Lu pagnottino

Stampa questo copione

LU PAGNOTTINO

lu pagnottino

Commedia in due atti

Personaggi

D. Gennaro, zio di

Rita, amante di

Pulcinella

Rosaria, amante di

Felice Sciosciammocca, figlio di

Porzia, sorelladi

Rocco

Peppe

Monsieur Pomarol

Flaminio, professore di lingua francese

Nicola, Antonio servi di D. Gennaro

La scena avviene inNapoli in casa di D. Gennaro epoca contemporanea.

ATTO PRIMO

Camera in casa di D. Gennaro. Una porta in fondo. Tre laterali. In fondo vi sarà uno stipone. Tavolino con occorrente per scrivere. Finestra a dritta. Sedie. Una veste ed uno scialle.

SCENA PRIMA

Rita e Rosaria che lavorano ed Antonio dal fondo.

ANTONIO (con latte e caffè):D. Rì, D. Rusà, pigliateve lu latte e cafè, ve l’aggio carrecato de zucchero.

RITA: Io non ne voglio.

ROSARIA: E io nemmeno.

ANTONIO: Comme non volite fà marenna?

RITA: Io non tengo appetito.

ROSARIA: Io me magnarria l’aria a morza a morze.

RITA: Io darria la capa nfaccia a lu muro.

ROSARIA: Si avesse nu poco de veleno me lo bevarria.

RITA: Si non stesseme a piano matto, me menarria abbascio.

ANTONIO: Eh! Chiano chiano, pecché volite fà chesto? Vuje site figliole, io lu capisco pecché state accussì; non ve piace chillo che ve vò dà lu zio vuosto, e chesto è pe buje e va bene... ma vuje pecché state accossì arraggiata?

ROSARIA: Sto arraggiata pecché zi zio non me vò fa fà l’ammore, dice ca so’ piccerella, e non me vò fà mmaretà, quanno po me mmarito quanno so’ vecchia?

RITA: Pe te la cosa è niente, pe me è gruosso lu guaio. Io faccio l’ammore cu Pulicenella, lu voglio bene assaie, comme me ne pozzo scurdà.

ANTONIO: Ma lu zio vuosto chesto lo sape?

RITA: No, non sape niente, e chi nce lo faceva sapè? Non voglia lu cielo. Chillo s’ha puosto ncapo che m’ha da fà sposà pe forza a chillo francese, chi lo persuade? Mannaggia quanno maje fuje chillo juomo che se presentaje.

ANTONIO: E non ve pigliate po’ tanta collera, che ne sapite li cose comme vanno?.., chi sa... sperate.

RITA: E ch’aggia da sperà? Non c’è da sperà niente, zi zio sta ammoinato de chella manera, lu francese da poche juorne è partito ed è ghjuto a Parigi pe portà ccà tutte li carte pe spusà, dinto a sti juorne vene, se cumbina lu matremmonio e io comme faccio? Ah! Io l’aggio jurato, o me danno a Pulicenella, o me jetto dinto a no puzzo!

ANTONIO: Guè quà puzzo e puzzo, chesto non l’avite da dì.

ROSARIA: Mò siente Antò, io pure la penzo accossì, che ne faje de li denare, de la nobiltà, de li grandezze? Va tanto nu bello piccerillo accuoncio, aggraziato, simpatico, che uno ch’è ricco, ma che non te va a genio.

ANTONIO: è giusto, ed io l’approvo. Evviva la bellezza, la miseria e l’amore.

TUTTI: Evviva! (in tuono d’allegria.)

SCENA SECONDA

Pulcinella dalla finestra indi Nicola, poi D. Gennaro e D. Flaminio.

PULCINELLA: Guè, a vuje... state facenno nu brinnese?

ROSARIA: Uh! D. Pulicenella!

RITA: E comme va che sì benuto dalla fenesta?

PULCINELLA: Pecché si no Nicola lu servitore me vedeva, e so’ venuto da lu ciardino, mamma mia io mò moro de paura; nu cancaro de cane de presa pe forza vuleva provare i miei quarti di dietro.

RITA: Antò, Rosà, facite la spia si vene zì zio e D. Flaminio.

ANTONIO:Sì, ma facite priesto.

ROSARIA: Che auto mestiere nce attocca da fà. (Eseguono.)

RITA: Dimme na cosa, pecché nun m’haje rispuosto alle lettere che t’aggio mannato?

PULCINELLA: Per molte ragioni; primma pecché non aggio avuto nu momento de tiempo, poi pe cagione ca non saccio scrivere.

RITA: Comme non saje scrivere? E li lettere che m’haje mannato?

PULCINELLA: Chelle me l’ha scritte Michele lu caffettiere.

RITA: Comme faje sapè li fatte nuoste a lu caffettiere?

PULCINELLA: Non avè a paura, chillo è nu buono giovene.

RITA: Ma comme, niento saje fà?

PULCINELLA: Saccio scrivere li nummere da 1 fino a 9, 10 non lo saccio fà.

RITA: Veramente?

PULCINELLA: Parola mia d’onore.

RITA: Basta, haje ntiso dinto a la lettera che t’aggio mannato ca zì zio me vò pe forza fà spusà nu francese?

PULCINELLA: Lo sò, si lo sò, ma come potrò sopravvivere pecché son pazzo per te? E come si preferisce la Francia all’Italia?

RITA: Ma tu me vuò bene veramente?

PULCINELLA: E che ne vuò sapè, io te porto n’amore infame. Stanotte io m’aggio sunnato a te... embè tu me cride? Io me so’ scetato e non ho potuto chiudere più occhio... me parive accussì bella, accussì cara che... pe m’addormì me aggia avuto da mettere na pagnotta de pane mmocca, po’ me so’ scetato e non aggio trovato cchiù la pagnotta.., me l’aveva mangiata.

RITA: E chella era famma. Ma io l’aggio jurato, o me sposo a te o la morte.

PULCINELLA: E io pure l’aggio jurato, o me sposo a te, o me jetto da coppa a nu marciapiede abbascio. Già io mi sono informaggiato.

RITA: E che sì nu piatto de maccarune? Me so’ nfurmato vuò dì?

PULCINELLA: Nonsignore... in pulito si dice informaggiato... Ziato have tuorto, e si vaje a ricorrere la legge te dà ragione. Io ho parlato cu n’avvocato, e m’ha ditto ca la legge dice che quanno una donna non vuole un francese per marito, e che questo francese le volesse per forza fa una domanda in carta da bollo al Questore della Francia pecché mò tutto si fa su carta bollata, e il Questore lo mette a dovere, e se fa resistenza, per mezzo del Giudice del mandamento, lo fa mandare prima a morte, poi ai lavori forzati a vita.

RITA: Uh! Tu quanta bestialità haje ditto? Primma a morte e po’ ai lavori forzati a vita?

PULCINELLA: Che saccio, me pare che le tagliano la capa.

RITA: Tu che dice?

PULCINELLA: Le tagliano li gamme.

RITA: Vattenne.

PULCINELLA: Li braccie (azione di Rita) nzomma le tagliano na cosa che non se po’ nzurà cchiù.

RITA: Tu non te ne ncarricà, aggio giurato che a chillo non me lo Sposo, e doppo ca me sparano non me lo sposo, e po’ avè che fà cu li Francise?

PULCINELLA: Che sono i più scostumati se vogliamo... si quacche ghjuorno ve litigate, chille te diciarrà nu sacco de male parole: Frippon... Coscion... Redicoul.

RITA: Comme?

PULCINELLA: So’ scustumate.

RITA: Ah! Ma non sarrà maje e po’ maje.

ANTONIO: Uh! pe carità fuite, vene D. Gennaro nzieme cu D. Flaminio.

RITA: Zi zio? Fuje Pulicenè.

ROSARIA: Da ccà vene D. Nicola.

RITA: Mpizzate dinto a tu stipone.

ANTONIO: Facite priesto.

PULCINELLA: Neh ma se ne va subbeto? (Via con lazzi nello stipo.)

RITA: Trase fà priesto.

GENNARO (con Flaminio):Caro D. Flaminio, io v’aggio ditto tanta vote che quando ve dongo na cosa l’avita accettà, pecché a me non me piace de fa li pazzielle, io una cosa la dono col cuore. Teneva sei orologi, che fa che ve n’aggio dato uno?

FLAMINIO: Io vi ringrazio tanto tanto, avete un cuore da Cesare, uomini come voi difficilmente se ne trovano; io non sò come dimostrarvi il bene, la stima, il rispetto che nutro per voi. Vorrei che si desse una occasione, per farvi vedere che non ricambierei male tanta bontà. Io non ho meriti; quello che voi mi fate, e ogni volta che mi confondete con una cosa di queste, io mi vedo tanto confuso che non trovo parole per potervi ringraziare.

SCENA TERZA

Nicola con caffè e detti.

NICOLA: Signò pigliateve tu cafè. (Lo mette sul tavolino.)

GENNARO: Va D. Flamì, pigliate lu cafè co mme.

FLAMINIO: Vi ringrazio, lo prenderò al caffe, è troppo incomodo ogni mattina, non vorrei essere chiamato ineducato.

GENNARO:Niente affatto, io ve lo dono di tutto cuore.

FLAMINIO: Ed io vi ringrazio. Oh! Per Bacco! Non aveva veduto le signorine. Buongiorno signorina Rita, tanti rispetti D. Rosaria.

RITA: Buongiorno. (Dispettosa.)

ROSARIA: Salute. (Idem.)

FLAMINIO: (Che bella maniera?) ma che siete di mal’umore signorina Rita? Non sò come vi vedo. (Pulcinella esce dà un calcio a Flaminio ed entra.) Neh! Servitore ineducato? E come ti viene in testa di darmi questo calcio? Tu capisci che ti fo stare io a dovere?

NICOLA: Quà cauce vuje pazziate signò?

FLAMINIO: No, io non scherzo... non sono uomo di scherzi che mi metto a far scherzi con te lazzarone.

GENNARO: Che cos’è? Ch’è stato?

FLAMINIO: Quest’imbecille, mentre io parlava con D. Rita mi ha dato un calcio.

GENNARO: Uno ve n’ha dato?

FLAMINIO: E quanto me ne doveva dare?

GENNARO: No, pe sapè il numero.

NICOLA: Ma io signò...

FLAMINIO: Non parlare più che fai meglio, mò mi tocchi i nervi.

NICOLA: (Chisto adda essere pazzo). (Via.)

RITA: Voi vedete il diavolo.

ROSARIA: Voi vedete il diavolo. (A due ridendo.)

GENNARO: Non vi prendete collera, adesso vi do io la soddisfazione. Nicola, da questo momento voi non fate più per me, io ve l’aggio avvisato cchiù de na vota che dovete rispettare questo giovine, non l’avete fatto. Peggio per voi, uscite mò proprio e qui non ci accostate più.

FLAMINIO: Ma voi con chi state parlando?

GENNARO: Co Nicola.

FLAMINIO: Quello se n’è andato da tanto tempo.

GENNARO: Ah! Se n’è ghiuto? Io me credeva ca steva ancora ccà. Basta, ogge ne lu manno io. Rita, nipote mia vieni qui, statti allegramente, dopo domani arriva il tuo sposo monsieur Pomarol, e fra 15 giorni diventerai la moglie d’un francese nobile e ricco.

RITA: Ma comme neh zizì pe forza me volite fà nfelice a me poverella?

GENNARO: Comme s’intende infelice? Tu spusannete a chillo farrai la signora.

RITA: Che me ne preme de la signora? Io non lo voglio bene, e doppo ca me mettessero la corona, non me trasarria maje ncapo.

GENNARO: Neh! Guè, che significa stu parlà? Quanno maje hai parlato accossì nfaccia a me? Te n’avive d’addonà prima, mò ho data la mia parola... Cade lu munno, ma tu a chillo t’haje da spusà.

RITA: Ma io...

GENNARO: Non voglio repliche sa, e rispettami ch’io sono tuo zio. (Pulcinella fa un fischio.) Neh! Flamì, chesto non l’haje da fà, o che m’haje pigliato pe D. Nicola? Io parlo e tu faje tu sisco da dereto?

FLAMINIO: Io?! Voi che dite! Io non sò fare il fischio, e poi me ne sarei guardato bene.

GENNARO:Non siete stato voi?

FLAMINIO:In parola d’onore.

GENNARO E chi èstato? Piccerè chi m’ha fatto tu sisco?

ROSARIA:Signò è stato tu ciardinieru ch’ha chiammato lu cane.

GENNARO:Ah! Mò va bene. Non sò come si può dire io non voglio a monsieur Pomarol, quel partito ricco, nobile, e po’ tenè nu francese pe marito, io per questa ragione aggio pigliato a D. Flaminio qui presente che è un eccellente maestro di lingua francese, lo tengo a mangiare con me, e lo faccio dormire in casa mia appunto per impararmi a parlare francese, e mò tu te ne viene! Non lu voglio bene, non me trase ncapa. T’ha da trasì pecché accussì voglio. (Pulcinella: c.s.) Mò n’auta vota lu ciardeniero è stato?

ANTONIO:Sissignore signò.

GENNARO: E avvisancello ca io sto parlanno.

ANTONIO (alla finestra):Pascà statte zitto cu stu fisco. (Lazzi.)

GENNARO: Insomma io così ho deciso e così dev’essere.

RITA:Ma pecché me volite sacrificà?

GENNARO:Non sento ragioni... cammina dinto.

RITA:Sì me ne vaco... mò me ne vaco. Ah! mannaggia la sciorta mia. (Pulcinella: le bacia la mano.) (Rusà statt’attiente a Pulicenella.) (Via.)

GENNARO:E tu che faje lloco? Cammina dinto.

ROSARIA:Perché? Questa è casa mia.

GENNARO: No, è casa mia. Oh! Quest’è forte! La nepote che dice nfaccia a tu zio: Quest’è casa mia! Cammina dinto. (Per alzarsi.)

ROSARIA:Eh! Non ve movite da lloco... mo me ne vaco... Vi quanta superbia ca staje caccianno zìzi, ma si me nfoco... (Via.)

GENNARO:Ah! Corpo del diavolo. Cheste a n’auto paro de juorne me sconquassano de mazzate. Dunque volimmo parlare un poco degli affari nostri?

PULCINELLA (caccia la testa):(Io me ne voglio ire).

ANTONIO: Nonsignore.

GENNARO:Che è stu nonsignore? Pecché stu nonsignore!

ANTONIO:Voleva dicere non parlate, che n’avite da fà?

GENNARO:Oh! Cancaro mò aggio da dà cunto a isso... statte zitto e non te ne ncarricà. Dunque D. Flaminio ditemi quanto tempo ci vuole per impararmi a parlà francese?

FLAMINIO:Per voi ci vuole poco perché avete una bella testa, molto intelligente.

GENNARO: Grazie, bontà vostra, mersì.

FLAMINIO:Oh, rien, rien. In quattro o cinque mesi potete benissimo parlare francese. (Lazzi.) Neh! Ma tu pecché staje qui? (Avanti.)

GENNARO:Guè, e ched’è? pecché staje a sentì li fatte nuosto. Vattenne fora.

ANTONIO:Ma io voleva...

GENNARO:Vattenne.

ANTONIO:So’ pronto. (Povero Pulcinella mò comme fa?) (Via.)

GENNARO:D. Flamì pensate, faciteme nu piacere... mo che simmo sule, interrogatemi su qualche cosa francese, voglio vedè si me trovo a rispondere.

SCENA QUARTA

Peppe esce e si ferma sul limitare della porta e detti.

FLAMINIO:Con tutto il piacere (alzandosi.) Bosciur monsieur comment vouz portez?

GENNARO: Bo tre bo.

FLAMINIO:No bien tre bien.

PEPPE (s’avanza):Ah, ah, io mò moro dalla risa. Comme tu non la vuò fenì cu stu francese? (Ridendo.)

GENNARO: D. Flamì jammoncenne.

PEPPE (c.s.):Che d’è? Haje visto venire a me, e te ne vuò ire tu? Ma pecché te miette scuorno de me? Parla francese, io non te dico niente (c.s.).

GENNARO: Compà tu co sto ridere me tuocche li nierve. Io t’aggio ditto tanta vote che quando ridi m’indisponi.

PEPPE: Ma tu dicive: Bo, tre bo. (Ride.)

GENNARO: E già... ride pecché non ne capisce niente, e si no stupeto ignorante.

PEPPE: E tu sì dotto pecché saje parlà francese. Io so’ no stupeto pecché non spemo tanta denare inutilmente, pecché non faccio ienchere la panza all’aute... ma tu te n’adduono o no ca sì proprio curiuso?

GENNARO: Compà te prego non insultarmi, perché io non sono uomo di ricevere insulti.

PEPPE: Ha da essere cuffiato. Ah, ah, ah. (Ride.)

FLAMINIO: Ma sentite io debbo rispondere per forza: lo scherzo dura fino ad un certo punto, ma insultare un uomo di questa fatta, credo che non stà.

PEPPE: Tu statte zitto ca tu mbruoglio bello e buono, e co la scusa de la lingua francese tu staje spuglianno.

FLAMINIO: Oh! Questo poi è un’offesa orribilissima Signor D. Peppe. Vi prego di riflettere con chi parlate.

GENNARO: D. Flamì abbiate pazienza... Cumpà sà che c’è di nuovo? Famme lu piacere de non venì cchiù ccà, pecché in casa mia voglio essere de chello che me pare e piace. Aggio da dà cunto si parlo o non parlo francese? Già tuo padre era baccalaiuolo può capì chesto grande bestia, porco, screanzato, lazzarone, frippon, coscion, redicout. (Via con Flaminio.)

PEPPE (ridendo):Mamma mia chillo quant’è buffo.

PULCINELLA (Mò è montato n’auto de guardia).

PEPPE:Vuje vedite, è ghiuto mpazzia pe lu francese... S’ha miso a chillo stenteniello appriesso. (Vede Pulcinella.) Chi è là dinto? (Pulcinella si chiude.) Neh, sapite, ascite fora.

PULCINELLA (di dentro):Non posso, oggi non dò udienza a nessuno.

PEPPE:Ched’è, chillo dà udienza dinto a tu stipone? Ascite da lloco. (Pulcinella esce dopo lazzi.) Pecché stiveve dinto a tu stipo?

PULCINELLA:Ero venuto... pecché...

PEPPE:Ah! Vuje ve mbrugliate?... mariuolo, mariuolo!

PULCINELLA:Nonsignore, io so’ no galantuomo, mò avesse da passà quacche guaio?

PEPPE:Comme nu galantommo annascuso dinto a lo stipo? Mariuolo...

PULCINELLA (All’arma de mammeta). Io era venuto pe n’auta cosa, anze non so’ trasuto pe la porta, so’ trasuto da la fenesta.

PEPPE:Vale a di ca la porta steva chiusa, e voi per entrare... mariuolo.

PULCINELLA (con Peppe):Mariuole. Vuje quà mariuole, la volite fernì si o no?

SCENA QUINTA

Rita e detti, indi Rosaria.

RITA:Guè Pulicenè tu staje ancora ccà? Oh! Caro compare!

PEPPE:Chisto chi è? Steva dinto a lo stipo.

PULCINELLA:Chisto m’ha pigliato pe mariuolo.

RITA:Che mariuolo; compà chisto è chillo tale Pulcinella ca me vò spusa.

PEPPE:Allora perdonate si v’aggio chiammato mariuolo.

PULCINELLA:Nient’affatto.(Dandogli la mano.)

PEPPE:Seh! Me piace... non nc’è male, è aggraziato. Dunque voi avete l’intenzione de spusarve la cummarella?

PULCINELLA:Sissignore, io nce tengo ntenzione, ma lu patre l’ha promessa a nu francese.

PEPPE:Nu francese? ah, ah, ah. (Ride.)

PULCINELLA:Compà cheste so’ cose de chiagnere e vuje redite?

PEPPE: Ma tu veramente dice?

RITA:E che pazziava? Compà v’arricordate chillo francese ca trovasteve ccà? Monzù Pummarola?

PEPPE:Seh! Me ricordo.

RITA:A chillo isso m’ha prommisa, e ha ditto ca o me lo sposo o me chiude dinto a no retiro, e non me fa vedè cchiù luce de libertà. Lu francese partette pe Parigi a piglià tutto l’incartamento, e dinto a sti juorne venarrà, e io comme faccio?

PEPPE: Corpo del diavolo! Chill’ommo ha perza la capa! Vò sacrificà na povera giovene in questo barbaro modo?

PULCINELLA: Cumpà, vedete voi...

PEPPE: Eh! Ma io che pozzo fà?

RITA: E già, mò tutte quante diceno accussì, tutte quante m’hanno abbandonata, pecché non tengo a mammema, ma si la tenesse, la cosa non ghiarrìa accossì, nisciuno ha mantenuta la parola ca le dettero quanno steva morenno. A buje compà, a buje specialmente essa ve chiammaie e ve dicette: Compà v’arraccomanno Retella non la fà piglià collera, pensate ca io non l’aggio fatto maje niente nfì a mò, e si se vò mmaretà; facitele piglià a uno de genio sujo; e vuje le dicisteve: Va bene, non nce penzà, a Retella io la tenarraggio comme a na figlia de la mia; zi zio pure dicette lo stesso, e mò doppo 6 anne ch’è morta, tutte se so’ scordate de li promesse che le facetteno. Ah! mamma mia, pecché non arape l’uocchie. (Piange.)

PULCINELLA (a Peppe che piange):Cumpà avutateve da chella parte, m’avite nfosa tutta la faccia.

PEPPE: Ah! Che m’haje arricordate m’afferraje la mano, e non me la lassaje fino a che io non le dicette: Commà tu mò haje da morì, statte tranquilla, penzo io pe Retella, e essa allora comme avesse voluto ringrazìarme, me vasaje la mano. Povera cummara (c.s.)

RITA: Povera mamma mia! (c.s.)

PULCINELLA: Povera vecchia. (Piange.) Neh, ma si è lecito a chi chiagnimmo?

PEPPE: Eh!... tu non saje chella femmena chi era... Eh! ma no... io, cuorpo de lo diavolo, non nce la darraggio pe vinta. Si isso vò mancà a la promessa soja, io no, pecché tengo nu core dinto a lu pietto!

RITA: E che volite fa?

PEPPE: Tu haje da essere la mugliera de chisto.

PULCINELLA: Jammo a spusà.

PEPPE: Aspettate.

RITA: Ma cumpà vuje comme lu facite facile, vuje lu sapite che dimane o doppo dimane arriva monzù Pumarol?

PEPPE: E io primma ca isso arriva... V’avarria fà na cosa... Ah! La cosa me riesce.

RITA: Ma che cosa?

PEPPE: Si, chisto putarria... E già pecché isso non lo conosce, potarria dicere ca è lu frato... accossì potè combinà... Viene co mico, viene cu mico. (A soggetto.)

RITA: Pulicenè tu haje capito?

PULCINELLA:Comme no? (Segue come Peppe e via.)

RITA: Sperammo che tutto riuscisse buono, ma quanno s’è miso lu cumpare pe mmiezo tutto succederà pe lo bene mio, ne so’ certa.

ROSARIA:Neh Rì? Che s’è combinato co lo nnammorato tujo? Zì zio l’ha visto?

RITA: No, ma mmece l’ha visto lu cumpare D. Peppe, che l’ha portato co isso de pressa, nun saccio che vò fa.

ROSARIA: Ma addò so’ ghiute?

RITA:Non saccio, mò starrammo a vedé... quacche cosa de buone n’ha d’ascì. Rusà io vaco dinto. (Via.)

ROSARIA Va trova pecché se l’ha portato co isso. Intanto essa mò tene na speranza, ma io che speranza tengo? Che me ne preme si non me lo danno pe marito? Tengo lo ritratto ca me dette isso, e basta pe me. (Prende il ritratto.) Lo vi ccà quant’è aggraziato! (Legge a tergo del ritratto:) «Alla cara speranza del mio cuore Rosaria Mezzabotte, in segno d’amor terribile, offre il suo impenetrabile amante, Felice Sciosciammocca». Oh! quant’è aggraziato, quanto lo voglio bene. (Alla finestra.) Che dispiacere che la jammo de rimpetto se ne jette coll’agenzia, e ghiette a n’auta strada, io la vedeva sempe, e mò lo veco ogne Dommeneca, pecché sulo la festa pò lassà. Va trova si me vò bene pe quanto lu voglio bene io. (Va al tavolino sul quale vede un mazzo di carte.) Ccà sta lu mazzo de carte, voglio fa chillo gioco che fa Rita, lo solitario, voglio vedè si me vò bene o no, e si penza a me.

SCENA SESTA

Felice entra inosservato e si ferma sul limitare e detta.

ROSARIA (voltandosi):Oh! Chillo sta là.

FELICE: (Essa sta ccà!).

R0SARIA:E comme faccio, io me mette scuorno!

FELICE:(Me sento tutto lo sango ncapo).

ROSARIA:(E chi se fide d’aprì a bocca?).

FELICE:(Chi sa se putarraggio articolare).

ROSARIA:(Mò faccio vedè ca non l’aggio visto). (Si mette a giocare.)

FELICE: (Mò me ne vaco e da fora cerco permesso). (Esegue.)

ROSARIA:Uh! Chillo s’è pigliato collera e se n’è ghiuto. (Via e torna.)

FELICE (di dentro):è permesso?

ROSARIA (di dentro):Favorite, favorite.

FELICE (c.s.):Posso entrare?

ROSARIA (c.s.):Favorite, favorite.

FELICE (entra):E che è non nce sta nisciuno? E ch’ha fatto se n’è ghiuta?

ROSARIA: Oh! Caro D. Felice che onori son questi?

FELICE:Scusate se son venuto ad incomodarla... ma non ho potuto farne di meno. (Col cappello in mano.)

ROSARIA: Oh! Voi siete sempre il proprietario di questa casa... mettetevi il cappello.

FELICE:Nonsignore, perché?

ROSARIA: Ma che? Mettetevi il cappello.

FELICE: Non azzardisco in casa vostra.

ROSARIA:Ma che fa il cappello? Potete azzardare.

FELICE:Volete così? (Si mette il cappello.)

ROSARIA:Accomodatevi. (Lazzi.)

FELICE:Grazie.

R0SARIA:Signore, vi prego di non trattenervi tanto, perché può venire zì zio, e potete essere pure sciaccato.

FELICE:Sciaccato? (Comme siavesse ditto mò vene zì zio, e avite pure na tazza de cafè.) Speriamo che questo sciaccamento non accada.

ROSARIA: Dunque che siete venuto a fare qui?

FELICE: Io? ecco qua... son venuto perché... perché... non mi fidavo di stare senza vedervi.

ROSARIA: Ma insomma volete per forza fare l’amore con me?

FELICE: E che male ci sta? Io non credo di essere... se poi... perché sapete... l’amore... (dopo un discorso imbrogliato vede le tazze.) Che sono queste tazze?

ROSARIA: Ah! è la colazione mia e di mia sorella, che non avimmo voluto.., è latte e cafè... ne volite na tazza?

FELICE: Vi ringrazio tanto... troppo gentile.

ROSARIA: Se si pigliatevenne na tazza... cheste pure s’ha da jettà.

FELICE: E me l’aggio da piglià io?

ROSARIA: Pigliatevella faciteme stu piacere. (Gli dà una tazza ed un pagnottino.)

FELICE:E magnateve nu pagnottino anche voi.

ROSARIA: Sissignore, pure io. (Felice fa il lazzo del pagnottino, lo bagna indi si ferma e guarda la tazza.) Ce avite trovato quacche cosa?

FELICE: Quest’è gelato.

ROSARIA: E se sape, chello sta da parecchio tiempo là, scusate, che v’aggio da dicere.

FELICE: No, non fa niente, tutte le cose fredde che m’offrite voi, per me son calde. (Mangia a grossi bocconi.)

ROSARIA (ridendo):Ah, ah, ah, comme mangiate curiuso.

FELICE (lazzi del boccone):Non me lo dite se no non mi fate mangiare più.

ROSARIA: Nonsignore mangiate. (Ridendo sempre.)

FELICE: (Chesta non me lo fa ire né pe l’anema né pe lu cuorpo).

ROSARIA: Dunque site venuto ccà comme stiveve dicenno, pecché non ve fidaveve de sta senza vederme?... Cheste so’ chelli solite chiacchiere ca se contano.

FELICE:No, non son chiacchiere, sono verità, e se vi dico una cosa... (Come se affogasse.) Ah, ah!

ROSARIA: Chiano, chiano, v’avisseve d’affogà?

FELICE:No, m’è andato un poco de pane a traverso!

ROSARIA: Stateve attiento.

FELICE: Io non ve dico chiacchiere, ve dico la verità. Io non posso stare un minuto senza vedervi, tutte le cose mi danno fastidio, tutto mi secca, penso sempre a voi, se io sapevo che la passione era così terribile nel mio petto, io non vi avrei mai guardato in faccia!

ROSARIA: E che siete pentito forse?

FELICE: Pentito? Mai! Dico non soffrirei tanto. (Soggetto e bagna il fazzoletto nella tazza.) Oh! L’amore che brutta cosa!

ROSARIA: Eppure a me me piace, specialmente quando se trova de fà l’ammore.

FELICE:A me pure me piace, quando se trova na figliola, simpatica, bella, sciasciona, dinta a l’arma de la mamma!

ROSARIA:Quanno se trova nu giovene accuoncio, simpatico, comme a vuje.

FELICE:No comm’a vuje. (Alzandosi.)

ROSARIA:Volite n’auto poco de cafè?

FELICE:(Chesta mò m’aveva da dà lu latte) no grazie, non ne voglio più.

ROSARIA:Ah! si potesse ogne mattina fa colazione nzieme cu vuje, sarrìa proprio buono... n’avarrisseve piacere?

FELICE:Oh! Io sarei l’uomo più felice della terra. (Pausa, si guardano e ridono.)

R0SARIA:Neh, perché ridete?

FELICE:Rido perché... e voi perché ridete?

ROSARIA:Così, per niente.

FELICE: Già, uno alle volte le scappa la risa, e non sa lui stesso perché ha reduto. Dunque...

ROSARIA: Ma io v’aggio ditto non perdite tiempo... po’ essere ca vene zì zio spicciateve.

FELICE:Ma che m’aggio da spiccià?

ROSARIA: Che saccio mò? Si m’avite da dicere quacche cosa dicitemmelle.

FELICE:La cosa che vi debbo dire, è semplicissima assai. D. Rosaria io v’amo ma non d’un amore semplice, ma d’un amore composto di dispiaceri, dolori e lacrimazione. Da che mi sono allontanato da là rimpetto, io non ho avuto più pace, io non ragione più vedete come son diventato delegato? Gli amici non mi riconoscono più, mia madre mi tene mente e piange, ma io v’amo immensamente.

ROSARIA: E io pure ve voglio bene assaje, tenite duje uocchie che fanno annammorà, da che non state cchiù de rimpetto a me, io so’ diventata na pazza, ogne momento me vaco ad affaccià a chella fenesta e non ve veco... allora subbeto me n’allontano; ma quanno è la festa che buje state a lu pontone a guardarme, io vorria ca chella fenesta se ne cadesse, e vorria ire da copp’abbascio, acciò vuje da sotto m’afferrasseve...

FELICE:E morarriamo io da sotto e voi da sopra. (Pausa.) D. Rusà ve vorria vasà la mano.

ROSARIA: Vuje che dicite? Io me metto scuorno.

FELICE: E che vergogna? Alla fine poi è un bacio.

ROSARIA:Ma no poco poco e zitto zitto, senza fà rommore, guardate da là e io guardo da ccà.

FELICE:Non dubitate. (Lazzi bacia forte.)

ROSARIA: Che avite fatto?

FELICE: E io lo teneva nganno. Dunque mò che ci siamo dichiarati, mò che ho saputo che voi pure mi volete bene, mi dovete far la grazia di accettare delle piccole cose, che per voi sono inezie.

ROSARIA:Che me votite regalà quacche cosa? No, no, fora che chesto, io non voglio niente.

FELICE: Fatemi sta grazia se mi volete bene; questo è un paio d’orecchini, teneteli per mio ricordo. (Dà l’astuccio.)

ROSARIA:Quanto so’ belli!

FELICE:Non somigliano a voi però! Quest’è un anellino, v’è un piccolo brillantino, infitatelo al detino.

ROSARIA: Ma vedete...

FELICE: Se m’amate.

ROSARIA:Vuje co sto parlà me nchiovate. (Lo mette al dito.) Uh! Quant’è bellillo!

FELICE:è la mano vostra che lo rende bello. Questo è un freloque, vi sono i miei capelli dentro.

ROSARIA: Oh! Questo poi è troppo...

FELICE:Se mi adorate.

ROSARIA:Ma pecché avite spise tanta denare?

FELICE: (Seh! Staje fresca, l’avarrìa sapè ca l’aggio pigliato da dinto a li pigne dell’agenzia de mammema).

ROSARIA:Che state dicenno?

FELICE:Stevo dicenno che tutto è costato 1000 franchi.

ROSARIA: Tanta denare spennite? E come potrò disobbligarmi?

FELICE:Con un bacio su quella mano sì bella.

ROSARIA:Lesto lesto.

FELICE:In un momento. (Mentre bacia odesi la voce di Rocco e Porzia.)

SCENA SETTIMA

Porzia e Rocco indi Rita e detti.

ROCCO (di dentro):Ccà sora mia, da chesta parte.

PORZIA (idem):Ah! Ca si lu trovo l’accido!

FELICE (che ha fatto un salto dalla sedia):(Mammà nzieme co ziemo?! So’ arroinato!). (Cade svenuto sulla sedia.)

ROSARIA:Uh! Mamma mia chisto fosse muorto? D. Felì? D. Felì? Uh! Comme faccio? Chille stanno trasenno... Ah! mò moro pur’io. Ah! Aspetta! (Lo copre con una veste ed uno scialle.) Mamma mia, io mò moro de paura!

ROCCO (fuori con Porzia):Addò sta?

PORZIA: Frato mio chello che te prego, non te piglià collera.

ROCCO: No sora mia, io aggio da fà revotà la casa.

ROSARIA: Signori miei a chi jate trovanno?

PORZIA: Vaco truvanno a figliemo Feliciello, a chill’assassino.

ROCCO:E si non me dicite addò sta, sarranno guaje pe buje. Tu t’haje da sapè addo sta, pecché si non sbaglio chillo co ttico fa l’ammore.

ROSARIA:Voi sbagliate mio caro, io chisto D. Feliciello non lu conosco manco pittato.

PORZIA: Guè, senza ca lu nieghe cevettola, io stesso t’aggio visto affacciata a chella fenesta, fà smorfie co figliemo.

ROSARIA:Ah! Na vota, ma po’ nce appiccecaiemo!

ROCCO: Non è lu vero.., tu nce faje l’ammore ancora... guè piccerè, sa che t’avviso? Vide de non guardarlo manco nfaccia, si no te faccio no brutto straviso.

RITA:Neh, che so’ sti strille?

ROSARIA Che saccio, sti duje diceno che so’ pariente a uno chiammato Feliciello, e cullo ha ditto ca me vò fa no straviso.

RITA:Chi chillo?

ROCCO:Io sì.

RITA:Tu faje lo straviso a sorema? Vattenne sbruffone, fanfarrone, si no t’adderizzo na seggia ncapo.

ROCCO:Ferma sorella, tu sei donna e non ti conviene. Voi avete detto che me adderizzaveve na seggia ncapo a me? A Rocco Gigante soprannominato Saetta. (Per inveire.) Hai ragione ca sì femmena, manname na quarantina d’uommene e po’...

PORZIA:Va buono Rocchetiè, non me fà mettere paura.

ROSARIA:(Rì per carità puortatillo dinto, chillo Feliciello sta sotto a chilli panne, lo voglio fà fuì!).

RITA:(Nientemeno!). Nzomma che volite?

PORZIA:Simme sagliute pecché ccà è venuto Feliciello figliemo, chillo m’ha fatto no guaio!

RITA:Embè dinta a sta cammera ccà avite visto ca non nce sta, fora a la sala nemmeno, dunque jammo a vedè pe li cammere de dinto.

PORZIA:Brava, mò parlate da femmena.

ROCCO:Si deve per forza far mettere paura a voi altre donne.

RITA: Venite co mme. ( Viano tutti meno Rosaria e Felice.)

SCENA OTTAVA

Gennaro, D. Flaminio, e detti.

GENNARO (di dentro):Caro D. Flaminio io ve l’aveva detto.

R0SARIA:Ziemo? Scappa scappa. (Via.)

GENNARO (fuori):Io sto nu poco in pensiero... lettere non ne vengono, che fare?

FLAMINIO: Fate un telegramma.

GENNARO: Fate un telegramma, ajere ne mannaje uno. (Felice comincia a muoversi, poi si leva lo scialle e il vestito di dosso, indi vedendo i due, pacatamente si mette il cappello, s‘accomoda il colletto, saluta, e via dal fondo. i due restano sorpresi.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

La stessa decorazione del primo atto.

SCENA PRIMA

Peppe indi Flaminio.

PEPPE (dal fondo):Aggio combinato ogni cosa. Pulecenella s’è vestuto, e n’auto poco arrivaràccà. Quanta risate che m’aggio da fà, voglio fa rimanè lu cumpare cu tanto no parmo de naso; lasseme vedè si veco la cummarella.

FLAMINIO: E un affare proprio sedo, quel cafè m’ha fatto venire un’appetito tremendo!

PEPPE (ridendo):Oh! Caro D. Flaminio.

FLAMINIO:(E questo ride sempre). Carissimo D. Peppe.

PEPPE: E accossì... a che state co li lezioni francese?

FLAMINIO: Eh... così... statevi bene. (P.p.)

PEPPE: Aspettate... perché ve ne andate?

FLAMINIO: Caro D. Peppe abbiate pazienza, io non ho piacere di essere sempre insultato... stamattina m’avete detto quelle parole...

PEPPE: Ma io non l’aveva cu buje, l’aveva cu lu compare mio, lo quale s’ha miso ncapo de volè sacrificà chella povera nipote soja.

FLAMINIO: La quale non vuole sposare il francese, perché fà l’amore con un’altro... un certo Pulcinella Cetrulo.

PEPPE: Diciteme na cosa, vuje a stu Pulecenella lu canuscite de faccia?

FLAMINIO: Sì, l’ho visto due o tre volte.

PEPPE: (Chisto quanno chillo vene lo conosce e dice tutto, me l’aggio d’accattà.)

FLAMINIO: (Che diavolo dice?).

PEPPE: D. Flamì voi vedete questi 50 franchi?

FLAMINIO: Sissignore.

PEPPE: Son vostri, io ve li regalo.

FLAMINIO: Ed io vi ringrazio... Datemi qua!...

PEPPE: Nu momento. Se volete i 50 franchi dovete fare quello che vi dico io.

FLAMINIO: E sarebbe?

PEPPE: A n’auto poco vene ccà chillo tale D. Pulicenella, e vene a dicere a lu cumpare ca isso è lu frate de lu francese Monsieur Pomarol, lu quale è muorto con un colpo apoppletico.

FLAMINIO:Uh! Povero francese, e comme va?

PEPPE:E na finzione, finge d’essere lu frate e vene a portà sta notizia.

FLAMINIO Ah! Capisco... una volta morto, può fare lui la proposta di matrimonio.

PEPPE Pe chello che s’ha da fa doppo, vuje non ve n’avite da ncarricà; quello che dovete fare voi è quello di dare ad intendere a lu compare mio che conoscete stu fratello, e che voi pure avete saputo la nuova della morte di Monsieur Pomarol... insomma facite a vedè ca chiagnite e ve disperate.

FLAMINIO:Ho capito, dateme qua...

PEPPE (li dà):D. Flamì non mi tradite perché io so’ spicciativo a li cose meje, pe na cosa de chesto io sarrìa capace d’arapirve la capa... Stateve bene. (Via.)

FLAMINIO:Ho fatto il colpo! Cinquanta lire per una cosa da niente,... no non è tanto poi da niente, pecché quando poi si scopre il fatto, D. Gennaro se la prende con me. Ed io dico che se non lo faceva, D. Peppe m’avrebbe ucciso, così va bene. (Via.)

SCENA SECONDA

Gennaro, Porzia e Rocco.

GENNARO: Ma venite ccà!... contateme de che se tratta, diciteme lo fatto.

PORZIA:Vuje site lu patrone de casa, e vuje certo avite da sapè ogne cosa.

ROCCO:Vedite de parlà si no succede brutto lu fatto.

P0RZIA:Rocchettiello mio non spargere sangue.

GENNARO:Ch’avimmo da fà quacche battaglia?

ROCCO:E che na battaglia succede si non parlate. Io song’ommo ca me faccio li fatte mieje, non voglio essere raspato però.

GENNARO:E chi te sta raspanno. Io ve diciarrìa piano piano, a sangue quieto senza ca ve pigliate collera, contateme lo tutto.

P0RZIA:Ecco ccà. Aviteda sapè ca io tengo no figlio chiammato Feliciello; già primmo de tutto avite da conoscere ca io so’ vedova, pecché maritemo murette anne fa, e me rummanette la puteca d’agenzia, sto bene, e campo comodamente... neh chillo mpiso de figliemo che m’ha fatto? S’ha pigliato da dinto all’agenzia nu paro d’orecchini, n’aniello de brillante, e nu brellocco, a riseco de farme passà nu guaio. Chillo erano pigne capite?

GENNARO:Ho capito, vuje vedite che se passa cu sti figlie. Dite appriesso.

PORZIA: Chisto tale Feliciello fa l’ammore cu la nepote vosta.

GENNARO:Possibile? Lo sapete certo?

PORZIA: Anze ne so’ certissima... stammatina è stato ccà.

GENNARO: Aspettate (fosse chillo giovene ch’è asciuto da sotto a li panne stammatina?) Era nu giovene de na ventina d’anne?

PORZIA: Gnorsì.

GENNARO: Seccolillo, co la sciassetella ncuollo, lu naso no poco gruosso?

PORZIA: Chist’è isso, sissignore... e addò è ghiute?

GENNARO:E chi lu sape. Sulo chillo figlio tenite?

PORZIA: Non signore, tengo pure na figlioletta, tene 17 anne. Ah! Chella si la vedite è nu bello piezzo de figliola.

GENNARO:Eh! Si arrasomiglia a la mamma, ha da essere pe forza bella.

PORZIA: Iatevenne, vuje me cuffiate.

GENNARO:No, io dico veramente, vuje site na bella femmena.

PORZIA: Songo belle l’uocchie vuoste.

GENNARO:No, chello ch’è! E chisto v’è frate?

ROCCO:Gnorsìso’ lu frate. Pecché m’avite da dì quacche cosa?

GENNARO:Nonsignore,ho domandato. Ma tutto questo succede perché non vi siete più maritata, e lo figlio vuosto have lo canzo de fà chello che vò isso. (Mandatene no poco lo fratello, v’aggio da dicere na cosa.)

PORZIA: (E che scusa trovo?). Neh Rocchetiè, pecché non vaje a vedè abbascio a la poteca, chi sa se fosse ritirato?

ROCCO: E lu aspiette ccà?

PORZIA: Sì, io non me movo, famme sapè quacche cosa.

ROCCO: Io vaco, ma songo sicuro ca non lo trovo... Permettete. (Via.)

GENNARO:Mò stamme sule.

PORZIA (lazzi):Che m’avite da dicere?

GENNARO:(Comme è vroccolosa!). Io ve voleva dì...

PORZIA: Ma quanno parlate?

GENNARO:Ve voleva dì ca vuje site bella assaje!

PORZIA: A lu contrario, vuje site bello.

GENNARO: Io me voglio mettere a fa l’ammore co vuje. Nce avite piacere?

PORZIA: Ma basta ca venite cu lu diretto.

GENNARO: (No vengo co lo straordinario). Ve voglio spusà.

PORZIA: M’avisseve da ngannà?

GENNARO: Ingannare! E perché? (Le bacia la mano.)

SCENA TERZA

Peppe e detti, indi Pulcinella da viaggio.

PEPPE: Compà?

GENNARO:(Iusto mò stu seccante!).

PEPPE: E succiesso na disgrazia, na brutta disgrazia!

GENNARO:Ch’è stato?

PEPPE:No, io pe me non te dico niente, fora sta chillo che t’ha portato la nova.

GENNARO:Chi nce sta fora?

PEPPE:è venuto lo frate de lu francese de monzù Pomarol.

GENNARO: Ah! Lu frate de monzù Pomarol? Fallo entrare.

PORZIA:Neh, io che nce faccio?

GENNARO: Vuje aspettateme dinto a sta stanza, a n’auto poco ve chiammo.

PORZIA:Facite priesto. (Entra.)

GENNARO: Ma insomma che nuova ha portato?

PEPPE:Mò te lo dice isso, io non te voglio dicere niente. Favorisca, favorisca signor conte Pomarol.

PULCINELLA: Grazie, mersì, bien.

GENNARO: Come va che mi date l’onore d’una vostra visita?

PULCINELLA:Il signore è Gennaro Mezabotte?

GENNARO: Ai vostri comandi.

PULCINELLA:Bien, mersì, bien. Io vengo da Parigi detta Francia giusto per cercar voi.

GENNARO:Ah! Venite da Parigi? E vostro fratello come sta?

PULCINELLA (sospira):Ah!

PEPPE (idem):Ah!

GENNARO:Neh, pecché sospirate?

PULCINELLA:Mio fratello! Povero mio fratello!

GENNARO:Ma che l’è succiesso quacche cosa?

PULCINELLA (c.s.):Ah!

PEPPE (c.s.):Ah!

GENNARO: Ma voi mi fate spaventare... Ch’è stato? Parlate.

PULCINELLA (pausa):Io sono morto.

PEPPE:Ah!

GENNARO:Come siete morto?!

PEPPE:Dice ch’egli è morto per il dispiacere, nzomma compà, monsieur Pomarol è morto.

GENNARO:Come! Che dite?

PULCINELLA:Si, è morto ed ha lasciato tutto a me il povero fratello mio.

GENNARO:Ma comme è morto si chillo cinco o seje juorne fa se ne jette da ccà bello e buono?

PEPPE:I medici l’hanno ammazzato.

PULCINELLA:Già, i medici. Povero fratello mio? Quando venne a Parigi aveva un piccolo vrosciolillo in fronte, e si grattava. Io gli dissi: fratello mio non ti grattare, egli non volle sentire, andò a letto, e se lo grattò tutta la notte. La mattina si svegliò con la febbre, e co nu cravegliolo de chesta manera. Figuratevi noi tutti di famiglia come stavamo. Subito si mandarono a chiamare 62 medici, e si fece un consulto. Chi diceva che si doveva tagliare, chi diceva bisogna bucare, alla fine si decise di tagliare e si tagliò. Ah! Non si fosse mai fatto! Quella che fu la rovina, la perdizione e la sconfitta di mio fratello. Toccarono la vena principale del collo, la quale non appena fu toccata, comme si se fosse pigliata collera, toccò la vena minore! Ah! Che ci fu allora, subito gli fecero mettere le sanguette in petto per arrestare il sangue, ma non se ne ricavò nulla. Ci fu uno che disse purgatelo, e immediatamente gli diedero un chilo d’olio di ricino, ma tutto inutile, mio fratello era già morto da 7 ore.

GENNARO: Oh! Povero ommo! E comme 62 miedece tutte ciuccie?

PULCINELLA: Tutti, tutti, povero fratello mio! Basta, non ci pensiamo più a questo, stiamo allegri.

GENNARO: Seh, che ne parlammo a fà? (Comme fosse quacche bicchiere che s’è rutto.)

SCENA QUARTA

Flaminio e detti, indi Antonio.

FLAMINIO: Signori miei... Caro D. Gennaro... Caro D. Peppe...

PULCINELLA (a Peppe):(Chisto me conosce!).

PEPPE: (Zitto, fà vedè che lu canusce!)

FLAMINIO: Signor Pomarol!

PULCINELLA: Buongiorno!

GENNARO: Flamì saje che m’è venuto a dicere?

FLAMINIO:Eh! Lo sò, lo sò... l’ho letto sul giornale, e m’ha fatto un’impressione tale da non potersi credere.

GENNARO: E a chi non ha fatto impressione? E a lu frate lu conoscive?

FLAMINIO:Oh! Siamo stati strettissimi amici a Parigi. Che bravo amico!

PULCINELLA:Bontà sua.

FLAMINIO:Eh! Adesso con la morte di vostro fratello siete rimasto ricco?

PULCINELLA: Eh!... così... tengo mille e 200 milioni dei miei.

GENNARO: (All’arma della mbomma!).

FLAMINIO: No, così è, ve lo posso assicurare! Egli è il più ricco banchiere di Parigi.

GENNARO: Intanto la felice memoria di vostro fratello, si doveva sposare mia nipote; povera guagliona, se vede ch’è disgraziata!

PULCINELLA: No, non è tanto disgraziata, se lei vuole si può accomodare, si può combinare un altro matrimonio, e perciò io v’andava trovando (caccia una lettera) mio fratello prima di morire mi diede questa lettera... leggete!

GENNARO: E de che se tratta? Flamì leggite ca non tengo l’occhiale.

PULCINELLA: (Cumpà comme te pare?).

PEPPE: (Buono, buono, lu colpo è fatto).

FLAMINIO (legge):«Parigi 26 settembre 1880. Carissimo «”Gennaro”».

GENNARO: Comme chillo me chiammava sempre col Don?

PULCINELLA: Uno che sta in punto di morte non rispetta nessuno.

FLAMINIO (c.s.):«Io sono presso a morire. Dovevo sposare tua nipote, ed intanto non lo posso più, questo m’addolora molto perché tua nipote era bella assai, ma però voglio assolutamente che non si maritasse, e se si vuole maritare, si sposi il conte Pomarol mio fratello, porgitore della presente, e mio erede di tutte le mie ricchezze, o pure nessuno. Bada che quest’è ultima volontà di un moribondo. Intanto prega per me e credimi il tuo ecc. ecc.».

GENNARO: E dopo dettato sta lettera morì?

PULCINELLA: Dopo due ore e 3 centimetri.

GENNARO Pover’ommo!

PULCINELLA: Dunque che ne dite?

GENNARO: E che ne debbo dire, vi pare... e un onore per me ma vedete io voglio fare esattamente quello che m’ha scritto la buon’anema, ma vi sono delle piccole cose.

PULCINELLA: E che cose?

GENNARO: Prima bisogna vedere se voi piacete a lei.

PULCINELLA: Oh! Per questo lei è contenta.

GENNARO: Aspettate, mò la faccio chiammà... Antò?

ANTONIO: Che comandate?

GENNARO: Rita addò sta?

ANTONIO: Sta abbascio a lu giardino.

PULCINELLA: Abbasso al giardino? Allora andiamo anche noi, voglio prendere un poco d’aria. (Tutti s’alzano.)

GENNARO:Sì, sì, andiamo. ( Viano tutti tranne Antonio.)

ANTONIO: Ah, ah, ah, io mò crepo dalla risa; vuje vedite chillo cancaro de D. Peppe che ha saputo combinà.

SCENA QUINTA

Felice da donna e detto, poi Porzia.

FELICE (cercando Rita).

ANTONIO:Chi è sta figlioletta? Signori che volite?

FELICE:(Ch’aggia da fà mò?). Vado in cerca della signorina Rosaura, le debbo parlare d’una cosa. (Con voce fina.)

ANTONIO: Ma vuje chi site?

FELICE:Ditele che sono la figlia de la levatrice.

ANTONIO: (La figlia de la levatrice? E quà levatrice?). Ma la signora non conosce nisciuna levatrice. Avisseve pigliato quacche sbaglio?

FELICE: No, non sbaglio.., portate l’imbasciata.

ANTONIO: Ma vedete.

FELICE: Ma quanto siete ineducato... Quando uno v’ha ditto niente de male. (Comm’è ntossecosa madamosella.) (Via.) All’arma de la mamma, vì che nce vò pe la fà ire a chiammà. Ho deciso, sono venuto a vederla per l’ultima volta, e po’ me vaco a menà a mare... Si, che nce campo a fà? Si, che nce campo a fare?

PORZIA: Io non me fido d’aspettare cchiù, né sento nisciuno.

FELICE: (Misericordia mammà!). (Fugge a sinistra.)

PORZIA: E chella femmena pecché se n’è ghiuta? Va trova chi era. Io mò aspetto n’auto poco. (Entra.)

SCENA SESTA

Nicola, monsieur Pomarol, poi Peppe, Rita, indi Felice.

NICOLA: Favorite, favorite, mò vaco ad avvisà lu patrone (misericordia è venuto lu francese mò vaco ad avvisà a D. Peppe). (Via.)

POMAROL:Maledetto viaggio! Ho una fame orribile. D. Gennaro adesso incomincerà con le sue lunghe parlate, mentre io non voglio fare altro che mangiare, bere e dormire. La ragazza mi piace assai, ma però la veggo un po’ fredda... Se m’accorgo che non m’ama spezzo subito questo matrimonio... se no corro pericolo di... Basta, speriamo che non sarà.

PEPPE: (Lo vì llà, fa chello che t’aggio ditto, ca io pure te dò na mano).

RITA: Bentornato monsù Pomarol.

POMAROL:Oh! La mia bella Rita!

PEPPE:Monsieur...

POMAROL: Oh! Pure D. Peppe? Come state?

PEPPE: Non c’èmale, e lei?

POMAROL:Un po’ stanco per il viaggio... E così che novità vi sono?

PEPPE:Monsieur; qui si tratta d’un fatto serio, ma serio assai.

POMAROL:Serio!

PEPPE:Voi siete un galantuomo e... eccoqui. Parlando chiaramente questa ragazza è forzata dallo zio a fare questo matrimonio con voi, non già che lo faceva per piacere, e siccome...

POMAROL: (L’aveva preveduto!). Avanti.

PEPPE: Ora ditemi francamente, sposeretevoi una donzella che non vi vuol bene?

POMAROL:Oh! Mai!

PEPPE:Quindi non vi dispiace ch’essa sposi un altro?

POMAROL: No, anzi mi fa piacere.

PEPPE: Ah?

RITA: Che puzzate semp’essere beneditto. (Gli bacia la mano.)

PEPPE: Monzù, mò ca me songo assicurato de lu fatto, ve voglio cuntà na cosa pe farve ridere nu poco. Indovinate ch’avimmo combinato acciò D. Gennaro acconsentisse a fà spusà la nepote co chillo ca essa vò bene.

POMAROL: Che avete combinato?

PEPPE:Ho fatto fingere il suo innamorato fratello vostro, venuto da Parigi a dire ch’eravate morto, e che prima di morire avete dettata una lettera diretta a D. Gennaro, in dove si diceva che essendo voi presso a morte, la nipote dovea sposarsi il vostro fratello o nessuno.

POMAROL (ridendo):Ah! Birbanti che avete saputo combinare. E D. Gennaro?

PEPPE: Se l’ha creduto.

POMAROL: Ah, ah, mi piace, che bell’imbrogtio avete fatto. Vado qui all’albergo vicino, e mi sto fino a che la ragazza non sposa, appena sposata voi me lo farete sapere, io verrò e ci faremo molte risate... andate da lui, non gli date sospetto, e cercate di combinare subito il matrimonio. (Ridendo.) Un morto risorto, ci faremo molte risate con D. Gennaro.

PEPPE:Monzù io ve ringrazio tanto tanto.

RITA: Lu cielo ve lo renne. (Gli bacia la mano e via con Peppe.)

POMAROL (ride):Ah! Davvero che è molto da ridere! Ah! povero D. Gennaro! (Felice cerca uscire dal fondo.) Chi è? dove va lei? (Trattenendolo.)

FELICE (con voce fina):Io... vado a sentire la predica.

POMAROL:(Che bella giovine!). E chi è se è lecito?

FELICE:Io sono la nipote di D. Gennaro.

POMAROL:è impossibile! D. Gennaro non ha altre nipote che Rita e Rosaria che io conosco entrambe!

FELICE: Io sono una nipote clandestina. (Per partire.)

POMAROL:Aspettate... perché andate di fretta? E che siete venuta a fare qui?

FELICE:(Chisto quanta cose vò sapè? Mò vide ca esce mammà e nce vatte tutt’e duje). Son venuto a trovare le sorelle, e siccome ho da fare, perciò me ne vado.

P0MAROL: Accomodatevi, adessoverranno le vostre sorelle, e siccome io sono libero, facciamo un po’ di conversazione. (Prende due sedie.)

FELICE:Il predicatore incomincia...

POMAROL:Ci andrete un’altra volta alla predica... Sedete qua vicino a me...

FELICE: Ma...

POMAROL: Sedete, vi prego.

FELICE: (Aggio passato lu guaio!). (Siede.)

POMAROL (prende le sue mani):Come vi chiamate?

FELICE: Messalina.

POMAROL:Che bel nome! Siete zitella?

FELICE:No,... cioe... si.

POMAROL:Prima no, poi si?

FELICE: Prima non era zitella, adesso si.

POMAROL:Cosa dite?

FELICE: Prima ero maritata, ora no.

POMAROL:Ah! Siete senza marito, non già zitella?

FELICE:Già, zitella senza marito.

POMAROL:Siete vedova? Per Bacco! così giovane e bella esser vedova! (S’avvicina.)

FELICE:(Uh! Questo se ne va de capa!).

POMAROL: Avete madre, avete parenti?

FELICE:Si.

POMAROL: Insommavolete essere mia sposa? Voi siete una bella ragazza, ed io vi amo. (Gli bacia la mano.) Che ne dite? Tutte le mie ricchezze saranno vostre.

FELICE: Oh! Andate là voi mi ingannate; come così su due piedi?

POMAROL:A me piace agire così, e poi una giovane come voi merita tutto, voi m’avete incatenato ed io v’amo alla follia. (Bacia c.s.)

FELICE: (Che seccante... aspè, aggio penzato). Uh! Mi manca la vista, le gambe non mi reggono... un poco d’aceto forte. (Finge svenire.)

POMAROL: Oh! Dio! Messalina... rispondi... Un po’ d’aceto. (Via.)

FELICE: All’arma de la mamma, vì si se ne jeva!

SCENA SETTIMA

Rosaria, poi Porzia, indi Pomarol.

ROSARIA: Chi è sta figliola ca me va trovanno?

FELICE: Songh’io bellezza mia.

ROSARIA: Uh! Felicietto mio, e comme accossì vestito?

FELICE: L’aggio fatto pe non farme conoscere, pecché mammà me va truvanno, e m’ha puosto le spie ncuollo; te so’ venuta a salutà pe l’ultima vota. (Le bacia la mano.)

ROSARIA: E mò addò vaje?

FELICE: Me vaco a gittà a mare, nun voglio campà più. Mammà sta là dinto, primma ca me vede e me fa na paliata, voglio morire senza emozioni.., addio.

ROSARIA: Ah! No Feliciello mio tu sì pazzo, non fà chesto ca me faje morì pur’a me.

FELICE: Che dici morire? Ah! No... sei troppo bella... addio.

ROSARIA: No Feliciè, tu da ccà non te muove.

FELICE: Lasseme, voglio morì annegato! (Fugge.)

ROSARIA: Ah! Povero Feliciello! morire e perché?

PORZIA (che ha inteso):Povero Feliciello morire e pecché?... Ch’è stato?

ROSARIA: è stato ca vuje ne portato lo scrupolo, site contenta? Mò avite fenuto d’alluccà. (Piange.) Feliciello s’è ghiuto a menà a mare.

PORZIA: Che! Figliemo?!

ROSARIA: Sì, mò proprio, e vuje n’avite causa e colpa de la morte soje! Povero Feliciello! (Via piangendo.)

PORZIA: Figliemo a mare? Ah! (Sviene sulla sedia di Felice.)

POMAROL: Ecco l’aceto bella mia. (Vedendo Porzia.) Che! E Messalina? Neh, voi chi siete?... Io perdo la testa... Messalina dov’è andata?

SCENA OTTAVA

Peppe e detti, indi Gennaro, Pulcinella e Rita.

PEPPE: Monzù vuje state ancora cca? Jatevenne, chillo sta trasenno D. Gennaro.

POMAROL: E che mi preme di D. Gennaro? Messalina dov’è? Fosse lì? (Via a dritta.)

PEPPE: Chi è sta Messalina? E sta femmena svenuta?

GENNARO: Compà io te voglio dì... che! Porzia svenuta?

PEPPE:Accussì l’aggio truvata.

GENNARO: E che sarrà stato? D. Porzia... D. Pò?

P0RzIA:Ah! (Rinviene.) Figliemo addò sta?... m’ha ditto la nepota vosta ca s’è ghiettato a mare.

RITA: Mò non è tempo di pensare a questo, noi dobbiamo sposare.

GENNARO:Aspettate... Comme l’ha ditto nepotema... (Chiama.) Rosà?

SCENA ULTIMA

Rosaria e detti, poi Rocco e Felice, indi Pomarol.

ROSARIA (piangendo):Che volite?

GENNARO: Dimme na cosa, tu haje ditto ca lu figlio de D. Porzia s’è ghiuto a menà a mare?

ROSARIA: Sissignore, isso me l’ha ditto poco primma. Io l’aggio ditto nu sacco de cose e non m’ha voluto sentì, era proprio risoluto.

PORZIA: Poverofiglio mio! Corrite pe carità, portateme a Feliciello.

ROCCO: Feliciello sta ccà, e io l’aggio afferrato.

PORZIA:Feliciello mio addò sì ghiuto?

FELICE:M’era juto aghiettà a mare, e si non me facite spusà priesto a Rusaria, nu juorno de chisto lu faccio.

GENNARO:Ma che fanno l’ammore? E facimmoli spusà.

PORZIA: Vuje n’avite piacere?

GENNARO:Sì, pecché nuje avimmo da combinà chillo fatto ca sapite, noi faremo una famiglia.

PORZIA: Capisco tutto, ma voglio essere tornato li pigne.

ROSARIA:Ve li dongo. Caro Feliciello!

FELICE:Finalmente. (Si danno la mano.)

POMAROL:Dov’è Messalina? Ah! Eccola qui! (L’abbraccia.)

FELICE:Neh sapete io sono uomo.

POMAROL:Uomo!!

RITA:Chist’è lu nnammorato mio, ca pe me venì a vedè s’è vestuto da femmena.

POMAROL:Ed io t’ho baciata la mano?... ti darei uno schiaffo. (Ride.) Ah! Che bell’equivoco!

GENNARO: Mall’arma de li mamme voste! Monzù vuje non site muorto?

POMAROL:Così v’hanno dato ad intendere.

PEPPE:S’è fatta sta finzione, pecché Rita non lo voleva bene, ma bensì voleva bene a chisto.

PULCINELLA:Già il conte Pummarola!

GENNARO:Vattè non te fà vattere. Ah! quest’inganno m’avete fatto? Fuori tutti!

RITA e ROSARIA: Zì zio…

GENNARO: No, fuori tutti.

POMAROL: Io pure?

GENNARO:Voi no... io li faceva sposare perché credeva ch’eravate morto.

POMAROL: Via fateli sposare.

PULCINELLA:Guè fance spusà.

GENNARO: No, schiatta, crepa sbutte.

PULCINELLA: D. Gennà mò tiene ti corne mò.

GENNARO: Lo sentite... m’insulta pure.

POMAROL: Via fateli sposare.

GENNARO:Ma voi...

POMAROL: Non fa niente... vi pare! sposare una donna che m’abborre per capì al secondo giorno del matrimonio esser fatto imperatore!

GENNARO:Ma quello non ha mezzi.

POMAROL: Gli darò io 2000 ducati.

GENNARO:Quand’è così datevi la mano perché da questo momento siete marito e moglie.

PULCINELLA:Bravo D. Gennaro, mò non sei più porco.

GENNARO: Neh guè?

PULCINELLA: Non ci badare. Tetè chest’è la mano mia.

RITA: E chest’è la mia.

GENNARO:E mò pe sto matrimmonio volimmo ire tutte a tavola e alluccare: Viva monzù Pommarola!

PULCINELLÀ:La tavola.

(Finale a piacere.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 9 volte nell' arco di un'anno