L’onorevole con la "p"… minuscola

Stampa questo copione

L’onorevole con la “p”… minuscola  - 2 atti di Santo Capizzi

L’onorevole con la

“p”…minuscola

Commedia in due atti

di

Santo Capizzi

Santo Capizzi

Cell. 347 80 60 577

santocapizzi1@alice.it

www.santocapizzi.it


1


L’onorevole con la “p”… minuscola           - 2 atti di Santo Capizzi

A te,

se ci sarai.

S.C.


2


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

Questa storia è semplicemente frutto della fantasia, pertanto ogni riferimento a persone, fatti e luoghi è del tutto casuale.

S.C.

Sinossi

Un politichetto di quartiere aspirante onorevole, accetta di “intercedere” affinché un giovane e brill ante laureato, trovi quella sistemazione che nonostante gli sforzi ed i requisiti posseduti non riesce a scorgere perché perennemente scavalcato dai solitiraccomandati.

La politica, quella con la “p” minuscola, entra in scena sotto richiesta della madre del laureato, che vi si rivolge per evitare che il figlio evidentemente scorato, compia qualche sciocchezza.

Il politichetto di quartiere, amico d’infanzia di lei e del marito, non rifiuta il suo interessamento e prendendo la palla al balzo lo subordina imprescindibilmente a delle condizioni, la più importante delle quali è che il padre del giovane, segretario di un sindacato, lo aiuti ad essere eletto alle imminenti elezioni regionali.

Ma il politichetto e la madre del giovane, non hanno fatto i conti con l’acerrima rivalità che il mari to e l’aspirante onorevole coltivano sin dall’infanzia.

La ricerca dell’accordo passerà attraverso l’evolve rsi di situazioni divertenti che non mancheranno di denunciare il malcostume di cui si veste la nostra società, quando è guidata da persone inadatte.

Il padre ad un certo punto si piegherà sotto lo sch iacciante peso della responsabilità verso il figlio , mettendo “la sua dignità dentro un cassetto”; ma qu ando il figlio scoprirà casualmente di avere ottenuto un lavoro con le sole proprie forze e quindi sarà improvvisamente cambiata la prospettiva delle cose, si prenderà la sua rivincita nei confro nti dell’avversario di sempre.

Nota dell’autore

Spaccato della società, quest’opera vuole essere ri lettura analitica di una fotografia della realtà, proposta in chiave umoristica mediante una comicità che trasuda ironia in ogni sua scena, in ogni su parola. Commedia brillante, divertente e scorrevole, che non perde pero’ l’opportunità di essere anche denuncia. Commedia che già nel titolo rivela chiaro il filo tematico che l’attraversa: il paradosso!

Paradossale e’ la “p“ minuscola del titolo, “p” di quella parte della politica che appare inadeguata, approfittatrice, ammaliatrice, quella politica che il personaggio di turno si cuce addosso come un abito personale che vuole vesta a pennello solo se stesso.

E quando l’ombra di questa politica si allunga sulla gente che disperata vi si aggrappa, diventa paradossale l’essere costretti a mettere in un cassetto la propria dignità, in un canto propri valori, dovere mendicare un aiuto a coloro che avrebbero il compito istituzionale di allontanare dalla “miseria”.

Questa commedia nel suo divenire farà ridere, farà sorridere ed anche pensare, regalando un finale nel quale il riscatto sociale e’ ancora possibile.

Scena unica


3


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

Personaggi

Daniele Fortuna………………………Il laureato

Ezio Fortuna …………………………  Padre di Daniele

Margherita ………………….……….Madre di Daniele

Attilio Pignataro………                                ……………..      Politico

Silvana ………………………………  .Amica di Margherita

Salvo………………………………….Fratello di Daniele

Segretario……………………………Segretario di Pignataro

Note di caratterizzazione

Ezio:               personaggio dal carattere indomito, impetuoso, dinamico.

Salvo:            nel primo atto sarà un personaggio impertu rbabile, indifferente a tutto, lento nei movimenti e nel parlare. Nel secondo atto avrà una personali tà rapper.

Segretario: personaggio stralunato che vive in un modo proprio, parallelo alla realtà. Pare stordito eparla in maniera atona e come se stesse facendo proclami.


4


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

ATTO PRIMO

Salotto di una casa del ceto medio.

Scena I

(Salvo, Margherita, Ezio,)

Ad apertura sipario si vedono Margherita che rammenda e Salvo comodamente seduto che sta facendo le parole crociate.

SALVO:  9 verticale: il dolce più delinquente che c’è. (Pensa)mih, chista difficili è. Mamma tu a sai?

MARGH: quali è?

SALVO:    ccà, dici: il dolce più delinquente che c’è.

MARGH:                    avaia a mamma, ca è facilissimu! Su non anzetti chisti, meglio ca ci levi manu a fari i paroli incrociabili.

SALVO:    e quali fussi ‘stu dolci facilissimu?

MARGH: ca ovviu no? U dolci chiù  delinquenti e’(pausa per enfatizzare)a caramella carubba!

SALVO:    a caramella carruba? Ma ccà non ci trasi.

MARGH: e tu levici a carta, tali ca ci trasi.

SALVO:   avaia ma chi dici? Chiamu all’orvu pi darimi aiutu… Senti, senti st’auttra: cosa indica un segnale stradale triangolare, rosso e con una mucca disegnata dentro?

MARGH: ca a 100 metri c’è una macellaria.

SALVO:    va beni u capì va, oggi c’hai a liscia!

Ezio entra in casa e con veemenza tenta di chiudere fuori alcune mani (sono i vari vassalli dei candidati politici) che cercano di farsi strada per imbucare volantini elettorali. Ezio riesce a respingerli sbattendo la porta ma per farlo chiede aiuto al figlio.

EZIO:           (urlando innervosito) via, allascativi cosi fitusi. Via iene malefiche. A nuddu! A nuddu ci udugnu u votu! (Si rivolge al figlio, mentre cerca di chiudere la porta) prestu Turiddu veni ccà a darimi ‘na manu.

SALVO:    (non dandogli conto) 5 orizzontali: essere inerte agli stimoli ripetutti.

EZIO:       cannaruzzuni!


5


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

SALVO: ma cannaruzzunu non ci trasi.

EZIO:         bestia preistorica, u cannaruzzuni si tu. Ti voi scugnaru u culu di ddu divanu? Prestu veni a darimi ‘na manu a siggillari ‘sta porta ca stancai.

Salvo con estrema lentezza si alza dal divano ed ancora più lentamente si avvia verso il padre.

EZIO:       (ironico) alleggiu m’arraccumannu. Alleggiu prima ca ti slochi un ditu do pedi.

SALVO:  e chi primura c’è. Ti pari ca a porta si ni scappa? Non po scappari e chiantata o muri.

EZIO:         ccà su c’è ‘na cosa ca chinatavu definitivamenti, c hiuddu è u to ciriveddu. (Rivolegendosi a chi sta fuori) itavinni farabutti. Itavinni ca siti sulu un pugnu di di lestofanti, avvoltoi, lattriapprofittatori, truffaldini. (Mima uno sputo verso la porta) ppu cosi tinti ca non siti auttru. Itavinni d’arreri a me porta pirchì viditi ca v’add ifettu. (Alla moglie) Margherita spicciti o pighia un manicu di scupa, ca i bbessu ju a ‘sti malanovi.

Da fuori la porta si sente: prestu amuninni ca chistu malu intenziunatu è!(Vanno via).

MARGH: ma chi fu Eziu? Chi sta succidennu?

EZIO:        (dopo avere chiuso la porta con diverse mandate) oh finalmenmti muddanu!Stasucchidennu ca di quant’havi ca accuminciavu ‘sta m aliditta campagna elettorali, non si sta capennu chiù nenti; non si po camminari chiù tranquillu p’e stradi. E cu ti ferma a destra, cu ti tira a sinistra, cu ti proi un volantinu, cu t’assicuta anfinu a intra a casa. I vidisti a dr’armali, su ne chiudevu fora, fra cuntu ca occupavunu a casa s’accampavunu ccà ndo salottu e u facevunu addivintari ‘na segreteria politica.

MARGH: certu in effetti sunu un pocu, invasivi.

EZIO:           auttru ca un pocu vasini, chiddi sunu tutti cessi? Sunu un pugnu di sagnitti, di sanguisuga. S’allippanu e su non ci dici ca ci duni u votu, non ti moddunu chiù. E non è ca ci abbasta a parola. No! Volunu sapiri macari unni stai oppuri u nummiru da sizioni unni voti. (Ironico) pirchì i fighi non si fidunu, alli voti un libero cittadino ca po’ vutari pi cui voli i ‘mbroghia e vota pi qualcunu auttru!

MARGH: e va beni, chi ci voi fari? Alla fine chistu è u so travaghiu.

EZIO:            ma quali travagli? E quannu hannu a travaghiatu mai chiddi? Chiddi magnacci sunu. Mangia pani a tradimentu! Sunu sfruttatori di polulami. E i chiù peggiu, i chiù agguerriti sunu i suca pirita di ddu cosu tintu e perdi jornu di Attilio Pignataru.

MARGH: Ezio pi favuri lassamu stari ‘stu discursu, ca sunu almenu 50 anni ca non vi putiti avvidiri.

EZIO:        e chi voi di mia, a curpa è da so. Ddu animali di gerbia ha interrotto ‘ndo nasciri ‘na carriera ca puteva essiri strepitosa. Cara mia su non era pi ddu cosu tintu, il nostro paese avissa canusciutu un nuovo De Gasperi, un nuovo Pertini, un nuovo grandissimo statistico.


6


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

SALVO:  ccà sugnu arrivai, chi ti sirveva?

EZIO:              (alla moglie) u senti a chistu? Arrivavu. U chiamani pi darimi aiutu ca ancora ava a

scuppiari a prima guerra punifica e arrivavu ca avunu eleggiuti a Berlusconi papa.

SALVO:  ma Berlusconi non è papa.

EZIO:         tranquillu ca pocu ci voli; è quistioni di misi. (Cambio tono) ca certu ca ‘n chistianu pi tia putissi moriri, putissi arristari stinnicchiatu ‘n terra, anzi pi parrari comu pari tu, putissi fari…l’uno orizzontali. (Alla moglie) u stai vidennu comu mi finivu? A cummattiri cu stu longu armatula di to fighiu, e invece potevo essere un grande statistico su non era pi ddu Pignata senza cummoghiu.

MARGH: apparti u fattu ca u fighiu u ficiumu in società, perciò è macari do to, appoicu fussi stu statisticu, ca non porti nasciri pi curpa di Pignataru?

EZIO:          ca ju! Cui annunca? (Quasi commosso) ah, e su pensu cu fu u complici di Pigna.

MARGH: (infastidita)e comu po essiri, ogni vota a stissa sunata. Eziu, avevumu 7 anni ed eral’elezioni do capu classu p’a secunna elementari. V a beni, vincivu Pignataru e tu non putisti fari u capuclassi, ma mi pari a mia ca ci dunu troppu pisu a ‘sta storia.

EZIO:              (incalzando la moglie) pirchì di ddu mumentu, ddu strafallariu non perdi occasioni dirinfacciarammillu. (Tragicomico) e appoi a cosa chiù gravi, a cosa chiù gravissima, è ca persi per un solo votu, unu sulu. ‘Ndo mumentu chiù impurtanti da me vita, una pissona ca cridivu cara, (pausa, poi) m’abbandunavu.

MARGH: e però dopu quanche annu ti maritavu!

EZIO:          si ma u votu  a secunna elementari ci u dasti a Pignataru!

MARGH: (esasperata)all’inferno! Pi chistu me ne adrò all’infernu, muconfermavu pattri Austinu. Non t’abbasta comu pena?

SALVO: (che nel frattempo molto lentamente si è rimesso a sedere)12 orizzontale: animale subdolo emaligno che si trova spesso nei centri urbani

EZIO:         (immediatamente) il politico. Ci ‘u poi sciviri: l’armali malificu e subdulu ca ‘nfesta i cittàpeggio de suggi mattogni, è il politico. Esemplare sfaticato ca non fa nenti da matina anfinu a sira e campa a sbafu allippatu ausi signa a dda povira cittadinanza ca sparti l’ha manteniri.

SALVO:  ma politico non ci trasi.

EZIO:         (alla moglie) ma to fighiu c’è o ci fa?

MARGH: chi cosa?


7


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

EZIO:         u bestia. (Pausa) ma a propositu di sfaticati, di besti , di signi allappati,         di mangia pani a

tradimentu, Salvo, mancu oggi ci ni fu scola?

SALVO:    no oggi ci fu sciopiru.

EZIO:        e cu oggi sunu 2 simani di scioperu, a scola ca accumincuiavu sunu 3 simani. A certu ca non

ni mangiati mancu a brodu. E senti oggi pi chi cosa scioperasturu, pi protestari contro

all’ugnu incarnatu   ca ci vinni o presidi, oppuri pirchì non vi piacivu u culuri de capiddi ca

si fici a prufissuressa di educazione fisica?

SALVO:  nasa. Oggi si scioperava contro u ministru  e contru la riforma universitaria.

EZIO:        a riforma universitaria?

SALVO: sisa!

EZIO:       ma quali siula e sisula, su si o terzu superiori.

SALVO: oggi! Ma metti ca dumani mi ni voghiu iri all’università.

EZIO:      A unni a ghiri jennu cu ‘sti pedi chini di caddi? Su t’arrinesci ca t’arrinesci di diplomariti, ci haiu a purtari ‘n ciru a Sant’Aituzza, ca di circun firenza a essiri almenu quantu u giru vita di to mattri. 3 metri a vintidui.

MARGH: bestia si. Avanti ora lassulu perdiri u picciriddu.

EZIO:     piccirddu? Però pi irasinni a ‘nbuscarisi vaneddi v aneddi ca zita, non e’ picciriddu.

MARGH: ma pirchì tu a so età non ci l’avevi a zita?

EZIO:          ci l’avevu,  sparti u sai chi era bedda…a ddi tempi  .

MARGH: ma pirchì ci voi diri ca oggi non sugnu chiu’  bed da.

EZIO:        bedda bedda si, pari ‘n liafanti ca tamponanu ‘na c arrozza di l’euro star.

MARGH: a certu ca pi delicatezza tu e u sceccu i stissi siti!

EZIO:        e comunque a me zita di quannu avevi a so età , (enfatizzare) non era a figlia del più acerrimo nemico di me pattri. Non era a figlia di Attilio Pignataro.

MARGH: e basta, finiscila ora, n’o curturiari chiù o picciriddu. No vidi ca lo ferisci nel suo subconscio?

EZIO:         Ma quali sutta coscia e sutta coscia,       ju u firissi bonu ma a centru di testa cu ‘n coppu di

lignu, accussi ‘na vota pi tutti o s’abbessa a si s pascia.

SALVO: basta papa’ mi stai noiannu.


8


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

EZIO:       ma u senti comu parra? Nanasa. Sisa, noiannu. Si irrecuperabili. Persu cumpletu!

SALVO: va beni u capì, ju mi ni staiu jennu a dda banna a farimi ‘na partita di sudoku, pirchì ccà cisinu mali fruscoli. (Esce).

EZIO:         (ironico) si o joca o joca, e non sudari assai o papa’ u capisti? Alli voti ti vinissi a frivuzza.Ah, gioventù bruciata; di studiari non ni voluni sapiri, u travaghiu mancu sannu ci voli diri, si siddianu macaria a parrai, sisa, nasa, fbi. Ouh ancucchiunu macari i paroli pi non spardari ciatu. Sudoku! Pirchì su diceva: sugnu a dda banna accussì jocu e sudu un pocui. No. Iddi parrunu cu un linguaggiu ca si capisciunu iddi suli. Nasa, sisa, sudoku.

MARGH. ma chi vai dicennu? Sudoku e u nomu ddo jocu.

EZIO:          a si?

MARGH: sisa caru miu, sisa.

EZIO:        (parla come se stesse continuando un discorso mai interrotto) e appoi lassannu perdiri umalu sangu ca mi fa ddu scemunitu…

MARGH: ma cui to fighiu?

EZIO:          no, ma ci c’entra ddu fighiu persu? Di Pignataru staiu parrannu.

MARGH: mattri sempri dda l’hai a testa.

EZIO:        chi ti pari giustu a tia ca inchiunu ‘na città di carti e cartazzi? Talia chi attruvai intra a b uca de lettiri. (Butta sul tavolo le buste con i fac-simile elettorali, in mezzo c’è la lettera del CNR per il figlio). A cassettina era china ca non ci capeva mancu ‘na s pirmula. Cridimi neittai pi strada sulu pi civiltà.

MARGH: ah, pi chistu hai ragiuni.(Prende in mano i foglietti e li scorre)talia ci sunu milli sigli: udc,pcc, abc, tft, ddt, talia ci n’e’ macari una ca non haiu mai ‘ntisu, (pausa, poi scandendo bene le lettere) CNR. Ma cu u sapi chi voli diri?(Prende le carte, compresa la lettera, e le posa su di un mobile a vista). È un piccatu spricari tutta ‘sta carta. P’accomora a mettu ccà, chiùtardu a stricu e ni fazzu coriandoli pe picciriddi.

EZIO:            cosi de pazzi; un chistianu è bellu tranquillu p’a so         casa e chisti pi forza l’hannu a fari

innervusiri.  Senti  Margherita,  ju  staiu  niscennu  pi  tranquillizzarini  tannichiedda  ca  mi

ficiunu ‘nfuddari. Su pi pranzu non sugnu a casa, vemini a circari a caserma de Carabineri,

pirchì di sicuru qualche dunu di ‘sti scemuniti can didati mi fici perdiri i staffi e ci rumpii

qualche seggia ‘nda testa.

MARGH: (ironica)calmiti, non fari troppu sagnu ca u sai ca sugnu un tipu impressionabili.

Ezio esce di casa.


9


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

Scena II

( Margherita, Daniele, Salvo)

MARGH: (parlando fra se)ah Eziuccio miu, ma quali Carabineri e seggi rumputi ‘nda testa? Tu nonfussi capaci di astruppiari mancu ‘na musca ca ti curturia.

DANIELE: (entra in casa  molto demoralizzato)ciao ma.

MARGH:  oh, ecco qua u nostru fisicu nucleari. Com’è andato u colloquio di travagli, a mamma?

DANIELE: a comu puteva iri, ca comu o solitu.

MARGH:    chi succidivu a ‘sta vota?

DANIELE: raccomandati! Specie in via di espansione. Specie protetta.

MARGH:    i soliti raccumannati ca muti muti fannu strada, veru?

DANIELE: ma quali muti muti mamma, oramai i raccumannati pighianu curaggiu e sunu belli vispi espavaldi. ‘Na vota stavunu muti non si facevanu arricanusciri, insomma s’ammiscavunu ca fudda, oggi problemi non i si ni creano chiù.

MARGH: chi succidivu a ‘sta vota?

DANIELE: semplici, ora tu cuntu. Arrivo davanti al capo del personale, un fisico anche lui e chistu,‘stu dutturi, tenendo in mano il mio curriculum mi dice: ah dottore Fortuna leggo nel suo curriculum che lei pur essendo giovanissimo e’ laureato in fisica nucleare con 110 e lode e pure un encomio della commissione. Bravo!

Conosce perfettamente l’inglese, ha un dottorato di ricerca, diverse pubblicazioni, ed e’ stato anche assistente di un professore, il professore Calascibetta; non lo conosco. Bene mi pare proprio che lei sia la persona giusta per la posizione libera nella nostra azienda. Un giovane fisico brillante e di promettente avvenire.

MARGH: (felice)ma allura ti pighianu?

DANIELE: aspetta ancora non haju tirminatu. Insomma ju eru tuttu cuntentu e ‘nda me testa midicevu: Daniele u voi vidiri ca finalmente finivu u calvariu della disoccupazione, do precariatu, dei lavoretti a jurnata pi putiri tirari a campari.

MARGH: (disillusa)e inveci?

DANIELE: e inveci propriu mentri u dutturi mi stava pruiennu un contrattu di firmari, sunavu utelefunu: pronto, fa u dutturi. Oh (scandire bene e lentamente le parole onorevole e carissimo) onorevole carissimo, come sta? (E’ una conversazione telefonica, dunque


10


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

infarcita delle opportune pause) io non mi lamento…i fondi regionali? Si sono arriv ati,sono arrivati grazie al suo interessamento…lo so, l o so che lei ci pensa sempre e che ci vuole bene…la vogliamo bene anche noi. A proposito si è divertito in quel villaggio turistico a Cuba dove abbiamo avuto il piacere e l’onore di averla nostro ospite? Ah si? mi fa tanto piacere. Come? Come dice? Ah, si sta attivando per fare mettere nel bilancio preventivo una cospicua somma per la ricerca scientifica da destinare alla nostra società; ma lei è un angelo, un mecenate…come il bilancio pe rò verrà approvato dal governo eletto alle prossime imminenti elezioni e lei spera di potere avere la possibilità di essere rieletto per poterci aiutare ancora. Ma certo carissimo onorevole, ma che ci sono dubbi? Conti pure sul nostro sostegno, da tutti i punti di vista. Come le serve una cortesia? Ma io servo suo sono. C’è un suo parente, un fisico appena laureato che cerca lavoro e lai ha pensato a noi. E senta quanti anni ha il ragazzo? Ah, 37. E con quanto si e’ laureato? Ah, 66, ottimo voto. Conosce l’inglese? No. Altre esperienze lavorative? No. No, ma che dice, ma quali problemi. Perfetto, è perfetto. E’ la persona che stavamo cercando. Faccia conto che l’abbia assunto. Va bene ci sentiamo, arrivederci, i miei rispetti alla signora.

MARGH:  e allura comu finivu?

DANIELE: a fetu finivu! Appena chiusi u telefunu, mi livavu u cuntrattu de manu e mi dissi: carodottorino, lei è una persona di valore e con grandi prospettive. Sono convinto che non faticherà a trovare un altro lavoro. Questo purtrop po è già stato assegnato.

MARGH:  o parenti do puliticu?

DANIELE: per l’appunto.

MARGH:  ma certu ca ‘sti pulitici hannu ‘n putiri!

DANIELE: io comincio a perdere le speranze di trovare un lavoro serio. Dopo tanti anni di università,tanti sacrifici, il massimo dei voti, master di ccà e corsi di ddà, ad un anno dalla laurea ancora non si vidi nenti di seriu.

MARGH:  non disperari a mamma. Vidi ca prima o poi a to strada a trovi.

DANIELE: ca certu ca su fussi prima, fussi meghiu. Mamma senti e’ arrivata posta pi mia? U sai caaspettu a risposta do concorsu ca fici al Consiglio Nazionale delle Ricerche. Chiddu fussi un postu di oru. Prestigioso, statali, con una possibilità di carriera assicurata. Su vincissi ‘stu concorsu, finalmenti putissi accuminciari a pinsari a maritarimi cu Federica.

MARGH:  no a mamma, purtroppu nenti ha arrivatu.

DANIELE: ma si propriu sicura? Mi pari stranu. Di solitu pi ‘sti concorsi ‘na lettera arriva semprivincisti o non vincisti.

MARGH:   tranquillu a mamma ca nenti ha arrivatu. Chi fa non tu dicevu? Sugnu cu l’occhi aperti tanti. E poi pi non sbaghiari ‘stu nomu mu scrivì ‘ nda pezzu di carta e mu tegnu sempri cu mia accussì non mu scordu. Talia ccà (esce dalla tasca un pezzo di carta con una scritta) Consiglio Nazionale delle Ricerche. Giustu e’?


11


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

DANIELE: si giustu. Comunque pi favuri stacci attenta ca avissa arrivari ‘nda ‘sti jorna e speriamu caporta boni nutizi prichì ju non ci ‘a staiu facennu chiù, sugnu arrivatu al limite di sopportazione.

MARGH:  teni duru a mamma, teni duru.

SALVO:     ciao fratellone. Mamma non attrovu i me jeans chiari.

MARGH:    e ci fussi ‘na vota ca attrovi qualcosa. Aspetta ca ti vaiu a pighiari ju.

DANIELE: senti mamma ju staiu niscennu; mangiu ‘ndi Federica e poi direttamenti da so casa mi nivaiu a travaghiari o ristoranti. Hai vistu fratellino, anni di studi pi purtari pizzi ‘nde tavuli. Ma su cuntinua accussì…

MARGH: tranquillu cori miu, tutto s’abbessa. Ju a casa s ugnu, aspettu ca passa Silvana. Mentri va afera o luni, mi fazzu purtari ‘na para di cosi (esce).

SALVO:     è pazzesco, c’è sta definizioni di tri paroli canon rinesciu a truvari. Havi ‘na matinata ca ci cummattu ma menti, non mi veni

DANIELE: e chi dici d’accussì difficili?

SALVO:      allura dice: lo dicono nei films i personaggi che vogliono farla finita.

DANIELE: avaia ma è di una facilità inaudita.

SALVO:      e che sarebbe?

Margherita entra con in mano i jeans gusto in tempo per sentire Daniele che mentre esce dice al fratello..

DANIELE: la faccio finita!(Esce).

MARGH:  (sconvolta)chi dissi? Chi dissi to frati?

SALVO:    la faccio finita. Ah, i truvasti i jeans (glieli toglie dalle mani) grazie. Staiu niscennu (esce).

MARGH:  a madonna t’accumpagna.

Scena III

( Margherita, Silvana )

MARGH:   (si siede preoccupata sul divano e riflette a voce alta) ma chi voli diri: la faccio finita. Uvoi vidiri ca Danieluccio su non attrova prestu un travagli fa qualchi fissaria. Ma talia, talia ‘na mattri cosa deve sumputtari pi curpa di quattru araccumannati ‘nurantuni e ca facci di...ca facci fi fissa. È incredibili, vannu avanti sulu i categurii de raccumannati e dei


12


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

lecchini; e inveci i carusi ca s’hana a livatu a vita pi studiari e si laureanu co massimu de voti non trovanu travaghiu.

Suonano alla porta.

MARGH:    ah, Silavana tu si?

SILVANA: e cu ti pareva ca eru Margherita, qualche beddu spasimanti?

MARGH: si scherza, scherza. Biata tu ca ci hai u jarmu di scherzari.

SILVANA: bih chi fu ti muzzicanu i lapuni? Oppuri ti mossi u jattu ca non hai?(Porgendo un mazzodi volantini elettorali) te ccà talia chi ti purtai.

MARGH:  pi cortesia jetta ‘sti volantini ca semu chini ansina all’ugna de pedi.

SILVANA: ma chisti sunu spiciali! Sunu dill’amicu do cori di to marito. Mi desi iddu di personapissonalmenti propriu a ccà sutta, avanti a to port a. E mi dissi: signora Silvana vistu ca sta acchianannu a casa Fortuna, chi fa ci porta chisti al mio amico del cuore Eziuccio. E oppoi accumincuavu a ridiri, ma non risati, risatunu belli chini. T’ha figurari ca tantu era presu di ‘sti risati a crepa pelli ca a ‘n certu puntu annir icavu, addivintavu tuttu russu paunazzu, appoi blu. Tantu ca mia scantai ca mureva.

MARGH: e chisti pottunu essiri i istimi ca ogni sira ci manna me maritu. Iddu, Ezio, ogni sira primasi irisinni a curcari havi un pinseri, cu ‘na manu si fa u rusariu a cu l’auttra ci manna svinturi a Pignataru.

SILVANA: e mi sapi a mia ca a ‘stu corpu stavunu facennu effettu.

MARGH:   a virità è ca ddi dui sunu du picciriddi. Mi parunu don Camillo e Peppone moderni. Me maritu segretariu del sindacato dei lavoratori e Pignataro presidente del consiglio di quartiere e politico amico dei padroni, comu dici Ezio. Fattu sta ca s’acchiappanu comu e cani e i jatti, ma alla fine quannu hannu bisognu l’unu di l’auttru, currunu.

SILVANA: mi pari ca a picca n’hannu ancora d’acchiapparisi.

MARGH:    e pirchì?

SILVANA: a n’o sai?

MARGH:  no, chi cosa?

SILVANA: pari ca gli amici di Pignataro, i padroni comu i chiama to maritu, hanno deciso di faricifari u sautu di qualità. U stannu facennu candidari comu onorevoli o parlamentu regionali.

MARGH: nenti di menu! Talia a iddu, a forma di babbu arrinisciutu. Ca voli diri ca ai padroni ci servia Palermu.


13


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

SILVANA: ma tu immagini a ddu cosu gnurantuni comu onorevoli regionali. Dui paroli consecutivi initaliano ne sapi diri e intanto vidi chi putiri ca va a pighiari.

MARGH: a certu ca semu ‘nde manu di nuddu.(Pensandoci)ma, pirchì pighia putiri?

SILVANA: ca comu pirchì! pirchì i deputati regionali, gli onorevoli, sunu ammanicati troppu boni intutti campi. Iddi sunu misi ddà di l’amici, capisci a me, pascianu comu tanti signorotti e u so unicu sensu è fari i burattini pi cui tira i fila. Approvunu ‘n progettu pi un’autostrada ccà , firmanu ‘na liggi po condonu ediliziu ddà, sp artunu soddi pubblici a tinchi tè e in cambio zoccu addumannunu all’amici, ricevunu.

MARGH: appiddaveru?

SILVANA: a no? E chi ti pareva ca u facevunu p’a pattria. Amica mia ma ancora cridi e favuli?

MARGH:    ma non mu cridevu ca erunu accussì putintuni. E perciò ponnu fari chiddu ca voluni?

SILVANA: tutto.

MARGH:  volunu un appartamento o corsu Italia…

SILVANA: ci u procurunu.

MARGH:  ‘na machina nova…

SILVANA: hannu sulu l’imbarazzu della scelta.

MARGH:  (dopo avere riflettuto)e…senti, travaghiu,  a travaghiu comu sunu cummina     ti?

SILVANA: a no, travaghiu nenti! Di tuttu poi parrai ma di travaghiu nenti. Non mi mangianu mancu abrodu!

MARGH:    no ma chi capisti? Vuleva diri, ci l’hannu u putiri di abbissari a qualche persona, chi

sacciu…dicemu…un giovane, magari laureatu…intellige   nti, assinnatu.

SILVANA: ma dicu, stai scherzannu? Non hannu limiti ti dicu. Su volunu abbissari a qualche dunu,basta ‘na telefonata e a deci minuti il ragazzo è abbissatu.

MARGH:   ‘na telefonata veru? Chistu u sacciu purtroppo! Ca certu però ‘sti onorevoli saranno potentissimi, ma non è ca ponnu accuntintari a tutti tutti.

SILVANA: chistu e’ veru a tutti no, ma a cui dicunu iddi si!

MARGH:   e appoi a ‘sti onorevoli cu u sapi quanti richiesti ci arrivano, cu u sapi quanta genti canusciunu e quanti prumissi fannu.

SILVANA: a centinaia, ma chi dicu a migliaia, a decine di migliaia, ma chi dicu a milioni di migliaia.


14


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

MARGH:  e non e’ ca ponnu  rispettare tutti i milioni di prumissi, gli onorevoli.

SILVANA: no certu.

MARGH: però, si unu ‘na cosa s’a fa prumetti quannu ancor a onorevoli non sunu… dicemu quannusunu ancora…presidenti do cunsighiu di quartieri…fo rsi a putissunu manteniri!

SILVANA:      aspetta, aspetta. Ora i staiu capennu tuttu i dumanni: e quantu putiri hannu, e l’appartamentu o corsu Italia, e putissunu abbissari un laureato. E non mu diri, u laureatu cu fussi to figliu veru? E u futuru onorevole ca l’avissa abbissari inveci, Pignataru.

MARGH:   Silvana, Daniele havi un anno ca cerca travaghiu e non attrova e non pirchì non havi i capacità o i tituli, ma pirchì i raccumannati u pas sunu sempri. Affinu a ‘sta matina ‘na telefonata di un politico e u cuntrattu ca ci aveva bellu e prontu ‘nde manu pi firmarlu, ci u stricanu d’avanti all’occhi. Antura niscivu dicen nu: la faccio finita. A voli fari finita, u capisti? Su non attrova prestu un travagliu, mi scantu ca fa qualchi fissaria. Pessi pi persi ni jucamu macari ‘sta carta, chi dici tu?

SILVANA: ca certu ca su i cosi stannu d’accussì, tutti i tor ti non ci l’hai. Ah, chi non spirimintassi ‘namattri pi aiutari un fighiu! Ma comu ci u voli addumannari ad Attilio Pignataru ‘stu favuri? Non è ca poi scinniri a ccà sutta ‘nda so segreteri a politica e ci parri tranquillamenti, su ti vidi to maritu ca parri cu iddu, prima ci veni ‘n colpu siccu a quannu s’arricupighia ti jetta fora da casa con l’accusa di tradimento intellettis tico.

MARGH: mi cara amica, se Margherita non può andare da Pi gnataro, sarà Pignataro a veniri a casa diMargherita.

SILVANA: Tu si pazza! E su rientra to maritu, finisci a schifiu, prima u abbia fora a cauci ‘ndo panarue appoi si vinni a casa pirchì si schifia a cuntinuari a staricci pirchì dici ca senti fetu di puliticu.

MARGH:    Ezio non ne saprà nenti,  allura tu pirchì ci si ?

SILVANA: ju? Ju a fera mi ni staiu jennu.

MARGH:  cambio di programma.

SILVANA: senti non m’ammiscari ‘nda sti cosi ah.

MARGH:  oramai ci si ‘ndo menzu.

SILVANA: a si, e non ni sapevu menti?

MARGH:   talia chi fai. Scinni ccà sutta ‘nda segreteria di Pignataro e ci dici che ci devo parlare con una certa ungertazione. E u fai acchianari.

SILVANA: e su quannu turnamu c’è Eziu intra?

MARGH:    tu appena arrivi bussi in codice.


15


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

SILVANA: in codice? E quali fussi ‘stu  codici?

MARGH:    abbatti tri voti a porta, accussì (mima) ticchiti, tacchiti e tocchiti.

SILVANA: tocchiti, ticchiti e tacchiti.

MARGH: bravissima. Accussì col bussaggio in codice, ju sacciu ca si tu cu Attilio e su tutto è a postuvegniu a grapiri. Altrimenti ti fazzu capiri di passari fra deci minuti. St’operazione segreta a chiamanu: operazione “t’abbessu ju”.

SILVANA: a voghiu avvidiri comu finisci st’operazione segreta. Mi pari a mi a ca l’operazioni cil’hannu a fari a Pignataru p’ancucchiarlu di novu s u Eziu u trova ccà.

MARGH:  tranquilla, non ti preoccupari, andrà tuttu a pos to.

SILVANA: e su capitunu imprevisti?

MARGH:    i risolvu ju. I canusciu i me polli.

SILVANA: allura chi fazzu, scinnu?

MARGH:    scinni e chiamalu. A vuauttri aspettu.

SILVANA: auh a prossima vota ca ti servi qualcosa a fera, ci poi iri tu. Ju u favuru di passari di ccànon tu fazzu chiù. Talia in quali situazionu trubbula m’infilai. (Esce).

Scena IV

( Margherita, Ezio, Daniele )

MARGH: avanti, videmu su è a vota bona ca a me figliu m’u abbessanu. D’altro canto cu Attiliu nicanuscemu ca ancora ni sucavumu u movvu do nasu, perciò ‘sta cortesia su ma po fari, ma fa. Certu speriamo sulu ca me maritu non s’arricoghi prestu oggi.

Entrano Ezio e Daniele continuando una conversazione che avevano intrapreso fuori. Ezio tiene in mano alti volantini elettorali.

EZIO:       … e ti l’haiu ditti sempri: Daniele ‘ndo munnu genti tinta ci n’è assai, ma i politici, ah comee politici non ci n’è. Sunu i peggiu!

MARGH: ecco appuntu. Ouh sta jurnati sani ‘nficcatu a segreteria do sindacatu pi spurugghuari carti ecartuzzi, e oggi ca mi sirveva fora casa, non mi ‘s ta spuntannu fora orariu?

DANIELE: e chi ci putemu fari papà. Vaiu a pighiari u libru ca mi scurdai e mi ni vaiu.(Esce perandare in un’altra stanza).


16


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

EZIO:           chi ci putemu fari? ‘Na bella rivoluzione pi mannalli tutti a casa, oppuri accattamui quantu 300 quintali di carbonnela e i mittenu al rogo, a focu lentu. Ouh Margherita, Daniele mi cuntavu u colloquio di ‘sta matina e comu finivu a fetu.

MARGH:    e va beni cosi ca ammattunu.

EZIO:            e chista è a cunsulazioni de fissa.

MARGH:    e menu mali ca spertu almenu ci si tu.

EZIO:        ‘sti cosi ammattunu sulu ccà ‘ndi nuavuttri, pirchì in continenti a st’ura i cursi ci avissunu fattu fari, o diritturi e o politicu. Ma appropositu di incontinenti, o bagnu haiu a iri.

MARGH: e chi turnasti a casa do sindacatu pi iri o bagnu?

EZIO:        no, turnai pi pighiari certi documenti, ma mentri ca ci sugnu m’a fazzu ‘na bella seduta di gabinettu.

MARGH: e vo c…vo fatti ‘sta seduta, annachiti.

EZIO:        ouh e chi è ‘stu tonu? Chi si siddiata pi chiddu ca ci succidivu a Daniele?

MARGH: ‘n pocu in effetti…

EZIO:          non ti fari u sangu acqua. Quant’avi 90 anni ca ni canuscemu?

MARGH: jornu chiù jornu menu.

EZIO:         e non ti l’ahiu dittu sempri: i pulitici non sunu chistiani, sunu truffaturu da peggiori speci, sunu arrobba jurnata, sunu falsi, ingannatori, traditori, mangia pani a tradimentu…u cani ca non canusciunu o pattruni, su…

MARGH: basta, basta non accuminciari c’a solita tiritera. U capì ne poi avvidiri! Avanti, non hava airi a fari ‘sta riunioni di gabinettu? Forza annachiti prima ca ‘ntuppi.

EZIO:        ouh a certu ca pi eleganza e finezza ha statu sempri unica. A tia Sofia Loren un baffu ti fa. Io vado.

MARGH: e vai vai.(Vedendo il malloppo di fogli che tiene in mano)chi sunu tutti ddi foghi?

EZIO:        e chi ponu essiri? Ca i soliti volantini elettorali. Chisti sparti sunu del tu caro amico dill’elementari, Attilio Pignataro.

MARGH: e unni ti stai purtannu o bagnu?

EZIO:          ca certu, non è ‘n piccatu sprecarli?

MARGH: e chi n’ha fari? Dammilli a mia ca ni fazzu corriandoli pe picciriddi.


17


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

EZIO:        chi n’ahiu a fari? Cu ‘sti foghi ca fotografia di A ttilio Pignataru dopo la seduta di gabinettu, ju mi ci…

MARGH: (interrompendolo)  u capì, basta non mi diri nenti. U capì.

EZIO:          brava. Pi ‘sta vota corriandoli ni fai chiù pocu (esce di scena).

DANIELE: (entrando di corsa)va bene mamma ju mi ni staiu jennu. Ciao(esce).

MARGH: ciao  gioia  u  Signuri  t’accumpaga.  Ah  fighiu  miu,  speriamo  ca  si  pò  realizzari  zoccuaddisidera u to cori. E speriamo ca Pignataru qualche cosa a po’ fari appiddaveru.

EZIO:          o sindacatu sugnu.

MARGH: e chi è finivu tutta l’incontinenza?

EZIO:        mi telefonanu do sindacatu, haiu a scappari d’urgenza. I padroni allicenzianu a un operaiu senza mutivu. Sulu pirchì ci dissi che avrebbe votato un candidato ca era diversu di chiddu ca è amicu do principali. Sarà battaglia!

MARGH: e durerà assai sta battaglia, insomma mangi a casa ?

EZIO:        no sacciu Margherita, no sacciu. Ccà si sta parranu di ‘n pattri di famighia ca persi u travaghiu. E’ una lotta fra stati sociali. Di ‘na p arti il popolo lavoratore dei compagni e di l’autra i politicanti e i so burattinai, i padroni.

Scena V

( Margherita, Ezio, Segretario, Silvana)

Si sente bussare la porta e nel contempo dire a voce alta.

SILVANA: ticchiti, tacchiti e tocchiti.

EZIO:            chi fu stu rumuri?

MARGH:    (in difficoltà)  ru…rumuri? Quali rumuri, u nenti ‘ntisi.

SILVANA: ticchiti, tacchiti e tocchiti.

EZIO:           di novu! U sintisti a ‘stu corpu?

MARGH:  veramenti no. Ma chi vai dicennu, chi ti stannu accuminciannu  a veniri l’alteri?

EZIO:          senti amore mio, ju arteri non ci n’haiu e su ti dicu ca ‘ntisi un rumore, ‘ntisi un rumore.

SILVANA: ticchiti, tacchiti e tocchiti.


18


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

MARGH: (sbottando verso la porta)u capemu bonu d’accussì.(Al marito)u ‘ntisi macari ju. Sarannuchiddi ca stannu a ccà supra.

SILVANA: ticchiti, tacchiti e tocchiti.

MARGH:     i manu, t’hannu a siccari i manitti.

EZIO:            a porta, stannu tuppuliannu a porta (va ad aprire).

MARGH: (urlando)fermo!

EZIO:          auh e non vanniari. Stanu ittannu a porta ‘n terra.

MARGH: ci vaiu ju.

EZIO:           si, ca casu mai su grapu ju mi sfilu (apre la porta).  Silvana eri tu ca tuppuliavi e vanniavi:

ticchiti, tacchiti e tocchiti?

Silvana ed il segreterio entrano in casa.

SILVANA: e si…è un…un ..un nuovo esercizio…ca mi assignavu u

me istruttori di yoga. Si u me

istruttori di yoga.

EZIO:

e chi senso havi?

SILVANA: e chi…chi sensu havi? Havi…

havi u sensu…havi u sensu di agevolare lo sbacantam

ento

delle emozioni represse e agevolare lo scarico delle pulsioni negative dello stress

che

accumuliamo durante i feticci giorni di saliente agonia sedimentata nell’interiorizzazione

dell’io represso! Ecco a chi servi.

EZIO:

addirittura! Ju non ci capì nenti.

SILVANA: e mancu ju.

EZIO:            ma su ti aiuta a sbacantari pressi fitusi dill’interiora do to rappreso, meghiu pi tia. E il signore cu è u maestru ca ioca?

SEGRET:  io, ragioniere Carpino, sono segretario e rappresentante di Pigna..

MARGH:  (interrompendolo)di pignati. Rappresentanti di pignati.

EZIO:           e d'altronde unu ca si chiama cuppinu, sulu u rappresentanti di pignati puteva fari. Ma ci voli chistu?

MARGH: u purtavu Silvana pi fari a dimostrazioni di ‘na batteria. Ma prego accomodativi, entrateSilvana, rappresentante.

Silvana entra mentre il segretario sembra come assente, bloccato.


19


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

EZIO:        ouh e chi arristavu bloccato? Mi pari ca a batteria nova ci servi a iddu pirchì si scaricavu tutttu a ‘ntutt’una. Allivoti ci vinni ‘na botta? (Lo chiama) Ragiuneri, signò cuppinu, cucchiaru di lignu, furchittuni, comu a sannu sentiri! Chi fici s’abbloccavu?

SEGRET: (come svegliatosi di colpo)a si si. Dunque mia cara signora Margherita,              qua parliamo di

una cosa sola: voti.

EZIO:           voti?

MARGH:  voti…

SILVANA: voti certu voti. U ragiuneri prima di addinvitari rappresentativu stava pighiannu i voti!

MARGH:  ca certu, stava pighiannu i voti. Anzi i pighiavu!

EZIO:           ma allura è ‘n cuppinu rappresentativu parrinu!

SILVANA: no. Non esattamente, nel senso che hava pighiatu i voti, ma appoi…appoi a ‘ncertupuntu…

MARGH:    u boccianu.

SILVANA: u boccianu si.

MARGH:    u boccianu all’esami finali.

EZIO:            all’esami finali? Pirchì chi c’è l’esami finali pi addivintari parrinu?

SILVANA: esami? Un esamuni! Tre miraculi, pi addivintari parrinu ha fari tri miraculi allura nenti, sini ponnu turnari di unnu vinnunu.

EZIO:            e iddu ne fici sti tri miraculi?

MARGH:    u terzu. Ci fallivu u terzu.

EZIO:           piccatu.

Il segretario ancora una volta  sembra estraniato da ciò che sta accadendo.

EZIO:            certu mischinu ca ci porti arristari mali appiddavaru; mi pari a mia ca ancora non s’ha arricupighiatu tantu bonu. (A ragioniere) Ragiuneri, prelato, cuppinu, scula pasta. Nenti, assenti. Ma sintiti chistu fa u rappresentanti di pignati, senza pignati?

SILVANA: ‘nda machina. L’havi ‘nda machina.

MARGH:   ca certu ovviu. Chi fa scinni pi ogniu casa unni va tutta a batteria di 47 pezzi? Iddu trasi, s’informa una chi ci aggiuva, e appoi scinni ‘nda m achina e porta.


20


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

EZIO:           certu logicu.

MARGH:   ma senti, amore mio, ma non stavunu allicenzianuu a ‘n pattri di famighia? Non hava a iri a fari ‘na battaglia? Populu, patruni, burattini, settebello, a cavaddu di coppi?

EZIO:            veru, meghiu ca mi ni vaiu ca tardu si fici. (Uscendo) M’arraccumannu Margherita non spenniri soddi. S’abbenerica eccellenza. (Non avendo risposta) va beni appena s’arrusbighia mu salutati vuauttri. (Esce).

SILVANA: mattri sugnu motta, sugnu motta. Margherita niscemu di sutta un camion. Ma non midicisci ca to marito non c’era? Ca ci pinsavi a tutti i cosi tu? U bussaggiu in codice…

MARGH: u bussaggiu, appuntu. Ti dissi di bussari no di accumpagnati a bussata ca cantata: ticchiti,tacchiti e tocchiti. Chi ci cantavi?

SILVANA: ouh tu mu dicisti.

MARGH:    comunque lassamu perdiri. Chiuttostu, cu è stu citruluni? E unni è Pignataro?

SEGRET: io sono ragioniere Carpino e sono segretario e momentaneamente in questo momento sonoil rappresentante del canditato Pignataro.

MARGH:     Silvana chi ci dasti a corda?

SILVANA: senti Margherita, Pignataru si scantavu a veniri direttamenti, e vistu chiddu ca stavasuccudennu fici beni. Ju ci cuntai pi filu e pi segnu tutta a storia e iddu mannavu in avanscoperta ‘stu pileri di segretario.

SEGRET:  io sono ragioniere Carpino e sono segretario e  momen….

MARGH:    raggiuneri u capemu lei cu è. E chi ci ampingivu u discu? Chi mi manna a diri Pignataru.

SEGRET: il candidato alle elezioni regionali come deputato al parlamento regionale della regioneSicilia…

SILVANA: stamu parrennu a miss Italia, e iddu mi pari a brutta copia di Pippo Baudo. Stai accura cafracuntu ca dici u vincitori.

MARGH: avaia Silvana, iddu ca tantu assai non c’è, tu ca ci fai a farsa, mi pari a mia ca oggi nonquaghiamu chiù. Continui Cuppinu, continui.

SEGRET: (assume una posizione da proclama)il candidato Pignataro, venuto a conoscenza delproblema che affligge la signora Margherita Fortuna, elettrice presso la scuola media Lepanto sezione 3, primo piano, stanza 23 seggio 4b, si rammaricava della situazione disperata. Altresì ripresosi dal passeggero scoramento, con fantesco spirito e onniveggenza onirica, richiamava a raccolta le sue intellettive capacità e relazionava il sottoscritto parlante che parla, assegnandogli il gravoso e risolutivo compito di dare notizia alla summenzionata elettrice della realizzazione in essere della possibilità di risolvere il problem a per mezzo delle potere conferitogli dal suo


21


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

auspicato seggio onorevolistico parlamentarico regionalistico. Pertanto alla elettrice Margherita, promette l’equo scambio travaghio\voto. Se quanto detto verrà accettato dalla elettrice medesima, il compito assegnatomi sarà terminato ed un incontro con il canditato Pignataro sancirà l’accordo testé promulgato.

SILVANA: (con enfasi)cittadini, evviva il re.

MARGH:   insomma, tutta ‘sta gran tiritera pi dirimi ca Pignataru pi sitemari a me fighiu voli u me votu?

SILVANA: non sulu u to, voli macari chiddu de to fighi e…e di to maritu. E in più mi dissi ca ci sunu altre condizioni ca ti vili diri di presenza.

MARGH:    sparti! E quannu?

SILVANA: macari ora subbitu. È a ccà sutta, un fischiu e acc hiana.

MARGH:    un frischio?

SILVANA: un frischio.

MARGH:    ca allura friscamu Silvana, friscamu.

SILVANA: segretario, segretario(si avvicina e lo scuote)ragiuneri cuppino, sveglia.

SEGRET: (come di soprassalto)son desto.

SILVANA: a mia non mi pari. Comunque issi a chiamari u candidatu, prestu.

SEGRET:  mi precipito ad adempiere al mio dovere.(Esce).

SILVANA: stassi accura a non precipitari de scali.(A Margherita)  chistu attruppica sicuru.

Da fuori si sente il rumore del segretario che inciampa e rovina per le scale.

SILVANA: u vidisti? Chi ti ava dittu ju?

MARGH:    ma unni u truvavu a chistu ‘ndo posta market? È   ‘ntrunatu completu.

SILVANA: a chi sacciu, mi dissi sulu: me la ho assegnato il partito.

MARGH: ccà l’unicu partitu e iddu, u segretariu, ma part ito di testa. Senti, ma Pigns tu dissi st’auttricondizioni ca c’havi quali sunu?

SILVANA: per niente. Mi dissi ca ti voli diri personalmenti a tia.

SEGRET: (da fuori la porta)ticchiti, tacchiti e tocchiti. ticchiti, tacchiti e tocchiti.


22


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

MARGH:    ma cu e’?

SILVANA: ca cu putissi essiri? Ca ddu scemunitu do segretariu.

MARGH: ma allura è bestia appiddaveru?

SILVANA: ma pirchì ancora avevi dubbi?

Margherita va ad aprire la porta.

Scena VI

( Margherita, Segretario, Silvana , Pignataro )

Il segretario entra da solo con una valigetta in mano. Con fare circospetto ma lentissimo, controlla comicamente la stanza, sotto il divano, sotto le lampade, dietro i soprammobili, etc…(sia accerta che non ci sia Ezio). Terminato il controllo si porta al centro della stanza e tira fuori dalla valigia una trombettina da carnevale.

SEGRET: vota Attilio Pignataro, perché con Pignataro è tutta un’altra musica.

Il segretario comincia a suonare una melodia stonata da annuncio, poi si mette sugli attenti e parla.

SEGRET: signora e signora, dal cor straripa la gioia, lo spirito e’ pronto ed ardente e l’emozionm’ammanta; l’amino con fiero orgoglio annuncia: (in crescendo) il solo, l’unico, l’inimitabile, l’ineguagliabile, l’inprenscinidibil e, l’insuperabile…

Da fuori si sente Pignataro urlare.

ATTILIO: dacci ‘na ammughiata.

SEGRET:  insomma, il candidato onorevole al parlamento regionale, Attilio Pignataro.

Entra Pignataro con incedere fiero e tronfio; petto gonfio e pancia in dentro. Saluta con le mani un pubblico inesistente di ipotetici estimatori. Indossa una fascia tipo quelle da sindaco, ma fatta del materiale con cui si fanno gli striscioni delle ghirlande e dunque nera, con scritto sopra in oro: presidente del consiglio di quartiere. Il segretario accompagna questa entrata trionfale suonando la tromba ed eventualmente piccolo tamburo o dei piatti improvvisando una banda rionale.

ATTILIO: (dopo la breve esibizione del segretario)cittadina Margherita….

SEGRET:  (sonori applausi)     bravo, bis…bis…

SEGRET: e chi e’ si sbloccavu tuttu ‘nda ‘na vota u raggiun eri?

ATTILIO: cittadina Margherita, la presente quandunquemente per informarti del quale il qui ascrittocondidato onorevole Pignataro, e’ onoratamente e nello medesimo tempo stupidamente, che tu lo abbi faciuto entrare in casa tua stessa. Ciò non di meno chè equalemente nonostante la sorpesa e lo scantazzo di ancuntrare to marito che se mi attrova in codesto


23


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

salottino mi acciunca tutti e dui le jammi, che io fossi venuto lo stessamente affino a casa tua, qualoramente della tua richiesta mi faccio partecipatamente e per abbissare le cose videmu chi pozzu fari.

SEGRET:   (applausi scroscianti) bravo, bravo. Se possibile si enfatizzi il contrasto tra il gesto dell’applauso iperdinamico e la solita parlata atona e lenta.

MARGH:   Attilio, intanto ti ringrazio di avere accettatu l’invito. Nuavuttri havi ‘na vita ca ni canuscemu e ju quannu t’haiu pututu favuriri t’haiu favuritu. Tu ricoddi ca grazie o me votu alla secunna elementari fusti eletto capu classi, e da allora accuminciau la tua carriera politica?

ATTILIO:  mi ricordu, equalemente.

MARGH: poi dopu esseri stato capu classi addivintasti addirittura rappresentanti di istitutu a scolamedia, e alla fine la tua meravigliosa carriera ti purtavu a divintari addirittura presidente del consiglio di quartieri. E oggi, oggi si candidatu alle elezioni regionali. Ah, pari ieri ca jucavumi stradi stradi ju tu e Ezio, e oggi, oggi talia quanta stada facisti.

ATTILIO: appropriativamente.

MARGH: Silvana ti cuntavu u fattu e tu mi stai dicennu ca forsi qualcosa a poi fari, ma che hai dellecondizioni. Quali sunu? P’o beni di me fighiu, ma facissi a pedi affinu a luna senza firmarimi mancu pi viviri un muccuni di acqua.

ATTILIO:  cittadina elettrice Margherita, inverosimilmente e qualunquemente, parlando onorevolmente…

MARGH: senti Attilio cu mia finiscila di fari l‘onorevoli e parra chiaramente.

ATTILIO: appuntamente, ca fossi e’ megliamente. Dunque cara Mergherituzza mia, cu tia voghiuessiri sinceru. U sai ca nuavuttri pulitici prumittemi, prumuttenu e appoi ‘na vota ca acchianamu a tutti ci damu fungi! Ma credimi a tia su acchianu u favuri d’abbissariti u fighiu tu fazzu cu tuttu u cori. Pero’…

SILVANA: pero’ ci sunu delle condizioni.

MARGH: e dilli Attilio, dilli.

ATTILIO: prima condizione: riconoscimento ufficiale di to maritu do zitaggiu fra i nostri fighi e m’hachiamari compari!.

MARGH: e pi chistu pobblemi non ci n’avissuru a essiri. A Ezio nonostante si mummuria, to figlia cipiaci comu carusa, mi dici sempri: Matilde e’ ‘na b rava picciotta non capisciu conu ci niscivu ‘na fighia accussì assinnata a ddu bestia d i Pignataro? Secunnu mia a scancianu o spidali!

ATTILIO: accussì dici?


24


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

MARGH: testuali paroli.

ATTILIO: secunna condizioni: Ezio m’addumannari scusa pi comu s’ha cumpurtatu e m’accucciaricomu a ‘n frati.

MARGH: docu mi pari un pocu chiù difficili,  ma videmu chi possu fari.

ATTILIO: terza condizione: in quanto futuro onorevole, Ezio mi deve baciri la mano.

MARGH: chistu mi pari impossibili, ci vulissi un miracolo. Ma ora n’attrizzamu macari pi chistu.

ATTILIO: ultima condizioni, ca chiossai e’ una supplica: pi acchianari ed essiri sicuri di putiri autaria Danieli, haiu a battiri il mio avverario della circonicisioni.

SILVANA: di chi?

ATTILIO: vuleva diri di circoscrizioni. Devo abbattere Fulippo Ippolito detto i beddu. Chiddu e’appuggiatu bonu e pi falla brevi, a mia pi macchinari mi servunu i voti do sindacatu.

MARGH: Silvana, quanti sunu i miraculi pi addivinatari santu?

SILVANA: tri.

MARGH:allura su a mia m’arrinesciunu sti quattro ca m’ad dumannvu Attilio chi mi fannu direttamenti Angelu?

ATTILIO: impegnati cara mia, impegnati.

MARGH: ma hannu a essiri pi forza tuttu e quattro?

ATTILIO: non n’ha mancari mancu unu. Io ho parlato. Segretario, andiamo.

Il segretario riprende a suonare la musica da banda, mentre escono. Pignataro esce salutando ancora l’ipotetica folla.

SILVANA: avanti Margherita tranquillizzati ca u grossu è fattu.

MARGH: no Silvana, u grossu ancora ha veniri. Ora haiu a truvari u modu pi diraccillu a me maritu,senza farmi stirari u coddu!

FINE PRIMO ATTO


25


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

ATTO SECONDO

Stesso salotto, qualche giorno dopo.

Scena I

( Margherita,  Ezio )

Margherita ha raccontato ad Ezio il suo piano per sistemare il figlio e cosa chiede in cambio Pignataro. Entrano in scena continuando una conversazione precedentemente intrapresa.

EZIO:        (alterato) cchi? Ma tu niscisti fora di sentimenti! Ju, ca fazzu trasiri un politicu, spatti incampagnia elettorali, a me casa.

MARGH: ma è p’o beni di nostru fighiu Daniele

EZIO:        Margherita, tu 85 anni non l’ha fari chiù e ancora cridi a tutti si fissarì ca prumettunu. Fungi! Chiddi prumettunu a luna, e alla fine quannu sunu belli assittati dununu funci, e sparti mancu di chiddi boni, ca almenu unu si fa ‘na bella frittata cu l’ova, no, ti dununu fungi di chiddi scaffitusi ca ti fannu veniri l’acidità ‘nda vucca l’arma.

MARGH: senti Ezio parra potabili ca ju tutti ‘sti metafori ne staiu capennu.

EZIO:     e allura mentri ca non capisci o ca non voi capiri, tu dicu bellu e chiaru.

Chiddi, cu tutti ddi belli paroli ca dicunu, tutti ddi surrisi a 97 denti, tutti ddi prumissi ca fannu a povira genti, non fannu auttru ca alimentari a spiranza de poviri chistiani ca non sannu chiù unni aggrapparsi pirchì per un motivo o pi n’auttru, sunu arrivati o capolinea. Insomma comu ti l’haia a diri: pighiunu p’e cannaro zza a povira genti ca pi disperazioni o pi ‘gnuranza ammucca ausi passuluni.

MARGH: ma chistu è un caso diversu; stamu parranu di Pignataru, criscemu assemi, e midissi ca a nuvauttri ‘stu favuru nu faceva.

EZIO:      ma quali favuru? Quali criscemu assemi? No capisti ca ti voli sfruttari pi inchirisi ancora i cianchi cu mia: u cumparatu, accucciantina, a vasata de manu, a chi hava addivintatu u viscuvu? Pi non parrari appoi de voti ca voli do me sindacatu.

MARGH: e va beni, ma chi ti costa?

EZIO:      a facci. Mi costa a facci e l’onore; ecco chi mi costa. Comu mi presentu o sindacatu e ci dicu agli iscritti di daricci u votu a ddu aboriggenu di Attilio?

MARGH: ma tu si u segretario provinciali, di tia hannu stima e t’ascutanu.


26


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

EZIO:        e appuntu pirchì sugnu u segretariu provinciali, haiu a dari  l’esempio.

Cara  mia  a  stima  chi  tipari  ca  si  coghi  supra  all’arberi?  E  no.  Si  simina  co  propriu

comportamentu, si cura e si fa crisciri dando l’esempio e appoi, all’ultimu si coghiunu i

frutti.

MARGH: ma fallu pi to fighiu.

EZIO:        e ci torna! Ma chi esempiu ci dugnu a me fighiu su ju sugnu u primu ca mi piegu al potere dei politicanti. Che so forzi, ci l’ha fari che so forzi. Iddu è in gamba e vedreai ca prima o poi arriva unni addesidera u so cori.

MARGH: e su fa qualche fissaria? Ti dissi i paroli ca ci ‘ntisi pronunciari: la faccio finita.

EZIO:        e ju ti dissi ca mai nessuno entrerà in casa mia, specia lmente ddu cosu lariunu di Pignataru, ca appoi fra l’altru fa un fetu! Su arriva ca arriva a trasiri ccà, ama a fari a disinfestazioni tutta a palazzina.

MARGH: ma chi dici? Su havi a segreteria a ccà sutta.

EZIO:          e infatti no senti quannnu c’è sciroccu chi tanfu ca arriva?

Scena II

( Margherita, Ezio, Salvo, Daniele )

Salvo entra cantando vestito da rapper, jeans larghi, felpa, cappelo.

SALVO: (rappando)sono un ragazzo fortunato…

EZIO: si furtunatu ca ancora non t’haiu spaccatu dda testa malata ca c’hai. Ma comu si vistutu? Comuti cimmunasti? Chi t’accastati i robbi in crescenza?

Salvo risponde rappando le parole ed accompagandole con un balletto rap.

SALVO: (rappando)ciao babbo, ciaciao babbo, babbo cià, cià, cià babb  ooooo…

Ezio ghi da uno scappellotto in testa.

MARGH: avaia ca u astruppì o picciriddu.

EZIO:          no, è ca si hava a bloccatu u discu.

SALVO: (ancora rap)ehi papy, tu mi picchi papy, lo scalpellotto per me è ‘na violenza, dammenemezza di questa tua violenza, viva l’amore e la libertà. Ehi babbo, ehi babbo. Ehi!

EZIO:         (imita il figlio in un tentativo parodizzato di rap) sentimi beddu ti dicu pappareddu, su non cia taghi i pighiarimi pi babbu, auttru ca menza ti dugnu ‘na violenza, ca p’abbissarti ci voli l’ambulanza. Ehi ehi, u capistu ora? Ehi.


27


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

MARGH: (anche lei rappando)e chi su beddi, taliali patti e fighiu, parunu a volpi ca assicuta ‘nucunughiu, e senti Ezio vidì su u po mullari, ca avemu cosi chiù ‘mpurtanti di parrari.

SALVO: (ancora rap)ma è troppo ganzo la mamy che mi rappa, e poi c’è il papy che in testa c’ ha lagrappa, (vedendo Ezio che va verso di lui con fare minaccioso) ma adesso vado ca vidu mali frusculi, prima oggi m’acchiappu dui cazzottuli. (Uscendo) usculi usculi, eih, usculi tu.

Si riprende a parlare normanlente.

EZIO:           a chistu non u ricupiramu chiù; oramai u persumu definitivamenti.

Daniele rientra vistosamente scorato dopo l’ennesim o fallimentare colloquio.

DANIELE: ciao.

MARGH:    ciao Tesoro. Di unni veni?

DANIELE: da un colloquio. L’ennesimo.

MARGH:    ma n’o sapevu ca oggi avevi un colloquio.

DANIELE: mamma ju colloqui ni fazzu almenu dui o jornu, ma oramai mancu vu dicu chiù quannu civaiu.

MARGH:    e pirchì?

DANIELE: ca pi non darivi colliri supra a colliri.

MARGH:  ma quali colliri! E senti, senti a mamma chistu, l’ultimu ca facisti, comu  ivu?

EZIO:        a certu ca a tia Sherlock Holmes ti fa un baffo; cogli immediatamente tutti i particolari.

MARGH:  pirchì ?

EZIO:           ca no vidi o carusu comu è scuru ‘nda facci!

MARGH:    ma pirchì ivu mali.

DANIELE: no, mali no. Ju ci arruspunnì a tuttu i dumandi ca mi ficiunu, e iddi comu o                   soliti mi

disssunu: le faremo sapere.

MARGH:    e allura di chi ti preoccupi? Daccillu u tempu.

DANIELE: a chi tempu ci haiu a dari? Appena niscì, trasivu un carusi ca prima hava aspittatu cu mia‘nda l’anticamera. Appena l’esaminatore u visti, fe sti, fistunu ca ci fici: Michele, fianalmenti ti decidisti ad accettari a proprosta ca ci avevu fattu a to pattri, il mio carissimo amico, e accettasti ‘stu postu ca era ca bellu e prontu ca ti aspittava.


28


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

EZIO:              ma comu? U postu u aspittava e iddu e sparti u schifiava?

DANIELE:  ca u Signuri ci manna u pani a cu non havi i denti!

MARGH:     e appoi?

DANIELE: e appoi l’esaminatore ci fa a segretaria: Elsa, puoi mandare tutti gli aspiranti a casa,abbiamo appena trovato il nostro nuovo impiegato. Ju non sacciu chiù chi fari! Non sacciu comu mi finisci! Comunque, ora staiu jennu ‘ndi Federica, ni videmu a ‘sta sira (esce).

Scena III

( Margherita, Ezio, Salvo )

Per le prossime 4 battute (Margh-Ezio-Margh- Ezio) si crei una tensione emotiva (anche per mezzo delle luci) che rifletta la reale drammaticità del momento.

MARGH: ma no vidi? No vidi in chi statu di desolazione è to fighiu? E tu ancora pensi a to beddafacci, a reputazione, a l’onore. Ca scinni, scinni di ‘stu piedistallu unni si acchianatu ca pari un pappaiaddu supra o trespulu, e accetta a tristi realtà. Talia comu va u munnu appiddaveru. Non è tempu di ideologie nobili, oggi sunu battaglie perse, ora è tempu di purtari un muzzucuni di pani a casa. E tempu di campari!

Ezio riflette.

EZIO:        vidi Margherituzza mia, ju in tutta a me vita haiu a fattu l’operaiu, m’haiu susutu e 5 ogni matina pi purtaru, comu dici tu, un muzzucuni di pani a casa. Haiu a fattu sempri u me travagli onestamenti e cu dignità, senza mai farimi mettiri i pedi in faccia di nuddu, pattruni o non pattruni. Vidi cori miu, ha statu ‘na vita dura, faticusa e u sai chi è ca ogni matina m’ha fattu susiri cuntenti e in paci c’a cuscenza? I me fighi, tu, a me dignità! Non haiu a statu mai u lecchinu o u sciacquinu di nuddu, e pi chistu tutti mi rispettano, pirchì non haiu mai scinnutu a compromessi. E ai me fighi ‘sti valori ci haiu trasmissu. Ora tu mi dici ca p’o beni di Daniele haiu a rinnegari tutti i me valori, haiu a sarvari d’intra a ‘n cassettu a me dignità e m’haiu piegari, c’haiu a fari a riverenza a Pignataro, politico da chiù vascia specie. E ju, ju chi possu fari secunnu tia? Si, c’haiu un onori, ‘na reputazioni, ‘na facci, insomma sugnu un uomu, ma chiatuzzu miu, prima di tuttu sugnu ‘n patri, e ‘n patri pi ‘n fighiu va a moriri. Mori di corpu, di spiritu; mori suffrennu, ma mori cuntentu. Ju, a muggheri, accetu i to paroli, oggi moru, ma ca spiranza ca me fighiu, accumincia a campari.

MARGH: (commossa)grazie Ezio, grazie.

EZIO:         non c’è nenti d’arringraziare, chiuttostu o manna a chiamati a Pignataru accussì facenu zoccu ama a fari.

Clima di nuovo leggero.

MARGH: Salvuccio, Salvuccio.

SALVO: (Rappando)si mamy si mamy, dimmi mamy, yoh!


29


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

MARGH: Salvuccio pi cortesia, scinnu a ccà sutta ‘ndi Pign ataro e ci dicci ca acchiana subbito pi ddastoria ca sapi iddu.

SALVO: (Rappando)Pignataro, ma che dici? Ni finisci a porta Aci, con il papy ca c’è ccà granbattaglia ci sarà.

MARGH: non ti preoccupari fai comu ti dissi ca non succeddi nenti.

SALVO:  (Rappando)vado mamy, vado vado mamy(esce).

EZIO:        dicisti onorevole regionale?

MARGH: pari di si.

EZIO:        ma cosi con non ci si po cridiri. Comu u ponnu fari deputatu della regione Sicilia a unu ca su ci spì quali e’ u capoluogo dill’isola t’arrispu nni Taormina, e su ci addumanni quali è u vulcanu attivu chiù granni dill’Europa t’arrispunni ca è so cugnatu Carmelo.

MARGH: Carmelo? E pirchì?

EZIO:           ca pirchì dd’armali pisa quantu ‘na muntagna, qualc he 165 chila pisa,        e arutta da matina

anfinu a sira. Comunque circamu di fari ‘na cosa veloci ca ju no sacciu quantu possu arresistiri.

MARGH: va beni facemu ‘na cosa lampu e stampu.

EZIO:    anzi ora u sai chi fazzu? Mi vaiu a priparari tannicchiedda di acqua c’o bicabbonatu.

MARGH: pirchì, chi ti doli a panza?

EZIO:        pi accomora no! Ma a priparu preventisticamenti, alli voti vidennu a ddu cosu lariuni di Pigna, mi sburdi u stomucu e mi veni di vumitari!

Scena IV

(Margherita, Ezio, Pigna, segretario, Salvo)

Entra Salvo con al seguito il segretario.

SALVO: (Rappando)eih papy, eih mamy, eccoci qua. Questo è il segretario, Pigna resta fuori, diceche per ora e meglio stare lì.

EZIO:        ma comu u segretariu? Chistu non era u parrinu bocciatu, ca vinni pignati?

MARGH: appoi ti spiegu!

EZIO:        appoi mi spieghi? Appoi tutti e dui ni facemu i cunti!


30


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

Il segretario entra vestito come una guardia del corpo: occhiali da sole e grosse cuffie auricolari a cerchietto. Con passi decisi va verso Ezio e lo perquisisce.

EZIO:           (ridendo a causa del solletico) ah, aah, aaah…avaia patri e parroco, chi fa? Fermu              ca mi

staiu cartighiannu tuttu paru. Aah, aah! Ci dissi fermu ca m’attisanu tutti i pila da carina.

MARGH: m’ummagginu chi bellu spittaculu!

SEGRET:  (dopo avere finito di perquisire Ezio, portandosi un polso alla bocca come se avesse un microfono) libero!

EZIO:            a chi libera? Chi libera? Fermati fermu ddocu unni s’attrova! E appoi dicu ju, chi ci parunu maniere educati? Pirciò, arriva vistutu di ‘sta man era ca pari un becchinu, occhialuni nivudi ca pari u ciecu di Sarrentu, radio cuffia ca pari ca si ‘sta sintennu a partita e cu dda gran facci di fissa, voli liberari, a me casa? Capaci ca sparti oggi ha mangiatu ciciri e triaca pasta, e cu ‘na ciusciata liberica stermina ‘na fam ighia sana. Fremmo ddocu! Incrociassi i jammi, strincissi i vudedda intestiniferi, e rimandi il momento liberatorio a quannu sarà accoffolato nel suo personale accogliotore universalmente riconosciuto e stimato, di immarazzamenti.

SALVO:    u cessu dda so casa va!

SEGRET: ma cosa a capito?

EZIO:            cosa ho capito? Chi è ca vuleva fari lei! Lei ha appena dichiarato ca vuleva liberari, insomma vuleva sganciari, anche se non ho capito bene su vuleva muddari ‘na bomboniera oppure uno striscione. Comunque sia si vuleva allibberari u stomacu!

SEGRET:  magari fussi accussì semplici, magari i so paroli arrivassunu o cielu! Ju haiu a statu sempri stiticu…

EZIO:          appiddaveru?

SEGRET:                 stiticoni. Si deve figurare ca mi sannu senturi Melu ‘ntuppateddu.

EZIO:          ah, l’importanti è ca non a sannu sentiri Melu crastuni! Ma senta, allura libero chi voli diri?

SEGRET: è un messaggio in codice che usiamo noi(distorcendo la pronuncia)boddry gard

EZIO:          baddi chi?

SEGRET: si, insomma noi guardie del corpo. Libero voli diri che ho perquisito il sospetto, e iddu erapulito di qualsiasi arma ferente, contuntende e astruppiante.

EZIO:           e lei cu ‘sta facci ca pari a signa da villa cu ‘st u fisicu ca pari ‘nu sceccu inghiaiatu, chi fussi una guardia del corpo? Ci vulissi cu talia a lei!


31


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

SEGRET:  si, sono anche guardia del corpo. E adesso per completare la mia ispezione pre introduttiva dell’onorevole, dovrei perquisire la signora.

MARGH: senti ogenti doppiu zeru…comu a farina, appena nont’allaschi pi subbitu oppuri ti avvicini di n’autru menzu millimitru, ju prima ti rumpu i jammitti e i catinazza do coddu, dopu ti tumpuliu e alla fine ti capuliu ausi quannu priparu i puppetta co sugu! Mi ho spiegata chiara?

SEGRET: come il sole a mezzogiorno.

EZIO:          e senti Ginos Bons de poveri , unnu è u to principali, accussì ci livamu ‘sta farsa!

SEGRET:                 lo presento subito. (Prende la solita trombetta e comincia a suonare).

EZIO:          e chi arrivavu u circulu equestri? Ci mancunu sulu du liottri e semu completi.

SEGRET:                 signora e signore, elettristici…

MARGH: si stagnini.

SEGRET: la lacrima dall’occhio mi scende, il mocco del naso mi cola, l’ascella mi suda fremente,perché ora annuncio l’aurora…

EZIO:            au a certu ca è un poetas, a confrontu i vanniati di Tino u pisciaru quannu porta u muccu friscu, nenti sunu. Margherita, ma a chistu unni u pighiavu o mercatinu de pulici. Non nu pottumu scudduriari ciù.

SEGRET:  (in crescendo)il grande, il mitico, il plus e l’ultra…

EZIO:        si e l’extra vergine di oliva! Auh ta voi dari ‘na mossa?

SEGRET: il fra poco onorevole, Attilio Pi-gna-ta-ro!

Da fuori si sente…

ATTILIO: pozzu trasiri?

SEGRET: si certo onerevole, entri.

ATTILIO: semu sicuri!

EZIO:        trasi forza, ca nuddu ti mangia

Il segretario ricomincia a suonare, mentre Pignataro entra col solito incedere fiero e tronfio. Saluta con le mani il solito inesistente pubblico d’ipotetici estimatori.

EZIO:           eccolo Margherita, arrivavu u liotru!


32


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

ATTILIO: Ezio, Eziuccio mio del cuore,

EZIO:           si do ficutu!

ATTILIO: finalmente dopo tutto questo tempo temporalmente che è passatamente passato, mi onoro,onoratamente di essere accogliuto in questa tua domiliciarmente, dimoristicamente, casa.

SEGRET:  (applausi scroscianti)bis… bis…

ATTILIO: e per il lieto giorno che staticisticamente sono ritrasuto nella tua casa, ho portato perfesteggiare alla fine di tutto quello che dovemo diricci, dei paste e una bottiglia di spunante friscu, fruscu. Segretariu consegni i dolciferi alla signura Margherita

EZIO:           (con una freddezza palesemente in contrasto con il calore affettato di Pignataro)                  cosu,

assettiti e parra anzi,  spara.

ATTILIO: sparu? E che cosa?

EZIO:        di gran m…

MARGH: (interrompendo Ezio)Attilio, me maritu sapi tutti i cosi, dunque possiamo andare subito aldunque.

ATTILIO: sarò sintattico e diurettico.

EZIO:           mi dissi me mughieri ca tu, pi aiutari a me fighiu hai delle condizioni!

ATTILIO: e si mio caro…

EZIO:           u caru ci u poi accuminciari a livari.

ATTILIO: ecco appunto! La prima condizione, ma non chiamamula condizioni…

EZIO:           a no? Allura a chiamamu co so nomu, a chiamamu, ricattu!

ATTILIO: condizioni, va beni condizioni. Dunquemente, la prima condizioni è che tu riconosciufficialmente il zitaggiu fra i nostri fighi.

EZIO:            zitaggio riconosciuto. (Guardando Salvo che in un cantuccio sta ballando ascoltando un walkman). Dda è, talialu chi è beddu du pileri di to jenniru .

ATTILIO: bene anzi benissimo, non potevamo cominciare megliamente. Ora c’è anche una sottorichiesta. Tu caro Ezio, da ora in poi mi devi chiamari, compari!

EZIO:        chi? A chi antappasti a testa contru a l’archi da marina?

MARGH: Ezio per cortesia, n’avuma a discurutu. È per il be ne di nostru fighiu!


33


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

EZIO:          po beni di nostru fighiu

MARGH: si.

EZIO:       talia chi m’haiu a sumputtari. (Balbettando fino a non farsi capire) cumpari aaa…

ATTILIO: ah?

EZIO:        (ancora balbettando fino a non farsi capire) cumpari aaa.

ATTILIO: come?

EZIO:                (a  voce  alta)  cu…cum  …(accompagnando  il  gesto con  la  mano)      cumpari…a  manu,

scumpari a manu!

MARGH: avaia Ezio! Non ti preoccupari Attilio u tempu ca s’abbia.

ATTILIO: occhestra. Ora la secunna condizioni. Chista è una condizioni, come dire sentimentalistica.Ezio tu, mi devi addumannari scusa pi comu ti hai cumpurtatu in tutti questi anni e…e m’accucciari comu a ‘n frati.

EZIO:            e chi stamu jennu a trasiri a trasiri? Accuminciamu comu cumpari e ‘ndo giru di tri minuti addivintami frati! A possima richiesta chi è ca ni ni fujemu?

ATTILIO: ma quanto sei burlone, fratello mio. Allura mu dici scusa?

EZIO:        (bisbigliando) scusa.

ATTILIO: comu?

EZIO:          vicinu Milanu e sutta a Torinu.

ATTILIO: non ho sentito, non ho sentito le scuse.

MARGH: avaia Ezio, non fari u pucciriddu.

EZIO:        u picciriddu veru? Sparti! Attilio ti schiedo scusa per come mi ho comportato in questi ultimi anni.

ATTILIO: ma chi dici Ezio? Ma quali scuse, non ce n’era di abbisogno!

EZIO:     comu no? Ma su ora ora mi dicisti…    (alla moglie) ma allura chi è cretinu attunnu!

ATTILIO: non voglio nessuna scusa da parte tua, anzi ti dirò  di più.

EZIO:           di più?

ATTILIO: e si proprio di più.


34


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

EZIO:            si Attilio, ma ma su n’incastramu in tutti ‘sti più , non ni ni niscemu più. Dimmi chiddu ca mi devi dire e non ni parramu, chiù!

ATTILIO: giusto. Caro compare fraternico Ezio, sono io, io Attilio Pignataro che ti addumannu scusae a partire da oggi assepolgo l’ascia di verra.

EZIO:           (ironico) bih, sugnu troppu commossu. Cridimi sugnu accussì cummossu ca oggi a pranzunon mangiu.

SEGRET: ma sono le 5 del pomeriggio.

EZIO:        appiddaveru? E va beni sarà per la prossima volta.

ATTILIO: e ora, ora fratuzzu, accucciamuni.

EZIO:           Margherita, pripara l’acqua ossigenata.

MARGH: pirchì?

EZIO:          accussì dopu l’accucciata mi sdisinfettu tuttu paru .

ATTILIO: vieni frate, abbracciami e baciami.

EZIO:            Attilio, ju t’accucciu, ma appena provi macari sulu a fari a mossa di darimi un baciu, t’acciuncu!

Mentre si abbracciano, giubilo generale e musica del segretario.

ATTILIO: (asciugandosi le lacrime)Ezio, non puoi capire quali felicità tu mi stai da nnu oggi, e appoiquesto abbraccio è stato l’ipsicosi delle emozioni.

EZIO:           a mia mu dici? Ancora c’haiu tutti i carni arrizzati.

ATTILIO: belli, belli emozioni appiddaveru. Avanti e ora la mia terza condizione.

EZIO:           sintemu st’auttra.

ATTILIO: in quanto futuro onorevole…Ezio, mi devi baciri la    mano.

EZIO:           e cu eri u banditu Giulianu?

ATTILIO: no, un prossimo onorevole.

EZIO:            ca è quasi a stissa cosa. Attiliu ju a manu non ta vasu mancu su scinni l’Arcargelu Grabriele cu tutti i filistei. Tu poi livari da testa.

MARGH: Ezio, non fari capricciah, eri d’accordu macari a chistu.


35


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

EZIO:        ma sa fari pi forza?

MARGH: si

EZIO:        pi forza pi forza?

MARGH: pi forzissima.

EZIO:        ma cosi de pazzi va. Ju ca ‘nda me vita a manu non ci l’ahiu vasatu mancu a me soggira, ci l’haiu a vasari u ‘stu cosu lariu ccà.

ATTILIO: allura accetti?(Gli porge la mano).

Ezio senza parlare chiude gli occhi e schifato gli bacia la mano.

ATTILIO: Ezio non poi capiri chi gioia e chi soddisfazioni ca oggi mi stai dannu…

EZIO:            senti amico bello, cerca di taglialla cu ‘sta nuvena da gioia e da soddisfazioni ca ti facisti lisciu. Avanti dimmi quali è l’ultimu desideriu accussi ci a finemu.

SALVO:  (ridendo)l’ultimu desideriu, e chi e stava murennu?

EZIO:        ca speriamu o ca u Signuri su arricoghi currennu.

MARGH: avaia ma chi diciti patri e fighiu?

ATTILIO: tranquilla Margherita su tutti jorna ca crisciunu. Allora, il mio ultimo desiderio, comu uchiamasti tu, è ca mi aiuti con i voti del tuo sindacato a battere il mio avversario nel quartire, Fulippo Ippolito detto u beddu.

EZIO:          pi chistu m’impegnu, ma non ti possu garantire nenti.

ATTILIO: e a me basta il tuo impegno, caro compare Ezio.

EZIO:            si ma cu ‘stu cumpari non n’allaggamu troppu assai. Va insomma, non spargemu troppu assai a vuci.

SALVO:  (Rappando)eih papy, io esco papy papy, io vado a sgenzo dalla ganza papy  (esce).

EZIO:          addivettiti. Attiliu u vidisti chi preiu di jenniru ca c’hai?

ATTILIO: è un tipu giniusu e appoi sempri allegru, ca canta. Ma senti chi voli diri a sgenzo dallaganza?

EZIO:          ca si sta jennu a addivettiri cu to figlia!

ATTILIO: ma, comu?


36


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

MARGH:  tranquillu Attiliu, i carusi hannu a testa a postu.

EZIO:           ju non mi preoccupassi da testa!

ATTILIO: come?

EZIO:        nenti, nenti. Chiuttostu, tu allura ti impegni ad aiutari a me figliu a truvari un lavoro?

ATTILIO: da adesso stesso medesimamente medesimo.(Al segretario che in un cantuccio si eraappisolato) segretario, segretario!

SEGRET: (ridestatosi)  si, che c’è, comandi!

ATTILIO: appena in ufficio, mi raccomando chiamiamo pi subito a quell’amico.

SEGRET: si onorevole. Onorevole, ma quale amico onorevole?

ATTILIO: quello, quello là …in quella posizione lì…capisci a      me!

SEGRET: ah capisco a lei?

ATTILIO: si bravo, capisci a me!

SEGRET: ca va bene.(Al pubblico)ma quali amicu? E quali posizioni? Mah, ju nenti haiu caputu.Appatti u fattu ca u personaggiu chiù importanti ca canusciemu e don Cola da miccera, ca sparti avanza ancora 30 euru. Chiddu su non prima saldamu auttru ca favuri, ni fa fari i cursi.

ATTILIO: bene allora mio caro Ezio, mia cara Margherita, adesso il segretario ed io torniamo nellamia segreteria politica a preparare il contratto nel quale verbalizzeremo quanto detto fino a questo momento.

EZIO:          ma comu verbalizzare? E allura affinu ad ora ama jucatu? Non ama fattu nenti?

ATTILIO: questo era un accordo verbalico, ma u sai comu si dici: verbu avvolam mentris a scrittaarrestas.

EZIO:          e l’abbraccio, a vasata di manu?

ATTILIO: quelle erano le prove generalizzate. Ma tranquillo, pi chiddi acchianu una bella machinafotografica di chiddi elettrodomestiche, accussì immottaliamo il momento rachitico. Segretario andiamo. Cari noi andiamo, scriviamo e torniamo.

Attilio ed il segretario escono.

EZIO:          ma cosi, cosi…e allura affinu a ora ha statu tempu   persu? Ama jucatu! E tu, tu Margherita u

sapevi di ‘stu cuntrattu?


37


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

MARGH: assolutamenti no, tu giuru.

EZIO:        e certo c’era d’immagginarasillu. Chiddu Pignataru è un truffaldino senza dignità, è un politico di quelli con la p minuscola. Ma vidi un patri chi sa sumpurtari per il bene di un fighiu. Quantu mi ammucco un pasticcinu, ca c’haiu a vucca amara comu u vilenu. Chista e’ a bili, chi ti pari?

MARGH: ma chi dici? Quali bili!

EZIO:        bili è, ascuta a mia ca ni capisciu. Questa amarezza bocchifera e’ causata da bili nivura ca sbomica do ficutu martoriatu do nervusismu ca c’haiu.

Ezio apre il pacco con i pasticcini.

MARGH: aspetta Ezio, no sintisti chi dissi Attilio: questi pasticcini ni mangiuamu appenastrinciuto l’accordo.

EZIO:        ma chi mi stai cuntannu a mia! Ju fazzu zoccu vogliu e quannu voghiu, oppuri tali ca ddu bestia di Pigna sicca a cumannaria macari a me casa! (Prende un pasticcino in mano) eccolo, u vidi chi e’ beddu? M’ammuccu chistu ca pa nna, a facci di Attilio, do segretariu e dei padroni burattinai ca movunu i fila.

Scena V

( Margherita, Ezio, Daniele, Salvo)

Daniele mentre sta rientrando a casa,  incontra il fratello che gli racconta cosa sta succedendo.

Ovviamente non è d’accordo dunque rientra in fretta per cercare di fermare quello scabroso accordo.

DANIELE: (entrando)  fermi, fermi !

Ezio che stava per mordere il pasticcino resta bloccato in una posa comica.

EZIO:            mizzica ouh, non fu pasticcinu ca mi potti mangiari!

DANIELE: cosa state facendo?

Nel frattempo entra Salvo che mentre si svolge l’az ione resta nella stanza ballando con le cuffie alle orecchie. Ad un certo punto comincia a frugare fra le carte e i volantini elettorali posati su di un mobile.

EZIO:            veramenti stavu circannu d’ammuccarimi ‘stu bigne ’ in santa paci, ma mi pari ca ci pozzu livari manu. U sapevu ju, ‘sti dolci sunu mala suttati comu a chiddu ca i purtavu.

DANIELE: chi facisturu? vi siete venduti  a Pignataru?

EZIO:            to mattri. È tutta curpa di to matri. Ju non c’e ntru nenti, sono stato costretto per cause di forza maggiore.


38


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

DANIELE: mamma, propriu tu mi fai ‘sti cosi? Perciò, mi avet e resciuto con una dignità e rettitudinemorale ca mancu un principi designatu. Mi avete insegnato di nicu nicu l’importanza dei sacrifici, del lavoro duro ma onesto, il valore della propria onestà ca non deve mai e sottolineo mai, essere barattata cu neenti, mancu cu un pezzu di pani quannu stai murennu siccu, e appoi chi mi cumminati…vi vinniti a Pignat aru!

EZIO:        idda, to mattri ci curpa, tu dissi.

DANIELE: no papà su ‘sta cosa succidivu è macariu pi volontàtua. E anzi sugnu particolarmenti meravigliato di tia. Ma comu, tu sindacalista cunvintu, da tutta la vita contru i suvirchiarì de putenti, cedi alle promesse senza criteriu di un politichettu di quattru soldi ca cunta quantu u dui di coppi ca bruscula a oru? Ma allura in tutti questi anni m’hai cuntatu fissarì, menzogni!

MARGH: no a mamma, to pattri non ti ha dittu fissari e cridimi tu dicu co cori di ‘na mattri in manu.Su arrivamu a tantu, su arrivavamu addirittura a mintirini ‘nde manu di Pigna, fu sulu po to beni. Cridimi Daniele, ni chianci u cori a vidiri un carusu comu a tia di valuri, assinnatu e ca ha fattu tantissimi sacrifici pi farisi una istruzioni, ca non attrova ‘na degna sistemazioni pi curpa di tutti ddi tinti raccumannati.

DANIELE: e allura pinsasturu di fari addivintari un tintu raccumannatu macari a mia!

MARGH:   si, cioè no. No a mammuzza, tu tintu non sarai mai, tu si un angelu di carusu, e a racumannazioni ca stamu circannu, non è pi avvantaggiariti rispettu all’auttri fighi di ddi mattri, è sulu pi mittiriti nelle stesse condizioni di possibilità.

EZIO:        Daniele, ma chi cridi ca è facili pi nuvauttri fari chiddu ca stamu facennu? E pi mia in particolari; ju ci ho dovuto vasari a manu a ddu cosu ingrasciatu di Attilio, la persona chiù ripugnanti e chiù schifusa della faccia della terra. Ju appa agnutticari a me dignità, u me unuri, i miei valori e mutu m’appa sucaria cucuzza e tuttu chistu suli pi tia, pirchì non possu sumputtari di vidiriti comu un’anima in pena.

DANIELE: (calmatosi)mamma, papà, ju u capisciu chiddu ca stati facennu e vi ringraziu pi l’affetuca mi dimostrati; ma ju ‘sta situazioni non a possu accittari. Sugnu amareggiatu pi ‘sta società ca porta a genti onesta e con valori saldi comu a vuauttri a essiri custritta a fari certi gesti disperati. Sappiate ca macari ca Pignataru mi putissi abbissari, cosa ca non cridu, ju u postu non u accettu. Ju voghiu cuntinuari a camminari ca testa auta comu m’ata ansigantu. Ah, su sulu u munnu fussi n’auttru, fussi un munnu giustu, tuttu chistu non avissa succidutu!

EZIO:           ancora non a succidutu nenti, pirchì (con ironia) l’onorevuli ha purtari u cuntrattu. Voli scittu nivuri supra jancu il nostro accordo, comu u chiama iddu.

DANIELE: sparti!

EZIO:           a no? E per giunta, questo immemorabile momento u voli macari immortalare cu tanti belli fotografi.


39


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

DANIELE: ah, su sulu arrivassi a lettera do CNR…

SALVO:      (rappando) cnnr, cnr.

EZIO:           chi haiu tu ca ti mummurì?

SALVO: (rappando)eih tu, caro fratelone, il posto fisso vai rincorrendo, ed un concorso hai fatto assaicontento, e la risposta che stai aspettando, eccola qua arriva sorridendo.

DANIELE: chi voi diri Salvuccio, non ti staiu capennu?

EZIO:            ca certu, comu u putissumu capiri mai. Ora ci sdunavu ca a parrari cantannu, ausi un marvizzu.

SALVO:   (sventolando la lettera del CNR e sempre rappando ) ecco la lettera che tu tanto aspettavi, edice che il dottore Danieluccio, ha superato i test ed il concorso, e l’hanno assunto al cnr, ccnr.

DANIELE: (va da Salvo e prende la lettera)ma chi mi stai dicennu, videmu?(Legge la lettera)egregio dottore Fortuna, con piacere la informiamo che lei ha vinto il concorso come strutturato presso il consiglio nazionale delle ricerche. Potrà cominciare il suo lavoro con decorrenza immediata. Cordiali saluti dottore Litrico, direttore del personale.

MARGH:     e chi voli diri Daniele?

DANIELE: (felicissimo)voli diri ca vincì u conconcorsu e mi hanno assunto come dottore al consiglionazionale delle ricerche.

MARGH:    e chi è bonu a mamma? Chi è un postu fissu?

DANIELE: fissu? Fississimu mamma! È un postu statali, non m i ponnu scugniari mancu checannunati!

Giubilo generale, tutti si abbracciano.

EZIO:            e allura non c’è chiù bisognu di ddu cosa fitusu di Pignataru?

DANIELE:  non papà, no. Oramai m’abbissai e con le sole mie f orze e capacità!

MARGH:      chista fu a Marunnuzza ca ascutavu i me prighieri di mattri. Grazie Marunnuzza, bedda, grazie.

DANIELE: esco, io esco.

EZIO:            e unni vai?

DANIELE: da Federica a diricci do travagliu e a ‘ddumannaricci di maritarimi!(Esce).


40


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

MARGH:   sugnu o settimu cielu. E finalmente non ci ama addumannari favuri chiù a nuddu. Anzi talia chi fai Salvuccio, scinni a dda sutta e chi di ci a to soggiuru ca non c’è biosgnu ca porta cuntratti e rullini fotografici. L’accordo è scordato!

SALVO:    (rappando) vado mamy, vado.

EZIO:        fermo! Unni vai?

MARGH: ma comu unni va? A diricci a Pigna ca non si ni fa chiù nenti.

EZIO:        e chi primura c’è? (Ironico) comu, du puvureddu si scomuda a venire finu a casa nostra pi purtari u cuntrattu e stamparini quattru belli fotografì ricordu, e tu ci voi livari ‘stu piaciri.

MARGH: non ti staiu capennu Ezio.

EZIO:         fra poco capirete. M’arraccumannu a tutti e dui, ora ca torna il verme, non ci diciti nenti do travagliu novu di Daniele, ah! Reggetimi u jocu ca ni facemu quattru risati.

MARGH: ca comu dici tu.

SALVO:    (rappando) ju pi non sbaghiari ora mi ni vaiu (esce).

EZIO:       ecco bravu, vottinni ca c’ansetti.

Scena VI

( Margherita, Ezio, Pigna, segretario)

Tornano Pignataro ed il segretario.

ATTILIO: c’è permesso?

EZIO:            (con tono conciliante ed affettuoso)certo, comu no! Prego cumpareddu mio trasi, chistaormani è a to casa.

ATTILIO: grazie, grazie. Caro compare Ezio, vedo con sommistico piacere che hai pighiato di cuoree ben vulire la nostra riappacificazione.


EZIO:         un altro, di quant’havi ca ficiumu a paci mi sentu sullivatu, chiù …araccumannatu, insomma mi senti me Attilio Pignataro beddu del mio cuore di criatura.


n’autra persona. Chiù filici, chiù ghiu, e chistu grazie a tia onorevole


ATTILIO: ma quantu mi fa piaciri! Ma comu, rapisti i pasticcini? Ti dissi ca erunu per festeggiarel’accordo?

EZIO:        e chi voi caru cumpareddu, facevunu un ciavuru ca non sappi arresistiri e mi          n’ammuccai

unu. Chi c’è uffusa pi casu?


41


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

ATTILIO: ma no, ma quali uffisa! Hai fatto bene ad ammuccaratinni unu; bravu.

EZIO:           grazie. Ma senti cumpari beddu, u purtasti u cuntrattu?

ATTILIO: eccolo.

EZIO:           e a machina fotografica? Non mi diri ca ta scurdasti pirchì ci arrestu  mali!

ATTILIO: a purtai tranquillu ca a purtai.

EZIO:          no u sai, pirchì? Mi scantai ca non ni putevumu fari a fotografia mentri ti baciavu a manu.

ATTILIO: non ti preoccupari ti dicu, ca ora a facemu.

EZIO:           e senti cumpareddu miu, fossi ti chiedu troppu, insomma forsi mi staiu sbilanciannu tanicchia, ma non è ca di ‘sta fotografia immortalistica del bacia mano ni putissi a viri una copia formato posteri; u sai ci vulissi mettiri una cornice di chiddi boni e ma vulissi appenniri ‘ndo salottu propriu vicinu alla laura di me figliu Daniele. Tantu hannu u stissu valuri pi mia. Si, la laura tantu sudata di me fighiu, e il baciamanu ad un futuro onorevole della regione, ca sparti è me cumpari. Ma vidi chi furtuna!

ATTILIO: ca certu e chi ci sunu problemi? Ma alla sola condizioni ca i spisi di sviluppu e diincornacizzazione sunu a carico miu.

EZIO:          ca su n’hai piaciri!

ATTILIO: immensu.

EZIO:            e va beni. Ma senti chi fa liggemu u cuntrattu accussì appoi t’alliberu, pirchì sugnu sicuri c a avrai tanti impegni impellenti.

ATTILIO: si raggiuni hai, ho tanti impegni suppellettili. Allora segretario(il segretario si èappisolato) segretario, auh, sempri ca dormi è chistu, ma sa perdiri u me nomu su appenaacchianu ca acchianu e addiventu onorevoi, a chistu non u rottamu e mi fazzu ‘na bella segretaria finicchia e intelligenti. Segretario arrusbighiamuni, segreatario.

SEGRET: presente!

EZIO:          si, bestia a cu ci cridi.

ATTILIO: forza liggemu u cuntrattu annacamuni.

SEGRET: do lettura: in data odierna al cospetto della signora Margherita Fortuna e di me stessomedesimo segretario, avanti detti testimoni, avviene l’accordo fra il futuro onorevole della regione Attilio Pignataro ed il segretario provinciale del sindacato Ezio Fortuna, finalizzato alla ricerca e concessione di un posto, dicasi uno, di lavoro per il figlio del suddetto Fortuna. Tale posto verrà omaggiato in cam bio del riconoscimento dello zitaggio fra il figlio piccolo del Fartuna e la figlia dell’onorevole, delle scuse del Fortuna nei


42


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

confronti dell’onorevole, del bacia mano immortalato in una fotografia appresso allegata a questo contratto, e l’impegno del Fortuna a procurare i voti per battere l’avversario quartieristico dell’onorevole, tale Fulippo Ippolito detto i beddu. Letto, accettato,firmato e controfirmato, le parti.

ATTILIO: comu è, ti piaci?

EZIO:           meraviglioso, è a fini do munnu. Chi u scrivisti tu veru?

ATTILIO: modestamente.

EZIO:           è inutili Attiliu, ccà ‘ndo quarteri si sprecatu, a regioni a iri, chiddu è u to postu!

SEGRET: e ora per formalizzare tutto oltre alle firme ci vuole la foto del bacia mano da allegare. Chifa a facemu?

EZIO:           ca certu! Ovviu, immediatamenti!

SEGRET: perfetto, allora mettetevi in posa.

EZIO:        ma senta segretario, prima di chidda co bacia manu, non a putemu fari ‘na bella futugrafia mentri ju e l’onorevole n’accucciamu stritti, strit ti?

SEGRET: si, direi che si può  fare.

EZIO:          e allura veni ccà fratuzzu ritrovato, accucciamuni .

Ezio abbraccia fortissimo Attilio fino a non farlo respirare.

ATTILIO: Ezio, capisco il ritrovato affetto, capisco a fotografia accucciati forti forti, ma accussì, misguaddarì tuttu paru; non staiu putennu arrispirari chiù. Fracuntu ca moru accupatu.

EZIO:            ma chi vai decennu? Tu campi cent’anni, su a morti non t’arricoghi prima. E appoi caro mio, nella foto chiù stritti semu abbracciati, e chiù assai si vidi ca ni vulemu beni.

ATTILIO: ma si sicuru?

EZIO:           sicurrussimu.

ATTILIO: ca comu dici tu. Segretariu però annacamuni a fari‘sta fotografia. Forza lestu ca ca già ‘ntisi rumuri intra a scalota toracistica, non vulissi ca fu qualche costola ca s’incriccavu!

Ezio mentre abbraccia Attilio, gli fa le corna dietro la testa.

SEGRET:(vedendo le corna)ma signò Ezio, veramenti ddi cosi a l’onorevuli no n mi pari ca ci stannutantu boni.

EZIO:        mutu e scatta ca sunu perfetti, pari  i ‘nvintanu apposta per l’onorevole Pignataro.


43


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

SEGRET: mah, a mia mi pari ca non rende bene.

ATTILIO: (che sta soffocando a causa dell’abbraccio e non ce la fa più)segretario scatta ca perfettusugnu. Scatta, scatta prima ca ju schiattu!

SEGRET: comu cumanna vossia.

Dopo che il segretario ha scattato la foto, Attilio si libera dall’abbraccio di Ezio e annaspando cerca di prendere aria.

EZIO:            bellissima, chista sarà la foto dell’anno. Appena è pronta dammilla ‘na copia ca ca         fazzu

stampari ‘ndo postal markert.

ATTILIO: (ancora ansimante)non mancherò, non mancherò.

EZIO:          aspetta, aspetta che ho avuto un’altra magnifica idea. Ora ni facenu una mentri ci allustru i scarpi.

ATTILIO: ma no, mi pari eccessivu.

EZIO:           insisto

ATTILIO: avaia Ezio non mi pari u casu. Mentri m’allustri i scarpi?

EZIO:          Attilio vidi ca m’affennu ah!

ATTILIO: ca su t’affenni! Segretario scatta.

Ezio dopo essersi genuflesso con un solo ginocchio, prende un piede di Attilio e lo appoggia sulla coscia.

EZIO:     segretario, comu semu? Si vidi bomu ca ci staiu allustrannu i scarpi all’onorevole?

SEGRET: magnificamente! Ora fermi mi raccomando, al mio tre io scatto. Uno, due e tre.

Al tre del segretario, Ezio alzandosi, solleva il piede di Attilio fino a fargli perdere l’equilibrio. Con un tonfo Attilio cade in terra.

ATTILIO: aih, aih, aiaih. Mi scunsintì tuttu paru. A carina, mi scucchiai a carina.

Il segretario accorre ad aiutare Attilio.

EZIO:       m’a scusari Attilietto, non u capì bonu. Mi pareva ca al tre ju m’ava a sussiri


44


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

ATTILIO: (rialzatosi ed ancora dolorante)non ti preoccupare Ezio, a curpa è do segretariu ca è chiù‘ntrunatu di ‘na pignata di ciciri arriminati cu un cucchiaru di lignu. Senti, facenu ‘sta biniditta fotografia mentri mi vasi a manu pi allegarla o cuntratu e semu appostu. Chi dici?

EZIO:          va beni. Segretariu, scattamu!

Ezio si mette in ginocchio nella stessa posizione di prima, ma questa volta prendendo la mano di Attilio.

ATTILIO: Ezio, c’è periculi ca m’abbì ‘n terra n’autra vota?

EZIO:              tranquillo,    a ‘sta vota u sacciu ca al tre u ‘ntru natu scatta e ju non m’haiu a susiri.

Segretariu, boni semu?

SEGRET: magnificuni. Allora…uno…due…e…

Mentre il segretario conta, Ezio stringe la mano di Attilio fortissimo fino a farlo urlare di dolore.

EZIO:           e tri!

ATTILIO: aih, a manu mi fracassasti!

Ezio si alza ed ancora stritolando al mano di Attilio, lo costringe ad inginocchiarsi.

EZIO:            tuttu ti fracassu, tuttu! Pezzu di armali di gebbia ca feti chiù assai di ‘n centu pedi scavazzatu. E tu chi pinsavi ca ju Ezio Fortuna, nemico numero uno dei padroni, m’inginocchiavu e to pedi e ti baciavu a manu? Tu t’a mettiri in ginocchiu, cosu fitusi. Tu ‘nda ‘stu munentu non si è pedi me, ma si è pedi di tutti ddi puvureddi, ca disperati ti elemosinanu un travagliu; si e pedi di dda poviri genti senza istruzioni ca cridi a tutti i fissarì ca ci cunti; si e pedi di tutti i genti ca s’allippanu a chiddi comu a tia cu speranza e inveci venunu fregati vota pi vota. Scusa, addumannacci scusa a tutti, allura ddocu ‘n terra arresti.

ATTILIO: scusa, scusa a tutti, scusa. Ma ora lassami a manu ca ju u duluri non u sumpottu. Fammisusiri, pi favuri fammi susiri.

Ezio gli lascia la mano e gli consente di alzarsi.

ATTILIO: (ripresosi)ma comu, e allura u favuri ca m’addumannasti pi to fighiu?

EZIO:            non mi ni servunu favuri di tia. Me fighiu attruvavu un lavoru magnificu con le sue sole forze e senza raccumannazioni. A me figliu u pighianu o cml…o pms…o dlf, insomma u pighianu in un postu statali. E ora via, fora immediatamenti dalla mia casa, prima ca m’infuddu appiddaveru. Via, pussa via armale!

ATTILIO: ma comu, u perdoni, u cumparaggiu? Ju purtai macari i pasticcini.

EZIO:          e u sai unni ti poi mettiri i to pasticcini! Via fora!


45


L’onorevole con la “p”… minuscola   - 2 atti di Santo Capizzi

SEGRET:  amuninni onorevole, scappamanninni ca mali frusculi ci sunu.

ATTILIO: segretario ragiuni hai, forsi è meghiu ca fujemu di tutta cursa. A u sai ca forsi tantiaddummisciutu non si!

Attilio ed il segretario escono di corsa.

Scena VII

( Margherita, Ezio, Salvo)

EZIO:          ah, mi livai un piaciri. Sugnu tuttu arricriatu!

MARGH: ma non cridi ca forsi esagerasti un pocu?

EZIO:        ma quali esagerai! Chiddu si meritava di essiri trattatu centu voti chiù peggio.

MARGH: sarà…

SALVO: (rappando)eih papy il Pigna se n’è andato, e ho sentito che male l’hai trattato, forsi ‘sta votaha capito la lezione, e c’a finisci di fari il furbacchione. Eih papy, eih papy, eih.

EZIO:        (rappando) e caru fighiu purtroppo u munnu è chissu, su non cèPigna c’è n’autru pezzui…bip. Chiddu ca cunta è aviricci u guraggiu di non mittirisi ‘nde manu di ‘n pagliacciu. A stada è longa e certi voti dura, e l’omu sempri si scuraggia pi natura. Non ti fidari di cui offri stradi facili, a facci bedda havi e l’amino di pici. Camina drittu e a testa teni aiuta, ca voli diri ca manteni a dignità.

MARGH: Ezio a u sai ca ci vai troppu bonu a cantari! Pirchi’ non ti presenti o festival.

EZIO:          ca ora ci pensu. Basta ca a ‘sta vota pero’ tu voti pi mia.

SIPARIO


46

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 2 volte nell' arco di un'anno