Lu para… psicolugu

Stampa questo copione

                                                    LU  PARA… PSICOLUGU

                                               Commedia brillante in due atti

                                                                     di

                                                        Antonio  Sapienza

Personaggi:

Salvo Moschella………………………………………….mago- parapsicologo;

Giovanna  Calì…..………………………………………..cliente:

Rosa….………………………………………………………..figlia di Giovanna;

Janu Ciulla, .…………………. ………………………….. sensale;

Vitu Samperi , allevatore…………………………… cliente;

Turri Lifu, novembre 2012

Commedi brillante in siciliano in due atti – personaggi: 3 m. e 2 f. – anno 2012.

Un parapisicologo, astrologo, chiaroveggente cartomante, ecc, pratica, come seconda attività, anche l’usura e prestiti su pegno. Ma per la sua voracità di denaro viene gabbato da un pseudo erede di un celebre falsario catanese.

                                                                 Atto  I

Sulla scena sarà ricostruito lo studio del mago  parapsicologo: scrittorio, sedie, quadri alle pareti con simboli esoterici ecc. Un cartello- manifesto enumera i campi di attività del mago. Ad esempio: Vi aiuta negli affari di cuore, salute, lavoro, denaro ecc. Un altro dice: Mago, parapsicologo, cartomante, veggente, chiromante, predice il futuro.

Luci soffuse. Due porte laterali, una a destra, dà verso la sala d’aspetto, l’altra, a sinistra, da verso la stanza privata del mago. Infatti al centro c’è un cartellino con la scritta “Privato”.

All’apertura del sipario, il mago è seduto presso lo scrittoio e conta con avidità delle banconote. Egli indossa sulle spalle un ampio mantello rosso con dei segni zodiacali.

Un minuto, poi, sentendo un vocio tra le quinte, si alza e apre la porta della sala d’aspetto.

Mago: Ma che diamine succede là fuori!-

Non appena apre si ode un clamore, come di un battibecco, nel frattempo entrano in scena due donne, popolane, una è donna Giovanna, sui quarantacinque anni; l’altra è la figlia Rosa, una prosperosa ragazza sui vent’anni.

Giovanna: E chi cosa è? Dda fora su’ na massa di zaurdi e cajordi. Voddiri, nun mi vulevunu fari trasiri. A mia sti cosi? A donna Giuvanna a sciarrina? Ma ju ci ballo nta panza a tutti ssi babbalecchi. A chi ci pari…(accorgendosi del mago, finalmente) Sabbenedia Prifissuri.-

Mago: Cosa succede di là?-

Giovanna: Nenti, cosi di Catania… c’era na prissina ca non mi vuleva fari trasiri e m’annustrava nu nummiru, dicennu ca ava trasiri iddu pricchi e pri comu… ssi.-

Mago: Quel signore, forse, vi voleva dire che secondo l’elimina code, toccava a lui d’entrare. Lei ce l’ha il numero?-

Giovanna: A lima cche cuti? E chi ssi pari ca sugnu spitriaturi? E cu schifiu è. E appi, quali nummiri, chiddi dìo jocu ‘i lottu? Ca ora magari ju avissi a dari i nummiri? Non tocca a vossia dari i nummeri ch’è magu e prifissuri?-

Mago: (con gesto di resa, capendo con chi ha a che fare) Lasciamo perdere. Sedetevi e ditemi cosa volete.( intanto prende una bottiglia d’acqua e un bicchiere e beve)-

Giovanna: (perplessa)  Chi vulemu ju e me figghia sciatu?-

Mago: Certamente. Allora cosa desiderate? (posa la bottiglia)-

Giovanna: (col gesto del mento, come per dire: e va bene) Se ‘nsistiti… non servi pi cumannu, ma ju desideresserei ‘n cafè strittu strittu, ‘nazamai mi purtassi ma cafiata? Annunca u lassu! E tu Rosa, figghia sciatu, chi ti pigghi? Un panzarottu, eh?-

Mago: (sbalordito) Ma… ma che avete scambiato il mio studio per un bar? Signora, la prego, io sto perdendo la pazienza, mi dica per qual motivo siete venute qui, da me!-

Giovanna: Mizzica ch’è caudu, ‘na cristiana ‘n  po’strantisiri. Basta: Ju vinni ccà picchi mi ci mannò Mela Carusu, a merciera da via Prebiscitu. Mi dissi vai nto magu ca parra strolucu e prifissuri, Salvo Moschella, e ci cunti u fattu.-

Mago: (pazientemente) Parapsicologo, signora. Avanti mu cuntassi…-

Giovanna: Parracomuvichiamati.  A scusari, sugnu ‘nguranti. ( allarga le braccia) Allura vossia a sapiri ca me figghia ccà prisenti, figghia massara, conomica e cche manu d’oru, è stata, è stata … schifiata da ddu caiordu di Pippu Pelligra, gran malacarni, zaurdu e menzu zannu; ora me figghia è ‘ncinta, e iddu nun si la voli maritari. Vossia chi fa? Ci metti a bona parola oppuru ci facemu na fattura?-     

Mago: Bonu và! Senta signora, io non sono un fattucchiere, sono un parapsicologo, cartomante, chiramanti e chiaroveggente, ma non mavaru, ni capemu? Allora vediamo se posso aiutarvi a sbrogliare la matassa, ma non mi chiedete cose da donnicciole superstiziose. ( con aria misteriosa) Io sono un mago di scienze e coscienza. Allora, ricapitoliamo: Vostra figlia è stata deflorata…-

Giovanna: No, no deplorata, ma… schifiata (fa il gesto col braccio per significare coito) ‘nzumma capitimi! e appò l’ha lassata. Ju vogghiu giustizia!-

Mago: E allora vada dal magistrato e denunzi il detto Pippo Pelligra, o comu schifiu si chiama.- 

Giovanna: Bravu magu! E finisci a schufiu! Ma, a sapiri (ci ripensa) anzi aviss’a sapiri datusi ca è magu, ca ju e a me famigghia, da setti ginirazioni  ‘n avemu a cchi fari ca liggi. Vossia senti: ju vinni ccà ( si guarda attorno quasi schifata) nta stu… ( fa cenno con la mano come se non sa cosa sia quel luogo) cosu ccà, pricchi me cummari Mela, a mircera…-

Mago: … Ca sta a via Plebiscito, questo me l’ha già detto.-

Giovanna: U dissi? Va bene, repetita aggiuvat, allura mi dissi ca vossia è macari numinavintura…-

Mago: Signora, io sono un parapsicologo, e comu ci l’aia diri in turcu? Ma varda a chista, e cchi mi pigghiò p’a sunnambula? (accalorandosi)-

Giovanna: Turcu o abbissinu, vui siti troppu caudu. Inzumma chiddu ca siti siti. Siti magu, va beni? ‘Nunca, chiddu ca c’è scrittu ddassupra vali o nun vali? (accenna allo scritto sopra lo scrittoio)-

Mago: Quello? Ma certo, io aiuto anche negli affari di cuore…-

Giovanna: (anzandosi e prendendo per mano Rosa)… Jamuninni, a mattri, sbaghiammu porta. Chistu è dutturi di cuori.-

Mago: Signora, per cuore s’intende affari d’amore, sentimentali…-

Giovanna: (risedendosi) Ah, allura semu a postu! Signor magu, accuzzamu, mi facissi a fattura pri ddu mal’omu ca misi ‘ncinta sta me figghiuzza sciatu…-

Mago: (con finta bonomia) Signora, vi ho già detto, mi pare, che io non sono mavaru. Nto me misteri, niente fatture.-

Giovanna: E cchi m‘ ancucchia allura? Varda cchi cosi. (guarda meglio il cartello) nenti fatturi pe’ cosi di cori… annunca chi duna aiutu pe’ dinari? (col dito accenna al cartello) Priccasu  si truvassi ‘n ternu siccu?-

Mago: …(ironico) e comu u voli, macari supra a rota di Palemmu? Ma mi faccia il piacere. Signora, ora basta! Ho perso troppo tempo con lei. (poi calmandosi) Ma ‘nzumma cchi voli di mia?-

Giovanna: (risolta a Rosa) Rosa, u sintisti a chissu? Voli sapiri di mia pricchi vinni ccà, e iddu chi ci sta a fari? Chi razza di numinavinturi è? (Al mago) Basta, brevi, ca ma fari pi ssu gran beccu e cunsuntu, ca s’approfittò di sta povira anima nnuccenti.-

Mago: … Beh, se l’ha messa incinta…-

Giovanna: Nu mumentu: ‘ncinta finu a un certu puntu. ‘Nzumma me figghia nun è prena: E scema! (molla un buffetto alla figlia)-

Mago: Ma scusi, un momento fa ha detto che è incinta…-

Giovanna: ‘N mumentu fa era ‘numentu fa. Ora semu ora. Prifissuri, (disperandosi) prifissuri sta jatta morta a vo’ ristari ‘ncinta, ma nun fu! (poi con convinzione) Pricchì quannu i cosi s’ana fari, s’ana fari bboni, vossia cchi dici, ah? (poi facendo il segno con le dita che tutto fila liscio) Sverginata e prena: Accussì si fa, (battendosi il petto) comu fici ju ca bonamma! Accussì ddu gran infamiu s’ava maritari pi supecchiaria! Ora sta scemunita i cosi i fici a mità. Mu dici ora vossia, com’è ca  ddu vastasi s’a marita?-

Mago: Se l’ama, la sposa.-

Giovanna: Bravu Totò! E ddocu è u puntu: iddu nun s’a voli maritari… dici: non sogno statu il primu… cchi mi cuntati a mia… cchi mi vuliti mettiri u chiaccu… e sinni voli nesciri limmu limmu. Ora l’aviti capitu pricchi semu ccà? Vossia m’ha dari nu rimediu pi farici turnari u giudiziu: A fattura! -

Mago: Signora, la vede quella porta?-

Giovanna: A viru.-

Mago: Benissimo, ora matri e figghia livati li vostri natichi de’ seggi e vinni iti cche boni, annunca vi ni mannu a cauci nto panaru.-

Giovanna: Matri cchi cosi. Mara m’u dissi ca chistu era nu granni strolicu, ma bedda matri, ca fussi macari cajordu… Jamuninni Rosa, lassamu perdiri a stu para-sfissi-co culu ( scandendo dispettosa -se è il caso fare il soggetto della pernacchietta) nell’ignoranza so’. ( si alzano, e impettite escono) -         

Mago: (battendosi la mano in fronte) Mih, oggi cchi è a jurnata? ( va verso la porta e l’apre) Avanti un altro ( torna dietro il tavolo).

Intanto che aspetta il nuovo cliente, il mago cerca di far funzionare una penna stilografica, ma si sporca le mani. Se li asciuga alla meglio, quindi entrano due uomini sulla cinquantina. Uno è grasso, l’altro è magro e basso. Quello grasso veste da contadino, e porta in mano un sacchetto di plastica, mentre il magro è vestito da cittadino, ma con vestiti vecchi, lisi e sgualciti. Sono rispettivamente Vitu Samperi e Janu Ciulla.

Janu: Buon giorno prifissure… ( tende la mano) -

Vitu: (inchinandosi goffamente, si toglie la coppola) Sabbenedica.-

Mago: (guardandosi le mani sporche) Scusate signori, ma…-

Janu: S’alluddau i manu? Co ‘nchistru?-

Mago: No, co sugo de sicci.-

Janu: Prifissuri, nuatri avevumu u nummiru, ma ddra cusazza tinta di prima, senza pigghiari u so’ nummuru,  vosi passari pri prima, ca priputenza e malandrineria. Mi dissi: ju vinni prima e trasu prima. Ammatula ju ci fici vidiri u me nummuru.-

Mago: Lo so, lo so, me ne sono accorto. Ma, sono cose che capitano, specie fra gente ignorante. Passateci supra, pi faureddu. Adesso, vogliate scusarmi, ma non ci so stare che mani lorde, se ci primmittiti, vado un attimo ddabbanna e me li lavo. Scusate. (esce a sinistra)-

Janu: Ma cchi dici: scusari. Vossia e u me patruni, facissi co comudu.-

Mago: Du minuti e tornu.-

Esce. I due si siedono e guardano attorno.

Vitu: Janu, ma si sicuru ca chissu è a prissuna giusta? (guardandosi attorno, soprattutto i cartelli, quindi posa il sacchetto accanto a lui)-

Janu: Ca certu, e cchi ci sunu dubbi! E’ famusu in tutta a cità comu parapsiculucu.-

Vitu: Chi parra ss siculu?-

Janu: No milanisi.-

Vitu:  Daveru?  Varda cchi cosi.-

Janu: (guardandolo schifato) Ora m’ha diri se cu tia ‘n cristianu nun s’affruntari… (facendosi cadere le braccia) gnuranti! (poi tornando saputello) Babbu, paraps… parapissico… ‘nzumma, parapsicomumalanovasichiama significa chiddu ca c’è scrittu ddà. Varda chi popo’ di cosi (mostra i manifesti). Sapissi quanti facenni a spurugghiatu.-

Vitu: Ma cchi è forse nu spurugghiafacenni?-

Janu: Si ca uora ti purtavu nta ‘n spurugghiafacenni qualsiasi e qualunque. Chisto è nu veru magu psicopatico di prima catiguria, è ‘nduvinu, e ti fa puru i carti. A cchi ti cridevi?-

Vitu: ‘Nbari Janu, ju ‘n sacciu nenti. Ju vinni nti tia pi farimi cunsighari. Tu si’ ‘ntilligenti e ju sugnu nte to manu.-

Janu: E ju t’aiu sirvutu. Vituzzu, capitasti bunu, megghiu di accussì. (allarga le braccia come per dire: guarda i cartelli appesi) Varda, varda chi c’è scrittu nta ddu cartilluni: “Unisce amori impossibili”.-

Vitu: E cchiù impossibile d’o me? Chidda appena mi vidi cangia strata.-

Janu: E nuatri ccà semu pricchissu. Senti, intantu ca semu a discussu, varda ca ccà a stari attento a comu parri.-

Vitu: Janu, iu sugnu gnuranti, ma non malarucatu. A Rucazioni m’anzignanu bbona, a cchi ti cridi.-

Janu: Pri chissu nun ci aiu dubbi. E pa to babbasunaggini ca mi scantu. Pri esempiu: Se pri casu u magu quannu tu ci parri ti dici: “Dica, sono tutt’orecchi” nun voli diri ca è ricchiuni, u capisti?-

Vitu: Sissi.-

Janu: Mutu, arriva.-

Rientra il mago.

Mago: Eccomi qua. Allora ditemi, sono tutto orecchi, a cosa debbo questa visita?-

Janu: ( fa cenno come per dire visto? Cosa ti dicevo) Priffettu! Eccu prifissuri, l’amicu me, nunchè me cumpari di birritta, qui presente, ca veni do paisi, avi na cusuzza da sistimari.-

Mago: E ju ccà sugnu a disposizioni. Ditemi.-

Vitu: Ju vulissi sapiri…-

Janu: Vitu, lassa parrari a mia ca sugnu citatinu. Dunchi, prufissuri, l’amicu cca prisenti avessi bisognu di vossia p’accausa di ‘na “pedigri” di ‘na “bebichiù” ( fa cenno alle curve di una donna, poi con aria saputa) osia di na “sguattrinella”. Mi spiegai?

Mago: ( che l’aveva ascoltato con aria perplessa, poi riprendendosi) Un pedigree?

Janu: (annuendo vistosamente e guardando Vitu, come per dire: Visto?) Sissignori.-

Mago: Beni, u viterinariu è nta porta accantu. P’o  vuliti nu “bebichiù”?-

Janu: (sospettoso) Si è possibili…-

Magu: Beni, cca’ sutta c’è un ferramenta. Pi quantu riguarda la “ sguattrinella”,

a casa d’appuntamenti è all’ultimu pianu. (chinandosi su Janu) S’appoi a vulissi finiri di provare a parlari -forbito, (poi piano) osia di parrari ammatula, pi farivi beddu cu l’amicu vostru… (poi con voce normale) vi pregherei di espormi in parole povere, di che si tratta.-

Janu: (prima allibito, poi sconsolato, sospirando, emette un lieve fischio liberatorio, poi riprende con tono umile) Mizzica, ha vistu Vitu? U magu capì tuttu a volu! (poi al mago)  e chi? pi nenti siti un gran magone. (poi con aria confidenziale) Vossia senta, Prifissuri, u fattu è ca l’amicu me si vulissi maritari e avi difficultà , nzumma nun ci la fa a truvari…-

Mago: … l’agenzia matrimoniale è al secondo piano.-

Vitu: (piano) Janu ma tu cchi stai ‘ncucchiannu?-

Janu: Mutu. (fa il gesto come dire: lascia fare a me, poi al mago) Certu, vossia accamora sta pinzannu ca semu mezzi scemi…-

Mago: Veramenti pinzavu:  tutti scemi. E cchi è a jurnata?-

Vitu: ( a Janu, piano) Parraci di dda carusa.-

Janu: Mutu, ora ci u dicu, ju saccio chiddu chi s’a fari. (al mago) A vossia ci piaci sghizzari…  U fatto è ca l’amicu me qui prisenti, avi na carusa sutt’occhiu, ma chidda: nisba, nun ni voli sapiri di iddu. Ora, sapennu quannu vossia è bravu nte quistioni di cuori (indica il cartello) Ecco, si lu vulissi aiutati, magari pocu pocu…-

Mago: Ah, ora incuminciati a parrari chiaru. Ni capemu. (tirando un sospiro di sollievo) Benissimo, parratimi di sta carusa. E’ bedda? Avi dinari? Proprietà? E’ giovani. Insomma ditemi tutto.-

Vitu: Veramenti vossia n’aviss’a diri tuttu.-

Janu: Vitu, mutu. Cca parru sulu ju, ca sugnu citatinu, ti dissi. Allura prufissuri, chi po fari  stu puvurazzu?-

Mago: Pri prima cosa facitici fari nu bagnu  ca sta puzzannu comu nu beccu.-

Vitu: Minchia chi potenza, Janu, due paroli e chistu capì subbutu ca sugnu picuraru e staiu ammenzu ‘e corna. Prifissuri, siti ‘n cannuni. (tutto contento)-

Mago: (drizzando le orecchie e prendendo la palla di vetro) Ma bravu. Infatti, qui la sfera dice corna ad abbunnatiam.-

Janu: Semu già ‘e corna? Senza ancora farisi zitu? Minchia cchi putenza di magu. Prifissuri, tantu pi sapillo, ma cu cui ci metti li corna? ( cercando una confidenza, accenna a Vito, facendo le corna)-

Mago: (prendendo lo spunto al volo) Certo, le corna, le sue corna…. Ma questo ancora non mi è chiaro, però non passerà uno, due, giorni che la sfera lo svelerà. Avete portato qualche oggetto personale della ragazza?-

Janu: Chi purtasti do paisi Vitu?-

Vitu: Purtai na caciotta, ‘n cucciddatu e nu littru di vinu da me vigna.-(mostra il sacchetto)-

Mago: Date qua. (prende il sacchetto e lo posa per terra, dietro la scrivania) Grazie. Torniamo a noi: No, volevo dire, altre a questo, avite qualchi cosa ca appartiene a carusa? Chissacciu: ‘n fazzulettu, quattru pila di capiddi, na pittinissa…-

Janu: U sintisti? Chi c’ hai?-

Vitu: Aiu tri tri e na napulitana a coppi. A c’aiu aviri? Si chidda nun si fa mancu avvicinari, fiurativi se si fa tuccari.-

Mago: Proviamo con altri indizi: descrivetela.-

Vitu: (confuso) Veramenti nun sacciu scriviri bbonu…-

Janu: Gnuranti! Iddu voli diri descrivila, inzumma com’è sta carusa, è bbona?-

Vitu: Minchia si nun è bbona: Avi na sfasciatura…-

Mago: Chi cosa c’havi?-

Janu: Nenti prifissuri me cumpari vuleva diri ca avi (fa cenno ai fianchi) glu… i glu… i glucosii… insomma ‘n paru di narichi (accenna all’abbondanza) accussì. Giustu Vitu?-

Vitu: Giustissimu. Poi avi na latteria…-

Mago: Fa la lattaia?-

Janu: Prifissuri (accenna al petto) pi me cumpari ‘n paru di minni accussì, su’ latteria.-

Mago: Ecco, quello che dite è abbondante come volume, (accenna alle curve) ossia giunoniche forme, ma troppo poco come indizi… ci vuole di più… bisogna trovare un escamotage. Lasciatemi pensare. (si concentra, quindi cammina su e giù per la stanza).-

Vitu: Janu, chi vo’ diri stu scatulaggiu?-

Janu:  Sceccu, dissi la quali, picchì ‘ncamutaggiu, pri diri, chissacciu, pri esempio: ‘ngranaggiu, ossia ‘mbroggiu. U capisti?-                                                                         Vitu: Nonzi.-                                                                                                                              Janu: U sapevu. Dunchi, a st’ebbrica i prissuni struiti, pi mutivi strateggici, cangiunu u nnumu a tuttu. Ju ni sacciu qualchicosa. Pi esempiu: u barberi ora si chiama “cu ffu’”, u casinu “fast futt”, ca significa futti veloci, appoi: i scarpi sho …sho…-                                                             

Vitu: … jaddini…-                                                                                                                                Janu: Chi fai u spiritusu pri casu? Unu t’istruisci e tu fissii.-

Mago: (tornando dietro il tavolo) Sentite ditemi almeno come si chiama questa ragazza, quand’è nata, dove ecc.-

Vitu: Chistu u sacciu: Si chiama Impellizzeri, Impellizzeri Santina, nata a Licoddia jornu 13 di frivaru nto 1980.-

Magu: Bedda stagiunata è. ( ci concentra, prende la sfera, avvicina i tarocchi, guarda nel planetari, consulta un astrolabio) Vediamo un po’… vediamo… ecco…ecco…si…si (Vitu e Janu allungano il collo verso il tavolo del mago speranzosi) … no…no (i due s’allontanano delusi) …si…si… (c.s.) no ... no… (c.s.) No, purtroppo c’è una negatività. Forse una persona ostile.–

Vitu: E cchi cosa è stu stili?-

Janu; Sceccu! Ostile, voli diri ca ci avi ‘n’osteria. A cu canusci tu ca fa u putiaru?-

Vitu: (pensieroso) Ci fussi… Turi u sciancatu…-   

Mago: Signori, signori, personatemi, ma io per ostile, intendevo dire che c’è una persona che impedisce il riconoscimento.-

Janu: (a Vitu) U capisti? Voli diri ca ci hai ‘n curnutu e sbirru nto cuddaru.-

Vitu: Nu sarà ddu zaurdu e beccu di Cola Vizzini, u fumiraru?-

Mago: No, così non si va avanti. ( a Vitu) Allora, ci regoletemo con i segni del cielo, cioè opereremo il confronto dei segni zodacali, datemi la vostre ( prende una scheda) le vostre generalità. (pronto a scrivere) Allora?-

Vitu: (resta imbambolato) Mah…-

Janu: (intervenendo dandogli una gomitata) Daccilli, Vitu...-

Vitu: ( come se si svegliasse ora) Ah? Ju? Chi ci aia dari?-

Janu: ( a mezza bocca) I giniralità.-

Vitu: (confuso) Chi dicisti? chi voli diri? Ca voli nu ginirali di età? E unni lu pigghiu?-

Janu: (sempre soprappensiero) E chi ni sacciu ju…-  

Mago: (intervenendo paternamente) Scusate il parlare burocratico…-

Janu: ( sempre assente, tanto per intervenire) Vitu chi è ssu burru graticu?  Nu novu tipu di burru? Diccillu al prifissuri.-

Vitu: ( Confuso) Sissignuri, fazzu u burru di pecura, sissì, ma mai gratis.-

Mago: Ma no signori, che fate i buontemponi? No, che burro, volevo dire: Lassatimi nomu, cognomu e indirizzu.-

Vitu: ( meravigliato) U me?-

Mago: (sottovoce) No, di me nanna. (poi a Vitu) Il vostro, certamente.-

Vitu: (prendendo il portafoglio e cercando in esso) Aviss’aviri ccà.-

Janu: Chiccosa?-

Vitu: Chiddu ca mi dissi u prifissuri… u nomu…  (prende la carta d’identità)-

Janu: E pi darici u to nomu u cerchi nta carta d’identità. Avaja cchi cumparsi mi fai fari.-

Vitu: (riflettendo, e facendo le mosse di posare il portafogli) Mih. Veru è! Mi cassariai.-

Mago: ( vedendo il portafogli pieno zeppo di banconote e fermando a Vitu il gesto di posare il portafogli) Soprassieda, aspetti, ci servirà. (ha un gesto ispirato, socchiudendo gli occhi) -

Vitu: ( a Janu) U vidisti? Na ma sittari prima supra, poi servi.-

Janu: (guardando il gonfiore del portafogli) Ju strasentu, ma tu si suddu attunnu: dissi ca u to portafoghi servirà e ju sugnu d’accordu. Avanti dacci u nomu.-

Vitu: (concentrandosi) E va beni, tutti avemu qualchi difettu, no? (poi al mago che era distratto, pensieroso, come se gli frullassero delle idee) Prifissuri… prifissuri (fa un cenno davanti agli occhi, il quale torna in se)  Allura prifissureddu mi chiamu Samperi Vitu, natu a Licuddia, nto 1960 a frivaru, jornu 13, all’una di notti.-

Mago: (prendendo appunti) L’indirizzo?-

Vitu: (sempre riflettendo) Unni mascii? Nun m’o rivordu.-

Janu: Vitu, pri carità, arruspigghiti. T’addumannau unni stai ora. –

Vitu: Ora Ju staiu nta mannira.-

Mago: (sbuffando) Comu nta mannira? Avaja, e cchi è così difficile avere u vostru indirizzo? un indirizzo in cui trovarvi.-

Janu: Vitu, tu, p’o municipiu, unni stai?-

Vitu: E parrati chiaru: Unni staiu p’o municipiu? Via dei Carciofi, ca se vossia nun u sapi, significa via de’ cacocciuli, nummuru 47.-

Mago: Dove?-

Vitu: A me casa.-

Janu: ( strattonandolo per un braccio) Unni stai Vitu, nta quali paisi.-

Vitu: Ah, staiu a Licuddia, provincia di Catania, Sicilia, Italia…-

Janu: … Europa, e mitticcilla intantu ca ci si.-

Mago: ( a Vitu, guardando il soffitto, come se lì ci fosse scritto l’oracolo)  Sentite buon uomo… voi avete bisogno di una donna? E’ vero o non è vero! Perentorio)-

Vitu: (preso alla sprovvista) Veru è.-

 Mago : E voi vi volete sposare? E’ vero o non è vero!

Vito: Veru è.-

Mago: E voi vorreste trovare una donna che fa per voi? E’ vero o non è vero!-

Vitu: Veru è.-

Mago: E allora, lasciate fare a me, che vi aggiusto tutto.-

Vitu: Sugnu nte vostri manu.-

Mago: ( fregandosi le mani) Benissimo. Ora passiamo a un argomento più prosaico…( cerca le parole per chiedere i quattrini e intanto esamina la scheda)-

Vitu: (piano a Janu) Cchi dissi?-

Janu: (c.s.) Chissacciu, forsi si voli diri u rusariu…-

Vitu: (c.s.) E cchi è parrinaru? -

Mago: … (esamina la scheda) ecco, eeee, eè , bene. Ora, se non vi dispiace, signor Samperi, dovrebbe lasciarmi … un congruo acconto.-

Vitu: (sconvolto) Janu, chi voli chissu?-

Janu: Voli un congo… p’accuntu… mah, chissacciu, ‘n a’ntisi bbonu.-

Mago: Un anticipo. Diciamo: mille…-

Janu: Ah, eccu chi voli diri (tra se, poi fa cenno con le dita al denaro)… picciuli.

Vitu: … milli… liri?-

Mago: No, euro!-    

Vitu: (piano) A facci tò! (intanto, riluttante, prende il portafoglio)-

Janu: E dai, nun ti fari accanusciri… dagli un congo anticipu e statti mutu.-

Vitu: Mih, ma sunu milli, dicu: mlli euri. Ju pi buscarli aju a mungiri tricentu pecuri …-

Janu: Bum! Ti voi maritari? E ssa pavari. Avanti và, nun fari u pricchiu, e ti dissi già: nun ti fari accanusciri…-

Vitu: (prendendo i biglietti da cento, a uno ad uno, lisciandoli per poi posarli sul tavolo) Centu, duecentu, tricentu…-

Mago: (prendendoli voracemente) Forza, forza, che ce la fai…-

Janu: ( guardando i biglietti malinconicamente, come se contasse a mente, poi tra se) Minchia, è chinu di picciuli. ( il mago con capo conferma)-

Vitu: (finendo dei contare) Eccu qua. Siti cuntentu?-

Mago: (intascando i quattrini) Contentissimo- per ora... Ecco tutto è perfetto. Ora potete andare, mi farò sentire io.-

Vitu: (alzandosi) Quannu?-

Mago: Non appena avrò buone notizie da darvi.-

Vitu: Pozzu stari tranquillu?-

Mago: Tranquillo, tranquillo. Per di qua, signori. (indica la porta)-

Vitu: Grazie assai. Aspetto ansimanti vostri notizie.-

Mago: Ansimate pure… Certo le avrete, statene certo! (sguardo torvo, da grifone sulla preda)-

Vitu: Sabbenedica (calza la coppola ed esce)-

Janu: Vitu, passa avanti ca c’aia diri na palora o prifissuri.-

Vitu: T’aspettu dda fora. (esce)-

Janu: Grazi assai. (poi al mago) Prifissuri, vossia nun dissi ca l’agenzia matrimoniali era cchiù supra?-

Mago: E allora?-

Janu: E allora i cosi sunu dui: o vossia è  para-ninfu abbusivu, oppuru…-

Mago: … oppuru?-

Janu: … nu para-culu  ‘mbrugghiuni.-

Mago: Come si permette?-

Janu: Vaia signor prifissuri, chiddu  è in foja, cerca na fimmina (indica la porta da dove è uscito Vitu) ed è chinu di picciuli, ‘nzumma, è prontu pi essiri mungiuto come na pecura. E nun è che u vilissi mungiri sulu vossia?-

Mago: Ma, ma che cosa asserisce.-

Janu: Ah, ora parra difficili e nun voli capiri? Vuol dire ca mi portu l’amicu nta n’autru magu cchiu raginevoli. Sabbenedica. ( fa per uscire)-

Mago: Un momento, prego. Certo, a volte bisogna capire… ecco… sarebbe una prestazione straordinaria, molto complicata e cara… Ma insomma cosa vorreste per voi?-

Janu: Se u maccu quagghia, m’aviss’a tuccari a sansalia. Giustu?-

Mago: (riflettendo) Possiamo accordarci. Però dovete collaborare anche voi.-

Janu: E comu?-             

Mago: L’idea che mi è venuta pocanzi è questa… (prende Janu sottobraccio e passeggiano per il palco mimando il dialogo. Comunque si dovrà capire che il Mago sta dando istruzioni a Janu circa una persona da rintracciare e da portare nello studio. Un minuto, possibilmente con musica adatta.

Mago: Siamo d’accordo, allora?-

Janu: Si, però senza truffe pi me cumpari, e pi mia sulu a consulenza per l’affari… Vitu è un amicu.-

Mago: A quali truffa, tutto regolare, re-go-la-re. Appoi  vui siti n’amicu pi iddu. (fa il gesto con col braccio, come a dire: bell’amico, intanto tra se) A facci di l’amicizia-

Janu: Amicu o nun amicu, su affariceddi mei. ‘Ntantu vossia nun s’a scurdari a me pircintuali nta l’affari : quantu? ( con le dita accenna ai denari)-

Mago: Dieci pi centu.-

Janu: Vinti pi centu.-

Magu: Chinnici pi centu e nun si ni parra cchiù.

Janu: Chinnici, va beni: Ccà a manu. (si stringono le mani)-

Magu: E ora datevi da fari…

Janu: … Subbutu sociu…

Mago… ci vediamo nel pomeriggio…-

Janu: …Senz’altro, sociu …-

Mago: …Bravo …-

Janu: … si sociu, pirò prima l’anticipu da me priccentuali.-

Mago: Subbitu?-

Janu: Prima di subbutu, sociu.-

Mago: (contrariato) Ecco a voi, uomo senza fiducia. (prende un biglietto da cento e lo dà a Janu)-

Janu:  Santu Fiducia morsi. (soppesandolo)  Sociu, ci manca qualchi cosa.-

Magu: (frugando nelle sue tasche, infine trova un biglietto da cinquanta e lo dà a Janu) Ecco qua, uomo diffidente.-

Janu: Cu si vardò si salvò. Grazi assai, sociu-

Mago: E basta cu stu sociu. ‘Nzumma ju sugnu un professionista.- 

Janu: E macaru ju.-

Mago: In che campo?-

Janu: In campu di cambiu e scambiu.-

Mago: Siete cambiavalute?-

Janu: Beh, nel campo, nel campo.-

Mago: Si? E comunque agnuno al proprio posto.-

Janu: Nenti sociu? Va beni, vuliti accussì? e accussì facemu. Salutamu.(esce)-

Magu: ( tra se) E cacciamu! Scanzatini ( si strofina le mani nei pantaloni, poi prende i biglietti da cento, li conta, li riconta e, in estasi, poi li intasca). Avanti un altro!-

Sipario.

                                                           Atto  II

Stessa scenografia dell’atto precedente. In scena c’è il mago che, come al solito, conta l’incasso della giornata.

Mago: E anche oggi non c’è male. Bella giornata… -

Si ode bussare.

Mago: Avanti!-

Entra Janu Ciulla.

Vitu: Buongiornu prifissuri. Puntuali comu nu ralogiu.-

Mago: Buongiorno a voi. Allora, tutto a posto?-

Janu: Tuttu a postu. Tra, diciamo… (guarda l’orologio)  a mumenti sunu ccà.-

Mago: E’ stato difficile rintracciale?-

Janu: A parti u fattu ca mi fici tutta a via Prebiscitu a peri pi truvari ssa mirciera, appoi tuttu fu facili. Appena a truvai ci addumannai di donna Giuvanna, si sapeva unni stava. Idda fici ‘n pocu di mussu stortu: “E picchì u voli sapiri, e vui cu siti, e cchi vuliti di dda cristiana, ecc”. Quannu ci dissi ca vinevo a nomu vostru, cangiò rigistro: fu tutta zuccuru e meli. Inzumma mi desi l’indirizzu. Ahu prifissuri, chidda sta vicino ‘o tunniceddu da plaia, tantu pi sapirini quartiari.-

Mago: Poco importa dove abita, l’importante che l’abbiate trovata e che ha detto che verrà.-

Janu: Apprima mi pigghiò a mali palori, appoi si fici priari…-

Mago: (ansioso) Ma veni?-

Janu: Veni, veni. Prifissuri, ma sta carusa, sta Rosa, com’è?-

Mago: E com’a essiri? Na carusa comu tutti l’autri.-

Janu: No, vulevo sapiri: chiffà ci la voli ‘mpuniri a Vitu senza garanzie?

Mago: Ah, chi ci iti a circari…Vito Samperi cerca una moglie? Bene, Rosa è la ragazza giusta. Puntu.-

Janu: Scusati se ‘nsistu: Ma è cosa pi l’amicu me, oppuru no?-

Mago: Dipendi di cchi cosa iti circannu.-

Janu: (facendosi serio) La moralità pri prima cosa!-

Magu: Avaja, ora parrati comu ‘n’omu di l’ottucentu.-

Janu: U capii: E’ ca prova!-

Mago: Ca prova, senza prova ‘n voli diri nenti, l’importanti ca è bidduzza e massara – almenu so matri dissi accussì.-

Janu: (poco convinto) Spiramu a Diu.-

Mago: Piuttosto avete raccomandato a Samperi di darsi una buona strigliata con acqua sapone e spazzola?-

Janu: Già fattu.-

Mago: Speriamo bene, perché se puzza come stamattina…-

Janu: Nonzi, stavota si sgrasciu bbonu. Tranquillu prifissuri.- 

Si ode bussare.

Mago: Saranno loro, vi dispiaci se ci aprite a porta e i li faciti  strasiri ccà?-

Janu: Servo vostru. (esce)-

Poco dopo rientra e presente le nuove arrivate.

Janu: Prifissuri, ci sunu ccà a signura Giuvanna e so figghia Rosa.-

Mago: Fate passare.-

Entrano Giovanna e Rosa. Giovanna vestita in modo quasi giovanile, mentre Rosa veste più dimessamente. Janu si terrà in disparte-

Giovanna: Sabbenedica prifissuri.-

Mago: Buongiorno a voi. (giulivo) Oh, ma che brave, accomodatevi. Sedetevi qua. (le fa sedere a destra della scrivania)-

Giovanna: ( ancora sulle sue, perché teme di sbilanciarsi) Grazi assai (poi a bassa voce a Rosa) Videmu unni và a parari...-

 Mago: (Passeggiando per la scena) Signora Giovanna, quando siete venute da me,stamani, forse non mi immedesimai molto nel vostro particolare caso (accenna alla figlia). Ma, certi significativi avvenimenti accaduti nel corso della giornata, mi hanno fatto ricredere circa l’aiuto che vi potevo dare.-

Giovanna: (speranzosa) Chiffà? Mi fa a fattura pi ddu scelleratu?-

Mago: (sorridente) Ma no signora, farò di meglio, almeno lo spero.-

Giovanna: ( delusa) E videmu chi ci nesci.-

Mago: Signora, lei vuole sistemare sua figlia. E’ vero o non è vero?-

Giovanna: Veru è.-

Mago: E quell’individuo che lei sa non ne vuole sapere. Vero o non è vero?-

Giovanna: Veru è. Ddu cosa tintu di nascita e di criscita.-

Mago: E, si capitassi qualchi buonu partitu, lei ci lu dassi a so figghia?-

Giovanna: Ca certu. Se è nu bonu picciutteddu.-

Mago: E se non è tantu picciottu, ma nu poco stagionatu, ci a dassi?-

Giovanna: Ca certu. Se è travagghiaturi.-

Mago: (sospirando di sollievo e ammiccando a Janu) E allura, cara signora, ci voghiu dari na bona notizia: Avenu suttamanu la prissuna giusta.-

Giovanna: Veru è?  Ma vui siti un santu no un magu. Fativi vasari i manu (si sta per alzare per eseguire, ma il mago la blocca)-

Mago: Fremma, fremma, cchi fa? Nenti ringraziamenti… però, siccome ci sarebbero delle spesucce… ecco… dovreste onorare, come dire, ecco: la sensalia.-

Giovanna: E chi, addivintasturu sansali?-

Mago: No, ma il gesto è identico, sto facendo da intermediario, per cui…-

Janu: (intervenendo, rivolto al mago) Macari d’a sensalia sinni po parrari dopu, chi dici vossia?-        

Mago: (deluso) E’ una buona idea. (poi a bassa voce a Janu) E facitivi gli affariceddi vostri.-

Janu: ( sempre a bassa voce) Avemu cosi cchiù ‘mpurtanti suttamanu, no?-

Mago: Va beni, soprassediamo.-

Si ode suonare alla porta

Mago: (a Janu) Ci pensate voi? (accenna alla porta)-

Janu: Vado. ( esegue, esce)-

 

Entra Janu con una faccia allibita. Lo segue Vitu, vestito con un abito scuro, camicia bianca, cravatta nera, occhiali scuri, sembra uno jettatore.

Janu: C’è ccà, ci fussi, ci sarebbi, sta specia di… cuccureddu, osia babbagiuanni. (faccia schifata, il mago gli fa cenni disperati di smettere di parlare)-

Vitu:  Sabbenedica prifissuri, mi ha convogliato?-

Mago: Oh, signor Samperi, che piacere, s’accomodi. Conosce i presenti?-

Vitu: Conoscio sulo a me cumpari Janu. A queste signore non le ho mai conosciuto in vita mia. Giuro!-

Mago: Che simpatico, vero? (rivolto alle due donne)-

Giovanna: ( squadrando Vitu dal basso verso l’alto e viceversa) E cchi senti diri stu vorricamorti?-

Mago: Ma no, lui scherza. E’ un tipo spiritoso. Si è vestito in questo modo per farci ridere un poco. (poi a Vito, piano) E livativi almenu sti occhiali… sganciativi a cravatta, aprite un po’ la camicia. (Mentre lo dice lo aiuta a fare) Ecco, vedete? Ora è il gran simpaticone che vi dicevo. Accomodatevi pure qui (gli offre la sedia a destra della scrivania, Vito, imbambolato esegue). Ecco fatto. E ora, signora le presento don Vito Samperi, allevatore, coltivatore diretto e proprietario terriero.-

Giovanna: (drizzando le orecchie. Rosa è sempre zitta e amorfa) Piaceri, Calì Giovanna, fu Petru, riverisco. ( sta per fare un inchino trattenuta dal mago)-

Vitu: (Si alza e va a fare un inchino alle donne) Sogno troppu anuratu, signuruzza bedda.-

Mago: (piano a Vitu) Varda ca la futura sposa è a carusa.-

Vitu: Ah, si? (deluso) Mi pareva idda… (indica Giovanna)-

Janu: Mizzicaredda, sbafarua ancora prima d’accuminciari.-

Giovanna: (facendo la timida) Chi siti garlanti, tuttu gentilomu, senza scoccia. (Vitu va in sollucchero)-

Mago: ( a Vitu) Allora, che ne dice questa bella signorina qua? Che gliene sembra? (poi a Rosa) e a lei che gliene pare di quest’omone?  (fa alzare Vito e lo mostra come se fosse un animale da fiera) Guardi è un torello, che muscoli, che denti, che portamento,(rivolto a Giovanna, piano)  e non avete visto ancora il portafoglio.-

Giovanna: Ma ‘n’aiu capitu chi robba è?-

Mago: Come le ho gia detto è un allevatore…-

Janu: Avi tricentu pecuri, cinquanta jaddini, quattru papiri e ‘n maialeddu.-

Vitu: E chinnici cunigghi. (timidamente).-

Mago: E chisti sunu nenti: Avi u portafogghiu a mantici (con aria di complicità)-

Giovanna: Accussì stanu i cosi? E allura chi aspittamu. Rosa, anzati e saluta il signore allevatore.-

Rosa: Salutamu…-

Mago: … e cacciamu. Signorina, più trasporto. In fondo è un bell’uomo, ricco lavoratore, buono come il pane, cosa desidera di più?-

Rosa: Vogghiu a Pippu!-

Giovanna: A du malacarni? Ti lu po’ scurdari! Megghiu morta!-

Rosa: Mi marita!-

Giovanna: Cchi cosa? Ma si ‘n sensi?-

Rosa: Sugnu in sensi e mi voli maritari.-

Mago: ( che vede svanire l’affare) Ma signorina, se siete venute qui per la fattura?-

Rosa: Se me matri mi duna a casa iddu mi marita.-

Janu: A eccu l’inghippu!-

Giovanna: A casa? e quali casa?-

Rosa: A to.-

Giovanna: A me casa? A casa unni stamu?  a casa ca mi lassò to patri bonamma, prima di schiattari sparatu?-

Rosa: Accussì mi dissi iddu.-

Giovanna: E iddu si la po’  luvari d’o pinzero. A me debba casa… e ju? Ju unni minni vaju sutta l’archi da marina?-

Vitu: Se ci primmittiti? Pozzu pipitiari? Vulissi diri na cosa.-

Giovanna: Vui, senza offisa, nun c’intrati.-

Vitu: E inveci ci trasu, eccomi. Anzi ci vulissi trasiri… ‘nzumma vogghiu farivi na proposta.-

Giovanna ( guardando gli altri per sapere cosa deve fare) Ma cchi proposta, cchi sintiti diri? –

Mago: E sentimolo…-

Janu: (preoccupato) Accura, Vitu.-

Vitu: (facendo segno a Janu di non preoccuparsi) Vogghiu  e sentu diri ca se ristati senza casa, ju vi ni pozzu fari aviri n’autra. Eccu!-

Mago: Ma cche simpatico. E come sarebbe? ( il mago e Janu fanno la controscena)-

Janu: Bedda Mattri videmu cchi cummina…(si mette le mani nei capelli)-

Vitu: Signora Giuvanna, sentu diri… sarebbi comu diri. (indica Giovanna, poi   repentinamente la interroga) Siti viduva, veru?-

Giovanna: ( a bocca aperta sbalordita) Veru?-

Vitu: E vuliti maritari vostra figghia, veru?-

Giovanna: Veru… comu tutti i mattri di stu munnu.-

Vitu: E se capita na cunghiuntura macari a vui ‘n’a rifiutati. E’ veru?-

Giovanna: (in imbarazzo) Veru. Anzi, vaja… ‘n mi faciti affruntari… ‘nzumma … p’accamora viramenti… nun ci pinzai ( si aggiusta i capelli)-

Vitu: E pinzatici ora: Mi vuliti pi maritu?-

Giovanna: ( sorpresa, agli altri) Ci aia rispunniri ora?-

Mago: Se volete…-

Janu: Ma vidi a chistu…-

Giovanna: Beh, u sapiti chi vi dicu: Ju mi sistemu, mi pigghiu a stu scristianu. E tu Rosa marititi a Pippu e a casa è da to.-

Rosa: (balzando in piedi e uscendo precipitosamente) Pippu, Pippu, aomà dissi si.-

Mago: E cchi era dda fora?-

Janu: ( Andando a sbirciare) Già, dda era.

Mago: OK, e comu si dici, è beni chiddu ca fiunisci beni. Nu matrimoniu s’ava cumminari e nu matrimonio si cumminò.  Auguri a tutti e p’a sensalia…-

Giovanna: Nu mumentu, prifissuri, (guarda Vitu) e a casa?-

Mago; Già a casa. Signor Samperi come vorreste fare?-

Vitu: Semplici: Se ni maritamu ninni jenu a stari o paisi, in via de cacocculi, nta me casa, ca mi lassau me patri bonanima: ottu stanzi, due bagni, due tirrazzi panoramiche, tri garaci, e a cantina p’o vinu, p’o prusciuttu, p’o frummaggiu , l’ogghiu, i puma  gilati cola e i mazzi di pira spineddi.-

Mago: Signora, che ne dice?-

Giovanna: Beh, iu sugnu abituata a stari in città. Ma trattannisi di matrimoniu, cu na prissuna pussidenti … chissacciu, … c’appoi  la gran casa d’o paisi - e tuttu ‘su beni di Diu - po’ darisi ca l’aria m’aggiuva… videmu…-

Mago: (piano) Ci aggiuva, ci aggiuva… (guardando Janu che fa controscena)-

Vitu: Pozzu spirari?-

Giovanna: Ca certu… anzi, sapiti cchi vidicu? (come se annunciasse l’ingresso del re) Signore e signori, m’u maritu!-

Vitu: Bedda, vita, sciatuzzu… cunsulata…-

Giovanna; …no, Giuvanna…-

Janu: Ci manca u vasuneddu…-

Giovanna: Avja, nun curremu… (con pudore)-

Mago: Ecco che tutto s’aggiusta. E, a quando le nozze?-

Vitu: Pri mia macari dumani.-

Giovanna: (timidamente) E macari pri mia.-

Janu: Allura ama pinzari, p’aneddi; vuliti ca ci penzu ju?-
Mago: (che intravvede una possibilità di fare un altro affare) Aspettate, se ci primmittiti, ju, dabbanna, in cassaforti avrei qualcosa da mostrarvi . Aneddi e… tant’ altro. Aspettate solo un minuto e sono da voi. (Esce a sinistra)-

Janu: (a Vitu) Nun sarà macari ‘n’usuvaiu struzzinu?-

Vitu: Mah, chissacciu.-

Janu: (sottovoce) A mia a cosa mi fa fetu... mattri cchi puzza, mattri cchi puzza! (quindi riflettendo e poi annuendo; quindi, quasi ispirato come colui che si rimette all’opera, ringalluzzisce; poi, con un vistoso cambio di personalità, come chi ha trovato la soluzione ad un problema) Senti Vitu, tu i soldi unni i teni?-

Vitu: A banca, pricchì?-

Janu: (infervorato) E senti, u librettu di l’assegni ci ‘hai cu tia?-

Vitu: Sissi.-

Janu: Benissimo, allura ascutami: Scinni ccà sutta, nta banca all’angulu, e prileva in cuntanti decimila euri e ti li fai mettiri nta dui beddi buste. Poi passa da me casa e ci dici a me muggheri ca m’aggiuva a me valigetta ca c’è sutt’o lettu, ti la fai dari e m’a porti. Ma fai presto, nun perdiri tempu.-

Vitu: ‘N aiu capito nenti, ma vaiu, vaiu… Janu, ma decimila euri nun sunu troppu assai?-

Janu: No, pri chiddu ca aiu in menti. ‘N ti preoccupari. Ti fidi di mia? Si? Allura curri e fai chiddu ca ti dissi.-

Vitu: Mah, pi mia sunu sempri assai, però, s’o dici tu, vaiu…-

Janu: Va’, va’, appoi vidi si sunu assai. Vai. –

Vitu: Co so primmissu signuruzza, vado e torno. (esce)-

Giovanna: E ju ccà sugnu.-

Janu: E’ un bravu cristianu, ma è di paisi, è un pocu ‘mbrabatu. Ma è d’oru, tuttu d’oru.-

Giovanna: … spiramu.-

Rientra il mago, porta con sè un grande involto di velluto, da gioielliere, che pone sul tavolo.

Mago: E adesso vi farò restare a bocca aperta, gentile signora. (svolge l’involto e mette in mostra un certo numero di gioielli) Volete avvicinarvi, prego.-

Giovanna e Janu si avvicinano al tavolino.

Giovanna: (rimanendo abbagliata dalle gioie) Ma cchi ssu beddi? (a Janu) Vardati: collani, aneddi, pinnenti, braccialetti, mih, è nu trisoru chistu.-

Janu: Vidu, vidu… (osserva attentamente)-

Mago: Ecco signora sti maghifici fedi… pensu ca chistu è do nummuru giusto per li so’ dilicati ita. Lu voli pruvari?-

Giovanna: Grazi, si (mette una fede al dito e lo mostra a Janu) cchi dici, nnè bedduzza?-

Janu: (annuisce pensieroso) Bedda…-

Mago: E pruvassi macai stu braccialettu d’oru biancu, beddu, veru? E cchi ni dici  di stu collier… che splendore. Li provi, li provi.-

Giovanna: Troppu beddi! (se lo fa allacciare)-

Mago: (allontanandosi di un passo) Pari na regina… Vitu, lo vedete?-

Janu: Vitu ‘n c’è. E’ andato urgentemente a fari una commissione.-

Mago: Propriu ora?-

Janu: (piano con aria di complicità) E andato a prilivari i picciuli.-

Mago: (strofinandosi le mani) Ah, allora va benissimo. (a Giovanna) Signora, e che ne dice di queste pendants? Sunu na cosa veramente fina, li provi.-

Giovanna: (mettendosi gli orecchini) Sunu d’oru massiciu, veru?-

Mago: Verissimo, me li ha lasciati … volevo dire: me li ha dati in custodia una mia amica perché glieli vendessi… sa ha bisogno di denaro…-

Janu: Magari pri pegnu... (intanto continua ad esaminare attentamente gli oggetti, e annuisce)-

Mago: Ma che dice? (sdegnato) Allora signora e di questo anello con rubino che ne dice? Nelle sue mani esprime tutto il suo splendore, lo provi, su, lo provi.-

Giovanna: (provandolo e guardandolo in prospettiva) Mih, è bellissimu, ma chistu a custari na furtuna…-

Mago: Eh, si. Però pi lei ( gli fa l’occhialino) per lei farò  un  prezzo speciale, specialissimo, vedrà. Vuole veder qualche altro oggetto? Senza complimenti.-

Janu: (guardando attentamente l’anello) Prifissuru penzu ca accussì basta. Vitu è andato a banca, ma non pi rapinarla.-

Mago: Certamente, dicevo per dire. Allora io metterei il resto da parte.-

Janu: Mettete, mettete.-

Giovanna:  (intanto che si guarda con lo specchietto preso dalla borsetta) Mih cchi meravigghia... ma, u vostru amicu s'u po' primmettiri? (accenna ai gioielli)-

Janu: Finu a ccà, penzu di si. (guarda l’orologio)-

Si ode suonare alla porta.

Janu: (premurosamente ferma il mago che s’era mosso, gli dice piano) Ci vaiu ju, vossia è megghiu ca resta ccà (accenna all’astuccio coi gioielli)-

Mago: Giusto, giustissimo. Vada lei.-

Janu: (come rassegnato) E vaiu. (esce, lasciando la porta socchiusa)-

Mago:  (avvolgendo lentamente l’astuccio, palpando altri gioielli, come a voler tentare ancora Giovanna) Eh, la vita è dura e bisogna aiutarsi l’un l’altro… bisogna barcamenarsi, fare mille mestieri… ma sempri onestamenti. (Janu dalla soglia fa cenno come per dire: si, va beni, ora ci credo, intanto il mago, vedendo che Giovanna continua a guardarsi allo specchio, speranzoso) Che splendore? Vero? Roba fina signora Giovanna. Eranu… sunu di na barunissa decaduta… eh la vita (sospira)… –

Janu, dall’altra stanza, trafficando con Vitu, continuando a sbirciare, sentirà tutta la conversazione, e di tanto in tanto farà cenni d’aver capito tutto.

Giovanna:… A cu ci u dici… certu na barunissa…-

Mago: ( sempre sospirando, quasi a inseguire un discorso, ma maneggiando altre gioie)… Decaduta… Eh, nasciri ricca e addivintari povira… Vede, stu palazzo era di so nannu… ma so padre, gran fimminaru, e so marito- pueta scialacquuni– s’ammuccanu tutto… e ora idda sta ancora ccà, ma nto sottoscala… Vidissi, stu studio m’accattai ju propriu pi fari na carità…-

Giovanna: … eh, vossia avi ‘n cori granni… pirò chi sfurtuna. Ma chiffà ora sta barunissa, comu campa?-

Mago: Campa, campa… s’arrabbatta… Certu mali, ma campa.-

Giovanna: E macari ju… sapissi quantu n’aiu visto: viduva e na figghia da maritari supra e spaddi…-

Mago: Ma ora, per lei, tutto è finito. Vivrà in agiatezza.-

Giovanna: Veramenti ddu cristianu mi dissi o paisi.-

Mago: Ma certamente: In paese ma agiatamente, cioè da gran signora.-

Giovanna: Matri cchi cosi. E ccu m’a vo’ diri? Ju, quasi quasi ancora ‘n ci pozzu cridiri…-

Mago: Lei u sapi cca fari? Ci av’accattari nu ciru di centu chila a Sant’Aita, per grazia ricevuta.-

Giovanna: Ju sugnu na divota d’a santuzza da quannu eru carusa, pi cui…-

 Mago: … pi cui u ciru ci l’accattassi u stissu.-

Rientrano Janu e Vitu. Janu porta con se una piccola valigia.

Janu: Eccoci qua. L’amicu, i picciuli ( piano) e a me valigetta.-

Vitu: Mih, nun mi ficiru pipitiari. Chi fenuminu sta banca. Misunu l’assegnu nta na machinetta e d’arreri spuntarunu i sordi.-

Mago: Che bellezza la modernità. Allora, guardi che splendore di signora. Eh, che ne dice? E sti gioielli, alla sua futura signora, donano assai assai (vezzoso).-

Vitu: ( a Janu, a bassa voce) Chi mi duna gratis?-

Janu: (a bassa voce) Sssi, ca ora. L’ha pavari - e sai già comu!-

Mago: (in sollucchero)  Belli vero? Che ne dice, li comprerebbe?-

Vitu: Se ci piciunu a idda, pi mia su tutti belli… cchi ni capisciu ju.-

Mago: Allora li compra? (incalzandolo)-

Vitu: (guarda Janu, vede che questi fa si con la testa, poi guarda Giovanna che anche lei afferma) Sissi. L’accattu…-

Mago: Tutti?-

Vitu: Tutti, sissi.-

Mago: (Fregandosi le mani) Ma benissimo, che cliente magnifico. Ah, fossero tutti come lei. Allora faccio il conto?-

Vitu: Facissi comu voli vossia.-

Mago: (prendendo carta e penna) Allora il bracciale sarebbe duemila e cinquecento euro, ma le faccio lo sconto; segno duemila. Poi l’anello col rubino costa duemila e cinque…-

Janu: Ma segnu duemila…-

Mago: …Esattamente. Il collier è quattromila, (guarda Janu) ma le faccio tremila. I Pendant sono altri duemila e cinque, ma faccio duemila. Le fedi ve li do in omaggio. Così ammontiamo a  novemila euro, salvo errori o omissioni. (controlla la somma) E’ giusto. Ah, ci sarebbe la sensalia che assomma a duemila euro, ma siccome me n’avete dato mille in anticipo, restano mille, quindi il totale definitivo è diecimila tondi. Siete contento?-

Janu: (battendosi la mano sulla coscia) Mih, ma sugnu na putenza, decimila giusti giusti: Nenti, ava fari u magu - ju.-

Mago: Cosa dite? (a Janu)-

Janu: No, dissi siti na putenza pe cunti.-

Mago: Eh, sapete l’istruzione, la pratica…-

Janu: ( tra se) … l’usura osia c’o strozzinaggiu…-

Mago: Ma cosa dite? Che borbottate?-

Janu: Nenti, cosi mei… considerazioni… (lo guarda con aria innocente)-

Mago: Allura pavati in  contanti veru?-

Janu: Ci u consigghiai ju. ‘Mmagginavu cha vossia nun pigghiassi assegni: tutto esentasse!-

Mago: Ben detto, amico. Qua si fa tutto… riservatamente (fa l’occhialino) E voi siete in gamba.-

Janu: Grazi assaiuni. (poi tra se) E ancora ca vistu...-

Durante il dialogo cui sopra Giovanna e Vitu flirtano.

Mago: Signor Samperi, sono a vostra disposizione ( fa cenno con le dita ai quattrini)      

Vitu: Ah, si. Ecco qua. ( ritorna in se, prende dalla tasca della giacca una voluminosa busta e la porge al mago)-

Janu: (a bassa voce al mago) Sunu ottomila e cincucentu euri, mi pigghiai ddabbanna a me pricentuali.-

Mago: ( si ferma perplesso) Su tutto?-

Janu: Supra tuttu!-

Mago: (contrariato) Ma chi fa, l’approfittatore? -

Janu: No, ma quali, sempri chiddu ca ci dissi: cangiu e scangiu.-

Mago: (tirando fuori i soldi dalla busta e si mette a contarli sommariamente) Va beni, va beni, accordato ( a bassa vice, poi agli altri). Scusate, ma una prissuna cca prisenti mi ‘nzignò ca fidarsi e bene, nun fidarsi è megghiu. (conta con occhio vorace) Mih, ma sunu novi novi sti biglietti di banca… (li intasca)-

Janu: …Varda cchi cosi, parunu stampati allura.-

Mago: (finito di contare intasca la busta) E ora col vostro permesso vado di là a posare l’astuccio coi gioielli in cassaforte.-

Janu: Fate cu comudu, noi intantu ninni jemu. Buona sera a vossia. (cerimonioso)-

Mago: Bonasera. Ah, chiudete la porta, mi raccomando, ‘nzamai. (esce)-

Janu: (fa cenno con la manu ad un furto) Ca comu, ‘nzamai… (poi ruota la mano come a dire vedrai)-

Vitu: ( a Giovanna) E chista è fatta (poi a Janu, e intanto che prende una busta dalla tasca interna della giacca)… e di sti ottumila e cincucentu euri cchi nni fazzu, li riportu in banca?-    

Janu: Se vuoi… ma se nun voi li putemu … scangiari cu chisti ccà… (accarezza la valigetta)-

Vitu: …Sempri sgezzi tu... Ora, passannu ci lassu a banca.-

Janu: (come preso da una nuova idea) … aspetta, aspetta… senti, e se, macari, prima di passari da banca, passamu d’o sottascala?-

Vitu: D’o suttascala? E pri fari cchi cosa?-

Janu: A truvari na prissuna. Doppu tu spiegu.-

Vitu: Comu voi tu… (intasca la busta) tu hai u ciriveddu ca ti fuma, una ni fai e centu ni penzi - biatu tu. (si tocca la tempia, come per dire sei intelligente, poi a Giovanna) Signora Giovanna…-

Giovanna:  Si, caro…(che durante il dialogo di Vitu con Janu, si ammirava i gioielli, che poi prendeva e posava nella borsetta)-

Vitu: … Mia promessa sposa nonché fidanzata, chi fa, ninni jemu? (porge il braccio a Giovanna) -

Giovanna: (infilando il suo braccio in quello di Vitu) E jamuninni… gioia. (poi a Janu) E grazie assai macari a vui… signor, comu vi chiamati?-

Janu: Mi chiamu Ciulla, Sebastiano Ciulla, a sirvilla.-

Giovanna: (pensierosa) Ciulla? Scusati, ma pri casu, ddu famosu Ciulla “soldi fausi”,  era vostru parenti?-

Janu: Si, era u me nannavu.-

Giovanna: Ah, piacere. (Janu fa un leggero inchino)-

Vitu: Ahu, si fici tardi, ninni vulemu iri?-

Giovanna: Caro chi ci hai primura di… consumari?-

Vitu: Primura? Ju? (poi abbracciandola) Staiu murennu!!!-

Mago: (rientrando) Ah, siete ancora qui… (vedendo i due) piccioncini?-

Janu: Stiamo andando… ci vulevumu dari l’ultumu saluto. (doppio senso accennando ad una specie di benedizione)-

Mago: Come siete gentili. Allora bonasera a tutti.-

Vitu e Giovanna: Bonasera a vossia.(escono abbracciati)-

Mago: Non vi scorderò mai.-

Janu: Lo credo! (esce dondolandosi, davanti alla porta si gira e saluta portandosi al capo due dita della mano)-

Il mago, saluta biricchinamente con la mano, aspetta che Janu esca, poi (con una musica adatta), si siede e come per un rito, si sistema per benino; quindi prende i soldi dalla busta, li coccola, se li porta al petto e dopo se li conta accuratamente quasi con passione, quindi li sparge sul tavolo. Poi fa un po’ di spazio sul piano, mette un tovagliolino al centro, prende il sacchetto posto a terra, e lentamente dispone il pane, il cacio, il vino, quindi, con un sospiro di soddisfazione:

Mago: Questi sono affari. Questa è vita! (si frega le mani, poi allarga le braccia per comprendere tutto ciò che c’è sulla scrivania)-

Musica adatta e fine.

Sipario

      

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno