Lu marito de Nannina

Stampa questo copione

Eduardo Scarpetta

Eduardo Scarpetta

Lu marito de nannina

da 115, rue Pigalle, di Bisson

Commedia in tre atti

Personaggi

D. Nicola Paletta

D. Ciccillo

D. Felice, detto Celestino

Bernard

Federico

Leone

Nannina

Elena

Teresina

Pascarella

Biase

Francisco

ATTO PRIMO

Camera in casa di D. Nicola, porta in fondo 4 porte laterali, 2 console con sopra orologi, sedie ecc. Tavolino con occorrente e campanello - vari mobili sparsi in scena.

SCENA PRIMA

Biase e Francisco, poi Nicola di dentro, poi Ciccillo, poi Bernard, indi Nicola, Biase e Francisco.

BIASE (viene dalla strada con grosso involto di panni):Mamma mia, mò more, io non me fido cchiù, chesta si chiamma accidere la gente.

FRANCISCO (venendo dal fondo a sinistra con 2 candelabri in mano): Bià, và dinto che lo signore te vò, fà ampressa.

BIASE: Haje d’aspettà tu e isso, pecché io non songo de fìerro, sto facenno lo facchino da che è schiarato juorno.

FRANCISCO: E io non sto facenno lo stesso?

BIASE: Ma che bò fà dinta a chella cammera de lietto?

FRANCISCO: Comme non haje ntiso, siccome chella è la cammera cchiù granne, n’ha luvato lo lietto, la toletta, li commò, tutte cose, e stasera llà fa la festa da ballo.

BIASE: Mannaggia l’arma de la mamma.

NICOLA (di dentro):Biase, Biase.

FRANCISCO: Eccomi qua Eccellenza.

CICCILLO: è permesso?

BIASE: Favorite, favorite, accomodatevi. ( Viano pel fondo a sinistra.)

CICCILLO: Che d’è, che è stato, chillo pecché fujeve... accomodatevi; e addò m’assetto, cca sta tutta st’ammoina mmiezo. Vorria, sape con precisione a che ora si pranza, perché tengo certe visite necessarie che non potrei mancare. Si se mangiasse alle sei, sarebbe buono, tenarria tutto lo tiempo. Moglierema starria ccà, e io con la scusa delle visite, jarria a trovà no poco a Teresina mia che non la vedo da due giorni... quanto è bona; ma D. Nicola addò sta?

BERNARD (dalla sinistra):Biase, qualcheduno...

CICCILLO: (Uh! Sta faccia non m’è nova...).

BERNARD: Buongiorno... (Chisto non me ricordo chi è). S’accomodi signore.

CICCILLO: E dove m’accomodo, scusate.

BERNARD: Ecco qua, (gli dà una sedia) io non capisco perché questa camera sta così in disordine. Il signore chi è?

CICCILLO: Sono amico stretto di D. Nicola, il padrone di casa, mi chiamo Francesco Tarantella, Dottore in Medicina.

BERNARD: Piacere tanto.

CICCILLO: E lei?

BERNARD: Io sono lo sposo di Nannina, la figlia di Don Nicola.

CICCILLO: Oh, bravissimo. Il mio amico Nicola, vostro suocero, amico mio da tanti anni ieri mattina venne fino a casa a invitarmi con mia moglie, tanto per il pranzo di quest’oggi, quanto per la festa di questa sera.

BERNARD: Oh, sarà un onore per noi.

CICCILLO: Io voleva domandare una cosa a D. Nicola... siccome tengo diverse visite… vorrei sapere.

NICOLA (dal fondo a sinistra con 2 quadri, un candelabro, ed un martello in mano):Jammo, jammo, puzzate sculà, vuje che avite stammatina, ve movite a no. (I 2 servi escono con scala.)

CICCILLO: D. Nicola rispettabile.

NICOLA: Ah, D. Ciccio bello... genero mio.

BERNARD: Caro suocero.

CICCILLO: Io volevo sapere...

NICOLA: Perdonate, mò non ve posso dir niente... sto preparando la galleria per questa sera. (Via a destra i servi lo seguono.)

CICCILLO: M’ha tignuta la mano, chillo sta tutto spuorco...

BERNARD: Che volete, è uno stravagante, ma è tanto di buon cuore.

CICCILLO: Oh, questo è vero.

BERNARD: Accomodatevi.

CICCILLO: Grazie. Scusate, mò che me ricordo, voi siete quel giovine che fino ad un mese fa, ogni giorno verso le quattro scendevate dal palazzo, strada Speranzella N. 19?...

BERNARD: Sissignore... e scusate, voi siete quell’uomo, che fino ad un mese fa, ogni giorno, in punto le 4, quanno io asceva da chillo palazzo, vuje trasiveve?

CICCILLO: Sissignore.

BERNARD: E comme va che quanno io asceva vuje trasiveve?

CICCILLO: E vuje perché asciveve quanno io traseva?

BERNARD (ride):Ah, ah, aveva da essere na cosa.

CICCILLO (ride):Ah, ah, questo è certo, perché succedeva ogni giorno.

BERNARD: E volete vedere che io indovino voi a chi andavate a trovare in quel palazzo? La signorina D.a Teresina, la simpatica modistella.

CICCILLO: Pss, per carità, io sono ammogliato.

BERNARD: Oh, vi pare.

CICCILLO: E voi pure andavate da lei?

BERNARD: Si, ma appena conobbi Nannina, non ci andai più... e voi ci seguitate ad andare?

CICCILLO: No, è finito tutto, non ci sono più passato da là.

BERNARD: Ma che volete, era una giovine simpatica.

CICCILLO: Oh, ma simpaticona... io ci aveva perduta la testa, sapete... se n’ha mangiate denare de li mieje chella guardaporta.

BERNARD: Pascarella, Pascarella?

CICCILLO: Pascarella.

BERNARD: Io in quel palazzo ci ho abitato 5mesi, già, mi presi una camera mobigliata al primo piano, per starle più vicino, e mi cambiai nome, mi facevo chiamare Luigi Porro... Capite...

CICCILLO: Ho capito. (Dalla destra si sente un forte rumore.)

BIASE (di dentro gridando):Eccellenza che avite fatto.

NICOLA (c.s.):Aggio fatto l’arma de mammeta, pecché non tenive la scala.

BIASE (c.s.):L’aggio tenuta.

NICOLA (c.s.):Statte zitto! (Si sente un forte schiaffo.)

BERNARD (a Francisco che esce):Che èstato?

FRANCISCO: è caduto lu signore da coppa a la scala, è ghiuto nterra, e s’è scummato de sango. (Via pel fondo.)

BERNARD: Oh, diavolo!

NICOLA (uscendo con Biase):Jammo dinta a la cucina, tira no cato d’acqua fresca. (Ha il fazzoletto e il naso pieno di sangue.)

CICCILLO: D. Nicò...

BERNARD: Suocero mio...

NICOLA: Niente, è cosa de niente, so’ caduto da sopra a la scala, m’è uscito no poco de sangue dal naso... è stato buono, pecché io teneva nu poco de dolore de testa.

CICCILLO: Ma fateci qualche cosa.

BERNARD: Ve siete fatte male assaje?

NICOLA: Ma niente, vi ho detto che è cosa de niente, e poi ad un’altra mezz’ora, mia figlia va al Municipio a sposare, me pozzo incaricare de sta piccolezza, che me ne mporta, so’ caduto, salute a nuje, me so’ fatto male, e che me ne preme, e poi io tengo tanto sangue che fa che ne butto no poco. (Via pel fondo a sinistra col servo.)

CICCILLO: E ghiettene pure no cato.

BERNARD: Ma dite la verità, non è un originale?

CICCILLO: è no pazzo avite da dicere.

BERNARD: Permettetemi, vado a mettere in ordine alcune cose. Io sono avvocato, se avete bisogno di me, comandatemi pure.

CICCILLO: Grazie, troppo buono, e vi auguro col prossimo matrimonio, salute e felicità.

BERNARD: Quello che non successe col primo.

CICCILLO: Ah, avete avuta già una moglie?

BERNARD: Sì, e la perdetti due anni fa, morì repentinamente dopo sei mesi che l’aveva sposata.

CICCILLO: Oh, povera giovinetta.

BERNARD: No, non era una giovinetta, teneva 54anni.

CICCILLO: Ah!

BERNARD: Sì, la sposai perché teneva un po’ di dote, ma poca roba sapete, e dopo la sua morte sono stato nell’inferno con un suo nipote, che voleva per forza denaro, dicendo che era la sua porzione, se no faceva, diceva... quasi, quasi è andato dicendo che io feci morire la zia, tanto della collera che le davo, per poter rimanere io padrone di tutto... un ammasso di calunnie, sapete, le solite cose.

CICCILLO: Ah, si capisce.

BERNARD: Dunque a rivederci fra poco.

CICCILLO: A rivederci... a proposito non mi avete detto il vostro nome.

BERNARD: Errico Bernard.

CICCILLO: Errico Bernard! Il nome de chillo che sparaje la mugliera giusto nel palazzo dove sta Teresina Strada Speranzella N. 19 e po’ fuje condannato a quattr’anne... e chisto, o è isso, o è nome e cognome che se confronte!

SCENA SECONDA

Elena, Federico e detto poi Nicola.

ELENA (dal fondo) : Che veco! Mariteme!

FEDERICO (uscendo):Elena?

ELENA (zitto):D. Ciccì, state ccà?

CICCILLO: Oh, moglia mie, e ched’è, già sì venuta.

ELENA: E se capisce, si no che facimmo vedé che venimmo proprio a ora de tavola, siccome a la casa non aveva che fa, me so’ vestuta e so’ venuta, non credo che v’ha fatto dispiacere, e po’ voglio vedé a Nannina primma che va a lo Municipio.

CICCILLO: Va bene, D. Federì, e vuje che facite ccà?

FEDERICO: Comme che faccio, io sono amico stretto dello sposo, aierisera D. Nicola mi ha invitato, ed eccomi qua. Allargo del Mercatiello, mentre venivo qua ho trovata la signora, e ho creduto mio dovere di accompagnarla.

CICCILLO: Grazie tanto, troppo buono.

FEDERICO: Niente per carità.

ELENA: Ma aggio visto che fino a ccà a piede non se po’ venì, nc’è sta sagliuta che stanca proprio.

FEDERICO: Sì, ma poi quando si è arrivato, si gode un’aria bellissima. Del resto, se me l’avreste detto, potevamo pigliare una vettura.

ELENA: Oh, sarebbe stato troppo incomodo.

FEDERICO: Ma che incomodo, era un dovere. Basta, sarà per un’altra volta.

CICCILLO: Troppo gentile, grazie. Dunque moglie mia va da Nannina che forse ti starà aspettando. Io vado a fare un paio di visite e torno subito.

ELENA: Venite priesto, ve raccomanno. Con permesso? (Via a sinistra prima porta.)

FEDERICO: Avete una buona e gentile consorte.

CICCILLO: Vi piace?

FEDERICO: Ah, molto.

CICCILLO: A vostra disposizione (mò steva dicenno a vostra disposizione) ai vostri comandi. A rivederci.

FEDERICO: Statevi bene (Ciccio via), mò vedimmo si arrivo a chello che dico io. O Elena corrisponde all’amor mio, o faccio na rovina. Essa ha ditto che vò essere tornate li lettere che m’ha scritte, avarria da essere pazzo, chelli lettere non l’have.

NICOLA (dal fondo) :S’è stagnato.

FEDERICO: Che cosa?

NICOLA: Acqua fresca e aceto, è finito tutto.

FEDERICO: Ma che cosa?

NICOLA: Ah, già, voi non sapete niente, io so’ caduto e me so’ scummato de sango.

FEDERICO: Uh! Siete caduto e dove?

NICOLA: Qua, nella galleria, pe mettere no quadro so’ caduto da sopra la scala... ben, ma non diamo retta. Ma ho fatto una sala da ballo magnifica, era l’unica stanza che teneva più grande, ho levato tutti i mobili, capite, mi è costato un poco di fatica... ma che fa, io per quella figlia mia, voglio fare tutto.

FEDERICO: D. Nicò, scusate, voleva domandarvi una cosa, come va che avete combinato sto marimonio così in 20 giorni?

NICOLA: Vi dirò, ci sono state diverse ragioni, prima di tutto a Nannina l’è piaciuto, e ha detto papà facciamo presto presto; è una...

FEDERICO: Che cos’è?

NICOLA: No, lo naso scorre n’ata vota, e che me ne preme non ve n’incaricate.

FEDERICO: (Non me passa manco pe la capa).

NICOLA: Seconda, questo giovane che l’ha voluta... (Va alla porta in fondo e grida.) Acqua! Acqua!

FEDERICO: (Se sta abbruscianno la casa).

NICOLA: Credo qualche altra piccola venetta. Noi dentro al naso, abbiamo 13 vene grandi e 65 piccole.

FEDERICO: (E chesta è na coscia).

NICOLA: Guè, ma vi comme scorre... parlammo, non date audienza.

FEDERICO: (Dalle dà, comme chillo me scorresse a me).

NICOLA: Dunque, seconda, questo uomo, che l’ha voluta, è un bravissimo avvocato, e siccome io tengo una causa da tre anni, me la farò difendere da lui, e così sarò sicuro di guadagnarla.

FEDERICO: Ho capito.

NICOLA: Terza, questo ve lo dico in confidenza... (C.s.) Acqua! Acqua! Nannina mia figlia, è bella quanto mai, sissignore bella assai, ma non tiene più 15, 16 anni, tiene 22 anni, e capirete bene, che se non la marito mò quanno la marito?

FEDERICO: Oh! Questo è certo.

NICOLA: Chill’assassine và trova addò stanno, pure è buono che s’è stagnato.

FEDERICO: Ma D. Nicò scusate, a me mi pare che due mesi fa vostra figlia si doveva sposare un certo Celestino Burzillo.

NICOLA: Ah, sicuro, era tutto combinato, e la casa della sposa, camera da letto, galleria, corredo, era tutto comprato per lui.

FEDERICO: E poi?

NICOLA: E poi che? Due mesi fa lo sposo cadde ammalato, andò a prendere un po’ d’aria a Castellammare, l’abbiamo aspettato più di un mese, non s’era rimesso, che aveveme da fà, capitaje st’occasione e strignetteme li sacche.

FEDERICO: Ma come non vi ha scritto nemmeno?

NICOLA: Sì, m’ha scritto diverse lettere, ma io l’ho risposto una sola volta, e poi non me ne sono incaricato più, capite, essendosi presentato un’altro, e quest’altro è avvocato, sapete che vuol dire avere un genero avvocato.

FEDERICO: Ah, sicuro.

NICOLA: Io mi vado a comporre, perché fra poco si va al Municipio, permettete. (Via a destra prima quinta.)

FEDERICO Fate pure Ah, ha, sto D. Nicola è proprio curiuso. Ma Errico non lo vedo! Sangue de Bacco, è na cosa curiosa tutti gli amici se credono che questo Errico Bernard fosse chillo Bernard che sparaje la mugliera, mentre chillo è nome e cognome che si confronta.

SCENA TERZA

Bernard e detto.

BERNARD: Guè Federì.

FEDERICO: Carissimo Errico come staje?

BERNARD: Non c’è male. Tu sarai dei nostri certamente?

FEDERICO: Sì, ieri sera D. Nicola m’invitò, e te pare che io potevo mancare a questa festa. Solamente pe te dì la verità, sono rimasto sorpreso, come tu nemico del matrimonio, tu che quanno murette mogliereta, giurasti di non vedere più done, tutto nzieme tu nzure n’ata vota.

BERNARD: Si, haje ragione amico mio, ma che vuoi, l’aggio d’avuto da fà, pe forza. Tu capisce che Nannina me porta 200 mila lire in dote, più D. Nicola è ricchissimo, non tene chell’unica figlia, e quanno more capirai...

FEDERICO: Aggio capito, è stato n’affare che haje fatto.

BERNARD: Caro amico, tu devi sapere che io da che aggio avuto la laurea, non m’è capitata ancora na causa, sto così senza far niente. A D. Nicola faccio a vedé che vaco che vengo dal Tribunale, ma in effetti non aggio potuto trovà no cane, che m’avesse affidato n’affare qualunque.

FEDERICO: E che te ne mporta, tu mò che spuse non hai bisogno di nessuno, ci vogliamo divertire.

BERNARD: A proposito, quacche ghiuorno de chiste viene ccà, io tengo no bello giardino, nce sta lo bersaglio, nce spassammo a tirà nu poco, comme feceveme quatte anne fa, te ricuorde?

FEDERICO: Comme non me ricordo, io però te vinceva sempe.

BERNARD: Eh, ma mò me so’ perfezionato.

FEDERICO: Vedremo. Tiene no paro de pistole bone?

BERNARD: Ho ordinate doje pistole a D. Peppino l’armiere e non saccio comme va che non me l’ha mannate.

SCENA QUARTA

Elena e detti poi Nicola prima dentro poi fuori.

ELENA: Mio caro D. Errico.

BERNARD: Oh, signora.

ELENA: Nannina ve manno a dì che ghiate no momento dinto, pecché vò sapé si lu cappiello che s’ha mise ve piace, poi dice che è tutta pronta e che avvisate D. Nicola che se spicciasse.

BERNARD: Subito. (Alla prima quinta a destra grida.) Papà sbrigatevi perché ci siamo.

NICOLA (di dentro):Eccomi qua, no momento, me sta scorrenno lo naso.

BERNARD: Ancora le scorre lo naso. Dunque andiamo da Nannina venite. (Via prima porta a sinistra.)

FEDERICO: Elena mia.

ELENA: D. Federì ve prego, lasciatemi stà, me che me vulita fà passà nu guaio?

FEDERICO: Vi amo troppo, sono pazzo per voi.

ELENA: Si vuje site pazzo, io no, io tengo tre dete de cervelle, io ho capito, vuje state facenno chesto pe me fà truvà dint’a nu guaio, e farme spartere da mariteme, ma non ne cacciate niente però.

FEDERICO: Ma nonsignore, pecché avite penzato chesto.

ELENA: Pecché? Pecché ne facite addunà a tutte quante, ogne sera ve presentate a la casa, la matina ve facite trovà a lo bagno. Mò per esempio m’avite voluto pe forza accompagnà ccà, e io ve l’aggio ditto, llà po’ essere che trovammo a mariteme, e accossì è stato. Ve pare che io pozzo stà co sta paura ogne momento.

FEDERICO: Embè io non lo faccio cchiù, mi dovete compatire. Ma io vi voglio bene assaje.

ELENA: E giacché me vulite bene, restituiteme chelle doje lettere che tenite.

FEDERICO: Ma pecché li volite, pe quà ragione?

ELENA: Zitto D. Nicola. (Via a sinistra Fed. la segue.)

NICOLA (con cappello e tubo a larghe falde, sciassa nera, alto collo e guanti di filo bianco):Eccomi qua. Questa è la più bella giornata della mia vita. Mi ricordo due mesi fa, mentre steva tutto pronto comme sto mò, e aspettaveme lo sposo, venette invece na lettera addò diceva che l’era venuta la febbre e s’era coricato. Nce avetteme da spuglià tutte quante n’auta vota. Ma co chisto non succede però, chisto tene na salute de fierro. E pure, che saccio, faccio tanta ammoine quanno s’ha da mmaretà Nannina... e appena giunge il momento che si deve andare al Municipio, me vene no nuozzolo nganna... vorrei piangere... già se capisce che stasera debbo piangere... o voglio o non voglio, si no che faccio vedé.

SCENA QUINTA

Biase, e detto, poi Francisco e Felice.

BIASE: Signò, signò.

NICOLA: Che è stato?

BIASE: Eh, che è stato! Sapite chi sta saglienno?

NICOLA: Chi sta saglienno?

BIASE: Eh, chi sta saglienno! Non ve lo ppotite maje immaginà.

NICOLA: Chi arma de mammeta sta saglienno?

BIASE: Nientemeno lo sposo de la signorina, chillo che s’aspettava duje mise fa.

NICOLA: D. Celestino Burzello?

BIASE: D. Celestino Burzello!

NICOLA: E che aggio da fà, me vene accompagnà pur’isso a lo Municipio.

BIASE: Vuje che dicite Eccellenza, chillo ha portato scatole, rroba, starrà co la capa che vene a spusa.

NICOLA: Eh, vene a spusà, se ne fosse addunato da n’ato anno.

BIASE: Ma chillo v’ha scritto Eccellenza, site stato vuje che non l’avite risposto.

NICOLA: Io sapeva chesto, e comme se fa mò.

BIASE: Eccolo ccà, sta trasenno.

FRANCISCO (annunziando):D. Felice Sciosciammocca.

NICOLA: Oh, D. Felice, favorite, favorite.

FELICE (con 2 scatole, una grossa ed una piccola e scatolino con coppola):Caro padre.

NICOLA: Accomodatevi. Pigliate quella roba. (Ai servi.)

FELICE: Grazie, mettetela qua. (I servi eseguono e viano.)

NICOLA: E così, come state, state bene?

FELICE: Eh, non nc’è male, ma l’ho avuta tremenda sà. Come sto, molto delicato, è vero?

NICOLA: No, state come prima, non ci sembra affatto che avete avuta una malattia.

FELICE: Eh, lo dite per cerimonia, io so’ stato rovinato. A casa mia ogni sera c’erano sei professori.

NICOLA: Ah, bravo, faciveve no poco de musica?

FELICE: Musica... eh, musica.

NICOLA: Voi avete detto sei professori.

FELICE: Sei medici, sei celebrità. Tutti i giorni consulto; na sera se contrastajene tutti e sei medici, e se dicettene nu cuofene de maleparole.

NICOLA: E perché?

FELICE: Perché s’erano imbrogliati, capite, chi diceva na cosa, chi diceva n’auta.

NICOLA: Il solito. Ma che avete avuto?

FELICE: E chi ne sape niente, è stata una malattia complicata. Incominciò con la febbre, quel giorno che doveva venire qua per andare al Municipio.

NICOLA: Sicuro.

FELICE: Da quel giorno non ho avuto più bene. Tutta la notte con la febbre. Papà, scusate, perché avete i guanti.

NICOLA: Stava uscendo per andare a fare una visita.

FELICE: Ah, e che visita, mò so’ venuto io, v’aggio da raccontà tanta cose, levateve sti guante, levateve lo cappiello po’ se ne parla.

NICOLA: (Eh, po’ se ne parla). Ma vedete quella è una visita di premura.

FELICE: Ma ci potete andare più tardi?

NICOLA: Eh, non tanto... basta.

FELICE: Dunque, come vi stavo dicendo, tutta la notte stetti con la febbre, la mattina appresso mi sento tutto dolori, ma dolori tremendi, e stetti tutta la giornata così, in letto, senza muovermi, aspettava che me passavano, niente, la mattina appresso mi svegliai con una gamba un poco intorzata, allora dissi, e di che si tratta, su quel gonfiore mettette lo dito, po’ lo levaie e rimanette lo fuosso, no fuosso così (fa segno con le dita), metto lo dito appresso e rimanette n’auto fuosso, doje fosse.

NICOLA: (Lo miezo e lo sujo).

FELICE: Eh, scusate, incominciati a me mettere paura, chiamai i medici, e llà per là senza perdere tempo, pigliajene la gamba e me facettere na strofinazione de pomata de bella donna, po’ me mettettere 10 mignatte, poi dopo sei carte senapate, poi l’arravogliaine dinta a la semi di lino...

NICOLA: (E la mannajene a lo furno).

FELICE: Ma la fecere stare 10 giorni, dopo 10 giorni sgravogliaje, e che ascette neh.

NICOLA: Me l’immagino.

FELICE: Indovinate sta gamma mia che pareva?

NICOLA: N’uosso de presutto.

FELICE: Un orrore... non si conosceva più, mò mi sono guarito però è rimasta nu poco più corta e sò io che ho passato, perché poi stavo solo senza nessuno.

NICOLA: Ma come, con quella sorella vostra, non vi siete potuto rappacciare?

FELICE: Chi, Teresina? No, non ci pensate, sono tre anni che stiamo divisi, non la voglio vedere più. Mò ho saputo che fa la modista a la strada Speranzella N. 19, ma chi la cura, per me non la guardo in faccia, fa vergogna alla nostra famiglia.

NICOLA: Ma sempre vostra sorella è, perché la dovete tenere lontana?

FELICE: No, papà non me ne parlate, ognuno sa i fatti suoi, adesso sto bene, e debbo pensare ai fatti miei. Dunque Nannina come sta? Si mantiene sempre così bella, così fresca?

NICOLA: Eh, non nc’è male.

FELICE: Io poi vi ho scritto tante lettere, e voi mi avete risposto una sola volta.

NICOLA: Che volete, sono stato tanto occupato.

FELICE: Non fa niente, vi perdono. Noi mò ci daremo da fare, e lesto lesto combinammo tutte cose.

NICOLA: Che cosa?

FELICE: Guè che cosa, come, il matrimonio.

NICOLA: Ah, già: (Io mò comme me l’aggio da dicere a chisto).

FELICE: Ma che sò papà, io ve vedo nu poco freddo, pare comme si nun nce avisseve cchiù piacere.

NICOLA: No, anzi è perché non dovrei avere piacere, sapete che cos’è, siccome voi non mi avete prevenuto...

FELICE: Eh, ho voluto farvi una sorpresa, forse v’è dispiaciuto?

NICOLA: Che dispiaciuto, per carità, anzi.

FELICE: Nannina quanno me vede resterà meravigliata, io ho pensato sempre a lei, e essa papà che faceva, domandava di me?

NICOLA: Sicuro... specialmente i primi 15 giorni... perché poi... capite...

FELICE: Eh, lo sò, quando uno sta lontano. Io l’ho portato un bell’abito di seta, ed un cappello di ultima moda, voglio credere che l’accetterà con piacere.

NICOLA: Oh, vi pare. (Voi vedete la combinazione, io come faccio).

FELICE: A voi poi, siccome siete amante di coppole per casa, ve ne ho portata una, eccola qua. (La dà.)

NICOLA: Ah, bellissima, velluto di seta tutta ricamata in oro.

FELICE: è oro fino. Sta coppola me costa 75lire sapete.

NICOLA: Eh, si vede, e poi dalle vostre mani non poteva venire che una cosa scicca. (Se la prova) e mi sta a pennello. (Se la leva, se la pone in tasca, e si mette il cappello.) Vi ringrazio tanto tanto, è stato proprio un bel pensiero che avete avuto.

SCENA SESTA

Bernard, Federico, Nannina, Elena e detti poi Biase.

BERNARD: Eccoci qua.

ELENA: Tutti pronti.

NANNINA: Buongiorno papà. (Che veco D. Celestino).

FEDERICO: Scusate, ma voi non avete pensato ai testimoni, uno sono io, e l’altro?

BERNARD: Oh, è cosa di niente, un testimone si trova sempre. Vorrei sapere solamente se la carrozza è pronta. (Suona il campanello.)

BIASE: Comandate.

BERNARD: La carrozza è venuta?

BIASE: Sissignore Eccellenza, sta abbascio da mez’ora. (Via.)

FEDERICO: E dopo che non fosse venuta, il Municipio sta poco distante.

ELENA: Jammo Nannì, venite D. Nicò.

BERNARD: Andiamo venite.

NICOLA: Abbiateve che io mò vengo, 5minuti.

BERNARD: Vi aspettiamo in carozza?

NICOLA: No, no, andate al Municipio, io mò vengo a piedi appresso a voi.

FEDERICO: Ma perché dovete venire a piedi, vi aspettiamo.

NICOLA: Nonsignore, mi piglio na carrozzella, jatevenne.

BERNARD: Fate presto. (1 4 viano pel fondo. Pausa.)

NICOLA: D. Celestì, voi qua vedete un povero uomo, un povero padre, che non ha come scusarsi verso di voi. Io ho torto, ho mancato, non doveva fare quello che ho fatto, ma è stata una combinazione, la situazione.... la tentazione, che ha messo mano in quest’affare, e ha fatto sì, che ha dovuto succedere tutto quello che è successo.

FELICE: Ma che è successo?

NICOLA: Io ve lo dico, ma mi dovete giurare che non vi pigliate collera?

FELICE: Sissignore.

NICOLA: Parola d’onore?

FELICE: Parola d’onore!

NICOLA: Ebbene sappiate che mia figlia Nannina, adesso è andata al Municipio a sposare quel giovine.

FELICE: Voi che dite!

NICOLA: La verità. Un mese fa questo giovane, venne a chiedermi la sua mano, io credendo che la vostra malattia fosse durata assai, acconsentii, e fu tutto stabilito.

FELICE: Ma scusate, queste sono cose da fà venì n’accidente a uno! Come, io cado ammalato, vi scrivo e non mi rispondete, vengo qua col pensiere di vedere a Nannina, di sposare subito, e invece trovo che un altro se la sposa.

NICOLA: M’avite data la parola d’onore, che non ve pigliaveve collera.

FELICE: No, e che collera, quando ho detto parola d’onore, basta. Solamente m’ha fatto impressione de sentirlo llà una botta, perché certamente me potevate mandare una lettera, e dirmi sai, non pensare più a Nannina, perché Nannina se la sposa un altro. Allora io m’accuitava de pensiero, non venivo qua con quell’idea. Ma ve pare na cosa de niente vedere Nannina dopo due mesi, Nannina che io ho voluto tanto bene, che, avanti agli occhi miei va a sposare un altro... Ma abbiate pazienza sono cose che fanno dolore.

NICOLA: Ma mò ve pigliate collera?

FELICE: Ma che collera... sto parlando... sarebbe bello mò me metto a abballà. Ma scusate Nannina poi ha accettato con piacere quest’altro?

NICOLA: Eh, sapete, ordinato da me...

FELICE: Già ordinato da voi, ha creduto di obbedire... bravissimo... che bel cuore, che belli sentimenti. E io mi lagno di mia sorella Teresina che fa l’amore con 4 o 5persone... ma dopo questi fatti, mia sorella è un angelo.

NICOLA: D. Celestì, vi prego di non offendere.

FELICE: No, che offendere, me ne guarderei bene... voglio dire mio caro papà... caro D. Nicola, che queste non sono azione che si fanno, senza rispondere a lettere, senza informarsi se questa persona si è ristabilita o no, dopo appena un mese si combina un altro giovine, e si fa sposare alla figlia, ma mio caro D. Nicola, queste sono lazzarate. E che ve crediveve de trattà co quacche facchino.

NICOLA: Ma scusate, chesta è collera che ve state piglianno?

FELICE: è collera si, ma non per nessuna ragione, per l’insulto che ho ricevuto, io non mi meritava questo affronto. E poi vi posso dire che un giovine come me, non lo troverete. Stammatina per tutti i magazzini so’ ghiuto giranno per trovare quell’abito di seta e quel cappello, e ho girato tutto Napoli per trovare quella coppola vostra.

NICOLA (prende la coppola):Ma io sono pronto a restituirla.

FELICE Vi ringrazio, la coppola ve l’ho data e non la riprendo più, appunto per farvi vedere, quanto sono galantuomo, e che non mi sono pigliato collera affatto. è rabbia capite, non è collera, c’è una differenza dalla rabbia alla collera. Mi vorrei vendicare, ecco tutto.

NICOLA: Ma che vendicare voi siete tanto buono, siete giovane e certamente non vi può mancare una bella figliuola.

FELICE: Oh, questo è certo, mò che vengono dal Municipio, essendo io adesso un amico di famiglia, mi farò un pregio di regalare quell’abito e quel cappello alla sposa, sempre col permesso dello sposo.

NICOLA: Oh, vi pare, l’accetteranno con piacere.

FELICE: Ma lo sposo chi è?

NICOLA: No, è un bravo giovine, istruito, un certo Bernard.

FELICE: Bernard!

NICOLA: Bernard?

FELICE: (Sangue de Bacco, fosse chillo che accedette la mogliera). E me pare che questo Bernard è vedovo?

NICOLA: Sissignore, me l’ha detto, dice che la moglie morì di subito.

FELICE: Così vi ha detto lui? Morì subito, ma non di subito.

NICOLA: Come s’intende?

FELICE: Niente... poi vi farò sapere... Bernard?... ah, è un galantuomo... avete trovato un bel partito per vostra figlia. (A la casa aggio da tenere lo giornale che portava l’articolo de chillo fatto... io me l’astipaje pecché me leggeva lo rumanzo... silo trovasse...) mò ci vediamo, vado fino a casa e torno... voi andate al Municipio, andate a mettere la vostra firma, e dopo messa la firma ci vedremo qua, se permettete?

NICOLA: Ma voi siete il padrone. (Felice via pel fondo.) Povero giovane, lo dispiacere l’ha toccata la capa. Ha ditto che la mugliera de chillo morette subito, e non de subito... e che significa? Basta, lassamene j, chille me stanno aspettanno. (Chiama:) Biase.

SCENA SETTIMA

Biase, Francisco, e detto poi Ciccillo.

BIASE: Eccoci qua...

FRANCISCO: Comandate...

NICOLA: Nuje a n’auto poco stamma ccà, t’araccomanno de preparà na bella tavola. Non te scordà de mettere li piattine de rinforzo, sale, pepe, palicche.

BIASE: Va bene Eccellenza.

NICOLA: Mettite la sciampagna sotto la neve, e li frutte dinta a l’acqua fresca.

BIASE: Se capisce.

NICOLA: E avisate lo cuoco, che facesse tutto buono, perché io non voglio scomparire.

BIASE: Va bene, Signò e co D. Felice Sciosciammocca che avite fatto.

NICOLA: S’è fatto capace, se n’è ghiuto, po’ ha ditto che torna, m’ha ragalato pure na bella coppola... che s’ha da fà, non è stata colpa de nisciuno, è caduto malato... aspettaveme a isso... dunque, avite capito, stateve attiento de fà tutto esatto, perché stasera sarete regalati da me, e dallo sposo... lo sposo credo, che ve darà na lira pedono.

BIASE: (Vì che bella cosa).

CICCILLO D. Nicola rispettabile.

NICOLA: Oh! caro D. Ciccillo, io vado al Municipio, perché me stanno aspettanno, voi che fate, venite?

CICCILLO Se credete D. Nicò, aspetto qua, voglio riposarmi no poco, che da stammatina non me fido cchiù de cammenà.

NICOLA: Va... fate il vostro comodo. Dunque, attenziò! (Via.)

CICCILLO: Ma ched’è, comanne li sarvizie?

BIASE: E che ne volite sapé, chillo pe stu matrimonio poco manca e non esce pazzo. Stanotte nun ha dormito.

FRANCISCO: Permettete signò. ( Viano pel fondo uno a destra l’altro a sinistra.)

CICCILLO: Dopo tutto ha ragione, chella figlia è bona assaje, stasera volarria essere io lo sposo... chesta ccà è la cammera de lietto. (Guardando nella primaporta a sinistra.) Che bella cosa. (Entra nella detta camera.)

SCENA OTTAVA

Francisco e Teresina.

TERESINA: Giovinò, nun me fa perdere la capa, si lo ffaje apposta, dimmello.

FRANCISCO: Ma scusate, vuje jate trovanno a uno, che non sta de casa ccà, e non è venuto maje.

TERESINA: è impossibile, perché aiere a lo juorno steva affacciato a lo balcone.

FRANCISCO: Ma quà balcone?

TERESINA: Lo balcone che sta proprio ncapo a lo palazzo appartene a sta casa?

FRANCISCO: Sissignore.

TERESINA: Embè comme dice che non nce vene?

FRANCISCO: Scusate vuje avite ditto che se chiama Luigi Porro?

TERESINA: Eh.

FRANCISCO: E sto Luigi Porro non lo conoscimmo.

TERESINA: Ma allora comme và che steva fore a lo balcone?

FRANCISCO: Avisteve da piglià quacche sbaglio.

TERESINA: Tu quà sbaglio, io ccà tengo lo ritratto, chillo che steva fore a lo balcone, è chisto ccà. (Lo fà vedere.)

FRANCISCO: Ah, va bene, ma chisto ccà non se chiamma Luigi Porro, chisto è lo sposo de la signorina, si chiamma D. Errico.

TERESINA: Ah, se sposa la signorina?

FRANCISCO: Sissignore, mò so’ ghiute a lo Municipio.

TERESINA: Ah, bravo Allora lo voglio aspettare, perché l’aggio da parlà de na cosa necessaria.

FRANCISCO: Va bene. Assettateve.

TERESINA: Dunque se chiamma D. Errico?

FRANCISCO: Sissignore.

TERESINA: E a me m’avevene ditto che se chiammava D. Luigi.

FRANCISCO: Nonsignore, D. Errico.

TERESINA: Va bene.

FRANCISCO: (Quacche antica fiamma de lo sposo, mò siente la risa). (Via.)

TERESINA: E bravo il Sig. Luigi Porro, pecchesto da no mese non s’è fatto cchiù vedé. Vì che belli galantuommene che stanno ncoppa a la terra. Comm’era facile a fà promesse, giuramenti, e io comme a na stupita l’aggio creduto, s’ha cagnato pure lo nomme... e bravo! ... già chillo facette murì la mugliera de subeto tanto de la collera che le deva. Ih ch’assassino. Primma de tutto aggio da mannà na lettera anonima a lo padre de la sposa, e l’aggio da dì tutte cose, po’, quanno è ogge che vene D. Ciccillo lo miedeco, le dico che cacciasse li carte pecché voglio spusà lesto lesto... è no poco viecchio, e che fa, almeno so’ sicura de la riuscita; e che fa... va bene.

SCENA NONA

D. Ciccillo, e detta.

CICCILLO: Quanto sta acconciato bello chillo lietto. Che poesia.

TERESINA: (Che beco, D. Ciccillo!).

CICCILLO: Guè, Teresì, e tu che cosa fai qua?

TERESINA: Uh! D. Ciccì, vuje state ccà, oh, che piacere, mò proprio steva parlanno de vuje, na compagna de la mia m’ha dato l’indirizzo de sta casa, dicennome che la signora jeva trovanno a na modista.

CICCILLO: Proprio per questa ragione sei venuta?

TERESINA: E pe quale ragione aveva da venì, siccome me trovo senza fatica, vaco trovanno de m’abbuscà quacche cosa. Ma mò, doppo che sta signora non vò niente, io pure so’ contenta, pecché dint’a sta casa aggio trovato a buje, a buje che ve voglio tanto bene.

CICCILLO: (Ma comme mbroglia la gente chesta, è n’affare serio). Dunque vale a dire, che tu a me me vuò bene assaje?

TERESINA: Ma se capisce?

CICCILLO: Vuoi bene solamente a me?

TERESINA: Solamente a buje.

CICCILLO: E nessun’altro?

TERESINA: Nisciun’auto.

CICCILLO: Menzogna! Impostura! Sappiamo tutto signora Teresina, voi mi avete fino adesso ingannato, mi avete imbrogliato, anzi impapocchiato... e che ve crediveve che non s’appuravene le cose, abbiamo tutto scoverto. Chi era quell’uomo che quanno io asceva, isso traseva, e quanno io traseva, isso asceva?

TERESINA: Ah, l’avite saputo?

CICCILLO: Si, l’ho saputo.

TERESINA: Bravo! Ma non v’hanno ditto chill’ommo chi era?

CICCILLO: E chi era? Parlate.

TERESINA: Era n’amico de frateme Celestino, che ogni ghiuorno me veneva a dicere, che avessa fernuta sta cosa, che non conveniva a stà divise frate e sora, e che me avesse fatto pace.

CICCILLO: Ah, era un amico di vostro fratello?

TERESINA: Sissignore.

CICCILLO Menzogna! Impostura! Quell’uomo era il vostro amante di cuore, quell’uomo era il preferito, ed io era il povero rimbambito.

TERESINA: Ma nonsignore, chisto è no sbaglio.

CICCILLO: Niente non sente chiacchiere.

TERESINA: Ma almeno...

CICCILLO: Niente, mi avete ingannato, uscite!

TERESINA: Guè, oh, e tu che arma de mammeta t’haje fatte afferrà, che ti cride che haje da fà co quaccheduna de miezo a la strada, mò me faje vutà li canchere, te chiavo no sordeglino, e felicenotte, vì comme s’ammoina, comme fosse no giovanotto de 15,16 anne, no viecchio tutto tignuto, fa tanta chiacchiere. Chillo mmece de dicere: sà, io te ringrazio che tu m’haje fatto saglì ncoppa a la casa toja, va trovanno, io asceva, isso traseva. Mò sà che te dico, non nce passà cchiù da la parte de la speranzella, e si vuò passà non guardà ncoppa a la fenesta mia, pecché io no scengo co no staccariello, te faccio no paliatone nummero uno... tu mi haje capito?

CICCILLO: Sissignore.

TERESINA: Stu viecchio tignuto tutto inverniciato tutto pittato fa tanta chiacchiere. Nun lo vide che staje a la calata de Tribunale? Sciù pe la faccia toja. Bè. (Via pel fondo.)

CICCILLO: Ma a me pure me prode la capa... me vaco a piglià tanta collera, io so’ nzurato, che me ne preme che io esco e n’auto trase. Mò me so’ messo a la posizione de non passà cchiù pe la speranzella. Chella è capace de scennere veramente co lo staccariello. Si sapeva non me n’incarnicava.

SCENA DECIMA

Nicola, e detto poi Felice.

NICOLA (esce asciugandosi le lagrime, siede nel mezzo del palcoscenico, si toglie il cappello e si mette la coppola, poi piange).

CICCILLO: (Uh! Avarranno vattuto a D. Nicola). D. Nicò, che cos’è? (Nicola colla mano gli fa segno di aspettare e seguita a piangere.) Ma ch’è stato? (Medesimo lazzo.)

NICOLA (piangendo):M’ha fatto impressione nel vedere il Vice Sindaco con la fascia, m’ha detto: accomodatevi, senza di voi non si può far niente, voi in quest’affare, siete un personaggio interessante: Grazie troppo buono, po’ ha ditto nfaccia a Nannina: Signorina Nannina accettate per vostro legittimo sposo il Sig. Errico Bernard? Sissignore... che buona figliola., non s’è maje negato a niente.

CICCILLO: (Ma che animale!).

NICOLA: M’è scappato no pianto, che non me lo poteva più trattenere, aggio salutato lo Vice sinneco, m’aggio pigliata na carrozzella, e me ne so’ venuto, loro stanno venenno appriesso.

CICCILLO: Ma non piangete più, mò ve facite venì na cosa.

NICOLA: Che volete, sono padre, m’aggio crisciuta chella figlia proprio co li mollechelle.

CICCILLO: Avete una bella coppola, mò ve l’avete comprata?

NICOLA (piangendo):No, m’è stata ragalata... (Poi senza piangere e cambia tono.) Sta 75lire sà.

CICCILLO: Mi piace è bella assai.

NICOLA: è capitata proprio a proposito, stammatina vengono gente a mangiare fa bella, capite. A proposito io steva chiagnenno. (Piange lazzi.)

CICCILLO: Sicuro, ma statevi allegramente questo che cos’è, oggi è giorno di allegria.

NICOLA: Sì, avete ragione, debbo far forza a me stesso.

FELICE (con giornali):Signori buongiorno.

CICCILLO: Che ghiate vennenno giornali. (Lazzi.)

NICOLA: Oh, siete ritornato?

FELICE: Sì, perché vi debbo parlare necessariamente, ma a voi solo.

NICOLA: Di che si tratta?

FELICE: Non vi posso dir niente, dobbiamo stare a quattr’occhi.

NICOLA: D. Ciccì, scusate, passate un momento nella mia stanza, quanto parlo no momento co sto giovine.

CICCILLO: Fate il vostro comodo, anzi mò vado ad incontrare gli sposi. Permettete? (Via pel fondo.)

NICOLA: Dunque che cos’è?

FELICE: Siete stato al Municipio?

NICOLA: Sissignore.

FELICE: Avete firmato?

NICOLA: Sissignore.

FELICE: Avete fatto tutto insomma, vostra figlia s’è maritata?

NICOLA: Sissignore, mò venene.

FELICE Ah! D. Nicò, aggio avuta na bella soddisfazione. Sapete chi avete dato a vostra figlia? L’avete dato un’assassino, un carnefice, un uomo che è stato quattro anni in galera.

NICOLA: Don Celestì, voi che dite!

FELICE: Che dico? Incominciate a leggere. (Prende un giornale.) Qua.

NICOLA (legge):«La tragedia della strada Speranzella N. 19, una giovane bellissima, dai capelli biondi, si è trovata uccisa nella sua camera da letto, per ora non si è saputo altro, che è la moglie di un certo Bernard».

FELICE: Leggete qua. (Da altro giornale.)

NICOLA (legge):«L’uccisore della donna alla strada Speranzella N. 19, è stato proprio il marito Bernard, si dice per ragione di gelosia, c’è chi asserisce che questo Bernard sia sempre stato un pessimo soggetto. Il certo è, che la povera moglie, fu uccisa mentre dormiva, con due colpi di pistola. Ora sappiamo che un parente della povera vittima, va in cerca dell’assassino, per farne la più aspra vendetta».

FELICE: Leggete qua. (C.s.)

NICOLA (c.s.):«L’assassino Bernard, è nelle mani della giustizia, è un giovine a 32 anni, piuttosto simpatico, essendo stato interrogato sul fatto, ha risposto: che la passione non gli ha fatto riflettere il male che faceva». Che ho letto mai!... povera figlia mia!

FELICE: è stato 4 anni in galera, mò pe se piglià la dote de chella povera figliola, se l’è venuta a sposare, quanno è passata na settimana, spara pure a essa.

NICOLA: Povera creatura; ma perché non me l’avete detto prima?

FELICE: Eh, per vendicarmi, voi mi avete trattato di quella maniera.

NICOLA: Si, ma io farò un chiasso, io salverò quella povera figlia, io romperò questo matrimonio!

FELICE: Eh, mio caro, mò non potete fare niente più.

SCENA UNDICESIMA

Bernard, Federico, D. Ciccillo, Nannina, Elena, Francisco, e detti e Biase.

(Di dentro si sente gridare.) Vivano gli sposi!

NICOLA: Ah, eccoli qua.

FEDERICO: Tutto è fatto.

CICCILLO: Adesso bisogna augurare, salute, e figli maschi.

ELENA: Non tanta figlie però, no mascolo e na femmena.

BIASE: Salute pe mill’anne Eccellenza.

FRANCISCO: Puzzate mpruferà.

BERNARD: Grazie a tutti. Ma Nannì, che cos’è, non saccio comme te veco.

NANNINA (che nell’uscire si è buttata nelle braccia di Nicola: quasi piangendo dice):Niente, non saccio io stessa che cos’è, vorria chiagnere e ridere dint’a uno momento. Papà, pecché nce haje lassato e te ne sì ghiuto? Mez’ora so’ stata lontana da te, e m’è paruto no secolo. (Guardandolo.) Ma che d’è papà, tu pure pare che staje chiagnenno... ma dunque avarraggio fatto male de me mmarità?

NICOLA: Ma no figlia mia, io non sto chiagnenno... sai è la troppa gioia. (Piange.)

ELENA: Ma D. Nicò, fernitela, ogge bisogna ridere, bisogna stà allegramente.

FEDERICO: Bisogna mangiare, e bere sciampagna.

BERNARD: Ma si, che significa sto pianto, che diavolo papà, me sembrate na criatura, io capisco, sissignore, che ogni padre sente dispiacere di lasciare la figlia, ma voi siete un uomo, e a piangere di questa maniera, non sta.

NICOLA: (Io non lo credo ancora... me pare nu suonno... Quell’uomo, capace... me ne voglio assicurare io stesso). Si avete ragione. Signori... Vi prego però di ritirarvi un momento, quanto dico due parole a mio Genero. (Tutti s’inchinano e viano prima porta a sinistra. Nannina bacia la mano al padre e via.)

BERNARD: (Auffà, comme me secca sto padre, mò so’ spusato mò, e difficilmente lo soffro). (Queste parole le dice mentre i suddetti vanno via, Federico fa per uscire.)

NICOLA: No, voi restate.

BERNARD: Dunque che dovete dirmi?

NICOLA: Debbo dirvi signore, che voi mi avete ingannato, che se sapevo tutto il vostro passato, non avrei mai acconsentito a farvi sposare mia figlia.

BERNARD: Il mio passato? Ma spiegatevi, io non comprendo.

NICOLA: Ah, non comprendete? Ricordatevi signore quello che avete fatto nel palazzo alla strada Speranzella N. 19.

BERNARD: (Sangue de Bacco, ha appurato lo fatto de Teresina). (Resta avvilito.)

NICOLA: Ah, siete rimasto avvilito, non avete il coraggio di alzare la fronte?

BERNARD: Coraggio? Voi che peso ne state facenno.

NICOLA: Come, ne faccio un peso? E che credete che sia niente. E se per voi è niente signore, per la mia famiglia è assaje, perché non dirmelo prima, perché prima di sposare non mi avete detto tutto?

BERNARD: Ma queste sono cose nuove sapete, come, io prima di sposare vi veniva a raccontare quel fatto? Allora non se ne sarebbe combinato niente?

NICOLA: E si capisce, caro signore, vi avrei messo alla porta. Dunque, credete che avete fatta una bella cosa?

BERNARD: Ma niente affatto, chi vi dice questo.

NICOLA: E allora perché l’avete fatto?

BERNARD: Perché... perché la passione non mi fece riflettere il male che faceva.

FELICE (a Nicola):L’istesse parole che dicette ncoppa a la guardia.

NICOLA: Bravo, la passione non vi fece riflettere il male che facevate... che bella discolpa... ma il male che avete fatto a me però, l’avete riflettuto?

BERNARD: (Auffà, mò m’accummencia a tuccà li nierve).

NICOLA: Ora, tutto è fatto, e non c’è più rimedio, è stata una disgrazia per la mia famiglia. Con Nannina però non uscirete mai!

BERNARD (offeso):Oh! E perché?

NICOLA: Perché quella povera ragazza potrebbe spaventarsi incontrando quel parente di vostra moglie che vi va cercando.

BERNARD: (Lu nepote de muglierema, pure chesto ha saputo).

NICOLA: Credo che avete appurato che quell’uomo vi cerca per ogni dove?

BERNARD: Ma sì, lo sò. (Mezzo infastidito.)

NICOLA: Ah, lo sapete dunque non lo negate?

BERNARD: Ma che negare, signore, io non nego niente, è un parente di mia moglie, ed io non ho affatto paura di lui. Il mio passato è passato, e non se ne parla più, il presente non è cosa che riguarda voi, riguarda me, quindi vi prego di badare ai fatti vostri, come io baderò i miei. Nannina uscirà con me, e sempre che voglio io, oggi non è più vostra figlia, è mia moglie, comando io sopra di lei! (Via prima porta a sinistra.)

NICOLA (cade sopra una sedia quasi piangendo):Povera figlia mia!

FELICE: Ah!... son vendicato. (Si mette il cappello, prende 1e 2 scatole, e fa per andar via — Pausa — guarda Nicola, gli si avvicina, gli leva la coppola e via pel fondo.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

L’istessa scena del primo atto.

SCENA PRIMA

Nicola, Biase e Francisco, poi di nuovo Biase, indi Felice.

NICOLA (esce dalla destra va in fondo e chiama):Biase.

BIASE: Comandate Eccellenza.

NICOLA (con precauzione):Lo sposo non nce sta?

BIASE: Nossignore, è uscito a primma matina. Potevene essere li 6 e 1/2

NICOLA: Li 6 1/2! E addò sarrà ghiuto a chell’ora?

BIASE: Po’, steva tanto di cattivo umore, so’ ghiuto pe le dicere, Eccellenza ve ne jate accossì, volite nu poco de cafè: non voglio niente, non mi domandate niente.

FRANCISCO: Pareva tanto buono quanno faceva l’ammore co la signorina, appena se l’ha sposata, è addeventato n’urzo.

NICOLA: E se capisce, pecché mò non se po’ fà niente cchiù. Ah! Vorria che mò fosse approvato lo divorzio, o pure invece de stà a Napole, volarria stà in Inghliterra, lo faciarria fà marenna.

BIASE: A proposito Eccellenza, mò me scordava, poco primma, è venuto nu guaglione, e ha portata sta lettera pe buje. (La dà.)

NICOLA: E chi la manna?

BIASE: Chesto non l’ha voluto dicere, me l’ha lassata e se n’è ghiuto.

NICOLA: Va bene, vattene, e ricordatevi di sorvegliare sempre lo sposo.

BIASE: Va bene Eccellenza.

NICOLA: Non appena vedete che se mparoliasse no poco co Nannina, correto subito a chiamarmi.

BIASE: Va bene.

FRANCISCO: Non dubitare. (Viano.)

NICOLA (legge):«All’Egregio Signor Nicola Paletta. Sue mani. Riservata. Urge»... E che d’è neh, no carattere che io non conosco... Guè, vi comme tremma sta mano. (Apre e legge:) «Signore. Credendo di fare un bene a vostra figlia, l’avete rovinata, il marito che l’avete scelto, è un birbante, un assassino, io che vi scrivo, sono una povera donna da lui barbaramente ingannata. Questo matrimonio l’ha fatto per mangiarsi la dote di quella povera fanciulla. Statevi attento però, perché egli è capace di farla morire come fece morire la sua prima moglie. Vi saluto». Mamma mia!... io aggio passato l’ultimo guaio! Povera creatura, povera disgraziata! Stateve attiento, e che m’aggio da stà attiento, cchiù de chello che faccio non pozzo fà, li stongo sempre appriesso... So’ due giorni che aggio perduta la pace. Chi si poteva immaginare de passà chisto guaio.

BIASE: Signò, fore nce sta D. Celestino Burziello, dice che si permettete, v’avarria da parlà.

NICOLA: Fatelo entrare.

BIASE: Favorite. (Felice si presenta.)

NICOLA: Venite, voi siete sempre il padrone, non avete bisogno di essere annunziato.

FELICE: Troppo buono, grazie. (Biase via.)

NICOLA: Figlio mio (Abbracciandolo.) Tu dovevi essere il marito di mia figlia. (Piange.)

FELICE: Ma fatevi coraggio, che è stato?

NICOLA: (Dandogli la lettera). Leggete.

FELICE (dopo letto):Povero padre, povera figlia. Sentite Don Nicò, io stammatina ho fatta una bella cosa. Sono andato al palazzo Strada Speranzella N. 19, m’ho chiamato la figlia della guardaporta, una certa Pascarella e l’ho fatta venire con me dicendola che voi le dovevate parlare.

NICOLA: Io? E che parlo a fà co la figlia del guardaporta?

FELICE: Come, per sapere meglio il fatto, figuratevi, quella sa tutta la storia, pecché furono portata per testimone la mamma e la figlia.

NICOLA: Ah, già pe sapé quale fu la ragione che isso s’appiccecaje co la mugliera.

FELICE: Perfettamente.

NICOLA: Addò sta, sta fore?

FELICE: Sissignore.

NICOLA: E chiamatela.

FELICE (va in fondo e chiama):Pascarè, Pascarè!

NICOLA: Ma che è na crapa?

SCENA SECONDA

Pascarella, e detti.

PASCARELLA: Buongiorno eccellenza signò.

NICOLA: Favorite, accomodatevi.

PASCARELLA: Grazie.

FELICE: Questa è una buona ragazza sapete, incapace di dire una bugia.

PASCARELLA: Grazie, è bontà vosta.

NICOLA: Ma voi la conoscete?

PASCARELLA: Comme, sto signore, è lo frate de la modista che sta a lo primo piano, de lo palazzo addò mammà sta pe guardaporta.

NICOLA: Ah, llà sta vostra sorella?

FELICE: Sissignore, ma non me la chiamate sorella pecché me piglio collera.

NICOLA: Ah, già, voi ci state contrastato.

PASCARELLA: Ma facitece pace signori, povera figliola, sta sola senza nisciuno non fa auto che chiagnere sempe.

FELICE: Ci ha colpa lei, la sua condotta non mi piace.

NICOLA: Basta, bella fè, tu sai perché ti ho mandato a chiamare.

PASCARELLA: Nonsignore.

NICOLA: Vogliamo essere raccontato quel fatto che succedette dinto a lo palazzo tujo; de chillo tale, che accedette la mogliera co duje colpe de pistola.

PASCARELLA: Ah! Lo fatto de Bernard?

NICOLA: Già.

PASCARELLA: E pecché lo bolite sapé?

NICOLA: No, così, per curiosità.

PASCARELLA: Signore mio, chillo era no birbante, no galiota, jeva truvanno lo pilo dint’all’uovo, pe se levà chella poverella da nanze all’uocchie. Ah, pare che mò la veco, teneva na trezza de capille bionde, l’arrivavene ccà bascio, po’ era tanta affezionata, tanta de core a me me voleva bene comme fosse stata na sora soja. Ogne matina che saglieva ncoppa, e le puntava lo bicchiere de latte, e essa mò me deva na vunnella, mò na cammicetta... povera signorian, l’ultime parole li dicette dinta a li braccia e mamma mea... io more, ma more innocente, mariteme se crede che l’aggio tradito, ma io ti giuro che non tengo nisciuna colpa. Signore mio, chella jurnata io e mammema chiagnetteme tanto e tanto, che s’abbuffajene l’uocchie accossì.

NICOLA: Ma quale fu la ragione, pecché l’accedette?

PASCARELLA: Mò ve dico io sìgnò. Chillo nce steva no giovene studente a fianco de casa lloro, chisto ccà ncuitave sempe la signorina, se faceva truvà sempe mmiezo a li grade, le scriveva sempe bigliettine, e chella povera signorina mia, non lo rispondeva maje. No juorno, mentre essa le steve dicenno vicino a la porta: lasciateme stà faciteve li fatte vuoste, non me ncuitate cchiù, tutto nzieme se truvaje sagliendo lu marito, figurateve, chillo se ne scappaje da na parte, e essa da n’auta. Ora mò, la signorina se credeva che lo marito avesse fatto no chiasso doppo sto fatto.

NICOLA: Eh, me pare.

PASCARELLA: Niente, se stette zitto e non le dicette niente, doppo duje juorne... oh, sentite signò chesto fuje tremendo... se ritiraje e le purtaje no bello braccialetto co li lettere soje ncoppa... essa, figurateve tutta contenta... quanno fuje la notte, che chella poverella steva dormenno, lo scellarato, pigliaje la pistola e l’accedette.

NICOLA: Che infame, nel sonno!

FELICE: Avete capito?

NICOLA: Si, ma io non dormirò più però, io sorveglierò quella povera tortorella. Don Celestì, non mi lasciate sapete, voi siete solo, non avete nessuno, statevi con me, io vi tratterò come un figlio, accossì simme duje. Quanno vuje state scetato io dormo, e quanno io dormo vuje state scetato.

FELICE: Allora sto scetato sempre io. (Lazzi.)

PASCARELLA: Neh, ma pecché che è stato.

FELICE: Chillo tale Bernard, che accedette la mugliera, s’ha sposatta la figlia de sto poverommo.

PASCARELLA: Uh! Mamma mia, vuje che dicite e comme v’è venuto ncapo? Forse non sapiveve niente? Povera figliola che nc’è capitata. Dicitencello che non guardasse nfaccia a nisciun’ommo, pe carità.

NICOLA: Oh! Per questo ne posso essere sicuro, mia figlia è un angelo.

PASCARELLA: Basta signò, io me ne vaco, m’avite da dà comanne.

NICOLA: Grazie, statte bona.

FELICE: Io poi domani te regalo.

PASCARELLA: Grazie tanto, stateve bene. (Via pel fondo.)

NICOLA: Chi birbante, regalarle primme no braccjaletto e po’ acciderla.. come si può fare, a sangue freddo. Dunque don Celestì, voi volete stare con me? Io ve do mangiare, dormire, e na trentina de lire a lo mese.

FELICE: E che m’avite pigliato pe servitore, nonsignore, denare non ne voglio, me date solamente l’alloggio, il vitto. (Lazzi.)

NICOLA: Io Vi dò tutto quello che volete, basta che non mi lasciate solo.

FELICE: Va bene, anze D. Nicò, vogl’j no momento a la casa, ve vaco a piglià chella coppola, l’altro jeri, corrivato capite, me la pigliaje n’ata vota, ma quella è vostra.

NICOLA: Lasciate sta, non ve n’incaricate.

FELICE: Nonsignore, io mo vengo e ve la porto. (Via pel fondo.)

NICOLA: Che bravo giovine, quanto feci male a non aspettarlo.

SCENA TERZA

Nannina, e detto.

NANNINA: Papà, buongiorno.

NICOLA: Oh, figlia mia, comme staje, staje bona?

NANNINA: Si papà, ma tu però non staje comme stive primme, da che mi so mmaritata, staje tanto de cattivo umore pare che vuò chiagnere sempe, ma pecché, pe quà ragione?

NICOLA: Ecco qua figlia mia, papà tuo ti dice la verità, avarria avuto cchiù piacere si t’avisse sposato a don Celestino.

NANNINA: E pecché?

NICOLA: Pecché?... che saccio, è no buono giovene.

NANNINA: E che Errico è cattivo forse, me vò tanto bene, e po’ tu lo ssaje, io a don Celestino me l’avarria sposato pe fà piacere a te, mò no pecché l’avesse voluto bene. Errico è distinto, gentile, veste in moda, mentre don Celestino me pareva nu scemo, no stonato, se mbrogliava a parlà, insomma non era buono a niente.

NICOLA: E pure, figlia mia, quello ti avrebbe fatto felice. Basta, non ne parliamo cchiù, mò è fatto mò. Dimme na cosa, maritete dice che è asciuto presto stamattina.

NANNINA: Si papà, tanto priesto, che non l’aggio ntiso nemmeno tu lo ssaje, io tengo lo suonno pesante.

NICOLA: E questo è male figlia mia, quanno duorme, cerca de sta lesa.

NANNINA (ridendo):Ah, ah, chesto è bello, stongo lesa, e io quanno nce so’ addormuta saccio chesto.

NICOLA: (Che innocenza). E aissera non te dicette addò jeva stammatina?

NANNINA: No, non me dicette niente.

NICOLA: Figlia mia, qualunque cosa te dice tuo marito, non lo risponnere maje, di sempe ca sì, non lo contradire in niente, e se vedisse qualche giovinotto, non lo guardà nemmeno.

NANNINA: Oh, chesto se capisce.

NICOLA: E quanno vide che sta pe se nfucà, lassalo e curre subito addò me, hai capito? Quanno duorme cerca de sta lesa. (Via a destra.)

NANNINA Io non saccio capì papà che have dall’autriere, si m’avesse spusato no brigante, manco potarria parlà de chella manera.

SCENA QUARTA

Bernard, e detta poi Elena.

BERNARD (dal fondo):Mia cara Nannina, eccomi di ritorno.

NANNINA: Oh, finalmente sì venuto.

BERNARD: So’ ghiuto pe n’affare interessante che riguardava te, ma mò però aggio da piglià na carrozzella, e aggio da correre n’auta vota a Toledo.

NANNINA: E pecché?

BERNARD: Pecché mò che sò venuto, aggio trovato sta lettera abbascio a lo palazzo, guarda è de lo compare mio, l’avvocato Grillone, lo quale me dice venite subito da pe perché tengo d’affidarvi una causa importantissima. Capirai Nannina mia, che non posso perdere un momento di tempo, si tratta di un affare, che me ne po’ portà n’auti ciento appriesso.

NANNINA: Haje ragione, ma che vuoi da me, io te vularria tené sempe vicino.

BERNARD: E io pure, ma quanno se dà quacche combinazione non nc’è che fà. Guarda mò si te piace sta cosa che t’aggio portata. (Caccia un astuccio e lo dà.)

NANNINA: Hu! No braccialetto, quanto è bello.

BERNARD: Te piace?

NANNINA: Assai assai, veramente di gusto. Ah, ncoppa nce stanno li lettere meje.

BERNARD: E pecchesto so’ asciuto a chell’ora stammatina, l’orefice lo teneva da tre ghiuorne mmano, pe causa de chelli doje lettere.

NANNINA: Oh, Errico mio, quanto te voglio bene.

BERNARD: Nannì, dimme na cosa, patete che have, me lo veco sempe attuorno, so’ privo de j dinta a na stanza, che isso subeto vene appriesso, po’ me guarda co cert’uocchie, che te dico fra momenti me fa paura.

NANNINA: Niente, Errico mio, non nce badà; chillo è carattere, non lo fa pe male.

BERNARD: Va bene, ma a tenerlo sempre ncoppa a la noce de lo cuollo, è n’affare serio.

NANNINA Chillo po’ capisce, so’ li prime juorne, appriesso non lo farrà cchiù.

ELENA: Signori buongiorno.

NANNINA Oh, amica mia.

ELENA: E così, come state?

BERNARD: Non nc’è male, grazie.

ELENA: Me so’ trovata a passà da ccà e te so’ venuto a fà na visita te dispiace?

NANNINA: Ma che, anze m’haje fatto piacere.

BERNARD: Dunque Nannì, io vaco e torno subeto, subeto.

NANNINA: Non più che una mezz’ora.

BERNARD: Mezz’ora va bene. Signora con permesso. (Via pel fondo.)

NANNINA: Amica mia guarda che bello braccialetto m’ha portato Errico. (Lo fa vedere.)

ELENA: Ah, sicuro, è bello assai Nannì, io so’ venuto pe te cercà no gruosso piacere.

NANNINA: Ch’è stato, parla.

ELENA: Tu sai già, comme te dicette, che chillo cancaro di D. Federico, me vò ncuità pe forza. Siente aissera che me combinaje. Potevene essere l’unnece, Ciccillo maritemo ancora s’aveva da retirà, io stava affacciata dalla fenestella de la cucina, lo vedette passà, pecché ogne sera lo struje chillo vico, e le dicette: D. Federì, pe ccanità, si me vulite bene, tornateme chelli lettere meje. Sissignore, li tengo dinta a la sacca, faciteme saglì. Capisci?

NANNINA: Voleva saglì l’amico.

ELENA: No, scusate, io non ve pozzo fà saglì, mò ve calo lo panaro e accossì me li date. Va bene dicette isso; infatti, acalaje lo panaro, jammo facite ampressa ecco ccà li lettere, tirate. Nannina mia mentre steva tiranno, vene mariteme, che staje facenne lloco? Io figurete, n’auto poco moreva. Che staje tiranno? So’ li frutte pe stasera, va te spoglià mò vengo, no, voglio tirà io... Mamma mia, so’ perduta, se mettette a tirà e andevina dinta a lo panaro che nce trovaje?

NANNINA: Le lettere?

ELENA: Lo bocchino de D. Federico, co tutto lo sicaro appicciato. Tutto chello che è succeduto, te lo puoi immaginare. Avimmo fatta la nottata chiara chiara, non sapeva cchiù che le dicere pe lo capacità.

NANNINA: Oh, povera amica mia, haje ragione, ma cerca de parlà cu sto D. Federico, e levatillo da tuorno na vota pe sempe.

ELENA: No, cara Nannina, io non nce voglio parlà cchiù, non lo voglio vedé cchiù, perciò te so venuto a cercà no gran piacere. Chillo stammatina certo vene ccà, chiammatillo tu e dincello, che non me ncoietasse cchiù, che stanotte a la casa mia nc’è stato l’inferno, e li lettere meje che tene, te li faje dà a te. Agge pacienzia, Nannina mia, io solo co te me confido, pecché saccio che mè vuò bene assaje.

NANNINA: Va bene, non te n’incarricà, nce penzo io.

SCENA QUINTA

Federico e dette poi Felice.

FEDERICO (da dentro):è permesso?

ELENA: Eccolo ccà, se capisce, chillo è venuto appriesso. Nannì, io non me voglio fà vedé, famme lo piacere, parlece mò.

NANNINA: Va bene, trase ccà dinto... (La fa entrare prima porta a sinistra.)

FEDERICO (c.s.):èpermesso?

NANNINA: Favorite, favorite D. Federì.

FEDERICO: Grazie, signora Nannina. E così, come state?

NANNINA: Non nc’è male.

FEDERICO: Errico non nc’è?

NANNINA: Nossignore, è uscito, ma fra poco verrà.

FEDERICO: L’altro ieri mi disse che fossi venuto qualche volta per divertirci un poco a tirare due colpi al bersaglio, se permettete l’attendo qui.

NANNINA: Ma si, voi siete il padrone.

FEDERICO: Grazie. Scusate signò, poco prima è venuta a farvi visita D.a Elena la moglie del Dottore?

NANNINA: Sissignore D. Federì, è venuta e m’ha contato tutto lo fatto d’aiersera; m’ha ditto tutte cose, stanotte non ha dormuto per causa vosta.

FEDERICO: E perché?

NANNINA: Come perché, vuje le jate a mettere lo bocchino co lo sicaro dinta a lo panaro, lo marito venette a tiempo, volette tirà isso, e ve potite figurà che succedette.

FEDERICO: Oh, vedete la combinazione, io volette fà no scherzo.

NANNINA: Eh, bello scherzo veramente, D. Federì, se mi stimate veramente, se sentite amicizia per mio marito, mi dovete fare un gran favore. Non ncuietate cchiù a chella poverella, lasciatela stà.

FEDERICO Questo era tutto? Non dubitate che da oggi in poi la signora Elena per me non esiste più.

NANNINA: Mi date la vostra parola d’onore?

FEDERICO (dandole la mano):Sul mio onore.

NANNINA: Bravissimo. Mò nce sta n’auta cosa. M’avite da tornà chelli lettere che tenite.

FEDERICO: Pure questo?

NANNINA: Sissignore. (Comparisce Felice.) Mio caro D. Federico, quando una donna è maritata, si mette paura di qualunque cosa, voi siete un giovine di talento, e certe cose le comprendete benissimo.

FEDERICO: Va bene. Giacché questo vi fa piacere, per voi faccio qualunque cosa.

NANNINA (stringendogli la mano):Vi ringrazio tanto tanto. E quanno me li portate?

FEDERICO: Quando volete voi, anche stasera.

NANNINA: No, don Federì, ha da essere mò proprio, jate no momento a la casa e portatemelle.

FEDERICO: Prontissimo.

NANNINA: Ma facite priesto però, perché si vene mariteme non potimmo fà niente cchiù.

FEDERICO: Fra un quanto d’ora sarò qui. (Le bacia la mano e via.)

NANNINA: Sperammo che Errico tricasse cchiù de mez’ora. (Via a sinistra.)

FELICE: Sangue de Bacco, ccà chesto nce sta sotto!... Mannaggia l’arma de mammeta!... eh, e mò faje marenna... guè, chella so’ duje juorne che è sposata, e già si ha trovato il soprannumero... povera infelice, e chella è morta, mò è sparata pur’essa.

SCENA SESTA

Nicola e detto poi Biase.

NICOLA: Don Celestino che cos’è?

FELICE: D. Nicola mio, è succieso lo guaio... povera casa vosta.

NICOLA: Ch’è stato?

FELICE: Ho scoverto una cosa che non poteva mai immaginare. Mò che so’ venuto, aggio trovato a Nannina vostra figlia che parlava nientemeno co no giovinotto.

NICOLA: Voi che dite! E che dicevano?

FELICE: Essa diceva: mio caro D. Federico quando una donna è maritata se mette paura de qualunque cosa. Isso ha ditto: Va bene, io pe ve fà piacere faccio tutto. Essa pò l’ha ditto: jate a la casa e portatemelle mò proprio.

NICOLA: Che cosa?

FELICE: E io che ne saccio. Isso diceva: Ve lo porto stasera, essa diceva: Nonsignore me l’avite da portà mò, e facite ampressa, pecché si vene mariteme nun putimmo fà niente cchiù.

NICOLA: Possibile!

FELICE: Possibilissimo! Capirete, che si l’appura lo marito, chella è sparata primma de stasera.

NICOLA: E se capisce: Uh! Mamma mia, e chella li lume l’ha perdute. Comme l’ha chiammato D. Federico?

FELICE: Già, caro D. Federico.

NICOLA: Uh! E chillo è amico stretto de lo marito, l’ha potuto mannà pur’isso, pe vedé la mogliera come la penzava.

FELICE: E se capisce.

NICOLA: Ah, giovine disgraziata.

FELICE: Chillo mò lo marito saparrà tutte cose e se sta zitto.

NICOLA: Già come facette coll’auta mugliera.

BIASE: Signò, è benuto n’ommo, e ha portato sto cascettino, diretto al Signor Bernard. Ha ditto, consegnatelo proprio mmano a isso. Ch’aggio da fà?

NICOLA: Miettelo llà ncoppa. (Indica il tavolino.)

BIASE: M’ha consegnato pure la chiavetella, chesta è essa. (La mette sul cassettino e via.)

NICOLA: No cascettino co la chiavetella?... e che nce starrà dinto?

FELICE: Volimmo vedé?

NICOLA: Vedimmo. Mentre io arapro, vuje facite la spia si vene isso. (Felice va in fondo. Nicola apre il cassettino, prende una pistola, poi la rimette subito al suo posto, chiude di nuovo e cade sopra di una sedia quasi svenuto.)

FELICE: D. Nicò... D. Nicò... ch’è stato? Avite visto che nce sta llà dinto? (Nicola gli fa segno di andare a vedere. Felice va a vedere e fa lo stesso di Nicola.)

NICOLA: Povera casa mia! Jammo a chiamà li carabiniere... andiamo alla Questura.

FELICE: E che nce jammo a fà a la Questura? Non lo ssapite chille comme ve risponnene: Non possiamo far niente, fatevi prima sparare e poi venite qua.

NICOLA: E come si fa, come si ripara a questo guaio. (Passeggia infuriato Felice lo segue.)

SCENA SETTIMA

D. Ciccillo, e detti poi Elena e Nannina.

CICCILLO (tiene in mano un bocchino col sigaro):D. Nicolino rispettabile. Mi scuserete se sono venuto ad incomodarvi. Io non tengo parenti, non tengo nessuno. Quando mi piglio collera ho bisogno di qualche amico che mi confontasse; ho passata la più grande disgrazia che può capitare ad un uomo.

NICOLA (non badandolo):Accomodatevi.

CICCILLO: Nientemeno, mia moglie, quella donna che io credevo un Angelo caduto da Cielo, mi ha preferito ad un altro che io non conosco.

NICOLA: Quella povera creatura, non volendo, ci sarà caduta.

CICCILLO (credendo che Nicola parla del fatto suo):No, essa nce aveva piacere, si no non avarria calato lo panaro, fortunatamente che io arrivaje a tiempo e scovrì tutto. Tiro lo panaro ncoppa, e che nce trovo dinto neh? Sto bocchino co sto sicarro. Figurateve che succedette a la casa mia. Essa la birbante, non tenette lo coraggio de risponnere na parola, io vurria pagà pure mille franche, pe sapé chi ha mise lo bocchino dinto a lo panaro de moglierema.

NICOLA: Mò chelli pistole l’annasconnimme, pare che così lui resta disarmato. (Prende il cassettino.)

FELICE: E Si chillo po’ li va trovanno, che dicite?

NICOLA: Dicimmo che nisciuno ha portato niente.

CICCILLO (va appresso a Felice e Nicola):Essa sapite che scusa trovaje? Dicette ma non era vero però, pecché io scennette e trovaje che lo fruttaiuolo steva chiuso, e mmiezo a la strada, proprio sotto la fenesta addò steva affacciata essa, nce tnovaje tanta sputazze. Questo che significa che l’amico fumaje pe na mez’ora, po’ doppo avette da dicere: tiene, fume nu poco tu. (Nicola e Felice entrano a destra, Ciccillo li segue.)

NANNINA: Dunque statte bona e non nce penzà cchiù, viene ogge e te faccio trovà li lettere.

ELENA: Nannina mia, te ringrazio tanto tanto, sai, so’ cose che ponno capità a chiunque. Statte bona, nce vedimmo ogge.

NANNINA: Statte bona. Tu diciarraje buono cara mia, ma cheste so’ cose che capitano solamente a chi non tene cervelle, e a chi non vò bene lo marito. (Vedendo venire Nicola:) Uh! Papà, t’aggio da fà vedé na bella cosa. (Felice esce appresso a Nicola.)

SCENA OTTAVA

Nicola, Felice, poi D. Ciccillo, e detta poi Francisco.

NICOLA: Pss. zitta, mettetevi là.

NANNINA: Ch’è stato?...

NICOLA: Che è stato? E me lo domandate pure, giovine disgraziata, giovine perduta.

NANNINA: Papà, e pecché mi dice sti parole?

NICOLA: Perché? Perché sappiamo tutto, abbiamo scoverto tutto. Poco prima stavate parlando qui da solo a sola con D. Federico, l’amico di vostro marito, potete negarmelo?

NANNINA: Ah, l’avite visto?

NICOLA: Si, l’abbiamo visto, e voglio sapere subito che cosa stavate dicendo tutti e due... parlate, e ditemi la verità.

NANNINA: Sissignore, steveme dicenne (o marito) (comparisce D. Ciccillo, Nannina lo vede). Steveme dicenno, che Errico me vò bene, che penza sempe a me, e D. Federico me diceva: vogliatelo bene signora Nannina, vogliatelo bene, perché egli se lo merita. Oh, ve pare, l’aggio risposto io, lo voglio bene assai assai, doppo de papà vene isso. Po’ l’aggio fatto vedé stu bello regalo che Errico m’ha fatto stammatina. (Caccia l’astuccio dalla sacca.) Guarda papà, guarda quanto è bello. è no braccialetto co li lettere meje ncoppa.

NICOLA (sorpreso):Che!... Lo braccialetto.

FELICE: Stanotte more!

NANNINA: Ch’è stato papà?

NICOLA (tremando):Sto braccialetto te l’ha dato mariteto?

NANNINA: Sissignore.

NICOLA: Vattenne dinto, assettete a no pizzo, e non te movere.

NANNINA: Ma pecché?

NICOLA: Zitto! Pecché così voglio io. (Chiama Francisco.)

FRANCISCO: Comandate.

NICOLA: Segui mia figlia, statte dinta a la cammera soja e si vide che le scappa lo suonno, scetela.

NANNINA: Ma papà.

NICOLA: Silenzio! Andate! (Nannina via Francisco la segue.)

CICCILLO: D. Nicò, ma che è successo?

NICOLA: Pure lo braccialetto, e che altro vogliamo vedere.

FELICE: Chillo lo marito sape tutte cose, chillo tale l’ha mannato isso.

CICCILLO: Avete fatto piangere quella povera figliola... la potesse calmà no poco. (Via nella camera di Nannzna.)

FELICE: Quanno vuje ve site nfucato, essa non aveva che risponnene, ha ditto che stevene parlanno de lo marito, non è vero, quello che v’ho detto io, è la verità, ve lo giuro sul mio onore.

NICOLA: Non nc’è bisogno di giurare, vi credo, e poi llà se vedeva da la faccia ch’ha fatto.

SCENA NONA

Federico, e detti poi D. Ciccillo.

FEDERICO: Signor Nicola buongiorno.

NICOLA: (Ah, eccolo ccà).

FELICE: (Mò l’ha portata chella cosa).

FEDERICO: E così, come state, state bene?

NICOLA: Non nc’è male! Signore, voi giungete a proposito. Sappiate che il vostro agire, non è da uomo onesto, ma invece e da svergognato, da traditore.

FELICE: (Bravo...).

FEDERICO: Oh, signor Nicola!

NICOLA: Si, da traditore. E così che voi stimate l’amicizia. Mia figlia, mi ha tutto svelato. (A Felice:) (Dicimmo accossì). Dunque, vale a dire, che la vostra amicizia è falsa, fingete di essere amico del marito, per potere poi, comodamente, corteggiare la moglie!...

FEDERICO: (Comme l’è venuto ncapo a chella che lo dicere a chisto).

NICOLA: A voi questa vi pare una bella cosa? Io invece lo chiamo tradimento!

FEDERICO: Ma caro D. Nicola, allora sarebbe finito il Mondo, se sà, ognuno tenta, l’uomo è cacciatore.

NICOLA: Ah, li venite a caccià dinta a la casa mia.

FEDERICO Vostra figlia poi ne poteva fà a meno di dirvi tutto, già a me non me mporta niente, pecché doppo che l’appura lo marito, io me lo dico: Sà, chella fuje essa che me ncuietaje la primma vota.

FELICE: (Ma che spudoratezza!).

NICOLA: Basta signore, non voglio sentire più niente, vi ho troppo conosciuto. Mi volete dire che cosa le siete andato a prendere a casa per portarle?

FEDERICO: Sissignore, le sono andato a prendere. (Compare Ciccillo, lo marito) le so’ andato a prendere certe cose che a voi non vi riguardano.

NICOLA: Ah, non mi riguardano. Benissimo, vi farò vedere se non mi riguardano?... Per ora signore vi prego di uscire da questa casa, e di non metterci mai più il piede.

FEDERICO: Ma perché?

NICOLA: Perché così voglio io, e basta!

SCENA DECIMA

Bernard, e detti, poi Nicola e Felice.

BERNARD: Che cos’è, che è successo?

FEDERICO: Io non sò, è tuo suocero che mi scaccia da questa casa, come se io fosse un ladro.

NICOLA: Altro che ladro, uscite signore!

BERNARD: Ma perché deve uscire?

NICOLA: Perché... perché... Così voglio io, e basta!

BERNARD: Ed io invece, voglio che resti e venga sempre che vuole. Signor suocero, voi dimenticate, che questa oggi è casa mia, quindi sono libero e padrone di ricevere chi mi pare e piace.

NICOLA: Benissimo, abbiamo capito tutto signore, abbiamo capito l’accordo; ma io però andrò a parlare con chi si deve, e farò punire tanta infamia, tanta bricconata, avete fatta la conserva? Va bene. (Via a destra.)

FELICE: Abbiate pazienza, queste sono cose che non si fanno. (Via appresso a Nicola.)

BERNARD: Chist’auto che stà sempe dinta a sta casa, non aggio capito ancora chi è. Ma a te pecché te ne voleva caccià?

FEDERICO: Niente, pe na cosa che a isso non riguardava affatto. Mò non te pozzo dicere niente, ogge te conto tutte cose.

BERNARD: Ma io la aggio ditto ca chillo pazzo ha da essere.

CICCILLO: Sta arraggiato de na maniera che non se po’ credere.

FEDERICO: Basta, Errì l’armiere t’ha portato chelli pistole?

BERNARD: No, fino a mò non me l’ha portate ancora.

FEDERICO: Allora quanno è ogge porto li mmeje, che pure so’ belle e nce spassammo no poco: Statte buono.

BERNARD: A rivederci... (Si stringono la mano.)

FEDERICO: D. Ciccillo rispettabile. (Via.)

CICCILLO: Carissimo amico, aspettate me ne scendo con voi. Arrivederci. (Via.)

FEDERICO (a Bernard):Dunque ogge vedimmo si è overo che te si perfezionato. (Via.)

BERNARD: Seh, mò tengo proprio lo bersaglio da la parte de la capo, lo compare mio ha scelto me per difendere una causa importantissima.

CICCILLO: E di che si tratte?

BERNARD: Si tratta di un marito, che avendo trovata la moglie unita con l’amante, ha cacciato il fioretto che teneva nel bastone, e l’ha infilati a tutt’e due.

CICCILLO: A uso fecatielle. D. Errì, e ne passa niente?

BERNARD: Eh, chi lo sà, io per me farò tutto il possibile di aiutarlo, se ci sono documenti che provano la infedeltà della moglie, ritenere che se n’esce libero e franco.

CICCILLO (da sé):E io li documente li tengo. Lo bocchino co lo sicarro. (Forte:) D. Errì, scusate, lo bocchino è documento?

BERNARD: Quà bocchino?

CICCILLO: Ecco qua, uno per esempio, che tire no panaro, già vuje lu fatto nun lo sapite. La Mugliera sta tiranno lo panaro, lo marito vene a tiempo, dice neh, mugliera mia che staje tiranno? Niente marito mio, so’ li frutte per la cena, va dinto, và te spoglia. Nonsignore, voglio tirà io. Lo marito tira, e dinto a lo panaro nce trova lo bocchino co lo sicarro... dico io mò, sto bocchino è documento?

BERNARD: Ma è stato proprio sto bocchino lloco?

CICCILLO: Sissignore.

BERNARD: E a voi è successo il fatto?

CICCILLO: Sissignore.

BERNARD: Eh, sapete, avete avuto un indizio, ma documento non si può chiamare. E poi, io credo che qualcheduno ha dovuto scherzare, vostra moglie non è donna capace.

CICCILLO: Lo credete?

BERNARD: Ne sono sicuro.

CICCILLO: In ogni modo io mò starò in guardia, e se m’accorgo di qualche piccola cosa, ve lo faccio sapere.

BERNARD: Va bene.

CICCILLO: A rivederci D. Errì, me vaco a riposà no poco, pecché stanotte aggio fatta la nottata chiara chiara, pensanno a lo bocchino dinto a lo panaro de muglierema. (Via pel fondo.)

BERNARD: Ecco qua un altro infelice, ma chisto è cosa de niente, la causa che vado a difendere è terribile. No marito che coglie la mogliera nzieme co lo nnammurate, scusate, è cosa che uno adda passà pe forza no guajo... Sangue de Bacco se la potesse vingere, sarria no bello piacere, cheste so’ li cause che fanno acquistà nome. Già là tutto dipende dall’arringa. Bisogna fare tutto il possibile di commuovere i giurati... per esempio, se mi riesce, vorrei dire così: Signore giurati, guardate un poco quell’uomo che è seduto là, sullo sgabello dei rei, riflettetelo bene, esaminate bene il suo sguardo, come l’ho esaminato io... sì, io sono andato a trovarlo nel carcere, e quanto l’ho interrogato sul fatto, mi ha detto queste parole. (In questo frattempo compaiono Nicola e Felice. Bernard prende il fazzoletto, si asciuga gli occhi e poi dice.) No... no, io non sono colpevole, amavo mia moglie quando si può amare la vita, per lei avrei fatto qualunque cosa, io non sognavo che lei, non viveva che per lei. Ogni suo desiderio era un ordine per me. Ma quando mi si è presentato innanzi agli occhi il tradimento, quando mi son visto rubare il cuore di questa donna! Quando quest’angelo, che tale io la credevo, non era più mio, oh, allora una benda mi è caduta sugli occhi... e che cosa ho pensato? Non è più mia? Ebbene non sarà di nessuno, io l’ucciderò!

NICOLA (avanzandosi) Ah! no! Uccidete prima questo povero vecchio. (Cade sopra di una sedia svenuto.)

BERNARD: Chi è, che è stato? Ma che è succiesso?

NICOLA: Vuje avite ditto che vulite accidere mia figlia.

BERNARD: Io voglio uccidere la figlia?... Ah! Forse quanno parlava... Mannaggia all’arma vosta, non sapeva che era... jateve a fà squarta tutte e dueje! (Via pel fondo.)

NICOLA: Corriamo! Corriamo! Biase! Biase!

SCENA UNDICESIMA

Nannina, Francisco, Biase e detti.

NANNINA: Che è stato. Uh! Papà mio, e che l’è venuto? papà, papà. (Gridando.) Qualcheduno.

BIASE: Che cos’è, che è succieso.

NICOLA: Figlia mia, Don Celestì, jammo ncoppa a la guardia. E tu pure haje da venì, comme staje mò.

NANNINA: Ma pecché neh papà?

NICOLA: Pecchesto. Jammoncenne. Don Celestì portatevella. (Si avvia con i servitori.)

FELICE: Vostro marito stanotte ve spara.

NANNINA: Possibile!

FELICE: Possibilissimo. Jammo, facite priesto. (Se la mette sotto il braccio.) Duje mise fa avevemo da j a lo Municipio, mò jammo ncoppa a la guardia.

TUTTI: Alla guardia. (Viano pel fondo.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

La medesima scena.

SCENA PRIMA

Biase, Elena, poi D. Ciccillo.

BIASE: Favorite, favorite, chille poco ponno tricà, mò li vedite venì. (Via.)

ELENA: Ma so’ ghiute lontane assaje?

BIASE: Nonsignore, ccà vicino, assettateve nu poco. (A Ciccillo:) Signò, trasite. (Ciccio entra. Biase via.)

CICCILLO: E così, vogliamo far pace o no?

ELENA: Niente, non ve voglio vedé manco pittato. Birbante assassino, aggio fatta chella nottata pe causa vosta (piange) accossì se trattene li cane, non già na mugliera che v’ha voluto tanto bene.

CICCILLO: (Io l’aggio ditto, sempe accossì succede, all’ultimo io aggio tuorto e essa have ragione). Ma Elenuccia mia, io m’aveva da piglià collera pe forza, chi è stato che ha mise sto bocchino dinto a lo panaro?

ELENA: Comme chi è stato, io me pare che ve l’aggio ditto, è stato qualcheduno che l’ha fatto pe me fa ncuità co buje. E tutto chesto pecché? Pecché io non tengo a nisciuno, non tengo mamma, non tengo padre, non tengo no frate che me potesse difendere in qualche occasione, perciò tutte quante se ne pigliene, ma n’auta vota che sospettate na cosa de chesta, io me ne vaco, me metto a cammarera, me metto a servì, ma nnanze a buje non nce stongo cchiù.

CICCILLO: Nonsignore, questo non accadrà più, votete da ccà, facimmo pace.

ELENA: Jatevenne, mò sto attaccata de nierve se ne parla dimane.

CICCILLO: Dimane! E io stongo n’auta nottata appiccecata co ttico? è impossibile.

ELENA: E che volite da me, n’auta vota non lo facite cchiu.

SCENA SECONDA

Federico, e detti poi Nannina.

FEDERICO: Oh, signori, vi saluto. (I due non rispondono.) Lo servitore m’ha ditto che so’ asciute tutte quante, non sapete dove sono andati? Che è successo D. Ciccì, state contrastati? (Nell’uscire porta un cassettino che posa sulla conzola.)

CICCILLO: Ho preso un piccolo sbaglio per ragione di gelosia, adesso mi sono andato a sottomettere, l’ho pregata, l’ho chieste scusa, e essa niente, non vò fà pace. D. Federì vedete voi?

FEDERICO: Aspettate. Signora Elena, ve ne prego io, finite questa cosa. Vostro marito se è geloso, è segno che vi vuol bene assai, la gelosia sapete, è figlia dell’amore.

ELENA: (Li lettere l’avite portate?).

FEDERICO: (Sissignore, mò nce li dongo a Nannina, ma vi ricorderete di me qualche volta?).

ELENA (spezzando il discorso):Va bene, non ne parlammo cchiù, vuje me prommettite de non sospettà cchiù de me?

CICCILLO: Mai più. Abbraccieme, moglie mia. (Si abbracciano.)

FEDERICO: Avite visto, si non veneva io, non se faceva niente.

CICCILLO: D. Federì, vi prego di accettare questo bocchino, lo terrete per mio ricordo.

FEDERICO: Oh, vi ringrazio, l’accetto con piacere. (Si prende il bocchino.)

ELENA: (Che faccia de cuorno).

FEDERICO: Mò diciarria jammoce a fà na passiata abbascio a lo ciardino, pigliammo no poco d’aria.

CICCILLO: Si, dite bene. (A Elena:) Vuò venì?

ELENA: Fate primme vuje, io aspetto a Nannina, quanno vene, scengo co essa.

FEDERICO: Allora jammo nuje D. Ciccì. (Voglio vedé si me pozzo fà mprestà nu centenaro de lire). (Si mette Ciccillo sotto il braccio.)

CICCILLO: Te raccomanno viene ampressa. Te faccio trovà no mazzettino de tutte gelsummine e rose the.

FEDERICO: Ah, bravo. Allora sapite che facimmo? Quanno vuje avite fatto lo mazzetto...

CICCILLO: Lo menammo dinto a lo bollito.

FEDERICO: Nonsignore, quanno vuje avite fatto lo mazzetto, io la vengo a chiamare. Jammoncenne. (Viano pel fondo a sinistra.)

ELENA: Seh, e io piglio e vengo co ttico, staje frisco. Vì che faccia tosta.

NANNINA: Mamma mia che scuorno, che scuorno.

ELENA: Guè Nannì, che è stato?

NANNINA: Papà ha voluto j pe forza ncoppa alla sezione, m’ha voluto portà pure a me, llà nce stevene tanta gente, tanta guardie.

ELENA: Ncoppa a la Sezione, e pecché.

NANNINA: Pecché dice che Errico stanotte m’ha da sparà.

ELENA: E pe quà ragione?

NANNINA: E io che ne saccio. So’ duje juorne che papà non è cchiù isso, sbarea sempe, io aggio appaura, Elena mia che papà nzieme co Don Celestino so’ asciute pazze. Dico il pecché Errico m’ha da sparà, chillo me vò tanto bene.

ELENA: Ma che sparà, tu che dice, avarranno pigliato quacchè sbaglio, siente a me.

NANNINA: E chesto l’aggio ditto pur’io, ma lloro niente, non se fanno capace.

SCENA TERZA

Nicola e D. Felice, poi Biase, Teresina e Pascarella.

NICOLA: Che fate voi qua, andate dentro.

NANNINA: Ma papà...

NICOLA: Zitto! Dentro!

FELICE: Quando il padre dice dentro, dentro.

ELENA: (Haje ragione Nannina mia, chiste tenene tutt’e dueje l’uocchie de pazze). (Viano a sinistra.)

NICOLA: D. Celestì, avimmo avuta na bella soddisfazione.

FELICE: Ma quanno l’Ispettore v’ha chiammato e v’ha parlato zitto zitto, che v’ha ditto?

NICOLA: Ha ditto jatevenne sicuro, pecché mò ve manno 4 guardie sotto a lo palazzo vuosto, e non le faccio movere, po’ a n’auto ppoco me manno a chiammà a isso pe n’aute 2 guardie, e mi deve dare conto e ragione di tutto quello che sta facendo.

FELICE: Eh, e mò fa maremma... Mannaggia all’arma de la mamma, guè, chille li mogliere l’aveva pigliate pe quaglie.

NICOLA: Mò trasimmoncenne dinto, e non facimmo vedé, aspettammo isse che dice quanno have la chiammata dall’Ispettore.

FELICE: Ah, ma D. Nicò, diteme ma cosa nuje quanno mangiammo, io tengo appetito.

NICOLA: Ma ve pare, è momento de mangià, chisto, quanno è stasera se ne parla.

FELICE: Stasera! E io fino a stasera more. (Viano a destra.)

BIASE: Sissignore, D. Felice mò proprio s’è retirato, pecché so’ ghiute a fà no servizio. Chillo mò starrà dinto, si volite ve lo chiammo.

PASCARELLA (a Teresina che è uscita con loro):Che dicite D.a Teresì, lo volite fà chiammà?

TERESINA: No Pascarè, a chiammarlo no, vorria combinà de n’auta manera, pe non fa vedé che so’ ghiuta io addo isso.

PASCARELLA (a Biase):Neh, aspettate no momento, aggiate pacienza.

BIASE: Facite li fatte vuoste.

PASCARELLA (a Teresina):Ma che ve ne mporta a buje, scusate, che è fatto qualche estraneo, v’è frate a la fine, e pò sentite a me D.a Teresì, rappaciateve co lo frate vuosto; non facite parlà cchiù la gente, che facite state sempe sola, avite visto comme v’hanno trattata chille che hanno fatto l’ammore co buje; si stiveve mpace co D. Felice, non credo che vi trattevene comme v’hanno trattata. Dunque che bolite fà?

TERESINA: Aspetta Pascarè, io aggio penzato ma cosa, haje da sapé che ccà ncoppa, nce sta de casa chillo tale Don Luigino Porro, che faceva l’ammore co mmico, te ricuorde.

PASCARELLA: Comme non mi ricordo.

TERESINA: Embè, chillo non se chiamma D. Luigi se chiamma D. Errico, e s’è nzurato, capisce lo birbante!

PASCARELLA: S’è nzurato?

TERESINA Già... io mò sà che faccio, parlo co isso, e le dico che me facesse fà pace co Feliciello, si no vaco da la mugliera e le conto tutte cose, comme te pare?

PASCARELLA: Eh, na vota che tenite sto mezzo.

TERESINA (a Biase):Bell’ò dimme na cosa, D. Errico nce sta?

BIASE: Nonsignore, ma chillo mò lo vedite venì.

TERESINA: Allora io mò vaco a fà n’auto servizio, pò torno, e si lo guardaporta me dice che s’è retirato, saglie e aspetta fore a la saletta, tu me lu chiamme e le dice che l’aggio da parlà necessariamente.

BIASE: Va bene.

TERESINA: Pascarè, jammoncenme, po’ nce vedimmo a lo palazzo, e grazie tanto.

PASCARELLA: Ma che ringrazià, io vaco trovanno che state cuieta, bell’ò statte buono.

BIASE: Stateve bene. (Viano pel fondo a destra.)

SCENA QUARTA

Federico, poi Nannina, poi Nicola e Felice, poi Bernard, indi Ciccillo.

FEDERICO: L’aggio menata la stoccata, ha ditto che mò non li tene; dimane me li dà, quanno è dimane me mposta sotto a lo palazzo sujo; ma quanto è seccante, parlà sempre de na cosa.

NANNINA: D. Federì, m’avete portate chelli là?

FEDERICO: Sissignore. Ma vuje pecché avite ditto tutte cose a papà.

NANNINA: Che cosa?

FEDERICO: Che io faceva l’ammore co la mugliera de D. Ciccillo.

NANNINA: Io? Aggio ditto chesto, quanno maje. (Comparisce Nicola e Felice.)

FEDERICO: E comme va che D. Nicola sape tutto?

NANNINA: E chi ne sape niente... facite priesto, dateme chelli lettere.

FEDERICO: Cheste so’ lloro, tenite. (Gliele dà.)

NICOLA (si avanza e strappa le lettere dalla mano di Nannina):A me quelle lettere!

NANNINA: Ah, no papà.

NICOLA: A me quelle lettere, ti dico!

BERNARD: Che è stato, ccà s’allucca sempe.

CICCILLO: Che è successo?

NICOLA: Niente... niente, questa volta non è stato proprio niente. (Piano a D. Ciccillo e con fretta.) (D. Ciccì, stracciate sti lettere pe ccarità!) (Dà le lettere a Ciccillo il quale le lacera subito.)

BERNARD: Ma Nannì, che è stato, perché staje accossì? Ma parla, io voglio sapere di che si tratta. D. Nicò perché stavate gridando?

NICOLA: Domandatelo al vostro caro amico.

FEDERICO: Testimone?

CICCILLO: E che testimone?

BERNARD: Chille so’ duje pazze, che ne volite sapé, io n’ora fa me steva passanno la difesa che debbo fare per quella causa che tengo, chille so’ venute a tiempo, e se credevano che io voleva accidere a Nannina. (Tutti ridono.) Mò và trova che auto sarrà succieso, jammo a sentì Nannina che dice. E ghiammoce a spassà no poco. A proposito tu hai portate li pistole?

FEDERICO: Sicuro, eccole ccà.

BERNARD: E ghiammo. (Via con Federico), non li danno udienza chille so’ pazze.

FEDERICO: E no fatto, dice buono. (Viano pel fondo.)

CICCILLO: No, chillo D. Nicola veramente è ghiuto mpazzia, allucche sempe, sta sempe arraggiato, po’ m’ha fatto straccià chelli lettere, va trova che mbroglie sarrà. Mò vado a vedere come tirano al bersaglio. (Via.)

SCENA QUINTA

Biase, Leone, e detto, poi Nicola e Felice.

BIASE: Favorite, favorite, accomodatevi.

LEONE: Grazie, non voglio sedere.

BIASE: Dunque mi avete detto che vi chiamate?

LEONE: Leone Mitraglia.

BIASE: E volete parlare con D. Nicola Paletta.

LEONE: Perfettamente.

BIASE: Attendete un momento che mò ve lo chiamo. (Via a destra.)

CICCILLO: (Mamma mia che brutta faccia che tene chisto, va trova chi sarrà).

LEONE: Quale felicità se fosse lui. Trovarlo, dopo 6 anni di lagrime e di dolori. Vile, io gli dirò, le mille volte vile. (Ciccillo spaventato entra a sinistra inchinandosi.)

BIASE: Ecco qua; questo signore. (Escono Nicola e Felice, Biase via.)

NICOLA: Voi signore dovete parlarmi?

BIASE: Signò, signò.

NICOLA: Che c’è.

BIASE: M’hanno portato st’attrezzo pe vuje. (Via.)

LEONE: Si, debbo domandarvi una cosa... ma quel signore chi è?

NICOLA: è un amico mio strettissimo, potete parlare liberamente.

LEONE: Io sono Leone Mitraglia, sono il fratello di Virginia Mitraglia di quella giovine infelice, che sei anni fa, mentre dormiva fu assassinata da suo marito.

NICOLA: (Sangue de Bacco, chisto è chillo tale parente). Vi prego, accomodatevi.

LEONE: Grazie. (Seggono.) In me non vedete un uomo, o signori, vedete una tigre, che disperata nel deserto, va in cerca di una preda per diffamarsi e per dissetarsi. Dopo 4 giorni che mia sorella era maritata partii per Genova, dove mi aspettavamo affari di commercio. Saputo la disgrazia, corsi così in Napoli, ma non trovai nessuno, nemmeno un’immagine della mia povera Virginia. (Col fazzoletto si asciuga le lacrime), giurai vendetta sul traditore, e se in quel momento l’avessi potuto avere nelle mani, gli avrei strappato dal petto quel cuore di vipera. Si trovava in prigione... obbligato a partire, ritornai a Genova, poi a Marsiglia, e così di Città in Città, ma sempre col pensiero di vendicarmi. Sono sei giorni che mi trovo in Napoli, stamane son passato per quel fatale palazzo dove abitatava mia sorella, e la portinaia m’ha detto che Bernard stava qua ed aveva sposata vostra figlia. Signore, ditemi se tutto questo è vero, ditemi se veramente, dopo 6 anni, io mi trovo vicino a Bernand?...

NICOLA: Ecco qua signore... (che facimmo?).

FELICE: (E che bolite fà, dicitencello, chillo l’accide, e nce lo levammo da tuorno).

NICOLA: (E mia figlia?).

FELICE: (Me la sposo io).

NICOLA: Io povero padre... dovete sapere... che stavo all’oscuro di tutto, se avessi saputo qualche cosa...

LEONE: Ma dunque è vero la portinaia non m’ha ingannato. E dov’è Bernard? (Si alzano.) Dov’è?

NICOLA: Ecco qua signore, io ve lo dico, ma che cosa intendete di fare, riflettete che state in casa mia.

LEONE: Sono un gentiluomo, saprò regolarmi, lo sfiderò, e deve battersi alla pistola, alla distanza di un fazzoletto, e tiriamo insieme.

FELICE: E po’ morite vuje pure.

LEONE: Si capisce, ma morirò contento di aver fatto provare a lui quello che fece lui provare a mia sorella.

NICOLA: Caro signor Leone, io da che ho saputo il fatto, non conchiudo più, me metto paura che non avesse da fà l’istesso a mia figlia.

LEONE: Oh, state pur tranquillo, non avrà questo tempo.

NICOLA: Mò stammo parlando tutti e due, e io sto con un pensiero che non potete credere.

LEONE: Avete ragione, quel vile, quel birbante, sarebbe capace di farlo un’altra volta. Povera Virginia, la portinaia mi riferì le sue ultime parole: al primo colpo mi svegliai... mi trovai piena di sangue... mi aveva ferita alla spalla... Ah! Per pietà, io gli dissi... e, impugnata un’altra pistola... (Di dentro si sente un forte colpo di pistola.)

NICOLA: Ah, mia figlia!

FELICE: L’ha fatta.

NICOLA: Gente, correte (gridando:) arrestate l’assassino!

SCENA SESTA

Biase, Francisco, Elena e Ciccillo, poi gli altri 4 personaggi, Federico, Leone, Bernard e Nannina.

TUTTI: Che è stato, che è successo?

NICOLA: Correte, mia figlia è stata sparata!

LEONE: Ma dov’è l’assassino! (Di dentro altro colpo di pistola.)

FELICE: Mò l’ha accisa... (Nicola cade sopra una sedia.) Ah!

NICOLA: Figlia mia. (Tutti corrono pel giardino, meno Nicola e Felice.)

FELICE: Infame scellerato, sparare a quella povera figliola senza nessuna colpa, e mò che la sagliene ccà ncoppa chi se fide de la guardà, chiena de sango, co la capa appesa... mò te faccio vedere io. (Entra a destra.)

NICOLA (alzandosi):Figlia mia!... fatemela vedere per l’ultima volta... la voglio benedire. (Va pel fondo e fa il segno della benedizione.)

FELICE (con 2 pistole):D. Nicò, tenite, una pedono, chillo da ccà ha da passà, non avite paura che non ne passammo niente.

NICOLA (prende una pistola):E la forza chi me la dà. (Si situano uno a destra e l’altro a sinistra vicino alla porta difondo. Tutti vengono in iscena uno dietro l’altro, ridendo, solo Leone esce serio.)

CICCILLO (ridendo):D. Nicò... all’arma vosta, guèh.

BIASE (c.s.):Signò..: Vì pe nce... (Francisco fa l’istesso e fugge. Leone esce disperandosi.)

FELICE: Non è isso. (Mò steva sparanno a lo lione).

ELENA (c.s.):Che cosa curiosa... neh, e che d’è?

FEDERICO (c.s.):Ma sentite... all’arma vosta!

NANNINA: Papà, papà... (Per la sorpresa cadono le pistole dalle mani di Felice e Nicola.)

NICOLA: Come tu sì biva?

NANNINA: Ma si papà, tu che haje creduto?

BERNARD: Ma che diavolo è stato?

NICOLA: Voi non avete sparata mia figlia? Come sparaste la prima vostra moglie.

BERNARD: Ma che dite, noi stiamo tirando al bersaglio.

LEONE: Questo signore, non è quel Bernard dell’omicidio!

NICOLA: Comme, non è isso?!

FEDERICO: Nonsignore, quello è cognome che si confronta.

NICOLA: E chillo parente de la mogliera vosta che ve jeva trovanno?

BERNARD: è un suo nipote, che vorrebbe sempre denaro.

NICOLA: E lo cascettino co li pistole, che è venuto diretto a buje?

BERNARD: Erano le pistole appunto, che ci servivano pel tiro al bersaglio.

NICOLA: E sta lettera che aggio ricevuta? (La dà.)

BERNARD: (Che beco, lo carattere de Teresina!). E questa lettera vi è stata mandata, perché credevano che io era quell’altro Bernard. (Tutti ridono.)

NICOLA (a Felice):Don Celestì, vuje che m’avite combinato?.

FELICE: (E io, sapeva chesto). Ccà si coincideva così bene.

SCENA ULTIMA

Biase e detti poi Teresina.

BIASE (a Bernard):Signorì, fore nce sta na figliola, dice che v’ha da parlà necessariamente.

BERNARD: A me? Signori permettete. (Via pel fondo e torna subito.) (Sangue de Bacco, chella è Teresina!). Il servitore ha sbagliato, vuole a voi. (A Ciccio.)

CICCILLO: A me? E chi è? Signori permettete. (C.s. poi esce.) (Uh! Mamma mia, chella è Teresina!). Ma voi credo che state dormendo, non vuole a me, vuole a quel signore. (Indica Felice.)

FELICE: A me? e chi è? Signori permettete. (Via pel fondo .)

NICOLA: Ma insomma se po’ appurà sta femmena a chi và?

ELENA: Pare na cosa curiosa. (Felice esce e Teresina dietro di lui.)

TERESINA: Ma che d’è, tutte quante me vedete e se ne fujene, comme se io fosse na diavola. Io non so’ venuta pe nisciuna ragione, so’ venuta pe fà pace co frateme Celestino. E si non pò essere, me ne vaco n’ata vota. (Queste parole le dice con intenzione guardando Ciccillo e Bernard.)

NICOLA: Ah! Questa è vostra sorella?

FELICE: Per servirvi.

NICOLA: Via finite questa cosa.

BERNARD: Ve ne prego anch’io.

NICOLA: Alla fine vi è sorella.

FELICE: E faje l’ammore cchiù co nisciuno?

TERESINA: Non nce pemzà, me so’ mparata, da oggi in poi araparragggio tanto no pare d’uocchie. (Guardando i due.)

FELICE: Allora vieni fra queste braccia, sorella mia. (Eseguono.)

NICOLA: Bravissimo, adesso non sarete più criticato dal pubblico, sarete applaudito.

FELICE: Lo credete?

NICOLA: Ne sono sicuro.

FELICE: Speriamo.

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

Fine della commedia

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 14 volte nell' arco di un'anno