L’orologio a pendolo

Stampa questo copione

L’OROLOGIO A PENDOLO

TRAGICOMICA

in due atti di

Francesco Chianese

PERSONAGGI:

(in ordine di apparizione)

MASINO : Il Capofamiglia

NINETTA : la moglie

LUCIA : La figlia

BENITO : Il papà di Ninetta

LORENZO : Il fidanzato di Lucia

NICOLA : Il figlio

SARA : La fidanzata di Benito

RENATO: Il fratello di Ninetta

GISELLA : La giovane amica di Sara

L’OROLOGIO A PENDOLO

PRIMO ATTO

SCENA 1

(un soggiorno: è bene vi siano una finestra e due porte, una interna, una esterna.) (Sulla scena Masino e Ninetta. Masino è intento a guardare con fierezza un orologio a pendolo fissato nella  parete)

MASINO: (guardando l’orologio a pendolo al muro) Ma quantu è bedda… è vecchia di tanti anni       eppuru pari nova, nova… comu si nisciu ora da fabbrica…

NINETTA:  Veru è… dicemu chi pari un bijù e poi… si abbina  perfettamenti alla pareti!!!!  a    parti quel piccolo particolare chi faci sempri mezziionnu, o mezzanotti… zumma i dudici.

MASINO: E chi c’entra… chiddu u fa per distinguersi dalle altre pennule.. non picchì non funziona.

NINETTA: a to pennula è proprio una nobil pennula…

MASINO: U po diri forti… è nobile e degna di rispettu

NINETTA: E io giungiu purru ch’è propriu n’amuri… e chi ci manca sulu a parola…

MASINO:  No…  chistu non è veru… a me pennula avi purru a parola. Non cammina, ma sona e          ogni vota chi sona, parri ca mi voli parrari… (pausa.. poi quasi suonando con la bocca)             Don, don, don, din, don, dan…

NINETTA: …e tu sini u sulito baccalà… Chiddu è u sonu chi fannu tutti i pennuli, schiunchiudutu,      e a parti chi faci sempri a stissa ura…  a to non è chiù particolari dill’autri…

MASINO:  Comu no… pì prima cosa, si cià ffattu casu, a me pennula non sona ogni ura comu a            tutti  l’autri pennuli di bassa lega…. ma sulu quannu riteni chi è u casu i sunari… e io cridu    di sapiri, purru, u  picchì…. e pi secunna cosa, tu parri così picchì a senti sulu chi rricchi…

NINETTA: Ca cettu… ora, mi ti fazzu  u piaciri, a sentu purru cu nasu….

MASINO: Comu al solito.. non capisci nenti… Cu cori l’ha sentiri la dolce melodia che emana dalla mia pennola…

NINETTA: Va bo… a prossima vota chi sona a sentu chi rricchi, cu nasu e purru cu cori…

MASINO: Parri così… picchì pi ttia sta pennula non rappresenta nenti. Pi mmia inveci rappresenta        tantu.

NINETTA: Non è vero, purru pi mmia rappresenta quacchicosa…

MASINO: Veru? Purru pi tia rappresenta qualcosa d’importante?

NINETTA: E certu… rappresenta a me cruci… a me disperazioni… Da quannu mittisti intra sta            speci di rilogiu.. pi mia finiu a paci. E’ veru, sta pennula non sona ogni ura, ma sulu quannu         riteni c’ava sunari… e chistu voli diri chi lo ritiene solo di notte e non ogni ura, ma ogni             mumentu. Spetta mi io cumincio a pigghiari sonnu chi stu bruttu esemplari di sveglia ferma,      cumincia a sunari e a farmi cadiri du lettu…

 MASINO: Sini na fimmina insensibili… Che vuoi che sia il sacrificio di un po di sonno.. dinnanzi        a  cotanta  bellezza…

NINETTA: Un po di sonnu dicisti? Sta cosa non mi fa propriu dommiri… Ma io unu di sti ionna          non ta fazzu chiu truvari a to pennula… a tagghiu in tanti piccoli pezzi e poi a mettu a bruciari to caminu…

MASINO: Provici e poi to caminu fazzu finiri purru a tia…(pausa) Sta pennula è a storia da me            famigghia… prima di mia appartiniva a me patri e prima ancora a me nonnu e prima ancora      a me bisnonnu e prima ancora…

NINETTA: Basta così pi carità.. se no mi dici tuttu u to albero ginecologico. Dicemu chi            apparteneva ai tuoi avi…

MASINO: Brava… ora capisti…. Apparteneva e me avi.  Ma la cosa più importante chi tu ha capiri      è chi a mia sta pennula mi parra piddaveru…

NINETTA: Matri chistu pacciu mi divintò..

MASINO: Ma quali pacciu…. Sugnu convinto chi ogni toccu.. ogni din, don, dan… rappresenta           quacchicosa chi i me nonni, bisnonni e trisnonni mi vonnu diri attraversu a pennula…

NINETTA: Cettu… quannu faci din, voli diri na cosa… quannu faci don ni voli diri nautra… ora         capì picchì faci din, don, dan

MASINO: Si, si… sfutti… ma è propriu così… secunnu mia mi vonnu avvertiri di quacche                    periculu… secunnu tia allura picchì non sona ogni ura, ma sulu quannu voli idda..

NINETTA: Sintemu picchì…

MASINO: semplici…  picchì avi quacchi cosa chi m’ava a diri…

NINETTA: E quannu sona di notti, e o spissu,… chi ti voli augurari a buonanotti?

(proprio in questo momento partono i rintocchi del pendolo)

MASINO: Muta, muta chi mi sta parrannu (mentre si sentono i rintocchi Masino fa delle             smorfie)(quando finiscono) Chi bella vuci.. a sintisti chi vuci…

NINETTA: Veramenti io sintì i soliti rintocchi.

MASINO: E allura non sintisti bonu…

NINETTA: Posso sapiri si ti parrò puru ora e chiddu chi ti dissi??

MASINO: Cettu chi mi parrò, però… si capì bonu… mi dissi: ch’è stari attentu a quacchi cosa o a         quacchi dunu chi u nomi cumincia…. mi parri chi dissi… ca “R”.

NINETTA: Ca R? cioè R di ricotta???

MASINO: Si, si… propriu così R di ricotta ffunnata.. o frisca…

NINETTA: e sulu chistu capisti?

MASINO: E cettu… ancora fora allenamentu sugnu …

NINETTA: E allura, vistu chi sta pennula avi sti proprietà maiarichi… cioè profetiche o                         protettive… zumma comu vo tu… vidi si avi quacchicosa mi nni dici di dda fimmina… di      dda fattispeci di zita chi ni voli puttari intra me patri…

MASINO: Già veru è… a zita i to patri…ora ci spiu…. (al pendolo) Pennula, pennula delle mie             brame… mi dici cu iè u chiù beddu di stu reame????

NINETTA: Ma chi sta pracchiannu???

MASINO: Scusa… mi cunfunnì…. Mi sono lasciato prendere la mano. Ora riprovu… Pennula,                          pennula di la me vita… mi duni notizi di lu me soggiru e di la so zita???  (silenzio)                       Allura pennula… chi fa non parri???

NINETTA: Non parra… mi sa chi a to pennula piddiu a parola

MASINO: Chi c’entra… magara per ora è impegnata… sicuramenti si fa sentiri chiu tardu…

NINETTA: Cettu, probabilmente stanotti… quannu pigghiu sonnu.  (pausa) Pennula o non        pennula… a cosa è veramenti preoccupanti pi me patri… ora si fissò chi s’ava a fari zitu… e  chi, addirittura, a so zita si l’ava puttari, purru, intra…  picchì chista è ancora a so casa

MASINO: Chiù si diventa vecchi e menu si ragiuna… chista è a verità. (pausa) Ma tu almenu a             canusci a sta tizia???

NINETTA:  Sacciu sulu chi si chiama Sara, chi avi picca chi staci cà e chi pigghiò casa all’entrata          du paisi … e chi avi un figghiu… U restu l’avissa a sapiri tu… vistu chi ci faci i pulizii to         circulu chi frequenti tu…

MASINO: E chi c’entra… i pulizii si fannu quannu u circulu è chiusu e non c’è nuddu… Però è            sintutu diri  chi è na bedda carusa

NINETTA: Propriu così… na bedda carusa… e giovani o punto chi ci po veniri figghia a me      patri… non zita

SCENA 2

(entra in scena Lucia, la figlia)

LUCIA: Ancora in pigiama siti??? Ma chi aviti intenzioni di farmi divintari paccia?

MASINO: Ma picchì scusa… chi fastidiu ti damu si ni stamu in pigiama.. oggi è duminica e ma vogghiu passari intra e in pigiama… così passu facilmente du lettu o divanu,  du divanu a         camira di pranzu e da camira di pranzo o lettu senza mi mi spogghiu…

LUCIA: No papà…. Chistu oggi no po fari…

NINETTA: Ma si po sapiri chi ti pigghiò stamatina…

LUCIA: E’ chi sugghiu nervosa..

MASINO: Lucia, ora sulu picchì tu sini nervosa… io mè livari u pigiama?

NINETTA: Chi vo fari Masino… si a to figghia ci duna fastidiu  mi ni vidi in pigiama… vorrà   diri      chi ni vistemu…

MASINO: Va bo… ora mi nni passu da banna mi levu u pigiama, mi mettu na tuta in coddu e vaiu       mi raggiungiu a to frati Nicola chi pattiu pi fari u solutu allenamentu in montagna e a      respirari na picca d’aria pura. Chi fa Ninetta, veni puru tu cu mia?

LUCIA: (di getto) No… idda non po veniri cu tia… poi unnè Nicola avissi a turnari e…  tu non po       nesciri da casa…

MASINO: Ora mi staiu ccazzannu… ma si po sapiri chi vo di niautri???

LUCIA: Nenti papà… non vogghiu nenti. (pausa) Vogghiu sulu mi tu e a mamma vi vistiti eleganti      e ristati intra..

MASINO: Nient’altro mia cara signorina??? (esplodendo) Io mi vestu comu vogghiu e fazzu comu       vogghiu.. si vogghiu nesciri nesciu e si vogghiu ristari a casa restu a casa.. capisti?                   A cu c’è dari cuntu???

LUCIA: A mia papà… a mia m’ha dari cuntu…

(entra Benito, il papà di Ninetta)

BENITO: E purru a mia m’ha dari cuntu… anzi n’ha dari cuntu a tutti dal momento che stai nella         mia casa…

NINETTA: Buongiorno papà… ti svigghiasti?… e da comu vidu sini du solutu umori…

BENITO: Tu, benedetta figghia… non vidi bonu. Io stamattina sogno felice come una pasca, più          pimpante di un ariddo e forzuto più di un toro.

MASINO: Un toro malandatu di quasi ottant’anni…

BENITO: Bonu dicisti, iennuru… di quasi ottant’anni… ancora mi mancunu cinqu misi p’arrivari a       d’età… ma mi sentu chiù frisco e giovani i tia chi mi parri un vecchiu di cent’anni…

NINETTA: Mi sa proprio chi cuminciamu bona a iurnata…

LUCIA: Mamma, papà e puru tu… nonnu…. Sintitimi. Io non vi vulia diri nenti picchì Lorenzo            vulia mi non vi dicia nenti…

MASINO: Lorenzo??? E cu iè stu Lorenzo

NINETTA: E chi è chi vulia mi non ni dicivi…

LUCIA: Zumma, nenti di particolari… Lorenzu è….  un me amico..

BENITO: Capemmu tutti cosi… un amico molto particolare…

NINETTA: Lassala continuari papà… E quannu u canuscisti a stu Lorenzu… dal momentu chi non       l’avia mai sintutu numinari…

LUCIA: In effetti… avi picca cu canusciu… e precisamenti quattru ionna…

MASINO: Quattru ionna??? E ta quattru ionna divintò già un amicu particolari??? Matruzza     bedda… e fra un misi chi diventa chistu…

LUCIA: Chi c’entra papà…fu subutu simpatia … appena ni vistumu…

BENITO: Coppu di fulmini fu… propriu comu a mia cu… Saruzza…

MASINO: Vidi chi pi ttia non fu coppu di fulmini… coppu di suli fu e beddu forti…

NINETTA: Di me patri poi parramu… Vogghiu sapiri cu iè stu Lorenzu… e chi voli i tia…

LUCIA: E’ un figghiolo a posto… leale ed onestu… Pi chistu mi dissi mi non vi dicia nenti…   Picchì voli essiri iddu a presentarsi e a dumandarvi si… zuumma… vi voli dumannari si pozzu nesciri cu iddu… senza problemi…

BENITO: Cosi d’autri tempi… stu figghiolo mi piaci… mi parri un giovane di vecchiu stampu…

MASINO: A parti u fattu c’ava a piaciri a mia e non a to nonnu… mu vo spiegari picchì ci dicisti di      veniri propriu di duminica matina???

LUCIA: Picchì così erumu sicuri di truvarvi tutti intra…

NINETTA: Già chistu è veru…. Va bò va… a situazioni mi parri chiara… anche se mi parri troppu        picca sta conoscenza di quattru iorna… Comunqui… u fattu chi si voli prisintari prima di  nesciri cu iddu deponi bene e poi…. ormai a cosa è fatta… ora io e to patri ni passamu da           banna ni vistemu eleganti e poi spittamu a stu tiziu…

MASINO:  A mia mi parri strana sta richiesta i sti tempi…. Non vurria chi stu tiziu… prima si   manciò            a marmellata… e poi ni cerca u pimmissu…..

LUCIA: Ma chi dici, papà…. Lorenzo un figghiolu a postu ieni…..

MASINO: E  va beni.. ora mi vestu eleganti. U vestitu du matrimonio va beni o mi mettu chiddu da     prima comunioni???

LUCIA: Papà… vestiti comu vo… basta chi sini eleganti….

MASINO: Eleganti, eleganti.. ora mi mettu u frac e u dui mazzi

(ed esce con la moglie)

BENITO: L’asi coppi ta mettiri e no u dui i mazzi…

LUCIA: Nonnu, mi raccumannu… non vurria fari mala figura cu Lorenzu…

BENITO: E a mia chi mi cunti… a mala figura to patri ta po farri fari e non io… e poi aiu autru pi         ta testa a cui è pinzari…

LUCIA: U sacciu… a to… diciamo zita…

BENITO: Compagna non zita… ricorditi chi sugnu vecchiu ma moderno.. e oggi i ziti si chiamunu        compagne

LUCIA: Va beni… a to compagna.

BENITO: Idda, a me Saruzza… avissi a veniri ora, in mattinata così va presentu a tutti…

LUCIA: Ora dicisti??? Ma ora veni puru Lorenzu…

BENITO: E chi importa, anzi megghiu… così facemu tutti i presentazioni ta na vota e cu si vitti, si       vitti.  A propositu… avissi a veniri puru me figghiu, u ziu Renatu, u chiamai o telefunu e mi         dissi chi purru si avi tanti impegni ddà a Roma unni travagghia, pigghia u primo aereo e veni            i cussa… e avissi arrivari stamatina. E’ giustu chi purru iddu canusci a so nova matri…

LUCIA: Purru u ziu Renatu????  Matri, matri…. Al completo semu…. spiramu sulu mi Lorenzu            non s’affrunta cu tutta sta confusioni…

BENITO: Picchì.. chi è puru timidu?

LUCIA: no, sulu na picchicedda delicatu

SCENA 3

(suonano alla porta)

BENITO: Idda è.. idda è a me Saruzza (e corre verso la finestra a vedere e deluso..) Non è idda…        un giovanotto cun mazzu di ciuri te mani eni…

LUCIA: E allura eni u me Lorenzu (e va vedere dalla finestra) Propriu iddu eni.. ora ci iapru… (esce un attimo dalla porta esterna)

BENITO: (va  a guardare dalla finestra.. poi verso il pendolo) Già è mezziiornu e ancora non     spunta?? (ci ripensa) ma quannu mai… mi scoddu sempri ca pennula di du speci            d’individuo faci sempri a stissa ura… Però, ancora a me Saruzza non spunta.. (riguarda             dalla finestra)

(Entrano Lucia con i fiori in mano e subito dietro Lorenzo)

LUCIA: Entra pure Renzo… (e intanto va a sistemare i fiori in un vaso)

LORENZO: (a Benito) Buongiorno…lei certamente sarà il papà di Lucia…

BENITO: (a Lucia) Ma quantu mi piaci stu figghiolo (a Lorenzo) No, anche se appaio moltissimo         assai chiù giovane di me iennero… sono solo il nonno madrerno di Lucia…

LORENZO: (gli stringe la mano) piacere io sono Lorenzo…

BENITO: Lo saccio…

LORENZO: Ma voi potete chiamarmi Renzo... come mi chiamano gli amici e i parenti stretti.

BENITO: Va beni all’ura ti chiamu.. Renzo… Anzi Renzuccio…

LUCIA: Mettiti comudu Renzu chi unnè avissuru arrivari me mamma e me patri…

BENITO: E si ha a bontà di spittari ti presentu purru a me zita… scusa vulia diri compagna.

LORENZO: con vero piacere… Lucia mi l’avia accennato du vostru fidanzamentu….

BENITO: Allura già u sapivi puru tu… comunqui unnè avissi a veniri da un momentu all’autru

LUCIA: Ma nonnu… ma è veru chi ta vo puttari intra???

BENITO: Ca certu… è unni l’è puttari si non ta me casa

LUCIA: Ma cca stamu già niautri.. io, me frati, me mamma e me patri….

BENITO: e allura? Cu tia, cu to matri e purru cu ddu beddu spicchiu di to frati … n’arranciamu. To     patri si po ciccari alloggiu altrove…

LORENZO: Ma no… signor Benito.. non mi pare giusto…

BENITO: Ragiuni tu ha Renzuccio… non è giusto cacciarlu i casa… videmu unni l’ema a          sistemari…

SCENA 4

(suona il campanello)

BENITO: Idda, idda… stavota è idda sugnu sicuru… a ricunusciu du sonu du campanellu. Lucia         moviti va a ghiapriri…

LUCIA: (guarda dalla finestra) Nonnu mi dispiaci, ma mancu stavota ci zittasti. Non è la tua    compagna, ma me frati Nicola chi ritorna du so allenamentu….

BENITO: Ma stu binidittu figghiolo non avi i chiavi pi trasiri inveci di sunari e disturbari i         presenti???

(Lucia esce per aprire)

LORENZO: Bhè… se capì bonu: era a fari allenamentu… e sicuramenti è in tuta e chiavi non sinni       puttò…

BENITO: A verità è chi iddu è comu a so patri e ti pozzu assicurari chi sunnu du pennuli, comu a          stu speci di rilogiu chi sona ma non cammina, e pi futtuna…  sunnu tuttu l’oppostu di me      figghia e me niputi Lucia. Iddi sunnu disturbatori nati…. Sono disturbatori della quiete     pubblica e privata….

(entrano Lucia e a seguire Nicola in tuta di allenamento)

LUCIA: Nicola, ti vogghiu presentari a Lorenzo…

BENITO: Si, si presenticcillu purru a iddu… non ti basta mi ciù presenti a to patri….

LORENZO: (si alza, stringe la mano) Piacere… da quel che ho capito sei il fratello di Lucia.

NICOLA: Proprio così, il fratello… ma non capì… invece cu sini tu? (un po brusco)

LUCIA: Ma Nicola ti pari u casu???

BENITO: Ti l’avia dittu che era megghiu si non ciu presentavi…

LORENZO: No, no… è giusto così. Del resto è colpa mia.. ho voluto io che Lucia non dicesse niente e quindi Nicola… non era preparato.

NICOLA: Preparato a chi???? Zumma Lucia.. cu è stu tizio?

LUCIA: (alterata) Stu tiziu… si chiama Lorenzo… ed è u figghiolo chi io vogghiu beni assai… e tu     è giustu chi u tratti chi giusti riguardi… capisti???

NICOLA:  U figghiolo chi vo beni assai??? Ma io nenti sapia i chistu. Veru è… non era preparatu.        Comunqui… bonu… sta calma… se la cosa è così… chi vo mi ti dicu. Scusimi Lorenzu e         tanti auguri. Assettiti… mettiti comudu…

LORENZO: (si siede) Grazie….

NICOLA: E così.. tu sini l’amicu novu di me soru…. mi fa piaciri.  Ma com’è chi non t’è mai                vistu…. Non sini di ccà?

LORENZO: dicemu chi avi picca chi staiu ta stu paisi… ma non ci sugnu mai…. Passu gran parti          du me tempu a Messina… all’Università…

BENITO: All’università??? Unni si studia????

LUCIA: Propriu così nonnu… Renzo sta pi divintari dottore in medicina

LORENZO: Calma… ancora mi mancano diverse materie…

BENITO: Miscula… dutturi sini. (pausa) U sa Renzucciu… avi na picca i tempu chi aiu un        dulureddu propriu vicinu all’ossu sacru.. chi po essiri secunnu tia…

NICOLA:  a vecchiaia ieni nonnu…. A vicchiaia

SCENA 5

(entrano dalla porta interna Masino e Ninetta tutti parati eleganti)

MASINO: purru u bagnu mi facisti fari.. erunu sei misi chi risistia e ora eppa veniri chistu pi…. (si accorge della presenza di Lorenzo) Buongiorno… vidu chi siti in cumpagnia…

LORENZO: (si alza) Buongiorno… scusate l’ora…

NINETTA: Scusatu sini… non ti preoccupari..

NICOLA: Si non ci facistu casu… ci sugnu purru io. Però, vi lassu pi quacchi minutu…. Vaiu mi          mi fazzu na bedda doccia alla siciliana…. Bedda brucenti. Con permesso Lorenzo.

(Nicola esce)

LUCIA: Mamma, papà… chistu è Lorenzo..

BENITO: (avvicinatosi ai fiori) e chisti sunnu i ciuri chi vi puttò vostru iennuru…

MASINO: Iennuru…. Non curremu… ancora prestu mi pari…

LORENZO: Già… i fiori li ho portati per lei… cara signora… speriamo siano di vostro gradimento...

NINETTA: Pi mia???? Matri.. chi sunnu belli… mai avia ricivutu ciuri…

LUCIA: Vidistu quantu è gentili???

BENITO: Non è sulu gentili.. eni purru dutturi…

LORENZO: Bè.. non ancora. Sono solo iscritto alla facoltà di medicina

MASINO: Vabbò, allura, quasi dutturi… settiti, mettiti comudu.…

LORENZO: (si siede) grazie…

MASINO: Comu dicisti chi ti chiami????

LORENZO: Lorenzo, ma per favore chiamatemi Renzo… lo trovo più intimo…

NINETTA: Con piacere…. Renzo..

MASINO: Renzo??? E picchì Renzo?

LUCIA: E’ u diminutivu di Lorenzo

BENITO: ed è comu u chiamunu l’amici e i parenti stritti… e nui semu stritti…

MASINO: (alla moglie) Renzo ca R… comu ricotta… matri comu diciva a pennula..

NINETTA: Chi c’entra sicuramenti è un casu… a mia mi pari un bravu figghiolu…

MASINO: Lucia, ma nenti cià offrutu a stu giovanotto?

LUCIA: Veramenti no… ma ora ci fazzu u caffè…. Tu pigghi u cafè Renzu???

BENITO: (non da il tempo a Lorenzo di rispondere) Fimmati a palla… cà u cafè si farà quannu ci         saremu tutti.…

MASINO: Picchì non semu tutti???

LUCIA: Già veru… scusimi nonnu… avi arrivari a to zita… scusa compagna…

MASINO: E poi si…  chi semu al completo

BENITO: e inveci non è così… saremo al completo dopo chi arriva puru me figghiu Renato

MASINO: (alla moglie) Matri purru a to frati Renatu nvitasti???

NINETTA: Io a nuddu nvitai… nenti sacciu di stu arrivu…

BENITO: Non sapiti nenti picchì u chiamai iò… sugnu vecchiu ma u telefunu u sacciu usari… ci           dissi mi veni e iddu mi dissi chi vinia pi subutu… e avissa arrivari a momenti…

NINETTA: Ma comu ragiuni papà.. mi putivi avvisari… così ci preparava a stanza…

BENITO: Chista è a me casa e io chiamu a cu vogghiu e quannu vogghiu… senza mi ci dumannu u       pimmissu a nuddu…

(suona il campanello)

SCENA 5

BENITO:  Si stavota non è idda giuru chi mi fazzu parrinu… Ninetta a duniti cu ieni….

(Ninetta guarda dalla finestra)

NINETTA: Na signura cun mazzu i ciuri te mani ieni… quindi sicuramenti sarà idda…. (ed esce per andare ad aprire)

BENITO: Idda, idda.. idda ieni… u sapia chi non tardava. E avi purru i ciuri…

MASINO: Comu semu cuntenti…  autri ciuri… così facemu u dui novembri…

(rientra Ninetta con Sara che ha fiori in mano ed un vassoio di pasticcini)

(appena entra Sara, Benito si butta quasi addosso)

BENITO: Ca sugnu… ca sugnu Saruzza… e sti ciuri sunnu sicuramenti pi mmia… (glieli tira dalle        mani) Chi su beddi e chi ciauru chi fannu…

LUCIA: Dalli a mia chi i mettu to vasu….

BENITO: No… i tegnu io e i mettu io to vasu. Sti ciuri sunnu i me… A me Saruzza mi regalò.

(Lucia le prende il vassoio dalle mani)

LUCIA: Almenu chisti i pozzu pigghiari io? Vaiu mi mettu to frigorifero… (esce un attimo e rientra quasi subito)

(nel frattempo Sara lancia un’occhiata a Lorenzo.. ricambiata)

(Masino se ne accorge)

MASINO: Ma vi canusciti pi casu viautri dui???

SARA: (quasi balbettando) no… no.. non aiu stu.. stu piaciri…

BENITO: (dopo che posa i fiori) allura tu presentu io… anzi fazzu tutti i prisintazioni. A me figghia      già a canuscisti, è chidda chi ti apriu a porta… poi c’è stu tiziu chi è me iennuru… ma di         iddu futtittinni…

NINETTA: Papà.. contiunuo io chi presentazioni… tu assettiti..

BENITO: Si si.. continua tu io mi assettu vicinu a Saruzza

(Benito e Saruzza prendono posto su un divano)

NINETTA: Allura du tiziu chi dicia me patri è me maritu… sta figghiola è me figghia Lucia e….

BENITO: ….A Renzucciu ciu vogghiu prisintari io.. iddu è Lorenzo ma pi mia e pi tia si chiama            Renzucciu, è quasi dutturi ed è u zitu di me niputi Lucia

MASINO: Quasi…è sulu quasi… quasi dutturi e quasi zitu. Iddu  non è u zitu… è quasi  zitu cu so      niputi Lucia chi poi saria me figghia…

SARA: (dal posto) Piacere…

LORENZO:  (imbarazzato) Il piacere è tutto mio…

BENITO: E tra quacchi mumentu arriva purru me figghiu chi travagghia a Roma, tu vogghiu fari          cunusciri picchì è l’orgoglio da famigghia… iddu è unu importanti.. non comu a stu cosu chi         si maritò me figghia. Poi sutta a doccia c’eni me niputi Nicola … ma chiddu non è   interessanti.. ni pigghiò i so patri…..

MASINO: I putemu fari sti cafè ora oppure ancora no…..

LUCIA: O papà aspetta… chi premura ha….

LORENZO: per me non ci sono problemi

SARA: E mancu pi mia ci sunnu problemi… io pozzu spittari.

NINETTA: Va bo.. alllura vistu chi problema non ci nni sunnu.. passamu e fatti concreti.

LORENZO: Allora se permette comincio io….

BENITO: Permesso accordato Renzuccio…

LORENZO: Be… capisco che conosco Lucia solo da pochi giorni…

MASINO: Quattru pi l’esattezza… u sapemu

LORENZO: Già sulu quattru iorna… ma pi mmia sufficienti a… capire che…

SARA: (di getto) a capiri chi???  chi si po capiri ta quattru iorna?? (imbarazzata) Oh scusate…

LORENZO: a capire che… Lucia è fatta per me. Ed io non ho dubbi. Pi stu motivu io ritinì       importanti veniri prima ta sta casa a canusciri i so genitori e a chiedere l’autorizzazione a…              poter uscire sempre ed in ogni caso cu idda…

LUCIA: (prende le mani di Lorenzo) Matri Lorenzo… quantu sini adorabili….

BENITO: L’avia dittu io… stu figghiolo è unu a postu… unu d’autri tempi…

MASINO: Sarà d’autri tempi ma è beni mi i mani i cumincia a livari i subutu di supra a me figghia…

(a questo punto il pendolo comincia a suonare)

MASINO: Muti, muti chi mi sta parrannu….

NINETTA: Sicuramenti starà dicennu chi è cuntentu…

BENITO: Io dicu chi sta dicennu chi sini cretinu…. (il pendolo smette) ora purru ca pennula si metti     a parrari

NINETTA: Allura chi è chi ti dissi?

MASINO:  no potti capiri… si ci parrati i supra comu vuliti mu sentu e mu capisciu…

SARA: Ma picchì…  to iennuru chi parra cu rilogiu???

BENITO: Bho???? Chista novità nova è pi mia…

LUCIA: (imbarazzata) E purru pi mia… chi è sta nuvità papà…

LORENZO: Ho capito... tuo padre vuol farsi gioco di noi….

NINETTA: Proprio così… cioè non proprio… iddu è un tipo scherzoso

MASINO: Già sogno scherzoso e così schezzavo con la mia pennola. Picchì, non vi piaci u schezzu?

(ridono tutti divertiti)

LORENZO: Allora signor Masino.. accossente???

NINETTA: Cettu chi me maritu accossente e accossentu purru io

BENITO: E purru io acco…. acco.. zumma puru io... Renzuccio…

MASINO: Chi bellezza…  i facemu ora sti cafè…

BENITO: Cettu… e ni manciamu purru i dolci chi ni puttò Saruzza…

NINETTA: Però prima mi pigghiu i dolci e facemu u cafè… mi pari chi tu papà… na ddiri         quacchi cosa…

MASINO: Na ddiri u motivu da visita di sta figghiola…

BENITO: A ttia non t’anteressa… anzi non ci’anteressa a nuddu… picchì io ca sugnu u patruni i          casa…

SARA: Bhe.. forsi è beni mu spiegu io… u motivu da me presenza ta sta casa…

LORENZO: Veramenti mi pari puru u casu…

LUCIA: Ma Lorenzo…

SARA: No, no Lucia… u to zitu ragiuni avi… è giustu diri chi..

BENITO: Chi è nnamurata i mia e chi veni a stari ca ta sta casa.. e pi subutu…

SARA: Be proprio pi subutu no….

BENITO: I pigghiamo ora sti pasticcini??? Anzi vistu chi non vi smuviti viautri ci vaiu io…. Prima       vaiu o bagnu ch’è fari un bisognino.. poi pigghiu sti benedetti dolci e festeggiamu. (si alza)      Mi raccumannu Saruzza spetta …. Subutu mi sbrigu e sugnu unni tia… (esce)

NINETTA: va bo va… intantu chi me patri è to bagnu… io vaiu a fari  u cafè… 

LUCIA: No mamma, aspetta, u cafè aiu u piaciri mu fazzu io… tu inveci va a controllari o nonnu…      non vurria chi cu tutti sti emozioni si sintissi mali…

MASINO:  ma quali mali…. iddu a piddazza dura l’avi… e i problemi ci fa veniri all’autri. Per esempio a mia mi vinni un forti duluri i testa e purru di stomucu.  Ninetta, chi fa ma fa na    picca d’acqua bugghiuta? O vaiu mi ma fazzu io….. (fa per uscire)

NINETTA: Spetta chi ta fazzu io sta acqua bugghiuta… Scusati ma si non cià fazzu iò… chiddu è        capaci di cumminari un macellu ta dda cucina  (escono marito e moglie dalla porta interna)

LUCIA: Mi pari chi ristammu sulu nui…. E io avissi annari a fari u cafè…

LORENZO: Se vuoi, mia cara… puoi andare non ti creare problemi a lasciarci soli… almeno per           me…

 SARA: Mancu pi mmia ci sunnu problemi Lucia…

LUCIA:  Bhe, allura se è così… pirmittiti un mumentu… fazzu u cafè e tornu subutu… Lorenzu,          ora u vidi chi cafè sugnu capaci di fari….

(Lucia esce)

SCENA 6

(Sulla scena Lorenzo e Sara….. restano un po in silenzio. Lorenzo si alza ed esplode…)

LORENZO: Brava… e così ti facisti zita… e cu un vecchiu chi ti po veniri patri e a mia nonnu

SARA: Propriu tu parri chi ti facisti zitu cu na muccusa chi faci bonu u cafè… e senza mancu dirmi      nenti…

LORENZO: Non è na muccusa e poi…  si io non ti dissi nenti.. tu chi facisti? mi l’ha mucciatu finu      ad ora. (pausa) Ma ti pari giustu chistu??? Ti pari giustu…  mamma…. Ti pari giustu???

SARA: No, non mi pari giusto….  Così comu non mi parri giustu chi tu… ti avia a mettiri                       propriu cu so… nipoti. E chistu non è possibili…

LORENZO: Io non ci cuppu si m’innamorà propriu di idda… e poi vallu minimamente a pinzari chi      propriu me mamma è a zita du nonnu… e dicu nonnu intesu comu vecchiu, della ragazza      che amo.

SARA: Amo…. Ora iddu sapi cos’è l’amuri… ta quattru ionna ca canusci .

LORENZO: Pi mmia sunnu sufficienti… ma pi ttia non basta na vita. (pausa) Io ti l’avissi ditto            oggi stissu, ma tu mi l’avissi dittu da to tresca??? Mi l’avissi dittu?

SARA: Ti l’avissi dittu… a cosi fatti,  ma ti l’avissi dittu.

LORENZO: A cosi fatti.. cettu, quannu iddu t’avissi pigghiatu a stari ca… e io??? E chi avissi fattu     i mia… m’avissi lassatu sulu. Sicuru… ti ni avissi scappatu.. così comu già fici me patri    quannu seppi che tu eri incinta i mia…..

SARA: Cca to patri non c’entra, io non sugnu comu a iddu… io non n’aiu culpa si iddu             scumpariu… si mi lassò ‘nmezzu a na strada…. Chi culpa n’aiu iò?… di chi mi vvo   culpari?…

 LORENZO: Di nenti ti inculpo… Ma pi favuri basta. Non ni pozzu chiù di sentiri sempri sta                musica…, a canusciu memoria… cancia discu

SARA: Io u canciu u discu… ed è pi chistu, pi canciari discu… pi non cantari chiù a stissa canzuna       chi..

LORENZO: …Chi ti mittisti cun vecchiu…  ma almenu ci vo na picca di beni???

SARA: Cettu chi ci vogghiu beni… e nu bravu cristianu, affettusoso …

LORENZO: ma sini innamorata di iddu?

SARA: è nu bravu cristianu… affettuoso…

LORENZO: chistu u capì… vogghiu sapiri si sini innamurata

SARA: Namurata… chi paruluna. Non aiu chiù l’età e mancu cori pi grandi amuri… ma ci vogghiu       un grandi beni…. E poi…..

LORENZO: … e poi… avi na bella picca di soddi…. Giustu? E chisti non guastano

SARA: No Renzu, non è propiu così… pi favuri non mi giudicari… non lo merito, non lo merito..

(si avvicina a Lorenzo)(Lorenzo la respinge)(poi le prende le prende le mani)

LORENZO: Mamma, pi favuri.. non fari pazzii….

(e l’abbraccia)

SCENA 7

(il pendolo comincia a suonare……)

(entra Benito dalla porta interna, si aggiusta ancora i calzoni, e li vede abbracciati… il pendolo si blocca….)

BENITO: Minzica…. Ancora mancu ziti semu…  e già curnutu mi facistu!!!!!!!

FINE PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

SCENA 1

(Sulla scena Masino, Ninetta, Benito e Nicola)

(Masino davanti al pendolo, Benito che passeggia agitato, Ninetta che versa del caffè da una caffettiera e Nicola seduto e pronto a prendersi il caffè versato)

MASINO: L’avia ditto iò.. a me pennula non mente…

NICOLA: cettu… purru vulennu mancu u putissi fari… dal momento che fa sempri mezziornu…

MASINO: Tu si sempri u solutu deficienti… non mi riferisciu a l’orario, ma a chiddu chi mi dissi          assira…

NICOLA: Chi ti dissi cu?

MASINO: ....  A me pennula….

NICOLA: … a pennula??? Picchi chi fa… parra???

NINETTA: Parra, parra… o almenu così dici to patri… chi du rilogiu ci parra attraversu u din, don,      dan…

BENITO: E allura si ci parrò puru i mia.. pozzu sapiri chiddu chi ci dissi?

MASINO: Veramenti non mi parrò espressamenti i tia…. Anzi di tia non mi ni vosi propriu parrari.       Mi dissi sulu c’aviumu a stari attenti a cosi o cristiani chi cuminciunu ca R..

NICOLA: Ca erre di Roma??

MASINO: No… di ricotta

NINETTA: Veru è di ricotta… ricotta funnata o frisca… mi pari chi dissi…

BENITO: E allura io chi ci trasu…

NICOLA: Già... u nonnu chi ci trasi? A so zita… scusa ex zita o compagna si chiama Sara e u   zitu…. scusati l’ex zitu di Lucia si chiama Lorenzo…. Quindi nuddu di dui cumincia pa        R…. erre di ricotta…  non di Roma…

MASINO: Tu scuddasti comu si faci chiamari di parenti e amiici stritti sta speci i galantomu?

BENITO: Io u sacciu benissimo… Renzu si fa chiamari du scelleratu

MASINO: Renzu ca Erre. Vidistu chi aiu ragiuni io???

NINETTA: Allura secunnu a to sveglia… u pericoloso era sulu Lorenzu… u zitu di Lucia…. Matri,      matri, matri… chi figghia sventurata…

NICOLA: Mi parri cu papà contaggiò magara a tia.. si ci cridi a sti fissarii…

MASINO: Inveci chisti non sunn fissarii…. Vu dissi prima a me pennula non mente…

BENITO: Mi staiu cunvincennu chi  forse… è dari ragiuni a to patri, Nicola…

NICOLA: Tu chi ci duni ragiuni a me patri??? Matri bedda…. Brutta a pigghiasti sta botta…

BENITO: C’è dari ragiuni picchì a pennula… numinò purru l’iniziali du nomi i Sara…

NINETTA: Chi c’entra papà??? Sara cumicia pi S… esse di Sali marino o inglese… e non pi Erre          di Ricotta…

NICOLA: Mi parri di capiri… Sara è u diminutivi di Rosaria…. Giustu?

BENITO:  Propriu così… idda o comuni si chiama Rosaria… Rosaria Bellona…

MASINO: (euforico) Rosaria ca Erre…. Minzica a me pennula non sbagghia un coppu…. Tutti e           dui inzittò…

(in questo momento suona il pendolo)

(Masino si mette in posa d’ascolto)

MASINO: Muti, muti… (pausa) mi sta dicennu… chi è cuntenta picchì capemmu tutti i cosi

(s’interrompe)

BENITO: Almenu è cuntenta idda.. a to pennula…

NICOLA: Ma nonnu.. pigghila cu filosofia… voli diri chi non facia pi ttia… e poi, comunqui…            (pausa) io tuttu stu casinu, sta esagerazioni chi stati facennu viautri na staiu capennu…

NINETTA: Picchì chi esagerazioni sta vidennu…

NICOLA: Doputtutto, nonnu… chiddi chi vidisti bbrazzati, .  mamma e figghiu sunnu…

BENITO: E ti pari picca??? chiddi o sunnu bastasi pervertiti… o vinniru ca ta me casa in comuni          accordu… facennu tutta sta commedia mi mi spillunu quacchi soddu…

NINETTA: E non capisciu comu tu figghiu, espertu comu ti senti, no capisci chistu….

NICOLA: Sarà… però, non rinesciu a capiri picchì ebburu tuttu stu gran bisognu mi si brazzunu ca       ta sta casa… e si vulivunu bbrugghiari… bastava chi si presentava sulu a matri o sulu u             figghiu a farsi zitu e non tutti i dui e contemporaneamenti… a mia mi pari strana sta cosa…

MASINO: Io non ci trovu nenti di stranu. Si presentaru assemi in modo chi si falliva una c’era              sempre l’autru i scorta e poi… si non sunnu bastasi invertiti comu dici me soggiru…                    sicuramenti vosuru festeggiare il trionfo della rinisciuta dell’affare con un abbraccio, ma la     mia pennula li ha sgamati e cuminciò a sunari pi tirari a nostra attenzioni. Mi pari evidenti.

NICOLA: Comunqui a cosa non m’anteressa e non ci vogghiu pinzari chiù…

SCENA 2

(entra in scena Renato, con un paio di jeans ed una camicia che ancora abbottona)

RENATO:  Secunnu mia, Nicola avi ragiuni e tu papà si ci vo beni, cià dari ancora na chance a to          zita… 

MASINO:  … Ma non ti po fari i cazzitti to???

NINETTA:  (palesemente seccata) Buongiorno Renato.. ti svigghiasti di già? Putivi dommiri nautra      picca vistu ca arrivasti taddu a ieri notti…

RENATO: Veramenti non fu io chi mi vosi svigghiari, ma fu da pennula chi mi ittò du lettu.. e poi         stanotti…. non è chi dummì assai. Lucia stesi cu mia quasi tutta a nuttata… mi cuntò, tra na cianciuta e l’autra, tuttu chiddu chi succidiu assira ta sta casa… Poi ta matinata ciccai di           chiudiri na picchicedda l’occhi… ma ci pinzò da pennula a tenermi sveglio sunannu ogni          quartu d’ura..

NINETTA: Ni sacciu quacchicosa io da pennula di me maritu…

MASINO: Quannu non n’aviti argomenti siti sempri pronti mi va pigghiati ca me pennuluzza…

NICOLA: A cosa chi mi fa dispiaciri chiossà è pi me soru. Doputtutto un bravu figghiolo mi parsi         Lorenzo…

MASINO: Ma da che cosa lo hai dedotto –minzica chi paruluna chi mi vinni-… ora arrivi tu cu             vidisti, si e no, cinqu minuti e deduci, ripeto deduci, chi è nu bravu figghiolo. (pausa)                       Ta sta famigghia siti troppu frettolosi a cunusciri i genti. A to soru ci bastaru quattru iorna di   conoscenza pi parrari già i matrimoniu…

BENITO: (gridando) Ca intra non c’ianna mettiri chiu pedi nuddu di dui… ne matri ne figghiu…         almenu finu a chi campu io… e puru dopu…. U mettu to testamentu…

(suona il campanello)

BENITO: (di getto) Idda, idda è…. iapritici chi pigghia friddu… (si precipita alla finestra e                   deluso..) Non è idda… na figghiola chi non canusciu è..

SCENA 3

NICOLA: Na figghiola a sta ura? Aspetta chi mi dunu io (controlla dalla finestra) miscula veru è…      na figghiola eni… e ch’è bidditta. Fermi tutti… chi ci vaiu io mi ci apru

(esce di corsa per aprire)

MASINO: Buon sangue… ogni tantu si cunfunni: Nicola pi fimmini ni pigghiò i so nonnu e di du         fimminaru i so ziu Renatu… mancu un pilu ni pigghiò i mia… chi avi na vita chi staiu cu…    ba… lassamu peddiri…

NINETTA: A propositu Renatu… non è chi è quacchiduna di to pollastrelle chi seppi chi vinivi ca?

RENATO: Ma quannu mai… quali pollastrelle.. e poi sulu a me segretaria, chi avi sissantaquattru          anni, sapi chi sugnu ca e chidda non parra mancu a cannunati si non ciù dicu io…

(entra prima Nicola e a seguire Gisella)

NICOLA: Prego signorina.. si accomodi… faccia come se fosse a casa sua…

MASINO: No, si fimmassi… m’ava a scusari, ma prima di accomodarsi ema  a fari a prova da   pennula.

RENATO: Chi è c’ava a fari sta signorina???

NINETTA:  Lassa peddiri Renato… po ti spiegu…

(Gisella guarda perplessa senza parlare)

MASINO: Non si preoccupassi signurina… la prova pennula è sulu na formalità.

NICOLA: Ma papà…

MASINO: Mutu cretinu.  Allura signurina, m’ava sulu diri u so nomi di battesimu….

GISELLA: (stupita) Gisella

MASINO: Gisella ca gi di girasa… va bo.. prova superata… po trasiri.

GISELLA: Ma…  potrei capire???

NINETTA: Nenti... signurina.. na storia longa eni. Si sittassi.. si mittissi comoda.

(Gisella prende posto sul divano e subito Nicola si siede vicino)

NICOLA: Io sono Nicola…. Quella che vedi è la mia famiglia (pausa) Oh scusa.. ti ho dato del tu.

GISELLA: Non ci sono problemi… il tu lo preferisco.

NICOLA: Allora anche tu devi darlo a me…

BENITO: Perfetto.. ora chi sapemu chi ni putemu dari tutti u tu… putemu sapiri purru u motivu di       sta visita mattutina?

RENATO: Capisco che Gisella si sta confondendo... oh scusa, ho detto Gisella senza signorina …        permetti che anche io ti dia del tu? Anche tu  puoi darlo a me…

MASINO: A vulemu smettiri cu tutti sti smancerii e a facemu parrari?

GISELLA: (si alza) Bhè… adesso è un tantino imbarazzante.

NINETTA: U sapia io.. a facistu imbarazzari. Gisella parra tranquilla chi a sti cani in calore ci     penzu io mi ci mettu a museruola.

GISELLA: (imbarazzata) U fattu è… chi iò vinni cà… picchì sugnu vicina di casa e grande amica        di dui cristiani chi vui canusciti beni…

RENATO: Mi pare di capire qualcosa.  Amici.. proprio grandi amici aviti a ghiessiri si vinisti finu          a cà…

GISELLA: Propriu così… figurativi ca me famigghia e iddi, emu statu sempri vicini di casa e non         n’avemu sciarriatu mai na vota. Prima staumu tutti a Missina.. poi… quannu me patri         decidiu            di canciari postu e trasfersi ca.. cu tutta a famigghia, purru iddi ficiru a stissa cosa e   si stabilero cà… to stissu paisi e ancora vicini i casa..

 BENITO: Ma si po sapiri di cu sta parrannu sta figghiola?

NICOLA: Comu di cu nonnu??? di Lorenzo e da to Saruzzedda….

BENITO: Ahhh di Saruzza parra e comu staci… comu staci…

GISELLA: E comu vuliti mi staci… mali staci…

MASINO: Io, non sacciu picchì… e puru si a me pennula non mi dissi nenti, io sentu puzza i     bruciatu. Non è chi sini daccordu magari tu a stu giuchittu ingannatorio..

BENITO: Veru è… forsi avi ragiuni iddu e tu sini a zita di Lorenzo e complice du fattacciu

GISELLA: Ma quali zita di Lorenzo. Io a Lorenzo u canusciu da sempri… niautri si po diri chi nascemmu assemi e semu comu a du frati…

BENITO: E chistu non voli diri nenti… Si stu scellaratu di Lorenzu si brazzò sutta i me occhi ca so       mamma vera… figuramuni chiddu chi po fari cu na soru finta….

GISELLA: Va bonu va… io vi vulia spiegari chiddu chi succidiu in realtà.. ma si a viautri non   v’anteressa… vorrà diri che tolgo il disturbo

MASINO: Propriu così… a porta è chidda (indicando la porta esterna)

SCENA 4

(entra Lucia)

LUCIA: E invece interessa a me… quindi tu Gisella non ti muovi da dove sei…

RENATO: Ma voi vi conoscete…

GISELLA: Cettu chi ni canusciemu.. c’era purru iò quannu quannu si canusciu cu Lorenzu… anzi         si non sbagghiu ciù presentai propriu iò

MASINO: Bella cosa chi facisti…

NICOLA: Siamo tutto orecchi… forza dici quello che hai da dire…

MASINO: E poi smamma…

GISELLA: Vogghiu diri sulu chi iddi non sanno mancu chi io sugnu ca…

NINETTA: Va bo.. contiua

GISELLA: E vogghiu purru diri chi nuddu di dui ciccò di ingannarvi. Si inganno ci fu.. furunu iddi     stissi ad ingannarsi l’unu cu l’autru

MASINO: Mi sta piacennu sta favola… forza continua videmu comu finisci…

RENATO: A lassi continuari in paci?  Continua pura Gisella cara…

GISELLA: Sara non ci avia ditto nenti a Lorenzu du signor Benito picchì sapi quantu iddu è gilusu      e possessivu te so confronti e mai l’avissi accettatu…

LUCIA: E Lorenzo? picchì non ci dissi nenti a so matri i mia???

GISELLA: Picchì… secunnu tia picchì?  iddu è un tipu particolari, campa di insicurezze, si scanta        sempri chi nuddu u voli e chi tutti l’abbandonunu..

LUCIA: Chistu u sacciu mu dissi purru a mia… U fattu chi non canuscìu a so patri chi si nannò             quannu so matri era ancora incinta i iddu, u fa campari di scantu…

GISELLA: Capisti allura??? Prima vulia essiri sicuru di essiri accettato da to famigghia e sulu dopo      ci l’avissi ditto a Sara, so matri…

RENATO: E così u patri di stu Lorenzu scappò quannu so matri era ancora incinta. Chi razza di            farabbuttu..

GISELLA: Si… u po’ diri forti.. un farabbutto

NICOLA: Ma chi si sapi di iddu, di stu ‘mfami d’uomo… Campa, muriu… unni staci???

LUCIA: A chistu rispunnu io… Lorenzo mi dissi chi so matri ci dissi… chi muriu in un incidente e       di iddu si piddiu ogni traccia… ma a cosa chiù brutta è chi non avi mancu na fotografia unni          ci po cianciri o unni… scusati, ma sunnu paroli so, ci po sputari i supra…

BENITO: Ma almenu comu si chiama u sapiti???

GISELLA: Cettu chi u sapi… Matteo… si chiamava, ma u cognomi non mu ricordu…

NINETTA: Nuncinteddu… quantu ha suffrutu stu figghiolu..

RENATO: Va bo…. Io direi di di pensarci un istante e di chiamarli qui a discutere e a chiarire   l’equivoco…

MASINO: Io dicissi invece mi tu ti fa gli affaretti toi… e lassamu i cosi comu stannu.  Stu picciottu     e so matri a so casa e me figghia a me casa.

BENITO: A casa è a me e non tò… e decido iò. Gisella, va di cursa a chiamari a me Saruzza e so          figghiu Renzucciu e dicci mi venunu subutu ca chi c’è parrari…

GISELLA: (di scatto) Lo faccio subito…

NICOLA: Aspetta Gisella ti ccumpagnu iò.. così facemu prima…

GISELLA: Si, grazie.. io sugnu puru a pedi…

(ed escono)

MASINO: (al suocero) E così chi è ti passaru tutti i cosi???? Non eri chiddu chi dicivi chi ne vo            chiù vidiri ta to casa a mamma e figghiu???? Mi pari chi ‘nvicchiasti purru i ciriveddu…

NINETTA: Masino, non ti permettu mi ci parri così a me patri… purru si forsi ha ragiuni tu..

LUCIA: Picchì avi ragiuni.. non po essiri inveci chi ragiuni l’hannu iddi e Gisella ni cuntò a verità?

MASINO: Non po essiri chiddu chi dici tu… picchì a ragiuni l’avi sulu a me pennula e a me                  pennula mi dissi ch’ema a stari attenti a chiddi chi cuminciunu pi erri e iddi cuminciunu         tutti e dui pi erri di ricotta.

RENATO: Ma si po sapiri chi centra sta pennula? E poi mu diciti chiddu chi ci facisti fari a da figghiola quannu trasiu….

MASINO: La prova pennula… La mia amata pennula mi dissi chi i cristiani chi u nomi cumincia pi       erri…..

BENITO: di ricotta.. non di Roma…

MASINO: sunnu pericolosi e chi è meglio evitarli.. zumma ni mettunu te guai…

RENATO: E allura scantativi purru i mia… dal momento chi mi chiamo Renato e Renato cumincia       pi erre.. di ricotta…

MASINO: Veru è…. bedda matri… purru di tia ema stari attenti…

LUCIA: A vulemu smettiri… chiddu chi pi mia avia a ghiessiri un ghiornu felici si sta trasfurmannu      in tragedia e pi cuppa… di nu rilogiu…

(il pendolo comincia a suonare)

MASINO: U sapia.. l’offennisti…. Non capisci chi chidda sensibili è….

(il pendolo smette di suonare e contemporaneamente suona il campanello)

MASINO: matri… chi sonu stranu chi fici…..

NINETTA: Ma quali sonu stranu.. u campanellu ieni…

BENITO: Iddi sunnu… iddi sunnu… O Lucia pi favuri duniti tu… io troppu stancu sugnu

(si siede e Lucia va a vedere alla finestra)

SCENA 5

LUCIA: Veramenti iddi sunnu (Va ad aprire)

RENATO: Così finalmente canusciu a zita di me patri e o me novu niputi…

MASINO: Chi semu cuntenti i chistu….

(entrano Nicola e Gisella e dietro Lucia e Lorenzo)

NICOLA: Missione compiuta… puttammu u zitu

(Gisella prende posto)

LUCIA: Accomodati Renzo…

LORENZO: (imbarazzato si siede vicino a Gisella) Grazie…. Buongiorno a tutti.

NICOLA: A me famigghia a canuscisti già.. e chistu e me ziu Renatu…. Iddu staci a Roma.

RENATO: Piacere….

BENITO: (a Lorenzo) Ma to matri chi fini fici… picchì non è cà..

LORENZO: Nenti ora arriva… dissi chi prifiria veniri a pedi così approfittava pi pinzari na picca.

MASINO: Cettu avi a pinzari a comu ni po futtiri megghiu… e cu vostru aiutu tuttu ci veni chiu facili.

BENITO: Ou.. ma ti fissasti ca me Saruzza… pardon ca mamma di Renzucciu… Un coppu i lignu        ti dugnu si parri ancora.

NINETTA: Comunqui…. To frattempo chi arriva Sara… io passu da banna a preparari u cafè.. (alla      figlia) O u vò priparari tu, Lucia…

LUCIA: No, no…. Vallu a preparari tu.. iò restu cà cu Renzu…

NINETTA: Con permessu allura… (ed esce dalla porta interna)

LORENZO: Prego…..

RENATO: Lucia mi dissi a ieri notti.. chi tu studi pi divintari dutturi..

LORENZO: Si, all’università di Messina…

RENATO: Ti manca ancora assai???

LORENZO: Be sono un po indietro con le materie… ma conto di farcela per l’anno prossimo

RENATO: Ma si… sini ancora così giovani chi un anno non cunta propria. A proposito quanti anni       ha, Lorenzo…

LORENZO: Io… 23….

BENITO: A smittemu ora cu stu quartu gradu e u lassamu na picca in paci a Renzuccio…

NICOLA: Giustu.. a iddu… u lassamu in paci, picchì io e Gisella v’ema a diri na cosa importanti.         Giustu Gisella?

GISELLA: No sacciu si chistu è mumentu giustu, Nicola…. Magari ni parramu poi…

NICOLA: No, ora… u ferru si batti finchè è cauddu….

GISELLA: Allura facemu comu vo tu…

(nel frattempo rientra Ninetta che ha ascoltato tutto)

NINETTA: Non mi diri chi ti facisti zitu…

NICOLA: Propriu così.. e sugnu cuntentu…

GISELLA: (gli prende le mani) Purru iò sugnu cuntenta….

MASINO: (sbattendosi la testa al muro) Ma ca semu tutti pazzi… si fannu o fidanzamenti strani,          comu chiddu di me soggiru.. o fidanzamenti fulmineiiii comu chiddu di me figghia e ora di      stu braciulu..    Ma a vulemu smettiri…

RENATO: Ma dai, Masino…. Che importa…. L’importante è che si vogliono bene.

(suona il campanello)

SCENA 6

(Benito va di corsa alla finestra)

BENITO: Idda è…. idda è… iapritici, iapritici

NINETTA: Lucia vacci tu… io vaiu da banna a dunarmi pu caffè….  (esce dalla porta interna)

(Lucia esce per andare ad aprire)

BENITO: miscula mi raccumannu… na facemu biliari a Saruzza…

MASINO: Io non ci penzu propria.. anzi u sapiti chi fazzu? Passu da banna ad aiutari a me        mugghieri

(esce dalla porta interna)

RENATO: Finalmente vedrò come è fatta sta famosa Saruzza…

(entra Lucia e a seguire Sara)

LUCIA: mettiti comoda Sara…

BENITO: Si, si mettiti comoda.. mettiti vicino… mettiti unni vo tu… basta chi sta comuda..

RENATO: E così tu saresti Sara… la nuova fiamma di mio papà

SARA: E tu sicuramenti sini Renatu… u figghiu chi travagghia a Roma….

BENITO: Chi bellezza pigghiaru subutu confidenza…  già u tu si dununu…

GISELLA: Cettu… dopututtu parenti sunnu oramai…

NICOLA: Vistu chi i cosi si sistimaru e io mi fici zitu…… chi ni pinzati si festeggiamo tutti assemi       cu champagne e pasticcini…

LUCIA: I pasticcini ci sunnu chiddi chi puttò a ieri Sara….

NICOLA: O champagne ci penzu iò… vaiu  subutu mu cattu. Ni cattu na buttigghia speciali. Gisella    veni cu mia?

GISELLA: Certu chi vegghiu…

NICOLA: Con permesso

(i due escono)

RENATO: (che continua a guardarla da quando è entrata) Ma è sicuru chi niautri non ni           canuscemu?

(entrano dalla porta interna Ninetta che tiene una caffettiera e Masino che tiene un vassoio in mano con le tazzine vuote)

NINETTA: Fozza pigghiativi u cafè… mentre è ancora cauddo

(pongono il tutto su un tavolino, Masino versa il caffè nelle tazzine e Ninetta li passa agli ospiti)

BENITO: E com’è ca po canusciri.. idda di Missina eni. Avi picca chi staci ta stu paisi e tu avi chiù       di vint’anni chi manchi…

SARA: Vintitrì pi l’esattezza..

RENATO: Proprio così… mancu da ventitre anni… partì subutu dopu chi fici u militari. Ma tu comu fa a sapirlu… Ho capito tu dissi me patri…

BENITO: Io nenti a nuddu ci dissi…

LORENZO: Mamma, allora tu come fai a saperlo

SARA: U sacciu e basta…. Sacciu puru cu u militari u facisti a Missina.

RENATO: Si… a Missina u fici u militari. Aspetta, aspetta (la guarda come a volerla studiare) si…      tu mi ricordi na figghiola chi canuscì quannu era militari, ma chidda si chiamava Rosaria e       non Sara comu ti chiami tu…

MASINO: Purru idda si chiama Rosaria… Rosaria ca erre di ricotta…

BENITO: Sara è sulu un dinutitivu… zumma u so nomi chiù curtu.

RENATO: allora sei proprio tu… un po cambiata, ma sei tu…. chi bellezza. Ti ho lasciato come             amica e ti ritrovu come mamma acquisita…

BENITO: Mu sintia io…. chi chistu è un ghiornu futtunatu…

MASINO: A mia mi pari propriu di no… purru si a me pennula pari chi piddiu a parola.

LUCIA: Sara… picchì non ni cunti comu canuscisti o ziu Renatu

BENITO: Si.. si purru io u vogghiu sapiri.

RENATO: No, no… non diri nenti Rosaria.. picchì u vogghiu cuntari io…

SARA: E allura cunticcillu tu

RENATO: Era in libera uscita, così io e un me cumpagnu di camerata ni ficimu u giru di negozi.            Arrivati a Standa notammu na bedda figghiola chi si stava pruvannu un paru di scappi. Io   m’avvicinai e ci dissi: secondo me le scarpe che fanno per lei sono queste… e ci ni indicai       nautru parru… senza diri nenti si pruvò.. ci piaceru e si ccattò…. Grazie mi rispunniu

SARA: Veramenti, vistu chi era vistutu normali e non in divisa, pinzai chi era un commesso, ma poi      mu ritrovai a nisciuta da Standa…

RENATO: Ni ficimu simpatia e così nasciu una bella amicizia…

SARA :  Già… na bella amicizia

BENITO: Vorrà diri chi e festeggiamenti ci giungemu anche questa ritrovata amicizia.

RENATO: (pausa) Passaru vintitri anni… propriu quantu l’età di to figghiu…

SARA: Già… propriu quantu l’età di Lorenzo…

(suona il campanello)

(Lucia va direttamente ad aprire)

MASINO: E cu po essiri ora… dda malanova mancu si duna prima di apriri…

BENITO: Ma chi bisognu c’è, Nicola e a so zita sunnu chi venunu ca buttigghia di champagne pi          festeggiari

(entra per primo Nicola baldazzoso e a seguire Lucia e Gisella)

NICOLA: (con la bottiglia in mano) Allura a cu si spetta per dissetarci.. fozza pigghiati i bicchieri.

LORENZO: Spetta chi prima vogghio capiri na cosa importanti…

LUCIA: E chi è chi vo capiri, Renzu???

LORENZO: Vogghio capiri, o megghiu sapiri si to ziu canusciu a me patri…

RENATO: No… no canuscì. L’eppa canusciri dopo. Io a nuddu canusciu chi si chiama Matteo…

SARA: Sini sicuru??? Penzici bonu…

RENATO: Avi mezz’ura chi ci penzu, ma non mi veni in mente nuddu…

SARA: Allura non ti ricordi mancu comu mi dicisti di chiamarti quannu mi canuscisti…

RENATO: E comu vo mi mu ricordu dopu tuttu stu tempu… io mai ci dava u me nomi veru e   fimmini quannu i vidiva pa prima vota…

SARA: Mu ricordo iò…… Matteo… mi dicisti chi ti chiamavi…

GISELLA: matteo???? Comu u patri di Lorenzu???

BENITO: (si siede) matri… mi staiu sintennu mali…

MASINO: Basta… ora basta, sta cummedia sta pigghiannu na brutta piega. Mi pari chi stati      esagerando.

NINETTA: Chi vo diri cu sti affermazioni Sara… parra chiaru…

LUCIA: E chi avi a parrari chiu chiaru di cosi?… sta dicennu chi Lorenzo è u figghiu du ziu                  Renatu, me cucinu.. (piange e si appoggia su sua madre)

LORENZO: Mamma, dimmi si chiddu chi dissi Lucia è veru. (Sara non risponde)

RENATO: Ma iò… tu dissi poi u me veru nomi…

SARA: Cettu chi mu dicisti, ma sulu l’ultimo iornu chi ni vistimu. Mi dicisti chi ti era arrivata    un’offerta da Roma in una grande impresa di costruzioni.. e chi pattivi subutu finutu u             militari. Mi dicisti chi non avivi intenzioni di lassari i studi e chi avissi continuatu a studiari     a Roma… eri così entusiasta…

RENATO: Ma io nenti sapia chi tu eri incinta…

SARA: E mancu iò sapia nenti ta du mumentu… quannu u seppi mi cadiu u munnu i supra. Era             combattuta se dirtelo o no… e poi decidì di non dirti nenti… non ma sintiva di rivinarti u      futuru…così mi inventai cu tutti chi avivi murutu ta un incidenti… e chi ti chiamavi Matteo,     doputtutto c’è mezza verità: io cu stu nomi ti canuscì…  

(cala un po di silenzio)

NICOLA: (rimasto con la bottiglia in mano) Chi facemu allura a iapremu sta buttigghia?            Doputtutto si po festeggiari puru u ritovato papà di Renzu…

LORENZO: No, no, no…. Ma u capiti…. Così no. Truvai a me patri, ma o stissu tempu piddì a            Lucia…. Idda, Lucia… è me cucina. Avemu u stissu sangu…

SARA: Pi chistu… ora cuntà ogni cosa… pi chistu. Vinni ca, ta sta casa… picchì non cia facia chiù… travagghiava… facia i pulizii te casi, te circuli, unni capitava… ma  i soddi non    bastavunu mai. Renzu s’ava a laureari e unni i pigghiu tutti sti soddi mi ci mantegnu i                  studi…

NINETTA: Così approfittasti i me patri mi ci spillavi i soddi giusti

MASINO: Avia ragiuni allura a me pennula…

SARA: Si, propriu così… del resto Renzu è puru sangu du vostru sangu… e così, quannu Gisella mi     dissi chi si trasferia cà ca so famigghia mi vinni l’idea: Renato, purru si non sapi nenti di stu figghiu, ava a contribuire u stissu a so rinisciuta… e si no po fari iddu personalmente… u         faci so patri o so postu…

LORENZO: Mamma, ma chista è na cattiveria…

SARA: E quanti cattiverie, umiliazioni supputtà io mi ti dugnu un futuru…

MASINO: Poi quanni trasisti ca e vidisti a to figghiu innamurata i me figghia ti pigghiò un coppu

SARA: Si…. Fici svaniri tutti i miei piani. Lucia e Lorenzu… sunnu cucini carnali. E iò non pozzu        pimmettiri mi cci brogghiu finu a stu puntu…

NICOLA: Allura na iapremu chiù sta buttigghia?

MASINO: E picchì no…  inveci io dicu chi è u casu ma iapremu… Lorenzu truvò finalmente a so         patri, Sara o so veru uomo… chi sicuramenti ora chi sapi chi è patri si assumi i so          responsabilità

RENATO: Certu chi mi l’assumu i me responsabilità… si idda voli… anzi si iddi vonnu Sara e Lorenzo mi trasferisciu alla sede di Messina e vaiu a stari cu iddi…

SARA: (si avvicina) Cettu chi vogghiu Reanutu… e vorrà puru Renzu… damuci na picca i tempu…

LORENZO: sarà…

MASINO: Du braciulu di me figghiu Nicola si fici zitu cu sta bedda figghiola e me figghia Lucia…

NINETTA: to figghia Lucia?

MASINO: Me figghia Lucia si renderà conto assai presto che non piddiu l’amuri. Anzi conquistò          l’affetto di un figghiolo a posto. Vulirsi beni non è sulu stari assemi, viviri tutti i iorna                bbrazzati.. Si po vuliri beni anche senza essere amanti, to veru sensu della parola. E poi                      Lucia è così giovani chi ancora ni truvirà ziti…

GISELLA: Giustu… allura ema ghiessiri tutti cuntenti e manu e bicchiera.

(Ninetta prende i bicchieri)

NICOLA: (tiene in allto la bottiglia) Allura semu pronti????? (la apre) cin, cin

(parte la musica e si scambiano tutti gli auguri, tutti tranne Benito)(si crea una sorta di contrasto tra la felicità ritrovata ed il dolore di Benito ad un lato del palco)

MASINO: Me soggiru… e tu chi fa non brindi?

(sempre con la musica di Rossini in sottofondo)

BENITO: No.. io non brindu.. e si purru brindu non servi a nenti.. viautri risolvistu tutti i           problemi. Lucia per ora soffri, ma è ancora giovani e avi tempu. Io inveci??? Io sugnu vecchiu e i vecchi non cuntunu. Chi importanza avi si purru iò aiu i me sentimenti. Si… non staiu bonu. Pi carità… sugnu cuntentu pi tutti vui… ma io… non pozzu chiù permettermi u     lussu di essiri namuratu.  Io sugnu vecchiu e sugnu destinatu a essiri trattatu di vecchiu.             Non vi preoccupati pi mmia.. io vaiu mi mi  rigettu to me lettu… mi fazzu na bedda      dummuta e poi… dumani… comu dicia chidda ta un film: Domani è un altro giorno…

(Benito esce)(i presenti continuano i festeggiamenti come se niente fosse accaduto)(dopo un po il pendolo comincia a suonare)

MASINO: E ora chi voli chistu… chi m’ava a diri ancora…

NINETTA: Vidi  chiddu chi voli.. io to frattempo mi dunu a vidiri comu staci me patri…

LUCIA: No mamma, vaiu io a vidiri comu sta u nonnu…

(Lucia esce… Il pendolo suona sempre più forte)

(all’improvviso si blocca e da fuori campo si sente un forte urlo di Lucia)

(i presenti guardano verso la porta interna…. Lucia entra in scena… )

NINETTA: (a vedere Lucia emette un urlo) Nooooo…

(tutti si bloccano a fermo immagine e il pendolo suona sempre più forte) (SIPARIO)

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno