Lu rebellamentu di Sichilia

Stampa questo copione

“ Lu rebellamentu di Sichilia ”

“ Lu rebellamentu di Sichilia ”

ovvero

I vespri siciliani

due tempi

di

TURI GIORDANO

(Questo testo ha vinto il “PREMIO SCENA 1991, per un testo teatrale inedito d’ambiente siciliano” con la seguente motivazione:

 “A Turi Giordano, autore de LU REBELLAMENTU DI SICHILIA che con la voce di un cantastorie, dà scansione di “epos” popolare ad una serie di quadri scenici che con semplicità e schiettezza, rievocano le vicende del Vespro, in una interessante galleria di personaggi e di fatti storici della nostra terra.”

Il testo poi è stato messo in scena per la prima volta dalla compagnia teatrale “Premio Scena” diretta da Santino Consoli con Carlo Mangiù e con le musiche, scritte appositamente, della musicista Laura De Palma.

Chi volesse metterlo in scena con nuove musiche può farlo previo contatto col sottoscritto.)

Per la rappresentazione, rivolgersi alla SIAE, poiché il testo è tutelato a termini di legge.

Le musiche, poichè il testo è quasi un musical siciliano, possono essere richieste alla compositrice Laura De Palma, di Catania, oppure, chi ha voglia di metterlo in scena, può scriverle per l'occasione.

Per contatti : Turi Giordano turi.giordano@email.it

PERSONAGGI

Giovanni da Procida

Sicilia 1

Sicilia 2

Popolano 1

Popolano 2

Popolano 3

Popolano 4

Carlo d’Angiò

Papa Clemente quarto

Palmiero Abbate

Alaimo da Lentini

Gualtiero da Caltagirone

Michele Paleologo

Consigliere

Gendarme francese

Popolana

Pietro d’Aragona

Pourcelet

Guglielmo d’Estendart

Goffredo

Soldato cristiano

Soldato saraceno

Ruggero il normanno

Belcane

Danzatrici

ATTO PRIMO

Palcoscenico al buio. Solo il grande libro in fondo alla scena, che rappresenta pagina per pagina le varie scene dello spettacolo (le pagine saranno girate ogni qualvolta cambia scena), è illuminato da un proiettore.

PROLOGO

Voce fuori campo- Nel 1282, proprio nel periodo di Pasqua, avvenne a Palermo quell’eccidio dei francesi storicamente conosciuto con il nome di “Vespri siciliani”. Fu uno di quegli avvenimenti storici che mutarono il destino di nazioni ed istituzioni di rilievo mondiale. E’ la storia del graduale suicidio della più grande concezione del Medio Evo: la monarchia universale del Papato; è la storia del riservato e coraggioso popolo di Sicilia in rivolta contro la esacerbante dominazione straniera. Numerose sono le fonti da cui poter attingere una storia del Vespri siciliani. Infatti, ricco è quel periodo di cronisti e storici degni di fede in diversa misura, ma noi abbiamo preferito, come strada da seguire tenendo presente il fatto storico, le cronache popolari.

Il 29 di ottobre del 1268, Corradino di Svevia, discendente di tanti Imperatori di Germania, re legittimo di Puglia e di Sicilia, e Federico di Baden, duca d’Austria, entrambi sedicenni, furono condotti al patibolo, riuscendo ad inorridire non solo i napoletani ma gli stessi francesi, mentre il perfido Carlo d’Angiò si carezzava in tasca la benedizione del Papa Clemente quarto, assistendo allo scellerato spettacolo. Fù prima decapitato Federico, poi toccò a Corradino, che baciò il capo reciso dell’amico. Ma prima di porre il suo capo sul ceppo, a disposizione della scure del carnefice, si tolse il guanto dalla mano e lo gettò in mezzo alla folla, supplicando che qualcuno lo portasse alla madre per la vendetta; quel guanto lo raccolse Giovanni da Procida.

Si alzano le luci della scena.

Si sente la voce di Giovanni da Procida che chiama a raccolta i popolani per poter raccontare la propria storia.

Giovanni da Procida-
Fimmini e giuvini di lu paisi,

vinni a truvarivi dopu tri misi,

lassati tuttu, viniti a lu chianu,

ccà c’è Giuvanni lu procidanu.

Lassati puru li soldi a cuntari,

ca la mè storia vi fà arricriari,

lassati tuttu viniti a lu chianu,

ca c’è Giuvanni lu procidanu.

Una ragazza che simboleggia la Sicilia- (Sicilia 1)  (Canta)

‘Ncumenciu a chiamu lu Nomini Patri,

Patri e patruni d’u Celu e d’a terra,

laudu puru l’eterna sua Matri,

chi a lu sirpenti lu vinci e l’atterra.

Cuntu la fini d’i francisi latri,

lu tagghia-tagghia di ‘sta razza perra.

Datimi udienza macari vuatri,

ca tuttu sapiriti di ‘sta guerra.

Giovanni da Procida- Ora vi cuntu ‘na storia vecchia di tant’anni e precisamenti di lu

1282. ‘Sta storia è assai impurtanti ppi lu populu sicilianu pirchì fù una di ddi pochi voti ca tutti i siciliani si junceru assemi ppi cummattiri contru lu stissu tirannu.

Altra ragazza che simboleggia la Sicilia (Sicilia 2)- Dunca…. A tempu di lu re Carru d’Angiò di Francia, li francisi facianu tanti di ddi maltratti, contraliggi e viulenzi, chi la populazioni non nni puteva cchiù. Li francisi eranu fimminari e scustumati, e ppi supra cchiù, avianu pigghiatu l’usu di mandaricci, a ogni spusaliziu, un ufficiali di li soi ppi curcarisi la prima notti ccu la zita.

Giovanni da Procida- Cunsidiratila vui si chista era cosa di putirila suppurtari! Pirchì lu sicilianu chiuttostu si facissi scannari e capuliari, chi suppurtari li corna!

Sicilia 1- E datu ca ‘stu fattu non puteva durari ppi sempri, si junceru ‘mpugnu di pirsuni ppi dicidiri chiddu ca s’avia a fari; cù dici ‘na cosa, cui n’autra, non s’arrisurveva nenti, quannu a ‘ncertu puntu, si ‘ntisi gridari ‘na vuci:

Giovanni da Procida- “Chi semu tutti morti, chi nuddu si movi? All’armi tutti, e quannu lu Vèspiru sona….. facemucci la festa a ‘sti cani assassini!”

Sicilia 2- ‘Sta palora fu comu isca addumata chi fici sbampari lu focu. Lu Vèspiru di Pasqua fu lu signali, e ognunu lu spittava comu lu veru Missìa.

Sicilia 1- E la cosa non s’arristau ddocu; di Palermu fù mannatu un Misseri valenti e curaggiusu di nomu Giuvanni di Pròcida, ppi rivurtari tutti li paisi di la Sicilia e truvari ajutu versu l’autri Principi e Rignanti ca non putevunu vidiri a re Carru d’Angiò.

Sicilia 2-  Tutti aspittavunu e stavunu all’erta, e quannu fu l’ura, a lu primu toccu di la campana, mentri chi li francisi pinsavunu a divirtirisi, ‘mbriacarisi, e a lu solitu sò a fari supricchiarii, li palermitani tutti si misunu a gridari:

Voci fuori scena- “A iddi, a iddi! Morti a li francisi!”.

Giovanni da Procida- ….e li scannaru a tutti comu a li ciareddi, ‘nta quantu lu dicu e lu cuntu. Poi nisceru ppi tutti li paisi e li campagni e jevanu dimannannu a tutti chiddi chi scuntravanu:

Popolano 1- “A tia, veni ccà,e dici “ciciri”

Popolano 2-  Ciciri!

Popolano 1- Ti nni po’ jri ca sì di li nostri. E tu, avvicina ca t’haju a parrari. Dimmi ‘na cosa, videmu comu dici “ciciri”.

Francese travestito da siciliano- Sisiri.

Popolano 1-  Ah, scilliratu e ‘nfami tu francisi sì!

Giovanni da Procida- …. E l’ammazzavanu senza pietà e senza misericordia; e d’accussì livanu di lu menzu tutta ddà mala simenza!

Sicilia 1- A Giuvanni di Procida lu ficiru cumannanti ‘ncapu e d’accussì li francisi non s’arrisicanu cchiù a mettiri pedi ‘nta la nostra terra.

Sicilia 2- Doppu, li siciliani desunu manu a tutti li casteddi e a tutti li pussidimenti di lu ‘nfami tirannu e tuttu disfici e tuttu distruggiu. E fu d’accussì ca potti cantari vittoria!

Si abbassano le luci, tranne sul grande libro al centro della scena. Parte la musica.

Giovanni da Procida-

Carru d’Angiò conti di la Pruvenza,

si nn’jvu ‘nta lu Papa ch’era a Roma,

e non cuntentu di la so’ putenza,

cci’addumannavu d’aviri ‘na curona.

Lu Papa lu pigghiavu ‘ncunfidenza,

dicennuci: Manfredi n’havi una,

tu cerca di farlu ristari senza,

e poi ti fazzu Re s’avrai furtuna!

Chista è la storia di li Vespri siciliani!

Cambio pagina del libro, e parte una musica sacra. Sala delle udienze in Vaticano.

Entra Carlo d’Angiò che passeggia nervosamente attendendo di essere ricevuto da Clemente quarto il quale dopo un po’ entra in scena seguito da un chierichetto.

Carlo d’Angiò- Santu Patri firmativi ‘nmumentu, mi pariti un furettu! M’aviti fattu furriari tutta Roma assicutannivi, senza aviri la furtuna di parrarivi tanticchia ‘nsanta paci!

Papa Clemente- Ca figghiu miu, cchi voi ca ti dicu, a ttia chi ti pari ca fari ‘u Papa è cosa di nenti? Haju a pinsari a tutti li questioni politiche, a tutti li guerri ca mi stanu facennu nesciri pazzu, m’haju a taliari davanti e d’arreri ppi non farimi futt…livarimi di sutta ‘u tronu, e poi si m’arresta tempu, avissi a pinsari macari tanticchia a Nostru Signuri. Tu cchi dici?

Carlo d’Angiò- Santu Patri, macri ju haju tantu cchi fari….

Papa Clemente- Ca figghiu beddu c’aviri tu, ca si un semplici Conti….

Carlo d’Angiò- E ddocu è ‘u fattu… Ju mi stancai di fari sulu ‘u Conti…e non sulu…mè mugghieri è macari siddiata forti….

Papa Clemente- E pirchì? Cchi cci succidiu? Quarchi strubbo?

Carlo d’Angiò- Succidiu ca non putennusi cchiù assittari a lu latu di so’ soru a la Corti di Francia, in quantu non essennu Riggina, non mi lassa cchiù ppi curtu, è ‘na cammurria da matina ‘nsinu a sira: “E quannu mi fanu Riggina?…E quannu mi fanu Riggina?”…

Papa Clemente- Ma ora a mia chi mi ‘sta cuntannu? Chi ajutu ti pozzu dari? Ora ppi fari assittari tò mugghieri a Corti, vicinu a so’ soru, ti pozzu fari addivintari Re?

Carlo d’Angiò- E ddocu aviti raggiuni. Haju ‘ntisu però ca stati circannu qualchi Re cristianu ca putissi conquistari li terri di Manfredi.

Papa Clemente- Sì, veru è. Ma finu a oggi nuddu s’ha fattu avanti. Ma po’ essiri ca si la cacanu tutti di ddu scumunicatu di Manfredi?… Ma pirchì tu chi mi vulissi dari a capiri, ca a tia t’abbasta l’armu?

Carlo d’Angiò- Ebbeni sì! Carissimu Santu Patri, si m’accurdati li stissi diritti ca accurdastivu a l’autri in casu di vittoria, ju a nomu Vostru e di la Santa Romana Chiesa, e ccu l’aiutu di la Santa Fede Cattolica, conquisterò li terri di Re Manfredi.

Papa Clemente- ‘Stu discursu non mi dispiaci. Ma ‘i picciuli ppi ‘na simili impresa, di unni ‘i pigghi? Tu l’hai?

Carlo d’Angiò- Ci l’haju…si mi li dati Vui! Non è ca ccu li mè suli picciuli pozzu affruntari ‘na conquista di dda purtata? Ddu vilunazzu di Manfredi havi macari ‘na cavalleria di oltre 500 cavaleri. Somministratimi qualchi munita di lu tresoru di Santa Romana Chiesa e ju farò subitu guerra a Manfredi.

Papa Clemente- Beddu! ‘Stu gran figghiu di….Santa Romana Chiesa. (lo bacia, poi con solennità dice:) Ju Papa Clemente quartu, ppi parti di Diu e per il potere ca mi desunu San Petru e Paulu, ti ringraziu ppi l’offerta ca mi fai e ti dono la curuna di Sichilia e ti fazzu Re e Signuri di tutti li terri ca pussedi Manfredi. E inoltri, ti prumettu ca t’aiuterò ccu tutta la munita ca avrai di bisognu; pighiannula di lu tresoru di San Petru; finu a quannu non completerai la conquista di la Sichilia. Te ccà ‘a curuna.. (gli mette una corona in testa)…e ora….beddu valenti….

Carlo d’Angiò- Grazii Santità, grazii di cori… Ma semu sicuri ca non vi scurdastivu nenti? Chi nenti m’aviti a dari ancora?

Papa Clemente- Ma pirchì, chi mi scurdai ? Non ti desi tuttu chiddu ca vulevi?

Carlo d’Angiò- Veramenti, cci vulissi ‘na curuna ppi mè mugghieri….

Papa Clemente- Ah, ‘sti mugghieri. A tia ti pari pirchì mi fici Papa? Ca ppi non cummattiri propriu che fimmini… Avanti camina ccu mia e jemu a pigghiari ‘sta curuna… Chi nummiru havi di testa tò mughieri?…

Carlo d’Angiò- Dunca, parrannu ccu Voscenza…ppi testa mè mugghieri havi….

Vanno fuori scena parlando della testa della moglie di Carlo d’Angiò.

Giovanni da Procida- (Entrando) E d’accussì Carru, doppu avirisi pigghiatu ‘a curuna macari ppi so’ mugghieri, partiu a la conquista del Regno di Manfredi.

S’abbassano le luci, tranne quella sul grande libro, e parte la musica.

Sicilia 1-

E vinni la battaglia ‘i Beneventu,

battaglia ca purtò tantu sgumentu,

ppi Re Manfredi fu vera ruìna,

in campu ebbi ‘na carnificina.

Li morti si cuntaru a migghiara,

‘nta dda jurnata trista e tant’amara.

Però ccu’a morti ci sarà ritornu,

du’ anni ‘e menzu dopu di ddù jornu.

Sicilia 2-

Difatti lu picciottu Curradinu,

vinni a sfidari lu Re angiuinu,

ca p’aviri ragiunu do so’ sfozzu,

battaglia ci vo’ desi a Tagliacozzu.

Ma lu distinu però s’accanìu,

contra Corradu, ca tuttu pirdìu,

e d’assassinu di Carru d’Angiò,

la testa a Corradinu ci tagghiò.

Sicilia 1-

E dopu Carru ccu la so’ putenza,

‘nSicilia facìa malacrianza,

lu pani nni livava di la mensa,

francisi c’erunu in ogni stanza.

Iddu, fidannu nni la so’ putenza,

e nui mischini sutta la so’ lanza.

Ma ppi distrùri dda mala simenza,

si pensa di circari ‘n’allianza!

Cambio pagina. Interno di un nobile palazzo siciliano. Entrano in scena i Baroni; Palmiero Abbate, Gualtiero di Caltagirone e Alaimo da Lentini, i quali hanno in corso un’accesa discussione. Indi Giovanni da Procida.

Palmiero Abbate- Basta! ‘Stu Re Carru è un animali! Non si nni po’ cchiù!

Alaimo da Lentini- ‘Sti francisi arrivànu ccu lìffii e cerimonii e ora s’hanu pigghiatu lu jtu ccu tutta ‘a manu.

Gualtiero da Caltagirone- La costituzioni di Guglielmo il Buono, ca tutta l’Europa nn’ammira e nn’invidia ppi la so’ giustizia, ha statu misa sutta li pedi comu racina di vinu.

Alaimo da Lentini- Si pensu ca Re Carru aveva datu ‘a so’ parola di Re ca l’avissi rispittatu solennementi……

Palmiero Abbate- Bella parola di Re! Ca finu do primu jornu ca acchianau ‘nta lu tronu di Sicilia, non ha rispittatu un sulu puntu di dda Santa Costituzioni.

Gualtiero da Caltagirone- E li feudi? Si prima abbastava un sulu accertamentu e valeva ppi sempri, ora accertamenti nni fannu tri, quattru e macari cincu. E ppi suprajunta li feudi venunu cunfiscati e i proprietarii riddutti a la fami….

Palmiero Abbate- E li morti? Ju non m’arricordu ‘nsulu Re, ca ‘nt’accussì picca tempu di regnu, ha mannatu all’autru munnu tanti sudditi, comu a Carru d’Angiò!

Alaimo da Lentini- E li tassi? Ca di unni passunu li sgerri ppi siggiri ‘i gabbelli non crisci cchiù mancu ‘nfilu d’erva?

Gualtiero da Caltagirone- E cchi nni diciti di la novità, ca i signuri francisi fannu di tuttu p’impediri li matrimonii, ppi appoi jri a cunfiscari li beni di li schetti doppu morti?

Alaimo da Lentini- Ca s’hannu ammucciari i tresori di Santi e Madonni di intra li chiesi pirchì si li vannu razziannu?

Palmiero Abbate- E basta puru ccu la tracotanza ca in qualsiasi ura do’ jornu e di la notti, trasunu intra li casi unni sannu ca cci su’ fimmini vergini!

Gualtiero da Caltagirone- Basta a tutti li straggi e li tortùri ca si vannu facennu ‘nta ‘sta marturiata terra!

Alaimo da Lentini- Basta alla distruzioni di chiddu ca prima vineva chiamatu:             “Lu jardinu e lu granaiu di Roma”!

Musica- I tre Baroni cantano:

Focu di celu, ‘nfirmintati middi,

poviri, suli, malvuluti e strani,

sìanu percossi di planeti e stiddi,

cacciati di giudei e cristiani.

E sicchi ed arsi si trovanu pp’iddi,

la menta all’ortu e l’acqua a li funtani;

jùngiunu tutti ‘sti jastimi a chiddi,

ca ni maltrattunu peggiu di li cani!

Entra Giovanni da Procida.

Palmiero Abbate- Giuvanni tu chi dici?

Giovanni da Procida- Dicu ca vi scurdastivu di diri “Basta!” a la cosa cchiù ‘mpurtanti, a la cosa ca torna a mettiri tutti li fatti a lu so’ postu, a la cosa ca appena finuta di esistiri farà addumari ‘nfocu accussì granni ca pp’astutallu non ci bastirà tutta l’acqua di lu mari: “Basta!” s’ha diri a ‘na cosa sula; a la pacienza. Pirchì li siciliani sunu stanchi di suppurtari tutti li sopprusi e li angarii di li francisi, perciò “Basta!” ccu la pacienza e “Forza!” ccu la rivolta!

Alaimo da Lentini- Giustu! Forza ccu la rivolta!… Ma comu putemu, nuatri Baruni, fari ‘na rivoluzioni contru Re Carru ca è tantu forti e tantu putenti?

Gualtiero da Caltagirone- Dici beni Alaimu, comu putemu battiri ‘i francisi si non avemu abbastanza munita pp’armari un esercitu?

Giovanni da Procida- Basta cunvinciri lu populu. Di quantu semu li putissimu sterminari!

Alaimo da Lentini- E non po’ essiri lu stissu! Cci voluni l’armi! Lu sai ca li francisi pruiberu ai siciliani di purtari armi d’appressu?!

Gualtiero di Caltagirone-Ma allura è distinu ca ‘stu Re Carru non nni lu putemu livari do’ menzu!

Giovanni da Procida- Ci vulissi un alleatu…un rignanti…. ca non po’ a vidiri a Carru d’Angiò…. e a cosa è fatta…..

Alaimo da Lentini- E ccu putissi essiri?

Giovanni da Procida- (Dopo aver pensato un po’) L’Imperaturi di Romania; Micheli ottavu Paliolugu!

Palmiero Abbate- E chi è ca ci ha fattu Carru?

Giovanni da Procida- Ppi ora nenti. Ma Carru sta priparannu ‘na gran flotta di grossi navi e galeri ppi passari in Costantinopoli e conquistari l’imperu di Romania. Dunca, pensu propriu ca lu Paliolugu putissi essiri ‘u nostru giustu alliatu!

Alaimo da Lentini- Bravu Giuvanni! A ‘stu puntu havemu a circari ccu tutti i modi e ccu tutti li maneri di fari st’allianza. Tu c’ha statu ‘nta li corti di tanti Re, criremu ca megghiu di tia ppi parrari ccu lu Paliolugu non ci nn’è. Dicu beni, amici?

Gualtiero da Caltagirone- Benissimu!

Palmiero Abbate- Bisogna vidiri però….si Giuvanni si voli ‘mbarcari ‘nta st’imprisa…?

Giovanni da Procida- Amici, qual’era ‘u mè duviri…’u sapeva prima ancora ca vuautri parrauvu… Arrivati a ‘stu puntu, raccumannatimi a lu Santissimu e prijati Diu ca ‘st’imprisa pozza arrinesciri!

I tre Baroni abbracciano e baciano Giovanni. Poi i quattro, come presi da improvvisa enfasi, gridano:

Giovanni da Procida- Francisi, la pacienza di li siciliani ‘sta ppi finiri!

I tre Baroni più Giovanni- Francisi, priparativi la fossa!!

Musica. Tutti e quattro cantano:

Dardi, balestri, lapardi ed accetti,

tutti tagghienti li fila ammulati,

lesini, augghi, rasola e lanzetti,

cuteddi, zaffiuni e pugnala limati,

spadi, vastuni, zagagghi e trincetti,

pali di ferru, vommira ‘nfucati,

tutti cci sianu azziccati a li petti,

a li francisi ccu li cori ‘ngrati!!

Musica e cambio pagina.

Costantinopli. Scena orientale, danze e musiche alla presenza dell’imperatore, ad un certo punto entra un consigliere che avvisa Michele Paleologo dell’arrivo di uno straniero.

Consigliere- Signuri Impiraturi, scusati si vi disturbu duranti lu vostru ‘mpiriali fistinu, ma dda banna c’è un certu Giuvanni da Procida ca cerca di vui.

Paleologo- Di mia? E non ci putevi diri ca ero occupatu in affari di Statu?

Consigliere- Dici ca v’ha diri ‘na cosa assai ‘mpurtanti. Pinsati ca si partiu di la luntana terra di Sichilia ppi veniri a parrari sulu ccu vui.

Paleologo- Ah! E unu ca veni di la Sichilia, cchi po’ vuliri di mia?

Consigliere- Dici, iddu, ca vi voli ajutari.

Paleologo- Iddu voli ajutari a mia? A mia, ca sugnu l’Imperaturi d’orienti? Dicci cchiùttostu ca ci fussi cù ajutassi a iddu….

Consigliere- Appuntu…. Ma secunnu mia vi putiti fidari… Sapiti miu signuri Impiraturi comu si dici? “’na manu lava all’autra e tutti dui si lavunu ‘a facci”…Mi capiti, no?

Paleologo- Ah….ti capisciu! Accussì dici tu? E d’accussì fazzu ju! Fallu passari.

Consigliere- Subitu, miu signuri Impiraturi.

Le danzatrici continuano a ballare.

Rientra il consigliere accompagnando Giovanni da Procida.

Giovanni da Procida- Impiraturi Paliolugu, servu vostru umilissimu, a li vostri pedi.

Paleologo- Comudu, comudu….Benvinutu ‘nta mè casa; si voi partecipari a la festa….

Giovanni da Procida- Vi ringraziu cu tuttu lu cori, ma non mi la sentu di partecipari a fistini ccu musica e balli, mentri Re Carru d’Angiò fa stragi di siciliani.

Paleologo- Dicisti Re Carru?….’U francisi?

Giovanni da Procida- Propriamenti! Ddu stissu Re ca vi voli livari lu tronu e conquistari lu vostru imperu!

Paleologo- Mutu….non parrari cchiù! (Batte tre volte le mani e fa cessare musiche e danze) Fora tutti pari! (Musicisti e danzatrici escono salutando con inchini l’imperatore)

Ora ca semu suli po’ parrari tranquillamenti!

Giovanni da Procida- V’arrebricu ca Re Carru voli conquistari ‘u vostru imperu, tant’è ca havi già pronti: cincumila cristiani cruciati, centu galeri, vinti navi grossi, decimila cavaleri ben armati e quaranta Conti ccu tuttu lu so’ seguitu.

Paleologo- Bonu, bonu….ca m’annichilisti cu tutta st’armata. Ma chi vulissi ca facissi? Haju a testa chiù cunfusa ca pirsuasa. Haju mannatu littri a lu Re di Francia, a lu Re d’Inghilterra, di Spagna, d’Aragona…ma nuddu s’ha dignatu d’arrispunnirimi ppi darimi ajutu. ‘U fattu da virità è ca si scantunu di la putenza di Re Carru. E a stu puntu non nn’haju unni sbattiri la testa. L’unicu ca mi po’ ajutari è Diu, datu ca li cristiani non m’hannu saputu dari mancu ‘ncunsigghiu.

Giovanni da Procida- Non è veru ca vi po’ ajutari sulu Diu!

Paleologo- Di mali ‘npeggiu, si non ci abbasta mancu iddu…cchi cci voli, ‘a Madonna, San Giuseppi, tutti i Santu di lu Paradisu….

Giovanni da Procida- No, cci abbasta sulu Giuvanni….

Paleologo- Giuvanni ‘u Battista?

Giovanni da Procida- No, Giovanni da Procida! Cioè ju!

Paleologo- Tu? E comu fai tu sulu, contru un esercitu di tali fatta?

Giovanni da Procida- Ju non sugnu sulu, ju rapprisentu ‘npopulu sanu, ‘npopulu ca abbasta ca cci dati tantu, vi duna macari ‘a vita, ‘npopulu ca pp’amuri di la libirtà è capaci di farisi scannari comu ‘n’agneddu!

Paleologo- E ccu è ‘stu populu ca havi ‘sta gran forza?

Giovanni da Procida- Lu populu sicilianu, signuri Impiraturi. Pirchì è tantu ‘u disideriu di livarisi di sutta ‘o taccu di Re Carru, ca è capaci di fari macari miraculi! (Canta)

Sicilia è fatta carni di sasizza,

ca c’è la liggi di li Angiuini,

scurrunu funtani stizza a stizza,

li terri mancu spicanu luppini.

Lu populu ‘nsin’ora ‘ns’ha muvutu,

ha statu fermu, soru e mutu mutu,

ma si cci dati tannicchia d’ajutu,

di fora nesci l’ugna ‘nta ‘nminutu!

Paleologo- Mi piaci ‘stu populu, dimmi chi haju a fari, e sarà fattu!

Giovanni da Procida- Datimi centumila unzi e Re Carru avrà tantu di ddu chi fari in Sicilia ca si scordirà pirfinu unn’è l’Orienti.

Paleologo- Giuvanni, lu mè trisoru è a tua disposizioni; utilizzalu comu megghiu ti pari.

Giovanni da Procida- V’arringraziu signuri Impiraturi. Ora scrivitimi ‘nta ‘na littra chiddu ca m’aviti prumittutu e ju farò tuttu chiddu c’haju ‘a fari ‘nto cchiù brevi tempu possibili.

Paleologo- (Gli prepara la lettera) Ccà c’è ‘a littra ccu lu mè siggillu. Fanni bon usu.

Giovanni da Procida- (Prende la lettera) Grazii. Ora è megghiu ca mi nni vaju!

Paleologo- Si permetti ti fazzu accumpagnari in Sicilia ccu una di li mè navi.

Giovanni da Procida- Eh no, caru Impiraturi. Siccomu li mura hannu aricchi e sentunu, non sapemu ccu ni voli beni e ccu ni voli mali, e ‘nta vita non si po’ mai sapiri…. Inveci, ppi non criari suspettamentu, m’aviti a fari cacciari da lu vostru imperu, comu lu cchiù tintu di li ‘nfami e di li tradituri, d’accussì nuddu po’ suspittari lu veru mutivu di la mè vinuta ccà.

Paleologo- Giuvanni si non fussi ppi la missioni ca hai ‘a fari, ti tinissi ‘nta la mè Corti comu cunsigghieri personali. (Chiamando) Guardie… (Entrano due guardie) Pigghiati a ‘stu tradituri, ca si pirmisi di parrari mali di mia e jttatilu fora di lu mè imperu.

(Le guardie afferrano Procida senza riguardo) Alleggiu, alleggiu! Affinnìu a mia, no ‘e vostri soru?!

Cambio luci.

Sicilia 1- (Canta)

C’è la vilanza di Diu ‘nniputenti,

ca pisa li piccati a tutti quanti,

“vinnitta” grida lu sangu ‘nnuccenti,

“l’onuri e la virtù su’ sempri avanti”.

Lu francisi facìa lu priputenti,

ogni famigghia havìa li so’ chianti,

la genti di Sicilia era ‘mputenti,

pirchì li danni fatti èrunu tanti!

Cambio di pagina. Una strada di Palermo.

Popolano 1- Spiramu a Diu ca a ‘sti francisi ci ha cascari ‘u munnu di ‘ncoddu, ppi quantu non n’arresta mancu la simenza!

Popolano 2- Assassini! Ora ci sdunàu ca tagghiunu li manu a li picciotti ccu la scacjuni ca ‘a liggi dici di puniri d’accussì li latri. Quannu mai ‘u sàziu ha cridutu ‘o dijunu ?

Popolano 3- Iddi sunu ‘i veri latri… ca ppi saziarisi non ci abbastunu tutti ‘i frutti di la nostra terra, anzi volunu macari ‘u nostru sangu! Tossicu e vilenu ci ha fari ‘u nostru sangu! (Sputa per terra)

Popolano 4- Non putemu stari d’accussì, senza fari nenti! N’havemu a mòviri, fari qualchi cosa. Ju mi stancai, non ci ‘a fazzu cchiù a suppurtari a ‘sti francisi!

Popolano 1- Semu stanchi di campari sempri a menzu a fami e a miseria. Si non n’arrebbellamu e facemu ‘na bella rivoluzioni, arristamu schiavi ppi tutta la vita, e sparti di cui? Di ‘nRe ca mancu s’ha dignatu di viniri ‘na sula vota ‘nSicilia!

Popolano 2- Ma ‘u sapistivu ca spustavu a capitali da Palermu a Napuli?

Popolano 3- Havemu a fari ‘a rivoluzioni, pirchì è giustu ca si fà!

Popolano 4- Tutti, tutti hannu a partecipari a ‘sta rivoluzioni, cu tuttu c’havemu ‘ncoddu fami e miseria; e si la fàuci ha sirvutu ppi tagghiari ‘u granu ppi sfamari ‘sti ‘nfami, è giustu ca ora ‘a stissa fàuci veni utilizzata ppi tagghiari li testi a ‘sti francisi.

Popolano 1- Forza allura, non pirdemu tempu, avvisamu all’autri ca è arrivatu ‘u mumentu giustu ppi sdirradicari ‘sta male erba, pp’ammazzari ‘sti cani rugnusi!

Musica. I quattro cantano.

Primo- Lu francu d’unni passa fa limarri,

appesta l’aria, avvilena ‘i terri.

Secondo- Porta morti, disaggi, ‘nfermi e sparri,

ccu muffittuni, catini, cordi e ferri.

Terzo- Spati, spiti, saitti e scimitarri,

turtùri, furchi, esilii, disderri.

Quarto- Liti, cuntrasti, miniscordii, sciarri,

caristii, pistilenzi, fami e guerri.

Tutti- Mora cu n’ha fattu ‘sti brutti sgarri,

morti damu a tutti ‘sti gran sgherri!!

I popolani fanno per andare, ma vengono bloccati dai Baroni siciliani.

Alaimo da Lentini- Fermi, fermi tutti e circati d’arraggiunari e d’aviri ‘npocu ‘i sali ‘ntesta.

Popolano 1- Cu è ca ni dici di firmarini?

Alaimo da Lentini- ‘N’amicu. Alaimu di Lintini!

Popolano 2- E chi nni po’ sapiri un Baruni di tutta la stanchizza e lu disamuri di lu populu?

Alaimo da Lentini- Ccu l’Angioini non ci hannu statu né Baruni né populu. Ppi iddi semu tutti ‘na cosa… tutti di ‘na stissa razza: “Animali”.  Perciò sacciu chiddu ca dicu e chiddu ca fazzu. Anzi vi supplicu d’ajutarimi!

Popolano 1- Quann’è d’accussì, parra, sintemu chiddu ca hai di diri!

Alaimo da Lentini- Chiddu ca vuliti fari è ‘na cosa giusta e sacrosanta e macari ju cci vulissi pigghiari parti…ma non arrisulvemu nenti. I francisi sunu assai e bene armati e ‘ntemou du’ jorna facissinu turnari li cosi peggiu di prima.

Popolano 4- E allura chi vo’ diri ca n’havemu a suppurtari ‘sti francisi ‘nsinu a quannu muremu?

Alaimo da Lentini- No, non dicu chistu…dicu sulu di aspittari e aviri ‘n’autru pocu di pacienza, pirchì ‘n’amicu nostru fidatu, jvu ‘ncerca d’ajuti; pirchì d’accussì sulu putemu cancillari, ‘na vota e ppi sempri di supra la facci di la Sicilia, ‘sti francisi ccu la giusta forza ca cci voli! (Si sente un fischio che indica l’arrivo di Giovanni da Procida.) Muti... chistu è ‘u signali di Palmieru Abbati ca sta a significari ca l’amicu nostru arrivavu! Facitimi lu favuri d’appustarivi e quattru cantuneri e signalari alli voti avissi a veniri qualchi ospiti, dicemu, indesideratu…

I popolani si appostano. Alaimo da Lentini risponde al fischio con un altro a mò di segnale di via libera. Entra Giovanni da Procida travestito da frate minore seguito da Palmiero Abbate e Gualtiero da Caltagirone.

Giovanni da Procida- Carissimu Alaimu… (L’abbraccia)

Alaimo da Lentini- Giuvanni…comu stai?

Giovanni da Procida- Ju bonu, e ccà in Sicilia, chi si dici?

Alaimo da Lentini- ‘A situazioni s’ammaraggia di ‘njornu a ‘n’autru, a popolazioni è stanca d’aspittari e voli passari subitu all’azioni; e havi ragiuni, pirchì cu ‘sti francisi non si po’ campari chiù. Tinìri a frenu ‘u populu addiventa sempri cchiù difficili!

Giovanni da Procida- Non ti preoccupari, Alaimu, questioni di qualchi misi e ‘u populu finirà d’aspittari. (Ai Baroni) Vuatri siti pronti a fari chiddu ca cuncurdai ccu l’Impiraturi Paliolugu?

I tre Baroni- Nuatri semu pronti macari a moriri.

Giovanni da Procida- E allura ascutatimi: vuatri Baruni siti stati scelti ppi fari ribbillari tuttu ‘u populu sicilianu, però sulu quannu vi lu urdinirà un Re di lu quali criru ca tutti sariti filici di la so’ Signuria!

Gualtiero da Caltagirone- E ccu è ‘stu Re accussì putenti da putiri battiri Re Carru?

Giovanni da Procida- Re Petru d’Araguna, maritu di Custanza figghia di Manfredi!

Palmiero Abbate- Bellu daveru! D’accussì passamu di ‘na Signuria a n’autra.. Cancia sì lu nomu di lu Re, ma a sustanza è sempri ‘a stissa.

Giovanni da Procida- No, Palmiero, ti sbagghi! Re Petru è bonu. Non ti scurdari ca ‘nte vini di so’ mugghieri scurri sangu sicilianu e ‘u sangu si fa sentiri. Perciò si vulemu scacciari a Re Carru, mannamicci ‘na littra a Re Petru d’Araguna unni ci scrivemu di aggiuraricci la nostra sudditanza.

Musica.

Popolano 1- (Canta)

E scrissiru la littra li Baruni,

‘ntistata a lu Re Petru d’Araguna,

dicennuci qual’era la ragiuni,

ca si cci dava regnu e curuna.

Lu populu, macari ginucchiuni,

s’avissi ribbillatu, e ‘ntutt’una

avissi ricivutu ccu fistuna

Custanza, la riggina d’Araguna!

Alaimo da Lentini- (Legge la lettera) “A lu Magnificu, Egregiu, e Putenti Signuri Re Petru d’Araguna e conti di Barcilluna, cu tutti li so’ putiri e signurii; Nui, Baruni di Sicilia ni raccumannamu tutti a la grazia Vostra: in primu lu conti di Lintini, cioè Misseri Alaimu, assemi a Misser Palmieru Abbati, Misser Gualtieru di Caltagiruni e tutti l’autri Baruni di Sicilia, ca vi salutunu cu ogni riverenza. Havendu sempri fattu merci di li nostri pirsuni comu omini vinnuti, e suggiucati comu bestii, ni raccumannamu a la Vostra Signuria e a la Signura Vostra mugghieri, la quali, di ragiuni, è nostra Donna e duvemucci purtari rispettu. Vi preghiamu di vinirini a libbirari e di livarini di li manu di li nostri e vostri nimici, accussì comu Mosè allibbiravu lu populu d’Israeli di li manu di lu Farauni, tantu cchiù, ca nui vi vulemu tèniri, assemi a li vostri figghi, ppi Signuri. Si occurrunu cosi vi scriviremu autri littri, e quannu non putissimu fari chistu, criditi a Misser Giuvanni ca fa parti di la nostra sucità sigreta. Firmata: li Baruni di Sicilia!”

Giovanni da Procida- Beni! Ora dammi ‘sta littra, ca partu e ci ‘a vo’ portu a Re Petru, assemi ‘a chidda di lu Paliolugu e a la littra ca mi prumisi di farimi Papa Niccolò terzu non appena arrivu a Roma!

Si sente un fischio ed entra in scena un popolano.

Popolano 2- Tiniti accùra ca st’arrivannu ‘nfrancisi.

Alaimo da Lentini- Prestu jamuninni: tu Giuvanni parti ppi la to’ missioni e cerca di non fariti pigghiari de’ francisi. (Lo abbraccia) Bbona furtuna.

Giovanni da Procida- Macari a vuatri! (Va via)

Alaimo da Lentini- Forza, amuninni di ccà!

I Baroni vanno via velocemente. Poco dopo entra un gendarme francese visibilmente ubriaco, canta e trascina con se una popolana siciliana.

Gendarme francese- (Canta)

Vaju di notti comu và lu nigghiu,

e ‘nta li matinati m’arricogghiu,

li fimmini ca dorminu arrisbigghiu,

e mi nni ‘mpussessu di chiddi ca vogghiu.

Tantu ccu li canzuni li cattigghiu,

ca sutta lu tabarru mi l’ammogghiu,

una ni lassu e n’autra ni pigghiu,

una ni vestu e n’autra ni spogghiu!

Veni bedda, ca ‘st’asira ti fazzu passari ‘na nuttata ca non ti la scordi cchiù finu ca campi!

Popolana- Lassimi stari, cani francisi. Pensa ca Diu ti vidi e ti castìa comu a tutti chiddi ca fannu piccatu!

Gendarme francese- E ccu lu canusci lu tò Diu! E poi, stanotti, stari ccu tia non è piccatu. Vasimi e fammi sèntiri lu meli ca hai ‘nta ‘sta vucca di cirasa. (La bacia con forza mentre la donna si ribella) L’haju dittu sempri ca ‘i fimmini siciliani sunu fatti sulu ppi fari l’amuri…

Popolana- …e vuatri francisi sulu ppi mòriri ammazzati!

Gendarme francese- (Le dà uno schiaffo) Muta non parrari ca quannu grapi ‘a vucca appesti l’aria! Avanti, camina…. (Cerca di trascinare fuori scena la popolana, quando improvvisamente appaiono i quattro popolani che gli si parano davanti)

Popolano 1- Lassa stari ‘sta picciotta, canazzu tintu!

Popolano 2- Non la tuccari mancu ccu ‘n’jtu!

Popolano 3- Lassila stari e soru soru tornitinni di unni vinisti.

Popolano 4- Si nò ti nni putissi pèntiri ppi quantu pila hai ‘ntesta!

Gendarme francese- E chi fù, chi successi? Tuttu ‘nta ‘na vota addivintastivu sperti e curaggiusi? Avanti, livativi di ddocu e facitimi passari….

Popolano 3- E si non nni vulissimu livari?

Gendarme francese- Senti, pirocchiu… ‘sta sghirzannu o sta’ parrannu appiddaveru?

Popolano 2- Nuatri n’hamu schirzatu mai che cani francisi, perciò cerca di lassari jri ‘sta picciotta e vattinni!

Gendarme francese- Sugnu tuttu scantatu e quasi quasi mi ‘sta trimannu ‘a suttana! Facitivi avanti, pirocchi ca non siti autru…forza, avanti s’aviti curaggiu!

Popolano 1- (Ai compagni) Tocca a mia, ca ci haju ‘nteressi ppi ‘sta picciotta. Ccà sugnu, tuttu ppi tia, e non m’haju a chiamari cchiù ‘nToni, si non ti fazzu mangiari ‘sta terra unni tu ccu tutti li tò simili l’ha piriatu comu si pista ‘a racina!

I due si duellano. Il francese con lo spadone e il popolano con un bastone che un compagno gli ha passato. Dopo un aspro combattimento, accompagnato da tamburi, il francese cade ucciso. Tutti rimangono immobili, mentre entra la ragazza che impersona Sicilia 2 che canta:

Sicilia porti la cruna riali,

‘nta ‘ssa tò testa magna ci cunveni,

ca sì cchiù ricca di lu stissu mari,

e li tò figghi su’ tutti guerrieri.

Si qualchidunu ci havi ‘a cumannari,

passassi sutta, si curaggiu teni.

Sicilia, Sicilia, non dubitari,

nuddu ti pistirà sutta li pedi!

Esce di scena mentre l’azione riprende dal momento in cui si era interrotta.

Popolano 1- …e ‘u primu nni lu stutamu. (Poi alla ragazza) Veni ca t’accumpagnu a tò casa!

Popolana- No, a casa non ci pozzu cchiù turnari. Li mei, doppu chiddu ca succidiu ccu lu francisi, non mi facissiru cchiù trasiri! Pigghimi ccu tia, ‘nToni, pirchì la mè vita ormai apparteni sulu a tia. (Musica. La popolana Canta)

Quannu ti visti contra lu francisi,

tutta trimava ppi la tò vintura,

lu cori miu a chiantu poi si misi,

po’ scantu ca tu avissi ‘na mal’ura.

Lu cori miu, però, poi si nni risi,

vidennu la tò manu assai sicura,

tràsiri ‘npettu do’ cani francisi.

Ed essiri accussì la tò signura!

Popolano 1- (Canta)

Quannu ti vitti ‘nmanu a lu francisi,

di lu liuni la forza mi ‘ntisi,

lu cori miu la lotta pritisi,

ppi farini vinnitta do’ francisi.

Ora ‘nta lu mè cori c’è paura,

vidennu ‘na picciotta sì sicura.

Trasisti ‘npettu ccu tanta calura,

ca sugnu schiavu tò, oh mia signura!

Tutti e due insieme:

Popolana

Trasii ‘npettu ccu tanta calura,

ppi essiri accussì la tò signura.

Popolano 1

Trasisti ‘npettu ccu tanta calura,

ca sugnu schiavu tò, oh mia signura!

I due si abbracciano e si baciano vivamente, poi escono seguiti dai popolani.

FINE ATTO PRIMO

ATTO SECONDO

A sipario chiuso entrano le due Sicilie.

Sicilia 1- (Canta)

E Procida partiu ppi l’Araguna,

purtannisi la littra de’ Baruna,

chidda do’ Papa e di l’Orienti,

ppi dariccilli a Petru immantinenti.

Sicilia 2- (Canta)

Re Petru li liggivu ad una ad una,

e subbitu pinsavu a la curuna.

Dissi a Giuvanni “Ca ‘ntempu nenti,

‘n’avissi statu Carru ‘u cchiù putenti!”

All’aprirsi del sipario il libro scenografico mostra il salone della reggia di Re Pietro d’Aragona. Sottofondo di musica spagnola.

Giovanni da Procida- Maistà, ju vulissi parrari ccu Voscenza, in un locu sigretu, di ‘na cosa ca ha sapiri sulu Voscenza e Diu.

Pietro d’Aragona- Po’ diri tranquillamenti tuttu chiddu ca ti pari, pirchì di la mè Corti non uscirà ‘na sula parola di chiddu ca mi dirai: su’ tutti pirsuni fidati, e a parti chistu, non capisciunu ‘na sula parola di sicilianu.

Giovanni da Procida- E vui comu lu canusciti?

Pietro d’Aragona- Ti scurdasti ca sugnu ‘n’omu allittiratu e canusciu tanti lingui?

Giovanni da Procida- Già, vui siti lu rignanti cchiù “lingutu” di la terra. Pirdunatimi, mi l’avia scurdatu. Ma jemu ‘a lu nostru ca è megghiu. Ricurdannivi ‘n’autra vota, ca si si vinissi a sapiri ‘na sula parola di ‘stu nostru discursu, vui e lu vostru lignaggiu, sariti in gravi piriculu: tantu è ‘mpurtanti ‘a cosa!

Pietro d’Aragona- Parra, e dimmi chi è ‘sta cosa tantu sigreta e ‘mpurtanti.

Giovanni da Procida- Ju haju cuncepitu un disignu di ‘na tali manera, ca si mi dati fiducia e cridenza, vi fazzu addivintari lu Signuri di li cchiù belli terri di lu munnu. Comu vui certamenti sapiti, Re Manfredi lassavu ‘u Regnu di Sicilia a la propria figghia, la quali ora è vostra mugghieri. Ora ju non capisciu pirchì vui ‘n’aviti vinutu mai in Sicilia a reclamari li vostri diritti? Vi ricordu macari, ca lu vostru avu fu ammazzatu da li francisi a Mureddu ‘nta Tunisia, e tempu arreri vi ficiru ‘n’affruntu comu non s’ha fattu mai a nuddu cristianu di la terra. Ora, si vui vi vulissivu soddisfari e vinnicari di tutti li danni arricivuti, non v’arresta ca essiri cchiù prodicu e cchiù arditu di prima.

Pietro d’Aragona- A quali prodicu e arditu, chi niscisti pazzu? Ma no’ sai ca la casa di Francia è Signura di tuttu ‘u munnu e la putenza di Re Carru è invincibbili? Comu putissi, ju, Signuri di ‘nregnu accussì nicu, aviri tanta putenza di cuntrastari a Carru? La cosa è difficilissima… Ma ccu tuttu chissu, dimmi ‘u stissu qual è ‘u to’ disignu! E sividu ca la cosa è cungignata bbona, voldiri ca mi mettu ‘nta ‘sti centu missi!

Giovanni da Procida- Si vi mittiti contra Re Carru, vi dugnu centumila unzi d’oru, ppi putiri armari un grossu esercitu.

Pietro d’Aragona- Mih! Ammustrimi ‘i credenziali ca chiddu ca mi dici non è minzogna!

Giovanni da Procida- Ccà c’è a littra di Papa Niccolò terzu; ccà c’è a littra di l’Imperaturi di Romania; e ppi finiri, ccà c’è a littra d’i Baruna siciliani. V’abbastunu comu credenziali? Liggitili, liggitili e poi mi darriti ragiuni! (Porge le lettere al Re)

Pietro d’Aragona- (Legge la lettera del Papa) “A lu cristianissimu figghiu nostru Petru Re d’Araguna, mannamu la nostra Santa, Cristiana, Romana e Apostolica benedizioni. Ccu la prisenti, nui Santa Matri Ecclesia Romana e Papa Niccolò terzu, vi mannamu a diri ca li nostri fedeli figghi di Sichilia non sunu guvirnati in manera giusta da Re Carru, perciò vi preghiamu e cumannamu, ca duviti jri a rignari ppi nui l’isula di Sichilia e i siciliani. Vi dunamu tuttu lu regnu, ca guvirniriti ppi nui, comu figghiu conquistaturi di Santa Matri Ecclesia Romana. Di tuttu chistu duviti cridiri a Misser Giuvanni da Procida, nostru emissariu, ca vi dirà tuttu a vuci, e circati di tèniri sigretu ‘stu fattu in modu ca nuddu nni sapi nenti. Pigghiati di bon cori ‘sta ‘mprisa e non timiti di nudda cosa e di nudda pirsuna. Diu è ccu nuatri!”

Giovanni da Procida- Chi nni pinsati?

Pietro d’Aragona- Comu credenziali non c’è mali. Ma si cci permetti, prima mi vogghiu leggiri macari l’autri du’ littri. ‘Nto frattempu goditi un po’ di danzi e musichi Raunisi!

Quella che prima era solo un sottofondo diventa la musica principale della scena, si intrecciano danze spagnole a cui Giovanni da Procida assiste compiaciuto. Appena cessate le danze, Re Pietro si avvicina a Giovanni da Procida.

Pietro d’Aragona- (Canta)

Giuvanni, amicu bonu,

‘sta cosa s’ha da fari,

picchì ‘nta tali ‘mprisa,

lu Papa c’è macari.

Re Petru ti prumetti,

l’ajuti tutti pari,

ca ponnu la Sicilia,

ppi sempri libirari!

Giovanni da Procida- (Canta)

E ju vi sugnu gratu,

ppi chiddu c’at’ha fari,

picchì ‘nta tali ‘mprisa,

cci siti Vui macari.

Giuvanni vi prumetti,

li terri tutti pari,

si Vui tutt’a Sicilia,

viniti a libirari!

Sicilia 1- (Canta)

E Procida partiu ppa Rumania,

ppi ghijrisi a pigghiari li dinari,

e ccu lu cori chinu d’alligria,

‘nsunnava la vittoria tutti l’uri.

Sicilia 2- (Canta)

‘Nsunnava la Sicilia libbirata….

Lu populu cuntentu ca rideva….

Li danzi fatti a menzu di la strata...

La genti ca mangiava e poi viveva…

Un raggio di luce rischiara Giovanni da Procida in ginocchio.

Giovanni da Procida- Signuri Impiraturi di Costantinopoli e Rumani, po’ essiri cuntentu, tuttu ha ghjiutu comu ju t’avia dittu! ‘U Papa dichiarò la morti e la distruzioni di Re Carru tramiti lu tò ajutu, ppi manu di li Siciliani e di li nostri amici. Dici ca nni darà comu capu Re Petru d’Araguna, ‘u quali sarà capitanu di la guerra, e ha fattu sollenni giuramentu ca cumbattirà a lu tò ciancu ppi la vita e ppi la morti; e ca tutti li tò amici sarannu li so’ amici, mentri tutti li tò nimici sarannu li so’ nimici. Ccà ci su’ i littri de’ Baruni siciliani e di lu Papa: pripara ‘i centumila unzi ca mi prumittisti, pirchì nni misimu d’accordu ca intra l’annu 1282 la Sicilia si ribbellerà contra Re Carru, e di conseguenza tutti ‘i so’ surdati sarannu ammazzati, e tutti ‘i so’ galeri e ligni affunnati. Re Carru avirìa tantu di ddu chi fari ppi cuntrastari a nuatri siciliani, ca non putrìa mai moviri guerra contra di tia!

Musica. Coro.

Sicilia porti la cruna riali,

‘nta ‘ssa tò testa magna ci cunveni,

ca si cchiù ricca di lu stissu mari,

e li tò figghi su’ tutti guerrieri.

Si qualchidunu ci havi ‘a cumannari,

passassi sutta, si curaggiu teni;

Sicilia, Sicilia, non dubitari,

nuddu ti pistirà sutta li pedi!!

Palmiero Abbate- ‘Ntantu ‘nSicilia havunu arrivatu certi vuci su’ chiddu ca stava succidennu. E ‘sti vuci arrivanu ‘nsinu a l’aricchi di Guglielmu l’Estendart, lu guvirnaturi angiuinu, lu quali, nonostanti li mali abusi e supirchiarii ca usava contra li siciliani, ‘nta ‘stu mumentu era stranamenti agitatu!

Cambio scena. Palazzo del governatore francese Guglielmo d’Estendart.

Entrano Pourcelet e Guglielmo.

Pourcelet- Ppi tia ‘sta conquista di Sicilia ha statu comu ‘na  normali campagna di guerra. Vinisti, vincisti e ti nni torni a casa ccu li muli carrichi d’oru. Ppi mia inveci, ha statu comu attruvari ‘na casa nova, ‘na nova Patria!

Guglielmo- Non sì ‘u primu a farimi ‘sti discursi. Ju ancora non mi fazzu capaci, comu poi reggiri ‘u guvernaturatu di Calatafimi senza munciri ‘stu populu d’armali. D’unni ‘i pigghi i dinari?

Pourcelet- I mè bisogni su’ modesti e ddu pocu ca Re Carru mi duna ci lu fazzu abbastari ppi li spisi di la mè amministrazioni. ‘U picca m’abbasta e l’assai m’ha superchia!

Guglielmo- Ju inveci, haju bisognu di putenza, grannizza e lussu. E pp’haviri tuttu chistu, ci voli munita assai assai!

Pourcelet- E pigghiatilla si propriu non nni poi fari do menu. Ma però dacci ‘nfrenu e tò surdati, cerca d’impediricci di trasiri di contraforzu intra ‘e casi di li genti facennu ogni sorta d’infamietà, speci supra ‘i fimmini!

Guglielmo- Eh, caru miu, faricci tastari carni frisca a li mè surdati è lu megghiu rimediu ppi tinirisilli bboni e fidili!

Pourcelet- Teni accura Guglielmu… Vidi ca la fauci di li cuntadini, certi voti,  po’ essiri cchiù tagghienti e piriculusa di la spada di li tò sgherri.

Guglielmo- Chiacchiri su’! I canusciu troppu bonu a ‘stu pugnu di viddani rugnusi e vigliacchi. E sacciu puru quantu valunu e pisunu. E poi senza armi e senza un capu a cui putissiru ‘pinsiriri? A nuddu! (Ride)

Pourcelet- Tu cridi ca i siciliani sunu disarmati? Mettiti ‘ntesta ca si ppi disgrazia avissi a succediri chiddu ca n’havissi a succediri….qualsiasi oggettu ‘nmanu a lu populu po’ addivintari ‘n’arma terribbili. E poi, tu dici ca non hanu un capu? Propiu ‘nta ‘sti jorna arrivau unu ca ‘u sulu nomu vali quantu menzu esercitu. Un capupopulu ca ‘sta dannu forza e curaggiu a tutti i siciliani….

Guglielmo- E ccu è ‘stu malacarni?

Pourcelet- Un certu Giuvanni da Procida!

Guglielmo- Giuvanni da Procida in Sicilia? Non po’ essiri. Cu ti la desi ‘sta mala ‘nfurmazioni?

Pourcelet- Mi dissinu ca sbarcau ‘na para di jorna arreri, travistutu di monucu, purtannisi d’appressu ‘a prumisa di l’interventu di Petru d’Araguna.

Guglielmo- Ma li mè sgherri, li mè spii chi fanu, dormunu? Comu mai di tuttu chistu non m’hannu avvisatu di nenti? (Chiama) Goffredo! Goffredo!

Goffredo- (Entra precipitosamente) Munsignuri, mi chiamastivu?

Guglielmo- Senti Goffredo: arrivavu ‘nSicilia Giuvanni da Procida; trovulu! ‘Nta qualunqui purtusu è ammucciatu, tu l’ha truvari e ppi subitu l’ha ‘mmazzari. Tè ccà ‘na borsa d’oru. Gira e furria ppi tutta la Sicilia, scaminila palmu a palmu…. E si arrinesci ad ammazzallu, supra lu mè onuri, ti dugnu ‘ guvirnari ‘na pruvincia siciliana!

Goffredo- (Prendendo la borsa) V’arringraziu Munsignuri!

Guglielmo- Non m’arringraziari, ora; pirchì si la tò ‘mprisa nn’ha’rrinesci inveci di ‘na pruvincia, ti dugnu a mangiari a li cani!

I tre escono di scena.

Musica e luci solamente su Sicilia 1 e Sicilia 2.

Sicilia 1- Goffredo, ppi so’ svintura e nostra furtuna, n’ha ‘rriniscivu a purtari a termini la so mala ‘mprisa. Anzi, Giuvanni da Procida, arriniscivu a ‘ncuntrarisi ccu li Baruni siciliani ppi stabiliri lu jornu di lu ribbellamentu!

Sicilia 2- ‘Nto 1282, la Pasqua vinni prestu: lu 29 di marzu. La Simana Santa scurreva apparentimenti calma. Quannu arrivavu lu jornu di lu veniri Santu…

Siclia 1- …ca si soli arricurdari ccu la rapprisintazioni di la Passioni di Nostru Signuri Gesù Cristu….

Cambio di luci.

Una voce fuori campo recita lu “Roggiu di la Passioni”, mentre in scena dei figuranti lo rappresentano. Dei tamburi accompagnano il tutto.

Voce-

Ad un’ura di notti sta facennu

Gesù la cena cu Giuda tirannu.

Giuda ‘ntramenti la cena siquennu,

lu tradimentu java cumminannu.

E Gesù lu tuttu sapennu

e chi la morti java avvicinannu,

e ddu’ uri lu cori so effunnìu

ed a quattr’uri li comunicau.

Dipoi a cinc’uri all’ortu si nni ìu

ed a se’ uri un Ancilu chiamau

ppi cunfurtari a lu Figghiu di Diu.

Poi a sett’uri la trumma sunau,

prestu a li so’ manu s’arrinniu.

A l’ottu un granni schiaffu ci fu datu,

a nov’uri è di tutti maltrattatu.

A deci uri ppi pazzu fu pigghiatu,

Gesù Cristu di biancu fu vistutu.

A unnici uri è misu ‘ncarzaratu

comu avissi dilitti cummittutu.

A dudici uri ‘ncasa di Pilatu,

a tridici ‘nn’Erò fu cunnuciutu.

Fu flagillatu a li quattordici uri,

di russu fu vistutu a chinnici uri.

A sidici uri c’è un gran rumuri,

gridannu: -Crucifiggilu – l’Ebrei.

La so cunnanna fu a diciassett’uri

a morti, ma un sù sazii li Judei.

A diciott’uri lu misiru ‘ncruci

e detti a ccu piccau l’eterna luci!

Detti a diciannov’uri la so vuci,

guardannu la so Matri ‘ntanti affanni,

ch’è pressu d’Iddu e pedi di la Cruci:

-Donna, ppi figghiu ti lassu a Giuvanni.-

A vint’uri priau lu Patri duci,

chi pirdunassi li so mali tiranni.

Acqua a li vintun’ura addumannau,

appi feli ed acitu, e trapassau.

A li vintidu’ uri si nutau

già mortu, e la lanciata arriciviu.

A li vintrì uri si livau

ddu santu corpu di la cruci, Diu;

e ‘mbrazza di so Matri arripusau

ca era Maria, dicennu: -Figghiu miu!-

Fu in sepurtura a li vintiquattr’uri;

Maria: comu arristau cu gran duluri!

L’aviti ‘ntisu, boni ascurtaturi,

la Passioni chi Cristu patìu,

ppi salvari a nuatri piccaturi,

supra un truncu di cruci nni murìu.

E a ccu lu servi ccu perfettu amuri,

e a ccu lu loda ccu lu cantu pìu,

dicissi un credu a la so Passioni,

ca nn’havi grazii e cunsulazioni!

Cambio luci.

Sicilia1- Era lu 31 marzu 1282, ddu jornu, la popolazioni di Palermu e di l’autri paisi vicini, assemi a Giuvanni da Procida e li Baruni siciliani, ivu di gran fudda, in un locu chiamatu Santu Spiritu, ppi assistiri a li funzioni di lu Vespiru.

Sicilia 2- Prima di accuminciari li funzioni, lu populu s’addivirteva assistennu a la rapprisintazioni di la vittoria di lu Conti Ruggeru Normannu contru li saracini di Belcane.

(Un drappello di popolani vestiti da cristiani da un lato, e un altro drappello vestiti da saraceni dall’altro. I cristiani sono vestiti con una lunga veste e il loro capo port: elmo, corazza e gambiere. La loro bandiera ha una semplice croce rossa in campo bianco. I musulmani portano larghe braghe, turbante ricco di nastri a varii colori, giubbino rosso e fascia dello stesso colore, sciabola ricurca al fianco. La loro bandiera ha una mezzaluna dorata in campo verde. Ruggero manda un suo ajutante ad intimare a Belcane che sgombri da quelle terre.)

Pantomima.

Ajutante- Dimmi cani infidili musulmanu, pirchì ti trovu ancora ‘nna ‘sti cuntradi, doppu chi lu miu gran ginirali, conti Ruggeru, è vinutu a cacciariti comu un cani di tutta la Sicilia?

Saraceno- Mi cci manna lu miu Gran Signuri Belcani, ginirali di lu gran Signuri Mustafà patruni di la Sicilia e di tutti li terri, chi voli pagatu lu tributu, chi ppi tant’anni non ci aviti vulutu currispunniri. Lu miu Gran Signuri vi passa l’ultimu bonu pirmissu, ma si nnò vidiriti tutti li soi vascelli sbarcari un tirrimotu di barbarischi ca vi trascinirannu ccu li vostri mugghieri e li vostri figghi ‘nta la terra di Tartarìa, e ddà, sariti vinnuti comu armali di fera e mantinuti ‘npriggiuni ccu ‘ngottu d’acqua e ‘na scarda di pisci!

Ajutante- Ci ha diri a lu tò Bel-cani, ca inveci di veniri ad abbajari in Sicilia, si nni jssi a ‘n’autra banna, pirchì non è ossu ppi li so’ denti. E si s’arrisica a tirari un muzzicuni, semu capaci di daricci tanti di ddi carcagnati ‘nte gingivi, di farlu turnari in Tartarìa, tuttu sgangulatu e ammusciatizzu! Perciò, cerca di vutari bordu, assemi all’autri infedeli amici to’, e turnativinni e vostri casi, muti muti e sori sori!

Saraceno- Raggiuni hai: cani c’abbaja, cani ca non muzzica. E siccolu lu mè Signuri nun abbaja, voldiri ca muzzica!

(I due tornano nei rispettivi campi. Ed è allora che dal campo cristiano si muove Ruggero in persona per apostrofare Belcane.)

Ruggero- Senti, tu, pupu niuru, vo’ lassari ‘npaci la nostra Sicilia, prima ca ti pigghiu a cauci ‘nto culu finu ‘nta Tartarìa? ‘U sai o no sai cu ccu stai parrannu ‘nta ‘stu mumentu?

Belcane- (Avanzandosi) Parra cu mia, misirabili cristianu ca pozzu accattari ccu li scarpazzi vecchi di li me schiavi! Mi fai arririri ccu li toi minazzi, pezzu di Conti Allampacucchi! Ma ‘u sai ca ccu ‘na sula taliata m’abbasta l’armu di farti inchiri li causi di….cira, a tia e a tutti li tò armali ca ti porti d’appressu? Ma ‘u sai ca si fazzu smoviri tutta la mè armata di terra e di mari a tutti li tò surdati li putemu cogghiri ccu lu cucchiarinu? ‘U sai?

Ruggero- Mi fai pietà, cani musulmanu! Tu inveci non sai ca ora ju non sugnu cchiù sulu, pirchì ci haju in Sicilia ‘ncumpagnu, ca si chiama Giuvanni da Procida, ca è lu tirruri di chiddi ca si sentunu macari cchiù sperti di tia!

Belcane- Mi pariti du’ muschi, tu e lu tò cumpagnu! Accurzamula, ma si nnò ccu ‘nsulu corpu di la mè scimitarra ti fazzu satàri a testa e zittiriti ppi sempri!

Ruggero- E ju ti dicu ca è megghiu ca ti zittisci tu, canazzu ‘nfidili, si nò chiamu la bedda Matri Maria Santissima ca non si scanta mancu di centumila Maumetti!

Belcane- Hai bistimmiatu Maomettu? E allura non c’è cchiù pietà! Guerra, guerra!

Ruggero- E guerra sia, nni lu Santissimu nomu di Maria!

Tutti i cristiani- Oh gran Virgini Maria, mi rallegru assai ccu tia!

(Dall’una e dall’altra parte si accende un vivo combattimento, fino a quando i cristiani battono i saraceni ed esultano vittoria. Festa e gioia di tutto il popolo.)

Sicilia 1- Mentri ‘u populu s’addivirteva, vinniru ‘i francisi, ccu la scaciuni di manteniri l’ordini, e s’accuminciaru a ‘mmiscari a menzu a li genti unennusi di priputenza a li danzi e a li canti. Però, comu ‘o solitu, accumincianu a ‘nsuttari ‘e fimmini ccu mali paroli, tuccannuli di mala manera e ccu mala ‘ntinzioni.

Sicilia 2- A poi, a ‘na zita, ca s’hava  maritari propriu du jornu di Pasqua, li francisi, ccu la scaciuni di cuntrullari si c’erunu ammucciati armi intra la vesti di la zita, cci misiru ddi manazzi lordi intra lu pettu, facennu sviniri dda criatura ‘nnuccenti ppi l’oltraggiu avutu.

Giovanni da Procida- A ‘stu puntu, lu zitu e tutti l’invitati si misiru a gridari:

Voci dietro le quinte- Mora lu francisi! Mora!

Giovanni da Procida- ‘Nta ddu mumentu, li campani di tutti li chiesi di Palermu accuminciaru a sunari a Vespiru…. e di bottu ‘u populu si ribbillò contra li francisi, ammazzannuli senza pietà e facennuli ‘nmilli pizzudda!

Entrano in scena tutti i popolani che cantano:

Tutti li genti, li siciliani,

di terra ‘nterra si passunu vuci:

-Livàmu a tutti ‘sti mali cristiani,

livamannìlla ‘sta pisanti cruci!-

Di tutti banni si senti ‘nparrari:

-A vèspiru! A vèspiru! – a ‘na vuci.

-Ca di l’infernu nèsciri si nn’havi

ccu l’aiutu di Diu, ch’è vera luci.

La vera luci di lu Spiritu Santu,

lu Spiritu Santu chiarisci la strata,

finisci la pena e puri lu chiantu,

quannu si senti la scampaniàta.

L’ura do’ vespiru disjiata tantu

cari cumpagni, fu prestu arrivata,

a li francisi purtò granni chiantu,

fu tutta ‘ntronu e ‘na grannuliata.

E ‘ntempu nenti, ccu lanci e cavalli,

s’armavu ognunu, ccu spati e ‘nsitari,

-Ci nn’è francisi? Bisogna scuvalli!

Cu dici ciciri, l’havemu ammazzari.

Ppi ogni locu ci fu la scannata,

non ci fu chiesa ca chiddi salvava,

non ci fu casa, né chiazza, né strata,

unni lu sangu non n’allavinava!

Giovanni da Procida- Ppi cincu misi ci fu lu serra serra ‘ntra li francisi e li siciliani, e lu 30 d’agustu, Re Petru d’Araguna a la testa di lu so esercitu, sbarcavu a capu Lilibeu. ‘U populu cci fici solenni festeggiamenti, in quantu rapprisintava la libirazioni di la catina angiuina. Re Petru fu purtatu finu a Palermu ccu granni gioia e cuntintizza da Conti e Baruni, Misseri e Cavaleri, e semplici cuntadini di stirpi siciliana!

Voce fuori campo- I siciliani hanno finalmente conquistato il diritto alla libertà, ma la storia li farà piombare ancora una volta nella delusione e nella amarezza. Infatti, dopo aver sconfitto gli Angioini, ovvero i Francesi, saranno costretti a subire, uno dopo l’altro, il piede pesante di altri dominatori, fino ad arrivare al prepotente potere statalista dei giorni nostri. E’ per questo che il popolo – cosidetto “Sovrano” – è stato costretto a continuare a tenere la testa bassa ed avere le catene ai polsi. Ma si tratta di catene, che prima o poi, dovranno essere spezzate. La speranza è sempre l’ultima a morire nel cuore degli esseri umani se coltivano la dignità di essere UOMINI pensanti e ragionanti nell’ambito della Civiltà!

Parte la musica finale.

A questo punto, ad uno ad uno legati da una catena, escono i personaggi della storia in costumi moderni: avvocato, medico, poliziotto, magistrato, politico, uomo d’affari, prostituta, e così via, schierati verso il pubblico. Dopo un po’, un bambino entra in scena e tirando il capo della catena, libera tutti, come per dire che il futuro, quello migliore, è nelle mani delle nuove generazioni.

Musica e sipario.

FINE

Per la rappresentazione, rivolgersi alla SIAE, poiché il testo è tutelato a termini di legge.

                                                                                        TURI  GIORDANO

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 14 volte nell' arco di un'anno