Lu miraculu di lu muru mastru

Stampa questo copione

SCENA I°

LU MIRACULU DI LU MURU

MASTRU

COMMEDIA DIALETTALE

BRILLANTE

IN

DUE ATTI

                                 

                                                                                                                      di

 

GIANCARLO BUCCHERI

La commedia è regolarmente registrata alla S.I.A.E.

Sezione/qualifica D.O.R. posizione N° 129648

E-mail : giancarlo.buccheri@tiscali.it

Lo zio Mimì era così avaro che ogni soldo che guadagnava lo metteva da parte, aveva dedicato tutta la sua vita a lavorare in campagna e a cercare di risparmiare quanto più possibile, tutti sapevano che i quattrini non gli dovevano mancare, ma, lui per paura che gli domandassero prestiti o che qualcuno lo derubasse “chiancia sempri miseria” e andava in giro con abiti malandati. Per giustificare la sua povertà andava dicendoche i suoi guadagni se ne erano andati in fumo per colpa delle banche che lo avevano indotto a fare investimenti sbagliati e si lagnava della sua sfortuna. In realtà nella banca del paese non depositava niente dicendo di preferire la banca di una grossa città, per cui spesso si recava a Palermo, ma qui non faceva alcun investimento, cambiava i suoi quattrini in sterline d’oro e in monete da mille lire. Quando rientrava in casa  si chiudeva nella sua stanza e infilava le monete in alcune fessure del muro, dietro il quale aveva scavato capienti cavità. Essendo un tipo molto preciso faceva in modo di mettere le monete d’oro tutte insieme e così pure le monete da mille.

Insieme allo zio Mimì vivevano la sorella Carmela, vedova, e il nipote Filippo. Nell’appartamento accanto comunicante con quello dello zio Mimì e di sua proprietà, abitava la famiglia di un povero calzolaio che difficilmente riusciva a mettere insieme i soldi sufficienti per sfamare la sua famiglia e per pagare l’affitto allo zio Mimì. Proprio dietro il muro in cui lo zio Mimì infilava le monete, la moglie del calzolaio aveva sistemato una statuetta della Madonna e  si inginocchiava per pregare nella speranza  di un miracolo che rimettesse a posto le precarie condizioni economiche della famiglia.

L’ arrivo dell’Euro preoccupa Lo Zio Mimì!

     

La scena è divisa da un muro spesso ( lu muru mastru), da una parte: la stanza dello zio Mimì con un lettino, varie suppellettili, un tavolino e alcune sedie. Dall’atra parte del muro, nell’appartamento di Mastro Cola il calzolaio un tavolo e alcune sedie, gli attrezzi per il suo lavoro e un tavolino addossato al muro divisorio con sopra la statuetta della Madonna.

1 ATTO

SCENA I°

(Buio nella parte sinistra e luce sulla parte destra. Zio Mimì entra tra il pubblico passeggiando e parlando nervosamente)

Zio Mimì:

Tutti chi vonnu li me sojdi... ‘un ni pozzu cchiù. Li parenti ‘un virinu l’ura chi moru pì ereditari, li banchi ti fannu l’occhi duci pi depositalli a libretta, pi accattari titoli, Cu ti offri lu novi, cu lu deci, ma a cu vonnu pigghiari pi fissa! Depositannu in banca pari chi unu ci guadagna, ma a fini d’annu, levaci li spisi, levaci l’inflazioni, chiossà di lu unu o dui pi centu ‘un ci guadagni... megghiu canciari li sordi in sterline d’oro e in muniti di milliliri accussi sugnu sicuru, l’oru havi sernpri un valuri e li milliliri... cusà m’ avissiru a serviri pi qualchi malatia p’un scanciari li sterlini. Ora unu dici, li putissi sarvari a decimila e a centumila, ma ccà d’unni li mettu mi scantu chi li surci fannu fistinu, cu chisti li denti d’un surci ‘un ci la spuntanu. Bonu fazzu, bonu fazzu. (sale per le scale del palcoscenico)Ma quali banca e banchiteddra. L’’mpirtusu e mi nnì sentu lu ciavuru. Anzi, quantu mi fazzu ‘nà beddra suspirata di sojdi.  (Prende i soldi dalla tasca, quando…..bussano)

Filippo:

Zio Mimi posso entrare?

Zio Mimì:

Un momento... un momento…. (Confuso) un mumentu, un trasiri sa’? Chi sugnu nuru. (infila le monete in tasca e si asciuga il sudore) Avanti po’ trasiri (Filippo entra)...soccu c’è di tantu importanti?….sintemu! Un cristrianu ‘nintra la so casa un po’ essiri ‘n cunfirenza cu iddru stessu, ma ti pari rucazioni?

Filippo:

M’av’ha   scusari!…..Zi Mimi è quasi l’una e ancora ‘un m’ha dittu soccu s’havi a preparari pi lu pranzu. Si mi duni li sordi vaiu a la putia e accattu qualchi cosa. Chi fazzu ci dicu a la mamà di mettiri la pignata e ni cucemu dù spaghetti,  accattu dù ova e facemu ‘na frittata?

Zio Mimì:

Ova... spaghetti... frittata, ma lu sa chi pi cociri la pasta ci voli lu sali e l’acqua, lu sa chi accussì la bolletta acchiana, lu sa chi pì fari la frittata ci vonnu l’ova e l’ogghiu .

Filippo:

Lu sacciu, lu sacciu. Ma caru Ziu Mimì l’ogghiu c’è na la dispensa... ci nnè almenu deci litra, chiddu di tri anni fa.

Zio Mimì:

Un sturiari, Filippu,  ora chiamu a tò matri e vi l’organizzu iu un bellu banchettu... Carmela , Carmela,….Carmela!

Carmela :

(fuori scena)Vegnu, (Carmela entra) …chi c’è, chi successi, chi è tuttu ‘stu trambustu

Zio Mimì:

Nenti, nenti  ‘un ti pigghiari fraccani. To figghiu havi fami e a mia mi vinni n’testa chi ‘st’iornu, inveci di li soliti spaghetti, pi canciari putissimu organizzari un bellu banchettu , lu sa cu soccu?

Carmela:

Cu soccu?.. Manciamu pani e ficurigna? Chiddri chi purtaru di la campagna stamatina... Bonu, mi piaci, allura dunami si sojdi chi vaju  accattu lu pani.

Zio Mimì:

Pani... ficurigna... lassali stari li ficurigna, chiddri ni li manciamu dumani, pi ‘st’iornu senti a mia: ci nn’è pani duru....(Carmela fa cenno con il capo di sì)Allura tagghialu a feddri nichi, nichi,… po’ rapi lu rubinettu a pilu e ci fa curriri un pocu d’acqua di ‘ncapu accussi s ‘arrimoddra, ‘un tantu assai, sinnò addiventa morvu, po’ và ntà la dispensa e pigghia tantichhia d’ogghiu e dù pizzichi di sali ... dù suli chi iu a la me età ‘un ni possu manciari. Lu dutturi mi dissi di mangiari liggero  e senza sali. (porge a Carmela una siringa, che tiene ben avvolta in un fazzoletto) Teccà chistu pi nesciri l’ogghiu

Carmela:

(sconsolata) E chissu fussi lu bellu banchettu , dunn’è la novità?! Havi ‘na misata chi manciamu pani ammuddratu all’acqua. Va bè... va bè, almenu li pozzu munnari dù ficurigna pi frutta

Zio Mimì:

E va bè  ‘va ,  munnali, non troppi però picchì attuppanu l’intestino, e iu ci tegno a la saluti.

Carmela:

Dui, tri, pi ognuno...?

Zio Mimì:

Sempri affamati siti,  una pi ognuno ‘un abbasta? Lu restu li portu a lu mercatu e li vinnu, almenu facemu pila.

Filippo:

Chi bellu banchettu... pani... acqua... e ficurigna, mamà senti a mia, amuninni. (escono di scena Carmela e il figlio)

Zio Mimì:

Parenti, serpenti,  ma chi ci pari chi iu li sojdi li scotulu di l’arvuliddru?  Sempri fami hannu,  sempri fami. E’ quasi l’una, viremu soccu mancia ‘stu disgraziatu di Mastru Cola , anzi ci vaju arricordu puru chi dumani scari la misata. (esce)

SCENA II°

si spegne la luce nella parte destra e si accende nella parte sinistra. In scena sono seduti a tavola:Mastru Cola, la moglie e la figlia. La tavola è imbandita e vi è sopra un vassoio con delle fico d’india. Si sente bussare alla porta)

Mastro Cola:

(gridando) Cu è? (si avvia ad aprire la porta)

Zio Mimì:

(da fuori) Iu sugnu! (appena aperta la porta entra senza esitare)    Buongiorno Mastro Cola,  Signora Dorotea... (annusa) ma chi è già l’ura di pranzo, si senti un ciavuru!  ‘Un minn’ avia addunatu ,  disturbo? Posso entrare?

Mastro Cola:

Veramenti ci pozzu diri di nesciri, vossia già trasì, comunque  facissi comu si fussi a là so casa , pregu.

Zio Mimì:

Grazi, troppu gentili siti Mastru Cola.

Mastro Cola:

Voli favoriri?  Certu pi vossignoria chiddru chi manciamu nuatri ‘un è adattu!

Zio Mimì:

Chi manciati?  Vui lu sapiti chi a mia la cucina povera mi piaci  e poi lu dutturi mi dissi chi m’ha curari e a manciari leggeru e senza sali.

Dorotea:

Dunni c’è postu pì trì, abbasta pì quattro….a lì voti!, arristati sirvutu?

Mastro Cola:

E chi putemu manciari  Zù Mimì, semu poveri, un pocu di pani duru, ammuddratu all’acqua, c’un pocu di formaggiu e dù ficurigna

Zio Mimì:

Poveri , ma chi diciti,  manciati cosi genuini e dietetichi. Un mumentu sulu chi mi scurdà di diri ‘na cosa a me soru Carmela (si affaccia alla porta e chiama) Carmela,  oh  Carmela...

Carmela:

(da fuori scena)Chi c’è? Chi c’è?  Chi successi.. scappà focu...?

Zio Mimì:

(sempre dall’uscio della porta)Focu?! Ti lu fazzu scappari iu lu focu, d’unni sacciu iu.  Nenti, pi pranzu iu ‘un ci sugnu manciu ccà di mastru Cola.  Lu me pani mettilu di latu pi dumani! ‘Un è chi approfittati chi ‘un ci sugnu e inveci di ammuddrari lu pani nt’allacqua l’arrimuddrati nta l’ogghiu? Mi accumannu st’ogghiu av’ha durari almenu n’autri tri anni, ‘na coccia pì ogni feddra di pani, e all’ultimu metti a testa sutta lu contagocce, accussì l’ogghiu chi arresta rientra un si perdi.

Mastro Cola:

S’accomodassi cà, don Mimi, a capo tavola, a lù me postu. Dorotea, un piatto e un bicchiere pi don Mimi.  (Zio Mimì si accomoda a tavola, mentre Mastro Cola si prende una sedia e si siede vicino a lui. Dorotea esce da sinistra) Manciassi... manciassi. (Zio Mimì, prende un tovagliolo e se lo sistema al collo poi prende un pezzo di pane e una fico d’India e comincia a mangiare) Mi dicissi ‘na cosa,  l’ha sintutu li paisani parrari di grossi novità? Lu sapi vossignoria chi fra dù anni li banchi ritiranu tutti li sojdi chi ci su’ in circolazioni e a postu di la lira accumincia a circulari ‘na nova munita chi si chiama Eu, Eulo, Euco, Nà cosa di chissa ? (rivolto alla figlia Eleonora) Nonò diccillu tu a don Mimì ,   soccu t’insignaru a la scola.

Eleonora:

E chi m’insignaru!? Chiddru chi dicisti tu:  L’Euro è la nova munita, ci sarannu li centesimi e la munita di carta e si unu havi sojdi sarvati l’avi a canciari picchi tra du’ anni ‘un vannu cchiù. Cù havi sojdi a la banca pòstari tranquillu chi l’impiegati ci pensanu iddri a canciarli e po’ ntà li libretta scrivinu la cifra nova in Euro... per esempio cù havi un miliuni, po’, havi quasi 500 Euro...

Zio Mimì:

(Interrompe bruscamente di mangiare, quasi soffocandosi, si batte il petto, prende aria)Botta di sangu, ogni jornu ci né una nova.  Li tassi cancianu nomi, IGE , IVA...., ICl..., a mumenti mettinu puri l’AIR, Aria Italiana Respirata, e ni cuntanu puri li suspiri e si unu havi l’affannu ci fannu pagari lu supplimentu. Lu risultatu però  semprì lu stessu è.. sempri sojdi s’hann’a nesciri. Ora cancianu nomi puri li sojdi, ma strinci, strinci soccu cancia?  Propriu nenti!

Eleonora:

Però forsi è nà cosa bona ,  la stessa munita circola ntà tutti li paisi di l’Europa e pi aviri la stessa munita ci havi a essiri lu stessu valuri di l’inflazioni , cioè... veni a diri... chi... pi esempiu... più o menu.. chi si iu accattu ‘na cosa cà o in Germania o in Francia avi  a custari lu stessu.

Zio Mimì:

E cù ci capisci chiù nenti,  forsi ora si unu havi sojdi, putissi addivintari convenìenti tenili a la banca, perlomenu dru dui,  tri pi centu forsi unu ci lu guadagnassi. Menu mali chi nuatri ‘un avemu di ‘sti problemi; li ricchi s’hannu a preoccupari! Si fussi riccu iu però sojdi a la banca ‘un ci nni tinissi, accattassi oru,   sterline d’oro, sintiti a mia l’oro havi sempri lu so valuri.

Mastro Cola:

Eh... ‘un ni lu sacciu, a li voti l’oru acchiana... ma po’ puri scinniri.

Zio Mimì:

(stupefatto)Ma chi sta dicennu, un’po’ essiri, un mi dati sta collira.

Mastro Cola:

‘Nveci po’ essiri, ascutati a mia, facemu un esempiu: si ntà tuttu lu paisi un viddranu ccogghi deci peri di brocculi e li porta a lu mercatu li po’ vinniri a quantu voli, tri..., quattru..., cinquemilaliri l’unu, tantu ntà tuttu lu paisi li trova deci fissa chi si l’accattanu. Ora , facemo chi mentri lu viddranu abbannia li brocculi a cinquemilaliri, arriva un camionista cu lu camion chinu, chinu, di brocculi, lu viddranu ‘un ni li po’ vinnini chiù a lu stessu prezzu. Mi sentu capiri…zù Mimì!

Zio Mimì:

Vi capisciu e ‘un vi capisciu, ma chi ci trasinu li brocculi cu l’oru? Iu broccoli unn’haiu accattatu ma’, ma poi a cincumilaliri, ma a cù ci li viristivu.

Mastro Cola;

Zì Mimì….li broccoli…(Tenta di spiegare con la mano sospesa, poi ci ripensa)Nonò,  pi fauri, diccillu tu,  chi iu ‘un mi sacciu spiegari bonu..

Eleonora:

Po’ capitari,   chi lu prezzu di l’oru unn’è sempri lu stessu, picchì li paisi chiù potenti comu l’America o la Russia si firanu a fallu acchianani o scinniri quannu vonnu. Si lu vonnu fari scinnìri pigghianu un camion lu inchinu d’oru e lu portanu a lu mercatu.

Zio Mimì:

Allura mancu l’oru è un investimento sicuru? ‘N sustanza si ci putissi puru perdiri. Menu mali chi nuautri un’avemu di ‘sti problemi. Comunque iu un ci capisciu tantu bonu nà sti discursi, e siccome ci vulissi capiri megghiu, ci vulissi unu chi ni capisci, pi farmi capiri chi iu capisciu, chiddru chi vogghiu capiri. L’oru di chi munnu e munnu ha statu sempri ‘na cosa preziosa, ora di bottu addivintà poco sicuru come ‘nvestimentu? ma!……

Mastro Cola:

Si propriu ni voli sapiri chiossà picchi ‘un’addumanna a Cicciu lu spirugghiafacenni?... Iddru si chi si ni intendi.

Zio Mimì:

Bonu, và beni, l’ha chiamari. Comunque lassamu stani sti discursi. La ragioni di ‘sta visita mia cà è un’autra, si un ricordu mali, dumani scari la misata d’affittu... li sojdi l’atu cugghiutu? Pi favuri ‘un mi faciti truttuliari!

(Entra Dorotea con un piatto e un bicchiere in mano poggiandoli sul tavolo, poi va a sedersi al suo posto)

Mastro Cola:

Ziu Mimì , v’amu pagatu sempri ,  certu qualchi vota cu qualchi jornu di ritardu,   è veru Dorotea?

Dorotea:

Certu, Certu….quantu sacrifici.

Zio Mimì:

E stà vota quantu m’aviti a fari aspittari?

Mastro Cola:

Nenti , qualchi jornu, ‘un si preoccupassi, è veru Dorotea?

Dorotea:

Certu, Certu ,  quantu sacrifici.

Zio Mimì:

Iu aspettu, però sacciu chi siti sociu a lu circolo operai e la misata ci la punrtati sempri puntuali  dra!.

Mastro Cola:

Si è veru,  però lu sapi soccu è? A lu circolo operai pagannu decimilaliri a lu misi, unu, murennu, s’assicura lu postu a lu cimiteru,  un bellu funerali, cu la carrozza, li cavaddri, puru la musica. Siccomi iu haiu statu sempri scarsu,  almenu di mortu vulissi fari fiura, è veru Dorotea?

Dorotea:

Certu, Certu , quantu sacrifici.

Zio Mimì:

(tappando la bocca a Dorotea)Bì a cammurria vi mittistivu ! Va  be’,  va be’, iu aspettu’na para di jorna..... ma tirannu a longu ci calcolu l’interessi.. (Zio Mimì si alza e fa per andarsene, Mastru Cola lo segue, Dorotea ed Eleonora si alzano)Ora è tardu, mi ‘nnì vaiu…..Vi salutu Mastru Cola.    

Mastro Cola:

Arrivedecci , (Appena esce) Dorotea lu sintisti a ‘stu fitusu....... veni ccà mancia, vivi, e poi ci calcola l’interessi,  si, ma po’ vuciari quantu voli, ‘un havi nenti di fari, aspittari havi, anchi picchì ‘stù misi s’ha travagghiatu picca e sojdi. (facendo il gesto con le mani)….nenti…...figghiu di bona matri, (Mastru Cola, Dorotea ed Eleonora, fanno per uscire da sinistra) m’abbannià puri li sojdi di lu circolo pi lu funerali, ‘un viu l’ura di pigghiarimi la soddisfazioni di viricci la facci, quannu moru, iu cu li cavaddri e la banda musicali,  e lu pizzenti chi ‘unn è autru,cu la cascia d’abete e purtatu a spaddra, amunì amunì a taliari la televisoni a biancu e nivuru dra rintra.

Dorotea:

Certu, Certu….quantu sacrifici.

Mastro Cola:

Dorotea, viri chi lu Zù Mimì sinnì già, amunì…  (escono)

SCENA III°

(Al buio la parte sinistra, luce totale nella parte destra, Zio Mimì entra)

Zio Mimì:

‘Stu fitenti mi retti a manciari ma mi detti ntà lu mezzu un saccu di muccuna amari.. l’oru chi ‘un havi valuri, la lira chi tra dù anni’ un c’è cchiù... e iu comu un scemu haiu un saccu d’oru e di muniti di milliliri. Ma spirugghiari, ha parrari cu mastru Cicciu Foresta, pi  sapirini chiossà.....Certu chi ‘stù mortu di fami si lu organizzà bonu lu funerali…. e a mia, Don Mimì, cu tutti li sojdi chi haiu ammucciati, si ‘un dicu a qualcunu d’unni sunnu, m’attuccassi un funerali di terza classi comu un pezzenti. ‘Un po’ essiri l’ha diri a qualcunu... ma a cù... Ci vulissi unu fidatu unu ch ‘un circassi di futtimi... unu chi fussi sicuru chi mi vulissi un pocu di beni (pensando) ...... quasi quasi, mi veni ‘na bella idea..., ‘ntantu prima parru con Don Cicciu e poi vaiu a Palermu pi scanciari li sojddi, quannu tornu organizzu na bella fajsa, fazzu finta di stari mali e di essiri in puntu di morti... accussì possu viriri cu si pigghia colliri e mi voli beni,… e cu inveci si ni fùtti e ‘un viri l’ura chi moru. (Gesto dell’ombrello e guardando l’orologio) Mi! Tardu si fici, quantu fazzu chiamari a Don Ciccio di mè niputi Filippu. (Gridando) Filippu…Filippu… dunni sì, veni ccà!

Filippo:

(Da fuori scena)Ziu mè, staiu vinennu!(entra)Chi c’è.. Zio Mimì.

Zio Mimì:

Senti a mia, dumani vaiu a Palermo pì affari, preparami la borsa da viaggiu e la valigetta.  Ntà la borsa ci metti un pezzu di pani duru pi la colazioni e la giacca, partu cu chista vecchia e po’ prima di trasiri a la banca mi la canciu.

Filippo:

E ntà la valigetta chi ci mettu? A Palermu, ‘nà la banca, ma chi iti a fari?

Zio Mimì:

Botta di sali, ma chi mì scappà di ‘mucca, banca…..nenti, nenti, ‘nsunnu affari chi ti riguardanu. Ntà la valigetta un ci ha mettiri nenti, ci penso io. Mi servi pi lù ritorno cusà avissi accattari qualchi cosa. Ora però fammi un favuri va’ chiama lu spinugghiafacenni Cicciu Foresta,  chi ci ha parrani, di cursa, va’...fa prestu!

Filippo:

Vaiu, vaiu , Ziu Mimì , mentri chi sugnu ca ci vulia diri n’à cosa .

Zio Mimì:

(tra sé) Bona! Li sordi voli… (a Filippo) spirugghiati chi vo’!

Filippo:

(con modi garbati e convincenti)Vui pì mia aviti statu sempri comu un patri, iu pì vui haiu statu sempri comu un figghiu…..

Zio Mimì:

Filippu, spirugghiati chi chi iu sugnu to’ ziu e tu si mè niputi…..carricamu terra…

Filippo:

(come sopra) Vui m’aviti sempri vulutu beni, e iu patri unn’haiu (facendosi il segno della croce) ,…e chiddru chi v’ ha diri è ‘na  cosa chi si dici a lu patri….

Zio Mimì:

(ansioso e infastidito) Filippu, dammi ‘sta mazzata e spirugghiamuni,…haiu chiffari…..      

Filippo:

E allura ci lu dicu tutta nta ‘na botta,…..iu m’ha maritari!

Zio Mimì:

(sbalordito) Filippu, sapia chi eri scimunitu, ma no a stu puntu e comu l’avissi a manteniri sta principessa? (tra sé) Appena tocca li me sojdi ci rapu la testa comu un ranatu.

Filippo:

(persuasivo)Ziu Mimì, vui ormai aviti ‘na  certa età  e l’impegni chi aviti sunnu troppu assa’ e un ci la faciti chiù a irici d’appressu .  Vui pì mia haviti statu sempri comu un patri, iu pì vui haiu statu sempri comu un figghiu…..

Zio Mimì:

(infastidito) E prosita cu stu lamentu,  senti Filippu, va’ cercati lu ‘ndirizzu picchì la strata sbagghiata pigghiasti, iu figghi unn’haiu!

Filippo:

Ma pi vui haiu statu sempri l’omu di fiducia, e v’haiu statu sempri vicinu, un v’haiu fattu mancari mai n’à lira e di sta cosa n’aviti a teniri cuntu, n’somma cu megghiu di mia vi po’ aiutari a curarivi l’interessi? Lu travagghiu c’è e vui vi pututi arripusari…

Zio Mimì:

(rassegnato) Senti, di ‘sta cosa ni parramu dopu, ma fammi capiri cu è la sfortunata , cioè la fortunata?

Filippo:

La figghia di mastru Cola!

Zio Mimì:

(sbalordito) CU?!?!?!, la figghia di mastru Cola?, l’avia rittu chi eri critinu, inveci di circariti una ricca, ‘nteliggenti e beddra, ti isti a circari una scarsa, beddra, ma chi mi fici pigghiari un saccu di colliri!

Filippo:

Ci ha datu colliri? E picchì?

Zio Mimì:

La storia è longa , comunqui arrivatu a un certu puntu la vita è la tò, appena tornu di Palermu, vaiu a parru cu mastru Cola.

Filippo:

Grazi ziu mè (va ad abbracciarlo)

Zio Mimì:

Ora finiscila di liccarimi e va’ chiama a Cicciu Foresta.

Filippo:

Curru! (Mentre va per uscire inciampa e cade, si rialza ed esce da destra)

Zio Mimì:

Carmela…. Carmelaaa… (Entra Carmela)

Carmela:

‘Nsomma, cu tia chi mi chiami ogni minutu lu chiffari quannu mi lu fazzu? La vò finiri di chiamarimi? Dimmi frati mè, soccu successi?

Zio Mimì:

Dumani vaiu a Palermu, avissi a turnari in jurnata, però t’aju a diri ‘nà cosa…havi ‘nà poco di jorna chi ‘un st’haiu bonu, m’haju sintutu mali.

Carmela:

(preoccupata)Soccu ti senti? Picchì ‘un mi lu ricisti subitu.!?       

Zio Mimì:

Un ti dissi nenti pì ‘un ti fari proccupari, pì ora un diri nenti a nuddru, quannu tornu di Palermu mi fazzu visitari.

Carmela:

E tu! Sempri menefreghista ha essiri, a’st’ura t’avissi visitatu e fussimu chiù tranquilli, perciò un ha diri nenti a nuddru?

Zio Mimì:

A nuddru, Sicuramente avi a esseri qualcosa di passeggero... mi sentu un duluri ntà lu pettu chi mi camina finu a la spaddra.

Carmela:

Beddra matri... ‘un è chi si malatu di cori... lu ziu Pippinu avia li stessi sintomi e a tri jorna morsi.

Zio Mimì:

(facendo gesti di scongiuro)Quali moriri e moriri... nenti fa finta chi ‘un t’hàju dittu nenti. (bussano alla porta) va’ rapi,  avi a essiri Cicciu lu spirugghiafacenni e tò figghiu... Falli trasiri. (Carmela esce, dopo qualche secondo entra Don Ciccio seguito da Filippo, Zio Mimì vedendo Don Ciccio e suo Nipote gli va incontro) Bongiorno don Cicciu,  s’accomodassi,  s’accomodassi, prego.

Don Cicciu:

Bongiorno Don Mimì. Chi c’è? Di soccu si tratta?... Avete bisogno di una consulenza?  Pi vossignonia sono a completa disposizione, anche a gratisi.

Zio Mimì:

Bravu, a gratisi, suggnu daccordu cu tia,  nenti, ‘un è ‘na cosa tantu ‘mportanti, è chi iennu a Palermo a li voti mi trovu a parrani cu genti importanti... si parra di politica, di palluni e puru di economia e iu di ‘sti cosi ‘un ni capisciu nenti. Si mi putissi chiariri l’idei supra lu petrolio, li dollari, l’oro. Farcitimi capiri, picchì si unu acchiana l’autru scinni? ‘Un mi pozzu fari persuasu, però mi raccumannu paroli semplici, chi haiu li scoli vasci.

Don Ciccio:

(per come scritto)Dunchi, viremu... comi mi possu spicare, Intantu l’oro è ‘na cosa e li dollari e lu petroliu sunu n’atra cosa. Su’ collegati, beddra matri, ma cosi diversi sonno. Mittiamo chi un paisi comu la Rossia... ,paisi potenza di gibbiuni,... chi possere un sacco d’oro sarvatu, ma chi la stessa midesima Rossia havi l’economia malacumminata, ‘un c’è travagghiu, l’industria ‘un produci, e l’esportazioni sunu a zero frittu cù l’ova..., ‘npratica su tuti morti di fami, ‘sta disgraziata Rossia soccu po’ fari?... Zio Mimì, cosa po’ fare la Rossia?

Zio Mimì:

E iu chi ‘nnì pozzu sapiri,…Don Cicciu vi lu rissi chi haiu li scoli vasci e ancora un’v’haiu caputu.

Don Ciccio:

Non è difficilo, Zio Mimì. La Rossia, essa midisima pi fari sojdi si vinni l’oro, e siccomi n’havi assa’, assà  nnì vinni e pi chisto lu prezzu scinni.

Mi sono spicato?

Zio Mimì:

Ah!!! Lu camion di brocculi... ora capisciu.

Don Ciccio:

Broccoli? E chi ci trasinu li broccoli?

Zio Mimì:

Nenti... nenti, broccoli mei. E, senti ancora, di lu dollaru e lu petroliu chi mi sapiti riri?

Don Ciccio:

(in difficoltà per farsi capire)Allura...ehm……lu petroliu si po’ accattari sulu in dollari pirchè è la munita chi duna chiù garanzie. Comu vui sapiti lu dollaru è la munita di l’U.S.A.

Zio Mimì:

Usa?, Soccu usa?

Don Ciccio:

C’av ha   usare… Ziu mè, U.S.A. comu Unated, Statez di Amirica, e siccomi l’iconomia di l’Amirica è forti, lu dollaru sale….

Zio Mimì:

Sale?…e chì ci trasi lu sali ora.?

Don Ciccio:

Zù Mimì, binirittu lu Signuri, sale vuole diri c’acchiana di valuri rispettu a tutti l’autri muniti, quindi l’artri paisi pi accattari lu petroliu spenninu chiossà. Pi ora per esempio l’America aisà’ li tassi d’interesse e tutti agghiaccianu ntà li banchi picchì commeni ‘mestiri in dollari.

Zio Mimì:

Mestiri!….puru l’incidenti amu a fari? Ma ‘sta conomia è comu la politica, un si capisci nenti, un jornu su amici, un jornu si sciarrianu, chi manicomiu. Sintissi Don Cicciu, iu haiu caputu picca, l’unica cosa chi haiu caputu bonu è chi la benzina costa chiù cara di dumilaliri. E di l’Euro chi mi sa riri?

Don Ciccio:

Li paisi europei uncennusi cercanu di controbbattiri la forza di lu dollaru... ‘nfatti tutti li paisi s’affannanu a migliorari la sitazione aconomica, ammuttannu e circannu di favoriri l’aziende e la prodizione, in modo di criari morti chiù posti di lavoro e favoriri l’esportazioni. Pi trasiri in Europa tutti li paisi, hanno a tirari la cinghia, .….l’Italia ‘nzigna,..…..stamu soffocannu a quantu stanno strincennu la cinchia. Il nostro Govenno pi fari scinniri l’inflazionini nni sta ammazzannu di tassi... Purtroppo però l’euro culu dollaru ancora ‘un ci la spunta. L’aconomia di li paisi di l’Europa ‘un è ancora forti rispettu a l’Amirica.

Zio Mimì:

Lu capì, lu capì, mi avete illuminato Don Ciccio, comu ‘nà lampadina. Vi ringrazio,... Vi posso offrire qualcosa? (Non aspetta la risposta e lo incalza) Ma forse a quest’ora rompete la digestione, iu ci tegnu a la vostra saluti, mi dispiaci facemu pi la prossima vota, (spingendolo verso la porta accompagnandolo ) Vi ringrazio ancora, capisciu chi aviti chiffari e non vi trattegnu, arrivederci, arrivederci Don Cicciu, stativi bonu. (Don Ciccio esce, lo Zio Mimì prende la valigetta e mentre esce) Capì tutti cosi, anzi un capì nenti, quantu curru di cursa a Palermu a scanciari li sojdi, chissi su l’unica cosa chi capisciu. (Zio Mimì esce).

SCENA IV°

(Buio nella parte destra e luce nella parte sinistra. Entra Mastro Cola seguito dalla moglie e dalla figlia)

Mastro Cola:

Bellu ‘stu cinima fù.

Dorotea:

Piccatu chi iddra morsi d’insubitu, picciotta beddra e bona era, chi collira chi mi pigghià!

Eleonora:

Mamà, ma chi colliri ti pigghi  lu cinima è  finzioni!

Dorotea:

Sarà finzioni, ma mi vinni ‘na fami taliannu tuttu dru beni di Diu quannu manciavanu! Chi dici Cola manciamu?

Masto Cola:

E chi manciamu? ‘Unn’avemu nenti!

Dorotea:

Avemu lu pani duru e tanticchia di vinu.

Mastro Cola:

Allura mettilu ‘n tavula. (Mentre Dorotea prende il pane e il vino bussano alla porta) Cu è !?

Pinuzzu:

(da fuori) Ju sugnu, Pinuzzu Lu Luvaru.

Mastro Cola:

Botta di sali, Pinuzzu, ora a’mu a cummattiri cu stu scimunitu (Mastru Cola va ad aprire. Quando apre appare Pinuzzu, con una scarpa in mano e un piede scalzo, i pantaloni gli vengono corti e la camicia strappata, porta delle bretelle con una parte della bretella che gli penzola da una spalla, capelli spettinati. Appena la porta viene aperta Pinuzzu fa un salto verso la scena.)

Pinuzzu:

Bummaaaa!!!! Pinuzzu ccà esti (Tutti lo guardano esterfatti) La scarpa rutta haiu! (Mostra la scarpa che ha in mano)  E chi fu iu?….Nooo!

Mastro Cola:

Giustu a mia app’a capitari di canusciri ‘stu scimunitu.

Pinuzzu:

E comu fu?.

Mastro Cola:

Pinuzzu ‘un mi fari perdiri la pacenzia, comu pozzu sapiri comu si ruppi la to’ scajppa?.

Pinuzzu:

Iu lu sacciu! Ora ci lu spiecu: Iu caminava pì la strata e cantava  quannu vitti ‘na atta chi stava mangiannu la munnizza….

Mastro Cola:

Iu puru si tu un vinii manciava, allestiti.

Pinuzzu:

Iu m’ avvicinà a lu attu, iddru appena mi vitti accumincià a fari… (Fa il verso del gatto che vuole spaventare qualcuno) Iu lu talià accussì… (Si mette in posizione di sfida) E ci dissi: pezzu di fradiciumi, chi fa’ sta manciannu e un vo’ essiri distubbatu, e mi vo’ fari scantari? Iu Pinuzzu sugnu e un mi scantu di nuddru, sulu di unu mi scantu…..

Mastro Cola:

E di cu?

Pinuzzu:

Di tutti!  Alura ci vaiu a là vota pi mettici ‘na piratuna (fa la mossa come se avesse davanti il gatto) lu attu, figghiu di cani  (ci pensa) figghiu di attu, si sposta e chi c’era di darrera a lu attu?

Mastro cola:

Chi c’erà?

Pinuzzu:

(piangendo)C’era un balatuni, iu m’avia partutu cu lu peri e misi ‘na ran piratuna a la petra chi la scajppa si rapì comu ‘n ranatu e lu peri si strincì comu ‘nà palluza.

Mastro Cola:

Bonu Pinuzzu, bonu, ora viremu di aggiustari la scarpa, assettati.

Pinuzzu:

Grazi Mastu Cola… (Si siede e si toglie l’altra scarpa, mentre gli altri lo guardano, si infila le dita delle mani fra le dita dei piedi) Ah!!!!! (Si odora i piedi, schifato) Chi puzza?!

Mastro Cola:

Pinù mi sta affitennu  ‘na casa, mettiti… (Pinuzzu prende un pezzo di pane) Lassa lu pani, anzi pigghiatillu e portatillu, ma vattinni!. (Pinuzzu si mette la scarpa, si alza e va per andarsene)

Pinuzzu:

Grazi! Ah?! Quannu è pronta la scarpa? (Mastru Cola lo ha accompagnato all’uscio)

Mastro Cola:

Veni dumani,  ora vattinni, ciao! Arristamu senza pani, Dorotea ci fussi di priari pì aviri tanticchieddra di fortuna.

Dorotea:

Lu fazzu, Lu fazzu maritu mè , certu ,certu….quantu sacrifici! (Va ad inginocchiarsi davanti alla Madonna, si fa il segno della croce, il marito mette la mano sulla spalla della figlia, guardano inteneriti Dorotea e i due escono lasciandola sola) 

                              Fine primo atto

                             Chiude il sipario

                          

 

                           SECONDO ATTO

SCENA V°

(Buio nella parte sinistra e luce pure nella parte destra, Zio Mimì entra e posa la valigetta nella sedia)

Zio Mimì:

Carmela... Carmela... (entrando)

Carmela:

(stizzita) Chi successi  ti sintisti arrè mali?

Zio Mimì:

Vinni ora ora di Palermu, sugnu stancu mortu! Senti Carmela, la sapisti la novità di to figghiu?

Carmela:

La ‘ntisi, lu picciottu la voli, la picciotta lu voli…..

Zio Mimì:

Bonu, ora vaiu a parrari cu mastru Cola, viremu soccu ni duna in doti.

Carmela:

Fratuzzu mè, mi raccumannu  fa’ lu chistianu bonu.

Zio Mimì:

Va beni, Carmè vaju di Mastru Cola pì accurdari ‘stu matrimoniu, però mi portu a lu Zzù canonacu, accussì è sicuru chi iddru   ‘un mi fa sbagghiari… (esce)

Carmela:

Puru a lu Zzu’ Canonacu si voli purtari,  mi sà chi ‘stu matrimoniu ‘un si fa, lu canonacu è peggio di iddru pi pillichitudini, speramu bonu . (esce)

SCENA VI°

(Buio nella parte sinistra e luce nella parte destra, entra Mastro Cola.)

Mastro Cola:

Dorotea, prei, prei e lu miraculu ‘unn’arriva, semu chiù scarsi di prima, (bussano alla porta)viremu cu è, speriamo chi ‘unn’è lu Ziu Mimì, chi chissu la casa nnì mancia… (va ad aprire, appena vede lo Zio Mimì e lo zio Canonico, fa cenno di scongiuro e tra sé) lu sapià ‘ntà sta casa fortuna ‘unn’ì piutemu viriri mai…(ai due) Trasiti siti li ben venuti. (entrano i due) assittativi, Dorotea, pigghia li seggi . (li fa accomodare)

Zio Canonico:

(entra, zoppicante, e appoggiandosi a un bastone)Binirittu.

Mastro Cola:

(Pausa) L’accetta un bicchirinu?

Zio Canonico:

Rasoliu?

Mastro Cola:

(portando un dito alla guancia e girandolo)Veramenti bonu, Canonacu: spiciali. Di casa! (Ripete il gesto, accompagnandolo con un fischio.)

Zio Canonico:

E macàri l’ac­cettu.

Mastro Cola:

(a Dorotea)Dorotea, pigghia tri bicchieri e lu vinu (Dorotea va a prendere il vassoio) A chi debbu l’onuri Patri canonacu? (Dorotea, porta il vassio e versa nei tre bicchieri il vino)

Zio Canonico:

(Mentre Mastro Cola versa il vino nel bicchiere)Bonu parissi!

Mastru Cola:

Chistu vinu speciali è, ma a chi debbo l’unuri, si è lecitu addummanarri?

Zio Mimì

(seccato) ora chi finistivu di fari complimenti, vinemu a lu fattu (a mastro Cola) Ora vi lu dicu iu picchì semu ccà!...Niautri semu cà picchì me niputi Filippu mi prià ‘n cruci pi accujrdari lu matnimoniu cu so’ figghia  e vogghiu chi li cosi si fannu cugranni serietà, comu li facìanu li nostri antichi, no comu fannu ora all’epuca moderna e cu mia mi purtà patri Canonacu, persona rispettabilissima….

Mastro Cola:

(dopo una riverenza, con gesti sconsolati)‘Un ci nn ‘esti cchiù ritegnu  e mancu rucazzioni!  A la Merica mi pari chi semu.

Zio Mimì:

La parola di ‘n mucca mi livà!

Mastro Cola:

Pi tanti cosi. Chi tempi, Ziu Mimì! ...Mizzica! Vi ricujddati Ziu Mimì?

Zio Canonico:

Picciotti mè, non è chi avemu a fari notti, stricemu, emu a lu sucu! (fa gesto di stringere con i tempi)

Zio Mimì:

Perciò! Comu ni lu putemu scujd­dari? (incontra lo sguardo severo di zio canonico e si zittisce)

Zio Canonico:

Dunque, vinnimu ccà pì accurdari lu sposalizio tra vostra figghia e lu caru Filippu!

Zio Mimì:

(risoluto) Mastru Cola,  comu nni mittému? Tan­tu pi séntiri.

Zio Canonico:

Mimì, unn’essiri vinali, contegnu! Qunchi…dicia , a munita comu semu misi?

Mastro Cola:

(dopo averci pensato su) Ziu Mimì  iu a me’ figghia cci dugnu chiddru chi pozzu... Cér­tu la picciotta si fa taliàri,   sapi fari tuttu ... e veni di’nna famigghia onurata, vossia lu sapi.

Zio Mimì:

(ha approvato con il capo) Certu chi lu sàcciu.

Mastro Cola:

Vossia è omu di spirienza e capisci meg­ghiu di mia.... avjssi a capiri chi la famigghia e la picciotta cuntanu chiossài di li sojdi. In ogni modu, iu a mme’ figghia cci dugnu chiddru ch’è giustu; chiossai p’accomora ‘un pò essiri. Cci voli  lu ventu in chiesa, lu Canonacu m’havi a pirdunari, è pi paràuni, ma no chi sannu astutari li cannili.

Zio Canonico:

Signuri me’, ni­atri ‘un semu cca pi la robba... assolutamenti! Semu cca pi la picciotta. (cerca il conforto dello Zio Mimì, che è costretto a chinare il capo e Mastru Cola allarga le braccia per far ca­pire che è lusingato. Pausa.) Certu però chi è beni, ‘nsumma, appattari chiddru chi cc’è d’appattari.

Zio Mimì:

Giustu.

Mastro Cola:

Giustissimu.

Zio Canonico:

‘N sostanza ,  lassamu stari i chiàcchiari chi ‘un ni jnchinu panza, comu ricìanu l’antichi.

 

Zio Mimì:

Com’era bona usanza, pill’ap­puntu, di li nostri antichi, è giustu rapprisintari chi mme’ niputi Filippu havi ‘nna posizzioni... ddi prima. Iddru è lu mè curaturi di l’affari.

Zio Canonico:

(tra sé)Ora addivintà lu so curaturi d’affari, ci ha dittu sempri critinu, màà!?

Zio Mimì:

‘N sostanza, cci dugnu, pi prima cosa, ddu tùmmina di terra e la stanza di pranzu cci fazzu, comu mi spetta.

Mastro Cola:

 E la cucina ?

Ziu Mimì:

La cucina no! Mìzzica! Cu tutta ‘a robba chi cci dugnu, puri la cucina cci avissi a dari?

Mastro Cola:

No, chi c’entra, puru li pìcciuli, è loggicu.

Zio Mimì:

Nooo...chiddri quannu moru ju, e di la cucina unn’amu a parrari…

Mastro Cola:

E ddi soccu amu a parrari? E’ giustu ‘nveci chi nni parramu. Mittemu li cosi ‘n chiaru!

Zio Mimì:

(spazientito)Ma ‘nsumma... la cucina no! E’ ‘nna pritisa, parola mia, chi ddi vui ‘un mi l‘aspittava. Mi sà chi cu lu vinu chi vi vivistivu vui unn’arraggiu­nati ‘stasira.

Mastro Cola:

(drizza il busto, e lo guarda storto)Iu criu dd’aviri sempri arraggiunatu, e cchiù chi mmai stasira.

Zio Mimì:

Stasira ‘unn’arraggiunati; e mmi fa maravigghia.

Mastro Cola:

La maravigghia mi la fazzu iu,  di vui.

Zio Mimì:

(stizzito)Ahhh! Chistu no! Non-signori! la maravigghia mi la fazzu iu in persona! (Accalorandosi) ‘Nsostanza, Mastru Cola ‘stu matrimoniu... (fa cenno di no con il capo)

Zio Canonico:

Carmativi tutti dui, la pace sia con voi, lu Ziu Mimì, in cuscenza dissi soccu ci duna a so niputi, e vui a vostra figghia soccu ci dati?

Mastro Cola:

S’è-ppi-cchissu...iu ci dugnu la casa!

Zio Mimì:

La casa? E quali casa?

Mastro Cola:

Chista!

Zio Mimì:

Chista? Ma chista è la mè casa!

Mastro Cola:

Ma iu ci pagu l’affittu e ‘na vota chi semu cumpari la casa è comu si fusssi la mè.

Zio Mimì:

Ma vui siti miacu, intanto l’affittu ancora un mi l’aviti pagatu e poi……

Zio Canonico:

Carmativi, le vie del signore sono infinite…..Mastru Cola, e dopu la casa chi ci dati a vostra figghia?

Mastro Cola:

(si gratta il capo, e tossisce. Parla con molte pause)Me’ figghia la canusciti tutti, è una picciutteddra assistimata, di casa, sapi fari tuttu ...dicu tuttu.., ed è di famigghia... ‘unn’haju bisognu di dillu iu.

Zio Canonico:

Va beni, ‘u sapemu, ma soccu pòrta?

Mastro Cola:

La prima cosa chi pòrta, e cci tegnu a ripétilu, è chi è assistimata e chi ‘un c’è cosa chi ‘un sapi fari. ‘Ncasa dime’ patri, e ‘n casa mia, prima d’ogni cosa s’ha tinutu sempri a la dignità.

Zio Canonico:

Lu capì, ‘unn’havi mancu pani pì manciari!….Ziu Mimì, pì lu beni di vostru niputi, v’aviti a pigghiari la figghia di mastru Cola e pì rota: panza e presenza! Ora amunì, Ziu Mimì, lu matrimoniu è accujdatu.

Zio Mimì:

Accujdatu?…’Unn’accojdu nenti, anzi mi nnì vaiu  (esce)

Zio Canonico:

Mastru Cola, ‘un vi preoccupati chi Mimì è cristianu bonu, poi torna n’arrrera, pari fitusu, ma poi è cristianu bonu,ora vi salutu, stativi bonu e cercati di capiri a Mimì è vecchiu e puru un pocu strolacu.

Mastro Cola:

Grazi, Canonacu, iu sugnu scarsu, e ‘unn’haiu nenti di dari in rota a mè figghia, ma l’onuri criu chi vali chiossà di tutti li sojdi…. (accompagna lu Zzu canonacu alla porta) Mi biniricisi, Zzu canonacu, n’haiu di bisognu. (Zzu Canonacu, fa il segno della croce e benedice la casa, poi va via, mastru Cola chiama sua Moglie) Dorotea,…..Dorotea…. (entra Dorotea)

Dorotea:

Chi c’è maritu mè!? Chi successi?

Mastru Cola:

Lu matrimoniu mi sà chi ‘un si fa, ora pì veru ‘unn’arresta chi priari la Madonna pì un miraculu (abbraccia la moglie la bacia in fronte ed esce, Dorotea vede uscire il marito, si mette a piangere e va ad inginocchiarsi e a pregare)

Scena VII°

(Luce nella parte destra. Entra lo Zio Mimì, apre la valigetta, posata prima sulla sedia, e incomincia a infilare le monete da mille nella fessura... che immediatamente incominciano a cadere nella stanza accanto   dove Dorotea sta pregando)

Dorotea:

Chi è? Chi fu ‘stù scrusciu? (vedendo i soldi) Ma chisti su sojdi!... (gridando e alzandosi di scatto) Miracolo... Miracolo, marito mè curri veni cà, prestu.

 

Mastro Cola:

Chi c’è ?... chi c’è?... chi successi?!!!

Dorotea:

Talia... talia.., chiama puru a tò figghia... miracolo... nescinu sojdi di lu muru ‘n capu a la Marunnuzza, perlomenu sunnu centumilaliri... Miracolo… Grazie Marunnuzza beddra... (va a baciare la Madonna) lu sapia chi m’ avissi fattu la grazia. (Zio Mimì finendo di nascondere i soldi esce dalla sua stanza per andare nuovamente  a casa di Mastro Cola)

Mastro Cola:

(contento)Beddra matri, veru sojdi su’, lu dicia chi la rota gira,   gira,  gira e finalmente si firmà cca.  Senti Doruzza mia, ‘un n’ amu a diri nenti a nuddru, zittiti, un vuciari chi si Don Mimì sapi chi lu muru è miracolato ni jetta fora e si ci metti iddru ccà a priari... (rivolto alla figlia) e tu, nicareddra, sta’ attentu, non è chi mentri fa la smurfiusa cu lu niputi di Don Mimì ti lanzi tutti cosi? Stà attentu teni la vuccuzza chiusa, lu senti?! Pigghiamu ‘sti sojdi e cuntamuli...milli, duemila, tremila, ….Tu Dorotea... continua a priari. Figghia mè di lu me cori, teccà e v’accatta pani, salami, formaggiu e vinu. (Eleonora, prende i soldi e allegramente esce dalla porta dopo qualche secondo Zio Mimì bussa a casa di Mastro Cola. Mastu Cola, mette subito i soldi in tasca.)

Mastro Cola:

Cu è? Staiu vinennu! (Va ad aprire) Oh!! Chi sorpresa, quantu avia chi un la viria, comu stà vossignoria?

Zio Mimì:

Bonu, bonu staiu, posso entrare... Mastro Cola?

Mastro Cola:

Pregu si accomdi, unn’è chiù arrabbiatu cu mia, allura chi fà acconsenti? (Zio Mimì entra e va a sedersi nella sedia vicino al tavolo.)

Zio Mimì:

Ma chi stati dicennu, vegnu sulu pì l’affittu, prima chi vi vinniti la casa chi ‘unn’è la vostra.

Mastro Cola:

(Guarda lo zio Mimì e fra sé) ‘Stu fitusu ‘ntisi ciauru di sordi, è peggiu d’un cani cacciaturi...(Si avvicina al tavolo) stava giustu cuntannu li sojdi di vossignoria... (prende i soldi dalla tasca)però m’aviti a scusati ma su’ tutti sojdi spicci... Chi voli a mia mi paganu accussì e ‘un haju avutu tempu di scancialli. (Posa i soldi sul tavolo e si rivolge a sua moglie parlando fra i denti) Dorotea chi fa prei, levati di drocu…. (nel frattempo ritorna la figlia di Mastro Cola, allegra)

Eleonora:

Papà…..tutti cosi accattà: pani, formaggiu, salami e vi... (si interrompe vedendo Zio Mimì)

Zio Mimì:

E chi è? Soccu si festeggia? Chi è festa nazionali? (fregandosi le mani) Avissi giustu, giustu un pocu d’appetitu, l’accettassi un muccuni di pani e un bicchieri di vinu.

Mastro Cola:

Ma com’è Ziu Mimì lu dutturi ‘un ci avia dittu…. (tutta la famiglia in coro) di manciani leggero e senza sali?

Zio Mimì:

Si però ogni tantu unu qualchi capricciu si l’avi a passari!

Mastro Cola:

Trova sempri soccu diri, Dorotea pigghia un piatto... (tutta la famiglia in coro) e un bicchieri pi Don Mimì. (Dorotea prende un piatto e un bicchiere, Eleonora mette il salame, il formaggio e il vino a tavola. Lo Zio Mimì si mette il tovagliolo al collo e comincia a mangiare a quattro ganasce con il boccone pieno rischiando più volte di soffocare)

Mastru Cola:

Faciti cù calma, ‘unn’lassicuta nuddru… (Fra sé) L’assicutassi iu, a pirati (Nascosto dal tavolo, fa il gesto della pedata.)

Zio Mimì:

Grazi, veramenti tanta fami ‘unn’ l’avia, staiu mangiannu pì un vi fari un sgarbu

Mastru Cola:

Sempri signore aviti statu, mai, vossignoria ha vinutu a pistiari dintra ‘sta casa a sbafu si prima un l’ haiu priatu almeno vinti voti, e lei sempri a diri no!…no!….no! (Zio Mimì fa cenno di si con la testa. Mastro Cola tra sé) Sangu suca chi ‘unn’è autru!

Ziu Mimì:

Bonu è stù salami, (bevendo) megghiu ancora lu vinu,  avia chi ‘un nni manciava... avia chi ‘un ni vivia... (finendo di mangiare e pulendosi la bocca) Megghiu mi sentu, arrivisci, ora però tolgo il disturbo, non vorrei essere maleducatu e approfittari di la vostra bontà, (arraffa i quattrini, li mette in tasca, si alza e va verso la porta)  Grazie a tutti dell’ospitalità. Arrivedecci a tutti e ancora grazi!  (Esce)

Mastro Cola:

Senza ‘na lira mi lassà ‘stu farabuttu. Carmela…. prea, prea la Madonna, viri si ti fa nautra vota lu miraculu.

Dorotea:

Certu…certu…quantu sacrifici! (Dorotea va a pregare)

Scena VIII°

(Luce anche nel lato destro, entra lo Zio Mimì.)

Zio Mimì:

Figghiu di bona matri, chianci sempri miseria e aggiustannu scarpi mangia megghiu di un principi (Esce i soldi dalla tasca e incomincia a contarli, poi infila le monete nella fessura del muro) bonu... tutti milliliri, accussì unn’haju di iri a scanciari (Dall ‘altra parte della stanza si ripete il miracolo)

Dorotea:

Madunnuzza beddra aiutatini (‘e di nuovo) miracolo... miracolo, la Madunnuzza ni risarcisci di li spisi.

Mastru Cola:

Duruzza mè! Menu mali chi la Marunnuzza ti senti, si sta’ a priari pì un bellu pezzu, miliardari addivintamu. Duruzza, unn’approfittamu, susiti e niscemu, chi jemu a fari spisi.

Dorotea:

Si marituzzu me! Finalmente jemu a fari spisi, vogghiu un saccu di vesti!

Mastru Cola:

Accuminciamu a spenniri senza ritegnu……?! ‘Unn’accuminciamu, lu dicu iu soccu a’mu accattari.

 Amunì.

(i due escono. Si spegne la luce nella parte sinistra e resta accesa la luce nella parte destra. Lo zio Mimì mentre si svolge la scena nella parte sinistra, si toglie la giacca e la sistema nella sedia, si toglie le scarpe e si siede sul letto, appena si spegne la luce a sinistra….)

Zio Mimì:

Ora mi priparu a fari la sceneggiata... (si sdraia sul letto e incomincia a chiamare la sorella) Carmela... Carmela….Ma d’unni sinni và, quannu la cercu un c’è mai… (Carmela entrando)

Carmela:

C’à sugnu un vuciari…(Appena vede il fratello sdraiato sul letto. Preoccupata)Chi c’è , chi hà, ti senti mali?

Zio Mimì:

(sofferente) Staiu murennu, chiamami lu dutturi.

Carmela:

Chiamu a Filippu e lu fazzu chiamari di iddru. (Esce).

Zio Mimì:

Ora viremu si tra tutti sti cani di bancata cinnè unu chi mi voli beni o su tutti attaccati a lì sojdi. Tutti cosi in beneficenza dugnu si mi fannu ‘ncazzari. (Bussano alla porta.) Cu è, ‘un mi pozzu moviri, trasiti…trasiti! (Entra Mastru Cola seguito dalla moglie.)

Mastro Cola:

Chi successi Don Mimì? Chi aviti, vi sintiti mali?

Eleonora:

‘Ncuntramu a Filippu e nì dissi chi stavavu mali. Ficimu bonu a veniri?

Zio Mimì:

(sofferente)Lu cori... lu cori. Mi fa mali lu pettu e la panza.

Mastro Cola:

E certu si mancià tuttu lu salami,  pezzu di manciuni, si vippi tuttu lu vinu, mi pariavu miacuni,  abituatu a pani e acqua lu stomacu s’arribella, sarà cattiva digestioni!

Zio Mimì:

Si cattiva digestioni,  havi chi digerì...fussi pi mia manciassi arré, è che oggi mi sono affaticato… (Tra sé) A manciari. (in italiano con cadenza dialettale) e lo core nè risinte, ura di moriri è mi lu sentu! (facendo scongiuri zio Mimì fa finta di perdere i sensi, arriva Carmela seguita da alcuni parenti, che fingono di essere dispiaciuti)

Un Parente:

(a Carmela) Carmela va’ fatti dari un pocu d’acitu chi ci lu mittemu sutta lu nasu pi fallu rianimari. (Carmela esce) Si mori, la prima cosa chi s’ havi a fari è allontanari a tutti cu la scusa di vestilu e circari lu testamentu e li sojdi! Sapiddru d’unni l’ammuccià st’avaruni. (Entra Filippo con il dottore)

Filippo:

Ccà cè lu dutturi!

Il dottore:

Tutti fuori per favore… (aspetta che tutti escano e incomincia a visitare il paziente, gli ascolta il cuore, gli misura la pressione, con molta lentezza e professionalità, poi esclama)E’ il cuore! Non funziona tanto bene, ogni tanto fa qualche sussulto.

Zio Mimì:

Sussulto? E chi significa….

Il dottore:

Significa chi sataria, và…

Zio Mimì:

(a bassa voce)Ti facissi sussultari iu a cauci ‘nto culu.

Il dottore:

Dunque, dunque, per ora non c’è rischio immediato di morte , ma potrebbe succedere (Zio Mimì fa gesti di scongiuro.) Io consiglio il massimo riposo e qualche pillola cardiotonica.  Per un esame più approfondito ci vorrebbe un elettrocardiogramma.

Zio Mimì:

Si nnì putissi fari a menu, dutturi? Sapi la bulletta di la luci addivintà cara e la spisa di ‘stu eletttrucardigramma ‘un nì la pozzu suppurtari pì ‘stu misi…..si po’ fari l’annu prossimu? ‘Nantu sparagnu e po’ si viri…. (Il dottore incomincia a riporre gli strumenti)

Il dottore:

Caro Zio Mimì, dovremmo visitare pure il cervello!

Zio Mimì:

(a bassa voce)A tia t’avissiru a visitari lu ciriveddru... chi l’ha di sicuru malucumminatu. (entrano i parenti)

Il dottore:

Mi raccomando non lostancate. Entrate uno alla volta e non lo fate nemmeno parlare. Sorvegliatelo a turno.

Filippo:

Iu vogghiu essiri lu primu, pi mia ha statu sempri comu un patri e ‘un ci possu pinsari chi stà accussi mali, si putissi ci dassi deci anni di la me vita. (Tutti escono dalla stanza e restano zio Mimì e il nipote.)

Zio Mimì:

....... niputeddru beddru... ti ‘ntisi... tu si chi mi vo’ beni e tu sarai l’unicu me eredi... Però quannu moru m’ha promettiri di farmi un funerali di prima classi.

Filippo:

Quali moriri e moriri, ora t’arripigghi, lu dissi lu dutturi.

Zio Mimì:

Si fussi pì iddru murissi d’insubitu , ascuta niputeddru me, la to fortuna è ‘nta lu muru.

Filippo:

‘Nta lu muru?  Addrabbanna lu muru. (Con enfasi) Ziu mè…..chi cosa bona, chi ricchizza di casa.

Zio Mimì:

Botta di sali, lassa perdiri la figghia di mastru Cola pi ora, poi si nni parra. Ti dicu chi la to fortuna e ntà lu muru, havi un saccu di anni chi... và virilu tù di persona nà dri fissuri, ‘ntà lu muru, drocu, pi d’arrè ci su almenu centumiliuna di muniti d’oru... sterline e addrabbanna nt’a l’autra parti di lu muru ci su almenu decimiliuna tutti a milliliri.

Filippo:

Allura semu ricchi?! Mi pozzu maritari.

Zio Mimì:

Testa di zabbara, aggiuccati e rapiti l’aricchi, pì ora sugnu riccu sulu iu! Quannu moru, po’ si nnì parra, ‘natntu m’ha promettiri di ‘un diri nenti a nuddru.

Nipote:

Ti lu prumettu, ti lu prumettu.

Zio Mimì:

Lu sa’, ora chi mi livà stu pisu mi sentu megghiu,... Ora mi susu, mi passaru tutti cosi e siccomu mi dimostrasti di vulirimi beni, a la facciazza di li sojdi, sugnu puru cuntentu di accunsentiriti lu sposaliziu, la figghia di mastru Cola è assistimata e si è scarsa un ci fa nenti, li sojdi ci li duni tu! (si alza) Veni ccà  (abbraccia Filippo)

Filippo:

(gridando per la felicità ai parenti fuori la porta) ‘un havi cchiù nenti! Curriti, curriti, lu ziu unn’havi chiù nenti….(tutti si precipitano nella stanza, anche Mastro Cola con la famiglia, il nipote vedendo la figlia di Mastro Cola va ad abbracciarla) Acconsentì... lu zì Mimì acconsentì!

Eleonora:

Veru dici Ziu Mimì? (Lo zio Mimì fa cenno di si con la testa ed Eleonora lo va ad abbracciare, mentre i parenti di Zio Mimì si allontanano delusi)

Dorotea:

Certu , Certu , quantu sacrifici….

Mastro Cola:

Certu ora chi sacciu chi dastivu lu consensu e chi semu mezzi parenti, mi fa piaciri chi v’arripigghiastivu, quasi quasi vi vogghiu cunfidari un segretu. L’autru jornu... mentri me mugghieri priava la Madonna ci fici un miraculu.... (facendosi il segno della croce) di lu muru accuminciaru a nesciri un saccu di sojdi a milliliri... e cu chissi vi pagà l’affittu. Lu muru è miracoloso Don Mimì... semu ricchi... ricchi. (Zio Mimì capendo di essere stato pagato con i suoi stessi quattrini)

Zio Mimì:

(trasale, poi piange disperato) Chi disgrazia,  chi rovina mi pagastivu cu li me sojdi, vogghiu moriri!…Sugnu arrovinatu.          

Mastro CoIa:

Cu lì so’ sojdi? Lu miraculu la Madonna a me mugghieri ci lu fici!

Dorotea:

Certu , Certu , quantu sacrifici!

Zio Mimi:

Ma quali miraculu e sacrifici. Ora vi lu fazzu iu lu miraculu, iti a dra banna. (Mastro Cola si sposta nella stanza accanto e aspetta .Luce anche nella parte sinistra) Arriva lu miraculu, attenzioni... (tira fuori dalle tasche alcune monetine, le inserisce nella fessura e automaticamente cadono nell’altra stanza) mille... dumila... trimila... abbastà, ‘stu miraculu già m’ha custatu Caru (Mastro Cola rientra nella stanza dello Zio Mimì)

Mastro Cola:

Sangu di lu demoniu... allura ‘un ci fù nuddru miraculu, vi pagà cu li vostri stessi sojdi.  Santu cristianu,  ma veni chi ci avissi statu qualchi scossa di terremoto , tutti li sojdi si n’avissiru iutu di ccà e di drà e murennu vossia, li vostri parenti avissiru arristatu scarsi comu pirocchi.

Zio Mimì:

Viristivu? Autru chi miraculu, autru chi sacrifici,  virennu però chi siti tutti cuntenti…puru iu lu sugnu (Prende le monete, le getta a  terra e poi le pesta) Scatta l’avarizia, mori la tirchitudini, la vita è bella!!!! A chì vali liccarisi la sarda e poi moriri comu un pizzenti, mentri li tò parenti dopu la tò morti mancianu e vivinu a la to facciazza!!!!  

Mastru Cola:

La testa ci pigghià.. arrè mali stà.

Zio Mimì:

Mali, quali mali, ora vi fazzu viriri iu si staiu mali (Prende i soldi dal muro e li getta in aria.)Sti sojdi su di tutti!!!

Tutti in coro:

(ridendo di gioia)Ricchi... semu ricchi.

Dorotea:

Certu , Certu ,  mischinu quantu sacrifici…. (Lo Zio Mimì e Mastru Cola non gli fanno finire la frase che gli tappano la bocca, la prendono per le ascelle e la portano fuori)

Zio Mimì e Mastru Cola:

L’ha finiri, fineru li sacrifici!!!!!                                                                                                               

                                                Chiude il sipario                        

                                                          FINE 

                                                     

                                                                                                      Di Giancarlo Buccheri

         

    

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno