L’ossu du cundiou

Stampa questo copione

L’OSSU DU CUNDIOU

                             L’OSSU DU CUNDIOU

Autore: Giovanni De Moliner

Genere: Brillante – Dialettale Genovese

Atti: 3

Durata: 1h e 40’ (Compresi due intervalli fra 1° e 2° atto e fra ° e 3° atto di 10’ l’uno)

Attori: 2 Maschi e 5 Femmine

                                       TRAMA

  Povero Bacci, sarto genovese preso nel suo mestiere artigianale, che ha a che fare con una moglie che non riesce a capirlo (o non vuole farlo ?), presa nei suoi sogni di grandezza sociale e che gli rimprovera costantemente le sue scarse ambizioni in merito, con la figlia Zitta, ribelle e anticon-

formista ad oltranza, la figlia Cumba, furbetta e molto “ammanicata” con certi ambienti poco raccomandabili e la figlia Reuza, un po’ (solo un po’?) allocca e credulona !!

  E la comparsa nella vita familiare di un sedicente nobile, non contribuira’ sicuramente a semplifica

re le cose.

  Ma saggezza e lungimiranza, alla fine, riusciranno a prevalere, permettendogli di rimettere le cose al loro posto !!

ATTENZIONE:  la parte (piccolissima) dell’ispettore di polizia puo’ essere facilmente convertita da donna a uomo senza alcun problema.

info 349.5254263 - bandadeimisci@libero.it


                         L’OSSU DU CUNDIOU

         Commedia brillante in tre atti di Giovanni DE MOLINER

BACCI – u sartu – Gestore di un laboratorio artigianale in centro Genova dove lavorano con lui le sue tre figlie: uomo burbero e all’antica, che bada essenzialmente al sodo.

TEXIU – seu mugge’ – Classica campagnola arricchita: nullafacente, intrigante, poco avvezza alla cultura, vede nel denaro il dono dell’onnipotenza.

REUZA – a figgia grande – ragazza ormai cresciuta ma ancora molto ingenua e non molto acuta.

Assolutamente apatica e senza verve, e’ teoricamente la sarta ma le sue capacita’ non sono molte.

ZITTA – a secunda – Insofferente alla vita lavorativa imposta dal padre, amante della bella vita,

e’ indifferente verso la sorella piu’ grande mentre detesta profondamente la piu’ piccola.

CUMBA – a picinn-a – Ragazza spiritosa, dinamica, vivacissima, piena di invettiva che usa in mo-

do scaltro per arrotondare lo stipendio miserello che le passa il padre.

LUCA PICCOLO dei Conti SEMENZA – Sedicente ultimo rampollo di una agiata famiglia dell’alta aristocrazia genovese, in verita’ alla disperata ricerca di una moglie ricca grazie alla quale far quadrare i conti di un bilancio personale altamente deficitario.

MARTINA FRACASSI – Ispettore di Polizia – La sua comparsa chiarisce molte cose !

-LA SCENA –

Il laboratorio da sarto di Bacci, nel centro storico di Genova: ci sono due uscite, una da destra che conduce al negozio e una a sinistra che porta nell’abitazione di Bacci. C’e’ un piccolo tavolo da la-

voro appena oltre l’uscita di destra con sopra il necessario per confezionare un vestito, una stufa a

legna nell’angolo a sinistra sopra la quale c’e’ una corda da stendere con sopra varie pezze di stoffa

ad asciugare. In un angolo, una cesta con della legna. Ci sono tre sedie.

All’apertura del sipario, Bacci e’ al tavolo da lavoro che osserva perplesso, grattandosi la testa, un capo che sta’ confezionando.

1 – BACCI – (Allarga leggermente le braccia) “Mah! Pe mi, nu ghe semmu!” (Conclude. Sbuffa)

“Alua---vedemmu in po…..” (Prende in mano un foglio un po’ stropicciato) “Altessa: un e sciuscian

tesei ….” (Abbozza) “Va be’…” (Riosserva il foglio) “Vitta: sciusciantasinque….” (Ha un’espressone vagamente stupita) “Pero’…bella larga!!” (Commenta.Poi) “Cavallu….un e vinti !?!?” (Esclama stupefatto) “Belandi…stu chi u nu l’e’ in cavallu, a l’e’ na giraffa!!” (Esclama) “Reuzaaa…..!!” (Grida scuotendo poi la testa dopo una breve pausa. Non ottiene risposta) “A dorme cumme in seppu! Reuzaaaaaaaa…….!!” (Urla con quanta voce ha in corpo)

2 – REUZA – (Entra in scena da destra con aria dimessa, vestita in modo dimesso ed acconciata in modo ancora piu’ dimesso) “Sci, papa’…!?” (Bisbiglia quasi)

3 – BACCI – (Piuttosto seccato) “Senti in po, ‘ste mezue…me pa che nu ghe semmu guei…”

4 – REUZA – (Innocente) “ E perche’?”

5 – BACCI – (Indica il capo con le mani) “Tie mezuou in cavallu d’en metru e vinti!! Eu di’ che sta

chi’ a l’e’ erta almeno trei metri!!” (Sbotta)

6 – REUZA – (Un po’ stralunata) “Ah sci!?” (Chiede candidamente)

7 – BACCI – (Irritato) “E sci!!” (Le fa’ il verso. Sbuffa) “Reuza, menu male che tie fetu a scheua: povei i me dine’ ma speixi!!”

8 – REUZA – (Stupefatta) “Ma papa’, te zu-u che chi nu l’e’ mai introu nisciun ertu trei metri…..”

(Cerca di giustificarsi)

9 – BACCI – (Spazientendosi) – “E te creddu, nu semmu miga n’Africa!”

10 – REUZA – (Visibilmente assente) “Perche’, in Africa  intre un in spalla a l’atru?”

11 – BACCI – (Imbufalito) “E scie, la’ in ti scaggni ghe intre faxendu a cavalin-a. Reuza, se peu savei dunde ti ghe l’e’ a testa!?” (La redarguisce bruscamente)           

12 – REUZA – (Imbarazzata) “Ma mi…ho fetu cumme sempre….”

13 – BACCI – (Sempre piu’ irritato) “Alantun eu di che emmu vestiu na furesta de Watussi!!”

14 – REUZA – (Lamentosa) “Ma papa…ma mi nu so propriu cose dite ….” (Mugola)

15 – BACCI – (Rassegnato) “Reuza, quande t’ho denunsiou a l’anagrafe, ho sbagliou numme: duveiva ciamate crisantemo….!!” (Sbuffa) “Comunque, oua vedemu de mettighe na pessa. De chi

sun ‘ste braghe ?”

16 – REUZA – (Si illumina) “Du cunte Semensa….!!” (Squittisce languida)

17 – BACCI – (Meravigliato) “De n’ommu !? Ma da quande se semmu missi a chixi anche da ommu !?” (Chiede stupito)

18 – REUZA – (Imbarazzata, butta lo sguardo a terra) “Ma nu, papa’….! L’e’ che…u cunte Semen-

sa … u l’e’ n’amigu….” (Tenta di spiegare) “In caisscimu amigu…” (Rafforza) “Eeeeee…alua…pe

piaxei…..”

19 – BACCI – (Ovvio) “Va ben, ma ghe n’e’ pecusci’ de sartorie da ommu che ghe  e fan anche sensa pe piaxei….” (Guarda interrogativo la figlia) “A menu che, pe piaxei, nu oggie di de badda!”

(Ringhia)

20 – REUZA – (Colta in contropiede) “Ou nu, ou nu…” (Si affretta a precisare) “Semai…pe in pre-

xiu da amigu ….” (Azzarda timidamente)

21 – BACCI – (Deciso) “Beseugna vei cose t’intendi pe prexiu da amigu…”

22 – REUZA – (Ancora spiazzata) “Ma….nu savieiva mancu mi….fanni ti, papa’” (Si riprende)

23 – BACCI – (Dubbioso) “Uuuuuhhhmmm…..” (Mugugna stretto)”Va ben, ma almenu oua serca de pigiaghe ben e mesue….” (Conclude rabbonendosi)

24 – REUZA – (Si illumina) “Sci, sci….u ciammu subetu!!” (Si avvia verso l’uscita di destra) “Che

sbada che sun: li’ dou cavallu dev’essime scapou u metru…” (Commenta fra se’)

25 – BACCI – (Di rimando) “Dipende cose ti mezuavi, li dou cavallu!” (Commenta acidissimo. Reuza si ferma un attimo come volesse replicare: non si volta e riprende la sua marcia)

26 – BACCI – (La ferma) “Reuza!”

27 -  REUZA – (Si ferma, si volta) “Sci, papa !?” (Con fare angelico)

28 – BACCI – (Maligno) “Primma tie mezuou na giraffa: continua a mezua bestie che stan in tera, lascia perde quelle che xioen, eh!” (Sogghigna beffardo. Rosa trasale e si avvia turbata)

Per qualche istante Bacci continua ad armeggiare al tavolo di lavoro: prende i calzoni, li alza, li osserva, li posa, li rialza, scuote la testa, li riposa. Batte le mani alzando gli occhi al cielo

29 – BACCI – (Desolato) “Che figgia……! Segnu, che figgia…!!” (Esclama) “A l’e’ molla cumme na panissa, a nu l’ha de grinta, de spiritu d’inisiativa….”(Commenta disperato) “A l’aspeta sempre che cazze a manna dau see….” (Batte nuovamente le mani) “Ma a chi a s’asumeggia….” (Si chiede

sconsolato, riprendendo a trafficare sul tavolo) “A chi a s’asumeggia !!” (Si blocca) “U so mi, a chi a s’asumeggia !” (Conclude riprendendo a riordinare sul tavolo)

Da fuori scena, si ode una ragazza che canticchia ad alta voce

30 – BACCI – (Si interrompe nuovamente) “Taa chi l’atra….” (Sorride) “Questa almenu a l’e’ contenta !”

Cumba, la piu’ piccola delle figlie, fa’ il suo ingresso in scena da sinistra con un cesto, canticchian-

Do ad alta voce

31 – CUMBA – (Entra da sinistra) “Lalala….lala !! Ciao papi !” (Rivolta a Bacci)

32 – BACCI – (Inorridisce) “Mue caa, parla cumme ti mangi !”

33 – CUMBA – (Non lo considera) “Vistu che bella giurna !?” (Comincia a ritirare le pezze stese) “Feua ghe in su….pa d’esse za in primaveia !!”

34 – BACCI – (Non considera lei) “Sun belle sciute ?” (Chiede indicando le pezze)

35 – CUMBA – (Con naturalezza) “Ma papi, i retiu sempre sulu  se sun sciute!”

36 – BACCI – (La guarda di traverso) “Cumba, vantei, quande ho cuminsou a destendile in sciu bancu, sutta se ghe furmou i laghi du Gurzente !!” (Sentenzia acido)

37 – CUMBA – (Fa’ spallucce) “A saia steta na pessa bagna ca ghe’ finia pe sbagliu …” (Cerca di glissare)

38 – BACCI – (Interdetto) “Na pessa !? Dui lenseu matrimoniali !!” (Replica acido)

39 – CUMBA – (Fa spallucce) “Saiaa….” (Commenta, continuando a fare il suo lavoro)

40 – BACCI – (Serio) “Cumba…!” (La apostrofa)

41 – CUMBA – (Senza interrompersi) “Sci….?” (Risponde distrattamente)

42 – BACCI – (Indagatore) “L’e’ in po de tempu che ti ghe sempre roba neua indossu. Vestii, scarpe, bursette…dunde ti e piggi e palanche…??”

43 – CUMBA – (Si interrompe) “E sci….l’e’ vea ….” (Non sa’ cosa dire)

44 – BACCI – (Insinuante) “Nu stame a dii che tie fetu a bisciua, perche tantu nu ghe creddu..!”

(La anticipa)

45 – CUMBA – (Imbarazzata) “L’e’ che….ho vintu aa siza…!” (S’illumina: si volta verso Bacci av

vicinandosi un po’ al tavolo) “Ti savesci….! L’e’ tre dumeneghe che fassu duzze!!” (Rafforza la sua tesi, mostrando tre dita della mano)

46 – BACCI – (Scettico) “Aa sizza !? Ma se tie sempre credu-u che u ballun u l’avesse u manegu!”

(Esclama)

47 – CUMBA – (Si accalora) “Ou nu, ou nu! Sun diventa n’esperta.....!”

48 – BACCI – (Sornione) “Ma ti peu capi!”

49 – CUMBA – (Ci prende gusto) “Ecumme! Quest’annu, poi…Zena e Doia, vegnen in serie A!”

(Spara)

50 – BACCI – (Tra se’) “Ma se nu fan atru che perde…!” (Commenta. Poi rivolto alla figlia) “Tutte due ?” (Chiede scettico)

51 – CUMBA – (Si avvia a completare il suo lavoro) “Segu-u cumme l’ou: sun e ciu’ forti!” (Sentenzia decisissima)

52 – BACCI – (Ancora indagatore) “E dunde ti zeughi ?”

53 – CUMBA – (Un po’ in imbarazzo) “In …in via Pre’, dau tabaccante” (Butta li’ a caso)

54 – BACCI – (Sornione) “E quande? Aa seia quande ti sciorti ?”

55 – CUMBA – (Cerca di riprendersi) “E sci, au sabbu!” (Si allunga sulla stufa cercando di raccogliere l’ultima pezza un po’ lontana)

56 – BACCI – (La richiama) “Cumba…..”

57 – CUMBA – (Distratta) “Sci?”

58 – BACCI – (Venefico) “Nu t’alunga a cavallu aa stiva, maniman ti bruxi a schedin-a!”

Cumba trasecola urtando la stufa, in imbarazzo alla battuta del padre: rimane incerta sul da farsi per alcuni secondi e solo l’ingresso di Texiu da destra la salva

59 – TEXIU – (facendo letteralmente irruzione in scena da destra) “Bacci…Baacciii….!!” (Strilla come un’ossessa)

60 – BACCI – (Trasecola) “E cose ghe’, bruxia a butega!” (Esclama agitato)

61 – TEXIU – (Agitatissima) “Bacci…ma tiu se chi veggne ancheu in negosiu !?”

62 – BACCI – (La guarda esterrefatto) “Nu……!!” (Risponde con la voce mozza)

63 – TEXIU – (In confusione) “Ma nu ti te l’imagini mai ciu’ chi vegne ancheu in negosiu !!” (Grida quasi a Bacci)

64 – BACCI  - (La guarda di traverso) “Nu, Texiu, nu me l’imaginu mai ciu’ chi vegne ancheu…!” (Sospira rassegnato)

65 – TEIXU – (Batte le mani avvicinandosele al volto) “Ma ti savesci mai chi veggne ancheu in negossiu !!” (Grida esasperante)

66 – BACCI – (Sbuffa pesante) “Se nu ti mou dixi, nuu savio mai ciu’ chi veggne ancheu in negossiu, Texiu !!” (Sbotta)

67 – TEXIU – (Con l’espressione di chi dice la cosa piu’ ovvia del mondo) “Ma veggne u cunte Piccolo Semensa …!!” (Urla quasi in un orecchio di Bacci)

68 – CUMBA – (Che nel frattempo s’e’ tolta d’imbarazzo e ha ultimato il suo lavoro) “Chi…Luca…!?!?” (Chiede incredula)

69 – BACCI – (Si ritrae assordato dal grido della moglie) “Eeeuuuhhh….!! E da cumme ti u divi, pensava che vegnisse u prescidente da repubblica!!” (Replica agro. Sbuffa ancora) “E chi u sapeva, st’anghesu ?” (Chiede: poi si illumina) “Ahhh…! U so’ chi u l’e’!”

70 – TEXIU – (Si illumina) “Ehhhhh…….!!”

71 – BACCI – (Alzando i pantaloni) “U padrun de ‘ste braghe!” (Esclama ilare)

72 – CUMBA – (Incredula) “Ma papi, nu ti peu nu savei chi u le’…!”

73 – BACCI  - (Sogghigna) “Dae mesue, u pa esse n’incruxiu tra na giraffa….” (Mostra i pantaloni per lungo, indicando il cavallo sproporzionato) “….. e n’elefante !” (Mostra i pantaloni sproporzio-

natamente larghi)

74 – TEXIU – (Risentita dal commento del marito) “Ma Bacci….!! U l’e’ l’urtimu erede di cunti Semenza du Sascellu !! In po de tempu fa en steti fin-a in sci giurnali.”

75 – BACCI – (Sarcastico) “E cose faven, cuntrabandu de amaretti !?” (Scuote la testa e riprende il suo lavoro)

76 – CUMBA – (Si avvicina alla madre) “Mamma, ma cumme mai u vegne chi ?” (Domanda preoc

cupata a mezza voce, prendendo la madre sottobraccio e facendo con lei alcuni passi in avanti, per

allontanarsi dal tavolo del padre)

77 – TEXIU – (Gaudente, alla figlia) “L’a’ ciamou Reuza, pe pigiaghe e mezue !”

78 – CUMBA – (Sempre piu’ preoccupata) “Reuza.....? E mezue !? E pe cose? Nu chiximmu miga da ommu, niatri...!” (Esclama stupita)

79 – TEXIU – (Con naturalezza) “Ma nu....!! Sun amixi! A l’ha cunusciu a Saisseua, na dumenega ca l’a’ fetu na gita cun e su amiche da scheua da sarte.....e sun areste in cuntattu...”

80 – CUMBA – (Glissa) “Aaahh..., ho capiu....!” (S’ingrugnisce) “Ho capiu tuttu!!” (Sbotta)

81 – BACCI – (Senza interrompere il suo lavoro) “E quande u l’arivieva st’assidente ?”

82 – TEXIU – (Si stacca dalla figlia e si avvicina al tavolo) “Da chi an po...almenu, cusci’ u l’ha ditu a Reuza”

83 – BACCI – (Fa’ una smorfia) “Dighe ca mezue giustu, stu viaggiu!” (Esorta la moglie)

In quel mentre, Reuza fa’ capolino da destra

84 – REUZA – (Sporgendosi appena oltre l’entrata) “Papa’, ti peu vegni in mumentu ? Te serve in negosiu....“

85 – BACCI – (alla figlia) “Veggnu subetu….” (Alla moglie, guardandola di sbieco) “Veggnu sube-

tu !” (Ringhia, avviandosi poi all’uscita di destra)

86 – TEXIU – (Fa’ spallucce) “Mi intanto vaggu a prepara u servissiu bun….”

87 – BACCI – (Girandosi verso di lei) “L’e’ l’otta bun-a che tiu vendi ??” (LA canzona)

88 – TEXIU – (Piccata) “Ariva n’ospite, ti orie almenu ofrighelu u caffe’, nu ?”

89 – BACCI – (Sarcastico) “Anche i me socci da briscola sun ospiti, ma a lu, caffe’….” (Fa’ un cenno esplicito con le dita di una mano come per dire – nisba -: muove un passo poi si ferma, vol-

tandosi nuovamente) “Za, quelli li’ nu sun miga cunti!!” (Esce a destra)

90 – TEXIU – (Rivolgendosi a Cumba) “L’ommu de caverne! Oua, quande a lea miseia, pueiva anche vegni ben serti amixi e serte compagnie, ma oua…!! Teu pue, mi nu l’acapisciu propriu !”

(Mugugna uscendo a sinistra sotto lo sguardo preoccupato di Cumba, appena raddolcito da un sor-

riso stentoreo)

Cumba rimane sola in scena: resta in piedi come pietrificata per alcuni secondi, poi batte le mani.

91 – CUMBA – (Visibilmente preoccupata) “Mue caaa…!” (Esclama) “Bella mue caaaa…! Me seu

Reuza ca cunusce Luca ....e cau fa’ vegni chiii….!!” (Passeggia avanti e indietro nervosissima) “I di

sastru!!” (Esclama) “Se me pue u capisce qualcosa …..sucedde in disastru ….!” (Si siede pesante-

mente su una sedia) “Speremmu….” (Ansima) “Speremmu ben!” (Batte nervosamente il piede a ter

ra) “Diggu, u nu saia miga cusci’ scemmu da ….” (S’interrompe) “E chi l’ha ditu cu nu u seggie !?!

(Si chiede alzandosi di scatto e uscendo precipitosamente da sinistra)

Per qualche secondo, la scena rimane vuota. Poi, da destra, fanno la loro comparsa Reuza e Luca Piccolo dei conti Semenza: e’ alto oltre la media e vestito in maniera che vorrebbe essere elegante

ma che denota un gusto discutibile ed una potenzialita’ di acquisto davvero modesta.

92 – REUZA – (Accompagna Luca tenendolo sottobraccio) “Vegni, Luca, vegni avanti!”

93 – LUCA – (Ostentando discrezione e un leggero imbarazzo) “L’e’…l’e’ permissu ? Reuza, segu-u che nu disturbemmu ?”

94 – REUZA – (Lo trascina letteralmente dentro) “Ma figurite! Vegni, dai che te devu ripiglia e mezue!”

95 – LUCA – (Per davvero in imbarazzo) “Sci ma….teu papa’ u l’e’ d’acordu, veu ?”

96 – REUZA – (Scuote la testa sorridendo) “Ma dai, cu nu morde! U l’e’ stetu le a dime de ciamate!” (Lo rassicura)

97 – LUCA – (Rinfrancato) “Ah beh….sa l’e’ cusci….”

98 – REUZA – (Prende il metro dal tavolo) “Dai, vegni che vedemmo in po’. Levite u giacche’”

99 – LUCA – (Imbarazzato dalla richiesta) “Ma ….Reuza …..!!”

100 – REUZA – (Allarga le braccia) “Duvio ben mezuate e braghe…!!”

101 – LUCA – (Rinviene) “Ah…sci, eh….!” (Si toglie la giacca)

102 – REUZA – (Gli si China di fronte, lasciandolo spalle alla platea)”Un e dexe….” (Comincia a misurare) “Sciusciantesei …..” (Trasecola, riprendendo la misura) “Sciuscinatesei ….!?!?” (Rantola quasi)

103103 - LUCA – (Leggermente imbarazzato) “Reuza, foscia a mezua du cavallu a nu deve cumpren-

104de…..” (Fa’ una breve pausa) “…..atre apendici…!”

104 – REUZA – (Altrettanto imbarazzata) “Oooooh…..scusa Luca! Tou li’ perche’ nu me turnava a mezua…..!!” (Si giustifica)

105105 – LUCA – (Ne aprofitta) “Reuza….” (Le accarezza una guancia) “Ti se che da ti …me faceva mezua qualunque cosa…” (Fa’ il galante)

In quel mentre, rientra da destra Cumba che ha dimenticato la cesta con le pezze raccolte. Li vede, ha un moto di stizza. Prende a calci la cesta senza guardare convinta che sia quella della biancheria

Mentre invece e’ quella della legna.

106– CUMBA – (Prende in pieno un ceppo col piede) “Ahiahh!” (Urla)

107 – REUZA – (Spaventata) “O mue caa….!!” (Getta il metro alzandosi di scatto)

108 – LUCA – (Terrorizzato) “Ninteeee….a sta sulu mesuanduuuuu….” (Urla allontanandosi verso il tavolo)

109 – CUMBA – (Furibonda) “Ninte? Dipende da cose a mezua…..!!” (Grugnisce sedendosi e massaggiandosi il piede con una smorfia di dolore)

110 – LUCA – (La vede: la riconosce) “Ma….ti….cose ti ghe fe chiii…..?” (Rantola esterrefatto con un filo di voce)

111 – CUMBA – (Ancora dolorante) “Porieiva dumandate a mexima cosa…!” (Sacramenta per il male al piede)

112 – REUZA – (Stupita) “Ma….viatri dui….ve cunuscei !?!?” (Chiede rivolta a Luca)

113 – LUCA – (Imbarazzatissimo) “Eeeeee sci, eh….se…semmu cunusciu …pe caxu….” (Cerca di

speratamente lo sguardo di Cumba invocando aiuto)

114 – CUMBA – (Acidissima) “In ciassa Cavour….au mercou di pesci….!”

115 – LUCA – (Sempre piu’ in ambascie) “Nnnnnnuuu….nu prorpriu…pero’….” (Continua a cerca

re Cumba con lo sguardo e lei lo fissa torva) “Ma oua l’e’ meggiu che vagghe, eh…! Vuiatri ghei da fa’ e mi ho di appuntamenti….”(Agita una mano) “…d’affari.” (Conclude avviandosi verso destra)

116 – REUZA – (Interdetta) “Luca…armenu in caffe’….!”

117 – LUCA – (Cerca di tagliar corto) “Nu, nu….u caffe’ u me rende nervusu…”

118 – CUMBA – (Si alza imprecando) “Ma porc….” (Rivolta a Luca) “Sci, eh…l’e’ meggiu che ti vagghi…..!” (Gli fa’ ampi cenni con una mano di andarsene)

119 – LUCA – (Muove deciso) “Alua…arivederci, eh …! Pee braghe, passu a pigiale qunde en prunte….!”

E’ fermato da Bacci che fa’ il suo ingresso da destra.

120 – BACCI – (Si ferma sull’ingresso) “Bungiurnu! Duve scia’ va cusci’ de cursa ?” (Apostrofa Luca che si ferma di botto per non finirgli addosso)

121 – LUCA – (Lo guarda dall’alto in basso) “Bu…bungiurnu…!” (Abbozza un timido sorriso)

122 – REUZA – (Scatta in avanti verso il padre) “Papa’, questu u l’e’ Luca Piccolo di cunti Semen-

sa!” (S’illumina)

123 – BACCI – (Lo squadra da capo a piedi) “Piccolo !? Aa faccia…!” (Sbotta)

124 – LUCA – (Accondiscendente) “Scignuria, sciu Giovanni Battista …!!” (Fa’ un piccolo inchi.

no)  “O possu ciamala Bacci !?” (Aggiunge ossequioso)

125 – BACCI – (Soffoca a stento una risata) “Scignuria sciu Piccolo….!” (Lo scimmiotta imitando-

ne l’inchino) “O possu ciamalu carassa….!?” (Conclude ilare)

126 – LUCA – (Gelato da Bacci) “Nu, nu….va ben Luca, va ben Luca…” (Borbotta Fingendo indifferenza)

127 – REUZA – (In estasi, rivolta a Bacci) “Ghe l’ho pigie turna e mezue, eh! Staotta sun giuste!”

128 – BACCI – (Guardando Luca) “Beh ma anche e atre….miandulu ben nu l’e’ che fisse poi tutte sbaglie’…!!” (Si avvia al tavolo da lavoro)

129 – REUZA – (Cerca di riconquistare tempo: si volta verso Luca) “Oua che ghe’ papa’, u pigemmu in caffe insemme , eh! Se nu u s’ofende... .” (Indica Bacci)

130 – LUCA – (Si sente fra incudine e martello) “Mi…nu savieva se….” (Cerca ancora disperata-

mente lo sguardo di Cumba)

131 – BACCI – (Rivolto a Cumba che sta’ facendo gesti disperati a Luca perche’ vada via)

“Cumba, invece de scrolate e musche dinni a teu mue cau mette au feugu !”

132 – CUMBA – (Si ricompone) “Sci pa’…gou…diggu subetu!” (Raccoglie la cesta con la bianche

ria ed esce sacramentando da sinistra)

133 – BACCI – (Prendendo una sedia e sedendosi accanto al banco da lavoro) “Alua, sciu Luca, u l’e’ le u destinataiu de ‘ste braghe….” (Indica il capo sul tavolo)

134 – LUCA – (A disagio) “E sci….” (Balbetta) “Ou, mi veramente nu vueiva ma Reuza a l’ha tantu inscistiu che…..”

135 – BACCI – (Caustico) “Sci, sci…imaginu…”

In quel momento fa irruzione Teixu da destra, parecchio agitata, seguita da Cumba, per niente tran-

quilla.

136 – TEXIU – (Girata, rivolta alla figlia) “Ma ghe sulu u Piccolo?”

137 – BACCI – (Velenoso) “Texiu, ghea anche u grande ma l’an lasciou de feua ….” (Indica Luca per risaltarne l’altezza) “….u nu passava da-a porta !!”

138 – TEXIU – (Rivolta a Luca) “Sciu cunte, bungiurnu…!!” (Sfodera un sorriso a quarantadue den

ti) “Scia seggie benvegnu-u in tu nostru umile negosiu…!”

139 – BACCI – (Ricominciando ad armeggiare al suo lavoro) “Dunde, d’usu, nu femmu e braghe de badda…!” (Grugnisce duro)

140 – LUCA – (Tossicchia leggermente alla battuta) “Gra…grasie, scia Texiu!” (Si riprende) “Vuscia, scia l’e’ a mamma da Reuza, se non erro….”

141 – REUZA – (Emozionata) “Scie, eh! A l’e’ propiu me mamma, a scia Texiu!!” (Sorride ebete)

142 – LUCA – (Fiuta aria positiva) “L’e’ in vero piaxei cunuscila …” (Si precipita verso di lei, le

prende una mano e la bacia con delicatezza sotto lo sguardo torvo di Cumba che e’ comparsa dietro di lei) “Ma’ parlou tantu de le Reuza, seu figgia: in veru fiure, cumme dixie u numme. Nu cunusciu a seu famiglia, ma pensu che u fiure da famiglia…” (Si atteggia a poeta) “…a nu psse esse che le!”

(Sentenzia alla fine con atteggiamento disgustosamente romantico)

143 – CUMBA – (Sbavante rabbia, accanto alla madre) “Se l’e’ pe questu, na parte da famiggia tia cunusci za!” (Ringhia con rabbia)

144 – LUCA – (Un po’ imbarazzato) “Ah…sci, eh !” (Abbozza un sorriso) “Scusime, Cumba, nu t’aiva notou…” (Si scusa)

145 – TEXIU – (Sorpresa, rivolta a Luca) “Scia cunusce anche Cumba !?” (Chiede stupita)

146 – LUCA – (Ancora in imbarazzo) “E beh…sci! L’ho…cunuscia…” (Misura le parole) “…in sciu Sestiere de Pre’…na seia che ea sciortiu peee…” (Deglutisce) “…pe fa’ na  pasegiata….”

147 – TEXIU – (Stupita) “In sciu Sestiere de Pre’!?” (rivolta alla figlia) “E cose ti ghe favi ?”

148 – BACCI – (Con noncuranza) “A l’anava a zeuga a schedin-a!”

149 – LUCA – (Anticipa la reazione degli altri) “E sci, eh! Cumba…a l’e’ n’esperta!!” (Cerca Cumba con lo sguardo che gli fa’ ampi cenni di approvazione) “E a l’e’ anche…” (Cerca ancora lo

sguardo di approvazione di Cumba che gli fa’ cenno di dire che vince spesso) “…furtuna!” (Escla-

ma) “A guagna spessu…e anche ben !” (Rafforza il concetto)

150 – CUMBA – (Acida) “Staotta me sa’ che nu go’ guagniou guei…!” (Sibila)

151 – TEXIU – (Tronfia) “Euh, ma in ca’nostra semmu propriu fortune, se’! Tre figgie, tre perle. E se veuen cusci’ ben un-a cun l’atra!”

152 – BACCI – (Caustico) “Cu se figure che nu se morden mancu!!”

153 – TEXIU – (Imperterrita) “Scia deve cunusce anche Zitta, a mezan-a ! Natra perla de sciugniu-

rin-a !! Chi a Madalena ne l’invidien tutti!!”

154 – BACCI – (Ancora venefico) “Sci, sci: cumme a bella de Turiggia: tutti ne l’invidien ma nisciun sa piggia…” (Commenta sarcastico)

155 – TEXIU – (Rivolta a Bacci) “Oeh, ma cumme te mai! A l’e’ ancun quexi na pivella:ogni cosa a seu tempu, nu le vea sciu cunte!?”

156 – LUCA – (Non sa cosa dire) “Ma ….l’e’ naturale, l’e’ naturale….” (S’arrabatta)

157 – TEXIU – (Cambia argomento) “Le, sciu cunte, u vive chi in centru ?”

158 – LUCA – (Nuovamente in affanno: cerca disperatamente lo sguardo di Cumba che sorride beffarda allargando le braccia) “Sci’….nu’….nu tuttu l’anno, eccu…” (Balbetta un po’) “D’este’ sun…” (Esita un attimo) “….a Portufin, in ta villa de famiggia au maa.”

159 – TEXIU – (in estasi) “Uuuuhh….a Portufin, in sciu promontoriu…..E d’invernu ?” (Chiede impietosamente)

160 – LUCA – (Va’ in crisi) “D’invernu…dipende…duve capita….” (Vede lo sguardo interrogati-

vo e sorpreso di Texiu) “In po in giu, insumma. Generalmente……” (Si blocca)

161 – BACCI – (Sogghigna) “A Curnigen, a cavallu a l’Italsider..!”

162 – TEXIU – (Piccata) “Insumma, Bacci, in po’ de creansa..!”

163 – LUCA – (Cerca di tirarsi fuori d’impiccio) “U sciu Bacci u nu l’ha tutti i torti: all’eveniensa l’e’ za capitou anche quellu…!” (Cerca di glissare con un sorriso stentato)

164 – TEXIU – (Scatta come un razzo) “U mi, u Caffe! Se semmu missi a descuri e me sun ascorda cu l’ea au feugu !!” (Si volta per uscire da sinistra ma e’ anticipata da Cumba)

165 – CUMBA – (Si muove verso di lei) “Lascia mamma, ghe pensu mie!” (Poi, avvicinandosi a Luca) “Cun ti femmu i cunti dopu, casanova!!” (Sibila a mezza voce sotto il suo sguardo sempre piu

preoccupato, uscendo poi da sinistra)

166 – TEXIU – (Rivolta a Luca) “Scia vedde, sciu cunte, cumme sun premurose e me scignurin-e ? Ai tempi de ancheu, miga tutte e figgie sun cusci’!” (Sentenzia)

167 – BACCI – (Sempre al vetriolo) “Texiu… e ghe manchieva ancun!!”

168 – TEXIU – (Lo guarda interdetta) “Bacci, mi nu t’acapisciu…!!” (Allarga leggermente le brac-

cia con aria rassegnata)

169 – BACCI – (Allarga a sua volta le braccia alzando gli occhi al cielo) “E quande mai…..!!!” (So

spira rassegnato)

170- TEXIU – (Tossicchia leggermente, poi cambia discorso) “Ma scia vegne, sciu cunte che pigem

mu u caffe’!“ (Rivolta all’altra filgia) “Reuza, vegni ti a sci’!”

In quel mentre, da sinistra, fa’ la sua comparsa in scena Zitta, la secondogenita: ha lo sguardo stralu

nato di chi si e’ appena alzato da letto e non e’ ancora del tutto cosciente della realta’ che lo circon-

da.

171 – ZITTA – (Passa davanti a Texiu) “Bungiurnu mamma.”

172 – TEXIU – (Con un sorriso a tutta bocca) “Ciao Zitta, tie riposou ben !?” (Chiede premurosa)

173 – BACCI – (Burbero) “Oh, a principessa! L’ea tostu ua che ti te fesci vedde…!” (Brontola)

174 – ZITTA – (Scocciata) “Bungiurnu, pue… ma fa piaxei che t’e de bun umure…” (Passa davanti

a Luca lo sguardo del quale, alla sua entrata in scena, si e’ trasformato in una maschera di terrore)

“Ciao Luca…” (Prosegue verso l’uscita di destra)

Lo sguardo di tutti passa in rapida successione da Luca a Zitta fra sorpresa e stupore generale.

175 – BACCI – (Sghignazza ferocemente) “U cunuscie anche le!” (Si protende verso l’uscita di sinistra usando il taglio della mano per amplificare la voce) “Cumba, ti che ti zeughi: ternu seccu in scia reua de Zena !!” (Ride beffardo)

176 – TEXIU – (Imbambolata) “Ma mia che cumbinasiun….!!” (Batte le mani)

177 – ZITTA – (E’ arrivata appena oltre l’uscita di destra. Si blocca di colpo, si gira trafelata) “Ciao Luca ………..!?!?!?” (Ripete a tutta voce, incredula)

178 – LUCA – (Terreo, come avesse visto un fantasma) “Cia…ciao, Zitta…Ma che…fortuna cumbi

nasiun….!” (Smozzica a mezza voce)

In quel mentre, Cumba rientra da sinistra, sente la battuta di Luca.

179 – CUMBA – Appena fuori dell’uscita di sinistra) “Scusei, gente. Quale cumbinasiun …?” (Chiede interdetta e preoccupata)

180 – LUCA – (Cercando ancora una volta di svicolare) “No, ninte …l’e’ che…da chi an po’ g’ho n’appuntamento e…le meggiu che vagghe o rischiu de arriva in ritardu…”

181 – TEXIU – (Cerca di trattenerlo) “Ma u caffe’ u l’e’ za pruntu! L’e’ questiun d’en menutu !!” (Insiste)

182 – LUCA – (Cerca ancora di defilarsi) “Devu fa anche de telefonate, poi, quindi…..”

183 – REUZA – (Che cerca come Texiu di farlo restare) “Ma scusa, Luca, ti peu fale de chi! Mi e e me seu, ti ne cunusci za, i me tei ho presente, l’e’ cumme ti fisci de casa…..!” (Conclude sorridendo

ingenuamente)

184 – CUMBA – (Sempre piu’ inquisitrice, rivolta a Luca) “Cumme saieiva a di…e mee seu tie cunusci’ za !? Tutte due…!!??” (Indica con una mano se’ stessa e Zitta in rapida sucessione)

185 – BACCI – (Sente aria pesante) “Sciu Sumensa, nu l’e’ pe fa u maducou, ma su l’ha n’appuntamentu da chi an po, u rischia davei de arivaghe tardi…!!” (Sorride sornione indicando l’u-

scita di sinistra con la mano)

186 – LUCA – (Resta un attimo sorpreso, ma raccoglie prontamente l’insperato salvagente) “Saia propriu meggiu che vagghe, sci. Scignurin-e, ve lasciu i me cai saluti !!” (Poi, rivolto a Texiu) “Scia

Texiiu, ghe porzu u sensu di me ciu’ prufundu rispettu….” (Gli prende una mano e gliela bacia con

Delicatezza, lasciandola senza parole. Poi, rivolto a Bacci) “Sciu Bacci, ghe auguru na girna’ provvi

da !!” (Esclama uscendo velocemente da destra)

C’e’ un attimo di silenzio, con Bacci che scuote la testa. E’ Reuza che rompe il silenzio.

187 – REUZA – (Sognante) “Che figgieu a moddu !”

188 – CUMBA – (Scatta come una molla) “A moddu in cornu! U l’e’ in sporcaciun !!” (Urla. Poi ri

volto a Zitta) “E ti, cumme ti fe a cunuscilu !?” (L’affronta a muso duro)

189 – ZITTA – (Con sufficienza) “Perche’, ti creddi d’esse l’unica a cunusce di zuenotti ?”

190 – CUMBA – (Scimmiottandola) “Dipende da che tipo de ommi….”

191 – ZITTA – (Velenosa) “Se ti vee a sercateli in Via Pre’ de neutte, te creddu che ti treui di spor-

caciuin…!”

192 – REUZA – (Innocente) “Ma perche’ dii cusci’ !? U nu l’ha fetu miga ninte de ma…..Mi poi, go’ sulu pigiou a mezua pe e braghe…”

193 – CUMBA – (Velenosa) “E cose u se e fa’ a fa se intanto u ghei ha sempre a mez’asta !?”

194 – ZITTA – (Altrettanto acida) “E ti cose ti ne se, ti l’e’ za vistu !?”

195 – REUZA – (Ancora candidamente) “U l’avia a mez’asta perche’saian larghr de vitta. Anche a mi m’e sucessu, a prima otta….”

196 – TEXIU – (La travisa) “Anche ti’ ti gii cun e braghe a mez’asta !?” (Chiede, in ansia)

197 – REUZA – (Sorride) “Ma nu,mama!! M’e’ sucessu de sbaglia e mezue da vitta!”

198 – BACCI – (Da dietro al banco di lavoro, batte le mani con forza) “Scignurin-e, ghe sapeva de arvi u negosiu, atru che cunte! Forsa, anemmu durbeghe!!!” (Grida a tutta voce)

Escono tutte borbottando, Zitta e Reuza da destra, Cumba da sinistra. Restano in scena Bacci e Texiu.

199 – TEXIU – (Ancora in estasi) “Che figgieu a moddu! Che zuenottu fin…! Sciu Bacci, che augu

ru na giurna provvida !!”

200 – BACCI – (Distrattamente, continuando a lavorare) “Ma u savia cose significa…??” (Sghignazza bofonchiando fra se)

201 – TEXIU – (Continua imperterrita) “Cummu l’e’ strutu…..!!” (Sosprira)

202 – BACCI – (Sempre indaffarato) “Veramente, ciu’ che strutu a mi u me paiva leppegu cimme a sciunza…”

203 – TEXIU – (Rapita nelle sue fantasie) “Portufin….l’este’….u promontoriu……!!” (Esclama sognante)

204 – BACCI – (Venefico) “Curnigen….l’invernu….l’Italsider….!!” (Replica deciso)

205 – TEXIU – (Non raccoglie: si gira verso di lui) “Bacci, ti te pensi….u cunuscie tutte tre e nostre figge !!” (Spara come illuminata)

206 – BACCI – (Con ovvieta’) “E alua !? Anche Pippu, u maxela de Canettu Curtu, ue cunusce tutte tre!”

207 – TEXIU – (Risentita) “Ma smetila, sciu! Tutte tre, ti capisci !? Tutte tre curtege dan Cunte!!” (Esclama)

208 – BACCI – (Realista) “Texiu, cui tempi che curen, preferiva tutte tre curteggie da Pippu u maxela!”

209 – TEXIU – (Completamente estasiata) “Tutte tre e nostre figin-e che fan culpu in scen cunte! Ma ti te l’imagini MI …” (Rimarca la parola) “….seu mamma, d’este’, che ne vaggu a treua un-a in sciu promontoriu de Portufin ?”

210 – BACCI – (Acido) “Mi imaginu MI …” (Rimarca la parole) “….teu maiu, che se continue cusci’ ve ghe cacciu zu dau prumuntoriu de Portufin !!” (Grugnisce quasi) “E cun ina balla de ciun-

giu liga ataccu an pee….!!!” (Rincara la dose)

211 – TEIXU – (Piccatissima) “Bacci, nu riesciu a capi cumme mai ti seggi sempre cusci’ grammu.

Za’, tie nasciu vilan, cose ti veu capi de serte cose de alta suciete….”

212 – BACCI – (Sbuffa) “Ti invece tie nasciua in ten castellu! Ma se in cuxin-a ti satavi dan travu all’atru pe nu fini in testa aa vacca…..!!! U Prumuntoriu de Portufin .... ma fani u piaxei, braaa…!”

(Replica imbufalito)

213 – TEXIU – (Acidissima) “Eccu, nu ti capisci ninte!! Pe un-a de teu figge a vitta a sta’ pe cangia da cusci’ a cusci’……” (Gira la mano mostrando prima il palmo e poi il dorso) “….e ti nu ti treui ninte de meggiu da faa che du spiritu de patatta….. Se nu ti dermetti de fa u maducou e proscime ot-

te cu vegne chi’, e teu figge nu porian mai cunuscilu meggiu, aprufundi quelle che sun e seu intensiuin, daghe moddu de sceglie…..”

214 – BACCI – (E’ lui ad interromperla) “Ma mi u fassu a fin de ben…..fassu in modu che seggie le a nu resci a cunuscile, sedunca ….!!” (Ride sornione)

215 – TEXIU – (Scrolla le spalle) “Un-a de me figgie ca l’intra a fa parte de l’ata suciete, e tutte tre candide a esse quella ….!”

216 – BACCI – (Sibillino) “Texiu, atenta a nu sciortighe de cursa da l’ata suciete ….” (La guarda male) “……magari xiondu zu d qualche barcun, eh..!”

217 – TEXIU – (Non lo ascolta, tutta presa dalle sue fantasie) “Pero’ che stranu cue fila tutte tre….probabilmente u s’e’ inamuou du spiritu de famiggia”

218 – BACCI – (Interrompe il suo lavoro, si avvicina a lei) “Texiu ….” (La prende sottobraccio con delicatezza)

219 – TEXIU – (Stupita dal suo atteggiamento) “Sci Bacci, dimme …..ti te senti maa !? (Chiede preoccupata)

220 – BACCI – (Con pazienza) “Nu nu, ansi….” (L’accompagna a sedersi, poi prende un’altra sedia e si mette vicino a lei) “U me bacan u me cuntava che ai tempi du nonnu de seu nonnu, quan-

de a lea miseia , ma miseia neigra, a Natale masaven l’agnellu che faven cresce tuttu l’annu….”

(Inizia a raccontare con calma sotto lo sguardo stranito di Texiu che non riesce a togliergli gli occhi

di dosso) “…..poi, quande l’eiven mangiou tuttu, tegniven n’ossu riundu e l’apendeiven cun i na corda dedatu au runfo’ ….” (Teixu non capisce) “Sci, i fornelli de n’otta, quelli de miaggia …” (Spiega lui)

221 – TEXIU – (Raccoglie) “Aaaahh…!”

222 – BACCI – (Prosegue il suo racconto) “Pe tuttu u restu dell’annu, qualunque cosa metesse au feugu, fisse broddu, stufou magru o menestrun, pe cundilu, quandu bugiva, ghe puciaven l’ossu: U lea l’unicu cundimentu pe qualunque cosa, u l’anava ben pe tuttu. Sulu che doppu qualche giurnu cu

l’ea li apesiu a nu lea ciu’ a moula d’ossu a fa da cundimentu….a lea a ciugian-a du runfo’ !!”

223 – TEXIU – (Lo guarda stranita) “Bacci, cos’ tieu di ? Nu t’acapisciu …!”

224 – BACCI – (Si alza) “Euggiu di che me pa che u Sumensa u l’euggie fa a parte de l’ossu du cundiou, bun pe tutte e suppe…..” (Si avvia verso il tavolo da lavoro) “Sulu che ho puia che in tu menestrun ghe finisce sulu da ciugian-a !” (E’ al tavolo, ricomincia a trafficare)

225 – TEXIU – (Si alza, scrolla le spalle) “Bacci, mi… nu t’acapisciu ….!” (Sentenzia allargando le braccia e uscendo poi a asinistra)

226 – BACCI – (La guarda sconsolato) “Ohhh, ti capiee….” (Rivolto al pubblico) “Staotta ti vedie’ che ti capisci !!”

                                           -  S  I  P  A  R  I  O  -


                              - S E C O N D O   A T T O –

La scena si riapre nel laboratorio qualche giorno dopo: ci sono alcuni dettagli che risaltano il corso del tempo. Anche nell’abbigliamento dei personaggi cambia qualche piccolo dettaglio.

In scena ci sono ZITTA e TEXIU: stanno discutendo, Zitta e’ decisamente accalorata.

1 – ZITTA – (In piedi a centro scena, rivolta alla madre) “Ma ti te rendi cuntu !? U vegne turna chi !!!” (Gesticola animata

mente)

2 – TEXIU – (Sta cucendo seduta vicino al tavolo da lavoro:ostentando tranquillita’ non del tutto naturale) “Ma Zitta, u vegne a pigiase e braghe !” (Cerca di tranquillizzarla)

3 – ZITTA – (Non si calma per niente) “Perche’ nu se ghe pueiven porta da n’atra parte, nu, e braghe!” (Grida con rabbia)

4 – TEXIU – (Allarga leggermente le braccia) “U duvia ben presasele !!” (Obbietta)

5 – ZITTA – (Inviperita) “E chi l’e’ che ghe fa’ preua, quella siottu de Cumba ?!?” (Chiede stizzita)

6 – TEXIU – (Severa) “Zitta, a l’e’ teu seu, eh!” (La redarguisce)

7 – ZITTA – (Sempre molto alterata) “Eben, mi cose ne possu !?” (Chiede agra)

8 – TEXIU – (Cerca di rabbonirla) “Zitta, pe piaxei, sciu…! Semmu sempre steti na famiggia unia, se semmu sempre ousciu ben, nu me pa u caxiu de …..”

9 – ZITTA – (L’interrompe bruscamente) “A mi invece me pa u caxiu ecumme !! Quella farfalin-a de Cumba a l’eu fregame l’ommu !!”

10 – TEXIU – (Prova ancora a ragionare) “Ma ti pueivi dighelu, scusa: amia che u sciu Luca u l’e’ za impegnou cun mi. Nu staghe a sta tantu ataccu: u l’e’ in galantommu!”

11 – ZITTA – (Si altera ancora di piu’) “Ghe l’o’ ditu: a ma’ rispostu che tantu le a nu l’e’ miga giusa….” (Ringhia seccatissima)

12 – TEXIU – (Prova ancora) “Ma ti ghe spiegou ben cumme a l’e’ a foua ?” (Chiede)

13 – ZITTA – (Scatta come una molla) “Fin-a troppu! A l’e’ na vergheugnusa, a mou fa’ aposta a faa a gattamorta, atru che micce….”

14 – TEXIU – (Risentita) “Zitta, cunusciu Cumba e me refu-u de credilu!” (Sentenzia aspra)

15 – ZITTA – (Rincara la dose) “Nu ti tou creddi !?!? Oua, diggu: a sa’ cume a l’e’ a storia, a sa’ che mi ghe patisciu, e a nu tou fa’ vegni turna chie dopo aveighe fetu a reua in giu cumme i pavuin?

Ma ti l’avesci vista, mue: ti l’avesci vista !! Attru che a dansa del ventre: a paiva in pitun dau mod-

du cumme a te l’igheugieva. E mi li’, cumme na scemma, a stali a vedde….”

16 – TEXIU – (Sbuffa) “Ma insumma, dai: anche ti ti pueivi dilu! Parlane in casa, dimelu a mi!”

(Obbietta)

17 – ZITTA – (Stupita) “U l’e’ sulu in flirt, in filarin….! Miga in fidanssamentu ufficia

le. Le u l’e’ in single cunvintu.”

18 – TEXIU – (Ci ha capito poco) “In flirt ….cun in single…!?” (Chiede spiegazioni)

19 – ZITTA – (Decisa) “E sci, eh! Sciortimmu insemme…..se uemmu ben….ma poi, ognun a casa seu e buonanotte…!!” (Precisa)

20 – TEXIU – (Ha un sussulto, coprendosi la bocca) “Sciorti insemme….!! Eu di che….fei…anche

quarcosa d’atru….insemme…?” (Chiede mortificata)

21 – ZITTA – (Con scoramento) “Ma mamma……!! Semmu in tu settanteximu annu du vinteximu seculu, miga in tu medio evo !! » (Sbotta)

22 – TEXIU – (Decisamente colpita dalle affermazioni della figlia) “Saia’ !” (Mugugna) “Comun-

que, s u savesse mai teu pue ….!!” (Aggiunge subito dopo con aria preoccupata)

23 – ZITTA – (Scrolla le spalle) “Basta che nisciu gou vagghe a di” (Replica piccata)

C’e un attimo di silenzio imbarazzato, poi:

24 – TEXIU – (Alla figlia) “Vatte a preparaa, oua, che l’e’ tostu ua de arvi u negossiu…”

25 – ZITTA – (Si meraviglia) “Perche’, papa’ undu l’e’ !?”

26 – TEXIU – (Senza alzare gli occhi dal suo lavoro) “a zeuga-a a briscola! Tiu se che quande ghe’ a mezza giurna de chiusura le u va a perde u seu tempu insemme a quella streuppa de scada careghe cu dixe esse i seu amixi e che a quatr’ue tucca aniatri arvi butega….” (Si lamenta) “Bella compagni

cu se manteggne! Ghe ne fisse un cun i na palanca in ta stacca o cun in minimu de classe!” (Senten-

zia alla fine)

27 – ZITTA – (Uscendo da destra) “Za’, fra quelli li, cunti nu ghe n’e’!!” (Commenta maligna)

28 – TEXIU – (Ci mette un attimo ad afferrare il commento) “Belandi …!” (Esclama dopo qualche secondo) “Tieu vedde ca se fa’ mette sciu’ da seu pue …..!?!?” (Si chiede preoccupata, staccando per un attimo la sua attenzione dal lavoro di cucito)

La scena rimane ferma, con Texiu intenta a cucire, per alcuni attimi. Poi, da sinistra, si ode la voce di Cumba che canta, apprestandosi a fare il suo ingresso.

29 – CUMBA – (Entra in scena con una cesta di pezze di stoffa) “Fiorin Fiorello, l’amore e’ bello vicino a te ….!!” (Canta avvicinandosi alla corda da stendere e posando la cesta) “Fior di verbena se

qualche pena l’amor ti daaa…” (Continua imperterrita a cantare a voce piu’ bassa mentre comincia a stendere)

30 – TEXIU – (Rivolta la chiama) “Cumba….!”

31 – CUMBA – (Intenta al suo lavoro) “Ouh..” (Risponde appena)

32 – TEXIU – (Secca) “Te paiva u casxiu ? »

33 – CUMBA – (Si ferma: la guarda un attimo interrogativa) “De faa cose, scuza ?” (Chiede inter-

detta)

34 – TEXIU – (A muso duro) “De fa a stupida cu-u Cunte Semensa quande ti saivi che teu seu Zitta a se n’aiva a male…”

35 – CUMBA – (Scrolla le spalle) “Ti me ditu de falu riturna chi a qualunque custu, e alua ….” (Spiega sorniona allargando le braccia)

36 – TEXIU – (Risoluta) “Sci, ma in ti termini d bun-a creansa, pero!”

37 – CUMBA – (Ilare) “Embe’? Esse carin cun l’ospite a nu l’e’ foscia bun-a creansa !?” (Replica)

38 – TEXIU – (Sempre dura) “Benedetta figgia, a bun-a creansa a l’e’ in cuntu, esse scunci l’e’ n’a-

tra cosa !!” (Esclama)

39 – CUMBA – (Sorniona) “Nu te preocupa’, mamma, che mi intanto de Zitta nu sun miga gelusa: a l’e’ me seu, ga m’anchieiva ancun !!”

40 – TEXIU – (Si agita) “Cumba, se nu ti l’avesci capiu, al’e’ teu seu ca l’e’ giusa de ti!”

41 – CUMBA – (Finge meraviglia, interrompendo il suo lavoro) “Ma nuu….!” (Esclama) “E perche

mai ? Digghe che nu l’e’ u cacxiu: nu fassu ninte de quellu ca nu faieva anche le !” (Conclude mali

gna)

42 – TEXIU – (Ha un sussulto: si punge un dito con l’ago) “Oh mue caa !!” (Esclama) “Ahia!!” (Subito dopo, pungendosi)

43 – CUMBA – (Lascia il suo lavoro e si avvicina a lei) “Cose ghe’, mamma, ti te feta ma?” (Si preoccupa)

44 – TEXIU – (Seria e preoccupata) “Cumba, …..” (Deglutisce pesantemente) “Cumba, nu stamme a di che anche tie ….” (Deglutisce ancora: non trova le parole) “U flirt….u filarin….”

45 – CUMBA – (L’interrompe) “U filarin ….!?” (Chiede fingendo stupore) “Ma nu sun miga na vii, eh!” (Esclama. Poi, esaminando il dito punto della madre) “Tranquilla, ma’: a mi e cose me pia-

xe fale ben, miga cusci’, tantu pe fale….”

46 – TEXIU – (Si rilassa) “Menu maaleee….!” (Sospira)

47 – CUMBA – (Ha esaminato il dito della madre) “Ninte, ma’: nu ghe’ mancu de beuggiu!” (Scherza)

48 – TEXIU – (Si rifa’ seria) “Schersighe, ti! Fra ti e teu seu me l’ei deta na bella punzigia!”

49 – CUMBA – (Si dirige verso la corda e ricomincia a stendere le pezze) “Mi cose gh’intru, scusa …?” (Obbietta)

50 – TEXIU – (La guarda male) “Cumba, se peu savien o nu cose tie in mente de fa cou cunte Semenza ?” (Chiede secca)

51 – CUMBA – (Finge stupore) “E perche’ mai duvieiva avei in mente quarcosa ?”

52 – TEXIU – (Indagatrice) “Amia che mi te cunusciu, eh !” (Con aria minacciosa)

53 – CUMBA – (Finge naturalezza) “Possu parlaghe, cumme fei tutti d’orestu….”

54 – TEXIU – (Si ammansisce un po’) “Beh, fin-a li’, nu ghe ninte de maa…”

55 – CUMBA – (Sorride maliarda) “E sci …parlaghe !!” (Commenta: ha finito di stendere, prende la cesta e si avvia a sinistra. Si ferma all’altezza dell’uscita, poi, rivolta al pubblico) “E ti peu sta segua che ghe parlu !!” (Sibila a mezza voce, rivolto alla platea)

Esce di scena da sinistra sotto lo sguardo della madre che la guarda di sottecchi. Teixu continua a cu

cire assorta nei suoi pensieri, poi, dopo alcuni secondi, dalla sinistra fa’ il suo ingresso in scena Reu

za.

56 – REUZA – (Entrando da sinistra con aria dimessa, come al solito) “Mamma, u vesti neigru da scia Lansa, ti see se beseugna stialu cun a pessa o se l’ha za’ fetu Zitta ?” (Chiede quasi timorosa)

57 – TEXIU – (Sobbalza richiamata alla realta’) “E a mi ti mou dumandi ….? Dumandighelu a le, nu !?” (Risponde aspra)

58 – REUZA – (Ancora piu’ timidamente) “Ghe l’o’ dumandou ma …..” (Allarga le braccia) “A m’ha rispostu aa reversa…..!” (Piagnucola)

59 – TEXIU – (Spalanca gli occhi) “Poscitu esse sa l’ha pigia maa….!” (Commenta)

60 – REUZA – (Con un filo di voce) “A m’ha ditu che m’arange e che za  che ghe sun preue a stiame a lengua…..” (Geme) “Mamma, cosa l’ueiva dii…!?” (Chiede)

61 – TEXIU – (Non sa’ cosa rispondere) “Mah…a l’ueiva di…che….” (Cambia atteggiamento) “So a see de cose passa in tu servellu a teu seu ! Gheu tutta cou sacce le!” (Sentenzia aspra)

62 – REUZA – (Allarga le braccia, rassegnata) “Ah beh, sa l’e’cusci’….. Ma u vesti devu stialu o nu ?” (Rilancia la domanda)

63 – TEXIU – (Infastidita dall’insistenza) “Ma sci, sciii….Stiilu e ca seggie finia!” (Sbotta alla fine

64 – REUZA – (Si avvia a sinistra) “Va ben, alua vaggu a stialu…”

65 – TEXIU – (Sobbalza, fermandola) “Reuza, Reuzaa…” (La chiama con insistenza)

66 – REUZA – (E’ appena uscita: rientra subito da sinistra) “Sci, mamma ?”

67 – TEXIU – (Indagatrice) “Ti l’e’ stiee e braghe du sciu Semenza…!?” (Chiede)

68 – REUZA – (S’ illumina) “Ousci, mamma: l’ho stie due otte !!”

69 – TEXIU – (Sorpresa) “Due otte !?”

70 – REUZA – (Sognante) “Pe forsa, perche’ sun de vigogna e beseugna stiale ben se s’eu che te-

gnen a ceiga….”

71 – TEXIU – (Maliziosa) “E ti’ ti ghe tegni che tegnen ben a ceiga…..”

72 – REUZA – (Tenta di ridarsi un contegno) “Mamma….l’e’ pou bun numme da ditta !” (Cerca di giustificarsi)

73 – TEXIU – (Sorride sorniona) “Reuzaa…amia che te cunusciu ! Dinni a veite’: u te piaxe, eh!”

74 – REUZA – (Trasale) “Ma mamma….se cunuscemmu apena !!” (Obbietta poco convinta)

75 – TEXIU – (Fa’ spallucce) “E questu cose gh’intra ? Anche mi e teu pappa’ se semmu paixui su-

betu. E poi, pe cunuscise de ciu’ beseugna ben frequentase, eh!” (Ribatte)

76 – REUZA – (Lamentosa) “Go pigiou sulu e mezue pen pa’ de braghe….”

77 – TEXIU – (Cattedratica) “Pigighele anche au restu e mezue, nu !? (Sbotta)

78 – REUZA – (Fraintende) “Ma cose ti dixi….! U ghe l’aiva indossu e braghe, se !” (Si scandaliz-

za)

79 – TEIXU – (Sospira) “E ghe manchieiva ancun ! Benedetta funta, ma ti l’acapisci mai un-a aa primma !?” (Chiede desolata)

80 – REUZA – (Non sa cosa rispondere) “E mi, mamma….cose tieu che te dighe…..” (Fa’ una bre-

ve pausa: poi, spazientita) “Za chi….Zitta a l’eu che me stie a lengua, Cumba a va’ a zeuga a sche-

din-a…..e mi nu ghe capisciu ciu’ ninte !” (Si lamenta)

81 – TEXIU – (Trasale) “A schedin-a....!?!? E da quande !?!? Se u papa’ u l’a’ sempre ditu che a nu sa mancu cummu l’e’ fetu u balun !! Figutite in po cu l’a’ porta na otta cun le a vedde zeuga u Zena e a se adormia !”

82 – REUZA – (Saccente) “Beh, se zeugava u Zena, nu ghe’ da meravigliase !” (Sentenzia da esper

ta)

83 – TEIXU – (Stupita) “E ti cose ti ne se ? T’interessa u balun, oua !?”

84 – REUZA – (Si schernisce) “Mi sci…Ogni tantu, aa dumennega, cun e amiche, g’anemu se a vei

zeuga..”

85 – TEXIU – (Sempre piu’ stupita) “Ti ve a vedde zeuga u Zena !?”

86 – REUZA – (Risentita) “Ou nu, mi vaggu a vedde zeuga u Doia!” (Puntualizza)

87 – TEXIU – (Non si capacita) “Davei? E cumme mai, sta pasciun ?”

88 – REUZA – (Sorride schernendosi ancora) “A primma otta…ne ga’ portou Luca…”

89 – TEXIU – (Drizza le antenne) “U Semenza !?” (Chiede con aria investigatrice)

90 – REUZZA – (Gattona) “E chi se nu…..”

91 – TEXIU – (Cambia atteggiamento) “Alua u l’e’ Sandorian….A beh, tie scieltu ben! A l’e’ pro-

priu na bella squadra u Doia !!” (Conclude anche lei con aria saccente)

92 – REUZA – (Stupitissima) “Ma…tie esperta de balun ti asci’!?”

93 – TEXIU – (Si incupisce) “Reuza, mi ghe l’ho insemme da trent’anni l’espertu de balun !” (Ringhia)

In quel mentre Bacci fa’ il suo ingresso in scena da destra, in tempo per sentire la battuta di Texiu.

94 – BACCI – (Entrando da destra) “Cose ti orieisci di, che nu me n’acapisciu !?” (Spara agro)

95 – TEXIU – (Fa’ spallucce: rivolta al marito) “Tou chi! Ti parli du diau e spunta e corne !”

96 – BACCI – (Serio) “Cumme mai u negosiu u l’e’ ancun serou ?”

97 – TEXIU – (Sbuffa) “Manca ancun in quartu, Bacci !” (Obbietta)

98 – BACCI – (Deciso) “E alua ? U Comune u l’e’ stetu cieu: e’ consentita l’apertura quindici minuti prima delle sedici. Ei puia de vende troppu !?” (Ringhia)

99 – REUZA – (Innocente) “Ciao, papa’! Cume a l’e’ aneta a partia?” (Chiede)

100 – BACCI – (Di malumore) “Da cianze, cumme quelle du Zena !”

101 – TEXIU – (Saccente, rivolta a Reuza) “Te l’ho ditu mi che tie fetu ben a serne u Doia!”

102 – BACCI – (Inviperito) “Chi l’e’ che in te sta ca’ se permette de parla du Doia !?” (Tuona)

103 – REUZA – (Candidamente) “Perche’, papa’, u nu t’e’ simpaticu ?”

104 – BACCI – (Si imbufalisce) “A l’e’ a squadra di gabibbi !!” (Spara acido) “Un cu tifa pou Doia u nu peu permettise de ciamase Sciaccaluga !” (Conclude deciso)

105 – TEXIU – (Maliziosa) “Defeti le u se ciamma Semensa ….!” (Sibila)

106 – BACCI – (Molto seccato) “Ma Reuza sci’, le a se ciamma Sciaccaluga !” (Indica la figlia che lo guarda preoccupata)

107 – TEXIU – (Acida) “E donne, u numme poi….U CANGEN !!” (Sottolinea alzando la voce)

In quel momento, da sinistra, fa’ capolino Zitta: sente la battuta di Texiu.

108 – ZITTA – (Si ferma: poi, a muso duro) “Mamma, chi l’e’ che duvieiva cangia numme ?” (Chie

de piccata)

109 – TEXIU – (Sorpresa, ha un attimo di incertezza, poi si sblocca) “Ma tutte tre’, quande ve spusiei !” (Risponde con naturalezza)

110 – ZITTA – (Decisamente risentita) “E chi t’ha ditu che mi euggie spusame ?”

111 – REUZA – (Anticipa Texiu che vorrebbe replicare) “E mi, invece…u cunte Semenza, u cunusciu apena…..” (Abbozza timidamente)

112 – ZITTA – (Va’ su tutte le furie) “A brutta siottu! Alua l’e’ a questu che ti uevi arivaa…!!”

(Strepita furibonda) “Attru che e braghe ….! T’interesava quellu che ghea sutta !!”

113 – BACCI – (Batte violentemente un pugno sul tavolo da lavoro) “Principesse, uemmu ana a arvii butega oua !? Fin-a a preua cuntraia a l’e’ ancun questa ca ve da’ da mangia: quande cangiai

numme, poriei arvine de atre…..!!” (Ringhia quasi a tutta voce)

114 – ZITTA – (Ancora alterata) “Cose ghe’, pue, t’e’ anetu ma a briscula !?” (Ribatte aspra)

115 – BACCI – (Furibondo) “Ca segge aneta cumma l’eu, sacci che ho portou a ca’ na carta, l’assu

di bastoni: o ti te mesci e ti ve a arvi, o taa servu subetu !” (Digrigna fra i denti)

Zitta abbozza con un sorriso e si dirige velocemente a destra, uscendo.

116 – TEXIU – (Guarda Bacci con aria di rimprovero) “Ma Bacci, tu ti peu propriu essilu in po ciu’ a moddu..!” (Lo rimbrotta benevolmente)

117 – BACCI – (Ancora parecchio seccato) “Texiu, ni te peu propriu essilu in po ciu’ in sensi !?” (Replica torvo)

118 – REUZA – (Cerca di mettere pace) “Via, papa’….! A mamma a se preoccupa sulu pe niatre !”

119 – BACCI – (Beffardo) “Reuza, e mi preocupu propriu pe questu !” (Ribatte acido)

120 – TEXIU – (Risentita) “Mia, se ….! Che se in te sta ca’ nu ghe fisse mi che e cunusciu ben, ste figette saieiven…..” (Cerca di obbiettare)

121 – BACCI – (Furioso) “Menu boxiarde e ciu’ aloie !” (Ringhia)

122 -  REUZA – (Interdetta) “Papa’, ma…..”

123 – BACCI – (Sempre torvo) “Ti ghe e stiee e braghe a stu Sumensa ….!?” (Chiede duro)

124 – REUZA – (Non si capacita della reazione di Bacci) “Sci, papa’, ma…..”

125 – BACCI – (L’interrompe secco) “E alua valle a pigia, sacramentu !!” (Inveisce verso si lei)

“E adescite, porca miseia !!” (Rincara la dose)

Reuza, agitatissima, schizza verso destra sparendo oltre l’uscita agitatissima.

126 – TEXIU – (Appena e’ fuori scena) “Nu ti peu fa a menu de tratala cusci’? A l’e’ a teu figgia ciu’ a moddu !” (Obbietta)

127 – BACCI – (Aspro) “A l’e’ a me figgia ciu’ lucca !” (Grugnisce)

128 – TEXIU – (Scrolla le spalle) “Bacci, mi nu t’acapisciu! Nu te resciu a capii !!” (Urla muoven-

do verso sinistra ed uscendo piccata)

129 – BACCI – (Scrolla la testa sconsolato) “Nu l’e’ puscibile esse cusci’ tarlucchi ! Ste due chi’ se credden d’avei treuo u Segnun a dormi’, ma invece u l’e’ adesciu ! Assidente su l’e’ adesciu u Sumensa !!” (Commenta tra se: armeggia qualche istante al suo tavolo da lavoro, poi scuote la testa

e si avvia a destra con un pezzo di stoffa in mano) “Emmu turna sbagliou i punti !!” (Mugugna uscendo)

Passa qualche istante in cui la scena rimane vuota, poi, da destra, fanno il loro ingresso Luca Semen

za in compagnia di Zitta: stanno discutendo e Zitta e’ parecchio alterata.

130 – LUCA – (Parecchio in imbarazzo) “Zitta, ma mi saiva asee ca l’ea teu seu! L’ho incuntra pe caxiu in sabbu seia, in sciu Sestiere de Pre’….ca pasegiava e …..ti se cumma l’e’….!!” (Cerca di scusarsi)

131 – ZITTA – (Scurissima) “Cumma l’e’ in cornu ! Incuntra pe caxiu in via Pre’…!! E ti, soe ti ghe favi pe caxiu in via Pre’ scandalusu !!” (Grida inferocita)

132 – LUCA – (Decisamente sulle spine) “Ma ninte….! Anava ….” (Non sa cosa inventarsi) “….a

zeuga a schedin-a, eccu !” (Butta li alla disperata)

133 – ZITTA – (Non la beve assolutamente) “A schedin-a !?!?” (Strepita) “Ma tou daggu mi u balun!! Ommu, gighe distante o te gunfiu ti cumme in balun !!”

134 – LUCA – (Cambia tattica: ruffiano) “Zitta, nu stame a dii che tie giusa….!?!” (Chiede sornio-

ne)

135 – ZITTA – (Punta sul vivo) “Giusa !?!? Nu !” (Spara risoluta, cercando di nascondere il suo li-

vore) “D’orestu…..perche’ duvieiva ? Nu semmu miga galanti …” (Butta li fingendo indifferenza)

136 – LUCA – (Intravede la possibilita’ di girare il discorso in suo favore) “Ma porieiscimu diventa

lu…..” (Si avvicina con fare sdolcinato, mettendole una mano fra i capelli)

Zitta si scosta piccata, rifilandogli un calcio in uno stinco: in quel mentre, da destra, fa’ il suo ingres

So in scena Cumba, portando il cesto con la legna: vede Luca fare il cascamorto, si blocca sulla por-

ta e, furibonda, gli scaglia contro un pezzo di legno.

137 – LUCA – (Colpito in rapida successione dal calcione di Zitta e dalla legnata di Cumba) “Haiaa 

!!” (Urla) “Ma cose l’e’, semmu turna in guera !!” (Si massaggia i punti colpiti avviandosi verso una sedia messa accanto alla stufa)

138 – CUMBA – (Furibonda, rivolta a Luca) “Senti in po, becafighe, de chi ti duvieisci diventa galante ti !?!?” (Lo affronta a muso duro)

139 – ZITTA – (Venefica) “Mee! Perche’, ghe qualche problema ?!?”

140 – CUMBA – (Al vetriolo) “Sci: tie !!!” (L’aggredisce)

141 – LUCA – (Imbarazzatissimo e dolorante) “Vaben, figette, nu l’e’ u caxiu de…..” (Prova a met-

tere pace)

142 – ZITTA e CUMBA – (All’unisolo, voltandosi verso di lui) “Sittu !!”

143 – LUCA – (Annichilito, frase, in mezzo ai denti) “Ingalantame cun….” (Le indica con un dito) “Sun miga scemmu !!” (Commenta rivolto al pubblico)

Da destra, fuori scena, si sente la voce di Bacci che chiama.

144 – BACCI – (Da fuori scena) “Zitta..! Zittaaaaa…..!!!” (Grida a tutta voce)

145 – ZITTA – (Sbuffa pesantemente) “Te paiva stranu !” (Commenta aspro. Poi, rivolgendosi a Bacci che e’ fuori scena) “Vegnuuuu…..” (Risponde avviandosi a destra. Si ferma, si rivolge a Luca

“Mi e ti’ femmu i cunti doppu !!” (Sibila uscendo)

C’e’ un attimo di silenzio imbarazzato fra Luca e Cumba rimasti soli in scena. Poi e’ Luca che rom-

pe il ghiaccio.

146 – LUCA – (A mezza voce, timidamente) “Cumba, nu ti pensie miga che mi….”

147 – CUMBA – (Lo interrompe glaciale) “Luca, mi nu pensu….. miu di feti !!”

148 – LUCA – (Cerca disperatamente di uscirne) “senti in po, ma cose ti te credua …!?” (Chiede provocatorio)

149 – CUMBA – (Glaciale) “Ho sulu vistu fi feti: e nu me piaxen guei ! Vistu che mi e ti semmu….

(Cerca le parole giuste) “….se peu di in rapporti de afari e che fin-a a preua cuntraia sun afari che nu s’an da sacei in giu, pe TI …” (Rimarca la parola indicandolo con un dito) “….questu u l’e’ in

ambiente periculusu. Dunca, ti te piggi e braghe e ti sparisci de cursa….!!” (Acidissima, facendogli segno di andare con il taglio della mano)

150 – LUCA – (Provocatorio) “E perche’ !? Ghe staggi cusci’ ben chie ….!”

151 – CUMBA – (A denti stretti) “Ti ghe ste ben….!? Amia che ti rischi de finighe suterou !!” (Lo minaccia)

152 – LUCA – (La canzona) “Cose tie puia, che ghe digghe ….” (Fa ruotare le dita di una mano in-

dicando le due uscite) “….cume ti fe a guagnia sempre a siza pe arutuda u stipendiu ?” (Ghigna bef-

fardo)

153 – CUMBA – (Controlla a stento l’ira) “Se le pe questu, mi prieiva dighe all’alta duciete’ duve van a finii meze palanche che mi guagniu zeugandu a schedin-a !” (Lo canzona con aria strafottente

“In te teu stacche, jata’ !!”(Urla inviperita)

154 – LUCA – (Si alza di scatto mettendole una mano davanti alla bocca) “Sssscccttt….sitta! Tieu

prorpiu issa’ e ciappe ……!?!?” (A mezza voce, preoccupato)

155 – CUMBA – (Gli scosta la mano con rabbia) “Ti orieisci ciapaa e anghille tie !? Ti tou seretti !!” (Replica rabbiosa ancora ad alta voce)

In quel mentre, da destra, fa capolino Reuza con i pantaloni di Luca.

156 – REUZA – (Entra da destra osservando i pantaloni: distrattamente) “Papa’, mia in po, ghe….”

(Nota Cumba) “Ciao Cumba, u nu ghe u papa’ !?” (Chiede. Poi, notando Luca) “Ciao Luca, tie za chiee…!!” (Con voce melensa, sciogliendosi)

157 – CUMBA – (Al vetriolo) “Sci, ma u ghe sta’ pe pocu !!” (Fulmina Luca con lo sguardo)

158 – LUCA – (Sempre piu’ imbarazzato) “Ciao….Reuza….!! E sci…su in po in anticipu…”

In quel mentre, da sinistra rientra in scena Bacci seguito da Zitta.

159 – BACCI – (Volgendosi indietro, rivolto a Zitta) “L’e’ inutile, tie na testun-a !”

160 – ZITTA – (Replica piccata) “Nu l’e’ vea, a l’e’ a macchina !”

161 – BACCI – (A muso duro) “Tie turna sbagliou. Sitta !!”

162 – ZITTA – (Fraintende) “Ma pa’, me ciammu Zitta!”

163 – BACCI – (In grugnito) “Sitta u meximu !!”

Bacci si volta, nota Luca.

164 – BACCI – (Rivolto a Luca) “Oh, tou za’ chi u Sumensa…!”

165 – LUCA – (Ossequioso) “Bungiurnu sciu Bacci, scignuria !!”

166 – BACCI – (Risponde con un grugnito , poi guarda l’orologio) “In po’ in anticipu, pero!”

(Obbietta a giustificarsi)

167 – LUCA – (Conciliante) “Oh, ma nu importa ! Possu aspetta….!”

168 – REUZA – (In trance) “Sciii … che bellu ! Cusci’ parlemmu in po ….”

169 – ZITTA – (Scatta inviperita) “E cose g’avieisci mai da dive !?” (Chiede a muso duro)

170 – BACCI – (Rivolto a Zitta) “Ti nu poriee mai cangiate u cugnumme in Semensa ….!” (Obbiet-

ta scuotendo la testa e l’indice della mano)

171 – ZITTA – (Sorpresa e piccata) “E perche !?!?”

172 – BACCI – (Convinto) “Tiu l’e’ za: semensa de cuiusu !” (Sentenzia ilare)

173 – LUCA – (Prova a mediare) “Suvvia, sciu Bacci ! Scia nu segge cusci’ severu cun e seu figge

….! Sun due brave figieue …!”

174 – BACCI – (Ancora ilare) “Ousci, nu morden mancu !”

175 – CUMBA e ZITTA – (Si guardano, poi si voltano verso Luca fulminandolo con gli occhi) “Nu l’e’ ditu !!” (Contemporaneamente, al suo indirizzo)

176 – BACCI – (Sbuffa) “Alantun, puo a vei ste braghe, insumma !!” (Deciso)

177 – REUZA – (Scatta in avanti reggendo i calzoni) “Tei chi, papa’ tei chie !!” (Con voce sognan-

te)

178 – BACCI – (Prende i calzoni e comincia ad esaminarli, avvicinandosi al tavolo da lavoro) “Sce…dieva che van ben….” (Sentenzia: li allarga sul tavolo con le gambe verso l’esterno. Poi)

“Anche chi duve ti divi, Reuza, u l’e’ in sbieco da stoffa. Ancun na sciaca’ cuu feru cadu e nu se vedde ciu’ ninte.” (Le osserva ancora un attimo, poi, allontanandosi dal tavolo) “Beseugna-a preua-

le, pero’.” (Rivolto alle figlie) “Chi l’e’ che ghee fa’ preua …?” (Chiede)

Zitta e Cumba scattano contemporaneamente verso il tavolo come razzi.

179 – ZITTA e CUMBA – (Contemporaneamente, afferrando una i pantaloni da una gamba e l’altra dall’altra) “Mieee…..!!” (Gridanoa tutta voce, tirando violentemente i calzoni ognuna dalla sua par-

te: la stoffa cede e i calzoni si strappano clamorosamente a meta’, rimanendo una meta’ nelle mani di ciascuna delle due sorelle che si guardano trafelate)

180 – LUCA – (Altrettanto trafelato) “E mee bragheeee………!!” (Guaisce quasi con un filo di voce, esterrefatto)

181 – BACCI – (Si mette le mani ai capelli) “Poscituese…!!” (Smoccola a tutta voce)

182 – REUZA – (Si copre la bocca con le mani) “Ohmmi….!!” (Mugola)

183 – BACCI – (Si inalbera) “Ma se peu savei cose v’e’ giou in ta succa a viatre due !!” (Tuona mi-

naccioso)

184 – ZITTA – (Trafelata) “Papa’…zuu che nu l’o’ fetu a posta ….!!” (Cerca di giustificarsi)

185 – CUMBA – (Velenosa) “Nu, nu. A l’a’ fetu in sciu seriu !” (Seria)

186 – BACCI – (Imbufalito) “A l’e’ stoffa de vigogna, cubbia de crave…! Ei idea  de cosa custa !?! Anei de l’a’ in magazin e serchei na pessa, de cursa !!!” (Urla a tutta voce: Zitta e Cumba si muovo-

no velocemente uscendo da destra, ancora con meta’ calzone in mano ciascuna, senza il coraggio di

proferire parola)

187 – BACCI – (Rivolto a Luca) “Sciu Luca, mi....nu so cumme scusame ! Nu so’ propriu cose ghe segge giou de mettise a fa’ u tiramolin a quellu moddu.....”

188 – LUCA – (Ancora choccato) “E mee braghe....!” (Riesce appena a rantolare)

189 – BACCI – (Rassicurante) “Cu nu se preoccupe, sciu Luca ! Scia vedia che ouua, in te quattro e

quatreuttu, metemmu a postu tuttu !!” (Poi, rivolto a Reuza che e’ rimasta pietrificata) “Reuza, atru che prexiu da amigu! Oua beseugna che ghee regalemmu, stoffa e tuttu !”

190 – LUCA – (Si riprende) “Nu, nu, sciu Bacci : nu possu permettilu ! U l’e’ stetu n’incidente: ar-

menu a stoffa, beseugna che gaa paghe !!” (Sentenzia serio)

191 – BACCI – (Ancora alterato) “N’incidente in cornu: sun due bezughe !!”

192 – REUZA – (Con un filo di voce) “Cose ti dixi, pue, se pourian agiusta…?”

193 – BACCI – (Schiumante rabbia) “E cumme ti fe a giustale, oucun-a, se a stoffa a l’e’ sguara’ in tu mezzu? Ti ghe de a fixica !?” (Grugnisce mimando un prestigiatore)

194 – REUZA – (Imbarazzata) “Ma papa’…a scheua nou fave fa !” (Obbietta timidamente)

195 – BACCI – (Sempre piu’ invelenito) “E me paa! Poi sciorte feua a braghe a reui, cumme quelle de Arlechin !!”

196 – REUZA – (Come colpita da una folgorazione) “Papa’, nu ghemmu mancu dumandou …” (Indica Luca) “…..su l’ueiva du meximu culure !”

197 – LUCA – (Sorride con sufficienza) “Ma pe amu de Diu , Reuza, ga m’amchieiva ancun !”

198 – BACCI – (Accondiscendente) “Sciu Luca, su veu cangiaa, semmu ancun a tempu…..”

199 – LUCA – (Risoluto) “Nu, nu: van benisscimu cuscie ! Poi, mi, a roba, a portu de qualsiasi culure !” (Conclude)

200 – BACCI – (Lo guarda sornione) “E fennu russe e bleu’ !?” (Chiede mordace)

201 – LUCA – (Ha un sussulto) “Nu, nu…pe amu de Diu !!” (Si riprende) “Saieven…in po troppu sgargianti….!” (Si corregge)

202 – BACCI – (Ancora beffardo) “Beh, ma in tu mezu ai atri, sapeva na bella maccia de culure !!”

(Guarda Luca che abbozza senza rispondere, poi) “Ma dunde sun anete a pigia a pessa, direttamente in ta fabbrica !!” (Sbotta furibondo) “Scusei, tegnive compagnia !” (Esce da destra con passo minac

cioso. Rientra un attimo) “Semai, intanto, piggighe turna e mezue!” (Rivolto a Reuza)

C’e’ un istante di silenzio in scena, con Luca che guarda Reuza con insistenza e Reuza che guarda Luca di sottecchio. E’ lui che prende l’iniziativa, avvicinandosi al tavolo da lavoro, prendendo il metro e porgendolo a Reuza.

203 – LUCA – (Si avvicina a Luca con il metro in mano) “Nu ti mee piggi e mezue…??” (Chiede con aria sorniona)

204 – REUZA – (Ingenua come sempre) “Cose tee piggiu a fa, Luca: go’ ancun i modelli veggi!”

205 – LUCA – (Si avvicina ancora) “Nu se sa’ mai…porieiven sciancase….cumme e braghe…..”

(Le gira intorno allungando una mano verso di lei)

206 – REUZA – (Terrorizzata dalla mano che si allunga) “Ma nu che nu se scianchen….nu se scian

chen…..!!” (Grida quasi defilandosi a centro scena)

207 – LUCA – (Riparte alla carica, riavvicinandosi piano) “Se tiu dixi ti’ che tie a sarta….” (Glissa)

208 – REUZA – (Imbarazzata, comincia a strofinarsi le mani) “E sci, eh…! A scheua nou diven sempre che nu se scianchen !!” (Replica convulsamente)

209 – LUCA – (Le e’ di nuovo accanto, vicinissimo) “Ma…e se u caxiu u desse che invece se scian

chessen…..?” (Chiede fingendosi serio)

210 – REUZA – (Confusa) “Ma nu! T’o ditu de nu!” (Prova a dissuaderlo)

211 – LUCA – (Le passa accanto, gli mette un braccio sulle spalle) “Ti se, u caxiu…! U se peu mai savei, u caxiu.... ! » (Avvicina la faccia alla sua)

212 – REUZA – (Trema) “Cumme saieiva a di….u caxiu…!?!?” (Balbetta)

213 – LUCA – (Si china verso di lei, comincia ad aggiustargli i capelli) “Saieiva a di…..che porrei-

va capitaa…de otte….ti se cumma l’e’…..” (Sillaba senza costrutto)

214 – REUZA – (Ha capito l’antifona) “O mue caa….!” (Geme)

215 – LUCA – (Maliardo) “Cose ghe!? Te fassu puia …!?” (Chiede melenso)

216 – REUZA – (In completo stato confusionale) “Oooohhh… mueee….caaaa…..” (Rantola quasi con un filo di voce)

217 – LUCA – (Ancora sornione) “Reuza, nu stalla a ciama’ cusci forte, senunca va’ a fini’ ca sente!!” (Si china su di lei, coprendola alla vista del pubblico)

218 – REUZA – (Di colpo) “Ave Maria, piena di grazia, il Signore e’ con te’….”

219 – LUCA – (Si rialza di colpo, sbigottito) “Reuza, ma….cose gh’intra…!?”

220 – REUZA – (Completamente abbandonata) “Luca, dixen che quande se fa’ pecou, beseugnia di l’Ave Maria pe penitensa…..E ciu’ u le grossu…ciu’ ghe da fa penitensa!!” (Spiega con un filo di voce)

221 – LUCA – (Sorpreso) “Sci ma….che pecou tie fetu oua !?” (Chiede interdetto)

222 – REUZA – (Con voce sognante) “Nuu so….nuu so ancun….ma so che duvio fa tanta penitensa!!”

Luca fa’ spallucce divertito, poi si abbassa di nuovo su di lei.

                                       -  S  I  P  A  R  I  O  -


                          - T  E  R  Z  O    A  T  T  O –

La scena si riapre con Luca e Reuza ancora in atteggiamento tenero. Passano pochissimi istanti e, da sinistra, fuori scena, si ode la voce di Texiu.

1 – TEXIU – (Da fuori scena) “Bacci, se peu savei cose l’e’ sucessu: e figette sun invexende au puntu che…..” (Fa irruzione in scena)

Luca e Reuza, quando sentono la voce di Texiu, si ricompongono velocemente, ma non tanto da es-

sere gia’ al di sopra di ogni sospetto. Texiu lo nota

2 – TEXIU – (Appena in scena) “Ma…e viatri dui cose stei faxendu ….!?” (Chiede inquisitrice)

3 – REUZA – (Imbarazzatissima) “Ni…ninte, mamma….! Stavimu….stavimu….” (Non sa che dire

4 – LUCA – (Prontissimo) “A me stava ripigiandu e mezue !” (Spiega con un sorriso stentato)

5 – TEXIU – (Sorpresa) “E perche’ !? Quelle che ti gheivi piggiou nu vegniven ben !?”

6 – REUZA – (Si riprende) “E…nu ! U l’e’ u papa’ cu me l’ha ditu. Pe rifa e braghe !”

7 – TEXIU – (Ancora interdetta) “Perche’, le undu l’e’ oua ?”

8 – REUZA – (L’avvicina) “U l’e’ anetu in magazin a serca’ a stoffa perche’ Zitta e Cumba nu se sun ciu’ viste !” (Allarga le braccia)

9 – TEXIU – (Non realizza) “E perche’ beseugna rifa’ e braghe !?”

10 – BACCI – (Rientra in scena da sinistra alle loro spalle) “Perche’ e atre en finie a tocchi !” (Brontola)

11 – TEXIU – (Si volta verso di lui) “E cumme mai !?” (Chiede ancora stupita)

12 – BACCI – (Sarcastico) “Divise fra Unni e Vandali: bottino di guerra !!” (Esclama)

13 – TEXIU – (Sempre piu’ interdetta) “Bacci….ma chi sun sti chi ? Che guera a l’e’ ?”

14 – BACCI – (Alza gli occhi al cielo, sconsolato) “Preua in po a dumandalu ae teu figge !!” (Indi-

ca con un dito l’uscita a destra alle sue spalle)

15 – TEXIU – (Offesa) “Bacci, mi, TI , nu t’acapisciu!!” (Grida piccata)

16 – BACCI – (Sempre piu’ sconsolato) “Ma quande mai, Texiu: quande mai !!” (Poi, rivolto a Reuza) “Ciutostu, ti l’e pige’ e mezue ?”

17 – REUZA – (Nuovamente in imbarazzo) “Beeeeh….eimu a preu…ma ….”

18 – LUCA – (Interviene a toglierle le castagne dal fuoco) “Sci, sci…!Eimu a preu, poi l’e’ arivou a scia Texiu e …..”

19 – BACCI – (Allontanandosi verso l’uscita di destra) “Ho capiu….ho capiu….! Vaggu a pigia i modelli veggi in butega, eh!” (Si avvia: si ferma, torna indietro, prende il metro dal tavolo, lo guarda, sorride beffardo e lo lancia verso Reuza) “Tou li’ perche’ nu ti resivi a pigiaghe turna e mezue: ti te ascorda u metru !!” (Conclude sghignazzando ed esce da destra)

20 – TEXIU – (Lo guarda uscire, allarga le braccia) “Mi nu l’acapisciu!” (Sposta la sedia vicino alla stufa, portandosi a centro scena e posandola in un angolo. Poi, rivolta alla figlia) “Mi, teu pue, nu l’acapisciu !!”

21 – REUZA – (Tenta di giustificare il padre) “Mamma, dai….! Papa’ u l’e’ stancu: a famiggia, a butega….preocupasiuin u ghe na’ tante !!”

22 – TEXIU – (Piccata) “Ma finiscila ! Preocupasiuin….!! A briscola, u Zena, e bocce….tee li e seu preocupasiuin …!!” (Sbotta. Poi, guardando Reuza con aria inquisitrice) “Ti, ciutostu: mia de nu damene de atre a mi preocupasiuin !!” (A muso duro)

23 – REUZA – (Trafelata) “Mamma….ma cos’ho fetu oua ?!?!”

24 – TEXIU – (Categorica) “Nuu so! Ma tiu faie sensatru !”

25 – LUCA – (Prova a perorare la causa di Reuza) “Suvvia, scia Texiu ! Non sia cusci’ drastica…!!

Reuza, a l’e’ na brava figgia, respunsabile, seria, pozaa….”

26 – TEXIU – (Fa’ spallucce) “Speremmu.” (Lo guarda male) “Sciu Semenza, me fiu de le, eh!” (Decisa)

27 – LUCA – (Scatta verso di lei) “Scia Texiu, scia peu sta assolutamente tranquilla ! Mi ho masscimu rispettu pe Reuza e pe tutta a seu famiggia….” (Si avvicina alla stufa) “…. E ghe assegu-u che pe le riescieiva a ana in tu feugu, sensa bruxiame !” (Sentenzia tronfio. Non si e’ accorto che la  sedia accanto alla stufa non c’e’ piu’: si siede sulla stufa) “Aaaaahhiaaa…..!!” (Urla scattando in piedi e massaggiandosi una natica: ancora rivolto a Texiu) “L’e’ in moddu de di, le ovvio !”

28 – REUZA – (Preoccupata, si muove verso di lui) “Luca, ti te’ fetu ma !?” (Chiede ansiosa)

29 – LUCA – (Finfe noncuranza) “Nu, nu…l’e’che….cumme carega a l’e’ in po tantu bassa….” (Prova a giustificarsi)

In quel momento rientra Bacci da sinistra, seguito dalle figlie: ovviamente stanno litigando.

30 - BACCI – (Entra in scena da sinistra con una pezza di stoffa da sinistra: rivolto a Zitta che lo segue)“Burdo’! Ma cumme ti peu pensa cu vagghe ben in sce tuttu ? Semai griziu cieu…o gessou… ma burdo’! L’e’ cumme mette na cravata reuza in scen vesti bleu’”

31 – REUZA – (Ancora in trance: sente il suo nome) “Sci papa’, ma….cose ghe devu fa in scen vesti’ bleu’ ?!?” (Chiede interdetta)

32 – BACCI – (Sconsolato) “Mia in po de nu adormiteghe, intanto….” (Poi, rivolto a Texiu) “E ti nu stagghela ciu’ a fa beive a camamilla primma de ana a dormin: cumme suniferu, pe le….” (In-

dica Reuza) “…..u l’e’ troppu forte !”

33 – CUMBA – (Maligna, in coda al gruppo) “Za’, chi dorme non piglia pesci!”

34 – ZITTA – (Velenosa) “Ti tiu se ben vea, vistu che ti ve sempre a pe laxerti …..”

35 – BACCI – (Passa dietro a Luca e vede la bruciatura sui pantaloni provocata dalla seduta sulla stufa) “E chi cose l’e’ sucessu !?” (Chiede meravigliato)

36 – TEXIU – (Prontamente) “Oh, ninte…! U sciu Luca, accidentalmente u s’e’ avixinou in pou troppu  a-a stiva e…..” (Allarga le braccia)

37 – BACCI – (Sghignazza) “Chi me sa’ che assindentalmente, invece d’en pa de braghe biseuria fa

ne dui !!” (Sentenzia)

38 – LUCA – (Prontamente) “Ma nu,eh…sciu Bacci: se scia ne fa dui paa, un, pero’, gou pagu!”

39 – BACCI – (Ironico) “Tie capiu, u filun ! Intanto in pa u se l’e’ za aseguou de badda!!”

40 -  LUCA – (Si sente colto in castagna) “Ma…sciu Bacci….” (Esita un attimo) “….se l’e’ pe questu, mi sun pruntu a pagagheli tutti e dui eh,!” (Obbietta un po’ esitante)

41 – BACCI – (Sibillino) “Magari doppu avei zeugou a schedin-a….!”

42 – CUMBA – (Velenosa) “Scignuria, sciu cunte! Magari oua, za che ghe semmu, se rifemmu u guardarobe !!” (Lo fulmina con gli occhi) “Tantu poi, semmu de duve sciorten e palanche !”

43 – LUCA – (Comincia ad essere nervoso) “Beh, tantu resten in ca’!!” (Si lascia sfuggire, ilare)

44 – CUMBA – (Trasecola: poi, furibonda) “Mia, bezugu, che ti ghe rimetti ti asci’, se!”

45 – TEXIU – (Trasecola) “Cu…cumme saieiva a di’ ….!?!?!” (Chiede allibita)

46 – LUCA – (Si accorge della gaffe) “Ni…ninte, scia Texiu ! L’e’ che….” (Non sa’ cosa inventa-

re) “….mi e a Cumba femmu spessu comunella pe zeuga a schedin-a….” (Prova a giustificarsi)

47 – BACCI – (Sferzante) “E sci, sucedde spessu che ommu e donna fassen comunella pe zeuga’ a schedin-a !” (Sghignazza ferocemente)

48 – TEXIU – (Insorge) “Bacci, maducou ! U sciu Luca u l’e’ na persun-a seria, e Cumba a l’e’ teu

figgia!”

49 – BACCI – (Velenoso) “Texiu, Cumba a l’e’ anche TEU figgia: l’e’ questu che me preoccupa, te

l’ho za ditu !!”

50 – LUCA – (Cerca ancora di mediare) “Andiamo, sciu Bacci….scia nu g’ha tre figge, scia g’ha trei fiuri!!In ca’, quande ghe sun lu, scia se deve senti in te na sera…!” (Pontifica serio)

51 – BACCI – (Allarga le braccia) “Euh!! Infeti, sun tuttu inghirlandou che paggiu na lapide de cam

pusantu ! Sciu Luca, sta chi a l’e’ na povia trulla….” (Indica Reuza) “…e ste due….” (Indica Zitta e

Cumba) “…sun pezu de due tigne! Attru che in te na sera, me pa d’esse in te na funzea!!” (Ringhia a tutta voce)

52 – ZITTA – (Si risente) “Parla u grand’ommu ! Na vitta a tagia roobin e zeuga a briscula con quattro ‘mbreghi: ti se che meraviglia !”

53 – BACCI – (Con naturalezza, rivolto a Zitta) “Se da u caxiu che tagiandu roobin e zeugando a briscula te daghe da mangia ancun oua: viatre due….” (Indica Zitta e Cumba) “….pou mumentu ei fetu sulu di gren paciughi, e alua ….”

54 – CUMBA – (Preoccupata, cerca di interromperlo) “Paciughi ….!?!? Ma papi, quali….!?” (Chie

de con aria volutamente trasognata)

55 – BACCI – (La squadra con occhio cattivo) “Tieu veine un ? Questu!!” (Grida alzando davanti al naso delle figlie i calzoni tagliati a meta’)

56 – ZITTA – (Sbuffa seccata) “Ma pueee….u l’e’ stetu n’incidente…..!!”

57 – BACCI – (A muso duro) “Propriu! Viatre due ei fetu l’incidente, e mi pagu!! Meggiu che ti taxi e che anei a arvii butega, sedunca u peu capitave a viatre n’incidente….!” (Sbraita)

58 – CUMBA – (Seriamente preoccupata) “N’incidente….tipu…..!?!?” (Chiede timidamente)

59 – BACCI – (Su di giri) “N’incuntru casuale cun in manegu de spasuia in scia schen-a !” (Grugni-

sce inferocito)

60 – CUMBA – (Scandalizzata) “Ma papa’, nu ti te permettie, davanti a estranei ….” (Prova ad ob-

biettare)

61 – BACCI – (Imbestialito) “Sci !!!” (Urla secco lasciandola di sale)

62 – CUMBA – (Paralizzata) “Aah…!” (Riesce solo a mugolare con un filo di voce)

63 – BACCI – (Sempre duro, ma con toni meno alti) “Dunca, in fila indiana, anemmu a arvii butega

: avanti….march !!” (Imperioso, indicando l’uscita a destra)

Si incolonnano entrambe ed escono da destra senza proferire verbo. Zitta si ferma un attimo sull’uscita e cerca di parlare con Luca.

64 – ZITTA – (Rivolta a Luca) “Tranquillu, eh, che u nostru colloquiu e l’e’ rimandou sulu de po-

cu….”

 Luca vorrebbe ribattere qualcosa ma Bacci lo precede

65 – BACCI – (Feroce) “MARCH…..!!” (Urla a squarciagola)

Zitta s’interrompe uscendo velocemente da destra con una smorfia decisamente angosciata rivolta verso il pubblico: Per qualche attimo, c’e’ silenzio in scena. Bacci comincia a predisporre i modelli,

Luca gironzola fingendo indifferenza intorno a Reuza che e’ rimasta impalata quasi a centro scena, Texiu osserva, a mani giunte, leggermente preoccupata. Poi e’ Texiu a prendere l’iniziativa.

66 – TEXIU – (Rivolta a Reuza) “Reuza, caa, vanni ti a sci’ a da ina man ae teu seu…” (Le indica l’uscita di destra invitandola ad andare con ampi cenni delle mani)

67 – REUZA – (Ancora leggermente imbambolata) “Ma mi…veramente ea a preu ae braghe de Luca e….”

68 – TEXIU – (Con decisa dolcezza) “Ma ghe pensa u papa’ chie….! Vanni, caa…vanni !!” (La so-

spinge verso l’uscita di destra sostenendola per un braccio)

69 – REUZA – (Si volta verso Luca) “Luca, scuza, eh…! Ma mi’ l’e’ meggiu che vagghe…..”

70 – TEXIU – (Con decisione, non la lascia finire) “E vanni, drolica !!” (Sbraita nervosa spingendo-

la fuori con decisione)

Bacci interrompe per un attimo il lavoro, guarda Luca e fa’ una smorfia sorpresa: Luca risponde con un sorriso ebete, prende la sedia, l’accosta alla stufa, fa’ per sedersi: sobbalza, la sposta piu’ a cen-

tro scena, verifica la distanza dalla stufa, sorride soddisfatto, poi si siede e si mette ad osservare Bacci intento al suo lavoro. Texiu gironzola qualche attimo per la scena, fregandosi leggermente le mani, si guarda in giro, prende un’altra sedia, la avvicina a quella dov’e’ seduto Luca e si siede a sua volta. Poi comincia l’interrogatorio.

71 – TEXIU – (Tossicchia leggermente accentuando volutamente l’imbarazzo) “Sciu Luca, scia scuze…..” (Comincia timidamente)

72 – LUCA – (Si aspettava l’attacco) “Scia digghe, scia Texiu….!” (Si volta prontamente verso di lei)

73 – TEXIU – (Volutamente indecisa) “Eccu….vueiva dii….” (Fa’ una pausa studiata: poi s’illumi-

na) “Possu ciamalu Luca, vea !?” (Chiede cercando approvazione)

74 – LUCA – (Prontamente) “Ma scia se figure, ga m’anchieiva ancun !! Ansi, pe fa meggiu, scia fasse na cosa: scia me daghe du “ti”! N’avieiva propriu tantu piaxei !!” (Coglie al volo l’occasione)

75 – TEXIU – (Con pudicizia) “Sciu Luca, ma nu eh! Na persun-a du seu lignaggiu..... ! Nu me per-

metieiva mai !”

76 – LUCA – (Sornione, rincara la dose) “Scia nu me mette in inbarassu! Cunusciu e seu figgie, fre-

quentu a seu casa, ormai, me sentu in po un da famiggia…..!”

77 – BACCI – (Drizza le orecchie: fra se’) “Ahia, a cuminsa maa !” (Commenta a mezza voce)

78 – LUCA – (Prosegue imperterrito) “Scia fasse cuntu d’aveighe in figgiu in ciu’!”

79 – BACCI – (Trasecola) “No! De figgi me basta e avansa quelle tre che go’!!” (A voce piu’ alta)

80 – LUCA – (Incassa con non chalance: rivolto a Bacci) “Sciu Bacci, anche le: in fundu u porieiva esse mee papa’!”

81 – BACCI – (A tutta voce) “E ghe manchieiva!!” (Spara deciso: poi, commentando fra se a mezza voce) “Bellu zuenu, sa l’e’ cumme pensu mi peu dase che dachi a in po de tempu te daghe de l’atru!” (Commenta)

82 – LUCA – (Si blocca alla reazione di Bacci: poi, rivolto a Texiu) “Cumunque, questu u l’e’ in dettagliu….Ca me digghe pure, Scia Texiu, ca me digghe !” (Avvicina la sedia mettendosi di fronte a lei e mostrandosi in interessata attesa)

83 – TEXIU – (Con falsa discrezione) “Possu….faghe na dumanda indiscreta ?”

84 – LUCA – (Ostentando disponibilita’) “Seguamente !!”

85 – TEXIU – (Avvicina la sedia ed abbassa il tono della voce) “I seu raporti cun a Reuza…cumme sun ?”

86 – LUCA – (Rassicurante) “Ma sens’atru ottimi, dieva !”

87 – TEXIU – (Con un risolino ebete) “Questu l’aivu capiu: seguamente !!” (Abbozza: poi, abbas-

sando nuovamente il tono della voce) “Intendeva di…..v’atreuei ben insemme…..!?” (Chiede scuo-

tendo gia’ il capo in senso affermativo)

88 – LUCA – (Spalanca le braccia) “Ma sens’atru !!” (Esclama ostentando ovvieta’)

89 – TEXIU – (Leggermente irritata) “Benedettu zueno, sei ingalante’ o nu?” (Chiede acida, infasti-

dita per non essere stata capita parlando per antifona)

90 – LUCA – (Fingendo imbarazzo) “Oddio, Scia Texiu, nu me saieiva mai permissu sensa u seu asensu!”

91 – BACCI – (Sempre indaffarato, con noncuranza) “Ma che zuenottu a moddu, nu l’avieiva mai ditu !” (Poi, sornione, rivolto al pubblico) “Nu mou creddu mancu su mou zua in scen scafale de bib

bie !!” (Commenta acido)

92 – TEXIU – (Si gonfia come un pallone) “Oooh, propriu a moddu, cu me se deve, eh !”

93 – LUCA – (Capisce d’aver colto nel segno) “Le u minumu, scia Texiu: a famiggia a l’e’ sacra, u rispettu u l’e’ duvu-u !!” (Esclama serio) “Anche se…..” (Riprende timidamente) “….nu ghe scun-

du che na serta simpatiaaa……a ghe saieiva !” (Si schernisce)

94 – TEXIU – (Scatta come una molla) “Davei….!!” (Esclama tronfia) “Alantun veu di che…. A pu

scibilite che u diventesci…..a ghe saieiva…!!” (Azzarda speranzosa)

95 – LUCA – (Finge esitazione) “Nu orieiva ca fisse na cosa prematura, pero’…..” (Abbozza ancora)

96 – TEXIU – (In brodo di giudice) “Sciu Luca, ma cumme sun cuntenta….cumme sun cuntenta !!” (Scatta in piedi battendo le mani: si avvicina a Luca e gli mette una mano su una spalla) “Cu scuse, se, cu scuse tantu! Ma u sa, primma, quande sun intraa…..mea parsciu-u che fissi in ten mumento..”

(Esita un attimo) “….intimu, ecco!”

97 – LUCA – (Fingendosi scandalizzato) “Scia Texiu, de strafoxiu….in ca’ seu…e pe de ciu’ in pubblicu, a-a luxe du giurnu !!”

98 – TEXIU - (Sempre piu’ tronfia) “Le vea, le vea !” (Sentenzia) “In ca’ nostra, poi, semmu sempre steti severi in sce ste cose: ae figette ho sempre racumandou a massima pudicissia in meritu!

Cu se figure che…” (Si avvicina ancora a Luca, sistemando la sedia ancora piu’ vicino a lui e seden

dosi) “Oua ghe fassu na cunfidensa….” (Sussurra schernendosi) “Cu se figure che cun me maiu….”

(Indica Bacci che la guarda male) “…..  ancun oua, doppu tanti anni ….i nostri mumenti de intimite,

ormai e ree otte che capiten….i vivemmu au scu-u, sensa mancu l’abat-jour!!” (Conclude con malce

lato orgoglio)

99 – BACCI – (Alza gli occhi dal suo lavoro, trafelato) “Cun ti !?” (Sbraita) “E g’orie in bellu curaggiu a sende a luxe !!” (Spara secco)

100 – TEXIU – (Risentita, si volta di scatto verso di lui) “Maducou, trent’anni fa’ ti a pensavi a n’atru moddu !!”

101 – BACCI – (Caustico) “Texiu, sbaglia fin-a u preve in tu di messa !!” (Sentenzia allargando le braccia con rassegnazione)

102 – TEXIU – (Offesa, cerca di glissare) “Cumunque….mi sun ben cuntenta che questu lietu even-

tu u segie ipotizzabile, le vea ….” (Si illumina nuovamente)

103 – BACCI – (Concentrato nel suo lavoro) “Lietu eventu….ipotizzabile…ma cumma parla !?!?” (Commenta fra se. Poi, ad alta voce) “Texiu, se ti parli cumme ti mangi, minimu tie l’urcera !!”

104 – TEXIU – (Si limita a guardarlo malissimo) “Eventualmente….su l’accadesse fitu…scia sacce che saiescimu ben contenti de cuntrubui a cumunicalu in sucieete’…..” (Rincara la dose)

105 – BACCI – (Con noncuranza) “Sci sci….u cumunichemu a-a suciete’ Catolica, a quella de boc-

ce, a quella de vegie rossue che nu se fan i afari seu ….!!” (Commenta velenoso)

106 – LUCA – (Fa’ una strana smorfia rivolto al pubblico) “Sci…sci….aprufitio sens’atru…..” (Vede il volto di Texiu illuminarsi) “Eventualmente….s’acapisce !” (Si affretta a puntualizzare)

107 – TEXIU – (Frena) “Eeee…eventualmente……s’acapisce !!” (Precisa a sua volta facendo ampi gesti affermativi con il capo)

108 – LUCA – (Tergiversa) “Quande i tempi saian maturi……”

109 – BACCI – (Sempre maligno) “Cazian da l’erbu cumme e fighe!”

110 – TEXIU – (Spazientita) “Bacci, ma insumma, l’e’ mai puscibile !? Semmu a-a presensa d’en fetu strabiliante, in ta nostra vitta l’e’ introu na persun-a de nobile lignaggiu cu peu fa diventa u futu

ru de teu figgia radiusu e opulentu e ti…..”

111 – BACCI – (L’interrompe secco) “Peu dase che u futuru de me figgia u seggie anche destinou a esse radiusu e corpulentu …..” (Sbaglia volutamente la parola, mimando in modo burlesco l’obesi-

ta’) “….cumme ti dixi ti, ma ou presente l’ingressu du sciu Sumensa in ta ME vitta u m’ha portou in rimissa da fatua den pa’ de braghe……!” (Ringhia. Texiu vorrebbe replicare: non gliene da’ il tem-

po) “Ansi….” (La ferma alzando una mano) “…..dui !!” (Rincara la dose deciso, mostrando le due parti dei pantaloni strappati, poi riprende a lavorare)

112 – TEXIU – (Vorrebbe replicare ma poi rinuncia e torna a rivolgersi a Luca che la guarda preoc-

cupato, cominciando a sentire aria pesante) “Ciutostu, sciu Luca…..quande saia u mumentu, nevei...

scia preferisce na cerimonia intima, in casa, o magari feua….che so, in ricevimentu in tu salun d’en

ristorante…..o dell’Hotel Bristol de Principe ….”

113 – BACCI – (Sempre piu’ spazientito) “Pecou che nu ghe seggie ciu’ u Castellu Raggio, se nu pueivimu afitalu ….!” (Rivolto alla moglie) “America, tia zu e braghe, eh!!” (Sbraita a tutta voce)

114 – TEXIU – (Piccata, rivolta al marito) “Ma insumma, ma l’e’ mai puscibile che nu ti sacci pensa a atru che ae teu braghe, tie !!” (Grida inviperita)

115 – BACCI – (Affatto tranquillo) “Donna, l’e’ quarant’anni che u me meste’ u l’e’ mette pesse..”

(La guarda malissimo) “…..e nu sulu in te braghe !!” (Urla decisissimo)

116 – LUCA – (Cerca di togliersi d’imbarazzo) “Scuzei…scuzei….ma oua biseugna propriu che mi

vagghe, eh…! Sedunca…..me sata di apuntamenti….” (Butta li’)

117 – TEXIU – (Premurosa) “Sci sci, sciu Luca, scia vagghe, scia vagghe!! Nu orieiva faghe perde du tempu che so’ essighe presiusu…..!”

118 – LUCA – (Ruffiano) “Grasie, scia Texiu, Grasie pe a seu cumprensciun !” (Si alza avviandosi a destra verso l’uscita)

119 – TEXIU – (Non sta’ piu’ nella pelle) “L’acumpagnu, sciu Luca…l’acumpagnu !” (Poi, fra se, ad alta voce) “Ma che bella nutissia…che bella nutissia !!” (Ancora rivolta a Luca) “Nu veddu l’ua de dala anche ae atre me figgie…..!!” (Squittisce in modo farsesco)

120 – LUCA – (E’ gia’ sull’uscita: si blocca come colpito da un fulmine, si gira di scatto con il volto contratto in un’espressione di assoluto terrore) “Nuuu…..!!!!” (Urla, gelando Texiu)

121 – BACCI – (Soffoca a stento una risata) “Eccula ! L’e’ chi che t’ueiva….!!”

122 – TEXIU – (Pietrificata) “Cu…cumme saieiva a di, sciu Luca….” (Mormora esterrefatta)

123 – LUCA – (Cerca di riprendere il controllo) “Nuu…nu…l’e’ che….” (Deglutisce pesantemente

rientrando verso il centro della scena sotto lo sguardo ebete di Texiu e quello satanico di Bacci) “…a veite’ a l’e’ che…..” (Prende Texiu sottobraccio) “Scia vedde, scia Texiu, Zitta a l’e’ na caa amiga, sensibile delicata….e anche cun Cumba, semmu in ottimi rapporti. fra niatri ghe….na simpa

tica amicizia…..” (Fa’ una breve pausa) “Preferieiva esse mi, quande saia u mumentu, s’intende, a parlaghene de persun-a: nu orieiva ruina u nostru raportu ne tantu menu quellu fra lu e Reuza! Scia m’acapisce, vea, scia Texiu !?” (Chiede con fare premuroso)

124 – TEXIU – (Sorride ebete)”Ssssssssci......eh......“ (Balbetta appena scuotendo affermativamente la testa)

125 – BACCI – (La guarda, scuote la testa, poi rivolto a Luca) “Stanni tranquillu, zuenottu, ca t’aca

pisce! Nu ti te cimami Bacci, tie!” (Poi, fra se’, rivolto al pubblico, ad alta voce) “Sa m’acapisse n’otta mi, invece, porca miseia !!”

126 – TEXIU – (Rassegnata e ancora incredula) “Va ben….va ben….voria di che alua spetio cu ghe parle le….cun tutte due….”

127 – LUCA – (Tira un sospiro di sollievo) “Grasie, scia Texiu, grasie de neuvu…..! Scia me fa’ davei in regallu grossu !”

128 – BACCI – (Serioso) “Eu di che pe oua nu fa’ beseugnu de fitaa u Castellu Raggiu, nu….!” (Chiede canzonandoli)

Lo guardano entrambi: Texiu imbufalita, Luca preoccupato. Poi, Luca si accomiata.

129 – LUCA – (Si avvia a destra) “Bene, scia Texiu, mi me cungedu, alua: ca stagghe tranquilla, pero’, che se vedemmo turna, eh! Se vedemmo turna….”(Esita qualche istante) “Quande l’e’….pruntu…e …braghe….” (Sillaba quasi incrociando lo sguardo torvo di Bacci: poi rivolto al pubblico, fra se’, a mezza voce) “E ti ste fresca! Cun sti cei de lun-a, e teu braghe ti tee peu mette in adubbu!!” (Conclude uscendo velocemente)

Texiu rimane a mezza via, indecisa se seguire Luca o affrontare Bacci: e’ proprio lui a toglierla da ogni indugio.

130 – BACCI – (Ironica, fra se’, ad alta voce) “Pero’, ti le capiu, u sciu Sumensa: oua u nu ga’ tempu, ma pe vegnii a pigia e braghe…..sci, eh!” (Ridacchia sornione)

131 – TEXIU – (Indispettita) “Insumma, basta! Tie vistu cose tie fetu ? Ti l’e indispostu…!! U se n’e’ anetu indispostu !! » (Grida agitata)

132 – BACCI – (Sarcastico) “Indispostu? A mi me paa  che ciu’ che indispostu u se ne seggie anetu propriu cun a cua in mezzu ae gambe…..!!” (Ridacchia)

133 – TEXIU – (Inviperita) “E pe forsa, ti l’e’ mortificou !”

134 – BACCI – (Gaudente) “Me pa che a mortificalu ti seggi steta ti, quande ti ghe ditu che nu ti vedeivi l’ua de anunsia ae atre figge u lietu eventu….!!” (Sghignazza impunemente)

135 – TEXIU – (Si blocca) “Cose tieu dii…!?” (Chiede sorpresa)

136 – BACCI – (La guarda di traverso) “Cu l’ha criou de nu tantu forte che deven aveilu sentiu d’en Caignan…!” (Se la ride sornione)

137 – TEXIU – (Interdetta) “Beh….ti se…u se preocupava  pe a reasiun de Zitta e Cumba e….”

138 – BACCI – (L’interrompe) “Stranu, mancu fisse e seu galanti…”

139 – TEXIU – (Trafelata) “Ma cose ti dixi !!” (Si scandalizza)

140 – BACCI – (Finge meraviglia) “Ninte! Se fa’ tantu pe dii…” (Commenta distratto)

C’e’ un attimo di silenzio: Bacci prosegue il suo lavoro, Texiu passeggia qualche istante nervosamente, poi si siede pensierosa, Infine sbotta

141 – TEXIU – (Scattando verso Bacci) “E ma mi gou diggu se….!!” (Sbotta)

142 – BACCI – (Glaciale) “Cose ?”

143 – TEXIU – (Decisa) “Du proscimu lietu eventu !! »

144 – BACCI – (Feroce) « A chi !?”

145 – TEXIU – (Sorpresa) “Ma ae figiette!!”

146 – BACCI – (La gela con lo sguardo) “Mi, nu faieiva!!”

147 – TEXIU – (Colpita da tanta decisione) “Ma Bacci…cun discresiun, s’intende !”

148 – BACCI – (Sempre risoluto) “Texiu, mia in po’ de nu crea atre beghe….” (Cerca qualcosa sul tavolo da lavoro, non lo trova, si avvia verso sinistra per andarlo a prendere) “….saieiva stancu de mette pesse !” (Sentenzia uscendo da sinistra)

149 – TEXIU – (Risentita) “Ehh, alantun cangia meste’!” (Sbotta velenosa a mezza voce)

150 – BACCI – (E’ gia’ fuori scena: si sporge appena) “Nu sulu in te braghe !” (Ringhia feroce, spa

rendo poi a sinistra)

Texiu rimane qualche istante immobile a centro scena, scrolla le spalle, fa’ una smorfia come per dire -chi se ne frega- , continua poi a passeggiare piuttosto nervosa. Dopo qualche secondo entra in scena Zitta da destra: e’ un po’ imbronciata, assorta nei suoi pensieri.

151 – TEXIU – (Vede entrare Zitta da destra e si illumina) “Uh, Zitta….propriu tie! Ueiva n’attimu parlate !”

152 – ZITTA – (Insofferente)”Veramente sercava papa’, u nu ghe !?”

153 – TEXIU – (Frettolosa) “E nu, u l’e’ dela’ in mumentu….” (Taglia corto) “Ma setite n’atimu: t’ueiva di na cosa…..”

154 – ZITTA – (Sbuffa seccata) “Ma mamma, devu ana in butega! De la’ ghe Cumba sula : ti se che poi u papa’ u mugugna !!”

155 – TEXIU – (Decisa) “Nu, nu…fermite in menutu Zitta !”

156 – ZITTA – (Seccata, alza gli occhi al cielo) “E dai! Ma nu ne puemmu parla staseia ?”

157 – TEXIU – (Perentoria) “Nu: ne parlemmu oua !! »

158 – ZITTA – (Si rassegna) “E va ben, cose ghe!!”

159 – TEXIU – (Prende due sedie, le mette a centro scena, una accanto all’altra) “Settite !” (Invita Zitta sedendosi a sua volta: Zitta fa spallucce e si siede) “Ueiva dite….” (Comincia cauta) “Reu seu Reuza….” (Zitta la guarda interrogativa) “Sa duvesse ingalantase….”

160 – ZITTA – (Trattiene a stento una risata) “Chi, Reuza !!!” (Esclama sguaiata) “E cun chi, cun in stuchefisciu !?” (Chiede ilare)

161 – TEXIU – (Non raccoglie) “Ti dixi ca sa treuesse in zuenottu spigliou…..intraprendente…de bun-a famiggia …..un cumme u cunte Semensa, metemmu….” (Butta li’ fingendo casualita’)

162 – ZITTA – (Trasale) “Chi, Luca !? E cosu gh’intra , le!!” (Esclama inviperita)

163 – TEXIU – (Rassicurante) “Ma ninte, lea sulu pe di…pe fa’ n’esempiu….!”

164 – ZITTA – (La guarda storta, non ci crede troppo) “Ah!” (Commenta secca)

165 – TEXIU – (Riprende con cautela) “In tipu cusci, te diva: cose ti ne pensiesci ?”

166 – ZITTA – (Scrolla le spalle) “Pe mi, se quellu la’ u l’ha du curaggiu, u peu esse chi u l’eu. L’importante……” (Si inalbera) “…..cu nu seggie Luca, perche’ seduca…..” (Si interrompe)

167 – TEXIU – (Fa’ finta di non capire) “Sedunca ….!?” (Chiede fingendosi interdetta)

168 – ZITTA – (Perentoria) “L’amassu!!” (Spara secca alzandosi e avviandosi a destra: sull’uscita si ferma e si volta veso Texiu) “Tutti dui: primma un-a e poi l’atru !” (Decisa: poi esce da destra de-

cisamente alterata)

Texiu rimane qualche istante da sola in scena, pensosa: poi:

169 – TEXIU – (Fa’ una smorfia, poi, rivolgendosi al pubblico) “Assidente saa pigieiva maa!!”

Da destra, quasi contemporaneamente, entra in scena Cumba: ha alcune cose in mano che posa sul banco di lavoro. Texiu la vede, e….

170 – TEXIU – (Rivolta a Cumba) “Uh, propriu tie….!” (Si alza avvicinandosi a lei)

171 – CUMBA – (Stupita) “Dimme, Ma’….cose ghe ?”

172 – TEXIU – (La prende sottobraccio e l’accompagna verso le sedie) “Ueiva propriu dumandate na cosa….”

173 – CUMBA – (Sempre piu’ meravigliata) “Scii, dimme…..!!”

174 – TEXIU – (La fa’ sedere) “Teu seu Reuza….” (Si siede) “…..sa se dovesse, cumme dii….” (Fa’ sedere anche lei) “…..treua u galante….”

175 – CUMBA – (Scoppia a ridere) “Mamma…tie bevu-u….!?!?” (Batte le mani) “Quella seppia de la’? E chi teu che l’euggie !?!” (Non riesce a smettere di ridere)

176 – TEXIU – (Fingendo naturalezza) “Mi nu dieiva cusci’…..u sciu Luca, pe esempiu, ua pensa in te n’atru moddu!”

177 – CUMBA – (S’ingrugnisce) “Cumme saieiva a di !?” (A muso duro)

178 – TEXIU – (Ancora con finta naturalezza) “Cumba, l’e’ inegabile che ghe segge da simpatia…!”

179 – CUMBA – (Secca) “Mue, beseugna vei versu cose , de Reuza, u l’ha a simpatia!”

180 – TEXIU – (Piccata) “Reuza, cumme ti te permetti de…..”

Vengono interrotti dall’entrata in scena di Bacci da sinistra, con un paio di forbici in mano.

181 – BACCI – (Entrando in scena da sinistra) “E cose femmu, salottu chie !?” (Spara deciso facen-

dole trasalire)

182 – TEXIU – (Seccata, verso il marito) “Bacci, ti permetti che mue e figge agge quarcosa da dise.

Magari na cunfidensa da fase …..!?” (Obbietta)

183 – BACCI – (Seccato a sua volta) “Texiu, ti permetti che teu figgia a quest’ua a se guagne i dinee che tutti i mexi a se mette in ta stacca…..!?” (Ringhia, facendo contemporaneamente segno con la mano a Cumba ti tornare in negozio)

184 – CUMBA – (Con buon senso, anticipa la madre) “Vaggu subetu, papi, vaggu subetu!” (Si alza uscendo velocemente da destra)

185 – TEXIU – (Appena Cumba e’ uscita di scena, rivolta a Bacci) “Insumma, l’e’ mai puscibile che ti arivi sempre a sprupoxitu, ti !?” (Lo rimbrotta)

186 – BACCI – (La canzona) “L’e’ cumme e partie de balun: l’intevallu u l’e’ cuntou !”

187 – TEXIU – (Sbuffa stizzita) “Insumma Bacci, duviou ben savei cose pensen e mee figge se Reuza e Luca di Semensa diventen galanti……!”

188 – BACCI – (Riprende il suo lavoro) “E tie saciu !?” (Distrattamente)

189 – TEXIU – (Insofferente) “Ho saciu sci,  ho sci! E avieiva saciu ancun de ciu’ se ni fisci arivou ti a rumpin e euve in tu panee….”

190 – BACCI – (La guarda dritta, beffardo) “E euve in tu panee…!? Texiu, tie diventaa na galin-a !? » (Chiede beffardo)

191 – TEXIU – (Inviperita) “Nu! Tie ti che tie arestou in bezugu !!” (Grida acida)

Passeggia qualche secondo per la scena, pensierosa, mentre Bacci si finge indifferente proseguendo il suo lavoro e osservandola di sottecchio. Poi…

192 – TEXIU – (Quasi mistica) “Bacci, ti pensi….!! Beseugna organizaa un bellu rinfrescu, eh! Cu seggie in ca’ o feua, beseugna fa na cosa ben feta!” (Riprende a passeggiare attendendo un commento che non arriva da parte di Bacci) “Beseugnia serca’ in chef  in gamba…da Tonitto… o da Zefirino….” (Prosegue il suo soliloquio volgendo le spalle all’uscita di destra: nel frattempo entrano in scena Cumba e Zitta che si bloccano sentendo la madre)

193 – BACCI – (Distrattamente) “Sciii…..magari serchemmu Pinin Sioulin-a, a Santa Margherita:”

(La canzona)

194 – TEXIU – (Ancora di spalle) “Insumma, l’e’ teu figgia Reuza ca s’ingalanta, e Luca Semensa u l’apartegne a …..” (Si gira di scatto e si trova davanti Cumba e Zitta: si blocca portandosi una ma

no davanti alla bocca)

195 – CUMBA e ZITTA – (Truci, contemporaneamente) “Chi s’ingalanta cun chi !?!?!?”

196 – BACCI – (Alzando gli occhi dal lavoro) “E tou li’ che emmu fetu a friita’!” (Esclama)

197 – TEXIU – (In imbarazzo rivolta alle figlie) “Nu pigieivela maa…..! Mi…ve l’avieiva ditu, ma…Luca u l’ha inscistiu che l’eiva parlavene le, e……”

198 – CUMBA e ZITTA – (Si guardano complici, poi, inferocite) “A bruttu siottu !!” (Insieme: scattano contemporanea verso destra, si urtano cercando di guadagnare l’uscita, poi escono entram-

be lasciando Texiu di stucco e Bacci sghignazzante)

199 – TEXIU – (Impietrita, rivolta a Bacci) “E ti ti rii….e nu ti dixi ninte !?”

200 – BACCI – (Rivolto alla moglie) “E tie za ditu ti fin-a troppu !!” (Ride sguaiato)

Da destra entra in scena Reuza, trafelata

201 – REUZA – (Entra da destra esterrefatta) “Mamma….papa’….ma cose g’he pigiou ae me seu ? Sun sciortie de cursa den butega che paiven matte….m’en passe davanti de cursa, e m’an criou de tuttu !!”

202 – TEXIU – (Trafelata) “Figin-a caa, ma cose t’an ditu !?”

203 – BACCI – (Ilare) “L’e’ meggiu ca nu tou digghe, sedunca nu ti finisci ciu’ de fate u patre” (Si fa’ il segno della croce sghignazzando impunemente)

204 – REUZA – (Con scoramento) “Ma mamma, perche’ ghe l’an tantu cun mi e Luca ? Sun seu seu! Se Zitta a l’eu cunsigliase cun le, mi nu ho miga ninte in cuntraiu …….!! E Cumba, sa leu anaghe insemme a zeuga a schedin-a…….mi gou lasciu ana, e!” (Mugola piagnucolante)

205 – BACCI – (Alza gli occhi al cielo: esce dal banco di lavoro, prende la figlia sottobraccio) “Reuza, stella d’ou, nu taa pigia, eh! Nu l’e’ sucessu ninte, propriu ninte: ti vedie’ che Zitta e Cumba vegnen fitu a ca’ e riturna tuttu cumme primma. Oua, pero’, vanni de la’ in butega: se intra gente, nu l’e’ bellu che nu ghe seggie nisciun…!” (L’accompagna verso l’uscita di destra)

206 – REUZA – (Remissiva e dolente) “Va ben papa’….va ben….” (Esce da destra)

Bacci torna dietro il tavolo da lavoro sotto lo sguardo stralunato di Texiu: c’e’ qualche attimo di imbarazzato silenzio, poi

207 – TEXIU – (Inespressiva, rivolta a Bacci) “Sun scapee via….de cursa….” (Fa’ una breve pausa) “…..e ti nu ti fee ninte !!”

208 – BACCI – (Distrattamente) “Ti ve die che quande l’e pruntu a suppa, ariven !” (Sentenzia)

209 – TEXIU – (Sorpresa) “E ti…cumme ti fe a dilu ?”

210 – BACCI – (Scrolla le spalle) “Intuitu…..sulu intuitu….!”

211 – TEXIU – (Spazientita) “Mi….mi nu te capisciu, Bacci! Propriu mi nu te capisciu !!!” (Sbotta imbufalita uscendo da sinistra)

Bacci continua imperterrito il suo lavoro per alcuni secondi, poi scuote la testa

212 – BACCI – (Sorride amaro, poi, proseguendo col suo lavoro) “E povia Texiu ! Beata ti che nu ti capisci: mi ho capiu fin-a troppu, me sa. Un-a ca fa’ e pasegiate, l’atra che zeuga a schedin-a…..

a parieiva fin-a na foua! Attru che risevimentu, Pinin Sioulin-a, Portufin, u prumuntoiu……” (Rivol

to alla platea) “….me sa’ che staotta femmu cumme mastru Sciguella: d’en burduna, ne femmu na stella ! Emmu cuminsou d’an travu .... » (Mima una cosa grande) « e finimmo cun in steccu da den-

ti !!” (Sogghigna fra se’: fa’ una breve pausa, guarda distrattamente l’orologio, poi) “Eh, duvieisci-

mu essighe!” (Commenta fra se’: altra breve pausa) “Doppu tuttu, l’e’ cumme quande s’aspeta l’annu neu: l’e’ sulu na questiun de tempu !!”

Continua il suo lavoro in silenzio, poi, dopo qualche istante, si ode la voce di Texiu da fuori scena.

213 – TEXIU – (Da fuori scena, sconvolta) “Bacci…..Bacciiii…..!!” (Strilla con la voce strozzata)

214 – BACCI – (Batte le mani aperte sul tavolo da lavoro) “Ghe semmu: l’e’ mezaneutte!!” (Ride sotto i baffi)

215 – TEXIU – (Irrompe in scena da sinistra, trafelata) “An ciamou d’en Questua …..an fermou  Cumba e Zitta….in sciu cian de Sant’Andria….in an arestee…e stan portando a ca’…..” (Spiega con voce metallica, impersonale)

216 – BACCI – (Per niente turbato) “Mia in po’: risparmien fin-a e palanche du tranvai!!”

217 – TEXIU – (Incredula) “Ma cose avian mai fetu….va ben Zitta: a l’e’ sempre steta fiea!” (Sen-

tenia)”Ma Cumba……”

218 – BACCI – (Venefico) “E l’avian treua ca zeugava a schedin-a !!” (Conclude)

In quel momento, entra in scena da destra Reuza, anche lei stravolta.

219 – REUZA – (Entra da destra) “Mamma….papa’….ghe a Puliscia….!!” (Mormora con un filo di voce) “An portou Cumba e Zitta…..ti vedesci cumme sun ma cumbinee…..!” (Conclude ansimando

letteralmente le parole)

220 – TEXIU – (Si copre il volto con le mani) “O mue caaa…..!” (Rantola)

Da fuori scena, a destra, si sente la voce dell’ispettrice di Polizia Martina Fracassi che riaccompa-

gna a casa Cumba e Zitta)

221 – MARTINA FRACASSI – (Da fuori scena) “E’ permesso ?” (Con voce decisa)

222 – BACCI – (Ne scimmiotta vagamente il tono) “Avanti!!”

223 – MARTINA FRACASSI – (Entra in scena tenendo sotto braccio Zitta e Cumba, una da un lato e l’altra dall’altro: non hanno un bell’aspetto e si vede chiaramente che si sono accapigliate) “Sciu Bacci, buonasera…..” (Guarda Texiu) “Seu muge ? Piaxei, Martina Fracassi du Cumisariatu de Pre’

Queste due scignurin-e se l’en dete de santa raxiun cun in sertu Luca Piccolo, sedicente cunte Se-

mensa, che in realtee u l’e’ in notu trufatu. A quante pa, a scia Zitta a lea a seu cumpagna de paseg-

giu e a scia Cumba a ghe procurava u stipendiu che le u se ghe spendeiva insemme. Quande l’an scuertu, nu l’an piggia guei ben. Preua n’e’…..” (Si avvia verso l’uscita di destra e fa’ un cenno del-

la mano: da destra, evidentemente sospinto da altri agenti, fa’ il suo ingresso Luca. E’ ammanettato dietro la schiena, una vistosa fasciatura in fronte e diversi cerotti sparsi) “…che u scignuru u nu n’e’

sciortiu guei a moddu.”

224 – TEXIU – (Con un filo di voce) “Sciu Cunte…….” (Mormora appena)

225 – REUZA – (Desolata) “Lucaaaa……….!” (Bisbiglia)

226 – MARTINA – (Professionale) “Pe sta otta, viste e circustanse, lasciemu perde. Ma le meggiu che e scignurin-e…..” (Indica Cumba e Zitta) “…..imparen a stase in po ciu’ atente. Scignuri, ve lasciu a bunaseia!” (Prende Luca sottobraccio e si avvia all’uscita di destra) “Nemmu, sciu cunte che se riturna au castellu de Marasci !” (Escono da destra)

C’e’ un lungo attimo di silenzio. Poi e’ Bacci a rompere il ghiaccio.

227 – BACCI – (Rivolto a Cumba e Zitta) “E alua, cumme a metemmu !!” (Ringhia deciso)

228 – ZITTA – (Scrolla leggermente le spalle) “Perche’, cusci’a nu va ben…..?” (Tenta di replicare)

229 – CUMBA – (Piu’ diplomatica, anticipa la reazione del padre) “Nu, papa’: emmu sbagliou, te dumandemmu scusa: nu sucedua mai ciu’, prumissu !”

230 – BACCI – (Le fulmina con gli occhi) “E ve cunvegne, vanni! Aneive a recata’, oua: i cunti i femmu ciu’ tardi !!”

Cumba e Zitta escono moge a sinistra, senza proferire verbo. Texiu sembra scuotersi: batte le mani e si siede a centro scena

231 – TEXIU – (Sedendosi) “Bella mue caa…in trufatu….e chi l’avieiva mai ciu’ ditu !? U paiva in garsunettu tantu a moddu !!” (Non sa’ darsi ragione)

232 – BACCI – (Realista) “Texiu, troppu a moddu !” (Si avvicina e si siede accanto a lei) “ti l’e capiu, u Sumensa: pe puei pagase e pasegiate cun Zitta, u se fava da e palanche da Cumba! E visto che oua u lea anche sensa braghe, u s’atacava a Reuza: sumensa de legera, attru che!!”

233 – TEXIU – (Mogia) “Bacci….ma ti tiu seivi !?” (Chiede con un filo di voce)

234 – BACCI – (Glissa) “Nu propriu. Ho sulu sentiu spussa de bruxio.”

235 – TEXIU – (Si scuote) “Ma…a pulisiotta ca l’ha porte a ca, tia cunusci !” (Esclama)

236 – BACCI – (Sempre sul vago) “Seu pue u l’e’ un de quelli perditempu cu zeuga cun mi a briscula….” (Poi, beffardo) “Anche su nu l’e’ cunte me pa cu seggie serviu u meximu!” (Constata pungente)

237 – REUZA – (Alle loro spalle, ancora impietrita) “Sci ma…oua mi cose fassu…?” (Chiede lamentosa)

238 – BACCI – (Si voltaverso lei) “Semplice: t’aresti fantin-a !” (Sentenzia. Poi) “Reuza, vanni in butega oua, vanni: da chi an po ariva anche e teu seu…..” (Reuza lo guarda poco convinto) “Vegnen

vegnen ….tranquilla che vegnen…!!” (Sentenzia: Reuza fa’ spallucce ed esce mogia da destra, c’e’ un attimo di silenzio, poi)

239 – TEXIU – (Scatta come folgorata) “Bacci, ma alantun u Semensa u l’ueiva fa cumme l’ossu du cundiou: puccia da tutte e parti….!!” (Esclama mimando il gesto)

240 – BACCI – (Scatta in piedi, spalancando gli occhi) “Gioxepin descasu e madonin-a Beneita !!”

(Esclama a tutta voce) “Texiu: ti m’e’ capiu !!!” (Conclude)

                           -   S   I   P   A   R   I   O   -

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 19 volte nell' arco di un'anno