa piacere che sì capitata!!

ALBINA:   Stranu… de solito nun me cechi mai!!??

MICHELE:  Eh… a proposito, mo' che si’ capitata, voleo fà du’ chiacchiere co’ te!!

ALBINA:   Che me vòi ‘nvità a ‘u matrimonio tuo??

MICHELE:  Eeee sta vorda zi Nicola, ma fregatu bene!… Lo saprai… che m’ha proposto de lasciamme ‘na parte d’eredità, a pattu che pijo moje…!! Lisetta t’avrà dettu tutto, no??!!

ALBINA:   Beh… se te casca addossu che mijardu, che fai ce sputi sopra!??

MICHELE:  Io je l’ho detto a ziu che nun è facile trovà ‘na moje, ma esso… o cusì, o gnente!!!… Do’ la trovo ‘na moje… (guardando Albina e sorridendo) Albì… senti… perché nun ce sposamo io e te???

ALBINA:   (fra se) E che è oggi!! Manco quanno ero bardascia!! (forte) Ma che stai a dì!?!… Ma come nun m’hai cercatu mai e mo’ all’improvviso te sì ‘nnamorato de me??

MICHELE:  Ma nun credi che ‘sto fatto de l’eredità sarebbe ‘n affare anche pe’ te!! E poi con il tempo chissà… po’ venì  fòri anche  l’amore !!

ALBINA:   Michè… ma famme ‘u piacere…!! Mo' che te serve ‘na moje pe’ coperchiu, te rivolgi a me!!?? Pensane ‘n’andra, ch’è mejiu!! ‘sto tantu bene così!!!

MICHELE:  Ce mancava pure ‘‘sto zi’ Nicola!! Ce venuto apposta dall’America pe’ metteme ‘n mezzo ai casini!!

ALBINA:   Po’ esse pure ch’è  venuto pe’ fa ‘n viaggio e du’ servizi!!

MICHELE:  Che vòi dì…???

ALBINA:   Beh… pe’ fa pijà moje a te e… pe’ trovanne una per esso!!!

 

MICHELE:  Ma chi zi’ Nicola???!? (si mette a ridere) E… che ce fa co’ ‘a moje!!??

ALBINA:   Come che ce fa???… è ‘n omo ache esso!!

MICHELE:  Beh… mica tantu!!

ALBINA:   Ma… che stai a dì??!… Mica me vorrai dì che… (mimica; si tocca le orecchie)

MICHELE:  Nun credo…!! A parte che per quanto lo conosco… po’ esse pure… visto che co’ le femmine nun ce po’ ‘annà!!

ALBINA:   Michè… ma dici davvero… o me stai pijanno in giro???

MICHELE:  Che te pare che c’ho la faccia de scherzà!!!… No, no è proprio vero!! Eh, cara Albina, so’ disgrazie grosse… e pensà ch’è stato tutto colpa de ‘n cane!

ALBINA:   Ma… come… che c’entra ‘u cane???

MICHELE:  Te capace che nun ce lo sai… ma dice che quann’era pottu, ‘n cane j’ha datu ‘n mozzico proprio lì… e… te saluto scuffia!!

ALBINA:   Ma lì… dove???

MICHELE:  Do’… do’ nun ce batte mai ‘u sole!!!

ALBINA:   Iiih… poretta me!! Ma… lì!?? Proprio lì!!

MICHELE:  E… lì!! Si, proprio lì!!!

ALBINA:   Ma guarda com’ha da esse la vita!! Io c’ho scambiato solo quarche parola… ma m’era parso che je piacea avecce ‘na femmina vicino!!… insomma sposasse!!

MICHELE:  (ironico) Oh… po’ esse pure… hai visto mai che ‘n America s’è fatto fa ‘u trapianto!!

ALBINA:   Ma… perché Michè… che se po’ fa?!?!

MICHELE:  Mah… Albì… mica è ‘nsalata che se strapianta!!!

ALBINA:   Ma… allora perché… Lisetta nun m’ha detto mai gnente!!… strano!!! E poi nun capisco ‘na cosa, se esso nun s’è mai sposato pe’ ‘u motivo che poco fa m’hai detto… perché lo vole fa proprio adesso??

MICHELE:  Beh… Lisetta nun t’avrà detto gnente perché trattonnose de ‘na cosa cusì delicata… me capisci no?? Ma tu che ne sai che cerca moje… che l’ha domannato a te??

ALBINA:   No, no!!… E’ che parlannoce, m’è parso che… ‘nsomma… se trova ‘na femmina  adatta a essu…

MICHELE:  Sarà che ziu mo' c’ha ‘na certa età, lo farà pe’ avecce ‘na compagnia !!

ALBINA:   Beh… quarche vorda la compagnia sola nun basta; in questo casu c’ha ragione Lisetta: che pe’ fa ‘e frittelle nun basta l’acqua e la farina, ce vòle anche l’ojo!!!

MICHELE:  Soprattutto… l’ojo!!! Oh, Albì, me raccomanno, de quello che t’ho detto nun dì gnente a ziu, sah!!!

ALBINA:   Ma che so’ matta!! Je vado a dì ‘na cosa del genere!! Beh… Michè, visto che Lisetta nun se vede, vado via, arvengo su dopo!! Ce vedemo Michè… e ‘n bocca al lupo!! (esce)

MICHELE:  E si…che Dio ce la manni bona!!… dicea ‘u prete ch’aspettava ‘a serva!!! (rientra in camera, riesce poco dopo; si sta finendo di vestire) Io nun capisco perché ziu ce tène tantu che me sposo… ma che je ne frega a esso…!!! Io adesso do’ la vado ‘a trovà ‘na moje…!?? Ma guarda si che casino… steo tantu bene così!! (finendo di sistemarsi) Io… quasi quasi andrebbe a cercà Gisella… che da parecchio che nun la vedo…!!! Essa è ‘na brava bardascia e po’ è anche caruccia…!! Se ancora fosse libera… io je farebbe ‘a proposta… male che va, me dirà de no… come Albina…!! Io me sa che ce provo… mo' scappo e la vado a cercà!! (finisce di sistemarsi allo specchio, quando sulla porta si sente chiamare)

 

6° Scena   (Michele e Gisella)

GISELLA:  (da fuori, poi sulla porta) E’ permesso… si può!!

MICHELE:  (senza voltarsi) Ah… se è venuta pe’ ‘u billu, Federico, m’ha dettu che l’aspetta  giu ‘u pollaru!!

GISELLA:  (entrando)Veramente io… ero venuta pe’… io cercavo…

MICHELE:  (voltandosi e riconoscendo Gisella) Gisè… e… ma… tu che ce fai qui???

GISELLA:  Voleo parlà ‘n po’ co’ te!… vistu che tu non m’hai più cercato!!

 MICHELE: Ma no… questo nun è vero… sapessi quante volte t’ho pensato!! e… adesso proprio venivo a cercatte!!

GISELLA:  (acida) Eeeh… momenti te scapicollavi giu pe’ ‘e scale!! Se me pensai… m’avresti cercato prima!!! Mah.. che bamboccia che so’ stata a ‘nnamoramme de te!! Mamma me l’ea dettu che de te nun c’era da fidasse!!

MICHELE:  Ma t’ho cercato tantu, ma tu sei sparita da ‘a circolazione, nessuno sapea do’ stavi!??… Ma perché nun te metti a sedè??!.. (porgendogli una sedia) Ecco accomodate! (Gisella siede) Allora so’ proprio contento d’arvedette, E complimenti… (facendo segno) vedo che te si’ sposata,!!!

GISELLA:  Macchè sposata si!!… E che pe fa ‘n fijo c’è bisogno de sposasse??!

MICHELE:  Beh… in genere sì…!!! A meno che nun c’è stato quarche ‘nciampo… (sorridendo) quarche scivolatina…!!

GISELLA:  De fatti proprio de ‘na scivolata se tratta…!!  Che cojona… m’è successo sette, otto mesi fa su i Prati de Stroncone… che gnente, gnente c’eri anche tu??!!…

MICHELE:  C’ero sì… ma io pensavo de esse arvenuti via in due… e ‘nvece…!! Ma sì proprio sicura… eh, Gisè!!

GISELLA:  E so’ sicura sì!! Me conosci no!?.. Senno te pare che io, te venivo a cercà??!!… (piange, poi riprendendosi) Però, Michè… sia ben chiara ‘na cosa!! Io oggi nun so’ venuta qui perché pretenno che tu me sposi,… so’ venuta solu pe’ mettete di fronte alle tue responsabilità!!… Voleo solo sapè se  stu fijo che deve nasce, c’ha d’avè ‘n padre , o no!! Sta a te decide… io nun te vojo forzà…

MICHELE:  No… no! Ma che dici Gisè… io ‘sto fijo lo vojo!! Sarò pure ‘n  mascalzone e ‘n puttaniere, però quanno se tratta de cose serie… e noh!!! ma che scherzamo!! Ma… a propositu lo sai se è maschiu o femmina?? 

GISELDA:  E’ maschiu… Michè!! (asciugandosi le lacrime)

MICHELE:  Oh… meno male… almeno zì Nicola sarà contentu, da mo' che sta a aspettà ‘n erede!! Gisè… ma… ma lo sai che oggi te sì capitata proprio, come se dice…, come ‘u cacio sopra i maccheroni!!??

GISELLA:  Ma… che vorresti dì???

MICHELE:  (felice) Gisè… me vòi sposà??

GISELLA:  Co.. me??!! Me vòi sposà??!…. e me lo domanni?? (alzandosi) Ma certu!!

MICHELE:  (abbracciandola) Oh… so’ proprio contentu!!! E po’… cusì co’ na fava pijo tre piccioni!!

GISELLA:  Come?

MICHELE:  Si… si!! Co’ ‘na botta sola ho trovato moje, so’ diventatu padre e ho arcapezzato ’n’eredità de un mijardo!!! ‘N occasione cusì quanno m’arcapita!!

GISELLA:  Michè… nun me pijassi ‘n giro come ‘l solito tuo!!! Mo' che c’entra l’eredità!??

MICHELE:  E’ che zì Nicola, che io manco l’eo visto mai, è stato pe’ tanti anni in America… lì esso c’ha saputo fa e ha fattu fortuna, nel senso che ha fattu ‘na barca de sòrdi!! Siccome nun c’ha né moje , né fiji, lascia a me e a Federico, mi’ fratello una parte d’eredità!! Però a ‘na condizione….

GISELLA:  E quale?

MICHELE:  Che io fra tre mesi me sposo e po’ c’abbia ‘n fijo!!

GISELLA:  (piangendo di nuovo) Che stupida!!!… me lo devevo immagginà che ci stava sotto ‘na fregatura…!! Sì ‘l solitu mascalzone!! Me sposi solu pe’ i sòrdi!… no, no preferisco rimanè sola co’ mi’ fijo!! Te saluto e te ringrazio tantu… (si alza e fa per uscire)

MICHELE:  Ma no… Gisè, nun facessi come ‘l solitu tuo… nun pijassi subito focu!! Lasceme spiegà!! No… Gisè io t’avrebbe sposato uguale… credime!!… bastava solu che ce ‘ncotrassimo!! Però cusì te sposo più contento…!! Che a te te puzzano ‘n mijardo e tocca!!

GISELLA:  (continuando a piangere) Ma che te devo dì??! Me ne dai una calla e una jaccia, nun so più ‘n do’ sta ‘a verità!! Io… solu ‘na cosa vojo da te…Michè, solu ‘n po’ de bene, ‘u restu nun conta!!

MICHELE:  Gisè… ma ancora nun l’hai capitu, certu che io te vojo bene, guardame… sta vorda dico ‘a verità!! (si abbracciano) Senti me farebbe tantu piacere fatte conosce ‘a famija de mi’ fratello, ma soprattutto zì Nicola, che ce tène tantu!!! Te l’immaggini quantu je farebbe piacere de potette conosce prima che arparte pe’ l’America!!

GISELLA:  Farebbe piacere anche me!! Se te va bene domani verso le cinque arcapito e…

MICHELE:  Senti però… me piacerebbe faje ‘na sorpresa!! Potresti venì e fa finta che sei una che… che ne so… pre esempio… (pensa)

GISELLA:  Beh… mi’ sorella lavora co’ l’ assicurazione, domani  posso venì  co’ a cartellina sua e…

MICHELE:  Braa … sei ‘na cima!!  Tanto domani dopo pranzo io ‘sto qui, anzi pe’ l’occasione a mi’ cognata je faccio preparà ‘na bella cenetta …

GISELLA:  D’accordo… allora ce vedemo domani!!… (fa per uscire, poi si ritorna e..) Quanto so’ contenta Michè!!!… nun me pare vero!! (lo abbraccia di nuovo)

MICHELE:  ‘Nnamo su, che t’accompagno… che se me cascate giu pe’ ‘e scale! (uscendo)

          

BREVE PAUSA

7° SCENA  (Terenzio e Natalino)

TERENZIO: (Entrano da fuori parlando) E bravo Natalino… m’hai fattu proprio vedè tutto, eh!! ‘E vacche, i porchetti, ‘e pecore… ‘a stalla de’ ‘u somaru… Grazie, Natalì!! (si siede stanco su una sedia)

NATALINO: Oh zì, ma  a propositu de grazie… io te voleo domannà ‘na cosa!

TERENZIO: Ma certu… che me dici??

NATALINO: Oh, zì… io voleo sapè, se tu lo sai…  ‘nsomma io vorrebbe sapè… che so’ ‘e “grazie” de le femmine!! Oh… qui casa, ci stesse uno che  lo sa… tutti cambiano discorsu… ma che, zì,… nun se po’ dì!??!

TERENZIO: Ma come nun se po’ dì!! Mettite a sede che mo' te lo spiego io!!

NATALINO: Perdero zi… finarmente!! Me spieghi tutto??

TERENZIO: Ma certo Natalì… che ce vole!!  Senti bene… capisci eh…

NATALINO: Beh… nun capisco!!! Io pe’ certe cose ce so’ tajato!!

TERENZIO: Apposta…!! Che nun ce lo so?!! Dunque… pijamo ‘na bella femmina!!

NATALINO: Una per uno, zi!?!

TERENZIO: Ma no!!.. una, pe’ modo da dì!! Vojo dì… chiudi l’occhi e immagginate ‘na bella femmina… una de quelle fatte bene… me capisci??

NATALINO: (a occhi chiusi) Beh, nun te capisco!!

TERENZIO: ‘Na femmina bella…, alta…, bionda…!!

NATALINO: Si… però, zì, io cusì nun vedo più gnente!!

TERENZIO: Va bene, riapri l’occhi e guardame… pensa a ‘na bella femmina che c’ha du’ belle… (mimica, porta le mani al petto) Me capisci??

NATALINO: Come sarebbe…??

TERENZIO: Guardame bene… (continua mimica) che c’hanno ‘e femmine qui??

NATALINO: ‘E poccie… ‘e zucche!!

TERENZIO: Eeee… chiamale ‘n po’ come te pare!! Poi…

NATALINO: E poi… e poi…

TERENZIO: Che c’ha anche ‘n bel…. (mimica: accenna ai glutei)

NATALINO: ‘N cocomero??

TERENZIO: Beh… non proprio…! diciamo ‘n bel di dietro o fondo schiena!! (mimica)

NATALINO: Ah… ‘u culo!! Mo' ce semo!! Te parli americano.. e io nun te capisco!!

TERENZIO: Mo' hai capito Natalì, che so’ ‘e “grazie” de le femmine!!! E… poi ce sarebbe pure… che cos’andru… però ‘a lezione oggi finimola cusì!!

NATALINO: Mo' si che ho capitu che so’ ste “grazie”!!! E propriu come dicea Luigino de zì Rosina!! Oh… zi’… ‘n’andra vorda che c’hai più tempo… me spieghi pure che vor dì “che cos’andru”!!!

TERENZIO: Ma certu Natalì… come no!! (Entra Albina con l’ombrello)

8° SCENA (Teranzio, Albina e Natalino)

ALBINA:   E’ permesso….??

TERENZIO: Oh… Albì… entra, entra!!

ALBINA:   Ma Lisetta nun c’è??

NATALINO: E’ annata co’ zì Rosetta al cimitero…!!

ALBINA:   J’ho arportato l’ombrello!! Lo lascio qui!!… (esegue) Va beh… allora io vado!!

TERENZIO: Ma dove vai, tra ‘n po’ Lisetta ritorna…  e poi ti devo parlà!! Giusto adesso scappavo pe’ venitte a cercà!!

ALBINA:   (alquanto freddina) Me dispiace, ma mo' c’ho da fa!! (e fa per uscire)

TERENZIO: Sei sicura?? Ma che t’è successo qualcosa??

ALBINA:   (fermadosi) Che me deve succede… gnente!!!

NATALINO: Oh… zì, io me sa che me vado a corgà su ‘u letto a legge ‘u libro!!

TERENZIO: Eh… si bravo!!! Dopo te spiego anche l’andre cose!! Eh..??

NATALINO: Si… si!!… (esce)

TERENZIO: Allora Albì… nun c’hai gnente da dimme??

ALBINA:   Io??… nun me pare… (indifferente)

TERENZIO: Ma come!! Te sì scordata… de quello che ce semo detti l’andro giorno?

ALBINA:   Ah… si!!… Me dispiace… ma nun se ne fa gnente!! (e fa per uscire)

TERENZIO: Perché…. Ch’è successo qualcosa??!

ALBINA:   No… è che c’ho riflettuto… e… ho pensatu: m’è ‘nnata male ‘na vorda… se vede che nun è destinu mio avecce vicinu ‘n omo!!

TERENZIO: Albì… guarda che nun so’ nato jeri…!! Se vede da lontano ‘n mijio che te stai  a ‘nventà ‘na scusa!! Dì… ‘a verità, pensi che io nun so’ a persona adatta per te??

ALBINA:   Ma no…. te sbaji!! E’… che… io nun te posso sposà… anzi, pe’ esse più chiari… (guardandolo) è… che tu nun pòi sposà a me!!

TERENZIO: (sorpreso) Ma che dici Albì!! Guarda che io so’ liberu come l’aria!!

ALBINA:   E pe’ forza….!!

TERENZIO: Ma che dici… nun capisco!!

ALBINA:   E laaa… nun me fa parlà, che te ce lo sai mejo de me!!!!

TERENZIO: Ma de che???

ALBINA:   Ma se ce lo sanno tutti…! E poi, nun te lo posso dì che me vorgogno pure!

TERENZIO: Te vergogni?!?! Ma de che??! Te vòi spiegà!!

ALBINA:   Senti eh... visto che tu nun vòi capì!!...  te lo dico io!! Vojo dì de quel cane… de quann’eri pottu…

TERENZIO: (ridendo) Aaaah… era questo!!! E pe’ tantu poco… Pe’ sta stupidaggine volevi mannà a monte tutto??!

ALBINA:   Beh… se a te te sa pocu…!!! A me me pare ‘n motivo più che “consistente”!!! Sa ‘e risate appresso de la gente!!!

TERENZIO: Ma… ride de che??!!

ALBINA:   Cambiamo discorsu…  e nun la facemo tanto lunga!! Anzi fammene annà, che nun posso sta a perde tempo qui…

TERENZIO: No, no!!… aspetta ‘n attimo!! Io vorrebbe sapè ‘a gente che c’ha da ride!! Mancu se vede gnente… e po’.. si è vero… si, m’è armasto ‘n po’ stortu..., però io… ce faccio tutto!!

ALBINA:   Senti…, per favore… nun scennemo tanto nei particolari!… Se c’hai le cose storte… so affari tui… a me nun me ne frega gnente!!

TERENZIO: Albì… guarda che a parte ‘sto piccolo particolare… ‘u resto sta tutto a postu, eh!!!

ALBINA:   Chiamalo piccolo….!!!

TERENZIO: Senti eh… ma io proprio nun capisco!! Prima me dici che te vergogni… poi dici che nun te frega gnente!!… ma la volemo chiarì sta cosa!!! (mostrando l’indice della mano sinistra) ‘U cane m’ha mozzicato qui, proprio qui, quann’ero pottu!! Lo vedi ‘sto dito, è ‘n po’ storto, però, guarda, lo movo bene!!

ALBINA:   Nicò… ma me stai a pijà ‘n giro!!??

TERENZIO: Ma te pare che io… nun me permeterebbe mai!!

ALBINA:   Ma io… ma io… mica ‘ntennevo ‘llu dito li…!!

TERENZIO: E qualu… io c’ho solo questi!! (mostrando le mani aperte)

ALBINA:   Ma no… io parlavo del… (vergognandosi) dell’undicesimo!!!

TERENZIO: Dell’undicesimo?!?!…. Ma che stai a di!!

ALBINA:   Ma come… ma se lo sanno tutti che quann’eri pottu ‘n cane t’ha dato un mozzicu… su ‘n ditu… ma no su quello che m’hai fatto vedè…, su quell’andro… quello senz’ogna!!

TERENZIO: Ah… su ‘llu ditu!??! Aaah… mo' capisco!! e io secondo te sarebbe castratu!?!? Ma chi te l’ha arcontata sta balla!!??… chi l’ha messsa ‘n giro sta chiacchiera, se po’ sapè??!!

ALBINA:   Ma se lo sa tutto ‘u paese!!

TERENZIO: Ah… ecco perché quanno che so’ ‘nnato a fa du’ passi a Narni… tutti me guardavano strano… manco portassi ‘a gobba!! Mo' se spiega tutto!!… Guarda Albì, che io ancora c’ho tutte le cose ‘n regola, a ‘u posto suo e… manco so’ storte!! E se nun ce credi te posso pure mostrà i gioielli de famija!!!

ALBINA:   Guarda che a me nun me devi fa vedè gnente… e manco me serve gnente!!

TERENZIO: (arrabbiato) Io Albì, penso de avè capito tutto!!.. e mo' te spiego come stanno le cose!! Nun me frega più gnente né de Federico… né de Michele e dell’eredità!!… sta storia è durata abbastanza, mo' basta!! Io nun so’ Nicola… nun so’ ‘u zì Nicola, l’americano… io so’ Terenzio Cipolloni, so’ de Casteltodino, so’ vedovo come te, c’ho ‘n fijo sposatu a Torino, e faccio ‘u venditore ambulante!! E… a me nun me manca gnente!!

ALBINA:   (sorpresa) Nun sei ‘u zì Nicola!!!…

TERENZIO: E no!! Io ho preso ‘u posto de stu Nicola, pe’ fa ‘n piacere a Federico a  convince Michele a pijà moje!!

ALBINA:   Ma… allora il vero Nicola che fine ha fatto!!

TERENZIO: E’ annatu a fa ‘a terra p’ i ceci!!

ALBINA:   Madonna… ma ‘è morto??

TERENZIO: E noo!!

          

ALBINA:   Beh… Nicò… Terè… se le cose stanno così… allora è ‘n andro pajo de maniche!!

TERENZIO: E sì!!… e anche ‘n andro pajo de carzoni!! Oh… ‘llu bammocciu de Federico, mica m’ea detto che a ‘sto Nicola…, pace all’anima sua!, je mancava che cosa…!!

ALBINA:   Beh… se te lo diceva, mica accettavi!

TERENZIO: Fossi matto!! Va a fa i piaceri, guarda in quali casini che t’artrovi!!! Io che so’ stato sempre ‘n omo maschiu… virile, che modestamente so’ stato sempre ‘n gallo co’ tantu de cresta!! Quann’ero giovanotto tutte ‘e pollastrelle de ‘u paese me curreano dietro…

ALBINA:   Chi se vanta se sbrodola!!! Ma senti Terè… se te me dicevi tutto subito… sta confusione nun succedeva!! Guarda che io nun avrei detto gnente a nessuno!!

          

TERENZIO: E no… avevo promesso a Federico de  nun dì gnente, e per me i segreti so’ sacri!! Oh… Albì, nun di gnente de sta cosa… che io nun so’ zì Nicola…, se no che figura ce faccio!!

ALBINA:   Si si certo, sta tranquillo… mica so’ più ‘na fija!! Mo' però te tocca finì l’opera, mica la vorrai lascià cusì a metà!??

TERENZIO: No… no!! Oltretutto me so’ stufato de famme ride a gente dietro ‘e spalle!! Domani je dico che artorno in America e ‘u compito mio è finito!! E… santi benedetti!!

ALBINA:   Però qui da ste parti è mejo che pe’ ‘n pezzo nun te fai arvedè… e noi come famo a vedecce??

TERENZIO: Uh… te preoccupi!! Che i telefoni nun funzionano più???!!!

ALBINA:   Si, si, va bene! Però adesso vado via… che se arvene quell’orso de Federico e m’artrova qui!!… mejo che vado via!! Ce vedemo Terè… (si salutano cordialmente ed Albina esce)

TERENZIO: Ciao Albì…!!! Oh… finalmente so’ contento de avè chiarito tutto co’ Albina… de come s’era messa!!… Però che bellu scherzettu che m’hanno fattu!! Io castratu…!! Ero venuto qui pe’ fregà du’ cojoni e a momenti me li giocavo io … !!! Mo' però vado a preparà a roba mia… e domani me ne vado!! Poi facessero ‘n po’ quello che je pare… (esce in camera) (Dopo un po’ si sente parlare animatamente fuori)

   9° SCENA (Federico, Michele Lisetta, Terenzio e Natalino )

LISETTA:  (arrabbiata con Michele) Nooo… ma allora nun hai capitu!! Lo sai tanto bene che quanno che è ‘llu giornu, io ‘i sòrdi li vojo!! Ma come te l’ho da dì… in cinese!!??

MICHELE:  Lisè… e essi bona!!! ‘sto mese ho dovuto da l’anticipo pe’ ‘a macchina nova!! Che sarà mai se te li dò fra quarche giorno…  mo' me trovo ‘n po’ a cortu…

LISETTA:  A me nun me va de esse presa pe’… i fonnelli!! Me dici lunedì… poi giovedì… poi sabbato… oh è passato tutto ‘u calendario… però i sòrdi io ancora l’ho da vedè!!!

FEDERICO: Lisè… je dai ‘na piantata, pe’ piacere!!!… Te li darà, mica scappa via!!

LISETTA:  Eh… magari scappasse via!! Cusì ce levamo ‘sto debitu!! E tu lo stai pure a difenne… Te, caru Federico, sì stato sempe ‘n gran cojone… lasci sempre curre tutto! “A lassà sta, je fregarono ‘a moje e po’ toccò pure a esso!!”

MICHELE:  Nun te preoccupà Lisè… che se le cose vanno come dico io, fra ‘n po’ capace che ve lascio ‘u campo libero!!

LISETTA:  Fosse veru… accenno ‘n moccolottu grosso cusì a San Giuseppe!! (entra Terenzio con dei panni in mano)

TERENZIO: Lisè… che per caso hai visto ‘a giacca mia, quella chiara?? Non riesco a trovalla!!

LISETTA:  Si sta de là… l’ho appiccata dentra l’armadio!

TERENZIO: Grazie Lisè…!! ‘sto a sistema a roba mia, che domani me ne rivado via!

MICHELE:  Ciao zi…!! com’è….  domani vai via??

TERENZIO: Si… domani vado via come avevo promesso… Ma nun te preoccupà che fra tre mesi artorno!!

LISETTA:  E te zì, sì ‘n omo de’ parola!! Quanno che dici ‘na cosa è quella!!

TERENZIO: E certo!! E come aveo promesso, divido l’eredità alle condizioni che aveo stabilito…!! Eh… Michè!!??

MICHELE:  Nun te preoccupà zi… che me ne ricordo!! Vedrai che quanno arveni me trovi con una bella mogliettina e capace co’ che altra bella sorpresa… (entra Natalino con un libro in mano)

LISETTA:  E… vedemo quello che sei capace de tirà fori!!!

NATALINO: Papà… senti ‘n po’!!

FEDERICO: Natalì… e aspetta ‘n attimo!! Nun vedi che stemo a parla co’ ziu!!!

NATALINO: Eh…. a propositu de zi’ Nicola, sapete che j’è successo??

FEDERICO: Sentimo questa… che j’è successo!??

NATALINO: E’… mortu!!!

FEDERICO: Ma che dici, Natalì …!! Eccolu… nun lo vedi??

NATALINO: Papà… ma sì sicuro??

LISETTA:  (cercando di farlo tacere)  Natalì… ma se tu’ padre te dice cusì… significa…

NATALINO: (tirando fuori il telegramma dal libro) Allora ci sta ‘n andru zi’ Nicola mortu ‘n America… (sgomento in Federico, Lisetta e Terenzio) Su ‘sto pezzu de carta ci sta scritto: (legge lentamente) “Causa improvvisa morte vostro zio Nicola…”

MICHELE:  (strappandogli il telegramma di mano) Fa ‘n po’ vedè Natalì!? (legge)

FEDERICO: Natalì… che te pijasse ‘n corbo!! Ma pe’ tutto devi annà a ficcà e corna!! (Strattonandolo) T’ho detto tante vorde de nun annà smucinanno su cose che nun so’ tue…

NATALINO: (piagnucolando) Ma… papà, stea ‘n mezzo a ‘u libro che ho preso pe’ legge… E’ colpa mia se ziu è morto…???

MICHELE:  Federì… ma mòre ziu… e nun me dici gnente??

FEDERICO: (imbarazzato) Beee… te lo diceo con comidu… tantu ormai che prescia ci stea!!

MICHELE:  E allora… chi sarebbe ‘sto…. questo qui?? (indica Terenzio)

 

FEDERICO: Stu cristiano… ce stea a da ‘na mano pe’ convincete a… a… a pijà moje… ecco tutto!!

MICHELE:  Ma che pensiero gentile… quasi, quasi me facete piagne!!

TERENZIO: Io, Michè te vorrebbe spiegà che…

MICHELE:  Nun te stà a preoccupà… che te nun c’entri gnente…!!! Anzi te devo fa i complimenti per la sceneggiata che hai saputo fa!! Bravo… veramente bravo!! Ma in sostanza chi saresti, se po’ sapè!??

TERENZIO: Io… so’ Terenzio Cipolloni de Casteltodino e faccio ‘u venditore ambulante!

MICHELE:  Ah… ecco perché hai saputo recità cusì bene!! Pe’ fa stu mestiere ‘e bucie tocca sapelle arcontà!!

NATALINO: Ah… mà!! Ma se po’ sapè quanti zii Nicola ci stanno in America??

LISETTA:  (per evitare di discutere con Natalino, prontamente)  Due!!…. Due, Natalì!!

NATALINO: Due?? Ah… mo' capisco!! E quillu mortu, sarebbe quello che c’ha pijato ‘n mozzicu ‘n mezzu a ‘e gamme…??

LISETTA:  (prontamente) Si è quelloNatalì!! Però mo' nun ricominciamo co’ ‘e parolacce eh….!!!

NATALINO: Oh, mà… sa’ che te dico!! Se ‘llu ziu è mortu, a me manco me frega gnente!! A me me basta questu!! (si avvicina a Terenzio e Lisetta entra in cucina) Zi… te ‘o ricordi che me devi spiegà che vor dì “che cos’andru”??!! Sennò capace che quanno che arveni dall’America te sì scordatu ‘gni cosa!!

TERENZIO: (guardando gli altri) Si annamo che te lo spiego!! (si avviano verso le camere) …tantu ormai qui, ‘u compitu mio è finitu!! (esce con Natalino)

MICHELE:  Federì, ma che bellu ‘u giochettu che m’ete combinatu!?? Passi pe’ mi’ cognata… ma da te Federì… nun me lo sarebbe mai aspettato!!

FEDERICO: Senti… Michè, ma anche tu, te lo sì cercato!! Anche ‘a pazienza c’ha un limite… se poi pensi a quella de mi’ moje!! E’ da quanno che ce semo sposati che je stai rompenno i….  (entra l’Avvocato)

10° SCENA  (Michele, Federico, Lisetta e Avvocato)

AVVOCATO: (E’ un signore ben vestito, con una ventiquattrore in mano e ha un accento romano) E’ permesso… si può!??

LISETTA:  (da dentro) Avanti… avanti!!

AVVOCATO:  Bonasera… a tutti!! Abitano qui i signori… (prende un biglietto e legge) i signori  Strappafora?? (Lisetta esce dalla cucina)

FEDERICO: Si… io so’ Federico Strappafora, questo è mi’ fratello Michele e… questa è mi’ moje Lisetta!! E lei chi sarebbe??

AVVOCATO: Io… signori sono l’avvocato Rigamonti, addetto diplomatico dell’ambasciata americana a Roma… 

LISETTA:  Ah…, me cojoni!!!

FEDERICO: Si, si… è veru, si… ce l’ea scritto anche quella signora… Ca… Car..  Carmela… come caulo se chiamava!!

AVVOCATO: Isabella Carmen de Fonseca!!

FEDERICO: Eccu… si,  brao… cusì!!

AVVOCATO: Posso poggiare qui sopra??

LISETTA:  (spicciando il tavolo) Come no… facci pure!!

AVVOCATO: (poggiando la borsa) Ecco, dicevo, io sono venuto fin qui a Narni per comunicarvi le ultime volontà del signor Nicola Strappafora, vostro zio, che come penso, avrete saputo, purtroppo, è deceduto!!

LISETTA:  Uuuuh… ma… avvocà… metteteve a sedè, no?? Starete più comodo!! (ognuno gli porge una sedia e poi si seggono tutti e tre (Federico, Michele e Lisetta) vicino al tavolo in attesa della buona notizia)

AVVOCATO: (lentamente si siede, apre la borsa, tira fuori una cartellina che apre sopra il tavolo, poi una piccola scatoletta che mette in bella vista, poi,  sempre lentamente, cerca un foglio nella cartellina, lo tira fuori, infila gli occhiali,  guarda  attentamente tutti, poi…) Allora… “Io sottoscritto… Nicola Strappafora, nel pieno possesso… delle mie facoltà fisiche e mentali, dispongo che… tutti i miei averi, mobili ed immobili  vengano intestati a… (strarnutisce e gli cade il foglio dalle mani; tutti e tre si precipitano goffamente a raccoglierlo) Grazie…!! Dunque ero arrivato… si ecco… tutti i miei averi, mobili ed immobili  vengano intestati a… alla mia governante Isabella Carmen de Fonseca, che mi è stata sempre accanto con devota amicizia!…” (i tre si guardano… poi)

LISETTA:  Avvocà…, scusa se me permetto, ma hai lettu bene… gnente te sì lasciatu via che cosa… hai visto mai… leggi bene!!

AVVOCATO: Signora stia tranquilla, qui c’è scritto come ho letto… mi dispiace, ma…

LISETTA:  Avvocà… a te te dispiacerà pure… ma sapessi a noi?!!?

FEDERICO: Lisè, e sta zitta… lascia finì l’avvocatu, no?

AVVOCATO: Dunque… dunque…. Si ecco, (prende la scatolina e la da a Michele) per cortesia può aprire questa teca!!

LISETTA:  (guardando la scatola) Che è questa avvocà??.. a me me pareva ‘na scatoletta??!

AVVOCATO: Ma certo…, è una scatoletta!! (a Michele) Apra, apra!! Intanto io trovo la motivazione… (cerca nella cartella, mentre gli altri aprono la scatola e tirano fuori una medaglietta appesa ad un nastro) Ecco.. ecco! Lascio ai miei nipoti…

LISETTA:  Zitti… zitti… ecco ce semo… me parea strano che a nojandri nun ce lasciaa gnente… leggi, leggi!!!

AVVOCATO: Si… ecco… dunque!! Lascio ai miei nipoti Federico e Michele la cosa più cara che ho…

LISETTA:  Hai visto Federì… ziu nun se potea scordà de noi… Oh, la cosa più cara, eh!!! Leggi, leggi!!

AVVOCATO: Signora se lei non tace, io non posso andare avanti!! Dunque… dunque…  ecco… “Lascio ai miei nipoti Federico e Michele, la cosa più cara che ho…, questa onorificienza conferitami dal presidente degli Stati Uniti per aver contribuito con il mio lavoro, il mio talento e la mia tenacia allo sviluppo e alla crescita economica degli Stati Uniti d’America!!” (chiude il foglietto e lo ripone nella busta)

LISETTA:  E… basta cusì??!

MICHELE:  Avvocà… a esso sarà stata pure cara e preziosa, ma… noi ce la sbattemo… vojo di…, a noi nun ce dice proprio gnente!!

AVVOCATO: Ma caro signore…, il suo valore reale sarà di poco conto… ma la sua importanza è di carattere simbolico e morale!! (rimette a posto tutte le carte nella borsa e si alza) Comunque… vi piacciano o no, queste sono le ultime volontà del signor Nicola Strappafora!!  Signori… mi ha fatto molto piacere conoscervi, vi ringrazio dell’attenzione e vi saluto a tutti!! (esce)

MICHELE:  Hai vistu Federì… com’è la vita!!.. tu volei fregà a me… io, se me venia bene, fregao a te… e ‘nvece ziu, co’ ‘na botta sola ha fregato a tutte e due!!

LISETTA:  Ecco… cusì semo armasti con ‘na mano davanti e una de dietro!! Co’ sta medajetta che se ce danno mille lire ce famo' ‘n affare!! E ‘n più (guardando Michele) con un certu problema che c’è armasto su ‘u gozzo… (entrano Terenzio e Natalino che tiene in mano le valigie)

11° SCENA (Terenzio, Federico, Lisetta, Gisella, Michele, Albina e Natalino)

TERENZIO: Senti Natalì… per favore portame giu de sotto le valigie che mo' tra ‘n po’ vengo giu anch’io… saluto tutti e scenno!!

NATALINO: Va bene, zì!! (fa per uscire con le valige)

TERENZIO: Ah… Natalì… ‘n po’ se vedi Albina, je dici per favore se po’ salì ‘n attimo che la vojo salutà??!

NATALINO: Ma be.. no??  La chiamo subito!! (esce)

MICHELE:  (a Terenzio) Oh zì… cioè… Terè… lo sai che me dispiace che vai via!!  E po’ sa che te dico, chiamatte zì Nicola me sapea mejo!!

TERENZIO: Te sapea mejo sì… c’erano i sòrdi de mezzo!!

NATALINO: (riaffacciandosi sulla porta) Ah mà!! Giu sotto c’è ‘na femmina che ha dato ‘e grazie a quarcuno…!!! M’ha domannato se c’è zì Michele!! Che je dico??

MICHELE:  Ah… si, si… dije de veni su, dovrebbe esse quella dell’ assicurazione!!

NATALINO: Ah, mà  io vado a chiamà Albina e po’ me fermo ’n po’ co Luigino che ce deo parlà… je devo spiegà certe cose, e… zì!!! (esce)

MICHELE:  Te pare che anche questa nun vorrà i sòrdi… A propositu Lisè nun è che c’hai da prestamme ‘n par de centomilalire!! Te li ridarò appena posso!!

LISETTA:  E come no??… Ih chi ‘n te caccia ‘n occhio, eh!! (puntandogli l’indice) Te ce faccio pure ‘a giunta su sopre!!  (entra Gisella)

GISELLA:  Bonasera… è permesso??!

MICHELE:  Si… si, si accomodi… venga pure!! (porgendogli la sedia) fra ‘n po’ sarò da lei!! (facendogli segno di tacere)

FEDERICO: (avvicinandosi) Senti…!! Ma che fai l’assicurazione anche sui trattori??

GISELLA:  (sorpresa) Come no… certo, quando vuole!!

LISETTA:  Federì lassa perde pe’ carità eh…, nun me pare questo ‘u momentu!! (entra Albina)

ALBINA:   M’ha cercato Natalino e m’ha detto de venì su!! Che me volevi tu Lisè??

TERENZIO: No… t’ho cercato io… te volevo salutà che tra ‘n po’ vado via. E poi mi faceva piacere comunicare a tutti la bella notizia!

LISETTA:  Finarmente una bona! Ce n’era proprio bisogno!!

TERENZIO: Ve voleo di… che io e Albina ce sposamo!!… (prendendogli una mano)

ALBINA:   (non sapendo che ormai tutti sanno) Si… è vero io e Nicola ce sposamo???

TERENZIO: Ma che Nicola e Nicola… Zi’ Nicola è mortu…!

ALBINA:   (sottovoce) Ma… Terè, che dici… sì mattu??!

TERENZIO: Albì, nun te preoccupà,  è stato tutto chiarito!! Sta tranquilla!!

MICHELE:  Ah… ve sposate…!!! E già…. mo' tutte le cose so’ tornate a ‘u posto giusto, eh, Albì??!!! So’proprio contento!!

FEDERICO: Beh… male ch’è ‘nnata ‘na magnata l’emo armediata!! Se era per te Michè… ce satollassimo parecchiu!!

MICHELE:  E… che vòi schiattà!!! Perché… mettite a sedè Lisè, sennò te sturbi, perché ve dico che anch’io me sposo!!

FEDERICO: Te sposi???!!!

LISETTA:  (sedendosi) Te sposi???!!! E con chi sarv’ognuno!!!

 MICHELE: Eh… mo' che ci stamo, ve la presento pure!! (aiutando Gisella ad alzarsi) Vi presento Gisella, essa sarà mi’ moglie!! ce sarebbe anche mi’ fijiu, però per adesso lasciamolo durmì!! Ecco Gisè… questo è mi’ fratello Federico… (stretta di mano) questa è Lisetta, mi’ cognata, questa è Albina, la vicina di casa e questo è… è anzi era zì Nicola!!

GISELLA:  Come era!???

TERENZIO: M’avevano scambiato pe’ zi’ Nicola, signora, ma io sono Terenzio Cipolloni, sono… qui… quasi per caso!! E’… che, che…

MICHELE:  Poi, Gisè te spiegherò tutto io!!!

LISETTA:  Oh… Michè da te nun me lo sarebbe mai aspettato questo!! So’ proprio contenta pe’ voi!!! E chi ce pensava che potea succede ‘sto miracolo!

MICHELE:  Eh, hai visto Lisè, manco io ce pensavo… e ‘nvece!! Eh, Gisè?!?

TERENZIO: Succedono, succedono, (indicando il dito) vero Albì!??!

LISETTA:  (a Federico) Hai vistu Federì solo a te nun te succedono i miracoli!!! Me toccherà accenne che candela eh?

FEDERICO: Lassa perde che nun serve, che… me pare che ‘u miracolu è già è successo!!

LISETTA:  Perché??

FEDERICO: Che te dico… oggi co’ tutta st’arietta sposalizia, pare che m’ha smossu che cosa ….., capace che stasera quanno che  annamo a durmi… (gomitata) Eh, Lisè!??!

LISETTA:  (prendolo a braccetto) Per dèro Federì…, speramo che dura…!! Allora sa’ che te dico… ma che me frega dell’eredità!!! dopo tutto mica ce moremo de fame!! Come se dice, quello che conta è l’amore, nun te pare??

FEDERICO: Meno male Lisè, finalmente l’hai capita…!!! Hai sempre pensatu ai sòrdi e te sì sempre lamentata de me pe’ via che…,ma l’amore, Lisè  è ‘n tesoro più grossu de li du’ sòrdi su ‘a banca!! Annamo va… annamo a pijà ‘n po d’aria, va!! (abbracciati escono tutti)

 

FINE

(cala il sipario)

 [QP1]

 [QP2]

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 10 volte nell' arco di un'anno