L’Onorevole Onorato Onore

Stampa questo copione

Desiderio D’Averti

L’Onorevole Onorato Onore

di Vincenzo Rosario Perrella Esposito

                                                            (detto Ezio)

06/06/2009

Personaggi: 11

Onorato Onore onorevole

Tranquillo Onore fratello Onorato

Gaspare Onore fratello Onorato

Fosca Luttuosa sua moglie

Valeria Bruttadonna suocera Onorato                       

Aniello D’Oro idraulico                                            

Enrico Ambizioso amico politico di Onorato                                             

Gioia Soddisfatta amante in contemporanea

Gloria Alpadre senatrice                      

Walter Pilato commissario di polizia                                     

Durante Ipasti giornalista

Napoli, Posillipo, casa Onore. L’onorevole è una persona bieca, spietata, di quelle da evitare assolutamente nella propria vita. Conduce una vita normale con sua moglie Fosca ed è disturbato spesso da sua suocera Valeria. Tuttavia la sua vita è dedicata quasi per intero alla politica. Ma i suoi fratelli Tranquillo e Gaspare decidono a loro volta di entrare in politica nello schieramento di Onorato. Quest’ultimo glielo sconsiglia e fa di tutto per destabilizzarli. I due uomini decidono allora di schierarsi con partiti nemici, cosa che manda Onorato su tutte le furie. L’onorevole allora organizza un modo permettere i bastoni tra le ruote ai suoi fratelli e gli gioca un brutto tiro. Il suo proposito va a segno, ma intanto ne passerà di tutti i colori, rischiando personalmente di inguaiarsi.

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

 

            Salone di villa Onore, casa dell’onorevole Onorato, parlamentare. Alla casa si accede da un ingresso comune centrale. A sinistra si va in camera da letto, stanza da bagno e una stanzetta. A destra si va in cucina, bagno di servizio e uno studio. A centro stanza c’è un tavolo con quattro sedie, alla cui sinistra vi è un divanetto con tavolino su cui poggia un telefono cordless. Alle spalle di quest’ultimo c’è una credenza e un portaombrelli.

ATTO PRIMO

1. [Fosca Luttuosa, Onorato Onore e Valeria Bruttadonna]

                 Fosca gironzola nervosamente, mentre tenta di telefonare col suo cordless.

Fosca:      E forza, rispunne! E quanno rispunne? Ma che staje facenno? Ma ‘stu cellulare ‘o

                 tiene pe’ bellezza? E gghiamme, Onorato, rispunne! Ma quanno rispunne?

                 Dall’ingresso comune al centro entra Onorato, la osserva stranito. Lei continua.

                 Embé, marito disgraziato, quanno tuorne, facimme ‘e cunte! (Poi lo nota, gli si

                 avvicina e gli parla) Ma aggia aspettà ancora?

                 Lui le fa cenno con la mano, come per dire: “Ma cosa vuoi?”… Lei gli risponde.

                 Che voglio? Che rispunne ‘o cellulare. E forza, rispunne! E vuo’ risponnere?

Onorato: (Prende il cellulare dalla tasca, lo accende, poi le risponde) Pronto!

Fosca:      Ah, finalmente he’ risposto, disgraziato! Te sto’ chiammanno ‘a tre quarte d’ora!

Onorato: Ma m’he’ ‘a dicere coccosa?

Fosca:      Sì. He’ ‘a venì subito ccà! Curre, muovete!

Onorato: Va bene! (Spegne il telefono) Eccomi qua. Ho fatto presto?

Fosca:     (Spegne il telefono) Cretino! Ma addò si’ stato fin’e mò?  

Onorato: E non lo sai? Si approssimano le elezioni, e così sono stato al partito per…

Fosca:      Sì, sì, vabbuò, nun me ne ‘mporta proprio niente d’’a politica.

Onorato: Nun te ne ‘mporta? E se io non fossi stato un parlamentare, tu come te la saresti

                 comprata questa villa e tutto il resto?

Fosca:      Bello, nun t’attiggià!

Onorato: Siente, nun me fa perdere ‘o tiempo. Pecché me stive chiammanno?

Fosca:      Mammà t’ha da parlà!

Onorato: (Si volta per andarsene) Torno più tardi!

Fosca:     (Lo ferma) No, no, no. Addò vaje? Tu devi parlare con lei.

Onorato: Ma inzomma, tu afforza me vuo’ fa’ arraggiunà cu’ chella? 

Fosca:      Onorà, ccà ‘o fatto è drammatico. Quanno mammà te vo’ parlà, t’he’ prioccupà!

Onorato: Ma me vo’ parlà oppure me vo’ vattere?

Fosca:      Tutt’e ddoje cose!

Onorato: (Si avvia verso l’uscita celermente) E’ meglio che me ne vaco!

                 Ma dalla comune entra proprio Valeria che gli sbarra la strada e lo spaventa.

Valeria:   Fermo là!

Onorato: Mamma d’’o Carmene!

Valeria:   Tu volevi scappare!

Onorato: No, veramente, io devo andare a fare le elezioni!

Valeria:   No, no, mò viene cu’ me che t’aggia parlà!

Onorato: No, ma io…

Valeria:      E viene!

                    Se lo tira per il braccio, i due raggiungono Fosca.

Fosca:         Cià, mammà.

Valeria:      Cià, Fosca. E allora, Onorato, rispondi a queste brevi e facili domande.

Onorato:    E che se vence?

Valeria:      Ma mò t’azzecco ‘nu buffettone! Allora, prima domanda: tu quanti fratelli hai?

Onorato:    Ah, aggio capito addò vulite arrivà. E’ sempe ‘a stessa storia. (Rassegnato) E va

                    bene. Tengo due fratelli.

Valeria:      E io quante figlie tengo?

Onorato:    Tre figlie.

Valeria:      E a chi si sono sposate queste povere sventurate?

Onorato:    A me e ai miei fratelli!

Valeria:      Bravo! Io, a te e ‘e frate tuoje, v’aggio dato tre figlie. Embé, nisciuno ‘e tutt’e

                    tre ‘e vuje è stato capace ‘e me fa’ addiventà nonna?

Onorato:    Ah, e qua vi sbagliate.

Fosca:         E già, mammà. Tranquillo e Addolorata hanno un figlio di 3 anni: Luigino.

Valeria:      Lo so, però uno è troppo poco. Ma come, io ho fornito ai fratelli Onore la

                    materia prima, e tre di loro sono stati capaci di produrre solamente un figlio?

Onorato:    (La guarda ironico) ‘A materia prima?

Valeria:      Esatto! Le mie figlie. I miei gioielli!

Onorato:    ‘E che belli gioielle: una se chiamma Fosca, una Addolorata e ‘n’ata Mestizia!

                    Ma addò l’amme jute a piscà, ‘ncoppa ‘o cimitero?!

Valeria:      Sei sempre il solito imbecille. Ma ‘a che dipende, ‘stu fatto?

Fosca:         Dai, adesso voi due non litigate. E ppo’ nun facimme ‘sti discorse.

Valeria:      Vabbuò, è meglio che me ne vaco!

Onorato:    (Subito la accommiata) Arrivederci. Tornate a trovarci a Natale!

Valeria:      Ma io nun me ne sto’ gghienno ‘a casa. Sto’ gghienno ‘int’’a cucina a me piglià

                    ‘nu bicchiere ‘e Whisky! Con permesso!

                    Va a destra in cucina.

Onorato:    L’Whisky? Sta ‘int’’a cucina?

Fosca:         Sì, l’aggio miso ‘int’’o frigorifero!

Onorato:    Cretina, nun se mette lloco ddinto.

Fosca:         Ma io che ne saccio? Ccà me pare che qualunqua cosa faccio, cumbino cocche

                    guajo! (Si avvia a destra) E comme state appizzate, tutte quante!

                    Esce via a destra.

Onorato:    Marò, ‘e che passaguaje: essa, ‘a mamma e ‘e ddoje sore. Che razza sbagliata!

                    Onorato allora si siede al tavolo.

2. [Onorato e Tranquillo Onore. Infine Gaspare Onore]

                     Onorato si rilassa. Stende le gambe e si bea di quel momento di solitudine.

Onorato:     Stongo distrutto. Meno male che Iddio ha creato anche la pace e il silenzio!

                     Dalla comune, al centro, entra Tranquillo con un cuscino sotto il braccio.

Tranquillo: Néh, pozzo trasì?

Onorato:     (Seccato) Aggio parlato troppo ambresso! (Poi si volta e lo nota) Tranquillo?

Tranquillo: (Gli si avvicina) Eccomi qua, fratello caro!

Onorato:     (Si alza in piedi) E tu che ce faje cu’ ‘stu cuscino appriesso?

Tranquillo: Ma pecché, so’ privo ‘e cammenà cu’ coccosa ‘nmana?

Onorato:     Già, ma ‘o cuscino serve pe’ durmì.

Tranquillo: Appunto! Io so’ venuto a durmì ccà ‘nu paro ‘e mise!

Onorato:     Aggio capito tutto cose: mugliereta Addolorata t’ha cacciato ‘e casa!

Tranquillo: Esatto! E ppo’ Addolorata se chiamma essa. Io m’avessa chiammà Addolorato!

Onorato:     Ma famme sentì che t’è succieso. (Si siede) Assiettete.

Tranquillo: (Si siede al tavolo) Sì, però ‘o fatto è luongo.

Onorato:     E io ‘o voglio sentì ‘o stesso.

Tranquillo: E va bene. Dunque: io sono disoccupato. Fine!

Onorato:     Ma ‘o fatto nun era luongo?

Tranquillo: E tu he’ ditto niente? Senza lavoro, non si può campare.

Onorato:     Ma come, io ti ho mandato da quel mio amico per quel lavoro al supermercato.

Tranquillo: E io ci sono stato dall’amico tuo, ma tu lo sai quello che ha fatto? (Si alza in

                     piedi) Mi ha messo una scopa in mano e mi ha detto: “Spazza!”.

Onorato:     Ma pecché, che vulive fa’ cu’ ‘na scopa ‘nmana? Vulive pittà ‘nu quadro?!

Tranquillo: No, però io nun ero juto a faticà lloco pe’ scupà ‘nterra! M’avesse fatto cchiù

                     piacere addiventà direttore generale!

Onorato:     (Si alza in piedi e lo richiama) Tu si’ ‘a pecora nera d’’a famiglia! He’ capito?

Tranquillo: Onorà, nun m’alluccà ‘nfaccia. Tu lo sai, io sono nervoso. (Fa strani tic: butta

                     pugni, poi calci e testate a casaccio) Incomincio a fare i tic.

Onorato:     No, no, va bene, calmati. Tranquillo, stai tranquillo!

Tranquillo: (Fai suoi tic) E’ ‘na parola!

Onorato:     Senti, adesso facciamo così: tu telefoni a Addolorata e le chiedi scusa.

Tranquillo: Io? (Fa i suoi tic) Ma tu si’ pazzo?

Onorato:     Tranquillo, famme fa’ a me. Ti aiuto io. (Dalla tasca della giacca tira fuori un

                     piccolo block notes e una penna) Ora ti faccio vedere. (Si siede e scrive)

Tranquillo: (Lo osserva, facendo i suoi tic) Ma… che staje screvenno? Cocche lettera?

Onorato:     No, adesso vedrai. Ecco qua, ho finito. (Si alza in piedi) Vieni, sediamoci sul

                     divanetto e così tu telefoni a Addolorata col mio telefono. Su, vai.

Tranquillo: No, ma io…

Onorato:     E vai!

                     Lo prende per il braccio, si siedono, Tranquillo prende il foglietto di Onorato.

Tranquillo: E mò ch’aggia fa’?

Onorato:     Fai il numero di casa tua. Leggile quelle frasi romantiche che ho scritto io.

Tranquillo: Mah! (Prende il cordless e compone il numero lentissimamente)

Onorato:     E te vuo’ movere?

Tranquillo: (Affretta le operazioni) Ho finito. (Poi attende pochissimo) Non risponde.

Onorato:     Quanti squilli ha fatto?

Tranquillo: Uno!

Onorato:     E ‘a vuò do’ ‘o tiempo ‘e risponnere?

Tranquillo: Pronto, Addolorata! Songh’io, Tranquillo. (Stupito) Non ti chiami Addolorata?

                     Ti chiami Gioia Soddisfatta? Biata a te! (Stacca) Aggio sbagliato ‘o nummero!

Onorato:     Nun t’arricuorde manco ‘o nummero ‘e telefono tuojo! Miette ccà. (Gli prende

                     il cordless, digita il numero) Ecco, tieni. (Glielo rende) E ti raccomando, parla!

Tranquillo: Pronto! (Boccheggia e non riesce a parlare) 

Onorato:     E vuo’ parlà?

Tranquillo: (Fa il tic) Nun ce riesco!

Onorato:     (Bisbiglia) Va’, va’, liegge, liegge, e parla, parla!

Tranquillo: (Legge e poi ripete) Amore mio, tu sei un chow chow*!           *(Letto com’e scritto)

Onorato:     (Bisbiglia) Ma che chow chow? Si legge “ciù ciù”!

Tranquillo: (Ad Addolorata) Ah, no, si legge “ciù ciù”!... No, no, non sto leggendo. (Legge

                     ma sbaglia) Tu sei una donna piritosa!

Onorato:     (Bisbiglia) No, spiritosa!

Tranquillo: Ma ccà ‘a “s” nun ce sta.

Onorato:     E ‘int’’a pressa, m’aggio scurdato d’’a scrivere!

Tranquillo: (Legge ma sbaglia) Io ti cerco Ivano! 

Onorato:     (Bisbiglia) Ma qualu Ivano? Invano.

Tranquillo: (Ad Addolorata) Uh, nun è Ivano. E’ “invano”! (Legge ma sbaglia) Vieni con

                     me, andiamo in America. Ti porterò sul fiume Miss Pipì!

Onorato:     (Bisbiglia) Cretino, se legge Mississippi!

Tranquillo: (A lei) Ah, se legge comme ha ditto Onorato! No, no, ma nun sta vicino a me!

Onorato:     (Bisbiglia) Vai, leggi, leggi!

Tranquillo: (Legge, ma sbaglia gli accenti) E’ incredibìle! Non ho piu il tuo réspiro sul

                     mio cùscino! Non saro mai un màrito giòiello, perche cosi sono io! Pero tu

                     amàmi! (Stupito) Comme? Nun he’ capito niente?

Onorato:     (Bisbiglia) E pe’ forza, tu nun he’ ‘ncarrato manco ‘n’accento! Vai, continua.

Tranquillo: (Legge) Io voglio che tu seppia…!

Onorato:     (Bisbiglia) T’ha da rimané ‘ncanna, ‘na seppia! Io voglio che tu “sappia”!

Tranquillo: (Legge) Io voglio che tu sappia… Ma che cacchio ce sta scritto, ccà?

Onorato:     (Legge e poi bisbiglia) Io voglio che tu sappia che sono un idiota.

Tranquillo: Nun esaggerà, mò!

Onorato:     Vai, leggi.

Tranquillo: (Ad Addolorata) Voglio che tu sappia che io sono un… un… uno sciocchino!

Onorato:     Idiota!

Tranquillo: Come ha detto Onorato. No, non sta vicino a me! (Poi legge) Ma io non posso

                     pensare di… impotente! (Legge meglio) Uh, aggio zumpato ‘nu rigo!... Ma no,

                     tesoro, ti ho detto che non sto leggendo. Va bene, ora te lo dico a parole mie.

                     Addolorata mia, io sono più addolorato di te! Ma che ci devo fare se non trovo

                     lavoro? Io però non voglio divorziare da te, se no devo mantenere a te e a

                     nostro figlio!... Come? Sto peggiorando le cose? Scusa, scusa, scusa! Io voglio

                     tornare a casa da te… pecché si chella pazza ‘e mammeta me vede ccà addù

                     Onorato… so’ cacchi!... Come dici? Sto peggiorando di più le cose. (Stufo)

                     Néh, ma tu ‘o ssaje che m’he’ scucciato? Che? M’he’ perdunato? Ma chi vo’

                     essere perdunato‘a te? He’ capito? (Riaggancia, si alza in piedi) Onorà, nun ce  

                     sta niente ‘a fa’. (Si riprende il cuscino dal tavolo) Io aggia durmì ccà!               

                     Fa il suo tic nervoso ed esce a sinistra (sempre facendo il tic nervoso.

Onorato:     (Sconvolto) Oddio! Ma io aggia penzà all’elezione! Se solo ci fosse l’altro mio

                     fratello Gaspare, qui! Devo chiamarlo subito. (Digita il numero di telefono)

                     Dalla comune entra proprio Gaspare con un cuscino in mano. Gli va dietro.

Gaspare:     (Con voce lemme) Onorato!

Onorato:     (Pensando che lui sia al telefono) Gaspare!

Gaspare:     Che c’è?

Onorato:     Ma comme sto’ facenno a parlà cu’ te, si ‘o telefono fa “tu tu… tu tu”…?!

Gaspare:     Pecché io stongo areto a te!

Onorato: Ah, menu male. (Riaggancia) Gaspare, io t’aggia parl… (Si volta e nota il 

                 cuscino) Ah! Pure tu ‘o cuscino?

Gaspare: E se capisce che pur’io tengo ‘o cuscino. Mica ‘o puo’ tené sulo tu?    

Onorato: Cretino, poco fa è venuto qui da me Tranquillo. Teneva pur’isso ‘o cuscino

                 appriesso. E scummetto che pure tu te si’ appiccicato cu’ mugliereta. E essa t’ha

                 cacciato ‘e casa. Scommettiamo 100 Euro?    

Gaspare: E allora aggio vinciuto cient’Euro: nun m’ha cacciato essa, me ne so’ gghiuto io!  

Onorato: Tu e chill’ato site uno peggio ‘e ‘n’ato! E pecché te si’ appiccecato cu’ Mestizia?    

Gaspare: Perché lei pensa che io la tradisco con una donna.

Onorato: E invece non è vero.     

Gaspare: Chi ha ditto che nun è ‘o vero?    

Onorato: Uh, Giesù, ma allora è ‘o vero?    

Gaspare: Non te lo posso ancora spiegare. Posso dirti solo il suo nome: Gioia Soddisfatta!    

Onorato: Gioia Soddisfatta? Ma è chella che primma… Tranquillo… pe’ telefono! Allora

                 pur’isso…! Ehm… no, niente. Senti, mettiti al telefono e fai pace con Mestizia.    

Gaspare: E che l’aggia dicere?      

Onorato: Guarda sul tavolino vicino al divanetto: c’è un foglio con delle frasi romantiche.

                 Prima le ha utilizzate Tranquillo per parlare con Addolorata.    

Gaspare: E ha fatto pace cu’ essa?    

Onorato: No.    

Gaspare: Embé, e pecché m’’e vvulisse da’ a me? Io me vaco a priparà ‘o lietto mio!

                 Si avvia a sinistra, ma Onorato lo blocca.                     

Onorato: Tu nun vaje ‘a nisciuna parte!    

Gaspare: Onorato, tu nun me puo’ parlà accussì. Tu lo sai, io sono nervoso. (Fa uno strano

                 verso) Ahia! Ahia!    

Onorato: Néh, ma chi te sta facenno niente?    

Gaspare: No, ma chisto è ‘o tic! (Fa il suo tic) Ahia! Ahia!... Si tratta di un tic vocale.

Onorato: Nun te fa’ sentì ‘a essa!    

Gaspare: Vabbuò, ce vedimme aroppo.    

Onorato: No, ma addò vaje? Addò vaje?    

                 Gaspare esce a sinistra. Onorato prova a convincerlo.

3. [Valeria e Fosca. Poi Aniello D’Oro]

                 Da desta tornano Valeria e Fosca.

Valeria:   He’ capito, a mammà? Tu nun he’ pigliata ‘e me? Io, all’età toja, quanno me

                 mettevo a ‘n’ommo sotto, erano dolori per lui!

Fosca:      (Ironica) Forse perché eri pesante?

Valeria:   Sì, sì, fa’ ‘a spiritosa. Ma ccà nun ce sta niente ‘a pazzià. Tu te si’ spusata a tuo

                 marito tre anne fa, e sei ancora uguale a quando ti ho messa al mondo!           

Fosca:      Mammà, certi discorsi mi danno fastidio.

Valeria:   Smetterò di tormentarti solo quando mi farai diventare nonna.

Fosca:      Ma perché, non ti basta il piccolo Luigino?

Valeria:   No. Il nipotino me lo devi regalare pure tu. E gli devi dare il nome di tuo padre

                 buonanima. Oppure, gli devi dare il mio nome, però al maschile. Chiaro?

Fosca:      Ma ch’aggio fatto ‘e male?

Valeria:   E allora stanotte appriparete ‘na bella vestaglia come Dio comanda! Io te stongo

               regalanno biancheria intima seducente ‘a quanno tenive diece anne! Embé, e tu

               devi sfruttare l’armamentario che io ti ho donato. Poi mettici pure le tue arti

               femminili che io ti ho donato e le tue fattezze fisiche che sempre io ti ho donato.

Fosca:    Mammà, tu mi stai mettendo in imbarazzo. E se si trova a passare qualcuno, ora?

Valeria: Ma chi ha da passà, a chest’ora?

               Dalla comune entra un uomo con tuta e borsa da idraulico: Aniello D’Oro. 

Aniello:  E’ permesso?

Valeria: No, no, passate un altro giorno. Adesso io e mia figlia stiamo parlando di

               argomenti per maggiorenni!

Aniello:  Ma pecché, io fosse minorenne?! 

Fosca:    Mammà, per favore. (Ad Aniello) Prego, prego, entrate pure.

Aniello:  (Le si avvicina) Grazie.

Fosca:    Dite, dite.

Aniello:  Ch’aggia dicere?

Fosca:    Chi siete e come mai state qua.

Aniello:  Mi chiamo Aniello D’Oro. Scusate se mi trovo in tenuta da lavoro.

Valeria: Ma voi fate l’orafo?

Aniello:  Ma secondo voi, cu’ ‘a salopette ‘ncuollo e ‘a borza cu’ ‘e fierre ‘nmano, pozzo

                fa’ ll’orafo? Ma no, signore care. Acqua!

Valeria: Che vvo’ dicere, acqua?

Fosca:    Vuole dire che non abbiamo indovinato.

Aniello:  No, io voglio dicere “acqua”, pecché faccio ‘o stagnaro!

Valeria: Ah, ecco. Ma l’he’ chiammato tu ‘o stagnaro?

Fosca:    Io no.

Valeria: Forse l’avrà chiamato Onorato. Si sarà rotto qualcosa.

Aniello:  No, signora, Io non sto qua per lavoro. Devo parlare con vostro marito.

Valeria: Cu’ mio marito? (Ironica) E vulite che v’accumpagno ‘o cimitero?

Aniello:  Ma pecché, è muorto?

Valeria: ‘A tant’anne!

Aniello:  L’Onorevole è muorto tant’anne fa? Ma si io l’aggio visto aiére! Chillo ha da fa’

               pure ll’elezione!

Fosca:    Ma allora voi state parlando di mio marito?

Aniello: No, sto parlando dell’Onorevole Onorato Onore.

Fosca:    E quello è mio marito.

Aniello: Scusate, ma se po’ ssapé cu’ chi è spusato st’onorevole?

Fosca:    Con me. Quello è giovane. Come fa a essere sposato con lei?

Valeria: Ma pecché, allora io fosse vecchia?

Aniello:  Signò, scusate, ma vuje che ce azzeccate?

Valeria: Io songo ‘a suocera ‘e ll’onorevole. Permettete? Valeria Bruttadonna.

Aniello:  Piacere. Allora la moglie siete voi?

Fosca:    E certo.

Aniello:  Ma lui è vivo?

Fosca:    E come.

Aniello:  E allora pecché purtate ‘o llutto?

Fosca:    Ma qualu llutto? Io porto solo il colore nero perché mi piace.

Aniello:  Allora dite all’onorevole che sono venuto? Ricordatevi il nome: Aniello D’Oro.

Valeria: Aniello D’Oro? E che ce vo’? Fosca, tu basta che ti ricordi quella cosa che tuo

                    marito non ti ha mai voluto regalare!

Fosca:         (La guarda male) Grazie per l’aiuto!

Valeria:      Scusate, ma giacché vi trovate, volete controllare le cannole di questa casa?

Fosca:         Ma dai, non occorre.

Valeria:      E chi te l’ha detto? Il presente idraulico ce lo fa gratis, questo piacere. E’ vero?

Aniello:       E come. Ditemi a me: che cosa devo controllare?

Valeria:      Fosca, ce vulimme fa’ controllà ‘a funtana d’’a cucina?

Fosca:         Va benissimo.

Valeria:      E ppò ce facimme vedé ‘a doccia d’’o bagno ‘e servizio.

Fosca:         Sì, va benissimo.

Valeria:      E poi gli facciamo vedere pure il sifone del water! 

Fosca:         E ‘o bidet t’’o scuorde?

Valeria:      E ‘o termosifone ‘int’’o corridoio?

Fosca:         E ‘a caldaia?

Valeria:      Pure ‘a caldaia? E nun pare brutto?

Fosca:         Ma sì, levamme ‘a caldaia!

Aniello:      Amme fernuto?

Valeria:      Si ce vene in mente cocch’ata cosa, v’’o ddicimme.

Aniello:      ‘E ch’allerìa! Ero venuto ccà pe’ ffa’ ‘na cosa e invece ne sto’ facenno ‘n’ata!

Valeria:      E noi vi ringraziamo. Fosca, he’ visto comm’è gentile ‘stu signore. Ma perché

                    nel mondo non si incontrano tutte persone come lui?!

Fosca:         E’ un mistero! Venite, seguiteci. Si va nel bagno di servizio!

                    Valeria e Fosca si avviano a destra, seguite da Aniello.

4. [Onorato, Tranquillo e Gaspare]

                     Da sinistra tornano Tranquillo e Gaspare litigando, seguiti da Onorato.            

Tranquillo: Ma nun è giusto, tu si’ arrivato aroppo a me e t’he’ pigliato ‘o lietto migliore.

Gaspare:     E pecché io già ‘o ssapevo ch’’o lietto tuojo era scassato!

Tranquillo: E si’ ‘nu ‘nfame!

Gaspare:     No, io so’ cchiù furbo ‘e te, e t’’o ddico ‘nfaccia. Io non ho peli sulla lingua.

Tranquillo: Ma pecché, io tengo ‘a lengua pelosa?!

Onorato:     Néh, ma ‘a vulite fernì ‘e fa’ ‘a mmuina? Si aésce ‘a suocera nosta, è la fine!

Gaspare:     (Si siede sul divanetto) E che ce ne ‘mporta? La vita è meravigliosa. E poi si

                     sta bene qua da te, caro Onorato!

Onorato:     Ma chisto nun è ‘n’albergo. Aìzete mommò ‘a coppa a chillu divanetto.

Gaspare:     Ma rilassati! Onorato, tenisse ‘nu poco ‘o ggiurnale ‘e oggie?

Onorato:     Ma che staje, add’’o barbiere?

Gaspare:     E va bene, me lo vado a comprare dal giornalaio. Mamma mia, e comme staje!

                     Esce di casa.

Tranquillo: Ma nun ‘o da’ retta, a chillo. Mò stamme a sentì duje minute. T’aggia parlà.

Onorato:     E assettammece. (Si siede al tavolo)

Tranquillo: Vabbuò. (Si siede e fa il suo tic) Dunque, Onorà, ce sta ‘na cosa che tengo

                     ‘ncapa ‘a tre anne.  

Onorato:     E cioè?

Tranquillo: Onorato, io mi voglio menare in politica!

Onorato:     Ma tu si’ pazzo?

Tranquillo: Ma pecché, tu si’ pazzo?

Onorato:     No.

Tranquillo: E allora? E ti dirò di più: voglio fare parte del tuo partito.

Onorato:     Che? Ma tu si’ scemo?

Tranquillo: Ma pecché, tu si’ scemo?

Onorato:     Sì, so’ scemo. E unu scemo, in famiglia, già è assaje. Nun ce puo’ sta’ pure tu.

Tranquillo: Ma pecché, che ce sta ‘e male?

Onorato:     Tranquillo, io so’ laureato, tu invece no.

Tranquillo: E io m’iscrivo all’università. E lo sai dove? Al Suor Orsacchiotta Benincasa!

Tranquillo: Ma secondo te, io songo accussì ignorante? Accussì ciuccio?

Onorato:     (Ironico) P’ammore ‘e Dio! Vuoi una prova? E adesso te lo dimostro. Ti faccio

                     una domanda di geografia astronomica.

Tranquillo: Ma quanto si’ fesso. La mia materia preferita!

Onorato:     Dunque: dimmi perché la Luna non è dotata di luce propria.

Tranquillo: Pecché ‘e marziane nun hanne pavato ‘a bulletta!

Onorato:     Risposta sbagliata! Ti dò una seconda possibilità: Saturno viene comunemente

                     chiamato “il pianeta con gli anelli”. Invece come viene soprannominato Marte?

Tranquillo: ‘O pianeta cu’ ‘e cullane!

Onorato:     Mi dispiace, bocciato! Non puoi fare la politica.

Tranquillo: Aggio capito: tu tiene paura ca io faccio cchiù carriera ‘e te.

Onorato:     Ma nun dicere scimmità.

Tranquillo: Ma io sono disoccupato e tu dovresti consigliarmi di fare il politico.  

Onorato:     E che l’he’ pigliato, pe’ ‘nu posto ‘ncoppa all’acquedotto? La politica si sogna.

                     La politica si agogna. La politica si aspira.

Tranquillo: (Fa due lunghi respiri) Bello!

Onorato:     Ma che staje facenno?

Tranquillo: Stongo aspiranno!

Onorato:     Tranquillo, tu devi darti da fare. T’he’ scetà. Devi combattere. Boia chi molla!

Tranquillo: Ma si’ sicuro?

Onorato:     ‘E che cosa?

Tranquillo: Ch’’o boia tene ‘a molla!

Onorato:     Ma no, “boia chi molla” è il nostro motto. Io non voglio che tu fai la politica.

Tranquillo: E pecché?

Onorato:     Perché la politica è un Vaso di Pandora!

Tranquillo: Nun aggio capito: che ce sta ‘int’’o vaso? ‘O pandoro?

Onorato:     Qualu pandoro?

Tranquillo: Tu he’ ditto che pe’ ffa’ ‘a politica ce vo’ ‘nu vaso cu’ ‘o pandoro ‘a dinto!

Onorato:     Ma che pandoro? Il Vaso di Pandora è il contenitore di tutti i mali del mondo.

                     Sto parlando della politica. Caro mio, questo è periodo di vacche magre!

Tranquillo: E allora ‘a carne nun è bona! Si ‘a mucca è secca, ‘a carne fa schifo!

Onorato:     Ma tu capisci sempre fischi per fiaschi? E alla fine, Martin perse la cappa!

Tranquillo: Che perdette Martino?

Onorato:     La cappa.

Tranquillo: E ppo’ l’ha truvata cchiù?

Onorato:     Che cosa?  

Tranquillo: ‘A cappa!

Onorato:     Ma quala cappa? Insomma, io ti voglio dire che il gioco non vale la candela.

Tranquillo: (Stufo) Mò aésce ‘nmiezo ‘a cannela? Onorà, ma io me voglio sulo sistimà!

Onorato:     (Sistemandosi le maniche della camicia) E questo è un altro paio di maniche!

Tranquillo: ‘O vero? Un altro paio di maniche? Io ‘e vveco sempe tale ‘e quale!

Onorato:     Ma io voglio dire che un grande politico nasce una volta ogni morte di papa.

Tranquillo: Nun aggio capito, allora pe’ ffa’ ‘a politica, aggia aspettà che more ‘o papa?

Onorato:     Ma no. Insomma, per te, la politica sarebbe come cercare un ago nel pagliaio!

Tranquillo: (Stufo) Onorà, me staje ‘nzallanenno! Io nun te riesco a capì.

Onorato:     E tu accussì ‘a vuo’ fa’ ‘a politica? Ma stammi a sentire: getta la spugna!

Tranquillo: (Si alza in piedi, stufo) Ma tu che vvaje truvanno ‘a me? ‘O boia cu’ ‘a molla,

                     ‘o vaso cu’ ‘o pandoro, ‘stu deficiente ‘e Martino che ha perzo ‘a cappa, aggia

                     aspettà ch’’o papa more…! Onorà, tu haje voglia ‘e fa’: io farò la politica!  

Onorato:     E mò addò vaje?

Tranquillo: Ccà ffora, a Margellina, a m’accattà duje taralle!

                     Esce via di casa. Onorato se la ride.  

Onorato:     Ce mancasse sulo Tranquillo ‘int’’a politica, po’ nun avessa vedé niente cchiù!

                     Dalla comune torna Gaspare col quotidiano. Nota Onorato solo e va da lui.

Gaspare:     Onorato, se n’è gghiuto ‘o scemo?

Onorato:     Chi? Tranquillo? S’è gghiuto a accattà ‘e taralle.

Gaspare:     T’aggia parlà ‘nu minuto.

Onorato:     E assiettete.

Gaspare:     Sì, sì. (Così fa) Onorà, è arrivato il momento. Ormai sono tre anni che ci penso.

Onorato:     (Sconvolto) Oh, no! Pure tu ‘a politica?

Gaspare:     E sì, alle prossime elezioni ci sarò pure io. Ma tu non indovinerai mai con

                     quale partito mi voglio candidare.

Onorato:     Il mio.

Gaspare:     E tu comm’’o ssaje?

Onorato:     Tranquillo ha fatto la tua stessa pensata.

Gaspare:     Tranquillo? (Se la ride) Tranquillo vo’ fa’ ‘a politica? (E ride)

Onorato:     Embé, in genere, quando ci sono tre fratelli in una famiglia, due nascono buoni

                     e uno invece è scemo. Azz, ccà invece amme fatto tutt’’o cuntrario!

Gaspare:     (Dubbioso) Onorato caro, ma tu fusse spaventato? Ho capito: tu mi temi.

Onorato:     Ma tu, al massimo, puoi solo galoppare per me. Vuoi fare il mio galoppino?

Gaspare:     E che m’he’ pigliato, pe’ ‘nu cavallo?

Onorato:     Ma no, il galoppino, in gergo politico, è il portaborse.

Gaspare:     (Si alza in piedi e fa il suo tic) Ahia! Ahia! Allora tu mi stai sfidando? Ma io

                     non cambio idea. Caro fratello, se allora non posso partecipare alle prossime

                     elezioni nel tuo partito, lo farò con un altro. Non sarò con te, ma contro di te!

Onorato:     Ma mò addò vaje?

Gaspare:     Niente, me moro ‘e suonno. Ma vaco a repusà. Vado a schiacciare un pisellino!

                     E se ne torna a sinistra con aria di fierezza. Onorato si alza in piedi, polemico.

Onorato:     Ma che fratelli assurdi. Dicono che sono nervosi e che tengono i tic. Chille

                     m’’o stanne facenno venì a me, ‘nu tic nervuso! (Si accende una sigaretta

                     nervosamente, al punto che gli risulta difficile l’operazione).

5. [Onorato ed Enrico Bellamico. Poi Valeria, Fosca, Tranquillo, Gaspare e Walter Pilato]

                     Onorato fuma nervosamente, gironzolando in stanza. Entra Enrico Bellamico.

Enrico:    E’ permesso? Posso entrare?

Onorato: Ah, vieni, Enrico.

Enrico:    (Gli si avvicina) Nun me dicere niente, ma stongo nervuso.

Onorato: Pure tu?

Enrico:    E sì. Anzi, mi è venuto pure un tic nervoso. (Ha uno strano tic: alza il braccio  

                 destro a scatti, in contemporanea gira il capo nella stessa direzione) Ecco, vedi? 

Onorato: A ‘n’appoco m’’o facite venì pure a me, ‘nu tic nervuso!

Enrico:    Senti, possiamo accomodarci due minuti? (Si siede al tavolo senza attendere che

                 Enrico gli risponda) Grazie tante!

Onorato: E va bene. (Si siede anche lui) E allora, Enrico, di cosa mi devi parlare?

Enrico:    Ormai il nostro quinquennio al parlamento è terminato. Le elezioni sono quasi

                 prossime. Al partito c’è molta preoccupazione per la tua candidatura.

Onorato: E pecché? Ch’aggio fatto?

Enrico:    I vertici del partito non ti hanno mai considerato un’arma vincente. Tu sei troppo

                 rettilineo. Troppo ingenuo. Troppo fesso, va’!

Onorato: Perché non diciamo “troppo onesto”? Usiamo le parole giuste.

Enrico:    Tanto, il senso è lo stesso. La tua proposta è assurda. Mi riferisco alla legge sulla

                 “responsabilità del politico”. Ma ti pare che i politici, se non mantengono quello

                 che promettono, possono pagare in prima persona?

Onorato: E si capisce, così facciamo un po’ di piazza pulita di nullafacenti e incapaci.

Enrico:    E cosa mi dici di quell’altra proposta di legge per cui stai combattendo?

Onorato: Che è il mio fiore all’occhiello. Non è giusto che quando una coppia divorzia, sia

                 sempre il marito a doverne pagare le conseguenze economiche. Le donne hanno

                 voluto la parità? E vadano a lavorare.

Enrico:    Ma chi vuoi che accolga queste tue idee? La gente vuole vivere nell’ipocrisia. E

                 tu lasciala stare.

Onorato: Enrico, io vado avanti per la mia strada. Poi, a chi conviene il mio programma

                 politico, è libero di votarmi, come ha fatto cinque anni fa. Se no, pazienza.

Enrico:    (Si alza in piedi) Va bene. Fai come vuoi. Ma se non vinci le elezioni?

Onorato: Non lascio la politica. Ricomincio sotto altre vesti. Ma Onorato Onore non

                 cambia, perché è una persona coerente.

Enrico:    Tu mi dai a nervi! (Fa il suo tic) Mi dispiace solo che sei il mio migliore amico.  

Onorato: Amen!

Enrico:    Io me ne vado, ma tu ripensa alle mie parole. Ciao, Onorato, pensaci, pensaci.

                 Enrico esce di casa facendo il proprio tic. Onorato pare molto perplesso.

Onorato: La politica mi piace sempre tanto, ma chi ne fa parte mi piace sempre meno!

                 Da destra torna Aniello, salutando chi è in cucina.

Aniello:   Arrivederci, care signore. Arrivederci! Se vedete all’Onorevole, salutatemenlo.

Onorato: (Si alza in piedi) Chi mi deve salutare? (E gli si avvicina)

Aniello:   (Si volta e lo nota) Uh, carissimo Onorevole! (Gli stringe la mano)

Onorato: Salve! Scusate, ma è successo qualcosa lì dentro?

Aniello:   No, ma io non sto qua come stagnaro. Sto qua come uomo!

Onorato: Ma pecché, ‘e stagnare nun so’ uommene?

Aniello:   Sì, però in questo momento non sto qua per lavoro, anche se vostra moglie e

                 vostra suocera… m’hanne miso sotto ‘e ffatiche, gratis!

Onorato: Va bene, vi pago io.

Aniello:   No, ma io non ci tengo proprio. Ho lavorato solo per voi.

Onorato:      Scusate, ma non ho l’onore di conoscervi.

Aniello:        Forse non vi ricordate di me: io mi chiamo Aniello D’Oro, ci siamo visti prima

                      delle elezioni di cinque anni fa. Vi ho chiesto un lavoro per mio figlio in

                      cambio del mio voto, di mia moglie e di tutta la mia famiglia.

Onorato:      E allora?

Aniello:        Ancora niente!

Onorato:      E cosa volete?

Aniello:        Io sto qua per incassare!

Onorato:      Che volete incassare?

Aniello:        Uh, Giesù! Il lavoro per mio figlio. Anzi, se volete essere un’altra volta votato,

                      io e la mia famiglia ci offriamo volontari a fare questo sacrificio.

Onorato:      E tante grazie p’’o penziero! 

Aniello:        Sì, ma in cambio vi chiedo solo un lavoro in più pure per mia figlia!

Onorato:      Ma questo si chiama voto di scambio. Vuje me vulite mannà ‘ngalera?

Aniello:        No, ma io non dico niente a nessuno. V’’o giuro! Parola di stagnaro!

Onorato:      Ma cosa volete? Io non vi conosco.

Aniello:        (Amaro) Aggio capito: site tutte quante eguale, vuje d’’a politica: quanno ata

                      avé ‘e vote, jate cercanno ‘e ggente, ce facite ‘e pprumesse, site tutte quante

                      brave. Po’, però, quanno fernescene ll’elezione, nun esiste cchiù nisciuno!

Onorato:      Come vi permettete? Io vi caccio a calci.

Aniello:        E io ve sbatto ‘a borza ‘nfaccia!

                      Dalla comune entra Tranquillo con una busta di taralli. Ne mangia uno

                     (mastica rumorosamente). Nota i due, va tra di loro, che continuano a litigare.

Onorato:      E io piglio ‘na seggia e t’’a scasso ‘ncapa!

Aniello:        E io piglio ‘a machina mia, metto in moto e traso ‘int’’a casa toja!

                     Poi i due litiganti notano il rumoroso masticare di Tranquillo. Lo osservano.    

Tranquillo: Vulite ‘nu tarallo?

Onorato:     Tranquillo, ma te pare ‘o mumento ‘e penzà a magnà ‘o trarallo?

Tranquillo: E certamente.

Aniello:       E pecché?

Tranquillo: E pecché accussì ve state zitte tutt’e dduje! Ma pecché ve state appiccecanno?

Onorato:     No, niente. Tu lo vedi a questo signore? E’ un idraulico.

Tranquillo: Aggio capito, ha scassato coccosa.

Aniello:       No, io aggio dato ‘n’occhiata ‘e ffuntane ‘e ‘sta casa. E si ‘o vvulite sapé, aggio

                     faticato pure gratis. 

Onorato:     Ma chi v’ha chiammato?

Tranquillo: Ah, nun l’he’ chiammato tu?

Aniello:       Nossignore. Io mi sono presentato per conto mio.

Tranquillo: He’ capito, Onorà? E’ ‘nu stagnaro spontaneo! Ve’ ‘e ccase d’’e ggente pe’

                     domandà: “Scusate, ma funziona ‘o gabinetto? E ‘o bidet comme sta?”…

Aniello:       (Ironico) E sì, me metto a ffa’ ‘o censimento d’’e ccannole scassate! Sentite, è

                     meglio che me ne vaco. Aggio perzo sulo tiempo a venì ccà. Ma badate bene,

                     signor onorevole, la nostra faccenda non finisce qui. Chesta è ‘na minaccia!

                     Arrivederci. (Poi a Tranquillo) Dateme ‘nu tarallo.

Tranquillo: (Indispettito) E mò nun v’’o voglio da’ cchiù!

Aniello:       E pecché?

Tranquillo: E vuje primma minacciate a frateme, e ppo’ me cercate ‘nu tarallo! Ma jataville

                      a accattà!

                     Aniello, senza aggiungere altro, esce via di casa. Tranquillo polemizza.      

                     Che gentaglia! Meno male che tra non molto entrerò io in politica!

Onorato:     Ancora cu’ ‘sta storia?

Tranquillo: E sì. L’aggia fa’ ‘a faccia ‘e mia moglie, ‘e mia suocera… e pure ‘a faccia toja!

Onorato:     E grazie tante! (Si sposta verso sinistra)

Tranquillo: (Lo raggiunge) Ma te si’ offeso?

Onorato:     (Acido) No, e pecché m’avessa offennere?

Tranquillo: E vabbuò, allora faccio ‘a politica sulo ‘a faccia ‘e mia suocera!

                     Da destra tornano Valeria e Fosca.

Valeria:       Allora, sei pronta per stanotte?

Fosca:         (Nota i due) Ssst, stai zitta, non parlare più.

Onorato:    (Nota le due e zittisce Tranquillo) Ssst, non parlare più.

Valeria:      Uh, ma qua ci sta pure Tranquillo! (Gli si avvicina)

Tranquillo: (Seccato) Uh, mamma mia!

Valeria:       E tu che ce faje ccà?

Tranquillo: Niente, m’aggio venuto a accattà ‘e taralle!

Valeria:       Ccà ddinto?

Onorato:     Ma no, quello si è imbrogliato. Adesso però se ne torna a casa. Non è vero?

Tranquillo: No!

Valeria:      (Dubbiosa) Tengo ‘o sospetto che tu e Addolorata ve site appiccecate!

Onorato:     Ma no, suocera…!

Valeria:       Tu stattu zitto! Chi t’ha interrogato, a te? E allora, Tranquillo, famme sentì ‘nu

                     poco. Fatte ascì tutta ‘a verità, primma che m’’a dice mia figlia Addolorata!

Tranquillo: Ce simme appiccecate. E con ciò?

Valeria:       E io ‘o ssapevo. ‘O ssapevo!

Tranquillo: Onorato, me vaco a piglià ‘nu poco ‘e Martini ‘int’’a cucina!

                     Esce via a destra sgranocchiando un tarallo, rabbiosamente.  

Valeria:       Addò vaje? Chi t’ha ditto che te ne puo’ gghì mentre sto’ parlanno?

Fosca:          Mammà, e basta!

Valeria:       Ma che basta? Io aggia parlà. He’ capito? Aggia parlà e basta!

                     Va a destra, in cucina.

Fosca:          Onorato, e tu che ffaje? Staje a guardà?

Onorato:     E che vvuo’ ‘a me? Ma mò avessa cumbattere cu’ mammeta? E pure cu’ mio

                     fratello Tranquillo? E pure cu’ Gaspare che sta llà ddinto? (Indica a sinistra)

Fosca:          Comme? Ce sta pure Gaspare? Disgraziato, tu e ‘e frate tuoje!

                     Esce a destra pure lei. Onorato impreca.   

Onorato:     Mannaggia ‘a miseria! Vedimme si ‘a quagliamme, oggie!

                     Esce via a destra. Entra il commissario Walter Pilato dalla comune.

Walter:       (Parla al cellulare) Sono giunto sul posto. Sì, in casa dell’onorevole Onore. Ci

                     sono ben due denunce di abbandono di tetto coniugale. (Prende un foglio dalla

                     tasca) Sono a carico di un certo Tranquillo Onore e Gaspare Onore. Secondo la

                     denuncia, si nascondono in questa casa!

                     Da destra (in cucina) si sentono Tranquillo e Valeria, litigare.

Tranquillo: Uhé, tu si’ ‘na zengara!

Valeria:       E tu si’ ‘nu ribusciato!

Walter:        Ah, bene, bene! Ora vediamo di parlare con qualcuno.

                     Esce a destra. Da sinistra entra Gaspare.

Gaspare:     Néh, ma che sta succedenno ‘int’a chella cucina? (Si avvicina alla porta di  

                     destra) Nun se po’ durmì ‘nu poco ‘nsanta pace, ‘int’a ‘sta casa!

                     Da destra torna Onorato che porta Tranquillo (che fa il tic) per un braccio.

Onorato:     Néh, te vuo’ calmà ‘nu poco?

Tranquillo: Ma chella è scema? ‘O ssaje che ha fatto? M’ha pigliato ‘a busta cu’ ‘e taralle e

                     me l’ha menata ‘nterra! E non contenta, me l’ha pure scamazzata!

Onorato:     E tu però l’he’ data chella capata ‘nfaccia!

Tranquillo: E ch’è colpa mia? Chillo è ‘o tic nervuso mio!

Gaspare:     Scusate, ma ch’è stato? Ma chi ce sta ‘int’’a cucina? Se sente ‘na mmuina…!

                     Da destra esce Fosca che tira via per un braccio Valeria. 

Fosca:          Mammà, e te vuo’ calmà ‘nu poco, sì o no?

Valeria:       (Nota Gaspare) Ah, ma ce sta pure chist’ato? ‘E vvi’ ccanno, ‘e re Magi:

                     Gaspare, Melchiorre e Baldassarre!

Gaspare:     E vuje site ‘a sora ‘e Giuda!

Onorato:     A proposito, ma chi è chillu tizio ch’è trasuto ‘int’’a cucina?

Tranquillo: Boh! Io pe’ sbaglio ce aggio tirato ‘na zuppiera ‘e spinaci appriesso!

                     Da destra tornano Walter e Sabato, pieni di ortaggi addosso.

Walter:       Ah, voi state qua? Chi mi ha tirato la zuppiera di ortaggi addosso?

Tranquillo: Io.

Walter:       Ma lo sai che questo è oltraggio a pubblico ufficiale?

Tranquillo: No, caso mai, chisto è “ortaggio” a pubblico ufficiale!

Walter:       Tu faje ‘o spiritoso? Io t’arresto!

Onorato:     Scusate, ma voi chi siete?

Walter:       Commissario Walter Pilato. Cerco i signori Tranquillo Onore e Gaspare Onore.

Valeria:      ‘E vvi’ lloco, so’ lloro!

Tra&Gasp: Spiona!

Fosca:         Scusate, ma pecché ‘e state cercanno?

Walter:       Sono stati denunciati dalle loro mogli per abbandono di tetto coniugale. 

Valeria:      (Felice) Bene! Brave a chelli ffiglie mie! Arrestate questi due, commissà!

Walter:       Ora lo faccio.

Valeria:      Bravo! (Se lo abbraccia e lo bacia)

Walter:       Ma… ma che fate? Restate al vostro posto.

Valeria:      So’ troppo felice!

Tranquillo: Commissà, ma vuje nun ce putite arrestà.

Walter:       E perché?

Gaspare:     Perché noi siamo i fratelli del qui presente Onorevole Onorato Onore.

Walter:       Veramente?

I due:          Sì!

Walter:       Ed è stato lui a nascondervi in casa vostra?

I due:          Sì!

Walter:       Onorevole, questo è grave.

Onorato:    Ma commissà, sono venuti loro. Si sono portati pure i cuscini.

                    Dalla comune entra Aniello che va accanto a Walter.  

Aniello:      Commissario, questo onorevole è un disonorato. Cinque anni fa ha promesso un

                    lavoro per mio figlio in cambio di voti. Però non mi ha dato niente.  E pensare

                    che nell’urna, quando ho votato, sulla scheda ci ho messo pure la mia firma.

Tranquillo: Bravo ‘o fesso, accussì he’ fatto scheda nulla!

Aniello:       Scheda nulla? Ma allora overamente m’ha ‘mbrugliato? Commissà, arrestatelo!

Walter:       Un momento, adesso ce ne andiamo in commissariato.

Onorato:     Arrivederci.

Walter:       Ma che arrivederci? Dovete venire pure voi?

Onorato:     Ma… ma… ma io…

Walter:       Ho detto, andiamo!

Fosca:         (Spaventata) Mammà, no!

Valeria:      (Soddisfatta) E che vvuo’ ‘a me? Io che ppozzo fa’?

Onorato:    Ma io non voglio venire!

Walter:       Presto, andiamo!

                    Walter conduce via Onorato che protesta, seguito da Aniello.

FINE ATTO PRIMO

ATTO SECONDO

1. [Enrico ed Onorato. Poi Tranquillo e Gaspare]

                     Dalla comune entrano Enrico ed Onorato (emaciato e trasandato).

Enrico:        Appena al telefono mi hai detto che ti trovavi in questura… io me penzave che

                     tu me vulive sfottere!

Onorato:     Magari! Ma invece di prendersi i miei due fratelli, che sono stati denunciati

                     dalle rispettive mogli, m’hanne arrestato a me! Cose da pazzi!   

Enrico:        Mò però assiettete, t’aggia parlà. (Si siede al tavolo)

Onorato:     (Si siede pure lui) Vabbé, però tengo un sonno mai visto. (Socchiude gli occhi)

                     Vai, comincia a parlare…! (Comincia a russare)

Enrico:        (Lo sgrida) Onorato!

Onorato:     (Si sveglia subito) Italiani!

Enrico:        Onorato, mi devi ascoltare. Dormi dopo. (Fa il tic col braccio destro) Sapisse

                     comme sto’ nervuso. Tuo fratello Tranquillo sta cercando di entrare in politica.

Onorato:     E io già lo so, ma non te l’avevo detto ancora. Vuole entrare nel nostro partito.

Enrico:        Sì? E allora che ci faceva con la senatrice Gloria Alpadre?

Onorato:     Quella della sinistra? Quella che la sfottono tutti quanti?

Enrico:        Esatto. La chiamano “senatrice senza seno”, visto che tiene la prima taglia!

Onorato:     ‘Na vota! Chella s’è fatta l’operazione chirurgica. E mò tene ‘a sesta!

Enrico:        ‘A faccia d’’o baccalà! S’è aumentata ‘e cinche taglie?

Onorato:     (Sconvolto) Ma allora… mio fratello…ha deciso di candidarsi con la sinistra!

Enrico:        Già. Ma le notizie assurde non sono finite.

Onorato:     Ma pecché, ch’ato è succieso?  

Enrico:        L’altro tuo fratello, Gaspare. L’ho visto insieme al deputato Durante Ipasti.            

Onorato:     Quello dei partiti di centro.

Enrico:        Sì, quello che non sa ancora se schierarsi col centro-destra o col centro-sinistra.

Onorato:     Addirittura?E io dovrei concorrere alle prossime elezioni con i miei fratelli?  

Enrico:        Onorato, attento. Non vorrei che quei due ti mettessero i bastoni tra le ruote.  

Onorato:     Sono pur sempre i miei fratelli.  

Enrico:        Sì, ma in politica non esistono fratelli. Potrebbero usare contro di te il fatto che

                     tu hai una amante.

Onorato:     Zitto, nun alluccà. Se si trova a passare mia moglie e ti sente, povero me! (Si

                     alza in piedi) Voglio spiegarti bene questa storia, però andiamo nel mio studio.    

Enrico:        (Si alza in piedi) E va bene. Ci mancavano solo i tuoi fratelli in politica.

Onorato:     E già. Amme miso ‘a pazziella ‘nmana ‘e ccriature! Jammuncenne, Enrì!               

                     Vanno a destra. Dal centro ecco (in abito e cravatta) Tranquillo e Gaspare.

Gaspare:     Tranquillo, te piace ‘stu vestito nuovo? (Fa una piroetta per mostrarlo meglio)

Tranquillo: ‘O mio è cchiù bello! E tengo pure ‘a cravatta cchiù colorata d’’a toja!

Gaspare:     Finalmente faremo carriera in politica, anche se io e te saremo concorrenti.

Tranquillo: E che ce ne ‘mporta, a nuje? L’importante è che trasimme. Si po’ vincimmne

                     ll’elezione, facimme apposta che ce appiccecamme in parlamento!

Gaspare:     Dici bene. A proposito, più tardi devo ricevere la visita di un pezzo importante.

                     E’ uno del partito che mi porta alle elezioni. Verrà a trovarmi qui.

Tranquillo: E pecché proprio ccà?

Gaspare:     Pecché ccà ddinto è cchiù bello d’’a casa mia! Io po’ aggia fa’ ‘a bella figura!

Tranquillo: Gaspare, t’aggia cunfessà ‘na cosa: aggio fatto ‘a stessa penzata toja!

Gaspare:     Bravissimo! Senti, ora devo fare un minuto una telefonata. Mi apparto un poco.

Tranquillo: E pure io. A tra poco.

                     I due si appartano ai due lati della stanza, coi rispettivi cellulari alla mano.

Gaspare:     Mò chiammo ‘nu poco a Gioia. Voglio vedé comme sta! (E resta in attesa)

Tranquillo: Ma che d’è, ‘o cellulare ‘e Gioia è occupato?  

Gaspare:     Famme fa’ ‘n’ata vota ‘o nummero, va’!

Tranquillo: Niente, ‘o nummero è ancora occupato! Ma cu’ chi sta parlanno, chesta?

                     Non notato dai due, da destra torna entra Onorato che parla al cellulare.

Onorato:     Gioia, tesoro, posso chiamarti più tardi? In questo momento sono in riunione al

                     partito. Ma certo che ti porterò a vedere la mia splendida villa. No, non sono

                     sposato. Stai tranquilla. Allora, a più tardi. Bacio, bacio, bacio! Ciao, Gioia!

                     Spegne il cellulare e torna via a destra. Finalmente Gaspare prende la linea.

Gaspare:     Ah, eccola qua, si è liberata!... Pronto, Gioia! Come stai? Lo so che vuoi bene

                     solo a me! Prima o poi ti porterò a vedere la mia fantastica villa! E certamente,

                     non sono sposato. Ma scherzi? Senti, appena attacco, ti scrivo un SMS con una

                     bella poesia dedicata a te. Va bene? Un bacio. Smack! (Stacca la telefonata)

                     Adesso le scrivo l’SMS: “Gioia, domani è un altro giorno”! (Così fa)

Tranquillo: Eccola, sta chiamando!... Pronto, Gioia! Come stai? Lo so che vuoi bene solo a

                     me! Prima o poi ti porterò a vedere la mia fantastica villa! E certamente, non

                     sono sposato. Ma scherzi?... Non ho capito. Vuoi che ti scrivo un SMS? Non lo

                     so scrivere, allora ti dedico una bellissima frase per telefono: “Gioia, domani è

                     un altro giorno”! Non ti piace? Ma comme, chillo è “Via col vento”! Un bacio.

                     Smack! (Stacca la telefonata) Ecco, ho finito. (Torna a centro stanza)

Gaspare:     (Va da lui) Pure io ho finito. Ma hai telefonato a qualcuno di importante?

Tranquillo: No, si trattava di una telefonata politica! E a te?

Gaspare:     Pure a me. Senti un poco, ma tu hai fatto pace con tua moglie?

Tranquillo: Ancora no. Tu?

Gaspare:     No. Ma ce ne ‘mporta? Godiamoci la vita.

Gaspare:     Ma sì, andiamo a compraci un sigaro a testa, poi torniamo qui e ce lo fumiamo.

Gaspare:     E già. Il sigaro rende importante. Lo sai che hai ragione?

Tranquillo: ‘O ssaccio, ‘o ssaccio!

                     I due escono fuori casa.

2. [Onorato, Enrico e Fosca. Poi Valeria, Mestizia e Addolorata]

                     Da destra tornano Enrico ed Onorato (che osserva una foto).

Onorato:     Allora hai capito tutto, Enrico?

Enrico:        Sì, però non ho capito una cosa: ma questa qui, è o non è la tua amante?

Onorato:     (Guarda intorno, preoccupato) Enrì, e t’aggio pregato ‘e te sta’ zitto, ccà ffora!

                     Da destra entra Fosca e come nota i due, subito torna indietro ad ascoltare.   

Enrico:        Ah, già, hai ragione. (Nasconde la foto) Tua moglie non deve sapere niente.

Onorato:     Ma non sia mai. E con lei, non deve sapere niente nessun altro. Nemmeno mia

                     suocera. Soprattutto lei. Io aggia sta’ qujeto!

Enrico:        Va bene. Allora ti lascio. E ti raccomando, stasera hai il comizio a Scampia.

Onorato:     Ah, già. M’ero proprio scurdato. Il fatto è che io devo incontrarmi con Gioia!

Enrico:    Onorà, nun te distrarre. Pensa alla carriera politica. Che è meglio!

Onorato: Ti accompagno alla porta.

                 Così fanno: Enrico esce ed Onorato resta lì. Intanto dietro di lui vi si porta

                 Fosca, senza farsi sentire. Onorato parla da solo.     

                 Menu male, finalmente m’aggio sbarazzato ‘e chisto! E quanta cose vo’ sapé. E’

                 peggio ‘e muglierema! (Si volta e se la trova di faccia, spaventandosi) Gesù mio,

                 aiutami tu! (Si sposta un po’ più al centro)

Fosca:     (Gli si avvicina, sospettosa) Onorà, che stive facenno poco fa cu’ Enrico?

Onorato: (Preoccupato) Ma pecché, m’he’ visto?

Fosca:      E t’aggio pure ‘ntiso!

Onorato: Ehm… ma come, non festeggi tuo marito che torna dalla questura?

Fosca:      ‘A questura? Disgraziato, io te ce manno ‘n’ata vota! Che stavi dicendo a Enrico?

Onorato: Ma noi stavamo parlando solo di politica.

Fosca:      Ma io ti ho sentito che dicevi: “Uffa, io tengo da fare con Gioia!”. E chi è Gioia?

Onorato: Ma no, hai capito male. Io dicevo che devo fare la politica con gioia, cioè con

                 felicità! He’ capito, ammore mio? E ora mi è venuta voglia di restare solo con te.

Fosca:      Per carità! In cucina ci sta mia mamma.

Onorato: Oh, no. Sta ancora ccà?  

                 Da destra entra Valeria.

Valeria:   Scassambrella a me? Ma mò te sputo in occhio!

Fosca:      Mammà, lascialo stare, ad Onorato. Quello viene da una nottata in questura!  

Onorato: Appunto! Suocera, voi dovreste mettere pace. E invece mettite sulo mmuina.

Valeria:   Io? Nun è arta mia! Chiuttosto, tu ‘issa fa’ coccosa pe’ Mestizia e Addolorata.

Onorato: E cioè?

Valeria:   Fai entrare in politica i tuoi fratelli.

Onorato: E che ce azzécchene ‘e ffiglie voste?

Valeria:   Nun è giusto che sulo Fosca ha da tené ‘o marito onorevole!

Fosca:      ‘Nu mumento, ma chelli ddoje nun erano contrarie che Tranquillo e Gaspare

                 facevene ‘a politica?

Valeria:   E mò hanne cagnato idea! Del resto, a loro gli piacesse di essere chiamate

                 “onorevolessa”! E poi sai quante strade economiche e sociali si aprono per loro!             

                 Accussì ‘e ffiglie mie ponno girà annanzo e areto ‘int’a ‘na machina blu enorme.

Onorato: E sì, già s’hanne fatto ‘o programma senza ancora vencere ll’elezione!

Valeria:   Ma fai silenzio, tu! Brave, figlie mie! Pretendete, pretendete! E a te, Onorato,

                 raccomanda, raccomanda!

Onorato: Io nun raccomando a nisciuno! Le elezioni non si vincono per raccomandazione.

Valeria:   Invidioso! Questo sei.

Onorato: E a chi devo invidiare? L’onorevole Onorato Onore non invidia nessuno!

Valeria:   Si’ proprio ‘nzipito! Ma ‘a che dipende ‘stu fatto?

Onorato: Dipende ‘a vuje!

Valeria:   Tu sei solo geloso, perché le figlie mie tifano per i loro mariti e tua moglie no!

Fosca:      Ma anch’io tifo per mio marito.

Onorato: (Infido) Suocera, allora mò voglio sapé ‘na cosa: a chi vutate ‘e tutt’e tre? A me,

                 a Tranquillo o a Gaspare?

Valeria:   (Imbarazzata) Ehm… beh… ‘o voto è segreto! Nun se po’ ddicere.

Onorato: No, no, no, invece in famiglia se po’ ddicere e comme!

Valeria:   Mah, io dicesse: pe’ nun fa’ piglià collera a nisciuno, io voto a tutt’e tre!

Fosca:           Ma sei pazza? Rischi di far annullare la scheda!

Valeria:        E allora vi faccio un’ultima offerta.

Onorato:      Ma che stamme facenno, ll’asta?!

Valeria:        Facciamo così: pe’ nun fa’ piglià collera a tutt’e tre, io nun voto proprio pe’

                      nisciuno, accussì levamme ‘o fraceco ‘a miezo!

Fosca:           E no, e mò staje sbaglianno! Tu he’ piglià ‘na decisione. Tieni ancora tempo.

Valeria:        Va bene. Voglio sentire prima il loro programma politico. Tu, per esempio,

                      Onorato, che cosa proponi come programma?

Onorato:      Una “legge contro le suocere invadenti”!

Valeria:        E allora, a te, già t’aggio scartato! Me sa che nun te voto proprio! (Gli volta la

                      faccia) Ce vedimme cchiù tarde, Fosca!

                      Ed esce via di casa, imbronciata. Fosca guarda male Onorato.    

Fosca:           Si’ cuntento? Ancora he’ accummincià ll’elezione e già he’ perzo ‘nu voto.

                      Fosca esce via a sinistra, tutta contrariata. Onorato la osserva perplessa.

Onorato:      Mah! Eppure a me ‘a “legge contro le suocere invadenti” me piace assaje!  

                      Onorato esce a destra, dubbioso.

3. [Tranquillo e Gloria Alpadre. Poi Gaspare e Durante Ipasti]

                     Dalla comune (al centro) entrano Tranquillo e la  senatrice Gloria Alpadre, in

                     abito grigio e camicetta bianca. Lui si guarda intorno, circospetto.

Tranquillo: Onorevole, possiamo entrare. Non ci sta nessuno. E allora, che ne dite?

Gloria:         Tranquillo, basta con questo voi. Ti ho detto che devi darmi del tu. Hai capito?

Tranquillo: Hai ragione. (E le guarda il seno prosperoso)

Gloria:         E ti ricordi il mio nome?

Tranquillo: (Distratto dal seno di lei) Come? Non ho capito la domanda!

Gloria:         Ti ho chiesto se ricordi come mi chiamo.

Tranquillo: (Distratto dal seno di lei) No.

Gloria:         Gloria Alpadre.

Tranquillo: (Guardando il seno) …Al figlio e allo Spirito Santo, com’era nel principio…!

Gloria:        Ma che dici? Insomma, la vuoi smettere di guardare il mio seno?

Tranquillo: (Imbarazzato) No, stavo guardando la tua giacca!

Gloria:        (Poco convinta) Sì, va bene. E allora, questa è la tua fantastica villa?

Tranquillo: (Vantandosi) Sì!

Gloria:        Strano, fuori c’è scritto il nome dell’Onorevole Onorato Onore.

Tranquillo: Ehm… sì, infatti me la sono comprata da lui, perché non la poteva pagare più!

Gloria:        Bravo, questo è un segno di umiltà. Tu sarai l’elemento di punta della sinistra.

                     Alle elezioni, sarai candidato alla Camera. Io invece sono impegnata al Senato.

Tranquillo: (Guardandole il seno) Ho notato, notato!

Gloria:        Un giorno anche tu potrai aspirare al Senato.

Tranquillo: (Guardandole il seno) Eh, il Senato mi piace assai!

Gloria:        Ma vuoi smetterla di guardarmi il seno?

Tranquillo: Sto guardando sempre la tua giacca!

Gloria:        (Non convinta) Va bene, ora dimmi qual è il discorso che leggerai al comizio.

Tranquillo: Subito, subito. (Dalla tasca dei pantaloni estrae un foglio tutto maltrattato)

                     Ecco il mio discorso. Senti quanto è profondo. (Legge) “Caro Babbo Natale…”

                     (Getta via il foglio) Aggio sbagliato foglio! (Si fruga nelle tasche) Abbi

                     pazienza, Gloria. (Estrae un altro foglio) Ecco qua, stavolta è lui, me lo sento.                   

Gloria:        Oh, non vedo l’ora di ascoltare ciò che hai scritto.

Tranquillo: (Apre il foglio e legge) “Sei un grande cornuto!”… Ah, no, questa è una lettera

                     anonima. Non farci caso. (Getta il foglio e si fruga nelle tasche) Mannaggia,   

                     ma dove sta? (Estrae un altro foglio) Uh, ecco qua un altro foglio. Però, prima

                     di leggertelo, voglio controllare un momento. (Così fa) Sì, ‘sta vota è isso!

Gloria:         Oh, meno male.

Tranquillo: (Apre il foglio, si schiarisce la voce e legge) “Fratelli d’Italia, l’Italia s’è desta.

                     Dell’elmo di Scipio s’è cinta la testa. Dov’è la vittoria? Le porga la chioma”…

Gloria:        Aspiette ‘nu sicondo, ma chisto è l’Inno ‘e Mameli!

Tranquillo: E che ti aspettavi, la Divina Commedia di Giuseppe Verdi?!

Gloria:        Giuseppe Verdi?

Tranquillo: E certamente. Chillo era ‘nu grandu cantante! Però è meglio l’Inno di Papele!

Gloria:        Ma qualu Papele? Ho detto Mameli! Insomma, ce l’hai un programma, o no?

                     Se non ce l’hai, ti aiuto io a scrivere qualcosa che colpisca la gente.

Tranquillo: Qualcosa che colpisca la gente? Cioè, aggia parlà o aggia struppià ‘e ggente?!

Gloria:        No, nel senso che devi far sapere a tutti cosa farai per loro se vinci le elezioni.

                     Senti, offrimi qualcosa da bere, così mettiamo su un programmino interessante.

Tranquillo: Siediti, io vado in cucina a… (Ci ripensa) E si po’ coccheduno passa ‘a ccà e te

                     vede? No, facciamo così: mi siedo io qua e tu vai in cucina a… (Ci ripensa)

                     Ma che sto’ ddicenno? Tu nun puo’ sta’ sola. He’ sta’ pe’ forza cu’ me!

                     Facciamo così: andiamo tutti e due in cucina.

Gloria:        Va benissimo.

Tranquillo: E ti raccomando: se incontriamo mio fratello o sua moglie, può darsi che ti

                     dicono che questa è casa loro. Ma tu non li stare a sentire.

Gloria:        Ma a me che me ne ‘mporta?

Tranquillo: Ecco, brava. Seguimi di qua.

                     Escono a destra. Dalla comune entrano Gaspare e il deputato Durante Ipasti.

Gaspare:     Caro onorevole, eccoci arrivati in casa mia.

Durante:     (Si guarda intorno) Questo mi piace, mi piace! Siamo nella tua villa?

Gaspare:     Sì, l’ho comprata da mio fratello, l’onorevole Onorato Onore.

Durante:     Bene, caro Gaspare Onore. Hai visto? Ricordo il tuo nome. E tu ricordi il mio?

Gaspare:     E certo, tu sei famoso in tutta Italia. (In difficoltà) Eh… beh… tu sei quello là!

Durante:     Io sono il deputato che rappresenta i partiti di centro, Durante Ipasti.

Gaspare:     Uh, lo tenevo sulla punta della lingua!

Durante:     E ora dimmi: hai scritto il discorso che dovrai leggere al comizio? 

Gaspare:     Ma certo, Durante! Tu scherzi, Durante? (Si fruga nelle tasche) L’ho scritto io,   

                     Durante. (Estrae un foglio dalla tasca della giacca) Adesso lo leggo, Durante.

Durante:     Scusami, Gaspare, posso capire perché continui a ripetere il mio nome?

Gaspare:     Pe’ nun m’’o scurdà cchiù!

Durante:     Questo mi piace, mi piace! E allora, leggimi questo discorso.

Gaspare:     Dunque… (Legge) “Gente d’Italia: italiani; gente d’Europa: europei; gente del

                     mondo: mondani; gente dell’universo: universitari: votatemi!”… E’ finito.

Durante:     E che hai scritto? Questo è un discorso da fare a un comizio?

Gaspare:     Ma perché, ci manca qualcosa?

Durante:     E certo. Non c’è patos.  

Gaspare:     Non c’è patos? E nun te prioccupà, ‘o vaco a chiammà io!

Durante: A chi vaje a chiammà?

Gaspare: A patos! ‘O vaco a piglià cu’ ‘a machina. Dimme sulo addò sta ‘e casa!

Durante: Ma no, io voglio dire che non c’è adrenalina!

Gaspare: E m’’o vveco io. Vaco a piglià cu’ ‘a machina sia a patos ch’a adrenalina!

Durante: No, no e no. Io sto dicendo che non c’è messaggio.

Gaspare: Pure messaggio? Basta, so’ fernute ‘e poste ‘int’’a machina mia! 

Durante: Ma no, Gaspare. Io sto parlando del tuo discorso, Gaspare. E’ troppo vuoto. Ma 

                 stai tranquillo, Gaspare. Son cose che capitano, Gaspare. Senza fretta, Gaspare!

Gaspare: Ma mò pecché staje dicenno una continuazione ‘o nomme mio?

Durante: Non ho capito: tu te scuorde ‘o nomme mio e io nun me pozzo scurdà ‘o tuojo?

Gaspare: Giusto! Senti, ma non è che mi potresti scrivere quattro righe? Aumm, aumm!

Durante: Aumm, aumm? Questo mi piace, mi piace!

Gaspare: E ora facciamoci un caffè. Però non ti lascio da solo, ho paura che ti rapiscono!

Durante: Addirittura? E chi mi dovrebbe rapire?

Gaspare: Mia suocera. Fai una cosa, vieni con me. Andiamo in cucina.

                 Escono a destra.    

4. [Gioia e Valeria. Poi Onorato. Infine Fosca]

                 Dalla comune (al centro) entra Gioia.    

Gioia:      Questa è la villa di Onorato. Ancora non l’ho vista tutta, ma già mi piace! Nessun

                 matrimonio sarebbe migliore per me! Non vedo l’ora di sposarmelo. (Si siede al

                 divanetto e si accende una sigaretta) Chissà che faccia farà, appena mi vedrà!

                 Gioia fuma la sigaretta, seduta al divanetto, mentre dalla comune entra Valeria.

Valeria:  ‘E che capa che tengo: m’aggio scurdata ‘a borza! (Nota Gioia) E chesta chi è?  

                 Forse cocche personaggio politico importante. E jammele a cunoscere, po’ sempe

                 servì! (Le si avvicina) Molto piacere!

Gioia:      (Si volta e la osserva) Prego?

Valeria:  Sono Valeria Bruttadonna. E voi?

Gioia:     (Si alza in piedi e le stringe la mano) Gioia Soddisfatta.

Valeria:  Brava! E voi appartenete a Onorato?

Gioia:     Beh, in un certo senso, sì. Ma voi come fate a saperlo?

Valeria:  Forse qualche volta vi ho vista in televisione a Montecitorio!

Gioia:     Non nego di avere delle aderenze a Montecitorio, ma in TV non ci sono mai stata.

Valeria:  Overamente? Aggio capito, forse site troppo timida!

Gioia:     No, non è questo. Però non è facile avere un fidanzato politico!

Valeria:  (La osserva, sorpresa) Scusate, non ho capito la penultima parola!

Gioia:     Ho detto “fidanzato”. Voi conoscete la parola “fidanzato”?

Valeria:  Cioè, vuje site ‘a fidanzata ‘e… ‘e… Ma che d’è, songo addiventata cacaglia?

Gioia:     Sono la fidanzata della persona che avete citato prima. E voi chi siete? Sua madre?

Valeria:  Ehm… sì, songo ‘a mamma.

Gioia:     Oh, che bello! Ora conosco anche la mamma dell’uomo che sposerò presto!

Valeria: (Sconvolta) Oddio! Ve vulite spusà a Onorato?

Gioia:       E certo, io sono single e lui è single.

Valeria:   Single? Accussì v’ha ditto?

Gioia:      Sì. E allora, due single non si possono sposare?

Valeria:   Ma si vuje ve spusate a Onorato, Fosca che fine fa?

Gioia:      Fosca? E chi è Fosca? Una donna?

Valeria:   Ehm… no, niente, niente. Scusate, me pozzo appartà ‘nu mumento?

Gioia:      Ma certo. (Si siede e si rilassa) Fate pure, “mamma”! Vi posso chiamare così?

Valeria:   (Allontanandosi da lei) Dalle, me vo’ chiammà pure “mamma”! (Poi sconvolta)

                 Mò aggio capito pecché chillu scellerato, a Fosca, nun ‘a tocca manco cu’ ‘nu

                 dito! Io ero arrivata peffìno a penzà che chillo nun era ommo! E invece tene

                 ll’amante! A questo punto, come madre di Fosca, io dovrei farli divorziare. Ma si

                 chillo vence ll’elezione? Si po’ invece ‘e pperde, allora ‘e ffaccio divorzià! E sì,

                 ho deciso: fino a dopo le elezioni, non dirò niente, resterà un segreto. E mò

                 famme turnà addù chesta! (Così fa) Signorina, scusate la domanda: ma mica voi  

                 vi volete sposare a Onorato prima delle elezioni? Guardate, che porta sfortuna!     

Gioia:      Ma no. Che dite? Tutto sarà rinviato a dopo le elezioni.

Valeria:   Brava! Dice un proverbio: “Dopo le elezioni, ci si sposa meglio”! A proposito: se

                 incontrate una donna che dice di essere la moglie di Onorato, non la calcolate. E’

                 una pazza! Avete capito? Una pazza! Con permesso, con permesso!

                 Valeria esce a destra. Gioia la osserva interdetta.

Gioia:      Una pazza dice di essere la moglie di Onorato? E chi se ne frega?

                 Si siede di nuovo al divanetto. Da destra torna e si ferma Onorato.

Onorato: Meno male, oggi c’è un po’ di pace e tranquillità! (Per andare a sinistra, passa

                 dietro Gioia e la saluta inconsapevolmente) Ciao Gioia!

Gioia:      Ciao, caro!

Onorato: (Fa una curva stretta, quasi una piroetta e torna da lei, sconvolto) Che? Tu?

Gioia:      (Si alza in piedi) Hai visto che sorpresa che ti ho fatto? (Gironzolando per la

                 stanza) Pensavo che ti avrebbe fatto piacere rivedermi.

Onorato: Ma tu non dovevi venire oggi, perché io dovevo portarti qui quando ero solo…

                 cioè, sono solo! Che casino!

Gioia:      (Gli si avvicina) Ma sai che ho conosciuto pure tua madre?

Onorato: (Sorpreso) Mia madre? Si’ stata a San Giuanne a Teduccio?

Gioia:      No, l’ho incontrata qui. Mi ha detto pure il suo nome: Valeria Bruttadonna!

Onorato: Cosa? Ma allora lei lo sa tu chi sei?

Gioia:      (Gli poggia una mano sul viso) Sì. E sa pure che ci vogliamo sposare!

Onorato: E… che ha detto?

Gioia:      Dopo le elezioni. E noi faremo come dice lei. Del resto, la mamma è la mamma!

Onorato: Gioia, non possiamo stare qua. Se si trova a passare Fosc… Dai, vieni a vedere la

                 mia villa. Specialmente il piano di sopra. Meglio stare lontani da questa stanza!

Gioia:      Va bene. Portami a vedere il nostro nido d’amore.

Onorato: Ma quale nido d’amore? Vieni, presto, muoviamoci! 

                 La prende sottobraccio, se la tira verso sinistra, vi guarda dentro e si spaventa.

                 Oddio, Fosca! No, cioè… (Recita una poesia) “Fosca è la notte che si stende

                 dietro il vetro…”! Dopo ti faccio ascoltare una poesia. Ma ora andiamo di qua.

                 La prende sottobraccio e la porta verso destra: guarda dentro e si rasserena.

                 Menu male, ccà ddinto putimme trasì! Vieni, vieni!

                 Entrano. Da sinistra entra Fosca.

Fosca:         Eppure Onorato mi ha messo la pulce nell’orecchio. Questo nome, Gioia, mi

                    rimbomba nella mente con insistenza. Devo indagare un po’, giocando

                    d’astuzia. Adesso chiamo Enrico e cerco di appurare una cosa. 

                    Esce a sinistra.

4. [Tutti, compreso Walter, tranne Aniello, Enrico e Gioia]

                     Da destra ecco Tranquillo e Gaspare, e Durante e Gloria che si accusano.   

Durante:     E questo sarebbe il candidato alle elezioni che tu hai proposto alla sinistra?

Gloria:        Sì. Perché, che tieni da dire?

Durante:     Mah, preferisco glissare.

Gloria:        E lui invece sarebbe il candidato che tu proporrai per i partiti di centro?

Durante:     Pecché, che tiene ‘a dicere?

Gloria:        Mah, preferisco astenermi dal dare giudizi.

Gaspare:     Tranquillo, “glissare”, “astenermi”… ma che vonno dicere, ‘sti duje?

Tranquillo: Che ffacimme schifo tutt’e dduje, comme stamme!

Durante:     Bene, Gloria, non mi presenti il tuo candidato? 

Gloria:        Ma certo. Si chiama Tranquillo Onore.

Durante:     Tranquillo Onore? Sei mica il fratello di Onorato Onore, quello della destra?

Tranquillo: Accussì è capitato!

Durante:     Io invece sono il deputato che rappresenta i partiti di centro, Durante Ipasti.

Tranquillo: Cioè, famme capì: tu faje ‘a politica mentre staje magnanno?

Durante:     Mentre sto’ magnanno?

Tranquillo: Durante i pasti!

Durante:     Ma no, Durante Ipasti sono io. Non è che faccio politica mentre mangio.

Tranquillo: Ma comme, tu he’ faticà cu’ chisto e nun t’arricuorde manco ‘o nomme suojo?

Gaspare:     Aggia faticà cu’ chisto? Ma chi è? ‘O masto mio?

Durante:     Va bene, Gloria, ora ti presento il mio candidato: Gaspare Onore.

Gloria:        Piacere. (Lui non risponde perché le guarda il seno) Ho detto piacere! (Lui non

                     risponde ancora perché le guarda il seno) Ho detto piacere!

Tranquillo: (Richiama Gaspare) Oh, e te vuo’ arrepiglià?!

Gaspare:     (Si riprende) Ch’è succieso? Ch’aggia fa’?

Tranquillo: Gloria te sta dicenno “piacere” ‘a mez’ora!

Gaspare:     Ah, piacere, piacere! Ma lei è senatrice?

Tranquillo: (Le indica il seno) E nun se vede? Lei è la senatrice Gloria Alpadre.  

Gaspare:     Molto piacere, senatrice.

Gloria:        Oh, meno male. E allora, non ci fate vedere le vostre belle famigliole?

Gaspare:     Come no? Sicuramente saranno felicissime di conoscervi.

Tranquillo: E specialmente le nostre mogli! E tutto sommato, pure nostro fratello Onorato.

                     Da sinistra torna Onorato.

Onorato:     (Preoccupato ed affannato) Mamma mia, finalmente aggio sperzo a Gioia!

                     M’aggia movere. Aggia fa’ coccosa, primma che Fosca scopre tutto cose!

                     (Corre a destra e nota gli altri) Oh, no! (Fa finta di niente) Ah, ehm…

                     buongiorno a tutti. Scusatemi se vado di corsa, ma tengo da fare.

Durante:     E tu che ci fai in questa casa? Qui ci abita Gaspare.

Gloria:        Ma cosa dici? Qua ci abita Tranquillo.

Durante:     Ma non farmi ridere. Qua ci abita Gaspare.

Gloria:         No, no e no. Questa è la casa di Tranquillo.

Onorato:      Scusate, ma che cos’è questa storia?

Tranquillo: (Imbarazzato) Ehm… uh, ho dimenticato una cosa in macchina. Torno subito!

Gaspare:      E pure io.E’ meglio che la vado a prendere.

                      I due escono celermente di casa.

Gloria:         Un momento, ma perché Tranquillo va via?

Durante:      E perché Gaspare va via? Ehi, Gaspare!

                      I due seguono Gaspare e Tranquillo. Onorato li osserva sospettoso.

Onorato:      Qua sta succedendo qualcosa di strano. Aroppo vedimme ch’amma fa’!

                      Si avvia a destra, ma quasi si scontra con Valeria che esce proprio da lì.

Valeria:        Eh, ma che ffaje? Tu me stive pe’ gghittà sotto!

Onorato:      Che peccato che stongo a pede e nun tengo ‘a machina!

Valeria:        Ma pecché staje currenno?

Onorato:      No, niente, stavo cercando un momento a Fosca. Non è che l’avete vista?

Valeria:        Sì, sta a telefono cu’ Mestizia e Addolorata. Stanno parlando di una certa

                      Gioia. Ma ‘a che dipende, ‘stu fatto?

Onorato:      E io che ne saccio? Chi la conosce?

Valeria:        (Ironica) E tu si’ casto e puro. Ma ‘a che dipende, ‘stu fatto?

Onorato:      E vuje invece site ‘na scassambrella. Ma ‘a che dipende ‘stu fatto?

                     Esce via a destra. Valeria rimane interdetta dal suo comportamento. 

Valeria:       Scassamebrella? A me? Néh, scustumato, tuorne ccà!

                     Lo insegue a destra. Da sinistra torna Gioia, interdetta.

Gioia:          Néh, ma pecché Onorato m’ha lassato e se n’è gghiuto? Non è il suo tipico

                     comportamento. Sicuramente mi starà nascondendo qualcosa. Deve avere

                     un’amante! E allora devo cercarlo e dirgliene quattro!

                     Esce via a destra. Da sinistra entra Fosca con una pistola in mano.

Fosca:          Chi è quella donna? Perché parlava di Onorato? Ora smaschererò un tentativo

                     di adulterio! Mamma mia, e che ll’aggia cumbinà!

                     Esce a destra. Dalla comune entra Walter. Parla al cellulare.

Walter:        Ho capito, ho capito. Si trattava di una telefonata anonima. Comunque io sono

                     qui per un sopralluogo a verificare che sia tutto a posto. Ma sicuramente è così!

                     Da destra torna Valeria che porta via Gioia. Walter le osserva, silenzioso.

Valeria:       Vieni di qua, vieni. E’ meglio che te ne scappi di casa!

Gioia:          Scusate, ma perché dovrei scappare? Io non ho fatto niente! Sono innocente.

Valeria:       Se mia figlia ti trova, ti scanna come una gallina padovana! Vieni con me. (La 

                     prende per il braccio e scansa Walter) Levàteve ‘a miezo, vuje! Amma passà!

                     E le due escono di casa. Walter rimane perplesso. Da destra entrano Onorato  

                     e Fosca. Lui le sta tirando la pistola di mano per disarmarla.

Onorato:     Lascia, lascia, e lascia questa pistola!

Walter:       (Prende la pistola e la punta contro Onorato) Mani in alto!

Onorato:     (Sorpreso) Chi è?

Walter:       Onorevole, voi state minacciando vostra moglie. Gettate la pistola a terra, se no

                     vi riempio di piombo!

Onorato:     Io?

Fosca:          No, ma…

Walter:        Signora, fate silenzio. Sto lavorando. Onorevole, gettate l’arma e seguitemi.

Onorato:     (Lascia l’arma in terra e piagnucola) Tiene mente, aggia ì ‘n’ata vota in  

                    questura! (Avvicinandosi a Walter) Jammuncenne, commissà. So’ pronto! 

                    Escono di casa. Fosca rimane senza parole.

Fosca:         E adesso? Mamma, dove sei?

                    Si siede affranta sul divanetto.

4. [Fosca e Tranquillo]

                     Dalla comune entra silenzioso Tranquillo col solito cuscino sotto il braccio. 

                     Va da Fosca (seduta sul divanetto) senza farsi notare.

Tranquillo: (Patetico) Fosca, io stongo ‘n’ata vota ccà! (E le siede accanto)  

Fosca:          Oh, no! (Si alza in piedi e gironzola) Senti, Tranquillo, non posso ospitarti qui.

Tranquillo: No, no, io nun me ne vaco ‘a ccà. Nun me movo! Da Addolorata non ci torno.

Fosca:          E tu nun turnà addù essa! Vattenne a durmì sotto ‘e ponte!

Tranquillo: E tanto, Onorato è stato appena portato via dal commissario. Tu poi resti sola!

Fosca:          Nun me ne ‘mporta proprio. Torna da tua moglie Addolorata.

Tranquillo: Fosca, e come ci torno? Devo confessarti una cosa: oltra a mia moglie, ho 

                     un’altra donna. E ti dico pure il nome: si chiama Gioia.

Fosca:          Cosa? Gioia? Ma… allora… è la tua amante?

Tranquillo: Già. E mia moglie l’ha capito, però fa finta di non saperlo, perché mi sta

                     organizzando un agguato. Quella non è molto femminile. E’ ‘na masculona.

Fosca:          Ho capito: tua moglie nasconde qualcosa sotto.

Tranquillo: (Sgrana gli occhi e poi si volta verso di lui lentamente) Cioè?

Fosca:          Sì, sì, ne sono certo: tua moglie nasconde qualcosa sotto.

Tranquillo: Ma no, nun po’ essere!

Fosca:          Fidati, ti dico che è così.

Tranquillo: Ma tu ‘o vvulisse sapé meglio ‘e me? Io me l’aggio spusata.

Fosca:          E con ciò?

Tranquillo: E secondo te, si chella annascunneva coccosa sotto, io nun me n’addunavo?!

Fosca:          Ma tu che staje capenno? Io mi riferisco al fatto che tua moglie finge di non  

                     sapere della tua amante. Ecco perché ora vuole che tu entri in politica.

Tranquillo: E con ciò?

Fosca:          Vuole renderti pan per focaccia!

Tranquillo: Cioè, famme capì: si io ce porto ‘o ppane, essa me da ‘a focaccia?

Fosca:          Esatto.

Tranquillo: Ma Addolorata s’è mmisa a ffa’ ‘a panettiera?

Fosca:          Ma quala panettiera? Insomma, lei ha mangiato la foglia e tu invece no.

Tranquillo: S’ha magnato ‘na foglia?

Fosca:          E tu hai fatto i conti senza l’oste. Tu stavi cercando un ago nel pagliaio, e

                     invece hai trovato il pelo nell’uovo.

Tranquillo: ‘O pilo ‘int’all’uovo? E comme c’è trasuto lloco ddinto?!

Fosca:          Tranquillo, ma tu fusse scemo? Perché fingi di non capire?

Tranquillo: No, io nun te capisco overamente! Nun è che m’’o pputisse spiegà ‘n’ata vota?

Fosca:          A chi? E’ meglio che lasciamo stare. Perciò, tornatene a casa tua.

Tranquillo: E comme ce torno? Aggia fa’ pace primma cu’ muglierema.

Fosca:          Ah, io me ne lavo le mani!

Tranquillo: E justo mò t’he’ ‘a ì a llavà ‘e mmane?!

Fosca:          No, nel senso che non mi interessa niente.

Tranquillo: Ma dimmi almeno come posso fare pace con Addolorata.

Fosca:          Dille che sei cambiato e che ti stai facendo una cultura. Fai l’intellettuale. 

Tranquillo: E comme se fa?

Fosca:          Dille che il tuo poeta preferito è Boccaccio, che il tuo pittore preferito è Renato

                     Guttuso, che il tuo film preferito è “La Ciociara” e che il tuo regista preferito è

                     Francis Ford Coppola!

Tranquillo: Aspiette ‘nu mumento, va’ chianu chiano. Io prendo nota. (Dalla tasca della

                     giacca prende carta e penna) Vai, vai, ripeti.

Fosca:          Allora: il tuo poeta preferito è Boccaccio, il tuo pittore preferito è Renato

                     Guttuso, il tuo film preferito è “La Ciociara”, il tuo regista preferito è Francis

                     Ford Coppola!

Tranquillo: Ecco fatto, aggio scritto. (Si alza in piedi) Mò m’aggia studià tutta ‘sta rrobba!

Fosca:          Appunto, bravo. Vieni, andiamo nello studio di Onorato. Stanotte dormirai lì.

Tranquillo: A proposito, Fosca, devo confessarti un’altra cosa: sto prendendo la decisione

                     di ritirarmi dalle elezioni. Abbandono la politica.

Fosca:          (Felice) ‘O vero? (Poi finge tristezza) No, cioè, è vero? E come mai? Va bene,

                     non dirmelo il motivo. Lo posso immaginare ed hai fatto benissimo. Bravo!

Tranquillo: Sì, ma io però devo dirlo a Gloria Alpadre. Glielo devo spiegare per lettera.

                     Non è che tu potresti scrivere due righe belline?

Fosca:         (Infida) Ma certo! Dopo quello che ti suggerirò io, dirai addio alla politica!

Tranquillo: Grazie, cognata mia. Sembravi più carogna. E invece non ci sei tanto male!

                     I due escono a destra.

5. [Gaspare e Durante. Poi Enrico. Infine Onorato e Gioia]

                    Dalla comune ecco Durante, con un libro in mano, e Gaspare (con un cuscino).

Gaspare:    E così stanno le cose, mio carissimo Durante.

Durante:    Ma come, tu tieni l’amante?

Gaspare:    Sì, però è stata pagata da qualche mio nemico politico: o Tranquillo, o Onorato!

Durante:    Ma dai, non dire scemenze.

Gaspare:    Non mi credi? E intanto, la politica mi ha dato alla testa. Quasi, quasi, la lascio.

Durante:    Ma mò te ciacco proprio! Non devi lasciare la politica. Piuttosto, dimmi una

                    cosa: quante poesie d’amore conosci?

Gaspare:    Un paio.

Durante:    Fammene sentire una.

Gaspare:    (Recita) “La nebbia agli irti colli, piovigginando sale, e sotto il maestrale…”!

Durante:    …“Urla e biancheggia il mare”! Ma che c’entra? Io dico una poesia d’amore!

Gaspare:    Ah, già. (Fa mente locale) Eccola qua: “Per la festa di Natale, la più bella che ci

                    sia, vorrei farvi una promessa, cari babbo e mamma mia…”!

Durante:    E che c’entra il Natale? Io intendo proprio l’amore tra un uomo e una donna.

                    Guarda, sei fortunato: manco a farlo apposta, poco fa ho comprato questo libro.

                    Sonopoesie d’amore. Dentro ne ho vista una meravigliosa. E’ di Dante.

Gaspare:    E tu me vulisse fa’ appiccecà cu’ ‘stu Dante?

Durante:     Cretino, Dante Alighieri è morto mezzo millennio fa. (Apre il libro) Dunque, la  

                    poesia che devi dire a tua moglie si chiama “Paolo e Francesca”.

Gaspare:    Ma mia moglie si chiama Mestizia. Che c’entrano Paolo e Francesca?

Durante:    Senti, scrivi questa poesia su un foglio e, appena vedi tua moglie, gliela reciti.

Gaspare:    Uh, Giesù, ma io nun saccio leggere buono. E’ un difetto di famiglia!

Durante:    Gaspare, o ti mangi questa minestra, o ti butti dalla finestra. Che decidi?

Gaspare:    Mi mangio la minestra buttandomi dalla finestra!

Durante:    E ora tieni il libro, ricopia la poesia e recitala a tua moglie. (Gli cede il libro)

Gaspare:    (Stufo) Durante, ma l’aggia fa’ pe’ forza?

Durante: Sei obbligato! Dopodiché, ti aspetto al partito. Su, fai presto. Ci si vede dopo.

                 Esce via. Gaspare osserva il libro.

Gaspare: Ma che s’ha da fa’ pe’ sta’ qujeto!

                 Esce a sinistra. Dalla comune torna Onorato (camuffato, silenzioso).

Onorato: Guarda cosa mi tocca fare: devo scappare come un ladro. E si capisce, io non la 

                 passo un’altra notte in questura. Il guaio è che non ci sta nemmeno Enrico.

                 Dalla comune entra Enrico, col suo tic nervoso (alza alternatamente i gomiti).

Enrico:    Onorato, io stongo nervuso, troppo nervuso!

Onorato: Uhé, Enrì! Giusto a te stavo pensando. Sono stato di nuovo arrestato. Però sono

                 fuggito via dalla questura.

Enrico:    Ma si’ pazzo? Va bene, più tardi spiego io tutto al commissario Pilato. Ed ora

                 pensiamo alle elezioni. Onorà, i nostri avversari politici si stanno dando da fare.

Onorato: Vinceremo di nuovo noi. Di che ti preoccupi?

Enrico:    Vinceremo grazie a te? Ma non hai letto i giornali di oggi? (Dalla tasca esterna

                 della giacca tira fuori un quotidiano) Tieni, tieni, dai un’occhiata.

Onorato: (Prende il giornale e legge) “Il Napoli batte la Juventus in rimonta…”

Enrico:    No, Onorato, il titolo grande sopra la fotografia.

Onorato: (Legge) “L’Onorevole Onorato Onore si dà ai vizi lussuriosi. Una giovane donna

                 turba il suo matrimonio con sua moglie. Eccovi la foto dell’amante…”. (Getta il

                 quotidiano sul tavolo) Enrì, sono solo cretinate. Ma quando vincerò le elezioni…!

Enrico:    Quali? Se vai avanti di questo passo, il segretario nazionale chiederà che venga

                 candidato qualcun altro al tuo posto. Non lo hai letto sul giornale?

Onorato: Ho capito. Devo smentire tutto quello che hanno scritto.

Enrico:    Ma fai presto. Non farmi stare in ansia. (Fa il tic) Io… io…

Onorato: (Continua lui) “Stongo nervuso, troppo nervuso!”…

Enrico:    Ecco! (Fa il suo tic nervoso: alza alternatamente i gomiti) Va bene, io me ne

                 esco. Ti raccomando, amico mio, stai attento a quel che fai. 

Onorato: D’accordo. A presto.

                 Enrico esce di casa, facendo il suo tic nervoso. Onorato pare assai contrariato.

                 Devo parlare subito con Gioia. (Si guarda intorno, prende il cellulare e la

                 chiama) E chesta sta sempe occupata! Ma cu’ chi parla, tutt’’e juorne?

                 Dalla comune entra Gioia e gli va vicino da dietro. Lui parla ancora da solo.   

                 Basta, mò m’’a levo ‘a tuorno! Ma chi m’’o ffa’ fa’, a me? ‘Sta diece ‘e scema!

                 (Si volta e se la ritrova di faccia) Hai capito, Gioia? (Ripone il cellulare) Gioia?

Gioia:      Già. E’ venuta a trovarti “’a diece ‘e scema”!

Onorato: Gioia, devi andar via. Se mia moglie ti trova qui, sono guai con la pala!

Gioia:      E tu non ne hai già? (Si siede beatamente al divanetto) Hai letto i giornali?

Onorato: E come!

Gioia:      Ma ora parliamo di altro: e così sei sposato. 

Gioia:      Già. Del resto, di che ti lamenti? Ti ho conosciuta sei anni fa. Cinque anni fa ti ho

                 pagata per creare scandali con i miei avversari politici. E grazie a te, alle ultime

                 elezioni, li ho battuti tutti. E per queste elezioni, sto facendo altrettanto. Ma

                 soprattutto, ti ho pagata per tenere a bada i miei fratelli Tranquillo e Gaspare.

Gioia:      Ed è quello che ho fatto. (Si siede al divanetto) Ora però ho una domanda per te:

                 Tranquillo e Gaspare io già li conoscevo da un po’. Come mai?

Onorato: Già li conoscevi? (Realizza) Ora capisco perché l’altro giorno Tranquillo ha

                 sbagliato numero di telefono. Invece di chiamare sua moglie, ha chiamato te.

Gioia:        Sì, ma non hai risposto ancora alla mia domanda: come mai già conoscevo i tuoi  

                   fratelli? Dai, ora ti aiuto: davanti alla voglia di potere, non esiste fratellanza.

Onorato:   (Sconvolto) Gioia, ma… per caso tu vuoi dire che… loro ti hanno pagata?

Gioia:        (Si alza e gli si avvicina) Sei troppo intelligente! Ecco perché ti ammiro.

Onorato:   (Le va vicino) Ma allora tu hai fatto il doppio gioco?

Gioia:        Doppio? Triplo!

Onorato:   In che senso?

Gioia:        Davanti alla sete di potere, non esiste fratellanza… ma nemmeno amicizia!

Onorato:   (Realizza e rimane sconvolto ancor di più) Enrico?

Gioia:        Non c’è niente da fare: tu sei un genio. Questa è la tua forza.

Onorato:   ‘E che ‘mbruoglio! Io ti pago per contrastare i miei fratelli, che a loro volta ti

                   pagano per contrastare me, ma intanto Enrico ti paga per contrastare me e loro!

Gioia:        Ecco, ti ho confessato tutto. E con molto anticipo rispetto a quando avrei dovuto

                   farlo… e cioè mai. Ma io ti voglio bene. Anzi, usiamo le parole giuste: ti amo.  

                   Con tutto quel che ho creato intorno a te, tua moglie ti lascerà… e tu sarai mio.

Onorato:   Ma tu sei una pazza!

Gioia:        (Gli carezza una guancia) Esatto! (Tenta di baciarlo)

Onorato:   (Si scansa) Tu rischi di mettere fine alla mia carriera politica, e dici di amarmi?

Gioia:        (Sexy) Lascia tua moglie, vieni via con me. E ricominceremo tutto da zero.

                   Gli carezza il viso. Da destra torna Fosca: li nota e si blocca, osservandoli.

Onorato:   (Infervorato) Gioia, nun fa’ accussì, che nun me faje capì cchiù niente!

Fosca:        (Interviene tra i due) Ma bravi!

Onorato:   (Si spaventa) Uh, Marò! (Tremolante) Fosca, noi non stavamo facendo quello

                   che credi. Lei si chiama Gioia, ma io non lo so perché non la conoco!

Fosca:        (Calma) E chi vi sta dicendo niente? Se volete, fidanzatevi. Anzi, sposatevi

                   pure. Tanto, io e te, dopo il divorzio, ci diremo addio. Basta che paghi, però!

Onorato:   No, ma che divorzio? Io non voglio divorziare. Anzi, voglio restare con te per

                   sempre. Dai, ci appartiamo? Noi teniamo ancora un figlio in sospeso da fare!

Fosca:        Ma qualu figlio? Vall’a ffa’ cu’ chesta, ‘nu figlio!

Gioia:        (Si frappone tra i due) Infatti, caro, non dar retta a questa tizia inutile!

Fosca:        Siente, vattenne mommò, o si no me sfogo cu’ te!

Gioia:        Bene, allora è meglio che io vada. Non sopporto il dolore fisico. Ciao, Onorato.

                   (Gli lancia un bacio) Ripensa a ciò che ti ho detto. (Poi fredda) Ciao, Fosca!

                   Gioia esce via di casa. Fosca guarda male Onorato.  

Onorato:   E pecché me guarde accussì? Coraggio, me vuo’ vattere? E vàtteme!

Fosca:        Tuo fratello Tranquillo mi ha detto tutta la verità. 

Onorato:   La verità? Quale verità?

Fosca:        Quella tizia non è davvero la tua amante. 

Onorato:   E tu credi a mio fratello? Ma lo sai che lui l’ha pagata per farmi perdere le 

                   elezioni? E pure Gaspare l’ha pagata. Beh, veramente, pure io.

Fosca:        La politica è tanto bella, ma fa perdere la testa alla gente. Per cui…

                   Abbraccia Onorato (sorpreso). Poi lo prende per mano e lo porta via a sinistra.

6. [Tranquillo e Gaspare. Poi Valeria. Onorato e Fosca]

                     Da destra ecco Tranquillo: ripete a memoria alcune cose.

Tranquillo: Il mio poeta preferito è Boccaccio, il mio pittore preferito è Renato Guttuso, il

                     mio film preferito è “La Ciociara”, il mio regista preferito è Francis Ford

                     Coppola! Bene, sono pronto.                      

                     Dalla comune entra Valeria. Osserva Tranquillo parlare da solo.

                     Saje che faccia fa Addolorata! Ma tanto, mia moglie è ciuccia come sua madre!

Valeria:       Ma si’ sicuro?

Tranquillo: Vuje? Ah, ehm…

Valeria:       E vabbuò, io so’ ciuccia. E tu no? Tu si’ ‘o saputo d’’a famiglia?   

Tranquillo: E certo. Voi non lo sapete, ma il mio poeta preferito è… è… E chi cacchio è?

Valeria:       Chi è?

Tranquillo: E ‘nu mumento! Ah, ecco qua: ‘o buccaccio!

Valeria:       ‘O buccaccio?

Tranquillo: No, no, aspettate. Aggio ditto ‘o buccaccio, pecché me serveva pe’ m’arricurdà

                     ‘o nomme d’’o poeta. Vabbuò, nun ‘o penzamme! Tanto, io tengo pure un

                     pittore preferito.  

Valeria:       E chi è?

Tranquillo: Renato ‘o rattuso!

Valeria:       Chi schifo ‘e pittore! E’ pure rattuso?!

Tranquillo: No, nun è rattuso. Aggio ditto ch’è rattuso, pe’ m’arricurdà ‘o nomme.

                     Vabbuò, si m’’o ricordo, v’’o ddico. Ma io tengo pure un film preferito.

Valeria:       E qual è?

Tranquillo: Eh, e qual è? E’ chillu film cu’ Sophia Loren. Ah, ecco qua: “’A ciociola!”

Valeria:       ‘A ciociola? E ‘e che parla?

Tranquillo: Eh, è bello assaje! Ma io tengo pure un regista preferito. E sapete chi è? E’

                     Francis cu’ ‘a provola!

Valeria:       Francis cu’ ‘a provola?

Tranquillo: No, no, Francis cu’ ‘a coppola! Avete visto? Non sono più rozzo e ignorante. 

Valeria:       Bravo, come so’ cuntenta! E con la tua amante, come la mettiamo?

Tranquillo: Ehm… mi dispiace per l’equivoco che è successo per colpa di Gioia. Ma io vi

                     devo confessare una cosa: qualcuno l’ha pagata per farla essere la mia amante

                     e inguaiarmi le elezioni. E pure io ho fatto lo stesso con Onorato e Gaspare.

Valeria:       Che? (Poi realizza) Beh, tutto sommato, in politica e in guerra tutto è

                     permesso! (Interessata) Ma tu vincerai le elezioni?

Tranquillo: Speriamo di sì. Se dipendesse da me, io mi voterei!

Valeria:       Bravo! Allora adesso vai da Addolorata e dille che hai il mio permesso per

                     tornare a casa tua! E ti raccomando, spiegale quello che hai spiegato a me.

Tranquillo: Grazie, io allora torno a casa. Arrivederci!

                     Tranquillo fugge via di casa. Valeria si siede al divanetto. Da sinistra torna     

                     Gaspare che rilegge in modo incomprensibile la poesia su un foglio.

Gaspare:     (Farfugliando) Ffff…. ffff… gngngn…!

Valeria:       (Si volta e lo nota) Ah, ce sta pure chisto. (Lo chiama) Ehi, Gaspare, aspetta,  

                     non ti muovere di là! (Si alza e va da lui) Che cosa stai leggendo di bello?

Gaspare:     ‘Na cosa che nun putite capì. Ma tanto, nun è pe’ vuje. E’ per Mestizia.

Valeria:       E ‘a voglio sentì, ‘a voglio sentì pur’io!

Gaspare:     Ma sì, vi voglio dimostrare che io sono cambiato. Mi sto acculturando. Sentite

                     qua, sentite. (Legge con difficoltà) “Amor, ch’al cor gentil ratto s’appende…”!

Valeria:       S’appende? E addò s’appenne?

Gaspare:    (Legge meglio) No, no, “ratto s’apprende…”

Valeria:      Ratto s’apprende? E che vvo’ dicere?

Gaspare:    Ratto… ‘o ratto è ‘o topo! Dunque, il topo gentile si prende col cuore!

Valeria:      Ma nun aggio capito ‘e chi se sta parlanno!

Gaspare:    ‘E Mestizia!

Valeria:      E mia figlia fosse ‘nu topo?

Gaspare:    Sì, ma non è un topo offensivo, è un topo poetico. E ora sentite il risto. (Legge)

                    “Prese costui de la bella persona che mi fu tolta; e ‘l modo ancor m’offende”.
Valeria:      Cioè, chi è che t’offende?

Gaspare:    M’aggio scurdato ‘e ce ‘o domandà a chillo che ha scritto ‘sta poesia: Dante!

Valeria:      E chi è?

Gaspare:    E’ ‘n’amico mio. E’ muorto cinqueciento anne fa!

Valeria:      Io preferisco ‘nu discorso elettorale che tu he’ leggere a ‘nu cumizio! Lo tieni?

Gaspare:    No, no. Io ho pensato di chiudere con la politica. Presenterò le mie dimissioni.

Valeria:      (Sconvolta, emette un grido di disperazione) Nooo!

Gaspare:    (Spaventato) Che cacchio è succieso!

Valeria:      Disastro! Io già t’avessa scassà ‘a capa pe’ mezza ‘e chella Gioia.

Gaspare:    Ah, Gioia? L’hanne pavata pe’ me fa’ perdere ll’elezione. E io aggio fatto ‘a

                    stessa cosa cu’ Tranquillo e Onorato. Però lo sapete solo voi, vi raccomando!

Valeria:      E ‘a chi ‘o vvuo’? A me me ne ‘mporta ‘e ll’elezione! Tu l’he’ fa’. He’ capito?

Gaspare:    Ma io nun ‘e ssaccio fa’, ll’elezione. ‘A politica nun ‘a capisco.  

Valeria:      E nun te prioccupà. Adesso vai da Mestizia e dille che hai il mio permesso per

                    tornare a casa tua! E ti raccomando, spiegale quello che hai spiegato a me.

Gaspare:    Ma io…

Valeria:      (Gli afferra il braccio) E mò basta! Mò te ce porto io addù mia figlia. Vabbuò?

Gaspare:    Suocera, chianu chiano, che se rompe ‘a giacca…!

                    Escono di casa.

Scena Ultima. [Fosca, Onorato, Tranquillo, Gaspare, Valeria, Enrico, Gioia e Walter]

 

                    Da destra entrano Onorato e Fosca, felici.

Fosca:         Onorato, finalmente amme fatto pace. Ma ‘a che dipende, ‘stu fatto?

Onorato:    Embé, tu staje addiventanno tale e quale a mammeta. Parle pure comm’a essa!

Fosca:         E intanto adesso tocca ai tuoi fratelli fare pace con le mie sorelle.

Onorato:    Ma sì, lo faranno con molta gioia.

Fosca:         A proposito di Gioia…!

Onorato:    Ma comme m’è pruruto a me ‘e dicere “gioia”!

Fosca:         Insomma, questa tizia non è l’amante né tua, né di Tranquillo e né di Gaspare.

                    E’ solo una marionetta pagata per inguaiare le elezioni ai politici. Tutto qua.

Onorato:    E già. Però che cosa strana: mi toccherà concorrere coi miei fratelli.

Fosca:         E se loro ci ripensassero?

Onorato:    E’ ‘na parola. Ma a noi che ce ne importa? Anzi, adesso vogliamo andarcene in

                    cucina? Ho conservato una bottiglia di champagne. E’ tutta per noi.

Fosca:         Ma sì, andiamo a brindare. Ogni tanto ci vogliono queste liti tra di noi!

Onorato:    E già, mia cara Gioia…! Uh, scusa, cioè volevo dire, mia cara Fosca. Andiamo.

                    Vanno a destra. Dalla comune entrano Tranquillo e Gaspare, coi loro cuscini.

Gaspare:    Finalmente aggio fatto pace cu’ muglierema.

Tranquillo: E pur’io. Sì, ma tu comme he’ fatto?

Gaspare:     L’aggio fatta ‘na mazziata! E tu, invece?

Tranquillo: Aggio avuto ‘na mazziata…!

Gaspare:     E pure io abbuscavo sempre da mia moglie, fino ad oggi. Ma poi ho reagito.

Tranquillo: Beato te. Un giorno anch’io ci riuscirò. E adesso cerchiamo a Onorato e 

                     diciamogli la novità assoluta: io e te rinunciamo alla politica.

Gaspare:     Infatti, questo è il motivo per cui le nostre mogli ci hanno cacciato di casa!

Tranquillo: Ma quelle sono delle ingrate!

                     Dalla comune entra Valeria. Va da loro.

Valeria:       Carissimi generi! Come state?

I due:          (Sorpresi) Eh?!

Valeria:       Ma che ce facite cu’ ‘sti cuscini ‘nmana?

Tranquillo: No, niente. Abbiamo preso il nostro bagaglio e siamo tornati qua.

Valeria:       Bravi, così starete lontani dalle vostre mogli per concentrarvi sulla campagna

                     elettorale! Sono fiera di voi.

Tranquillo: No, ma quala campagna elettorale? Io e Gaspare abbiamo deciso di dimetterci.

Valeria:       (Stizzita) Disgraziati! (Gli leva i cuscini di mano e li mena) Murite ‘e subito!

                     Li rincorre per la stanza e poi a destra. Dalla comune entrano Enrico e Gioia.

Enrico:        (Le sta consegnando un mazzetto di banconote) Eccoti i cinquemila Euro che ti

                     avevo promesso. E così, stiamo pace. (Poi la osserva) Ma… qualcosa non va?

Gioia:          No, niente. Mi sento solo a disagio per quello che ho fatto… e che sto facendo.

Enrico:        Tu frequenti Montecitorio e tutti i suoi abitanti, uomini e donne. Hai creato

                     scandali a profusione. Che cos’ha Onorato di speciale, rispetto agli altri?

Gioia:          Non capisce nulla di politica, ma in compenso, la fa con tanta passione.

Enrico:        Metti in tasca i soldi che ti ho dato e vattene.

Gioia:          (Prende i soldi) Vado via, ma prima voglio incontrarlo per l’ultima volta. Devo

                     dirgli una cosa. Questo non me lo puoi impedire.

                     Gioia esce a sinistra. Enrico fa il suo tic. Da destra torna Onorato.

Onorato:     Ecco qua. (Nota Enrico fare il suo tic) Tu staje ccà? E staje ancora nervuso?

Enrico:        E già.

Onorato:     (Sente un profumo nell’aria) Ma che d’è ‘stu prufumo?

Enrico:        Ah, ehm… è il mio.

Onorato:     Ma pecché, tu te miette ‘o Chanel numero 5?

Enrico:        Qualche volta sì. Che c’è di male?

Onorato:     Enrì, ma mò comme va staje ccà? M’he’ dicere coccosa?

Enrico:        Più tardi hai il comizio. Sono venuto a prenderti con la macchina. Onorato, ti

                     raccomando, caccia fuori tutta la grinta possibile. Cancella le cose negative.

Onorato:     (Lo guarda male) Già, le cose negative.

Enrico:        E i tuoi fratelli a che punto sono con le loro campagne elettorali?

Onorato:     Stanno facendo una campagna elettorale che a noi non ci vedono proprio!

Enrico:        Cosa? Ma non è possibile. Voci di corridioio dicono che si vogliono dimettere.

Onorato:     E sono voci fasulle. Anzi, ti preannuncio che quei due mi daranno battaglia!

Enrico:        Bene, allora io mi avvio in macchina. Non farmi aspettare troppo.

Onorato:     Cinque minuti e vengo.

Enrico:        Facciamo dieci. Devo fare prima una telefonata.

Onorato:     Va bene.

                     Enrico esce via. Così Onorato conta fino a 5, poi corre al cordless e telefona.

                     ‘O ssapevo. I numeri di cellulare di Gioia e quello di Enrico sono occupati. Ora

                     capisco tutto: lui sta parlando con lei. Quei due erano d’accordo   veramente.               

                     Si siede al divanetto. Da destra, entrano Gaspare e Tranquillo di corsa.

Gaspare:     (Disperato) Tranquillo, Tranquillo! (Gli siede accanto)

Tranquillo: Finalmente t’amme truvato! (Gli siede anche lui accanto)

Onorato:     Ch’è stato?

Gaspare:     ‘A suocera ce vo’ vattere. Adesso l’abbiamo chiusa nel bagno di servizio. Ma

                     noi le abbiamo detto solo che ci vogliamo dimettere dalla politica.

Onorato:     Ah, ma allora è ‘o vero!

Tranquillo: E pure le nostre mogli ci hanno cacciato per questo.

Onorato:     E ate ditto niente? Quelle già stavano sognando a occhi aperti! Comunque,

                     bravi. Se volete, consegnate le vostre lettere di dimissioni.

Gaspare:     Beh… veramente… io e Tranquillo ci abbiamo ripensato un’altra volta:

                     vogliamo vincere le elezioni! E faremo una grande campagna elettorale.

Tranquillo: T’amma fa’ schiattà, Onorà! Noi siamo la tua concorrenza. Non ci dici niente?

Onorato:      E’ meglio che me stongo zitto. Nun vulesse fa’ correre ‘n’ata vota a polizia!

                     Dalla comune entra Walter.

Walter:        Onorevole, buongiorno!

Onorato:     Oh, no! Ch’aggio fatto, mò, commissà?

Walter:        Siete scappato dalla questura. Ma stavolta non sono qua per voi. Qua fuori ci

                     sono i miei agenti che hanno fermato il signor Enrico Bellamico.

Onorato:     Uh, Giesù, e pecché?

Walter:        A suo carico ci sono accuse di corruzione per eliminare nemici politici. Però

                     lui sostiene che queste cose gliele avete ordinate voi.

Onorato:     Ah, he’ capito? E menu male ch’’e cugnomme se chiamma Bellamico!

Walter:       Comunque, onorevole, ho ricevuto una telefonata anonima: mi è stato detto

                     come procurarci le prove della vostra innocenza. E infatti, le abbiamo trovate.

Onorato:     E chi l’avrà fatta ‘sta telefonata anonima?

                     Da sinistra entra Gioia.

Gioia:          Io!

Onorato:     Tu?

Gioia:          Sì. Io debbo ringraziarti di tutto. Sono contento che tu diventerai padre.

Onorato:     Che cosa? Ma… a me Fosca non mi ha detto niente.

Gioia:          Un momento, ma io non stavo parlando di lei. Ma… di me!

Onorato:     Che? E no, aggiate pacienza. Troppi brutti notizie! Io torno subito. Scusatemi!

                     Esce a sinistra. Tutti gli altri si guardano in faccia perplessi.

Tranquillo: Ma mò addò è gghiuto?

Gaspare:     Conoscendolo bene, è andato a prendersi una pistola… per suicidarsi!

                     Invece Onorato torna con un cuscino sotto il braccio.

Onorato:     Ecco qua, io so’ pronto! M’aggio pigliato ‘o cuscino mio. Commissà, sono  

                     tutto per voi. Arrestatemi. Enrico Bellamico aveva ragione: io sono disonesto!

Walter:        Onorevole, ma…!

Onorato:     Niente “ma”! Io devo andare in carcere! (Gli si mette sottobraccio e saluta gli

                     altri presenti) Signori, un saluto a tutti! Salutatemi a Fosca…!

                     Onorato tira via Walter. I due escono di casa, tra lo stupore degli altri.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 13 volte nell' arco di un'anno